Sei sulla pagina 1di 71

6 SPECCHIO

ECONOMICO

ANNA MARIA CIUFFA

5
Amministratore unico L’ITALIA
Direttore editoriale ALLO SPECCHIO
di Victor Ciuffa

8
ANTONIO CATRICALÀ: COMPIE VENT’ANNI
L’ANTITRUST E CON ESSA IL LIBERO MERCATO
intervista al Garante della concorrenza
VICTOR CIUFFA

12
Editore e FABIO DEGLI ESPOSTI: DISSETARE
il personaggio
Direttore responsabile ANCHE LEONARDO CON L’ACQUA S. PELLEGRINO
del mese

Vice Direttore
intervista al Direttore del mercato internazionale del Gruppo

16
Romina Ciuffa
GIORGIO BENVENUTO: UNIGIOCO, PER
Direttore Marketing
Giosetta Ciuffa IL BENESSERE DI TUTTI E PER LE FINANZE STATALI
intervista al presidente della Fondazione
Direttore R.E. e Comunicazione

20
Paola Nardella MASSIMO MASI: UILCA, LAVORARE
Consulenza fotografica Lino Nanni
PER LE BANCHE O MEGLIO PER I RISPARMIATORI
Direzione e redazione intervista al Segretario generale del Sindacato
Amministrazione e pubblicità:

24
Roma: Via Rasella 139, 00187 GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI
Tel. (06) 482.11.50 - 482.11.52
Telefax (06) 485.964
E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA
e-mail: specchioeconomico@iol.it intervista al responsabile della Divisione del Corpo Forestale
http://www.specchioeconomico.com

28
GIUSEPPE CARUSO: LA MALAVITA
H A N N O S C R I T T O P E R
CAMBIA, MA LA POLIZIA LA PRECEDE
intervista al Questore di Roma
S P E C C H I O E C O N O M I C O

F Ernesto Auci F Costantino Lauria


F Giorgio Benvenuto F Luigi Locatelli GIUDICE LAICO, SOLO IN PARTE
F Ettore Bernabei F Alessandro Luciano IL PROGETTO DEL GOVERNO
F Giorgio Bernini F Antonio Martusciello di Maurizio de Tilla, presidente dell’OUA
F Pier Luigi Bersani F Antonio Marzano
F Giorgio Bertoni F Giulio Mazzocchi
F Luca Borgomeo F Luigi Mazzella
31
Il disegno di legge governativo sulla riforma dei

F Salvo Bruno F Alberto Mazzuca


giudici onorari è solo in parte accoglibile per gli

F Umberto Cairo F Vittorio Mele


avvocati dell’OUA, che avanzano una serie di

F Gildo Campesato F Alberto Mucci


richieste per la categoria forense e per i suoi clienti

32
F Fausto Capalbo F Nerio Nesi SCELTA NUCLEARE OBBLIGATA
F Sergio M. Carbone F Michele Nones
F Salvatore Cardinale F Giancarlo Pagliarini
PER RECUPERARE IL TEMPO PERDUTO
F Nazzareno Cardinali F Claudio Petruccioli del sen. Cesare Cursi, presidente della Commissione Industria
F Elio Catania F Nicoletta Picchio

34
F Claudio Claudiani F Cesare Pucci GIUSTIZIA di Antonio Marini
F Romualdo Coviello F Serena Purarelli
F Massimo D’Alema F Giorgio Ricordy 1) L’ISTITUZIONE E LE COMPETENZE
F Sergio D’Antoni F Silvano Rizza DELLA PROCURA EUROPEA
F Dario De Marchi F Pierfilippo Roggero
F Cesare De Piccoli
F Maurizio de Tilla
F Anneli Rukko
F Stefano Saletti 35 2) IL MANDATO DI ARRESTO EUROPEO
F Antonio Di Pietro F Carlo Salvatori ALLA LUCE DEL TRATTATO DI LISBONA
F Viviana D’Isa F Angelo Sanza

36
F Bruno Erroi F Stefano Sassi MARIO RESCA: COME VALORIZZARE
F Delfo Galileo Faroni F Enzo Savarese IL PATRIMONIO CULTURALE ITALIANO
F Piero Fassino F Luigi Scimìa
F Cosimo Maria Ferri F Francesco Signoretta intervista al Direttore Generale del Ministero dei Beni culturali
F Domenico Fisichella F Tiziano Treu

40
F Ilario Floresta F Lanfranco Turci LOUIS GODART: NEL QUIRINALE OGNI CITTADINO
F Giorgio Fozzati F Adolfo Urso DEVE SENTIRSI A CASA PROPRIA
F Antonio Gambino F Domenico B. Valentini intervista al responsabile del Patrimonio artistico
F Silvio Garattini F Mario Valducci
F Antonio Ghirelli F Francesco Verderami F
44
F Pier F. Guarguaglini Emilio Vinciguerra
GIULIO PASCAZIO: BANCHE
F Cesare Imbriani F Gustavo Visentini ROMANE A NORD, BANCHE TOSCANE A ROMA
F Pietro Larizza F Vincenzo Vita intervista al responsabile del Progetto MPS per il Lazio
SPECCHIO
ECONOMICO 7
QUEL CHE CONVINCE E QUEL CHE
NON CONVINCE DELLE SPESE BANCARIE
di Fabio Picciolini, Segretario dell’Adiconsum

48
Tre esempi di tassi eccessivi: rilevazioni trimestrali
preoccupanti soprattutto nell’attuale stretta del
credito; le differenze esistenti per categorie simili;
il tasso elevato per i mutui garantiti da ipoteca

52
CARCERI. MISURE ALTERNATIVE
PER EVITARE IL SOVRAFFOLLAMENTO
di Cosimo M. Ferri, componente del C.S.M.

2
Mensile
53
AGUSTAWESTLAND. GIUSEPPE ORSI: di economia,
SOLO DA UNO SCALO MODERNO DECOLLA L’ITALIA politica
nuovo terminal nell’aero-vertiporto di Roma Urbe e attualità
DARIO RE: SCALE, PARAPETTI,
PASSERELLE, OSSIA CITTÀ DI CRISTALLO
intervista all’amministratore della Vetreria Re A N N O XXIX
54
Un tempo era usato solo come complemento, oggi
con il vetro si fa tutto, viene sempre più usato
nelle costruzioni come un elemento strutturale, per
realizzare scale, dalla pedata all’alzata, pavimenti ecc.

58
UNA SFIDA CHE DIVENTA
FINALMENTE ITALIANA: LA CLASS ACTION
di Massimiliano Dona, segretario generale dell’UNC

66
AMERICA AMERICA. RIFORMA SANITARIA,
GAZZA (LADRA) IN CASA DEI LADRI
di Romina Ciuffa FEBBRAIO

67
AERONAUTICA E AEROSPAZIO: DAGLI ULTRALEGGERI
2 0 1 0
AI SATELLITI UN GATE È APERTO AL XXI SECOLO
di Romina Ciuffa Abbonamento: annuo 60 euro
Copie arretrate: 12 euro

70
INTERNET. INUTILI LE CENSURE,
PERFINO LE RIVOLUZIONI CORRONO SU RETE Conto corrente postale:
di Romano Bartoloni, presidente del Sindacato Cronisti Romani n. 25789009

72
DIFESA. CONDIZIONE MILITARE E SPECIFICITÀ, Registrazione: Tribunale di Roma
LA SINGOLARE SITUAZIONE DEL PERSONALE numero 255 del 5 luglio 1982
del colonnello Antonino Lo Torto
Spedizione: abbonamento postale 45 %

73
REGIONE LAZIO. VIA LIBERA A NUOVE Comma 20 lettera B art. 2 - Legge n. 662
INFRASTRUTTURE FERROVIARIE E MARITTIME del 23/12/96 - Filiale di Roma
porto turistico a Fiumicino, treni regionali, traghetti Laziomar Tipografia: Futura Grafica

74
AFFARI & CULTURA. MOSTRE, Via Anicio Paolino 21
PRESENTAZIONI, AVVENIMENTI 00178 Roma
piccolo viaggio tra opere d’arte in tutta Italia

76
MASSIMO MONDINI: MUSEO DELL’AERONAUTICA,
IN MOSTRA GLI AEREI CHE NON VOLANO PIÙ
intervista al direttore

82
CORSERA STORY. GIORNALISMO,
FATTI E MISFATTI RILETTI TRENT’ANNI DOPO
l’opinione del Corrierista
SPECCHIO
RIFORME, RIFORME, ECONOMICO 5

C’
RIFORME:
è chi chiede continua-
mente riforme, chi so- A VANTAGGIO collare agli organizzatori le
perdite finanziarie registrate

DEI POLITICI,
stiene l’assoluta ne- dagli enti percettori.
cessità di riformare. Spessissi- Un Governo della durata di
mo, anzi il più delle volte, sen- tre mesi - come ve ne furono
za specificare di quali riforme nella prima Repubblica -, che
si tratti. Ci si limita ad affer-
mare che occorrono perché NON DEI CITTADINI non adotti queste «riforme»
non lo farebbe neppure quan-
qualcosa o molto in Italia non do avesse 5 o 10 anni di «sta-
funziona. Da questi riformato- bilità». Un’eccezione è stata
ri le riforme sono presentate d i V I C T O R C I U F FA quella dell’attuale segretario
come il toccasana di tutti i ma- del Pd Pierluigi Bersani il
li. Sembra, inoltre, che non ve quale nel 2006, come ministro
ne siano state da lunghissimo dello Sviluppo economico del
tempo. Insomma ogni giorno, Governo Prodi, varò in qual-
anzi più volte al giorno, si sente ripetere che mese una serie di «liberalizzazioni»;
dai politici che così non si va più avanti, purtroppo alcune arrecarono vantaggi
che occorrono le riforme. E lentamente e più alle banche che ai consumatori. Ma
inavvertitamente la massa finisce per occorrono esclusivamente ai politici,
credere anche a questa favola. non certo al Paese, le riforme di cui la
Ma se si mette un momento a riflettere classe politica parla oggi, e che il presi-
su cosa si debba riformare, istintivamen- dente del Consiglio Silvio Berlusconi ha
te pensa a tante piccole cose che angu- ribadito che realizzerà ad ogni costo, con
stiano la vita di tutti i giorni delle fami- o senza il consenso dell’opposizione, nei
glie e delle imprese; alle difficoltà poste 3 anni e mezzo quasi che restano all’at-
da un’infinità di leggi, a inutili adempi- tuale Legislatura.
menti, pratiche burocratiche, ingiustizie, E, poi, chi ha ancora l’improntitudine
ritardi, furbizie di potenti ecc.. Un nutri- di sostenere che in Italia non siano state
to elenco che non trova, però, nei pro- fatte riforme quando dal 1992 ad oggi, in
grammi dei grandi riformatori politici. le istituzioni. Magari le riforme oggi an- ben 18 anni filati, si è attuata una riforma
Per il motivo semplicissimo che non so- nunciate evitassero tutto questo. continua, il cui ultimo e clamoroso atto,
no affatto queste le riforme che interes- Chi l’afferma, o è un grande ingenuo o dopo l’introduzione del federalismo fi-
sano i politici, ossia quelle di cui abbon- è in malafede. Innanzitutto perché non scale, risale a pochissimi giorni fa? Parlo
dantemente ma cripticamente parlano. occorre un Governo di 5 anni ma di 60 della «privatizzazione dell’acqua», ossia
A loro interessa esclusivamente una giorni al massimo per eliminare intralci dell’obbligo per i Comuni di vendere le
sola riforma, quella che gli consenta di e difficoltà con un decreto legge che, aziende pubbliche municipali, di pro-
conquistare il potere e, una volta conqui- adottato alle tre del pomeriggio ed entra- prietà di tutti i cittadini, a persone e so-
statolo, di mantenerlo il più a lungo pos- to in vigore a mezzanotte con la pubbli- cietà private che si conteranno sulle dita
sibile, preferibilmente a tempo indeter- cazione sulla Gazzetta Ufficiale, venga di una mano.
minato. Lusingano e blandiscono l’elet- ratificato entro 60 giorni da una maggio- Vogliamo elencare alcune riforme? In-
torato, gli fanno grandi promesse, ne ranza come quella esistente oggi in Par- nanzitutto la trasformazione di istituti ed
esaltano i diritti e le libertà per conqui- lamento; la quale, invece, si prefigge enti pubblici - Iri, Efim, Ina, ecc. - in so-
stare la maggioranza parlamentare; rag- profonde, inopportune e assolutamente cietà per azioni, il loro smembramento e
giunto lo scopo, glieli toglierebbero vo- non necessarie riforme elettorali e costi- la vendita a pochissimi privati; l’elezio-
lentieri per impedirgli di tornare indietro, tuzionali. Un esempio: muoiono in auto ne diretta dei sindaci e la nomina di as-
di rinfacciargli la cattiva gestione del po- tantissimi giovani reduci dai sabato sera sessori esterni nei Comuni di oltre 15
tere. Una delle principali riforme cui ten- svoltisi in realtà la domenica mattina in mila abitanti; le nuove leggi elettorali di
dono è proprio questa, un tranello per locali che aprono all’una e chiudono al- Province e Regioni, le leggi elettorali na-
l’elettorato. l’alba? Basterebbe un decreto di tre ri- zionali note come Mattarellum e Porcel-
Un tranello teorizzato da esperti, pro- ghe sugli orari. Protesterebbero i gesto- lum; l’istituzione delle Autorità Garanti;
fessori di Università, opinionisti al loro ri? Quanti sono e quanti sono, invece, i le leggi Bassanini sulla Pubblica Ammi-
servizio, con parole altisonanti, di diffi- familiari dei giovani morti o in pericolo nistrazione; la riforma della Scuola e dei
cile interpretazione. Ad esempio con il di droga, di alcol e di vita, oltre alla mas- Beni culturali ecc.
termine «stabilità», più precisamente sa delle persone di buon senso? L’unica riforma di cui gli italiani non
«stabilità governativa», ingannevole lo- Un altro esempio: la vita delle fami- hanno proprio bisogno è quella della Co-
cuzione usata per ottenere l’effetto oppo- glie e le attività economiche nel Centro stituzione, che servirà solo a tutelare gli
sto a quello ufficialmente attribuitole. storico di Roma, ma anche di altre città, interessi personali e categoriali della
Perché si fa intendere all’elettorato, ossia sono paralizzate dai numerosissimi cor- classe politica. Semmai l’unica riforma
al Paese, che l’instabilità dei Governi, tei, manifestazioni, proteste, scampa- necessaria in materia costituzionale sa-
ossia la loro breve durata, caratteristica gnate di sindacati, categorie, associazio- rebbe il ripristino, sic et simpliciter, del-
della prima Repubblica, sia dannosa per ni, gruppi spontanei. Nonostante le pro- la Costituzione del 1948, con l’elimina-
esso, ostacoli e ritardi le decisioni, scon- messe e i tentativi compiuti da autorità zione delle modifiche apportatevi, che
volga frequentemente i programmi go- locali dotate di scarsi poteri in materia, hanno minato una costruzione giuridica
vernativi, rallenti lo sviluppo economi- basterebbe un decreto di poche righe per perfetta, creato aggravi procedurali e fi-
co, aumenti le spese pubbliche con le ri- ridurre le imposte su famiglie, attività e nanziari alle casse dello Stato e fiscali a
correnti elezioni, alimenti la sfiducia nel- immobili situati nei Centri storici e ac- tutti indistintamente i cittadini.
ANTONIO CATRICALÀ: COMPIE
8 SPECCHIO
ECONOMICO

20 ANNI L’ANTITRUST
ED ANCHE IL LIBERO MERCATO
a cura di
ROMINA
CIUFFA

Antonio Catricalà, presidente dell’Autorità Garante


per la Concorrenza e il Mercato

C ompirà, il 10 ottobre, 20 anni


l’Autorità Garante della Concor-
renza e del Mercato, da 5 anni
sotto la guida del presidente Antonio Ca-
quella di «instillare logiche competitive
nei comportamenti delle imprese, senza
però deprimere quelle forze autonome
che non si sono mai potute consolidare a
pubblica sui temi della concorrenza e
della tutela dei consumatori dedicando
peculiare attenzione all’attività di comu-
nicazione istituzionale, consapevole del-
tricalà. La conduce, in questo 2010, ver- sufficienza»; quindi di «porre con mag- la mancanza storica di un adeguato di-
so la ricorrenza di un anniversario im- giore forza il tema della regolazione re- battito pubblico. Dopo vent’anni, tali te-
portante legandola alla necessità di ali- strittiva e protezionistica», «utilizzare mi costituiscono un punto di vista sem-
mentare il dibattito sull’importanza del strumenti di controllo che vadano oltre il pre presente nella discussione politica su
corretto funzionamento del mercato. È mero accertamento dell’illecito e l’irro- argomenti economici e rilevante nell’at-
un dato di fatto che l’Antitrust e la sua gazione della sanzione» e «intervenire tività delle istituzioni di regolazione dei
cultura hanno incontrato ostacoli e resi- sui mercati con maggiore tempestività». mercati. Tanto già basta per fare gli au-
stenze in Italia più che in altri Paesi; og- L’Antitrust di Catricalà ha inaugurato guri dinnanzi a una torta - un mercato li-
gi il sistema di mercato, ancora debole, una politica del dialogo con le imprese bero e concorrenziale - con venti cande-
«deve essere sollecitato, spronato all’ef- attraverso il nuovo istituto delle «deci- line accese.
ficienza, ma non può essere mortifica- sioni con impegni» ponendosi all’avan- Domanda. L’Autorità Garante per la
to», sostiene il presidente. L’idea centra- guardia in Europa, e ha cercato quotidia- Concorrenza e il Mercato quest’anno
le dichiarata per questo compleanno è namente di sensibilizzare l’opinione compie 20 anni. Un bilancio?
SPECCHIO

L’
ECONOMICO 9
Risposta. Il 2010 è l’anno in cui l’An- capacità di tutelare il consumatore, inter-
Antitrust esce dalla
titrust esce dalla «teen-age» e raggiunge venendo non solo quando si sia già veri-

«teen-age» e raggiunge
la maturità, direi in tutti i sensi. Anche ficata la scorrettezza commerciale, ma a
per aver ottenuto, nel 2005, la completa monte, a livello contrattuale. Sarebbero
la maturità. In tutti
competenza in materia concorrenziale, tutelati moltissimi consumatori, troppo

i sensi: con la completa


quando la legge sul risparmio ci ha con- abituati ad essere vessati e a dover firma-

competenza in materia
sentito di occuparci di concorrenza ban- re tutte le clausole che vengono loro sot-
caria: è stata così colmata una grave la- toposte come condizione necessaria per

concorrenziale
cuna per un Istituto che doveva regolare concludere un contratto. È necessaria

nel settore bancario


l'intero mercato che dipende strettamente una terza figura che filtri ogni clausola
dal credito. Abbiamo inoltre ottenuto, dei contratti di serie, e l’Antitrust ha la

e nelle pratiche
nel 2006, la competenza sulle pratiche professionalità per farlo; bisogna avere il

commerciali scorrette;
commerciali scorrette. Il nostro istituto coraggio di cominciare anche con poche
ha una caratteristica: quando ha una risorse e nonostante vi sia già molto arre-

con la predisposizione
competenza, assolve ai propri doveri, e trato da smaltire.
D. L’Italia è cambiata negli ultimi
di una comunicazione
questo è stato dimostrato nei nostri
vent'anni. vent’anni?

per far conoscere


D. Nel periodo della sua presidenza, R. Considerando il ritardo con il quale

al cittadino i suoi
quali cose sono cambiate? siamo partiti in quest’attività di tutela,
R. I cinque anni dal mio insediamento l’Antitrust segna un bilancio altamente

diritti e come tutelarli;


- nel 2005 - sono stati ricchi di attività, e positivo essendo oggi una delle istituzio-

con l’avvio di un dialogo


ritengo di risultati: non è facile ottenerne ni più apprezzate, come danno atto anche
di immediati e tangibili in una situazione le associazioni dei consumatori; di essa i
con le Istituzioni, i Paesi
come quella del nostro mercato, ingessa- cittadini si fidano e ne possiamo essere

stranieri, le scuole.
to dal punto di vista concorrenziale. fieri. Intendiamo tenere alto il vessillo
L’Antitrust ha finalmente inserito, nella della libertà di mercato, perché l’abuso
Ora attende
cultura italiana, la disciplina della tutela non è stato originato da essa, semmai da-

l’attribuzione della
dei consumatori, tanto che le famiglie ci gli scarsi controlli in determinati settori e
conoscono come loro tutori rispetto ai in particolari Paesi, e solo dopo è dive-
competenza sui contratti
piccoli soprusi di cui sono vittime, e ciò nuto un problema generale. Non c’è

di serie e sulle
è testimoniato dal numero enorme di se- un’altra alternativa alla libertà di merca-
gnalazioni che riceviamo, e dal successo to, quantomeno nel nostro Paese, e qual-
clausole vessatorie
che ha avuto la nostra iniziativa di isti- siasi politica protezionistica ci portereb-
tuire un contact center per ricevere diret- be indietro di molto più di vent’anni, non
tamente e gratuitamente le denunce dalla potendo le nostre casse pubbliche per-
voce dei consumatori. La stampa ci ha mettersi di versare aiuti di Stato, né si
seguito finora con grande attenzione, e può chiudere il mercato in un Paese che
questo significa che l’opinione pubblica vive di esportazione. Si può piuttosto mi-
asseconda e favorisce la nostra azione. gliorare nella regolazione, ma senza ren-
Abbiamo anche avuto qualche delusione za, siamo riusciti a contrastare tali prati- derla opprimente al punto da stringere e
sul piano giudiziario, ma non sono deci- che e a porre in essere una molteplicità di avvilire l’iniziativa privata. Tantomeno
sioni definitive: come dire, si tratta di istruttorie. Mi capita di leggere alcune si può pensare a una politica dirigista se
sconfitte in battaglia e non della perdita polemiche sulle nostre attività in mate- non ci sono, da parte del Governo, gli
della guerra. Sugli argomenti più signifi- ria, ed è chiaro che chi viene da noi in- strumenti e i mezzi per intervenire nei
cativi siamo pazienti; ad esempio siamo quisito e sanzionato ha tutto l’interesse a momenti di crisi a sanare le patologie
in attesa di un definitivo verdetto del dichiarare che si è trattato di un nostro che dovessero crearsi; né siamo in grado,
Consiglio di Stato relativo alle 23 istrut- errore. Fa benissimo a difendersi fino al con il debito pubblico che abbiamo, di
torie sulle banche da noi condannate per grado finale del giudizio, perché è nei concedere gli stessi aiuti attribuiti in altri
il comportamento scorretto costituito propri diritti. Sento invece polemiche Paesi. La libertà di mercato che, sia pure
dalla mancata applicazione della disci- sporadiche da parte di soggetti terzi e con tante limitazioni, abbiamo conqui-
plina legislativa in materia di gratuità francamente non le comprendo: noi ope- stato è l’unica via per crescere.
nella surroga dei mutui. Il Tar ci ha dato riamo a favore dei cittadini e ciò dovreb- D. Pensa che la scorrettezza commer-
torto e abbiamo fatto ricorso al Consiglio be giovare alla società. ciale sia un problema caratteristico del-
di Stato, ma nel frattempo sta maturando D. Cosa c’è in vista per l’Antitrust nel l’Italia nel confronto con gli altri Paesi?
una coscienza ampia su che cosa sia la prossimo futuro? R. La differenza fondamentale con gli
tutela del consumatore in Italia, e speria- R. Speriamo di ottenere quanto prima altri Paesi è questa: in Italia, rispetto agli
mo che l’organo giudicante in secondo ulteriori competenze. Mi riferisco innan- altri omologhi per il sistema di Civil Law
grado sappia e voglia prendere in consi- zitutto al nostro interesse e alla capacità che li contraddistingue, non c’era una
derazione una visione diversa della tute- che possediamo in tema di contratti di cultura della tutela del consumatore,
la del consumatore, che non sia più una serie e di massa e di clausole vessatorie. . mentre in Francia e in Germania c’è stata
disciplina per il «peer to peer», simme- Se ottenessimo questi nuovi compiti non sempre una maggiore attenzione verso ta-
trica, perché il consumatore è più debole: attueremmo una politica dirigista né re- li ragioni. Il Codice civile tedesco tutela
ha anche bisogno di un organismo pub- golatoria, ma esamineremmo i singoli chi aderisce a un contratto già predispo-
blico che curi i suoi interessi rispetto ai casi. Il nostro giudizio non sarebbe insin- sto molto più di quanto non faccia il Co-
grandi centri economici. dacabile ma potrebbe impugnarsi innan- dice civile italiano. È il nostro Codice del
D. Una volta che vi è stata conferita la zi al Tar per l’annullamento dei nostri consumo a pareggiare i conti attribuendo
competenza a giudicare le pratiche com- provvedimenti di inibitoria all’uso delle ai consumatori la medesima tutela che si
merciali scorrette, siete stati inondati di clausole; resterebbe al giudice ordinario attua nel resto d’Europa. Ma in più abbia-
denunce. Come vi avete fatto fronte? di dichiarare la nullità delle stesse. Chie- mo un’autorità pubblica che se ne occu-
R. Pur non avendo le risorse necessa- deremo per l’appunto questa competen- pa, posso dire prestigiosa, sostanzialmen-
rie per far fronte a questa nuova evenien- za. Ciò dovrebbe completare la nostra te una marcia in più rispetto agli altri Pae-
10 SPECCHIO
ECONOMICO

si: tanto che la stessa Commissione euro- vernance in società che dovrebbero farsi
pea ci addita a modello ed esempio per la concorrenza: è evidente che così rispon-
tutela dei consumatori. dono agli interessi di più mandanti e si
D. Rispetto agli Stati Uniti, invece, nei creano situazioni di stasi non concorren-
quali i consumatori sono molto tutelati, ziali. A noi interessa che questi istituti si
siamo così lontani? facciano concorrenza: il sistema intero
R. Diversa è la storia degli Stati Uniti risente dei troppi fenomeni di conflitto,
e dei Paesi anglosassoni di Common perché nessuno ha interesse a far concor-
Law in cui si è sviluppata una tutela dei renza a se stesso.
consumatori basata sulla «class action», D. Come operano i contact center nel-
e in cui è presente una cultura molto più le segnalazioni e che tipo di riscontro
attenta ai consumatori. Di fatto sono hanno avuto?
molto più avanti a noi, soprattutto per R. Al numero gratuito del nostro con-
l’esistenza di una generale azione collet- tact center - l’800.166.661 - rispondono,
tiva e per il riconoscimento del danno dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 14, ot-
punitivo, che invece in Italia non è anco- to giovani laureati in Giurisprudenza; in
ra stato ammesso, e forse ancora oggi alternativa, è possibile lasciare un mes-
potrebbe essere considerato anche inco- saggio in Segreteria e a stretto giro, entro
stituzionale. 24 ore, si avrà una telefonata di riscontro.
D. Dal primo gennaio scorso anche i Il servizio ha ottenuto il riconoscimento
consumatori italiani possono esercitare da parte del Ministero della Funzione
l’azione collettiva a tutela dei propri di- Pubblica per il progetto di efficienza, in
ritti per danni e inadempienze contrat- quanto riconosciuto meritevole. Il con-
tuali da parte delle aziende. È a favore? tact center materialmente raccoglie la de-
R. Ho raccomandato - e le associazio- nuncia verbale, la trasforma in una segna-
ni sembra abbiano risposto favorevol- lazione scritta che informaticamente è
mente - di limitare l’esercizio di questa trasmessa all’ufficio competente, se si ri-
azione, almeno all’inizio, ai casi sicuri, tiene che ad essa vada dato un seguito; al-
cioè nei quali siano presenti un illecito La sede dell’Antitrust a Roma tra strada è quella di intervenire con una
già accertato e un gruppo compatto, quin- «moral suasion» nei confronti dell’im-
di una classe di consumatori che può es- ciali scorrette decidiamo mediamente in presa segnalata, chiudendo il caso. Se il
sere identificata con facilità come tutti 120-180 giorni; per gli abusi e le intese, problema non è di competenza dell’Auto-
coloro che hanno subito danni diretta- invece, i tempi dell’istruttoria possono rità, si indirizza il consumatore verso chi
mente dall’azione ritenuta illecita. Se si durare anche un anno, perché bisogna da- è competente mentre, se semplicemente
comincerà con azioni fumose e generi- re il tempo alle parti di difendersi ade- non è evidente una scorrettezza commer-
che, il rischio sarà quello della dichiara- guatamente, trattandosi di multe salate ciale, la pratica viene archiviata. Questo
zione di inammissibilità da parte del giu- che possono giungere a colpire il 10 per sistema agevola il lavoro dell’Istituto
dice ordinario e, nel caso in cui si diffon- cento del fatturato dell’impresa. perché consente di sgravare a monte i no-
da la prassi di respingere le «class ac- D. L’Antitrust presenta una relazione stri uffici da tutta una serie di pratiche co-
tion», esse perderebbero di qualsiasi effi- semestrale in tema di conflitto di interes- stituite da disguidi, fatti irripetibili o non
cacia, soprattutto in deterrenza. È neces- si. Com’è oggi la situazione? costituenti attività scorrette.
sario allora, almeno nella prima fase del R. Abbiamo espresso alcune critiche D. Come sarà celebrato il ventennale
ricorso al nuovo strumento, limitarlo ai alla legge nella parte in cui definisce il dell’Autorità Garante della Concorrenza
pochi casi in cui vi sia la certezza del ri- conflitto d’interesse in modo statico e e del Mercato?
sultato favorevole. non dinamico, e nella parte in cui viene R. Siamo grati al presidente della Re-
D. In che rapporto la «class action» si considerato come illecito di danno e non pubblica che ha concesso il patrocinio a
porrà rispetto all’attività dell’Antitrust? come illecito di pericolo. Ma ho visto tutte le iniziative che abbiamo voluto at-
R. L’Antitrust non è coinvolta nell’a- che il tema non è nell'agenda del Gover- tivare, nonché al ministro Claudio Scajo-
zione giudiziaria, nemmeno con pareri, no e del Parlamento. Avremmo voluto un la che ha favorito l’emissione di uno spe-
se non per una norma che attribuisce so- meccanismo normativo più semplice, ciale francobollo che celebra la nostra
lo al giudice l’onere di sospendere la basato sul pericolo dell'esistenza di un istituzione. Stiamo facendo tutto in gran-
procedura nel caso in cui sia pendente danno e non sul suo accertamento: così de economia, e perfino il logo del ven-
una nostra istruttoria, fintanto che l’An- come è congegnato oggi il procedimen- tennale è stato il dono di un creativo,
titrust non emetta una decisione. Questo to, perché sia configurabile un conflitto Paolo Nazzaro. Indiremo, nel corso del-
è l’unico modo in cui noi interferiamo. di interessi, ci dovremmo trovare in pre- l’anno, una serie di incontri per sviluppa-
Una volta che l’Autorità abbia dichiarato senza di fatti talmente gravi da configu- re tutti i temi della nostra attività, fino al
scorretta una prassi, ovvero ritenuto la rare ipotesi di reato. La legge ci lascia 10 ottobre, quando sarà aperta una mo-
presenza di un abuso di posizione domi- pochi margini. Perché esista conflitto di stra ed emesso il francobollo con la tim-
nante o di un’intesa restrittiva della con- interessi deve esistere un atto di governo, bratura.
correnza, i consumatori potranno agire in direttamente promosso da un membro D. Qual è un progetto che le sta parti-
giudizio con maggiore facilità. La legge dell'esecutivo che, grazie a quella norma, colarmente a cuore?
ha solo attribuito al giudice l’onere di so- ricavi un beneficio preferenziale per il R. Il Progetto Scuola che, cominciato
spendere il processo in attesa della no- suo patrimonio o per quello dei suoi fa- con le elementari, porteremo nelle medie
stra pronuncia, e sarà una sospensione miliari, e, in aggiunta, deve essere prova- e nelle superiori, riprendendo l’attività di
breve perché abbiamo tempi decisionali to un danno all'interesse pubblico. È diffusione nelle scuole della cultura della
molto stretti. un'ipotesi più scolastica che reale, mai concorrenza e della tutela del consuma-
D. Con quale tempistica adotta le pro- verificata sul campo. Diverso il tema dei tore. I nostri funzionari parleranno con
prie decisioni l’Antitrust? possibili conflitti d'interesse nel settore gli studenti, saranno indetti concorsi e
R. Per valutare una concentrazione ab- bancario. Abbiamo segnalato il rischio di conferite targhe ai giovani che meglio
biamo 30 giorni, più altri 45 se si dà luo- conflitti di ruolo che si ha quando gli sapranno esprimere l’importanza della
go ad istruttoria. Per le pratiche commer- stessi amministratori hanno ruoli di go- concorrenza e del libero mercato.
12 SPECCHIO
ECONOMICO

Leonardo Da Vinci bevve


acqua S. Pellegrino,
precursore di oltre
un miliardo di assetati.
Un marchio
dalla storia centenaria,
una sorgente termale
della Val Brembana oggi
nota in tutto il mondo
non solo per le proprietà
organolettiche e per
la garanzia di qualità,
ma anche per
la diversificazione
in prodotti come
l’aranciata,
l’aranciata amara,
il bitter analcolico,
il chinotto e le bollicine
naturali che piacciono
tanto all’estero
Fabio Degli Esposti,
direttore del mercato
internazionale
a cura di della Sanpellegrino
FLAVIO FABBRI

FABIO DEGLI ESPOSTI:


DISSETARE ANCHE LEONARDO
CON L’ACQUA S. PELLEGRINO
pianeta è composto per un «made in Italy» che resiste alle mode Da Vinci nella zona nel 1505, e con
terzo di terra, per tre terzi e alla crisi economica come vi resiste la successiva nascita della fonte co-
Il d’acqua. Parte di quei tre ter-
zi è illuminata da una stella rossa,
la sete. Una storia che comincia lon-
tano, nella Val Brembana per l’esat-
me bagno termale. Quindi con l’ini-
zio dell’attività industriale nel 1899,
simbolo della Sanpellegrino, azienda tezza, in provincia di Bergamo, con che si fa coincidere con l’acquisto,
leader in Italia nel settore acque mi- un nome che è fatto risalire addirit- da parte della Società Anonima del-
nerali, che da più di un secolo grazie tura a San Pellegrino, martire e ve- le Terme di San Pellegrino, della
al brand S. Pellegrino è sulle tavole scovo di Auxerre nel 1250; e che sorgente nella quale solo un anno
di tutto il mondo, immagine del continua con una visita di Leonardo dopo furono prodotte 35 mila botti-
SPECCHIO
ECONOMICO 13
glie, di cui 5 mila per l’estero; nel
1905 il ritmo era salito a 50 mila al
giorno.
Nasce così il San Pellegrino Terme
Resort e nel 1925 giungono nuovi
azionisti che danno nuovo corso al
marchio, che produrrà anche aran-
ciata, e dal 1949 aranciata amara, dal
1956 chinotto, dal 1961 aperitivo
analcolico; nel 1957 la società acqui-
sta la Panna e nel 1970 semplifica il
proprio nome in Sanpellegrino. Sono
momenti storici che affascinano i
consumatori e rendono celebre l’a-
zienda in tutto il mondo, tanto che
nel 2003 la bottiglia da 75 centilitri
raggiunge la quotazione record di 10
dollari nei ristoranti di New York
dove ogni giorno vengono vendute
65 mila bottiglie, e nel 2005 tocca il
traguardo dei 500 milioni di bottiglie
vendute in tutto il mondo.
Oggi l’80 per cento della produzio-
ne è destinata all’estero e sono ormai
Vari prodotti, frutto della diversificazione della Sanpellegrino

più di un miliardo le bottiglie vendu- chiara posizione di marketing dell’a- importazione, anche il mercato Usa, e
te in ogni angolo del pianeta di ac- zienda, le proprietà organolettiche questo è un eccellente risultato, anche
qua, limonata, aranciata e chinotto. dell’acqua invariate da più di un se- considerando gli alti standard di qua-
Serve allora un responsabile: Fabio colo e gli altri prodotti della famiglia lità nel cibo che hanno i francesi, ulte-
Degli Esposti è il direttore per il mer- di marchi Sanpellegrino - acque mi- riore riconoscimento diretto della
cato internazionale. nerali e bibite -, titoli di qualità del bontà della nostra acqua.
Domanda. È vero che anche Leo- «made in Italy» nel comparto Beve- D. Italia quarto mercato, nonostan-
nardo Da Vinci ha bevuto un bicchie- rage a livello mondiale e soprattutto te sia quello d’origine: perché?
re d’acqua S. Pellegrino? nel mercato famiglie, ristoranti, caffè R. Il mercato italiano è molto com-
Risposta. Una delle notizie stori- e catering. petitivo, proprio per la grande pre-
che più straordinarie è legata proprio D. In che modo l’azienda opera a senza di acqua e di sorgenti, per la
alla presenza del genio toscano nella livello globale? qualità e le proprietà organolettiche
Val Brembana agli inizi del XVI seco- R. La nostra attività è caratterizza- uniche riscontrabili nei prodotti. Ciò
lo, testimoniata da un disegno del- ta proprio dall’attenzione ai mercati che frena le potenzialità del compar-
l’artista, notoriamente amante della globali e dalla cura nella gestione e to delle acque minerali per l’Italia è
natura e della geologia, che riprende nell’identità del marchio, che hanno sempre legato alla limitata capacità,
due delle sorgenti principali da cui dimostrato una continuità imprendi- tutta interna alla cultura imprendito-
ancora oggi sgorga l’acqua Sanpelle- toriale riscontrabile in tutto il Grup- riale italiana, di saper valorizzare al
grino, risorsa naturale dalle grandi po Nestlè, di cui fa parte Sanpellegri- massimo ciò che si ha a portata di
qualità identificative, nutrizionali e no. Il marchio maggiormente espor- mano, in questo caso una risorsa na-
chimico-fisiche, note agli storici fin tato è comunque S. Pellegrino e at- turale straordinaria come l’acqua ef-
dal Settecento. Sono ben 110 anni di tualmente circa l’80 per cento della fervescente naturale. Sanpellegrino
tradizione, che un’etichetta celebrati- produzione è assorbita dalle esporta- si conferma comunque leader di
va a edizione limitata ricorda ai no- zioni. È stato inoltre raggiunto e su- mercato in Italia grazie a numerosi
stri consumatori e a coloro che anco- perato il rilevante traguardo di un marchi di acque minerali, ognuna
ra non conoscono la gloriosa storia miliardo di bottiglie vendute in tutto con le sue caratteristiche legate alle
della nostra acqua. Delle prime 35 il mondo, un obiettivo che parla del diverse fonti di origine presenti in
mila bottiglie prodotte nel 1899, circa successo, dei meriti e della credibilità diverse regioni.
un terzo hanno subito preso la strada conquistata a livello internazionale. D. Agli americani piacciono le bol-
dell’estero, a riprova della vocazione D. Quale è il suo ruolo nell’unità licine italiane?
internazionale dell’azienda e dell’u- Nestlè Waters? R. Quando a New York o a San
nicità del prodotto e delle sue pro- R. Entrato nel 2004, mi sono prima Francisco si ordina una bottiglia di
prietà naturali mantenute, nell’im- occupato del mercato italiano e poi di acqua minerale, si chiede quasi sem-
bottigliamento, inalterate dalla fonte quello internazionale, che rappresen- pre una S. Pellegrino. Questo perché
alla tavola. ta il target di riferimento per l’azien- negli anni Ottanta e Novanta, in
D. Quali sono le caratteristiche del da, con la Francia in testa, seguita da- America, è nata una vera e propria
marchio S. Pellegrino? gli Usa e dalla Germania. In totale so- passione per l’acqua frizzante e S.
R. Come per ogni altra acqua mi- no 140 i Paesi in cui arriva la nostra Pellegrino per gli americani è oggi si-
nerale, anche la S. Pellegrino deve es- acqua e l’Italia occupa il quarto posto nonimo di acqua effervescente, quin-
sere imbottigliata alla sorgente, ma per bottiglie consumate. Il fatto che la di un riconoscimento assoluto delle
sicuramente ciò che più affascina è la Francia sia il primo mercato del mar- garanzie di qualità rispetto a qualsia-
sua storia, la lunga tradizione di cui è chio S. Pellegrino è per noi motivo di si altro marchio presente nel mercato
testimonianza il design della botti- orgoglio, proprio per il livello di nord-americano.
glia, uguale da decenni e di cui anche competizione che in quel Paese esiste D. Come si è concluso il tentativo
l’etichetta e la stella rossa ne sono e che la nostra azienda ha saputo af- del Governo degli Stati Uniti di im-
immagine nel mondo. A questi ele- frontare con evidenti risultati. Oggi la porre dazi all’importazione di acqua
menti chiave vanno aggiunti una Francia ha superato, per volumi di minerale?
14 SPECCHIO
ECONOMICO

Uno dei processi produttivi


dell'acqua S. Pellegrino
all'interno dello stabilimento
di Ruspino, Bergamo

R. Una storia davvero spiacevole


frutto di una decisione dell’ultimo
minuto dell’Amministrazione Bush e
di una politica di ritorsione nei con-
fronti dell’Unione Europea, attuata
come risposta alla messa al bando
delle carni provenienti dagli Stati
Uniti. Fortunatamente è subito se-
guito un tavolo di trattative, attorno
al quale si sono seduti i principali che positivi degli ultimi anni. C’è sta- dimostrando maturità nelle scelte a
protagonisti, fino al congelamento ta una certa contrazione dei consu- seconda delle proprie inclinazioni di
dei provvedimenti, con la firma di mi, sebbene il fatturato sia ancora in gusto. In Italia è presente una note-
un protocollo d’intesa. Un risultato crescita. Abbiano compensato alcune vole varietà di acque minerali, una
importantissimo, arrivato grazie allo dinamiche di crisi, come negli Usa, ricchezza inestimabile che non può
straordinario impegno dell’azienda, dove le vendite complessive delle bi- essere motivo di polemiche e di con-
del Governo italiano, del ministro bite sono cresciute e Sanpellegrino è fronti aspri. Un mix di bevande, co-
per le Politiche europee Andrea Ron- la terza azienda nel mercato delle me quello che si ha in Italia, è un
chi, del sottosegretario allo Sviluppo «non cole», la seconda in quello delle chiaro segno di attenzione dedicata
economico Adolfo Urso, e dell’Euro- aranciate e resta a capo nel settore all’alimentazione, con un consumo
pa, rappresentata dall’allora com- delle aranciate amare. Ottime anche procapite molto elevato rispetto alle
missario Lady Ashton. Senza tale le prestazioni registrate in altri mer- altre, anche alcoliche. Si tratta solo di
coinvolgimento istituzionale e senza cati meno provati dalla contingenza qualità organolettiche diverse, per
il nostro duro lavoro, sicuramente economica negativa, con un aumento diverse modalità di consumo dei
avremmo subito gravi perdite nel delle vendite complessive delle be- prodotti, non di una guerra tra setto-
mercato Usa, in termini di competiti- vande di oltre il 50 per cento. Il no- re privato e pubblico.
vità e di vendite. stro marchio, come si vede, ha anco- D. Che cosa c’è nel futuro della
D. Parliamo solo di acqua o San- ra una grande capacità di crescita nei Sanpellegrino?
pellegrino vuol dire anche qualco- mercati non ancora maturi e questo è R. La nostra gamma è composta da
s’altro? un fattore chiave in termini di com- vari marchi e tipi di acque minerali,
R. Sicuramente chi compra Sanpel- petitività in Paesi come Giappone, il che significa ricchezza di offerta e
legrino compra «made in Italy», pro- Cina e India, in cui c’è molto da lavo- una strategia multipla di marketing e
dotti - acque minerali e bibite - di rare. Sanpellegrino ha chiuso il 2008 di vendita sul mercato nazionale e
qualità controllata, conosciuti in tut- con un fatturato di oltre 900 milioni internazionale. Da tali leve vogliamo
to il mondo e simbolo incontrastato di euro, altro risultato eccezionale partire per affrontare il futuro e inse-
dello stile italiano e della «buona ta- che ci conforta, visto il panorama in- rirci nei mercati ancora vergini. In
vola», risultato dell'impegno costan- ternazionale ancora frastornato dalla particolare il successo del brand S.
te delle 2000 persone che fanno parte crisi economica. Pellegrino è frutto anche del concor-
del nostro Gruppo. Sanpellegrino è D. Cosa risponde a chi sostiene che so di un altro marchio molto impor-
inoltre sinonimo di impegno nella re- le acque minerali in bottiglia stanno tante, che è l’acqua Panna, un pro-
sponsabilità sociale in particolare in uccidendo la tradizionale acqua del dotto che ha da subito incontrato il
progetti di miglioramento dei pro- rubinetto? favore dei consumatori, rafforzando
cessi produttivi volti a rendere que- R. Non c’è niente di sbagliato nel la nostra azione ben oltre i mercati
st'ultimi più sostenibili lungo tutta la preferire l’acqua in bottiglia a quella tradizionali. Il suo potenziale, certo
filiera e finalizzati al rispetto e alla corrente del rubinetto. Ciò che man- deve fare i conti con la contingenza
salvaguardia dell'ambiente. ca è chiarezza e attendibilità delle economica negativa presentatasi a li-
D. Design, posizione del prodotto, informazioni diffuse dai media. Il vello globale, ma la storia e la qualità
campagne pubblicitarie indovinate: consumatore è oggi in grado decide- del marchio, unitamente alla fiducia
come si vende questo prodotto? re tra due prodotti diversi e nello dei consumatori, permetterà di supe-
R. Il nostro prodotto è piuttosto stesso tempo di comprovata qualità, rarla con sicurezza e con un rinnova-
atipico in termini di strategie di pub-
blicità: non occupiamo spazi televisi-
vi o di altri media e questo per una
scelta aziendale precisa, andando a
porci sin dall’inizio come marchio
per l’alta ristorazione e il consumo
domestico, venendo incontro al con-
sumatore in ogni situazione, soddi-
sfacendo varie aspettative alimentari
e gastronomiche che in Italia sono
sempre molto alte, sia al ristorante,
sia a casa.
D. Si è fatta sentire la crisi dei con-
sumi anche in questo settore e con
quali conseguenze?
R. Il 2009 è stato un anno difficile
se confrontato con gli andamenti più
GIORGIO BENVENUTO: UNIGIOCO,
16 SPECCHIO
ECONOMICO

PER IL BENESSERE DELLA SOCIETÀ


E PER LE FINANZE PUBBLICHE

L’on.le Giorgio Benvenuto,


presidente
della Fondazione

S
Unigioco - Fondazione per il gioco

egretario generale del Mini- Camera dei Deputati, nella XIII Legi- Domanda. Che cosa è l’Unigioco e
stero delle Finanze e docente slatura, è stato presidente della VI perché è nata?
nel Corso Superiore della Commissione permanente Finanze e Risposta. Si tratta di una Fonda-
Scuola di Polizia Tributaria della componente della Commissione bi- zione che analizza il fenomeno rap-
Guardia di Finanza di Roma, Giorgio camerale dei 30 in materia di attua- presentato dal gioco, e della quale da
Benvenuto ha una storia sindacale e zione della riforma fiscale. Nella XIV tempo si avvertiva l’esigenza perché
politica esemplare in quanto caratte- legislatura, rieletto alla Camera è sta- l’Italia è tuttora un Paese singolare
rizzata dalla continua difesa degli in- to capogruppo dei Democratici di Si- nel quale, per una sorta di ipocrisia o
teressi dei lavoratori, dei consumato- nistra-L’Ulivo nella Commissione Fi- di perbenismo di facciata, il gioco
ri e della società in generale. Nato a nanze. Eletto al Senato nella XV legi- viene considerato come qualcosa che
Gaeta e laureato in Giurisprudenza slatura, ha presieduto la VI Commis- si deve fare, ma non si deve dire. Ab-
alla Sapienza di Roma, nel sindacato sione permanente Finanze e Tesoro. biamo pensato, pertanto, di affron-
è stato per molti anni Segretario ge- Recentemente ha assunto la presi- tarla questa realtà da un punto di vi-
nerale della Uil; nella politica è stato denza di un’altra impegnativa inizia- sta scientifico, di conoscere più a fon-
Segretario del Psi, di Alleanza demo- tiva, la Fondazione Unigioco, nella do questo mondo che rappresenta
cratica e dell’Unione dei democratici, quale continuare l’azione a difesa del un’attività ragguardevole: il fattura-
co-fondatore dei Democratici di Sini- benessere e degli interessi della so- to dei Monopoli di Stato è superiore,
stra, presidente della Direzione na- cietà, dei giovani in particolare e del- infatti, a quello della Telecom Italia.
zionale DS. In Parlamento, eletto alla le finanze pubbliche. Si tratta di un fenomeno di grandi di-
SPECCHIO
ECONOMICO 17
mensioni, che ha modificato le abitu- propensione per il gioco
dini degli italiani e che è in crescita. Il inferiore a quella esi-
Paese ha dovuto adeguarsi a questo stente in Inghilterra,
ostituita nel novembre 2009 per approfondire

profondo cambiamento di gusti, co-


C la comprensione del fenomeno del Gioco nei
Francia, Spagna e Ger-
stumi, tecnologie. Un tempo la vita mania.
suoi aspetti sociali, culturali, economici e politici,

scorreva più lentamente il gioco del D. Sono scomparse le


l’Unigioco-Fondazione per il Gioco è un’associa-

Lotto affondava le proprie radici nel- tombole?


zione senza scopo di lucro che ha lo scopo di

la storia, era come lo ricordano i film R. Tombola e bingo da


elaborare proposte dirette a contrastare gli

di Totò, con la cabala, l’estrazione noi piacciono poco men-


aspetti illegali e patologici del settore. L’Unigioco

settimanale, le pagine dei giornali tre in Spagna hanno


si avvarrà del supporto di soggetti e figure colle-

sui numeri ritardatari, i sogni o gli molto successo. All’epo-


gate con il settore del gioco pubblico e della col-

avvenimenti dai quali si traevano i ca si riteneva che agli ita-


laborazione con autorità e organi competenti,

numeri da giocare. Oltre al Lotto c’e- liani non piacessero le


università, enti, istituti culturali. Al Comitato

rano le Lotterie, alcune famose come scommesse, e che fosse-


scientifico hanno aderito: l’Osservatorio Interna-

quelle di Tripoli, Merano, Agnano, ro destinate a restare


zionale sul Gioco dell’Università di Salerno; il

Monza; poi sono venute le schedine clandestine; ora invece


Centro Studi sulle ludopatie del prof. Gioacchino

della Sisal e del Totocalcio, giochi cui questo settore si sta svi-
Lavanco, che svolge azione di tutela delle forme

si partecipava e che si svolgevano luppando notevolmente,


ludiche di gioco e di contrasto delle forme patolo-

con un ritmo metodico. L’estrazione e bisognerà vedere che


giche; il Centro Studio sulla legislazione europea

del Lotto si svolgeva una volta alla cosa avverrà.


del prof. Ruggiero Cafari Panìco; il Centro Studio

settimana, i giornali del pomeriggio D. Che fare con i giochi


sulla fiscalità del prof. Giuliano Tabet; l’associa-

l’aspettavano per venire stampati, i illegali?


zione Primo Consumo, per la tutela di cittadini e

numeri erano estratti da un bambino R. Occorre lottare contro


consumatori; l’associazione Fiaba per le relazio-

bendato affiancato da tre signori e al- tali illegalità; sotto la di-


ni tra gioco e disabilità; l’Eurispes; l’ente Forma-

la presenza di un finanziere. Poi ar- rezione prima di Giorgio


zione Giovani, per la divulgazione e valorizzazio-

rivò la Lotteria di Capodanno, che Tino poi di Raffaele Fer-


ne del settore mediante conferenze e spettacoli

ebbe un grande successo per l’abbi- rara, l’Amministrazione


nelle scuole. La Fondazione Unigioco svolge le

namento con l’omonima trasmissio- Autonoma dei Monopoli


proprie attività in condizioni di indipendenza e

ne televisiva. di Stato ha ottenuto ri-


autonomia grazie a donazioni private e a contri-

D. Qual’è la nuova realtà? sultati molto soddisfa-


buti di imprese.

