Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 141 (48.465) Città del Vaticano lunedì-martedì 22-23 giugno 2020
.

Nella festa di san Tommaso Moro All’Angelus appello del Pontefice all’indomani della Giornata mondiale celebrata su iniziativa delle Nazioni Unite

L’umorismo
virtù fondamentale
Dignità e sicurezza per i rifugiati
Francesco chiede più responsabilità nella cura della casa comune e invita a pregare per i papà
del cristiano
La crisi provocata dalla pandemia ha ridotto l’inquinamento — ha constata-
aggravato la situazione già drammati- to — e ha fatto riscoprire la bellezza
a gioia profonda del cuore è anche il vero pre- ca di tante persone costrette a lasciare di tanti luoghi liberi dal traffico e dai

«L supposto dello humour e così lo humour, sotto


un certo aspetto, è un indice, un barometro del-
la fede». E poi: «La gioia va molto unita al senso
la propria terra per sfuggire a pericoli
e minacce incombenti. Da questa
preoccupazione nasce il nuovo appel-
rumori». Ora «con la ripresa delle at-
tività, tutti dovremmo essere più re-
sponsabili della cura della casa comu-
dell’umorismo. Un cristiano che non ne ha, gli manca qual- lo lanciato dal Papa al termine ne» ha aggiunto, manifestando ap-
cosa […] per me, il senso dell’umorismo è l’atteggiamento dell’Angelus di domenica 21 giugno, prezzamento per «le molteplici inizia-
umano più vicino alla grazia di Dio». all’indomani della Giornata mondiale tive che, in ogni parte del mondo, na-
La prima affermazione è degli anni ’80 ed è di Joseph del rifugiato celebrata per iniziativa scono “dal basso” e vanno in questo
Ratzinger, la seconda è di circa quarant’anni dopo ed è di delle Nazioni Unite. senso»: l’auspicio del Pontefice è che
Papa Francesco, ma si intuisce che non è una battuta L’emergenza sanitaria — ha sottoli- «possano favorire una cittadinanza
estemporanea, sganciata da una “pratica quotidiana”, infatti neato il Pontefice rivolgendosi ai fe- sempre più consapevole di questo be-
in quella stessa occasione il Papa ha precisato che proprio deli in piazza San Pietro dopo una ri- ne comune essenziale».
per questo «da quarant’anni recito la preghiera di san Tom- flessione sul brano evangelico di Mat- Successivamente, parlando della
teo proposto dalla liturgia (10, 26-33) giornata dedicata ai padri che si è ce-
maso Moro», per avere «il senso dell’umorismo. Vanno
— «ha messo in luce l’esigenza di assi-
sempre insieme la gioia cristiana e il senso dell’umorismo». lebrata in Argentina e in altri Paesi
curare la necessaria protezione anche
È giusto allora ricordare queste affermazioni nel giorno del mondo, Francesco ha chiesto di
alle persone rifugiate, per garantire la
della festa di san Tommaso Moro, un uomo che è stato ca- pregare per «tutti i papà» — «un me-
loro dignità e sicurezza». Per questo
pace con l’arma del sorriso di affrontare la sua vita, piena Francesco ha invitato a pregare per stiere» non «facile», ha riconosciuto
di trionfi e di rovesci improvvisi, di gloria e di persecuzio- «un rinnovato ed efficace impegno di — e in particolare per coloro che han-
ne, e soprattutto di fronteggiare gioiosamente la sfida più tutti a favore della effettiva protezione no concluso l’esistenza terrena e «con-
grande, una condanna a morte ingiusta e comminata dal di ogni essere umano, in particolare di tinuano a proteggerci dal Cielo». Infi-
suo vecchio amico, il re Enrico VIII. quanti sono stati costretti a fuggire ne un pensiero ai giovani, affidati
L’umorismo è dunque un’arma, per dire meglio, è una per situazioni di grave pericolo per all’intercessione di san Luigi Gonza-
virtù, che il cristiano non può non coltivare. Tommaso Mo- loro o per le loro famiglie». ga, del quale ricorreva la memoria li-
ro lo ha fatto ed è stato un uomo felice, capace di donare Un altro aspetto della pandemia su turgica: «Un ragazzo pieno di amore
felicità a chi stava vicino, più che felice è stato beato, forte cui il Papa ha invitato a riflettere è la per Dio e per il prossimo» lo ha defi-
perché capace di vivere la sua personale “beatitudine” che necessità di ripensare «il rapporto uo- nito, ricordando che «morì giovanissi-
ha riassunto in questa folgorante battuta: «Beato chi sa ri- mo-ambiente» alla luce delle ricadute mo, qui a Roma, perché si prendeva
dere di se stesso, perché non finirà mai di divertirsi». L’iro- “ecologiche” che restrizioni e distan- cura dei malati di peste».
nia cristiana è innanzitutto auto-ironia, un atteggiamento ziamento sociale hanno avuto nel pe-
che sospende il giudizio tranciante sugli altri e al tempo riodo del lockdown. «La chiusura ha PAGINA 8
stesso è pronto a riconoscere, con misericordia, i propri li-
miti. È in questo punto che si salda il sodalizio tra umori-
smo e umiltà, altra virtù fondamentale per il cristiano. Le
due parole provengono dalla stessa radice: humus, terra, che
poi è la radice stessa anche di humanitas. L’essere umano è A Tulsa presenti poche migliaia di sostenitori
tale se si riconosce nato dalla terra, composto di fango, li-
mitato. Su questa essenza fragile, sporca, Dio ha però sof-
ALL’INTERNO
fiato, secondo il racconto biblico, il suo spirito, elevandolo
alla più alta delle creature, a sua immagine e somiglianza,
Trump e il comizio mezzo vuoto Nell’ultimo album di Bob Dylan
riscattandolo dalla mera naturalità. E non è un caso che un
altro modo per dire humour, umorismo sia parlare di spiri- Il filosofo pirata
to: un uomo umoristico è un uomo spiritoso, capace di bat- WASHINGTON, 22. Meno di 6.200 perso- sostenitori di partecipare alla manifesta- affluenza, in realtà poi non si sarebbero
tute “di spirito”. Quando Papa Francesco, da circa sette an- ne erano presenti sabato sera al Bok zione. Sono stati accusati anche i media presentati, incoraggiando anche i loro
con un indirizzo in tasca
ni, predica la necessità per i cristiani di diventare uomini Center, l’arena indoor da 19.000 posti di colpevoli di aver spaventato i supporter follower a fare altrettanto. La tendenza
spirituali, di aprirsi all’opera dello Spirito Santo, ricom- Tulsa in Oklahoma, per partecipare al del presidente con i rischi di contagio. si è rapidamente diffusa su Tik Tok, con ALESSANDRO CARRERA A PAGINA 4
prende anche questo effetto, apparentemente secondario, di primo comizio elettorale del presidente Proprio i giornalisti presenti hanno i video in questione che hanno totalizza-
diventare uomini spiritosi, capaci di sorridere innanzitutto statunitense, Donald Trump, dopo la smentito affermando che ci sono state to milioni di visualizzazioni.
di se stessi. Più volte infatti Bergoglio ha messo in guardia pandemia del covid-19. Lo ha riferito la poche proteste e che dunque non posso- Trump nei giorni scorsi aveva dichia- Il cristianesimo e le sfide dell’oggi
da ogni forma di rigidità e ha invitato il popolo di Dio a Cnn citando il dipartimento dei vigili no aver influito sull’andamento del co- rato apertamente di essere sicuro di una
sciogliere ogni durezza che rende sclerotico il cuore. L’olio del fuoco locale che ha monitorato la si- mizio. Comunque dalle immagini si può grande partecipazione al comizio, aven- Aprirsi al soffio
che fa sciogliere il cuore è composto anche da questo sano curezza dell’evento. notare che la parte superiore delle tribu- do ricevuto centinaia di migliaia di ri- dello Spirito
e umile umorismo. Per nutrire questa umiltà che ci libera è La campagna elettorale di Trump ne era vuota e non è stato registrato il chieste e sfidando dopo oltre tre mesi
fondamentale la preghiera, magari la stessa preghiera di san contesta questa cifra, e parla di oltre presunto sold out. Dietro il flop dell’ap- una pandemia di coronavirus ancora al-
PIERO CODA A PAGINA 6
Tommaso Moro, che il Papa dice quotidianamente da qua- 12.000 persone che avrebbero «superato puntamento elettorale di Donald Trump larmante. Lo staff della campagna del
rant’anni e il cui testo, così semplice e forte che non ha bi- i metal detector» per entrare. In ogni a Tulsa, sembrerebbero esserci almeno in presidente aveva presupposto la presen-
sogno di altro commento, pubblichiamo qui di seguito. caso, le presenze erano visibilmente infe- parte anche centinaia di utenti adole- za di almeno centomila persone a Tulsa. Con le Chiese ortodosse
Ma in realtà era scarsa anche la quantità dell’Europa orientale
ANDREA MONDA riori alla capienza del palazzetto. Secon- scenti di Tik Tok, il social network del
di persone fuori dall’arena, tanto che è
do Tim Murtaugh, portavoce della cam- momento tra i più giovani, e fan del K-
stato cancellato il discorso che il presi- Dialogo della verità
pagna di Trump, a determinare la scarsa pop, il pop coreano, che stando a quan-
dente avrebbe dovuto tenere prima del
affluenza sarebbero stati i manifestanti to riferisce il New York Times, si sono
comizio su un maxi palco allestito
di “BlackLivesMatter” che, all’esterno registrati in massa all’evento. Facendo all’esterno, davanti al quale si contava di JAROMIR ZÁDRAPA A PAGINA 7
del Bok Center, avrebbero impedito ai prevedere agli organizzatori una grande radunare almeno 40 mila persone.
Relativamente al virus il presidente
durante il comizio ha annunciato di aver
«ordinato di rallentare i test perchè un
loro aumento comporta un incremento
LABORATORIO
Mentre viene autorizzato lo sbarco di 211 migranti dalla Sea Watch dei casi». Il passaggio del discorso è sta- D OPO LA PANDEMIA
to poi derubricato a scherzo da fonti

Un nuovo naufragio della Casa Bianca.. Nessun riferimento Il disordine che viene
all’assassinio di George Floyd che, come
noto, ha innescato un’ondata di proteste
al largo della Libia in tutto il paese e anche all’estero. Il RAFFAELE ALBERTO VENTURA A PAGINA 3
presidente, dopo avere attaccato lo sfi-
dante democratico Joe Biden, ha invece
TRIPOLI, 22. Ennesima tragedia delle finanziata dall’Ue», denuncia Sea Wat- promesso un 2021 straordinario dal pun-
migrazioni al largo di Tripoli, in Libia. ch nel tweet. to di vista economico in caso di rielezio-
Un nuovo naufragio è stato infatti se- Intanto è stato dato il via libera allo ne alla Casa Bianca. Un nuovo anno
gnalato su Twitter dalla ong Sea Wat- sbarco di 211 migranti salvati in acque che a suo avviso potrebbe segnare il ri-
ch. L’imbarcazione — riferisce — sareb- internazionali dalla Sea Watch, davanti lancio del paese.
be affondata sabato mattina. «Non ci
a Porto Empedocle, nell’agrigentino. PAGINA 8
sono ancora informazioni sul numero
di vite perse. Nessuna nave dell’Unio- Dopo l’esito negativo di un tampone
ne europea è stata avvistata nei dintor- eseguito su un caso sospetto a bordo, i
Dammi o Signore, una buona digestione ni, solo aerei di Frontex che osservano migranti sono stati trasferiti sulla nave-
Benedetto XVI
ed anche qualcosa da digerire.
Dammi la salute del corpo,
e coordinano il ritorno forzato in Libia
da parte della Guardia costiera libica,
quarantena Moby Zazà, dove dovran-
no rimanere per 14 giorni.
è rientrato in Vaticano
NOSTRE
col buonumore necessario per mantenerla. INFORMAZIONI
Dammi o Signore, un’anima santa,
Benedetto XVI è rientrato nella sua resi-
che faccia tesoro di quello che è buono e puro,
denza presso il monastero Mater Eccle- Il Santo Padre ha ricevuto questa
affinché non si spaventi del peccato,
siae, in Vaticano, alle 13.45 di lunedì 22 mattina in udienza:
ma trovi alla Tua presenza
giugno, di ritorno dalla Germania. Lo gli Eminentissimi Cardinali:
la via per rimettere di nuovo le cose a posto.
scorso giovedì 18, Joseph Ratzinger ave-
Dammi un’anima che non conosca la noia, va raggiunto Regensburg per visitare il — Angelo De Donatis, Vicario
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!"!]!?!%!

i brontolamenti, i sospiri e i lamenti, fratello novantaseienne ammalato Georg. Generale per la Diocesi di Ro-
e non permettere che io mi crucci eccessivamente Lasciato poco dopo le 10 il seminario ma;
per quella cosa troppo invadente che si chiama «io». della città tedesca, dove era stato accolto — Stanisław Ryłko, Arciprete
in questi giorni, il Papa emerito si è re- della Basilica Papale di Santa
Dammi, o Signore, il senso dell’umorismo,
cato all’aeroporto di Monaco di Baviera,
concedimi la grazia di comprendere uno scherzo, Maria Maggiore;
Da lì è partito pochi minuti prima di
affinché conosca nella vita un po’ di gioia Sua Eccellenza Monsignor
mezzogiorno. Alle 13 l’arrivo allo scalo
e possa farne parte anche ad altri. Vincenzo Paglia, Presidente della
romano di Ciampino, da dove ha fatto
Così sia. rientro in auto in Vaticano. Pontificia Accademia per la Vita.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 22-23 giugno 2020

Il 23 giugno l’Onu celebra la giornata mondiale delle vedove


GINEVRA, 22. Nuovo record di con-
tagi da covid-19. Sono oltre 183.000
i nuovi casi accertati a livello globa-
Oltre 250 milioni
le nelle ultime 24 ore. Si tratta del
numero più alto di infezioni diagno-
sticate in un solo giorno dall’inizio
della pandemia. Lo ha reso noto
di donne invisibili
l’Organizzazione mondiale della Sa-
nità (Oms). La preoccupante im- di ANNA LISA ANTONUCCI nei paesi in cui la protezione giuri-
pennata di questi casi lo si deve so- dica è più inclusiva, le vedove con-
er una donna rimanere vedo- tinuano a soffrire di una forte emar-

P
prattutto all’aumento delle persone
positive in America Latina, con qua- va non significa solo perdere ginazione sociale. E il fenomeno è
si 42.000 nuovi casi. Dietro, Stati il proprio compagno, ma an- considerevole se si pensa che, nono-
Uniti — dove è intanto iniziata la fa- che cambiare radicalmente lo status stante sia difficile rilevare dati certi,
se 2 — e India. sociale. E se nella nostra cultura l’Onu stima che nel mondo ci siano
A livello globale, il bilancio com- una donna che perde il marito si 258 milioni di vedove, delle quali
plessivo dei contagi ha invece supe- trova a doversi reinventare una vita, una su dieci vive in estrema pover-
rato ieri la soglia degli 8,8 milioni. rapporti di amicizia e a subire co- tà. In situazioni di conflitto poi, ol-
È quanto emerge dai dati pubblicati munque un contraccolpo economi- tre ai crimini e alle atrocità cui so-
dalla Johns Hopkins University. I co, in molti Paesi del mondo su di no costrette ad assistere, le vedove
lei cade lo stigma. In molte culture, come le donne sole sono più a ri-
contagi accertati nel mondo sono at-
in cui il posto di una donna nella schio di violenza sessuale e di con-
tualmente 8.802.328, i decessi sono
società è indissolubilmente legato a trarre l’aids. Per questo, con la gior-
stati 464.510, mentre finora sono
quello del marito, rimanere vedova nata mondiale delle vedove, che
guarite 4.366.818 persone.
significa diventare “invisibile”. Ma l’Onu celebra il 23 giugno di ogni
Come accennato, dei 183.020 nuo-
non solo, in alcuni contesti la vedo- anno, si vuole porre l’attenzione su
vi casi segnalati dall’Oms, la mag-
vanza è considerata un’onta. Le ve- una situazione di disuguaglianza di
gior parte — circa 116.041 — sono sta- dove sono discriminate o addirittu-
ti diagnosticati in America Latina. Il Aggiornate le raccomandazioni dell’O ms genere misconosciuta e invece diffu-
ra perseguitate, percepite come ma- sa. L’Onu sottolinea come, per
precedente record di contagi indica- ledette e possono anche essere asso- contrastare queste violazioni e di-

Nuovo record di contagi


to dall’Oms risaliva al 18 giugno ciate alla stregoneria. Tutto ciò arri-
con 181.232 casi. Il Brasile, nono- scriminazioni, devono essere messi
va alla stigmatizzazione e ad inflig-
stante un calo nelle ultime 24 ore, si in atto programmi e politiche per
gere a queste donne abusi e sfrutta-
conferma il secondo Paese più colpi- eliminare la violenza contro le ve-
mento. Al fine di riconquistare il

