Sei sulla pagina 1di 560

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dipartimento di Astronomia
CORSO DI STUDI IN ASTRONOMIA
STRUTTURA ED EVOLUZIONE DELLE
STELLE
Cesare Chiosi
i
STRUTTURA ED EVOLUZIONE DELLE STELLE
Cesare Chiosi
UNIVERSIT
`
A DEGLI STUDI DI PADOVA
Dipartimento di Astronomia
i
A Emma, Chiara, Emanuela
In memoria di
Oliver
ii
Indice
1 INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2 PANORAMA OSSERVATIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.1 Luminosit`a e Magnitudini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.2 Spettri, T
eff
, Indici di Colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.3 Raggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.4 Masse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.5 Distanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.6 Abbondanze Chimiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.7 Sistemi di stelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.8 Il Diagramma di Hertzsprung-Russell . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.9 Popolazioni Stellari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3 SCALE DI TEMPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
4 SIMMETRIA SFERICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.1 Descrizione Euleriana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.2 Descrizione Lagrangiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.3 Campo Gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
5 EQUILIBRIO MECCANICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.1 Equilibrio Idrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.2 Conservazione della Massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
5.3 Pressione, temperatura e densit`a centrali . . . . . . . . . . . . . . . . 28
5.4 Necessit`a dell equilibrio idrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
5.5 Equazioni del moto in simmetria sferica . . . . . . . . . . . . . . . . 31
5.6 Teorema del Viriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
6 EQUILIBRIO TERMICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
6.1 Equilibrio termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
6.2 Bilancio energetico generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
iii
iv INDICE
7 STATO FISICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
7.1 Equilibrio Termodinamico nelle Stelle . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
7.2 Prima Legge della Termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
7.3 Seconda Legge della Termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
8 MECCANICA STATISTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
8.1 Meccanica statistica classica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
8.1.1 Gas perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
8.1.2 Equazione di stato di un gas ideale . . . . . . . . . . . . . . 50
8.2 Meccanica statistica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
8.2.1 Peso statistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
8.2.2 Distribuzione di Fermi-Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
8.2.3 Distribuzione di Bose-Einstein . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
8.3 Leggi di distribuzione: riassunto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
8.4 Leggi di Maxwell e di Boltzmann: riassunto . . . . . . . . . . . . . . 59
8.5 Legge di Planck per il Corpo Nero: riassunto . . . . . . . . . . . . . 61
9 EQUAZIONE DI STATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
9.1 Pressione di un Gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
9.2 Pressione di un Gas di fotoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
9.3 Pressione di un Gas Perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
9.4 Peso Molecolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
9.5 Pressione di un Gas di Elettroni Degeneri . . . . . . . . . . . . . . . 69
9.5.1 Gas di elettroni totalmente degeneri non relativistici . . . . . 70
9.5.2 Gas di elettroni totalmente degenere relativistico . . . . . . . 71
9.5.3 Gas di elettroni parzialmente degenere non relativistico . . . 72
9.5.4 Pressioni parziali: confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
10 RELAZIONI TERMODINAMICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
10.1 Energia Interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
10.2 Calori Specici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
10.3 Eetti della radiazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
10.4 Entropia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
10.5 Trasformazioni politropiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
11 IONIZZAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
11.1 Relazioni di Boltzmann e Saha . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
11.2 Ionizzazione dell Idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
11.3 Parziale ionizzazione: , c
P
,
a
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
11.4 Miscela Idrogeno-Elio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
INDICE v
12 TRASPORTO DELLENERGIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
12.1 Trasporto Radiativo ed Opacit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
12.2 Trasporto Convettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
12.2.1 Teoria della Mixing Length: versione semplice . . . . . . . . . 101
12.3 Trasporto Conduttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
12.4 Neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
13 TRASPORTO RADIATIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
13.1 Teoria elementare del trasporto radiativo . . . . . . . . . . . . . . . 109
13.2 Opacit`a della materia stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
14 TRASPORTO CONVETTIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
14.1 Criteri di instabilit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
14.2 Teoria della mixing length . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
15 OPACIT
`
A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
15.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
15.2 Equazione di Schredinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
15.3 Metodo risolutivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
15.4 Trattazione semi-classica della radiazione . . . . . . . . . . . . . . . 149
15.5 Transizione di dipolo elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
15.6 Regole di selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
15.7 Opacit`a della materia stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
16 SORGENTI DI ENERGIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
16.1 Energia potenziale gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
16.2 Teorema del Viriale: Formulazione Generale . . . . . . . . . . . . . . 171
16.3 Teorema del Viriale: Casi Particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
16.4 Energia interna ed energia totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
16.5 Contrazione gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
16.6 Condizioni per la contrazione gravitazionale . . . . . . . . . . . . . 175
16.7 Energia gravitazionale locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
17 ENERGIA NUCLEARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
17.1 Velocit`a di una reazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
17.2 Sezione dUrto di una Reazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
17.2.1 Modello di Bohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
17.2.2 Risonanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
17.2.3 Sezione dUrto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
17.2.3.1 Sezione durto non risonante . . . . . . . . . . . . . 190
17.2.3.2 Sezione durto risonante . . . . . . . . . . . . . . . 195
17.3 Schermaggio elettronico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
vi INDICE
17.4 Principali Reazioni Termonucleari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
17.4.1 Il Bruciamento dellIdrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
17.4.1.1 Catena Protone-Protone . . . . . . . . . . . . . . . 200
17.4.1.2 Cicli CN e CNO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
17.5 Energia dei cicli CN-CNO e PP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
17.5.1 Ciclo CN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
17.5.2 Catene PP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
17.6 Il Bruciamento dellElio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
17.7 Bruciamenti del C, Ne, O e Si . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
17.7.1 Carbonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
17.7.2 Neon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
17.7.3 Ossigeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
17.7.4 Silicio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
18 NEUTRINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
18.1 Teoria dellinterazione debole: cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
18.2 Processi neutrinici: termini misti di H
int
. . . . . . . . . . . . . . . 225
18.3 Processi neutrinici: termini quadratici di H
int
. . . . . . . . . . . . 227
19 METODI RISOLUTIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
19.1 Sistema Completo di Equazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
19.2 Condizioni al contorno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
19.3 Unicit`a delle Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
19.4 Sequenze Evolutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
19.5 Soluzioni Numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
19.5.1 Metodo del raccordo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
19.5.2 Metodo delle shell o di Henyey . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
20 STABILIT
`
A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
20.1 Equazioni del Moto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
20.2 Il Modello a Pistone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
20.3 Ancora sul pistone: complicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
20.4 Stabilit`a stellare: metodi semplici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
20.4.1 Stabilit`a dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
20.4.2 Eetti non adiabatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
20.4.3 Calore specico gravo-termico . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
20.4.4 Stabilit`a secolare e bruciamento nucleare . . . . . . . . . . . 263
20.5 Stabilit`a stellare: metodi variazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
21 POLITROPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
21.1 Modelli semplici nel piano U-V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
21.1.1 Inviluppi radiativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
21.1.2 Nucleo convettivo e raccordo con inviluppo radiativo . . . . . 282
21.2 Collasso di un politropo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
21.3 Sfere isoterme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
INDICE vii
22 MODELLI SEMPLICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
22.1 Modelli semplici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
22.2 Trasformazioni di omologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
23 PRESEQUENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
23.1 Formazione Stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
23.2 Collasso della Protostella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
23.3 Fase di Contrazione in Pre-Sequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
24 FORMAZIONE STELLARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
24.1 Criterio di Jeans e Frammentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
24.2 Formazione di protostelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
25 LIMITE DI HAYASHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
25.1 Luminosit`a delle stelle totalmente convettive . . . . . . . . . . . . . 329
25.2 Descrizione semplice della linea di Hayashi . . . . . . . . . . . . . . . 331
25.3 Luminosit`a limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
25.4 Stelle vicine alla linea di Hayashi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
26 LIMITI INFERIORE E SUPERIORE DELLA SEQUENZA PRIN-
CIPALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
27 SEQUENZA PRINCIPALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
27.1 Propriet`a Generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
27.2 Bruciamento dellIdrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
27.3 Stelle Nane Nere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
28 FASI DI POST-SEQUENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
28.1 Caratteristiche Generali e Masse Critiche . . . . . . . . . . . . . . . 355
28.2 Diagramma delle condizioni centrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
29 STELLE DI PICCOLA MASSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
29.1 Caratteristiche generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
29.2 Propriet`a siche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
29.3 Omologia di shell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 373
29.4 Flash dellelio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
29.5 Instabilit`a termica della shell di elio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
30 STELLE DI MASSA INTERMEDIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
30.1 Evoluzione di Stelle di Massa Intermedia . . . . . . . . . . . . . . . 383
viii INDICE
31 DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO . . . . 391
31.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
31.2 Nucleo C-O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
31.3 Flash del Carbonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
31.4 Equilibrio nucleare statistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
31.5 Convezione ed equilibrio idrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
31.6 Fronti di combustione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
32 STELLE QUASI MASSICCE E MASSICCE . . . . . . . . . . . . . 403
32.1 Stelle Quasi Massicce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
32.2 Stelle Massicce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
32.2.1 Evoluzione del Nucleo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
32.2.2 Evoluzione dell inviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
33 VENTI STELLARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
33.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
33.2 Venti coronali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
33.2.1 Equilibrio idrostatico o idrodinamico? . . . . . . . . . . . . . 418
33.2.2 Equazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
33.2.3 Caso isotermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
33.2.4 Caso generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
33.2.5 Venti stellari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
33.2.6 Relazione fra venti stellari e corone . . . . . . . . . . . . . . . 430
33.3 Venti radiativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
33.3.1 Dinamica di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
33.3.2 Modelli a molte righe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
33.4 Osservazioni nali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446
34 COLLASSI ED ESPLOSIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
34.1 Collasso del nucleo in stelle massicce . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
34.2 Trattazione politropica del collasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
34.3 Riessione della caduta libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
34.4 Formazione dellonda durto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
34.5 Bilancio energetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454
34.6 Eetto dei neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
34.7 Instabilit`a di coppie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
35 SUPERNOVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461
35.0.1 Supernove di Tipo I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
35.0.2 Supernove di Tipo II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
INDICE 1
36 OGGETTI COMPATTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469
36.1 Stelle Nane Bianche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469
36.1.1 Interno Degenere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
36.1.2 Revisione della struttura meccanica . . . . . . . . . . . . . . 475
36.1.3 Inviluppo esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
36.2 Stelle di Neutroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
36.3 Buchi Neri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
37 STELLE VARIABILI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
37.1 Fondamenti della Teoria delle Pulsazioni . . . . . . . . . . . . . . . 499
37.1.1 Trattazione Adiabatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
37.1.2 Trattazione Non Adiabatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508
37.2 Instabilit`a da Ionizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
37.3 I Pulsatori Radiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516
37.4 I Pulsatori Non Radiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519
38 IL DIAGRAMMA HR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
38.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
38.2 Funzione iniziale di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
38.3 Isocrone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
38.4 Teoria delle SSP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 524
38.5 Ammassi Aperti ed Associazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528
38.6 Ammassi Globulari Giovani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
38.7 Ammassi Globulari Classici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 534
38.7.1 Fasi in HRD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
38.7.2 Elio e Rapporti R, R

R
1
e R
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . 540
38.7.3 Secondo Parametro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 543
38.7.4 Et`a degli Ammassi Globulari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 543
38.7.5 Funzione di Luminosit`a delle Stelle RGB . . . . . . . . . . . 544
38.7.6 Funzione di Luminosit`a della SP . . . . . . . . . . . . . . . . 546
39 CONCLUSIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 549
2 INDICE
Capitolo 1
INTRODUZIONE
Lo studio della struttura ed evoluzione delle stelle, costituenti la frazione dominante
della massa direttamente osservabile dellUniverso, `e di fondamentale importanza
nella comprensione di fenomeni diversi, che vanno dalla produzione degli elementi pi` u
pesanti dellelio, alla struttura ed energetica del mezzo interstellare, allevoluzione
globale delle galassie.
La struttura di una stella `e determinata dal gioco complesso di varie leggi e fenomeni
sici: equilibrio idrostatico, conservazione dellenergia, fusione nucleare, trasporto
radiativo, convettivo e conduttivo dellenergia, interazione fra materia e radiazione,
termodinamica ed equazione di stato dei gas.
Queste leggi opportunamente combinate fra di loro portano alla costruzione di mod-
elli matematici della struttura stellare che permettono di determinare la temper-
atura, la densit`a, la pressione, la struttura chimica in funzione della distanza dal
centro.
Una stella non `e statica, bens evolvente nel tempo a causa della perdita continua
di energia dalla supercie soprattutto sotto forma di radiazione elettromagnetica.
Questa energia `e fornita da due sorgenti principali: la contrazione gravitazionale e
le reazioni nucleari di fusione di elementi leggeri in elementi pi u pesanti Levoluzione
temporale di una stella `e infatti la conseguenza delle variazioni interne indotte dalla
generazione dellenergia necessaria a bilanciare la perdita dalla supercie.
La struttura di una stella di data massa e composizione chimica e la sua evoluzione
temporale dallo stadio di formazione dal mezzo interstellare allo stadio nale (nana
bianca, stella di neutroni o buco nero a cui si accompagna emissione di materia sia
in forma quieta che esplosiva) sono ottenibili dalla soluzione di complessi sistemi di
equazioni dierenziali mediante tecniche numeriche altamente sosticate.
Oltre che alla struttura interna, tali soluzioni danno il luogo nel diagramma di
Hertzsprung-Russell (HR) occupato da una stella di data massa al variare del tempo,
e le relazioni massa-luminosit`a- temperatura eettiva-composizione chimica super-
ciale in diversi stadi evolutivi. Il risultato del modello teorico pu`o essere pertanto
direttamente confrontato con le osservazioni.
3
4 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE
Capitolo 2
PANORAMA OSSERVATIVO
Luminosit`a (L), Temperatura Eettiva (T
eff
), Massa (M), Raggio (R) e Compo-
sizione Chimica di singole stelle sono ottenibili da misure dirette anche se con di-
verso grado di dicolt`a ed incertezza. mentre let`a e la composizione chimica di
insiemi di stelle (associazioni, ammassi aperti, ammassi globulari) sono derivabili
dal diagramma H-R.
In ogni caso, la conoscenza di molti dei parametri fondamentali di una stella o di un
insieme di stelle richiede che sia nota la distanza, una quantit`a dicile da misurare
in quanto anche la stella pi` u vicina al Sole dista 2.610
5
unit`a astronomiche (AU),
dove una AU `e 1.510
13
cm.
2.1 Luminosit`a e Magnitudini
Il valore standard della luminosit`a (L) `e quello del Sole. Esso `e ottenuto dalla
misura diretta della quantit`a di energia S

ricevuta per centimetro quadrato e per


secondo e su tutte le lunghezze donda al di sopra della atmosfera terrestre e alla
distanza media della Terra dal Sole. Questa quantit`a, nota come la costante solare,
`e convertita in luminosit`a usando la relazione
L

= 4 d
2

= 3.8610
33
erg s
1
(2.1)
dove d

= 1 AU. Per le altre stelle, il usso S in erg cm


2
s
1
ricevuto sulla Terra
da un ricettore sensibile in una data banda di lunghezze donda `e corretto per gli
eetti dellatmosfera, per lassorbimento interstellare ed `e esteso a tutte le lunghezze
donda. Se la distanza della stella `e nota, la luminosit`a `e data da L = 4 d
2
S.
5
6 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
La luminosit`a delle stelle `e spesso espressa mediante le magnitudini apparenti ed
assolute in opportune bande spettrali. Esse sono legate dalla relazione di Pogson
alle quantit`a di energia raccolta dallo strumento analizzatore
m

= 2.5logL

+cost (2.2)
Tradizionalmente sono molto usate le magnitudini ottenute dalle bande U, B, V di
Johnson, rispettivamente fra 3100 e 3900

A, fra 3800 e 4800

A, fra 4900 e 6100

A
ed i colori U-B e B-V ad esse associate.
Si denisce come magnitudine bolometrica (M
bol
) la magnitudine che avrebbe la
stella qualora fosse possibile raccogliere lintero spettro di energia, cio`e anche quella
parte che viene assorbita dallatmosfera terrestre e quella che cade fuori dellintervallo
di sensibilit`a dello strumento. La luminosit`a L associata alla magnitudine bolomet-
rica `e quella che corrisponde alla quantit`a totale di energia emessa dalla supercie
stellare.
Se sono note la distanza d e lestinzione A

, `e possibile passare da magnitudini


apparenti a magnitudini assolute. Per convenzione si chiama magnitudine assoluta
quella che una stella avrebbe se posta alla distanza di 10 pc.
`
E facile vericare che
vale la seguente relazione
M

= m

+ 5 5logd (2.3)
dove m

`e la magnitudine apparente, A

`e lassorbimento in magnitudini dovuto


al materiale interstellare, M

`e la magnitudine assoluta e d `e la distanza espressa


in pc.
Si usa considerare la magnitudine V come rappresentativa della luminosit`a della
stella ed esprimere il legame fra magnitudine visuale e bolometrica con
m
bol
m
V
= M
bol
M
V
= BC (2.4)
dove BC `e la correzione bolometrica.
Inne la quantit`a (M m+A) `e detta modulo di distanza apparente e la quantit`a
(M m)
0
modulo di distanza assoluto.
2.2 Spettri, T
eff
, Indici di Colore
Spettri. La maggior parte della radiazione emessa da una stella proviene da uno
strato superciale chiamato fotosfera, il cui spessore `e pari ad un cammino libero
medio di un fotone. Se la distribuzione di temperatura di questa regione fosse
2.2. SPETTRI, T
EFF
, INDICI DI COLORE 7
isoterma, la distribuzione spettrale dellenergia sarebbe quella del corpo nero. In
realt`a la distribuzione della temperatura non `e isoterma, ed esistono assorbimenti
selettivi di atomi e molecole che producono un caratteristico spettro di assorbi-
mento sovrapposto ad uno spettro di continuo (corpo nero) proveniente dagli strati
sottostanti. Lanalisi dello spettro pu`o dare indicazioni sulla temperatura, densit`a
(gravit`a) e composizione chimica degli strati superciali. Esistono vari sistemi di
classicazione spettrale, il pi` u noto fra tutti `e il sistema di Morgan e Keenan (MK)
che ordina gli spettri stellari essenzialmente in funzione della temperatura (classe
spettrale indicata con le lettere O,B,A,F,G,K,M-C-S) e della densit`a superciale
(classe di luminosit`a indicata con numeri romani da I a V e ulteriori suddivisioni
n dove possibile) distinguendo fra stelle di sequenza principale, subgiganti, giganti,
supergiganti, nane, sottonane e nane bianche a cui per data temperatura superciale
corrispondono gravit`a e densit`a superciali crescenti.
Temperature Eettive. Poich`e una stella non irradia esattamente come un corpo
nero la denizione di temperatura superciale non `e univoca. Viene denita come
temperatura eettiva (T
eff
) di una stella quella data dalla relazione
L = 4 R
2
T
4
eff
(2.5)
dove R `e il raggio, la costante di Stefan-Boltzmann e L la luminosit`a. Pertanto,
T
eff
`e la temperatura di un corpo nero che abbia le stesse dimensioni e luminosit`a
della stella.
La temperatura eettiva `e alla base di tutti i sistemi di classicazione spettrali pi` u
moderni. Tuttavia luso di questa relazione per dedurre la temperatura superciale
delle stelle presuppone la conoscenza del raggio, che `e noto solo per un numero molto
limitato di oggetti.
`
E molto pi` u dicile ottenere il raggio che la temperatura di una
stella. Conviene quindi dedurre T
eff
da altri metodi e usare la relazione precedente
per ottenere R. I metodi in uso sono:
i) Misura dettagliata della distribuzione spettrale dellenergia e determinazione della
temperatura del corpo nero che meglio la riproduce.
ii) Determinazione della
max
del massimo di intensit`a nello spettro e della temper-
atura dalla relazione
max
T = 2.8910
7
(se
max
`e espresso in

A).
iii) Misura dellindice di colore ottenuto dalla misura del usso stellare in due diverse
bande spettrali. Ad esempio il colore B V `e dato dal rapporto tra il usso nel B
e quello nel V . Conoscendo le propriet`a dei ltri B e V e la distribuzione spettrale
8 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
del corpo nero alle varie temperature, dal confronto si pu`o determinate la T
eff
della
stella.
Indici di colore. La dierenza fra la magnitudini assolute in due bande passanti
qualunque e chiamata indice di colore intrinseco
C

2
= M

1
M

2
(2.6)
Lo stesso fra le magnitudini apparenti e detto colore apparente
c

2
= m

1
m

2
(2.7)
Fra i due tipi di colore valgono le seguenti relazioni
C

2
= c

2
E

2
(2.8)
dove
E

2
= A

1
A

2
(2.9)
La quantit`a E

2
`e detta eccesso dei colore.
Esempio classico di un sistema di magnitudini, colori, eccessi di colore e quello di
Johnson.
Inne ricordiamo che `e stato possibile stabilire un legame fra tipo spettrale, indici di
colore (ad esempio B-V e U-B ), correzione bolometrica BC e T
eff
. Queste relazioni
non sono tuttavia le stesse per tutti i tipi di stella ma variano con la classe di
luminosit`a. La Tabella 2.2 riassume queste relazioni per il sistema MK limitatamente
alle stelle della sequenza principale (V classe di luminosit`a). La conversione da tipo
spettrale e colore a T
eff
`e tuttavia incerta, anche se per ragioni diverse, per le stelle
molto calde (O,B) e molto fredde (K,M).
2.3 Raggi
La determinazione dei raggi stellari `e per via diretta molto dicile, in quanto
anche per le stelle molto vicine i diametri angolari sono sempre estremamente pic-
coli, ai limiti del potere risolutivo dei massimi telescopi, e fortemente limitata dalla
presenza della turbolenza dellaria. Per misurare il raggio (diametro) delle stelle
vicine si `e fatto ricorso a metodi interferometrici (di fase e di intensit`a), alle occul-
tazioni lunari, alla speckle interferometry ed inne alle binarie spettroscopiche con
entrambi gli spettri visibili. Il numero di stelle di noto diametro `e tuttavia molto
piccolo.
2.3. RAGGI 9
Tabella 2.1. Relazioni fra (B-V), Te e BC per stelle di sequenza principale (classe
di luminosit`a V)
MK T
eff
B-V BC M
V
O8 36250 -0.33 -3.50
O9 32750 -0.31 -3.25
O9.5 31300 -0.30 -3.12 -4.7
B0 29590 -0.29 -2.99 -4.1
B0.5 25412 -0.26 -2.60 -3.6
B1.5 21825 -0.23 -2.22 -2.3
B3 18740 -0.20 -1.84 -1.7
B4 16930 -0.18 -1.58 -1.4
B5 15300 -0.16 -1.34 -1.1
B8 12200 -0.11 -0.72 -0.2
B9 11200 -0.08 -0.46 0.2
B9.5 10545 -0.05 -0.32 0.6
A0 9570 0.00 -0.19 1.2
A2 8995 0.05 -0.09 1.5
A3 8790 0.07 -0.06 1.7
A5 8200 0.14 -0.02 2.1
A7 7800 0.20 0.00 2.4
F0 7410 0.30 -0.08 2.7
F1 7100 0.33 0.01 2.8
F2 6900 0.38 -0.06 3.1
F4 6760 0.43 -0.04 3.3
F5 6700 0.45 -0.04 3.4
F6 6500 0.47 -0.04 3.7
F8 6200 0.53 -0.05 4.0
G0 6000 0.60 -0.06 4.4
G2 5740 0.64 -0.07 4.7
G5 5520 0.68 -0.10 5.2
G8 5320 0.72 -0.15 5.6
K0 5120 0.81 -0.19 5.9
K1 4920 0.82 -0.22 6.1
K2 4760 0.92 -0.25 6.3
K3 4600 0.98 -0.35 6.9
K5 4170 1.18 -0.71 8.1
K6 4000 8.5
M0 3750 9.2
M1 3600 1.48 -1.70 9.7
M2 3350 -2.03 10.1
M3 3100 1.49 -2.35 10.6
10 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
2.4 Masse
La massa di una stella pu`o essere misurata direttamente solamente se essa appar-
tiene ad un sistema binario, nel qual caso si pu`o applicare la terza legge di Keplero.
Se M
1
e M
2
sono le masse (in unit`a solari) delle due stelle componenti il sistema
binario, P `e il periodo orbitale del sistema (in anni) ed A `e il semiasse maggiore
dellorbita relativa, la legge di Keplero aerma che (M
1
+ M
2
)P
2
= A
3
. Nel caso
del Sole possono essere utilizzati i periodi e le distanze orbitali dei pianeti per deter-
minare la massa M

. Se entrambe le componenti del sistema binario sono visibili


(sistema binario visuale) e possono essere misurate le distanze angolari di queste
dal baricentro del sistema ed il periodo, allora le singole masse sono determinabili
ammesso che sia nota la distanza del sistema. Se il sistema binario ha una sepa-
razione angolare cos` piccola che le singole componenti non possono essere risolte
visualmente, `e tuttavia possibile risolverlo spettroscopicamente e misurare lo sposta-
mento Doppler delle righe nello spettro delle singole componenti. Da ci`o segue il
periodo e la velocit`a orbitale delle singole stelle. Se in aggiunta il sistema mostra
uneclisse in modo tale da garantire che losservazione `e fatta lungo il piano orbitale,
allora `e possibile determinare il semiasse maggiore, la somma delle masse ed inne
le masse individuali dal rapporto delle velocit`a delle singole componenti. Con questi
metodi si `e determinata la massa di circa 100 stelle di nota magnitudine visuale
assoluta situate nelle immediate vicinanze solari e da queste la relazione massa-
luminosit`a (Fig. 2.1). La luminosit`a di una stella cresce con una certa potenza della
sua massa: L = costM

, dove `e varia da 3.5 e 4 per le stelle di bassa sequenza


principale 3.5 3 per quelle di sequenza principale intermedia no ad 1 per quelle
dellalta sequenza principale.
2.5 Distanze
La misura diretta della distanza con il metodo della parallasse trigonometrica `e
possibile solo per stelle molto vicine (al massimo no a circa 100 pc). Per le altre
si ricorre a metodi indiretti, quali le parallassi dinamiche per i sistemi binari visuali
con elementi orbitali noti, le parallassi secolari e di gruppo, i metodi fotometrici
i quali sfruttano il fatto che alcuni gruppi di stelle come le Cefeidi, le RR Lyrae,
le Novae e le Supernovae hanno magnitudine assoluta caratteristica. Nelle Cefeidi,
stelle variabili con periodo compreso fra 1 e 100 giorni (con massima frequenza fra 4 e
6 giorni), la magnitudine assoluta M
V
`e funzione del periodo. Nelle RR Lyrae, pure
variabili con periodo minore di un giorno, la M
V
`e costante. Nelle Novae, stelle
che subiscono pi` u o meno ricorrenti episodi esplosivi superciali, la magnitudine
assoluta al massimo dellesplosione `e grosso modo costante. Lo stesso dicasi delle
Supernovae, le quali subiscono un fenomeno esplosivo radicale che pone ne alla vita
della stella stessa.
2.6. ABBONDANZE CHIMICHE 11
Figure 2.1:. Relazione massa luminosit`a per stelle della sequenza principale
2.6 Abbondanze Chimiche
Le abbondanze relative degli elementi nel sistema solare sono state determinate
da A.G.W. Cameron sulla base di dati forniti dalle vecchie meteoriti e dallintensit`a
delle righe di assorbimento nellatmosfera solare. Esse sono riportate nella Tabella
2.6. Nelle stelle, le abbondanze sono determinate dall intensit`a delle righe di assorbi-
mento nello spettro assieme ad altri parametri delle atmosfere stellari e riferite ai val-
ori solari.
`
E prassi indicare con X labbondanza frazionaria in massa dellidrogeno,
con Y quella dellelio e con Z quella di tutti gli altri elementi pi` u pesanti. Si trova
che nelle stelle, mentre X e Y sono essenzialmente simili a quelli solari, labbondanza
Z degli elementi pesanti pu`o variare notevolmente. Infatti, nelle stelle pi` u vecchie e
negli ammassi globulari essa pu`o essere anche 100 volte inferiore a quella solare.
2.7 Sistemi di stelle
Losservazione della distribuzione spaziale delle stelle mostra che esse tendono a
presentarsi in aggregati di varia complessit`a dinamica e numero totale di oggetti. Il
caso pi` u semplice `e costituito dai sistemi binari e multipli. Abbiamo poi le associ-
azioni, gli ammassi aperti, gli ammassi globulari ed inne le galassie. Le associazioni
sono sistemi scarsamente legati composti da alcune decine di stelle e con densit`a di
poco superiore a quella delle stelle di sfondo; esse si distinguono per la presenza
di stelle con tipo spettrale O, B (calde e brillanti) e stelle T-Tauri dal caratteris-
tico spettro con righe di emissione. In entrambi i casi, si tratta di stelle di recente
formazione. Gli ammassi aperti sono aggregati scarsamente legati con numero to-
tale di stelle variante da circa 10
2
a 10
4
. Gli ammassi globulari sono aggregati di
stelle, il cui numero varia da circa 10
4
a 10
6
, aventi spiccata simmetria sferica. Si
12 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
Tabella 2.2. Abbondanze degli Elementi nel Sistema Solare
Elemento Abbondanza Abbondanza
in Numero di Atomi in Massa X
(Si = 10
6
)
H (Idrogeno) 2.66(e10) 0.772
He (Elio) 1.80(e9) 0.209
Li (Litio) 6.00(e1) 1.210(e-8)
C (Carbonio) 1.11(e7) 3.910(e-3)
N (Azoto) 2.31(e6) 9.420(e-4)
O (Ossigeno) 1.84(e7) 8.570(e-3)
Ne (Neon) 2.60(e6) 1.520(e-3)
Mg (Magnesio) 1.06(e6) 7.480(e-4)
Si (Silicio) 1.00(e6) 8.160(e-4)
Ca (Calcio) 6.25(e4) 7.280(e-5)
Fe (Ferro) 9.00(e5) 1.460(e-3)
Ni (Nichel) 4.78(e4) 8.140(e-5)
tratta di sistemi gravitazionalmente legati in cui sfericit`a e distribuzione radiale del
numero di stelle indicano la avvenuta equipartizione della energia a seguito delle
interazioni gravitazionali fra le stelle componenti. Le galassie sono i pi` u grandi ag-
gregati di stelle a noi noti con un numero totale di oggetti compreso fra 10
8
a 10
12
.
In base allaspetto morfologico, esse sono classicate in irregolari, spirali, lenticolari
ed ellittiche.
2.8 Il Diagramma di Hertzsprung-Russell
Una delle pi` u importanti scoperte astronomiche avvenne nel 1913, quando in-
dipendentemente luno dallaltro, E. Hertzsprung e H. N. Russell trovarono che il
tipo spettrale, o equivalentemente il colore (B V ), `e correlato alla magnitudine
visuale assoluta e costruirono il diagramma H-R delle stelle vicine. Una moderna,
schematica versione di questo diagramma `e data in Fig. 2.2, dove sono anche indi-
cate le classi di luminosit`a secondo la classicazione MK, i diversi gruppi di stelle
e le relazioni fra tipo spettrale e T
eff
. In questo diagramma sono presenti stelle di
ogni massa, composizione chimica superciale e verosimilmente et`a.
Maggiori informazioni possono essere ottenute esaminando i diagrammi H-R di sin-
goli ammassi dove ragionevolmente tutte le stelle hanno la stessa et`a, composizione
chimica e distanza. I diagrammi H-R di tre ammassi rappresentativi sono mostrati
nella Figura 2.3, dove Pleiadi e M67 sono tipici ammassi aperti, mentre M5 `e un
tipico ammasso globulare. Questi diagrammi HR sono profondamente diversi fra
2.8. IL DIAGRAMMA DI HERTZSPRUNG-RUSSELL 13
Figure 2.2:. Diagramma di Hertzsprung-Russell
14 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
Figure 2.3:. Diagramma HR di tre ammassi: Pleiadi, M67 e M5
Figure 2.4:. Diagramma HR degl` ammassi stellari h-Persei (pannello a) e M3
(pannello b)
2.8. IL DIAGRAMMA DI HERTZSPRUNG-RUSSELL 15
Figure 2.5:. Diagrammi HR di tipici ammassi aperti (pannello a) e globulari (pan-
nello b)
loro e da quello di Fig. 2.2, con la sola comune caratteristica che la maggior parte
delle stelle cade lungo la banda della sequenza principale.
Nel diagramma H-R di un tipico ammasso aperto, quale h + Persei mostrato
in Figura 2.4(a), oltre alle stelle della sequenza principale si nota l esistenza di
un gruppo di stelle giganti rosse. Al contrario la morfologia del diagramma H-
R di un tipico ammasso globulare, quale M3 mostrato in Fig. 2.4(b) `e molto pi` u
complessa. Oltre alle stelle della sequenza principale si osservano il ramo delle
giganti rosse (red giant branch, RGB, secondo la terminologia corrente), il ramo
orizzontale (horizontal branch, HB) circa 3.5 magnitudini pi` u luminoso delle stelle
pi` u brillanti della sequenza principale, lapparente assenza di stelle in una particolare
regione del HB, la quale `e al contrario popolata dalle stelle variabili RR Lyrae ed
`e nota come la regione di instabilit`a, ed inne il ramo asintotico delle giganti rosse
(asymptotic giant branch, AGB). La morfologia dei rami orizzontali non `e costante
ma varia da ammasso ad ammasso, in particolare varia il numero di stelle situate
alla destra o alla sinistra della regione di instabilit`a. Poich`e gli ammassi sono a
diversa distanza, il confronto fra i diagrammi H-R `e fatto imponendo la coincidenza
delle sequenze principali nellipotesi che stelle del colore del sole [(B V ) = 0.62]
abbiano anche la stessa magnitudine visuale assoluta. Quantunque questo modo di
procedere non sia completamente corretto, esso `e suciente agli scopi presenti. Si
vede che mentre le stelle meno luminose sono collocate lungo la sequenza principale,
16 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
le stelle pi` u brillanti via via si discostano dalla questa popolando la regione delle
giganti rosse, e che negli ammassi globulari si ha la comparsa dei RGB, HB ed AGB.
La regione del diagramma H-R dove le stelle si discostano dalla sequenza principale
viene detta turning-point o turn-o ed essa `e caratterizzata da una luminosit`a
(M
V
) ed indice di colore che variano da ammasso ad ammasso. Dallesame dei
diagrammi H-R di numerosi ammassi `e evidente che questi possono essere ordinati
in funzione di (B V ) crescente e crescente M
V
ovvero in funzione di decrescente
T
eff
e L del turning point, passando dagli ammassi aperti agli ammassi globulari.
Attesa la relazione massa - luminosit`a per stelle di sequenza principale, la massa
delle stelle al turning-point decresce lungo la sequenza degli ammassi indicata. Si
vedr`a che questo equivale ad ordinare gli ammassi in funzione dellet`a nel senso che
questa cresce passando dagli ammassi aperti a quelli globulari.
La Figura 2.5(a) mostra i diagrammi H-R schematici di alcuni ammassi aperti ordi-
nati in funzione della magnitudine al turning-point, mentre la Figura 2.5(b) mostra
alcuni diagrammi H-R schematici di ammassi globulari. Si noti come i diagrammi H-
R schematici degli ammassi globulari siano molto simili fra loro e mostrino turning-
points e rami giganti che a parit`a di colore (B V ) sono pi` u luminosi di quelli
degli ammassi aperti pi` u vecchi come M67 in contraddizione con quanto aermato
in precedenza. In realt`a la contraddizione `e solo apparente e dovuta ad altre cause.
Le stelle degli ammassi globulari sono gli oggetti pi` u vecchi a noi noti. Questa
discussione dei diagrammi H-R degli ammassi ci permette di formulare un certo
numero di ipotesi: il tempo di vita di una stella `e inversamente proporzionale alla
sua massa, infatti le stelle di sequenza principale brillanti e quindi massicce sono
presenti solo in ammassi giovani; la massa `e uno dei parametri fondamentali; un
ipotetico ammasso, in cui inizialmente fossero presenti stelle di ogni massa, invec-
chiando dovrebbe assumere nel diagramma H-R tutti gli stadi morfologici mostrati
dalla sequenza discussa sopra; stelle di ogni massa sono caratterizzate nel diagramma
H-R da un cammino evolutivo che dipende dalla massa iniziale composizione chim-
ica e di cui let`a `e il parametro corrente. La teoria dellevoluzione stellare conferma
che le ipotesi fatte sono corrette e permette di comprendere lo schema genetico che
lega i vari tipi di stelle osservati nel diagramma H-R. Se potessimo determinare le
et`a delle stelle indipendentemente dalla teoria dellevoluzione stellare, allora sarebbe
possibile porre dei vincoli molto precisi alla teoria stessa. Sfortunatamente questo
`e possibile solo per il Sole nellipotesi che il sistema planetario sia quasi coevo. Ev-
idenze geosiche indicano che la Terra ha una et`a di circa 4.5 miliardi di anni. Il
tentativo di assegnare let`a alle stelle diverse dal Sole ci permette di stimare le scale
temporali tipiche della vita di una stella e di sviluppare il concetto di Popolazioni
Stellari.
2.9. POPOLAZIONI STELLARI 17
2.9 Popolazioni Stellari
Le dierenze osservate nelle propriet`a medie degli ammassi stellari di diversa
et`a e composizione chimica hanno dato origine alla classicazione delle stelle in
Popolazioni. Stelle di popolazione I sono quelle pi` u giovani e ricche di metalli tipiche
degli ammassi aperti ed associazioni, mentre allestremo opposto sono le stelle di
popolazione II molto vecchie e povere di metalli, tipiche degli ammassi globulari. La
classicazione identica altri gruppi con propriet`a intermedie. Queste caratteristiche
sono date in Tabella 2.9.
`
E stato anche riconosciuto come le propriet`a chimiche e
le et`a delle stelle dei vari gruppi siano correlate alla loro distribuzione spaziale nella
galassia ed alle loro propriet`a cinematiche. Le stelle molto giovani sono connate
nel disco galattico, mentre allaumentare dellet`a esse tendono a distribuirsi in un
volume via via pi` u sferico il cui limite `e rappresentato dalla distribuzione quasi
sferica degli ammassi globulari. Un parametro fondamentale della classicazione `e
la velocit`a delle stelle rispetto alla velocit`a orbitale attorno al centro galattico. Ad
esempio le stelle nelle vicinanze solari possono essere divise in un gruppo ad alta
velocit`a ricco di giganti rosse ed il cui diagramma H-R assomiglia a quello degli
ammassi globulari e quindi di et`a vecchia, ed in un gruppo a bassa velocit`a il cui
diagramma H-R `e simile a quello degli ammassi aperti ed associazioni e quindi di
et`a giovane. Queste propriet`a suggeriscono che debba esistere una causa profonda
legata ai processi di formazione della galassia stessa.
18 CAPITOLO 2. PANORAMA OSSERVATIVO
Tabella 2.3. Sequenza di Popolazioni Stellari. Note Distribuzione: sferica (sfer-
ica), intermedia (interm.); disco (disco), piatta (piatta); molto piatta (m. piatta)
Oggetti tipici: GC (ammassi globulari); RRLy (stelle RRLyrae); VLP (variabili
a lungo periodo); NP (nebulose planetarie) z) (altezza sul piano galattico a cui
la densit`a della popolazione si dimezza) V
r
velocit`a di rotazione attorno al centro
galattico V
r
dispersione delle velocit`a in Km/s Et`a tipica della popolazione Z
metallicit`a M/M
G
massa frazionaria della componente rispetto alla massa totale
della galassia.
Popolazione II Estrema II Interm. Disco I Vecchia I Estrema
Distribuzione Sferica Interm. Disco Piatta M. Piatta
Oggetti Tipici GC-RRLy VLP NP Cefeidi Stelle O-B
z) (in pc) 2000 700 400 150 <100
V
r
(km/s) <100 200 240 250 250
V
r
(km/s) 250 80 25 15 12
Et`a (10
9
anni) 10-15 10 2-10 0.2-2 <0.2
Z 0.0001-0.001 0.01 0.02 0.03 0.04
M/M
G
0.2 0.2 0.5 0.1 0.03
Capitolo 3
SCALE DI TEMPO STELLARI
Per il Sole, di cui conosciamo con precisione il raggio, la massa e la luminosit`a,
possiamo vedere vericate due importanti condizioni siche: equilibrio idrostatico e
quasi equilibrio termico su una scala di tempo molto lunga. Infatti, lesistenza dei
fossili sulla Terra, la cui datazione pu`o essere fatta risalire a circa 3 miliardi di anni,
richiede che la temperatura ambiente non possa essere variata di pi` u di 20 K rispetto
a quella attuale, il che implica che la luminosit`a del Sole `e rimasta essenzialmente
costante su questa scala di tempo.
La perdita di energia dal Sole ad un tasso di 3.910
33
ergs s
1
richiede una sorgente
interna in grado di compensarla. In una descrizione semplicata della struttura del
Sole, questo pu`o essere pensato come un sistema gassoso autogravitante in cui vale
la condizione di equilibrio idrostatico: forze gravitazionali bilanciate dalle forze di
pressione.
`
E facile vericare che anche una minima deviazione da questa condizione
implica una variazione del raggio solare sulla scala di tempo di caduta libera
t
ff
= 2
_
R
3
GM
= 3.210
3
_
R
R

_
3/2
_
M
M

_
1/2
(3.1)
(circa unora). Il che non `e osservato.
Una possibile sorgente di energia `e lenergia termica E
T
, la quale in base al teorema
del viriale per un sistema in equilibrio idrostatico `e E
T
= (1/2) , dove `e
lenergia potenziale = qGM
2
/R (q `e un fattore numerico dellordine dellunit`a
che tiene conto della distribuzione interna di massa e G `e la costante di gravit`a). La
massima durata di questa sorgente `e quando tutta la energia termica viene irradiata
t
K
=
3
4
GM
2
RL
= 210
7
_
M
M

_
2
L

L
R

R
anni (3.2)
19
20 CAPITOLO 3. SCALE DI TEMPO
dove M, L e R sono in unit`a solari. Nel caso del Sole si otterebbe unet`a di circa
20 milioni di anni che `e chiaramente troppo breve rispetto a quella indicata dalle
evidenze geologiche e biologiche sulla Terra.
Bethe e Weizsacher nel 1939 dimostrarono che le reazioni termonucleari possono
avvenire nellinterno delle stelle ed identicarono nei processi di fusione che trasfor-
mano quattro nuclei di H in un nucleo di
4
He la sorgente di energia per le stelle
della sequenza principale.
Anch`e possa avvenire la fusione fra nuclei di carica simile `e necessario avvicinare le
particelle interagenti no a distanze dellordine di 10
13
cm dove sono attive le forze
nucleari, altamente attrattive. A ci`o si oppone la repulsione coulombiana fra parti-
celle di carica simile, la quale sommata al potenziale nucleare attrattivo d`a luogo alla
caratteristica barriera (si veda la discussione dettagliata nel capitolo 17). Secondo
la meccanica classica se una particella ha energia cinetica inferiore allaltezza della
barriera, essa non potr`a mai attraversarla e la fusione avere luogo. Tuttavia, in base
alla meccanica quantistica, per ogni energia cinetica delle particelle esiste sempre
una certa probabilit`a non nulla di attraversare la barriera. La probabilit`a cresce con
la energia cinetica (temperatura) delle particelle. Anche se le temperature, energie
cinetiche delle particelle, nellinterno delle stelle non sono particolarmente alte, al-
meno rispetto alle tipiche barriere coulombiane, si vede che il processo di fusione
avviene sucientemente spesso.
Evidentemente le prime reazioni ad innescarsi saranno quelle per cui la barriera
coulombiana `e relativamente bassa e le particelle numerose, come nel caso dellidrogeno.
Lenergia liberata da ogni singolo processo di fusione di
1
H in
4
He `e E = mc
2
dove m `e la dierenza in massa fra i quattro nuclei di
1
H e il nucleo di
4
He e c
la velocit`a della luce.
`
E facile vedere che per grammo di materia si liberano 610
18
ergs. Anch`e la fusione avvenga in maniera suciente da giusticare il fabbisogno
energetico `e necessaria una temperatura minima che si trover`a esistere solamente
nelle regioni pi` u interne. Sia f la frazione di massa in cui avviene la fusione e X la
frazione di massa della stella (Sole) sotto forma di
1
H, la durata di questa sorgente
di energia `e
t
N
= 610
18
fXM
L
= 10
10
M
M

L
anni (3.3)
nella quale sono stati posti f = 0.1 e X = 0.7 (tipici valori) e M e L sono state
espresse in unit`a solari. Nel caso del Sole la durata `e di circa 10 miliardi di anni in
21
accordo con le stime geologiche. In seguito, vedremo che in realt`a il Sole ha speso
circa met`a della sua vita nucleare.
Chiaramente, gli argomenti sviluppati per il Sole possono essere estesi alle altre
stelle di sequenza principale nellipotesi che a caratteristiche esterne simili debbano
corrispondere condizioni interne simili. Anche se ci`o non sar`a rigorosamente vero,
troveremo che tutte le stelle della sequenza principale hanno nel processo nucleare di
conversione 4
1
H in
4
He la sorgente di energia che bilancia la luminosit`a irraggiata.
Poich`e le stelle della sequenza principale obbediscono ad una relazione massa- lu-
minosit`a, `e immediato constatare che, almeno in via qualitativa, il tempo nucleare
dipende dalla massa della stella. Si trova che t
N
decresce con la massa (t
N
M
n
).
Esso varia da alcuni milioni di anni per le stelle pi` u massice no a decine di miliardi
di anni per le stelle meno massicce del Sole.
Vedremo che simili considerazioni potranno essere applicate anche ad altri gruppi di
stelle, ad esempio le stelle di HB negli ammassi globulari e le giganti o supergiganti
blu e rosse degli ammassi aperti dove la sorgente di energia `e primariamente nucleare
ma dovuta ad altri processi di fusione, quali la conversione di 3 nuclei di
4
He in un
nucleo di
12
C e per cattura di un ulteriore nucleo di
4
He in
16
O.
Traspare da ci`o che la storia di una stella pu`o essere schematizzata in una serie fasi
in cui la sorgente primaria di energia `e nucleare. Poich`e i veri processi di fusione
avvengono a temperature via via crescenti essi sono intervallati da fasi di inattivit`a
nucleare in cui il rilascio di energia per contrazione gravitazionale diventa impor-
tante e il conseguente aumento di energia termica (teorema del viriale) garantisce
laumento di temperatura necessario per linnesco della fase nucleare successiva.
Nella realt`a la struttura e levoluzione di una stella sono molto pi` u complesse, ma
questa schematizzazione `e per ora suciente.
Alle scale di tempo t
K
e t
N
possiamo associare anche un altro signicato oltre
a quello di durata delle sorgenti termica e nucleare e cio`e di tempi caratteristici
durante i quali varia la struttura sica delle stelle e quindi anche i parametri pi` u
direttamente osservabili, quali luminosit`a ed indice di colore. Si considera una stella
essere in condizioni di quasi equilibrio termico quando la sorgente dominante di
energia `e quella nucleare e le sue caratteristiche siche (L, T
eff
, R) variano su una
scala di tempo molto lunga.
22 CAPITOLO 3. SCALE DI TEMPO
Capitolo 4
SIMMETRIA SFERICA
4.1 Descrizione Euleriana
Per stelle gassose, singole, non rotanti e senza campi magnetici, le sole forze
agenti su un elemento di massa sono generate dalla pressione e gravit`a. Il risultato
di ci`o `e la simmetria sferica. Pertanto tutte le funzioni sono costanti su superci
sferiche concentriche ed una sola variabile `e suciente a descriverle.
`
E naturale prendere la coordinata radiale r (distanza dal centro al punto in esame)
come la variabile spaziale indipendente. Essa `e connata fra r = 0 (centro) e r = R
(superce).
In aggiunta a ci`o, `e anche necessario introdurre la variabile tempo t per descrivere
le possibili variazioni temporali delle funzioni.
Pertanto se assumiamo r e t come variabili indipendenti, abbiamo una tipica de-
scrizione Euleriana del sistema nel senso dellidrodinamica classica. Ogni altra vari-
abile del problema ha una dipendenza del tipo f(r, t).
Allo scopo di fornire una descrizione conveniente della distribuzione di massa dentro
la stella, in particolare leetto di questa sul campo gravitazionale, deniamo come
M(r, t) la massa contenuta entro il raggio r al tempo t. La variazione di M(r, t)
rispetto ad r e t `e data da
dM(r, t) = 4r
2
dr 4r
2
vdt (4.1)
Il primo termine `e ovviamente la massa contenuta nella corona sferica di spessore
dr al tempo t. La variazione di M(r, t) dovuta a variazioni di r a tempo costante `e
espressa da
23
24 CAPITOLO 4. SIMMETRIA SFERICA
M(r, t)
r
= 4r
2
(4.2)
Il secondo termine d`a il usso di massa verso lesterno attraverso la sfera di raggio
r dovuto al moto del gas con velocit`a v nellintervallo di tempo dt
Dierenziando la (4.2) rispetto a t e la (4.3) rispetto ad r ed eguagliando le due
espressioni otteniamo

t
=
1
r
2
(r
2
v)
r
(4.3)
Essa `e la ben nota equazione di continuit`a dellidrodinamica

t
= (v) (4.4)
nel caso di simmetria sferica.
4.2 Descrizione Lagrangiana
Nel caso di simmetria sferica, `e spesso molto pi` u conveniente formulare il prob-
lema in una coordinata Lagrangiana invece che in r, ad esempio in funzione di una
variabile legata alla massa M(r) contenuta dentro la sfera di raggio r ad un dato
tempo t
0
. La nuova variabile M(r) `e connata fra M(r) = 0 (centro) e M(r) = M
(supercie).
Ovviamente, non esiste alcuna dicolt`a nel passare dalluna allatra coordinata. Il
legame operativo della trasformazione r, t m, t `e dato da

M(r)
=

r

r
M(r, t)
(4.5)
_

t
_
M(r,t)
=

r

_
r
t
_
M(r,t)
+
_

t
_
r
(4.6)
dove i pedici M(r, t) e/o r stanno ad indicare quale delle variabili spaziali (M(r, t)
o r) sia mantenuta costante durante il processo di derivazione.
A scopo illustrativo applichiamo la trasformazione di cui sopra alla massa M(r, t)
stessa. Si ottiene
r
M(r)
=
1
4r
2

(4.7)
Il legame fra i due operatori e dunque

M(r)
=
1
4r
2

r
(4.8)
4.3. CAMPO GRAVITAZIONALE 25
Figure 4.1:. Potenziale gravitazionale e vettore accelerazione di gravit`a in funzione
di r nel caso di simmetria sferica
4.3 Campo Gravitazionale
Dentro un corpo a simmetria sferica, il valore assoluto dellaccelerazione gravi-
tazionale g ad una data distanza r dal centro non dipende dagli elementi di massa
esterni ad r. Esso dipende solo da r e dalla massa entro la sfera di raggio r
g =
GM(r)
r
2
(4.9)
dove G = 6.673 10
8
dyn cm
2
g
2
e la costante gravitazionale.
Il campo gravitazionale dentro la stella pu`o essere descritto da un potenziale
soluzione della equazione di Poisson

2
= 4G (4.10)
dove
2
`e loperatore di Laplace. Nel caso di simmetria sferica essa diventa
1
r
2

r
_
r
2

r
_
= 4G (4.11)
Il vettore dellaccelerazione gravitazionale `e rivolto verso linterno. Esso `e ottenuto
dal potenziale mediante la relazione vettoriale
g = (4.12)
Nel nostro caso essa diventa
26 CAPITOLO 4. SIMMETRIA SFERICA
g =

r
(4.13)
ovvero

r
=
GM(r, t)
r
2
. (4.14)
Il potenziale diventa
=
_
r
0
GM(r, t)
r
2
dr + costante (4.15)
A meno che non sia specicato in maniera diversa, assumiamo che la costante di
integrazione sia tale che 0 per r . Il potenziale al centro ha un valore min-
imo (bisogna studiare come la funzione GM(r)/r
2
varia per r 0). Landamento
del potenziale (r, t) ad un dato tempo t `e mostrato in Figura 4.1).
Capitolo 5
EQUILIBRIO MECCANICO
5.1 Equilibrio Idrostatico
Durante la maggior parte della vita una stella si trova in condizioni di equilibrio
idrostatico, il che signica che la forza di gravit`a agente su ogni elemento di materia
`e esattamente bilanciata dalla dierenza di pressione esercitata sulle facce inferiori
e superiori dello stesso. In condizioni di simmetria sferica (approssimazione ovvia
per una stella non rotante) la condizione si scrive (si veda la Figura 5.1)
1

dP
dr
=
GM(r)
r
2
(5.1)
dove M(r) `e la massa contenuta entro la sfera di raggio r, `e la densit`a, P la
pressione e G la costante gravitazionale.
In certe fasi evolutive, quali il collasso di una protostella o del nucleo di ferro di una
stella evoluta, lequilibrio idrostatico non `e soddisfatto e deve essere sostituito dalla
corrispondente equazione del moto (in simmetria sferica)
Dv
Dt
=
GM(r)
r
2

1

dP
dr
(5.2)
dove v `e la velocit`a dell generico elemento di materia e D indica la derivata lungo
il moto di questo.
5.2 Conservazione della Massa
Una seconda condizione di equilibrio applicabile in ogni circostanza, `e quella di
conservazione della massa, la quale semplicemente aerma che
27
28 CAPITOLO 5. EQUILIBRIO MECCANICO
Figure 5.1:. Equilibrio meccanico fra forze di pressione e di gravit`a
dM(r)
dr
= 4 r
2
(5.3)
dove dM(r) `e la massa contenuta in uno strato sferico di spessore dr.
In presenza di un moto radiale di materia con velocit`a v(r) essa diventa
dM(r)
dt
= 4 r
2
v(r) (5.4)
5.3 Pressione, temperatura e densit`a centrali
La condizione di equilibrio idrostatico e di continuit`a della massa possono essere
usate per ottenere una stima della densit`a, pressione e temperatura centrali. La
densit`a media di una stella di massa M e raggio R `e
< >=
3M
4 R
3
(5.5)
Dalla equazione (5.1) e lapprossimazione dP/dr = (P
c
P
0
)/R = P
c
/R, dove P
c
e
P
0
sono la pressione al centro e alla supercie rispettivamente, si ottiene
P
c
=
GM
2
R
4
(5.6)
La temperatura centrale T
c
si ha dallequazione di stato P = P(, , T). Se assum-
iamo che in condizioni normali la materia stellare si comporti come un gas perfetto
non degenere P =
k
m
H
T,
5.4. NECESSIT
`
A DELL EQUILIBRIO IDROSTATICO 29
T
c
=
m
H
G
k
M
R
(5.7)
Densit`a, pressione e temperatura centrali in cui massa e raggio sono espresse in
unit`a solari diventano

c
= 1.41(
M
M

)(
R

R
)
3
g cm
3
(5.8)
P
c
= 1.1 10
16
(
M
M

)
2
(
R

R
)
4
dyn cm
2
(5.9)
T
c
= 2.3 10
7
(
M
M

)(
R

R
) K (5.10)
Nonostante le approssimazioni, la pressione e la temperatura derivate da queste re-
lazioni sono in realt`a molto vicine a quelle ottenute da calcoli numerici accurati.
Lalta temperatura centrale rispetto a quella superciale ci permette di trascurare
questultima nella stima del gradiente di temperatura in una stella, il quale `e sem-
plicemente
dT
dr
= 3.3 10
4
(
M
M

) Kcm
1
(5.11)
5.4 Necessit`a dell equilibrio idrostatico
Il modo migliore per giusticare lipotesi ed assunzione di equilibrio idrostatico
`e quello di vere che cosa succede se una stella si discosta anche di poco da questa
condizione.
Consideriamo un punto alla distanza r dal centro e supponiamo che

dp
dr

<
GM
r
r
2
(5.12)
Il materiale subir`a una accelerazione verso linterno data da
r =
GM
r
r
2

1

dp
dr

=
GM
r
r
2
_
1
1

[
dp
dr
[
GM
r
r
2
_
(5.13)
Supponiamo che r sia costante durante il tempo t e che il punto si sia spostato di
R (una frazione del raggio totale R, con < 1). Dalla legge del moto si ha
30 CAPITOLO 5. EQUILIBRIO MECCANICO
R =
1
2
( r)t
2
(5.14)
quindi
t = (
2R
r
)
1/2
= (
2r
2
R
GM
r
[....]
)
1/2
(5.15)
Per avere una stima di t poniamo r = 0.5R e M
r
= 0.5M
t = (
R
3
GM
)
1/2
(

[....]
)
1/2
(5.16)
ovvero
t 1.6 10
3
(

[....]
)
1/2
(
R
R

)
3/2
(
M
M

)
1/2
secondi (5.17)
Supponiamo ora che la condizione di equilibrio idrostatico non sia vericata per
circa 1%, cio`e che [....](GM
r
/R
2
) = 0.99, e che = 0.1. Nel caso del Sole si ottiene
t 5 10
3
secondi 1 ora (5.18)
Una deviazione del 1% provocherebbe una variazione del raggio del 10% nel tempo
di unora. Fortunatamente ci`o non avviene ora n`e `e mai avvenuto nel passato.
Anche quando una stella si contrae sulla scala di tempo di Kelvin, la condizione
di equilibrio idrostatico `e vericata con grande precisione. Ricordando che t
K
`e il
tempo con cui una stella si contrae su una scala lineare pari al suo raggio, possiamo
scrivere
R
1
2
at
2
K
(5.19)
dove a `e la accelerazione del moto di contrazione. Per il Sole R 7 10
10
cm
t
K
6 10
14
s, ne segue
a 5 10
19
cm s
1
(5.20)
che `e molto pi` u piccola dell accelerazione indotta dal campo gravitazionale ad es-
empio a R/2 e cio`e circa 10
5
cm s
1
.
5.5. EQUAZIONI DEL MOTO IN SIMMETRIA SFERICA 31
5.5 Equazioni del moto in simmetria sferica
La equazione di equilibrio idrostatico (5.1) `e un caso particolare della legge di
conservazione del momento. Se la stella (sferica) subisce dei moti radiali accelerati,
dobbiamo considerare linerzia degli elementi di massa introducendo un ulteriore
termine. Adottiamo la visione lagrangiana (M(r) e tempo sono le variabili indipen-
denti). In generale una corona sferica di massa dM
r
subisce una forza per unit`a di
area dovuta al gradiente di pressione data da
f
P
=
P
M
r
dM
r
(5.21)
La forza gravitazionale per unit`a di area dovuta alla forza gravitazionale `e data da
f
g
=
g dM
r
4r
2
=
GM
r
r
2
dM
r
4r
2
(5.22)
Se la somma delle due forze non `e esattamente nulla, la corona di massa dM
r
viene
accelerata secondo la legge
dM
r
4r
2

2
r
t
2
= f
p
+f
g
(5.23)
ovvero secondo la equazione del moto
1
4r
2

2
r
t
2
=
P
M
r

GM
r
4r
4
(5.24)
I segni sono tali che il gradiente di pressione genera una forza diretta verso lesterno,
mentre la gravita genera un forza verso linterno.
5.6 Teorema del Viriale
Il teorema del viriale `e una rappresentazione integrale della condizione di equi-
librio idrostatico. Esso stabilisce un legame fra lenergia potenziale gravitazionale
di una stella e la sua energia interna totale.
Partiamo dalla equazione di equilibrio idrostatico (5.1) e la riscriviamo come
dP
dM
r
=
GM
r
4r
4
(5.25)
Moltiplichiamo la (5.25) per (4 r
3
) ed integriamo sulla massa dM
r
ottenendo
32 CAPITOLO 5. EQUILIBRIO MECCANICO
_
M
0
4 r
3
dP
dM
r
dM
r
=
_
4r
3
P
_
M
0

_
M
0
12r
2
r
M
r
PdM
r
(5.26)
Il termine in parentesi quadra si annulla in quanto r = 0 al centro e P = 0 alla
superce. Sostituendo il termine
r
M
r
con 1/4r
2
lintegrando dellultimo termine
nella (5.26) diventa 3P/. Sostituendo nellintegrale di sinistra il termine
P
M
r
con
la sua denizione otteniamo
_
M
0
(
GM(r)
r
)dM(r) = 3
_
M
0
P

dM
r
(5.27)
Il membro di sinistra della (5.27) `e lopposto dellenergia potenziale gravitazionale
della stella
=
_
M
0
(
GM(r)
r
)dM(r)
Lenergia potenziale gravitazionale varia se la stella si espande o contrae. Tuttavia
queste variazioni devono avvenire su una scala di tempo lunga in modo tale che la
condizione di equilibrio idrostatico sia vericata ad ogni istante altrimenti la (5.27)
stessa cade in difetto.
Il termine di destra della (5.27) `e legato alla energia interna del sistema. Questa
dipende dalla natura del materiale.
Sappiamo dalle leggi della termodinamica e meccanica statistica che il rapporto P/
`e proporzionale allenergia interna del gas per unit`a di massa u, ovvero la pressione
P `e proporzionale allenergia interna per unit`a di volume U. Nei casi limite di gas
non relativistico e relativistico le relazioni sono
P

= (
2
3
)u P = (
2
3
)U non relativistico
P

= (
1
3
)u P = (
1
3
)U relativistico
Da queste segue che la energia interna totale U
T
`e legata alla energia gravitazionale
dalle relazioni
U
T
= (
1
2
) non relativistico
U
T
= relativistico
5.6. TEOREMA DEL VIRIALE 33
Abbiamo subito un importante risultato: ogni variazione della energia gravitazionale
a seguito di contrazioni ed espansioni si riette in una variazione dellenergia interna
che tuttavia dipende dallo stato relativistico del gas. Ad esempio nel caso di gas non
relativistico, a seguito di una contrazione solamente 1/2 della variazione di energia
gravitazionale si traduce in un aumento di energia interna, mentre la parte restante
non viene utilizzata ed resa disponibile. Al contrario nel caso di un gas relativistico
tutta la variazione di energia gravitazionale va in aumento della energia interna.
Lenergia totale E di una stella, denita come U
T
+ , `e
E = (
1
2
)= U
T
non relativistico
E = 0 relativistico
Si ha un secondo importante risultato: una stella composta da un gas rela-
tivistico non `e gravitazionalmente legata. Pertanto al tendere di una stella
alle condizioni relativistiche si ha instabilit`a. Poich`e un gas di fotoni pu`o essere pen-
sato come un gas di particelle relativistiche, ne segue che una stella diventa instabile
quando la pressione di radiazione `e dominante.
Estensione al caso di una generica equazione di stato. Per comprendere a
fondo il signicato del membro di destra della equazione (5.27) consideriamo il caso
di gas perfetto
P

=
k
m
H
T = (c
P
c
V
)T = ( 1)c
V
T (5.28)
dove c
P
e c
V
sono i calori specici per unit`a di massa. Per un gas monoatomico
= 5/3 ed abbiamo
P

=
k
m
H
T = (c
P
c
V
)T = ( 1)c
V
T =
2
3
u (5.29)
Da questo segue la relazione trovata in precedenza
= 2U
T
che rappresenta il Teorema del Viriale per un gas ideale monoatomico non relativis-
tico. Nel caso di una generica equazione di stato, `e conveniente denire la quantit`a

u = 3
P

(5.30)
34 CAPITOLO 5. EQUILIBRIO MECCANICO
Per un gas ideale = 3( 1); per uno ideale e monoatomico = 2. Per un gas di
soli fotoni, P = aT
4
/3, u = aT
4
e =1. Altre possibilit`a verranno presentate pi` u
avanti.
Se `e costante nella stella, il Teorema del Viriale ed Energia Totale diventano
U
T
+ = 0 (5.31)
E = U
T
+ = (1 )U
T
=
1

(5.32)
Ovviamente per =1 la energia totale E=0.
Teorema del Viriale e luminosit`a. Una stella, sfera di gas ad una certa temper-
atura media connata allinterno di un certo volume, irradia energia dalla superce
al tasso di perdita dato dalla luminosit`a. Pertanto la sua energia totale deve variare
nel tempo secondo la relazione
L =
dE
dt
(5.33)
ovvero
L = ( 1)
dU
T
dt
=
1

d
dt
(5.34)
La energia gravitazionale < 0 e per un gas ideale
1

=
1
2
Questo signica che
met`a della energia liberata per contrazione `e emesso sotto forma di luminosit`a e
la rimanente met`a aumenta la energia interna. Sorprendentemente una stella irra-
diando energia si riscalda. Si vedr`a che ci`o `e possibile grazie al suo calore specico
gravotermico negativo. Inne `e utile ricordare che la contrazione gravitazionale
di una stella `e in ultima analisi causata dal fatto che essa irradia energia. Ve-
dremo anche che in presenza di altre sorgenti di energia, quali le reazioni nucleari,
la luminosita viene quasi integralmente compensata da questultime riducendo dras-
ticamente la necessit`a della contrazione gravitazionale.
Capitolo 6
EQUILIBRIO TERMICO
La condizione di equilibrio idrostatico non `e suciente a garantire una stella costante,
ma `e necessario introdurre la condizione di equilibrio termico. Innanzi tutto `e op-
portuno chiarire che un perfetto equilibrio termico, in base al quale tutte le parti
del sistema hanno la stessa temperatura e non vi sono scambi di energia fra le parti,
non `e possibile. Infatti in una stella sono presenti un gradiente di temperatura e un
usso di energia dalla supercie. Quale sar`a dunque il genere di equilibrio possibile
in una stella? Per rispondere a questa domanda consideriamo tutte le forme di en-
ergia da cui la stella pu`o trarre sostegno per compensare il usso di energia dalla
supercie.
6.1 Equilibrio termico
Lenergia totale di un elemento di materia di massa unitaria `e
E = U + +K (6.1)
dove U `e la energia interna del gas, la energia potenziale gravitazionale e K la
energia cinetica dei moti di massa su grande scala, che possiamo qui trascurare.
Consideriamo un elemento di materia di volume V racchiuso da una supercie ar-
bitraria S e sia il tasso netto di produzione di energia per grammo e per secondo
allinterno dell elemento di materia e F il usso netto di energia in una direzione
arbitraria da un punto qualunque della supercie s. La conservazione dellenergia
impone che
_
S
F dS =
_
V
dV (6.2)
35
36 CAPITOLO 6. EQUILIBRIO TERMICO
dove dS `e l elemento di supercie con normale n. Applicando il teorema della
divergenza e tenendo conto che il volume V `e arbitrario, si ha
F = (6.3)
che rappresenta la condizione di equilibrio termico.
Nel caso di simmetria sferica, il usso F dipende solo dalla distanza r dal centro.
Esprimendo il tutto in coordinate polari (e simmetria sferica) si ha
F =
1
r
2
d
dr
(r
2
F) =
1
4r
2
d
dr
(4r
2
F) = (6.4)
Inne ponendo L(r) = 4r
2
F(r), cio`e considerando la luminosit`a L(r) (energia
emessa per secondo dallintera supercie) si ha
dL(r)
dr
= 4r
2
(6.5)
Da questa segue che la luminosit`a totale irradiata da una stella in equilibrio termico
`e
L =
_
R
0
4r
2
dr (6.6)
6.2 Bilancio energetico generale
Ritorniamo ora a considerare il problema da un punto di vista generale. La con-
servazione dellenergia totale di un elemento di materia richiede che sia soddisfatta
la relazione
dE
dt
= (
dU
dt
) + (
d
dt
) =
1

divF erg s
1
. (6.7)
Ogni variazione dellenergia totale di un elemento di materia `e data dalla somma
delle variazioni di energia interna U e potenziale .
La variazione di energia potenziale `e espressa da
d = PdV = (
P

2
)d (6.8)
mentre la variazione di energia interna U `e pi` u complessa da esprimere in quanto
dipende dalle variabili siche temperatura, pressione e dalla natura del gas.
6.2. BILANCIO ENERGETICO GENERALE 37
Con laiuto di quanto detto si pu`o riscrivere la equazione (6.5) nella forma pi` u
generale
dL(r)
dr
= 4 r
2
[ + (
P

2
)(
d
dt
) (
dU
dt
)] (6.9)
Il termine (P/
2
)
d
dt

dU
dt
viene anche chiamato la sorgente gravitazionale locale
g
.
Si verica facilmente che

g
= [(
P

2
)(
d
dt
) (
dU
dt
)] = T(dS/dt) (6.10)
dove S `e lentropia per unita di massa.
Il tasso netto di produzione ed il usso F sono dati dalla somma di vari contributi.
In generale possiamo scrivere
F = F
r
+F
cond
+F
conv
+F

(6.11)
dove i vari termini rappresentano il contributo al usso dato dalla radiazione, con-
duzione, convezione e neutrini, rispettivamente.
Parimenti, per possiamo distinguere =
n
+
vis
, dove
n
ed
vis
sono i tassi di
produzione per unit`a di massa da sorgenti nucleari e dal riscaldamento per viscosit`a
generato dai moti del uido. In generale
vis
pu`o essere trascurato nella maggior
parte dei casi astrosici.
Non tutti i tipi di trasporto dellenergia sono ugualmente importanti in ogni porzione
della stella e fase evolutiva. F

`e importante solamente in certe fasi avanzate


dellevoluzione, mentre F
cond
`e apprezzabile solamente in materiale estremamente
degenere.
`
E importante anche notare che si conviene di escludere da
n
la parte di energia
che appare sotto forma di neutrini eventualmente prodotti dalle reazioni nucleari.
Essa viene presa in considerazione modicando opportunamente la denizione di
resa energetica della reazione nucleare in esame. Ne segue che F

deve essere inteso


come il usso di neutrini non generati da reazioni nucleari. Inoltre il fatto che ogni
energia emessa sotto forma di neutrini non sia in generale utilizzabile dal sistema
permette di riscrivere la equazione (6.9) in una forma leggermente diversa
dL(r)
dr
= 4 r
2

+
g
_
(6.12)
avendo posto div F

ed intendendo con L(r) la luminosit`a non neutrinica.


38 CAPITOLO 6. EQUILIBRIO TERMICO
Un sistema in equilibrio idrostatico per il quale valga la condizione
dL(r)
dr
= 4 r
2

_
(6.13)
viene detto in (quasi) equilibrio termico.
Un sistema in equilibrio idrostatico ma senza sorgenti di energia nucleare (
n
= 0
ovunque) e che emetta energia dalla supercie non pu`o essere in equilibrio termico.
In tale caso, la stella sar`a in contrazione gravitazionale e la luminosit`a uscente da
ogni sfera di raggio r sar`a compensata dal rilascio di energia gravitazionale per
contrazione il cui tasso netto per unit`a di massa e di tempo `e data dal termine
g
.
Lequazione (6.13) assieme alle equazioni (5.1) e (5.3) ed alle relazioni per
n
,

e U, tutte funzioni delle variabili siche del sistema, costituiscono tre equazioni
fondamentali della struttura stellare, nelle incognite M(r), P(r), (r) o T(r) e L(r).
Al ne di rendere il numero di incognite pari al numero di equazioni `e necessaria
una ulteriore equazione la quale leghi la luminosit`a L(r) al gradiente di temperatura
(dT/dr) oppure ssi il valore di questultimo. Ci`o `e possibile studiando i meccanismi
di trasporto dellenergia che saranno illustrati pi` u avanti.
Capitolo 7
STATO FISICO DEGLI INTERNI
STELLARI
7.1 Equilibrio Termodinamico nelle Stelle
Le propriet`a macroscopiche di una stella sono intimamente legate ai fenomeni
microscopici che avvengono nel suo interno, i quali a loro volta dipendono dallo
stato termodinamico del sistema. Il concetto di equilibrio termodinamico (E.T.) `e
di fondamentale importanza nello studio delle strutture stellari.
La denizione classica di E.T. si riferisce ad una ipotetica cavit`a adiabatica iso-
lata meccanicamente e termicamente dal resto delluniverso nella quale sia stato
raggiunto lequilibrio meccanico, termico e chimico e temperatura uniforme.
I tre tipi di equilibrio (meccanico, termico e chimico) sono raggiunti su scale di
tempo diverse le quali in generale obbediscono alla disuguaglianza
t
mec
<< t
chim
< t
term
(7.1)
Lapplicazione del concetto di E.T. alla materia degli interni stellari richiede alcune
cautele ed accorgimenti. Innanzi tutto una stella non `e un sistema in rigoroso E.T.
in quanto
(a) perde energia dalla supercie,
(b) non ha temperatura uniforme,
(c) non ha composizione chimica costante nel tempo.
Tuttavia `e facile constatare che il gradiente di temperatura esistente in una stella `e
molto piccolo (10
4
K cm
1
) e che il cammino libero medio di un fotone nellinterno
di una stella `e dellordine di 1 cm. Questo assicura che in ottima approssimazione
39
40 CAPITOLO 7. STATO FISICO
ogni piccola porzione del materiale stellare pu`o essere considerato come una cavit`a
adiabatica a temperatura uniforme. Inoltre confrontati con le tipiche scale di tempo
stellari, i tempi necessari alle reazioni chimiche fra molecole o ai processi di ecci-
tazione ed ionizzazione coinvolgenti molecole, atomi, ioni, elettroni e fotoni risultano
essere estremamente brevi per cui si pu`o dire che ognuno di questi processi ha rag-
giunto uno stato di equilibrio. Vi `e ununica eccezione costituita dalle reazioni
nucleari le quali cambiano continuamente la composizione chimica del gas. Tuttavia
in questo caso le scale di tempo dei processi nucleari sono lunghe, anche confrontate
con quelle stellari, per cui si pu`o ritenere che entro intervalli di tempo ragionevoli
la composizione chimica del gas sia costante.
Pertanto lo stato sico della materia nellinterno delle stelle pu`o essere considerato
in ottima approssimazione molto vicino alla condizione di E.T.
`
E noto che un sistema in E.T. gode della propriet`a del bilancio per cui ogni det-
tagliato processo `e statisticamente bilanciato dal suo inverso. Questo porta al risul-
tato che il campo di radiazione allinterno di una stella obbedisce alla legge di Planck,
lo stato della materia `e descritto dalla legge di Boltzmann e la interazione fra materia
e radiazione `e governata dalla legge di Kircho.
Inoltre, per un sistema in E.T. `e possibile luso dei principi della meccanica statistica
per trattare le propriet`a collettive dellinsieme di particelle (ioni, elettroni e fotoni)
e derivare lequazione di stato del gas in funzione di variabili macroscopiche quali
pressione, volume, temperatura e numero di particelle P = P(V, T, N).
Vicino alla supercie di una stella lequazione di stato `e molto complicata in quanto
gli atomi sono in diversi stadi di ionizzazione e pertanto varia il numero di particelle.
Tuttavia per temperature maggiori di circa 10
5
K gli atomi degli elementi dominanti
la composizione chimica sono completamente ionizzati e il gas da questi costituito
si comporta come un gas perfetto no a densit`a molto elevate.
Si ricorda che un gas perfetto `e denito come quello in cui non ci sono interazioni
fra le particelle. Quantunque questo criterio non sia mai soddisfatto in un gas reale,
esso costituisce una valida approssimazione ntantoche lenergia di interazione fra
le particelle `e trascurabile rispetto alla loro energia cinetica.
7.2 Prima Legge della Termodinamica
In base alla prima legge della termodinamica, lenergia interna di un gas pu`o
essere variata fornendo o sottraendo una certa quantit`a di calore ovvero compiendo
lavoro sul gas per mezzo di espansioni o contrazioni
7.3. SECONDA LEGGE DELLA TERMODINAMICA 41
dU = dQ+dW (7.2)
Se il processo `e compiuto in maniera estremamente lenta, cosicch`e il sistema ad
ogni istante si trovi vicinissimo ad uno stato di equilibrio termodinamico, la trasfor-
mazione `e detta quasi-statica. Poich`e tutte le variabili del sistema assumono in ogni
istante il valore di equilibrio `e chiaro che il processo pu`o essere condotto in maniera
inversa. Pertanto ogni trasformazione quasi-statica `e anche reversibile.
Un cambiamento innitesimo di volume comporta un lavoro meccanico compiuto
sul gas dato da dW = PdV per cui la prima legge diventa
dQ = dU +PdV (7.3)
Se lenergia interna del gas `e supposta essere funzione di V e T, U(V, T), allora
possiamo scrivere
dQ =
__
U
V
_
T
+P
_
dV +
_
U
T
_
V
dT (7.4)
Si dice trasformazione innitesima adiabatica quella per cui sia dQ = 0.
7.3 Seconda Legge della Termodinamica
Una concisa formulazione della seconda legge della termodinamica `e la seguente:
esiste una funzione termodinamica S delle variabili di stato, chiamata entropia, tale
che per un cambiamento quasi-statico innitesimo
dS = dQ/T (7.5)
dove dQ `e il calore fornito al sistema e T la temperatura assoluta di questo durante
la trasformazione.
In un sistema adiabatico, lentropia non pu`o mai diminuire,
S0 (7.6)
dove S `e la variazione di entropia durante una trasformazione adiabatica e dove
il segno di uguaglianza si applica al caso dei processi reversibili, mentre quello di
disuguaglianza a tutti gli altri.
Poich`e lentropia `e una funzione delle variabili di stato essa pu`o essere calcolata
per un sistema in equilibrio termodinamico e dipende solo dallo stato presente del
sistema e non dalla sua storia passata o in altre parole dS `e un dierenziale esatto.
42 CAPITOLO 7. STATO FISICO
Per un sistema eterogeneo composto di sottoinsiemi (fasi) non interagenti fra loro,
come ad esempio in un gas composto di particelle diverse, lentropia gode della
propriet`a additiva.
Assieme alla seconda legge della termodinamica si enuncia anche il principio di
crescita dellentropia. Il principio aerma che ogni sistema completamente iso-
lato dal resto delluniverso (ad esempio una cavit`a adiabatica a pareti rigide e non
soggetta a forze esterne variabili col tempo) tender`a spontaneamente a trasformarsi
in maniera tale da aumentare la sua entropia.
Segue da quanto detto che la condizione di E.T. `e quella in cui si ha la massima
entropia possibile. Ogni cambiamento innitesimo in un sistema in E.T. deve essere
reversibile e pertanto dS = dQ/T. Poich`e per un cambiamento innitesimo adia-
batico dQ = 0, ne segue che `e dS = 0 per ogni trasformazione di questo tipo in un
sistema in E.T. Questa condizione `e spesso usata come condizione di E.T.
Nel caso di trasformazioni innitesime reversibili la variazione di entropia fra due
stati `e data da
TdS = dU +PdV (7.7)
ovvero
dS =
1
T
__
U
V
_
T
+P
_
dV +
1
T
_
U
T
_
V
dT (7.8)
Poich`e S = S(V, T) si pu`o porre
dS =
_
S
V
_
T
dV +
_
S
T
_
V
dT (7.9)
Atteso che dS `e un dierenziale esatto ne segue che

T
1
T
__
U
V
_
T
+P
_
=

V
_
1
T
_
U
T
_
V
_
(7.10)
dalle quali segue nalmente la relazione di reciprocit`a
_
U
V
_
T
= T
_
P
T
_
V
P (7.11)
Essa d`a la dipendenza dellenergia interna U dal volume V a temperatura costante
T.
Capitolo 8
MECCANICA STATISTICA:
ELEMENTI
8.1 Meccanica statistica classica
Consideriamo un sistema isolato composto da un grande numero di particelle N
non interagenti, ognuna delle quali ha a disposizione E
1
, E
2
, E
3
..... stati di energia.
Gli stati energetici possono essere discreti o continui.
Ad un certo istante le particelle sono distribuite tra i diversi stati in modo tale che
n
1
particelle hanno energia E
1
, n
2
particelle hanno energia E
2
, etc. Il numero totale
di particelle
N = n
1
+n
2
+... =

i
n
i
(8.1)
`e assunto essere costante. L energia totale del sistema `e
U = n
1
E
1
+n
2
E
2
+... =

i
n
i
E
i
(8.2)
Poich`e si `e assunto che le particelle non interagiscano fra loro, le energie delle singole
particelle dipendono solo dalle loro coordinate. In presenza di interazioni reciproche
non ha senso riferirsi alle energie delle singole particelle, ma `e necessario considerare
solo lenergia dellintero sistema. Se vale lipotesi di non interazione reciproca ed il
sistema `e isolato, lenergia totale U `e costante.
Tuttavia a causa delle collisioni fra particelle, la distribuzione delle stesse nei diversi
stati energetici cambia continuamente, cio`e gli n
i
non sono costanti.
43
44 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
In altre parole, date le condizioni siche del sistema (numero di particelle, energia
totale, natura delle particelle etc.), esiste una partizione (insieme delle n
i
) che `e
pi` u probabile. Quando questa partizione viene raggiunta, il sistema `e detto essere
in equilibrio statistico. Un sistema in equilibrio statistico non si allontana dalla
partizione pi` u probabile a meno che non sia disturbato da azioni esterne. I valori di
n
1
, n
2
, n
3
, ... possono tuttavia uttuare attorno ai valori statistici corrispondenti
alla partizione pi` u probabile senza dar luogo ad eetti macroscopici osservabili.
Il problema chiave della meccanica statistica `e quello di trovare la partizione pi` u
probabile e da questa derivare le propriet`a macroscopiche del sistema. Al ne
di ottenere la partizione sono necessarie alcune ipotesi che sono alla ne dettate
dallaccordo con i dati sperimentali.
Legge di Maxwell-Boltzmann. Supponiamo di avere un sistema di N particelle iden-
tiche e distinguibili, cio`e le particelle hanno tutte la stessa struttura, tuttavia
possono essere in qualche modo distinguibili fra loro. Supponiamo inoltre di avere
E
1
, E
2
, E
3
... stati energetici a disposizione ognuno con la stessa probabilit`a di es-
sere occupato. Inne supponiamo che la probabilit`a di una particolare partizione sia
proporzionale al numero di modi diversi in cui le particelle possono essere distribuite
fra gli stati energetici.
Consideriamo lo stato E
1
. La prima particella di n
1
pu`o essere scelta fra N particelle
e ci sono N modi diversi (distinguibili) di sceglierla. La seconda particella pu`o essere
scelta fra N1 particelle in N1 modi diversi. In generale il numero di modi diversi
e distinguibili di porre n
1
particelle in E
1
`e dato da
N!
n
1
!(N n
1
)!
(8.3)
Pertanto, il numero di modi diversi e distinguibili con cui la partizione n
1
, n
2
, n
3
...
pu`o essere realizzata `e
P =
N!
n
1
!n
2
!n
3
!...
(8.4)
Assumiamo ora che la probabilit`a di realizzare la partizione sia proporzionale a P.
Fino ad ora abbiamo ipotizzato che tutti gli stati energetici abbiano la stessa prob-
abilit`a di essere occupati. Tuttavia pu`o accadere che ognuno degli stati abbia una
sua probabilit`a intrinseca g
i
di occupazione. In questo caso la probabilit`a totale per
una data partizione `e
8.1. MECCANICA STATISTICA CLASSICA 45
P =
N!g
n
1
1
g
n
2
2
g
n
3
3
.....
n
1
!n
2
!n
3
!.....
(8.5)
Togliamo ora la condizione di distinguibilit`a delle particelle (in quanto non neces-
saria). In tal caso le N! permutazioni fra le particelle che occupano i diversi stati
danno luogo alla stessa partizione. Dobbiamo dunque dividere per N!. La proba-
bilit`a totale diventa
P =
g
n
1
1
g
n
2
2
g
n
3
3
.....
n
1
!n
2
!n
3
!.....
(8.6)
cio`e
P =

i=1
g
n
i
i
n
i
!
(8.7)
La partizione pi` u probabile `e data dal massimo della funzione P compatibile con le
condizioni

i
n
i
= N (8.8)

i
n
i
E
i
= U (8.9)
con N e U costanti.
Passando al logaritmo di P
lnP = n
1
lng
1
+n
2
lng
2
+..... lnn
1
! lnn
2
! ..... (8.10)
ora il logaritmo naturale del fattoriale di un numero grande `e
lnX! XlnX X (8.11)
quindi
lnP = n
1
lng
1
+n
2
lng
2
+..... (n
1
lnn
1
n
1
) (n
2
lnn
2
n
2
) ..... (8.12)
cio`e
lnP = n
1
ln
n
1
g
1
n
2
ln
n
2
g
2
.... + (n
1
+n
2
+n
3
+....) (8.13)
46 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
ovvero
lnP = N

i
n
i
ln
n
i
g
i
(8.14)
dierenziando
dlnP =

(dn
i
)ln
n
i
g
i

dn
i
(8.15)
Poich`e N `e costante dN = 0 e anche

dn
i
= 0. Con queste condizioni si cerca il
massimo della funzione P cio`e dP = dlnP = 0
dlnP =

(ln
n
i
g
i
)dn
i
= 0 (8.16)
Se i dn
i
fossero arbitrari il sistema di equazioni di cui sopra potrebbe essere risolto
imponendo che ogni termine
ln(
n
i
g
i
) = 0 (8.17)
In realt`a ci`o non `e vero perch`e esistono le condizioni

dn
i
= 0 e

E
i
dn
i
= 0.
A tale scopo sono introdotti due parametri e detti moltiplicatori di Lagrange
tali che

(ln
n
i
g
i
+ +E
i
)dn
i
= 0 (8.18)
La distribuzione di equilibrio `e quella per cui vale
ln
n
i
g
i
+ +E
i
= 0 (8.19)
ovvero
n
i
= g
i
e
E
i
(8.20)
Il parametro `e legato al numero totale di particelle. Infatti `e facile vericare che
N = e

g
i
e
E
i
) = e

Z (8.21)
8.1. MECCANICA STATISTICA CLASSICA 47
dove
Z =

g
i
e
E
i
(8.22)
`e chiamata la funzione di partizione. Dalla denizione di Z si ha e

=
N
Z
e
n
i
=
N
Z
g
i
e
E
i
(8.23)
Essa viene detta legge di distribuzione di Maxwell-Boltzmann. Il parametro `e
legato allenergia del sistema o meglio allenergia media di una particella. Esso viene
legato alla temperatura introdotta per altra via. Per dare consistenza dimensionale
alle relazioni trovate
Z =

g
i
e
E
i
e n
i
=
N
Z
g
i
e
E
i
(8.24)
dobbiamo esprimere come il reciproco di una energia (in opportune unit`a); si
ricorre al seguente ragionamento. Lenergia totale U di un sistema in equilibrio
statistico `e espressa da
U =

n
i
E
i
=
N
Z
(g
1
E
1
e
E
1
+...) =
N
Z
(

g
i
E
i
e
E
i
) (8.25)
ovvero
U =
N
Z
d
d
(

g
i
e
E
i
) =
N
Z
dZ
d
= N
dlnZ
d
(8.26)
che `e una relazione chiave fra lenergia totale di un sistema in equilibrio statistico e
la funzione di partizione.
Lenergia media di una particella `e
E
m
=
U
N
=
dlnZ
d
(8.27)
Si noti che dato un sistema sico caratterizzato dalle E
i
e g
i
, la funzione di partizione,
lenergia totale (interna) U e lenergia media per particella E
m
sono tutte funzioni
di (pi` u altri parametri come volume e pressione che determinano le caratteristiche
macroscopiche del sistema). Il parametro `e scelto per descrivere lenergia del
sistema. Di solito si usa unaltra grandezza legata a ma di senso sico immediato
cio`e la temperatura assoluta T mediante la relazione
48 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
kT =
1

(8.28)
dove k `e la costante di Boltzmann e kT `e espresso in erg (o simili unit`a di misura per
lenergia). Si dimostra che la temperatura ora denita coincide con quella misurata
da un termometro (a gas per esempio). Esprimendo T in gradi Kelvin, la costante
k `e determinata in valore assoluto. Questa denizione di T si applica solo a sistemi
di particelle in equilibrio statistico e non a singole particelle.
Avendo introdotto la T in questo modo si possono riscrivere le varie relazioni come
segue
Z =

g
i
e
E
i
kT
(8.29)
n
i
=
N
Z
g
i
e
E
i
kT
(8.30)
U = kNT
2
dlnZ
dT
(8.31)
E
m
= kT
2
dlnZ
dT
(8.32)
In generale il valore medio di una qualunque grandezza `e espresso da
F
m
=
1
Z

g
i
F(E
i
)e
E
i
kT
(8.33)
Inne si noti che loccupazione degli stati (n
i
) decresce al crescere dellenergia ed
anche che la funzione n
i
decresce al crescere di E
i
/kT.
8.1.1 Gas perfetto
Come classico esempio di applicazione della legge di Maxwell-Boltzmann fac-
ciamo vedere che la maggior parte dei gas in condizioni ordinarie obbediscono a
questo tipo di statistica.
Supponiamo di avere un gas perfetto monoatomico (non `e necessario pertanto in-
trodurre termini di energia potenziale dovuti alle forze intra-molecolari, n`e energie
associate a moti rotazionali o vibrazionali). La sola energia presa in considerazione
`e quella del moto traslazionale
8.1. MECCANICA STATISTICA CLASSICA 49
E
i
=
1
2
p
2
i
m
i
(8.34)
Sia questo gas connato in un volume molto grande in modo tale che gli stati en-
ergetici possibili siano descrivibili come un continuo ottenibile dalla quantizzazione
in una buca di potenziale cubica con pareti innitamente lontane. In tale ipotesi la
funzione di partizione `e data da
Z =
_

0
e
E
kT
g(E)dE (8.35)
dove g(E)dE d`a il numero di stati con energia fra E e E +dE. Esso `e determinato
da tutte le diverse orientazioni del momento p corrispondente ad un dato valore di
E
g(E)dE =
4V (2m
3
)
1
2
h
3
E
1
2
dE (8.36)
dove V `e il volume e h la costante di Planck. Ne segue che
Z =
4V (2m
3
)
1
2
h
3
_

0
E
1
2
e
E
kT
dE (8.37)
Eseguita lintegrazione si ha
Z =
V
h
3
(2mkT)
3
2
(8.38)
Segue immediatamente che lenergia media per particella E
m
e lenergia totale U
sono date da
E
m
=
3
2
kT e U =
3
2
NkT
Se n `e il numero di moli di un gas e N
A
= 6.0225 10
23
moli
1
`e il numero di
Avogadro, allora N = nN
A
e quindi
U =
3
2
nN
A
kT =
3
2
nRT (8.39)
dove R = N
A
k `e la costante dei gas (R = 8.3143 J mole
1
k
1
).
La legge di distribuzione fra le energie disponibili `e
50 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
dn =
N
Z
g(E)e

