Sei sulla pagina 1di 100

canon edition per veri canonisti FEBBRAIO

2017

SUPERTEST
canon edition

A confronto
le migliori
Canon per
principianti
Scegli
quella più !
adatta a te

fotografo
in 48 ore
Un viaggio per scoprire
quanto puoi essere bravo
impugnando la tua reflex
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

MENSILE - N.87 - € 3,90

P.I. 27-01-2017

I trucchi per paesaggi mozzafiato Cattura un soggetto in movimento Effetti spettacolari di notte
LA F
OTO
DEL
MES
E
Scatto di
Fernando Alfieri

Giornalista, diplomato in
fotografia, coltiva l’amore
per l’immagine sin
dall’infanzia.

Nostalgia
Questa fotografia di
paesaggio, dal gusto
classico e dallo stile
equilibrato, trasmette
l’emozione di uno
sguardo riflessivo e
contemplativo. L’orizzonte
del mare incontra il
profilo delle nuvole e
delle montagne, in una
rappresentazione che si
distingue per l’intensa
profondità di campo.

Fotocamera Canon EOS 1D mark III


Obiettivo Canon 24-70
Focale 38 mm
Esposizione 1/320
Diaframma F 8
Sensibilità 125
Senza Flash

LA FOTO DEL MESE


Questa è una rivista di fotogra-
fia. I nostri migliori collaboratori
siete voi: ogni mese scegliamo
un’immagine che secondo i
nostri esperti merita di essere
valorizzata al massimo. E quale
migliore posizione della contro-
copertina?
Nel prossimo numero vorresti
esserci tu? Carica le tue foto
all’indirizzo:
www.spreafotografia.it/
photoprofessional
1) Controlla la loro dimensione:
il lato maggiore dovrà essere
composto da minimo 2.480
pixel, che corrispondono a 21
cm a 300dpi.

2) Anche il formato di salva-


taggio delle immagini è molto
importante. Salvare in JPEG va
benissimo: controlla però che la
qualità sia al livello massimo!
Photo Professional Canon Edition

Rivista dedicata ai Fotografi Canon

26

IL PROSSIMO NUMERO ESCE IL 28 febbraio

Sommario
numero 87febbraio 2017

rubriche
6Foto storica
Uno scatto storico di Erich Salomon,
“il re degli indiscreti”
38Lettura portfolio
I nostri professionisti commentano
alcune delle migliori foto dei lettori
50

8Arte & cultura


Gli eventi, le mostre e i libri
più interessanti del momento
50Storytelling
Il sensazionale reportage
di Michele, protagonista: l’orso bruno

16Intervista
Albertina D’Urso, reporter milanese,
ci racconta il suo progetto “Out of Tibet”
54Analisi tecnica
Lettura critica degli scatti
più interessanti inviati dai lettori

24Canon vintage
84 anni fa iniziava l’epopea
di Canon: riviviamo la sua storia
94Il Canonista
Novità, curiosità e workshop
dal marchio più iconico della fotografia

4 | Photo Professional
approfondimenti Hanno collaborato a questo numero di
26Fotografo in 48 ore
Un intenso weekend di fotografia 74Scatti in notturna
Segui i nostri consigli e non sbaglierai
Photo Professional Canon Edition
per scoprire tutto della tua reflex mai uno scatto dopo il tramonto
Massimiliano Roberta
56Photo Social
Le foto più belle che ci avete
mandato tramite la nostra pagina Facebook
78I migliori HDR
I software migliori per la realizzazione
di immagini in High Dynamic Range
Zagaglia
è alla continua
ricerca di nuovi
argomenti per
Tempesta
Raccoglie
le domande
e le necessità
rendere il giornale dei lettori per
sempre più passarle alla
appassionante redazione

Nicolò Alberto
Digiuni Azzoni
La nostra “mano”, Il nostro ingegnere
la persona sempre pronto
che si occupa a rispondere
di mettere in pagina ai tanti quesiti
i contenuti tecnici
della testata che ci inviate

Mauro Amedeo
74 Fabbri Novelli
Da sempre Fotografo
attento e giornalista
all’evoluzione professionista,
del mondo commenta le foto
imaging, cura dei lettori per

hardware e trucchi Il Canonista aiutarli a migliorarsi

Albertina Matteo
58L’arte della seduzione
Impara la fotografia di boudoir,
un “semi-nudo” seducente e mai volgare
70 Basta foto mosse!
Scopriamo lo strumento Riduzione
effetto mosso di PS Elements 14
D’Urso
La reporter milanese
ci racconta il suo
progetto sulle orme
Macchiavello
Molto versatile, ha
pubblicato in tutto il
mondo. La sua firma
di un popolo senza è su molte campagne

62Con la calma si fa tutto


Realizza una lunga esposizione
del mare, poi convertila in bianco e nero
72Giù la maschera
Usa le maschere per interventi precisi
sulle regolazioni tonali con Lightroom
terra: il popolo
tibetano
italiane. Specialista
del ritratto

ABBONATI ALLA
66Tre è il numero perfetto
Scatta un trittico artistico in b/n
da appendere alla parete del tuo salotto
80Supertest
Quattro reflex entry level a confronto:
quale sarà la migliore della nostra prova?
VERSIONE DIGITALE
A SOLI 14,90

DURATA ABBONAMENTO 1 ANNO

69Fai splendere le foto 92Listino


solo per
www.sprea.it/digital PC e Mac

Un modo semplice e veloce per Tutte le Canon disponibili sul mercato


regolare esposizione e contrasto con l’ALO con i loro prezzi e le loro caratteristiche
Vuoi diventare
apprendista?
58 Vai su

www.spreafotografia.it/photoprofessional
www.spreafotografia.it

Photo Professional | 5
Foto storica

6 | Photo Professional
Parigi 1931
“Eccolo! Il re
degli indiscreti!”
Aristide Briand
indica Erich Salomon

C
o n l ’ i n ve n z i o n e d e l -
la fotografia e la sua
applicazione alla crona-
ca il personaggio più
detestabile per le perso-
nalità pubbliche divenne
rapidamente il fotocroni-
sta. Una frase riportata dai
giornali poteva essere giustifi-
cata come “fraintesa” o "fuori
contesto”, ma era molto più
difficile smontare un’immagi-
ne. L’occhio indiscreto della
macchina fotografica cristal-
lizzava per sempre momenti
altrimenti nascosti. Eppure,
proprio per questo, gli scatti di
Erich Salomon contribuirono a
rendere più reali le personali-
tà politiche, tolte dalla rigidità
dei ritratti ufficiali, restituendo-
le all’espressività più vera della
vita. Riuscendo a fotografare
alla luce naturale, così da non
essere scoperto dal lampo del
flash, passando inosservato e
nascondendosi tra i presenti,
Salomon scattò immagini
indiscrete di incontri politi-
ci internazionali, mostrando
i momenti di relax e stanchez-
za, le conversazioni a voce
bassa tra rappresentanti gover-
nativi e tutto ciò che altrimenti
non si sarebbe visto. È pro-
prio per questo che al suo stile
verrà dato il nome di “candid
camera”: una fotografia sin-
cera che, a chi la guardava,
dava la sensazione di essere
dalla stessa parte del mirino
dell’apparecchio fotografico. Il
fotografo, con Salomon, diven-
ta parte del pubblico, non più
solo testimone accreditato. In
questo scatto Aristide Briand,
politico e diplomatico france-
se, scherzosamente mostra agli
altri presenti dove è nasco-
sto "l'intruso" Salomon, che
non perde l’occasione per
una delle sue immagini più
celebri.

Photo Professional | 7
ARTE &C U LT U R A

Denis Curti - EDITORIALE Fino al 19 febbraio 2017 MILANO

Gli Americani
Forma Meravigli
Via Meravigli 5

fotografie 20123 Milano

di Robert Frank
Ingresso: 8 euro
a breve termine E-mail: info@formafoto.it
Web: www.formafoto.it
«Non colui che ignora l’alfabeto, bensì colui che
ignora la fotografia sarà l’analfabeta del futuro».
L. Moholy-Nagy

Queste parole potrebbero sembrare profeti-


che se pensiamo che Lazlo Moholy-Nagy è
stato un fotografo e pittore che operò all’in-
terno del Bauhaus tedesco tra il 1925 e il
1933. L’artista ungherese, già all’epoca, aveva
intuito la grande potenzialità della fotografia
e il suo futuro sviluppo come linguaggio del-
la modernità, teoria che ha ben spiegato nel
suo fondamentale trattato Pittura, Fotografia,
Cinema del 1925.

A distanza di poco meno di un secolo possia-


1
mo affermare con certezza che le immagini
sono a tutti gli effetti alla base della comu-
nicazione contemporanea, un linguaggio
universale comprensibile in ogni angolo della
terra, il simbolo più efficace e condiviso della
nostra società globalizzata.

Per la sua capacità di poter cogliere un istante Alla galleria Forma Meravigli, per la prima volta a Milano,
irripetibile, la fotografia ha assunto, nel tem- un'occasione imperdibile per scoprire il grande fotografo
po, il ruolo di testimone dei più importanti
eventi storici. Dal secondo dopoguerra in poi
scatti come quelli di Margaret Burke-White
dei prigionieri del campo di concentramento
«Q uella folle sensazione
in America, quando
il sole picchia forte sulle
reportage realizzando ritratti
sfuocati, mossi, fotografie dai
tagli apparentemente casuali
di Buchenwald del 1944, The Burning Monk strade e ti arriva la musica ma che in realtà, con cruda
di Malcom Browne del 1963 e Napalm Girl di un jukebox o quella di un consapevolezza, traducono
di Nick Ut del 1972, solo per citarne alcuni funerale che passa. È que- lo spirito dell'America dell'e- © Robert Frank
esempi, oltre ad entrare con forza nel nostro sto che ha catturato Robert poca. ■ da Gli Americani8
immaginario collettivo, hanno inciso sul Frank nelle formidabili foto
percorso della nostra storia recente cam- scattate durante il lungo
biandone lo svolgimento. v i a g g i o a t t rave rso q u a l -
cosa come quarantotto stati
Ad oggi, tuttavia, non possiamo fare a meno su una vecchia macchina di
di osservare che, nella nostra epoca carat- seconda mano».Attraverso
terizzata dal linguaggio delle immagini, le le sue parole Jack Kerouac
fotografie fanno fatica a storicizzarsi ha saputo dipingere un’im-
come accaduto, invece, agli scatti-icona che magine completa e profonda
ho appena citato sopra. dell’anima delle fotografie di
uno dei protagonisti della beat
Sembra quasi che la nostra sia una memoria generation. È il 1955 quando il
fotografica a breve termine, dove ogni gior- giovane Robert Frank ottiene
no le immagini appena registrate prendono il una borsa di studio dalla Fon-
posto di quelle di ieri, che si ritrovano ineso- dazione Guggenheim per
rabilmente sostituite. realizzare un lavoro fotogra-
fico che racconti l'America.
Le immagini non trovano il tempo di matu- Le strade infinite, i volti delle
rare storia o di creare dibattito intorno al persone, le piazze delle città,
loro significato, provocando così un diffuso e i bar e i negozi, i marciapiedi,
precoce oblio che non lascia spazio alla rifles- i particolari più insignificanti
sione, ma solo ad una generale dimenticanza. vengono immortalati dall’au-
tore che ha rivoluzionato il
linguaggio tradizionale del

8 | Photo Professional
numero

il fotografo
290 Agenzia Picwant mobile photography | Giuseppe Corbetta omaggio a Gabriele Basilico | Camera Torino
febbraio

il fotografo
in collaborazione con
Robert Mapplethorpe | profilo d’autore storie, talenti e immagini
dal servizio L’anticonformista senza tempo

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - Prezzo e codice a barre in IV di copertina

DennisSpeight 1983 ©The Robert Mapplethorpe Foundation


Francesco Radino Daniele Cametti Aspri Enrico Smerilli
La sociologia dello sguardo Fotografia a chilometro zero Interferenze visive

Gabriele Lopez Lorenzo Grifantini Michele Cera


Creatività e Wedding Photography Photo Vogue e street photography Ciò che sta per scomparire

Cop_001_IF290perfoundation.indd 1 23/12/16 09:28

MOSTRE DA VISITARE AMSTERDAM VENEZIA


Fino all’11 febbraio 2017 Hiroshi Sugimoto Artico
BRUNO CATTANI “CAROUSEL”
VisionQuesT Contemporary Photography,
Piazza Ivrea 4R, Genova
Black Box Ultima Frontiera
Fino al 12 febbraio 2017
ARAKI AMORE
I
Fino all’8 marzo 2017
Foam Fotografiemusem
Keizersgracht 609
celebri scatti della
serie Seaside di
Hiroshi Sugimoto,
I
Fino al 2 aprile 2017
Casa dei Tre Oci
Fond. delle Zitelle 43
l fotografo Paolo
So l a r i Boz z i ci
accompagna in uno
Galleria Carla Sozzani Amsterdam dallo scorso 15 dicem- 30133 Giudecca– Venezia straordinario viag-
Corso Como 10, Milano bre, sono in mostra gio alla scoperta dei
al Foam di Amsterdam insieme ad altrettanti suggestivi e impervi paesaggi di ghiaccio che
capolavori del fotografo giapponese. Attra- si estendono tra la Groenlandia, l’Alaska, la
verso trentaquattro opere di grande formato Siberia e l’Islanda. Le centoventi immagini che
provenienti, tra gli altri, dai progetti Dioramas, compongono la mostra hanno come obiettivo
Theatres e alcuni recenti lavori, il curatore dell’e- quello di sensibilizzare il pubblico in difesa di
sposizione Philip Larratt- Smith vuole ricostruire uno degli ultimi ambienti non ancora sfruttati
e indagare la visione di un uomo che, lungo la sua dall’uomo contro l’imminente pericolo del riscal-
carriera, ha tratto l'ispirazione per i suoi lavori damento globale, mettendo in luce i temi della
dal surrealismo di Marcel Duchamp come sostenibilità ambientale. Accanto alle potenti
dall’architettura modernista del XX secolo, per immagini di una natura potente e al contempo
creare immagini di forte significato filosofico e così fragile, tre documentari arricchiscono il rac-
concettuale. ■ conto delle regioni del Nord e delle popolazioni
Fino al 12 febbraio 2017 Inuit: SILA and the Gatekeepers of the Arctic, rea-
GIOCHI PERDUTI. FOTOGRAFIE, BALOCCHI lizzato dalla regista e fotografa svizzera Corina
E RACCONTI ALLA RICERCA DI UN TEMPO Gama nel 2015; Chasing Ice, diretto nel 2012 dal
PERDUTO giovane film-maker americano, Jeff Orlowski; Ice
Centro Culturale Candiani Hunters, prodotto nel 2015 da un team ceco-sta-
Piazzale Candiani 7, Mestre tunitense. ■

Fino al 12 febbraio 2017


AROUND AI WEIWEI PHOTOGRAPH
1983-2016
Camera, Centro italiano per la fotografia
Via delle Rosine, 18 Torino
www.camera.to

Fino al 14 febbraio 2017


VERSO IL MEDITERRANEO. SEZIONI
DEL PAESAGGIO DA SALERNO A REGGIO PARIGI VALLE D'AOSTA
CALABRIA
Istituto Centrale per la Grafica, Palazzo Poli Joel Meyerowitz Icônes
Taking my time (Part. 2) Robert Doisneau
Via Poli 54, Roma

Fino al 26 febbraio 2017


HENRI CARTIER BRESSON FOTOGRAFO
Villa Reale
Viale Brianza 2, Monza
L
Fino al 4 marzo 2017
Polka Galerie
12 rue Saint-Gilles
a galleria Polka di
Parigi, dopo il suc-
cesso della prima
L'
Fino al 1 maggio 2017
Forte di Bard
11020 Bard
Associazione Forte
di Bard in collabo-
razione con l’Atelier
www.villarealedimonza.it 75003 Parigi parte della mostra Valle d’Aosta Ro b e r t Do i s n ea u di
di Joel Meyerowitz Parigi presentano un’i-
Fino al 12 marzo 2017 Taking My Time, dal 7 gennaio al 4 marzo pre- nedita selezione di fotografie realizzate da uno
PAOLO MONTI. Fotografie 1935-1982 senta la seconda parte di questa approfondita dei più grandi maestri della fotografia di tutto
Castello Sforzesco retrospettiva sul fotografo americano. il Novecento. Un percorso a trecentosessanta
Piazza Castello, 20121, Milano Autobiografica e meditativa, l’esposizione è un gradi per ricostruire la carriera del fotografo fran-
viaggio nella memoria - ma soprattutto nella cese partendo dal celebre scatto del 1950 Le
Fino al 26 marzo 2017 mente - di baiser de l’Hôtel de
FRIDA KAHLO un’artista che Ville, fino alla ritratti-
Palazzo Albergati grazie alla sua stica dei grandi artisti
Via Saragozza 28, Bologna sensibilità si è coevi come Pablo
reso testimone Picasso, Alberto Gia-
Fino al 2 aprile e grande inter- cometti e Jacques
THE SHOW BOOGIE BLOW YOUR MIND prete dei temi Prévert, passando
Magazzini Fotografici più recenti della attraverso la vita e gli
Largo Proprio D’Avellino 4, Napoli fotografia con- scorci delle strade di
temporanea. ■ Parigi. ■

Photo Professional | 9
ARTE &C U LT U R A

Indirizzo: Vicolo San Faustino 2 Musei italiani Indirizzo: Stadsgårdshamnen 22 Musei nel mondo
Brescia
Orario: lun. e ven. chiuso Museo Nazionale 11645 Stockholm, Svezia
Orario: aperto tutti i giorni Concorsi
Tel: 03049137
E-mail: della Fotografia dalle ore 9 alle ore 23
E-mail: info@fotografiska.eu di Fotografiska
museobrescia@museobrescia.net
Web: www.museobrescia.net CineFotoClub Tel.: +46 8 509 005
Web: www.fotografiska.eu Stockholm
N e l 1 9 5 3, d a u n ’ i d ea d i
A l b e r to So r l i n i , n a sce
l’Associazione Fotografica
F ondato a Stoccolma nel
maggio 2010, nel giro di
pochissimi anni il museo si è
Culturale Cinefotoclub. Sin affermato tra i più importanti
da subito l’Associazione si centri di fotografia contem-
adopera per creare un museo poranea del mondo.
italiano di fotografia acqui- Situato a Stadsgården, vec-
sendo materiale da esporre c h i a zo n a i n d u st r i a l e n e l
nella prima sede di Corso cuore della “città tra i ponti”,
Zanardelli. Nel 1983 viene l’edificio è un’ex-dogana del
trasferito al Palazzo Caprioli 1906 in puro stile Art Nou-
per poi passare alla sua sede ve a u c h e h a c o n s e r v a t o
attuale nel 1995. intatta la tipica facciata in
Il percorso espositivo, svi- mattoncini rossi. Grazie a
luppato in quattro sezioni, è un innovativo programma di
stato pensato per ricostru- alla sua collezione perma- corsi, workshop e master- Oltre alle normali attività, ogni
ire la storia della fotografia nete, il Museo ospita un ricco class, ha assunto un ruolo anno il museo promuove un
e del cinema attraverso la programma di mostre tem- di primo piano nella cultura concorso fotografico aperto
conservazione di appa- poranee, organizza corsi di contemporanea, arrivando ad a tutti e al quale partecipano
re cc h i a t u re d ’e p o c a , d a i fotografia e accoglie nelle sue ospitare nelle sue sale le foto- numerosi autori semi-profes-
primi esperimenti come la sale un’ampia biblioteca con grafie di autori internazionali sionisti valutati da una giuria
camera oscura cinquecen- più di ottomila volumi foto- come Annie Leibovitz, David composta da cinquanta pro-
tesca ai giorni nostri. Oltre grafici e cinematografici. ■ LaChapelle e Nick Brandt. fessionisti del settore. ■

