Sei sulla pagina 1di 58

Bovio Libero

Figlio di un filosofo con ideologie repubblicane (da qui il suo nome) e di una brava pianista, Libero Bovio nacque l'8 Giugno 1883 a Napoli. Anche se frequentava i corsi universitari di Medicina non arriv mai alla laurea perch appassionato di teatro in lingua. Infatti la sua prima realizzazione risale al 1902, appena diciannovenne. Morto il padre fu esortato a trovarsi un impiego che gli consentisse il sostentamento. Prima in un quotidiano locale (Don marzio) poi al Museo Nazionale di Napoli fino a diventare direttore dell'Ufficio Esportazioni, lavori che gli consentiranno di scrivere molto. Gode di una popolarit strepitosa e gli aneddoti raccontano delle scene di vero e proprio entusiasmo al suo passaggio per le strade della citt. Con la sigaretta sempre tra le labbra diventa ben presto uno dei pi grandi personaggi della Napoli d'inizio secolo. Amore, gioia e dolore si alternano continuamente nella sua produzione e nella sua vita. Sempre pronto alle battute, in possesso di una grande comunicabilit rappresenta a lungo uno stimolante interlocutore nei salotti di una Napoli alla ricerca della sua identit. Grandissima la variet dei temi, trattati sempre con immediatezza popolaresca, anche nelle

poesie non destinate alla musica. Perch, se vero che si ricorda come autore di versi intramontabili, anche vero che fu poeta che, pur scrivendo in vernacolo, evidenzi condizioni e temi comuni ai grandi poeti del decadentismo italiano ed europeo. La sua poesia, "Vespero", ad esempio, fondata ed occupata dal tema della solitudine, il quale si ritrova, com' noto, nei poeti del nostro Novecento con le stesse connotazioni connesse alla contemplazione stupita del paesaggio, alla fugacit della vita e alla ricerca fanciullesca del linguaggio della natura. Fu giornalista, autore di teatro e novelliere. I titoli, molti e tutti indimenticabili, sono: "Passione", "Silenzio cantatore", "Chiove", "Guapparia", "Signorinella". I musicisti furono i maestri Gaetano Lama, Nicola Valente, E. Nardella, E. de Curtis, Rodolfo Falvo, etc. Nella canzone napoletana Bovio invent anche il genere drammatico. Si racconta che un giorno Libero Bovio, nella sede della casa musicale "La canzonetta" di Francesco Feola, seduto alla scrivania, leggeva a Mario Spera, direttore della rivista omonima, una sua nuova lirica. Entra un gerarchetto fascista, inviato dal federale per informare il poeta che era arrivato Edmondo Rossoni, un alto esponente del partito, il quale desiderava vederlo; avanza fino alla scrivania e pronunzia con molto sussiego il suo nome preceduto dal grado. Bovio, che vuole terminare la lettura della poesia, gli dice : "Pigliatevi una sedia". Il gerarchetto, con tono

offeso, dice: "Non avete capito chi sono?" E ripete il proprio nome e grado. E Bovio senza alzare la testa: "Ah!... Allora pigliatevi ddoi segge!". Grazie a compagnie di prosa far del resto conoscere a tutta l'Italia la sua personale inesauribile vena poetica cos come quella dell'intera citt. Poi, costretto da una malattia a rinchiudersi in casa, come definitivo poetico atto d'amore dedica alla sua compagna il suo ultimo canto: Addio Maria. A raccogliere l'eredit il figlio Aldo, giornalista de "Il Mattino" ed autore oltre che di canzoni e sceneggiature di colonne sonore. Organizzatore e regista da molti anni rappresenta il polo di numerose manifestazioni artistiche della citt. carul Carul; 'A canzone 'e Napule; Nun volio fa niente; Sona chitarra; Tarantella luciana; Carufanella; Guapparia; Nonna nonna; Tu ca nun chiagne; Fron' 'e cerase; Regginella; Ncoppa 'a ll'onna; Brinneso; Silenzio cantatore; Chiove; Lacreme napulitane; 'O paese d'0 'o sole; Tarantella scugnizza; Zappatore; Guappo song'io; Passione. Ettore de Mura - Enciclopedia della Canzone Napoletana Casa Editrice IL TORCHIO, Napoli 1969

Aldo Bovio 2.128 KB LIBERO BOVIO Libero Bovio non fu solo un grande poeta: fu il pi grande poeta della canzone napoletana. Se Salvatore Di Giacomo - sempre concentrato su se stesso - scrisse versi ch'erano gi musica, difficili da rivestire di note, il pi generoso Bovio verg rime altissime eppure ben adatte a favorire il lavoro del compositore. Ecco il segreto dell'armonia. Il talento di Bovio spunt all'inizio del Novecento e alla fine del ventennio d'oro della canzone, quando si dava per morta questa straordinaria espressione di arte popolare. Salv la canzone, la tenne in vita, la riform. Fu uno dei tanti modi in cui onor la lezione del padre Giovanni, filosofo della democrazia ed esempio perduto di moralit nella vita pubblica e privata. Il suo genio lirico e ironico, straripante e pudico, domin su un ambiente gonfio di retorica, grondante lacrime. Sua una frase meravigliosa: "L'aggettivo il solo responsabile

di tutte le nefandezze umane". Avendo avuto il dono di farsi capire e di farsi amare dal popolo, riusc ad abbinare chiarezza e cultura: un democratico, come il padre. Lligi Pirandello scrisse alla moglie di Bovio, Maria, che Silenzio cantatore valeva quanto i suoi Sei personaggi in cerca d'autore. Napoli non ha reso a Bovio altrettanto onore, ma lui se l'aspettava: "Napoli tutto tollera e perdona tranne l'ingegno" annot, beffardo. L'immerse senza paura negli umori della citt e li sorvol. Al tempo della guerra, pur senza diserzioni, in 'A guerra e Canzone 'e surdate cant la vera faccia del fronte: lutti e dolore. Al tempo degli emigranti, quando tutti cantavano di lontane nostalgie, lui diede invece corpo alla sofferenza e all'ingiustizia: I'so' carne 'e maciello: so' emigrante poet in Lacreme napulitane. Perfezionista, sceglieva i musicisti e i cantanti delle sue canzoni. Dopo, troppi gli hanno fatto torto, interpretando ad esempio con un sorriso Guapparia, che all'opposto il dramma di un uomo e di un ambiente. Troppi hanno ritenuto Zappatore soltanto una sceneggiata, mentre, all'opposto, la denuncia, in tre minuti, della fine del mondo contadino, la folgorante percezione dell'affiorante egoismo - del consumismo - da cui sono avvolti i nostri giorni. "Per fare una buona canzone nce vo' nu fatto dinto" diceva, ma la concretezza dell'ispirazione mai fren la limpidezza di una

