Sei sulla pagina 1di 12

L’OSSERVATORE ROMANO

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n. 649004 Copia € 1,50 Copia arretrata € 3,00 (diffusione e vendita 2-3 gennaio 2021)

GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLXI n. 1 (48.624) Città del Vaticano sabato 2 gennaio 2021

Cambio
Senza educazione All’Angelus
del 1° gennaio
la preghiera
di passo

Senza medicine e la di ANDREA MONDA

I
preoccupazione l Santo Padre lo aveva detto e ripetuto
di Papa più volte nel corso di questo lungo an-

Affamati
no 2020 ormai concluso: la crisi ci tra-
Francesco sforma, alla fine della crisi siamo di-
per i bambini versi da come eravamo prima, migliori o
peggiori, ma diversi.
dello Yemen L’ultimo giorno dell’anno una dolorosa
sciatalgia ha bloccato il Papa che non ha po-
tuto presiedere ai riti di fine e di inizio anno.
Non è una novità questa della sua sofferenza
al nervo sciatico ma la coincidenza temporale
colpisce e fa risuonare il piccolo e semplice
episodio “clinico” trasportandolo ad un livel-
lo simbolico. Il pensiero vola al testo biblico e
in particolare alla sciatalgia che colpisce Gia-
cobbe al termine dell’incontro-scontro not-
turno con l’angelo del Signore al guado dello
Yabbok. È l’episodio della lotta di Giacobbe
con Dio (Genesi 32, 23-33), un «avvenimento
misterioso» come ha osservato Romano
Guardini, che «affonda nella memoria e vi ri-
mane impresso. Forse non lo si capisce, oppu-
re si sente che è pieno della realtà più sacra. Ci
si riflette, lo si tira fuori e vi si trova sempre an-
cora qualcosa in più». Al termine dell’episo-
dio, dopo la strenua lotta notturna, arriva l’al-
ba e con lo spuntare del sole si vede che Gia-
cobbe zoppica all’anca «perché quegli aveva
colpito l’articolazione del femore di Giacobbe
«Senza educazione, senza medicine, affamati», i bambini nel nervo sciatico». La lotta, un serrato corpo
dello Yemen occupano un posto speciale nel cuore di Papa a corpo ricco di colpi di scena, si è svolta lun-
Francesco, che nel primo Angelus del nuovo anno ha voluto go la notte, quando «Giacobbe rimase solo».
esprimere «dolore e preoccupazione per l’ulteriore inaspri- Questo 2020 è stata la lunga notte in cui l’u-
mento delle violenze» nel Paese arabo, le quali stanno pro- manità si è trovata sola, a combattere una stre-
vocando «numerose vittime innocenti», soprattutto tra i più nua lotta di cui soltanto in questi ultimi giorni
piccoli, stremati dalla mancanza di cibo. Da qui la preghiera si può intravedere la fine, il nuovo spuntare
del Pontefice che si fa anche appello «affinché ci si adoperi del sole. Di quest’anno tutti ricorderanno le
a trovare soluzioni che permettano il ritorno della pace per immagini del 27 marzo, con il Papa da solo
quelle martoriate popolazioni». Il vescovo di Roma ha volu- sotto la pioggia nel tramonto di una sera buia
to guidare la recita dell’Angelus nonostante la dolorosa uscito nella desolazione di piazza San Pietro
sciatalgia che lo ha costretto a rinunciare alle tradizionali ce- per supplicare il Signore, quasi come Noè che
lebrazioni del 31 dicembre e del 1° gennaio nella basilica va- sotto il diluvio chiede salvezza a nome di tutti.
ticana, che sono state presiedute rispettivamente dal cardi- Papa Francesco come Noè, ma ora anche Gia-
nale decano e dal segretario di Stato. Entrambi i porporati cobbe, che cammina alla luce dell’alba con un
hanno letto le omelie preparate dal Pontefice per la circo- senso di forza e di fiducia in più perché ha
stanza. chiesto e ottenuto la benedizione da parte del-
l’angelo del Signore e ha ascoltato le sue paro-
PAGINE 11 E 12 le: «Hai combattuto con Dio e con gli uomini
e hai vinto!». Non è lo stesso Francesco di pri-
L’Onu denuncia ma, di un anno fa, così come fu per il patriarca
la peggiore crisi umanitaria del mondo biblico (al quale Dio ha cambiato anche il no-
me da Giacobbe a Israele), e tutti e due zoppi-
Pagina 4 cano. Hanno dovuto cambiare il passo. È la
crisi che costringe a questo: è il tempo propi-
zio per il cambiamento, per la conversione.
Un cambio di passo; di questo c’è bisogno per
varcare la soglia di un tempo inedito, promet-
tente di nuova luce. Solo cambiando il passo,
il modo abituale di camminare, si può vedere
Duri il paradosso di Natale il mondo da un’altra prospettiva. Chi si osti-
nerà a camminare come faceva prima rimarrà
rigido di un rigor mortis, chi invece riconoscerà
di MICHELE GIULIO MASCIARELLI za e di profondità spirituale; tutto sem- mo penitente, la cui voce grida nella che la crisi è giunta e scompigliandoci ci ha se-
bra possedere meno la capacità di vibrare desolazione del «deserto» (Mc 1, 3); gnati tutti, senza distinzioni, allora vivrà.

D
opo tanto cedimento allo spi- in presenza del mistero. — i pastori «furono presi da grande C’è una “spia” che segnala se questo pas-
rito del tempo perfino nel ce- saggio è veramente accaduto in profondità o è
lebrare la santa memoria del Il carattere “drammatico” SEGUE A PAGINA 3 stato solo un fatto emozionale e superficiale e
Natale del Signore, siamo or- del Natale anche questo particolare scaturisce dall’episo-
mai nella necessità di recuperarne il sen- Le feste cristiane hanno senso solo dio biblico: la “spia” è il nostro rapporto con i
so del mistero, ossia di riconsiderarlo con nella prospettiva credente. Fuori del- fratelli. Giacobbe sta lì, da solo, al guado del
serietà. Il Natale è festa della tenerezza l’orizzonte di fede, esse iniziano a si- fiume, nell’angoscia dell’imminente incontro
nel senso che è evento centrale nella sto- gnificare cose diverse: potremmo dire
CAPODANNO con il temuto fratello Esaù. Solo dopo l’in-
ria di misericordia che il Dio trinitario ha che si deteriorano nello spirito e nella contro-scontro con Dio potrà abbracciarsi e
ideato e attivato per la comunità degli loro identità più vera. Riflettiamo. riconciliarsi con il fratello. È la strada che ci
uomini. Questa festa cristiana non ha, Quello di Natale è uno dei racconti indica Papa Francesco con l’enciclica Fratelli
perciò, nulla da spartire con la sua dolci- evangelici più drammatici e duri, acco- tutti, pensata prima ma finita di scrivere du-
ficazione e l’edulcorazione che ne ha stabile alla fenomenologia della passio- rante la pandemia: nel momento della crisi la
y(7HA3J1*QSSKKM( +#!"!=!z!%

Online da oggi operato la società consumistica, la quale ne e della morte del Cristo: via d’uscita è quella di chiedere la forza a Dio
il numero di gennaio di tutto abbonda, meno che di delicatez- — la Vergine di Nazaret fu raggiunta, per aprirsi agli altri, prendersi cura dei fratelli
del mensile già prima di generare Gesù, dall’assicu- spezzando le catene del vittimismo e del nar-
dell’O sservatore razione angelica: «Non temere, Maria, cisismo. Saremo curati se ci prenderemo cura
Romano A cena
perché hai trovato grazia presso Dio» degli altri. C’è un guado da attraversare da-
«D onne NOSTRE (Lc 2, 30);
da «quelli della stazione» vanti a noi e lo si può fare ma solo se siamo
Chiesa Mondo» INFORMAZIONI — la venuta del Figlio di Dio viene pronti a questo doloroso e vitale cambio di
MARINA PICCONE NELLE PAGINE 2 E 3
PAGINA 10 preannunciata con la severità di un uo- passo.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

Oggi in primo piano - Il capodanno degli ultimi per le strade di Roma

A cena
da «quelli della stazione»

U
di MARINA PICCONE Sant’Egidio dal 1979, quando rom mi ha portato un’insala-
era ancora uno studente di li- ta russa cucinata apposita-
n capodanno diverso per tut- ceo, arriva intorno alle 18.30, mente per me. Mi sono com-
ti, quello del 2021. Niente ce- con un carico di sacchetti mosso. Il rapporto all’inizio
noni, niente veglioni, niente pieni di cibo appetitoso: lasa- non è stato facile. C’era una
brindisi e balli in piazza. In gne, polpette, lenticchie, chiusura totale. Poi, hanno
solitudine nelle nostre case, mandarini, panettoncino e cominciato a fidarsi e, final-
questo inizio d’anno lo ricor- bevande. «La cena del 24 e mente, hanno deciso di man-
deremo a lungo, con un po’ del 31 è più ricca delle altre
di tristezza. Per gli abitanti anche se lo sforzo è quello di
della strada, invece, è stato lo portare sempre cose buone e,
stesso capodanno di sempre, il più possibile, personalizza- La prima ad arrivare
da lasciar scorrere e dimenti- te» spiega Marco, che ogni è sempre Maria che ha 94 anni
care come gli altri capodanni, martedì, da vent’anni, viene
come tutti gli altri giorni. in questa stazione. Tuscolana Accompagnata dal figlio Orlando,
In questa Roma deserta, di è stata infatti “aperta” nel è allegra e sorridente
struggente bellezza, sono lo- 2000, per allargare il campo
ro gli unici a circolare, per ri- d’azione. Le postazioni di sulla sua carrozzina
cevere un pasto caldo e una Termini, Ostiense, Tiburtina
coperta. È una sera fredda di e centro storico erano già at-
luna piena, quella del 31 di- tive da tempo.
cembre, e la Comunità di Insieme a Sant’Egidio ci dare i bambini a scuola. Sia-
Sant’Egidio sta allestendo lo sono i volontari dell’associa- mo arrivati a una relazione
stand per la distribuzione del zione Il Granello di Senape, vera, sincera e alla pari». È
cibo nel piazzale della stazio- che gestiscono l’attività il ve- un lavoro «silenzioso che dà
ne Tuscolana. Nello stesso nerdì. «Ma noi non facciamo i suoi frutti», commenta Ro-
momento, altri venti stand distinzione fra le associazio- berto.
della comunità, in altrettante ni. Ci chiamano quelli della Ogni mese, Sant’Egidio
zone di Roma, si stanno pre- stazione», dice Roberto, per distribuisce 50 tonnellate di
parando per accogliere una il quale «oggi è il giorno più cibo nella città, soprattutto
bello dell’anno. Nel pe- nelle periferie. Prima della
riodo della chiusura, malattia pandemica, oltre alla
quando non erano con- mensa di via Dandolo aveva
«È un periodo. Speriamo che finisca sentiti gli spostamenti, 3 centri di distribuzione, oggi
— dice Ben Jalel raccontando la sua storia — eravamo in tre. Le perso- sono 28. Alla stazione Tusco-
ne più fragili hanno sof- lana, ogni volta arrivano fra
Dio mi ha sempre aperto una finestra» ferto». le 50 e le 70 persone.
In questo lavoro «non La prima è sempre Maria,
ci si può fermare», inter- 94 anni. Accompagnata dal
viene Marco Catino, pre- figlio Orlando, 60 anni, è al-
popolazione dolente, in cerca sidente dell’associazione, che legra e sorridente sulla sua
di un sostegno e di un sorri- ha come obiettivo quello di carrozzina, in cui è costretta
so. Insieme all’associazione collaborare con gli ultimi tra da vent’anni. Maria e Orlan-
Baobab, sono forse gli unici gli ultimi, per favorire la loro do vivono in una casa sulla Orlando, un giubbino leg- affusolate. Ma è il momento
presenti in questo giorno spe- crescita sociale all’interno Tuscolana e per venire qui gero sulle spalle curve, sotto- della consegna del cibo e
ciale, colorato di rosso e, per- della propria cultura e delle prendono il treno. Una con- linea con brevi commenti e non c’è tempo per la tristez-
ciò, con poca possibilità di proprie tradizioni. «Servono gregazione pentecostale di suoni il racconto della madre, za. La chiamano a gran voce.
movimento. costanza e impegno. La sera cui fa parte la aiuta, ogni da cui non si allontana mai. «Mi vogliono tutti bene» ri-
Marco Sala, volontario di del 24 dicembre, una famiglia giorno, a scendere le scale Gli offrono un giaccone pe- pete, confortata dall’affetto
sollevandola di peso, perché sante ma lui rifiuta, mite. dei presenti.
non c’è l’ascensore. «A me «Grazie, non ho freddo» ri- Tra i volontari, una venti-
vogliono tutti bene» dice pete. Ha gli occhi buoni di na, c’è anche Antonino, pic-
Maria, avvolta in un’ampia chi ha sofferto molto. Maria, colo e rotondo e con lo
Baobab Experience alla Stazione Tiburtina pelliccia e con un cappello in da cui traspare un’antica bel- sguardo serio. Siciliano, 64
testa, da sotto il quale spun- lezza, a un certo punto si in- anni, ha lasciato moglie e fi-
Alle 19.30 in punto tano gli occhi chiari e vispi.
Una vita attiva la sua, nono-
tristisce. È colta dall’improv-
viso timore che la vogliano
gli quando ne aveva 32. «Le
cose non andavano bene» di-
Come ogni sera stante l’età e le condizioni
precarie. Ogni sera, alle 20,
mettere in una casa di riposo.
Lei non vuole, «il Signore mi
ce in estrema sintesi. È salito
su un treno e ha cominciato
va in chiesa a pregare e il ha lasciato una mente buona. la sua vita errabonda. Prima