R. Negli ultimi 15 anni quei giochi ria. Sono state ideate nuove formule, centi. L’illegalità era molto diffusa,
sono entrati in crisi, il Lotto da setti- alcune anche fantasiose come quella in particolare quella legata a video-
manale è diventato trisettimanale e che mette in palio un vitalizio, chia- poker, slot machines, scommesse in
quindi, con i nuovi sistemi tecnologi- mata «Win for life» ossia «Vinci per genere. Se le scommesse legali sono
ci, istantaneo, ad estrazione imme- la vita»; oppure il «10 e Lotto», che in aumento, deriva anche dalla lotta
diata. Le Lotterie hanno perduto il offre tanti modi per giocare e per a quelle illegali. I Monopoli di Stato
loro fascino, perché intercorre trop- vincere. Si tratta di giochi che pre- si sono rinnovati non solo nell’imma-
po tempo tra l’acquisto del biglietto e sentano tutti qualche elemento di no- gine ma anche nell’inventiva, nella
l’estrazione; la Lotteria di Capodan- vità. Il fenomeno si sta dilatando e si capacità di innovare i prodotti, nella
no abbinata allo spettacolo televisivo sviluppa un’offerta che tiene conto mobilitazione contro l’illegalità, otte-
non attrae più, il Totocalcio è stato dei gusti correnti, ma soprattutto del nendo significativi successi. Esistono
messo in crisi dal moltiplicarsi nei desiderio dei giocatori di conoscere ancora aree critiche nell’Italia meri-
giorni feriali degli incontri sportivi subito il risultato, in maniera non di- dionale, soprattutto nel settore delle
che si svolgono la sera, la mattina, il versa da quanto avviene in altre atti- slot machine; l’Amministrazione ha
giorno dopo. Prima era tutto regola- vità e in altri settori della vita. compiuto una serie di interventi, in-
to e scadenzato. Sono cambiati i gu- D. In questo vario panorama come trodotto innovazioni tecnologiche;
sti, gli italiani privilegiano i giochi deve muoversi la Fondazione da lei grazie a sistemi informatici ogni slot
nei quali possono sapere subito se presieduta? machine, ad esempio, è direttamente
hanno vinto; c’è stato un cambia- R. La Fondazione è stata istituita collegata e controllata dalla Sogei.
mento radicale. Il «Gratta e Vinci» ha per studiare anche da un punto di vi- Ma soprattutto sono state adottate
registrato un immediato successo sta scientifico il fenomeno, per indi- decisioni coraggiose e intelligenti,
perché si conosce subito se si è vinto viduarne i rischi e le opportunità, per per far tornare ai giocatori il 65 per
o perso. verificare la fondatezza di alcuni luo- cento dell’importo da loro comples-
D. Quali sono i nuovi giochi? ghi comuni, ad esempio la credenza sivamente giocato; lo Stato e i con-
R. Oggi le scommesse in generale che le giocate aumentino in tempo di cessionari dei giochi non sono stati
tendono a occupare il posto dei gio- crisi perché molta gente ritiene di ri- avari nei riguardi dei giocatori. In-
chi in auge nei decenni trascorsi, solvere, tramite esse, i propri proble- somma è stata seguita una politica
soppiantando quasi la schedina del mi. La verità non è proprio questa, nuova: il «Gratta e vinci» ha avuto
Totocalcio, perché la tecnologia con- nonostante le difficoltà economiche, molto successo perché consente di
sente di scommettere su ogni cosa, molti giocano grazie alla facilità, alla vincere poco, è vero, ma spesso. Dal
su chi vince e su chi perde, sul risul- capacità e all’abbondanza dell’offer- punto di vista psicologico questo fat-
tato del primo tempo di una gara o ta, e perché il gioco si svolge in for- tore è determinante.
su quello del secondo. Inoltre sono ma più trasparente e viene proposto D. Quali proposte avanza la Fon-
entrate nel nostro Paese le slot ma- ovunque. Un tempo occorreva recar- dazione per combattere il gioco clan-
chines grazie alle quali si vince im- si in una ricevitoria, adesso basta an- destino?
mediatamente e individualmente. dare al bar o all’edicola. E più la gen- R. Intende contribuire alla lotta
Non solo: mentre prima la gestione te gioca, più l’offerta deve rinnovarsi contro l’illegalità e a far emergere il
del gioco era molto burocratica, e trovare nuove formule. In prospet- gioco clandestino con valutazioni e
adesso l’Amministrazione dei Mono- tiva l’industria del gioco, se così può suggerimenti e con la creazione di un
poli è dinamica, offre spesso nuovi chiamarsi, è destinata ad aumentare clima di sicurezza e trasparenza.
giochi, presenta un’offerta ricca e va- in Italia perché questa registra una Questa è la strada che si deve ancora
18 SPECCHIO
ECONOMICO

percorrere in Italia. Altri 4 mila euro al mese al netto


campi di azione riguarda- delle tasse, per venti anni; è
no i minori e la ludopatia, stata un’iniziativa intelligente
ossia la mania di giocare, per affrontare un’emergenza.
l’assefazione al gioco di D. Il successo dei giochi dipen-
cui non va sottovalutato il de anche dalla fantasia degli
rischio. Sono aspetti da af- autori?
frontare nella ricerca di R. Occorre in effetti una gestio-
soluzioni, ad esempio la ne attiva, attenta, sensibile ver-
collaborazione con i gesto- so la grande attualità, pronta a
ri; secondo uno studio far crescere l’offerta di giochi.
dell’Eurispes, chi vende La Fondazione Unigioco può
«Gratta e vinci» non sem- elaborare proposte in tal senso,
pre si pone il problema destinate ad aumentare l’uti-
dell’età dell’acquirente; e lità e a migliorare la funzione
spesso non c’è nessuna at- sociale di questa attività ludi-
tenzione perché manca ca. Occorre tener presente che
una cultura in proposito. l’Amministrazione Autonoma
Non c’è da scandalizzarsi dei Monopoli di Stato, solita-
né da irritarsi, perché se il mente rigida, attualmente è in-
numero dei giocatori cre- vece molto sensibile verso le

«L
sce, aumentano anche i ri- nuove esigenze.
schi connessi. Considerato che
D. Avete i mezzi e le l’Agenzia delle En-
competenze per svolgere trate e quelle del
queste attività e presenta- a Fondazione Territorio e delle
re proposte? Dogane si muovo-
R. Intendiamo studiare Unigioco vuole no con grande
questi fenomeni con l’ausilio della zioni di tali fon- contribuire alla lotta scioltezza e con ri-
scienza, affrontare questi problemi
anche da un punto di vista scientifi-
di più utili alla
collettività. In
contro l’illegalità e il gioco sultati soddisfacen-
ti, si potrebbe isti-
co, organizzare corsi; a tal fine la passato l’allora clandestino con tuire quell’Agenzia
Fondazione prevede rapporti con le
Università e con il mondo dell’infor-
ministro dei Be-
ni culturali
suggerimenti e con dei giochi la cui na-
scita era prevista
mazione. Di questi problemi non Walter Veltroni la creazione di un clima per l’inizio del 2008
può farsi carico solo l’Amministra-
zione dei Monopoli e, se vogliamo
ottenne l’istitu-
zione di una se-
di trasparenza ma che fu rinviata.
Il giocatore preferi-
che il gioco sia veramente un’attività conda estrazio- e sicurezza: è la strada sce il risultato
ludica, una forma di distrazione, è
bene evitare le solite affermazioni
ne settimanale
del Lotto per fi-
che si deve ancora istantaneo, l’Agen-
zia potrebbe muo-
pseudo-moralistiche secondo le qua- nanziare i gran- percorrere in Italia. versi più rapida-
li porta alla rovina. di restauri del Altri campi di azione mente superando

»
D. È adeguata la tassazione appli- proprio Mini- problemi e diffi-
cata alle vincite? stero; il «Gratta riguardano i minori coltà nei rapporti
R. Nel nostro sistema fiscale esisto- e Vinci» fu in- e la ludopatia, ossia con la Corte dei
no in merito alcune contraddizioni trodotto nel Conti, il Tar, il Con-
per cui occorre individuare dei mec- 1993 quando l’assuefazione al gioco siglio di Stato ecc.
canismi che consentano una tassazio- era ministro del La sua realizzazio-
ne più equilibrata. Per esempio, sulle Lavoro Gino ne appare quindi
vincita al SuperEnalotto non si paga- Giugni, per re- ormai più che mai
no imposte, sul Lotto invece sì. È ne- perire 240 miliardi di lire dell’epoca necessaria. Abbiamo anche visto che,
cessario adottare un trattamento da destinare a interventi in favore quando l’Amministrazione finanzia-
omogeneo basato su una politica fi- dell’occupazione. Poiché per i prossi- ria è stata modernizzata con l’istitu-
scale intelligente; affinare sempre mi 3-4 anni si prevede una crescita zione di Equitalia, ha cominciato a
più i sistemi tecnologici che danno esponenziale delle entrate, bisogne- funzionare meglio.
risultati straordinari; stabilire tempi rebbe deciderne sin d’ora le destina- D. Quale sarà una delle prime pro-
e orari per le giocate per far conosce- zioni per evitare che finiscano in ma- poste della Fondazione?
re quasi immediatamente i risultati. niera anonima a far quadrare i conti R. I Monopoli di Stato si avvalgo-
Le tecnologie consentono non solo dello Stato. Esistono settori maggior- no di personale, funzionari e dirigen-
trasparenza e rapidità, ma anche il mente bisognosi di finanziamenti, ti competenti ed esperti, però biso-
controllo delle scommesse e la ridu- come la Ricerca scientifica, i Beni cul- gna dar loro anche la possibilità di
zione delle illegalità. turali, la Salute, eventi naturali come operare dotandoli di una struttura
D. Un anno scorso il primo premio il terremoto d’Abruzzo. A questa re- moderna. Oggi esistono sistemi che
della Lotteria Italia di Capodanno gione è stato destinato l’introito di compiono serie di operazioni in tem-
non è stato ritirato; che fare delle un «Gratta e Vinci» ma, poiché que- po reale, perché il giocatore vuole co-
somme vinte ma non incassate? sto gioco prevede un minor aggio a noscere subito se ha vinto; e che aiu-
R. Quella somma è stata destinata favore dei distributori, non ha otte- tano a prevenire le azioni della mala-
ad aumentare il monte-premi di que- nuto un grande successo. Per l’A- vita, che dispone anch’essa di una
st’anno. Poiché il caso si ripete spes- bruzzo è stata anche istituita la Lotte- grande fantasia; occorre inoltre, mol-
so per le vincite minori, la Fondazio- ria «Vinci per la vita» con un premio ta vigilanza su internet per ridurre i
ne si propone di individuare destina- consistente in una rendita vitalizia di rischi indotti dalla globalizzazione.
MASSIMO MASI: UILCA,
20 SPECCHIO
ECONOMICO

LAVORARE PER LE BANCHE


O MEGLIO PER I RISPARMIATORI

Massimo Masi,
segretario generale
della Uilca
aderente alla Uil

resto la banca cambierà aspetto, finanziari, aderente alla Uil. Domanda. Qual è il bilancio del-
anzi lo sta già cambiando a rit- Segretario uscente dell’organizzazio- l’attività della Uilca nel momento in
P mo accelerato e in maniera
profonda. Un esempio: non vi sarà
ne, in occasione del congresso in pro-
gramma a metà febbraio Masi ha sti-
cui affronta il Congresso nazionale?
Risposta. Il bilancio è positivo. A
più il cassiere allo sportello, e non si lato una puntuale diagnosi della si- differenza di altre, la nostra categoria
sa se saranno ancora visibilili le ban- tuazione del credito in Italia in un è riuscita a concludere accordi e a
conote. Un bene o un male? Sempli- momento particolare: dopo la crisi rinnovare molti contratti, tutti soddi-
cemente un’ineluttabilità. Ma come economica e finanziaria dello scorso sfacenti. Lo dobbiamo anche a un’i-
vedono questa trasformazione gli biennio e in attesa dell’arrivo di una niziativa adottata dal sindacato nel
addetti ai lavori, ossia il mondo che ripresa. L’azione di controllo svolta 1997 consistente nell’avvio di un
vive dentro le mura delle banche? dalla Uilca negli anni passati ha con- Fondo per l’occupazione. Nel 1999 il
Massimo Masi, bolognese, ha guida- tribuito notevolmente ad evitare che settore del credito andò incontro ad
to nell’ultimo biennio un esercito di in Italia si diffondesse la pratica della una profonda ristrutturazione che ha
43 mila iscritti alla Uilca, il sindacato finanza spregiudicata e della vendita comportato da allora l’uscita di 30
dei lavoratori del credito, delle agen- di bond a rischio, ed è stata utile per- mila dipendenti; in questi anni per-
zie, della riscossione, delle assicura- tanto sia ai risparmiatori sia alle stes- tanto l’occupazione si è mantenuta
zioni, dei promotori e dei mediatori se banche. stabile, solo nel 2009 la riduzione è
SPECCHIO
ECONOMICO 21
stata dello 0,11 per cento, nel com- nel 2009 gli azioni-
plesso si è verificato un notevole ri- sti delle banche non
cambio, sono diminuiti i più anziani hanno ricevuto di-
e sono entrati i giovani. Fare uscire videndi; quest’an-
30 mila persone senza mettere nessu- no però dovranno
no sulla strada, a spese della stessa distribuirsi, ma i bi-
categoria e delle aziende e non dello lanci sono ancora
Stato, è stato un grande risultato del pesanti, si parla di
sindacato; l’accordo poi è stato esteso sofferenze tra i 12 e
alle esattorie e alle assicurazioni. i 20 miliardi di eu-
Spero che il sistema possa essere ap- ro, sperando di
plicato ad altre categorie di lavorato- contenerli a 15 mila.
ri. Nel 2009 abbiamo realizzato Il contenzioso è de-
un’altra iniziativa: poiché la crisi ha stinato ad aumenta-

«I
colpito anche banche stra- re, i costi a compri-
niere, finanziarie e società mersi. Mi sono det-
collegate a grandi gruppi, to favorevole a que-
dal momento che molti sto ma a condizione
dipendenti giovani non
avevano i requisiti per
l sindacato quattro, En-
che siano ridotti an-
che stipendi e bonus non solo di mas-
partecipare al Fondo, ne può dirsi favorevole trate, Dogane, simi amministratori ma anche di alti
abbiamo proposto un al-
tro, definito «emergenzia-
al contenimento Territorio e
Demanio.
dirigenti; e i compensi per consulen-
ze miliardarie. Tutti costoro nell’ap-
le»; una volta istituito con dei costi delle banche Vanno risolti provare i piani industriali non hanno
un decreto ministeriale,
potrà assicurare ai lavora-
alla condizione vari problemi previsto la crisi, hanno aperto molte
filiali che non sono arrivate a guada-
a causa della
tori eventualmente licen- che siano ridotti diversità dei gnare, sono sopraggiunte le difficoltà
ziati dalle proprie aziende non soltanto contratti e del e oggi devono rimettono in discussio-
un sostegno economico sistema pre- ne i loro piani. Allora riscoprono la
per due anni, nonché la gli stipendi e i bonus videnziale; validità delle piccole e medie impre-
possibilità di reinserirsi di amministratori inoltre la Re- se, la fascia più presente nel mercato
nel lavoro. gione Sicilia italiano, dalle quali si erano allonta-
D. Quanti sono gli inte- e di alti dirigenti, tiene molto nati per operare con le grandi impre-
ressati? ma anche i compensi ad avere un se. Oggi sono costretti a tornano al

»
R. Non si può prevede- proprio servi- modello di banca regionale, del terri-
re; abbiamo valutato un elargiti per zio esattoria- torio. È vero che i grandi gruppi ban-
numero di circa 1.500 l’an- le consulenze le, e questo cari sono meno scalabili e usufruisco-
no, dipende all’evolversi no di maggiori sinergie. Comunque
della crisi. Inoltre abbiamo miliardarie rallenta la so-
luzione. hanno sbagliato i progetti e nessuno
deciso di aumentare i fi- D. Come so- l’ha ammesso o si è dimesso.
nanziamenti per la forma- no i rapporti D. Quali richieste da presentare al-
zione e svolgiamo corsi, soprattutto con le controparti? la controparte proporrà al Congresso
per gli ultracinquannenni; corsi es- R. Le relazioni sono normali, quel- di questo mese?
senziale dal momento che ogni due lo che un po’ ci preoccupa è il ruolo R. La formazione, sulla quale oc-
anni aumenterà di un anno l’età pen- dell’ABI. Mentre l’ANIA riesce anco- corre investire perché è essenziale in
sionabile. La consultazione e le trat- ra a catalizzare e a rappresentare le quanto il ruolo del bancario si sta tra-
tative sono all’ordine del giorno. In imprese assicuratrici, l’Associazione sformando, vi saranno sempre meno
un Gruppo come l’IntesaSanPaolo, Bancaria Italiana vede ridursi la pro- cassieri, sempre più consulenti, sem-
ad esempio, in un anno abbiamo pria centralità rispetto alle banche. pre più addetti alla vendita; la banca
concluso ben 190 accordi. Credo che Fino a qualche tempo fa, infatti, tutti sarà sempre più legata ad internet, la
in altri settori non avvenga ciò. gli accordi passavano attraverso di clientela cambierà nei rapporti con
D. Per quanto riguarda le imprese essa; oggi, con la creazione di grandi essa. Già stanno apparendo sportelli
di assicurazione? gruppi bancari come IntesaSanpaolo, senza cassiere, dotati di dispositivi
R. La situazione occupazionale è Unicredito, Monte Paschi di Siena, che rilasciano strisciate e fotocopie.
migliore, nel 2009 il numero com- Banco Popolare, questi cercano di ri- Vi sarà una notevole metamorfosi
plessivo dei dipendenti è aumentato solvere autonomamente i loro pro- nel lavoro in banca, con tanti consu-
di 1.400 unità e si assiste a una conti- blemi. Alcune soluzioni concordate lenti, tanti addetti alle vendite, men-
nua crescita. Rispetto alle banche, costituiscono, soprattutto nel Sud, tre gli impiegati cureranno il cosid-
però, nelle assicurazioni esiste il pro- uno scavalcamento del contratto, detto back office. Se, per ridurre i co-
blema del precariato, che speriamo non sono frutto di accordi nazionali. sti, saremo disponibili verso forme di
di risolvere con il rinnovo del con- Gli inquadramenti vigenti risalgono lavoro alternative, chiederemo che
tratto scaduto il 31 dicembre scorso. a 20 anni fa, di fatto non esistono più. non vi siano più trasferite lavorazio-
Per quanto riguarda le Agenzie fisca- I grandi banchieri hanno meno biso- ni all’estero, anche perché chi l’ha
li, negli ultimi 3-4 anni il personale è gno dell’ABI per trattare con il Go- fatto le sta riportando in Italia a cau-
stato praticamente dimezzato scen- verno. È cambiato tutto il sistema, sa di errori e di difficoltà di lingue e
dendo da 13 mila a non più di 7 mila perché fino a dieci anni fa esistevano di comunicazioni.
dipendenti; ma con il ricorso al Fon- 1.200 banche, di dimensioni minori, D. Per i clienti che cosa proporrà?
do non si è verificato alcun trauma oggi sono 490. R. Un programma informativo
occupazionale. Ora il Governo deve D. Come vede la situazione dall’in- consistente in incontri con i lavorato-
decidere se creare un’unica agenzia terno del settore? ri e i pensionati per spiegare come
per ridurre i costi, o mantenerne R. A causa della crisi economica, funziona il mondo della finanza, per-
22 SPECCHIO
ECONOMICO

ché la vendita dei prodotti è un’atti- la. Comunque


vità delicatissima, affidata a persona- esistono tante
le che deve sapere cosa vendere in piccole banche
base alle possibilità finanziarie del- territoriali che
l’acquirente. Devono cessare le pres- avranno sempre
sioni dei manager per vendere deter- una ragione di vi-
minati prodotti ad alto rischio, devo- ta, anche se in-
no esservi la massima chiarezza, tra- contreranno
sparenza e professionalità. qualche diffi-
D. La ripresa è ostacolata dalle dif- coltà.
ficoltà poste dalle banche nella con- D. Quelle del
cessione dei crediti? Centro-Sud ser-
R. È ostacolata soprattutto dal fatto vono per le esi-
che grandi e medi industriali hanno genze locali o,
preferito trasferire capitali all’estero centellinando il
o li hanno tenuti in Italia ma senza credito, a racco-
investirli; per supplire a questa lacu- gliere risparmio
na ora chiedono credito alle banche. da investire nel
Sono d’accordo che queste debbano Nord?
allargare un po’ il credito, ma anche R. I dati sono
l’industria deve compiere la propria contraddittori. In
parte. Se oggi si registra un basso li- un convegno che
vello, ad esempio, nella ricerca scien- abbiamo organiz-
tifica, la colpa non è delle banche né zato in Calabria,
dello Stato, ma di chi non investe ca- un docente del-
pitali nella propria azienda, prefe- numero crescente di esse deve inde- l’Università di Cosenza ha sostenuto
rendoli spostarli all’estero. Un altro bitarsi; per di più molti si indebitano che non è così: le banche del Sud rac-
ostacolo alla ripresa è costituito dal- anche per ragioni futili, visto che le colgono ingenti capitali cui non cor-
l’accordo Basilea 2, che non è tarato mode inducono a spendere, ad anda- rispondono adeguati investimenti;
sull’economia italiana ma su un’eco- re in ferie sia in estate che d’inverno. pertanto concedono più credito alle
nomia scolastica nella quale si di- C’è da augurarsi che non riparta l’in- famiglie che alle imprese industriali,
chiarano tutti i redditi, si pagano tut- flazione, perché con le odierne diffi- e questo sposta i confini geografici
te le imposte ecc. Se le banche doves- coltà occupazionali e il precariato degli impieghi. Io non credo alla pro-
sero concedere il credito in base a Ba- potrebbero sorgere conflitti sociali. gettata Banca del Sud, è un’idea an-
silea 2 non finanzierebbero nessuno. Se non riprende la scalata dei prezzi, cora confusa.
D. Per quale motivo? i dati dovrebbero essere soddisfacen- D. A che cosa crede?
R. Applicando quell’accordo, le ti per il primo trimestre di quest’an- R. Occorrono piuttosto banche col-
aziende dovrebbero portare il bilan- no, seguito da un semestre difficile e legate con il territorio che compiano
cio in banca, questa dovrebbe sotto- da una ripresa alla fine del 2010. Ma investimenti e occupino personale
porne i dati al computer dal quale nelle banche, come la crisi arriva bene a conoscenza delle rispettive
salterebbe fuori l’importo affidabile; sempre un anno dopo, anche la ri- zone. Le compagnie di assicurazione
poiché è noto il più delle volte il fat- presa arriva un anno dopo. chiudono per l’alto tasso di truffe e i
turato ufficiale è del 30-40 per cento D. Che pensa il sindacato della costi enormi, qualcuna ha già rinun-
inferiore a quello reale, con Basilea 2 proprietà dei giornali da parte dei ciato a combattere la battaglia mora-
non si finanzierebbe nessuno. Inoltre grandi gruppi bancari? le, questo è il problema del Paese.
negli ultimi anni verso le piccole e R. È così che le banche hanno sup- Nel Sud tante imprese meritano, ma
medie imprese le banche hanno avu- plito all’assenza dello Stato. Ma il si scontrano con il problema di sicu-
to un calo di fiducia; ora tutte, mag- condizionamento dell’opinione pub- rezza. Bisogna risolverlo in qualche
giori e minori, ricorrono ai Confidi, blica da esse attuato non è diverso da modo, per sostenere lo sviluppo le
ossia ai consorzi di categoria delle quello compiuto dai grandi gruppi strutture finanziarie devono essere
stesse piccole e medie imprese, per industriali, in special modo da quella presenti e compiere investimenti,
farsi garantire i crediti. Insomma as- che si chiama industria finanziaria. non ha importanza il marchio. La vi-
sistiamo a imprenditori che non han- Oggi le banche sono diventate così cinanza al territorio, la conoscenza,
no investito nelle proprie aziende, a potenti da condizionare la vita di tut- l’informazione, il contatto umano co-
banche che hanno timore di concede- ti; tre di esse controllano il 60 per stituiscono le strade principali da
re crediti, a un Governo che ha affi- cento dell’economia italiana; come si percorrere. Quando lavoravo in ban-
dato ai prefetti il controllo del credi- fa a prescinderne? ca, mi recavo a visitare le fabbriche e
to. Il ministro dell’Economia Giulio D. Però fusioni, accorpamenti, i capannoni, e riferivo al mio capo se
Tremonti aveva promesso alle ban- concentrazioni non sempre riescono dentro c’erano i macchinari o si face-
che di detassare i crediti verso i clien- bene. C’è tensione tra il personale, va qualcos’altro. Oggi non si fa più
ti che sono oggetto di contenzioso, costretto a subire procedimenti, me- così, non c’è il contatto umano, si
ossia le somme sulle quali esse paga- todi e culture diverse? preferisce compilare una scheda tec-
no le imposte senza averle incassate; R. Se dovessero fondersi due sin- nica e si è a posto. C’è poca volontà
ma il ministro non l’ha fatto. È logico dacati, sorgerebbero analoghi pro- di rischiare, si vuole guadagnare ra-
che siano prudenti, in quanto è tutto blemi. Io non critico le fusioni innan- pidamente, le banche hanno coniato
concatenato. zitutto perché le banche, divenendo un termine che in economia non esi-
D. Qual’è la situazione creditizia così grandi, non sono scalabili da ste: «a brevissimo termine». Esistono
delle famiglie? gruppi stranieri. Le grandi concen- i termini «a breve, a medio, a lungo
R. Il loro indebitamento sta cre- trazioni hanno dato risultati positivi, termine»; dire «a brevissimo» signifi-
scendo; è un fenomeno preoccupante anche se per il personale non è stato ca solo che si vogliono solo fare soldi,
perché, per arrivare a fine mese, un sempre così e neppure per la cliente- e il più presto possibile.
24 SPECCHIO
ECONOMICO

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI


E AMBIENTE, COME
a cura di
ANNA MARIA
CIUFFA

GARANTIRNE LA SICUREZZA
A l consumatore devo-
no essere assicurati
prodotti sicuri e di al-
ta qualità e quindi deve es-
Politiche agricole e fore-
stali, della Salute, e del-
l’Economia e delle Finan-
ze, quest’ultimo attraver-
sere controllato ogni sin- so l’Agenzia delle Doga-
golo anello della catena ne e la Guardia di Finan-
alimentare nel percorso za. Inoltre l’Italia fa parte
dal campo alla tavola. È il di un sistema europeo di
principio cui si ispira la di- allerta in campo agroali-
rettiva emanata lo scorso mentare, per cui ogni ano-
anno dal ministro per le malia segnalata in uno dei
Politiche agricole Luca Paesi membri dell’Unione
Zaia, basata sulla cosid- Europea viene comunica-
detta «tolleranza zero» ta a tutti gli altri e scattano
verso le sofisticazioni, l’allarme e la prevenzione
adulterazioni, violazioni ai più alti livelli. All’inter-
nel settore agroalimentare. no dell’Unione per i pro-
«Tolleranza zero» resa an- dotti agroalimentari vige
cora più necessaria dalla un sistema analogo a
globalizzazione dei mer- quello istituito con gli Ac-
cati internazionali che cordi di Schengen per la
consente l’afflusso sul libera circolazione delle
mercato di enormi quanti- persone, per cui nel mo-
tativi di derrate alimentari mento in cui per gli ali-
prodotte a bassissimi costi menti si è aperto il merca-
ma non altrettanto sicure to europeo, si è reso ne-
per la salute di masse di cessario aumentare i con-
consumatori. Oggi, avver- trolli per garantire la qua-
te il Corpo forestale dello lità dei prodotti e la salute
Stato, la sicurezza non è dei consumatori. Nel
più solo quella di tipo mi- 2009 il Corpo forestale
litare, economica, finan- Giuseppe Vadalà, responsabile dello Stato, sulla base del-
ziaria, energetica, ma an- della Divisione Sicurezza le direttive del ministro,
che alimentare e ambien- Agroalimentare e Agroambientale ha aumentato del 250 per
del Corpo forestale dello Stato cento i controlli effettuati
tale; e proprio a tale Cor-
po, oltreché ad altri organi sul territorio nazionale (da
dello Stato, spetta il com- 1.174 si è passati a 4.167),
pito di garantirla. In questa e del 100 per cento gli il-
intervista spiega come questo avviene cati ha aumentato la concorrenza e con- leciti amministrativi contestati (da 161 a
Giuseppe Vadalà, responsabile della Di- tribuito alla diminuzione dei costi e 342) e i reati accertati (da 29 a 75).
visione Sicurezza Agroalimentare e quindi dei prezzi ma, considerato che ta- D. Può considerarsi superata la PAC,
Agroambientale del Corpo forestale del- li prodotti provengono da aree situate ovvero la politica agricola comunitaria
lo Stato, una struttura impegnata tutto non a qualche centinaio bensì a migliaia diretta a tutelare gli interessi dei coltiva-
l’anno, giorno e notte, nella lotta contro di chilometri di distanza, un obiettivo tori e pertanto anche dei consumatori?
contraffazioni alimentari, sofisticazioni, prioritario è quello di garantire al consu- R. La PAC ha garantito per un lungo
falsificazioni, importazioni di derrate di matore la sicurezza sia delle materia pri- tempo l’autosufficienza nella produzione
dubbia provenienza, ottenute con sistemi me prodotte in altri Paesi, sia dei proces- delle principali derrate alimentari; ci si
e materie pericolose per la salute, danno- si tecnologici, impiegati oggi nelle pro- era illusi di poterla mantenere, ma non è
se, a causa della concorrenza sleale, per duzioni a differenza degli anni passati. In possibile. L’Europa ha bisogno di impor-
l’immagine dei prodotti nazionali e per Italia il livello dei controlli è molto ele- tare una consistente quantità ad esempio
le aziende produttrici. vato rispetto ad altri Paesi. I controlli de- di grano. L’Italia è tra i principali produt-
Domanda. Nei mercati affluisce oggi vono essere principalmente preventivi e tori di pasta e ha bisogno di una quantità
una crescente quantità di prodotti agroa- vanno attuati sia all’ingresso delle mate- di frumento che non ha; sulle autostrade
limentari stranieri. Come garantirne la rie prime sia quando queste vengono la- un tempo si incontravano colonne di Tir
sicurezza per i consumatori? vorate nel territorio nazionale. Tre Mini- di pomodori che trasportavano pomodori
Risposta. La globalizzazione dei mer- steri si occupano di questo: quelli delle dai luoghi di produzioni del Sud a quelli
SPECCHIO
ECONOMICO 25
di trasformazione nel Nord del alto rischio di illegalità la collaborazione
Paese; ora vanno in direzione del cittadino con tutte le forze dell’ordi-
opposta non perché siano pro- ne è essenziale per rendere la vita più se-
dotti in Liguria o in Toscana, ma rena. Il Corpo Forestale dello Stato è a
perché vengono scaricati nei disposizione dei cittadini 24 ore al gior-
porti ingenti quantitativi, desti- no al numero telefonico 1515 per riceve-
nati alla lavorazione in Italia. re segnalazioni relative ad illeciti am-
D. Quale è la causa di ciò? bientali e agroalimentari. Ogni anno in
R. Principalmente il costo del- Italia compiamo migliaia di controlli
la manodopera, in Italia più alto agroalimentari, e ogni nostro intervento
che in molti altri Paesi emergen- rasserena il consumatore. Quando fanno
ti, e quindi la forte concorrenza la spesa, i cittadini devono fare attenzio-
straniera. Per garantire la sicu- ne alle scadenze; l’etichettatura della
rezza dei prodotti agroalimentari carne, che consente di conoscerne l’ori-
esiste in campo internazionale il gine, prima del manifestarsi nel 2002
cosiddetto «codex alimenta- della BSE o encefalopatia spongiforme
rius», basato su criteri dettati bovina, non esisteva; oggi si assiste an-
dalla FAO e dall’Organizzazione cora a casi di macellazione clandestina,
Mondiale della Sanità, al quale che colpiamo duramente. L’etichettatura
tutti i Paesi del mondo si atte- ci permette di compiere i controlli, ma se
nengono; in base ad esso, se un non c’è alcun obbligo di indicare l'origi-
prodotto risulta insicuro tutta ne, almeno su alcuni alimenti, cosa pos-
l’Europa lo blocca alle frontie- Sequestro di prodotti cinesi siamo controllare?
re, e questo dovrebbe avvenire D. Che cosa intende dire?
negli altri Stati, ma ciò dipende R. Che dobbiamo chiederci perché nel
dall’organizzazione di ogni Paese; ogni diatamente dal mercato. Proprio in que- 2010 non esiste ancora in tutti gli ali-
Stato ha un proprio livello di controlli. ste settimane abbiamo bloccato un lotto menti l’obbligo dell’indicazione dell’ori-
Quindi il «codex» è l’indispensabile pre- di propoli contaminato con antiparassita- gine di essi o delle materie prime con cui
supposto normativo internazionale, ma ri non più consentiti dall’Unione Euro- sono prodotti. Prima della globalizzazio-
non basta. pea. Per la sicurezza alimentare non c’è ne dei mercati non se ne sentiva l’esigen-
D. Come si controlla la sicurezza dei altro rimedio che aumentare la preven- za, i pomodori erano prodotti in Italia,
prodotti stranieri? zione, conoscere gli elementi contami- era impensabile che le uova per prepara-
R. In Italia le verifiche sulle importa- nanti che si nascondono nelle derrate, e re i dolci giungessero dalla Cina, il pan-
zioni vengono fatte a volte a campione, che si rivelano soltanto con le analisi gasio dal Vietnam, le cagliate per prepa-
quando le derrate entrano in quantitativi chimiche. rare le mozzarelle anche dalla Lituania.
massicci; ma esiste tutta una filiera di D. Si può migliorare il sistema dei Occorre, quindi, una maggiore presa di
controlli, di competenza del Ministero controlli? coscienza da parte dei consumatori, della
della Salute e dei veterinari, compiuti ne- R. Si tratta di un sistema complesso; pubblica opinione in generale, per richie-
gli allevamenti e negli stabilimenti di la- oltre ai tre Ministeri indicati, esiste an- dere controlli maggiori, per sapere se la
vorazione. Comunque per la sicurezza che un Comitato apposito che ne coordi- mozzarella di bufala che si compra pro-
agroalimentare occorre anche una mag- na le attività. Dobbiamo studiare cosa si viene da Napoli, dalla Germania o dalla
giore coscienza e conoscenza da parte di può fare di più; certamente si può mi- Lituania.
tutti. In Italia siamo stati abituati a pro- gliorare il coordinamento, il che è abba- D. In quale modo si può impedire que-
durre quasi tutto ed è molto diffusa la stanza semplice. Bisogna soprattutto in- sta confusione?
passione per la cucina; quindi siamo ab- dagare se dietro le frodi agroalimentari R. Ovviamente è impensabile limitare
bastanza sicuri che tutto venga effettiva- si nascondano grandi speculazioni e in- il commercio, pretendere che la Cina non
mente prodotto in maniera salutare. Ma genti guadagni, favoriti dal fatto che i ri- si sviluppi economicamente con la pro-
la globalizzazione, ossia l’apertura dei schi sono molto limitati. Le sanzioni sia pria capacità di crescita, imporre ad essa,
mercati internazionali e la maggiore fa- per le contravvenzioni amministrative al Brasile o al Sudafrica di produrre di
cilità dei trasporti, ha totalmente modifi- sia per i reati in questo campo sono piut- meno perché danneggiano troppo; si può
cato la situazione in ogni settore. Oggi tosto esigue. Occorrono norme più seve- però chiedere loro di produrre secondo le
dobbiamo convincerci che mangiare tan- re che ci permettano di colpire in modo regole, di adeguare le legislazioni nazio-
to e male non giova alla salute; occorre più efficace. Un’inversione di tendenza nali, consentire la rintracciabilità, que-
mangiare meno e meglio, anche spen- si è registrata con l’emanazione della stioni che riguardano tutti i Paesi, anche
dendo qualcosa in più. Comunque esisto- legge 99 del 2009, che ha introdotto nel il nostro come abbiamo visto per alcune
no prodotti alimentari che si possono Codice penale il reato di contraffazione tipologie di alimenti, pena la chiusura
comprare a buon prezzo. dei prodotti agroalimentari, e che ha in- delle singole aziende. Il punto nodale è
D. Quali esempi può suggerire la vo- nalzato il livello di deterrenza. Con la l’obbligo di rintracciabilità degli alimen-
stra esperienza? stessa legge è stato previsto il rafforza- ti, che già esiste per esempio per la carne
R. Per accertarne la destinazione, re- mento delle azioni volte alla tutela della e per il pesce. Se aumenta la sicurezza
centemente abbiamo controllato uno qualità delle produzione agroalimentari, dei consumatori, l’etichettatura tutela
stock di 20 tonnellate di castagne cinesi della pesca e dell’acquacoltura, nonché anche i produttori perché consente loro
giunte in Italia; abbiamo scoperto che per il contrasto delle frodi in campo di spuntare prezzi maggiori per chi af-
possono anche essere usate, una volta agroalimentare e nella filiera ittica, at- fronta maggiori sacrifici imprenditoriali
trasformate, in farine come alimento ne- traverso le attività svolte dagli organi di per creare prodotti alimentari di qualità.
gli allevamenti. Dobbiamo controllare controllo del Ministero delle Politiche La sicurezza e la qualità degli alimenti
che quelle che finiscano sulle nostre ta- agricole, alimentari e forestali tra cui il deve essere monetizzata, deve valere
vole siano sicure. Negli anni scorsi ab- Corpo forestale dello Stato. economicamente di più.
biamo accertato che nel peperoncino ve- D. Cosa può fare il consumatore per la D. Nella stessa Unione Europea, però,
niva introdotto un colorante nocivo per sicurezza agroalimentare? si incontrano difficoltà e ostacoli. Per
la salute, e l’abbiamo fatto ritirare imme- R. In una società così complessa e ad quale motivo?
26 SPECCHIO
ECONOMICO

R. In effetti anche di recente, quando zio della carriera


in Italia è stato messo a punto il decreto Operazione «Orti cinesi»: controlli della Forestale una guardia fore-
sull’olio, esso ha trovato qualche ostaco- stale percepisce
lo. Questo si spiega con l’esigenza di 1.100 euro netti al
non restringere la concorrenza. Anche al- mese e solo dopo
tri Paesi europei vantano prodotti di ec- 20 anni di servizio
cellenza, per cui il miglioramento di potrà raggiungere
quelli italiani non deve danneggiare il li- una retribuzione di
bero mercato, necessario per di più per- 1.600-1.800 euro.
ché consente di avere prezzi minori. Il lavoro è appas-
Dobbiamo favorire la concorrenza grazie sionante, perché
alla riduzione dei costi, ma bisogna co- consiste nel risol-
noscere come questo sia possibile, cosa vere i problemi

«P
vi sia dietro i prodotti provenienti da altri della gente. I no-
Paesi. Anche noi esportiamo prodotti stri Comandi e le
agroalimentari e il consumatore straniero nostre Stazioni si
deve sapere cosa contengono. trovano in zone
D. Il Corpo forestale ha anche il com- montane nelle
er ottenere
pito di tutelare l’ambiente. Come si rac- quali a volte non

maggiore sicurezza
cordano le due attività? sono presenti altre
R. Dobbiamo tutti imparare a convive- forze di polizia; i
ste categorie di re- alimentare occorrono
re con il problema ambientale perché, ché consente a que- nostri uomini presidiano
stare a contatto con norme più cogenti
anche se non potremo riavere un pianeta il territorio, hanno un
come duemila anni fa, lo sviluppo soste- grande attaccamento al
spinta e di progre- che ci consentano
nibile è un obiettivo da perseguire in pra- l’innovazione più lavoro, la gratificazione
economica- di compiere più
tica ogni giorno anche dal punto di vista economica non è per lo-
dire

modo del settore indagini e di realizzare


etico. Il territorio italiano è per il 70 per ro il primo obiettivo.
cento montano o collinare; se abbando- mente nello stesso D. Come ridurre il diva-

una maggiore
nate, montagne e colline prima o poi fra- rio tra i prezzi all’origi-
industriale.

litare e resuscitare prevenzione contro


nano, abbattendosi in aree abitate; abbia- ne dei prodotti agroali-
mo quindi il dovere di fermare il feno- D. Occorre riabi- mentari e quelli al con-

frodi sottili e ben


meno non solo per noi, ma per le nuove sumatore?