BOOK SHOP TORINO

Yokainoshima Fino all'11 febbraio


Galleria Franco Noero Robert giudicato, ha cambiato la maniera di interpretare
la fotografia e lo sguardo sul corpo umano. Il suo

P resentato in mostra all’ultima


edizione del festival Les Ren-
contres d’Arles, Yokainoshima
Via Mottalciata
10/b,Torino Mapplethorpe occhio estetico e la sua vasta cultura visiva sono
state le armi con cui è riuscito ad abbattere i tabù
della violenza, dell’omosessualità e delle relazioni
è una rappresentazione, frutto
dell’immaginazione dell’au-
tore, delle paure e dei timori
A lla Galleria Franco Noero arriva per la prima
volta, a Torino, la personale dell’artista statu-
nitense, fra i più discussi e controversi fotografi
interraziali nell’America degli anni Ottanta.
In mostra i suoi celebri scatti in bianco e nero, i
ritratti, i nudi maschili e femminili, le nature morte
dell’uomo, che, fin dalla notte dell’avanguardia americana, realizzata in collabo- e le riflessioni sull’intimità: una panoramica com-
dei tempi, ha avuto il bisogno razione con la Robert Mapplethorpe Foundation. pleta sul lavoro di Mapplethorpe che racchiude
di esorcizzare razionalmente Pioniere di un linguaggio artistico inedito e spre- tutte le tematiche principali della sua opera. n
attraverso la loro personifica-
zione. Il progetto è sviluppato
formalmente come una sorta
di catalogazione, ricordando, in
diversi punti, il lavoro di August
Sanders, People of the Twen-
tieth century. n

Titolo:
Yokainoshima
Autore:
Charles Fréger
Uscita: 2016
Prezzo: 24,95
sterline
Editore: Thames
& Hudson
Pagine: 255

10 | Photo Professional
ABBONATI SUBITO!
sconto
7%
del

39, 00€ invece


di 46,80€
1 a
1 um
o
nn eri numero

il fotografo
290 Agenzia Picwant mobile photography | Giuseppe Corbetta omaggio a Gabriele Basilico | Camera Torino
febbraio

n il fotografo
12
Robert Mapplethorpe | profilo d’autore storie, talenti e immagini
dal servizio L’anticonformista senza tempo

Potrebbero

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - Prezzo e codice a barre in IV di copertina
interessarti

Dennis Speight 1983 © The Robert Mapplethorpe Foundation


anche: Francesco Radino Daniele Cametti Aspri Enrico Smerilli
La sociologia dello sguardo Fotografia a chilometro zero Interferenze visive

Gabriele Lopez Lorenzo Grifantini Michele Cera

VERSIONE
Creatività e wedding photography Photo Vogue e street photography Ciò che sta per scomparire

DIGITALE IN Il Fotografo Professional Photo Canon n°3


€ 49,49 sconto del 30% € 9,90 su www.sprea.it
OMAGGIO!

Sei già abbonato? Rinnova ora! Per te c’è uno SCONTO del 22% (3 numeri omaggio)
se sei iscritto alla Community per te un’incredibile offerta 35,00€ invece di 46,80€

Perché abbonarsi: COUPON DI ABBONAMENTO


• Prezzo della rivista bloccato per un anno
• Sicurezza di ricevere tutti i numeri Sì! Mi abbono a Photo Professional
Riceverò 12 numeri a soli 39,00 euro anziché 46,80 euro con lo sconto del 17%
Tagliare lungo la linea tratteggiata - Puoi anche fotocopiarlo per non rovinare la rivista

SCEGLI il metodo più ❏ Inviate Photo Professional al mio indirizzo:


Cognome e Nome
comodo PER ABBONARTI:
Via N.
chiamaci e attiveremo insieme
Località
il tuo abbonamento CAP Prov.
•TELEFONA al N. 02 87168197
Tel. email
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle13,00 e dalle14,00 alle ❏ Scelgo di pagare così:
18,00. Il costo massimo della telefonata da linea fissa è pari Con bonifico IBAN IT40H0760101600000091540716- intestato a Sprea Spa
a una normale chiamata su rete nazionale in Italia. Con il bollettino intestato a Sprea S.p.A. via Torino 51, 20063 Cernusco S/Naviglio (MI)
conto postale N° 000091540716
•ONLINE www.photoprofessional.it/abbonamenti
Con carta di credito: Visa American Express Diners Mastercard
•FAX invia il coupon al N. 02 56561221 Numero
•POSTA Ritaglia o fotocopia il coupon seguendo le Codice di tre cifre che appare
istruzioni a lato e inviacelo insieme alla copia della ricevuta di Scad. (mm/aa) sul retro della carta di credito
pagamento via fax o mail (abbonamenti@photoprofessional.it). Firma
• Contattaci via Skype/WhatsApp ❏ Regalo Photo Professional (quindi non speditelo al mio indirizzo sopra) a:
Cognome e Nome
abbonamenti.sprea 3206126518 Via N.
(valido solo per i messaggi)
Località CAP Prov.
Informativa ex Art.13 LGS 196/2003. I suoi dati saranno trattati da Sprea SpA, nonché dalle società con essa in rapporto
di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 c.c. titolari del trattamento, per dare corso alla sua richiesta di abbona- Tel. email
mento. A tale scopo, è indispensabile il conferimento dei dati anagrafici. Inoltre previo suo consenso i suoi dati potranno
essere trattati dalle Titolari per le seguenti finalità: 1) Finalità di indagini di mercato e analisi di tipo statistico anche al
fine di migliorare la qualità dei servizi erogati, marketing, attività promozionali, offerte commerciali anche nell’interesse
Il beneficiario del tuo abbonamento riceverà una mail dove gli verrà comunicato il regalo
di terzi. 2) Finalità connesse alla comunicazione dei suoi dati personali a soggetti operanti nei settori editoriale, largo
consumo e distribuzione, vendita a distanza, arredamento, telecomunicazioni, farmaceutico, finanziario, assicurativo,
automobilistico e ad enti pubblici ed Onlus, per propri utilizzi aventi le medesime finalità di cui al suddetto punto 1) e Compila, ritaglia e invia questo coupon in busta chiusa a:
2). Per tutte le finalità menzionate è necessario il suo esplicito consenso. Responsabile del trattamento è Sprea SpA via
Torino 51 20063 Cernusco SN (MI). I suoi dati saranno resi disponibili alle seguenti categorie di incaricati che li tratteran- Sprea Spa - Servizio abbonamenti - Via Torino 51, 20063 Cernusco Sul Naviglio (MI)
no per i suddetti fini: addetti al customer service, addetti alle attività di marketing, addetti al confezionamento. L’elenco
aggiornato delle società del gruppo Sprea SpA, delle altre aziende a cui saranno comunicati i suoi dati e dei responsabili
potrà in qualsiasi momento essere richiesto al numero +39 0287168197 “Customer Service”. Lei può in ogni momento
oppure invialo via mail
e gratuitamente esercitare i diritti previsti dall’articolo 7 del D.Lgs.196/03 – e cioè conoscere quali dei suoi dati vengono Accetto di ricevere offerte promozionali e di contribuire Accetto che i miei dati vengano comunicati
trattati, farli integrare, modificare o cancellare per violazione di legge, o opporsi al loro trattamento – scrivendo a Sprea con i miei dati a migliorare i servizi offerti (come specificato a soggetti terzi (come indicato al punto 2
SpA via Torino 51 20063 Cernusco SN (MI).
al punto 1 dell’informativa privacy): ❏ SI ❏ NO dell’informativa privacy): ❏ SI ❏ NO

OFFERTA VALIDA SOLO PER L’ITALIA


PP 87
ARTE &C U LT U R A

Sede Didattica: Via delle Belle Arti SCUOLE Sede Didattica: Spazio Tangram CORSI
54, Bologna
Partenza: ottobre, durata 2 anni Accademia Via Bonito 21/b, Napoli
Partenza: 13 febbraio 2017 Corso Base
Diploma accademico di II livello
Crediti: 120 di Belle Arti Durata: 18 incontri, 350 euro
Web: www.spazio-tangram.it di Fotografia
email: fotografia@ababo.it
www.ababo.it/ABA/ di Bologna Tel.: 339.2029153
E-mail: info@spazio-tangram.it a Napoli
I l fotografo Mario Ferrara
guida un corso di foto-
grafia base, promosso dallo
stico degli autori più
rappresentativi della sto-
ria della fotografia, per
spazio Tangram di Napoli, permettere di comprendere
per tutti coloro che muovono il panorama autoriale foca-
i primi passi con lo stru- lizzando l’attenzione sulla
mento fotografico e vogliono fotografia contemporanea
approfondirne i suoi aspetti mediante proiezioni di imma-
fondamentali. gini, documentari e analisi di
Il percorso didattico, sud- fotolibri. Nella sua fase finale,
diviso in tre fasi, sarà il corso affronterà le proble-
caratterizzato da un primo matiche per la gestione e
momento tecnico sul mezzo l’elaborazione del file digitale.
s e g u i t o d a u n a p p ro fo n - Un corso imperdibile per chi
d i m e n to te o r i co i n c u i s i si vuole avvicinare al mondo
analizzerà il percorso arti- magico della fotografia. ■

LA SCUOLA. L’Accademia di I C O R S I . I l B i e nnio spe- Dove: Bottega Immagine WORKSHOP


Belle Arti di Bologna è un’i-
stituzione di alta formazione
cialistico prevede oltre a
insegnamenti prettamente
Via Carlo Farini, 60
20159 Milano Street
artistica tra le più longeve d’I-
talia: la sua fondazione risale
tecnici, come il Laboratorio di
camera oscura o il corso di Ela-
Quando: 11-12 marzo
Costo: 221,31 euro IVA esclusa Photography
al 1710. Tra le diverse discipline
insegnate troviamo anche la
fotografia, che si può stu-
borazione digitale, una serie di
esami concentrati sulla teo-
ria e la storia della fotografia,
E-mail: info@bottegaimmagine.it
Web: www.bottegaimmagine.it a Venezia
diare al Triennio di Fotografia,
Cinema e Video e approfon-
dire al Biennio specialistico
elementi fondamentali per
comprendere la complessità di
questo linguaggio e di questa
L ’università IUAV di Vene-
zia organizza un master
dedicato totalmente alla pra-
grafia e alla sua evoluzione
storica, anche in relazione alla
produzione artistica contem-
in Fotografia. Quest’ultimo è pratica. Di rilievo anche il corso tica fotografica. Obiettivo del poranea. ■
un corso di studi pensato per di Catalogazione e gestione corso è quello di creare una
chi vuole acquisire una pre- degli archivi fotografici che figura professionalmente
parazione nei diversi aspetti introduce alle metodiche rela- completa, capace di un’auto-
della pratica e della teoria tive alla conservazione del nomia autoriale e di coordinare
fotografica. Lo scopo prima- patrimonio fotografico. Il col- le varie fasi di un progetto a
rio è quello di permettere agli legamento con realtà museali partire dallo sviluppo dell’idea
studenti di affrontare le nume- e professionali avvicina al iniziale fino alla realizzazione di
rose applicazioni permesse mondo del lavoro e offre la pos- pubblicazioni e libri fotografici.
dalla natura della fotografia, sibilità di sperimentare nella Il programma si svolge attra-
da quelle più professionali a pratica quanto appreso nelle verso diversi moduli didattici
quelle artistiche. aule dell’Accademia. ■ dedicati alla tecnica della foto-

Il libro illustrato
Un Paese di Cesare Zavattini Testo di Cesare Zavattini, Foto-
grafie di Paul Strand, editore
Giulio Einaudi (Torino,1955).
Paul Strand incontra Cesare Zavattini nel 1949 a Perugia durante il Con-
Collana Italia mia diretta da
vegno Internazionale dal titolo Il Cinema e l’uomo moderno. L’idea Cesare Zavattini. 29,5x23,5
di dare avvio a un progetto comune di un fotolibro in cui si uniscono in un cm. 104 pp. Legatura rigida
dialogo creativo immagini e parole si concretizzerà nel 1955 con la rea- cartonata con titoli al dorso,
lizzazione del primo volume di Italia mia, collana che Zavattini propone a sovraccoperta illustrata foto-
graficamente. 86 fotografie in
Einaudi in una nuova sintesi formale tra film e libro. Dopo molte incertezze nero, stampate in rotocalco
Zavattini indica, come soggetto, Luzzara, suo paese natale, dove intervista presso lo stabilimento Amilcare
gli abitanti e costruisce le didascalie del libro dai racconti della loro vita. Pizzi, Milano.

12 | Photo Professional
Dusseldorf Photo Weekend 2017 EVENTI FESTIVAL E APPUNTAMENTI
Dal 3 al 5 febbraio
Ehrenhof 2, 40479, Düsseldorf Nuove tendenze Dal 10 settembre al 5 febbraio 2017
Tel.:+49 (0)211 328020
E-mail: al Düsseldorf Photo Weekend TAIPEI BIENNAL 2016
Taipei
kontakt@duesseldorfphotoweekend.de
Web: www.duesseldorfphotoweekend.de con due esposizioni www.taipeibiennal.org

Dal 27 ottobre fino al 26 febbraio 2017


Singapore Biennale 2016
www.singaporebiennale.org

Dal 12 al 14 febbraio 2017


Mopla 2017
Los Angeles Month of Photography
www.monthofphotography.com

Dal 8 al 12 febbraio 2017


Haute Photographie Rotterdam
www.hautephotographie.nl

CONTEST e WORKSHOP

3-4-5 febbraio 2017


Il mondo nuovo. Workshop con
Alessandro Calabrese
www.officinefotografiche.org

Dal 3 al 5 febbraio che ha luogo al NRW-Forum , dedicato alle letture portfolio


fotografi, galleristi, sarà inaugurato con l’apertura di coloro che vorranno sotto-
curatori e appassionati si delle mostre Peter Lindberg porre il proprio lavoro al giudizio
/ Garry Winogrand: Women di esperti e curatori. Inoltre per
incontrano in Germania on Street e Thomas Mailän- questa edizione è stata pen-
per un lungo fine der: The Fun Archive, che sata una mostra collettiva con
settimana interamente saranno aperte al pubblico fino i migliori progetti presentati
dedicato all’immagine al 30 aprile. La mostra Women durante i portfolio review delle
on Street, oltre a dare la pos- precedenti edizioni. L’esposi-

P er il sesto anno consecutivo


la città della Renania acco-
glie il mondo della fotografia
sibilità di riscoprire due grandi
nomi della fotografia mondiale,
presenterà al pubblico delle
zione ha come scopo quello di
offrire uno sguardo all’interno
delle della cultura fotografica
4 febbraio 2017
Lettura Portfolio al Düsseldorf Photo
che celebra la sua storia alla inedite fotografie a colori di contemporanea e di scoprire i Weekend
ricerca delle nuove tendenze. Il Winogrand scattate tra il 1950 temi e i metodi che caratteriz- www.duesseldorfphotoweekend.de
Photo Weekend di Düsseldorf, e il 1960 e mai esposte prima zano la nuova generazione di
nel tempo, ha raccolto un cre- d’ora. La seconda mostra The artisti. Nel Photo Book Salon Dal 4 al 5 febbraio
scente successo di pubblico, Fun Archive è la prima grande si potranno acquistare le pro- Workshop One Day with Le Turk
arrivando ad essere conside- retrospettiva in Germania sul duzioni di 15 case editrici e una www.photographymasters.com
rato come una delle realtà più fotografo francese Thomas selezione di lavori selezionati dal
importanti nello scenario cultu- Mailänder. Come nelle prece- Paris Photo-Aperture Founda- Entro il 28 febbraio
rale tedesco. L’edizione del 2017, denti edizioni, il 4 febbraio sarà tion Photobook Award. ■ Concorso fotografico I Luoghi del
Gusto
www.arciliberamente.it

L'oggetto storico Entro il 15 febbraio 2017


Concorso Siena International
La prima FOTOCAMERA usa e getta Photography Awards
www.sipacontest.com
È il 1986 e la Fuji lancia sul merca- versione realizzata era dotata di una pel-
to la prima macchina fotografica usa licola da 24 o 36 pose da 35 millimetri e Fino al 6 marzo
e getta dando così il via ad una vera e una lente con diaframma molto chiuso Premio Belfast Photo Festival 2017
propria rivoluzione culturale. Il nuovo per ottenere la migliore messa a fuoco www.belfastphotofestival.com
apparecchio rendeva la fotografia più possibile. Grazie al suo grande succes-
accessibile anche a coloro che non erano so, l’anno successivo, venne messa sul 11-12 marzo 2017
così esperti del mezzo, amplificando- mercato una nuova versione della mac- Workshop Street Photography con
ne sensibilmente la diffusione. La prima china usa e getta dotata anche di flash. Daniele Tamagni
www.bottegaimmagine.it

Photo Professional | dicembre 2016 | 13


ARTE &C U LT U R A

Personaggi da ricordare Accadde in febbraio

L’uomo che rese nasce Oliviero Toscani


28 febbraio 1942 a Milano nasce creativo, nel 1982 ha inizio la sua ven-

accessibile la fotografia il fotografo Oliviero Toscani. Una


carriera straordinaria fatta di pro-
vocazioni e intuizioni geniali. Figlio
d’arte, il padre Fedele Toscani fu il pri-
tennale e fortunata collaborazione
con il marchio italiano Benetton, ride-
finendone totalmente la sua identità.
Le sue campagne pubblicitarie furo-
«Voi premete il pulsante, noi facciamo tutto il resto»
mo fotoreporter per il Corriere della no dei veri e propri slogan politici,
George Eastman inventò la pellicola e rese Sera. Grazie al suo immaginario irri- con cui Toscani attraverso immagini
la fotografia una possibilità concreta per tutti verente e al suo talento visionario, provocatorie e taglienti, denuncia-
riconosciuto sia in Italia che all’este- va le ipocrisie e rompeva i tabù della