vena straordinariamente ampia. Fu tra i creatori della canzone italiana, Reginella, Signorinella. Dimostr possibile far teatro napoletano d'arte senza risate sguaiate o singhiozzi impudichi. Scrisse epigrammi strepitosi. Tutta la sua vita, tutta la sua arte, fu leggerezza. Prendete un episodio minimo, la corte fattagli dall'attrice Dirce Marella. A un biglietto della signora - "Inseguimi, sono l'ombra" - rispose "Non posso, tengo i calli": era il modo di sdrammatizzare un rifiuto, perfino elegante nell'apparente prosaicit. Uq l salotto di via Duomo il figlio Aldo conserva linee di un pentagramma di Pietro Mascagni che, al pianoforte di casa, abbozz un inno al lavoro e chiese a Bovio di apporvi versi. Don Liberato scrisse: "O lavoratore, sii benedetto / quanno te stienne 'ncoppa a nu lietto". Due versi, una lezione di solidariet per chi fatica, svestita di ogni retorica. Grande, grandissimo. Pietro Gargano ------------------------------------------------------

'A CANZONE 'E NAPULE Me ne vogl' all'America 'ca sta luntana assaje, me ne vogl' addo maje te pozzo 'ncuntr "cchhi.

Me voglio scurd 'o cielo, tutte 'e "ccanzone e 'o mare, me voglio scurd 'e Napule, me voglio scurd 'e mammema, me voglio scurd 'e te ! Nun voglio "cchi nutizie d'amice de pariente, nun voglio sap niente 'e chello ca se fa. Me voglio scurd 'o cielo, tutte 'e "ccanzone e 'o mare, me voglio scurd 'e Napule, me voglio scurd 'e mammema, me voglio scurd 'e te ! Ma quanto bella Napule, Napule bella assaje ... nun l'aggia visto maje "cchi bella 'e comm'a "mm ! Comme me scordo 'o cielo ? Tutt'e "ccanzone e 'o mare ? Comme me scordo 'e Napule ? Comme me scordo 'e mammema ? Comme me scordo 'e te ? ... LUNA ROSSA Vian - De Crescenzo

Vaco distrattamente abbandunato... Ll'uocchie sott''o cappiello annascunnute, mane 'int''a sacca e bvero aizato... Vaco siscanno stelle ca s' asciute... Fischio......................... E 'a luna rossa mme parla 'e te, Io lle domando si aspiette a me, e mme risponne: "Si 'o vvu' sap, cc nun ce sta nisciuna..." E i' chiammo 'o nomme pe' te ved, ma, tutt''a gente ca parla 'e te, risponne: "E' tarde che vu' sap?! Cc nun ce sta nisciuna!..." Luna rossa, chi mme sarr sincera? Luna rossa, se n' ghiuta ll'ata sera senza mme ved... E io dico ancora ch'aspetta a me, for''o barcone stanott' ttre, e prega 'e Sante pe' mme ved... Ma nun ce sta nisciuna... Mille e cchi appuntamente aggio tenuto... Tante e cchi sigarette aggio appicciato... Tanta tazze 'e caf mme s' bevuto... Mille vucchelle amare aggio vasato....

Fischio......................... E 'a luna rossa mme parla 'e te, ................................................... Mangione - Valente Vaco truvanno na casciaforte! E andivinate pe' ne f che? Non tengo titoli, non vivo 'e rendita, non ci ho un vestito pe' cuollo a me!... Ma 'a cascia mi necessita... Pe' forza ll'aggi''a ten! Ce aggi''a mettere tutt''e llettere che mi ha scritto Rosina mia... nu ritratto (formato visita) d''a bonanema 'e zi' Sufia... nu cierro 'e capille, nu cuorno 'e curallo... ed il becco del pappagallo che noi perdemmo nel ventitr... Pe-re-pe-re-pe-re-ppe-r.... Sono ricordi che in cassaforte, sulo ll dinto t''e ppu' astip... Quando mi privano del companatico,

io 'ngtto e zitto senza sferr... Lo so! La vita tragica, ma 'a cascia...mme ll'hann''a d! Ce aggi''a mettere tutt''e llettere che mi ha scritto Rosina mia... Il mozzone di una sterica (conficcato nella bugia), na bambola 'e Miccio, na lente in astuccio... e una coda di cavalluccio che mi ricorda la meglio et! Pa-ra-pa-ra-pa-ra-ppa-r.... Vaco truvanno na casciaforte! Ma a qua' casciere ce 'o vvaco a d?... Certe reliquie, cierti cimeli, si 'e ttiene 'a fore, pnno spar!... San Casimiro martire... 'sta cascia, famm''a ven! Ce aggi''a mettere tutt''e llettere che mm'ha scritto Rosina mia, na cartella (di lire dodici) rilasciata dall'agenza... Na mneca 'e sicchio, na crstula 'e specchio, na corteccia di cacio vecchio

e un fracchesciasso color cak! Pi-ri-pi-ri-pi-ri-ppi-r....

AGATA! Pisano - Cioffi Io mme metto 'o steccadente in bocca pe' nun fum... Nun ce veco e nun mm'accatto 'e llente pe' sparagn... Vivo solo col mensile d'impiegato comunale, spacco 'a lira, spacco 'o soldo, spacco pure 'o "duje cent'"... e tu invece te la intendi col padrone di un caff?! Agata! Tu mi capisci! Agata! Tu mi tradisci! Agata! Guarda! Stupisci... Ch' ridotto quest'uomo per te! Mm'accattaje nu cappelluccio tuosto tre anne fa... E, 'a tre anne, 'o tengo sempe 'ncapa... Nun c' che f...

