Sei sulla pagina 1di 266

Peppinu Mereu

Poesie complete
Il Maestrale
Tascabili . Poesia
Peppinu Mereu
Poesie complete
a cura di Giancarlo Porcu
traduzione di
Giovanni Dettori, Marcello Fois,
Alberto Masala
Il Maestrale
Grafica e impaginazione:
Nino Mele _ Imago multimedia
2004, Edizioni Il Maestrale
Redazione: via Massimo DAzeglio 8 _ 08100 Nuoro
Telefono e Fax 0784.31830
E-mail: redazione@edizionimaestrale.com
Internet: www.edizionimaestrale.com
ISBN 88-86109-85-7
POESIAS
[+s,,]
I
Da una tomba illacrimata
Non essere ingrata, no, ferma il passo
giovanetta che in vita ho amato molto.
Scordati le risate ed ogni spasso
e pensa che qua sotto son sepolto.
S fatto lo schifoso verme grasso
degli occhi che hai mirato nel mio volto.
Un poco fermati e prenditi cura
di questa illacrimata sepoltura.
Ma ti ricordi che quandero carne
trascorrevamo ore ed ore ridendo?
Ora di questa compagnia che farne,
tristi resti che vanno disfacendo,
anche ad un morto paura sa darne
dellossario il silenzio tremendo.
E tu, no, non ti degni: hai scordato
che c qui sotto il to innamorato.
A questo ossario giungi ora con pena
se non falso quel che mhai giurato
e pensa che qui c quella carena
dossa delluomo che tu tanto hai amato;
-
I
Dae una losa ismentigada
Non sias ingrata, no, para sos passos,
o giovana chin vidappstimadu.
Lassa sas allegrias e ispassos
e pensa chi so inoghe sepultadu.
Vermes ischivos si sunt fattos rassos
de cuddos ojos chi tantu as miradu.
Para, parunistant, e tene cura
de custismentigada sepoltura.
A ti ndammentas, cando chi vivia
+o passaimis ridendoras interas?
Como appuna trista cumpagnia
de ossos e de testas cadaveras,
fina mortu mi faghet pauria
su tremendu silenzi e sas osseras.
+ E tue non ti dignas unistante
de pensare chinoghas unamante!
Bena custas osseras, cun anneos,
si non est falsu su chi mi giuraist,
e pensa chi bi sunt sos ossos meos,
.o sos ossos de su corpus chistimaist;
o
in cenere, non pi materia piena
come quando da vivo lhai abbracciato.
Non puoi toccare pi le forme antiche
ch son pasto di vermi e di formiche.
Vai, ma quando ti addormenti, a letto
che ti raggiunga dal vento una voce
che ti faccia tremare il cuore nel petto
con il suo triste lamento feroce
e che sospiri: era questo laffetto?
Che giuramento solenne e precoce!
Qui non ti fermi, ma acceleri il passo
neanche ti segni alla croce sul sasso.
Quando passi di qui china la testa;
porta rispetto a questa sepoltura,
colpa tua se niente di me resta,
n affetto n speranza, anima dura.
Da questa tomba gelida una mesta
rosa raccogli, e che ti sia misura,
puntata al petto, di quanto tha amato
colui che ormai tu hai dimenticato.
Camposanto di Cagliari, 2 nov. 1891
,
fattos in pruer, non pius intreos
comente canda biu labbrazzaist.
Non pius agattas sas formas antigas,
ca so pastu de vermes e formigas.
. Bae, ma cando ses dorminda lettu
una oghe ti dt benner in su bentu,
su coro tat a tremer in su pettu
a cussa trista boghe de lamentu
chi tat a narrer: custu fit saffettu,
,o custu fit su solenne juramentu?
Inoghe non ti firmas, lestra passas,
e a custa trista rughe non tabbassas.
Cando passas inoghe passumile;
timponzat custa pedra su rispettu,
, ca so mortu pro te anima vile,
privu de isperanze de affettu.
Dae custa fritta losa unu gentile
fiore sega e ponedilin pettu,
pro chammentes comente tappamadu,
o gi chi tue ti las ismentigadu.
Camposanto di Cagliari, 2 nov. 1891
s
II
Amore
Vieni, dammi la mano sventurato,
sei diventato degno del mio amore:
hai lottato in un mare di dolore
ed il mio cuore puro hai meritato.
Quante volte per me hai delirato
sognando di quella Maria il candore,
la stessa che ora dice con calore
va le pene, perch sei riamato.
Sono il caro fiore, chi brami esiste,
ecco, felice abbandono il boschetto
perch tu di me sia padrone e sposo.
Vieni dunque, non esser troppo triste,
perch il tuo sogno damor sia perfetto
sul mio seno china il viso amoroso.
++
II
Amore
Beni, dammi sa manu, isfortunadu,
tue ses dignu de sistima mia:
lottendin-d unu mar e angustia
custu virgine coras meritadu.
Cantas bortas pro me as deliradu
sognende cudda candida Maria,
chi test presenta ti narrer: isvia
su dolu, ca da ipsa ses amadu.
Eo so cudda chamas, caru fiore,
+o chabbandono ridente su jardinu
pro ti fagher de mene possessore.
Beni duncas, non vivas in pibinu,
e fattendunu sognu de amore,
fritti sa testin samorosu sinu.
+o
III
Adultera
A cosa sei ridotta, poveretta!
hai nelle labbra funesto un segnale;
adultera! tinsegue unetichetta
foglia della corona tua nuziale,
la virt raccomanda riflessione:
se ti tenta, respingilo quel male.
Ma tu procedi nella perversione,
a seno nudo e labbro corallino
chesponi al bacio dellinfame azione.
Inesperta hai percorso quel destino
di fango e ti sei tutta infangata
terre sacre hai pestato nel cammino.
Sempre stai sulla porta, abbandonata,
inoperosa, conforto e rovina
dei macachi che perdon la giornata.
Di mascara thai fatto una cortina
su quel pallido viso rinsecchito,
per fingere una carne porporina.
Da quando hai lasciato quel marito
che la sorte tha dato, con diletto,
dimmi: ma quanti amanti hai favorito?
+,
III
Adultera
A cosa ses torrada, poveritta!
as in laras funestunu signale;
adultera! ti gridat uniscritta
foza de sa corona nuziale,
sa virtude ti gridat: faghe pasu,
cando ti tentat respinghe su male.
Tue, perversa, non nde faghes casu,
sas laras corallinas e su sinu
nudu espones a sinfame basu.
+o Inespertas sighidunu destinu
de fange infangada faccia manna
as postu terras santas a camminu.
Semper frundida tident in sa janna
inoperosa, cunforte ruina
+ de sos macacos chisfozant sa canna.
De mangara tas fattuna cortina
a su pallidu visattripunzidu,
pro cumparrer sa carre purpurina.
Dae candas lassadu su maridu
.o chi sa sorte tat dadu, cun dilettu,
nara, cantos amantes as rezzidu?
+.
Profanato hai la casa e pure il letto
sopra il quale legittimo uno sposo
ardenti baci tha deposto in petto.
Non esiste per te cuore pietoso
che ti consigli: fai male a te cos
col tuo comportamento scandaloso.
E ti vedranno pallida, e quel d
sospirando, con lacrime sul ciglio,
saprai che triste la vita ti sort.
E se il destino ti porter un figlio,
chi sia suo padre non potrai mai dire,
e lui dir: a molti massomiglio.
Meschina! Che ti devono apparire
gli spasmi dissennati duna Frine
che disonesta ti fanno comparire?
Dun uomo il nome e la sua mano infine
hai preso ed alla sua reputazione
e a quella tua segnato hai la fine.
Che tu rinasca sola condizione
perch onesto ritorni quel giudizio,
che la fragile testa tua compone.
Meschina! Non tavvedi che il tuo vizio
ti sta scavando in pur giovane et
un orribile immane precipizio?
Dacch sei data alla disonest
il viso tuo come un cartello
che ai passanti segnala: per di qua.
Il marchio pi infamante del bordello
tha nelle labbra la porpora distrutto,
+
Profanadas sa dome su lettu
in su cale leggittimunisposu
ardentes basos tat depostin pettu.
. Pro te non vivet coro piedosu
chi ti consizet: faghes mala tie
cun soperare tou iscandalosu.
Pallida tant a bider unu die,
suspirende, cun lagrimas a chizu,
,o sa vida chi ti colas de gosie.
Si su destinu ti dt unu fizu,
de chi est fruttu mai podes narrer,
pro chi at aer de medas sassimbizu.
Mischinedda! Itest chi ti dnt parrer
, sos ispasimos maccos duna Frine
chi disonesta ti faghent cumparrer?
Su lumene sa manu dunomine
as azzettade a sonore sou
e a su tou signadas sa fine.
o Bisonzu chi nascheras dae nou
pro bi duraronestu su giudissiu,
in sa testa chas fragile che ou.
Mischina! Non tabbizas chi su vissiu
test iscavendin sa giovanedade
unorrorose feu prezipissiu?
Da chi ses ruttin sa disonestade
su visu toest che unu cartellu
chi a sos passizzeris nt: intrade.
Su signalinfamant e su burdellu
o tat in laras sa purpura distructu,
+
nonostante le passi col pennello.
Sei come un alberello: porti un frutto
prelibato, ma non ancor compto,
che dal ramo nel fango gi caduto.
Pensa e rifletti: tu hai un marito
che per te fugge dal consorzio umano,
esposto a tanti mali; avvilito.
Perpetua primavera avevi in mano
per di colpo ti sei ritrovata
nellira dun terribile uragano.
Eri bella, la tua pelle rosata,
ora abbrutita: sapre spaventosa
la tomba della carne consumata.
La bocca tua era un bocciol di rosa,
baciata solamente con amore
da una madre buona ed amorosa.
Come un soave, profumato fiore,
che, a forza di tenerlo stretto in seno,
ha perduto i profumi ed il colore.
Meschina! Pesti quel sentiero osceno
cosparso di sporcizia maledetta,
che nel torrente ti port allestremo!
Un bastardo succhiandoti la tetta
lo vedo gi, e per beffardo scherno
in fronte avr fatale unetichetta,
che dice: sono figlio del Governo.
+-
mancari bi la passes a pinzellu.
Ses calunarvuredda chi su fructu
isquisitu, senza esser cumpridu,
dae su rama su fangu chest ructu.
Pense rifletti chas unu maridu
chi pro te fuit su consorziumanu,
pensenda tantos males; avvilidu.
Fist che giardinin continu eranu
tottin-d una per proadu asa
oo sira dunu terribiluraganu.
Fist bella, ruja cale cariasa,
comabbrutida: saperit sa losa
pro seppellire sa petta carasa.
Sa uccaiast che button e rosa,
o basada solamente cun amore
da una mamma bone amurosa.
Ses cale profumadunu fiore,
chi, pro sa forz e laer giuttin sinu,
at perdidu profumos e colore.
-o Mischina! Ses passada in su camminu
pienu de sa bruttura maladitta,
chi tat giutu a finira su trainu!
Unu burdu suendedi sa titta
ti bio gi, pro ischerne collunu,
- in fronte giughet fataluniscritta,
chi narat: Fizu so de su Comunu.
+o
IV
Moribonda
Alla Signora Angelina Charavel
I.
Quale una viola amabile e gentile
povera di profumi non ha fiore
cos, costretta a letto nellaprile
della vita, una figlia mi si muore.
Pallida ogni momento la febbrile
mano mi tende, ma non ho favore
sol dun sorriso, ch la Parca vile
al viso d di tenebre il colore.
In un rantolo estremo dagonia
sussurrare la sento: fa coraggio,
in cotanto dolore sii ben forte.
Per non sa che dentro casa mia
implacabile miete, qual foraggio,
vita e pace la falce della morte.
II.
Perch mi muori, figlia, nellistante
in cui un giglio rorido damore
+,
IV
Moribunda
Alla Signora Angelina Charavel
I.
Cale violamabile gentile
chi, priva de profumos, non fiorit,
gai, stesin su lette in sabrile
de sa vida, una fiza mia morit.
Est pallide fattu fattu sa febbrile
manu mi tendet, ma non mi favorit
dunu sorrisu, ca sa Parca vile
de tenebras sa cara li colorit.
In sultimu sarrag e sagonia
+o lintendo murmurare: mamma, faghe
coraggiu, a tantu dolu sias forte.
Ma no ischit per chin domo mia
best messende sa vide sa paghe
sa falchinesorabil e sa morte.
II.
O fiza, prite moris in sistante
in su cale unu lizu de amore
+s
a te si fa da presso supplicante
e ti chiede un sorriso, appena un fiore?
Non morirmi: serena ed esultante
torna alla vita a estinguere dal cuore
di chi tama la pena: la brillante
trista falce respingi con orrore.
Ai soavi profumi della vita
ritorna, ma non cedere alle gravi
pene che i sorrisi than sciupato,
e graziosa, ridente e rifiorita
ridona al tuo giglio le soavi
speranze dellamore che hai mancato.
III.
Asciugate ogni pianto,
cessi dunque il lamento
che mavvolge con voi in questo letto.
solo il campo santo
lunico lenimento
per domare il fuoco che ho nel petto
e mi consuma lento
or che amore a vita incitamento.
Nel libro della vita
ha scritto fin dallora
a grandi caratteri una mano:
.+
si presentat a tie supplicante
e ti pedirunu risu, unu fiore?
Non molzas, torra bellinebriante
in vida canzellare su dolore
dae su coro chi tamat: sa brillante
trista falche, respinghe cun orrore.
A sos dulches profumos de sa vida
+o torra, non ti cumbincana sas graves
penas chi tant sos risos consumidu,
ma donosa, ridente e fiorida,
renda su lizu tou sas suaves
isperanzas damore chat perdidu.
III.
Frobide su piantu,
zesset aj, su tediu
chi mi zircundat cun bois in su lettu.
Solu su campusantu
est sunicu rimediu
pro calmare su fogu chin su pettu
lentu mest consuminde,
como chi amore vida mest pedinde.
In su libr e sa vida
+o iscrittu dae ora,
bat una mana caratteres mannos:
.o
tu morirai sfinita
senza cogliere ancora
let di diciottanni attesa invano.
La triste profezia
savvera, gi ti lascio madre mia.
Quella candela ardente,
madre, perch stasera
accendi adesso ai piedi di Maria?
Laccendi inutilmente:
consumata la cera,
io ti lascio domani; lagonia
gi suona alla consunta
figlia, che fin dor vedi defunta.
Morta in breve massento
da questa casa, dimesso
dolce nido alla mia adolescenza,
e m grande tormento
lasciarti sola, adesso
che hai bisogno di me nellindigenza.
questa riflessione
a far crescere in cuore loppressione.
Prima di seppellirmi
madre mia amorosa,
voglio che tu mi faccia una promessa:
ti prego di vestirmi
col bianco della sposa;
.,
ds morrer consumida
senza toccarancora
sa virdedad e sos degheottannos.
+ Sa trista profezia
savverat; prestu ti lasso mamma mia.
Cussa candelardente
mamma, pritest chi lasa
postin pees a sa virgine Maria?
.o Las postinutilmente,
deo ti lasso, crasa,
consumada sa chera; sagonia
sonat pro sa consunta
fiza, chi dae como ides defunta.
. Fra breveo massento
morta da custa domo,
dulche nidu e sa mia pizzinnia,
e su lassare sento
a tie sola, como
,o chi de me ndas bisonzu, mamma mia.
Est custu pensamentu
chi mi creschet in coro su turmentu.
Prim e mi seppellire
tue mammamurosa,
, ti prege chelzin custuna promissa:
ponemi su bestire
biancu de isposa;
..
cos potr mostrarmi per la messa,
non del connubio mio
in terra, ma nel cielo sposa a Dio.
Dopo morta, spiare
cos vorrei gli amari
crucci del tuo cuore, madre mia;
se mi vorrai chiamare
con tutti i nomi cari
chora mi di nellultima agonia,
e si dovr spezzare
tutta la tua vita in lacrimare.
E tu, giovane pallido
e bello, con affetto
a qual pro cos tanto mhai a cuore?
Non vedi tu? Lo squallido
scritto che ho nel petto
dice: non tappartiene questo fiore.
Lanima ha gi levato
il volo; e morto il corpo tormentato.
Che giova lacrimare?
concedimi se mami
lultimo conforto: tu sia forte.
Puoi forse riallacciare
di nuovo questi stami
troncati dalla falce della morte?
Via! fatti tenace,
.
gai poto cumparrer in sa missa,
non de saffidu meu
o in terra, ma in chelisposa Deu.
Pustis mortispiare
cheria sos amaros
suspiros de coro tou, mamma mia;
cando mas a giamare
cun sos lumenes caros
chi mi ds comin sultimagonia,
zeltu chi si dt frangher
sesistenzia tua in su piangher.
E tue, giovanu pallidu
o e bellu, cun affettu
tenes cura de me, a cale prou?
Non bides? Sisquallidu
iscrittu chappin pettu,
narat: custu fiore no es tou.
Sanimat gi ispaltu
su olu, su corpus mortipsest in altu.
Itimportat piangher?
si mi amas dammilu
custultimu cunfortu, siast forte.
oo Forsis podes annangher
custu debile filu
truncadu dae sa falche de sa morte?
Aj coraggiu faghe,
.
lascia che nel morire trovi pace.
Di vivere prometti,
oblia la sfortuna
chavversa in questora il tuo sorriso.
Non voglio che ti vieti
lamore, ma dalcuna
altra donna stimata cerca il viso.
Mi basta una preghiera
di pace alla mia tomba nella sera.
Fin quando t concesso
cerca di ricordare
che perdesti, perdendomi, una sposa;
fai visita al cipresso
dogni mio sostare,
cos m dolce il sogno duna cosa.
Su questa tomba mia
recita una furtiva avemaria.
La maninfede doro
che mi donasti un giorno
non la sotterro, a te la riconsegno.
E ti prego, timploro,
di darla di ritorno
a unaltra sposa come nuovo pegno.
Amala ogni momento
tu sei sciolto da ogni giuramento.
.-
cunzedimi chi ridente molza in paghe.
o Promittimi chi vives,
olvida sisfortuna
chi como sos sorrisos ti cuntrastat.
Non chelzo chi ti prives
de amare, ateruna
-o femministima me tantu mi bastat
chi calchi orta fura
preghes pagha sa mia sepoltura.
E cando test cunzessu
non tismentighes mai
- chi cun deo perdidas unisposa;
visita su zipressu
ue riposo, gai
mi rendes dulches sognos in sa losa.
In cussa tumba mia
so rezituna secretavemaria.
Sa manifide doro
chi mas dadin sa losa
non la sutterro, no, la torra tie.
E ti prego, timploro,
s a unaterisposa
la das comente dada las a mie.
Dabile ama ipsa,
ses isoltu dae me dogni promissa.
.o
Ascolta, amato fiore,
questultimo puntiglio
ch compenso navrai ognor da Dio:
se mai un altro amore
ti doner un figlio,
battezzalo col triste nome mio,
di modo che talvolta
ti ricordi di me morta e sepolta.
IV.
Mentre la moribonda con gli astanti
discorre tristemente in tal maniera,
una vecchia canuta, sciolta in pianti
dice alla figlia sofferente: spera.
La moribonda dice: in questi istanti
senti, madre, cos questa bufera
che sento vorticare? Sono schianti
dacqua e i lampi fendono la sera.
Che nottata infernale! Nella stanza
domina la sciagura da sovrana:
solenne odo la triste litania.
Tra i muggiti del vento in lontananza
si sente lamentosa una campana
che annuncia di una rosa lagonia.
Nuoro, settembre 1894
.,
Como, caru fiore,
,o custultimu disizu
isculta, ca ndas aer ingranzeu;
1
si de unateramore
as aer calchi fizu,
battizalu cun su tristu lumen meu,
, gai chi calchi orta
ti suvvenis de me povera morta.
IV.
Mentre sa moribunda est faeddende
grava sos coros, de cussa manera,
una ezza pili cana, pianghende
nt a sa sufferente fiza: ispera.
Sa moribunda rispundet: intende,
mamma, ite cosest custa bufera
chintendo muilare? Est pioende
e tristos lampos sulcana sara.
Ite nottinfernale! In saposentu
+o sa disaura bi regnat sovrana:
solenne intendo una pregadoria.
E in sos tristos mulos de su bentu
sintendet lamentosa una campana
channunziat duna rosa sagonia.
Nuoro, settembre 1894
.s
V
A Tonara
O gentile Tonara,
terra di muse, santa e benedetta,
Patria mia cara,
quando il vederti la mia sorte detta?
E mi darai la chiara
acqua di Croccoledda tanto fredda?
Quando vedr le nevi,
che ho calpestato in giorni troppo brevi?
Ahi, dura lontananza!
a che mha dura sorte condannato.
Mi vien la ricordanza
di un tempo spensierato,
lonesta concordanza
damici che ho da tanto abbandonato;
e mi tornano in mente
quei tempi trascorsi allegramente.
A quel ripensamento
io maccorgo di quanto ho gi perduto,
e vivo con lamento
come uccello dal nido ch caduto
,+
V
A Tonara
O gentile Tonara,
terra de musas, santa e beneitta,
Patria mia cara,
candest chi bappa benner in bisitta?
E mas a dare sa jara
abba de Croccoledda
1
tantu fritta?
A cando ider sas nies,
sas chappo appettigadu ateras dies?
Ah dura lontananzia!
+o a sa chi mat sa sorte cundennadu.
Mi enit sarregordanzia
de unu tempus ispensieradu,
sonesta comunanzia
de amigos chi appo abbandonadu;
+ mi torrat a sa mente
unu tempus passadu allegramente.
A cussu pensamentu
gia mabbizo de cantu appo perdidu,
e vivo cun lamentu
.o che puzzone chest foras dae nidu;
,o
provando uno sgomento
mai sentito e tantomeno avuto.
Il mio pensiero vola
a te, terra gentile, e si consola.
Belle, sicure rocche,
che fredde date acque cristalline;
filando, con le brocche
in testa, vengon qui le ragazzine.
Acque che specchian bocche
che donne dalle labbra porporine
tendono per gustare
il nettare ridente che va al mare.
Mestose montagne
figlie del canuto Gennargentu,
nelle verdi campagne
i noccioli vi sono dornamento;
secolari castagni,
che superbi levate ad ogni vento
i verdi rami ombrosi,
dolce nido di canti melodiosi;
Sempre vi sogno, vano
per questo sogno, che amarezza!
Io vi sono lontano,
qui dove la fortuna mi disprezza;
sento in cuore un arcano
senso, e se solo penso alla dolcezza
,,
proende unisgumentu
chi mai appo proadu n sentidu.
Su pensamentu olat
a tie, terra gentile, e si consolat.
. Bellas, seguras roccas,
chi frittas dades abbas cristallinas;
filende, cun sas broccas
in testa, bos bisittant sas femminas.
Abbas chi sas piccioccas
,o isprigant da chi sas laras purpurinas
frittint pro gustare
su nettare chi ridendandat a mare.
Majestosas muntagnas
fizas de su canudu Gennargentu,
, chin sas virdes campagnas
sas nucciolas bos faghent ornamentu;
seculares castagnas,
chi supervas halzades a su bentu
virdes ramos umbrosos,
o dulche nidu de cantos pibiosos;
Semper bos sogno, vanu
per est custu sognu, itamalgura!
Deo bos so lontanu,
in brazzos a sa mia disaura;
sentin corunarcanu
sensu, si penso sola sa dulzura
,.
di cui un tempo godevo,
lallegra musa far triste io devo.
E quando alla mia mente
cedo e mi trascino nel pensare
te Patria, prepotente
mi viene naturale sospirare,
e una lacrima ardente
non pu far proprio a meno di bagnare
le secche labbra mie,
bramose solo di acque natie.
Tu, mia Tonara, vanti
gentile e profumato il tuo terreno,
dove alberi pianti
che fanno innamorar lumor seleno;
magnetizzi, incanti.
Come fossi la viola in un ameno
giardino dellincanto:
io minchino per te, sei luogo santo.
Desser Capo di Sopra
non hai la pretesa sciocca e vana,
del fuso vanti lopra
donesto filator di buona lana;
che talmente sadopra
da meritar che ti sia data fama
desserindustrosa,
povera ma onorata in ogni cosa.
,
chi unu tempus godia,
torrat trista sallegra musa mia.
Cando chi a sa mente
o cunzedo liberamentin te pensare,
o Patria, prepotente
mi sento su bisonz e suspirare,
e una lagrimardente
mai faghet a mancu de bagnare
sas siccas laras mias,
bramosas solu de abbas natias.
Tue Tonara, vantas
gentile profumadu su terrenu,
in issu riccas piantas
oo chamorant de su chelu su serenu;
magnetizzas, incantas.
Pares una viola in-d unamenu
giardinu de incantu:
eo minchinu pro te, ses logu santu.
o Si desser Cab e Susu
non tenes sa pretesa macca e vana,
tue vantas su fusu
onestu filador e bona lana;
tantu nde faghes usu
-o chi meritas sa fama chi ti dana,
desserindustriosa,
povera ma onoradin dogni cosa.
,
Per famosi torroni,
in Sardegna nelle migliori fiere,
con Pattada ti poni.
Quando muovi alle feste forestiere
dove sempre disponi
delle tue famose caffettiere,
tutta la notte in piedi
per i festanti buon caff provvedi.
In primavera ogni anno
ti abbellisci, ricca di erbe e di fori,
dal Campidano vanno
tornando al seno tuo tutti i pastori,
quotidiano ti fanno
dolce nido di feste e di amori,
e tu esprimi, garbata,
gioia nel canto e nella serenata.
Oh che festa, che brio!
Da tutta la pianura sei invidiata;
dicendo al caldo: addio!
Cagliari fugge in una scampagnata
andando verso il rio
Pitzirimasa, dove la cascata
dolcemente fra i gravi
massi, scende con mormorii soavi.
Di notte alle stradelle
quando ride la luna nel chiarore,
,-
Pro turrones famada,
de sa Sardignin sas primas fieras,
- faghes fronta Pattada.
Cando moves a festas furisteras
andas accumpagnada
dae sas fentomadas caffetteras,
chi totta nottin p
so dispensant a sos festantes su caff.
Dogni annin beranu
ti mudas, ricca dervas e fiores,
dae su campidanu
torrant in sina tie sos pastores,
s tando ses fittianu
dulche nidu de festas e amores,
e tue, gentile, ispricas
su gosu tou in cantos e muscas.
2
Ite festite briu!
,o Ses dae sa bassura imbidiada;
sos caldos de sistiu
Cagliari fuit, uniscampagnada
si faghet a su riu
Pitzirimasa,
3
inue sa cascada
, dulchementin sos graves
crastos, falat cun murmuros suaves.
De nottin sas carrellas
cando ridet sa Lunin su lugore,
,o
filan le pastorelle
tessendo dolci divignos damore
son di Canente belle
melodie, le ascolta il pastore,
e fin dalla montagna
tra le altre riconosce la compagna.
Canta, canta, frequente
oh di Larentu e di Cappeddu sito;
di muse sei fiorente,
a Bacchiseddu e Tomaso gradito;
Agostino, ridente
ti fa, di stile bernesco fornito,
col divertente ingegno
si mostra lui di PeppEgiana degno.
In autunno larmento
per altre terre lascia le montagne;
di San Simone il vento
che ha terribile fama di micragne
abbatte ricci a cento:
la giovent, cogliendo le castagne,
nella ricca foresta
tesse gli allegri canti della festa.
Son voci di contento,
trilli dun uccellino innamorato;
liriche di Larentu
che consolano il cuore angustiato.
,,
filant sas pastorellas
+oo e tessent dulches divignos
4
de amore
sunt de Canente
5
bellas
melodias, iscultat su pastore,
e dae sa muntagna
distinghet su salud e sa cumpagna.
+o Canta, canta continu,
o patria de Larente de Cappeddu;
6
de musas ses giardinu,
cara ses a Tomase Bacchiseddu;
7
tallegrat Aostinu,
8
++o ca possidit bernescu su faeddu,
cun sa musa brullana
si mustrat dignu fiz e PeppEgiana.
In sattonzu sanzone
si partit voluntera terristranza;
++ su ent e santu Simone
9

chi tenet fama timide metanza


10

ndiscudet sischissone:
sa gioventude, collinde castanza,
in sa ricca foresta
+.o tesset cantos de gioie de festa.
Sunt boghes de cuntentu,
trillos de puzzoneddu innamoradu;
liricas de Larentu
11
chi consolant su coro angustiadu.
,s
Eolo turbolento
non ricompare pi, ma, incantato,
affida volentieri
i suoi profumi a venti dispensieri.
Quando il freddo gennaio
tramuta in bianco la ta figura,
si riscalda il telaio
tessendo rinomata filatura,
nel mentre il pecoraio
prepara lana nuova gi in pianura.
E quellonesta lana
rempie le gualchiere di Tana.
La tua giovent
sembra sia nata in terra nuorese,
i colori ed in pi
se ha salute, bella ed cortese,
non certo per virt
della capitta rossa allOsilese,
bellezza naturale,
senzinganni e in niente artificiale.
Sembrano nebbie finte
le figlie tue, care e dilette,
sotto le gonne cinte
mostran tesori di forme perfette,
al seno sono avvinte
portando di broccato le palette;
+
+. Eolo
12
turbolentu
non si mustrat pius, ma, incantadu,
si faghet volunteri
de gentiles profumos dispenseri.
Cando frittu bennalzu
+,o ti mudat de sa sua biancura,
tiscaldit su telalzu
tessinde sonorada filadura,
mentres su ervegalzu
tapprontat lana noa in pianura.
+, De cussonesta lana
ndattestant sas calcheras de Tiana.
13
Sa tua gioventude
paret naschidin terra nuoresa,
colores e salude
+o possidit e sest unica in bellesa,
no est pro sa virtude
de sa capitta rujOsilesa,
bellesest naturale,
senza singann e sartifissiale.
+ Parent neulas fintas
sas fizas tuas, caras e dilettas,
chi sutta de sas chintas
14
mustran tesoros de formas perfettas,
e a su sinu astrintas
+o giughene de broccadu sas palettas;
o
con la loro presenza
provocan dogni Giobbe la pazienza.
Sembrano madonnine
di Raffaello le famose tele,
non sono signorine
che si tingon le labbra da bandiere,
ma sono montagnine
belle, fresche, fiorenti. Hanno le mele
del seno provocanti,
sotto veli di lino biancheggianti.
Loro sembrano gigli,
bianche, belle, robuste e tanto sane;
madri di sette figli
sembran ragazze; non le veterane
che sfidano i perigli
della vita, e certe anzane
fan dire a voce piena:
pi di sua figlia lei drizza la schiena.
Ogni mente sabbassa
gentile per farti un complimento,
lo straniero che passa,
di te non pu restare mai scontento,
anzi quando ti lascia
prova nel cuore un vero sentimento:
ed ognuno ne apprezza
la tua nota e squisita gentilezza.
,
cun sinsoro presenzia
provocant dunu Giobbe sa passenzia.
Parent madonninas
de Raffaellin sas famosas telas,
+ non suni signorinas
chi si tinghent sas laras a bandelas,
ma suni montaninas
bellas, friscas e sanas. Ant sas melas
provocantes de sinu,
+oo sutta su velu de candidu linu.
Issas parent lizos,
biancas, bellas, robustas e sanas;
mammas de sette fizos
cumparint chi ancora sunt bajanas.
+o Isfidant sos fastizos
de sa vida, e zeltas anzianas
faghent narrer a fama:
est pius bezza sa fiza de sa mama.
Ogni mente sabbassat
+-o gentile pro ti fagher cumplimentu,
sistranzu cando passat,
dae te no nde restat discuntentu,
anzis cando ti lassat
provat in coro veru sentimentu:
+- a tottus est nodia
sisquisita tua cortesia.
.
Sei ben amministrata
da gente che ti porta in buona via,
non c parte schierata
che turbi nel tuo seno larmonia,
ch ti sei ribellata
un tempo allantica tirannia,
e poi che hai dato prova
di fermezza, fai fioritura nuova.
Luce nuova ti . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . linquisizione
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . chimera
Epaminonda serena e severa.
Oh terra di dolcezze,
per te son triste mentre ne deliro,
da codeste piattezze
riverente ti mando un mio sospiro;
ed in tante amarezze
desidero di te, e nel zeffiro
del sorridente aprile,
io ti parlo di me, terra gentile.
In questo luogo insano
di verdi ombre mai trovo ristoro,

Ses benamministrada
de zente chi test dende bona ghia,
partidu no bi ndada
+so chi turbet in sinu tou sarmonia,
ca ti ses ribellada
unorta contra santiga tirannia,
15
e da chas dadu prou
de firmesa, ses fiorinda nou.
+s Lughe noa ti . . . .
16
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . sinquisizione
. . . . . . . . . . . .
+,o . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . chimera
Epaminonda serena e severa.
O terra de dulzuras,
17
pro te so triste vivendin regiru,
+, dae custas bassuras
riverente ti mandunu suspiru;
in tantas amalguras,
disizosu de te, in su zeffiru
de su ridente abrile,
.oo ti faeddo de me terra gentile.
In custu logu insanu
de umbras virdes mai mi ristoro,

in un sole africano,
zanzare e lo spinoso ficomoro:
un immenso pano,
se vuoi pur bello nelle spighe doro,
ma nel fango le rane
mi dicon che le arie non son sane.
La giovent fiorente,
se qui mai nacque, un riposo ha fatto,
per la salute assente
le ragazze han di cacio lincarnato:
Poesia ne risente
con Virt, se chiedi desser baciato:
i maschi, senza uose,
peggio degli orsi han le gambe pelose.
Oh cara patria mia,
almeno tu hai lacqua cristallina,
qui c la porcheria
che lintestino putref e rovina:
solo un sorso che sia,
bevuto devi prendere la china.
Son acque maledette,
che si possono fin tagliare a fette.
in tanta pestilenza
che del verso le ali rendo franche,
fuggendo con frequenza
gli erranti buoi, di male idee le branche,
-
unu sole africanu,
tintule ispinosu figumoro:
.o unimmensu pianu,
si cheres bellu in sas ispigas doro,
ma in su fangu sas ranas
narant chi sas aras no sunt sanas.
Sa bella gioventude,
.+o si naschidu bi ndat, at fattu pasu,
mancantes de salude
sunt sas bajanas a color e casu:
si perdet sa virtude,
sa poesia pedirunu basu:
.+ sos omines isculzos,
cambi pilosos peus de sos ulzos.
Cara patria mia,
assumancu bas abba cristallina,
inoghest porcheria
..o chi frazigat e pudit sistentina:
pro unu ticcebbia
chi si nde buffat bi cheret sa china.
Sunt abbas malaittas,
chi faghent finas a segara fittas.
.. In tanta pestilenzia
dea su versu libero sas alas,
fuo cun frequenzia
boes errantes, de ideas malas,
o
che fanno riverenza
a dirmi: torna! volgi le spalle stanche.
Nel triste andirivieni
il sapor di cornate non sostieni.
O verso, ad ogni costo
al paese ti voglio riportare
questo non il tuo posto,
nel fango non ti voglio sotterrare:
io mi sono proposto
di rivederti la neve calpestare.
Ti voglio in terre sane,
e non pi qui, cantando con le rane
X, aprile 189
,
chi faghent riverenzia
.,o chest su matessa narrer: torrin palas.
In su tristande torru
si proat su sabore chat su corru.
O versu, a dogni costu
ti chelzin biddandamus a inie,
., custu non est su postu,
in custu fangu non sutterra tie:
deo mi so propostu
de tider galu cattighende nie.
Ti chelzin terras sanas,
.o no inoghe cantende cun sas ranas
X, aprile 189
18
s
VI
Consigli ad un amico
Per quanto mhai pregato
di dirti il mio sentire,
giacch progetti di prendere moglie,
fratello mio stimato,
quel che ti posso dire
che tu vada dietro alle tue voglie.
Un parere ti do,
che tu laccetti, o no,
il dovere di dartelo mincoglie.
Cos ti do la prova
che il tuo problema in me interesse trova.
Francamente ti giuro
che mi trovo sorpreso
non prevedevo voci di tal conio.
ma rimango alloscuro
n so chi te lha acceso
il moto folle di far matrimonio.
Questo tuo fatto trovo
originale e nuovo:
c traccia della coda del demonio.
+
VI
Consizos a unu amigu
Pro cantu mas pregadu
a ti darunu parre,
gi chas idea e leare muzere,
frade meistimadu,
su chi ti poto narre
est chi fettas su tou piaghere.
Unu parre ti do,
lazzettes, s o no,
de ti lu dare mi sentin dovere.
+o Comest chi ti do prou
chi mest a coro sinteressu tou.
Ti giuro francamente
chi magatto surpresu
prite mai credia talinsoniu.
+ Non cumprendo comente
n chie tat azzesu
sidea macca de su matrimoniu.
In custu fattu tou
originale nou,
.o zeltu bat postu coa su dimoniu.
o
Per quello son disposto
a risponderti con il muso tosto.
Compiuto hai quarantanni,
e lavevi scampato
di prenderti una moglie fin adesso,
e di colpo in affanni,
ora vuoi mutar stato,
ospitando dei diavoli un consesso.
Pace non mi so dare
che tu stia per cascare;
non ho pi sonno, ch a te penso spesso.
Ma se ora mi ascolti
non farai la fine degli stolti.
Forse non un insulto
in vecchiaia cercare
ci che hai fuggito in giovane et?
Comportati da adulto,
tu devi rinunciare
se vuoi vivere con felicit;
se qualche femminella
ti mostra la gonnella,
dille che tu hai giurato castit.
Non amare sul serio,
se no ti dico che non hai criterio.
Nellumano consorzio
ti credo poco astuto,
,
Pro cussu so dispostu
de ti rispunder cun su musu tostu.
Cumpridas barantannos,
e ti ses iscampadu
. de leare muzere fina como,
de repentin affannos,
cheres mudaristadu,
cun ti ponner tiaulos in domo.
So in su disisperu
,o chi bi ruas a beru;
de soriolu chappo no nde dromo.
Ma siscultas a mie
no as a esser fragile gasie.
Ello no est macchine
, amare a sa bezzesa
su chas fuidin sa giovane edade?
Faghela de omine,
e abbandona simpresa
si cheres viver cun felizidade;
o si calchi femminedda
ti mustrat sa bunnedda,
nara chas fattu vot e castidade.
No ames in su seriu,
si no ti naro chi no as criteriu.
In sumanu consorziu
pagastutu ti creo,
.
se da padrone il servo tu vuoi fare.
Se ci fosse il divorzio
di certo in un minuto
io direi: s, ti puoi anche sposare,
non offri troppo il fianco,
e quando sarai stanco
potrai a tuo piacere ricusare.
Ma non sposare oggi:
la legge dorme, tu non hai appoggi.
Ahi cervello sconnesso!
Il male che ti fai,
che cos questa svolta repentina?
Se quel fatale passo
compi, taccorgerai
come in casa una femmina cammina.
Di natura ingannosa,
lei si mostra una rosa,
ma se la tocchi ti punge una spina.
Adamo, nella storia,
per colpa dEva ha perduto la gloria.
Mettiamo pure il caso
che tu ti sia sposato.
Senza che tanti esempi io ti citi,
or ti rendo persuaso
che ti sei ingannato,
e chiarisco i perch: sono infiniti.
Amore non godrai,

si ti faghes teraccu sende mere.


Si bi fit su divorziu
forsis su primu deo
o ti dia narrer: s, lea muzere,
prite tando assumancu,
da chi nde ses istancu
la podes riformara piaghere.
Ma como no affides:
cussa leggest dorminde, gi lu ides.
Ahi cherveddu iscassu!
Su male ti disizas,
itest custa mudada repentina?
Si su fatale passu
oo faghes, gi ti ndabbizas
ite cosest in domuna femmina.
De naturingannosa,
si mustrat una rosa,
cando la toccas ti punghet sispina.
o Adamu, nt sistoria,
pro culpa dEva at perdidu sa gloria.
Ponimus in su casu
chi sies cojuadu.
Senza chi tantesempios ti zite,
-o ti fatto persuasu
chi ti ses ingannadu,
e ti fatto conoscher su proite.
Amore no nde gosas,

dal d che sposerai


ti metti coi demni nelle liti:
perch la donna un peso,
e lo sa bene chi ne viene preso.
Dal d che sei sposato
devi far per davvero
poich abbracci una croce di dolore.
Marito sei chiamato,
parola che mistero
che spesso mostra solo lesteriore.
Con lamata compagna
ti di alla campagna,
dimenticando il mondo per lamore:
e a frontalta da cervo
della compagna tu puoi andar protervo.
Se una signorina,
con onore e decoro,
la vesti in raso e non in tela grezza
sempre una cappellina,
e la sua fede doro
non certo formaggio quel che apprezza,
perch, s una viziosa,
ci ch desiderosa,
se non lottiene, rifiuta ogni carezza.
Allora danno a te:
perch entra in gioco luovo col caff.
-
dae su die chisposas
- intras cun sos dimonios in lite:
sa femmina est pesu,
chi lischit sola chie best in mesu.
Dae su di e saffidu
deves fagher su seriu
so pritabbrazzas sa rugh e su dolore.
Ti giamant maridu,
faeddu de misteriu
cha bortas cheret narrer cobertore.
Cun samada cumpagna
s ti ds a sa campagna,
olvidende su mundu pro samore
e a frontalta che chervu
de sa cumpagna tuandas supervu.
Sest una signorina,
,o cun onore decoro,
la ds tenner in abidos de rasu;
semper in cappellina,
manifide de oro
e sa riforma de su pane casu,
, prite, sest vissiosa,
de su chest disizzosa,
si non lottenet, ti negat su basu.
Tando pro dannu tou,
intrat in ballu su caff cun ou.
o
Per una signorina
di livello elevato,
normale se in casa dorme e gioca.
Per fare la cucina
tu sarai obbligato
a malincuore prendere una cuoca,
ed una cameriera,
oltre la caffettiera,
ch quella a cui maggiore spesa tocca.
A letto la padrona
pu decider di fare la poltrona.
Mentre tu nelluffizio
da buon mattino al pranzo
sudando quelle povere giornate,
lei, senza giudizio,
con in mano un romanzo,
fa vita dolce delle sfaticate.
Giornali e riviste,
sartine con modiste,
certamente non danno molte entrate;
anzi, son mode e nastri,
che della tasca causano i disastri.
A lei ogni capriccio
tu devi soddisfare
oppure perde desiderio e affetto,
e se non sei ben spiccio
si potrebbe avverare
,
+oo A una signorina
chi si tenet in gradu,
lest in domo dezente sa fiacca.
Pro fagher sa coghina
tue sese obbligadu
+o a crebagoraccordare teracca,
e una cameriera,
senza sa caffettera,
chest sa chi tallezirit sa bussaca.
A lettu sa padrona
++o bona merest de fagher sa mandrona.
Mentres tuin soffissiu
dae bonu manzanu
sudas cuddas mischinas zorronadas,
ipsa, senza giudissiu,
++ cun su romanzin manu,
faghet sa vida de pappa e badas.
Giornales e rivistas,
sartinas e modistas,
zeltamente ti dant pagas intradas;
+.o anzis, modas e nastros,
favorint de sa bussa sos disastros.
A ipsa ogni cuntentu
tue des acanzare
si no ti perdet su genie saffettu,
+. e si no istas attentu
si podet avverare
s
il problema del frate sotto il letto:
hanno largento vivo,
se non sei molto attivo
ti metton corna in testa per dispetto.
E s la moglie bella
bene procurarti sentinella.
Sei vecchio ed impotente,
di praticar lo sprone
ormai quella virt per te declina.
Non neppur decente
che a un vecchio carrettone
tu gli possa attaccar la puledrina,
che rompe la catena,
se solleva la schiena
cert che la salute ti rovina.
Debole sei, non forte,
se prendi moglie, tu scegli la morte.
Ma tutti questi tedi
sono niente, rispetto
alle altre pene e le complicazioni.
Quando ti fa gli eredi,
lei sta sdraiata a letto,
e tu paziente le fasce disponi:
il suo pianto condanna,
e tu la ninna nanna
gli canti con sincere imprecazioni.
o+
su fattu de su padre sutta lettu:
giunghent sargentu vivu,
e si non ses attivu
+,o ti furcana sa testa pro dispettu.
Si est muzere bella
faghes bena li ponner sentinella.
Ses bezze impotente,
de manizzarasprone
+, creo chappes perdidu sa virtude.
No este mancu dezente
a unu carratone
de laccollaruna puddedra rude,
ca truncat sa trobea,
+o e si si pesat rea
zeltest chi ti ruinat sa salude.
Debile ses de fisicu,
e si muzere leas moris tisicu.
Tottu custos fastizos
+ suni niente, appettu
a sas ateras penas e burrascas.
Cando benit in fizos,
ipsa corcada lettu,
e tuistas abbiza fagher fascas:
+o pianghet su messia,
e tue, in sanninnia,
li cantas su sinceru malas pascas.
oo
Che perfino una pelle
non basta a contener le cacarelle.
Tutto considerato,
gravosa e pesante
la croce che tu scegli di abbracciare.
Se non sei in buono stato
prendendoti un purgante,
vedrai che il tuo calore pu cessare.
Dimostravi lurgenza
della mia consulenza,
eccola data: sta ora a te pensare.
Ricorda: se avvisato
luomo, riporta il detto, gi salvato.
o,
Sa pedd e sa elveghe
non bastat a sisfundadu colafeghe.
+ Tottu consideradu,
est gravose pesante
sa rughe chi ti cheres abbrazzare.
Si ses a malistadu
leandunu purgante,
+oo su calore gi benit a zessare.
Teniast su disizu
de ti dare consizu,
dadu ti lappo: a tiest a pensare.
Ammenta chavvisadu
+o somine, nt su dicciu, est gi salvadu.
o.
VII
Lamenti dun nobile
Funesta croce
che porto ognora,
per omnia scula
va in malora.
In diebus illis
mhai fattonore
oggi sei simbolo
di disonore.
Oggi quel nobile
che non ha pane,
senzarte, fa
vita da cane.
Senza un impiego
il cavaliero,
come un mulo
con il sombrero.
A pancia vuota,
senzalcun bene,
o
VII
Lamentos dunu nobile
1
Funesta rughe
chi giutta pala,
per omnia scula
ba in ora mala.
In diebus illis
mas fattonore
ma oe ses simbulu
de disonore.
Oe unu nobile
+o chi no at pane,
senzarte, faghet
vida e cane.
Senzimpiegu
su cavalleri,
+ est unu mulu
postu in sumbreri.
A pancia buida,
senza sienda,
o
mangia, con lasino,
paglia ed avene.
Ed io ne parlo
con cognizione
ch so cos
la spiantagione.
In illo tempore,
a quellet
ricchezze, beni
e nobilt:
mangiavo carne,
di buon vitello,
fresca, freschissima
presa al macello.
Oggi mi basta
pane e formaggio,
quando ne trovo,
e il vino assaggio.
E, tra parentesi,
per coglionare,
mi dicon martire
del digiunare.
o-
pappat, che ainu,
.o paza in proenda.
Deo faeddo
cun cognizione
ca isco iteste
sispiantagione.
. In illo tempore,
cando tenia
ricchesas, benes
e nobilia:
pappai peta,
,o peta e vitellu,
frisca, frischissima
dae su masellu.
Oe mi cuntento
de pane casu,
, cando chi ndappo,
e binu a rasu.
E, tra parentesi,
gai, pro collunu,
mi narrant martire
o de su digiunu.
oo
Ah cari tempi
che ho conosciuto!
Siete mutati
in un minuto!
In quelle feste,
negli anni belli
mi sostentavo
di pollastrelli.
Galline grasse
brodo ce n,
ogni mattina
uovo e caff.
Pranzi di gala,
festini, balli,
cravatta bianca
e guanti gialli.
Con la chitarra
nelle stradelle,
levavo canti
fino alle stelle.
Di notte in feste
sveglio dattorno
un pipistrello
dormivo il giorno.
o,
Ah caros tempos
chappo connottu!
Sezis mudados
in-d unu bottu!
In cussos tempos,
in sos festinos
mi sustentai
de puddighinos.
Puddas chi rassu
o faghiant brou,
dogni manzanu
caff cun ou.
Pranzos de gala,
festinos, ballos,
gorbatta bianca
e guantos giallos.
Cun sa chiterra
in sas carrellas,
alzai su cantigu
oo a sas istellas.
De notte in festas
semper ischidu
tirriolupedde
de die dormidu.
os
Superbo, mai
io minchinavo,
la croce altero
sempre vantavo.
Oggi superbia
non del mondo,
i pantaloni
non hanno fondo.
La bacchettina
delle pi ricche,
s convertita
in cogli-cicche.
Lanello doro
di qualit,
si trova al Monte
di Pet.
E lorologio
con la catena,
me lho venduto
per una cena.
In quella cena
funesta e vile,
mi son giocato
brenna e fucile.
-+
o Supervu, a nemos
minchinaia,
vantende alteru
sa rughe mia.
Oe sa supervia
-o no est de mundu,
sos pantalones
non giughent fundu.
Sa bacchettina
de sas pius riccas,
- sest cunvertida
in ciappa-ciccas.
Saneddu doro
de calidade,
est in su Monte
so de piedade.
E su rolozu
cun sa cadena,
mi lappo endidu
pro una chena.
s In cussa chena
funesta e vile,
mappo giogadu
caddu e fusile.
-o
Tornato a casa
per pi dolore,
trovo la visita
dellesattore.
Dandomi titoli
da ricco e nobile
mi sbatte in faccia:
Ricchezza mobile.
Io gli rispondo
in tono affabile:
ricchezza mobile
miseria stabile.
Eh gi! mi dice,
ma quando mai
Lei, cavaliere,
in questi guai?
La peronospera
tutto ha distrutto,
le vigne e i campi
non danno frutto.
Quindi, pazienza
tengan per ora,
gli dico, ed entra
nella dimora.
-,
Torrada domo
,o po pius dolore,
mido sa visita
de sesattore.
Dendemi titolos
de riccu e nobile
, mi ettat in cara:
Ricchezza mobile.
Eo li rispundo
in tonu affabile:
ricchesa mobile
+oo miseria stabile.
Eh gi! mi narat,
ma cando mai
Lei, cavaliere,
poveru gai?
+o Sa peronospera
tottu at distruttu,
binzas e campos
non dant produttu.
Quindi, pazienza
++o tenzant pro como,
li naro, ipse
intrat in domo.
-.
E a crepacuore
della famiglia
mette i sigilli
alla mobilia.
La casa no,
rispettata,
perch lhan gi
ipotecata.
Tutto sigilla,
piatti, bottiglie,
spiedi, treppiedi,
mestoli, griglie.
E le provviste
chavevo fatte:
cavoli, ceci,
zucche, patate.
Lenticchie, fave,
lardo, salame,
lasciando in casa
miseria e fame.
Infine, tutto
sequestrato,
io con la croce
sono restato.
-
E a crebagoro
de sa familia
++ ponet suggellos
a sa mobilia.
Sa domo no,
est rispettada
pro mores desser
+.o ipotecada.
Tottu suggellat,
piattos, bottiglias,
ispidos, trebides,
truddas graviglias.
+. E provvisteddas
chaia fattas:
basolu, caule,
zuccas, patatas.
Lintiza, fae,
+,o lardu, salamene,
lassende in domo
miserie famene.
In fines, tottu
sequestradu,
+, eo cun sa rughe
mi so restadu.
-
* * *
E perch tutto questo? Certamente
per il pazzo e vano mio cervello.
Superbo ed indolente,
non sapevo che il mondo fosse quello.
La croce si beffava della zappa,
ch mai non ho versato alcun sudore,
oggi, testa di rapa,
invidio lonesto zappatore.
Ah, zappatore vedermi ai modi sardi;
ho fame e maccorgo dellerrore,
ma me navvedo tardi,
non ho pi schiena da lavoratore.
Il lavoro dai buoni riverito
ma rinnegato dalla croce mia;
sempre io lho fuggito,
dandomi tutto alla poltroneria.
Ho vissuto nellozio, sregolato,
un cavallo ribelle senza freno:
se avessi lavorato
dellaltrui pane potrei fare a meno.
Al fine, giunta la rata funesta,
troppo presto, per la mia vita insana.
Dio non paga la festa,
ma tutti i giorni della settimana.
--
* * *
E prite tottu custu? Zertamente
est pro sa macca e vana testa mia.
Superve indolente,
+o chi su mundu fit gai non credia.
Sa rughe si ridiat de su zappu,
ca mai appo connottitest sudore,
e oe, tontu che nappu,
imbidio sonestu zappadore.
+ Zappadorin berritta mi disizo;
so famide mabbizzo de sisbagliu,
ma tardu mi ndabbizo,
non frittit pius sischina su trivagliu.
Trivagliu dae sos bonos riveridu
+o ma rinnegadu dae sa rughe mia;
semper lappo fuidu,
dendemin brazzos a sa mandronia.
So vividoziosu, isreguladu
che caddu rude chi no sentit frenu:
+ saia trivagliadu
non aia bisonz e pananzenu.
Finalmente, funesta e troppin cabadu
de su male sa pagappo cumprida.
Deus non pagat su sabadu,
+oo ma pagat tottas sas dies de sa chida.
-o
E ancor la paga giusta non mhan dato,
se sapessero il male che ho fatto,
sarei cos chiamato:
campione del domicilio coatto.
Per vizio, noncurante dellonore,
a beni altrui ho fatto brutti tiri,
e vile truffatore
mi son fatto con pessimi raggiri.
Non che mabbia salvato la malizia
dalle pene che ho ben meritato,
solo che la Giustizia
ha fatto conto sul cavalierato.
Ma se da quelle pene ne son fuora,
mha salvato questa croce che indosso,
altrimenti a questora
porterei sale col berretto rosso.
Per non posso dire: ne son fuora
dalle gabbie di ferro per i ladri,
ch oggi temo ancora
di dover contemplare il cielo a quadri.
E se verr quel giorno, ohim, pazienza,
buffa croce, non dire ch un abuso:
tutto la conseguenza
del vizio che tu hai dentro me infuso.
-,
Galu sa paga giusta non mant dadu,
ca sischerant su male chappo fattu,
dia esser giamadu
sastr e su domiciliu coattu.
+o Su vissiu, non curante de sonore,
at giogada sanzenu bruttos tiros,
e vile truffadore
mi so fattu cun pessimos raggiros.
Non est chi mappet salvadu sa malissia
+-o dae sas penas chappo meritadu,
solest ca sa giustissia
at fattassignin su cavaglieradu.
Si dae cussas penas nde so foras,
sa rughe mest servida pro iscuja,
+- si no a custas oras
fia carrende sale a testa ruja.
Per non poto narrer: nde so foras
de sas ferradas cabbias de ladros,
pritoe timo ancoras
+so de cuntemplare su chela quadros.
Senzerat cussu die passienzia
rughe buffa, no nelzas chest abusu:
tottest cunseguenzia
de su vissiu chin me tue as infusu.
-s
VIII
A Genesio Lamberti
I.
Dov che siete andati
miraggi damore,
propositi di gloria? Distrutti
siete, calpestati
dal profondo rancore
che sente questo cuore: sogni brutti
turbano lintelletto,
seminando veleni nel mio petto
Ah sogno vacuo! Indetto
da quando sono nato,
sulle labbra ho stampato il mio dolore.
Infamia! Maledetto
sia tu sogno stregato,
cortigiano crudele ingannatore.
Al cuor chiudo laccesso,
restituisco le chiavi, ti sconfesso.
O sogno melodioso,
se tho a volte maledetto
in quanto ti detesto: non fola.
s+
VIII
A Genesio Lamberti
I.
Ue che sezis dados
o sognos de amore,
o penseris de gloria? Distruttos
sezis e calpestados
dae su giustu rancore
chi proat custu coro: sognos bruttos
mi turbant sintellettu,
e ispalghent velenintro su pettu.
Ah sognu vanu! Iscrittu
+o dae cando so nadu,
in laras appo giutu su dolore.
Infamia! Malaittu
siast sognu incantadu,
cortigianu crudelingannadore.
+ T, sas giaes tintrego,
friscio in coro sa janna, ti rinnego.
O sognu armoniosu,
si tappo malaittu
est prite ti detesto: no est faula.
so
E se ti grido odioso,
dimmi: forse hai diritto
di negare la perfida parola?
No Ti vidi gentile,
ma sei un adulatore abietto e vile!
E tu, vita sofferta,
che col tuo falso incanto
mhai strappato dal cuore ogni dolcezza,
troncati e scoperta
la fossa in campo santo,
copri di terra ogni mia amarezza.
Il vivere m duro,
lo disprezzo e detesto tassicuro.
Cos disprezzo tutto,
e pi non sento invidia
del sorriso che guardo ad altri in viso,
dopo che ho conosciuto
linfamia, la perfidia
di questo asservimento condiviso.
Cosa mai la vita?
Una croce di spine, incrudelita.
E cosa mai il mondo
dentro il quale viviamo,
privi di libert, di luce e amore?
un mare profondo;
fin da quando nasciamo
s,
.o E si grido ingannosu,
nara, as forsis dirittu
de protesta sa perfida paraula?
No Tappidu gentile,
per ses vile aduladore. Vile!
. E tue vida penosa,
chi cun su falsincantu
mas leada su corogni dulzura,
truncade una losa
abberin campusantu,
,o e sutterra sa mia disaura.
Su vivre mest duru,
ti disprezze detesta tie puru.
Eo disprezzo tottu,
n appo pius imbidia
, de su risu chi miro in caranzena,
ca comappo connottu
sinfamia, sa perfidia
de custisclavitudine terrena.
Ite cosest sa vida?
o Una rughispinosa, incrudelida.
Ite cosest su mundu
in su cale vivimus,
privos de lughe, amore libertade?
Unu marest, profundu;
dae cando naschimus
s.
noi vi navighiamo nel dolore.
Per quanto sia apparente,
felicit non mai presente.
Cosa gli abitatori
di questa terra sporca?
Terra Lurido fango, non son terra.
Rettili ingannatori,
triste facce da forca:
i fratelli ai fratelli fanno guerra.
Nella terra fra tanto
cresce sempre linfamia e il pianto.
Noi viviamo avviliti
in questa tenebrosa
ingrata valle di lamenti e ohi.
Sotto i rifioriti
pascoli velenosa
sputa tarantola veleni, e noi,
gena poveretta,
reprimiamo il grido di vendetta!
Ahi perfida gena!
Perch ti fai listare
a lutto il cuore? Mostra la tua grinta.
O forse cortesia
pu sembrarti il leccare
la spada del tuo sangue ancora intinta?
Ululan sempre i cani
s
bi navigamus Cun felizidade?
No pro chi palzat gai,
felizidade no ndesistit mai.
E sos abitadores
o de sa territe sune?
Terra Fangischifosu, non sun terra.
Rettiles impostores,
tristos faccias de fune:
sos frades a sos frades faghent gherra.
E in sa terrintantu
aumentat sinfamia e su piantu.
Vivimus avvilidos
in custa tenebrosa
baddingrata de ahis e de ohis.
oo Sutta sos fioridos
campos sa velenosa
arza bomindest su velen, e nois,
genia poveritta,
rettenimus su grid e sa vinditta!
o Ah perfida genia!
Prite ti lassas tingher
su cora luttu? Ischide faghe prou.
O forsis villania
non ti paret su lingher
-o sispada tinta de sambene tou?
Su cana orulare
s
se dallosso li tengono lontani.
II.
E tu, privo dun pane,
nudo, affamato e stanco,
non sollevi sdegnato una protesta!
Peggio ancora del cane,
servile presti il fianco:
lecchi la mano odiosa e fai la festa
a chi sempre ti vide
a mano tesa mendicare e irride
Della crapula oscena
che i ricchi signori
gravano le tue spalle, negli affanni,
popolo, soffri pena.
Fatiche e sudori
consacri ai capricci e agli inganni
di quella immonda gente,
che tu osanni affamato e indigente.
Vita a chi la mano
mette sopra un ascoso
tesoro del tuo sangue pi splendente.
Il pane senza grano,
se nhai, velenoso
lo mangi: sei dannato eternamente
a vivere umiliato,
nella lordura, irriso e affamato.
s-
shalzat si non li dant a mandigare.
II.
E tue, senza pane,
istancu, famide nudu,
no halzas de disdignuna protesta!
Ses peus de su cane,
vile servis e mudu:
linghes sa maningrate faghes festa
a chie ti deridet,
cando, pedinde, a manu tesa tidet!