S
e Daguerre
ha rega-
lato al mondo
distese su una lastra di vetro
ricoperta di gelatina. Nel 1880
fondò la sua società in cui investì
ro, i suoi editoriali sono apparsi sulle
più grandi testate giornalistiche di
moda come Elle, Vogue, GQ, Harper’s
società del periodo. Nel 1990 fon-
da la rivista Colors mentre nel 1993
apre Fabrica, centro internazionale
la fotografia, tutti i risparmi e poco dopo lasciò Bazaar ed Esquire. Non solo un sem- per le arti e la comunicazione, insie-
George East- il suo posto in banca. Il salto di plice fotografo ma un vero e proprio me a Luciano Benetton.
m a n l a re s e qualità fu determinato dall'intro-
accessibile duzione del cosiddetto negativo
George Eastman a tutti. Nato Eastman, un'emulsione su carta
a Wa t e r v i l l e che con l'applicazione di olio di
nel 1854, grazie al suo talento ricino diventava abbastanza tra-
di sperimentatore tecnico e sparente consentendo la stampa
alle sue capacità imprendito- della fotografia. Nel 1888 lanciò
riali diede vita alla Eastman Dry sul mercato la Kodak, una foto-
Plate Company. Fu lui che sosti- camera a costo relativamente
tuì le ingombranti lastre con basso, già caricata con un rotolo
maneggevoli caricatori di pelli- di pellicola per cento pose, il cui
cola, rivoluzionando il mercato enorme successo determinò nel
della fotografia e del cinema 1892 il cambiamento del nome
attraverso l’introduzione del for- dell'azienda in Eastman Kodak
mato standard della pellicola da Company. n
35 mm. Fotografo dilettante, nel
1877 trascorreva parte del suo
muore Gabriele Basilico
tempo libero a sperimentare 13 febbraio 2013 muore a Mila- tavia, è soltanto con il reporatge
nuove soluzioni tecniche. All'e- no, all’età di sessantanove anni, il sulla città di Beirut nel 1991 che rag-
poca veniva usata per le lastre fotografo Gabriele Basilico. Dopo giunge la consacrazione della sua
un'emulsione fluida, che ren- essersi laureato al Politecnico di fama internazionale. Al progetto
deva macchinosa la pratica della Milano si dedica completamente libanese, realizzato per testimo-
fotografia. Sin dal 1879 Eastman alla fotografia. Sebbene sia rico- niare la distruzione di quindici anni
sperimentò emulsioni asciutte, nosciuto come uno dei più grandi di guerra civile nel Paese, parte-
fotografi di paesaggi urbani, all’i- cipa al fianco di grandi nomi della
nizio della sua carriera si dedica fotografia come René Burri, Robert
lo scatto che ha cambiato la storia all’indagine sociale. È a cavallo tra Franck, Joseph Koudelka, Raymond
gli anni Settanta e Ottanta che Depardon e Fouard Elkoury. Nel-
gradualmente l’influenza dei suoi la sua carriera ha pubblicato oltre
studi emerge nelle sue fotografie. sessanta libri fotografici, ricevuto
Il 1984 è l’anno del primo successo numerosi premi internazionali e le
a livello internazionale con il lavoro sue fotografie sono state esposte
Milano. Ritratti di Fabbriche. Tut- in tutto il mondo. ■

5 giugno 1989, Piazza Tian An Men a Pechino. Un giovane senza nome


blocca un convoglio di carrarmati (Jeff Widener, Associated Press).
Scopri di più nel nostro speciale Scatti storici ora in edicola
o prenotalo sul sito www.sprea.it/grandimaestri

14 | Photo Professional
ACQUISTALO
IN EDICOLA
O PRENOTALO SUBITO SU
www.sprea.it/grandimaestri

60 capolavori espressi in immagini


che hanno cambiato
il nostro modo di pensare la fotografia.
Intervista al professionista

albertina d’urso Il vero Tibet non è più

Out of
in Tibet. Una nazione
indipendente con una storia
che risale al 127 avanti Cristo
non esiste più dall’invasione

Tibet
del 1950 a opera della
Repubblica Popolare
Cinese. Dov’è allora il Tibet?
Scopriamolo grazie al lavoro
della reporter milanese
16 | Photo Professional | gennaio 2017
Photo Professional | gennaio 2017 | 17
Intervista

O
ut of Tibet è il racconto di un popolo senza terra e del suo
profondo legame con le proprie origini e tradizioni. Lo
ha realizzato Albertina D’Urso, fotografa di reportage
sociali e umanitari, pluripremiata e con esperienze in tut-
to il mondo. Dieci anni di ricerche e viaggi con la volontà di
ricongiungere i tibetani sparsi nel mondo, dieci anni racchiusi in
un’opera che è il tentativo di dare un volto (e una voce) ai custo-
di di una cultura millenaria grazie a un percorso che ne somma la
quotidianità, gli stati d’animo, i dolori, le speranze.

Raccontaci del tuo progetto del Dalai Lama, oltre a qual-


sul Tibet. Quando hai pensa- che immancabile oggetto del
to al libro? tipico artigianato del Tibet. C’è
«Tutto ha avuto inizio sedici un fortissimo senso di identità.
anni fa con il mio primo viag- Mi ha affascinato, poi, la for-
gio in Asia centrale, quando za di volontà di questo grande
non ero ancora una fotogra- popolo. Sono persone che si
fa professionista, ma solo impegnano moltissimo per rag-
un’appassionata. Visitando giungere una condizione di vita
quelle terre ero rimasta piut- dignitosa. Non ho mai visto un
tosto delusa; mi aspettavo una tibetano chiedere l’elemosina.
realtà diversa, ma già nel 2000 Hanno una grande forza d’a-
si percepiva che la vita nella nimo. Se incontri un tibetano
società tibetana era cambia- in giro per il mondo, è pratica-
ta a causa del controllo della mente certo che lui stesso o al
Repubblica Popolare Cinese. massimo i suoi genitori siano
La gente non parlava. C’era il fuggiti attraversando a piedi
timore di dare confidenza a la catena dell’Himalaya. Non
chi non si conosceva. Poi, nel c’è alternativa per uscire dalla
2005, mentre ero in India per Cina. È un viaggio pericoloso e
un reportage, incontrai una si rischia la vita, camminando
famiglia di tibetani e, raccon- di notte, nella neve alta, a cin-
tando dell’esperienza avuta, mi que o seimila metri di altezza.
dissero di visitare i monasteri Se riescono a superare il con-
costruiti all’interno dei cam- fine, non è infrequente che, a
pi profughi indiani e che, se causa delle tempeste di neve
volevo, avrei potuto conosce- e del freddo, perdano la vista
re dei tibetani che non avevano o abbiano altri gravi proble-
paura di parlare della loro cul- mi per via del congelamento.
tura. Mi recai a Bylacuppe, un Ma quest’ondata è comunque
campo profughi nel Karnataka, continua, e prosegue sotto l’e-
India meridionale. Vidi uomini gida del Dalai Lama. Anche lui è
e donne che indossavano abi- fuoriuscito in maniera illegale».
ti tradizionali e avvicinai dei
monaci liberi di esercitare il Il libro nasce da una sfida che
loro credo. Confortata da que- appartiene molto al mondo
sta visione, mi recai in un altro della fotografia degli ultimi
campo al Nord. Poi, non molto anni. Com’è stata la messa in
dopo, a New York mi ritrovai per opera del crowdfunding?
caso nel mezzo di una manife- «È stata tosta, però emozio-
stazione a sostegno dei diritti nante. C’è stata una bella
dei tibetani. Mi convinsi, allora, partecipazione anche da parte
della necessità di realizzare un degli stessi tibetani. Un campo
progetto su questa diaspora». profughi ha fatto una colletta
in rupie. Si era sparsa la voce.
Che cosa ti affascina di que- Questo libro è come se li riunis-
sto popolo? se in una terra che non hanno,
«Il grande senso di appartenen- pur avendo un governo e un
za con la propria terra d’origine. primo ministro, un leader reli- ROMA, ITALIA
Che sia a Londra, a New York o gioso, delle elezioni, vari capi Rifugiati tibetani e sostenitori gridano
a Roma, un tibetano ha sempre della comunità. I tibetani han- slogan di libertà e sventolano la
in bella mostra l’immagine del no amato questo libro perché loro bandiera nazionale di fronte
Potala (il monumentale palaz- si sono riconosciuti nel raccon- all’ambasciata cinese in occasione del
zo che è stato sede del governo to fotografico. In molti hanno 53° anniversario del Tibetan National
tibetano dal Seicento, ndr) e partecipato alle spese, non solo Uprising Day, il 10 marzo 2012.

18 | Photo Professional
BODH GAYA,
BIHAR, INDIA
Decine di
migliaia di
monaci radunati,
in occasione
del Kalachakra,
davanti al tempio
di Mahabodhi,
dove si dice
che il Buddha
abbia raggiunto
l’illuminazione
sotto il Bodhi
Tree, oltre 2500
anni fa.

DHARAMSALA,
HIMACHAL PRADESH,
INDIA
Come la maggior parte dei
profughi, il diciannovenne
Phuntsok ha affrontato il
terribile attraversamento
dell’Himalaya a piedi.
Durante il viaggio ha perso la
vista a causa delle estreme
condizioni climatiche.
«A Dharamsala, in India,
sono rimasta un intero mese
perché in città c’è la sede
del governo in esilio. Ho
incontrato questo giovane
monaco che ha perso la
vista durante la fuga. Non mi
ha raccontato molto perché
rimaneva spesso assorto
nei propri pensieri. Era
ancora molto scosso».

Photo Professional | 19
Intervista

BODH GAYA, BIHAR, INDIA


Sua Santità il Dalai Lama prega davanti al Mandala
del Kalachatra: fatto di sabbia colorata, l’intricato
Mandala è stato creato dai monaci del monastero
Namgyal. È una lezione sull’impermanenza. Sarà
distrutto una volta completato.

«Fatto in sabbia colorata, il Mandala viene


distrutto dopo la sua lunga creazione.
Una lezione sull’impermanenza»

MUNDGOD, KARNATAKA, INDIA


«L’immagine ritrae una donna tibetana che cucina in
un ospizio a Mungott, nel Nord dell’India. Spesso, nel
campo profughi, gli anziani sono abbandonati a se
stessi. Ci sono alcune infermiere, e chi può si mette a
disposizione degli altri come nel caso della cuoca di
quest’immagine».

Albertina d’Urso Ha esposto in festival e gallerie internazionali Nel 2009 ha pubblicato il libro TI MOUN YO,
Nata in Italia, Albertina d’Urso si dedica da anni a (New York Photo Festival, Festival della Fotografia Children of Haiti (ed. Contrasto). Il suo ultimo
reportage sociali e umanitari in giro per il mondo. Etica, Angkor Photo Festival, Berlin Foto Biennale, libro Out of Tibet è appena uscito con Dewi
Ha ricevuto diversi premi, tra cui il Premio Canon Festival Fotografico Europeo, Forma Centro Lewis Publishing. I suoi lavori sono pubblicati
Giovani Fotografi, il Lens Culture International Internazionale di Fotografia a Milano, Insa Art regolarmente su testate come Marie Claire, Vanity
Exposure Award, il Julia Margaret Cameron Center a Seoul, Speos Gallery a Parigi, VII Gallery Fair, Panorama, L’Espresso, IL, Photo, Vision. Il suo
Award e gli International Photography Awards. a New York). sito internet è www.albertinadurso.com.

20 | Photo Professional
TORONTO, CANADA
«L’immagine è stata realizzata pochi minuti dopo il discorso
del Dalai Lama alla numerosa comunità locale. Questa è una
delle fotografie che preferisco. Si vede un piccolo gruppo di
tibetani in abiti tradizionali mentre stanno mangiando un
hot dog. Sullo sfondo, i grattacieli imperiosi della city. C’è un
forte contrasto, il segno di una convivenza necessaria. Una
condizione che consente di mantenere viva l’identità dei
tibetani senza piegarsi agli stili di vita del Paese ospitante».
BYLAKUPPE, KARNATAKA, INDIA
«Un forte contrasto, segno di una convivenza Namgyal, una ragazza malata di tubercolosi nella sua stanza
in ospedale. Le foto appese non erano sue, voleva cambiarle
necessaria, una condizione che consente con immagini del Tibet ma era troppo debole per farlo.
Namgyal è morta meno di un anno dopo questa fotografia.
ai tibetani di mantenere la propria identità»

tibetani. Sono giunti contribu- offrendo una maggiore sor-


ti dagli Stati Uniti, dall’India e presa nello sfogliarlo. C’è un
dall’Italia, ma anche dalla Nuo- effetto di effervescenza. La pri-
va Caledonia, dalla Nigeria, da ma immagine che si incontra
Hong Kong, da Singapore e dal- riporta il ritratto di un monaco
la Thailandia». di diciannove anni che ha perso
la vista durante la fuga».
Ti è mai capitato che qualcu-
no si negasse al tuo obiettivo? Hai anche avuto la fortuna di
«Mai. Nemmeno alle manife- conoscere il Dalai Lama?
stazioni di protesta. C’è sempre «L’ho incontrato a Milano e in
il timore di ritorsioni verso la quella occasione sono riusci-
PARIGI, FRANCIA famiglia e i parenti che sono ta a consegnargli il libro. Lui ha
Giovani tibetani in esilio in un bar, dove si ritrovano rimasti a casa. Ma il desiderio di scritto la prefazione. Ha voluto
regolarmente, vicino a Place de la Chapelle. essere in prima fila era tale che ricordare il suo stato di rifugia-
il resto appariva secondario». to. Sono stata molto felice di
quelle parole perché consento-
L’editing delle immagini è sta- no di comprendere i sentimenti
to difficile? di un esiliato e le difficoltà che
«Dal termine della produzione si incontrano nel vivere lonta-
all’uscita del libro sono trascor- no dal proprio luogo d’origine. È
si due anni. È stato faticoso. Un una scelta che non è fatta solo
libro assorbe molta energia. Se per garantire la sopravviven-
nel primo dummy le immagini za del singolo, ma anche per
seguivano un ordine cronologi- mantenere viva l’identità di un
co, adesso la proposta è mista, intero popolo».

Out of Tibet
Autore: Albertina D’Urso
Editore: Dewi Lewis Publishing
Progettato dal designer olandese Teun van der Heijden, copertina
AMSTERDAM, OLANDA rigida, 31 x 24,5 cm; 208 pagine, 100 fotografie a colori, € 48,00,
Dolma, una giovane mamma tibetana con i suoi due figli. Dolma con una prefazione di Sua Santità il Dalai Lama, un’introduzione di
ha vissuto in Olanda per gli ultimi quattro anni e qui sono nati Lobsang Sangay (Primo Ministro del Governo Tibetano in Esilio) e
entrambi i bambini, Tenzin Choeyang e Tenzin Sherap. varie testimonianze di profughi tibetani.

Photo Professional | 21
Intervista

dietro la macchina
a tu per tu con albertina d’urso

«Ero in un monastero in alta montagna e volevo Che ottiche utilizzi più spesso?
ritrarre i monaci che fanno la Puja, una preghiera «L’attrezzatura che uso abitualmente è
piuttosto semplice. Anche a causa di alcuni
all’alba. A volte era buio pesto, altre volte problemi alla schiena, affronto i miei viaggi
la situazione non lo consentiva. Ho provato per sempre molto leggera. Il mio obiettivo
giorni, alzandomi prestissimo, fino a cogliere quel preferito, quello che uso con maggior
frequenza, è un 16x35mm. Trovo molto
giusto raggio che filtrava nella stanza. L’attesa comodo anche il 24x70mm. Una macchina e
e un pizzico di fortuna mi hanno premiata» un obiettivo. Ecco tutto il mio corredo

22 | Photo Professional
TAOYUAN, TAIWAN fotografico: non ho bisogno d’altro quando
I profughi tibetani che si mi muovo per un reportage».
trasferiscono in Taiwan
trovano spesso lavoro nelle C’è uno scatto che non hai fatto per non
industrie tessili. Jantsen, rompere l’incanto di un momento?
Dolma e Jigme (da sinistra «A volte mi sono capitate delle situazioni
a destra), hanno turni
che non mi è sembrato il caso di registrare.
di 12 ore, lavorano con
temperature fino a 40° C, Fatta la scelta, non ho rimpianti. Non mi
e hanno solo due giorni mancano mai».
di ferie al mese, per uno
stipendio di circa 80 euro. Preferisci l’analogico o il digitale?
«Il progetto l’ho iniziato, nel 2005, in
pellicola, e più precisamente in diapositiva.
Solo nel 2008 ho deciso di passare
definitivamente al digitale. Le prime serie
fotografiche comprendono quindi un mix di
scatti in digitale e di scansioni da
diapositiva. Non trovo grandi differenze, non
dopo l’uscita della 5D».

«A volte ci sono delle Quali sono le qualità di un buon fotoreporter?


situazioni che non mi «Curiosità, immedesimazione nella
situazione, capacità di adattamento. Devi
DARJEELING, INDIA
La luce che filtra attraverso sembra il caso di essere tra la gente, devi parlare, far
la porta del monastero
Sakya Choling incornicia
registrare. Fatta la accettare il fatto che tu ci sia, senza che
nessuno posi davanti all’obiettivo perché il
un Rinpoce durante la Puja scelta, non ho fotoreporter dovrebbe lasciare che gli eventi
(preghiera) mattutina.
rimpianti. Quelle scorrano dinanzi a sé e documentarli.
fotografie non mi Bisogna farsi ben volere, rispettare chi si ha
di fronte, sentendo le esigenze della
mancano mai» persona».

Photo Professional | 23
Canon vintage

L'epopea Canon
84 anni fa fu posato il primo mattone di quella che in pochi
decenni sarebbe diventata l’industria fotografica con la gamma
di apparecchi, dallo scatto alla stampa, più ampia della storia

hansa canon- 1935

N
el 1933 venne fondata a ca R e dotata di un obiettivo fotocamere Hansa Canon Nel 1937 la Seiki Kogaku
Tokyo la società Seiki 50mm f/3,5 progettato dal- inizia nel settembre 1936 tra- Kenku Sho cambia strut-
Kogaku Kenku Sho: il la società (oggi suonerebbe mite la rete commerciale del tura societaria e si sgancia
nome tradotto significa quasi “blasfemo”) Nippon distributore Omiya Photo dalla distribuzione Hansa,
“Strumenti Ottici di Preci- Kogaku, l’attuale Nikon. La Supply, proprietario del mar- scegliendo per i suoi pro-
sione”. Fu la prima azienda commercializzazione delle chio Hansa. dotti solo il brand Canon.
in Giappone a progettare
e produrre fotocamere 35
mm con otturatore su pia- Il museo di Canon
no focale. Il nome originale
dell’azienda era Kwanon e a multinazionale nipponica ha fondato fotografiche. Per ogni apparecchio e obiet-
faceva riferimento a Kannon, il Virtual Canon Museum (www.global. tivo vengono specificate caratteristiche,
il bodhisattva della grande canon/en/c-museum) che contiene l’an- particolarità e le sigle che li identificano sui
compassione. Nel 1935, con il tologia della sua produzione. Nella sezione diversi mercati.
brand Hansa Canon, venne “film cameras” si trovano le schede di tut- Chi è interessato alla storia Canon su You-
lanciata la prima fotocame- te le fotocamere e gli obiettivi costruiti dal Tube trova l’interessante video “The History
ra modello S sviluppata sulla 1933 a oggi organizzate in ordine crono- of Canon's Digital SLR Cameras”:
base delle celeberrime Lei- logico e in base al nome delle macchine www.youtube.com/watch?v=lOWJx2ts-JA

24 | Photo Professional
Canon Demi e la Canon
Dial con motore a molla. Macchine leggendarie
L’era delle reflex
L’epopea reflex di Canon ini-
zia nel 1959 con la Canonflex
R equipaggiata con la nuova
serie di obiettivi intercambia-
bili automatici con l'innesto canon s- 1940
R e mirini intercambiabili. A
breve arriva sul mercato la
Canonflex R2000 con velo-
cità di otturazione massima di
1/2.000 di secondo. Insieme
Takeshi Mitarai, co-fondatore della Canon,
ne divenne presidente dal 1942
alla Canonflex viene presen-
tata (1963) la reflex 35mm
Canonex con obiettivo non
Il primo intercambiabile.
dopoguerra Nel ‘64 la produzione delle canon flex - 1959
Fra il 1937 e il 1945 vengo- fotocamere Canonflex vie-
no distribuite le fotocamere ne interrotta e sostituita con
Canon S (Standard) e la ver- le monoreflex Canon FX
sione semplificata Canon J e Canon FP dotate di nuo-
( Junior). Sono delle copie di vo innesto a baionetta Canon
Leica. F. Nel 1966 viene presentata
Nel dopoguerra, il Giappo- la Canon FT QL con espo-
ne inizia a rimettere in sesto simetro TTL con la lettura a
la produzione industriale e chiusura effettiva del diafram-
anche il comparto fotografico ma e sistema di caricamento canon f1 - 1971
si rimbocca le maniche. Nel facilitato QL (Quick Loading).
1947 la Seiki Kogaku Kenku Nel 1970 arriva la prima vera
Sho si trasforma prima nel- reflex professionale, la Canon
la Canon Camera Company F1, robusta, con body di colo-
Limited e poi nel ‘51 cam- re nero e con tempi fino a
bia ancora in Canon Camera 1/2.000 di secondo, che domi-
Company Incorporated. Da nerà il mercato per oltre un
quel momento anche gli decennio.
obiettivi vengono costruiti in Altre fotocamere reflex ven-
proprio da Canon. gono aggiornate per l’impiego
Il 1955 è un anno fonda- degli obiettivi Canon FD: ad canon FTb -1971<
mentale per Canon che apre esempio la FT diventa Canon
un ufficio di rappresentan- FTb.
za a New York. Dopo poco, Molti record tecnologici e
l’azienda nipponica apre la successi commerciali firma-
prima sede europea, a Gine- ti Canon hanno costellato
vra: era il 1957. gli Anni ‘70 e i primi ‘80. Nel
Nel 1956 viene presentata 1984, ad esempio, viene mes-
la Canon VT che prende le sa in commercio la Canon
distanze dal classico design T70 dotata di motore, e di
Leica e introduce l’autoscat- possibilità di attivazione degli Canon T70 - 1984<
to e la leva di carica posta automatismi e di selezione
sul fondello. Nel 1961 l’a- della coppia tempo/diafram-
zienda firma un accordo ma tramite pulsanti.
con la società Bell & Howell
per la distribuzione dei pro-
dotti negli USA e presenta
le fotocamere con obiettivi Le mezzo formato
intercambiabili Canon 7 con
esposimetro al selenio e la
compatta Canonet a teleme-
tro equipaggiata con 45mm
N el 1963 venne lanciata una “compatta” che, carica-
ta con normali rullini 35mm, poteva scattare fino a
80 fotogrammi. Era la Canon Demi, una “mezzo for-
f/1,9 e otturatore Seiko. mato” robusta equipaggiata con ottica grandangolare,
La fotocamera ebbe un tale mirino a traguardo, un particolare sistema di esposi-
successo che nel 1963 ven- zione automatica che, in pratica, permetteva solo di
nero realizzate le storiche regolare la quantità di luce che raggiunge la pellicola,
“mezzo formato” 18x24mm ed esposimetro al selenio.