Stu vestito grigio scuro, s' cambiato di colore... Mo s' fatto verde chiaro: Era n'abito 'e pap... E mm'ha ditto 'o cusetore: "Nun 'o pzzo arrevut: ll'aggio troppo arrevutato... Ve cunziglio d''o jett...." Agata! Tu mi capisci! Ho ridotto il pasto giornaliero, sempre per te... 'A matina, nu bicchiere d'acqua... senza caf! Vngo casa e nun te trovo, 'o purtiere tene 'a chiave: - Dov' andata? - A' sala 'e ballo! Mi commuovo...e penzo che te facive 'a partetella, tutt''e ssere, 'nziem'a me... Mo mme faccio...'o sulitario, guardo in cielo e penzo a te! Agata! Tu mi capisci! ....................... CICCIO

FORMAGGIO Pisano - Cioffi Te 'ncuntraje, te parlaje e m'innamorai di te... Mme guardaste, mme diciste: "Mi piacete pure a me..." Ma tutt''o bbene ca h ditto sempe 'e mme vul, na busca ch' asciuta 'ncopp''o naso a te... Si mme vulisse bene overamente, nun mme facisse 'ncujet da 'a gente, nun mme tagliasse 'e pizze d''a paglietta, nun mme mettisse 'a vrnna 'int''a giacchetta... Si mme vulisse bene, o mia Luisa, nun mme rumpisse 'o cuollo d''a cammisa... Si' na 'nf'...si' na 'nf'...si' na 'nfama... Te n'ab'...te n'ab'...te n'abuse... te n'abuse ca Ciccio Formaggio, nun tene 'o curaggio nemmeno 'e parl! Si sapisse, si vedisse, dint''o core mio che nc'! Cumpatisse... Mme dicisse: "Puveriello...ma pecch?"

Ma 'ncopp''o core tu nce tiene 'e pile 'o ss' ca nu barbiere nun ce abbasta p''e ttagli!... Si mme vulisse bene overamente, nun mme facisse 'ncujet da 'a gente... Nun mme tirasse 'e pile 'a dint''e rrecchie, nun mme mettisse 'o dito dint'a ll'uocchie, nun mme mettisse 'a neve dint''a sacca, nun mme squagliasse 'ncapa 'a ceralacca! Si' na 'nf'........ ......................... L'altro giorno, ma che scorno: Vengo a casa e trovo a te spettinata, abbracciata 'nziem'a n'ommo...Bh...ched ?! Mme rispunniste: "Chisto vene a te 'mpar comme se vasa quanno tu mm'h 'a spus..." Si mme vulisse bene overamente, nun mme facisse 'ncujet da 'a gente... Nun mme menasse 'e streppe 'e rafanielle, nun mme mettisse 'a quaglia 'int''o cappiello, nun mme facisse st, pe' n'ora sana, cu 'a pippa 'mmocca e cu 'a cannela 'mmano! Si mme vulisse bene overamente,

nun mme facisse 'ncujet da 'a gente... Nun mme pugnisse areto cu 'o spillone, nun mme mettisse 'a colla 'int''o cazone... Nun mme screvisse, cu nu piezzo 'e gesso, aret''o matin: "Cicc' si' fesso!" Si' na 'nf'........ DON RAFFAE' De Andr Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiero del carcere, oje n'... Io mi chiamo Cafiero Pasquale, sto a Poggioreale dal cinquantatr... e al centesimo catenaccio, alla sera, mi sento uno straccio... per fortuna che, al braccio speciale, c' un uomo geniale che parla con me! Tutto il giorno con quattro infamoni, briganti, papponi, cornuti e lacch... tutte ll'ore cu 'sta fetenza ca sputa minacce e s''a piglia cu me... Ma, alla fine, mm'assetto papale... mi sbottono e mi leggo 'o giurnale... mi consiglio con Don Raffa', mi spiega che pensa e bevimmo 'o ccaf! Ah! Che bellu ccaf!...

pure in carcere 'o ssanno f... cu 'a ricetta che, a Cicerenella, compagno di cella, ci ha dato mamm! Prima pagina: Venti notizie, ventuno ingiustizie...e lo Stato che fa? Si costerna, s'indigna, s'impegna... poi getta la spugna con gran dignit... Mi scervello e m'asciugo la fronte, per fortuna c' chi mi risponde! A quell'uomo sceltissimo, immenso, io chiedo consenso...a Don Raffa'! Un galantuomo che tiene sei figli, ha chiesto una casa e ci danno consigli!... Mentre 'assessore, che Dio lo perdoni, dentro a 'e rrulotte ci alleva i visoni! A voi basta una mossa, una voce, che a stu Cristo ce levano 'a croce... Con rispetto, s' fatto le tre: vulite 'a spremuta o vulite 'o ccaf?? Ah! Che bellu ccaf!... Pure in carcere 'o ssanno f, cu 'a ricetta che, a Cicerenella, compagno di cella, ci ha dato mamm... Ah! Che bellu ccaf!... Pure in carcere 'o ssanno f, cu 'a ricetta di Cicerenella,

compagno di cella... preciso a mamm! Cc ci sta l'inflazione, la svalutazione... e la borsa ce l'ha chi ce l'ha; io non tengo compendio ca chillu stipendio e un "ambo", se sogno a pap... Aggiungete mia figlia Innocenza: v' 'o marito e nun tene pacienza! Io non chiedo la grazia pe' me... Vi faccio la barba o la fate da s? Voi tenete un cappotto cammello che, al maxiprocesso, eravate 'o cchi bello... Un vestito gessato marrone... cos ci sembrato alla televisione. Pe' sti nnozze, vi prego Eccellenza, mm''e prestasse per fare presenza? Io gi tengo le scarpe e 'o gil... Gradite 'o Campari o vulite 'o ccaf? Ah! Che bellu ccaf!... pure in carcere 'o ssanno f, cu 'a ricetta che, a Cicerenella, compagno di cella, ci ha dato mamm... Ah, che bellu ccaf!... Pure in carcere 'o ssanno f, cu 'a ricetta di Cicerenella, compagno di cella... preciso a mamm!

Qui non c' pi decoro, le carceri d'oro? ma chi le ha mai viste...chi sa! cheste s' fatiscente...pe' chesto 'e fetiente se tengono ll'immunit... Don Raffa' voi, politicamente, io ve lo giuro, sarebbe nu santo... ma cc dinto vuje state a pag e, fore chist'ate se stanno a spass... A proposito, tengo nu frato che da quindici anni sta disoccupato... chill'ha fatto quaranta concorsi, novanta domande e duecento ricorsi... Voi che date conforto e lavoro, Eminenza, vi bacio e vi imploro: Chillo dorme cu mamma e cu me... Che crema d'Arabia ch' chestu ccaf! DOVE STA ZAZA ? Cutolo - Cioffi Era la festa di San Gennaro, quanta folla per la via... Con Zaz, compagna mia, me ne andai a passeggi. C'era la banda di Pignataro che suonava il "Parsifallo" e il maestro, sul piedistallo, ci faceva delizi...