De su grassu sarau
+o chi sos riccos segnores
faghent a palas tuas, cun fastizos,
populu, ses isciau.
Fadigas e sudores,
cunsacras pro capriccios e disizos
+ de cussa zente ischiva,
e tue famidu gridas: viva! Evviva!
Vivat chie su punzu
ponet in su siddadu
de su sambene tou pius ardente.
.o Su pane senzaunzu,
si ndas, avvelenadu
lu pappas, ca ses dannadeternamente
a vivirin sischeffa,
1
famidu, umiliade posta beffa.
so
O popolo avvilito,
che affamato danna
il pane ghianda, scaglialo allinferno.
Il ciottolo indurito
che mangi come manna,
minaccioso alza in faccia al Padreterno:
con disprezzo ogni sera
a lui leva questa cupa preghiera:
III.
Poich in alto Signore
sei assiso, e damore
sei astro, ti imploro: di unocchiata
degnami pietosa
in questa tenebrosa
valle da te cos dimenticata,
dove vivo angustiato
dallora che al mondo sono nato.
Stanco di mendicare
il pane per campare
come sto campando sempre in guerra,
pi non prego. Mira
la mia sventura, lira
tua pi funesta venga in terra,
e in quellira funesta
schiaccia a tanti rettili la testa.
s,
. O populu famidu,
dae te cazzaddane
su panispeli
2
, scudela buleu.
3
Su codulinduridu
chi mandigas pro pane,
,o halzalu minacciosin cara Deu:
cun disdignin sara
limbolas custa trista preghiera:
III.
Gi chin altu Segnore
sedes, e de amore
, astru sese, ti preguna mirada
non neghes piedosa
a custa tenebrosa
badde de te in tottismentigada,
ue vivopprimidu
o da sora cha su mundu so bennidu.
Istancu de pedire
su pane, pro vivire
comente so vivendin cuntierra,
pius non prego. Mira
de me su dolu, sira
tua pius funestenzat in terra,
e in cussira funesta
ischizza tantos rettiles sa testa.
ss
Il fulmine fatale
scaglia: e universale
sia lorrida rovina, fai dissolvere
nellabisso lintera
ipotecata sfera.
Uragani di cenere e di polvere
a me addosso spezza:
per me rettile il fango la salvezza.
S, uragani e lampi
i fioriti campi
devastino, fontane cristalline
diano agli assetati
fiele. I profetati
di Patmos fumi caldi e rovine
abbrevia, e la pia
preghiera non sentire di Maria.
Se la celeste Sposa
tinvoca pietosa
il perdono, resisti. Bisognoso
mi credi di perdono?
Il tuo fulmine, il tuono
io domando, una fine: doloroso
il vivere e patire.
Abbrevia, ch ora di finire.
Tu che sei di Gomorra
reputato il severo
,+
Su fulmine fatale
o imbola: universale
siat sorrendisfatta, faghe ruer
in sabissu sintera
ipotecadisfera.
Turbines de chisine de piuer
subra de me iscude:
su fangu pro me rettilest salude.
S, turbines e lampos
sos fioridos campos
atterrent, sas funtanas cristallinas
oo diant a sos sididos
fele. Sos promittidos
de Patmo
4
fumos caldos e chisinas
abbrevia, ne sa pia
iscultes, preghiera de Maria.
o Si sa zelestIsposa
tinvocat piedosa
su perdonu, non zedas. Bisonzosu
mi credes de perdonu?
Unu lampunu tronu
-o ti dimando, una fine: est dolorosu
su viver e patire.
Abbrevia ca est ora a la finire.
Tue chi de Gomorra
5
tappellant su severu
,o
giudice, con terribile e severa
ira questa camorra
ferisci, se davvero
tu sei giusto, questa mia preghiera
ascolta. Inginocchiato
tadoro, se metti a fuoco il creato.
IV.
Ma tu, popolo, fingi
di protestare e stenti
a richiedere il tuo, vergognoso.
Chi ti opprime lusinghi,
e di azioni eccellenti
sei incapace, cieco e sonnacchioso,
o si sarebbe inteso
il grido di vendetta delloffeso.
Taci, che continuare
deve vergogna. Festa
fai a chi solo della frusta degno.
Preferisci accattare
a una giusta protesta
che puoi scatenare col tuo sdegno.
Ti negato anche il pane,
e tu vai sempre errando come un cane.
Pietra dangolo resto,
io linfamia disfido:
ti odio mondo, in te cosa non amo.
,,
- giuighe, cun terribile severa
ira custa camorra
feri, e si est veru
chi ses giustu, sa mia preghiera
isculta. Imbenujadu
so tadoro, si brujas tottu su creadu.
IV.
Ma tue populu finghes
de protestare times:
de pedire su tou bilgonzosu.
A chie topprimet linghes,
e de islancios sublimes
ses incapaze, zege sonnigosu,
si no si fit intesu
su gridu e vinditta e soffesu.
Cagliadi, dt sighire
+o sinfamia. Sa festa
faghes a chie de sa frustest dignu.
Preferis su pedire
a una giusta protesta
chi podes imbolare cun disdignu.
+ Ti negant su pane,
e tue da sa patriandas addane!
6
Deo cantone resto
e a sinfamia isfido:
todio mundu, in te cosa no amo.
,.
Ti sputo, ti detesto.
Sarcastico ti grido:
spergiuro! Se nel dolore ti chiamo
spergiuro e disumano
non risentirti, non lo dico invano.
Sempre un odio ostinato
nel mio cuore acceso,
provo per te, io non ti posso amare,
o mondo scellerato.
Questo cuore offeso
mortalmente da te, e ad odiare
sei tu che mhai insegnato:
sei odiato per questo e rinnegato.
Dentro una cella oscura,
piuttosto che guardare
il tuo viaggio nel buio senza stella,
la triste sepoltura,
quasi per sotterrare
me, preferii. Almeno nella cella
mi sar di conforto
commiserare te, mondo distorto.
L avr da ricordare
i piacevoli anni
ricchi sempre damore e di speranza,
e se dovr piegare
la fronte ai tanti affanni
,
.o Ti ruspo, ti detesto.
Cun ischernu ti grido:
marranu! Sin su dola tie giamo
inumane marranu,
non ti risentas, non lu narinvanu.
. Est odiu implacabile
su chin su corazzesu
sento pro tene, non ti potamare,
o mundu miserabile.
Custu corest offesu
,o dae te mortalmente, a todiare
tue mas imparadu:
de me ses odiade rinnegadu.
In-d una zelloscura,
pro non bider a tie
, camminenda su buju senzistella,
sa trista sepoltura
pro seppellira mie
appelett, assumancus in sa zella
mat a esser cunzessu
o cumpiangher a tie, mundu revessu.
Inie appammentare
cuddos teneros annos
pienos de isperanzas e amore,
e candappabbassare
sa fronta sos affannos
,
che mi colmano dodio e ripugnanza
di nuovo, ingrato mondo,
maledir il tuo sorriso dal profondo.
E se viene un angelico
spirito a divulgare
novelle duna tua redenzione,
soltanto un mio diabolico
sorriso pu notare
a fior di labbra: vattene buffone
gli vorr dire, il mondo
tondo, ed destino muoia tondo.
Ma se giunge cocente
laffanno che ti strazia
annunciando che ti avvii alla disfatta,
gli sar riconoscente:
codesta rara grazia
lattendevo da sempre, ora fatta.
Sarcastico la gabbia
lascio per sputarti con pi rabbia.
V.
Ecco che finalmente lagonia
ha suonato per me. Fantasmi strani
attraversano la stanca fronte mia
coronata di capelli bianchi e vani.
Odio, eppure medito i lontani
,-
chi mant fattodiosu, cun rancore,
mundingratu, su tou
risu falsu frastimo dae nou.
Si benit unangelicu
o ispirita ispender
novellas de sa tua redenzione,
unu mefistofelicu
sorrisu dt surprender
in laras mias: ritiradi buffone
lappa narrer, su mundu
es tundu, ed est destinu, morit tundu.
Ma si benit su clavu
chi ti dt Kiriella
7
nendemi cha sisfatta ti preparas,
oo lappa rispunder: bravu,
custa cara novella
isettaia: cun su sarcasmin laras,
dae cussa zella fora
mi fatto, e benza ti ruspirancora.
8
V.
Ecco chi finalmente sagonia
mapo sonadu. Fantasmas istranos
attraversant sistanca fronte mia
coronada de tantos pilos canos.
Odio, puru bi penso a sos lontanos
,o
sorrisi della Patria natia.
Tengo a freno il cuore con le mani
che tremano. Loscura fantasia
si accende e arroventa. Meditando
penso che in questa cella, sano e forte,
vivo stanco di vivere, in affanni.
Sono vivo e morto: sempre delirando,
ho in orrore la vita amo la morte,
e ho appena passato i miei ventanni!
VI.
Eccomi seppellito, in scuro manto
nella tomba, o mondo, mhai finito.
Tu hai mentito in vita e hai mentito
davanti alla fossa in campo santo.
Con la maschera finta del pianto
ipocrita, il volto si vestito.
Gli elogi che sulla tomba mhai ordito
ti son serviti per menare vanto.
Da vivo mhai maledetto e calpestato,
poi mhai segregato in questa oscura
cella, di sofferenze gran pastora.
Da morto sulla lapide hai segnato:
cosa buona mortal passa e non dura
Mentisti prima e stai mentendo ancora.
Osilo, 7 maggio 1895
,,
sorrisos de sa Patria natia.
Mi cumprimo su coro cun sas manos
tremulantes. Soscura fantasia
sinfogat e riscaldat. Meditende
+o penso chin custa zella, sane forte,
vivistancu de viver, cun affannos.
So vive mortu: semper delirende,
aborrinde sa vidamo sa morte
e appappenas passadu sos vintannos!
VI.
Eccomi seppellidu, in brunu mantu
mas a sa losa, o mundu, reduidu.
Tuas mentidin vide as mentidu
dae nant e sa fossin campusantu.
Cun sinfame carazza de piantu
ipocritu, su visu sest bestidu.
Sos vantos chin sa losa mas tessidu
ti sunt servidos pro ti dare vantu.
Vivente mas cattigadu e malaittu,
+o e confinadu mas in custoscura
zella, de patimentos sa pastora.
Pustis mortin sa losa mas iscrittu:
cosa buona mortal passa e non dura
Mentidas prime ses mentindancora.
Osilo, 7 maggio 1895
,s
IX
Agonia I
A mio fratello Edoardo
Quando tu leggerai questi
versi, nel camposanto
il mio corpo sar gi stato accolto.
Umidi i cigli mesti
damarissimo pianto,
urlerai il mio nome. E poi, sconvolto
dovrai piegar la testa,
distrutto per questa pagina funesta.
Quando leggerai il flebile canto
che scrivo in queste ore dagonia
sar amaro il tuo pianto,
fratellino, sulla pagina mia.
In quellora di dolore e sconforto,
leggendo i lamenti dun derelitto,
dovrai pensare al morto
fratel che ha queste pagine a te scritto.
Son pagine funeste e di delirii
che solo a te consacro con affanni
perch sappia i martirii
+o+
IX
Agonia I
A frade meu Edoardu
Candas a legger custos
mutos su campusantu
at aer sos ossos meos accollidu.
Cun sos chizos infustos
de amaru piantu,
des juliara mie. Addoloridu
des frittire sa testa
istanca, in custa pagina funesta.
Candas a legger su flebile cantu
+o chiscrio in custas oras de anneu,
istillas de piantu
bas a versare subra, o Frade meu.
In cussora de dolu e iscunfortu,
leggende sos lamentos dun afflittu,
+ des pensara su mortu
frade chat custas paginas iscrittu.
Sunt paginas funestas e delirios
chi a tie cunsacro cun affannos,
pro chiscas sos martirios
+oo
che mhanno ucciso nel fiore degli anni.
Scrivo sul letto, con mano tremante,
oppresso il mo cuor da troppi lutti
pensando a quellistante
quando questi versi avrai letti tutti.
Avevo deciso di non lasciarti
questo canto che genera sconforto
sol per non rinnovarti
la mia memoria quando sar morto.
Ma una voce misteriosa mi ha detto:
Perch mai in silenzio tanto soffrire?
Scrivi, di, poveretto,
congedati da chi vuol proseguire.
Il saluto che triste ti ha raggiunto
taddolora, per devi capire
che a me pi forte ha punto,
fratello, di dovertelo spedire.
Ricordi, fratellino, quanto forte
ero, giovane sano e mai lagnanze?
Sempre odiavo la morte,
vivevo solamente di speranze.
Oggi quellallegria se n fuggita
annientando quel cuore coraggioso:
+o,
.o chi mant bocchidin sos teneros annos.
Iscria lettu, cun manu tremante,
ca su corest gravad e tantos luctos,
prite pensa sistante
in su calas a legger custos mutos.
. Aia decretad e non lassare
custu cantu cha tiest iscunfortu,
pro non ti rinnovare
sa memoria mia pustis mortu.
Ma una ogh e misteru nt a mie:
,o prite suffris gasie restas mudu,
o moribundu? Iscrie
a chie restat unultimu saludu.
Su saludu chi tristu enit a tie
taddolorat, per ds cumpatire,
, ca dolet pius a mie
dendelu che a tia lu rizire.
Tammentas, caru frade, cantu forte,
allegre sanu fia in pizzinnia?
Odiende sa morte,
o de solas isperanzias vivia.
Oe cussallegria sest partida,
annientadest cuddu coro forte:
+o.
mancandomi la vita,
invoco Donna Morte speranzoso.
Ricordi, fratellino, le gioconde
risa amorose del cuore mai tristo?
E le mie chiome bionde
lunghe fino alle spalle come un Cristo?
Finiti quegli incanti spensierati,
consumata dellallegria ogni fonte.
E i capelli imbiancati
fanno corona alla mia stanca fronte.
Ora sparito lantico ardimento
quello che dimostrava il ragazzino
e sento lo sgomento
per larrivo del ferale aguzzino.
Tu non lo sai, no, che son moribondo
ma il respiro mi comincia a mancare:
forse lascer il mondo
senza neanche poterti salutare.
Vai canzone, fatale documento,
vivi, mentre mi avvio alla sepoltura,
va, fischia nel vento,
ambasciatrice della mia sventura.
+o
manchendemest sa vida,
pro cunfortu giamende so sa morte.
Tammentas, caru frade, sos giucundos
sorrisos amurosos, senza pena?
Cuddos pilos biundos
chi mabbasciaint a sa nazarena?
Zessados sos incantos risulanos,
o oscuradest sallegra fantasia.
Como sunt pilos canos
chi coronant sistanca fronte mia.
Como mi mancat santigardimentu
cuddu cha pizzinneddu possidia,
e sentunisgumentu
channunziat sa trista fine mia.
Tue non lischis, no, so moribundu,
salenest cuminzenda mi mancare:
forsis lasso su mundu
oo senza mancu ti poder saludare.
Bae mutu, fatale documentu
chi vives, mentres andeo in sepoltura,
ischelzu de su bentu,
e annunzia sa mia disaura.
+o
Alla gentile Tonara, poesia
tristissima, descrivi il disperato,
la sottile agonia,
la tristezza che thanno generato.
Se si mostrasse qualcuno allibito
e la notizia gli sembrer strana,
digli che tu hai sentito
della mia fine la triste campana.
Ecco, perdo i sensi mentre ti scrivo,
e questo il bacio dellultima ora,
addio, se sopravvivo,
fratellino, potr scriverti ancora.
Infermeria presidiaria di Sassari
20 maggio 1895
+o-
o In sa gentile Patria natia,
cun boghes de tristure de anneu,
racconta sagonia
chi lenta tat creado mutu feu.
Si calencunu si mustrat surpresu
-o e sa novella li paret istrana,
nara chi as intesu
de sagonia mia sa campana.
Ecco, gi de sos sensos nde so foras,
custest sultimu bas e frade tou:
- addio, si vivancoras
frade, tappa iscrier dae nou.
Infermeria presidiaria di Sassari
20 maggio 1895
1
+oo
X
Solferino!
Ebb, come la va, Signor Francesco?
disse Pedru passando nel cammino,
noi siamo allorizzonte del destino:
vieni figlioccio che prendiamo il fresco.
Ti voglio raccontar, se ci riesco,
di comera la guerra a Solferino,
testimone mio fratello Peppino,
come fugg lesercito tedesco.
La notte che ci avevano attaccati
zunchiavano le balle sulla testa
come fanno i calleddi appena nati.
Cera un calore che nel mio termometro
il mercurio bolliva, e la tempesta
del fuoco si sentiva ad un centometro.
+o,
X
Solferino!
1
Ebb, come la va, Signor Francesco?
nesit Pedru passendin su camminu,
semus a sorizzont e su destinu:
vieni figlioccio che prendiamo il fresco.
Ti voglio raccontar, se ci riesco,
comente fit sa gherra Solferinu,
si no pregunta frade meu Peppinu
come fugg lesercito tedesco.
La notte che ci avevano attaccati
+o zunchiavano le balle sulla testa
come fanno i calleddi appena nati.
Cera un calore che nel mio termometro
il mercurio bolliva, e la tempesta
del fuoco si sentiva ad un centometro.
+os
XI
A Nanni Sulis I
Nanneddu mio,
cos va il mondo,
per quel che stato
non rotondo.
Viviamo tempi
di tirannie,
di atti empi
e carestie,
ora che il popolo
peggio dun cane
sbadiglia forte:
Vogliamo pane!
A noi affamati
cibo di guerra:
pan di castagne
di ghiande e terra.
Ridotto in fango
ogni povero
+++
XI
A Nanni Sulis I
1
Nanneddu meu,
su mundest gai,
a sicut erat
non torrat mai.
Semus in tempos
de tiranias,
infamidades
e carestias.
Como sos populos
+o cascant che cane,
gridende forte:
cherimus pane.
Famidos, nois
semus pappande
+ pan e castanza,
terra cun lande.
Terra cha fangu
torrat su poveru
++o
senzalimento
n un ricovero.
Ci son filossera,
tasse e le tigne,
che ci distruggono
le terre e vigne.
Piene rapaci
dal Campidano
portano al mare
loro nostrano
Cixerri ad Elmas,
Assemini, Uta:
la casa e vigna
ecco distrutta.
E non sempre
che in pioggia tesa
Dionigi Scalas
pu entrare in chiesa.
Per companatico,
pane fanghiglia,
ci son le tasse
sulla famiglia.
++,
senzalimentu,
.o senza ricoveru.
Best sa filossera,
impostas tinzas,
chi nos distruint
campos e binzas.
. Undas chi falant
in campidanu
trazan tesoros
a soceanu.
Cixerrin Uda,
2
,o Sumasu Assemene,
domos e binzas
torrat a tremene.
E non est semper
chin iras malas
, intrat in cheja
3
DionisIscalas.
4
Terra si pappat,
pro cumpanaticu
bi sunt sas ratas
o de su focaticu.
++.
Anche le insegne,
le rinomate,
del vino buono
sono oscurate.
Ed ammainate
quelle bandiere
neanche le sbronze
sono sincere.
Milese amico
e commerciante,
ora ti passan
molto distante.
E Solarussa
con San Lussorio
non son pi amici
di portafoglio.
Siamo assetati
alle fontane,
cerchiamo lacqua
come le rane.
Peggio la Fame
che forte suona
la porta a tutti
e non perdona.
++
Cuddas banderas
numeru trinta,
de binu onu,
mudadant tinta.
Appenas mortas
cussas banderas
non pius sosservant
imbreagheras.
Amiga tottus
o fit su Milesu,
como lu timent,
che passant tesu.
Santulussurzu
cun Solarussa
non sunt amigos
pius de sa bussa.
Semus sididos
in sas funtanas,
pretende sabba
oo parimus ranas.
Peus su famene
chi, forte, sonat
sa janna tottus
e non perdonat.
++
Avvocatini
e laureati,
le tasche vuote,
sempre spiantati.
Mangiano more
nelle campagne,
come le capre
delle montagne.
Lavvocatura
quand affamata,
in Beccaria
non orientata.
Manco per sogno,
qui la faccenda
di calmare
fame tremenda.
Cos, abolito
il foglio e il lapis
entra nel ballo
il rapio rapis.
Cambian le tinte
di questo quadro
++-
o Avvocadeddos,
laureados,
bussacas buidas,
ispiantados.
In sas campagnas
-o pappana mura,
che crabas lanzas
in sa crisura.
Candest famida
savvocazia,
- cheres chi penset
in Beccaria?
Mancu pro sognu,
su quisitu
est de cumbincher
so tantappetitu.
Poi, abolidu
pabillu e lapis
intrat in ballu
su rapio rapis.
s Mudant sas tintas
de su quadru,
++o
e luomo onesto
diventa ladro.
Dove li lasci
gli avidi corvi?
Pieni di rabbia
sempre pi torvi.
Canaglie infami
e supponenti,
voglion lo scettro
sopra le genti.
Ma non si torna
a quel che stato,
quando onest
era reato.
Lottano a Roma,
grande lostacolo,
ferro la spada,
di legno il bacolo.
Rapace, Papa
del Dio Signore,
ti fingi Santo,
quale impostore!
++,
sominonestu
diventat ladru.
Sos tristos corvos
,o a chie los lassas?
Pienos de tirrias
e malas trassas.
Canaglia infame
piena de braga,
, cherent siscettru
cherent sa daga!
Ma non bi torrant
a sos antigos
tempos, de infamias
+oo e de intrigos.
Pretant a Roma,
mannu est sostaculu;
ferru est sispada,
linna est su baculu.
+o SIntulzu apostulu
de su signore
si finghet santu,
ite impostore.
++s
I corvi tuoi
tristi, molesti,
son la discordia
degli onesti.
Ma tutti noi
facciamo guerra,
per pochi giorni
di vita in terra.
Dalla Sinistra
girati a Destra,
sempre si mangia
ugual minestra.
Folli, affamati
ladri: protesta!
Nessun sopponga
a chi contesta.
Addio, Nanni,
metti in catene
testa ed orecchie,
e stammi bene.
Tanto, lo vedi,
cos va il mondo:
per quel che stato
non rotondo.
+.+
Sos corvos suos
++o tristos, molestos,
sunt sa discordia
de sos onestos.
E gai chi tottus
faghimus gherra,
++ pro pagas dies
de vida in terra.
Dae sinistra
oltada destra,
e semper bides
+.o una minestra.
Maccos, famidos,
ladros. Baccanu
faghimus, nemos
halzet sa manu.
+. Adiosu Nanni,
tenedi contu,
faghe su surdu,
ettada tontu.
A tantu, lides,
+,o su mundest gai:
a sicut erat
non torrat mai.
+.o
XII
Galus
A Lia Pulix Scano
Io son probatica
Fonte novella
Propizia ai fegati
E alle budella.
GIUSTI
Signorina gentile,
che come unape alla rosa a me voli,
pellegrina e umle
sgorgo in mezzo ai fiori e tra i noccioli;
son fresca e cristallina,
se verso me ti chini ti consoli.
Alla mia polla a bere
accosta le tue labbra, con piacere.
E, sempre traboccante,
son rinomata tra fontane rare,
di tutti sono amante,
dispensatrice delle acque pi chiare:
china per un istante
le tue labbra se brami dissetare.
+.,
XII
Galus
1
A Lia Pulix Scano
Io son probatica
Fonte novella
Propizia ai fegati
E alle budella.
GIUSTI
Gentile signorina,
chi calabe a sa rosa mie olas,
umile peregrina
bundo tra sos fiores e nucciolas;
so frisca e cristallina,
si tabbascias a mie ti consolas.
A su cantaru meu
fritti sas laras, ca ndas ingranzeu.
2
Deo, bundanziosa,
+o so fentomada tra funtanas raras,
cun tottus amurosa,
so dispensera de sas abbas giaras:
sest chi nde ses bramosa
a mie frittunistante sas laras.
+..
Se gusti lacqua mia
esclamerai: tu benedetta sia!
Che sia fresca e pura
lo sa Capo di Sopra e Campidano.
Presso la mia frescura
giungono gli assetati fin dal piano;
in ore di calura
una stilla e lammalato rendo sano.
Al mormorante rivo
tutti anelan lenire il caldo estivo.
Io sono Galus,
contrada confortevole dincanto,
ferma quivi il tuo pi
o passeggero, questo luogo santo:
confido sempre in te;
di certo accorrerai per darmi vanto,
con liete compagnie,
a trar frescura dalle acque mie.
In questa roccia lieve
non ho cessato mai di mormorare;
gelidi venti e neve
le mie vene facevano gelare,
eppure sempre beve
la brocca il suo miele singolare;
costante le rispondo
con le linfe inesauste che nascondo.
+.
+ Si gustas abbas mias
des isclamare: beneitta sias!
Chi frische pura sia
lischit Cabu e Susu e Campidanu.
A sa friscura mia
.o benint sididos dae su pianu;
cun-d unistillebbia
sessere maladu torro sanu.
Dae lontanin sistiu
tottus bramant su meu murmuriu.
. Eo so Galus,
logu delissiosu de incantu,
firminoghe su pe
o passizzeri, custest logu santu:
deo cunfidin te,
,o zeltas accurrer a mi dare vantu,
cun bellas cumpagnias,
a tinfriscare de sas abbas mias.
Umilin custa rocca
mai de murmurarappo zessadu;
, bentu fritte fiocca
ana sas venas mias astragadu,
mai per sa brocca
at su nettare sou ismentigadu;
pedidu mat continu
o sos bundantes umores chappo in sinu.
+.
Ancora ad ogni giorno
non mi mancano visite e piaceri.
E tutti fan ritorno
a consolarsi dacque volentieri
mentre, ridendo intorno,
colmo brocche e boccali tuttinteri.
Da questa fresche vene
le brocche se ne vanno sempre piene.
A queste acque assetate
son venute graziose giovincelle,
da me sono arrivate
di Sardegna le nubili pi belle:
tutte si son chinate
per colmarmi donori. Pastorelle,
signorine e matrone
soddisfatte, narraron cose buone.
Da lontani distretti
son giunte sapientissime persone,
in festini e banchetti
imbandiron capretti e cacciagione,
rari manicaretti:
porcetti, quaglie e pesci con carpione.
In queste acque pure
smaltiron leggendarie ubriacature.
Ognun s divertito
obliando quasi sempre ogni contesa:
+.-
Ancoras oin die
no mi mancant dulzuras e bisittas.
Tottus current a mie,
e si consolant de sas abbas frittas,
e deo, rie rie,
cuntento broccas mannas e brocchittas.
Dae custas frittas venas
sempere partint sa broccas pienas.
A custabba, sididas,
o sunt benndas donosas virginellas,
a mie sun benndas
bajanas de Sardigna sas pius bellas:
tottas si sunt frittidas
a mi fagher onore. Pastorellas,
signorinas e damas,
de me cuntentas, ndant contadu famas.
Dae logos istranzos
benndu bat dottissimas persones,
e in festas e pranzos
oo cottu bana crabittos e anzones,
e mandigos liccanzos:
puddas, porcheddos, pische maccarrones.
In custas abbas puras
antismaltidu zelebres cotturas.
o Tottus ant divertidu
ismentighende dogni cuntierra,
+.o
preti ubriachi ho visto
cantare alla chitarra senza offesa;
anzi, nho assistito
pi duno lungo in terra quant stesa
in braccio ad una scura
reverenda, solenne ubriacatura.
Qui la tristezza muore,
e ridiventa lanimo sereno.
Le suocere e le nuore
in queste acque abbandonano il veleno,
anzi prendono a cuore
di lasciare limpronta sul terreno,
fatta nel saltellare
per venire acqua fresca a domandare.
Qui sono tutti eguali,
nessuno pu vantare il suo blasone.
Bcoli pastorali
suniscono alla spada e al bastone.
Tutti sembrano attuali
le vecchie con le giovani persone,
Vedove e vecchi grulli
alle acque mie tornano fanciulli.
Odio e affetto
ha sigillato in me chi ha bevuto,
per ogni segreto
io gelosamente ho mantenuto,
+.,
preideros appidu
cottos, cantenda sonu e chiterra;
anzis ndappassistidu
-o beatamente istrampados in terra,
in brazzos duna vera,
solenne, reverenda imbreaghera.
Inoghe sa tristura
morit, e torrat sanimu serenu.
- Sa sogra cun sa nura
in custas abbas lassant su velenu,
anzis si dana cura
de lassare simmina in su terrenu,
chant fattu sangallitta
so unidas a pediremabba fritta.
Tottus sunt uguales,
inoghe nemos vantat sos blasones.
Baculos pastorales
saunint a ispadas e bastones.
s Tottus parent fedales
sas bezzas cun sas giovanas persones,
bezzones e battias
torrant piseddos a sas abbas mias.
Odios e affectos
,o in me ant imprentadu sos chant bidu,
ma deo sos secretos
appo gelosamente custoidu,
+.s
perch sempre discreto
lumore della vita che ho vissuto.
Conosco tali cose
che raccontate son meravigliose.
Acque fresche illibate,
quante feste ho veduto e quanto gioco;
labbra in ombra sfiorate,
mani che toccano e sguardi di fuoco.
Degli amanti alle amate
giuramenti ho carpito; in questo loco,
tra canzoni e festini,
ho veduto ..... un corteggio di puntini.
Ho veduto cerbiatte
venir di notte a questo luogo santo,
capriole incorpettate
da destare meraviglia e rimpianto,
e altre mascherate
nel color della notte con un manto:
le pi timide e schive
rinfrescaron le labbra alle mie rive.
Ho ascoltato cose
cha narrarle non sembrano accadute.
Cetre melodiose,
fischi furtivi, muggiti e sconosciute
parvenze misteriose
han danzato seguendo le battute,
+,+
ca non sunt indiscretos
sos umores chin vidappo sumidu.
, E narrer chisco cosas
chi parent finas meravigliosas!
Frisca, bundante pura,
cantas festas appidu, e cantu giogu;
basos dados a fura,
+oo toccos de mane miradas de fogu.
Appintesu sa giura
de samanta samada; in custu logu,
tra cantos e festinos,
appo bidu ..... una fila de puntinos.
+o Deappo idu bettas
benner de notta custu logu santu,
crabolas in palettas
de fagher meraviglie ispantu,
e ateras suggettas
++o incarazzadas de nieddu mantu:
cuddas pius santiccas
sant bagnadu sas laras tantu siccas.
Deappintesu cosas
chi a las narrer non parent costadas.
++ Zetras armoniosas,
fruscios de contrabbande muiladas;
umbras misteriosas
fattu ballant segundu sas sonadas,
+,o
e strane cose ancora,
che non ho visto essendo oscura lora.
Fanciulle nel lavare
ascolto criticare ogni persone,
nel loro criticare
allaltrui male cantan la canzone:
sta luna a lamentare
che pesarono male il suo sapone
mentre laltra ricama
sui panni del padrone incerta fama.
Mi lodano dottori
qual rimedio della gente stitica;
con i miei umori
viene per purgarsi la Politica.
Messeri con signori,
nellora del voto cos critica,
quivi, da saturnale,
danno il famoso pranzo elettorale.
Allora i maccheroni
svaniscono in bocche dotte e affamate,
conditi con sermoni
e grandiose promesse irrealizzate.
E quante discussioni
ancora vive in me sono fissate!
Ma di tante parole
ho raccolto qualcosa? Pure fole.
+,,
e ateras cosas puru,
+.o chi non appidu pro esser iscuru.
Bajanas samunende
intendo criticarogni persone,
sas tales critichende
su malanzenu lischint a cantone:
+. una sest lamentende
chi lant male pesadu su sabone,
unatera dovere
criticat sas camijas de su mere.
Mi vantant sos duttores
+,o vera recepta de sa gentistitica,
a sos meos umores
benida si purgare sa Politica.
Musseres e segnores,
a sora de su votu tantu critica,
+, inoghe, saturnale,
dnt su famosu pranzu elettorale.
Tando sos maccarrones
morint in buccas dottas e famidas,
misciados a sermones
+o e a bellas promissas non cumpridas.
Cantas discussiones
galu vivas in me sunt imprimidas!
Ma de tantas paraulas
ndappincunzadu? Unu saccu e faulas.
+,.
Alle verzure mie
vengono a fare pace gli avversari.
Diverse ipocrisie
di preti, poliziotti, commissari
e signorili spie,
qui promuovono feste e svaghi vari.
Qui persino il delitto
ha fatto comunella col diritto.
E quivi lallegria
mai si ammanta con gli abiti del duolo.
Ho sentito Pipa
cantare a gara con un rosignolo;
la soave armonia
di quelle voci mha dato conslo.
A questo canto grave
rispondevo con mormorar soave.
Fu tempo che arrivava
un giovane, smagrita la persona.
E qui sempre invocava
le nove verginelle dElicona:
afflitto lacrimava,
e chino su di me baci mi dona,
mescolando le amare
lacrime con le mie acque chiare.
Addolorato tanto
che lo denominavo misterioso,
+,
+ A sas friscuras mias
benint a fagher paghe sos contrarios.
Diversas rettilias,
preides, polizzottos, cummissarios
e nobiles ispias,
+o inoghe si dnt festas e isvarios.
Inoghe su delittu
fattat cun sa giustissia sojittu.
Inoghe sallegria
mai si ponet abidos de dolu.
+ Intesappa Pipia
3
cantenda zirfa cun su russignolu;
sa suavarmonia
de cussas boghes mat dadu consolu.
A sos cantigos graves
+oo rispustappo cun murmuros suaves.
Unepoca beniat
unu giovanu pallide ramasu,
inoghe invocaiat
sas noe virginellas de Parnasu:
+o afflittu pianghiat,
e mentres chi mimprimiat unu basu,
misciaiat amaras
lagrimas a sas mias abbas giaras.
Fit affligidu tantu
+-o chi li naia su misteriosu,
+,
mentre fievole un canto
sussurrare sentivo doloroso.
Adesso in campo santo
credo che dorma lultimo riposo.
Qui non pi venuto,
n alcuna buona nuova ho ricevuto.
Saperne avrei voluto:
ancora lho fisso nel pensiero,
suoi versi ho ricevuto
che gentile mi scrisse e pur sincero;
prestatemi un aiuto
per sapere se vive ancor davvero.
Ditegli, signorine,
che ritorni a queste acque cristalline.
Non laveste intuito,
ne traccio una succinta biografia;
pallido, vestito
con panni tristi di malinconia,
il capo incanutito;
le labbra palesano angusta,
fragile nel fisico
cammina con fatica e pare tisico.
Eccentrico e selvatico
appare un asfodelo con i panni:
n bello n simpatico,
compare vecchio e ha solo ventanni,
+,-
flebile unu cantu
in laras lintendia dolorosu.
Comin su campusantu
creo chi dormat sultimu riposu.
+- Non pius best benndu,
n una cara novella ndappischidu.
Ischire nde cheria:
galu lappo costantin sintellettu,
prituna poesia
+so mat iscrittu gentile cun affettu;
servidemi de ghia
sa casest galu vivu su suggettu.
Nadelo signorinas,
chi torret a custas abbas cristallinas.
+s Si mai lazis bidu,
breve nde fatto sa biografia;
4
est pallidu, bestidu
a pannos tristos de malinconia,
mesu testispilidu;
+,o in laras si lannottat sangustia:
est debile de fisicu,
camminat a istentu paret tisicu.
Bizzarrest e selvaticu,
paret unisciareu estida pannos:
+, n bellu n simpaticu,
cumparit bezze at vintichimbannos,
+,o
in fronte come viatico
palesi ha impressi i suoi malanni:
la figura distinta
al fedele bastone sempre avvinta.
Se a caso lincontrate
nellumano consorzio ancor vivente,
di cuore lo pregate
che venga a visitarmi prontamente,
anzi lo consigliate
che da me torni presto e allegramente;
ch la tale amorosa
alla fonte tornata premurosa.
O belle cittadine,
buttate a mare gazzose e limoni;
quelle son medicine
per quanti hanno fradici i polmoni;
se lacque cristalline
voi berrete, le vostre condizioni
vigore avran di dindi,
e vadano in malora i tamarindi.
E tu, tristo beone
che hai arsa la gola di lavagna,
e bruciato il polmone,
la testa rintronata di micragna;
il vino nel pintone
lascialo per venire qui in montagna
+,,
in sa fronte: viaticu
giughet iscritta caratteres mannos:
distintest sa persone
.oo sorra sinseparabile bastone.
Sa casu lincontrades
in sumanu consorziu vivente,
de coro li pregades
chi mi fettat bisitta prontamente,
.o anzis li consizades
chi torret prestu e allegramente;
nadeli chi fulana
est torradamurosa sa funtana.
O bellas zittadinas,
.+o lassade sas gazzosas e limones;
cussas sunt meighinas
de chie giughet frazigos pulmones,
si custas cristallinas
abbas bibides vivides ruzones,
5
.+ sanas comente dindos,
e chi simpicchent a sos tamarindos.
E tue, imbreagone
chi giughes in sa ula sa siccagna,
e cottu su pulmone,
..o cun sa testattontada de migragna;
su binin su pistone
6
lasse bena inogha sa muntagna
+,s
e curati alle pure
fresche acque che spengono le arsure.
Lia, tu mia dolce e cara
di questo sito sarai pur la fiamma.
Come questacqua, chiara
conservati onorata a babbo e mamma:
rinomata per rara
pudicizia, bellezza onore e fama.
Voglio che lacqua mia
possa dire: son pura come Lia.
Vieni qui al presente
senza nessun assillo, sei minore:
gentile e sorridente,
vestita di purezza e di candore,
e qui col pretendente
possa un giorno tornare con amore.
Quel giorno, Lia cara,
mi troverai ancor pi fresca e chiara.
Ho nel cuore il puntiglio
che tu ritorni a me, ognor frequente:
rosa sei, col giglio
raggiungimi piacevole e avvenente,
intemerato il ciglio
e il sorriso preserva alla sorgente
che sempre nel passato
per fama babbo e mamma ha dissetato.
++
e curadin sas veras
abbas friscas istudimbreagheras.
.. Tue o Lia
7
cara
de custu logu des esser sa prama,
che a custabba, giara
cunservadi onorada babbe mama:
fentomada pro rara
.,o in virtudes, bellesonore fama.
Chelzo chi sabba mia
potat narrer: so pura che a Lia.
Como benis a mie
senzalgunu penseri, ses minore:
., gentile rie rie,
bestida e purese de candore,
goi purunu die
benzas in cumpagnia de samore.
Su die, o Lia cara,
.o mas agattare pius frisca e giara.
De coro su disizu
appo chi siast mia fittiana:
rosa ses, cun su lizu
bena inoghe donosa e galana,
. sintemeradu chizu
cunserva sorridenta sa funtana,
chat appidu sa fama
de aer cumbidada babbe mama.
+o
Limpida lacqua mia
vieni ad attingere con devozione:
portala in sagrestia,
perch riceva la benedizione;
cos che serva o Lia,
allorquando il sacerdote lunione
suggeller del cuore
che ti ama, col tuo, rosa damore.
Tonara Galus, marzo 1897
+,
De sa purabba mia
.o bene leande cun devossione:
la giughes a cresia,
li faghes dare benedissione;
pro chi servat, o Lia,
cando chi su preide sunione
. suggellat, de su coro
chi tamat, a su tou, o rosa doro.
Tonara Galus, marzo 1897
+.
XIII
A Juanne Sulis
Juanne,
non mi son pi fatto vivo
con te, lo so: brutta trascuratezza!
Perci nel salutarti non mi privo
dimplorar del perdono la carezza.
Con te sono stato un vero incostante,
dimentica loffesa con dolcezza.
S, non ti ho scritto spesso, e nonostante
sempre nel mio cuore resta scolpito
il nome di un fratello che distante.
Da dolori ed angoscie circuito,
neanche a mandarti una novella mia,
senza consolazione, son riuscito.
In questa gentile Patria natia
il tuo caro amico moribondo
nellultimo sussulto dagonia.
Quel sorriso amabile e giocondo
dal mio viso oramai spirato:
decretato che lasci questo mondo.
Il debole organismo ora stremato,
misero mi son spinto fino al punto
di maledire il latte di neonato.
+
XIII
A Juanne Sulis
1
Caru Juanne meu,
Semper mudu
cun tegus so istadu, itabbandonu!
In su mentres timbio unu saludu
affettuosu, dimando perdonu.
Sistadu so cun tegus inurbanu,
ismentiga soffese siast bonu.
Pro chi non tappiscrittu fittianu
semper appiscolpidin coro meu
su lumen dunu frade chest lontanu.
+o Zircundadu de dole de anneu,
de ti mandaruna novella mia,
mai appo gosadu su recreu.
In sa gentile Patria natia
su caramigu tou est moribundu
+ in sultimu sarrag e sagonia.
Cuddu sorrisamabile giucundu
dae su visu meu est isparidu:
est decretadu chi lasse su mundu.
Su debilorganismu est isfinidu,
.o tristu como, so ennida su puntu
de frastimare su primu cumbidu.
+
Se per caso di me chiedessi un sunto,
quel poveretto, ti risponderanno,
non cercarlo fra i vivi che defunto.
Vedendo irreparabile il malanno,
perch mi rendo conto del mio stato,
sospiro con il cuore nellaffanno.
Cos questansia in cuore ho coltivato,
e dico: Parca ingrata, gi che lora,
abbrevia dunque il mio final commiato.
Io che ci faccio nel regno di Flora
a seminare dolore e sconforto
in cuori ingenui che sperano ancora?
Per soffrire cos meglio sia morto;
tanto per me non ce n di speranza,
il camposanto lunico conforto.
Caro amico, lo sconforto e doglianza
constata, e pensa fin dove son giunti:
scioglie il mio cero una fiamma che avanza.
Non la morte a darmi i lai presunti,
sento che lascio questa cara terra
avvolta nel lenzuolo dei defunti.
Eterna inimicizia eterna guerra
vi ho conosciuto, fin da ragazzetto
liti, contrasti, qualcuno che atterra.
Tranquillit, risate, amore e affetto
mai ho conosciuto, ma solamente
dolore dun velenoso roveto.
Linfamit ho visto impunemente
che vomitava veleno sui fiori
+-
Si pro casu de me faghes preguntu
tant a rispunder: cussisventuradu
non lu chirches in vida chest defuntu.
. Deo cando chi mido a custistadu,
bidende irreparabile su male,
suspiro cun su coro avvelenadu.
Intendin corunansia fatale,
e naro: Parca ingrata, gi chest sora,
,o abbrevia su meu funerale.
Ite bi fattin su regnu e Flora
seminende dolore iscunfortu
in coros dulches chisperant ancora?
Pro suffrire gosie menzus mortu;
, pro me pius non bi ndat de ispera,
su campusantest sunicu cunfortu.
Amigu caru, pensa e cunsidera
cale det esser saffanne su dolu
chi mi consumit che candel e chera.
o Sa morte no, no mi dat oriolu,
sento chi lasso custa cara terra
bestida de su funebre lentolu.
Eterninimistadeterna gherra
bappo connottu, pizzinnu minore,
brigas, confusione cuntierra.
Paghe, risos, carignos e amore,
mai appo connottu, solamente
velenosas ispinas de dolore.
Sinfamiappo idu impunemente
o bominde su velenu in sos fiores
+o
di questo mio bel boschetto ridente.
Neri fottivento, upupe ed astori,
grandi maestri di nefande azioni,
danno la caccia agli uccelli minori.
Son lame avvelenate e bastoni
branditi, acciaio, ferro e bugno,
a sistemar litigi e confusioni.
Lanonimo libello del mugugno
si veste con la toga di Pilato,
tira la pietra e poi nasconde il pugno.
Corvi agitan le ali a profusione
per mantenere lucido il piumaggio,
lordine trasformando in confusione.
Come una barca senza guida in viaggio,
beccheggiante contro un fatale scoglio
sei tu, la patria mia, diletto poggio.
Fra le spire dUsura e dImbroglio,
i poveri, con fatica e sudore
ingrassano dei ricchi il portafoglio.
Quel vampiro che chiamano esattore,
con tasse assai pesanti e con imposte,
sta seminando in paese il terrore.
E certi ipocriti poi e facce toste
se ne ridono del bene e del male:
mutando in un sol giorno mille croste.
Le zucche che si vantan daver sale,
malate di vino, non fanno un piano
per occuparsi del bene sociale.
+,
de custu ridentissimu padente.
Pubusas, tilibrios e astores,
maistros de nefandas aziones,
dnt sa biccada puzzones minores.
Pugnales velenosos e bastones
animados, attalzu, ferre brunzu,
parant brigas e confusiones.
Sanonimu libellu de murrunzu
si bestit sa divisa e Pilatu,
oo frundit sa pedre si cuat su punzu.
Corvos molestos chi faghent disbatu
pro mantenner niedda sa pinnia,
ponende sarmonia in disbaratu.
Cale barcin su mare senza ghia,
o perigulantin su fataliscogliu,
tue ses, o diletta terra mia.
In brazzos de sUsura e de sImbrogliu,
su poveru, cun fadigas e sudore,
accuccurat su riccu portafogliu.
-o Su vampiru chi giamant esattore,
cun tassas medas graves e impostas,
seminendest in bidda su terrore.
Zeltas faccias ipocritas e tostas
si rident de su bene de su male:
- mudant in dunu die milli crostas.
Sas testas chi si vantant daer sale
suni fertas a bine non ant cura
de pensara su bene soziale.
+s
Limpegno civile stringe la mano
alla paura, cecit fatale:
teme della tomba il sogno lontano.
Chi ricorre persegue di far male
limpegno, ed temuto nel paese
come fu per Murdegu il temporale.
Preti con galeotti fanno intese
mentre rintuzzan la sopita briga,
son l per tessere imbrogli e contese.
Tu, quando puoi, scrivi almeno una riga
contro questi cagnacci micragnosi,
per svergognare chi anonimo intriga.
Unisciti anche tu ai pochi virtuosi,
per dare la decisiva battaglia
contro questi serpenti velenosi.
Che i nostri petti facciano muraglia,
noi ci dobbiamo opporre con virt,
forti, contro ogni perfida canaglia.
Per questo ti compiango, giovent,
non hai pi senso quando si malati:
la fisica salute non c pi.
Odio e guerre silenti li ho guardati
e lotte che nella mia complessione
hanno lasciato segni inusitati
Tu, mio Juanne, guida lazione
delloppresso, del misero ed affranto,
proclamando la libert e lunione.
Quando saprai che sono in camposanto,
indirizzami un pensiero pietoso,
++
Su coraggiu zivile a sa paura
so sest abbrazzadu: timet, ca est zegu,
su frittu sognu de sa sepoltura.
Sos ricursantes sighint simpiegu
de fagher male, in bidda sun timidos
che sa temporada de Murdegu.
2
s Galiotos a Preides unidos
suni tessende tirrias e brigas,
isfoghende sos odios zozzidos.
Tue, cando chi podes, duas rigas
iscrie contra custos tirriosos,
,o castiga sas anonimas pinnigas.
Aunida sos pagos virtuosos,
pro dare dezisiva una battaglia
contra custos serpentes velenosos.
Sos pettos nostros dent esser muraglia,
, chi devimus opponner cun virtude,
fortes, contra sa perfida canaglia.
Ti piango pro cussu, o gioventude,
perdidas sa virtude, ca tagattas
mancante de sa fisica salude.
+oo Odios, gherras surdas e cumbattas
chappo idu, in sa debile persone
bana lassadu terribiles trattas.
Tue, Juanne faghedi dugone
de sopprimidu misere affrantu:
+o preiga libertade unione.
Cando mas a ischirin campusantu,
mandamunu penseri piedosu,
+o
e una sincera lacrima di pianto.
Anche dormendo lultimo riposo
mi dovr essere caro e gradito
il saluto che mi mandi affettuoso.
Portati onesto. Sii incoronato
dalla buona sorte e tu possa vivere
davvero quel sogno che hai sognato.
E quando ti gira mettiti a scrivere;
manda una letterina senza doglia,
che in cuore sento il bisogno di ridere.
Che veramente di ridere ho voglia,
anche se mi tocca restare serio
ch la testa canuta non invoglia.
Di qui, certuni che non han criterio
guardan con occhi di malignit,
e di nome mi chiamano Misterio.
Conoscessero la mia infermit,
quelli che ridon di questo mischino,
dimostrerebbero amore e piet.
Basta, che sia compiuto il mio destino,
come scritto, mi tocca proseguire
ed a tentoni compiere il cammino.
Ed arrivata lora di finire,
la tua pazienza giunta al lumicino
prova, caro e gentile, a compatire
questo tuo amico
Mereu Peppino.
13 marzo 1896
+,
una sinceristilla e piantu.
Finas dorminde sultimu riposu
++o mi devet esser care aggradidu
cussu saludu tou affettuosu.
Tue vive onestu. Favoridu
siast dae sa sorte e potas bier
realizzadu su sognu chas bidu.
++ Cando podes procura de miscrier;
imbiamuna littera brullana,
in coro sento su bisonz e rier.
De rier veramente ndappo gana,
per mi toccat a fagher su seriu
+.o prite sa testa miest pili cana.
Inoghe, zeltos, chi non ant criteriu,
mhalzana soj e sa malignidade,
e mi giamant a lumene misteriu.
Sischerant de sa mia infirmidade,
+. sos chi si rident de custu mischinu,
diant aer amore piedade.
Bastat, siat cumpridu su destinu,
est iscrittu, mi toccat prosighire
tamba tambe finire su camminu.
+,o Est ora puru de mi dispedire,
meda tappinfadadamigu meu:
amurose gentile cumpadire
deves samigu
Peppinu Mereu
13 marzo 1896
+.
XIV
Quaresima
In braccio ad una vita libertina
allegramente ieri mi son dato,
oggi cenere, con la testa china
eccominginocchiato.
Mentre ieri a questora stavo a caccia
di feste, mattacchione e spensierato,
oggi, che ho smascherato la mia faccia
devoto son tornato.
Cessata quella vita come guerra
dei festini che facevo ieri,
il prete dice: bada, sei di terra
pulverem reverteris
Parole di mistero, oscure, tali
da mettere pensieri alla canaglia,
ricordando a noi miseri mortali
che siamo di terraglia.
Dacch son terra, abbandono le crapule,
baciapile, con il rosario in mano,
+
XIV
Caresima
In brazzos duna vida libertina
deris allegramente mi so dadu,
umiloa rizire sa chijina
eccomimbenujadu.
Deris a custora fia cazza
de festas, maccu e ispensieradu,
oe, cumpuntu e senza sa carazza
devotu so torradu.
Zessadest cudda macca cuntierra
+o de sos festinos chappo fattu deris,
su predoe narat: ses de terra
pulverem reverteris.
Faeddos misteriosos e fatales
chi ponent in penseris sa canaglia,
+ e nos ammentant miseros mortales
chi semus de terraglia.
Gi chi so terra lasso sas iscialas,
basa mattones, a coronin manu,
+
mi scrivo in capitale sulle scapole:
Vetro - posa pano.
Il carnevale coi suoi cibi grassi
oggi rinnego tutto, ossi e polpa,
reciter contrito com prassi
il perpetuo mia colpa.
Quaresima arrivata rigorosa;
pentito ora mi tocca digiunar,
mangio finocchi ed erba appiccicosa,
aringa e baccal.
Quaranta giorni a dieta! devo farne
di mortificazioni e penitenza:
solo il pesce permesso, per la carne
assoluta astinenza.
Murene, seppie, triglie e minestroni
di fagioli, son cose da mangiare,
subito appresso quattro maccheroni
tanto per varare.
Ma il condimento, dato che lo strutto
vietato, devesser al ribasso,
solo un po di formaggio magro, asciutto,
ch non cibo grasso.
+-
miscria manna mannin mesu palas:
.o Vetro - posa pianu.
Sos zibos rassos de carrasegare
oe rinnego tottu, ossos e pulpa,
umile mest obbligu rezitare
seternu mea culpa.
. Caresimest intrade rigorosa;
penettidu mi toccat dijunare,
mandighende fenuje pigulosa,
arengu e baccalare.
Suni baranta dies de dieta
,o de mortificassione penitenzia:
su pischest permittidu, de sa petta
assolutastinenzia.
Murena, seppia, triglie minestrones
de basolu, sunt cosas de pappare,
, e fattu fattu duos maccarrones
tantu pro variare.
Su cundimentu per, ca est vedadu
sozu porchinu, det esser iscassu,
mancari siat de casu filadu,
o ca non est zibu rassu.
+o
Io tremo solamente nel pensare:
ai giorni che pi scarsa vien la pesca,
mi vedr costretto a mangiare
carciofi e fava fresca.
Ahi vita penosa! Obbligato
come sono a mangiar formaggio e pasta;
bere del vino fuori consigliato
solo s dellOgliastra.
Or a soffrire per la penitenza
il corpo deve piegarsi ubbidiente;
ma come pu trovar la resistenza
penso seramente.
Per, con volont e tanto zelo,
non mi dar nelle braccia della fame,
non ci vuol niente: ci si gioca il cielo
per fetta di salame.
Quaranta lunghi giorni sbadigliando,
e tu predichi, prete: non peccare.
Ma venuta la Pasqua, io comando:
non mi devi seccare!
Compunto, per ora, con diligenza
recito latto di contrizone,
e faccio il bucato alla coscienza
per la confessione.
+,
Mi tremo solamenta bi pensare:
in dies chi mancantenit sa pisca,
mappa bider costrinta mandigare
carzoffe fae frisca.
Ahi vida penosa! Reduidu
como so a pappare casu e pasta;
foras buffare inu, est proibidu,
si no est de sOzasta.
Coma sa penitenzia suffrire
o su corpus det frittirubbidiente;
a comentappa poder resistire
penso seriamente.
Per, cun voluntade meda zelu,
no mappa darin brazzos a sa famene
ca est nienta si perder su chelu
pro una fitt e salamene.
Baranta dies mannas casca casca,
e tue preide preigas: non pecches,
ma si benit sa bella di e Pasca
oo ah tando non mi secches!
Pro comisto cumpunt, a dilighenzia
rezito sattu de contrizione,
e fatto sa lissia sa cussenzia
pro sa cunfessione.
+s
Ch voglio confessare ogni peccato,
lanima non deve pi portare pesi;
oh, che consolazione esser purgato
senza quei sali inglesi!
Anima ma, se ti sei dannata
dandoti in braccio al divertimento,
tieniti bella pronta, preparata
per il dibattimento.
Mostrati senzombra dincertezza,
e non temere, no, il confessionale:
con un poco dastuzia e di scaltrezza
salviamo sacco e sale.
+o+
o Ca chelzo cunfessarogni peccadu,
sanima non det giugher pius pesu;
ite consolazionesser purgadu
senza su salinglesu!
Anima mia si ti ses dannada
-o dendedin brazza su divertimentu,
tenedi bene pronte preparada
pro su dibattimentu.
Mustradi senzalguna pauria,
non timas, no, su cunfessionale:
- cun pagu pagastuzie furberia
salvamus sacce sale.
+oo
XV
A Eugenio Unale I
Eugenio mio caro,
Non pensare
che di te mi sia dimenticato:
poeta, che il silenzio sa stimare,
il silenzio tuo ho ricambiato.
Dopo tanto aspettare, finalmente,
un amico di te mha raccontato.
Mha ragguagliato, facendomi presente
che a Simala vivi ancor forte e sano
e te la canti ancora allegramente.
Ed io, che ti ho in cuore non invano,
mi rallegro della notizia cara,
e mando una viril stretta di mano.
Io mi ritrovo in patria a Tonara
laria salubre godendo e la vista,
curando la salute allacqua chiara.
La cetra che suonare tu mhai vista
scordata ed il suono ormai ottuso:
ch di corde di giunco lho provvista.
+o,
XV
A Eugeniu Unale I
1
Eugeniu caru,
Non ti cretas
chi de te mi nde sia ismentigadu,
poeta comente tottu sos poetas,
su silenziu toappimitadu.
Pustis tantisettare, finalmente,
unamigu de te mat faeddadu.
Mi ndat trattade mat fattu presente
chin Simala ses galu forte sanu
e ti la cantas ancorallegramente.
+o Deo, ca tappin coro fittianu,
mi nde cuntent e sa novella cara,
e ti manduna fortistrint e manu.
Deo so in sa patria Tonara
respirende sas aras natias,
+ curende sa persona sabba giara.
Cudda zetra chin manos mi bidias
est iscordade non sonat piusu,
ca lappo postu cordas de tinnias.
+o.
Tu invece ancora ne fai uso:
la cetra ti asseconda larmonia
perch nascesti nel Capo di Suso.
Nascesti nella terra di Billa,
se canti, di tutti sei il migliore;
sei caro a Melpomene e Tala.
Tu sei lastro che a Pozzomaggiore
lascer stessa fama che a Posata
ha elargito il canonico Dore.
La ma pesia trascurata
ormai senza darmene pi cura,
una prosa indecente diventata.
Se furtivo compongo qualche sura
uggiosa avverte una voce segreta
ch solo una schifezza addirittura.
Le nove Muse ingiungono: Poeta,
mira che Poesia indigesta,
provvedi a rispettare la dieta.
Questironica voce di protesta,
amico mio, tu non puoi stimare
quanto mi suoni allorecchio molesta.
Per questo non mi posso rassegnare
a digiunare dellarte poetica;
grave la piaga e non si pu sanare.
Lanima mia, per natura scettica,
smaniosa dascendere al Parnaso,
s dimostrata credula ed ascetica.
Epper in Elicona scarso caso
fanno di me, mi mostrano le fiche
+o
Tue galu per nde faghes usu:
.o ti favorit sa zetrin sarmonia,
ca ses fiza su veru Cab e Susu.
Ses naschidin sa terra e Billia,
2
si cantas podes cantara primore;
caru ses a Melpomene Talia.
. Tue ses astru chin Putumajore
bi lassas fama comentin Posada
bi ndat lassadu Mercioro Dore.
Sa poesia miabbandonada
senza mai nde fagher pius cura,
30 una prosindezentest diventada.
Siscrio calchi versa fura fura
tando mi nt una oghe secreta
chest una porcheriaddirittura.
Sas noe Sorres mi narant: Poeta,
, m chi sa poesiest indigesta,
pensa de osservare sa dieta.
Custironica oghe de protesta,
amigu meu, non podes pensare
canta sorija mi sonat molesta.
o Pro cussest chi no misco rassignare
a su dijunu de sarte poetica;
sa fertest grave non podet curare.
Sanima mia, de naturiscettica,
bramosa de intrarin su Parnasu,
credula si dimustrat e ascetica.
Per in Elicona pagu casu
faghent de me, mi faghent sas ficcas
+o
le nove Muse se chiedo un sorriso.
Le acque dIppocrene sono sicche;
e quando: Brucio di sete ho protestato,
mhanno risposto: Fa che tu timpicche.
Avessi questo stimolo accettato
sarebbe pi tranquilla lora mia,
e pentimento non avrei provato.
Va in buonora, va, o Poesia!
Ti presentasti come tentazione,
irridendo la ma fantasia.
Or vai, perch far molta attenzione,
se a caso mi tentassi in tale modo
non sar cos sciocco e credulone.
Son fragile di testa e poco sodo,
ma se pure tu tentassi, Musa vana,
sar un caso se tu vi ficchi un chiodo.
Bench tu sia tanto ridanciana
di mettermi alla prova non tentare:
di celie non ho certo tanta brama.
Alla stolta mia mente non bussare
per chiedermi una strofa di straforo,
ch con la scopa ti far scappare.
Tieniti pure il sospirato alloro,
sol dei poeti autentici corona,
intrecciala per me di paucifloro.
E tu, diletto Unale, in Elicona
resta devoto alla Pieria dea
ch di tutte le Muse la padrona.
+o-
sas noe Sorres si pedunu basu.
De Ippocrene sas abbas sunt siccas;
o candappo protestadu: so sididu,
mana rispostu: Bandas e timpiccas.
Sazzettadu laere su cumbidu
a custas oras tranquillu fia,
e forsis no mi nde fia penettidu.
Bae in bonora bae poesia!
Sest presentada che tentassione,
a brullare sa mia fantasia.
Bae chi appa darattenzione,
si a casu mi tentas dae nou
oo no appa essere gai tontorrone.
Sa testa miest fragile che ou,
per si benis tue, musa vana,
pro sortest chi bi craves unu zou.
Pro cantu ses gasie risulana
o a mie non mi ponzas a sa prova;
de brullare nde tenzo paga gana.
Non zocches a sa mia mente bova
a mi pedirunu semplice mutu,
m ca ti leo a colpos de iscova.
-o Su laru tenedilu, ca est fructu
de sos veros poetes, sa corona
a mie faghemila de armutu.
Tue, Unali caru, in Elicona
jura fida sa Pieria dea,
- ca de tottu sas musas est padrona.