Photo Professional | 25
Diventa
fotografo
in 48 ore
È chiaro che non basta un weekend per
imparare a padroneggiare tutti i segreti
della tua reflex, ma approfittare di una
gita può essere un buon punto di partenza

V
iaggiare in auto è sempre una paesaggi soleggiati alla penombra del-
gioia per gli occhi, tra paesag- le cattedrali fino ai riflessi notturni su
gi armonici e sorprendenti una strada bagnata dalla pioggia. Come
costruzioni dell’uomo: se poi base abbiamo scelto Chambéry, capita-
hai portato con te la tua nuo- le della regione, che ha un centro storico
va reflex, la gioia di viaggiare si ricco di spunti fotografici, da un castel-
moltiplica e la strada diventa un’occa- lo ducale a un’imponente cattedrale del
sione per migliorare la tua padronanza 1779. È anche un punto strategico per
della macchina. È questo lo spirito con raggiungere il parco naturale del Massif
cui ci siamo diretti verso l’Alta Savoia, des Bauges, una porzione delle Preal-
splendida regione della Francia orientale pi di Savoia che costituisce un’enorme
con tanta storia e meravigliosi paesag- riserva naturale.
gi di montagna. Ma quando si viaggia, le Se dunque hai appena acquistato la tua
cose non vanno sempre secondo i piani nuova reflex, puoi approfittare, come
e durante queste 48 ore il meteo è pas- abbiamo fatto noi, di una gita per comin-
sato da un cielo azzurro e sereno a uno ciare a padroneggiare la tua macchina
coperto con scrosci di pioggia. Perfetto mettendo basi pratiche al tuo lavoro di
invece per il nostro raid fotografico, per- apprendistato come fotografo. Segui
ché ci ha permesso di provare a scattare i nostri consigli e avrai fatto un primo
in diverse condizioni atmosferiche: dai importante passo avanti.
Cover story

1. Scegli
l'esposizione
In attesa di imparare
a usare il Manuale,
le funzioni automatiche
della tua Canon possono
facilitarti il lavoro

AEB Esposizione Automatica in Bracketing


+1 stop AEB S e non sei certo di quale sia l’e-
sposizione migliore, attiva l’AEB
(Esposizione Automatica in Bracke-
ting) sulla macchina, per scattare una
sequenza di tre foto: in questo modo ne
otterrai una giusta, una sottoesposta e
una sovraesposta. Se sei in modali-
tà Av, il diaframma rimarrà fisso per
tutte e tre le esposizioni, mentre a
cambiare sarà il tempo di posa usato
per gli scatti. Comincia facendo delle
prove con +/- 1 stop, e controlla il risul-
tato sul display della tua Canon dopo
aver scattato. Se ti rendi conto che il
tempo di posa più lento può determina-
re un risultato “mosso” nelle fotografie,
significa che devi intervenire aumen-
–1 stop AEB tando gli ISO.

28 | Photo Professional
Fotografo in 48 ore

Obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM


Esposizione 1/160 sec, f/8, ISO200

1/640 sec, f/5.6, ISO800


Sebbene a f/5.6 non ci sia una gran profondità di
campo, in questa foto abbiamo messo a fuoco a
un terzo della distanza tra primo piano e sfondo, in
modo che terreno, casa e montagna fossero nitidi

1/320 sec, f/8, ISO400


Con lo zoom EF 70-200 mm a 120 mm e f/8 la
chiesa e il bosco colorato sul fianco della montagna
sullo sfondo risultano abbastanza nitidi

Scatta in modalità Av
Scattando
in modalità
S cattare in modalità Av ti fa risparmia-
re tempo, perché basta impostare il
diaframma e la fotocamera stabilisce
Av la fotocamera automaticamente il tempo di posa per
l’esposizione corretta. In questo modo
stabilisce hai la possibilità di controllare la profondi-
automaticamente tà di campo e aprire il diaframma a f/4, ad
esempio, se vuoi restringerla e sfocare tut-
il tempo di posa: to quello che sta dietro il punto a fuoco. Se
in questo modo invece decidi di chiudere il diaframma per
esempio a f/16 potrai ottenere una gran-
risparmierai tempo de profondità di campo e tutta la scena
e avrai risultati sarà ragionevolmente nitida, dagli alberi
in primo piano alle montagne sullo sfondo. 1/250 sec, f/11, ISO1600
garantiti anche se
L’Esposizione Automatica in Bracketing rende In caso di dubbio, quando fotografi i paesaggi,
non professionali più facile scattare la “foto perfetta”, mentre imposta f/11 per avere una buona profondità di
l'impostazione Av ti aiuta a preoccuparti solo campo e aumenta gli ISO per abbreviare il tempo di
dell'apertura del diaframma posa, se scatti a mano libera

Photo Professional | 29
Cover story

2. Imposta il tempo
di posa
Un conto è
fotografare un
paesaggio, un altro
"catturare" soggetti
in movimento

N
ella fotografia normale, di tutti i
giorni, basta un tempo di posa suf-
ficiente a evitare il “mosso” nelle
foto; una buona regola è “1, frat-
to la lunghezza focale”, quindi almeno
1/100 sec per un obiettivo di lunghezza
focale 100 mm.
Quando però si fotografano sogget-
ti in rapido movimento, il tempo di
posa assume un ruolo molto differente
perché più a lungo l’otturatore rima-
ne aperto, più il soggetto si muove
durante l’esposizione e serve un tem-
po di 1/250 o 1/500 sec. Queste foto
sono state scattate in un giorno umi-
do e nuvoloso e anche gli alberi alti ai
lati del sentiero toglievano luce, per cui
abbiamo dovuto impostare la sensibili-
tà a 800-1.600 ISO per ottenere tempi
di posa sufficientemente rapidi.

f/4, 1/250 sec, ISO800

Un tempo di posa rapido "congela" il


soggetto, e un diaframma molto aperto Nella fotografia di tutti i giorni è
con una lunghezza focale lunga produce sufficiente un tempo di posa che
una ridotta profondità di campo. Scegli eviti l’effetto mosso: operazione
tu quale effetto vuoi ottenere molto facile quando devi per
esempio realizzare un'immagine
f/5.6, 1/400 sec, ISO1600 f/5.6, 1/500 sec, ISO1600 come quella qui a destra

30 | Photo Professional
Fotografo in 48 ore

f/8, 1/125 sec, ISO500

f/8, 1/30 sec, ISO500

Prova a scattare immagini di ciclisti fra i prati:


devi riuscire a "catturare" il soggetto avendolo
a fuoco senza penalizzare l'immagine di
sfondo, cioé il paesaggio circostante

f/8, 1/125 sec, ISO200


Motion Blur
S e usi un tempo di posa
rapido per “fermare” il
soggetto, puoi ottenere una
il senso del movimento.
Scatta a raffica in moda-
lità Continuo, con tempo
foto dall’aspetto statico. In di posa intorno a 1/80 sec,
alternativa, puoi imposta- oscillando leggermente
re un tempo di posa molto mentre segui l’azione nel
più lento e accompagnare il mirino. Una volta a tuo agio
soggetto con un movimen- con questa tecnica, allunga
to di panoramica; se lo fai progressivamente il tempo
bene, avrai un soggetto di posa. La foto in cui il blur
nitido su uno sfondo mos- è riuscito meglio, qui sopra,
so, che renderà molto bene è stata scattata a 1/30 sec.

Photo Professional | 31
Cover story

3. Scegli l’obiettivo più adatto


Cambia ottica per avere inquadrature
che meglio si adattano al "racconto"
fotografico che stai realizzando

A
rrivati nella località di Aix-les-Bains
siamo stati accolti da un panora-
ma spettacolare: splendeva il sole
al centro di un bel cielo azzurro e
il lago sembrava uno specchio, pieno di Obiettivo Canon EF 70-200mm f/4L USM
barche e circondato da montagne impo- Esposizione 1/2000 sec, f/4, ISO100
nenti. Il posto offriva innumerevoli spunti
fotografici da sviluppare con ottiche dif-
ferenti e uno dei vantaggi delle reflex,
rispetto alle compatte di livello base, è
la possibilità di cambiare obiettivo per
adattarsi alla situazione.
Per la foto delle barche nel porto abbiamo
scelto un grandangolo: sulla 5D Mk III full-fra-
me il 16-35 mm abbraccia un campo più
largo e fa rientrare più cose nell’inquadra-
tura. Se invece avessimo usato una reflex
di formato ridotto, come la 80D o la 7D Mk
II, avremmo avuto bisogno di un 10-20
mm perché le lunghezze focali equivalesse-
ro - fattore d’ingrandimento 1,6 x 10 mm =
16 mm. I grandangoli hanno una maggiore
profondità di campo (paragonati ai teleo-
biettivi, alla stessa apertura) e sono quindi
l’ideale per un paesaggio nitido dal primo
piano allo sfondo.

Qui sotto, le barche vicine, riprese con un grandangolo; a


destra, per le più lontane abbiamo usato un teleobiettivo

La giusta ottica
al giusto momento
Abbiamo messo mano ai teleo-
biettivi per fotografare le barche a
vela in lontananza (nell'immagine
qui sopra), meravigliosamente illu-
minate in controluce. Con un 200
mm abbiamo isolato dal resto un
gruppetto di quattro barche. I teleo-
biettivi hanno una minore profondità
di campo (paragonati ai grandango-
li alla stessa apertura) quindi con un
diaframma aperto, come f/4, sono
insuperabili per mettere a fuoco un
soggetto separandolo dallo sfondo.
Devi fare diverse prove sul campo
prima di capire bene quale sia l'otti-
Obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM
ca giusta al momento giusto. È solo
Esposizione 1/320 sec, f/8, ISO100 questione di esperienza.

32 | Photo Professional
Xxxxxxxxxxxxxxx

20mm 35mm 50mm

70mm 100mm 200mm

Da 20 a 200 mm: questa sequenza con diverse lunghezze focali illustra la porzione di campo che entra nell’inquadratura. Per scattarla, abbiamo usato tre obiettivi

Photo Professional | 33
Cover story

4. Lavora sul paesaggio


La montagna può offrirti la possibilità di fare un salto di qualità
in questo weekend di full-immersion di apprendimento

I
n montagna c’è qualcosa di speciale; l’aria è più trasparente,
tutto è fermo e tranquillo in un magnifico scenario pervaso
della magia delle cose semplici. Renderne la bellezza in una
foto non è sempre facile, come non è facile avere a che fare
con i "grandi cieli".
Nel corso della nostra escursione, siamo arrivati al Belvédère
du Revard, a un’altitudine di 1538 metri: non proprio una pas-
seggiata, ma dire che ne è valsa la pena non rende il nostro
entusiasmo. Il panorama abbraccia tutta la maestosa cate-
na innevata del Massif des Bauges da una parte, la valle fino
ad Aix-les-Bains e il suo placido lago dall’altra. Un’occasione
imperdibile per un buon fotografo, ma anche una sfida che
richiede l’uso consapevole delle tecniche più adatte.

Per un panorama perfetto non cedere alla tentazione del grandangolo: c'è un trucco
U n errore frequente è usare un gran-
dangolo per tentare di abbracciare
una veduta molto ampia in un’unica
scattare una serie di foto che si sovrap-
pongono e unirle, poi, in un panorama.
Serve un treppiede per assicurarsi che
ogni inquadratura del 30%. Poi lascia
fare a Photoshop: seleziona File> Auto-
matizza> Photomerge.
inquadratura: il risultato sarà un cielo la macchina rimanga sempre in bolla.
smisurato, un primo piano con nulla d’in- In modalità Manuale, esponi per la par-
teressante e le “imponenti” montagne te più interessante della scena e blocca Il panorama qui sotto è stato composto
ridotte a una strisciolina insignifican- per evitare differenze tra le inquadrature. con 15 foto verticali (non orizzontali) unite
te. La soluzione è stringere il campo, Scatta con un 50 mm, sovrapponendo in modo da avere un’altezza maggiore

Prospettiva aerea
Un modo creativo di fotografare le montagne è servirsi del-
la “prospettiva atmosferica”: il contrasto diminuisce con
l’aumento della distanza tra le catene montuose, e questa
variazione di tonalità produce immagini suggestive. In Photo-
shop, abbiamo raffreddato il bilanciamento del bianco per far
diventare lo scatto ancora più blu, poi abbiamo scurito le ombre
e aumentato nitidezza e contrasto per enfatizzare l’effetto.

Obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM


Questo effetto “stratificato” è dovuto alle particelle
nell’atmosfera che abbassano il contrasto in lontananza Esposizione 1/800 sec, f/11, ISO200

34 | Photo Professional
Xxxxxxxxxxxxxxx

Stringi il campo
per la composizione perfetta
I panorami ampi sono belli, ma non hanno un punto focale ben
definito. Se di fronte a te hai una catena montuosa innevata,
anziché tentare di catturare l’intera scena dovresti cercare una
parte più interessante per ottenere una composizione d’im-
patto. Con un teleobiettivo, esplora la zona finché trovi un’area
con una bella luce, come la parete del dirupo in questa foto, sul-
la sinistra, che abbiamo scattato a 80 mm. Nella foto principale
abbiamo stretto a 200 mm sopra la cima degli alberi, per mette-
re a fuoco la vetta del Monte Bianco, la montagna più alta delle
Alpi a 4.808 metri. Era perfettamente illuminato da un sole che Obiettivo Canon EF 70-200mm f/4L USM
venti minuti dopo se ne sarebbe andato. Spesso, in questo gene-
Esposizione 1/320 sec, f/8, ISO200
re di inquadrature, le composizioni verticali funzionano meglio.

Photo Professional | settembre 2016 | 35


Cover story

5. Ultima prova
con poca luce
Fotografare in notturna
o gli interni ti aiuta a imparare
a utilizzare al meglio la tua
Canon, usando un treppiede

D
i notte, nella nostra base di Chambéry, abbiamo approfittato per
dedicarci ad alcuni scatti delle bellezze architettoniche: il castel-
lo dei duchi di Savoia illuminato è un bello spettacolo al buio.
Usando il treppiede, abbiamo composto la foto in Live View
per essere sicuri di quello che inquadrava il grandangolo, quindi
abbiamo eseguito una lunga esposizione in modalità Av: 5 secon-
di, f/8, 100 ISO. Non potendo evitare le linee cadenti convergenti,
le abbiamo sfruttate, esagerando l’effetto torreggiante del castello.

Per l’architettura notturna siamo ricorsi


al grandangolo e alle lunghe esposizioni Riflessi nella pioggia
Tempo grigio? Passa al B/N
Il tempo è stato molto variabile, una conversione in b/n ci ha
ma anche con la pioggia Cham- permesso di ottenere un’imma-
béry ha molto da offrire a un gine più evocativa, valorizzata
fotografo. A partire dalla catte- dal primo piano bagnato. Abbia-
drale francescana del XVI secolo; mo scattato da sotto un portico
poiché pioveva e c’era poca luce, per evitare di fare la doccia.

Una conversione
monocromatica funziona
bene anche per attenuare
le distrazioni, come
un’auto colorata…

A bbiamo nuovamente
sfruttato la pioggia nell'im-
mortalare questa strada
banale. Abbiamo scaldato il
bilanciamento del bianco nelle
foto notturne in città per con-
lastricata, perché le pietre trastare la sensazione bluastra
bagnate riflettevano le luci di freddo delle foto.
dei negozi. Una composizione
Le pietre bagnate che riflettono la luce
simmetrica con accentuate rendono la foto più interessante: devi
vie di fuga può rendere mol- trovare il modo di evidenziarle in fase di
to accattivante una scena scatto e di post-produzione

36 | Photo Professional
Fotografo in 48 ore

La lunga esposizione e la ripresa


con il grandangolo contribuiscono
a rafforzare l’intensità della foto
Bilancia i bianchi
Q uando scatti in interni o di notte con
luce artificiale, devi fare molta atten-
zione al bilanciamento del bianco per
evitare le dominanti di colore. Se vuoi
un bianco neutro, fotografa un foglio
bianco illuminato dalla luce della sce-
na, badando a riempire l’inquadratura.
Nel menù della fotocamera seleziona
WB Personalizzato, l’immagine “bianca”
e premi OK. Ora scegli semplicemen-
te l’impostazione di Bilanciamento
del bianco personalizzato (due trian-
goli con un quadratino) per i bianchi
“su misura”. Naturalmente, scattare in
RAW ti dà la possibilità di aggiustare più
accuratamente in post-produzione il
bilanciamento del bianco.

Obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L USM


Esposizione 5 secs, f/8, ISO100

ISO alti per gli interni?