Nel momento culminante del finale travolgente, 'mmiez'a tutta chella gente, se fumarono a Zaz!... Dove sta Zaz?! Uh, Madonna mia... Come fa Zaz, senza Isaia?... Pare, pare, Zaz, che t'ho perduta, ahim! Chi ha truvato a Zaz ca mm''a purtasse a me... Jmmola a truv... s, facciamo presto.. Jmmola a incontr con la banda in testa... Uh, Zaz! Uh, Zaz! Uh, Zaz! tuttuquante amm''a strill: Zaz, Zaz, Isaia sta cc! Isaia sta cc! Isaia sta cc!... Zaz, Zaz, za-za-za-za, comm'aggi 'a f pe' te truv?! I', senza te, nun pozzo st... Zaz, Zaz, za-za-za-za....

Za-za-za-za-za-za-z... Era la festa di San Gennaro, ll'anno appresso cante e suone... bancarelle e prucessione... chi se p dimentic!? C'era la banda di Pignataro, centinaia di bancarelle di torrone e di nocelle che facevano 'ncant. Come allora quel viavai, ritorn per quella via... Ritorn pure Isaia, sempre in cerca di Zaz... Dove sta Zaz? Uh! Madonna mia... Come fa Zaz, senza Isaia? Pare pare, Zaz che t'ho perduta, ahim! Chi ha truvato a Zaz, ca mm''a purtasse a me... Se non trover lei, ch' tanto bella, mm'accontenter 'e trov 'a sorella... T'amer, t'amer, t'amer,

pure a lei glielo dir che t'amer: T'amer, Zaz! T'amer, Zaz! T'amer, Zaz! Zaz, Zaz, za-za-za-za... che t'amer ll'aggi''a cunt... Con tua sorella aggi''a sfug... Zaz, Zaz, za-za-za-za... Zaz, Zaz, za-za-za-za... comm'aggi''a f pe' te truv?! I', senza te, nun pzzo st! Zaz, Zaz, za-za-za-za-za... Za-za-za-za-za-za-z...

E NON STA BENE Pisano - Cioffi Bella, cu ll'uocchie belle, cu 'a faccia bella na stella si'... Tu, cu sti ppnte 'e stelle, mi pungi il cuore:

mi fai mor! Avevam''a spus p''a fin''o mese... ma tu dicesti: "Mo tengo da fare lo sai che a Roccaraso devo andare... io s' nata pe' sci... che m'importa di spos!?" E non sta bene! Sei una vigliacca Mar', mi spacchi il cuore... ma fai cilecca Mar'! Io nun te faccio asc, te scasso 'e sci, te scasso 'e sci... Se tu resti con me, te compro 'e sci, te compro 'e sci... Si po' truove sc-sc, povera a te, povera a te: Io te scasso 'e sci, nun te compro 'e sci, e del tuo sc-sc, io me ne fregh! nfr! Pe' na sciata tu te pierde a me?

io mme ne trovo n'ata meglio 'e te... ti assicuro s, che se vai lass, certamente non ti sposo pi! nfr! Bocca... che bella bocca che tieni in bocca!... ma che ne fo'... quando cu 'a stessa bocca che tieni in bocca, mi hai detto: No!? Mi fai parlare solo come un pazzo... tu preferisce 'a neve e no stu...core che batte, pulsa e palpita d'amore... vuoi partire pe' sci e mi resti solo qua?! E non sta bene... ............................ Chiagne? Ma pecch chiagne? Nh, chella chiagne! che chiagne a f? Questo non mi stupisce, mi intenerisci pe' gh a sci!... T'h miso 'o cuppulone e 'e pantalone... 'e scarpe chiene 'e chiuove e 'a sciarpa 'e lana...

la donna che ripudia la sottana, non donna...sai cos'? E' una...ppera, quest'! E non sta bene! ......................... FATTE FA' 'A FOTO Pisano - Cioffi 'A che facimmo 'ammore tutt'e duje, nun aggio avuto nu ritratto tujo... Dice ca nun 'o tiene pe' mm''o d, ma i' tengo 'o mezzo pronto pe' t''o f: Mm'ho comprato una Kodak, ca 'un appena 'a tocco: Tac! gira 'a molla, fa nu scatto, e te caccia nu ritratto... T''a vu' f f na foto? T''a vu' f f na foto? Jammo, fattlla f, bellezza mia... Io metto a fuoco e...t! tu si' venuta gi... Fatte f 'a f'... fatte f 'a f'... fatte fotograf! Nuje ce vedimmo quase ogne mumento, ma chistu fatto nun mme fa cuntento.

'A notte, comme faccio a te ved, si nu ritratto nun 'o pzzo av? E perci cu 'sta Kodak, metto 'o dito e faccio...Tac! Chella vne ll pe' ll e mm''a vaco a svilupp... T''a vu' f f na foto?... ....................................... 'A primma ca te faje ce pruove gusto: Di faccia, di profilo...a mezzo busto... E va a fern ca po' mme dice a me: "Una non basta: me ne faccio tre!" E io st' pronto cu 'a Kodak, sempe pronto: Tac, tac!... Chillo 'o rollo luongo 'o ss'... Dimme: quante ne vu' f? T''a vu' f f na foto?... .......................................

GUAPPARIA Bovio - Falvo Scetteve, guagliune 'e malavita... ca 'ntussecosa assaje 'sta serenata: Io sngo 'o 'nnammurato 'e Margarita

Ch' 'a femmena cchi bella d''a 'Nfrascata! Ll'aggio purtato 'o capo cuncertino, p''o sfizio 'e mme f sntere 'e cant... Mm'aggio bevuto nu bicchiere 'e vino pecch, stanotte, 'a voglio 'ntussec... Scetteve guagliune 'e malavita!... E' accumparuta 'a luna a ll'intrasatto, pe' lle d 'o sfizio 'e mme ved distrutto... Pe' chello che 'sta fmmena mm'ha fatto, vurra ch''a luna se vestesse 'e lutto!... Quanno se ne venette parta mia, ero 'o cchi guappo 'e vascio Sanit... Mo, ch'aggio perzo tutt''a guappara, cacciatemmenne 'a dint''a suggit!... Scetteve guagliune 'e malavita!... Sunate, giuvin', vuttte 'e mmane, nun v'abbelite, ca st' buono 'e voce! I' mme fido 'e cant fino a dimane... e metto 'ncroce a chi...mm'ha miso 'ncroce... Pecch nun va cchi a tiempo 'o mandulino? Pecch 'a chitarra nun se fa sent? Ma comme? chiagne tutt''o cuncertino, add' ch'avess''a chiagnere sul'i'... Chignono sti guagliune 'e malavita!...