183.000 in un giorno
to dalla pandemia al mondo dopo dove e i loro figli, nonché misure di
loro status sociale, molte di loro so-
gli Stati Uniti, dove nelle ultime sostegno finanziario. «Ciò consenti-
no costrette a sposare, spesso invo-
due settimane, i casi sono aumentati lontariamente, un parente del co- rebbe ai bambini di continuare la
a livello nazionale del 15 per cento e niuge. Anche i figli di queste sven- loro istruzione, rompendo così il ci-
continuano a salire in 18 Stati del turate sono indirettamente toccati clo intergenerazionale della pover-
Sud, del West e del Midwest. Sia dallo stigma, oltre al fatto che per tà» rilevano le Nazioni Unite.
In Russia, terzo Paese al mondo cessi. Si assiste invece ad un crollo CoV-2. Non servono più necessaria-
venerdì che sabato negli Usa ci sono una donna rimasta sola non è facile Favorire l’autonomia delle vedo-
per numero di contagi, le autorità dei casi a Pechino, con solo 9 nuovi mente due tamponi negativi a di-
stati oltre 30 mila contagi, il livello rispondere ai bisogni della famiglia. ve, attraverso l’accesso all’assistenza
sanitarie hanno annunciato altri contagi nelle ultime 24 ore. Lo han- stanza di almeno 24 ore, oltre alla
più alto dal primo maggio. La me- In molte, specie le meno istruite, sanitaria, all’istruzione, all’occupa-
7.600 nuovi casi nelle ultime 24 ore, no reso noto le autorità cinesi. Si guarigione clinica. Le linee guida, zione dignitosa e al processo deci-
dia dei morti degli ultimi 14 giorni quelle cui le società tradizionali ne-
per un totale di 592.280 infezioni re- tratta di 22 contagi in meno del aggiornate il 27 maggio, prevedono sionale nella società, consentirebbe
però è scesa del 42 per cento. Lo gano il diritto di ereditare proprie-
rende noto il «New York Times». gistrate dall’inizio dell’emergenza sa- giorno precedente e del numero più solo tre giorni senza sintomi, inclusi loro di vivere una vita senza biso-
nitaria. Rispetto a ieri si contano an- basso degli ultimi dieci giorni. La febbre e problemi respiratori, per tà, compresi i diritti fondiari, si ve-
In Africa, sono ormai più di dono costrette a ritirare i bambini gno. Migliorarne la condizione por-
300.000 i casi accertati. Lo rivelano i che 95 decessi in più, per un totale Corea del Sud ha riportato 17 nuovi poter uscire. «I criteri aggiornati — terebbe in ultima analisi a una ridu-
da scuola per poter contare sull’aiu-
dati dei Centri di controllo e pre- di 8.206. Anche in Italia si registra casi in 24 ore, il numero più basso specifica l’Oms — riflettono i recenti to di un altro salario, ma anche a zione delle disuguaglianze e della
venzione delle malattie dell’Unione un calo di contagi. Ai minimi le vit- in circa un mese. Il conteggio gior- risultati in base ai quali i pazienti i mendicare o a prostituirsi. In alcuni povertà, accelerando l’attuazione
africana, che parlano di 306.567 con- time con 24 morti nelle ultime 24 naliero porta il numero totale di in- cui sintomi si sono risolti possono Paesi sono chiamate a ripianare i degli Obiettivi di Sviluppo Sosteni-
tagi e 8.115 decessi. Il Sud Africa ore, a fronte delle 49 di ieri. Sono al fezioni a 12.438. ancora risultare positivi al virus per debiti sostenuti dai mariti, diventa- bile. Infine, la violenza e gli abusi
continua a registrare il maggior nu- momento sedici le regioni a zero de- Nel frattempo, cambiano le racco- molte settimane. Nonostante però no dipendenti dalla carità della fa- su queste donne, aggiunge l’O nu
mero di casi, 97.302, mentre l’Egitto, cessi, ma si teme l’arrivo dell’estate. mandazioni dell’Oms. Le nuove li- questo risultato positivo del test, è miglia del defunto che spesso le ri- influenza negativamente gli sforzi
con 2.193 decessi, è lo Stato con il In Germania invece il numero di ca- nee guida prevedono criteri diversi improbabile che siano infettivi e, fiuta privandole anche dell’alloggio. per la pace e la sicurezza, alimen-
bilancio più grave dall’inizio si confermati è aumentato di 602 a per interrompere l’isolamento dei pertanto, che siano in grado di tra- Tutto ciò avviene in una palese vio- tando il ciclo della sopraffazione e
dell’emergenza sanitaria. 191.272, mentre si contano 8.885 de- pazienti risultati positivi al Sars- smettere il virus a un’altra persona». lazione dei diritti umani e anche incoraggiando l’instabilità nei paesi.

Il settembre 6 presidenziali in Bolivia nonostante la pandemia


Un richiedente Netta vittoria Conte illustra le misure per fronteggiare l’emergenza

L’America Latina asilo libico in Serbia Conclusi gli Stati generali


l’aggressore del partito
ancora nella morsa del virus di Reading di Vučić dell’economia
LONDRA, 22. È un richiedete asilo li- BELGRAD O, 22. Come ampiamen-
bico di 25 anni, Khairi Saadallah, te previsto, il Partito del progres-
conosciuto dai servizi segreti britan- so della Serbia (Sns, conservato-
nici, l’uomo che sabato sera ha ac- re), guidato dal presidente,
coltellato un gruppo di persone in Aleksandar Vučić, ha nettamente
un parco di Reading, nella Valle del vinto con le elezioni parlamentari
Tamigi, nel sud del Paese, provocan- e amministrative di ieri nel Paese
do tre morti e tre feriti gravi. balcanico. All’Sns è andato circa
Un attacco qualificato come «ter- il 63 per cento dei consensi (oltre
roristico» dagli investigatori, dopo 2 milioni di voti su circa 3,3 mi-
qualche esitazione ufficiale. E su cui lioni di elettori recatisi alle urne).
pesa tuttavia pure il sospetto di una «Ringrazio tutti i cittadini che
componente di squilibrio mentale. in condizioni così difficili e in-
L’arresto del presunto assassino consuete, anche per via del coro-
sembra, per ora, avere chiuso il cer- navirus, si sono recati a votare
chio su quanto accaduto. Non do- dando fiducia alle nostre idee e al
vrebbero esserci, infatti, altre perso- nostro programma politico», ha
ne coinvolte. Il contesto che emerge detto davanti ai suoi sostenitori.
da Scotland Yard è il gesto, l’ennesi- «Ora — ha aggiunto Vučić —
La presidente boliviana ad interim, Jeanine Áñez (Afp) mo, di “lupo solitario”, privo di dobbiamo lavorare ancora di più Giuseppe Conte (Ansa)
complici. Ma diversi interrogativi per il nostro futuro, per cambiare
devono essere ancora sciolti, come la Serbia. Dobbiamo accelerare il
BRASÍLIA, 22. Il coronavirus conti- nel recente passato gli analisti han- cammino verso l’Unione europea, ROMA, 22. Conclusi ieri sera a Ro- stamento di bilancio, con risorse in
ha lasciato intendere lo stesso pre-
nua a colpire duramente l’America no assistito all’alternanza tra im- dobbiamo accelerare sulle rifor- ma gli Stati generali dell’economia, deficit. Proseguire sulla strada del
mier britannico, Boris Johnson, in-
Latina, che si conferma al momen- pennate improvvise e cali drastici me». Il presidente ha confermato si apre per il Governo italiano una taglio del cuneo fiscale disposto
dicando la necessità che le indagini
to l’epicentro globale della pande- delle infezioni, sia in Brasile, dove che permangono difficoltà sulla settimana cruciale per tradurre le dall’ultima manovra, che parte a lu-
«proseguano fino in fondo».
mia. I contagi nel fine settimana il virus sta dirottando la sua traiet- questione del Kosovo. proposte in misure concrete. glio, «è la direttrice giusta», ha sot-
Al centro dell’attenzione è il pro-
hanno superato i due milioni e le toria di diffusione verso le regioni Dopo l’Sns, figura, molto stac- Nell’illustrare il Piano di rilancio tolineato. Una «soluzione chiara ar-
morti complessive si stanno avvici- interne, che nei Paesi più colpiti filo dell’arrestato: di origine libica condiviso, il presidente del Consi-
cato in termini di consenso, il riverà a breve», ha garantito.
nando velocemente alla cifra netta della regione. (come l’attentatore suicida Salman Partito socialista (Sps), del mini- glio dei ministri italiano, Giuseppe
Abedi, che nel 2017 si fece esplodere Nel mezzo della crisi più dura, il
delle centomila unità. Al centro In Bolivia il presidente ad inte- stro degli Esteri, Ivica Dačić, al- Conte, ha detto che è arrivato «il presidente del Consiglio dei mini-
dell’attenzione degli esperti, al mo- rim, Jeanine Áñez, ha intanto fir- provocando una strage alla Manche- leato di Governo, che ottiene il momento di reinventare l’Italia»,
ster Arena), residente a Reading co- stri ha riaperto il “cantiere” dell’im-
mento, l’inizio dell’inverno nella mato ieri il disegno di legge che 10,7 per cento dei voti, una per- perché sia «moderna, sostenibile, posta sui consumi. Ha parlato di
parte meridionale della regione. fissa al 6 settembre la data delle me richiedente asilo ed entrato nel centuale peraltro inferiore alle at- inclusiva e verde». Sono nove i ca-
radar dei servizi segreti interni bri- una discussione aperta, ma nulla
Il Brasile, che nel week end ha elezioni presidenziali nel Paese, tese e alle previsioni dei sondaggi pitoli con cui Conte si è presentato
tannici fin dall’anno scorso. ancora di deciso, dato che si tratta
fatto segnare un calo vistoso dei nonostante avesse espresso perples- che parlavano di cifre al di sopra agli Stati generali a Roma. Tra le
Il giovane, con problemi mentali, di «una misura costosa»: almeno 10
nuovi casi, ha comunque superato sità per il voto durante la pande- del 12 per cento. Stando ai dati misure ipotizzate per fronteggiare
era stato alcune volte in carcere per miliardi di euro, secondo alcune sti-
anche la soglia delle cinquantamila mia. «Ho ricevuto pressioni per far parziali, sarebbero solo tre le for- l’emergenza economica causata dal
reati minori di criminalità comune. me che circolano nel Governo.
vittime, di cui 641 nelle ultime 24 svolgere le elezioni il 6 settembre, ze politiche a superare la soglia covid-19 c’è anche anche un taglio
ore. Il Messico quella dei ventimila nel bel mezzo della pandemia», ha Una volta uscito a fine 2019, non di sbarramento del 3 per cento e dell’iva, sebbene «costoso», per fa- Conte ha osservato che il piano
decessi e il Perù il tetto delle 8.000 dichiarato Áñez in un messaggio aveva avuto apparenti vincoli di sor- a ottenere seggi nel Parlamento vorire la ripartenza dei consumi. di rilancio — che costituirà l’ossatu-
morti. La cittadella Inca di Machu registrato, in cui ha respinto l’accu- veglianza e nemmeno l’apertura di unicamerale di 250 deputati. Se ne parlerà in settimana con i ra del Recovery fund che l’Italia
Picchu, il principale sito turistico sa di voler rimanere al potere e ha un dossier nei suoi confronti. Si tratta, oltre a Sns e Sps, del partiti, che Conte vorrebbe ricevere presenterà a settembre all’Europa —
peruviano, ha deciso di rimandare chiesto ai seguaci dell’ex presiden- Neal Basu — numero due di Sco- movimento Spas, forza di opposi- uno alla volta. L’opposizione di darebbe «una spinta alla ripresa dei
la riapertura originariamente previ- te Evo Morales, tra cui il suo suc- tland Yard e capo dell’antiterrorismo zione moderata di centrodestra centrodestra ha accolto l’invito al consumi», ma anche un messaggio
sta per il 1° luglio. cessore alla guida del Movimento britannico, intervenuto nelle indagi- guidata dall’ex pallanuotista dialogo, ma solo se la coalizione sa- «di fiducia». Mentre tra le misure
Relativamente al calo dei conta- per il socialismo, Luis Arce, «di as- ni su richiesta della Thames Valley Aleksandar Šapić, accreditato di rà sentita in un unico incontro e concrete che vuole portare avanti,
gi in Brasile, per capire se si tratti sumersi con coraggio la responsa- Police — ha lasciato balenare qual- circa il 4 per cento dei consensi. non separatamente. Conte ha citato «un progetto», pro-
di una reale inversione di tendenza bilità di volere così insistentemente che analogia con gli ultimi due raid Tutte le altre 18 forze politiche in Conte ha, dunque, tratteggiato le posto dalla Business School, «di un
occorrerà vedere l’andamento dei tenere elezioni nel bel mezzo di di “lupi solitari” verificatisi a Londra lizza sarebbero al di sotto della direttrici delle proposte, conferman- voucher per 500 donne l’anno che
prossimi giorni. Più volte infatti una pandemia». fra novembre e febbraio scorsi. soglia di sbarramento. do come imminente un nuovo sco- aspirano a diventare manager».

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
lunedì-martedì 22-23 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Rimpatriati a Parigi dieci minori figli di jihadisti francesi


LABORATORIO «Per chi è responsabile la domanda ultima non è:

Attacchi contro D OPO LA PANDEMIA come me la cavo eroicamente in quest’affare, ma: quale potrà essere la vita
della generazione che viene» (D. Bonhoeffer)

l’esercito siriano Fra crisi dello Stato nazione, capitalismo, sicurezza, dittatura della tecnologia

DAMASCO, 22. Almeno otto militari


dell’esercito siriano sono rimasti uc-
cisi e altri tre sono stati catturati a
seguito di un attacco dei miliziani
Il disordine che viene
del sedicente Stato islamico (Is)
all’alba di ieri nella provincia di Raffaele Alberto Ventura, classe 1983, sempre più problematico lo smalti- sto dedicando un rapporto che verrà
Deir Ezzor, nell’est del Paese. Ne ha scrittore, vive a Parigi, dove collabora mento degli scarti (ecologici ma an- pubblicato dal Groupe d’Etudes
dato notizia l’Osservatorio siriano con il Groupe d’études géopolitiques e che umani) del processo di produ- Géopolitiques di Parigi.
per i diritti umani, ong con sede a con la rivista «Esprit». Il suo primo zione della sicurezza.
Londra, secondo cui l’imboscata dei libro, «Teoria della classe disagiata», In questa fase di rendimenti de-
terroristi è avvenuta nei pressi della pubblicato da minimum fax (2017) è crescenti, che la maggior parte degli Governare il disordine
città di Al Mayadín, prossima al de- uno delle opere d’esordio più apprezzate indicatori quantitativi fa iniziare alla
serto di Deir Ezzor, già teatro negli degli ultimi anni. Con la stessa casa fine degli anni 1960, inevitabilmente I dibattiti sul “politicamente cor-
ultimi giorni di una serie di attac- editrice ha pubblicato anche «La guer- inizia anche a erodersi il consenso retto”, ad esempio, possono suscita-
chi. L’ong ha riferito che lo scontro ra di tutti» (2019). L’articolo seguen- delle istituzioni pubbliche e della re ironie solo finché non si comincia
a fuoco tra le due parti è stato più te, scritto per «L’Osservatore Roma- classe competente. Si entra così in a capire quali sono le terribili conse-
intenso nella zona di Al-Mazare, no», risponde ad alcune riflessioni sul- una crisi di legittimazione, come guenze che le società multiculturali
che, nella regione, ha le maggiori la crisi odierna e sulle prospettive futu- ravvisato già all’epoca da filosofi co- cercano di prevenire con certe cavil-
concentrazioni di forze lealiste. re, temi ai quali ha dedicato il suo me Jurgen Habermas e Claus Offe lose precauzioni linguistiche. Ogni
Nelle ultime ore le forze demo- nuovo libro «Radical Choc. Ascesa e e segnalato nel famigerato rapporto “passo indietro” rispetto a valori
cratiche siriane (Sdf) hanno lanciato caduta dei competenti», che uscirà a 1975 della Commissione Trilaterale, della civiltà democratica-liberale che
un’offensiva contro i ribelli nei cam- settembre per Einaudi. La crisi della democrazia. Quelle si credevano acquisiti sono in realtà
pi profughi a Deir Ezzor, lungo competenze che erano state tanto i sintomi della dissoluzione di certe
l’Eufrate. Il bilancio sarebbe di di- provato a confondersi tra gli sfollati creato su iniziativa di Mosca dopo di RAFFAELE ALBERTO VENTURA preziose nella fase di espansione, sue precondizioni storiche. Questo
versi probabili ribelli o fiancheggia- per nascondersi e continuare allo l’accordo di transazione tra l’opposi- garantendo salute e benessere, ten- vale per la libertà d’espressione a
stesso tempo a operare. zione e il governo siriano firmato a el suo vivido ritratto del dono sempre di più a essere rimesse