A
lla stazione Tiburtina, la cena confinamento, quando era impossibile martedì e il venerdì viene qui Non mi fa mancare niente» Messina, poi Napoli, quindi
comincia puntuale alle 19.30, come muoversi verso altri Paesi. In questi giorni per la cena. A Natale, dopo dice, mentre si asciuga le la- Roma. Lavoretti improvvisati
ogni giorno. Ci sono circa 70 ce ne sono 80/90. Gli altri sono partiti la messa, ha avuto il suo crime con le mani lunghe e e notti sulla strada. Un mar-
persone, tutti migranti, per lo più prima che il Paese si bloccasse di nuovo. pranzo cucinato da filippini.
in transito. È per loro che, nel 2015, è nata Stasera sono Carla e Letizia, volontarie Ma non le è piaciuto molto,
l’associazione Baobab Experience. Per la storiche, a servire i sacchetti con il cibo. «meglio le lasagne» dice ri-
maggior parte dei migranti, infatti, l’Italia è L’atmosfera è serena e rilassata. Niente dendo.
un Paese di transito verso i Paesi del nord, brindisi, perché la maggior parte dei Racconta che il marito l’ha
Germania, Francia, Belgio, Olanda, per cui, presenti non beve, ma, trascinati dalla abbandonata per un’altra
la popolazione che si rivolge musica, molti ballano. Baobab, oltre a pasti donna quando Orlando ave-
all’associazione muta continuamente. A caldi e vestiario, offre cure mediche, va 5 anni. Per poter tirare
oggi, più di 90.000 persone hanno ricevuto assistenza legale e orientamento allo studio, avanti è stata costretta a met-
assistenza nei campi informali allestiti alla formazione e alla ricerca del lavoro. tere il bambino in un collegio
dall’associazione con mezzi donati dalla «Stare ai margini di una metropoli come e a vivere stabilmente nelle
cittadinanza e dalla rete di solidarietà Roma può essere alienante non solo per un case in cui lavorava come
trasversale attiva sul territorio. «I nostri rifugiato», continua Costa, in procinto di colf e babysitter. Questo le
ospiti, spesso, arrivano direttamente dai partire per la Bosnia con un convoglio ha consentito di mettere da
porti di sbarco», racconta Andrea Costa, umanitario. «Per questo, organizziamo parte i suoi guadagni e di
responsabile dell’associazione. «Molti sono attività culturali, ricreative e sportive aperti comprare una casetta. Orlan-
profughi di guerra, persone che fuggono a tutta la cittadinanza attraverso le quali do è tornato a vivere con lei
dalla carestia e dalla fame, vittime di cresciamo insieme e tracciamo un percorso all’età di 16 anni, segnato dai
tortura e tratta nei centri di detenzione comune verso l’integrazione». È ora di lunghi anni di lontananza.
libici o di altri paesi di frontiera, reduci e andare. Ci si scambiano gli auguri di Buon Ora è lui, che ha una piccola
spesso naufraghi delle traversate della anno e le persone cominciano a sciamare. pensione d’invalidità, a occu-
speranza nel Mediterraneo. Altri sono i Non andranno molto lontano. Molti di loro parsi in tutto e per tutto del-
“dublinati”, cioè quelli rispediti nel Paese di dormono proprio lì, alla stazione. Un la sua mamma. «Il Signore
primo approdo da un altro Paese cantuccio preparato con cura e il cielo me l’ha lasciato apposta» di-
dell’Unione». Baobab offre 120/130 pasti al stellato sopra di loro, a cui affidare la ce Maria, e il viso le si illu-
giorno, diventati 230 nel primo propria preghiera. (marina piccone) mina.
sabato 2 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Duri
il paradosso
È una sera fredda di Natale
di luna piena, CONTINUA DA PAGINA 1 richiama questo carattere di
quella del 31 dicembre. “radicalità” ineliminabile.
spavento» e dovettero anch’es- Simbolicamente la iconografia
La Comunità di Sant’Egidio si ricevere la parola di conforto cristiana, mostrando talora il
dal cielo: «Non temete» (Lc 2, Bambino Gesù appoggiato a
sta allestendo lo stand 9-10); una piccola Croce o, addirittu-
— alla notizia della nascita di ra, sdraiato su di essa, esprime,
per la distribuzione del cibo Gesù, «il re Erode si turbò e in forma chiara drammatica, le
con lui tutta Gerusalemme» due polarità della salvezza.
nel piazzale (Mt 2, 3);
— il Figlio di Dio — commenta Natale, festa della gioia
della stazione Tuscolana. Giovanni — entra nella storia degli Festa severa, il Natale non è
uomini «incompreso» e «non ac- affatto festa triste, ma gioiosa.
Roma è deserta. È un capodanno colto» dai suoi, come «luce» rifiu- Piuttosto, il Natale va sottratto
tata dalle «tenebre» (cfr. Gv 1, 10- alla presa catturante del consu-
diverso per tutti. 11). Desta, perciò, non poca mera- mismo, che di questa solennità
viglia il fatto che questo evento cri- approfitta e che tende di tra-
Ma non per gli abitanti stiano, che sa già di evento marti- volgere facendola precipitare
riale, abbia assunto nel tempo un nel grande vortice del mercato
della strada carattere in contrasto stridente con e dell’effimero. Per i cristiani il
ciò che esso è secondo i Vangeli. Natale è anzitutto umiltà, si-
Anche il Natale resta segnato dal lenzio, stupore, gioia dello spi-
graffio implacabile col quale la rito. La severità del Natale è di
tedì sera, alla stazione Tusco- Durante questi anni ha man- la sua somiglianza con il cal- to tutto. Ora sono senza do- cultura dell’effimero riesce a sfre- fatto richiamata da Papa Ber-
lana, dove ha dormito fino al tenuto il rapporto con i figli, ciatore ivoriano, arriva tardi. cumenti e non posso ritirare giare i luoghi della geografia del- goglio che chiede di vivere
2004, ha incontrato i volonta- due maschi e due femmine, Gli offrono comunque il sac- neanche la pensione. Mi ar- l’anima e a profanare le sante date questo mistero cristiano in vici-
ri e la sua vita è cambiata. che sente regolarmente. chetto del cibo ma lui rifiuta. rangio come posso. Dormo al dello spirito. La lettura dei “Van- nanza alle pene dei poveri e dei
Ha cominciato a collaborare Quando la nipote più grande Ha già mangiato. Ben Jalel, parco, vado alla mensa della geli dell’infanzia” chiede con forza sofferenti.
nella preparazione e nel cari- è diventata maggiorenne, nel che significa “figlio di pace”, Caritas, a Sant’Egidio, dalle a noi cristiani di recuperare atten- Maria, la Madre della Nati-
co dei pacchi di cibo e ogni 2018, è tornato al suo paese e come tiene a sottolineare, è suore», così da quattro anni, zione verso i segni “drammatici” vità, ci esorta anch’essa all’u-
volta che ce n’era bisogno. sono andati tutti insieme al un po’ brillo e ha voglia di segnati anche dalla perdita di dell’evento natalizio. miltà, perché Dio possa trovare
Mangiava regolarmente alla ristorante a festeggiare. parlare. Tunisino di Cartagi- una figlia. «Ma sono sempre spazio nel nostro cuore, non
mensa ma le notti dormiva È il momento del brindisi. ne, ha quasi 60 anni e da 40 elegante e pulito anche se vi- Il carattere radicale oscurato né occupato dall’or-
sotto i portici di San Giovan- Il consueto conto alla rove- vive in Italia, con una paren- vo per strada. Sono buono, del Natale goglio e dalla superbia. Ella ci
ni. Poi, la svolta, una roulot- scia e un bicchiere di spu- tesi di sei anni in Francia, a mi conoscono tutti. Sono fat- È una constatazione incon- indica il valore del silenzio, che
te messa a disposizione dalla mante rallegrano il corpo e lo Parigi. Ha sempre lavorato to così, è la mia natura», dice trovertibile: spesso, nella socie- sa ascoltare il canto degli An-
comunità. Per sette anni ha spirito. Ognuno, silenziosa- onestamente, «non ho mai con un sorriso mesto. tà di oggi, rispetto ai grandi geli e il vagito del Bimbo, non
potuto contare su un riparo e mente, esprime i suoi desideri rubato, mai spacciato» affer- «È un periodo. Speriamo eventi cristiani si mostra perfi- soffocandoli nel chiasso stor-
sui servizi essenziali. «Mi personali per il nuovo anno, ma orgoglioso, ma, da un po’ che finisca. Dio mi ha sem- no disponibilità ad accogliere dente e nella confusione dissi-
piace essere pulito ed elegan- come ogni anno. Ma questa di tempo, le cose non vanno pre aperto una finestra». È il loro messaggio, ma questo pante. Ella ci chiama a sostare
te». E pulito ed elegante era volta c’è una speranza comu- bene. Ha avuto un incidente tardi. Sono andati tutti via. viene quasi sempre inteso più dinanzi al presepio, assaporan-
anche quel giorno in cui, alla ne, quella che, con l’anno sul lavoro e, non potendo Fa sempre più freddo e si sta come un ideale di saggezza che do la gioia semplice e pura che
mensa di via Dandolo, è ve- vecchio, se ne vada anche il più pagare l’affitto, ha dovu- alzando la nebbia. Ben Jalel di salvezza religiosa, più come quel Bambino reca all’umani-
nuto Papa Benedetto XVI. virus che ha reso ancora più to lasciare la casa in cui vive- si avvia senza fretta alla ricer- nutrimento e potenziamento tà. Nella Notte Santa, l’Astro
Era il 27 dicembre del 2009, incerte le loro esistenze. va. «Ho avuto una disgrazia ca di un riparo, in attesa che del capitale umano che come sorgente, «splendore della luce
un giorno che non dimenti- Ben Jalel, detto Kafou, per dietro l’altra. Mi hanno ruba- passi la nottata. un richiamo di redenzione. eterna, sole di giustizia» (cfr.
cherà mai. «Ero tutto incra- Oggi si rischia l’indebolirsi del Antifona al Magnificat, 21 dicem-
vattato e ho mangiato vicino carattere radicale del cristiane- bre), verrà a illuminare chi gia-
al Papa. Gli ho raccontato di simo: la sua profezia pare talo- ce nelle tenebre e nell’ombra
quello che la comunità aveva ra farsi ideologia; la sua alterità della morte.
fatto per me e che, ora, era il trascendente sembra soffocare Natale ha bisogno di silen-
mio turno di ricambiare».
LA POVERTÀ A ROMA nella durezza della condizione zio per essere riconosciuto in sé
Un giorno, però, la sua umana; la sua profondità di e nella vita dell’altro, come s’e-
roulotte, come tutte le altre, Risolvere i problemi delle persone più fragili senso e la sua tensione al futuro sprime madre Teresa di Calcut-
per decisione del comune, è significa risolvere i problemi di tutti ultimo corre il pericolo di ac- ta: «è Natale ogni volta che ri-
stata costretta a traslocare corciarsi nelle brevi traiettorie mani in silenzio per ascoltare
dalla città e Antonino è finito I dati del rapporto sulla povertà a Roma della Caritas del futuro solo storico. l’altro». E possiamo continua-
a Civitavecchia. Lontano dal diocesana, pubblicati a dicembre, registrano una città in Il cristianesimo ha esaurito re dicendo che è Natale quan-
suo punto di riferimento in grave affanno. Nel 2019, si registrava già un forte peggio- la sua funzione storica? si chie- do c’è lo spazio per l’invocazio-
cui, però, tornava ogni volta ramento delle condizioni di precarietà socio-economica di deva in uno scritto del 1941 don ne, quando c’è lo spazio perché
che poteva, animato sempre un numero sempre maggiore di persone e di famiglie e, Primo Mazzolari. È forse la il Figlio nasca in noi. Questa
da spirito di servizio. Poi, un allo stesso tempo, l’allargamento della forbice tra classi preoccupazione che il cristia- gioia è completa soltanto
giorno, da Sant’Egidio è arri- sociali, con forti polarizzazioni. Nei primi mesi del 2020, nesimo possa perdere questa quando questa realizzazione
vata «una notizia importan- con l’avvento del covid, questa situazione si è accentuata. funzione che porta ad operare armonica della nostra vita è at-
te». Un alloggio in una casa Complessivamente, la quota di popolazione a rischio po- quell’«inginocchiamento di- tuata nell’apertura a Dio,
vera, due camere con bagno, vertà è del 18%. L’impossibilità di affrontare spese legate nanzi al mondo» di cui parlava grembo santo dal quale la no-
dove, da quattro anni, vive all’abitazione o spese improvvise e la deprivazione abita- Jacques Maritain (cfr. Il contadi- stra esistenza è fiorita. «Quan-
insieme a un’altra persona. tiva (immobili insicuri o precari, mal riscaldati o in condi- no della Garonna, Morcelliana, do mi sfiorano le tue mani im-
Antonino si sostiene con una zioni igieniche inadatte, alloggi in strada, roulotte o ten- Brescia 1980), osservando l’a- mortali, il mio piccolo cuore si
piccola pensione e continua a de, ecc.) sono in costante accelerazione, con una percen- spra temperie secolarizzatrice smarrisce dalla gioia e ne sgor-
collaborare con la comunità. tuale del 6,9% sull’intera popolazione, superiore di quasi esplosa dopo la chiusura del gano parole ineffabili», affer-
2 punti rispetto al dato nazionale (pari al 5%). Dal marzo concilio Vaticano II e, poi, la ma il saggio poeta indiano, Ra-
2020 la popolazione romana è costretta a fronteggiare ol- deriva debole e dolciastra che bindranath Tagore.
tre all’emergenza sanitaria anche l’emergenza sociale e ali- si è data verso la new age, perico- Così concepita, la gioia au-
mentare. Un disagio multifattoriale a cui la miriade di or- losa stagione che non accenna tentica ci viene solo come do-
ganizzazioni presenti sul territorio offre un complesso a chiudersi, anche se la disgra- no. Essa è la partecipazione al-
programma di sostegno. Per orientarsi nei luoghi di aiuto zia inattesa della pandemia for- la gioia di Cristo: «Ma ora ven-
e accoglienza, Sant’Egidio pubblica, ogni anno, la guida se porta a considerare con più go a te Padre, e dico queste co-
Dove, una specie di bussola per ottenere più facilmente le serietà l’esposizione della fami- se nel mondo, affinché abbia-
informazioni necessarie. Dove mangiare, dove dormire, glia umana verso soglie di pen- no in sé stessi la pienezza della
dove lavarsi, dove curarsi, dove ottenere documenti, pen- siero e di comportamenti più mia gioia», pregò Gesù prima
sione, buoni spesa, sussidi, sostegno, ascolto. «La rispo- serie e più responsabili. di lasciare questo mondo (cfr.
sta è la rete», ha affermato Marco Impagliazzo, presiden- La risposta alla domanda Gv 17, 13). «Afflitti», i discepoli
te della Comunità di Sant’Egidio, durante la conferenza mazzolariana se il cristianesi- sono «sempre lieti» (2 Cor 6,
stampa di presentazione della guida. «Se è aumentata la mo conservi ancora la sua forza 10). San Paolo sovrabbonda di
povertà, è cresciuta anche la solidarietà, in termini sia profetica, certamente ancora gioia nelle sue tribolazioni (cfr.
economici sia di volontariato, rappresentato anche da intonsa: il cristianesimo non ha 2 Cor 7, 4). La comunità cristia-
molti giovani. Risolvere i problemi delle persone più fra- esaurito e non esaurirà la sua na vive in una letizia semplice
gili significa risolvere i problemi di tutti, perché, come di- funzione nel tempo dell’uomo (cfr. At 2, 46) e la predicazione
ce Papa Francesco, ci si salva solo insieme». Nell’emer- se resta radicale ed esigente, della buona novella è dovun-
genza è nato anche un nuovo impegno della Comunità, esplicito e completo, fedele al- que fonte di grande gioia (cfr.
quello per la salute. In collaborazione con gli ospedali S. l’uomo e aperto al Mistero. Il At 8, 8). Anzi, siccome Dio non
Giovanni Addolorata, Bambino Gesù e Lazzaro Spallan- Natale, portando in sé il segno può essere trovato se non nel-
zani, si garantiscono tamponi a fasce vulnerabili della po- della pienezza misterica che lo l’uscire da sé stessi e nel darsi
polazione. Tra i beneficiari, anche i cittadini stranieri che, porta ad essere profezia del mi- all’altro, l’altruismo è l’unica
non avendo il medico di base, non possono richiedere il stero pasquale nei due fuochi via alla gioia autentica, che la
tampone attraverso la ricetta elettronica. (marina piccone) di sofferenza e di gloria, esige e logica del Natale ci insegna.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

Mattarella: il 2021
sarà l’anno
della ripartenza
ROMA, 2. La ripartenza dopo negazionismi, il capo dello Sta-
l’emergenza covid, la doverosità to ha sottolineato che «vaccinar-
del vaccino, la responsabilità si è una scelta di responsabilità,
della politica, l’urgenza di rifor- un dovere. Tanto più per chi
me necessarie per guardare al fu- opera a contatto con i malati e le
turo insieme all’Europa. Questi persone più fragili. Io lo farò
alcuni dei punti nodali del mes- non appena possibile». Poi ha
saggio di fine anno del presiden- lodato il ruolo dell’Europa, che
te della Repubblica italiana, sta fronteggiando la crisi. «Mai
Sergio Mattarella, l’ultimo — co- l’Unione europea si è assunta un
me lui stesso ha detto — del suo compito così rilevante per i pro-
mandato. pri cittadini». Di qui il richiamo
La parola chiave è stata soli- alla politica con la necessità di
darietà: «Solidarietà internazio- non perdere l’occasione del Re-
nale. Solidarietà in Europa. So- covery fund. Un’occasione per
lidarietà all’interno delle nostre mettere mano alle riforme neces-
comunità» perché «la pandemia sarie, trasformando l'emergenza Decisione importantissima per avviare il processo di immunizzazione nei Paesi in via di sviluppo

L’Oms approva il vaccino Pfizer


ci ha fatto riscoprire e compren- in opportunità: «Lo dobbiamo
dere quanto siamo legati agli al- a noi stessi, lo dobbiamo alle
tri; quanto ciascuno di noi di- giovani generazioni». Per que-
penda dagli altri». sto «non sono ammesse distra-
Mattarella, che ha parlato in zioni» e «ognuno deve fare la
piedi, non seduto come da tradi- sua parte»; non bisogna pensare
zione, ha lanciato due moniti di tornare alla situazione prece- GINEVRA, 2. L’Organizzazione mondiale tà di enzimi che contiene e alle reazioni nistrazione del vaccino AstraZeneca. Il
principali. Il primo a considera- dente il virus, ma costruire un della sanità (Oms) ha approvato il vacci- chimiche che questi ultimi causano. Paese asiatico vorrebbe iniziare a sommi-
re il vaccino anti-covid un dove- futuro del tutto nuovo. «Questo no anti-covid messo a punto dalla Pfi- Questo rende questo tipo di farmaco al- nistrare il vaccino a stretto giro, proba-
re verso se stessi e verso gli altri. è tempo di costruttori. I prossi- zer-BioNTech. La decisione rappresenta tamente delicato e presuppone il rigido bilmente entro mercoledì prossimo.
«La pandemia che stiamo af- mi mesi rappresentano un pas- un passo in avanti importantissimo per rispetto di quella che viene definita “la L’«Hindustan Times», inoltre, segnala
frontando mette a rischio le no- saggio decisivo per uscire dall’e- tutti quei Paesi in via di sviluppo privi di catena del freddo”. In molti Paesi in via che la prossima settimana le autorità sa-
stre esistenze, ferisce il nostro mergenza e per porre le basi di propri organismi di regolamentazione in di sviluppo sarà dunque fondamentale nitarie indiane si riuniranno per decidere
modo di vivere» ha detto il tito- una stagione nuova» ha spiega- materia sanitaria. Queste nazioni po- anche solo creare le situazioni per il ri- se approvare l’uso di altri vaccini.
lare del Quirinale, ricordando to il presidente. In questa chiave tranno così accelerare i loro iter per il via spetto di questo tipo di presupposto — Intanto proprio ieri, mentre nel mon-
l’immane tragedia che ha colpi- anche il messaggio di auguri ri- libera al vaccino ed iniziare i relativi pro- durante tutte le fasi di logistica, compre- do i contagi hanno superato quota 84
to l’Italia prima di tutti gli altri volto a Papa Francesco, che ha grammi di immunizzazione. Il vaccino si gli spostamenti e l’immagazzinamento milioni, la Biontech ha avvertito che da
Paesi Ue. «La pandemia ha se- ringraziato «per il suo magistero prodotto da Pfizer e BioNTech — basato delle fiale —, alla base dell’efficacia del sola non ce la farà a coprire la grande ri-
minato un senso di smarrimen- e per l’affetto che trasmette al sulla tecnologia mRna, che utilizza l’R- farmaco. chiesta di vaccini ed ha chiesto all’Euro-
to: pone in discussione prospet- popolo italiano, facendosi testi- na Messaggero per stimolare l’organi- Altre tipologie di vaccini anti-covid, pa di approvare altri farmaci in fretta.
tive di vita. Basti pensare alla mone di speranza e giustizia». smo di chi si sottopone alla profilassi a come quello elaborato da AstraZeneca
previsione di un calo ulteriore Quello di Mattarella è stato il ricevere le istruzioni per produrre la pro- possono essere invece conservate in nor-
delle nascite, spia dell’incertez- discorso presidenziale più se- teina Spike con cui il nuovo coronavirus mali frigoriferi, a -4 gradi centigradi sen-
za che il virus ha insinuato nella guito di sempre con 15 milioni di riesce a penetrare nelle cellule umane — è za particolari precauzioni. Questo com-
nostra comunità». Contro tutti i spettatori. stato approvato per la prima volta l’8 di- porta una superiore facilità di trasporto,
cembre scorso dal Regno Unito, succes- anche nei semplici studi medici e nelle
DAL MOND O
sivamente dagli Usa, dal Canada e pri- case di cura. Finora il vaccino prodotto
ma della fine dell’anno anche dall’Unio- dalla casa farmaceutica AstraZeneca, svi- Al Portogallo la presidenza
ne europea. Fino a questo momento so- luppato in collaborazione con l’Univer- semestrale di turno dell’Ue
Polemiche dopo l’avvio ufficiale della Brexit no circa 50 i Paesi nel mondo che hanno sità di Oxford, è stato approvato il 30 di-
già avviato programmi di vaccinazione cembre dalla Gran Bretagna — dove le L’emergenza covid-19, l’avvio del

Sturgeon: la Scozia contro il covid-19.