»
R. Spesso la grande di-
lusi che l’industria- nascoste, che
generazioni. A tal fine, oltre a quella pro- l’agricoltura?
duttiva, la funzione principale del bosco R. Ci eravamo il- stribuzione organizzata,
lizzazione potesse richiedono adeguati
è idrogeologica, consiste nel tenere fer- che oggi è il principale

mezzi investigativi
ma la terra. Ecco perché i problemi della attore sul mercato, fissa i
sicurezza ambientale e agroalimentare soddisfare il fabbi- cartellini consentendo ai
sono strettamente connesse. sogno agroalimen- consumatori di acquista-
D. In che senso? tare, ma non è stato re a prezzi relativamente
R. Nelle aree di montagna e di collina così. L’agricoltura contenuti. La gente com-
in cui c’è sviluppo economico non c’è costituisce tuttora un’attività vitale, in- pra dove i prezzi sono bassi. Per l’olio
degrado, e le popolazioni vi restano. nanzitutto per i solidi valori etici che avviene proprio questo: grazie ad annate
Strettamente legato a ciò è anche il pro- conserva, quindi per l’economia, la salu- di sovraproduzione e alla grande concor-
blema degli incendi boschivi, che si mol- te, l’indipendenza dall’estero, il benesse- renza si riesce a comprarlo al banco ad-
tiplicano dove non c’è l’interesse econo- re della popolazione. Il territorio rurale dirittura anche a 2,50 o 3 euro al litro.
mico dell’uomo e subentrano l’abbando- non va abbandonato e degradato; se riu- Ma il consumatore va messo in condizio-
no di terreni e il degrado. Lo Stato può sciremo a ricostituire i boschi aiuteremo ne di poter scegliere fra un olio da 3 euro
concedere qualche incentivo, ma è im- l’agricoltura, salvaguarderemo il territo- e uno da 10; deve conoscere tutta la sca-
pensabile che possa accollarsi il costo rio, ridurremo l’anidride carbonica e la, perché ha capacità di spesa diverse.
della difesa idrogeologica per milioni di l’inquinamento atmosferico, eviteremo Al consumatore va detto se il prezzo del-
ettari. Occorre far sì che contadini, agri- gli incendi di terreni incolti. Non sono l’olio che compra è giustificato. E questo
coltori, allevatori, restino nelle colline e azioni semplici né facili, perché per possiamo farlo solo con i controlli. Non
nelle montagne. La presenza di immigra- esempio abbiamo gli Appennini, ossia si può offrire l’olio extravergine di oliva
ti che svolgono i lavori che gli italiani aree montuose di difficile coltivazione, a 2,50 euro al litro o una bottiglia di vino
non vogliono più fare è utile ma non ba- dal clima sfavorevole e condizioni disa- con etichetta a un euro perché esistono
sta, dobbiamo stimolare in tali zone pro- giate che giustificherebbero un aiuto e limiti per la salute umana e di qualità al
duzioni di eccellenza, il made in Italy da un sostegno per chi vi resta. di sotto dei quali non si può scendere.
esportare rappresentato oggi da 194 pro- D. Come è organizzato e quali sono le D. Per facilitare il vostro lavoro occor-
dotti con marchio a denominazione o in- esigenze del Corpo? rono nuovi interventi legislativi?
dicazione geografica protetti dall’Unio- R. Non facciamo parte della cosiddet- R. Per ottenere una maggiore sicurezza
ne Europea, per consentire che un mag- ta «cultura del lamento», ma piuttosto è alimentare occorrono norme più cogenti
gior numero di persone resti in tali terri- importante la cultura dal coordinamento. che ci consentano di compiere più indagi-
tori. Con il turismo, l’agriturismo, le pro- Coordinando le forze siamo più efficaci. ni e di attuare una maggiore prevenzione
duzioni agro-silvo-pastorali ed altro dob- Numericamente siamo pochi in tutto il nei riguardi di frodi sottili e ben nascoste,
biamo creare in queste zone le condizio- territorio nazionale, abbiamo il compito che richiedono adeguati mezzi investiga-
ni per lo sviluppo, non dobbiamo bloc- di contribuire a garantire la sicurezza tivi; attualmente questo tipo di reati ha
carlo solo perché in montagna non si de- ambientale e alimentare e operiamo an- compiuto un rilevante salto di qualità. La
ve toccare nulla. Dobbiamo aiutare la che per la protezione civile. Complessi- nostra risposta deve essere adeguata a
piccola proprietà terriera boschiva e vamente il Corpo conta 9 mila unità fa- questi maggiori rischi per la tutela della
agricola, il piccolo coltivatore diretto, il centi capo a 1.100 Stazioni e a 120 tra salute dei consumatori e della legalità del
contadino. La tecnologia può aiutare per- Comandi provinciali e regionali. All’ini- mercato per i produttori.
28 SPECCHIO
ECONOMICO

GIUSEPPE CARUSO: ROMA,


LA MALAVITA CAMBIA,
MA LA POLIZIA LA PRECEDE

Giuseppe Caruso,
questore
di Roma

N
e Provincia

ella Polizia da 36 anni e tra i di ordine pubblico in occasione di in- nalità e sulla situazione dell’ordine
principali protagonisti della contri sportivi nazionali e internazio- pubblico nella capitale d’Italia.
lotta contro la malavita e il nali; a perseguire pericolosi latitanti Domanda. Qual’è la situazione a
terrorismo, Giuseppe Caruso è giun- appartenenti alla ‘ndrangheta; a lot- Roma?
to a dirigere la Questura di Roma do- tare contro il terrorismo interno e in- Risposta. Il consuntivo del 2009 è
po una lunga esperienza compiuta in ternazionale e contro bande di inte- sotto gli occhi di tutti, ed è molto
vari gradi della carriera e in varie lo- gralisti islamici; a fronteggiare i con- soddisfacente; riteniamo di aver be-
calità del Nord e del Sud d’Italia. Do- tini sbarchi di clandestini in Cala- ne assolto i compiti assegnatici. Nel-
po gli incarichi di commissario e ca- bria. E ancora: a individuare bande l’agosto del 2008, quando sono giun-
po della Squadra Mobile e Digos nel- dedite al traffico di stupefacenti, as- to, era stato appena siglato il Patto
la Questura di Bergamo, promosso sociazioni per delinquere di stampo per Roma sicura; per quanto concer-
vicequestore aggiunto, passò alla mafioso, autori di omicidi, estorsio- ne in particolare la Questura, dove-
Questura di Reggio Calabria, quindi ni, rapine; a contrastare le azioni dei vamo contrastare l’abusivismo com-
a quella di Milano come dirigente no-global. merciale; frenare se non debellare la
Digos e vicequestore vicario; pro- Per la cattura di numerosi boss ma- prostituzione che, come mi aveva
mosso Questore, diresse la Questura fiosi tra cui i latitanti Bernardo Pro- rappresentato il sindaco Gianni Ale-
di Crotone, quindi fu inviato a diri- venzano e Salvatore Lo Piccolo, ope- manno, era un problema sentito in
gere quella di Vicenza e poi quella di razioni di rilievo internazionale, al maniera significativa da quasi tutti i
Padova. Dal Nord di nuovo nel Sud, questore Caruso sono stati conferiti romani; provvedere alla bonifica de-
era la volta della Questura di Paler- numerosi riconoscimenti. Dal 25 gli insediamenti abusivi di extra co-
mo. Una vita, quindi, trascorsa a in- agosto 2008, infine, Giuseppe Caruso munitari, specialmente nelle aree at-
dagare sui movimenti eversivi del- è questore della Provincia di Roma. tigue all’Aniene e al Tevere. Ho con-
l’organizzazione terroristica Prima Estremamente interessante è il suo tribuito all’elaborazione, da parte del
Linea; a svolgere impegnativi servizi giudizio sull’andamento della crimi- Gabinetto del sindaco, di un’ordinan-
Questure
SPECCHIO
ECONOMICO 29

«S
za anti-prostituzione tale da consenti-
re alle Forze dell’Ordine non di attua-
re semplici azioni di disturbo, dal mo-
mento che la prostituzione di per sé u una felice
non è vietata; ma di intervenire grazie
a un’approfondita messa a punto del intuizione del Capo
sistema sanzionatorio relativo per della Polizia abbiamo servizio in abiti civili, lasciateci fare
esempio ad atteggiamenti e abbiglia-
menti indecorosi e indecenti e a tur-
costituito, all’interno gli appostamenti, che risultano mol-
to più efficaci; capisco che vedere le
bativa alla sicurezza stradale. Ciò ha della Squadra Mobile divise fa sentire più sicuri, ma fidate-
consentito di identificare, di accom-
pagnare in Questura e contravvenzio-
di Roma, una nuova vi, noi dobbiamo contemperare le
varie esigenze».
nare prostitute e clienti. Si è pertato, Sezione che nel 2009 D. La malavita si evolve e affina i
ottenuto un calo del fenomeno.
D. E nel settore degli stupri, visi-
ha compiuto il maggior propri metodi. Lo fate anche voi?
R. Dall’inizio dell’anno è in atto, e
bilmente in aumento? numero di arresti riscuote successo, l’iniziativa di af-
R. È un altro problema nel quale
mi sono subito imbattuto, e che non
nel mondo fiancare agli agenti altri uomini della
Sezione Criminalità Diffusa in abiti
ci ha consentito di dormire per mesi. della criminalità civili, i cosiddetti «falchi», dotati di
diffusa, quello che

»
Anche a questo ritengo di aver forni- moto, caschi e altro, anche personale
to una risposta concreta nel senso in uniforme per accrescere appunto
che, di fronte a casi quasi del tutto interessa di più la percezione della sicurezza. Rice-
privi di indizi, siamo riusciti a dare il comune cittadino vute segnalazioni da Commissariati,
soluzioni concrete prima al caso del- comitati di quartiere, lettere, giorna-
la Caffarella poi a quello dello stu- li, esaminiamo con cadenza quasi
pratore seriale che non aveva lasciato quotidiana un quartiere e in maniera
traccia. Altro campo di azione i beni stavolta appariscente, interveniamo
patrimoniali acquisiti dalle organiz- nua così ritengo che il fenomeno del- ottenendo risultati notevoli per
zazioni mafiose; nel 2007 non erano la criminalità diffusa, che tanto con- quantità di materiale sequestrato e
stati compiuti nessun sequestro e diziona il comune cittadino, possa persone denunciate e arrestate. Cir-
nessuna confisca; tra il settembre e il subire un’ulteriore, significativa fre- condiamo letteralmente il quartiere
dicembre del 2008 siamo riuscito a nata. con posti di controllo mobili e con
sequestrare a malavitosi beni per un D. Anche nei furti e nelle rapine? l’aiuto di unità cinofile e dell’elicotte-
valore di circa 30 milioni di euro, che R. I cosiddetti reati predatori han- ro. Il fattore sorpresa ha dato soddi-
a fine 2009 sono saliti a 200 milioni e no registrato un calo considerevole; sfacenti risultati, abbiamo registrato
300 mila euro, e che spero continuino già nel 2008 i furti avevano subito applausi e manifestazioni di apprez-
a crescere. una leggera flessione e nel 2009 so- zamento da parte dei cittadini. È uno
D. Nel settore che interessa molto no diminuiti del 14-15 per cento ri- dei modi che vogliamo usare per far-
la popolazione, quello della micro- spetto all’anno prima; la media na- ci vedere. Vogliamo inoltre incre-
criminalità? zionale, comunica dal ministro del- mentare la nostra presenza negli isti-
R. Su una felice intuizione del Ca- l’Interno Roberto Maroni, è stata tuti scolastici e la vigilanza soprat-
po della Polizia Antonio Manganelli dell’8,50-9 per cento. Le rapine sono tutto sui giovani, affrontando pro-
abbiamo costituito, all’interno della state il 30 per cento in meno; di 16 blemi reali e concreti, soprattutto in
Squadra Mobile di Roma, una nuova casi di omicidi di cui ci siamo occu- tema di stupefacenti e di sballo. Co-
Sezione che nel 2009 ha compiuto il pati, sulla quarantina verificatisi, 14 me rileva anche il comandante pro-
maggior numero di arresti nel mon- li abbiamo già risolti. Però bisogna vinciale dei Carabinieri Gen. Vittorio
do della microcriminalità, quella che responsabilmente dire che, quella Tomasone, l’origine dei reati a danno
noi chiamiamo criminalità diffusa e che è chiamata con un termine abu- del patrimonio comune, nei quali so-
che interessa di più il comune citta- sato ma che rende l’idea, la «perce- no coinvolte persone in giovane età,
dino, che io considero il nostro dato- zione della sicurezza» da parte dei nell’80-90 per cento dei casi è legata
re di lavoro. Una Sezione che mi ha cittadini, non è ancora come vor- all’alcool e alla droga. A tal fine nel
dato grandi soddisfazioni, formata remmo, non va di pari passo con la programma delineato sono previsti
da una sessantina di uomini che rice- flessione dei reati. Per cui ho detto più frequenti incontri con i giovani e
vono tutte le istanze, gli esposti, le la- ai miei colleghi che dobbiamo fare gli istituti scolastici.
mentele dei cittadini, direttamente o qualcosa di più e di diverso affinché D. Si sono manifestate organizza-
tramite lettere ai giornali, rapporti di essa cresca nella popolazione. zioni eversive a Roma?
dirigenti dei Commissariati su situa- D. È fondata questa perplessità? R. Nei confronti della criminalità
zioni che, per l’esiguo numero di uo- R. Solitamente non diminuisce in eversiva abbiamo compiuto un’ope-
mini di questi ultimi Uffici, non pos- proporzione ai risultati concreti, per- razione di rilevanza nazionale con la
sono essere fronteggiati dagli stessi e ché il cittadino desidererebbe vedere scoperta, l’identificazione e l’arresto
di cui invece adesso si occupa tale le divise sotto casa; questo non solo di una cellula di neo-brigatisti rossi,
Sezione. I risultati sono notevoli an- non è possibile per motivi di organi- che poi neo-brigatisti neppure erano.
che perché la loro azione si svolge in co, ma a volte contrasta con l’effi- Il capo in passato era stato sospettato
gran parte delle 24 ore, dalle sette del cienza del servizio. Cerco spesso di di appartenere a una cellula attiva;
mattino all’una di notte, e in casi di spiegarlo ai rappresentanti dei comi- siamo riusciti a debellarla e soprat-
esigenze e di emergenze l’orario di tati di quartiere che lamentano deter- tutto ad individuare, localizzare e se-
lavoro prosegue nella notte. Questa minate difficoltà. «Noi ci siamo, stia- questrare armi micidiali ancora in
continuità di presenza e di interventi mo lavorando, non agitatevi più di uso e pronte per essere verosimil-
per reati di piccolo spaccio, rapine, tanto, lasciateci fare, non possiamo mente usate. L’azione di contrasto
borseggi, furti, ha consentito un rile- mostrare in maniera appariscente non è conclusa, prosegue, e ritengo
vante numero di arresti; se si conti- l’uomo in divisa, fateci svolgere il che anche quest’anno la Digos ci
30 SPECCHIO
ECONOMICO

darà ulteriori soddisfazioni.


D. E avvenimenti e interventi nel
settore dell’ordine pubblico?
R. La Questura di Roma ha fron-
teggiato con grande professionalità
episodi, manifestazioni ed eventi
che si sono sempre verificati, ma che
oggi non possono essere paragonati
a quelli del passato. In occasione
dello svolgimento a Roma della fina-
le della Champions League, gli in-
glesi ci ritenevano incapaci di fron-
teggiare la situazione; ma il giorno
dopo, per come hanno visto che è
stato gestito l’ordine pubblico, han-

«Naumenti
no detto: «Le finali facciamole sem-
pre a Roma». A Roma si sono svolti
vari vertici del G8, molto impegnati-
vi, dell’Economia, degli Interni, del-
la Giustizia; si sono susseguite visite
on ho mai chiesto
di capi di Stato, da Obama a Muba- quelli irregolari. di organico derà di più. Con-
rak, a Gheddafi; c’è stata la Confe-
renza della Fao; sono state tante le
Non condivido
il giudizio che
perché al vertice della tiamo più sulla
qualità, l'intelli-
manifestazioni che abbiamo fronteg- extracomunita- Polizia vi sono sempre genza e la pro-
giato con risultati encomiabili. A
detta dei loro organizzatori, abbia-
rio significa ille-
galità; ma rico-
stati grandi poliziotti che fessionalità piut-
tosto che sulla
mo consentito che tutti questi eventi nosco che nelle conoscono benissimo quantità. Talvol-
si svolgessero in maniera perfetta. nostre carceri gli la realtà e sanno che ta a tavolino pos-
D. Ma la città non è rimasta semi- extracomunitari sono compiersi
paralizzata? irregolari costi- dai nostri uomini più operazioni
R. Si sono creati malumori tra i cit- tuiscono un nu- possono ottenersi che inviando mi-
tadini per le conseguenze sulla circo- mero considere-
risultati eccellenti, gliaia di uomini

»
lazione, ma in occasione del vertice vole, e che sono in strada. Per ac-
della Fao dovevamo scortare 173 tra più attratti dal dovuti non alla quantità crescere la sensa-
capi di Stato e di Governo, si sono Nord non per la- zione di sicurez-
verificati problemi ma nessuno degli vorare ma per ma alla qualità za dobbiamo es-
interessati ha lamentato qualche dis- delinquere, per- sere presenti, ma
servizio. Tutto questo ha comportato ché c’è più ric- non è una que-
vantaggi economici alle categorie chezza. stione di numeri.
commerciali e artigianali. D’altra D. Come giudica i romani? Abbiamo funzionari fuoriclasse e
parte, dal momento che abbiamo il R. Molto tolleranti; l’anno scorso personale sicuramente di qualità.
compito di assicurare l’ordine pub- nella città si sono svolte 2.105 mani- D. La riforma del Codice di proce-
blico e i servizi di scorta, di tutela e festazioni, un numero impressionan- dura penale non vi ha tolto i poteri?
di vigilanza, dobbiamo farlo nella te tra statiche e dinamiche. I giornali R. Dice il capo della Polizia Anto-
massima sicurezza. I riconoscimenti sono la cassa di risonanza delle la- nio Manganelli che con l’attuale Co-
sono stati molto più numerosi delle mentele dei romani, che tuttavia re- dice di procedura penale si registra in
critiche. stano contenute. Trascorrere ore in Italia la presenza di investigatori in-
D. I risultati positivi contro la cri- automobile può farlo solo una perso- gessati di fronte a investigatori po-
minalità aggravano l’emergenza del- na paziente come il romano; in altre sticci. Non possiamo non condivider-
le carceri. Come evitarlo? città si assisterebbe a reazioni molto lo. Abbiamo funzionari della Squa-
R. Rispetto al passato, nelle nostre vivaci. Questo fa onore all’apertura dra Mobile e personale che per de-
carceri si assiste ad un aumento dei romani; ed è compito delle istitu- cenni hanno «battuto» i marciapiedi,
esponenziale degli extracomunitari, zioni fare in modo che il cittadino sia compiuto appiattamenti, pedinamen-
e più si va a Nord più cresce questa vessato il meno possibile. Il romano ti, perquisizioni, investigazioni, inter-
quota; da Roma in su si registra un spesso chiama la Polizia e collabora; cettazioni, e che devono spesso stare
numero di immigrati detenuti supe- è un bene che al minimo sospetto il ad aspettare deleghe da qualche giu-
riore a quello degli italiani. È un dato cittadino telefoni, sia solidale e colla- dice che avrà anche grande esperien-
di fatto concreto che costoro si occu- borativo con le istituzioni. za e professionalità sotto il profilo
pano in via quasi esclusiva di alcuni D. Sono sufficienti le forze a sua giuridico, ma talvolta non sotto quel-
mercati dell’illecito. Il motivo è la disposizione? lo tecnico e investigativo.
maggiore ricchezza esistente nel R. A questa domanda rispondo D. Come giudica il ruolo dei pub-
Nord, la presenza di maggiore mate- sempre che non ho mai chiesto blici ministeri?
ria predatoria; non si va a delinquere rinforzi o adeguamento e potenzia- R. La resistenza a ridare alla Poli-
in un paesino del Sud dove il reddito mento di personale, perché al vertice zia giudiziaria gli strumenti che ave-
è minore. Della penultima Questura della Polizia vi sono sempre stati va per l’avvio delle indagini danneg-
che ho diretto, quella di Palermo, grandi poliziotti che conoscono be- gia soprattutto i cittadini. Non sono
non ricordo reati al di fuori di abuso nissimo la realtà, anche delle perife- solo a condividere il giudizio di
di alcol e risse con connazionali; a rie, e sanno come distribuire la forza. Manganelli; della stessa opinione so-
Padova, il problema principale era Se ho a disposizione 100 uomini pos- no molti magistrati e tante persone
costituito dall’attività predatoria de- so ottenere risultati per 100 uomini, di buon senso. I Poliziotti, i Carabi-
gli extracomunitari, mi riferisco a al massimo per 110, nessuno preten- nieri, i Finanzieri in Italia, sono mol-
32 SPECCHIO

S CE LT A N UC LE AR E
ECONOMICO

OBBLIGAT A
P ER R ECUP ER ARE
IL T E MP O P ER DU T O
del sen. CESARE CURSI, presidente della Commissione
Industria di Palazzo Madama
Dopo l’approvazione della Legge Sviluppo,
in Parlamento l’esame dei decreti legislativi
Il sen. Cesare Cursi,

che segneranno in modo concreto il ritorno


presidente della
Commissione Industria

dell’Italia alla produzione di energia da nucleare


di Palazzo Madama

giusta la scelta netta intra-


è presa dal Governo Berlusco-
ni verso la produzione di
energia nucleare: la bolletta
energetica nazionale pesa ogni anno
tale, ma che questo potrà verificarsi a
pochi passi dalle nostre case.
La sindrome «non in my back
yeard» è comune in tutto il mondo,
non è certo una prerogativa naziona-
il desiderio di racimolare, nelle pros-
sime elezioni regionali, il voto di
qualche nostalgico non rassegnato.
Il Piano di sviluppo del nucleare
non può prescindere da un profondo
per circa 60 miliardi di euro e pena- le. È però necessaria, ora più che mai, coinvolgimento del sistema indu-
lizza non solo i cittadini, ma l’intero una campagna d’informazione mira- striale nazionale. Al fine di rendere
sistema economico del Paese. In più ta, la quale spieghi in maniera pun- disponibili le competenze esistenti
è l’unica forma di energia pulita in tuale che quello che ci accingiamo a nel Paese e di sfruttarle al massimo
tema di rispetto dell’ambiente. La mettere in cantiere già è in atto da per potenziare il sistema produttivo,
riapertura della questione nucleare decenni in tutti i Paesi più industria- è quanto mai opportuno inserire nel
in Italia comporta, però, non solo la lizzati del mondo, ed ha contribuito contesto industriale le capacità ope-
necessità di stabilire come e dove co- a garantire in ognuno di questi be- rative presenti in ambito pubblico.
struire le future centrali, ma anche nessere, ricchezza e sviluppo. L’industria nazionale deve punta-
quella di gestire in parallelo proble- Bisogna dare risalto, parlando con re ad acquisire lo status di partner in-
mi complessi, complementari all’a- la gente, ai vantaggi arrecati dal nu- dustriale - e non in posizione subal-
dozione di tale tecnologia, che si con- cleare non solo come risorsa per la terna - dei principali costruttori di
figurano come fattispecie essenziali produzione di energia elettrica e, reattori attraverso strategie di accor-
per il successo dell’operazione. quindi, fonte di notevoli risparmi do che consentano di qualificarsi nel-
È indispensabile innanzitutto at- con benefici per l’ambiente, visto la sistemistica e nella componentisti-
tuare una profonda revisione del si- l’impatto quasi zero per quanto ri- ca, e di partecipare ai programmi nu-
stema normativo e regolamentare, guarda l’emissione di anidride car- cleari nazionali e internazionali. Non
intesa come un delicato mix di com- bonica. È indispensabile considerare sta al Governo individuare i soggetti
petenze e doveri tra chi deve prende- gli altri effetti positivi generati dal interessati alla realizzazione del Pia-
re la decisione finale, ossia il Gover- rilancio del nucleare, come il coin- no nucleare italiano. Accanto ad
no, e chi, gli enti locali, deve necessa- volgimento del mondo industriale e Enel-Edf, che hanno già dato la pro-
riamente condividere le soluzioni in- universitario. Si tratta, in pratica, di pria disponibilità, anche altri rilevan-
traprese. Difficilmente in Italia ci un grande progetto di ambizione ti gruppi industriali, come Ansaldo
sarà il nucleare senza il consenso de- nazionale. Nucleare del Gruppo Finmeccanica
gli enti locali interessati o, meglio, Rispetto alle polemiche di questi stanno realmente valutando l’inten-
senza il consenso della gente. È do- giorni, ampiamente preventivate, c’è zione di impegnarsi nel settore. La
veroso rispettare le preoccupazioni da dire che non c’è ad oggi una map- concorrenza, il know-how, il con-
dei singoli cittadini, spiegare loro, pa prestabilita dei siti da realizzare, e fronto tra nuove tecnologie, non po-
con straordinaria trasparenza, pregi quindi chi si sente già in diritto di al- tranno che accrescere le potenzialità
e vantaggi delle tecnologie che an- zare lo scontro lo fa per pura polemi- di un settore così strategico per il fu-
dremo ad intraprendere. ca di parte. Rimango senza parole di turo del nostro Paese.
Ognuno di noi dovrà convincersi fronte alle iniziative legislative addi- Andrà potenziata la ricerca. Le at-
che la produzione di energia pulita rittura intraprese da due Regioni di tività conseguenti dovranno essere
da nucleare avverrà, sì, in moderni sinistra come Puglia e Campania, per ridefinite con riferimento specifico
siti tecnologicamente sicuri e nel pie- dichiararsi non disponibili ad ospita- alle necessità di qualificazione del
no rispetto della normativa ambien- re le future centrali. Chissà, forse per comparto industriale sulle filiere che
SPECCHIO
ECONOMICO 33
hanno le migliori prospettive di mer-
cato. Ciò potrà essere conseguito at-
traverso l’istituzione di un Consor-
zio di ricerca con la partecipazione
dei maggiori partner interessati. Il
modello di finanziamento delle nuo-
ve centrali nucleari, in regime di eco-
nomia di mercato, richiede adegua-
menti alla normativa nazionale anti-
trust e adattamenti alle specificità del
mercato finanziario nazionale.
In tema di formazione, anch’essa
indispensabile, si rende necessario
riqualificare il sistema formativo in
campo nucleare attraverso una stret-
ta e rinnovata interazione tra l’Uni-
versità, il sistema della ricerca e l’in-
dustria, con la definizione in comune
di corsi formativi moderni. Priorita-
ria, rispetto alla fase di realizzazione
dei futuri impianti, sarà quella di de-
finizione dei siti destinati allo stoc-

L’
La centrale nucleare costruita dall’Ansaldo Nucleare a Cernavoda in Romania

caggio dei rifiuti radioattivi. I decreti storico e accessibilità. Le caratteri-


legislativi al vaglio del Parlamento stiche tecniche riguardano, invece,
elencano in maniera analitica le ca- sismo-tettonica, distanza da aree
ratteristiche tecniche per la loro indi- abitate, geotecnica, disponibilità di
viduazione, pur ritenendo che, al di Italia era stata adeguate risorse per il sistema di
là degli aspetti tecnici, il momento
più alto del prossimo processo deci- il secondo Paese, dopo raffreddamento della tipologia di
impianti ammessa, strategicità del-
sionale sarà quello del confronto con la Gran Bretagna, l’area per il sistema energetico, ca-
gli enti locali interessati. Non ci sarà,
come detto, futuro nucleare senza
a puntare sull’energia ratteristiche della rete elettrica, ri-
schi potenziali indotti da attività
condivisione del processo. nucleare. Un peccato umane nel territorio circostante.
Scegliere il nucleare non significa
rinunciare alle fonti di energia rinno-
il passo indietro È previsto un beneficio economico
commisurato alla potenza nominale
vabili che, anzi, vanno per forza in- compiuto nel 1987, dell’impianto, nella fase di cantiere,
centivate. Anzi dirò di più: queste
due forme di energia sono comple-
ma esiste pari a 3 mila euro per megawatt, ed
uno nella fase di esercizio stabilito
mentari sia perché entrambe garanti- ancora un notevole in base all’energia prodotta, pari a
scono il massimo rispetto per l’am- margine per rientrare 0,4 euro per megawattora, da corri-
spondere a imprese e a cittadini sul-
biente, sia perché i vantaggi econo-
mici derivanti dalle nuove centrali attivamente in gioco la base dei criteri definiti dagli enti
consentiranno di finanziare lo svi- da attori e non locali interessati. Sono definite, inol-
luppo delle rinnovabili che hanno tre, forme di incentivi pari al 10 per
ancora elevati costi iniziali e, per da comparse cento del contributo totale per le
questo, necessitano di sussidi pubbli- Province in cui è ubicato l’impianto,
ci che poi ricadono sulle bollette dei per il 55 per cento ai Comuni e per il
consumatori. Con una quota a regi- 35 per cento a quelli limitrofi fino a
me di energia del 25 per cento deri- centrali nucleari italiane dovranno una distanza massima di 20 chilo-
vante da fusione dell’atomo i costi rispondere a uno schema di parame- metri dall’impianto.
della nostra bolletta potranno scen- tri di riferimento relativi a caratteri- I benefici relativi alla fase di realiz-
dere fino al 30 per cento rispetto ai li- stiche ambientali e tecniche, come zazione dei siti sono destinati per il
velli attuali. previsto dai decreti legislativi all’e- 40 per cento agli enti locali per le fi-
Nel mondo sono in funzione circa same del Parlamento. I siti che ospi- nalità istituzionali e per il 60 per cen-
450 reattori, altri 40 sono in costru- teranno la centrali nucleari saranno to alle persone residenti e alle impre-
zione e circa 50 sono in fase di pro- di interesse strategico nazionale e, se presenti nel territorio circostante il
gettazione definitiva. Non stiamo an- come tali, soggetti a forme di vigi- sito, mediante la riduzione della spe-
ticipando nulla, semmai rincorriamo lanza e di protezione. sa energetica, della Tarsu, delle addi-
i ritardi del passato. L’Italia era stata Lo «schema di parametri» dovrà zionali Irpef, Irpeg e dell’Ici, secondo
il secondo Paese, dopo la Gran Breta- essere definito dal Ministero dello criteri e modalità che saranno fissati
gna, a puntare sull’energia nucleare. Sviluppo economico e da quello dagli enti locali interessati. Quelli
Un vero peccato il passo indietro del dell’Ambiente e dei Trasporti, su correlati all’esercizio produttivo de-
1987, ma esiste ancora un notevole proposta dell’Agenzia del nucleare, gli impianti, invece, saranno destina-
margine per rientrare attivamente in entro 60 giorni dall’entrata in vigore ti alla riduzione della spesa per l’e-
gioco da attori e non da comparse. dei decreti legislativi attuativi. In nergia elettrica degli utenti ubicati
Il cammino verso la costruzione particolare, le caratteristiche am- nei territori nei quali avranno sede
dei nuovi impianti vede una specifi- bientali riguardano popolazione e gli impianti. Il cammino non sarà né
ca definizione di parametri, ambien- fattori sociali ed economici, qualità semplice né agevole: starà alla co-
tali e tecnici, e di incentivi per i terri- dell’aria, risorse idriche, fattori cli- scienza di ognuno di noi saper co-
tori su cui ricadranno i nuovi siti. Le matici, suolo e geologia, valore pae- gliere un’occasione irripetibile per lo
aree idonee ad ospitare le prossime saggistico, valore architettonico- sviluppo del Paese.
34 SPECCHIO

I
ECONOMICO

GIUSTIZIA 1
L
l primo dicembre 2009 è entrato
in vigore il Trattato di Lisbona.
a Procura europea
Nato dalle ceneri della Costitu-

avrà all’inizio
zione europea, il nuovo Trattato ha intro-

L’istituzione una competenza


dotto talune novità degne di rilievo che
hanno notevole influenza sulle norme vi-

limitata ai soli reati


e le competenze
genti a livello di Unione europea in ma-

che colpiscono
teria di libertà, sicurezza e giustizia. Es-

della Procura
so permette, infatti, di estendere la pro-

gli interessi finanziari


pria azione in questo campo e di render-

dell’Unione, ma
la più legittima, efficiente, trasparente e

europea
democratica. Il nuovo titolo IV del Trat-

successivamente
tato sul funzionamento dell’Unione Eu-

il Consiglio europeo
ropea, denominato «Spazio di libertà, si-
curezza e giustizia» ingloba sia quello
di ANTONIO MARINI potrà ampliare
attualmente in vigore del Trattato comu-

ed estendere
nitario dedicato a visti, asilo, immigra-
zione e altre politiche connesse con la li-

la sua competenza
bera circolazione delle persone, sia la Stati membri, i

ai più gravi reati


parte del Trattato riguardante la coopera- diritti della per-
zione di polizia e giudiziaria penale. sona nella pro-
transnazionali
Rimane fermo il principio guida costi- cedura penale, i
tuito dal reciproco riconoscimento delle diritti delle vit-
decisioni giudiziarie e, in via sussidiaria, time della cri-
da quello del ravvicinamento delle legi- minalità, altri
slazioni penali. La «comunitarizzazio- elementi speci-
ne» di questi settori ha condotto all’eli- fici della pro- gani giurisdizionali competenti degli
minazione delle decisioni-quadro, pre- cedura penale Stati membri. Spetterà poi al Consiglio
vedendo, come per altre materie, l’ado- individuati dal europeo, con delibera adottata all’unani-
zione di regolamenti. Per quanto riguar- Consiglio in mità e approvata dal Parlamento euro-
da le novità nella votazione, le delibera- una decisione peo, e dopo aver consultato la Commis-
zioni saranno adottate secondo la proce- adottata all’u- sione, ampliare la competenza della Pro-
dura legislativa ordinaria dal Parlamento nanimità. cura europea anche alla lotta contro la
europeo e dal Consiglio, e quindi secon- In modo analogo, la stessa norma sta- criminalità organizzata di carattere tran-
do il sistema di co-decisione. bilisce che il sistema in esame possa es- snazionale. La procedura legislativa spe-
Tuttavia, è stato previsto che, se un sere applicato per le misure che preve- ciale con una delibera all’unanimità e
membro del Consiglio ritiene che un dono norme minime per la definizione semplice consultazione del Parlamento
progetto di direttiva possa incidere su di reati e di sanzioni in settori quali il europeo è fissata per le misure nel setto-
aspetti fondamentali del proprio ordina- terrorismo, la tratta degli esseri umani, re della cooperazione di polizia che com-
mento giudiziario penale, può bloccare il traffico illecito degli stupefacenti, lo portano una collaborazione tra le autorità
la fase decisionale e rimettere la questio- sfruttamento sessuale delle donne e dei statali. Invece per quanto riguarda la rac-
ne al Consiglio europeo. Peraltro, se en- minori, il riciclaggio di capitali, la cor- colta, l’archiviazione, il trattamento, l’a-
tro quattro mesi il Consiglio europeo riu- ruzione, la contraffazione di mezzi di nalisi e lo scambio delle informazioni e
scirà ad ottenere l’unanimità, rinvierà il pagamento, la criminalità informatica e l’individuazione di tecniche investigati-
progetto al Consiglio dell’Unione Euro- quella organizzata in genere. ve comuni resta ferma la procedura legi-
pea che riprenderà l’iter. Nel caso di È stata invece preferita l’adozione di slativa ordinaria.
contrasti tra Governi, si apre un doppio regolamenti, piuttosto che di direttive, in Poche ma significative le novità nel
scenario: se almeno nove Stati sono materia di prevenzione e di lotta al terro- settore della cooperazione giudiziaria
d’accordo sul progetto, potranno andare rismo, anche per quanto riguarda misure civile. Con l’eliminazione della limita-
avanti attraverso il ricorso alla coopera- amministrative concernenti i movimenti zione della precedente norma che indi-
zione rafforzata; nel caso di un consenso e il congelamento dei capitali, dei beni cava unicamente il settore civile e com-
inferiore il progetto sarà archiviato. finanziari e dei proventi economici, e per merciale, accanto al riconoscimento re-
Un simile meccanismo non è previsto questioni collegate alla struttura, al fun- ciproco delle decisioni giudiziarie ed
nel caso in cui l’atto legislativo riguardi zionamento, alla sfera d’azione e ai com- extragiudiziali e alla loro esecuzione si
misure per incentivare e sostenere l’a- piti dell’Eurojust. sono aggiunti tre settori alla notificazio-
zione degli Stati membri nel campo del- Con regolamento può essere disposta ne transnazionale degli atti giudiziari ed
la prevenzione della criminalità, a me- anche l’istituzione di una Procura euro- extragiudiziali; alla compatibilità delle
no che non si tratti di misure di armo- pea, con una procedura legislativa spe- regole applicabili negli Stati membri; ai
nizzazione di disposizioni legislative e ciale nella quale è richiesta l’unanimità conflitti di leggi e di giurisdizione; alla
regolamentari degli Stati membri. Il ri- del Consiglio, previa approvazione del cooperazione nell’assunzione dei mezzi
corso alla sospensione è quindi dispo- Parlamento europeo, ferma restando la di prova; all’eliminazione degli ostacoli
sto, per le materie indicate nell’articolo possibilità di chiamare in causa il Consi- al corretto svolgimento dei procedimen-
69, nel settore del reciproco riconosci- glio europeo ed eventualmente di avvia- ti civili. I tre settori sono l’accesso ef-
mento delle sentenze e delle decisioni re la cooperazione rafforzata. Tale Pro- fettivo alla giustizia, lo sviluppo di me-
giudiziarie, e la cooperazione di polizia cura avrà una competenza limitata, al- todi alternativi per la risoluzione delle
e giudiziaria nelle materie penali con meno inizialmente, ai soli reati che col- controversie e il sostegno alla formazio-
dimensione transnazionale, se i provve- piscono gli interessi finanziari dell’U- ne dei magistrati. In tali settori, però,
dimenti in discussione riguardano l’am- nione, con la possibilità di esercitare l’a- sono stati già adottati atti nel pilastro
missibilità reciproca delle prove tra gli zione penale per tali reati davanti agli or- comunitario.
SPECCHIO
ECONOMICO
35

GIUSTIZIA 2
La scelta delle trentadue
categorie di reati, che sfug-
gono alla regola della doppia
incriminazione, è stata com-

Il mandato
piuta dal Consiglio proprio
in base a tale principio e al-

di arresto europeo
l’elevato grado di fiducia e
solidarietà tra gli Stati mem-

alla luce del


bri. Inoltre, sia per la natura
dei reati sia per l’entità della
pena comminata - massimo

Trattato di Lisbona
edittale 3 anni -, le categorie
delittuose in questione rien- Lussemburgo. La Corte di Giustizia
trano tra quelle che arrecano

L’
un pregiudizio, all’ordine e alla sicurez- interno in modo conforme al diritto del-
za pubblica, tale da giustificare la deroga l’Unione ha attenuato non poco il rischio
all’obbligo di controllo della doppia in- di applicazioni differenziate della nor-
entrata in vigore del Trattato di Li- criminazione. mativa europea.
sbona offre lo spunto per alcune Sui rapporti tra il diritto statale e le de- Con il Trattato di Lisbona la Corte di
considerazioni sull’attuale funzio- cisioni-quadro dell’Unione europea la Giustizia ha aumentato la propria com-
ne del mandato di arresto europeo alla stessa Corte di Lussemburgo con la sen- petenza. In materia di cooperazione di
luce del nuovo assetto istituzionale del- tenza del 16 giugno 2005, riguardante la polizia e giudiziaria in campo penale, la
l’Unione. Il mandato di arresto europeo è decisione-quadro sulla posizione delle sua competenza a pronunciarsi in via
stato introdotto con la decisione-quadro vittime del reato nel procedimento pena- pregiudiziale è diventata obbligatoria e
del Consiglio dell’Unione europea le, ha affermato che il principio di inter- non è più subordinata a una dichiarazio-
2002/584/GAI del 13 giugno 2002, at- pretazione conforme si impone riguardo ne di ciascuno Stato membro, che rico-
tuata in Italia con la legge 22 aprile 2005 alle decisioni-quadro adottate nell’ambi- nosca tale competenza e indichi i giudici
n. 69. Tale istituto si è immediatamente to del Titolo VI del Trattato dell’Unione nazionali che possono adirla. Per cui nel
configurato come un utile strumento per Europea, aggiungendo che il giudice che campo della cooperazione giudiziaria in
dare concretezza allo spazio di libertà, di applica il diritto nazionale è tenuto a far- materia penale ogni giudice potrà avva-
sicurezza e di giustizia, che avrebbe do- lo per quanto possibile alla luce della let- lersi del rinvio pregiudiziale.
vuto caratterizzare l’Unione. tera e dello scopo della decisione-qua- Talune disposizioni transitorie preve-
Esso è stato definito come una decisio- dro, al fine di conseguire il risultato per- dono tuttavia che tale piena competenza
ne unitaria emessa da uno Stato membro seguito da questa e di conformarsi così della Corte sarà applicabile solo cinque
in vista dell’arresto e della consegna di all’articolo 34 dell’Unione Europea. anni dopo l’entrata in vigore del Trattato
una persona, da parte di un altro Stato Nell’affermare tale principio la Corte di Lisbona e cioè il primo dicembre
membro, nell’esercizio dell’azione pena- ha precisato che, rispetto alle decisioni 2014. In particolare, nel protocollo n. 36
le o dell’esecuzione di una pena privati- quadro del Consiglio dell’Unione, l’ob- all’articolo 10 è stabilito che, a titolo di
va della libertà personale. Il meccanismo bligo di interpretazione conforme della misura transitoria, le attribuzioni della
del mandato di arresto europeo si fonda norma interna trova i propri limiti nei Corte di Giustizia restano invariate per
sul principio di mutuo riconoscimento principi generali del diritto e, in partico- gli atti adottati nel settore della coopera-
delle decisioni giudiziarie. La decisione lare, in quelli della certezza del diritto e zione di polizia e della cooperazione giu-
di introdurre tale istituto con una norma- della norma penale. Pertanto in nessun diziaria in materia penale adottati prima
quadro in luogo di una convenzione ha caso detto obbligo può condurre a deter- del primo dicembre 2009, data di entrata
determinato alcuni dubbi, poiché tale minare o aggravare, sul fondamento del- in vigore del nuovo Trattato. Tale norma
strumento si collocava in una cornice la sola decisione-quadro e indipendente- transitoria dovrà inevitabilmente appli-
ben più «europeizzata» rispetto alle con- mente dalla legge statale adottata per la carsi anche alla decisione-quadro sul
venzioni, che continuavano ad inserirsi sua attuazione, la responsabilità penale mandato di arresto europeo.