E
kT
dE (8.40)
ovvero
dn =
2N
(kT)
3/2
E
1
2
e

E
kT
dE (8.41)
Questa `e la ben nota legge di Maxwell per la distribuzione delle energie delle parti-
celle di un gas ideale monoatomico.
`
E facile passare da questa legge alla corrispon-
dente espressa in funzione delle velocit`a delle particelle e calcolare l energia e la
velocit`a pi` u probabili, nonch`e la velocit`a media e la velocit`a quadratica media
8.1.2 Equazione di stato di un gas ideale
Il pi` u semplice di tutti i sistemi di particelle `e il gas perfetto. Incominciamo col
derivare dalla formulazione statistica la legge fondamentale che lega la variazione di
entropia al calore assorbito durante un processo reversibile
dS =
dQ
T
(8.42)
Si ricordi che la partizione di equilibrio corrisponde alla distribuzione pi` u probabile
delle particelle fra gli stati energetici disponibili. In tali condizioni la funzione P `e
massima. Se il sistema quantunque isolato non `e in condizioni di equilibrio signica
che si trova in una partizione con pi` u bassa probabilit`a rispetto a quella massima. In
un certo tempo il sistema evolve verso la condizione di equilibrio, cio`e la funzione P
cresce. Per descrivere questa naturale tendenza del sistema si introduce il concetto
di entropia denita come
S = klnP (8.43)
dove k `e la costante di Boltzmann. Introducendo l espressione per P si ottiene
S = klnP = k

n
i
ln(
n
i
g
i
) +kN (8.44)
ovvero
S = k[

n
i
E
i
kT
+

n
i
ln
Z
N
+

n
i
] (8.45)
8.1. MECCANICA STATISTICA CLASSICA 51
S =
1
T
(

n
i
E
i
) +k(

n
i
)ln
Z
N
+kN (8.46)
S =
U
T
+kNln
Z
N
+kN =
U
T
+kln
Z
N
N!
(8.47)
Si esegua ora una variazione innitesima reversibile mantenendo costante il numero
totale di particelle
dS =
dU
T

U
T
2
dT +kN
dZ
Z
(8.48)
Il termine kN
dZ
Z
`e anche esprimibile come
kN
dZ
Z
=
1
T

N
Z
g
i
e
E
i
kT
dE
i
+
1
T
2

N
Z
g
i
e
E
i
kT
E
i
dT (8.49)
da cui
kN
dZ
Z
=
1
T

n
i
dE
i
+
1
T
2

n
i
E
i
dT =
dW
T
+
U
T
2
dT (8.50)
dove dW rappresenta lelemento di lavoro compiuto dal sistema. In virt` u del primo
principio della termodinamica possiamo scrivere
dS =
dU
T
+
dW
T
=
dU +dW
T
=
dQ
T
(8.51)
Riprendendo
kN
dZ
Z
=
dW
T
+
U
T
2
dT (8.52)
si vede che essa lega la variazione della funzione di partizione al lavoro fatto dal
sistema ed alla sua variazione di temperatura. Nel caso di un gas il lavoro `e quello
di espansione
dW = PdV (8.53)
quindi
kN
dZ
Z
=
PdV
T
+
U
T
2
dT (8.54)
52 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
Considerando per sempolicit`a che la temperatura sia costante (dT = 0) si ottiene
kNd(lnZ) = kN
dZ
Z
=
PdV
T
(8.55)
ovvero
P = kNT[
dlnZ
dV
]
T
(8.56)
Questa `e una equazione del tipo F(P,V,T)=0. Essa `e infatti lequazione di stato del
sistema. Per un gas perfetto la funzione di partizione `e
Z =
V
h
3
(2mkT)
3/2
(8.57)
da cui si deriva
P = kNT
1
V
ovvero PV = nRT con n =
N
N
A
(8.58)
che `e la stessa equazione di stato ottenuta dalla teoria cinetica dei gas o dal teorema
del viriale.
8.2 Meccanica statistica quantistica
Nel derivare la funzione di partizione del sistema descritto dalla statistica classica
abbiamo ignorato ogni eetto quantistico e cio`e le possibili restrizioni sul numero di
particelle assegnabili ad ogni stato energetico e sulla simmetria associata alla dis-
tribuzione delle particelle fra i diversi stati corrispondenti ad ogni livello energetico.
Sono possibili due tipi di statistiche:
Fermi-Dirac: le particelle obbediscono al principio di esclusione di Pauli e sono
descritte da autofunzioni anti-simmetriche (elettroni, in generale particelle con spin
semi-intero).
Bose-Einstein: le particelle non obbediscono al principio di Pauli e sono descritte
da autofunzioni simmetriche (fotoni, in generale particelle con spin intero o nullo).
In entrambi i casi si assume che le particelle siano identiche ed indistinguibili.
Si vedr`a che ad alte temperature e basse densit`a entrambi i tipi di statistiche si
riducono a quella classica.
8.2. MECCANICA STATISTICA QUANTISTICA 53
8.2.1 Peso statistico
Il peso statistico per sistemi con livelli discreti di energia (come gli atomi) `e dato
dal numero di stati quantici che corrispondono allo stesso valore dellenergia ed `e
noto dalla meccanica quantistica. Per sistemi con valori continui dellenergia, come
ad esempio le particelle libere `e ricavabile ricorrendo alla tecnica della pseudo quan-
tizzazione. Il peso statistico di una particella libera in un volume V , corrispondente
a momenti compresi fra p e p +dp e direzioni di moto entro langolo solido d `e
dg(p) = g
s
V p
2
h
3
dpd (8.59)
con h costante di Planck. Questo deve essere a sua volta moltiplicato per il numero
degli stati di spin possibili g
s
.
8.2.2 Distribuzione di Fermi-Dirac
Per calcolare i modi dierenti e distinguibili in cui un sistema di fermioni pu`o
essere organizzato per una data partizione dobbiamo rivedere il signicato di prob-
abilit`a intrinseca g
i
. In meccanica quantistica g
i
corrisponde alla degenerazione del
livello, cio`e le g
i
danno il numero massimo di fermioni che possono stare in un certo
livello energetico (2 per lo spin e 2l +1 per il momento angolare, in totale 2(2l +1)
con l ssato dal numero quantico principale n).
Pertanto le n
i
di una data partizione sono vincolate dalla condizione
n
i
g
i
(8.60)
Per riempire il livello energetico E
i
con n
i
particelle possiamo porre la prima parti-
cella in ognuno dei g
i
stati, la seconda particella in uno dei rimanenti g
i
1 stati e
cosi via. Il numero totale di modi possibili di porre le n
i
particelle nei g
i
stati `e
g
i
(g
i
1)(g
i
2).....(g
i
n
i
+ 1) (8.61)
cio`e
g
i
!
(g
i
n
i
)!
(8.62)
Fino ad ora abbiamo usato il principio di Pauli, ora teniamo conto che le parti-
celle devono essere indinstiguibili, cio`e dividiamo per n
i
!. Il numero totale di modi
distinguibili occupati `e dato dalla probilit`a totale della partizione
54 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
P =

i
g
i
!
n
i
!(g
i
n
i
)!
(8.63)
Procediamo ora come nel caso classico a calcolare il massimo di P imponendo la
conservazione del numero totale di particelle e della energia totale del sistema, ed
inne introduciamo i moltiplicatori di Lagrange. Si ricava
n
i
=
g
i
e
+E
i
+ 1
(8.64)
Il parametro ha lo stesso ruolo che nella statistica classica (kT = 1/), mentre
`e ancora ssato dalla condizione

n
i
= N.
`
E utile denire la quantit`a
F
con le dimensioni di una energia legata al parametro

F
= kT (8.65)
Ne segue che
n
i
=
g
i
e
(E
i

F
)
kT
+ 1
(8.66)
Lenergia
F
`e in generale positiva ( < 0 e ha un ruolo importante nelle applicazioni
siche). Essa `e in pratica indipendente da T.
Dalla relazione (8.66) si vede che per T = 0 tutti gli stati no ad E =
F
sono
occupati n
i
= g
i
, mentre gli stati con E >
F
sono vuoti
lim e
(E
i

F
)
kT
= 0 per E
i

F
< 0 (8.67)
lim e
(E
i

F
)
kT
= per E
i

F
> 0 (8.68)
Queste relazioni fanno vedere la maggior dierenza rispetto alla statistica classica,
secondo la quale a T = 0 tutte le particelle sono al livello pi` u basso di energia. Nella
statistica di Fermi-Dirac ci`o non `e possibile a causa del principio di Pauli: a T = 0
le particelle occupano tutti gli stati dal fondamentale no ad
F
. Lenergia
F
d`a
dunque una indicazione della energia massima di un sistema di fermioni a T = 0.
Al crescere di T, incominciano a popolarsi gli stati con energia maggiore di
F
e
a spopolarsi quelli con energia minore di
F
. Tuttavia per temperature tali che
kT
F
solamente gli stati vicini ad
F
cambiano il numero di particelle. Ci`o `e
8.2. MECCANICA STATISTICA QUANTISTICA 55
dovuto al principio di Pauli che impedisce di aggiungere ulteriori particelle a stati
gi`a saturi.
Il numero di fermioni (elettroni) in un intervallo di energia dE `e dato da
dn =
g(E)dE
[e
(E
F
)
kT
+ 1]
(8.69)
dove g(E) rappresenta il numero di stati possibili per intervallo unitario di energia
g(E)dE = 2
4V (2m
3
)
1/2
h
3
E
1/2
dE (8.70)
quindi
dn
dE
=
8V (2m
3
)
1/2
h
3
E
1/2
e
(E
F
)/kT
+ 1
(8.71)
Lenergia
F
dipende da N e viene determinata dalla condizione
_

0
dn =
_

0
dn
dE
dE = N (8.72)
equazione trascendente nella incognita e

F
. Essa pu`o essere risolta per T = 0
ottenendo

F
=
h
2
8m
(
3N
V
)
2/3
(8.73)
Lenergia totale di un gruppo di fermioni a basse temperature `e data da
U =
_

0
Edn =
_

0
E
dn
dE
dE (8.74)
Nel caso di T = 0 possiamo approssimare la
dn
dE
=
8V (2m
3
)
1/2
h
3
E
1/2
(8.75)
ed integrando da 0 a
F
U =
8V (2m
3
)
1/2
h
3
_

F
0
E
3/2
dE =
16V
5h
3
(2m
3
)
1/2

5/2
F
(8.76)
56 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
U =
3
5
N
F
(8.77)
usando la soluzione a T = 0 per
F
. Essa `e lenergia minima del sistema di fermioni
a T = 0. A dierenza del caso classico lenergia minima `e diversa da zero.
Lenergia media per particella `e
E
m
=
3
5

F
(8.78)
8.2.3 Distribuzione di Bose-Einstein
Lesperienza ha mostrato che esistono sistemi composti da particelle identiche ed
indistinguibili che non sono vincolate dal principio di Pauli. In tali sistemi non esiste
alcun limite al numero di particelle che possono stare nello stesso stato energetico. La
funzione donda di tale sistema deve essere simmetrica. Le particelle che soddisfano
questi requisiti vengono chiamate bosoni. Si trova sperimentalmente che tutte le
particelle con spin intero o nullo sono bosoni.
Anche nella statistica di Bose le g
i
danno la degenerazione dei livelli energetici.
Per calcolare i dierenti e distinguibili modi in cui un sistema di bosoni pu`o essere
distribuito per dar luogo ad una data partizione, dobbiamo trovare il numero di
possibili arrangiamenti di n
i
particelle fra g
i
stati corrispondenti al livello energetico
E
i
che danno luogo ad una autofunzione simmetrica.
Il numero di arrangiamenti `e uguale al numero di modi con cui n
i
particelle iden-
tiche possono essere collocate in g
i
gruppi senza limiti al numero di particelle per
gruppo. Supponiamo di porre n
i
particelle in una riga e di distribuirle fra g
i
stati
(suddivisioni). Il numero totale di possibii arrangiamenti e suddivisioni `e uguale al
numero di permutazioni di n
i
+g
i
1 oggetti, cio`e
(n
i
+g
i
1)! (8.79)
Poich`e le particelle sono identiche ed indistinguibili dobbiamo dividere per n
i
!. An-
cora poich`e tutte le permutazioni delle suddivisioni danno lo stesso stato sico,
dobbiamo dividere per (g
i
1)!. Il numero completo di sistemazioni distinguibili di
n
i
particelle in g
i
stati `e
(n
i
+g
i
1)!
n
i
!(g
i
1)!
(8.80)
8.2. MECCANICA STATISTICA QUANTISTICA 57
La partizione completa di n
1
, n
2
, .... particelle in E
1
, E
2
, .... livelli energetici `e data
dal prodotto
P =

i
(n
i
+g
i
1)!
n
i
!(g
i
1)!
(8.81)
Procedendo come al solito si ottiene la legge di distribuzione di Bose
n
i
=
g
i
e
+E
i
/kT
1
(8.82)
dove il parametro `e vincolato dalla condizione

n
i
= N.
Gas di fotoni. Lapplicazione pi` u importante della statistica di Bose `e lo studio
della radiazione elettromagnetica chiusa dentro una cavit`a adiabatica in equilibrio
termodinamico (equilibrio meccanico e chimico, temperatura uniforme). Tale radi-
azione `e detta di corpo nero. Le pareti della cavit`a e di ogni altro corpo in essa
racchiuso emettono ed assorbono radiazione elettromagnetica in condizioni di equi-
librio, cio`e il tasso di emissione eguaglia quello di assorbimento. In tali condizioni
lo spettro della radiazione elettromagnetica ha intensit`a variabile con la frequenza
(lunghezza donda), ma la distribuzione delle intensit`a con la frequenza (lunghezza
donda) dipende solo dalla temperatura.
Quando la radiazione elettromagnetica interagisce con le pareti della cavit`a (o con
la materia in essa racchiusa) si comporta come se fosse composta da particelle con
energia e momento
E

= h e p

=
h
c
(8.83)
dette fotoni. A tutti gli eetti la radiazione elettromagnetica si comporta come un
gas di particelle non interagenti fra loro. Poich`e i fotoni della stessa frequenza sono
indistinguibili e nulla vieta che esistano molti fotoni della stessa energia (frequenza),
ed inoltre essi hanno spin intero, i fotoni possono essere considerati come bosoni.
Tuttavia poich`e i fotoni sono continuamente assorbiti ed emessi, il loro numero non `e
costante, pertanto la condizione

dn
i
= 0 pu`o essere lasciata cadere, il parametro
non `e necessario e pu`o essere posto uguale a zero. In questo caso la legge di
distribuzione diventa
n
i
=
g
i
e
E
i
/kT
1
(8.84)
58 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
Inne se le dimensioni della cavit`a sono grandi rispetto alla lunghezza donda media
dei fotoni, lo spettro energetico degli stessi pu`o essere considerato continuo. In tali
condizioni si ha
dn =
g(E)dE
e
E/kT
1
(8.85)
Ponendo E = h, si pu`o sostituire g(E)dE con g()d, ovvero il numero di oscillatori
con frequenza fra e +d.
g(E)dE = g()d =
8V
c
3

2
d (8.86)
dn =
8V
c
3

2
d
e
h/kT
1
(8.87)
Si `e moltiplicato per un fattore 2 per tener conto delle due possibili direzioni di
polarizzazione della radiazione. Lenergia corrispondente a dn fotoni nellintervallo
d `e hdn e lenergia per unit`a di volume `e
hdn
V
(8.88)
La distribuzione di densit`a di energia `e dunque
E

=
h
V
dn
d
=
8
3
h
c
3
1
e
h/kT
1
(8.89)
che `e la famosa relazione di Planck.
8.3 Leggi di distribuzione: riassunto
In un insieme di particelle non interagenti in equilibrio statistico, dove n() sia
il numero di particelle per unit`a di volume con energia e g() sia il numero di
possibili stati quantici associati ad , la congurazione pi` u probabile `e data da
n() =
g()
e
+

kT
1
(8.90)
Il segno positivo `e per particelle che obbediscono alla statistica di Fermi-Dirac, cio`e
particelle con spin semintero (elettroni, positroni, protoni, neutroni, ecc.), mentre
il segno negativo `e per particelle con spin intero o nullo (fotoni, q-mesoni ecc.)
8.4. LEGGI DI MAXWELL E DI BOLTZMANN: RIASSUNTO 59
soggette alla statistica di Bose-Einstein. La quantit`a (detta anche parametro di
degenerazione) `e formalmente ssata dalla condizione che
n =
_

0
n()d =
_

0
g()d
[e
+

kT
1]
(8.91)
dove n `e il numero totale di particelle per unit`a di volume o densit`a numerica. Nel
caso di fotoni = 0 in quanto il loro numero non si conserva (continui assorbimenti
ed emissioni). Per piccole densit`a `e un numero grande positivo mentre per densit`a
molto alte `e un numero grande negativo. Ne segue che a seconda del valore di il
rapporto n()/g(), detto anche indice di occupazione, ha un diverso comportamento
matematico a cui segue un diverso signicato sico. Le statistiche pi` u interessanti
in astrosica stellare sono
Maxwell Botzmann ( >> 0)
n()
g()
= e


kT
Fermi Dirac
n()
g()
=
1
[e
+

kT
+ 1]
Bose Einstein
n()
g()
=
1
[e

kT
1]
La prima non `e altri che la distribuzione classica di Maxwell- Boltzmann in cui
lindice di occupazione `e puramente esponenziale per tutte le temperature e tutti i
valori di . In realt`a la statistica di Maxwell-Boltzmann `e valida solamente per
positivi e grandi cio`e quando lindice di occupazione `e minore di uno. Il limite di
questo per tendente a zero `e exp(). Lindice di occupazione per particelle che
obbediscono alla statistica di Fermi-Dirac non supera mai lunit`a in conseguenza del
principio di esclusione di Pauli. Per un gas di particelle di tipo Bose-Einstein ce la
tendenza ad un grande indice di occupazione verso le energie pi` u basse. Nel caso
dei fotoni, lindice di occupazione cresce senza limite per energie tendenti a zero.
Il comportamento matematico della funzione n()/g() per i tre casi di interesse
astrosico `e mostrato in Figura 8.1.
8.4 Leggi di Maxwell e di Boltzmann: riassunto
Particelle di un gas non degenere non relativistico, aventi massa m ed energia ci-
netica = p
2
/2m e connate in un volume V , obbediscono alle legge di distribuzione
dei momenti
60 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
Figure 8.1:. Comportamento matematico della funzione n()/g() al variare
dellenergia per le tre statistiche
n(p)dp =
4n
(2 mk T)
3/2
e

p
2
2mk T
p
2
dp (8.92)
dove n `e la densit`a totale di particelle ed il parametro `e stato ottenuto dalla
condizione
e

=
nh
3
g(2 mk T)
3/2
(8.93)
Nel ricavare queste relazioni si `e integrato il peso statistico g() su tutto langolo
solido. Da queste relazioni si pu`o passare facilmente a quelle per la distribuzione
delle energie. Esse sono note come leggi di Maxwell. La densit`a numerica relativa di
particelle in due stati energetici discreti i e j (ad esempio le popolazioni di elettroni
in due stati diversi di eccitazione di una data specie di ioni) `e regolata da
n
i
n
j
=
g
i
g
j
e

ij
kT
(8.94)
dove

ij
=
i

j
(8.95)
`e la dierenza fra i due stati energetici considerati. Essa viene detta legge di Boltz-
mann.
8.5. LEGGE DI PLANCK PER IL CORPO NERO: RIASSUNTO 61
8.5 Legge di Planck per il Corpo Nero: riassunto
Considerando i fotoni del campo di radiazione di corpo nero (isotropo e non
polarizzato) come particelle di momento p = h/c, il numero di stati quantici per
unit`a di volume per fotone entro langolo solido d `e dato da
dg =
2p
2
h
3
dpd =
2
3
c
3
d d (8.96)
dove il fattore 2 sta per le due possibili direzioni di polarizzazione. Moltiplicando
per h entrambi i membri della eq.(8.96) si ottiene la densit`a specica di energia
della radiazione nellintervallo di frequenza d e nellangolo solido d associata ai
dg stati per fotone. Lintensit`a specica della radiazione (energia per unit`a di area,
di tempo, di angolo solido, di frequenza e per fotone) `e
c
d d
2h
3
c
3
d d =
2h
3
c
2
(8.97)
Inne moltiplicando per il fattore di occupazione si ha lintensit`a specica del campo
di radiazione
I

=
2h
3
c
2
1
e
h
kT
1
= B

(T) (8.98)
detta anche funzione di Planck. La densit`a di energia monocromatica U

si ottiene
integrando su tutto langolo solido 4 e dividendo per il volume di base unitaria
occupato dalla radiazione nellunit`a di tempo e cio`e c
U

=
8h
3
c
3
1
e
h
kT
1
=
4
c
B

(T) (8.99)
La funzione di Planck integrata su tutte le frequenze `e
B(T) =
2
4
k
4
T
4
15c
2
h
3
=

T
4
(8.100)
dove la costante di Stefan-Boltzmann `e di ovvia denizione. Inne la densit`a
totale di energia `e
U =
4
c
B(T) = aT
4
(8.101)
con immediata denizione di a = (8
5
k
4
/15c
3
h
3
) detta costante della densit`a di
radiazione e pari a 7.5610
15
erg cm
1
K
4
.
62 CAPITOLO 8. MECCANICA STATISTICA
Capitolo 9
EQUAZIONE DI STATO
Lo stato sico della materia nellinterno delle stelle pu`o essere considerato in ottima
approssimazione molto vicino alla condizione di Equilibrio Termodinamico (E.T.)
`
E
noto che un sistema in E.T. gode della propriet`a del bilancio per cui ogni dettagliato
processo `e statisticamente bilanciato dal suo inverso. Questo porta al risultato che
il campo di radiazione allinterno di una stella obbedisce alla legge di Planck, lo
stato della materia `e descritto dalla legge di Boltzmann e la interazione fra materia
e radiazione `e governata dalla legge di Kirchho. Inoltre rende possibile luso dei
principi della meccanica statistica per trattare le propriet`a collettive dellinsieme
di particelle (ioni, elettroni e fotoni) e per derivare lequazione di stato del gas in
funzione di variabili macroscopiche quali pressione, volume, temperatura e numero
di particelle P = P(V, T, N). Vicino alla supercie di una stella lequazione di stato `e
molto complicata in quanto gli atomi sono in diversi stadi di ionizzazione e pertanto
varia il numero di particelle. Tuttavia per temperature maggiori di circa 10
5
K
gli atomi degli elementi dominanti la composizione chimica sono completamente
ionizzati e il gas da questi costituito si comporta come un gas perfetto no a densit`a
molto elevate. Si ricorda che un gas perfetto `e denito come quello in cui non ci
sono interazioni fra le particelle. Quantunque questo criterio non sia mai soddisfatto
in un gas reale, esso costituisce una valida approssimazione ntanto che lenergia di
interazione fra le particelle `e trascurabile rispetto alla loro energia cinetica.
9.1 Pressione di un Gas
La sorgente della pressione in un gas perfetto `e lurto delle particelle con superci
reali o ideali tracciate allinterno del sistema. La riessione (o assorbimento) delle
63
64 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
particelle dalle superci trasferisce momento a questultime ed, in base alla seconda
legge di Newton (F = dp/dt), esercita una forza. La forza media per unit`a di area `e
chiamata pressione. Nella situazione di equilibrio termico esistente nel gas stellare,
la distribuzione angolare dei momenti delle particelle `e isotropa, cio`e le particelle si
muovono con uguali probabilit`a in tutte le direzioni. La teoria cinetica dei gas ci
permette di esprimere la pressione esercitata da un gas isotropo come
P =
1
3
_

0
pv(p)n(p)dp (9.1)
dove p `e il momento, v(p) `e la velocit`a di una particella di momento p ed n(p) `e la
funzione descrivente il numero di particelle per unit`a di volume con momento fra p
e p +dp che dipende dal tipo di particelle e dalla statistica a cui obbediscono.
Per arrivare a questa relazione si procede nel modo seguente. Sia p il momento di
una particella in moto verso una parete ideale con normale n lungo una dirzione .
Il momento trasferito `e
p
n
= 2pcos (9.2)
Indico con F(, p)ddp il numero di particelle con momento compreso fra p e p +dp
incidenti sulla supercie per unit`a di area e di tempo e moventesi lungo la direzione
e +d. La pressione esercitata dalle particelle `e
P =
_

0
_
/2
0
F(, p)2pcosddp (9.3)
La funzione F(, p) e ottenuta come segue. Sia n(, p)ddp il numero di particelle
per unit`a di volume incidenti con angolo fra e + d e momemto fra p e p + dp.
Allora la funzione F(, p) e data da
F(, p)ddp = n(, p)v(p)cosddp (9.4)
dove v(p) `e la velocit`a delle particelle di momento p. Da questo segue che
P =
_

0
_
/2
0
2pcos
2
n(, p)v(p)ddp (9.5)
Se le particelle incidono sulla supercie in modo isotropo allora
n(, p)ddp
n(p)dp
=
2sind
4
(9.6)
9.2. PRESSIONE DI UN GAS DI FOTONI 65
Quindi
P =
_

0
pv
p
n(p)dp
_
/2
0
cos
2
sind (9.7)
Lintegrazione sulla parte angolare d`a il fattore 1/3.
Rimane da ssare il legame fra momento e velocit`a. Nel caso non relativistico
v(p) =
p
m
(9.8)
Nel caso relativistico
v(p) =
p
m
[1 (
v(p)
c
)
2
]
1
2
(9.9)
Se (p) `e la energia cinetica traslazionale di una particella allora lenergia cinetica
totale per unit`a di volume `e data da
U
K
=
_

0
(p)n(p)dp (9.10)
Si deriva un legame immediato fra P e U
K
a seconda del tipo di particella. Per una
particella non relativistica con = p
2
/2m si ottiene
P =
2
3
U
K
(9.11)
Per fotoni con = pc e U
K
= U (densit`a di energia del campo di radiazione) si ha
P =
1
3
U (9.12)
Espressioni analoghe sono ottenibili per particelle relativistiche con massa a riposo
m
0
.
9.2 Pressione di un Gas di fotoni
Nel caso di un gas di fotoni possiamo assumere
p = h/c v(p) = c (9.13)
e
n(p)dp = (8/h
3
)[e
h
kT
+ 1]
1
p
2
dp (9.14)
e quindi ottenere dopo facili passaggi la pressione di radiazione P
r
P
r
=
1
3
aT
4
(9.15)
La pressione di radiazione dipende solo dalla temperatura e diventa importante alle
alte temperature e basse densit`a.
66 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
9.3 Pressione di un Gas Perfetto
Nel caso di gas perfetto non relativistico e non degenere la funzione n(p) `e quella
data dalla statistica di Boltzmann ed `e facile vedere che la pressione esercitata da
un tale gas obbedisce alla classica legge di Boyle
P
g
= nkT (9.16)
dove n `e il numero di particelle libere per unit`a di volume e k `e la costante di
Boltzmann (1.38010
16
erg K
1
). Conviene separare la pressione gassosa nelle
due componenti: ioni ed elettroni
P
g
= (n
i
+n
e
)kT (9.17)
9.4 Peso Molecolare
`
E possibile passare dalle densit`a numeriche a qulle di massa introducendo i pesi
molecolari medi per gli ioni ed elettroni. Per calcolare correttamente i pesi moleco-
lari `e necessario stabilire il grado di ionizzazione del materiale. Nellinterno delle
stelle, dove la temperatura varia dai 15 ai 3010
6
K ed oltre, la radiazione `e com-
posta da fotoni di energia kT = 10
3
eV. Il potenziale di ionizzazione dellidrogeno `e
13.6 eV mentre quelli di prima e seconda ionizzazione dellelio sono 24.49 eV e 57.17
eV. Quindi questi elementi, che fra laltro sono anche i due pi` u abbondanti, sono
completamente ionizzati ovunque salvo che nelle regioni pi` u esterne dove la temper-
atura scende a circa 10
3
10
4
K. Il potenziale di ionizzazione cresce con il numero
atomico e si pu`o facilmente vedere che nuclei pesanti come il ferro saranno in grado
di conservare alcuni degli elettroni pi` u interni anche a temperature dellordine di
10
7
K. Il metodo pi` u generale per denire il peso molecolare medio di una miscela
di particelle di varia natura `e quello di massa media in AMU per particella libera.
Sia n
k
il numero di particelle per unit`a di volume aventi massa m
k
ed n =

k
n
k
il
numero totale di particelle per unit`a di volume. La densit`a della miscela `e
=

k
m
k
n
k
(9.18)
Se A
k
= m
k
/m
H
denota la massa in AMU della particella di tipo k, m
H
= 1/N
0
`e la
massa dellatomo di idrogeno in AMU e N
0
`e il numero di Avogadro, la denizione
di peso molecolare `e
9.4. PESO MOLECOLARE 67
=

nm
H
=

k
A
k
n
k

k
n
k
(9.19)
Possiamo anche esprimere gli n
k
per mezzo dell abbondanza relativa in massa X
k
del tipo di particella (X
k
indica il numero di grammi di particelle k in un grammo
di materia)
n
k
=
X
k
m
H
A
k
(9.20)
assieme allovvia condizione che

k
X
k
= 1. Ne segue che
=
1

k
X
k
A
k
(9.21)
Nellapplicazione astrosica `e conveniente distinguere fra ioni ed elettroni. Poniamo
n = n
e
+

i
n
i
(9.22)
ed indichiamo con
i
il numero di elettroni liberati da uno ione di tipo i
n
e
=

m
H

i
X
i
A
i
(9.23)
ne segue che
n =

m
H

i
(1 +
i
)
X
i
A
i
(9.24)
=
1

i
(1 +
i
)
X
i
A
i
(9.25)
=
1

i
X
i
(9.26)
con

i
= (1+
i
)/A
i
. Il calcolo degli

i
`e complesso nel caso di parziale ionizzazione e
questi risultano funzione di e T mentre `e immediato nel caso di ionizzazione totale.
Infatti in questo caso il numero di particelle libere generate da un atomo di numero
atomico Z
i
e peso atomico A
i
`e (Z
i
+1). Si usa indicare con X, Y e Z le abbondanze
in massa di idrogeno, elio ed elementi pi` u pesanti di questo rispettivamente. Facendo
68 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
lapprossimazione che A
i
= 2Z
i
(non si commette un grande errore atteso che nelle
condizioni usuali le abbondanze degli elementi pesanti sono piccole) `e immediato
ottenere
=
1
2X + (3/4)Y + (1/2)Z
(9.27)
che `e la espressione corrente del peso molecolare medio di un miscela di ioni (privi
di elettroni) ed elettroni liberi. Il numero di elettroni liberi n
e
puo essere scritto
n
e
=

m
H

i
X
i
(A
i

i
1)
A
i
(9.28)
Il massimo di n
e
si ha in caso di totale ionizzazione quando
n
e
=

m
H

i
X
i
Z
i
A
i
(9.29)
Prendendo A(
1
H) = 1, A(
4
He) = 4 e A
i
= 2Z
i
si ha lapprossimazione
n
e
=
1
2

m
H
(1 +X) (9.30)
con X abbondanza in massa di idrogeno. Da questa segue che

e
=
2
1 +X
(9.31)
Con analoghi ragionamenti possiamo ottenere
i
.
Con laiuto di quanto esposto sopra possiamo scrivere
P
g
= (
1

i
+
1

e
)
k
m
H
T (9.32)
Nel caso non si voglia distinguere fra ioni ed elettroni la pressione `e semplicemente
data da
P
g
=
kT
m
H
(9.33)
dove `e il peso molecolare della miscela ioni-elettroni.
9.5. PRESSIONE DI UN GAS DI ELETTRONI DEGENERI 69
9.5 Pressione di un Gas di Elettroni Degeneri
Poich`e gli elettroni sono particelle con spin semintero essi obbediscono alle sta-
tistica di Fermi-Dirac la cui legge di distribuzione dei momenti `e data da
n(p)dp =
2
h
3
4p
2
e
+
(p
2
/2m)
kT
+ 1
dp (9.34)
Quando lindice di occupazione `e al valore massimo di uno signica che tutti gli stati
disponibili nello spazio delle fasi sono occupati e che la densit`a massima di elettroni
in esso `e
n
e
(p)
max
=
2
h
3
4p
2
(9.35)
`e questa restrizione sulla densit`a numerica di elettroni nello spazio delle fasi che
d`a origine alla pressione di degenerazione. Al crescere della densit`a numerica di
elettroni nello spazio delle fasi (quindi anche delle coordinate) essi sono forzati a
stati di maggior momento in quanto quelli inferiori sono occupati. Gli elettroni
con momento elevato danno un grande contributo alla pressione. Per ogni data
temperatura e densit`a numerica di elettroni, il valore del parametro `e ssato dalla
condizione che
n
e
=
_

0
n
e
()d = n
e
(, T). (9.36)
Questa relazione non pu`o essere integrata facilmente come nel caso della statistica
di Maxwell-Boltzmann. Tuttavia si pu`o vedere dalla relazione che denisce lindice
di occupazione che per grandi e positivi, lindice di occupazione `e << 1 per tutte
le energie (la statistica si riduce a quella classica), mentre si trova che al crescere
della densit`a di elettroni a temperatura costante, il parametro decresce e diventa
molto minore di zero per densit`a elevate. Nel limite di negativo molto grande,
lindice di occupazione = 1 per /kT < [[ e = 0 per /kT > [[. La transizione
avviene gradualmente sopra un intervallo di alcuni kT vicino al valore dellenergia
= [[kT detta energia di Fermi E
F
. Se lenergia kT `e molto maggiore di kT
lindice di occupazione `e una funzione a gradino (si veda la Figura 9.1). Questo
limite `e detto di completa degenerazione. Discuteremo qui tre casi di particolare
interesse: totalmente degenere non relativistico, totalmente degenere relativistico,
parzialmente degenere non relativistico.
70 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
Figure 9.1:. Andamento dellindice di occupazione
9.5.1 Gas di elettroni totalmente degeneri non relativistici
In questo caso tutti gli stati di momento minore di un valore massimo p
0
sono
occupati, mentre gli altri sono vuoti
n
e
(p)dp =
2
h
3
4 p
2
dp p < p
0
n
e
(p)dp = 0 p > p
0
(9.37)
Imponendo la conservazione della densit`a numerica totale di elettroni si ottiene
n
e
=
8p
3
0
3h
3
(9.38)
p
0
= (
3h
3
8
)
1/3
n
1/3
e
. (9.39)
`e facile dedurre la pressione esercitata dal gas di elettroni nel caso di velocit`a non
relativistiche v(p) = p/m
P
e
=
8
15mh
3
p
5
0
(9.40)
oppure in funzione della densit`a elettronica
P
e
=
h
2
20m
(
3

)
2/3
n
5/3
e
(9.41)
9.5. PRESSIONE DI UN GAS DI ELETTRONI DEGENERI 71
ed inne in funzione della densit`a e peso molecolare elettronico
e
P
e
= 1.00410
13
(

e
)
5/3
dyn cm
2
. (9.42)
Si vede che per dato
e
la relazione fra P e `e di tipo politropico con indice 3/2
(si rimanda al capitolo 21 per una discussione dettagliata sui politropi) e che la
equazione di stato di un gas di elettroni non relativistico e totalmente degenere non
dipende dalla temperatura.
9.5.2 Gas di elettroni totalmente degenere relativistico
Si pu`o dimostrare che a densit`a (/
e
) > 7.310
6
g cm
3
gli elettroni totalmente
degeneri diventano relativistici. Dalla relazione velocit`a momento per elettroni rel-
ativistici si ha
v =
p
m
0
__
1 + (
p
m
0
c
)
2
_
1
(9.43)
che sostituita nella denizione di pressione porta a
P
e
=
8
3mh
3
_
p
0
0
p
4
_
1 + (
p
mc
)
2
dp. (9.44)
Ponendo
x = p
0
/mc = 1.00910
2
_

e
(9.45)
e risolvendo lintegrale si deriva
P
e
=
m
4
c
5
3h
3
f(x) = 6.00310
22
f(x) dyne cm
2
(9.46)
con f(x) = x(2x
2
3)(x
2
+ 1)
1/2
+ 3sinh
1
x. Nel caso estremamente relativistico
(x ovvero semplicemente v(p) = c) questa relazione si riduce a
P
e
=
c
4
(
3h
3
8
)
1/3
n
4/3
e
= 1.24410
15
(

e
)
4/3
dyn cm
2
(9.47)
che `e ancora una relazione politropica di indice 3.
72 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
9.5.3 Gas di elettroni parzialmente degenere non relativistico
Il caso del gas di elettroni parzialmente degeneri `e di dicile trattazione matem-
atica. Dallo studio dei casi precedenti si vede che anch`e un gas degenere diventi
relativistico sono necessarie densit`a maggiori di 10
6
g cm
3
alle quali la degenerazione
sar`a completa a meno che le temperature siano maggiori di 10
9
K. Tali densit`a e
temperature esistono solamente nelle fasi molto avanzate dellevoluzione stellare. In
tutti gli altri casi il gas diventa degenere senza diventare relativistico. La pressione
e densit`a numerica totale di elettroni sono date da
P
e
=
8
3h
3
m
_

0
p
4
dp
e
+
p
2
2mkT
+ 1
(9.48)
n
e
=
8
h
3
_

0
p
2
dp
e
+
p
2
2mkT
+ 1
. (9.49)
A dierenza dei casi precedenti non possiamo risolvere le relazioni in . Con laiuto
della variabile adimensionale u = (p
2
/2mkT) e la denizione delle due funzioni
F
1/2
() ed F
3/2
() dette funzioni di Fermi-Dirac, possiamo scrivere
P
e
=
8 kT
3h
3
(2mkT)
3/2
F
3/2
() (9.50)
n
e
=
4
h
3
(2mkT)
3/2
F
1/2
() (9.51)
ovvero
P
e
= n
e
kT
_
2
3
F
3/2
F
1/2
_
(9.52)
dove questultima ricorda la legge del gas perfetto. Le funzioni F
1/2
e F
3/2
sono
F
1/2
=
_

0
u
1/2
du
e
+u
+ 1
(9.53)
F
3/2
=
_

0
u
3/2
du
e
+u
+ 1
(9.54)
Esse non sono calcolabili analiticamente ma solamente per via numerica. Il rapporto
(
2
3
)
F
3/2
F
1/2
misura di quanto la pressione degli elettroni dierisce da quella di un gas non
9.5. PRESSIONE DI UN GAS DI ELETTRONI DEGENERI 73
degenere. Poich`e il rapporto `e funzione di , `e immediato vedere che la pressione
`e essenzialmente quella di gas non degenere per valori di > 2.
`
E di un certo
interesse discutere le equazioni di stato per i casi di piccola degenerazione (gas quasi
perfetto) e di degenerazione quasi completa. Nel caso di piccola degenerazione di
un gas di fermioni (non necessariamente elettroni) di massa m e densit`a numerica n,
tralasciando i passaggi intermedi, si arriva alla seguente relazione per la pressione
P = nkT(1 +
nh
3
2
7/2
(2mkT)
3/2
+...). (9.55)
Il fattore che rappresenta la deviazione dalla legge di gas perfetto `e proporzionale a n
ed inversamente proporzionale a m. Questo ci permette di comprendere in maniera
semplice che in un gas di elettroni e nuclei, essendo la massa di un elettrone almeno
circa 2000 volte pi` u piccola di quella di un protone, il fattore di degenerazione
degli elettroni `e molto maggiore di quello dei nuclei. Gli elettroni degenerano molto
prima dei nuclei, mentre questultimi possono essere considerati non degeneri almeno
nella stragrande maggioranza delle situazioni di interesse. Nel caso di quasi totale
degenerazione ( << 0) le funzioni di Fermi-Dirac sono rappresentabili come somma
di serie
F
1/2
() =
2
3
()
3/2
(1 +

2
8
2
+...) (9.56)
F
3/2
() =
2
5
()
5/2
(1 +
5
2
8
2
+...) (9.57)
Da queste si ricava (arrestandoci al primo termine)
P = n
5/3
(1 +
k
2
T
2
n
4/3
+...). (9.58)
Poich`e n = (4/h
3
)(2mkT)
3/2
F
1/2
si ritrova, utilizzando il primo termine dello
sviluppo per F
1/2
, il legame fra e lenergia di Fermi gi`a visto in precedenza,
il che chiarisce ulteriormente il signicato sico di . Concludiamo questa sezione
ricordando che la pressione totale `e data dalla somma del termine gassoso pi` u quello
di radiazione
P = P
g
+P
r
(9.59)
74 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
dove a sua volta il termine P
g
`e dato dalla somma della parte ionica e quella elet-
tronica. In generale si pu`o scrivere
P
g
=
kT

i
m
H
(1 +

i

e
2
3
F
3/2
F
1/2
) (9.60)
Inne ricordiamo che `e utile introdurre il parametro denito come il rapporto tra
la pressione gassosa e quella totale: P = P
g
e ovviamente (1 )P = P
r
.
Figure 9.2:. Lequazione di stato nel piano temperatura - densit`a
9.5.4 Pressioni parziali: confronto
La Figura 9.2 mostra nel piano T le regioni in cui i vari contributi alla pres-
sione totale sono dominanti nonch`e le zone di separazione fra gas degenere e non
degenere e fra gas relativistico e non relativistico. Le linee di demarcazione sono
ottenute semplicemente uguagliando le equazioni di stato nei vari domini. Nel con-
cludere questa sezione `e utile esaminare in quali circostanze sia necessario introdurre
nellequazione di stato gli eetti della radiazione e della degenerazione. In genere si
9.5. PRESSIONE DI UN GAS DI ELETTRONI DEGENERI 75
assume che la equazione di stato sia quella di gas perfetto, trascurando altre sorgenti
di pressione quali la radiazione, e trascurando eetti coulombiani e quantistici sulla
equazione di stato.
`
E possibile dimostrare che la equazione di gas perfetto sia in
realt`a una buona approssimazione nella maggior parte dei casi. Il rapporto (P
r
/P
g
)
medio pu`o essere espresso da
_
P
r
P
g
_
= 0.011
4
_
M
M

_
2
(9.61)
nella quale si `e fatto uso di una relazione temperatura del gas-massa totale della
stella. Da questa si vede che nella maggior parte delle stelle, la pressione gas-
sosa domina su quella della radiazione. Questultima diventa un contributo im-
portante alla pressione totale solamente per masse elevate (M > 50 100M

).
Nellapprossimazione di gas perfetto, le singole particelle sono pensate come non
interagenti fra loro. In realt`a la materia stellare, che `e in stato di completa ioniz-
zazione ovunque, fuorch`e negli strati superciali, `e composta di particelle cariche:
nuclei ed elettroni liberi. Una stima delleetto dellinterazione coulombiana sulla
pressione del gas pu`o essere data dalle considerazioni seguenti: il contributo di una
singola particella (nuclei di idrogeno) allinterazione coulombiana `e e
2
/r
0
, dove r
0
`e la separazione media fra nuclei; in 1 cm
3
di materia sono presenti / H par-
ticelle, quindi il volume specico per ione `e 1/(/ H) ovvero (4/3)r
3
0
da cui
r
0
= (3/4)
1/3
(/ H)
1/3
; lenergia dinterazione coulombiana per particella `e
E
coul
= (/)
1/3
, dove `e una costante di proporzionalit`a. Inne, lenergia ter-
mica per particella `e E
T
= (3/2)kT. Una stima del contributo della interazione
coulombiana alla pressione relativa a quella di gas perfetto `e data dal rapporto
E
coul
E
T
= cost
_

T
3
_
1/3
. (9.62)
Introducendo il valore numerico della costante, una grossolana dipendenza della
temperatura del gas dalla massa totale della stella ed esprimendo in unit`a solari
abbiamo
E
coul
E
T
= 0.014
4/3
_
M
M

_
2/3
. (9.63)
La correzione coulombiana non supera nel caso del Sole 1% del valore dato dalla
trattazione di gas perfetto. Valutiamo inne leetto imposto dalla trattazione
76 CAPITOLO 9. EQUAZIONE DI STATO
quantistica. La meccanica quantistica ed il principio di Pauli richiedono che un
elettrone connato in una regione di dimensioni r
0
abbia unenergia in eccesso di
E
0
= h
2
/(2mr
2
0
) dove h `e la costante di Planck, m la massa dellelettrone. Si
dimostra che a temperatura zero, lenergia media di un elettrone `e vicina a E
0
.
Pertanto il contributo degenere alla pressione da parte degli elettroni `e dato da
P
deg
P
g
=
E
0
E
T
= cost
_

T
3/2
_
2/3
= 0.0114
8/3
_
M
M

_
4/3
T
10
6
. (9.64)
Da questo si vede che per stelle di sequenza principale solamente quelle di massa
molto piccola sono interessate dalla degenerazione elettronica. Questo non `e vero
per le fasi pi` u avanzate, dove la degenerazione elettronica gioca un ruolo importante
in stelle di massa qualunque.
Capitolo 10
RELAZIONI TERMODINAMICHE
DELLA MATERIA STELLARE
Lo scopo di questo capitolo `e quello di presentare alcune relazioni fondamentali
della termodinamica nel caso specico della situazione sica esistente nellinterno
delle stelle. In quanto segue avremo come riferimento la tipica situazione esistente
in una stella e cio`e un gas di particelle e radiazione in equilibrio termodinamico
(almeno in senso locale), il quale sia soggetto a lenta espansione o contrazione.
10.1 Energia Interna
Dalla relazione (7.11) si vede che lenergia interna di una massa ssata di gas
perfetto totalmente ionizzato dipende solo dalla temperatura e non dal volume:
U = U(T).
Poich`e lenergia interna di questo tipo di gas `e data dallenergia cinetica del moto
traslazionale delle particelle, (3/2)kT per particella, ne segue che
U(T) = (
3
2
)
_
k
m
H
_
T (10.1)
per grammo di materia, dove k `e la costante di Boltzmann, il peso molecolare del
gas e m
H
la massa dellatomo di H in unit`a di masse atomiche.
Nel caso di un gas perfetto di particelle e radiazione
U = aT
4
V + (
3
2
)
_
k
m
H
_
T (10.2)
dove V `e il volume di un grammo di gas. Lenergia interna di un gas non total-
mente ionizzato dipende anche dal volume (densit`a) ed assume una forma molto pi` u
complicata.
77
78 CAPITOLO 10. RELAZIONI TERMODINAMICHE
10.2 Calori Specici
I calori specici di un gas sono deniti nel modo seguente. Sia una funzione
delle variabili siche, allora la quantit`a di calore necessaria ad aumentare di un
grado la temperatura del gas mantenendo costante `e chiamata calore specico
c

= (
dQ
dT
)

(10.3)
Di uso corrente sono i calori specici c
V
e c
P
.
`
E facile dimostrare che
c
V
=
_
dU
dT
_
V
(10.4)
Nel caso di un gas perfetto di particelle totalmente ionizzato, non degenere e con
U = U(T), il calore specico c
V
`e costante.
Il calore specico a pressione costante c
P
per lo stesso gas ma con U = U(V, T) `e
c
P
= c
V
+
__
U
V
_
T
+P
__
V
T
_
P
(10.5)
la quale nel caso di gas di particelle totalmente ionizzato non degenere diventa
semplicemente
c
P
= c
V
+
_
k
m
H
_
(10.6)
In molte applicazioni termodinamiche si fa uso del rapporto = c
P
/c
V
, il quale
sempre per un gas perfetto di sole particelle, totalmente ionizzato e non degenere `e
costante.
Questa circostanza porta allesistenza delle ben note leggi di trasformazione adia-
batica:
TV
1
= cost PV

= cost P
1
T

= cost. (10.7)
Quando sono inclusi gli eetti della radiazione e/o ionizzazione si dimostra che gli
esponenti delle tre leggi non sono uguali fra loro, non sono costanti lungo ladiabatica
e nessuno `e uguale al rapporto dei calori specici .
10.3. EFFETTI DELLA RADIAZIONE 79
10.3 Eetti della radiazione
La pressione totale esercitata da un gas di particelle (ioni totalmente ionizzati
ed elettroni) e dalla radiazione `e data dalla relazione
P = (
k
H
)T +
1
3
aT
4
= (
k
m
H
V
)T +
1
3
aT
4
(10.8)
U = aT
4
V +
3
2
(
k
m
H
)T (10.9)
dove U `e lenergia interna per grammo e V indica il volume per grammo.
Usando queste relazioni possiamo scrivere
dQ =
_
4aT
3
V +
3k
2m
H
_
dT +
_
4aT
4
3
+
kT
m
H
V
_
dV (10.10)
In analogia con il caso di un gas di particelle vengono deniti tre esponenti adiabatici

1
,
2
,
3
tali che valgano le seguenti equazioni
dP
P
+
1
dV
V
= 0 (10.11)
dP
P
+

2
1
2
dT
T
= 0 (10.12)
dT
T
+ (
3
1)
dV
V
= 0 (10.13)
dove le variazioni sono supposte adiabatiche. Queste denizioni richiedono che sia
sempre vericata luguaglianza

3
1 =
(
2
1)
1

2
(10.14)
Introducendo = P
g
/P, `e facile dimostrare che

1
=
32 24 3
2
24 21
(10.15)

2
=
32 24 3
2
24 18 3
2
(10.16)
80 CAPITOLO 10. RELAZIONI TERMODINAMICHE

3
=
32 27
24 21
. (10.17)
A scopo illustrativo facciamo vedere come si ricava
3
; analoghe dimostrazioni pos-
sono essere ottenute facilmente per gli altri casi. Si parte dallequazione (10.10) con
dQ = 0 e si ottiene
(4aT
4
+
3kT
2m
H
V
)
dT
T
+ (
4aT
4
3
+
kT
m
H
V
)
dV
V
= 0 (10.18)
(12P
r
+
3P
g
2
)
dT
T
+ (4P
r
+P
g
)
dV
V
= 0 (10.19)
da cui

3
= 1 +
4P
r
+P
g
12P
r
+
3
2
P
g
=
32 27
24 21
(10.20)
Esaminando le relazioni ottenute per i , si vede che ogni esponente adiabatico
diminuisce monotonicamente dal valore 5/3 per = 1 al valore 4/3 per = 0.
`
E
facile anche vericare che nel caso di sole particelle ( = 1)
1
=
2
=
3
= . Nel
caso di sola radiazione `e vero che
1
=
2
=
3
= 4/3 ma nessuno di questi `e uguale
a in quanto atteso che c
P
(conseguenza del fatto che P non dipende da V )
. Il calcolo dei calori specici `e immediato. Per il calore specico a volume
costante si ottiene
C
V
=
_
dU
dT
_
V
= 4aT
3
V +
3k
2m
H
=
V
T
_
4aT
4
+
3kT
2m
H
V
_
= (10.21)
=
V
T
P
g
_
12P
r
P
g
+
3
2
_
=
3K
2H
8 7

(10.22)
e poich`e nel caso del gas di sole di particelle c
V
= (3k)/(2m
H
)
C
V
= c
V
8 7

(10.23)
Analogamente per C
P
si ricava che
C
P
= c
V
32 24 3
2
3
2
(10.24)
e inne C
P
/C
V
=
1
/
Poich`e tutti i contengono che `e funzione di e T, le espressioni integrate per le
adiabatiche sono in generale molto complicate. I casi di gas degenere o di parziale
ionizzazione sono pure complessi e non verranno trattati.
10.4. ENTROPIA 81
10.4 Entropia
Il calcolo dellentropia viene dalla seconda legge della termodinamica dS = dQ/T
e dal fatto che lentropia `e additiva. Nel caso di un gas di particelle e radiazione,
partendo dalla espressione per dQ data dalla equazione (10.10) e dividendo per T
si ottiene
dS =
_
3k
2m
H
+ 4aT
3
V
_
dT
T
+
_
4aT
3
V
3
+
k
m
H
_
dV
V
(10.25)
introducendo la variabile W = T
3
V = T
3
/ con dW/W = 3dT/T +dV/V
dS =
_
3k
2m
H
+ 4aW
_
dT
T
+
_
4aW
3
+
k
m
H
_
dW
W
3
_
4aW
3
+
k
m
H
_
dT
T
(10.26)
dS =
3k
2m
H
dT
T
+
4adW
3
+
k
m
H
dW
W
(10.27)
da cui, integrando, abbiamo
S = cost +
k
m
H
ln(T
3/2
W) +
4aW
3
(10.28)
e inne ritornando alle variabili T e si ricava la seguente relazione dellentropia
per grammo di materiale
S = cost +
k
m
H
ln
_
T
3/2

_
+
4a
3
T
3

. (10.29)
Il primo termine d`a lentropia per grammo del gas non degenere di particelle, mentre
il secondo d`a lentropia per grammo della componente fotonica. Se il gas di elettroni
`e degenere ma non relativistico si pu`o includere lentropia per questa componente.
La procedura si basa sul fatto che per ogni grado di degenerazione lenergia interna
per grammo di gas non relativistico `e U=(3/2)PV. Tralasciando i passaggi si arriva
a
S = cost +
k

i
m
H
ln
_
T
3/2

_
+
k

e
m
H
_
5
3
F
3/2
()
F
1/2
()
+
_
+
4a
3
T
3

(10.30)
dove
i
e
e
sono i pesi molecolari per la componente ionica ed elettronica. I tre
termini sono le entropie degli ioni, elettroni e radiazione rispettivamente.
82 CAPITOLO 10. RELAZIONI TERMODINAMICHE
10.5 Trasformazioni politropiche
In questa sezione prendiamo in esame le trasformazioni politropiche che costi-
tuiscono un caso pi` u generale delle trasformazioni adiabatiche e che verranno utili
nella discussione del trasporto convettivo dellenergia.
Si denisce trasformazione politropica un cambiamento quasi statico operato in
maniera tale che la derivata
c =
dQ
dT
(10.31)
il calore specico vari in maniera assegnata. Ad esempio il caso adiabatico gi`a
discusso `e quello per cui c = 0; una trasformazione isoterma dT = 0 quindi c = .
Inne se c = c
V
la trasformazione `e a volume costante (isometrica), e se c = c
P
la
trasformazione `e a pressione costante (isobarica).
In analogia con il caso adiabatico deniamo tre

nel modo seguente

1
=
dlnP
dln

2
1
=
dlnP
dlnT

3
1 =
dlnT
dln
(10.32)
da queste segue subito che

2
1
=

3
1
(10.33)
Usando la equazione di stato P = P(, T) segue che

1
=

+ (

3
1)
T
(10.34)
Ora vogliamo ottenere le espressioni per

1
,

2
e

3
in funzione dei loro corrispon-
denti adiabatici. Si parte dalla prima legge della termodinamica scritta per unit`a di
massa
dQ = dE (
P

2
)d (10.35)
dove E come E = E(, T). Si ottiene
dQ =
_

_
E

_
T

_
d

+c
V
T
dT
T
= cT
dT
T
(10.36)
Da questa si ricava
10.5. TRASFORMAZIONI POLITROPICHE 83

3
1 =
P/ (E/)
T
(c c
V
)T
(10.37)
Il membro di destra di questa equazione diventa
3
1 quando c = 0 per cui si
deriva

3
1 =

3
1
1 (c/c
V
)
(10.38)
Si osservi che per c = 0

3
=
3
, per c = c
V

3
= , per c =

3
= 1, e per il
caso speciale
3
= = c
P
/c
V

3
=
c
P
c
c
V
c
(10.39)
Analogamente si ottiene

2
1
=
(c
P
c)T
(P
2
/
2
)(/P)
T
P(E/P)
T
(10.40)
da cui

2
1
=
_
1
c
c
P
_

2

2
1
(10.41)
Si osservi che per c = 0

2
=
2
, per c = c
P

2
= 0, per c =

2
= 1, e per il caso
speciale
2
= = c
P
/c
V
si ottiene ancora

2
=
c
P
c
c
V
c
(10.42)
84 CAPITOLO 10. RELAZIONI TERMODINAMICHE
Capitolo 11
IONIZZAZIONE
Fino ad ora abbiamo sempre assunto la completa ionizzazione degli atomi. Questa
approssimazione `e sicuramente valida nellinterno delle stelle ma non verso la super-
cie dove il grado di ionizzazione deve necessariamente diminuire no ad arrivare
alla situazione di gas neutro.
Quando un gas `e parzialmente ionizzato, il peso molecolare e molte altre propriet`a
termodinamiche, come ad esempio i calori specici, gli esponenti etc., variano con
il grado di ionizzazione che a sua volta dipende da pressione P e temperatura T.
11.1 Relazioni di Boltzmann e Saha
Consideriamo gli atomi di una certa specie chimica in stato di parziale ioniz-
zazione contenuti in un volume unitario di gas in equilibrio termodinamico.
Essi sono distribuiti su molti livelli di eccitazione, indicati dal pedice s, e ognuno
di questi stati `e a sua volta degenere nel senso che `e costituito da g
s
sotto-stati. Il
numero g
s
`e il peso statistico dello stato energetico.
Consideriamo in particolare gli atomi di un dato elemento che si trovano nello stato
s e nello stato fondamentale s = 0 separati da un salto energetico
s
. La transizione
degli atomi fra i due stati si accompagna ad assorbimento ed emissione di fotoni.
In condizioni di equilibrio il numero di transizioni dallo stato fondamentale a quello
eccitato deve pareggiare il suo inverso. Pertanto il rapporto fra il numero di atomi
nei due livelli `e governato dalla legge di Boltzmann
n
s
n
0
=
g
s
g
0
e

s
/kT
(11.1)
dove k `e la costante di Boltzmann. La equazione (11.1) `e la relazione di Boltzmann
che governa la distribuzione delle particelle fra stati di diversa energia.
85
86 CAPITOLO 11. IONIZZAZIONE
Invece di riferirci agli atomi nello stato fondamentale, confrontiamo gli atomi nello
stato s con il numero n di tutti gli atomi di quellelemento
n =

s
n
s
(11.2)
Partendo dalla 11.1, moltiplicando per g
0
e sommando su tutti gli stati, otteniamo
g
0
n
n
0
= g
0

s=0
n
s
n
0
= g
0
+g
1
e

1
/kT
+g
1
e

1
/kT
+.... = u
p
(11.3)
dove u
p
`e detta la funzione di partizione. Dalla (11.3) otteniamo la legge di Boltz-
mann nella forma
n
s
n
=
g
s
u
p
e

s
/kT
(11.4)
La relazione di Boltzmann pu`o essere usata per determinare il grado di ionizzazione
a patto di distinguere fra eccitazione e ionizzazione.
Nel caso delleccitazione si ha a che fare con ioni ed elettroni legati distribuiti su
stati energetici discreti. Invece nel caso della ionizzazione lo stato di energia mag-
giore consiste di due particelle distinte: ione ed elettrone libero. Questultimo ha
una distribuzione continua delle energie possibili. Infatti dopo la ionizzazione (ad
esempio per assorbimento di un fotone), lelettrone emesso ha un valore arbitrario
di energia cinetica. Il processo inverso di ricombinazione pu`o avvenire mediante
cattura di un elettrone con energia qualunque.
Diciamo che un atomo `e nello stato r di ionizzazione se ha gi`a perso r elettroni.
Indichiamo con
r
lenergia necessaria per strappare il prossimo elettrone dallo stato
fondamentale. Subita la ionizzazione lelettrone avr`a momento di valore assoluto p
e
ed energia cinetica p
2
e
/(2m
e
). Pertanto rispetto allo stato iniziale legato lelettrone
ha energia
r
+p
2
e
/(2m
e
), mentre lo stato di ionizzazione dellatomo `e ora r + 1.
Consideriamo come livello inferiore quello di un atomo r-volte ionizzato nello stato
fondamentale. Il livello superiore sia quello di un atomo (r+1)-volte ionizzato pi` u un
elettrone libero con momento nellintervallo [p
e
, p
e
+ dp
e
]. Le densit`a numeriche di
ioni in questi due stati siano n
r
e dn
r+1
. Il peso statistico del livello superiore `e dato
dal prodotto del peso statistico dello ione g
r+1
per il peso statistico dellelettrone
libero dg(p
e
). In condizioni di equilibrio termodinamico i tassi di ionizzazione e di
11.1. RELAZIONI DI BOLTZMANN E SAHA 87
ricombinazione si pareggiano e pertanto si pu`o usare la relazione di Boltzmann. In
questo caso diventa
dn
r+1
n
r
=
g
r+1
dg(p
e
)
g
r
exp
_

r
+p
2
e
/(2m
e
)
kT
_
(11.5)
Il peso statistico dellelettrone libero `e presto determinato dalla meccanica quan-
tistica. In base al principio di Pauli un elemento di volume nello spazio delle fasi
dV d
3
p pu`o contenere dV d
3
p/h
3
elettroni (si ricordi che h `e la costante di Planck e
V `e il volume occupato dal gas). IL peso statistico `e dunque
dg(p
e
) =
2dV d
3
p
e
h
3
(11.6)
Se la densit`a numerica di elettroni `e n
e
allora dV = 1/n
e
da cui
dg(p
e
) =
8dV p
2
e
dp
e
n
e
h
3
(11.7)
ed inne
dn
r+1
n
r
=
g
r+1
g
r
8p
2
e
dp
e
n
e
h
3
exp
_

r
+p
2
e
/(2m
e
)
kT
_
(11.8)
Integrando sopra tutti i valori di p
e
otteniamo linsieme completo di stati di energia
superiore
n
r+1
n
r
=
g
r+1
g
r
8
n
e
h
3
exp
(
r
/KT)
_

0
p
2
e
exp
_

p
2
e
2m
e
kT
_
dp
e
(11.9)
Per a > 0
_

0
x
2
e
a
2
x
2
dx =

4a
3
(11.10)
otteniamo
n
r+1
n
r
n
e
=
g
r+1
g
r
f
r
(T) (11.11)
con
f
r
(T) = 2
(2m
e
kT)
h
3
e

r
/kT
(11.12)
88 CAPITOLO 11. IONIZZAZIONE
Questa `e lequazione di Saha (anche se non nella forma pi` u generale in quanto
abbiamo considerato solo stati fondamentali).
Allo scopo di essere pi` u precisi facciamo ora uso delle quantit`a n
r+1,0
, n
r,0
, g
r+1,0
,
g
r,0
, dove il secondo pedice indica lo stato fondamentale per il quale queste quantit`a
sono calcolate. Con n
r+1
, n
r
, g
r+1
, g
r
indichiamo ora ci riferiamo alle densit`a
numeriche di ioni e pesi statistici per tutti gli stati di eccitazione. Un particolare
stato di eccitazione `e indicato da un secondo pedice in modo tale che n
i,k
indica la
densit`a numerica di atomi nello stato di ionizzazione i e stato di eccitazione k, e g
i,k
`e il peso statistico corrispondente. Lequazione di Saha (11.11) diventa
n
r+1,0
n
r,0
n
e
=
g
r+1,0
g
r,0
f
r
(T) (11.13)
La densit`a numerica di ioni nello stato di ionizzazione r (tutti gli stati di eccitazione)
`e
n
r
=

s
n
r,s
(11.14)
la quale corrisponde alla (11.13). Possiamo ora scrivere la relazione di Boltzmann
(11.1) per gli ioni nello stato r come
n
r,s
n
r,0
=
g
r,s
g
r,0
e

r,s
/kT
(11.15)
dove
r,s
`e lenergia di eccitazione dello stato s. Lequazione (11.14) pu`o essere
scritta nella forma
n
r
g
r,0
n
r,0
= g
r,0

s
n
r,s
n
r,0
= g
r,0
+g
r.1
e

r,1
/kT
+.... = u
r
(T) =

s
g
r,s
e

r,s
/kT
(11.16)
dove u
r
(T) `e la funzione di partizione per lo ione nello stato r.
Con laiuto di n
r
g
r,0
= n
r,0
u
r
, lequazione di Saha per tutti gli stati di eccitazione
diventa
n
r+1
n
r
n
e
=
u
r+1
u
r
f
r
(T) (11.17)
Introducendo la pressione degli elettroni al posto di n
e
si ottiene
n
r+1
n
r
P
e
=
u
r+1
u
r
2
(2m
e
)
3/2
h
3
(kT)
5/2
e

r
/kT
(11.18)
11.2. IONIZZAZIONE DELL IDROGENO 89
11.2 Ionizzazione dell Idrogeno
Applichiamo quanto sopra ad un gas composto di solo idrogeno e deniamo il
grado di ionizzazione come
x =
n
1
n
0
+n
1
ovvero
n
1
n
0
=
x
(1 x)
(11.19)
Se il gas `e neutro x = 0, se `e completamente ionizzato x = 1.
Il membro di sinistra dellequazione (11.18) pu`o essere sostituito da xP
e
/(1 x) e
se n = n
0
+ n
1
`e la densit`a numerica totale di atomi di idrogeno, allora possiamo
legare la pressione parziale degli elettroni a quella totale del gas P
g
P
e
= n
e
kT = (n
e
+n)kT
n
e
n +n
e
= P
g
n
e
n +n
e
(11.20)
Per ogni atomo di idrogeno vi `e un solo elettrone (n
e
= n
1
), pertanto
P
e
=
x
1 +x
P
g
(11.21)
e la equazione (11.18) diventa
x
2
1 x
2
= K
H
con K
H
=
u
1
u
0
2
P
g
(2m
e
)
3/2
h
3
(kT)
5/2
e

H
/kT
(11.22)
Si noti che lequazione (11.22) `e quadratica in x una volta assegnati T e P
g
. Se la
pressione di radiazione `e importante basta dare T e P totale e ricavare P
g
da inserire
nellequazione (11.22).
Per calcolare il grado di ionizzazione bisogna conoscere la funzione di partizione
e quindi i pesi statistici dei diversi stati di eccitazione, che sono dati dalla mecca-
nica quantistica. Poiche gli stati pi u elevati contribuiscono poco alla funzione di
partizione, possiamo limitarci a considerare solo lo stato fondamentale dellidrogeno
ionizzato: u
0
g
0,0
= 2 e u
1
= 1. Il potenziale di ionizzazione dellidrogeno `e

H
= 13.6 eV.
A scopo illustrativo ricaviamo il grado di ionizzazione nel Sole. Alla fotosfera
con P
g
= 6.83 10
4
in unit`a cgs, T = 5636 K si ottiene x = 10
4
, mentre in strati
pi` u interni con P
g
= 1.56 10
12
, T = 7.15 10
5
K si ricava x = 0.993.
Si noti ancora che nella equazione (11.22) il termine K
H
aumenta con T e diminuisce
con P
g
, cio`e il grado di ionizzazione aumenta con la temperatura ma diminuisce con
la pressione del gas. Questo `e facile da capire: laumento di temperatura rende pi` u
frequenti ed energetiche le collisioni, i fotoni sono pi` u energetici, `e pi` u facile ionizzare
gli atomi. Daltra parte mantenendo costante la temperatura ed aumentando la
pressione diventa pi` u facile per gli ioni catturare elettroni e ricombinarsi.
90 CAPITOLO 11. IONIZZAZIONE
11.3 Parziale ionizzazione: , c
P
,
a
Molte proprieta termodinamiche dipendono dal grado di ionizzazione. In quanto
segue ci limiteremo la caso del peso molecolare , del calore specico c
P
, del gradi-
ente
a
. Inoltre considereremo il caso di solo idrogeno. Lestensione delle relazioni
a miscele pi u complesse non e dicile. Inne lequazione di stato si quella di gas
perfetto.
Vediamo come la ionizzazione parziale modichi il calcolo del peso molecolare.
Ci limitiamo al caso di un gas di solo idrogeno.
Sia x il grado di ionizzazione. Indichiamo con E il numero di elettroni liberi per
atomo (neutro o ionizzato). Allora vale ldentit`a
E =
n
e
n
= x (11.23)
Ricordiamo che m
H
,
i
m
H
,
e
m
H
sono stati deniti come le masse medie per
particella libera, per ione, per elettrone libero rispettivamente. Quest signica che
deve valere la relazione
= (n +n
e
)m
H
= n
i
m
H
= n
e

e
m
H
(11.24)
Usando la (11.23) e n = n
0
+n
1
, risolviamo la (11.24) per ricavare il peso molecolare
e troviamo
=

nm
H
1
1 +E
=

i
1 +E
=
e
E
1 +E
(11.25)
Poich`e non abbiamo sostituito
i
con il suo valore per lidrogeno (
i
= 1), n`e E con
x. la relazione ottenuta `e valida anche per una miscela di gas.
Molte quantit`a termodinamiche dipendono dal grado di ionizzazione e spesso in
maniera complicata. In quanto segue ci limiteremo a dare dei casi semplici per
illustrare il metodo.Ancora una volta ci riferiremo al caso del solo idrogeno. Inne
il gas `e considerato ideale (senza eetti di degenerazione).
Consideriamo la derivata
=
_
ln
lnT
_
P
(11.26)
Nel caso di solo idrogeno e di gas perfetto abbiamo = 1 sia per x = 0 che x = 1 in
quanto il peso molecolare `e costante in entrambi i casi. Per parziale ionizzazione x
11.3. PARZIALE IONIZZAZIONE: , C
P
,
A
91
varia con T e pertanto anche deve variare. Usando lequazione di stato di un gas
perfetto ( P/T) e la relazione (11.25) `e facile vericare che
= 1 +
1
1 +E
_
E
lnT
_
P
(11.27)
Per il modo in cui `e stata ottenuta, questa relazione `e generale.
Nel caso di solo idrogeno E = x. Pertanto dobbiamo derivare x rispetto a T. Questo
viene fatto tramite lequazione di Saha (11.22) ottenendo
= 1 +
1
2
x(1 x)
_
5
2
+

H
kT
_
(11.28)
Se la pressione di radiazione `e importante bisogna sommare alla (11.28) il termine
4(1 )/.
Dalla denizione di calore specico a pressione costante c
P
e lequazione di stato di
gas perfetto P = (k/m
H
)T si ottiene
c
P
=
_
U
T
_
P
+
k
m
H
(11.29)
dove U `e lenergia interna per unit`a di massa
U =
3
2
k

i
m
H
(1 +E)T +u
ion
(11.30)
dove il primo termine d`a lenergia cinetica di ioni ed elettroni, mentre il secondo
termine sta ad indicare che lenergia usata per la ionizzazione ridiventa disponibile
allatto della ricombinazione. Anche queste relazioni sono di validit`a generale (mis-
cele di elementi). Nel caso di solo idrogeno E = x e u = x
H
/(
i
H). Dopo lunghe
manipolazioni algebriche si ottiene
c
P

i
m
H
k
=
5
2
(1 +x) +

2
H
G(x)
(11.31)
dove

H
=
5
2
+

H
kT
e G(x) =
2
x(1 x
2
)
(11.32)
In presenza di pressione di radiazione bisogna sostituire il fattore (5/2) con 5/2 +
4(1 )(4 +)/
2
.
Inne diamo lespressione per
a

a
=
P
Tc
P
=
2 +x(1 x)
H
5 +x(1 x)
2
H
(11.33)
92 CAPITOLO 11. IONIZZAZIONE
11.4 Miscela Idrogeno-Elio
Si consideri ora il caso di un gas composto da idrogeno ed elio con abbondanze
in massa X e Y . Lo scopo di questa sezione `e quello di illustrare le dicolt`a che
sorgono in presenza di un gas con composizione chimica complessa.
Sono presenti ora sei tipi di particelle: idrogeno neutro e ionizzato, elio neutro,
una volta ionizzato, due volte ionizzato, elettroni liberi. Esistono tre tipi di energia
di ionizzazione:
0
H
per lidrogeno,
0
He
e
1
He
per lelio neutro e una volta ioniz-
zato (
0
H
= 13.6 eV,
0
He
= 24.587 eV,
1
He
= 54.416 eV. Ogni atomo di idrogeno
contribuisce allenergia interna con
0
H
, ogni atomo di elio nel primo stadio di ion-
izzazione con
0
He
e ogni atomo di elio completamente ionizzato con
0
He
+
1
He
.
Indichiamo con x
0
H
, x
1
H
, x
0
He
, x
1
He
, x
2
He
i gradi di ionizzazione, cio`e x
r
i
d`a in numero
di atomi di tipo i nello stato di ionizzazione r diviso il numero totale di atomi della
specie i.
x
0
H
=
n
0
H
n
H
, x
1
H
=
n
1
H
n
H
, x
0
He
=
n
0
He
n
He
, x
1
He
=
n
1
He
n
He
, x
2
He
=
n
2
He
n
He
(11.34)
dove n
H
= n
0
H
+n
1
H
e n
He
= n
0
He
+n
1
He
+n
2
He
.
Il contributo dellenergia di ionizzazione allenergia interna per unit`a di massa `e
u
ion
=
1
m
H
_
Xx
1
H

0
H
+
1
4
Y [x
1
He

0
He
+x
2
He
(
0
He
+
1
He
)]
_
(11.35)
in quanto X/H e Y/(4H) sono i numeri di atomi di idrogeno ed elio (neutri ed
ionizzati) per unit`a di massa. Ne segue che il numero di elettroni E per atomo `e
dato da
E =
_
Xx
1
H
+
1
4
Y
_
x
1
He
+ 2x
2
He
__

i
(11.36)
Abbiamo ora tre equazioni di Saha
x
1
H
x
0
H
E
E + 1
= K
0
H
,
x
1
He
x
0
He
E
E + 1
= K
0
He
,
x
2
He
x
1
He
E
E + 1
= K
1
He
(11.37)
con
11.4. MISCELA IDROGENO-ELIO 93
K
r
i
=
u
r+1
u
r
2
P
g
(2m
e
)
3/2
(kT)
5/2
e

r
i
/kT
(11.38)
dove per denizione
x
0
H
+x
1
H
= 1 x
0
He
+x
1
He
+x
2
He
= 1 (11.39)
Supponiamo ora che X, Y , P
g
e T siano dati e risolviamo il sistema di equazioni
(11.36, 11.37, 11.39) nelle incognite x
0
H
, x
1
H
, x
0
He
, x
1
He
, x
2
He
e E. Le equazioni sono
accoppiate fra loro tramite E il che signica che il grado di ionizzazione dellidrogeno
dipende da quello dellelio. Questo fatto si comprende facilmente ricordando che
elettroni che si ricombinano con lidrogeno possono essere stati emessi dallelio.
Soluzione analitica del sistema non `e possibile e si deve ricorre a metodi numerici
(iterazioni su E). Il problema `e facilitato dal fatto che quando incomincia la ion-
izzazione dellelio quella dellidrogeno `e quasi completa. Lo stesso per lelio una
volta e due volte ionizzato. In Figura 11.1 viene mostrato il grado di ionizzazione
dellidrogeno ed elio nonch`e il loro eetto su
a
in funzione della pressione.
Figure 11.1:. Ionizzazione dellidrogeno ed elio negli strati esterni del Sole (A).
Eetto su
a
(B)
94 CAPITOLO 11. IONIZZAZIONE
Capitolo 12
TRASPORTO DELLENERGIA
Nelle stelle il calore viene trasportato dalle regioni pi` u calde a quelle pi` u fredde
mediante vari meccanismi: 1) trasporto per radiazione; 2) trasporto per convezione;
3) trasporto per conduzione. Il uire dell energia `e essenzialmente dettato dal
gradiente di temperatura, che per quanto piccolo (circa 10
4
gradi cm
1
) `e tuttavia
suciente.
In ognuno dei processi ricordati `e necessario stabilire un legame fra il usso locale
di energia, denito come lenergia uente per cm
2
per sec alla distanza r, ed il
gradiente locale di temperatura dT/dr.
A questi meccanismi se ne aggiunge un quarto dalle caratteristiche particolari e cio`e
lemissione e perdita di energia per neutrini. Si vedr`a che i neutrini hanno una
piccolissima capacit`a di interagire con la materia (piccola sezione durto) al punto
tale che una volta prodotti essi sfuggono dalla stella. La produzione di netrini
rappresenta dunque una perdita netta di energia ed indirettamente un meccansimo
di trasporto della stessa di cui si deve tener conto. Questo comportamento dei
neutrini `e tipico di tutte le fasi cosiddette normali della evoluzione stellare. Ci`o
non sar`a pi` u vero solamente nei nuclei delle stelle massicce durante le fasi nali
di collasso per i quali deve essere sviluppata una adeguata teoria del trasporto dei
neutrini.
12.1 Trasporto Radiativo ed Opacit`a
Il trasporto di energia per radiazione dipende dallemissione di fotoni in regioni
relativamente pi` u calde e dallassorbimento di questi nelle regioni relativamente pi` u
fredde.
`
E opportuno denire un coeciente di assorbimento di massa nel modo
95
96 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
seguente: quando radiazione di intensit`a I uisce attraverso uno strato di materia
di densit`a e spessore dx, lintensit`a della radiazione viene diminuita della quantit`a
Idx. Il cammino libero medio di un fotone prima di essere assorbito `e dunque
1/(), che nelle tipiche condizioni siche degli interni stellari `e dellordine di 1 cm
o meno. Pertanto atteso il piccolo gradiente di temperatura, un fotone `e emesso ed
assorbito praticamente alla stessa temperatura. Inoltre un osservatore che misuri
la radiazione ad un dato punto della stella vedr`a una temperatura nella direzione
verso lesterno lievemente superiore a quella verso linterno. Poich`e la radiazione
nellinterno di una stella `e quasi identica a quella del corpo nero, losservatore mis-
urer`a un usso netto dato da

_
(T +dT)
4
T
4
_
= 4 T
3
dT (12.1)
dove dT `e la dierenza locale in temperatura fra usso uscente e usso entrante.
Introducendo il gradiente di temperatura dT/dx o dT/dr in simmetria sferica si ha
F
r
= 4 T
3
(
dT
dr
)dr (12.2)
Sostituendo dr = 1/() si ottiene
F
r
=
4 T
3

(
dT
dr
) (12.3)
La trattazione rigorosa del problema presentata pi` u avanti porta alla seguente re-
lazione
F
r
=
4acT
3
3
(
dT
dr
) (12.4)
dove c `e la velocit`a della luce e a la costante di densit`a di energia. Essa dierisce
dalla precedente solo per un fattore numerico. Questa relazione, nota come ap-
prossimazione diusiva del trasporto radiativo, `e valida nelle regioni stellari dove il
cammino libero medio dei fotoni `e piccolo rispetto alla distanza tipica delle variazioni
di temperatura. Ad esclusione degli strati molto esterni di una stella dove `e nec-
essaria una diversa trattazione, questa condizione `e sempre vericata. Il trasporto
radiativo pu`o essere visto come un processo di diusione dei fotoni in quanto essi
sono assorbiti quasi subito dopo essere stati emessi.
`
E immediato comprendere che
un numero enorme di atti di assorbimento, riemissione e scattering sono necessari
12.1. TRASPORTO RADIATIVO ED OPACIT
`
A 97
per trasferire lenergia elettromagnetica dal centro alla supercie con continuo de-
grado della distribuzione planckiana delle energie dei fotoni dal dominio dei deboli
nel centro alle regioni dellultravioletto ed ottico alla supercie a seconda della tem-
peratura superciale della stella. Il tempo richiesto alla radiazione per diondere
dal centro alla supercie `e dellordine di 10
5
anni. Il trasporto radiativo `e essen-
zialmente controllato dal coeciente di assorbimento di massa altres` noto come
opacit`a. Numerosi processi atomici contribuiscono alla costruzione dellopacit`a del
materiale stellare. Partendo dalle regioni di temperatura pi` u elevata e procedendo
verso lesterno, i principali meccanismi sono:
1) Scattering da parte di elettroni, noto come scattering Thomson, in cui un fotone
subisce un cambio di direzione ma non di frequenza dopo aver interagito con un
elettrone libero.
2) Assorbimento free-free in cui un fotone `e assorbito da un elettrone in vicinanza
di un nucleo con il risultato che lelettrone aumenta la sua energia cinetica.
3) Assorbimento bound-free da parte di ioni pesanti (metalli), detto anche fotoion-
izzazione, in cui un fotone `e assorbito da un atomo (ione) di un elemento pesante
ed uno degli elettroni `e rimosso.
4) Assorbimento bound-bound da parte di un atomo (ione) di elementi pesanti, in
cui un fotone determina il passaggio di un elettrone legato da un livello energetico
pi` u basso ad uno pi` u elevato.
5) Assorbimento bound-free da parte di H e He, che di solito avviene in prossimit`a
della supercie dove questi elementi vengono ionizzati.
6) Assorbimento bound-free e free-free da parte dello ione H

il quale si forma nelle


regioni dove lidrogeno incomincia ad essere ionizzato.
7) Assorbimenti bound-bound da parte di molecole che avvengono nelle atmosfere
delle stelle pi` u fredde e nelle protostelle (basse densit`a e basse temperature).
8) Assorbimento da parte di grani di polvere, il quale pu`o avvenire nelle fasi di
protostella quando le temperature sono inferiori al valore di evaporazione dei grani
(1400-1800 K).
Lopacit`a totale del materiale `e data dalla somma delle opacit`a dovute ai singoli
processi elencati in precedenza corretta ove necessario per leetto dellemissione
indotta. Infatti `e noto che un sistema atomico immerso in un campo di radiazione
di frequenza `e stimolato ad emettere fotoni della stessa frequenza. Inne nel
formulare la relazione per il trasporto radiativo si `e implicitamente assunto che il
cammino libero medio e quindi lopacit`a non dipendano dalla frequenza dei fotoni,
98 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
il che non `e vero ad esclusione dello scattering Thomson. Al contrario, il coeciente
di assorbimento di massa relativo ad ogni processo `e una funzione delle frequenza
dei fotoni. Limitando la discussione a pochi processi fondamentali (bound- bound,
bound-free, free-free e scattering elettronico), il coeciente di assorbimento di massa
totale `e dato da

T
() =
_

bb
() +
bf
() +
ff
()
__
1 exp(h /kT)
_
+
s
(12.5)
dove il termine 1 exp(h /kT) rappresenta leetto di emissione indotta. Atteso
che il gradiente locale di temperatura `e estremamente piccolo, che localmente pos-
sono essere vericate le condizioni di quasi equilibrio termodinamico e che il campo
di radiazione obbedisce alla legge di Planck per il valore locale della temperatura,
lopacit`a totale mediata su tutte le frequenze `e data dalla seguente espressione
1

=
_

0
1

T
()
dB(,T)
dT
d
_

0
dB(,T)
dT
d
(12.6)
dove B(, T) `e la funzione di Planck del campo di radiazione. La funzione data
dalla relazione (12.6) prende il nome di opacit`a media di Rosseland o semplicemente
opacit`a e sostituisce la nella relazione (12.4) per il usso radiativo. Non tutti
i processi sono egualmente importanti al variare della temperatura e densit`a. In
Figura 12.1 vengono indicate le regioni dove sono dominanti alcuni dei processi dis-
cussi in precedenza. La demarcazione tra i vari domini viene ottenuta calcolando
le medie di Rosseland dei singoli processi separatamente. Nel caso dello scattering
elettronico Thomson, lopacit`a `e particolarmente semplice atteso che il coeciente
di assorbimento di massa non dipende dalla frequenza. Lopacit`a `e = 0.2(1 +X),
dove X `e labbondanza in massa di H. Nelle stelle tale opacit`a `e importante alle
temperature sopra 10
8
K a meno che la densit`a sia bassa. Le medie di Rosseland
del bound-free e free-free hanno dipendenze approssimate del tipo =
0
T
3.5
(dette anche leggi di Kramers). Muovendo verso lesterno delle stelle a valori di T
inferiori, il numero di elettroni legati per atomo aumenta e in corrispondenza cresce
lopacit`a. Un massimo in viene raggiunto a T = 3 5 10
5
K dove H e He,
gli elementi dominanti in abbondanza, subiscono la ionizzazione. A temperature
inferiori, lopacit`a diminuisce in modo considerevole. Nellintervallo di temperatura
da 3000 a 10000

K, lopacit`a pu`o essere approssimata dalla legge =
0
T
10
, scen-
dendo al valore minimo di 10
2
cm
2
g
1
a T = 2000

K. Inne a temperature ancora
12.2. TRASPORTO CONVETTIVO 99
inferiori, dove esistono i grani, lopacit`a aumenta ancora al valore di 1 cm
2
g
1
. Il
calcolo dettagliato dellopacit`a in uso in astrosica stellare `e molto pi` u complesso
di quanto esposto sopra e porta alla compilazione di estese tabulazioni al variare
della temperatura e densit`a per varie miscele chimiche. In conclusione lequazione
che regola la luminosit`a in presenza di solo trasporto radiativo `e
L(r) = (
16 acr
2
T
3
3
)(
dT
dr
) (12.7)
la quale costituisce la quarta equazione fondamentale della struttura stellare.
12.2 Trasporto Convettivo
La relazione del trasporto radiativo ha un duplice signicato: da una parte as-
segnato il gradiente di temperatura essa ssa il usso trasportabile dalla radiazione,
dallaltra dato un certo usso di energia essa determina il gradiente di temperatura
necessario in assenza di altri meccanismi di trasporto. Sotto opportune condizioni,
questo gradiente diventa instabile dando luogo al nascere della convezione. Ci`o pu`o
essere compreso in maniera semplice. Si supponga che a causa di una variazione
innitesima negativa della densit`a un piccolo elemento di materia venga spostato
verso lalto dalla sua posizione di equilibrio muovendosi sempre in equilibrio di pres-
sione con il mezzo circostante. Se il materiale obbedisce allequazione di stato di un
gas ideale, uno spostamento verso lalto, a densit`a del mezzo minori, implica una
temperatura in eccesso rispetto a quella del mezzo circostante. Se durante il moto,
la densit`a dellelemento decresce pi` u rapidamente di quella del mezzo, lelemento
continuer`a a sentire la spinta di galleggiamento e quindi continuer`a a salire. In
questo caso lo strato in esame `e instabile alla convezione ed il calore `e trasportato
verso lesterno dagli elementi di materia in moto. Se invece, la densit`a dellelemento
in salita decresce meno rapidamente di quella del mezzo circostante, non c`e spinta
di galleggiamento e lo strato in esame `e stabile alla convezione. Se il mezzo `e omoge-
neo, la condizione per linstaurarsi della convezione pu`o essere espressa dal confronto
del gradiente di temperatura radiativo con il gradiente di temperatura adiabatico
(determinabile a priori date le condizioni siche del mezzo). Si ha convezione se il
gradiente di temperatura radiativo `e pi` u ripido di quello adiabatico

dT
dr

=
3F
r
4acT
3
>

dT
dr

A
(12.8)
100 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
Figure 12.1:. Sorgenti di opacit`a nel piano densit`a temperatura
12.2. TRASPORTO CONVETTIVO 101
Una condizione simile pu`o essere derivata anche nel caso di mezzo non omogeneo.
Esaminando la relazione (12.8) si nota che uno strato con elevata opacit`a tende
ad essere instabile alla convezione e similmente uno strato con elevata produzione
di energia nucleare e/o gravitazionale. Questultima situazione `e tipica dei nuclei
delle stelle pi` u massicce del Sole dove lenergia nucleare `e prodotta dal ciclo CNO.
La prima situazione invece `e tipica degli esterni stellari dove lopacit`a `e grande a
causa della ionizzazione degli elementi. La convezione implica la presenza di moti
turbolenti su scale di ogni dimensione. Lesistenza di regioni convettive negli in-
terni stellari ha un ruolo importante nel determinarne la struttura in quanto, dato
il rapido moto degli elementi convettivi, queste regioni risultano essere ben mesco-
late ed omogenee ad ogni istante. Inoltre in presenza di reazioni nucleari, la con-
vezione continuamente rifornisce di materiale non processato nuclearmente le regioni
di combustione prolungando la durata delle fasi dominate dalla generazione di en-
ergia nucleare. La convezione `e anche importante dal punto di vista del trasporto
dellenergia che viene eettuato soprattutto dagli elementi di dimensioni maggiori.
A tuttoggi non esiste una teoria completamente soddisfacente del trasporto di en-
ergia per convezione e si ricorre ad una formulazione semplice basata sul concetto di
lunghezza di mescolamento (mixing length). Si assume che un elemento convettivo
si formi con dimensioni pari ad una lunghezza caratteristica, detta di mescolamento,
si sposti della stessa quantit`a ed inne si dissolva rilasciando il suo eccesso di energia
al mezzo circostante. La lunghezza di mescolamento `e posta uguale a H
p
, dove
`e un parametro e H
p
`e la distanza sopra la quale la pressione varia di un fattore
e. Con laiuto di questa teoria si possono conoscere la velocit`a medie degli elementi
convettivi, il loro eccesso di energia termica e il usso convettivo (energia uente
per cm
2
per sec alla distanza r dal centro).
12.2.1 Teoria della Mixing Length: versione semplice
Assumiamo che la convezione sis describibile dallo spostamento di elememti
di materia che partendo dalla posizione di equilibrio, percorrano in maniera adi-
abatica una certa distanza per cedere inne il loro eccesso di contenuto calorico
allambiente circostante. Leccesso di calore `e dovuto al loro eccesso di temperatura.
Per semplicit`a supponiamo che tutti gli elementi abbiano le stesse dimensioni e che
queste siano pari al tragitto percorso.
Se dT/dr `e il gradiente di temperatura del mezzo entro il quale si muove lelemento
convettivo, la dierenza di temperatura al termine del percorso = H
p
`e data
da
102 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
T =
_
(
dT
dr
)
A
(
dT
dr
)
_
(12.9)
ed il usso convettivo F
c
`e espresso da
F
c
= (
1
2
)c
p
v
_
(
dT
dr
)
A
(
dT
dr
)
_
(12.10)
dove c
p
`e il calore specico a pressione costante (in quanto il moto dellelemento `e
supposto avvenire in equilibrio di pressione col mezzo circostante), v `e la velocit`a
degli elementi convettivi ed il fattore (1/2) tiene conto che il numero di elementi
convettivi in salita `e bilanciato da un pari numero in discesa.
Lesistenza di un gradiente di temperatura implica un certo usso radiativo F
r
. La
somma F
c
+F
r
`e uguale al usso totale F che in assenza di sorgenti di energia nucleare
e gravitazionale (come avviene negli strati esterni a causa della bassa temperatura
la prima, a causa della bassa densit`a la seconda) `e uguale alla luminosit`a totale della
stella divisa la supercie
F = F
c
+F
r
=
L
4 r
2
= T
4
eff
(12.11)
Introducendo i gradienti logaritmici di temperatura = dlnT/dlnP, si ha
F
r
= (
4ac
3
)(
T
4
P
)
dP
dr
(12.12)
F
c
= (
1
2
)c
p
v(
T
P
)
dP
dr
(ad ) (12.13)
F
c
= F(1

