Sei sulla pagina 1di 1

Fino agli ultimi decenni del 19secolo, Cuba fu un'isola piuttosto sottosviluppata

, la cui economia era basata integralmente sulla raccolta del cotone e del tabac
co. Ma le intensive coltivazioni di canna da zucchero produssero un "cambiamento
" drastico nell'economia locale e la domanda di "braccia da lavoro" (generalment
e schiavi negri importati dall'Africa) aument in maniera esponenziale, contribuen
do a far esplodere un vero e proprio commercio con la costa Occidentale africana
, da cui in poco pi di trent'anni (1835-1865) oltre 400.000 africani furono "espo
rtati" e ridotti in schiavit. Fu cos che in Cuba alla fine del 19 secolo, oltre il
40% della popolazione era rappresentata da africani, raggrupati in molte etnie d
iverse che importarono sull'isola una variet di elementi culturali indigeni.
Questi rappresentanti della "nazione" africana si unirono fra loro in confratern
ite (dette "cabildos" nelle zone urbane, "centrales" in quelle rurali), il cui s
copo era quello di preservare le proprie tradizioni storico/religiose e dare mut
ua assistenza agli associati. Agli inizi del 20 secolo, dopo l'abolizione della t
ratta degli schiavi, in Cuba si distinguevano 4 gruppi maggioritari di origine a
fro : LUCUMI, ARARA', ABAKUA', KONGO. Il gruppo YORUBA conosciuti in Cuba con il
nome di LUCUMI (perch si chiamavano fra loro oloku-mi, amico mio), era originari
o dalla Nigeria. Essi portarono con s la loro religione basata sul culto degli "O
rishas" che and a fondersi con i culti cattolici presenti, dando origine alla c.d
. Santeria, che continu la tradizione dei "cabildos" organizzando delle vere e pr
oprie case, dette "casas de ocha" e quindi se stessa "Regla de Ocha". Come in tu
tte le religioni afro, la musica gioc un ruolo fondamentale per creare l'atmosfer
a e la comunicazione con le deit. Il pi sacro strumento musicale dei Lucumi era ra
ppresentato dai c.d. "Bat", un trio di percussioni usato in quasi tutte le cerimo
nie a sfondo religioso ed iniziatico (formato da iy il pi grande, ittele il medio e
d oknkolo il pi piccolo).
Il gruppo ARARA' proveniva dal Dahomey (oggi Benin Rep.). Il loro nome deriva da
lle citt di Rada (Haiti) e Arrada (Isola Carriacou) e deriva dal loro caratterist
ico modo di suonare percuotendo il corpo con le mani. Il gruppo ABAKUA' proviene
dal sud Nigeria e Camerun. Caratteristico nel loro folklore danzare con una mas
chera di leopardo sul volto. KONGO furono chiamati tutti coloro che non apparten
evano ai tre precedenti gruppi, ma piuttosto ad un area centro africana. I Kongo
suonavano usando delle percussioni caratteristiche fatte con tronchi d'albero i
ncavati, chiamati Yuka (in numero di 3): cajia il pi grande, mula il medio e cach
imbo il pi piccolo suonati con dei bastoni detti Guagua. Dopo la rivoluzione in H
aiti alcuni gruppi di essi, fuggirono dall'isola e trovarono rifugio assieme a d
ei propietari di piantagioni francesi nelle zone orientali di Cuba (Guantanamo S
antiago), importando il loro modo di suonare e danzare (c.d. Tumba Francesa). Ne
l 1886, con l'abolizione della tratta degli schiavi e la conseguente loro libera
zione, una marea di gente che non possedeva nulla si rivers dalle campagne nelle
citt, confluendo nei sobborghi periferici ( detti Solares ) alla periferia dei gr
ossi centri abitati. L le varie etnie africane si mescolarono con spagnoli bianch
i in una situazione di opprimente povert, cui la musica pareva essere l'unico mom
ento di svago collettivo. Ed qui che, fra la fine dell'800 e gli inzi del 1900 n
acque la Rumba. Parola che originariamente significava "festa, divertimento" ed
i cui strumenti primevi furono casse di legno (cajones da cui il termine di Rumb
a de cajones) accompagnate dalle claves. Presto furono sostituiti da dei tamburi
in gruppi di tre, detti Tumbadoras : tumba, llamador y quinto, cui se ne aggiun
se poi un altro "cata" che veniva percosso sulla parte esterna creando un ritmo
conosciuto come "Cscara". Ai nostri giorni le tradizioni afro della cultura music
ale cubana trovano pubblica esecuzione nelle feste del "Carnival". A Santiago, i
Cabildos locali celebrano il carnival (che prende il nome di "Festa de mamarrac
hos") dal 24 Giugno al 26 Luglio. All'Avana il giorno dell'Epifania ( El dia de
los Reyes).