I
nell’ambito dei meccanismi intergover- di chi agisce in violazione delle sue di- In conclusione, il nuovo assetto istitu-
nativi più idonei a salvaguardare le pre- sposizioni. In sostanza, l’obbligo dei zionale posto dal Trattato di Lisbona di-
rogative statuali. giudici nazionali di interpretare il diritto mostra la persistente legittimità del man-
Tali dubbi sono stati superati dalla dato di arresto europeo ed anzi apre lo
Corte di Giustizia con la sentenza del 3 spazio a nuove iniziative nel campo della
l nuovo assetto
maggio 2007, nella quale si riconosce la cooperazione giudiziaria penale. Solo

istituzionale posto dal


legittimità della decisione-quadro istitu- l’effettiva attuazione delle norme del
tiva del mandato di arresto europeo. Nel- Trattato da parte delle istituzioni europee
Trattato di Lisbona
la sentenza si sottolinea che, nell’ambito dimostrerà se vi sia realmente la volontà

mostra la persistente
della propria discrezionalità, il Consiglio di dare maggiore concretezza allo spazio
può privilegiare lo strumento giuridico di libertà, sicurezza e giustizia, tenuto
legittimità del mandato
della decisione-quadro quando sono pre- conto del carattere vincolante della Carta

di arresto europeo
senti le condizioni per l’adozione di tale dei diritti e dell’avvenuta tendenziale
atto. Infatti la decisione-quadro è diretta
e apre lo spazio a nuove
«comunitarizzazione» dell’intero ambito
a sostituire il sistema multilaterale di della cooperazione giudiziaria sia civile

iniziative nel campo della


estradizione tra gli Stati membri con un che penale. In questo contesto, il manda-

cooperazione penale
sistema di consegna tra autorità giudizia- to di arresto europeo finisce per collocar-
rie fondato sul reciproco riconoscimento si al crocevia delle diverse e contrappo-
dei mandati di arresto emessi da diversi ste opinioni sul processo di integrazione
Stati membri in conformità al diritto del- europea.
lo Stato emittente. Antonio Marini
36 SPECCHIO
ECONOMICO

MARIO RESCA: COME


VALORIZZARE IL PATRIMONIO
CULTURALE ITALIANO

Mario Resca, direttore


generale per la valorizzazione
del Patrimonio culturale

L
del Ministero per i Beni
e le Attività culturali

aureato in Economia e Com- Lancôme Italia, di società dei Gruppi prattutto innamorato e orgoglioso
mercio alla Bocconi di Mila- RCS Corriere della Sera, Versace e del patrimonio artistico, archeologi-
no, Mario Resca ha matura- Mondadori. Dopodiché, il susseguir- co e culturale nazionale. In questa in-
to una ricchissima esperienza nella si di ruoli di primissimo piano e di tervista Resca, che si è messo subito
gestione di aziende, in particolare grande responsabilità: è stato presi- al lavoro e che da esperto comunica-
nel risanamento e rilancio di imprese dente di Italia Zuccheri, del Casinò tore ha già suscitato l’interesse del-
in difficoltà. Nella sua lunga carriera di Campione, di Confimprese, di l’opinione pubblica, illustra i propri
è stato sempre al vertice di grandi so- Sambonet, di Kenwood Italia, dell’A- principi e programmi destinati a ri-
cietà; può dirsi che una parte signifi- merican Chamber of Commerce; e svegliare l’orgoglio degli italiani,
cativa della finanza italiana - ma an- inoltre consigliere di Finance Lea- non solo degli amanti della cultura.
che multinazionali di rilevanza mon- sing, Arfin ed Eni. Infine ha ricoperto Domanda. Può delineare un bilancio
diale - si è avvantaggiata delle sue la carica di amministratore delegato della sua attività
cure. Cominciata la carriera subito e presidente della McDonald's Italia. Risposta. Quando il presidente
dopo la laurea nella Chase Manhat- Difficilmente il settore pubblico, in del Consiglio Silvio Berlusconi e il
tan Bank, presto divenne direttore particolare il Ministero per i Beni e le ministro per i Beni e le Attività cul-
della Biondi Finanziaria, società del Attività culturali, avrebbe trovato un turali e Sandro Bondi mi hanno
Gruppo Fiat. I successivi incarichi manager così esperto in ristruttura- chiesto di partecipare alla ristruttu-
l’hanno visto impegnato nel ruolo di zioni e rilanci aziendali, sensibile razione del Ministero, c’è chi ha
consigliere di amministrazione della verso le strutture istituzionali e so- pensato ad una contrapposizione
Beni culturali
SPECCHIO

«I
ECONOMICO 37
tra la tradizionale funzione di tutela
del patrimonio culturale svolta dal-
la struttura istituzionale dello Stato, musei statali
appunto il Ministero dei Beni cultu-
rali, e l’opera voluta dal Governo. in Italia sono 399,
Quando è diventato noto il mio no- quelli privati circa
me, è circolata una petizione, che ha
raccolto ottomila firme, contraria al- 4 mila, un patrimonio zioni apparentemente semplici ma
la nomina di una persona non pro- incredibile che di estremo interesse. Accostava l'i-
veniente dal mondo della cultura.
Questa preoccupazione è caduta
registra solo 97 dentità culturale dell’Italia a quella
della Cina, trattandosi delle due
quando si sono constatati il rispetto milioni di visitatori uniche culture millenarie sopravvis-
che porto per la specifica struttura
tecnica, la non sovrapposizione dei
l’anno quando sute, mentre quella greca e quella
egizia sono decadute. La cultura ro-
due ruoli, l’apprezzamento delle ri- in Germania, con un mana ha pervaso e condizionato lo
spettive competenze professionali.
E il rinonoscimento che, se abbiamo
ventesimo del nostro sviluppo di tutta la cultura occiden-
tale; se i Paesi del Nord e del Sud
la fortuna di avere il maggiore patri- patrimonio, sono oltre America sono «occidentali», dipen-
monio artistico e culturale del mon-
do, abbiamo la responsabilità di tu-
100 milioni. Siamo de dal processo culturale inarrestato
passato dai greci ai romani. L’Italia
telarlo ma anche di farne usufruire i carenti nel diffondere e la Cina, sostiene Hu Jintao, sono i
nostri connazionali, gli stranieri e le la cultura fra due poli culturali che hanno in-
future generazioni. fluenzato il mondo; non ci sono al-
D. A quale settore professionale la popolazione tramite tre culture millenarie.
musei, biblioteche,

»
appartiene? D. Non è stato compiuta una rifor-
R. La cultura appartiene a tutti, ma quando era ministro Alberto
anche a chi non viene specificamen- archivi, siti Ronchey?
te dal mondo dell'arte e dell'archeo- archeologici R. Ci fu un tentativo di valorizzare
logia. La mia, in particolare, è cultu- i beni culturali con la legge Ronchey,
ra d'azienda, della gestione delle ri- che consentì di introdurre nei musei
sorse umane, della pianificazione, un minimo di accoglienza, fonda-
di come sviluppare le aziende e non mentale per il visitatore. Ma in Italia
farle morire. Questa è la specializza- mero di turisti, ora è scesa al quinto i tempi sono lunghi. Dal momento in
zione che ho esercitato in questi de- posto e va verso il settimo. La Fran- cui il ministro Bondi ha deciso l’at-
cenni occupandomi di imprese in cia registra 18 milioni e mezzo di vi- tuale riforma a quando è stata realiz-
difficoltà, cercando di sanarle e di sitatori nei cinque musei che sono a zata, sono trascorsi però solo nove
rilanciarle. Parigi; da noi la permanenza media mesi e lo scorso dicembre ho com-
D. Quali esperienze ha nel settore di turisti stranieri è di un giorno e piuto i primi 100 giorni dal mio inse-
dei Beni culturali? mezzo, a Parigi di quattro. Perché diamento come direttore generale
R. Ho viaggiato moltissimo visi- non si trattengono altrettanto a Ro- per la valorizzazione. I visitatori de-
tando molti musei in Italia e all'este- ma, con tutto quello che abbiamo? vono trovare un bar che funziona, in-
ro, ho parlato con sovrintendenti, di- Visitano solo il Colosseo e i Musei contrare gli amici in un ambiente ac-
rettori, sindacalisti, custodi, ho par- Vaticani. cogliente nel quale l'arte è fruibile;
tecipato a tanti convegni, sono anda- D. Qual’è la condizione dei siti? quando si vede quello che fanno al-
to «sul campo», come si direbbe, ma R. Ho avuto l'onore di mostrare il l’estero con poche risorse, ci si irrita
anziché scoraggiarmi, mi sono moti- Colosseo al presidente della Repub- nel vedere il nostro immenso patri-
vato, mi sono reso conto della neces- blica Popolare Cinese Hu Jintao, che monio ignorato dalla gente. Noi pre-
sità di valorizzare il nostro grande è un ingegnere ed è molto interessato feriamo elargire incentivi per la rot-
patrimonio, intendendo valorizza- agli aspetti architettonici, in occasio- tamazioni delle lavatrici domestiche;
zione culturale, non economica. Os- ne della sua visita a Roma per il G8 sarà una misura di carattere sociale,
servando dati non confutabili, ho vi- dello scorso anno. Purtroppo mi so- ma è una cosa diversa, non saremo
sto che, rispetto ad altri Paesi, i nostri no dovuto vergognare di far vedere mai più competitivi nel produrre la-
connazionali visitano poco i musei; ai rappresentati della massima po- vatrici che si fabbricano in Cina e in
in Italia quelli statali sono 399 tra tenza mondiale, con cui il mondo altri Paesi in grado di produrle a
musei, biblioteche, archivi ed aree farà i conti nei prossimi anni, quella prezzi e qualità più convenienti.
archeologiche, i privati circa 4 mila che deve essere una magnificenza, Questa sfida in Italia è persa. L'inno-
tra comunali, regionali, provinciali e semicoperta da tubi Innocenti posti vazione, lo sviluppo tecnologico so-
di soggetti privati, un patrimonio in- provvisoriamente 12 anni fa a cancel- no frutto di investimenti colossali di
credibile che registra solo 97 milioni li e ad arcate; spazi esterni sporchi; aziende di grandi dimensioni che di-
circa di visitatori l’anno quando in mercanti abusivi che importunano i spongono di risorse umane e finan-
Germania, con un ventesimo del no- turisti; finti legionari romani; reti di ziarie. Anche le aziende farmaceuti-
stro patrimonio, i visitatori sono ol- plastica rossa. Inoltre il Colosseo si che, un tempo molto solide, stanno
tre 100 milioni. Questo significa che chiude alle 16,30, un'ora prima del abbandonando l'Italia. L'industria ha
siamo carenti nel diffondere la cultu- tramonto, quando potrebbe essere già perso questa scommessa, il tra-
ra fra la popolazione attraverso le te- aperto 24 ore su 24 e offrire una gran- sferimento all’estero è in atto da tem-
stimonianze esistenti in musei, bi- de quantità di lavoro. E noi saremmo po e il processo sta continuando, le
blioteche, archivi, siti archeologici, quelli che tutelano e valorizzano? fabbriche man mano stanno chiu-
che gli stranieri ammirano. I dati ne- D. Che cosa ha detto nell’occasione dendo. L'Italia non trae più reddito
gli ultimi 5 anni sono negativi, stia- il presidente cinese? da attività manifatturiere. Se com-
mo perdendo visitatori, 20 anni fa l'I- R. Nelle poche ore trascorse insie- piamo un banalissimo inventario,
talia era la prima nel mondo per nu- me, Hu Jintao ha espresso osserva- vediamo che non abbiamo materie
38 SPECCHIO
ECONOMICO

prime, energia, aziende competitive


a livello globale, multinazionali. An-
che il turismo balneare sta scompa-
rendo, perché le nostre coste non so-
no più sono più un punto di forza.
D. E non abbiamo il made in Italy?
R. Nel mondo beneficiamo del cul-
to dell'italianità nei settori della mo-
da, del design, della creatività; ma se
vogliamo pensare al futuro e rilan-
ciare il Paese, non dobbiamo fare al-
tro che investire e considerare un as-
se portante il turismo culturale, ca-
pace di un indotto enorme; negli Sta-
ti Uniti si dice che ogni dollaro inve-
stito nella cultura crea un reddito di
19 dollari. All’estero ci considerano
una potenza culturale. Sono sempre
più convinto, quindi, che per il rilan-
cio della nostra economia è doveroso Da sinistra: il ministro Sandro Bondi, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi,
rivalorizzare i nostri beni culturali.
il direttore generale per la valorizzazione del Patrimonio culturale Mario Resca
D. Qual è allora il programma?
R. Il primo obiettivo che mi sono nostra ricchezza. chiedono il rendiconto, per cui anno
posto è stato quello di creare una D. Lo Stato stanzia i fondi necessa- per anno lo Stato deve dimostrare di
squadra, di valorizzare i nostri uomi- ri per attuare questo rilancio? averli impiegati bene; dobbiamo imi-
ni. Io non sono in competizione, sono R. Il settore pubblico non ha risor- tare un concetto che all'estero è già
in sintonia con essi, unisco le mie se finanziarie. È un male cronico, al- consolidato.
competenze alle loro per creare una la cultura abbiamo destinato da sem- D. La vendita dei biglietti non è
sinergia, perché sono loro gli esperti. pre somme insufficienti rispetto a sufficiente?
Le opportunità sono tante, il compito quelle agli altri Paesi, dallo 0,20 allo R. Pagare il biglietto nei musei rap-
è arduo ma non costituisce un pro- 0,30 del bilancio statale, rispet- presenta un rito quasi medievale

«L
blema, però quanto ai tempi e alle ri- perché l’incasso va al fisco, mentre se
sorse finanziarie lo Stato deve capire si brucia una lampadina occorrono
che è fondamentale investire in que- sei mesi prima che giunga l'autoriz-
sto settore perché crea un’enorme zazione per sostituirla; nel frattempo
ricchezza indotta. Abbiamo elabora- a campagna se ne sono bruciate altre. Va attribui-
to un piano triennale, abbiamo dato «Se non visitate ta ai direttori la responsabilità della
gestione. È necessario incentivare e
a sovrintendenti, direttori di musei e
a tutti gli operatori del Ministero un il Colosseo sviluppare la produzione artistica
obiettivo semplice, per la prima volta lo portiamo via» vuole contemporanea, anche per aiutare i
giovani autori, ma esiste l’ostacolo
misurabile e realistico: far sì che ita-
liani e stranieri tornino a visitare i
essere una dell’Iva, troppo alta per gli scambi di
nostri siti di cultura. Abbiamo lascia- provocazione per opere artistiche. Queste e altre rifor-
to loro la libertà di definire le moda-
lità e di avere l’orgoglio dei risultati.
far capire ai nostri me vanno fatte rapidamente. La que-
stione non è il costo del biglietto ma
Il piano prevede un aumento di visi- connazionali quanto quante persone visitano i musei e i
tatori del 3 per cento nel 2010, del 5
nel 2011, del 10 nel 2012. Visitare un
sia essenziale che siti archeologici, quanti turisti giun-
gono in Italia, quanto spendono nei
museo non deve essere appannaggio questo patrimonio trasporti, nella gastronomia, negli al-
generi ricchezza berghi, nei prodotti industriali e arti-

»
solo degli studiosi che saranno il 2
per cento, ma anche dell'altro 98 per gianali, nell’editoria. Anche perché,
cento, costituito dalla popolazione. culturale quando si conoscono, si amano e si
D. Qual è il ruolo dell’Italia nel pa- ed economica comprano più volentieri i prodotti
italiani. La cultura non è un fatto
norama mondiale?
R. Abbiamo la responsabilità di ge- asettico, è un fenomeno che influen-
stire il patrimonio culturale mentre za l’economia e quindi le condizioni
siamo proiettati in un futuro globa- di vita delle popolazioni.
lizzato che comporta l'apertura dei to allo 0,90 o all’1 per cento della D. Come riattrarre rapidamente la
mercati e la libera circolazione delle Francia, che rientra nella media eu- gente verso questo mondo?
merci. Siamo un Paese di 60 milioni ropea. Il problema oggi è grave, oc- R. Pur con mezzi molto limitati, la
di abitanti in un contesto di 6 miliar- corre coinvolgere in qualche modo il campagna lanciata di recente - «Se
di che tendono tutti al benessere, alla capitale privato. A tal fine occorrono non visitate il Colosseo lo portiamo
creazione e ripartizione della ric- nuove norme, quindi interventi legi- via» ed altri inviti -, vuole essere una
chezza. Credo che il ruolo di questo slativi. Con il ministro stiamo stu- provocazione diretta ai nostri conna-
piccolo Paese in un panorama costi- diando meccanismi di incentivazio- zionali e a chi adotta le decisioni per
tuito dalla Cina con il suo miliardo e ne rivolti ai privati come la defisca- far capire quanto sia essenziale che
300 milioni di persone, all’Estremo lizzazione, attuata all'estero, degli questo patrimonio generi ricchezza
Oriente, dall'America e anche dal- investimenti compiuti nella cultura. culturale ed anche ricchezza econo-
l’Europa, consista nella competizio- In quest’opera lo Stato non può esse- mica. A chi ha criticato la campagna
ne e nel renderci conto di quale pos- re solo, è fondamentale l’apporto di rispondo che ho un po' di esperienza
sa essere e da dove possa venire la capitali dei privati i quali però ne nella comunicazione, e che ognuno
SPECCHIO
ECONOMICO 31
Il migliore inquadramento del
giudice laico non significa ab-
bandono dell’idea più convin-
ORGANISMO UNITARIO DELL’AVVOCATURA

cente che i problemi della giustizia si


possono risolvere solo con la produtti- GIUDICE LAICO, SOLO IN PARTE
vità e con l’eventuale incremento della
magistratura togata, uno dei due pilastri SI PUÒ ACCOGLIERE
su cui si basa la giurisdizione. L’altro pi-
lastro è costituito dall’Avvocatura, che
attende un’urgente riforma del proprio
IL PROGETTO DEL GOVERNO
ordinamento. Risorse economiche ed ef- Per garantire la qualità del lavoro dei
ficienza dell’organizzazione sono ulte- giudici laici l’accesso al concorso deve
riori obiettivi essenziali da perseguire essere limitato agli addetti ai lavori: av-
per migliorare l’apparato giudiziario. vocato iscritto all’Ordine da non meno di
In quest’ambito di integrazione - o sei anni o che abbia svolto funzioni di
supplenza - giudiziaria si colloca il dise- giudice onorario per un pari periodo. La
gno di legge proposto dal Governo sulla scelta di valorizzare la professionalità
«Riforma organica della magistratura derivante dall’espletamento della profes-
onoraria e costituzione dell’Ufficio cir- sione forense è chiaramente diretta ad
condariale del giudice di pace». In esso evitare che si ritrovino a giudicare o a
si nota un’apertura ad alcune richieste svolgere attività requirente neolaureati in
più volte avanzate dall’Organismo Uni- Giurisprudenza che non abbiano mai
tario dell’Avvocatura, tra cui il tirocinio avuto effettiva e concreta contezza del-
e la formazione, che vengono ben disci- l’attività giudiziaria.
plinati. Il progetto sembra condividere la Naturalmente, si è voluta far salva la
necessità, avvertita dall’Avvocatura, di posizione di coloro che, indipendente-
una riforma organica della Magistratura mente dalla «professione di provenien-
laica. Nella relazione che l’accompagna za», abbiano già acquisito esperienza
si dichiara di voler «introdurre una disci- giudiziaria con precedenti incarichi, nel-
plina omogenea dei requisiti per l’acces- la consapevolezza, peraltro valida anche
so alle funzioni giudiziarie onorarie, del per gli avvocati, che eventuali carenze
reclutamento, della formazione profes- di MAURIZIO DE TILLA possano essere verificate periodicamente
sionale, della durata dell’ufficio, degli il- presidente dell’O.U.A., in sede di «valutazione della professio-
leciti disciplinari». Tale concetto è ben Organismo Unitario Avvocati nalità». Nel progetto di legge proposto
indicato nella relazione; nell’articolato, dall’OUA, inoltre, è stato realisticamen-
però, viene sviluppato solo nel senso di funzioni meramente vicarie; il previsto te previsto un controllo costante della
trattare tutte le figure di magistrato laico crescente impiego dei Got - giudici ono- professionalità dei giudici laici che sfo-
- o quasi tutte - nella stessa legge, ma la- rari di Tribunale - deve essere puntual- cia in valutazioni periodiche.
sciandole distinte tra loro. mente disciplinato e giustifica ancor più Il procedimento disciplinare viene an-
Va inoltre condivisa l’impostazione l’incompatibilità assoluta; il ricorso ad corato in tutto e per tutto al procedimen-
che tende ad eliminare le diseconomie essi deve essere temporaneo e limitato in to previsto per i magistrati togati. Sotto il
degli uffici dei giudici di pace. Degno di quanto bisogna rafforzare la componente profilo deontologico, appare inoltre ne-
plauso è il capo II nella parte in cui cerca della magistratura togata, a garanzia del- cessario dare maggiore rilevanza all’Av-
di razionalizzare le risorse umane ed la terzietà e dell’indipendenza dell’atti- vocatura e, segnatamente, ai Consigli
economiche; altrettanto non può dirsi del vità del giudice. dell’Ordine forense. Viene prevista
capo I, per una serie di ragioni. 5) È necessario prevedere una retribu- un’incompatibilità assoluta identica a
1) Non si può accettare che sia suffi- zione adeguata e una piena tutela previ- quella dei magistrati ordinari, finalizzata
ciente una mera laurea in Giurisprudenza denziale. a porre l’aspirante finalmente di fronte
per essere nominato giudice laico. L’OUA chiede che, in sede di esame alla consapevolezza della propria scelta
2) Va stabilita l’incompatibilità con la parlamentare, siano presi in considera- e, quindi, alla decisione su quale profes-
professione di avvocato: il divieto di zione i contenuti dell’articolato predi- sione esercitare; in caso di approvazione,
svolgere contemporaneamente le funzio- sposto dal coordinatore avv. Giuseppe ciò eviterebbe quelle situazioni, assai
ni di avvocato e di giudice deve essere Chiaia Noya e approvato dall’assemblea frequenti, di commistione di esercizio di
assoluto, mentre nel disegno di legge è dell’Organizzazione sulla riforma della professione e di espletamento di attività
parziale e si può fare l’avvocato sia pure magistratura onoraria o laica, come si giurisdizionale che, anche sotto l’appa-
fuori dal distretto; inoltre non si com- preferisce denominarla. In tale articolato rente espletamento in differenti distretti
prende perché debba considerarsi incom- è prevista una figura unica di giudice giudiziari, ma spesso vicini, creano non
patibile con la funzione di giudice laico non professionale definito laico, che a poco imbarazzo tra gli addetti ai lavori e
solo lo svolgimento di attività professio- sua volta si divide in giudice laico giudi- non contribuiscono certo alla limpidezza
nale per banche e assicurazioni e non an- cante e giudice laico requirente. della figura del magistrato laico rispetto
che per altri soggetti forti, quali le asso- Per il reclutamento l’OUA ha previsto alla collettività dei fruitori del servizio-
ciazioni di consumatori ed altre. un concorso con discussione orale su una giustizia.
3) Non è accettabile una riduzione del questione di diritto civile e su una di dirit- Poiché è stato prorogato al 31 dicem-
ruolo organico: bisogna tendere a rag- to penale, con la redazione di una senten- bre 2010 il termine per varare la riforma
giungere un indice di ricambio superiore za. Viene regolamentato un rigido tiroci- della Magistratura onoraria, l’OUA si
al 100 per cento; per stabilire gli organici nio con le stesse modalità e gli organi de- augura che sia subito nominato un grup-
vanno verificate le necessità in ogni cir- putati alla formazione e all’aggiornamen- po di lavoro con la partecipazione del-
condario analizzando il rapporto tra giu- to dei magistrati ordinari. Sono previste l’Avvocatura e dei rappresentanti delle
dizi pendenti e numero di magistrati. una retribuzione equa parametrata a quel- Associazioni di magistrati onorari, al fi-
4) Non è accettabile la persistenza di la del magistrato ordinario di prima no- ne di trovare un testo di legge condiviso
una categoria di magistrato onorario con mina, e una tutela previdenziale. con il Governo.
40 SPECCHIO
ECONOMICO

Gli sfregi al patrimonio


culturale italiano sono
legati in parte all’assenza
di strumenti giuridici, ma
soprattutto al prevalere
degli interessi privati
che cozzano con
la salvaguardia dei beni
culturali e, ancor più
grave, all’assenza della
cultura relativa.
Si sente personalmente
ferito Louis Godart,
consigliere per la
Conservazione
del Patrimonio Artistico
della Presidenza
della Repubblica,
dinnanzi agli scempi,
spesso irreversibili,
delle speculazioni.
Proprio lui che, scavando
da oltre mezzo secolo,
ha riportato alla luce
tracce delle antiche
civiltà del Mediterraneo
come uno psicanalista
fa con il proprio paziente

LOUIS GODART: NEL QUIRINALE


Louis Godart, consigliere per la Conservazione
a cura di del Patrimonio Artistico della Presidenza della Repubblica
ANNA MARIA BRANCA

OGNI CITTADINO DEVE


SENTIRSI A CASA PROPRIA
SPECCHIO
ECONOMICO 41
o diceva Freud che l’inconscio è

L come un sito archeologico: sca-


vando, si rinvengono i vari stadi
della crescita e si può risalire ai
momenti di sviluppo precorsi, anche e
soprattutto con intenti migliorativi. Allo-
ra Louis Godart può a tutti gli effetti con-
siderarsi lo psicanalista del Quirinale
poiché da 8 anni scava per ritrovare quei
reperti che hanno reso il più alto colle di
Roma, e il Palazzo che lo rappresenta,
ciò che è oggi. Questo scavatore giunge
dalla zona collinare tra la Francia e il
Belgio ma, prima di passare dalle colline
al Colle, è in Grecia che, per ben 40 anni,
si dedica all’archeologia. Il Mediterra-
neo gli consegna, fiducioso, i propri mi-
steri facendosi spogliare da un esperto
che non si fa tentare dalla speculazione e
che lo stesso Carlo Azeglio Ciampi al
Quirinale vuole come consigliere per la
Conservazione del Patrimonio Artistico Interno di una berlina fotografata dal lato destro, tra le foto presenti
della Presidenza della Repubblica. An- nella pubblicazione curata da Louis Godart «Le carrozze del Quirinale»
che il Colle si affida all’umanità dell’u-
manista come Godart e gli confida i suoi
segreti, perché lui li interpreti e li resti- perché al Quirinale ho cercato di mettere quale si dominavano tutti gli altri luoghi
tuisca ai cittadini, anche attraverso le sue in pratica ciò che avevo imparato nei va- della città eterna; per questo motivo gli
pubblicazioni e rendendo accessibile tale ri cantieri di scavo durante la mia qua- antichi Romani hanno scelto molto spes-
patrimonio a tutti coloro che vogliano rantennale esperienza in Grecia, anche so di costruirvi le loro grandi ville aristo-
conoscerlo e comprenderlo. cercando di scoprire le antiche pagine cratiche. Il Colle è stato particolarmente
Domanda. Come è giunto in Italia? della storia del palazzo. Il presidente corteggiato dagli imperatori: al posto di
Risposta. La mia è una storia tipica- Giorgio Napolitano mi ha confermato quella che oggi è la Corte costituzionale
mente europea: sono nato in un piccolo nell’incarico. erano site le Terme di Costantino ed è da
villaggio delle Ardenne, ho studiato Let- D. Lei ha pubblicato dei volumi com- queste che provengono le due splendide
tere e Filosofia in Belgio e in Francia, ho pleti, ricchi di fotografie, nei quali de- statue dei Dioscuri che abbelliscono la
condotto missioni archeologiche scavan- scrive dettagliatamente il Quirinale nei piazza intorno all’obelisco. Esso affonda
do in Grecia per 40 anni e, nel 1973, l’U- suoi vari aspetti, architettonici, pittorici, le radici nella storia di Roma ed è mira-
niversità Federico II di Napoli mi offrì storici. È stato arduo? bilmente inserito nel panorama urbano e
una cattedra, quella di Filologia Micenea, R. Affatto. Il Quirinale è un palazzo culturale della città.
presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, che ha poco meno di 500 anni di vita. In D. Quando iniziò il momento «religio-
che mantengo da più di trent’anni. Accet- mezzo millennio di storia esso ha rappre- so» del Quirinale?
tando, ho ottenuto la cittadinanza italia- sentato per Roma, per la cristianità e per R. Dal 1583 i Papi scelsero di evadere
na. Veramente mi sento cittadino euro- il mondo il palazzo dell’Auctoritas in dall’afa vaticana, e soprattutto dalla ma-
peo. Sono rimasto affascinato dal Medi- quanto palazzo dei papi e dei re d’Italia, laria, nei mesi estivi, per trasferirsi prima
terraneo per un motivo molto semplice: è oggi sede della massima magistratura pro tempore, poi in modo duraturo sul
la culla della nostra civiltà ed è attraverso dello Stato repubblicano e unico palazzo Colle del Quirinale.
l’esperienza congiunta di Atene e Roma nel mondo che per tanto tempo e senza D. In che modo compie il suo inter-
che l’Europa è divenuta ciò che è. alcuna soluzione di continuità è stato al vento di riscoperta del patrimonio cultu-
D. Che cosa del Mediterraneo ritiene centro delle vicissitudini politiche e reli- rale del Quirinale?
fondamentale? giose a livello mondiale. Questo signifi- R. Riscoprire le antiche pagine della
R. L’essere un luogo dove prima di ca che tutti i padroni di casa hanno tenta- storia di questo palazzo vuol dire aprire
tutto si è imposto, attraverso mille vicis- to di abbellire la costruzione ed è ciò che un libro e leggerne le varie stratigrafie
situdini, quel modo di vivere che si chia- conferisce al Quirinale uno straordinario tentando di non cancellare determinate
ma democrazia, una conquista che va al fascino: è il palazzo dove ognuno ha cer- fasi storiche ma rispettando i vari mo-
di là dei limiti legati ai singoli sistemi cato di dare il meglio di sé per renderlo menti, limite complesso ma reso di mi-
politici; e l’essere un mare che, nel corso emblematico di un determinato momen- nor attrito dalla bravura dei nostri restau-
dei millenni, ha saputo avvicinare le cul- to culturale. ratori: l’Italia è, in questo, apprezzabile
ture più varie. D. Come si inserisce in tale sviluppo il per la maestria nel restauro delle opere
D. Com’è salito sul Colle Quirinale? patrimonio architettonico e ambientale d’arte, non a caso corteggiata da tutti
R. Lavoro per la Presidenza della Re- del Centro storico di Roma? quei Paesi del mondo che intendono sal-
pubblica dal 2002, un’esperienza affasci- R. Il complesso del Quirinale fa parte vare una parte della propria memoria af-
nante. Conoscevo l’allora presidente della storia di Roma. Qui nell’antichità fidandone il restauro. Da una parte utiliz-
Carlo Azeglio Ciampi e a lui, che ha una avevamo grandi ville aristocratiche, e gli ziamo per il Quirinale le scuole italiane
formazione filologica molto sensibile a antichi Romani, sotto la Repubblica e di restauro, centri di eccellenza apprez-
tutto quello che riguarda l’antichità gre- sotto l’Impero, avevano già un affetto zati in tutto il mondo, dall’altra lavoria-
co-romana, avevo parlato dei miei scavi particolare per esso, il più alto dei colli mo a stretto contatto con la Soprinten-
e delle mie ricerche. Spesso ci siamo di Roma, anche legato al culto estrema- denza e con l’Istituto Centrale del Re-
confrontati sulla cultura classica e nel mente antico del dio Quirino, una divi- stauro e cerchiamo di seguire puntual-
febbraio del 2002 mi ha proposto di la- nità tipicamente latina che si ricollega ai mente quello che è il dettato della ricerca
vorare con lui; ho esitato, poi mi sono la- culti della fertilità. Ma prima di tutto un moderna nel campo.
sciato convincere e non me ne pento, luogo ameno, dove c’erano vigne e dal D. Quale influenza hanno le moderne
42 SPECCHIO
ECONOMICO

Una veduta del Cortile d’Onore


del Palazzo del Quirinale,
sede della Presidenza
della Repubblica

esigenze di sviluppo urbanistico, di con-


servazione delle preesistenze, della mo-
bilità crescente della popolazione?
R. È un problema molto rilevante,
che non si pone solo con il Colle e il Pa-
lazzo del Quirinale, ma riguarda l’Italia
e il mondo. La convivenza tra le varie
istanze risulta difficile perché non sem-
pre esistono gli strumenti giuridici in
grado di evitare quegli scempi che trop-
po spesso vediamo. Con uno sviluppo
urbanistico spaventosamente caotico si
riescono a sfregiare in modo irreversibi-
le paesaggi superiori ed opere d’arte. La
questione è legata, come ho detto, in
parte all’assenza di strumenti giuridici
malgrado l’esistenza di un Codice dei enorme. Altri Paesi con poca disponibilità nell’antica storia di Roma. In quell’oc-
beni culturali; ma soprattutto al prevale- di beni riescono a sviluppare attività an- casione ho rinvenuto un frammento di
re degli interessi privati, che cozzano che con ritorni economici, mentre noi, che statua rappresentante Giunone, che do-
con la salvaguardia del nostro patrimo- siamo il primo Paese per numero di siti ri- veva far parte della famosa triade capi-
nio e, fatto ancor più grave, all’assenza conosciuti come patrimonio mondiale tolina con Giove e Minerva, un pezzo
della cultura relativa. Quando, anche di dell’umanità, non sappiamo sufficiente- eccezionale del II secolo. I grandi can-
fronte al consenso di autorità locali, si mente sfruttarli. tieri in atto nel Palazzo stesso riguarda-
compiono scempi sui nostri beni cultu- D. Quali iniziative rivestono carattere no la galleria di Alessandro VII Chigi,
rali, il problema resta la presa di co- di priorità nella programmazione delle cui stiamo restituendo la luce e lo splen-
scienza della bellezza in quanto tale, in celebrazioni per il 150esimo anniversa- dore che aveva nel ‘600 e nella quale
modo da poter arginare il danno irrever- rio dell’Unità d’Italia? abbiamo ritrovato le pitture di Pietro da
sibile inferto alle opere d’arte. R. Faccio parte di una Commissione Cortona. Un altro cantiere ha permesso
D. Può citare dei luoghi che, secondo presieduta dallo stesso Carlo Azeglio di riportare alla luce il grande fregio del
lei, la speculazione privata e pubblica ha Ciampi per le celebrazioni di tale solen- ‘600 nel Salone dei Corazzieri mentre
rovinato irreversibilmente? ne ricorrenza. Credo che sia importante da una sala del Palazzo vicino agli ap-
R. Napoli è una città che amo profon- scoprire, attraverso la diversità delle Re- partamenti papali sono emerse le imma-
damente. Presenta infinite risorse intel- gioni, un filo conduttore per l’ossatura gini di quei grandi cantieri che Paolo V
lettuali e umane, ma è anche lacerata da del Paese. È evidente che l’Italia è la Borghese voleva aprire nel suo pontifi-
infiniti problemi. Vedendo nella zona somma di tante esperienze diverse, e cato. Si tratta dei granai che erano sopra
che da Posillipo va a Capo Miseno le ter- dev’esserci un comun denominatore che le Terme di Diocleziano, dello stesso
ribili offese inferte a un patrimonio che le leghi. Cosa c’è di particolare nella sto- Palazzo del Quirinale, di San Pietro, di
è unico nel mondo, non posso non sentir- ria dell’Unità? Ad esempio l’esperienza tutta una serie di fontane in Vaticano,
mi ferito personalmente. Ed è spiacevole della lingua italiana e il fatto che essa si del Palazzo Borghese in Vaticano e infi-
constatare come a livello locale gli am- sia imposta attraverso un libro di poesia, ne di Santa Maria Maggiore. Ho cercato
ministratori non si siano resi conto che, la Commedia, contrariamente ad altre di applicare al Quirinale i metodi impa-
invece di cercare effimeri sviluppi eco- lingue. Il francese si è imposto grazie al rati sui cantieri di scavo, convinto che
nomici, sarebbe stato infinitamente più potere centrale di Parigi che ha promos- esso avesse un’infinità di stratigrafie.
proficuo per l’economia e la bellezza so la lingua dell’Ile de France, il tedesco D. In che modo i cittadini possono ac-
della zona sviluppare grandi poli turistici attraverso la traduzione della Bibbia di cedere a un siffatto patrimonio?
e culturali in un luogo che riassume tutta Lutero, l’arabo con la forza delle armi, R. La mia idea che sta a cuore al Capo
la storia d’Italia dai tempi dalla coloniz- mentre l’italiano parlato nel nostro Paese dello Stato: il Quirinale è la casa comune
zazione greca. Ho visto l’antica necropo- deve la propria esistenza a un libro di degli italiani, e ognuno deve sentirsi nel
li greca di Cuma, sventrata dalla specula- poesia. Primo Levi raccontava che ad Palazzo come in casa propria. Questo è il
zione edilizia e, sia pure la Soprinten- Auschwitz capì perché si trovava lì solo patrimonio della nazione e cerchiamo di
denza stia provando ad arginare il danno, quando un ragazzo straniero, affascinato renderlo accessibile ai cittadini d’Italia e
si tratta di uno sfregio irreversibile. dalla musicalità straordinaria della lin- del mondo. L’immenso patrimonio cul-
D. È un problema soprattutto italiano o gua italiana, gli chiese di recitare alcuni turale italiano deve essere proposto al
lo ha rinvenuto anche altrove? versi della Divina Commedia. pubblico in modo leggibile e stimolante.
R. È un problema dell’Italia senz’al- D. Di quali cantieri si è occupato al- I nostri mezzi di comunicazione, in parti-
tro, ma in generale del Mediterraneo, es- l’interno del Quirinale? colare le televisioni, avrebbero il dovere
sendo presente, ad esempio, in Turchia e R. Prima ho cercato di riscoprire le di assolvere a questo compito, ma questo
nella stessa Grecia. pagine della storia del Colle, e per que- succede raramente. Eppure il pubblico è
D. In che modo instillare una «cultura sto ho approfittato degli scavi nei giar- interessato alla cultura. Ricordo quando
dei beni culturali»? dini del Quirinale in occasione della si- Roberto Benigni lesse Dante in televisio-
R. È arduo, perché mancano le risorse stemazione di alcuni impianti tecnolo- ne. Fu un trionfo, e ciò sta a significare
finanziarie, che sono irrisorie. Il fatto di gici per giungere fino al terreno vergine che, quando la gente ha la possibilità di
spendere così poco per la cultura è una riportando alla luce degli strati che scegliere tra un programma di questo ge-
follia se si pensa che il patrimonio italiano giungono all’inizio del III secolo a.C. e nere e un reality show, sceglie il pro-
è potenzialmente una risorsa economica che consentono di radicare il Quirinale gramma più qualificante.
SPECCHIO
ECONOMICO 39

InPrimoPianoInPrimoPianoInPrimoPianoInPrimoPianoInPrimo
do seguito alla costituzio-
ne del Consorzio Intesa Reguitti: una scelta
Group Services. L’inizia-
tiva, secondo un comuni- di maniglie capaci
cato delle otto sigle sin-
dacali del primo tavolo di di aprire tutte le porte
confronto nel Gruppo In-
tesa Sanpaolo (Dircredi-
to, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-
Cgil, Silcea, Sinfub, Ugl,
Uilca), si è resa necessaria
per impedire a Intesa
Sanpaolo di aggirare l’ac-
cordo e svilire le garanzie
che esso attribuisce ai la-
voratori del Consorzio.
La sentenza conferma
quindi la validità di tali
tutele per tutti gli 8 mila
lavoratori del Consorzio
e non solo per quelli coin-
volti dalla cessione di

A
Banca Depositaria. «Auspichiamo che
IntesaSanpaolo: quanto avvenuto–conclude il comu-
nicato sindacale–sia motivo di zienda bresciana che produ-
accolto il ricorso profonda riflessione da parte dell’a- ce da oltre 35 anni maniglie e
zienda rispetto alle logiche chiuse e accessori di alta qualità per

L
restrittive con cui interpreta le rela- gli infissi, la Reguitti ha pre-
di antisindacalità zioni sindacali nel Gruppo Intesa sentato a Milano il catalogo 2010,
a sentenza del Tribunale di Sanpaolo. In proposito da tempo la uno strumento di lavoro di oltre 850
Torino, che accoglie il ricorso Uilca chiede che si recuperi uno spiri- pagine per rivenditori, serramenti-
di antisindacalità in merito al- to di partecipazione, di condivisione sti, progettisti e utenti nel quale tro-
la procedura avviata da Intesa delle scelte e di riconoscimento del vare le soluzioni per qualsiasi esi-
Sanpaolo per la cessione di Banca De- ruolo delle organizzazioni sindacali genza tecnica e stilistica. Ampliato
positaria a State Street, costituisce il che operano con senso di responsabi- ed arricchito da nuove sezioni, per-
riconoscimento del valore dell’accor- lità e con metodo costruttivo». mette una ricerca facile degli articoli
contenutivi e le sezioni tematiche
mostrano circa 200 tra i prodotti
IBM: registrazioni principali. Molte le nuove maniglie:
tra esse Q-Ubik, dalle linee geome-
record sul nuovo triche con una solida impugnatura

I
dai tratti netti e gli spigoli arroton-
dati, per porte e finestre dallo stile
nastro magnetico moderno. La Reguitti ha presentato
ricercatori della IBM hanno anche la gamma Vintage, compren-
ottenuto un nuovo record dente i prodotti più apprezzati e ri-
mondiale nella densità di re- chiesti dal mercato, nonché la nuova
gistrazione dei dati su nastro finitura Ramato vintage, che arric-
magnetico. Il risultato dimostra che chisce la serie Vintage Style, dedica-
la tecnologia a nastro sarà in grado ta a chi ama uno stile sofisticato e
di aumentare la capacità nei prossi- senza tempo, ideale per ambienti dal
mi anni, un elemento decisivo gusto tradizionale e retrò, caratteriz-
questo dal momento che i sistemi di zata dalla tonalità rossa del rame.
archiviazione su nastro sono più ef- Tra le prime dieci aziende italiane
ficienti in termini di energia e di co- prototipo di nastro avanzato, a una del settore, la Reguitti realizza pro-
sti di quelli su hard disk. Imprese densità di 29,5 miliardi di bit per pol- dotti di elevato contenuto tecnico e
pubbliche e private usano il nastro lice quadrato, circa 39 volte la den- funzionale. Oltre a produrre mani-
magnetico per archiviare grandi vo- sità superficiale dei dati del prodotto glie per porte interne e finestre, por-
lumi di dati. I ricercatori della IBM a nastro magnetico standard del set- te d’entrata e porte scorrevoli, forni-
sono riusciti a registrare dati, su un tore e più diffuso attualmente. sce anche supplementi e coordinati.

InPrimoPianoInPrimoPianoInPrimoPianoInPrimoPianoInPrimo
SPECCHIO
ECONOMICO 43

UltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissime
in inverno, raffrescare in estate e pro-
Sanpolino, villaggio durre acqua calda per i 52 alloggi e il Comoli-Ferrari: altre
Centro servizi. L’Energy Resources
riscaldato dal calore ha impiegato l’ultima evoluzione del 8 filiali per la vendita
sistema che sfrutta la temperatura del

P
del sottosuolo terreno; ha installato 86 sonde a spira- di materiale elettrico
le per 3 centrali geotermiche, per una
romosso dalla Regione produzione di 290.531 chilowatt l’an-
Lombardia, dall’Aler e dal no. «L’impianto geotermico ha per-
Comune di Brescia per ri- messo di conseguire notevoli vantag-
spondere alle esigenze abi- gi energetici e ambientali e benefici
tative degli anziani, il complesso resi- economici, significativi nel caso di ca-
denziale «green», inaugurato lo scor- tegorie sociali deboli–spiega Emanue-
so mese in località Sanpolino, si basa le Mainardi, responsabile della Ricer-
su una vasta applicazione del sistema ca di Energy Resources–. L’impiego
geotermico di produzione elettrica della nostra sonda a spirale ha tra-
lanciato dalla Energy Resources. Rea- sformato il geotermico in un sistema

A
lizzato con l’impiego di fonti rinno- finalmente accessibile a tutti, in quan-
vabili, fornisce energia per riscaldare to consente di abbattere fino al 50 per
cento i costi di installazione.
Questa innovazione, brevet- zienda ai vertici in Italia
tata a livello internazionale, nel campo della distribu-
trova sempre più conferme zione di materiale elettri-
non solo per grandi impianti, co, articoli per automazio-
ma anche per piccole struttu- ne, conduttori, sicurezza e illumina-
re». Il sistema beneficia degli zione, la Comoli-Ferrari investirà 2
incentivi del Conto Energia milioni di euro per aprire altre 8 fi-
per il fotovoltaico che però, liali entro l’anno e passare da 78 a
grazie all’abbinamento con il 86. Quattro verranno aperte, nei pri-
geotermico, vengono aumen- mi mesi del 2010, a Chiavari, Torto-
tati di ben il 30 per cento. E na, Stradella e Biella, dove peraltro è
inoltre spariscono la bolletta già presente un’altra filiale; le altre
del riscaldamento, la canna quattro in Lombardia, dove il Grup-
fumaria, il camino, l’allaccia- po Comoli Ferrari, dopo l’acquisi-
mento alla rete gas e i relativi zione, nella scorsa primavera, della
oneri. concorrente milanese GDT, conta
già 31 punti vendita. Attraverso il
recupero degli esuberi, il piano di
espansione della società piemontese
ricambio d’aria. La cura del sale - ha- prevede il mantenimento di tutto il
A Roma riprende loterapia - sembra utile per affezioni personale, pari ad oltre 700 addetti.
respiratorie, eliminazione di tossine, Spiega l’amministratore delegato
l’haloterapia, ovvero dermatiti, psoriasi, allergie e intossi- Giampaolo Ferrari (nella foto): «Ac-
cazioni come quella da catramina. quisizioni e diffusione capillare ma

P
il «bagno nel sale» L’haloterapia, inoltre, è adatta a per- anche diversificazione per conqui-
sone di qualsiasi età. stare commesse in ogni settore ci
er la prima volta in un Cen- consentono di far fronte alla crisi e
tro di medicina estetica, di continuare a crescere in un merca-
l’Aerosal in Via Aureliana a to in calo del 18 per cento». Tra i set-
Roma è stato ripreso un me- tori che stanno dando i maggiori ri-
todo dalle origini molto antiche ma sultati al Gruppo figurano quelli na-
oggi assoluta novità: in una stanza vale, fotovoltaico, ospedaliero, al-
prefabbricata ricoperta interamente berghiero, della sicurezza; a un al-
di sale sulle pareti, sul pavimento e bergo extralusso ad Accra, in Ghana,
sul soffitto, chiamata «Grotta del sa- sono stati forniti materiali per un
le» e capace di ospitare 4 persone, un milione di euro. Il Gruppo Comoli
erogatore diffonde particelle di sale Ferrari, che nel 2009 ha fatturato 255
nebulizzate a secco, creando un mi- milioni di euro, prevede di fatturare
croclima dalla temperatura e umi- nell’anno in corso 275 milioni di eu-
dità costanti; una ventola assicura il ro, con un aumento dell’8 per cento.

UltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissimeUltimissime
52 SPECCHIO

I
ECONOMICO

l problema del sovraffollamento che sia stata applicata la recidiva rei-


carcerario è dovuto a un concorso ISTITUTI DI PENA terata (ex art. 99 comma 4 del Codice
di ragioni quali: l’edilizia peniten- penale), non operi il meccanismo di
ziaria ormai vetusta; il notevole in- sospensione dell’ordine di carcera-
cremento della popolazione detenu- zione da parte del Pubblico Ministe-
ta di origine extracomunitaria; la Misure alternative ro. In tali casi il condannato viene
massiccia presenza di soggetti con- tradotto in carcere anche per sconta-
dannati per pene detentive brevi, an- per evitare re condanne di pochi mesi, e non
che di pochi mesi, per i quali il ricor- può neanche beneficiare della deten-
so alle misure alternative è ostacola- il sovraffollamento zione domiciliare quale forma di ese-
to da preclusioni normative. Il Piano cuzione alternativa della pena.
di edilizia penitenziaria recentemen- Si potrebbe inoltre potenziare l’ef-
te presentato dal Dipartimento del- carcerario fetto deterrente della detenzione do-
l’Amministrazione Penitenziaria miciliare facilitando il ricorso a più
(con un incremento di circa 17 mila stringenti forme di controllo a di-
posti) costituisce un buon punto di stanza. Si tratta, invero, di una possi-
partenza ma non è in grado di risol- bilità già prevista, ma nella prassi
vere il problema nell’immediato; do- operativa dei vari Tribunali di sorve-
vrebbe andare a regime solo nel glianza avviene di rado che siano ap-
2012, sempreché siano reperite le no- plicate forme di controllo del detenu-
tevoli risorse finanziarie necessarie. to domiciliare, anche per la ragione
È quindi opportuno riflettere sul che tali strumenti di controllo non
potenziamento del sistema delle mi- sono, all’atto pratico, disponibili in
sure alternative, riprendendo per numero adeguato presso le forze del-
esempio alcune proposte avanzate l’ordine. Si potrebbero istituire re-
anche sul piano politico: quella del parti o sezioni speciali della Polizia
rafforzamento degli strumenti della penitenziaria dedicati al controllo
detenzione domiciliare per le pene dei condannati in esecuzione di mi-
inferiori ai 2 anni (anche a mezzo di sure alternative alla detenzione (sul
particolari forme di controllo quali il modello statunitense del «poliziotto
braccialetto elettronico), e quella del- di sorveglianza» assegnato al dete-
l’espulsione degli stranieri condan- nuto ammesso alla libertà vigilata,
nati per pene inferiori ai 2 anni di- del quale controlla i movimenti).
sposta dal magistrato di sorveglian- Quanto alla presenza di extraco-
di COSIMO MARIA FERRI
za ai sensi del decreto legislativo n.
Componente del Consiglio munitari nell’ambito della popola-
286 del 1998. Superiore della Magistratura zione detenuta, potrebbe essere po-
Ancor più concretamente si po- tenziato lo strumento dell’espulsione
trebbero, a mio avviso, apportare al- una detenzione domiciliare, difficil- quale sanzione alternativa applicabi-
cune piccole modifiche all’ordina- mente si può pensare che anche un le da parte del Magistrato di sorve-
mento penitenziario tendenti a ri- ricettatore, un truffatore o un con- glianza ai sensi dell’art. 16 comma 5
muovere alcune di quelle preclusioni trabbandiere, recidivi reiterati, siano del decreto legislativo n. 286 del
normative che negli anni hanno reso portatori di una pericolosità sociale 1998. Così come è oggi strutturato,
più arduo il ricorso, da parte della tale da non poterla contenere con questo strumento perde ogni effetto
Magistratura di sorveglianza, all’ap- una detenzione domiciliare. deflattivo perché non riesce a supe-
plicazione di misure alternative ido- Invece, in concreto, accade che per rare alcuni problemi applicativi: la
nee a garantire un adeguato conteni- molte condanne, anche per pene bre- difficoltosa identificazione certa del-

«I
mento della pericolosità sociale del vi inferiori ai 3 anni e per reati di mo- lo straniero e del Paese di provenien-
condannato. È il caso della detenzio- desto allarme sociale, per il solo fatto za; il lungo lasso di tempo che passa
ne domiciliare, che consente ai con- prima che venga eseguito il decreto
dannati per pene inferiori ai 2 anni di di espulsione, spesso tale da soprag-
scontarle presso il proprio domicilio. giungere nel momento in cui lo stra-
Rispetto a questa misura, infatti, l Piano di edilizia niero abbia terminato di espiare la
mentre appare giustificata, in ragio- penitenziaria presentato, pena. Andrebbero snellite e accelera-
ne del maggior tasso di pericolosità te le procedure esecutive dell’espul-
sociale, la preclusione per quanti sia- se non può risolvere sione con particolare riguardo alle
no stati condannati per delitti quali subito il problema fasi di identificazione e di accompa-
ad esempio mafia, omicidio, spaccio gnamento del detenuto alla frontiera
di ingenti quantità di stupefacenti, del sovraffollamento da parte delle Questure competenti.
rapina aggravata, violenza sessuale delle carceri, è un buon In ogni caso, la ricerca di soluzioni
ed altri, non pare invece ineliminabi- in merito a questo delicato tema non
le la preclusione in forza della recidi- punto di partenza; vanno può prescindere dalla ripresa del
va reiterata. Tale divieto, infatti, non potenziate misure dialogo con gli operatori chiamati ad
applicare concretamente le norme, in
sempre è giustificato da un’effettiva
come detenzione

»
pericolosità sociale del condannato. un clima di costruttiva collaborazio-
In altri termini: se un recidivo rei- domiciliare ed espulsione ne che potrebbe essere favorita, cre-
terato, condannato per violenza ses-
suale o rapina aggravata, si può rite-
di stranieri condannati do, dall’istituzione di forme perma-
nenti di consultazione, consentendo
nere portatore di un grado di perico- per reati più lievi l’indispensabile apporto tecnico alla
losità sociale tanto elevato da non politica cui è demandata la responsa-
poter essere contenuto neanche con bilità della sintesi legislativa.
44 SPECCHIO
ECONOMICO

GIULIO PASCAZIO: BANCHE


ROMANE A NORD, a cura di
di SERENA
PURARELLI

MONTEPASCHI A ROMA

Giulio Pascazio,
responsabile del
Progetto Corporate
per il Lazio del MPS

U
n nuovo progetto per le mondo poco più di un anno fa, nel- nel luglio 2008 in qualità di vicediret-
imprese targato Monte- l’autunno 2008, forte di un’esperien- tore generale di MPS Capital Servi-
paschi per potenziare i za professionale interamente vissuta ces Banca per le Imprese, Pascazio ha
rapporti tra comparti nel settore, «con due tappe lunghe e assunto nell’autunno scorso la re-
commerciali e speciali- caratterizzanti». «Per dieci anni ho sponsabilità di questa nuova iniziati-
stici attraverso una nuo- lavorato alla Chase Manhattan Bank, va con la quale il Gruppo intende po-
va struttura articolata su base territo- a Roma, a Milano e successivamente tenziare le relazioni tra strutture
riale: questo l’obiettivo enunciato nel a Londra. Nel 1997 sono entrato nel commerciali e specialistiche, artico-
corso della presentazione del Proget- Mediocredito Centrale, dove sono ri- lando una struttura su base territo-
to Corporate per il Lazio nel novem- masto per altri dieci anni, assistendo riale in grado di operare costante-
bre scorso. «Intendiamo valorizzare a tutti i passaggi di proprietà dell’i- mente con tutti gli attori, dalla Pub-
di più le diversità regionali in tema stituto, all’epoca di diritto pubblico e blica Amministrazione alle associa-
di produzione, consumo, investi- interamente di proprietà del Tesoro: zioni di categoria, agli organismi di
menti, innovazione», dichiara Giulio dalla cessione alla Banca di Roma nel rappresentanza, alle imprese.
Pascazio, responsabile del Progetto dicembre 1999, alla nascita di Capita- «Tradizione e territorio sono da
stesso. Laureato in Economia alla lia nel luglio 2002, all’accorpamento sempre aspetti caratteristici della
Luiss, Pascazio è entrato a far parte nell’Unicredito, nel 2007». banca che deve il proprio nome alla
del team della banca più antica del Entrato nel Gruppo Montepaschi garanzia statale concessa nel 1624
Monte dei Paschi
SPECCHIO
ECONOMICO 45

«LdelaMonte di Siena
dal Granduca Ferdinando attraverso
il vincolo delle rendite dei pascoli
demaniali della Maremma, i Paschi
appunto». Terzo gruppo bancario
italiano, con quote di mercato di ri- decisione
lievo in tutte le aree di business, il dei
Gruppo Montepaschi è oggi attivo
nell’intero territorio nazionale e nelle Paschi di Siena storia molto particolare, privata e
principali piazze internazionali: l’o- di espandersi fuori autonoma. Questo ha reso la nostra
peratività spazia dall’attività banca-
ria tradizionale al private banking,
della Toscana e presenza nel Lazio più rilevante e ci
ha convinti che è il momento di pro-
alla finanza d’impresa, con una par- di cominciare dal Lazio porsi in modo più vicino all’impren-
ticolare vocazione verso la clientela
«famiglie» e verso le piccole e medie
dipende ditoria, e che Roma e il Lazio si pre-
sentano come il terreno più fertile.
imprese, in piena coerenza con le tra- dalla situazione Come ha sottolineato il nostro presi-
dizioni mercantili e bancarie del Me-
dioevo delle sue origini. «Ora come
economica dente, l’iniziativa non può dirsi un
esperimento perché siamo certi di
500 anni fa il nostro obiettivo è la di questa regione, riuscire. Il progetto parte da qui per
creazione di valore nel tempo, po- dalla localizzazione trasferirsi in altre regioni.
nendo attenzione prioritaria alla sod- D. Come si articola l’iniziativa?
disfazione dei clienti, allo sviluppo geografica della banca, R. Questa struttura ha la responsa-
professionale delle persone, agli inte- dalla rilevanza bilità di coordinare l’offerta di tutte
ressi degli azionisti e al territorio di le società del Gruppo, in vari seg-
riferimento». che assume menti di mercato, dalla grande im-
Domanda. Lei ha una grande espe- la presenza a Roma presa seguita da un’apposita struttu-
rienza, maturata in Italia e all’estero, ra del Montepaschi, alle medie e pic-
della Pubblica

»
in particolare nell’ambito dell’offerta cole. Inoltre dobbiamo guidare le
corporate, ossia di gruppo. Ci può il- Amministrazione banche prodotto, essenzialmente
lustrare la ratio di questa nuova ini- Montepaschi Capital Services per
ziativa e le ragioni che vi hanno por- centrale quanto riguarda
tato a scegliere il Lazio? la finanza strut-
Risposta. Il motore principale è turata e il capital
stato senza dubbio la volontà della market, e Mon-
Direzione generale di essere più vici- tepaschi Leasing
na al territorio di quanto non sia sta- and Factoring
to fatto in precedenza, ed è questa la per la locazione
ragione per cui la struttura che è sta- finanziaria e la
ta creata ad hoc fa capo alla capo- cessione di cre-
gruppo bancaria. Siamo un’appendi- diti. All’interno
ce di Siena che non risiede a Siena, di questa strut-
un’antenna che, grazie al canale di- tura intendiamo
retto e preferenziale con il centro, coprire tutta
possa comunicare e trasmettere me- l’offerta, dal
glio le esigenze dell’imprenditoria coordinamento
locale. Quanto alla scelta del Lazio delle piccole e
per il progetto pilota, le ragioni sono medie imprese
più di una, dalla situazione economi- all’accompagna-
ca della regione a quella geografica mento diretto
della banca, alla rilevanza del ruolo centro decisionale di almeno due dei large corporate, fino alle società
della Pubblica Amministrazione. grandi banche, per fare questo ora prodotto che, anche dal punto di vi-
D. Sono stati compiuti studi ed deve rivolgersi a Milano. Al contra- sta fisico, sono tutte a Roma.
esami in proposito? rio noi, grazie allo stesso meccani- D. Quando parla di grandi azien-
R. Si è partiti dalla considerazione smo delle acquisizioni, anche se non de, a quale si riferisce?
che la regione Lazio è la seconda eco- possiamo presentarci come romani, R. I large corporate romani sono
nomia dopo la Lombardia, che certa- possiamo però proporci come la più grandi gruppi. Alcuni hanno un pic-
mente ha spazi maggiori di questa, vicina tra le banche grandi. Per que- colo e medio indotto, come nel caso
che non manca davvero di banche. sto riteniamo di poterne comprende- della Finmeccanica. Inoltre vi sono
Inoltre, a parte una nostra tradizio- re meglio le esigenze. settori, come le telecomunicazioni,
nale vocazione verso quest’area, oc- D. Si riferisce al fatto che il Monte- che pur non avendo i più grandi ope-
corre ricordare che, in seguito agli paschi ha acquisito l’AntonVeneta e ratori di riferimento a Roma, hanno
accorpamenti bancari degli ultimi attraverso di essa la Banca Nazionale molte aziende che ruotano intorno.
anni, alcuni centri decisionali locali dell’Agricoltura? Poi c’è il settore pubblico che svolge
si sono trasferiti altrove. La banca di R. Esattamente. Il rafforzamento un duplice ruolo: accanto alla colla-
Roma per eccellenza, da cui era deri- della nostra presenza a Roma è av- borazione tradizionalmente diretta a
vata Capitalia, è stata assorbita dal- venuto proprio grazie alla BNA, un soddisfare le esigenze della Pubblica
l’Unicredit e la BNL, pur avendo autentico pezzo di storia dell’im- Amministrazione, vi è quella, più
mantenuto una presenza nella capi- prenditoria romana, e non solo per nuova, riguardante le partnership
tale è stata considerata l’appendice sportelli bancari. Se è vero che non pubblico-private per la realizzazione
di una banca estera, Paribas. Il tessu- tutto quello che si acquisisce attra- di opere pubbliche, di interesse gene-
to imprenditoriale di questa regione, verso un accorpamento si mantiene, rale. Mi riferisco a opere infrastruttu-
che era abituato a confrontarsi con il è anche vero che la BNA aveva una rali come la metropolitana, o di ri-
46 SPECCHIO
ECONOMICO

qualificazione urbana, come il rias-


setto dell’area degli ex Mercati Gene- BOEING. CONSEGNATI
rali o della vecchia Fiera di Roma. 481 AEREI NEL 2009. In
Opere per le quali la collaborazione linea con la previsione
pubblico-privato non necessariamen- di 480-485 unità, nel
te consiste nel finanziamento della 2009 la Boeing ha con-
banca all’ente pubblico o territoriale. segnato 481 aerei com-
Spesso si tratta di porre in essere ope- merciali mentre gli ordi-
razioni con una propria capacità di ni rimangono ancora
rimborso. In questi casi l’ente pubbli- numerosi, ammontan-
co deve intervenire principalmente do a 3.375. Quelli ac-
emanando i provvedimenti necessa- quisiti nell’ultimo anno
ri. Le opere di interesse generale ven- sono stati 263, scesi
gono realizzate con capitale privato poi a 142 a causa del
dopo essere state negoziate con l’ente calo registrato negli ul-
pubblico cui spetta la verifica dell’e- timi tempi dal traffico
secuzione. Il privato cerca il proprio aereo passeggeri e merci. Il 737 re il proprio bisogno di aerei nel bre-
tornaconto, ma in una logica che ser- Next Generation è stato il modello ve e medio termine. Il 15 dicembre
va l’interesse generale. trainante per la compagnia aerea, scorso il 787 Dreamliner ha compiu-
D. Come creare, ad esempio, i par- con 372 consegne; grazie alla sua to il primo volo, mentre il primo volo
cheggi necessari se appena si scava si efficienza e versatilità la Boeing ha del 747-8 Freighter è previsto per i
trovano reperti archeologici? ricevuto 197 ordini durante l’anno. primi mesi dell’anno. La Boeing pro-
R. È un settore di grande interesse Fra gli aerei a fusoliera larga il 777 è getta e costruisce elicotteri, sistemi
nel quale intendiamo svolgere un stato il campione, in quanto ritenuto elettronici e di difesa, missili, satelli-
ruolo attivo. Il tema delle infrastrut- il più affidabile ed efficiente oggi in ti, veicoli di lancio e sistemi avanzati
ture si lega a quello del turismo. Ne- servizio. Nel 2009 la recessione ha di informazione e di comunicazione.
gli ultimi anni c’è stato un calo di costretto molte compagnie a rivede- Ha clienti in oltre 90 Paesi.
presenze rispetto all’Europa; la rea-
lizzazione di infrastrutture può rap- DERBIGUM, 5 ETTARI DI PAN-
presentare un volano capace di far NELLI FOTOVOLTAICI. La Der-
recuperare alcune posizioni nel turi- bigum di Granarolo Emilia
smo, fondamentale per l’economia ha installato in Belgio, sui
della città e della regione. Occorre ri- tetti degli 8 padiglioni espo-
cordare che il turismo bisogna an- sitivi del Flanders Expo per
darlo a prendere dove c’è, deve esse- una superficie di 53 mila
re importato. Non arriva autonoma- metri quadrati, un impianto
mente, dobbiamo sollecitarlo. Berli- fotovoltaico da 1,87 me-
no ha fatto della musica un evento gawatt che produrrà 1,5 mi-
permanente intorno al quale hanno lioni di chilowatt all'anno, pa-
creato il turismo di chi si muove per ri al consumo elettrico di 454
andare a sentire un concerto. Sono famiglie. Il sistema usato,
stati bravi a sfruttare questo elemen- che unisce una base imper-
to; noi dovremmo sfruttare meglio le meabile ai pannelli fotovol-
nostre possibilità.
D. Nel Laziale il ruolo delle aziende
taici dell’Unisolar, garantisce una te- tato impatto estetico perché è inse-
nuta stagna. Posata la membrana rito nell'impermeabilizzazione del
sanitarie, farmaceutiche e biotecnolo- Derbisolar Base a freddo, si applica- tetto, è invisibile dal basso, è am-
gicheè rilevante; come utilizzarle?
R. I servizi sanitari rivelano l’effi-
no i pannelli fotovoltaici a film sottile, messo dal Conto Energia e gode
provvisti di un adesivo sulla faccia dei maggiori incentivi per la produ-
cienza della Pubblica Amministra- inferiore che si incolla al manto im- zione di energia fotovoltaica; non
zione. Soprattutto a sud di Roma so- permeabile. Vengono poi installati i necessita di perforazioni del tetto
no presenti molti centri di ricerca del raccordi elettrici tra i pannelli e la re- quindi non provoca infiltrazioni, è
settore farmaceutico, alcuni legati ad te, protetti da elementi esterni in pla- molto resistente; le celle fotovoltai-
aziende straniere. Sono attività che stica pratici per la manutenzione. Il che sono inserite in un materiale
necessitano di capitali e spesso so- sistema è molto leggero e ha un limi- sintetico invece che nel vetro.
prattutto una possibile integrazione
tra di loro. Alla necessità di capitale un elemento fondamentale per la indicazioni danno un riscontro posi-
si affianca la considerazione che in riuscita. Probabilmente questo è faci- tivo. C’è interesse per la nostra ini-
questo settore piccolo non è bello. le per un’imprenditoria giovane. ziativa. La migliore pubblicità devo-
Spesso si tratta di iniziative estempo- Non siamo in un ambito di forte ra- no essere i nuovi clienti, soprattutto
ranee, basate su un’idea, e metterne dicamento come nelle costruzioni, in un periodo di crisi durante il qua-
insieme più di una può essere deter- dove si suole portare avanti l’inizia- le anche le associazioni di categoria
minante per il successo. Così avviene tiva avviata da un padre o da un operano di più.
nelle telecomunicazioni, dove c’è bi- nonno. È tutto molto giovane, recen- D. Qual’è al momento la vostra
sogno di innovazione dopo lo spon- te, non c’è neanche il nome in ditta. presenza nel Lazio?
taneismo iniziale. Tutte quelle picco- Spesso è il prodotto, non il nome del R. Abbiamo circa 300 sportelli nel-
le iniziative ora hanno bisogno di in- fondatore a caratterizzare l’azienda. la regione, una parte dei quali deri-
novare per crescere, perché non ba- D. Quali le vostre aspettative? vati dall’acquisizione dell’AntonVe-
sta più l’idea quasi banale di chi die- R. Ci siamo prefissati di raggiun- neta e della BNA, soprattutto a sud
ci anni fa ha creato l’azienda; non è gere rapidamente dei target; entro il di Roma. La ripartizione è regolata
più sufficiente, occorre ricercare, svi- primo semestre 2010 contiamo di ac- su base provinciale dall’Antitrust e
luppare, le aggregazioni diventano quisire circa 500-600 nomi. Le prime dalla Banca d’Italia.
48 SPECCHIO
ECONOMICO

Ministero dell’Economia e
Il delle Finanze con il decreto
del 23 settembre 2009 ha ema-
nato le nuove norme sulla «Classifi-
BANCHE, INTERESSI, USURA

cazione delle operazioni creditizie


per categorie omogenee ai fini della QUEL CHE CONVINCE E QUEL
rilevazione dei tassi effettivi globali
medi praticati dalle banche e dagli in-
termediari finanziari». Con il decreto, CHE NON CONVINCE DEL NUOVO
dal primo gennaio 2010 sono entrate
in vigore le nuove rilevazioni elabo-
rate dalla Banca d’Italia. La nuova CALCOLO DI «SPESE» BANCARIE
normativa recupera interamente la
lettera e lo spirito della legge 106/08,
cosiddetta legge antiusura, preve- superamento dello scoperto auto-
dendo che, nella rilevazione dei tassi rizzato e la commissione di massi-
effettivi globali medi delle singole ca- mo scoperto se applicata. Dal calco-
tegorie di operazioni, praticati dagli lo del Tasso effettivo rimangono
intermediari, oltre il tasso di interesse escluse le imposte, le tasse e le spe-
siano previste tutte le commissioni, se notarili sia per onorario che per
remunerazioni a qualsiasi titolo e la documentazione necessaria per la
spese a carico della clientela. concessione del finanziamento: vi-
Il nuovo calcolo del Tasso effetti- sure catastali, iscrizione nei pubbli-
vo prevede quindi che concorrano ci registri ecc.; sono anche escluse le
alla sua formazione le spese di spese del conto corrente aperto per
istruttoria, di revisione del finan- la gestione del finanziamento, gli
ziamento e, se previste, quelle di interessi di mora o simili, le penali
chiusura della pratica o di liquida- per estinzione anticipata del finan-
zione degli interessi se connesse ziamento.
con l’operazione di finanziamento, La nuova rilevazione ha cambiato
addebitate con cadenza periodica molto nelle categorie di finanzia-
(di norma trimestrale); di riscossio- mento, inserendone nuove sia come
ne dei rimborsi e di incasso delle ra- di FABIO PICCIOLINI prodotto che come importo. Tra l’al-
te; per il servizio di trattenuta dello Segretario nazionale tro sono state inserite la categoria
stipendio o della pensione; quelle dell’ADICONSUM dello scoperto di conto senza affida-
per servizi accessori quali spese di mento e del credito revolving; alcu-
custodia, di pegno, per le perizie e mediario, ma anche se la polizza sia ne categorie sono state fortemente
postali; e di ogni altro costo, inseri- stipulata direttamente dal cliente. modificate come il credito personale
to nel contratto, da pagare per la Infine, riguardo alle aperture di e alle imprese, il leasing «spacchet-
concessione del finanziamento. credito in conto corrente, autorizza- tato» nelle varie tipologie: strumen-
Oltre a questi costi, che già erano te o meno, sono stati inseriti nel tale, immobiliare, aeronavale. Il
previsti anche se spesso dimenticati Tasso effettivo i costi per la messa a nuovo metodo di rilevazione ha so-
in base a qualche artificio, sono sta- disposizione dei fondi in qualsiasi stanzialmente equiparato il TEGM
ti ricompresi nel calcolo i costi di modo denominate, le penali, quelli (tasso effettivo globale medio) con il

T
mediazione o di agenzia di operato- per scoperti non autorizzati o per TAEG (tasso annuo effettivo globa-
ri cui si servono gli intermediari. La le), il primo relativo all’insieme del-
nuova rilevazione porta anche chia- le operazioni delle singole categorie,
rezza tra intermediari, come voluto il secondo a quello delle singole
dalla Banca d’Italia, nei rapporti tra
intermediari e mediatori e agenti in
re esempi di tassi operazioni.
A questo punto è di tutta eviden-
quanto i primi dovranno conoscere eccessivi: alcune za che le differenze derivanti dal
l’ammontare della commissione
chiesto al cliente dal mediatore-
rilevazioni trimestrali, confronto con le rilevazioni prece-
denti sono molte. Il nuovo metodo
agente. preoccupanti per molti è stato una sorpresa nega-
Altre voci ora comprese nel calco- soprattutto nell’attuale tiva, considerato che fin da quando
lo del tasso effettivo sono quelle as- è stata introdotta la legge 108/96 in
sicurative o per garanzie rilasciate stretta del credito; molti hanno contestato la rilevazio-
per tutelare l’intermediario sul rim- le differenze esistenti ne dei tassi di usura, anche con ar-
borso del credito, o per tutelare i di- gomenti senza alcun costrutto tipo
ritti del titolare, ad esempio incen- per categorie l’applicazione di prezzi (tassi) am-
dio e scoppio in caso di mutuo. comparabili; il tasso ministrati, assolutamente assurda in
Questi costi devono essere ricom- quanto i tassi sono calcolati sulla
presi nel calcolo sia nel caso che sia- certamente elevato media di mercato. La classificazione
no versati contemporaneamente alla per i mutui garantiti in vigore dal primo gennaio 2010 dà
concessione del finanziamento, sia ragione a chi, come chi scrive, da
nel caso siano determinanti per otte- con ipoteca anni sostiene che la rilevazione, co-
nere il credito. Importante anche il di primo grado me avvenuta fino al 2009, non con-
fatto che questi costi devono essere sentiva un’esatta valutazione dei co-
inseriti nel calcolo non solo se la po- sti a carico del consumatore e dava
lizza sia stipulata attraverso l’inter- un errato valore del TEG (Tasso ef-
SPECCHIO
ECONOMICO 49

Dal primo gennaio sono


entrate in vigore le nuove
rilevazioni dei tassi compiute
dalla Banca d’Italia (nella foto)

pari a zero o quasi, il funding per


quanto caro ha come riferimento un
euribor sotto l’1 per cento e un Eu-
rirs tra il 2 e il 3 per cento, e le ban-
che italiane non erano in situazione
particolarmente critiche rispetto a
quelle di altri Paesi. Per questi moti-
vi, il costo della raccolta non ha po-
tuto raggiungere livelli troppo ele-
vati. Se serve un parametro di riferi-
mento, anche se le motivazioni pos-
sono essere di altra natura, il siste-
ma bancario ha criticato il costo dei
fettivo globale). cisa continuità con le singole serie Tremonti bond che avevano un tas-
Era una certezza derivante da due storiche. Se si analizzano i tassi me- so non superiore all’8,50 per cento.
considerazioni. Una empirica basa- di, escludendo il factoring e i mutui Una successiva considerazione ri-
ta sulle informazioni che la clientela che hanno una garanzia reale e per i guarda le nuove categorie rilevate.
bancaria da anni denuncia ai propri quali comunque deve essere fatta La scelta della Banca d’Italia con-
legali, alle associazioni dei consu- una specifica valutazione, essi va- sente una migliore distinzione delle
matori e nei reclami alle banche, su riano dall’8,14 al 21,27 per cento, da singole operazioni, una migliore
costi molto superiori a quelli ripor- aumentare del 50 per cento per cal- scansione come fasce di importo ri-
tati come Tassi effettivi nelle infor- colare il tasso di soglia, con un au- levate. Infine, come era necessario
mazioni e, soprattutto, nei contratti mento oscillante tra l’1,13 e il 9,02 fare da tempo vista la trasformazio-
sottoscritti. L’altra più concreta, in per cento. Le differenze dimostrano ne di molti operatori del credito in
quanto derivante dall’articolo 2a quanto incidono i costi prima esclu- banca, l’unificazione degli interme-
della legge 108 (antiusura): «... tasso si e ora inseriti nel calcolo. diari, banche e società finanziarie,
effettivo globale medio, comprensi- Per quanto riguarda i mutui a tas- all’interno delle singole categorie di
vo di commissioni, di remunerazio- so sia fisso sia variabile, si riscontra operazioni. La decisione dell’Istitu-
ni a qualsiasi titolo e spese, escluse un aumento rispettivamente del to di vigilanza è più che condivisibi-
quelle per imposte e tasse, riferito 2,85 e dell’1,13 per cento, raggiun- le in quanto riduce gli spazi alle so-
ad anno, degli interessi praticati gendo l’8,04 e il 4,38 per cento come cietà finanziarie marginali, che han-
dalle banche e dagli intermediari fi- tasso medio. Un tasso certamente no quote di mercato quasi insignifi-
nanziari…». Una condizione, fino elevato per operazioni garantite con canti ma condizioni molto elevate,
ad oggi non rispettata se erano ipoteca di primo grado per un valo- quasi sempre al limite legale massi-
escluse dal calcolo del TEG assicu- re pari ad almeno 1,50 volte l’am- mo. L’unificazione degli interme-
razioni obbligatorie, commissione montare del mutuo e che non «scon- diari ha, peraltro, elevato il tasso
di massimo scoperto, spese di me- ta» due delle nuove voci inserite nel medio e ciò potrebbe divenire un
diazione. calcolo del TEG (commissione di vantaggio per le banche che potreb-
Una prima analisi della nuova massimo scoperto e assicurazioni bero applicare condizioni più eleva-
normativa comporta alcune consi- obbligatorie); quindi si dovrebbe ri- te rispetto al passato. La concorren-
derazioni. La prima riguarda l’inse- tenere che l’aumento dipenda dalle za e l’accortezza della clientela de-
rimento, come visto, di nuove cate- spese di mediazione, ma ciò non vono evitare che ciò accada.
gorie rilevate trimestralmente, per convince in quanto l’aumento è Se si volesse segnalare qualche
le quali quindi non è possibile fare molto diversificato. Inoltre, se sono possibile modifica, sembrano tre
confronti specifici, anche se alcune giuste le informazioni ufficiali sulla quelle possibili. Inserire nuovamen-
rilevazioni sono veramente preoc- sottoscrizione dei mutui, una larga te la categoria della cessione del
cupanti sempre, ma particolarmente percentuale di quelli sottoscritti non quinto. La motivazione va ricercata
in questo momento di crisi e di sono nuovi, ma derivano da rinego- in tre aspetti diversi. Il primo ri-
stretta del credito. Premesso, per ziazioni e surrogazioni, operazioni guarda l’inserimento nel TEG dei
memoria, che i tassi di usura sono in cui le spese di mediazione do- premi assicurativi e della commis-
pari al 150 per cento dei tassi medi vrebbero essere nulle o comunque sione di mediazione, situazione che
rilevati dalla Banca d’Italia, il tasso molto contenute. aumenta il costo medio della cate-
di soglia per gli scoperti di conto Tutte le condizioni rilevate riguar- goria in cui è inserita questa opera-
non autorizzati si avvicina al 45 per dano un periodo in cui i tassi sono zione, del cui costo non è possibile
cento, quello del credito revolving stati bassi come ora, e l’unica moti- avere un’esatta percezione.
al 38 e quello dei finanziamenti con- vazione che le banche possono ap- Il secondo concerne la differenza
cessi da banche, fino a 5 mila euro, portare a propria giustificazione è la tra i debitori e le condizioni a loro
intorno al 41 per cento. difficoltà di fare funding. Una giu- applicate. I dipendenti in servizio e i
L’altra, di non minore importan- stificazione che non sembra sosteni- pensionati, e tra questi quelli in con-
za, riguarda le differenze esistenti bile. Con la crisi economica e finan- venzione a condizioni molto basse e
per le categorie comparabili, pur ziaria che ha colpito tutto il mondo quelli non in convenzione. Sarebbe
precisando che le diversità della ri- e con la restrizione nella concessio- poi utile scorporare dalla categoria i
levazione non consentono una pre- ne di credito, i nuovi prestiti sono «finanziamenti concessi da banche»,
50 SPECCHIO
ECONOMICO

le operazioni su pegno che presen-


tano un costo molto elevato e peral-
SI RAFFORZA IL GRUPPO COSENTINO:
tro differenziato secondo il valore
QUARZO E PIETRA NATURALE. Multina-
del finanziamento, i rinnovi, il ri-
zionale spagnola operante nella pro-
scatto o meno della polizza.
duzione e distribuzione di superfici in
La terza è soprattutto un chiari-
quarzo e in pietra naturale, il Gruppo
mento da apportare sulla categoria
Cosentino ha acquistato il 50 per cen-
mutui e più in generale sui costi non
to delle azioni della propria gemella
obbligatori e non riportati nel TEG.
Cosentino Nord America, della quale
Sembra che debba essere chiarito
deteneva l’altro 50 per cento, per
l’aspetto delle assicurazioni non ob-
rafforzare la posizione della Cosenti- La sede centrale negli Stati Uniti
bligatorie ma che per tali, diretta-
no Nord America. Il Gruppo cercherà
mente o indirettamente vengono
di attuare il progetto dei Cosentino
fatte passare. Costi che devono esse-
Center, che forniscono un servizio tutto incluso di alta qualità per l’intera
re comunicati al cliente in maniera
gamma dei prodotti, e che riunisce marmisti, fabbricanti di cucine e bagni,
chiara, grazie anche alla nuova nor-
interior designer e consulenti. Fondato oltre 15 anni fa in Nord America con
mativa sulla trasparenza, ma inseriti
oltre 700 dipendenti in tutti gli Usa, il Canada e il Messico, il Gruppo dispo-
nel calcolo del TEG solo se conte-
ne di 14 capannoni negli Usa, 8 distributori all’ingrosso e 14 fabbriche. At-
stuali al contratto principale. Il nuo-
tualmente opera con oltre 5 mila negozi di cucina e bagno e fornisce pro-
vo complesso di norme, la prima ri-
dotti ai primi cinque Home Center americani, coinvolgendo oltre 6 mila ar-
levazione lo dimostra, modifica sen-
chitetti sparsi in tutto il Paese. Tre dei suoi marchi di riferimento per rivesti-
sibilmente il quadro in cui si inseri-
menti e superfici di lavoro sono tra i più richiesti dai clienti del Nord America:
scono i tassi di usura.
Silestone per le superfici in quarzo; Sensa per il granito; Eco by Cosentino,
L’opacità e l’onerosità delle condi-
per una clientela attenta all’ambiente.
zioni applicate è emersa in tutta la
sua entità. A poco o nulla sono ser-
AIR DOLOMITI SOCIA DI ASSAEREO GUIDATA DA LUPO RATTAZZI. Punto di rife-
vite le iniziative di trasparenza che
rimento per le aziende di trasporto aereo, l’Assaereo, presieduta da Lupo
negli anni si sono succedute, né l’in-
Rattazzi, ha un nuovo socio, l’Air Dolomiti. «La decisione di aderire all’As-
gresso di nuovi operatori e lo svi-
saereo è nata dalla consapevolezza che questa ha acquisito un ruolo più
luppo di nuovi prodotti. Avere in-
autorevole ed efficace per il miglioramento dei servizi alle aziende associa-
termediari che possono sentirsi au-
te e quindi ai passeggeri», ha spiegato il presidente dell’Air Dolomiti Mi-
torizzati a proporre tassi di interes-
chael Kraus, che ha designato Ivan Bassato, direttore generale di quest’ul-
se oltre il 40 per cento è ingiusto
tima, consigliere dell’associazione. «Avere tra i nostri soci un’azienda di
perché al costo si aggiunge il rischio
successo come l’Air Dolomiti è motivo di ulteriore prestigio per l’associazio-
di peggiorare la situazione dei sin-
ne», ha dichiarato Lupo Rattazzi.
goli debitori che, in pochi anni (2 o
3), vedranno raddoppiato il debito
MARINA MILITARE: IL CACCIATORPEDINIERE ANDREA DORIA
iniziale e saranno posti nella possi-
IMPEGNATO NELL’OPERAZIONE TUCANO. È partito il 21 gen-
bile condizione di dover accendere
naio dalla base navale di La Spezia il cacciatorpediniere
nuovi prestiti per rimborsare i vec-
Andrea Doria per la campagna navale in Oceano Atlantico
chi, in un circolo vizioso di difficile
denominata Tucano 2010, al comando del Capitano di Va-
rottura.
scello Giacinto Ottaviani con un equipaggio di 189 tra uo-
Tassi oltre il 40 per cento potreb-
mini e donne e un elicottero imbarcato. La nave, con ele-
bero essere considerati un’eccezione
vate capacità di difesa aerea e dotata di strutture in grado
o una patologia di clienti che hanno
di imbarcare un complesso comando operativo in contesti
difficoltà economiche, ma la situa-
multinazionali, farà sosta in Spagna, Brasile, Senegal,
zione non è migliore per uno dei
Marocco e rientrerà in Italia il 10 aprile. Lo scopo è quello
mezzi di pagamento più utilizzati:
di rafforzare la cooperazione con le Marine dei Paesi visi-
la carta di credito. Nel recente pas-
tati, svolgere attività addestrative, contribuire alla sorve-
sato erano state sollevate polemiche
glianza marittima, rappresentare l’industria nazionale della Il cacciatorpediniere

per condizioni che erano già consi-


difesa e sostenere l’attività diplomatica italiana all’estero. Andrea Doria

derate esose in quanto superiori al


20 per cento; oggi le condizioni me- nunciata una più o meno forte ripre- siasi servizio pagandolo quasi il
die sono intorno al 25 per cento e sa, che non può che basarsi su alcu- doppio del suo valore; la conse-
quelle di usura poco sotto il 40. Con- ni fondamentali: maggior reddito, guenza è che gli acquisti latitano e la
dizioni che fanno riconsiderare la minore fiscalità, ripresa dei consu- ripresa, tanto annunciata, è sostan-
cosiddetta «guerra al contante» che mi. Sui primi due elementi non è zialmente ferma. Le banche hanno
le banche hanno avviato da anni per possibile agire, altrimenti si riduce la grande responsabilità della crisi
ridurre i costi della sua circolazione, la possibilità di agganciare la ripre- mondiale, ed è un fatto marginale
calcolata in circa 10 miliardi di euro sa alla luce dei conti pubblici e delle che le quelle italiane abbiano rispo-
l’anno, e per ridurre i rischi di im- imprese. L’unico punto su cui agire sto meglio di altre. Per alcuni com-
prese e consumatori. Alla luce dei è, quindi, la ripresa dei consumi per parti, come per i mutui fondiari o
costi delle carte sembra che la le famiglie, e negli acquisti l’Italia è per i debiti delle imprese, hanno
«guerra al contante» sia un business sempre più un Paese europeo utiliz- condiviso la necessità di fare un
ancora più conveniente. zando in misura crescente il credito passo indietro, sottoscrivendo pri-
Da ultimo, una riflessione sulle rateale; alcuni comparti come l’auto ma un accordo con Confindustria,
condizioni applicate in rapporto alla si reggono soprattutto sul credito poi uno con le rappresentanze della
crisi economica e finanziaria è es- rateale. clientela. Ora è necessario che agi-
senziale. L’attuale crisi da molti è Alle condizioni attuali nessuno scano almeno su altri due fronti, la
considerata conclusa o comunque in può pensare che un consumatore ac- riduzione dei costi e lo sviluppo di
forte rallentamento, mentre è prean- quisti un qualsiasi bene o un quak- prodotti sicuri, chiari e alla «portata
SPECCHIO
ECONOMICO 53
el processo di ammodernamento e che, nonostante la difficile congiuntura
AGUSTAWESTLAND
N potenziamento di uno scalo chiave
al servizio della città di Roma, del-
la Regione Lazio e dell’intero Pae-
se, si conferma l’aspirazione del-
Giuseppe Orsi:
economica, la voglia di modernizzazione
in Italia è alta, «significa che vi è grande
interesse a valutare e a cogliere le occa-
sioni di progresso; che la classe dirigente
l’Aeroporto di Roma Urbe a divenire il è pronta a usare lo strumento dell’innova-
punto di riferimento sia per il traffico di zione a favore dell’aumento della compe-
aviazione generale, sia per quello elicotte-
ristico, per fini istituzionali ma anche di
Solo da uno scalo titività del Paese».
L’auspicata evoluzione avrà benefiche
«business aviation» e trasporto passegge-
ri. Su questa scia esso inaugura un nuovo
moderno decolla ricadute sull’economia italiana, come
conferma uno studio di The European
terminal, realizzato con fondi dell’Enac
per un intervento di circa 800 mila euro, e l’Italia del domani House Ambrosetti nel sottolineare i costi
di un’insufficiente mobilità accanto alle
dà seguito a un dato: nonostante la crisi, il reali opportunità di miglioramento: quasi
settore aeronautico cresce in modo rapido 5 miliardi di ore, altrimenti attive, perse
e significativo e ciò, unito a una forte do- ogni anno a livello nazionale; 250 ore al-
manda di mobilità e di spazi aerei e infra- l’anno sprecate da ogni automobilista
strutturali, rimanda a quella keynesiana nell’area romana o milanese secondo
mano invisibile che regola le leggi di mer- l’Aci; l’opportunità di recuperare annual-
cato: alla domanda deve corrispondere mente da 3 a 9 miliardi di euro di PIL in
un’adeguata offerta di trasporto aereo. uno sviluppo integrato della mobilità.
Nel quadro degli interventi dell’Aero- La componente di trasporto a decollo
porto di Roma Urbe delineati nel Piano verticale ha un potenziale ancora intatto,
elaborato dall’Enac, si inseriscono anche particolarmente significativo per le aree e
la realizzazione del nuovo fabbricato po- per le attività trainanti lo sviluppo econo-
lifunzionale, la rotazione della pista di mico. Il costruttore AgustaWestland ha
volo per consentire di disporre di una L’ing. Giuseppe Orsi, «l’orgoglio di aver portato l’Italia in posi-
amministratore delegato
nuova nel rispetto degli studi di compati- di AgustaWestland zione di leadership mondiale nel settore
bilità ambientale, la riqualificazione delle degli elicotteri», ed ora intende farlo an-
infrastrutture esistenti e la realizzazione che nella fase dell’impiego di questi mez-
di un eliporto aperto 24 ore su 24, tale da di ROMINA CIUFFA zi: «Riusciremmo così a realizzare in Ita-
consentire attività istituzionali, di soccor- lia quel binomio in cui l’eccellenza del
so e di protezione civile. Proprio rispetto prodotto si affianca a quella del servizio

In occasione
a quest’ultimo passaggio, la sperimenta- che il prodotto può generare».

dell’inaugurazione del nuovo


zione della rotta di volo strumentale IFR Il progresso tecnologico e lo sviluppo
a bassa quota Torino-Venezia, dedicata delle infrastrutture consentono ai velivoli

Terminal per Aviazione


esclusivamente agli elicotteri e resa pos- ad ala rotante di volare in ogni condizio-

generale nell’Aeroporto -
sibile dalle sinergie tra l’Enac, l’Enav e ne meteorologica, di operare da vertiporti
AgustaWestland con il supporto dell’Ae- urbani o di utilizzare scali aeroportuali si-
Vertiporto di Roma Urbe,
ronautica Militare, ha reso evidente la multaneamente agli aerei ad ala fissa ma

l’AgustaWestland auspica
maturità tecnologica di un mezzo in gra- su rotte dedicate, permettendo all'ala ro-

che l’uso del mezzo ad ala


do oggi di porsi alla portata di un’utenza tante di esprimere nel modo migliore le
diffusa a costi comparabili con quelli di peculiarità della propria flessibilità ope-
rotante sia incrementato
altri mezzi di trasporto, ma con minori rativa. «Con l’inaugurazione del nuovo

fino a decongestionare
impatti ambientali. terminal sono state poste le prime solide

le infrastrutture
Lo ricorda l’amministratore delegato basi per la messa a punto di concrete pos-
di AgustaWestland, Giuseppe Orsi, di- sibilità di realizzazione di nuove ed avan-

e restituire
nanzi ad Altero Matteoli, ministro delle zate strutture vertiportuali–sottolinea Or-

gli investimenti in termini


Infrastrutture e dei Trasporti, Vito Riggio si–. Anche Milano avrà presto una base
e Alessio Quaranta, presidente il primo,
di tempo recuperato
vertiportuale nell’aeroporto di Bresso.
direttore generale il secondo dell’Enac, e Queste realizzazioni costituiranno i car-
per l’Enav Guido Pugliesi, amministrato- dini operativi e logistici di reti regionali e
re delegato, oltre al sindaco di Roma transregionali di mobilità aerea capillare
Gianni Alemanno, all’assessore alla Mo- e collegata con gli altri vettori».
bilità della Regione Lazio Franco Dalia,
al presidente della Società Acqua Pia An- Il nuovo Terminal per Aviazione generale dell’Aeroporto di Roma Urbe;
tica Marcia Francesco B. Caltagirone, al sono visibili un elicottero AgustaWestland AW139 e due AW Grand
presidente dell’Associazione Costruttori
Edili di Roma Eugenio Batelli e alle altre
personalità presenti.
Specifica Orsi: oggi l’elicottero, doma-
ni il convertiplano. «L’inaugurazione è il
primo importante tassello di un domino
virtuoso che auspichiamo possa presto
portare a un sistema di eliporti e di verti-
porti distribuiti organicamente nel territo-
rio. È per noi motivo di grande soddisfa-
zione constatare l’elevata sensibilità e at-
tenzione dei rappresentanti del Governo,
delle Amministrazioni e dell’imprendito-
ria». Ciò per AgustaWestland significa
SPECCHIO
ECONOMICO 67
a prima esposizione internazionale no acquisite da una stazione locale il cui

L organizzata in Italia dedicata al


mondo dell’aeronautica, dall’ultra-
leggero al satellite, dal 21 al 24
gennaio è stata ospitata dall’Aero-
Aeronautica e Aerospazio

Dagli ultraleggeri
funzionamento si basa sulla ricezione di
un particolare tipo di messaggio trasmes-
so dai transponder a bordo degli aerei.
La Provincia e la Camera di Commer-
porto di Roma Urbe, gestito dall’Ente cio di Isernia sono intervenute per illu-
Nazionale di Aviazione Civile, per fare il
punto sullo sviluppo e sulle prospettive
del settore aeroportuale, dagli equipag-
ai satelliti strare le prospettive di sviluppo economi-
co e turistico legate alla realizzazione di
un aeroporto nel Molise, abbinandolo al-
giamenti per l’handling ai sistemi di ge-
stione bagagli, dall’ATC ai sistemi di si-
un Gate è aperto la promozione del territorio e invitando i
possessori di aerei da turismo a rinnovare
curezza per gli accessi, dalla Linea Pas-
seggeri alla gestione del Cargo, con una al XXI secolo il proprio interesse per la regione anche
con l’uso di aviosuperfici e aeroporti mi-
particolare attenzione al mondo del low- nori, in un momento in cui, nonostante
cost e dei sistemi aeroportuali minori. l’avversa congiuntura economica, il mez-
Con il patrocinio e la presenza di Enac, zo di trasporto aereo, soprattutto privato,
Enav, Asi e Cira, con la presenza dell’Ae- non cessa di essere usato. In proposito
ronautica Militare e dell’Aero Club d’Ita- l’Unica - Unione nazionale del Comparto
lia, il patrocinio del Ministero dello Svi- Aviazione - cita rilevazioni statistiche
luppo Economico, della Fondazione 8 che fanno prevedere per il 2020 un rad-
Ottobre e del Comune di Roma, la parte- doppio dei transiti aerei e, con essi, il rad-
cipazione dell’Ada-Associazione Donne doppio delle capacità aeroportuali, del-
dell’Aria presieduta da Fiorenza De Ber- l’indotto, dell’occupazione e dei fatturati
nardi, prima pilota commerciale italiana di chi opera nella filiera del volo.
(occasione per mostrare l’esposizione È coniugata all’evento una situazione
«Aquile rosa: storie di aviatrici 1910- eccezionale: l’apertura dell’Aeroporto di
50»), il Gate XXI ha incontrato delega- Roma Urbe, dedicato ai mezzi di aviazio-
zioni bulgare, marocchine, russe, israe- ne generale, anche ai mezzi ultraleggeri
liane e ungheresi, visitatori e compratori legati al volo da diporto sportivo (Vds),
provenienti da tutta Italia e dai Paesi eu- entrati così nella proiezione terra-spazio
ropei, con particolare attenzione all’area con un riconoscimento formale. Ad essi è
dell’Est europeo e del Nord Africa. stato quindi consentito l’ingresso nel cir-
Proseguendo nel proprio progetto di- cuito aeroportuale, rendendo Roma per 4
retto a candidare l’Urbe ad aeroporto cit- giorni cielo per tutti, mentre il convegno
tadino per l’aviazione generale e il volo di ROMINA CIUFFA sulle prospettive del volo ultraleggero nel
business con interventi strutturali di ri- sistema di mobilità aerea ha affrontato i
qualificazione per circa 4 milioni di euro, tonda «Lo spazio oltre la Terra - Viaggio temi più attuali riguardanti la regolamen-
l’Enac accoglie in questo modo una vetri- verso il futuro», e la cui tuta indossata in tazione legislativa della disciplina del
na dell’aerospaziale, settore che proprio una missione è rimasta esposta come Vds nel rispetto dei principi atti a garan-
nel Lazio ha il più grande distretto tecno- simbolo di integrazione tra aeroporto e tirne la pratica e lo sviluppo in sicurezza
logico, 30 mila occupati e un fatturato di spazio, in una finestra sul futuro basata e la tutela degli interessi di coloro che, a
5 miliardi di euro. Con questa prima edi- sulla capacità di creare soluzioni per i vario titolo, lo praticano.
zione del Gate XXI - in termini aeronau- problemi attuali, soprattutto ambientali. In particolare, sono state illustrate le li-
tici il nome richiama l’accesso del com- Fra i partecipanti si è notata la presenza nee guida del nuovo regolamento n.
parto aerospaziale al 21esimo secolo - della Selex Sistemi Integrati - società del 404/88 che consentirà, dai primi mesi del
l’Enac partecipa all’iniziativa di svilup- Gruppo Finmeccanica che opera nella 2010, agli «aeromobili» ultraleggeri di
pare il settore fornendo agli operatori progettazione e realizzazione di sistemi utilizzare gli scali sinora riservati esclusi-
coinvolti un punto di riferimento, in pro- per la gestione e il controllo del traffico vamente all’aviazione generale. A questo
gramma con cadenza biennale, per gli ae- aereo - con uno stand nel quale è stata al- faceva riferimento Vito Riggio, presiden-
roporti e per l’aerospazio. lestita una consolle in cui, con l’impiego te dell’Enac, nella stessa sede nel corso
Rappresentante eccelso di quest’ultimo della tecnologia ASD-B, sono visibili i della precedente inaugurazione del nuo-
è Roberto Vittori, il cui videomessaggio è dati relativi alla posizione e all’identifica- vo Terminal per l’aviazione generale, af-
stato trasmesso nel corso della tavola ro- zione degli aerei. Le informazioni vengo- fermando l’importanza di un riconosci-
mento per il volo ultraleggero che ha reso
Un ultraleggero, il P2002 Sierra Turbo Charged della Tecnam, eccezionalmente possibile l’estensione di una cultura del
in decollo dall’Aeroporto di Roma Urbe. Sopra, l’atterraggio di un altro volo e del turismo diverso e integrativo.
velivolo VDS sulla pista solitamente dedicata ai mezzi di aviazione generale
L’ingresso dell’ultraleggero nell’aero-
porto dell’Urbe appare, allora, di dimen-
sioni più capienti. A rappresentarlo, tra
gli altri, Italo Marini, presidente della
Fly Roma, presente con gli aerei della
Tecnam Costruzioni Aeronautiche, fon-
data dai fratelli Pascale ed oggi viva nel
polo aerospaziale campano come realtà
di elevata taratura; ma soprattutto il nuo-
vissimo bimotore leggero P2006T, qua-
driposto certificato il 5 giugno 2009 nel-
la categoria CS23 dall’Agenzia Europea
per la Sicurezza Aerea, con cui è giunto,
pilotandolo, il direttore generale della
Tecnam Paolo Pascale.
MASSIMO MONDINI: MUSEO STORICO
76 SPECCHIO
ECONOMICO