+oo
Se lincontrassi, corri questala,
profitta adesso che ti stima tanto,
facile, se no, che cambi idea.
Tu disponi le tue labbra al canto
che lenisca, soave, il loro duolo
ai cuori che vivono nel pianto.
Io tinvoco quale un rossignolo:
vieni a cantare nella Patria mia,
distendi le tue ali al dolce volo.
Raccontar mille cose ti vorra,
e godere con te almeno unora
conforto della tua compagnia.
Dimenticato non ti avevo ancora,
solenne te ne faccio giuramento,
la lingua ma non mai impostora.
Tu vivi sempre in ogni pensamento:
senza che ti ricordi, caro amico,
non trascorre n ora n momento
Sono ancora il tuo sodale antico,
se ti sembra che volto abbia mutato
castigami severo come dico.
Se poi tanto a scriverti ho tardato,
non definirmi rozzo e negligente,
ch mai negligenza mi ha macchiato.
E del resto, ti parlo francamente:
se sono diventato silenzioso,
hai fatto il sordo non diversamente.
Meglio tu sia stato un poco ansioso
daspettar novit da parte mia,
+o,
Si ti capitat poneli trobea,
profitta como chi tistimat tantu,
si no est fazila mudaridea.
Tue abberi sas laras a su cantu
so armoniosu, e siast de consolu
a sos coros chi vivent de piantu.
Deo tinvoco cale russignolu:
bena cantara sa Patria mia,
ispalghelas sas alas a su olu.
s Milli cosas contare ti cheria,
e cheria godire nessunora
su consol e sa tua cumpagnia.
Ismentigadu non taiancora,
ti nde fatto solenne juramentu,
,o sa limba mia non est impostora.
Galu ses in su meu pensamentu:
chi de te non mammente, caru amigu,
no che passat n ora n momentu.
Deo ancora so samigantigu,
, si ti paret chi facciappo mudadu
severamente ponemin castigu.
Si a tiscrier goi appo tardadu,
no nelzas inurbane negligente,
ca mai negligente so istadu.
+oo De su restu, faeddo francamente,
si eo istadu so silenziosu,
tuas fattu su surdugualmente.
Menzus chistadu siast disizosu
in isettare bonas novas mias,
+os
piuttosto chio passassi per noioso.
A dire il vero, questa litania
che ti spedisco, ti dovr riuscire
di sicuro seccante e un po stantia.
E mentre di volermi compatire
ti prego, se troppo ti ho annoiato,
cosette varie ti far sentire.
Come inizio, sappi che ho incontrato
quel nostro comandante un po ringhioso
conosciuto alla ferma da soldato.
M passato vicino, vergognoso,
n io gli negai il mio saluto,
perch di cuore sono ancor pietoso.
Non mha risposto, se n stato muto,
poi chera sbrindellato in modo tale
che nudo temeva essere creduto.
Eppure, ti ricordi quanto male
ci fece quelluomo nel profondo,
allorch fu per noi sottufficiale.
Pensato avrebbe mai che, sitibondo,
bisogno avrebbe avuto anche dun pane?
Cos, amico mio fatto il mondo.
Io piuttosto che gridargli: Cane!,
di avvicinarlo ho voluto tentare,
ma lui il tentativo rese inane.
Forse tra s ha dovuto esclamare:
Destato avessi in altri simpatia,
ora avrei trovato chi implorare.
+-+
+o che mi narrer seccante infadosu.
Prita las narrer, custas litanias
chi timbio, ti devent resessire
seccantes veramente istantias.
Mentres ti prego de mi cumpadire
++o si troppu noiosu so istadu,
varias cosas ti do a ischire.
In primu iscas chi appincontradu
cuddu superiore tirriosu
3
chi tenimis fattende su soldadu.
++ Accanta mest passadu, bilgonzosu,
ma non lappo negadu su saludu,
prite ca so de coro piedosu.
No mat rispuste restadu sest mudu,
prite fit istrazzadu in modu tale
+.o chi si timiat de li narrer nudu.
Puru si ti ndammentas cantu male
at fattu cussu, a mie a tie,
cando laimis suttuffiziale.
A lu diat a crer chi oin die
+. diat a benner in bisonz e pane?
Su mundu, caru meu, est fattasie.
Deo, invece de li narrer: Cane!
Appo tentadu de lavvicinare,
ipse per de me sest fattaddane.
+,o Ma inter ipse at devidesclamare:
si unu tempus bonu istadu fia,
como tenia chie majudare.
+-o
Coloro che lincontrano per via,
e la sua prepotenza hanno scampata,
linsultano marchiandolo di spia.
Lipocrita teppaglia malandata;
luno stato finito dal pugnale,
laltro morto con la gamba amputata.
Buona parte ha concluso in ospedale,
poich hanno putredini al polmone,
in attesa del proprio funerale.
Quel marrano fratello di Nerone
stato condannato per rapina
a ben quindici anni di reclusione.
Altri, in compagnia di disciplina:
la scure di Fonni ha fatto mattanza,
sia baciata la mano assassina.
Non sdegnarti per tutta lesultanza
che mostro nel baciare quella mano:
ha punito severa larroganza.
Peggio per chi, nel suo cuor villano,
da soldato la regola ha tradito
che il soldato devessere anche umano.
E tu che in divisa sei vestito,
in ogni istante devi aver presente
quanto ora patisci, e hai patito.
Sii umano col tuo dipendente
quando comandi, ch ti fai amare:
sempre meglio lessere indulgente.
Comanda, senza mai spadroneggiare.
Come un padre amoroso, ogni rigore
+-,
Cuddos chi de sa sua tirania
salvos sunt, si lu ident in sistrada,
+, lu giamant cun su lumen de ispia.
Sipocrita canagliest malandada;
a unu lat punidu su pugnale,
saterest mortu cun sanca truncada.
Bona parte bi ndat in sispidale,
+o ca giughent frazigadu su pulmone
isettende sinsoro funerale.
Cuddu marranu frade de Nerone
istadest cundennadu pro rapina
a bindighannos de reclusione.
+ Bi ndat in cumpagni e disciplina:
sambenat fattu sistrale fonnesa,
basada siat sa manassassina.
Non tindignet sa mia cuntentesa
chi dimustrin basare cudda manu
+o chi severat punidu sa vilesa.
Peus pro chie de coro villanu
da chest soldadu ponet in olvidu
chi su soldadu det esser umanu.
Tue pura soldadu ses bestidu,
+ a dognistante des aer presente
su chi suffrinde ses e as suffridu.
Tratta bene su tou dipendente
cando nde tenes, ca ti narant bonu:
menzus semper chi siast indulgente.
+oo Cumanda, ma no cumandes che padronu,
ma che babbamurosu, su rigore
+-.
ti consiglio, se puoi, di tralasciare.
Con le buone parole, con lamore
ottieni tutto, allora premuroso
vivi con tutti, vivi con onore.
Continua a dimostrarti virtoso:
senza virt ogni uomo si ritrova
quale barchetta in mare burrascoso.
Per luomo che donest d prova
anche con i malvagi trova pace,
perch le divergenze par rimuova.
Sei adulto del resto, tu verace
segui il tuo dovere: in onest
fermo quale nuraghe e pertinace.
Tutto questo ripeto a saziet,
perch ti stimo senzipocrisia
e sono amico alla sincerit.
Faccio appello alla tua cortesia:
che voglia perdonare questo scritto
avvolto in panni di malinconia.
Se di Peppe Mereu fanno quesito,
rispondi che trascina sconsolato
la croce del dolore, sempre afflitto.
Se un amico sincero pur restato,
coscritto sotto la stessa bandiera,
a nome mo venga salutato.
E tu, se puoi, trova la maniera
di scrivermi, scherzosa, prontamente
per consolarmi unepistola leggera.
+-
semper chi podes, ponin abbandonu.
Cun sos bonos faeddos, cun samore
sottenet tottu, duncas amurosu
+o vive cun tottus e faghedonore.
Prosigha ti mustrare virtuosu:
senza virtude somine sagattat
che barchittin su mare burrascosu.
Per somine chi onestu trattat
+-o pro finas cun sos malos tenet paghe,
prite sas differenzias appattat.
De su restu ses mannu, tue faghe
su dovere: ti chelzo in sonestade
ischire unincrollabile nuraghe.
+- Ti naro tottu custo caru frade,
prite tistimo e senzipocrisia
amigu so de sa sinceridade.
Deo prego sa tua cortesia
a perdonare custiscrittu meu
+so bestida pannos de malinconia.
Si ti preguntant de Peppe Mereu,
nara chi est trazende isconsoladu
sa rughe de su dole de sanneu.
Si calchamigu giustu bat restadu,
+s soldadu de sa propria bandera,
siat a lumen meu saludadu.
Tue, si podes, faghe sa manera,
procura de miscrier prontamente
brullane consolantuna littra.
+-
Quanto a me, scriver molto frequente
finch dirai che sono fastidioso,
seccatore, pettegolo, invadente.
Scrivimi presto. Per ora mi riposo:
da questo ameno e florido giardino
un bacio ti spedisce laffettuoso
amico tuo
Mereu Peppino.
Tonara, 5 luglio 1896
+--
+,o Deo tappa iscrier frequente
fina mi narrer maccu e infadosu,
ciarlatanu, seccante imprudente.
Luegiscrie. Pro comadiosu,
dae custamenue floridu jardinu
+, ti mandat unu basu affettuosu
samigu tou
Mereu Peppinu.
Tonara, 5 luglio 1896
+-o
XVI
A Paolo Hardy
Quando tu sei venuto
a domandarci voti,
a Galus, e a scrocco hai banchettato,
a Tonara hai tessuto
adulatori e vuoti
versi, dal senso magro e scardinato.
In quel parto impudico
che hai fatto, caro amico,
assai mediocre ti sei rivelato.
Indignata, Tonara
ti rende la risposta franca e chiara:
Nella sublime altezza
non si sentono i fumi
dellincenso che hai scelto di bruciare;
mi basta la dolcezza
dei gentili profumi
che solo i fiori nostri sanno dare.
Nelle foreste mie
si cantano poesie
+-,
XVI
A Paolo Hardy
1
Cando chi ses bennidu
de votos pedidore,
in Galus, a siscrocca e unu pranzu,
a Tonaras tessidu
su simpre aduladore
cantu, de sensu iscancaradu e lanzu.
In cussu partu reu
chas fattu, caru meu,
declaradu ti ses meda metanzu.
+o Indignada, Tonara
ti torrat custa risposta france giara:
In sa sublimaltura
non balent sos fumos
de sincensu chas cherfidu brujare;
+ mi bastat sa dulzura
de gentiles profumos
chi sos fiores meos solent dare.
In sas nucciolas mias
si cantant poesias
+-s
degne di questa terra singolare;
dunque voci profane
cantate alla palude con le rane.
Dal nuraghe pi alto,
con supremo disgusto,
mi meraviglio per il tuo ardimento.
Non andare allassalto
del sonno di quel giusto
poeta sommo di grande apprezzamento.
un insulto ben grave
turbare la soave
armonia dei sogni di Larentu.
Per questo, senza indulto,
io rispondo allinsulto con linsulto.
Di dove hai conosciuto
quella musa imperfetta,
che tha messo alla mente fantasia?
Per arraffare un voto
ti sei fatto poeta,
profanando la sarda poesia,
perch a dirtela chiara
il sonetto a Tonara,
la tua peggiore porcheria.
Ah quanto sei buffone!
Meriti che ti mettano in canzone.
+s+
.o dignas de custa terra singulare;
duncas boghes profanas
cantade in sa palude cun sas ranas.
Dae saltu nuraghe,
cun supremu disgustu,
. mi meravigli e su toardimentu.
Lassa dormirin paghe
su sonna cuddu giustu
chi de liricu summu famat tentu.
Sinsultes meda grave
,o turbare sa suave
armonia sos sognos de Larentu.
2
Pro cussu, senzindultu,
eo rispunda sinsultu cun sinsultu.
Narinuas connotu
, cussa musimperfecta,
chi tat postu sa mentin fantasia?
Pro lograrunu votu
ti ses fattu poeta,
profanende sa sarda poesia,
o prita la narrer giara
su sonetta Tonara,
est sa tua pius manna porcheria.
Ah cantu ses buffone!
Tue s chi la meritas sa cantone.
+so
Posada per pesada
hai scritto tu, la lima
a quel che vedo pochissimo si cura.
La forma trascurata,
trascurata la rima
quando mi rimi declinat con furat.
Tu, digiuno del verso
e del comune senso
di Campidano e Nuro fai mistura.
La posada prudente
che tu dici, non vale proprio niente.
Ahi parto fatale!
e quale confusione
hai procurato! Non ti posso scusare.
Forse tha fatto male
il fuoco di Carbone
che ho acceso volendoti asfissiare?
Il Cocco americano
occorre stia lontano,
in questi freddi lui non pu fruttare.
Io non voglio sfreddarmi,
voglio solo Carbone per scaldarmi.
Tonara ........ 1895
+s,
Posada pro pesada
as iscrittu, sa lima
a su chido paghissimu si curat.
Sa forma est trascurada,
trascurada sa rima
o cando mi rimas declinat cun furat.
3
In su versu, dijunu
de su sensu comunu
Campidana Nuro sammesturat.
4
Sa posada prudente
chi naras tue, non balet niente.
Ahi partu fatale!
Ite confusione
sa chas fattu! Non tisco discujare.
Forsis tat fattu male
oo su fogu de Carbone
5
chi tappazzesu pro tasfissiare?
Su Cocco americanu
bisonzistet lontanu,
in custos frittos non podet fruttare.
o Frittappo su bestire,
Carbone chelzebbia miscaldire.
Tonara ........ 1895
6
+s.
XVII
Aritzo
Alta sul mare della capitale
dispensatrice dacque cristalline
poetica, gentile, industriale,
sei terza tra le alture a te vicine.
Di cuore aperto, schietta e liberale
ti apri ad un progresso senza fine:
sei una cittadina genale,
esempio alle contrade montagnine.
Canti rime e lavori onestamente;
della tua onest ti mostri fiera
contestando di Dante la scrittura.
Noti i tuoi sorbetti tra la gente,
vanno per la Sardegna tuttintera
confermando una fama imperitura.
+s
XVII
Aritzo
Postin alta sa tua capitale,
dispensera de abbas cristallinas;
poetica, gentile industriale,
terza de sas alturas montaninas.
1
De coraperta, franca e liberale,
a su progressu curres e camminas:
ses una zitadedda geniale,
in te sisprigant sas biddas bighinas.
Onesta tue trivaglias e divignas;
+o de sonestade tuandas fiera,
ismentinde de Dante sas iscritas.
Fentomadas, sas tuas carapignas
faghent su giru de sIsulintera
cunfirmende sa fama chi meritas.
+s
XVIII
X.
. . . . . . . . . . . . . . fatale
spasimi damore . . . . . .
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
Di me ti sei gi dimenticata,
come verme nel fango mhai premuto:
crudele tu sei stata
fino a negare a me il tuo saluto.
A salutare me tu non tabbassi
per me tu indossi vesti monacali,
ma se accanto mi passi
per la vergogna pur le labbra cali.
Se mi vedi non ridi amorosa,
non sei pi affabile e gentile,
ma passi vergognosa
perch il cuore nel petto dice: vile!
Tu, quando godi, godi sei contenta,
mi vedi lacrimar per te lo stesso.
+s-
XVIII
X.
1
. . . . . . . . . . . . . . fatale
ispasimos de amore . . . . . .
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
De me gi ti nde ses ismentigada,
mas cattigadu che vermin su ludu:
crudele ses istada
finas a mi negare su saludu.
A saludara mie non tabbassas,
+o pro me ti pones abidos de monza,
ma saccanta mi passas
ti si mudant sas laras de ilgonza.
Cando mides non rides amurosa,
non ses pius affabile gentile,
+ ma passas bilgonzosa,
ca su corin su pettu ti nt: vile!
Tue, da chi godinde ses cuntenta,
non faghes cont e sas lagrimas mias.
+so
Rammentati, rammenta
di quanto nel passato mhai promesso.
Rammentati, rammenta, con ardore
in allegria ridendo mhai baciato
e mi dicevi: fiore,
per il petto mio che tu sei nato.
Rammentati, di quando promettevi
di portarmi nel cuore eternamente,
e dopo mi stringevi
mi spingevi al tuo seno ardente ardente.
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
Quando in volto lo sguardo mi volgesti,
ti dicevi felice e fortunata,
adesso mi vorresti
cieco, per non lanciarti una guardata!
+s,
Ammentadindammenta
.o de cantin su passadu promittias.
Ammentadindammenta, cun ardore
mi basaist ridende cun recreu,
e naiast: fiore,
tue ses nadu pro su pettus meu.
. Ammentadinde, cando promittias
de mi giugher in coreternamente,
da poi mistringhias
contra su sinu tou ardentardente.
. . . . . . . . . . . . . . . . .
,o . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
Candin cara su chizu mhalzaiast,
ti naiast felize fortunada,
, como cherrer mi diast
zegu, pro non ti daruna mirada!
+ss
XIX
A Eugenio Unale II
Vorrei mi perdonassi
per questa libert,
compatisci con lanimo sereno.
Lo sai, fratello amato,
il cuore come fa:
quando angustiato e di amarezza pieno,
se amore non morto,
nellamico caro cerca conforto.
Se questa mia poesiola
ti causasse mestizie,
la colpa, te lo giuro, non mia.
Io volevo, parola,
darti belle notizie:
il cuore che ha intrapreso unaltra via.
Concedimi sostegno
da amico, sempre che ne sa degno.
Se esprimo buon umore,
come altre volte ho fatto
scrivendo mie nuove di gioia e festa,
non sincero il cuore:
+,+
XIX
A Eugeniu Unale II
1
De tanta libertade
chelzesser discujadu,
perdonami cun sanimu serenu.
Gi lischis, caru frade,
su coro angustiadu
cando de amalguras est pienu,
si amore no est mortu,
chircat in sinamigu su cunfortu.
Si custiscritta mia
+o ti causerat noia,
non sia tottu deo sinculpadu,
ca dare ti cheria
novas de pura gioia,
ma su coraltrimenti mat dittadu.
+ Duncasa cun benignu
risisculta samigu, si ndest dignu.
Cando ridendiscrio,
comente tappiscrittu
novas buffas de gioie de festa,
.o no est de coro chi rio,
+,o
un ghigno raggelato,
che svela dentro me ogni tempesta.
riso senza brio
Frutto dellinfelice stato mio.
Tu mi scrivi: Coraggio
o fratellino mio!
guarda che non c rosa senza spina.
Ma tu godi un vantaggio,
te lha concesso un dio:
sei libero nella patria divina.
Io invece sto piangendo
senzamore, lontano, sto soffrendo.
Nobile confortare
con care altrui fortune
linfelice legato alla catena,
ma prima di allentare
del parlare la fune
tu dovresti capire cos pena.
Se lavessi capito,
Ucciditi, fratello!, avresti scritto.
Ah mi fossi ammazzato!
Sono comunque privo
della mia libert, della mia vita.
In questo nido ingrato
sento nel cuore, vivo,
il desiderio della casa avita.
+,,
ma dunu risu frittu
chi traighet de coro ogni tempesta.
Est unu risu feu,
fruttu de sinfelizistadu meu.
. Tue miscries: forte
siast o caru frade:
pensa chi senzispinas non bat rosas,
pro mores chi sa sorte
amore libertade
,o tas lassad, e in patria riposas:
deo so pianghende,
e, senzamore, sa Patria sognende.
Est bellu cunfortare
cun diccias tantu caras,
, sinfelize ligadu in sa cadena,
ma prima de lassare
faeddare sas laras
est prezisu connoscher itest pena.
Zeltest, chi si lischiast,
o bocchidi, caru frade, miscriviast.
Ah messere bocchidu!
Tantu gi nde so privu
de sa vida chi liberu godia.
In custingratu nidu
sentin su coro, vivu,
su disiz e sa Patria natia.
+,.
Vola in alto il pensiero
al paese sul Gennargentu fiero.
finito ogni incanto,
lallegria, il sorriso
che dalle labbra mi sbocciava in fiore;
c solo amaro pianto
sul mio pallido viso
che mha scavato il solco del dolore.
Amico, in questo amico
non vive pi, no, lamico antico.
Sopporto malamente
dei ricordi la noia,
ch sempre sono qui a rimuginare
di quando, dolcemente,
cedevano le ciglia
al delizioso, libero, sognare.
Terribili pensieri!
Perch, cos, mi rammentate dieri?
D come deve fare
un cuore angustiato
a trovar pace in atroci tormenti?
Qui mi si pu accusare
daver allontanato
voi, gli amici, con luttuosi indumenti;
senza capire, male!,
che labito diverso, il cuore uguale.
+,
Olat su pensamentu
a sa fiz e su canu Gennargentu.
Isparidest sincantu,
o su briu, su sorrisu
chin laras mi ridiat che fiore;
amaru su piantu,
in su pallidu visu
bat lassadu simprent e su dolore.
Amigu, in custamigu
non vivet pius, no, samigantigu.
Sos sognos de sa mente
mi causant fastizos,
candinoghe mi toccat a pensare
oo e cando, dulchemente,
deo frittia sos chizos
a cuddu dulche liberu sognare.
Terribiles penseris!
Prite mi lammentades su e deris?
o E cheres chi reposu
su coro angustiadu,
agattet in custos tribulos crudeles?
Sabidiscuriosu
mi ndat allontanadu
-o sos amigos chaia pius fideles:
sos chi no ant pensadu
chi sabidu su coro no at mudadu.
+,
Proprio ieri ho incontrato
Passeggiando per strada
Un mio vecchio, caro, antico amico,
appena mha degnato
dunocchiatina rada
quasi non fosse stato mai mio amico.
Cos pensa il villano:
considera la gente dal pastrano.
Prima facevan festa,
sono passate ere,
tutti dolcezza, sempre al mio fianco.
Tu resti solo, in testa,
non gli amici chimere,
nella sventura, fedele, mai stanco,
n provi tu imbarazzo
perch da suora vesto e son ragazzo.
Generoso, per questo
ancora ne approfitto,
e tutto il mio dolore ti riverso.
Ora un saluto mesto,
concedimi il diritto
di scriverti di nuovo qualche verso.
Tristissimo e lontano,
ti mando una calda stretta di mano.
Cossoine Nuraghe Idda, 13 feb. 1895
+,-
Deris appincontradu,
passizendin sistrada,
- unu caru signoramigantigu;
appenas mat dignadu
duna fritta mirada,
che cando mai lessistadamigu.
Gai dognunu areste,
so disprezzat sa persone pro sa este.
Ma in tempos antigos
faghiant milli festas
a su fiancu meu cun dulzura.
Ah! De tantos amigos
s tue solu mi restas
amurose fidelin sisventura,
n de me ndas bilgonza
ca so bestida monze non so monza.
Ca ses boninfadosu,
,o benza tie sovente
a versare su dolin sinu tou,
e pro comadiosu,
no nelzas imprudente
si a casu tiscrio dae nou.
, Tristu, dae lontanu
ti manduna sinceristrint e manu
Cossoine Nuraghe Idda, 13 feb. 1895
+,o
XX
Non ti posso amare
Ragazza, inutilmente
tu stai ad aspettare
che io venga per chiederti lamore.
Ti giuro francamente
che non ti posso amare,
dato che adesso voglio un altro fiore.
Se son franco e leale
ci non ti sembri male,
n c motivo di portar rancore.
I rancori lasciamo,
amici fummo, amici restiamo.
Se non ti posso amare,
n darti alcun sollievo
quello che tu vorresti, bella mia,
non me devi incolpare:
questo al mio cuore devo,
che per te non dimostra simpatia.
Il cuore umano, quando
non si piega al comando,
+,,
XX
Non ti poto amare
Giovaninutilmente
ti ses postin sisettu
chi deo benza ti pediramore.
Ti giuro francamente
chi non ti tenzaffettu,
pro mores chamun atteru fiore.
Si so france leale
non ti nde parzat male,
n bat motiv e mi tenne rancore.
+o Sos rancores lassamus,
amigos fimis, amigos restamus.
Si non ti potamare,
n daredi recreu
comente dias cherrer, bella mia,
+ nde deves inculpare
solu su coru meu,
chi pro te non dimustrat simpatia.
Su corumanest gai,
non si piegat mai:
+,s
sceglie di palpitare in altra via.
Ed io non lo trattengo,
ma se non tama, colpa non ne tengo.
La franchezza perdona,
una la mia parola.
Non posso nominare un tuo difetto;
sei bella, onesta e buona,
per virt sei la sola,
ci nonostante, non ti porto affetto.
Dunque non serve a niente
che tu continuamente
il mio nome abbia scritto nel tuo petto.
Ti devi rassegnare,
e se puoi, lo devi cancellare.
Tu devi immaginare
che sia una visione
il pensiero che fermo hai nella testa
se no, dovrai pensare,
che questa illusione
ti sarebbe fatale e funesta.
Lascia quel sentimento,
a questavvertimento,
se vuoi felicit, tu fede presta.
Se di mutar non senti,
tu di questa passione te ne penti.
.o+
.o palpitat cando cheret ipsebbia.
Deo non lu trattenzo,
ma si non tamat culpa no nde tenzo.
Sa franchesa perdona,
deo faeddin cara.
. Non ti connosco nisciunu difettu;
ses bella, oneste bona,
in virtudes ses rara,
puru cun tottu non ti tenzaffettu.
Duncas es tottu vanu
,o chi tenzas fittianu
iscrittu su lumen mein sintellettu.
Pens e ti rassignare,
e proa si nde lu podes canzellare.
Ti deves figurare
, chest una visione
su penseri chi firmu as in sa testa
si no, podes pensare,
chi unillusione
ti podet esser fatale funesta.
o Lassa su sentimentu,
a custavvertimentu,
si felize ti cheres, fide presta.
Si penseri non mudas,
de custa passione ti ndimpudas.
.oo
E damore sospiri,
se presente mi scorgi,
da me pretendi desser confortata:
quando il mio volto ammiri,
e che io, non taccorgi,
mai corrispondo alla tua occhiata?
Ti faccio viso tosto,
perch non son disposto
del cuor mio ad aprirti lentrata.
Ch quello sguardo breve
come fare fuoco con la neve.
Devi dimenticarmi
e con serenit
abbandona lidea che hai pensato.
Devi considerarmi
ma con fraternit,
e non pi come tuo innamorato.
Allegra devi stare,
che non tavr a mancare
quello che a te la sorte ha destinato,
per il quale un bel giorno
ti scorderai dessermi stata intorno.
Ognaffannogni pena
come arriva ti passa,
cos ha decretato la natura;
anche quella catena
che in pace non ti lascia,
.o,
De amore suspiras,
si presente ti seo,
dae me ti pretendes cunfortada:
candin cara mi miras,
non tabbizas chi deo
o non currispunda sa tua mirada?
Ti fatto visu tostu,
prite non so dispostu
in coro mea ti dare sintrada.
Cando miras a mie
cheres azzender fogu cun sa nie.
Pensa de molvidare
e cun serenidade
abbandona sidea chas leadu.
Mi des cunsiderare
oo comente unu frade,
non comente su tou innamoradu.
Allegra des istare,
ca non tat a mancare
cuddu chi tat sa sorte destinadu,
o pro su cale unu die
des olvidare chas connotta mie.
Ognaffannogni pena
comente benit passat,
gai at decretadu sa natura;
-o puru cussa cadena
chin paghe non ti lassat,
.o.
si spezzer, tu stanne pur sicura.
Un altro nuovo fiore
ti chieder lamore,
di me non farai pi nessuna cura
anzi, allegramente
uscir dal tuo cuore totalmente.
Adesso tho avvisato,
se non ti porto amore,
che porto nel cuore unaltra rosa.
Se franco sono stato
non portarmi rancore,
anzi ne devi esser orgogliosa
un fratello sicuro,
io ti sono, lo giuro,
sempre stato fedele su ogni cosa.
Legati rimaniamo,
per fraternamente, cintendiamo.
.o
benit a si truncare, ista segura.
Unateru fiore
tat a pediramore,
- de me no ndas a fagher pius cura,
anzis, allegramente,
mi des ismentigare totalmente.
Como tappavvisadu
chi non ti tenzamore,
so pro ca tenzin su coratera rosa.
Si francu so istadu
no mi uses rancore,
anzis nde des andarorgogliosa
de tenner unu frade,
s chi, cun sinceridade,
test istadu fidelin dogni cosa.
Sighimus samistade,
ma sintendet, comente sorre frade.
.o
XXI
Studente
Troppo giovane in questo mondo e rude
fra le braccia del vizio ti sei dato
quando tuo padre a scuola tha mandato
immaginava avessi una virtude,
con la pipa che la bocca ti chiude
sprechi salute, e il libro hai tralasciato
vivacchiando nellozio hai consumato
il ben che alla maturit prelude.
Appena fuor dal guscio di pulcino,
sembri un libero can dalla catena
che fedele obbedisce solo al vizio.
Non pensi al vecchio padre poverino
che andando a cottimo a piegar la schiena
fa, per tenerti a scuola, un sacrifizio.
.o-
XXI
Studente
Pizzinnancorin custu munde rude
in brazzos a su vissiu ti ses dadu!
Babbu toa iscola tat mandadu
sognendin testa tua una virtude,
ma tue, a pippazzesa, sa salude
ses perdinde, su librismentigadu
as in tottue a sozias cundennadu
sa preziosa tua gioventude.
Ses appenisbucciadu dae sou,
+o e cale canisoltu e cadena
a sa ogh e su vissiu pones mente.
E non penzas chi bezzu babbu tou
andat famida zorronadanzena,
pro ti mantenner semper istudente.
.oo
XXII
Lorfana chiede pane
A Mariuccia Santoru
Lacera mendicando, scalza e grama
orfanella trascino la mia vita.
Senza madre, n padre che mi sfama,
di porta in porta busso derelitta.
Minvoco a te, mia distinta dama,
pregando di sfamare questafflitta.
Dalle del pane, in terra navrai fama
di persona pietosa. Ben vestita
anchio fui ricca; la sfortuna
crudelmente muccise; come un cane
da tutti son scacciata e son digiuna.
Non levare da me ciglia lontane;
fragili sono i beni di fortuna:
la carit concedi, dammi pane.
.o,
XXII
Sorfana pedit pane
A Maruccia Santoru
Orfana, senza babbu e senza mama
a istentu trazende so sa vida.
Isculza, nuda, derelita e grama,
a pedirin sas giannas reduida.
A tieo minvoco eletta prama,
preghende chi consoles sa famida.
Dalli pane, in terras aer fama
de piedosa. Eo puru benestida,
fia riccunu die, sisfortuna
+o crudele mat bocchidu, cale cane
dae tottus iscacciadu, so dijuna.
Dae me no halzes, no, su chizaddane;
fragiles sunt sos benes de fortuna
caridadosa siast, dammi pane.
.os
XXIII
K.
Misera! Tace
Ogni dover se si rialza amore
Dentro il mio petto . . . . .
Tieste - Ugo Foscolo
Ninnare Maria il fantolino
con la voce velata dal panto,
ho sentito stanotte dal cammino:
ecco quanto ho sentito in questo canto.
Ninnandoti cos
sempre rammento il d
quando ho sognato un figlio del cuore;
come un figlio ti sento,
per mi di tormento,
perch non sei frutto del mio amore.
Meglio non fossi nato
per vedere una madre in questo stato.
Ah, sei ancor minore!
Tu ignori il dolore
che prova questo cuore, e la fiamma
che lo brucia, fatale;
e quanto mi fai male
quando a me ti rivolgi e dici: mamma.
.++
XXIII
K.
Misera! Tace
Ogni dover se si rialza amore
Dentro il mio petto . . . . .
Tieste - Ugo Foscolo
Anninnende Maria sinfantinu
cun sa oghe velada de piantu,
appintesista notta su camminu:
ecco cantappintesu in cussu cantu.
Anninnienda tie
deo pensa su die
chi sognai unu fizu e su coro,
gia ti stimo che fizu,
per mi das fastizu,
+o ca non ses frutt e soggettu chadoro.
Menzus non esses nadu
pro ider una mamma custistadu.
Ah ses troppu minore!
No ischis su dolore
+ chi proat custu coro, e sa fiamma
chin ipsu best, fatale,
cantu mi faghes male
cando mi donas su lumen de mamma.
.+o
Se ridente mi brami,
chiamami sventurata, se mi chiami.
Nel cordoglio sei nato
il latte che hai succhiato,
figlio, potentissimo veleno.
Se crescerai, amare
gocce vedran stillare
sul tuo labbro a turbare il cuor sereno.
Mio dorato giglio,
mi duole, eppur tallatto quale figlio.
Se tu non fossi nato,
da questo nido ingrato
liberamente avrei spiccato il volo,
sei tu la mia catena
fatta di spine e pena,
vuoi cheternamente viva in duolo.
Pur accesa la fiamma,
perch questo il dovere duna mamma.
Sta zitto, e non piangere,
il cuore non minfrangere
ancora dormi nella tua sventura:
di nuovo il tuo pianto
mi ricorda dincanto
la triste e lacrimata mia sciagura.
meglio non ti svegli
per conoscere pene che non scegli.
.+,
Si ridente mi bramas
.o giamamisfortunada, si mi giamas.
Naschidu ses in luctu,
su latte chi as sutu
o fizu, test potentissimu velenu.
Si faghes mannu, in laras
. ti dent bider amaras
istillas chi turbant sanimu serenu.
Lizu meu de oro,
lu sento ma tallatto contra coro.
Si non fiast naschidu
,o dae custingratu nidu
liberamente leai su olu,
ma tue mincadenas
in ispinas e penas,
eternamente mi cheres in dolu.
, Azzesest sa fiamma,
ca cheret gai su dover e mamma.
Cagliade non piangas,
su coro non mi frangas
isventurade faghe sanninnia,
o ca su piantu tou
mammentat dae nou
sa trista e cumpianta sorte mia.
Menzus non ti ndischides
pro connoscher sas penas chi non bides.
.+.
E quando sar giunta
lora chio sia defunta,
rivolti i piedi, pallida, alla porta,
di al padre dal cuore:
Per questo tuo amore,
lamata madre incatenata morta.
Quandella mi ninnava,
di dirti questo mi raccomandava.
.+
Si benzerat su die
de ider morta mie,
pallide sorridente, a pees in porta,
1
a babbu tou nara:
a mamma mia cara,
o babbu, samore tou est chi lat morta.
Cando manninnaiat
mamma ti narrer custu mi naiat.
.+
XXIV
Y.
In ricordo di quella triste ora
che nel fango infamante mhai portato,
ora che ne son fuora
Caino, abbi da me questo commiato.
Saluto triste, voce che mi guida
la severa domanda: o tu, crudele,
Caino fratricida,
che coshai fatto allinnocente Abele?
Allaccusa lipocrita catrame
del viso dovr rosso diventare,
come foglia sul ramo
nel petto il cuore ti deve tremare.
Non questa una lirica soave
n del cuore un sorriso gentile,
ma unaccusa ben grave
che ti grida severa: infame, vile!
. . . . . . . . psichico momento
della paura e della cunfusione,
.+-
XXIV
Y.
1
In ammentu de cuddas tristas oras
chi mas trazada sinfamante ludu,
como chi nde so foras
Cainu, rezi de me custu saludu.
Saludu tristu, boghest de su sinu
chi severa dimandat: o crudele,
fraticida Cainu,
ite ndas fatt e sinnossente Abele?
A saccusa sipocritu catramu
+o de su visu det benner purpurinu,
cale fozin su ramu
ti det tremer su corintro e sinu.
No est custuna lirica suave,
n de su corunu risu gentile,
+ ma unaccusa grave
chi ti gridat severa: infame, vile!
. . . . . . . . psichicu momentu
de sa paure sa cunfusione,
.+o
. . . . . moto violento
che fa tremare tutte le persone.
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . .
Peggio di Giuda menti
e del male che fai non te ne penti.
Sempre dovunque pasci
ti fai tanti nemici
per le tue nefande azoni,
e alle tue spalle lasci
le discordie e i bisticci,
soltanto odio, guerre e confusioni.
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
Per questo sei cascato
in dannazione tale,
che perfin la tua razza oggi ti teme;
il latte che hai succhiato
caprifico letale
con il fiele deuforbia messo insieme,
da quel seno spinoso
hai succhiato il liquore velenoso.
.+,
. . . . . motu violentu
.o det fagher tremer totta sa persone.
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . .
Pius vile de Giudas
de su male chi faghes non timpudas.
. Inue tottu passas
sa zente tinimigas
pro sa tuas nefandas aziones,
e in da segus ti lassas
discordias e brigas,
,o odios, gherras e confusiones.
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
Dae cussest chi rutu
ses in dannassione,
, avversu a sa matessi razza tua;
su latte chi as sutu
fit latt e crabione
misciada fele de potente lua,
dae cabiju ispinosu
o sutas cussu licore velenosu.
.+s
XXV
A Nanni Sulis II
Ed eccomi di nuovo a disturbarti
con le solite mie brutte notizie,
perch di buone non ne ho da darti.
Maggio fiorito, ornato di dovizie,
a tutti fa un sorriso, ma il dolore
ha aperto sopra me ali di mestizie.
A che pu servir che si sogni un fiore.
una vola amabile e gentile
quando dentro al mio cuore morto amore?
Tempestoso ho conosciuto laprile
di questa vita che sta trascorrendo,
e visto ho in piena aurora buio vile.
Anche se Speme di! mi sta dicendo,
ho comunque smarrito ogni sorriso
perch Sventura no! va rispondendo.
Da questa vita sono ormai diviso,
come fa chi del suo ultimo viaggio
attende serenamente lavviso.
Ma ora spetta a me di dare un saggio
di fermezza, ch la mia sepoltura
gi scavata e minfonde coraggio.
..+
XXV
A Nanni Sulis II
1
Eccomi dae nou a tinfadare
cun sas solitas mias novas malas,
prite ca bonas non nde poto dare.
Majest fioride postin galas,
a tottu dt cuntentu: su dolore
subra me at ispaltu tristas alas.
Itimportat chi sogne unu fiore,
una violamabile gentile,
cando chin sinu meu est mortamore?
+o Tempestosu connottu appo sabrile
de custa vida chi passende so
connoschinde sa notte a manzanile.
Semper chi sIsperanziaj
mat nadu, appo pedidu unu sorrisu,
+ ma sIsventura mat rispustu: no.
Dae sa vida magatto divisu,
sa persone pro sultimu viaggiu
serenamente isettat savvisu.
Como mi toccat a donare saggiu
.o de firmesa, sa mia sepoltura
est iscavade minfundet coraggiu.
..o
Dovrebbe questo figlio di sventura
alla vista di Lama Falciatora
travestirsi con panni di paura?
vero, s, sono ancora allaurora
della mia vita, ma se decretato
che debba morire, non temo lora.
A far che? in questo mondo non amato
cos afflitto da mille, gravi pene?
Sto meglio in una fossa sotterrato.
Il sangue s seccato nelle vene,
la mia stanca, sfinita complessione
io trascino, ma appena si sostiene.
Giovane son e mi chiaman vecchione
e giustamente urlano scimmia quando
mi vedon camminare col bastone.
Ora non posso andare saltellando
come un tempo facevo con gaiezza,
serto di pervinca mi stan chiamando.
Gli anni migliori della giovinezza
un suono di campana me li nega,
che annuncia la mia fine con tristezza.
Ma chi sar, chi sar mai la strega
che lavanzar dellesistenza mia
con la sua funebre catena lega?
Sempre, quando ho invocato lallegria
dun sorriso amoroso, o un dolce pegno,
ho avuto dei dolori lalbagia.
Possibile che non sia stato degno
mai dincontrare il sorriso amoroso,
..,
O forsis chi su fiz e sisventura,
a vista de sa falche messadora,
si det bestira pannos de paura?
. Est beru, s, so gala saurora
de sos annos, ma si est decretadu,
e devo morrer, non timo cussora.
Ite fattin su mundu disamadu,
afflittu dae milli graves penas?
,o Menzus in-d una fossa sutterradu.
Su sambene siccadappin sas venas,
istanca e isfinida sa persone
andat a traze si rezzet appenas.
Giovanu so e mi giamant bezzone,
, e cun rejone mi narant moninca,
cando giuta passizu su bastone.
Como non potandare brinca brinca
comente unu tempus brincaia,
ca mant fattu corona e proninca.
o Sos menzus annos de sa pizzinnia
mi los passo tocchende sa campana
channunziat sa triste fine mia.
Cale, cale det esser cudda giana
chi a su cursu de sos annos meos
zintu at sa funesta cadiana?
Cando appinvocadu sos recreos
dunu risamurosu, unu carignu,
appappidu dolores e anneos.
Possibile chi non sia istadu dignu
o mai de incontrare affettuosu,
...
o laffetto duno sguardo benigno?
Sono in questo momento doloroso,
perci da me tutti si son scansati:
e mai che si trovi un cuore pietoso.
Nella malasorte i compagni amati
hanno finto il finale piagnisteo:
a me la croce e loro son sciamati.
Io, per il mio temperamento reo,
a loro non mi son piegato mai
implorando un Simone Cireneo.
Soffro in silenzio e non mi abbasso mai:
umilarmi a quei cuori marrani,
no, prima di veder quel giorno, guai!
Soltanto chi ha leccato certe mani
nella ricchezza sta nuotando gi
e a danno dei nostri compaesani.
Ma pria di commetter simil vilt
a danno di quei miei compatrioti,
posso onorare la mia povert.
Mi fanno bile certi signorotti,
teste di legno e pure spantati,
che si millantano per ricchi e dotti.
Lo puoi vedere come son mutati:
passeggiano mostrando la bacchetta
in abiti non ancora pagati.
In paese fanno la marionetta,
spudorati! Rei dogni infida azione
son vermi che sporcan lacqua perfetta.
..
e sorridentunu chizu benignu?
Ca so in custistadu dolorosu,
dae me si sunt fattos a unala:
non si ndagattat coro piedosu.
Sos amigos, in custa sorte mala,
ant fattu finta de fagher su teu,
a mant lassadu cun sa rugha pala.
Deo per, pro su caratter meu,
mai mi so frittidu a zente gai
oo pedinde unu Simone Cireneu.
Patin segrete no mabbascio mai:
umiliarema coros marranos,
prim e connoscher cussora guai.
Forsis saere lintu zertas manos
o como fia nadende in sa ricchesa,
a dannu de sos nostros paisanos.
Ma prim e cummittire una vilesa
a dannu de sos meos patriottos,
mi onor e sa mia poveresa.
-o Mi faghent fele zeltos signorottos,
concas de linna e ispiantados,
chi si vantant pro riccos e pro dottos.
Su los bider comente sunt mudados:
passizant pro mustrare sa bacchetta
- e abidos chi non sunt galu pagados.
In bidda faghent sa marionetta,
ispudorados! Cun sas malas tramas
sunt vermes chi bulluzant sabba netta.
..
Son per tante madri disperazione,
che voglian nelle figlie coltivare
viole di virt e gran reputazione.
Disonorare, imbrogliare ed arraffare
per questi imbroglioni il solo impegno:
ch onestamente non sanno campare.
Io non so, i carabinieri del Regno
per la nostra tutela che ci fanno,
se i truffatori mai pagano pegno.
Ci vuol la forca e della fune il danno,
e impiccare, impiccare tutti i giorni,
ripulir ben come le purghe fanno.
La legge di Villamarino torni:
perch lulcera non vada in cancrena
letale medicina il boia sforni.
Vili che han meritato la catena
persino la giustizia hanno imbrogliato,
e son riusciti a scansare la pena.
Al contrario un poveretto pressato
che ha rubato per fame un po di pane,
puoi vederlo arrestato e condannato
Un agnello rubato sembra immane,
chi ha fame dai giurati condannato
fino a dieci anni in prigione rimane,
E dir che gran palazzi ha edificato
a furia di strozzare e di rapina
il padrone, ladrone, eppure amato.
Oggi la rosa diventata spina,
ma a volte anche la spina chiaman rosa
..-
Su disisperu sunt de tantas mamas
so chi cherent in sas fizas coltivare
violas de virtude bonas famas.
Isfamare, trampare violare,
est dovere pro custos trampaneris:
onestamente no ischint campare.
s Deo no isco, sos carabinieris
in logu nostru pritest chi bi sune,
e no arrestant sos bangarrutteris.
Bi cheret una furca e una fune,
e impiccarimpiccare continu,
,o finas a si purgare sa Comune.
Torret sa legge de Villamarinu:
pro chi su male non fettat cangrena
bi cheret a duttore su boccinu.
Viles chant meritadu sa cadena,
, sa giustissia puru ana trampadu,
gai sant infrancadu dogni pena.
Mentres chi unu poveru appretadu
furat pro sappititu unu cogone,
lu ides arrestadu e cundennadu.
+oo Su famidu chi furat unanzone
est cundennadu dae sos giurados
fina deghannos de reclusione.
E narrer chi bat palattos fraigados
dae sa maninfam e sa rapina,
+o sos meres, ladros, sunt pius amados!
Sa rosin custos tempos est ispina,
oin die sispina si nt rosa:
..o
e si paga la pula per farina.
La lingua dellinfamia velenosa
se c una rosa che bella e fragrante,
te la dipinge brutta e spinosa.
Poveretto il prostrato mendicante
che nella notte di lucor distesa
per s non trova una stella brillante.
E povero chi vaga a mano tesa
chiedendo soltanto un tozzo di pane
alla porta del padrone senza resa.
Ma il ricco d biscotti al suo cane
e al mendicante dice: fannullone,
lavora, da me le mani lontane.
Mica pretendere una buona azione
da chi non mai stato bisognoso:
non pu aver della piet lemozione.
Ogni poveretto chiamer ozioso
chi satollo, e non ha vissuto mali,
doglie, e della fame il morso furioso.
Savveri il terremoto dei sodali
che Giagu Siotto ha preconizzato,
anche i poveri nel voto siano uguali.
Vedr pure quel giorno in cui avvilito
mea culpa grider il vile padrone;
donando la terra ed il palazzo avito,
ch alleati, senza distinzione,
dobbiamo essere, uniti da uninsegna,
liberi, nel rispetto e nellunione.
..,
si pagat su piuer pro farina.
Sa limba de sinfamia velenosa
++o si una rosa bat gentile bella,
ti la dipinghet fea e ispinosa.
Miseru chie corcadin carrella,
e in nottes serenas de lugore
pro ipsin chelu non lughet istella.
++ Miserinu su chandat pedidore
a pedirunu bicculu e pane
a su giannile de calchi segnore.
Su riccu dt biscottos a su cane,
e a su poveru narat: preizosu,
+.o trivaglia, e dae me istadaddane.
Su chi no est istadu bisonzosu
incapazest de bonas aziones,
non podet esser mai piedosu.
Tottu sos poverittos sunt mandrones
+. pro sos attattos, ca no ant connotu
famen, affannos e afflissiones.
Ma si savverat cuddu terremotu,
su chi Giagu Siotto
2
est preighende,
puru sa poveresat aer votu.
+,o Appa bider dolentes esclamende:
mea culpa, sos viles prinzipales;
palatos e terrinos dividende.
Senza distinziones, curiales
devimus esser, fizos duninsigna,
+, liberos, rispettados uguales.
..s
Un tempo la povera Sardegna
era chiamata di Roma granaio;
adesso di tal fama non degna.
Il giardino, il podere, lolivaio
di un antico tempo, si trasformato
in uno spinoso e triste calvario.
Foreste in cui non mai penetrato
raggio di sole, misere divise
hanno vestito e il posto hanno spogliato.
Enormi piante a capanne precise,
per far ingrassare il continentale,
hanno sfidato marette ed onde invise.
Dovunque quella scure ha fatto male
per i secoli dei secoli, certo
deve vedersi il funesto segnale.
Vile colui che le porte ha aperto
al forestier con la sega arrivato
per fare di questo luogo un deserto.
I vandali, con furia hanno lottato,
venendo da lontano per spartire
i frutti, dopo che i campi han bruciato.
Ma presto, io spero, dovr finire
questo stato di cose doloroso:
in troppi siamo stanchi di soffrire.
Guai a me se non fossi speranzoso
in quei fiori generosi gioielli,
di quelli che hanno profumo virtuoso.
Nonostante sian bianchi i miei capelli,
la mia mente sogna e brama il mio cuore
.,+
Unu die sa povera Sardigna
si naiat de Roma su granariu;
como de tale fama no ndest digna.
Su jardinu, su campu, solivariu
+o dunu tempus antigu, sest mudadu
in-d unu tristispinosu calvariu.
Buscos chi mai baiat intradu
rajos de sole, miseras sacchettas
ant bestide su logant ispozzadu.
+ Arvures chi pariant pinnettas,
pro ingrassare su continentale,
affrontadu ant undas e marettas.
Inue tottes passada sistrale
pro seculos e seculos, de zertu
+o si det bider funestu su signale.
Vile su chi sas giannas at apertu
a sistranzu pro benner cun sa serra
a fagher de custu logunu desertu.
Sos vandalos, cun briga e cuntierra,
+ benint dae lontanu, a si partire
sos fruttos, da chi si brujant sa terra.
Isperamus chi prestu at a finire
custistadu de cosas dolorosu:
meda semus istancos de suffrire.
+oo Guai si no essre isperanzosu
in fiores donosos e galanos,
de cuddos chant profumu virtuosu.
Mancarin testa giuta pilos canos,
sa mente sognat e su coro bramat
.,o
per questa terra fiori e giorni belli.
Ancora io minfiammo con furore,
dai miei occhi, niente sguardo amoroso,
sgorgan lacrime damaro dolore
E tu, che sei gentile ed affettuoso,
Compatiscimi se ancora ti scrivo
Non chiamarmi seccante e fastidioso
Se ti ricordi che il tuo amico vivo
Comanda pure: lui ti vuol servire
Provalo nel momento decisivo
Io come tu sai sto per dipartire
Per questo taglia corto e prontamente,
Ti prego, come stai fammi capire
Ma sai potrebbe uccidermi repente
Lo strale che io aspetto e che aspettai :
cos mavresti scritto vanamente
Non temere ancora sei in tempo, di,
rispondi pronto, su, non esser muto
che tu un ingrato non sei stato mai
Al contrario sempre mhai dato aiuto,
conforto e speranza di me meschino,
accetta di buon grado il mio saluto
perch lo manda lamico
Peppino.
.,,
+o pro custa terra rosas e beranos.
Su coro meu galu sinfiamat,
su chizu, privu dunu chizu ermosu,
amarissimas lagrimas derramat.
Tue, chi ses gentile amurosu,
+-o cumpatimi, siscrio dae nou
non mi nelzas seccante infadosu.
Si ti suvvenis de sammigu tou,
cumandalu chest pronta ti servire
tottu est chi lu ponzas a su prou.
+- Deo, gi lischis, so pro mi partire,
abbrevia pro cussu, e prontamente
de comentistas donama ischire.
Si no mi podet benner de repente
su colpu tristu chisettende so:
+so tandiscrittu mas aer vanamente.
Ancora ses a tempus, aj,
a custa oghe non ti mustres mudu;
tue de coru duru non ses, no.
Anzis istadu semper ses sazzudu,
+s su confortu, sispera e su mischinu,
duncas azzetta su meu saludu,
ca ti lu mandat samigu
Peppinu
.,.
XXVI
A signorina S.
Mi perdoni distinta
damina rossopinta,
lo dica: da chi ha preso questa tinta?
Non certo attrazione,
solo disperazione
nel vedere in lei questa forma finta.
Sono fermo nel parere
che le forme che mostra non sian vere.
Quando vizza la poppa,
forse mette la stoppa
per allisciarsi le grinze ed i fossi?
Non ne sono sicuro
ma la conosco e giuro,
meglio credo, che tutta pelle e ossi.
Con la camicia e basta
certo che lei vi sembrerebbe unasta.
Quel che non d Natura
alla scarna figura
con lartificio si pu darne intesa.
Con i denti non tuoi
.,
XXVI
A signorina S.
Cumpatat signorina,
pro esser purpurina
nelzat, da chiat leadu sas tintas?
Non la miro pramore,
ma miro cun dolore
in vost cussas bellas formas fintas,
e so firmin su parre
chi su modde chi mustrat no est carre.
In mancanza de pruppa
+o forsis sat postistuppa
pro ammantare sas grinzas e fossos?
Seguru no nde seo,
ma la connosco, e creo
chappet solu sa pedde cun sos ossos.
+ Cun sa sola camisa
zertu chi sa personest pius lisa.
Su chi non dt natura
a siscarna figura
bi lu procurat sartifissiale.
.o Cun sas perlas anzenas
.,
certo fingere puoi
che sia intatto il portale della chiesa.
Non aprire la bocca,
senn mostrar perle false ti tocca.
Con piumaggi e fiocchetti,
lumando i giovinetti
aspira allimpossibil matrimonio.
Quanto brutta rammenti,
consideri altrimenti
che amar potrebbe lei solo il demonio.
Dignit santo cielo!
Si renda conto e prenda tosto il velo!
.,-
si connoschet appenas
chin cheia chest rutu su portale.
Sa ucca no aperit,
si no sa perla falsa siscoberit.
. Cun pumas e fioccos,
mirende sos piccioccos
suspirat su dormidu matrimoniu!
Menzus penset chest fea,
deponzat cussidea
,o si no est chinnamoret su dimoniu.
E lesset sa ilgonza,
ponzat giudissie si chassentet monza.
.,o
XXVII
Addio a Nuoro
A Gavinangela C......
Terra forte e gentile, questo canto
quel saluto che non tho mai dato
allorquando nel partire il pianto
questultimo conforto mha negato.
Quale un orfano figlio, sconsolato
trascino i giorni, con il cuore affranto,
Noro sognando ancora, profumato
giardino duna rosa chamo tanto.
Temprata la mia anima al dolore,
eppur requie non trova il cuor, meschino,
avendo perso ladorato fiore.
Se per sorte ritorno in quel giardino,
raccoglier quella rosa damore,
unendola per sempre al mio destino.
Cagliari, Settembre 1893
.,,
XXVII
Addio a Nuoro
A Gavinangela C......
Terra forte gentile, custu cantu
est su saludu chi non tappo dadu
in sattu chi partinde, su piantu
cussestremu consolu mi at negadu.
Cale orfanu fizu, isconsoladu
passo sas dies, cun su coro affrantu,
suspirenda Nuoro, profumadu
jardinu duna rosa chamo tantu.
Sanimest temperada su dolore,
+o ma non si calmat su coro, mischinu,
chat perdidu samabile fiore.
Si torro pro fortuna su jardinu
nde sego cussa rosa de amore,
e mi lassento sorridente in sinu
Cagliari, Settembre 1893
.,s
XXVIII
Un ballo in maschera
A Billiana S......
Non mi hai riconosciuto, per damina
forse mi hai preso, perch sorridente
mi chiedesti: Gentile mascherina,
perch mai in questa festa sei dolente?
In falsetto: Eh, per te Signorina
io risposi brucia una fiamma ardente
dentro al mio cuore. E tu repentina
hai abbassato la testa diffidente.
Poi mhai scrutato con lo sguardo grave,
volevi smascherare il disperato
che dedicato a te ha la vita tutta:
con parole dolci e tono soave
mhai chiesto: Chi sei? Io non ho fiatato,
la notte hai maledetto la bautta.
.+
XXVIII
Unu ballu in maschera
A Billiana S......
Tue no mas connottu e pro femmina
leadu forsis mas, ca sorridente
mi naiast: gentile mascherina,
prite gai in su ballu ses dolente?
E mudende sa oghe, signorina
eo ti nesi, mi sentardentardente
in su corunu fogu. Repentina
as frittidu sa teste diffidente
miradu mas e cun sos chizos graves
+o indovinare cheriast safflittu
chi cunsacradu tat sa vida totta:
e cun faeddos dulches e suaves
nadu mas: chie ses? Istesi zittu,
sa nottas frastimadu sa carotta!
.o
XXIX
W.
Moglie
Dove saresti stato fino ad ora,
mi dici come pensi di cambiare?
Una volta che lasci la dimora
non mediti n senti di tornare.
Ti domer se lo rifai ancora;
stattento a non far pi capitare
di rincasare cos tardi ubriaco;
la prossima preparati un bivacco.
Marito
Che mimporta doverti riferire
di tutti i posti dove sono stato,
dandare fuori tu mi vuoi proibire,
miserino, cosa son diventato!
Ma se tu fuori mi farai dormire
come mhai appena minacciato,
quando busso e non mi apri la porta,
chiamo i carabinieri come scorta.
Moglie
Non nominare la gendarmeria
perch stanno per sbatterti in prigione,
ozioso perdigiorno allosteria,
pazzo, sconsiderato, ubriacone.
.,
XXIX
W.
Muzere
Ue dias esser fina como,
possibile chi non tiscas emendare?
Bessidu chi che sias dae domo
non pensas e n sentis de torrare.
Si no mudas pensereo ti domo;
mira chi non ti torret a costare
de torrarimbreaga custas oras;
saterorta lu faghes corcas foras.
Maridu
Importat paga ti dara ischire
+o inue tottu cantu so istadu,
de bessire mi cheres proibire,
miserinu, a cosa so torradu!
Per si foras mi faghes dormire
de comente mas como minettadu,
+ cando zocco sa janna e no abberis,
tando ti ndatto sos carabineris.
Muzere
Non los fentomes sos carabineris
ca sunt pro ti che ponner in presone,
prite ses oziosu in sos zilleris,
.o maccu, mala sentire, imbreagone.
..
Tutto coi truffatori porti via,
il capo sei dei senza posizione.
In questa casa la fame che fa festa,
e tu per un bicchiere di la testa!
Marito
Le sbronze! Che ti pigli un accidente,
di sentirti cos sono gi stanco:
bestemmiare il caff mai ti si sente,
quello s che mi colpisce al fianco;
resti in casa come una partoriente,
ogni giorno me ne consumi un franco.
Tutto te lo sputtani nei decotti,
e cioccolato, e rosolio e biscotti.
Moglie
Taci, bugiardo! Questa non ti passa!
Da ieri notte dopo aver cenato
pan di crusca hai lasciato nella cassa,
ma non pensare che io labbia mangiato,
lho tenuto per la tua panza grassa;
per te ho sofferto e digiunato.
Non mhai lasciato n pranzo n cena,
n sono andata a letto a pancia piena.
Marito
Come sei diligente e amorosa!
Pan di crusca per me hai conservato,
segno che hai mangiato miglior cosa:
uccello che non becca ha gi beccato.
Se stata fossi di cibo bisognosa
.
Denda pappara sos bangarrutteris,
de sos iscamminados ses dugone.
1
In domo best sa famena benuju,
e tue pro su ticcu das su tuju!
Maridu
. Malappes tue cun simbreaghera,
de tintender gosie so istancu:
l chi frastimes a sa caffettera,
cussa gia mi larrangiat su fiancu;
ses in domo che femmina partera,
,o dogni die nde cheres unu francu.
Tottu ti lu dissipas in decottos,
zicculatte, rosolie biscottos.
Muzere
Itest su chi ses nende, faularzu?
Da eri notte candamus chenadu
, mas lassadin sa cassunu chivarzu,
non cretas chi mi lappe mandigadu,
lappo chistida ti prenner siscarzu;
pro te appo suffride jaunadu.
Lassadu non mas pranzu no mas chena,
o n corcada mi so a brente prena.
Maridu
Cantu diliga ses e amurosa!
Su chivarzu a mie as cunservadu,
signalest chas pappadu menzus cosa:
puzzone chi non biccat at biccadu.
Sistada fist de zibu bisonzosa
.
anche la crusca avresti ben mangiato.
Tu per me hai tenuto la pagnotta,
perch miglior boccone ti sei cotta.
Moglie
Quale sarebbe il boccone pi bello
che di nascosto mi sono mangiata?
Sar forse la carne dagnello,
che tu mi stai portando ogni giornata?
A pan di crusca certo non bello,
a questo io non ero abituata.
Per la fame non mi reggo in pi,
avr diritto di farmi un caff.
Marito
Sembra quasi che fossi abituata
a mangiare soltanto seppia e triglia,
a pagnotte ed aringhe sei allevata,
tantera misera la tua famiglia:
a casa mia tu ti sei ingrassata
e per questo non tolleri la briglia.
Per ingrassarti mi son rovinato
maledetto sia quando tho sposato.
Moglie
Va in malora, non ero cos,
n fame n vergogna ho mai provato:
se lo son diventata, stato qui
quando tu mhai in sposa domandato,
che se allaltare non dicevo s
avresti ancora il calzone sfondato.