N
tori del sedicente Stato Islamico ar- fronte di una ridefinizione del pae-
restati. Sembra che questi avessero Nell’esplosione di un’autobomba, metà del 2018, per integrare i ribelli mondo di ieri, ovvero della in discussione. Come aveva visto saggio culturale così come per la li-
nel pomeriggio di sabato scorso, al- che hanno accettato gli accordi di Vienna prima della caduta Nietzsche, alla stanchezza di una ci- bertà di movimento a fronte del ri-
meno quindici soldati pro regime riconciliazione con Damasco. dell’Impero austro-ungarico, Stefan viltà segue una profonda delusione
schio epidemico. Rileggendo i libri
sono morti mentre erano a bordo di Intanto da Parigi arriva la notizia Zweig parlava di un “mondo della e dalla delusione sorge il risenti-
di Storia mentre la Storia accenna a
un’autobus nel villaggio di Kahil, che nella notte sono stati rimpatriati sicurezza” oramai perduto: in effetti mento.
ripetersi, ci troviamo a valutare con
nella provincia di Daraa. «Il dispo- dieci minori francesi che erano dete- il primo segno del benessere sta maggiore indulgenza certe norme,
Nel Kashmir sitivo esplosivo si trovava sul lato nuti nei campi gestiti dalle forze nell’essere al sicuro dai pericoli, dal-
la miseria, dalla paura. Questo ci ri-
interdetti e dispositivi di regolazione
della strada ed era gestito in remo- curde in Siria. Lo ha annunciato in Classe disagiata che avevamo liquidato senza co-
nuove tensioni to», ha dichiarato ad Afp il diretto- una nota il ministero degli Esteri. porta alla radice hobbesiana dell’or-
dine politico moderno, costituito e guerra di tutti glierne la razionalità funzionale.
re dell’Osservatorio siriano per i di- «La Francia oggi ha proceduto al Proprio come ci siamo rassegnati al-
tra India ritti umani, Rami Abdel Rahmane, rimpatrio di 10 minori francesi, orfa- proprio sulla paura. A questa paura
lo Stato oppone un sistema di pro- L’ordine moderno, virtuoso sotto le drastiche misure profilattiche ne-
e Pakistan aggiungendo che, nella deflagrazio-
ne, almeno 19 altri soldati sono ri-
ni o casi umanitari, che si trovavano
nei campi della Siria nordorientale», tezione: innanzitutto dell’incolumità certi aspetti, per altri appare struttu-
ralmente disfunzionale. Innanzitutto
cessarie per arrestare sul nascere la
circolazione di un virus, presto ci
masti feriti, alcuni in condizioni cri- si legge nel comunicato, secondo fisica, secondariamente della pro-
esso si caratterizza per un’inevitabile convinceremo che la pace civile val
prietà, poi della libertà di intrapren-
tiche. Le vittime erano membri della cui i minori rimpatriati sarebbero fi- corsa in avanti, a proporre di volta bene qualche rinuncia. Ma la nego-
ISLAMABAD, 22. Una ragazzina di dere e di prosperare. Oggi anche il
quinta legione dell’esercito siriano gli di jihadisti francesi. in volta le soluzioni necessarie per ziazione sarà tutt’altro che indolore,
13 anni è morta e altre due perso- nostro mondo si è ripopolato di ri-
schi (ecologici, epidemici, finanziari, risolvere i problemi da esso stesso
ne sono rimaste ferite ieri in se-
sociali, tecnologici) e l’ordine politi- creati — insomma a produrre sempre
guito a colpi di artiglieria sparati
co sembra vacillare, incapace di ulteriore sicurezza a fronte dei nuo-
dall’esercito indiano contro la
onorare l'antica promessa di sicurez- vi rischi che la sua esistenza ingene-
parte del Kashmir controllata dal
Pakistan. Lo ha reso noto, in un Pyongyang pronta a un lancio record sulla Corea del Sud za sulla quale si era fondato. Ma ra. Una corsa, tuttavia, che non può
comunicato, l’esercito pakistano, piuttosto che cercare di elencare le essere infinita perché finite sono le
risorse da sfruttare e i territori verso
secondo cui i soldati indiani
avrebbero aperto il fuoco senza
alcun motivo contro la popola-
L’offensiva dei volantini innumerevoli cause esogene vorrem-
mo suggerire che abbiamo a che fa-
re con l’esaurimento di un ciclo: un
i quali espandersi. Oltre una certa
soglia la domanda di sicurezza non
zione civile provocando la morte ciclo non dissimile da quello impe- riesce più a essere soddisfatta per
della ragazzina. Nell’attacco è ri- riale di Zweig, giunto al suo defini- eccesso di rischi: abbiamo vissuto in
PYONGYANG, 22. La Corea del Nord completamento», ha affermato la tivo stiramento, che aveva origine meno di un decennio in mezzo a
masta ferita la madre della giova-
ne e un ragazzo. Secondo le rico- ha preparato milioni di volantini Kcna, aggiungendo che, a riguardo, proprio con Thomas Hobbes; un ci- frequenti sollevamenti popolari,
struzioni, illustrate nella nota, i propagandistici con l’intenzione di sono pronti oltre «3.000 palloncini clo comunemente definito di mo- un’epidemia mondiale, un’ondata di
soldati indiani avrebbero violato lanciarli a breve sulla Corea del di vario tipo in grado di diffondere dernizzazione. Questo esaurimento attentati, un’escalation militare tra
il cessate il fuoco nei pressi dei Sud, in risposta a un’iniziative ana- i volantini» nel territorio sudcorea- porta con sé una crisi economica e potenze atomiche e la minaccia di
villaggi di Hajipur e Bedori, do- loga del Paese vicino. Lo ha riferito no. L’agenzia di stampa del regime una crisi di legittimità, e da qui un una catastrofe climatica.
po di che l'esercito pakistano l’agenzia di stampa ufficiale del re- ha menzionato anche altri mezzi di ripiego identitario che esacerba le Quest’ordine è inoltre disfunzio-
avrebbe risposto al fuoco. I colpi gime nordcoreano Kcna. diffusione, senza specificare. tensioni intercomunitarie. Come nale perché nello sviluppare al mas-
di mortai sparati dalle truppe in- I volantini saranno trasportati in Le già difficili relazioni diploma- governare allora il disordine che simo le forze produttive e nel garan-
diane hanno anche danneggiato Corea del Sud da migliaia di pal- tiche tra le due Coree si sono ina- viene? tire una soddisfazione sempre più
diverse case, secondo i resoconti loncini, ha precisato la Kcna. Pyon- sprite ulteriormente. Dopo avere di- ampia dei bisogni materiali, esso
dei media locali e dei funzionari gyang ha annunciato ieri l’avvio del- non riesce a soddisfare la domanda
strutto la scorsa settimana l’Ufficio
governativi. la “rappresaglia”, dopo avere ripetu- di bisogni simbolici che, anche in
L’episodio segue quello analo- tamente protestato contro la propa-
di coordinamento con il Sud a Kae- Il ciclo questo caso, è esso stesso a genera-
song, al confine tra i due Paesi,
go avvenuto giovedì scorso, ganda di Seoul, guidata, secondo il
Pyongyang ha anche minacciato di
della modernizzazione re. Questi bisogni, tutt’altro che se-
quando quattro civili pakistani Nord, da disertori nordcoreani. I condari, hanno in effetti una natura come mostrano le legittime solleva-
volantini provenienti dalla Corea rafforzare la sua struttura militare La nascita dello Stato moderno “posizionale”: le merci simboliche
sono stati uccisi e uno è rimasto zioni dei neri d’America.
ferito sotto i colpi di artiglieria del Sud riportavano attacchi mirati lungo il confine. tra il Cinquecento e il Seicento che li soddisfano — come ad esem- Non c’è nulla di cui felicitarsi per
dell’esercito indiano. contro il leader nordcoreano, Kim Mercoledì prossimo è il settantesi- inaugurava una lunga fase nella pio i titoli di studio, la reputazione questo passato che ritorna, poiché
Intanto le forze di sicurezza Jong-un, denunciando le violazioni mo anniversario dell’inizio della quale l’espansione crescente dei po- o il riconoscimento — non possono significa un’estensione ancora mag-
dell’India ieri hanno reso nota dei diritti umani e i programmi nu- guerra di Corea (1950-1953), che de- teri pubblici — incaricati appunto di essere fabbricate su scala industriale, giore del dominio della sicurezza.
l’uccisione di tre terroristi nel cleari di Pyongyang. terminò una delle fasi più acute del- produrre sicurezza — andava di pari anzi hanno un valore proprio per Alla massa critica di risentimento
corso di una operazione effettua- «I preparativi per la più grande la guerra fredda, con il rischio di un passo con lo sviluppo economico, la via della loro scarsità. L’accumula- che si è accumulata negli ultimi de-
ta nella città di Srinagar, nello distribuzione di volantini di sempre conflitto globale e il possibile utiliz- prima propiziando il secondo e il zione di beni posizionali ha la spe- cenni non si riesce ad opporre altro
stato di Jammu e Kashmir. contro il nemico sono in fase di zo di bombe nucleari. secondo finanziando la prima. Que- cifica funzione di permettere la sele- che una gestione muscolare dell’or-
sto circolo virtuoso richiedeva inol- zione sociale sulla base del principio dine pubblico; alla caduta delle
tre crescenti investimenti nella com- di competenza; ma tende a costitui- strutture comunitarie non si trova
petenza, cioè nel capitale culturale e re un enorme spreco per la colletti- altro palliativo che la militarizzazio-
nella specializzazione professionale vità, oltre a lasciare sul campo di ne dello spazio urbano. La necessità
degli individui: in effetti la sicurez- battaglia sempre più numerosi indi- di amministrare una crescente mole
Violenta eruzione del vulcano za moderna non consiste soltanto
nell’essere al sicuro dai pericoli ma
vidui sovra-istruiti che nessun mer-
cato del lavoro sarà mai in grado di
di rischi rende la società sempre più
dipendente da una tecnostruttura
indonesiano Merapi inoltre nell’essere sicuri, ovvero
nell’essere in grado di capire il fun-
assorbire: è quella che ho chiamato
“classe disagiata”, classe spesso ras-
altamente qualificata che riesce sem-
pre meno a permettersi e sempre
zionamento della natura e di preve- segnata e talvolta comprensibilmen-
più difficile legittimare. La storia
JAKARTA, 22. Una gigantesca colon- raggio di almeno tre chilometri dal sembra vi siano i presupposti per dere il corso degli eventi. Per questo te risentita, che si candida a guidare
della Ragione non è in fondo altro
na di cenere, alta più di sei chilo- cratere. un’allerta maggiore a quella della il grande sociologo Max Weber, un le rivolte di domani.
che la storia della sua bancarotta.
metri, sovrasta da ieri mattina il Le eruzioni, secondo l’Agenzia prudenza. secolo fa, individuava nella raziona- Infine quest’ordine è disfunziona-
Proprio come si parla talvolta di
vulcano Merapi — uno dei più atti- geologica nazionale, sono durate A causa dello stato di quasi co- lizzazione la cifra essenziale dell’età le perché il processo di modernizza-
“democratura” per indicare la crasi
vi al mondo, alle porte della città circa sette minuti. L’Agenzia non ha stante attività del vulcano, gli esper- moderna e annunciava l’inesorabile zione pretende la dissoluzione delle
tra democrazia e dittatura, tra le tra-
di Yogyakarta, nell’isola indonesia- modificato il grado di allerta relati- ti considerano il Merapi — che si fusione tra capitalismo e burocrazia. identità comunitarie in nome del
trionfo dell’universale, ma entrando sformazioni che incombono c’è an-
na di Giava — dopo che due vio- vo al vulcano, ma ha consigliato alle trova a circa 500 chilometri a est In questo modo l’Occidente ha
goduto di vari secoli di espansione. nella sua fase di stiramento il siste- che quella della democrazia liberale
lente eruzioni hanno spinto nelle compagnie aeree di prestare partico- della capitale, Jakarta — uno dei più
Il ciclo della modernizzazione, tut- ma fatica sempre di più ad assimila- in tecnocratura. Pur di non ricadere
ultime ore le autorità locali a ordi- lare attenzione durante i voli nella sorvegliati del mondo, come del re-
tavia, è virtuoso solo fintanto che re gli individui. Alla ricerca di nuo- nel caos, non ci resta altro che desi-
nare ai residenti di tenersi ad un zona. Al momento, tuttavia, non sto gli altri numerosi crateri presenti
riesce ad auto-sostenersi: ovvero fin- ve fonti di sicurezza, di sostenta- derare la distopia.
nel vasto arcipelago asiatico. Nessun argine, tuttavia, basterà a
tanto che gli investimenti in sicurez- mento ma anche di riconoscimento,
L’ultima grande eruzione del risolvere la contraddizione fonda-
za possono essere ripagati con lo molti tra i più fragili possono essere
Merapi risale al 2010, quando tra il mentale tra rischio e sicurezza da
sviluppo che generano. Il problema tentati dalla “dissimilazione” ovvero
26 ottobre e il 30 novembre moriro- cui sorge la modernità, e che la co-
quindi sorge dai rendimenti decre- dal ripiego in un’identità etnica o
no oltre 300 persone e altre 280.000 religiosa spesso ricostituita artificial- stringe alla sua continua corsa in
scenti della sicurezza ovvero dall’in-
furono fatte sgomberare. capacità di ogni unità di spesa sup- mente, sia essa l’Islam radicale o il avanti, fino a non potersi più soste-
Prima di allora, la più forte eru- plementare di generare un beneficio sovranismo europeo. Questa triba- nere. In un civiltà che aveva affida-
zione avvenne nel 1930, in cui mori- per la collettività all’altezza della lizzazione del corpo sociale ha crea- to la legittimazione dei propri poteri
rono circa 1.300 persone, seguita da spesa precedente. Se consideriamo to le condizioni per una “guerra di alla sola dinamica dello sviluppo —
un’altra nel 1994, che provocò più l’ordine politico moderno come un tutti contro tutti” che oggi si mani- entrata in crisi ormai da mezzo se-
di sessanta vittime. rapporto di scambio ineguale tra un festa in frequenti conflitti a bassa colo dopo averci regalato una pa-
Oltre ad essere uno dei vulcani Centro dove si concentra il capitale- intensità, spesso catalizzati su sim- rentesi di prosperità che pareva eter-
più attivi del mondo, il Merapi è fra competenza e una Periferia che for- boli o questioni simboliche. Ma na — economia e politica si trovano
quelli ritenuti più pericolosi, per via nisce il lavoro materiale, allora pos- ogni sfogo catartico rischia presto o abbracciate nella caduta come lo
delle sue improvvise eruzioni piro- siamo figurarci la sua crisi come si- tardi di sfuggire al controllo. Se è erano nell’ascesa. È il suono sordo
clastiche (magmi altamente viscosi) mile allo “stiramento imperiale” che giusto che le minoranze trovino un dell’impatto quello che già sentiamo
e anche per la sua prossimità a una affligge le grandi potenze quando modo di regolare i loro conti con su di noi, ma rallentato a tal punto
zona densamente abitata. La città di non riescono più a garantire la tota- chi li ha per troppo tempo domina- che ci siano convinti che si tratti so-
Yogyakarta, dalla quale dista pochi lità dei propri interessi. A questo ti, nostro compito è fare il necessa- lo di un rumore di fondo. Il nostro
chilometri, conta infatti quasi tre punto iniziano ad apparire sempre rio perché non s’inneschi una scala- tempo è passato e il mondo in cui
La colonna di cenere che si alza dal vulcano (Afp) milioni e mezzo di abitanti. più visibili gli effetti collaterali e ta agli estremi. A questo problema siamo cresciuti già appartiene a ieri.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 22-23 giugno 2020

Nell’ultimo album di Bob Dylan «Rough and Rowdy Ways»

Il filosofo pirata
con un indirizzo in tasca
di ALESSANDRO CARRERA esempio, uno perché ha osato inter- mo colpo di tamburo che ci avvisa, trasmissioni transatlantiche nel di-
pretare i sogni e l’altro per aver ci fa sapere che la nostra guida ci ha cembre del 1901), se non si sapesse
mmaginiamo: un uomo si brandito un’ascia). Dylan è ormai portato in un luogo che non ricono- che “President McKinley” è anche il

I sveglia in una stanza buia,


non sa come ci è arrivato,
non ricorda niente, ignora da
dove vengano i vestiti che ha
addosso e non ha idea di dove si
trovi. Fuori è tutto scuro, non rico-
nosce il luogo e ha perso il senso
lontano da ogni velleità di stupire,
ma non può evitare che ogni sua
mossa susciti meraviglia, soprattutto
se a 79 anni e con il suo trentanove-
simo disco in studio finisce al primo
posto nelle classifiche mondiali.
La storia dell’uomo perduto nel-
sciamo.
Ma se fosse invece il contrario? Se
l’uomo che si è svegliato nella stanza
buia con un indirizzo in tasca fosse
proprio Dylan? E come pensa, que-
sto Dylan, di arrivare a Key West?
Di salvarsi, in altre parole?
nome del modello di una radio CB.
Key West diventa in Dylan una ra-
dio pirata che manda ogni notizia
non ufficiale, ogni poesia beat, non-
ché la musica che il disc jockey
Wolfman Jack, invocato in Murder
Most Foul, trasmetterà per comme-
della distanza. Potrebbe essere vici- l’universo e con un indirizzo in tasca In False Prophet, Dylan afferma morare la morte di un altro presi-
no a casa oppure lontano, molto viene da un mio amico scrittore, deciso di non essere un falso profeta. dente. Non crediate di aver preso
lontano, non solo in un’altra città, in morto dieci anni fa. Non era riuscito Dunque siamo noi a dover capire Dylan in castagna.
un altro paese, al di là dell’oceano, a svilupparla, me l’aveva regalata, e che cos’è un profeta non falso, non Non è importante sapere se Rough
ma addirittura su un altro pianeta, a me è tornata alla mente mentre in tempi biblici ma oggi. Un profeta and Rowdy Ways sia più o meno
in un’altra parte dell’universo. Non ascoltavo questo lungo viaggio di un ci mostra il presente — non il futuro grande degli album che l’hanno pre-
gli fa differenza, perché vicino o everyman perduto verso una Key We- — annullando le distanze, facendo ceduto. Fa parte dello stesso proget-
lontano, prima e dopo, sono parole st più favolosa che reale. Ma que- collassare la storia, parlando dalla to di grande poema in frammenti
che non hanno più significato. Si st’uomo perduto è Dylan o è chiun- posizione dell’angelo e da quella del che Dylan persegue fin da Time Out
fruga nelle tasche di una giacca che que abbia la ventura di ascoltare demone. Non ho detto del diavolo,
non è la sua e trova un biglietto con of Mind (1997), si pone allo stesso
questo disco ad occhi chiusi, al buio anche se negli ultimi dischi di Dylan (inarrivabile) livello. Certo, preferi-
il nome di una città: Key West, Flo- una canzone che puzza di zolfo non (una presenza ossessiva; c’è anche Dylan nomina santi, chiese, pre-
e con gli auricolari nelle orecchie? sce la fermezza alla speranza, racco-
rida. Ora, da quel luogo sconosciuto manca mai. C’è My Wife’s Hometown un lungo blues intitolato Crossing the ghiere e religioni, ma questa volta ri-
Partiamo dalla seconda ipotesi. manda di tenere i piedi ben saldi,
in cui è capitato, il suo unico compi- Rubicon) sta rovesciando la tipica sparmia le citazioni dalla Bibbia, o
Sono stato io a provare la sensazione in Together through Life, Pay in Blood perché solo stando a contatto con lo
to è raggiungere Key West, e non sa almeno le più riconoscibili. Chi do-
di non sapere più dov’ero, al minuto in Tempest, e anche qui in My Own domanda che guida la vita dei reborn spirito della terra si possono alzare
da dove cominciare. mina qui è il demone, lo spirito del-
0:51 dello scarnissimo arrangiamento Version of You un nuovo Dr. Fran- Christians (What Would Jesus Do?), gli occhi al cielo. In un’intervista
Key West (Philosopher Pirate) è la la terra, del ritmo e dell’ispirazione,
canzone che chiude il primo cd di di Black Rider, e poi di nuovo a pubblicata sul «New York Times»
ogni fine di strofa: un leggero colpo quello che Faust cerca di evocare
Rough and Rowdy Ways, l’album di del 12 giugno, lo storico Douglas
di percussioni, forse ottenuto batten- all’inizio del suo dramma senza riu-
Bob Dylan uscito il 19 giugno 2020, Non è un caso che l’album sia uscito il 19 giugno Brinkley chiede a Dylan come mai
do il legno della bacchetta sul bordo scirci — il primo di molti fallimenti
quasi doppio. Il primo cd contiene la musica Gospel che Little Richard
metallico di un tamburo. Non sem- Infatti il 19 giugno 1865 futuri e anche la causa della sua resa
nove canzoni; il secondo solo una, alternava ai brani di rock ‘n’ roll non
brava provenire da nessun luogo (se al diavolo.
Murder Most Foul, ma che dura di- il generale Gordon Granger ha avuto il riconoscimento che meri-
lo si togliesse la canzone non cam- Key West (Philosopher Pirate) è co-
ciassette minuti. La data di pubbli- sì l’estrema meditazione di Dylan fi- tava. Dylan, che all’età di sedici an-
cazione non è scelta a caso. Il 19 bierebbe, in apparenza), all’inizio annunciò che gli schiavi in Texas ni aveva dichiarato come sua ambi-
pensavo che fosse un rumore ester- losofo pirata (perché Key West, ulti-
giugno 1865, dalla Villa Ashton di dovevano considerarsi liberi ma isoletta di quella lingua di arci- zione quella di seguire Little Ri-
Galveston, in Texas, il generale no, mi sono anche tolto gli auricola- chard, risponde che la musica Go-
ri per capire da dove venisse. Forse pelago che si estende oltre la punta
Gordon Granger annunciò che gli spel è la musica della buona novella
il mio spaesamento sarebbe finito a meridionale della Florida, è stata
schiavi in Texas dovevano conside- (delle good news) e in questo mo-
Key West? Ma sapevo che la lun- kenstein batte obitori e monasteri al- ormai ridotta a barzelletta (“Sono una base di pirati), il suo ultimo ri-
rarsi liberi. Lincoln aveva decretato mento di good news non ce ne sono.
ghissima canzone del secondo disco, la ricerca di parti di un corpo che un assicuratore che può truffare i fugio? Un paradise divine con descri-
la fine della schiavitù il 22 settembre Non è una sorpresa che il Gospel
vuole costruire. La “mia versione di suoi assicurati. Che cosa farebbe Ge- zioni da dépliant turistico? No, sono
del 1862 ma in Texas la notizia non dedicata all’uccisione del presidente di Little Richard sia stato trascurato,
te” potrebbe essere la versione di un sù? Beh, lui non li trufferebbe, ma troppe le canzoni in cui ha delineato
era ancora ufficialmente arrivata (o, Kennedy, faceva ricominciare il viag- come non è una sorpresa che Dylan,
golem, di una donna, del suo pub- una possibile idea di paradiso, da
cercate di capire la mia posizione”). in dieci canzoni per nulla rozze e
blico, del suo ascoltatore ideale. Il Gates of Eden (1965) a Highlands
E quando canta: «Porta tutto a St. per nulla rissose, abbia cercato di ri-
candido ritmo in tre quarti non deve (1997) fino al “mistico giardino” di
Peter, porta tutto a Jerome» (ma po- Ain’t Talkin’ (2006). Tra questi para- condurci a una condizione di vita e
ingannare, è la canzone più spietata
trebbe anche voler dire: “Poni la disi, Key West è il più ironico e di- di mortalità vissuta e sperimentata in
dell’album, un catalogo di orrori,
violenze e schiavitù ricondotte alla questione”), si sta riferendo a San silluso. Troppi segnali puntano in tutta la sua pienezza, senza ira, disil-
guerra di Troia, “ben prima della Gerolamo traduttore della Bibbia o un’altra direzione, fin dalla prima lusioni o rimpianti. Such is life, such
Prima Crociata”, “ben prima che na- a Jerome Green, suonatore di mara- strofa che inizia bruscamente con is happiness sospira Dylan in Key
scessero Inghilterra e America”. cas al quale Bo Diddley dedicò la l’assassinio del Presidente McKinley West. Così è la vita, così è la felicità,
Ma niente è come sembra. Quan- canzone Bring It to Jerome? A tutti e (14 settembre 1901) annunciato da e forse nessun verso gli è mai uscito
do Dylan si domanda: «Mi chiedo: due, probabilmente, perché distanze una radio senza fili. Cosa difficile da dalle labbra con la stessa saggezza
che cosa farebbe Giulio Cesare?» e gerarchie sono state abolite. credere (anche se Marconi iniziò le fatta suono.