La tecnologia innovativa con cui è sta-
to prodotto il vaccino anti-covid di Pfi-
prime vaccinazioni inizieranno il 4 gen-
naio — dal governo argentino e dalle au-
torità sanitarie di El Salvador. Sempre in
Recovery fund e la messa in opera
dell’accordo di libero scambio fra
l’Unione europea ed il Regno Uni-

resterà in Europa zer, così come quello prodotto da Mo-


derna, richiede che le dosi siano conser-
vate a -70 gradi centigradi e possano es-
America Latina anche il Brasile — come
rivelato dall’immunologa Lili Yin Weckx
che ha condotto i test sul vaccino dell’U-
to. Sono solo alcuni dei temi su
cui è chiamato a lavorare il Porto-
gallo, che da ieri — secondo il con-
sere esposte a temperature più alte, tra 2 niversità di Oxford — potrebbe presto sueto meccanismo di rotazione —
e 8 gradi centigradi, per un tempo mas- autorizzare l’utilizzo del vaccino di ha assunto la presidenza di turno
simo di cinque giorni. L’mRna, infatti, AstraZeneca. Ieri anche l’O rganizzazio- semestrale della Ue. A passargli il
tende a degradarsi velocemente, essendo ne centrale dell’India per il controllo dei testimone la Germania, che ha
altamente instabile a causa della quanti- farmaci ha dato il via libera alla sommi- chiuso gli ultimi sei mesi del 2020
portando a casa una serie di risul-
tati. La priorità per Lisbona è fare
partire il Recovery plan, con l’ado-
zione dei vari piani nazionali di ri-
Altre scosse in Croazia presa.

mentre vanno avanti i soccorsi Angela Merkel lascia


la vita politica
ZAGABRIA, 2. Nelle zone terremotate del- unità abitative, distribuendo cibo e ac-
Il premier scozzese Nicola Sturgeon (Afp) la Croazia il nuovo anno si è aperto con qua, brandine, stufe elettriche, indumen- Nel suo ultimo discorso di fine an-
nuove scosse sismiche, per fortuna di ti caldi. no da cancelliere tedesco, Angela
LONDRA, 2. È iniziata ieri, sen- Il primo importante appun- non eccessiva intensità. Stando ai media La gran parte degli sfollati hanno tra- Merkel ha annunciato che non si
za il temuto caos, l’era post- tamento sarà quello delle ele- regionali, nelle prime ore di ieri i sismo- scorso le ultime notti all’aperto o nelle ricandiderà alle elezioni federali
Brexit a coronamento del per- zioni amministrative britanni- grafi hanno registrato tre scosse di ma- auto, non volendosi allontanare dalle che si terranno tra nove mesi in
corso avviato dalla vittoria dei che di maggio, quando verrà gnitudo 3.1, 3.2 e 3.6, tutte con epicentro proprie case e abitazioni. Il capo della Germania e che abbandonerà la vi-
Leave al referendum del giu- rinnovato anche il Parlamento fra Petrinja e Sisak, le località a una cin- protezione civile croata Damir Trut ha ta politica. L’addio dopo 16 anni
gno 2016 e poi dalla separazio- locale di Edimburgo. In caso quantina di chilometri a sudest della ca- detto che i team medici sul posto stanno ininterrotti alla guida della cancel-
ne formale da Bruxelles a fine di vittoria netta del partito di pitale Zagabria devastate dal violento predisponendo i programmi di vaccina- leria a Berlino lascerà un vuoto
2019. Tuttavia, per il governo Sturgeon è prevedibile una ri- terremoto 6.4 del 29 dicembre. zione anti-covid per le popolazioni terre- non facile da colmare nel suo stes-
di Boris Johnson i problemi presa dei toni nazionalistici e Nelle zone colpite dal sisma, che ha motate. L’emergenza sanitaria infatti re- so partito, l’Unione cristiano-de-
non sono finiti. Ieri la premier della campagna per un nuovo provocato almeno sette morti e una tren- sta e si aggiunge a quella provocata dal mocratica (Cdu). Nel discorso ai
scozzese e leader del Scottish referendum secessionista, do- tina di feriti, lasciando senza casa diverse sisma. Si calcola che siano oltre 1.500 i tedeschi, Merkel ha ricordato il
National Party Nicola Stur- po quello perduto nel 2014. migliaia di persone, proseguono senza soccorritori impegnati nel dare assisten- dolore di chi ha subito una grave
geon è tornata a rilanciare la «È tempo che la Scozia diven- sosta le operazioni di soccorso, assisten- za alla popolazione terremotata, e a ri- perdita per il coronavirus o com-
volontà di Edimburgo di tor- ti uno Stato sovrano, una na- za e di rimozione delle macerie. Da mol- muovere le enormi quantità di macerie batte ancora con gli effetti della
nare in Europa. «La Scozia zione europea indipendente» ti Paesi europei stanno giungendo squa- in cui sono stati in gran parte ridotti i malattia e che poi sente negare da
tornerà presto, Europa. Tenete ha dichiarato Sturgeon in un dre di tecnici e specialisti in protezione centri abitati di Petrinja, Sisak, Glina e qualche «irriducibile» l’esistenza
la luce accesa» ha dichiarato. altro Tweet. civile, che allestiscono container, tende, altri villaggi della zona. stessa del virus.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano:


redazione.vaticano.or@spc.va
Segreteria di redazione
telefono 06 698 45800
Tipografia Vaticana Tariffe di abbonamento Necrologie: telefono 06 698 45800
Vaticano e Italia: semestrale € 225; annuale € 450 segreteria.or@spc.va
direttore responsabile Editrice L’Osservatore Romano
segreteria.or@spc.va Europa: € 720;
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Servizio internazionale: Stampato presso srl
redazione.internazionale.or@spc.va
Africa, Asia, America Latina, America Nord, Concessionaria di pubblicità
Unicuique suum Non praevalebunt Piero Di Domenicantonio www.pressup.it Oceania: € 750; Il Sole 24 Ore S.p.A.
caporedattore Servizio fotografico: via Cassia km. 36,300 – 01036 Nepi (Vt)
Servizio culturale: telefono 06 698 45793/45794, Abbonamenti e diffusione (dalle 9 alle 15): system Comunicazione Pubblicitaria
Città del Vaticano redazione.cultura.or@spc.va fax 06 698 84998 telefono 06 698 45450/45451/45454
Aziende promotrici Sede legale: Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
Gaetano Vallini Servizio religioso: pubblicazioni.photo@spc.va della diffusione fax 06 698 45456 telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
www.osservatoreromano.va segretario di redazione redazione.religione.or@spc.va www.photovat.com Intesa San Paolo info.or@spc.va diffusione.or@spc.va segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com
sabato 2 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Insieme con il suo autista

Nigeria: liberato
il vescovo rapito
ABUJA, 2. È stato finalmente monsignor Chikwe e del suo
rilasciato, ieri, il vescovo au- autista. Ha poi ringraziato
siliare della Diocesi di Papa Francesco per aver pre-
Owerri, in Nigeria, Moses gato per la loro liberazione
Chikwe, sequestrato da uo- durante l’Angelus, poche ore
mini armati la sera del 27 di- prima del loro rilascio. Mon-
cembre assieme con il suo sinhor Obinna ha concluso
autista. Lo conferma in una ringraziando anche i vescovi,
nota l’arcivescovo di Owerri sacerdoti, religiosi, laici che
— nello Stato di Imo — mon- hanno pregato per la felice
signor Anthony J.V. Obinna, conclusione del sequestro.
rendendo grazie a Dio. Ieri Il 30 dicembre le donne
all’Angelus Papa Francesco della Christian Women Or-
aveva lanciato un appello ganization avevano organiz-
per la liberazione. zato a Owerri una marcia di
Le Nazioni Unite denunciano la peggiore crisi umanitaria del mondo «Ho visitato il vescovo protesta per chiedere la libe-

Emergenza nello Yemen


Chikwe, nella sua residenza razione del vescovo.
verso le 22.45, appariva de- Il portavoce del comando
bole per la traumatica espe- della polizia di Stato ha con-
rienza», riporta monsignor fermato che i due uomini so-
Obinna. L’autista — spiega — no stati rilasciati senza alcun
è stato invece trasportato riscatto, grazie a un’opera-
SANA’A, 2. Dall’inizio del 19 hanno fatto ulteriormente popolazione, tra cui oltre 1,2 ne pacifica al conflitto e che d’urgenza in ospedale a cau- zione di polizia dello Stato
sanguinoso conflitto nel 2015, sprofondare il Paese in quella milioni di donne incinte o quindi si inaspriscano i com- sa di una profonda ferita di di Imo. Nel sud-est della Ni-
la situazione nello Yemen è che è riconosciuta come la che allattano e che si trovano battimenti per il controllo dei arma da taglio inferta dai ra- geria sono frequenti i rapi-
drammaticamente peggiorata. crisi umanitaria più grave al in una grave situazione di giacimenti petroliferi. E data pitori. menti a scopo estorsivo. Il 15
La guerra ha già provocato la mondo. malnutrizione. la carenza di finanziamenti L’arcivescovo di Owerri dicembre scorso era stato se-
morte di migliaia di civili, la Per questo, l’Onu ha lan- Secondo l’Onu, nessuna da parte dei Paesi donatori, si nel comunicato ha manife- questrato, nello stesso Stato,
fuga di milioni di persone e ciato un appello per aiutare soluzione può colmare le prevede che gli aiuti saranno stato gratitudine alle forze di un altro religioso, padre Va-
insicurezza alimentare. La la popolazione yemenita, conseguenze terribili del con- sempre più scarsi. polizia per gli sforzi profusi lentine Oluchukwu Ezeagu,
prosecuzione dei combatti- chiedendo non meno di 100 flitto nel Paese, se si pensa Anche il Fondo delle Na- per ottenere la liberazione di liberato il giorno successivo.
menti, una nuova epidemia milioni di dollari nel 2021 per che solo la metà delle struttu- zioni Unite per l’infanzia
di colera e l’arrivo del covid- assistere l’80 per cento della re sanitarie sono ancora ope- (Unicef) è intervenuto per
rative e gli sfollati hanno rag- sottolineare la grave crisi
giunto la cifra di 3,6 milioni. umanitaria nello Yemen. In
Si stima che l’83 per cento
degli sfollati siano donne e
tutto il Paese, oltre 2 milioni
di bambini sotto i cinque an-
Il Congresso Usa annulla il veto
DAL MOND O bambini.
Nello Yemen, sempre se-
ni di età soffrono di malnu-
trizione acuta, di cui quasi
di Trump sulla Difesa
condo i dati delle Nazioni 358.000 con malnutrizione
L’Onu intende inviare in Libia una missione Unite, ogni due ore una don- acuta grave. Un numero che WASHINGTON, 2. Una mag- Bianca. Negli otto precedenti
internazionale di osservatori na e sei neonati muoiono a si prevede in netto aumento. gioranza bipartisan di 81 se- in cui Trump aveva posto il
causa del parto, anche perché In 133 distretti dello Ye- natori statunitensi ha definiti- veto il Congresso, infatti, ave-
Una missione internazionale di osservatori in Libia per sei nascite su dieci hanno men meridionale, dove vivo- vamente annullato il veto po- va confermato il suo parere.
spingere al rispetto di un cessate il fuoco ad alto rischio di luogo senza la presenza di no 1,4 milioni di bambini sot- sto dal presidente Donald Trump si era opposto per-
essere spazzato via da nuovi venti di una guerra. È l’iniziati- personale qualificato. Lo to i cinque anni, le recenti Trump al disegno di legge an- ché il testo non prevede l’abo-
va che ha preso il segretario generale dell’Onu, António scorso anno, la crisi sanitaria analisi dell’Unicef rivelano nuale che prevede stanzia- lizione dell’immunità per i
Guterres, inviando una lettera ai Paesi membri dell’organiz- del covid-19 ha fatto collassa- tra gennaio e ottobre del menti per 740 miliardi di dol- social media e l’abolizione
zazione mondiale per chiedere di nominare loro osservatori re la risposta umanitaria e ag- 2020 un aumento di quasi il lari per la Difesa. Solo 13 i se- della norma che permette di
da inviare — senza armi — nel Paese nordafricano in preda a gravato la crisi economica 10 per cento dei bambini con natori che hanno espresso pa- cambiare i nomi delle basi mi-
un caos intermittente ormai da un decennio. Secondo infor- senza una soluzione politica malnutrizione acuta. E sono rere contrario. Dopo il voto litari intestate a personaggi
mazioni rilanciate da media internazionali, la missione do- in vista. Il rischio che corre cresciuti di oltre il 15 per cen- della Camera, che lunedì 28 confederati. Il veto, arrivato
vrebbe controllare il rispetto sia della tregua concordata a lo Yemen — ha denunciato il to — quasi 100.000 bambini dicembre si era espressa a fa- negli ultimi giorni della presi-
ottobre, sia del quasi ignorato embargo sulle armi. La pre- segretario generale delle Na- — i casi di malnutrizione acu- vore del disegno di legge, in denza Trump, ha contribuito
senza degli osservatori punta anche a spingere i leader poli- zioni Unite, António Guter- ta grave. Un’analisi simile è un’insolita sessione di Capo- ad alimentare la tensione tra il
tici del Paese a mettere a punto un meccanismo per eleggere res — è quello di sprofondare in fase di completamento per danno senatori repubblicani e presidente uscente e i leader
un nuovo governo. Attualmente, in Libia le Nazioni Unite nella carestia. il nord dello Yemen e, pur- democratici hanno votato ap- del suo partito al Senato. Una
hanno solo una piccola missione ”politica” con 230 rappre- Per il 2021 si teme, in par- troppo, sono attesi risultati provando il testo, trasforman- buona parte dei quali ha già
sentanti, l’Unsmil. ticolare, il blocco degli sforzi allarmanti anche da quella dolo così in legge. Per la pri- riconosciuto Joe Biden come
per la ricerca di una soluzio- zona. ma volta durante la presiden- presidente eletto. Trump ap-
za Trump, dunque, il Con- pare sempre più isolato anche
Accordo sugli investimenti gresso ha annullato il veto po- all’interno dello stesso partito
tra Unione europea e Cina sto dall’inquilino della Casa repubblicano.

Dopo sette anni di negoziati, più volte arenati su diverse


questioni, l’Unione europea e la Cina hanno raggiunto un
Attacco nell’est della Repubblica
importante accordo sugli investimenti. Un preciso segnale
all’economia globale proprio alla fine dell’anno “orribile”
Democratica del Congo Deforestazione record
della crisi pandemica di covid-19. Unione europea e Cina
«si sono unite per dare il via a un nuovo inizio nel 2021», ha
detto il presidente cinese, Xi Jinping. È «un passo fonda-
KINSHASA, 2. Almeno 25 ci-
vili sono stati uccisi a Capo-
uccisi e gettati tra i cespu-
gli.
in Amazzonia nel 2020
mentale, una pietra miliare», ha dal canto suo dichiarato danno a Beni, nell’est della In seguito all’intensificarsi
Valdis Dombrovskis, responsabile Ue del Commercio. In Repubblica Democratica del degli attacchi delle Adf, i re-
una nota, Dombrovskis, ha invitato a guardare ai benefici Congo (Rdc), in un sangui- sidenti di Beni e dei villaggi
per le imprese europee, che avranno un accesso molto più noso attacco attribuito alle circostanti chiedono da tem-
ampio e facilitato ad un mercato da 1,4 miliardi di persone, Forze democratiche alleate po maggiore sicurezza. Il
in continua e rapida crescita. L’accordo prevede anche im- (Adf), un gruppo armato di gruppo è attivo dagli anni
pegni sul clima e l'ambiente, inclusa l’attuazione dell’accor- origine ugandese che agisce ‘90 nella parte orientale del
do di Parigi, e sugli standard lavorativi. nella martoriata regione. Il Paese — terra ricca di mine-
bilancio potrebbe tuttavia rali — dove si stima siano
salire ad almeno trenta mor- presenti circa 100 organizza-
Riesplode la violenza ti, secondo fonti locali. zioni ribelli. Le Adf non
nel Kashmir I ribelli dell’Adf — riferi- hanno però mai rivendicato
scono le autorità — hanno alcuna azione. Dall’aprile
Riesplodono violenze e tensioni a Srinagar, la capitale del assaltato un gruppo di colti- 2019, il sedicente Stato isla-
Kashmir indiano. Le famiglie di tre giovani uccisi alla peri- vatori che si stava recando mico ha affermato che più
feria della città in un scontro a fuoco con gli agenti delle nei campi del villaggio di attentati sono stati perpetra-
forze dell’ordine hanno inscenato una manifestazione di Tingwe, a 8 km dal centro ti in suo nome dalle Adf. Il
protesta davanti al quartier generale della polizia, conte- di Eringeti, per preparasi al legame tra le due organizza-
stando che i tre fossero militanti anti-indiani e affermando- Capodanno. Alcune persone zioni resta poco chiaro. Nel
ne l’innocenza. Secondo quanto sostiene la polizia, invece, i sono state rapite, mentre 2019 è stata lanciata una
tre giovani — due studenti e un muratore, tutti sotto i venti molte delle vittime sono sta- campagna militare contro i BRASÍLIA, 2. Foresta ancora report. Almeno l’ottanta per
anni — sono stati uccisi dopo avere sparato ripetutamente te decapitate. Il primo gen- ribelli, i quali hanno rispo- sotto attacco in Amazzonia. cento della deforestazione a
contro gli agenti, che stavano conducendo un’ispezione. Il naio, l’esercito della Rdc sto con un aumento degli Nel 2020 la deforestazione livello globale — sottolinea
comandante generale delle forze di polizia di Srinagar ha stava inseguendo i combat- attacchi, uccidendo l’anno ha raggiunto livelli mai re- il report — è dovuta agli sti-
affermato che i tre «erano militanti» dei gruppi anti-indiani tenti delle Adf quando si è scorso oltre 1.000 persone, gistrati negli ultimi 12 anni. li di vita degli esseri uma-
e «stavano organizzando un attacco lungo l’autostrada». imbattuto sui corpi dei civili secondo l’O nu. Lo denuncia il Wwf in un ni.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

di PAOLO PEGORARO
Il seme e il frutto
L’
annuncio dell’Anno Fa-
miglia Amoris Laetitia
(19 marzo 2021 - 26 giu- Chiara Lubich in un film per la tv
gno 2022) voluto da Pa-
pa Francesco non do-
vrebbe lasciare indifferente nessuno, Pablo Picasso, di ED OARD O ZACCAGNINI le del Nuovo Testamento. «Chi
men che meno i biblisti. Certamente in- non ama il proprio fratello che

N
«Famiglia
differente non sarebbe rimasto padre di acrobati» on attraversa l’intera vede, non può amare Dio che
Luis Alonso Schökel, gesuita spagnolo (1905) vita della fondatrice non vede» ed è altra luce che illu-
ed esegeta assurto alla leggenda negli del Movimento dei mina la sua strada già in quei pri-
studi scritturistici, il cui ultimo libro Focolari, il film tv mi anni non semplici in cui la
s’intitolava proprio Símbolos matrimoniales Chiara Lubich, l’amore vince tutto, in gioia piena della relazione con
en la Biblia (nell’edizione italiana I nomi onda in prima serata domenica 3 Dio e quella conseguente con le
dell’amore. Simboli matrimoniali nella Bibbia, gennaio su Rai1. Sceglie invece di persone incontrate si impregna
Piemme). Oltre vent’anni fa, questo concentrarsi sui primi anni dell’e- della tragedia della guerra e del-
studio riscopriva la centralità del lin- sperienza spirituale di questa l’odio lasciato da questa in eredi-
guaggio sponsale che attraversa la Bib- donna straordinaria: quelli della tà; si increspa con la diffidenza
bia dalla prima fino all’ultima pagina, seconda guerra mondiale e di una iniziale intorno al movimento,
affiancando quello dell’Alleanza non grande avventura germogliata tra con la Chiesa stessa che lo osser-
come una mera variante retorica. Que- le sue macerie, a Trento, sotto le va e studia fino al «5 dicembre
sto simbolismo è sempre rimasto vivo bombe. È la storia di un seme de- del 1964» quando, come dice una
nella tradizione della Chiesa orientale, posto tra la violenza e la divisione didascalia alla fine del film,
come rammenta la tradizione esegetica Analogia nuziale nella Scrittura tra esseri umani; lo sbocciare di «Paolo VI approvò il Movimento