R
) (12.14)
dove
R
il gradiente ttizio che esisterebbe se tutto il usso di energia fosse
trasportato dalla radiazione. Da queste relazioni pu`o essere ricavato
=
_
T
4
(
1
2
)c
p
v (
T
P
)
dP
dr

A
_
_
(
4ac
3
)(
T
4
P
)
dP
dr
(
1
2
)c
p
v(
T
P
)
dP
dr
_ (12.15)
Il gradiente di temperatura convettivo dipende dunque dalla velocit`a v. Per v 0
il trasporto convettivo `e inibito e
R
(gradiente dovuto al solo trasporto
radiativo), mentre per v
A
.
12.2. TRASPORTO CONVETTIVO 103
Per valutare la velocit`a degli elementi convettivi si fa ricorso al principio di Archimede.
La forza netta agente sullelemento di materia (forza gravitazionale meno la spinta
archimedea) `e
F = gV (12.16)
dove `e leccesso di densit`a e V il volume dellelemento convettivo, g il valore
locale della gravit`a. La variazione in densit`a pu`o essere legata alla variazione in
temperatura mediante lequazione di stato ricordando che il moto avviene a pressione
costante e trascurando variazioni in peso molecolare. Ne segue che
=
T
T
(12.17)
dove T =
_
(
dT
dr
)
A
(
dT
dr
)
_
x con 0 < x < . Lenergia cinetica acquistata
dallelemento `e pari al lavoro fatto dalla forza netta agente sullelemento (trascu-
rando gli eetti della viscosit`a del mezzo)
(
1
2
)mv
2
() =
_

0
g V dx = mg
_

0
(
T
T
)dx (12.18)
dove V = m massa dellelemento. Esprimo ora T mediante la relazione (12.9) si
ottiene
(
1
2
)v
2
=
g
T
_
(
dT
dr
)
A
(
dT
dr
)
_

2
2
(12.19)
da cui facendo uso della equazione di stato per gas ideale ed operando opportune
medie per la velocit`a v lungo il tragitto si ottiene
v = g
_
(
H
8KT
)(
A
)
_
1/2
(12.20)
relazione che assieme a quella per fornisce un sistema di equazioni che consente
di ottenere v e .
La teoria della mixing length permette di ricavare il gradiente di temperatura valido
nelle regioni convettive. Tuttavia essa `e indispensabile solamente nelle regioni con-
vettive esterne, mentre si pu`o dimostrare che nelle regioni interne `e pienamente
suciente assumere che il gradiente di temperatura sia uguale a quello adiabatico.
Infatti si dimostra che leccesso del gradiente di temperatura rispetto a quello adia-
batico
104 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA

(
dT
dr
) (
dT
dr
)
A

10
8

(
dT
dr
)
A

(12.21)
Ci`o `e dovuto alla grande ecienza della convezione in queste regioni, la quale
assicura che sotto un gradiente (dT/dr) lievemente maggiore di (dT/dr)
A
un usso
qualunque di energia possa essere trasportato dalla convezione.
L ecienza della convezione viene misurata dal rapporto
=
Eccesso di contenuto calorico dellelemento
Energia irradiata durante il moto
(12.22)
ovvero
=
3
4ac
c
p

2
v
T
3
V
A
(12.23)
dove V `e il volume ed A la supercie dellelemento (per un ideale elemento sferico
di raggio /2, V/A = /6).
In conclusione la teoria della mixing length `e indispensabile nella trattazione delle
convezione in regioni superciali, mentre nelle regioni convettive interne basta dunque
porre
dT/dr = dT/dr
A
(12.24)
Questa equazione costituisce una relazione di struttura e sostituisce l equazione
(12.4) del trasporto radiativo nelle regioni interne dove `e attiva la convezione. Il
gradiente di temperatura `e pertanto ssato dalla equazione
dT
dr
=

2
1

2
T
P
dP
dr
(12.25)
dove si `e esplicitata la denizione di gradiente adiabatico.
`
E facile vericare che
lequazione (12.25) `e equivalente ad assumere in una regione convettiva lentropia S
si mantenga costante. Essa pu`o pertanto essere sostituita da
dS
dr
= 0 (12.26)
Le incertezze relative alla teoria della mixing length si riettono solamente nelle
regioni esterne dove il gradiente di temperatura `e signicativamente maggiore del
gradiente adiabatico. Nella Tabella 12.2.1 sono riportati gli ordini di grandezza
12.3. TRASPORTO CONDUTTIVO 105
attesi per alcune grandezze caratteristiche della convezione nelle regioni interne ed
esterne delle stelle. In particolare sono indicati i valori per gli eccessi di gradiente
e di temperatura, il rapporto della velocit`a convettiva alla velocit`a del suono, la
velocit`a convettiva, il tempo di vita medio degli elementi convettivi e lecienza
della convezione.
Rimane ora da ssare la dimensione-percorso degli elementi che sono stati supposti
essere proporzionale allaltezza di scala della pressione
= H
p
(12.27)
Laltezza di scala H
p
`e subito determinabile dalla equazione di equilibrio idrostatico.
Si trova
H
p
=
dr
dlnP
=
P
g
(12.28)
Il parametro viene calibrato confrontando le dimensioni degli elementi previste
dalla teoria con quelle della granulazione (evidenza di convezione) osservata sulla
supercie del Sole. Modelli teorici del Sole devono riprodurre i valori osservati di
L

e di R

. In questo modo si ottiene che `e compreso fra 1 e 2. Uno studio


accurato del problema indica che il valore = 1.5 `e una corretta assunzione.
Inne `e doveroso ricordare che la teoria della mixing length `e applicabile ntanto
che le velocit`a convettive sono inferiori alla velocit`a locale del suono in quanto si e
richiesto che il moto degli elementi convettivi avvenga in condizioni di uguaglianza
di pressione con il mezzo circostante.
12.3 Trasporto Conduttivo
In generale il trasporto dellenergia per conduzione da parte di ioni non `e e-
ciente quanto quelli radiativo e convettivo cosicch`e esso pu`o essere trascurato. Ci`o `e
dovuto al fatto che in genere la densit`a `e sucientemente elevata da rendere il cam-
mino libero medio di queste particelle piccolo rispetto a quello fotoni. Tuttavia ci`o
non `e vero in un gas di elettroni degeneri (caso tipico dei nuclei delle nane bianche e
delle stelle giganti rosse) dovuto al comportamento collettivo degli stessi che li rende
buoni conduttori di calore. Infatti, poich`e a causa della degenerazione elettronica la
maggior parte degli stati di minore momento sono occupati, gli elettroni sono forzati
a stati di momento via via crescenti, il che rende il cammino libero medio degli stessi
molto lungo. Il usso di energia associato alla conduzione `e posto proporzionale al
106 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
Tabella 12.1. Grandezze Fondamentali della Convezione.
Grandezza Interno Esterno
T 10
12
10
10
K/cm 10
5
10
4
K/cm
T = T 10
2
1 K 10
2
10
3
K
v
v
s
10
6
10
4
10
1
1
v 1 10
2
m/s 0.5 15 km/s
t = /v 1 10
2
giorni 1 10
2
min
10
6
10
9
10
4
10
2
gradiente di tempertura F
con
=
dT
dr
dove `e ottenuta da una complicata teoria
che coinvolge la velocit`a, la sezione durto di collisione, il cammino libero medio e
lenergia trasportata dagli elettroni degeneri. In analogia con il trasporto radiativo,
si denisce il coeciente di conduzione
c
mediante la relazione
F
cond
=
dT
dr
(12.29)
dove `e determinato dalla teoria dei gas degeneri.
`
E utile denire una opacit`a
c
conduttiva tramite la relazione
=
4acT
3
3
c

(12.30)
per cui si pu`o scrivere
F
cond
=
4acT
3
3
c

dT
dr
(12.31)
In generale quando la conduzione diventa importante si usa denire un usso com-
plessivo radiativo pi` u conduttivo
F = F
r
+F
con
=
4ac
3

T
3
(
dT
dr
) (12.32)
dove = 1/
r
+ 1/
c
con ovvio signicato di
r
.
12.4. NEUTRINI 107
12.4 Neutrini
I neutrini prodotti dalle reazioni nucleari, dai processi URCA e da quelli legati
allinterazione universale di Fermi hanno scarsissima probabilit`a di essere assorbiti
dalla materia allinterno delle stelle in cui sono generati. Alla densit`a di 1 gr cm
3
il cammino libero medio `e dellordine di 10
20
cm ovvero 30 pc. Solamente nei nuclei
molto densi delle stelle evolute, quando la densit`a `e dellordine di 10
10
g cm
3
o pi` u,
il cammino libero medio diventa confrontabile o minore del raggio stellare. Pertanto
nella maggior parte dei casi, il trasporto di energia per neutrini pu`o essere ignorato
e risolto sottraendo la parte di energia in neutrini alla produzione di energia per
reazioni nucleari e contrazione gravitazionale.
108 CAPITOLO 12. TRASPORTO DELLENERGIA
Capitolo 13
TEORIA DEL TRASPORTO
RADIATIVO
13.1 Teoria elementare del trasporto radiativo
In quanto segue daremo una versione semplicata della teoria del trasporto ra-
diativo. Descriviamo il campo di radiazione mediante una funzione I(r, ), che `e
denita come lintensit`a (in ergs per centimetro quadrato per secondo per unit`a di
angolo solido) della radiazione alla distanza r dal centro lungo la direzione inclinata
dellangolo rispetto al raggio vettore.
Sia U(r, )d la densit`a di energia della radiazione uente lungo la direzione dentro
langolo solido d. Chiaramente il usso I(r, )d che attraversa lunit`a di area
nellunit`a di tempo `e dato da
I(r, )d = cU(r, )d (13.1)
dove c `e la velocit`a della luce. Essendo la densit`a totale di energia data da
u(r) =
_
4
0
U(r, )d (13.2)
avremo che
u = (
1
c
)
_
4
0
I(r, )d = (
1
c
)
_

0
I(r, )2sind (13.3)
in quanto I non dipende dall angolo del sistema di coordinate polari usato. Poich`e
il usso attraverso una supercie unitaria perpendicolare a r `e proprio I(r, )cos,
avremo
109
110 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
H =
_
4
0
I(r, )cosd =
_

0
2I(r, )cossind (13.4)
Se la radiazione `e isotropa e I(r, ) indipendente da , allora H = 0. Dalle relazioni
fra energia e momento valide per un fotone E = h, p = h/c, si vede che al usso
di radiazione I(r, ) corrisponde un usso di momento I(r, )/c. La pressione di
radiazione risultante nella direzione radiale `e data da
P
r
= (
1
c
)
_
4
0
I(r, )coscosd = (
2
c
)
_

0
I(r, )cos
2
sind (13.5)
Atteso il piccolo gradiente di temperatura esistente nellinterno di una stella, il
campo di radiazione `e quasi isotropo per cui possiamo sviluppare il usso di energia
I(r, ) in serie di potenze di cos
I = I
0
+I
1
cos +I
2
cos
2
+... (13.6)
dove I
0
rappresenta la parte isotropa del campo di radiazione ed I
1
lanisotropia
corrispondente ad un usso di energia lungo la direzione r. Arrestando lo sviluppo
al secondo termine, in quanto si trover`a che I
1
<< I
0
, `e facile vedere che si ottengono
le relazioni seguenti
u(r) =
4
c
I
0
(13.7)
H(r) =
4
3
I
1
(13.8)
P
r
(r) =
4
3c
I
0
=
1
3
u(r) (13.9)
Calcoliamo ora il usso di energia uscente da un elemento di area di una supercie
sferica
j = 2
_
/2
0
(I
0
+I
1
cos)cossind = I
0
+
2
3
I
1
I
0
(13.10)
Il problema `e quello di conoscere I
0
ed I
1
. Questo pu`o essere fatto tramite la
soluzione dell equazione del trasporto che formuleremo avanti e sfruttando il fatto
13.1. TEORIA ELEMENTARE DEL TRASPORTO RADIATIVO 111
che la radiazione e la materia negli interni stellari sono in condizioni di quasi equi-
librio termodinamico. L intensit`a di radiazione nella direzione pu`o essere de-
composta in un integrale sulle intensit`a relative alle frequenze nellintervallo d.
`
E
necessario considerare ogni frequenza separatamente in quanto la densit`a numer-
ica dei fotoni, lenergia di ogni fotone e la attenuazione che la radiazione subisce
nellattraversare uno strato di materia dipendono dalla frequenza. Nellattraversare
uno strato di spessore ds e densit`a la radiazione di intensit`a specica I

(r, )
subisce unattenuazione data da
dI

ds (13.11)
dove

`e detto coeciente di assorbimento di massa. Integrando si ha


I

(s) = I

(s
0
)exp(
_
s
s
0

ds

) = I

(s
0
)exp(

) (13.12)
avendo posto

=
_
s
s
0

ds

(13.13)
detta profondit`a ottica fra due punti qualunque del mezzo. Se

e sono costanti
allora

l dove l `e la distanza geometrica fra i due punti. La profondit`a


ottica unitaria `e denita come quella profondit`a ottica che riduce l intensit`a della
radiazione di un fattore 1/e. La quantit`a l =
1

`e spesso detta cammino libero


medio dei fotoni. Nellinterno delle stelle valori tipici di e

sono 100 g/cm


3
e 100 cm
2
/g per cui l = 10
4
cm. I fotoni emessi ad un dato punto vengono
anche assorbiti nelle immediate vicinanze. La variazione dI

pu`o essere dovuta ad


assorbimento vero, cio`e interazione dei fotoni con la materia ed in cui il fotone `e
convertito in altre forme di energia, ionizzazione di un atomo etc, oppure pu`o essere
diuso in unaltra direzione e quindi sottratto al fascio di radiazione in esame. Poich`e
i due fenomeni sono sostanzialmente diversi, introduciamo due coecienti
,a
e
,s
separati tali che

=
,a
+
,s
(13.14)
Avremo quindi per lassorbimento vero
dI

=
,a
I

ds (13.15)
112 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
mentre per la diusione si ha
dI

=
_

,s
I

p(cos

)dsd

/4 (13.16)
Abbiamo introdotto la funzione p(cos

) detta funzione di fase, che rappresenta la


probabilit`a che un fotone venga diuso in una direzione

(non necessariamente il
processo di diusione `e isotropo). La funzione di fase `e normalizzata ad 1. Pu`o
sembrare che la funzione di fase non sia qui necessaria, tuttavia essa sar`a utile per
calcolare lenergia diusa nel fascio considerato da parte di altri fasci. La variazione
totale per assorbimento `e
dI

= (
,a
+
,s
)I

ds (13.17)
La radiazione non solo viene assorbita, ma pu`o essere anche emessa. Distingueremo
anche in questo caso fra emissione vera e diusione. Indichiamo con J

() il coe-
ciente di emissione spontaneo per unit`a di massa per frequenza nella direzione .
Lintensit`a specica lungo la direzione verr`a aumentata di
dI

= J

()ds (13.18)
Per calcolare J

() possiamo ricordare che ogni piccolo volumetto di materia `e in


condizioni di quasi equilibrio termodinamico. Infatti il campo di radiazione `e quasi
isotropo (I
1
<< I
0
), il gradiente di temperatura `e molto piccolo e cosi pure il cam-
mino libero medio dei fotoni. Ci`o implica che radiazione e materia sono strettamente
accoppiate, i fotoni vengono assorbiti quasi alla stessa temperatura di dove vengono
emessi, il comportamento termodinamico della materia e radiazione `e descritto dalla
stessa temperatura. In condizioni di equilibrio termodinamico la radiazione `e quella
di corpo nero e vale la legge di Kircho per la quale il coeciente di emissione `e
legato a quello di assorbimento. Si consideri un volumetto di spessore dx e base
unitaria orientato rispetto alla direzione di I

(r, ) come in Figura 13.1.


La quantit`a di energia assorbita per unit`a di tempo `e
dE

() =
,a
dl[I

(r, )cos] =
,a
dxI

(r, ) (13.19)
L energia totale si ottiene integrando su tutto langolo solido
dE

=
_
4
0

,a
dxI

(r, )d (13.20)
13.1. TEORIA ELEMENTARE DEL TRASPORTO RADIATIVO 113
Figure 13.1:. Fascio di radiazione
ovvero
dE

=
,a
dxcU

(13.21)
da cui atteso che dm = dx si ha
dE

/dm =
,a
cU

(13.22)
ed inne attesa la legge di Kircho
4J

=
,a
cU

(13.23)
il fattore 4 `e dovuto allintegrazione su essendo l emissione isotropa in condizioni
di equilibrio termodinamico. La quantit`a
cU

4
`e indicata con B

(T) ed `e data dalla


legge di Planck. Si ottiene inne
J

=
,a
B

(T) =
,a
(
2h
3
c
2
)
1
[exp(h/kT) 1]
(13.24)
Sono possibili due tipi di emissione: spontanea ed indotta. L emissione spontanea
si ha per transizione atomica da un livello energetico E
i
ad uno E
j
(dove E
i
> E
j
)
con emissione di un fotone con energia h = E
i
E
j
. Lemissione indotta si ha
114 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
quando un atomo si trova in un campo di radiazione il quale stimola latomo a
decadere emettendo un fotone con frequenza vicina a quella del campo inducente.
La relazione che lega la probabilit`a di emissione spontanea a quella indotta pu`o
essere ottenuta con le seguenti considerazioni.
Le probabilita che un atomo si trovi nei livelli E
i
ed E
j
sono date dalla legge di
Boltzmann
P
i
=
e
E
i
/kT

l
e
E
l
/kT
e P
j
=
e
E
j
/kT

l
e
E
l
/kT
Il rapporto fra le probabilit`a P
i
e P
j
atomo si trovi nei livelli energetici E
i
ed E
j
(E
i
E
j
= h
ij
h) `e dunque
P
i
P
j
= exp(E
j
E
i
)/kT = exp(h/kT) (13.25)
con =
ij
. Se U

(T) `e la densit`a di energia di un campo di radiazione alla frequenza


e temperatura T, la probabilit`a di assorbimento sar`a proporzionale a P
j
e U

(T)
mediante una costante C mentre la probabilit`a di emissione sar`a proporzionale a
P
i
ed a [A+BU

(T)] dove il coeciente A si riferisce allemissione spontanea [non


dipende da U

(T)] e B a quella indotta. In condizioni di equilibrio deve essere


P
i
P
j
=
[A+BU

(T)]
CU

(T)
= exp(h/kT) (13.26)
Sostituendo la legge di Planck per la U

(T)
U

(T) =
8h
3
c
3
1
e
h/kT
1
si hanno le condizioni
B = C (13.27)
A =
8h
3
B
c
3
(13.28)
da cui segue che la frazione di emissione spontanea rispetto a quella totale `e
Spont
Tot
= 1 exp(h/kT) (13.29)
13.1. TEORIA ELEMENTARE DEL TRASPORTO RADIATIVO 115
e di conseguenza la frazione di emissione indotta rispetto a quella totale sar`a
Ind
Tot
= 1
Spont
T
= exp(h/kT) (13.30)
Inne il coeciente di emissione vera totale `e
J
,e
=
,a
B

(T)[1 exp(h/kT)] +
,a
I

()exp(h/kT) (13.31)
Si noti che nel secondo termine abbiamo usato I

(), il campo vero di radiazione,


invece che B

(T) del Corpo Nero.


Questo non rappresenta ancora il coeciente di emissione totale in quanto si deve
considerare anche la emissione dovuta alla diusione nel fascio di radiazione consid-
erato di fotoni provenienti da altre direzioni. Possiamo scrivere che lenergia diusa
per unit`a di angolo solido nella direzione , da parte di un fascio nella direzione

`e
J
,s
=
,s
(
1
4
)
_

0
_
2
0
p(, ;

)I

)sin

(13.32)
Il coeciente di emissione totale `e
J

= J
,e
+J
,s
(13.33)
Possiamo inne scrivere l equazione del trasporto dellenergia: si consideri un cilin-
dretto allineato lungo la direzione rispetto a quella del raggio polare, di lunghezza
dl e di base unitaria, la radiazione uscente dalla base superiore sar`a uguale alla
somma della radiazione entrante dalla base inferiore, meno quella assorbita, pi` u
quella emessa. Tenendo conto che
dr = dlcos (13.34)
e ponendo

,a
=
,a
[1 exp(h/kT)] (13.35)
la conservazione dellenergia si scrive:
1

dI

(r, )
dr
cos =
(

,a
+
,s
)I

(r, ) +

,a
B

(T) +
,s
(
1
4
)
_

p(, ;

)I

(r,

)d

(13.36)
116 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
Questa relazione `e valida solo per la frequenza . Per avere il usso totale di energia
si moltiplica per cos e si integra su

. I vari termini sono


1

dI

dr
cos
2
d =
c

dP

dr
(13.37)
P

rappresenta la pressione alla frequenza . Ancora si ha


(

,a
+
,s
)I

cosd = (

,a
+
,s
)H

(13.38)
ed inne

,a
B

(T)cosd = 0 (13.39)
attesa l isotropia di B

(T). Il calcolo dellultimo termine


k
,s
4
_

cosp(, ;

)I

(r,

)dd

= 0 (13.40)
atteso che la funzione di fase p `e pari e cio`e con la stessa probabilit`a di diusione
per e . Inne si ha la semplice equazione
c

dP

dr
= (

,a
+
,s
)H

(r) (13.41)
Integrata su tutte le frequenze essa diventa
H =
c

_

0
1
(

,a
+
,s
)
dP

dr
d (13.42)
Poich`e per un campo di radiazione quasi isotropo vale la P
r
= 1/3u, lequazione
diventa
H =
c
3
_

0
1
(

,a
+
,s
)
dU

dr
d (13.43)
Nel caso di equilibrio termodinamico la densit`a di energia dipende solo dalla tem-
peratura, pertanto
dU

dr
=
dU

dT
dT
dr
(13.44)
dove la U

dierisce dalla B

(T) solo per un fattore costante. Moltiplicando e


dividendo per gli integrali
13.2. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 117
_

0
dU

dT
d =
d
dT
_

0
U

d =
dB(T)
dT
= 4aT
3
(13.45)
si ottiene
H = (
4ac
3
)T
3
dT
dr
_

0
[

,a
+
,s
]
1 dU

dT
d
_

o
dU

dT
d
(13.46)
Inne ponendo
=
_

0
dU

dT
d
_

0
[

,a
+
,s
]
1
dU

dT
d
(13.47)
chiamata opacit`a media di Rosseland, si ha l equazione nale dove il usso H `e
sostituito dalla luminosit`a
L(r) = 4r
2
(
4ac
3
)T
3
dT
dr
(13.48)
Questa equazione assieme alla denizione dellopacit`a media di Rosseland costitu-
isce una delle equazioni fondamentali della struttura stellare. Si noti come questa
equazione possa essere letta nei due sensi: un gradiente di temperatura genera un
usso di energia, ma anche un usso di energia richiede un gradiente di temperatura.
13.2 Opacit`a della materia stellare
Il calcolo dellopacit`a media di Rosseland si basa sulla conoscenza dei coecienti
di assorbimento

,a
= k
,a
[1 exp(h/kT)] e
,s
. Il calcolo di queste quantit`a
richiede la conoscenza della struttura atomica del materiale stellare e del modo in
cui la materia interagisce con la radiazione. Il calcolo delle opacit`a `e estremamente
complesso e per molto tempo lo studio `e stato concentrato verso quelle condizioni
siche ritenute tipiche delle stelle e cio`e 10
4
< T < 30 10
6
K e < 10
4
g cm
3
.
A queste temperature la funzione di Planck `e centrata nel dominio dei raggi x non
particolarmente duri e il materiale `e quasi totalmente ionizzato. Gli assorbimenti
tipici di queste condizioni sono:
i) assorbimenti veri da parte di atomi e ioni dovuti ai processi di bound-bound
(assorbimento di righe); bound-free (transizione da stati legati a stati liberi); free-
free (elettroni nel campo coulombiano di nuclei e ioni che assorbono una quantit`a
arbitraria di energia e passano ad altri stati di energia e momento).
118 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
ii) Diusione Thomson (elettroni liberi diondono fotoni alla stessa frequenza).
Nelle regioni di bassa temperatura (T < 10
4
K) possono essere importanti: gli
assorbimenti da parte di ioni negativi quando certi tipi di atomi o molecole, acqui-
stando uno o pi` u elettroni, diventano ioni negativi (il pi` u importante in astrosica
`e probabilmente lo ione H-); assorbimenti molecolari a causa di foto-dissociazione o
assorbimento di bande; la diusione di tipo Rayleigh e Raman; leccitazione fotonica
a stati di auto-ionizzazione in atomi a molti elettroni.
Nelle regioni di alta temperatura (T > 10
9
K) sono dominanti i processi di creazione
di coppie; la diusione Compton; lassorbimento nucleare; la diusione fotone-
fotone; i processi fotoneutrinici.
Finalmente a densit`a molto grandi ( > 10
4
g/cm
3
) la conduzione da parte di
elettroni degeneri diventa importante.
In tempi recenti lo studio dettagliato dei meccanismi di assorbimento della radiazione
ha prodotto estese tabulazioni delle opacit`a in funzione di temperatura, densit`a e
composizione chimica che sono di uso corrente. Nondimeno `e interessante illus-
trare brevemente alcuni dei meccanismi fondamentali e le relative approssimazioni
analitiche.
i) Transizioni bound-free. Poich`e lidrogeno e lelio sono completamente ionizzati
negli interni stellari, le transizioni bound-free riguardano solo gli elementi pesanti i
quali a loro volta sono altamente ionizzati e pertanto possono essere descritti in ap-
prossimazione idrogenoide. In questa approssimazione il coeciente di assorbimento
per un elettrone legato in un atomo `e dato da
a
bf
= (
64
4
me
10
3

3ch
6
)(
Z
4
g
n
5

3
) (13.49)
dove Z

`e la carica eettiva dello ione, n `e il numero quantico principale degli


elettroni, la frequenza della radiazione assorbita e g `e un fattore adimensionale
dellordine dellunit`a che varia lentamente con n e . Chiaramente questa relazione
vale solo per frequenze per le quali lenergia corrispondente supera l energia di
ionizzazione

h >
n
=
2
2
me
4
h
2
Z
2
n
2
(13.50)
Quindi una transizione bound-free produce un assorbimento continuo che `e nullo
alle frequenze basse, sale ad un valore massimo alla frequenza di soglia per poi
13.2. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 119
decrescere secondo linverso del cubo della frequenza al crescere di questa. Il coe-
ciente di assorbimento relativo ad uno ione consiste dunque di una serie di continui
corrispondenti ai diversi valori del numero quantico n con contributi importanti solo
in corrispondenza dei valori pi` u bassi di n. Il coeciente di assorbimento di un dato
elemento sar`a dato dalla somma dei contributi dovuti agli stadi di ionizzazione che
sono dominanti ad una data temperatura e densit`a. Inne il coeciente di assorbi-
mento per una data miscela di elementi consiste di un certo numero di assorbimenti
individuali e quindi risulta essere una funzione complicata di temperatura, densit`a
e frequenza.
ii) Transizioni free-free. Il coeciente di assorbimento per un atomo ed un
elettrone per centimetro cubo pu`o essere scritto in approssimazione idrogenoide
a
ff
= (
4e
6
3

3chm
2
)(
Z
2
v
)(
g
ff

3
) (13.51)
dove v `e la velocit`a dellelettrone e g
ff
`e il fattore di Gaunt. Esso dipende dallo
stato iniziale dellelettrone e varia poco con la frequenza. Questo coeciente di
assorbimento decresce dolcemente al crescere della frequenza e non ci sono restrizioni
sulle frequenze in quanto nelle transizioni free- free possono essere assorbiti fotoni di
qualunque energia. Di conseguenza, la somma su tutti i possibili stati di ionizzazione
e tipi di atomi dar`a luogo ad una funzione che dipende in maniera regolare da
frequenza, temperatura e densit`a.
iii) Diusione da parte di elettroni liberi (Thomson). Questo `e il caso pi` u
semplice di diusione ed `e ben noto che il coeciente di assorbimento per elettrone
`e dato da

e
=
8e
4
3c
4
m
2
(13.52)
indipendente dalla frequenza.
Noto il coeciente di assorbimento per singolo atomo si passa a quello totale per
centimetro cubo di materiale. Essi sono dati nei tre casi discussi sopra dalle seguenti
relazioni:

bf
= (
1

A,n
a
bf
X
A
Am
H
N
A,n
(13.53)
dove A `e il peso atomico, X
A
`e labbondanza in massa ed N
A,n
il numero di elettroni
legati nello stato energetico n di un atomo generico.
120 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO

ff
= (
1

A
_

0
a
ff
X
A
Am
H
N
e
(v)dv (13.54)
dove N
e
(v) `e il numero di elettroni liberi per centimetro cubo aventi velocit`a v.

s
= (
1

)
e
N
e
(13.55)
dove N
e
`e la densit`a numerica di elettroni. Il caso bound-bound non viene qui
considerato.
Il coeciente di assorbimento totale `e dato dalla somma dei vari contributi

,a
= (
bb
+
bf
+
ff
)[1 exp(h/kT)] +
s
(13.56)
che viene inserito nella media di Rosseland per avere lopacit`a stellare. Attesa la
natura del problema, `e chiaro da quanto detto che il contributo degli altri processi
da noi ricordati ma non descritti pu`o essere facilmente aggiunto alla

,a
come e
dove appropriato. Spesso le opacit`a sono state approssimate con leggi analitiche
che orono il vantaggio di un facile utilizzo nel calcolo delle strutture stellari. Ri-
cordiamo qui le leggi di Kramers per le transizioni bound-free e free-free e la legge
dellelectron scattering.
Legge di Kramers per transizioni bound-free. Dalla legge di Saha possiamo
conoscere il grado medio di ionizzazione degli elettroni per atomo che sono nello
stato legato n.
`
E ovviamente necessario considerare solo gli elementi pesanti poich`e
idrogeno ed elio sono gi`a ionizzati. Nel caso di grande ionizzazione si ottiene
N
A,n
= N
e
n
2
h
3
2(2mkT)
3/2
exp(
n
/kT) (13.57)
dove N
A,n
`e la densit`a numerica di elettroni nel livello n dellatomo di peso atomico
A, N
e
la densit`a numerica di elettroni liberi per centimetro cubo, n
2
deriva dal peso
statistico del livello n e
n
`e il potenziale di ionizzazione. Introducendo questa nella
espressione per
bf
si ha

bf
=
2
3
_
2
3
e
6
h
2
cm
2
H
m
1.5
k
3.5
Z
2
A
[
1
n

n
kT
e

n
/kT
(
kT
h
)g] Z(1 +X)T
3.5
(13.58)
Prendendo Z
2
/A = 6,
n
/kT = 1 e h/kT = 1 si ottiene la relazione
13.2. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 121

bf
= 4.34 10
25
g
t
Z(1 +X)T
3.5
(13.59)
Il fattore g `e il fattore medio di Gaunt e t rappresenta una media opportuna delle
quantit`a in parentesi quadrata; entrambi sono dellordine dellunit`a.
Legge di Kramers per transizioni free-free. In questo caso consideriamo solo il
contributo da idrogeno ed elio in quanto gli elementi pesanti sono molto meno abbon-
danti. Introduciamo lespressione per a
ff
nella denizione di
ff
. Lintegrazione
sulle velocit`a degli elettroni pu`o essere fatta prendendo il valore medio della dis-
tribuzione di Maxwell

1
v
) = (
2m
kT
)
1/2
(13.60)
ed esprimendo N
e
in funzione

e
m
H
. La dipendenza dalla frequenza `e mediata
attraverso la media di Rosseland
n
3
) = 196.4(
kT
h
)
3
(13.61)
Si ottiene inne

ff
= 3.6810
22
g
ff
(X +Y )(1 +X)T
3.5
(13.62)
Si vede che in questa approssimazione lopacit`a di free-free per lidrogeno ed elio ha
la stessa dipendenza dalla densit`a e temperatura di quella della bound-free per gli
elementi pesanti.
Legge di opacit`a per diusione elettronica (Thomson). Per la diusione
elettronica in approssimazione Thomson non relativistica si ottiene

s
= 0.22(1 +X) (13.63)
dove X `e labbondanza in massa di idrogeno. A temperature superiori a 10
8
K
gli eetti relativistici sono importanti e la relazione deve essere corretta mediante il
fattore moltiplicativo (1 + 0.35T
1/2
9
+ 0.73T
9
)
1
dove T
9
= T/10
9
K.
Opacit`a conduttiva. In condizioni di degenerazione lopacit`a `e essenzialmente
dovuta alla conduzione elettronica. Il concetto di opacit`a conduttiva `e stato in-
trodotto per analogia con il caso radiativo
122 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO

c
=
4acT
3
3
(13.64)
dove ha le dimensioni di ergs/cm/sec/grado. Il calcolo di
c
`e complesso e richiede
la conoscenza del grado di degenerazione del gas. Possiamo tuttavia ottenere una
stima approssimata di
c
ricorrendo al caso di un gas di ioni non degenere. In tal
caso il usso conduttivo
F
c
= n
e
vl
d
dx
(13.65)
dove n
e
`e la densit`a numerica totale, v la velocit`a media, l il cammino libero medio
(distanza fra due incontri successivi con nuclei) ed la energia cinetica media degli
elettroni liberi. Nel caso non relativistico e non degenere = (3/2)KT per cui
F
c
=
3
2
n
e
vlk
dT
dx
(13.66)
da cui
=
3
2
k n
e
vl (13.67)
Per il cammino libero medio prendiamo
l =
1
n
i

(13.68)
dove n
i
`e la densit`a numerica di ioni e la sezione durto di collisione fra elettroni e
nuclei. Per calcolare supponiamo che una collisione avvenga quando un elettrone
si avvicina ad uno ione ad una distanza r
0
tale che la sua energia cinetica pareggi
la energia potenziale coulombiana. Si ottiene
= r
2
0
=
4
9
Z
2
e
4
(kT)
2
(13.69)
dove Ze `e la tipica carica degli ioni. Ponendo v = (3kT/m)
1/2
, n
e
= (1/2)(1 +
X)(/m
H
) e n
i
= (/m
H
)/A dove A `e la massa atomica tipica degli ioni si ricava
=
27

3
16
k
7/2
m
1/2
e
e
4
(1 +X)
(Z
2
/A
(T
5/2
) (13.70)
13.2. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 123
da cui si ha immediatamente
c

c
= 5 10
3
(Z
2
/A)T
1/2
7
(1 +X)(/10)
cm
2
/g. (13.71)
dove T `e in unit`a di 10
7
K. Nel caso di gas degenere (di elettroni) ci aspettiamo che
v e l siano molto maggiori che nel caso non degenere. Questo `e vero per v in quanto
la maggior parte degli elettroni si muoveranno con velocit`a appropriate al momento
di Fermi e per l in quanto a causa delle non disponibilit`a di stati nali gli elettroni
dopo le collisioni si muoveranno su distanze maggiori. Ci si aspetta pertanto che a
causa della degenerazione
c
diventi molto piccolo e quindi che il gas degenere di
elettroni diventi un buon conduttore di energia. Il calcolo dettagliato della opacit`a
conduttiva porta alla relazione generale

c
= 1.158 10
3

i
Z
2
i
X
i

i
/Ai
T
7
f()
cm
2
/g (13.72)
con T sempre in unit`a di 10
7
K. X
i
`e la abbondanza relativa in massa dell
elemento i; f() `e una funzione del parametro di degenerazione, mentre la quantit`a

i
`e un termine che tiene conto degli incontri a grande distanza fra ioni ed elettroni
e dipende pure da . Essa `e data da

i
= ln[
2
(1 cos(h/2mvR
Zi
)
] (13.73)
con R
Zi
`e denito come il raggio della sfera in cui la carica Zi `e schermata dagli
elettroni 4/3R
3
Zi
n
e
= Zi. Questa relazione si applica ad un gas di elettroni non
relativistico ed ad un gas di ioni totalmente ionizzato. Sono possibili approssimazioni
analitiche nei casi di piccola ed elevata degenerazione mentre il caso di degenerazione
intermedia `e pi` u laborioso da ottenersi e coinvolge complesse espressioni.
Ricordiamo inne che in materiale degenere anche le opacit`a di free-free e di dif-
fusione elettronica devono essere corrette per gli eetti della degenerazione degli
elettroni. Nel primo caso si deve considerare che gli elettroni obbediscono alla dis-
tribuzione di Fermi e che esercitano un forte eetto di schermo sulle cariche ioniche.
Nel secondo caso `e necessario considerare la distribuzione di Fermi dei momenti. Le
varie sorgenti di opacit`a contribuiscono in maniera dominante alla opacit`a totale a
seconda del valore di densit`a e temperatura come schematizzato nella Figura 11.1.
124 CAPITOLO 13. TRASPORTO RADIATIVO
Capitolo 14
TEORIA DEL TRASPORTO
CONVETTIVO
14.1 Criteri di instabilit`a
Il gradiente di temperatura dettato dalla condizione di solo trasporto radiativo
dellenergia pu`o dar luogo ad una situazione di instabilit`a che porta allinstaurarsi di
moti di materia su larga scala ed al trasporto di energia per convezione. Supponiamo
che il gradiente di temperatura locale sia quello dato dalla equazione del trasporto
radiativo e supponiamo che un elemento di materia m subisca un aumento di
temperatura arbitrario e piccolo T con
T = T
m
(r) T(r) > 0 (14.1)
dove T
m
(r) `e la temperatura dellelemento e T(r) quella del mezzo. A causa di
ci`o la pressione dentro lelemento aumenta di un poco rispetto a quella del mezzo
con conseguente aumento di volume e diminuzione di densit`a no a che la pressione
interna ed esterna si bilanciano. Si ha pertanto un eccesso (negativo) di densit`a
dato da
=
m
(r) (r) < 0 (14.2)
Lelemento allora comincier`a a salire sotto la spinta di Archimede in condizioni di
equilibrio di pressione con il mezzo circostante.
`
E chiaro che anch`e esista una
condizione di equilibrio stabile la densit`a dellelemento deve ridiventare uguale a
quella del mezzo ad una certa distanza r +dr. Questo signica che le curve
m
(r)
e (r) devono intersecarsi come in Figura 14.1.
125
126 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
Figure 14.1:. Gradienti di temperatura
La condizione necessaria e suciente all equilibrio `e dunque
d()
dr
> 0 (14.3)
ovvero
(
d
dr
)
m
> (
d
dr
)
mezzo
(14.4)
Questa condizione `e assolutamente generale.
Essa tuttavia pu`o essere riscritta per casi particolari dipendenti dalla composizione
chimica del mezzo. In caso di composizione chimica uniforme `e facile vedere che
essa si traduce in
(
dT
dr
)
m
< (
dT
dr
)
mezzo
(14.5)
La variazione `e stata sostituita dalla variazione T mediante lequazione di
stato di un gas perfetto con costante (e per ora senza pressione di radiazione) che
`e stata dierenziata sotto la condizione P= costante.
Poich`e in una stella dT/dr `e quasi sempre negativo con la sola eccezione delle regioni
dove esiste una grande produzione di neutrini possiamo scrivere
14.1. CRITERI DI INSTABILIT
`
A 127

1
T
(
dT
dr
)

m
>

1
T
(
dT
dr
)

mezzo
(14.6)
Pur essendo generale la relazione di cui sopra non `e praticamente utile in quanto
(dT/dr)
m
non `e noto. Tuttavia, a parte il caso particolare in cui dentro lelemento
stesso siano presenti ecienti sorgenti di energia, durante lo spostamento lelemento
di materia potr`a solo cedere energia al mezzo circostante per irraggiamento o con-
duzione. Pertanto la T
m
(r) scender`a pi` u rapidamente di quanto avverrebbe se il
moto fosse puramente adiabatico. Si ottiene dunque la condizione suciente per la
stabilit`a del gradiente radiativo

1
T
(
dT
dr
)

A
>

1
T
(
dT
dr
)

mezzo
(14.7)
Il gradiente adiabatico `e sempre noto e viene dato da
1
T
(
dT
dr
)
A
= (

2
1

2
)
1
P
dP
dr
(14.8)
dove
2
`e lesponente adiabatico, il quale include ionizzazione, dissociazione e radi-
azione. Espressione equivalente della relazione (14.7) `e
(
dlnT
dlnP
) < (
dlnT
dlnP
)
A
ovvero <
A
(14.9)
La condizione di stabilit`a pu`o anche essere espressa in modo diverso tramite una
condizione sulla luminosit`a
L(r) <
16acG
3
(1
1

2
)(
T
4
P
)M(r) (14.10)
Questa condizione pu`o essere violata nelle regioni dove L(r) `e molto grande come
nelle zone di eciente produzione di energia nucleare e dove `e molto grande
come avviene in certe regioni esterne di stelle fredde a causa della ricombinazione di
idrogeno ed elio. In generale in tutte le stelle esister`a una regione dove gli elementi
da totalmente ionizzati diventano parzialmente ionizzati o neutri con conseguente
aumento di . Ci aspetteremo pertanto che la convezione si instauri nelle zone cen-
trali e in quelle molto esterne. Le caratteristiche siche delle due regioni convettive
saranno tuttavia profondamente diverse.
128 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
Consideriamo ora il caso in cui questa relazione non sia vericata (gradiente ra-
diativo instabile). In questo caso il gradiente radiativo che esisterebbe in con-
dizioni perfettamente statiche `e pi` u ripido del gradiente di temperatura (dT/dr)
m
ed ogni piccola perturbazione della temperatura provocherebbe uno spostamento
nito dellelemento lontano dalla sua posizione iniziale. In conseguenza si instaurano
movimenti su larga scala di materia in salita e discesa (convezione) che rimescolano
il materiale e trasportano enormi quantit`a di calore dalle regioni pi` u interne verso
quelle pi` u esterne e modicano la distribuzione della temperatura T(r). Si instaura
una condizione di equilibrio, in cui sia la radiazione che la convezione contribuis-
cono al trasporto dellenergia. La vera T(r) sar`a intermedia fra quella puramente
radiativa e quella adiabatica. Cio`e la T(r) sar`a pi` u ripida di quella adiabatica
(super-adiabatica) ma meno ripida di quella radiativa.
`
E facile vericare che negli interni stellari il grado di superadiabaticit`a del gradiente
di temperatura nelle regioni instabili alla convezione `e una quantita molto piccola.
Infatti consderiamo una strato sferico di spessore che possiamo assumere come il
tipico cammino degli elementi convettivi prima di dissolversi nel mezzo circostante
e sia t il loro tempo di vita medio.
`
E chiaro che un tempo dellordine di t deve
trascorrere anch`e la energia L(r) t entrante alla base della regione possa uscire
dalla supercie superiore di raggio r + . In assenza di sorgenti di energia deve
essere L(r) = L(r + ). Ogni unit`a di massa del materiale entro la regione con
massa totale M riceve una incremento di energia L(r) t/M e quindi si riscalda
di
T =
L(r) t
M
1
c
v
(14.11)
dove c
v
`e il calore specico a volume costante. Se la temperatura media `e T allora
il grado di superadiabaticit`a `e dato da
[
dT
dr
]
[
dT
dr
]
A
=
T
T
=
L(r) t
M
1
c
v
T
(14.12)
Ponendo tipici valori per le varie grandezze si trova
[
dT
dr
]
[
dT
dr
]
ad
= 10
8
(14.13)
14.2. TEORIA DELLA MIXING LENGTH 129
che `e circa 10
4
volte pi` u piccolo del gradiente medio stellare. In una regione con-
vettiva interna si pu`o pertanto ritenere che il gradiente super-adiabatico sia quasi
identico a quello adiabatico ed adottare questultimo come il gradiente di temper-
atura che si instaura nella regione qualora essa risulti instabile alla convezione.
Ci`o signica che nella regione dove la condizione (14.6) `e violata, la relazione del
trasporto radiativo viene sostituita dalla relazione (14.8) che assume il ruolo di una
equazione fondamentale in alternativa alla equazione (11.4).
Si pu`o anche vedere subito che in regioni dove l energia interna per unit`a di massa
(c
v
T) `e piccola a causa della bassa temperatura e calore specico, il grado di su-
peradiabaticit`a non sar`a pi` u trascurabile e sar`a necessario valutare il gradiente vero
che si instaura in presenza di convezione. Questo `e fatto ricorrendo alla teoria del
mescolamento (mixing length).
Inne ricordiamo che la condizione di stabilit`a alla convezione valida per un mezzo
omogeneo, non pu`o essere applicata ad un mezzo con un gradiente di peso moleco-
lare. Semplici considerazioni simili a quelle usate per derivare la condizione (14.9)
danno la nuova condizione
(
dlnT
dlnP
) < (
dlnT
dlnP
)
A
+ (

4 3
)
dln
dlnP
(14.14)
valida per un gas perfetto con pressione di radiazione; si ricordi che = P
g
/(P
g
+P
r
).
14.2 Teoria della mixing length
Nel paragrafo precedente abbiamo visto in quali condizioni possa instaurarsi
la convezione ma non sappiamo ancora quanta energia possa essere trasportata da
questa. Il problema `e superuo nelle regioni interne dove il gradiente di temperatura
pu`o essere identicato con quello adiabatico, ma diventa importante nelle regioni
esterne di grande superadiabaticit`a. Il modello sico pi` u semplice per lo studio del
trasporto convettivo `e quello della mixing length. In tale modello ogni volumetto
di materia `e supposto muoversi adiabaticamente per un certo tratto dipendente
in qualche modo dalle condizioni siche della materia circostante e che in seguito si
mescoli con questa cedendo una certa quantit` a di calore.
Incominciamo col denire quattro gradienti di temperatura nella notazione =
dlnT/dlnP. Sia il gradiente medio di tutta la materia ad un dato livello r e

il
gradiente di un tipico elemento convettivo in moto, questo dipender`a fra altre cose
dal modo con cui lelemento scambia energia con lambiente circostante. Sia
A
il
130 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
gradiente adiabatico ed inne sia
R
un gradiente ttizio ma calcolabile nella ipotesi
che tutto il usso di energia sia trasportato dalla radiazione e cio`e dalla equazione
F
R
= (
4acT
3
3
)
dT
dr
= (
dlnP
dr
)(
4acT
4
3
)(
dlnT
dlnP
) (14.15)
Introducendo laltezza di scala di pressione
p
cos` denita
(
dlnP
dr
) =
1

p
=

P
GM(r)
r
2
=
g
P
(14.16)
dove g `e l accelerazione di gravit`a locale
F
R
=
4acT
4
g
3P
. (14.17)
il gradiente
R
`e dato dalla relazione
F = F
R
+F
C
= (
4acT
4
g
3P
)
R
(14.18)
dove F
C
e F
R
sono i ussi di energia trasportati dalla convezione e radiazione rispet-
tivamente. Si ricordi che in ogni caso esister`a una componente del usso totale
associata al trasporto radiativo e cio`e quella data dalla equazione (11.4) quando il
gradiente di temperatura sia quello del mezzo in presenza di convezione. Per ora
esso `e sconosciuto.
In generale i quattro gradienti obbediscono alla disuguaglianza

r
> >

>
A
(14.19)
Passiamo ora a denire il usso convettivo F
C
nel seguente modo: un elemento con-
vettivo percorre un certa distanza r prima di dissolversi e trasferisce una quantit`a
di calore per unit`a di area e di tempo data da
F
C
=
1
2
vc
p
r[(
dT
dr
) (
dT

dr
)] (14.20)
il fattore 1/2 tiene conto del fatto che in media ci saranno tanti elementi in salita
quanti in discesa visto che non ce movimento netto del materiale, il calore specico
`e quello a pressione costante c
p
in quanto `e stato assunta la condizione di equilibrio
di pressione.
14.2. TEORIA DELLA MIXING LENGTH 131
Non tutti gli elementi percorreranno la stessa distanza r. Pertanto `e necessario
introdurre un cammino medio degli elementi. Altrettanto dicasi per la velocit`a v.
Il usso F
C
espresso tramite queste quantit`a medie diventa
F
C
=
1
2
vc
p
T

p
(

) (14.21)
Osserviamo che v e sono ancora sconosciuti. Per calcolare v si procede nel modo
seguente. Sia leccesso di densit`a di un elemento di materia rispetto al mezzo;
la forza agente sull elemento `e ottenuta dallequazione del moto
r = g
1

P
r
(14.22)
sviluppando in serie attorno al valore di equilibrio
0
si ha
r = g
0

0
(14.23)
da cui si ricava la forza agente per unit`a di volume
F
B
= g (14.24)
detta buoyancy force o di galleggiamento.
Supponiamo che lelemento si muova da velocit`a zero alla posizione r e che venga
accelerato sotto la spinta di galleggiamento durante tutto il tragitto r prima di
dissolversi. La forza netta per unita di volume alla posizione r + r `e data da
F
B
= g(r) (14.25)
Il lavoro fatto sullunit`a di volume nel muoversi lungo r `e
W(r) =
1
2
g(r)r (14.26)
Mediando su tutti i valori possibili di r ed introducendo si ottiene un valore
medio di W espresso da
W() =
1
8
g() (14.27)
dove si `e introdotto un fattore numerico 1/4 per avere accordo con la formulazione
originale della teoria. In assenza di forze dissipative (attriti), scambi di calore e
132 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
trasferimenti di energia cinetica al mezzo circostante, questo lavoro va tutto in
energia cinetica dellelemento in moto. Tuttavia si suppone che solamente met`a
di questo lavoro vada in energia cinetica degli elementi
1
2
v
2
=
1
2
W() (14.28)
Questa scelta `e motivata dal fatto che da una parte a causa delle grandi dimensioni
degli elementi convettivi le forze viscose hanno un ruolo secondario dallaltra che le
grandi dimensioni implicano che il numero di Reynolds (R
e
= vD/ dove D `e la
dimensione ed la viscosit`a) `e pure grande e quindi che il moto `e essenzialmente
turbolento. Pertanto gran parte delle forze che tendono a ritardare il moto nascono
dal fatto che gli elementi nel muoversi devono farsi strada fra altri elementi e quindi
cedere parte dellenergia a questi. Sulla base di queste considerazioni i ottiene per v
v
2
=
1
8
g(
()

) (14.29)
pu`o essere facilmente sostituito con T tramite la equazione di stato dieren-
ziando questultima a pressione costante. In generale si pu`o scrivere
ln = QlnT (14.30)
dove
Q = (
dln
dln
)
P,T
(
dln
dlnT
)
P
+ (
dln
dlnT
)
,P
(14.31)
La velocit`a media `e dunque
v
2
=
1
8
gQ(
T()
T
) (14.32)
Leccesso di temperatura pu`o essere scritto come
T() = (
T

p
)(

) (14.33)
ed inne
v = (2

2)
1
gQ
1/2
(

P
)
1/2
(

)
1/2
(14.34)
Con laiuto della velocit`a media cos` ottenuta e dell espressione per il usso totale
deriviamo la seguente relazione fra
R
, e

14.2. TEORIA DELLA MIXING LENGTH 133

R
= + [
3c
p
Q
1/2

5/2
g
2
16

2acP
1/2
T
3
](

)
3/2
(14.35)
Il fattore che moltiplica (

)
3/2
pu`o essere visto come il rapporto fra la condut-
tivit`a radiativa e quella convettiva.
Questa relazione lega i tre gradienti ,

e
R
fra loro e alle varie quantita
siche del mezzo. Questultime e
R
sono sempre conosciute mentre per ora e

sono incogniti. In particolare ricordiamo che uno degli scopi principali e quello
di determinare cio`e il gradiente del mezzo in presenza di convezione.
Quando

non `e quasi uguale a


A
come nel caso della convezione in regioni esterne,
`e necessario stabilire unaltra relazione fra i gradienti che dipender`a dal meccanismo
di scambio di calore fra gli elementi convettivi ed il mezzo circostante. Poich`e
A
`e
sempre noto, dato il valore di uno dei tre rimanenti, gli altri due possono essere cos`
determinati. Di solito si assegnano o
R
o a seconda della natura del problema.
Questo ci porta ad introdurre il concetto di ecienza della convezione. Un elemento
convettivo in moto ascensionale `e pi` u caldo del mezzo circostante `e pertanto perder`a
energia durante il suo moto per irraggiamento. Daltro canto se esso possiede delle
sorgenti interne di energia (nucleari) esso potr`a anche aumentare il suo contenuto
energetico durante il moto.
`
E importante ricordare che questi guadagni e perdite
di energia non sono pensati contribuire al usso netto di energia verso lesterno ne
modicare le condizione di equilibrio termico dellambiente circostante. Essi sono
pensati come orizzontali e poich`e ci sono in media tanti elementi in salita quanti in
discesa il usso netto di calore non risulta modicato. Tuttavia essi contribuiscono
indirettamente al usso verso lesterno in quanto determinano la ecienza della
convezione.
Deniamo come ecienza della convezione il rapporto fra leccesso di calore posse-
duto da un elemento prima di dissolversi e la energia irraggiata da questo durante
il suo moto. Attese le grandi dimensioni degli elementi convettivi e la relativa-
mente grande opacit`a del materiale stellare gli elementi convettivi possono essere
considerati come otticamente spessi e pertanto la energia irraggiata pu`o essere cal-
colata ricorrendo alla equazione del trasporto radiativo. La energia totale irraggiata
da un elemento di dimensioni tipiche , supercie A e tempo di vita t = /v `e
(
4acT
3
3
)(
T
/2
)(

v
)A (14.36)
134 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
dove T `e la dierenza di temperatura fra il centro dellelemento ed il mezzo cir-
costante.
Leccesso di calore posseduto da un elemento al momento di dissolversi `e
c
p
(T)
max
V (14.37)
dove V `e il volume e (T)
max
`e leccesso di temperatura rispetto al mezzo. Possiamo
assumere T
max
= 2 T. Si denisce ecienza
=
Eccesso di calore prima di dissolversi
Energia persa durante il moto
(14.38)
ovvero
=
3
4ac
c
p

2
T
3
v
V
A
(14.39)
ed inne
= (
c
p
12

2ac
)(
gQ
1/2

5/2

2
P
1/2
T
3
)(

)
1/2
(14.40)
dove v `e stata sostituita con la espressione trovata in precedenza e il rapporto V/A
(volume su supercie) `e stato preso uguale a
2
9
. Dal confronto con la relazione
(14.35) si ottiene

R
= +
9
4
(

) (14.41)
Possiamo ora costruire unaltra relazione per . Ricordiamo che una trasformazione
politropica `e quella in cui la derivata c = dQ/dT varia in maniera assegnata. Il caso
adiabatico ad esempio `e per dQ = 0 ovvero c = 0. Le variabili di stato del sistema
sono legate da leggi di trasformazione caratterizzate da esponenti politropici fra i
quali ricordiamo la
dlnP
dlnT
=

2
1
. (14.42)

2
pu`o essere legata al corrispondente esponente per una trasformazione adiabatica
dalla relazione

2
1
= (1
c
c
p
)

2

2
1
(14.43)
14.2. TEORIA DELLA MIXING LENGTH 135
Questo ci permette di legare

a
A

=
A
1
(1 c/c
p
)
(14.44)
dove
c =
dQ
dT

(14.45)
`e un calore specico generalizzato per unit`a di massa che `e specicato dalla trasfor-
mazione in esame e T

`e la temperatura dell elemento convettivo durante il suo


moto. La variazione nel tempo del calore posseduto dallelemento `e
dQ
dt
= (
dQ
dT

)(
dT

dt
) = (
F

) (14.46)
dove T

`e la temperatura dellelemento durante il moto, e (


F

) sono leccesso
di energia prodotta nell interno e l eccesso di irraggiamento rispettivamente. Dalla
denizione di calore specico c `e facile vedere che
c
c
p
=
[ (
F

)]
c
p
(dT

/dt)
=
(1 )/
1 [/(

)]
(14.47)
dove
=

(
F

)
(14.48)
Per ottenere questa relazione si `e identicato
(
F

)
c
p
[(
dT

dt
) (
dT
dt
)]
=
1

(14.49)
dove `e lecienza della convezione.
Poich`e il tasso di produzione di energia `e una funzione di T e (e composizione
chimica, qui trascurata), viene espresso da

= (
dln
dln
)
T
dln + (
dln
dlnT
)

dlnT (14.50)
Ponendo = (
dln
dln
)
T
e = (
dln
dlnT
)

e facendo uso dellequazione di stato si ha


136 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO

= ( Q)
T
T
(14.51)
=
1
16ac
( Q)
T
4

2

2
(14.52)
in cui il rapporto V/A nellespressione per lenergia totale irradiata `e stato preso
uguale a /6. da queste nalmente otteniamo

(1 )
=
(

)
(

A
)
(14.53)
dove = 0 nel caso di assenza di sorgenti energetiche.
Da quanto detto si vede che


A
e

per (grande ecienza


convettiva) e che e


R
per 0 (piccola ecienza convettiva).
La frazione di usso trasportata dalla convezione pu`o essere esaminata in questi due
casi limite. In generale si ha
F
C
F
=
(
R
)

R
(14.54)
Per 0 F
C
/F 0. Una piccola ecienza signica che anche in presenza di
convezione, il usso `e essenzialmente radiativo, quindi tende a
R
Al contrario, per ,
A
F
C
F

(
R

A
)

R
(14.55)
quindi F
C
/F 1 se
R
>
A
o F
C
/F 0 se
R

A
. Il primo caso `e
tipico delle zone pi` u interne di una regione convettiva, mentre il secondo caso `e
tipico della regione di transizione fra zona instabile alla convezione e quella stabile.
Pertanto una grande ecienza convettiva non implica necessariamente un grande
usso convettivo.
Con laiuto delle relazioni (14.18), (14.41) e (14.55) si pu`o ricavare il gradiente di
temperatura in una regione convettiva in cui non sia applicabile la approssimazione
di piccolissima superadiabaticit`a ed in cui il gradiente di temperatura pu`o essere
senzaltro preso uguale a quello adiabatico. Esistono due diversi modi di procedere
a seconda che sia noto il usso totale di energia oppure il gradiente di temperatura.
Il primo caso `e tipico dei metodi attuali di calcolo dei modelli stellari ed `e giusticato
dal fatto che nelle regioni esterne dove `e necessario applicare la teoria della mixing
14.2. TEORIA DELLA MIXING LENGTH 137
length, non sono attive le sorgenti nucleari a causa della bassa temperatura. In
quanto segue verr`a considerato solo questo caso.
Deniamo la quantit`a adimensionale
A =
(Q
1/2
c
p
g
5/2

2
)
(12

2acP
1/2
T
3
)
(14.56)
poniamo = 0 e sostituiamo il fattore numerico (9/4) nella relazione (14.41) con
una costante generica a
0
. Mediante le posizioni
=
(
R
)
(
R

A
)
(14.57)
B = [(
A
2
a
0
)(
R

A
)]
1/3
(14.58)
si ottiene la seguente equazione

1/3
+B
2/3
+a
o
B
2
a
0
B
2
= 0 (14.59)
nota anche come equazione cubica della teoria della mixing length. Una volta ot-
tenuto si possono avere tutte le altre quantit`a di interesse. Si noti che la soluzione
dipender`a oltre che dalla conoscenza delle grandezze siche c
p
, , , g, P, T etc...
anche da e da a
0
. La scelta di a
0
`e essenzialmente legata alla geometria degli
elementi convettivi e non `e veramente cruciale, mentre la scelta di `e fondamen-
tale. Di solito viene assunto proporzionale ad una tipica scala di lunghezza lungo
la quale le propriet`a siche del mezzo variano in maniera signicativa. Nella mod-
ellistica corrente si assume =
p
dove
p
`e laltezza di scala di pressione ed
`e un parametro che viene essenzialmente determinato dal confronto dei risultati
teorici con i dati di osservazione. I valori generalmente usati sono compresi fra 1 e
2. Piccoli valori di si riettono in piccoli ussi convettivi quindi in un contributo
dominante del usso radiativo il che implica raggi stellari pi` u estesi. Il contrario `e
vero per grandi valori di .
La pi` u importante limitazione della teoria della mixing length `e che essa `e applicabile
solamente se le velocit`a convettive sono piccole rispetto alla velocit`a del suono. Ci`o
`e imposto dalla condizione di equilibrio di pressione fra gli elementi convettivi in
moto e il mezzo circostante). Tale limitazione `e soddisfatta allinterno delle stelle
dove daltra parte la teoria stessa `e superua, mentre nelle regioni pi` u esterne essa
pu`o facilmente cadere in difetto. Sfortunatamente manca una adeguata teoria della
convezione supersonica anche se numerosi studi sono stati fatti in proposito. Inne
`e doveroso ricordare che la teoria della mixing length `e una cruda approssimazione
della reale sica della convezione, giusticata solamente dai soddisfacenti risultati
ottenuti.
138 CAPITOLO 14. TRASPORTO CONVETTIVO
Capitolo 15
OPACIT
`
A STELLARI
15.1 Introduzione
Nel capitolo precedente abbiamo visto come si denisce lopacit`a media di Rosse-
land in funzione dei coecienti di assorbimento
,a
e
,s
ed identicato i vari
processi che portano alla costruzione dellopacit`a.
In generale a causa dei suddetti processi, lintensit`a di un fascio di fotoni viene
ridotta secondo la legge
dI
dx
= I I = I
0
e
x
(15.1)
La quantit`a ()
1
rappresenta quindi il cammino libero medio dei fotoni. Daltra
parte, secondo la teoria cinetica, il cammino libero medio di una particella di gas `e
1
n
(15.2)
dove n `e il numero di particelle di gas per unit`a di volume e `e la sezione durto del
processo. Dal confronto delle due espressioni per il cammino libero medio si ottiene
= n (15.3)
dove = nm = nAH, con m `e la massa di una particella, H la massa dellatomo di
idrogeno in AMU e A il numero di massa. Da questa si deriva
=

AH
(15.4)
Poich`e ha le dimensioni di unarea, ha le dimensioni [L
2
M
1
]. Da questa si vede
che il valore di `e legato alla sezione durto dei vari processi considerati i quali
139
140 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
saranno caratterizzati dai rispettivi coecienti
bb
,
bf
,
ff
etc ... Il calcolo di `e
dunque ricondotto al calcolo di .
Si denisce la sezione durto dierenziale (, ) nel modo seguente. Sia N il numero
di particelle incidenti su un bersaglio per unit`a di tempo e di area; il numero di
particelle diuse nellunit`a di tempo nell angolo solido d attorno alla direzione
(, ) `e dato da
dn = N(, )d (15.5)
Le dimensioni di (, ) sono quelle di unarea. La sezione durto totale `e

T
=
_
(, )d (15.6)
che rappresenta larea ecace che deve essere colpita anch`e la particella incidente
venga deessa in una direzione qualunque.
Consideriamo un volume L
3
nel quale supponiamo ci siano due particelle, cio`e un
bersaglio ed un proiettile che si muove con velocit`a v. La densit`a di particelle
incidenti `e allora 1/L
3
. Se `e la sezione durto del processo anch`e il proiettile
colpisca il bersaglio nellunit`a di tempo `e necessario che si trovi in un cilindro di
base ed altezza v. La probabilit`a che avvenga lurto `e allora
W =
1
L
3
v (15.7)
Questa relazione lega la sezione durto alla probabilit`a per unit`a di tempo W.
Questa `e calcolata per ogni processo mediante la teoria perturbativa dipendente dal
tempo.
In quanto segue daremo dei richiami di meccanica quantistica al ne di calcolare la
probabilita W di alcuni processi fondamentali di assorbimento della radiazione da
parte della materia.
15.2 Equazione di Schredinger
In meccanica ondulatoria, la propagazione dellonda (r, t) associata ad una
particella di massa m soggetta ad un campo di forza rappresentato dal potenziale
U(r, t) `e descritta dall equazione temporale di Schredinger

h
2
8
2
m
+U =
ih
2

t
(15.8)
15.2. EQUAZIONE DI SCHR

EDINGER 141
Se il potenziale U(r, t) non dipende esplicitamente dal tempo il problema si riduce
alla soluzione dell equazione stazionaria

h
2
8
2
m
+U = E (15.9)
dove E `e lenergia totale del sistema, mentre la funzione (r, t) viene espressa come
il prodotto di due funzioni: una dipendente solo da r e laltra solo dal tempo t
(r, t) = Cu(r)e

2i
h
Et
(15.10)
Inne linterpretazione probabilistica della (r, t) impone che sia vericata la con-
dizione di normalizzazione
_
[[
2
dV = 1 (15.11)
dove lintegrale `e esteso a tutto lo spazio. Anch`e lintegrale converga occorre che
(r, t) 0 quando r
lim
r
= 0 (15.12)
Inoltre il signicato sico della impone che essa sia univoca e continua assieme
alla derivata prima in ogni punto dello spazio e ad ogni istante t. Queste condizioni
pongono delle restrizioni ai possibili valori di E per cui l equazione puo essere
risolta. Tali valori di E sono detti autovalori. Essi possono essere discreti o continui.
Le ad essi associate sono dette auto-funzioni.
Se rappresenta un pacchetto donde la condizione (15.11) `e vericata in quanto
[[
2
diventa molto piccola gi`a a breve distanza dal massimo principale.
Se rapprenta un treno donde piane, allora lintegrale (15.11) non converge in
quanto la non si annulla mai. In questo caso occorre pensare alla come denita
su uno spazio arbitrariamente grande (un cubo di volume V) ma nito, sul contorno
del quale la assume valori nulli o periodici, in modo tale che l integrale esteso a
tutto il volume sia convergente.
Le auto-funzioni godono di alcune propriet`a di cui faremo uso in seguito:
(1) le auto-funzioni u
n
e u
m
relative a due auto-valori E
n
e E
m
sono fra loro ortog-
onali e ciascuna di esse `e normalizzata ad uno
_
V
u

m
u
n
dV =
mn
(15.13)
142 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
(2) una funzione (r, t) qualunque puo essere espressa come somma di una serie di
auto.funzioni complete dell equazione stazionaria
(r, t) =

n=1
A
n

n
(r, t) (15.14)
dove le
n
(r, t) sono date da

n
(r, t) = u
n
e

2i
h
E
n
t
(15.15)
soluzioni della equazione stazionaria.
(3) vale la propriet`a di chiusura delle auto.funzioni, espressa dalle relazioni

n
u

n
(r

)u
n
(r) = 0 per r

,= r (15.16)
_

V

n
u

n
(r

)u
n
(r)dV

= 1 per r

= r (15.17)
Lequazione di Schredinger puo essere scritta in forma compatta mediante loperatore
H =
h
2
8
2
m
+U (15.18)
e cio`e
H =
h
2i

t
(15.19)
H = E (15.20)
Loperatore H `e detto hamiltoniano e rappresenta lenergia totale del sistema.
Senza dare una dimostrazione rigorosa, ricordiamo che in meccanica quantistica
alle grandezze classiche P
x
, P
y
, P
z
(componenti del momento) corrispondono gli op-
eratori
P
x

h
2i

x
P
y

h
2i

y
P
z

h
2i

z
Eseguendo la sostituzione nell hamiltoniano classico di una particella
H =
3

i=1
P
2
i
2m
+U (15.21)
15.3. METODO RISOLUTIVO 143
si ottiene proprio loperatore in questione.
Lequazione di Schredinger ammette soluzioni esatte solo in alcuni casi particolari.
Poich`e siamo interessati allo studio delle sezioni durto, cio`e a processi in cui lo
stato nale del sistema pu`o essere diverso da quello iniziale, `e necessario far uso
dell equazione temporale. Ci limiteremo pertanto a presentare un metodo risolutivo
approssimato del caso dipendente dal tempo.
15.3 Metodo della variazione delle costanti
Consideriamo il caso generale di un sistema con hamiltoniano H e supponiamo
che questultimo possa scindersi in due parti: H
0
indipendente dal tempo, e H

dipendente dal tempo


H = H
0
+H

(15.22)
Per capire il senso di questa approssimazione consideriamo il caso di una particella
che subisca un processo di diusione da parte di un atomo. Il termine H
0
sar`a
lhamiltoniano relativo alla situazione iniziale quando atomo e particella sono lon-
tani fra loro e non interagiscono, mentre H

`e relativo alla situazione in cui le due


particelle sono vicine e stanno interagendo.
La funzione deve risolvere lequazione
(H
0
+H

) =
ih
2

t
(15.23)
Siano
0
n
(x, y, z, t) le soluzioni di tipo stazionario relative al caso iniziale impertur-
bato
H
0

0
n
= E
n

0
n
(15.24)
Possiamo esprimere (si veda la relazione 15.14) la soluzione pi` u generale dellequazione
temporale come sviluppo in serie delle auto-funzioni ortogonali complete
0
n
del sis-
tema di hamiltoniano H
0
=

n
a
n
(t)
0
n
(x, y, z, t) (15.25)
dove i coecienti a
n
(t) sono funzioni del tempo in quanto a causa della interazione
lo stato nale rappresentato da una certa
0
k
sar`a diverso da quello iniziale rappre-
sentato da una certa
0
n
.
144 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
La quantit`a
[a
k
(t)[
2
= a

k
(t)a
k
(t) (15.26)
rappresenta la probabilit`a (detta di transizione) di determinare al tempo t lo stato

0
k
del sistema che inizialmente stava nello stato (E
n
,
0
n
).
Sia

0
n
= u
n
(x, y, z)e

2i
h
E
n
t
(15.27)
una soluzione stazionaria della equazione imperturbata (H
0
), si ha allora

n
a
n
(t)(H
0
+H

)u
n
(r)e

2i
h
E
n
t
=
ih
2
_

n
a
n
u
n
e

2i
h
E
n
t
+

n
a
n
u
n
(
2
hi
)E
n
e

2i
h
E
n
t
_
(15.28)
dalla quale essendo
H
0

a
n

0
n
=

a
n
H
0

0
n
=

a
n
E
n

0
n
(15.29)
si ottiene
H

a
n
u
n
e

2i
h
E
n
t
=
ih
2

a
n
u
n
e

2i
h
E
n
t
(15.30)
Questa relazione rappresenta un sistema di equazioni dierenziali cui soddisfano le
a
n
(t). Per eliminare le sommatorie che vi compaiono, si moltiplicano ambo i membri
per una generica auto-funzione u

k
e si integra su tutto lo spazio tenendo conto
della condizione di ortogonalit`a
ih
2
a
k
(t)e

2i
h
E
k
t
=

n
a
n
(t)e

2i
h
E
n
t
_

k
H

u
n
d (15.31)
con (k = 1, 2, 3...). Questa pu`o essere scritta con la notazione matriciale
H

kn
=
_

k
H

u
n
d (15.32)
nella forma
a
m
(t) =
2
ih

kn
a
n
(t)e
2i
h
(E
k
E
n
)t
(15.33)
15.3. METODO RISOLUTIVO 145
Si ottiene cos` per ciascuna a
k
, un sistema di innite equazioni dierenziali che non
si sa integrare esattamente. Si cerca pertanto una soluzione approssimata che tenga
conto delle condizioni iniziali del problema. Sviluppiamo le a
n
in serie
a
n
(t) = a
(0)
n
+a
(1)
n
+...... (15.34)
dove le a
(0)
n
rappresentano le a
n
calcolate per lo stato iniziale (t = 0). Questo
signica che se inizialmente il sistema si trova nello stato n-esimo (E
n
e
0
n
) avremo
nella (15.25)
a
(0)
n
= a
n
(t = 0) = 1 a
(s+1)
n
= 0 per s = 0, 1, 2.. (15.35)
Supponendo che nellintervallo di tempo 0 t lo stato del sistema vari poco (H

piccolo rispetto H
0
) avremo
a
k
(t)
(0)
0 (15.36)
e
a
(s+1)
k
=
2
ih

n
a
(s)
n
H

kn
e
2i
h
(E
k
E
n
)t
(15.37)
con s = 0, 1, 2, 3.... La prima di queste equazioni mostra che i coecienti di ordine
zero sono costanti nel tempo. Il loro valore sono le condizioni iniziali del problema
che specicano lo stato del sistema prima che venga applicata la perturbazione.
Assumiamo che tutti i coecienti a
(0)
k
meno uno siano nulli, cos` che il sistema sia
in un denito stato imperturbato quando la perturbazione `e applicata. Poniamo
a
(0)
k
=
km
a seconda che lo stato m appartenga ad un set discreto o continuo di
valori. Lintegrazione nel tempo d`a
a
(1)
k
=
2
ih
_
t
0
H

km
(t

)e
2i
h
(E
k
E
m
)t

dt

(15.38)
con (k = 1, 2, ....) e dove la costante di integrazione e assunta uguale a zero per
t = 0 (prima di applicare la perturbazione). Se H

`e di durata nita, lampiezza


dello stato u
k
(k ,= m) dopo che la perturbazione `e scomparsa `e proporzionale alla
componente temporale di Fourier dellelemento di matrice della perturbazione tra
lo stato iniziale e nale.
146 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
Si possono ora considerare due casi a seconda che lelemento di matrice H
km
dipenda
o meno dal tempo.
Se H
0
km
non dipende dal tempo, la relazione (15.38) si integra facilmente otte-
nendo
a
(1)
k
=
H
km
E
m
E
k
_
e
2i
h
(E
k
E
m
)t
1
_
(15.39)
La probabilit`a di transizione dallo stato iniziale m allo stato nale k `e data da
[a
(1)
k
(t)[
2
=
4[H

km
[
2
(E
k
E
m
)
2
sin
2
(E
k
E
m
)t
2(h/2)
(15.40)
Posto

km
= 2
E
k
E
m
h
(15.41)
essa diventa
[a
(1)
k
(t)[
2
=
4[H

km
[
2
h
2

2
km
sin
2

km
2
t (15.42)
Da questa relazione traspare che il signicato sico degli elementi di matrice non
diagonali H

km
`e legato alla transizione tra due stati corrispondenti ai due indici che
li individuano. Inoltre la dipendenza dall energia delle [a
(1)
k
(t)[
2
`e data dal fattore
1

2
km
sin
2

km
2
t =
sin
2
km
t
2

2
km
t
2
4
(
t
2
4
) (15.43)
il cui andamento `e mostrato in Figura 15.1 in funzione di
km
per un ssato valore
di t. La funzione `e massima per
km
= 0 dove vale t
2
/4, decade rapidamente a

km
= 2/t, ed ha dei minimi a
km
= n2/t con n = 1, 2, ....
La transizione pi` u probabile `e quella per
km
= 0 e cio`e E
k
= E
m
. Questo signica
che la transizione pi` u probabile `e quella che conserva lenergia totale del sistema (si
noti che la legge di conservazione dellenergia `e una conseguenza delle considerazioni
fatte e non una imposizione a priori). Inoltre questo `e tanto pi` u vero quanto maggiore
`e lintervallo di tempo trascorso fra le misure degli stati k e m, in quanto il massimo
della curva `e proporzionale a t
2
, mentre la larghezza del picco diminuisce con 1/t
(in accordo con il principio di indeterminazione tra energia e tempo).
15.3. METODO RISOLUTIVO 147
Figure 15.1:. Andamento della [a
(1)
k
(t)[
2
in funzione di
km
ad ssato valore di t
Ancora ad ogni valore delle ascisse corrisponde una [a
(1)
k
[
2
, e ogni ordinata `e pro-
porzionale a t
2
, mentre ci aspetteremmo di trovare che [a
(1)
k
[
2
/t (probabilit`a di tran-
sizione per unit`a di tempo) non dipenda dal tempo. Inne non si sa per un dato
t quale ordinata scegliere. In realt`a non ha senso andare a vedere cosa succede
allinterno del massimo, in quanto in tutti i problemi in cui si fa uso del metodo de-
scritto, il sistema possiede un gruppo di stati nali k che hanno energie circa uguali
a quella dello stato iniziale e per i quali H

km
varia lentamente al variare di ked `e
quindi impossibile distinguerli sperimentalmente. In realt`a ci`o che `e suscettibile di
misura sar`a solo la probabilit`a di trovare il sistema in uno qualunque degli stati
nali k.
Pertanto se c`e un gruppo di stati nali k che hanno energie uguali (quasi uguali)
a quella dello stato iniziale e per i quali H

km
e indipendente da t, allora la probabilit`a
di trovare il sistema in uno qualunque di questi stati `e proporzionale a t. Questa
`e una situazione sicamente interessante in quanto ci`o di cui abbiamo bisogno `e la
probabilit`a di transizione per unit`a di tempo e questo implica che la probabilit`a
che una transizione abbia luogo sotto l eetto di una perturbazione di durata t `e
proporzionale a t
Pertanto la probabilit`a di transizione per unit`a di tempo
W =

k
[a
(1)
k
[
2
t
(15.44)
148 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
non dipende da t.
Per calcolare W, consideriamo un gruppo continuo di stati nali di energia E
k
E
m
;
ognuno di questi stati dovr`a essere considerato con un certo peso statistico che
rappresenti il numero di stati contenuti in E
k
+dE
k
. Se (E
k
) `e la densit`a di stati
nali, il suddetto numero di stati `e (E
k
)dE
k
. Il valore (E
k
) si calcola descrivendo la
particella incidente nello stato iniziale con unonda piana di vettore di propagazione
k per cui avremo
(E
k
)dE
k
=
4k
2
h
3
dk = dn (15.45)
dove
E
k
=
p
2
2m
= (
h
2
)
2
k
2
2m
(15.46)
`e lenergia dello stato nale uguale a quello iniziale. Supponiamo inoltre che (E
k
)
vari lentamente con k. Sostituendo la sommatoria con un integrale si ottiene
W =
1
t
_
+

[a
(1)
k
(t)[
2
(E
k
)dE
k
(15.47)
Ricordando che
dE
k
=
2d
km
h
(15.48)
si deriva
W =
8
h
(
1
t
)
_
+

[H

km
[
2

2
km
(E
k
)sin
2
(

km
2
t)d
km
(15.49)
Posto y =
km
t lintegrale diventa
W =
8
h
_
+

[H

km
[
2
(E
k
)
sin
2
y
y
2
dy (15.50)
Lintegrale si risolve assumendo per H

km
e (E
K
) il valore che essi hanno al massimo,
per cui
W =
8
h
_
[H

km
[
2
(E
k
)
_

km

_
+

sin
2
y
y
2
dy (15.51)
nella quale lintegrale denito vale /2. Ne segue che
W =
4
2
h
_
[H

km
[
2
]
(
km
=0)
(E
k
) (15.52)
che non dipende dal tempo.
15.4. TRATTAZIONE SEMI-CLASSICA DELLA RADIAZIONE 149
15.4 Trattazione semi-classica della radiazione
Il metodo descritto in precedenza ci permette di calcolare lopacit`a di un deter-
minato processo mediante le relazioni
=
L
3
W
v
=

AH
(15.53)
una volta determinata la W. La trattazione rigorosa di questo problema richiede
luso di una teoria quantistica per la radiazione (teoria dei campi) di dicile formu-
lazione. Il problema viene superato ricorrendo alla trattazione semi-classica della
radiazione e utilizzando il formalismo quantistico solo per il sistema atomico.
Lhamiltoniano classico di una particella che interagisce con un campo elettromag-
netico `e dato da
H =
1
2m
3

x=1
(P
x

e
c
A
x
)
2
+U (15.54)
dove P `e il momento e A `e il potenziale vettore del campo elettromagnetico. Per
passare dalla trattazione classica a quella quantistica si compie la sostituzione
P
x
con
h
2i

x
(15.55)
e loperatore ottenuto viene applicato alla .
Lequazione a cui deve soddisfare la `e lequazione temporale con
H =
1
2m

x
(
h
2i

x

e
c
A
x
)
2
+U (15.56)
H =
1
2m
h
2
(2)
2

h
2mi
e
c

x
A
x

x
+
1
2m
(
e
c
)
2

x
A
2
x
+U (15.57)
Scriviamo ora lhamiltoniano nella forma
H = H
0
+H

(15.58)
con H
0
(parte imperturbata) data da
H
0
=
1
2m
h
2
(2)
2
+U (15.59)
150 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
e con H

(parte pertubativa) data da


H

=
he
2mic
A +
e
2
2mc
2
[A[
2
(15.60)
In approssimazione non relativistica il termine con c
2
al denominatore `e trascurabile
rispetto agli altri, per cui rimane
H

=
he
2mic
A (15.61)
Come caso semplice consideriamo il potenziale vettore A di onda piana e cio`e
A = A
0
cos(k r t) = A
0
e
i(krt)
+e
i(krt)
2
(15.62)
dove k `e il vettore di propagazione (con [k[ = 2/ e A
0
vettore di polarizzazione).
Sostituendo si ottiene per H

=
he
2mic
e
i(krt)
+e
i(krt)
2
A
0
(15.63)
Per calcolare la probabilit`a di transizione W tra uno stato iniziale m ed uno nale
k, `e necessario calcolare lelemento di matrice H

km
dato da
H

km
=
_

k
H

u
m
d (15.64)
Nel nostro caso abbiamo
H

km
=
eh
4mic
_
_

k
e
i(krt)
A
0
u
m
d +
_

k
e
i(krt)
A
0
u
m
d
_
(15.65)
che pu`o essere posto nella forma compatta
H
km
= H
(1)
km
e
it
+H
(2)
km
e
it
(15.66)
dove H
(1)
km
e H
(2)
km
sono due fattori che non dipendono da t e che sono dati da
H
(1)
km
=
eh
4mic
_

k
e
i(kr)
A
0
u
m
d (15.67)
15.4. TRATTAZIONE SEMI-CLASSICA DELLA RADIAZIONE 151
H
(2)
km
=
eh
4mic
_

k
e
i(kr)
A
0
u
m
d (15.68)
Osserviamo che nella (15.66) lelemento di matrice H

km
dipende sinusoidalmente
dal tempo. Nella sezione precedente abbiamo fatto lipotesi che H

km
non dipenda
dal tempo per cui i risultati allora ottenuti devono essere ora modicati.
Sostituendo la (15.65) nella espressione per a
(1)
k
data da
h
2i
a
(1)
k
=

n
a
(0)
n
(t)H

km
e
i
nk
t
= H

km
e
i
mk
t
(15.69)
si ottiene
h
2i
a
(1)
k
= H
(1)
km
e
i(
mk
)t
+H
(2)
km
e
i(
mk
+)t
(15.70)
Questa equazione si integra facilmente ottenendo
a
(1)
k
=
H
(1)
km
h
e
i(
mk
)t
1

mk

+
H
(2)
km
h
e
i(
mk
)t
1

mk
+
(15.71)
I due termini di questa relazione sono sensibilmente diversi da zero solo nellintorno
di =
mk
e =
mk
. Pertanto `e lecito nel calcolo di [a
(1)
k
(t)[
2
trascurarne il
prodotto misto, in quanto luno `e importante dove laltro `e trascurabile e viceversa.
Avremo quindi
[a
(1)
k
(t)[
2
=
4[H
(1)
km
[
2
h
2
sin
2
(

km
)t
2
)
(
km
)
2
+
4[H
(2)
km
[
2
h
2
sin
2
(

km
+)t
2
)
(
km
+)
2
(15.72)
Questa relazione `e mostrata in Figura 15.2 . La probabilit`a di transizione `e massima
per
=
km
=
E
k
E
m
(h/2)
(15.73)
Posto = 2, la prima ci dice che la transizione pi` u probabile per un sistema
atomico, posto in un campo di radiazione incidente di frequenza , `e quella tra gli
stati E
k
e E
m
per cui vale la
152 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
Figure 15.2:. Andamento della funzione [a
(1)
k
(t)[
2
della relazione (15.72)

km
=
E
k
E
m
h
(15.74)
la quale esprime la legge di Bohr, la quale ora appare come una conseguenza della
teoria discussa e non un postulato introdotto a priori. Nel secondo caso invece ( =

km
), la massima probabilit`a si ha per la transizione inversa a quella precedente,
cio`e per la emissione indotta di un fotone con frequenza

mk
=
E
m
E
k
h
(15.75)
da parte del sistema atomico.
Questo formalismo spiega simultaneamente i fenomeni dellemissione indotta e dellassorbimento.
Per il calcolo della probabilit`a di transizione per unit`a di tempo W, vale il ragiona-
mento gi`a fatto in precedenza, per cui si ha
W =
1
t
_
+

[a
(1)
k
(t)[
2
(E
k
)dE
k
(15.76)
Si dimostra con semplici passaggi che la probabilit`a per unit`a di tempo relativa al
caso dellassorbimento `e data da
15.5. TRANSIZIONE DI DIPOLO ELETTRICO 153
W
a
=
4
2
e
2
m
2
c

2
km
[A
0
[
2
8c
km
[
_

k
e
ikr
A
0
u
m
d[
2
=
km
(15.77)
Per lemissione indotta si ottiene una espressione analoga dove per`o
km
`e sostituita
da
mk
.
15.5 Transizione di dipolo elettrico
Le auto-funzioni u
m
ed u
k
del sistema atomico negli stati stazionari k e m sono
sensibilmente diverse da zero solo allinterno dell atomo e divengono trascurabili
per r > r
0
dove r
0
`e il raggio della prima orbita di Bohr (circa 0.5 10
8
cm).
Se la radiazione `e nella banda ottica, il numero donda [k[ 10
5
, per cui per
r < r
0
, lesponente k r `e dellordine di 10
3
. Pertanto si pu`o sviluppare in serie
lesponenziale
e
ikr
= 1 ik r +
1
2!
(ik r)
2
+..... (15.78)
e considerare solo il primo termine. L integrale nella (15.77) assume la forma
_

k
A
0
u
m
d =
_

A
u
m
d (15.79)
dove
A
rappresenta la componente del gradiente nella direzione di A
0
. Poich`e
()
x
=

x
e P
x
=
h
2i

x
, vale la relazione
()
x
=
2i
h
P
x
(15.80)
sostituendo tale relazione nella precedente si ha
_

A
u
m
d =
2i
h
_

k
P
A
u
m
d (15.81)
dove P
A
rappresenta la componente del momento P nella direzione di A. Ricordando
ancora che
P = mv = m
dr
dt
(15.82)
si ottiene
154 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
_

A
u
m
d =
m2i
h
_

k
P
A
u
m
d (15.83)
In meccanica quantistica si dimostra che vale la relazione
d
dt
_

k
r
A
u
m
d = i
km
_

k
r
A
u
m
d (15.84)
per cui in denitiva lintegrale diviene
_

A
u
m
d =
m
km
h
_

k
r
A
u
m
d (15.85)
e la probabilit`a W per lassorbimento `e data da
W
a
=
e
2

2
ch
2

2
km
[A
0
[
2
8c
[
_

m
r
A
u
k
d[
=
km
(15.86)
Se si porta e
2
dentro lintegrale si ottiene un termine (er
A
) che rappresenta un
momento elettrico nella direzione A
0
di polarizzazione della radiazione incidente.
La trattazione ottenuta considerando solo il primo termine dello sviluppo in serie `e
detta transizione di dipolo elettrico.
Se risulta che
_

k
(er
A
)u
m
d = 0 (15.87)
la probabbilit`a di transizione di dipolo `e nulla. Non `e detto tuttavia che la tran-
sizione sia proibita in quanto esistono gli altri termini dello sviluppo. Le probabilit`a
che si ottengono usando i termini successivi vengono dette di quadrupolo, ottupolo,
etc.
Se la W `e nulla per tutte le approssimazioni successive di e
kr
si dice che la tran-
sizione `e rigorosamente proibita.
15.6 Regole di selezione
In questa sezione si mostra come le regole di selezione che sono state trovate
empiricamente dallo studio degli spettri atomici, siano in realt`a conseguenza del
formalismo quantistico.
15.6. REGOLE DI SELEZIONE 155
Le soluzioni della equazione stazionaria di Schredinger per il moto di una particella
sotto un potenziale U(r) a simmetria sferica e funzione solo di r si separano in due
parti, radiale ed angolare
u(r, , ) = R(r)Y (, ) (15.88)
dove Y (, ) `e una funzione degli angoli e che dipende dai numeri quantici
l (quanto azimutale) ed m (quanto magnetico) ed `e comune a tutti i problemi a
simmetria sferica. Essa pu`o a sua volta essere separata in
Y (, ) = P
l,m
(cos)
m
() (15.89)
dove gli indici indicano la dipendenza di ogni singola componente dai numeri quan-
tici. La funzione R(r) dipende invece dalla forma esplicita del potenziale U(r).
Nel caso di sistemi idrogenoidi (nucleo centrale di carica Ze e un solo elettrone), la
funzione R(r) dipende da un altro numero quantico, n (detto quanto principale) e
da l per cui i sistemi idrogenoidi hanno auto-funzioni del tipo
u
n,l,m
(r, , ) = R
n,l
(r)P
l,m
(cos)
m
() (15.90)
Le funzioni P
l,m
sono dette polinomi di Legendre e godono della seguenti propriet`a
cos()P
l,m
(cos) =
1 +[m[
2l + 1
P
(l1),m
(cos) +
1 [m[
2l + 1
P
(l+1),l
(cos) (15.91)
_
+1
1
P
m,l
(cos)P
m,l
(cos)dcos =
l,l
(15.92)
(ortogonalit`a dei polinomi).
La funzione `e data semplicemente da

m
() =
1

2
e
im
(15.93)
Premesso questo, consideriamo la probabilit`a W relativa alla transizione m k.
Essa `e nulla se lintegrale (15.87) `e nullo. Assumendo lasse z come direzione di
polarizzazione e ricordando che z = rcos, questa condizione si esprime
_

k
rcos u
m
d = 0 (15.94)
156 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
ovvero
_

0
r
3
R
n,l
(r)R
n

,l
dr
_

0
_
2
0
Y
l,m
(, )cos Y
l

,m
(, )sindd = 0 (15.95)
dove n, l, m sono i numeri quantici dello stato nale e n

, l

, m

quelli dello stato


iniziale del sistema.
Sostituendo le (15.89) e (15.93) nella (15.95) lintegrazione rispetto a diventa
_
2
0
e
i(m

m)
d (15.96)
che `e sempre nulla tranne quando m = m

ed in tal caso vale 2.


