Sei sulla pagina 1di 2

LORDINE DEI CAVALIERI MASSONI ELETTI COHEN DELL'UNIVERSO

Ancora oggi la biografia e perfino la corretta grafia del nome di Dom Martinez de Pasqually sono incerte e ricche di omissioni1: il luogo e data di nascita sono imprecisati, forse nacque a Grenoble in un periodo compreso tra il 1715 e 1730 e la sua morte avvenne a Santo Domingo (dove si era recato pare per questioni ereditarie) il 20 settembre del 1774. Sicuramente era in possesso di una patente massonica regolare, riconosciuta dal Grande Oriente di Francia, ereditata dal padre, il quale laveva ricevuta da Charles Edward Stuart2 tramite il Cavaliere Ramsay. Paqually inizi la sua attivit intorno al 1755, quando gli fu ordinato di viaggiare per la Francia in modo da far conoscere la dottrina Cohen. e appena due anni dopo, allinterno della Loggia Josu, nacque il primo Tempio visibile degli Eletti Cohen. La sua missione continu incessantemente negli anni successivi per arrivare a fondare nellequinozio di primavera del 1767 il Sovrano Tribunale dellOrdine dei Cavalieri Massoni eletti Cohen dellUniverso, dopo 13 anni di intensi preparativi. LOrdine visse appena 14 anni, la met dei quali senza potere godere della influenza carismatica e spirituale del fondatore: ragion per cui lultimo sovrano (tale Sebastian de Las Casas) fu costretto a mettere in sonno lOrdine. I cohen superstiti, salvo quelli che proseguirono autonomamente sulle orme del loro Maestro, si indirizzarono verso il Rito Scozzese Rettificato3 (creato dal cohen G.B. Willermoz su un impianto pi strettamente massonico, risultante dalla fusione fredda con la Stretta Osservanza Templare) ovvero sulla Via aperta da Louis Claude de Saint Martin (ex segretario dellOrdine), che senza voler mai fondare un Ordine proprio fin col creare un proprio sistema che comunque aveva un consistente debito con la mai rinnegata cosmologia martinezista.

1 2 3

Estratto e riprodotto con l'autorizzazione dell'autore, di Akira, Hiram dentro di noi, Perugia, novembre 2009. Lautenticit della Bolla a firma dello Stuart sancisce la regolarit dellOrdine, pi volte ingiustamente contestata. Willermoz, fondatore a soli ventitre anni della Loggia Perfetta Amicizia a Lione, nel 1764 entr in contatto con Martinez. Nel 1774, anno della morte del suo Maestro, fece entrare la Loggia di Lione nella Stretta Osservanza con il solo scopo di riformare tutto il sistema cavalleresco Templare con le dottrine e rituali acquisite durante il suo apprendistato Cohen. Durante il Capitolo generale della massoneria dispirazione Templare, detto il Convento delle Gallie, riusc ad imporre lintroduzione del cerchio interno composto dal grado di Cavaliere Beneficente della Citt Santa e dai gradi di Professo e Gran Professo in cui venivano introdotti gli insegnamenti Cohen. Il successivo convento di Wilhelmsbad del 1782 conferm le posizioni politiche Willermoziste per la formazione di un baluardo allo strapotere massonico inglese e togliere il controllo del templarismo ai tedeschi, ma lintroduzione della dottrina Cohen fu un fallimento.

Le influenze alla base della dottrina martinezista sono come immaginabile di difficile individuazione, passando da elementi gnostici a quelli cabalistici o addirittura islamici (secondo Amadou). Un dato non trascurabile viene dallo stesso termine cohen, di possibile derivazione ebraica, da Cohanim, ovvero i ministri del culto membri della casta sacerdotale del servizio divino nel Tempio ebraico e consacrata alla conservazione e trasmissione dei segreti della Torah. Martinez, coadiuvato da Saint Martin che aveva maggiore attitudine alla scrittura, ha lasciato ai suoi adepti le Dieci istruzioni agli uomini di Desiderio, compendio di quello che sarebbe poi diventato il Trattato della reintegrazione degli Esseri nella loro primitiva virt e potest, in cui si rileggono in chiave esoterica e simbolica (facendo giusto qualche concessione alla massoneria ed al cristianesimo) i libri del Vecchio Testamento, riservando un grandissimo spazio alla figura di Mos. Lestrema complessit del testo non consente qui unanalisi compiuta: quel che si pu dire e che il Trattato contiene linvito agli Uomini di Desiderio a ritornare alla purezza originale grazie al culto Tradizionale primitivo con la ricostituzione della condizione di Uomo-Dio riflesso del Padre come prima della caduta. Vi si propone, come accennato, un cammino di reintegrazione attraverso una durissima ascesi dove luomo apprende il modo in cui dominare gli spiriti negativi e diventare il signore di se stesso fino al conseguimento del sacerdozio Cohen che permette di poter comunicare con le gerarchie celesti. Basti pensare, quanto alla durezza della metodica Cohen, che lesecuzione corretta del cerimoniale comportava infatti un lavoro in preparazione fatto di digiuni, preghiere e rituali per un totale di tre settimane, linizio delle operazioni era fissato per il primo giorno del primo quarto di luna di marzo e doveva essere preceduto da una messa in onore del Santo Spirito, obbligatoriamente la conclusione dei lavori era fissata per la fine dello stesso quarto. LOrdine era strutturato in dieci gradi, includendo i tre gradi simbolici che Martinez considerava solo un brodo di coltura per i possibili teurghi (non a caso i tre gradi venivano conferiti insieme): alla classe del Sagrato (comprendente anche il grado di Maestro perfetto) seguiva la classe del Portico, poi quella del Tempio ed infine quella del Santuario, riservata ai Maestri Reau-croix, in cui si attuavano quelle operazioni teurgiche per le quali il Cohen si era preparato in precedenza. La costruzione massonica dellOrdine peraltro, pi che per una reale esigenza del Sovrano, serviva per fornire una struttura rassicurante ai suoi adepti, al pari delle rituarie giornaliere di stampo cattolico: il nucleo fondante dei Cohen infatti sempre stato il culto teurgico, che richiedeva grande dedizione ed un rigore assoluto ma che prometteva di ristabilire lUomo nelle sue originarie prerogative. Da ci, insieme alla grande complessit della cosmologia martinezista (basata sullaritmosofia e su un parzialmente originale studio della tetraktys pitagorica), deriva la forte impronta lasciata dallOrdine dei Cavalieri Massoni Eletti Cohen dellUniverso nel panorama esoterico dei secoli successivi, a dispetto della vita relativamente breve dellOrdine e del suo fondatore. Non un caso che soltanto sei sono stati i Sovrani (compreso quello attuale) in oltre duecentocinquanta anni dalla fondazione dell'Ordine.