La coppia è
dei Padri, dalla quale Schökel non un fiore da subito innaffiato con dei Focolari in via definitiva».
mancava di attingere oltre che alla “cas- l’aiuto concreto al prossimo in Certamente questa fiction è
setta” degli attrezzi della critica testua- difficoltà e con la ricerca conti- pensata per un pubblico ampio e
le. nua, autentica, dell’Incarnazione variegato, ma restituisce, nel cen-
In altri contesti, tuttavia, la nunziali- del Vangelo. Della sua quotidia- tenario della nascita di Lubich,

una scultura vivente


tà è stata posta tra le parentesi pruden- na messa in pratica.
ziali di una similitudine imperfetta. La La decisione di raccontare
Parola di Dio ci dice molto sul matri- solo la nascita di quella pian-
monio, ma come potrebbe essere possi- ticella che sarebbe divenuta Capace di fare cose grandi
bile il contrario? Sono storie d’amore un albero così robusto da por- la giovane maestra di Trento
“troppo umane” — e l’accento piomba In una raccolta di saggi in onore di Schökel tare rami in 180 Paesi del
inevitabilmente su difetti e problemati- mondo, di approfondire solo i era nemica di quella falsa
che, piuttosto che sulle qualità uniche primi spontanei e decisivi prudenza coltivata dal diavolo
dell’amore — mentre pienezza e realiz- onore di Luis Alonso Schökel curato connotazione messianica che troverà passi del lungo viaggio di
zazione appartengono a Dio solo. Cer- dal suo discepolo Luca Pedroli, profes- naturalmente la sua piena espressione Chiara Lubich (principal-
tamente Egli è l’unico fedele. E tutta- sore presso il Pontificio Istituto Biblico nel Nuovo Testamento (Luis Sánchez mente gli anni raccontati van-
via, come già annotava san Giovanni e la Gregoriana di Roma. Navarro per i sinottici; Harold Attridge no dal 1943 al 1946) non impe-
Crisostomo, «la spiegazione simbolica Con un linguaggio scientifico ma vo- per il corpus giovanneo) per evidenzia- disce a questa fiction diretta dal l’importanza e il valore di una
lutamente accessibile a tutti, il volume re l’unione di Cristo con la Chiesa, pri- regista Giacomo Campiotti e giovane maestra di Trento capa-
approfondisce le piste di studio aperte mizia e promessa di quell’unione spon- prodotta da Rai Fiction e Luca ce di fare cose grandi e ancora
dal maestro, evidenziando il fil rouge sale che troverà compimento nella rive- Barbareschi per Eliseo Multime- oggi moderna, una donna corag-
Il linguaggio sponsale del linguaggio sponsale che accomuna i lazione ultima dell’Umanità nuova dia, di far emergere nitidamente giosa e nemica di quella «falsa
attraversa la Bibbia due Testamenti. Nel primo, il rapporto (Luca Pedroli). l’idea, il progetto vissuto con prudenza coltivata dal diavolo»
tra Dio e Israele viene spesso descritto Questo volume segna un’ulteriore passione da Chiara Lubich. A spiega nel film all’allora arcive-
affiancando quello dell’Alleanza con il vocabolario tipico dell’amore co- tappa nel cammino di riapproprazione partire dall’amore inteso come scovo di Trento, Carlo De Ferra-
niugale. I Profeti utilizzano quest’im- della teologia sponsale veicolata dalle dono, come offerta di sé all’altro ri, che l’aveva convocata per ca-
magine per evidenziare la tenerezza e Scritture, cammino nel quale s’innesta- per la ricerca di unità tra tutti gli pire se ci fosse del vero nelle
l’intensità dell’amore del Signore per il no anche gli studi di Frédéric Manns esseri umani fino al sogno della chiacchiere che aveva ascoltato
non annulla la realtà dell’amore». suo popolo, come uno sposo che si è le- (Sinfonia sponsale nel Vangelo di Giovanni, su di lei.
La riscoperta di questo orizzonte di gato alla sua sposa, as- Chirico), Bruno «Sembra una
senso pare aver sigillato una raggiunta, sicurandole la sua fe- Ognibeni (Il ma- virtù — prose-
nuova consapevolezza proprio nell’e- deltà e la sua sollecitu- trimonio alla luce del gue Chiara —
sortazione apostolica Amoris laetitiae, lad- dine (Gianantonio Il rapporto tra Dio e Israele Nuovo Testamento, ma lascia che
dove si afferma che «la coppia che ama Borgonovo). Le nozze viene descritto Lateran Universi- la famiglia ac-
e genera la vita è la vera “scultura” vi- del re si aprono a una ty Press), Renzo canto si am-
vente (...) capace di manifestare il Dio molteplicità di riso- con il vocabolario tipico Infante (Lo sposo e mazzi perché
creatore e salvatore. Perciò l’amore fe- nanze nei Salmi (Gian- dell’amore coniugale la sposa. Percorsi di non si dica che
condo viene ad essere il simbolo delle ni Barbiero) e, in parti- analisi simbolica, ci impicciamo
realtà intime di Dio» (11). colare, nel Cantico dei San Paolo), non- delle vite degli
L’approfondimento biblico non po- Cantici la voce dello ché dello stesso altri». Uno
trà essere quindi che la strada principe sposo e quella della Luca Pedroli (con che «questa
da percorrere lungo l’anno dedicato alla sposa si rincorrono, in un contesto in Mauro Meruzzi, Venite alle nozze. Un per- prudenza»
famiglia, pur affiancato da tanti altri e cui la forza del trasporto dell’uno per corso biblico sulle orme di Cristo-Sposo; con non l’ha mai
necessari approcci. Merita quindi gran- l’altra riecheggia sempre in modo dolce Renzo Bonetti, Il prete: uno sposo; entram- avuta, conclu-
de attenzione il volume L’analogia nuziale e delicato (Ludger Schwienhorst- bi per Cittadella). L’Anno Famiglia de Chiara, è
nella Scrittura (Gregorian & Biblical Schönberger). Il simbolo matrimoniale, Amoris Laetitia è uno sprone ulteriore, fratellanza universale mediante stato «Gesù» e De Ferrari replica
Press, 2020), una raccolta di saggi in nel tempo, verrà poi ad assumere una anche alla ricerca biblica. Gesù che «ama nascondersi — di- che «dai frutti si riconosce l’albe-
ce Chiara nel film — sotto il soffe- ro» e che in tanti gli hanno testi-
rente e il bisognoso: quelli sono i moniato che i focolarini hanno
prediletti del Signore, siano i «dato alla città di Trento molti
prediletti tuoi». frutti». Le dice anche che in lei e
Addio al decano dei vaticanisti La bellezza di Lubich prende nel suo movimento vede «il dito
lentamente forma in questo ri- di Dio».
tratto giovanile completato dalla
È morto Domenico Agasso senior valida interpretazione di Cristia-
na Capotondi, brava a cercare,
«Per gli amici di Borgo era il Maestro, Maestro per generazioni di giornalisti, 1965) e a Fatima (1967). Agasso è stato con una recitazione sobria ma
per molti colleghi era il Direttore. Mio ha pubblicato per Mondadori nel 1978 sempre disponibile con le nuove impreziosita da sfumature deli-
nonno, Domenico Agasso, stanotte si è una Storia d’Italia in otto volumi ed è generazioni di giornalisti, mettendo a cate e precise, la verità interiore
addormentato o ed è andato a scrivere autore di libri su Papa Roncalli (Mi disposizione la sua memoria storica. del personaggio, la sua energia, il
articoli in Cielo». Così il vaticanista de chiamerò Giovanni), sul fondatore dei Quattro anni fa, rispondendo a una suo pensiero luminoso e concre-
«La Stampa» Domenico Agasso junior paolini (Giacomo Alberione, editore per Dio) domanda da inserire in un libro to prim’ancora della somiglianza
ha annunciato la morte di Domenico e su Papa Montini (Paolo VI. Le chiavi dedicato ai viaggi di Papa Francesco, fisica. L’attrice si muove con mi-
Agasso senior, decano dei vaticanisti, pesanti). Quest’ultimo lavoro, aveva ricordato come i dialoghi con i sura tra la ricchezza delle azioni e
avvenuta nella notte tra il 31 dicembre accompagnato dalle foto di Pepi cronisti in alta quota, nonostante delle parole di Chiara, ne resti-
2020 e il primo gennaio 2021. Merisio, era frutto dell’esperienza di formalmente Paolo VI non concedesse tuisce l’impasto di solarità, per-
Originario di San Bernardo di vaticanista sul campo: Agasso senior interviste, erano iniziati proprio con sonalità, passione e profonda fi-
Carmagnola, Domenico Agasso aveva aveva infatti accompagnato Papa Papa Montini, durante quei primi voli. ducia nel dialogo, nella pace e
99 anni. Montini nei suoi «Era stabilito che il Papa non facesse nel vero incontro, il suo vivere in
Giornalista dal primi viaggi conferenze stampa né concedesse ascolto costante di quel Vangelo
1951, approdò al apostolici, destinati interviste, ma capitava che non si che nel film abbonda.
settimanale a segnare la storia sottraesse a qualche domanda... Paolo «Ama il prossimo tuo come te
«Epoca» nel 1960, del pontificato, a VI veniva a salutarci, uno per uno, a stesso», è il primo passo che Lu-
quindi partire dal primo volte sia all’andata che al ritorno. bich legge e subito dopo sorride CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI
Bando SI 050/2020
caporedattore a in Terra Santa, nel Qualcuno di noi faceva delle delicatamente. «Questo è il mio Procedura telematica aperta per l’affidamento del ser-
«Famiglia gennaio 1964. domande. Una volta io gli diedi comandamento, che vi amiate gli vizio di supporto alla redazione del Piano Territoriale
Metropolitano (PTM) della Città Metropolitana di Na-
Cristiana», divenne Quindi era stato un’offerta per i bambini pakistani che uni gli altri come io ho amato poli e alle attività connesse di partecipazione, comu-
nicazione e monitoraggio e di Valutazione Ambien-
poi direttore di sui voli papali mi era stata affidata da una voi», condivide con le amiche nel tale Strategica (VAS) - CIG: 85509936A6. Importo
€ 440.000,00 (oltre IVA e cassa), scadenza ore 08.00
«Epoca» e del diretti in India parrocchia. Sul volo di ritorno volle rifugio durante il bombarda- del giorno 26/02/2021. Il bando di gara è reperibile,
settimanale «Il (dicembre 1964), a venire a dirmi di persona che l’aveva mento. Con loro condividerà an- in uno alla documentazione tecnica, sul Portale Gare
https://pgt.cittametropolitana.na.it/portale.
Nostro Tempo». New York (ottobre consegnata». che il primo focolare e altre paro- IL COORDINATORE Ing. Pasquale Gaudino
sabato 2 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Chi resta in piedi


se cade la libertà?
Una rigorosa analisi del concetto in un libro di padre Sapienza
si innerva e si sostanzia dei pen- ognuno vuole per sé e nega agli fondata la libertà dell’uomo. «Il niscienza, l’onnipresenza».
sieri di illustri autori che nel pas- altri». Si impone dunque l’esi- sacrificio, il sangue, la morte non Con il suo caratteristico pi-
sato si sono misurati con il con- genza di uno sforzo, da parte valgono, insieme, un atto libero glio disinvolto e incisivo, sulla li-
cetto di libertà, sentito come della società, diretto ad equili- della mia volontà», scrive padre bertà riflette anche Gilbert Kei-
passaggio nevralgico ed ineludi- brare la libertà di ciascuno in Turoldo. Illuminanti, poi, sono th Chesterton, il quale a proposi-
bile nel processo di analisi della «un unico vero regime di liber- le riflessioni sulla libertà formu- to della libertà religiosa afferma
vita e del mondo. tà». late da Paolo VI, il quale mette in che essa potrebbe significare che
Il barone di Montesquieu, co- Dichiara Sturzo: «La libertà è guardia sul fatto che il suo uso tutti sono liberi di discutere di
me ricorda il cardinale Gianfran- come la verità, si conquista, e non è facile: essa ha bisogno di religione. «In pratica — ammo-
co Ravasi, dichiara che la libertà quando si è conquistata, per una «educazione» e di una «for- nisce — significa che quasi nessu-
non è assenza di norme e di prin- conservarla si riconquista, e mazione». Il suo uso deve essere no è autorizzato a menzionarla».
cipi, tanto meno è indifferenza quando mutano gli eventi e si «sempre più umano, cristiano». Osserva quindi che la libertà ha
Caspar David Friedrich, «Il viandante sul mare di nebbia» (1818) acritica e libertinismo. Essa, in- evolvono gli istituti, nel difen- Scrive Paolo VI: «Non potremo prodotto scetticismo e lo scetti-
vece, è una scelta convinta e coe- derla si riconquista». Viene così progredire nella vita cristiana, né cismo ha distrutto la libertà. Gli
di GABRIELE NICOLÒ subito si pensa che tale giovane rente per «ciò che si deve in quella ecclesiale, amanti della libertà credevano di
andrà presto a incontro a qualco- volere», e questo bene da se non avremo pro- renderla illimitata, mentre «la la-

L
ibertà è la parola più am- sa di sbagliato. L’equivoco più volere si compie non per gredito nell’autenti- sciavano soltanto indefinita».
bigua del lessico politi- abituale, a questo riguardo, con- obbligo esterno ma per un La libertà è la possibilità di realizzarsi co e legittimo uso Credevano di lasciarla solo inde-
co. Può voler dire quasi siste nel collocare la parola liber- imperativo morale interiore secondo la verità della propria persona della libertà». finita, mentre in realtà «la lascia-
tutto e il contrario di tut- tà in un contesto che non è il suo. profondo. E lo stesso cardi- Toccanti sono i vano indifesa».
to. Essa non si può né insegnare, Si dice libertà e si pensa che que- nale Ravasi, nel commenta- secondo la propria volontà pensieri contenuti Il libro offre anche un ampio
né spiegare. Al massimo se ne può sta parola sia il lasciapassare per re un passo della poesia Li- e secondo la propria vocazione nelle lettere e negli florilegio di massime sulla liber-
risvegliare il gusto: è questo l’o- fare ciò che si vuole. «Ma la li- bertà di Paul Eluard, eviden- scritti del teologo tà: ciascuna, a suo modo, è illu-
biettivo del libro di padre Leonar- bertà essenziale, prima che nella zia che la parola libertà, so- protestante Dietrich minante e specchiarsi in esse è
do Sapienza, Reggente della Pre- linea del fare, si colloca sulla li- spirata e calpestata, rara e Bonhoeffer, detenu- un esercizio, al contempo, piace-
fettura della Casa Pontificia, inti- nea dell’essere», evidenzia mon- inflazionata, racchiude in to in carcere al tempo vole e salutare. «La libertà —
tolato Libertà (Roma, Editrice La signor Sapienza, osservando che sé una realtà necessaria per la a svilupparsi «un giuoco dina- del nazismo. «Non solo l’azione scrive Camus — non è altro che
Ricerca, 2020, pagine 216), in cui «la libertà è la possibilità di rea- persona e per il popolo. Una mico» nel quale «perdono quei ma anche la sofferenza è una vita una possibilità di essere migliori,
si sottolinea che è indispensabile lizzarsi secondo la verità della realtà necessaria ma insufficiente popoli che non l’hanno mai ap- verso la libertà — afferma —. La mentre la schiavitù è la certezza
— affinché tale gusto sia ridestato propria persona, secondo la pro- perché la mera libertà estrinseca prezzata abbastanza per difen- liberazione nella sofferenza con- di essere peggiori». Goethe di-
— che il germe della libertà sia già pria volontà, secondo la propria senza contenuti è incapace di sa- derla, e non ne hanno saputo siste in questo, che all’uomo è chiara che «nessuno è più schia-
custodito nel cuore e che l’esigen- vocazione». ziare l’attesa dell’uomo. usare per non perderla». possibile rinunciare totalmente a vo di colui che si ritiene libero
za della libertà sia «sentita» nelle E nella prospettiva cristiana Nell’attingere agli scritti di Da don Sturzo a padre David tenere la propria causa nelle pro- senza esserlo» e Cocteau, con ar-
profondità di un essere. «la libertà è la possibilità di fare don Luigi Sturzo, padre Sapien- Maria Turoldo che, senza tante prie mani, e riporle in quelle di guzia, rileva che «un’eccessiva
Il carattere ambiguo legato ciò cui Dio mi chiama» e di por- za mette in risalto i tratti salienti cerimonie, sentenzia: «Senza la Dio. In questo senso la morte è il libertà mette la gioventù nell’im-
alla parola “libertà” fa sì che il re in atto, pur tra ostacoli e diffi- funzionali a evidenziare l’inesti- libertà non sei neppure un uo- coronamento della libertà uma- possibilità di disobbedire alle re-
suo concetto si presti a possibili coltà, il piano di Dio sulla pro- mabile valore intrinseco alla di- mo». Essa è «il più sacro dei do- na». E quindi aggiunge: «Solo gole». E lascia inquieti il pene-
interpretazioni insidiose e di- pria vita. mensione della libertà, la quale, veri perché è il nostro più grande dalla libertà da sé stessi, solo dal- trante interrogativo posto da Ki-
storte. Se un giovane dice ai ge- L’edificante volume, dotto e scrive Sturzo, è «così alto dono dono, e per questo è la più diffi- l’esserci per gli altri fino alla pling: «Chi resta in piedi se cade
nitori che vuole essere “libero”, al contempo di agevole lettura, della vita umana che purtroppo cile conquista». Sulla libertà è morte nasce l’onnipotenza, l’on- la libertà?».

di COSTANTINO ESPOSITO Nella serie televisiva «Euphoria» di Sam Levinson ti ricordino?». Dopo un lungo,