Il cantautore con un amico grande grande


Claudio Chieffo oggi avrebbe settantacinque anni

di MONICA MOND O steri, militanti severi». Lui non ha cammino nella Chiesa, Comunio- venta tua ne fai ciò che senti, ciò
mai detto «che a canzoni si fan ri- ne e liberazione. Don Francesco che ami. E Claudio a tutti parlava
ra stato un tuffo al cuore, voluzioni, si possa far poesia». Fa- Ricci, compagno di strada e mae- di Gesù, cioè dell’uomo.

E una commozione bella la


mostra che proposero al
Meeting di Rimini due anni fa,
ceva compagnia, invece. E anche
poesia, perché soprattutto negli
anni della maturità, e negli ultimi
stro di tanti giovani, aveva girato
il mondo, soprattutto aveva il co-
raggio di girare l’Europa del’Est,
Amico di pittori come William
Congdon, di scrittori e poeti, co-
me Gaber, trascinato perfino al
John Fitzgerald Kennedy per ricordare Claudio Chieffo, anni, i suoi testi erano più dram- raccogliendo testimonianze, por- Meeting dell’amicizia tra i popoli
cantautore, cristiano. Si entrava in matici, più profondi, invasi da una tando aiuti e speranza, e creando in un concerto impensabile. A lui
uno spazio circolare dove tra le fo- tenerezza d’attesa che guardava al nella sua Forlì un centro studi che aveva dedicato uno de suoi testi
se era arrivata, molti avevano fatto gio, e questa volta nessuna meta era compimento. permise di far conoscere e pubbli- più dolci, La canzone del melogra-
tografie e i video la sua musica gi-
finta di niente). Un crescente movi- prevista, nessun riposo. care in Italia gli autori dissidenti no, con quella mano tesa «è da
rava e avvolgeva, e potevi riper- Il cantautore cattolico più can-
mento vorrebbe rendere Juneteenth, In Rough and Rowdy Ways ci sono russi, cechi, polacchi. sempre che cerco la casa dove pos-
correre un gran pezzo di storia. tato al mondo ha iniziato a canta-
come viene chiamato il 19 giugno, sorprese mescolate ad atti mancati. Vaclav Havel, e il suo rivoluzio- so tornare». Gaber l’aveva difeso,
Italiana, europea, della Chiesa. La re prima che nascessi, dai campi
una vacanza federale. Secondo altri, Dylan non sa sempre piegare la sua
tua storia, che le canzoni di Chief- scuola dell’Azione cattolica, nella nario e attualissimo Il potere dei quando «se non cantavi col cuore
il 19 giugno e non il 4 luglio dovreb- voce alle melodie che crea o che
fo hanno attraversato, segnato, so- sua Forlì, per approdare in Sud senza potere, lo ricordo con la co- a sinistra rischiavi l’impopolarità e
be essere il vero giorno dell’indipen- prende in prestito — non solo i pre-
stenuto. Quante messe, feste, gite, America e in Kazakistan, primo e pertina bianca con la scritta Cseo l’emarginazione dai circuiti musi-
denza. stiti dal rhythm and blues degli anni
quante chitarre sui pullman hanno unico musicista a esibirsi in un in arancione, in alto, ed eravamo cali».
È impossibile che Dylan non ci Cinquanta; si coglie anche un’eco
accompagnato parole in cui ti ri- gulag, davanti a centinaia di don- ragazzini quando ci insegnavano Claudio non coltivava il cini-
abbia pensato. Non dopo otto anni della Barcarolle di Jacques Offenba-
conoscevi come in quelle di Guc- ne deportate. Non capivano nulla ad allargare lo sguardo, a ragiona- smo, la lamentela, nessun maledet-
cini, Vecchioni, Venditti. L’epoca dei testi, capivano il sorriso conta- re sul mondo che avremmo voluto, tismo che si trasforma con le com-
gloriosa dei cantautori, che osava- gioso, la passione, la dolcezza e la a scoprire sintonie con maestri del parsate in tv in una vita in posa,
Spicca la straordinaria litania conclusiva no domande alte, parlavano dei forza della musica che è sempre pensiero che erano superficialmen- comodamente adagiati su divani
desideri che avevi anche tu. Solo stata il suo servizio, la sua risposta te o a bella posta trascurati. Clau- gonfi di diritti d’autore. «Lei non
di «Murder Most Foul» che le parole di Chieffo scaldava- al dono dell’incontro con Gesù, dio a sua volta farà concerti da ha un pubblico, ma ha un popo-
un’infinita marcia funebre per il presidente statunitense no il cuore, davano speranza. per tramite di un sacerdote grande clandestino a Varsavia, unico ita- lo», gli disse stupito un giornalista
Claudio Chieffo però non in- e grosso che seguendo don Luigi liano, davanti a due cardinali che dopo un concerto travolgente. «Io
Kennedy assassinato e per l’America uccisa insieme a lui cantava i critici, «personaggi au- Giussani aveva aperto un nuovo avrebbero segnato la storia della faccio parte di quel popolo», ri-
S’impone anche «Black Rider» ovvero la canzone Chiesa e del mondo, Stefan spose. Un popolo in cammino, cui
Wyszyński e Karol Wojtyła. (Da- ha saputo ridonare il dono della
più nuda, più indifesa e più forte dell’intera raccolta vanti al Papa Chieffo canterà deci- musica. Avrebbe 75 anni Claudio
ne di volte, e il Papa canticchiava Chieffo, cinque meno di Guccini,
al seguito). che gli stava simpatico, con cui
Scriveva di sé, dell’amore per i aveva suonato, infinitamente più
di silenzio come autore, in cui ha ch nel tema di I’ve Made Up Mind
suoi figli (che hanno raccolto famoso di lui. Entrambi così seri
pubblicato “solo” tre album (di cui to Give Yourself to You. Ma il suono
l’eredità del suo cuore e della sua quando le urgenze di un significa-
uno triplo) di canzoni tratte dal re- cameristico, minimalista, già speri-
voce), del viaggio e della paura, to non le puoi più fuggire, così
pertorio di Bing Crosby, Frank Sina- mentato nelle raccolte del “periodo della guerra e del potere, della generosi nel condividere, incontra-
tra, Billie Holiday e Tony Bennett, Sinatra”, qui è perfezionato. C’è la Madonna. La sua Ave Maria splen- re, mettersi in discussione.
ripensate, riarrangiate e piegate alla straordinaria litania conclusiva di dore del mattino era il Salve Regina Claudio con il sorriso luminoso
sua voce gracchiante e inevitabil- Murder Most Foul, un’infinita marcia del 2000, ebbe a dire il cardinale di chi ha saputo sempre di essere
mente invecchiata. Un silenzio che funebre per il presidente ucciso e Biffi. Canzoni impegnate, ma con preso per mano, anche nella ma-
infine ha spezzato con Rough and per l’America uccisa insieme a lui. la propria vita e quindi afferrabili lattia più crudele, e che poteva
Rowdy Ways il cui titolo, ispirato a Ma una canzone come Black Rider, da tutti, dai bambini, che si scate- scrivere, all’amico accigliato e cor-
un brano di Jimmy Rodgers degli Dylan non l’aveva ancora tentata. nano coi battiti di mani su Ho un rusco in Canzone per Francesco:
anni Trenta, si potrebbe tradurre Perché l’incerta melodia suona come amico grande grande; nelle parroc- «Non temere la notte, sentinella,
con “Modi rozzi e rissosi”. Non c’è una melopea dell’Europa orientale chie più diverse dove Il signore ha io non sono il nemico, ma il gior-
molto di rozzo nell’album, e nemme- che anche un Jacques Brel avrebbe messo un seme o Io non sono degno no che viene». E qui “io” è da leg-
no di rissoso, se si eccettuano alcuni potuto far sua. È la canzone più nu- vengono cantate con le più diverse gere con la maiuscola, perchè è
versi feroci e insieme divertiti (quelli da, più indifesa e più forte dell’inte- intonazioni, cadenze, ma non im- «l’amico grande grande, più gran-
su Freud e Marx all’inferno, ad ro album. Ed è con quel lontanissi- porta, perché una canzone se di- de di un re».
lunedì-martedì 22-23 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Giorgio Vasari
«Allegoria della Giustizia»
(1543)

Lo strampalato caso
di Ivan Talarico di MICHELE DI BARI La coscienza dell’uomo, d’altra
parte, non può essere il luogo di

cantautore on sempre le finalità qualsiasi pulsione soggettiva, ma

N della Legge coincido- deve essere una coscienza «retta-


no con le aspirazioni mente formata», illuminata, prima

umanista e umorista ed i percorsi etici e


morali dell’agire se-
condo Coscienza, intesa come cri-
ancora che dalla Grazia, dalla ra-
gione. È famoso a tal proposito
l’episodio del cardinale Newman,
terio supremo della moralità; anzi, di recente canonizzato da Papa
i due ambiti spesso danno luogo a Francesco, che nella sua Lettera al
di ANDREA MONDA rico, erede del grande santo inglese Duca di Norfolk del 1874, chiamato
una rigida contrapposizione. Già
che pregava per il senso dell’umori- a fare un brindisi, ebbe ad affer-
san Tommaso d’Aquino nella Sum-
el variopinto panora- smo, un cantautore che ci aiuta a

N
ma Theologiae affermava che la mare di voler brindare «prima alla
ma della musica leg- riflettere sul mistero che rimane per coscienza, poi al Papa». E Bene-
Legge appartiene alla ragione,
gera (non so se si dice noi la nostra stessa esistenza di es- detto XVI, nel Discorso alla Curia
preordinata al bene comune, e che
ancora così) italiana si seri umani. Nella canzone Il filetto romana del 20 dicembre 2010, ha
la trasgressione determina sempre
aggira un personaggio di sgombro pubblicato nel suo primo spiegato come sia erroneo confon-
una violazione di un ordine stabili-
interessante e inquietante, tal Ivan album musicale L’elefante nella stan- dere questa nozione di coscienza
to a detrimento dell’interesse col-
Talarico, classe 1981, cantautore, za, Talarico ci ricorda le cose essen- evocata dal santo con quella rela-
lettivo. La norma, dunque, se vera
poeta e teatrante, così almeno recita Legge, secondo quanto indicato da tivista moderna. Nell’affermazione
l’elusivo e allusivo profilo che si san Tommaso circa il valore morale di Newman, infatti, «coscienza
può trovare in Rete. non significa l’ultima obbligatorie-
Invitato da mio figlio, sono an-
«Viva le cose che non esistono delle azioni umane (cfr. 18-21, arte
tà dell’intuizione soggettiva», vale
che non sono fuori, arroganti,
seconda della Summa), e non frut- Il credente di fronte alle scelte di ogni giorno
dato a vederlo in concerto (non ca- to di ideologie o volubili manife- a dire che la coscienza non può
pita tutti i giorni che tuo figlio ti ad occupare gli spazi identificarsi col pensiero soggetti-