I DUE GEMELLI Pisano - Cioffi Tu si nata pe te mmaret, pecch si femmena... Io s nato pe mme spus a te... pecch s msculo... E mme llh 'a f pass chistu gulo: Io mme piglio a te, tu te piglie a me... tesoro mio... Io benedico a mmmeta, ca se spusaje a pteto, e te facette nascere pe f felice a me... E voglio duje gemelle belle, belle, belle, belle... 'o maschio e 'a femmenella belle, belle, belle, belle... 'A nennlla tale e quale a te... 'O nennillo tale e quale a me... Na figlila bella comma te, nun p cchi nascere... 'Mmieza tutte bbelle saje che si? 'A meglia 'e Napule! Pirci famme pass 'sta pecundra, jammo, dice si...

nun mme f mur, sciascina mia... Io benedico a mmmeta ....................................... Chesto to ddicevo nanno fa... mo si muglierema... E si nata pe mme f schiatt... 'nfamna 'e femmena! Ma si mme piglia 'ncapa 'a pazzara io te sciacco a te... o tu sciacche a me... parola mia... Io strafucasse a mmmeta ca se spusaje a pteto e te facette nascere pe f infelice a me... Mmh fatto duje gemelle belle, belle, belle, belle... 'O maschio e 'a femmenella belle, belle, belle, belle... 'O guaglione, brutto comma che! 'A guagliona, cchi carogna 'e te! Finale: Ma comme io dico: pteto, se va a 'ncuntr cu mammeta... Se sposano e cumbinano stu ddiece 'e guajo a me?!...

Mmh fatto duje gemelle belle, belle, belle, belle... ..........................................

INDIFFERENTEMMENTE U. Martucci - S. Mazzocco Tramonta 'a luna... e nuje, pe' recit ll'rdema scena, restammo mane e mane, senza ten 'o curaggio 'e ce guard... Famme chello che vu' indifferentemente, tanto 'o ssaccio che s': pe' te nun s' cchi niente!... E damme stu veleno, nun aspett dimane... ca, indifferentemente, si tu mm'accide nun te dico niente. E ride pure, mentre mme scippe 'a pietto chistu core!?... Nun sento cchi dulore e nun tengo cchi lacreme pe' te... Famme chello che vu' ......................................

Finale: ...e indifferentemente io perdo a te!...

LA PANSE Pisano - Cioffi Ogni giorno cambi un fiore e lo appunti in petto a te... Stamattina, sul tuo cuore, ci hai mettuto una pans... E perch ce l'hai mettuta? se nun sbaglio l'ho capito... Mi vuoi dire, o bella fata, che tu pensi sempro a me... Ah!.... Che bella pans che tieni, che bella pans che hai... me la dai? me la dai? me la dai la tua pans? Io ne tengo un'altra in petto e le unisco tutt'e due: Pans mia e pans tua... in ricordo del nostro amor! Questo sciore avvellotato, tanto caro io lo terr... Quando si sar ammosciato, io me lo conserver....

Ci ha tre petali, tesoro, e ogneduno ci ha un pensiero... sono petali a colori: uno giallo e due marr... Ah!... Che bella pans che tieni... ............................................ Tu sei come una fraffalla che svolacchia intorno a me... Poi ti appuoi sulla mia spalla con il pietto e la pans... Io divento un mammalucco, poi ti vaso sulla bocca e mi sembra un tricchi-tracco questo vaso che do a te! Ah!... che bella pans che tieni... ...........................................

MARE VERDE parole di G. Marotta

(musica Mazzocco)

Nonn campagna mare, mare verde: nu golfo derba, na scugliera e fronne, ca luntano se perde sott o cielo dest E pe stu mare verde senza fine, suonno d a vita mia, cchi carnale e gentile tu cammine cu mm Llombra te veste ma te spoglia o sole: sii ddoro comm o ggrano Tremmanno e passione tastregno sti mmane e o mare verde, ce ncanta e ce perde, abbraccite accuss II Nu bbosco dorme (*) e ccanta na surgente Sisca nu treno sott a na muntagna va sbarianno co viento, na palomma cc e ll

E pe stu mare verde senza fine, suonno d a vita mia, cchi carnale e gentile tu cammine cu mm Llombra te veste ma te spoglia o sole: sii ddoro comm o ggrano Tremmanno e passione tastregno sti mmane e o mare verde, ce ncanta e ce perde, abbraccite accuss Finale: E ce perdimmo pe stu mare verde Stu mare verde (*)versione cantata da Roberto Murolo

MARUZZELLA Bonagura - Carosone Oh! Chi sente? E chi mo canta appriesso a me? oh, pe' tramente s'affaccia 'a luna pe' ved! Pe' tutta 'sta marina 'a Prceda a Resna,

se dice: "Guarda ll, na femmena che fa!" Maruzzella, Maruzz'... t'h miso dint'a ll'uocchie 'o mare e mm'h miso 'mpiett'a me nu dispiacere... Stu core mme faje sbattere cchi forte 'e ll'onne quanno 'o cielo scuro... Primma me dice "s", po', doce doce, mme faje mur... Maruzzella, Maruzz'... Oh! Chi mm'ajuta? Si tu nun viene a mm'ajut? Oh, mm' venuta na voglia ardente 'e te vas. E vienetnne oje bella... e damme 'sta vucchella ca, pe' mm'avvelen, 'e zccaro se fa... Maruzzella, Maruzz'... ...................................... MM'AGGI''A CURA'

Pisano - Cioffi Mm'aggi''a cur...Mm'aggi''a cur: 'Mmiez'a 'sta capa, na cosa pesante pesante mme sento... Mi fermo qua...mi fermo l... e, a squarciagola, mi metto a contare da uno a trecento!... E' pazzo 'o '!... E' pazzo 'o '!... 'A gente dice: Fute, fu'!... Il viso del folle, l'ho fatto per te; il grugno del pazzo, lo tengo per te... Ho venduto trecento carrozze, ho venduto trecento palazzi... 'A faccia d''o pazzo... l'ho fatta per te! Comme mme pesa 'sta capa, nh! Comme mme pesa 'sta capa, nh! Aza! Ched ? Aza! Ched ? 'A capa mme pesa, gu!