DELL’AERONAUTICA, DOVE AT TERRANO


GLI AEREI CHE NON VOLANO PI Ù
a cura di
ROMINA
CIUFFA

Il Tenente Colonnello
Pilota Massimo
Mondini, direttore
del Museo Storico
dell’Aeronautica
Militare

G
li aerei sono fatti per vo- Valle, sulla sponda meridionale del po dello Stato Giovanni Leone, è sta-
lare; dopo il loro ultimo Lago di Bracciano, il più antico sito to voluto e realizzato dalla Forza Ar-
atterraggio, sono rotta- aeronautico d’Italia dove, nel 1907, il mata per dare degna collocazione alle
mi oppure cimeli? Rot- Maggiore del Genio Maurizio Mario memorie storiche e al patrimonio ae-
tami son stati fino agli Moris, padre dell’aviazione militare ronautico nazionale. Ha una superfi-
anni Settanta quando in Italia, impiantò il primo cantiere cie espositiva di circa 14 mila metri
nasce in Italia, in leggero ritardo ri- sperimentale aeronautico. Qui volò, quadrati, è disposto in quattro grandi
spetto ad altri Paesi nord europei, la nel 1908, il primo dirigibile militare padiglioni espositivi, di cui due sono
cultura della conservazione del ma- Italiano, l’N1, opera degli ingegneri hangar storici dei primi anni del
teriale storico aeronautico. Dopo di Gaetano Arturo Crocco e Ottavio Ri- 1900, ed accoglie nel proprio interno
allora, cimeli. Ma dove finiscono do- caldon, e nel 1912 il Tenente Manlio oltre 60 velivoli, una cospicua colle-
po l’ultimo volo? Si può dipingere di Ginocchio vi sperimentò con succes- zione di motori e centinaia di cimeli
blu un museo: l’unico in Italia e tra i so un idrovolante. Il Museo Storico che raccontano, in successione crono-
primi nel mondo è quello situato al- dell’Aeronautica Militare Italiana, logica, la storia del volo in Italia e
l’interno dell’Idroscalo di Vigna di inaugurato il 24 maggio 1977 dal Ca- quella degli uomini che ne furono
SPECCHIO
ECONOMICO 77
protagonisti. Il percorso si snoda at-
traverso i settori dedicati ai Pionieri,
ai Dirigibili, alla Prima Guerra Mon-
diale, all’epopea dei Voli Polari del
Generale Nobile, alle Grandi Crocie-
re Individuali e di Massa, alla Coppa
Schneider, alla Seconda Guerra Mon-
diale per concludersi, nell’ultimo pa-
diglione, con la rinascita dell’Aero-
nautica nel dopoguerra e con i veli-
voli a reazione attuali.
Lo dirige dal 2000 il Tenente Co-
lonnello Pilota Massimo Mondini,
presidente anche della Commissione
Restauri Velivoli Storici. Con all’atti-
vo 4.500 ore di volo, è in Aeronautica
dal 1972, fino al 1989 è stato pilota
«combat ready» nella 46esima Briga-
ta Aerea di Pisa - prima su un C119,
poi su un C130 Hercules - quindi ad- Uno Spad VII appartenuto a Fulco Ruffo di Calabria,
detto alle operazioni della II Regione

IL
esposto nel padiglione Troster del Museo
Aerea di Roma, Capo Sezione della
Tasmo (Tactical Air Support Mariti- conservare abbiamo compiuto una
me Operations) presso il Comando battaglia lunghissima per far ricono-
in Capo della Squadra Navale Italia- scere queste macchine come pezzi di
na e rappresentante dell’Italian Air Museo Storico archeologia aeronautica. È una
Force presso il Comando Nato del
Mediterraneo Centrale. Un uomo dell’Aeronautica Militare battaglia che dura tutt’oggi, ma è vin-
ta da un punto di vista formale, meno
con le ali che dirige un museo di ae- è tra i più grandi da un punto di vista sostanziale, per-
rei che non volano più.
Domanda. Da rottami a cimeli: co-
d’Europa e possiede, ché abbiamo ancora moltissimo da fa-
re in tema di restauri e inoltre non ab-
me è stato compiuto questo passo? per qualità e quantità, biamo ancora spazi sufficienti per l'e-
Risposta. Il Museo nasce dopo le
molte peripezie cui è incorso tutto il
una delle collezioni sposizione di ciò che giace in magaz-
zino. Eppure siamo tra i 5 musei più
materiale raccolto che dal 1913, anno di aerei e motori grandi nel mondo per collezione e per
della nascita del primo museo storico,
fino alla fine della seconda guerra
tra le più interessanti qualità, e in questo non dobbiamo in-
vidiare nessuno, anche se i musei in-
mondiale aveva trovato una sia pure nel mondo: mezzi glesi e gli americani sono i capofila
instabile collocazione in vari siti: dalla che nelle varie nel settore. Il risultato raggiunto in
costituzione della Forza Armata, av- questi anni è assolutamente soddisfa-
venuta nel 1923, il museo era stato epoche sono stati dati cente, ma occorre anche il contributo
prima dislocato presso la Reggia di in dotazione all’Aviazione di sponsor esterni all’Aeronautica.
Caserta e poi, negli anni Sessanta, Per questo sono in atto molti progetti
presso il Palazzo Millefonti di Torino. Italiana, tra cui pezzi rari di restauro, complessi e costosi. In
Nel dopoguerra non vi era più una o addirittura unici questi 10 anni, nel ruolo di direttore
sede dove custodire quanto si era sal- ho visto crescere di anno in anno la
vato dalle distruzioni del conflitto sensibilità verso i temi della conserva-
mondiale e da quelle procurate dal- zione e del restauro degli aerei storici
l’uomo. Solo una cultura della conser- e, grazie all’attenzione dello Stato
vazione del materiale storico, che in costruire alcuni degli aerei simbolo Maggiore, siamo riusciti a salvaguar-
Italia si è sviluppata negli anni Settan- della nostra Forza Armata siamo dare e restaurare più del 70 per cento
ta, ci permette oggi di conservare al- spesso ricorsi ad accordi e scambi del patrimonio raccolto, un lavoro im-
cuni dei cimeli dei velivoli in dotazio- con musei aeronautici stranieri; così pegnativo che ha incluso il rinnovo
ne alla Regia Aeronautica o prodotti è stato per il CR42 ricostruito da vari delle infrastrutture museali.
in Italia. pezzi donati da istituzioni svizzere e D. Come mai a Vigna di Valle?
D. Tale materiale consente di rap- svedesi e grazie a uno scambio con R. Una scelta dettata da molte ra-
presentare l’Italia nella sua tradizio- l’Imperial War Museum. Molti, in gioni. Innanzitutto Vigna di Valle è il
ne aeronautica? anni lontani, sono finiti per la gran sito aeronautico più antico in Italia,
R. Si tratta di una percentuale bas- parte distrutti senza che si pensasse dal quale è decollata la prima mac-
sissima rispetto a quella che è stata come dietro a queste macchine ci fos- china volante italiana, il dirigibile
l’importanza dell’Italia nel panora- sero il genio italiano, la progettazio- N1, nel 1908, antecedente al volo del
ma mondiale aeronautico: parliamo ne, l’industria, la società. Il nostro è 1909 di Wilbur Wright a Centocelle
di meno del 3 per cento di tutta la no- un museo di aeroplani, ma anche del con il Tenente di Vascello Mario Cal-
stra produzione. I velivoli e il mate- design e della società, poiché in esso derara e il Tenente del Genio Umber-
riale aeronautico venivano conside- è visibile lo sviluppo della tecnologia to Savoia, considerato il primo volo
rati rottami e distrutti. Del CR42, co- insieme al lavoro di chi l’ha creata. di un aereo «militare» in Italia. Vigna
struito in 1.800 esemplari alla fine D. Com’è oggi la considerazione di Valle è anche il primo cantiere
degli anni Trenta, e dell’S.55, forse delle macchine aeronautiche non più sperimentale aeronautico presente
l'aeroplano più importante degli an- operative? nel nostro territorio, istituito dal Ge-
ni Venti, quello delle crociere di Italo R. Proprio per dare una sede ido- nio. La scelta di questo sito è stata
Balbo, non esistono esemplari. Per ri- nea e dignitosa a ciò che si è riusciti a dettata anche dalla convenienza: era-
78 SPECCHIO
ECONOMICO

no infatti a disposizione degli hangar


storici e sin dal 1964 Vigna di Valle
era divenuto un centro di raccolta di
velivoli storici, dopo di allora si è ri-
tenuto che fosse il luogo migliore per
ospitare un museo.
D. Su cosa si compie il restauro?
R. La punta di diamante riguarda la
collezione esposta, ma dietro vi sono
diversi dipartimenti. Dal punto di vi-
sta organizzativo è un museo moder-
no, con 4 mila metri quadrati di offici-
ne di restauro e personale specializza-
to. Inserito nel Museo, ma non aperto
al pubblico, c’è inoltre il Centro Docu-
mentazione Umberto Nobile, che con-
serva la biblioteca e gli archivi perso-
nali di illustri personaggi della storia
aeronautica italiana. Questo materiale
- migliaia di volumi aeronautici e do-
cumentazione fotografica di enorme Sotto, un idrovolante Macchi Mc-72 in esposizione
Sopra, una sala del Museo Storico dell’Aeronautica Militare.
interesse scientifico - è messo a dispo-
sizione di storici e ricercatori prove-
nienti da tutto il mondo.
D. Progetti per il 2010?
R. È prevista l’ultimazione del re-
stauro di un velivolo significativo
per la storia dell’Aeronautica, il Ro-
meo Ro.43, idrovolante imbarcato
sugli incrociatori italiani per la rico-
gnizioni, utilizzato anche per la cac-
cia marittima, di cui stiamo comple-
tando il restauro; abbiamo in atto un
altro recupero avente per oggetto un
Ro.37 trovato in Afghanistan.
D. Come descriverebbe il museo?
R. Il nostro non è soltanto un mu-
seo aeronautico ma è un contenitore
culturale per il territorio e per il Pae-
se. Non facciamo soltanto accoglien-
za ai visitatori, ma svolgiamo corsi e
convegni, ospitiamo mostre di pittu-
ra, spettacoli teatrali, concerti, come piute dai volontari dell’Associazione avanti il CR32, il CR42 e il Campini
viene indicato nelle linee guida del Arma Aeronautica di Bracciano e dal Caproni CC1, primo aereo a reazio-
Ministero per i Beni culturali: un mu- personale del Museo. Sono aumenta- ne italiano del 1939. Nel padiglione
seo deve essere la casa della cultura, te le richieste di informazioni da par- Badoni sono presenti i grandi veli-
non un cimitero. È inoltre in pro- te di ricercatori, curiosi, appassionati, voli (S79, SM82, G212, C47) e i cac-
gramma la pubblicazione online, al- grazie soprattutto alla pubblicazione cia della Seconda Guerra Mondiale
l’interno del sito web del Museo Sto- online del portale del Museo. Nel (la serie 200 dei Macchi, il Fiat G.55,
rico, dell’elenco delle monografie 2008 abbiamo avuto il picco massimo lo Spitfire e il Mustang), mentre nel-
consultabili presso il Centro Docu- degli ultimi 10 anni, con 68 mila visi- l’ultimo padiglione, lo Skema, è vi-
mentazione. tatori, record che ha superato quello sibile lo sviluppo dell’Aeronautica
D. Quali rapporti internazionali delle 62 mila presenze del 2002. Militare, attraverso gli aerei in dota-
intrattenete? D. Cosa espone il Museo? zione, dal 1950 ai nostri giorni. Ab-
R. Oltre alle consolidate collabo- R. All’interno dei padiglioni espo- biamo il motore più antico del mon-
razioni con enti e musei come, in sitivi sono custoditi aerei che nelle do, quello di Wright del 1907, e l’ab-
Germania, lo Zeppelin e il Museo varie epoche sono stati in dotazione biamo messo in moto per il centena-
della Tecnica di Berlino, o lo Spit- all’Aviazione Italiana, tra cui pezzi rio del volo.
sbergen Airship Museum norvege- rari o unici. Nel padiglione Troster D. Tra le vostre attività, tenete
se, sono in corso le trattative con il (hangar storico del 1914), oltre agli corsi di restauro. A chi sono diretti?
Museo Del Aire di Madrid per il re- aerei caccia della Prima Guerra R. È il primo corso approvato in
stauro di due esemplari di Ro.37bis Mondiale, tra i quali lo SPAD VII Italia di restauro aeronautico, per noi
che, una volta ricondizionati, arric- appartenuto a Fulco Ruffo di Cala- una pietra miliare, per cui spero pos-
chirebbero le collezioni di entrambe bria, si possono ammirare il grande sano attuarsi delle collaborazioni con
le istituzioni museali. L’Aeronautica bombardiere Ca3 e il Lohner 127, le università. Il nostro è rivolto a tut-
cura anche allestimenti esterni, all’I- idrovolante austriaco del 1915, ulti- ti gli enti dell’aeronautica militare e a
talia e all’estero. mo esemplare rimasto nel mondo. tutti gli specialisti.
D. Chi sono i visitatori del museo? Nel padiglione Velo, tra gli altri è D. Continua a volare?
R. Nel corso del 2009 si è registrata esposto il Macchi MC72, idrovolan- R. Per un certo periodo ho conti-
una presenza di 53 mila visitatori e te che ancora detiene il record di ve- nuato a volare, adesso purtroppo gli
400 sono state le visite guidate com- locità conquistato nel 1934; più impegni sono tantissimi. Ma volo
66 SPECCHIO
ECONOMICO

obiezione principale, quando si sidenti occasionali, possessori di visto (di

L’ parla di America e di americani co-


me si guarda l’erba più verde del
vicino, è questa: «Sì, ma quanti
senzatetto sono per strada?». Il di-
AMERICA AMERICA quale visto?), lavoratori a contratto, lati-
nos e così via; per ora i testi elaborati dal-
la Camera dei Rappresentanti (che esten-
de la copertura a 36 milioni di americani)
battito si accende e qualcuno replica:
«Come se in Italia non ne avessimo» e
Riforma sanitaria, e dal Senato (che ne considera 5 milioni
in meno), di circa 2 mila pagine ciascuno,
un’altra voce aggiunge, retoricamente:
«Sono ovunque, questi sono luoghi co-
(gazza) ladra non sono conformi e, prima di arrivare al-
la Casa Bianca sull’onda oceanica più
muni!». Poi eccola, lei, l’Obiezione: «Ne-
gli Stati Uniti, però, l’assicurazione non in casa dei ladri grande per la firma definitiva di un gran-
de surfista, dovranno essere armonizzati.
paga, si può anche morire sotto un ponte, Quindi la notizia cattiva: nel Massa-
nessuno si fermerà a prestare aiuto, tanto- chusetts il seggio senatoriale, per 60 anni
meno un ente assistenziale». Vero. Ed è dei Kennedy è andato, il 20 gennaio, a un
ammesso il rifiuto di fornire copertura a repubblicano, Scott Brown, grazie allo
persone già ammalate (nulla di nuovo per slogan «mi chiamo Scott e guido un fur-
le nostre assicurazioni private, una delle gone», ai tempi dell’Università mezzo
quali a una leucemica ha elevato il premio nudo sulla copertina di Cosmopolitan e
assicurativo fino a 5 mila euro mensili). oggi determinato a fermare una riforma
Fino al precedente Governo si mette- sanitaria «a 9 zeri che gli elettori non vo-
vano sotto accusa gli Usa, dove la medi- gliono e che viene imposta all’America»,
cina è sempre stata un lusso da ricchi. privando i democratici nella Camera Alta
Oggi non si tratta solo di assicurare una della maggioranza qualificata di 60 sena-
copertura a chi ne è sprovvisto (circa il 96 tori su 100 indispensabile per approvare
per cento della popolazione complessiva) la riforma senza ostruzionismo da parte
ma anche di consentire a chi è coperto di dell’opposizione repubblicana. Com-
pagare i premi in un momento di crisi co- menta Obama: «Preferisco essere un
me quello attuale, per il quale è opportu- di ROMINA CIUFFA buon presidente per un mandato che un
no l’uso del termine «lastrico». Del buo- presidente mediocre per due». E il mon-
no c’è: l’assicurazione copre spese sani- sa - ma, mentre studiano, il costo degli do ricorda come il neoministro della Sa-
tarie che in Italia non sono contemplate interessi si eleva a tal punto da costrin- nità Tom Daschle si ritirò prima ancora
(dal chiropratico al chirurgo estetico); gerli ad indebitarsi sino ad entrare in una che la nomina arrivasse al Congresso per
inoltre, la flessibilità del lavoro consente spirale vorticosa di dubbia uscita. evasione fiscale: un presagio? Kathleen
di offrire pacchetti retributivi nei quali Barak Obama, di origine hawaiiana, ha Sebelius, 44esimo governatore del Kan-
non sempre la busta paga è la voce di ri- avuto con il 2010 una buona e una cattiva sas, è ora al suo posto.
lievo, oscurata da un’adeguata copertura notizia. Prima la buona: con 60 voti a fa- La gazza ladra, che attratta dal lucci-
sanitaria che rende l’impiego appetibile vore (ne bastavano 51) il Senato ha ap- chio di recente si è intrufolata in un party
nonostante un salario inferiore. provato la normativa che nell’arco di 10 dato alla Casa Bianca violando tutti i
Anche per questo il mercato risulta anni estenderà, una volta concluso l’iter, controlli di sicurezza, ammonisce: non si
estremamente elastico e consente agli l’assistenza sanitaria agli americani che canti vittoria troppo presto, qui si ruba in
americani una scelta lavorativa più ri- ne sono sprovvisti. A novembre la Came- casa dei ladri. Insiste, lei che è ladra. Il
spondente alle proprie esigenze. In sol- ra aveva dato 220 voti a favore (uno dei presidente è come l’acqua santa in una
doni, non si è vincolati a vita allo stesso quali proveniente dalle fila repubblicane) Chiesa: la si tocca, ci si bagna ma intanto
lavoro, come un cane alle proprie catene, e 215 contro («un voto storico», l’aveva si prega, si attende il miracolo. Mentre i
ma è generalmente data la possibilità di definito Obama, reattivo nel mantenere le surfisti cavalcano onde hawaiiane, il lea-
muoversi all’interno del sistema secondo promesse elettorali). Quando si dice der della maggioranza in Senato, Harry
le leggi della domanda e dell’offerta, un «americani» andrà chiarito: residenti, re- Reid, e la speaker della Camera, Nancy
mercato concorrenziale che in Italia non Pelosi, rassicurano: «Elaboreremo un te-
è nemmeno più un sogno, ma l’incubo di sto finale fondato sui principi della rifor-
un sognatore sudato. ma dell’assicurazione sanitaria: accessi-
Non è tutt’oro quello che luccica, e una bilità per le classi medie, sicurezza per gli
gazza ladra conferma: molto di questo è anziani, responsabilità verso i nostri figli
un falso. Infatti, pensando di rubare l’oro, nella riduzione del deficit e nella traspa-
ha rubato in casa dei ladri. Soprattutto renza per l’industria delle assicurazioni».
quando, chiamata l’ambulanza, alla gaz- Parole sante!, gracchia la gazza, ma
za viene detto che: 1) può farsi condurre tutte queste luci la confondono. Vola in
in ospedale e pagare una somma di circa picchiata per afferrare oggetti luccicanti
mille dollari; 2) la chiamata è gratuita so- ma sono solo il riflesso di un futuro che è
lo se si sceglie di non utilizzare il servizio opaco, e scontenta li rigetta all’aria solo
e ci si accontenta del sommario controllo aprendo il becco. Dal Chrysler la vista è
dei medici giunti in loco; 3) la seconda magnifica, l’acqua dell’Hudson continua
chiamata costerà, comunque, un migliaio a scorrere sotto tutti i ponti e la ricca 5th
di dollari anche senza montare sull’am- Avenue newyorkese rimane sempre la
bulanza. Un deterrente per le chiamate sua preferita, frequentata da tutti quegli
meno importanti. Ma la spia di un siste- allocchi rapaci dalla testa grande che
ma sanitario che non va. Chiamiamolo il Insieme al presidente Barak Obama hanno rinunciato a volare pur di credere
bastone e la carota. Esattamente come gli il democratico Tom Daschle, uno dei nella sicurezza degli oggetti. Ma la Pica
«student loans», che consentono ai gio- ministri protagonisti di uno scandalo: Pica - ne sono riprova le refurtive che na-
vani di pagarsi abitazione e università poco dopo la nomina che lo poneva sconde orgogliosa nel nido che si è co-
alla guida del dicastero della Sanità,
non appena usciti dal college - in Italia le si ritirò per accuse di evasione fiscale struita molto, molto in alto - è abituata a
madri devono cacciare figli 45enni da ca- credere solo a ciò che addenta.
54 SPECCHIO
ECONOMICO

DARIO RE: SCALE, PARAPETTI,


PASSERELLE, PAVIMENTI,
OVVERO CITTÀ DI CRISTALLO

Dario Re,
amministratore
unico della
Vetreria Re

« Mio padre, un padre di fa- lo stipendio, il vecchio lavoro il saba- delle finestre; non esistevano i doppi
miglia con quattro figli, fa- to e la domenica». Comincia così la vetri, le rotture erano frequenti. «Io
ceva il vetraio nel garage di storia, quasi patetica ma emblemati- ero il secondo dei quattro figli, quan-
casa, dove lavorava solo, in una si- ca, della famiglia Re, titolare oggi di do tornavamo dalla scuola una mano
tuazione che non poteva essere delle un’azienda di primo piano operante ovviamente dovevamo dargliela. Al-
più soddisfacenti, anche se non ci fa- nella stesso settore del vetro ma di la fine, a furia di aiutarlo, dovevo o
ceva mancare nulla. Aveva comin- altissima qualità, al top della tecnolo- amare o odiare quel lavoro. Poiché
ciato quel lavoro da giovane, poi l’a- gia e della creatività. Si tratta della mi piaceva, finiti gli studi gli chiesi
veva interrotto perché la famiglia era Vetreria Re di Nerviano presso Mila- di lavorare con lui, ed egli ebbe un’i-
diventata numerosa, e non gli basta- no, di cui è titolare Dario Re, uno dei dea brillante, mi propose di andare a
va più sostituire i vetri rotti; poiché figli del fondatore. Quando, a 50 an- lavorare in un’altra azienda per ca-
era un grande lavoratore ma magari ni, per problemi di salute non poté pirne meglio il funzionamento».
un po’ meno imprenditore, ad un più fare l’autista di camion, il padre, Dario si occupò così in un’impresa
certo punto aveva preferito impie- racconta Dario, tornò al primo lavo- che non c’entrava nulla con il vetro,
garsi in una ditta come autista di ca- ro, continuando a sostituire, nel ga- ma all’epoca, ricorda, «c’era la fissa-
mion, continuando, per arrotondare rage e nel cortile di casa, i vetri rotti zione che bisognava lavorare alle di-
SPECCHIO
ECONOMICO 55

«U
pendenze per avere i contributi, ti ad essi si affiancano le varie compe-
pagavano i bollini almeno fino a do- tenze esistenti all’interno dell’azien-
po il servizio militare». Fece un’espe- da per la realizzazione concreta delle
rienza di due anni ma non arrivò a n tempo solo opere. Quanto è stato disegnato deve
fare il militare perché nel 1986, poco complemento, oggi stare, infatti, in piedi, per cui occorre
prima di partire per la leva, un’ecce- corredarlo con le dimensioni, lo
zionale grandinata infranse molti ve- il vetro viene sempre spessore del cristallo, le strutture ne-
tri nella zona, e il padre doveva lavo- più usato e inserito cessarie ecc. Fino a qualche anno fa il
ricorso all’architetto per arredare im-
rare fino a mezzanotte per acconten-
tare i clienti. Si licenziò e andò a «da- nelle costruzioni come mobili era riservato a un’élite; oggi
re una mano» al genitore, e dopo un elemento strutturale; quasi chiunque deve metter su casa o
realizzare uno show room o un uffi-
anno andò a fare il soldato.
Domanda. Cosa fece al ritorno?
vi si fanno anche cio ricorre all’aiuto di un professioni-
Risposta. Regolarizzammo la si- le scale, dalla pedata sta. Vi sono architetti di vari livelli,
tuazione dell’azienda, acquistammo
un primo laboratorio di 120 metri
all’alzata, al parapetto, come in ogni settore, ma è sempre
più raro trovare un privato che, per
quadrati e cominciammo. Mio padre pavimenti e plafond; realizzare la propria abitazione, uffi-
aveva visto lontano, infatti la linea
che seguiamo oggi è ancora quella
noi curiamo anche cio o negozio, non si faccia assistere
da un esperto.
indicata da lui, consistente nel non la carpenteria D. Quali nuovi risultati ha rag-
fare i lavori che fanno tutti e di lavo- in ferro, acciaio, giunto l’industria del vetro?

»
rare principalmente a Milano, dove R. Mentre prima era solo un com-
la mentalità era ovviamente molto acciaio inox, tek plemento, oggi il vetro viene sempre
più evoluta. Così cominciam- o parti di legno più usato e inserito nelle co-
struzioni come elemento strut-
mo a lavorare per gli architetti,
tralasciando i lavori comuni, turale; vi si fanno anche le sca-
puntando non sulla quantità le, dalla pedata all’alzata, al
di vetro da vendere ma sulla parapetto; si fanno pavimenti
qualità e proseguendo su que- e plafond in vetro portante. In
sta strada. In quel capannone tutti questi casi occorre essere
restammo per otto anni, al in grado di poterlo dimensio-
quarto anno acquisimmo uno nare, per questo ci siamo fatti
show room nelle vicinanze per affiancare, negli anni, da uno
creare un ufficio e un’esposi- staff di collaboratori esterni
zione di prodotti. Successiva- perché nei progetti più com-
mente ci trasferimmo in un al- plessi forniamo anche la parte
tro capannone di 400 metri di carpenteria in ferro, in ac-
quadrati con annesso show ciaio, in acciaio inox, con tek o
room, e acquistammo altri parti in legno offrendo in tal
macchinari. Dopo altri otto an- modo un pacchetto finito.
ni ci siamo trasferiti nell’attua- D. Non avete risentito della re-
le nuova sede di quasi 2 mila cessione economica?
metri quadrati, dove eseguiamo la vetrerie che non eseguono tutte le la- R. In questo anno di crisi abbiamo
lavorazione totale. vorazioni. Questa è sostanzialmente avvertito, piuttosto, la scomparsa di
D. Come avete organizzato la vo- la nostra storia. alcune aziende dal mercato a causa
stra produzione? D. Puntare sulla qualità non vi co- della concorrenza e della riduzione
R. Con gli investimenti finanziari stringe a rinunciare a una buona par- dei prezzi. Se prima per la realizza-
compiuti lo scorso anno abbiamo te del lavoro? zione di uno show room o di un’abi-
raggiunto la completa autonomia R. Questo non ci impedisce di ese- tazione la nostra offerta poteva esse-
nella gestione dei manufatti, e anzi guire lavori di dimensioni ragguar- re in competizione con un’altra o con
siamo passati a lavorare anche per devoli. Nel 2008 abbiamo eseguito altre due, oggi lo stesso prezzo viene
altre vetrerie. In un certo senso ab- commesse per la nuova sede del- richiesto da almeno 5 o 6 aziende,
biamo ribaltato la situazione inve- l’Emporio Armani e dell’Armani non perché il mercato si sia omoge-
stendo, appunto, per essere autono- Cafè di Pechino. Comunque conti- neizzato, ma perché il cliente chiede
mi, condizione essenziale nel nostro nuiamo ad avvalerci di studi di ar- e confronta più preventivi. Un’altra
settore per garantire sia la qualità del chitettura per realizzare belle case, conseguenza della crisi, che abbiamo
prodotto sia i tempi di lavorazione e uffici, show room. I nostri clienti so- notato, consiste nella riduzione dei
di consegna. Proprio in tempi di crisi no sempre gli architetti che ci appor- budget di spesa, ma questa era un fe-
economica come l’attuale e quindi di tano i loro clienti; noi rappresentia- nomeno inevitabile.
riduzione degli ordinativi, infatti, la mo i fornitori di pregio. Il nostro la- D. Neppure i ricchi investono?
prima, fondamentale richiesta avan- voro si svolge essenzialmente con R. Molte aziende che dovrebbero
zata dalla clientela riguarda i tempi queste modalità. rinnovare i loro locali, anche se non
di consegna, ovviamente insieme al- D. Non suggerite voi soluzioni co- hanno reali problemi finanziari rin-
la qualità; la seconda riguarda il struttive o decorative a imprese, stu- viano gli investimenti in attesa di un
prezzo. Per attrezzarci adeguata- di professionali, famiglie? miglioramento del clima economico.
mente abbiamo compiuto uno sforzo R. Facciamo anche questo, propo- Fortunatamente questo andamento
notevole spendendo somme consi- niamo e forniamo progetti studiati generalizzato dell’economia ci sta toc-
stenti, ma i macchinari di cui ora di- ad hoc. A differenza di altre vetrerie, cando solo marginalmente, ma non
sponiamo ci consentono di produrre abbiamo un ufficio tecnico con archi- nascondiamo una certa preoccupa-
per conto nostro tutti i nostri prodot- tetti e tecnici in sede, molto bravi e zione relativa alle prospettive dell’e-
ti e di soddisfare le richieste di altre creativi nel disegnare e progettare; conomia nazionale e internazionale.
56 SPECCHIO
ECONOMICO

D. Quali sono attualmente i prezzi


della materia prima?
R. Il mercato è altalenante, come
sempre. Se c’è poca richiesta e dimi-
nuisce la produzione, i prezzi ven-
gono abbassati, come è avvenuto
oggi. Una determinante notevole
nello stabilire la quotazione della
materia prima è la componente di
trasporto che, insieme alle quantità
acquistate, determina il potere con-
trattuale del cliente e di conseguen-
za la quotazione.
D. Si compie ricerca nel settore?
R. La ricerca c’è senz’altro, e se ne
vedono anche i risultati. Quelli mi-
gliori sono destinati principalmente
al comparto dell’edilizia, dove sono
usati tutti quei prodotti innovativi L’ingresso di un centro benessere realizzato nel 2009
che hanno sostituito il vetrocamera,
o che sono usati per il risparmio
energetico, per la produzione di se, di pellicole riscaldate, di film a R. Abbiamo appena concluso un
energia solare, per l’isolamento acu- cristalli liquidi che permettono alla ampliamento delle strutture e un ri-
stico, per l’isolamento dal freddo, dal lastra di essere trasparente oppure levante investimento per i macchina-
caldo, dai raggi solari, dai rumori opacizzata premendo solo un tasto; ri, e abbiamo ancora qualcosa in pro-
esterni; sono prodotti rivolti alle si tratta di trattamenti finalizzati, più getto per il 2010, perché non ci si può
aziende che, diversamente da noi, che altro, al design. Una volta il ve- fermare. Ma occorrerà anche vedere
producono vetri per serramenti. tro era concepito solo intelaiato, oggi come si prospetta questo anno, an-
D. E a che cosa servono oggi i vetri non è quasi mai intelaiato, è sorretto che se nella nostra azienda non si è
tradizionali? da fissaggi puntuali, ridotti a piccole mai sentito parlare di cassa integra-
R. Rispetto a qualche anno fa, ora pinze. L’architettura tende a queste zione guadagni o di ferie forzate; sia-
sono entrate in vigore normative soluzioni che richiedono però livelli mo sempre stati alle prese con una
molto stringenti in termini di sicu- di sicurezza elevati, e quindi lavora- grande mole di lavoro, con orari
rezza. Il vetro semplice non si può zioni aggiuntive sulla lastra per ga- straordinari, con un impegno costan-
più usare quasi da nessuna parte, de- rantire la resistenza meccanica e la te. Anche se le difficoltà per ora ci
ve essere antisfondamento e posse- sicurezza verso le persone. hanno solo sfiorato, il solo fatto che
dere proprietà antinfortunistiche, in D. Avete in programma prossima- tutt’intorno la situazione non sia tan-
modo che, infrangendosi, non cada; mente altri investimenti? to rosea ci consiglia di essere pru-
oppure deve essere temperato, quin-
di più resistente meccanicamente e
adatto ad usi estremi, con determina- SAS ITALIA, 2009 POSITIVO, SUPERIO- Amministrazione centrale, nella qua-
ti parametri di sicurezza; se dovesse RE ALLA MEDIA INTERNAZIONALE. La le la nostra azione ha reso più effi-
rompersi, si ridurrebbe in briciole SAS, operante nel settore delle ana- cienti i processi interni», spiega Mar-
ma non potrebbe ferire. lisi, ha registrato nel 2009 in campo co Icardi, direttore generale per l’Ita-
D. Come vi siete adeguati alla nuo- internazionale ricavi pari a 2,31 mi- lia. La sede Italiana è stata la prima,
va situazione? liardi di dollari con un aumento del dopo la casa madre, a redigere un
R. Per essere in linea con le norme 2,2 per cento rispetto al 2008. Nono- proprio rapporto di sostenibilità co-
sulla sicurezza e sull’antinfortunisti- stante la difficile situazione econo- me chiave di lettura di tutte le atti-
ca, l’ultimo investimento da noi com- mica, la società mantiene da 34 anni vità: attrazione e crescita dei talenti
piuto nel 2009 è consistito nell’acqui- un trend di crescita ininterrotto dalla in azienda, collaborazioni con il
sto di un forno di tempera per poter fondazione. Le vendite di software mondo accademico e della ricerca,
temperare autonomamente tutti i no- hanno compiuto un rapporti trasparenti e
stri prodotti. Il vetro non temperato e balzo del 3,3 per cen- di reciprocità con
non stratificato è ormai quasi inuti- to in un momento in clienti e partner. I mo-
lizzabile: in moltissimi casi - cosa che cui il fatturato dei menti difficili, spiega
noi facciamo già da anni -, si sta arri- maggiori produttori Icardi, fanno crescere
vando addirittura a impiegare il ve- sè diminuito. Il 23 per la richiesta di soluzioni
tro come elemento strutturale; tem- cento dei ricavi sono per uscire dalla crisi;
perato e stratificato contemporanea- stati reinvestiti in ri- nel 2009 le aziende si
mente, quindi con un doppio livello cerca e l’azienda ha sono affidate alle solu-
di resistenza meccanica e di sicurez- concluso l’anno sen- zioni SAS per aumen-
za, viene impiegato per scale, passe- za riduzione di perso- tare i ricavi, migliorare
relle, parapetti, passaggi pedonabili nale. «Anche la sede le relazioni con i clienti
e carrozzabili; ai fini della sicurezza, italiana ha registrato e la gestione di risor-
quindi, la ricerca è elevata. Nasce poi nel 2009 un anda- se, costi e rischi. La
da queste ricerche tutta una serie di mento positivo con ri- crescita più elevata si
prodotti innovativi anche per il desi- sultati superiori alla è registrata nei settori
gn, che possono essere sottoposti a media internazionale, bancario, governativo,
rifiniture estetiche con lavorazioni in particolare nell’am- Marco Icardi
sanitario, assicurativo
ad acido o a smalto, oppure rifiniti bito della Pubblica e nel dettaglio.
con interposizione di lastre lumino-
P A CURA DI ROMINA CIUFFA

iccola guida a libri utili


SPECCHIO
ECONOMICO 57

I G I U
ILLUSTRAZIONE DI
QUINT BUCHOLZ

l dizionario enciclopedi- li altri lager di James Bac- l segreto del castello di n indovino mi disse di
co di Informatica di Danie- que - Ugo Mursia Editore - Milano di Gianluca Pado- Tiziano Terzani - Tea-
la Cancila e Stefano Mozzanti 19 euro. Nella II guerra van e Ippolito Edmondo Fer- Tascabili Editori Associati -
- Zanichelli Editore - 33,80 eu- mondiale, ad opera degli rario - Ugo Mursia Editore - 10 euro. Nella primavera del
ro. Strumento utile per la americani in Germania, al- 18 euro. Il castello di Porta di 1976, a Hong Kong, un vec-
comprensione e la traduzio- meno 4 milioni di soldati te- Giovia, meglio conosciuto chio indovino cinese avverte
ne della terminologia infor- deschi furono tenuti prigio- come Castello Sforzesco, è l’autore di questo libro: «At-
matica, entrata ormai in pie- nieri all’aperto, in campi re- uno dei simboli della città di tento! Nel 1993 corri un gran
no nella vita quotidiana, l’o- cintati da filo spinato ma Milano e uno dei luoghi più rischio di morire. In quel-
pera comprende i termini senza protezione, con poco amati dai milanesi. Fu eret- l’anno non volare. Non vola-
tecnici aggiornati dei settori cibo e acqua, o anche nulla, to grazie alla perizia e alla re mai». Dopo tanti anni Ter-
tradizionali dell’informatica fin dopo la fine delle ostilità. fatica di generazioni di mu- zani non dimentica la profe-
come le base di dati, la grafi- L’esercito francese ricevette ratori, carpentieri e scalpel- zia, che a suo modo si avve-
ca al calcolatore, la teoria e circa 630 mila prigionieri da- lini, diretti da figure di spic- ra, ma anzi la trasforma in
l’analisi di algoritmi, l’archi- gli americani come manodo- co nel campo dell’architet- un’occasione per guardare il
tettura dei calcolatori, i siste- pera, fece loro patire la fame tura quali Antonio Averlino mondo con occhi nuovi: de-
mi operativi, lo sviluppo del e li maltrattò, causando circa detto Il Filarete, Leonardo cide, infatti, di non prendere
software, le reti di calcolato- 250 mila morti. Nei campi da Vinci e Bartolomeo Ga- aerei per un anno, senza tut-
ri e la multimedialità. E ac- americani si suppone il de- dio. Non tutti sanno, però, tavia rinunciare al proprio
coglie inoltre numerosi neo- cesso di 750 mila prigionieri, che esiste anche una parte mestiere di corrispondente.
logismi legati agli aspetti so- soldati della Wehrmacht ar- nascosta: sono i sotterranei Il 1993 diviene così un anno
ciali dell’informatica e i più resisi dopo l’8 maggio 1945, del castello, un vero e pro- molto particolare di una vita
noti termini gergali e di uso ma anche donne, bambini, prio mondo sommerso tut- già tanto straordinaria: spo-
comune. Nella sezione in- anziani. Le morti furono ca- to da scoprire, che conserva standosi in treno, in nave, in
glese-italiano viene poi for- talogate come «Altre perdi- intatta la propria bellezza auto, e talvolta anche a piedi,
nita, per ogni voce, una tra- te». Pubblicato per la prima architettonica. In queste pa- Terzani osserva Paesi e per-
duzione corredata da una volta alla fine degli anni 80, gine, un viaggio appassio- sone in Asia da una prospet-
spiegazione; nella sezione il testo si basa su interviste a nante tra cunicoli, gallerie e tiva nuova, spesso ignorata.
italiano-inglese le voci sono centinaia di ex prigionieri, casematte seguendo gli Il risultato di quell’esperien-
seguite dal termine inglese guardie e ufficiali e su mi- esploratori della Scam - za è un libro fuori dall’ordi-
di origine. In entrambe le se- gliaia di testimonianze e do- Speleologia Cavità Artifi- nario, che è insieme roman-
zioni per ogni voce viene cumenti tratti dagli archivi ciali Milano - che per primi zo d’avventura, autobiogra-

P L C L
fornita l’indicazione del set- di Parigi, Londra, Coblenza, si sono calati sotto le mura fia, narrazione di viaggio e
tore di appartenenza. Washington e Ottawa. della fortezza milanese. appassionante reportage.

otere e violenza a cura di e intercettazioni di con- ome farsi cacciare dai e avventure di Lucy -
Fedele Ruggeri e Vincenzo versazioni e comunica- cacciatori di teste di Vito Sex and the City alla ro-
Ruggiero - Franco Angeli zioni a cura dell’Associazio- Gioia e Attilio De Pascalis - mana di Delfina Ducci -
Editore - 19 euro. Esiste una ne tra gli studiosi del processo Il Sole 24 Ore Editore - 21 eu-
violenza che convenzional- penale - Giuffrè Editore - 42 eu- ro. Fare carriera mantenen-
Graus Editore - 10 euro. Ri-
mente non è definita tale, ro. In questo volume sono do un sano equilibrio con la
prende la nota serie televisi-
perché inflitta da attori po- raccolti gli atti del XIX Con- vita privata è il sogno di
va americana, sicuramente
tenti. Al pari dei crimini vegno dell’Associazione molti manager. Ma per far-
per un intento lucrativo, que-
commessi da gruppi di ele- Giandomenico Pisapia, de- lo con successo bisogna
st’autrice che si diverte a ri-
vato stato sociale e risorse, la dicato alle intercettazioni di darsi degli obiettivi, impie-
creare atmosfere femminili,
violenza non attira la rispo- conversazioni e comunica- gare con saggezza il tempo
conosciute dal pubblico tele-
sta civilizzatrice delle istitu- zioni, svoltosi nell’Univer- e le energie e cogliere le oc-
visivo, non già a New York,
zioni essendo da queste stes- sità Bocconi di Milano dal 5 casioni al momento giusto.
dove l’originale Sex and the
se inflitta, né mobilita l’in- al 7 ottobre 2007. Trascorsi 3 Per alcuni c’è una chiamata
City è ambientato, bensì a
tervento del sistema della anni, essi restano di impor- che segna spesso una svolta
Roma. Il risultato è certa-
giustizia criminale, orienta- tanza strategica per intende- decisiva: quella di un cac-
mente qualcosa di diverso. In
to verso i crimini dei deboli. re il punto della dottrina sul- ciatore di teste che conduce
ogni caso la storia di tre don-
In alcuni casi si presenta co- l’argomento non delicato una ricerca per una posizio-
ne, ciascuna con un proprio
me il suo opposto, come che oggi è ancora di «bru- ne vacante. Come fare car-
modo di affrontare la vita e i
un’azione che eliminerà la ciante attualità». Interventi riera e finire nel mirino dei
problemi del quotidiano. So-
violenza dal mondo e neces- di Vittorio Grevi, Alfredo cacciatori di teste? È quanto
prattutto il sentimento, che fa
saria al compiersi della sto- Gaito, Enzo Zappalà, Delfi- spiega questo volume: cosa
loro capire, oltre la carriera,
ria, animata perciò da nobili no Siracusano ed altri, tutti a fare e cosa evitare. Un vade-
un luogo comune: che le cose
motivi. Questa raccolta di partire dall’art. 15 della Co- mecum su come costruirsi
non sono mai semplici come
saggi propone un’immagine stituzione che delinea impre- una buona reputazione e af-
possono apparire, il carosello
poco nobile della violenza scindibili presupposti di cor- frontare i colloqui con cac-
delle occasioni perse e vissu-
collettiva, del terrorismo, nice per la disciplina relativa ciatori e imprese che cerca-
te, lasciate scorrere sulla pel-
della guerra, e ne offre una alla libertà e alla segretezza no chi, in qualche modo, ha
le con dolore è in atto, e cre-
diversa chiave di lettura. delle comunicazioni. saputo farsi riconoscere.
scere vuol dire rinunciare an-
che in parte a se stesse.
58 SPECCHIO
ECONOMICO