.-
su chivarzu laiast mandigadu.
Cunservadas a mie su cogone,
ca tas pappadu su menzus buccone.
Muzere
Cale det esser su menzus buccone
o cheo mappo pappada fura tie?
Forsis det esser sa pet e anzone,
sa chi mi ses pighende dogni die?
A mandigare pan e chilinzone
2
abituada non fia gosie.
De sa gana no isto mancin p,
rejonest chi mi fetta su caff.
Maridu
Paret chi non fist mancu abituada
a mandigare seppia e triglia,
pappaiast cogone aringada,
oo ca fist de miserabile famiglia:
in domo mia ti ses ingrassada
e da cussu no sentis pius briglia.
Pro tingrassare mi so ruinadu
malappe deo chi tappo leadu.
Muzere
o Bae chi deo non fia gasie,
famene n bilgonzappo proadu:
como s, so torrada che a tie
cando mas a isposa dimandadu,
ca si no iast incappada mie
-o fiast ancora calzonisfundadu.
.o
Perch quando tho preso per marito
in dote cento scudi tho servito.
Marito
Di quei tuoi cento scudi ecco le spese
trenta per il caff alla molitura,
ed a me trenta e mezzo, ed in un mese
li ho spesi in carne e tu senza paura
con trenta scudi ed un cagliarese
ti sei presa una gonna a tua misura,
sette franchi e cinquanta son restati:
la coperta di lana e son volati.
Moglie
Tu troppo presto di memoria manchi
di tante mie buone azoni!
Ricordati di quei sessanta franchi
che ho speso per rifarti i pantaloni,
a quel tempo avevi nudi i fianchi
ed eri esposto a lazzi e citazioni:
non me lo sono speso in zabaglione,
ma per mettere un fondo al pantalone.
Marito
E dunque per cucirmi il pantalone
devessersi guastata la tua mano?
Quello ti spetta come obbligazione,
non devo darti da mangiare invano:
se mi mi piovuta qualche citazione
sei tu, macaca, che hai tirato il ramo;
prendi caff dovunque a pagher;
.,
Cando tappo leadu pro maridu
in doda chentiscudos tappattidu.
Maridu
De cussos chentiscudos ndappispesu
trinta pro su caff a macchinetta,
- a mie mi ndas dadu trinta e mesu,
gi ti los appo leados in petta,
trinta iscudos e unu cagliaresu
los as ispesos pro una fardetta,
e da sos sette francos e chimbanta
so ti ndas leadu de lana una manta.
Muzere
Troppu prestas perddu sos arrancos
de tantas mia bonas aziones!
Ammentadine de sessanta francos
chi appispesa ti fagher carzones,
s cando giughiast nudos sos fiancos
esposta beffes e zitassiones:
non lappispesin su caff cun ou,
ma solu pro ti ponner fundu nou.
Maridu
Tando pro maffundare su carzone
,o deves giugher sas manos cancaradas?
Cussu ti toccat de obbligassione,
no ca ti tenzo pro pappar e badas:
si mi ant fattuna zitassione
tue macaca mi las as chircadas;
, leende caff a fide in sas buttegas;
.s
te lo danno, lo bevi e dici No.
Moglie
Va in malora, io sono bene in me,
di cervello non sono ancora guasta,
nemmeno per tre once di caff
i miei beni potrai veder allasta:
tu s, cretino, che non ti reggi in pi,
tha conquistato il vino dellOgliastra.
Ti ubriachi, come un turco bevi,
e poi neppure paghi quel che devi.
Marito
Sostieni di non esser mai citata,
e questo, al dire tuo, ne fa una prova!
Ricchezza a chi ne ha gi tu lhai lasciata,
anche volendo, in te nulla si trova!
Sei una caffettiera smanicata,
ma ti porranno la maniglia nuova.
Che tu truffi la gente van dicendo
ch non paghi il caff che stai bevendo.
Moglie
Certo che per tre once di caff
non mi vedrai mai, no, nel tribunale:
sarai tu a passarci pi di me,
ubriacone, sei un porco maiale;
guardati ora, non ti reggi in pi,
ma stai attento al codice penale.
Del tribunale non parlare a me
picchio, scroccone, perch spetta a te.
.+
ti lu dant, ti lu buffas e ti negas.
Muzere
Bae chi deo so ancorin s,
de sentidu non so galu guasta,
nemmancu pro tres unzas de caff
+oo sos benes meos des bider a sasta:
tue s, maccu, non istas in p,
ca tat cumbintu su in e sOzasta.
Buffas che unu turcu e timbreagas,
deves a tottus e a nemos pagas.
Maridu
+o Naras chi mai istada ses zitada,
cussa su narrer tou est una proa!
Sos benes as lassada chie ndada,
no siet chi ti pighent a sa coa!
Ses una caffetterismanigada,
++o ma ti dent ponner sa maniga noa.
Suni nalzende chi sa zente truffas
prite non pagas su caff chi buffas.
Muzere
Bae chi pro tres unzas de caff
non mas a bier, no, in tribunale:
++ tue bi podes istare pius de me,
ca timbreagas, su porcu mannale;
como chest como non firmas in p,
attentu pro su codice penale.
Su tribunale non chirches a mie
+.o Pertunghefustes, ca deghet a tie.
.o
Marito
Insomma, basta con questa questione,
ora st zitta e lasciami dormire;
non voglio sentir liti o confusione,
tempo questa storia di finire.
Ogni notte mi canti un sermone,
accidenti, e non mi vuoi sentire.
Ti credi bella ora che hai gridato,
tutti ridon di te nel vicinato.
Moglie
di te che si beffa tutto il mondo,
i sobri riconoscono il tuo fiato.
Porti dei pantaloni senza fondo,
allosteria sei sempre ubriaco sfatto!
Non resti mai a casa, vagabondo,
inutile che lago sia infilato
per darti almeno un punto di rammendo,
testa bacata, dove stai finendo!
Marito
Faccia tosta! Cucire questa buona!
e perch poi mi chiami vagabondo?
Se non fossi viziosa e fannullona
sarei stato ammirato in tutto il mondo.
Accidenti, se la padella suona
sol perch la vuoti fino al fondo!
Tu divori qui in casa, sola, e pappi,
ma le pudenda me non le tappi.
.,
Maridu
Siet finida custa chistione,
cagliadi muda e lassami dormire;
non cherzo brigas n confusione,
es tempus custa beffa a la finire
+. dogni notte mi faghes su sermone,
balla cha beru ses mala sentire.
Abboghinende credes chi ses bella,
e ses su ris e totta sa carrella.
Muzere
Tue ses su beffadu e su mundu,
+,o sos bonos gi ti leant su fiagu.
Giughes sos pantalones senza fundu
e ses in sos zilleris imbreagu!
Da chin domo no istas, vagabundu,
feti non piga minfilare sagu
+, a su nessa ti ponner unu puntu,
iscamminadu, cherveddi pertuntu!
Maridu
Sas faccia manna de agos faedda,
e a ite mi naras vagabundu?
Si non fist vissiose mandronedda
+o fia su lizu de tottu su mundu.
Balla, si coghes cosin sa padedda
pappas pro finas a bider su fundu!
Tue divoras in domo, sola, e pappas,
ma sas birgonzas mias non las tappas.
..
Moglie
Se ci tenessi a far buona impressione,
non andresti vagante senza freni:
non si vive facendo il fannullone,
lascia il vino, la zappa in mano tieni,
allora avrai la giacca e il pantalone:
scucito vai, se questa vita meni.
Ma se cos prosegue, presto, presto,
ne perderai il fondo e pure il resto.
Marito
Vorreti che io vada a spaccar roccia,
e prendendo un piccone il vino molli?
Mentre tu stai a casa a far bisboccia
e negli infusi il mio guadagno bolli,
sorbendo il tuo decotto goccia a goccia!
Lo faccio: potrai mettermi fra i folli
e forse potrai dire con sollievo:
questo bicchiere a mio marito levo!
Moglie
Ma va che cos tanto io non costo,
al contrario, il mio pugno mezzo avaro;
il caff non lo bevo di nascosto,
sarei padrona di farmelo in chiaro;
non lo bevo, non ne sostengo il costo,
prima di tutto il caff assai caro,
secondo, dir dovresti: ti comprendo
se non ho un soldo mai, che cosa spendo?
.
Muzere
+ Si cheres assentada sa persone,
senza frenu no andes a iscappu:
non si vivet faghinde su mandrone,
lassa su inu e leadi su zappu,
tandas aer giachette pantalone:
+o ma si non mudas vida non as tappu.
Anzis si sighis gai, prestu, prestu,
ndas a perdere su funde su restu.
Maridu
Gai cheres chi bande a zappittare,
e a lassare su binu pro su piccu?
+ E tue istas in doma iscazzare
sa zorronada mia in su limbiccu!
Si lu fatto ti ndas a buffonare
buffende su decotta ticca ticcu,
e forsis as a narrer cun recreu;
+oo a sa salude de maridu meu!
Muzere
Bae chi deo non ispendo gai,
anzis su punzu meu est mesavaru;
caff a cua no nde fatto mai,
gi so padron e lu fagher in giaru;
+o ma no nde buffo chest unu guai,
prima de tottu ca su caffest caru,
segundariamente, des cumprender,
chappo pagos dinaris de ispender.
.
Marito
Hai sperperato gli averi e il contante,
tutto quanto in decotti hai consumato.
Hai dato in pegno ad una commerciante,
anche lanello di quando mhai sposato!
Pranzo e merenda: il tuo caff fumante,
io povero marito sto arroccato.
Da casa gi sparito ogni arnese
versato in pegno per pagar le spese!
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
.-
Maridu
Cunsumadas dinaris e sienda,
+-o tottu cantin decottu ti las bijdu.
A una buttegheras dadin prenda
finamente saneddu e saffidu!
Caff a bustu caff a merenda,
mantena cuppas poveru maridu!
+- Frunddu chas dae domo milli trastos
dados in pignu pro pagare gastos!
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .
.o
messa di pi sicuro avvenire? Certamente se, la facilit, che ammi-
rasi in tutti i suoi poetici componimenti, la forma, a volte, poco cor-
retta e la inspirazione intemerata, attenuano il valore de suoi versi
considerati isolatamente, au- mentano di gran lunga quelli del
poeta; poich sicura prova che, il Mereu, quando scrive, si abban-
dona senza ritegno agli affetti che agitano linfelice suo spirito.
In Giuseppe Mereu, come il pensiero nasce dal sentimento e non
altro che questo sentimento riflesso nellimmaginazione, cos la for-
ma nasce dal pensiero ed il pensiero riflesso tal qual in un mon-
do esteriore. Questo ci spiega la sua natura altamente poetica e gli
argomenti che imprese a trattare; giacch egli ha sortito da natura
una spiccatissima tendenza alla poesia; tendenza che estrinseca in
mille modi con una facilit di espres- sione veramente ammirabile
e con una abbondanza e variet di armonie che gli frullano in testa
e gli titillano lorecchio.
Onnibus hoc vitium est cantoribus, inter amicos
Ut numquam inducant animum cantare rogati,
Iniussi nunquam desistant. Sardus badebat
Ille Tigellius hoc.
Tale pure Giuseppe Mereu; il quale si nega a cantare tra gli amici
e una volta cominciato non la smette pi.
Giovane danni, ma ricco despedienza, ha il senso del presente, ed
intende ci che risponde allanima popolare; e questanima cos in
una sfuriata alla nobilea, come in una tirata contro certi farisei del
nostro tempo sbolla fuor da ogni sua frase.
Malgrado, per, il suo disgusto universale, il Mereu, talvolta giuo-
ca, ride, schernisce; ma questo riso non gaio e schietto, ma questo
giuoco non scherzo, ma scherno; c in esso un profondo senso di
amarezza; sotto la maschera stillano goccie di sangue.
Il Mereu , a suo modo, anche umorista: persone vedute appena,
anedotti colti a volo entrano nel suo cervello per non pi uscirne e si
trasformano, pigliando le pi squisite figure grottesche. Ma lo spirito
motteggevole ed arguto, lallegrezza canzonatoria, di cui talvolta il
suo spirito sembra pascersi, non che apparente, e sono nientaltro
.,
[Prefazione alla prima edizione di Giovanni Sulis]
Cortese lettore,
Sedotto dalla dolce melodia de versi che mi grato presentarti, e
facendomi forte della calda amicizia che mi lega a colui che li dett,
mi son permesso senza chiedergliene lautorizzazione di conse-
gnarli alla stampa, anche a rischio di dover pagare il fio della mia au-
dacia. Lautore senza dubbio si lagner meco della soperchieria:
ma che ci fare adesso? Post factum nullum consilium.
Se, quindi, questi versi risentono qua e l di certo neglige, se ad es-
si fan difetto il labor et mora tanto raccomandato dal divino Orazio
e tanto necessario al felice successo di unopera qualsiasi, la colpa
tutta mia: e, pubblicamente, ne faccio onorevole ammenda.
Dopo tutto soltanto i pedanti e i critici schizzinosi potranno tro-
vare, in questo volume di versi, la grafomania dellinsensato: io pe-
r ho creduto non fosse privo dinteresse far conoscere al popolo sar-
do le prime manifestazioni giovanili del pensiero e del cuore di Giu-
seppe Mereu giovane dingegno vivace e proteiforme dellalpe-
stre Tonara, il quale, nella melanconica solitudine della vaga cam-
pagna, coltiva, con entusiasmo, le muse; rivelandosi, fin dora, fra le
giovani forti speranze della poesia dialettali [sic!], a carattere emi-
nentemente soggettivo. E dico a carattere eminentemente soggetti-
vo, poich, sia che egli decanti le bellezze della sua patria, sia che
sciolga un canto ad una giovinetta defunta, o porti i saluti allamico
lontano, vi trasfonde sempre ne versi tutta la grande amarezza del-
lanima sua, profondamente addolorata, ma ricca di nobili ed eleva-
ti sentimenti. A me amico ed ammiratore del poeta non spette-
rebbe di metterne in evidenza i pregi; ma chi pu mai rimanere in-
differente dinanzi ad un giovane intelletto che d di s forte pro-
.s
Notas
[di Giovanni Sulis]
Moribunda
1. Ingranzeu Ricompensa.
A Tonara
1. Croccoledda Deliziosa sorgente, rinomata per la freschezza
e bont dellacqua, situata a breve distanza dal paese.
2. Musicas I nostri pastori, allapprossimarsi della cattiva sta-
gione, si recano, tutti gli anni, coi loro armenti, alle pianure, per
svernare. Al ricomparire della bella stagione ritornano allamples-
so delle loro famiglie, e, la giovent, seguendo una vecchia con-
suetudine, d principio a sas musicas, specie di serenate che si fan-
no, in prestabiliti giorni, alle giovani leggiadre e belle, delle quali,
in rime libere e spontanee, ne cantano con versi improvvisati l per
l, le virt.
3. Pitzirimasa Nome di una localit orridamente bella, poco
discosta dal paese, nella quale trovasi una cascata, la quale eserci-
ta un fascino irresistibile in tutti coloro che, fuggendo i calori esti-
vi di Cagliari e del Campidano, vengono a godere della refrigeran-
te ospitalit dei nostri boschi.
4. Divignos Destate, nella notte in cui la luna splende, le no-
stre forosette si radunano nella piazza a filare e a cantare in coro
armoniosi stornelli. (Divignos).
5. Canente Dea del canto.
6. Larentu Lorenzo Zucca, il principe dei poeti lirici tonaresi,
morto, pressoch attuagenario da qualche anno appena. Capped-
du Francesco Antonio Cappeddu fu anchegli tra i pi celebrati im-
provvisatori. I suoi certami poetici sono sempre vivi nella mente del
nostro popolo. Possedeva lo scherno acre e tagliente dellAretino.
.o+
che ingannevoli artifizi, a cui, egli, talvolta ricorre, per coprire le ma-
linconie profonde che aleggiano nellanima sua scombuiata e ferita.
E dette queste poche cose invito il compiacente lettore che mi ha
seguito fin qui a fare unamorosa lettura de versi di Giuseppe Me-
reu di questo caro e simpatico giovane, che agli albori della nuova
et si schiude qual modesto fiore; dimostrando talento di artista, in-
telletto damore e cuor di cittadino.
Ancora una parola, e basta.
Non pago di aver tenuto il presente volume, al fonte battesimale,
mi sono anche fatto ardito di apporvi qualche nota, nella dolce lusin-
ga di rischiarare alcuni punti. Avr raggiunto lo scopo? A te, benevo-
lo lettore, la risposta.
Tonara, 30 agosto 1897
GIOVANNI SULIS
Laureando in medicina
.oo
Lamentos dunu nobile
1. Lamentos dunu nobile In questa poesia, con fine e pun-
gente ironia, lautore parla della nobilt decaduta e fa un confron-
to fra la grandiosit e il fasto in cui essa nuotava in un tempo che
fu e la miseria e le tribolazioni in cui trovasi presentemente.
A Genesio Lamberti
1. Ischeffa Schifezza, Feccia.
2. Pane ispeli Pane di ghianda mescolata ad argilla.
3. Buleu Gettare in aria.
4. Patmo Isola dove S. Giovanni scrisse gli evangeli.
5. Gomorra Antica citt della Palestina distrutta dal fuoco ce-
leste.
6. Andas addane Andar lontano. Qui si allude alla mania mi-
gratoria.
7. Kiriella Lavoro, Fatica.
8. Ruspire Sputare.
Agonia I
1. 20 maggio 1895 Da informazioni assunte mi consta che il
nostro poeta nel 20 maggio 1895 trovavasi degente allinfermeria
presidiaria di Sassari per aversi fratturato la tibia nel mentre accu-
diva al servizio militare.
Solferino!
1. Solferino! Ho riprodotto questo scherzo poetico non per il
valore artistico, ma per il grazioso umorismo che da esso ne ema-
na. Evidentemente qui il poeta ha voluto ritrarre e prendere di mi-
ra uno dei soliti arcifanfani, che senza saper labbic, hanno la
smania di voler parlare, sempre e poi sempre, la lingua italiana.
A Nanni Sulis I
1. A Nanni Sulis Ho voluto pubblicare questa poesia che il poe-
ta volle dedicarmi per la comicit che sprizza da ogni sua parte. Il
.o,
7. Tommasu e Bacchiseddu Tommaso Zucca tra i nostri mi-
gliori poeti viventi. Egli possiede il riso agile e fine di Orazio.
Bacchisio Sulis, poeta satirico vivente: possiede come la buon ani-
ma di Voltaire, il sarcastico riso e gli acri sali. Colla beffa gaia e pe-
tulante nelle contese poetiche demolisce lavversario.
8. Aostinu Agostino Dejana figlio di poeta e poeta anchegli, ,
da noi, il vero rappresentante della poesia bernesca. Ha sempre in
bocca la barzelletta e il frizzo gradito.
9. Su entu e Santu Simone Vento impetuosissimo che scate-
nasi, costantemente, ogni anno, in sullo scorcio di ottobre. ri-
marchevole per i guasti che arreca alla campagna e specialmente ai
castagni, ai quali strappa violentemente i ricci, per avventura, fos-
sero ancora maturi.
10. Metanza, Metanzu Scarno, Magro.
11. Larentu vedi nota 6.
12. Eolo Dio del vento.
13. Tiana A Tonara sono molte tessitrici, le quali producono
una rilevante quantit di albagio, (furesi) del quale tutti gli anni ri-
empiono le gualchiere del vicino comune di Tiana.
14. Chintas Due grembiali di lana che le nostre donne recano
ai fianchi nei giorni feriali.
15. Tirannia In seguito alla cattiva amministrazione dellazien-
da comunale, il nostro popolo, nel 1877, insorse al grido di abbas-
so le tasse! La folla tumultuante prese dassalto il municipio e la
forza pubblica, alla quale resistette disperatamente. Si eseguirono
numerosi arresti e per far rientrare gli abitanti nella calma si do-
vette far venire una compagnia di soldati di fanteria da Cagliari.
16. Lughe noa ti ..... Per le numerose cancellature che inzep-
pano, a questo punto, il manoscritto, non mi stato possibile ca-
pir nulla, e perci ho omesso alcuni versi.
17. O terra de dulzuras In questa e nella strofa seguente il poe-
ta sospira il paese natio, dal quale, a quanto pare, lavea strappato
il servizio militare, e trae, dalla sua lira, accenti dira e di dolore,
per certi luoghi malsani, nei quali lo costrinse a vivere il ferreo pe-
so della disciplina.
18. Aprile, 189 .... La data della poesia illegibile.
.o.
A Eugeniu Unale I
1. A Eugeniu Unale Valente poeta sardo e gi commilitone
dellautore.
2. Terra de Billia Billia Carta. Famoso poeta di Pozzomaggio-
re, dove sort pure i natali lUnale.
3. Superiore tirriosu Qui evidentemente il poeta allude a qual-
che burbero superiore, avuto quandera sotto le armi. I versi sus-
seguenti sono una fedele descrizione della vita militare.
A Paolo Hardy
1. A Paolo Hardy questa canzone in risposta ad un sonetto
adulatorio: A Tonara, del sig. Paolo Hardy; Sonetto che questi
dapprima declamava in un banchetto politico offertogli nel deli-
zioso tenimento di Galus (vedi nota 1 [di Galus]) e che pi tar-
di egli stesso faceva pubblicare nel giornale lIllustrazione Sarda.
2. Sos sognos de Larentu Vedi nota 6 [di A Tonara].
3. Cando mi rimas declinat cun furat Il nostro poeta riprende
giustamente il signor Hardy, perch questi, dimenticando certe re-
gole elementari intorno allarte poetica, pretese rimare declinat e
furat.
4. Campidan a Nuro sammesturat Il dialetto adoperato dal
poeta Paolo H[a]rdy un dialetto ibrido: nessun glottologo tro-
verebbe un posto conveniente da assegnargli.
5. Su fogu de carbone In questa stroffa il poeta parla allegori-
camente e ognuno vede che il Carbone non che lonorevole Car-
boni Boy, e il Cocco, lonorevole Cocco Ortu.
6. Tonara ........ 1895 Nel manoscritto non indicata la data
precisa, nella quale il poeta dett questi versi.
Aritzo
1. Terza de sas alturas montaninas Fonni, Tonara ed Aritzo,
fra tutti i paesi della Sardegna, hanno la maggiore elevazione sul
mare. Egli per questo che il nostro poeta chiama il paese, a cui
ha dedicato il sonetto, terza de sas alturas montaninas.
.o
senso della poesia abbastanza intelligibile e per non offendere il
lettore mi astengo da qualsiasi spiegazione.
2. Cixerri Fiume tra Uta ed Assemini, il quale, rigonfiando, ar-
reca terrore a quelle popolazioni.
3. Intrat in cheja Il cavalier Scalas quando vide il pericolo che
correvano i suoi compatrioti, per lacqua copiosamente caduta, in-
forcato il suo cavallo, fece il giro del paese per destarli dal sonno e
li invit a ricoverarsi in Chiesa.
4. DionisIscalas Dionigi Scalas sindaco di Assemini, fu nomi-
nato cav. della corona dItalia, con decreto reale 22 gennaio 1893,
per la splendida condotta tenuta nel nubifragio avvenuto il 2 otto-
bre 1892.
Galus
1. Galus Nome di una pittoresca localit, che fa, quasi, cor-
nice al paese, e nella quale trovansi diverse fonti, fra cui questa
cantata dal poeta, appartenente al signor Raffaele Pulyx, segreta-
rio comunale del nostro comune.
2. Ingranzeu Vedi nota 1 [di Moribunda]
3. Pipia Luigi Pipia, giovane dalla voce melodiosa e incante-
vole, intimo amico del poeta.
4. Sa biografia Qui il poeta fa la sua proso[po]grafia.
5. Ruzones Omine ruzone, Che si mantiene in salute.
6. Pistone Bottiglione.
7. Tue o Lia cara Lia Pulyx, vezzosa figlioletta del segretario co-
munale (vedi nota 1) alla quale il poeta ha dedicato questa canzone.
A Juanne Sulis
1. A Juanne Sulis Questa epistola poetica, scritta nel marzo del
1896, mi fu dallAutore inviata a Cagliari. Egli racconta le sue sof-
ferenze e descrive i mali da cui travagliato il nostro paese.
2. Murdegu Fu chiamata di Murdegu, perch mor, in quel
tempo, un tale che aveva questo nomignolo. Temporada de Mur-
degu, famosa nevicata che i nostri vecchi ricordano con un senso
di raccapriccio, avvenuta nel 1853.
.o
W.
1. Dugone Condottiero.
2. Chilinzone Crusca.
.o-
X.
1. X. La prima e lultima [in realt la penultima] strofa di que-
sta canzone sono piene zeppe di cancellature, a segno da essere il-
legibili, e perci ho messo una fila di puntini.
A Eugeniu Unale II
1. A Eugeniu Unale Vedi nota 1 [in A Eugeniu Unale I ].
K.
1. Pallida e sorridente, a pees in porta Questuso di esporre i
defunti comune anche ai popoli orientali. NellIliade dOmero si
leggono i seguenti versi:
Dacuto acciar trafitto egli mi giace
Nella tenda, coi pi volti alluscita
E gli fan cerchio i suoi compagni in pianto,
analogamente si espresse il Mossa in una sua poesia:
Itest custu chidia,
Fiza de titta mia
Morta manos in giae, a pees in gianna!
Y.
1. Y. Anche in questa canzone vi sono numerose cancellature.
Il poeta, a quanto pare, aveva intenzione di ritornarci su.
A Nanni Sulis II
1. A Nanni Sulis Questa poesia ha molta analogia con laltra
dedicata a me stesso (Vedi nota 1 [in A Nanni Sulis I]). Anche qui
il poeta fa vibrare la corda del dolore.
2. Giagu Siotto Colto quanto modesto giovine, oriundo del
forte nuorese. celebre per le sue idee socialiste.
.oo
ALTRE POESIE PUBBLICATE IN VITA
[+s,,-+s,,]
XXX
A Pascale Dessanai
Cristo ha detto di prodigar ricovero
al meschino e il suo male alleviare,
e tu Papa, troppo il tuo pappare
il pane non dividi con il povero.
Pietro scalzo e Paolo ancor peggiore
dodici furon, tutti malvestiti;
a un solo corvo undicimila siti,
il troppo stroppia, amico del mio cuore.
Tu che alla penitente dici: prega,
e fingi dinvocar per lei perdono,
per lo fai con chi la vista nega,
e con minacce di lampi e di tuono
hai fatto della Chiesa una bottega,
e ti divori ogni boccone buono.
Nuoro, 17 Maggio 93
.-+
XXX
A Pascale Dessanai
Cristos at nadu: dona su ricoveru
ad su misquinu et su male li tappas.
E tue Papa, est troppu su qui pappas
su pane nun dividis cun su poveru.
Pedru isculzu e Paulu fit peu
doighi fini e tottus malestidos;
pro unu corvu undighimizza nidos,
su qui est troppu est troppu caru meu.
Tue a sa penitente li ns: prega,
+o et finghes de linvocare sos perdonos,
per lu faghes cun sa zente zega,
et cun minaccias de lampos e tronos
faghes de sa Cresia una bottega,
e ti che pappas sos buccones bonos.
Nuoro, 17 Maggio 93
.-o
Risposta
di Pascale Dessanai
allamico Giuseppe Mereu
Lavere fatto al Papa aspro rimprovero
non cosa; ma tu hai labitudine
non smetti di picchiare su ognincudine,
e n hai compassione dalcun povero,
cosa importa s grande il ricovero,
dal momento che vive in schiavitudine?
lascialo stare, in santa beatitudine,
di tanti pellegrini a fare novero.
Vedi? lanello, la scarpa, il baccolo,
gli bacian tutti, credendo davvero
che possa realizzar pi dun miracolo.
Non deriderlo! Se tutto mistero,
lascia che studi nel suo tabernacolo
come ottenere di Roma lImpero.
Nuoro, Agosto 1893
.-,
Risposta
di Pascale Dessanai
a samigu Giuseppe Mereu
Su fagher a su Papa aspru rimproveru
no est cosa; ma tue sabitudine
no lassas daddobbare a donzincudine,
n tenes cumpassione dunu poveru,
ittimportat ses mannu su ricoveru,
candissu vivet in isclavitudine?
lassalistare, in santa beatitudine,
de tantos pellegrinos fagher noveru.
Bides? saneddu, siscarpa, su baculu,
+o totus li basan, credende in su seriu
chi podet fagher prus dunu miraculu.
Non ti nde ridas! Si totu est misteriu,
lassa chistudiet in su tabernaculu
comentottener de Roma simperiu.
Nuoro, Agosto 1893
.-.
XXXI
Avanti!
A Salvatore Cabras
Avantavantavanti! Ecco il richiamo
che lanci, povero alla Mala Casta,
ma nessuno vediamo
avanzare dun passo, e dire: Basta!
Nessuno fieramente alza la testa,
e lancia, con un grido di dolore,
una giusta protesta
contro chi di noi loppressore!
Senza nessuna organizzazione,
inutile gridare: state attenti!
Se qui non c lunione
il grido avantavanti fatto ai venti.
Tutto quello che noi crediamo infatti
continuando cos vedremo a stento,
perch, seppur slegati,
di tartaruga il passo molto lento.
.-
XXXI
Avanti!
A Salvatore Cabras
Avantavantavanti! Ecco su gridu
chimbolas, povera sa Mala Casta,
ma nisciunu sest bidu
avanzarunu passu, e narrer: Basta!
Nemos fieramentalzat sa testa,
e imbolat, in su gridu de dolore,
una giusta protesta
contra chiest de nois oppressore!
Senza nisciunorganizzazione,
+o Inutilmente gridamus: marranu!
Si non bat unione
su gridu avantavanti est gridu vanu.
Tottu su chi giughimus in idea
a lu connoscher in attu est macchine,
+ prite, senza trobea,
avanzamus a pass e tostoine.
.-
Tu, o Cabras mio, hai troppa fretta
dicendo al Socialismo: Avanti e regna!
Il proverbio lo detta:
Pinta la legna e portala in Sardegna.
Ma vano predicare la costanza
a gente che ha gi il cuore al lumicino:
noi siamo in fratellanza,
la fratellanza dAbele e Caino.
Siamo gente macaca e poco seria
noi che al ricco la mano stiamo offrendo,
nel mentre la miseria
come rose in aprile sta fiorendo.
Vili! Non protestiamo, ma chiediamo
tozzi di pane a chi ricco e pi vile!
perci che partiamo,
con il veleno in cuor per il Brasile.
Il veder certi nobili ricconi,
che vivon praticando la rapina,
sperperare milioni,
e noi sudandoci una monetina;
il cuore mavvelena, e da qui saldo
protesto forte fermo sto nel patto.
Se la voce non scaldo,
si spegne nel domicilio coatto.
.--
Tue, o Cabras meu, ses troppispicciu
nenda su Socialismu: Avanti e regna!
Ite narat su dicciu?
.o Pinta la legna e portala in Sardegna.
Vanu est preigare sa costanzia
a zente chi su coro at mortin sinu:
semus in fratellanzia,
sa fratellanz e Abele Cainu.
. Semus zente macaca e pagu seria
canda su riccu tendimus sa manu,
mentres chi sa miseria
est florinde che rosin beranu.
Viles! Non protestamus, ma pedimus
,o unu cogona chi est riccu e vile!
Dae cussu partimus,
cun su velenin coro a su Brasile.
Su ider zertos nobiles riccones,
chi viven pratichende sa rapina,
, isperder milliones,
e nois sudorende una sisina;
mi velenat su coro, e da inoghe
protesto forte firmistin su pattu.
Sest debile, sa oghe
o Morit in domiziliu coattu.
.-o
Se gridiamo: aboliamo le imposte,
o domandiamo che giustizia sia,
ci rompono le coste
le bastonate della polizia.
Innocenti moriamo alla catena
senzalcun Simone Cireneo!
E guai se Siena
disciogliesse il fianco di Matteo.
Allora al grido che voi avete alzato
in alto la voce sapr unire,
e ti dar attestato
che le promesse fatte so adempire.
O Cabras mio, se mai verr quellora,
alloppressore gli diremo: schiatta!
Avanti, avanti ancora,
fiaccola in pugno e spada sfoderata.
Tonara, 3 novembre 1897
.-,
Si gridamus: abbassu sas impostas,
o dimandamus giustissia ebbia,
nos truncant sas costas
a ispuntones in sa polizia.
Innossentes morimus in cadena
senza dunu Simone Cireneu!
Guai si Siena
isolvet su costazu de Matteu.
1
Tanda su gridu sou e a su tou
o altamente sa oghe appa unire,
e tappa dare prou
chi sa promissa so bona cumprire.
O Cabras meu, si benit cussora
a soppressore li naramus: crepa!
Avanti, avanti ancora,
cun sa fracculin pugnu e cun sa lepa.
Tonara, 3 novembre 1897
1
Matteo Renato Imbriani.
.-s
XXXII
Per una violetta appassita
Tra pagine di un libro ho ritrovato
le foglie duna vola appassita
e per unora, confuso e incantato,
lho guardate consunte senza vita:
ho pensato a una triste storia
che questa mammoletta ha custodita.
Dopo aver richiamato alla memoria
una vita affliggente, con dolore
ho accordato al pianto la vittoria.
Di lacrime irrigando questo fiore:
dimmi, rammenti, dimmi, lho inquisita,
quando al seno eri posata dellamore?
Dove dal seno amato sei fuggita?
Dimmi, cosa nhai fatto di quel seno,
dove ridente, viola, sei fiorita?
Voletta graziosa, quellameno
giardino dove un giorno tu fiorivi
ridotto ad un pubblico terreno!
Quando soave e umile coprivi
di gradito profumo quella vita
forse il tuo oblio non concepivi!
.s+
XXXII
A una violetta sicca
In-d unu libru chi oe fia leggende
una viola siccappincontradu,
e istadu so unora cuntemplende
cussas fozas, confusu e incantadu:
e pensadappo in-d una triste istoria
chi cussa mammolettat inserradu.
Pustis chi rinnovadu a sa memoria
app una vida trista, cun dolore
dadappa su piantu sa vittoria.
+o De lagrimas bagnadappo su fiore:
nara, tammentas, nara, lappo nadu,
de cando fist in sinu de samore?
Ite ndas fattu de su sinu amadu?
Narami, ite ndas fattu de su sinu
+ in su cale ridente ses istadu?
Violetta donosa, su jardinu,
in su calunu die fioriast,
reduidest a miseru camminu!
Cando suave umilisparghiast
.o cuddu profumu gratu e dilicadu
forsis de tolvidare non crediast!
.so
Dimmi come ogni cosa s svanita:
cosa n stato dellagnella mia,
perch mai proprio qui ti ha derelitta?
Hai sofferto anche tu unangheria:
ornata dogni umano sentimento
fin per te la festa e lallegria!
E dir chassaporasti ogni contento,
ignorando la pi piccola pena,
aggraziata sul seno ti rammento!
Ti dimentica adesso questa Elna:
soffri: a soffrire ognuno destinato,
trattieni il pianto e le lacrime frena,
giura che a rifiorire hai rinunciato.
Tonara
.s,
Narami tottu, comentest istadu:
ite ndas fattu de sanzone mia,
pritest chi tat inoghe abbandonadu?
. Tue puras suffriduninganna,
ses istada bestia e sentimentu:
zessada test sa festa e sallegria!
E narrer chas proadu ogni cuntentu,
senza connoscher sa minima pena,
,o in sinu sou, parada in assentu!
Como tat olvidadu cussElna:
suffri; dogniunu est suggetta suffrire,
para su piantu, sas lagrimas frena,
e giurami chi non torras a naschire.
Tonara
.s.
XXXIII
In Conciliatura
Attore e Conciliatore
Attore
Il testimone che sia interrogato
risponda in termini di legge, eh
anche se un dubbio mi rimane a me
che sia vossia un giudice comprato.
Conciliatore
State zitto! Voglio esser rispettato,
c sempre il Procuratore del Re,
che se hai pendenze ti sistema a te;
cos puoi veder se falso son stato.
Attore
Guardi, Giudice, che ci scrivo io
di ci al Pretore, e a lui mappello
perch giustizia chiedo, non perdono.
Conziliadore
Questo non pralla te, giudico io,
stia zitto, se no condanno ad Ello,
e poi vi faccio vedere cosa sono!
Tonara, 27 gennaio 1899
.s
XXXIII
In Conziliatura
Attore e Conzialiadore
Attore
Su testimonzu cherzo interrogadu
chi rispundat a terminos de l.
A mie per mi paret chi vost
siat unu giuighe comporadu.
Conziliadore
State zitto! Mi cherzo rispettadu,
o su Procuradore de su Re,
si ses mancante, ti torrat in se;
tando ides si falsu so istadu.
Attore
Miret signor Giuigheo ndiscrio,
+o de custu, a su Pretore. Mi nde appello,
giustissa dimando: non perdono.
Conziliadore
Questo non pralla te, giudico io,
stia zitto, se no condanno ad Ello,
e poi vi faccio vedere cosa sono!
Tonara, 27 gennaio 1899
.s
XXXIV
A Ernesto Mereu
Sergente nel Genio
1
[I]
Quando partisti avevi diciottanni,
un ragazzo, sbarbato e vergognoso;
or ti vedo coi baffi a ventunanni,
bruno, un uomo fatto ed armonioso.
Io so che tu hai sfidato mille affanni,
ma li hai sconfitti perch sei virtuoso
e oggi sei vestito in tali panni
che io sono di te molto orgoglioso.
Tra le buone persone un solo coro,
io sento ci che dicono la gente:
non ce n uno che ne parli male.
Gli hanno concesso anche i galloni doro,
a ventanni! Il Tale gi sergente!
Se va cos diventa caporale!
.s-
XXXIV
A Ernesto Mereu
Sergente in su Geniu
1
[I]
Partidu ses a sos degheottannos,
fist piseddu, isbarvadu e birgonzosu;
a vintunu ti bio a baffos mannos,
brunu, omine fattu e geniosu.
Isco chas isfidadu milli affannos,
ma los as vintos ca ses virtuosu
e oe ses bestidu e tales pannos
chi eo nde so pro te orgogliosu.
Ses fentomadu tra bonas persones,
+o lintendo deo su chi nt sa zente:
non bi ndat unu chi nde nerzat male.
Lana postu de oro sos gallones,
a vintannos! Fulanu est gi sergente!
si sighit gai benit caporale!
.so
1
Sonettos dittados in su settembre de su 1898 in occasione de una
visita sua in famiglia.
1
Sonetti dettati nel settembre del 1898 in occasione duna sua visita
in famiglia.
[II]
Fra le ragazze di stupore un canto,
non ti nascondon la loro passione:
ti dan perfino il titolo di santo,
senza pensar che stai nello squadrone.
Restano fulminate per lincanto
quando tu passi con rumor di sprone.
Di giglio raro ti consegnan vanto,
tutte ti chiamano il simpaticone.
Se non mi credi, te ne do conferma.
Di virt lor ti dicon molto fino:
presto ti metteranno un bianco velo.
Che perfino la serva me lo afferma,
lho sentita esclamare: Il Signorino
con il tempo pi bello, come il cielo!
[III]
Oggi vieni a trovarmi senza fretta,
facciamo festa insieme allegramente.
Ora non ti disturba la trombetta;
qui da me puoi mangiare lentamente.
Non brodo di marmitta qui ti aspetta,
non carne di cavallo, e lo si sente;
mangia pure, squisita vacchetta,
e lha cotta la cuoca attentamente.
.s,
[II]
+ Sas pizzinnas nde contant unispantu,
non ti cuant sinsoro passione:
ti dnt pro fines titulu de santu,
senza riflettera sisquadrone.
Restant che infulminadas de incantu
.o cando passas a zoccu de isprone.
De lizu raru ti dana su vantu,
tottas ti giamant su simpaticone.
Si non lu credes ti nde do sa prova.
De virtudes ti faghent meda riccu:
. prestu ti ponent in biancu velu.
Sa servidora mia, belle bova,
lappintesisclamare: Signoriccu
ora pora est menzus de su chelu!
[III]
Gi chi ti tenzo in domo pro bisitta,
,o allegros ambos faghimus barracca.
Como non ti disturbat sa trumbitta;
mandiga pura fiacca fiacca.
Su brou no est cottu in sa marmitta,
sa peta non est caddu, ma est bacca;
, mandiga ca dt essere ischisitta,
prite lat coghinada sa teracca.
.ss
Oggi la tua pagnotta puoi scordare,
in parte almeno, se non totalmente:
mangia che sono tutte cose sane.
Il bicchiere lo devi prosciugare,
ch quando rientrerai nel continente
non ne trovi di simili fontane.
[IV]
Detto tra noi per, un gran difetto
fra tutte le virt ho rilevato,
che da quando tu sei arrivato
una parola giusta non hai detto.
Hai abbandonato il tuo dialetto,
e di vari linguaggi sei impastato.
I macachi ti credono educato,
ma tu hai gravi problemi allintelletto.
Bestemmi forte come un marrano,
se devi dire ahi tu dici ohi:
due parole non sai metter in riga.
Ora che pralli tutto taliano,
perfino a tuo fratello dici: Voi,
sardo molente, non capisci miga!
.,+
Como ds olvidare sa pagnotta,
in parte nessi, si non totalmente:
mandiga ca sun tottas cosas sanas.
o E sa tazza biedla totta,
ca si torras de nou in continente
non ndagattas de similes funtanas.
[IV]
Tra parentis per, unu difettu
in sas virtudes tuas appo bidu,
edeste chi dae cando ses benidu
non as bettadu faeddu in derettu.
As lassadu su tou dialettu,
de varios limbazos ses cundidu.
Sos macacos ti credent istruidu,
o ma tue as male mannu in sintellettu.
Ses a frastimos che unu marranu,
cando ds narrer ahi naras ohi:
duos faeddos non pones in liga.
Como chi prallas tottu talianu,
fines a frade tou naras: Voi,
sardo molente, non capisci miga!
.,o
[V]
Raccontando di balle lunghe liste,
sei proprio tu che il tuo malanno ignori.
Dici che a mille a mille ne innamori,
tutte contesse, per sono modiste,
o sartine biasimevoli e triste,
figlie di sconosciuti genitori,
forse vorresti aver dei veri amori:
eccole qui tutte le tue conquiste!
E gli stupidi porti via con te
te li lavori tutti, finemente
filando funi, dicendogli ch lana.
Ad uno hai raccontato che anche il Re
ogni sera, a spasso fra la gente,
ti fa regalo dei suoi sigari Avana!!!
[VI]
Dicon che hai fatto attacchi e duelli,
ed di certe dame paladino
portato a fama di gran spadaccino,
che hai ucciso quattro colonnelli!!
Bada non sian quei quattro caratelli
che tu di tutto il vino hai prosciugato,
perch nella cantina ci sei nato
e l vivevi i tuoi momenti belli.
.,,
[V]
E raccontende faulas ti pistas,
e de su male tou non ti abbizas.
Nachas isposas a mizas a mizas,
oo tottas contissas, per sunt modistas,
e sartinas ignobiles e tristas,
chi no sischit de chie siant fizas,
forsis amore veru nde disizas:
ecco tottu sas tuas cunquistas!
o A sos tontos los bogas dae se
Si comente ses furbu aizaizu
Lis filas fune narende chest lana.
A unu las contadu chi su Re
dogni sero, in pubblicu passizu,
-o ti rigalat zigarros de Avana!!!
[VI]
E nachas tentu attaccos e duellos,
fattu de zertas damas paladinu
halzadu in fama de ispadaccinu,
nachas bocchidu battor colonnellos!!
- Mira non siant battor carradellos
chas aer isciuttadu de su binu,
prite dae minore in camasinu
viviast sos momentos pius bellos.
.,.
Un neo mostri alle persone tonte,
e poi gli di da bere con inganni
che di spada nemica cicatrice!
mio caro, di caduta sono impronte,
di quando avevi solo tredici anni,
di grande sbronza eredit infelice.
[VII]
I versi non ti causino dolore,
brinda con me, il vino ci beviamo.
Ch oggi nello spirito vogliamo
ci ritorni lantico buonumore.
Evviva! La bandiera tricolore
tassista a fronte alta nel cammino
della virt, prosegui e il destino
auguro che ti doni il suo favore.
Sei fiero, sano, nerboruto e forte;
difendi la tua Patria madre sola
chhai sulla terra, prodiga e gentile
Combatti, crepa! Non temer la morte,
mai per giunga a me la fama vola
che tu sei stato un soldato vile.
Tonara, 30 settembre 1898
.,
A sos bovos lis mustras unu neu,
so e lis faghes a creder cun ingannos
chest ferida de daga furistera!
Sunt signos duna ruta, caru meu,
dae cando teniast treighannos,
fruttu duna solenne imbreaghera.
[VII]
s Sos versos non ti causent dolore,
tocca sa tazza, e bibimus su binu.
Faghe s chi a mie intro su sinu
oe torret santigu bonumore.
Evviva! Sa bandera tricolore
,o tassistat a frontalta in su camminu
de sa virtude, sighi su destinu
tauguro chi ti siet in favore.
Ses ruzu, sanu, nerbiosu e forte;
sa Patria difende unica mama
, chi as in terra, donosa e gentile
Cumbatti, creba! Non timast sa morte,
mai per a mie enzat sa fama
chi ses istadunu sordadu vile.
Tonara, 30 settembre 1898
.,
DISPERSE
XXXV
Agonia II
Titta, che freddo, che notte infernale!
Terribile ruggisce adesso il vento,
di ghiaccio s fatto il mio guanciale,
fin nei capelli questo gelo sento.
Or tregua al mio male pi non spero:
presto verr reciso il filo stento.
Nella valle innevata, da un sentiero
lontano, della trista fine mia
sento ululare un cane messaggero.
Titti, che freddo, titta titta.
.,,
XXXV
Agonia II
Titti, ite frittu, ite notte infernale!
Su entu est in terribiles muilos,
astragadu est su meu cabidale
sastragu mi lu sento fina pilos.
Como non appisperanza chi sane:
prestu mi truncan sos debiles filos.
In sa bianca adde, addane addane,
annunziende sa triste fine mia
urulare sintendet unu cane.
+o Titti, ite frittu, tittia tittia.
.,s
XXXVI
Tormenti
Grazioso rosignolo,
alla mia finestra non cantare:
lasciami stare solo,
poich sento la nottola arrivare.
Questo sito di duolo,
di scoramento e di malinconia:
questo sito di pena,
indegno damorosa cantilena.
Trascorsero gli istanti
quando in subbuglio mi mettevi il cuore:
tu fai festa e canti,
e in risposta ricevi il mio dolore.
Neve e ventosi schianti
gelaron col respiro anche lamore.
Il cantico soave
cessa per un momento: lora grave!
,o+
XXXVI
Turmentos
Donosu rosignolu,
non cantes sutta sa finestra mia:
lassami istare solu,
unu momentu, ca enit sistria.
Custu est logu de dolu,
de iscunfortu e de malinconia:
custu est logu de pena,
indign e samorosa cantilena.
Passadas sun sas dies
+o chi mi ponias su coro in regiru:
tue cantas e ries,
e tenes pro risposta unu suspiru.
Bentos frittos e nies
man leadu pro finas su respiru.
+ Su canticu suave
suspende unu momentu: sora est grave!
,oo
XXXVII
La sveglia
Quando il tuo ticchettar si fa presente
mi tocca di fermarmi per pensare:
ma non so come ti possa pagare,
ch la tasca si duole del suo niente,
e tu, perdio! mi pari una demente,
non mi lasci nemmeno riposare:
sembra quasi tu voglia sbeffeggiare
dicendo: crepa e scoppia! al tuo acquirente.
Porca Babj! Ed a Bonomi guai!
Non meritate unassoluzione:
grave mavete fatto questa piaga!
Tu povero spiantato, a dormir vai
con la sveglia di grande precisione,
che con il ticchettio ti dice: Paga.
,o,
XXXVII
Sisveglia
Cando intendo su tou ticchi-tacca
mi toccat a discurrer e pensare:
ca no isco comente ti pagare,
comente so a dolos de busciacca,
e tue, balla! pares una macca,
non mi lassas nemmancu reposare:
comente ti nde cherzas buffonare
e narrer a su mere: crepa e zacca!
Porca Babj! Accidente a Bonomi!
+o Non meritades sassoluzione:
grave mi lazis fatta sa piaga!
Poveru ispiantadu, bae e dromi
cun cussa isveglia de precisione,
chi cun su ticchi-tacca narat: Paga.
,o.
XXXVIII
La mia serva
Quante me ne combina la mia serva!
Che dico serva, lei la padrona:
non di primo pelo la vecchiona
sdentata, tabagista e anche proterva.
Dieci anni che al lavoro si conserva,
ancora non ne ha fatto una buona:
quella sciocca donnetta credulona
legna per carne di vacca riserva.
Per prendermi un buon chilo di filetto
proprio ieri le ho allungato un marengo
ancor fossi ricco, non alla frutta.
E lei la governante dal corpetto
ridendo estrae unaringa, quasi svengo,
orrenda come lei: nera ed asciutta.
,o
XXXVIII
Sa teracca mia
E cantas mi nde faghet sa teracca!
Teracca naro, ma est sa padrona:
una bezza isdentada e tabaccona;
no est pizzinna, risulana e macca.
Deghannos chi mi servit cun fiacca,
ancorest a nde fagher una ona:
issa est una grandu maccarrona:
comperat linna pro petta e bacca.
Pro mi leare unu chilu e petta
+o eris lappo intregadu unu marengu
che cando veramente essere riccu.
Torra sa selva, e dae sa fardetta,
rie rie, ndistaccat unu arengu
che a issa: nieddu, feu e siccu.
,o
XXXIX
Le giarrettiere
E Ciarla delle sue ne ha detto una
volendo cimentarsi in italiano:
era in terrazzo guardando la luna
accompagnato da un tipo toscano.
Ecco repente, precisa, tuttuna
sode arrivare unarmonia pian piano:
sincroni canti nella notte bruna,
pigolii di primavera, lontano
Mi dica un po, Signor, vorrei sapere
sto canto che si sente una chitarra
o qualche coro che canta una canzone?
Quelle l son le donne giarrettiere,
cantano, poverine, ma la giarra
a sessanta centesimi il montone.
,o-
XXXIX
Sas giarrettieras
Stanotte Signor Ciarla ndat naduna
cherfende faeddare italianu:
fit in terrazzu godinde sa luna
in cumpagnia de unu toscanu.
Ecco de unu bottu, tottin-d una,
sintendet unu cantigu lontanu,
unarmonia de boghes non comuna,
trillos de puzoneddu in su beranu.
Mi dica un po, Signor, vorrei sapere
+o sto canto che si sente una chitarra
o qualche coro che canta una canzone?.
Quelle l son le donne giarrettiere,
cantano, poverine, ma la giarra
a sessanta centesimi il montone.
,oo
XL
Signor Ciarla al figlio Ciarlatanu
S, caro mio, sono stato in guerra
di maccheroni ho visto tanto fumo.
Se avevo freddo mi stendevo in terra
non conoscevo allora neanche il rum-o.
Quando erano di piombo un solo grumo
spaccavano la setola a una verra
altro che pallottole dum-o dum-o,
porcherie inventate in Inghilterra.
Io s che ne ho visto di disastri
ridotto ancora peggio duna fiera
per rendere una e libera lItalia;
siete adesso soldati giovinastri:
sigaro in bocca e braccio a cameriera
a passeggio col bimbo e con la balia.
,o,
XL
Signor Ciarla a su fizu Ciarlatanu
S, caro mio, sono stato in guerra
de maccarrones ndappo bidu fumu.
Avevo freddo e mi corcavo in terra
allora non conoscevo neanche il rumu.
Cando le balle si chiamavan prumu
spaccavano una zudda perra perra
e beneminde ballas dumu dumu,
porcherie inventate in Inghilterra.
Io s che ne ho visto di disastri
+o reduidu a peus de una belva
pro fagher una e libera sItalia;
adesso siete soldati giovinastri
col sigaro e a braccetto duna selva
a passeggio col bimbo e con la balia.
,os
XLII
Lezione
Signora maestra
per scriver minestra
non so se ci vuole lemme maiuscola.
Che bella domanda!
Minestra bevanda:
scrivetelo con lettera minuscola.
Scrivete lasagna.
Signorina Filindeu alla lavagna.
Prendetevi il gesso.
Maestra, permesso!
che vado al cesso.
Sedetevi adesso.
Bambine mie, date attenzione
che parliam di minestra e minestrone.
Attente, guardate:
minestra, patate,
fagioli, insalate,
cos caff-latte
son nomi comuni e quindi si
devono scrivere sempre cos.
,++
XLI
In siscola
Signora maestra,
per scriver minestra
no isco si cheret emma maiuscola.
Che bella domanda!
Minestra bibanda:
scrivetelo con lettera minuscola.
Scrivete lasagna.
Signorina Filendeu alla lavagna.
Prendetevi il gesso.
+o Maestra, permesso!
che vado al cesso.
Sedetevi adesso.
Bambine mie, date attenzione
che parliam di minestra e minestrone.
+ Attente, guardate:
minestra, patate,
fagioli, insalate,
cos caff-latte
son nomi comuni e quindi si
.o devono scrivere sempre cos.
,+o
Per scrivere cavoli?
che furia che diavoli,
andate allinferno!
Prendete il quaderno,
la penna, il calamaio eccetera
e preparatevi a scrivere una lettera.
Non fate bordello,
facciamo lappello:
Francesca Serpente?
Presente!
Giuseppa Pignatta?
Ammalata!
Pibiu Gavina?
Alla piscina!
Luciana Gasparra?
ghiaia sterra!
Marianna Frisciola?
Quella dice che non ci torna a scuola.
La madre lha detto anche nel forno
che la maestra non capisce un corno,
pi di lei ne sa certo la bambina
per questo ora trasporta una fascina.
,+,
Per scrivere cavoli?
che furia che diavoli;
andate allinferno!
Prendete il quaderno,
. la penna, il calamaio etcettera
e preparatevi a scrivere una lettera.
Non fatte bordello,
facciamo lappello:
Francesca Serpente?
,o Presente!
Giuseppa Pignatta?
Ammalata!
Gavina Pibiu?
In su riu!
, Luciana Gasparra?
In sa giarra!
Marianna Frisciola?
Cussa nan chi non torrat a iscola.
La madre lha detto anche al forno
o che la maestra non capisce un corno,
e pius de issa ndischit sa pizzinna
e dae cussu lat mandada a linna.
,+.
XLII
Proposta amorosa - Risposta amorosa
I. Proposta amorosa
O gentile donzella,
lei, di questo cuore mia stella,
bella, brillante, graziosa e pura,
in notte tenebrosa, oscura, oscura,
a me sembra che sia unapparita,
di amoroso ridere fiorita,
a cantarmi: Amato mio, spera.
Se nellatmosfera
per me davvero esiste tale raggio,
nel cuore non mi spezzi quel coraggio
anzi, che malimenti questa fiamma.
O signorina senta,
se ne fosse contenta,
per farle la domanda verr mamma:
seria la proposta,
sia gentile mi dia una risposta.
Non son di razza ignobile,
son cavaliere nobile,
giovane ancora sono e lideale
lei per me, ladoro.
,+
XLII
Proposta amorosa - Risposta amorosa
I. Proposta amorosa
O gentile donzella,
lei, de custu coro mia stella,
bella, brillante, graziosa e pura,
in notte tenebrosa, oscura, oscura,
pro me paret chi siat apparida,
de amorosu risu fiorida,
a mi narrer: Amadu meu, ispera.
Si pro me in saera
est beru chi esistit tantu raggiu,
+o non mi trunchet in coro su coraggiu
ma issu alimentet sa fiamma.
O signorina senta,
si fost ndest cuntenta,
pro fagher sa domanda benit mamma:
+ seria est sa proposta,
sia gentile de una risposta.
Non so de razza ignobile,
so cavalieri nobile,
giovanu galu so e sideale
.o meu est fost, ladoro.
,+
Le dono il nome e il cuore,
se mi dice reale
il sogno che la mente
mi perseguita ininterrottamente.
Dunque lei mha gi inteso,
che un fuoco in seno sto portando acceso
mi consideri un suo spasimante,
non sol degna dessere unamante
mi risponda ben presto allindirizzo:
signor cavalier Fromigadizzo.
II. Risposta amorosa
Signor cavaliere,
eccomi pronta a compiere il dovere
da persona educata.
Altamente onorata
sono della proposta,
ma questa mia risposta,
o caro signor, do:
francamente no.
Lei lo sa che sono pastorella
E anche tutta la mia parentella,
da me consultata in questo caso,
le risponde con tre palmi di naso;
dal pi grande a finire col minore,
non ne provi dolore,
con tre palmi di bocca,
,+-
Su lumene su coro
lintrego, si mi narat chest reale
su sognu chin sa mente
mest persighinde continuamente.
. Duncas gi mat cumpresu,
chi unu fogu in sinu lappo azzesu
e chi so pro fost ispasimante,
no est digna de messere amante
mi rispundat luego a sindirizzu:
,o signor cavalier Fromigadizzu.
II. Risposta amorosa
Signor cavaliere,
eccomi a cumprire su dovere
de giovane educada.
Altamente onorada
resto de sa proposta,
ma sa mia risposta,
o caro signor, do:
francamente est chi no.
Lei lo sa che sono pastorella
+o tottu canta sa mia parentella,
dae me consultada in custu casu,
si ndat formadu tres palmos de nasu;
dae su prus mannu a su pius minore,
non nde tenzat dolore,
+ cun tres palmos de ucca,
,+o
hanno gridato: Zucca!.
E mhan fatto capir che non son dea,
appartenente alla classe plebea
senza piume di moda e neanche fiocchi
e soltanto la dote apre i suoi occhi.
Cavaliere carissimo, mhan detto;
che son degna di uno col berretto.
Abbracciare una croce grave peso;
e se lo faccio, come gi lho inteso
mi chiamano: Signora crucifissa.
Preferisco stare al pascolo fissa.
Non fatta per me la nobilt
parlando chiaro, sia mamma che pap
son trasformati: un diavolo e un demonio:
a parlargli di questo matrimonio
la stessa cosa che dargli china.
Voi trovatevi una signorina
che sia graziosa, di bella presenza
e laffare vi sia di convenienza:
e se forse un neo si trova in questunione,
chiuder un occhio giusta soluzione.
Fromigadizzo caro,
col massimo rispetto mi dichiaro
sempre a voi devotissima ed amica:
pastorella Maria Cruccurica.
,+,
ana gridadu: Zucca!.
E fattu man cumprender ca so fea,
appartenente a sa classe plebea
senza fioccos e piumas de moda
.o e lei spasimante pro sa doda.
Cavaliere carissimo, capta;
a mie deghet unu cun berritta.
Abbrazzare una rughest grave pesu;
si fatto cussu, a su chi appo intesu
. mi giaman: Signora crucifissa.
Menzus sa vida de sa pastorissa.
Sa nobilia non mandat a grabbu
e a la narrer giara, mama e babbu
pro custu sun che tiaulu e dimoniu:
,o trattendeli de custu matrimoniu
est su matessi a lis dare sa china.
Fost si chirchet una signorina
bella e graziosa in sa presenzia
e li resessat de cunvenienzia:
, si pro casu bat neu in cussu coju
no est delittu su serrare unoju.
Fromigadizzo caro,
col massimo rispetto mi dichiaro
de fost devotissima samiga:
o pastorella Maria Cruccuriga.
,+s
XLIII
Litanie maggiori
O comare Maria,
vi ritenete bella,
a me sembrate al massimo unarpia.
O comare Giovanna,
se solo aprite bocca
chiamate dente quel chio chiamo zanna.
O comare Teresa,
anche se voi scappate,
siete una vecchia, non sarete presa.
O comare Tattana,
ma vi rendete conto
che siete zoppettina e pure anziana?
O comare Michela,
non lo beccate pi,
neanche a cercarlo con una candela.
O comare Franzisca,
,.+
XLIII
Litanias maggiores
O comare Maria,
bos presumides bella,
a mie mi parides unistria.
O comare Zuanna,
aberide sa ucca
gi lischimus ca sezis denti manna.
O comare Teresa,
sezis fuende a musca
como in su fiore e sa ezzesa.
+o O comare Tattana,
e prite non penzades
chi sezis isciancada e pili cana?
O comare Michela,
non lincontrades piusu
+ mancari lu chirchedas a candela.
O comare Franzisca,
,.o
non rimpiangete lasso:
ve lo siete giocato nella bisca.
O comare Antioga,
ce lavevate in mano,
potevate afferrarlo, senza foga.
