Sei sulla pagina 1di 11

ANALISI DEI DIAGRAMMI DI EQUILIBRIO PT 3

● Diagramma 5: Diagramma di equilibrio di una lega binaria con costituenti A e


B solubili allo stato liquido e allo stato solido, senza formazione di composti,
con trasformazioni allo stato solido e presenza di peritettico

E' una trasformazione caratterizzata dall'assenza di punto eutettico, che


avviene con la partecipazione attiva del liquido e del solido formatosi in
precedenza
Lega con composizione CL: LA solidificazione inizia nel punto L. Alla temp TP Il liquido avrà
composizione peritettica CP, il solido avrà composizione CH. La reazione liquido solido avviene
con varianza V=0 (sono presenti tre fasi, solido a con comp. CH, solido b con comp. CK e
liquido con comp. CP). Alla fine della solidificazione il sistema diventa monovariante e la
temperatura comincia a calare, a Tamb la lega è formata da da soluzioni a e b primarie e da
soluzioni a e b secondarie, con concentrazioni CQ e CR.
Lega con comp. CM: la solidificazione del componente a inizia nel punto M, alla temp. TP la
soluzione a ha comp. CH, mentre il liquido a comp. CP inizia la trasformazione isoterma
peritettica. Consumata tutta la soluzione a, la temperatura comincia a calare, il liquido
rimanente si trasforma in soluzione b e raggiunge, per diffusione, la concentrazione CM, nel
punto O. Al raggiungimento del punto U, la soluzione, sovrasatura, espelle a secondaria
● Diagramma 6: Lega binaria solubile allo stato liquido e solido, con saturazione della
soluzione solida in soluzioni secondarie e con formazione di eutettoide tra le soluzioni
secondarie
L' eutettoide è un aggregato simile all'eutettico, ma si forma da fasi solide. E' ancora
formato da metalli puri, soluzioni solide o da composti intermetallici.

Indicando con a la soluzione solida primaria di B in A, con g la soluzione solida


secondaria di B in A e con b la soluzione solida secondaria di A in B.
Leghe ipoeutettiche e leghe ipereutettiche
Nelle leghe con composizione a sinistra di CQ, a temp. Ambiente si avrà tutta e sola
soluzione secondaria g, in quelle con conc. A destra di CR si avrà solo soluzione
secondaria b
● Nelle leghe con comp. compresa tra CQ e CH, a T=Tamb, si avrà la soluzione b e la soluzione g terziaria, dovuta
alla saturazione di b.

● La lega con comp. CM inizia nel punto M a solidificare la soluzione solida a, fino al punto o, e la soluzione a
avrà composizione CM. Raggiunto il punto N, dalla soluzione a comincia a separarsi soluzione g, con
composizione descritta dal punto P. Alla temp. Eutettoidica la soluzione g avrà comp. CH, e la soluzione
rimanente di a ha concentrazione CE. Da a si separa un aggregato (eutettoide) di cristalli di g con comp. CH
e di b con comp. CG. La trasformazione eutettoidica è invariante (tre fasi solide). Alla fine di questa vengono
espulsi cristalli terziari dalle soluzioni g e b.

● A T=Tamb la lega è formata da cristalli di soluzione g dall'aggregato eutettoide E' e da tracce di cristalli terziari
di b e g.
Diagramma 7: Leghe binarie i cui costituenti formano composti intermetallici
AxBy

In riferimento alla figure sotto, che rappresenta il diagramma di equilibrio i cui


componenti formano un composto intermetallico, con la composizione C I la
lega è costituita esclusivamente dal composto intermetallico. La solidificazione
della lega avviene in condizioni di invarianza (con n=1 e f=2)