Adolescenti in caduta libera


densissimo silenzio, in cui sem-

C’
è ancora qualcosa bra che tutto il filo della sua vita
di cui sorprendersi venga in superficie, Rue affer-
nella sceneggiatura ma: «Come una che si è impe-
della nostra esi- gnata tanto a essere come non
stenza? Il copione è il più delle care una giustificazione al caso o to del bruciare se stessi come piena ricaduta nella dipendenza fronte al suo stesso destino, di poteva essere». È esattamente
volte già previsto o prevedibile, e sussumere ciò che non era pre- unica possibilità di avere una vi- da stupefacenti, arriva a scoprir- fronte a Dio, svelando così il ro- questa impossibilità a essere co-
se di sorprese si può ancora parla- ventivabile sotto le nostre cate- ta propria, una vita vera. Insom- si del tutto disarmata di fronte vello segreto del suo pensiero: me si vorrebbe essere, il fuoco
re, si tratterà di quei “casi” impre- gorie generali. Perché ci sia sen- ma, uno dei sempre più frequen- ad Alì, un cristiano convertitosi «Alì, io non credo in Dio», una del problema di Rue, una cenere
visti della vita che — per fortuna — so bisogna che sia proprio l’im- ti e compiaciuti teen dramas degli all’Islam, ex tossicodipendente parola che non sopporta, perché che riprende fiamma. E se a que-
continuano a spiazzarci rispetto previsto a farcelo vedere, e se ultimi anni, in cui gli adolescen- che le fa da sponsor nel tentativo le puzza come una giustificazio- sto punto la sceneggiatura fa di-
al solito quotidiano. Tuttavia, per questo non avviene il nostro “ca- ti diventano lo specchio impie- di ripulirsi e raggiungere la so- ne consolatoria rispetto ai casi re ad Alì che lui invece ha fidu-
quanto ci sorprendano, quei casi so” diventa come una voragine toso del mondo e della cultura brietà. Lo sguardo imbambola- assurdi della sua vita. Come la cia in lei, perché in fondo è Dio
portano già inscritto, quasi inciso che non potremo mai colmare e nichilista ereditata dai loro “pa- morte per cancro del padre, di stesso che ha fiducia in Rue,
dentro di loro, il destino più tri- che, anzi, rischia di inghiottire dri”. cui non è possibile trovare alcu- questo ci sembra ancora troppo
stemente prevedibile che ci sia, noi stessi come in un buco nero. Ma in Euphoria accade qual- no scopo, dal momento che il poco, e suona anche un po’ reto-
vale a dire la loro fine, il finire di È quello che succede a Rue cosa di insolito. Il bruciarsi del- I teenager diventano vero scopo della sua vita era pro- rico. Un desiderio di redenzione
tutto. Non è forse questo il moti- Bennett, la sbandata protagoni- l’esistenza non estingue, ma al lo specchio impietoso prio quello di curarsi delle sue («tu devi credere nella poesia»,
vo per cui tante volte cerchiamo sta di Euphoria, acclamata (e con- contrario aumenta l’arsura del figlie, che è invece costretto a la- «inventarti qualche Dio», come
di proteggerci rispetto ai rischi, testata) serie televisiva statuni- vivere, e riaccende il desiderio — della cultura nichilista sciare. Le cose succedono per- le suggerisce Alì), ma non anco-
di assicuraci rispetto ai cambia- tense creata nel 2019 da Sam Le- spesso contraffatto ma inestin- ereditata dai loro padri ché succedono, dichiara Rue ra un essere salvati realmente,
menti, di difenderci rispetto al vinson per Hbo. In essa si de- guibile — di un’acqua pura che con apparente cinismo: la loro ora, così come si è. Per questo è
caso? Il fatto è che ogni persona, scrive, fino al dettaglio più sca- soddisfi veramente la sete. È unica motivazione sarebbe quel- assolutamente geniale la conclu-
ogni io, è un imprevisto rispetto broso, la vita di alcuni adole- quanto accade nell’episodio la di essere senza ragione. Il loro sione, affidata ad altre parole, in
alla cieca necessità di una natura scenti in caduta libera nel vuoto fuori serie trasmesso il 6 dicem- unico senso sarebbe il nulla, «e un latino che suona con un in-
impersonale; e una delle più determinato dall’assenza o dal- bre 2020, più di un anno dopo la to della «strafatta» Rue cede questo è tutto!». Ma a poco a credibile effetto di straniamento
grandi fatiche del nostro essere al l’inconsistenza degli adulti e fine della prima stagione e in at- lentamente, durante il dialogo, a poco emerge la vera “ragione” — di sorpresa, appunto — rispet-
mondo è proprio quella di rego- dalla confusione sulla propria tesa della seconda, rimandata a una strana consapevolezza del dell’irrazionale. Una Rue scon- to al già saputo: finita la sobria
larizzare il caso, di esorcizzare in identità di genere. Giovani li- causa dell’epidemia da covid-19. fondo della questione. Dappri- solata ricorda il rapporto intol- cena della vigilia di Natale, sotto
qualche modo la miste- Si tratta di una spe- ma fingendo che va tutto bene e lerabile con la madre, la violen- una pioggia battente, Alì riac-
riosa “gratuità” del no- cie di drammatico di aver raggiunto «un equilibrio za di un pugno che lei, sua figlia, compagna Rue in macchina,
stro esserci. Una gra- e insieme delicatis- fantastico», senza «affidarsi a le aveva sferrato in faccia, e ad- mentre parte l’Ave Maria di Schu-
tuità troppo grande per simo regalo di Na- nessun altro per avere quella fe- dirittura la minaccia di ucciderla bert: «Ave Maria / gratia plena /
essere accettata, troppo tale fatto agli spet- licità». Per poi arrivare ad am- con un pezzo di vetro. Quello Dominus tecum...». Se il cuore
incomprensibile da tatori, in cui ciò che mettere che le cose non stanno che ho fatto a mia madre, con- degli umani custodisce in sé un
sopportare, tanto che sembrava bruciato, affatto così, che lei in realtà non fessa, «è imperdonabile (...). inconfessabile struggimento per
molto spesso la scam- torna a riaccender- voleva proprio smettere di dro- Ma io sono fatta così». Al che l’impossibile — e cioè che possa
biamo per un’“assurdi- si, ma non per con- garsi, perché non ne aveva un Alì incalza: «E ti sta bene?». essere perdonato l’imperdona-
tà”. Una vita assurda, a sumarsi definitiva- motivo sufficiente (in fondo «No!» ribatte Rue. «Allora vuol bile —, è solo l’Impossibile stes-
cui cioè non si possa ri- mente, bensì per ri- «chi se ne importa!»), e a con- dire che non sei fatta così!». E so che può suscitare questo
conoscere un senso, cominciare, forse fessare che «forse la droga è l’u- quando la ragazza arriva a dire, struggimento, per compierlo.
una ragione, uno sco- come un nuovo ini- nico motivo per cui non mi sono con una strana sincerità, che Ha scritto Agostino in un
po. zio. suicidata». Quando era presen- non ha intenzione di vivere an- passo fulminante del De libero ar-
L’imprevisto che noi siamo — ceali che pensano di dover “ten- In una malinconica vigilia di te a se stessa, infatti, «continua- cora a lungo in un mondo orren- bitrio (III 3-7), «se essere felice
e che esplode attraverso i diversi tare” la propria vita attraverso le Natale, mangiando pancake in va a rimuginare» su tutte le cose do come il nostro, in cui per rab- fosse in mio potere, io sarei già
imprevisti che ci capitano — cer- esperienze più hard della droga una tavola calda semideserta, che ricordava e su quelle che bia «tutti vogliono fare in modo certamente felice. Anche ora vo-
ca sempre la sua ragione. Ma il e del sesso. Non si tratta tanto puro stile Hopper, la diciasset- non avrebbe voluto ricordare. che tutti gli altri non sembrino glio esserlo, ma non lo sono,
problema è che noi non possia- delle classiche “vite bruciate” tenne Rue, abbandonata dalla Ma con ciò la ragazza si mette umani», Alì la provoca: «Come perché non io, ma Lui mi rende
mo mai semplicemente appicci- dei diciassettenni in crisi, quan- sua amica e amante Jules, e in in gioco inaspettatamente di vuoi che tua madre e tua sorella felice».
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

Per la cura della casa comune

A Torino l’esempio di una azienda di cosmetici

Un’impresa diversa
si può fare
di LORENZO FAZZINI ambientale e sociale garantisce te oggi è trovare l’unità umana
risultati. «Oggi sono referente tra quello che dice di voler es-

«O
ggi possia- per la sostenibilità all’interno sere e quello che fa. Certe vol-
mo dirlo: di Confindustria Piemonte, e te rischiamo che chi va a mes-
essere so- vedo che qualche imprendito- sa sia un’altra persona da
stenibili re inizia a capire l’importanza quella che ha a che fare con i
non è una questione per pochi della questione. Alcuni com- dipendenti (io preferisco chia-
intimi. Veniamo da una men- prendono che il mercato stes- marli collaboratori: anche le
talità che diceva: “Il profitto al so domanda di essere sosteni- parole hanno un peso). Perso-
primo posto. E stop”. Bene, bili. Altri “dormono”. Ma nei nalmente, mi interesso di chi
quella prospettiva è finita. Se- prossimi 10 anni chi non sarà lavora con me, quali problemi
polta. Perché fare profitto per sostenibile verrà espulso dal ha, come va con i figli, che dif-
se stesso sta provocando morti mercato! Oggi sono i consu- ficoltà si vivono in casa…Se
e feriti, letteralmente. Non si matori che chiedono a gran non c’è una visione umana,
può pensare alle imprese come voce prodotti sostenibili». At- l’impresa si trasforma in una
a soggetti che fanno soldi a tenzione, però: il greenwashing, catena di produzione in cui te?». «Benissimo». «Io sono co Piccolo ha qualcosa da dire vani: “Oggi voi andate a ve-
palate passando sopra la vita la strategia di darsi una “ripu- ogni persona è un pezzo di un anni che non chiudo occhio e qualche sassolino da toglier- stirvi in negozi dove le merci
della gente, per poi essere lita” di verde, è sempre in ag- ingranaggio. Ma questo non è per le responsabilità». «Ma si: «Io ho studiato economia e sono sottocosto, perché avete
pronti a destinare qualche bri- guato nel mondo delle corpora- lavorare, vuol dire diventare come si fa a vivere così? — an- non teologia, quindi non mi pochi soldi. Ma quando ne
ciola alle associazioni benefi- te: «Spesso nelle aziende l’uffi- schiavi». nota Piccolo —. A volte si metto a predicare. Volentieri avrete un po’ di più, non pen-
che che, a loro volta, vanno a cio sostenibilità viene incorpo- Alla Reynaldi dunque pic- guardano imprenditori di suc- sto dando una mano alla mia so sarete molto contenti di an-
chiedere soldi allo Stato per rato nel marketing: essere so- coli gesti creano un clima di cesso pensando che siano an- diocesi, insieme ad altri im- dare a comprarvi un paio di
sanare quelle ferite che le stes- stenibili diventa una leva per lavoro più umano: «Alle 17 si che “persone” di successo, e prenditori, sul piano economi- scarpe che costano poco per-
se aziende avevano causato». fare ulteriori affari — è il j’ac- chiude: voglio che una lavora- poi si scoprono vuoti di que- co e finanziario. Ma non come ché le ha fatte un ragazzino di
Marco Piccolo non è un im- cuse di Piccolo —. Per me in- trice possa stare a casa a gioca- sto genere! Molto meglio un è possibile che chi ha studiato 15 anni in Turchia”. Pensiamo-
re con il figlio o andare al par- idraulico che ha trovato il sen- solo teologia si occupi di de- ci: qualche anno fa era norma-
co con la bambina, oppure so della sua vita nel suo lavoro naro e finanza? Servono com- le, per le signore, comprarsi
leggersi un libro. Mangiamo (con tutto il rispetto per gli petenze, sennò si fanno disa- una pelliccia di visone. Oggi
insieme, manager e dipenden- idraulici!) piuttosto di tanti stri». chi lo fa più? La sensibilità è
ti; la macchina del caffè è gra- turbo-capitalisti che sfruttano Piccolo fa parte del gruppo cambiata. I nostri genitori non
tuita; festeggiamo i complean- gli altri, senza chiudere occhio di aziende che si rifanno all’e- avevano la sensibilità ecologi-
ni dei lavoratori». Piccolo di notte per la paura di perde- conomia di comunione, di cui ca che abbiamo oggi. I cam-
sembra crederci sul serio: il re tutto». L’esempio dice tut- è diventato ambasciatore: biamenti climatici ci toccano
profitto non è l’unico obietti- to: «Ho saputo di un’azienda «Quando ascolto le lezioni di sul vivo, non sono più astratti:
vo per cui lavorare: «Il profit- il cui titolare gira in Bentley, Leonardo Becchetti, Luigino quando andiamo a fare il ba-
to è una conseguenza: se c’è mentre un dipendente era as- Bruni e Stefano Zamagni mi gno nel mare Adriatico e
un clima positivo in ufficio e sunto dal 2006 tramite una sento a casa. E lo trovo bellis- usciamo ricoperti di mucillagi-
in linea di produzione, i risul- cooperativa, così era più facile simo. Anzi, posso dire che ni, ci rendiamo conto che l’in-
tati vengono da soli. Lo scorso licenziarlo in caso di crisi. Ma quando ascolto questi econo- quinamento non è una que-
anno abbiamo fatto +47% di come si fa ad avere una faccia misti, ogni tanto mi sorprendo stione teorica, ma la tocchia-
fatturato, arrivando a 6 milio- tosta simile?». a dirmi: “Ma questo noi in Re- mo letteralmente con mano!
ni di euro, quest’anno +25%. E La visione cristiana della vi- ynaldi lo facciamo già!”». Quando scoppiò lo scandalo-
se otteniamo utili, è giusto che ta di Piccolo innerva il suo L’impresa di Piccolo è qualifi- mucillagini, abbiamo assistito
vengano ripartiti tra chi lavo- modo di lavorare: «Io non mi cata come «società benefit», al crollo del consumo di deter-
ra: per questo abbiamo asse- concepisco come un capo che cioè una forma societaria per sivi normali a favore di quelli
gnato il 30% a chi è impiegato controlla, non ho una segrete- cui il profitto non è tutto: l’i- biodegradabili. Finita l’emer-
in azienda, il 30% ai soci e il ria personale. Porto il caffè ai dentità aziendale è costituita genza, è tornato tutto come
30% reinvestito nella società. colleghi: Gesù non era quello anche dal valore sociale e am- prima. Ecco, io credo che dob-
Io non ho una Maserati o una che lavava i piedi ai suoi ami- bientale che essa genera. biamo prendere sul serio la
Bentley, ma una Fiat vecchia ci?». Anche sulla Chiesa Mar- «Io lo ripeto spesso ai gio- questione ambientale».
di 14 anni. Non posso pensare
di andare in giro con il mac-
chinone sapendo che un mio
collaboratore non ha i soldi
per pagare i libri di scuola del Il bilancio del progetto avviato dalla famiglia salesiana
figlio».
prenditore come gli altri. Nel-
la Reynaldi, l’azienda di fami-
vece è tutt’altro, è un valore
umano: vuol dire generare un
Parrebbe fantascienza, e in-
vece funziona: «Avere una vi-
Trecentomila sì
glia («facciamo cosmetici per
conto terzi, i nostri clienti so-
circolo virtuoso nel mondo cui
appartengo. Significa, in fin
sione di questo genere paga,
alla lunga — sottolinea l’im-
all’Avvento green dream
no i più grandi marchi del set- dei conti, capire che si vive prenditore torinese —. La no-
tore»), sede a Pianezza, due una volta sola, e questa vita stra azienda è nata nel 2000 di MARCO SANAVIO essere orientati da brani estratti dalla liturgia
passi da Torino, le idee di Lau- non va sprecata. Sempre più la con una persona; due anni fa quotidiana — ha affermato Macson Almeida,

L
dato si’ non sono pii desideri sostenibilità sta diventando un eravamo 28 persone, oggi sia- a Don Bosco green alliance è costi- originario di Mumbai (India) e segretario
sganciati dalla realtà, ma soli- valore per le aziende, ma ci so- mo 70. Abbiamo iniziato con tuita da un gruppo internazionale di esecutivo della Don Bosco green alliance — e
di ancoraggi che innervano no ancora molti passi da fare. un ufficio, adesso lo stabili- giovani legati alla famiglia salesiana dalle citazioni ispirate alla Laudato si’ incentra-
un’azienda socialmente e am- Se un’impresa non ha la soste- mento è su 7500 metri quadra- che hanno a cuore la cura della casa te su quattro compiti principali: rifiuto della
bientalmente responsabile, già nibilità tra i suoi obiettivi, sia ti. Mio fratello ha la divisa di comune e contribuiscono a riflessioni e azioni cultura dello scarto, cura del nostro pianeta
da anni. «Non c’è voluta la le banche che i mercati finan- operaio e lavora nella linea di improntate alla sostenibilità ambientale. Tra come patrimonio comune, resistenza al para-
bellissima enciclica di Papa ziari non le concedono il cre- produzione insieme a tutti gli gli obiettivi principali dell’organizzazione, in digma tecnocratico e maggior attenzione alle
Francesco perché capissimo dito né fanno investimenti in altri. Ci sono imprenditori che ambito ecologico, ci sono il contrasto all’in- relazioni umane e alla relazione con Dio per
che abbiamo un solo pianeta, essa». non entrano neppure nel loro quinamento, la riduzione del riscaldamento giungere quanto più possibile vicino ad un'e-
e dobbiamo preservarlo — an- Per la Reynaldi sostenibilità stabilimento. O si rema tutti globale e la riduzione dell’utilizzo della pla- cologia integrale. L’Avvento del 2020 è stato
nota Piccolo —. Oggi tutti par- significa anche dar vita ad dalla stessa parte o si va a stica declinati, poi, in una serie di campagne memorabile grazie a questa iniziativa condivi-
lano di questi temi (ambiente, un’azienda «umana», in cui la sbattere. Non ha senso far la- internazionali ispirate alla Laudato si’, in semi- sa in quanto ha incoraggiato molti giovani a
sostenibilità, rispetto del crea- persona sia al centro e non so- vorare gli altri in maniera di- nari internazionali, indicazioni per rendere riflettere sulla Parola di Dio, sul proprio stile
to), ma noi da 8 anni abbiamo lo un meccanismo di un siste- sumana, per poi trarre solo il sostenibili i campus universitari e risorse con- di vita e su come apportare cambiamenti per
un sistema di raccolta delle ac- ma. Perché questa scelta? proprio profitto». divise, soprattutto nell’infosfera. Secondo le rendere il pianeta migliore».
que di produzione che non ci «Semplice, non sono due per- Piccolo si stupisce…dello cifre indicate dal sito ufficiale dell’alliance, Un’occasione per condividere, oltre all’im-
fa sprecare neppure un litro sone, ma una sola — risponde stupore che la sua visione donboscogreen.org, vi aderiscono, al momen- pegno concreto, anche una proposta di spiri-
d’acqua! Abbiamo implemen- Piccolo —. Non sono una per- d’impresa suscita. Come quel- to, 379 enti appartenenti a 70 Paesi del nostro tualità diffusa in altre tre lingue, oltre all’ita-
tato questa scelta perché, da sona in parrocchia, nei gruppi la volta che ad un convegno di globo. In Italia se ne contano una decina, tra i liano, grazie all’operato di Malka Doshi e
imprenditori, abbiamo investi- giovanili dove sono educatore imprenditori, dopo che aver quali l’Istituto universitario salesiano di Ve- Melanie Troxler della segreteria generale del-
to su qualcosa che poi ci è tor- (parrocchia di S. Giuseppe a raccontato queste cose, è stato nezia e Verona che ha coinvolto la Don Bosco l’alliance, che hanno rieditato le grafiche ori-
nato utile: 70 mila euro di in- Torino), quando vado in mo- avvicinato da un grosso im- green alliance nell’iniziativa Avvento green ginali traducendole in inglese, spagnolo e
vestimento che, nel giro di nastero tre volte all’anno per prenditore, proprietario di dream, un itinerario quotidiano in prepara- portoghese. Avvento green dream ha così to-
qualche anno, sono stati am- “ricaricarmi”, e un’altra perso- un’azienda da 2 mila dipen- zione al Natale 2020 ritmato dalla Parola da talizzato oltre trecentomila contatti tra la fine
mortizzati da bollette molto na quando entro in ufficio op- denti, che gli ha chiesto di Dio e da 26 icone ispirate ad altrettanti passi dello scorso novembre e il 24 dicembre susci-
meno costose». pure nello stabilimento. La sfi- prendere un caffè insieme. della lettera enciclica Laudato si’. «Si è rivelata tando riscontri incoraggianti anche a livello
Insomma, la sostenibilità da di un imprenditore creden- «Marco, ma tu dormi la not- un’opportunità straordinaria quella di poter internazionale.
sabato 2 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 9