Sono proibite tutte le transizioni tra due stati aventi numeri quantici magnetici
diversi.
Posto m = m

nella (15.95) e tenuto conto della (15.91), si trova che lintegrazione


rispetto a conduce (a parte dei fattori numerici) alla
_

0
(P
m,l
P
m,(l1)
+P
m,l
P
m,(l+1)
)sind (15.97)
che a causa della ortogonalit`a dei polinomi di Legendre `e nullo a meno che l

= l 1.
Sono permesse le transizioni fra due stati solo se i relativi numeri quantici azimutali
l e l

sono legati dalla


l

= l 1 (15.98)
Lintegrazione rispetto ad r non porta ad alcuna regola di selezione per il quanto
principale n. Essa fornisce lintensit`a eettiva di una certa transizione.
15.7 Opacit`a della materia stellare
Nota la probabilit`a di transizione di un certo processo, `e allora possibile risalire
allopacit`a relativa. Come gi`a ricordato esistono numerosi processi sici responsabili
dellopacit`a stellare e la trattazione completa degli stessi `e estremamente complessa.
In quanto segue daremo una presentazione semplice di alcuni processi tipici allo
scopo di chiarire il metodo da seguire.
Sono presi in esame i seguenti processi:
(1) assorbimento legato-legato (bound-bound) o eccitazione.
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 157
(2) assorbimento legato-libero (bound-free) o foto-ionizzazione.
(3) assorbimento libero-libero (free-free).
(4) scattering da parte di elettroni liberi (Compton nel caso relativistico o
Thomson nel caso non relativistico).
(1) Assorbimento legato-legato
Questo fenomeno `e stato in pratica gi`a ampiamente discusso nei pragra precedenti,
dove abbiamo ottenuto la probabilit`a di transizione e le regole di selezione. Si `e
anche messo in evidenza che nel calcolo della W
a
il contributo eettivo `e dato dalla
funzione R
n,l
(r). Tuttavia la relazione per la W
a
deve essere lievemente modicata
per tener conto che tutti gli stati eccitati hanno una vita media nita e che questo
comporta una indeterminazione dellenergia del livello eccitato dettata dal Principio
di Indeterminazione (in quanto rappresenta lindeterminazione nel tempo con cui
lo stato pu`o essere localizzato). La corrispondente indeterminazione nellenergia `e
data dalla relazione
=
h
2
(15.99)
Tenendo conto di questo fatto, la sezione durto eettiva sar`a data da
_

()d (15.100)
dove `e un piccolo intervallo di frequenze di larghezza dellordine di
2
h
attorno
alla frequenza eettiva.
(2) Assorbimento legato-libero
Questo fenomeno come il precedente `e tipico degli atomi, in genere i metalli, che
ad una data temperatura possiedono ancora degli elettroni legati. Al crescere della
temperatura anche gli atomi pi` u pesanti presenti nelle stelle possono essere comple-
tamente ionizzati cosicch`e i fenomeni (1) e (2) non avvengono.
Per studiare il processo legato-libero consideriamo un atomo con un solo elettrone
nello stato fondamentale. Anch`e si abbia ionizzazione occorre che l energia del
fotone incidente sia tale da soddisfare la legge di conservazione
h = +
p
2
2m
(15.101)
158 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
Figure 15.3:. Andamento della sezione durto dei processi legato-libero in funzione
della frequenza della radiazione incidente
dove `e lenergia di legame dell elettrone e p
2
/2m `e la sua energia cinetica dopo
essere stato ionizzato. Esiste pertanto una frequenza di soglia per avere la ioniz-
zazione dall livello considerato, cio`e = 0 se h < . Inoltre la sezione durto
varier`a lentamente per h > , in quanto lelettrone una volta ionizzato pu`o avere
una qualunque energia cinetica.
Se supponiamo che lelettrone sia in uno stato eccitato, si avranno allora varie fre-
quenze di soglia, corrispondenti ai diversi livelli energetici. La situazione tipica `e
mostrata in Figura 15.3, dove si nota la presenza dei picchi dovuti alle diverse energie
di estrazione. Sperimentalmente si trova che la sezione durto relativa allintervallo
di frequenze fra due picchi successivi `e rappresentata analiticamente dalla relazione
= CZ
4

3
+B (15.102)
dove le costanti C e B dipendono dai livelli considerati.
La Figura 15.3 mostra il caso di una sola specie atomica. Si capisce che in presenza
di numerose specie atomiche la situazione diventi molto complicata.
Allo scopo di calcolare la sezione d urto si procede nel seguente modo: si considera
un solo tipo di atomo ed un particolare livello energetico cosicche sia possibile
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 159
calcolare la sezione durto nel modo consueto. Esiste subito una dicolt`a: in breve
lelettrone ionizzato `e rappresentabile con unonda piana solo quando la sua velocit`a
`e molto grande per cui esso risente poco dellinterazione con il campo coulombiano
del nucleo; tuttavia si vede dalla (**) che la velocit`a dellelettrone `e tanto maggiore
quanto pi` u lontano dalla soglia dove per`o la sezione durto `e piccola, il contrario
vicino alla soglia. Pertanto la rappresentazione in onda piana (approssimazione di
Born) `e lecita solo lontano dalla soglia, ma non vicino ad essa, dove `e necessario
usare un altro metodo.
Nella rappresentazione di Born, la sezione durto totale `e data da

tot
= cost
Z
5
k
3

5
(15.103)
dove k `e il numero donda dellelettrone
[k[
2
=
[P[
2
h
2
(15.104)
e `e la frequenza del fotone.
Si dimostra in modo alquanto laborioso che quando h >> la frequenza `e
proporzionale a k
2
per cui la (15.103) si riduce a

tot
= cost Z
5

7/2
(15.105)
Questo risultato non coincide con quello sperimentale. Le cose vengono aggiustate
scrivendo

tot
= cost Z
5

1/2
(15.106)
Ricordando che il valore di
K
relativo al moto dell elettrone nellorbita K (livello
fondamentale) `e data da
hc

K
=
Z
2
e
2
2r
0
(15.107)
con r
0
il raggio di Bohr (r
0
= h
2
/me
2
), vicino alla soglia dove la sezione durto `e
grande si ha (sostituendo
1/2
con
1/2
K
)

tot
= cost Z
4

3
(15.108)
160 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
che coincide con la (15.102).
Correggendo per leetto vicino alla soglia (dimostrazione molto complessa) si trova
che la sezione durto dellassorbimento legato-libero `e data dalla seguente relazione

bf
=
64
4
me
10
3

3ch
6
Z
4
n
5
g
,n,l,Z

3
(15.109)
dove il fattore g
,n,l,Z
`e detto fattore di Gaunt e il suo valore dipende dallo stato
iniziale dellelettrone e varia lentamente al variare di . Si dimostra che il fattore di
Gaunt per atomi idrogenoidi vale circa uno vicino alla soglia (frequenza di maggior
interesse).
Questo risultato vale per un dato atomo e dato livello energetico: occorre pertanto
calcolare la per i vari livelli e i vari tipi di atomi, ottenendo inne la sezione durto
complessiva tramite la quale si calcola la W. La sezione durto complessiva `e data
dalla media pesata delle singole relative ai vari elementi.
(3) Assorbimento libero-libero
Il processo consiste nellassorbimento di un fotone da parte di un elettrone libero
in presenza di un campo coulombiano (nucleo). La presenza del nucleo `e necessaria
per la simultanea conservazione dellenergia e del momento.
Lelemento di matrice H

km
deve essere calcolato facendo uso di un hamiltoni-
ano di interazione che tenga conto dell interazione coulombiana e dell interazione
dellelettrone con il campo elettromagnetico (fotone assorbito). Si dimostra che
non sono possibili reazioni in cui venga assorbito (o emesso) pi` u di un solo fotone
alla volta, per cui dovendo lelettrone interagire (scambiando fotoni) sia col campo
coulombiano che con quello radiativo, `e necessario considerare un processo a due
tempi: (a) un elettrone libero viene prima deviato dal campo coulombiano; (b) in
seguito esso assorbe un solo fotone dal campo radiativo.
`
E vero anche il processo
inverso. I due processi sono rappresentati dai digrammi di Feynmann di Figura 15.4.
Entrambi i processi richiedono uno stato intermedio (due vertici nei diagrammi di
Feynmann) per cui `e necessario fare uso dell approssimazione al secondo ordine in
quanto al primo ordine H

km
= 0 (si rimanda ad un testo di Fisica Teorica). La
probabilit`a di transizione `e data da
W =
(2)
2
h
(E
m
)

n
H

nm
H

kn

nm
+

n
H

pm
H

kp

pm

2
(15.110)
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 161
Figure 15.4:. Diagramma di Feynmann del processo libero-libero
dove sono sommati i contributi dei due stadi e due modi. Si noti che in ognuno dei
due processi lo stadi intermedio `e diverso con una diversa W. Lesperienza conferma
che il risultato giusto `e quello dato dalla somma delle due W nel modo indicato.
Un aspetto interessante del problema `e che la conservazione dellenergia pu`o essere
violata nello stato intermedio, in quanto esso esiste per un tempo brevissimo e quindi
con una grande indeterminazione dell energia.
Senza dare la dimostrazione si trova che la sezione durto dierenziale per lassorbimento
libero-libero in caso non relativistico `e data da
d
ff
=
4
3

3hc
Z
2
e
6
m
2
1
v
3
n
e
(v)g
ff
(v, )dv (15.111)
dove v `e la velocit`a dell elettrone, n
e
(v) `e la legge di distribuzione delle velocit`a
degli elettroni, Z `e la carica dello ione che genera il campo coulombiano, e g
ff
(v, )
`e il cosiddetto fattore di Gaunt per le transizioni libero-libero; esso dipende dalla
velocit`a dellelettrone e dallenergia del fotone assorbito.
Se si suppone che il gas di elettroni sia non degenere, n
e
(v)dv `e data dalla legge di
Maxwell delle velocit`a.
La sezione durto media per fotoni di frequenza `e allora
162 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A

ff
(Z, ) =
_

0
ds
ff
= cost
Z
2
n
e
(KT)
1/2

3
g
ff
(15.112)
dove n
e
`e la densit`a numerica di elettroni, e g
ff
`e mediato sulla temperatura. Si
trova che nella maggior parte dei casi di interesse g
ff
1.
Lopacit`a eettiva si deriva dalla = /AH moltiplicando la precdente per il numero
di ioni di tipo Z presenti e sommando su Z. Essa deve essere sommata alle opacit`a
dei processi (1) e (2) prima di eettuare la media sulle frequenze.
In certe situazioni la sorgente libero-libero domina su tutte le altre per cui `e interes-
sante calcolarne la media di Rosseland separatamente. Senza dimostarlo si ottiene

ff
= cost

T
3.5
(15.113)
detta legge di Kramers.
Inne si noti che nei processi legato-libero idrogeno ed elio non danno in pratica
contributo in quanto gi`a totalmente ionizzati (a parte le regioni esterne), per cui
bf
dipender`a essenzialmente dalla abbondanza degli elementi pesanti Z. Per i processi
libero-libero invece tutti gli elementi contribuiscono allo stesso modo, ma essendo
i metalli molto meno abbondanti di idrogeno ed elio, l opacit`a
ff
sar`a legata
essenzialmente alla somma (X+Y).
Si pu`o inne vedere che per una miscela con composizione (X,Y,Z)

ff
= 10
22
(X +Y )

T
3.5
(15.114)

bf
= 10
25 Z
T
3.5
(15.115)
(4) Scattering
Questo tipo di opacit`a `e sempre presente quando ci sono elettroni liberi, ma a causa
della piccola sezione durto `e trascurabile ripetto ai processi legato-libero e libero-
libero. Solo ad alte temperature, gli elettroni liberi diventano la sorgente dominante
di opacit`a.
Anche in questo caso, il processo avviene in due stadi: dapprima lelettrone assorbe
il fotone, viene deviato, e poi emette il fotone. Ovviamente `e possibile anche il
processo inverso. Nei diagrammi di Feynmann il processo richiede la presenza di
due vertici (si veda Fig.**). Anche in questo caso `e necessaria lapprossimazione del
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 163
Figure 15.5:. Diagramma di Feynmann del processo di scattering
secondo ordine e si trova che la descrizione corretta del fenomeno `e data dal tenere
conto di entrambi i modi.
`
E possibile trattare il processo classicamente, in quanto la variazione di lunghezza
donda subita dal fotone per scattering non dipende da . Lo schema `e il
seguente: unonda elettromagnetica piana colpisce un elettrone libero, il quale viene
accelerato e questo provoca lemissione di radiazione in direzione diversa da quella
dellonda incidente. La radiazione cos` diusa ha la stessa frequenza della radiazione
incidente. Il processo pu`o essere descritto con lelettro-dinamica classica, e si trova
che la potenza irradiata nellangolo solido d nella direzione rispetto alla direzione
di accelerazione a per particelle non relativistiche `e data da
dP =
e
2
4c
3
a
2
sin
2
d (15.116)
Calcoliamo quanto vale a
2
. Supponiamo che londa piana incidente si muova nella
direzione z con numero donda k = 2/ e vettore di polarizzazione (nel piano
x,y). Il campo elettrico `e dato da
E(z, t) = E
0
cos(kz t) (15.117)
164 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
dalla seconda legge di Newton si ottiene per l accelerazione
a =
eE
m
=
e
m
E
0
cos(kz t) (15.118)
Poich`e siamo interessati alla potenza media irradiata, dobbiamo mediare su un pe-
riodo
a
2
=
e
2
m
2
E
2
o
1
T
_
T
0
cos
2
(kx t)dt ==
1
2
e
2
m
2
E
2
0
(15.119)
Sostituendo si trova
a
2
=
c
8
E
2
0
(
e
2
mc
2
)sin
2
(15.120)
La sezione durto dierenziale si pu`o denire, in questo calcolo classico, come il
rapporto fra la potenza diusa per unit`a di angolo solido e la potenza incidente per
unit`a di area. Questultima per un onda piana `e data dalla media del vettore di
Poynting su un periodo e vale
S =
c
4
E
2
=
c
4
E
2
0
(15.121)
Ne segue che
d
d
= (
e
2
mc
2
)
2
sin
2
(15.122)
la quantit`a r
0
=
e
2
mc
2
= 2.818 10
13
cm `e detta raggio classico dellelettrone, in
quanto esso si comporta nella diusione dellonda incidente come una sferetta di tale
raggio. La relazione (15.122) `e riferita alla direzione : passando invece all angolo
formato dalle direzioni di moto del fotone incidente e di quello diuso, si ha
sin
2
= 1 sin
2
cos
2
(15.123)
Se londa incidente non `e polarizzata si deve mediare sullangolo
sin
2
= 1 sin
2
cos
2
= 1
1
2
sin
2
(15.124)
ed in tal modo si ottiene lespressione per la sezione durto dierenziale per fotoni
non polarizzati che e detta formula di Thompson
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 165
d
d
= (
e
2
mc
2
)
2 1
2
(1 +cos
2
) (15.125)
Ricordiamo che questa formula vale solo per particelle non relativistiche e per fotoni
con energia h << mc
2
. Poich`e queste limitazioni sono violate solo ad alte temper-
ature (T > 10
9
)

K, la reazione trovata `e suciente per descrivere la diusione dei
fotoni da parte di particelle nella gran parte dei casi di interesse.
La sezione durto `e proporzionale a (1/m)
2
per cui la diusione da parte di elettroni
`e molto pi` u importante della diusione da parte di nuclei che pu`o essere trascurata.
Ricordando che il peso molecolare medio degli elettroni dipende solo dalla concen-
trazione di idrogeno X, si dimostra che vale la

s
=

tot
Am
H
0.2(1 +X) (15.126)
Dalla (15.122) si ottiene la sezione durto totale

tot
=
_
d
d
=
8
3
(
e
2
mc
2
)
2
= 0.66 10
24
cm
2
(15.127)
detta la sezione durto Thompson. Essa non dipende dalla frequenza, per cui il
termine
s
nella media di Rosseland sar`a costante.
Quando lenergia dei fotoni `e h mc
2
, la relazione (15.127) cade in difetto ed `e
necessario sostituirla con la relazione di Klein-Nishima (si veda il corso di Fisica
Teorica)
d
d
=
1
4

tot
3
4
(1 +cos
2
)
(1 + 2sin
2
(

2
)
_
1 +
4
2
sin
4
(

2
)
(1 +cos
2
)(1 + 2sin
2
(

2
)
_
(15.128)
dove = h/mc
2
e
tot
`e data dalla (**). Inne si ottiene la sezione durto comp-
lessiva del fenomeno di scattering relativistico
=
3
4

tot
_
1 +

2
(
2 + 2
1 + 2

ln(1 + 2)

)
1 + 3
(1 + 2)
2
_
(15.129)
Note
Si `e gi`a detto che lopacit`a totale `e data dalla somma dei vari contributi corretti per
lemissione indotta. Si ricordi che la media di Rosseland della somma non `e uguale
alla somma delle medie di Rosseland delle componenti.
166 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
Vi sono tuttavia situazioni astrosiche in cui uno dei contributi predomina rispetto
a tutti gli altri. Ad esempio a basse temperature (quando un certo numero di atomi
non `e ancora totalmente ionizzato), lopacit`a totale `e dominata dai processi legato-
legato e legato-libero. Al crescere della temperatura, la ionizzazione diventa del tutto
(o quasi) completa e lopacit`a `e dominata dai processi libero-libero. Tuttavia poich`e
la media di Rosseland di
ff
decresce al crescere della temperatura, si raggiunge un
valore della temperatura per il quale diventa dominante lo scattering da parte degli
elettroni liberi.
Il dominio nel piano densit`a-temperatura dove i singoli processi discussi sopra sono
dominanti e gi`a stato mostrato nella Figura 15.6. `e interessante confrontare il piano
densit`a-temperatura della equazione di stato con quello dell opacit`a. Si vede che
alle alte temperature dove predomina la pressione di radiazione lopacit`a `e dominata
dalla diusione.
15.7. OPACIT
`
A DELLA MATERIA STELLARE 167
Figure 15.6:. Opacit`a ed equazione di stato nel piano temperatura e densit`a
168 CAPITOLO 15. OPACIT
`
A
Capitolo 16
SORGENTI DI ENERGIA
In questo capitolo tratteremo la questione del tasso di produzione di energia presente
nelle stelle e delle condizioni imposte dal grande tasso di emissione e lunga durata del
fenomeno. Non `e necessario per ora entrare nel dettaglio dei meccanismi responsabili
della produzione.
Nel Sole il tasso di produzione per unit`a di massa `e misurato dal rapporto L/M
= 2 erg/g/s (16.1)
e nelle stelle della sequenza principale esso `e compreso nell intervallo
0.1 1000 erg/g/s (16.2)
Questi sono i tassi medi necessari a mantenere la luminosit`a osservata. Giusto per
fare un confronto, il tasso di produzione di energia nel metabolismo umano `e circa
10
4
erg/g/s. La ragione per cui gli esseri umani non sono altrettanto luminosi `e che
non sono altrettanto massicci.
Le sorgenti principali di energia in una stella sono di natura gravitazionale e nucleare
(e neutrinica anche se in condizioni ordinarie non `e utilizzabile ai nostri scopi). In
questo capitolo ci occuperemo soprattutto della sorgente gravitazionale rimandando
ai capitoli successivi quella nucleare e neutrinica.
16.1 Energia potenziale gravitazionale
Consideriamo una stella come inizialmente dispersa all innito. La contrazione
di una sfera di gas autogravitante da dimensioni innite ad una congurazione
qualunque di raggio R libera energia gravitazionale.
169
170 CAPITOLO 16. SORGENTI DI ENERGIA
Supponiamo di avere gi`a formato una sfera di raggio r contenente una quantit`a di gas
M(r). Aggiungiamo ora una certa quantit`a dM(r) sotto forma di una shell sferica
sottile di spessore dr portandola dall innito a r. La forza gravitazionale generata
dalla massa M(r) `e GM(r)dM(r)/r
2
. Il lavoro richiesto per portare dM(r) dall
innito ad r `e dato da
d = GM(r)dM(r)
_

r
dr

(r

)
2
= G
M(r)dM(r)
r
(16.3)
Pertanto il lavoro totale per portare l intera stella dall innito a r `e
= G
_
M
0
M(r)dM(r)
r
(16.4)
detta energia potenziale gravitazionale. Essa pu`o essere anche scritta come
= q
GM
2
R
(16.5)
dove
q =
_
1
0
M(r/R)/M
r/R
dM(r/R)
M
(16.6)
`e una quantit`a adimensionale che dipende dalla concentrazione in massa della stella.
Per tipiche distribuzioni di materia si trova q
3
5
ovvero

3
5
GM
2
R
(16.7)
Il segno di uguaglianza `e per una stella omogenea. Per stelle della sequenza princi-
pale q 1.5, mentre per un politropo di indice n
=
3
5 n
GM
2
R
(16.8)
Si noti che < 0 per una stella con raggio R nito e per i politropi anche per n < 5.
16.2. TEOREMA DEL VIRIALE: FORMULAZIONE GENERALE 171
16.2 Teorema del Viriale: Formulazione Generale
Abbiamo gi`a fatto conoscenza con il teorema del viriale in uno dei capitoli prece-
denti. Ora lo presenteremo nella forma pi` u generale, pi` u adatta ai nostri scopi.
Assumendo che la meccanica newtoniana sia applicabile, lequazione del moto di un
elemento di uido (gas) `e
r =
1

P+F (16.9)
dove il P `e il tensore pressione, termine
1

P `e la forza per unit`a di massa dovuta


al gradiente di pressione e F `e la forza totale agente sull unit`a di massa. Facciamo
ora il prodotto scalare con r ed integriamo sull intera massa M del uido (stella)
_
M
r rdM =
_
V
r ( P)dV +
_
M
r FdM (16.10)
con V volume totale. Esaminiamo prima il membro di sinistra. Abbiamo
r r =
1
2
d
2
dt
2
(r r) r
2
(16.11)
cosicch`e
_
M
r rdM =
1
2
d
2
dt
2
_
M
r
2
dM
_
M
r
2
dM =
1
2

I 2K
M
(16.12)
dove I `e il momento di inerzia e K
M
lenergia cinetica dei moti di massa (turbolenza,
rotazione, pulsazione... ).
Consideriamo il primo termine del membro di destra.
`
E facile vericare che
r ( P) = (r P)

i
P
ii
(16.13)
dove

i
P
ii
= TrP = 3P e P `e la pressione mediata su tutte le possibili orientazioni
di un elemento di supercie. Quindi il termine in questione diventa
_
V
r ( P)dV =
_
V
(r P)dV 3
_
V
PdV (16.14)
nella quale il secondo termine viene trasformato in un integrale di supercie mediante
il teorema della divergenza, pertanto la equazione (16.14) diventa
172 CAPITOLO 16. SORGENTI DI ENERGIA
_
V
r ( P)dV =
_
(r P
S
) dA3
_
V
PdV (16.15)
dove S denota la supercie del volume V , P
S
`e il valore di P alla supercie, e dA
`e l elemento di area orientata della supercie S. Se P
S
= P
S
I (I tensore unitario,
cio`e alla supercie gli stress si riducono alla pura pressione idrostatica P
S
) e se P
S
`e costante su S, abbiamo
_
(r P
S
) dA = 3P
S
V (16.16)
Inne, lultimo termine `e il viriale di Clausius semplicemente indicato con V irial.
La forma nale `e
1
2

I = 2K
M
+ 3
_
PdV 3P
S
V +V irial (16.17)
Per un sistema statico

I = 0. Per un sistema quasi statico

I ,= 0 (ad esempio una
stella pulsante). Inne, in tutte le applicazioni successive assumeremo P
S
= 0.
16.3 Teorema del Viriale: Casi Particolari
Nel caso che le forze agenti sul uido (diverse da quelle di pressione) siano le
forze gravitazionali
V irial =
_
r FdM = (16.18)
Se la pressione `e dovuta al trasferimento di momento da parte delle particelle del
sistema abbiamo allora
P =
2
3
u
kin
(16.19)
dove u
kin
`e l energia cinetica media del moto traslazionale per unit`a di volume. In
tal caso
1
2

I = 2K
M
+ 2U
kin
3P
S
V + (16.20)
dove U
kin
=
_
u
kin
dV . Atteso che P
S
= 0 essa diventa
16.4. ENERGIA INTERNA ED ENERGIA TOTALE 173
1
2

I = 2K
M
+ 2U
kin
+ (16.21)
La somma di K
M
e U
kin
d`a lenergia cinetica totale del sistema. Di solito il termine
K
M
`e nullo (salvo casi particolari come stelle pulsanti, venti stellari etc.. ) per cui
rimane solo U
kin
che `e lenergia interna di agitazione termica.
Come ultimo passo, supponiamo che valga una relazione generale fra pressione
ed densit`a di energia interna u (solo moto di agitazione termica delle particelle)
P = ( 1)u (16.22)
dove u e lenergia interna totale per unit`a di volume e e una funzione delle variabili
di stato del sistema. In generale non `e uguale a nessun rapporto di calori specici.
salvo che nel caso di gas perfetto monoatomico. Si ottiene la relazione generale
(sempre per P
S
= 0)
1
2

I = 2K
M
+ 3( 1)U + (16.23)
In questa ultima relazione se non `e costante ovunque, si intende che esso `e il valore
medio sullintera stella (o gran parte di questa) ( 1) = ( 1)).
16.4 Energia interna ed energia totale
Applichiamo ora il risultato ottenuto ad una stella in equilibrio idrostatico nella
quale i moti di massa sono trascurati (K
M
= 0). Si ha
3( 1)U + = 0 (16.24)
cosicch`e lenergia interna U `e legata all energia gravitazionale
U =
1
3( 1)
(16.25)
La energia totale del sistema E `e
E = U + =
3 4
3( 1)
(16.26)
174 CAPITOLO 16. SORGENTI DI ENERGIA
16.5 Contrazione gravitazionale
La contrazione gravitazionale `e una possibile sorgente di energia come originar-
iamente proposto da Helmholtz e Kelvin.
Si parte dalla
E =
3 4
3( 1)
=
3 4
3( 1)
q
GM
2
R
(16.27)
e la discussione `e limitata al caso di < 4/3. Da questa relazione si vede che E = 0
quando R = e che E < 0 quando R `e nito. La energia totale `e diminuita
durante il processo di contrazione. Questa perdita di energia `e apparsa sotto forma
di energia irradiata o luminosit`a

dE
dt
= L(R) =
3 4
3( 1)
q
GM
2
R
2
dR
dt
(16.28)
se q e non cambiano. Quindi il tempo necessario ad una stella per contrarsi
dallinnito a R `e
t
con
=
3 4
3( 1)
q GM
2
_

R
dR

R
2
L(R

)
(16.29)
Per L = cost si ottiene immediatamente il tempo scala t
K
gi`a introdotto in prece-
denza
t
K
= t
con
=
3 4
3( 1)
q
GM
2
LR
(16.30)
Nel caso di gamma = 5/3, tutta lenergia interna `e assunta essere sotto forma di
moto di agitazione termica, e d q = 1.5, valido per stelle della sequenza principale
si ha
t
K
= 2 10
7
M
2

anni (16.31)
dove L

, M

, R

sono in unit`a solari.


Un altra scala di tempo utile `e quella di contrazione gravitazionale denita da
t
grav
=
_
dlnR
dt
_
1
(16.32)
16.6. CONDIZIONI PER LA CONTRAZIONE GRAVITAZIONALE 175
che rappresenta il tempo richiesto anch`e una stella sotto leetto della propria
forza gravitazionale cambi il proprio raggio di una frazione confrontabile con il raggio
stesso. Si vede subito che
t
grav
=
3 4
3( 1)
q
GM
2
L(R)R
= t
K
(R) (16.33)
E importante notare che nelle stelle reali L(R) pu`o diminuire molto rapidamente
durante le prime fasi (si veda la fase di Hayashi), cosicch`e t
con
pu`o essere molto
maggiore di t
K
.
16.6 Condizioni per la contrazione gravitazionale
Per una stella in equilibrio idrostatico valgono le relazioni
U =
1
3( 1)
U =
1
3( 1)
(16.34)
E =
3 4
3( 1)
E =
3 4
3( 1)
(16.35)
Possono aversi tre casi a seconda del valore di :
(1) > 4/3. Dato che una stella irradia energia, se le sole sorgenti sono termica e
gravitazionale allora E < 0 da cui < 0. Ci`o implica una contrazione secolare
durante la quale la frazione 1/[3( 1)] della [[ va in energia interna e il resto `e
irradiato. Per = 5/3 si ha il noto risultato (1/2)[[.
(2) = 4/3. In questo caso E = 0 e E = 0 indipendentemente da e .
Una stella con = 4/3 passa da un raggio ad un altro senza variazioni di energia
totale. U = cosicch`e la energia gravitazionale rilasciata va tutta in energia
interna senza irraggiamento. Tuttavia una stella (ora senza sorgenti nucleari) che
abbia nel passato irradiato energia (quando era > 4/3), ha E < 0. Se ora per
qualche ragione scende a 4/3 allora la prima equazione di (**) non `e pi` u valida
e la stella non pu`o stare in equilibrio idrostatico. Essa deve essere nello stato di
collasso dinamico. Ci`o pu`o essere visto dal teorema del viriale
1
2

I = 3( 1)U + + 2K
M
(16.36)
Prendendo E = U + +K
M
e combinandola con la precedente si ottiene
176 CAPITOLO 16. SORGENTI DI ENERGIA
E =
3 4
3( 1)
+
3 5
3( 1)
K
M
+
1
3( 1)
1
2

I (16.37)
Se il primo termine del membro di destra cresce improvvisamente da un valore neg-
ativo dell ordine di a zero, la somma dei rimanenti termini deve diventare molto
negativa. Se inizialmente K
M
0 allora lultimo termine
1
3(1)
1
2

I deve diventare
molto negativo, cio`e deve instaurarsi il collasso dinamico per ridurre drasticamente
il momento di inerzia.
(3) < 4/3. In questo caso E > 0 se < 0, cio`e una contrazione comporta un
aumento della energia totale. Poich`e questo `e chiaramente impossibile, si interpreta
questo fatto per una stella senza sorgenti di energia nucleare (o esterne) come una
tendenza a rimanere dispersa all innito, cio`e espansione su tempo dinamico.
16.7 Energia gravitazionale locale
In questa sezione esaminiamo pi` u in dettaglio il rilascio locale di energia grav-
itazionale gi`a derivato in uno dei capitoli precedenti. Partiamo dalla prima legge
della termodinamica
dQ
dt
=
U
t
+P

t
(
1

) (16.38)
dove dQ/dt `e il tasso di guadagno di calore per unit`a di massa, U `e lenergia interna
per unit`a di massa e le derivate temporali sono fatte seguendo il moto dell elemento
di uido. L energia interna `e considerata come U = U(P, ) funzione di P e . La
relazione (**) diventa
dQ
dt
= P(
dU
dP
)

_
lnP
t

[P/ (U/)
P
]
P(U/P)

ln
t
_
(16.39)
Si riconosce che

1
=
[P/ (U/)
P
]
P(U/P)

(16.40)
e che
P(
dU
dP
)

=
C
V
T

T
(16.41)
16.7. ENERGIA GRAVITAZIONALE LOCALE 177
Finalmente


L(r)
M(r)
=
C
V
T

T
_

t
(ln
P

1
) + (ln)

1
t
_
(16.42)
che pu`o essere scritta come

N
+
grav


L(r)
M(r)
= 0 (16.43)
avendo posto

grav
=
C
V
T

T
_

t
(ln
P

1
) + (ln)

1
t
_
(16.44)
chiamata tasso locale di rilascio di energia gravitazionale.
Una espressione equivalente `e

grav
= C
V
T
_

t
(ln
T

3
1
) + (ln)

3
t
_
(16.45)
Nel caso che
N
=

= 0 allora L(r)/M(r) `e dominato da


grav
. Nel caso di un
gas perfetto semplice
T
= 1,
1
= ,
1
/t = 0 e U = C
V
T e si ottiene

grav
= U

t
(ln
P

) = U

t
(ln
T

1
) (16.46)
Inne si noti che

t
(ln
P

) = (3 4)
dlnR
dt
(16.47)
e quindi

grav
= (3 4)U
dlnR
dt
=
3 4
( 1)
kT
m
H
dlnR
dt
(16.48)
dove abbiamo usato le relazioni U = uV , P = (k/m
H
)T = ( 1)u con u la
energia interna per unit`a di volume, valide per un gas perfetto semplice.
178 CAPITOLO 16. SORGENTI DI ENERGIA
Capitolo 17
GENERAZIONE DI ENERGIA
NUCLEARE
Il principio alla base delle teorie di produzione energetica per reazioni nucleari `e la
conversione della materia in energia
E = c
2
M (17.1)
Lenergia di legame E
B
di un nucleo con Z protoni, A nucleoni (protoni e neutroni)
ed AZ neutroni `e denita come
E
B
=
_
M
p
Z + (AZ)M
n
M
N

c
2
(17.2)
dove M
p
, M
n
M
N
sono le masse del protone, del neutrone e del nucleo rispettiva-
mente. Essa rappresenta lenergia necessaria a separare le particelle di un nucleo
oppure lenergia disponibile quando le particelle vengono riunite a formare un nu-
cleo. La E
B
di un nucleo stabile `e sempre positiva in quanto la massa del nucleo
`e sempre minore della somma delle masse delle particelle costituenti. Si denisce
come energia di legame per nucleone la quantit`a f = E
B
/A, la quale risulta essere
di circa 7 MeV/nucleone.
Lenergia di legame per nucleone in funzione di A (Figura 17.1) ha un massimo
nella regione 40 < A < 80 detta anche regione del ferro. La diminuzione a destra
della regione del ferro `e dovuta alleetto della crescente repulsione coulombiana
fra protoni nei nuclei, mentre quella a sinistra `e dovuta ad un eetto di supercie.
Infatti i nucleoni sulla supercie di un nucleo sono meno legati di quelli interni,
e poich`e larea superciale per unit`a di volume cresce al decrescere di A questo
179
180 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Figure 17.1:. Energia di legame per nucleone
determina una forte diminuzione dell energia di legame per nucleone dalla parte dei
nuclei pi` u piccoli.
Consideriamo una generica reazione nucleare
a +X = Y +b (17.3)
dove X e Y sono i nuclei prima e dopo la reazione ed a e b sono le particelle incidenti
ed emesse, rispettivamente.
Le energie delle particelle interagenti sono usualmente riferite al sistema del bari-
centro mediante la velocit`a relativa v e la massa ridotta m delle due particelle
interagenti. Lenergia cinetica relativa e massa ridotta di a e X sono
E = v
2
m/2 m =
M
a
M
X
(M
a
+M
X
)
(17.4)
`
E facile vedere che alle temperature tipiche stellari (10
7
10
9
K) lenergia cinetica
media delle particelle (KT) `e fra 1 e 100KeV , quindi molto piccola rispetto alle
energie usualmente in gioco nelle reazioni nucleari in laboratorio (da alcuni MeV a
pochi Bev). Anch`e una reazione proceda spontaneamente ad energie cos` basse
deve essere esotermica cio`e deve produrre una certa quantit`a di energia Q > 0, la
quale `e ovviamente data da
17.1. VELOCIT
`
A DI UNA REAZIONE 181
Q =
_
M
a
+M
X
M
Y
M
b

c
2
. (17.5)
Essa `e comunemente detta Q-valore della reazione.
17.1 Velocit`a di una reazione
Noto il Q-valore di una reazione per calcolare la quantit`a complessiva di energia
emessa dalla reazione in esame `e necessario conoscere il numero di dette reazioni
per unit`a di volume e per unit`a di tempo.
A tale scopo si introduce il concetto di sezione durto di una reazione. Essa `e una
misura della probabilit`a che una data coppia di particelle possa dare luogo ad una
reazione nucleare.
Consideriamo la reazione a +X = Y +b ed immaginiamo i nuclei X bombardati da
un certo usso uniforme di particelle a, la sezione durto `e denita come
(cm
2
) =
numero di reazioni/nucleo X/unita di tempo
numero di particelle incidenti/cm
2
/unita di tempo
. (17.6)
Il nome di sezione durto deriva dallunit`a di misura e dal fatto che il numero di
reazioni per unit`a di tempo pu`o essere calcolato assumendo che ogni nucleo abbia
associata unarea tale che ogni volta che una particella a vi incide abbia luogo la
reazione. Quantunque tale schematizzazione non sia del tutto corretta sicamente,
essa fornisce un valido aiuto mnemonico.
Il numero di reazioni per unit`a di tempo indotte dal moto di agitazione termica
secondo lo schema a +X = Y +b `e dato da
r =
_

dN
1
(v
1
)dN
2
(v
2
)v(v) (17.7)
dove le particelle a e X sono indicate con i simboli 1 e 2, dN
1
(v
1
) e dN
2
(v
2
) denotano
le densit`a numeriche di particelle con velocit`a vettoriale v
1
e v
2
connate negli
elementi di volume dello spazio delle velocit`a, v `e la velocit`a relativa e (v) `e la
sezione durto della reazione, la quale in generale `e funzione della velocit`a relativa.
Poich`e i nuclei non degenerano se non a densit`a molto grandi ( > 10
14
g cm
3
)
possiamo assumere per le velocit`a delle particelle la legge di distribuzione di Maxwell
dN
i
(v
i
) = N
i
_
m
i
2kT
_3
2
exp(
m
i
v
2
i
2kT
)d
3
v
i
(17.8)
182 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
dove N
i
la densit`a numerica totale delle particelle di tipo i e m
i
la loro massa.
Introducendo la legge di Maxwell nella denizione di velocit`a di reazione si ottiene
r = N
1
N
2
(
m
1
2 kT
)
3/2
(
m
2
2 kT
)
3/2
_

m
1
v
2
1
m
2
v
2
2
2kT
v(v)d
3
v
1
d
3
v
2
. (17.9)
Trasformiamo le velocit`a in velocit`a relative v al moto del baricentro
v = v
1
v
2
(17.10)
(m
1
+m
2
)V = m
1
v
1
+m
2
v
2
(17.11)
Da queste si ottiene
v
1
= V+
m
2
m
1
+m
2
v (17.12)
v
2
= V
m
1
m
1
+m
2
v (17.13)
assieme alla massa ridotta
m =
m
1
m
2
m
1
+m
2
(17.14)
Inne teniamo conto che le velocit`a delle particelle sono distribuite isotropamente
nello spazio delle fasi. La velocit`a di reazione diventa
r = N
1
N
2
(
m
1
2 kT
)
3/2
(
m
2
2 kT
)
3/2
_

0
_

0
e

(m
1
+m
2
)V
2
2kT

mv
2
2kT
v(v)4V
2
dV 4v
2
dv
(17.15)
Eseguita lintegrazione sulle velocit`a del baricentro, essa si riduce a
r = 4 N
1
N
2
(
m
2 kT
)
3/2
_

0
e

mv
2
2kT
v(v)v
2
dv (17.16)
ovvero
r = N
1
N
2
< v > (17.17)
avendo posto
17.1. VELOCIT
`
A DI UNA REAZIONE 183
< v >= (2
1/2
)(kT)
3/2
_

0
e

E
kT
v(v)E
1/2
dE (17.18)
dove E `e lenergia cinetica del moto relativo. < v > `e la media sulla funzione di
Maxwell della quantit`a (v)v. Essa rappresenta la probabilit`a per unit`a di tempo
che due particelle connate in volume unitario subiscano la reazione nucleare in
esame.
Se le due particelle sono identiche, la velocit`a di reazione ottenuta in precedenza
deve essere lievemente modicata. Si ricordi il signicato sico di < v >; esso `e
la probabilit`a per unit`a di tempo che una coppia di particelle connate dentro un
volume unitario diano luogo alla reazione nucleare. Allora la probabilit`a che una
coppia interagisca dentro un volume V qualunque `e data da < v > /V . Ora il
numero totale di coppie distinte di particelle identiche in sistema di N particelle `e
N(N 1)/2. Pertanto il numero totale di reazioni per unit`a di tempo nel sistema
`e N(N 1) < v > /2V, cio`e
r =
1
V
2
N(N 1)
2
< v >=
N(N
1
V
)
2
< v >= (N
2
/2) < v > (17.19)
dove ora N `e la densit`a numerica di particelle ed `e stato trascurato il termine 1/V .
`
E utile introdurre il concetto di vita media di un nucleo rispetto ad una data reazione.
La vita media del nucleo X nei confronti di una data reazione con la particella a `e
t
X
=
1
N
a
< v >
=
1
N
0
(X
a
/A
a
) < v >
(17.20)
e viceversa la vita media per la particella a `e
t
a
=
1
N
X
< v >
=
1
N
0
(X
X
/A
X
) < v >
(17.21)
dove N
0
`e il numero di Avogadro, X
a
e X
X
sono le abbondanze in massa, A
a
e A
X
sono le masse atomiche e la densit`a del materiale. Se le particelle sono identiche
la vita media `e data da t = 1/(N < v >). La quantit`a di energia liberata per
grammo e per secondo `e
= N
2
0

X
a
A
a
X
X
A
X
< v > Q (17.22)
se le particelle sono diverse e
=
1
2
N
2
0
(
X
A
)
2
< v > Q (17.23)
se le particelle sono identiche.
La quantit`a cruciale che entra nel calcolo di `e pertanto < v >.
184 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.2 Sezione dUrto di una Reazione
17.2.1 Modello di Bohr
Una reazione nucleare a bassa energia pu`o essere descritta con il modello di Bohr
anche se questo `e una cruda schematizzazione del fenomeno. Nel modello di Bohr
una reazione nucleare a +X = Y +b `e pensata avvenire in due passi successivi:
1) creazione di un nucleo composto C

che `e sempre in uno stato eccitato in quanto


possiede lenergia cinetica e di legame della particella incidente;
2) la disintegrazione di C

nel particolare prodotto di reazione o canale di interesse.


Ovviamente ogni canale deve soddisfare alle leggi di conservazione di energia, mo-
mento angolare e parit`a. C

ha vari modi di decadimento: X+a (scattering elastico);


X

+ a dove X

`e in uno stato eccitato (scattering anelastico); Y + b (emissione di


particella); C + (cattura radiativa).
Il nucleo eccitato C

, pur avendo un tempo di vita breve, sopravvive per un tempo


abbastanza lungo rispetto ai tipici tempi nucleari, quali ad esempio il tempo di
attraversamento del nucleo da parte di un nucleone. Nel modello di Bohr i due rami
della reazione sono indipendenti fra di loro nel senso che il modo di decadimento di
C

dipende solo dalla sua energia, momento angolare e parit`a, ma non dal modo in
cui C

`e stato formato.
Anch`e questo modello sia valido devono essere vericate due condizioni:
1) il cammino libero medio di un nucleone nel nucleo deve essere piccolo rispetto al
raggio nucleare;
2) lenergia media per nucleone ricevuta dalla particella entrante deve essere piccola
rispetto all energia minima S richiesta per rimuovere un nucleone dal nucleo.
Queste condizioni pongono un limite al valore massimo di E a cui il modello di Bohr
pu`o essere usato. Se E

denota lenergia di eccitazione di C

ed E lenergia cinetica
relativa di a e X prima della collisione, si ha E

= E + S
a
, dove S
a
`e lenergia di
separazione di a (S
a
= S) da cui segue E

/A = (E + S
a
)/A << S (A numero di
nucleoni) ed inne E << (A 1)S. Poich`e S = 8 MeV ne segue che E < 50 MeV
per A > 10.
17.2.2 Risonanze
Uno dei fatti sperimentali pi` u importanti nel dominio delle basse energie `e la
presenza nella sezione durto di formazione del nucleo composito di picchi o risonanze
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 185
a certi valori dellenergia ai quali corrisponde una grande probabilit`a di formazione
di C

. Queste energie sono rappresentative dei livelli energetici quasi-stazionari in


cui il nucleo composto pu`o trovarsi.
Lesistenza di questi livelli pu`o essere compresa nellambito del modello a shell della
struttura di un nucleo. Senza entrare nei dettagli, ricordiamo brevemente che il
modello a shell suppone che linterazione di ogni nucleone con gli altri nucleoni nel
nucleo sia descrivibile da un potenziale a simmetria sferica di forma opportuna da de-
terminarsi a cui si aggiunge un termine non centrale generato dallaccoppiamento fra
momento angolare orbitale e spin del nucleone. Ciascun nucleone descrive allinterno
del nucleo unorbita caratterizzata dai numeri quantici di energia e momento ango-
lare con un numero massimo di nucleoni per orbita di due protoni e due neutroni in
accordo con il principio di Pauli.
Nonostante lapparente semplicit`a, il modello a shell ha permesso di interpretare
le propriet`a sperimentali dei nuclei, anche quelle pi` u complesse. Ovvio risultato
del modello a shell `e che ogni nucleo possiede una struttura di livelli energetici ed,
in analogia con quanto avviene per gli atomi, esistono livelli fondamentali e livelli
eccitati a cui `e associata una vita media t. A causa del principio di Heisenberg
questo implica una indeterminazione dellenergia del livello (detta larghezza) data
da
=
h
2
1
t
(17.24)
Per facilitare la discussione del fenomeno della risonanza e dellesistenza degli stati
quasi stazionari sono necessarie alcune assunzioni ulteriori circa la struttura del
nucleo:
1) Il nucleo ha una supercie sferica denita di raggio R, dove R `e il raggio di
interazione nucleare dato da
R = 1.4410
13
(A
1/3
a
+A
1/3
X
) cm (17.25)
2) La particella a, una volta penetrata nel nucleo si muove con unenergia cinetica
E
N
molto maggiore dellenergia cinetica E
X
del moto relativo rispetto ad X fuori del
nucleo E
N
= E
X
+E
M
, dove E
M
`e lenergia media per nucleone del moto allinterno
del nucleo. E
M
`e circa uguale a 20 MeV ;
3) La particella a `e soggetta a forti interazioni con gli altri nucleoni cos` da ripartire
rapidamente la sua energia con questi.
186 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Figure 17.2:. Potenziale nucleare e livelli energetici stazionari e quasi stazionari
Queste assunzioni equivalgono a dire che il potenziale cambia rapidamente a r =
R, e che per r < R esiste una profonda buca di potenziale. In Figura 17.2 `e
schematizzato il potenziale governante il moto relativo della particella a e il nucleo
X (entrambi supposti carichi): per r < R il potenziale `e fortemente attrattivo
dovuto allinterazione nucleare e per r 0 esso diventa relativamente piatto in
modo non ancora del tutto sicuro; per r > R le forze nucleari non agiscono pi` u e il
potenziale `e semplicemente la somma di quello coulombiano e di quello centrifugo
U
l
(r) =
l(l + 1)h
2
8
2
mr
2
+
Z
1
Z
2
e
2
r
(17.26)
dove m `e la massa ridotta ed l `e il numero quantico del momento angolare. I livelli
energetici associabili a tale potenziale sono indicati nella Figura 17.2.
Il nucleo composto C

viene sempre creato in uno stato eccitato in quanto la parti-


cella a cede al nucleo C

non solo la sua energia cinetica ma anche la sua energia di


legame S
a
.
Indicando con E
min
lenergia minima richiesta per rimuovere la particella a dal nu-
cleo C

e con E

lenergia di eccitazione. Ricordiamo che E


min
`e proprio lenergia di
un livello stazionario rispetto allo zero del potenziale complessivo. (si veda Fig.17.2)
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 187
Se E

< E
min
allora i livelli di C

saranno stazionari a parte la possibilit`a di un


decadimento radiativo. Per E

> E
min
i livelli energetici di C

strettamente par-
lando formerebbero un continuo in quanto esiste sempre la possibilit`a di emissione
della particella a con energia cinetica E

E
min
. Tuttavia a causa della brusca
variazione di potenziale alla supercie del nucleo la particella pu`o non essere emessa
anche per tempi molto lunghi. Questi stati sono detti quasi-stazionari. Il loro
tempo di vita `e minore di quelli con E

< E
min
semplicemente in quanto `e possibile
lemissione di una particella in aggiunta al decadimento radiativo. La larghezza degli
stati quasi-stazionari sar`a pertanto maggiore di quelli stazionari. Per energie su-
cientemente alte le vite medie diventano molto corte e poich`e i livelli energetici sono
vicini, gli stati quasi-stazionari adiacenti si sovrappongono formando un continuo.
Le risonanze possono avvenire quando lenergia cinetica della particella a allinnto
`e tale che lenergia totale coincide con quella di uno degli stati quasi-stazionari del
nucleo composto.
`
E noto che da un punto di vista classico lenergia E allinnito viene spesa a vincere
l energia potenziale U
l
(r) permettendo una distanza di massimo avvicinamento R
0
data da U(R
0
) = E. Nella meccanica quantistica esiste sempre una probabilit`a che
la particella possa penetrare la barriera di potenziale e raggiungere la regione delle
forze nucleari. Se lenergia E non coincide con quella di uno stato quasi-stazionario
(o non `e molto vicina a questa) la reazione sar`a detta non risonante. Essa sar`a detta
risonante in caso contrario.
Lo studio dei livelli energetici con le tecniche della meccanica quantistica mostra che
al livello con vita media t `e associato un prolo di energia
P(E) =
h
2 t
(E E
i
)
2
+ (
h
2 t
)
2
. (17.27)
Una volta formato, il nucleo composto C

pu`o decadere in vari canali ad ognuno


dei quali `e associata una vita media t
i
ed una larghezza
i
. La larghezza totale di
un livello `e data dalla somma delle larghezze relative ai diversi canali. Al crescere
dellenergia di eccitazione del nucleo, la larghezza del livello cresce in quanto au-
menta il numero dei canali di decadimento possibili.
`
E chiaro che uno spettro
discreto `e possibile ntantoche la larghezza dei livelli `e minore della distanza D fra
questi.
Il nucleo pu`o essere pensato ora come un sistema in cui i singoli nucleoni si muovono
su livelli energetici stazionari o quasi-stazionari. In analogia con il modello a shell
188 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
per il moto degli elettroni attorno al nucleo, possiamo aermare che il periodo del
moto orbitale dei nucleoni `e data da
P = h/D (17.28)
dove D `e la separazione media fra i livelli energetici.
Nel caso di un nucleo (composito) P pu`o essere interpretato come il tempo necessario
anch`e la particella a, entrata attraverso un dato canale, si presenti pronta ad uscire
attraverso lo stesso. A causa della brusca discontinuit`a nel potenziale, questo pu`o
avvenire solamente dopo un certo numero di tentativi.
Se una particella a lasciasse il nucleo dopo il tempo P, il tempo di vita dello stato
eccitato sarebbe dato dalla relazione
t
a
=
h
2
1

= P
h
D
(17.29)
ovvero

D
2
(17.30)
con la conseguenza che gli stati energetici quasi-stazionari non sarebbero discreti.
Da questo si deduce che la la condizione per lesistenza di stati quasi stazionari
discreti `e t
a
>> P.
Il numero di volte che una particella a `e rimandata indietro nel nucleo dalla riessione
alla superce di questo, prima di sfuggire denitivamente attraverso lo stesso canale
di entrata, `e dato dal rapporto
1
T
l
(a)
(17.31)
dove T
l
(a) detto fattore di trasmissione `e una misura della probabilit`a di pene-
trazione della particella a nel nucleo X attraverso quel particolare canale. Lindice
l ricorda il fatto che la particella a ha in generale un certo momento angolare
[l(l + 1)]
1/2
h/2 rispetto al nucleo X.
Pertanto possiamo scrivere la relazione
t
a
=
h
2
1

a
=
P
T
l
(a)

h
T
l
(a)D
(17.32)
Da questa si deduce lulteriore importante relazione
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 189

a
= T
l
(a)
D
2
(17.33)
che lega la larghezza per decadimento di C

attraverso un particolare canale al fattore


di trasmissione per la formazione di C

attraverso lo stesso canale.


Si pu`o dimostrare che il fattore di trasmissione pu`o essere riscritto come
T
l
(a) = (
4k
K
)P
l
(a) (17.34)
dove k e K sono i numeri donda associati alla particella fuori e dentro il nucleo e
P
l
(a) `e il fattore di penetrazione della barriera coulombiana. Esso `e 1 per neutroni
con l = 0 e molto piccolo ma positivo per particelle cariche e per valori di l maggiori
di zero. Questa relazione vale se lenergia E `e molto minore dellenergia media
allinterno del nucleo. Finalmente abbiamo

a
= (
4k
K
)P
l
(a)
D
2
(17.35)
di cui faremo uso per calcolare la sezione durto di una reazione dal punto di vista
teorico.
17.2.3 Sezione dUrto
La sezione durto (v) pu`o essere pensata come il prodotto di vari termini:
= (2l + 1) (

2
)
2
T
l
(a) y(E) S G(b) (17.36)
Il primo termine (2l + 1) (/2)
2
`e legato alla sezione durto geometrica. La
lunghezza donda `e legata allenergia cinetica relativa E della particella dalle
relazioni

2
=
1
k
=
h
2
(2mE)
1/2
(17.37)
dove k `e il numero donda e mla massa ridotta di a e X. Essa rappresenta la massima
sezione durto per particelle il cui parametro durto b `e compreso fra l( /2) e
(l + 1)( /2). Poich`e le forze nucleari sono a corto raggio dazione esse agiscono
sulla traiettoria della particella a solamente se il parametro durto `e minore del loro
raggio dazione R. Il che `e possibile solo per b = h /mv < R, ovvero per l = 0 (urto
centrale o approssimazione di onda S). In tale caso la sezione durto geometrica `e
190 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
=
h
2
8 mE
(17.38)
Essa rappresenta il fatto che in accordo con il principio di Heisenberg due particelle
non possono vedersi distintamente per distanze dell ordine di 1/k.
Il fattore `e un fattore statistico dellordine dellunit`a che tiene conto degli spin o
dei momenti angolari interni di a, X e C

.
Il terzo termine T
l
(a) `e il fattore di trasmissione non risonante cio`e la probabilit`a di
penetrazione di a in X in assenza di risonanze. Esso `e legato alla
a
per lemissione
di una particella a da C

attraverso la relazione T
l
(a) = (2/D)
a
.
Il termine y(E) `e un fattore adimensionale di correzione per la presenza di risonanze
ed `e proporzionale al prolo del livello. Si trova che
y(E) =
_
D
2
_

(E E
r
)
2
+ ( /2)
2
(17.39)
dove E
r
`e lenergia del livello di risonanza. In assenza di risonanze y(E) = 1, mentre
in presenza di una risonanza y(E) `e massimo attorno ad E
r
e trascurabile altrove.
Il termine S `e un fattore di simmetria uguale a 1 se le particelle sono diverse e uguale
a 2 se identiche e senza spin.
Lultimo termine G(b) `e il branching ratio e cio`e la probabilit`a relativa di decadi-
mento di C

nel canale di formazione della particella b. G(b) =


b
/.
Mettendo insieme i vari termini si ottiene la ben nota relazione di Breit-Wigner per
un livello singolo
= (2l + 1)
_

2
_
2
S

a

b
(E E
r
)
2
+ (

2
)
2
(17.40)
17.2.3.1 Sezione durto non risonante
Nella relazione di Breit-Wigner raggruppiamo in una costante tutti i termini che
non tendono a zero con lenergia; si ottiene
= cost
_

2
_
2

a
= costE
1/2
P
l
(E) (17.41)
La probabilit`a di penetrazione della barriera coulombiana rappresentata in Figura
17.2 per una particella a con momento angolare del moto relativo a X uguale a
[l(l + 1)]
1/2
(h/2) `e
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 191
Figure 17.3:. Andamento della funzione S(E) in intervalli di energia tipicamente
stellari
P
l
=
K
l
(R)
k
e
2

r
0
R
K
l
(r)dr
(17.42)
dove r
0
`e il raggio classico di massimo avvicinamento e
K
l
(r) =
_
(2 /h)
2
2mU
l
(r) k
2
(17.43)
U
l
(r) = V (r) +
l(l + 1)h
2
8
2
mr
2
(17.44)
V (r) =
Z
a
Z
X
e
2
r
(r R). (17.45)
A causa della piccola sezione durto di particelle cariche a bassa energia possiamo
adottare lapprossimazione di onda S(l = 0) e con facili passaggi algebrici arrivare
alla relazione per P
0
P
0
=
_
B
1/2
e
8e2
h

mZ
a
Z
X
R
2
_
E
1/2
e
2
(17.46)
192 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
dove R `e la larghezza della buca di potenziale, mentre B (altezza della barriera) e
sono date da
B = V (R) =
Z
a
Z
X
e
2
R
(17.47)
=
_
m
2
Z
a
Z
X
e
2
(
h
2
)
1
E
1/2
. (17.48)
Da questo segue che
(E) = costE
1
e
2
(17.49)
La costante pu`o essere calcolata teoricamente, tuttavia ci`o `e possibile solamente
in alcuni casi particolarmente semplici. Nelluso astrosico si procede in maniera
diversa introducendo una funzione S(E) denita da
(E) = (S/E)e
2
(17.50)
dove (E) `e la sezione durto sperimentale della reazione e S(E) `e determinata da
questa nellipotesi che sia una funzione debole di E. Il vantaggio oerto dallusare
questa funzione `e evidente pensando che a causa della barriera coulombiana le sezioni
durto fra particelle cariche diventano molto piccole al di sotto di circa 100 KeV .
Daltra parte le energie di interesse astrosico cadono proprio al di sotto di questo
valore ed `e necessario estrapolare il valore di S ottenuto dalla misura di (E) in do-
mini di energia accessibili in laboratorio (si veda lesempio di Figura 17.3). Se non ci
sono risonanze nel dominio astrosico la S(E) `e ragionevolmente corretta. Se invece
ci sono delle risonanze la funzione S(E) cos` ottenuta pu`o essere completamente
errata.
Prima di passare a discutere il caso risonante, ricaviamo la quantita < v > per il
caso non risonante. Sostituendo la (v) con la (E) ottenuta nellespressione per
< v > si ha
< v >=
_
2
m
2

1/2
1
(KT)
3/2
S
_

0
e
E/KTBE
1/2
dE (17.51)
dove S(E) `e assunta costante e B `e dato da
B =

2m
Z
a
Z
X
e
2
h/2
. (17.52)
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 193
Si osservi che nellintegrale si ha il prodotto di due esponenziali uno (exp E/kT)
rapidamente decrescente e laltro (exp BE
1/2
) rapidamente crescente con E per
cui il prodotto sar`a diverso da zero solamente in un piccolo intervallo di energia.
Questa regione di massimo nellintegrando `e detta nestra di Gamow (Figura 17.4).
Si pu`o facilmente vericare che il massimo `e localizzato al valore dellenergia
E
max
=
_
_
m
2
Z
a
Z
X
e
2
h
2
(kT)
_
2/3
(17.53)
e che per valori tipici della temperatura E
max
`e connato fra 5 e 100 KeV . E
max
rappresenta dunque il valore dellenergia a cui per data temperatura avvengono tutte
le reazioni termonucleari. Siccome la maggior parte delle particelle hanno energie
dellordine di (1/2)kT `e anche facile vedere che la nestra di Gamow cade nella coda
della distribuzione di Maxwell e che pertanto solo pochissime particelle avranno en-
ergie sucienti per reagire (Figura 17.5). Il calcolo dellintegrale non `e immediato,
tuttavia approssimando la nestra di Gamow con una opportuna gaussiana ed in-
troducendo la variabile ausiliaria
= 3
E
max
kT
(17.54)
si arriva a
< v >= 7.0210
19 1
Z
a
Z
X
A
S
2
e

cm
3
sec
1
(17.55)
dove A `e il numero di massa ridotta dei nuclei [A = A
a
A
X
/(A
a
+A
X
)]. In funzione
esplicita della temperatura si ha
< v >= cost
(
Z
a
Z
X
A
)
1/3
T
2/3
e
C(
Z
2
a
Z
2
X
A
T
)
1/3
(17.56)
con
C = 3
_

2
e
4
2N
0
(
h
2
)
2
k
_
1/3
(17.57)
e N
0
numero di Avogadro. A causa del termine (Z
2
a
Z
2
X
A)
1/3
si vede che reazioni
fra particelle cariche in cui una `e un protone sono di gran lunga molto pi` u probabili
di quelle in cui nessuna `e un protone. Inoltre la velocit`a di reazione diminuisce
rapidamente al crescere delle cariche dei nuclei coinvolti.
194 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Figure 17.4:. Dipendenza dall energia dei fattori dominanti della < v > non
risonante e posizione della nestra di Gamow
Figure 17.5:. Dipendenza dall energia dei fattori dominanti della < v > che
procede attraverso le ali di una larga risonanza
17.2. SEZIONE DURTO DI UNA REAZIONE 195
17.2.3.2 Sezione durto risonante
Se in vicinanza di E
max
esiste una risonanza allora la < v > `e determinata pi` u
da questultima che dal picco della nestra di Gamow.
`
E chiaro che se la risonanza
non cade proprio nelle immediate vicinanze di E
max
, attesa la piccola larghezza
della nestra di Gamow, essa inuisce molto poco sulla < v > come mostrato
dalla Figura 17.6. Pertanto la < v > pu`o essere approssimata a
< v > n(E
r
)v
r
_
(E)dE (17.58)
dove si valuta la distribuzione Maxwelliana delle velocit`a e le velocit`a stesse alla
energia E
r
. Introducendo la (E) valida per una risonanza (si considera il caso di
un solo livello), si ottiene
< v >= (
2
m
)
3/2
(
h
2
)
2
S

a
(E
r
)
b

1
(kT)
3/2
e
E
r
/kT
(17.59)
Figure 17.6:. Andamento schematico della
d<v>
dE
nel caso di una risonanza vicina
alla nestra di Gamow
196 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.3 Schermaggio elettronico
Nel valutare lenergia di interazione elettrostatica fra nuclei si `e implicitamente
supposto di trascurare ogni eetto da parte degli elettroni liberi. Tuttavia ad alte
densit`a i nuclei tendono ad attrarre gli elettroni vicini i quali, formando una nu-
vola di carica negativa attorno ai nuclei e schermano la carica di questultimi. La
diminuzione della carica eettiva nucleare abbassa la barriera coulombiana e facilit`a
loccorrere delle reazioni.
Il primo passo `e quello di considerare la polarizzazione che il nucleo di carica Ze pro-
duce nelle sue vicinanze. Gli elettroni di carica opposta sono attratti ed acquistano
una densit`a numerica n
e
lievemente maggiore nelle immediate vicinanze del nucleo
rispetto a quella media n
e
. Gli altri nuclei sono respinti acquistando una densit`a
numerica n
i
lievemente inferiore al valore medio n
i
.
Per un gas non degenere, la densit`a numerica di particelle con carica q viene modi-
cata in presenza di un potenziale secondo la relazione
n = ne

q
kT
(17.60)
Nella maggior parte dei casi [q[ << kT cosicch`e l esponenziale pu`o essere approssi-
mato a 1 q/kT. Si ottiene
n
i
= n
i
(1
Z
i
e
kT
) (17.61)
n
e
= n
i
(1 +
e
kT
) (17.62)
che mostrano la diminuzione ed aumento delle densit`a di nuclei ed elettroni, rispet-
tivamente.
Consideriamo gli n
i
di tutti i tipi di nuclei presenti nel gas. Possiamo allora scrivere
subito la densit`a di carica totale . Quando = 0 la densit`a di carica totale `e
ovviamente = 0 (gas neutro) , cio`e
=

i
(Z
i
e) n
i
e n
e
= 0 (17.63)
mentre per un potenziale non nullo si ha
=

(Z
i
e)
2

kT
n
i

e
2

kT
n
e
(17.64)
17.3. SCHERMAGGIO ELETTRONICO 197
dove si `e fatto uso dell approssimazione dell esponenziale. Questa relazione pu`o
essere riscritta nel modo seguente
=
e
2

kT
n (17.65)
con
n = n
e
+

n
i
(17.66)
e
=
1
n
_

i
Z
2
i
n
i
+ n
e
_
(17.67)
Se invece delle densit`a numeriche viene usata la frazione di massa X
i
= A
i
n
i
/n
(dove `e il peso molecolare medio) si ottiene
=

i
Z
i
(Z
i
+ 1)
A
i
X
i
= (17.68)
La densit`a di carica e potenziale sono legati dalla equazione di Poisson

2
= 4. (17.69)
Nel caso di simmetria sferica, l equazione di Poisson diventa
R
2
D
r
d
2
(r)
dr
2
= (17.70)
dove R
D
`e la lunghezza di Debye data da
R
D
=

kT
4 e
2
n
(17.71)
La soluzione della equazione di Poisson `e il potenziale
=
Ze
r
e
r/R
D
(17.72)
nella quale si vede che tende al potenziale normale di un punto di carica Ze al
tendere di r 0, mentre si ha una importante riduzione del potenziale normale a
198 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
distanze r R
D
. Possiamo ritenere che R
D
rappresenti il raggio della nuvola di
elettroni capace di schermare la carica del nucleo.
Per temperature 10
7
e densit`a 1 < < 10
2
g cm
3
, R
D
10
8
10
9
cm (si
ricordi che 1).
Per dare un idea delle dimensioni di R
D
`e utile confrontarlo con un altro raggio
caratteristico e cio`e il raggio di massimo avvicinamento R
0
di una particella in moto
con energia cinetica pari a quella tipica del picco di Gamow E
0
sotto leetto della
barriera coulombiana. Abbiamo trovato
R
0
=
Z
1
Z
2
e
2
E
0
(17.73)
Il rapporto fra i due raggi `e
R
D
R
0
200
E
0
Z
1
Z
2
_
T
7

_
1/2
(17.74)
dove E
0
`e in KeV e in g cm
3
. Per tipici valori di temperature, densit`a, Z
1
,
Z
2
ed E
0
il rapporto R
D
/R
0
50 100. Questo signica che per stelle normali,
R
D
>> R
0
cio`e la particella pu`o penetrare (anche classicamente) lintera nuvola
elettronica.
Tuttavia la diminuzione del potenziale coulombiano aumenta la probabilit`a di pene-
trazione della barriera. Questo avviene tramite il termine e
2
nel calcolo della P
0
,
esso infatti `e determinato dalla funzione E
C
E, dove E
C
`e lenergia di interazione
coulombiana (che ora `e ridotta). In prima approssimazione (espansione in serie dell
esponenziale)
E
C
E =
Z
1
Z
2
e
2
r
e
r/R
D
E =
Z
1
Z
2
e
2
r

Z
1
Z
2
e
2
R
D
E (17.75)
la quale mostra che otteniamo lo stesso risultato del caso senza schermaggio ma con
lenergia della particella aumentata

E = E +
Z
1
Z
2
e
2
R
D
= E +E
D
(17.76)
Allo scopo di vederne leetto, consideriamo il caso semplice non risonante e calcol-
iamo < v >: al posto di E mettiamo

E (nella relazione che segue f(v) compatta
tutti gli altri termini) e sostituiamo il termine con = (E/

E)
1/2
. Si ottiene
17.3. SCHERMAGGIO ELETTRONICO 199
(

E)vf(v) (

E
1
e
2
)E
1/2
(E
1/2
e
E/kT
) (1
E
D

E
)e
(E
D
/kT

E/kT2 )
(17.77)
Assumiamo ora E
D
/KT << 1 (schermaggio debole) e teniamo conto che alla sezione
durto mediata < v > contribuiscono solo le particelle in uno stretto intervallo di
E molto maggiore di kT (picco di Gamow). Ci`o permette di trascurare il termine
(1
E
D

E
) ed integrare su

E invece che su E. Si ottiene
< v >
s
=< v > e
E
D
kT
(17.78)
dove E
D
= Z
a
Z
X
e
2
/R
D
. La < v >
s
`e maggiore di quella in assenza di schermaggio
elettronico.
Per
E
D
KT
vale la espressione
E
D
kT
= 5.92 10
3
Z
1
Z
2
_

T
3
7
_
1/2
(17.79)
Nel caso di schermaggio forte (alte densit`a) la relazione `e molto pi` u complicata. Si
trova
E
D
kT
= 0.0205
_
(Z
1
+Z
2
)
5/3
Z
5/3
1
Z
5/3
2
_
(/
e
)
1/3
T
7
(17.80)
Da entrambe le relazioni si vede che lo schermaggio elettronico aumenta al crescere
e decrescere di T. Inoltre mentre esso `e di minore importanza nelle stelle normali, la
situazione cambia radicalmente in condizioni di alta densit`a e bassa temperatura (ad
esempio stelle della bassa sequenza principale e/o nuclei stellari molto compatti).
Inne una reazione con schermaggio elettronico viene di solito scritta in questo modo
f < v >= f
0
< v >
0
(

0
)

(
T
T
0
)

(17.81)
con opportune espressioni per e .
Quando lo schermaggio elettronico `e forte, le reazioni sono controllate dalla densit`a
piuttosto che dalla temperatura. In tali condizioni esse vengono chiamate reazioni
picno-nucleari. Tali reazioni giocano un ruolo importante nelle fasi avanzate dell
evoluzione stellare, dove un bruciamento nucleare pu`o essere stimolato dalla com-
pressione senza aumento della temperatura.
200 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.4 Principali Reazioni Termonucleari
Il numero di reazioni possibili dipende soprattutto dalla temperatura e dai nu-
clei presenti nel materiale stellare dando luogo ben presto ad un sistema di reazioni
estremamente complesso. Distinguiamo due gruppi principali di reazioni: quelle che
per labbondanza dei nuclei coinvolti e la grande sezione durto sono responsabili
della quantit`a di energia emessa; le altre che non contribuiscono in maniera signi-
cativa alla produzione di energia ma che sono importanti per la sintesi di elementi
vari.
17.4.1 Il Bruciamento dellIdrogeno
Il materiale inizialmente presente in una stella `e essenzialmente costituito da
idrogeno ed elio a cui si aggiungono tracce di elementi leggeri come D, Li, Be
e B se esso proviene dalla nucleosintesi primordiale oppure, in aggiunta a questi,
anche tracce di elementi pesanti (essenzialmente carbonio ed ossigeno) se esso ha
gia subito processi di nucleosintesi stellare. Nella fase di pre-sequenza principale, al
crescere graduale della temperatura per contrazione gravitazionale, gli elementi leg-
geri come D, Li, Be e B reagiscono con protoni e sono distrutti. Tuttavia poich`e le
abbondanze di questi elementi sono piccole, tali reazioni non sono in grado di fornire
suciente energia, lunico risultato essendo un rallentamento della contrazione ed
una trascurabile produzione di
3
He e
4
He.
`
E solo quando la temperatura `e salita
sopra un certo valore che pu`o avvenire la fusione di
1
H in
4
He. Ci sono due pos-
sibilit`a: (1) diretta ma non simultanea fusione di 4 protoni per formare un nucleo
di
4
He; (2) fusione indiretta di quattro protoni con nuclei pi` u pesanti ed eventuale
emissione di un nucleo di
4
He. Il primo va sotto il nome di catena Protone-Protone,
il secondo di ciclo CN o CNO.
17.4.1.1 Catena Protone-Protone
Quando la temperatura sale sopra 610
6
K diventa eciente la fusione di protoni
secondo lo schema
p +p
2
He
2
H +e
+
+ Q = 1.18 MeV (17.82)
Pur essendo
2
He instabile (
2
Hep+p) vi `e la possibilit`a che una frazione di
2
He si
trasformi in deuterio (stabile). Questo processo pu`o iniziare anche in una stella com-
posta di solo idrogeno. La sezione durto `e estremamente piccola e questa reazione
17.4. PRINCIPALI REAZIONI TERMONUCLEARI 201
non `e mai stata osservata in laboratorio. La sezione durto `e piccola in quanto, du-
rante il breve tempo di vita dellincontro fra i due protoni, deve avvenire un decadi-
mento beta. Ancora, a causa del principio di Pauli, i due protoni devono avere spin
anti-parallelo per formare un nucleo composto. Questo emette un positrone ed un
neutrino, tuttavia lo stato fondamentale del
2
H `e quello in cui il protone e neutrone
hanno spin parallelo. Pertanto `e anche necessario il cambiamento dello spin di uno
dei nucleoni. Questo fa s` che la sezione durto aspettata sia estremamente piccola
(circa 3.30.410
22
KeV/barns). I passi successivi sono
p +
2
H
3
He + Q = 5.49 MeV (17.83)
3
He +
3
He
4
He + 2p Q = 12.86 MeV (17.84)
Si noti che per ogni reazione (c) le reazioni (a) e (b) devono avvenire due volte.
La resa totale della catena `e di 26.2 MeV dove si tiene gi`a conto della perdita per
neutrini. Questo insieme di reazioni `e noto come catena PP1.
In presenza di quantit`a apprezzabili di
4
He sono possibili due altri gruppi di reazioni,
noti come PP2 e PP3, sottoindicati. Dora in poi adottiamo per le reazioni la
scrittura pi` u compatta X(a, b)Y .
Catena PP2 Q(MeV) Catena PP3 Q(MeV)
1
H(p,
+
, )
2
H 1.18
1
H(p,
+
, )
2
H 1.18
2
H(p, )
3
He 5.49
2
H(p, )
3
He 5.49
3
He(, )
7
Be 1.59
3
He(, )
7
Be 1.59
7
Be(

, )
7
Li 0.06
7
Be(p, )
8
B 0.13
7
Li(p, )
4
He 17.35
8
B
8
Be +e
+
+ 10.78
8
Be2
4
He 0.09
Q
T
= 25.67 Q
T
= 19.2
4% 29%
I tre gruppi di reazioni non sono ugualmente ecienti a tutte le temperature ed
abbondanze di
4
He. Innanzi tutto le catene PP2 e PP3 sono in pratica assenti per
piccole abbondanze di
4
He. In presenza di quantit`a signicative di
4
He la catena
PP1 domina a temperature minori di 10
7
K mentre la PP2 e PP3 diventano via via
importanti al crescere della temperatura. A temperature superiori a circa 2010
6
K la catena PP3 `e dominante.
202 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.4.1.2 Cicli CN e CNO
Se nel materiale stellare sono inizialmente presenti gli elementi C, N e O e se
la temperatura `e sucientemente elevata possono avvenire due cicli di reazioni noti
come CN e CNO che portano alla fusione indiretta di quattro
1
H in un nucleo di
4
He.
Gli isotopi di C, N e O partecipanti alle reazioni vengono continuamente distrutti
e creati dalle reazioni e svolgono pertanto il ruolo di catalizzatori. Lo schema del
ciclo CN `e il seguente
Ciclo CN Q (MeV )
12
C(p, )
13
N 1.94
13
N
13
C +e
+
+ 1.51
13
C(p, )
14
N 7.54
14
N(p, )
15
O 7.29
15
O
15
N +e
+
+ 1.76
15
N(p, )
12
C 4.96
La reazione
15
N +p ha una certa probabilit`a (1/2500) di dar luogo a
16
O+ invece
che
12
C +, questo apre unulteriore serie di reazioni
Ciclo CNO Q (MeV)
15
N(p, )
16
O 12.12
16
O(p, )
17
F 0.60
17
F
17
O +e
+
+ 2.22
17
O(p, )
14
N 1.19
17
O(p, )
18
F
18
F
18
O +e
+
+
18
O(p, )
15
N
18
O(p, )
19
F
19
F(p, )
16
O
Linsieme dei due gruppi di reazioni `e noto come ciclo CNO.
`
E chiaro che trattandosi
di un ciclo il gruppo, CN pu`o iniziare quando `e presente uno qualunque degli elementi
catalizzatori
12
C,
13
C,
14
N,
15
N avendo assunto come elemento iniziale
12
C solo
a titolo di esempio. Esso pu`o operare solo se le temperature sono dellordine di
1510
6
K. Il secondo gruppo di reazioni per essere attivo richiede temperature
ancora maggiori attorno a 2010
6
K.
`
E facile vericare che il risultato netto dei
sistemi di reazioni `e quello di trasformare quattro nuclei di
1
H in un nucleo di
4
He.
17.5. ENERGIA DEI CICLI CN-CNO E PP 203
17.5 Generazione di energia nel CN-CNO e PP
In generale le abbondanze in massa o in numero degli elementi che partecipano
ad un sistema di reazioni nucleari sono governate da equazioni del tipo
d
dt
(
N
i

) =

j
(
N
j

)
1
t
ij
(
N
i

k
1
t
ik
(17.85)
dove N
i
/ `e il numero di nuclei i per unit`a di massa, t
ij
sono le vite medie di nuclei
j in reazioni che li trasformano in nuclei i, mentre t
ik
sono le vite medie di nuclei
i in reazioni che li trasformano in nuclei k, inne le somme sono estese a tutti i
processi che creano e distruggono i nuclei i. Risolvendo il sistema in funzione del
tempo si ottengono le (N
i
/) e tramite queste il rilascio energetico da ogni reazione
del sistema. Le vite medie non sono tuttavia le stesse per tutte le reazioni e ci`o fa si
che per i nuclei, le cui vite medie sono le pi` u brevi fra tutte, possano essere raggiunte
delle condizioni di equilibrio in cui le abbondanze si mantengono costanti nel tempo
ed uguali a valori che sono caratteristici del sistema di reazioni e delle temperature
a cui sono avvenute. In virt` u di questo si giunge a relazioni globali per il rilascio
energetico. Per illustrare ci`o consideriamo il caso del ciclo CN che `e particolarmente
semplice fermo restando che una simile procedura pu`o essere applicata per quanto
complessa anche ad altri sistemi di reazioni.
17.5.1 Ciclo CN
La quantit`a di energia liberata per grammo e per secondo dallinsieme delle sei
reazioni del ciclo CN `e
=
1

i=1
N
i
Q
i
t
i
. (17.86)
Dallo studio del sistema di equazioni che governano le abbondanze dei singoli nuclei
si vede che dopo un tempo dellordine di alcuni milioni di anni per un gas con densit`a
= 10
2
g cm
3
e T = 25 3010
6
K, i nuclei ad esclusione di
1
H e
4
He hanno
raggiunto una condizione di equilibrio secolare in cui le N
i
sono statisticamente
costanti e proporzionali alla vita media N
i
= C t
i
. Ne segue che

i
N
i
= C

i
t
i
(17.87)
204 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
escludendo idrogeno ed elio dalla sommatoria. Ancora

i
N
i
Q
i
/t
i
= C

i
Q
i
=

N
i

i
t
i

i
Q
i
=

N
i
t

i
Q
i
(17.88)
dove

i
t
i
t

e t

`e la vita media pi` u lunga. Inne si ha


=
1

i
N
i
)(

i
Q
i
)/t

(17.89)
Si riconosce che la vita media pi` u lunga `e quella del
14
N nella
14
N(p, )
15
O e quindi
t

= t
14
. Ricordando che
1
t
14
= N
14
< 14, 1 >= N
0
X
1
< 14, 1 > (17.90)
dove < 14, 1 > sta per < v >
14,1
, N
0
`e il numero di Avogadro e X
1
labbondanza
in massa di protoni (idrogeno), si ottiene

CN
= N
2
0
X
1
(

i
X
i
A
i
)Q < 14, 1 > (17.91)
In questa relazione Q =

i
Q
i
e

i
X
i
/A
i
`e relativo agli elementi C ed N.
Inne, ricordando che la reazione
14
N(p, )
15
O `e di tipo non risonante, si pu`o dare
la seguente relazione per
CN

CN
= 7.9410
27
f
14,1
g
14,1
X
CN
X
1
T
2/3
6
e
152.313/T
1/3
6
(17.92)
in erg g
1
sec
1
, dove T
6
`e la temperatura in unit`a di 10
6
K, f
14,1
`e la correzione per
schermaggio elettronico e g
14,1
`e un fattore che tiene conto che il picco di Gamow
`e stato sostituito con una gaussiana. Entrambi possono essere espressi in funzione
della temperatura.
Tipiche espressioni per f
14,1
e g
14,1
sono
f
14,1
= 1 + 1.75
1/2
T
3/2
6
(schermaggio debole) (17.93)
g
14,1
= 1 + 0.00027T
1/3
6
0.0037T
2/3
6
0.0007T
6
(17.94)
17.5. ENERGIA DEI CICLI CN-CNO E PP 205
Dipendendo dall accuratezza con cui vengono calcolate < v > e le funzioni f e g,
sono possibili altre espressioni per
CN
tuttavia simili a quella data sopra. Questa
procedura pu`o essere estesa allintero ciclo CNO anche se in maniera molto pi` u
laboriosa.
Inne, `e interessante notare che il tasso di produzione di energia nucleare pu`o essere
scritto nella forma seguente
=

X
CN
X
1
f
14,1
g
14,1

0
_
T
T
0
_

(17.95)
dove , e
0
hanno T
0
hanno valori opportuni. Questa relazione, che ha laspetto di
una generica = (, , T), `e di particolare utilit`a nel calcolo delle strutture stellari.
Tipici valori di ,
0
(in cgs) e T
0
son riportanti nella tabella sottostante
T
0

0

1 10 3.35(-4) 22.9
1 20 5.51(+2) 18.0
1 30 4.11(+5) 15.6
Se la combustione dellidrogeno avviene attraverso il ciclo CN, il modo in cui le
abbondanze vanno allequilibrio dipende dalle sezioni durto di
12
C,
13
C,
14
N e
15
N. La sezione durto pi` u piccola `e quella di
14
N seguita da quella del
12
C,
13
C e
15
N. Ci si aspetta pertanto che il 95% dei nuclei sia sotto forma di
14
N. Partendo
da
12
C prima si raggiunge il rapporto di equilibrio fra
12
C e
13
C, poi fra
14
N e
15
N ed inne le due coppie andranno allequilibrio generale. Le abbondanze di
equilibrio non sono le stesse per ogni temperatura ma variano con questa. Ne segue
che guardando alle abbondanze di questi elementi nelle stelle (qualora i prodotti di
nucleosintesi siano esposti in supercie) si `e in grado di sapere quale meccanismo
di bruciamento `e stato operativo e a quale temperatura. In genere, in materiale
che non ha subito processi nucleari il carbonio `e dominante rispetto ad azoto ed
ossigeno, mentre in materiale processato CN il carbonio `e diminuito a favore di
azoto ed ossigeno, inne in materiale processato CNO il carbonio ed ossigeno sono
diminuiti a favore dellazoto. Le abbondanze di equilibrio di
12
C,
13
C,
14
N,
15
N
per una temperatura di circa 1510
6
K sono
12
C
13
C
= 4
14
N
15
N
= 2800
14
N +
15
N
12
C +
13
C
= 21 (17.96)
206 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.5.2 Catene PP
Il caso delle catene PP1, PP2 e PP3 `e molto piu complesso da descrivere. la
procedura parte dal riconoscere che lenergia prodotta per unita di massa dalla catena
i-esima `e data dal prodotto della Q
i
per il numero di nuclei di
4
He creati da questa
per unit`a di massa e di tempo.
Ricordando che < v > N
1
N
2
`e per denizione il numero di reazione per
unit`a di volume e di tempo `e immediato esprimere il tasso di produzione di energia
per i tre rami separatamente.
Per il ramo PP1 abbiamo

1
= (
1

)Q
1
(
N
2
3
2
) < 3, 3 > (17.97)
dove N
3
`e il numero di nuclei di
3
He. Il termine (N
2
3
/2) < 3, 3 > `e il numero di
reazioni
3
He(
3
He, 2p)
4
He per unit`a di volume e di tempo, che `e anche uguale al
tasso di creazione di nuclei di
4
He per unit`a di volume e di tempo.
Nelle catene PP2 e PP3 riconosciamo il fatto che, grazie alla condizione di equilibrio
secolare, la velocit`a di produzione di
4
He `e uguale alla velocit`a di una qualunque
delle reazioni coinvolte. Scegliendo le reazioni
7
Be(e

, )
7
Li e
7
Be(p, )
8
B come
rappresentative del tasso di produzione di
4
He nei rispettivi rami, abbiamo

2
= (
1

)Q
2
N
7
1
t
7,
(17.98)

3
= (
1

)Q
3
N
7
N
1
< 7, 1 > (17.99)
dove il signicato dei simboli `e ovvio. La produzione totale di energia `e data da

pp
=
1
+
2
+
3
(17.100)
ovvero

pp
=
1

_
Q
1
(N
2
3
/2) < 3, 3 > +Q
2
(N
7
/t
7,
) +Q
3
N
7
N
1
< 7, 1 >
_
(17.101)
Se avvenisse solo la PP1 avremmo (N
2
3
/2) < 3, 3 >= (1/2)(N
2
1
/2) < 1, 1 > (in
quanto per ogni reazione
1
H(p,
+
, )
2
H `e prodotto un solo nucleo di
3
He, mentre
17.5. ENERGIA DEI CICLI CN-CNO E PP 207
due nuclei di
3
He sono consumati nella reazione
3
He(
3
He, 2p)
4
He. In questo caso,
la produzione di energia sarebbe

1
= (
1

)Q
1
(
1
2
)(N
2
1
/2) < 1, 1 > (17.102)
Sommando le
i
parziali ed esprimendo la totale in funzione di

1
si ha
=

PP
(17.103)
dove
PP
`e denita da

PP
= (
1
N
2
1
< 1, 1 >
)
_
2N
2
3
< 3, 3 > +
Q
2
Q
1
4N
7
t
7,
+
Q
3
Q
1
4N
7
N
1
< 7, 1 >
_
(17.104)
Per calcolare
PP
bisogna determinare le abbondanze dei nuclei intermedi
3
He e
7
Be. Queste sono derivate dalla condizione di equilibrio secolare, cio`e dallimporre
d
dt
(
N
i

) =

j
(
N
j

)
1
t
ij
(
N
i

k
1
t
ik
= 0 (17.105)
per le abbondanze in questione.
Ponendo a zero il tasso netto di produzione di
3
He si deriva
_
N
2
1
2
_
< 1, 1 > 2
_
N
2
3
2
_
< 3, 3 > N
3
N
4
< 3, 4 >= 0 (17.106)
Similmente per
7
Be si ricava
N
3
N
4
< 3, 4 >
N
7
t
7,
N
7
N
1
< 7, 1 >= 0 (17.107)
Con laiuto di tre funzioni ausiliarie
=
< 3, 4 >
2
< 1, 1 >< 3, 3 >
(
N
4
N
1
)
2
(17.108)
w = N
1
< 7, 1 > t
7,
(17.109)
208 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
=
_
_
1 +
2

1
_
(17.110)
e laboriosa manipolazione algebrica si arriva a

PP
= 1 +
_
2Q
2
/Q
1
1 + (2Q
3
/Q
1
1)w
w + 1
_
. (17.111)
Il calcolo di , e w richiede la conoscenza di sezioni durto e vite medie e pertanto
esse dipendono dallaccuratezza con cui questultime sono derivate. Espressioni
largamente usate sono
= 5.4810
17
e
100/T
1/3
6
_
X
4
4X
1
_
2
(17.112)
w = 1.2210
16
f
7,1
g
7,1
(T
1/6
6
)
e
102/T
1/3
6
1 + 1/X
1
(17.113)
con ovvio signicato dei simboli. La funzione
PP
dipende dalla temperatura ed `e
massima intorno a circa 2010
6
K dove vale circa 1.5 2. Inne per

1
possiamo
dare

1
= 2.0610
6
f
1,1
g
1,1
X
2
1
e
33.81T
1/3
6
T
2/3
6
(17.114)
in ergs g
1
sec
1
.
Anche in questo caso le quantit`a f
1,1
e g
1,1
nel calcolo di

1
sono esprimibili in
funzione della temperatura. Tipiche espressioni sono
f
1,1
= 1 + 0.25
1/2
T
3/2
6
(schermaggio debole) (17.115)
g
1,1
= 1 + 0.0012T
1/3
6
+ 0.0078T
2/3
6
+ 0.0006T
6
(17.116)
Dipendendo dall accuratezza con cui vengono calcolate < v > e le funzioni f e g,
sono possibili altre espressioni per
PP
tuttavia simili a quella data sopra.
Anche in questo caso `e possibile esprimere il tasso di produzione di energia nella
forma

PP
=

X
2
1
f
1,1
g
1,1
(, w)
0
_
T
T
0
_

(17.117)
dove , e
0
hanno T
0
hanno valori opportuni di cui `e dato un esempio nella tabella
sottostante
17.5. ENERGIA DEI CICLI CN-CNO E PP 209
T
0

0

1 5 1.82(-3) 5.95
1 10 6.79(-2) 4.60
1 20 1.09(+0) 3.54
1 30 4.01(+0) 3.03
`
E interessante notare la dipendenza molto pi` u debole dalla temperatura del tasso
di produzione di energia nucleare da parte delle catene PP rispetto al ciclo CN.
Nella Figura 17.7 sono mostrati i rendimenti energetici del ciclo CNO e catene PP
in funzione della temperatura. Da questa si vede che per T < 1310
6
K dominano
le catene PP (e precisamente PP1) mentre a temperature superiori `e pi` u eciente il
CNO. Poich`e la temperatura centrale di una stella di sequenza principale cresce con
la massa, il bruciamento dellidrogeno nel centro passa da PP a CNO con il crescere
della massa. La transizione avviene attorno al tipo spettrale F o a masse fra 1.5 e
2 M

.
Figure 17.7:. Andamento dei tassi di produzione di energia nucleare attraverso la
catena PP e ciclo CNO in funzione della temperatura
210 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Figure 17.8:. Diagramma dei livelli energetici del nucleo di
12
C
17.6 Il Bruciamento dellElio
Convertito tutto lidrogeno in elio nelle regioni centrali di bruciamento, non
vi sono sorgenti nucleari immediatamente disponibili. Queste regioni si contrag-
gono gravitazionalmente aumentando lenergia interna e la temperatura no a val-
ori tali da innescare successive reazioni. Ricordando che a parit`a di temperatura
sono favorite le reazioni fra elementi leggeri, il naturale candidato `e
4
He. Poich`e
le reazioni a tre o quattro corpi, come 3
4
He=
12
C e 4
4
He=
16
O sono da esclud-
ersi attesa la piccolissima sezione durto, rimane la possibilit`a oerta dalla reazione
4
He +
4
He +99 KeV =
8
Be. La reazione `e endotermica e risonante attorno al livello
fondamentale del
8
Be. Tuttavia, il
8
Be `e instabile con una vita media di 10
16
sec
e decade nelle due particelle (nuclei di
4
He) di partenza. Tuttavia a temperature
superiori a 10
8
K `e possibile realizzare una condizione di equilibrio fra i nuclei di
8
Be prodotti e quelli che decadono in 2 . Pur essendo il tempo di vita del
8
Be
molto piccolo, esso `e lungo abbastanza anch`e una terza particella interagisca
con
8
Be secondo la
8
Be(, 2)
12
C. Si calcola che solamente un nucleo di
8
Be ogni
10
9
nuclei di
4
He subisca il processo. La reazione
8
Be + `e una reazione endoter-
mica (282 KeV ) e risonante attorno al secondo livello eccitato di 7.656 MeV di
12
C

17.6. IL BRUCIAMENTO DELLELIO 211


secondo lo schema indicato nella Figura 17.8. A sua volta il nucleo composto
12
C

ha tre modi di decadere: i) emissione di tre particelle , ii) emissione di due fotoni
attraverso il passaggio al livello intermedio di 4.43 MeV e poi al fondamentale, iii)
diretta transizione allo stato fondamentale con emissione di una coppia (e
+
, e

)
con momento angolare totale nullo. Il passaggio diretto al fondamentale per decadi-
mento radiativo non `e possibile in quanto i due stati hanno spin e parit`a uguali.
Lazione combinata della grande probabilit`a di decadimento del
12
C

in tre e del
suo lungo tempo di vita fa si che labbondanza di
12
C

in equilibrio con le particelle


sia piccola ma tuttavia suciente allo scopo. Lo schema completo delle reazioni `e
2
4
He + (996)KeV
8
Be
8
Be +
4
He + (2826)KeV
12
C

12
C


12
C + (2) + (7.656 0.008)MeV
Si ricordi che le prime due reazioni sono endotermiche per cui la energia totale
liberata per la formazione di un nucleo di
12
C `e Q = 7.656 0.099 0.282 =
7.275MeV . Lenergia liberata per nucleone nel processo 3
12
C `e 7.275/12 =
0.61 MeV/nucleone, circa 1/12 della corrispondente energia liberata dal processo
4
1
H=
4
He. Il tasso di energia liberata per unit`a di massa `e
= Q
d
dt
(
N
12

). (17.118)
dove d(N
12
)/dt `e il tasso di produzione di
12
C per unit`a di massa il quale dipende
dalle abbondanze di equilibrio di
8
Be e
12
C.