UNA SFIDA CHE DIVENTA


FINALMENTE ITALIANA:
ECCO LE CLASS ACTION
IL
primo gennaio, dopo una lunga serie sperimentare questa class action, per
di rinvii, è entrata in vigore la «class comprenderne i limiti, per superarne le
action», l’azione risarcitoria collettiva. inefficienze e per sottoporre al legisla-
La possibilità di fare cause di gruppo è tore mirati e opportuni correttivi.
stata a lungo attesa e l’Unione Consu- Nell’usare lo strumento dell’azione
matori si è sempre battuta con forza risarcitoria collettiva sarà allora bene
per ottenerla: sulla carta, si tratta di far leva sul senso di responsabilità di
MASSIMILIANO DONA una straordinaria opportunità che l’or- tutte le parti in causa (imprese, rappre-
dinamento mette a disposizione dei sentanti dei consumatori, magistratu-
DI

consumatori offesi dalle scorrettezze ra, autorità di vigilanza e mezzi di


SEGRETARIO GENERALE

del mercato. Ma andrà usata con la do- informazione) perché le azioni di clas-
DELL UNIONE NAZIONALE

vuta moderazione, senza cedere alla se siano occasione di un confronto ma-


CONSUMATORI

tentazione delle speculazioni: sembra turo e serio nella prospettiva di riequi-


infatti già essersi scatenata un’insensa- librare e risanare la debolezza dei citta-
ta corsa alle Cancellerie dei Tribunali dini, troppo spesso traditi dallo strapo-
per sbandierare questa o quell’azione. tere del mondo imprenditoriale.
Così, i soliti amanti dell’«effetto an- Ed è proprio perseguendo questo
nuncio» tentano di farne uno strumen- obiettivo che la nostra Unione ha re-
to mediatico e giustizialista deviando centemente lanciato il sito www.clas-
dalla sua reale funzione, che pure do- saction.it, un significativo strumento
vrebbe essere correttamente intesa non nato con un duplice intento: da un lato,
solo nel senso di sanare una debolezza quello di guidare i cittadini verso una
dei consumatori, ma anche per la sua maggiore conoscenza dell’azione col-
capacità di preservare la lealtà del mer- lettiva risarcitoria e delle circostanze
cato a beneficio delle aziende sane, nelle quali vi si può effettivamente ri-
competitive e rispettose dei diritti dei correre; dall’altro, il sito sarà lo stru-
consumatori. mento per tenere aggiornata l’opinione
Noi non partecipiamo a questa inuti- pubblica sulle azioni intraprese e rac-
le gara. Siamo piuttosto fermamente cogliere le adesioni degli interessati.
convinti che le organizzazioni dei con- L’augurio è che possa presto diven-
sumatori davvero interessate alla con- tare un punto di riferimento per tutti
creta tutela dei cittadini dovranno esse- coloro che manifestano e riconoscono
re capaci di scegliere azioni accessibili e l’esigenza di strumenti processuali in
realizzabili in tempi brevi, per dare una grado di azionare, in un unico proces-
risposta matura e senza fallimenti a so, le difese di interessi riconducibili a
questa sfida. Solo così sarà possibile una indefinita generalità di soggetti i
Dal primo gennaio scorso consegnare nelle mani dell’opinione quali, singolarmente, rinuncerebbero a
anche in Italia pubblica la prova della concreta utilità battersi per la tutela dei propri diritti.
i consumatori e i loro delle azioni di classe disciplinate dal- Solo così si potrà finalmente provare
rappresentanti l’art. 140 bis del Codice del consumo. a riequilibrare quell’asimmetria esi-
In materia di disservizi degli aerei stente fra il cittadino-consumatore e il
hanno a disposizione (spesso al centro di polemiche negli ul- mondo imprenditoriale: un’asimmetria
un’arma in più: l’azione timi tempi) sono in ballo, ad esempio, «economico-informativa» (il consuma-
di classe che, sia pure tante (troppe) variabili: il rischio po- tore dispone generalmente di minori ri-
tra varie incertezze, trebbe essere quello di fare semplice- sorse e informazioni rispetto alla sua
mente un autogol. Meglio, piuttosto, controparte professionale), ma anche
va messa alla prova. partire da casi più concreti, meno «processuale», vale a dire concernente
Le organizzazioni «folkloristici»: si pensi a un prodotto il divario tra l’utilità della tutela indivi-
interessate alla tutela che ha tradito le aspettative dei propri duale rispetto al costo che il consuma-
dei cittadini acquirenti e alla battaglia che si potreb- tore affronta nel momento in cui decide
be combattere contro la casa produttri- di intraprendere un processo.
dovranno scegliere ce che rifiuta di risarcire i danneggiati. Ciò anche in virtù della funzione de-
iniziative realizzabili Non possiamo certo tacere alcuni terrente che la minaccia dell’iniziativa
in tempi brevi per dare evidenti limiti dell’attuale normativa, collettiva è in grado di esercitare nel
macchiata profondamente dai reiterati dissuadere i comportamenti scorretti
una risposta certa emendamenti promossi dalla lobby di imprese senza scrupoli. Da que-
alle innumerevoli attese confindustriale. Pur con questa consa- st’anno i consumatori e i loro rappre-
pevolezza, però, la norma va utilizza- sentanti hanno un’arma in più: seppur
ta, cercando di coglierne le potenzia- tra varie incertezze, l’azione di classe
lità, con acume e realismo, anche per va messa alla prova.
RETROSPECCHIO SPECCHIO
ECONOMICO 59
esterno; i pedali trasmettono il movi-
Una rivoluzionaria mento alla ruota per mezzo di un in- Il Gen. Ranucci
granaggio nascosto nel telaio stesso.
Il manubrio è in alluminio rivestito
bici, senza raggi, di carbonio e nasconde all’interno i a capo della Scuola
cavi dei freni. Il risultato è un proto-
mozzo e catena tipo futuristico di grande effetto, che Sottufficiali
unisce design, leggerezza e tecnolo-
L’azienda Alberto Del Biondi In- gia d'avanguardia. La bicicletta in Nella Caserma Soccorso Saloni di
dustria Del Design ha trasformato il carbonio è un progetto della Divisio- Viterbo ha avuto luogo la cerimonia
mese scorso la classica bicicletta in ne Industrial Design di Alberto Del per l’avvicendamento del Coman-
un «oggetto del desiderio» dal desi- Biondi Industria Del Design, polo di dante della Scuola Sottufficiali del-
gn essenziale e accattivante e dalla progettazione unico nel proprio ge- l’Esercito. Alla presenza del Capo di
tecnologia all'avanguardia. La nuova nere in Europa. Specializzata nel set- Stato Maggiore Generale di Corpo
bicicletta presenta una struttura al- tore moda, l'azienda ha esteso il pro- d’Armata Giuseppe Valotto, il Gene-
leggerita grazie ai materiali impiega- prio campo di intervento alla grafica rale di Divisione Vladimiro Alexitch
ti e all'assenza di alcuni elementi ca- industriale, all’architetura e al design ha ceduto il comando al Generale di
ratteristici come i raggi e la catena. Il di interni. I clienti sono costituiti da Divisione Roberto Ranucci affidan-
telaio è realizzato in carbonio, legge- gruppi mondiali. Il numero comples- dogli la Bandiera dell’Istituto che si
rissimo e resistente, e in nivacrom, sivo di progetti realizzati dall’Alber- fregia di una Medaglia di Bronzo al
una lega in acciaio anche essa parti- to del Biondi Industria Del Design Valor dell’Esercito e di una Medaglia
colarmente oscilla oggi d’Argento al Merito Civile. Il Gene-
leggera. Que- tra i 1.500 e i rale Alexitch ha lasciato la guida del-
sta combina- 2 mila, con la Scuola dopo 4 anni di comando
zione ha pro- un totale di durante i quali l’Istituto ha svolto
dotto una bici 60 milioni numerosi corsi per Allievi Marescial-
il cui peso di oggetti li destinati alle Forze operative del-
oscilla tra i venduti l’Esercito. Il Generale Ranucci, su-
cinque e i sei ogni anno, bentrante, ha frequentato l’Accade-
chilogrammi. di cui tre mia Militare negli anni 1974-1976
Le ruote con quarti rivol- con il 156esimo corso, è laureato in
cerchio peri- ti al seg- Scienze strategiche e ha ricoperto nu-
metrale non mento mo- merosi incarichi, tra i quali quelli di
hanno raggi e da, e con Comandante della Brigata Corazzata
mozzo centra- una sessan- Ariete anche nel teatro operativo ira-
le e sono colle- tina di mar- cheno, e di Vice Capo Dipartimento
gate al telaio chi in tutto Impiego del Personale dello Stato
sul perimetro il mondo. Maggiore dell’Esercito.
La bici rivoluzionaria

operatoria, la significativa riduzione menti in relazione alla patologia che in


Neuronavigatore delle complicazioni legate alla proce- quel momento si sta trattando. In po-
dura chirurgica», ha spiegato il prof. che parole, esso consente di avere tut-
D’Elia. Grazie alla guida computeriz- te le informazioni di cui si ha bisogno
per interventi zata fornita dal neuronavigatore, con nel posto e nel momento giusto. È
questo strumento sono esclusi even- inoltre possibile impiegare il neurona-
sicuri nel cervello tuali errori di localizzazione, da parte vigatore anche nel trattamento delle
del neurochirurgo, nella rimozione di patologie della colonna vertebrale
Nell’attività di ammodernamento lesioni encefaliche o nell’applicazione usando sia un sistema in 2D con im-
di strutture e apparecchiature tecnolo- di viti e barre nella chirurgia della co- magini radiografiche immediatamen-
giche, l’Azienda ospedaliera San Gio- lonna vertebrale. Usato dall’équipe te elaborate, sia un sistema in 3D con
vanni-Addolorata di Roma, diretta medica di Neurochirurgia diretta dal immagini Tac o Risonanza magnetica.
dal prof. Luigi D’Elia, si è dotata di prof. Stefano Esposito, il neuronaviga- Ormai ampiamente usato nelle sale
uno degli strumenti più nuovi nel tore permette di sottoporre i pazienti a operatorie neurochirurgiche tecnolo-
campo della neurochirurgia: il neuro- interventi chirurgici nell’encefalo e gicamente più attrezzate, questo siste-
navigatore nella sua versione più re- nella colonna vertebrale controllando ma mostra in tempo reale, proprio ba-
cente e avanzata. All’inizio dell’anno in tempo reale la posizione degli stru- sandosi sulle immagini neuroradiolo-
oltre 30 pazienti seleziona- giche, la posizione intraoperatoria cor-
ti erano stati già trattati retta, risolvendo il primo problema
chirurgicamente con esso della chirurgia: l’orientamento spazia-
per neoplasie alla base del le anatomico. Il neuronavigatore con-
cranio e per patologie del- sente, inoltre, di individuare, in consi-
la colonna vertebrale. «Ri- derazione delle sue immagini tridi-
spetto alle tecniche chirur- mensionali e degli spostamenti dalle
giche più tradizionali, so- strutture contigue, il miglior tragitto
no notevoli i vantaggi che per raggiungere la lesione; valutato
ne derivano al paziente un bersaglio chirurgico, l’apparecchio
per il minore stress chirur- elabora il punto di entrata e quello da
gico, la drastica contrazio- raggiungere; in tal modo una lesione
ne della degenza ospeda- può essere asportata praticamente da
liera e della morbilità post- qualsiasi sede.
Il neuronavigatore del San Giovanni-Addolorata
Fer. Bru.
60 SPECCHIO
ECONOMICO
RETROSPECCHIO

carrozze è già stato avviato ed è com-


AnsaldoBreda: per piuto direttamente da Trenitalia che
ha già consegnato le prime vetture
ISVAP: più notizie
ad alcune regioni. Con la chiusura
Trenitalia 600 nuove della gara per le 600 carrozze a dop- sulle coperture
pio piano, tra forniture e servizi asse-
carrozze a due piani gnati e attività di ristrutturazione av- assicurative Auto
viate, gli investimenti già operativi
L’AnsaldoBreda si è aggiudicata sono saliti a un miliardo e 450 milio- L’Isvap, che vigila sulle assicura-
una commessa da parte di Trenitalia, ni di euro rispetto ai 2 miliardi previ- zioni private, fornisce un’informa-
del Gruppo Ferrrovie dello Stato, per sti nel piano di ammodernamento zione più ricca sulle coperture assi-
la costruzione di materiale rotabile della flotta regionale di Trenitalia, curative del comparto auto, che rap-
per un importo di 829 milioni di eu- traguardo raggiunto a poco più di tre presenta nel complesso oltre la metà
ro. Si tratta di 600 nuove mesi dalla pre- della raccolta dei rami danni e un
carrozze a due piani de- sentazione del quinto di quella complessiva. Ripro-
stinate al servizio su trat- Piano da parte dotta nel sito www.isvap.it una cir-
te ferroviarie regionali. dall’amministra- colare fornisce dati e indicatori tecni-
La commessa è giunta a tore delegato del ci annuali sulle coperture di respon-
distanza di poco più di Gruppo FS, Mau- sabilità civile auto RCA e sulle ga-
un mese da un’altra, ro Moretti. Con- ranzie ad esso accessorie. L’indagine
quella per la fornitura alla sistente in una evidenzia che nel 2008 la velocità di
società Bombardier di 100 spesa per oltre liquidazione dei sinistri è aumentata
nuovi locomotori E 464, un miliardo e come numeri (69,7 per cento rispetto
con l’opzione per l’acqui- mezzo di euro al 61,5 del 2007) e come importi (42,2
sto di altri 50. La costru- autofinanziati e per cento rispetto al 34,6 del 2007).
zione di questi mezzi è per il resto stan- Nello stesso tempo sono diminuiti i
già cominciata e le conse- ziati dal Gover- cosiddetti sinistri senza seguito che,
gne sono già in atto. A fi- no, il Piano rap- dopo essere stati denunciati, non
ne 2009 l’AnsaldoBreda si presenta il più danno luogo ad esborso: sono passa-
è aggiudicata anche la ga- imponente inve- ti dal 10,01 del 2007 all’8,67 per cento
ra per fornire arredi inter- stimento in mate- del 2008. La velocità di liquidazione
ni e nuovi finestrini per la riale rotabile rea- si è incrementata anche per il ramo
ristrutturazione di 2.334 lizzato negli ulti- Corpi di Veicoli terrestri come nu-
carrozze adibite al servi- mi decenni dalle meri (dal 78,3 per cento del 2007
zio sulle medie distanze; Ferrovie dello all’83,7 del 2008) sia come importi
l’ammodernamento delle Stato. Fer. Bru. (dal 68,8 del 2007 al 74,5 del 2008).

«Auspichiamo ora che il finanzia-


L’Aeradria acquista mento nazionale, destinato ai cinque
aeroporti in fase di trasformazione, Pirelli multata
riguardi anche Rimini; in attesa del-
un F104 a ricordo l’arrivo dell’Enav, Ente nazionale di per la vendita
assistenza volo, siamo molto tran-
quilli, considerata la presenza del-
dell’Aeronautica l’Aeronautica Militare con la quale della Telecom
Dopo oltre 80 anni dall’inizio della abbiamo rapporti eccellenti», ha di- A 216 milioni di pesos, pari a 39
propria attività nell’ambito dell’a- chiarato Massimo Masini, presidente milioni di euro, ammonta la somma
viazione italiana e internazionale, dell’Aeradria. In riconoscimento del che le società coinvolte nella prima-
avvenuto negli anni 30, l’aeroporto ruolo svolto in favore della Riviera di vera 2007 nella cessione della Tele-
Miramare di Rimini San Marino, ap- Rimini dall’Aeronautica Militare Ita- com dall’Olimpia alla Telco dovran-
partenente al demanio militare, è liana e, da oltre un decennio, dall’E- no pagare allo Stato argentino come
stato aperto lo scorso dicembre al sercito, cui si deve la costruzione del- multa per aver violato le norme anti-
traffico civile. Dedicato a Federico l’infrastruttura, Masini ha proposto trust. Una parte di questo ingente
Fellini, pur mantenendo una presen- al Consiglio di amministrazione del- importo, pari a 32,7 milioni di euro,
za militare è oggi a tutti gli effetti ci- l’Aeradria di acquistare un aereo riguarda i soci della finanziaria di cui
vile e ospita in via prioritaria il traffi- F104 e di collocarlo nell’aeroporto a facevano parte, a quell’epoca, le so-
co commerciale, cui vengono dedica- ricordo del passato. Fer. Bru. cietà Telefonica, Generali, Medio-
te via via ulteriori aree in banca, Intesa e Sintonia. La sanzione
vista dello sviluppo delle è stata comminata alle società inte-
linee low cost, dell’aviazio- ressate per non aver comunicato
ne generale e del segmento tempestivamente all’Antitrust argen-
«non aviation», fondamen- tina il passaggio di proprietà della
tale per gli aeroporti medi Telecom. Le multe colpiscono per
e piccoli. Grazie al conferi- 18,9 milioni Telefonica, per 3 milioni
mento dell’assetto definiti- Mediobanca, per 7,8 milioni Le Ge-
vo alle aree, l’Aeradria ha nerali e per 3 milioni di euro Sintonia
ottenuto la concessione per del Gruppo Benetton. Per 6,3 milioni
la gestione trentennale del- è stata multata anche la Pirelli. La
l’aeroporto, prevista da un Un F104 in volo
notizia è stata diffusa dal ministro
decreto del maggio 2008. argentino dell’Economia Amado
RETROSPECCHIO SPECCHIO
ECONOMICO 61

Bologna: il ricco
programma
dell’Interporto
Nonostante la flessione registrata
nel corso del 2009 dal traffico merci
ferroviario e camionistico, causata
dalla recessione economica naziona-
Foto aerea dell’Interporto di Bologna

le e internazionale, e la razionalizza-
zione del servizio ferroviario soprat- cella frigorifera a 24 gradi sotto zero; cietà ferroviarie operanti nei 585 mi-
tutto nel settore dell’intermodalità le trattative per la concessione di al- la metri quadrati dei terminal di Tre-
terrestre, l’Interporto di Bologna ha tre aree con l’obiettivo di completare nitalia, Nord Cargo, Rail Italia, Fer-
svolto un’azione diretta a valorizzare entro tre anni il secondo piano parti- rovie Emilia Romagna, RTC-Rail
adeguatamente tutti i settori di atti- colareggiato di sviluppo; la defini- Traction. Nel 2009 sono state attivate
vità e ad individuare, grazie a un’at- zione, entro l’anno, da parte delle nuove connessioni ferroviarie con gli
tenta analisi del mercato nazionale e Amministrazioni locali degli stru- Interporto di Jesi, Bologna, Pomezia
internazionale, possibilità di ripresa menti urbanistici per attuare il terzo e Nola. E continua il coinvolgimento
e di sviluppo nell’ambito del traspor- Piano particolareggiato. Dallo scorso dell’Interporto bolognese in progetti
to ferroviario. Negli ultimi mesi la maggio è in funzione un impianto internazionali. Germania ed Est Eu-
flessione del traffico si è progressiva- fotovoltaico dalla potenza di un me- ropa sono mercati di sbocco rilevanti
mente attenuata e si sono raggiunti gawatt, realizzato dall’Interporto, per le imprese della regione. Una
risultati analoghi a quelli dell’anno mentre si sta trattando per l’installa- stretta collaborazione è stata adottata
precedente. L’attenuazione della cri- zione, entro il 2010, di altri impianti con gli enti locali, l’Università di Bo-
si economica ha consentito all’Inter- su 80 mila metri quadrati di fabbri- logna, associazioni industriali e com-
porto di dedicarsi ai programmi per cati dell’Interporto; entro l’anno sarà merciali. «Nel 2009 abbiamo semina-
il 2010, che prevedono: la consegna a realizzato un secondo varco di acces- to per il 2010, che ci auguriamo più
un’impresa locale di circa 22 mila so e saranno potenziate le infrastrut- positivo dal punto di vista economi-
metri quadrati di nuovi magazzini ture di sorveglianza e di sicurezza; co», ha affermato il presidente della
per la logistica, i primi dotati di una saranno accolti i servizi di cinque so- società Alessandro Ricci.
62 SPECCHIO
ECONOMICO
RETROSPECCHIO

missione Europea e come direttore di tutto l’anno nel divulgare e promuo-


Forum PA: 2010, ricerca della Fondazione Censis. Con vere processi innovativi in grado di
Mochi Sismondi alla presidenza il ridare competitività al Paese. Un
Forum PA affronta il 21esimo anno esempio di questa trasformazione è
un’edizione ricca di attività puntando a rafforzare la «Saperi PA», grande enciclopedia in
propria capacità di creare nuove pro- rete dell’innovazione e della moder-
di promesse e novità spettive di intervento e nuove rela- nizzazione nella PA e nei sistemi ter-
zioni istituzionali e internazionali; ritoriali, costruita dal lavoro quoti-
«La crisi, e poi? Il ruolo della PA con Gianni Dominici alla direzione diano di Forum PA. L’opera mette a
per uscire dalle difficoltà con un Pae- generale viene confermato l’impe- disposizione dei lettori l’enorme pa-
se diverso e più forte, fondato sul gno di porre l’innovazione al centro trimonio di conoscenze accumulato:
merito e sull’innovazione»: è questo delle attività e delle iniziative dedi- i file audio e le trascrizioni degli in-
il titolo della prossima edizione del cate alla Pubblica Amministrazione terventi nei convegni, i materiali pre-
Forum PA, ossi della Pubblica Am- centrale e locale. I cambiamenti orga- sentati dai relatori, gli editoriali di
ministrazione, in programma per il nizzativi seguono quelli subiti negli commento, gli articoli e le interviste
prossimo maggio a Roma. Dopo il ultimi anni che hanno trasformato la realizzate dalla redazione, le schede
successo del 2009, la manifestazione manifestazione, dedicata alla moder- dei migliori esempi locali e i com-
si annuncia con significative novità nizzazione della Pubblica Ammini- menti dei lettori. Migliaia di docu-
tra le quali una riorganizzazione del strazione, in un’azienda impegnata menti suddivisi per tipologia e per
management interno e l’invi- temi proposti nel web con commento
to lanciato alle Pubbliche e collegamento con i principali sog-
Amministrazioni a sostenere getti sociali. A fine gennaio erano 41
i processi innovativi in grado mila le «voci» in rete, con 2.970 com-
di ridare competitività al Pae- menti dei lettori. Oltre alla manife-
se e contribuire al supera- stazione dello scorso maggio, Forum
mento della crisi economica. PA nel 2009 ha organizzato 30 corsi
Con l’arrivo del 2010 Carlo di alta formazione per 750 dirigenti;
Mochi Sismondi, ideatore 5 tavoli permanenti con aziende e di-
dell’iniziativa e partner del- rigenti; 12 convegni locali; 8 indagini
l’azienda, ha assunto la carica e ricerche; 1.244.133 visite al sito con
di presidente della società Fo- 3.762.654 pagine visualizzate,
rum PA mentre la direzione 929.494 visitatori, 2.970 commenti
generale è stata affidata a dei lettori; 52 newsletter con 80 mila
Gianni Dominici, sociologo lettori medi. Questo il bilancio del-
dell’innovazione, da due anni l’anno passato. Nel 2010 il Forum PA
in azienda dopo esperienze Carlo Mochi Sismondi e Gianni Dominici punterà sul tema dell’innovazione
internazionali presso la Com- per uscire dalla crisi. Fer. Bru.

nel prossimo luglio. Nonostante la cri- necessità di congelare il progetto in at-


Rimini: il nuovo si, nel 2009 la Fiera di Rimini ha visto tesa di ulteriori verifiche di fattibilità.
aumentare espositori e visitatori. I pri- Tuttavia i cospicui investimenti com-
mi sono stati 11.209, i visitatori piuti nel 2009 hanno dato risultati po-
Palacongressi, il più 1.895.980, i metri quadrati occupati
1.153.482. «Nel secondo semestre del
sitivi nel settore del turismo con TTG,
dell’ambiente con Ecomondo, del be-
grande d’Italia 2008–ha rivelato Cagnoni–avevamo nessere con Riminiwellness e del di-
individuato i primi segnali della crisi e vertimento con l’Enada. Nel 2009 si
Nei prossimi mesi si aprirà a Rimini avevamo annunciato per il 2009 diffi- sono registrati due novità nel calenda-
il nuovo Palacongressi, il più grande coltà ben più ampie, che si sarebbero rio: Technodomus, decisiva incursio-
d’Italia, progettato dallo Studio GMP trasmesse al settore fieristico e in par- ne di Rimini Fiera nei grandi comparti
di Amburgo. L’inaugurazione doveva ticolare manifatturiero che registra in economici del Paese; il Salone della
avvenire nel 2009, ma era stata riman- Italia diminuzioni di fatturato del 30 Giustizia, con il diretto coinvolgimen-
data: «Faceva parte del nostro pro- per cento». In particolare nel 2009 to del presidente della Commissione
gramma–ha spiegato Lorenzo Cagno- hanno risentito della crisi le manife- Giustizia del Senato senatore Filippo
ni, presidente della società RiminiFie- stazioni Sia Guest, che ha però dato Berselli. Nel settore congressuale l’at-
ra che gestisce la Fiera di Rimini–, ma soddisfacenti risultati sotto il profilo tività è aumentata di oltre il 4 per cen-
è comunque in dirittura d’arrivo e qualitativo e degli affari per le aziende to, in netta controtendenza rispetto al-
sarà completato nell’arco dei prossimi clienti, e White and blue. Nonostante la flessione in atto su scala nazionale.
mesi; sarà inau- gli sforzi profusi a Nel 2010 il Gruppo Rimini Fiera pre-
gurato presumi- livello internazio- vede di tornare a un utile di circa 2 mi-
bilmente nel nale e la felice ubi- lioni di euro. «Sono convinto–ha detto
prossimo aprile». cazione della nuo- Cagnoni–che il 2010 e il 2011 saranno
L’apertura del va darsena, que- ancora durissimi per il profilo econo-
Palacongressi ar- st’ultima, ha regi- mico generale, tuttavia per il 2010,
ricchirà Rimini di strato una risposta grazie agli sforzi profusi, riusciremo
una nuova mani- del mercato insuf- ad avere un risultato in utile». Tra le
festazione, la ficiente a soddisfa- principali novità Cagnoni ha annun-
BTC, dedicata al- re gli investimenti ciato la prima edizione di Packology,
l’industria del e gli standard or- Salone delle tecnologie per il packa-
meeting che, la- ganizzativi di Ri- ging e il processing, organizzato con
sciata Roma, si mini Fiera, ponen- l’Ucima dall’8 all’11 giugno prossimi.
svolgerà a Rimini do questa nella Fer. Bru.
Il nuovo Palacongressi di Rimini
RETROSPECCHIO SPECCHIO
ECONOMICO 63
ga Trombini–;
adesso poi, gra-
Trombini: pannelli zie alle nostre
tecnologie di
decorativi realizzati stampa digita-
le, è anche fonte
inesauribile di
in tempi record ispirazione
Specializzato in pannelli in conglo- creativa. Facil-
merato di legno per arredamento, il mente, rapida-
Gruppo Trombini investe 10 milioni mente e a costi
di euro in un laboratorio digitalizzato contenuti è pos-
per la realizzazione in tempo record sibile riprodur-
di decorativi di tendenza. Nello sta- vi qualsiasi im-
bilimento della controllata Rafal a magine, il che
Ravenna ha costruito un Lab Show di apre una serie
6 mila metri quadrati nel quale ha di straordinarie
Ravenna. Il nuovo Lab Show del Gruppo Trombini

messo a disposizione della clientela opportunità al-


avveniristiche tecnologie di stampa zia. «Secondo le nostre previsioni–af- l’industria del settore». Trombini si
digitale e uno staff di designer in gra- ferma il presidente Andrea Trombi- riferisce ad arredi personalizzati,
do di anticipare le tendenze dell’arre- ni–, il pannello riformulato grazie al semplici da trasformare, costante-
do con cui è possibile realizzare in digital print ci consentirà di rinforza- mente al passo con i tempi; a mobili
tempo record le più attuali decora- re ulteriormente la nostra quota di dotati di pannelli intercambiabili, da
zioni e finiture per pannelli. Il labora- mercato». Gli impianti digitali di ulti- sostituire ogni volta che si voglia rin-
torio è già frequentato da clienti del ma generazione, introdotti nel Lab novare gli ambienti senza buttare via
Gruppo quali Gruppo Doimo, Grup- Show consentono di realizzare in un tutto. L’azienda è l’unica produttrice
po Setten (Mobilrecord e Record Cu- giorno quello che si faceva in almeno in Europa di pannelli dotati di uno
cine), Coopsette, Industrie Colombi- un mese. Il risparmio di tempi e costi strumento all’avanguardia nella ri-
ni, Gruppo Berloni, Veneta Cucine. è rilevante e lo sviluppo di soluzioni cerca come il Lab Show, ed è all’esa-
Inoltre nel Lab Show si stanno speri- estetiche non ha limiti. «Il pannello me un suo futuro ingresso nel merca-
mentando applicazioni del pannello truciolare, ecologico, vantaggioso, to europeo. L’occupazione nel Grup-
truciolare esteticamente rinnovato in duttile è al centro di una riscoperta po resterà stabile nel 2009, sugli at-
nuovi settori quali il contract e l’edili- da parte di architetti e designer–spie- tuali 449 addetti. Ga. Loc.
64 SPECCHIO
ECONOMICO
RETROSPECCHIO

mune di Valdobbiadene. Al termine raccolta dei tappi di sughero usati ci


Rilegno: al via della fase sperimentale si valuteranno consentirà di aumentare progressiva-
le eventuali modalità di estensione del mente il riciclo di questo nobile mate-
servizio in tutto il territorio della Sini- riale», spiega il direttore di Rilegno
la raccolta e il riciclo stra del Piave che, per la coltivazione Marco Gasperoni. Facente capo al si-
della vite e la produzione del vino, si stema Conai ovvero Consorzio Nazio-
dei tappi di sughero presta al successo del progetto. «Co- nale Imballaggi, Rilegno è competente
me tutti i tipi di imballaggi di legno, per il recupero e il riciclo degli imbal-
Promosso, dopo l’iniziativa Vetro anche quelli di sughero sono riciclabi- laggi a matrice legnosa; il sughero po-
Indietro, da Rilegno, consorzio nazio- li al 100 per cento; il progetto per la trebbe diventare un prezioso tassello
nale per il recupero e il riciclaggio de- nella sua attività che nel 2008 ha regi-
gli imballaggi di legno, e sostenuto strato il recupero di 1.680.000 tonnel-
dalla Savno, azienda di servizi am- late. «L’Amorim Cork è la prima
bientali del Veneto nord-orientale, il azienda nel mondo che ha attivato il
progetto «Tappoachi?» è finalizzato riciclo dei tappi in sughero. In Ameri-
alla raccolta e al recupero dei tappi di ca, in Australia e in Paesi europei co-
sughero, un materiale prezioso che me il Portogallo, la pratica del riciclo
spesso viene erroneamente conferito del sughero è da tempo consolidata;
insieme ai rifiuti secchi. Concordata era tempo di attivarla in modo orga-
con la società Amorim Cork, produt- nizzato anche l’Italia», commenta
trice di tappi di sughero e con il Co- Carlos Santos, direttore generale del-
mune di Valdobbiadene, la sperimen- l’Amorim Cork Italia. Il sughero rac-
tazione avrà la durata di un anno in colto nell’ambito del’iniziativa sarà
un’area di rinomata produzione dl separato dai materiali estranei quali
Prosecco, nonché ideale per la presen- plastica, carta o metallo, quindi sarà
za di numerosi wine bar, enoteche e ri- macinato, compresso e trasportato
storanti. Nella raccolta dei tappi in su- negli stabilimenti del Portogallo, do-
ghero saranno coinvolti i loro esercen- ve sarà rimacinato e lavorato per po-
ti; ad essi sarà consegnato, per la pro- ter essere riciclato. Con la lavorazione
mozione e la raccolta del sughero, un del materiale si potranno ottenere
kit composto da sacchi in juta, bidoni e pannelli per isolamento, oggetti arti-
materiale informativo. Insieme agli stici, scarpe, calzature e materiali per
addetti alle attività produttive, i citta- l’edilizia; i proventi ricavati dalla rac-
dini potranno contribuire alla riuscita colta dei tappi di sughero, attraverso
del progetto raccogliendo i tappi e il progetto, saranno devoluti in inizia-
consegnandoli a un ecocentro del Co- tive aventi finalità sociale.

un patrimonio genetico immenso,


Dal 5 all’8 marzo che rappresenta più del 40 per cento Selex SI: la Nato
di quello mondiale e che viene ade-
guatamente tutelato, conservato e
Trieste capitale valorizzato. Attualmente sono 38 le
denominazioni d’origine attribuite
acquista radar
dell’Olio Capitale dall’Unione europea all’Italia e ri-
guardano tutte le regioni olivicole, ma per la Polonia
Dal 5 all’8 marzo prossimi si svol- con in testa la Sicilia seguita da Pu- La SELEX Sistemi Integrati fornirà
gerà la IV edizione di Olio Capitale, glia e Toscana. La Fiera di Trieste all’Agenzia della Nato NC3A, per
Salone degli extravergini tipici e di sarà affiancata nell’organizzazione l’importo di circa 5 milioni di euro,
qualità organizzato da Fiera Trieste. dall’Associazione nazionale delle tre sistemi radar secondari del tipo
Sarà l’occasione per fare il punto sul- Città dell’Olio. Ga. Loc. IFF destinati alla Difesa aerea polac-
le nuove tendenze del ca, destinati ad unirsi a tre sistemi
comparto oleario italiano e RAT 31DL venduti dalla stessa SE-
mondiale. Olio Capitale è LEX alla Polonia e in fase di installa-
diventato ormai un punto zione. I radar IFF permettono di rico-
di riferimento per il settore noscere aerei amici o nemici, di de-
e in questo contesto l’olivi- terminarne la distanza e la direzione
coltura italiana ha trovato della rotta. La nuova versione fornita
la propria casa comune, il dalla SELEX Sistemi Integrati, deno-
luogo in cui ritrovarsi e de- minata Mode 5, si distingue per un
cidere le politiche future. nuovo modo di acquisire informa-
In Italia l’olivicoltura si zioni dagli aerei: usando le funzioni
estende su oltre un milione più evoluto in ambito Nato, il siste-
di ettari e coinvolge altret- ma aumenta la capacità di trasmis-
tanti produttori, due terzi sione dei dati tra aerei e centri di con-
dei quali sono nel Meridio- trollo a terra, migliorando le tecniche
ne. L’Italia può contare su di riconoscimento, la sicurezza del
un gran numero di appas- sistema e la protezione delle infor-
sionati olivicoltori che col- mazioni. La SELEX Sistemi Integrati
tivano oltre 500 diverse va- consegnerà il primo radar entro 22
Scorcio di Olio Capitale, edizione 2009
rietà di olivo. Si tratta di mesi dalla firma del contratto.
RETROSPECCHIO SPECCHIO
ECONOMICO 65
to, che si riduce al 30 per cento in caso
Nuovo metodo per di celle fotovoltaiche più costose, con Foto dai satelliti
substrato in germanio puro. Lo sfrut-
tamento commerciale di questo proce-
ridurre i costi delle dimento aveva avuto avvio in campo
aerospaziale negli anni 90; ora i ricer-
italiani acquistate
cellule fotovoltaiche catori hanno pensato di trasferire dal- dalla Difesa Usa
l’ambito aerospaziale a quello terre-
In collaborazione con l’Università di stre un metodo sofisticato e dai costi Il team composto dalla statuniten-
Ferrara e con l’Istituto di Fisica della proibitivi, applicandolo per usi terre- se Lockheed Martin e dall’italiana e-
Materia del Cnr, la Dichroic Cell ha stri su scala industriale. I risultati della Geos fornirà, per 5 anni e 85 milioni
messo a punto una tecnica per trasfor- ricerca sono stati tenuti segreti, finché di dollari, prodotti e servizi ottenuti
mare gli elementi troppo costosi delle lo scorso settembre la Dichroic Cell ha dai satelliti italiani COSMO-Sky-
celle fotovoltaiche in altri, ridurre avviato la produzione. Attualmente Med. Le immagini acquisite da que-
l’impiego di materie sempre più rare e tra tutti i dispositivi fotovoltaici pre- sti satelliti serviranno a sviluppare
preziose come il germanio, e contene- senti sul mercato, le celle solari basate numerose applicazioni richieste dal
re tempi e costi di produzione. Gli ele- su composti con substrato in germa- Governo Usa. Per l’e-Geos, società
menti alla base delle celle fotovoltai- nio hanno mostrato la maggiore possi- al’80 per cento di Telespazio e per il
che sono silicio, arseniuro di gallio, fo- bilità di conversione. Ga. Loc. resto dell’Agenzia Spaziale Italiana,
sfuro di indio, gallio e soprat- si tratta di un rilevante successo
tutto germanio. Per aggirare commerciale e strategico grazie alle
l’ostacolo della sua scarsità, la caratteristiche uniche del COSMO-
Dichroic Cell sta studiando SkyMed, concepito per impiego civi-
un metodo per convertire il le e militare. Esso prevede l’uso di 4
germanio in silicio, più repe- satelliti dotati di sensori radar ad
ribile e meno costoso. Il pro- apertura sintetica - tre sono in orbita,
cedimento usa un reattore il quarto sarà lanciato entro l’anno -
che deposita il germanio sul in grado di operare in ogni condizio-
silicio consentendo la trasfor- ne atmosferica, giorno e notte. Il CO-
mazione di quest’ultimo. In SMO-SkyMed fornisce immagini con
tal modo si abbatterà il costo risoluzione fino a un metro e capa-
del substrato delle celle foto- cità di rilevazione di circa 2.400.000
Reattore per trasformare silicio in germanio
voltaiche di oltre il 60 per cen- chilometri quadrati al giorno.
68 SPECCHIO
ECONOMICO

D io creò la femmina, perché ave-


va bisogno della mamma, per
essere in ogni luogo, assicurandosi
SOCIETÀ MODERNA per modificare il corpo e la mente;
una specie di democratizzazione dei
processi di trasformazione, quali la
così non solo il dominio attraverso la chirurgia estetica, la modificazione
perpetuazione della specie, ma an- Usi, costumi, dell’altezza, i miglioramenti della
che la tutela contro Lucifero, il suo memoria o dell’attenzione e di altre
più bell’angelo ribelle; e, predileg- capacità intellettuali, i rafforzamenti
gendola, la istruì al punto da farglie- credenze della muscolatura (atleti bionici),
ne sapere una più del demonio. Con dell’abilità musicale ecc.
questa impostazione teologico-strut- Si può dire che due sono i filoni
turale il mondo è andato sempre
avanti sin dalle sue origini che si per-
e sentenze entro i quali si riassumono le molte-
plici teorie sorte in proposito, per
dono nella notte dei tempi, sia pure cui è possibile distinguere un uso
con gli alti e bassi che la Storia rac- accettabile di queste nuove capacità
conta, senza trascurare le meraviglie o tecnologie scientifiche sul piano
dell’avventura e i disagi della violen- terapeutico, e una loro estensione
za umana, sempre in agguato come sul piano migliorativo, che si identi-
la vipera alla frescura. fica con la cultura degli ampliamen-
L’epoca attuale, dai dilatabili con- ti illimitati, di impostazione liberale,
fini spazio-temporali, si caratterizza accusata di basarsi tutta sull’auto-
in maniera a dir poco stravagante nomia individuale e sulla piena di-
per una serie di considerazioni che ci sponibilità del corpo.
accingiamo a svolgere. Prendiamo Questa impostazione viene discus-
spunto dal matrimonio, un istituto sa e contrastata solitamente anche
assai antico che, nonostante tutto, dalle concezioni religiose, che so-
ancora esiste e resiste, pur con tutte stengono, in maniera testarda, l’indi-
le anomalie che esso rivela e le defi- sponibilità del corpo, paventando i
cienze che gli vengono attribuite o pericoli per il genere umano connes-
imposte. Muovendo da lontano, esso dell’avv. BIAGIO CALDERANO, si allo stravolgimento delle regole di
per i Canonisti era anche «remedium Madre Natura, che sono le leggi fatte
concupiscentiae» oltre che fine pri-
specialista
da Dio, come ha affermato il Papa in
mario della procreazione e, secondo occasione della recente Conferenza
in Criminologia clinica
alcuni giuristi, «jus in corpus» in persona di fronte alla legge. di Copenaghen sul clima, svoltasi
contrapposizione al «debitum coniu- La sua tutela, ovunque e comun- dal 7 al 18 dicembre 2009. Animata
gale»; comunque, un istituto calzan- que, non può non incidere sulla fa- dalla logica di far prevalere politiche
te con la natura umana, in qualche miglia, primaria istituzione sociale, di miglioramento della specie uma-
modo considerata bisognosa, se non nucleo base di ogni sviluppo o di si- na, la nuova genetica porterebbe ir-
meritevole, di stargli accanto. curo deragliamento, al quale stiamo reparabilmente a realizzare un «libe-
In questo ambito Sant’Alfonso Ma- assistendo sbigottiti ma incapaci di ro mercato» eugenetico nel quale la
ria de’ Liguori, dottore della Chiesa, porre rimedio. L’errore di fondo con- clonazione riproduttiva e la ricerca
sconvolge i canoni della morale so- siste nel fatto che la centralità del- di bambini «progettati» punterebbe
stenendo che, se il marito ha deside- l’uomo non è intesa tanto da sostene- su una proliferazione sempre più
rio contro natura, la moglie deve as- re il maggior peso dei doveri che la perfetta, in una competizione scate-
secondarlo per impedire, con il tradi- vita gli impone, quanto da sbandie- nata, di fronte alla quale impallidi-
mento, il verificarsi di uno squilibrio rare la titolarità dei diritti che egli re- rebbero il programma hitleriano del-
capace di pregiudicare l’unione ma- clama quale soggetto singolo e socia- la razza pura o la Rupe Tarpea dei
trimoniale e l’armonia della famiglia. le; e ci si dimentica del manzoniano Romani.
Le cose sono peggiorate quando il le- ammonimento che la vita non è una Occorre, perciò, contrastare con
gislatore - leggi la politica - ha voluto gioia per alcuni e un dolore per altri, ogni legittima forza questa diffusa
dare una nuova sistemazione giuri- ma per tutti una missione. tendenza, senza peraltro escludere il
dica ai reati sessuali, spostandoli da In questa ottica si inserisce, prepo- ricorso alla ricerca genetica per scopi
quelli contro la morale, dove erano tente e senza regole né remore, il terapeutici e dunque su basi medi-
stati saggiamente collocati dai nostri programma di ricerca tecnologico- che, ad esempio ampliando il campo
padri, ai reati contro la persona, do- scientifica negli svariati campi della di indagine sulle cellule staminali;
ve li ha pretesi l’insana propaganda scienza, della medicina e della chimi- ma il proponimento sano non può
non so se solo femminista. ca i cui sviluppi, se non arginati con prescindere dall’evitare i principali
La conseguenza perniciosa, sul immediata adeguatezza, causeranno guasti che consisterebbero nell’an-
piano giurisprudenziale, non si è la- mali peggiori di un uragano. Mi rife- nullamento della capacità di provare
sciata attendere. Invero, la sentenza risco alla bioetica e, in particolare, ai umiltà e di accettare la nostra esi-
della Corte Suprema di Cassazione problemi che essa determina nella stenza, condizione della nostra li-
III Sezione del 10 gennaio 2007 n. scelta dei criteri di legittimità, o me- bertà; nella perdita della concezione
256, dichiarando inammissibile il ri- no, delle varie concezioni che si con- realistica della responsabilità, quale
corso, ha legittimato la condanna per frontano a proposito dell’uso delle possibilità di saper dire no alla rin-
violenza carnale del consorte dalla tecnologie dell’enhancement. corsa affannosa e all’uso di scelte al
mentalità vecchio stampo e dal vigo- Ossia del miglioramento, avanza- di là delle nostre capacità di calcolo e
re non assopito dagli anni di convi- mento o ampliamento delle capacità di ragionamento; nell’eliminazione
venza, e offre un significativo esem- corporee e mentali umane; in altri della solidarietà umana nei confronti
pio di rigorosa applicazione dei nuo- termini, dell’uso diffuso di mezzi e dei meno fortunati o dei segnati dal
vi principî, riproducente gli effetti sistemi un tempo a disposizione solo male. Bisogna, in altri termini, conce-
aberranti della nuova visione della di scienziati, farmacologi, medici, pire la nostra vita, nella sua interez-
70 SPECCHIO
ECONOMICO

U na volta, durante una conferenza sulla gestione dell’informazione nella


sulle tecniche di giornalismo INTERNET SPECCHIO DEI TEMPI pubblica amministrazione, la redazione,
svoltasi nella Scuola Sottufficiali numerosa come quella di un quotidiano
dei Carabinieri a Velletri, un allievo sol- di media dimensione, è composta di
levò un’obiezione calzante ed emblema-
tica ai nostri giorni. Perché i cronisti si Inutili le censure, giornalisti persino sindacalizzati e con
tanto di comitato di redazione. È guidata
ostinano a dare la caccia alle notizie,
quando nelle conferenze stampa, tramite
comunicati e via email, si offre un pano-
perfino da un direttore responsabile, Simone
Turbolente, che è anche capo dell’Uffi-
cio Stampa e portavoce del sindaco. Se-
rama completo delle operazioni di poli-
zia giudiziaria?
le rivoluzioni condo uno schema classico di collega-
mento con i mass-media, produce un no-
In effetti, rispetto a un passato di silen-
zi e di diffidenze, le abitudini sono cam- corrono su rete tiziario con la differenza, rispetto a ieri,
che viene trasmesso in via telematica e a
biate profondamente e grazie a una più getto continuo. La redazione cura, inol-
matura sensibilità verso il valore del- tre, l’architettura dell’homepage e svol-
l’informazione e alla padronanza delle ge un’attività multimediale per il giorna-
tecnologie, sono stati compiuti passi da le online, per Televideo ecc. Infine, il
gigante nelle comprensione delle esigen- portale è diretto da una figura responsa-
ze della cronaca da parte di Uffici stam- bile del dominio internet nei confronti
pa, Relazioni esterne, Settori Comunica- del Garante della comunicazione.
zione, Marketing ecc., i cui addetti, se- Nel campo della comunicazione inte-
condo il rapporto del dicembre 2009 del- rattiva il 2009 è passato alla storia come
la pubblicazione degli editori «Prima co- l’anno dei social network. Come nella
municazione», hanno raggiunto il nume- Casa Bianca dell’era di Barack Obama e
ro record di 14.218 pareggiando pratica- in altri palazzi di Governo nel mondo, da
mente i conti con i giornalisti a tempo noi prima il Vaticano e poi il Quirinale
pieno dei mass-media. hanno cominciato a parlare alla gente at-
Tuttavia, giornali e radiotv operano in traverso YouTube. Il canale della Santa
un mercato che incoraggia la libera con- Sede è stato inaugurato il 23 gennaio
correnza, e le ragioni della tempestività dello scorso anno e nella prima settima-
e della completezza delle notizie non na ha registrato 750 mila accessi. Il pre-
collimano tuttora con i lenti e laboriosi di ROMANO BARTOLONI sidente della Repubblica Giorgio Napo-
meccanismi delle indagini, e con presidente del litano ha debuttato nella rete sociale con
un’informazione pubblica fatta preva- Sindacato Cronisti Romani il messaggio di fine d’anno.
lentemente di annunci. I cronisti voglio- Nel bene come nel male, la rete pre-
no saperne di più, controllare con i pro- volte, come nel caso del Comune di Ro- senta uno spaccato dei tempi, ed è diven-
pri occhi il dritto e il rovescio della me- ma, l’assetto su scala editoriale è esem- tata lo specchio, deformato o deformante
daglia, al fine di dare un senso compiu- plare. Del tradizionale ufficio stampa ri- quanto si vuole, degli umori e dei malu-
to di perché e di percome ai fatti acca- mane soltanto l’etichetta. L’homepage è mori della gente. Che non si placano
duti e agli impegni presi. regolarmente registrato come testata rompendo lo specchio. Colpire internet,
Dal canto loro gli investigatori si giornalistica quotidiana presso la Sezio- dicono gli avvocati di Google denunciata
preoccupano che la fuga delle indiscre- ne Stampa del Tribunale. per video scabrosi, è come «processare i