L ’interno della cattedrale
di Chambéry ci ha accolti
come ci aspettavamo da un
ISO ALTI – ISO3200 TREPPIEDE – ISO400

edificio religioso del sedice-


simo secolo: pareti cupe e
soffitti decorati con dipinti
intricati e vetrate variopin-
te. La luce era veramente
scarsa e, con il 16-35 mm
a 16 mm, abbiamo spinto ai
limiti il sensore della Canon
5D Mk III, scattando a 3.200
ISO, 1/40 sec a f/2.8 e rica-
vando comunque una foto
nitida con un ammirevole
livello di dettaglio.
Abbiamo comunque chie-
sto il permesso di usare il
treppiede, che ha reso
possibile una lunga espo-
sizione di 13 sec, f/8, 400
ISO; questa impostazione
ha permesso di scattare una
foto con più luce e dettaglio
nelle ombre, nitida dal pri-
mo piano allo sfondo e priva
di rumore.

Photo Professional | 37
Lettura portfolio

letturaportfolio Alessio Stefanon

Salvatore Grasso Giuseppe Corrente

Andrea Losi

Mauro Bellavia
Antony Gesuato Anita B

Antonio Ferrara

Massimo Zanetti
Massimiliano Agati

Claudia Nappi

Jessica Giovando Stefania Cattaneo Antonio Caparco

38 | Photo Professional
Dome Jellyfish Gianni Galassi MIchele De Pace

Francesco Calzolari Giuliano Sabato Nunzio Russo

Francesco Maria Garbugli Ulisse Piana Pierangelo Campolattano

Franco Salvoni Roberto Besana Roberto Miola

Il protagonista sei tu
E siamo noi la tua prima
vetrina per farti conoscere
La prima soddisfazione di chiunque ami
la fotografia è quella di vedere pubblicate le
proprie foto. Per questo diamo ampio spa-
Gianluca Gerardi Massimo Salmieri zio alle immagini che i lettori ci inviano ogni
giorno sul nostro sito www.spreafotografia.
it/photoprofessional: dalla controcopertina
(la foto migliore del mese) a questo colla-
ge di foto che vuole premiare altri lettori. La
lettura del Portfolio è una sorta di premio
ulteriore, così come lo Storytelling e l’Analisi
Tecnica dove i nostri esperti, oltre a valoriz-
zare il tuo lavoro, lo commentano e ti danno
i consigli giusti per migliorare.
Questo giornale è anche tuo.
Ronal Menti Mauro Bellavia

Photo Professional | 39
Lettura portfolio

Codibugnolo l’ambiente e il perfetto equilibrio naturale. La luce


e i colori impreziosiscono questa fotografia, le cui
Autore: Simone Cambi tonalità calde rimandano ad atmosfere autunnali.
Lo sfondo del tutto sfocato fa emergere il sog-
getto principale e i rami su cui è posato con grande
Le cime di Riale
Il suo genere preferito è la macrofotografia ma espressività e dettaglio descrittivo. L’effetto finale ci Autore: Fabrizio Fassi
gli piace sperimentare anche gli altri generi. ha convinti ad “aprire” la nostra lettura Portfolio pro-
Studia da autodidatta e gli piace confrontar- prio con questa immagine di Simone che si prende
si con altri fotografi per migliorare. anche i nostri complimenti. Giovane fotografo del mondo amatoriale, il
genere che preferisce è la fotografia di paesag-
Il nostro giudizio: in linea con il genere della foto- gio ma è molto attirato anche dal ritratto.
grafia naturalistica questa immagine ritrae un
esemplare di uccello passeriforme, il cui nome è Il nostro giudizio: il Colle di Riale, da cui si sale al
Codibugnolo. L’esposizione a 1/4000 di secondo Dati EXIF Corno Di Scarpignano (2267m), in Piemonte, è rap-
Fotocamera: Canon 5D Mark III, Obiettivo: EF 70-200, Focale: 400
e una focale macro hanno permesso che la foto- mm, Esposizione: 1/4000, Diaframma: F 5.6, Sensibilità ISO: 1600,
presentato da Fabrizio Fassi nella sua parte più alta.
camera ritraesse la scena senza disturbarne Flash: No L’alto punto di vista ritrae la vetta innevata che sfiora

40 | Photo Professional
Landscape
Autore: Gianluca Gerardi

Ha iniziato a coltivare la passione per la foto- evaporare l’aria umida della sera. Tutto ciò fa inten-
grafia all’età di 18 anni studiando, frequentan- dere quanto sia importante la scelta dell’ora e delle
do corsi tecnici. Ama i paesaggi, ma non si fer- condizioni atmosferiche dello scatto. L’apertura
ma a un solo genere, gli piace sperimentare. piuttosto moderata del diaframma ha permesso
all’autore di registrare con precisione e profondità
Il nostro giudizio: lo stato d’animo che l’autore di campo le caratteristiche più interessanti di que-
di questa immagine sembra comunicare è quello sto paesaggio.
della serenità dello sguardo che si perde nella neb-
bia di primo mattino. I colori caldi e le sagome degli
Dati EXIF
alberi lasciano pensare che la foto sia stata scattata Fotocamera: Canon Eos 80 D, Obiettivo: 17-50, Focale: 80 mm,
in autunno, quando il clima mite del giorno lascia Esposizione: 1/13, Diaframma: F 16, Sensibilità ISO: 100, Flash: No

le nuvole, e rappresenta la nota espressiva carat-


terizzante di questa fotografia. La composizione è
essenziale e incisiva, perché l’autore pone la mon-
tagna al centro dell’inquadratura, mentre il cielo e la
densità delle nuvole contribuiscono a impreziosirne
gli elementi. Ottima anche la resa cromatica asso-
lutamente naturale.

Dati EXIF
Fotocamera: Canon Eos 1200 D, Obiettivo: EF 800-210, Focale: 80
mm, Esposizione: 1/160, Diaframma: F 13, Sensibilità ISO: 100,
Flash: No

Photo Professional | 41
L’immacolata
Autore: Sergio Briccarello

Classe 1975. Il genere fotografico che


predilige è la fotografia naturalistica e
lo still life ma rimane sempre aperto nel
cimentarsi e scoprire altri generi
fotografici.

Il nostro commento: il soggetto votivo


che l’autore sceglie per la realizzazione di
questo still life viene trattato con grande
delicatezza e interpretazione. In primo
luogo dimostra una certa abilità nell’arte
di comporre il soggetto stesso, affiancando
a una statuetta della Madonna delle rose
rosse, che ne amplificano la sacralità. Tale
effetto espressivo viene amplificato, inoltre,
dalla modulazione della luce che valorizza
e ravviva la statuetta. Lo sfondo nero evi-
denzia le luci e i toni alti dell’immagine,
assicurandone la profondità e l’intenso
significato. Ottimo lavoro, Sergio!

Dati EXIF
Fotocamera: Canon Eos 550 D, Obiettivo: S 55-250,
Focale: 60 mm, Esposizione:4, Diaframma: F 19,
Sensibilità: 100, Flash: No

La panoramica del Pelmo


Autore: Roberto Besana

Cuoco di professione, spinto da una grande pas-


sione, si avvicina al mondo della fotografia 3
anni fa per curiosità. Gli piace fotografare even-
ti sportivi e paesaggi di montagna.

Il nostro commento: per descrivere questa fotogra-


fia l’autore scrive “Questa foto è un insieme di 3 foto
unite in una unica immagine. Ho messo la fotoca-
mera su treppiedi in orizzontale, ho impostato tutto
in manuale, ho regolato i parametri con cui ho scat-
tato tre fotografie”. Tutto questo fa di questa immagine
un ottimo esempio della fotografia panoramica, in cui
molto spesso si ricorre alla tecnica detta stitching, che
combina tra loro una serie di foto scattate in sequenza.
Questa foto si distingue per l’estensione maggiore della
larghezza rispetto all’altezza, trasmettendo un pro-
fondo senso di spazio e di ampiezza.

Dati EXIF
Fotocamera: Canon Eos 5 D mark III, Obiettivo: 24-105, Focale: 90
mm, Esposizione: 1, Diaframma: F 22, Sensibilità ISO: 50, Flash: No

42 | Photo Professional
Antiche fatiche
Autore: Massimo Salmieri

Nato a Messina, si dedica alla fotografia da


sempre, con tanta passione, studio e amo-
re. Preferisce tra i vari generi la fotografia
naturalistica, sportiva e ritrattistica.

Il nostro commento: di grande impatto sce-


nografico, questa fotografia si distingue, in
particolar modo, per la capacità dell’autore
di modulare la luce che entra da una finestra
nell’ambiente fotografato. Tale elemento lumi-
nistico ed espressivo influisce sulla percezione
dello spazio, in un equilibrato bianco e nero.
Ecco allora che un antico casale di campagna
rivive nell’immagine di Massimo Salmieri, che
ne documenta l’interno con armonia e delica-
tezza. Dal punto di vista della composizione,
tutto appare ordinato, in perfetta aderenza con
la regola dei terzi.

Dati EXIF
Fotocamera: Canon Eos 70 D
Obiettivo: 15-30, Focale: 15 mm, Esposizione: 1/100,
Diaframma: F 3.2, Sensibilità ISO: 1600, Flash: No

Photo Professional | 43
Lettura portfolio

44 | Photo Professional
Naviglio grande Bridge
Autore: Romeo Lovati Autore: Matteo Collu

Classe 1964. La sua passione fotografica è di Il genere fotografico che preferisce è la foto- la definizione e la descrizione del soggetto rap-
lunga data. Gli piace fotografare paesaggi ed grafia concettuale perché lo aiuta a espri- presentato. Inoltre, è particolarmente felice la
elaborarli in digitale. Usa principalmente mere i suoi stati d’animo. Spera di diventa- scelta del momento dello scatto, con i colori not-
obiettivi grandangolari e si tiene spesso re un giorno un bravo fotografo, un vero turni che esaltano la struttura architettonica del
aggiornato. professionista. ponte e la avvolgono di fascino. Vista così, pare
quasi un’immagine surreale, una sorta di “ponte
Il nostro commento: lo stile che l’autore esprime Il nostro commento: con grande incisività questa verso il nulla”. Complimenti Matteo!
in questa fotografia è assolutamente coerente con fotografia ritrae un ponte dalle linee avveniristi-
il soggetto della rappresentazione. Il Naviglio, e il che e moderne. Il punto di vista di Matteo Collu è
suo argine su cui si stagliano una casa/torre e una frontale, e permette di ritrarre l’opera architetto-
fila di salici piangenti, evocano un’atmosfera deca- nica nel rispetto delle simmetria degli elementi
dente e poetica, valorizzata sapientemente da un e delle proporzioni. Ciò fa di questa immagine
Dati EXIF
linguaggio diretto e da una composizione essenziale un ottimo esempio nell’ambito del genere della Fotocamera: Canon EOS 700 D, Obiettivo: 10-18, Focale: 10 mm,
e pulita. Anche l’uso del colore risulta funzionale all’e- “fotografia di architettura”. Molto precisa e chiara Tempo: 1/30, Diaframma: 4,5, Sensibilità: 100, Flash: No
spressività della fotografia, grazie alla desaturazione
cromatica. La scelta del formato verticale esalta,
infine, le forme e le linee compositive.

Dati EXIF
Fotocamera: Canon EOS 5 D, Obiettivo: 28-135, Focale: 47 mm,
Tempo: 1/100, Diaframma: 7,1, Sensibilità: 400, Flash: No

Photo Professional | 45
Lettura portfolio

Walking in Milano
Autore: Ivana Rosati

Classe 1987 di origine pugliese, da sem-


pre affascinata dal mondo della foto-
grafia. A Milano frequenta diversi corsi
e mostra un certo interesse per i ritratti
e la Street Photography.

Il nostro commento: in perfetta aderenza


con lo stile della street photography, que-
sta immagine coglie un aspetto usuale e
comune di una giornata nel viavai della
città di Milano. Diverse le scelte che ne con-
fermano la vicinanza a questo particolare
genere fotografico: il bianco e nero piuttosto
contrastato, la sintesi narrativa, la compo-
sizione articolata e il contesto urbano. Il
racconto procede da sinistra verso destra,
guidando l’osservatore nella lettura dell’im- bili. Molto buona la capacità di equilibrare
magine, nella successione di elementi come le luci e le ombre senza eccessi espressivi.
Dati EXIF
Fotocamera: Canon Eos 60 D, Obiettivo: 24-60, Focale: 27 mm, Esposizione: 1/25,
il passante, la fermata del tram e le automo- Bravissima Ivana! Diaframma: F 4,5, Sensibilità ISO: 100, Flash: No
Il bel lago
Autore: Jessica Giovando

Giovane fotografa di 17 anni, predilige lizzare la tecnica dell’HDRI (high dynamic


il genere del ritratto ma è anche un’a- range imaging), notoriamente utilizzata per
mante della paesaggistica, che speri- ottenere un’immagine in cui l’intervallo tra
menta nelle lunghe passeggiate con suo le aree visibili più chiare e quelle più scure
padre. Il suo obiettivo è migliorare gior- sia più ampio dei metodi usuali. La com-
no dopo giorno. posizione è equilibrata, perché i pesi delle
montagne sono perfettamente bilanciati sui
Il nostro commento: ci troviamo nel Parco lati dell’immagine. Ottimo lavoro!
Nazionale del Gran Paradiso, con di fronte
il Lago di Ceresole. L’autrice, vista l’ora Dati EXIF
Fotocamera: Canon EOS 7D, Obiettivo: Canon EF 17-40
dello scatto (durante il tramonto) e vista la f/4L, Focale: 32,0mm, Tempo: oltre 4, Diaframma: 11,
scarsità della luce naturale, ha preferito uti- Sensibilità: 100, Flash: No

Frozen
Autore: Vincenzo Di Paola

Nato nel 1969, si è appassionato alla essere il soggetto in primo piano: una piuma
fotografia quasi “per scherzo”: oggi imbiancata e avvolta dalla neve. Indispensa-
non esce di casa senza la sua Canon. bile alleato per tale resa espressiva è, senza
Il suo genere fotografico d’elezione è la dubbio, l’obiettivo macro (90 mm) che rende
ritrattistica ambientata. un rapporto d’ingrandimento massimo di 1:1
e immagini di grande nitidezza con sfuocati
Il nostro commento: candida e delicata, gradevolissimi che fanno risaltare il soggetto.
questa fotografia trasmette tutte le sensa- Davvero un bel lavoro!
zioni di un paesaggio algido e invernale. Ciò
deriva dalla capacità di mettere in risalto il
fascino e la bellezza delle tonalità fredde sulla Dati EXIF
Fotocamera: Canon EOS 600 D, Obiettivo:90 mm,
linea monocroma di un azzurro ambrato. Tut- Focale: 90,oo mm, Tempo: 1/60, Diaframma: f 7,
tavia, la chiave di lettura principale risulta Sensibilità: 100, Flash: No

Photo Professional | 47
Proteggi le foto
Il nostro Paese ha una legislazione molto
precisa per tutelare il diritto d’autore.
È una materia complessa, ma se vuoi fare
il fotografo devi conoscerla molto bene

I
l diritto d’autore è un argomento di La distinzione tra le tre categorie non è
primaria importanza per qualunque rigidamente legata alla natura del con-
creativo, ma con l’affermarsi di internet tenuto, ma va interpretata in base al
e dei social media, che hanno ampli- significato e al valore che la rappresen-
ficato a dismisura l’utilizzo di materiale tazione fotografica intende raggiungere
multimediale (specialmente foto e video), e trasmettere. Ad esempio una fotogra-
per qualunque fotografo – amatoriale o fia che riproduce oggetti materiali, se
professionista che sia – è fondamenta- connotata da un minimo di creatività, si
le averne una conoscenza di base. Per considera un’opera d’ingegno e quindi
questo abbiamo deciso di approfondire pienamente tutelata dal diritto d’autore.
questo tema con l’avvocato Salvo Dell’Ar-
te, professore universitario a Torino ed Come posso dimostrare di essere il tito-
esperto di diritto della proprietà intel- lare dei diritti di una fotografia?
lettuale. La titolarità del diritto d’autore può esse-
re dimostrata con qualunque mezzo, a
Partiamo dall’inizio. Chi è il titolare dei partire dal file raw, se scattata in digitale.
diritti di uno scatto fotografico, e in che Per quanto riguarda i miei clienti profes-
modo e momento lo diventa? sionisti la prova è più semplice poiché
Il titolare dei diritti su un’opera fotografica sulla base del loro catalogo, delle mostre
è il suo autore, cioè chi – materialmen- e di altri documenti, anche fiscali, non è
te – realizza lo scatto. Non c’è bisogno di difficile dimostrare la titolarità originaria.
formalità né registrazioni: dal momento
della realizzazione, il fotografo diventa Quali sono le modalità di cessione dei
l’unico titolare dei diritti di utilizzazione diritti di una fotografia più comodi per
economica dell’opera, che durano fino un fotografo? Esistono forme contrattua-
a settant’anni dopo la morte dell’autore. li cui fare riferimento?
Ma non è sempre così: può capitare che I diritti d’autore di un’opera fotografica
i diritti patrimoniali spettino a un sogget- possono essere sia ceduti con contratto
to diverso dall’autore se è stato stipulato sia concessi in licenza, che deve esse- accedere e usufruire del materiale
un contratto di commissione o di lavoro re calibrata per ogni singola fattispecie fotografico: come si può proteggere
subordinato: capita spesso nella fotogra- concreta. Consiglio sempre di preferi- il proprio diritto d’autore? Il “water-
fia per scopi pubblicitari. re la concessione in licenza che non ha mark” , il marchio digitale in “filigrana”
per effetto il trasferimento definitivo dei che identifica l’autore di un’opera, è un
Esistono differenti tipi di fotografie agli diritti dall’autore alla controparte bensì sistema efficace?
effetti della tutela del diritto d’autore? semplicemente la concessione dell’u- Internet ha aperto nuovi scenari non tan-
La legge distingue tra tre diverse tipolo- so per uno scopo determinato e per to sulla natura del diritto d’autore quanto
gie fotografiche: un tempo determinato. Nei contratti di sulla moltiplicazione delle possibilità di
1. Le fotografie aventi carattere creativo licenza è opportuno anche prevedere violazione. La normativa sul punto è sta-
che sono qualificate “opere d’ingegno” l’ambito territoriale all’interno del quale ta aggiornata prevedendo i “watermark”,
e tutelate appieno, come tutte le ope- l’uso dell’opera fotografica è consentito. i quali sono sì un buon deterrente, ma
re d’arte; possono essere facilmente elusi. Consi-
2. Le semplici fotografie o fotografie non La menzione del nome dell’autore di glio sempre ai miei clienti di preferire
creative che sono tutelate nell’ambito dei una fotografia è sempre obbligatoria? i watermark visibili sull’opera messa in
cosiddetti “diritti relativi”; Sia che si tratti di opera fotografica che di rete perché, nonostante siano un deturpa-
3. Le fotografie di scritti, documenti, carte fotografia semplice, la paternità dell’ope- mento dell’opera stessa, rendono difficile
di affari, oggetti materiali, disegni tecni- ra deve sempre essere menzionata. la vita ai potenziali contraffattori. Un’al-
ci e prodotti simili che non sono oggetto tra tattica è quella di immettere in rete le
di alcuna tutela. Internet ha rivoluzionato il modo di immagini a bassissima risoluzione: se un

48 | Photo Professional
Salvo Dell'Arte è avvocato partner
d e l l o s t u d i o l e ga l e D e l l 'A r t e ( w w w.
studiolegaledellarte.it), specializzato in
proprietà industriale e in diritto della fotografia.
Docente di diritto presso l'Università degli
Studi di Torino, ha pubblicato numerose
monografie, voci enciclopediche sul diritto
della proprietà intellettuale, dell'immagine e
della fotografia. Ha recentemente pubblicato
la seconda edizione del suo Fotografia
e diritto (527 pp., 42 €, Utet Edizioni),
un manuale completo ed esaustivo sugli
argomenti inerenti il diritto d'autore e la
proprietà intellettuale in fotografia. Perfetto
per chi vuole approfondire.

terzo che intende utilizzare l’opera foto- to alla titolarità delle immagini postate
grafica deve impiegare tempo e risorse ed dagli utenti riguarda l’aspetto contrattua-
energie a pulirla dal watermark o render- le che gli utenti stessi devono accettare al
la utilizzabile se è di bassa risoluzione, momento dell’iscrizione. Infatti la maggio-
sicuramente è per lui più conveniente ranza dei social prevedono di acquisire la

Non tutti lo
chiederne direttamente licenza di utiliz- titolarità di qualsiasi cosa venga pubbli-
zo all’autore. cata sulla loro piattaforma; in molti casi
sanno, ma Quando una fotografia può essere libe-
sono clausole di dubbia validità.

in nessun caso ramente utilizzata da un sito, da una


testata giornalistica, per una campagna
Come può agire un fotografo nel momen-
to in cui viene a conoscenza di una
un’immagine pubblicitaria o qualunque altro scopo?
In linea di massima la risposta è mai:
violazione del proprio diritto d’autore?
In tema di diritto d’autore è fondamenta-
può essere la legge prevede però una serie molto
ristretta di casi, detti “libere utilizzazio-
le la tempestività dell’intervento. Occorre
rivolgersi a un avvocato per una messa in
utilizzata senza ni”. Ma appunto sono casi isolati. mora del contraffattore: se la violazione

il consenso Sui social network, il diritto d’autore


persiste, si può accedere a procedimenti
d’urgenza provvisori emessi da un giu-
dell’autore subisce delle variazioni?
Il problema dei social network rispet-
dice, in attesa del procedimento vero e
proprio.