Mm'aggi''a cur!...Mm'aggi''a cur! Oggi il dottore mi ha detto: "Mio caro, vuje state 'nguajato! Guardte qua...toccte qua..." E, aret''a capa, na specie 'e na palla 'e tennis ha truvato... E' tosta 'a '!... E' tosta 'a '!... Ah, comm' tosta 'sta palla 'e tenn... Il viso del folle l'ho fatto per te... 'A capa cu 'a palla 'a tengo pe' te! Ho venduto tre quadri e uno schizzo, quattro penne di struzzo e un arazzo... 'A faccia d''o pazzo... l'ho fatta per te! Comme mme pesa 'sta capa, nh! ....................................................... Mm'aggi''a cur...Mm'aggi''a cur! Ih, che mm'h fatto o donna perversa, bugiarda e spergiura!... Che pzzo f?...Che pzzo f? Se mi suicido, vedendomi morto,

mme metto paura! Mm'aggi''a spar! - Nun te spar!... 'A gente dice che meglio a camp. Il viso del folle l'ho fatto per te! Allora mo campo... ch' meglio pe' me! Mo mme magno na sarda e na pizza, na scamorza e na capa 'e merluzzo: 'O pranzo d''o pazzo... lo faccio per te! Comme mme pesa 'sta capa, nh! ....................................................... Finale: Ched ?!...Ched ?!... 'sta capa, 'sta capa, 'sta capa mme pesa a me!... 'O MALAMENTE Viviani E sissignore, mm'ha fatto piacere

che t'h truvato a n'atu 'nnammurato! Ma pe' favore, almeno 'int''o quartiere, nun f accap ca mm'h licenziato... si no t'aggi''a sfriggi... pe' dignit... Pe me, 'a prigione, comme fosse nu casino ca ce vaco a villeggi... Senza ragione, na carriera 'a malandrino, nun mm''a pzzo arruvin pe' f 'ammore cu te! I', dint'a niente, mme sceglio n'ata amante: Tengo a cinquanta femmene 'e riserva... C' l'avvenente, ce sta l'affascinante... e ognuna 'e chesta mme facesse 'a serva, p''o sfizio 'e se ved vicino a me... Sciurillo giallo, ch'aggi''a f si sngo bello? Te ne vaje? Peggio pe' te! Vutanno 'e spalle, doppo n'uocchio a zennariello, vide 'e ffemmene 'e cad comm''e ccarte 'a juc! Mo, per favore, mi devi ritornare

'o fazzuletto 'e seta: sta tre lire. Certo, un signore non se lo fa ridare... ma io mm''o piglio poi per non sentire: "Ll'oggette comme va, nun s''e ffa d?!" Rutto pe' rutto, damme pure 'e seje ferriette e 'a butteglia 'e brillant... Certo fa brutto, ma 'e riale ca te dette, nun t''e ppozzo rumman: Ll'aggi'ancora 'a pav! 'O SCHIAFFO Vento - Albano ('Nnanz' caf) Nun ve mettite 'ncerimonie, grazie... ca nun ora 'e farce cumplimente... Anze ve prego molto gentilmente, susiteve...pecch v'aggi''a parl... Amice, permettete... no, nun v'incomodate... ca nun succede chello ca penzate: io ll'amicizia 'a saccio rispett... Per mme piglio collera quanno qualcuno, falsa, 'a v' tratt.

(Dint''o vico) V''o vvoglio d pe' vostra norma e regola: ajeressera te sbagliato assaje... Na curtellata si', ma schiaffe maje, penztelo nu schiaffo che v' d... 'Ngiulina nun chella ca vuje ve 'mmagginate... 'e schiaffe date a essa, a chi aspettate ca nun 'e rripetite pure a me?! Facite scuorno a ll'uommene... tutto pe' tutto...ll'arma aggi''a ved!... (L'arresto) E sissignore...brigadi'...purtteme 'ncopp''a Quistura, carcere...'ngalera... chi dice niente?...ma cu cchi maniera... ll'aggio ferito? 'O ssaccio...comme?...Chi? Nun ferito?... muorto!? Mme state cunzulanno... ll'uommene 'e niente chesta fine fanno!... Mo niente cchi desidero...pecch, tenevo cc nu psemo... e mo mm''aggio levato...Brigadi'! PGLIATE NA PASTIGLIA Nisa - Carosone Io cammino ogne notte,

io cammino sbarianno, io nun tengo maje suonno, nun chiudo maje ll'uocchie e nun bevo caf! Coro: Va' te ccca, siente a me!... Va' te ccca, siente a me!... Na perziana ca sbatte, nu lampione ca luce... e nu 'mbriaco ca dice, bussanno a na porta: "Mm'arape, Cunc'?" 'A tre mise nun dormo cchi: na vucchella vurra scurd... gente, diciteme comm'aggi''a f? Coro: Pgliate na pastiglia! Pgliate na pastiglia, siente a me... Pe' mme f addurm, pe' mme f scurd, il mio dolce amor! Coro: Pgliate na pastiglia! Pgliate na pastiglia, siente a me... Pe' mme f sent, come un gran pasci e mm'inebria il cuor! Dint''e vvetrine 'e tutt''e farmaciste, la vecchia camomilla ha dato il posto alle palline 'e glicerofosfato bromotelevisionato grammi: zero, zero, tre... Ah!...

Coro: Pgliate na pastiglia, siente a me! Dint''o scuro na gatta, mastecanno na sarda, doce doce mme guarda, mme guarda, se struscia, miagola e fa: Coro: Siente a me: vatte a cucc! Siente a me: vatte a cucc! S' nu ciuccio 'e carretta, carrecato d'ammore ca se tira stu core... stu core, ca cerca la felicit!... 'A tre mise nun dormo cchi: na vucchella vurra scurd!... Gente, diciteme comm'aggi''a f? Coro: Pgliate na pastiglia!... ......................... ......................... Finale: Dint''e vvetrine 'e tutt''e farmaciste, la vecchia camomilla ha dato il posto alle palline 'e glicerofosfato bromotelevisionato didditt, bicarbonato, borotalco e seme 'e lino, cataplasma e semolino, na custata fiorentina, mortadella e duje panine cu nu miezu litro 'e vino,

nu caff con caffeina, grammi: zero, zero, tre!... Ah!... Coro: Pgliate na pastiglia, siente a me!

