Sei sulla pagina 1di 2

Ignazio Murru, Sa repentina

Sa repentina in Sardegna lunica forma di poesia in musica improvvisata la cui denominazione fa riferimento all'atto performativo, alla prassi del cantare in maniera estemporanea e non ad una specifica forma poetica. Come noto, laggettivo repentino indica ci che avviene inaspettatamente, si manifesta in brevissimo tempo, ci che improvviso, subitaneo. De repente una espressione del sardo per indicare qualcosa che avviene allimprovviso. La stessa espressione con il medesimo significato si ritrova in spagnolo. Repentinismo poi il termine con cui a Cuba e in varie zone dell'America Latina si indica lo spazio dell'improvvisazione poetica, e repentistas la denominazione dei poeti improvvisatori. Attualmente la pratica poetica della repentina diffusa entro un territorio comprendente la Marmilla, la Trexenta e il Campidano di Oristano. Si tratta di una diffusione un po a macchia di leopardo. La maggiore concentrazione di gare e di appassionati si ha in alcuni paesi quali Furtei, Sanluri, Guasila, Sardara, Segariu , Samassi, Nurachi, S. Giusta, Tramatza, Terralba, Guspini, Uras, Marrubiu, Arcidano. Si hanno comunque notizie di diffusione della repentina anche in alcuni centri che insistono nel Campidano di Cagliari (soprattutto Decimomannu e Decimoputzu) e in Ogliastra (Tortol). In un passato non tanto remoto, la repentina era presente anche in alcuni paesi del Sarcidano. Dal punto di vista poetico, la repentina una espressione polimetrica (si spazia dal quinario al decasillabo con prevalenza del verso ottonario) piuttosto lunga, che si sviluppa con una estensione non predeterminata, senza alcun vincolo nel numero dei versi o di strofe. Al suo interno la rima ha una funzione prevalentemente demarcativa e, in base alla forma utilizzata, allesecuzione e alle scelte del poeta, una funzione strutturante in quanto organizza il ritmo sonoro dellimprovvisazione poetica. Nel complesso vi sono tre diverse tipologie di improvvisazione poetica che vanno sotto il nome di repentina. La pi semplice detta a sa dereta ed costituita da una successione di rime baciate. Essa generalmente associata alla figura del principiante e a contesti conviviali e privati nei quali chiunque, anche chi meno esperto, appunto, pu cimentarsi nellimprovvisazione senza rischiare intoppi e potendo esprimere un ampio pensiero in versi. La forma di repentina pi utilizzata la cosiddetta retrograda, ovvero quella che prevede linversione dei versi al fine di creare rime sempre nuove utilizzando le stesse parole. Questa tecnica improvvisativa piuttosto diffusa in Sardegna e si ritrova anche in repertori di canto monodico come le anninnie, i mutos e i mutetos. Ecco un esempio semplice di retrogradazione: No seu a videolina - ma me in sa scole Caddeu Me in Videolina no seu - e faimiddu su favori Anant e su professori - marrespundis eleganti De su professorananti - e usami su galateu AB BC CD DE

La terza forma di repentina sa riepilogada una tecnica che per molti versi richiama sa moda della poesia logudorese (vedi). Il termine indica la ripetizione dei versi del testo gi cantato e viene considerato un banco di prova per le capacit mnemoniche del poeta che mentre va sviluppando la propria improvvisazione deve ricordare quanto va facendo per essere in grado di ripeterlo una volta terminata la fase espositiva. Tale pratica si limita ad un certo numero di versi, a seconda della capacit e del volere del poeta. Limprovvisazione poetica della repentina viene accompagnata da una base musicale per tutta la sua durata, dal primo allultimo verso, un elemento caratterizzante rispetto ad altre forme di poesia estemporanea in Sardegna. Tale accompagnamento viene affidato prevalentemente alla fisarmonica,

anche se, di tanto in tanto, soprattutto nella zona di Nurachi, si utilizzano is sonus de canna ovvero is launeddas. In passato, soprattutto in contesti informali, veniva utilizzata anche la chitarra unita alla fisarmonica. Laccompagnamento enfatizza lesposizione melodica del canto del poeta che non ha uno svolgimento fisso ma attinge a varie formule melodico-ritmico stereotipe che si articolano in genere nellambito di un intervallo di sesta. La scansione del canto generalmente sillabica, ma non mancano momenti in cui su cantadori si sofferma su una nota e su di essa compie degli abbellimenti che concorrono a determinare il suo stile vocale (sa moderna, su traggiu). Il fulcro della pratica de sa repentina costituito dalle gare, confronti improvvisati fra due o pi poeti che si tengono solitamente, durante le feste paesane, prevalentemente da maggio ad ottobre. Come per altre analoghe sfide poetiche, anche la gara de sa repentina si articola in pi fasi con al centro il confronto su temi antitetici affidati ai singoli poeti mediante estrazione a sorte. Attualmente le gare sono animate da tre poeti anziani, pi altri due che si esibiscono saltuariamente. A partire dallagosto 2009 hanno iniziato a calcare i palchi, cimentandosi in gare altri tre giovani poeti che aspirano a diventare professionisti.