O comare Luisa,
pronta con ago e filo
serrar la blusa aperta, su, precisa.
O comare Cecilia,
fare strane magie
tradizione della tua famiglia.
Care beghine mie,
imparate a memoria
e recitate queste litanie
per guadagnarvi il regno della gloria.
,.,
non pianghides sassu
gi chi bi lazis giogadu a sa brisca.
O comare Antioga,
.o gi chin manu laizis
proite non lazis bettadu sa soga?
O comare Luisa,
infiladebos sagu
chazis istrazzulada sa camisa.
. O comare Cecilia,
faghides artes malas
ca las an fattas tottu sa familia.
O comareddas mias,
imparade a memoria
,o e rezzitade custas litanias
pro lograre su regnu e sa gloria.
,..
XLIV
Un bando
Banditore
Si emette questo bando: lesattore
vuol che sonori la seconda rata.
Peppa
Che lo stronchi una fitta ed un dolore
Banditore
Vorresti stocafisso oppure orata
a tre soldi la libbra.
Marianna Che il rettore
Oggi di certo non mangia patata
Raimonda
Gli prenda una colica e ben data,
che non possa fare in tempo il dottore.
Banditore
Al gran bancone di mastro Onorato
prendi un buon pezzo di capretta grassa
A tre soldi la libbra lha portato.
Vino nero, pi dolce duva passa
A casa di Vincenzo gi scontato
Cicchedda
Manneghi il vin finch questanno passa.
,.
XLIV
Unu bandu
Banditore
Si ettat custu bandu: sesattore
cheret pagada sa segunda rata.
Peppa
Ancu li pottat benner su puntore.
Banditore
A chie cheret pische de iscatta,
a tre soddos sa libbra.
Marianna Su rettore
oe zeltu non mandigat patata.
Arremunda
Ancu li pighent dolores de mata
chi non fazzata tempus su dottore.
Banditore
Bandene a prazz e maistu Onoratu
+o a chie cheret petta e craba grassa,
a tres soddos sa libbra ndanta fattu.
Binu nieddu dulche che pabassa,
a domo de Pissente, est a barattu.
Cichedda
Occannu chelzo morrer conca tassa.
,.
XLV
In confessione
Confessore
Credere ai sogni Dio lo ha vietato
ch gravissimo peccato mortale.
Penitente
Questa notte in sogno ho immaginato
che lavevano eletto cardinale:
lho creduto, addossandomi il reato,
in quanto il sogno mi sembr reale.
Confessore
Se alla mente saffaccia in modo chiaro
il sogno premonisce, figlio caro.
,.-
XLV
Cunfessende
Cunfessore
Credere in sognos non permittit Deu
ca est gravissimu peccadu mortale.
Penitente
Mi so bisadu, su Rettore meu,
nanchi laian fattu cardinale,
cretidu lappo e mi nde fatto reu
ca su sognu mest parfidu reale.
Cunfessore
Cando passat in mente nettu e giaru
su sognu est unavvisu, o fizu caru.
,.o
XLVI
Lambulante di Tonara
Col cavalluccio brutto pi del male
trascinando la vita sempre a stento,
da un paese allaltro in movimento,
in luoghi estranei trascorri il Natale.
Ti logori vagando al sole e al vento
per tre scudi di magro capitale,
di sei sette campani col provento
rimedieresti un pasto molto male.
Sempre ramingo senza mai sostare,
di paese in paese ti disperi
e dove passi gridi tutto il giorno:
Chi vuol, fiscelle nuove pu comprare
chi vuole, compri mestoli e taglieri,
pale nuove per laia e per il forno!
,.,
XLVI
Sambulante tonaresu
Cun-d unu cadditteddu feu e lanzu
sa vida tua a istentu la trazas;
da una idda a sattera viazas,
faghes Pasca e Nadale in logu istranzu.
A caldu e frittu girende tiscazas
pro chimbe o ses iscudos de alanzu,
dae sincassu de settotto sonazas
chi malamente pagan unu pranzu.
Semper ramingu senza tenner pasu,
+o dae una bidda a sattera che feris
abboghinende inue tottu colas:
Discos noos pro faghere su casu
e chie leat truddas e tazzeris
e palias de forru e de arzolas!
,.s
XLVII
A unillusa
Che schifezza, sei brutta non lo vedi!
Con quelle labbra tinte di mattone
e quella faccia color del limone,
a chi puoi dire che bella ti credi?
Gli occhi e la bocca, quando al riso cedi
fanno solo paura e compassione.
Gambe pelose come un cinghialone,
quando cammini bisticciano i piedi.
Ventitre anni e chai i capelli bianchi,
mai visto proprio niente di pi brutto,
sei rana che di ciarle non ti stanchi;
emani un profumino che di strutto.
E come qualche pia dice dai banchi:
con te lira di Dio s espressa in tutto.
,,+
XLVII
A unillusa
Puzzi, perdeu cantu fea sese!
Cun cussas laras tintas a mattone
ei sa faccia color e limone,
a chie lu naras, ca bella ti crese?
Ojos e bucca, cando rier dese,
faghen paura cun cumpassione.
Cambi piluda che unu sirbone,
cando camminas si brigan sos pese.
Ses a vintitres annos pili cana,
+o simile non sagattat visu feu,
pettegolende pares una rana;
e isparghes profumu dozu seu.
A su chi nadu at carchi anziana:
in te sat isfogadu sira e Deu.
,,o
XLIX
Il socialista a una bigotta
[I]
Dato che tu stai sempre in confessione,
i Santi o bene mio non nominare:
come pensi che in Dio possa sperare
se proprio tu sei la mia tentazione?
Ma se davvero mi porti affezione,
vieni, baciare me ti pu giovare;
i santini di sego puoi lasciare,
bacia me, non baciare il mattone.
Lascia i Santi, e parlami damore:
che persino col cielo ho seri guai
da quando tengo te dentro il mio cuore.
Ma se falso non che amor mi di,
ho il letto traballante e traditore,
soffia sulla candela, e ferma stai.
,,,
XLVIII
Su socialista a una bigotta
[I]
De cando ses cun sas cunfessiones
non faeddes de Santos, bene meu:
comente cheres chi mi ponza in Deu
da chi ses tue sa tentazione?
Ma si abberu mas affezione,
beni e dami unu basu cun recreu;
lassa sos santigheddos dozu seu,
basa a mie, non bases su mattone.
Lassa sos Santos, faedda de affettu:
+o chi finis cun su chelu so a prima
pro mesu chi appo a tie intro su pettu.
Ma si falsu non est chi mas istima,
pagu seguru tenzo custu lettu,
istuda sa candela, abarra frima.
,,.
[II]
Banca, non lo nego, tu sei bianca,
in biancore anche il giglio hai superato,
per quando ti hanno battezzato
thanno fatto la croce a mano manca.
Cervello di cornacchia, zucca stanca
che solo in superficie than salato,
ch nel passeggio tutti than notato
rincorrer mosche come toro in tanca.
Hai le mosche, e non ti rendi conto
che camminare ti fanno furiosa
e per questo procedi a passo strano.
Ad ogni desiderio sono pronto,
vieni da me, non far la vergognosa
perch quello che cerchi io ce lho in mano.
,,
[II]
+ Bianca, non lu nego, ses bianca,
in biancura superas su lizu,
per cando tan postu su battizu
tana fattu sa rughe a manu manca.
Tue giughes chelveddos de corranca,
.o tana postu su sale aizu aizu
chi finas in su pubblicu passizu
curres a musca che trau in sa tanca.
Giughes sa musca, per non tabbizas
chi ti faghet andare furiosa
. e pro cussu faghes cussu passu istranu.
Narami itest tottu su chi disizas,
beni a mie, non istes bilgonzosa
ca su chi chilcas tue lappo in manu.
,,
XLIX
Il canarino del Parroco
Il somaro del parroco un signore
non merita la fama da insipiente,
emette ragli come un accidente,
invidia porto del suo buonumore.
Cantando nel mattino in la maggiore
non in nulla al padrone differente,
sembrano nati dallo stesso ventre
differenziano solo nel colore.
Stesso cervello e differente lana:
uno alla mola, laltro allaltare.
Dove c pace metton confusione,
ma se la bestia portasse la sottana
tante bigotte, use a tabaccare,
direbbero: S, questo un sapientone!
,,-
XLIX
Su canarinu e su Rettore
Su burriccu chi tenet su Rettore
non meritat sa fama de molente,
est a corrinos che unaccidente,
invidio su sou bonumore.
Cantende in su manzanu in la maggiore
no est nudda a su mere differente,
paren bessidos de tottuna brente
differenzian solu in su colore.
Tottunidea e differente lana:
+o unu a sa mola, satteru a sa missa.
Inue bat paghe ponen avvolottu,
ma si su pegus giughiat suttana
pius de una tabaccona priorissa
diat a narrer: Custu s chest dottu!
,,o
L
Sembianze
Sei mal fatta mi rincresce
e per dirla francamente
non sei n carne n pesce.
Chai la faccia da pagnotta
chai di rapa la testina
sei coratella caprina
mezzo cruda e mezzo cotta.
Qui per divorarti tutta
ci vorrebbe un gran leone;
provochi lindigestione
e nello stomaco pesi.
Trangugiare sali inglesi,
se ti mangiassi, dovrei;
certo a dieta esalerei:
mangiar cos non mi riesce.
,,,
L
Aspettos
De formas ses imperfetta
e a la narrer francamente
non ses ne pische ne petta.
Sa faccia tua est pagnotta,
sa testa tua est de raba,
tue ses corda e craba
mesu crua e mesu cotta.
Pro ti mandigare totta
bi cheret unu leone;
+o faghes indigestione,
a sistogomo das pesu.
Buffare su salinglesu
mi toccat si gusto a tie.
Pro ti gustare gasie
+ cherzo morrer a dieta.
,,s
LI
Serenata
Lentamente arrostita
sei bistecca che squaglia,
tu per me sei frattaglia,
sei la meglio condita,
sei taccola saporita,
mostarda grassa e polposa,
una lumaca gustosa,
un carciofo, unoliva,
una trippa giuliva
per far bere del mosto.
Cosa meglio di questo
si pu desiderare?
Provvedi ad ingrassare,
dormi tranquilla e contenta,
fai sogni di polenta,
di fagioli e patata.
Bella, sta serenata
lha composta il tuo amante;
zabaglione fumante.
Pensa solo a riposare.
,+
LI
Serenada
Aizu aizu arrustida
tue ses modde bistecca,
tue ses pro me busecca,
sa pius bene cundida,
ses taccula saborida,
mustarda grassa e purpuda,
ses una gioga minuda,
uniscarzoffa, unolia,
una vera trattalia
+o pro fagher buffare mustu.
Pius virtuosa e custu
no ti poto disizare.
Procura e tingrassare,
dormi tranchille cuntenta,
+ faghe sognos de pulenta,
de basolu e de patata.
Bella, custa serenata
lat fatta samante tou,
amante caff-cun-ou.
.o Pensa de ti riposare.
,o
LII
Quando a Tonara
Assemini 29 marzo 1896
Quando a Tonara
bruciato hai questi incensi
comuni, e quasi di profumo ingrato,
il vino dAtzara
taveva preso i sensi,
e certo non hai visto ci che hai fatto.
Parto duninfelice
mente, che genitrice
tha messo al mondo? A buon mercato
era il mosto quellanno.
Fratello, hai scritto versi che lo sanno!
,,
LII
Cando chi a Tonara
Assemini 29 marzo 1896
Cando chi a Tonara
brujadu as custincensu
comunu, e casi de profumu ingratu,
su inu de Atzara
tat leadu su sensu,
e zeltu est chi no as bidu su chas fattu.
Partu de una mente
infelize, comente
ses bennidu a su mundu? Ite barattu
+o fit su mustu a sedade
chiscrittu as cussos versos caru frade!
,.
LIII
Ambasciata
Vedendo che tu canti verso il sole,
ti prego duna grande cortesia;
prendi queste viole
e tu consegnale allagnella mia.
Che s ancora vivente,
riconosce il messaggio prontamente.
Va, rondine mia, e rientral volo,
sapendo che aspetto lambasciata
dritta da quel poggiolo,
non vedo lora che tu sia ritornata.
Presto, ch con affanni
i minuti mi sembrano degli anni.
,
LIII
Imbasciada
Bidinde chi cantende in altu bolas,
ti prego de una grande cortesia:
lea custas violas
e giughebilas a sanzone mia.
Si est galu vivente
connoschet simbasciada prontamente.
Bae, rundine mia, e faghe lestra,
mira chi deo isetto simbasciada
dae cudda finestra,
+o non bido sora de tider torrada.
Prestu ca cun affannos,
sos minutos mi deven parrer annos.
,
LIV
Mottetto
Il disgusto, laffanno,
la pena e il dolore,
e tutte le agonie
maddosso con tormento
poich io ti bramo
ma amore tu non senti.
Il disgusto, laffanno
verr un giorno gramo
che invero tu ti penti
per tutte le angherie
inflitte a questo cuore
che tama senza inganno:
vano pentimento.
,-
LIV
Mutu
Saffannu, su dirgustu,
sa pena, su dolore,
tottu sas agonias...
mi las appo addossadas,
pro istimare a tie
ma tue nudda sentis.
Saffannu, su dirgustu
at a benner sa die
chabberu ti nde pentis
pro sas traitorias
+o chi faghes a samore
de chie tamat giustu,
ma ti pentis de badas.
,o
LV
Ad Alberto Lamarmora
Tutti uniti, di pochi e tanti anni
avanzate fin qui con passo lento:
la Punta Paolina al Gennargentu
compie il suo voto di settantottanni.
Non vi faccian paura quei malanni
che possono causare neve e vento.
La prima pietra del suo fondamento
gi posta, lasciate gli affanni.
Di questa non ce n festa pi bella,
il momento solenne, lora grave:
Lamarmora tornato a Bruncu Spina.
A Santo Sebastiano di Biella
una voce dolcissima e soave
richiama da una tomba: Paolina.
E Paolina, con voce armoniosa
a fronte alta leva il suo saluto:
,,
LV
Ad Alberto Lamarmora
Tottus unidos, minores e mannos,
avanzada innoghe a passu lentu:
sa Punta Paulina in Gennargentu
cumprit su votu de settantottannos.
Non bos fettan paura sos malannos
chi podent causare nie e bentu.
Sa prima preda de su fundamentu
est bettada e lassade sos affannos.
Festa che custa non bat pius bella,
+o su momentu est solenne, sora est grave:
Lamarmora est torradu a Bruncu Spina.
In santu Bastianu de Biella
una oghe dulzissima e soave
giamat da una losa: Paolina.
+ Paolina, cun boghe armoniosa
a fronte alta sullevat custu gridu:
,s
O Alberto Lamarmora, riposa,
il voto che facesti ecco compiuto;
dormi in pace i tuoi sogni, ormai riposa
che infine questo nido ho conosciuto
del quale io ero tanto bisognosa
fin da quando qui tu eri venuto.
Povera gente, s, per sincera
ha versato le stille di sudore
per un rifugio alla tua memoria,
ed ai miei piedi la Sardegna intera
oggi venuta a rendermi lonore,
avvenimento degno della gloria.
Ma che festa, che pace, che armonia!
Orgogliosa ne son, non ero degna
di salutare lintera Sardegna
nella modesta casettina mia.
Barbagia non dirai mai pi tittia,
vieni pure a chieder carapigna;
shai freddo di calor sar benigna,
cos mha fatto Alberto, buona e pia.
,+
O Alberto Lamarmora, riposa,
su votu chi as fattu ecco cumpridu;
dormi in paghe sos sognos de sa losa
.o chaffine connottu appo su nidu
de su cale nde fia bisonzosa
dae cando a innoghe ses benidu.
Zente povera, s, per sincera
at versadu istillas de sudore
. pro unu nidu a sa tua memoria,
e a pes meos sa Sardigna intera
oe est benida a mi fagheronore,
avvenimentu dignu de sa gloria.
Ite festa, ite paghe, ite armonia!
,o Orgogliosa so, no nde fia digna
de saludare sintera Sardigna
in sa modesta domighedda mia.
Barbagia non ds narrer pius tittia,
beni puru a pedire carapigna;
, sas frittu agattas calura benigna,
gai mat fattu Alberto, bona e pia.
,o
Grazie a chi vuol farmi tanta festa:
approfitto di questa circostanza
per salutar di pace e amor lidea;
da una casa umile e modesta,
quando ci sono amore e fratellanza,
un nuraghe incrollabile si crea.
Cos stia fermo in te quel sentimento
venga dallonest e dallamore,
o Sardegna, il tuo pane con sudore
mangia e mai non provar lavvilimento.
E non temere quel ghiacciato vento
n alle ire conservar rancore.
Oggi son tutto riso e tutto amore,
oggi il mio cuore palpita contento.
Ti saluto e ti prego, eletta gente,
dEolo non temere se ha soffiato
neppur del ghiaccio devi aver paura:
inchina qui la testa e riverente
in questa pietra, asilo sospirato
di Alberto la memoria tu abbi cura.
Tonara, 27 luglio 1900
,,
Grazie a chie mi faghet tanta festa:
ndapproffitto e sa bella circustanzia
saludo augurende amore paghe;
o da una domo umile e modesta,
cando bi at amore e fratellanzia,
salzat unincrollabile nuraghe.
Gai firmu in te su sentimentu
siat de sonestade e de samore,
o Sardigna, su pane cun sudore
pappa e non ruas in avvilimentu.
Non timas mai sastragadu bentu
ne a sas iras cunserves rancore.
Oe so tottu risu e tottu amore,
o oe su coro palpitat cuntentu.
Ti saludo e ti prego, eletta zente,
dEolo non timas pius su muilu
ne de sastragadu appas timria:
fritti innoghe su chizu e riverente
in custa pedra suspiradu asilu
saluda de Alberto sa memoria.
Tonara, 27 luglio 1900
,.
LVI
A Nanni Sulis III
Son guai se avanzi. Arretra,
falce ingrata. Non posso
creder che voglia mietere quel fiore.
Perch, assassina tetra:
a me non salti addosso
che gi lotto in un mare di dolore?
Abbrevia questa mia
terribile agonia
ma salva quel garofano damore;
salva questo gentile
giglio, s ver che non sei ingrata e vile.
Tu, Cristo dalla croce,
se smetter le potrai,
interrompi di Nanni le afflizioni.
Se spegni la sua voce
guai!, ch le sentirai
da me funeste le maledizioni
nella celeste sfera
questa ma preghiera
,
LVI
A Nanni Sulis III
Guai si avanzes. Para,
falche ingrata. Non creo
chi nde chelzas messare unu fiore.
Porca assassina, nara:
forzis non bi so deo
lottende in-d unu mare de dolore?
Abbrevia sa mia
terribile agonia
ma salva custu gravellu de amore;
+o salva custu gentile
lizu, sest chi non ses ingrata e vile.
Tue, o Crocefissu,
si la podes suspender,
para de Nanni sas afflissiones.
+ Ca si bocchis a issu
guai!, as a intender
dae me funestas malediziones
in sa celeste isfera
sa mia preghiera
,
senti: che il giglio tu non abbandoni,
provvedi prontamente,
o lo salvi o non sei onnipotente.
E tu, dolce Maria,
sposa e madre di Dio,
piet ti prego, piet ti scongiuro:
tu che sei buona e pia,
salva lamico mio,
salva lamico mio, fratel sicuro.
Perch non ti presenti
a Dio e ti lamenti
con Lui per quel triste male oscuro
che sta uccidendo quello
che vorrei sano a chiudere il mio avello?
,-
.o accetta: custu lizu non abbandones,
provvedi prontamente,
o salvalu o non ses onnipotente.
E tue, dulche Maria,
isposa e mamma e Deu,
. piedade ti prego, piedade:
tue ses bona e pia,
salva samigu meu,
salva samigu meu, unicu frade.
Prite non ti presentas
,o a Deus e ti lamentas
a issu pro sa triste infermidade
chi es bocchinde a chie
bisonzat sanu a seppellire a mie?
,o
LVII
A Signor Tanu
Gentile signor Tanu, con la posta
ho ricevuto una sua missiva
contenente per me una proposta.
Le prometto in via definitiva
di non mostrami affatto negligente
per la sua cortese iniziativa.
Permetta le confessi francamente
che proprio non credevo a tanto onore:
tuttora sono in parte diffidente.
Mi dice una voce: Il tuo valore
tale non che meriti il Parnaso
s da limare i versi dellautore.
Ma non ostante questo, ben persuaso
che Lei non sia un rozzo adulatore,
a quella voce non ho fatto caso.
Mimpegno fino in fondo e con ardore
invocher laiuto di Talia
s da rendere a lei questo favore.
certo che dAritzo la poesia
da tante voci intorbidata e amara
fin che perse la forma natia.
,,
LVII
A Signor Tanu
Gentile signor Tanu, appo rezzidu
de vost sa carissima littera
cuntenente pro me unu cumbidu.
Li promitto de fagher sa manera
de non mi dimustrare negligente
a sa gentile sua preghiera.
Permittat chi cunfesse francamente
chi deo non creia a tantu onore:
ancora nde so mesu diffidente.
+o Una oghe mi nt: Meneschidore
non ses de ti portare a su Parnasu
pro limare su versu a sautore.
Puru cun tottu deo persuasu
de non esser vost adulatore,
+ de cussa oghe non nde fatto casu.
Mappa leare cura e cun ardore
unu sorrisu dimando a Talia
pro fagher a vost custu favore.
Zertest chi saritzesa poesia
.o giutta bulluzu dae tanta laras
si ndat perdidu sa forma nadia.
,s
Della fonte Castalia lacqua rara
ha perduto profetica virtute:
tuttavia dovr tornare chiara.
Se massiste del corpo la salute,
i canti di Bachis voglio intendere
di bocca allaritzese gioventte.
Son ragazzo, ma mi sento accendere
in cuore una felice fantasia:
alla dolce fatica voglio attendere.
Se alle forme antiche la poesia
di Bachis fa ritorno, eclissata
di Luca e Melchior legemonia.
Fosse a Pattada o Macomer andata
la lirica soave Sulisana
grandemente sarebbe rispettata.
Per me sar fatica e gran mattana
depurare dintorbidate vene
lacqua duna freschissima fontana.
Fiumane, torrenti e oscure piene
intorbidato han lacqua chiara e pura
sgorgata in terre fertili ed amene.
Mai nessuno s preso grande cura
dincoronare dalloro il poeta
che reclama giustizia in sepoltura.
A me soltanto spetta la vendetta
di scuotere dal sonno questa gente
che del Lete ha bevuto lacqua infetta.
Duna cosa soltanto son dolente
del fatto che il lavoro sar lento
,o+
Cuddas castalianas abbas raras
perdidan sa fatidica virtude:
puru cun tottu den torrare giaras.
. Si massistit sa fisica salude
sos cantos de Bacchis chelzo inteder
in bucca a saritzesa gioventude.
So piseddu, per mintendazzender
sallegra fantasia in su coro:
,o a sa dulche fadiga chelzo attendere.
Si torrana santiga formissoro
sos versos de Bachis, est eclissada
sa fama de Cubeddu e Melchioro.
Andada Macumele o a Pattada
, sa lirica suave Suliana
altamente dt essere onorada.
Certu chi leo fadiga e mattana
pro seperare dae milli venas
sabba duna frischissima funtana.
o Trainos, rios suldos e pienas
an bulluzadu sabba netta e pura,
sumidin terras dulches e amenas.
Nessunu mai sat donadu cura
de coronare a laru su poete
chest clamende vinditta in sepoltura.
A mie solu tocca chi prete
ischidende su sonnu a custa zente
chi pro Sulis at bidu abba e Lete.
De una cosa solu so dolente
o ed est chi bappo a ponner medistentu
,oo
perch il risultato sia decente.
Dico alla Musa il mio proponimento:
voglio affilare una modesta lima
sperando di raggiungere lintento.
Onorato mi sento della stima
che lei mha voluto dimostrare
col voler che limassi lalta rima.
Desidero che il tu mi voglia dare,
esser chiamato figlio con amore
e di questo orgoglioso sapr andare.
Mi dan titolo alcuni di signore
ma non sono costoro amici veri
poich non han bandiera n colore.
Con mio padre foste ben sinceri
fratelli, un tempo, se non bugia:
spettano anche al figlio quei doveri.
Contro ogni inimicizia tuttavia
predicando giustizia, sempre io
sono incorso in travagli e malattia.
A Dio dar quello ch di Dio
a Cesare il suo, n leccato
ho la spada che si tinge al sangue mio.
Se in tal modo mi sono presentato
vuol dir che la coscienza n sicura
e nessun desser falso mha tacciato.
Allamico sincer, nella sventura
nessuno allafflizione ho abbandonato,
in cuore non malberga limpostura.
,o,
pro resissire una cosa dezzente.
A sa musa minvoco cun assentu:
cherzo ispuntare una misera lima
in sispera de giunghera sintentu.
Onoradu mi sento de sistima
chi vost mat chelfidu professare
ponendemi a limare salta rima.
Semper de tue chelzo a mi trattare,
fizu chelzo a mi narrer cun amore
oo prite orgogliosu ndappandare.
Zertos mi dan su titulu e signore
ma cussos non mi sun veros amigos
chi non vantan bandiera ne colore.
Cun babbu meu in tempos antigos,
o si faula no est, fistis che frades:
bistat su fizu puru in sos obbligos.
Semper nemigu e sas disamistades
preighende su giustu cun anneu
so ruttu in pena de infermidades.
-o Su chest de Deu lappa dare a Deu
e a Cesare su sou, ma mai lintu
appo sispada tinta e samben meu.
Si gai cun vost mi so dipintu
est chi sa cussienzia est segura
- e nessunu mi podet narrer fintu.
Sinceru cun samigu in sisventura
mai appo safflittu abbandonadu,
in coro meu non bat impostura.
,o.
Nemico di ogni male, son restato
povero ma onesto, sempre uno,
sconfitto s, ma mai per domato.
Danimo franco, aperto con ognuno
frequento miserabili meschini
oppressi ognor da cronico digiuno.
Odio a morte quei sordidi strozzini
che soldi prestano al cento per cento
e i luoghi sacri riducono a casini.
Figlio dellinnevato Gennargento,
nel vedere le infamie terrene,
provo nel cuore un gran risentimento.
Mani che han meritato le catene
sottoscrivon libelli vergognosi,
ponendo la virt in gravi pene.
Maledetti voi rettili schifosi
che spargete funesto ogni veleno
in questi siti verdeggianti e ombrosi.
Non possiamo con lanimo sereno
tollerare incuranti lo spettacolo
che disonora un luogo tanto ameno.
A tanto mal si opponga qualche ostacolo,
e si tenda benefica una mano,
cieca la Barbagia, e chiede un bacolo.
Io ho fiducia nel signor Bastiano;
il suo credo per me cosa cara
e al villano si gridi ch villano.
Non dimentichi mai che a Tonara
vive Mereu sollecito a servire
,o
Nemigu de su male so istadu,
so poveru ma onestu, semper unu,
bintu s, non per umiliadu.
De coro francu e a tottus comunu,
mi la fatto cun poveros mischinos
chi opprimidos sun de su digiunu.
s Odio cuddos viles istrozzinos
chi dan dinare su chentu pro chentu
e ponen terras santas a camminos.
Fizu de su canudu Gennargentu,
bidende sas infamias terrenas,
,o provo in coro veru sentimentu.
Manos chan meritadu sas cadenas
firman libellos ignominiosos,
ponende sa virtude in graves penas.
Rettiles malaittos ischiffosos
, ispalghene funestu su velenu
in custos sitos virdes e umbrosos.
E nois cun-d unu animu serenu
non godimus in paghe sispettaculu
chi disonorat custu logu amenu.
+oo A su male si ponzat unostaculu,
benefica si tendat una manu,
sa Barbagia est zega e cheret baculu.
Deo cunfido in signor Bastianu;
su credo sou det esser su meu,
+o a su villanu si gridet villanu.
Non sismentighet mai chi Mereu
est in Tonara prontu a lu servire
,o
e nella buona sorte e nellamara.
Basta cos. ora di finire
questo mio discorso fin noioso;
del fastidio mi deve compatire.
Le mando un mio saluto affettuoso
che dal cuore mi sgorga cristallino,
[]oso
lamico suo
Mereu Peppino.
,o-
e sagattat in dolu e in recreu.
Basta. Como est ora e la finire,
++o ca so istadu troppu noiosu:
de sinfadu mi devet cumpatire.
Li mando unu saludu affettuosu
chi sinceru mi essit dae sinu;
[]osu
samigu sou
Mereu Peppinu.
,oo
LVIII
Anima nera
Uomo pi che venale, tristo e vile,
di quanti mai peccati sarai rio,
tu a Giuda Iscariota sei simle.
E tutte le mattine inghiotti Dio,
ma se da tempo Dio non fosse morto
linghiotteresti intero a parer mio.
Tent Adamo un rettile ritorto,
o fu forse il demonio o il serpente,
te una grassa serva gi nellorto:
una che hai reso spudoratamente
padrona delle pi segrete chiavi
dando sicuro scandalo alla gente.
Tu prima andavi scalzo, i piedi gravi,
or che tagghindi dogni santit
qual corvo ai disgraziati gli occhi cavi.
Non vivi se non c mortalit,
e presti denari al cento per cento:
pu dirsi proprio bella carit.
Dellonore non hai presentimento,
se suona dagonia una campana
compassione esibisci e sei contento.
,o,
LVIII
Anima niedda
Omine venale, tristu e vile,
da cantos peccados as essere reu,
tue giughes de Giudas su fachile.
E dogni die ndingullis a Deu,
est chi Deus est mortu dae ora
si no, nde laias ingullidu intreu.
Adamu lat tentadu sa colora,
o puru su dimoniu o su serpente,
a tie una grassa servidora:
+o una chi ndas spudoratamente
fatta padrona de segretas giaes
dende su malu esempiu a sa zente.
Prima fistunisculzu e a pes graes,
como chi ses bestidu e santidade
+ colas comente sas atteras aes.
Non vives si non bat mortalidades,
prestas dinares su chentu pro chentu:
custas si naran bellas caridades.
De onore non tenes sentimentu,
.o si sonat de agonia una campana
ti faghes lastimosu e ses cuntentu.
,os
Ti mostri agnello e ti vesti di lana
per respirare laria pi serena
ma sotto a quellipocrita sottana
hai maschera dun lupo, duna iena:
preghi morte, pandemie e promesse
campando a spese dellaltrui pena.
Intimo di bigotte prioresse
non desideri certo bei bocconi;
gallina canta luovo e tu le messe.
Da tanti babbioni e bacia mattone
non ti manca di galline una zuppiera
e agnelli e capretti allo schidione.
Per questo ti dimeni fino a sera
ch vivi di maneggi in modo atroce,
pendaglio sei da forca, anima nera.
Cristo morto in spalla la sua croce,
ha predicato scalzo nel deserto:
tu senza scialo non emetti voce.
Se muore gente ricca, son ben certo
che laccompagni fino a sepoltura
cantando a squarciagola in gran concerto.
Per il povero cristo non hai cura
di salmodiare appena un mite canto,
ma linterri cos con gran premura.
E dir che quando arrivi al camposanto
riempiendo fosse dei morti charraffi
non ti si muta la faccia nel pianto.
La maschera che porti senza baffi
talmente brutta, prete maledetto,
,-+
Faghes sanzone e ti estis de lana
pro respirare saera pius serena
ma sutta de sipocrita suttana
. fintu ses unu lupu, una iena
chi pregas mortes, pestes e promissas
campende subra sisventura anzena.
Amigu de macacas priorissas
no nde disizas de bonos buccones;
,o criat sa pudda e tue naras missas.
Dae sos bovos e basa mattones
non ti mancan sas puddas in padedda
e in sispidu crabittos e anzones.
Pro cussu andas cadredda cadredda
, ca ses vivende cun sa trassa mala,
faccia de fune anima niedda.
Cristos est mortu cun sa rughe a pala,
at preigadu isculzu in su desertu:
tue non cantas si non bat isciala.
o Si morit gente ricca, cussa est certu
chi laccumpagnas a sa sepoltura
ispramadu cantende buccabertu.
Pro su poverittu non as cura
de lintonare suave unu cantu,
nde linterras gasie a fuidura.
A narrer da chi ses in campu santu
cun zente morta pienende caffos
non ti mudat sa faccia in su piantu.
Sa carotta chi giughes senza baffos
o de comente manna e brutta lasa
,-o
ch degna delle fiche e degli schiaffi.
Neghi domani quanto oggi hai detto,
predichi di dar pane ad un meschino,
hai grano a mucchi e te lo tieni stretto,
vile bacia mattone e assassino.
,-,
est digna de sas ficcas e de ciaffos.
Su chi nas oe lu dennegas crasa,
naras a dare pane a su meschinu,
tenes trigu a muntone, non nde dasa,
vile basa mattone assassinu.
,-.
LIX
Stupido cazzo
Stupido cazzo, funesto, fatale
se tu che mhai portato nel casino,
facendomi finire in ospedale
e tutto sol per farti uno spuntino.
Ma finch mi starai attaccato addosso
giuro che resti casto e piccolino.
Per una volta che hai saltato il fosso,
fiero sei penetrato dentro al buco
ma ne sei uscito con il capo rosso.
Ed ora sei la mia fonte di muco,
testa di cazzo, nessuno lo nega,
lhai creduta figa, ma era succo.
Cos laffare ha preso unaltra piega:
niente gonnelle! Perch dora in poi
non ti permessa neanche mezza sega.
Per viver, cazzo, un istante da eroi
mhai rovinato, ci hai provato spesso,
mhai coglionato per i vizi tuoi.
In pi una bella cifra cho rimesso
per una figa lercia e puzzolente:
almeno fosse stato puro sesso!
,-
LIX
Minca macaca
Minca macaca, funesta e fatale,
tue est chi mas giuttu a su casinu,
tue est chi mas trazadu a sispidale
solu pro miscazzare unu pappinu.
Pro cantu tappa giughere appiccada
non pius asa andare a saffainu.
Una olta las fatta sacconcada
intrada ti nde sese in-d unu buccu
e bessida nde sese allusinzada.
+o Oe ses sa funtana e su muccu,
de testa ses istada pagu azzetta,
creias chi su cunnu fiat succu.
No bi penses pius in sa faldetta,
de como in pois benis proibida
+ pro finas de ti fagher sa pugnetta.
Pro tesser unistante divertida
gi mi las arrangiadu su fiancu:
mas giuttu a sos istremos de sa vida
In prus mas fattu ispender unu francu
.o pro unu buccu puzzolente e feu:
gustosu fessedistau assumancu!
,-
Visto cheri inesperto, buono a niente,
come hai potuto entrare in quella tana,
cazzo untore!, che ti venuto in mente?
Se non ti fissavi con la mondana,
per parlare con termini educati,
staresti bene, avresti unaria sana.
Spelacchiato, fai versi corrucciati,
cazzo mio. Ti critican persino
i pisellini corti ed ammosciati.
Eri fissato con figa e pompino,
e solo perch non sei stato attento
hai trasformato il latte in latticino.
La sifilide hai preso in un momento,
stupido cazzo mio, e ora non fai
che sporcar garze di medicamento.
Se ti vien voglia di scopare guai!,
per tutto quello che mi hai combinato,
con la fune ti lego come i bai.
E quante volte tavevo avvisato
di non stare a mirare quel bersaglio
tu proprio l hai mirato, e lhai centrato!
Inutile tu sei, solo un pendaglio,
son stufo: vorrei farmi un buon bicchiere
ed anche un sigaro senza travaglio.
Cazzo, come una mosca nel braciere,
per una mezzoretta di scopata
ti sei fottuto le chiavate vere.
Fai la novena e prega lannunziata,
spera e confida nella medicina
,--
Da chi non connoschias cussu impreu,
proite ses intrada in tale tana
a ruinare su fisicu meu?
. Si non fist istada macca e vana,
nalzende in cortesia e in politica,
ancora fist istada frisca e sana.
Oe ses ispilida e sifilitica
finas sos cazzos de sette unu soddu
,o ti naran male e ti faghen sa critica.
De cantu fisti cun su cunnu a coddu,
minca, pro non dare attenzione
su latte cunveltidu sest in gioddu.
Tas abbrazzadu siscolazione
, e atteru non faghes, minca fea,
che iscolare e isporcare cotone.
Si a coberrer ti torrat sidea
pro comente mas como iscramentadu,
ti ponzo de cannau una trobea.
o Medas boltas taia prezzettadu,
minca, de non ferrere a sintaccu
tue a sintaccu as tiradu e las ciappadu
De ti giugher gasie so istraccu
chi mas privadu de buffare mustu,
non cheres mancu chi fume tabaccu.
Pro ti leare mesora e gustu
ti ses bettada che musca sa zega,
sa testa in duna balza tasinfustu.
Ses a tempus ancora, pianghe e prega
o e faghe votu a sa chirurgia
,-o
che restituiscan la baldanza innata.
Ti voglio sano e di fattura fina
e voglio poter dire alle signore
Beccati questo! da sera a mattina.
Se vuoi restar con me, dico col cuore,
finch il male non passa a tutte due,
di figa non sentir neanche lodore
ch dappertutto temono la lue.
,-,
si no nde perdes tottu sa buttega.
Eo ti cherzo senza maladia
a su nessi pro podere esclamare
a sas bajanas bellas minca mia.
E tue si cheres cun megus restare,
pro finas chi ti passet cussisfogu,
cun su cunnu non torres a brigare
chi sa pestest timida in ogni logu.
,-s
LX
Il minestrone
Gi che tanto ti piace la minestra
ti do di minestrone questo piatto.
cucinato con arte maldestra
con legna verde il fuoco te lho fatto,
ma se ne assaggi un mestolo, un boccone,
ti senti certamente soddisfatto.
Lenticchie, fave, ceci a profusione,
patate, cavoli, teste di rapa,
bolliti nello stesso pentolone.
Il condimento grasso di capra,
che lardo o strutto non ci si permette,
perch chi non ha miele usa la sapa.
Di cetriolo troverai le fette,
roba leggera per la gente sana
che peso n volume non ne mette.
Ho gettato anche un poco di genziana,
amara per tener di china il tono,
che se uno mangia pi non sallontana.
Di salvastrella tre foglie ci sono,
e se c qualche cosa di malfatto
mandragola in radici a farlo buono.
,s+
LX
Su minestrone
Gi chi tantu taggradat sa minestra
ti do de minestrone unu piattu.
Est male coghinadu e a sa lestra,
a fog e linna irde lappo fattu,
ma si ndassazas una trudda solu
tagattas prontamente soddisfattu.
Bat fae, bat lentizza cun basolu,
patata, caule cun concas de raba,
cottas in su matessi labiolu.
+o Su cundimentu est de ozu e craba,
ca non tenia ne lardu ne sumene,
chie non tenet mele ponet saba.
Bas agattare fittas de cugumene,
cosa liggera pro sa zente sana
+ chi non faghet ne pesu ne ballumene.
Bappo postu unu pagu de genziana,
ranziga cantu est ranziga sa china,
per a mandigare attit sa gana.
Bappo ettadu tres fozas de pimpina,
.o e si bat calchi cosa mesu crua
est chi bat de armuttu raighina.
,so
La cicuta e leuforbia vi ho versato:
anche se dicono che velenosa,
mangia, che alla salute tua ho pensato.
Non avevo da metterci altra cosa,
per potermi riempire la padella
la parietaria a mazzi ben si sposa.
Ravanelli, finocchi e lattarella
e per fare quel brodo saporito
latte di ferulina, una scodella.
Lisciva pare il brodo ormai finito:
di barbagianni vi ho sbattuto un uovo,
non darlo agli stranieri, tho avvertito.
Tale schifezza, puoi capire, trovo
che stia indigesta per i delicati
che derba ho mescolato quel che scovo.
Quelli che non ci sono abituati
e non saccorgon che quel minestrone,
a mangiarlo, si muore avvelenati.
Dunque ti prego: abbi precauzione
di non offrirlo al primo che si siede,
perch sar sicura indigestione!
fatto sol per te, perch prevede
uno stomaco bene collaudato
ed ogni condimento a te non lede.
Mangia dunque, non esser preoccupato
a te di certo non potr far male
manco leuforbia che vi ho mescolato.
Ho messo molto pepe e poco sale
e se duro vi trovi qualche pezzo
,s,
Postu lappo cicuta e pagu lua:
mancari nelzan chi est velenosa,
pappa, chat a esser sa salude tua.
. Si comente no aia menzus cosa,
pro poder pienare sa padedda
lappo postu unu mazzu e pigulosa.
Aligarza, fenuju e lattaredda
e pro fagher su brodu pius licanzu
,o una tazza de latte e feruledda.
Uniscia mi pariat su brodu lanzu:
lappo minadu unou de istria,
attentu non cumbides calchi istranzu.
Podes cumprender, custa porcheria
, est indigesta pro sos delicados
pro chi bat erbas de ogni genia.
Cuddos chi non bi sunu abituados
e non sabbizan de su minestrone,
si nde mandigan, morin avvelenados.
Duncas ti prego: dona attenzione
o de non nde dare a su primu famidu,
mira chest zerta sindigestione!
Si a tie appo fattu su cumbidu
est ca ses de istogomo provadu
e non toffendet nessunu cundidu.
Mandiga duncas senza coidadu,
a tie zertu non ti faghet male
mancu sa lua chi lappo misciadu.
Giughet pibere meda e pagu sale
ei sos trunzos chi bi sunu in mesu
,s.
di bocca ti cadr qualche molare.
Ma tu che a tutto quanto sei avvezzo
esclamerai: che cibo saporito
il minestrone tonarese apprezzo!.
Anzi quando ti morde lappetito
Ti torner gradita la mistura
e temo che commetta quel delitto
di venderti la primogenitura.
,s
o nde tiran de ucca su murale.
Tue per chi a tottu ses avvesu
des esclamare: ite cibu lichittu
est custu minestrone tonaresu!
Anzis si ses in ora de appetitu
ti det esser grata sa ludura
e timo chi cummittas su delittu
de ti ender sa prima genitura.
,s
LXI
Il testamento
Ora che son nel letto moribondo
muoio tranquillo, sereno e contento,
per, prima che lasci questo mondo,
voglio scrivere il mio testamento
e pretendo che sia rispettato
il volere dellultimo momento.
Non appena vedrete che ho spirato
rinserratemi pure in quattro legni
non voglio un baule foderato.
E nessuno per me parli o dia segni
per lodare, ma sol con la facciata,
che persino alla fossa sono indegni.
La sepoltura voglio sia scavata
fuori dal comune camposanto:
cos merita lanima dannata.
Non permetto allipocrita pianto
che venga per farmi compagnia,
quando sar sotto il funebre manto.
Ma se c una persona cara e pia,
semplicemente, senza pompa vana,
che reciti una santa avemaria.
,s-
LXI
Su testamentu
Como chi so a lettu moribundu
morzo tranquillu, serenu e cuntentu,
per, prima chi lasse custu mundu,
cherziscrier su meu testamentu
e dimando chi siat rispettadu
su disizu e surtimu momentu.
Appena mi bidides ispiradu
inserrademi puru in battor taulas:
deo non cherzo baule forradu.
+o E nessunu pro me ispendat paraulas
in lodare, comente bi ndada,
chi finzas in sa fossa naran faulas.
Sa sepoltura la cherzo iscavada
foras de su comunu campusantu:
+ meritat gai sanima dannada.
Non permitto sipocritu piantu
de benner a mi fagher cumpagnia,
cando so sutta e su funebre mantu.
Per si bat persona cara e pia,
.o semplicemente, senza pompa vana,
rezzitet una santa avemaria.
,so
E taccia la funebre campana,
non permetto n il canto, n il ronzio
della nera ipocrita sottana.
Io non sono marrano, credo in Dio
ch me lhanno insegnato a venerare
da piccolo la madre e il padre mio.
Per i corvi li lascio volare
vestiti di terrena finzone,
manco morto li voglio nominare.
Come in me, nelle misere persone
c poca polpa, e da beccar non d,
vi potete tener lassoluzione.
Lanima mia da s purgata gi;
per il tanto patire ha meritato
il cielo, s vero laldil.
E se per caso un plico sigillato
troverete, domando, per favore,
che non ne sia il sigillo profanato.
Contene una storia di dolore:
sono lettere duna sfortunata,
dolce poema dun sincero amore.
E due foto contiene: una fatta
quel giorno che alla mia madre amorosa
han sepolto le spoglie; laltra data
dallagnella che, a me tanto preziosa,
nel cuore e nelle vene stringo forte.
Anche la giovent con lei riposa.
Di quellamore ne serbo la morte,
giunta nellora della vita pi bella.
,s,
Muda sistet sa funebre campana,
non permitto su cantu, ne su teu,
de sa niedda ipocrita suttana.
. Deo non so marranu creo in Deu
prite man imparadu a listimare
dae minore mama e babbu meu.
Per sos colvos los lasso bolare
bestidos de terrena finzione,
,o manca mortu nde cherzo fentomare.
E tantu in custa misera persone
bat pagu pulpa e faghere biccada,
tenidebolla sassoluzione.
Sanima mia tantest gi purgada;
, pro su tantu patire at meritadu
su chelu, si est beru chi bi ndada.
Si pro casu unu paccu sigilladu
agattades, domando, pro favore,
non siat su sigillu profanadu.
o Cuntenet unistoria de dolore:
sunu litteras dunisfortunada,
dulche poema dunu veru amore.
Duos ritrattos puru inie bada:
unu est de samorosa mama mia,
fattu sa die chi lan sepultada;
Satteru est de sanzone chi tenia
in coro, cun amore tantu forte,
chi mat leadu vida e pizzinnia.
De cussamore nde tenzo sa morte,
o a sora de sa vida sa pius bella.
,ss
Ah! Decreto fatale e dura sorte.
E tu, tra quattro mura duna cella
stai, piangendo e pregando in segreto,
povera sconsolata verginella!
Ed io moribondo sono a letto:
[]ato
muoio senza peccati dentro il petto.
Io non ho ucciso, io non ho rubato,
muoio senza peccati vergognosi,
perdono, non vogliesser perdonato.
Io perdono a quegli schifosi
Quelli che col mio male pi feroce
han scialato con libri ignominiosi.
Perdono linfamante infida voce,
quella che di veleno mha ammazzato
tanto per mettermi in spalla la croce.
Perdono quelli che mhanno sottratto
il poco pane di cui mi nutrivo
nellora che mhan visto pi affamato.
In mezzo a tanti rami dellulivo
voglio essere quello di cicuta,
della maledizione non vi privo:
a chi mha provocato la caduta,
viva centanni ma paralizzato,
dalle scosse epilettiche e la gotta!
Questanatema lanciato e pensato
poich morire non dovevo ancora,
e poich muoio con lanima irata.
,,+
Ah! Decretu fatale e dura sorte.
Tue, in battor muros de una cella,
ses pianghende e preghende in segretu,
poverisconsolada verginella!
E deo moribundu so in lettu:
[]adu
morzo senza peccados in su pettu.
No appo mortu, no appo furadu,
morzo senza peccados birgonzosos,
oo perdono, non cherzesser perdonadu.
Deo perdono cuddos ischiffosos
chi de su male meu an fattu isciala
cun sos libellos ignominiosos.
Perdono sinfamante limba mala,
o cudda chi de velenu mat bocchidu
tantu pro mider cun sa rughe a pala.
Perdono cuddos chi san divididu
unu bicculu e pane chi tenia
a sora chi man bidu pius famidu.
-o In mesu a tantos ramos de olia
deo cherzesser su e sa cicuta,
pro imbolare un frastimu ebbia:
a chie mat causadu custa rutta,
vivat chentannos ma paralizzadu,
- dae male caducu e dae gutta!
Custu frastimu est pesadu e pensadu
prite ca morrer non devia ancora,
comente molzo de coro airadu.
,,o
Voi, perfidi serpenti, che tuttora
trasformate in sterpaglia avvelenata
ogni foresta nel regno di Flora.
Quando la mano avevo disarmata
vile tentaste la sortita
dandomi la funesta pugnalata.
Ed ora agli estremi della vita,
per ricompensa dellatto villano
vi rendo la tremenda dipartita.
Peppe Mereu vi porge la mano.
,,,
Serpentes viles, perfidas coloras
so fattazis de prunizza avvelenada
una foresta in su regnu e Flora.
E cando mazis bidu chenzispada
viles, azis tentu sattrivida
dandemi sa funesta pugnalada.
s E como a sos istremos de sa vida,
pro ricupensa de sattu villanu
bos do sa tremenda dispedida.
Peppe Mereu bos toccat sa manu
,,.
LXII
La bottiglia
Sempre ti voglio essere fedele,
durasse mille anni la mia vita
sarai sempre onorata e riverita.
Come a Samo la figlia di Cibele
tu per me sarai dIbla il Mele
specie quando a lutto stai vestita,
e se ti vedo di lacrime piena
ti bacio forte perch mi fai pena.
,,
LXII
Sa bottiglia
Semper a tie cherzesser fidele
mancari dure millannos in vida
dae me onorada e riverida.
Comente in Samo sa fiza de Cibele
tue pro me ses de Ibla su Mele
massimu cando a luttu ses bestida,
e cando tido de lagrimas prena
ti baso forte ca mi faghes pena.
,,
LXIII
Ottava
Quando sar diventato un cantadore,
nessuno potr pi legiferare:
allor perfino un Re potrai trovare
in Sardegna che fa vita da pastore;
allora anchio sar monsignore
potendo le Sue figlie cresimare;
allora il principe sar un porcaro
e il papa sar a Roma mulinaro.
,,-
LXIII
Ottava
Cando deo appa esser cantadore,
gi no at a esistere pius l:
tando tue as a bidere su Re
in Sardigna faghinde su pastore;
tando deo appa esser mussegnore
cunfirmende sa fizas de vost;
tando su prinzipe at a esser porcarzu
ei su paba in Roma mulinarzu.
,,o
LXIV
Mauro Zucca
Maureddu Zucca con la botticella,
pipaccesa, cavallo senza fune,
sulla groppa canticchia e trotterella.
Vediamo Mauru in terra e come fiume
la gente che accorreva: Quest bella!
Ges, Maria! Cosa gli ha preso? Il lume!
La sua giornata storta! Che destino!
Chi morto? Mauru Zucca! Poverino!
,,,
LXIV
Mauru Zucca
Mauru Zucca est cun sa cubedda,
a pippazzesa e a caddirfunadu,
andat a caddu truvedda truvedda
e bidimus a Maurissussiadu
e sa zente accurriat a chedda:
Ges, Maria! Ite at capitadu?
Oe gi si lat fatta sa pilucca!
Chi est su mortu? Maureddu Zucca!
,,s
LXV
Ad uno di Tana
Perch mi dici che ho memoria corta,
che sei tianese io non riconosco?
Mi deste un ventre cotto, e poco importa
se cho trovato un pettine nascosto.
Venne Curreli, e s, la prese storta,
han sentito i suoi urli in ogni posto.
Peppino Noli e Puddu Chiccanglo
si mangiaron la treccia con il pelo.
o+
LXV
A su tianesu
Prite mi naras chi non so de nottu,
chi non connosco chi ses tianesu?
Una olta una entre mazis cottu,
bappo agattadu unu pettene in mesu.
Benit Curreli e nde fuliat tottu,
sas boghes sintendian dae attesu.
Peppeddu Noli e Chiccangelu Puddu
sana pappadu finas su cruccuddu.
oo
LXVI
A Peppe Cappai
Lavete visto, s, Peppe Cappai
col sughero barchette lui vuol fare.
un genio come non ho visto mai
il suo nemico si sa rappresentare.
o,
LXVI
A Peppe Cappai
Bidu mi lazes a Peppe Cappai
faghinde barchitteddas de ortigu.
Est unu geniu chi no appidu mai
chi podet figurare sinimigu.
o.
Per farci maggiormente persuasi
il derubato, insomma, ci ebbe a dire
che esso aveva cinque gambe o quasi
. e che in tutto egli ebbe a subire
un danno calcolabile in danari
da circa diciassette a venti lire.
Allora noi, predetti militari,
escludendo reato darmate bande,
,o constatammo i fatti pi chiari.
Risult lasino di un ingegno grande
con voce canora di gentil pennuto.
Alle nostre incalzanti domande,
che prima riuscirono senza frutto,
, e dalle indagini praticate da noi,
risult che lasino era distrutto.
Tant vero che da quel giorno in poi
altri non si vide in quella cinta
che un gruppo di corvi ed avvoltoi.
o Noi, con perspicacia distinta,
ricercando, ieri a mezzogiorno,
ritrovammo la nota gamba quinta.
A prima vista ci sembrava un corno,
con chiari segni di idrofoba beccata
mancante dei santissimi il contorno.
Giova notare che fu rintracciata
tra levante e ponente, l vicino,
localit selvaggia e malfamata;
labbiamo collocata in un cestino,
o
LXVII
Il verbale
Noi sottoscritti, Unale brigadiere
comandante la locale stazione
e Bertolini carabiniere
rapportiamo a chi ha sempre ragione,
che la mattina del sette corrente
presentavasi a noi un mascalzone,
figlio di farabutto e delinquente,
dellet giusta per essere impiccato,
nativo di Orune e possidente.
+o Da costui ci venne denunciato
che il giorno prima, in unora incerta,
gli fu dal salto un asino involato,
mentre trovavasi in campagna aperta
in regione detta terra infame,
+ localit bruttissima e deserta.
Lasino era nero di pelame,
con le orecchie lunghe mezzo metro,
logoro dal lavoro e dalla fame;
era in uno stato pi che tetro,
.o tanto che camminava in pochi casi
col muso avanti e con la coda dietro.
o
LXVIII
Mors tua - Vita mea
Giace sulla lettiera
su vecchi []
il prete in veste nera
assiste ai funerali.
Perch chi giace povero
di legno vecchia croce
lo manda al suo ricovero
cantando senza voce.
Tutto per il denaro
+o Chiesa crudele e avara
oggi il suo giorno amaro
[]
Nellultimo cimento
rapito dalla morte
+ s povero un lamento
s ricco cantan forte
Il prete vile acchiappa
di preci fa lo smercio
o-
o ben sigillata perch non si scopra
col suo relativo cartellino.
In vista di quanto detto sopra,
redigiamo il presente verbale
per attergarlo alle donne di Bitti
e per le orunesi copia uguale,
e ci siamo intanto sottoscritti
con riserva.
Bertolini e Unale.
Piazzaforte di Orune
Anno della fame
oo
LXIX
A Tonara
Terra mia cara
suolo natio
bella Tonara
a te devio
tutto il mio cuor!
Cinta di monti
aria purissima
di belle fonti
acqua freschissima
+o del Gennargentu.
Su questo suolo
tutto allegria
dellusignolo
la melodia
+ il cuor mallieta
Sulle montagne
scorron ruscelli
per le campagne
cantano uccelli
.o canti damor.
o,
gli altrui danari strappa
.o in Chiesa il suo commercio.
Dio mio, mi fa piet!
Ed io nol so ridire
lhan fatto in povert
per trentacinque lire.
os
Abbreviazioni bibliografiche
Nota biografica
Notizia sul testo
Criteri di edizione
Apparati
Nota alla traduzione
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE
I. Testi di Peppinu Mereu
[fra parentesi quadre si indicano le varianti del nome di battesimo del
poeta con cui risultano firmati singoli componimenti e raccolte: G. =
Giuseppe; P.no = Peppino; in assenza di indicazione il nome da in-
tendersi Peppinu]
Edizioni
C Nanneddu meu. Poesias de Peppinu Mereu, a c. del Col-
lettivo Peppino Mereu di Tonara, Condaghes, Carta &
Musica, Cagliari 2001
CR Poesie [P.no], a c. di Raimondo Carta Raspi, Edizioni
della Fondazione Il Nuraghe, I Maggiori, Cagliari 1951
[vedi P]
DT Poesias, Raccolta dei versi, traduzioni italiane e nota bio-
grafica a cura del Collettivo di ricerca Peppino Mereu di
Tonara, Prefazione di Francesco Masala, Edizioni Della
Torre, I grandi poeti in lingua sarda, Cagliari 1982 [vedi
FP]
F Terra de musas, contivizu de Bachis Bandinu e Paulu Pil-
lonca, Edizioni Frorias, Cagliari 2001
FP Poesias, Raccolta dei versi, traduzioni italiane e nota bio-
grafica a cura del Collettivo di ricerca Peppino Mereu di
Tonara, Prefazione di Francesco Masala, Edizione a cura
di Fernando Pilia, Edizioni Della Torre, I grandi poeti in
lingua sarda, Cagliari 1978
+,
PR la Piccola Rivista
1. A Ernesto Mereu, a. I, 14, 30 giugno 1899, p. 15
2. In Conziliatura [P.no], a. I, n. 9, 29 aprile 1899, p. 9
SLAI Sardegna Letteraria Artistica Illustrata
A una violetta sicca [G.], a. I, n. 7, 26 maggio 1898, p. 5
Testi riproposti o comparsi postumi in rivista
[la scelta si limita ai testi riproposti o comparsi per la prima volta sulle
riviste Il Nuraghe e Rassegna Poetica Dialettale, fra il 1925 e il
1928]
N Il Nuraghe
1. Consizos a unu amigu [G.], a. III, n. 33, 15 ottobre 1925,
pp. 9-10
2. Dae una losa ismentigada [G.], ibid.
3. Galus [G.], a. IV, n. 36, 15 gennaio 1925, pp. 15-16
RPD Rassegna Poetica Dialettale
1. Agonia [Titi, ite frittu] [P.no], a. I, n. 1, 11 dicembre
1927, p. 1
2. A frade meu Edoardu, a. I, n. 4, 8 gennaio1928, p. 1
3. A Nanni Sulis, a. I, n. 5, 15 gennaio1928, p. 1
4. A una viola sicca, a. I, n. 2, 25 dicembre 1927, p. 1
5. Consizos a unu amigu [prima parte], a. II, n. 9, 12 feb-
braio1928, p. 1; [continuazione e fine], a. II, n. 10, 19
febbraio, p. 1
6. Da una losa ismentigada, a. II, n. 25, 3 giugno1928, p. 3
7. Galus, a. II, 21, 6 maggio 1928, p. 3
8. Sisveglia [siglato M.], a. I, n. 2, 25 dicembre1927, p. 2
9. Sa teracca mia, a. II, n. 49, 30 dicembre 1928, p. 2
10. Turmentos, a. I, n. 1, 11 dicembre 1927, p. 1
+
M Poesie [P.no], Tip. Editor. Moderna, Sassari 1967
P Poesias [G.], Prem. Tip. Editrice P. Valds, Cagliari 1899
Pm Peppino Mereu [P.no], (con una Nota su P. Mereu di
r.[aimondo] c.[arta] r.[aspi]), Edizioni della Fondazione
Il Nuraghe, Le pi belle poesie dialettali sarde fascico-
lo VIII, Cagliari 1951 [nn. I, II, XII, XIV, XVII, XXVII
di P]
PMu Poesias multimediales, CD Rom prodotto dalla E.L.S.A.
Snc di Luca Sau & C., libera traduzione in italiano di An-
na Maria Spina; libera traduzione in inglese di Marcella
Pinna e M. Paola Tola; commento sul poeta di Gianfranco
Pintore, Tonara 2001
Ps Poesie scelte di Peppino Mereu [P.no], Edizioni della Fon-
dazione Il Nuraghe, Le pi belle poesie, Cagliari 1926
[nn. I, VI e XII di P]
Pv Poesias [G.], Prem. Tip. Ditta Pietro Valds, Cagliari 1928
[vedi P]
S Poesie [P.no], La Tipografica di Solinas, Nuoro [s.d.]