Photo Professional | 49
Storytelling

OSSERVANDO GLI ORSI


Immerso nella natura selvaggia
di un bosco sloveno, Michele
storytelling ha dato vita a questi
straordinari scatti di wildlife

C
ome rimanere indifferen- E logicamente l’amore per la Il lavoro di Michele de Pace, il
ti di fronte a un servizio fotografia. Ma è facile che chi lettore pubblicato questo mese,
del National Geographic? guardi il risultato di questa stra- ci racconta esattamente questo:
Come non farsi catturare e ordinaria unione non riesca la grande passione per la natu-
non sognare fantastiche avven- a percepire il grande lavoro, ra, l’amore per la fotografia ma
ture fotografiche nelle zone più la dedizione e la fatica che ci anche la fatica e la pazienza
selvagge e incontaminate del sta dietro. Il famoso fotografo necessarie per portare a casa
pianeta? Nick Nichols, durante un’in- delle ottime immagini di ani-
La fotografia naturalistica di tervista, alla domanda “Come mali in libertà.
animali in libertà, o più sem- si fa a diventare fotografi di Di fotografie wildlife ce ne
plicemente fotografia Wildlife, Wildlife?” ha risposto: «Basta arrivano tante e spesso anche
è uno dei generi fotogra- con i passatempi e basta con il di buon livello, ma quelle di
fici più affascinanti perché divertimento! La quasi totalità Michele ci sono piaciute par-
capace di riunire in un’unica delle persone vede la fotogra- ticolarmente perché hanno
attività il fascino di posti sel- fia professionale come viaggio saputo coinvolgerci imme-
vaggi e incontaminati, l’amore e avventura, dimenticando diatamente, hanno saputo
per la natura, per l’avventu- che fare il fotografo è un creare un’immediata empatia
ra, per i viaggi, per l’ignoto... lavoro molto, molto duro». fra noi e gli orsi che sembra-

Fotografo: Michele De Pace Il Progetto: Un’avventura di fotocamera: Canon 70D


Dove: Markovec, Slovenia 4 giorni per riuscire a cogliere OTTICHE: Sigma 150-500, Sigma
un’occasione unica: fotografare 150-500mm f/5-6.3 DG OS HSM
gli orsi bruni della Slovenia,
immersi nel loro habitat.
vuoi mandarci le tue immagini? caricale su
www.spreafotografia.it/photoprofessional - corredate da un breve testo

50 | Photo Professional
no perdere, scatto dopo scatto,
la propria natura selvaggia. Le
regole della psicologia dell’im-
magine ci dicono che chi
guarda una foto tende a
immedesimarsi con il sog-
getto o con l’osservatore,
cioè il fotografo. Nel guardare
un’immagine la nostra fanta-
sia viene stimolata e inizia a
mandarci segnali che noi, in
base alle nostre esperienze e
ai nostri ricordi, traduciamo in
un’interpretazione personale.
È così anche per la fotografia
di animali selvaggi, che ci por-
ta anche con maggior forza a
indossare i panni del fotografo, originale e azzeccato ci appa- mo davanti una vera e propria La foto a sinistra è stata scattata con
magari fantasticando inconsa- iono come pacifici compagni storia con le tre fasi (apertura, zoom 150-500mm usato a 340mm.
pevolmente su viaggi esotici di gioco. Quello che manca sviluppo e chiusura) ben deli- Tempo 1/200sec. Diaframma f 6.3
e avventure uscite da un libro un po’ al lavoro è un marcato neate. L’immagine vive e resta ISO 1600
di Salgari. sviluppo della storia: abbia- confinata all’interno dell’inqua- Per la foto qui sopra: zoom 150-
Invece in questo caso, ed è tut- mo sei ottime immagini dratura e non riesce quasi mai 500mm usato a 150mm. Tempo
ta qui la vera forza del lavoro che riescono a raccontarci sei a portarci fuori, a farci “ vede- 1/200sec. Diaframma f 5 ISO 3200
di Michele, tendiamo a imme- momenti della vita dell’orso re” quello che succede attorno.
desimarci con gli orsi, che bruno in libertà trasmettendoci Molto interessante invece è l’u-
grazie a uno stile fotografico molte emozioni, ma non abbia- tilizzo della location, sempre

Photo Professional | 51
Storytelling

molto presente e che riesce a di wildlife. Per questo servi-


contestualizzare perfettamen- zio Michele ha scelto il sito di
te l’animale nel suo ambiente. Markovec, in Slovenia, dove si
Molto spesso nella fotografia può usufruire di alcuni capanni
wildlife il fotografo è talmen- fotografici attrezzati in una pic-
te concentrato sugli animali da cola zona di bosco in cui, per
dimenticarsi del resto, inqua- iniziativa e volontà del proprie-
drando a pieno formato e tario, gli orsi non possono
lasciando molto sfuocato l’am- venire cacciati. L’utilizzo del
biente. Questo generalmente capanno dà molti vantaggi al
banalizza le immagini e crea fotografo: innanzitutto sono
un effetto “figurina”, in que- solitamente posizionati in luo-
sto caso invece ambiente e ghi con buone condizioni di
animale sono un tutt’uno luce e di frequente passag-
nella composizione della gio degli animali e poi sono
foto, arricchendosi a vicenda costruiti apposta per non far
in una sinergia armoniosa. percepire la presenza umana.
In questo modo le opportunità

la location di scattare fotografie memora-


bili si moltiplicano. I capanni
Una foto wildlife inizia mol- più curati sono attrezzati con
to prima del momento del degli sfiati molto alti che porta-
“click”, in questo caso è ini-
ziata ben 5 mesi prima con In alto, zoom 150-500mm usato a
un’organizzazione attenta e 500mm. Tempo 1/80sec. Diaframma
f 7.1 ISO 2500
precisa, curata nei minimi par-
ticolari. E soprattutto con la Qui a destra, zoom 150-500mm
scelta della location, elemento usato a 200mm. Tempo 1/80sec.
fondamentale di una sessione Diaframma f 6.3 ISO 2500

52 | Photo Professional
no l’odore fino alla cima degli Michele ha dovuto aspettare
alberi: questo perché gli orsi due giorni chiuso nel capan-
sono dotati di un olfatto estre- no, sotto una pioggia battente,
mamente sviluppato. Una volta prima di riuscire a vedere e
arrivati in posizione e prepara- fotografare il primo orso. «È sta-
ta l’attrezzatura non resta altro ta una grande emozione» ci ha
che aspettare e sperare che gli raccontato: «Appena compar-
animali si facciano vivi e che so il primo orso, una femmina,
la luce sia abbastanza buona. sono svanite tutte le mie preoc-
cupazioni sulla luce, la pioggia
e il freddo. Ho iniziato a scatta-
re e a concentrarmi sulle foto,
dimenticandomi che mi sepa-
rava dagli orsi solamente una
sottile parete di compensato».

IL CORREDO
Il nostro lettore, per que-
sto servizio, ha utilizzato una
Canon 70D e uno zoom ISO molto alti senza riporta- In alto, zoom 150-500mm usato a
150-500mm. La camera è sta- re un evidente rumore. Il fatto 267mm. Tempo 1/60sec. Diaframma
ta sempre gestita in manuale che gli orsi si muovano lenta- f 8 ISO 1600
scegliendo il triangolo tem- mente ha lasciato a Michele il Qui sopra, zoom 150-500mm
pi/diaframmi/ISO più giusto tempo per ragionare sui settag- usato a 186mm. Tempo 1/100sec.
per ogni singolo caso, tenen- gi della macchina senza dover Diaframma f 7,1 ISO 2500
do anche conto che la 70D non obbligatoriamente fidarsi degli
permette di scattare a valori automatismi.

Ora tocca a voi Nelle pagine dedicate allo Storytelling, vogliamo premiare i lavori
di quei lettori che, usando la propria Canon, sono stati in grado di
raccontare con efficacia e originalità una storia attraverso le
immagini. Se anche tu vuoi vedere i tuoi storytelling pubblicati su
PhotoProfessional devi registrarti sul sito spreafotografia.it.
Inoltre, abbiamo lanciato il primo contest dedicato interamente
allo storytelling: vai al link www.spreafotografia.it/contest-1
i servizi migliori saranno pubblicati!

Photo Professional | 53
Analisi tecnica

analisitecnica
Bell’Abruzzo il titolo “Bell’Abruzzo”. Siamo abbastanza convinti che
Autore: Riccardo Valier D’Abate una composizione diversa, che non puntasse tutto sulle
gocce d’acqua, avrebbe permesso di valorizzare ulterior-
Bella foto, ma avremmo voluto... Più montagne mente il bello scorcio paesaggistico scelto da Riccardo.
Riccardo, l’autore di questo panorama abruzzese, ha Le montagne, simbolo di questa regione d’Italia, sono
realizzato questa immagine suggestiva di un grande abbe- troppo piccole rispetto agli altri elementi della fotogra-
veratoio di un pascolo con sullo sfondo le immagini dei fia e la scelta di lavorare con un diaframma aperto le ha
monti con le cime innevate. Il fulcro è l’acqua che esce dal penalizzate ulteriormente. Decisamente valide sono
fontanile, su cui Riccardo si è concentrato come evidenzia infine le scelte di esposizione che hanno permesso di
la scelta del punto di messa a fuoco. Detto che l’immagine restituire bene sia le parti in ombra, sia quelle in luce.
è stata ben realizzata dal punto di vista tecnico, la critica,
o meglio la riflessione da condividere, riguarda proprio la
scelta del soggetto principale di questa composizione pae-
Dati EXIF
Fotocamera EOS 100D Lunghezza focale  35 mm Modalità Priorità
saggistica che, ricordiamolo, l’autore ha presentato con diaframma Diaframma f/3.5 Esposizione 1/2500 ISO 100

Temporale gliano su un cielo blu cobalto illuminato da una serie di saette


Autore: Anthony Gesuato tra le nuvole e ben tre fulmini immortalati mentre scaricano
a terra la propria energia. Momento perfetto, realizzazione
Attenzione alle maschere, ma che spettacolo! ineccepibile, davvero bravo. Siccome però il nostro compito è
Giù il cappello per la bravura e la pazienza di Anthony che ci ha essere pignoli, qualche piccolo dubbio lo lasciano alcuni aloni
mandato questa bella fotografia ritraente una serie di fulmini lungo il margine tra collina e cielo che sembrano figli di una
durante un temporale. Si tratta di un tema classico che però maschera fatta un po’ troppo grossolanamente. Ovviamente
è stato realizzato in modo pressoché perfetto. L’inquadratura, è solo un’ipotesi.
oltre che un po’ insolita, non è banale grazie a un “contro-
luce” che consente di trasformare il contorno della collina in
Dati EXIF
Fotocamera Canon 6D Obiettivo 24-105mm f4 Lunghezza focale  4 mm
primo piano in una quinta naturale ricca di dettagli che si sta- Modalità Manuale Diaframma f/4 Esposizione 25 sec ISO 2500

54 | Photo Professional
Colori capoverdiani composta specie considerando la lunghezza focale del passante sul lato sinistro dell’immagine. I colori,
Autore: Gianni Cordeschi di 21 millimetri che oltre all’ampiezza di solito porta che sono i veri protagonisti di questa fotografia, invece,
con sé una distorsione prospettica che può creare potevano sicuramente essere gestiti un po’ meglio in
Bene la composizione, ma serviva più colore qualche problema. Sebbene resti il dubbio che un’in- postproduzione soprattutto tenendo conto del fatto
Capo Verde e i suoi colori sono il soggetto di questo quadratura “frontale” avrebbe permesso di restituire che l’assenza di nuvole rende il cielo un po’ piatto.
bello scatto realizzato da Gianni Cordeschi con la sua meglio la geometria del soggetto principale, ossia le
Dati EXIF
EOS 7D nelle strade dell’isola africana. L’immagine, colorate pareti del locale, la composizione scelta da Fotocamera EOS 7D Lunghezza focale 21 mm Modalità Priorità di
realizzata con un taglio e un angolo “laterale”, è ben Gianni “tiene” a sufficienza anche grazie alla presenza tempi Diaframma f8 Esposizione 1/125 ISO 100

Motocross
Autore: Enrico Bregola

Gran tecnica, da migliorare l’elaborazione


Enrico ci ha mandato un classico della fotogra-
fia sportiva: una bella immagine di un centauro
in volo sulla sua moto da cross. Diciamo subito
che da un punto di vista tecnico si tratta di
uno scatto perfettamente riuscito sotto ogni
aspetto, con un diaframma abbastanza chiuso
da permettere una profondità adeguata a
coprire tutto il soggetto che, in questo caso,
non è solo la moto e il suo pilota, ma anche
e soprattutto la terra alzata in volo durante
il salto. Nella fotografia sportiva e in parti-
colare in quella legata agli sport motoristici
non basta concentrarsi sul solo gesto spor-
tivo ma occorre sempre mettere bene in
evidenza degli elementi di contesto molto
importanti, così come ha fatto Enrico. L’unica
critica riguarda la postproduzione che avrebbe
potuto essere un po’ più brillante quanto a con-
trasto e colori.

A tu per tu con Qui scegliamo alcune foto dei nostri lettori notevoli per l’idea, la
composizione o la tecnica, ma che presentano qualche problemino. Poi, Dati EXIF
i nostri ESPERTi le sottoponiamo al giudizio dei nostri professionisti. Carica le tue foto
su spreafotografia.it per poter entrare anche tu in questa selezione!
Fotocamera EOS 5D Obiettivo EF 100-400mm
Lunghezza focale  200 mm Modalità Priorità diaframma
Diaframma f/5,6 Esposizione 1/4000 ISO 640

Photo Professional | 55
Diocleziano Galella Benedetto Ferlito

Photo professional social http://fb.me/PhotoProfessionalCanonEdition

la redazione ti aspetta tutti i giorni su facebook!

Fabio Pisciotta Francesco D'Alonzo

Rosario Ciraolo Alessandro Bassan


la parola agli esperti di Photo Professional

58 L’ARTE DELLA
SEDUZIONE
La fotografia del boudoir sa
essere intrigante e mai volgare

Da gennaio sono ripresi i corsi dell’Accademia di Spreafotografia. Scopri di più su www.spreafotografia.it/accademia

62Con la calma si fa tutto


Una lunga esposizione in
riva al mare richiede pazienza e
70Basta foto mosse!
Per chi ha il vizio della “macchina
ballerina”, la nuova funzione Riduzione
74 Scatti perfetti in notturna
Quando cala il sole il gioco si fa
duro per i fotografi, e le opportunità
organizzazione, ma il risultato può Effetto Mosso di Elements 14 è un vero di scattare belle foto si moltiplicano,
essere sbalorditivo: armati di treppiede toccasana. Impariamo a scoprire come insieme ai rischi di sbagliare. Segui la
e apri il diaframma! funziona e come sfruttarla al meglio nostra guida per “illuminare il buio”
Accademia Sprea Fotografia

L’arte della seduzione


Con l’attrezzatura adatta, qualche conoscenza sulle luci
e un po’ di fantasia sulle pose, non è difficile realizzare
Missione
● Come fotografare
immagini seducenti, come in un “boudoir”
una donna in modo
seducente

S
Tempo necessario e sei capace di fare ritratti, sei già a buon punto per per il quale questo genere piace più alle donne che agli uo-
allargare le tue conoscenze a un genere eclettico e ric- mini. Perché questo genere ha l’effetto di rafforzare molto
● Due ore co di soddisfazioni, a cui forse non hai mai pensato: le la fiducia in loro stesse, diventando la possibilità di cele-
Livello di difficoltà foto artistiche di una modella - non proprio vestita ma nep- brare il loro corpo e permettendo loro di dire «Se voglio,
● Facile pure nuda. La chiave è proprio questa: non sono fotografie posso essere così bella e attraente».
● Intermedio erotiche né servizi di nudo. Lo scopo è realizzare un’imma- Non è dunque una foto nella quale il soggetto è “passivo”,
● Difficile gine che esalti il corpo femminile senza ridurlo a ogget- anzi: se vuoi cimentarti nll’arte del boudoir devi prima parla-
to e anzi nascondendo le parti del corpo che possono re con la tua “modella” - che sia la tua fidanzata, tua moglie
Cosa serve rivelare nudità. Questo genere di foto appartiene alla co- o una tua amica è lo stesso - per capire a quali look si ispiri e
● Monopiede siddetta “arte del boudoir” (che era il termine con cui, nel cosa sia disposta a far vedere di sé. I ritrattisti bravi sanno
● Obiettivo luminoso 1700, si definiva la stanza da letto privata di una signora). come valorizzare alcuni tratti dei loro soggetti e come mini-
● Luci LED Non si tratta di fotografia volgare, anzi: c’è un elemento di mizzarne altri: nel boudoir questo talento diventa
(facoltative) legittimazione della fotografia da boudoir, ed è il motivo fondamentale.