Tra legge
stazioni di volontà del legislatore,
inviti a passare insieme una serata) deve essere intrinsecamente razio- vo assurto a criterio assoluto e
ed è stato molto divertente. Le sue ma che sono dentro a creare nale e tendere al bene dell’uomo. vincolante. La coscienza è invece
canzoni fanno spesso sorridere, a degli spazi in noi» Non sorprende, quindi, che an- subordinata alla verità, è, nelle pa-
volte proprio ridere, i giochi di pa- role di Benedetto, «espressione
role, la maestria vocale con cui rie-
sce a comprimere frasi lunghissime
(e sensate) all’interno della metrica, ziali, anzi la cosa più importante di
tutte e ci ammonisce: «L’universo si
cora oggi, nonostante un processo
di secolarizzazione sempre più
spinto, la violazione di un dettame
religioso rappresenta, talvolta, an-
e coscienza dell’accessibilità e della forza vin-
colante della verità: in ciò si fonda
il suo primato. Al Papa può essere
il gusto per un umorismo parados- dedicato il secondo brindisi, per-
che un reato punibile dallo Stato,
sale e grottesco, l’acutezza con cui espande, senza mai scoppiare. / ché è compito suo esigere l’obbe-
perché l’agire contro il bene
descrive i tic e le contraddizioni Noi rappresentiamo un nonnulla, dienza nei confronti della verità».
dell’uomo non è solo contro lo spi- quanto l’intima convinzione della Una democrazia senza valori,
della contemporaneità, In tal senso, nel Discorso del 12
rito evangelico, ma è anche incom- giustizia di una norma, fondata su dunque, si trasforma facilmente in
fanno di un suo show febbraio 2007, Ratzinger segnala-
patibile con la convivenza pacifica un ordine morale trascendente, ga- totalitarismo. Anche la globalizza-
un appuntamento da va che una legge umana, pur ap-
dei consociati. Se lo Stato assume rantisce il rispetto più di qualsiasi
non perdere. Anche il zione, proseguiva il Pontefice, può provata democraticamente, ma
su di sé la tutela del bene comune pena per la sua trasgressione.
suo fisico allampanato comportare possi-
come suo fine ultimo e agisce po- Invece, diversa questione si pone
e stralunato contribui- bili pericoli, con il
nendo norme razionali per lo svi- allorquando il legislatore, sempre
sce a creare un’atmo- rischio che le mi-
sfera surreale dove il
luppo e la tutela dell’uomo e la più sganciato dai parametri morali, noranze possano I cristiani credono all’esistenza
promozione della sua dignità, cer- prescrive di tenere comportamenti
nonsense prende spes-
tamente la violazione di una sua in contrasto con un precetto mora-
essere assorbite in- di una Verità che guida l’azione politica
so il sopravvento e distintamente in un
prevale anche sul tono legge assume anche un connotato le, che inducono taluni alla disob- conglomerato più
Senza ogni convinzione
moralmente riprovevole. bedienza e all’obiezione di coscien-
quasi sempre malinco-
E il cristiano, secondo l’insegna- za. Si tratta di scelte difficili che, a
grande, perdendo può essere strumentalizzata a fini di potere
nico che esprimono i così la propria
suoi versi. C’è infatti mento di san Paolo, è tenuto al ri- titolo esemplificativo, i medici cre-
identità, fino a
una spruzzata di ama- denti sono chiamati a compiere di
fronte all’aborto ed al cosiddetto giungere a rivendicare il diritto di priva di riferimento alla legge mo-
ro che trapela dalle imporre ad altri la propria conce- rale naturale, si riduce al rispetto
sue canzoni e prima suicidio assistito. In questi casi
ancora nelle sue poe-
Ancora oggi emergono con nettezza le difficoltà zione di ciò che è giusto e buono. di una sterile procedura, poiché
Papa Wojtyła concludeva auspi- soltanto la legge morale naturale
sie raccolte in due vo- nonostante la secolarizzazione connesse al rapporto tra legge e
lumi pubblicati dalle coscienza. cando che i cristiani si facessero fa comprendere che «è dovuto
Gorilla Sapiens Edi-
sempre più spinta A questo importante ed attualis-
zioni: Ogni giorno di la violazione simo tema san Giovanni Paolo II
felicità è una poesia che fece cenno nel suo discorso alla
muore (2014) e Non
di un dettame religioso Pontificia Accademia di scienze so-
spiegatemi le poesie che rappresenta talvolta anche ciali il 23 febbraio 2000, quando a
devono restare piegate proposito della tendenza a consi-
(2016).
un reato punibile dallo Stato derare il relativismo intellettuale
Questo approccio «come il corollario necessario di
scettico e trasognato e forme democratiche di vita politi-
apparentemente disin- spetto della legittima autorità (Ro- ca» rilevò che se la verità risulta
cantato viene però mani 13, 1). essere determinata dalla maggio-
ogni tanto smentito da In una visione laica, lo stesso ranza, essa cambia a seconda delle
qualche segnale lumi- Ivan Talarico concetto di rispetto della Legge «transitorie tendenze culturali e
noso, una breccia che era stato espresso da Cicerone: politiche». Pertanto, quanti condi-
si apre, una finestra «Siamo servi delle leggi per poter vidono la convinzione che esistono
che lascia intravedere qualche river- però sappiamo amare. / Solo che essere liberi» (“legum servi sumus ut alcune verità assolute e immutabili,
bero, come ad esempio nella breve spesso lo dimentichiamo e perden- liberi esse possimus”). La Legge non sono ritenuti «irragionevoli e inaf-
pillola video che ha pubblicato di do la nostra caratteristica migliore / solo fonda l’ordine sociale, ma la fidabili». Il Pontefice ribadì anche,
recente, sempre sul suo profilo di diventiamo solo ammassi di materia sua condivisione e accettazione da in quell’occasione, che i cristiani
facebook, in cui racconta di aver parte dei consociati, garantendo la credono fermamente all’esistenza testimoni di quella Verità, aiutan- all’uomo qualcosa in quanto uo-
che / corre in ogni direzione». Se do gli uomini a sostenere la difesa mo».
pulito la casa, cosa che continua a libertà di ognuno. Anche Voltaire, di una Verità ultima, guida e orien-
fare «da quando ho circa sedici an- vi sentiti così, senza bussola, un intellettuale fortemente anticlerica- tamento dell’azione politica, senza delle norme universali e immuta- Anche Papa Francesco, nell’in-
ni, quindi più o meno da ventitré ascolto dello scombussolato Ivan le e laico, sosteneva che per lo Sta- la quale idee e convinzioni politi- bili, quale segno di un servizio re- tervento alla Fao del 20 novembre
anni. Prima passo il pannetto per Talarico potrebbe aiutarvi, o alme- to avere una “pessima religione” è che possono essere facilmente stru- so non solo ai singoli, ma alla so- 2014, ha ribadito come la legge na-
togliere la polvere, poi la scopa per no farvi compagnia, sorridendo. meglio che non averne alcuna, in mentalizzate a fini di potere. cietà intera. turale, iscritta nel cuore umano, sia
rimuovere lo sporco e poi lo strac- «una fonte inesauribile d’ispirazio-
cio per lavare. Una vita di assisten- ne», perché «parla un linguaggio
za alle superfici, alle cose, agli og- che tutti possono capire: amore,
getti e mi domando: loro faranno lo giustizia, pace, elementi insepara-
stesso con me? Quando sarò vec- bili tra loro». Per questo, prosegue
chio e avrò bisogno d’aiuto, il pavi- Bergoglio, «anche gli Stati e le
mento ci sarà? Le mensole mi to- Il viaggio di Benedetto XVI dal fratello Georg e quello narrato da un film di Lynch Istituzioni internazionali sono
glieranno la polvere di dosso come chiamati ad accogliere e a coltivare
ho fatto io per loro milioni di vol-
te? Il lavandino penserà alla pulizia
Due storie vere (e belle) questi valori, in uno spirito di dia-
logo e di ascolto reciproco».
delle mie vene e ai calcoli renali do- Oggi, il dissidio tra Legge e Co-
po anni e anni di sgorghi e anti-cal- scienza risulta, dunque, più che
care?». mai attuale. Ma non vi è niente di
di PATRIZIO RIGHERO ricorda il titolo, è tratto da un storia rivedere dopo tanti anni un fratello Lyle. Il
A queste domande la risposta ar- nuovo! Come non ricordare che
realmente accaduta, il protagonista, con film offre un formidabile affresco sulla
riva subito, secca, semplice: «No, già i primi martiri cristiani preferi-
uando ho saputo che Benedetto XVI evidenti problemi di deambulazione, famiglia e sulla forza dei legami, con una
non lo faranno, perché gli oggetti
sono egoisti, avari, pensano solo a Q avrebbe lasciato il Vaticano per
andare Regensburg a trovare il
intraprende un lungo viaggio (386
chilometri) a bordo di uno sgangherato
carrellata di personaggi dalla viva e
spontanea umanità. Il viaggio di Alvin, a
rono dare la vita per Cristo, piut-
tosto che tradire la propria coscien-
se stessi. È il vero limite del capita- fratello novantaseienne Georg, ammalato da za, obbedendo a un precetto uma-
tosaerba («è una cosa che devo fare!») per passo d’uomo e intramezzato da parecchi ma
lismo: dedicare la nostra vita alle tempo, mi è venuto in mente il film Una no. Continuano, quindi, a persiste-
provvidenziali imprevisti, è finalizzato a un re forti contrasti, quando un’esi-
cose, agli oggetti che non ci amano, storia vera di David Lynch. La pellicola, incontro che potrebbe essere l’ultimo. Come genza della coscienza viene ad es-
che non ci rispettano, che assorbo- uscita nelle sale proprio sul finire del quello tra Joseph e il fratello Georg. I due sere considerata addirittura reato,
no soltanto il nostro tempo e i no- secondo millennio (1999), racconta la vicenda
stri soldi senza mai darci nulla in viaggi — quello narrato da Lynch e quello come nel recente caso della legisla-
di Alvin Straight un anziano contadino compiuto da Benedetto — sono entrambi una
cambio. La nostra anima, invece, ci dell’Iowa che intraprende un improbabile zione approvata in Australia che
è vicina. Il nutrimento che le diamo storia vera e una storia bella. Entrambi obbliga il sacerdote che riceve la
viaggio con un mezzo di fortuna per nascono da una scelta di cuore e, nel caso di
oggi ci nutrirà per tutto il resto del- riabbracciare il fratello reduce da un infarto confessione a violare il sigillo sa-
la vita. La cultura ci è amica, quello Benedetto, proprio nel giorno in cui la cramentale per denunciare allo
con il quale aveva troncato da molto tempo Chiesa ha celebrato la festa del Sacro Cuore
che abbiamo letto oggi ci accompa- ogni rapporto. Ricalca da questo punto di Stato quanto appreso nel segreto
gnerà in futuro. E allora viva le co- di Gesù. Dopo tanti viaggi apostolici in del confessionale.
vista l’episodio biblico della riconciliazione
se che non esistono, che non sono veste ufficiale, questo per lui è un viaggio A ben vedere, non è in gioco
tra Esaù e Giacobbe. Certo le circostanze
fuori, arroganti, ad occupare degli privato che dice moltissimo, anche se non ci soltanto la tutela di un precetto
sono molto diverse, soprattutto perché, al
spazi ma che sono dentro a creare contrario della vicenda magistralmente saranno discorsi. È un viaggio che dice una confessionale, ma il rispetto della
degli spazi in noi». narrata dal regista statunitense, i due fratelli vita intera. Dice una grande fatica mossa da dignità dell’uomo e della sua co-
Abbiamo un’anima noi umani e Ratzinger sono sempre stati legatissimi l’uno un grande amore. Dice l’umanità fragile e la scienza, vale a dire di quanto più
questa anima “ci è vicina”, non oc- all’altro (furono ordinati sacerdoti lo stesso forza di un Papa il cui pontificato è stato intimo e inviolabile possa esserci.
cupa spazi ma ne crea dentro di giorno, il 29 giugno 1951, nel duomo di ininterrottamente sotto attacco. Dice il Sovviene l’insegnamento di Imma-
noi. Ci libera così, forse da quella Frisinga). Ciò che più accomuna le due coraggio di un uomo che non ha mai avuto nuel Kant, che si fermava con ri-
“cosa troppo invadente che si chia- vicende è il viaggio. Le immagini di questi paura di fare scelte forti. Una storia vera e spetto e stupore a contemplare le
ma io” come recita la celebre poesia giorni hanno mostrato un Joseph Ratzinger una storia bella. Soprattutto per chi oggi realtà più grandi che l’uomo possa
del buon umore di Tommaso Moro. fortemente provato dall’età, con difficoltà di non si rassegna a rinunciare alla bellezza e conoscere: il cielo stellato sopra di
È un umanista in fondo Ivan Tala- movimento. Nel film di Lynch che, come Una scena da «Una storia vera» di David Lynch alla verità. lui e la legge morale dentro di lui.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 22-23 giugno 2020

Tiziano, «Discesa dello Spirito Santo»


(particolare, 1545-1546)