Tralasciando ogni dettaglio si arriva


alla seguente relazione

3
= 3.4610
11

2
X
3
4
f
3
T
3
8
e
43.2/T
8
(17.119)
in erg g
1
sec
1
, dove T
8
= T/10
8
e f
3
`e il fattore di schermaggio elettronico di
cui diamo una delle possibili formulazioni
f
3
= e
2.410
3

1/2
T
3/2
8
. (17.120)
La caratteristica importante della reazione 3
12
C `e la fortissima dipendenza dalla
temperatura. Infatti ponendo =
0

2
T

si ha = 3 +43/T
8
. Ne discende che in
212 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
condizioni di alta temperatura e densit`a un gas di
4
He gode di propriet`a esplosive
nel senso che un piccolo aumento di temperatura provoca una enorme produzione di
energia. Non appena si `e formata una certa quantit`a di
12
C sono possibili ulteriori
reazioni di cattura come
12
C +
4
He
16
O + Q = 7.162 MeV
16
O +
4
He
20
Ne + Q = 4.73 MeV
20
Ne +
4
He
24
Mg + Q = 9.31 MeV
Queste reazioni non sono particolarmente importanti dal punto di vista energetico.
Ad esempio lenergia per unit`a di massa liberata dalla prima `e circa 3/4 dellenergia
liberata dalla 3
12
C, ma hanno un ruolo fondamentale nel determinare la com-
posizione chimica del materiale che ha subito il bruciamento dellelio. Nel calcolo
delle moderne strutture stellari viene considerato linsieme completo delle reazioni
che accompagnano la 3. La
12
C(, )
16
O ha un ruolo particolarmente importante
in quanto determina le abbondanze relative di
12
C e
16
O anche grazie al fatto che
la sezione durto della
16
O(, )
20
Ne `e piccola. La
12
C(, )
16
O `e una reazione non
risonante, cio`e non ci sono livelli energetici vicini ad E
max
della nestra di Gamow,
ed `e supposta avvenire nella coda di un livello di
16
O che si trova sotto la energia
di massa di
12
C +
4
He. La larghezza di questo livello per decadimento radiativo `e
molto piccola (0.066MeV ), mentre `e incerta la larghezza per cattura . Questo si
riette nella sezione durto della reazione. Lusuale sezione durto `e tale che alla ne
del bruciamento dellelio si hanno abbondanze di
12
C e
16
O circa uguali. In tempi
recenti, nuove misure sperimentali della sezione durto hanno suggerito per questa
un valore da 3 a 5 volte maggiore della stima classica il che implica che labbondanza
nale di
12
C `e attesa essere nettamente inferiore a quella di
16
O. Le produzioni di
energia da parte delle
12
C(, )
16
O e
16
O(, )
20
Ne sono incerte. A titolo illus-
trativo riportiamo delle espressioni ampiamente usate nel calcolo della modellistica
stellare

12,4
= 2.6410
27
X
12
X
4
f
12,4
e
[30.05T
1/3
8
]
0.434
h(T)
erg g
1
s
1
(17.121)
con
h(T) = T
2
8
[0.002T
8
+ 0.2T
2/3
8
]
2
(17.122)
17.6. IL BRUCIAMENTO DELLELIO 213
= 0.06T
2/3
8
(1 + 0.07T
1/3
8
) (17.123)
f
12,4
= e
(0.0024
1/2
T
3/2
)
(17.124)

16,4
= 2.85 10
27
X
16
X
4
f
16,4
(T) (17.125)
in erg g
1
sec
1
, dove
(T) = 4.510
9
e
_

37.3

T
8
_
0.43
T
2/3
8
per 1 < T
8
< 2.1 (17.126)
(T) = 6.310
3
e
(
45.9
T
8
)
0.43
T
3/2
8
per 2.1 < T
8
< 8 (17.127)
(T) = 6.310
3
e

54.5
T
8
T
3/2
8
per8 < T
8
(17.128)
f
16,4
= e
(0.0032
1/2
T
3/2
8
)
(17.129)
Attualmente sono in uso altre relazioni molto pi` u accurate. Se il bruciamento
dellelio avviene in materiale che ha subito in precedenza il ciclo CNO allora i nuclei
di
14
N presenti possono dar luogo alla catena di reazioni
14
N(, )
18
F(e
+
, )
18
O(, )
22
Ne(, n)
25
Mg (17.130)
che viene completata se prima dellesaurimento dellelio sono raggiunte temperature
attorno a 210
8
K. Questa catena di reazioni, trascurabile dal punto di vista ener-
getico, `e una importante sorgente di neutroni. Poich`e i neutroni sono insensibili alle
barriere coulombiane essi tendono a fondersi con i nuclei circostanti i quali fungono
da semi per la costruzione di elementi pi` u pesanti. Altra sorgente di neutroni `e la
13
C(, n)
16
O, la quale `e attiva in presenza di
13
C lasciato da un precedente ciclo
CN. Se una sorgente di protoni `e disponibile fra i prodotti di successive catture
e se `e presente del
20
Ne, allora pu`o avvenire il ciclo Ne Na il quale, trascurabile
dal punto di vista energetico, ha il merito di trasformare una parte del
20
Ne in
21
Ne. Questo a sua volta da luogo alla
21
Ne(, n)
24
Mg che `e unulteriore sorgente
di neutroni.
214 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
17.7 Bruciamenti del C, Ne, O e Si
17.7.1 Carbonio
Dopo la trasformazione di
4
He in
12
C,
16
O e
20
Ne, la contrazione gravitazionale
pu`o dar luogo in opportune circostanze ad un ulteriore aumento della temperatura
e densit`a no al punto che questi nuclei reagiscono fra loro. A temperature di
6 710
8
K la prima reazione ad essere eciente `e la
Q (MeV)
12
C +
12
C
24
Mg + 13.930
23
Na +p 2.238
23
Mg +n -2.605
20
Ne +
4
He 4.616
16
0 + 2
4
He -0.114
dove la prima e la quarta reazione sono quelle pi` u probabili e pertanto i principali
prodotti del bruciamento del
12
C sono
20
Ne e
24
Mg. Laspetto importante di queste
reazioni `e che si generano ancora protoni e particelle . Le reazioni che esprimono
la generazione di energia per il bruciamento del carbonio sono alquanto complicate,
per cui ci limitiamo a dare una dipendenza approssimata dalla temperatura del tipo

12,12
= 2.610
40
X
2
12
f
12,12

12,12
erg g
1
sec
1
(17.131)
con
log
12,12
= 4.3 [36.55(1 + 0.1T
9
)
1/3
]T
1/3
9
(2/3)logT
9
(17.132)
Il fattore di schermo f
12,12
`e
f
12,12
=
e
U
0
kT
per
U
0
kT
< 1
3.510
2

1/3
T
1
8
per
U
0
kT
> 1
dove
U
0
KT
= 1.210
2

1/2
T
3/2
8
(17.133)
17.7. BRUCIAMENTI DEL C, NE, O E SI 215
17.7.2 Neon
A temperature lievemente superiori inizia il bruciamento del
20
Ne e per la prima
volta i processi di foto-dissociazione hanno un ruolo importante. Lo schema delle
reazioni `e il seguente
20
Ne +
16
O +
4
He Q = 4.730 MeV
20
Ne +
24
Mg +
24
Mg +
28
Si +
Il risultato della dissociazione e bruciamento del
20
Ne `e la conversione di questo in
16
O e
24
Mg e di questultimo in
28
Si.
17.7.3 Ossigeno
A temperature attorno a 1.510
9
K possono avvenire le reazioni di bruciamento
dellossigeno secondo lo schema
16
O +
16
O =
32
S + 16.539 MeV
31
P +p 7.676 MeV
31
S +n 1.459 MeV
28
Si +
4
He 9.593 MeV
24
Mg + 2
4
He 0.393 MeV
30
Si + 2p 0.424 MeV
seguite dalle
31
P +p
28
Si +
24
Mg +
28
Si +
28
Si +
32
S +
Di nuovo sono prodotti p e che catturati da isotopi esistenti e danno origine a
nuclei nellintervallo 25 < A < 32. Lenergia prodotta pu`o essere espressa da

16,16
= 210
40
X
2
16
f
16,16

16,16
erg g
1
sec
1
(17.134)
con
log(
16,16
) = 17.9 [59.02(1 + 0.14T
9
)
1/3
]T
1/3
9
(2/3)logT
9
. (17.135)
Il fattore di schermo f
16,16
`e circa il doppio di quello dato in precedenza per la
12
C +
12
C.
216 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Figure 17.9:. La sequenza dei bruciamenti nucleari e le fasi corrispondenti nel
diagramma H-R
17.7.4 Silicio
Dopo il bruciamento dellossigeno le caratteristiche dellevoluzione nucleare cam-
biano in maniera drastica. Da una parte la diretta fusione dei principali prodotti
del bruciamento dellossigeno `e estremamente improbabile a causa delle alte barriere
coulombiane, dallaltra le temperature sono cos` elevate che la foto-dissociazione dei
nuclei formati in precedenza diventa molto eciente. Inne i protoni, i neutroni e
particelle emesse dalla foto-dissociazione sono catturati rapidamente. Si stabilisce
una specie di quasi equilibrio in cui il
28
Si `e fuso in nuclei via via pi` u pesanti no
a quelli del gruppo del ferro. Questo avviene a temperature attorno a circa 510
9
K. Lo schema delle reazioni `e molto complesso e viene simbolicamente indicato con
28
Si +
28
Si
28
Si + 7
56
Ni
Quando abbastanza
28
Si `e stato consumato si raggiunge il regime di equilibrio nu-
cleare statistico in cui labbondanza del
56
Fe pu`o essere espressa tramite quella delle
particelle presenti. Inne levoluzione nucleare `e resa ancora pi` u complicata dalla
presenza delle catture elettroniche da parte dei nuclei presenti che porta al processo
17.7. BRUCIAMENTI DEL C, NE, O E SI 217
di neutronizzazione della materia. Per esempio nelle regioni di maggior temperatura
e parzialmente neutronizzate si hanno elementi come
48
Ca,
50
Ti,
54
Cr,
58
Fe e
60
Ni.
La composizione cambia gradualmente verso zone con elementi meno ricchi di neu-
troni come
56
Fe,
56
Ni e
54
Fe. Il bruciamento del
28
Si e formazione degli elementi
del gruppo del Fe `e il termine ultimo delle possibili reazioni eso-energetiche da cui
una stella pu`o trarre energia.
In conclusione sono possibili sei fasi di bruciamento nucleare esoenergetico (idrogeno,
elio, carbonio, neon, ossigeno e silicio), i quali avvengono a temperature e densit`a
via via crescenti. Si vedr`a che non tutte le stelle sono in grado di percorrere lintera
sequenza ed inoltre che le varie fasi nucleari corrispondono a stelle in zone diverse del
diagramma H-R. La corrispondenza fra fase nucleare e tipo di stella nel diagramma
H-R `e schematicamente indicata nella Figura 17.9.
218 CAPITOLO 17. ENERGIA NUCLEARE
Capitolo 18
EMISSIONE DI ENERGIA PER
NEUTRINI
Lesistenza del neutrino venne posta come ipotesi per spiegare il fenomeno del
decadimento-. Nel tipo pi` u semplice di decadimento si osserva che un atomo di
numero atomico Z e peso atomico A si trasforma in atomo di numero atomico Z+1
e peso atomico A e viene emesso un elettrone
N
Z,A
N
Z+1,A
+e

Questa reazione fu interpretata come dovuta alla trasformazione di un neutrone del


nucleo in un protone ed elettrone
n p +e

Tuttavia, si pu`o vedere facilmente, usando le leggi di conservazione della quantit`a di


moto e dell energia, che una reazione di questo tipo lenergia delle particelle `e per-
fettamente determinata, mentre si trova sperimentalmente che lo spettro energetico
degli elettroni `e continuo con un andamento come in Fig.18.1. Inoltre la reazione di
cui sopra non conserva lo spin (p, n ed e

hanno spin 1/2 e la somma deve essere


0 o 1 ma mai 1/2), inne si ha una conferma sperimentale che la quantit`a di moto
non `e conservata. Per ripristinare le leggi di conservazione dellenergia, quantit`a
di moto e spin si dovette ipotizzare lesistenza di una terza particella che doveva
avere carica nulla (conservazione della carica), spin semintero e massa piccolissima
possibilmente nulla come si pu`o dedurre dallo spettro energetico del e

e dalla cin-
ematica della reazione. Questa particella fu chiamata neutrino, e la sua esistenza
pu`o essere rivelata da opportune esperienze.
219
220 CAPITOLO 18. NEUTRINI
Figure 18.1:. Distribuzione dell energie degli elettroni nel decadimento
18.1 Teoria dellinterazione debole: cenni
In natura sono note quattro tipi di interazioni: elettromagnetica, debole, forte
e gravitazionale, ognuna delle quali `e descrivibile da un opportuno Hamiltoniano di
interazione ed ha una intensit`a caratteristica espressa da una costante di accoppia-
mento adimensionale che viene costruita per mezzo di costanti fondamentali a partire
da una grandezza che interviene in modo essenziale nella descrizione del processo.
Ad esempio la carica nella interazione elettromagnetica, la massa nellinterazione
gravitazionale etc.
`
E evidente che linterazione gravitazionale `e la pi` u debole di tutte e pertanto nello
studio delle interazioni fra particelle elementari pu`o essere ignorata.
Nel 1928 Dirac enunci`o un concetto chiave derivato dalla sintesi da lui proposta fra
relativit`a e meccanica quantistica: tutte le particelle devono esistere in coppia, cio`e
ad ogni particella deve corrispondere una antiparticella di uguale massa, vita media
e spin, ma con carica opposta. Lesistenza delle antiparticelle `e stata ampiamente
confermata dallesperienza: ogni particella ha la sua antiparticella (in alcuni casi
esse coincidono). Quando particella ed antiparticella entrano in collisione, esse si
annichilano e vengono emessi fotoni. In opportune circostanze i fotoni possono
materializzarsi in una coppia particella - antiparticella.
18.1. TEORIA DELLINTERAZIONE DEBOLE: CENNI 221
Tabella 18.1. Interazioni fondamentali e relativa costante di accoppiamento.
Interazione Costante adimensionale
Elettromagnetica 10
2
Debole 10
23
Forte 10
Gravitazionale 10
45
Tabella 18.2. Famiglie di particelle ed antiparticelle.
Gruppo Particella Antiparticella Massa (MeV) Spin
Fotoni 0 1
Leptoni
e

e
0 1/2

0 1/2
e

e
+
0.5 1/2


+
105 1/2
Mesoni


+
139 0

0
135 0
Barioni p p 938 1/2
n n 939 1/2
222 CAPITOLO 18. NEUTRINI
In base alla massa, tipo di interazione e spin, le particelle possono essere raggruppate
in quattro gruppi: fotoni, leptoni, mesoni, barioni.
Non tutte le particelle risentono di tutte le quattro interazioni. In generale si pu`o
dire che tutte risentono della interazione gravitazionale, che tutte le particelle cariche
sono soggette alla interazione elettromagnetica e che solo barioni e mesoni risentono
della interazione forte. In particolare i neutrini sentono solo le interazioni deboli.
`
E
per questo che interagiscono poco con la materia e sono dicili da rivelare. Inoltre
avendo massa nulla si muovono alla velocit`a della luce.
Nella tabella sono indicati due tipi di neutrini:
e
(neutrino dellelettrone) e

(neutrino del muone). Si trova infatti sperimentalmente che i neutrini coinvolti


nelle interazioni deboli dei muoni (di cui parleremo in seguito) sono diversi da quelli
coinvolti nelle interazioni deboli degli elettroni.
Una reazione fra particelle elementari `e possibile solo se sono conservati energia,
quantit`a di moto, carica elettrica e momento angolare. Tuttavia si trova sperimen-
talmente che certe reazioni attese perch`e non violano le leggi di cui sopra, in realt`a
non avvengono. A tale scopo sono state introdotte altre leggi di conservazione, e
cio`e la conservazione del numero barionico e del numero leptonico, cio`e il numero
delle particelle meno il numero delle antiparticelle deve restare costante; inoltre si
trova che la parit`a `e conservata nelle interazioni forti ma non in quelle deboli.
Possiamo attribuire ai barioni una carica barionica (+1) ed agli anti-barioni una
carica barionica (-1) e dire che la carica barionica deve conservarsi. Analogamente
per i leptoni.
Applichiamo tali concetti al decadimento : il neutrone che decade ha numero
barionico +1 e numero leptonico 0; in seguito al decadimento vengono prodotti un
barione (protone) e due leptoni (elettrone e neutrino), per cui il numero barionico
`e conservato e lo `e anche il numero leptonico se consideriamo lelettrone come la
particella nella coppia elettrone-positrone e supponiamo che il neutrino emesso sia
lantineutrino. La reazione si scrive
n p +e

+
e
(18.1)
Accanto a questo tipo di decadimento (detto -meno) se ne hanno altri
p n +e
+
+
e

+
(18.2)
p +e

n +
e
cattura K (18.3)
18.1. TEORIA DELLINTERAZIONE DEBOLE: CENNI 223
Mentre il decadimento n p +e

+
e
pu`o avvenire anche in un neutrone libero, il
decadimento p n + e
+
+
e
pu`o avvenire solo allinterno del nucleo in quanto la
massa del protone `e minore della massa del neutrone e quindi `e necessario che il pro-
tone interagisca con il campo coulombiano del nucleo per assicurare la conservazione
dellenergia.
Osserviamo che `e possibile passare da un tipo all altro di decadimento portando
una particella da un membro all altro della reazione e scambiandola con la sua
antiparticella. Con lo stesso metodo sono possibili anche le reazioni
n +
e
p +e

p +e

n +
e
(18.4)
n +e
+
p +
e
p +
e
n +e
+
(18.5)
che avvengono eettivamente in natura.
Dai dati sperimentali si deduce che il decadimento- `e una interazione debole e
che esiste unaltra particella il muone che si comporta nelle sue interazioni come
lelettrone. Ad esempio
p +e

n +
e
equivale a p +

n +

(18.6)
Unaltra caratteristica del muone `e il suo decadimento (interazione debole come il
decadimento-)

+
e
(18.7)
Vediamo dunque che le particelle che intervengono nelle interazioni deboli sono il
protone, il neutrone, lelettrone, il muone, il neutrino dellelettrone, ed il neutrino
del muone.
La caratteristica fondamentale delle interazioni deboli `e la non conser-
vazione della parit`a.
Che cosa si intende con questa aermazione? In analogia allesistenza della invar-
ianza per traslazione, il risultato di un esperimento non dipende dal luogo dove
esso viene compiuto, o all invarianza per rotazione, la rotazione dellapparato
sperimentale non varia il risultato, o inne linvarianza per traslazione tempo-
rale, il risultato di un esperimento non dipende dal momento in cui viene eseguito,
ci attendiamo che valga l invarianza speculare, limmagine speculare di un es-
perimento dovrebbe essere un esperimento realizzabile.
224 CAPITOLO 18. NEUTRINI
Linvarianza speculare `e dimostrata valere per le interazioni forti ed elettromag-
netiche, ma non in quelle deboli (violazione della parit`a). Classico `e l esperi-
mento di Wu et al (1967) nel quale `e stata misurata lasimmetria dellemissione di
elettroni da parte di nuclei polarizzati di Co
60
Co
60
Ni
60
+e

+
e
(18.8)
allinterno di un solenoide percorso da corrente.
Nel 1934 Fermi propose una teoria sul decadimento- che oggi `e nota come teoria
dellinterazione universale di Fermi. Si cominci col notare che tutte le reazioni
deboli presentate coinvolgono quattro fermioni, che sono compresi sempre in due
tra le seguenti coppie:
( n; p) ( p; n)
( e;
e
) (
e
; e)
( ;

) (

; )
Facciamo ora la convenzione che ciascuna coppia rappresenti una coppia di operatori,
capaci di creare la particella o di distruggere la sua antiparticella. Ad esempio la
coppia ( n; p) `e intesa come il prodotto di due operatori che possono rappresentare i
seguenti processi:
1) creazione di un antineutrone e di un protone
2) distruzione di un neutrone e creazione di un protone
3) distruzione di un neutrone e di un antiprotone
4) creazione di un antineutrone e distruzione di un antiprotone.
La creazione di una particella o la distruzione della sua antiparticella sono rapp-
resentate dallo stesso operatore. Le interazioni devono coinvolgere operatori che
creano e distruggono fermioni, ma in combinazioni tali da conservare il numero
di leptoni e di barioni. Questa restrizione `e garantita dalle coppie di operatori in
quanto in esse i fenomeni sono raggruppati solo in coppie nucleone-antinucleone e
leptone-antileptone.
Nella teoria di Feynmann-Gellmann lhamiltoniano di interazione responsabile delle
interazioni deboli viene scritto
H
int
= gJ
+
J (18.9)
dove g `e la costante di accoppiamento universale che misura lintensit`a della inter-
azione debole e dove J
+
e J sono degli operatori che date le convenzioni di cui sopra
sono dati da
18.2. PROCESSI NEUTRINICI: TERMINI MISTI DI H
INT
225
J = ( n; p) + ( e;
e
) + ( ;

) (18.10)
J
+
= ( p; n) + (
e
; e) + (

; ) (18.11)
Ciascuna coppia di operatori ha lo stesso peso (coeciente di proporzionalit`a nella
somma posto uguale ad uno) e stessa costante di interazione. Da ci`o viene il nome
di teoria universale delle interazioni deboli. Nella espressione per H
int
la reazione
fra quattro fermioni che partecipano allinterazione debole `e descritta dal prodotto
di una qualunque coppia di operatori che compaiono in J con una qualunque coppia
di J
+
.
Di tutte le possibili combinazioni che possono derivare dal prodotto J
+
J, soltanto i
termini misti sono stati studiati in laboratorio trovando che hanno la stessa costante
di accoppiamento. I termini quadratici sono dicili da sperimentare in quanto
linterazione debole `e mascherata da quella forte e/o elettromagnetica, oppure la
sezione durto del processo `e molto piccola.
Una conferma dellesistenza dei termini quadratici e dellipotesi fatta su H
int
viene
dallevoluzione stellare in quanto se tali reazioni esistono possono produrre una
notevole emissione di neutrini dalle stelle con conseguente perdita di energia e mod-
iche sulla struttura ed evoluzione delle stelle.
18.2 Processi neutrinici: termini misti di H
int
Consideriamo per ora i processi che sono generati dai termini misti dell hamil-
toniano di interazione:
(a) Interazioni ( n; p)(
e
; e) e ( p; n)( e;
e
)
Questi prodotti rappresentano i processi di decadimento-
n p +
e
+e

p n +
e
+e
+
(18.12)
+n p +e

e
+
+n p +
e
(18.13)
assieme ai processi che si possono ottenere scambiando ciascuna particella con la
propria antiparticella e/o rovesciando la freccia.
Poich`e alcune di queste reazioni avvengono allinterno dei nuclei, `e importante os-
servare che mentre in laboratorio i nuclei si trovano nel loro stato fondamentale,
nellinterno delle stelle (a causa dellaltissima temperatura) essi possono trovarsi in
226 CAPITOLO 18. NEUTRINI
stati eccitati e poich`e la costante di decadimento, cio`e la probabilit`a che un nucleo
decada nell unit`a di tempo pu`o essere maggiore per un nucleo eccitato rispetto
a quello nello stato fondamentale, `e ovvio che la costante del decadimento- nelle
stelle dipenda molto dalla temperatura.
Un altro fenomeno che nelle stelle avviene in maniera diversa che in laboratorio `e
la cattura-K: nelle stelle gli atomi sono totalmente (quasi tutti) ionizzati e i nuclei
catturano elettroni liberi, pertanto la reazione dipende dalla densit`a elettronica. In
laboratorio i nuclei non sono ionizzati e catturano elettroni nellorbita K pi` u interna.
Un ciclo di decadimento molto importante `e il cosiddetto processo URCA di Gamow
e Schonberg. Questo `e basato su transizioni tra livelli di due isobari di energie quasi
uguali per cattura e successiva emissione di elettroni:
e

+ (Z, A) (Z 1, A) +
e
cattura K (18.14)
seguito da, se il nucleo (Z-1,A) `e radioattivo, dalla
(Z 1, A) (Z, A) +e

+
e
(18.15)
Il ciclo non varia la composizione della stella ma produce una coppia , con
conseguente liberazione di energia; inoltre la velocit`a della prima reazione cresce
notevolmente con la temperatura, mentre la seconda dipende poco da questultima.
Pertanto il numero di processi URCA raggiunge un valore massimo al crescere di T.
Tipico esempio di processo URCA `e
35
Cl +e


35
S +
e
Q = 0.17 Mev
35
S
35
Cl +e

+
e
Q = +0.17 Mev.
Atteso che il neutrino ha un cammino libero medio molto maggiore dei tipici raggi
stellari, le coppie emesse sfuggono alla stella e sottraggono notevoli quantit`a di
energia.
I processi URCA sono importanti solo in condizioni di alta densit`a e temperatura.
(b) Interazioni: (

; )(
e
; e) e ( e;
e
)( ;

)
Lesempio pi` u classico `e il decadimento del muone.
(c) Interazioni: (

; )( p; n) e ( n; p)(

; )
di cui il processo pi` u noto `e la cattura di un muone negativo da parte di un atomo
di idrogeno
18.3. PROCESSI NEUTRINICI: TERMINI QUADRATICI DI H
INT
227

+p n +

(18.16)
che avviene in quanto

orbita attorno al protone in unorbita di raggio 10


11
cm.
Ci`o in stretta analogia con il caso dellelettrone nellatomo di H. Tuttavia a causa
della maggior massa del muone il raggio dellorbita sar`a pi` u piccolo. Le interazioni
di tipo (b) e (c) non hanno interesse astrosico in quanto anche a temperature
maggiori di 10
9
K non vi `e energia suciente per produrre muoni.
18.3 Processi neutrinici: termini quadratici di H
int
Passiamo ora ad esaminare i termini quadratici di H
int
che descrivono le reazioni
costituenti le maggior sorgenti di neutrini in astrosica.
(d) Interazioni : ( n; p)( p; n)
Essa descrive la reazione
n +p n +p (18.17)
cio`e lo scattering, dovuto allinterazione debole, di un protone da parte di un neu-
trone. Questa reazione `e mascherata da quella analoga che avviene tramite le inter-
azioni forti, con una probabilit`a 10
20
maggiore. Poich`e la corrispondente interazione
debole non conserva la parit`a, ci si aspetterebbe una asimmetria nella sezione durto
di scattering n p dovuta alla componente debole. Dicile da vericare sperimen-
talmente.
(e) Interazioni: ( ;

)(

; )
Tale reazione non ha interesse in evoluzione stellare in quanto i muoni hanno una
vita media dellordine di 10
6
s. Non `e inoltre facilmente vericabile dal punto di
vista sperimentale.
(f ) Interazioni: ( e;
e
)(
e
; e)
Essa descrive lo scattering debole di neutrini da parte di elettroni
e

+
e
e

+
e
(18.18)
La sezione durto di questo processo `e piccolissima (dellordine di 10
44
cm
2
) e quindi
praticamente impossibile da vericare in laboratorio. Tuttavia questa reazione `e
228 CAPITOLO 18. NEUTRINI
molto importante in quanto, se esiste, sono possibili allora certe reazioni che derivano
da essa e che costituiscono la maggior sorgente di neutrini nelle stelle.
Si osservi che essa non `e un processo nucleare come il decadimento- ma una in-
terazione fra neutrini ed elettroni. Sappiamo che in elettrodinamica quantistica i
fotoni sono il mezzo attraverso il quale si trasmettono le interazioni elettromag-
netiche. Essi sono considerati come coppie virtuali di elettroni e positroni. Questo
non viola le leggi di conservazione in quanto in base al Principio di Indetermi-
nazione possiamo attribuire al fotone energia tanto pi` u grande quanto pi` u piccolo
`e lintervallo di tempo considerato. Poiche le interazioni con particelle virtuali sono
le stesse di quelle con particelle libere, la reazione (18.17) se esiste collega i neutrini
con i costituenti principali del gas stellare e cio`e elettroni e fotoni
e
+
fotone fotone
e

Esaminiamo ora le reazioni pi` u importanti che derivano dalla (18.18)


Foto-neutrini. Il processo `e schematizzato da
+e

+
e
+
e
(18.19)
ovvero
e

+ +e

+
e
+
e
detta foto-produzione di neutrini e rappresentata dai diagrammi di Feynmann
di Figura 18.2.
Essa `e analoga allo scattering Compton (ramo superiore), con la dierenza che il
fotone uscente `e sostituito da una coppia di neutrini. In una piccola frazione di
eventi Compton si ha lattivazione del secondo ramo con produzione di una coppia
(
e
,
e
).
La sezione durto di produzione di e 10
15
volte pi` u piccola di quella Compton.
Si tenga tuttavia presente che i neutrini prodotti subito sfuggono dalla stella (in
condizioni ordinarie).
Il numero di coppie di neutrini per unit`a di tempo e volume dipende dalle densit`a
N
e
di elettroni, dalla densit`a di fotoni e dalla sezione durto
18.3. PROCESSI NEUTRINICI: TERMINI QUADRATICI DI H
INT
229
Figure 18.2:. Diagramma di Feynmann
dn

dt
= N
e
u

v) (18.20)
dove v) `e il valore medio del prodotto della sezione durto e velocit`a relativa fra
fotone ed elettrone, la media essendo fatta rispetto alla distribuzione di velocit`a
delle particelle.
Lenergia si ottiene moltiplicando la (18.20) per lenergia media di una reazione. Il
calcolo dipende dalle condizioni siche del gas di elettroni.
Nellipotesi di elettroni non degeneri e non relativistici lenergia prodotta per unit`a
di massa `e data da

f
= 10
7.7
(
T
10
9
)
8
erg g
1
s
1
(18.21)
La grande dipendenza dalla temperatura `e dovuta al fatto che la densit`a di fotoni
cresce con T. La ragione per cui
f
non dipende da `e semplicemente dovuta al
fatto che essa `e proporzionale al numero di elettroni liberi per unit`a di massa, il quale
in caso di completa ionizzazione `e indipendente dalla densit`a.
`
E anche chiaro che a
T = 10
9
K
f
pu`o essere molto maggiore del corrispondente tasso di produzione
230 CAPITOLO 18. NEUTRINI
di energia per reazioni nucleari. Se il gas di elettroni `e parzialmente degenere,
f
sar`a minore di quello dato sopra. La ragione di ci`o `e che ad ogni atto di scattering
gli elettroni variano il momento e si portano in unaltra cella dello spazio delle fasi.
Poich`e la degenerazione diminuisce il numero delle celle disponibili nello spazio delle
fasi, la sezione durto di scattering Compton e quella del ramo foto-neutrinico sono
minori.
Neutrini di coppie. A temperature dellordine di 10
9
K ed oltre diventa signica-
tivo il numero di fotoni nella distribuzione di Planck con energia > 2m
e
c
2
e quindi
in grado di produrre coppie (e
+
, e

). Di solito le coppie cos` create si ricombinano


dando origine a fotoni,
+ e
+
+e

+ (18.22)
tuttavia una certa frazione pu`o produrre neutrini ed antineutrini invece di fotoni,
secondo lo schema
+ e
+
+e


e
+
e
(18.23)
Si trova che la prima reazione avviene circa 10
19
volte pi` u frequentemente della
seconda.
La densit`a di positroni n
+
soddisfa alla equazione di bilancio
dn
+
dt
= (velocita di produzione di coppie e
+
e

)
n
+

ann
(18.24)
dove
ann
`e la vita media dei positroni per annichilazione e
(velocita di produzione di coppie e
+
e

) = v)u

(18.25)
Poich`e
ann
`e molto piccola la densita n
+
raggiunge rapidamente un valore di equi-
librio tale che dn
+
/dt = 0 per cui
(n
+
)
eq
= (velocita di produzione di coppie e
+
e

)
ann
(18.26)
Si pu`o quindi aermare che nelle stelle ad alte temperature `e presente anche un
gas di positroni che danno luogo alla reazione (18.23). La sezione durto calco-
lata diminuisce al crescere della densit`a (a temperatura ssa). Lenergia neutrinica
prodotta per unit`a di volume `e
18.3. PROCESSI NEUTRINICI: TERMINI QUADRATICI DI H
INT
231
dE
dt
= n
+
n

v W) (18.27)
dove W `e lenergia totale della coppia (compresa la loro massa). Si dimostra che la
quantit`a di energia per unit`a di massa e di tempo liberata da questo processo da in
un gas non degenere con X = 0 e A/Z = 2 `e

c
= 10
18.7
e

11.88
T
9
T
3
9
/ erg g
1
s
1
(18.28)
In un gas degenere la
c
`e minore di quella data sopra in quanto la degenerazione
diminuisce il numero di celle disponibili nello spazio delle fasi.
Neutrini di plasma. Anche se un fotone `e virtualmente costituito da una coppia
(e
+
, e

) esso non pu`o decadere in una coppia (, ) in quanto i neutrini a causa


della elicit`a intrinseca non possono dar luogo ad uno spin intero a meno che non
si muovano in direzioni opposte. Tuttavia se i neutrini si muovono in direzioni
opposte il decadimento non pu`o conservare energia e momento ntantoche le tre
particelle coinvolte obbediscono alla relazione E = pc. Infatti dovrebbero valere
simultaneamente le equazioni
h = h
1
+h
2
energia (18.29)
h
c
=
h
1
c

h
2
c
impulso (18.30)
dove `e la frequenza del fotone e
1
e
2
sono quelle del neutrino ed antineutrino). Il
sistema `e soddisfatto solo se =
1
=
2
= 0. Nel vuoto il decadimento `e impedito.
La situazione `e pi` u complicata in una stella. Infatti allinterno delle stelle i fotoni non
sono liberi ma si muovono in un plasma (gas altamente ionizzato ma elettricamente
neutro) con il quale interagiscono. Si pu`o dimostrare che tutto avviene come se i
fotoni si propagassero nel vuoto con velocit`a minore di quella della luce. Il plasma
stellare costituisce per la propagazione dei fotoni un dielettrico tale che la relazione
di dispersione per la frequenza angolare e il numero donda k diventa

2
= (kc)
2
+
2
0
(18.31)
dove la frequenza
0
, detta frequenza di plasma, nel caso di un gas non degenere `e
data da
232 CAPITOLO 18. NEUTRINI

2
0
=
4 e
2
N
e
m
e
(18.32)
con N
e
la densit`a numerica di elettroni liberi e m
e
la loro massa a riposo.
Questo equivale a dire che al fotone nel plasma si pu`o attribuire lenergia
h
2

2
= h
2
k
2
c
2
+h
2

2
0
(18.33)
con k numero donda del fotone e
0
dato da
0
di cui sopra
(2)
2

2
0
=
4 e
2
N
e
m
e
(18.34)
La relazione (18.33) `e equivalente dal punto di vista cinematico alla relazione energia-
momento per una particella con massa diversa da zero.
E
2
= p
2
c
2
+m
2
c
4
(18.35)
Il fotone nel plasma acquista la massa m
pl
m
pl
=
h
0
c
2
(18.36)
la quale aumenta allaumentare di N
e
. In conclusione i fotoni propagantesi in un
plasma si comportano come bosoni relativistici con massa a riposo diversa da zero.
Tali onde elettromagnetiche sono dette plasmoni. Questa relazione descrive il fatto
che unonda elettromagnetica in un plasma ha per dato momento un eccesso di
energia, il quale rende possibile il decadimento in una coppia (, ) moventesi in
direzioni opposte. La situazione pi` u favorevole allavvenire del fenomeno si ha in un
gas degenere in quanto lenergia dei plasmoni diventa maggiore di quella dei fotoni
termici. Denendo con X = (h/2)
0
/KT si ottiene che lenergia emessa sotto
forma di coppie (, ) `e data da

pl
= 3.8510
21 1

(
h
0
2m
e
c
2
)
7.5
(
KT
m
e
c
2
)
1.5
e
X
(18.37)
per X grande (> 1) e da

pl
= 7.410
21 1

(
KT
m
e
c
2
)
3
X
6
(18.38)
18.3. PROCESSI NEUTRINICI: TERMINI QUADRATICI DI H
INT
233
per X < 0.5. In entrambe le relazioni le energie sono in erg g
1
s
1
.
Neutrini di bremsstrahlung. Lurto anelastico (decelerazione) di un elettrone
nel campo coulombiano di un nucleo `e usualmente accompagnato dall emissione di
un fotone (emissione free-free). Questo fotone pu`o essere sostituito ba una coppia
(, ). Lo schema `e il seguente
+e

+ + + (18.39)
Il tasso di perdita di energia a densit`a elevate pu`o essere espresso da

b
= 0.76(Z
2
/A)T
6
8
erg g
1
s
1
(18.40)
dove Z ed A sono la carica e la massa del nucleo rispettivamente. A densit`a inferiori
(10
4
g cm
3
) il tasso di energia `e circa 10 volte inferiore. Questo processo `e
importante a basse temperature ed alte densit`a. Il tasso
b
non diminuisce al
crescere della degenerazione in quanto la carenza di stati di momento liberi nello
spazio delle fasi `e compensata dallaumento della sezione durto per lemissione dei
neutrini.
Nota. Essenzialmente vi sono quattro processi che possono essere importanti in
ambiente astrosico: foto-neutrini, neutrini di coppie, neutrini di plasma e neutrini
di bremsstrahlung. Le temperature e densit`a a cui la produzione di neutrini `e
signicativa sono 10
2
< < 10
9
g cm
3
e 10
8
< T < 510
9
K. Nella Figura 18.3
sono riportati i domini nel piano T dove i processi discussi in precedenza sono
dominanti. Leetto della produzione di neutrini ed antineutrini e relativa perdita
di energia sulla struttura ed evoluzione delle stelle `e rilevante in quanto in certe fasi
la luminosit`a neutrinica risulta anche maggiore della luminosit`a fotonica.
234 CAPITOLO 18. NEUTRINI
Figure 18.3:. I processi neutrinici nel piano densit`a temperatura
Capitolo 19
METODI RISOLUTIVI
Nei capitoli precedenti sono stati introdotti i principi sici su cui si fonda la struttura
delle stelle e sono state formulate quattro equazioni di conservazione (momento,
massa, energia e usso) assieme ad un certo numero di relazioni fra le variabili
naturali del problema (equazione di stato, opacit`a, generazione di energia, entropia,
energia interna, calori specici, etc...). Per procedere oltre `e necessario chiarire
alcuni punti fondamentali: 1) condizioni al contorno centrali e superciali; 2) unicit`a
delle soluzioni; 3) metodi di soluzione.
19.1 Sistema Completo di Equazioni
Le quattro equazioni fondamentali della struttura stellare sono
dP(r)
dr
=
GM(r)
r
2
(19.1)
dM(r)
dr
= 4 r
2
(19.2)
dT(r)
dr
=
3
16 ac

r
2
T
3
L(r) radiativo (19.3)
dT(r)
dr
=

2
1

2
T
P
dP(r)
dr
convettivo (19.4)
dL(r)
dr
= 4 r
2

+
g
_
(19.5)
235
236 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
assieme alle relazioni di stato e di produzione = (, , T), P = P(, , T), U =
U(, , T),
2
=
2
(, , T),
n
=
n
(, , T),

(, , T),
g
=
g
(, , T), ed ai
valori delle abbondanze X
i
, le quali a loro volta sono funzioni di r ed obbediscono
alla condizione

i
X
i
= 1.
Nelle zone convettive esterne lequazione dellequilibrio convettivo adiabatico deve
essere sostituita dallinsieme di equazioni che danno il gradiente di temperatura
secondo la teoria della mixing length. Inoltre, in strutture in equilibrio termico le
derivate temporali sono nulle.
19.2 Condizioni al contorno.
Ovvie condizioni al contorno sono
r = 0, M(r) = 0, L(r) = 0 (19.6)
r = R, =
s
, T = T
s
, L(r) = L, M(r) = M (19.7)
dove la variabile indipendente `e il raggio r. T
s
e
s
sono i valori di temperatura
e densit`a alla supercie della stella ssata dal raggio fotosferico. In generale essi
dipendono da L, M, R e composizione chimica.
Se gli strati esterni sono radiativi si possono usare le semplici condizioni
r = R T
s
= 0
s
= 0 (19.8)
Quantunque queste condizioni al contorno risultino sucienti per determinare
landamento delle soluzioni verso linterno della stella (infatti si pu`o vericare che
ogni soluzione interna rapidamente converge verso quella ottenuta con queste con-
dizioni), esse non sono generali e devono essere sostituite da
r = R T
s
= T
p

s
=
p
(19.9)
dove T
p
e
p
sono la temperatura e densita alla fotosfera.
La determinazione di T
p
e
p
(oppure P
p
) non `e semplice e richiede una complessa
trattazione degli strati (detti atmosfera) sopra la fotosfera di una stella.
Si ricordi che la fotosfera `e lo strato che denisce la supercie visibile di una stella,
quello a cui lenergia proveniente dagli strati profondi viene nalmente irradiata e al
disopra del quale la condizione di quasi equilibrio termodinamico non pu`o pi` u essere
19.2. CONDIZIONI AL CONTORNO. 237
applicata, ed inne quello a cui si denisce la temperatura eettiva T
eff
mediante
la relazione
L = 4 R
2
T
4
eff
(19.10)
In altre parole la fotosfera `e lo strato sotto il quale la materia non `e pi` u parzialmente
trasparente alla radiazione come avviene invece per gli strati sovrastanti.
Esprimiamo questa condizione mediante lapprossimazione di Eddington della equazione
del trasporto radiativo e ricorrendo alla denizione di profondit`a ottica. Dalla
dP
r
dr
= (

c
)
L(r)
4 r
2
(19.11)
dove P
r
`e la pressione di radiazione. Assumendo che a r = R sia L(r) = L e
F = L/(4 R
2
), per ogni valore di r > R si ha
P
r
(r) P
r
(R) =
F
c
_

R
d (19.12)
dove d = dr `e la profondit`a ottica e P
r
(R) `e il valore superciale della pressione
di radiazione. La profondit`a ottica `e denita in modo tale che = 0 per r e
1 per r = R.
Lapprossimazione di Eddington consiste nell assumere che P
r
= (1/3)aT
4
ovunque
mentre essa `e vera solamente a grandi profondit`a ottiche. Il valore di P
r
(R) `e
ottenuto supponendo che ci sia radiazione solamente verso lesterno e che lintensit`a
specica della radiazione alla supercie sia isotropa. Si dimostra che vale la relazione
seguente
P
r
(R) = (
2
3
)
F
c
(19.13)
Combinando le due relazioni ed esplicitando la temperatura si ottiene
T
4
p
= (
1
2
)T
4
eff
_
1 + (3/2)
_
(19.14)
La fotosfera `e dunque lo strato dove = 2/3. Questa relazione d`a la legge della
temperatura nella regione fra = 0 ( = 0) e = 2/3 nellapprossimazione di
atmosfera grigia, cio`e con indipendente dalla frequenza.
Finalmente, la pressione alla fotosfera `e data dall equazione di equilibrio idrostatico
in cui si `e introdotta la profondit`a ottica,
238 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
P
p
=
GM
R
2
_

p
0
1

d (19.15)
dove P = 0 per = 0 e si trascura la pressione di radiazione. Il coeciente
di assorbimento `e una funzione della posizione nellatmosfera, tuttavia in prima
approssimazione pu`o essere valutato alla fotosfera. Ne segue che
P
p
=
2
3
1

p
GM
R
2
(19.16)
Le relazioni per T
p
e P
p
rappresentano le condizioni al contorno naturali del sistema.
Landamento di temperatura, pressione e densit`a nelle regioni sopra la fotosfera `e
descritto mediante la variabile . Sotto la fotosfera `e necessario invece fare uso del
sistema completo di equazioni.
19.3 Unicit`a delle Soluzioni
Lunicit`a delle soluzioni delle equazioni di struttura assieme alle loro condizioni
al contorno `e basata sul teorema di Vogt-Russell il quale pu`o essere enunciato nel
modo seguente:
La struttura completa di una stella in equilibrio idrostatico e termico `e univoca-
mente determinata dalla massa e dal prolo di composizione chimica nel suo interno,
ammesso che la pressione, lenergia interna per unit`a di massa, lopacit`a e il tasso
di produzione di energia siano funzioni locali solamente della densit`a, temperatura
e composizione chimica.
Lenunciato di Vogt-Russell, quantunque sia considerato come un teorema fonda-
mentale nello studio delle stelle in completo equilibrio, non lo `e in senso matematico.
Infatti non `e stata data una rigorosa dimostrazione del teorema, ne questa eviden-
temente pu`o esistere dal momento che possono essere costruiti modelli stellari in
evidente contrasto con il teorema stesso. Tuttavia esso pu`o essere ritenuto valido
per stelle ordinarie (ad esempio stelle omogenee con equazione di stato semplice).
Il ragionamento alla base del teorema di Vogt-Russell `e il seguente. Assumendo il
raggio come variabile indipendente, la soluzione simultanea delle quattro equazioni
introduce 4 costanti di integrazione A, B, C, D, cos` che ogni variabile dipendente
sar`a funzione di (A, B, C, D, X
i
, r), dove X
i
sono i parametri di composizione chim-
ica. Le condizioni al contorno assieme a L(R) = L, M(R) = M e

i
X
i
= 1 danno
7 relazioni indipendenti fra n + 7 quantit`a A, B, C, D, L, M, R, e X
i
. In condizioni
ordinarie queste relazioni possono ssare il valore di 7 delle n +7 grandezze in fun-
zione di altre n quantit`a. Si conviene di considerare la massa totale M e n 1 dei
parametri di composizione chimica come le quantit`a da ssare a priori. In tal modo
la massa totale e la composizione chimica sono i parametri indipendenti. Ne segue
che le variabili T(r), L(r), P(r) e M(r) sono funzioni di M, X
i
, e r. In particolare
L = L(M, X
i
) e R = R(M, X
i
) da cui segue L = L(T
eff
, X
i
), la quale costituisce
uninterpretazione formale del diagramma H-R.
19.4. SEQUENZE EVOLUTIVE 239
19.4 Sequenze Evolutive
Ad eccezione di una struttura completamente omogenea, in generale la com-
posizione chimica di una stella `e funzione della posizione o equivalentemente della
massa M(r) cio`e i parametri di composizione chimica sono X
i
[M(r)]. Queste fun-
zioni chiaramente non sono determinate dalle condizioni di equilibrio valide in quel
particolare stadio evolutivo, ma sono il risultato combinato delle trasmutazioni nu-
cleari e processi di mescolamento avvenuti nelle fasi evolutive precedenti.
Se X
i
[M(r)]
0
sono le composizioni chimiche ad un certo tempo t
0
determinate dalla
storia precedente, la soluzione del sistema di equazioni determina le variabili siche
e le velocit`a di reazione per ogni singolo elemento, le quali a loro volta forniscono le
(dXi/dt) ad ogni punto della stella. Dopo un certo tempo t le nuove composizioni
chimiche in ogni strato sono
X
i
_
M(r)
_
= X
i
_
M(r)
_
0
+ < (
dX
i
dt
) > t. (19.17)
Queste rimangono tali se le regioni considerate sono radiative, oppure sono sostituite
da un valore medio in presenza di convezione
< X
i
>= (
1
M
)
_
M
X
i
_
M(r)
_
dM(r) (19.18)
dove M `e lestensione in massa della regione convettiva.
`
E chiaro che nelle zone
dove la temperatura `e troppo bassa anch`e le reazioni nucleari possano essere ecaci
lunico eetto sar`a quello della convezione se presente, altrimenti la composizione
chimica rimarr`a uguale a quella iniziale. Questo permette di connettere ogni sta-
dio evolutivo di una stella in una sequenza causale di stadi descritti dal parametro
tempo. Il problema `e quindi ricondotto a quello di conoscere la struttura chim-
ica di uno stadio assunto come stadio iniziale. Lo studio delle condizioni siche
allatto della formazione delle stelle garantisce che esse sono inizialmente omoge-
nee. Linsieme dei modelli che descrivono la struttura completa viene chiamato
sequenza evolutiva ed in particolare la variazione nel tempo di L e T
eff
corrisponde
al cammino o traccia evolutiva nel diagramma H-R, luogo principale degli osservabili
stellari.
19.5 Soluzioni Numeriche
Le equazioni di struttura stellare sono dal punto di vista matematico talmente
complesse da precludere ogni possibilit`a di integrazione analitica salvo che in casi
240 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
particolari di limitato interesse. Sono pertanto necessari dei metodi numerici. Allo
scopo di iniziare una integrazione numerica deve essere noto il valore iniziale di tutte
le variabili in un determinato punto. Ad esempio `e noto che
L(r) = 0, M(r) = 0, =
c
, T = T
c
per r = 0 (19.19)
dove tuttavia
c
e T
c
non possono essere qualunque ma devono essere tali che la
soluzione soddis alle condizioni superciali
L(R) = L, M(R) = M, T = T
p
, P = P
p
per r = R (19.20)
Questo `e un tipico problema a due auto-valori (
c
e T
c
). Inoltre se gli strati super-
ciali sono convettivi e super-adiabatici il parametro di mixing length `e un ulteriore
auto-valore che deve essere scelto in modo da riprodurre L e T
eff
.
Essenzialmente esistono due metodi di integrazione: metodo del raccordo e metodo
delle shells o di Henyey che per primo lo applic`o a problemi di struttura stellare.
Per le ragioni che vedremo i due metodi orono particolari vantaggi. Il metodo del
raccordo pu`o essere applicato in ogni caso e non richiede una soluzione di partenza,
esso tuttavia non `e particolarmente conveniente nel trattare strutture complesse.
Il metodo di Henyey, al contrario, richiede la conoscenza di una soluzione iniziale
di prova ma ore il vantaggio di essere particolarmente adatto a risolvere strutture
anche molto complicate.
19.5.1 Metodo del raccordo
In questo metodo lintegrazione `e compiuta a partire da un bordo, centro o super-
cie, e andando verso lestremo opposto. La tecnica numerica di uso pi` u frequente
`e il metodo di Runge-Kutta. Il sistema di equazioni dierenziali da risolvere sia
dy
i
dx
= f
_
x, (y
i
)
_
i = 1, 2, 3...N. (19.21)
Interpolando con un polinomio del quarto grado su quattro punti si ottiene una
relazione di accuratezza h
4
dove h `e il passo di integrazione
y
i
(x +h) = y
i
(x) +
1
6
_
K
1i
+ 2K
2i
+ 2K
3i
+K
4i
_
+O(h
4
) (19.22)
dove
K
1i
= f
i
_
x, (y
i
)
_
h, K
2i
= f
i
_
x +h/2, (y
i
+K
1i
/2)
_
h (19.23)
19.5. SOLUZIONI NUMERICHE 241
K
3i
= f
i
_
x +h/2, (y
i
+K
2i
/2)
_
h, K
4i
= f
i
_
x +h, (y
i
+K
3i
)
_
h (19.24)
Note le y
i
a x = x
0
si determinano le y
i
a x = x
0
+ h. Nel caso delle strutture
stellari, atteso che i valori di densit`a, temperatura e pressione al centro dieriscono
da quelli superciali per ordini di grandezza, `e conveniente usare variabili logarit-
miche. Inoltre se lintegrazione `e fatta a cominciare dal centro, i valori di densit`a,
pressione e temperatura alla supercie sono confrontabili con le relative accuratezze
numeriche delle stesse quantit`a al centro e lintegrazione diventa priva di signicato.
Inne, le equazioni sono singolari al centro in quanto L(r) e M(r) diventano nulli.
Pertanto lintegrazione fatta a partire dalla supercie diverge via via che procede
verso il centro. Per ovviare a tali dicolt`a si usa compiere due integrazioni: una a
partire dal centro (soluzione di core) e una a partire dalla supercie (soluzione di
inviluppo). Queste vengono raccordate ad un determinato punto. Si usano anche
particolari sviluppi analitici per incominciare le integrazioni centrale e superciale.
Supponiamo che la massa totale M e la composizione chimica siano ssate, allora
gli auto-valori per la soluzione centrale sono T
c
e
c
mentre quelli per la soluzione
di inviluppo sono L e R. La condizione di continuit`a della variabili siche al punto
di raccordo `e raggiunta mediante un insieme di soluzioni ottenute con le seguenti
combinazioni dei parametri
interno esterno

c
T
c
L R

c
+d
c
T
c
L +dL R

c
T
c
+dT
c
L R +dR
dove d
c
, dT
c
, dL e dR sono piccole variazioni. Assumendo che nel punto di raccordo
tutte le variabili siche siano funzioni lineari di
c
, T
c
, L e R si calcolano le variazioni
da apportare agli autovalori al ne di soddisfare le condizioni di continuit`a. Questa
procedura `e ripetuta no al raggiungimento dellaccuratezza voluta.
19.5.2 Metodo delle shell o di Henyey
Lidea alla base del metodo di Henyey `e che assunta una data struttura della
stella, cio`e P(r), T(r), M(r) e L(r) assieme alle condizioni al contorno, molto prob-
abilmente questa non soddisfa il sistema di equazioni dierenziali. Si apportano
242 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
allora delle correzioni alle variabili in ogni punto mediante un opportuno algoritmo
in modo tale da soddisfare pi` u da vicino al sistema di equazioni dierenziali. La pro-
cedura `e ripetuta ntantoche le correzioni diventano trascurabili. Si dice che in tal
caso la soluzione di prova `e stata rilassata alla soluzione vera. Quantunque la massa
M(r) sia la naturale variabile lagrangiana del sistema, pu`o essere conveniente intro-
durre una variabile ttizia mediante una opportuna funzione della massa tale che
M(r) = M() per 0 < < 1 e che soddis alle condizioni M(0) = 0 e M(1) = M.
Il sistema di equazioni scritto in funzione della nuova variabile diventa
dP
d
+
GM(r)
r
2
dr
d
= 0 (19.25)
M

() 4r
2

dr
d
= 0 (19.26)
dL()
d
M

()
_

+
g
_
= 0 (19.27)
dT
d
+
3L()
16acT
3
r
2
dr
d
= 0 (radiativo) (19.28)
dS
d
=
dU
d
+P
d
d
1

= 0 (convettivo) (19.29)
Al ne di compensare la grande escursione nelle variabili dal centro alla supercie `e
opportuno introdurre le variabili ausiliarie
p = P
1/4
, q =
1/3
, F =
L()

2
, H =
3p
3
64GacT
3
(19.30)
Il sistema di equazioni diventa
dp
d
+
GM()q
3
4p
3
r
2
dr
d
= 0 (19.31)
M

() 4r
2
q
3 dr
d
= 0 (19.32)

2 dF
d
+ 2F M

()(
n


dU
dt
+
3p
4
q
4
dq
dt
) = 0 (19.33)
19.5. SOLUZIONI NUMERICHE 243
dT
d

16H
2
F
M(o)
dp
d
= 0 (radiativo) (19.34)
dU
d

3p
4
q
4
dp
d
= 0 (convettivo) (19.35)
La stella viene divisa in un certo numero di zone o shells concentriche denite da
valori discreti
j
con j = 1, 2....J.
0
= 0 e
J
= 1. Non `e necessario che le
j
siano
equi-spaziate. Ci sono vari modi di approssimare il sistema di equazioni dierenziali
con un sistema di equazioni alle dierenze nite e quello mostrato di seguito `e uno
fra i tanti possibili.
f
1
(j, j + 1) = p
j+1
p
j
+
GM
j+
1
2
(q
j+1
+q
j
)
3
(r
j+1
r
j
)
(p
j+1
+p
j
)
3
(r
j+1
+r
j
)
2
= 0 (19.36)
f
2
(j, j +1) = (
8

)M

j+1/2
(
j+1

j
) (q
j+1
+q
j
)
3
(r
j+1
+r
j
)
2
(r
j+1
r
j
) = 0 (19.37)
f
3
(j, j + 1) = F
j+1
(
j+1
+
j
)(3
j+1

j
) +F
j
(
j+1
+
j
)(
j+1
3
j
)
2M

j+1/2
(
j+1

j
)
_
2(
j+1

j
)
1/2
(
U
j+1
+U
j
U
n
j+1
U
n
j
t
)
+ 3
_
p
j+1
+p
j
q
j+1
+q
j
_
4
(
q
j+1
+q
j
q
n
j+1
q
n
j
t
)
_
= 0 (19.38)
f
4
(j, j + 1) =
T
j+1
T
j

(H
j+1
+H
j
)(
j+1
+
j
)
2
(F
j+1
+F
j
)(p
j+1
p
j
)
M
j+1/2
= 0 (radiativo)
(19.39)
f
5
(j, j + 1) = U
j+1
U
j
3
_
p
j+1
+p
j
q
j+1
+q
j
_
4
(p
j+1
p
j
) = 0 (convettivo) (19.40)
244 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
dove
=
n

+
g
(19.41)
X
j
= X(
j
) X
j+1/2
= X(
j+1/2
) (19.42)
M
j+1/2
= M(
j+1/2
)
j+1/2
= 1/2(
j+1
+
j
) (19.43)
q
n
j
ed
n
j
sono i valori di queste variabili valutati al passo temporale precedente. Le
f
i
(j, j + 1) con i=1,..5 sono funzioni algebriche e gli argomenti (j, j + 1) stanno ad
indicare che esse dipendono da valori adiacenti con sottoscritte j e j +1. La derivata
temporale non `e approssimata da una dierenza tra due valori simmetrici ma `e
solo una dierenza allindietro nel tempo. Questo sembra garantire una migliore
convergenza alla soluzione vera. La scelta delle medie geometriche per
n
ed

`e
dovuta alla rapida variazione di queste due grandezze con la posizione nella stella.
Le condizioni al centro sono M(0) = 0 e L(0) = 0. Se si trascurano complicate
integrazioni allatmosfera, le condizioni superciali sono semplicemente r
J
= R,
F
J
= L/R
2
, M
J
= M,
J
= 0 e T
J
= 0, altrimenti possono essere sostituite da un
sistema di funzioni g tali che F
J1
= g
1
,q
J1
= g
2
, r
J1
= g
3
, T
J1
= g
4
. Linsieme
di queste relazioni costituisce un sistema di 4J equazioni algebriche con variabili q
j
,
T
j
, r
j
e F
j
con j = 1...JoJ 1. Il problema `e quello di trovare la soluzione di queste
4J equazioni. A tale scopo `e usato il metodo di Newton- Ralphson delle iterazioni
successive. Indichiamo linsieme delle
_
F
j

,
_
q
j

,
_
r
j

e
_
T
j

con
_
X
h
j

dove h=1,..,4.
Sia
_
X
h
j
(0)

la prima approssimazione della corrette radici delle f


i
(j, j +1) equazioni
e sviluppiamo le f
i
(j, j + 1) attorno a
_
X
h
j
(0)

allora la prima correzione


_
X
h
j
(0)

`e data dalla seguente equazione


f
i
(j, j + 1) +
4

h=1
f
i
(j, j + 1)
X
h
j
(0)
X
h
j
(0) +
4

h=1
f
i
(j, j + 1)
X
j+1
X
h
j+1
(0) = 0 (19.44)
dove i = 1, ..4 o 5. Questa equazione `e equivalente al seguente sistema di equazioni
A
i
0
+
4

h=1
A
i
h
X
h
j
(0) +
4

h=1
B
i
h
X
h
j+1
(0) = 0 (19.45)
19.5. SOLUZIONI NUMERICHE 245
dove i = 1, 2..4 o 5 e A
i
0
, A
i
h
e B
i
h
non dipendono da X
h
j
(0) e X
h
j+1
(0). Questa
equazione lega due valori adiacenti delle variabili X permettendo di determinare le
correzioni X
h
j
(0) e X
h
j+1
(0) in funzione dei loro valori al contorno. Questi sono
r
0
= 0 e F
0
= 0 al centro e X
h
J1
(0) g
h
+ X
h
J1
(0) g
h
/X
h
J1
(0) = 0 alla
supercie.
`
E conveniente incominciare dal centro e considerare la sfera denita da
j = 0 e j = 1, in questo caso due delle X sono gi`a note (r
0
= 0 e F
0
= 0) e
quindi possiamo supporre di ricavare le rimanenti X in funzione di due di queste, ad
esempio in funzione di
0
e T
0
. Le correzioni nel punto j=1 sono allora espresse
come combinazioni lineari di T
0
e
0
con coecienti noti grazie alla soluzione
di prova. Si passa quindi alla shell successiva e si esprimono ancora le correzioni
X come combinazioni lineari di dT
0
e
0
con coecienti pure noti ma diversi
dai precedenti. Si procede cosi no allultimo punto J. Consideriamo il caso di
condizioni superciali semplici T= 0 e = 0 allora le correzioni corrispondenti sono
pure nulle e rimangono le r
J
e F
J
. Ci sono dunque quattro equazioni con incognite
T
0
,
0
, F
J
e r
J
. Questo permette di ricavare
0
e T
0
e quindi tutte le altre
correzioni per ogni coppia j, j+1 se i coecienti delle combinazioni lineari sono stati
opportunamente memorizzati. Ponendo X
h
j
(1) = X
h
j
(0)+X
h
j
(0) la procedura viene
ripetuta per X
h
j
(1) e cos` via no a che sia stata raggiunta laccuratezza desiderata.
246 CAPITOLO 19. METODI RISOLUTIVI
Capitolo 20
STABILIT
`
A STELLARE
Lanalisi della stabilit`a di una stella pu`o essere compiuta in vari modi primo fra
tutti il metodo del pistone che sotto molti aspetti si avvicina alla situazione reale
esistente in una stella. In quanto segue svilupperemo questo modello attraverso vari
gradi di complessit`a al ne di preparare uno strumento di indagine applicabile a
molti problemi.
20.1 Equazioni del Moto
Lequilibrio idrostatico `e un caso particolare di conservazione del momento. Se
una stella subisce moti radiali accelerati bisogna tenere conto dei termini inerziali.
Il modo piu semplice di formulare il problema `e quello della descrizione lagrangiana
assumendo m
r
e t come variabili indipendenti.
Si consideri uno strato sferico di spessore dM
r
alla distanza r dal centro. Sulla
massa dM
r
agiscono le forse di pressione e di gravit`a
f
P
=
P
M
r
dM
r
(20.1)
f
g
=
g
4r
2
dM
r
=
GM
r
r
2
dM
r
4r
2
(20.2)
Se la somma delle due non `e uguale a zero, lo strato subir`a laccelerazione
1
4r
2

2
r
t
2
=
P
M
r

GM
r
4r
4
(20.3)
247
248 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
I segni in questultima equazione sono tali che il gradiente di pressione da solo pro-
duce una accelerazione verso lesterno, mentre la gravit`a da sola produce una accel-
erazione verso linterno. Da questa equazione si ha il caso particolare dellequilibrio
idrostatico se il termine
2
r/t
2
= 0.
Lo studio dellequazione (20.3) ci permette di denire due tempi caratteristici molto
importanti: il tempo di caduta libera
ff
e il tempo di esplosione
expl
.
Supponiamo che il termine di pressione sia nullo allora approssimando r R, M
r

M e
2
r/t
2
= R/
2
ff
si ha

ff

_
R
g
_
1/2
(20.4)
Analogamente, supponendo che il termine di gravit`a sia nullo e facendo ovvie ap-
prossimazioni si deriva

expl
R
_

P
_
1/2
(20.5)
Poich`e (P/)
1/2
`e dellordine della velocit`a media del suono,
expl
`e circa uguale al
tempo impiegato da unonda sonora ad andare dal centro alla supercie.
Per una stella in equilibrio idrostatico
ff

expl
. Quanto vale la scala di tempo

hydr
che rappresenta questa situazione? Con ragionamenti analoghi a quelli fatti in
precedenza otteniamo dalla equazione (20.4) ponendo g = GM/r

hydr

_
R
3
GM
_
1/2
(20.6)
Nel caso del Sole
hydr
17 minuti, nel caso di una Gigante Rossa
hydr
18
giorni, nel caso di una Nana Bianca
hydr
4 secondi. Questa `e una riprova che la
condizione di equilibrio idrostatico viene realizzata entro margini molto stretti.
20.2 Il Modello a Pistone
Un pistone di massa M

delimita una cavit`a contenente una massa di gas m

come mostrato in Figura 20.1. Il pistone `e soggetto al campo gravitazionale descritto


dalla accelerazione di gravit`a g e quindi ha un peso G

= gM

. Sia A larea del


pistone ed h laltezza a cui `e collocato. Il volume racchiuso `e V = h A. La densit`a
del gas dentro la cavit`a `e = m

/V .
20.2. IL MODELLO A PISTONE 249
Figure to be replaced
Figure 20.1:. Il modello a pistone per lo studio della stabilit`a
In caso di equilibrio idrostatico, la forza di pressione del gas P A bilancia il peso
del pistone
G

= P A (20.7)
Se le forze non si bilanciano allora il pistone viene accelerato lungo la verticale con
equazione del moto
M
d
2
h
dt
2
= G

+P A. (20.8)
Possiamo ora calcolare le scale di tempo
ff
e
expl
associate a questa situazione
sica, ottenendo

ff
=
_
h
g
_
1/2
(20.9)

expl
= h
_

P
_
1/2
_
M

_
1/2
(20.10)
Teorema del Viriale. Consideriamo il caso del gas perfetto e supponiamo che
M

>> m

. Lenergia gravitazionale del sistema `e E


g
= G

h (dove E
g
= 0 per
h = 0).
250 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
La condizione di equilibrio idrostatico (con m

= Ah) impone che


hG

=
P

= ( 1)c
v
Tm

(20.11)
Il termine c
v
Tm

non `e altri che lenergia interna E


i
del gas E
i
= c
v
Tm

. Da quanto
detto segue che
E
g
= ( 1)E
i
(20.12)
La relazione (20.12) rappresenta il Teorema del Viriale per il pistone. Supponiamo
ora che il gas sia perfetto monoatomico con = 5/3 e dierenziamo rispetto al
tempo
dE
g
dt
=
2
3
dE
i
dt
(20.13)
Da questa si vede che, contrariamente al caso delle stelle, una riduzione di E
g
com-
porta il rareddamento del gas. Infatti il pistone pu`o scendere solo se il gas si raf-
fredda. Questo diverso comportamento `e dovuto all ipotesi di campo gravitazionale
costante.
Allo scopo di dimostrare ci`o assumiamo che il peso G

sia funzione di h e dieren-


ziamo rispetto ad h
G

(1 +G

h
) = ( 1)
dE
i
dh
(20.14)
dove G

h
= dlnG

/dlnh.
Se G

h
= 0 (gravit`a costante) si vede che E
i
aumenta con h. Tuttavia, se G

diminuisce rapidamente con h in modo tale che G

h
< 1 allora E
i
aumenta al
diminuire di h (come nelle stelle). Infatti in una stella che si espande, ogni shell di
massa perde peso allaumentare di r.
Proprieta termiche. Per studiare le propriet`a termiche del pistone, incominciamo
col supporre che la cavit`a sia adiabatica
dQ = du +PdV = m

du +PdV = 0 (20.15)
dove dQ `e il calore fornito, u = c
v
T `e lenergia interna per unit`a di massa ed inne
V = Ah `e il volume della cavit`a. Da questo segue la relazione
20.2. IL MODELLO A PISTONE 251
dQ = c
v
m

dT +PAdh = 0 (20.16)
Lasciamo ora cadere la condizione di adiabaticit`a in tre modi:
(1) Primo supponiamo che una certa quantit`a di calore vada persa passando dallinterno
della cavit`a (a temperatura T) allesterno di questa (a temperatura T
s
). Il usso di
calore sia (T T
s
) dove `e un opportuno coeciente.
(2) Secondo, supponiamo che venga prodotta una certa quantit`a di energia nucleare
al tasso per unit`a di massa e tempo.
(3) Terzo, assumiamo che un certo usso F per secondo penetri allinterno della
cavit`a e che il gas assorba per unit`a di tempo la quantit`a Fm

.
La condizione di bilancio energetico impone che
m

+Fm

= (T T
s
) (20.17)
In generale, la quantit`a di calore dQ guadagnato dal gas nel tempo dt `e
dQ = [m

+Fm

(T T
s
)]dt (20.18)
Dal confronto con la condizione di bilancio adiabatico, segue la relazione di conser-
vazione dellenergia
c
v
m
dT
dt
+PA
dh
dt
= [m

+Fm

(T T
s
)] (20.19)
Se assumiamo = = 0, allora l unica soluzione indipendente dal tempo `e T = T
s
.
Qual `e il tempo scala di questo aggiustamento di temperatura? Le due derivate
temporali al membro di sinistra danno la stessa stima per : infatti una variazione di
h avviene come conseguenza ed in concomitanza del cambiamento di temperatura.
Per avere una rozza stima della scala di tempo sostituiamo il membro di sinistra
della equazione (20.19) con c
v
Tm / dove T = [T T
s
[
c
v
m

[T T
s
[

[T T
s
[ (20.20)
da cui

c
v
m

(20.21)
252 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
che `e il tempo impiegato dal pistone per portare la sua temperatura in equilibrio
con quella dellambiente circostante.
Stabilit`a del modello a pistone. Allo scopo di analizzare la stabilit`a del modello
applichiamo delle piccole perturbazioni attorno al valore di equilibrio (indicato con
il susso 0). Le perturbazioni sono tali che per ogni variabile si abbia
f
f
0
=
f(t) f
0
f
0
= g(r)u(t) (20.22)
dove g(r) dipende solo dalle coordinate ed `e molto piccola (g(r) << 1) e u(t) dipende
solo dal tempo. Per questultima si usa di solito una funzione del tipo e
it
, con
complesso.
Con tali notazioni e premesse possiamo scrivere
h(t) = h
0
_
1 +xe
it
_
(20.23)
P(t) = P
0
_
1 +pe
it
_
(20.24)
T(t) = T
0
_
1 +e
it
_
(20.25)
con [x[, [p[, [[ << 1. Partiamo dalla equazione del moto (20.8) e del bilancio
energetico (20.19) e dalla equazione di stato; assumiamo che = = 0; introduciamo
le perturbazioni, linearizziamo le equazioni ed inne trascuriamo i termini di ordine
superiore.
Dalla equazione di continuit`a h = cost ed equazione di stato P T abbiamo
p = x (20.26)
e dalla equazione del moto deriviamo
M

h
0

2
x +P
0
Ap = 0 (20.27)
la quale, usando g = P
0
A/M

e la (20.26), diventa
_

2
h
0
g
1
_
x + = 0 (20.28)
Analogamente, dalla equazione del bilancio energetico otteniamo
20.2. IL MODELLO A PISTONE 253
iP
0
Ah
0
x + (ic
v
m

T
0
+T
0
) = 0 (20.29)
Queste due equazioni lineari e omogenee in x e sono risolvibili se il determinante
si annulla. Questa condizione d`a una equazione algebrica del terzo grado in .
Il problema diventa semplice se assumiamo che il gas subisca trasformazioni adi-
abatiche ( = 0). Infatti lequazione linearizzata del bilancio energetico (20.29),
assieme alla equazione di stato di gas perfetto e alla relazione
0
= m

/Ah
0
, diventa
K
Hc
v
x + = 0 (20.30)
Ricordando che K/m
H
= c
p
c
v
e c
p
/c
v
=
ad
ne segue che
(
ad
1)x + = 0 (20.31)
Dalla condizione sul determinante si ottiene
=
ad

ad
= (
g
ad
h
0
)
1/2
(20.32)
Poiche `e reale, il moto adiabatico `e una oscillazione con frequenza ed ampiezza
costante. Si dice allora che il pistone e dinamicamente stabile.
Il risultato cambia introducendo i termini non adiabatici. Per ,= 0 abbiamo
(
ad
1)x + (1 +
a
i
) = 0 (20.33)
dove a = /c
v
m

. La condizione sul determinante genera ora una equazione cubica


in , dove in generale `e complesso.
Se assumiamo che sia piccolo, in modo tale che la frequenza di oscillazione sia
prossima a quella del caso adiabatico, possiamo porre =
ad
+. Se trascuriamo
i termini di ordine superiore in e nell equazione del determinante otteniamo
i =

ad
1
2
ad

c
v
m

ad
1
2
ad
(
1

) < 0 (20.34)
Le oscillazioni quasi adiabatiche sono pertanto smorzate, in quanto i = i
ad
+i
ha la parte reale che diminuisce con lampiezza sulla scala di tempo . In tale
situazione il pistone e vibrazionalmente stabile.
254 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
Lequazione cubica in deve avere una terza radice che pu`o essere trovata assumendo
che essa descriva unevoluzione cos` lenta che i termini di inerzia nella (20.8) siano
trascurabili. Allora la relazione (20.28) deve essere sostituita da
x = 0 ovvero p = 0 (20.35)
Infatti se levoluzione `e cos` lenta che la condizione di equilibrio idrostatico `e sempre
vericata, la pressione `e data dal peso del pistone. Si ricava
i =
T
P
0
Ah
0
+c
v
m

T
0
=

c
p
m

=
1

ad
(
1

) (20.36)
Essa corrisponde ad un decadimento esponenziale su scala temporale della per-
turbazione iniziale. Si dice che il pistone `e secolarmente stabile.
20.3 Ancora sul pistone: complicazioni
Consideriamo il caso in cui non ci sia perdita, produzione e assorbimento di
energia, cio`e = = = 0. In tal caso lentropia del gas rimane costante durante
lo spostamento del pistone. Nella sezione precedente abbiamo esaminato questa
situazione sotto lipotesi di peso del pistone costante (G

= cost). Ora immaginiamo


che il peso vari con laltezza, G

= G

(h). Lequazione del moto diventa


M
d
2
h
dt
2
= G

+PA (20.37)
la quale perturbata e linearizzata d`a
M

h
0

2
x +P
0
Ap G

h
G

0
x = 0 (20.38)
dove G

h
= dlnG

/dlnh (< 0) e G

0
= P
0
A = g
0
M

. G

0
e g
0
sono i valori di
equilibrio.
Dalla condizione di continuit`a e dallequazione di stato di gas perfetto si ottiene
_

2
h
0
g
0
G

h
1
_
x + = 0 (20.39)
la quale assieme allequazione adiabatica
(
ad
1)x + = 0 (20.40)
20.3. ANCORA SUL PISTONE: COMPLICAZIONI 255
d`a per gli auto-valori dell oscillazione adiabatica =
ad
con

ad
=
_
(
ad
+G

h
)
g
0
h
0
_
1/2
(20.41)
Si ricordi che le perturbazioni cambiano nel tempo con e
it
. Da questa si vede che

ad
`e un numero reale solo se
ad
> G

h
. In questo caso la perturbazione (piccola)
`e seguita da una oscillazione periodica che rimane sempre piccola. Il sistema `e
dinamicamente stabile. Ma se
ad
< G

h
allora
ad
`e immaginario e uno degli
auto-valori d`a una ampiezza che cresce esponenzialmente nel tempo; in tal caso
il sistema `e dinamicamente instabile. Il corrispondente caso stellare `e per
ad
>
G

h
=
ad
> 4/3.
Presenza dei termini non adiabatici. Lasciamo ora cadere lipotesi di adia-
baticit`a. Consideriamo e funzioni di P e T mentre lasciamo costante. In caso
di equilibrio termico abbiamo

0
m

+
0
m

F = (T T
s
) (20.42)
Se perturbiamo e linearizziamo questa condizione si ottiene
i(c
v
m

T
0
+P
0
Ah
0
x) =
0
m

(p
P
+
T
) +
0
m

F(p
P
+
T
) T
0
(20.43)
dove

P
= (
ln
lnP
)
T

T
= (
ln
lnT
)
P
(20.44)

P
= (
ln
lnP
)
T

T
= (
ln
lnT
)
P
(20.45)
La equazione del moto (20.37) ha generato la equazione (20.39) la quale, assieme alla
condizione di peso costante del pistone (G

h
= 0 che porta alla stabilit`a dinamica,
diventa
_

2
h
0
g
0
1
_
x + = 0 (20.46)
Poich`e h
1
, l equazione di stato d`a
256 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
p = x (20.47)
Le equazioni (20.43), (20.46) e (20.47) formano un sistema di equazioni lineari omo-
genee in p, e x. Per avere soluzioni il determinante dei coecienti deve annullarsi
h
0
g
0
iu
0

h
0
g
0
(e
P
+e
T
)
2

5
3
u
0
i +e
T
= 0 (20.48)
con
e
P
=
0

P
+
0
F
P
e
T
=
0

T
+
0
F
T

T
0
m

u
0
= c
v
T
0
(20.49)
dove per lultima relazione si `e assunto che il gas sia perfetto e monoatomico. Questa
equazione diventa con coecienti reali se poniamo = i
h
0
g
0
u
0

h
0
g
0
(e
P
+e
T
)
2
+
5
3
u
0
e
T
= 0 (20.50)
Essa `e una equazione del terzo grado in . Mentre nel caso adiabatico abbiamo ot-
tenuto due soluzioni =
ad
= i
ad
, ora in condizioni non adiabatiche abbiamo
tre autovalori.
Se i termini non adiabatici e
P
e e
T
sono piccoli, ci aspettiamo che due autovalori
(complessi coniugati) siano vicini a quelli del caso adiabatico
=
r
i
ad

ad
=
_

ad
g
0
h
0
_
1/2
(20.51)
dove
r
`e reale e [
r
[ <<
ad
. Mentre nel caso adiabatico loscillazione rimane
strettamente periodica, ora la parte reale
r
obbliga lampiezza di oscillazione a
crescere (decrescere) nel tempo in funzione del segno di
r
. Poich`e [
r
[ <<
ad
questi cambiamenti avvengono su una scala di tempo molto lunga rispetto al periodo
di oscillazione (stabilit`a vibrazionale). Se loscillazione cresce nel tempo, allora la
soluzione si allontana dalla condizione di equilibrio, che risulta pertanto instabile.
Occupiamoci ora della terza radice che necessariamente compare in presenza dei
termini dissipativi e
P
, e
T
. Invece di risolvere lequazione cerchiamo di derivare la
soluzione da semplici argomenti. La presenza dei termini non adiabatici ha cambiato
loscillazione nel senso che la sua ampiezza varia sulla scala di tempo 1/
r
. Ora
cerchiamo una terza soluzione in grado di cambiare con la stessa scala temporale.
20.4. STABILIT
`
A STELLARE: METODI SEMPLICI 257
Ci`o signica che nella equazione (20.50) i termini in
3
e
2
possono essere trascurati
(equivale a trascurare tutti i termini inerziali). La soluzione `e
=
sec
= i
sec
=
3
5
e
T
u
0
(20.52)
detta soluzione e/o stabilit`a secolare.
Per piccole deviazioni dall adiabaticit`a [
sec
[ <<
ad
. A seconda del segno di
sec
le perturbazioni crescono in ampiezza o si smorzano su una scala di tempo che `e
quella di aggiustamento termico.
Abbiamo in denitiva isolato tre tipi di stabilit`a: dinamica, vibrazionale e seco-
lare. Da un tipo di stabilit`a non si pu`o dedurre alcunch`e circa gli altri tipi. Ad
esempio un sistema pu`o essere dinamicamente stabile ma essere vibrazionalmente
e/o secolarmente instabile. Se la struttura e dinamicamente instabile, gli altri tipi
di instabilit`a perdono di interesse, il quanto esso si allontana dalla posizione di
equilibrio ben prima che le altre instabilit`a possano manifestarsi.
20.4 Stabilit`a stellare: metodi semplici
Nelle stelle il problema della stabilt`a `e di vitale importanza e deve essere atten-
tamente analizzato. Una stella pu`o essere stabile in una fase ma diventare instabile
in unaltra. Ad ogni stadio evolutivo una stella e conosciuta sulla base di certi
parametri, ad esempio la composizione chimica o distribuzione di entropia. Pertanto
dobbiamo porci la seguente domanda: una qualunque perturbazione pu`o decadere
rapidamente confrontata con la scala di tempo di variazione di questi parametri o
no ?
Per rispondere a questa fondamentale domanda bisogna porre il problema in termini
corretti. Supponiamo di avere una stella di data massa M e composizione chimica
(r) per la quale `e nota la struttura cio`e le funzioni M
0
(r), P
0
(r), T
0
(r), L
0
(r)
assieme ad ogni altra relazione ausiliaria (equazione di stato, opacit`a, generazione
di energia etc..). Consideriamo solo il caso di perturbazioni sfericamente simmetriche
cio`e funzioni solo di r ovvero di M(r) e del tempo t in modo tale che le variabili
perturbate diventino:
r[M(r), t] = r
0
[M(r)]
_
1 +x[M(r)]e
it
_
(20.53)
P[M(r), t] = P
0
[M(r)]
_
1 +p[M(r)]e
it
_
(20.54)
258 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
T[M(r), t] = T
0
[M(r)]
_
1 +[M(r)]e
it
_
(20.55)
L[M(r), t] = L
0
[M(r)]
_
1 +[M(r)]e
it
_
(20.56)
con ovvio signicato dei simboli. Tutte le funzioni x, p, sono << 1. Queste vari-
abili devono soddisfare al sistema completo delle equazioni di base con la variabile
temporale esplicitamente inclusa.
A scopo illustrativo introduciamo le perturbazioni nella equazione del moto e lin-
earizziamola rispetto a p e x. Essa diventa
P

0
(1 +pe
it
) +P
0
p

e
it
=
GM(r)
4r
4
0
(1 4xe
it
) +

2
4r
0
xe
it
(20.57)
dove lapice sta ad indicare d/dM(r). Poich`e i termini di equilibrio obbediscono alla
equazione di equilibrio idrostatico vale la uguaglianza
P

0
=
GM
0
(r)
4r
4
0
(20.58)
I termini indipendenti dal tempo si cancellano fra loro, gli esponenziali cadono e
si ottiene la prima delle equazioni date pi` u avanti. Analogamente per lequazione
di continuit`a, lequazione di conservazione dellenergia e lequazione del trasporto
radiativo (avendo assunto per lequazione di stato la forma generale P

.
Le equazioni perturbate e linearizzate sono
p

=
P

0
P
0
_
p +
_
4 +
r
3
o
GM(r)

2
_
x
_
(20.59)
x

=
1
4r
3
0

0
(3x +p ) (20.60)

=

0
L
0
(r)
(
P
p
T
) i
P
0

L
0
(r)
0
_

ad
p
_
(20.61)

=
P

0
P
0

rad
_

P
p + (
T
4) + 4x
_
(20.62)
20.4. STABILIT
`
A STELLARE: METODI SEMPLICI 259
Esse costituiscono un sistema di quattro equazioni dierenziali lineari omogenee del
1
0
ordine nelle incognite p, , x, . Esse devono obbedire ad opportune condizioni al
contorno corrispondenti a quelle delle equazioni non perturbate. Le soluzioni devono
essere regolari al centro e nite alla supercie. Pertanto la soluzione del sistema di
equazioni `e possibile solo per certi valori di . Esiste un sistema innito di valori di
(auto-valori) assieme alle corrispondenti funzioni x, p, , dette (auto-funzioni).
Il termine in
2
viene dal termine inerziale della equazione del moto, mentre il
termine in viene dalle derivate temporali nella equazione dell energia. Le scale di
tempo corrispondenti sono
hydr
e
th
, dinamica e termica rispettivamente. Poich`e

hydr
<<
th
, ci aspettiamo di trovare (almeno in via generale) le stesse stabilit`a
dinamica, vibrazionale e secolare incontrate nel caso del pistone.
20.4.1 Stabilit`a dinamica
Invece che risolvere esplicitamente il sistema di equazioni (20.59,20.62) cerchiamo
le oscillazioni che avvengono sulla scala
hydr
. Poich`e
hydr
<<
th
la temperatura
della materia varia in maniera quasi-adiabatica e pertanto si pu`o sostituire con
p
ad
. Le due relazioni (20.59) e (20.62) costituiscono due equazioni nelle incognite p
e x con auto-valore
2
. Il problema `e auto-aggiunto con una innita serie di
2
n
reali
(
n
puramente reale o puramente immaginario). Essi corrispondono ad oscillazioni
periodiche (
2
n
> 0) o esponenziali (
2
n
< 0). Analoga soluzione `e stata trovata per
il pistone ma ora abbiamo una serie innita di auto-valori. La stabilit`a impone che
tutti gli
2
n
> 0, mentre anche un solo
2
n
< 0 `e suciente per linstabilit`a.
Il modo con cui una stella risponde a compressioni/espansioni adiabatiche dipende
da
ad
. Per vericare questa aermazione, consideriamo una sfera concentrica di
raggio r = r[M(r)] dentro una stella in equilibrio idrostatico. La pressione `e uguale
al peso degli strati sovrastanti
P =
_
M
M(r)
GM(r)
4r
4
dM(r) (20.63)
Comprimiamo ora la stella in maniera adiabatica ed omologa. Dopo questa op-
erazione la stella non sar`a pi` u in equilibrio idrostatico. Se lapice indica il valore
di una variabile dopo la compressione, allora le relazioni di omologia impongono
che il membro di destra della equazione vari come (R

/R)
4
(dove R `e il raggio
260 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
totale), mentre le condizioni di adiabaticit`a e di omologia impongono che il membro
di sinistra vari come (

/)

ad
= (R

/R)
3
ad
. Per questo si veda il capitolo sulle
trasformazioni di omologia. Pertanto se
ad
> 4/3, allora la pressione nel membro
di sinistra aumenta con la contrazione pi` u rapidamente del membro di destra. La
stella recupera la posizione di equilibrio: essa `e dinamicamente stabile. Lopposto
per
ad
< 4/3: la stella `e dianamicamente instabile. Per
ad
= 4/3 la stella `e in
condizioni neutre.
20.4.2 Eetti non adiabatici
In una stella dinamicamente stabile, la presenza di eetti non adiabatici porta
alla possibilit`a delle instabilit`a vibrazionale e secolare. La stabilit`a vibrazionale `e
legata al fenomeno delle pulsazioni (Cefeidi, RR Lyrae). La stabilit`a secolare e
legata al bruciamento nucleare e verr`a da noi utilizzata per studiare il fenomeno
del ash in un gas degenere e la instabilit`a termica (pulsi) delle shells sottili non
degeneri.
20.4.3 Calore specico gravo-termico
Consideriamo una piccola sfera si raggio r
s
e massa M
s
attorno al centro di una
stella in equilibrio idrostatico. Se la sfera `e piccola la pressione e densit`a nel suo
interno possono essere presi uguali ai valori centrali P
c
e
c
. Supponiamo che in
risposta all aggiunta di una piccola quantit`a di calore alla sfera centrale lintera
stella si espanda un poco e che l espansione sia omologa. Allora ogni shell di massa
dM
r
al raggio r si porta al raggio r+dr = r(1+x) dove x `e costante per tutte le shells.
Se dopo lespansione la pressione nella sfera `e diventata P
c
+dP
c
, i cambiamenti di
P
c
e
c
sono dati da
d
c

c
= 3x p
c
=
dP
c
P
c
= 4x (20.64)
Queste relazioni si derivano in maniera semplice dalla cosiddetta contrazione omologa.
Supponiamo di prendere una stella a due istanti temporali t e t + t che subisca
un contrazione (espansione), allora i raggi di ogni shell ai due tempi saranno legati
dalla relazione
r

= r + rt (20.65)
20.4. STABILIT
`
A STELLARE: METODI SEMPLICI 261
ovvero
r

r
= 1 +
r
r
t (20.66)
Per una contrazione omologa (si veda il capitolo sulle trasformazioni di omologia
per maggiori dettagli) deve essere r

/r = R

/R costante lungo lintera stella per cui


il rapporto
r
r
=

R
R
(20.67)
deve essere costante lungo lintera stella. Ci`o signica che

m
_
lnr
t
_
= 0 (20.68)
Dallequazione di continuit`a e scambio delle derivate si ricava

t
_
1
r
r
m
_
=

t
_
1
4r
3

_
=
1
4r
3

_
3
r
r

_
= 0 (20.69)
la quale genera

= 3
r
r
(20.70)
Analogamente per la pressione formalmente espressa da
P =
_
M
M(r)
GM(r)
4r
4
dM(r) (20.71)
Dierenziando rispetto al tempo si ottiene

P =
_
M
M(r)

t
_
1
r
4
_
GM(r)
4
dM(r) = 4
r
r
_
M
M(r)
GM(r)
4r
4
dM(r) (20.72)
da cui

P
P
= 4
r
r
(20.73)
Inne usando lequazione di stato P

si deriva una espressione simile per la


temperatura
262 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A

T
T
=
4 3

r
r
(20.74)
che `e quanto si voleva.
Scriviamo ora lequazione di stato nella forma
d
c

c
= p
c

c
(20.75)
Combinando le due relazioni si ottiene
p
c
=
4
4 3

c
(20.76)
In base al primo principio della termodinamica la quantit`a di calore aggiunta alla
sfera per unit`a di massa `e
dq = du +Pdv = c
p
T
c
(
c

ad
p
c
) = c

T
c

c
(20.77)
dove
c

= c
p
_
1
ad
4
4 3
_
(20.78)
Questa quantit`a ha le dimensioni di un calore specico per unit`a di massa, in quanto
dT = dq/c

d`a laumento di temperatura nella sfera centrale quando viene aggiunto


il calore dq. La condizione sotto la quale `e stato ottenuto c

`e che la pressione del


gas rimanga in equilibrio con il peso degli strati sovrastanti (r > r
s
). La quantit`a
c

`e chiamata il calore specico gravo-termico.


