Sei sulla pagina 1di 4

Calcolo delle reazioni vincolari in un carrello d’atterraggio

Lo scopo di questa esperienza è quello di calcolare le reazioni vincolari agenti


su di un carrello durante la fase finale del volo, ovvero l’atterraggio.
Per capire la funzione delle reazioni vincolari bisogna immaginare un corpo poggiato su
un piano, esso ha la possibilità di spostarsi secondo due direzioni qualsiasi e di ruotare; in
pratica tre movimenti, ovvero uno secondo l’asse X, uno secondo l’asse Y ed una
rotazione; si usa dire quindi che, nel piano, il corpo rigido ha tre gradi di libertà, ciascuno
dei quali coincide con una delle possibilità di movimento.
Nello spazio abbiamo sei gradi di libertà, tre traslazioni e tre rotazioni.
Un corpo vincolato è quindi posto in condizioni di equilibrio da vincoli, considerando
come tali tutti quei collegamenti esterni atti ad impedire i vari gradi di libertà del pezzo.
A prima vista potrebbe apparire necessario un numero di vincoli eguale al numero dei
gradi di libertà del corpo da vincolare; però nella pratica si può vincolare un corpo con un
numero di vincoli superiore a quelli necessari. Nel primo caso si parla di strutture
vincolate in modo isostatico, nel secondo caso di strutture vincolate iperstaticamente. Le
strutture si dicono vincolate in modo labile quando il numero di vincoli è inferiore al
numero delle reazioni vincolari (cinematismo).
Le strutture isostatiche sono più semplici da risolvere e sono quelle che sappiamo
calcolare, imponendo le sei equazioni della statica, le quali affermano che un corpo per
essere in equilibrio deve avere le risultanti delle forze applicate (esterne e interne) e i
momenti di tali forze nulle:

∑ Fx = 0
i ∑ Fy = 0
i ∑ Fz = 0
i

∑ Mx = 0 i ∑ My = 0 i ∑ Mz = 0 i

Questo porta a scrivere le equazioni della statica che, risolte, ci daranno il valore delle
reazioni vincolari da determinare. Riferendoci al caso in esame, bisogna precisare che il
carrello si trova nello spazio e quindi , possedendo tre gradi di libertà di traslazione e tre di
rotazione, arriveremo a scrivere sei equazioni della statica.
Di seguito sono raffigurate due viste del carrello che ci aiuteranno a svolgere l’esercizio.
" "
"

"
"
"

"

Aggiungo un ulteriore schema dello stesso.

Di seguito scrivo le sei equazioni della statica, tre riguardanti le forze agenti sui tre assi
(D,V,S) e tre riguardanti i momenti generati attorno a tali assi.
Σ Fv = 0 Σ Mv = 0
Σ Fd = 0 Σ Md = 0
Σ Fs = 0 Σ Ms = 0
A questo punto mi accorgo che sono presenti sette incognite e che non potrei risolvere con
le sole equazioni della statica.
Devo introdurre un’ulteriore equazione. In questo ci accorgiamo che la reazione in G
agisce nella direzione dell’asta, quindi si nota che il rapporto tra le due reazioni (Gv e Gd)
è uguale alla tangente trigonometrica dell’angolo β compreso tra la reazione G e Gd come
si vedrà in seguito.
Procedo al calcolo delle reazioni vincolari, notando sin da principio che Fs=0 poiché non è
presente alcuna forza sull’asse S, per cui un’incognita è nota.

Fs = o

Calcolo Gv utilizzando l’equazione di equilibrio intorno all’asse S passante per il punto F


considerando positive le rotazioni in senso orario.

S⇒ −Gv × 24 + Rd × 50 = 0

3119 × 50
Gv = = 6497,92 lb
24

Gd si ricava con l’uso della trigonometria, poiché si fa riferimento al triangolo CEG


(vedasi schema sottostante).

Gv CE 24
tgβ = = = = 1,14
Gd GE 21

Gv 6497,92
Gd = = = 5699,92 lb
tgβ 1,14

Ora calcolo Hv creando un momento attorno all’asse D, immaginando quest’ultimo


spostato sul punto F.
Df ⇒ −14672 × (8 + 6) − Gv × 6 + Hv × 22 = 0

14672 × 14 + 6497,92 × 6
Hv = = 11108,89 lb
22

Procedo in modo simile per determinare Fd, ovvero immagino di spostare l’asse V sul
punto H e creo un momento attorno ad esso.

Vh ⇒ −3119 × (16 − 8) − Fd × 22 + Gd × 16 = 0

− 3119 × 8 + 5699,92 × 16
Fd = = 3010,83 lb
22

Con riferimento all’asse V calcolo Fv fissando come verso arbitrario positivo quello dal
basso verso l’alto.

↑ − Fv + Gv − Hv + 14672 = 0

Fv = 6497,92 − 11108,89 + 14672 = 10061,03 lb

Infine determino Hd riferendomi all’asse D e considerando come verso arbitrario positivo


quello da sinistra verso destra.

→ − Fd + Gd + Hd − 3119 = 0

Hd = 3010,83 − 5699,92 + 3119 = 429,91 lb

Tabella dei risultati

Fs 0 lb
Fv 10061,03 lb
Fd 3010,83 lb
Gd 5699,92 lb
Gv 6497,92 lb
Hv 11108,89 lb
Hd 429,91 lb