58 | Photo Professional
comincia così I primi passi nel boudoir
Scegli il giusto corredo e seleziona le impostazioni migliori per questo tipo di fotografie
1 Imposta la macchina 2 Scegli la tua ottica 3 Attento alla messa a fuoco
In fotografia non ci sono impostazioni “buone per L’obiettivo ideale, qui, è uno a lunghezza focale fis- Quando scatti ad aperture ampie è fondamentale
tutte le stagioni”, quindi dovrai regolarti in base alle sa tra i 50 e i 100 mm e un’apertura ampia fino a mettere a fuoco in maniera precisa. Capire di volta
condizioni reali. La maggior parte delle foto che vedi f/1.8. Anche uno stabilizzatore può tornare utile, per in volta quale dev’essere il punto di messa a fuoco
in questo servizio sono state scattate con otturato- garantire un buon risultato nelle condizioni di scar- può davvero fare la differenza tra una sessione ben
re intorno a f/2.8 e 1/100 sec. Gli ISO, regolati per sa luce in cui scatterai. In alternativa, puoi utilizza- riuscita e un fallimento. Devi riuscire a vedere il cor-
perfezionare l’esposizione, vanno da 400 a 1600. re uno zoom con apertura ampia, di circa f/2.8. po della modella come una statua.

4 Usa un monopiede 5 Mettila comoda 6 Prevedi cambi d’abito


Usare un monopiede evita di generare il micro- Il vero padrone della scena è il tuo soggetto, ovvero Anche il vestiario della modella sarà parte integran-
mosso e ti permette di scattare con tempi di posa la modella. Mettila a suo agio riscaldando la stanza te della tua fotografia. Con un po’ di fantasia, puoi
fino a 1/80 sec in un interno con la luce soffusa; e prevedendo un ambiente confortevole: il set dovrà riuscire a ottenere effetti originali e curiosi. Non
meglio ancora se l’obiettivo è stabilizzato. Anche avere cuscini morbidi e bei mobili, oltre a spazi in cui deve trattarsi per forza di biancheria intima: un paio
lo scatto in remoto può esserti d’aiuto per evita- si possa riposare. Per i tempi morti tieni sempre a di scarpe col tacco, una vestaglia o una vecchia
re movimenti di macchina. portata di mano una vestaglia. t-shirt possono trasformare il look delle tue foto.

Photo Professional | 59
Accademia Sprea Fotografia

4 idee da provare Individua le pose più sensuali e cerca di raccontare una storia
Fai muovere la modella così che la luce, naturale o artificiale, avvolga il suo corpo in diversi modi

1 Alla finestra 2 Illumina le curve


In questa foto c’è un’ampia finestra che permette alla luce di avvolgere il soggetto La luce della finestra è delicata e adorabile, ma delle volte un’illuminazione più deci-
in maniera splendidamente naturale. Potresti anche provare a introdurre una sorta sa, con ombre più marcate, sa essere più efficace. A seconda della distanza a cui il
di filo narrativo utilizzando degli arredi scenici. Un oggetto semplice come una taz- soggetto si colloca rispetto alla fonte di luce naturale, l’illuminazione può essere più
za di tè può trasformare completamente l’atmosfera: non si tratta solo di una bella o meno forte. I LED, invece, possono essere usati per illuminare il corpo da dietro e
ragazza che guarda fuori dalla finestra, è molto più coinvolgente e voyeuristico, come creare dettagli molto definiti, come nell’immagine qui sopra. La luce posteriore esal-
se fosse appena stata colta in un momento di assoluta intimità. Come dimostra la ta perfettamente la silhouette della modella, creando forme quasi provocatore. Ed
foto qui sopra, puoi usare la luce naturale in modo laterale per un effetto più control- è tutta una questione di illuminazione: basta posizionare una luce alle spalle del sog-
lato, direzionale, ottenendo un look malinconico e affascinante. getto, orientata verso la camera.
Luce: una finestra a sinistra del soggetto. Luce: un pannello LED a luce continua.
Esposizione: 1/160 sec, f/3.5, ISO 160. Esposizione: 1/100 sec, f/2.8, ISO400.

3 Sul pavimento 4 Sul letto


Ecco una regola d’oro: quando pensi alle pose, cerca di trovare i modi migliore per Per il più classico degli scatti da boudoir devi far stendere la modella sul letto, sulla
creare forme interessanti con il corpo della modella, mettendo in mostra le curve e pancia o sul fianco. L’inquadratura è incentrata sul volto, indugia su un’ampia scol-
la sua plasticità. Qui la camera è praticamente al livello del pavimento, per conferi- latura, e permette sia di scattare un efficace close-up che uno sguardo più largo, su
re al soggetto una posa più dominante e quasi statuaria. Puoi notare come la posa tutto il corpo. Chiedi alla modella di incrociare le gambe e di ruotare leggermente
sia scelta per celebrare la forma del corpo, liberandola da qualunque appoggio - se l’anca verso la camera, di modo da creare una sensuale curva ben pronunciata lun-
la modella fosse sdraiata sul pavimento o a letto, la sua silhouette ne perderebbe. go il profilo della schiena.
Luce: luce naturale da due finestre direttamente dietro la camera. Luce: luce naturale da due finestre opposte, in fronte e alle spalle del soggetto.
Esposizione: 1/160 sec, f/2.8, ISO800. Esposizione: 1/80 sec, f/2.8, ISO1000.

60 | Photo Professional
il parere degli esperti di
CAMERA SERVICE ITALIA
Trucchi e segreti dal boudoir taratura e manutenzione

Pianifica le pose insieme a lei Canon


Prima di iniziare la sessione fotografica, scegli con la ragazza una
AUTHORISED
serie di foto di ambientazioni simili alle quali dovrete ispirarvi; CENTRE
entrambi saprete così cosa aspettarvi e cosa volete fare. Durante
le riprese dovrai incoraggiarla, dirle quanto è brava e bella, darle
indicazioni precise sulle pose e mostrarle via via le foto sul display
della macchina. I consigli dei nostri tecnci
● Attenzione: il cambio dell’ottica, operazione frequentissi-
ma, mette in balia di polvere e impurità il cuore del siste-
ma fotografico: oltre a fare la massima attenzione è importante
effettuare una manutenzione scrupolosa e professionale.

● Spesso viene trascurato il trasporto e lo stoccaggio


dell’attrezzatura: è sempre bene custodire tutto con cura ripo-
nendo il proprio corredo in apposite borse o zaini isolan-
doli con gli appositi divisori modulari.

● Durante il cambio dell’ottica è consigliabile: orien-


tare la reflex verso il basso, sbloccare l’ottica con delicatezza e
procedere all’innesto di quella nuova senza fretta ma al contem-
Illumina braccia e gambe po senza indugiare.
La posa di gambe e braccia è fondamentale, quindi cerca di dare loro
una forma interessante. Allontanando le braccia dai lati del corpo, si ● La fotocamera è un’apparecchio con molteplici fun-
rafforza la sagoma del corpo stesso; anche un’inquadratura laterale zioni che ha bisogno, come qualsiasi strumento di precisione, di
come questa funziona, perché assottiglia il corpo. Ricordati: la model- manutenzione e taratura.Un centro di assistenza autorizzato
la deve piacersi, prima ancora di piacere a te! come il nostro è in grado di effettuare e garantire tutti gli inter-
venti necessari.

SUPER SCONTO PER
LA MANUTENZIONE PIT-STOP REFLEX!
I lettori di Photo Professional risparmiano le spese
di spedizione per il check up della loro reflex. 19,80 € entrambe
le tratte con corriere UPS. Basta fornire al corriere il codice
speciale presente sulla pagina:
www.cameraserviceitalia.com/pit-stop-reflex-sprea/

Metti a fuoco gli occhi


Uno dei punti di maggiore interesse, almeno nelle foto frontali, sono gli
occhi. È da qui che deve partire la tua ricerca della giusta messa a fuo-
co. Punta sull’occhio più vicino e prenditi tutto il tempo necessario per
metterlo bene a fuoco; poi controlla la foto, ingrandendo molto per con-
trollare proprio quest’elemento: se l’occhio è sufficientemente nitido,
non ha importanza se il resto appare morbido. www.cameraserviceitalia.com/pit-stop-reflex/

Photo Professional | 61
Accademia Sprea Fotografia

Missione
● Dilata l’esposizione
a vari minuti per
fotografare
paesaggi marini
minimalisti
Con la calma si fa tutto
Realizza paesaggi dall’atmosfera eterea e surreale
Tempo necessario
● Un’ora
con le esposizioni lunghe. L’ideale è fotografare il mare
Livello di difficoltà

N
● Facile oi fotografi siamo spesso osses- nero. Poche cose come le pose lun- loro biancheggiare o la loro schiuma, o
● Intermedio sionati dal dettaglio, dalla nitidez- ghe rendono la fotografia qualcosa i detriti alla deriva. Una posa lunga
● Difficile za, o dalla risoluzione; la sempli- di magico, perché quando l’esposizio- purifica il mare da tutti questi ele-
cità può però essere altrettanto ne dura parecchio, qualunque movi- menti per lasciare solo una liscissima
Cosa serve efficace. Se spogliamo le nostre foto- mento nella scena diventa un morbido distesa e per realizzarla bastano un
● Treppiede grafie da ogni elemento superfluo, “mosso” che trasfigura in modo spet- filtro ND molto denso, un treppiede,
● Filtro ND -10 possiamo ottenere bellissime immagi- tacolare le scene di tutti i giorni tra- un paio di semplici accorgimenti sulla
o -13 stop ni minimaliste. L’importante è conser- sportandole in un’atmosfera surreale fotocamera e una meticolosa atten-
● Scatto in remoto vare la calma ma soprattutto fare le e minimalista: il mare è l’esempio zione ai particolari. Può essere che,
● Photoshop CC/CS cose con calma, imparando come uti- perfetto. Fotografato in modo norma- alla fine, il risultato della sessione sia
o Elements lizzare le esposizioni lunghe e come le, il mare mosso è ricco di particolari una sola foto: ma se è ben riuscita, l’o-
● Cronometro esaltarle con uno splendido bianco e come le creste e i cavi delle onde, il biettivo è centrato.

62 | Photo Professional
Passo a passo Preparati per una posa molto lunga
Non è un procedimento difficile, ma devi avere pazienza e organizzazione

Usa un treppiede solido Scatta una foto di prova


Metti la fotocamera su un treppiede robusto e accertati Prima di montare il filtro ND, fai una foto di prova in Priorità
1 che sia stabile, perché dovrà stare ferma per alcuni minuti 2 di diaframma, a 100 ISO e f/11 o ancora più chiuso. Metti
e un minimo movimento rovinerebbe lo scatto. Se c’è vento, zavor- a fuoco, passa a Messa a fuoco manuale, blocca la regolazione e
ra il treppiede appendendo la borsa della macchina al gancio sul- scatta. Ricordati di prendere nota del tempo di posa (1/60 sec in
la colonna centrale. questa foto).

Quick Tip
La luce può dimi-
nuire nel corso
di pose lunghe
al crepuscolo,
Monta il filtro ND Blocca l’otturatore aperto quindi conside-
Sistema adesso il tuo filtro ND davanti all’obiettivo. Per rea- Il tempo di posa della foto di questa prova era 1/60 sec quindi, ra un aumento
3 lizzare questa foto è stato utilizzato un portafiltri Firecrest del- 4 a causa del filtro da -13 stop, devi raddoppiare questo valore della posa per
la Formatt-Hitech con un filtro -13 stop. Un consiglio: prova ad per 13 volte: diventano 2 minuti. Imposta la B (Bulb) sulla ghiera dei compensare la
aggiungere un polarizzatore, che non solo scurisce il blu dei cieli, ma tempi, collega il comando a distanza, quindi apri e blocca l’otturatore diminuzione.
toglie altri due stop. per il tempo stabilito.

Alcuni suggerimenti utili per realizzare questa prova

1 SCEGLI IL TUO FILTRO 2 CALCOLA 3 CHIUDI IL MIRINO 4 CONTROLLA LE MAREE 5 APP TRIGGERTRAP
Se vuoi scattare di giorno, L’ESPOSIZIONE Se lasci il mirino aperto L’alta marea potrebbe Cronometro e telecoman-
ti serve un filtro da almeno A ogni stop che il filtro sot- durante una posa molto coprire le chiazze di acqua do vanno bene, ma c’è una
-10 stop. Può essere un trae, l’esposizione raddop- lunga, corri il rischio che la bassa, mentre le basse possibilità migliore: la
buon suggerimento l’otti- pia. 13 stop richiedono un luce penetri sul sensore. maree potrebbero dare chiave di protezione di
ma serie Formatt-Hitech sacco di calcoli, quindi Usa il coperchio per il miri- accesso a zone particolari, Triggertrap si aggancia
Firecrest (€ 389 sul loro semplificati la vita con un no (ce n’è uno sulla tracol- oppure formare “vasche” alla fotocamera e al telefo-
sito) che comprende il -10, calcolatore dell’esposizio- la), oppure chiudi il buco provvisorie nella sabbia. no e l’app ti aiuta a impo-
-13 e -16 stop, ma ci sono ne come quello dell’app con un poco di nastro Controlla le maree con stare pose di qualsiasi
filtri molto meno costosi. PhotoPils. nero. l’app gratuita Maree Gratis. durata.

Photo Professional | 63
Accademia Sprea Fotografia

TOP TIPS Quello che devi ricordare per le pose lunghe


Quattro consigli utili per lavorare al meglio, dalla luce allo stabilizzatore

Quale filtro ND
conviene usare
I filtri neutri di
densità limitano
l’ingresso della luce
nella fotocamera.
L’intensità del filtro
dipende dalla Trova un punto immobile di riferimento Evita le infiltrazioni di luce
quantità di luce La cosa più importante è un forte centro d’interesse. Cerca Con tempi di posa lunghi, le infiltrazioni di luce - con l’aspet-
ambiente e dalla
1 qualcosa che si distingua, come un palo singolo, un molo, o 2 to di macchie violacee - sono sempre in agguato. I passag-
scelta del tempo di un edificio circondato dall’acqua o dalle nuvole in movimento. Non gi attraverso cui penetrano sono il mirino e il portafiltri quindi, oltre
posa. Ogni stop ha senso scattare con pose lunghe dove nell’inquadratura non si a chiudere il mirino, ricorda di usare un portafiltri ben sigillato con-
raddoppia la durata muove niente. tro la luce.
della posa, quindi se
l’esposimetro dà
1/125 sec, un ND -6
richiederà ½ sec,
mentre con un -16
saranno necessari 8
minuti e 44 secondi.
Per evitare le strane
dominanti indotte
dai filtri molto forti,
è necessario che
essi siano di vetro
ottico di grande
qualità, come i Trova il diaframma migliore Escludi lo stabilizzatore
Formatt-Hitech Non cedere alla tentazione di usare un diaframma chiuso come Se la posa è lunga, togli la stabilizzazione perché potrebbe por-
Firecrest che sono 3 f/16 o f/22 per aumentare la profondità di campo. Ogni obiet- 4 tare a un’immagine confusa. Non c’è bisogno di bloccare lo
stati usati per tivo ha la sua resa migliore, di solito tra f/5.6 e f/8. Sopra a f/11 la dif- specchio, perché il suo effetto non si può notare in un’esposizione di
queste foto. frazione può causare perdita di nitidezza, quindi valuta se hai vera- parecchi secondi. Seguendo questi semplici consigli, è difficile che tu
mente bisogno di molta profondità di campo. possa sbagliare la tua posa lunga!

PASSO a PASSO Converti in monocromatico il tuo paesaggio marino


Usa Photoshop e le regolazioni selettive per trasformare la foto in un elegante bianco e nero

Le immagini a posa lunga hanno del rumore, eliminabile dal pannello Dettaglio Puoi cambiare il “mood” con le regolazioni selettive: in Photoshop, selezio-
in Camera Raw. Converti in monocromatico dal pannello HSL/Scala di grigio, na il mare con lo Strumento Selezione rapida (Maiusc-clic sul mare), aggiun-
nel quale puoi controllare separatamente la luminosità dei colori; qui è stato gi un Livello di regolazione e rischiara l’area con i cursori. Ripeti il procedi-
scurito il blu per un cielo d’atmosfera. mento per correggere altre aree dell’immagine.

64 | Photo Professional
CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI
TEST OTTICHE A BUON MERCATO

CANON EDITION
4 reflex entry-level TEST SFIDA ALL’ULTIMO FLASH TEST POWERSHOT SX540 HS
CANON EDITION

CANON EDITION

CANON EDITION
TEST
per iniziare col piede giusto 8 lampeggiatori messi Grandangolo o tele, zoom o fisso: La bridge Wi-Fi con superzoom
scopri il superaffare del momento grandangolare fino a... 100x!
a dura prova in ogni condizione.
Ecco il migliore!

EVOLUZIONE 80D n Sensore da 24,2 MP

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

2016 • Mens. • N°78 Maggio • 3,90 €


Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF
2015 • Mens. • N°73 Dicembre • 3,90 €

2016 • Mens. • N°76 Marzo • 3,90 €


TECNICHE EVOLUTE Speedlite n AF a 45 punti
20MM PER LA MODA
Come usare il grandangolo per i ritratti
430EX III-RT
versatilità e
prezzo aggressivo
Autofocus che “vede” al buio,
esposizione impeccabile
n Video in Full HD
n Raffica a 7fps
e non solo per paesaggi e reportage e un prezzo alla portata di tutti! n Wi-Fi e NFC

Finalmente
TEST
È ARRIVATA
EOS-1D X Mark II Se leggi
CUS
Il nuovo Sigma n 20,2 MP

AUATLLO’ FDORENALINA Photo Professional,


20mm f/1.4 DG HSM Art
n Raffiche a 14fps
WORKSHOP n Filmati 4K 60p
RACCONTARE n USB 3.0, Ethernet
UN EVENTO e GPS integrati
A TEST ESTREMO

POTENTISSIMA ti può piacere anche...


Storytelling consigli e attrezzature Abbiamo messo a dura prova
per narrare in modo efficace
il sistema AF della nostra ammiraglia EOS !