L
zioni possa bruciare l’inchiesta e favori- Nel rispetto della legge sull’Ordine postini per il contenuto delle lettere che
re la scomparsa degli indizi e delle pro- professionale e della legge 150 del 2000 portano». Nei regimi dittatoriali, in Cina
ve, mentre gli amministratori pubblici te- come in Iran, si tenta invano di mettere
mono gli effetti dirompenti della critica. la sordina alla voce digitale sui fermenti

a rete è diventata
Per entrambe le parti la rivoluzione tec- della popolazione. Filmati e blog su

lo specchio di umori
nologica ha prodotto un terremoto nei scontri e tensioni fanno il giro del mon-
metodi di gestione dei fatti e nella produ- do, diffusi e ingigantiti dalla stampa e

e malumori della gente.


zioni delle notizie. Sembrano lontani an- dalle tv. Inutili le censure: le rivoluzioni

In Cina e in Iran si tenta


ni luce i tempi in cui i giornalisti si scon- ora corrono su Facebook e su Twitter e
travano con gli amministratori locali che lanciano la sfida in diretta mondiale.

invano di mettere
pretendevano dalle cronache cittadine la Inevitabile il rovescio della medaglia.

la sordina alla voce


risonanza, a loro misura, dell’informa- La cittadella televisiva del Grande Fra-
zione di servizio locale, non riuscendo tello è spiata da più di 80 postazioni pe-

digitale sui fermenti


ancora a capire che i cambiamenti pro- rennemente accese, a disposizione dei

della popolazione, filmati


dotti nel modo di fare comunicazione re- registi di turno. La numero 71 è fissa sul
sponsabilizzano gli enti locali, almeno bagno, per la precisione su tazza e bidet.

e blog su scontri e
quelli più grandi, e che spetta a loro un Non arriva mai alla messa in onda, ma

tensioni fanno il giro


ruolo diretto e interattivo con i cittadini. per problemi di sicurezza (un malore) è
I Municipi di Roma, Milano, e delle attiva. Per gli appassionati del reality di

del mondo, ingigantiti


più importanti città italiane hanno realiz- Canale Cinque Mediaset, sono garantite

da stampa e tv; ma è
zato, nel mondo di internet, portali istitu- la diretta tv e le registrazioni più invasi-
zionali proponendo sportelli virtuali e ve delle umane debolezze. Per tutti gli
inevitabile il rovescio
servizi online. Non solo, ma organizzan- altri, un organizzato Ufficio Stampa di-

della domanda
do l’homepage, la pagina di apertura del stribuisce spezzoni di filmati, notizie,
portale, come un vero e proprio giornale, commenti, morbosità, illazioni. Anche
promuovono una comunicazione quoti- questo fenomeno, che sembra il lato
diana sulla propria attività e sullo stato oscuro della rete, appartiene alla comu-
dei servizi erogati alla cittadinanza. A nicazione della nostra epoca.
72 SPECCHIO

I
ECONOMICO

In collaborazione
con lo Stato Maggiore della Difesa
l personale militare opera in una si- giornabile per un tempestivo adegua-
tuazione di diritti e doveri assoluta- mento alle nuove esigenze nascenti dal-

La condizione
mente singolare, differente rispetto l’evoluzione delle condizioni d’impiego.
a quella degli altri pubblici dipendenti. DIFESA Tutto ciò impone di utilizzare nel mo-
Lo status dei militari è connesso con la do migliore le risorse attraverso una pia-

militare
singolarità dell’impiego, rapportata alla nificazione che definisca gli obiettivi ge-
peculiarità dei compiti istituzionali con- nerali da conseguire progressivamente,
cernenti la difesa dello Stato e la realiz- attraverso il perseguimento di risultati

e la specificità
zazione della pace e della sicurezza in parziali di breve e medio termine, conge-
conformità alle regole di diritto interna- gnati in modo che nel lungo periodo ri-
zionale. La singolarità dello status incide sulti possibile apportare gli affinamenti
sulle condizioni di vita, in quanto richie- necessari per adeguare la normativa al-
de ai singoli militari: consapevolezza di l’evolversi delle esigenze.
dover assolvere compiti inerenti allo In tale prospettiva appare ancor più
scopo di difendere la Patria, ossia di con- del Col. ANTONINO LO TORTO proficuo il contributo propositivo della
correre al perseguimento degli obiettivi Direzione generale Rappresentanza Militare, considerato
indicati dal Governo per il mantenimen- di Commissariato e dei Servizi che lo stesso articolo 20, comma 3, rico-
to della pace, nonché di dover provvede- nosce il ruolo negoziale del COCER nel-
re alla sicurezza del territorio, della po- della tutela economica, pensionistica e le attività destinate all’attuazione delle
polazione e delle libere istituzioni; co- previdenziale. Chiarisce che la specifi- finalità indicate dal comma 1, concer-
stante efficienza fisica e psichica, asso- cità è la risultante della combinazione di nenti il trattamento economico del perso-
lutamente essenziale per l’assolvimento due elementi tipici quali la peculiarità nale del Comparto Difesa-Sicurezza. Il
del servizio; disponibilità ad operare in dei compiti istituzionali e la singolarità ruolo negoziale non ha natura contrattua-
condizioni di disagio, anche in carenza degli obblighi e delle limitazioni perso- le, poiché la Rappresentanza Militare
di adeguato supporto logistico; capacità nali previste da leggi e regolamenti. continua ad avere la configurazione di
di operare con coraggio e prudenza, non- Il contenuto di questa disposizione, organismo interno delle Forze Armate.
ché di gestire il rischio connaturato alla che sembra una mera ricognizione delle Tale riconoscimento, in sostanza, sanzio-
professione militare; consapevolezza di norme che disciplinano la condizione del na il percorso evolutivo della Rappresen-
dover mantenere, anche fuori servizio, personale militare, risulta tuttavia signi- tanza nell’assolvimento della funzione
una condotta corretta, decorosa e riser- ficativo se connesso al comma 2, ove è propositiva nelle materie di competenza,
vata, adeguata alla pe- quale, in particolare, il
culiarità delle respon- trattamento economi-
sabilità rivestite. co regolamentato dal-
Questa singolarità la procedura di con-
della condizione mili- certazione. Il ricono-
tare implica la neces- scimento del ruolo ne-
sità di garantire ai mi- goziale, in sostanza,
litari un trattamento eleva a sistema il dia-
adeguato per esercita- logo e il confronto tra
re i diritti riconosciuti due componenti che
a tutti i cittadini, com- non sono controparti
patibilmente con l’as- ma elementi di un’or-
solvimento delle in- ganizzazione la cui
combenze di servizio. unitarietà è tale non
Quelli della condizio- perché sancita per de-
ne militare sono pro- creto, ma perché con-
blemi costanti, che si naturata alla funzione
ripropongono con di- istituzionale dell’or-
versa configurazione in relazione alle si- previsto che con successivi provvedi- ganizzazione stessa. Inoltre realizza un
tuazioni contingenti e richiedono un di- menti legislativi sarà definita la discipli- produttivo, ancorché mediato, dialogo
verso approccio per l’individuazione na attuativa e saranno stanziate le occor- tra il personale e le autorità investite del-
della soluzione più appropriata. Di con- renti risorse finanziarie. Sembra, in so- le responsabilità di comando.
seguenza, la condizione militare oggi è stanza, che il legislatore intenda sancire Il dialogo interno, mirato ad eviden-
all’attenzione del Governo che ha rece- un formale impegno politico a raziona- ziare in modo sereno e senza pregiudi-
pito le aspettative del personale militare lizzare il trattamento del personale del ziali le aspettative del personale, rende la
per un più incisivo riconoscimento della Comparto Difesa-Sicurezza sulla base compagine militare costantemente ani-
specificità, quale riferimento indispensa- dell’accertata tipicità e singolarità dello mata da viva fiducia nella capacità di
bile per l’adeguato trattamento giuridico stesso in seno al pubblico impiego. percepire la responsabilità di appartenere
ed economico. Poiché non è prevedibile quando sarà ad un’organizzazione chiamata a fornire
Il riconoscimento pieno e formale del- possibile vedere assolto questo impegno alla comunità nazionale un servizio asso-
la specificità è ora previsto dall’articolo politico con provvedimenti significativi lutamente singolare quale il prodotto si-
20 di un disegno di legge all’esame della e incisivi, per mantenere il giusto reali- curezza. In definitiva, questa fiducia, che
Camera in seconda lettura. Questa nor- smo occorre non trascurare che i proble- si concretizza nella coesione e nella soli-
ma, al comma 1, prevede che la specifi- mi della condizione militare risultano darietà, costituisce il veicolo naturale per
cità del ruolo delle Forze Armate, unita- naturalmente complessi perché originati garantire l’adeguato trattamento della
mente alle Forze di Polizia e ai Vigili del da esigenze che si manifestano in modo specificità militare nel contesto di un go-
Fuoco, costituisce l’elemento caratteriz- variegato e richiedono soluzioni flessibi- verno delle Forze Armate, saldamente
zante dello stato giuridico del personale. li, tali cioè da consentire la determina- ancorato ai principi democratici, che as-
A tale specificità si riconnette la defini- zione di una regolamentazione attagliata sicurano il giusto equilibrio tra l’assolvi-
zione degli ordinamenti delle carriere, alle particolari situazioni delle diverse mento dei doveri istituzionali e l’eserci-
dei contenuti del rapporto d’impiego e categorie di personale e agevolmente ag- zio dei diritti garantiti dalla Costituzione.
SPECCHIO

A
ECONOMICO 73
metà dicembre è stato dato dalla ciali nel comunicare o inoltrare propo-
Giunta Regionale il via libera REGIONE LAZIO ste di variazione dei servizi e fissa in 4
alla costruzione del più grande milioni di euro il valore massimo delle
porto turistico d’Europa, che nascerà a penali e dei premi che la Regione appli-
Fiumicino. È stato infatti presentato il
progetto del nuovo porto di Fiumicino,
Via libera a nuove cherà a Trenitalia in relazione agli stan-
dard qualitativi su puntualità, pulizia e
il primo ecosostenibile in Italia, il cui
Accordo di programma è stato firmato infrastrutture comfort del servizio.
La sottoscrizione di un contratto di
dal vicepresidente della Regione Lazio lunga durata ha consentito all’Assesso-
Esterino Montino, insieme all’assessore ferroviarie rato ai Trasporti della Regione Lazio di

V
agli Enti locali, Reti territoriali, energe- ottenere una programmazione di lungo
tiche, portuali, aeroportuali e dei Rifiuti
Giuseppe Parroncini e al sindaco di
e marittime periodo per l’ampliamento dei servizi
offerti e delle infrastrutture di trasporto.
Fiumicino Mario Canapini. Entro il 2014 arriveranno 26 nuovi tre-
Cinque anni di lavori, 325 milioni di ni, di cui 11 convogli metropolitani a
ia libera al porto
euro di investimenti, che saranno soste- doppio piano e 75 nuove carrozze, tutti

turistico di Fiumicino
nuti dai privati, 650 posti di lavoro ini- da destinare alle tratte regionali. Un
ziali che diventeranno 2.500 una volta a programma di ristrutturazione inoltre
che sarà dotato
regime, 1.445 posti barca e 3.409 posti coinvolgerà 130 convogli già in circola-

di 1.445 posti-barca,
auto. Sono alcuni dei numeri del nuovo zione sulla rete regionale.
scalo che si estenderà su una superficie Il potenziamento e il rinnovo del ma-
116 dei quali per barche
di 104 ettari - 77 per opere a mare e 27 teriale rotabile costeranno 266 milioni

da 25 a 60 metri;
per opere a terra - con 4 darsene princi- di euro, di cui Trenitalia erogherà 231

nuovi treni
pali, e sarà in grado di ospitare princi- milioni e la Regione 35. Tra le opere in-
palmente imbarcazioni medio-grandi, frastrutturali previste dal contratto spic-

per le ferrovie
candidandosi a vero polo di eccellenza cano il raddoppio della tratta Campo-

regionali e, presto,
per la nautica da diporto regionale e na- leone-Aprilia e di quella Lunghezza-
zionale. Le costruzioni saranno tutte Guidonia. Sul fronte delle stazioni, da

la nascita della società


realizzate secondo tecniche di bioedili- segnalare invece il nuovo sottopassag-

regionale di navigazione
zia, con materiali a basso impatto am- gio alla stazione di Aprilia, con adegua-
bientale, energie rinnovabili e impianti mento del terzo binario in modo da au-

Laziomar
di risparmio energetico e fotovoltaici. mentare la puntualità della linea diretta
Dei 1.445 posti barca, 280 sono per im- a Roma, e il potenziamento delle stazio-
barcazioni da 8 a 12 metri, 764 per bar- ni di Ciampino e Colleferro.
che da 12 a 18 metri, 285 per barche da Il 21 gennaio scorso, poi, la Giunta ha
18 a 25 metri e 116 per barche da 25 a completamente 132 altri treni. Previsti deliberato l’adozione della proposta di
60 metri. inoltre il raddoppio della tratta Campo- legge, da sottoporre all’esame del Con-
«Un progetto ambizioso–ha sottoli- leone-Aprilia e di quella Lunghezza- siglio regionale, relativa alla costituzio-
neato Montino–che interessa un’area di Guidonia. Per il 2009 il costo totale per ne di una società per azioni a partecipa-
alto degrado sotto il profilo ambientale, la produzione di servizi sarà di 312 mi- zione regionale per il servizio di colle-
come quella del Faro e della Foce del lioni e 800 mila euro; la Regione versa gamento marittimo con le isole pontine,
Tevere e con il quale non si dà solo una a Trenitalia 215 milioni mentre 97 mi- denominata Laziomar. In attuazione
risposta a chi ama il mare e le barche, lioni e 800 mila verranno dai proventi dell’Accordo di programma tra Gover-
ma si crea un indotto molto significati- ricavati dai biglietti venduti. no, Regione Campania e Regione Lazio,
vo, fatto di cantieristica navale, di ma- L’accordo stabilisce anche che la Re- sottoscritto lo scorso 3 novembre, la
nutenzione e di occasioni di lavoro im- gione paghi 165 milioni di euro per re- Regione Campania ha acquisito a titolo
prenditoriale». «È un progetto di cui si golamentare i servizi svolti da Trenita- gratuito la società di trasporto marittimo
parla da decenni–ha ricordato l’assesso- lia nel 2008, anno durante il quale, gra- Caremar, impegnandosi a cedere gratui-
re Parroncini–, una delle priorità conte- zie a una proroga aveva continuato a tamente alla Regione Lazio entro fine
nute nei 39 punti dell’accordo firmato sussistere il contratto scaduto nel 2007. mese il ramo d’azienda relativo ai colle-
con i sindacati, che stimola la ripresa A questo importo vanno aggiunti i circa gamenti con le isole ponziane.
economica della regione. Siamo l’unica 30 milioni di euro destinati alla Regione Sempre in base a tale accordo e in
Regione in Italia che ha creato un di- Lazio dal riparto dei fondi nazionali. Il conformità con gli obblighi e le disposi-
stretto della nautica e dello sviluppo di contratto prevede un anticipo di almeno zioni nazionali e comunitarie vigenti, la
tutte le attività ad essa connesse». sei mesi rispetto ai cambi di orario uffi- Regione Lazio provvederà ora alla costi-
Il 19 dicembre è stato poi tuzione di una società a totale partecipa-
firmato un nuovo contratto zione regionale cui affidare le attività e le
di servizio tra la Regione risorse della Caremar destinate ai servizi
Lazio e Trenitalia: l’accor- verso l’arcipelago pontino per poi bandi-
do siglato dalle parti sarà re, entro il 28 febbraio, la gara per la sua
valido per il periodo 2009- privatizzazione attraverso la costituzione
2014 e ha avuto il via libera di società a capitale misto pubblico-pri-
della Giunta regionale; si vato con scelta del socio privato median-
tratta del primo contratto te procedura a evidenza pubblica e appro-
della durata di sei anni, che vare lo schema di contratto di servizio
permetterà, entro il 2014, di con la nuova società per una durata non
far arrivare sulle strade fer- superiore a 12 anni. «Si scrive oggi–ha
rate del Lazio 26 nuovi tre- dichiarato l’assessore alla Mobilità, Fran-
ni regionali di cui 11 con- co Dalia–una pagina strategica per il fu-
vogli metropolitani a dop- La Laziomar sostituirà la Caremar. Nella foto, Ponza turo della Regione e per gli abitanti del-
pio piano, e di ristrutturare l’arcipelago ponziano».
74 SPECCHIO
ECONOMICO

a cura di
Affari & Cultura Romina Ciuffa

I L PESO PSICOLOGICO DEI CORPI M OSTRARE CIÒ C H E NON S I P U Ò VEDERE


D I E GON S CHIELE E L ’ INTROSPEZIONE È I L COMPITO DELLA PITTURA
NELLA V IENNA DEL X X SECOLO INVISIBILE D I D E C HIRICO

A D
Milano arriva Egon al 26 febbraio al 18 luglio
Schiele al Palazzo la mostra a Palazzo
Reale dal 25 febbraio Strozzi «Uno sguardo
al 6 giugno con circa nell’invisibile» - così chia-
40 dipinti e opere su carta mata perché per Giorgio De Chi-
accompagnate da altrettanti rico lo scopo della pittura era
capolavori di Klimt, Koko- «far vedere ciò che non si può
«Autoritratto con schka, Gerstl, Moser e altri vedere» - racconta l’avventura
alchechengi», 1912
protagonisti della cultura artistica di questo artista e la du-
viennese del primo Novecen- plice influenza che la sua pittura
«Moa», 1911 to. La mostra ricostruisce, at- ebbe nell’arte moderna. Attra-
torno alla figura di Schiele, il verso 100 opere la rassegna met-
clima culturale di Vienna nei te in evidenza «la rivoluzione co-
primi anni del XX secolo, pernicana» operata da De Chiri-
partendo dalla fondazione co nell’arte del XX secolo dando
della Secessione, attraver- un taglio netto alle prospettive
sando le tendenze espressio- di ricerca esaurite del cubismo e
niste della generazione suc- delle avanguardie formali, unen-
cessiva, fino al 1918, anno do alcune tra le più celebri opere
della fine della prima guerra del periodo metafisico di De Chi-
mondiale e della morte di rico con i dipinti di Carrà e Mo-
Klimt e Schiele. È data l’occa- randi, René Magritte, Max Ernst
sione di ammirare opere per e Balthus oltre alle opere di Nik-
la prima volta riunite in un laus Stöcklin, Arturo Nathan,
unico progetto e Pierre Roy e Alberto Savinio, che
di intendere la sulla strada aperta da De Chirico
spettacolarizza- si mossero in un ambito espres-
zione della fisi- sivo in bilico tra Metafisica, Rea-
cità dei corpi co- lismo magico, Surrealismo e
me tramite verso Neo-Romanticismo.
l’interiorità dei
personaggi e il
Dall’alto: Alberto Savinio, «La nave
loro peso psico-
smarrita», 1928; René Magritte, «La
logico.
«Nudo disteso», 1917 condizione umana», 1967; Giorgio De
Chirico, «Paesaggio romano», 1922

‘900, LA C OLLEZIONE INFINITA C ARAVAGGIO V S. CARAVAGGIO


iù di 12 milioni di el 400esimo anniversario, dal 18 febbraio le Scu-
opere archiviate in derie del Quirinale ospitano il Caravaggio of-
P un fondo sul Nove- N frendo al pubblico la produzione certa, una car-
cento: si tratta della rellata di quadri dalla tecnica, dalla visione e dal-
Collezione dello CSAC (Cen- l’innovazione che ne fecero un pittore unico. L’intera
tro Studi e Archivio della carriera artistica di Caravaggio sarà rappresentata lungo
Comunicazione dell’Univer- i due piani espositivi delle Scuderie in un ordine non
sità di Parma). Fino al 25 strettamente cronologico, ma diretto ad esaltare il con-
aprile è possibile accedere fronto tra temi e soggetti caravaggeschi, come, in ambito
alla mostra «Novecento. Ar- sacro, alcune delle grandi pale d’altare romane e altre
te, fotografia, moda, design, del periodo siciliano o, accanto ad opere conosciutissi-
architettura» inaugurando- Sopra, Renato Guttuso, «La me, altre più rare e di difficoltosa
si nel contempo un nuovo partenza del vapore»; sotto, visione, raramente concesse per «Amor vincit Omnia»
spazio espositivo a Parma, il Mario Schifano, «Al mare» mostre a carattere temporaneo.
restaurato Palazzo del Go-
vernatore nel cuore della
città. Lo storico edificio ria-
«Suonatore

pre con questa esposizione e


di Liuto»

sarà interamente dedicato


all’arte moderna e contem-
poranea. Il restauro ha con-
sentito il recupero di oltre 3
mila metri quadrati di su-
perficie espositiva.
SPECCHIO
ECONOMICO 75

Affari & Cultura Affari & Cultura Affari & Cultura Affari & Cultura Affari & Cultura Affari & Cultura

C ARNERA V S. CAPPONI DA A RISTOTELE AL CAVALIERE JEDI


Nel Palazzo dei Capitani del Popolo «Spaziale! Astronomia in mo-
Ascoli Piceno ospita fino al 21 feb- stra», a Trento fino al 30 giugno,
braio, a conclusione delle celebrazioni costituisce un viaggio coinvolgen-
per il centenario di quel movimento te lungo l’evoluzione dell’astrono-
artistico, la mostra «Futurismo inedi- mia, dagli esordi fino al futuro
to, i ritratti nascosti», uno spaccato nella rappresentazione che si è
sulle opere di Cleto Capponi, Ivo Pan- andata creando l’umanità. Lo
naggi, Sante Monachesi, Gerardo Dot- propone il Museo Tridentino di
tori e Giacomo Balla, corredato dalla Scienze Naturali articolandolo in
testimonianza di Maurizio Capponi, fi- cinque sezioni: dal pensiero anti-
Il pugile Primo

glio dell’artista. 50 opere di cui più di co introdotto da Aristotele, agli


Carnera in un L’uomo nello spazio
30 disegni dei primi anni Trenta di scienziati del passato introdotti
ritratto futurista
di Cleto Capponi
Cleto Capponi, artista nato ad Ascoli, da Isaac Newton, al pensiero mo-
irriverente ritrattista dei vip dell’epo- derno presentato da Edwin Hub-
Nebulosa
ca. L’incontro di pugilato del campio- ble, padre della cosmologia, al
ne Primo Carnera ad Ascoli consentì a pensiero futuro e alle ricerche, di
Capponi, 22enne, di farne un ritratto cui è testimonial Joclyn Bell, sco-
che pubblicò sul Messaggero, facendo- pritrice delle pulsar, fino alla fan-
si notare e producendo una lunga serie tascienza, tema introdotto da un
di disegni dei personaggi di rango. Cavaliere Jedi di Guerre Stellari.
Ascoli Piceno

D ISSOLVENTE R ICHTER P ERSIA NON PERSA NUOVI SPAZI PER SENTIRE


Una delle fotografie in mostra

Andrew Schoultz, «Free Market Explosion»

Fino al 27 febbraio è in corso la mo-


stra inaugurale di un nuovo spazio
espositivo milanese. La Jerome Zodo
In corso fino, al 5 aprile, la mostra Contemporary sceglie una collettiva di
«La Persia Qajar - Fotografi italiani
Gerhard Richter, «Eule»
artisti e li raccoglie attorno a un titolo,
A Firenze, il Centro di Cultura Con- in Iran 1848-1864», organizzata a «(Ex)communicate». Il progetto ha
temporanea Strozzina di Palazzo Roma dall’Istituto Nazionale per la selezionato, tra gli altri, Terry
Strozzi ospita dal 20 febbraio al 25 Grafica nella propria sede di Via della Chatkupt, Zackary Drucker, Ben Gras-
aprile la mostra «Gerhard Richter e la Stamperia in occasione delle celebra- so, Tigran Khachatryan, Simon Senn,
dissolvenza dell’immagine nell’arte zioni del 35esimo anniversario della Andrew Schoultz, Federico Solmi,
contemporanea»: 11 opere di uno dei fondazione, è dedicata all’attività di Bertold Stallmach, ossia artisti che
più significativi artisti del secondo un gruppo di fotografi italiani che condividono la filosofia della galleria,
Novecento a confronto con quelle di 7 operarono in Persia sotto il regno di consistente nel restituire un ruolo
artisti contemporanei, legati a lui - Nâseroddin Shah, della dinastia centrale al fruitore dell’opera d’arte.
pioniere nel portare all’estremo la Qajar. Sono oltre cento fotografie, di-
dissoluzione - da una profonda sfidu- segni, litografie e dipinti coevi, realiz-
cia nei confronti dell’immagine come zati da illustratori italiani. Costituen-
veicolo di verità. do la più precoce documentazione
nota di molti aspetti rilevanti del
mondo cagiaro, la testimonianza fo-
tografica italiana si presenta anche
Gerhard Richter, «Brücke (am Meer)»

come caso emblematico ed esemplifi-


cativo delle relazioni che hanno ca-
ratterizzato lo scambio tra le due dif-
ferenti culture. A complemento, l’e-
sposizione propone alcuni documenti
e suggestivi reperti relativi alla fortu-
nata missione in Persia del 1862.
Ben Grasso, «After Gold Rush»
O R I
OT
80 SPECCHIO

E I M
ECONOMICO

DO D
ON
F E R R E T T I

AL M
D A CURA DI ROMINA CIUFFA

ELETTRICAMENTE TESLA

Lo yacht Ferretti 510 dell’omonimo Gruppo


Il Gruppo Ferretti, che opera nella progettazione, costruzione e commercializzazione
Dopo aver aperto a Londra, nel Prin-
di yacht a motore, con un portafoglio di marchi tra i più esclusivi della nautica mondiale
cipato di Monaco e a Monaco di Bavie-
(Ferretti Yachts, Pershing, Itama, Bertram, Riva, Apreamare, Mochi Craft, CRN e Cu-
ra, la casa californiana Tesla Motors
stom Line), ha rafforzato la propria presenza sul mercato nordamericano con una selezio-
ha nominato vicepresidente per l’Euro-
ne di 15 imbarcazioni presentate al 50esimo Salone Nautico Internazionale di Fort Lau-
pa l’italiano Cristiano Carlutti, con il
derdale. Tra i modelli, cinque debutti esclusivi per il mercato statunitense: Mochi Craft
compito di coordinare una rete di Salo-
Long Range 23, Bertram 511 in anteprima mondiale, Ferretti 510, Ferretti 830 Hard Top
ni dedicati alla vendita della Tesla Road-
e CRN Maraya. Il Gruppo dimostra ancora una volta il proprio impegno in termini di in-
ster Model S e dei futuri modelli. La
novazione di prodotto e di nuovi lanci in tutto il mondo. Allo scopo di rafforzare la pro-
Roadster - un prezzo di circa 100 mila
pria presenza sul mercato americano, circa un anno fa ha nominato la controllata Allied
euro, completamente elettrica, con
Marine distributore esclusivo negli Stati Uniti. Forte del sostegno del Gruppo Ferretti,
370 km. di autonomia, da 0 a 100 in
l’Allied Marine è cresciuta anche nel nord-est del Paese, con l’apertura di un ufficio a Sag
3,7 secondi e una velocità massima di
Harbor presso, New York, meta, soprattutto in estate, dei diportisti più appassionati.
200 km. - si aggiungerà alla lista delle A L F A R O M E O
altre 4 elettriche che debutteranno nel
2010. Non solo: è prevista l’apertura di
un Tesla Store a Milano per dare più vi-
sibilità in Italia al Gruppo californiano.

C’ERA UNA VOLT

La General Motors investirà 336 mi-


lioni di dollari nello stabilimento di as-
semblaggio di Detroit-Hamtramck per
avviare, nel 2010, la produzione della
La nuova Alfa Romeo Giulietta che celebra il centenario della Casa

Volt, il modello di auto elettrica Chevro- Da primavera sarà commercializzata nei principali mercati, nell’anno del suo centena-
let ad autonomia estesa. Con questa rio, la nuova Alfa Romeo Giulietta. La Giulietta è la vettura che negli anni Cinquanta ha
operazione gli investimenti per i proget- fatto sognare generazioni di automobilisti, rendendo per la prima volta accessibile il sogno
ti legati alla Volt arriveranno a 700 mi- di possedere un’Alfa Romeo e unendo fruibilità e comfort di alto livello all’eccellenza tec-
lioni di dollari e saranno suddivisi tra 8 nica. Oggi dal Centro Stile Alfa Romeo nasce una nuova vettura sportiva, compatta, che
diversi stabilimenti nel Michigan. L’as- porta sul mercato un’architettura completamente nuova, progettata per garantire tenuta di
semblaggio dei primi prototipi comin- strada, agilità e sicurezza, ma anche un elevato comfort grazie alle soluzioni tecniche scel-
cerà in primavera e l’avvio della produ- te per le sospensioni, a un sistema sterzante di nuova generazione, alla struttura rigida e
zione di serie regolare è previsto per la leggera. L’auto può essere personalizzata grazie al selettore Alfa DNA, dispositivo che sta-
fine del 2010. Per quanto riguarda i bilisce il suo comportamento in base ai differenti stili di guida o alle condizioni stradali.
mercati europei, invece, la produzione Gli interni riprendono chiaramente l’impostazione della Giulietta degli anni Cinquanta
di Chevrolet Volt inizierà a fine 2011. con linee tese e leggere e una plancia a sviluppo orizzontale. I comandi a «bilanciere», al
centro della plancia, sono invece richiami espliciti alla 8C Competizione.
SPECCHIO
ECONOMICO 81

T E C N A M TRIONFI DA TRIUMPH

Novità Triumph del 2010 è il Parkin-


Go European Series - che avrà inizio il
28 febbraio in Australia e terminerà in
Francia il 3 ottobre -, campionato che
vedrà 24 piloti sfidarsi a bordo delle
Street Triple R in concomitanza con il
Mondiale Superbike e Supersport. Il
campionato ha valenza europea e pre-
Il nuovo Tecnam P2008 della Casa della famiglia Pascale mierà il vincitore con un posto da pilota
ufficiale nel Team BE1 Racing per di-
sputare l’ultimo round del mondiale Su-
Operante dal 1948 nel mondo degli ultraleggeri, ma anche in quello dell’aviazione ge-
persport 2010 a bordo di una Triumph
nerale, con la creazione di modelli originali destinati al mercato internazionale, la Casa
Daytona 675, che sin dal suo lancio nel
aeronautica dei fratelli Luigi e Giovanni Pascale ha recentemente ottenuto l’ennesimo
2006 si è dimostrata come la sportiva
successo: la certificazione, da parte dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea, del nuo-
migliore del mercato. Grazie al suo tre
vo bimotore leggero Tecnam P2006T, quadriposto, spinto da due Rotax 912 S3, inserito
cilindri 675 è stata definita «King of Su-
nella categoria CS23, con un peso massimo al decollo di 1.180 kg. e una velocità massi-
persports» nell’annuale Supertest. Da
ma di crociera di 135 nodi. Ora sull’aeroporto di Capua, dove ha la sede principale men-
essa deriva la Street Triple R , dichiara-
tre si espande in Spagna, ha fatto volare per la prima volta l’atteso Tecnam P2008, nuovo
ta «Bike of the Year» in Australia, Inghil-
ultraleggero con la fusoliera e la deriva in materiale composito, cui l’amministratore de-
terra, Giappone e Stati Uniti.
legato Paolo Pascale aveva fatto cenno a metà dell’anno scorso. Il pilota collaudatore En-
zo De Blasio ha provato il prototipo, non verniciato per evidenziare i materiali usati per
la fusoliera e il metallo dell’ala, saggiandolo con vite, stalli, velocità massima e manovre

ACI: IL DEFICIT È INFRASTRUTTURALE


acrobatiche. L’aereo sarà disponibile nel rispetto delle norme vigenti e della futura Ela1.

J E E P

Il presidente dell’Aci Enrico Gelpi è


entrato a far parte della Commissione
incaricata di rivedere lo statuto della
Federazione internazionale dell’auto-
mobile. In occasione della 65esima
Conferenza del Traffico e della Circola-
zione, alla presenza di Renato Brunet-
ta, ministro della Pubblica Ammini-
strazione e l’Innovazione, aveva dichia-
rato: «Il ritardo dell’Italia rispetto agli
La nuova Jeep Renegade 2010
altri Paesi europei è fin troppo eviden-
te quando si parla di infrastrutture, e il
Il marchio Jeep amplia la gamma con tre nuovi allestimenti che debuttano nel North
gap aumenta di anno in anno. Il nostro
American International Auto Show 2010 per mostrare le capacità fuori strada e il design
handicap è imputabile alla costante
del marchio americano. La nuova Jeep Liberty Renegade 2010 ha uno stile inedito e de-
carenza di risorse, alla farraginosità
ciso, mentre la gamma Jeep Wrangler si arricchisce di due versioni speciali in edizione li-
delle procedure amministrative e ai
mitata, l’Islander e il Mountain. «Anche se destinati ai nostri clienti più affezionati, que-
continui salti di strategie nelle politi-
sti tre nuovi modelli attireranno nuovi acquirenti–ha dichiarato Mike Manley, presidente
che dei responsabili pubblici e privati
e amministratore delegato del marchio per il Chrysler Group–. La nuova Jeep Liberty Re-
susseguitisi negli anni. Il deficit infra-
negade offre le affermate capacità fuori strada della Jeep e un completo equipaggiamen-
strutturale ostacola l’integrazione tra
to di serie in abbinamento a un esclusivo design dalle linee decise. Entrambe le versioni
le diverse modalità di trasporto e
speciali della Jeep Wrangler introducono nella gamma inedite versioni in edizione limita-
compromette il turismo, che in Italia è
ta che soddisfano le richieste rivolteci dalla nostra clientela». Le nuove versioni Renega-
ancora troppo legato all’auto».
de della Jeep Liberty e Islander della Jeep Wrangler saranno disponibili entro il primo tri-
mestre 2010, seguite nel secondo trimestre dalla Jeep Wrangler Mountain.
SPECCHIO
ECONOMICO 69

aziende e persone aziende e persone aziende e persone aziende e persone aziende

Antonella Nobile, A Lorenzo Targetti La giuria del Premio


manager di Red Travel- (nella foto) va la presi- Benvenuto Cellini e il
Italia nella Ferrari, è la denza del Gruppo Targetti suo presidente Ferruccio
nuova coordinatrice Poulsen operante nei De Bortoli hanno decre-
commerciale del consor- sistemi di illuminazione. tato, vincitore, per la
zio Dynamic Events, È affiancato da Enrico categoria Servizi televisi-
che riunisce le aziende Basso nel ruolo di ammi- vi, l’opera di Licia Negri
specializzate nella forni- nistratore delegato; a «I dettagli che fanno
tura di servizi speciali Paolo Targetti la presi- stile», che è stata realiz-
per eventi. Manterrà la denza onoraria. La capo- zata dalla società
carica per tutta la stagione invernale. gruppo Targetti Sankey ha sede a Firenze. Dynamis e trasmessa dalla Fashion Tv.
Per la Banca Monte La Suntech Power, La Exalead, fornitrice
dei Paschi di Siena che progetta e commer- di soluzioni per l’acces-
Giancarlo Barbieri è cializza sistemi fotovol- so alle informazioni e lo
ora il nuovo responsabi- taici in Cina e negli Usa, sviluppo di software di
le della rete: guiderà le ha nominato direttore ricerca per le aziende e
oltre 2.500 filiali distri- per l’Italia Vincenzo per il web, ha nominato
buite in 11 aree territo- Quintani. La società Vincenzo Genchi diret-
riali. Nata nel lontano dispone della tecnologia tore commerciale della
1472, la Banca Monte Pluto, brevetto in attesa filiale romana per
dei Paschi di Siena è di registrazione per le l’utenza Grandi Clienti
ritenuta la più antica del mondo. celle fotovoltaiche ai cristalli di silicio. del Centro e del Sud Italia.
Dal dicembre scorso Dalla Lo Jack, che Filippo Ligresti (nella
Gaetano Ruvolo, diret- opera nel campo del rile- foto) è il nuovo ammini-
tore generale della Sony vamento e recupero dei stratore delegato della
Computer Entertainment veicoli rubati, Lorenzo Dell e mantiene altresì
Italia, presiede l’Aesvi, Pappalardo ha ricevuto responsabilità nella dire-
associazione degli edito- l’incarico di responsabile zione commerciale della
ri di software video-ludi- della gestione dei rappor- divisione Large Enter-
co, che riunisce i produt- ti con le Forze prise per l’Italia; a
tori di software e di har- dell’Ordine a Catania, la Vincenzo Esposito è
dware video-ludico ope- città italiana che registra affidato il ruolo direttivo
ranti in Italia. La guiderà nel 2010-2011. il più alto rischio di furto d’auto. per la regione mediterranea.
La Belkin, azienda Dopo aver diretto in Fabrizio Suaria è il
internazionale che opera Sicilia il Kempinski Hotel nuovo direttore generale
nelle soluzioni di con- Giardino di Costanza, dell’Amway in Italia
nettività e accessori tec- primo hotel carbon-free, nonché direttore del-
nologicamente all’avan- cioè totalmente autoali- l’area Spagna, Grecia e
guardia, ha nominato mentato, Paolo Sanavia Portogallo. Operativa nel
Francesco Baldrighi è chiamato a condurre il settore della vendita
direttore della distribu- Mirador Lake Geneva in diretta, la società produ-
zione per l’Italia. Nata Svizzera, anche questa ce e commercializza pro-
in California nel 1983, struttura facente parte del dotti per il benessere e
la Belkin è una società privata. marchio Kempinski Hotelsa. per la cura personale in oltre 80 Paesi.
Federico Taddei è il Gaetano Tedeschi è il Enzo Mazza, presi-
nuovo direttore marke- nuovo presidente del con- dente della federazione
ting del Gruppo Ersel, siglio di amministrazione Fimi-Confindustria che
specialista dal 1936 nella della K.R.Energy, hol- rappresenta le aziende
gestione di patrimoni. ding di partecipazioni discografiche italiane,
Tuttora guidato dalla industriali e finanziarie presiede ora anche il
famiglia Giubergia alla nata dall’incorporazione Comitato sulla proprietà
quarta generazione, ha dell’Eurinvest Energia intellettuale della Came-
un patrimonio di 5 nella Kaitech per produr- ra di Commercio ameri-
miliardi di euro e sedi a re e commercializzare cana in Italia affiliata alla
Torino, Milano, Bologna e Lussemburgo. energia derivante da fonti rinnovabili. Chamber of Commerce Usa.
Il titolo di Master of Masters 2009 asse- Fabrizio Stelluto è stato eletto presi- Via tutte le nomine politiche dalla
gnato dall’Amsda, Associazione alunni dente dell’ARGA, l’Associazione regiona- Sanità. È la proposta avanzata da
master Sda Bocconi, è stato assegnato a le del Veneto e del Trentino Alto Adige dei Francesco Rutelli (Api): «La gente sa
Giovanni Castellucci, amministratore Giornalisti specializzati in Agricoltura, cosa sono le Regioni, come funzionano?
delegato di Autostrade per l’Italia e di Alimentazione, Ambiente, Territorio, Impegniamo piuttosto risorse per l’im-

aziende e persone aziende e persone aziende e persone aziende e persone aziende


Atlantia e vicepresidente di Impregilo. Foreste, Pesca, Energie Rinnovabili. prenditoria e la famiglia», ha dichiarato.
82 SPECCHIO
ECONOMICO

N ei trentasei anni che ho trascorso al


Corriere della Sera ho avuto otto di-
rettori, anzi nove se si calcola anche
Corsera Story
svolta verso un giornalismo moderno,
apprezzamento delle intelligenze mili-
tanti a sinistra, riconoscimento dell’in-
Gaetano Afeltra che, pur avendo la nocuità di comunismo e comunisti.
qualifica di redattore capo, era in effet-
ti il vero direttore del Corriere d’Infor-
Giornalismo, Edito nel 1996, quasi vent’anni dopo
la fine della sua direzione, il volume è
mazione, il quotidiano del pomeriggio
del Corsera. Sono stati: Mario Missiro-
fatti e misfatti costituito da 500 pagine di insegna-
menti e precetti che rivelano però, alla
li, Alfio Russo, Giovanni Spadolini,
Piero Ottone, Franco Di Bella, Alberto riletti rilettura odierna, il tentativo di Ottone
di fornire un’excusatio non petita, una
Cavallari, Piero Ostellino, Ugo Stille. giustificazione, prolissa ma non con-
Spesso mi sento chiedere quale sia sta- trent’anni dopo vincente, del proprio operato e delle
to il migliore. Rispondere mi costringe catastrofiche conseguenze abbattutesi,
a delineare una scala di meriti e quindi L’opinione del Corrierista con tale direzione, sul destino del Cor-
di demeriti, di pregi e qualità ma anche riere della Sera e della sua proprietà.
di lacune e difetti di ognuno di essi. Conseguenze consistenti nell’imme-
Come rispondo ai miei interlocutori diata disgregazione della compagine
che spesso si trasformano in intervista- proprietaria, nella svendita del giorna-
tori? Ovviamente con qualche battuta, le ai suoi maggiori concorrenti Gianni
perché occorrerebbe troppo tempo per Agnelli ed Angelo Moratti, quindi nel
illustrare le personalità che hanno ca- passaggio ad Andrea e ad Angelo Riz-
ratterizzato quarant’anni di vita del zoli. Per finire squallidamente in mano
grande giornale, i più significativi del alla P2, a poteri occulti, a banche e fac-
secondo dopoguerra: dal 1952, anno di cendieri, in un carosello di scandali,
nomina di Mario Missiroli, al 1992 an- processi, arresti, carcere e suicidi. Cer-
no di pensionamento di Ugo Stille. tamente, come scrive proprio Ottone, il
Potrei accennarne in otto puntate, direttore di un giornale deve fare il
una per ciascuno di essi. Così facendo, giornalista, dare notizie, non servire i
per rispondere alla domanda sul mi- potenti, non ingannare i lettori, non
gliore debbo cominciare dal «peggio- servita ai partiti e al potere politico. amministrare il giornale; ma deve an-
re». Peggiore in che senso? Ognuno Privata sì, ma non sfacciatamente, che cercare di salvarlo dai dissesti fi-
senz’altro avrà avuto, anzi ha avuto grossolanamente, pesantemente fina- nanziari. E il giornalista non può fare
pregi e difetti, qualità e lacune, meriti e lizzata agli interessi di grandi gruppi l’amico e il consigliere segreto della
demeriti; è difficile, quindi, rispondere finanziari, bancari, assicurativi, im- proprietà per fare carriera, per farsi no-
con due parole, ossia con un nome e prenditoriali, come avviene oggi. minare direttore, salvo mettersi poi ad
cognome. Comunque, se proprio do- Si poteva rimproverare ad Alfio insegnare come fare i giornalisti e co-
vessi esprimere un giudizio sommario, Russo, direttore dal 1961 al 1968, di me dirigere i giornali quando, per la
per direttissima, una sentenza da Tri- essere troppo succube della proprietà, sua gestione, il giornale perde credito e
bunale speciale o Corte marziale in rappresentata all’epoca da Tonino Leo- lettori, incontra difficoltà finanziarie,
tempo di guerra, dovrei dire che il peg- nardi; troppo legato a questi, troppo viene deprezzato e svenduto.
giore è stato Piero Ottone. prono e pronto a seguirne visioni vec- Rileggere il volume di Ottone, so-
Potrei meravigliare tantissimi suoi chie e stantie. Ma che dire allora della prattutto nella parte che riguarda la sua
ammiratori, ma proprio perché egli ha confidenza, della familiarità, della fre- ascesa e permanenza alla direzione del
scritto volumi da super maestro di quentazione, dei pranzi e delle vacanze grande Corriere, suscita un interrogati-
giornalismo, dovrei applicare il suo in Costa Azzurra di Piero Ottone con vo cui non è stata data risposta: avreb-
codice giornalistico, le sue teorie, i Giulia Maria Crespi, cugina e nemica bero l’accortissimo Missiroli e l’erudi-
suoi insegnamenti. Alla luce dei quali di Tonino, dallo stesso Ottone indicata tissimo Spadolini, saputo e potuto evi-
egli stesso non si sottrarrebbe alla con- come la «zarina» del Corriere? tare le lotte familiari, lo sfaldamento
danna. Si potrebbe obiettare che i suoi Che dire degli effetti di queste costu- della proprietà, il disinteresse dei poli-
libri, soprattutto il suo manuale intito- manze, a cominciare dalla defenestra- tici, la perdita di credibilità, la squalifi-
lato «Preghiera o bordello. Storia, per- zione in tronco nel 1972, un anno pri- cazione presso l’opinione pubblica, il
sonaggi, fatti e misfatti del giornali- ma della scadenza del contratto, del di- dissesto finanziario? Non sarebbe an-
smo italiano», siano solo una summa rettore Giuseppe Spadolini, scarso co- data meglio se il Corriere fosse passato
di autoreferenzialismi, di giudizi per- me giornalista ma un colosso per sape- a Eugenio Cefis, ossia all’Eni e allo
sonali e gratuiti, di presunzione, proso- re storico, vittima di calunnie strumen- Stato, prospettiva aborrita da Ottone,
popea, trombonismo. talmente diffuse sul suo conto, su sue anziché alla P2, sullo sfondo del Ponte
Ma il mio giudizio è basato su fatti, presunte trame dirette poi, per ammis- dei Frati Neri, al quale fu trovato im-
non su sensazioni, opinioni, supposi- sione degli stessi detrattori, a favorire piccato Roberto Calvi, il banchiere
zioni o impressioni. L’affidamento del- una soluzione che salvasse dal dissesto coinvolto nelle tristi vicende finanzia-
la direzione del Corsera a Piero Ottone finanziario il Corriere della Sera e i rio del Corriere? Fu quella di Ottone
ha infatti coinciso con il tramonto del suoi editori, prima dei quali la zarina? una direzione di apertura ai tempi nuo-
grande Corriere della Sera, di un’epo- La conseguente nomina di Piero Ot- vi, un nuovo stile dell’editoria e del
ca gloriosa del giornalismo, di un’edi- tone avrebbe dovuto quantomeno sal- giornalismo, una conquista della li-
toria indipendente, rispettosa delle vare l’azienda da tale dissesto, che fu bertà, o l’inizio del completo, attuale
idee e soprattutto dell’interesse dei let- invece accelerato dalla sua sterzata po- asservimento della stampa alla grande
tori, garantiti proprio perché la pro- litica a sinistra, da lui illustrata nel suo finanza, se non ai poteri occulti?
prietà dei giornali era privata, non as- manuale come apertura ai tempi nuovi, Victor Ciuffa