T Sas Poesias isconnotas e mai istampadas - leadas da su fa-
mosu paccu sigilladu, introduzione di Antoni Canu, Ti-
pografia TEA, Cagliari [1978]
TEA Poesie, [a c. di Antoni Cuccu], Litotipografia TEA, Ca-
gliari 1995
Testi pubblicati in vita in rivista
IS LIdea socialista
Avanti! [G.], a. II, n. 7-8, 28 novembre 1897, p. 4
ISd LIllustrazione sarda
1. Addio a Nuoro [G.], a. I, n. 20, 14 ottobre 1893, p. 3
2. A Pascale Dessanai [G.], a. I, n. 16, 28 luglio 1893, p. 2
+
MOSTALLINO, Marco
2001 Testimonia, in F, pp. 138-143
PILLONCA, Paulu
2001 Tonara, mama disizada de unu fizu in orfania, in F, pp. 21-35
PORCU, Giancarlo
2001 In Conziliatura, sonetto di Peppino Mereu, in La grotta
della vipera, a. XXVII, n. 93, pp. 58-63
SATTA, Antonello
2001 Pro custa terra rosas e beranos, in C, pp. 13-21
SULIS, Giovanni
1899 Cortese lettore, Prefazione a P, pp. 1-4
1928 Peppino Mereu da Tonara, in Rassegna Poetica Dialetta-
le, a. II, n. 25, 3 giugno, p. 3
1949 Peppinu Mereu, in SIschiglia, a. II, n. 1, gennaio, p. 8
SERRI, Giuseppe
2001 Cherimus pane. La Sardegna di Peppino Mereu, in C, pp.
39-46
III. Altre opere e articoli citati
ASSMANN, Jan
1997 La memoria culturale. Scrittura, ricordo e identit politica
nelle grandi civilt antiche, traduzione di Francesco de An-
gelis, Einaudi, Torino [Das kulturelle Gedchtnis. Schrift,
Erinnerung und politische Identitt in frhen Hochkultu-
ren, Beck, Mnchen 1992]
BORGES, Jorge Luis
2002 Discussione, a cura di Antonio Melis, traduzione di Lucia
Lorenzini, Adelphi, Milano [Discusin, Gleizer, Buenos
Aires 1957]
BREVINI, Franco
1999 La poesia in dialetto. Storia e testi dalle origini al Novecen-
to, Mondadori, Milano, 3 voll
+-
II. Scritti su Peppinu Mereu
BANDINU, Bachis
2001 Lontanatzia arregordantzia comunantzia, in F, pp. 7-20
BRIGAGLIA, Manlio
1975 Peppino Mereu. Uno scapigliato di paese, in Il meglio del-
la grande poesia in lingua sarda, Introduzione di Michelan-
gelo Pira, Edizioni Della Torre, Cagliari, pp. 261-266 [te-
sto gi redatto nel 1962 per Radio Cagliari]
CAOCCI, Dulio
2001 La poetica del controcanto di Peppino Mereu. Note su un
poeta sardo di fine Ottocento, in Portales, n. 1, pp. 96-
109
CARTA RASPI, Raimondo
1951 nota introduttiva a CR, pp. 5-7
DESS, Tonino
2001 Tonara pro Peppinu Mereu, in F, pp. 148-152
DETTORI, Antonietta
2001 Osservazioni sullopera poetica di Peppino Mereu, in C, pp.
23-38
FLORE, Stefano
2003 Il canto sociale di Peppino Mereu. Espressioni di una vita
breve, in Quaderni bolotanesi, a. XXIX, n. 29, pp. 399-
415
MANCONI, R.
1959 Il poeta e la ragazza, in ID., Vecchia Florinas, Tipografia
Stella Alpina, Novara, pp. 109-116
MASALA, Francesco
1982 Un poeta, a Tonara, in FP, pp. 13-17
MEREU, Peppino [da Desulo]
1928 Poeti dialettali di Sardegna. Peppino Mereu da Tonara,
in Rassegna Poetica Dialettale, a. II, n. 10, 19 febbraio,
p. 3
+o
1910 Maestri cantori, in lIsola, a. II, n. 9-10, 24 aprile,
pp. 8-10
MANCA, Stanis
1909 Le gare poetiche in Sardegna, in La lettura, a. IX, n. 10,
pp. 826-832
MANINCHEDDA, Paolo
1986 Problemi di storia della letteratura in Sardegna, in La grot-
ta della vipera, a. XII, n. 34-35, pp. 53-61 (1985-1986)
MANTEGAZZA, Paolo
1870 Profili e paesaggi della Sardegna, Editore Gaetano Brigola,
Milano
MARICA, Pasquale
1964 Stampa e politica in Sardegna. 1793/1944, La Zattera, Ca-
gliari
MIGHELI, Antonio Domenico
1986 Sa briga e sos santos e altre poesie, a c. di Mimmo Bua e Ni-
no Pericu, Della Torre, Cagliari
MONTANARU [Antioco Casula]
1997 Boghes de Barbagia Cantigos dennargentu, a c. di Gio-
vanni Pirodda, traduzione di Duilio Caocci, Ilisso, Nuoro
MOSSA, Paolo
1978 Tutte le poesie e altri scritti, introduzione di Michelangelo
Pira, Edizioni Della Torre, Cagliari
MURA, Predu
2004 Sas poesias duna bida, nuova edizione critica a cura di Ni-
cola Tanda con la collaborazione di Raffaella Lai, Cuec,
Cagliari
MURENU, Melchiorre
1979 Tutte le poesie, a c. di Fernando Pilia, Edizioni Della Tor-
re, Cagliari
NURRA, Pietro
1893 La poesia estemporanea in Sardegna, in Sardegna artisti-
ca, a. I, n. 8, 10 settembre, pp. 62-63
+,
CALVIA, Pompeo
1967 Sassari mannu [1912], a c. di Manlio Brigaglia, Chiarella,
Sassari
CHARTIER, Roger
1999 Cultura scritta e societ, traduzione di Alessandro Serra,
Edizioni Sylvestre Bonnard, Milano [Forms and Meanings:
Text, Performances, and Audiences from Codex to Compu-
ter, University of Pennsylvania Press, Philadelphia 1995]
CPS GIOVANNI SPANO (a c. di), Canzoni popolari di Sardegna, a
c. di Salvatore Tola, Prefazione di Alberto Mario Cirese,
Ilisso, Nuoro 1999, 4 voll.
CIRESE, Alberto Mario
1960 Poesia sarda e poesia popolare nella storia degli studi, in
Studi sardi, XVII, 1959-1960 [si cita dalla ristampa ana-
statica: 3T Gianni Trois Editore, Cagliari 1977]
1999 Prefazione a CPS, pp. 11-39
DESSANAI, Pascale
1893 Risposta a samigu Giuseppe Mereu, in LIllustrazione
sarda, a. I, n. 17, 23 agosto, p. 3
GIUSTI, Giuseppe
1962 Poesie, a c. di Nunzio Sabbatucci, Feltrinelli, Milano,
2 voll.
HARDY, Paolo [Ranieri Ugo]
1895 Tonara, in Spigolature darte, a. II, n. 11, 2 giugno, p. 5
MADAU, Matteo
1787 Le armonie dei sardi, Reale Stamperia, Cagliari; ora a c. di
Cristina Lavinio, Nuoro, Ilisso 1997
MADAU, Sebastiano
1891 Il loggione, in Vita sarda, a. I, n. 16, 25 ottobre, pp. 7-8
1892 Il Can. Giovanni Spano e la nostra poesia dialettale, in Vi-
ta sarda, a. II, n. 22, 27 settembre, pp. 6-7
1893 LEneide tradotta in sardo, in Vita sarda, a. III, n. 7, 30
aprile, pp. 1-3
+s
chivio Sardo del Movimento Operaio, n. 2, aprile-giugno
1973, pp. 134-170
STECCHETTI, Lorenzo
1973 Le Rime, contiene Postuma (1877), Polemica, Adjecta, Za-
nichelli, Bologna
TANDA, Nicola
1984 Letteratura e lingue in Sardegna, Edes, Cagliari
TOLA, Salvatore
1997 La poesia dei poveri. La letteratura in Lingua Sarda,
AM&D Edizioni, Cagliari
ZUMTHOR, Paul
1983 La presenza della voce. Introduzione alla poesia orale, Il
Mulino, Bologna.
.+
PETRUCCI, Armando
2002 Prima lezione di paleografia, Laterza, Bari
PIRA, Michelangelo
1978 La rivolta delloggetto. Antropologia della Sardegna, Intro-
duzione di Gaspare Barbiellini Amidei, Giuffr, Milano
PIRODDA, Giovanni
1989 La Sardegna, in AA.VV., Letteratura italiana. Storia e geo-
grafia, a cura di Alberto Asor Rosa, III, Einaudi, Torino,
pp. 919-996
POMPEJANO, Luigi,
1893 Lavvenire della musa dialettale, in Vita Sarda, a. III, n. 3,
5 marzo, pp. 4-5
PORCU, Giancarlo
2000 La parola ritrovata. Poetica e linguaggio in Pascale Dessanai.
Con una proposta di edizione critica, Il Maestrale, Nuoro
RENZI, Lorenzo
1969 Canti narrativi tradizionali romeni. Studio e testi, Olschki,
Firenze
SATTA, Antonello (a c. di)
1982 Sa scomuniga de Predi Antiogu arrettori de Masuddas, Edi-
zioni Della Torre, Cagliari
SATTA, Sebastiano
1996 Canti, a c. di Giovanni Pirodda, Ilisso, Nuoro
SOLE, Leonardo
1997 Bilinguismo e diglossia nella letteratura sarda del Novecen-
to, in AA.VV, Lamarezza leggiadra della lingua, Atti del
Convegno Tonino Ledda e il movimento felibristico del
Premio di Letteratura Citt di Ozieri. Percorsi e prospet-
tive della lingua materna nella poesia contemporanea di
Sardegna, a c. di Franco Cocco, Edizioni Il Torchietto,
Ozieri, pp. 137-142
SPANU NIVOLA, Elisa
1973 Profilo storico delleducazione popolare in Sardegna, in Ar-
.o
NOTA BIOGRAFICA
La biografia di Peppinu Mereu tutta nei pochi dati che si de-
vono alle investigazioni del Collettivo di Ricerca di Tonara intito-
lato al poeta (dati esposti e aggiornati attraverso le note biografi-
che delle edizz. FP, DT e C). Pochi elementi nuovi, che qui inte-
griamo ai gi noti, emergono da contributi recenti e dalle nostre
ricerche bibliografiche.
Mereu Giuseppe Ilario Efisio Antonio Sebastiano nasce a Tona-
ra il 14 gennaio 1872 da Giuseppe e da Angiolina Zedda. Nel pae-
se natale, Peppinu compie probabilmente gli studi fino alla terza
elementare. Presto perde i genitori: la madre muore nel 1887 a Ca-
gliari, il padre, medico condotto del paese, muore nel 1889 be-
vendo accidentalmente del veleno.
Al 1891 (7 aprile) risale larruolamento volontario nei Carabi-
nieri. Durante il periodo passato nellArma frequenta per motivi
di servizio diverse sedi isolane ( a Cagliari nel 1893, a Nuoro e a
Bonorva fra il 1893 e il 1894, ad Osilo nel 1895). Nel corso dei pri-
mi anni di arruolamento viene accusato di furto da un suo supe-
riore (probabilmente certo Giovanni Veracchi; FLORE 2003, p.
400), accusa da cui viene scagionato. Nel 1893 escono due suoi so-
netti sulla rivista artistico-letteraria LIllustrazione sarda (A Pa-
scale Dessanai e Addio a Nuoro).
Di stanza ad Osilo (probabile ultima sede di servizio) nel 1895,
Mereu conosce Maria Domenica Dore di Florinas: ne nasce una
relazione, osteggiata dalla famiglia di lei, che per termina con il
definitivo ritorno a Tonara del poeta. Infatti, il 6 dicembre 1895
Mereu viene congedato per infermit, affetto da tubercolosi, se-
.,
NOTIZIA SUL TESTO
I. Edizioni
POESIAS
Lunica raccolta poetica di Mereu che si pubblic vivente lau-
tore quella del 1899 per i tipi della cagliaritana Valds, intitolata
semplicemente Poesias [P]. Il volume
1
contiene i 29 componimen-
ti poetici sotto elencati (la numerazione romana fra parentesi qua-
dre serve a distinguere i componimenti che nel corpus mereiano ri-
corrono con lo stesso titolo; la colonna a destra riporta la numera-
zione di questa edizione):
1. Dae una losa ismentigada (I)
2. Amore (II)
3. Adultera (III)
4. Moribonda (IV)
5. A Tonara (V)
6. Consizos a unu amigu (VI)
7. Lamentos dunu nobile (VII)
8. A Genesio Lamberti (VIII)
.
condo quanto riferisce MANCONI (1959, p. 115), dopo aver trascu-
rato uninfreddatura presa cadendo, presso Florinas, nelle acque
di un ruscello.
Il rientro a Tonara lo vede ospite del fratello Manfredi, ma il
rapporto fra i due si incrina presto, per cui Peppinu deve render-
si indipendente arrangiandosi come scrivano e come cantadore
[poeta estemporaneo] in feste e matrimoni. Nel 1898, per interes-
samento del segretario comunale Raffaele Pulix, assunto in qua-
lit di scrivano presso il Comune e la conciliatura. Fra il 1897 e il
1899 si registrano sporadiche uscite in rivista: i versi Avanti! su
LIdea socialista e la lirica A una violetta sicca sulla Sardegna
Letteraria Artistica Illustrata (1898); il sonetto In Conziliatura
(che prende spunto dunque dalla nuova condizione lavorativa) e
la corona di sonetti A Ernesto Mereu su la Piccola Rivista
(1899).
Nel 1899 esce a Cagliari il volume delle Poesias per iniziativa
dellamico Giovanni Sulis, cui Mereu aveva dedicato e indirizzato
alcuni componimenti. Due anni dopo (11 marzo 1901) Peppinu
Mereu muore a Tonara, probabilmente di tisi, allet di soli venti-
nove anni.
.
1
In 16 (cm 19,3 x 13), di pp. IV non numerate + 128: [I] frontespizio POESIAS
| DE | GIUSEPPE MEREU | || CAGLIARI | PREM. TIP. EDITRICE P. VALDS |
1899; [II] bianca; [III] INDICE; [IV] bianca; 1-4 prefazione di Giovanni Sulis; 5-
115 testi di Mereu; [116] bianca; 117 occhiello NOTAS; [118] bianca; 119-127 testo
delle note di Giovanni Sulis; [128] bianca. Esemplari: CAGLIARI, Biblioteca Studi Sar-
di (S.D. 95; gi 917.208 - n. 8; risulta smarrito dal 1968 lesemplare ancora schedato
nei cataloghi della Universitaria di Cagliari).
volte nel corso del Novecento, da soli o con laggiunta di materiali
estravaganti via via reperiti dagli editori. Una seconda emissione di
Poesias approntata sempre dalla Valds nel 1928 [Pv], ma in ma-
niera alquanto andante nellallestimento e nella cura testuale. Cos
LA DITTA EDITRICE giustifica in una nota dapertura la ristampa:
Aderendo a numerose sollecitazioni presentiamo al pubblico una
ristampa di Poesias di Giuseppe Mereu, il promettente infelice
poeta che linesorabile Parca tolse giovanissimo allaffetto di quan-
ti lo conobbero e del popolo della sua Barbagia chEgli conquiet
con i suoi versi. Lediz. identica a quella pubblicata nel 1899 con
la bella prefazione del Dott. Giovanni Sulis che cos bene descrive
la Psiche del Mereu.
Linfelice poeta autore richiesto in quegli anni (numerose
sollecitazioni), oggetto di una stima forse gradualmente montata
allindomani della sua prematura morte (1901). Tant che pro-
prio intorno alla seconda met degli anni Venti (cos nel 1928 scri-
ve di Mereu un suo omonimo di Desulo: Egli ancora rifulge di
quella sua luce naturale che lo tiene presente nel tempo, per voce
ed ammirazione di popolo, MEREU 1928) si registra una discreta
serie di riprese, per singoli pezzi, dalle Poesias. Contemporanea al-
la ristampa Valds lattivit della Rassegna Poetica Dialettale
[RPD], sulle cui colonne, tra il 27 e il 28, troviamo alcuni com-
ponimenti dichiaratamente presi da P (I, VI, IX, XII, XXV), oltre
ad alcuni inediti sui quali torneremo nel paragrafo di questa Noti-
zia dedicato alle poesie Disperse. Lungo lo stesso periodo si esten-
de anche il plurimo riconoscimento da parte delle Edizioni della
Fondazione Il Nuraghe di Raimondo Carta Raspi: nel 1925 la rivi-
sta omonima della fondazione [N] ospita tre testi della raccolta
principe (I, VI, XII); nel 1926 i medesimi testi andranno a costi-
tuire lopuscolo della collana Le pi belle poesie [Ps]; nel 1930
la sola Galus (VI) ma linclusione nei classici sardi di per s
indicativa inserita nellantologia Sardegna terra di poesia (CAR-
TA RASPI 1930).
Questo interesse delle Edizioni Il Nuraghe prepara la pi tarda
riedizione integrale di P prima ripresa novecentesca dopo le due
edizz. Valds curata e prefata dallo stesso Carta Raspi per la col-
.-
9. Agonia [I] (IX)
10. Solferino! (X)
11. A Nanni Sulis [I] (XI)
12. Galus (XII)
13. A Juanne Sulis (XIII)
14. Caresima (XIV)
15. A Eugeniu Unale [I] (XV)
16. A Paolo Hardy (XVI)
17. Aritzo (XVII)
18. X. (XVIII)
19. A Eugeniu Unale [II] (XIX)
20. Non ti poto amare (XX)
21. Studente (XXI)
22. Sorfana pedit pane (XXII)
23. K. (XXIII)
24. Y. (XXIV)
25. A Nanni Sulis [II] (XXV)
26. A signorina S. (XXVI)
27. Addio a Nuoro (XXVII)
28. Unu ballu in maschera (XXVIII)
29. W. (XXIX)
Le poesie sono precedute dalla prefazione in forma di lettera al
Cortese lettore firmata da Giovanni Sulis (datata Tonara, 30 ago-
sto 1897), estensore anche delle note ai testi (Notas).
Stando a quanto riferisce Sulis (amico del poeta, ben tre pezzi
della silloge sono a lui indirizzati: XI, XIII, XXV), fu per sua ini-
ziativa che si pubblic la raccolta, senza che fosse stato autorizza-
to dallautore: mi son permesso senza chiedergliene lautoriz-
zazione di consegnarli alla stampa. Conferma questa notizia, o
dice almeno di un Mereu distante dalla confezione editoriale del-
le Poesias, linserimento di componimenti incompiuti, denunciati
da serie di puntini che il curatore pone ad indicare cancellature
presenti nei materiali serviti allediz. (vedi XVIII e XXIV e le re-
lative notas). Vero pure che il riferimento ad esemplari di copia-
tura manoscritti portatori di correzioni pu valere quale garanzia
del fatto che Sulis si sia servito di autografi mereiani.
I testi contenuti nelle Poesias del 1899 verranno riproposti pi
.o
(vedi Disperse). La raccolta del 1978 ha il merito di riportare il tito-
lo alloriginario Poesias (CR: Poesie) ma non riproduce le Notas di
Giovanni Sulis e non esplicita i confini tra i testi delle Poesias e gli
inediti aggiunti: il blocco dei nuovi acquisti segue senza soluzione
di continuit quello che riproduce, in ordine, i testi di P.
Purtroppo, dalla ediz. FP le edizioni successive che costituiran-
no la tradizione moderna delle Poesias deriveranno numerose
omissioni di importanti elementi paratestuali presenti nellediz.
del 1899 (epigrafi, dediche e date; si vedano gli apparati ai nn. IV,
IX, XII, XIII, XXIII).
Al Collettivo tonarese intitolato al poeta si deve anche la succes-
siva fortuna a stampa di P. Dopo lediz. FP del 1978, meno fedele
di CR (1951) rispetto alloriginale, viene quella del 1982 [DT],
sempre per Della Torre, la quale diverge ulterioriormente dalla
princeps. Nel 1982 non si pens di rintracciare e riandare allediz.
del 1899, come dimostra il blocco di errori di DT ereditati da FP
(eloquente in tal senso uninnovazione di DT ingenerata da un tra-
scorso di stampa di FP; cfr. apparato a V 65). Sempre il Collettivo
Peppinu Mereu si fatto promotore e curatore nel 2001 (in co-
incidenza del centenario dalla morte del poeta) di unediz. [C] che
si rif a DT ma cambia editore passando ai tipi della Condaghes di
Cagliari (nella collana Carta & Musica diretta da Giacomo Ser-
reli, con allegato CD contenente esecuzioni recitate, cantate e mu-
sicate di testi mereiani ad opera di diversi artisti isolani). Lediz. C
ripesca finalmente le Notas di Giovanni Sulis ma si attiene in quan-
to al testo alla precedente DT (del 2001 anche una riproduzione
delle Poesias, con aggiunta di pezzi postumi, su supporto informa-
tico [PMu]). Va comunque ricordato che nel 1995 Antoni Cuccu,
erede degli stampatori popolari sardi del passato, aveva riprodotto
il testo [TEA] tornando, come gi accennato sopra, a CR del 1951,
ma avvalendosi anche di FP o DT (lo segnala la condivisione di al-
cuni errori, per i quali rinviamo agli apparati a VII 179 e XI 32) e
aggiungendo alcuni inediti gi comparsi in M nel 1967 e poi in FP
e quindi in DT. Ad ogni modo, la vera vulgata tardo-novecentesca
delle Poesias rappresentata dalla trafila FP DT C, edizz. pi volte
emesse e decisamente fortunate, le quali mostrano, a dispetto di
.,
lana I Maggiori. Il volume [CR] senza data, il finito di stam-
pare reca lindicazione del 1951; il titolo italianizza quello origi-
nario in Poesie, i testi si presentano esemplati con correttezza su P,
salvo comprensibili sviste di trascrizione e di stampa, e vi si ripro-
ducono la prefazione e le note di Giovanni Sulis. Lunico cambia-
mento degno di nota nel titolo del componimento che chiude la
raccolta (XXIX), nella princeps siglato W. e in CR ri-titolato Dia-
lugu fra maridu e muzere, quando invece CR rispetta tutti gli altri
titoli che, parimenti a W., figurano in P sotto forma di sigla (X., K.,
Y.). Va inoltre ricordato che sempre nel 1951 le Edizioni Il Nura-
ghe approntarono il fascicolo Peppino Mereu [Pm] per la collana
Le pi belle poesie dialettali sarde, riprendendo lidea del 1926
(il libretto Ps della collana Le pi belle poesie; si noti, cinque lu-
stri dopo, laggiunta della qualifica dialettali), aumentando il
numero di componimenti della princeps antologizzati (ai nn. I e
XII si aggiungono II, XIV, XVII e XXVII) ma escludendo Consi-
zos a unu amigu (VI).
Lediz. CR costituir la prima vera vulgata novecentesca delle
Poesias. Su questa si rifar lediz. artigianale del 1967 [M], che
eredita infatti il mutamento di titolo dellultimo testo della silloge
(W. > Dialugu fra maridu e muzere) e lascia invariati gli altri titoli
in forma di sigla, come si riscontra anche in altre stampe: lediz. S
(senza data ma pare successiva ad M) e la pi tarda ediz. TEA
(1995) che di CR riproduce anche la prefazione di Carta Raspi.
Per assistere ad un vero rilancio delle Poesias bisogna per atten-
dere il 1978 con lediz. curata per leditore Della Torre (collana I
grandi poeti in lingua sarda) dal neo-costituito Collettivo di ricer-
ca Peppinu Mereu di Tonara e da Fernando Pilia [FP], pubbli-
cata, come recita il frontespizio, per iniziativa dellAmministra-
zione Comunale di Tonara. Un assaggio lo si aveva gi nellantolo-
gia Il meglio della grande poesia in lingua sarda (BRIGAGLIA 1975;
contenente i nn. I, VI, VII, XII) che dette proprio il via alla collana
I grandi poeti in lingua sarda di Della Torre, operazione poi rile-
vante in termini divulgativi per la poesia in sardo e segnatamente
per quella di Mereu. Nellediz. FP i testi di P compaiono con lag-
giunta di altri 29, in parte inediti in parte gi editi su RPD ed M
.s
originali qui riprodotti (per dettagli si rinvia agli apparati). Il so-
netto In Conziliatura compariva nella sola T (1978); ne abbiamo
prodotto unedizione in PORCU 2001.
DISPERSE (poesie postume)
Morto prematuramente Mereu (1901), signora quale destino sia
toccato alle sue carte. Di un corpus inedito si apprende da una In-
chiesta sulle tradizioni popolari condotta a Tonara nel 1928 dal-
linsegnante elementare Giuseppe Tore, che scrive: Il Mereu
scrisse moltissime poesie [] Una parte di esse poesie formarono
oggetto di un discreto volume, pubblicato col titolo di Poesias
presso la Tipografia Giuseppe Dess [sic!] di Cagliari. Le migliori
poesie, per, sono inedite, e potrebbero formare un volume pi
grosso di quello pubblicato. La raccolta delle poesie non pubblica-
te in potere dei parenti (TORE 1995, p. 194).
Questo patrimonio raccolto and probabilmente disperso in
molti rivoli parentali. Di recente (2001), i curatori dellantologia
Terra de musas [F] hanno proposto un inedito mereiano tratto da
una fotocopia di manoscritto presentato come autografo, gi cu-
stodito dalla nipote del poeta Clelia Mereu. La fotocopia di questo
esemplare ora in possesso del nipote di costei Marco Mostallino.
In questa ediz. ci serviamo di altre fotocopie di manoscritti prove-
nienti dalla medesima fonte (vedi di questa Notizia il paragrafo
Manoscritti).
Per quanto riguarda la diffusione a stampa di componimenti po-
stumi di Mereu, gli inizi vanno visti in quella Rassegna Poetica
Dialettale [RPD] che alla fine degli anni Venti andava ripropo-
nendo alcuni testi delle Poesias. I pezzi nuovi forniti dalla RPD fra
il 27 e il 28 sono quattro: Agonia (XXXV), Turmentos (XXXVI),
Sisveglia (XXXVII), Sa teracca mia (XXXVIII). A questi va ag-
giunto Auna viola sicca (XXXII), assente dalle Poesias ma gi pub-
blicato in vita dallautore nel 1898 (SLAI: titolo originale A una
violetta sicca).
I quattro inediti di RPD (nn. 1, 7, 10 e 12 dellelenco sottostante)
,+
alcuni vizi individuali, una compattezza sul piano testuale (errori
comuni) alla quale faremo riferimento nellesame della tradizione a
stampa mereiana con la sigla .
ALTRE POESIE PUBBLICATE IN VITA
Uno spoglio delle riviste artistico-letterarie di fine Ottocento ha
svelato come gi qualche anno prima delluscita delle Poesias Me-
reu avesse ricevuto lonore delle stampe, sebbene in maniera ca-
suale ed episodica. Si tratta dei componimenti:
1. A Pascale Dessanai (XXX)
2. Avanti! (XXXI)
3. A una violetta sicca (XXXII)
4. In Conziliatura (XXXIII)
5. A Ernesto Mereu (XXXIV)
Al 1893 risale la pubblicazione del sonetto A Pascale Dessanai
(XXX) su LIllustrazione sarda [ISd], dove alcuni mesi dopo
compare un altro sonetto, Addio a Nuoro, che figurer poi in P con
leggere varianti (XXVII; le varianti sono riportate nel relativo ap-
parato). A queste primissime prove segue una manciata di testi
ugualmente affidati alle pagine di riviste letterarie dellepoca:
Avanti! [IS] (XXXI), Auna violetta sicca [SLAI] (XXXII), In Con-
ziliatura [PR
2
] (XXXIII), A Ernesto Mereu [PR
1
] (XXXIV). Se gli
ultimi testi citati, comparsi fra il 1897 e il 1899 (cfr. Abbreviazioni
bibliografiche), non furono nel novero delle Poesias, non sar do-
vuto ad unopera di selezione ma piuttosto al fatto che potrebbero
non essere stati ancora composti quando si andava allestendo la
raccolta, se si bada soprattutto alla data in calce alla prefazione di
Sulis, 30 agosto 1897, che di quellallestimento d verosimilmente
conto a posteriori.
A Pascale Dessanai e Avanti! non sono mai entrati nelle sillogi
novecentesche; vi rientrano A una violetta sicca e A Ernesto Mereu
ma in versioni gravemente guaste che mostrano di non risalire agli
,o
nel medesimo ordine, con le sole eccezioni di Anima niedda slitta-
ta dalla seconda alla nona posizione e de Su testamentu collocato
in ultima posizione assoluta, dopo linserimento di 13 nuovi pezzi
(sotto numerati a destra fra parentesi tonda):
1. Sa teracca mia
2. Su minestrone
3. A Signor Tanu
4. A Nanni Sulis [III]
5. Sa bottiglia
6. Ottava [Agonia II]
7. A Frade meu [A Ernesto Mereu]
8. Su socialista a una bigotta
9. Anima niedda (n. 2 in M)
10. Turmentos
11. A su tianesu
12. Sisveglia
13. Unu bandu
14. Su canarinu de su rettore (1) (XLIX)
15. Minca maccaca (2) (LIX)
16. Alberto La Marmora (3) (LV)
17. Sambulante tonaresu (4) (XLVI)
18. Signor Ciarla a su fizu Ciarlatanu (5) (XL)
19. Piazzaforte di Orune [Il verbale] (6) (LXVII)
20. Cunfessende (7) (XLV)
21. Signora maestra [In siscola] (8) (XLI)
22. Litanias maggiores (9) (XLIII)
23. Una viola sicca (gi in SLAI)
24. Sas giarrettieras (10) (XXXIX)
25. Serenada (11) (LI)
26. Proposta amorosa. Risposta amorosa (12) (XLII)
27. Imbasciada (13) (LIII)
28. Su testamentu (n. 14 in M)
I tredici testi nuovi aggiunti da FP (nn. 14-22 e 24-27) compaio-
no anche nel volumetto Sas Poesias isconnotas e mai istampadas.
Leadas da su famosu paccu siggilladu [T], fascicolo senza data ma
con buona probabilit risalente come FP al 1978 (di quellanno so-
,,
figurano nel primo discreto raggruppamento in volume di pezzi
del Mereu postumo, quello che si legge nellediz. M del 1967. Do-
po i ventinove componimenti delle Poesias, M colloca nellordine
i seguenti quattordici:
1. Sa teracca mia (XXXVIII)
2. Anima niedda (LVIII)
3. Su minestrone (LX)
4. A Signor Tanu (LVII)
5. A Nanni Sulis [III] (LVI)
6. Sa bottiglia (LXII)
7. Ottava [Agonia II] (XXXV)
8. A Frade meu [A Ernesto Mereu] (gi in PR)
9. Su socialista a una bigotta (XLVIII)
10. Turmentos (XXXVI)
11. A su tianesu (LXV)
12. Sisveglia (XXXVII)
13. Unu bandu (XLIV)
14. Su testamentu de Peppinu Mereu (LXI)
Esattamente, nel numero e nella successione, questo gruppo lo
si ritrova in S (volume senza data ma che pare posteriore a M) e
poi ancora in TEA con la sola aggiunta di Minca macaca (LIX). La
trafila M S TEA indica pertanto, nellallestimento generale, lesi-
stenza di una famiglia artigianale fra le edizz. di Mereu ad ope-
ra di tipografi-editori, famiglia per altro non testualmente con-
corde, poich trascuratezza e arbitrio hanno portato i singoli edi-
tori ad errori e innovazioni individuali che con lediz. TEA
(1995) scavalca cronologicamente la tradizione a stampa pi spic-
catamente editoriale (gruppo ) e portatrice di un maggior nume-
ro di testi postumi inaugurata da FP (1978).
Pur distinguendosi la trafila (edizz. FP DT C) per avere al suo
attivo tale maggior numero di componimenti inediti, anche qui il
punto di partenza per il Mereu estravagante lo stesso nucleo di
M+S. La prima porzione dei complessivi 28 testi aggiunti alle Poe-
sias del 1899 in FP (dei quali nuovo non , ricordiamo, Una viola
sicca, in SLAI 1898) costituita dai testi raccolti in M, riproposti
,.
chi a Tonara LII), per la maggior parte frammenti, provenienti
da quelle che sono in realt fotocopie di manoscritti. Gli originali
risultano irreperibili: un tempo custoditi da Clelia Mereu (1903-
2000), zia di Mostallino, figlia di un fratello di Peppinu Mereu,
Ernesto (quel sergente in su Geniu cui il poeta aveva dedicato la
corona di sonetti AErnesto Mereu; XXXIV). Le quattro fotocopie
di manoscritti (se ne d una descrizione generale negli apparati,
non potendo fondare un esame materiale su copie fotostatiche) ri-
portano:
1. Quattro frammenti:
a. due in italiano:
Mors tua - Vita mea (LXVIII)
A Tonara (LXIX)
b. due strofe (in un solo foglio) di testi appartenenti alle
Poesias:
A Tonara (prima strofa) (V)
Agonia I (prima strofa) (IX)
2. Un testo in sardo composto di una sola strofa, che principia
con:
Cando chi a Tonara (gi in F) (LII)
I manoscritti possono anche essere raggruppati per due mani
che paiono in tutto diverse: ad una stessa mano (A) sono da attri-
buire i due pezzi in italiano e allaltra (B) i pezzi sardi. Non sem-
brando riconducibile tale differenza a diversit di ductus della me-
desima mano, vi da supporre che solo una delle due calligrafie
sia quella di Mereu. Ipotizziamo che sia dautore la mano Ache ha
compilato i testi in italiano, sembrando improbabile che riguardo
alle strofe di testi inclusi nelle Poesias redatte dalla mano B, cio
Agonia I (IX) e A Tonara (V), lautore dedicasse A Ernesto Me-
reu la prima, quando il sottotitolo in P recita: A frade meu
Edoardu (A Ernesto Mereu il titolo della corona di sonetti pub-
blicato su la Piccola Rivista, e da qui la probabile confusione di
un trascrittore che ne aveva qualche memoria, ma digiuno di
stampe originali), e rubricasse la seconda con duos mutos in ri-
,
no lintroduzione di Antoni Canu e alcune poesie dedicate a Me-
reu da vari autori poste in fondo al volume). Si dubita fortissima-
mente che i testi raccolti in T provengano, come dichiarato nel
frontespizio, dal paccu sigilladu cui Mereu allude nelle terzine
de Su testamentu (LXI 37). In T il n. 19 compare col titolo Il verba-
le e il n. 21 con quello di In siscola. T aggiunge anche altri sette te-
sti di cui sei completamente inediti e uno, In Cunziliadura, gi pub-
blicato in vita dal poeta nel 1899 su PR (titolo originale: In Conzi-
liatura, XXXIII; vedi paragrafo Altre poesie pubblicate in vita):
29. Ottava [Cando deo] (1) (LXIII)
30. Mauru Zucca (2) (LXIV)
31. A Peppe Cappai (3) (LXVI)
32. Muttu (4) (LIV)
33. A unillusa (5) (XLVII)
34. In Cunziliadura (gi in PR)
35. Aspettos (6) (L)
Con ci si chiude il corpus finora disponibile delle disperse a
stampa attribuite a Mereu. Di recente (2001) esso stato riversa-
to, con le Poesias, in un CD Rom [PMu] che aggrega la tradizione
ai testi proposti dallediz. T.
II. Manoscritti
CARTE MOSTALLINO
Pur non rientrando nel presente progetto di edizione il reperi-
mento e dunque il ricorso a materiali manoscritti, riproduciamo
qui gli unici probabili autografi mereiani di cui finora si ha notizia.
Dei materiali da noi consultati dava comunicazione il giornalista
Marco Mostallino in uno scritto contenuto nellantologia Terra de
musas [F] curata da Bachis Bandinu e Paulu Pillonca (MOSTALLI-
NO 2001) in cui si pubblicava uno solo dei cinque testi (Cando
,
CRITERI DI EDIZIONE
Questa edizione si propone di riunire e verificare criticamente il
corpus a stampa dellopera in versi di Peppinu Mereu. In tal senso
intende rappresentare la prima fase di unedizione critica che in
futuro possa avvalersi anche di materiali manoscritti e verifichi la
provenienza dei componimenti postumi (Disperse), taciuta dalle
stampe novecentesche che li riproducono. A partire da tale verifi-
ca potrebbe fondarsi una critica attribuzionista in merito alla pro-
duzione estravagante di Mereu, terreno attualmente scivoloso, ol-
tre che per il vuoto documentario, per ladesione dellautore alla
koin poetica logudorese e per gli addentellati della sua arte con lo
stile poetico tradizionale (vedi il saggio in fondo a questo volume),
due fattori che rendono rischiosa lattribuzione su base linguistica
e stilistica.
1. Poesias e Altre poesie pubblicate in vita (testi )
Autore fortunatissimo presso i lettori, Mereu ha certo goduto di
minore fortuna per lattenzione con cui stato ristampato nel cor-
so del Novecento. Perci, il problema della ricognizione della tra-
dizione a stampa ha riguardato intanto lindividuazione e lesame
di edizz. principi di quei testi pubblicati ancora vivente lautore,
nonch la loro messa a confronto con le riproduzioni moderne.
Questa operazione interessa le Poesias del 1899 (nn. I-XXIX) e i
pezzi qui radunati nella sezione Altre poesie pubblicate in vita (da
qui in avanti semplicemente Altre poesie), comparsi in rivista fra il
1893 e il 1899 (nn. XXX-XXXIV): gruppo di testi che compren-
,-
sposta a sa canzone: a Tonara [due strofe (la seconda non ripro-
dotta) in risposta alla canzone: a Tonara], che pare confusione con
il componimento A Paolo Hardy (XVI) in risposta appunto al so-
netto di questultimo intitolato Tonara (vedi XVI nota e appara-
to). Dirimente in merito alla questione dellautografia di questi
materiali potranno comunque essere sicuri autografi mereiani di
cui fino ad oggi non si ha notizia.
,o
dentemente e sparsamente nelle riviste ottocentesche conferma
le abitudini grafico-formali delle Poesias, denunciando entro i te-
sti una solidariet che parla di usi attribuibili allautore (ridi-
mensionando anche eventuali sospetti su interventi troppo perso-
nali di Giovanni Sulis sul testo della raccolta). Attraverso i testi
si rilevano anche interessanti differenze in diacronia, laddove il so-
netto A Pascale Dessanai (XXX) e la prima uscita a stampa di Ad-
dio a Nuoro (XXVII), ambedue del 1893, testimoniano consuetu-
dini grafiche giovanili qui rispettate (cfr. apparati).
Il recupero grafico-fonetico degli originali riserva non poche
sorprese dordine linguistico rispetto al testo della vulgata nove-
centesca. il caso della preferenza, in direzione logudorese, ac-
cordata alle forme l + consonante (es.: chelzo [voglio] IV III 68)
modificate soprattutto nellediz. DT del 1982 (cherzo) quan-
danche ledizione del 1978 [FP], da cui DT sostanzialmente deri-
va, rispettava generalmente tali forme (P > DT: IV III 35: chel-
zin > cherzin [voglio in]; IV III 47: zeltu > zertu [certo];
V 133: ervegalzu > ervegarzu [pecoraio]; XVIII 12: ilgon-
za > irgonza [vergogna]). In quanto al caso particolare dellal-
ternativa chelzo/cherzo vero che, in ambito , le Altre poesie re-
stituiscono la seconda forma con r (XXXIII 1 e 5; unoccorrenza
pure nelle Poesias: XXIX 123), ma accanto a isculzu [scalzo]
(vs. iscurzu; XXX 5) e isolvet [scioglie] (vs. isorvet; XXXI 48).
Simili alternative sinscrivono nel polimorfismo della poesia tradi-
zionale sarda, che agisce in particolar modo quando la koin poe-
tica logudorese insidiata da affioramenti della lingua materna del
singolo autore (e il tonarese di Mereu alquanto distante dal lo-
gudorese da lui praticato in poesia).
Alla propria variante di sardo, prossima per molti tratti al campi-
danese, Mereu si concede nelle terminazioni verbali in -st (II pers.
sing. allimperfetto e al congiuntivo presente), contro la forma co-
munemente logudorese in -s privilegiata nellediz. DT (P > DT: IV
III 59: siast > sias [che tu sia]; VI 161: Teniast > Tenias
[possedevi]; XVIII 34: naiast > naias [dicevi]; XXIX 69:
iast > haias [avevi]). Pressoch sistematico in DT anche il pas-
saggio dalloriginale forsis [forse] a forzis (IV III 60; XXV 22
,,
diamo sotto la sigla . Lo spoglio delle riviste dinteresse artistico-
letterario dellOttocento, disponibili presso le biblioteche pubbli-
che sarde, ha in particolare consentito di scoprire pezzi totalmente
nuovi del Mereu a stampa, mai riproposti fino ad ora (nn. XXX e
XXXI), e di rintracciare prime edizz. fin qui sconosciute di com-
ponimenti gi inclusi nelle raccolte novecentesche, con novit an-
che clamorose sul piano testuale (nn. XXXII e XXXIV).
Nella restituzione testuale dei componimenti di tipo si pro-
ceduto in maniera alquanto conservativa: individuate le edizz.
principi si data a queste totale fiducia sul piano sostanziale. Lesa-
me generale della tradizione (effettuato nella Notizia sul testo) e
quello particolare della lezione testuale (illustrato negli Apparati)
mette in evidenza come le edizz. novecentesche che riproducono i
componimenti di tipo siano, direttamente e indirettamente, de-
scriptae (le Poesias) o palesemente guaste, provenienti da fonti gi
deteriorate (vedi nn. XXXII e XXXIV e rispettivi apparati).
Lopera di trascrizione delle stampe originali ha daltra parte sti-
molato semplici dubbi interpretativi che hanno portato a propor-
re altrettanto semplici restauri: si tratta per lo pi di emendamen-
ti relativi a sviste palesi degli originali, puntualmente indicati negli
apparati.
1.1. Forma e grafia
La fedelt ai testi vale anche per i fatti di grafia e formali. Per
vari motivi simpone anche sotto questo profilo il rispetto delle
Poesias secondo lediz. del 1899: unassoluta rarit libraria (dispo-
nibile in esemplare unico; vedi p. 425, nota) che stata ripresa in
maniera abbastanza fedele una sola volta, nel 1951 [CR], mentre
si ignorata in seguito. Pare necessario quindi riportare quanto
pi possibile allorigine le Poesias, unitamente alle Altre poesie,
con riguardo al valore testimoniale di oggetti poetici e tipografici
importanti per la storia della letteratura e delleditoria in Sarde-
gna, andando incontro allo studioso ma anche al curioso di poesia.
Inoltre, urgenza di documentazione a parte, si deve tener conto
che il Mereu delle Altre poesie le quali si presentano indipen-
,s
ch (cch) o gh, incontrano per elisione la vocale velare (soprattut-
to a) della parola successiva, il digramma perde nelle stampe
la h diacritica: cavvisadu (= chi avvisadu [che avvisato] VI
164); bindigannos (= bndighi annos [quindici anni] XV
142). In questi casi ripristiniamo sempre la h originaria: chav-
visadu, bindighannos.
2. ch > c ; gh > g. Inversamente, se k e g seguite nella parola
da vocale finale velare (a, o, u), e dunque rese rispettivamente
con i segni c (cc) e g, incontrano in elisione vocali palatali (i, e)
della parola che segue, locclusiva resa nelle stampe con di-
gramma: ticchebbia (= ticcu ebbia [un goccio solo], V 221);
Lueghiscrie (= luego iscrie [subito scrivi], XV 191). In questi
casi espungiamo sempre nel testo la h diacritica: ticcebbia,
luegiscrie.
3. h > . Si opta per lespunzione della h anche in tutte le for-
me del verbo ere [avere] (nei testi sempre con h; isolato appo
[ho] in XXXII 11), partendo anche in questo caso dallesigenza
di rendere in maniera chiara il frequentissimo incontro in elisio-
ne fra chi [che], relativo o dichiarativo, e le forme del verbo e-
re, dove le stampe, secondo il sistema sopra illustrato nellinter-
vento n. 1, eliminano la h di chi: chappo (= chi appo [che io
ho]), reso in questa ediz. con chappo; e cos chas (= chi
has [che tu hai]), qui riportato nella forma chas, e cos via per
le altre forme di ere.
4. e > e. Un altro intervento riguarda la distinzione fra la e ri-
sultante da de [di] per caduta della d- e la congiunzione e. Qui
poniamo sempre il segno di aferesi sulla prima, scrivendo: e.
Gli originali raramente fanno differenza fra le due e (cfr. Cabu
e Susu [Capo di Sopra; Nord Sardegna] XII 18), evitando in
particolare di usare e dopo segno di elisione della parola prece-
dente (bisonz e [bisogno di] V 52). Qui scriviamo: Cabu e
Susu e bisonz e.
5. in d > in-d. I ricorsi di d eufonica, dopo preposizioni in e
con seguite da indeterminativo unu / una, si segnano col trattino:
in-d unu, cun-d unu. Gli originali alternano la scrittura continua
+
e 64; VIII I 68; XXVI 10; XXVIII 2; XXIX 51). Si tratta di usi an-
cora una volta ricorrenti nelle Altre poesie: XXXII: fioriast [fio-
rivi] 17; isparghiast [spargevi] 19; crediast! [credevi] 21;
XXXIV: fist [eri] 2; forsis 63; viviast [vivevi] 78.
Infine, vale la pena di ricordare che qui si pone rimedio, confor-
tati dagli originali, ad unaltra tendenza correttoria degli editori
moderni, consistente nelleliminare alcuni ricorsi di vocali parago-
giche: vedi i due casi di VI 136 e VII 23: est > este [], e il caso
di XIX 15: Duncas > Duncasa [dunque]. Ci gi capitato di
discutere, editando lopera di Pascale Dessanai [PORCU 2000, pp.
165-166], quanto attraverso la normalizzazione si corra qui il ri-
schio di trascurare un rilevante elemento prosodico ed espressivo
sullautorialit del quale non vi alcuna ragione di dubitare. per
altro ipotizzabile che gi gli autori stessi tendessero a normalizzare
e non esprimessero graficamente la paragogica, lasciandola allese-
cuzione. Per Mereu, sembra ad esempio il caso (se non menda,
dautore o di stampa) del settenario ipometro Nos truncant sas
costas [ci spezzano le costole] (XXXI 43), colmabile solo con
truncanta (non vi possibilit di allungare con dieresi), che si
giustificherebbe come emersione della lingua materna tonarese
(vedi pagina precedente e intervento grafico n. 5 alle Disperse).
1.2. Interventi
Malgrado il dichiarato principio di fedelt agli originali , ci si
arrende ad alcuni interventi allo scopo di inserire minimi elementi
di chiarezza. Problemi speciali pongono infatti le stampe negli
incontri di parola in elisione (spesso di carattere metrico, ad indi-
care sinalefe), dove la grafia dellultima consonante della parola
elisa in taluni casi condizionata dalla vocale iniziale della parola
che la segue (secondo una disusata grafia italiana). Questo tratta-
mento riguarda in particolare le occlusive, sorda [k] e sonora [g],
questultima soprattutto in posizione intervocalica e quindi spiran-
te (come nello spagnolo amigo).
1. c > ch ; g > gh. Se k e g seguite nella parola da vocale fi-
nale palatale (i, e) e dunque rispettivamente rese con i digrammi
o
2.1. Interventi
Per la veste grafico-fonetica dei testi di tipo ci si rif allusus ri-
costruibile attraverso alcune tendenze maggioritarie nei testi , se-
condo la notata coincidenza fra Poesias e Altre poesie. Salvi tutti
gli altri interventi elencati per i testi , questi altri usi sono:
1. Laffricata dentale sorda ts (it. ozio) e sonora dz (it. azoto) in-
tervocaliche si indicano rispettivamente con -zz- e -z- (piz-
zinna [ragazza] XXXVIII 4; ozu [olio] XLVII 12). Il di-
gramma tz, per il suono ts, ricorre nelle Poesias solo due vol-
te, in toponimi: Pitzirimasa V 94; Aritzo titolo del n.
XVII (e perci scriviamo in aritzesa LVII 19, 27). In , ts
intervocalico si scrive -z- negli italianismi, puri (profezia
III 45) o adattati alla fonetica sarda (infelize < infelice
XIX 35) quando litaliano ha c (palatale) scempia (c).
2. La terza persona singolare, presente indicativo, del verbo s-
sere scritta sempre nella forma piena: est [].
3. Il segno di aferesi si riserva alla sola e derivata dalla preposi-
zione de [di]. Non si pone davanti ad altre parole: es. ca
enit (= ca benit [perch viene] XXXVI 4).
Per altri usi (contrari al Mereu attestato in ) ci si limita ai se-
guenti interventi:
4. La congiunzione copulativa ne [n] sempre riportata senza
accento. Nei testi accentata, ma con accento grave.
5. La terminazione della terze persone plurali non ha il -t: -an
(non -ant), -en (non -ent), -in (non -int), sun (non sunt). Fan-
no eccezione i probabili ricorsi di sardo tonarese dove -t si
sente appoggiandosi a vocale (anta [hanno] XLIV 11). La
-t rientra negli usi di , per lo pi come eredit grafica di
scritture ottocentesche, in alcuni casi potrebbe trattarsi di -t
con paragogica non espressa graficamente (vedi qui p. 440).
Ma altre terze persone plurali in con paragogica non han-
no t (cfr. dana [dnno] V 70, XII 77, XXXIV 21).
,
(Indunu XXXII 1) a quella con apostrofo (in dunu VII 44).
Tutti gli altri usi dei testi , oscillazioni comprese, sono da con-
siderarsi degli originali, salvo diversa indicazione in apparato.
2. Disperse (testi )
Incerta si presenta la situazione testuale per quei componimen-
ti qui radunati nella sezione Disperse, pubblicati dopo la morte del
poeta in edizz. novecentesche e, come accennato nel cappello in-
troduttivo a questi Criteri, senza alcuna indicazione delle fonti e
dei materiali utilizzati. Comprendiamo tale situazione testuale sot-
to la sigla .
Rispetto alle varie edizz. moderne, si apporta qualche novit at-
traverso le versioni dei nn. XXXV, XXXVI, XXXVII e XXXVIII
rintracciate in Rassegna Poetica Dialettale [RPD]. La versione
fornita dalla rivista (anno 1928) restituisce infatti alcune lezioni da
ritenersi buone, che inducono a stimare maggiormente affidabili,
pi prossime agli originali, le fonti a cui attingevano i redattori. Si
veda la difficilior in SIsveglia (XXXVII 9): Porca Babj contro il
Porca balla delle edizz. moderne, laddove non si pi ricono-
sciuta in Babj una particolare marca di sveglia (cfr. apparato).
Indicativo della bont di RPD anche il caso di Sa teracca mia
(XXXVIII 12): selva (virgolettato nella stampa) diventato ser-
va nelle edizz. moderne, ma selva ipercorrettismo (frequente
in sardo il rotacismo: l > r) che trova un parallelo in Signor Ciar-
la a su fizu Ciarlatanu (13), usato da Mereu fra gli esempi di scor-
rettezze pronunciate da chi pretende di parlare italiano.
Riguardo agli altri testi (nn. XXXIX-LI e LIII-LXVII) ledi-
zione condotta sulle stampe disponibili, secondo i criteri ragio-
nati di volta in volta nellapparato relativo a ciascun componi-
mento. Per i tre testi tratti da manoscritti, in fotocopie (nn. LII,
LXVIII, LXIX), si segue ovviamente la lezione leggibile in queste
ultime.
.
APPARATI
I. Dae una losa ismentigada
edizz. P Pv Ps N
2
RPD
6
Pm CR M S FP DT TEA C PMu F
tit. Dae una losa ismentigada ] tutti Da una losa ismentigada RPD
6
16. unamante ] un amante
II. Amore
edizz. P Pv Pm CR M S FP DT TEA C PMu F
III. Adultera
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
11. manna. ] manna 15. canna. ] canna 29. cun ] con 30. vida ] fida
68. giutt ] giust cfr. apparato a VII
IV. Moribunda
Ripristiniamo secondo P la dedica Alla Signora Angelina Charavel, as-
sente nelle edizz. moderne a partire da FP. Qualche infedelt rispetto a P si
trova in DT. Si riscontra lo sforzo da parte degli editori di corregge erro-
ri metrici e linguistici delloriginale (cfr. anche XVI 11 e apparato); in IV
III 64 appare chiaro il tentativo di far tornare lendecasillabo con un cun-
zedi in luogo delloriginale cunzedimi. Ancora in IV III 75, DT correg-
ge cun deo (caso obliquo per con pronome nella forma del soggetto) in
cun megus; ma simili licenze ricorrono nel linguaggio poetico sardo, se si
ricorda almeno la celebre effrazione di Paolo Mossa nella popolarissima Sa
bellesa de Clori: Colorida che tue e attraente (che tue in luogo di che a
tie). Caso analogo si ha in IV III 70: a mie tantu bastat, rispetto ad a me
tantu mi bastat (P), con sostituzione di me con mie ma pure con sop-
pressione di mi, che era pleonasmo di una qualche carica espressiva.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
-
Per quanto concerne i testi tratti da originali ottocenteschi (testi di tipo
: Poesias e Altre poesie pubblicate in vita, nn. I-XXXIV), malgrado ai fini
della loro costituzione testuale non valga il confronto con le stampe mo-
derne, le note agli apparati dnno conto di alcuni risultati di collazione fra
queste ultime e gli originali, intendendo fornire elementi di una storia del-
la tradizione del testo mereiano (ad integrazione e giustificazione della pa-
noramica effettuata in tal senso nella Notizia sul testo). Nel confronto en-
tra specialmente in gioco la pi fortunata e diffusa vulgata delle poesie di
Mereu, rappresentata dal terzetto di edizioni FP (1978), DT (1982), C
(2001). La concordanza (erronea e non) di queste tre edizioni sempre
compresa sotto la sigla .
Per gli altri testi, classificati nei Criteri di edizione come di tipo , com-
presi nella sezione Disperse (nn. XXXV-LI, LIII-LXVII), le note agli ap-
parati discutono di volta i criteri di scelta della lezione relativi a ciascun
componimento.
La prima riga dellapparato indica le sigle delle edizioni (edizz.) e, quan-
do disponibili, dei manoscritti (mss.) che testimoniano il singolo componi-
mento; la seconda riga informa sulle differenze, se presenti, riguardo ai ti-
toli (tit.); in coda si segnalano i nostri emendamenti.
Ad alcuni apparati si premettono, in corpo pi grande, essenziali note al
testo.
o
plurale di P, perch potrebbe riferirsi a quelli del fisco (abbiate pazien-
za). In si attribuisce un posto a s a quella che invece una lunga coda
di Lamentos (137-184), rendendola indipendente con lattribuzione del
titolo E prite tottu custu? (ricavato dallincipit). Curiosa la diversit di si-
gnificato provocata dalla semplice inversione di lettere in pritoe [per-
ch oggi] P (179) divenuto in priteo [perch io]; la svista si trova an-
che nellediz. TEA (1995), che in genere prossima alla princeps attraver-
so CR (1951); cfr. apparato a XI 32. Dovrebbe trattarsi invece di refuso
loriginale giust (2) per giutt (= giutto; I pers., pres. ind. di gighere);
sebbene risulti strano che P ricada nello stesso trascorso in III 68 (cfr. ap-
parato a III).
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
tit. Lamentos dunu nobile ] P (Lamentus nellindice) Pv (Lamestus
nellindice, refuso) CR M S Lamentos de unu nobile TEA PMu F
41. caro ] caros
VIII. A Genesio Lamberti
Genesio Lamberti: nato a Tempio nel 1859, notevole figura di
educatore, propugnatore di un ruolo centrale della scuola nella
educazione civile dei bambini; firmava articoli su La Nuova Sar-
degna col pseudonimo di Novus. Mereu pot verosimilmente fa-
re la sua conoscenza prestando servizio ad Osilo (cfr. la data in cal-
ce al componimento), dove Lamberti svolse attivit di direttore
didattico. V 1-2. sagonia mappo sonadu: il rintocco funebre
prende in molte parlate sarde il nome di sagonia (vedi anche
LVIII 20). VI 13. cosa buona mortal passa e non dura: citazio-
ne da Petrarca: Rvf, CCXLVIII 8, dove per si legge bella e non
buona.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
III 57. S ] Si V 7. cun ] con
IX. Agonia I
Della prima strofa di questi versi d testimonianza una fotocopia di ma-
noscritto conservata nelle CARTE MOSTALLINO. Riproduce un foglio di
quaderno a righe, segue nello stesso foglio in basso la prima strofa di A To-
nara (cfr. V e apparato). Gli otto versi sono introdotti dalla dicitura A Er-
,
V. A Tonara
La prima strofa di questo componimento figura in una fotocopia di ma-
noscritto delle CARTE MOSTALLINO. La fotocopia riproduce un foglio di
quaderno a righe contenente in alto la prima strofa di Agonia I (IX) e in
basso la strofa di A Tonara sormontata dalla dicitura Duos mutos in ri-
sposta a sa canzone: a Tonara [Due strofe in risposta alla canzone: a To-
nara]. Per i dubbi sullautografia di questa copia, fondati sulla discutibili-
t, in termini autoriali, di tale dicitura, si rinvia alla Notizia sul testo (pp.
435-436); manca il secondo mutu che nel supporto originale dovette occu-
pare il foglio successivo del quaderno (dai bordi del foglio riprodotto, vi-
sibili in fotocopia, si capisce che si tratta di una pagina di verso). Attenen-
doci naturalmente a P, segnaliamo uninfedelt di DT: E desser per Si
desser (65), che cerca di porre rimedio ad un refuso di FP, I desser,
ci che prova ulteriormente come DT segua solo FP non risalendo alla
princeps. Errore invece la piccola lacuna in zeltas per e zeltas
(166). In apparato diamo le varianti, numerose e notevoli, della prima stro-
fa manoscritta.
edizz. P Pv CR M S FP DT Tea C PMu F
ms. CARTE MOSTALLINO, vv. 1-8
1. gentile ] superba 4. candest chi ] e cando 5. E mas a dare ]
E hapa bider 5. jara ] giara 7. A cando ider ] E connoscher 8. chappo ]
chi appo
VI. Consizos a unu amigu
Rispetto al testo P correggiamo fuind (36) in fuid: il senso e la
grammatica (il gerundio fuinde richiederebbe comunque lausiliare ssere)
reclamano il participio fuidu. Al v. 159 riporta un imperativo (ladi) lea-
dunu purgante [prenditi], ma il gerundio leande delloriginale non
problematico (probabile anche imperativo lea+nde avverbio. In si trova-
no altre piccole infedelt: come a sas (146) diventato de sas.
edizz. P Pv Ps N
1
RPD
5
CR M S FP DT TEA C PMu F
tit. Consizos a unu amigu ] P Pv Ps N
1
RPD
5
CR M S TEA F Con-
sizu a un amigu Cunsjzu a unu amigu PMu
8. s ] si 14. credia ] credi a 36. fuid ] fuind 36. giovane ] giovani
66. at ] ha
VII. Lamentos dunu nobile
Lemendamento delle edizz. moderne di pazienza | tenzant (109-110)
in pazienza | tenzat potrebbe essere accolto ma preferiamo conservare il
s
contaminata per lapporto di FP+DT (cfr. apparato a VII 179). Invero la
terza persona singolare torrat andr attribuita al fiume Cixerri, men-
tre la terza persona plurale di torrant ha attratto come soggetti domos
e binzas.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
tit. A Nanni Sulis ] P Pv CR M S FP DT TEA F Nanneddu meu
(A Nanni Sulis) C Nanneddu meu PMu
8. carestias. ] carestias 80. tantappetitu ] tant appetitu 90. a chie ] a chi
XII. Galus
Io son probatica alle budella: lepigrafe da Giuseppe Giusti,
Parla il mascherone della Fonte del Tettuccio (GIUSTI 1962, p. 712).