Cronache romane

La basilica di Santa Maria in Aracoeli 30 anni fa la morte di Renato Rascel

Quella “casa” del Bambino Gesù Quanta bellezza


nell’esser
sul colle del Campidoglio piccoli e leggeri
di ANDREA FRATINI custodisce una veneratissima im- pella apposita accanto alla sagre- chiesta; a tale scopo, a partire dal- di PAOLO MATTEI
magine del Bambino Gesù ritenu- stia. Si narra che già nel 1794 una l’800 veniva utilizzata una carroz-

A R
diacente al Campido- ta prodigiosa. Quella oggi visibile donna trafugò la sacra immagine za messa a disposizione dal princi- enato Rascel scherzò per una vita sulla
glio, a ridosso dell’impo- tuttavia è una copia fedele dell’ori- sostituendola con una copia per- pe Alessandro Torlonia e successi- propria bassa statura. “Il piccolo
nente struttura del Vitto- ginale che fu misteriosamente tra- fetta. Tuttavia, a mezzanotte dello vamente un’automobile cardinali- corazziere”, “Nel mio piccolo”, “Il
riano, sorge la chiesa di fugata nel 1994. Si tratta di una stesso giorno, le campane dell’Ara zia. Famoso l’episodio in cui alcu- corriere del piccolo”, “Il piccoletto”,
Santa Maria in Aracoeli. Luogo graziosa scultura in legno di circa Coeli si misero a suonare ed i fran- ni militari fermarono l’automobile “Ninna nanna piccoletta”… Quanta fantasia si
ricchissimo di arte e storia, è in- 60 centimetri. L’orginale, risalente cescani sbalorditi trovarono fuori che trasportava il Sacro Bambino mosse grazie all’autoironia su questa caratteristica
dubbiamente una delle chiese più al XIV secolo, si dice fosse stata in- dalla porta la scultura originale a piazza Venezia durante un comi- fisica: spettacoli, libri di favole, canzoni, e anche
famose di Roma. Questa basilica è tagliata da un frate francescano del Santo Bambino che fu colloca- zio di Mussolini. il nome di una compagnia di prosa, «Il teatro del
legata ad un’antica leggenda che con il legno di ulivo proveniente ta nuovamente al suo posto, men- Tra le varie leggende legate a ta- piccolo». Chesterton, l’inventore di Padre Brown,
vide come protagonista l’impera- dal Getsemani. Tale statuina, cir- tre la copia andava in mille pezzi. le effigie, poi, c’è quella che vuole il prete-detective al quale Rascel all’inizio degli
tore Ottaviano Augusto. Si narra, condata da numerossimi e preziosi La Sacra effigie, inoltre, era so- che le labbra del Bambino diventi- anni Settanta diede mirabilmente corpo in una
infatti, che i senatori romani chie- ex voto e lettere scritte perlopiù da lita lasciare la chiesa per far visita no rosso acceso se quest’ultimo sta splendida miniserie televisiva, annotò: «C’è un
sero allo stesso imperatore di po- bambini, è custodita in una cap- ai malati che ne avessero fatto ri- per concedere la grazia mentre, al grande uomo che fa sentire ogni uomo piccolo.
tergli attribuire gli onori riservati contrario, di- Ma il vero grande uomo è colui che fa sentire tutti
agli dei; Augusto, di tutta risposta, ventino pallide grandi». Ecco, indipendentemente dalla sua
volle chiedere numi alla sibilla di se non vi è più modesta corporatura, l’artista romano (anche se,
Tivoli che, dopo tre giorni, emise alcuna speran- figlio d’arte, nacque a Torino durante una
tale vaticinio: «Ecco i segni del za. tournée teatrale dei genitori nel 1912) apparteneva
giudizio. Presto la terra sarà madi- Anche la fa- alla seconda categoria di persone individuate
da di sudore, dal cielo verrà il Re mosa scalinata, dallo scrittore britannico, che stimava pure chi sa
dei secoli». In quell’istante lo stes- costituita da 122 sorridere dei propri difetti: «La ragione per cui gli
so imperatore vide apparire, su di gradini ed edifi-
un altare, una donna recante in cata nel 1348 a
braccio un bambino, accompagna- seguito di un
ta da una voce che annunciava: voto fatto alla
«Questa è la Vergine che accoglie- Madonna per
rà nel suo grembo il Redentore del scongiurare la
mondo. Questo è l’altare del figlio fine della peste,
di Dio». A seguito di ciò, Augusto è teatro di leg-
decise di erigere sul posto della vi- gende e tradi-
sione un altare. Da qui, molto pro- zioni, come
babilmente il titoto di Santa Ma- quella secondo
ria in Aracoeli (“altare del cielo”). cui le donne in
Al tempo di Augusto qui sorge- La processione alla basilica dell’Aracoeli cerca di marito
va il tempio di Giunone Moneta e, in un quadro ottocentesco; a destra, o desiderose di Renato Rascel nei panni di una delle sue più celebri
adiacente ad esso, un palazzo im- la statua lignea del Bambinello; avere un bambi- macchiette, «il corazziere»
periale. Una delle colonne della in basso, la benedizione alla città il 6 gennaio 1938 no avrebbero
navata centrale infatti, la terza di dovuta salirla in angeli sanno volare è che si prendono con
sinistra per l’esattezza, si dice pro- ginocchio. Stessa cosa avrebbe leggerezza». Piccolo-grande attore, autore e
venga dalla stanza da letto dello dovuto fare chi avesse voluto vin- interprete di canzoni, Rascel, di cui oggi ricorre il
stesso imperatore, luogo in cui av- cere al gioco del Lotto, pregando i trentesimo anniversario della morte, accompagnò
venne la presunta visione. Nel tre re Magi durante la salita e rica- la vita del Paese per mezzo secolo incarnando con
transetto sinistro della Basilica, vando i numeri in base a tutto ciò leggerezza la propria “grande piccolezza”
inoltre, si può ammirare un’urna che si osservava o ascoltava. artistica in un multiforme assortimento di
di porfido che poggia su un altare Ancora oggi, il 6 gennaio, con personaggi e traducendola con maestria non
incassato nel pavimento, ritenuto la scultura del Bambino Gesù soltanto nei linguaggi dell’avanspettacolo, della
l’altare originale fatto erigere dallo (che durante le feste di Natale vie- rivista e della televisione, ma anche in quelli del
stesso Augusto. ne posta nel caratteristico prese- teatro e del cinema d’autore. Nelle surrealistiche
Tale basilica, tuttavia, è famosa pe) viene benedetta la città di Ro- macchiette del Corazziere, del Toreador, dello
in tutto il mondo e particolarmen- ma mediante una suggestiva ceri- Scettico, di Napoleone e Pancho Villa, nei
te a Roma, poiché al suo interno monia. protagonisti delle commedie musicali — la
galleria di soggetti generati dall’estro creativo
della “ditta” Garinei e Giovannini —, nelle pièce di
autori come Plauto, Beckett e Ionesco, nelle
pellicole dirette da Lattuada, Steno, Eduardo De
In un docu-film in onda lunedì su Raitre Filippo, De Sica, Soldati, Risi, lo stile del
poliedrico Rascel mantiene sempre un nonsoché
La sorpresa di Francesco di sperdutamente fanciullesco, un’ultima eco di
tenero spaesamento, così come
quell’inconfondibile nota di scanzonatezza e

I
l vescovo di Roma in visita ad che prende spunto dall’istantanea, colare quelli residenti nella “sua” Accompagnato dall’arcivescovo umorismo tipica di ogni romano (e lui era figlio
abitazioni private, carceri, ormai storica, di Papa Francesco nel- diocesi, presentandosi inaspettata- Rino Fisichella — presidente del di romani da più di sette generazioni). «Dove
ospedali, case famiglia, per in- la solitudine di piazza San Pietro il mente, senza essere annunciato né Pontificio Consiglio per la promo- non c’è umorismo, non c’è umanità; dove non c’è
contrare malati, migranti, tossi- 27 marzo scorso, quando sotto la atteso: come per esempio a Torre zione della nuova evangelizzazione, umorismo… c’è il campo di concentramento».
codipendenti, detenuti, ex prostitute, pioggia battente disse al mondo che Spaccata, tra anziani e malati in stato intervistato nel docu-film per aver Non è difficile immaginare che Rascel
e soffermarsi a parlare con loro, come ora più che mai, nel tempo della pan- vegetativo; al reparto di neonatolo- guidato l’esperienza dei Venerdì della condividesse questa osservazione di Eugène
farebbe un amico della porta accanto demia, gli uomini non possono più gia dell’ospedale San Giovanni; a misericordia — Papa Bergoglio ha ab- Ionesco, della quale era verosimilmente a
o come un semplice parroco; spesso «andare avanti ciascuno per conto Boccea, presso il Villaggio SOS per bracciato, ha parlato e accarezzato in conoscenza, vista la sua frequentazione con
seduto a tavola, intorno a una bibita o suo, ma solo insieme», come recita ap- ragazzini in situazioni di disagio; silenzio; ha guardato, ma ha soprat- l’opera del drammaturgo rumeno. Nella Città
a un caffè, mentre scherza con bambi- tutto ascoltato storie di dolore e di ri- Eterna — cui dedicò Arrivederci Roma”, canzone-
ni e anziani, generando emozioni, nascita, trovando anche la gioia e il culto conosciuta in tutto il mondo — aveva
pianti di gioia, risate, ma anche mo- sorriso negli occhi di chi lo ha accolto incominciato la sua carriera prestissimo: già da
menti di preghiera e di riflessione. nella propria dimora o tra le mura di bambino, quando si trovò a far parte del coro
Una carrellata di toccanti immagini, una casa-famiglia, in una comunità delle voci bianche della Cappella Sistina, diretto
molte delle quali mai viste dal pubbli- di recupero, nei luoghi della solida- da Lorenzo Perosi, e a recitare nelle
co televisivo, scandisce Solo Insieme — rietà che ospitano i più emarginati. rappresentazioni teatrali organizzate, nel rione
La sorpresa di Francesco, docu-film di Una scelta che ha cancellato le di- Borgo, dai religiosi della scuola elementare Pio X,
Gualtiero Peirce, in onda su Raitre lu- stanze, dando ai gesti e all’insegna- nella quale si appassionò anche al calcio: in quei
nedì 4 gennaio in seconda serata, a mento di Francesco il significato più primi anni ci sono in nuce tutti gli elementi che
partire dalle 23.15. pieno e autentico della parola “mise- sostanzieranno il suo lavoro artistico, e c’è pure
Scritto con Orazio La Rocca, va- ricordia”. Come quando, recandosi l’inizio della passione per il pallone e per l’A.S.
ticanista di lungo corso, è stato rea- nell’agosto 2016 nel popolare quar- Roma, la quale «non si discute, si ama», secondo
lizzato con materiale di ripresa del tiere di Pietralata in una struttura per un famoso aforisma comunemente attribuitogli.
Centro televisivo vaticano, in gran punto la prima parte del titolo. La sull’Ardeatina, alla Fondazione San- donne salvate dalla strada dai volon- L’ultima sua apparizione in un film risale al 1977,
parte mai trasmesso e custodito nel- seconda, invece, rimanda ai Venerdì ta Lucia, centro specializzato nella tari della Comunità Papa Giovanni quando interpretò il cieco nato nel Gesù di Nazareth
l’archivio di Vatican media. Le musi- della misericordia, nati nel 2015 durante neuro-riabilitazione; all’Eur, dove XXIII” — fondata da don Oreste Ben- di Zeffirelli. In quel cameo di pochi minuti,
che di monsignor Marco Frisina e la il Giubileo a essa dedicato: da allora, c’è Casa di Leda, residenza confisca- zi —, ha chiesto loro perdono per le visibile su internet, Rascel mostra ancora una
voce di Nicole Grimaudo accompa- in diverse circostanze, il Pontefice ha ta alla criminalità organizzata che violenze subite anche da chi si pro- volta quanta bellezza c’è nell’essere piccoli e
gnano i vari momenti del racconto, incontrato i più bisognosi, in parti- ora ospita detenute con figli minori. fessa cristiano. (gianluca biccini) leggeri.
pagina 10 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

Il Natale ha portato solidarietà cristiana ai profughi rohingya da più di tre anni in Bangladesh
NOSTRE
Sollievo INFORMAZIONI
Il Santo Padre ha accettato la rinuncia all’inca-

alla disperazione
rico di Nunzio Apostolico in Svizzera e in Lie-
chtenstein, presentata da Sua Eccellenza Mon-
signor Thomas E. Gullickson, Arcivescovo tito-
lare di Bomarzo.
Il provvedimento è stato reso noto in data 31
di PAOLO AFFATATO quattro anni circa 168.000 uo- dicembre 2020.
mini e donne rohingya sono