PUPATELLA Bovio - Buongiovanni Quanto ve prego, continuate! chest' 'a serata d''e ttarantelle... State abballanno? E abballate, ca nun mme 'mporta 'e niente mo ca, 'mpruvvisamente, s' asciuto a libert! (Pecch triemme? Nun h 'a tremm... jammo abballa...nun f abbed) e ride, ca si ride si' cchi bella, Pupat'... E abballa 'a tarantella ca i' tengo mente a te! Mm'hanno menato quatto palomme ca s' arrivate dint''e ccancelle; steva signato nu nomme: 'o nomme 'e chist'amico ca v' abballa cu tico pe' f nu sfreggio a me...

(Pecch triemme? Nun h 'a tremm... ................................................................ Dint''e ccancelle, cierti mumente, sti mmane a morze mme s' magnte! I' nun capevo cchi niente... Dicevo: E comm' stato s'i' stngo carcerato p'essa? (Pe' te! Pe' te!) (Viene, abballa, strgnete a me... quanno abballe si' sempe tu...) 'O vi' ll'amico tujo ca sta tremmanno, Pupat'... 'O ssape ca i' te scanno ma nun t'ajuta a te!

REGINELLA Bovio - Lama Te si' fatta na vesta scullata, nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose... stive 'mmiez'a tre o quatto sciantose e parlave francese... accuss? Fuje ll'autriere ca t'aggio 'ncuntrata fuje ll'autriere a Tuleto, 'gnors... T'aggio vuluto bene a te!

Tu mm'h vuluto bene a me! Mo nun ce amammo cchi, ma vvote tu, distrattamente, pienze a me!... Regin', quanno stive cu mico, nun magnave ca pane e cerase... Nuje campvamo 'e vase, e che vase! Tu cantave e chiagnive pe' me! E 'o cardillo cantava cu tico: "Reginella 'o v' bene a stu rre!" T'aggio vuluto bene a te! ......................... Oje cardillo, a chi aspiette stasera? nun 'o vvide? aggio aperta 'a cajla! Reginella vulata? e tu vola! vola e canta...nun chiagnere cc: T'h 'a truv na padrona sincera ch' cchi degna 'e sentirte 'e cant... T'aggio vuluto bene a te! .........................

SIMMO 'E NAPULE PAISA'

Fiorelli - Valente Tarantella, facennoce 'e cunte, nun vale cchi a niente 'o ppassato a penz... Quanno nun ce stanno 'e tramme, na carrozza sempe pronta n'ata a ll'angolo sta gi: Caccia oje nnna 'o crespo giallo, miette 'a vesta cchi carella, (...cu na rosa 'int''e capille, saje che 'mmidia 'ncuoll' a me...) Tarantella, facnnoce 'e cunte, nun vale cchi a niente "'o ppeccomme e 'o ppecch..." Basta ca ce sta 'o sole, ca c' rimasto 'o mare, na nnna a core a core, na canzone pe' cant... Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto... chi ha dato, ha dato, ha dato... scurdmmoce 'o ppassato, simmo 'e Napule pais!... Tarantella, stu munno na rota: chi saglie 'a sagliuta, chi sta pe' cad!

Dice buono 'o mutto antico: Cc se scontano 'e peccate... ogge a te...dimane a me! Io, nu poco fatto a vino, penzo mmale e penzo bbene... ma 'sta vocca curallina cerca 'a mia pe' s''a vas! Tarantella, si 'o munno na rota, pigliammo 'o minuto che sta pe' pass... Basta ca ce sta 'o sole, Tarantella, 'o cucchiere n'amico: Nun 'ngarra cchi 'o vico add mm'ha da purt... Mo redenno e mo cantanno, s' scurdato 'o coprifuoco, v' surtanto cammen... Quanno sta a Santa Lucia, "Signur', - nce dice a nuje cc nce steva 'a casa mia, s' rimasto surtant'i'..." E chiagnenno, chiagnenno, s'avva... ...ma po', 'a nustalga, fa priesto a fern...

Basta ca ce sta 'o sole,

Tammurriata nera Io nun capisco 'e vvote che succere e chello ca se vere nun se crere. E' nato nu criaturo, nato niro, e 'a mamma 'o chiamma gGiro, sissignore, 'o chiamma gGiro. Seh, vota e gira, seh seh, gira e vota, seh ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono, ca tu 'o chiamme Peppe o gGiro, chillo 'o fatto niro niro, niro niro comm'a cche... S''o contano 'e cummare chist'affare sti cose nun so' rare se ne vedono a migliare. 'E vvote basta sulo 'na 'uardata, e 'a femmena rimasta sott''a botta 'mpressiunata. Seh, 'na 'uardata, seh seh, 'na 'mprissione, seh va truvanno m chi stato, c'ha cugliuto buono 'o tiro chillo 'o fatto niro niro, niro niro comm'a cche...

E dice 'o parularo, Emb parlammo, pecch si raggiunammo chistu fatto ce 'o spiegammo. Add pastin' 'o grano, 'o grano cresce riesce o nun riesce, semp' grano chello ch'esce. Meh, dillo a mamma, meh meh, dillo pure a me conta 'o fatto comm' ghiuto Ciccio, 'Ntuono, Peppe, gGiro chillo 'o fatto niro niro, niro niro comm'a che... Seh 'na 'uardata seh seh 'na 'mprissione seh v truvanno m chi stato c'ha cugliuto buono 'o tiro chillo 'o fatto niro niro, niro niro comm'a cche... 'E signurine 'e Caporichino fanno ammore cu 'e marrucchine, 'e marrucchine se vottano 'e lanze, e 'e signurine cu 'e panze annanze. American espresso, ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa sin vene 'a pulisse, mette 'e mmane add v isse. Aieressera a piazza Dante