Per un gas monoatomico per il quale = = 1 e
ad
= 2/5, si ha c

< 0.
Questa `e una fortunata circostanza in quanto se per un momento le reazioni nucleari
depositano calore, dq > 0, allora dT < 0, cio`e la regione si espande e si raredda
riducendo la produzione di energia nucleare. Il calore specico gravo-termico
negativo agisce come un termostato stabilizzatore.
`
E facile rendersi conto
che la diminuzione di temperatura non contraddice la conservazione dellenergia in
quanto si deve considerare anche il lavoro di espansione pdv fatto dalla sfera centrale.
In un gas degenere non relativistico dove 0 e 3/5 si ha c

> 0. L
aggiunta di energia alla sfera centrale riscalda ulteriormente la materia. Si ricordi
che la equazione di stato non contiene la temperatura quindi non vi `e risposta di
espansione allaggiunta di calore. Questo induce un runaway termico.
20.4. STABILIT
`
A STELLARE: METODI SEMPLICI 263
20.4.4 Stabilit`a secolare e bruciamento nucleare
Usando la denizione di dq ora ottentuta esaminiamo il bilancio energetico della
sfera. Lenergia prodotta nel suo interno dalle reazioni nucleari `e trasportata al-
trove o dalla radiazione o dalla convezione. Supponiamo per semplicit`a che valga il
trasporto radiativo. In stato stazionario guadagni e perdite di energia si compen-
sano. Sia il tasso di produzione (per unit`a di massa e tempo) nucleare e L
s
il tasso
di irraggiamento dalla sfera (per unit`a di tempo), allora vale la condizione
M
s
L
s
= 0 (20.79)
Supponiamo di perturbare l equilibrio in questione su una scala di tempo molto
pi` u lunga del tempo scala dellequilibrio idrostatico
hydr

ff
ma breve rispetto a
quella di aggiustamento termico
th
. La condizione di equilibrio perturbata diventa
M
s
d dL
s
= M
s
dq
dt
= M
s
c

dT
c
dt
(20.80)
Perturbiamo ora l equazione del trasporto radiativo
L
s

T
3
r
4

dT
dM(r)
(20.81)
ottenendo
dL
s
L
s
= 4
c
+ 4x
P
p
c

c
(20.82)
Nella perturbazione di dT/dM(r) abbiamo fatto uso della omologia = dT/T =
costante ovvero d(dT/dM(r)) = d(T)/dM(r) = dT/dM(r).
Combinando le varie relazioni si ottiene
dL
s
L
s
=
_
4
T

4
4 3
(1 +
P
)
_

c
(20.83)
Introducendola nella condizione di equilibrio perturbata abbiamo
M
s
L
s
dq
dt
=
(M
s
d dL
s
)
L
s
=
T

c
+
P
p
c

dL
s
Ls
=
_
(
T
+
T
4) +
4
4 3
(
P
+
P
+ 1)
_

c
(20.84)
264 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
dove abbiamo fatto uso della relazione L
s
= M
s
. Inne si ricava
M
s
c

T
c
L
s
d
c
dt
=
_
(
T
+
T
4) +
4
4 3
(
P
+
P
+ 1)
_

c
(20.85)
il segno della parentesi ci dice se per dT
c
> 0 la variazione di produzione di energia
supera la variazione di usso dalla sfera ([.....] > 0). Il segno di c

ci dice se in questo
caso la sfera di riscalda (c

> 0) o si raredda (c

< 0).
Normalmente
T
`e il termine dominante nella [...] e pertanto [....] > 0. Nel caso di
un gas perfetto ( = = 1 e c

< 0) si ottiene
M
s
c

T
c
L
s
d
c
dt
= [
T
+
T
+ 4(
P
+
P
)]
c
(20.86)
Poich`e c

< 0 si trova che (d


c
/dt)/
c
< 0, cio`e la perturbazione dT
c
decade e
lequilibrio `e stabile se
[
T
+
T
+ 4(
P
+
P
)] > 0 (20.87)
Di solito questo condizione e vericata. Il solo termine pericoloso `e
T
che pu`o
essere anche -4.5 (opacit`a di Kramers). Daltra parte
T
= 5 per la catena pp e cos`
la condizione `e soddisfatta. Un aumento di temperatura dT
c
provoca un aumento
di produzione di energia nucleare, ma grazie al calore specico gravotermico c

< 0
la sfera reagisce producendo dT
c
< 0. Il bruciamento nucleare `e stabile.
Atteso il predominare del termine
T
rispetto agli altri (
T
> 20 in molti casi)
possiamo approssimare la relazione (20.86) con
d
c
dt
=
L
s

T
M
s
T
c
c

c
=
1
C

c
(20.88)
dove ovviamente C < 0 indica stabilit`a, C > 0 instabilit`a. Poich`e per un gas
ideale
T
> 0 e c

< 0, la quantit`a C `e negativa: il bruciamento nucleare in queste


condizioni `e stabile.
Per un gas degenere non relativistico = 0 e = 3/5, per cui c

> 0 e C > 0.
Ogni bruciamento nucleare con le consuete dipendenze dalla temperatura diventa
instabile. Per questa ragione in una Nana Bianca non possono esistere intense
sorgenti nucleari altrimenti si avrebbe immediatamente un runaway termico.
20.5. STABILIT
`
A STELLARE: METODI VARIAZIONALI 265
Lo stesso fenomeno `e responsabile del ash (dellelio) che avviene nei nuclei degeneri
di stelle giganti rosse di piccola massa.
Vi `e unaltra considerazione importante che si pu`o trarre dalla condizione di stabilit`a.
Supponiamo che nella regione centrale di una stella non ci siano sorgenti nucleari
ma perdite di energia per neutrini. La sorgente nucleare `e in questi casi connata
in una shell (ad esempio la shell di idrogeno in una gigante rossa, le shell di elio
e di idrogeno nelle stelle AGB). In questo caso parte dellenergia prodotta uisce
verso lesterno, mentre parte della stessa va verso linterno dove viene trasformata
in neutrini. La temperatura massima si ha nella shell e non nel centro della stella.
In questa situazione il usso L
s
nella sfera centrale `e negativo. Se
T
> 0 come nel
caso di perdite di energia per neutrini, allora tutte le conclusioni tratte in precedenza
saranno invertite a causa del diverso segno di L
s
nel nucleo centrale: lequilibrio `e
stabile se c

> 0 cio`e per un gas degenere, instabile per c

< 0 come nel caso di gas


perfetto.
Inne ricordiamo che lo stesso formalismo render`a conto dellinstabilit`a termica delle
shell nucleari di spessore molto piccolo (tipica `e l instabilit`a termica della shell di
elio nelle stelle AGB).
20.5 Stabilit`a stellare: metodi variazionali
Abbiamo visto che ci sono diversi tipi di stabilit`a (instabilit`a). In questo capitolo
presenteremo in maniera schematica il metodo variazionale limitatamente al caso
delle piccole perturbazioni. Questo tipo di stabilt`a `e noto come stabilit`a secolare
Piccole perturbazioni possono essere considerate come adiabatiche o isoentropiche.
Ci`o `e possibile se durante il tempo in cui viene applicata la perturbazione, parti
diverse della stella non scambiano energia fra loro in maniera apprezzabile. Il tempo
caratteristico con cui avviene lo scambio di energia e cio`e
th
`e dellordine di 10
3
10
5
anni molto lungo a confronto dei tipici periodi di oscillazione (da poche ore a giorni).
Pertanto lipotesi di perturbazione adiabatica `e pienamente giusticata.
Fra i molti possibili tipi di instabilit`a e criteri associati consideriamo qui solamente
quello rispetto a piccole perturbazioni adiabatiche o equivalentemente isoentropiche.
In generale possiamo aermare:
Una stella viene detta secolarmente stabile se `e stabile rispetto ad arbitrarie per-
turbazioni adiabatiche; una stella `e detta instabile se `e instabile rispetto ad una
qualunque perturbazione.
In termini di energia questo equivale a dire che una stella `e stabile se la sua congu-
razione di equilibrio corrisponde ad un minimo della supercie dell energia. Questo
signica che in uno stato di equilibrio, la variazione prima dellenergia totale E deve
essere nulla e che la variazione seconda di E deve essere positiva.
Se E `e lenergia totale (interna pi` u gravitazionale, E = U
T
+) della stella, abbiamo
266 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
E < 0 legame gravitazionale
( E)
ad
=0 condizione per equilibrio idrostatico
(
2
E)
ad
> 0 condizione per stabilit`a secolare
La prima delle tre relazioni `e ovvia ed `e gi`a stata incontrata discutendo il Teorema
del Viriale.
(1) Condizione per lequilibrio (idrostatico): E = 0
La seconda relazione `e meno ovvia tuttavia `e facile vericare che la ( E)
ad
= 0
equivale alla condizione di equilibrio idrostatico.
Infatti sia v = 1/ il volume specico (volume per unit`a di massa) ed U lenergia
interna per unit`a di massa, la variazione di U
T
da
U
T
=
_
M
0
UdM(r) (20.89)
dove U = Pv dal primo principio della termodinamica con dQ = 0. Per calcolare
v si procede come segue:
v =
1

=
dV
dM
r
(20.90)
v =
dV
dM
r
=
d(4r
2
r)
dM(r)
(20.91)
Integrando per parti e facendo uso delle condizioni al contorno P = 0 per r = R e
r = 0 a r = 0, si ottiene
U
T
=
_
R
0
dP
dM(r)
4r
2
rdM(r). (20.92)
La variazione di `e data da
=
_
R
0
(
GM(r)
r
2
)rdM(r). (20.93)
Inne dalla condizione E = U
T
+ = 0 si deriva la condizione
E =
_
R
0

_
.....
_
4r
2
rdM
r
= 0 (20.94)
20.5. STABILIT
`
A STELLARE: METODI VARIAZIONALI 267
da cui la condizione di equilibrio idrostatico attesa larbitrariet`a di r.
(2) Condizione di stabilit`a secolare
2
E > 0
La condizione di stabilit`a (
2
E)
ad
> O si esprime tramite le variazioni seconde di U
(energia interna per unit`a di massa) e di . La variazione
2
U `e

2
U =
P
v ad
(v)
2
P
2
v (20.95)
dove

2
v =
d
dM(r)
_
8r(r)
2
_
(20.96)
(r)
2
=
(V )
2
12rV
(20.97)
con V = (4/3)r
3
. Ricordando la denizione del primo esponente adiabatico
1

1
=
v
P
_
P
v
_
ad
(20.98)
la relazione fra P e v `e nota. La seconda variazione di `e semplicemente

2
=
_
R
0
_
2
GM(r)
r
3
_
(r)
2
dM(r). (20.99)
Combinando le equazioni si ottiene

2
E =
_
R
0
(P
1
/v)
_
dV
dM(r)
_
2
P
d
_
8r(r)
2
_
dM(r)
+
dP
dM(r)
_
8r(r)
2
_
dM(r)
(20.100)
Si vede che dopo integrazione parziale il secondo termine `e uguale al terzo. Elimi-
nando (r)
2
e cambiando la variabile da M(r) a V [si ricordi che v = dV/dM(r)],

2
E pu`o essere scritta come

2
E =
_
V
R
0
_
(
dV
dV
)
2
P
1
+ (
4
3
)(
dP
dV
)
(V )
2
V
_
dV (20.101)
268 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
Il criterio di stabilita pu`o essere posto in termini di V . La stella `e stabile se
2
E > 0
per ogni V , mentre `e instabile se
2
E < 0 per un V . Ponendo g = V possiamo
denire la quantit`a data da
=
_
V
R
0

1
P(
dg
dV
)
2
dV
_
V
R
0

1
V
dP
dV
g
2
dV
(20.102)
Poich`e dP/dV < 0, P > 0 e
1
> 1, `e sempre positivo. Confrontando la relazione
per con quella per
2
E si vede che la condizione di stabilit`a richiede che > 4/3
per ogni g. Questa condizione `e facilmente riconducibile ad un problema agli auto-
valori. Se si denisce con la seguente equazione
=
_
V
R
0
_

1
P(
dg
dV
)
2
+(
dP
dV
)
g
2
V
_
dV (20.103)
la quale se = 0 diventa uguale a quella per . Se `e nota la struttura della stella
allora
1
e P sono funzioni di V . Se anche g `e funzione di V , allora si pu`o calcolare
. Se al contrario `e dato a priori, allora lequazione per g pu`o essere ottenuta
da quella per richiedendo che la sola forma di g ammissibile sia quella per cui
= 0. Questo implica che = 0. Applicando il principio variazionale si ottiene
lequazione
d
dV
(
1
P
dg
dV
) = (

V
)(
dP
dV
g (20.104)
con le condizioni al contorno
g = 0 per V = 0 centro (20.105)

1
P(
dg
dV
) = 0 perP = 0 superficie (20.106)
Lequazione (20.104) `e una equazione dierenziale del secondo ordine auto-aggiunta
con condizioni al contorno in due punti diversi dello spazio.
`
E noto dalla teoria delle
equazioni dierenziali che esistono soluzioni solamente per un sistema di valori di
detti auto-valori. Sia
0
il valore minimo fra questi. Il criterio di stabilit`a aerma
che se
0
> 4/3 la stella `e stabile mentre se
0
< 4/3 la stella `e instabile. In generale,

1
`e funzione delle variabili termodinamiche e non `e costante. Ci`o implica che non
20.5. STABILIT
`
A STELLARE: METODI VARIAZIONALI 269
possono essere trovate soluzioni generali dellequazione (20.104) e quindi che non
ci sono criteri generali di stabilit`a. Tuttavia in molti casi
1
`e circa costante. In
questo caso la soluzione dellequazione `e

0
=
1
g = kV (20.107)
dove k `e una costante e la condizione di stabilit`a diventa

2
E = k
2
_
V
R
0
P(
1

4
3
)dV > 0 (20.108)
La stella `e dunque stabile se
1
> 4/3. Un gas perfetto non relativistico ha
1
= 5/3
ed `e dunque stabile, mentre un gas perfetto relativistico ha
1
= 4/3 e pertanto non
`e stabile.
270 CAPITOLO 20. STABILIT
`
A
Capitolo 21
POLITROPI
Sfere gassose in equilibrio idrostatico in cui la pressione e la densit`a siano legate
dalla relazione
P = K
n+1
n
(21.1)
dove K `e una costante sono chiamate politropi e n `e detto indice politropico.
Linteresse in tali strutture sta nel fatto che in particolari circostanze siche, il
legame fra pressione e densit`a pu`o essere del tipo indicato. Consideriamo alcuni
esempi classici:
i) In un gas di particelle e radiazione la pressione totale `e P = P
g
+ P
r
con P
g
=
(k/ m
H
) T e P
r
= (1/3)aT
4
. Introdotto il parametro = P
g
/P, la temperatura
`e formalmente data da
T = [
k
m
H
(
3
a
)
(1 )

]
1/3

1/3
(21.2)
mediante la quale si pu`o esprimere la pressione nel modo seguente
P =
_
(
k
m
H
)
4
(
3
a
)
1

1/3

4/3
(21.3)
Questa equazione `e vera in ogni punto della stella. In generale non `e rigorosamente
costante ma dipende dalla distanza dal centro. Tuttavia, poich`e si constata che
dipende poco da r, esso pu`o essere considerato costante. In tale caso la relazione di
sopra `e una relazione politropica con n = 3.
271
272 CAPITOLO 21. POLITROPI
ii) Una regione interna di una stella che sia instabile alla convezione ed in cui valga
il gradiente di temperatura adiabatico `e descrivibile mediante la P = K

dove
dipende dalla natura del gas. Per un gas monoatomico ed in assenza di radiazione
= 5/3 e quindi la struttura `e politropica con n = 1.5.
iii) Strutture, il cui gas di elettroni sia totalmente degenere, sono governate da
relazioni del tipo P = K
5/3
o P = K
4/3
a seconda che gli elettroni non relativistici
o relativistici, rispettivamente.
Lo studio delle strutture politropiche incomincia col denire una funzione tale che
=
n
(21.4)
dove `e un parametro che dipende dalla denizione di ; in generale si usa porre
= 1 al centro della stella e questo equivale a identicare con la densit`a
c
al
centro della stella. Dalla relazione (21.1) segue che
P = K
n+1
n

n+1
(21.5)
Combinando lequazione dellequilibrio idrostatico con quella di conservazione della
massa e sostituendo P e con le relazioni denite sopra si ottiene
(n + 1)K
1/n 1
r
2
d
dr
_
r
2 d
dr
_
= 4G
n
(21.6)
Introducendo la variabile adimensionale = r/ con
=

(n + 1)K
(1n)/n
4 G
(21.7)
si ricava
1

2
d
d
_

2 d
d
_
=
n
(21.8)
chiamata equazione di Lane-Emden del politropo di indice n. Essa governa la dis-
tribuzione di densit`a in ogni regione dove sia valida la relazione politropica fra pres-
sione e densit`a, non necessariamente lintera stella. Politropi completi sono quelli
in cui tale relazione vale dal centro alla supercie. In questo caso la costante si
identica con la densit`a centrale. La soluzione di in funzione di determina com-
pletamente la struttura del politropo eccetto che per la scelta della densit`a centrale.
Ponendo =
c
`e facile vedere che le condizioni al centro sono
273
= 1
d
d
= 0 per = 0 (21.9)
La condizione sulla derivata di `e imposta dalla simmetria sferica della congu-
razione.
Altre ovvie relazioni sono
P
c
= K
n+1
n
c
(21.10)
=
c

n
P = P
c

n+1
T = T
c
(21.11)
ancora
=

(n + 1)
4 G
P
c

2
c
(21.12)
La soluzione che soddisfa la equazione di Lane-Emden di indice n sotto tali condizioni
`e detta funzione di Lane-Emden di indice n.
Soluzioni analitiche della equazione di Lane-Emden sono possibili per i valori di
n = 0, 1 e 5. Esse sono date dalle seguenti relazioni
n = 0 () = 1
1
6

2
(21.13)
Essa corrisponde alla sfera omogenea di gas, in quanto =
0
= =
c
sempre.
n = 1 () =
sin

(21.14)
n = 5 () =
1
(1 +
2
/3)
1/2
(21.15)
Si noti che nel caso del politropo di indice n = 5 la soluzione non si annulla mai per
r ,= . Il raggio `e innito. Tutti i politropi con n 5 hanno raggio innito.
Ogni altro caso deve essere risolto per via numerica. Si dimostra che le soluzioni
decrescono continuamente dal centro ( = 0) verso lesterno e che per valori di n < 5
esse intersecano lasse ad un certo valore
1
. Evidentemente lannullarsi di in

1
signica che la P = 0 e quindi
1
pu`o essere preso come il raggio adimensionale
della congurazione.
La massa dentro la sfera di raggio `e data da
274 CAPITOLO 21. POLITROPI
M() = 4
_
(n + 1)K
4 G
_
3/2

(3n)/2n
_

2 d
d
_
(21.16)
ovvero
M() =
(n + 1)
3/2
(4)
1/2
G
3/2
P
3/2
c

2
c
(
2 d
d
) (21.17)
La massa totale `e data da
M = 4
_
(n + 1)K
4 G
_
3/2

(3n)/2n
_

2 d
d
_
1
(21.18)
ovvero
M =
(n + 1)
3/2
(4)
1/2
G
3/2
P
3/2
c

2
c
(
2 d
d
)
1
(21.19)
Inne il raggio totale `e legato a
1
da
R =
1
_
(n + 1)K
4 G

(1n)/n
c
(21.20)
dove tutte le quantit`a in
1
sono calcolabili. Fissati M e R si determina K e (o

c
) e quindi la struttura politropica.
Le relazioni di cui sopra permettono di avere i valori centrali di densit`a e pressione
in funzione dei valori di e alla supercie e massa e raggio totali.
Con semplici passaggi si ha
P
c
=
1
4(n + 1)
GM
2
R
4
1
(
d
d
)
2
1
(21.21)

c
=
3M
4R
3
1
3
(

d
d
)
1
(21.22)
dalle quali si deriva una relazione massa-raggio. Infatti dalla relazione politopica
valida ovunque anche nel centro si ricava
K =
(4)
1
n
(n + 1)[
n+1
(
d
d
)
n1
]
1
n
1
GM
n1
n
R
3n
n
(21.23)
275
Osserviamo che per n = 3 la dipendenza dal raggio scompare.
Possiamo ancora derivare il rapporto fra densit`a media e centrale

c
=
3

1
_
d
d
_

1
(21.24)
il quale dipende solo da n. Per n = 0 =
c
, mentre per n 5
c
/ .
Politropi con n = 5 sono innitamente concentrati verso il centro. La pressione
centrale `e data da
P
c
=
4 R
2
G
(n + 1)
2
1
_

1
3
1
(d/d)

1
_
2

2
. (21.25)
Facendo uso dellequazione di stato si ottiene subito la temperatura centrale
T
c
=
m
H
k

c
P
c

c
(21.26)
che nel caso del politropo con n = 3 diventa
T
c
= 4.610
6

_
M
M

_
2/3

1/3
c
. (21.27)
Le stelle della sequenza principale sono in buona approssimazione uguali a politropi
di indice 3 e la loro densit`a media obbedisce alla legge = 1.4 M

/M g cm
3
; ne
segue che T
c
= costM
1/3
.
Energia potenziale. Lenergia potenziale di uno strato sferico di massa dM
r
`e
d =
GM
r
dM
r
r
(21.28)
ovvero
d = d(
GM
2
r
2r
)
GM
2
r
2r
2
dr (21.29)
Sostituiamo dr con dP mediante lequazione di equilibrio idrostatico ottenendo
d = d(
GM
2
r
2r
) +
1
2
M
r
dP

(21.30)
276 CAPITOLO 21. POLITROPI
Tuttavia
dP

= (n + 1)d(
P

) (21.31)
che introdotto nella relazione precedente e fatte alcune manipolazioni algebriche
fornisce la relazione
d = d(
GM
2
r
2r
) +
1
2
(n + 1)d(
M
r
P

)
1
2
(n + 1)
P

dM
r
(21.32)
Facendo uso ora del teorema del viriale valido per un sistema sferico e della con-
dizione P = 0 alla supercie si ricava
d +
3P

dM
r
3d(P
4
3
r
3
) = 0 (21.33)
Inserendo ora
P

dM
r
nella precedente si deriva
d =
3
5 n
d[
GM
2
r
r
] (21.34)
ovvero
=
3
5 n
GM
2
R
(21.35)
Si noti che per n = 5 lenergia potenziale tende a . Questo `e consistente col
fatto che tale politropo ha

c
)
= (21.36)
in quanto esso `e innatemente concentrato verso il centro pur avendo estensione
innita.
Equazione quartica di Eddington. Per un politropo di indice n = 3 che sotto
lipotesi di costante ben descrive lequazione di stato di un gas non degenere di
particelle e radiazione, la relazione massa-raggio generica diventa
K =
(4)
1
3
4[
4
(
d
d
)
2
]
1
3
1
GM
2
3
(21.37)
dalla quale ricordando la denizione di K mediante lequazione di stato si ha
277
1

4
=
a
3
(
m
H
k
)
4 G
3
16[
2 d
d
]
2
1
M
2
(21.38)
Questa equazione ci permette di ricavare una volta assegnata la massa totale.
Sostituendo i valori numerici della soluzione politropica (con n = 3)

1
= 6.89685 [
2 d
d
]
1
= 2.01824 (21.39)
ed altre costanti della sica, essa si riduce a
1

4
= 0.002979
4
(
M
M

)
2
(21.40)
Da questa si vede che per M 0 e cio`e che la pressione di radiazione
diventa via via dominante al crescere della massa.
Politropi compositi. I politropi sono stati ampiamente usati nel passato per
calcolare strutture stellari anche di notevole complessit`a combinando politropi di
diverso indice politropico mediante la tecnica degli invarianti di omologia (si veda
pi` u avanti).
In una stella reale lindice politopico n cambia da punto a punto o da zona a zona.
Per fare un esempio vedremo che le stelle della sequenza principale possono es-
sere schematicamente divise in due porzioni con diverso meccanismo di trasporto
dellenergia che sono descrivibili con politropi di diverso indice politropico.
Tabella 21.1. Struttura schematica delle stelle della sequenza principale.
Stella Nucleo Inviluppo
0.8 M

radiativo convettivo
10 M

convettivo radiativo
Come si pu`o formulare il problema per una tale struttura ? Ogni porzione `e descritta
dalle equazioni
P = K
i

1+
1
n
i
(21.41)
278 CAPITOLO 21. POLITROPI
=
i

n
i
(
i
) (21.42)
r = [
n
i
+ 1
4G
K
i
]
1/2

1n
i
2n
i

i
(21.43)
dove i = 1, 2 con i = 1 per linterno e i = 2 per lesterno. Il politropo associato alla
regione esterna non necessariamente deve soddisfare alle condizioni al centro (21.8)
tipiche delle soluzioni regolari in quanto esso non si estende no a tale punto (cioe

2
non `e la densit`a centrale). Le costanti
2
e K
2
sono ovviamente legate alla massa
totale M e raggio totale R
M = 4[
n
2
+ 1
4G
K
2
]
3/2

3n
2
2n
2
2
(
2
2

n
2
)
2
(21.44)
R = [
n
2
+ 1
4G
K
2
]
1/2

1n
2
2n
2
2

1
(21.45)
dove il susso 2 si riferisce al punto esterno del politropo di indice n
2
. Combinando
queste due relazioni si pu`o facilmente ottenere la relazione Massa-Raggio-K
2
.
Al punto di raccordo fra i due politopi devono essere continue le seguenti variabili:
Pressione (una discontinuit`a implicherebbe una forza innita); Temperatura (una
discontinuit`a implicherebbe un usso innito di energia), Massa (una discontinuit`a
implicherebbe una densit`a innita) ed inne il raggio (al punto di raccordo) del
politropo n
1
deve coincidere con il raggio del politropo n
2
. Le condizioni di conti-
nuit`a in pressione, raggio e massa sono
K
1

1+
1
n
1
1

n
1
+1
n
1
= K
2

1+
1
n
2
2

n
2
+1
n
2
(21.46)
[
n
1
+ 1
4G
K
1
]
1/2

1n
1
2n
1
1

1
= [
n
2
+ 1
4G
K
2
]
1/2

1n
2
2n
2
2

2
(21.47)
[
n
1
+ 1
4G
K
1
]
3/2

3n
1
2n
1
1
(
2
1

n
1
) = [
n
2
+ 1
4G
K
2
]
3/2

3n
2
2n
2
2
(
2
2

n
2
) (21.48)
Al ne di facilitare la soluzione del problema del raccordo e cio`e trovare il legame
fra K
1
, K
2
,
1
,
2
, etc e per una pi` u pregnante comprensione sica del problema
si introducono due variabili adimensionali U e V detti invarianti di omologia. Essi
sono cos` deniti
U =
dlnM(r)
dlnr
=
4r
3

M(r)
=

n
n

n
=

n
n

n
(21.49)
279
V =
dlnP
dlnr
=
dln
n+1
n
dln
= (n + 1)

n
(21.50)
Poich`e M(r) cresce con r e P decresce con r, hanno senso solo i valori positivi di U
e V . Scriviamo ora anche la condizione di continuit`a in temperatura. Si parte dalla
equazione di stato
P =
k
m
H
1

T (21.51)
dalla quale si deriva

1
=

2

2
(21.52)
Atteso che T
1
= T
2
deve essere
1
=
2
, quindi

1
=

2

2
(21.53)
La continuit`a delle variabili siche si traduce in
U
1

1
=
U
2

2
(21.54)
V
1

1
=
V
2

2
(21.55)
Il senso sico delle variabili di omologia `e il seguente
(n + 1) =
dlnP
dlnT
indice politropico (21.56)
U =
4r
3

3M(r)

densita locale
densita media interna
(21.57)
V =
3GM(r)/r
(3/2)(P/)

energia gravitazionale
energia interna
(21.58)
Il comportamento analitico di U e V `e il seguente:
Alla supercie 0 e P/ T 0 e pertanto
280 CAPITOLO 21. POLITROPI
U 0 V (21.59)
Al centro, ricordando che una sfera centrale di raggio r molto piccolo ha massa
M(r) = 4r
3

c
/3, e identicando con
c
e P con P
c
nella denizione di U e V
U 3 V 0 (21.60)
la ricerca di una struttura composita si riduce a trovare una intersezione delle curve
U, V nel piano U, V . Se tale intersezione esiste, allora la struttura composita `e
sicamente permessa. Il procedimento `e illustrato in Figura 21.1.
Figure 21.1:. Raccordo di politropi nel piano degli invarianti di omologia U e V
21.1 Modelli semplici nel piano U-V
21.1.1 Inviluppi radiativi
Consideriamo linviluppo di una stella dove ragionevolmente non vi sono sorgenti
di energia = 0 e pertanto la luminosit`a `e costante. Supponiamo inoltre che lopacit`a
sia data dalla legge di Kramers
21.1. MODELLI SEMPLICI NEL PIANO U-V 281
=
0

a
T
b
(21.61)
con
0
ed esponenti a e b costanti. Introduciamo ora le variabili adimensionali
y, t, q, x cos` denite
P =
GM
2
4R
4
y T =
m
H
k
GM
R
t M(r) = qM r = xR (21.62)
con ovvio signicato dei simboli. Dalla equazione di stato (trascuro la pressione di
radiazione) ottengo la densit`a
=
M
4R
3
y
t
(21.63)
Si pu`o vedere facilmente che gli invarianti di omologia diventano
U =
x
3
y
qt
V =
q
tx
(21.64)
Scrivendo le equazioni fondamentali di conservazione della massa e momento e del
trasporto radiativo nelle nuove variabili si ottiene
dx
dq
=
t
x
2
y
dy
dq
=
q
x
4
dt
dq
= C
y
a
t
a+b+3
x
4
(21.65)
dove
C =
3
0
4ac(4)
a+2
(
k
m
H
G
)
b+4
LR
b3a
M
ab3
(21.66)
Alla supercie q = 1 e le soluzioni devono soddisfare alle condizioni al contorno
y = 0 x = 1 y/t = 0 (21.67)
dove lultima assicura lannullarsi della densit`a. La singolarit`a del sistema di equazioni
alla supercie viene superata con una approssimazione. Se si pone q = 1 in una re-
gione piccola sotto la supercie si trova che
dy
dt
=
1
C
t
a+b+3
y
a
dt
dx
=
y
a+1
t
a+b+4
_
1
x
2
_
(21.68)
282 CAPITOLO 21. POLITROPI
Queste equazioni vengono integrate (col metodo della separazione delle variabili) no
ad un certo punto sotto la supercie. Da qu` in poi si usano le equazioni (21.65).
Si ottiene ovviamente una famiglia di soluzioni nel parametro C. Inoltre si ha
=
dlnT
dlnP
=
y
t
dt
dy
= C
y
a+1
t
a+b+4
q
(21.69)
da cui si vede che tende a vicino al centro. Infatti `e piccolo alla supercie e
cresce andando verso linterno no a superare il valore di
ad
. Da questo momento
linviluppo radiativo cessa e si passa ad un nucleo convettivo.
21.1.2 Nucleo convettivo e raccordo con inviluppo radiativo
Un nucleo convettivo `e una tipica struttura politropica con indice politropico che
dipende dalla equazione di stato. Nel caso semplice di gas perfetto monoatomico
senza pressione di radiazione lindice politropico `e n = 1.5. La struttura di questa
regione `e facile da calcolarsi e non richiede commenti particolari.
Raccordo con inviluppo radiativo. Lintegrazione del nucleo convettivo parte
dal centro (u = 3, v = 0) la soluzione `e ovviamente unica. Il raccordo deve avvenire
dove la soluzione di inviluppo raggiunge per la prima volta =
ad
. Le soluzioni di
inviluppo sono calcolate al variare del parametro C. Lungo ognuna di queste esiste
un punto dove la =
ad
`e vericata. Questo signica che esiste una linea nel
piano u v data dalle soluzioni di inviluppo lungo la quale vale la =
ad
e che
interseca la soluzione del nucleo convettivo (in realt`a atteso che anche deve essere
continuo `e un punto di tangenza). In questo punto la soluzione di inviluppo ha le
variabili q

, y

, x

, t

, la soluzione del nucleo ha le variabili

. Assumiamo un
certo peso molecolare per linviluppo. Il raccordo ha ssato C = C

, che produce
una relazione tra L, R e M. Ma la luminosit`a `e regolata dal tasso di produzione di
energia
=
0
T

(21.70)
Procediamo ora come segue: nel nucleo r = ovunque dunque anche al raccordo
dove in particolare r = r

R. Pertanto nel nucleo la variabile r ed il gradiente di


luminosit`a possono essere scritti come
r = r

r
dl
dr
=
dl
d
(21.71)
21.2. COLLASSO DI UN POLITROPO 283
ancora
=
c

3/2
T = T
c
(21.72)
Ponendo = l/L si ottengono le relazioni
d
d
= B
2

+3
B =
4
0
L
_
x

)
3

2
c
T

c
(21.73)
La continuit`a di T e fra nucleo ed inviluppo impone che

=
c

3/2
=
M
4R
3
y

(21.74)
T

= T
c

=
m
H
k
GM
R
t

(21.75)
Con queste due equazioni possiamo esprimere
c
e T
c
in funzione di

, y

, t

e di
M e R. Inserendole nella relazione per il coeciente B si ha
B = B
0

0
(
m
H
G
K
)
M
+2
LR
+3
(21.76)
dove B
0
`e noto dallintegrazione numerica no al punto di raccordo. Poich`e L `e
generata nel nucleo, al punto di raccordo vale = l/L = 1 Pertanto si ha
1 =
_

0
d
d
d = B
_

+3
d (21.77)
Questa relazione ssa il valore B = B

. In questo modo abbiamo trovato C

e B

.
Pertanto per un dato valore di M si ottengono L e R. Il modello `e completamente
determinato !!!!
21.2 Collasso di un politropo
Fino ad ora abbiamo trattato i politropi come sfere gassose in equilibrio idro-
statico.
`
E possibile tuttavia trovare soluzioni per politropi con n = 3 per i quali i ter-
mini inerziali nella equazione del momento sono importanti. Scriviamo lequazione
del momento in forma generale e simmetria sferica
v
r
t
+v
r
v
r
r
+
1

P
r
+

r
= 0 (21.78)
284 CAPITOLO 21. POLITROPI
dove v
r
= r/t.
Consideriamo un gas degenere relativistico con n = 3 ovvero = 4/3. In analogia
con il caso statico deniamo una lunghezza di scala adimensionale tramite la
r = a(t) v
r
=

a(t) (21.79)
tale che sia indipendente dal tempo e questa sia tutta nella funzione a(t). La
forma (21.79) descrive un cambiamento omologo. Introduciamo ora la funzione
(detta potenziale di velocit`a) denita da
v
r
=

r
(21.80)
possiamo scrivere
av
r
= a a = a

r
=

=
1
2
a a
2
(21.81)
dove abbiamo ssato la costante di integrazione del potenziale di velocit`a assumendo
che per = 0 = 0. Si noti che la derivata temporale di nel sistema comovente `e
d
dt
=

t
+v
r

r
=

t
+ ( a)
2
(21.82)
Con le nuove variabili la equazione di Poisson
1
r
2
d
dr
_
r
2 d
dr
_
= 4G (21.83)
diventa
1

(
2

) = 4Ga
2
(21.84)
mentre la equazione di continuit`a nella forma pi` u generale

t
=
1
r
2
(r
2
v)
r
(21.85)
diventa
1

d
dt
+
1

2
a
2

) =
1

d
dt
+ 3
a
a
= 0 (21.86)
21.2. COLLASSO DI UN POLITROPO 285
Questo signica che a
3
nel sistema comovente.
Come nel caso statico deniamo la funzione () mediante la =
c

3
(). Si vedr`a
che la funzione () `e legata alla funzione di Lane-Emden di indice n = 3. Si noti che

c
`e funzione del tempo. Al ne di non discostarsi dal formalismo del caso statico
ssiamo a = r/ dalla relazione
1
a
2
=
G
K

2/3
c
(21.87)
dove K `e la costante politropica. In questo modo
=
c

3
() = (
K
G
)
3/2 1
a
3

3
() (21.88)
Veniamo ora allequazione del moto e deniamo
h =
_
dP

= 4K
1/3
(21.89)
Inserendo ed h nella equazione del moto (21.78) si ottiene

rt
+
1
2

r
(

r
)
2
+

r
+
h
r
= 0 (21.90)
che pu`o essere integrata rispetto ad r. Ponendo nulla la costante di integrazione,
sostituendo

r
con a e tenendo conto di (21.82) si trova
d
dt
=
1
2
a
2

2
h (21.91)
e pertanto
1
2
a a
2
= h (21.92)
Dalle (21.88) e (21.89) si ricava
h = 4K
1/3
= 4
K
3/2
(G)
1/2
1
a
() (21.93)
Usiamo un formalismo simile per la dipendenza di dal tempo t e scriviamo
= 4
K
3/2
(G)
1/2
1
a
g() (21.94)
286 CAPITOLO 21. POLITROPI
che denisce la funzione adimensionale g(). Inserendo queste ultime due relazioni
nella equazione (21.92) si trova
1
2
a
2
a = 4
K
3/2
(G)
1/2
(g +)
1

2
(21.95)
I due membri di questa equazione dipendono solo dal tempo (sinistra) e dallo spazio
(destra), pertanto ogni membro deve essere separatamente uguale ad una costante

3
4
(G)
1/2
K
3/2
a
2
a = (21.96)
6
g +

2
= (21.97)
La prima di queste equazioni pu`o essere integrata due volte: con la prima inte-
grazione otteniamo
a
2
=
8
3
(
K
3
G
)
1/2 1
a
(21.98)
dove la costante di integrazione `e posta uguale a zero (velocit`a nulla quando la sfera
`e espansa allinnito). Moltiplicata per a si ottiene
a
1/2
a =
2
3
d
dt
(a
3/2
) =
_
8
3
(
K
3
G
)
1/2
_
1/2
(21.99)
dove il segno indica esplosione o contrazione, rispettivamente. Questa equazione
pu`o essere integrata immediatamente dando per un collasso che inizia ad a
0
per
t = 0
a
3/2
(t) = a
3/2
0

3
2
_
8
3
(
K
3
G
)
1/2
_
1/2
t (21.100)
Questa espressione d`a la dipendenza temporale del temine di scala a(t) e perci`o della
densit`a.
Esaminiamo ora il comportamento spaziale della soluzione. In particolare deve essere
ancora determinata la funzione (). A tale scopo scriviamo lequazione di Poisson
nella variabile
21.2. COLLASSO DI UN POLITROPO 287
1

(
2

) = 4Ga
2
(21.101)
Sostituendo le espressioni trovate per , g() e troviamo
1

2
d
d
(
2 d
d
) +
3
= (21.102)
Per = 0 si ha lequazione di Lane-Emden. Le soluzioni per ,= 0 deviano
dallequilibrio idrostatico, ed il valore di d`a una misura della deviazione. Lintegrazione
numerica di questa equazione mostra che si ottengono soluzioni sicamente signi-
cative solo per piccoli valori di , esattamente per <
m
= 0.0065. Per valori
superiori la funzione () e densit`a non si annullano a valori niti di , ma rag-
giunto un minimo essi tendono allinnito.
La soluzione trovata deve essere interpretata nel modo seguente. Consideriamo un
politropo di indice n = 3 in equilibrio, allora lequilibrio `e indipendente dal raggio.
Lenergia totale del sistema `e nulla. Infatti si ricordi che lenergia gravitazionale ed
interna di un politropo sono
=
3
5 n
GM
2
R
(21.103)
U =
1
3(
ad
1)
(21.104)
da cui
W = +U =
3
5 n
(
1
3(
ad
1)
1)
GM
2
R
(21.105)
Nel nostro caso
ad
= 4/3 per cui W = 0. Il politropo `e indierente a cambi-
amenti di raggio. Ma se per qualche ragione la pressione `e ridotta (ad esempio
perch`e la costante politropica K `e diminuita) allora la sfera incomincia a contrarsi
e la contrazione `e descritta dalle equazioni (21.96) e (21.97). La prima descrive il
comportamento temporale mentre la seconda mostra le deviazioni dalla soluzione di
Lane-Emden causate dai termini inerziali.
Questa classe di politropi verr`a usata nella descrizione del collasso del nucleo di una
stella massiccia quando d`a origine al fenomeno di supernova.
288 CAPITOLO 21. POLITROPI
21.3 Sfere isoterme
Consideriamo una sfera in equilibrio idrostatico e isoterma (temperatura costante
ovunque) per la quale valga lequazione di stato
P = (
k
m
H
)T +
1
3
aT
4
(21.106)
Poich`e T =costante, essa equivale a
P = K +D (21.107)
dove
K = (
k
m
H
)T D =
1
3
aT
4
(21.108)
Lequazione di equilibrio di questa stella `e
1
r
2
d
dr
(
r
2

dP
dr
) = 4G (21.109)
essa diventa
K
1
r
2
d
dr
(r
2 dln
dr
) = 4G (21.110)
Poniamo
= e

r =
_
K
4G
_
1/2
= (21.111)
dove `e una costante arbitraria. In analogia con i politropi l equazione diventa
1

2
d
d
(
2 d
d
) = e

(21.112)
Le condizioni al contorno sono
=
c
per = 0 =
c
(21.113)
= o
d
d
= 0 per = 0 (21.114)
21.3. SFERE ISOTERME 289
Questa equazione non ammette soluzione analitica. La soluzione numerica mostra
che 0 solo per . Quindi una sfera isoterma si estende allinnito
similmente ai politropi con n 5.
Massa e densit`a media entro una sfera di raggio sono
M() = 4
3

2 d
d
(21.115)
() =
3

d
d
. (21.116)
Si trova cha la massa di una sfera isoterma cresce proporzionalmente al raggio quindi
essa `e innita.
Ovviamente non possono esistere stelle completamente isoterme. Tuttavia in certe
fasi evolutive si sviluppano dei nuclei isotermi ai quali si possono applicare le pro-
priet`a delle sfere isoterme.
290 CAPITOLO 21. POLITROPI
Capitolo 22
MODELLI SEMPLICI E
RELAZIONI DI OMOLOGIA
In questo capitolo presentiamo alcuni modelli stellari ottenuti in maniera analitica
atti a chiarire alcuni aspetti importanti della struttura stellare assieme alle trasfor-
mazioni di omologia le quali traggono la loro origine dalle propriet`a dei politropi.
22.1 Modelli semplici
Modello standard
Questo modello ha svolto un ruolo importante nella comprensione della struttura
delle stelle chimicamente omogenee e non completamente convettive. Vedremo che
esso corrisponde ad un caso particolare del politropo di indice n = 3.
In prima approssimazione possiamo trascurare la dipendenza dellopacit`a da e T
e considerare solo gli strati esterni dove L(r) L e M(r) M. Assumiamo che tali
regioni siano in equilibrio idrostatico e che il trasporto dellenergia sia radiativo.
dP
dr
=
GM(r)
r
2

GM
r
2
(22.1)
d
dr
_
1
3
aT
4
_
=

c
L(r)
4r
2

c
L
4r
2
(22.2)
Si vede da queste equazioni che la P T
4
se la costante di integrazione `e posta
uguale a zero assumendo che per r = R sia P = T = = 0.
Dalla denizione di indice politropico
n = (
dlnP
dlnT
) 1 = 3 (22.3)
291
292 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
si riconosce che la soluzione di cui sopra corrisponde a quella del politropo di in-
dice n = 3. Questa conclusione non dipende dalla equazione di stato ed in buona
approssimazione dalla opacit`a.
Per sviluppare le equazioni del modello standard notiamo che

R
=
dlnT
dlnP
=
dlnT
dlnP
r
dlnP
r
dlnP
=
1
4
dlnP
r
dlnP
(22.4)
dove P
r
`e la sola pressione di radiazione. Da questa segue

R
=
L
16cG
P
P
r
L(r)/M(r)
L/M
(22.5)
Si introduca la quantit`a
=
(r)

(22.6)
dove (r) = L(r)/M(r) `e il tasso medio di produzione di energia per unit`a di massa
dentro la sfera di raggio r e (r) = L/M `e il tasso medio di produzione di energia
per unit`a di massa riferito all intera stella.
dP
r
dP
=
L
4cGM
( ) (22.7)
Integrando dalla supercie (dove P = P
r
= 0) verso l interno si ha
P
r
=
L
4cGM
P (22.8)
da cui
1 =
L
4cGM
(22.9)
Seguendo il ragionamento originalmente proposto da Eddington, la quantit`a
L/M verosimilmente aumenta andando verso linterno. Al contrario diminuisce
passando dagli strati esterni a quelli interni. Pertanto
costante (22.10)
Questo implica che 1 costante attraverso una stella. Si ricordi che abbiamo
fatto questa ipotesi quando abbiamo introdotto i politropi per la prima volta e
22.1. MODELLI SEMPLICI 293
quando abbiamo discusso la equazione quartica di Eddington per stabilire il legame
fra pressione di radiazione e massa di una stella. Entrambe le cose ricevono ora
completa giusticazione.
Modello con sorgente uniforme di energia
Il modello con uniforme `e quello in cui il tasso di produzione di energia per unit`a
di massa `e costante. Esso chiaramente non corrisponde a stelle con sorgenti nucleari
localizzate nel centro ma descrive con buona approssimazione il caso di stelle in
contrazione gravitazionale in cui

grav
T (22.11)
Lo studio di questo modello permette di chiarire il ruolo delle condizioni superciali.
Poich`e il tasso di produzione `e costante ne segue che
L(r)
M(r)
=
L
M
(22.12)
Partiamo dalla

R
=
3
16acG
L(r)
M(r)
P
T
4
(22.13)
Adottando per lopacit`a e lequazione di stato le relazioni
=
0

n
T
s
P = (
K
m
H
)T (22.14)
essa si trasforma in

R
=
3

0
L
16acGM
P
n+1
T
n+s+4
(22.15)
con

0
=
0
(/R)
n
dove R `e la costante dei gas R = K/m
H
.
Esprimiamo ora il tutto mediante il valore centrale
c
R
; si ottiene

R
=
c
R
_
P
P
c
_
(n+1)_
T
T
c
_
(n+s+4)
(22.16)
dalla quale si pu`o derivare
_
P
P
c
_
n
d
_
P
P
c
_
=
1

c
R
_
T
T
c
_
n+s+3
d
_
T
T
c
_
(22.17)
294 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
Assumiamo ora che sia valida ovunque la condizione di trasporto radiativo: questo
impone che n+s+4 > (n+1)
2
/(
2
1) ed integriamo dal centro al punto generico
con P e T
_
P
P
c
_
n+1
= 1 +
1

c
R

n + 1
n +s + 4
__
T
T
c
_
n+s+4
1
_
(22.18)
Se

c
R
=
n + 1
n +s + 4
(22.19)
si ottiene la soluzione radiativa zero
P = (
P
c
T
n
e
+1
c
) T
n
e
+1
= K

T
n
e
+1
(22.20)
con
n
e
=
s + 3
n + 1
e K

=
_
n + 1
n +s + 4
16acGM
3

0
L
_ 1
n+1
(22.21)
Se
c
R
=
n+1
n+s+4
, allora la soluzione radiativa vale ovunque nellintera stella e il
modello corrisponde ad un ploitropo di indice
La luminosit`a di tale modello `e presto calcolata uguagliando la espressione per K

a quella corrispondente del politropo di indice n


e
(si veda capitolo 21). Dopo op-
portuna manipolazione algebrica si ottiene
L =
16ac
3
0
(
Gm
H
K
)
s+4 1
n
e
+ 1
_
4
(n
e
+ 1)
n
e

n
e
+1
1
(
n
e
)
n
e
1
1
_s+3
n
e

s+4
M
sn+3
R
s3n
(22.22)
Per opacit`a di Kramers con n = 1 e s = 3.5 a cui corrisponde n
e
= 3.25 si ha
L

=
1.37 10
25

7.5
M
5.5
R
0.5
(22.23)
dove L

, R, M sono in unit`a solari e


0
`e in unit`a cgs. Per una opacit`a costante
(n = s = 0 e n
e
= 3) si deriva
L

=
38.9

4
M
3
(22.24)
22.1. MODELLI SEMPLICI 295
Queste relazioni son estremamente utili per ricavare le prpriet`a di steele in con-
trazione gravitazionale.
Modello di Cowling con sorgente puntiforme di energia
In questo modello (lopposto del precedente) la produzione di energia `e tutta con-
centrata in una sfera centrale convettiva di raggio r
c
. Esso corrisponde all tipica
struttura delle stelle della sequenza principale dove la generazione di energia avviene
attraverso il ciclo CN-CNO.
Con questa assunzione e lipotesi di equilibrio termico la luminosit`a della stella `e
data da
L = L(r) =
_
M
0
dM(r) (22.25)
la quale deve essere compatibile con la condizione di trasporto radiativo attraverso
i rimanenti strati dal nucleo alla supercie.
In questo modello non `e necessario conoscere lesatta legge di produzione di energia.
Infatti non si fa uso della equazione
dl(r)
dM(r)
= 4r
2
(22.26)
che viene integrata a parte per ssare il raggio della stella.
Le caratteristiche del modello sono ssate dal raccordo della soluzione per linviluppo
radiativo a quella del nucleo convettivo.
Variabili di Schwarzschild
Prima di procedere oltre `e conveniente riformulare le equazioni della struttura stel-
lare mediante le variabili adimensionali di Schwarzschild cos` denite
r = xR M(r) = qM L(r) = fL
P = p
GM
2
4R
4
T = t
s
m
H
k
GM
R
con ovvio signicato dei simboli. In particolare
s
`e inteso come un peso molecolare
di riferimento ad esempio per composizione chimica solare X = 0.70, Y = 0.28, Z =
0.02. Si assuma inoltre la legge di gas perfetto, lopacit`a di Kramers e formule
analitiche per
N
P =
k
m
H
T con = l
s
296 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
=
0

n
T
s
con
0
=
j
l
n

0,s

N
=
N,0

con
N,0
=
i
l

N,0,s
dove
s
,
0,s
,
N,0,s
si riferiscono tutte ad una certa composizione chimica. Le
variabili l, j, i tengono conto di possibili disomogeneit`a (gradienti) chimiche del ma-
teriale. Una stella chimicamente omogenea ha l = j = i = 1. Dora innanzi ci
riferiremo a questo caso senza perdere in generalit`a.
Inseriamo ora tali variabili nelle usuali equazioni di struttura ed eliminiamo la den-
sit`a con laiuto della equazione di stato (gas perfetto per semplicit`a). Si ottiene il
nuovo sistema di equazioni di struttura
dp
dx
= l
q
tx
2
p equilibrio idrostatico (22.27)
dq
dx
= lx
2 p
t
continuit`a di massa (22.28)
dt
dx
= Cjl
fp
n+1
x
2
t
n+s+4
trasporto radiativo (22.29)
1
t
dt
dx
=

2
1

2
1
p
dp
dx
trasporto convettivo (22.30)
df
dx
= Dilx
2
p
+1
t
1
equilibrio termico (22.31)
dove compaiono due parametri adimensionali C e D generati dalla equazione del
trasporto radiativo e produzione di energia, rispettivamente. Essi sono cos` deniti
C = C(n, s) =
_
3
4(4)
n+2
ac
(
k
m
H
G
)
s+4
_
(

0,s

s+4
s
)
LR
s3n
M
sn+3
(22.32)
D = D(, ) =
_
1
(4)

(
m
H
G
k
)

_
[
N,0,s

s
]
M
++1
LR
+3
(22.33)
Le condizioni al contorno sono
x = 0 q = 0 f = 0 al centro
x = 1 p = p
p
t = t
p
alla fotosfera
22.1. MODELLI SEMPLICI 297
e per denizione q = f =1 per x =1. I valori alla fotosfera del caso radiativo sono
semplicemente p
p
= 0 e t
p
= 0, mentre nel caso convettivo essi sono
t
p
= 0 p = Et
n
e
+1
con n
e
+1 =
2
/(
2
1), esso vale 1.5 per
2
= 5/3. Il parametro E, analogo della
costante K nel caso di un politropo con indice n
e
(P = KT
n
e
+1
) `e espresso da
E =
4
G
(
m
H
G
k
)
n
e
+1

n
e
+1
S
M
n
e
1
R
3n
e
K
P
(22.34)
dove K
P
`e la costante politropica del politropo corrispondente. Nel caso n
e
=1.5
abbiamo
E = 2.809 10
3

2.5
S
M
0.5
R
1.5
K
P
(22.35)
dove M e R sono in unit`a solari. Si noti che nel caso delle condizioni superciali
radiative non sono coinvolte propriet`a siche della stella, mentre in quello convettivo
esse son tutte racchiuse nel parametro E che pu`o essere considerato libero.
Si noti inne che le condizioni superciali danno i valori di partenza per tutte le
variabili x, p, t, q e f, mentre le condizioni centrali ssano solamente x, q e f ma
non p
c
e t
c
. Quindi i parametri del problema sono p
c
, t
c
, C e D. In sostanza le
quattro equazioni legano fra loro i parametri, P
c
, T
c
, L, M e R (tramite C e D)
e pertanto due fra quest possono essere scelti a priori (Usualmente M e R. Queste
variabili di Schwarzschild sono particolarmente vantaggiose per studiare gli inviluppi
stellari. Inoltre, avendo specicate tutte le variabili alla supercie esse sono adatte
a trattare integrazioni verso linterno della stella. Esse non sono adatte a descrivere
integrazioni dal centro alla supercie, in quanto p
c
e t
c
non sono determinati. Tut-
tavia esiste una classe di variabili di Schwarzschild adatta allintegrazione al centro
(si veda Cox & Juli 1968).
Si noti inne che i parametri adimensionali C e D contengono L, M e R e che essi
possono essere invertiti per esprimere
L = C
_
4(4)
n+2
ac
3
_
Gm
H
k
_
s+4
_

s+4
s

0,s
_
M
sn+3
R
s3n
(22.36)
L =
1
D
_
1
(4)
2
_
Gm
H
k
_

[
0s

s
]
M
++1
R
+3
(22.37)
298 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
La prima due queste relazioni non dipende dalle sorgenti di energia. Essa esprime
il tasso a cui viene irradiata lenergia. La seconda non dipende dal meccanismo
di trasporto della radiazione ed esprime il tasso a cui lenergia `e prodotta. In una
stella in equilibrio termico i due tassi (luminosit`a) devono essere uguali. Risolvendo
il sistema delle due equazioni si ottiene il legame L e R per ogni valore della massa
M.
Ritornando al modello con sorgente puntiforme di energia incominciamo col ricavare
la soluzione di inviluppo descritta dal parametro C. Scelto un valore per C si inte-
gra verso linterno ed a ogni punto si calcola lindice politropico n
e
. Poich`e andando
verso il centro il rapporto L(r)/M(r) cresce e cos` pure
R

1
n
e
+1
ci`o signica che
n
e
decresce no a raggiungere e superare il valore limite dettato dalla convezione.
In questo caso n
e
= 1.5 per
2
= 5/3 valido per il gas perfetto. Da questo punto
in avanti il gradiente di temperatura sar`a ssato dalla relazione adiabatica fra pres-
sione e temperatura. La regione convettiva `e descritta dal politropo con n
e
= 1.5.
La soluzione `e completamente determinata una volta che i valori di p
c
e t
c
sono
assegnati. Utilizzando le variabili di Schwarzschild, la regione convettiva `e descritta
da
x =
r
R
= (n
e
+ 1)
1/2
t
c
p
1/2
c
(22.38)
t = t
c
() (22.39)
p = p
c

n
e
+1
() (22.40)
=
c

n
e
() (22.41)
dove

c
=
1
3
p
c
t
c
(22.42)
q = (n
e
+ 1)
3/2
t
2
c
p
1/2
c
(
2

) (22.43)
Al punto dove n
e
nell inviluppo ha raggiunto il valore n
e
= 1.5 i valori di P, T, e M
dati dalle due soluzioni (nucleo - inviluppo) devono essere continui e x deve essere
22.2. TRASFORMAZIONI DI OMOLOGIA 299
identico. Indichiamo con x
f
, t
f
, p
f
e q
f
le variabili della soluzione esterna al punto
di raccordo (tting) esse devono soddisfare alle condizioni
x
f
=
f
(n
e
+ 1)
1/2
t
c
p
1/2
c
(22.44)
t
f
= t
c

f
(22.45)
p
f
= p
c

n
e
+1
f
(22.46)
q
f
= (n
e
+ 1)
3/2
t
2
c
p
1/2
c
(
2

)
f
(22.47)
Le quantit`a x
f
,...q
f
sono funzioni del parametro C. Nelle equazioni di raccordo ci
sono 4 incognite (C,
f
, p
c
e t
c
) che possono essere determinate. Note queste `e
possibile ricavare le caratteristiche siche del modello. I valori P
c
e T
c
sono immedi-
atamente dati dalle denizioni delle variabili adimensionali. Rimane ora da usare la
condizione di equilibrio termico: la luminosit`a irradiata deve essere uguale a quella
prodotta, equazione (22.26). Facendo uso della espressione per il coeciente D
questo permette di ssare R e L una volta assegnata la massa M della stella. Il
modello `e determinato !
Nota
A chiusura di questa sezione, consideriamo un altro tipo di soluzione di inviluppo,
cio`e quella convettiva e supponiamo che essa si estenda no al centro. Quindi l
intera stella `e descritta dal politropo n
e
= 1.5. Senza ripetere la discussione, il
parametro E di questo caso raggiunge il valore massimo dato da
E = (2.5)
1.5

2.5
1
(

1.5
)
0.5
1
= 45.48 (22.48)
Questo tipo di modello verr`a ulteriormente esplorato in relazione alla linea di Hayashi
(luogo delle stelle totalmente convettive in equilibrio idrostatico).
22.2 Trasformazioni di omologia
`
E intuitivo aspettarsi che strutture stellari che sono state calcolate sotto assun-
zioni identiche riguardanti lequazione di stato, lopacit`a, la generazione di energia,
etc... godano di propriet`a simili, nel senso che si possa passare da una soluzione
300 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
ad un altra per similitudine. Questa possibilit`a ci `e data dalle trasformazioni di
omologia.
Politropi omologhi
Il primo caso di trasformazione omologa ci `e dato dai politropi. Infatti se
n
() `e
una soluzione della equazione di Lane-Emden di indice n `e facile vericare che la
funzione
C
2
n1

n
(C) (22.49)
dove C `e un numero reale arbitrario `e ancora soluzione della stessa equazione. Infatti
ponendo = C e
n
= C
2
n1

n
() e sostituendole nella equazione di partenza in

n
() si ottiene la stessa equazione in
n
().
Denizione Generale
Quando si confrontano due stelle di masse e raggi diversi, M, M

, R e R

, rispettiva-
mente, possiamo considerare in particolare i punti omologhi ai quali i raggi relativi
sono uguali
r
R
=
r

(22.50)
Diciamo ora che due stelle sono omologhe se le loro corone sferiche di massa omologa
M(r)
M
=
M

(r

)
M

(22.51)
sono situate a raggi omologhi.
Per essere pi` u precisi consideriamo tutti i raggi come funzioni del valore della massa
relativa
=
M(r)
M
=
M

(r

)
M

(22.52)
la quale `e la stessa per tutte le corone sferiche omologhe. Pertanto la condizione di
omologia `e espressa da
r()
r

()
=
R
R

(22.53)
22.2. TRASFORMAZIONI DI OMOLOGIA 301
per tutte le . In stelle omologhe il rapporto dei raggi per corone di massa omologhe
`e costante lungo le stelle. Passando da una stella ad un altra, tutte le corone sferiche
sono compresse o espanse dello stesso fattore R/R

.
Caso generale. Poich`e le due stelle devono vericare le stesse equazioni di struttura,
il legame di omologia agisce su tutte le altre variabili.
Supponiamo di avere due stelle omogenee di masse M e M

, raggi R e R

e pesi
molecolari e

. Indichiamo con
x =
M
M

y =

(22.54)
Tutte le variabili dei due modelli sono considerate funzioni di .
Ansatz: Tutte le altre variabili stanno nei rapporti
r
r

= z =
R
R

P
P

= p =
P
c
P

c
T
T

= t =
T
c
T

c
L(r)
L

(r)
= s =
L
L

(22.55)
dove z, p, t, s hanno gli stessi valori per tutte le (il pedice c sta ad indicare il
centro).
Esaminiamo dei modelli omologhi di sequenza principale, in equilibrio idrostatico e
termico, nei quali lenergia `e trasportata dalla radiazione. Inoltre assumiamo che
densit`a, tasso di produzione di energia ed opacit`a scalino nel modo seguente

= d

= e

= k (22.56)
ed inne che , , e siano date da
P

P
a
T
b
(22.57)
Le equazioni di struttura della stella di massa M scritte nella nuova variabile
diventano
dr
d
= c
1
M
r
2

c
1
=
1
4
(22.58)
dP
d
= c
2
M
2
r
4
c
2
=
G
4
(22.59)
302 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
dL(r)
d
= M (22.60)
dT
d
= c
4
L(r)M
r
4
T
3
c
4
=
3
64
2
ac
(22.61)
Applicando le trasformazioni esse diventano per la seconda stella
dr

d
= c
1
M

r
2

[
x
z
3
d
] (22.62)
dP

d
= c
2
M
2
r
4
[
x
2
z
4
p
] (22.63)
dL

(r)
d
=

[
ex
s
] (22.64)
dT

d
= c
4
L

(r

)M

r
4
T
3
[
ksx
z
4
t
4
] (22.65)
Poich`e le variabili r

, P

, T

e L

(r

) devono soddisfare alle stesse equazioni di strut-


tura per la prima stella tutti i termini [...] devono soddisfare alla condizione
[...] = 1 (22.66)
Le relazioni fra densit`a, generazione di energia, ed opacit`a danno le seguenti
relazioni
d = p

e = p

k = p
a
t
b
(22.67)
le quali introdotte nelle relazioni [...]=1 danno quattro condizioni per le potenze di
z, p, t e s.
Cerchiamo ora di rappresentar queste condizioni in funzione di x e y che descrivono
i cambiamenti dei parametri fondametali M e . In queste condizioni gli esponenti
di x e y devono dare somma nulla poich`e i membri di destra delle relazioni [...]=1
sono costanti. Questo fornisce otto relazioni lineari fra gli esponenti z
1
...... s
2
e ci`o
equivale a risolvere i due sistemi di equazioni
22.2. TRASFORMAZIONI DI OMOLOGIA 303
-3 0 z
1
-1
-4 -1 0 0 p
1
-2
0 ( ) -1 t
1
= -1
-4 a (b-4) 1 s
1
-1
e
-3 0 z
2

-4 -1 0 0 p
2
0
0 ( ) -1 t
2
=
-4 a (b-4) 1 s
2
0
Le soluzioni sono
z
1
=
1
2
(1 +A) (22.68)
p
1
= 2A (22.69)
t
1
=
1
2
[1 + (3 4)A] (22.70)
s
1
= 1 +
4 b
2
+
_
2 + 2a +
3 4
2
(4 b)
_
A (22.71)
z
2
= B (22.72)
p
2
= AB (22.73)
t
2
=

[1 + (3 4)B] (22.74)
s
2
=

(4 b) +
_
4 + 4a +
3 4

(4 b)
_
B (22.75)
con
A =
_
4(1 +a +)
+b 4
+ 4 3
_
1
(22.76)
B = A
_
1

+b 4
_
1
(22.77)
304 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
Semplici applicazioni
Caso = 0. Questa situazione si presenta quando la densit`a non dipende da T.
`
E una situazione politropica con n
e
= /(1 ). Per queste stelle si ottiene la
relazione massa-raggio
R M
z
1
(22.78)
Per un gas di elettroni degenere e non relativistico si ha = 3/5 che d`a lesponente
z
1
= 1/3 che si ritrova nello studio delle congurazioni totalmente degeneri.
Caso = = = 1, a = b = 0. Questa `e la situazione tipica di un gas perfetto con
opacit`a costante. Questa estrema semplicazione della realt`a `e tuttavia suciente
a descrivere alcune delle propriet
`
delle stelle della sequenza principale.
Dalle soluzioni generali dei sistemi di equazioni otteniamo:
z
1
=
+ 2
+ 3
z
2
=
4
+ 3
(22.79)
p
1
= 2 4z
1
p
2
= 4z
2
(22.80)
t
1
= 1 z
1
t
2
= 1 z
2
(22.81)
s
1
= 3 s
2
= 4 (22.82)
Per questo modello si ottengono due risultati di interesse. Primo s
1
= 3 e s
2
= 4,
cio`e costanti. In particolare essi non dipendono da e cio`e dal modo di produzione
dellenergia. Secondo si ottengono le relazioni massa - luminosit`a e massa - raggio
L
L

=
_
M
M

_
3
_

_
4
(22.83)
R
R

=
_
M
M

_
z
1
_

_
z
2
(22.84)
Lesponente z
1
dipende da e ma per tutti i valori ragionevoli di questi esso `e
minore di uno, cio`e R aumenta poco con M.
Combinando le due relazioni si ottiene subito il luogo di queste stelle nel diagramma
HR. Si trova
logL =
12
3 2z
1
logT
eff
+costante (22.85)
22.2. TRASFORMAZIONI DI OMOLOGIA 305
La pendenza vale circa 6.67 per z
1
0.7 in buon accordo con i dati osservativi per
la sequenza principale.
Inne possiamo trovare gli andamenti di T
c
e
c
T
c
M
1z
1

c
M
13z
1
(22.86)
Da questi si vede che all aumentare di M la temperatura T
c
cresce poco mentre
c
diminuisce signicativamente.
Tabella 22.1. Caso del gas perfetto con opacit`a costante e diversa ecienza di
produzione di energia nucleare ().
4 5 15 18
z
1
0.43 0.50 0.78 0.81
z
2
0. 0.13 0.61 0.67
p
1
0.29 0. -1.11 -1.24
p
2
0. -0.50 -2.44 -2.67
t
1
0.57 0.50 0.22 0.19
t
2
1.0 0.88 0.39 0.33
s
1
3 3 3 3
s
2
4 4 4 4
Nota
Lanalisi di cui sopra non pu`o essere estesa al caso in cui lequazione di contenga
anche la pressione di radiazione in quanto la presenza della somma di due termini
nelle equazione di stato invalida le relazioni di proporzionalit`a usate. Tuttavia si
possono avere delle stime qualitative supponendo che nella equazione di stato sia
costante ed usando la relazione P T/(). Ricordando lequazione quartica di
Eddington ( diminuisce con M) si ottiene
L M
s
1

s
2
M
s
1
c
(22.87)
con c > 0 per s
2
> 0 . La relazione massa luminosit`a diventa meno ripida. Per
<< 1, lequazione di Eddington d`a M
1/2
da cui
L M
s
1
s
2
/2
M (22.88)
La luminosit`a delle stelle dellalta sequenza principale `e proporzionale alla massa
della stella.
306 CAPITOLO 22. MODELLI SEMPLICI
Capitolo 23
FASI DI PRESEQUENZA
La storia delle prime fasi di vita di una stella pu`o essere distinta in tre episodi
principali:
i) formazione;
ii) collasso della protostella;
iii) lenta contrazione verso la sequenza principale dove inizia la fase nucleare di
produzione dellenergia (bruciamento dellidrogeno nel centro).
Le caratteristiche siche delle tre fasi sono riassunte in Tabella 23. Si vede come
esista una grande dierenza nelle condizioni siche tra il momento in cui una stella
si forma dal mezzo interstellare e quello in cui arriva in sequenza principale. Infatti
la densit`a e la temperatura sono aumentate rispettivamente di 22 e 6 ordini di
grandezza.
Nella fase di formazione e di collasso non `e suciente assumere che loggetto ab-
bia simmetria sferica, bens` `e necessario prendere in considerazione un gran numero
di complicati processi sici quali rotazione, turbolenza, campi magnetici, reazioni
chimiche fra molecole, trasporto radiativo dellenergia in completa trattazione idro-
dinamica. I risultati raggiunti no ad ora sono limitati, sia per il numero di processi
sici considerati sia per la scarsa risoluzione spaziale dei modelli matematici svilup-
pati.
Al contrario esistono dettagliati studi numerici per la fase di collasso e quella di lenta
contrazione. Inoltre non `e ancora chiaro quale sia lecienza di conversione del gas
interstellare in stelle, cosa governi la distribuzione delle masse stellari ed inne cosa
determini la formazione di stelle binarie e/o multiple oppure di stelle singole dotate
di sistemi planetari.
307
308 CAPITOLO 23. PRESEQUENZA
Tabella 23.1. Stadi principali della fase di pre-sequenza di una stella di 1 M

Fase Scale Range Densit`a Temp Durata


(cm) g cm
3
(K) (anni)
Formazione 10
20
10
17
Radio 10
22
10
19
10 10
7
Collasso 10
17
10
12
IR 10
10
10
3
10 10
6
10
6
Contrazione 10
12
10
11
Ottico 10
3
1 10
6
10
7
4 10
7
23.1 Formazione Stellare
`
E chiaro che la formazione stellare `e limitata a regioni con condizioni siche ab-
bastanza peculiari rispetto a quelle tipiche del mezzo interstellare. La condensazione
del gas avviene tramite lazione a distanza della forza gravitazionale. Tuttavia es-
istono molti fattori che tendono a contrastare lazione aggregante della gravitazione,
quali la pressione del gas, la turbolenza, la rotazione i campi magnetici. Inne un
ruolo importante spetta alla composizione chimica del gas, al suo grado di ioniz-
zazione e dissociazione, alla presenza o meno di grani (particelle di ghiaccio, silicati
ferro con dimensioni dellordine di 5 10
5
cm), ed inne al processi di riscalda-
mento e rareddamento.
Incominciamo col considerare il caso semplice di una nube gassosa sferica in cui operi
solo la pressione del gas (perfetto) e la forza gravitazionale, la quale abbia densit`a
e temperatura T uniformi e possegga massa totale M. Lenergia gravitazionale di
questa nube `e
= 0.6(
GM
2
R
) (23.1)
dove R `e il raggio. Lenergia interna `e
U
T
= (
3
2
)(
k
m
H
)MT. (23.2)
Il collasso sar`a possibile solamente se
[ [ > U
T
(23.3)
23.1. FORMAZIONE STELLARE 309
cio`e se la nube `e gravitazionalmente legata. Pertanto anch`e avvenga il collasso, il
raggio deve essere minore di
R < R
J
= 0.4
Gm
H
k

M
T
(23.4)
detto anche raggio di Jeans. Eliminando il raggio in funzione della densit`a, si ottiene
la massa di Jeans e cio`e la massa minima con la quale una nube di densit`a e
temperatura T pu`o collassare
M > M
J
=
_
2.5
k
m
H
T
G
_
3/2
(
4
3
)
1/2
(23.5)
Questa condizione `e abbastanza restrittiva. Infatti una tipica nube interstellare di
idrogeno neutro con T = 50 K e = 1.7 10
23
g cm
3
e = 1 ha M
J
= 3600 M

,
mentre una nube molecolare con T = 10 K, = 1.7 10
21
g cm
3
e = 2 ha
M
J
= 8 M

.
Tuttavia, nel caso dellidrogeno neutro le masse osservate delle nubi sono molto
minori di M
J
e pertanto non sono gravitazionalmente legate ed il collasso non pu`o
avvenire, mentre nel caso delle nubi molecolari le masse osservate sono no a 10
4

10
5
M

, esse sono legate e il collasso pu`o aver luogo.


Come le nubi di idrogeno neutro possano essere compresse alle densit`a delle nubi
molecolari non `e stato compreso no ad ora. Presumibilmente le collisioni fra nubi,
londa di shock associata alle braccia di spirale nella galassia, le onde di shock
associate alle esplosioni di supernova, inne linstabilit`a di Rayleigh-Taylor indotta
dallavvolgimento delle linee dei campi magnetici nel piano galattico sono i fattori
principali che inducono tale compressione e indirettamente stimolano il processo di
formazione delle stelle.
Le osservazioni indicano che le nubi sono dotate di rotazione (momento angolare), la
quale `e tuttavia di ostacolo alla formazione delle stelle. Il minimo momento angolare
di una nube `e stimabile assumendo che essa ruoti alla stessa velocit`a angolare del
suo moto attorno al centro galattico, 10
15
radianti/sec. Il corrispondente momento
angolare per unit`a di massa `e J/M = 10
24
cm
2
s
1
per una nube di 10
4
M

. Le
velocit`a angolari delle stelle giovani che hanno appena iniziato la fase di contrazione
di pre-sequenza indicano che J/M = 10
17
cm
2
s
1
. Pertanto alcuni frammenti di
nubi oscure devono perdere circa 7 ordini di grandezza di J/M prima di raggiungere
lo stadio di stella.
310 CAPITOLO 23. PRESEQUENZA
Sono stati suggeriti due processi che potrebbero diminuire il momento angolare.
Nel primo, se la materia `e fortemente accoppiata a campi magnetici, la torsione
delle linee di forza pu`o generare delle onde di Alfven in grado di trasferire mo-
mento angolare dallinterno della nube al mezzo esterno.
`
E stato stimato che una
eciente riduzione del momento angolare potrebbe avvenire su scale di tempo di
10
6
10
7
anni. Tuttavia quando la densit`a della stella in formazione `e cresciuta a
circa 10
19
g cm
3
, il campo magnetico non `e pi` u fortemente accoppiato al gas in
quanto la densit`a di particelle cariche diventa troppo piccola e questo meccanismo
di perdita di momento angolare diventa poco ecace. Nel secondo, quando la fram-
mentazione avviene in una nube rotante, la regione centrale potrebbe rompersi in
sotto frammenti in orbita relativa. Ogni frammento conserva un certo momento an-
golare di rotazione, ma se `e piccolo a sucienza esso pu`o ulteriormente collassare e
dar luogo a sotto-frammenti in orbita relativa e cos` via. In tal modo dopo una serie
di frammentazioni, il momento angolare di rotazione dei frammenti pu`o risultare
considerevolmente minore del valore iniziale. Questo scenario `e consistente col fatto
che molte stelle appartengono a sistemi binari.
Una sequenza di frammentazioni deve avvenire molto verosimilmente durante il pro-
cesso di formazione stellare. Infatti la relazione (23.5) mostra che la massa necessaria
anch`e il collasso possa partire `e molto maggiore delle tipiche masse stellari. Tut-
tavia essa mostra anche che una volta che una grande massa ha iniziato a collassare,
la frammentazione in masse minori `e possibile. Infatti, al procedere del collasso
la densit`a aumenta mentre la temperatura resta o costante o anche diminuisce in
quanto, come la nube tende a riscaldarsi per compressione, lenergia interna `e rap-
idamente convertita in radiazione, la quale ntantoche la densit`a `e piccola uisce
liberamente dalla nube. Pertanto M
J
diminuisce signicando che ulteriore fram-
mentazione `e possibile ntantoche la nube diventa opaca alla radiazione. Questo
stadio critico viene raggiunto a circa 10
13
10
14
g cm
3
e il corrispondente val-
ore di M
J
`e 0.005 M

a T=10 K. Un ulteriore aumento di densit`a fa aumentare il


riscaldamento e quindi M
J
.
Che la frammentazione avvenga durante la formazione `e sostenuto da molteplici evi-
denze: 1) osservazioni di molte sorgenti infrarosse e radio nascoste in nubi molecolari;
2) esistenza di sistemi stellari multipli di periodo corto e lungo che forse indicano
la conversione del momento angolare di rotazione in quello orbitale; 3) lesistenza
di associazioni ed ammassi stellari aperti e globulari, che suggeriscono la frammen-
tazione di grandi nubi iniziali; 4) simulazioni numeriche di collassi in rotazione. Le
osservazioni indicano con sempre maggior evidenza che le stelle si formano nelle
parti dense delle nubi molecolari. Tuttavia, la maggior parte del gas nella nube non
forma stelle, indicando forse che la turbolenza e i campi magnetici impediscono il
collasso gravitazionale.
23.2. COLLASSO DELLA PROTOSTELLA 311
23.2 Collasso della Protostella
Anche se rotazione, turbolenza, campi magnetici ed eetti di frammentazione
sono importanti, almeno durante le fasi iniziali del collasso gravitazionale di una
protostella, questo viene descritto assumendo la simmetria sferica a partire dal mo-
mento in cui un frammento di data massa `e capace di evolvere come una unit`a
distinta dal rimanente gas. Levoluzione pu`o essere separata in tre fasi: isoterma,
adiabatica e di accrescimento.
Un frammento di 1 M

con composizione solare, temperatura T=10 K e dato volume


pu`o incominciare a collassare quando la densit`a `e = 10
19
g cm
3
. Negli stadi
iniziali no a = 10
14
g cm
3
, il collasso continua in quanto la nube `e trasparente
alla propria radiazione e perde energia rapidamente. In conseguenza, la pressione
non aumenta al punto da contrastare il collasso ed instaurare lequilibrio idrostatico.
La temperatura rimane talmente vicina al valore iniziale che il collasso pu`o essere
assunto isotermo. Le equazioni da risolvere sono quelle del momento e conservazione
di massa con i termini inerziali e di usso di materia inclusi assieme allequazione
di stato P = K dove K `e una costante.
Le condizioni alla supercie sono: o pressione costante o volume costante senza
usso di materia attraverso la supercie. I calcoli numerici mostrano che anche
se allinizio la densit`a `e costante, rapidamente si instaura un gradiente di densit`a
a causa dellonda di rarefazione che si propaga verso linterno. Le regioni centrali
pi` u dense collassano pi` u velocemente e la protostella diventa molto densa verso il
centro. La velocit`a di caduta aumenta da zero al centro ad un massimo ad una
certa distanza dal centro e diminuisce verso la supercie. Tipici valori delle velocit`a
massime sono 1-2 km sec
1
, le quali sono supersoniche.
Lo svilupparsi di un debole gradiente di pressione impedisce alle velocit`a di raggiun-
gere il valore di caduta libera. Le regioni centrali via via pi` u dense diventano sempre
pi` u opache alla radiazione da loro stesse emessa, parte della energia gravitazionale
liberata viene trattenuta e riscalda il gas. Il tempo di collasso `e sempre vicino al
valore di caduta libera ed al crescere della densit`a diventa via via pi` u breve no
ad essere confrontabile con il tempo necessario alla radiazione per diondere verso
lesterno. Da questo momento il collasso diventa quasi adiabatico. Il gradiente di
pressione aumenta no al punto da superare la forza di gravit`a e le regioni centrali
vengono decelerate. Si forma una piccola regione (o sfera) centrale dove si ha quasi
equilibrio idrostatico.
Al continuare della compressione la temperatura cresce no a circa 2000 K. Lidrogeno
molecolare si dissocia ed assorbe pertanto gran parte dellenergia gravitazionale lib-
erata. Ne segue che la regione pi` u centrale della nube collassa ulteriormente no a
312 CAPITOLO 23. PRESEQUENZA
che tutte le molecole si sono dissociate ad una densit`a di 10
2
g cm
3
e temperatura
di 3 10
4
K. Il collasso viene decelerato una seconda volta e si forma un nucleo
in equilibrio idrostatico. La massa di questo nucleo `e circa 0.1% della massa totale
della nube ma continua a crescere via via che materiale ulteriore cade su di esso.
Una volta che la nube incomincia riscaldarsi, la struttura della protostella `e descritta
dalle equazioni di conservazione del momento, continut`a di massa, trasporto radia-
tivo e bilancio energetico. questultima con
n
= 0, assieme allequazione di stato di
un gas perfetto.
Particolari accorgimenti numerici sono necessari per descrivere il fronte durto che
si forma al bordo del nucleo quando incomincia la fase di accrescimento.
Il materiale a bassa densit`a allesterno del nucleo cade su questo a velocit`a super-
soniche, passa attraverso il fronte durto, decelera rapidamente e si sistema sul nucleo
in quasi equilibrio idrostatico.
La maggior parte dellenergia cinetica di caduta `e convertita in calore sotto il fronte
durto e da qui viene irradiata attraverso il materiale sovrastante in caduta. La
luminosit`a generata in questo modo `e
L =
GM
c
R
c

M (23.6)
dove M
c
ed R
c
sono la massa e il raggio del nucleo, mentre

M `e il tasso di accresci-
mento di materia sul nucleo in g sec
1
.
Questa energia `e trasmessa attraverso gli strati esterni, detti inviluppo, ed emerge
alla supercie della nube di polvere sotto forma di radiazione infrarossa. La tem-
peratura alla supercie osservabile sale da circa 100 K allinizio della fase di ac-
crescimento a circa 3000 K quando quasi tutto linviluppo `e caduto verso il nucleo
centrale.
Il tempo necessario al completamento di questa fase `e tipicamente il tempo di caduta
degli strati pi` u esterni e cio`e 10
5
10
6
anni, a seconda del valore iniziale della densit`a.
Anche il raggio nale R
f
della stella quando raggiunge la condizione di equilibrio
dipende dalla densit`a iniziale. Ad esempio i calcoli numerici mostrano che 1 M

ha
R
f
= R

per densit`a iniziale di 10


19
g cm
3
, e R
f
= 6 R

per densit`a iniziale di


10
16
g cm
3
.
La Figura 23.1 mostra alcune possibili tracce evolutive nel diagramma HR di pro-
tostelle. Il confronto con i dati osservativi per una categoria di stelle ritenute in
formazione come le T-Tauri (i punti in Figura 23.1) mostra che i valori delle densit`a
iniziali citati in precedenza sono plausibili.
23.3. FASE DI CONTRAZIONE IN PRE-SEQUENZA 313
Figure 23.1:. Tracce evolutive di protostelle di 1M

durante la fase collasso e


confronto con i dati per le stelle T-Tauri
23.3 Fase di Contrazione in Pre-Sequenza
Quando la temperatura interna supera i 10
5
K e lidrogeno `e essenzialmente tutto
ionizzato, la stella raggiunge nalmente la condizione di equilibrio idrostatico in cui
le forze di pressione sviluppate dal gas perfetto bilanciano la forza di gravit`a.
La luminosit`a della stella `e fornita dalla lenta contrazione gravitazionale che avviene
attraverso una successione di stati di equilibrio. Il teorema del viriale mostra che
met`a dellenergia gravitazionale rilasciata viene irradiata mentre laltra met`a va in
aumento della energia interna del gas (almeno ntantoche vale lequazione di gas
perfetto).
Lo studio dei modelli stellari nella fase di lenta contrazione verso la sequenza princi-
pale si basa sulluso delle quattro equazioni fondamentali assieme alle relazioni per
lenergia, lopacit`a e lequazione di stato. Tracce evolutive per diversi valori della
massa sono mostrate in Figura 23.2.
Il momento in cui una stella `e osservabile su una di queste tracce dipende dalle con-
dizioni iniziali nella fase precedente di protostella, la quale pu`o essere trascurata. I
risultati dei calcoli di modelli evolutivi indicano che le stelle prima passano attraverso
una fase totalmente convettiva (parte verticale della traccia) e poi attraverso una
314 CAPITOLO 23. PRESEQUENZA
fase radiativa (parte relativamente orizzontale della traccia). Limportanza relativa
delle due fasi dipende dalla massa.
Durante la fase totalmente convettiva la stella viene completamente omogeneizzata.
Il trasporto convettivo dellenergia `e eciente, ed il tasso di perdita di energia dalla
supercie `e controllato da uno sottile strato radiativo superciale. In queste zone
lopacit`a `e una funzione rapidamente crescente di T e pertanto la stella `e in grado
di aggiustare le condizioni alla supercie mediante piccole variazioni della T
eff
.
Al diminuire dellarea superciale a causa della contrazione globale, la luminosit`a
diminuisce mentre la T
eff
rimane connata fra 3000 e 4000 K.
Al procedere della contrazione, la temperatura interna cresce mentre lopacit`a (gov-
ernata da una legge simile a quella di Kramers) diminuisce. Gradualmente a causa
della diminuzione di L e di , la stella diventa sempre meno instabile alla convezione
(si veda leetto di L e sul gradiente di temperatura radiativo). In tale modo un
nucleo radiativo incomincia a formarsi nel centro.
Quando circa il 75% della massa `e racchiuso nella regione radiativa, il tasso di
perdita di energia non `e pi` u controllato dal sottile strato superciale, ma dallopacit`a
media della regione radiativa. In corrispondenza di ci`o, la traccia rapidamente piega
a luminosit`a debolmente crescenti verso alte T
eff
no a raggiungere la sequenza
principale dove si accende il bruciamento dellidrogeno nel centro.
La transizione dal regime convettivo a quello radiativo dipende dalla massa della
stella.
Le stelle massicce sviluppano ben presto il nucleo radiativo. Questo `e essenzialmente
dovuto alla temperatura interna relativamente elevata e conseguente bassa opacit`a.
La struttura della stella `e quasi totalmente radiativa ad esclusione di una sottile
regione esterna in coincidenza della zona di ionizzazione degli elementi che rimane
convettiva. I tempi di contrazione sono brevi e, dato che la luminosit`a rimane
pressoch`e costante durante la fase radiativa, essi sono essenzialmente uguali al tempo
di Kelvin-Helmholtz, t
KH
= G M
2
/(RL).
Una stella di 1 M

spende circa 10
7
anni nella porzione verticale della traccia
(nota anche come linea di Hayashi) e circa 2 10
7
anni nella parte radiativa. In
questo caso la struttura della stella `e lievemente diversa dalla precedente in quanto
lo strato convettivo superciale `e molto pi` u esteso in massa e sopravvive no al
raggiungimento della sequenza principale. Anche in queste stelle lo strato sottile
radiativo superciale rimane presente.
23.3. FASE DI CONTRAZIONE IN PRE-SEQUENZA 315
Figure 23.2:. Tracce evolutive di stelle di massa diversa durante la fase idrostatica di
pre-sequenza. Si noti la porzione verticale lungo la linea di Hayashi (stella totalmente
convettiva) e la porzione trasversale (stella con nucleo radiativo)
Tabella 23.2. Sommario dellEvoluzione del Sole. Note: (A) Inizio del collasso
di protostella. (B) Formazione del nucleo stellare. (C) Il nucleo stellare contiene
met`a della massa. (D) Inizio della fase di contrazione quasi statica. (E) Minimo
di luminosit`a lungo la linea di Hayashi. (F) Massimo di luminosit`a prima della
sequenza principale. (G) Stadio di sequenza principale di et`a zero. (H) Sole attuale.
Stadio Durata T
eff
L/L

T
c

c
R/R

(anni) (K) (K) g cm-3


A 0 10 1.0(e-4) 10 10(e-19) 2(e6)
B 3.0(e5) 10 1.0(e-4) 2(e4) 2(e-2) 2(e6)
C 7.0(e4) 300 26 8(e5) 0.25 2(e3)
D 8.0(e5) 4400 1.6 4(e6) 1.5 2.1
E 8.0(e6) 4400 0.5 6(e6) 11 1.6
F 1.6(e7) 5900 1.1 1.3(e7) 83 1.0
G 1.0(e7) 5700 0.7 1.4(e7) 90 0.87
H 4.6(e9) 5800 1.0 1.5(e7) 156 1.0
316 CAPITOLO 23. PRESEQUENZA
Finalmente stelle con massa inferiore a circa 0.3 M

arrivano in sequenza rimanendo


totalmente convettive. In questo caso, poich`e la luminosit`a decresce rapidamente
durante la fase di contrazione, t
KH
non `e una buona approssimazione del tempo
totale di contrazione. Infatti una stella di 0.1 M

impiega circa 10
9
anni per rag-
giungere la sequenza principale.
In Tabella 23.3 sono riassunte alcune grandezze fondamentali di una stella come il
Sole dal momento del collasso della protostella a quello attuale.
Il confronto dei modelli di stelle in fase di pre-sequenza con le osservazioni permette
di dedurre un certo numero di conclusioni.
a) Le tracce teoriche mostrano che non possono esistere strutture in equilibrio idro-
statico con T
eff
inferiori a 25003000 K in accordo con i dati osservativi. Vedremo
che anche le stelle evolute non possono oltrepassare questo limite in T
eff
.
b) Durante la contrazione gravitazionale la temperatura interna delle stelle rag-
giunge valori sucienti a distruggere elementi leggeri come
2
H, Li, Be, B mediante
reazioni con protoni ad esempio p +
2
H
3
He + . Di particolare interesse `e il
caso del Li il quale brucia a temperature attorno a 2.810
6
K. Le stelle di piccola
massa posseggono regioni convettive esterne che raggiungono durante la fase di con-
trazione strati dove la temperatura ha raggiunto il valore critico, mentre questo non
`e possibile per le stelle pi` u massicce. Pertanto combinando leetto delle reazioni nu-
cleari e del mescolamento convettivo esterno, si prevede che le stelle di piccola massa
mostrino in sequenza principale delle abbondanze di Li inferiori a quelle osservate
in stelle di massa pi` u elevata. Il che `e confermato dalle analisi delle abbondanze
chimiche negli spettri di queste stelle. Ragionamenti analoghi si applicano agli altri
elementi ognuno dei quali possiede una diversa temperatura critica di bruciamento.
Le abbondanze degli elementi leggeri possono dunque essere utilizzate come sonde
della struttura interna delle stelle.
c) Le stelle pi` u giovani, note come T-Tauri, hanno abbondanze di Li elevate, sono as-
sociate a nubi molecolari oscure dove sta avvenendo la formazione stellare, mostrano
delle variazioni irregolari in luminosit`a ed inne hanno evidenza di perdita di massa
ad un tasso maggiore di quello osservato in stelle della sequenza principale. Tutte
queste caratteristiche stanno ad indicare formazione recente. Inne le stelle T-Tauri
si collocano nel diagramma H-R lungo le linee di Hayashi di modelli con massa fra
0.5 e 2 M

