Sei sulla pagina 1di 2

Tempo nella dieta scozzese rettificata

Nel regime scozzese rettificato e più precisamente nella sua classe massonica, c'è un ritmo
temporale che viene dato all'apertura e alla chiusura della loggia da queste 4 volte:
o mezzogiorno
o Mezzogiorno pieno
o mezzanotte
o mezzanotte piena
Più precisamente, ecco cosa dice l'Istruzione per richieste e risposte del grado di apprendista:
D: Quante volte o intervalli ci sono nel giorno massonico?
A: Ce ne sono quattro, che sono: dalle sei del mattino quando la giornata inizia fino a
mezzogiorno; da mezzogiorno alle sei di sera; dalle sei di sera fino a mezzanotte; e da
mezzanotte alle sei del mattino.
D: Come sono designati questi quattro intervalli nella Loggia?
A: A mezzogiorno e mezzogiorno quando inizi a lavorare, e entro mezzanotte e mezzanotte
quando finisci.
D: Quante ore capisci in ogni intervallo?
A: Sei ore e un tempo fa, in somiglianza con i sei anni che furono usati per la costruzione del
Tempio, e la settima volta o anno che fu usato da Solomon per dedicarlo, e anche i sette giorni
della settimana il settimo è dedicato al Signore

In Massoneria si dice spesso che l'inizio e la fine dell'abito segnano l'ingresso e l'uscita di un
tempo "sacro". Questa espressione mi ha sempre disturbato un po 'perché, secondo me, il
tempo è stato sacro dall'incarnazione della Parola ... almeno. Quindi è tutto il tempo in cui
viviamo che è sacro e non solo quello durante il quale si svolge il nostro lavoro. Perché se
accettiamo l'espressione "tempo sacro" esclusivamente come quella in cui è iscritto il nostro
lavoro, cosa faremo con il resto del tempo, con tutto questo tempo, in gran parte nella
maggioranza, che trascorriamo al di fuori dei nostri abiti? Un altro problema sollevato da
questa nozione di tempo nel regime rettificato è la scelta di quattro pietre miliari in cui sono
iscritte la nostra apertura e chiusura. Perché hai scelto mezzogiorno, mezzogiorno, mezzanotte
e mezzanotte per segnalare l'inizio e la fine del lavoro?

Di fronte a questo doppio problema, mi è venuta in mente una traccia interessante qualche
tempo fa e non ho davvero avuto il tempo di scavarla, quindi un'altra l'ha fatta per me: X. B *
** ha pubblicato uno studio sull'ultimo numero di Acta Macionica con il titolo "Tempo sacro
sulla RER" (1). Nel suo studio, nostro Fratello esplora il percorso che "sospettavo", quello di
Martines de Pasqually. In effetti, segnala l'esistenza di una regola ascetica tra gli altri imposta
da Martines ai suoi seguaci nell'Ordine dei Celti eletti. Questa regola è vincolante per i membri
dell'Ordine e più in particolare per i detentori del suo ultimo grado, quello di Réau Croix.
Questa regola è quella delle preghiere (2) per dire 6 ore in 6 ore o 4 volte al giorno che dà:
o 6 a.m.
o mezzogiorno
o 6 di sera
o mezzanotte
Il Trattato sulla reintegrazione evoca i 4 battiti e i 4 intervalli in diversi passaggi annotati da X.
B *** (3): noteremo che attraverso i secoli vengono evocati 4 intervalli e 4 operazioni
spirituali. Una delle lezioni di Lione segnalate dal nostro autore (4) indica che i 4 culti che
l'uomo deve compiere sono indicati nella nuova legge dalle "4 preghiere quotidiane".

Ciò che è finalmente interessante notare è che queste 4 preghiere quotidiane dei Celti eletti
recitate dai nostri fondatori sono ispirate alle preghiere cattoliche del 18 ° secolo e Jérôme
Rousse-Lacordaire, un domenicano che studia da vicino la massoneria, non ha esitato ha
iniziato il suo studio (5) recentemente pubblicato su Renaissance Traditionnelle:
"Leggendo, notiamo rapidamente il rapporto di queste preghiere con quelli in uso nella Chiesa
cattolica, sia nelle opere liturgiche per i laici che nelle opere devozionali, che non hanno nulla a
che fare con stupefacente in un Ordine come quello dei Coën in cui "la teurgia [...] prende
parte essenzialmente al cristianesimo [Robert Amadou, introduzione alle lezioni di Lione, p. 21]
".
E il domenicano conclude (6) il suo studio come segue:
"Così la forma di Élus Coëns si trova alla cerniera o all'intercessione di due correnti della fine
del XVIII secolo: la corrente teosofica o illuminista francese da un lato, e la corrente
devozionale della pietà secolare dall'altro - intersezione che assume un colore particolare a
causa della natura sacerdotale e religiosa dell'Ordine Coën, senza tuttavia discostarsi
completamente dal mainstream del cristianesimo occidentale (...). Le preghiere Coëns sono
quindi un esempio di come un corpus exoterico può essere ripreso, interpretato e vissuto in
una prospettiva esoterica (...) ".

(1) Xavier B ***, Le Temps sacré au RER, Acta Macionica (Grand Regular Lodge of Belgium),
volume 16, 2006
(2) René Désaguliers, The 4 Prayers of the ECDLU, Traditional Renaissance, N ° 42 and sq., Da
aprile 1980
(3) Op. Cit. pp. 218-219
(4) Op. Cit. p. 219
(5) J. Rousse-Lacordaire, Il giorno cristiano degli eletti, Rinascimento tradizionale, n. 142,
aprile 2005, pagg. 131
(6) Op. Cit., Pag. 156-157