di PIERO CODA
ggi si sente dire che c’è bisogno di

O “nuove narrazioni” del Vangelo co-


me servizio alla crescita nella giusti-
zia, nella pace e nella fraternità della fami-
firmato ad Abu Dhabi da Papa Francesco e
dal Grande imam di Al-Azhar lo scorso an-
glia umana. Questa pertinente esigenza ri- no (cfr. Discorso al Founder’s Memorial,
schia però di lasciare un sottile retrogusto Abu Dhabi, 4 febbraio 2019).
pelagiano nel cuore e nella mente: come se Ora, è evidente che anche rispetto a tutto
le cose solo da noi dipendessero, mentre ciò il dialogo tra i cristiani in vista della pie-
dobbiamo sempre di nuovo «riconoscere na e visibile unità, rispettosa e anzi promo-
gioiosamente che la nostra realtà è frutto di trice delle legittime diversità, non è solo im-
un dono, e accettare anche la nostra libertà pegno irrevocabile, ma decidente banco di
come grazia» (Gaudete et exsultate, 55). Non prova. Senza scorciatoie, in ascolto disarma-
è proprio questo il punto? E cioè che lo Spi- to del Vangelo di Cristo, in un cammino che
rito di Dio sta già attuando Egli stesso, nella non può non vederci attori convinti e che
nostra travagliata transizione storica, una non può non essere al primo posto nei no-
narrazione “nuova” che è “antica” come il stri impegni e nella nostra preghiera.
Vangelo, anzi come la storia di Dio con il Terza linea direttrice: «La convergenza in-
suo Popolo. Una narrazione che a noi tocca ter- e trans-disciplinare dei saperi per pro-
muovere la nuova civiltà oggi in travagliata
discernere, far nostra e promuovere in spirito
gestazione». In un momento storico come
di fraterna compagnia. E ciò risulta ancor
quello che viviamo, con la crisi — anche a li-
più interpellante oggi, quando l’interruzione
vello di coscienza epistemologica — della mo-
necessaria — lo possiamo dire a posteriori —
dernità, e con la conseguente tentazione pen-
per prenderne coscienza, per immaginare le
Il cristianesimo e le sfide dell’oggi nella visione di Francesco dolare di consegnarsi o alla resa (spesso
vie di conversione del progetto, per misurare
tutt’altro che tollerante) della post-verità o al-
la decisione e le forze per metterlo in atto,
la resistenza cieca (anch’essa violenta, perché
c’è stata, eccome, calata come un imprevedi-
bile e impietoso colpo di mannaia sul corpo
dell’umanità. A tutti rendendo evidente che
“il re è nudo”: perché la corsa in cui l’uma-
Aprirsi al soffio dello Spirito in fondo disperata) del fondamentalismo, oc-
corre ribadire con forza la possibilità — già lo
indicava Giovanni Paolo II nella Fides et ratio
—, anzi la necessità vitale di «giungere a una
nità s’è lanciata negli ultimi secoli, con velo- visione unitaria e organica del sapere. Questo
cità accelerata e con un’estensione che ormai che scaturisce dall’evento di Gesù Cristo» 154). Di qui il terzo verbo: “accogliere”. È «Se davvero la Chiesa ha coscienza di ciò è uno dei compiti di cui il pensiero cristiano
ha raggiunto i confini del mondo, denuncia (n. 3). Ne enuncio quattro. questa la cifra della sequela cristiana: la “mi- che il Signore vuole ch’ella sia, sorge in lei dovrà farsi carico» (n. 85). La sfida radicale è
il suo fallimento. La prima: «Dio, il Dio di Gesù Cristo, ri- stica del noi” (cfr. Evangelii gaudium, 87, una singolare pienezza e un bisogno di effu- infatti oggi quella di «ripensare il pensiero»,
Non che i risultati raggiunti dalla tecnolo- scoperto per Chi Egli è e si promette, il ga- 272) come mistica dell’accoglienza e sione […] La Chiesa si fa parola; la Chiesa come scrive Edgar Morin, e cioè di lavorare
gia a livello di promozione della qualità della rante del futuro della famiglia umana e della dell’ospitalità reciproca che si fa lievito di si fa messaggio; la Chiesa si fa colloquio» insieme a «una nuova episteme» che «riguar-
vita, dello sviluppo economico, della giusti- casa comune». La Chiesa (sarebbe fatale fraternità universale (cfr. Veritatis gaudium, (66-67). Il dialogo non è buonismo, compro- di tutto l’arco dei saperi, non solo quelli
zia sociale, delle relazioni tra i popoli costi- obliarlo o anche solo sottostimarlo) è chia- proemio, 4a). «Il nostro impegno — così messo, gioco al ribasso, ma esigente arte umanistici ma anche quelli naturali, scientifici
tuiscano un fatto negativo. Ne conosciamo mata ad annunciare e testimoniare il kerigma, l’Evangelii gaudium — non consiste esclusiva- dell’incontro, del rispetto, della reciprocità. e tecnologici» (Papa Francesco, Discorso ai
tutti i benefici, anche se non tutti, anzi in e cioè a rendere presente e operante il lievito mente in azioni o in programmi di promo- Arte che implica l’esercizio del discernimen- partecipanti della conferenza internazionale
troppo pochi, ne godiamo. Perché l’ideologia dell’avvento di Dio, l’”Abbà” del Signore zione e assistenza; quello che lo Spirito met- to, dello spirito critico, della denuncia: «Per- per dirigenti di Università: «New Frontiers
che, come una gabbia d’acciaio — per dirla nostro Gesù Cristo, nel soffio inesauribile te in moto non è un eccesso di attivismo, ma chè non sia svuotata la croce di Cristo» (cfr. for University leaders: the future of health
con Max Weber — determina e imprigiona dello Spirito. Senza di ciò, il sale non ha più prima di tutto un’attenzione rivolta all’altro I Corinzi, 1, 17). and the University ecosystem», Aula Paolo
questo processo è in definitiva iniqua e disu- sapore e a null’altro serve se non ad essere “considerandolo come un’unica cosa con se Per questo, l’annuncio del Vangelo del VI, 4 novembre 2019).
mana. Essa, infatti, non guarda al “chi?”, al gettato per terra e calpestato dagli uomini stesso”» (Evangelii gaudium, 199, in riferi- Regno ha da esprimersi secondo tre dinami- Il compito è epocalmente decisivo. E sot-
“perché?”, al “come?” della sua realizzazione (cfr. Matteo, 5, 13). Di qui la gioiosa declina- mento a Tommaso d’Aquino, Summa theolo- che: quella del “dentro”, in quanto non solo trarvisi significa non solo non onorare l’ere-
e della condivisione dei suoi risultati: ma zione di quattro verbi idealmente ispiratori e giae., II-II, q. 27, art. 2). non è alieno rispetto a nessuna religione e dità incalzante della Rivelazione, ma rendere
scarta una porzione già enorme, e tuttavia in concreto orientatori della missione: con- Di qui l’ultimo verbo: “ascoltare” «nel cultura, ma è destinato a trovarvi casa e a vi- la performance dell’ispirazione cristiana di
ancora crescente, di persone, gruppi sociali e templare, dimorare, accogliere, ascoltare. cuore e far risuonare nella mente il grido dei vervi; quella dell’“oltre”, in quanto rende in- più in più marginale sino a diventare irrile-
intere popolazioni; estingue surrettiziamente “Contemplare”: è urgente come il pane di poveri e della terra» (Veritatis gaudium, proe- cisiva e impellente la spinta intrinseca a ogni vante. Come sottolinea Papa Francesco si
la domanda decisiva intorno al senso e al fi- cui ci nutriamo, re-imparare il solenne, sem- mio, 4a). Questo è decisivo per una sequela vera cultura ad aprirsi e trascendersi; quella tratta d’interpretare e gestire il principio di
ne ultimo di quanto persegue; non bada a plice, liberatore gesto di sollevare lo sguardo che non sia insipida e cieca nel leggere la del “tra”, in quanto è chiamato a mettere in interdisciplinarietà non nella sua «forma
mezzi per raggiungere i risultati e i profitti verso il Cielo squarciato dall’avvento del Fi- storia. «Ascolto di Dio, fino a sentire con relazione ogni cultura con le altre, predispo- “debole” di semplice multidisciplinarietà»,
che, come presa in un inarrestabile vortice, si glio di Dio che s’è fatto figlio dell’uomo. Lui il grido del popolo; ascolto del popolo, nendo lo spazio propizio in cui ciò può con ma nella sua «forma “forte” di transdiscipli-
prefigge. Senza dire che, in questo modo, Levare lo sguardo verso il Cielo, verso Dio, fino a respirarvi la volontà a cui Dio ci chia- frutto accadere. Papa Francesco parla di narietà», «come collocazione e fermentazio-
vengono sradicati dall’orizzonte del cuore e per poter guardare con gli occhi giusti la ma» (Discorso in occasione della Veglia di «cultura condivisa dell’incontro», di «civiltà ne di tutti i saperi entro lo spazio di Luce e
della mente quei rapporti sui quali s’intesse il terra e la storia. Perché la carne del Cristo, preghiera in preparazione al Sinodo sulla fa- globale dell’alleanza», che si genera dall’in- di Vita offerto dalla Sapienza che promana
vissuto di un’esistenza bella e ricca: il rap- aprendo alla contemplazione dell’Abbà nella miglia, 4 ottobre 2014). Si tratta di «dare contro tra le diverse religioni e culture nello dalla Rivelazione di Dio», in una prospetti-
porto con Dio, il rapporto con gli altri, il luce e nel soffio dello Spirito («chi vede me, concretezza» alla «dimensione sociale Spirito dell’avvento del Regno di Dio. È il va aperta al e fondata nel farsi presente della
rapporto con la casa comune. Questa è la vede il Padre», cfr. Giovanni, 12, 45), rinvia dell’evangelizzazione» quale parte integrale contributo evangelicamente pertinente e sto- trascendenza di Dio alla storia dell’uomo in
prima e fondamentale presa di coscienza che con ciò senza possibilità d’appello alla carne della missione della Chiesa: perché «Dio, in ricamente decisivo a ciò che lavora in pro- Cristo (Veritatis gaudium, proemio, 4c).
la pandemia che ancora stiamo vivendo im- dell’uomo: «Ciò che avete fatto al minimo, è Cristo, non redime solamente la singola per- fondità — anche se con evidenti chiaroscuri e Quarta linea direttrice: «Fare rete, integra-
pone: siamo un’unica cosa, noi umani, e con a me che l’avete fatto» (cfr. Matteo, 25, 40). sona, ma anche le relazioni sociali tra gli uo- anche tragici pericoli d’involuzione — la sta- re i conflitti, promuovere l’arcobaleno della
noi lo sono tutti gli altri esseri che popolano E così, secondo verbo, chiama a “dimora- mini» (Veritatis gaudium, proemio, 4a). gione odierna. «Alla celebre massima antica diversità». “Fare rete” con e tra tutte le
la nostra casa comune. E allora: che cosa re”: a «essere in-Cristo Gesù». Il che signifi- Seconda linea: «Il dialogo, via per genera- “conosci te stesso” dobbiamo affiancare “co- istanze positive di crescita e sperimentazione
comporta prendere sul serio questo dato di ca — lo dico con l’incisiva formula di Papa re con tenacia e creatività un’effettiva ed in- nosci il fratello”: la sua storia, la sua cultura attive, a vari livelli e nei diversi ambiti cultu-
fatto che è al tempo stesso una precisa re- Francesco — imparare a essere insieme con- cisiva cultura dell’incontro, senza dimentica- e la sua fede, perché non c’è conoscenza ve- rali, religiosi, sociali, politici, economici,
sponsabilità? Quali impegni e quali atteggia- templativi della Parola di Dio e contemplati- re il sale dell’istanza critica e della croce». ra di sé senza l’altro». È questo il principio scientifici, soprattutto tra i giovani, potrebbe
menti ne derivano? Si tratta di compiere una vi del Popolo di Dio (Evangelii gaudium, Lo affermava Paolo VI nell’Ecclesiam suam: che emblematicamente ispira il documento apparire di primo acchito una prospettiva
svolta. È ciò che siamo abituati a chiamare meramente pragmatica e tattica. In verità, se
“conversione”. Una parola che, nel greco del correttamente intesa ed eseguita, riveste
Nuovo Testamento, dice appunto una tra- piuttosto un preciso significato teologale.
sformazione del modo di vedere, di sentire, Occorre prendere coscienza del fatto che, in
di pensare, di agire: metánoia. Una conver- corrispondenza con «la tendenza a concepire
Presentato in diretta streaming il nuovo corso di laurea della Lateranense il pianeta come patria e l’umanità come po-
sione, dunque, che non investe solo le forme
culturali e sociali in cui esprimiamo ciò che polo che abita una casa comune» (Laudato
vogliamo essere e fare: ma anche le forme di
comprensione e incarnazione del Vangelo di Teologia interconfessionale si’, 164; Veritatis gaudium, proemio, 4d) — co-
sa che tutti «ci obbliga a pensare a un solo
mondo, ad un progetto comune» (ibidem) —
Dio che abbiamo ereditato e che esercitiamo.
Occorre aprirsi al soffio scompigliante e tra- la Chiesa è chiamata a sperimentare e pro-
sformante dello Spirito e attraversare con fi- n diretta streaming sulla nale, volto da un lato a forma- aziende ed imprese carismati- Massachusetts — ha dovuto muovere in concreto «la cattolicità che la
ducia e speranza il rischio, l’azzardo anche, e
persino la “notte” che comporta l’abbandono
di un certo modo di essere e vivere per aprir-
I pagina Facebook della
Pontificia università Late-
ranense si è svolto, venerdì 19
re operatori pastorali che, tor-
nando nelle loro chiese, le ani-
mino con una forma mentis teo-
che on line puntano a conqui-
stare un mercato di beni sim-
bolici in cui culto o preghiera
confrontarsi con l’aumento dei
flussi migratori, del nascere di
nuove forme di povertà, dei
qualifica come fermento di unità nella diver-
sità e di comunione nella libertà» (ibid.). Il
che — suggerisce Papa Francesco — va pen-
si a uno nuovo, in parte almeno inedito e giugno, l’incontro di presenta- logico-dialogica, e dall’altro ad sono trasformati in mero intrat- mutati assetti geopolitici mon- sato e messo in atto secondo il modello del
imprevedibile. zione del nuovo biennio di li- attivare momenti di ricerca co- tenimento. diali. In questo quadro la ri- «poliedro, che riflette la confluenza di tutte
Nel suo celebre saggio Insight del 1957 cenza (laurea magistrale) pro- mune sul mistero di Cristo e le Cinque sono invece le sfide flessione teologica dovrà af- le parzialità che in esso mantengono la loro
Bernard Lonergan, a fronte del vorticoso posto dall’ateneo, intitolato possibilità di innestare l’Evan- al protestantesimo odierno se- frontare, secondo la docente, originalità» (Evangelii gaudium, 236; Veritatis
«Teologia interconfessionale in gelo nell’areopago contempora- condo Hans-Marin Barth, teo- quattro problematiche: per pri- gaudium, proemio, 4d)
cambio d’epoca che già si andava producen-
prospettiva ecumenica e comu- neo. La metafora dell’ “ospeda- logo dell’Università di Marbur- ma cosa le Chiese ortodosse lo- Ciò implica — ed è questo l’impegno più
do, e di cui il Vaticano II registrerà le sfide
nionale». Ad aprire il dibattito le da campo” applicata alla co- go, in Germania: naturalismo cali dovranno sciogliere quelle oneroso, ma ineludibile dei discepoli di Cri-
per l’esercizio della fede, auspicava la gesta-
— del quale pubblichiamo a munità ecclesiale, ha aggiunto imperversante, spiritualità non sto — farsi carico delle molteplici conflittua-
zione di una “cosmopoli” «che non sia né difficoltà che si intrecciano con
parte ampi stralci dell’interven- il teologo, richiede infatti la religiosa, globalizzazione reli- lità storiche nell’impegno a una effettiva loro
classe, né stato, che stia al di sopra di tutte gli interessi nazionali. Occorre
to del teologo Piero Coda, presenza di operatori qualificati giosa, umanesimo non (o anti-) risoluzione su di un piano superiore che
le loro pretese, che le ridimensioni, che sia dell’Istituto Universitario So- e di laboratori di ricerca, che cristiano, una indifferenza poi considerare l’enorme diffe-
conservi in sé le eventuali, spesso preziose,
fondata sul distacco e sul disinteresse nativi phia — è stato il professor Giu- forniscano loro gli strumenti generale. Di fronte a tali que- renza nella formazione sociale
potenzialità custodite dalle polarità in con-
di ogni intelligenza, che ispiri la prima fe- seppe Lorizio, teologo della più adeguati alle emergenze. stioni, ha osservato il teologo, tra le popolazioni ortodosse:
trasto (Veritatis gaudium, proemio, 4d): «Ora
deltà dell’uomo, che renda effettiva se stessa Pontificia università Lateranen- Una riflessione sulle confes- le singole Chiese sono chiama- quelle provenienti da una lun-
che il cristianesimo occidentale ha imparato
primariamente mediante tale fedeltà», impe- se, il quale ha descritto il senso sioni cristiane e il mondo con- te a elaborare una nuova idea ga storia di democrazia conso-
da molti errori e criticità del passato — au-
dendo «che i gruppi dominanti ingannino del nuovo percorso di studi temporaneo è stata svolta da di comunione, con una predi- lidata si esprimono in un modo spica Papa Francesco — può ritornare alle
l’umanità mediante la razionalizzazione delle sottolineando come esso rap- Enzo Pace, docente di sociolo- cazione più esistenziale e meno molto diverso da quelle che sue fonti nella speranza di poter testimonia-
loro colpe», invitando piuttosto «le poten- presenti una proposta formati- gia all’Università di Padova, dogmatica e puntando a una provengono da fragili statualità re la Buona Notizia ai popoli dell’oriente e
zialità ampie e le energie represse del nostro va articolata, strutturata nelle che ha evidenziato le sfide che “teologia pubblica” di aiuto ai nazionali. Terzo aspetto, alcune dell’occidente, del nord e del sud. La teolo-
tempo a contribuire alla soluzione [dei vasti licenze in teologia fondamenta- il cristianesimo ha subito, e sta credenti e alla società, capace realtà storiche hanno impedito gia — tenendo la mente e il cuore fissi sul
e urgenti problemi di cui siamo diventati via le, teologia dogmatica (cristolo- subendo tuttora, nell’affrontare di sviluppare una spiritualità di alle chiese autocefale ortodosse “Dio misericordioso e pietoso” (cfr. Genesi,
via consapevoli] sviluppando un’arte e una gia ed ecclesiologia), storia e i cambiamenti che il contesto responsabilità e reciprocità ba- di mantenere ed esercitare nella 4,2) — può aiutare la Chiesa e la società civi-
letteratura, un teatro e una comunicazione, morale (vita cristiana). Tale or- globale pone ad una visione sata sull’idea del sacerdozio co- pratica la loro sinodalità, impe- le a riprendere la strada in compagnia di
un giornalismo e una storia, una scuola e dinamento, ha precisato Lori- classica di religione, con diver- mune che appartiene ad ogni dendo a molti cristiani di prati- tanti naufraghi» (Discorso presso la Pontifi-
una università, una profondità personale e zio, risponde al disegno di una se forme moderne di fede: cre- fedele. Riferendosi al passo di care in comune la propria fede. cia Facoltà teologica dell’Italia meridionale,
una opinione pubblica, che attraverso discer- teologia in cui si attuano la ri- dere per scelta, credere nel re- Giovanni 17, sul tema della Infine, rimangono le questioni Napoli, 21 giugno 2019).
nimento e critica diano agli uomini l’oppor- cerca e la didattica secondo un lativo, credere senza religione. divisione tra le Chiese confes- irrisolte delle relazioni intra-or- Le linee direttrici appena abbozzate sono
tunità e l’aiuto di cui hanno bisogno e che modello disciplinare, per for- Secondo questa analisi, si attua sionali, Barth ha dichiarato in- todosse che erano, e sono tut-
mare specialisti nelle materie un passaggio da una società in sufficiente interpretare il sentire ambiziose: ma questo è il tempo della visio-
desiderano» (traduzione italiana, 2007, pagi- tora, il principale impedimento ne e dello slancio in avanti. Tanto più quan-
ne 322-326). teologiche di riferimento. Il cui si era cristiani quasi per na- cum ecclesia cattolico con un nelle relazioni ecumeniche.
nucleo tematico di questo nuo- scita e in cui la forma del cre- semplice “ecumenismo di ritor- do la forza propulsiva ne è il Vangelo di Dio
Con Papa Francesco, nel solco tracciato La tavola rotonda si è con- che è Gesù Cristo. Egli inaugura quella nuo-
vo percorso è il futuro del cri- dere era pressoché unica, diffu- no”. Si deve pensare piuttosto
dal Vaticano II, la Chiesa cattolica si riscopre clusa con l’intervento del retto- va situazione dell’esistere in cui è escatologi-
stianesimo, con l’obiettivo di sa e fortemente istituzionalizza- ad “un sentire con le altre
oggi alla ricerca, nell’ascolto di «ciò che lo re magnifico della Lateranense, camente offerta all’uomo l’omousía del Fi-
pensare e cercare di tracciare ta, ad un contesto di generale Chiese” avvertendo in esse lo
Spirito dice alle Chiese» (cfr. Apocalisse, 2, sentieri per rispondere alla do- indifferenza in cui il credere è stesso Spirito, pur nella consa- Vincenzo Buonomo, che ha ri- glio, fattosi carne e grido dell’uomo, col Dio
7), delle vie per sintonizzarsi su questa lun- manda di Gesù: «Il Figlio demandato interamente alla re- pevolezza di non condividere levato l’importanza dell’inizia- che è Abbà, in ciò stesso istituendo l’omousía
ghezza d’onda nella nuova tappa dell’evan- dell’uomo, al suo ritorno, tro- sponsabilità del singolo. Pace tutte le dottrine. tiva anche per il diritto interna- di grazia, e cioè la fraternità, tra tutti gli uo-
gelizzazione che è consapevole d’essere chia- verà la fede sulla terra?» (Luca, ha anche puntualizzato come Ogni questione ecumenica, zionale e le discussioni che lo mini e tutte le donne, nel Figlio fattosi carne
mata a vivere (cfr. Evangelii gaudium, 1). 18, 8). Una domanda, questa, le nuove forme di pentecostali- dall’inizio del ventesimo secolo impegnano circa ad esempio la e grido, in quel soffio di Vita che più non
M’ispiro alle linee d’impegno disegnate da che va fatta propria dalle diver- smo, unite ad una comunica- ma soprattutto dopo il concilio terminologia fede (confessio- muore e in quel chiarore di Luce che più
Papa Francesco nel proemio della Veritatis se comunità di credenti in Cri- zione digitale totalizzante, ri- Vaticano II — è il pensiero ne)/religione, dove la tendenza non tramonta, pur nelle angosce e nelle
gaudium a proposito della teologia e più in sto, in forza del loro essere bat- schiano di rinchiudere non solo espresso nell’incontro in strea- ad escludere l’approccio con- oscurità della nostra storia: lo Spirito stesso
generale della cultura animata dalla fede co- tezzati. In questo senso il per- il cristianesimo ma anche ming da Tamara Grdzelidze, fessionale tende a diluire dell’amore del Padre e del Figlio, sempre
me «laboratorio in cui la Chiesa fa esercizio corso è non solo interdiscipli- l’esperienza religiosa al solo teologa visiting professor al l’identità delle appartenenze. nuovo e sempre di nuovo riversato nei nostri
dell’interpretazione performativa della realtà nare ma anche interconfessio- mezzo virtuale, ove anche Mount Holyoke College, in (marco staffolani) cuori (cfr. Romani, 5, 6).
lunedì-martedì 22-23 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Il cammino ecumenico con le Chiese ortodosse dell’Europa orientale

Dialogo della verità


di JAROMIR ZÁDRAPA* 2005 un Consiglio delle religioni sione importante del cammino co-
presso il mediatore civile della Geor- mune di unità delle Chiese in Euro-
l 12 ottobre 1962, all’inizio della gia. pa orientale: collaborazioni accade-