.
d) Il diagramma H-R degli ammassi stellari giovani pu`o essere confrontato con le
linee di uguale et`a (isocrone) deducibili dalle tracce evolutive mostrate in Figura
23.2. Il risultato indica che esiste una notevole dispersione delle osservazioni attorno
ad una data isocrona suggerendo che la formazione delle stelle ha avuto luogo in
maniera continua durante un intervallo di tempo di circa 10
7
anni.
Capitolo 24
FORMAZIONE STELLARE
24.1 Criterio di Jeans e Frammentazione
Mezzo omogeneo e innito a simmetria piano-parallela.
Si consideri un gas omogeneo e di estensione innita dove densit`a e temperatura sono
costanti ovunque.
`
E necessario chiarire sin dallinizio che un tale sistema non `e in
una precisa condizione di equilibrio. Infatti, per ragioni di simmetria il potenziale
gravitazionale deve essere costante. Ci`o signica che grazie alla equazione di
Poisson

2
= 4G (24.1)
la densit`a deve pure essere nulla ovunque ( = 0). Nonostante tale apparente con-
traddizione, insistiamo nel supporre che il mezzo abbia densit`a non nulla e costante.
Se applichiamo delle perturbazioni di tipo periodico e di piccola lunghezza donda,
ogni singola perturbazione si comporta come se fosse dentro una sfera isoterma in
equilibrio idrostatico.
Il gas obbedisce allequazione del moto dellidrodinamica (equazione di Eulero)
v
t
+ (v )v +
1

P + = o (24.2)
assieme alle equazioni di continuit`a

t
+v + v = 0 (24.3)
di Poisson
317
318 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE

2
= 4G (24.4)
e all equazione di stato
P =
k
m
H
T = v
2
s
(24.5)
dove v
s
`e la velocit`a del suono. All equilibro assumiamo =
0
= cost, T = T
0
=
cost e v
0
= 0. Il potenziale
0
pu`o essere determinato dalla equazione di Poisson
per i valori di equilibrio
2

0
= 4G
0
e le condizioni al contorno all innito.
Perturbiamo ora le variabili siche
=
0
+
1
P = P
0
+P
1
=
0
+
1
v = v
1
(24.6)
dove il pedice 1 indica che le perturbazioni dipendono dal tempo e dallo spazio.
Assumiamo ora che le perturbazioni siano isoterme (v
s
non cambia) ed ignoriamo
i termini non lineari. Introducendo le perturbazioni nelle equazioni (24.2:24.5) si
ottiene
v
1
t
= (
1
+v
2
s

0
) (24.7)

1
t
+
0
v
1
= o (24.8)

1
= 4G
1
(24.9)
Questo `e un sistema omogeneo di equazioni dierenziali con coecienti costanti.
Assumiamo che le soluzioni per le quantit`a perturbate siano tali che la parte spaziale
e temporale dipendano da
e
[i(kx+t)]
(24.10)
in modo da vericare le

x
= ik

y
=

z
= 0

t
= i (24.11)
Ponendo v
1x
= v
1
e v
1y
= v
1z
= 0 si trovano le relazioni
24.1. CRITERIO DI JEANS E FRAMMENTAZIONE 319
v
1
+
kv
2
s

1
+k
1
= 0 (24.12)
k
0
v
1
+
1
= 0 (24.13)
4G
1
+k
2

1
= 0 (24.14)
Questo sistema lineare e omogeneo nelle incognite v
1
,
1
,
1
ammette soluzioni se
il suo determinante `e nullo. Assumendo un numero donda k diverso da zero, si
ottiene

2
= k
2
v
2
s
4G
0
(24.15)
Per numeri donda grandi il membro di destra `e positivo e `e reale. Le perturbazioni
sono periodiche nel tempo. Poich`e l ampiezza non aumenta, l equilibrio `e stabile
rispetto alle perturbazioni di piccola lunghezza donda. Al limite di k si ottiene

2
= k
2
v
2
s
(24.16)
che corrisponde alle onde sonore isoterme. Questo signica che alle piccole scale
(lunghezze donda), la gravit`a non `e importante: ogni compressione `e bilanciata da
un aumento della pressione e la perturbazione si muove attraverso il mezzo con la
velocit`a del suono.
Se k
2
< 4G
0
/v
2
s
, allora `e della forma i, dove `e reale. Pertanto esistono
perturbazioni dipendenti da
e
t
(24.17)
che crescono esponenzialmente con il tempo. Lequilibrio `e instabile.
Se deniamo un numero donda k
J
ed una lunghezza donda
J
caratteristici
k
2
J
=
4G
0
v
2
s

J
=
2
k
J
(24.18)
le perturbazioni con k < k
J
o >
J
sono instabili.
La condizione di instabilit`a `e dunque
320 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE
>
J
=
_

G
0
_
1/2
v
s
(24.19)
Essa `e nota come il criterio di Jeans.
Nel caso considerato il criterio di Jeans si interpreta nel seguente modo: a seguito
di una compressione e prevalere della gravit`a, strati piano-paralleli collassano a fogli
sottili.
Possiamo stimare dal solo termine gravitazionale della relazione (24.15) (maggiore
del termine di pressione), ottenendo i (G
0
)
1/2
. Da questo si pu`o derivare la
scala di tempo con cui avviene il fenomeno: = (G
0
)
1/2
, ovvero il tempo di
caduta libera.
Mezzo disomogeneo innito a simmetria piano-parallela.
Abbiamo gi`a ricordato la contraddizione insita nellassumere un mezzo gassoso in-
nito e omogeneo come condizione iniziale. Consideriamo ora un mezzo (gas) in
equilibrio idrostatico e straticato lungo la direzione z. Il problema `e ora unidimen-
sionale lungo z. Lequazione di Poisson diventa
d
2

0
dz
2
= 4G
0
(24.20)
e la condizione di equilibrio idrostatico `e
dP
0
dz
=
0
d
0
dz
(24.21)
Questa pu`o essere riformulata
v
2
s
dln
0
dz
=
d
0
dz
(24.22)
ovvero
d
2
ln
0
dz
2
=
4G
v
2
s

0
(24.23)
Usando la condizione al contorno che
0
= 0 per z = si ottiene la soluzione

0
(z) =

0
(0)
cosh
2
(z/H

)
(24.24)
24.1. CRITERIO DI JEANS E FRAMMENTAZIONE 321
con
H =
_
kT
2m
H
G
0
(0)
_
1/2
=
v
s
[2G
0
(0)]
1/2
(24.25)
Questa struttura straticata non presenta le dicolt`a incontrate con il caso di mezzo
omogeneo ed innitamente esteso.
Per studiare la stabilit`a di questa congurazione, deniamo un sistema di coordi-
nate cartesiane x, y nel piano perpendicolare allasse z e consideriamo perturbazioni
aventi la dipendenza

1
f(z)exp[i(kx +t)] (24.26)
Poich`e le perturbazioni non dipendono da y, in caso di instabilt`a il sistema collassa
su strati con simmetria piano-parallela. Ripetendo gli argomenti fatti in precedenza
si trova che esiste un numero donda critico delle perturbazioni k
J
k
J
=
1
H
=
[2G
0
(0)]
1/2
v
s
(24.27)
al di sotto del quale si ha instabilit`a per k < k
J
, mentre le perturbazioni con k > k
J
rimangono nite. Il risultato `e molto simile a quanto trovato nel caso precedente
con dierenze dovute alla sola geometria.
Entrambi i casi godono della propriet`a per piccoli numeri donda (grandi lunghezze
donda e perci`o grandi masse) lequilibrio `e instabile, mentre `e stabile per grandi
numeri donda (piccole lunghezze donda, piccole masse).
Nel caso di equilibrio idrostatico, la forza dovuta al gradiente di pressione bilan-
cia esattamente quella gravitazionale. In generale, questo perfetto equilibrio viene
disturbato dalla compressione. Quando solo una piccola quantit`a di gas viene com-
pressa, laumento di pressione `e maggiore dellaumento della gravit`a ed il sistema `e
spinto indietro verso la situazione di equilibrio. Al contrario, quando grandi quantit`a
di gas vengono compresse, laumento della forza gravitazionale pu`o essere maggiore
dellaumento delle forze di pressione obbligando il gas compresso verso ulteriore
compressione.
Sfera connata da un mezzo a pressione non nulla.
L intero ragionamento pu`o essere esteso al caso di un sfera isoterma di gas perfetto
immersa in un mezzo con pressione P

> 0. La struttura della sfera isoterma viene


ricavata dalla soluzione dell equazione di Emden troncata la raggio dove P = P

.
322 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE
La sfera ha massa M, raggio R, energia interna U
i
= c
V
MT ed energia gravitazionale
= q GM
2
/R (dove q 1). Usando il teorema del Viriale si pu`o ottenere la
pressione P
0
alla supercie
P
0
=
c
V
M T
2R
3

qGM
2
4R
4
(24.28)
Il primo termine `e lenergia interna che tende ad espandere la sfera. Il secondo
termine `e dovuto alla gravit`a che tende a contrarre la sfera. If fattore numerico
q 1.
Discutiamo ora come P
0
varia con R mantenendo M, T e q costanti. Per piccoli R
il valore di P
0
`e negativo. Esso cambia segno al crescere di R e diventa nullo per
R . P
0
ha un massimo a R = R
m
che pu`o essere derivato dierenziando la
relazione di cui sopra. Si trova
R
m
=
4q
9
Gm
H
k
M
T
(24.29)
Supponiamo la sfera in equilibrio con il mezzo circostante: P = P
0
. Per R < R
m
, ls
pressione P
0
alla supercie diminuisce al decrescere di R. Pertanto a causa di una
compressione P
0
< P

e la sfera continuer`a a comprimersi; essa `e instabile. Per


R > R
m
, la pressione P
0
aumenta con la compressione e la sfera si espander`a di
nuovo all equilibrio; essa `e stabile. Abbiamo cos` ottenuto la instabilit`a di Jeans
discussa in precedenza. Questo pu`o essere vericato sostituendo nella (24.29) la
massa M con 4R
3
m
/3. Si ottiene
R
2
m
=
27
16q
kT
Gm
H

(24.30)
R
m
`e il raggio critico di una massa di gas con densit`a media e temperatura T che
`e marginalmente stabile. La corrispondente lunghezza donda di Jeans `e

2
J
=
kT
Gm
H

(24.31)
Ovviamente per dato stato di equilibrio sar`a associata una massa detta massa di
Jeans M
J
. Masse maggiori di M
J
sono gravitazionalmente instabili. Se vengono
lievemente compresse esse collassano. La massa di Jeans `e
24.1. CRITERIO DI JEANS E FRAMMENTAZIONE 323
M
J
=
4
3
R
3
m
=
27
16
(
3

)
1/2
(
k
Gm
H
q
)
3/2
(
T

)
3/2
(
1

)
1/2
(24.32)
da questa si deriva la tipica espressione per M
J
M
J
=
_
k
Gm
H
_
3/2
T
3/2

1/2
(24.33)
= 1.2 10
5
M

_
T
100 K
_
3/2
_

10
24
g cm
3
_
1/2

3/2
Usando valori per = 10
24
g cm
3
, T = 100 K e = 1, la massa M
J
= 10
5
M

.
Il tempo scala del collasso `e (G)
1/2
. Con la densit`a adottata in precedenza
10
8
anni.
Da queste considerazioni sembra che solamente masse molto maggiori delle tipiche
masse stellari possano collassare.
Il tempo scala di collasso `e pi` u lungo del tempo necessario allaggiustamento ter-
mico del gas quando esso `e otticamente sottile. Una stima di questultimo tempo
(energia interna divisa per la energia persa per irraggiamento) mostra che
adj
100
anni. Il collasso sembra poter avvenire in condizioni di aggiustamento termico (quasi
isotermo). Tuttavia ci`o non sar`a sempre vero.
Frammentazione
La formazione stellare `e ancora oggi uno dei problemi dellastrosica fra i meno
conosciuti. La spiegazione corrente `e che una nuvola di gas con massa superiore
a M
J
collassi subendo il processo di frammentazione. In altre parole mentre la
nube collassa parti di essa diventano instabili e collassano pi` u rapidamente della
nube madre. In realt`a il problema non `e cos` semplice. Infatti se una nube col-
lassa isotermicamente, M
J
diminuisce con
1/2
. Al contrario se la nube collassasse
adiabaticamente per un gas monoatomico avremmo
A
= 2/5 ovvero T P
2/5
e grazie allequazione di stato la temperatura cambierebbe come T
2/3
e da
questo M
J

1/2
. Pertanto durante il collasso adiabatico la massa di Jeans au-
menterebbe. Tuttavia abbiamo visto che
ad
<<
ff
. Si pu`o pertanto ritenere che
il collasso avvenga in maniera isoterma piuttosto che adiabatica. In questo caso
M
J
diminuisce durante il collasso cosicch`e masse sempre pi` u piccole possono di-
ventare instabili (frammentazione).
`
E facile prevedere che la situazione non pu`o
324 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE
durare allinnito perch`e si raggiunger`a uno stadio in cui
ad

ff
ed collasso
isotermo non pu`o pi` u esistere. In questo contesto `e importante comprendere come
possano agire i processi di irraggiamento da parte di una nuvola di gas in fase di
collasso. Unidea della quantit`a totale di energia irraggiata ci `e data dall energia
gravitazionale dei frammenti mentre il tasso di irraggiamento `e dato dal rapporto
di questa energia e il tempo di
ff
. Pertanto anch`e in una nube collassante i
frammenti si mantengano alla temperatura T deve essere irradiata energia al tasso
di
A =
GM
2
R
(G)
1/2
=
_
3
4
_
1/2
G
3/2
M
5/2
R
5/2
(24.34)
dove M e R sono massa e raggio dei frammenti. Ma i frammenti alla temperatura
T non possono irradiare pi` u di un corpo nero alla stessa temperatura. Pertanto il
tasso di perdita di energia radiativa del frammento `e
B = 4fT
4
R
2
(24.35)
dove `e la costante di Stefan-Boltzmann e f < 1. Anch`e il collasso sia isotermo
deve essere B >> A. La transizione a collasso adiabatico avviene quando A B e
cio`e quando
M
5
=
64
3
3

2
f
2
T
8
R
9
G
3
(24.36)
Si assume che la frammentazione cessi quando M
J
M. Pertanto sostituendo nella
relazione (24.36) M con M
J
e R con
R =
_
3
4
_
1/3
M
1/3
J

1/3
(24.37)
ed eliminando con laiuto di (24.32), si ottiene
M
J
=
_

9
9
_
1/4
1
(G
3
)
1/2
_
k
m
H
_
9/4
f
1/2
T
1/4
(24.38)
ovvero
M
J
= 3.86 10
31
f
1/2
T
1/4
= 0.02M

f
1/2
T
1/4
(24.39)
dove = 1. Assumendo T 1000

K e f = 0.1 si ottiene M
J
1/3M

. La
frammentazione sembra cessare quando sono raggiunte masse dellordine della massa
solare.
24.2. FORMAZIONE DI PROTOSTELLE 325
24.2 Formazione di protostelle
Il criterio di Jeans presentato in precedenza deriva dalla teoria perturbativa
arrestata al primo ordine; esso d`a le condizioni anch`e le perturbazioni apportate
ad uno stato di equilibrio possano crescere in maniera esponenziale. La teoria lineare
non d`a tuttavia indicazioni n`e sulla struttura in pieno regime di collasso n`e sul
risultato nale. la risposta a tali quesiti pu`o venire solo da perturbazioni seguite nel
cosiddetto regime di non linearit`a. In quanto segue presenteremo una descrizione
ultra-semplicata del problema.
Collasso di una sfera omogenea in caduta libera.
Si condideri una sfera omogenea di gas con raggio R e massa M maggiore della
massa di Jeans. La sfera `e pertanto soggetta al collasso gravitazionale. A causa di
questo la gravit`a aumenta pi` u rapidamente del gradiente di pressione. In simmetria
sferica laccelerazione gravitazionale e quella dovuta la gradiente di pressione sono
date da
GM
R
2
e

dP
dr


P
R

k
m
H
T
R
(24.40)
Il rapporto fra forza gravitazionale e gradiente di pressione varia come M/(RT),
il quale durante il collasso cresce come 1/R.
Il collasso di una sfera omogenea pu`o essere studiato analiticamente. Trascurando
il gradiente di pressione, lequazione del moto diventa
r =
GM(r)
r
2
(24.41)
Sostituiamo ora M(r) con 4
0
r
3
0
/3, dove i valori si riferiscono allinizio del collasso
(per denizione
0
= 0) ed integriamo rispetto al tempo ottenendo
1
2
r
2
=
4r
3
0
3r
G
0
+cost (24.42)
La costante di integrazione `e ssata imponendo che per t = 0 e r = r
0
sia r = 0. Si
ottiene
r
r
0
=
_
8G
3

0
(
r
0
r
1)
_
1/2
(24.43)
326 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE
Anch`e r sia reale, il raggio corrente r deve sempre essere minore di r
0
, ovvero deve
essere considerato solo il caso con segno negativo. Introduciamo ora la variabile
ausiliaria denita da
cos
2
=
r
r
0
(24.44)
e deriviamo le relazioni
r
r
0
= 2

cossin
r
0
r
1 =
sin
2

cos
2

(24.45)
Con l aiuto delle precedenti relazioni, lequazione (24.43) d`a
2

cos
2
=
_
8G
0
3
_
1/2
(24.46)
Grazie allidentit`a (facilmente vericabile)
2cos
2
=
d
dt
_
+
1
2
sin2
_
(24.47)
possiamo scrivere la relazione (24.46) come
+
1
2
sin2 =
_
8G
0
3
_
1/2
t (24.48)
dove la costante di integrazione `e ssata imponendo che linizio del collasso (quando
r = r
0
, = 0) avvenga a t = 0.
In questa relazione non compare pi` u r
0
ed inoltre
0
= cost. Pertanto la soluzione
(t) `e la stessa per tutte le corone sferiche. Ci`o signica che la sfera sta subendo
una contrazione omologa. Poich`e r/r
0
non dipende da r
0
, la variazione relativa della
densit`a `e indipendente da r
0
. La sfera inizialmente omogenea rimane omogenea. Il
tempo necessario a raggiungere il centro `e chiamato tempo di caduta libera free-fall
t
ff
=
_
3
32G
0
_
1/2
(24.49)
Esso `e lo stesso per tutte le corone sferiche. Per
0
= 4 10
23
gm/cm
3
(tipico di
una nube iniziale) t
ff
= 10
7
anni.
24.2. FORMAZIONE DI PROTOSTELLE 327
Naturalmente prima di raggiungere il centro la pressione diventa importante poich`e
il gas diventa opaco e la T cresce. Lapprossimazione di caduta libera non `e pi` u
valida ed il collasso deve essere fermato.
Collasso su un oggetto condensato
Quando loggetto in collasso diventa opaco alla radiazione, esso incomincia a riscal-
darsi e ci`o avviene pi` u facilmente nel centro che vicino alla supercie. Cio fa si che il
collasso nelle regioni centrali si arresti prima nelle regioni centrali e successivamente
in quelle esterne. Allo scopo di studiare questo problema consideriamo un nucleo
di massa M e raggio R gi`a formato nel quale si sia stabilito lequilibrio idrostatico
e sul quale continui a collassare gas in caduta libera ed in regime stazionario con
velocit`a v.
Supponiamo per semplicit`a che il nucleo sia circondato da un serbatoio innito di
gas dal quale la materia uisce al tasso di

M = 4r
2
v (24.50)
costante nel tempo e nello spazio. Dierenziando tale relazione rispetto a r si ottiene
lequazione di continuit`a
2
r
+
1

d
dr
+
1
v
dv
dr
= 0 (24.51)
Se per la la velocit`a prendiamo quella di caduta libera
v = v
ff
= [
GM
2r
]
1/2
(24.52)
e assumiamo che M costante, si trova
1

d
dr
=
3
2r
(24.53)
ovvero
(r) =
costante
r
3/2
(24.54)
Se R `e il raggio del nucleo, allora al momento dellimpatto la materia in caduta
libera ha la velocit`a
v
ff
= (
GM
2R
)
1/2
(24.55)
328 CAPITOLO 24. FORMAZIONE STELLARE
Il gas caduto sul nucleo si ferma alla sua supercie. Lenergia cinetica `e trasformata
in calore, parte del quale riscalda il nucleo e il resto viene irradiato. Trascurando
(per il momento) il riscaldamento del nucleo, la perdita di energia radiativa `e data
da
L
accr
=
1
2
v
2
ff
(R)

M =
1
4
GM
R

M (24.56)
L
accr
`e chiamata la luminosit`a da accrescimento. Poich`e abbiamo assunto per la
soluzione stazionaria che M sia costante nella espressione per v
ff
, la relazione (24.56)
`e valida solo se il tempo di accrescimento `e lungo rispetto al tempo di free-fall

accr
=
M

M
>>
ff
(24.57)
Modelli numerici di collasso
Il collasso di una nube viene seguito numericamente con laiuto di sosticate tecniche
numeriche.
Le equazioni da risolvere sono quelle di continuit`a
M(r)
t
+ 4r
2
v = 0 (24.58)
di conservazione del momento
v
t
+v
v
r
+
GM
r
2
+
1

P
r
= 0 (24.59)
di conservazione dell energia
u
t
+P

t
1

+v
_
u
r
+P

r
(
1

)
_
+
1
4r
2
L(r)
r
= 0 (24.60)
dove u `e lenergia interna per unit`a di massa. Inoltre abbiamo
M(r)
r
= 4r
2
(24.61)
Finalmente abbiamo bisogno di una equazione che descriva il trasporto dellenergia.
Per questaultima si adotta lequazione del trasporto radiativo
L(r) =
16acr
2
3
T
3
[
T
r
] (24.62)
A queste si aggiungono le relazioni di stato e di opacit`a del materiale. Possibili
condizioni al contorno sono la massa totale M ed il raggio totale iniziale R che pu`o
essere preso costante nel tempo assieme alla v(R, t = 0) = 0.
I risultati di modelli complessi durante la fase iniziale no al raggiungimento della
condizione di equilibrio idrostatico sono gi`a stati illustrati nel capitolo 23.
Capitolo 25
IL LIMITE DI HAYASHI
In questo capitolo esamineremo il caso di stelle totalmente convettive, cio`e stelle che
sono convettive dal centro no alla fotosfera e solo latmosfera `e radiativa.
La linea di Hayashi `e denita come il luogo nel diagramma HR di stelle totalmente
convettive con massa e composizione chimica assegnate. Si noti che per ogni massa
e/o composizione chimica esiste una linea di Hayashi diversa. Queste linee sono
collocate alla destra del diagramma HR tipicamente con T
eff
3000...5000

K e
sono molto ripide, in gran parte quasi verticali.
Dalla denizione non si pu`o subito comprendere limportanza di questa linea. La
linea di Hayashi rappresenta innanzi tutto un limite di separazione fra regioni perme-
sse alla sua sinistra e vietate alla sua destra per tutte le stelle di data M e ammesso
che esse siano in equilibrio idrostatico ed abbiano la convezione ben sviluppata.
Questultima aermazione signica che ad ogni istante gli elementi convettivi hanno
le propriet`a dettate dalla Mixing Length Theory. I possibili cambiamenti della strut-
tura stellare devono avvenire su una scala di tempo lunga rispetto a quella tipica
della convezione di guisa che la convezione possa adattarsi alle nuove condizioni.
Atteso che equilibrio idrostatico e convezione hanno scale di tempo molto piccole
rispetto ad ogni altra scala temporale evolutiva, le stelle possono sopravvivere a
destra della linea di Hayashi solo per tempi molto piccoli.
La linea di Hayashi coincide con il percorso evolutivo delle stelle appena formate
prima di raggiungere la sequenza principale e dalle stelle molto evolute. In buona
approssimazione possiamo dire che la quasi totalit`a della vita di una stella `e connata
tra questi due luoghi: linea di Hayashi e Sequenza Principale.
25.1 Luminosit`a delle stelle totalmente convettive
Incominciamo con lesaminare il modo diverso con cui la luminosit`a si si lega ai
gradienti di temperatura e pressione in regioni radiative e convettive.
329
330 CAPITOLO 25. LIMITE DI HAYASHI
Nelle zone radiative di una stella, la luminosit`a `e legata ai gradienti di temperatura
e pressione mediante la nota relazione (radiativa)
L(r)
R
= K

R
(25.1)
dove
=
dlnT
dlnP
K

R
=
16acG
3
T
4
M(r)
P
(25.2)
Data la straticazione in P e T, la luminosita radiativa `e determinata.
Nelle regioni convettive, in cui il trasporto di energia `e eettuato dagli elementi
di uido in moto adiabatico secondo la visione della Mixing Length Theory, la
luminosit`a `e data data
L(r)
C
= K

C
(
A
)
3/2
K

C
=

2
_

H
p
_
2
r
2
c
p
T(P)
1/2
(25.3)
dove i simboli hanno il loro signicato usuale. In linea di principio, si pu`o sempre
pensare che data la straticazione in P e T, la luminosita convettiva sia determinata.
In pratica ci`o non `e possibile in quanto sarebbe necessario conoscere il valore di
con estrema precisione. La ragione sta nel fatto che la luminosit`a convettiva non `e
proporzionale al gradiente , ma ad una potenza delleccesso di questo rispetto al
valore adiabatico (
A
), dierenza che pu`o essere estremamente piccola (10
7
)
quando la convezione `e molto eciente. Pertanto la conduttivit`a convettiva K

C
deve
essere molto grande per trasportare grandi luminosit`a. Questo implica che di fatto la
luminosit`a in regioni convettive `e disaccoppiata dalla struttura P-T. Infatti grazie a
questo fatto si `e semplicato il problema assumendo che il gradiente di temperatura
sia quello adiabatico e lasciata da parte la relazione luminosit`a-gradiente.
In una stella totalmente convettiva, la luminosit`a `e regolata dallunica regione radia-
tiva esistente e cio`e latmosfera ed uno strato sottostante dove la convezione non `e
eciente (fortemente super-adiabatica). Ci`o porta allaermazione che la luminosit`a
di una stella totalmente convettiva `e regolata dalla sua atmosfera. Naturalmente,
atteso che la luminosit`a `e prodotta nelle regioni interne, `e forse pi` u corretto dire
che gli strati superciali si aggiustano in modo tale da essere compatibili con la
luminosit`a uente dallinterno.
25.2. DESCRIZIONE SEMPLICE DELLA LINEA DI HAYASHI 331
Figure 25.1:. Diagramma pressione - temperatura che mostra il raccordo fra
soluzioni interne (linee continue) e soluzioni atmosferiche (linee tratteggiate) per di-
versi valori del raggio R
i
. Le intersezioni (punti) corrispondono alla linea di Hayashi
nel diagramma H-R.
25.2 Descrizione semplice della linea di Hayashi
Assumiamo che la condizione di straticazione adiabatica (quasi) in temperatura
e pressione che si realizza nelle regioni convettive valga sullintera stella (anche
quelle regioni dove sappiamo esistere la condizione di super-adiabaticit`a). Inoltre
assumiamo che
A
sia costante lungo lintera stella (sono qui ignorate le variazioni
di
A
nelle regioni di ionizzazione) ed assumiamo il valore tipico
A
= 0.4 valido
per un gas perfetto totalmente ionizzato.
Con queste ipotesi, lintera stella (a parte latmosfera) obbedisce alla relazione
P = CT
1+n
(25.4)
cio`e ad una relazione politropica con indice n = 1/
A
1 = 3/2. La costante C `e
legata alla costante politropica K; per un gas perfetto senza radiazione
C = K
n
(
k
m
H

)
1+n
(25.5)
Non si confonda la costante di Boltzmann entro la parentesi con la costante politrop-
ica.
332 CAPITOLO 25. LIMITE DI HAYASHI
Le quantit`a C e K sono costanti dentro una stella ma variano da stella a stella. Ci`o
implica che non abbiamo una relazione massa-raggio.
Dalle relazioni stabilite per i politropi in generale si deriva
K
1/3
c

2

1/3
c
R
2
M
1/3
R (25.6)
dove

2
=
4G
(n + 1)
n
K
n
(
c
)
n1
=
4G
(n + 1)K

n1
n
c
(25.7)
da cui segue che
C = C

R
3/2
M
1/2
(25.8)
dove la costante C

`e nota per dati n e .


Assumiamo ora che la relazione politropica (25.4) si estenda no alla fotosfera, cio`e
il luogo con profondit`a ottica = 2/3 dove valgono le relazioni
T = T
eff
P = P
0
r = R M(r) = M (25.9)
Sopra questa regione abbiamo unatmosfera radiativa con una semplice legge di
opacit`a di tipo Kramers
=
0
P
a
T
b
(25.10)
Integrando lequazione dellequilibrio idrostatico lungo latmosfera si ottiene la pres-
sione P
0
alla fotosfera
P
0
= cost (
M
R
2
T
b
eff
)
1
a+1
(25.11)
Inseriamo questo valore nella soluzione per linterno sostituendo P = P
0
e T = T
eff
nella relazione (25.4) ed eliminando P
0
con laiuto della relazione (25.11). Assegnati
i valori di M e , questo genera una relazione fra R e T
eff
o fra R e L (si ricordi
che (L R
2
T
4
eff
).
Cos` ad ogni valore di R corrisponde un punto nel diagramma HR:
(a) Le soluzioni interne formano una famiglia uni-parametrica, in quanto la costante
C contiene il parametro libero R per dati M e . A ci`o corrisponde nel diagramma
HR lesistenza di una famiglia uni-parametrica di punti che descono la linea di
Hayashi.
25.2. DESCRIZIONE SEMPLICE DELLA LINEA DI HAYASHI 333
La procedura di raccordo `e illustrata nella Figura 25.1 Ogni soluzione interna `e
rappresentata in questo diagramma da una retta
logT = 0.4logP + 0.4(
3
2
logR +
1
2
logM logC

) (25.12)
Per dati M e , ognuna di queste linee `e individuata da un certo raggio R.
(b) Le soluzioni per latmosfera sono ancora linee rette date da
(a + 1)logP
0
= logM 2logR blogT
eff
+costante. (25.13)
(c) Lintersezione di due linee delle due famiglie con lo stesso raggio ssa il valore
di T
eff
(e di P
0
). Da R e T
eff
abbiamo la luminosit`a L cio`e un punto in HR. La
linea di Hayashi `e dunque costituita dalla continua variazione di R.
Questo formalismo permette di dare una equazione per la linea di Hayashi nel dia-
gramma HR
log T
eff
= Alog L +Blog M +costante (25.14)
dove
A =
0.75a 0.25
b + 5.5a + 1.5
B =
0.5a + 1.5
b + 5.5a + 1.5
(25.15)
La linea di Hayashi dipende dunque dai tipici valori di a e b nella legge di assor-
bimento atmosferico. Il processo principale di assorbimento e quello da H

per
temperature T 5000

K. Per questo si trova a = 1 e b = 3, dai quali si deriva
subito A = 0.05 B = 0.2.
La pendenza della linea di Hayashi (logL/logT
eff
= 1/A). Poich`e A << 1, si
conclude che la linea di Hayashi `e molto ripida.
Dalla (B = logT
eff
/logM) si vede che la linea di Hayashi si sposta lenta-
mente verso sinistra al crescere di M.
Esaminiamo pi` u da vicino le ragioni siche della ripida pendenza della linea di
Hayashi. Alla fotosfera, la pressione della soluzione interna P
0i
e la pressione della
soluzione esterna P
0a
variano in questo modo
P
0i

T
2.5
eff
R
3/2
P
0a

T
b/(a+1)
eff
R
2/(a+1)
(25.16)
Innanzi tutto ci aspettiamo una grande pendenza per valori piccoli e positivi di a.
Infatti per a = 1/3, P
0i
e P
0a
hanno la stessa dipendenza da R, per cui la T
eff
non
varier`a con R (e con L), e la linea di Hayashi sar`a quasi verticale.
334 CAPITOLO 25. LIMITE DI HAYASHI
Nelle approssimazioni fatte si `e supposto
A
costante, si `e ignorata la sua depres-
sione in presenza della ionizzazione ed inne si `e ignorata la presenza della regione
di super-adiabaticit`a. L analisi corretta di questo problema mostra che lestensione
della zona di ionizzazione e di super-adiabaticit`a varia sistematicamente con la lu-
minosit`a della stella. Si trova che il coeciente A cambia segno attorno a L L

.
Esso `e positivo per L < L

e negativo per L > L

. Di conseguenza la linea
di Hayashi `e convessa rispetto alla sequenza principale. Da questo segue
labitudine di rappresentare schematicamente la linea di Hayashi inclinata verso le
temperature eettive decrescenti nel Diagramma HR. Questo `e formalmente corretto
solo per log L/L

1.
Inoltre la posizione esatta della linea di Hayashi dipende da tutte le incertezze
associate alla teoria della Mixing Length (in particolare dal parametro di mixing
length). La linea di Hayashi sar`a tanto pi` u spostata verso basse temperature eettive
quanto piu ineciente `e la convezione super-adiabatica (ovvero al decrescere del
parametro di mixing length).
Inne, la posizione della linea di Hayashi dipende dal peso molecolare in due
modi. Nellinterno attraverso la costante C (o costante politropica K); allesterno
attraverso lopacit`a .
La Figura 25.2 mostra in forma schematica le linee di Hayashi di stelle di massa
diversa e le corrispondenti luminosit`a limite.
25.3 Luminosit`a limite delle stelle totalmente convettive
Nel derivare la linea di Hayashi abbiamo considerato stelle totalmente convet-
tive. Questo permette di usare la descrizione politropica che `e disaccoppiata dai
meccanismi di produzione e trasporto dellenergia. Non ci siamo chiesti infatti se
la situazione sica consenta di avere convezione sullintera stella. Questo in realt`a
dipende dalla distribuzione delle sorgenti di energia.
In base al criterio di Schwarzschild una regione chimicamente omogenea `e instabile
alla convezione se

R

A
(25.17)
dove

R

L(r)P
T
4
M(r)
(25.18)
25.3. LUMINOSIT
`
A LIMITE 335
Figure 25.2:. Regione del diagramma H-R occupata dalle stelle totalmente convet-
tive, chimicamente omogenee, in contrazione gravitazionale. Le frecce indicano la
direzione di evoluzione.
Se la distribuzione delle sorgenti energetiche fosse completamente arbitraria potremmo
sceglierla in modo tale che la condizione (25.17) sia violata da qualche parte con la
conseguenza che la stella non possa essere totalmente convettiva. Ad esempio, se il
nucleo centrale non ha sorgenti energetiche, allora L(r) = 0 e
R
= 0; il nucleo deve
essere radiativo. Daltra parte la migliore possibilit`a per avere stelle totalmente
convettive `e che la sorgente energetica sia concentrata nel centro, il che implica
L(r) = L ovunque.
Una stella in fase di pre-sequenza `e in lenta contrazione gravitazionale e pu`o essere
assimilata ad un politropo in contrazione senza sorgenti nucleari e con la sorgente
gravitazionale diusa. Si pu`o dimostrare facilmente che il termine di rilascio locale di
energia gravitazionale per un gas ideale monoatomico senza pressione di radiazione
`e

g
=
3
5
c
P
T(
1
R
dR
dt
) (25.19)
e cio`e proporzionale alla temperatura, il che signica scarsa concentrazione spaziale.
Con buona approssimazione possiamo assumere una sorgente costante di energia e
cio`e
336 CAPITOLO 25. LIMITE DI HAYASHI
L(r)
M(r)
=
L
M
(25.20)
Di nuovo assumiamo la legge di Kramers per lopacit`a e =
A
= 0.4. Dalla
denizione di
R
segue

R

L
M
C
1+a
T
b4+2.5(1+a)
(25.21)
Per tipici valori a = 1 e b = 4.5 si ottiene

R
T
3.5
(25.22)
In realt`a per ogni ragionevole opacit`a nellinterno,
R
ha un minimo al centro ed
aumenta verso lesterno. Pertanto il centro `e il primo punto in una stella totalmente
convettiva dove
R
cade sotto
A
(e una regione radiativa incomincia a svilupparsi)
se la luminosit`a scende sotto un valore minimo L
min
.
La costante C dipende da M e R e T T
c
M/R per cui

R
LM
b5+2(1+a)
R
b+44(1+a)
(25.23)
Poniamo ancora una volta a = 1 e b = 4.5

R
LM
5.5
R
0.5
(25.24)
Per modelli lungo la linea di Hayashi, la temperatura eettiva varia poco e pertanto
possiamo assumere che R L
1/2
, da cui

R
L
1.25
M
5.5
(25.25)
Per ogni valore di M la luminosit`a raggiunge L
min
quando il valore centrale di
R
scende a 0.4. Invertendo la relazione si ricava
L
min
M
4.4
(25.26)
La luminosit`a minima scende molto al diminuire della massa. Pu`o inne accadere
che per un certo valore di M la L
min
coincida con il valore della luminosit`a sulla
sequenza principale. La linea di Hayashi di questa massa interseca la sequenza prin-
cipale. Ci`o impone lesistenza di un limite superiore alla massa di una stella, sotto il
25.4. STELLE VICINE ALLA LINEA DI HAYASHI 337
quale le stelle rimangono totalmente convettive anche in sequenza principale. Tale
limite `e circa 0.3M

. Stelle con massa maggiore sono totalmente convettive lungo


la linea di Hayashi di loro competenza, lungo la quale si muovono in contrazione (lu-
minosit`a decrescente) no a raggiungere L
min
(M) dopo di che sviluppano un nucleo
radiativo nel centro muovendosi dora in avanti lungo una linea quasi orizzontale nel
diagramma HR. Questa linea rappresenta il luogo di modelli con nucleo radiativo
crescente ed inviluppi convettivi decrescenti
Si noti inne che L
min
dipende dal prolo energetico della stella.
25.4 Stelle vicine alla linea di Hayashi
Consideriamo ora stelle in equilibrio idrostatico vicine alla linea di Hayashi ma
non esattamente su di essa. Ovviamente tali stelle non possono essere totalmente
convettive con interno adiabatico. La loro struttura non `e pi` u un singolo politropo.
Queste stelle non devono necessariamente essere chimicamente omogenee, in quanto
la convezione le interessa solo per una parte. Studiare tali stelle `e dunque pi` u
complesso. In quanto segue diamo una trattazione semplicata del problema.
Nel compiere lintegrazione verso il centro delle soluzioni di inviluppo di modelli con
data M, L, e diversa T
eff
si trova che la regione radiativa viene raggiunta prima al
crescere di T
eff
. In altre parole le stelle che stanno alla sinistra della linea di Hayashi
sviluppano una regione radiativa centrale, dove
R
<
A
per cui il valore medio
del gradiente sar`a <
A
. Sulla linea di Hayashi =
A
. Questo suggerisce che
alla destra della linea di Hayashi sia >
A
.
Al ne di provare questa asserzione, consideriamo tre modelli con gradiente =
costante e variamo attorno a
A
. Questo ci dar`a dei politropi con diverso indice
n (attorno n = 3/2). La soluzione interna `e del tipo
P = C
n
T
1+n
(25.27)
dove = (1 +n)
1
ed in analogia col caso normale
C
n
= C

n1
M
1n
R
n3
. (25.28)
Passando ai valori di M ed R in unit`a solari si ha
C

n
= (
K
H
)
n+1
(
1
4G
n
)(n + 1)
n
_
(
d
d
)
=
n
_
n1

n+1
n
R
n3

M
1n

(25.29)
338 CAPITOLO 25. LIMITE DI HAYASHI
Si estenda la relazione (25.27) no alla fotosfera (P = P
0
, T = T
eff
), dove possiamo
eliminare P
0
con laiuto della (25.11) e R tramite la R = c
2
L
1/2
T
2
eff
. Questo d`a un
luogo in HR espresso da
logT
eff
=
1
logL +
2
logM +
3
log +
4
logC

n
+
5
logc
1
+
6
logc
2
(25.30)
dove c
1
`e il fattore di proporzionalit`a nella (25.11). Assumendo a = 1 e b = 3 nella
legge di opacit`a si derivano le seguenti relazioni fra gli ed n

1
=
2 n
13 2n

2
=
2n 1
13 2n

3
=
2(1 +n)
13 2n

4
=
2
13 2n

5
=
4

6
= 2
1
(25.31)
Gli non variano molto per piccole variazioni di n. Questo signica che la pendenza
delle soluzioni in HR data da
1
rimane quasi costante. Le linee si spostano parallela-
mente a se stesse. Senza perdere generalit`a nella discussione del problema possiamo
guardare al caso in cui L = M = = 1. Allora la variazione di logT
eff
con n `e data
dagli ultimi tre termini della relazione precedente. Si trova che logT
eff
/n > 0, le
stelle si spostano verso destra nel diagramma HR al diminuire di n.
In questa ottica, le stelle alla destra della linea di Hayashi dovrebbero avere >
A
cio`e esse dovrebbero avere una straticazione di temperatura super-adiabatica. La
teoria della mixing length dice che un piccolo eccesso di rispetto a
A
`e suciente
a trasportare una qualunque luminosit`a nelle regioni profonde di una stella. Cosa
succederebbe se per una ragione qualunque una stella fosse portata alla destra della
linea di Hayashi, in modo tale da avere nel suo interno regioni con
A
> 0?
Il risultato sarebbero velocit`a convettive molto elevate e grandi ussi convettivi.
Questi raredderebbero gli interni no a raggiungere la condizione
A
e la
stella verrebbe riportata alla destra della linea di Hayashi.
Pertanto la linea di Hayashi `e un vero limite sico separante una regione permessa
(a sinistra) da una vietata (destra).
Capitolo 26
LIMITI INFERIORE E
SUPERIORE DELLA SEQUENZA
PRINCIPALE
Le stelle della sequenza principale hanno massa che va da circa un decimo a circa
cento masse solari. Immediatamente nascono due domande: quali costanti fon-
damentali della sica determinano lordine di grandezza della massa delle stelle?
Perch`e lintervallo di masse possibili ha questi limiti?
In questo capitolo dimostreremo che se la massa `e molto pi` u piccola della massa
del Sole, la contrazione gravitazionale genera un aumento della temperatura interna
che non `e suciente ad innescare le reazioni nucleari e quindi a dar vita ad una
vera stella (un oggetto in cui la sorgente primaria di energia `e quella nucleare).
Vedremo anche che se la massa `e molto maggiore della massa del Sole, la pressione
di radiazione diventa dominante. Di conseguenza, la energia di legame della stella `e
piccola ed ogni guadagno o perdita di energia `e accompagnato da grandi variazioni
delle energie termica e gravitazionale. In altre parole, la condizione di equilibrio
idrostatico diventa precaria. In entrambe le situazioni, i limiti di massa sono dettati
dalla equazione di stato.
Al ne di dimostrare quanto aermato sopra, si consideri una sfera di massa
M
c
, densit`a
c
e pressione P
c
. Essa pu`o rappresentare la situazione nelle regioni
centrali di una stella. La condizione di equilibrio idrostatico in questa sfera pu`o
essere espressa da
P
c
[

36
]GM
2/3

4/3
c
(26.1)
339
340 CAPITOLO 26. LIMITI INFERIORE E SUPERIORE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
La dimostrazione `e rimandata alla ne del capitolo.
Questa relazione `e approssimativamente vera per ogni stella chimicamente omo-
genea, in cui la massa sia concentrata verso il centro cosicch`e la densit`a centrale
superi la densit`a media. La pressione espressa dalla equazione (26.1) `e quella nec-
essaria a mantenere lequilibrio idrostatico.
Massa Minima. Consideriamo una sfera di gas in contrazione gravitazionale.
Allinizio la pressione `e bassa e vale la equazione di stato di gas perfetto composto
da ioni ed elettroni
P
c
=

c
m
H
kT
c
(26.2)
dove `e il peso molecolare espresso da = 2/(1 + 3X + 0.5Z). La massa media
delle particelle `e data da m = m
H
. Durante questa fase la temperatura sale come
kT
c
[

36
]GmM
2/3

1/3
c
(26.3)
La temperatura cresce con la densit`a.
La temperatura di una nuvola di gas in contrazione continuer`a a crescere no
a che o una quantit`a signicativa di energia sar`a prodotta dalle reazioni nucleari
oppure il gas di elettroni diventa degenere.
Nel primo caso, la generazione di energia nucleare prima o poi bilancia la perdita
dalla supercie (luminosit`a) mettendo a tacere la sorgente gravitazionale (con-
trazione). La temperatura cresce proporzionalmente a
1/3
grazie al fatto che
equazione di stato `e quella di gas perfetto. Tale dipendenza della temperatura dalla
densit`a `e il segnale dellassenza della degenerazione. Questa semplice predizione `e
confermata da innumerevoli modelli numerici dettagliati.
Nel secondo caso, gli elettroni, occupando tutti i livelli pi` u bassi di energia (Prin-
cipio di Pauli) resistono alla compressione e sviluppano suciente pressione tale da
fermare la contrazione gravitazionale. La equazione di stato devia da quella del gas
perfetto. Dimostreremo che laccensione delle reazioni nucleari non sar`a possibile se
gli elettroni diventano degeneri (a causa della contrazione gravitazionale) prima che
sia raggiunta la temperatura minima di innesco.
Per stimare la massima temperatura raggiungibile nel centro di una nuvola di
gas in contrazione gravitazionale scriviamo la equazione di stato separatamente per
gli ioni (non degeneri) e gli elettroni (degeneri). Per questi ultimi supponiamo che
341
essi siano totalmente degeneri ma non relativistici (una buona approssimazione della
situazione reale che stiamo considerando). La pressione centrale `e data da
P
c
= K
NR
n
5/3
e
+n
i
kT
c
(26.4)
dove n
e
e n
i
sono le densit`a numeriche degli elettroni ed ioni rispettivamente e
K
NR
`e il coeciente di proporzionalit`a della equazione di stato dei soli elettroni
totalmente degeneri e non relativistici (K
NR
=
h
2
(2)
2
5m
e
_
3
8
_
2/3
). Esprimiamo ora le
densit`a numeriche in funzione della densit`a di massa (centrale nel nostro caso). Al
ne di semplicare ulteriormente le relazioni, supponiamo che il gas sia fatto di solo
idrogeno (lestensione ad una composizione qualunque `e ovvia e far`a comparire i pesi
molecolari
i
e
e
degli ioni ed elettroni). In questo caso abbiamo n
e
= n
i
=
c
m
H
.
La pressione `e dunque data da
P
c
= K
NR
_

c
m
H
_
5/3
+

c
m
H
kT
c
(26.5)
Inserendo tale espressione nella relazione per lequilibrio idrostatico si ottiene
kT
c
=
_

36
_
1/3
Gm
H
M
2/3

1/3
c
K
NR
_

c
m
H
_
2/3
(26.6)
Al crescere della
c
la temperatura T
c
prima cresce (quando nel membro di de-
stra prevale il primo termine), raggiunge un massimo e poi diminuisce (quando nel
membro di destra prevale il secondo termine). Scrivendo equazione (26.6) in forma
compatta
kT
c
= A
1/3
c
B
2/3
c
(26.7)
dove A e B sono derivabili dal confronto, densit`a e temperatura al massimo sono
dati da

c,max
=
_
A
2B
_
T
c,max
=
_
A
2
4B
_
(26.8)
ovvero
_
kT
c
_
max
=
_

36
_
2/3
G
2
m
8/3
H
K
NR
M
4/3
(26.9)
342 CAPITOLO 26. LIMITI INFERIORE E SUPERIORE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
Ora imponiamo che la massima temperatura raggiunta sia uguale a quella di innesco
per una data reazione (o complesso di reazioni) ed invertiamo la relazione (26.9) per
ricavare la massa minima corrispondente.
M
min

_
36

_
1/2
_
4K
NR
G
2
m
8/3
H
_
3/4
_
kT
ign
_
3/4
(26.10)
Inserendo ora la temperatura minima di ignizione per lidrogeno stimata attorno a
1.5 10
6
(circa un decimo della temperatura centrale del Sole) si ottiene M
min

0.05 M

. Dal calcolo di accurati modelli stellari si ottiene 0.1 M

.
Massa Massima. Semplici argomenti di stabilit`a mettono in evidenza che
lequilibrio idrostatico di una stella diventa precario quando la sorgente dominante
della pressione `e la radiazione . Questo pone un limite alla massa massima di
una stella della sequenza principale . Per derivare questo limite consideriamo la
equazione di stato dove assieme alla pressione degli ioni ed elettroni aggiungiamo
anche quella della radiazione. La pressione `e dunque data da
P = P
i
+P
e
+P
R
= P
g
+P
R
(26.11)
In questo caso gli elettroni non sono degeneri e P
g
`e dato semplicemente da
P
g
=

c
m
H
kT
c
(26.12)
dove abbiamo gi`a inserito i valori centrali per temperatura e densit`a e `e il peso
molecolare della miscela di ioni ed elettroni. La pressione di radiazione `e
P
R
=
1
3
aT
4
c
(26.13)
Introducendo il parametro denito da
P
g
= P
c
e P
R
= (1 )P
c
(26.14)
da cui
P
c
=
_
3
a
(1 )

4
_
1/3
_
k
c
m
H
_
4/3
(26.15)
inserendo la (26.15) nella (26.1) si ricava
343
_

36
_
1/3
GM
2/3
=
_
3
a
(1 )

4
_
1/3
_
k
m
H
_
4/3
(26.16)
Ponendo 0.5 si ottiene M 100 M

Unit`a di Massa Naturale. Da quanto sopra abbiamo appreso che il limite


inferiore della sequenza principale `e imposto dall necessit`a di innescare le reazioni
nucleari e quello superiore dalleetto destabilizzante della pressione di radiazione.
Lintervallo di massa permesso va da M 0.08 M

a M 100 M

. Confrontato con
altre scale di massa in astrosica lintervallo permesso alle stelle `e sorprendentemente
ristretto. La massa solare sembra essere una specie di unit`a di misura naturale delle
masse delle stelle. Esiste una profonda ragione? In quanto segue vedremo che una
scala naturale di massa nasce dalle costanti fondamentali della sica.
A tale scopo incominciamo con denire una misura adimensionale dell intensit`a
dellinterazione gravitazionale fra due nucleoni (protoni e/o neutroni). Ai ni del
ragionamento la distinzione fra la massa del protone e del neutrone `e superua.
Entrambe possono essere poste uguali alla massa dellatomo di idrogeno m
H
. La
energia potenziale gravitazionale fra due nucleoni posti alla distanza r `e data da
Gm
2
H
/r. Invece che una distanza qualunque r usiamo la distanza fondamentale
h/2m
H
c (dal principio di indeterminazione) e misuriamo la corrispondente energia
potenziale gravitazionale in unit`a di m
H
c
2
denendo il parametro
G

G
=
2Gm
H
2
hc
= 5.9 10
39
(26.17)
Questo numero molto piccolo misura la intensit`a dellinterazione gravitazionale fra
due nucleoni. Esso `e il gemello della costante di struttura ne
F
che misura la
intensit`a della interazione elettromagnetica fra due cariche elementari

F
=
2e
2
4
0
hc
= 1/137 (26.18)
Possiamo ora esprimere la massa minima e massima in funzione di
G
M
min
16
_
kT
ign
m
e
c
2
_
3/4

3/2
G
m
H
(26.19)
Con il valore di T
ign
usato per accendere lidrogeno (1.5 10
6
K) si ottiene
M
min
0.03
3/2
G
m
H
(26.20)
344 CAPITOLO 26. LIMITI INFERIORE E SUPERIORE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
Analogamente per la massa massima (con =0.5) si ottiene
M
min
56
3/2
G
m
H
(26.21)
Viene dunque spontaneo assumere
M

=
3/2
G
m
H
= 1.85 M

(26.22)
come unit`a fondamentale di massa delle stelle. Essa dipende solo dalla mass dei
nucleoni e dalla intensit`a adimensionale della interazione gravitazionale. Le stelle
possono esistere solo se la loro massa `e circa uguale a M

. Non `e dunque un caso


se la massa del Sole `e vicina a M

. Finalmente M

mi indica anche il numero di


nucleoni allinterno di una tipica stella
N

=
N

m
H
= 2 10
57
(26.23)
Dimostrazione della relazione semplice per lequilibrio idrostatico (26.1).
Si considerino le equazioni di equilibrio idrostatico e di continuit`a
dP
dr
=
GM
r
r
2

dM
r
dr
= 4r
2
(26.24)
Vicino al centro vale lapprossimazione M
r

4r
3
3

c
da cui
dP
dr

4
3
r
3

c
G
r
2

c

4
3
rG
2
c
(26.25)
Vicino alla supercie M
r
= M e pertanto
dP
dr

GM
r
2
(26.26)
Se la composizione chimica `e costante, il gradiente di pressione pu`o essere espresso
da una legge semplice del tipo
dP
dr

4
3
G
2
c
r exp(r
2
/a
2
) (26.27)
dove a `e una lunghezza di scala opportunamente scelta. Integrando la equazione ()
dal centro alla supercie (dove P = 0 e r = R) si ottiene
345
P(r)
2
3
G
2
c
a
2
_
exp(r
2
/a
2
) exp(R
2
/a
2
)
_
(26.28)
la quale approssima landamento della pressione dentro una stella. Con laiuto di
questa ricaviamo landamento della densit`a. La massa dentro una sfera di raggio r
pu`o essere scritta come
GM
r
dM
r
= 4r
4
dP (26.29)
ovvero
1
2
GM
2
r
= 4
_
r
0
r
4 dP
dr
dr

(26.30)
Sostituendo dP/dr con quello trovato in precedenza ed integrando si ottiene
M
r
=
4a
3
3

c
(x) x =
r
a
(26.31)
dove
(x)
2
= 6
_
x
0
x
5
exp(x
2
)dx

= 6 2(x
4
+ 2x
2
+ 2) exp(x
2
) (26.32)
ed inne
(r) =
1
4r
2
dM
r
dr
=
c
_
x
3
exp(x
2
)
(x)
_
(26.33)
Sviluppando (x) in serie di x si ottiene
(x) =
_
x
6

3
4
x
8
+
3
10
x
1
0 +....
_
(26.34)
ed arrestandoci ai primi termini si ha

c

_
1
5r
2
8a
2
_
(26.35)
Nel caso di alta densit`a
c
, il parametro di scala a deve essere a << R e tutti i
termini esponenziali diventare quasi nulli. Pertanto
M M
r
=
4
c
a
3
3
(
R
a
)
4
c
a
3
3

6 (26.36)
346 CAPITOLO 26. LIMITI INFERIORE E SUPERIORE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
da questa inne si deriva una espressione approssimata per P
c
P
c

2
3
G
2
c
a
2

_

36
_
GM
2/3

4/3
c
(26.37)
Il fattore numerico vale 0.44. Questa relazione non dipende dal parametro di scala
a n tanto che esso `e piccolo rispetto ad R. Inne ricordiamo che relazioni simili
a questa sono predette anche da altri modelli di struttura stellare. Ad esempio per
un politropo di indice n = 3/2
P
c
0.48G
2
c
a
2

_

36
_
GM
2/3

4/3
c
(26.38)
e per un politropo di indice n = 3
P
c
0.36G
2
c
a
2

_

36
_
GM
2/3

4/3
c
(26.39)
Esse dieriscono solo per il coeciente numerico. Pertanto tale relazione fra pres-
sione e densit`a centrali al variare della massa della stella pu`o essere considerata
come unottima approssimazione della condizione di equilibrio idrostatico.
Capitolo 27
FASE DI SEQUENZA
PRINCIPALE
27.1 Propriet`a Generali
Si denisce sequenza principale il luogo nel diagramma HR in corrispondenza al
quale per la prima volta le reazioni nucleari forniscono lintera luminosit`a irradiata
dalla stella.
La composizione chimica dei modelli `e assunta spazialmente uniforme grazie al pro-
cesso di mescolamento convettivo subito nelle fasi di pre-sequenza. Pi` u avanti le
reazioni nucleari genereranno una distribuzione chimica disomogenea con il rapporto
He/H crescente verso linterno.
Alcune propriet`a fondamentali delle stelle in sequenza principale sono riportate in
Tabella 27.1, mentre le caratteristiche generali dei modelli corrispondenti possono
essere riassunte nel modo seguente:
(1). Lequazione di stato `e prevalentemente quella del gas perfetto di ioni ed elet-
troni. Per le stelle massicce (M > 10 M

) le maggiori deviazioni sono dovute alla


pressione di radiazione crescente con la massa ( = P
g
/P 0), mentre per le stelle
di piccola massa al crescente contributo della pressione di elettroni degeneri.
(2). Il raggio aumenta con la massa in maniera quasi lineare nel dominio delle
piccole masse e con la radice quadrata di questa nel dominio delle grandi masse.
(3). La relazione teorica massa-luminost`a si accorda molto bene con i dati di os-
servazione ed altres` dicasi della posizione della sequenza principale nel diagramma
H-R.
(4). La temperatura centrale e media della stella aumentano con la massa, come
predetto dal teorema del viriale.
347
348 CAPITOLO 27. SEQUENZA PRINCIPALE
(5). Le stelle di massa pi` u elevata (M > 2 M

) bruciano lidrogeno attraverso il


ciclo CN-CNO e pertanto a causa della grande dipendenza dalla temperatura da
parte del tasso di produzione di energia, la sorgente energetica nucleare `e molto
concentrata. Da ci`o segue che il nucleo `e convettivo (si veda la dipendenza del gra-
diente radiativo di temperatura dalla luminosit`a). La frazione di massa contenuta
nel nucleo convettivo cresce con la massa della stella, ci`o dovuto anche alla pro-
gressiva diminuzione del gradiente adiabatico verso il valore limite
A
= 0.25 al
decrescere di con la massa. Queste stelle inoltre a causa della bassa opacit`a hanno
un inviluppo esterno radiativo. La struttura di sequenza principale di una tipica
stella massiccia (9 M

) `e mostrata in Figura 27.1.


(6). Le stelle con massa inferiore a circa 1.1 M

bruciano lidrogeno attraverso la


catena PP, e grazie alla dipendenza dalla temperatura pi` u dolce di quella del ciclo
CN-CNO, per ragioni analoghe a quelle addotte sopra, queste stelle non svilup-
pano un nucleo convettivo. Al contrario esse posseggono un inviluppo convettivo in
quanto la minore temperatura negli strati esterni favorisce una maggiore opacit`a e
quindi linstaurarsi della convezione. La Figura 27.2 mostra la struttura di sequenza
principale di una stella come il Sole.
(7). La zona convettiva diventa via via pi` u profonda al diminuire della massa.
Attorno a 0.3 M

la convezione di inviluppo si estende no al centro.


(8). Lievemente pi` u complessa `e la struttura di stelle con massa fra 1.5 M

e
2 M

o di tipo spettrale F, le quali posseggono un nucleo convettivo (a causa


della produzione nucleare attraverso il CNO), unestesa zona intermedia radiativa
ed inne un inviluppo esterno convettivo.
(9). Inne le stelle di piccola massa non posseggono una temperatura centrale
sucientemente elevata da far si che
3
He reagisca con se stesso. Pertanto la catena
PP procede solamente attraverso i rami PPI e PPII.
(10). La Figura 27.3 mostra in forma schematica la posizione della sequenza prin-
cipale nel diagramma H-R al variare della composizione chimica iniziale, nonch`e la
graduale transizione da stelle totalmente convettive a quelle con inviluppo convettivo
e nucleo radiativo ed inne a quelle con nucleo convettivo ed inviluppo radiativo.
(11). Non esiste una grande evidenza per lesistenza di stelle con massa superiore
a circa 100 M

. Questo limite superiore pu`o forse essere collegato al fatto che


durante la fase di accrescimento in pre-sequenza, la pressione di radiazione nel nucleo
centrale pu`o impedire lulteriore accumulo di materiale, oppure al fatto che stelle
27.2. BRUCIAMENTO DELLIDROGENO 349
della sequenza principale pi` u massicce di un certo valore risultano pulsazionalmente
instabili e possono perdere massa su una scala di tempo rapida.
(12). La parte inferiore della sequenza principale si estende no a circa 0.08 M

. Al
di sotto di tale limite, a causa della bassa temperatura le reazioni nucleari non pos-
sono fornire suciente energia. Fisicamente ci`o `e dettato dal fatto che in fase di con-
trazione le stelle di piccola massa raggiungono la degenerazione elettronica prima che
la temperatura sia salita al valore minimo richiesto dal bruciamento dellidrogeno.
Poich`e gli elettroni sono forzati a stati di momento crescenti, lenergia fornita dalla
contrazione gravitazionale viene spesa a dare energia agli elettroni piuttosto che agli
ioni. Questultimi, la cui temperatura determina laccensione delle reazioni, raggiun-
gono una temperatura massima e poi incominciano a rareddarsi. Pertanto lenergia
termica degli ioni e lenergia gravitazionale liberata (in diminuzione a causa del pro-
gressivo irrigidimento della struttura man mano che il gas di elettroni diventa pi` u
degenere) vengono spese a bilanciare lenergia irraggiata. Stelle con massa inferiore
a 0.08 M

, semplicemente si contraggono al valore limite del raggio compatibile con


una struttura totalmente degenere e poi si rareddano.
Tabella 27.1. Parametri sici di stelle in Sequenza Principale. Note: La temperatura
superciale T
eff
`e espressa in K. La temperatura centrale T
c
`e in unit`a di 10
6
K.
La densit`a centrale
c
`e in g cm
3
. M
nu
`e la massa del nucleo convettivo. M
in
`e la
massa dellinviluppo esterno convettivo.
M/M

LogL/L

LogT
eff
R/R

T
c

c
M
nu
M
in
Energia
30 5.15 4.64 6.6 36 3.0 0.60 0 CNO
15 4.32 4.51 4.7 34 6.2 0.39 0 CNO
9 3.65 4.41 3.5 31 10.5 0.30 0 CNO
5 2.80 4.29 2.3 27 17.5 0.23 0 CNO
3 2.00 4.14 1.7 24 40.4 0.18 0 CNO
2 1.30 4.01 1.4 21 68.0 0.12 0 CNO
1 -0.13 3.76 0.9 14 90.0 0. 0.01 PP
0.5 -1.42 3.59 0.44 9 74.0 0. 0.4 PP
0.3 -1.90 3.55 0.30 8 125.0 0. 1.0 PP
0.1 -3.0 3.51 0.10 5 690.0 0. 1.0 PP
27.2 Bruciamento dellIdrogeno
Durante la fase di bruciamento dellidrogeno nel centro, una stella si muove
lentamente allontanandosi dalla sequenza principale.
350 CAPITOLO 27. SEQUENZA PRINCIPALE
Figure 27.1:. Struttura di una stella di 9M

sulla sequenza principale


Figure 27.2:. Struttura di una stella di 1M

sulla sequenza principale


27.2. BRUCIAMENTO DELLIDROGENO 351
Figure 27.3:. Tipica struttura delle stelle sulla sequenza principale al variare della
massa e composizione chimica
Il tempo di vita della fase di bruciamento dellidrogeno dipende primariamente dalla
massa della stella e secondariamente da altri parametri quali la composizione chim-
ica, lopacit`a, etc.
Le stelle massicce esauriscono la fase in pochi milioni di anni, mentre stelle con
massa inferiore a circa 0.7 0.8 M

non hanno avuto tempo durante lintera vita


della galassia di allontanarsi dalla sequenza principale.
Il tempo di vita totale di una stella di circa 0.7 0.8 M

`e stimata intorno a
1610
9
anni. Le stelle di massa pi` u piccola hanno il tempo di vita via via pi` u lungo:
t (M/M

)
3
.
Il tasso di perdita di energia dalla supercie, il quale ssa la scala di tempo evo-
lutiva, `e controllato dallopacit`a nellinterno della stella. Il tasso di produzione
`e invece governato dalle reazioni nucleari, le quali godono della propriet`a di agire
come termostati nel senso che esse si aggiustano in maniera da mantenere lequilibrio
termico, il che signica che lenergia viene prodotta allo stesso ritmo con cui pu`o
essere trasportata dalla radiazione e/o convezione. Se per qualche ragione viene
prodotta dai processi nucleari pi` u energia di quanta sia trasportabile, in ambiente
di gas perfetto parte delleccesso viene depositato sotto forma di lavoro di espansione
352 CAPITOLO 27. SEQUENZA PRINCIPALE
della regione con successivo rareddamento della stessa. La forte dipendenza delle
reazioni nucleari dalla temperatura fa si che il tasso di produzione di energia venga
immediatamente riportato al valore di equilibrio termico. Similmente se la sorgente
nucleare genera meno energia di quanto sia necessario allequilibrio fra produzione
e perdita dalla supercie.
Tuttavia se il gas nel centro `e in condizioni di degenerazione le considerazioni fatte
sopra non sono pi` u valide ed avviene il fenomeno del runaway termico che sar`a
discusso in seguito.
La struttura della stella cambia durante la fase di sequenza principale in conseguenza
delle trasformazioni chimiche che avvengono nellinterno. Nelle stelle dell alta se-
quenza principale (M > 2M

) lidrogeno `e consumato uniformemente nel nucleo


centrale convettivo, mentre nelle stelle di piccola massa (M< 1.1M

), che hanno il
nucleo radiativo, esso viene consumato in preferenza nelle regioni vicine al centro.
La conversione di H in He produce una lieve perdita in pressione in quanto diminuisce
il numero di particelle libere. Di conseguenza le regioni interne si contraggono
lentamente al ne di assicurare lequilibrio idrostatico.
La conversione di H in He diminuisce anche lopacit`a negli strati interni, il che tende
a produrre un lento aumento di L. Al contrario gli strati esterni non subiscono
tale variazione di opacit`a. Una certa parte dellenergia proveniente dal nucleo va
in lavoro di espansione degli stessi, il che causa una lenta diminuzione della T
eff
.
Durante la fase di bruciamento dellidrogeno centrale, una stella dunque tende ad
evolvere verso L crescenti e T
eff
decrescenti.
Nel caso delle stelle con nuclei convettivi quando lidrogeno va a zero nel centro esso
diventa nullo in un nucleo di massa nita e la stella `e lasciata improvvisamente senza
combustibile. Questo provoca una rapida contrazione dellintera stella ntantoche
gli strati immediatamente sovrastanti il nucleo (senza H e ricco di He ed elementi pi` u
pesanti) raggiungono una temperatura suciente ad innescare il bruciamento locale
dellidrogeno attraverso il ciclo CNO. Il bruciamento ha luogo in uno strato (shell)
di dimensioni nite (in massa e raggio) il cui bordo inferiore `e dato dallassenza di
combustibile, mentre il bordo superiore `e ssato dal fatto che in ogni caso la temper-
atura della stella diminuisce verso lesterno e quindi le reazioni si spengono. Attesa
lalta sensibilit`a delle reazioni dalla temperatura la shell `e sottile in massa e raggio.
Nelle stelle in cui il bruciamento `e avvenuto in ambiente radiativo laccensione del
bruciamento in shell avviene in maniera molto pi` u lenta. In entrambi casi la shell
si sposta progressivamente verso lesterno lasciando dietro di se un nucleo di He di
massa via via crescente.
In stelle con massa relativamente grande il nucleo di He nasce contenendo una
frazione considerevole della massa totale, mentre in stelle di piccola massa esso si
sviluppa in maniera graduale da una dimensione molto piccola.
27.3. STELLE NANE NERE 353
27.3 Stelle Nane Nere
Stelle con massa minore di circa 0.08M

non raggiungono mai una temperatura


interna suciente ad innescare le reazioni dellidrogeno da cui trarre lenergia irra-
diata dalla supercie. Queste stelle si contraggono al punto tale che gli elettroni
diventano degeneri e raggiungono un raggio limite che dipende dalla massa e dalla
composizione chimica. Per una 0.07M

il tempo necessario a raggiungere il raggio


limite `e circa 10
9
anni ed `e minore per masse inferiori. Oltre questo stadio sem-
plicemente la stella si raredda a raggio costante, mentre L e T
eff
diminuiscono.
La T
eff
durante la contrazione `e circa 2500

K per una 0.07M

e 2000

K per una
0.01M

. Queste stelle vengono chiamate Nane Nere. Dopo un tempo evolutivo di


circa 3 10
9
anni una tipica nana nera avr`a T
eff
= 1000

K e L = 10
5
10
6
L

e
quindi sar`a molto dicile da osservare. Esse sono diverse dalle nane bianche, primo
per la bassa T
eff
, secondo per la composizione chimica che `e rimasta immutata dalla
formazione. La distinzione fra nane nere e pianeti `e arbitraria, ad esempio Giove
con una massa di 0.001M

potrebbe essere considerato una nana nera in quanto sta


irradiando la sua energia interna al tasso di 10
9
L

.
354 CAPITOLO 27. SEQUENZA PRINCIPALE
Capitolo 28
EVOLUZIONE DOPO LA
SEQUENZA PRINCIPALE
In questo capitolo riassumiamo in maniera qualitativa il diverso comportamento
evolutivo di stelle di massa diversa per quanto riguarda laccensione del secondo
(elio), terzo (carbonio) e successivi passi nucleari, mettendo in evidenza la regioni
siche di ci`o.
Come vedremo non tutte le stelle possono accendere il bruciamento dellelio nel
centro. Quelle per le quali ci`o `e possibile lo accendono o in condizioni di altissima
degenerazione elettronica o in condizioni di gas perfetto non degenere. In ogni caso
laccensione dellelio non costituisce un evento traumatico per la stella.
Inoltre, non tutte le stelle possono accendere il bruciamento del carbonio nel centro.
Quando ci`o `e possibile, alcune lo accendono in condizioni di altissima degenerazione
elettronica, le altre in condizioni di gas perfetto non degenere. Laccensione in gas
degenere comporta la distruzione della stella.
Inne solo alcune stelle (quelle di massa maggiore riescono a compiere lintero per-
corso nucleare no alla sintesi del ferro.
28.1 Caratteristiche Generali e Masse Critiche
Dopo lesaurimento dellidrogeno nel centro, avvengono profonde variazioni di
struttura, le quali portano alla formazione di una gigante (supergigante) rossa.
Mentre si accende il bruciamento dellidrogeno in shell, il nucleo di He si contrae
e gli strati sopra la shell si espandono n tanto che la T
eff
diminuisce attorno
a 3500 4500

K e la stella raggiunge la linea di Hayashi. Si forma una regione


355
356 CAPITOLO 28. FASI DI POST-SEQUENZA
convettiva esterna la quale diventa sempre pi` u profonda al diminuire della T
eff
. Se
e quando la temperatura centrale raggiunge 10
8
K incomincia la serie di reazioni
note come il bruciamento dellelio, il quale converte
4
He in
12
C e
16
O.
A dierenza della fase di bruciamento dellidrogeno che `e comune a tutte le stelle
e viene accesa sostanzialmente in condizioni di gas perfetto, primo il bruciamento
dellelio `e possibile solamente in stelle con massa maggiore di circa 0.5M

, secondo
per stelle con massa inferiore a circa 2.2M

esso viene acceso in condizioni di alta


degenerazione elettronica.
Analoghi limiti possono essere stabiliti anche per il bruciamento centrale del
12
C ed
in misura minore del
20
Ne.
Le cause sono molto semplici e possono essere cos` riassunte:
(1). Ogni bruciamento nucleare richiede una temperatura e densit`a minime per
avvenire, le quali crescono via via che elementi sempre pi` u pesanti vengono coinvolti.
Temperatura e densit`a minime vengono raggiunte o per contrazione gravitazionale
e/o per aumento della massa del nucleo ed implicano una massa minima di questo.
(2). Allaumentare della densit`a, il gas di elettroni nelle regioni centrali degenera,
domina la pressione e lequazione di stato diventa insensibile o quasi alla temper-
atura. Laccensione di un combustibile nucleare in un gas degenere d`a origine al
runaway termico ed `e potenzialmente esplosiva.
(3). Alle densit`a a cui si instaura la degenerazione elettronica, diventano anche
importanti i processi di perdita di energia per neutrini, i quali tendono a rared-
dare le parti pi` u centrali e quindi a ritardare laumento di temperatura necessario
per linnesco delle reazioni. Inne, gli elettroni degeneri hanno una eciente con-
ducibilit`a termica, il che favorisce lisotermicit`a della regione degenere (nucleo).
(4). La massa minima del nucleo per un dato bruciamento nucleare `e diversa per un
gas non degenere ed `e inferiore a quella richiesta per un gas degenere. Nel caso del
bruciamento dell elio le due masse sono 0.33 M

e 0.45 0.55 M

(questultima
dipende alquanto dalla composizione chimica). Nel caso del bruciamento centrale
del
12
C la massa minima del nucleo di
12
C+
16
O (risultato del bruciamento dellelio)
necessaria ad innescare il bruciamento in condizioni di non degenerazione elettron-
ica `e 1.06M

, mentre in presenza di forte degenerazione la massa minima sale a


circa 1.4M

. Questo corrisponde alla massa massima compatibile con una struttura


totalmente degenere fatta di
12
C+
16
O in equilibrio idrostatico. Essa `e anche detta
limite di Chandrasekhar.
28.1. CARATTERISTICHE GENERALI E MASSE CRITICHE 357
Figure 28.1:. Diagramma delle condizioni centrali T
c
e
c
(5). Se la temperatura di accensione di un dato combustibile `e raggiunta prima
della forte degenerazione il bruciamento ha luogo, altrimenti esso sar`a ritardato n
tanto che la massa (temperatura) del nucleo avr`a raggiunto un valore suciente
a compensare gli eetti contrastanti della degenerazione, conduzione elettronica e
della perdita di energia per neutrini. In questo secondo caso, i processi sici di cui
sopra sono responsabili anche del fatto che indipendentemente dalla massa iniziale,
tutte le stelle che vanno verso un regime di degenerazione elettronica prima di un
bruciamento nucleare costruiscono dei nuclei (di
4
He,
12
C+
16
O,
20
Ne +
24
Mg+
16
O,
Si) aventi la stessa massa.
(6). Per ogni bruciamento (in particolare per quello del
4
He e del
12
C) esiste una
massa iniziale della stella sotto la quale il regime di degenerazione elettronica diventa
dominante. Il valore esatto di tale limite dipende dal particolare legame fra massa
iniziale e massa dei nuclei di
4
He,
12
C +
16
O e successivi costruiti durante le fasi
precedenti al bruciamento in esame. Nel caso di bruciamento dellidrogeno in nuclei
radiativi, la relazione massa-iniziale massa del nucleo di He dipende essenzialmente
dalla composizione chimica della stella e dallecienza del bruciamento dellidrogeno
in shell. Nel caso di bruciamento dellidrogeno in nuclei convettivi, la relazione
358 CAPITOLO 28. FASI DI POST-SEQUENZA
massa iniziale-massa del nucleo di He `e primariamente dettata dall estensione della
convezione, un aspetto della sica di base delle stelle ancora lontano dallessere ben
compreso. Poich`e il bruciamento centrale dellelio `e sempre convettivo, lincertezza
di cui sopra domina sempre la relazione massa iniziale-massa del nucleo di
12
C+
16
O.
Tali incertezze sono minori per i nuclei di combustibile con numero atomico pi` u
elevato.
(7). I modelli evolutivi correnti danno come massa iniziale minima per bruciamento
di
4
He in un nucleo non degenere un valore compreso fra 1.8 e 2.2M

a seconda
della composizione chimica. Sotto questo limite e per masse iniziali maggiori di
0.450.55M

in funzione della composizione chimica, laccensione avviene in nuclei


altamente degeneri.
(8). Il bruciamento del
4
He non `e addirittura possibile per masse inferiori, in quanto
la stella non pu`o sviluppare la massa minima del nucleo di He richiesta.
(9). Nel caso del bruciamento del
12
C, tutte le stelle con massa iniziale inferiore a
circa 8M

sviluppano un nucleo di
12
C+
16
O altamente degenere. Tuttavia stelle con
massa inferiore a 1.4M

non possono avere la fase di bruciamento del


12
C in quanto
il loro nucleo non pu`o crescere alla massa necessaria per raggiungere la temperatura
di innesco. Questa massa `e molto vicina la limite di di Chandrasekhar (1.4M

, si
veda pi` u avanti).
(10). In realt`a tutte le stelle con massa inferiore a circa 5 6M

non possono
innescare la fase di bruciamento del carbonio a causa del fenomeno della perdita di
massa per vento stellare, la quale rimuovendo lintero inviluppo sovrastante il nucleo
dopo la fase di bruciamento dellelio, impedisce al nucleo di
12
C +
16
O di crescere
al limite di 1.4M

. La massa limite dipende dallecenza del vento stellare che `e


tuttora molto incerta.
(11). In conclusione, solamente le stelle con massa fra 5 6M

e 8 9M

possono
avere laccensione del
12
C nel nucleo. Tuttavia come vedremo essa `e altamente
esplosiva e conduce alla distruzione dellintera stella.
(12). Stelle con massa compresa fra circa 8 e 13M

accendono sia lelio che il


carbonio in condizioni di non degenerazione e formano un nucleo di Ne+O+Mg,
tuttavia, a causa del gioco complicato dei fenomeni descritti in precedenza e di
catture K sui nuclei di Ne e Mg, esse non sono in grado di proseguire oltre nella
sequenza naturale dei bruciamenti nucleari. La loro evoluzione `e molto complessa e
verr`a brevemente riassunta in seguito.
28.2. DIAGRAMMA DELLE CONDIZIONI CENTRALI 359
(13). Le stelle con massa superiore a 13 15M

sono capaci di completare la se-


quenza nucleare naturale procedendo allaccensione dei vari combustibili prima nei
nuclei poi in shell no alla costruzione di un nocciolo centrale di elementi del gruppo
del FeNi circondato da strati di elementi pi` u leggeri in cui sono attive shells nucle-
ari e sottili regioni convettive no alla shell di H sopra la quale si colloca linviluppo
inerte con composizione chimica quasi inalterata rispetto a quella iniziale. La carat-
teristica dominante di queste stelle `e la perdita di energia per neutrini dalle regioni
pi` u interne e conseguente parziale rareddamento. Questo favorisce la degenerazione
elettronica, ritarda laccensione dei successivi combustili ed inibisce lestensione della
convezione. Come conseguenza della minore estensione della convezione, il nucleo
corrispondente ad un dato bruciamento tende ad avere una massa via via pi` u piccola
del precedente. Poich`e il nucleo `e parzialmente degenere e rareddato dalle perdite
neutriniche ogni accensione avverr`a a densit`a crescenti e quindi in nuclei via via pi` u
vicini alla massa di Chandrasekhar. In conseguenza di ci`o, tutte le stelle massicce
indipendentemente dalla massa iniziale, sviluppano dei nuclei di circa 1.4M

. Stelle
la cui massa `e compresa fra 100M

e circa 5 10
4
M

, ammesso che possano


formarsi, sono soggette allinstabilit`a prodotta dalla creazione di coppie (e
+
, e

)
durante la fase di bruciamento dellossigeno e subiscono unevoluzione diversa da
quella delle stelle massicce. Poich`e lesistenza di tali stelle `e molto incerta esse non
verranno descritte.
28.2 Diagramma delle condizioni centrali
La Figura 28.1 riassume levoluzione della temperatura e densit`a centrali in stelle
con massa fra 1M

e 120M

ed identica i luoghi a cui avvengono i bruciamenti


principali (idrogeno, elio , carbonio, neon, ossigeno e silicio), distinguendo in fun-
zione della massa iniziale della stella e del grado di degenerazione raggiunto du-
rante levoluzione dei nuclei i vari domini a cui viene arrestata la sequenza nucleare.
La gura mette anche in evidenza le regioni di instabilit`a per creazione di coppie
(e
+
, e

), dove
1
diventa minore di 4/3, e di transizione Fe He.
360 CAPITOLO 28. FASI DI POST-SEQUENZA
Capitolo 29
STELLE DI PICCOLA MASSA
29.1 Caratteristiche generali
In questo intervallo di massa (M M
HeF
) le maggiori dierenze si hanno
nella fase di sequenza principale in quanto avviene la transizione da bruciamento
dellidrogeno in nucleo convettivo (M > 1.1M

) a quello in nucleo radiativo.