P
rendersi cura dei mala- usciti clandestinamente dallo Il Santo Padre ha nominato Nunzio Aposto-
ti, soccorrere gli afflitti, stato di Rakhine in Myanmar e lico in Algeria Sua Eccellenza Monsignor Ku-
portare regali e far gio- dai campi di Cox’s Bazar. rian Mathew Vayalunkal, Arcivescovo titolare
care i bambini, donare Di recente, poi, oltre 1600 ri- di Raziaria, finora Nunzio Apostolico in Papua
aiuti materiali agli anziani e agli fugiati sono stati trasferiti dalle Nuova Guinea e nelle Isole Salomone.
indigenti: è stato un Natale al- autorità bengalesi sull’isola di La nomina è stata resa nota in data 1 gennaio
l’insegna della solidarietà e della Bhasan Char, nel golfo del Ben- 2021.
condivisione quello vissuto — gala, nell’ambito di un contro-
grazie alla presenza di volontari verso progetto di ricollocamen-
e operatori umanitari cristiani — to di centomila rohingya. Il Nomina di Arcivescovo Coadiutore
nei campi profughi di Cox’s Ba- Bangladesh ha investito 400 mi-
zar, alla periferia orientale del lioni di dollari per costruire rifu- Il Santo Padre ha nominato Arcivescovo
Bangladesh, dove sono assiepati gi su una diga alta tre metri sul- Coadiutore dell’Arcidiocesi Metropolitana di
oltre un milione di rifugiati di et- l’isola, spesso spazzata da ciclo- Wellington (Nuova Zelanda) Sua Eccellenza
nia rohingya. Fuggiti tre anni fa ni e inondazioni. A molti osser- Monsignor Paul Martin, S.M., finora Vescovo
dal Myanmar, vivono in campi vatori il trasferimento dei profu- della Diocesi di Christchurch.
sovraffollati e insediamenti im- ghi è parsa una vera deportazio- Il provvedimento è stato reso noto in data 1
provvisati, con scarso accesso a covid-19, come volontari, raffor- portato un germe di nuova spe- ne, anche se il governo parla di gennaio.
servizi igienici adeguati e acqua ziamo l’impegno di restare ac- ranza. Il 25 dicembre è un gior- «soluzione su base volontaria».
pulita. Le precarie condizioni di canto ai rifugiati rohingya, of- no festivo in Bangladesh, anche I rohingya — rimarca Im-
una vita che dipende in toto da- frendo sostegno umanitario e se i cristiani sono solo lo 0,3 per manuel Chayan, addetto alle Nomina di Vicario Apostolico
gli aiuti delle organizzazioni in- promozione umana, cura della cento circa su una popolazione comunicazoni di Caritas Ban-
ternazionali generano facilmen- sofferenza, istruzione e forma- di 170 milioni di persone, all’85 gladesh — «sono un popolo la Il Santo Padre ha nominato Vicario Aposto-
te malattie, mentre i primi casi di zione professionale. Sono qui per cento musulmane. In Ban- cui vita è segnata da una serie lico di Quetta (Pakistan) il Reverendo Padre
infezione da coronavirus hanno da ormai tre anni, mentre le luci gladesh è inverno, ma la stagio- di situazioni di emergenza: lo Khalid Rehmat, O.F.M. Cap., finora Custode
destato ulteriore preoccupazio- dell’attenzione internazionale ne è fresca e secca e la tempera- sradicamento violento e trau- dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini in Pa-
ne. sembrano spegnersi. In occa- tura è mite e non si registrano le matico dalla loro patria in kistan.
I rohingya sono musulmani sione del Natale abbiamo cerca- piogge che in altre stagioni Myanmar, le emergenze sani- La nomina è stata resa nota in data 1 gen-
ma lo spirito autentico del Na- to di far sentire loro la nostra inondano il territorio. È, dun- tarie come dissenteria e vaiolo naio.
tale, quello intriso di prossimità profonda empatia, vicinanza e que, un tempo favorevole per nei campi e le ripetute emer-
e fraternità, lo hanno avvertito e solidarietà», dichiara il gesuita avviare attività sociali, pro- genze climatiche che devono
apprezzato: sono diverse le as- padre Pradeep Perez, membro grammi di formazione e di istru- affrontare quando i cicloni
sociazioni cattoliche e le orga- del team del Jesuit refugee ser- zione. Sono tutte attività fonda- colpiscono il Bangladesh. A
nizzazioni di ispirazione cristia- vice, oggi presente in Banglade- mentali per far sì che la vita nei ciò si aggiunge la pandemia». Nomina papale in Pakistan
na che si sono mobilitate per sh a fianco dei rifugiati rohin- campi risulti dignitosa e tollera- Grazie a una capillare opera di
l’assistenza a questi profughi di gya. Il confratello padre Jeyaraj bile. Perché, come riferiscono sensibilizzazione della Chiesa Khalid Rehmat tana di Lahore (2015-2017);
lungo corso che vivono in un Veluswamy, impegnato a livello gli operatori umanitari, nume- bangladese e da una diffusa vicario apostolico di Quetta membro della commissione
ambiguo stato di sospensione. sociale e pastorale tra i profughi rosi giovani rohingya, spinti campagna di appoggio della Nato il 5 agosto 1968 a biblica arcidiocesana di
Non sanno, infatti, quale sarà il a Cox’s Bazar, ricorda a sua vol- dalla disperazione, ricorrono ai rete internazionale della Cari- Mianwali, diocesi di Islama- Lahore (2016-2017); coordi-
loro futuro, se e come potranno ta: «Vivono in un limbo, nei trafficanti di esseri umani per tas, l’organizzazione si è dedi- bad-Rawalpindi, prima di natore della commissione
tornare in terra birmana, e un trentaquattro campi istituiti farsi condurre in altre nazioni cata a formare personale e vo- entrare nella vita religiosa è economica della vice-provin-
senso di incertezza e di lunga dall’Alto commissariato Onu come Malaysia e Indonesia, pur lontari attivando programmi stato insegnante in una scuo- cia dei cappuccini in Paki-
precarietà pervade la loro esi- per i rifugiati e dall’O rganizza- di fuggire dalla situazione in cui di assistenza per i profughi la primaria. Ha compiuto la stan (2017-2020); parroco di
stenza. zione internazionale per le mi- si trovano: «I rohingya sono in- rohingya, istituendo gruppi di formazione presbiterale pres- Nostra Signora del Monte
«In tempo di pandemia di grazioni. Il 25 agosto scorso è difesi e vulnerabili. Per i traffi- ascolto e promuovendo semi- so il Saint Mary’s Minor Se- Carmelo ad Adah, Sialkot,
stato il terzo anniversario dell’e- canti la loro condizione è un af- nari e incontri per diffondere minary a Lahore, professan- nell’arcidiocesi di Lahore
sodo di massa dei profughi dal fare molto redditizio», spiega il consapevolezza su come af- do i voti solenni nei frati mi- (2014-2020), e membro del
Myanmar al Bangladesh, inizia- cattolico bengalese George Mi- frontare la pandemia. «Dob- nori cappuccini il 28 dicem- consiglio provinciale dei pa-
Lutto nell’episcopato to nel 2017. Oggi si ritrovano an- thu Gomes, che lavora a Cox’s biamo lavorare a tutti i livelli bre 2007. Ordinato sacerdote dri cappuccini, fino a ottobre
che a subire l’impatto della pan- Bazar con l’ong World Renew. — conclude — per alleviare la per questa famiglia religiosa 2020. Successivamente, è
demia di covid-19. C’è grande Secondo quanto riportato dalla sofferenza di questi fratelli il 16 agosto 2008, è stato as- stato custode dei frati minori
Monsignor Floribert Songa-
paura tra le famiglie rohingya polizia malaysiana, nei mesi rohingya. Quello del Natale è sistente del rettore della Casa cappuccini in Pakistan.
songa Mwitwa, arcivescovo
ed è difficile prendere precau- scorsi una banda di trafficanti stato un tempo favorevole per di formazione dei cappuccini
emerito di Lubumbashi, è
zioni per proteggersi dal vi- stava cercando di traghettare testimoniare loro l’attenzione di Lahore (2008-2011); inse-
morto nella Repubblica De-
rus». cinquecento rohingya sulle co- e l’amore che Gesù Cristo, il gnante al Saint Mary’s Mi-
mocratica del Congo, il 31 di-
Mentre la tensione è palpabi- ste malaysiane. E l’ong Fortify Dio con noi, ci insegna e ci nor Seminary, nella Casa di
cembre scorso.
Il compianto presule era
le, la solennità del Natale ha Rights stima che negli ultimi dona». formazione dei padri france-
scani (2008-2014) e nell’In-
Avviso
nato a Kalas, arcidiocesi di
ter-Congregational Program La Presa di Possesso del-
Lubumbashi, il 29 agosto
sempre a Lahore (2010- l’Em.mo Cardinale Enrico
1937, ed era stato ordinato sa-
2014); coordinatore della Feroci, prevista per lunedì
Per una distribuzione equa del vaccino
cerdote il 14 agosto 1963.
commissione educativa della 4 gennaio 2021, alle ore 12,
Eletto a Kolwezi il 25 aprile
vice-provincia del suo ordine è stata rinviata a data da
1974, aveva ricevuto l’ordina-
in Pakistan (2011-2014); re- destinarsi.
zione episcopale il successivo Documento di World Council of Churches e World Jewish Congress dattore della rivista «Catho-
24 agosto. Promosso a Lu-
lic Naqeeb» (dal 2013) e L’Ufficio
bumbashi il 22 maggio 1998,
GINEVRA, 2. I leader religiosi e pa Francesco nel messaggio na- come si stia finalmente intrave- membro del collegio dei con- delle Celebrazioni Liturgiche
aveva rinunciato al governo
le organizzazioni sociali di tutto talizio Urbi et Orbi. I timori dendo la luce in fondo al lungo sultori della sede metropoli- del Sommo Pontefice
pastorale il 1° dicembre 2010.
il mondo hanno il dovere di col- delle due organizzazioni riguar- tunnel: «Spero — ha auspicato
Le esequie saranno celebrate
laborare, prendendo posizione dano anche il cosiddetto “na- — che i leader e le organizzazio-
dal successore, il salesiano
e sollevando dibattiti sulle im- zionalismo del vaccino”, attra- ni religiose in tutto il mondo
Jean-Pierre Tafunga Mbayo,
plicazioni morali concernenti le verso il quale gli Stati con l’eco- possano considerare preziose
nella cattedrale arcidiocesana
mercoledì 6 gennaio.
decisioni e le modalità di impie-
go del vaccino contro il covid-
nomia più avanzata riescono a
ottenere livelli più elevati di for-
queste linee guida poiché consi-
gliano i governi e i responsabili
Presto al via in Vaticano
19. È quanto sostengono World
Council of Churches (Wcc) e
nitura del farmaco anti-covid.
«La cosa più importante — ha
politici sulle priorità di distri-
buzione delle vaccinazioni. Il
la campagna vaccinazioni
† World Jewish Congress (Wjc) dichiarato il segretario generale documento è stato redatto in
La Segreteria di Stato comu-
in un documento congiunto che ad interim del Wcc, Ioan Sauca uno spirito di dialogo interreli- Nei prossimi giorni prenderà “ultra low temperature refri-
nica che è deceduto il vuole essere un invito «alla ri- — è che i leader religiosi si assu- gioso e di cooperazione, traen- il via la campagna di vacci- gerator”.
flessione e all’impegno su que- mano la responsabilità di aiuta- do ispirazione dalle nostre ri- nazione anti-covid all’inter- La somministrazione del
Signor stioni etiche relative alla distri- re le loro comunità a riflettere su spettive tradizioni ebraiche e no dello Stato della Città del vaccino — nell’atrio dell’aula
buzione del vaccino». tali urgenti questioni etiche e cristiane, che hanno contribuito Vaticano. La Direzione di sa- Paolo VI — dovrebbe iniziare
GRAZIANO ERBÌ La priorità d’azione che deve pratiche, contribuendo a deci- a guidarci in questo periodo che nità e igiene del Governato- nella seconda metà di gen-
padre di Monsignor Walter guidare i capi religiosi, sottoli- sioni moralmente valide e accet- ci ha cambiato la vita». È quan- rato rende noto che è preve- naio, a cominciare delle cate-
Erbì, Consigliere della Nun-
nea il documento, è che vi sia tate nei propri contesti in questo to mai fondamentale allora che dibile che i vaccini possano gorie maggiormente esposte
ziatura Apostolica in Turchia.
I Superiori e i Colleghi una diffusione equa dei vaccini momento critico di svolta nello rappresentanti autorevoli delle arrivare nella seconda setti- al contagio e secondo le ade-
partecipano al dolore di Mon- disponibili senza alcuna discri- sviluppo della pandemia». fedi affrontino senza timori «le mana di gennaio, in una sioni volontarie.
signor Erbì e dei suoi familia- minazione o, peggio ancora, Sulla stessa lunghezza d’on- voci infondate e i miti della co- quantità sufficiente a coprire La priorità sarà data agli
ri, assicurando la vicinanza esclusione, nei confronti di co- da si è posto il vicepresidente spirazione lanciati senza prove, il fabbisogno della Santa Se- operatori sanitari e di pub-
nell’amicizia e nella preghiera loro che vivono nei Paesi più esecutivo del Wjc, Maram che minano la fiducia del pub- de e dello Stato della Città blica sicurezza, agli anziani e
per il caro defunto, che affi-
dano all’amore misericordioso
poveri del pianeta. Una preoc- Stern, il quale, dopo aver blico nelle autorità, negli inter- del Vaticano. al personale più frequente-
del Signore risorto. cupazione che dunque si ag- espresso soddisfazione per l’ini- venti sanitari e negli stessi vacci- Per conservare le dosi di mente a contatto con il pub-
giunge a quella espressa da Pa- ziativa congiunta, ha indicato ni testati e approvati». vaccino è stato acquistato un blico.
sabato 2 gennaio 2021 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 11

La messa nella Giornata mondiale della pace

Sarà un buon anno


se ci prenderemo cura degli altri
A causa di una dolorosa sciatalgia, tori di benedizione, benedica- impariamo pure a benedire. La grembo della Madre, dalla
Papa Francesco non ha potuto presie- no. Il Signore sa che abbiamo Madonna, infatti, insegna che quale si è lasciato tessere l’u-
dere le celebrazioni in programma la bisogno di essere benedetti: la la benedizione si riceve per manità. Il cuore del Signore ha
sera del 31 dicembre e la mattina suc- prima cosa che ha fatto dopo donarla. Lei, la benedetta, è iniziato a palpitare in Maria, il
cessiva all’altare della Cattedra nella la creazione è stata dire bene di stata benedizione per tutti co- Dio della vita ha preso l’ossi-
basilica Vaticana. A celebrare la mes- ogni cosa e dire molto bene di loro che ha incontrato: per Eli- geno da lei. Da allora Maria ci
sa del 1° gennaio, solennità di Maria noi. Ma ora, con il Figlio di sabetta, per gli sposi a Cana, unisce a Dio, perché in lei D io
Santissima Madre di Dio e 54a Dio, non riceviamo solo parole per gli Apostoli nel Cenaco- si è legato alla nostra carne e
Giornata mondiale della pace — de- di benedizione, ma la benedi- lo... Anche noi siamo chiamati non l’ha lasciata mai più. Ma-
dicata quest’anno al tema «La cultu- zione stessa: Gesù è la benedi- a benedire, a dire bene in no- ria — amava dire san Francesco
ra della cura come percorso di pace» zione del Padre. In Lui il Pa- me di Dio. Il mondo è grave- — «ha reso nostro fratello il Si-
— è stato il cardinale segretario di dre, dice san Paolo, ci benedi- mente inquinato dal dire male gnore della Maestà» (San Bo-
Stato, Pietro Parolin. Pubblichiamo ce «con ogni benedizione» (Ef e dal pensare male degli altri, naventura, Legenda major, 9, 3).
l’omelia preparata dal Pontefice e let- 1, 3). Ogni volta che apriamo il della società, di sé stessi. Ma la Ella non è solo il ponte tra noi
ta dal porporato. cuore a Gesù, la benedizione maldicenza corrompe, fa dege- e Dio, è di più: è la strada che
di Dio entra nella nostra vita. nerare tutto, mentre la benedi- Dio ha percorso per giungere
Nelle Letture della liturgia Oggi celebriamo il Figlio di zione rigenera, dà forza per ri- a noi ed è la strada che dobbia-
odierna risaltano tre verbi, che Dio, il Benedetto per natura, cominciare ogni giorno. Chie- mo percorrere noi per giunge- fanno nascere e rinascere la vi- care le persone e le cose. Tutto
trovano compimento nella che viene a noi attraverso la diamo alla Madre di Dio la re a Lui. Attraverso Maria in- ta, dando futuro al mondo! comincia da qui, dal prenderci
Madre di Dio: benedire, na- Madre, la benedetta per gra- grazia di essere per gli altri contriamo Dio come Lui vuo- Non siamo al mondo per cura degli altri, del mondo, del
scere e trovare. zia. Maria ci porta così la be- portatori gioiosi della benedi- le: nella tenerezza, nell’intimi- morire, ma per generare vita. creato. Non serve conoscere
Benedire. Nel Libro dei Nu- nedizione di Dio. Dove c’è lei zione di Dio, come lei lo è per tà, nella carne. Sì, perché Gesù La santa Madre di Dio ci inse- tante persone e tante cose se
meri il Signore chiede che i arriva Gesù. Perciò abbiamo noi. non è un’idea astratta, è con- gna che il primo passo per da- non ce ne prendiamo cura.
ministri sacri benedicano il bisogno di accoglierla, come Nascere è il secondo verbo. creto, incarnato, è nato da re vita a quanto ci circonda è Quest’anno, mentre speriamo
suo popolo: «Benedirete gli santa Elisabetta, che la fece San Paolo sottolinea che il Fi- donna ed è cresciuto paziente- amarlo dentro di noi. Ella, di- in una rinascita e in nuove cu-
Israeliti: direte loro: “Ti bene- entrare nella sua casa e subito glio di Dio è «nato da donna» mente. Le donne conoscono ce oggi il Vangelo, “custodiva re, non tralasciamo la cura.
dica il Signore”» (6, 23-24). riconobbe la benedizione, e (Gal 4, 4). In poche parole ci questa concretezza paziente: tutto nel cuore” (cfr. Lc 2, 19). Perché, oltre al vaccino per il
Non è una pia esortazione, è disse: «Benedetta tu fra le dice una cosa meravigliosa: noi uomini siamo spesso Ed è dal cuore che nasce il be- corpo, serve il vaccino per il
una richiesta precisa. Ed è im- donne e benedetto il frutto del che il Signore è nato come noi. astratti e vogliamo qualcosa ne: quanto è importante tenere cuore: e questo vaccino è la cu-
portante che anche oggi i sa- tuo grembo!» (Lc 1, 42). Sono Non è apparso adulto, ma subito; le donne sono concrete pulito il cuore, custodire la vi- ra. Sarà un buon anno se ci
cerdoti benedicano il Popolo le parole che ripetiamo nell’A- bambino; non è venuto al e sanno tessere con pazienza i ta interiore, praticare la pre- prenderemo cura degli altri,
di Dio, senza stancarsi; e che ve Maria. Facendo posto a mondo da solo, ma da una fili della vita. Quante donne, ghiera! Quanto è importante come fa la Madonna con noi.
pure tutti i fedeli siano porta- Maria veniamo benedetti, ma donna, dopo nove mesi nel quante madri in questo modo educare il cuore alla cura, ad avere E il terzo verbo è trovare. Il
Vangelo dice che i pastori
«trovarono Maria e Giuseppe
e il bambino» (v. 16). Non tro-
varono segni prodigiosi e spet-
I primi vespri della solennità di Maria Santissima Madre di Dio e il «Te Deum» tacolari, ma una semplice fa-
miglia. Lì, però, trovarono ve-