Mancano in (a partire dallediz. FP) lepigrafe e la dedica A Lia Pu-
lix Scanu. Le stampe moderne eliminano anche laccordo di genere, fem-
minile, in giovanas persones (86; giovanes persones); aggirano poi la
complessit sintattica di Ma de tantas paraulas | ndappincunzadu? Unu
saccu e faulas (143-144), risolvendo in ndhapincunzadu unu saccue
faulas, con fusione della interrogazione retorica monologante e della re-
lativa risposta in ununica affermazione.
edizz. P Pv Ps N
3
RPD
7
Pm CR M S FP DT TEA C PMu F
84-85. bastones. | Tottus ] bastones, | Tottos 120. appidu ] appidu
136. su ] so 152. ojittu ] ojttu 161. Unepoca ] Un epoca 214. bibides ]
bidides il senso suggerisce bevete (da bbere) e non vedete (da bdere)
XIII. A Juanne Sulis
In non figura la data in calce al testo, 13 marzo 1896.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
4. dimando ] dimandu 24. vida ] vida 41. sento ] sentu 99. mancan-
te ] mancate 99. fisica ] fiisica 103. Tue ] Tae
XIV. Caresima
176. carrende sale a testa ruja: cos la nota dellediz. FP (p. 68): I
forzati di S. Bartolomeo a Cagliari, che venivano impiegati nel duro
lavoro delle saline, avevano come copricapo una berretta rossa.
muta pred (= prede, 11) in preid (= preide); volge al maschile
larticolo in su famene (54), ma il femminile sa di P loguodorese e
+
nesto Mereu difforme dal sottotitolo di P: A frade meu Edoardu (as-
sente in ); ci rende sospetta la presunta autografia dellesemplare ripro-
dotto (cfr. Notizia sul testo, p. 435). Al v. 6 accogliamo il des di (ds)
che corregge il de di P. In altri punti si mostra infedele: volge in ge-
rundio (annientand) il participio annientad (42); ha mentrandeo
in luogo delloriginale mentresandeo (62), forse per risolvere una so-
spetta ipermetria (ma lendecasillabo torna con eo monosillabo in sina-
lefe con in); nellultima strofa preferisce le forme fora e ancora al
posto degli originali foras e ancoras. Oltre agli emendamenti alla prin-
ceps, diamo in apparato le varianti della strofa manoscritta, siglandola a.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
ms. CARTE MOSTALLINO, VV. 1-8
tit. Agonia. A frade meu Edoardu ] P Pv CR M S TEA Agonia
PMu F
1. legger ] legher a 3-4. accollidu. | Cun ] accollidu; | cun a 6. des ] de
6. juliar ] giuliare a 6. mie. Addoloridu ] mie e addoloridu a 8. pagina ]
pagina.... a 32. chie ] chi 62. mentres andeo ] mentresandeo
X. Solferino!
10. zunchiavano: mugolavano, fischiavano, rifatto sul sardo me-
ridionale tzunchiai (il mugolare del cane); 10. balle: pallottole,
sardo ballas; 11. calleddi: cuccioli di cane, cagnolini, italianiz-
zazione del sardo calleddos; 14. centometro: a cento metri, mo-
dellato sullitaliano chilometro.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA PMu C
tit. Solferino! ] P Pv CR Solferino M S TEA PMu
XI. A Nanni Sulis I
Nanni Sulis: il Giovanni Sulis curatore di P; si firma Lau-
reando in Medicina nella prefazione allediz. del 1899 ma si pre-
mura di aggiornare la qualifica in calce alla prefazione della se-
conda ediz. Valds del 1928 (Pv): Laureato in Medicina. Di Me-
reu, successivamente alla prefazione a P, si occuper in altre due
occasioni (cfr. SULIS 1928 e 1949).
P (32) ha torrat e non torrant come in , e anche in TEA (1995), de-
rivata da CR (1951), in genere pi fedele alla princeps, ma evidentemente
o
Tonara pubblicato in Spigolature darte (HARDY 1895; Giovan-
ni Sulis nelle Notas alle Poesias lo d pubblicato sulla Illustrazio-
ne Sarda, ma un nostro spoglio della rivista ha dato esito negati-
vo in tal senso). Riproduciamo qui sotto il testo di Hardy (dedica:
a Maria):
A Tonara salude; dae sartura
immensa, siscra de Breb sammirat.
Custu est triunfu mannu de natura
e ogni coro amorosu a tie suspirat.
Ammirende e pensende, no declinat
mai su sole de sanima, et sa pura
poesia virgini et santa, no la furat
sa noia de sa vida et sa tristura.
Dae inoghe, anima bella, sa olada
de sos sonnos de sanima, sardente
disizzu de amore enit a tie.
Lontanu, mando a tie custa posada,
custa posada mistica e prudente,
solu confortu chest restadu a mie.
Presentiamo pochi emendamenti, al v. 53 correggiamo in Campidana
Nuro il Campidanu Nuro della stampa, sanandolo sulla base della
nota del Sulis a questo verso (vedi alle Notas). Al v. 11 ha inteso forse cor-
reggere lindubbia ipermetria sostituendo sa a custa (cfr. per tentativi
di correzione metrica nellediz. DT lapparato a IV); qui presentiamo co-
munque loriginale. Il corsivo furat (50) nostro.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
35. cussa ] cusa 53. Campidana Nuro ] Campidanu Nuro
28. at ] ha
XVII. Aritzo
edizz. P Pv Pm CR M S FP DT TEA C PMu
,
del linguaggio poetico. Si accoglie di lemendamento dendedin brazza
su divertimentu (70) per dendendin brazza su divertimentu, anche se
potrebbe ammettersi dende (gerundio) + nde (avverbio enclitico), con da-
re nel senso di finire (cfr. VIII I 1-2 Ue che sezis dados | o sognos de
amore [Dove siete finiti | o sogni damore]); ma lespressione pare piut-
tosto appoggiarsi alla formula fissa per la quale si veda lincipit stesso di
Caresima (In brazzos duna vida libertina | deris allegramente mi so da-
du 1-2; cfr. anche 54) e diversi altri luoghi (es. dendemin brazzos a sa
mandronia VII 152).
edizz. P Pv Pm CR M S FP DT TEA C PMu
3. chijina ] chijna 5. fia ] fi a 70. dendend ] dended 121. cumpunt, a ]
cumpunt, a
XV. A Eugeniu Unale I
146. istrale fonnesa: FLORE 2003 (p. 400, nota 2) segnala larti-
colo di cronaca (La Sardegna, 27 ottobre 1893) che riferisce i
fatti cui allude Mereu: luomo ucciso da istrale fonnesa [scure
di Fonni] sarebbe Giovanni Veracchi, dice larticolo: colpito con
locchio della scure [] fu arrestato come complice dellassassino
del brigadiere B e poi fu il primo teste di accusa e fece arrestare
due persone ritenute complici nellassassinio.
Si ritiene arbitrario in brullant (= brullante) per loriginale brul-
lan (= brullana, 189), forse per attrazione della terminazione del succes-
sivo consolant (= consolante); ma cfr. sa musa brullana di V 111 e so-
prattutto imbiamuna littera brullana di XIII 116.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
39. orija ] orja 51. Bandas ] Bandas 69. m ] mi 84. olu. ] olu:
132. como ] come 136. canagliest ] canagliest
XVI. A Paolo Hardy
Paolo Hardy: pseudonimo di Ranieri Ugo (Iglesias 1857 - Sestu
1924; cfr. il saggio introduttivo a questo volume, pp. 491-492), fra
gli animatori della rivista Vita sarda, poi fondatore di quella
Piccola Rivista che nel 1899, ironia della sorte, ospiter proprio
alcune poesie di Mereu (PR
1
e PR
2
; vedi MARICA 1964, pp. 144-
145). I versi di Mereu sono in risposta al brutto sonetto intitolato
.
siva (5), ma quella di P forma da considerarsi buona e inoltre usata per
ragioni metriche, laddove la variante quinaria (an-nin-ni-en-de, in sinalefe
con la a che lo segue) d un settenario. Al v. 11 ripristiniamo esses
(imperfetto congiuntivo) contro linfinito esser (). Lediz. DT presenta
la forma mama, con scempia (12 e 18), contro loriginale mamma. Da
segnalare infine due piccole lacune presenti in : test ridotto al solo
est (23), la congiunzione in Cagliade non (37) fa posto ad una virgo-
la Cagliadi, non. Al solito in si d un titolo tematico al componimento
siglato in P.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
tit. K. ] P Pv CR M S TEA Ninna nanna PMu
17. cantu ] canto 28. sento ] sento
XXIV. Y.
Giusta la correzione in FP di inimigas (26) per loriginale immigas,
facile infatti che nei manoscritti serviti allediz. P ni si confondesse con m.
A parte la solita rititolazione tematica dei pezzi siglati in P, corregge fra-
ticida (7) in fratricida e presenta una lieve aggiunta: intro e su sinu
(12) in luogo di intro e sinu, volendo forse rimediare ad unipometria,
daltronde inesistente se si considera dialefe in intro e.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
tit. Y. ] P Pv CR M S TEA Cainu PMu
26. inimigas ] immigas
XXV. A Nanni Sulis II
Per il personaggio cui sono dedicati questi versi (Giovanni Su-
lis) cfr. lapparato a XI.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
73. comente ] coment 117. giannile ] gianile 138. como ] come
XXVI. A signorina S....
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
3. chi ] chi sta per chie 32. si ch ] sic
XXVII. Addio a Nuoro
Prima che in P figura in LIllustrazione sarda (1893), ediz. fino ad ora

XVIII. X.
Il manoscritto servito per P mostrava, come segnala Sulis (cfr. Notas),
cancellature, segnalate nellediz. con serie di puntini che imitano lesten-
sione dei versi (ci atteniamo qui a questuso). Le edizz. moderne escogita-
no un titolo tematico in luogo della sigla.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
tit. X. ] P Pv CR M S TEA Ispasimos de amore Jspasimos de amo-
re PMu
XIX. A Eugeniu Unale II
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C
40. miscriviast ] miscridiast
XX. Non ti poto amare
Al v. 55 volge al maschile larticolo di nie: su nie, per il sa nie
di P soprattutto della lingua poetica oltre ad essere in uso nel sardo me-
ridionale; semplifica anche la costruzione sintattica comentee (60, 88)
nel solo comente.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
9. tenne ] tenne sta per tenner 42. cheres ] chedes
XXI. Studente
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C
tit. Studente ] P Pv CR M S TEA Istudente PMu
XXII. Sorfana pedit pane
Salta in la dedica A Maruccia Santoru.
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu F
XXIII. K.
misera! tace mio petto: da Ugo Foscolo, Tieste, Atto I, Scena
2, 101-102.
Manca in lepigrafe da Foscolo. Il testo riporta Anninnend in luo-
go delloriginale Anninniend (1), uniformandolo alloccorrenza succes-

XXX. A Pascale Dessanai


Pubblicato unicamente in LIllustrazione sarda (1893), questo
sonetto di Mereu costituisce al momento la prima uscita a stampa
del poeta, fin qui sconosciuta. Si tratta di uno scambio poetico con
il nuorese Pascale Dessanai (vedi sotto) che risponder con un so-
netto sempre comparso su LIllustrazione sarda (Risposta - a sa-
migu Giuseppe Mereu, DESSANAI 1893; datato Nuoro, Agosto
1893; qui riproposto a seguire il testo di Mereu: p. 272). Il compo-
nimento risale dunque al periodo nuorese giusta lindicazione in
calce Nuoro, 17 maggio 93 quando Mereu era di stanza nel ca-
poluogo come carabiniere. Pascale Dessanai: (Nuoro 1868 - Uras
1919) fra le voci poetiche pi significative dellOttocento sardo;
pubblic un volumetto di liriche logudoresi (Nulas, 1890) pi altri
testi sparsi in rivista. La sua produzione maggiore non vide per la
luce vivente lautore ed ora disponibile in edizione critica nella
monografia che abbiamo a lui dedicato: La parola ritrovata. Poetica
e linguaggio in Pascale Dessanai (PORCU 2000).
Si riporta fedelmente il testo originale (per la grafia cfr. lapparato a
XXVII).
ediz. ISd
2
XXXI. Avanti!
Il testo compare unicamente nel 1897 su LIdea socialista; mai ripro-
posto successivamente, lo si riporta esattamente secondo loriginale.
ediz. IS
XXXII. A una violetta sicca
Pubblicato in vita dallautore nel 1898 sulla Sardegna Letteraria Arti-
stica Illustrata (SLAI). Ristampato in Rassegna Poetica Dialettale nel
1927 (RPD), verr poi inserito, a partire da FP del 1978 (nello stesso anno
viene anche proposto in T con diverse imprecisioni di stampa) nelle edizz.
novecentesche, le quali seguono fondamentalmente il testo FP. Riportia-
mo la lezione prodotta vivente lautore con pochi emendamenti. In RPD
spunta la dedica ad Amalia Mameli Mereu, assente nella princeps e non
sappiamo dire quanto attendibile. Le edizz. moderne si discostano in di-
-
ignorata. In questa prima versione si presenta la dedica A. G.... C.... poi
parzialmente esplicitata nel 1899 (A Gavinangela C.....). Il testo della ri-
vista differente in alcuni punti da quello confluito in raccolta. Da notare
in particolare la resa grafica della velare sorda con qu, tenace eredit ispa-
nica della poesia sarda (5, 10, 11). Si tratta verosimilmente di unabitudine
del Mereu pi giovane, presente anche nel sonetto A Pascale Dessanai co-
evo ad Addio a Nuoro e ugualmente pubblicato su LIllustrazione sarda
(cfr. apparato a XXX). da escludere che tali usi siano di origine redazio-
nale dato che i testi di altri autori pubblicati nella stessa rivista presentano
altre e pi aggiornate soluzioni grafiche (cfr. in questo volume la stessa Ri-
sposta di Pascale Dessanai al sonetto di Mereu, p. 272). Lapparato d con-
to delle varianti del testo pubblicato in rivista (la lezione a testo, che pre-
cede la parentesi quadra, qui riportata nella grafia di P, senza i nostri in-
terventi, cfr. Criteri di edizione).
edizz. P ISd
1
Pv Pm CR M S FP DT TEA C PMu F
tit. Addio a Nuoro ] P ISd
1
Pv CR M S TEA Addiu a Nugoro
PMu Adiu a Nugoro F
1. fort e ] forte et 2. happo ] hapo 2. dadu ] dadu, 3. partinde, ] par-
tinde 5. Cale ] Quale 5. fizu, ] fizu 6. dies, ] dies 7. suspirend ] Su-
spirende 8. jardinu ] Giardinu 8. rosa ] Rosa 8. camo ] qui amo
9. Sanimest temperad ] Sanimu est temperadu 10. , mischinu, ] mis-
quinu 11. chat ] qui hat 12. Si torro pro fortun ] Si pro fortuna torro
12. jardinu ] giardinu, 13. rosa ] Rosa 14. e mi lassento sorridente ] Et
orgogliosu mi lassento
XXVIII. Unu ballu in maschera
Manca in la dedica A Billiana S......
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
XXIX. W.
Si conserva la grafia bijdu [bevuto] (170), trattandosi forse di una j
diacritica, usata per evitare lomografia con lomofono bidu [visto].
edizz. P Pv CR M S FP DT TEA C PMu
tit. W. ] P Pv Dialugu fra maridu e muzere M S CR TEA Dialo-
gu fra maridu e muzere PMu
27. l ] la 28. gia ] gi 94. las ] lhas: 67. s ] si
o
dico io, potrebbe essere: Costui [il pretore cui vorrebbe scrivere lattore
per protesta] non parla a (con) te, son io preposto a giudicare. Lindica-
zione della dieresi (giustissa 11) nostra (gi proposta in PORCU 2001).
edizz. PR
2
T PMu PORCU 2001
tit. In Conziliatura - Attore e Conziliadore - ] PR
2
In Cunziliadura T
PMu
XXXIV. A Ernesto Mereu. Sergente in su Geniu
Corona di sette sonetti per la prima volta a stampa su la Piccola Rivista
(PR) nel 1899. Il testo figura nelle raccolte moderne senza indicazione del-
la fonte e certamente derivato da materiali altri dalloriginale a stampa,
considerato lalto grado di scorrettezza di queste riprese. In tutte le stampe
si riscontra il titolo Afrade meu e la caduta del sottotitolo Sergente in su Ge-
niu; cos pure non viene riproposta la nota a pi di pagina delloriginale.
Fra le divergenze testuali pi evidenti segnaliamo le lacune dei gruppi di
versi 7-8, 23-28 e 85-92, ci che ha portato allinintelligibilit dellorigina-
rio schema metrico della corona di sonetti, ragion per cui le riproduzioni
moderne tendono a trattare come strofe isolate le quartine e le terzine dei
sonetti (ora accorpate in ottave, ora in sestine; le stampe M S rendono con
un continuum). Inoltre troviamo collocato in dopo i versi del quinto so-
netto quelli che nella princeps costituiscono il terzo sonetto (29-42). Lalto
grado di scorrettezza di queste stampe (M e S in misura pure maggiore di )
si palesa per altri numerosi errori. Soffermandoci sulla famiglia e limi-
tandoci ai casi pi notevoli, segnaliamo: bruscu per brunu (4); sos
per milli (5); linversione fulanu, a vintunannu per a vintannos! Fu-
lanu (13; col tentativo di uniformare let del destinatario a quella dichia-
rata al v. 3); il solo fulminadas per la costruzione che infulminadas
(19); thapo per ti tenzo (29); un a largos annos (trita formula augu-
rale) per allegros ambos (30); perdidu per lassadu (47). Piuttosto
compromessa in anche la parte relativa allitaliano porcheddinu (54-56)
che notevole importanza ha per Mereu (cfr. qui pp. 506-508): il v. 54 della
princeps attesta infatti le forme (in corsivo) prallas e talianu che bana-
lizza rispettivamente con ses parlende e italianu; al v. 54 non riconosce
in Voi (maiuscolo e corsivo nelloriginale) laffettazione della forma di ri-
spetto, ma la intende come II persona plurale, producendo il plurale del
verso successivo: Sardos molentes al posto delloriginario sardo molen-
te (56). Segnaliamo infine la divergenza in Ses sanu, nerborudu e forte
() rispetto a Ses ruzu, sanu, nerbiosu e forte (93).
edizz. PR
1
M S FP DT TEA C PMu
,
versi punti dalloriginale, dimostrando di ignorarlo per lincomprensione
(dovuta alla fattura dei loro antigrafi) dello schema metrico in terza rima;
fin da FP+T, le edizz. moderne escogitano lavventurosa divisione strofica:
9 + 12 + 13. RPD e la famiglia (cui si accorda anche T) risalgono ad an-
tigrafi simili, come denunciano le seguenti lezioni comuni, divergenti dal-
la prima uscita in rivista:
SLAI RPD +
1 chi oe fia chi fia
3 istadu so so istadu
6 mammolett violedda (violetta )
10 De lagrimas bagnadappo Mirende cussu pallidu
11 nara, tammentas, nara A ti ndammentas, nara
16 donosa gentile
18 miseru pubblicu
A separarli interviene per la terzina compresa fra il v. 25 e il v. 27, lad-
dove al v. 25, Tue puras suffriduninganna, (con T) anticipa il v. 27,
Zessada test sa festa, sallegria, e in luogo del v. 27 ha che cando mai,
mai non creia, che non figura in SLAI e RPD. Questo passo di fa pen-
sare a varianti dautore, ma propendiamo nel vedervi uninterpolazione,
tenuto conto della fattura scadente di questo v. 27 testimoniato solo da +
T. Segnaliamo infine quello che forse un tentativo, comune a e T, di cor-
reggere lipermetria dellultimo verso (34) con giura per giurami.
edizz. SLAI RPD
4
FP DT T C PMu
tit. A una violetta sicca ] SLAI A una viola sicca RPD
4
Una viola
sicca T PMu
3. unora ] un ora
XXXIII. In Conziliatura
Sonetto uscito a stampa su la Piccola Rivista (PR) nel 1899; compare
poi in T (1978). Ne abbiamo fornito unediz. in PORCU 2001, allestimento
in cui per era saltato il corsivo della terzina finale che qui ripristiniamo.
Secondo loriginale si ripristina anche pralla te (12), emendato in PORCU
2001 laddove ci era parso, non senza motivo, di ravvisare un errore di
stampa su un originario prallate (lezione riportata da T); potrebbe per
trattarsi di prallare transitivo: pralla (a) te, come duso nel sardo e nelli-
taliano regionale di Sardegna. Il senso del verso, Questo non pralla te, giu-
s
vergenze di rispetto a RPD segnaliamo: chi per ca (3); dolore per
dolos (4); e paret per comente (7); ca manna per grave (11).
edizz. RPD
8
M S FP DT TEA C PMu
1. ticchi-tacca ] tic tacca si uniforma alloccorrenza del v. 14 5. e ] E
XXXVIII. Sa teracca mia
12. selva: ipercorrettismo per litaliano serva.
Si riporta il testo della Rassegna Poetica Dialettale (RPD). Da notare
la divergenza che interessa il v. 8: linna in RPD, teula in M, taulas
in . Il testo di RPD ha il vantaggio di riportare selva (12), che ha un
parallelo in Signor Ciarla a su fizu Ciaralatanu (XL 13).
edizz. RPD
9
M S FP DT TEA C PMu
XXXIX. Sas giarrettieras
12,13. giarra, giarrettiere: ghiaia in sardo meridionale; per in-
terferenza con litaliano le donne addette allo sterramento della
ghiaia si sovrappongono nominalmente a capi di lingerie (giar-
rettiere); 14. montone: mucchio (sardo muntone).
Il sonetto esce nello stesso anno (1978) in T ed FP (seguito da tutta la
famiglia ); le due stampe non divergono se non per trascurabili varianti
formali.
edizz. T FP DT C PMu
XL. Signor Ciarla a su fizu Ciarlatanu
Ciarlatanu: figlio (fizu) del Signor Ciarla e dunque gioco di pa-
role per Tanu (Sebastiano) Ciarla; 13. selva: cfr. XXXVIII 12
e nota.
Le edizz. non divergono se non per elementi minimi di carattere forma-
le. Al v. 2 si preferito il punto posto da T.
edizz. T FP DT C PMu
XLI. In siscola
3. emma: emme (lettera m); cos riporta, fra le istruzioni, il Re-
gio Editto del 24 giugno 1823 sulla istruzione superiore, inferiore, e
o+
tit. A Ernesto Mereu. Sergente in su Geniu ] PR
1
A frade meu M S
TEA PMu
7. e ] e 61. e sartinas ] E sartinas 87. s ] si.
XXXV. Agonia II
1, 10. titti, tittia: interiezioni che esprimono brividi di freddo (it.
brr); cfr. LV 33.
Si segue il testo di RPD, il quale in una nota introduttiva informa: Que-
ste terzine furon dettate dallAutore qualche mese prima dellimmatura
sua fine (mor a soli ventinove anni), in una rigida morte di febbraio. Giu-
sta lindicazione di terzine laddove gli altri testimoni propendono per una
sorta di ottava accresciuta, da cui lo stesso titolo presente in M S FP
TEA (vedi in apparato), forse in ossequio alla consuetudine di comporre
ottave isolate. Di una ricezione del testo prima che compaia nelle edizz.
moderne (a partire da M del 1967) testimoniano i versi di Pera Sulis inti-
tolati A Peppinu Mereu (stanno in SIschiglia, a. I, n. 12, dicembre 1949,
p. 9; ) che instaurano un fitto dialogo intertestuale col nostro testo.
edizz. RPD
1
M S FP DT TEA C PMu
tit. Agonia ] RPD Ottava M S FP TEA Titti tittia DT C Tittia tit-
tia PMu
XXXVI. Turmentos
Si riporta il testo della Rassegna Poetica Dialettale (RPD). Alcune le-
zioni sostanziali divergenti di (ventana contro finestra 2; de vida
contro pro finas 14) sono gi in M.
edizz. RPD
10
M S FP DT TEA C PMu
XXXVII. Sisveglia
Si preferisce il testo della Rassegna Poetica Dialettale (RPD), con due
soli emendamenti a 1 e 5. In RPD firmato M., la tradizione successiva
ad attribuire il testo a Mereu. Da sottolineare la lezione del v. 9 Babj, che
banalizza con balla (probabile confusione mnemonica con loriginario
v. 5 che riporta appunto limprecazione balla! in risolta con un ti bal-
las riferito alla sveglia). Il testo di RPD rinvia per questo luogo alla nota in
calce: marca della sveglia; mentre per quanto riguarda Bonomi, la rivi-
sta segnala sempre in nota che si tratta del nome del venditore. Fra le di-
oo
XLIII. Litanias maggiores
Litanias maggiores: litanie maggiori, anche rogazioni, esegui-
te in processione il 25 di aprile, soprattutto per impetrare un buon
raccolto; la processione toccava le chiese, le cappelle e le immagi-
ni sacre presenti nel paese: il rovesciamento mereiano tocca figure
femminili del villaggio.
Le stampe divergono lievemente e in pochi punti; pur seguendo il testo ,
preferiamo al suo chircades (15; ind. pres.) il chirchedas di T (cong.
pres.); preferibile anche T per istrazzulada (24) in luogo di istrappada ().
edizz. T FP DT C PMu
tit. Litanias maggiores ] T Litanias majores PMu
XLIV. Unu bandu
Sonetto camuffato che compare dapprima in M e S, in versioni lacu-
nose (mancano i vv. 7-8), ripreso poi in pi correttamente (a parte lalle-
stimento tipografico che asseconda una divisione per voci-personaggi e
non la struttura rimica del sonetto). Si segue dunque (DT corregge cre-
diamo opportunamente in Occannu 14, lOccanno di FP), propo-
nendo un solo emendamento (vedi apparato).
edizz. M S FP DT TEA C PMu
7. pighent ] pighet
XLV. Cunfessende
Le stampe concordano, eccetto che per Rettore (3), maiuscolo, di T,
che seguiamo.
edizz. T FP DT C PMu
XLVI. Sambulante tonaresu
Fra T e preferiamo il primo, sebbene alcune lezioni risultino indiffe-
renti: il caso di che feris [ti conduci] T, contro tifferis [giungi]
(10). Preferibile invece la lezione Pasca e Nadale in T (4), modo sardo
per indicare il Natale, mentre presenta un e congiunzione Pasca e Na-
dale, anche se potrebbe trattarsi di semplice trascuratezza nel segnare la-
feresi di de (da cui e) o di refuso, o addirittura di lezione buona ad indi-
care la Pasqua ed il Natale.
edizz. T FP DT C PMu F
o,
normale od elementare: schivare soprattutto di dire effa, ella, em-
ma, enna, essa, per f, l, m, n, s (cfr. SPANU NIVOLA 1973, p. 140).
Non sempre risulta possibile riconoscere una struttura in questa serie di
versi (senari e endecasillabi pi alcuni quadrisillabi). La divisione strofica
che qui presentiamo individua aggregati solo in parte coerenti: il primo ri-
conducibile al tipo codificato dellottava lira serrada, in cui si alternano set-
tenari ed endecasillabi (vedi il Mereu lirico: n. VIII). Sovrapponibili le due
strofe che seguono alla prima (con schema a a a a B B); parzialmente so-
vrapponibile a queste il quarto raggruppamento (a a b b CC), mentre lulti-
ma parte si compone di distici a rima baciata in cui sinserisce il quadrisilla-
bo (30, 32, 34, 36). In siscola compare nello stesso anno (1978), ma con tito-
li differenti, in T e FP (da cui ); abbiamo preferito il primo, in quanto por-
tatore di lezioni buone (es.: bibanda per e bibanda 5), mentre FP ri-
sulta lacunoso (mancano i vv. 7-8 che non si ha motivo di ritenere abusivi,
soprattutto qualora si consideri che vanno a chiudere lo schema rimico
della prima strofa). E ancora in altri luoghi T si rivela pi preciso: nel rispet-
tare la rima, di una certa arditezza, di quindi si con cos (19-20; va a
capo dopo quindi), ed anche (se non ha qui agito la sardofonia del tra-
scrittore) per la minuzia della geminata in fatte (27) per fate.
edizz. T FP DT C PMu
tit. In siscola ] T PMu Signora maestra FP DT C
XLII. Proposta amorosa - Risposta amorosa
Questi distici a rima baciata di settenari e endecasillabi liberamente col-
locati (formano due lasse disuguali: 30 versi la prima parte, 40 la seconda;
tutte le edizz. escogitano divisioni strofiche non convincenti) compaiono
per la prima volta, contemporaneamente, in FP (cui si accorda tutta la fa-
miglia ) e T. Le divergenze fra le due stampe sono minime. Prendendo di
base il testo ci appoggiamo a T per mamma (I 14) in luogo di mama
(), in ossequio alla rima ma anche ad una forma ampiamente attestata in
Mereu (cfr. ad es. III 66, IV I 10, IV III 16). Minima ma irrisolvibile, allo
stato attuale della documentazione, ladiafora (II 10) sa , la T, consi-
derato il frequente scambio fra sardo e italiano di questo testo; ci si attie-
ne comunque al sardo sa. Il polimorfismo di II 13 (prus, pius) da
considerarsi assolutamente normale e qui, inoltre, la variante poetica
pius prevede una scansione bisillabica che aiuta la metrica.
edizz. T FP DT C PMu
tit. In siscola ] T PMu Signora maestra
o.
LI. Serenada
Il testo T presenta varianti interessanti rispetto a , come (si cita prima
la lezione di T): Pius virtuosa (11) contro Cosa pius bella; non ti
(12) invece di non nde; Procura e (13) in luogo di Pensa, bella, a;
Bella custa (17) invece di Custa bella (bella nel primo caso riferito
allamante-bistecca e nel secondo alla serenata); amante (19) contro
amadu. Si d fiducia a T con aggiustamenti nella punteggiatura. I primi
dodici versi di questo componimento risultano riconducibili alla struttura
analizzata nel precedente Aspettos (vedi apparato a L); anche pare rico-
noscervi la doighina, ponendo uno stacco tipografico dopo il v. 12, mentre
T riproduce i versi in una sola strofa.
edizz. T FP DT C PMu
LII. Cando chi a Tonara
La fotocopia conservata fra le CARTE MOSTALLINO (da cui traiamo il te-
sto) riproduce un foglio di quaderno a righe che riporta unicamente la
strofa (si tratta di una undighina, metro molto caro al poeta, cfr. VI, XVI,
XX, LVI) che principia con Cando chi a Tonara. Trattiamo il presunto
autografo secondo i criteri seguiti per i testi pubblicati in vita dallautore
(vedi Criteri di edizione) e proponiamo un solo emendamento.
ms. CARTE MOSTALLINO
edizz. F
tit. anepigrafo ] (chene titulu) F
9. barattu ] baratu
LIII. Imbasciada
Le edizioni non divergono fatta eccezione per un caso isolato ma di un
certo peso: T infatti presenta cudda finestra (9) contro custa fine-
stra(), e il senso cambia, poich con cudda bada che io aspetto lam-
basciata (proveniente) da quella finestra, mentre con custa il senso sareb-
be bada che da (stando in) questa finestra aspetto lambasciata. Si opta
per la lezione di T.
edizz. T FP DT C PMu
LIV. Mutu
mutu: non infrequente rintracciare mutos (componimenti can-
tati di pi spiccata estrazione popolare) nelle produzioni dauto-
o
XLVII. A unillusa
Il sonetto riportato da T (PMu lo deriva da questultimo) col titolo che
qui accogliamo. Pochi gli aggiustamenti di rilievo (riportati in apparato) ri-
spetto a questa stampa.
edizz. T PMu
5. bucca, ] bucca 5. dese, ] dese 14. sira e Deu ] sira Deu
XLVIII. Su socialista a una bigotta
La tradizione a stampa di questo doppio sonetto si presenta piuttosto
compatta: non vi sono differenze di rilievo fra e il gruppo rappresentato
da M S TEA (allinterno del gruppo , DT procede al solito a evitare, con-
tro FP, i nessi l + consonante: chilcas > chircas 28; cfr. Criteri di edi-
zione). Prendendo dunque il testo interveniamo solo in un punto (vedi
apparato).
edizz. M S FP DT TEA C PMu
14. frima ] firma
XLIX. Su canarinu e su Rettore
Compatta la tradizione a stampa, si segue , accogliendo da T la maiu-
scola in Rettore (1). Il corsivo in la (5) redazionale.
edizz. T FP DT C PMu
tit. Su canarinu e su Rettore ] T Su canarinu de su Rettore Su ca-
narinu e su Rettore PMu
L. Aspettos
Le edizz. riproducono questa serie di ottonari in ununica strofa, per cui
viene difficile a tutta prima ricondurre il componimento ad un genere de-
finito. La rima fra i vv. 1 e 2 e lultimo verso (in -et(t)a) fa pensare per ad
una canzone torrada, cio con strofa introduttiva (pesada) di tre versi (1-3)
e ripresa di una rima della pesada a fine strofa (15), e quindi nella fattispe-
cie si tratterebbe di una doighina torrada, strofa di dodici versi con ripresa
rimica in chiusura. Infatti, dopo i primi tre versi della probabile pesada, lo
schema quello classico della deghina torrada (a b b a a c c d d x) cui Me-
reu aggiunge un ulteriore distico a rima baciata (a b b a a c c d d e e x); lo
schema complessivo sarebbe dunque: x y x | a b b a a c c d d e e x.
edizz. T PMu
o
(Tip. Edit. P. Vacca Mameli, Lanusei), volume che sar loggetto di
questa lettera in versi. La collaborazione editoriale richiesta da De-
villa a Mereu non dovette per tenersi, poich il poeta tonarese non
mezionato nellediz. sopra citata delle poesie del Sulis.
Il testo espone una maggiore correttezza rispetto alla restante tradi-
zione a stampa, che presenta anche lezioni erroneamente curiose: Casti-
glianas abbas per castalianas abbas (22) in S. Perci si sceglie il primo
anche se si preferisce il seperare [scegliere] (38) di M S TEA contro al
separare (come in it.) di , e cos pure poete (44) a poeta e i plurali
sas disamistades : infermidades (67 : 69) ai rispettivi singolari. In tut-
ti i testimoni il capitolo in terza rima manca di un verso, il penultimo (rima
in -osu), cosa di cui non pare si siano avveduti gli editori che ci hanno pre-
ceduto.
edizz. M S FP DT TEA C PMu
LVIII. Anima niedda
20. sonat de agonia una campana: cfr. nota a VIII V 1-2.
La tradizione si presenta abbastanza compatta; seguiamo il testo con
un solo emendamento.
edizz. M S FP DT TEA C PMu
16. mortalidades ] mortalidade
LIX. Minca macaca
Si segue il testo (ma non vi sono divergenze di rilievo rispetto agli altri
testimoni). Emendiamo il titolo, macaca e non maccaca (con gemina-
ta), secondo le occorrenze del termine nelle Poesias (cfr. III 15) e nel Me-
reu pubblicato in vita in rivista (cfr. XXXI 25 e XXXIV 49).
edizz. FP DT TEA PMu
tit. Minca macaca ] Minca Maccaca TEA PMu
LX. Su minestrone
Si sceglie il testo ; il testo M+S presenta lezioni interessanti, delle qua-
li una almeno da accogliere a testo: murale (50; forma metatetica di mo-
lare) contro murrale [cavezza]. Metricamente pi felici altre soluzioni
assenti in e presenti in S per le quali propendiamo: fog e (4) contro
fogu de; pro chi (36) contro ca. Difficile invece la scelta fra ei sos
o-
re ottocentesche; il mutu esperito dai poeti colti, fuori da un
uso squisito, come genere tout court della tradizione sarda.
Si segue il testo T (da cui essenzialmente PMu).
edizz. T PMu
LV. Ad Alberto Lamarmora
32. tittia: cfr. la nota a XXXV 1 e 10; 33. carapigna: sorbetto
(vedi XVII 12).
Questa scadente corona di sonetti (se di Mereu) si riferisce al-
la posa della prima pietra (22 luglio 1900) della Casa-rifugio edifi-
cata sotto Punta Paulinu (non Paolina come recita il testo) e
inaugurata il 27 luglio del 1901. Alberto Lamarmora: (Torino
1789-1863), luogotenente generale piemontese a pi riprese ven-
ne in Sardegna (a partire dal 1819), intraprendendo spedizioni
geografiche che negli anni dettero vita ad opere fondamentali per
la conoscenza dellIsola (i tre voll. del Viaggio in Sardegna dal 1819
al 1825, o Descrizione statistica, fisica e politica di questa isola 1826;
lItinerario dellisola di Sardegna 1860).
La tradizione a stampa si presenta tutto sommato compatta. Si segue co-
munque il testo .
edizz. T FP DT C PMu
LVI. A Nanni Sulis III
Per il metro usato in queste tre strofe cfr. lapparato a LII. Si tratta del
quarto componimento indirizzato a Giovanni Sulis nella produzione nota
di Mereu (vedi apparati a XI, XIII e XXV). Le stampe non divergono,
per preferibile (seguito da PMu) poich la restante tradizione manca
del v. 26 (tue ses bona e pia) e presenta lezioni incomprensibili (ben-
ned est sanu 33).
edizz. M S FP DT TEA C PMu
LVII. A Signor Tanu
Signor Tanu: da identificare in Sebastiano Devilla, nipote del
poeta Bachis Sulis di Aritzo (1795-1838) e curatore nel 1899 di una
raccolta di poesie intitolata Bachisio Sulis e le sue poesie vernacole
oo
LXV. A su tianesu
Ci si attiene al testo , ma le stampe concordano.
edizz. M S FP DT TEA C PMu
LXVI. A Peppe Cappai
Potrebbe trattarsi di quartetta isolata (anche se cos i versi non sembra-
no avere senso compiutissimo) oppure di frammento dottava. Si segue T.
edizz. T PMu
LXVII. Il verbale
Inseriamo qui le terzine in italiano de Il verbale che apparter-
rebbero allideale sotto-sezione (nn. XXXIX, XL, XLI, XLII, cui
va aggiunto il n. XXXIII In Conziliatura) dedicata al Mereu speri-
mentatore di linguaggi, attento soprattutto alla commistione fra
italiano e sardo. Qui piuttosto lantilingua calviniana ad essere
collaudata in rima: il linguaggio della burocrazia e, appunto, il
verbalese. 57. Unale: dovrebbe essere il collega carabiniere
Eugeniu Unale cui sono indirizzati due componimenti delle Poe-
sias (XV e XIX).
Lunica divergenza allinterno del gruppo , qui seguito, sta al v. 54, con
allegarlo (edizz. DT e C) in luogo dellancora pi burocratico, che acco-
gliamo a testo, attergarlo (ediz. FP; recuperato da PMu, mentre T con-
corda con DT e C). Diverse invece le varianti che intercorrono fra e T:
da noi per a noi (6); voce canora per con voce canora (32); gior-
no dopo giorno per ieri a mezzogiorno (41); con segni di unidrofo-
ba per con chiari segni di idrofoba (44); affamata per malfamata
(48). Il solo T riporta in calce Piazzaforte di Orune | Anno della fame,
indicazione che dovette essere almeno in parte nota a FP, visto il titolo.
Sempre in T, un cappello introduttivo recita: Verbale comico che Peppi-
no Mereu ha fatto quando era carabiniere al suo collega Eugenio Unale
senza data indicato per lanno della fame (difficile peraltro riferire
la dicitura ad un anno in particolare, poich si tratta di definizione attri-
buita alle purtroppo numerose annate di carestia ottocentesche).
edizz. T FP DT C PMu
tit. Il verbale ] T Piazzaforte di Orune Il verbale (Piazzaforte di Oru-
ne) PMu
o,
trunzos () e sos istrumentos (S). Daltro canto appare banalizzazione
quella di S in misciadu in luogo del raro minadu (32) col significato di
mischiare ma pi precisamente di mischiare sbattendo, approppriato per
ou [uovo].
edizz. M S FP DT TEA C PMu
LXI. Su testamentu
La maggior parte delle stampe che tramandano le celebri terzine de Su
testamentu sono lacunose ai vv. 56-57, compreso il testo che qui fonda-
mentalmente seguiamo. Rimedia in parte alla lacuna un nuovo v. 57 com-
parso di recente nelle edizz. F e PMu: morzo sentza pecados in su pettu
(ma ignoriamo quale sia la fonte da cui apprendono questo verso). Acco-
gliamo anche lultimo verso, non attestato da tutte le stampe (manca in FP
e DT), Peppe Mereu bos toccat sa manu, che chiude lo schema del ca-
pitolo in terza rima. Mereu in chiusura di metro si firma soprattutto con
Peppinu, ma Peppe Mereu figura gi nelle Poesias (XV 179). Le diver-
genze fra il testo e la tradizione rappresentata da M+S sono alquanto in-
teressanti e solo altre testimonianze in futuro potranno dare risposte in
merito alla scelta della lezione. Risultano infatti equipollenti alternative co-
me (precede la lezione di ) tranquillu / felice (2), funebre / lugu-
bre (22), fentomare / cuntrastare (30). Di M+S preferiamo i plurali
(in singolari) dei vv. 79, 83: Serpentes viles, perfidas coloras, viles.
edizz. M S FP DT TEA C PMu F
LXII. Sa bottiglia
Si segue il testo ; la tradizione risulta comunque concorde.
edizz. M S FP DT TEA C PMu
LXIII. Ottava
Riportato dallediz. T, da cui lo deriva PMu.
edizz. T PMu
LXIV. Mauru Zucca
Riportato dallediz. T, da cui lo deriva PMu.
edizz. T PMu
os
NOTA ALLA TRADUZIONE
Al trio formato da Giovanni Dettori, Marcello Fois e Alberto
Masala, ho richiesto unesecuzione italiana che salvaguardasse le
rime e le misure dei versi sardi. Coraggio, mestiere e sensibilit
culturale hanno sostenuto i traduttori nel portare a termine il
compito. Mi piace ricordare, come antico e ideale padrino del-
lintrapresa, il Sebastiano Satta traduttore in metrica e rima, pi
di un secolo fa (La Nuova Sardegna, 1 marzo 1896), dellinno
settecentesco Su patriotu sardu a sos feudatarios (meglio noto
come Procurade e moderare o Barones sa tirannia) di Francesco
Ignazio Mannu.
GIOVANNI DETTORI ha tradotto i nn.: IV, VIII, XII, XV, XVII,
XXII, XXIII, XXVII, XXXII, XXXV, XXXVI, XL, XLV, XLVI,
LIV, LVII, LVIII
MARCELLO FOIS: I, II, IX, XI, XIII, XIX, XXI, XXV, XXVI,
XXVIII, XXXIII, XXXVIII, XXXIX, XLI, XLIII, XLIV, L, LIX
ALBERTO MASALA: III, V, VI, VII, X, XIV, XVI, XVIII, XX,
XXIV, XXIX, XXX, XXXI, XXXIV, XXXVII, XLII, XLVII,
XLVIII, XLIX, LI, LII, LIII, LV, LVI, LX, LXI, LXII, LXIII,
LXIV, LXV, LXVI
G. P.
-+
LXVIII. Mors tua - Vita mea
da mettere soprattutto in relazione con il testo in sardo Ani-
ma niedda (in particolare cfr. vv. 39-45): pare, come per la succes-
siva, che Mereu tentasse anche la via italiana per alcune tematiche
affrontate nei testi sardi.
Le CARTE MOSTALLINO conservano una fotocopia che riproduce un fo-
glio di quaderno a righe occupato da sei quartine di settenari manoscritte
(schema a b a b; disposte su due colonne), di cui la terza mancante del
quarto verso, mentre il v. 2 della prima quartina risulta incompleto. Sopra
il testo campeggia un disegno che parrebbe riprodurre una cappella fune-
bre posta su una basamento su cui scritto Mors tua - Vita mea, e attra-
versata in diagonale, da sinistra in alto verso destra in basso, da una falce
che riporta scritto sulla lama Sterminio (per la discussione dellautogra-
fia vedi il paragrafo Manoscritti della Notizia sul testo). Del manoscritto
non si rispettano le maiuscole ad inizio verso.
ms. CARTE MOSTALLINO
4. funerali. ] funerali
LXIX. A Tonara
Questi versi in italiano (cfr. precedente) sono conservati fra le CARTE
MOSTALLINO e potrebbe trattarsi di autografo (cfr. paragrafo Manoscritti
della Notizia sul testo). La fotocopia da cui si prende il testo riproduce un
foglio di quaderno a righe contenente quattro strofe di cinque versi com-
poste da quinari, una quartina con schema a b a b pi un quinto verso ir-
relato. Le strofe sono disposte su due colonne. Accanto al titolo compare
fra parentesi lindicazione Vedi Retro, da cui sintuisce che nei materia-
li originari il testo proseguisse con altre strofe almeno sul recto. Sopra il ti-
tolo un disegno floreale con figura umana al centro. Anche qui, come nel
precedente, non si riproducono le maiuscole allinizio dei versi.
ms. CARTE MOSTALLINO
-o
Peppinu Mereu
Lultimo poeta in lingua sarda
di Giancarlo Porcu
Aprile 1893. Scettico su un saggio di traduzione in sardo
dallEneide recapitato alla rivista cagliaritana Vita sarda,
il redattore Sebastiano Madau scrive e sinterroga: Era pro-
prio opportuno che di un poeta massimo, qual Vergilio,
simmaginasse un travestimento ne modesti panni del no-
stro idioma? (MADAU 1893). Giuseppe Sanna Naitana, lau-
tore della traduzione incriminata, ovviamente pi convin-
to della bont dellesperimento. Nella lettera allegata al suo
Virgilio in veste sarda (lettera di cui Madau riporta un lungo
stralcio), il traduttore dichiara in particolare di aver cos vo-
luto replicare a Paolo Mantegazza: reo di aver scritto, con
petulanza, che il sardo non si presta allepopea
1
. Ma pro-
prio attraverso la motivazione di Naitana, pare a Madau di
vedere che lintrapresa abbia un fine altamente patriotti-
co a cui solo possono intendere i nostri vecchi, cresciuti nel-
la lirica appassionata della patria [sarda], mentre alla gene-
razione che sorge gli entusiasmi del lavoro alimentano ben
altre fiamme e la battaglia della vita mira a colpire il petto
degli avversari con altre lancie che non sian quelle delle rime
vernacole. E, vestendo i panni del poeta, confessa ancora il
giovane recensore che: qualche volta, dolorosamente ve-
-
1
Dovrebbe riferirsi ad una pagina di MANTEGAZZA 1870 dove si legge:
La poesia sarda povera di poemi (p. 179).
lIsola e lItalia continentale. In particolare, la Sardegna de-
gli anni 90 aveva ospitato una pi attiva e diffusa produ-
zione di libri, giornali e riviste in lingua italiana, e fra que-
ste proprio Vita sarda (importante e abbastanza duratu-
ra) e altre come Nella terra dei nuraghes e Sardegna ar-
tistica; senza scordare che sono gli anni in cui si colloca la
fondazione dei due storici quotidiani sardi: La Nuova Sar-
degna e lUnione Sarda. Non per caso che da questa
stagione di fine secolo potranno prendere lavvio lavventu-
ra poetica di Sebastiano Satta (Nuoro 1867-1914) e soprat-
tutto quella narrativa di Grazia Deledda (Nuoro 1871-
1936), col loro sforzo di rendere possibile la convocazione
in nazionale della Sardegna.
La poesia di Peppinu Mereu non estranea alle sollecita-
zioni di tale momento culturale, comprese le inclinazioni
diremmo progressiste, ma non guarda allorizzonte distan-
ze comunicative di cui si diceva. Perch, fondamentalmen-
te, c in Mereu una doppia competenza, nel senso che egli
va sperimentando una cultura letteraria nazionale, in italia-
no, mentre conta su una comunicazione letteraria tutta iso-
lana, in sardo. Anche lui cresciuto nella lirica appassionata
della patria (come il Sanna Naitana traduttore da Virgilio),
continua a frequentare serio, dallinterno, quella stessa poe-
sia tradizionale in lingua sarda dove al contrario, ma nello
stesso torno di tempo, il modernista Madau deve scendere
verit dolorosa! annoiato a fare due capriole.
In questa divergenza di prospettive e di atteggiamenti fra
contemporanei si fa leggere un quadro di dislivelli culturali
con implicazioni linguistiche (italiano/sardo) ma anche so-
cio-areali (urbano/rurale) poich non di secondaria im-
portanza che Madau guardasse ai borghi e borgo la
--
ro, anche noi altri, per noia o ghiribizzo, scendiamo a far
due capriole ne prati fioriti de nostri borghi e l cozziamo,
cos per ridere, co montoni della critica silvana. [] Ma,
niente di serio in tutto ci. Scaraventiamo le rime in faccia
alle villane, quando la digestione mal riuscita. Fuor di
metafora: il Madau poeta ammette di concedersi, pure lui,
con tutte le riserve del caso, alle rime vernacole.
A dispetto della marginalit e della scarsa notoriet dei
suoi protagonisti
2
(protagonista solo evocato Mantegazza,
un gigante della cultura ottocentesca), questa vicenda di fi-
ne secolo esprime una piccola querelle des anciens e des mo-
dernes che serve a capire le tensioni del momento culturale
in cui si colloca lattivit poetica di Peppinu Mereu. Il pen-
siero di Madau infatti quello di una generazione isolana
postunitaria la stessa di Mereu che sentiva lurgenza, e il
dovere, di comunicare con la nazione ad armi pari, deside-
rando comunicare alla nazione unaltra Sardegna, progredi-
ta. E comunicare ad armi pari voleva dire intanto utiliz-
zare quel codice che avrebbe garantito la trasmissione e la
ricezione del messaggio: la lingua nazionale. Madau rap-
presenta in tal senso una lite formatasi in quellultimo
trentennio dellOttocento che aveva visto lintensificarsi dei
rapporti politici, amministrativi, economici e culturali tra
-o
2
Non si hanno molti dati su questi due personaggi. Sebastiano Madau,
residente a Cagliari ma di probabili origini di Bosa, risulta fra gli animato-
ri di diverse riviste sarde di fine Ottocento (sue poesie in sardo-logudore-
se figurano in diverse riviste letterarie dellOttocento, compresa Vita sar-
da). Da alcuni suoi scritti abbiamo altrove dedotto che appartenesse alla
generazione di Pascale Dessanai (1868-1919) e quindi di Peppinu Mereu
(cfr. PORCU 2000, p. 90). Di Giuseppe Sanna Naitana siamo in grado di di-
re che era di Cuglieri, altre sue cose figurano su Vita sarda.
quale, se non del tutto nuovo per la cultura isolana, si mani-
festa con unacutezza e una rapidit maggiori rispetto al pas-
sato. Le conseguenze a livello letterario sono affatto pesanti,
poich va di questo passo indebolendosi proprio quellinten-
sa circolazione tra vertici e basi isolani che gi Alberto Mario
Cirese ha additato fra le condizioni desistenza di una forte e
coesa tradizione poetica in lingua sarda. Vi sono zone pi
isolate (geograficamente e storicamente) [], scrive Cire-
se, in cui la circolazione culturale interna tra vertici e base
assume aspetti di singolare intensit. questo il caso delle
isole in genere, ed in particolare della Sardegna. Qui il rap-
porto tra lites e basi locali appare chiaramente pi forte del
rapporto fra vertici locali e cultura nazionale (CIRESE 1960,
p. 8). Il prodotto di questo rapporto forte limportanza
culturale che assume la presenza di [uno] strato intermedio
di composizioni diverse dai prodotti letterari sardi pi cul-
ti, e insieme diverse dai veri e propri canti popolari (ID.,
p. 31). Ed proprio questo patrimonio poetico in lingua sar-
da, comune a basi ed lite, che va perdendo terreno, svaluta-
to dalla diffusione di pi forti e sempre pi frequentati mo-
delli estetici egemonici. unarte in cui sempre di pi le in-
telligenze sarde vedono le stimmate dellarretratezza.
Trattiamo di un fenomeno molto ampio. Gi a partire dal
Settecento si assiste su scala europea ad un inasprimento del-
le tensioni tra cultura egemone e culture subalterne che por-
ter ad un divorzio totale, sul piano delle conoscenze, delle
mentalit, del gusto, dellarte di vivere e delle retoriche, tra
la classe dirigente e le altre classi (ZUMTHOR 1984, p. 21)
5
.
Si pu tuttavia affermare che per la periferica Sardegna
-,
Tonara di Mereu dalla mondanit cittadina di Cagliari
3
.
Eppure, se da un lato si riconosce qui la continuazione di un
plurisecolare sistema letterario articolato su almeno due
piani un diasistema in cui convivono una larga produzione
subalterna in lingua sarda e una pi ridotta produzione in
lingue nazionali di massima operante nei centri urbani (su
tutti Cagliari)
4
si pu daltra parte riscontrare sul finire
dellOttocento una convivenza meno pacifica fra i due pia-
ni, scompensata. Capita anzi di scorgere in questa fase i se-
gnali di una pi decisa spallata che una componente del ceto
intellettuale sardo, in corso dallargamento e dacquisizione
di strumenti nuovi, intende dare deliberatamente alla cultu-
ra tradizionale, lingua compresa (quando non la lingua in
primis). E non vezzo duomini nuovi, perch la recessione
di quella cultura veramente iniziata. La patria gi mori-
bonda se nel 1893 Luigi Pompejano fra laltro direttore di
Vita sarda pu cos concludere, senza rimpianti, uno
scritto su Lavvenire della musa dialettale: la poesia dialet-
tale, non curata dagli ingegni nudriti di qualche studio, si
avvia mestamente verso il sudario, e possiamo gi intuonare
per lei la triste elegia dei moribondi. in agonia la deliziosa
arte dei Pisurzi e dei Pes [Pietro Pisurzi e Baingiu Pes, celebri
poeti sardi del Settecento]. Essa appartiene oramai tutta ai
cantastorie (POMPEJANO 1893, p. 5).
Siamo, in altri termini, alle tracce di un irreversibile pro-
cesso di scollamento fra istanze alte e istanze basse, il
-s
3
Per questo aspetto si pu leggere di Madau un articolo di costume
scritto per Vita sarda: MADAU 1891.
4
A questo proposito vi chi ha potuto discorrere di una costante
diglottica nella cultura sarda (SOLE 1997) o chi, relativamente a fasi pi
antiche, ha suggerito di contemplare la possibilit di una lettura a piani
differenziati per le vicende letterarie isolane (MANINCHEDDA 1986).
5
Il discorso di Zumthor dichiaratamente ispirato alla tesi di Peter Burke
(Cultura popolare nellEuropa moderna [1978], Mondadori, Milano 1980).
impeccabile. Limportante , per noi, che nel considerarla
non si perda di vista il suo fondarsi sul settore produttivo da
sempre privilegiato da una nobile tradizione critica italiana,
vale a dire: un segmento culturale alto (leggi infatti: la co-
scienza linguistica dei colti), una cultura letterata (leggi ap-
punto: quando lo scrittore decide); in definitiva: espe-
rienze squisite di scrittura non-toscana. Ed ha ragione Bre-
vini, visitando simili vette, di sospettare che: Forse il vero
nodo di tutta la questione della poesia in dialetto, allorigine
della sua sostanziale ambiguit, sta nel fatto che a comporla
e a consumarla sia stata quella stessa esigua minoranza che
firmava e leggeva i testi in lingua (ID., p. LXXXVI).
Per stare allimmagine da cui siamo partiti, appare chiaro
che qui si hanno in mente poeti che devono scendere per
mettersi al lavoro con gli strumenti del dialetto, esponenti
dunque di una produzione riflessa (ID., p. XVIII), ricor-
dando che riflessa nozione felicemente escogitata da Be-
nedetto Croce nel 1926 a indicare quella letteratura dove
luso del dialetto non spontaneo ma frutto di una scelta di
autori laureati allindomani dellaffermazione di una norma
linguistica su base toscana.
La dialettalit quindi, si direbbe, affare dalte sfere. Al
pi, in basso, secondo le principali sistemazioni critiche cor-
renti, si estenderebbe il mare magno della poesia cosiddetta
popolare. La partita si spesso giocata in questambito su
uno schema a due e in due modi: in orizzontale, produ-
cendo il binomio poesia in lingua e poesia dialettale, e in ver-
ticale, dando luogo alle categorie di poesia dialettale e poesia
popolare. E non vale, per contare fino a tre, appellarsi alla
categoria del popolareggiante, non essendo questa altro che
una qualit speciale del dialettale.
pensabile che simile logica binaria abbia condizionato
s+
lacutizzarsi di un simile processo assuma colorazioni pro-
prie per la notata prossimit di vertici e basi, e si presenti in-
torno al decennio (1891-1901) in cui si muove la produzio-
ne in versi di Peppinu Mereu
6
.
Il punto che Mereu, in questo quadro, rappresentereb-
be ancora lultima esperienza aldiqu del divorzio totale,
mentre il dover scendere a poetare in sardo di Sebastiano
Madau, o chi per lui, gi un gesto che esprime la coscien-
za di un noi altri (anche noi altri [] scendiamo) ri-
spetto alla cultura popolare tradizionale
7
. Da ci discende
che, se il gesto di Madau in una parola un gesto dialettale,
si nutre pi di un dubbio sulla possibilit di rubricare alla
stessa voce lopera del non-divorziato Mereu.
Secondo il preciso ragionamento di Franco Brevini il
prerequisito essenziale per parlare di poesia in dialetto il
fissarsi di una norma linguistica, dove sufficiente che la
coscienza linguistica dei colti avverta lesistenza di un pri-
mato, di unegemonia, che tender a essere anche culturale
e politica. E si ha quindi il testo dialettale quando lo scrit-
tore decide consapevolmente di operare uno scarto, di op-
porsi a una norma. Di-lxis, appunto: una parola fondata
sulla differenza (BREVINI 1999, pp. 5-6). La definizione
so
6
Non mancano per altro interessanti correzioni alla collocazione sette-
centesca dello scollamento fra culture egemoni e culture subalterne su sca-
la europea col che la Sardegna risulterebbe meno sola nel suo divorzio
ottocentesco dalla cultura popolare cfr. il saggio Letture popolari in
CHARTIER 1999, di cui si vedano in particolare le pp. 96-99.
7
Lesplicita requisitoria di Madau contro la poesia sarda tradizionale si
legge in MADAU 1892. Ancora pi vigorosa sar quella contro gli improv-
visatori da palco pronunciata pi tardi sulle colonne de lIsola: MA-
DAU 1910.
Mereu. Ma lintera opera di Mereu va nondimeno vista in
una storia letteraria sarda cui lo stesso Brevini sulla scor-
ta delle pagine di Tanda e Pirodda riconosce una alterit
sostanziale: difficilmente la Sardegna, a causa della sua po-
sizione decentrata e della sua peculiarissima storia, segnata
dallincontro con diverse culture, pu essere integrata in un
discorso di storia letteraria rigorosamente italiana (BREVINI
1999, p. 1253; cfr. TANDA 1984 e PIRODDA 1989). In quan-
to alla storia e alla geografia della letteratura e in virt di
questa difficile integrazione, viene quindi da chiedersi se
non entri in crisi, discorrendo di esperienze poetiche sarde,
proprio quella nozione di dialettalit che nasce invece in un
discorso di storia letteraria italiana.
Non mancano nella storia letteraria sarda fatti che ne
compromettono una lettura dialettale. Pi che di fatti si
tratta di assenze. La prima assenza che storicamente non si
registrano in Sardegna tracce, se non labili, di una circolazio-
ne e una comunicazione poetiche in lingua. Presi anche solo i
poeti sardi preunitari ma anche appena postunitari accolti
nella monumentale antologia di Brevini (diciamo il canone
riconosciuto della poesia in sardo: Luca Cubeddu, Pietro
Pisurzi, Gavino Pes, Diego Mele, Melchiorre Murenu, Pao-
lo Mossa, Efisio Pintor Sirigu, Francesco Ignazio Mannu fi-
no ad arrivare allo stesso Mereu), di costoro non circol nel-
lIsola e fuori dellIsola, salvo rarissime e trascurabili ecce-
zioni, un solo componimento in lingua (e non interessa qui
sapere se provarono a poetare privatamente in toscano). Si
pu e si deve parlare rispetto alla letteratura in lingua di una
ricezione da parte di una minoranza studiata che si ci-
mentava nella traduzione di esperienze esterne, quindi assi-
milate nellambito di una circolazione poetica interna. Buo-
ne letture s, ma non pronuncia di accenti italiani che cercas-
s,
linquadramento di tutto un fare-poesia, diciamo pure di un
fare-poesia semicolto, che: o ha ricevuto cure etnologiche,
con assegnazione al dominio popolare, o stato oggetto di
una riqualificazione in senso dialettale (secondo la nozione
di dialettalit sopra riferita). Di contro a questa prevalente
tendenza dicotomica, di attribuzione dei testi alluno o allal-
tro polo, occorrer piuttosto riflettere sullo statuto di una zo-
na grigia (mediana), osservabile in Sardegna ma anche in al-
tre aree, quale parte integrante di pi articolati sistemi lette-
rari. Possiamo ricordare lindividuazione e la codificazione,
da parte di Lorenzo Renzi (1969), di uno stile tradizionale
presso i bardi romeni o si pu fare appello alle pronte intui-
zioni del Borges saggista quando opera una fondamentale
distinzione fra poesia dei gauchos e poesia gauchesca rifles-
sa (2002)
8
. In Sardegna lo aveva gi capito Cirese la pre-
senza di unimportante zona grigia costituisce il tratto forse
pi marcato di una peculiare storia letteraria. In sistemi cos
fatti, nonch pi diffusi di quanto forse si portati a credere,
si nota la formazione di vere e proprie tradizioni poetico-lin-
guistiche che, godendo di una discreta autonomia, instaura-
no con le tradizioni alte, linguisticamente differenti, con
cui entrano in contatto, un rapporto che risponde a modalit
a stento sovrapponibili a quelle che si osservano presso le
produzioni propriamente dialettali. A questo tipo di tradi-
zioni daremo qui letichetta di poesia tradizionale, pur consa-
pevoli dellambiguit e della larghezza del termine.