Poich`e le caratteristiche della fase di sequenza principale dell stelle con M > 1.1M

sono simili a quelle delle stelle con M > 2.2M

esse verranno presentate assieme a


questultime. In ogni altro aspetto esse si comportano come quelle di massa inferi-
ore. In particolare, poich`e le masse coinvolte nello studio dei diagrammi H-R degli
ammassi globulari sono comprese fra 0.7 0.8M

molto di quanto segue si riferisce


nei dettagli a questo particolare valore della massa, quantunque le caratteristiche
generali siano valide anche per stelle di massa maggiore.
Durante la fase di sequenza principale, a causa dellassenza di convezione, lidrogeno
viene consumato pi` u rapidamente nel centro che nelle regioni immediatamente per-
iferiche cosicch`e si forma un gradiente di composizione chimica con lidrogeno de-
crescente verso il centro.
Dopo che lidrogeno `e esaurito nel centro, il bruciamento si sposta gradualmente in
una shell che si sposta verso lesterno. Durante questo processo il nucleo si contrae
mentre linviluppo si espande. La shell diventa via via pi` u sottile mentre la stella
evolve verso destra nel diagramma H-R.
Quantunque questa fase sia breve rispetto a quella di sequenza principale `e lunga
abbastanza da essere osservabile in ammassi vecchi (globulari) sucientemente ricchi
di stelle.
361
362 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Raggiungendo la linea di Hayashi, linviluppo diventa convettivo, la traccia evolutiva
cambia direzione nel diagramma H-R: la luminosit`a cresce mentre la T
eff
rimane
quasi costante e la stella sale lungo il Ramo delle Giganti (RGB).
Il bordo esterno della regione convettiva penetra allinterno no alle regioni imme-
diatamente sovrastanti la shell bruciante H.
La temperatura nella shell diventa cos` elevata da permettere al ciclo di CNO di
sostituire le catene PP quali sorgenti di energia nucleare.
Sotto la shell vi `e un nucleo essenzialmente costituito di
4
He il quale cresce in massa
e diventa via via pi` u caldo e pi` u denso e nel quale gli elettroni sono altamente
degeneri.
Linviluppo convettivo penetra no a raggiungere gli strati in cui in precedenza
il C `e stato convertito in N attraverso le prime reazioni del ciclo CNO. A causa
del mescolamento le abbondanze superciali di C e N sono modicate, trovando
conferma sperimentale nelle osservazioni di abbondanze in giganti rosse. Questa
fase di mescolamento esterno e nota come I dredge-up.
Laccensione dellelio avviene quando il nucleo degenere ha la massa di circa 0.45
0.55M

(a seconda della composizione chimica) e la luminosit`a della stella `e 210


3
L

.
Poich`e linizio del bruciamento dellelio in gas degenere avviene ad una massa di nu-
cleo che `e praticamente la stessa per tutte le stelle (a parte la piccola dipendenza
dalla composizione chimica iniziale) altrettanto sar`a vero per la luminosit`a super-
ciale. Ci`o `e confermato dalle osservazioni in ammassi globulari i quali mostrano che
i rami giganti terminano tutti essenzialmente alla stessa luminosit`a.
Tuttavia questo non vale per stelle con massa iniziale connata nellintervallo 1M

<
M < 2.2M

le quali tendono ad avere il ash dellelio a luminosit`a via via decres-


centi. Anche questo in accordo con le osservazioni in ammassi galattici vecchi ma
non quanto gli ammassi globulari dove le masse coinvolte sono in questo intervallo.
La Figura 29.1 mostra la variazione della struttura interna di una stella con compo-
sizione chimica e massa uguali a quelle solari dalla fase di sequenza principale no
a quella di accensione dellelio nel nucleo, mentre la Figura 29.2 mostra il cammino
della stessa stella nel diagramma H-R no alla fase di ash dellelio e fasi successive
che saranno discusse in seguito. Inne, la Figura 29.3 mostra il cammino evolutivo
di stelle con masse uguali a quelle tipiche degli ammassi globulari (0.7M

e 0.8M

al turn-o).
Le reazioni del bruciamento dellelio sono molto sensibili alla temperatura, men-
tre la pressione elettronica `e quasi indipendente da questa. Quando la reazione
29.1. CARATTERISTICHE GENERALI 363
Figure 29.1:. Diagramma di struttura di una stella con 1M

Figure 29.2:. Cammino evolutivo di una stella di 1M

e spaccato della sua struttura


interna nelle varie fasi
364 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Figure 29.3:. Cammino evolutivo delle stelle di 0.7 e 0.8M

inizia, le parti centrali si riscaldano e la reazione procede pi` u ecacemente dando


luogo ad ulteriore riscaldamento. In circostanze normali, gas perfetto, laumento di
temperatura genera un aumento di pressione e quindi una espansione della regione
ntanto che il tasso di produzione di energia nucleare eguaglia il tasso di trasporto
dellenergia. In un gas degenere la pressione rimane quasi insensibile allaumento di
temperatura e pertanto lespansione non avviene. Il nucleo si riscalda sempre pi` u
generando crescenti quantit`a di energia nucleare (runaway termico o ash dellelio).
La luminosit`a del nucleo raggiunge per un breve periodo valori molto elevati, no a
10
11
L

. Tuttavia questa enorme quantit`a di energia `e spesa a riscaldare il nucleo


ed a rimuovere la degenerazione, cosicch`e la luminosit`a superciale non `e aetta da
quanto avviene nel nucleo.
La rimozione della degenerazione nel gas di elettroni ed il ripristino dellequazione
di stato di gas perfetto permette il rareddamento parziale del nucleo e linstaurarsi
del meccanismo di autoregolazione termica della sorgente nucleare.
Durante la fase di He-ash viene bruciata una piccola quantit`a di
4
He che pu`o essere
trascurata a tutti gli eetti.
Attesa lelevata dipendenza dalla temperatura della reazione 3
12
C si ha la
comparsa della convezione che si estende per una certa frazione della massa del
29.1. CARATTERISTICHE GENERALI 365
nucleo. La convezione interna rimane separata da quella esterna e pertanto i prodotti
del bruciamento dellelio rimangono connati nel nucleo.
La produzione di energia nucleare avviene ora in due zone distinte: bruciamento
dellelio nel nucleo, bruciamento dellidrogeno nella shell.
Il tempo trascorso dal momento del ash dellelio no allinstaurarsi del bruciamento
quieto di questo nel nucleo `e molto breve `e pu`o essere trascurato a tutti gli eetti.
La stella, compatibilmente con la massa del nucleo e la produzione quieta di energia
nucleare, si colloca ad una luminosit`a inferiore a quella della cima del RGB nel luogo
del diagramma H-R chiamato ramo orizzontale (HB) e che trova corrispondenza nei
diagrammi C-M degli ammassi globulari.
La T
eff
della stella `e invece regolata da un altro fenomeno che deve essere incluso
nella modellistica stellare al ne di spiegare le osservazioni e cio`e la perdita di massa
per vento stellare durante la fase di RGB.
Se levoluzione dalla cima del ramo gigante al ramo orizzontale avvenisse a massa
costante, avremmo che il bruciamento dellelio nel core sarebbe connato a basse
T
eff
lungo il ramo gigante stesso per ogni plausibile assunzione riguardo lo stato
sico dei modelli (composizioni chimiche iniziali, opacit`a equazione di stato, etc.) in
contrasto con le osservazioni le quali mostrano che gli ammassi globulari posseggono
rami orizzontali di estensione variabile: alcuni vicini al ramo gigante, altri esten-
dentesi no a T
eff
elevate. Quantunque la casistica sia pi` u complessa di quanto
andremo ad esporre, indicando che altri fenomeni o parametri sici devono essere
presi in considerazione, `e assodato che la perdita di massa gioca il ruolo fondamen-
tale.
Numerose osservazioni indicano che le stelle giganti rosse alla massima luminosit`a
della RGB mostrano evidenza di perdita di massa con tassi dellordine di 10
8
10
7
M

/anno (tassi maggiori sono presenti per stelle di luminosit`a pi` u elevata). Il tasso
di perdita di massa pu`o essere espresso in funzione dei parametri fondamentali di
una stella (quali gravit`a, luminosit`a, raggio) nel modo seguente

M = 4 10
13
(
L
gR
) (29.1)
dove tutte le grandezze sono in unit`a solari, ed `e un parametro compreso fra 0.3 e
3. In uno schema semplicato della perdita di massa, la quantit`a di materia persa
`e data da
M =
_

Mdt
ER
(29.2)
366 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
dove dt
ER
`e la velocit`a evolutiva della fase in esame, in questo caso la salita lungo
il ramo gigante.
A parte levidenza sperimentale, largomento pi` u convincente circa la necessit`a ed
ecienza della perdita di massa `e dato dal fatto che levoluzione a massa costante
non pu`o popolare il ramo orizzontale degli ammassi globulari. Infatti, la tipica
massa di una stella in HB di un ammasso globulare deve essere attorno a 0.6M

contro le 0.7 0.8M

al turn-o della sequenza principale. Questo `e necessario se


si vuole che la parte del ramo orizzontale pi` u blu della zona dinstabilit`a delle RR
Lyrae possa essere popolata.
Inoltre deve esistere una certa dispersione nel valore della massa persa per avere
un ottimo accordo con i dati sperimentali. Valori tipici di M = M
RGB
M
HB
sono 0.2M

con dispersione = 0.025. Il confronto dettagliato con le osservazioni


permette di ssare nellintervallo 0.45 0.05.
Il valore di M non `e lo stesso per tutte le masse. Infatti stelle di massa piu
piccola di quelle in esame hanno tempi di vita cos` lunghi rispetto al tempo di
vita della galassia o in generale il tempo di Hubble (tempo di vita delluniverso)
da essere ancora nella fase di sequenza principale. Inoltre stelle di massa superiore
hanno dt
ER
cos` breve che laumento in

M non `e suciente a compensare leetto
e pertanto la perdita di massa `e trascurabile.
Nel dominio delle stelle che subiscono il ash dellelio, la perdita di massa ha un
ruolo importante solamente per stelle con massa uguale a quella del turn-o degli
ammassi globulari e pu`o essere trascurata altrove. Ne segue che il bruciamento
dellelio nel nucleo avviene vicino alla linea di Hayashi per le stelle con massa minore
nellintervallo 1M

2.2 M

(si veda la traccia evolutiva della 1M

in Figura ??),
mentre. attorno alle 0.7 0.8M

la perdita di massa ha un ruolo importante e il


bruciamento dellelio avviene lungo lestensione del ramo orizzontale, come indicato
dalle tracce mostrate in Figura ??, nella quale le stelle nel ramo orizzontale hanno
massa minore di quella al tip del RGB.
Lesatta T
eff
di una stella nelle fasi iniziali del bruciamento dipende in primo luogo
dal rapporto fra la massa del nucleo di elio (quasi costante) e la massa totale ed
inoltre dalla metallicit`a.
Al crescere del rapporto fra le masse ed in prima approssimazione al decrescere della
metallicit`a, la T
eff
cresce. Infatti ordinando gli ammassi globulari in funzione di
metallicit`a crescente come nella sequenza M92, M3, 47 Tuc, il ramo orizzontale si
29.1. CARATTERISTICHE GENERALI 367
estende a T
eff
via via decrescenti. 47 Tuc con metallicit`a pari a circa 1/3 Z

ha il
ramo orizzontale compresso vicino al RGB.
Questa schematizzazione semplice presenta numerose anomalie. Tipico il caso di
M13 che pur avendo un contenuto metallico dellordine o superiore a quello di M3
ha un ramo orizzontale totalmente blu. Evidentemente in M13 qualcosa deve variare
oltre alla metallicit`a per contrastare latteso arrossamento. Questo problema `e noto
come il secondo parametro degli ammassi globulari che verr`a esaminato pi` u avanti.
Il bruciamento dellelio nel nucleo non presenta particolari problemi salvo quello
della estensione del nucleo convettivo che ha dato luogo a due classi di modelli noti
come semi-convettivi e con overshoot.
I due fenomeni hanno ragioni siche diverse. Nella formulazione classica della con-
dizione per linstaurarsi della convezione, il bordo di un nucleo convettivo `e il luogo
dove
r
e
ad
si intersecano (
r
=
ad
). In questo punto si annulla laccelerazione
impartita dalla spinta di galleggiamento agli elementi convettivi ma non la loro en-
ergia cinetica. Pertanto essi possono penetrare (overshoot) nelle regioni radiative
circostanti ed aumentare la dimensione del nucleo convettivo.
Lovershoot convettivo `e presente non solo durante la fase di bruciamento dellelio
in stelle di ramo orizzontale ma in tutte le fasi in cui si ha la presenza di nuclei (o
regioni) convettive.
Anche se gli eetti dellovershoot sono ben noti (principalmente allungamento del
tempo di vita della fase nucleare in esame), la trattazione di questo fenomeno `e
complessa ed incerta.
La semiconvezione invece trae origine dal fatto che lopacit`a della miscela ricca di
12
C +
16
O allinterno del nucleo convettivo in cui avviene il bruciamento dellelio
`e maggiore dellopacit`a nelle regioni radiative sovrastanti pi` u povere di
12
C +
16
O.
Questo fatto induce una discontinuit`a nel gradiente radiativo sulla faccia interna del
bordo formale del core convettivo, che non `e accettabile sicamente. La continuit`a
di
r
e uguaglianza a
ad
sulla faccia interna del bordo convettivo del nucleo viene
ripristinata assumendo un ulteriore estensione del nucleo convettivo nelle regioni
radiative circostanti stabili no a che la condizione di stabilit`a `e vericat`a (
r
=

ad
).
La semiconvezione `e presente solamente nelle fase di bruciamento dellelio ed `e par-
ticolarmente importante proprio nelle stelle di piccola massa. Gli eetti della semi-
convezione sono simili a quelli dellovershoot. Anche in questo caso la trattazione
corretta del fenomeno `e molto incerta.
368 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Levoluzione lungo il ramo orizzontale avviene prima verso T
eff
pi` u elevate e poi
pi` u basse andando alle fasi nali (Figure 29.2 e 29.3), no a raggiungere la linea di
Hayashi, mentre la luminosit`a aumenta di poco durante lintera fase.
Quando lelio `e esaurito nel nucleo, questo si contrae e si riscalda no a che il
bruciamento dellelio viene acceso in una shell in maniera simile a quanto avvenne
per la shell di H. La shell di H `e ancora attiva, cosicch`e ora la stella ha una doppia
sorgente nucleare circondante il nucleo di
12
C +
16
O inerte.
La convezione esterna penetra nuovamente nellinviluppo no agli strati immediata-
mente sovrastanti la shell di H. La stella risale lungo la linea di Hayashi, mentre le
due shells nucleari diventano molto sottili e vicine fra loro.
Tuttavia, lespansione dell inviluppo ed il trasporto eciente di energia per con-
vezione fanno diminuire la temperatura nelle regioni della shell di H al punto tale
che questa viene temporaneamente spenta, permettendo cos` alla convezione esterna
di penetrare no a questi strati e di portare in supercie prodotti del CNO. Questo
episodio `e noto come il II dredge-up.
Il rareddamento dell inviluppo induce ben presto la contrazione dello stesso, la
recessione della convezione e la riaccensione della shell di H. Nel diagramma H-R
questa fase corrisponde alla parte iniziale del ramo asintotico (AGB) ed `e indicata
con E-AGB.
Aumentando la densit`a il nucleo diventa degenere e la temperatura si stabilizza in
quanto lenergia liberata per contrazione viene in parte spesa a portare gli elettroni
a livelli di momento sempre pi` u elevati.
La struttura della stella `e divisa in tre regioni:
(1) il nucleo degenere di
12
C+
16
O, che cresce in massa mantenendo il raggio quasi
costante;
(2) le shell di H e He, separate da un sottile strato di He;
(3) un esteso inviluppo convettivo.
Quando la shell di He `e diventata molto sottile essa `e soggetta ad una instabilit`a
termica durante la quale la produzione di energia cresce a valori molto elevati per
brevi periodi di tempo. A causa di ci`o si instaura un complicato meccanismo che vede
coinvolte le due shells nucleari, la convezione esterna, pi` u una sottile zona convettiva
che compare fra le due shell in coincidenza con lo stato di massima attivit`a della
shell di He.
In breve, il meccanismo `e il seguente: linstabilit`a termica induce il runaway nucleare
della shell di He che genera una enorme quantit`a di energia (la luminosit`a della shell
sale no a 10
7
L

), compare una sottile zona convettiva sopra la shell di He e viene


29.1. CARATTERISTICHE GENERALI 369
indotta la rapida espansione degli strati sovrastanti. Il materiale viene espanso e
rareddato a tal punto che la sottile regione convettiva scompare e la shell di H si
spegne permettendo alla convezione esterna di penetrare oltre gli strati dove essa
era operativa. Rapidamente la shell di He crolla in attivit`a semplicemente perch`e
ha consumato il sottile strato di He preparato in precedenza dalla shell di H. Come
di consueto, espansione e rareddamento dell inviluppo esterno non possono durare
a lungo, ma sono seguiti da contrazione ed aumento della temperatura no a che
la shell di H si riaccende e la convezione di inviluppo recede. Il ciclo si ripete ad
intervalli regolari di tempo. Questa fase `e nota come la thermally pulsing AGB
(TP-AGB).
Al momento di massima penetrazione la convezione esterna si sovrappone per una
certa frazione di massa alle regioni interessate dalla sottile shell convettiva durante
il ciclo precedente, portando in supercie prodotti di combustione dellelio, in par-
ticolare
12
C.
Linsieme dei cicli di mescolamento indiretto di prodotti di nucleosintesi verso la
supercie viene chiamato III dredge-up. Il numero di cicli e il tempo intercorrente
fra due successivi aumenta con la massa totale della stella.
Come nel caso del ash dellelio, nonostante lintensa attivit`a nelle parti interne, la
luminosit`a superciale della stella non cambia visibilmente, ma continua a crescere
essenzialmente in maniera proporzionale alla massa del nucleo senza H.
Al crescere della luminosit`a si sviluppa un vento simile a quello incontrato durante
la fase di RGB a causa del quale la stella perde per la seconda volta una frazione
signicativa della massa dell inviluppo. Durante questa fase le stelle occupano la
parte pi` u luminosa del ramo asintotico nel diagramma H-R. Leetto combinato
del III dredge-up e del vento stellare che riduce la massa dell inviluppo entro la
quale sono diluiti i prodotti di nucleosintesi interna, spiega le propriet`a osservate
delle stelle al carbonio. Queste sono giganti rosse di alta luminosit`a che mostrano
nello spettro forti caratteristiche di composti del carbonio. Quando la luminosit`a
`e attorno a 10
4
L

, nellinviluppo residuo si sviluppa uninstabilit`a che porta al


distacco di questo dal resto della stella su una scala di tempo quasi dinamica.
Quantunque i dettagli siano ancora parzialmente ignoti, `e probabile che la stella
diventi prima instabile alle oscillazioni. Infatti questa regione del diagramma H-R
`e popolata da variabili con periodo di circa un anno.
Al crescere ulteriore della luminosit`a, lampiezza delle oscillazioni `e tale che una
parte della materia vicino alla supercie acquista velocit`a maggiori di quella di fuga
370 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Figure 29.4:. Cammino evolutivo dall AGB alla Nana Bianca attraverso la fase di
Nebulosa Planetaria
e viene persa. Come la stella incomincia a perdere massa per eetto delle oscil-
lazioni, lintero inviluppo diventa dinamicamente instabile e viene espulso lasciando
solamente uno strato sottile ricco di H a ricoprire le shell brucianti ed il nucleo di
12
C +
16
O inerte. La stella termina la fase di AGB ed entra in quella di nebulosa
planetaria (PN) come illustrato in Figura 29.4.
Il sistema consiste di un oggetto centrale compatto e di un inviluppo diuso in
espansione, noto come nebulosa planetaria, il quale `e osservabile in quanto illuminato
dalla stella centrale. Questultima evolve verso alte T
eff
a luminosit`a quasi costante
pari a circa 10
4
L

, con T
eff
che cresce da 10
4
a 2 10
5
K e raggio che decresce da
33 R

a 0.08 R

.
Il tempo speso nella fase di planetaria `e di pochi 10
4
anni. La stella gradualmente
consuma le shell di H e di He, esaurendo il combustibile alla supercie del nucleo di
12
C+
16
O. Poich`e questo `e altamente degenere ed ha massa inferiore a 1.4M

, alla
quale si avrebbe laccensione del carbonio, la storia nucleare della stella `e terminata.
Gli strati pi` u esterni si contraggono, tuttavia a causa dellelevatissima degenerazione
elettronica la contrazione gravitazionale avviene in misura molto piccola. La sola
29.2. PROPRIET
`
A FISICHE 371
sorgente di energia disponibile `e lenergia interna e la stella comincia a rareddarsi
rapidamente, evolve verso luminosit`a e T
eff
inferiori ed entra nella regione delle
Nane Bianche (White Dwarfs o WD) disponendosi sulla linea ssata dalla relazione
massa-raggio per una struttura totalmente degenere. Si rimanda al capitolo 33 per
una dettagliata discussione sulla struttura delle nane Bianche.
La diminuzione di luminosit`a e di temperatura eettiva decelera la perdita di energia
termica garantendo alla Nana Bianca un tempo di vita molto lungo.
Al ne di completare il panorama dellevoluzione delle stelle di piccola massa, la
Tabella 29.1 riassume i tempi di vita, luminosit`a e temperature eettive dallo statio
di sequenza principale no al a quello di He-ash per stelle con massa e composizione
chimica tipiche degli ammassi globulari, mentre la Tabella 29.1 presenta le stesse
quantit`a per le stelle in ramo orizzontale.
Tabella 29.1. Caratteristiche di stelle di piccola massa con composizione chimica
Y = 0.235 Z = 0.0004. Et`a in 10
11
anni. Note. sp: sequenza principale; to: turn-o
xc=0: esaurimento delidrogeno nel centro; sgb: base del ramo gigante; hf: ash
dellelio.
M/M

Et`a LogL/L

LogT
eff
M/M

Et`a LogL/L

LogT
eff
Note
0.7 0. -0.560 3.745 0.8 0. -0.281 3.782 sp
0.1028 -0.371 3.767 0.0639 -0.095 3.799
0.2120 0.128 3.796 0.1265 0.315 3.821 to
0.2156 0.170 3.795 0.1309 0.380 3.820 xc=0
0.2276 0.424 3.760 0.1390 0.596 3.780
0.2304 0.602 3.735 0.1414 0.776 3.735 sgb
0.2350 1.300 3.711 0.1438 1.300 3.714
0.2360 1.900 3.690 0.1448 1.900 3.693
0.2364 2.500 3.664 0.1452 2.500 3.668
0.2365 3.251 3.629 0.1453 3.237 3.632 hf
29.2 Propriet`a siche
Abbiamo visto come le stelle con massa minore di circa 2.2M

evolvano in
maniera diversa rispetto a quelle di massa maggiore durante le fasi di post sequenza
di cui abbiamo gi`a presentato le caratteristiche essenziali.
In questa sezione si intende esaminare pi` u da vicino alcuni dei fenomeni discussi
in precedenza allo scopo di approfondire i meccansimi sici responsabili del diverso
comportamento evolutivo.
372 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Tabella 29.2. Caratteristiche siche delle stelle di piccola massa dallinizio della
fase di HB alla ne della fase di E- AGB. Le et`a in unit`a di 10
9
anni sono contate a
partire dalla fase di HB. La composizione chimica `e Y = 0.235 Z = 0.0004. Note
ZAHB: ramo orizzontale di et`a zero; Y
c
=0: ne della fase di bruciamento dellelio;
L
X
> L
Y
stadio a cui dopo la riaccensione la shell di idrogeno produce pi` u energia
di quella di elio; f-AGB: inizio della fase dei pulsi termici della shell di elio durante
la fase di AGB.
M/M

Et`a LogL/L

LogT
eff
M/M

Et` a LogL/L

LogT
eff
Note
0.55 0. 1.293 4.220 0.65 0. 1.584 3.932 ZAHB
0.0441 1.370 4.188 0.0091 1.595 3.928
0.0969 1.511 4.138 0.0514 1.579 3.965
0.1110 1.598 4.164 0.0942 1.676 3.890
0.1120 1.932 3.977 0.1018 2.105 3.701 Y
c
= 0
0.1405 2.693 3.668 0.1261 2.822 3.656 L
X
> L
Y
0.1417 2.903 3.656 0.1269 3.062 3.643 ne-EAGB
Ci sono diverse cause da considerare. Innanzi tutto le stelle di piccola massa bruciano
lidrogeno in nuclei radiativi, oppure convettivi ma di piccole dimensioni. Secondo, la
degenerazione diventa importante subito dopo la fase di bruciamento dellidrogeno
sulla sequenza principale se non durante la stessa. Inne la loro posizione sulla
sequenza principale `e in realt`a molto vicina alla linea di Hayashi.
Queste stelle producono un nucleo di elio di dimensioni nulle o molto piccole, per-
tanto esse subiranno una dolce transizione dal bruciamento dellidrogeno nel centro
a quello in shell. La loro densit`a centrale `e cosi elevata da essere al bordo della de-
generazione elettronica. Il limite di Schoenberg non ha alcuna importanza in quanto
esse partono da una massa di nucleo di elio piccola (M
c
< 0.1M

) ma quando il
bruciamento in shell ha prodotto M
c
> 0.1M

, la degenerazione `e diventata tale da


rendere obsoleto questo limite. La stella esiste in una congurazione di equilibrio con
un nucleo degenere ed isotermo. Non `e necessaria una rapida contrazione del nucleo e
pertanto non si ha lequivalente del gap di Hertzsprung nel diagramma HR. Ancora,
a causa della degenerazione, la contrazione del nucleo non `e connessa al suo riscalda-
mento. Durante le prime fasi di post sequenza la crescita del nucleo di elio `e lenta, il
nucleo `e isotermo e alla temperatura della shell di idrogeno ben inferiore a quella di
innesco del bruciamento dellelio (circa 10
8
K). In queste stelle linnesco dellelio
nel centro sar`a ritardato da eetti secondari no a quando la massa del nucleo sar`a
cresciuta oltre un certo limite. Pertanto la fase fra lesaurimento dellidrogeno e
laccensione dellelio nel centro `e lenta e facilmente osservabile (molte stelle visi-
bili nel diagramma HR). La contrazione del nucleo causa lespansione dellinviluppo
29.3. OMOLOGIA DI SHELL 373
sopra la shell di idrogeno ma ntantoche la luminosit`a non cambia in modo signica-
tivo la stella rimarr`a vicino alla sequenza principale, in quanto la linea di Hayashi `e
vicina alla sequenza principale. Ogni ulteriore espansione dellinviluppo `e possibile
a patto che la luminosit`a aumenti. Infatti si dimostra e si osserva che la luminosit`a
cresce circa di un fattore 10
2
. La caratteristica pi` u saliente di queste stelle `e che la
luminosit`a dipende solo (o quasi) dalla massa del nucleo M
c
e non dalla massa dell
inviluppo e cio`e massa totale. I modelli nelle fasi precedenti linnesco dellelio nel
centro sono descrivibili mediante le leggi dell omologia.
29.3 Omologia di shell
Consideriamo un modello (in equilibrio) composto da un nucleo degenere di elio
(massa M
c
e raggio R
c
) circondato da un inviluppo ricco di idrogeno con abbondanza
X
H
. La massa del nucleo M
c
cresce a causa del bruciamento dell idrogeno in shell
che fornisce la luminosit`a L
dM
c
dt
=
L
X
H
E
H
(29.3)
dove E
H
`e lenergia liberata per grammo di idrogeno. Se la luminosit`a fosse costante
questa equazione potrebbe essere facilmente integrata, ma durante levoluzione la
luminosit`a cresce al crescere di M
c
. Questo pu`o essere facilmente compreso tenendo
conto della grande concentrazione in massa nel nucleo e della grande gravit`a alla
sua superce. Con buona approssimazione l inviluppo pu`o essere considerato come
staccato dal nucleo e senza alcun eetto sulla shell di idrogeno.
Presentiamo in quanto segue un approccio analitico teso a legare le propriet`a del
nucleo con quelle della shell. A tale scopo usiamo le leggi dell omologia e le seguenti
rappresentazioni dellopacit`a, della produzione di energia e della equazione di stato
=
0
P
a
T
b
=
0

n1
T

P =
k
m
H
T (29.4)
questultima valida fuori del nucleo dove il gas `e non degenere.
Assumiamo ora che per densit`a, temperatura, pressione e luminosit`a locale nella
regione della shell esistano delle relazioni di proporzionalit`a con M
c
e R
C
(r/R
c
) M

1
c
R

2
c
(29.5)
374 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
T(r/R
c
) M

1
c
R

2
c
(29.6)
P(r/R
c
) M

1
c
R

2
c
(29.7)
L(r/R
c
) M

1
c
R

2
c
(29.8)
Queste relazioni di tipo omologo servono a confrontare due modelli di massa e raggio
diversi, M
c
, M

c
, R
c
, R

c
. I punti omologhi nei due modelli sono deniti dalla relazione
r
R
c
=
r

c
(29.9)
sulla base della quale possiamo scrivere

=
_
M
c
M

c
_

1
_
R
c
R

c
_

2
(29.10)
P
P

=
_
M
c
M

c
_

1
_
R
c
R

c
_

2
(29.11)
Introduciamo queste relazioni nelle equazioni di struttura allo scopo di determinare
gli esponenti. Le equazioni di struttura vengono formulate come segue
dP M
c
d(1/r) (29.12)
d(T
4
) L
r
d(1/r) =
0
P
a
T
b
L
r
d(1/r) (29.13)
dL
r
d(r
3
) =
0

n
T

d(r
3
) (29.14)
con fattori di proporzionalit`a positivi. Dalla equazione di stato e le relazioni di
omologia per e T abbiamo le relazioni

1
=
1
+
1

2
=
2
+
2
(29.15)
Integriamo ora le equazioni di struttura attraverso la shell prendendo un raggio
iniziale r
0
sucientemente pi` u grande di R
c
in modo tale che P(r
0
/R
c
) << P(r/R
c
)
P(r/R
c
) = P(r
0
/R
c
) +
_
1/r
1/r
0
GM
c
d(1/r)
GM
c
R
c
_
x
x
0
dx (29.16)
29.3. OMOLOGIA DI SHELL 375
con x = R
c
/r. Ripetendo lo stesso per laltro modello abbiamo
P

(r

/R

c
)
GM

c
R

c
_
x
x
0

dx =
GM

c
R

c
_
M

c
M
c
_

1
_
R

c
R
c
_

2
_
x
x
0
dx. (29.17)
Dal confronto otteniamo
P(r/R
c
) M

1
+1
c
R

2
1
c
(29.18)
assieme a

1
=
1
+ 1
2
=
2
1 (29.19)
Lo stesso procedimento pu`o essere ripetuto per le altre equazioni con l accortezza
di prendere r
0
= R
c
per la equazione della produzione di energia (a R
c
la luminosit`a
locale si annulla). Alla ne otteniamo le seguenti relazioni fra gli esponenti
(4 b)
1
=
1
+a
1
+
1
(29.20)
(4 b)
2
=
2
+a
2
+
2
1 (29.21)

1
= n
1
+
1

2
= n
2
+
2
+ 3 (29.22)
Linsieme delle relazioni ottenute no ad ora per gli esponenti costituisce un sistema
di equazioni algebriche lineari la cui soluzione `e

1
=
4 +a +b
1 +n +a

2
=
6 +a +b
1 +n +a
(29.23)

1
= 1
2
= 1 (29.24)

1
= 1 +
1

2
=
2
1 (29.25)

1
= +n
1

2
= 3 +n
2
(29.26)
Queste relazioni ci permettono di conoscere le variazioni da un modello ad un altro.
Ad esempio per la temperatura e luminosit`a abbiamo
T M

1
R

2
=
M
C
R
c
(29.27)
376 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
L
r
M
+n
1
c
R
3+n
2
c
(29.28)
Se usiamo lopacit`a di electron-scattering (a=b=0), la produzione di energia del
CNO ( = 13, n = 2) a cui corrisponde
1
= 3,
2
= 7/3, si ottiene che
L
r
M
7
c
R
16/3
c
(29.29)
Questa relazione vale per tutti i punti omologhi e quindi anche sopra la shell di
idrogeno dove L
r
= L. Da questa discende la relazione per la luminosit`a totale
L M
7
c
R
16/3
c
(29.30)
A questo punto abbiamo bisogno di una relazione che leghi fra loro R
c
e M
c
. I nuclei
degeneri sono simili a Nane Bianche per le quali il raggio diminuisce al crescere
della massa.
`
E ovvio che la relazione delle Nane Bianche non pu`o essere utilizzata
direttamente in questo caso, in quanto sotto la shell di idrogeno deve esistere uno
strato di transizione molto caldo e coinvolgente una grande frazione del volume del
nucleo in cui la materia passa da non degenere a degenere. Tuttavia solo allo scopo
di illustrare il problema adottiamo la relazione delle Nane Bianche e scrivere
dlnL
dlnM
c
=
1
+
2
dlnR
c
dlnM
c
(29.31)
Nel caso che a = b = 0, n = 2 e = 14 si trova che dlnL/dlnM
c
8....10.
Analoga relazione `e derivabile per la temperatura dei punti omologhi
dlnT
dlnM
c
= 1
dlnR
c
dlnM
c
(29.32)
da cui si vede che dlnT/dlnM
c
1. Poich`e i nuclei sono isotermi questa relazione
d`a anche l aumento della temperatura centrale.
Con lo stesso formalismo possiamo spiegare la variazione in luminosit`a che avviene
quando, durante la salita lungo la linea di Hayashi (ramo delle giganti rosse), la
shell di idrogeno incontra la discontinuit`a in peso molecolare causata dalla massima
penetrazione della convezione esterna avvenuta durante i primi stadi della salita. A
tale scopo usiamo le leggi dellomologia prendendo M
c
, R
c
e tutti gli altri parametri
costanti e variando solo il peso molecolare . In analogia con il caso precedente si
ha
29.3. OMOLOGIA DI SHELL 377
(r/R
c
)

3
T(r/R
c
)

3
P(r/R
c
)

3
L
r
(r/R
c
)

3
(29.33)
Con la stessa tecnica si ottengono i valori degli esponenti

3
=
4 b
1 +n +a

3
= 1
3
=
3

3
= +n
3
(29.34)
Usando a = b = 0, = 13 e n = 2 si trova che L
r

7
. Pertanto la diminuzione
di peso molecolare nella shell al momento dellincontro di quest ultima con la dis-
contuit`a causa una temporanea diminuzione di L
r
, seguita da un rapido aumento
causato dal crescere della massa del nucleo (il peso molecolare nella shell rimane ora
fermo al nuovo valore).
Al crescere della massa del nucleo, la temperatura di questo aumenta a causa di due
eetti confrontabili. Il primo `e la crescita della temperatura nella shell (T M
c
/R
c
).
Il secondo `e dovuto alla contrazione gravitazionale del nucleo al crescere di M
c
.
La contrazione libera energia e riscalda le regioni sotto la shell e pertanto lintero
nucleo. Nella regione sotto la shell si instaura un gradiente di temperatura diretto
verso il centro che convoglia lenergia verso le regioni pi` u interne. Tutto questo `e
raorzato dal crescere della luminosit`a: il tasso di crescita della massa del nucleo

M
c
`e proporzionale a L, che a sua volta aumenta molto al crescere di M
c
. La
temperatura cresce no al punto di ignizione dell elio ( 10
8
K). Quando ci`o
avviene la massa del nucleo `e circa 0.5M

.
Vi `e una importante considerazione da fare che proviene dal fatto che il nucleo
`e degenere. La questione pu`o essere posta in questi termini. In un nucleo non
degenere (come nelle stelle pi` u massicce) l accensione dellelio avviene sempre alla
stessa temperatura ma quando la massa del nucleo `e circa 0.33M

. Perch`e in un gas
degenere `e necessario far crescere la massa del nucleo no a 0.5M

? La ragione
sta nella degenerazione stessa. Infatti quando si contrae un nucleo non degenere,
parte dell energia liberata dalla contrazione va in aumento di energia termica del
gas cio`e nuclei ed elettroni in regime di equipartizione di energia in quanto entrambi
sono governati dalla stessa statistica (Maxwell-Boltzmann). Nel caso di un nucleo
degenere, lenergia liberata viene in gran parte presa dagli elettroni per forzarli a
stati di momento pi` u elevati (non vale la equipartizione) e poca dai nuclei. Pertanto
il processo di riscaldamento di quest ultimi viene rallentato. Ci sar`a bisogno di
liberare un maggiore quantit`a di energia gravitazionale (maggior aumento della
massa del nucleo) per poter nalmente riscaldare i nuclei alla temperatura di innesco.
378 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
29.4 Flash dellelio
Lanalisi della stabilit`a secolare del bruciamento nucleare ci permette di com-
prendere a fondo quanto avvenga allaccendersi dellelio in nucleo degenere.
Supponiamo che avvenga una piccola perturbazione della temperatura = dT
c
/T
c
nelle regioni centrali del nucleo. Sappiamo che essa evolve secondo la relazione.
d
dt
=
L
s
c
P
M
s
T
c
(
T
+
T
4) (29.35)
dove L
s
e M
s
sono la luminosit`a e massa di una sfera concentrica interna al nucleo
stesso. Nel derivare questa relazione da quella generale abbiamo posto = 0 e usato
di conseguenza c

= c
P
. Per il bruciamento dellelio la quantit`a
T
> 0 `e grande
(circa 30). Pertanto essa domina tutti gli altri termini nella relazione precedente ren-
dendo positiva la quantit`a in parentesi: linizio del bruciamento dellelio `e instabile e
d`a luogo ad un runaway termico con tempo scala dellordine di c
P
M
s
T
c
/L
s
= c
P
T
c
/.
Con laiuto del formalismo dellomologia possiamo ricavare

c
=
3
4 3
(29.36)
Pertanto per = 3/5 e = 0 si ricava d
c
= 0. Da quanto sopra segue che mentre
la temperatura sale, la materia non si espande e la densit`a centrale si mantiene
costante. Nel diagramma T
c

c
il centro evolve solo in temperatura. La ragione sta
nell equazione di stato del gas degenere che non dipende dalla temperatura. Poiche
non c`e lavoro di espansione durante il runaway termico si ha una enorme sovra-
produzione di energia nucleare. La luminosit`a locale sale a circa 10
11
L

(quella di
una intera galassia). Al crescere della temperatura il luogo delle condizioni centrali
interseca la linea = 3/4 che separa la regione di degenerazione da quella di gas
perfetto. Al crescere ulteriore della T
c
il gas si espande, la degenerazione viene
rimossa, il calore specico gravo-termico diventa c

< 0 ed il bruciamento centrale


diventa stabile. Lespansione ferma laumento di temperatura, il gas si raredda
no a portare la produzione di energia a valori normali. A seguito di ci`o il nucleo di
massa M
c
(che `e rimasta praticamente costante durante questa brevissima fase) si
espande ad un nuovo raggio R
c
maggiore di quello al momento dellaccensione. Dalle
relazioni di omologia apprendiamo che a seguito di ci`o la luminosit`a della stella deve
scendere rispetto al valore al momento del ash. Queste previsioni sono confermate
in pieno dai modelli numerici.
29.5. INSTABILIT
`
A TERMICA DELLA SHELL DI ELIO 379
29.5 Instabilit`a termica della shell di elio
Nel corso dell evoluzione le stelle possono dar vita a varie shells nucleari (ad
esempio la shell di idrogeno, le shell di idrogeno ed elio, le shells di idrogeno, elio,
carbonio etc..). L ecienza di queste shells varia nel tempo no al totale spegni-
mento per periodi pi` u o meno lunghi. Shells vicine possono inuenzarsi a vicenda in
quanto ognuna richiede una tipica temperatura per esistere. Ad esempio se una shell
di elio (T 210
8
K) si porta vicina ad uno strato ricco di idrogeno ci aspettiamo
un enorme aumento del bruciamento dellidrogeno (T 310
7
). Inoltre, ogni shell
ha una velocit`a

M
i
caratteristica nel processare la materia a meno che le rispettive
luminosit`a L
i
non stiano in rapporti opportuni. Se X
i
`e l abbondanza in massa di
un combustibile e q
I
l energia liberata per grammo di materia, allora

M
i
=
L
i
q
i
X
i
(29.37)
Ad esempio il moto relativo delle shell di idrogeno ed elio nelle stelle di ramo asin-
totico `e regolato dalla relazione

M
H

M
He
=
L
H
L
He
q
He
q
H
X
He
X
H
(29.38)
Questo d`a una situazione stazionaria solo se L
H
7 L
He
atteso che X
H
0.7 e
X
He
1 e che q
H
/q
He
10. In caso contrario o le due shell si avvicinano fra loro
o la shell pi` u interna resta indietro.
I modelli numerici di stelle AGB in fase di doppia shell mostrano il tipico fenomeno
della instabilit`a termica della shell di elio la quale da origine al complicato quadro
evolutivo noto come terzo dredge-up. In quanto segue cerchiamo di dare una spie-
gazione sica quantitativa delle ragioni per cui avviene linstabilit`a termica.
A tale scopo ricordiamo alcuni fatti essenziali: dopo lo spegnimento della shell di
idrogeno e concomitante secondo dredge-up che ha portato la estensione dellinviluppo
ricco di idrogeno in zone molto vicine alla shell di elio sottostante, la shell di idrogeno
viene riaccesa sopra la shell di elio, la separazione in massa fra le due shells `e molto
piccola e le shells stesse sono molto sottili in massa. Inne le due shells si alternano
nel tempo quali sorgenti di energia; in generale la shell di elio `e quieta e scarsamente
eciente, mentre la shell di idrogeno domina, ma con periodicit`a regolare la shell
di elio aumenta vertiginosamente la produzione di energia su un intervallo di tempo
380 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
molto piccolo, esaurisce il combustibile a disposizione, scatena l espansione degli
strati sovrastanti causando lo spegnimento temporaneo della shell di idrogeno, ed
inne ritorna ad essere quiescente. Perch`e? Quali sono le cause dell instabilit`a
termica della shell di elio?
Supponiamo di avere una shell di spessore D connata fra r
0
e r = r
0
+D. Se D `e
piccolo la massa dentro la shell `e espressa da
M
s
r
2
0
D (29.39)
Se a seguito di una perturbazione nella produzione di energia la shell si espande,
abbiamo dr = dD ed imponendo che la variazione in massa sia trascurabile abbiamo
d

=
dD
D
=
r
D
dr
r
(29.40)
Assumiamo ora che la materia sopra la shell si espanda o contragga in maniera
omologa. Sfruttando il formalismo perturbativo, la variazione di pressione nella
shell `e
dP
P
= 4
dr
r
(29.41)
Calcoliamo ora il calore specico gravo-termico: in queste condizioni esso diventa
c
dT
dt
= d c

= c
P
_
1
ad
4
4 r/D
_
(29.42)
Questa relazione `e stata ottenuta semplicemente sostituendo il termine d/ = 3
con d/ = r/D. Se c

> 0 la shell `e instabile poich`e un aumento di energia


(d > 0) porta ad una maggiore temperatura ed ulteriore produzione di energia.
Questa relazione ci riconduce immediatamente al caso dell instabilit`a causata dall
accensione di un combustibile in un gas degenere. Tuttavia `e presente un altra
forma di instabilit`a che avviene anche per un gas perfetto ( = = 1,
ad
= 2/5).
Essa `e causata dallo spessore della shell. Infatti se r/D `e grande (D molto piccolo)
quando il rapporto D/r < 1/4 il calore specico gravo-termico `e positivo; la shell `e
secolarmente instabile. Questo tipo di instabilit`a in una shell viene chiamata pulso
termico.
A prima vista questo risultato `e sorprendente. Come mai una semplice propriet`a
geometrica quale lo spessore pu`o indurre instabilit`a. Il problema pu`o essere chiarito
se consideriamo il cambiamento di pressione nella shell come una risposta idrostatica
29.5. INSTABILIT
`
A TERMICA DELLA SHELL DI ELIO 381
allo spostamento degli strati sovrastanti. Supponiamo che la shell tenti di liberarsi
della perturbazione energetica mediante lespansione. Un signicativo aumento dello
spessore relativo dD/D d`a lo stesso risultato di una diminuzione relativa della den-
sit`a d/, ma comporta solo un piccolo aumento della posizione dr/r se D/r << 1.
Questo signica che gli strati sovrastanti si sono mossi poco cosicch`e il loro peso
rimane circa costante. La condizione di equilibrio idrostatico impone allora che
dP/P 0.
Dalla relazione di omologia
dP
P
= 4
dr
r
(29.43)
il legame fra variazioni di pressione e densit`a `e dato da
dP
P
= 4
D
r
d

(29.44)
Introducendo lequazione di stato
d

=
dP
P

dT
T
(29.45)
si vede subito che una espansione comporta un aumento di temperatura in quanto
dP/P 0 per D/r 0
d

=
dT
T
(29.46)
Pertanto in una shell sottile lespansione non porta a stabilit`a ma al contrario la
rende pi` u instabile (il tutto `e come se lequazione di stato fosse 1/T).
Lesistenza di questo tipo di instabilit`a fu scoperta da Schwarzschild e Harm nel lon-
tano 1958, fu confermata da Weigert nel 1966 ed `e stata successivamente confermata
da migliaia di calcoli evolutivi di stelle durante la fase AGB.
Linstabilit`a viene momentaneamente rimossa a causa dellesaurimento del con-
tenuto di elio nella shell e per la sua stessa espansione.
La periodicit`a del fenomeno (tempo fra due cicli successivi) e stata dedotta dai
numerosi calcoli evolutivi e pu`o essere espressa da
lg
_

P
_
3.05 + 4.5
_
1
M
c
M

_
in anni (29.47)
Per M
c
= 0.5M

la durata di un ciclo `e di circa 10


5
anni, per scendere no ad 1
anno per M
c
= 1.4M

.
382 CAPITOLO 29. STELLE DI PICCOLA MASSA
Capitolo 30
STELLE DI MASSA
INTERMEDIA
30.1 Evoluzione di Stelle di Massa Intermedia
Sono denite stelle di massa intermedia quelle in cui laccensione del bruciamento
centrale dellelio e del carbonio avvengono in condizioni non degeneri la prima e di
elevata degenerazione la seconda.
Prototipo di questa categoria di stelle `e la 5M

. Sulla sequenza principale il bru-


ciamento dellidrogeno avviene attraverso il ciclo CNO in un nucleo convettivo che
allinizio contiene circa il 25% della massa e poi decresce nel tempo.
Lesatta dimensione del nucleo convettivo `e aetta dallincertezza dellovershoot
(non si presenta il problema della semi-convezione) con eetti sulla struttura noti
ma ancora discutibili.
A causa della convezione, allinterno del nucleo lidrogeno viene consumato in maniera
uniforme.
La durata della fase dell idrogeno dipende dalle dimensioni del nucleo convettivo
ed in ogni caso diminuisce al crescere della massa.
Quando labbondanza dellidrogeno centrale X
c
`e circa 0.05 la stella subisce una
contrazione gravitazionale dellintera struttura che porta al riscaldamento ed ac-
censione del bruciamento dellidrogeno in shell al bordo del nucleo di quasi puro
He.
Allesaurirsi completamente dellidrogeno nel nucleo la convezione centrale scom-
pare, la shell di H diventa sottile e comincia a propagarsi verso lesterno lasciando
dietro di se un nucleo di He crescente in massa ed in contrazione gravitazionale.
La contrazione del nucleo comporta lespansione dell inviluppo con la shell di H
che si mantiene grosso modo ad una distanza ssa dal centro. La materia imme-
diatamente sovrastante la shell uisce attraverso questa, viene processata e va ad
aumentare la massa del nucleo. Al contrario gli strati pi` u esterni si espandono.
383
384 CAPITOLO 30. STELLE DI MASSA INTERMEDIA
La luminosit`a della stella diminuisce alquanto (lenergia va nel lavoro di espansione
dell inviluppo) e cos` pure la T
eff
. La stella attraversa rapidamente la regione fra
la sequenza principale e le giganti rosse. A causa del rapido attraversamento, ci si
aspetta di osservare poche stelle in questa regione, nota anche come Hertzsprung
gap.
Raggiunta la linea di Hayashi pertinente alla sua massa, la stella incomincia a salire a
luminosit`a crescenti mentre si genera la convezione di inviluppo che progressivamente
penetra no a conglobare circa met`a della massa. Quando il nucleo di He `e pari a
circa 0.75M

e LogL/L

= 3.1 si ha linnesco del bruciamento dellelio nel centro.


Poich`e la regione non `e degenere, il bruciamento avviene in maniera quieta.
Si noti che la massa del nucleo di He `e maggiore del valore minimo richiesto in
materiale non degenere e corrisponde esattamente al valore ssato dal raggiungere
una temperatura suciente.
A causa della forte dipendenza dalla temperatura della reazione 3 si forma un
nocciolo pi` u interno convettivo il quale cresce rapidamente in massa no a stabi-
lizzarsi attorno ad un valore opportuno. Anche in questo caso si presentano le in-
certezze sullesatta dimensione del nucleo convettivo dovute ai fenomeni della semi-
convezione e dellovershoot. Gli eetti sono noti ma tuttora oggetto di indagine.
La struttura della stella `e ora come segue:
(1) nucleo convettivo centrale dove lelio `e trasformato progressivamente in
12
C+
16
O,
(2) una regione ricca in He che non ha temperatura suciente per il bruciamento
nucleare,
(3) una sottile shell dove brucia lidrogeno attraverso il ciclo CNO,
(4) un esteso inviluppo con abbondanze di H e He originali.
Tuttavia se la convezione esterna raggiunge (come avviene) gli strati interni in cui
durante la fase di sequenza principale `e avvenuto il bruciamento di idrogeno at-
traverso il ciclo CNO, la composizione chimica dell inviluppo viene modicata:
labbondanza di H diminuisce mentre quella di He cresce, anche se in maniera lim-
itata, e soprattutto labbondanza di C rispetto a quella del N diminuisce a favore
di questultimo. Questa infatti `e la tipica composizione chimica superciale nelle
giganti rosse luminose.
Al progredire del bruciamento dellelio, le regioni centrali tendono ad espandersi
con conseguente lieve caduta della temperatura e produzione di energia nelle regioni
della shell di H. Linviluppo esterno si contrae, la convezione esterna recede e la stella
ridiscende lungo la linea di Hayashi progressivamente allontanandosi da questa verso
30.1. EVOLUZIONE DI STELLE DI MASSA INTERMEDIA 385
T
eff
pi` u elevate e muovendo attraverso il diagramma H-R a luminosit`a lievemente
crescenti.
Nel tempo speso in prossimit`a di e lungo la linea di Hayashi, la stella `e stata soggetta
allazione del vento stellare quieto. Quantunque le osservazioni indichino dei tassi di
perdita di massa superiori a quelli incontrati per le stelle di RGB di piccola massa
(ci`o pu`o essere dedotto anche dalla relazione analitica per il tasso di perdita di
massa), la velocit`a evolutiva in queste regioni dt
RG
`e tale che la quantit`a di massa
persa `e trascurabile e quindi si pu`o assumere che levoluzione sia a massa costante.
Lescursione verso T
eff
elevate `e nota come loop della fase dellelio. La stella at-
traversa la regione di instabilit`a delle stelle Cefeidi, le quali sono appunto interpre-
tate come stelle di circa 5M

in questa fase. I numerosi calcoli evolutivi mostrano


che la comparsa del loop dipende essenzialmente dalla composizione chimica e dalla
massa della stella. Per data composizione chimica, lestensione del loop cresce con
la massa, stelle di massa relativamente piccola (2.2M

< M < 3M

) tendono a
rimanere vicine alla linea di Hayashi. Il loop `e anche favorito da basse abbondanze
iniziali di metalli e di elio. Tuttavia esso `e molto sensibile anche ad altri parametri,
quali opacit`a, velocit`a della reazione
12
C(, )
16
O, estensione del nucleo convettivo,
etc. al punto tale da avere un comportamento alquanto imprevedibile.
Raggiunta la massima escursione nel diagramma H-R la stella staziona a completare
il bruciamento dellelio, mentre la produzione di energia gradualmente passa dalla
shell di H al nucleo di He.
La durata totale del tempo di bruciamento dellelio nel nucleo `e compresa fra 0.05 e
0.20 del tempo di vita della fase dellidrogeno a seconda dellecienza dei processi di
mescolamento convettivo (overshoot) durante questultima. Il tempo di vita della
fase di bruciamento dellelio diminuisce al crescere della massa della stella ed `e
proporzionale alle dimensioni del nucleo convettivo. In ogni caso `e circa 0.1 0.2
volte quella del bruciamento dell idrogeno.
Come lelio incomincia ad esaurirsi nel centro, il nucleo si contrae e si riscalda al ne
di mantenere inalterato il tasso di produzione di energia. La contrazione determina
anche un lieve aumento di temperatura e di generazione di energia nella shell di H
con conseguente espansione dell inviluppo esterno. Levoluzione cambia direzione
nel diagramma HR e la stella ritorna nella regione delle giganti rosse riportandosi
sulla linea di Hayashi. Lelio viene esaurito nel centro e grazie alla contrazione del
nucleo viene acceso in una shell esterna. La stella risale lungo la linea di Hayashi e la
convezione esterna penetra nuovamente nel profondo raggiungendo zone che erano
386 CAPITOLO 30. STELLE DI MASSA INTERMEDIA
state in precedenza arricchite in He. Pertanto il rapporto He/H alla supercie cresce
ulteriormente.
La struttura della stella in salita lungo la linea di Hayashi `e costituita da
(1) nucleo di
12
C +
16
O con forte degenerazione elettronica,
(2) una shell sottile che brucia He,
(3) uno strato sottile di He inerte
(4) una shell che brucia H,
(5) lesteso inviluppo estreno quasi completamente convettivo (la convezione non
arriva tuttavia a toccare la shell bruciante H).
La struttura della stella `e esattamente simile a quella delle stelle con massa minore
di 2.2M

durante la fase di AGB e quindi evolver`a in maniera identica.


Figure 30.1:. Diagramma di struttura delle stelle di 3 (sinistra) e 7 M

(destra)
dalla sequenza principale alla dine della fase E-AGB.
La Figura 30.1 mostra la variazione nel tempo della struttura interna di due tipiche
stelle di massa intermedia (3 e 7M

) con composizione chimica Y = 0.28 e Z0.020,


di cui una (7M

) esegue il loop ne diagramma H-R durante il bruciamento dellelio,


mentre laltra (3M

) rimane vicina alla linea di Hayashi.


Queste stelle sono calcolate assumendo una modesta ecienza de overshoot convet-
tivo [quindi hanno nuclei convettivi di dimensioni maggiori di quelle dettate dalla
30.1. EVOLUZIONE DI STELLE DI MASSA INTERMEDIA 387
semplice condizione (
r

ad
)] durante le fasi di bruciamento dellidrogeno e
dellelio. Inoltre esse subiscono leetto della perdita di massa durante le fasi di
RGB e E-AGB.
Modelli evolutivi di questo tipo sono attualmente da preferirsi a quelli con nuclei
convettivi classici e senza perdita di massa in quanto meglio riproducono le propriet`a
dei diagrammi H-R degli ammassi giovani e ricchi di stelle. La Figura 30.2 mostra
il diagramma H-R di questi modelli assieme a quelli per stelle di 4M

e 5M

, inne
i tempi di vita per gli stadi indicati in Figura 30.2 sono riportati in Tabella 30.1 e
Tabella 30.1.
Figure 30.2:. Diagramma H-R di stelle con moderato overshooting dai nuclei con-
vettivi.
Durante la fase di AGB il nucleo di
12
C +
16
O continua a crescere, la shell di He
attraversa la fase di instabilit`a termica, si instaura il gioco complicato fra le due
shell nucleari, la shell convettiva sottile sopra la shell bruciante He e la convezione
esterna, si ha il III dredge-up e la perdita di massa per vento quieto dalla supercie ed
inne la espulsione improvvisa dell inviluppo per instabilit`a pulsazionale. Tuttavia
in questo caso, a dierenza di quanto avveniva per le stelle di massa pi` u piccola,
la massa totale della stella `e ben maggiore del minimo necessario allaccensione del
bruciamento del
12
C nel centro in un gas altamente degenere.
Se il nucleo di
12
C +
16
O raggiunge il valore di 1.4M

laccensione avviene con


caratteristiche esplosive ed `e nota come la deagrazione del carbonio.
388 CAPITOLO 30. STELLE DI MASSA INTERMEDIA
Tabella 30.1. Caratteristiche siche di stelle di massa intermedia con compo-
sizione Y=0.28 e Z=0.020. Modelli calcolati con semi-convezione durante la fase
di bruciamento dellelio. A: sequenza principale; B:punto di minor Te nella fase
dellidrogeno; C: ne della fase dellidrogeno; D: punto pi` u luminoso nel gap di
Hertzsprung; E: inizio della fase di Hayashi; F: inizio del bruciamento dellelio e di
massima luminosit`a sulla linea di Hayashi; G: discesa dalla linea di Hayashi (lumi-
nosit`a minima); H; massima estensione del loop; I: ne del bruciamento dellelio.
M/M

Et`a LogL/L

LogT
eff
M/M

Et` a LogL/L

LogT
eff
Note
3.0 0. 1.895 4.095 5.0 0. 2.718 4.239 A
0.295(e9) 2.058 3.992 0.823(e8) 2.951 4.148 B
0.304(e9) 2.158 4.043 0.847(e8) 3.027 4.194 C
0.310(e9) 2.185 3.989 0.855(e8) 3.067 4.120 D
0.315(e9) 1.783 3.711 0.864(e8) 2.663 3.682 E
0.318(e9) 2.471 3.640 0.867(e8) 3.145 3.617 F
0.337(e9) 1.899 3.697 0.963(e8) 2.926 3.651 G
0.464(e9) 2.433 3.648 0.103(e9) 3.143 3.832 H
0.465(e9) 2.329 3.657 0.105(e9) 3.019 3.649 I
7.0 0. 3.234 4.326 9.0 0. 3.602 4.387 A
0.394(e8) 3.511 4.238 0.242(e8) 3.907 4.297 B
0.405(e8) 3.577 4.282 0.248(e8) 3.968 4.342 C
0.407(e8) 3.622 4.190 0.249(e8) 3.996 4.239 D
0.409(e8) 3.267 3.652 0.250(e8) 3.606 3.641 E
0.410(e8) 3.685 3.588 0.250(e8) 4.088 3.566 F
0.441(e8) 3.494 3.622 0.261(e8) 3.845 3.603 G
0.461(e8) 3.737 4.000 0.269(e8) 4.103 4.108 H
0.476(e8) 3.530 3.624 0.284(e8) 3.938 3.608 I
Tabella 30.2. Tempi di vita (in anni) delle maggiori fasi nucleari ed evolutive di
stelle di massa intermedia.
M/M

H-Burning He-Burning C-Burning


9.0 2.87(e7) 4.59(e6) 5.89(e4)
7.0 4.73(e7) 9.68(e6) 2.50(e5)
5.0 9.88(e7) 2.71(e7)
4.0 1.73(e8) 4.21(e7)
3.0 3.98(e8) 1.28(e8)
2.5 7.33(e8) 2.34(e8)
2.0 1.68(e9) 3.26(e8)
30.1. EVOLUZIONE DI STELLE DI MASSA INTERMEDIA 389
La modellistica di tale fase `e complessa e tuttora incerta. La teoria corrente predice
lesplosione dellintera stella in un tipo di supernova chiamato I-1/2.
Il destino della stella `e dunque regolato dalla rapidit`a con cui cresce il nucleo di
12
C +
16
O rispetto a quella con cui la stella perde massa dalla supercie.
I tassi osservati di perdita di massa in stelle giganti rosse e di AGB sono tali che
una stella di 5M

perde lintero inviluppo prima che il nucleo di


12
C +
16
O abbia
raggiunto il limite di 1.4M

e pertanto dopo aver formato una nebulosa planetaria


nisca in una nana bianca di 0.85M

.
I calcoli evolutivi mostrano che in stelle con massa iniziale no a circa 6M

prevale
lazione della perdita di massa e quindi che esse niscono in nane bianche prima di
poter accendere il bruciamento del carbonio. Invece in stelle con massa compresa fra
6M

e circa 8 9M

la perdita di massa non `e suciente ed esse accendono il bru-


ciamento del carbonio in condizioni degeneri dando origine alla classe di supernove
di tipo I-1/2.
La Figura 30.3 compara le diverse evoluzioni e destini nali di stelle di massa piccola
ed intermedia.
Figure 30.3:. Diagramma H-R schematico di stelle con massa diversa.
390 CAPITOLO 30. STELLE DI MASSA INTERMEDIA
Capitolo 31
DEFLAGRAZIONE-
DETONAZIONE DEL
CARBONIO
31.1 Introduzione
Abbiamo visto che stelle con massa iniziale no ad M
up
6 8M

dopo aver
attraversato una serie di stadi idrostatici e sviluppato un nucleo degenere con massa
nale minore della massa M
Ch
, diventano Nane Bianche.
Al contrario, stelle di massa iniziale compresa nellintervallo 68M

< M < 10M

arrivano allinnesco del carbonio nel centro in condizioni di totale degenerazione e


con massa del nucleo M
Ch
. Di conseguenza laccensione del carbonio `e potenzial-
mente esplosiva.
Da questo si comprende come fenomeni di supernova possano essere associati all
accensione di un combustibile in un nucleo fortemente degenere. Vedremo pi` u avanti
che un meccanismo alternativo `e quello associato al collasso del nucleo di Fe. Questa
situazione `e tipica delle stelle massicce.
In questo capitolo discuteremo da vicino le cause siche della detonazione (super-
sonica) - deagrazione (subsonica) del carbonio ed i fenomeni che ad esse si accom-
pagnano.
31.2 Evoluzione del nucleo di C-O
Dopo il bruciamento centrale dellelio, levoluzione del nucleo di C-O che si `e
formato dipende criticamente dalla possibilit`a che esso diventi degenere dopo la
contrazione gravitazionale.
391
392 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
Poich`e alla supercie del nucleo si `e sviluppato un forte contrasto di densit`a, la
contrazione del nucleo `e indipendente dallinviluppo e il nucleo stesso pu`o essere
considerato come una sfera in contrazione gravitazionale con pressione nulla alla
supercie.
Incominciamo col valutare la massa critica di separazione fra il caso in cui la con-
trazione fa ulteriormente innalzare la temperatura da quello in cui ci`o `e impedito
dalla degenerazione. A tale scopo usiamo una espressione per lequazione di stato
che metta in evidenza il diverso comportamento di ioni (nuclei) che non raggiungono
la degenerazione da quello degli elettroni che possono facilmente raggiungerla.
In generale, il peso molecolare per la componente elettronica `e
e
2 mentre quello
degli ioni
0
12. Questo fa si che la pressione degli elettroni non degeneri (1/
e
)
prevalga su quella degli ioni (1/
0
). Ci`o `e ancor pi` u vero nel caso che gli elettroni
siano degeneri. Per semplicit`a si trascuri la pressione di radiazione e la creazione di
coppie (e
+
, e

) che possono portare a parziale degenerazione anche in condizioni di


alta temperatura e bassa densit`a.
Lequazione di stato per gli elettroni `e ora pensata come composta di due termini:
uno che rappresenta la componente non degenere; leltro la componente degenere
P = P
e
=
_
k

e
m
H
_
T +K

e
_

(31.1)
Nel secondo termine, non `e costante: esso varia da = 5/3 per << 10
6
g cm
3
(non relativistico) a = 4/3 per >> 10
6
g cm
3
(relativistico). Di conseguenza
anche K

non rimane costante.


Una stima del valore della pressione centrale `e fornita dallequazione di equilibrio
idrostatico
P
c

GM
c

R
c
= fGM
2/3
c

4/3
c
(31.2)
dove si `e assunto che P
c
sia dato dal solo peso del nucleo, che = 3M
c
/(4R
3
c
) sia
proporzionale a
c
e sostituito R
c
. Il fattore adimensionale f tiene conto della reale
distribuzione di materia (densita) all interno del nucleo (f 1).
Usando lequazione di stato ed eliminando P
c
si ottiene
(
k

e
m
H
)T
c
= fGM
2/3
c

1/3
c
K

1
c

e
(31.3)
31.2. NUCLEO C-O 393
Nel membro di destra di questa relazione, il primo termine domina sul secondo in
assenza di degenerazione, mentre lo pareggia nel caso di alta degenerazione.
Assegnata la massa M
c
, questa equazione rappresenta un luogo nel diagramma
log
c
logT
c
di Figura 31.1. Partendo da un valore piccolo di
c
e = 5/3, la
temperatura centrale T
c
cresce ed ha un massimo a
c,max
dopo di che diminuisce
no al valore limite T
c
= 0 che `e raggiunto quando
c
= 8
max
. La prima parte della
curva corrisponde al predominare nella equazione (31.3) del termine non degenere
con pendenza 1/3.
Figure 31.1:. Diagramma delle condizioni centrali.
Tuttavia questo comportamento `e modicato dagli eetti relativistici. Infatti al
crescere della densit`a centrale la degenerazione relativistica diventa importante e
4/3, K

K
4/3
. Per tenere conto del passaggio graduale dalla situazione
non relativistica a quella relativistica introduciamo al seguente notazione ponendo
= 4/3 + con 0 al crescere di . In questo modo possiamo scrivere
(
k

e
m
H
)T
c
=
1/3
c
_
fGM
2/3
c
K
4/3+

(4/3+)
e
_
(31.4)
Questa relazione mostra che allaumentare di
c
la temperatura non tende a zero
ma risale
1/3
se viene vericata la condizione
394 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
M
c
> M
crit
=
_
K
4/3
fG
_
3/2

2
e
(31.5)
Ovviamente M
crit
M
Ch
. Infatti se M
c
= M
crit
allora il nucleo con temperatura
T
c
= 0 sarebbe completamente relativistico, degenere e in equilibrio idrostatico e
ovviamente con massa M
c
= M
Ch
.
Possiamo pertanto dire che durante la contrazione di un nucleo con M
c
M
Ch
la
temperatura raggiunge un massimo e poi diminuisce mentre per M
crit
M
Ch
la
temperatura aumenta sempre proporzionalmente a
1/3
c
.
Consideriamo ora la massima temperatura raggiungibile quando M
crit
M
Ch
in
regime non relativistico. Poniamo = 5/3 e K

= K
5/3
e M
crit
nella relazione
(31.3) ottenendo
(
k
H
T
c
) = K
4/3
_
M
c
M
crit
_
2/3
_

e
_
1/3
K
5/3
_

e
_
2/3
(31.6)
Da questa si ottiene la temperatura T
c,max
per

c,max

e
=
1
8
_
K
4/3
K
5/3
_
3
_
M
c
M
crit
_
2
= 2.38 10
5
_
M
c
M
crit
_
2
gcm
3
(31.7)
con il valore
T
c,max
=
m
H
4k
K
2
4/3
K
5/3
_
M
c
M
crit
_
4/3
= 0.5 10
9
_
M
c
M
crit
_
4/3
(31.8)
Ne segue che per nuclei con M
c
M
crit
la temperatura T
c
non pu`o superare
0.5 10
9
K.
Gli stadi successivi dipendono da molti fattori che decideranno per esempio se il
collasso di un nucleo `e seguito da una espolsione, se rimane un oggetto collassato
o meno. Come gi`a ricordato al momento attuale `e possibile la seguente schematiz-
zazione in funzione della massa del nucleo (e della massa iniziale della stella).
(1) Se M
c
< M
crit
M
Ch
e se non c`e un inviluppo sucientemente massiccio
(perdita di massa in fasi precedenti) cosicch`e M
c
non pu`o crescere no a M
Ch
durante
la fase di bruciamento in shell. Allora T
c
cresce no al massimo in regime non
31.3. FLASH DEL CARBONIO 395
degenere. Quando la degenerazione `e raggiunta la stella incomincia a rareddarsi e
deve diventare una Nana Bianca.
(2) Se M
c
< M
crit
ma c`e un inviluppo sucientemente massiccio, allora il nucleo
pu`o crescere alla massa M
Ch
grazie ai bruciamenti in shell. Il nucleo dopo aver
raggiunto un massimo in temperatura incomincia a rareddarsi. La massa del nucleo
cresce no a M
Ch
. La densit`a
0
cresce con M
c
e nalmente il carbonio pu`o innescarsi
ad esempio per reazioni picno-nucleari. Il destino di questo stella verr`a discusso pi` u
avanti.
(3) Se M
crit
< M
c
< 40M

, il cammino delle condizioni centrali evita le regioni di


degenerazione relativistica. Il nucleo si riscalda, raggiungendo le reazioni nucleari
pi` u avanzate. Per M
c
4M

, le catture elettroniche da parte di nuclei di Ne e


Mg riducono la pressione ed inizia un collasso centrale. Per M
c
4M

la foto-
disintegrazione dei nuclei porta
ad
sotto 4/3 ed induce il collasso. Questo pu`o
portare alla formazione di una stella di neutroni (vedi pi` u avanti) e allesplosione di
supernova di Tipo II.
(4) Se M
c
40M

, il nucleo raggiunge il bruciamento del carbonio senza essere


degenere, ma dopo esso incontra la regione della creazione di coppie, la quale abbassa

ad
sotto 4/3 in una vasta porzione del nucleo. Se questa supera circa il 40% della
massa allora si ha un collasso adiabatico no a raggiungere la temperatura dinnesco
dellossigeno. Questo pu`o fermare il collasso e provocare un esplosione. Altrimenti
il collasso pu`o portare il nucleo nella regione di instabilit`a della foto-disintegrazione,
e la storia successiva assomiglia a quella del caso (3).
31.3 Flash del Carbonio
Laccensione del carbonio in nuclei degeneri di C-O con massa M
c
M
Ch
pu`o
avvenire o nel centro o in una shell in base al prolo di temperatura (in presenza
di perdita di energia per neutrini, la temperatura al centro pu`o essere inferiore di
quella nelle regioni immediatamente circostanti). Laccensione avviene in maniera
simile a quella dellelio (ash) cio`e con caratteristiche esplosive. Nella Figura 31.2
`e mostrato il cammino dei valori centrali T
c
e
c
. La stabilit`a del nucleo degenere
dipende criticamente dal bilancio energetico fra perdite neutriniche e produzione di
energia nucleare: se
CC

< 0 il nucleo `e stabile; se


CC

> 0 il nucleo `e
instabile. La linea di separazione
CC

= 0 si inclina a densit`a di 10
9
g cm
3
in
quanto
CC
aumenta al crescere di tramite le reazioni picno-nucleari.
Il pi` u piccolo aumento di temperatura fa si che
CC

> 0. A causa della degen-


erazione la pressione non aumenta e non c`e dissipazione di energia per espansione.
Pertanto a causa del deposito di energia nucleare, il mezzo si riscalda sempre pi` u con
conseguente aumento di
C
e quindi di T: avviene un violento ash !! Come nel caso
del ash dellelio la materia si riscalda a densit`a costante no a che la degenerazione
viene rimossa ed `e possible lespansione.
396 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
Figure 31.2:. Evoluzione schematica delle condizioni siche centrali che portano
allinnesco esplosivo del carbonio.
31.4 Equilibrio nucleare statistico
La violenza del ash del carbonio pu`o essere stimata da semplici considerazioni.
In una miscela contenente C e O in parti uguali, il bruciamento del carbonio libera
circa 2.510
17
erg/g, ed il successivo bruciamento dellossigeno circa il doppio. Tutta
questa energia viene spesa per riscaldare il materiale e la temperatura raggiunge
la linea indicata con C-0 in Figura 31.2. A queste temperature di circa 10
10
K
lenergia dei fotoni supera lenergia di legame dei nuclei che vengono disintegrati.
Ad esempio
20
Ne +
16
O + (31.9)
Anche la reazione inversa pu`o avvenire ed i fotoni liberati dal processo possono disin-
tegrare un altro nucleo di Ne. Il processo `e simile alla ionizzazione e ricombinazione
degli atomi. Viene raggiunta una condizione di equilibrio in cui le abbondanze di
O, Ne e sono regolate da una legge simile a quella di Saha
n
O
n

n
Ne
=
1
h
3
_
2m
O
m

kT
m
Ne
_
3/2 G
O
G

G
Ne
e
Q/kT
(31.10)
dove G
O
, G

, G
Ne
sono i pesi statistici, mentre Q `e la dierenza fra le energie di
legame
31.4. EQUILIBRIO NUCLEARE STATISTICO 397
Q = (m
O
+m

m
Ne
)c
2
(31.11)
In aggiunta a ci`o ci sono altre due condizioni: la prima lega la densit`a numerica di
particelle alla densit`a di massa, laltra la ssa la composizione iniziale in quanto la
reazione (31.9) e la sua inversa non possono cambiare la dierenza n
O
n

.
Ovviamente la reazione discussa sopra `e una fra le tante possibili. Il problema
diventa simile a quello della simultanea ionizzazione e ricombinazione di molte specie
atomiche. I processi non sono fra loro indipendenti, in quanto tutti loro producono
elettroni che inuenzano i tassi di ricombinazione. Nel caso della foto-dissociazione
del
20
Ne, il ruolo degli elettroni `e svolto dalle particelle . Se la temperatura `e
molto elevata, molte specie nucleari possono essere disintegrate dai fotoni e i loro
frammenti possono reagire di nuovo. Le abbondanze sono allora regolate da una
serie di formule di Saha. Il nucleo di
56
Fe essendo il pi` u stabile gioca il ruolo di
pivot nello stabilire lequilibrio fra le specie nucleari presenti (equilibrio nucleare
statistico).
Il ferro pu`o essere disintegrato in
+
56
Fe 13 + 4n (31.12)
Allo scopo di determinare il rapporto n
Fe
/n

consideriamo linsieme delle reazioni


schematizzate come segue
+ (Z, A) (Z 2, A4) + (31.13)
+ (Z, A) (Z, A1) +n (31.14)
Partiamo dal nucleo
56
Fe e consideriamo 13 reazioni di tipo (31.13) e quattro di
tipo (31.14). I rapporti di abbondanza sono alla ne regolati da
n
13

n
4
n
n
Fe
=
G
13

G
4
n
G
Fe
_
2kT
h
2
_
24
_
m
13

m
4
n
m
Fe
_
3/2
e
Q/kT
(31.15)
con
Q = (13m

+ 4m
n
m
Fe
)c
2
= 124.4 MeV (31.16)
Lavvenire della reazione (31.13) allequilibrio implica che le densit`a numeriche di
neutroni e particelle stiano nel rapporto
398 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
n
n
n

=
4
13
(31.17)
La situazione descritta sopra `e tipica delle regioni centrali di stelle massicce che
sono arrivate indenni alla sintesi del Fe: questo elemento `e allora il nucleo pi` u
abbondante a la sua disintegrazione libera quasi tutti i neutroni e le particelle
presenti. Il membro di sinistra della equazione (31.15) puo essere dunque sostituito
da
_
4
13
_
4
n
17

n
Fe
(31.18)
Per quanto riguarda la densit`a di massa essa `e legata alle densit`a numeriche di
particelle presenti dalla relazione
= m
u

i
n
i
A
i
= (56n
Fe
+ 4n

+n
n
)m
u
(31.19)
dove m
u
`e lunit`a di massa atomica (m
H
nella notazione usuale), A
i
`e il numero di
massa.
Per dati valori di T e e rapporto n
n
/n

, le relazioni precedenti possono essere


usate per costruire un sistema di due equazioni in n
Fe
e n

.
Supponiamo che il rapporto protoni/neutroni per unit`a di volume, Z/N, sia 13/15,
allora la condizione di equilibrio statistico impone che la materia vada al
56
Fe per
temperature non troppo elevate (in realt`a al
56
28
Ni che `e il pi` u stabile di tutti), e in
nuclei di
4
He per temperature elevate. Tuttavia, se assumiamo Z/N = 1, allora
a temperature relativamente basse
56
28
Ni `e il nucleo dominante in quanto fra tutti
i nuclei con Z = N esso possiede la maggior energia di legame per nucleone. Al
crescere della temperatura, lequilibrio si sposta dal
56
Ni a
54
Fe+2p e nalmente a
14
4
He.
Il rapporto Z/N al momento della foto-disintegrazione dipende dalla passata sto-
ria di decadimenti . In ogni caso, la condizione di equilibrio a basse temperature
richiede la formazione di nuclei del gruppo del Fe, mentre lequilibrio ad alte tem-
perature richiede il break-down in particelle , protoni e neutroni.
31.5. CONVEZIONE ED EQUILIBRIO IDROSTATICO 399
31.5 Convezione ed equilibrio idrostatico
Dobbiamo ora porci la domanda se la stella al momento del ash rimane in
equilibrio idrostatico e se la convezione possa trasportare tutta lenergia liberata
senza diventare fortemente super-adiabatica.
Nel caso del ash dellelio la stella `e rimasta in quasi equilibrio idrostatico in quanto
la convezione `e stata capace di trasportare tutta lenergia rilasciata dalle reazioni
(senza diventare troppo super-adiabatica).
La situazione `e diversa nel caso del carbonio dovuto al fatto che il bruciamento
avviene in un nucleo dove la degenerazione `e pressoch`e assoluta e su una scala di
tempo molto breve (pochi millisecondi).
Al ash del carbonio, vengono raggiunte temperature cos` elevate da permettere
anche il bruciamento di elementi come lossigeno con ulteriore liberazione di energia.
Ne segue che in un tempo brevissimo viene raggiunta la condizione di equilibrio
statistico nucleare tra Fe e . La degenerazione viene rimossa ed la regione pi` u
interna del nucleo incomincia ad espandersi.
La scala di tempo in cui ci`o avviene pu`o essere valutata come il rapporto

T/T

CC
/U, dove U `e lenergia interna per unit`a di massa

=
T

T
=
c
p
T

CC
(31.20)
Le altre regioni del nucleo reagiscono allespansione del centro sulla scala di tempo
della condizione di equilibrio idrostatico cio`e il tempo
hydr

hydr
(G)
1/2
(31.21)
Se

/
hydr
>> 1 il nucleo risponde alla espansione centrale in modo tale da preser-
vare (quasi) lequilibrio idrostatico.
Se invece

/
hydr
<< 1 allora gli strati pi` u esterni del nucleo non possono reagire
con rapidit`a adeguata. Un fronte di compressione indotto dalla espansione della
sfera pi` u interna si propaga verso lesterno alla velocit`a del suono. Se la spinta
della sfera in espansione `e sucientemente robusta pu`o instaurarsi unonda di shock
propagantesi verso lesterno.
In concomitanza al ash, nasce un nucleo convettivo centrale, il quale ha due eetti:
una parte dellenergia `e trasportata altrove riducendo lintensit`a del ash, nuovo
combustibile `e portato al centro verso il ash cos` aumentandone lecienza. Il
400 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
tempo scala associato alla convezione `e dellordine
con
/v /v
s
con v
s
la
velocit`a locale del suono e la lunghezza di mescolamento.
Se

/
con
>> 1 la convezione porter`a via tutta lenergia nucleare liberata, il con-
trario se

/
con
<< 1.
Nella realt`a i tempi scala
hydr
e
con
sono molto brevi: a densit`a di circa 10
8
g cm
3

hydr
= 0.1 s e
con
e dello stesso ordine, ma

pu`o essere anche 10


6
s.
Pertanto sia

/
hydr
<< 1 che

/
con
<< 1. Questo signica che il mantenimento
dellequilibrio idrostatico non `e possibile, per cui unonda di compressione si propaga
verso lesterno, e la convezione non `e capace di ridistribuire il surplus di energia verso
lesterno.
31.6 Fronti di combustione
Una delle caratteristiche del ash del carbonio `e la formazione di un fronte di
combustione di spessore praticamente nullo che si propaga attraverso la stella.
La ragione sta nellestrema piccolezza del tempo

caratteristico del bruciamento.


Iniziato il ash in una regione qualunque, il bruciamento nucleare `e completato prima
che le regioni vicine abbiano il tempo di reagire adeguandosi alla nuova condizione.
Solamente dopo gli strati vicini si riscaldano alla temperatura di combustione. Ci`o
d`a origine ad un fronte di combustione che si propaga verso lesterno.
La propagazione pu`o avvenire in due modi. Abbiamo visto che pu`o generarsi unonda
durto. A causa di ci`o, la materia attraversa la discontinuit`a con velocit`a superson-
ica, si comprime e si riscalda.
Detonazione. Se questo `e suciente ad innescare il bruciamento allora il fronte
di combustione coincide con il fronte dellonda durto. In tale caso si dice che si
propaga un fronte di detonazione.
Deagrazione. Se la compressione nellonda durto non d`a inizio alla combustione,
allora la temperatura di ignizione viene raggiunta grazie al trasporto dellenergia
per convezione e/o conduzione. In tal caso il fronte di combustione si propaga
con velocit`a inferiore a quella del suono e contiene una discontinuit`a in pressione e
densit`a. Esso viene pertanto chiamato fronte di deagrazione.
Ovviamente la velocit`a del fronte di deagrazione dipende dalla ecienza della con-
vezione (e/o conduzione) e dalla dierenza di temperatura tra il fronte di dea-
grazione e il materiale davanti a questa.
In entrambi i casi la deviazione dallequilibrio idrostatico `e connata in una shell
sottile attraverso la quale la pressione `e discontinua e dove viene liberata lenergia
31.6. FRONTI DI COMBUSTIONE 401
nucleare. La quantit`a di moto della materia che si avvicina ad un fronte di deton-
azione in maniera super-sonica `e bilanciata dalla maggior pressione dietro il fronte.
la quantit`a di moto della materia che si avvicina ad fronte di deagrazione in maniera
sub-sonica `e bilanciata dal rinculo della materia che si allontana da questo dietro il
fronte.
La descrizione teorica del fenomeno si basa sulle leggi di conservazione della massa,
momento, ed energia della materia che passa attraverso la discontinuit`a. A dierenza
del caso delle normali onde durto, si deve tenere conto che la discontinuit`a `e anche
sede di liberazione di energia. Questo fa si che entrambe le soluzioni (detonazione
e/o deagrazione) siano possibili, mentre la teoria delle normali onde durto prevede
solo la soluzione in cui la densit`a di materia attraverso la discontinuit`a aumenti (si
veda lappendice).
In linea di principio sia deagrazione che detonazione possono avvenire. Quale
delle due si sviluppi concretamente dipende da dettagli del meccanismo di trasporto
dellenergia la cui discussione esula dai nostri scopi.
I calcoli dettagliati in letteratura preferiscono il meccanismo di deagrazione.
In generale si pensa che il nucleo sia distrutto dal ash del carbonio e la stella
dispersa. Una rozza stima delle condizioni anch`e ci`o avvenga `e la seguente. Sup-
poniamo che il nucleo sia completamente relativistico con
ad
= 4/3, lenergia totale
`e allora W = 0 o W 0. Ne segue che
[W[ = [E
g
+E
i
[ << [E
g
[ (31.22)
E
g
e E
i
sono lenergia gravitazionale ed interna. Lenergia gravitazionale `e
[E
g
[
3
2
GM
2
c
R
c
(31.23)
Prendendo M
c
= 0.7M

ed R
c
il raggio corrispondente di Nana Bianca R 2.210
9
cm si trova
[W[ << [E
g
[ 9 10
49
erg (31.24)
Daltra parte lenergia nucleare liberata dal bruciamento del carbonio `e
E
n
2.5 10
17
M
c
3.5 10
50
erg (31.25)
Il bruciamento del carbonio libera una quantit`a energia pi` u che suciente a disgre-
gare il nucleo (lintera stella).
402 CAPITOLO 31. DEFLAGRAZIONE-DETONAZIONE DEL CARBONIO
Capitolo 32
STELLE QUASI MASSICCE E
MASSICCE
32.1 Stelle Quasi Massicce
Sono denite quasi massicce quelle stelle che accendono e concludono il brucia-
mento del
12
C nel nucleo in condizioni di non degenerazione elettronica, ma diven-
tano fortemente degeneri nelle fasi immediatamente successive, cio`e a partire dalla
costruzione di un nucleo di
16
O+
22
Ne+
24
Mg, prodotti della reazione di bruciamento
del
12
C.
La massa minima del nucleo di
12
C +
16
O per l accensione del
12
C in un gas non
degenere (elettroni) `e di 1.06M

, a cui si fa corrispondere una massa iniziale di circa


8 9M

.
Levoluzione di queste stelle durante la fase di bruciamento dellidrogeno e dellelio
nel nucleo `e qualitativamente identica quella delle stelle di massa intermedia.
Durante le fasi successive a quelle del bruciamento dellelio nel nucleo, esse appaiono
come supergiganti rosse e possono subire leetto della perdita di massa per vento
stellare, il quale tuttavia non inuenza minimamente levoluzione delle regioni cen-
trali.
Questa categoria di stelle `e limitata superiormente dal valore minimo di massa al
di sopra della quale i vari passi nucleari no alla costruzione di un nucleo di Fe
avvengono essenzialmente in condizioni di non degenerazione elettronica.
Dopo lesaurimento del
12
C nel nucleo con modalit`a simili a quelle per il bruciamento
del
4
He, il bruciamento del
22
Ne non pu`o iniziare in quanto che la massa del nucleo
403
404 CAPITOLO 32. STELLE QUASI MASSICCE E MASSICCE
di
16
O +
22
Ne +
24
Mg allinterno della shell di
4
He non `e grande abbastanza. Il
nucleo si contrae gravitazionalmente diventando fortemente degenere. A causa della
perdita di energia per neutrini la temperatura centrale diminuisce.
La massa del nucleo lentamente cresce sotto lazione della doppia sorgente nucleare
in shell (
4
He e H) verso il limite di Chandrasekhar). Anche se il bruciamento del
4
He in shell costruisce uno stato di
12
C sopra il nucleo il bruciamento del
12
C in
shell non viene acceso in quanto la contrazione gravitazionale non `e suciente ad
aumentare la temperatura al valore richiesto.
Al crescere della densit`a centrale, gli elettroni liberi vengono catturati dai nuclei
di
22
Ne e
24
Mg. Il difetto di pressione generato dalla diminuzione del numero di
elettroni liberi causa un rapida contrazione del nucleo. Quando la densit`a `e circa
2.5 10
10
g cm
3
si ha laccensione esplosiva dellossigeno e conseguente brucia-
mento degli elementi no a formare la cosiddetta composizione chimica di equilibrio
nucleare statistico. Si vedr`a in seguito che i prodotti della nucleosintesi esplosiva
sono alquanto diversi da quelli formati in condizioni non esplosive. Questi elementi
favoriscono ulteriori catture di elettroni no ad iniziare il collasso vero e proprio del
nucleo centrale.
I modelli correnti indicano che si forma una esplosione di supernova (tipo II) con
modalit`a abbastanza simili a quelle che varranno per le stelle massicce. Viene for-
mata una stella di neutroni di circa 1.2M

, mentre il rimanente materiale viene


espulso nellesplosione di supernova che libera circa 2 10
51
ergs di energia.
32.2 Stelle Massicce
Stelle con massa circa maggiore di 12M

evolvono in maniera simile alle stelle


nei due intervalli inferiori sia durante la sequenza principale che il bruciamento
dellelio, con la dierenza che la massa contenuta nei nuclei convettivi `e maggiore,
la pressione di radiazione domina lequazione di stato e lopacit`a nellinterno `e quasi
esclusivamente data dallo scattering elettronico.
Se il bordo del nucleo convettivo `e ssato mediante la condizione
r
=
ad
, pres-
sione di radiazione ed opacit`a sono responsabili della comparsa della semi-convezione
dellidrogeno. Questo fenomeno `e simile alla semi-convezione durante la fase di bru-
ciamento dellelio in stelle di piccola massa.
Esso richiede una formulazione opportuna per determinare la dimensione del nucleo
convettivo diversa da quella usuale.
32.2. STELLE MASSICCE 405
Gli eetti della semi-convezione sono noti e risultano di marginale importanza. Tut-
tavia, se la condizione
r
=
ad
`e sostituita dal pi` u complesso fenomeno dell
overshooting, gli eetti (simili a quanto gi`a detto per le stelle di massa piccola ed
intermedia) sono di gran lunga pi` u rilevanti.
La caratteristica pi` u saliente dellevoluzione delle stelle massicce `e tuttavia la perdita
di massa per vento stellare che `e osservata in stelle luminose (massicce) di ogni tipo
spettrale quindi di ogni fase evolutiva, sequenza principale inclusa.
Infatti le osservazioni mostrano che le supergiganti OB hanno gli strati superciali
in espansione con velocit`a attorno a 2000 km sec
1
quindi maggiori della velocit`a
di fuga che `e di soli 600 km sec
1
.
Il meccanismo alla base del vento stellare `e la pressione di radiazione sugli ioni di
elementi pesanti quali il C e Si attraverso le righe risonanti e da cui per ripartizione
del momento con il rimanente gas laccelerazione del materiale a velocit`a maggiori
di quelle di fuga.
Il tasso di perdita di massa `e compreso fra 10
7
10
4
M

/anno ed aumenta
con la luminosit`a della stella anche se ad ogni data luminosit`a esiste una notevole
dispersione indicando che altri parametri sono in gioco.
Moderne compilazioni dei tassi di perdita di massa in funzione dei parametri stellari
fondamentali (luminosit`a e Te) permettono di tracciare nel diagramma H-R i luoghi
di tasso di perdita di massa costante. Questi sono mostrati in Figura 32.1 dove sono
state distinte le stelle supergiganti di ogni tipo spettrale dalle Wolf -Rayet, stelle al
carbonio e nuclei di nebulose planetarie (PN). Per confronto sono anche indicati i
tassi di perdita di massa per stelle RGB.
Fra le stelle dei primi tipi spettrali i tassi maggiori di perdita di massa sono osservati
nelle stelle Wolf-Rayet (WR), oggetti di alta luminosit`a con forti righe di emissione,
velocit`a del vento no a 3000 km sec
1
ed anomala composizione chimica.
Esse sono ripartite in diverse classi a seconda della composizione chimica superciale:
in tipo WNL quasi prive di H e ricche di N, in tipo WNE totalmente prive di H
e dominate da N, in tipo WC con totale assenza di H e dominate dal C, ed inne
in tipo WO con totale assenza di H e dominate da O. Anche le stelle supergiganti
K e M mostrano presenza di forti venti stellari con tassi di perdita di massa che
sono confrontabili con quelli delle stelle dei primi tipi spettrali di pari luminosit`a.
In questo caso il meccanismo di perdita di massa `e pi` u complesso in quanto il
materiale espulso ha due componenti (gas e polvere).
Considerando che il tempo di vita delle stelle con massa fra 15M

e 100M

`e
compreso fra 13 10
6
anni e 3 10
6
anni, si constata immediatamente che con
i tassi di perdita di massa in gioco, una stella massiccia pu`o perdere una frazione
signicativa della massa totale e quindi che la sua evoluzione sar`a dominata dalla
perdita di massa. Fortunatamente gli eetti maggiori si hanno sullinviluppo e quindi
sulla posizione nel diagramma H-R e sulle abbondanze superciali, mentre il nucleo
`e in pratica insensibile alla perdita di massa e pertanto le due regioni possono essere
trattate separatamente.
406 CAPITOLO 32. STELLE QUASI MASSICCE E MASSICCE
Figure 32.1:. Tassi di perdita di massa in stelle di diverso tipo spettrale e luminosit`a.
Tabella 32.1. Tipiche temperature, densit`a e tempi di vita di una 25 M

con
X=0.700 e Z=0.020.
Fase Temperatura Densit`a Durata
(kev) g cm
3
Idrogeno 5 5 7(e6) anni
Elio 20 7(e2) 5(e5) anni
Carbonio 80 2(e5) 6(e2) anni
Neon 150 4(e6) 1 anno
Ossigeno 200 1(e7) 6 mesi
Silicio 350 3(e8) 1 giorno
Collasso 600 3(e9) 10 secondi
Massimo Collasso 3000 1(e14) 2-3 millisecondi
Explosione 100-600 varia 1-10 secondi
32.2. STELLE MASSICCE 407
Tabella 32.2. Contenuto globale di elementi pesanti (in masse solari) in stelle
massicce allo stadio di pre-supernova.
M/M

12
C
16
O
20
Ne
24
Mg
28
Si
32
S
36
Ar
40
Ca
12 0.070 0.460 0.040 0.039 0.220 0.088 0.016 0.026
15 0.130 0.500 0.034 0.012 0.220 0.230 0.059 0.054
20 0.210 1.600 0.058 0.023 0.340 0.220 0.043 0.022
25 0.260 3.100 0.150 0.110 0.370 0.230 0.054 0.037
35 0.300 6.400 0.900 0.160 1.100 0.840 0.180 0.200
50 0.310 12.000 0.780 0.660 2.100 1.500 0.450 0.230
100 0.780 30.000 1.500 1.200 3.300 1.800 0.310 0.270
32.2.1 Evoluzione del Nucleo
Dopo lesaurimento dell idrogeno nel centro, la stella `e costituita da un nucleo
radiativo di He di opportune dimensioni (crescenti con la massa totale), da una shell
bruciante H, talvolta da una shell convettiva intermedia e da un inviluppo esterno.
Il gas nelle regioni interne non `e degenere. Il nucleo `e in contrazione e quando viene
raggiunta la temperatura di circa 10
8
K si ha l accensione dellelio e la comparsa
della convezione centrale che si estende no ad una certa frazione del nucleo di He.
Esaurito lelio nel nucleo convettivo centrale, il nucleo di
12
C +
16
O si contrae e si
riscalda determinando laccensione dellelio in una shell e quando la temperatura
centrale ha raggiunto circa 9 10
8
K si ha l accensione del carbonio, ricomparsa
della convezione centrale e cos` via per i successivi bruciamenti.
Alla ne del bruciamento del
12
C la struttura chimica della stella `e molto complessa,
di cui il caso della 20M

mostrato in Figura 32.2 costituisce un tipico esempio.


I successivi bruciamenti avvengono a temperature via via pi` u elevate: il neon brucia
a circa 1.75 10
9
K, lossigeno a 2.3 10
9
K, il silicio a 4 10
9
K. In tal modo
viene costruito un nucleo di Fe+Ni di circa 1.5M

circondato da strati successivi


ricchi in Si, O, C e He in ognuno dei quali `e attiva una shell bruciante il combustibile
nucleare disponibile e sopra la quale `e presente una sottile regione convettiva. La
struttura tipica delle stelle in queste fasi `e mostrata in Figura 32.3.
Alla ne della sequenza di bruciamenti la temperatura e la densit`a centrali raggiun-
gono valori molto elevati quali 7 10
9
K e 1 10
8
g cm
3
rispettivamente (si veda
408 CAPITOLO 32. STELLE QUASI MASSICCE E MASSICCE
Figure 32.2:. Struttura chimica di una stella di 20M

durante la sua evoluzione


con perdita di massa.
Figure 32.3:. Illustrazione schematica non in scala della struttura interna di una
stella massiccia che ha sviluppato la straticazione a cipolla.
32.2. STELLE MASSICCE 409
Figure 32.4:. Struttura termodinamica e chimica di una stella di 25M

alla ne
della sequenza nucleare.
il caso della 25M

in Figura 32.4). I tempi di vita delle varie fasi nucleari vanno da


alcuni milioni di anni a circa un giorno (Tabella 32.1).
A partire dal bruciamento del carbonio le perdite di energia per neutrini dalle regioni
centrali diventano sempre pi` u importanti e nelle stesse regioni il gas diventa sempre
pi` u degenere nella componente elettronica.
Questi due fenomeni sono responsabili del fatto che tutte le stelle massicce svilup-
pano un nucleo di Fe+Ni avente la stessa massa indipendentemente dalla massa
iniziale della stella.
I tempi evolutivi coinvolti nei vari stadi di bruciamento nucleare sono cos` brevi e il
contrasto di densit`a fra parte centrale ed inviluppo `e tale che esso non risponde ai
cambiamenti che avvengono nellinterno.
La sequenza di bruciamenti nucleari che ha costruito il nucleo di Fe+Ni nel centro
non pu`o proseguire ulteriormente. Infatti questi elementi sono stati sintetizzati con
un rilascio netto di energia di 8 10
18
erg per grammo di H convertito in Fe+Ni.
La costruzione di elementi piu pesanti di Fe non `e pi` u eso-energetica (Fe infatti ha
la massima energia di legame per nucleone) e pertanto richiederebbe la fornitura di
energia da parte del sistema, inoltre le barriere coulombiane nelle possibili reazioni
410 CAPITOLO 32. STELLE QUASI MASSICCE E MASSICCE
fra nuclei per la sintesi di elementi pi` u pesanti diventano molto elevate. La struttura
chimica e sica di una stella massiccia a questo stadio di evoluzione e schematizzato
in Figura 32.4 per il caso della 25M

.
Al contrario si ha linstaurasi della foto dissociazione del ferro. Infatti la temperatura
e quindi le energie medie dei fotoni del campo di radiazione sono tali che i fotoni
possono reagire con i nuclei di Fe dissociandoli in nuclei di
4
He (particelle ), protoni
e neutroni (Figura 32.4). Questo processo richiede una quantit`a di energia che
essenzialmente proviene dallenergia termica del gas.
La dissociazione del Fe in particelle , protoni e neutroni, assorbendo energia, fa
si che la la pressione non salga a sucienza per compensare la crescente forza
gravitazionale di contrazione ed il nucleo di Fe+Ni inizi il collasso gravitazionale
(lesponente adiabatico
1
diventa minore di 4/3). Su una scala di tempo di sec-
ondi, la densit`a centrale sale a 10
14
g cm
3
e la temperatura a 3 10
10
K.
Al crescere della densit`a gli elettroni liberi vengono catturati dai nuclei, riducendo
ulteriormente la pressione elettronica e accelerando il collasso. Si raggiunge il punto
in cui la materia `e essenzialmente costituita da neutroni liberi.
Quando la densit`a ha raggiunto un valore suciente elevato i neutroni degenerano e
di conseguenza la pressione aumenta rapidamente al punto tale da fermare il collasso.
A questo momento una frazione notevole (circa 1.4M

) del nucleo originario di


Fe+Ni `e collassata ad una dimensione di circa 10
6
cm e ha formato una stella di
neutroni in quasi equilibrio idrostatico.
Alla supercie del nocciolo neutronico si forma unonda durto attraverso la quale
il materiale in caduta dalle parti pi` u esterne della stella (essenzialmente la regione
corrispondente al nucleo di He iniziale) viene decelerato.
Come la stella evolva dopo il collasso del nucleo `e ancora uno dei problemi pi` u
interessanti in astrosica. La domanda principale a cui manca ancora una risposta
univoca `e se parte della energia gravitazionale liberata dal collasso possa essere
trasferita agli strati sovrastanti e dar luogo ad una esplosione di supernova.
I modelli attuali mostrano che ci`o `e possibile e che londa di shock viene propagata
attraverso la stella in questo aiutata dai neutrini, i quali a causa dellalta densit`a
depositano parte dellenergia e momento nelle parti pi` u esterne del nucleo.
Assumendo che londa durto si propaghi allesterno, essa passa attraverso le varie
shell chimiche e nucleari aumentandone la temperatura e provocando ulteriori pro-
cessi nucleari che si estendono ad una grande variet`a di elementi no a quelli del
gruppo del Fe.
32.2. STELLE MASSICCE 411
Figure 32.5:. Struttura chimica della 25 M

prima del passaggio dellonda di com-


bustione (sopra) e dopo il passaggio dellonda di combustione (sotto) che determina
la nucleosintesi esplosiva.
La struttura chimica della stella esistente allo stadio di pre-supernova (Figura 32.4
e Tabella 32.2) viene ulteriormente modicata (Figura 32.5).
Gli strati esterni al nucleo originale di Fe+Ni vengono accelerati a velocit`a maggiori
di quelle di fuga. Quando londa durto raggiunge la supercie della stella (che
come vedremo in seguito pu`o essere o una supergigante rossa o una stella blu) il
materiale viene accelerato a circa 10.000 Km sec
1
, mentre gli strati un poco pi` u
interni raggiungono velocit`a lievemente inferiori.
Luminosit`a, velocit`a, T
eff
in funzione del tempo ottenute dai calcoli di esplosione
di supernova si accordano molto bene con le supernove di tipo II. Le osservazioni
indicano energie totali di esplosione dellordine di 10
51
erg. La Nebulosa del Granchio
(Crab Nebula), attuale resto di supernova, `e consistente con questa energia e con
velocit`a di espansione di 10.000 Km sec
1
. Ulteriore conferma alla teoria viene
dal confronto dei calcoli di abbondanze relative degli elementi compresi fra ossigeno
e ferro e le osservazioni delle stesse nei resti di supernova. Per una tipica stella di
25M

, le abbondanze nali si accordano molto bene con quelle osservate nel sistema
solare.
Dopo lesplosione della supernova, rimane una stella di neutroni con massa inferiore
ad una certa massa critica, correntemente assunta uguale a 1.4M

(massa massima
sopportabile da una struttura di neutroni totalmente degenere).
412