Compassione e solidarietà ramente Dio, che è grandezza


nella piccolezza, fortezza nella
tenerezza. Ma come fecero i

per dare un “senso” alla pandemia


pastori a trovare questo segno
così poco appariscente? Furo-
no chiamati da un angelo. An-
che noi non avremmo trovato
Dio se non fossimo stati chia-
Nel pomeriggio di giovedì 31 dicem- dobbiamo avere fretta di dare tuazione molto complessa. mati per grazia. Non poteva-
bre era stato il cardinale decano risposta a tale interrogativo. Pensiamo anche con gratitu- mo immaginare un Dio simile,
Giovanni Battista Re a presiedere Ai nostri “perché” più ango- dine ai pubblici amministra- che nasce da donna e rivolu-
nella basilica di San Pietro i primi sciosi nemmeno Dio rispon- tori che sanno valorizzare ziona la storia con la tenerez-
Vespri della solennità di Maria de facendo ricorso a “ragioni tutte le buone risorse presenti za, ma per grazia lo abbiamo
Santissima Madre di Dio, cui han- superiori”. La risposta di Dio nella città e nel territorio, che trovato. E abbiamo scoperto
no fatto seguito l’esposizione del percorre la strada dell’incar- sono distaccati dagli interessi che il suo perdono fa rinasce-
Santissimo Sacramento, il tradizio- nazione, come canterà tra po- privati e anche da quelli del re, che la sua consolazione ac-
nale canto dell’inno «Te Deum» a co l’Antifona al Magnificat: loro partito. Perché? Perché cende la speranza, e la sua pre-
conclusione dell’anno civile e la be- «Per il grande amore con il cercano davvero il bene di senza dona una gioia insoppri-
nedizione eucaristica. Pubblichiamo quale ci ha amati, Dio man- tutti, il bene comune, il bene mibile. Lo abbiamo trovato,
l’omelia preparata dal Pontefice e dò il suo Figlio in una carne a partire dai più svantaggia- ma non dobbiamo perderlo di
letta dal porporato, che l’ha intro- di peccato». ti. vista. Il Signore, infatti, non si
dotta con le seguenti parole: «Do Un Dio che sacrificasse gli Tutto questo non può av- trova una volta per tutte, ma
lettura del testo che il Santo Padre, esseri umani per un grande venire senza la grazia, senza va trovato ogni giorno. Perciò
Papa Francesco, aveva preparato disegno, fosse pure il miglio- la misericordia di Dio. Noi — il Vangelo descrive i pastori
per questa circostanza». re possibile, non è certo il lo sappiamo bene per espe- sempre in ricerca, in movimen-
Dio che ci ha rivelato Gesù rienza — nei momenti difficili to: «Andarono senza indugio,
Carissimi fratelli e sorelle! Cristo. Dio è padre, «eterno siamo portati a difenderci — è trovarono, riferirono, se ne tor-
Questa celebrazione vesperti- Padre», e se il suo Figlio si è naturale —, siamo portati a narono glorificando e lodando
na ha sempre un duplice fatto uomo, è per l’immensa proteggere noi stessi e i no- Dio» (vv. 16-17.20). Non erano
aspetto: con la liturgia entria- compassione del cuore del stri cari, a tutelare i nostri in- passivi, perché per accogliere
mo nella festa solenne di Ma- Padre. Dio è Padre ed è pa- come di altri flagelli che col- mo, lodiamo il tuo nome per teressi... Come è possibile al- la grazia bisogna restare attivi.
ria Santissima Madre di Dio; store, e quale pastore dareb- piscono l’umanità: quello di sempre». Perché la benedi- lora che tante persone, senza E noi, che cosa siamo chia-
e nello stesso tempo conclu- be per persa anche una sola suscitare in noi la compassio- zione e la lode che Dio più altra ricompensa che quella mati a trovare all’inizio del-
diamo l’anno solare con il pecora, pensando che intanto ne e provocare atteggiamenti gradisce è l’amore fraterno. di fare il bene, trovino la for- l’anno? Sarebbe bello trovare
grande inno di lode. gliene restano molte? No, e gesti di vicinanza, di cura, Gli operatori sanitari — za di preoccuparsi degli altri? tempo per qualcuno. Il tempo è la
Sul primo aspetto si parle- questo dio cinico e spietato di solidarietà, di affetto. medici, infermiere, infermieri, Che cosa le spinge a rinun- ricchezza che tutti abbiamo,
rà nell’omelia di domani mat- non esiste. Non è questo il È ciò che è successo e suc- volontari — si trovano in pri- ciare a qualcosa di sé, della ma di cui siamo gelosi, perché
tina. Questa sera diamo spa- Dio che noi «lodiamo» e cede anche a Roma, in questi ma linea, e per questo sono propria comodità, del pro- vogliamo usarla solo per noi.
zio al ringraziamento per l’anno «proclamiamo Signore». mesi; e soprattutto di questo, in modo particolare nelle no- prio tempo, dei propri beni, Va chiesta la grazia di trovare
che volge al termine. Il buon samaritano, quan- stasera, rendiamo grazie a stre preghiere e meritano la per darlo agli altri? In fondo tempo: tempo per Dio e per il
«Te Deum laudamus», «Noi do incontrò quel poveretto Dio. Rendiamo grazia a Dio nostra riconoscenza; come in fondo, anche se loro stesse prossimo: per chi è solo, per
ti lodiamo, Dio, ti proclamia- mezzo morto sul bordo della per le cose buone accadute pure tanti sacerdoti, religiose non ci pensano, le spinge la chi soffre, per chi ha bisogno
mo Signore...». Potrebbe strada, non gli fece un di- nella nostra città durante il e religiosi, che si sono prodi- forza di Dio, che è più po- di ascolto e cura. Se troveremo
sembrare forzato ringraziare scorso per spiegargli il senso lockdown e, in generale, nel gati con generosità e dedizio- tente dei nostri egoismi. Per tempo da regalare, saremo stu-
Dio al termine di un anno di quanto gli era accaduto, tempo della pandemia, che ne. Ma stasera il nostro gra- questo, questa sera diamo lo- piti e felici, come i pastori. La
come questo, segnato dalla magari per convincerlo che in purtroppo non è ancora fini- zie si estende a tutti coloro de a Lui, perché crediamo e Madonna, che ha portato Dio
pandemia. Il pensiero va alle fondo era per lui un bene. Il to. Sono tante le persone che si sforzano ogni giorno sappiamo che tutto il bene nel tempo, ci aiuti a donare il
famiglie che hanno perso samaritano, mosso da compassio- che, senza fare rumore, han- di mandare avanti nel modo che giorno per giorno si com- nostro tempo. Santa Madre di
uno o più membri; pensiamo ne, si chinò su quell’estraneo no cercato di fare in modo migliore la propria famiglia e pie sulla terra viene, alla fine, Dio, a te consacriamo il nuovo
a coloro che sono stati mala- trattandolo come un fratello che il peso della prova risul- a coloro che si impegnano da Lui, viene da Dio. E guar- anno. Tu, che sai custodire nel
ti, a quanti hanno sofferto la e si prese cura di lui facendo tasse più sopportabile. Con il nel proprio servizio al bene dando al futuro che ci atten- cuore, prenditi cura di noi. Be-
solitudine, a chi ha perso il tutto quanto era nelle sue loro impegno quotidiano, comune. Pensiamo ai dirigen- de, nuovamente imploriamo: nedici il nostro tempo e inse-
lavoro... possibilità (cfr. Lc 10, 25-37). animato da amore per il pros- ti scolastici e agli insegnanti, «Sia sempre con noi la tua gnaci a trovare tempo per Dio
A volte qualcuno doman- Qui, sì, forse possiamo tro- simo, hanno realizzato quelle che ricoprono un ruolo es- misericordia, in te abbiamo e per gli altri. Noi con gioia e
da: qual è il senso di un vare un “senso” di questo parole dell’inno Te Deum: senziale nella vita sociale e sperato». In te è la nostra fi- fiducia ti acclamiamo: Santa
dramma come questo? Non dramma che è la pandemia, «Ogni giorno ti benedicia- che devono affrontare una si- ducia e la nostra speranza. Madre di Dio! E così sia.
pagina 12 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 2 gennaio 2021

L’augurio all’Angelus del primo giorno dell’anno

Un 2021
di pace e di speranza
Francesco invoca la fine delle violenze nello Yemen
e prega in particolare per i bambini
L’augurio che il 2021 «sia un anno mo indifferenti a questo. Noi pace, pace. È ora che pensia- alla Marcia virtuale di ieri sera,
di fraterna solidarietà e di pace per siamo tutti chiamati a realizza- mo che la vita oggi è sistemata organizzata dall’Episcopato
tutti, un anno carico di fiduciosa at- re la pace e a realizzarla ogni dalle guerre, dalle inimicizie, italiano, Pax Christi, Caritas e
tesa e di speranze», è stato formulato giorno e in ogni ambiente di da tante cose che distruggo- Azione Cattolica; come pure a
dal Papa all’Angelus recitato a mez- vita, tendendo la mano al fra- no... Vogliamo pace. E questa quella di questa mattina, pro-
zogiorno di venerdì 1° gennaio dalla tello che ha bisogno di una pa- è un dono. mossa dalla Comunità di San-
Biblioteca privata del Palazzo apo- rola di conforto, di un gesto di Sulla soglia di questo inizio, t’Egidio in collegamento strea-
stolico vaticano, senza la presenza di tenerezza, di un aiuto solidale. a tutti rivolgo il mio cordiale ming mondiale. Grazie a tutti
fedeli a causa del covid-19. E questo per noi è un compito augurio di un felice e sereno per queste e tante altre iniziati-
dato da Dio. Il Signore ci dà il 2021. Ognuno di noi cerchi di ve in favore della riconciliazio- L’arcivescovo Barrio durante la cerimonia di apertura della porta santa
Cari fratelli e sorelle, compito di essere operatori di far sì che sia un anno di frater- ne e della concordia tra i po-
buongiorno e buon anno! pace. na solidarietà e di pace per tut- poli. Il Papa per il giubileo compostelano
Iniziamo il nuovo anno po- E la pace si può costruire se ti; un anno carico di fiduciosa In tale contesto, esprimo
nendoci sotto lo sguardo ma-
terno e amorevole di Maria
Santissima, che la liturgia oggi
cominceremo ad essere in pace
con noi stessi — in pace dentro,
nel cuore — e con chi ci sta vi-
attesa e di speranze, che affi-
diamo alla protezione di Ma-
ria, madre di Dio e madre no-
dolore e preoccupazione per
l’ulteriore inasprimento delle
violenze nello Yemen che sta
Con lo zaino vuoto
celebra come Madre di Dio.
Riprendiamo così il cammino
lungo i sentieri del tempo, af-
cino, togliendo gli ostacoli che
impediscono di prenderci cura
di quanti si trovano nel biso-
stra.

Al termine il Pontefice ha salutato


causando numerose vittime in-
nocenti, e prego affinché ci si
adoperi a trovare soluzioni che
e il cuore pieno
fidando le nostre angosce e i gno e nell’indigenza. Si tratta quanti hanno partecipato alla pre- permettano il ritorno della pa-
nostri tormenti a Colei che di sviluppare una mentalità e ghiera mariana attraverso i media, ce per quelle martoriate popo- «Uscire da se stessi per unir- bria in ossequio alle misure
tutto può. Maria ci guarda con una cultura del “prendersi cu- ha rivolto parole augurali al presi- lazioni. Fratelli e sorelle, pen- si agli altri fa bene»: lo testi- anti-covid. «Momento di
tenerezza materna così come ra”, al fine di sconfiggere l’in- dente italiano Mattarella, ha accen- siamo ai bambini dello Ye- monia l’esperienza che lun- grazia per tutta la Chiesa»,
guardava il suo Figlio Gesù. E differenza, di sconfiggere lo nato alle iniziative per la pace pro- men! Senza educazione, senza go il Cammino di Santiago in particolare per quella «in
se noi guardiamo il presepe [si scarto e la rivalità — indifferen- mosse da varie realtà, ha espresso do- medicine, affamati. Preghiamo de Compostela i pellegrini Spagna e in Europa» — esor-
lore per la situazione dello Yemen, ha insieme per lo Yemen. fanno ogni giorno, «aspet- disce il Papa — il giubileo
invitato a pregare per il vescovo rapi- Vi invito inoltre ad unirvi tandosi, sostenendosi a vi- compostelano è un invito a
to (e poi rilasciato) in Nigeria, e ha alla preghiera dell’Arcidiocesi cenda, condividendo fatiche mettersi «sulle orme dell’a-
ringraziato gli «Sternsinger», i di Owerri in Nigeria per il Ve- e risultati». È quanto assicu- postolo», per uscire «da noi
“Cantori della Stella”, bambini e ra- scovo Monsignor Moses Chi- ra Papa Francesco in un stessi» e dalle «sicurezze a
gazzi che in Germania e Austria si kwe e per il suo autista, rapiti messaggio scritto in occasio- cui ci aggrappiamo», ma
vestono come i magi per raccogliere nei giorni scorsi. Chiediamo al ne del giubileo che nell’arci- «avendo chiara la meta». In-
fondi da destinare ai coetanei più bi- Signore che essi e tutti coloro diocesi spagnola viene indet- fatti «non siamo esseri erran-
sognosi. che sono vittime di simili atti to quando la memoria litur- ti», che vagano «senza arri-
in Nigeria tornino incolumi in gica di san Giacomo il Mag- vare da nessuna parte»; al
Cari fratelli e sorelle! libertà e che quel caro Paese ri- giore ricorre di domenica, contrario, «è la voce del Si-
A tutti voi, collegati attraverso trovi sicurezza, concordia e come avverrà il 25 luglio gnore che ci chiama e, come
i media, rivolgo i miei auguri di pace. 2021. pellegrini, la accogliamo in
pace e di serenità per il nuovo Rivolgo un saluto speciale Il testo pontificio prende atteggiamento di ascolto e di
anno. agli Sternsinger, i “Cantori della spunto dal tema di questo ricerca, intraprendendo que-
Ringrazio il Presidente del- Stella”, bambini e ragazzi che terzo Anno santo composte- sto cammino per incontrare
la Repubblica Italiana, Ono- in Germania e Austria, pur lano del terzo millennio, Dio, l’altro e noi stessi».
revole Sergio Mattarella, per il non potendo visitare le fami- apertosi in Galizia nell’ulti- Camminare, dunque, «co-
pensiero augurale che mi ha glie nelle case, hanno trovato il mo giorno del 2020: «Esci me processo di conversione,
indirizzato ieri sera nel suo modo di recare ad esse il lieto dalla tua terra! L’apostolo ti che inizia nella terra da cui
volta verso il presepe allestito za, scarto, rivalità —, che pur- Messaggio di fine anno, e lo annuncio del Natale e di rac- aspetta», che evoca parole partiamo e finisce nella pa-
nella sala], vediamo che Gesù troppo prevalgono. Togliere ricambio cordialmente. cogliere donazioni per i loro pronunciate da Giovanni tria a cui siamo diretti». In-
non è nella culla, e mi dicono questi atteggiamenti . E così la Sono grato a quanti, in ogni coetanei bisognosi. Paolo II nel 1999. somma, chiarisce Francesco,
che la Madonna ha detto: “Me pace non è solo assenza di parte del mondo, nel rispetto A tutti auguro un anno di Datato 17 dicembre, il «un’esperienza esistenziale
lo fate tenere un po’ in braccio guerra. La pace mai è asettica, delle restrizioni imposte dalla pace e di speranza, con la pro- messaggio di Francesco è in- in cui la meta è importante
questo figlio mio?”. E così fa no, non esiste la pace del quiro- pandemia, hanno promosso tezione di Maria, la Santa Ma- dirizzato all’arcivescovo Ju- quanto il percorso stesso»,
la Madonna con noi: vuole te- fano [spagnolo: “sala operato- momenti di preghiera e di ri- dre di Dio. E per favore, non lián Barrio Barrio, che pro- nella certezza che «in questo
nerci tra le braccia, per custo- ria”]. La pace è nella vita: non flessione in occasione dell’o- dimenticatevi di pregare per prio il 31 ha aperto la porta itinerario ci accompagna la
dirci come ha custodito e ama- è solo assenza di guerra, ma è dierna Giornata Mondiale del- me. Buon pranzo e arriveder- santa della cattedrale, nel misericordia di Dio» e che —
to il suo Figlio. Lo sguardo vita ricca di senso, impostata e la Pace. Penso, in particolare, ci! corso di una cerimonia so- ha aggiunto citando la lette-
rassicurante e consolante della vissuta nella realizzazione per- ra apostolica per la conclu-
Vergine Santa è un incoraggia- sonale e nella condivisione fra- sione del giubileo straordi-
mento a far sì che questo tem- terna con gli altri. Allora quel- nario Misericordia et misera (20
po, donatoci dal Signore, sia la pace tanto sospirata e sem- novembre 2016) — «anche se
speso per la nostra crescita pre messa in pericolo dalla In un messaggio del presidente Mattarella al Pontefice permane la condizione di
umana e spirituale, sia tempo violenza, dall’egoismo e dalla debolezza per il peccato, es-
per appianare gli odi e le divi-
sioni — ce ne sono tante — sia
malvagità, quella pace messa
in pericolo diventa possibile e
La grammatica italiana della cura sa è sovrastata dall’amore
che permette di guardare al
tempo per sentirci tutti più realizzabile se io la prendo co- futuro con speranza».
fratelli, sia tempo di costruire me compito datomi da Dio. «La cultura della cura come percorso di pa- richiede di attingere al significato più pro- Con un’avvertenza: «cam-
e non di distruggere, prenden- La Vergine Maria, che ha ce» proposta da Papa Francesco «offre a tutti fondo del concetto di responsabilità». E «il minare facendosi prossimo,
doci cura gli uni degli altri e dato alla luce il «Principe del- noi, soprattutto a coloro che rivestono cari- tema stesso della cittadinanza — ha aggiunto suppone lo sforzo di andare
del creato. Un tempo per far la pace» (Is 9, 6) e che lo coc- che pubbliche, un importante spunto di ri- — non può prescindere da un’attenta ponde- leggeri di bagagli», ovvero
crescere, un tempo di pace. cola così, con tanta tenerezza, flessione circa la necessità di operare per un razione degli effetti che le nostre scelte pro- senza fardelli inutili, «e vive-
È proprio alla cura del pros- tra le sue braccia, ci ottenga progresso umano che ritrovi nella fraternità, ducono sulle persone che ci circondano, sul- re in continua tensione verso
simo e del creato che è dedica- dal Cielo il bene prezioso del- nella giustizia e nella pace le sue stesse fon- l’intera famiglia umana e sull’ambiente natu- quell’agognato incontro con
to il tema della Giornata Mon- la pace, che con le sole forze damenta». È «a nome della Repubblica ita- rale». il Signore», che nella pratica
diale della Pace, che oggi cele- umane non si riesce a perse- liana», e suo personale, che il presidente Ser- Il presidente della Repubblica italiana ha si traduce nell’«affidare il
briamo: La cultura della cura come guire in pienezza. Le sole for- gio Mattarella ha rivolto al Pontefice «un ri- fatto presente di condividere «pienamente» cuore al compagno di strada
percorso di pace. I dolorosi eventi ze umane non bastano, perché conoscente ringraziamento per l’alto messag- l’«invito» del Papa «a percorrere le vie del senza sospetti» né «diffiden-
che hanno segnato il cammino la pace è anzitutto dono, un gio che ha voluto indirizzare ai capi di Stato nostro agire quotidiano guidati da una “bus- za», e nel «guardare prima
dell’umanità nell’anno trascor- dono di Dio; va implorata con e di governo, ai fedeli delle diverse religioni e sola” i cui punti cardinali» sono «la tutela di tutto a ciò che si cerca».
so, specialmente la pandemia, incessante preghiera, sostenu- a tutti gli uomini e le donne di buona volon- dei diritti umani, la cura del bene comune, la Perché in definitiva, ha
ci insegnano quanto sia neces- ta con un dialogo paziente e tà in occasione della 54a Giornata mondiale pratica della solidarietà e la salvaguardia del concluso il Papa con un’im-
sario interessarsi dei problemi rispettoso, costruita con una della pace». creato». L’Italia, ha assicurato, si impegna magine fortemente evocati-
degli altri e condividere le loro collaborazione aperta alla ve- «L’emergenza sanitaria che stiamo viven- nella «tutela e promozione dei diritti umani va, ogni pellegrinaggio è un
preoccupazioni. Questo atteg- rità e alla giustizia e sempre at- do si è inserita in un contesto non privo di fondamentali, inalienabili, universali e indi- viaggio che si inizia da soli —
giamento rappresenta la strada tenta alle legittime aspirazioni criticità — climatiche, alimentari, economi- visibili». Puntando su un «maggiore e diffu- carichi di cose che si pensa
che conduce alla pace, perché delle persone e dei popoli. Il che, migratorie — tra loro collegate» ha scrit- so protagonismo delle donne» e sulla «ne- potrebbero essere utili — ma
favorisce la costruzione di una mio auspicio è che regni la pa- to il presidente in un messaggio indirizzato cessità di uno sforzo pedagogico che, coin- termina «con lo zaino vuoto
società fondata su rapporti di ce nel cuore degli uomini e al Pontefice il 1° gennaio. Per Mattarella è, volgendo famiglia, scuola e università, con- e il cuore pieno di esperien-
fratellanza. Ciascuno di noi, nelle famiglie; nei luoghi di la- «quindi, particolarmente opportuno» il mes- tribuisca a modellare le nostre società sulla ze», maturate insieme con
uomini e donne di questo tem- voro e di svago; nelle comuni- saggio del Papa «sull’importanza di coltiva- base di un ritrovato spirito di fratellanza». altri «fratelli e sorelle prove-
po, è chiamato a realizzare la tà e nelle nazioni. Nelle fami- re, nel discorso pubblico e al livello persona- Con l’obiettivo che «ognuno diventi testimo- nienti da contesti esistenziali
pace: ognuno di noi, non sia- glie, nel lavoro, nelle nazioni: le, una grammatica della cura. Tale esercizio ne della cultura della cura». e culturali differenti».