a) Lega che forma soluzioni solide: a temp. ambiente si può avere (fig.a):
1) Per leghe con concentrazione a sinistra di C I, la lega è costituita da
soluzione solida di composto intermetallico AxBy in A
2) Per leghe con concentrazione a destra di C I, la lega è composta da
soluzione solida di composto intermetallico di AxBy in B
3) per leghe con composizione CI si ha solo composto intermetallico AxBy
● Lega insolubile allo stato solido: Per la lega di comp. CL, a T=TL , inizia la
solidificazione del composto intermetallico AxBy, che essendo più ricco di B si
arricchisce percentualmente di A. Il sistema ha varianza 0, per cui (f=3,
liquido A, solido A e composto intermetallico). Alla fine della solidificazione
dell'elemento il sistema diventa monovariante. A t=Tamb, la lega è formata dal
composto intermetallico e dal metallo puro A.
La lega di composizione CM inizia la solidificazione del composto
intermetallico alla temperatura del punto M; alla temperatura T B il liquido
rimasto, composto da elemento B puro, solidifica a temperatura costante.
A fine solidificazione il sistema diventa monovariante e la lega, composta da
AxBy ed elemento B puro, si raffredda senza ulteriori trasformazioni.
c) Lega insolubile allo stato solido, con formazione di eutettici tra metalli puri e
composto intermetallico: (facendo riferimento al diagramma 3). L' eutettico E' è
costituito dall'elemento A e dal composto AxBy e da cristalli puri di B. A temperatura
ambiente la lega sarà costituita in funzione della composizione iniziale:
- Comp. fino a CE': la solidificazione comincia quando la temperatura incontra la curva
TA - E', originando metallo puro A. Alla temp TE' il liquido ha la concentrazione
eutettica CE', ed il raffreddamento prevede il calo della temperatura poiché il sistema
ha V=1(f=3, solido A, solido E' e liquido)
- Comp. compresa tra CE' e CI: il solido è formato da cristalli del miscuglio eutettico E'
e dalla composto AxBy . La solidificazione del composto AxBy comincia, ad esempio,
nel punto M, alla T=TE' il liquido ha concentrazione CE' ed avviene la solidificazione
isoterma del miscuglio eutettico
- Comp. compresa tra CI e CE'': il solido è costituito dal composto AxBy e da cristalli del
miscuglio eutettico E''
- Comp. oltre CE'': il solido è costituito e dall'elemento puro B e da cristalli del
miscuglio eutettico E''
● Lega che origina soluzioni solide con formazione di eutettico fra le soluzioni
Le strutture che si formano sono:
- Soluzione a dell' elemento B in A
- Soluzione del composto AxBy in A
● -Soluzione del composto AxBy in B

- Soluzione dell'elemento A in B
- Eutettico E': è costituito dal miscuglio di a con concentrazione CM e da b
con concentrazione CN. Durante il raffreddamento le due soluzioni
espellono, per saturazione, cristalli di d e g secondari
Diagramma 8: Lega binaria i cui costituenti sono parzialmente solubili allo
stato liquido
La parziale solubilità di riferisce alla formazione, per concentrazioni
nell'intervallo CHCK, due soluzioni liquide hanno composizioni che dipendono
dalla temperatura
a. Insolubilità allo stato solido: Consideriamo una lega con comp. C L, alle
alte temp. Il liquido è omogeneo quindi composto da una sola fase. Alla
temp. Ti inizia la separazione delle due fasi liquide a e b. Alla temp. Te la
fase a ha comp. corrispondente al punto M, mentre la fase b ha
composizione corrispondente al punto P. Alla temp. T S la soluzione a ha
composizione CH, mentre la soluzione b ha composizione CK; il solido A
comincia a solidificare a temperatura costante (liquido a, liquido b e solido
A). Quando il liquido rimanente ha raggiunto la composizione C K, il sistema
diventa così monovariante e dal liquido comincia a separarsi l' elemento
puro A. Il liquido rimanente, a temperatura TB, inizia a solidificarsi l' elemento
B
Le leghe con composizione a sinistra di C H iniziano a solidificare metallo
puro A fino al raggiungimento della concentrazione CH

Le leghe con composizione a destra di CH non sono interessate dal


fenomeno della parziale solubilità
b. Parziale solubilità allo stato solido con presenza di eutettico tra le
soluzioni solide: fase che si svolge analogamente a quanto descritto nel
punto a; alla temp. TS si ha separazione dalla lega liquida a i separa la
soluzione solida g: successivamente dal liquido rimanente, a temp. T E, si
separa il miscuglio eutettico formato dalle soluzioni solide g e d.