I prima sessione del concilio Vati-


cano II, i padri conciliari furono
sorpresi nel vedere due rappresen-
Dove esistevano problemi specifici
furono istituite commissioni ad hoc.
Negli anni Novanta e Duemila furo-
miche, festival di arte cristiana, pro-
grammi radiofonici comuni, sono
tutti fermenti dell’evoluzione delle
tanti del patriarcato di Mosca, l’arci- no organizzati incontri tra i rappre- mentalità e promuovono un respiro
prete Vitaly Borovoy, e l’archiman- sentanti della Conferenza episcopale della Chiesa e dell’Europa “a due
drita Vladimir Kotljarev, prendere croata e la Chiesa ortodossa serba. polmoni”.
posto nella basilica di San Pietro. Nel 2004, è stato creato in Russia Questa metafora dei “due polmo-
All’epoca nessuna Chiesa ortodossa un gruppo di lavoro congiunto cat- ni” fu usata da san Giovanni Paolo
aveva ancora deciso di rispondere tolico-ortodosso per risolvere conflit- II, il primo Papa slavo, fin dall’inizio
positivamente all’invito di san Gio- ti concreti. I dialoghi teologici locali del suo pontificato per illustrare la
vanni XXIII a inviare osservatori al hanno talvolta prodotto risultati no- necessità di un “respiro” comune tra
concilio. La Chiesa russa, convinta tevoli: il Consiglio ecumenico di Po- Oriente e Occidente d’Europa, di
grazie alla mediazione di monsignor lonia (di cui è membro la Chiesa or- cui proclamerà co-patroni i santi Ci-
Johannes Willebrands, segretario del todossa polacca) e la Conferenza rillo e Metodio, insieme a san Bene-
nuovo Segretariato per l’unità dei episcopale cattolica polacca hanno detto, nel 1980. Non appena i paesi
cristiani, aveva preso una decisione concluso nel 2000 un accordo di dell’est furono aperti, Giovanni Pao-
inaspettata, ma piena di promesse. mutuo riconoscimento del battesi- lo II moltiplicherà i viaggi in questi
San Paolo VI ne capì l’importanza e, mo. territori, inaugurando persino con la
alcuni giorni dopo la sua elezione, Tuttavia, il lavoro più urgente ri- Romania, la Georgia, l’Ucraina e la
nel luglio 1963, prese la sua prima guarda la purificazione della memo- Bulgaria visite apostoliche in paesi
decisione ecumenica, inviando a ria. Le tensioni interconfessionali prevalentemente ortodossi.
Mosca una delegazione della Santa nell’Europa centrale e orientale non Sulle tracce di Giovanni Paolo II,
Sede in occasione delle celebrazioni sono soprattutto la conseguenza di Papa Francesco ha anche privilegiato
in onore del giubileo episcopale del controversie teologiche ma di ferite visite in paesi europei di tradizione
patriarca Alessio I. storiche della memoria, spesso legate ortodossa: Georgia, Armenia, Roma-
Dopo il periodo della “guerra Chiesa ortodossa della Santissima Trinità a Sibiu (Romania) a questioni nazionali. Sono state lan- nia, Bulgaria e Macedonia del Nord.
fredda ecclesiale” che caratterizzò il ciate alcune iniziative in questo set- Indubbiamente, uno dei momenti
dopoguerra, questi gesti segnarono tore. Incontri tra la Chiesa ortodossa più significativi del pontificato nelle
una fraternità riscoperta tra la Chie- Mosca, che aveva scritto la sua tesi menismo del gulag”. La partecipa- gli ortodossi come una concorrenza russa e la Conferenza episcopale po- relazioni tra cristiani europei
sa cattolica e la Chiesa ortodossa dottorale su Giovanni XXIII e che zione negli anni Sessanta alle na- sleale. Inoltre, in occasione dell’usci- lacca hanno permesso nel 2012 la fir- d’Oriente e d’Occidente è stato l’in-
russa. Questa fraternità si approfon- morì il 5 settembre 1978 tra le brac- scenti istituzioni ecumeniche interna- ta dalla clandestinità delle comunità ma di in un messaggio comune ai contro tra Papa Francesco e il Pa-
dirà al punto che delle conversazioni cia di Papa Giovanni Paolo I. Due zionali come il Consiglio ecumenico greco-cattoliche, in particolare in popoli della Polonia e della Russia triarca Kirill di Mosca all’Avana il 12
teologiche bilaterali tra la Santa Se- giorni dopo, evocando questo tragi- delle Chiese e la Conferenza delle Ucraina e in Romania, la Chiesa cat- per promuovere la riconciliazione. febbraio 2016. In un certo senso, tale
de e il patriarcato di Mosca furono co momento durante un incontro Chiese europee (Kek), era un’oppor- tolica è stata sospettata di far rivive- Nel 2016-2017, su iniziativa della incontro è stato un frutto ideale del-
istituite nel 1967 e proseguirono fino con il clero di Roma, Giovanni Pao- tunità, per i responsabili ortodossi, re il cosiddetto metodo dell’uniati- Santa Sede, un comitato congiunto la partecipazione al concilio Vatica-
alla fine degli anni Ottanta. Nel lo I dichiarò: «Due giorni fa è morto di apprezzati contatti con i cristiani smo. Infine, la rinascita delle nazio- di lavoro composto da storici serbi no II di due osservatori ortodossi
1969 il santo Sinodo della Chiesa or- tra le mie braccia il metropolita Ni- d’occidente. Tuttavia, questo ecume- nalità in queste regioni suscitava ri- ortodossi e croati cattolici è stato in- russi nel 1962, e forse anche una eco
todossa russa prese inoltre la storica kodim di Leningrado. Io stavo ri- nismo coinvolgeva innanzitutto pic- valità tra le Chiese. Le Chiese orto- caricato di studiare il ruolo del bea- al segreto di cui parlava Giovanni
decisione di consentire, in alcuni ca- spondendo al suo indirizzo. Vi assi- coli circoli ecclesiali, e il sostegno dosse chiesero che la questione to Alojzije Stepinac durante la se- Paolo I nel 1978. Il Papa e il patriar-
si, l’ospitalità eucaristica tra cattolici curo che mai in vita mia ho sentito che riceveva dai regimi comunisti ha dell’uniatismo fosse discussa nell’am- conda guerra mondiale. La questio- ca hanno dichiarato insieme: «Nella
e ortodossi, decisione senza prece- parole così belle per la Chiesa come contribuito a screditarlo. Inoltre, è bito del dialogo teologico interna- ne non è stata risolta del tutto ma il nostra determinazione a compiere
denti nella storia delle relazioni cat- quelle da lui pronunciate; non posso stato spesso vissuto dai greco-cattoli- zionale cattolico-ortodosso, che mero fatto di trattarla insieme è già tutto ciò che è necessario per supe-
tolico-ortodosse e che, sebbene sia ripeterle, resta un segreto. Veramen- ci — a forza integrati nelle Chiese or- adottò nel 1993 il documento di Ba- un passo in avanti. rare le divergenze storiche che ab-
stata sospesa nel 1986, testimonia te sono rimasto colpito. Ortodosso, todosse — come la versione ecclesiale lamand il quale rifiuta l’uniatismo Al di là di questo ecumenismo biamo ereditato, vogliamo unire i
ciononostante il pieno e reciproco ri- ma come ama la Chiesa!». di una “O stpolitik” che ignorava la come metodo per ristabilire l’unità. istituzionale e del “dialogo della ve- nostri sforzi per testimoniare il Van-
conoscimento dell’apostolicità delle Il periodo comunista fu favorevole loro sofferenza. In questo contesto di crisi, diverse gelo di Cristo e il patrimonio comu-
rità”, teologico o storico, si deve sot-
Chiese. a certe forme di ecumenismo non Paradossalmente, la caduta della Chiese ortodosse in Europa orientale ne della Chiesa del primo millennio,
tolineare l’importanza del “dialogo
Uno degli attori principali di que- solo con la Chiesa russa ma con tut- cortina di ferro ha provocato una lasciarono gli organismi ecumenici rispondendo insieme alle sfide del
della vita” che si manifesta in una
sto riavvicinamento fu il metropolita te le Chiese ortodosse dell’Europa crisi in questo cammino ecumenico internazionali, come la Chiesa di mondo contemporaneo. Ortodossi e
Georgia (che ha lasciato il Consiglio moltitudine di iniziative concrete a
Nicodemo, allora responsabile del orientale. La necessità di affrontare con le Chiese ortodosse dell’Europa cattolici devono imparare a dare una
ecumenico delle Chiese e la Confe- livello locale, in tre campi particola-
Dipartimento per le relazioni eccle- un nemico comune incoraggiava dell’est. L’arrivo dei cristiani occi- concorde testimonianza alla verità in
renza delle Chiese europee nel 1997) ri. L’ecumenismo spirituale è vissuto
siastiche esterne del patriarcato di quello che veniva chiamato “l’ecu- dentali è stato talvolta percepito da- ambiti in cui questo è possibile e ne-
e la Chiesa di Bulgaria (che ha fatto nel contesto della Settimana di pre-
ghiera per l’unità dei cristiani ma cessario» (n. 7).
lo stesso nel 1998 e nel 1999).
anche in molte altre iniziative, come In questo sessantesimo anniversa-
Tuttavia, nuove dinamiche di riav-
il prestito delle reliquie di san Nico- rio del Pontificio Consiglio per la
vicinamento furono gradualmente
avviate. Consigli ecumenici furono la nel 2017 da parte della Chiesa cat- promozione dell’unità dei cristiani,
tolica, che ha attirato più di due mi- possa questo appello portare abbon-
Costruttori dell’accoglienza istituiti nella Repubblica Ceca e in
Slovacchia nel 1993, in Slovenia nel
1995. Nel 1996 fu istituito in Russia
lioni di pellegrini in Russia. L’ecu-
menismo pratico riunisce le Chiese
danti frutti e possa il dicastero fon-
dato nel 1960 da san Giovanni XXIII
un Comitato consultivo interreligio- nelle opere di carità, nelle dichiara- proseguire a promuovere con pazien-
za e passione la respirazione a due
Iniziative ecumeniche per la Giornata mondiale del rifugiato so cristiano dei paesi della Comunità zioni comuni, nelle relazioni con lo
polmoni dell’Europa e della Chiesa.
degli Stati indipendenti e dei Paesi stato, come è avvenuto in Slovac-
baltici, e in Ucraina un Consiglio chia, dove le Chiese ortodosse e gre-
panucraino delle Chiese e delle or- co-cattoliche hanno concluso un ac- *Officiale della sezione orientale
di RICCARD O BURIGANA tetto, un santuario, dove accogliere Proprio di fronte a tali emergen- ganizzazioni religiose. Nel 1997 è cordo esemplare sulla questione di del Pontificio Consiglio
gli oltre 1.600 bambini profughi ze il reverendo Ioan Sauca, segreta- stato istituito un Consiglio interreli- beni ecclesiastici nel 2000. L’ecume- per la promozione dell’unità
utte le fedi che rappre- nelle isole greche. Essi «sono fug- rio ad interim del Consiglio ecu-

«T
gioso di Bosnia ed Erzegovina e nel nismo culturale è anche una dimen- dei cristiani
sentiamo desiderano ma- giti dalla guerra, dalla persecuzione menico delle Chiese, ha sottolinea-
nifestare solidarietà con e dalla povertà solo per ritrovarsi to che i cristiani devono testimo-
coloro che soffrono e sostenere intrappolati in condizioni dispera- niare, insieme, «speranza, fede e
l’impegno ad alleviare le loro soffe- te, con poco o nessun accesso alle coraggio per continuare il cammi-
renze»: queste parole costituiscono necessità più elementari»; vivono no così da rendere il mondo un
uno dei passaggi più significativi in condizioni dove l’acqua, il cibo luogo sicuro, giusto, accogliente ed La Church of England ricorda le sofferenze degli immigrati della Windrush Generation
della lettera che oltre 250 leader re- e i servizi igienici scarseggiano tan- equo per tutti». Per Sauca, nella
ligiosi del Regno Unito hanno in-
dirizzato al premier Boris Johnson
per la Giornata mondiale del rifu-
to che si moltiplicano le voci sul
diffondersi tra loro del covid-19.
Giornata per il rifugiato, che que-
st’anno ha avuto come tema «Sulla
stessa barca... ogni azione conta», i
Quella macchia sull’anima
I leader religiosi inglesi sono tor-
giato. Istituita dall’Onu nel 2000 e fedeli sono invitati a ricordare che
nati a denunciare che «questi bam-
celebrata quest’anno il 20 giugno, è «ognuno di noi, fatto a immagine LONDRA, 22. Due minuti di silenzio sono stati osservati
bini sono a grave rischio di tratta,
stata l’occasione, anche nel Regno di Dio, ha il potere di fare la diffe- oggi, lunedì, in tutte le cattedrali, parrocchie e chiese
sfruttamento sessuale e violenza e
Unito, per riaffermare quanto sia renza: grazie al contributo persona- anglicane dell’Inghilterra, in ricordo della sofferenza del-
sopravvivono in circostanze che le e comunitario tutti gli sforzi
importante per il cammino ecume- la cosiddetta Windrush Generation e per ribadire la fer-
nessun minore dovrebbe subire». possono portare a un cambiamento
nico promuovere una cultura ma condanna a ogni forma di razzismo nella società.
dell’accoglienza cercando anche la Nonostante la crisi che sta vivendo spirituale, morale e sociale a livello
il Regno Unito, si devono cercare Esattamente settantadue anni fa, il 22 giugno 1948, arri-
collaborazione delle altre religioni. locale e universale». vò ai Tilbury Docks, in quello che era ancora allora il
Nella lettera indirizzata al premier soluzioni per metterli in salvo, pro- In Australia, dove spesso le
grammando degli interventi in gra- porto di Londra, una nave chiamata «Empire Windru-
i rappresentanti religiosi hanno af- Chiese non hanno condiviso la po- sh» con a bordo 1027 persone, provenienti quasi tutte
frontato la questione dei bambini do di non causare loro altra soffe- litica dei governo contraria all’ac- dalla Giamaica. Dopo la seconda guerra mondiale venne
che vivono nei campi profughi, renza con la perdita dei legami fa- coglienza dei profughi, il Consiglio concesso agli abitanti delle ex colonie di trasferirsi in
esprimendo apprezzamento per i miliari. Per questo, nella Giornata nazionale di Chiese cristiane, del Gran Bretagna: nel corso degli anni Cinquanta e Sessan-
recenti gesti compiuti dal governo del rifugiato i firmatari della lettera quale fa parte anche la Chiesa cat- ta si verificò un’immigrazione di massa dall’ex impero.
inglese per riunire famiglie di rifu- chiedono un impegno al governo tolica, ha celebrato non la Giornata Nel Regno Unito fu l’inizio di un’ondata di arrivi dai
giati nel Regno Unito organizzan- inglese in nome di una solidarietà ma la Settimana per il rifugiato dal Caraibi che continuò fino al 1971 quando le leggi
do dei voli dalla Grecia. Si tratta che deve appartenere al genere 14 al 20 giugno. Questo periodo è sull’immigrazione cambiarono in maniera evidente. Gli
di piccole cose rispetto all’azione umano, tanto più in un tempo così stato un tempo privilegiato per fare immigranti erano cittadini britannici e pensavano di ve-
necessaria per creare un luogo pro- difficile quale è il presente. memoria «del contributo che i rifu- nire ad aiutare e di trovare un paese felice di riceverli.
giati hanno dato alla nostra socie- Trovarono invece, nella maggioranza dei casi, discrimi-
tà, sensibilizzando, ricordando e nazione e razzismo. In tanti si sono visti negare il lavo-
onorando il pericoloso viaggio che ro, le cure mediche.
hanno intrapreso per raggiungere Domenica mattina, giorno della festa del papà in
l’Australia». Nelle numerose inizia- Gran Bretagna, padre Andrew Moughtin-Mumby, retto- Windrush Day nell’abbazia di Westminster. Sul para-
tive che quest’anno sono state fatte re della chiesa di Saint Peter a Walworth, nel sud-est di mento liturgico vi sono raffigurate le immagini salienti
nel Paese, spesso in modalità vir- Londra, nel suo sermone ha sottolineato quanto il razzi- dell’arrivo dell’Empire Windrush nel Regno Unito, tra
tuale in rispetto delle norme anti smo sia considerato una pandemia, alla stregua del co-
covid-19, i cristiani sono tornati a le quali quella di Sam Beaver King Mbe, uno dei pas-
vid-19 e dell’emergenza climatica. «Il razzismo vissuto seggeri della nave, attivista giamaicano-britannico, che
chiedere che questa terra riscopra dalle persone della generazione Windrush nelle chiese
la gioia dell’accoglienza che dà ric- in seguito divenne il primo sindaco di colore di Sou-
parrocchiali negli anni successivi al loro primo arrivo in
chezza a chi accoglie e a chi viene thwark. Inoltre vi è raffigurata l’immagine del vescovo
Gran Bretagna — ha ricordato il reverendo Moughtin-
accolto. Veglie di preghiera in ri- Mumby — è una “macchia sull’anima” della Church of di Dover, Rose Hudson-Wilkin, nata in Giamaica, che
cordo di coloro che sono morti nei England. Oggi c’è ancora razzismo nella Chiesa ed è ha impartito la benedizione durante il servizio online
viaggi della speranza, iniziative per una malattia molto grave, un peccato. Credo che ognu- della domenica. Infine, vi è ricamata una croce «che ri-
la conoscenza delle reali condizioni no di noi sia chiamato a lavorare sodo e rapidamente corda — ha detto padre Andrew — quanto Gesù ci è par-
dei rifugiati e progetti e richieste per guarire da esso». ticolarmente vicino quando soffriamo. Quando facciamo
per una politica di accoglienza so- Secondo il rettore di Saint Peter a Walworth, è giunto del male alle persone attraverso il razzismo o la discrimi-
no stati promossi dagli organismi il momento di «costruire una Chiesa e un mondo mi- nazione anche noi feriamo Gesù».
ecumenici in tanti luoghi nel mon- gliori e più giusti». Il servizio liturgico domenicale si è concluso con una
do per testimoniare, anche in que- In occasione del settantaduesimo anniversario (Win- preghiera speciale registrata per i cristiani di tutto il pae-
sta Giornata mondiale per il rifu- drush Day) padre Moughtin-Mumby ha indossato, du- se, con un invito a riflettere su quanto sia importante
giato, che i cristiani devono farsi rante la funzione liturgica, il Windrush Cope, un para- oggi la tolleranza e l’armonia tra i popoli. Secondo mol-
costruttori quotidianamente della mento usato dal clero anglicano per le occasioni speciali. ti, la Windrush Generation ha contribuito a costruire la
cultura dell’accoglienza in obbe- Si tratta dello stesso indossato per la prima volta due Gran Bretagna moderna, mettendola a contatto con
dienza alla Parola di Dio. anni fa in occasione del settantesimo anniversario del l’“altro”. (francesco ricupero)
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 22-23 giugno 2020

All’Angelus appello del Pontefice all’indomani della Giornata mondiale celebrata su iniziativa delle Nazioni Unite

Dignità e sicurezza per i rifugiati


Francesco chiede più responsabilità nella cura della casa comune e invita a pregare per i papà