Allesistenza di una poesia tradizionale, entro un sistema
non pi semplicemente bipolare, va riferita, come cerche-
remo di vedere, una discreta parte dellopera di Peppinu
s.
8
Il riferimento va a due scritti, La poesia gauchesca del 1932 e Lo scrit-
tore argentino e la tradizione del 1953, ora leggibili in BORGES 2002.
Alla luce di questi due dati di storia letteraria sarda risul-
ta arduo ritenere che in termini di comunicazione letteraria
Peppino Mereu facesse i conti con laffermazione storica e
il fissarsi in loco di una norma linguistica italiana (Bre-
vini). Le due assenze notate nella storia della poesia sarda lo
riguardarono da vicino: non fu pubblicamente poeta in ita-
liano (in questo volume si presentano per la prima volta due
suoi frammenti inediti in lingua italiana, per altro di fattura
non eccelsa) e cont pochissimo su una trasmissione lette-
rata della propria opera. Le Poesias del 1899 non uscirono
per volont dautore ma su iniziativa dellamico-curatore
Giovanni Sulis, costituendo un raro esempio ottocentesco
di raccolta in limba pubblicata in vita da un poeta sardo.
Insomma, Peppinu Mereu erede legittimo di una tradi-
zione che neppure nei settori pi elevati praticava nella co-
municazione letteraria la partita doppia poesia in lingua /
poesia in dialetto e conveniamo serenamente con Duilio
Caocci quando afferma che non si pu pensare che per
Mereu esistesse possibilit di scelta tra il sardo e litaliano
(CAOCCI 2001, p. 102). Se c scelta in lui, scelta obbligata,
e certo non opzione di genere, scelta stilistica, dunque
dialettale. Le variazioni generiche e di registro nella sua
produzione sono piuttosto operate entro il sistema poetico
in sardo, perch, periferia fra le periferie rispetto ai centri
egemonici da cui pure politicamente dipesa, la Sardegna,
quella rustica in special modo, dovette sviluppare metabo-
lizzando di continuo apporti altri-alti una tradizione
s
sero o fossero degnati di ascolto, interno ed esterno. La stes-
sa presenza di italianismi nella lingua della tradizione poeti-
ca sarda energica infatti in Mereu ci parla di unassimila-
zione a distanza, decentrata, riguardosa, e non invece di un
commercio diretto e intenso con la tradizione e la lingua
nazionali. Il purismo, la rivendicazione dialettale, pre-
suppongono, fra le loro condizioni, una seria minaccia (da
cui per reazione viene anche il conservatorismo identitario),
e puristi, chi pi chi meno, saranno gli autori isolani in sardo
del Novecento, spettatori impotenti della recessione poetica
e sociolinguistica delle lingue locali (e forse si pu ancora di-
re, col ragionamento energico di Michelangelo Pira, che:
Fino a quando le dimensioni del mondo furono quelle dei
singoli paesi dellinterno [della Sardegna], i loro dialetti fu-
rono lingue, anche di cultura nel senso che veicolavano
tutta la cultura delle societ che se ne servivano; oggi [1978]
che il mondo ha le dimensioni del pianeta essi sono solo dia-
letti, PIRA 1978, p. 199).
C poi una seconda assenza, che ha a che fare con le mo-
dalit di circolazione della stessa produzione in sardo degli
auctores sopra citati. Infatti, non si avr la ventura di trovare
raccolte a stampa pubblicate in vita da costoro: le sillogi
complete sono postume, novecentesche e nella maggior par-
te dei casi nemmeno dei primi del secolo. segno che la cir-
colazione della loro produzione era per lo pi orientata ver-
so il basso, affidata ad una trasmissione orale e, quandanche
tramandata per iscritto, supportata da quaderni di appassio-
nati (ad uso privato) o, se a stampa, da un tipo di editoria po-
polare qual quella dei fogli volanti
9
.
s
9
Brevini, in unottica pur sempre dialettale, non manca di ricordare
questo aspetto, laddove afferma che in Sardegna la produzione dialetta-
le non fu solo lesercizio giocoso delle classi colte, ma conobbe unampia
diffusione fra la gente. Ne prova il fatto che il corpus dei poeti settecen-
teschi stato di solito stampato assai tardi, recuperando i materiali dalla
tradizione orale (BREVINI 1999, p. 1539).
e) formazione e presenza di una koin poetica che tra-
scende le parlate locali (quella logudorese estesa soprattut-
to nella Sardegna centro-settentrionale, ma sarebbe da stu-
diare anche la koin campidanese praticata dai cantadoris
meridionali)
10
;
f) sistema di opzioni e livelli interni, con opposizioni gene-
riche canonizzate, ad es. i gosos (laude sacre) sottoposti ad
abbassamento parodico nei gosos agrestes (SATTA 1982).
Anche in queste coordinate sinscrivono la figura e lope-
ra di Mereu. Anche, perch egli occupa una posizione limi-
nare fra la poesia sarda tradizionale (di cui sopra) e la confi-
denza con una cultura letteraria ormai, a fine Ottocento,
nazionale.
il Mereu che guarda a questo secondo versante quello
che pi regge ad una lettura moderna. Siamo, a torto o a ra-
gione, i pronipoti di quel divorzio totale dallestetica popola-
re da cui parte il presente scritto. Abbiamo iniziato, compiu-
to, perfezionato laddestramento nel canone letterario-lette-
rato nazionale e europeo (se non altro). Ed per questo che
la pagina di Mereu va restituendoci un senso di discontinui-
t, quando non di contraddittoriet. Pu sorprenderci, an-
che sul piano ideologico e mentale, la coabitazione di pezzi
come Consizos a un amigu (contro il prender moglie) o Adul-
tera (contro le fogge femminili) e la vena egalitaria di Galus
o di ANanni Sulis. Pu suonarci strano che cose come il con-
trasto marito-moglie (W.) o la facile lode di paese (il sonetto
Aritzo e diverse strofe di A Tonara) si accompagnino a versi
in cui profuso un vivace sperimentalismo linguistico (Solfe-
s-
poetica con un proprio sistema di generi e di livelli interni,
inventandosi fra laltro una speciale lingua letteraria, con
domini geografici soprattutto centro-settentrionali (il cosid-
detto logudorese illustre), e una singolare civilt metrica.
Con difficolt si darebbe in questa piccola tradizione
nazionale un uso differenziale e antagonista della lingua
sarda nei confronti di una norma altra praticata e condi-
visa. Ancora pi difficile sarebbe rilevare una fenomenolo-
gia dialettale in settori mediani di produzione e qui si tor-
na alla zona grigia, alla poesia tradizionale dove prolifera-
va, come ha segnalato Cirese, quella produzione ricchissi-
ma e divulgazione amplissima di componimenti semicul-
ti dovuti sia a litterados in senso sardo (e cio, come ci
spiega Domenico Valla, a gente che sa per lo meno legge-
re e scrivere), sia anche a verseggiatori analfabeti: tutti for-
niti per di un notevole bagaglio letterario-retorico e, so-
prattutto, di considerevoli capacit retoriche, affinate dalla
lunga pratica dellimprovvisazione (CIRESE 1960, p. 20; vi-
sione riaffermata in CIRESE 1999).
Si dice insomma di uno strato intermedio di produzione
che tiene rapporti intensissimi con la linea alta della poesia
in lingua sarda e i cui elementi essenziali (ma non tutti
esclusivi) possono essere cos riepilogati (e non esauriti):
a) estrazione sociale medio-bassa del produttore;
b) circolazione comunitaria (del villaggio) e inter-comuni-
taria, nel migliore dei casi regionale;
c) trasmissione orale e cantata dei prodotti, cui si affian-
cher nel corso dellOttocento, di conserva alla lenta ma
progressiva alfabetizzazione, laumento della diffusione a
stampa su fogli volanti;
d) notevole importanza della pratica estemporanea, im-
provvisativa;
so
10
Per la questione del logudorese poetico rinviamo al nostro lavoro
PORCU 2000 (pp. 17-18, 21-28, 34-37, 38-45).
e informazione
11
. Anche questo era appunto il senso (esteti-
co) di una poesia a udienza privata e comunitaria cui pure si
conformava il poeta. Secondo Giovanni Sulis vi si conforma-
va suo malgrado: pur troppo, dominato dal rude imperati-
vo del gretto ambiente paesano, con nelle pupille la visione
di una vita di dolori e di disinganni, [Mereu] diede alla sua
produzione una nota particolaristica e monocromatica (SU-
LIS 1928; corsivi nostri). Oppure, diremo noi, vi si conforma-
va perch partecipava consapevolmente ad una produzione
anche scritta che continuava i modi e gli scopi di una poesia
orale e cantata, laddove appunto loralit, si aggiunge con
Zumthor, non funziona che allinterno di un gruppo socio-
culturale ristretto e il bisogno di comunicazione che la sot-
tende non mira di per s alluniversalit (ZUMTHOR 1983, p.
41). Per questo, la bifrontalit di Mereu verr poi avvertita
nellintrecciarsi di letture nazionali e di modalit produtti-
ve-ricettive riferibili ad un sistema culturale comunitario:
vuol essere, per Mereu, la poesia: ancora e soprattutto luo-
go della comunicazione comunitaria, della circolazione delle
voci e delle sicurezze (non meno delle critiche e dei fatti)
del paese (BRIGAGLIA 1975, p. 263).
Poeta di paese, Mereu, lo era fino infondo. Per ragioni so-
cio-culturali si d gi il suo arruolamento in quella che ab-
biamo deciso di chiamare poesia sarda tradizionale. Orfano
di madre e di padre (medico condotto del paese) dallet di
diciassette anni, quarto di sette fratelli, munito di una par-
ziale istruzione elementare (forse non and oltre la terza
classe), trascorse la maggior parte della sua esistenza in un
s,
rino!, In Conziliatura, Signor Ciarla a su fizu Ciarlatanu e al-
tri), per non dire di quel Mereu lirico che scorgiamo in degu-
stazione quasi fonosimbolica: in sa bianca adde, addane ad-
dane | annunziende sa triste fine mia | urulare sintendet unu
cane. | Titti, itte frittu, tittia, tittia! (Agonia II, vv. 7-10). Si
ritenga pure tale difformit nei risultati parzialmente impu-
tabile alla giovane et dellautore (i componimenti datati di
Mereu indicano una forbice che va dal 1893 al 1899, dai ven-
tuno ai ventisei anni di et), ma pi da presso vi si scorge il ri-
flesso di una pluralit estetica, di una simultanea partecipa-
zione ad un doppio canone poetico-estetico.
Un autore in bilico variamente avvertito da coloro che
nel corso del Novecento si sono occupati del poeta. Raimon-
do Carta Raspi, che non nutriva certo una stima incondizio-
nata per il nostro poeta, subordinava unimpressione di que-
sto tipo ad un giudizio di valore: Il Mereu riusc a superare
lo stadio estemporaneo, specialmente in alcune poesie, ma
non seppe sempre elevare la sua poesia a opera darte (CAR-
TA RASPI 1951, p. 6). E di pi non si poteva chiedere allintel-
lettuale della prima met del Novecento attrezzato di esteti-
ca crociana, che dunque pi di tanto non avrebbe potuto
chiedere a quel Mereu erede e artefice duna poesia per co-
stituzione pratica avversata sotto questa etichetta da Croce
e dunque non-poesia. Esempi eloquenti di poesia pratica so-
no le effettive lettere in versi A Juanne Sulis, A Eugeniu
Unale, ANanni Sulis, e comunque diffusi sono i momenti in
cui le rime di Mereu sono piuttosto veicolo di comunicazione
ss
11
Non mancano certo omologhi colti, come i capitoli di Foscolo; anche
con curiose coincidenze (cfr. la prosindezent [= prosa indezente] di
Mereu, XV 28, con la foscoliana prosaccia in rima, Capitolo sul giorna-
lista, v. 1). Notiamo per come le epistole foscoliane risultino pure slegate
da condizioni pragmatiche e perci pi letterate, se si considera il citato
Capitolo sul giornalista che muta tre volte destinatario (ora alla Mocenni
Magiotti, ora a Silvio Pellico, ora a Leopoldo Cicognara) nelle intenzioni
dellautore.
subito ladesione a un codice preciso. Qui si risolvono
in similitudini i sistemi di metafore (poetare in suspu) agri-
cole e pastorali che formano la retorica di numerose con-
sentanee tirate tradizionali. Ricordiamo, fra i molti casi dis-
ponibili, Su campu fioridu di Melchiorre Murenu (Macomer
1803-1854), celebre crttica ad una ragazza capricciosa e li-
bertina la cui strofa introduttiva (pesada) suona: Bendidu
thas su campu fioridu | pro ti leare vanas violeras
14
. Ag-
giungiamo il rimprovero del poeta contadino Nicola Porcu
Daga (Nuoro 1833-1898) a una giovane che si era data a
praticare sarte de sa libertina: per lhas sa pianta dis-
truida | ei sa frutta ti lhas barattada
15
. Tale genere di pro-
dotti, sorta di gazzettini in rima di una microstoria e di una
societ a regime prevalentemente orale, risultano per natu-
ra particolaristici (Sulis).
Anche in virt di questo aderire ad un comunicare-in-ri-
ma, vediamo Mereu condividere con la poesia tradizionale, e
specialmente con quella estemporanea, il concetto di unars
concretissima, il quale merge chiaro nella disputa poetica a
distanza con Paolo Hardy (A Paolo Hardy), pseudonimo di
Ranieri Ugo
16
. Di un Mereu estemporaneo riferisce con
,+
isolato villaggio montano ad economia agropastorale, dove
nel 1901 (anno della morte del poeta) si contavano meno di
tremila anime. Arruolatosi come carabiniere e poi congeda-
to per infermit, dovette ripiegare ad impieghi in qualit di
scrivano (una condizione professionale che lo imparenta ad
unaltra voce poetica del tempo: il nuorese Pascale Dessa-
nai, coprotagonista di un giovanile scambio di sonetti pro-
prio col tonarese). Mereu apparteneva a quella categoria
che in sardo si indicava col nome di litteradu, un soggetto
che ha raggiunto lalfabetizzazione, un alfabeta delluso
seguendo la classificazione di Armando Petrucci (2002, pp.
18-19)
12
. Litteradu, non letterato.
Poeta di paese, si detto. Leggiamo la tirata di Adultera
contro una compaesana libertina (corsivi nostri):
Ses calunarvuredda chi su fructu
isquisitu, senza esser cumpridu,
dae su rama su fangu chest ructu.
[]
Fist che giardinin continu eranu
tottin-d una per proadu asa
sira dunu terribiluraganu.
Fist bella, ruja cale cariasa,
comabbrutida: saperit sa losa
pro seppellire sa petta carasa.
13
,o
12
Petrucci distingue sei graduali categorie di alfabetizzati: 1. colti; 2.
alfabeti professionali; 3. alfabeti delluso (posseggono competenze di let-
tura e di scrittura di livello medio-alto, che esercitano in genere funzio-
nalmente a specifiche esigenze di lavoro o di rapporto sociale (corrispon-
denza); 4. semialfabeti funzionali; 5. semialfabeti grafici; 6. analfabeti.
13
Sei quale alberello il cui frutto | squisito, non ancora maturo, | dal
ramo nel fango caduto. | [] | Eri quale giardino in perpetua primave-
ra | dun tratto per hai provato | lira dun terribile uragano. | Eri bella,
rossa quale ciliegia, | ora abbruttita: sapre la tomba | per seppellire la
carne scheletrita Adultera (III 52-54 e 58-63).
14
Venduta ti sei il campo fiorito | per comprarti frivolezze vane; si cita
da MURENU 1979, p. 40.
15
per lhai distrutta la pianta | e ti hai barattato il frutto; si cita da
un dattiloscritto inedito conservato presso la biblioteca Sebastiano Satta
di Nuoro, gi descritto in PORCU 2000, pp. 320-321.
16
Per notizie su Ranieri Ugo rinviamo allapparato a XVI (p. 452).
forma est trascurada | trascurada sa rima; b) il venir meno
ad un sensu comunu.
La prima accusa, quella formale, non parrebbe dire mol-
to, diretta com ad una menda inammissibile in qualsivo-
glia cultura versificatoria che contempli la rima: declinat in-
fatti neanche assuona con furat, e amen. Ma al di l della
deficienza, imperdonabile, del testo di Hardy, da tenere in
conto il fatto che le accuse tecniche di Mereu solo si con-
centrano con particolare puntiglio sulluso improprio della
rima, il che sar da mettere in relazione alla sacrale fiducia
del poeta sardo tradizionale verso tale istituto stilistico, un
sentimento protrattosi fino ai giorni nostri (TOLA 1997, pp.
281-284) e che palesemente legato ad una poesia orale e
per canto. qui in gioco una concezione piuttosto artigia-
nale del poetare, per cui il valore artistico si misura intanto
nellischire sestare sottava [saper acconciare lottava], come
espresso da uno dei protagonisti di una dispta (questa in
praesentia) parzialmente riportata da Pietro Nurra:
Unu chi lischi sestare sottava
chi bastante e pienu de talentu,
sega trobeas e trunca sa trava
19
cun grande fortesa a didu tilentu.
,,
sufficiente chiarezza Carta Raspi: Si sa che il Mereu scrisse
altre poesie ancora inedite e molte altre, improvvisate per fe-
ste e in riunioni tra amici, non furono raccolte (1951, p. 5).
In A Paolo Hardy si riprendono le modalit del confronto
poetico, del cantare a disptas degli improvvisatori. Le accu-
se di Mereu, rivolte a un testo pronunciato a Tonara da
Hardy in occasione di un pranzo elettorale (HARDY 1895
17
;
episodio certo da ricollegare allironizzata abitudine di orga-
nizzare amene convention pre-elettorali presso la fontana di
Galus: XII 136), sincentrano su due aspetti compendiati
nella penultima strofa:
Posada pro pesada
as iscrittu, sa lima
a su chido paghissimu si curat.
Sa forma est trascurada,
trascurada sa rima
cando mi rimas declinat cun furat.
In su versu, dijunu
de su sensu comunu
Campidana Nuro sammesturat.
Sa posada prudente
chi naras tue, non balet niente.
18
Questi due aspetti sono: a) le imprecisioni formali: Sa
,.
17
Riproduciamo il sonetto Tonara nellapparato critico ad A Paolo
Hardy (XVI).
18
Posada in luogo di pesada | hai scritto, la lima | a quel che vedo
pochissimo si cura. | La forma trascurata, | trascurata la rima | quando
mi rimi declinat con furat. | Nel verso, digiuno | di senso comune | si
mescolano Nuoro e Campidano. | La posada prudente | come dici tu, non
vale niente. A Paolo Hardy (XVI 45-55).
19
Importa chiarire che questo verso si riferisce ad un procedimento dif-
fusissimo nella poesia tradizionale sarda: luso dei versi trobeados o trava-
dos (letteralmente: impastoiati) ovvero i cosiddetti versi varianti, risul-
tanti cio da una variazione dispositiva delle parole di un verso precedente
(Fattu as cussu cunsideru rispetto a Cussu cunsideru as fattu). Lo sco-
po appunto quello di onorare la rima pur non mutando il materiale verba-
le. probabile che limmagine delle pastoie (trobeas p. di fune o travas p.
di ferro) si riferisca ai pedes o pees [piedi] con cui il poeta tradizionale mi-
sura il verso (un piede equivale a due sillabe), cos come le pastoie in senso
proprio servono a legare le zampe degli animali dallevamento.
poetica, gentile industriale,
terza de sas alturas montaninas.
22
Il genere contrassegnato da elementi fissi: esordio con
la posizione del paese, abitanti onesti e industriosi, prodot-
ti rinomati ebbe buona fortuna nella poesia in sardo ed
fortuna cui avrebbe concorso la poesia estemporanea, in
particolare la prassi della gara poetica (stimatissima presso
il pubblico sardo) dove i poeti, allinizio e alla fine della
gara, salutano ordinariamente il pubblico con una strofa
speciale in cui si esaltano le bellezze del paese che li ospita,
o si loda qualche precipua qualit degli abitanti (MANCA
1909, p. 830).
Questo Mereu che trasferisce sulla pagina le modalit di
una tradizione non solo orale ma addirittura estemporanea
per non dire di quel Mereu forse in origine estemporaneo che
oggi solo leggiamo sposa una poetica differente da quella
che presiede ad una produzione scritta. Intendiamoci, non
possono esserci dubbi su un Mereu poeta-scrivente. Il lavoro
autocensorio cui andarono soggette le Poesias, stando ai di-
versi passi illeggibili dei manoscritti segnalati con serie di
punti da Sulis nel testo da lui curato nel 1899 (vedi i testi inti-
tolati X. e Y.), sono testimonianza abbastanza limpida, sebbe-
ne indiretta, di unopera di revisione e correzione da parte
dellautore. E forse sono casi di tibicines, provvisori puntelli
di un fabbricato (cos Virgilio chiamava i versi incompiuti
dellEneide, secondo Elio Donato), i versi e le strofe incom-
plete visibili negli unici probabili autografi finora noti:
,
Chie tenedin testa ispirimentu
Che i sa mia chi la fetta brava,
sottava chere bene misurada,
bene fatta, in sos latos quadrada.
20
Ma un problema di misura, ideologico-concettuale, an-
che quello del senso, del sensu comunu, quasi che il poeta
sia chiamato a realizzare in bella (leggi anche: in rima),
confermandolo, un sapere dato e a cui conviene giudiziosa-
mente attenersi. E allora troviamo persino il buon senso,
quello letteralmente proverbiale del Mereu che chiudendo i
Consizos a unu amigu indulge alladagio: Ammenta chavvi-
sadu | somine, nat su dicciu, est gi salvadu
21
.
Misurarsi su una determinata estetica ed anche su un
determinato senso comune significa, sul piano dellespres-
sione, ricorrere a modalit riconosciute entro un determi-
nato sistema retorico e riconoscibili presso un definito pub-
blico di poesia sarda. Lo si visto per le similitudini agri-
cole di Adultera ma vale ancora, ad esempio, per un tema
piuttosto formalizzato col quale Mereu si cimenta in Aritzo:
la descrizione e lode di paesi (che in altra sede abbiamo
pomposamente chiamato laus villae). Leggiamo la prima
quartina:
Postin alta sa tua capitale,
dispensera de abbas cristallinas;
,
20
Uno che la sa acconciare lottava | che sia bastevole e pieno di talen-
to | taglia pastoie di fune e spezza pastoie di ferro | con grande forza e di-
to abile. | Chi ha in testa esperienza | che la faccia valida come la mia, | lot-
tava va ben misurata, | ben fatta, nei lati quadrata. in NURRA 1893, p. 63.
21
Ricorda che avvisato | luomo, dice il proverbio, gi salvato Consi-
zos a unu amigu (VI 164-165).
22
Situata pi in alto rispetto alla tua capitale | dispensatrice di acque
cristalline, | poetica, gentile, industriale, | per altezza terza fra le alture
montanine. Aritzo (XVII 1-4).
e abba cristallina in A Tonara (V 26 e 218); funtanas cri-
stallinas in A Genesio Lamberti (VIII 27); e non potevano
mancare le abbas cristallinas (XII 184) della celebrata
Galus. Galus: nome di rinomata fontana paesana frisca e
cristallina (XII 5). Cristallina: poetismo, epiteto ornativo
dacque e fontane (per i precedenti, con istruttive migrazio-
ni dallalto al basso e viceversa, si vedano rapidamente: le
abbas cristallinas dellabate settecentesco Matteo Ma-
dau; labba frisca cristallina dei gosos dei confratelli di
Assoluta imperadora; la funtana [...] pura, frisca e cristalli-
na di Melchiorre Murenu; le friscas abbas cristallinas
della famosa Baddemala di Paolo Mossa
25
).
Anche al plurimo ri-uso di tessere cosiffatte si deve il mo-
nocromatismo del mosaico mereiano, per rifarci, dopo aver
detto del particolarismo, allaltra riserva dellamico-editore
Giovanni Sulis. un fatto che sar anche ascrivibile al pi
generico rispetto di un linguaggio poetico, probabile nel
giovane poeta alla ricerca ancora di accenti propri, o riferi-
bile al ricorso di clich delluso, ma in cui converr, a questo
punto del nostro discorso, riconoscere un tratto importante
del gusto tradizionale e popolare, per cui pu essere bello
si dovr dire rovesciando un celebre giudizio di Proust
proprio ci che non porta il segno di una scelta (RENZI
1969, p. 8). Larte poetica tradizionale si rivela in tal senso
pre-romantica, loriginalit non vi ha un valore preminente,
conta semmai la capacit di operare variazioni interne al si-
stema e di rispondere espressivamente alle attese di un gusto
popolare, quando non a quelle di un pubblico fisicamente
presente. Conta allora, anche per Mereu, che il pianto sia
,-
Giace sulla lettiera
su vecchi []
il prete in veste nera
assiste ai funerali.
23
Sarebbe daltro canto impossibile per un poeta integral-
mente vocale concepire il passo seguente di Galus:
[] in custu logu,
tra cantos e festinos,
appo bidu ..... una fila de puntinos.
24
La calibrata reticenza, il dire e non dire di questa parte di
uno dei testi pi famosi del poeta, si risolve nel mezzo gra-
fico: questa poesia per locchio e qui si ha in mente una si-
tuazione comunicativa e un pubblico diverso da quello cui
erano destinati gli esempi illustrati pi sopra. Ma se, da un
lato, Mereu nella dimensione scritta, dallaltro, i suoi testi
recano traccia di quella formularit e di quella ripetitivit
riferibili alluso che gli estemporanei fanno di tessere ritmi-
co-lessicali. E questo perch nel poeta-scrivente ma rotto
alla pratica e allascolto della poesia estemporanea, nonch
lettore di testi originariamente composti allimpronta, la fe-
delt alla formularit e alla ripetitivit si conserva (aldil
delloriginario fondamento mnemotecnico) come costituti-
va di un sentire estetico. Si veda questo caso estremo. Le
abbas del sonetto Aritzo (XVII 2, vedi sopra) sono cri-
stallinas, e tali sono altrove in Mereu: abbas cristallinas
,o
23
Mors tua Vita mea (LXVIII 1-4).
24
In questo luogo, | tra canti e festini, | ho visto ..... una fila di punti-
ni. Galus (XII 102-104).
25
MADAU [1787] 1997, p. 181; la lauda anonima Assoluta imperadora si
legge in CPS, IV, p. 57; MURENU 1979, p. 54; MOSSA 1978, p. 185.
Quanto detto finora dovrebbe servire a registrare che c
un Mereu partecipante alla produzione poetica tradiziona-
le sia per il suo legarsi alla circolazione letteraria comunita-
ria sia nel rifarsi a modalit retoriche della poesia orale ed
estemporanea. Restano per da indicare alcuni elementi sul
Mereu tradizionale: la relazione con la koin poetica iso-
lana, il logudorese illustre, e la pratica di generi ben codifi-
cati nella tradizione poetica sarda.
Per quanto riguarda il primo punto, possiamo tranquilla-
mente limitarci a riferire che, mentre Mereu nel quotidiano
commercio della lingua praticava una variante sarda ricon-
ducibile per diversi tratti alla macrovariet campidanese
34
,
in poesia usava con profitto e massicciamente il logudorese
illustre. Per nulla incrinato nel poeta tonarese il prestigio
della tradizione poetico-linguistica logudorese. Troviamo in
lui persino il rimpianto di non possedere una logudoresit
nativa quando si rivolge allamico e poeta Eugeniu Unale di
Pozzomaggiore (comunit di parlanti logudoresi):
Cudda zetra chin manos mi bidias
est iscordade non sonat piusu,
ca lappo postu cordas de tinnias.
Tue galu per nde faghes usu:
ti favorit sa zetrin sarmonia,
ca ses fiza su veru Cab e Susu.
35
,,
pi spesso amaru: Cun sos chizos infustos | de amaru pian-
tu
26
; amaru su piantu, | in su pallidu visu | bat lassadu
simprent e su dolore
27
(per riferimenti esterni alla produ-
zione mereiana si veda ad esempio la canzone anonima Pen-
samentos aj: Cun amaru piantu | bos cuntemplo, o crude-
les pensamentos
28
; oppure la Serenada di Antonio Domeni-
co Migheli: Mustrdeli sangustia | ei samaru piantu
29
).
Conta, per fare un altro esempio, che una pretesa o uni-
dea, o la testa che quellidea contiene sia macca e vana: Si
desser Cab e Susu | non tenes sa pretesa macca e vana
30
e
E prite tottu custu? Zertamente | est pro sa macca e vana
testa mia
31
; fino a notare che con macca e vana sar apo-
strofata larrischiata protagonista di Minca macaca: Si non
fist istada macca e vana
32
(rinviamo alla gi citata Su campu
fioridu di Melchiorre Murenu, pensa pro babbu tou, mac-
ca e vana e ad una risposta sempre di Murenu nella dispta
con limprovvisatore Maloccu: Custa boria tua, macca e
vana
33
).
,s
26
Con gli occhi (propriamente sopracciglia) bagnati | di amaro pian-
to Agonia (IX 4-5).
27
amaro il pianto, | sul pallido viso | mi ha scritto [imprentare = stam-
pare] il dolore A Eugeniu Unale II (XIX 52-54).
28
Con amaro pianto | vi contemplo, o crudeli pensieri in CPS, IV, p.
152.
29
Mostratele (alla donna) langoscia | e lamaro pianto MIGHELI 1986,
p. 73.
30
Se dessere Capo di Sopra | non hai la pretesa pazza e vana (per Ca-
po di Sopra vedi nota 35) A Tonara (V 65-66).
31
E perch tutto questo? Certamente | per la pazza e vana testa mia
Lamentos dunu nobile (VII 137-138).
32
Se tu non fossi stata pazza e vana Minca macaca (LIX 25)
33
Rispettivamente: pensa a tuo padre, pazza e vana e Questa tua bo-
ria, pazza e vana MURENU 1979, pp. 42 e 78.
34
Le Poesias del 1899 e i testi qui radunati nella sezione Altre poesie
pubblicate in vita conservano ricorsi meridionali di rado rispettati nelle
edizioni novecentesche (cfr. Criteri di edizione, pp. 439-440).
35
Quella cetra che per le mani mi vedevi | scordata e pi non suona, |
ch le ho montato corde di giunco. | Tu ancora per ne fai uso: | ti favorisce
la cetra in quanto ad armonia, | ch sei figlio del vero Capo di Sopra. AEu-
geniu Unale I (XV 16-21); Cab e Susu [Capo di Sopra] il modo sardo
di riferirsi al nord dellIsola, dove si estende larea linguistica logudorese.
Cunfessore
Cando passadin mente nettu e giaru
su sognu est unavvisu, o fizu caru.
36
Con questo componimento-ottava Mereu liquidava le ben
trentasette ottave (un tempo popolarissime) che di strofa in
strofa articolano ledificante dialogo (anonimo) fra peniten-
te e confessore: Padre, si cheret fagher caridade (CPS, IV, pp.
236-244).
Per quanto, nei casi appena illustrati, la disposizione alla
dissoluzione di esempi tradizionali sia riconducibile in Me-
reu a forme codificate di rovesciamento, essa ci porta sui veri
elementi di discontinuit che una visione critica come quella
di questo autore doveva pur produrre rispetto al sapere poe-
tico ereditato. Qui entra veramente in gioco la liminarit di
Mereu. Troppo vivace ed inquieto per concedersi ad una ri-
cezione passiva, egli procedeva intanto ad un rinnovamento
interno della langue tradizionale. Si pu vedere ad esempio
in quale modo rivisitasse il genere della crttica (si ricordi, ap-
plicata con rigore in Adultera, indirizzata alla giovane liber-
tina) nel sonetto Studente, dove lo scenario, dal personag-
gio di paese bersaglio di censura (lo studente mantenuto), si
allarga alla comprensione di ben pi vasti e complessi pro-
blemi socio-culturali, quegli stessi che Mereu riusciva a di-
stillare in versi in ANanni Sulis I, meglio nota come Nanned-
du meu (XI).
o+
Riguardo al secondo punto, alla scuola sarda era poi pos-
sibile apprendere i fondamenti di una lezione parodica, che
se restata fuori dalle Poesias del 1899 trova diversi esempi
nel Mereu estravagante (Disperse). Si dice di un codificato
controcanto perpetrato ai danni di generi quali la poesia
amorosa e religiosa. Per questultima si possono vedere le
postume Litanias maggiores, quasi improperia in forma di
preghiera ad uso delle comari paesane perch ottengano su
regnu e sa gloria. Per il versante amoroso si nota la violen-
za verbale della gi citata Adultera, ove la delicata similitudi-
ne della cariasa [ciliegia] esplode nella rima ricca con
petta carasa [carne scheletrita]:
Fist bella, ruja cale cariasa,
comabbrutida: saperit sa losa
pro seppellire sa petta carasa.
Si tratta di fenomeni ben attestati in tutte le tradizioni eu-
ropee e che vantano una storia millenaria di una letteratura
a due facce. Ma la sensibilit verbale e retorica di Mereu
doveva portarlo ad azioni pi mirate dal punto di vista in-
tertestuale, come in Cunfessende:
Cunfessore
Credere in sognos non permittit Deu
ca est gravissimu peccadu mortale.
Penitente
Mi so bisadu, su Rettore meu,
nanchi laian fattu cardinale,
cretidu lappo e mi nde fatto reu
ca su sognu mest parfidu reale.
oo
36
Confessore - Che si creda nei sogni non permette Dio | ch gravis-
simo peccato mortale. | Penitente - Mi son sognato, caro il mio rettore, |
che dice che lavevan fatto cardinale, | vi ho creduto e mi sento in colpa |
perch il sogno m parso reale. | Confessore Quando passa in mente lin-
do e chiaro | il sogno un avviso, o figlio caro Cunfessende (XLV).
Su un altro piano, pi generale ma tuttaltro che disgiun-
to dal fatto letterario, Mereu esprime pi volte linsofferen-
za per le ristrettezze di una realt socio-culturale cui pure
abbiamo visto partecipava, si direbbe, organicamente. La
nota soggettiva dei suoi versi rilevata da Giovanni Sulis gi
nella prefazione alle Poesias (SULIS 1899, p. 2) pu ben es-
sere ascritta ad una forma di boemmismo che si porta den-
tro un sentimento di rifiuto, con esiti contestatari, del qua-
dro socio-politico dappartenenza, compreso dunque quel-
lo comunitario cui abbiamo visto si legava un preciso modo
di far versi. Si leggano gli sfoghi affidati ad A Genesio Lam-
berti, alle terzine di A Juanne Sulis, ai due componimenti A
Eugeniu Unale o ancora alle altre terzine A Nanni Sulis II.
In questultima Mereu perviene allenunciazione di un di-
vorzio totale dal vivere, Dae sa vida magatto divisu
39
, che
costituisce la cifra psicologica della sua poesia. E non si do-
vr pensare a pose scapigliate. Anche la moda stecchettiana
(straordinaria fortuna ebbe la raccolta intitolata Postuma di
Olindo Guerrini, pubblicata nel 1877 sotto il nome del fan-
tomatico Lorenzo Stecchetti, morto di tisi in giovane et)
in diversi casi repertorio espressivo da declinare in contesti
concreti e autobiografici e certamente remoti dagli ambien-
tini borghesi della burla guerriniana. Non spasso lettera-
rio quello di Agonia I, lettera in versi al fratello Edoardo da
un ricovero in ospedale, cui d il la un noto incipit di Stec-
chetti: Candas a legger custos | mutos su campusantu | at
aer sos ossos meos accollidu
40
o,
Sar bene precisare infatti che il senso della poesia di Me-
reu non si esaurisce nella linea tradizionale indicata fino-
ra. Nelle pagine precedenti si spera di averne acclarato un
senso, che di continuit rispetto al canone della scuola
poetica sarda. Ma si detto a pi riprese di un autore bi-
fronte (che gi semplificazione didattica), contrassegnato
da una doppia competenza, ed giunto il momento di va-
lutare laltra faccia del poeta perch il rapporto con la tra-
dizione non privo di tormenti, e di rotture.
Sul piano formale salta agli occhi la rinuncia a precise
modalit espressive. evidente la poca fiducia riposta in
istituiti stilistici come le canzoni torradas (con ritornello)
per canto e ballo: assenti non solo dalle Poesias stampate
nel 1899 ma anche nel Mereu estravagante
37
. Emerge inve-
ce la diffusa inclinazione a un tono discorsivo di cui peral-
tro il poeta, in maniera quasi dilemmatica coscienza della
bifrontalit? sentimento del non poter pi appartenere ad
un mo(n)do di far versi? pare dolersi, rimpiangendo la
passata cantabilit:
Sa poesia miabbandonada
senza mai nde fagher pius cura,
una prosindezentest diventada.
38
Sono ancora le terzine A Eugeniu Unale, quelle stesse che
lamentavano unimperfetta appartenenza alla buona espres-
sione logudorese.
o.
37
Per un probabile metro torradu si veda Aspettos (L) e il rispettivo ap-
parato a p. 464.
38
La mia poesia abbandonata | senza mai pi averne cura, | una prosa
indecente diventata. A Eugeniu Unale I (XV 28-30).
39
Dalla vita mi sento diviso A Nanni Sulis II (XXV 16).
40
Quando leggerai queste | strofe il camposanto | avr accolto le mie
ossa Agonia I (IX 1-3); Quando tu sarai vecchia e leggerai | questi pove-
ri versi (Postuma: XX 1-2).
Nel suo vezzoso bambinel rapito,
Arde, si turba e rasserena in questi
Pensieri della mente inebrata.
Teco vegliar m caro,
Gioir, pianger con te; []
Mereu adotta per K. lorganismo complessivo del model-
lo, con introduzione dautore e successivo discorso della
madre presso la culla; procede per ad un ribaltamento del-
la ninna-nanna italiana, ricorrendo ai moduli dellattittu
(cfr. CAOCCI 2001, p. 104), del lamento funebre in poesia
(che vero e proprio genere nel sistema poetico sardo, ha
una sua autorialit, con nomi e cognomi soprattutto di pro-
fessioniste). Rifacendoci ad unimmagine usata, potremmo
dire che Mereu operi qui uno spostamento di senso dalla
culla alla bara. Siamo forse al risultato pi prezioso di atti-
vazione congiunta dei due canoni poetici di Mereu, e in
questo attestato di bifrontalit poetico-culturale interviene
anche lepigrafe apposta a K., tratta dal Tieste di Foscolo
(Atto 1, Scena 2, 101-102) che fa della dolorosa madre sar-
da una novella Erope.
In questi esempi si valuta il buon grado di partecipazione
al canone letterario nazionale da parte di Mereu come dis-
creto, forsanche scolastico, fruitore ed estimatore di lette-
ratura italiana. Valga dunque la lista di autori barbaricino-
comunitari stilata in A Tonara:
Canta, canta continu,
o patria de Larente de Cappeddu;
de musas ses giardinu,
cara ses a Tomase Bacchiseddu;
tallegrat Aostinu,
ca possidit bernescu su faeddu,
o
Siamo cos slittati nella cultura letteraria italiana di Me-
reu, rispetto alla quale non possiamo che limitarci qui ad al-
cuni casi esemplari.
A parte la citazione virgolettata da Petrarca, cosa buona
mortal passa e non dura
41
(in A Genesio Lamberti, VI 13),
preponderante appare la lezione di Giuseppe Giusti (1809-
1850), che poi il protagonista di unaltra moda letteraria
nazionale, precedente a quella stecchettiana. Da Giusti, Me-
reu mutua il saltellante quinario delle sue cose pi felici: A
Nanni Sulis I e Lamentos dunu nobile. Il tema di questulti-
ma vicino alle ottave giustiane dei Costumi del giorno, spe-
cie per il motivo dei titulos (Vedo a contrasto i titoli e la
fame; GIUSTI 1962, p. 39). Il motivo della fontana parlante
di Galus risale a Parla il mascherone della Fonte del Tettuc-
cio (ID., p. 712), i cui primi quattro versi vengono diligente-
mente riportati in epigrafe al testo sardo. E osserviamo di
passata che gli inserti latini di Lamentos dunu nobile (in il-
lo tempore v. 25, in diebus illis v. 5, per omnia saecula v.
3), pur rimontanti al pi vulgato latino ecclesiastico (come
per il sicut erat di ANanni Sulis I, dal Gloria Patri), trova-
no puntuale riscontro in Giusti
42
. C poi un episodio giu-
stiano meno scoperto nelle Poesias. Il testo siglato K. nelle-
dizione del 1899 potrebbe ispirarsi ad Affetti duna madre
del poeta toscano (vv. 1-8):
Presso alla culla, in dolce atto damore
Che intendere non pu chi non madre,
Tacita siede e immobile: ma il volto
o
41
Cfr. lapparato a p. 449.
42
Giusti: in illo tempore (Preterito pi che perfetto del verbo pensa-
re, v. 17), in diebus illis (La vestizione, v. 37), per omnia saecula (A
Nena, v. 35).
Ebb, come la va, Signor Francesco?
nesit Pedru passendin su camminu.
semus a sorizzonte su destinu:
vieni figlioccio,che prendiamo il fresco.
Ti voglio raccontar, se ci riesco,
comente fit sa gherra Solferinu,
si no pregunta frade meu Peppinu
come fugg lesercito tedesco.
La notte che ci avevano attaccati
zunchiavano le balle sulla testa
come fanno i calleddi appena nati.
Cera un calore che nel mio termometro
il mercurio bolliva, e la tempesta
del fuoco si sentiva ad un centometro.
Porcheddinu si pu tradurre con porcellesco: fare una
cosa a sa porcheddina, alla porcellesca, significa in sardo
farla con poco rispetto per la pulizia. Lespressione italianu
porcheddinu indicherebbe dunque luso di un italiano im-
puro, con interferenze sarde. Si tratta insomma di un pri-
mitivo italiano regionale che peraltro la poesia sarda aveva
gi degnato di qualche attenzione
44
. Solo che in Mereu que-
o-
cun sa musa brullana
si mustrat dignu fiz e PeppEgiana.
43
ma si osservi anche che quel linguaggio, quello del poeta
Aostinu (Agostino Dejana informa Sulis in nota), pur
sempre qualificato e legittimato, proverbialmente, come
bernescu, da Berni Francesco toscano di Lamporecchio
in Val di Nievole, modello di satira nazionale. Daltronde,
per fruire con profitto di un canone (si pensi appunto allu-
so che Mereu fa di Giusti) occorre averlo sperimentato, bi-
sogna aver raggiunto nei suoi rispetti un decente livello di
confidenza.
C un testo di Mereu, Su testamentu, non consegnato al-
le Poesias del 1899 e, chiss, forse davvero composto a sos
istremos de sa vida: in fin di vita. Qui luomo mette in ri-
ma le sue ultime volont (e le sue ultime maledizioni). Vor-
remmo per avvicinarci alla conclusione di questo discorso
con un lascito pi del poeta che delluomo, un lascito che
riteniamo carico di significati culturali e letterari.
Mereu si sforz di distillare nei suoi testi quelle stesse ten-
sioni che attraversavano il periodo in cui visse e dalle quali
egli stesso era, come abbiamo gi cercato di dire, attraver-
sato. Era cio riuscito a tradurle in gesto stilistico con quel-
lo che popolarmente si dice italiano porcheddinu testimo-
niato nelle Poesias dal sonetto Solferino! (X):
oo
43
Canta, canta di continuo, | o patria di Larentu e di Cappeddu; | di
muse sei giardino, | sei cara a Tomasu e Bacchiseddu; | ti rallegra Aostinu,
| ch possiede la parola bernesca, | con la musa scherzosa | si dimostra de-
gno figlio di Peppe Egiana. A Tonara (V 105-112).
44
Tra le prime testimonianze poetiche si cita Pasquale Capece (che lo
Spano d vivente nel 1863), poeta dotato ma di cui purtroppo si sa e si
conservato assai poco. Capece, nelle ottave di Perfugas nachest tontu, e no
est beru, stigmatizzando il tentativo di istruirsi da parte di alcune sue com-
paesane, dice: Sempre in italianu si faedda, | prinzipalmente in fattos de
coghina: | Piglia la trudda e lava la padedda, | fache lo foco, arrunza la
chigina, | ischerieggia la fae niedda, | ponela a moglie pro la serentina | chi
zioni culturali a diventare riflessive (ASSMAN 1997, p. 116);
tant che sopra le tragedie belliche e postbelliche del seco-
lo breve si fonderanno incisive meditazioni letterarie sulla
cultura sarda, citiamo il Benvenuto Lobina di Po cantu Bid-
danoa, romanzo appunto bilingue, e il Francesco Masala di
Quelli dalle labbra bianche, ma si giungerebbe alla cantata
per voce sola di Marcello Fois (Tamburini). Il problema lin-
guistico costituisce laspetto pi vistoso e insieme pi pro-
fondo di queste pur tragiche situazioni di confronto e quindi
delle autoriflessioni che queste ultime producono. Mereu
abbozza un capitolo importante di questa autocoscienza.
Davvero, a questo punto, lo spettro delle qualit stilisti-
che ed estetiche di Mereu appare molto ampio: ultimo poe-
ta di una plurisecolare tradizione in lingua sarda ma proiet-
tato nel Novecento. Di questa proiezione, infatti, ci parla
proprio una di quelle pratiche lettere in versi che il poeta in-
dirizzava ad amici e parenti, vale a dire la seconda, nellor-
dine delle Poesias, destinata a Giovanni Sulis: A Nanni Su-
lis II.
Eccomi dae nou a tinfadare
cun sas solitas mias novas malas,
prite ca bonas non nde poto dare.
Majest floride postin galas,
a tottu dt cuntentu: su dolore
subra me at ispaltu tristas alas.
46
o,
stuso non occasionale mentre protagonista assoluto di
un discreto gruppo di componimenti (oltre Solferino!, Si-
gnor Ciarla a su fizu Ciarlatanu, Sas giarrettieras, In siscola,
In Conziliatura).
Il peso qui dato alla questione della lingua attesta una vi-
sione non comune nella comprensione dei fenomeni di in-
terferenza e conflittualit derivanti da una accelerata accul-
turazione in seno allunificazione nazionale
45
. E il problema
gi quello di interpretare criticamente e dialetticamente
una fisionomia identitaria, che sar poi una delle urgenze
dei moderni narratori sardi. Il personaggio di Solferino!
in tal senso esemplare: un reduce di guerra (delle guerre ri-
sorgimentali). Pare perci che nelloperare questa scelta non
sfuggisse a Mereu il portato antropologico dei conflitti belli-
ci in quanto situazioni di contatto fra diverse culture regio-
nali, gomito a gomito sotto la bandiera di uno stato unitario
pan-regionale. Non troppo dissimile, in termini di contatto,
dovette essere lesperienza che Mereu fece in prima persona,
arruolato nei Carabinieri dal 1891 al 1895. Il confronto con
una nuova macroidentit nazionale quella italiana per la
storia recente della Sardegna porta di necessit le forma-
os
venit padre dalla currentina | e si cumpanigat lo stranguglione (CPS, I, p.
179). Vi poi lesempio di Antonio Domenico Migheli in Sa briga e sos
santos: Pro chi tistet pius in mente | parler in italiano: | Voi siete il sa-
gristano, | ma non siete un buon sagrista. | Perdete i santi di vista, | per cer-
care i caprioli! | Non si devon lasciar soli, | specialmente i pi piccoli. |
Giuro per i santi articoli | che, se lo tornate a fare, | vennavete a ricorda-
re (MIGHELI 1986, pp. 181-182) e quello, da Sassari, di Pompeo Calvia in
Carrasciali pulitiggu e in Gnio Gabinu dove pure ricorre la definizione
talianu purcheddinu (CALVIA 1967: Gnio Gabinu, III 5).
45
Per un primo esame delle tecniche del Mereu porcheddinu ci permet-
tiamo di rinviare a PORCU 2001.
46
Eccomi di nuovo a infastidirti | con le mie solite cattive notizie, | per-
ch buone non ne posso dare. | Maggio in fiore e s vestito a festa | a tut-
ti infonde contentezza: il dolore | su di me ha aperto tristi ali A Nanni Su-
lis II (XXV 1-6).
Dal presente di una privata condizione tragica (non pi
contrapposta alla gaiezza primaverile) si leva un messaggio
di speranza, che nel percorso ideologico del poeta rappre-
senta anche il superamento del fatalismo de su mundu est
gai [cos va il mondo]. Dal deserto, dai capelli canos si
levano i beranos: potenza della rima. Dal decadimento fi-
sico sorge un auspicio di rinascita.
un altro testamento di Mereu, poich questa una le-
zione che traccia una delle linee maestre della poesia isola-
na. Dal deserto sorger la scuola di Chilivni di Sebastia-
no Satta animata dalla turba dei piccoli alunni, figli | Di
tutti i cuori, fiori | fioriti in rudi solchi, piccoli alunni come
fiori perch quella scuola fonte pura | scavata nel deser-
to. Fiori, fiores, saranno le leve della giovent barbarici-
na in Montanaru (Antioco Casula 1878-1957), fiores che
si rialzano dai martirios e dai dolores. E Predu Mura
(1901-1966) si augurer che a fiorire siano i fizos dunu de-
sertu irmenticau (pro chi si confortet su desertu | e ti tor-
ret sos fizos fattos frores)
49
.
In linea col buon vecchio artigianato poetico ma affaccia-
ta sulle inquietudini del nuovo secolo, non vuole smettere
di comunicare la poesia di Peppino Mereu, in un raro so-
dalizio fra semplicit e forza della parola.
maggio 2003 giugno 2004
++
Linizio tutto su una condizione personale che pare non
debba affrancarsi dal privato, ma si passa al rapporto del
poeta con la comunit paesana (comprese le invettive rivolte
ai sedicenti nobili), e si arriva alla considerazione sui mali
storici della Sardegna. Linizio dunque modulato sul vetu-
sto contrasto tra sofferenza del poeta e bella stagione (Ma-
jest floridu), ma il richiamo alla natura si risolve poi nello
scenario di devastazione dei boschi sardi (quanta importan-
za rivestir questo aspetto in Paese dombre di Giuseppe
Dess!), chiamando in causa i rapporti tra Isola e Regno.
unimmagine desertica:
Vile su chi sas giannas hat apertu
a sistranzu pro benner cun sa serra
a fagher de custu logunu desertu.
47
sulla quale per sopraggiunge un monito autoriferito, con
ritorno circolare allautobiografia:
Guai si no essre isperanzosu
in fiores donosos e galanos,
de cuddos chant profumu virtuosu.
Mancarin testa giuta pilos canos,
sa mente sognat e su coro bramat
pro custa terra rosas e beranos.
48
+o
47
Vile colui che le porte ha aperto | allo straniero perch venisse con la
sega | a fare di questo luogo un deserto (XXV 151-153).
48
Guai se non fossi speranzoso | in fiori graziosi e leggiadri | di quelli
che hanno profumo virtuoso. | Nonostante abbia in testa capelli grigi, | la
mia mente sogna e il muo cuore brama | per questa terra rose e primave-
re. (XXV 160-165).
49
Satta, La scuola Chilivni, pubblicata postuma nei Canti del salto e del-
la tanca del 1924 (ora in SATTA 1996); Montanaru, A tie, Barbagia mia!
Dalla raccolta Boghes de Barbagia del 1904 (ora in MONTANARU 1997);
Mura, Pro chi colet ridende su beranu del 1959 (MURA 2004).
INDICE
INDICE
Poesie complete
Poesias
o Dae una losa ismentigada (I)
- Da una tomba illacrimata
+o Amore (II)
++ Amore
+. Adultera (III)
+, Adultera
+s Moribunda (IV)
+, Moribonda
,o A Tonara (V)
,+ A Tonara
o Consizos a unu amigu (VI)
+ Consigli ad un amico
o Lamentos dunu nobile (VII)
o Lamenti dun nobile
so A Genesio Lamberti (VIII)
s+ A Genesio Lamberti
+oo Agonia I (IX)
+o+ Agonia I
+os Solferino! (X)
+o, Solferino!
..o A Nanni Sulis II (XXV)
..+ A Nanni Sulis II
., A signorina S. (XXVI)
., A signorina S.
.,s Addio a Nuoro (XXVII)
.,, Addio a Nuoro
.o Unu ballu in maschera (XXVIII)
.+ Un ballo in maschera
.. W. (XXIX)
., W.
.s Prefazione alla prima edizione di Giovanni Sulis
.o+ Notas
Altre poesie pubblicate in vita
.-o A Pascale Dessanai (XXX)
.-+ A Pascale Dessanai
.-. Risposta di Pascale Dessanai
.-, Risposta
.- Avanti! (XXXI)
.- Avanti!
.so A una violetta sicca (XXXII)
.s+ Per una violetta appassita
.s In Conziliatura (XXXIII)
.s In Conciliatura
.so A Ernesto Mereu (XXXIV)
287 A Ernesto Mereu
++o A Nanni Sulis I (XI)
+++ A Nanni Sulis I
+.. Galus (XII)
+., Galus
+ A Juanne Sulis (XIII)
+ A Juanne Sulis
+ Caresima (XIV)
+ Quaresima
+o. A Eugeniu Unale I (XV)
+o, A Eugenio Unale I
+-s A Paolo Hardy (XVI)
+-, A Paolo Hardy
+s Aritzo (XVII)
+s Aritzo
+so X. (XVIII)
+s- X.
+,o A Eugeniu Unale II (XIX)
+,+ A Eugenio Unale II
+,s Non ti poto amare (XX)
+,, Non ti posso amare
.oo Studente (XXI)
.o- Studente
.os Sorfana pedit pane (XXII)
.o, Lorfana chiede pane
.+o K. (XXIII)
.++ K.
.+o Y. (XXIV)
.+- Y.
,,. Su socialista a una bigotta (XLVIII)
,,, Il socialista a una bigotta
,,o Su canarinu e su Rettore (XLIX)
,,- Il canarino del Parroco
,,s Aspettos (L)
,,, Sembianze
,o Serenada (LI)
,+ Serenata
,. Cando chi a Tonara (LII)
,, Quando a Tonara
, Imbasciada (LIII)
, Ambasciata
,o Mutu (LIV)
,- Mottetto
,s Ad Alberto Lamarmora (LV)
,, Ad Alberto Lamarmora
, A Nanni Sulis III (LVI)
, A Nanni Sulis III
,s A Signor Tanu (LVII)
,, A Signor Tanu
,os Anima niedda (LVIII)
,o, Anima nera
,- Minca macaca (LIX)
,- Stupido cazzo
,so Su minestrone (LX)
,s+ Il minestrone
,so Su testamentu (LXI)
,s- Il testamento
Disperse
.,s Agonia II (XXXV)
.,, Agonia II
,oo Turmentos (XXXVI)
,o+ Tormenti
,o. Sisveglia (XXXVII)
,o, La sveglia
,o Sa teracca mia (XXXVIII)
,o La mia serva
,oo Sas giarrettieras (XXXIX)
,o- Le giarrettiere
,os Signor Ciarla a su fizu Ciarlatanu (XL)
,o, Signor Ciarla al figlio Ciarlatanu
,+o In siscola (XLI)
,++ Lezione
,+ Proposta amorosa - Risposta amorosa (XLII)
,+ Proposta amorosa - Risposta amorosa
,.o Litanias maggiores (XLIII)
,.+ Litanie maggiori
,. Unu bandu (XLIV)
,. Un bando
,.o Cunfessende (XLV)
,.- In confessione
,.s Sambulante tonaresu (XLVI)
,., Lambulante di Tonara
,,o A unillusa (XLVII)
,,+ A unillusa
,, Sa bottiglia (LXII)
,, La bottiglia
,,o Ottava (LXIII)
,,- Ottava
,,s Mauru Zucca (LXIV)
,,, Mauro Zucca
oo A su tianesu (LXV)
o+ Ad uno Tana
o. A Peppe Cappai (LXVI)
o, A Peppe Cappai
o Il verbale (LXVII)
o- Mors tua - Vita mea (LXVIII)
o, A Tonara (LXIX)
+, Abbreviazioni bibliografiche
., Nota biografica
. Notizia sul testo
,- Criteri di edizione
- Apparati
-+ Nota alla traduzione
- Peppinu Mereu. Lultimo poeta in lingua sarda
di Giancarlo Porcu
Volumi pubblicati:
Tascabili
Grazia Deledda, Chiaroscuro
Grazia Deledda, Il fanciullo nascosto
Grazia Deledda, Ferro e fuoco
Francesco Masala, Quelli dalle labbra bianche
Emilio Lussu, Il cinghiale del Diavolo (2
a
edizione)
Maria Giacobbe, Il mare (3
a
edizione)
Sergio Atzeni, Il quinto passo laddio
Sergio Atzeni, Passavamo sulla terra leggeri
Giulio Angioni, Loro di Fraus
Antonio Cossu, Il riscatto
Bachisio Zizi, Greggi dira
Ernst Jnger, Terra sarda
Salvatore Niffoi, Il viaggio degli inganni (2
a
edizione)
Luciano Marrocu, Fulas (2
a
edizione)
Gianluca Floris, I maestri cantori
D.H. Lawrence, Mare e Sardegna
Salvatore Niffoi, Il postino di Piracherfa
Flavio Soriga, Diavoli di Nurai (2
a
edizione)
Giorgio Todde, Lo stato delle anime
Francesco Masala, Il parroco di Arasol
Maria Giacobbe, Gli arcipelaghi (2
a
edizione)
Salvatore Niffoi, Cristolu
Giulio Angioni, Millantanni
Luciano Marrocu, Debr Libans
Poesia
Giovanni Dettori, Amarante
Sergio Atzeni, Due colori esistono al mondo. Il verde il secondo
Gigi Dess, Il disegno
Roberto Concu Serra, Esercizi di salvezza
Serge Pey, Nierika o le memorie del quinto sole
Saggistica
Bruno Rombi, Salvatore Cambosu, cantore solitario
Giancarlo Porcu, La parola ritrovata. Poetica e linguaggio in
Pascale Dessanai
FuoriCollana
Salvatore Cambosu, I racconti
Antonietta Ciusa Mascolo, Francesco Ciusa, mio padre
Alberto Masala - Massimo Golfieri, Mediterranea
I Menhir
Salvatore Cambosu, Miele amaro
Antonio Pigliaru, Il banditismo in Sardegna. La vendetta bar-
baricina
Giovanni Lilliu, La civilt dei sardi
Giulio Angioni, Sa laurera. Il lavoro contadino in Sardegna
In coedizione con Edizioni Frassinelli
Marcello Fois, Sempre caro
Marcello Fois, Sangue dal cielo
Marcello Fois, Laltro mondo
Giorgio Todde, Lo stato delle anime
Giorgio Todde, Paura e carne
Giorgio Todde, Locchiata letale
Giorgio Todde, La matta bestialit (2
a
edizione)
Sergio Atzeni, Racconti con colonna sonora e altri in giallo
Marcello Fois, Materiali
Maria Giacobbe, Diario di una maestrina
Giuseppe Dess, Paese dombre
Francesco Abate, Il cattivo cronista
Gavino Ledda, Padre padrone
Salvatore Niffoi, La sesta ora
Jack Kerouac, Lultima parola. In viaggio. Nel jazz
Gianni Marilotti, La quattordicesima commensale
Giorgio Todde, Ei
Luigi Pintor, Servabo
Marcello Fois, Tamburini
Francesco Abate, Ultima di campionato
Patrick Chamoiseau, Texaco
Luciano Marrocu, Scarpe rosse, tacchi a spillo
Alberto Capitta, Creaturine
Romano Ruju, Quel giorno a Buggerru
Narrativa
Salvatore Cambosu, Lo sposo pentito
Marcello Fois, Nulla (2
a
edizione)
Francesco Cucca, Muni rosa del Suf
Paolo Maccioni, Insonnie newyorkesi
Bachisio Zizi, Lettere da Orune
Maria Giacobbe, Maschere e angeli nudi: ritratto duninfanzia
Giulio Angioni, Il gioco del mondo
Aldo Tanchis, Pesi leggeri
Maria Giacobbe, Scenari desilio. Quindici parabole
Giulia Clarkson, La citt dacqua
Paola Alcioni, La stirpe dei re perduti
Mariangela Sedda, Oltremare
Rossana Copez, Si chiama Violante
Finito di stampare
nel mese di settembre 2004
dalla Tipolitografia ME.CA. - Recco GE