'o stommaco mio era vacante, si nun era p''o contrabbando, ' m gi stevo 'o campusanto. E levate 'a pistuld u e levate 'a pistuld, e pisti pakin mama e levate 'a pistuld. 'E signurine napulitane fanno 'e figlie cu 'e 'mericane, nce verimme ogge o dimane mmiezo Porta Capuana. Sigarette pap caramelle mamm, biscuit bambino dduie dollare 'e signurine. A Cuncetta e a Nanninella 'e piacevan'e caramelle, m se presentano pe' zitelle e vann'a fern 'ncopp'e burdelle. E Ciurcillo 'o viecchio pazzo s'' arrubbato 'e matarazze e ll'America pe' dispietto ce ha sceppato 'e pile 'a pietto. Aieressera magnai pellecchie 'e capille 'ncopp''e recchie e capille e capille

e 'o recotto 'e camumilla... 'O recotto,'o recotto e 'a fresella cu 'a carna cotta, 'a fresella 'a fresella e z moneco ten''a zella. tene a zella nnanze e arreto uffa uffa e comme fete e lle fete e cane muorto u pe llanema e chillemmuorto. E levate 'a pistuld u e levate 'a pistuld, e pisti pakin mama e levate 'a pistuld. TATONNO 'E QUAGLIARELLA Capurro - Buongiovanni Facite comm'a me, senza timore: cuffjo pure 'a morte e 'a piglio a risa... Io s' cuntento meglio 'e nu signore pecch tengo una faccia e una cammisa... E quanno metto 'a lengua 'int''o ppulito, che ne facite 'a lengua 'e nu paglietta!? Emb, quanto stimate 'a palla 'e vrito, chi v' st buono, ha da sap 'a ricetta! Si ll'ommo tutt''e cchiacchiere vulesse sent dicere,

quanta fasule e ccere se mettarra a scart! E si tenite 'a freve, lasste st 'o cchinino... Add' sta 'o mmeglio vino, 'o gghiate a pigli ll! Ce steva nu scarparo puveriello, chiagneva sempe ca purtava 'a croce... 'A sciorte lle scassaje 'o bancariello e pe' se lament...perdette 'a voce! Quann' 'a staggione, vaco ascianno sulo na bona fritta 'e puparuole forte... Nu piezz''e pane, 'nziem'a nu cetrulo, e 'o riesto, 'o vvotto dint''a capa 'e morte! Che tengo 'e figlie o aggi''a penz pesone? I' faccio ogne arte e ghisco p''a campata! Si p''a lucanna, sott'a nu bancone, se dorme frisco e pu' pass 'a nuttata... Riguardo ttaffiatorio, mm''a scorcio bona 'a mneca e add' se vnne 'aglineca, truvate sempe a me! Menammo tutto a buordo fintanto ca se campa: Dimane, forze, 'a lampa se putarra stut...

Che brutta cosa ch' a tir 'a carretta quanno nisciuna mano vtta 'a rota! Nun sntere cunziglie, nun d retta, ca senza ll'uoglio chella nun avota! Pe' spartere aggio avuto quacche botta ma nun mme sngo miso maje paura! na vota, 'int'a n'incendio a Foregrotta, salvaje, 'a dint''o ffuoco, na criatura... Quann'i' s' muorto, ll'hann''a aiz 'sta crapa! Nisciuno chiagne, manco p''o mumento... Ll'esequie bello e pronto: 'ncapa e 'ncapa e vaco sala e Ricanuscimento! Quann' fernuta ll'opera, pezzente o miliunario, s'ha da cal 'o sipario e s'ha da arricett... Pe' chesto, 'o servo vuosto Tatonno 'e Quagliarella, 'o ccisto 'int''a garslla, nun s''o ffa maje manc... E quanno 'o libbro mio sarr fernuto, nisciuno diciarr si bello o brutto... Ma, primma 'e ve d ll'urdemo saluto, ne voglio n'atu litro...'e chell'asciutto!

TEOFILO PENNACCHIO Pisano Cioffi Sull'onore non si scherza! Sull'onore non si scherza!... Nuje redimmo e pazziammo ma ll'onore nn''o tuccammo! Pane e cacio, pane e pane, ma ll'onore nce ha da st! Cu Tefilo Pennacchio ce sta poco 'a pazzi! Il motivo che mi ha indotto a lasciarti, cuore ingrato, che tu hai calpestato il vocabolo: "Onest"... Perdonai la leggezza col trattore Fidomanzo, perch mi arrivava il pranzo quattro o cinque volte al d... Chiusi gli occhi sull'affare del dentista Latastiera perch lui, questa dentiera, nun mm''ha fatto maje pav... Ma mo, no!... Ora tu, brutta vigliacca,

mi hai toccato sull'onore ed infanghi il mio casato con un vil barbitonsore... Ma mo, no!... Questo fatto, cara moglie, francamente non mi garba, nu barbiere, 'o mmeglio 'o mmeglio, che mme fa? Mme fa na barba! Non ti voglio genuflessa, No! No! Non ti chiedo un pentimento, No! No! Per lo meno, stu barbiere, mme facesse 'abbonamento! E si no po', 'a verit, non c' proprio dignit! Sull'onore non si scherza! sull'onore non si scherza... Nuje redimmo e pazziammo ma ll'onore nn''o tuccammo! Pane e cacio, pane e pane, ma ll'onore nce ha da st! Cu Tefilo Pennacchio, ce sta poco 'a pazzi! .....

Il motivo che mi ha indotto a gridar come un ossesso che tu, senza permesso jesce e vaje 'a cc e 'a ll! Te 'ncucciaje, pe' Via dei Mille, con il sarto Balzerotto... lui mi fece nu cappotto e la rabbia se ne and... 'O cappotto, sissignore, ma il sergente Saccarina mm'ha mannato na cinquina... 'a putevo rifiut?! Ma mo, no!... Ora tu, moglie incosciente, senza l'ombra del dovere, ti fai metter gli occhi addosso da un qualunque cantiniere?! Ma mo, no!... Questo fatto, o mia consorte, una cosa assai noiosa... Che mme d nu canteniere? Miezu litro e na gassosa? Io non dico compr i dolci... No! No!... Cacci i soldi dalla tasca... No! No!... Ma dich'io, che ce refonne

si mme manna 'o vino a Pasca? E si no, po', 'a verit, non c' proprio dignit! Sull'onore non si scherza... sull'onore non si scherza... Il motivo che mi ha indotto a parlar col mio legale, perch non morale la condotta tua con me: T'incontrai, na sera 'e maggio, col tenore Catafalchi... ma mme dette duje o tre palchi e io dicette: "Bh, va b'!" T'incontrai tre sere dopo col baritono Sciascine... ma mme dette doje pultrone e io dicette: "Lascia and!" Ma mo, no!... Ora tu, brutta carogna, senza scuorno, senza duolo, te ne vaje p''e Ponte Russe con un vile pizzajuolo! Ma mo, no!... Questo fatto, cara moglie, ti assicuro che mi adra... Che mme d nu pizzajuolo?...

Na pezzlla 'e meza lira?! Io non chiedo mari e monti... No! No!... Io non sono esagerato... No! No!... ma mme spetta o nun mme spetta nu cazone 'mbuttunato?! E si no, po', 'a verit, non c' proprio dignit!