È necessario garantire protezione, dignità e sicurezza alle persone costrette a lizzatrice con l’arroganza e la violen- Gesù davanti agli uomini” e andare
lasciare la propria terra per sfuggire a pericoli e minacce incombenti. Lo ha za. Nulla, infatti, essi possono con- avanti facendo del bene.
chiesto il Papa al termine dell’Angelus di domenica 21 giugno, ricordando la tro l’anima, cioè contro la comunio- Maria Santissima, modello di fi-
Giornata mondiale del rifugiato celebrata il giorno prima per iniziativa delle ne con Dio: questa, nessuno può to- ducia e di abbandono in Dio
Nazioni Unite. In precedenza Francesco, prendendo spunto dal brano evangelico glierla ai discepoli, perché è un do- nell’ora dell’avversità e del pericolo,
di Matteo proposto dalla liturgia (10, 26-33), aveva offerto ai fedeli — riuniti no di Dio. La sola paura che il di- ci aiuti a non cedere mai allo scon-
in piazza San Pietro nel rispetto delle distanze di sicurezza imposte a causa scepolo deve avere è quella di perde- forto, ma ad affidarci sempre a Lui e
della pandemia — una riflessione sull’invito di Gesù a «non avere paura». re questo dono divino, la vicinanza, alla sua grazia, perché la grazia di
l’amicizia con Dio, rinunciando a vi- Dio è sempre più potente del male.
vere secondo il Vangelo e procuran-
Cari fratelli e sorelle, buongiorno! piccolo gruppo dei discepoli. Ma lo-
ro dovranno dire “nella luce”, cioè dosi così la morte morale, che è l’ef- Al termine della preghiera mariana,
Nel Vangelo di questa domenica fetto del peccato. dopo l’appello per i rifugiati, il
(cfr. Mt 10, 26-33) risuona l’invito apertamente, e annunciare “dalle ter-
razze” — così dice Gesù — cioè pub- Il terzo tipo di prova che gli Apo- Pontefice ha parlato del rapporto
che Gesù rivolge ai suoi discepoli a stoli si troveranno a fronteggiare, uomo-ambiente, esortando a una
non avere paura, ad essere forti e fi- blicamente, il suo Vangelo.
La seconda difficoltà che i missio- Gesù la indica nella sensazione, che maggiore responsabilità nella cura della
duciosi di fronte alle sfide della vita, casa comune. Quindi ha invitato i Un altro aspetto su cui la pande- non è un mestiere facile! Per questo
nari di Cristo incontreranno è la mi- alcuni potranno sperimentare, che
preavvisandoli delle avversità che li fedeli a pregare per tutti i papà e ha mia ci ha fatto riflettere è il rapporto preghiamo per loro. Ricordo in ma-
naccia fisica contro di loro, cioè la Dio stesso li abbia abbandonati, re-
attendono. Il brano odierno fa parte uomo-ambiente. La chiusura ha ri- niera speciale anche i nostri padri
persecuzione diretta contro le loro stando distante e silenzioso. Anche ricordato ai giovani la testimonianza di
del discorso missionario, con cui il che continuano a proteggerci dal
persone, fino all’uccisione. Questa qui esorta a non avere paura, perché, san Luigi Gonzaga nel giorno della dotto l’inquinamento e ha fatto ri-
Maestro prepara gli Apostoli alla Cielo.
profezia di Gesù si è realizzata in pur attraversando queste e altre insi- sua memoria liturgica. scoprire la bellezza di tanti luoghi li-
prima esperienza di annuncio del
ogni tempo: è una realtà dolorosa, die, la vita dei discepoli è saldamen- beri dal traffico e dai rumori. Ora, E saluto tutti voi, cari fedeli roma-
Regno di Dio. Gesù li esorta con in-
te nelle mani di Dio, che ci ama e ci Cari fratelli e sorelle, con la ripresa delle attività, tutti do- ni e pellegrini venuti da varie parti
sistenza a “non avere paura”. La ma attesta la fedeltà dei testimoni.
paura è uno dei nemici più brutti Quanti cristiani sono perseguitati custodisce. Sono come le tre tenta- Ieri le Nazioni Unite hanno celebra- vremmo essere più responsabili della d’Italia — adesso incominciano a ve-
della nostra vita cristiana. Gesù esor- anche oggi in tutto il mondo! Sof- zioni: edulcorare il Vangelo, annac- to la Giornata Mondiale del Rifu- cura della casa comune. Apprezzo le dersi, i pellegrini — e, sempre più,
ta: “Non abbiate paura”, “non ab- frono per il Vangelo e con amore, quarlo; seconda, la persecuzione; e giato. La crisi provocata dal corona- molteplici iniziative che, in ogni par- anche da altri Paesi — qualcuno: ve-
biate paura”. E Gesù descrive tre si- sono i martiri dei nostri giorni. E terza, la sensazione che Dio ci ha la- virus ha messo in luce l’esigenza di te del mondo, nascono “dal basso” e do le bandiere... Saluto in particola-
tuazioni concrete che essi si trove- possiamo dire con sicurezza che so- sciati da soli. Anche Gesù ha soffer- assicurare la necessaria protezione vanno in questo senso. Ad esempio, re voi giovani: oggi ricordiamo San
ranno ad affrontare. no più dei martiri dei primi tempi: to questa prova nell’orto degli ulivi e anche alle persone rifugiate, per ga- a Roma oggi ce n’è una dedicata al Luigi Gonzaga, un ragazzo pieno di
tanti martiri, soltanto per il fatto di sulla croce: “Padre, perché mi hai rantire la loro dignità e sicurezza. Vi fiume Tevere. Ma ce ne sono tante amore per Dio e per il prossimo;
Anzitutto, la prima, l’ostilità di
quanti vorrebbero zittire la Parola di essere cristiani. A questi discepoli di abbandonato?”, dice Gesù. Alle volte invito ad unirvi alla mia preghiera in altre parti! Possano favorire una morì giovanissimo, qui a Roma, per-
Dio, edulcorandola, annacquandola, ieri e di oggi che patiscono la perse- si sente questa aridità spirituale; non per un rinnovato ed efficace impe- cittadinanza sempre più consapevole ché si prendeva cura dei malati di
o mettendo a tacere chi la annuncia. cuzione, Gesù raccomanda: «Non ne dobbiamo avere paura. Il Padre gno di tutti a favore della effettiva di questo bene comune essenziale. peste. Alla sua intercessione affido i
In questo caso, Gesù incoraggia gli abbiate paura di quelli che uccidono si prende cura di noi, perché grande protezione di ogni essere umano, in Oggi nella mia patria e in altri giovani di tutto il mondo.
Apostoli a diffondere il messaggio di il corpo, ma non hanno potere di è il nostro valore ai suoi occhi. Ciò particolare di quanti sono stati co- posti si celebra la giornata dedicata E a tutti auguro una buona dome-
salvezza che Lui ha loro affidato. uccidere l’anima» (v. 28). Non biso- che importa è la franchezza, è il co- stretti a fuggire per situazioni di gra- al padre, ai papà. Assicuro la mia vi- nica. Per favore, non dimenticatevi
Per il momento, Lui lo ha trasmesso gna lasciarsi spaventare da quanti raggio della testimonianza, della te- ve pericolo per loro o per le loro fa- cinanza e preghiera a tutti i papà. di pregare per me. Buon pranzo e
con cautela, quasi di nascosto, nel cercano di spegnere la forza evange- stimonianza di fede: “riconoscere miglie. Tutti noi sappiamo che fare il papà arrivederci!

L’urbe di Gregorio Magno Grazie alla Fondazione Roma

Un Papa, una città Un milione di euro in buoni spesa


di MARIO SPINELLI nagoga di Roma e salutasse negli ebrei i
“fratelli prediletti e maggiori”.
distribuiti dalle parrocchie
Papi nati a Roma sono quasi un centi- Puntiamo a est e raggiungiamo… ciò

I naio, distribuiti specialmente nel primo


millennio. Il più recente di loro è inve-
ce abbastanza vicino, Pio XII, morto a Ca-
che non c’è più! Stiamo parlando della Ve-
lia, il basso colle tra Palatino, Fagutal e
Oppio, azzerato negli anni ’20 per allarga-
di SUSANNA PAPARATTI
aranno direttamente 147 parrocchie del-
inspiegabile rallentamento va al danno dei
più deboli». Figura che sottolinea un’elegan-
za d’animo assai rara ai nostri giorni, Emma-
stel Gandolfo nel 1958. Una grande figura,
è sicuro, come lo sono altre fra i tanti Pon-
tefici “doppiamente” romani. Ma il più
re via dei Fori Imperiali. Lì secondo certe
epigrafi si doveva trovare la Praefectura Ur-
bi, ufficio retto da Gregorio fin verso il 575,
S la Capitale, mediante 12 centri di rac-
colta e smistamento territoriali che ope-
rano al loro interno attraverso la Caritas di
nuele F.M. Emanuele vorrebbe che la fattibi-
lità del singolo ad aiutare il prossimo potesse
coniugarsi in un lessico politico e culturale
grande di tutti è un romano-cristiano doc quand’era 35enne. Carica elevatissima, Roma, a distribuire già dalle prossime setti- dove ognuno sia anello dell’altro, mano tesa
come nessun altro, ed è difficile dubitarne. qualcosa di intermedio tra prefetto, sindaco mane buoni spesa del valore di 20 euro, pos- verso i più fragili; ambirebbe che la dinamica
Perché stiamo parlando di Gregorio I (540- e questore, coprendo la quale Giunio Ru- sibili grazie al milione di euro che la Fonda- praticità distintiva della sua vita professionale
604), il secondo Pontefice onorato con il ti- stico nel 165 aveva processato e condannato zione Roma ha generosamente donato per si traducesse nei comportamenti di chi ha
tolo di Magno dopo Leone I morto nel al martirio il filosofo Giustino. Forse, contribuire a fronteggiare l’emergenza post potere decisionale: «Nel contesto attuale
440, e prima di Giovanni Paolo II, il terzo quando lo scoprì, anche per questo il futu- covid-19 delle persone più bisognose presenti molte famiglie sono da mesi senza uno sti-
Magno della storia della Chiesa, di cui ri- ro Papa si dimise da Praefectus. Ma soprat- in città: «Sono felice di donare agli altri pendio, prive di alcun altro reddito, un’emer-
corrono quest’anno i 100 dalla nascita. La tutto perché si convertì alla vita benedetti- quanto la vita ha dato a me — ha spiegato genza sociale che si è aggiunta alla già preca-
memoria di Papa Gregorio è stata ricordata na, e fondò una meraviglia di Roma: ai Emmanuele F.M. Emanuele, presidente ono- ria situazione economica del Paese, la tempe-
da non molto, nel 2004, solo che la sua piedi del Celio, dal lato della via Appia, se rario della Fondazione Roma — nel rispetto stività è d’obbligo — prosegue — vorrei fosse
morte non datava da 100 anni ma da 1400. chiudiamo gli occhi possiamo immaginare, di quanto mi è stato insegnato in famiglia sin possibile per i privati intervenire direttamen-
E tutto sommato è stata una buona occa- sul pendio, la sontuosa villa “fuori porta” da ragazzo». Un monitoraggio costante e te ovunque si riscontri il bisogno». La Fon-
sione, come spesso (ma non sempre) succe- degli Anici. Il neomonaco Gregorio la spo- scrupoloso che avverrà attraverso la rete di dazione Roma e la Fondazione Terzo Pila-
de in questi casi, per celebrare e anche per glia, dà tutto ai poveri e vi fonda l’abbazia sostegno attivata dall’organismo diocesano
stro - Internazionale nel periodo sotto la sua
rileggere criticamente i termini della gran- benedettina di Sant’Andrea, di cui sarà che, in base alla popolazione presente nei
presidenza hanno realizzato anche 71 inter-
dezza di Gregorio I, Pontefice § romano. abate. Oggi vi sorge la splendida chiesa di singoli “territori”, senza esclusione alcuna fra
venti a favore della Chiesa cattolica a Roma
San Gregorio al Celio, e nel monastero quartieri — l’emergenza economica causata
I quali sono tali e tanti che, pure a sinte- e provincia, in Italia come all’estero, sottoli-
adiacente i figli di Benedetto sono stati dal prolungato lockdown è trasversalmente
tizzarli, si diventa prolissi. In un corpo mi- neando ancora una volta la vocazione di lea-
“rimpiazzati” dalle sorelle di Madre Teresa, dilagante anche in fasce sociali ed aree inso-
nuto e lavorato dall’ascesi (si veda il capo- dership nel mondo del no profit: quando
tutti, iconicamente, ossia la sua profonda, che come il Papa-cenobita pregano e aiuta- spettabili — dovrà intercettare le sacche di in-
lavoro pittorico rinascimentale di José de l’ascolto delle esigenze della comunità cam-
totale identificazione con Roma. L’Urbe no i poveri. Sul lato opposto, lungo il Cli- digenza e far sì che gli aventi diritto abbiano
Ribera, dove Gregorio è ritratto da anziano mina di pari passo con risposte efficienti e
della classicità e del cristianesimo, dei Ce- vus Scauri che sale alla Navicella, ci sono i subito accesso ai buoni spesa che potranno
monaco qual era, ma vestito del rosso dei repentine: «La pandemia, oltre a causare
sari e dei Papi, del Consul Dei, come fu tre famosi Oratori di Sant’Andrea, Santa ovviamente essere donati più volte alle mede-
Pontefici), questo figlio della crema di Ro- molte sofferenze, è stata anche un tempo
chiamato il grande Pontefice, e del Servus Silvia e Santa Barbara. Edifici unici, risa- sime famiglie, così come alle persone singole.
ma, nato nella gens Anicia e plasmato dalla Un milione di euro sul quale sin dall’altro proficuo per creare reti di solidarietà e nuove
servorum Dei, come lui chiamò se stesso. lenti a Gregorio e alla madre Silvia, che te-
migliore educazione classica, che però non giorno, quando è stata ufficialmente data alla alleanze tra quanti, e sono molti, nel loro
Un’identificazione così forte che ricostruire stimoniano la loro vita di orazione e carità.
era più quella d’autrefois, in equilibrio sul Caritas di Roma la prima tranche dei fondi, specifico hanno a cuore la città di Roma —
il percorso umano, spirituale, politico, ec- Da Papa, abitò al Laterano. Infatti se
ripido crinale fra tarda antichità e alto me- nella Basilica Lateranense officiavano e potranno contare i circa 20.000 nuclei in sof- ha detto il direttore della Caritas di Roma
dioevo, concentrò nelle mani sottili e in clesiale di Gregorio nella Roma contempo-
ranea equivale a compiere, mutuando dal predicavano al popolo, per il resto i Papi ferenza presenti nella Capitale secondo le ul- don Benoni Ambarus — con la consapevolez-
uno spirito gigantesco una energia-lucidità- dal IV al XIV secolo vissero nel Patriarchio, time stime: «Purtroppo la vera difficoltà che za che ci ha lasciato don Luigi Di Liegro
determinazione che ancora stupisce. Avvia- lessico turistico (absit iniuria verbo), un iti-
nerario tematico di estremo interesse. ch’era dov’è ora la Scala Santa, ma ben più oggi si incontra è quella di poter svolgere il che, una città in cui anche solo una persona
to al cursus honorum fu Praefectus Urbi ma grande. Il misterioso “nicchione” con il compito che ognuno dovrebbe realizzare nel soffre di meno, è una città migliore».
si fermò lì, e la storia ringrazia. Infatti fu Allora partiamo, iniziando da dove ini-
ziano tutti, la nascita. Il luogo dove Grego- mosaico restaurato dal Fuga che affaccia mondo filantropico, sanitario, di solidarietà o
folgorato da san Benedetto, si convertì al sulla piazza altro non è che l’abside culturale — afferma il Presidente Emanuele —
cenobitismo e il suo primo vero merito sto- rio vide la luce è indicato da una veneran-
da tradizione nel sito della chiesetta sette- dell’immenso salone del primo palazzo pa- la burocrazia nel nostro Paese rende difficile
rico è di aver introdotto la cultura benedet- pale. Nel Sancta Sanctorum della Scala ogni cosa, anche il più umano gesto della
tina a Roma, e da Papa in tutta Europa. centesca di San Gregorio della Divina Pie-
Santa, la “cappella Sistina” di allora, c’è donazione». La Fondazione Roma, sempre
Intanto, prima del Pontificato, era stato di- tà, o San Gregorietto ai Quattro Capi,
una miracolosa icona di Cristo risalente a attivamente presente sul territorio sin dall'in-
plomatico a Costantinopoli, imparando la dov’erano le domus degli Anici. Un paralle-
Gregorio e detta Acheropita, non dipinta da sorgere della pandemia, è stata prima tra le
difficile arte di giocare su più tavoli, uno lepipedo rococò di pietra giallo ocra, isola-
mano d’uomo. Probabilmente il Papa la fondazioni a supportare l'IRCCS Spallanzani
più rischioso dell’altro: dai Bizantini al ca- to come un armadietto tra Monte Savello e portò in processione a San Pietro durante nell'ambito della ricerca scientifica sul covid-
priccioso imperatore Maurizio, dai Goti ai il Lungotevere de’ Cenci. Nessuno lo “fila”, la pestilenza del 590, quando la tradizione 19. Negli anni ha messo a disposizione della
Vandali, dai Longobardi all’anarchica no- dicono a Roma, tanto meno la gente svuo- vuole che sia stato visto l’arcangelo Miche- città di Roma strutture sanitarie di sostegno
biltà romana. Gettò le basi dell’idea d’Eu- tata a getto continuo dai bus alla fermata le mentre rinfoderava la spada sulla Mole a varie patologie, alcune delle quali con oltre
ropa, scelse risolutamente l’Occidente (si di fronte; eppure è carico di storia, sia per Adriana, segno che l’epidemia era finita. cento posti, facendosi carico interamente del-
veda l’evangelizzazione della Britannia), la memoria gregoriana, sia come antica se- A Castel Sant’Angelo siamo quindi in un le spese, comprese le pratiche necessarie per
convertì i cosiddetti barbari e fuse Gothia e de di una Confraternita dedita all’assisten- altro sito di Roma gregoriana. Per l’ultima la progettazione. Uno spirito solidaristico ra-
Romania inventando il Medioevo. E fra za delle “povere onorate famiglie e vergo- tappa sarà sufficiente la soglia di San Pie- ro e non poco difficoltoso, rallentato e reso
tanti impegni trovò il tempo di creare il gnose”, i nobili decaduti, come si legge sul- tro, raggiungere la navata sinistra più ester- sempre più difficile proprio dalle pastoie bu-
canto gregoriano e di scrivere capolavori la fessura per l’obolo ancora lì. Non è tut- na ed entrare nella Cappella Clementina. rocratiche, talvolta ottuse: «Oggi che la vita
come i Moralia in Job e la Regola Pastoralis to. Sopra l’ingresso c’è una surreale citazio- Qui, sopra l’altare destro, è dipinto Grego- all’interno dei nuclei familiari spesso non
che per consenso unanime lo hanno pro- ne ebraico-latina di Isaia diretta contro gli rio Magno che incide con uno stilo un lino consente di poter seguire un proprio caro af-
mosso fra i big della patristica latina, ac- ebrei, che lì erano obbligati ogni tanto ad bianco miracolosamente insanguinato per fetto da specifiche patologie, contare su
canto a Girolamo, Ambrogio e Agostino. ascoltare le omelie ai fedeli. È trapassato aver toccato dei martiri. Custodite sotto strutture completamente gratuite, come alcu-
Ma qui ci fermeremo su un aspetto di remoto per fortuna, e da ben prima che il l’altare, riposano le sue spoglie in attesa ne di quelle che la Fondazione Roma ha vo-
Gregorio che in certo senso li rappresenta terzo Magno, Papa Woytjła, visitasse la Si- della Risurrezione. luto, è determinante e qualsiasi pretestuoso e