2016 • Mens. • N°77 Aprile • 3,90 €


Focus Tracking fino a 16 fps
I preset da sfruttare n
Le personalizzazioni n
Chi cerca il meglio del meglio e prestazioni top adesso ha il suo oggetto del desiderio L’inquadratura n
I SEGRETI DELLA LUCE ARTIFICIALE FOTOGRAFA I CONCERTI DIGITAL EDITING BILANCIA IL BIANCO INTERVISTA: DAVIDE MENGACCI RITRATTI A 4 ZAMPE LIGHTROOM METTI BENE A FUOCO INTERVISTA: ANGELO ORSI CAMBIA L’ATTREZZATURA DIGITAL EDITING LUNGHE ESPOSIZIONI
Costruiamo un Equilibrio Fotografo Tutte le risposte Cronaca, basket, Tutti i trucchi
INTERVISTA set casalingo per cromatico per vocazione, sull’autofocus moto ma soprattutto per catturare una
ci racconta come delle EOS scia di stelle
DARIO APOSTOLI
Coniuga in modo originale
TEMPO DI SCATTO EFFETTO TIME STACK
realizzare ritratti
e still-life da
perfetto
nascono i suoi scatti
dedicati al miglior Tutti i consigli per fotografare Con il modulo Mappe organizzi One-Shot o AI Servo?
Formula 1. Angelo
ci racconta com’è
Come regolarlo in base L’intera durata dell’alba professionista Trucchi & tecniche per ritrarre Incarnati naturali e senza difetti Non sempre l’AWB diventato il fotografo Prima di aggiornare la tua Crea un libro fotografico Scopri come regolare
ed eclettico il bianco e i colori alla velocità dei soggetti in un unico scatto Stativi, flash e fondali le star della musica sul palco con un tocco di Photoshop è la soluzione migliore! amico dell’uomo il tuo cane in esterni o in casa le foto usando le coordinate GPS Automatico o manuale? personale di Senna reflex leggi la nostra guida! direttamente da Lightroom ISO, tempi e apertura

COD. pp77
COP_ICOP_COVER_77.indd 1 08/03/16 09:39

COD. pp73 COD. pp76 COD. pp78


COP_ICOP_COVER_73.indd 1 13/11/15 15:48 COP_ICOP_COVER_76_SIlvia.indd 1 08/02/16 10:45 COP_ICOP_COVER_78.indd 1 12/04/16 14:48

n 73 - DICEMBRE 2015 n 76 - marzo 2016 n 77 - aprile 2016 n 78 - maggio 2016

CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI
ULTRAGRANDANGOLARI TEST SUL CAMPO CANON EOS 80D TEST COMPLETO CANON EOS 1300D
CANON EDITION

CANON EDITION

CANON EDITION

CANON EDITION
TEST
VIDEOMAKING
10
super ottiche per Un concentrato di tecnologia L’APS-C ideale per chi muove
panorami da 250 e qualità al giusto prezzo i primi passi nel mondo reflex CON LA EOS
a 1.000 euro Elementi
1.000 euro Bastano di regia: dallo
390 euro! storyboard al
setup della reflex

RAW “negativo” digitale LIGHTROOM Tutti i segreti del


2016 • Mens. • N°80 Luglio • 3,90 € SCUOLA DI FOTOSUB INQUADRATURE ESTREME
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF
Tecniche e attrezzature per scatti sott’acqua dal mediterraneo alla barriera corallina Stupire con immagini dall’eccezionale impatto compositivo
n Ottimizza ogni caratteristica del file n Correggi le aberrazioni ottiche
Foto delle vacanze perfette con pochi clic n Impermeabilizzare le reflex n Il flash in immersione n Luce & dominanti
n Correggi la prospettiva n Crea panoramiche d’impatto
n Regola l’esposizione dopo lo scatto n Ottimizza i colori n Modifica le foto con lo smartphone
L’APPRENDISTA

GESTIRE LA LUCE
IN ESTERNI
Street fashion shooting I segreti
per creare schemi d’illuminazione
naturale/artificiale di grande effetto
n Pannelli riflettenti
n Flash dedicati n Preparare il set
n Location L’APPRENDISTA n Coinvolgere
L’APPRENDISTA i soggetti
SCATTI ASTRONOMICI
TEMPERATURA Guida fondamentale
n Ritoccare con
Lightroom
2016 • Mens. • N°79 Giugno • 3,90 €

2016 • Mens. • N°81 Agosto • 3,90 €

COLORE
Scopri come esaltare e armonizzare
per riprendere il cielo di notte
Accessori indispensabili n
Foto modificata con il modulo Impostazioni per luna e scie stellari n
il bilanciamento cromatico sviluppo di Lightroom: Scorci di spazio profondo n
2016 • Mens. • N°82 Settembre • 3,90 €

HDR effetto vintage


n I preset n Le impostazioni personali n L’uso creativo I migliori punti d’osservazione n

INTERVISTA: ALBERTO FANELLI LANDSCAPE ATTREZZATURA TECNICA INTERVISTA: DANIELE GUIDETTI ATTREZZATURA FOTO DI VIAGGIO TECNICA INTERVISTA: ALESSANDRO TROVATI ATTREZZATURA TELEOBIETTIVI DIGITAL EDITING TECNICHE DI RIPRESA PICTURE STYLE TEST SUL PANNING E VELOCITÀ DIGITAL EDITING
Abbiamo incontrato L’iperfocale per
profondità di
Capace di mettere Gioca con le ombre
e realizza
Pronto per la sua decima Enfatizza dettagli
e contrasti con
Scopri come CAMPO Crea con facilità
selezioni accurate
il mago della foto 3D in risalto outfit olimpiade, il reporter personalizzare i parametri
impegnato da 7 anni campo estreme e accessori come un ritratto noir dei record ci svela l’HDR estremo di ripresa con effetti usando le maschere
in un timelapse
record sui tetti
di Milano
16
cieli stellati e paesaggi urbani
5
regole auree per tramonti, A confronto treppiedi
compatti da portare in vacanza
La guida per realizzare
scatti dove tutto è a fuoco
nessun altro, ci rivela
cosa serve per sfondare
nella fotografia di moda
8 kit flash da studio per un set Consigli, trucchi e strumenti
casalingo alla portata di tutti per documentare l’estate
i segreti del mestiere
e i retroscena della
fotografia sportiva
8 grandandolari a focale fissa Come sfruttare inquadrature
per chi vuole la massima nitidezza strette per esaltare il soggetto
capaci di dare una marcia
in più agli scatti Canon EOS-1D X Mark II
Indiscussa regina della velocità!
Tecnica e attrezzature per
fotografare i motori in pista

COD. pp79 COD. pp80 COD. pp81 COD. pp82


COP_ICOP_COVER_79.indd 1 11/05/16 17:29 COP_ICOP_COVER_80.indd 1 14/06/16 16:30 COP_ICOP_COVER_81.indd 1 15/07/16 10:10 COP_ICOP_COVER_82.indd 1 04/08/16 16:22

n 79 - giugno 2016 n 80 - luglio 2016 n 81 - agosto 2016 n 82 - settembre 2016

CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI CANON EDITION PER VERI CANONISTI canon edition per veri canonisti
OTTICHE MACRO TEST ESCLUSIVO nuova EoS M5
CANON EDITION

canon edition
8 CAMPIONI EOS 5D MARK IV TEST ESCLUSIVO
CANON EDITION

CANON EDITION

8per scatti
obiettivi INOLT Finalmente Canon

COD SDCM14
Maggiore potenza Gli acce RE
DI NITIDEZZA a un prezzo
più basso!
I segr
Dual Pixeeti del
l Raw a distanza
ravvicinata messi
indispens ssori
microfotogabili per
rafia
lancia la sua prima
mirrorless
Scopri gli obiettivi di fascia alta
a dura prova!
zoom e a focale
Perfetta
fissa che offrono

9,90 €
il
anche per
la massima qualità videomaking

RITRATTI
2016 • Mens. • N°84 Novembre • 3,90 €
2016 • Mens. • N°85 Dicembre • 3,90 €

L’APPRENDISTA
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

SFOCATO DINAMICO

STAR
& LUNGHE ESPOSIZIONI
DA
Lorenzo Agius: «Da vent’anni
le più grandi celebrity posano
Come CATTURARE in una foto
la forza impetuosa delle cascate

Fai Soldi La guida passo - passo


con le con tutte le tecniche
per me, vi svelo i miei segreti»
Ewan McGregor,

SPORT
attore scozzese protagonista

28
di film cult come Trainspotting,

tue Foto
Guerre Stellari e Moulin Rouge,
TRUCCHI fotografato da Agius

PER LA TUA REFLEX ANTEPRIMA

FLASH dei professionisti dell’editing


EOS 5D
Mark IV n vendi le immagini online

WILDLIFE n partecipa ai concorsi


Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

INDOOR
Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Tariffa R.O.C. - Poste Italiane Spa - Sped. In Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27.02.2004, n° 46), art. 1 comma 1, S/NA - CH CT 8,10 CHF

Un inserto prezioso n Fotografa gli eventi


con tecniche, suggerimenti
e mille piccoli trucchi
per usare la tua Canon SHOOTING n realizza stampe artistiche
2016 • Mens. • N°83 Ottobre • 3,90 €

da professionista!

PROFESSIONAL PHOTO N.86 - MENSILE


Dettagli che esaltano
€ 3,90 - GENNAIO 2017

STORYTELLING
LIGHTROOM
il movimento
n Speedlite o monotorce?
n La plasticità del bianco e nero 10 tecniche professionali
per la caccia fotografica
VIVI L’EMOZIONE DI RACCONTARE CON LE IMMAGINI
intErviSta: andrEa kunkl
tre settimane
in mare sulle tracce
dei migranti: un
digital Editing il trEppiEdE tutto il Mondo è rotondo
i passaggi per
creare una foto
panosferica a 360°
Dal progetto al portfolio: foto dopo foto, scena dopo scena, ambizioso progetto
a cavallo tra sociologia Scopri i segreti dell’esposizione a confronto 6 modelli
Simula una ripresa notturna scopriamo l’arte e la tecnica per creare un bellissimo reportage “minimalista” e fotoreportage con pochi passaggi di photoshop con colonna orientabile

COD. pp83 COD. pp84 COD. pp85 COD. pp86


COP_ICOP_COVER_83M.indd 1 13/09/16 14:28 COP_ICOP_COVER_84.indd 1 11/10/16 17:23

n 83 - ottobre 2016 n 84 - novembre 2016 n 85- DICEMBRE 2016 n 86- GENNAIO 2017
(solo in digitale)

Completa la tua collezione ordinando gli arretrati a soli 3‚90 e cad.


su www.photoprofessional.it/arretrati
oppure utilizzando il modulo qui sotto
l
Scegli l’arretrato Che vuoi ordinare NOME
SE VUOI ORDINARE VIA POSTA O VIA FAX, COMPILA QUESTO COUPON COGNOME
Ritaglia o fotocopia il coupon, invialo in busta chiusa a: Sprea S.p.A. Via Torino 51, 20063 Cernusco s/N (MI),
insieme a una copia della ricevuta di versamento o a un assegno oppure via fax al numero 02.56561221. via
Per ordinare in tempo reale i manuali collegati al nostro sito www.photoprofessional.it/arretrati. Per ulteriori informazioni puoi scri-
vere a arretrati@photoprofessional.it o telefonare allo 02.87168197 tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. N° C.A.P. PROV.
INSERISCI I CODICI e il mese di copertina delle pubblicazioni che desideri ricevere: CITTà
€ TEL.

e-mail

SCELGO IL SEGUENTE METODO DI PAGAMENTO (Indica con una ˝ quello prescelto)

Totale Ordine € ∆ Versamento su CCP 99075871 intestato a Sprea S.P.A. ABBONAMENTI Via Torino 51
20063 Cernusco Sul Naviglio MI (Allegare ricevuta nella busta o al fax)
scelgo il seguente metodo di spedizione:
Indica con una ˝ la forma di spedizione desiderata ∆ Bonifico intestato a Sprea S.P.A. Abbonamenti sul conto IBAN IT05 F076 0101 6000 0009 9075 871
Per una rivista spedizione tramite posta tradizionale al costo aggiuntivo di 3,90 € ∆ Carta di Credito N. (Per favore riportare il numero della Carta indicandone tutte le cifre)
Per due o più riviste spedizione tramite Corriere Espresso al costo aggiuntivo di 7,00 €
Scad. CVV
Totale complessivo € (Codice di tre cifre che appare sul retro della carta di credito)

Data Firma del titolare Nome e Cognome del Titolare della carta (può essere diverso dall’abbonato)
Informativa e Consenso in materia di trattamento dei dati personali - (Codice Privacy d.lgs. 196/03) Sprea S.p.A. Socio unico Sprea Holding S.p.A. con sede legale in Cernusco s/N, via Torino
51, è il Titolare del trattamento dei dati personali che vengono raccolti, trattati e conservati ex d.lgs. 196/03. Gli stessi potranno essere comunicati e/o trattati da Società esterne Incaricate. Ai sensi

degli artt. 7 e ss. si potrà richiedere la modifica, la correzione e/o la cancellazione dei dati, ovvero l’esercizio di tutti i diritti previsti per Legge. La sottoscrizione del presente modulo deve intendersi
quale presa visione, nel colophon della rivista, dell’Informativa completa ex art. 13 d.lgs. 196/03, nonché consenso espresso al trattamento ex art. 23 d.lgs. 196/03 in favore dell’Azienda.
Accademia Sprea Fotografia

Tre è il numero perfetto


Crea un trittico artistico da appendere alla parete
Missione

D
● Scattare e formare ice il proverbio “non c’è due senza serie. Le foto di questo servizio hanno aggiungere un flash portatile inne-
un trittico artistico tre”, perciò prova a scattare e sce- come soggetto piantine ed erbacce scato dal flash incorporato della
Tempo necessario gliere le foto da comporre poi in che si trovano in campagna in questo macchina (se la macchina non ha il
● Mezza giornata un trittico artistico. La possibilità di periodo; eliminando gli elementi di di- flash, dovrai collegarla con un cavo
esporre più di un’inquadratura ti met- strazione e fotografandole su uno sincro o usare un secondo flash porta-
Livello di difficoltà te nella condizione di raccontare una sfondo bianco liscio, puoi concentra- tile). Conviene anche utilizzare un dif-
● Facile storia, o di far vedere aspetti diversi re l’attenzione sulla forma delicata fusore, tra il flash laterale e il soggetto,
● Intermedio dello stesso soggetto, o di ripetere un della struttura della pianta. Con un per ammorbidire la luce ed evitare le
● Difficile tema particolare in soggetti diversi obiettivo macro, ti devi avvicinare mol- ombre dure. Una volta scattata una
che lavorano all’unisono. to e trasformare i fragili dettagli in una serie di foto, ne dovrai scegliere tre
Cosa serve I trittici funzionano bene per svariati composizione astratta. Ma attenzio- che possano stare bene insieme, poi è
● Torcia flash generi e soggetti e anche il più sempli- ne: hai bisogno di un po’ di luce in più tutto un lavoro di post-produzione da
● Obiettivo macro ce degli oggetti può diventare una pic- per l’aspetto delle superfici e per la compiere nella tua “camera oscura di-
● Pannello riflettente cola opera d’arte se inserito in una profondità di campo, quindi conviene gitale” per mettere insieme il trittico.

66 | Photo Professional
PASSO a PASSO I passaggi fondamentali per impostare la tua Canon
Lavorando così vicino al soggetto, metti la macchina sul treppiede per avere la massima stabilità

Imposta la macchina Prima osserva, poi componi Metti a fuoco e scatta a distanza
In modalità Manuale imposta il tempo di posa più Mettendo a fuoco dettagli differenti, o semplice- Per mettere a fuoco, attiva Live View, decidi che
rapido che la sincronizzazione con il flash consenta mente ruotando il soggetto, ottieni svariati scatti; cosa mettere a fuoco, ingrandisci 5x o 10x e ruota
(di solito 1/200 o 1/250 sec). In macrofotografia prenditela comoda e passa un po’ di tempo a osser- lentamente l’anello della messa a fuoco manuale
la profondità di campo diminuisce con l’avvicinarsi vare e inquadrare le piante. Cambiando la profondi- fino a quando il punto che hai scelto appare perfet-
al soggetto, perciò conviene partire da una via di tà di campo o il punto di messa a fuoco, la scena tamente a fuoco. Per essere certo di non toccare la
mezzo come f/5.6-f/8 e per prima cosa scoprire nell’inquadratura si trasfigura molto, cosa che ti sor- messa a fuoco o urtare la macchina durante la posa,
quanta parte è a fuoco. prenderà ogni volta che lo farai. scatta con un comando a distanza.

PASSO a PASSO L’allestimento delle luci


Per avere un’illuminazione più decisa, metti il flash di fianco al soggetto frapponendo un diffusore

P
er innescare wireless
il flash separato, usa
il flash incorporato
della macchina come
trasmettitore.
Vai a Controllo flash dal
menù principale e selezio-
na Imp. flash incorporato,
quindi da Modo flash
seleziona Flash manuale,
scorri a Funz. Wireless e
imposta l’opzione per
innescare solo il flash
separato.
Dal menù Controllo flash
puoi regolare la potenza
del lampo sul flash sepa-
rato, 1/32 in questo caso.
Commuta il flash separa-
to su Slave Wireless e
assicurati di avergli impo-
stato lo stesso canale del-
la macchina.

Photo Professional | 67
Accademia Sprea Fotografia

PASSO a PASSO Dalla cornice al bordino, crea il trittico con Photoshop


Realizza il contesto migliore per appendere la tua serie, poi fai una conversione in b/n

Disegna la cornice Crea un nuovo documento


Clicca e tieni premuto sugli strumenti Forma nel pannello Vai a File>Nuovo, nome “Trittico”, Larghezza 50 Centimetri,
1 Strumenti e seleziona lo strumento Rettangolo. Traccia un 2 Altezza 26 Centimetri, Contenuto sfondo: Bianco. Vai a
rettangolo che misuri 12x22 cm, usando la griglia come guida. Photoshop>Preferenze>Guide, griglie e sezioni…, imposta una
Seleziona lo strumento Sposta, tieni premuto Alt e trascina il rettan- Griglia ogni 2 centimetri con due suddivisioni, quindi vai a
golo per crearne altre due copie, a uguale distanza. Visualizza>Mostra>Griglia.

Aumenta
la luminosità
e il contrasto
Quando le immagini
sono al loro posto
una di fianco
all’altra, sarai in Drag and drop Aggiungi un’immagine
grado di giudicare Trascina un’immagine sulla linguetta di “Trittico”, poi giù per Apri le foto in Camera Raw. Seleziona Tutto, imposta
se qualcuna ha
3 copiarcela. Nel pannello dei Livelli, sposta il livello dell’immagi- 4 Esposizione +1,55, Contrasto +20, Chiarezza +34,
bisogno di essere ne sopra il livello del rettangolo che vuoi occupare. Alt-clic sulla linea Saturazione -100. Seleziona immagini 1 e 2, imposta Neri -15,
schiarita in modo tra i livelli per aggiungere una maschera di ritaglio, in modo che sia Ombre -28, quindi Apri immagini. Seleziona lo strumento Sposta,
che le esposizioni visibile solo l’area all’interno del rettangolo. spunta Selez. auto e Mostra contr. trasformaz.
appaiano uguali. Nel
pannello dei Livelli,
seleziona il livello
che vuoi correggere,
poi vai a Immagine>
Regolazioni> Valori
tonali e regola i
valori. Per il tocco
finale su tutte le tre
immagini, vai a
Livello>Unisci
visibile per creare un
unico livello al quale
devi applicare un
Livello di regolazio-
ne Curve; disegna Trasforma e riposiziona Aggiungi un bordino
una curva morbida a Seleziona il livello dell’immagine e clicca il contorno per tra- Per aggiungere un bordino nero intorno a ogni immagine, crea
forma di “S” per
5 sformarla; tieni premuto Alt e trascina gli angoli per ridurla, 6 un nuovo livello sopra agli altri, tieni premuto Ctrl/
aumentare il quindi premi Invio per applicare la trasformazione. Una volta impa- Cmd+Maiusc e clicca l’icona dei livelli dei rettangoli per trasforma-
contrasto generale. rata la tecnica, ripeti i passaggi 4 e 5 per aggiungere e posizionare le re i bordi in selezioni. Vai a Modifica>Traccia. Imposta Spessore 10
altre due immagini. px, Colore Nero e premi Ok.

68 | Photo Professional
Fai splendere le tue foto
Un modo semplice e veloce per regolare esposizione
e contrasto con l’ALO, Auto Lightining Optimizer

L
Missione ’Ottimizzazione Automatica della Luce è una disabilitato basso
● Come usare la funzione che passa spesso inosservata, ma è
funzione ALO nelle molto comoda e vale la pena di farci delle pro-
fotocamere EOS ve. Abbreviata con l’acronimo ALO (Auto Lighting
Tempo necessario Optimizer), migliora l’esposizione e allinea il
● 10 minuti contrasto nelle riprese effettuate in condizio-
ni non proprio ideali. Si attiva autonomamente
Livello di difficoltà se scatti in Stile Foto Auto, Creativo Auto, o qua-
● Facile lunque Tipo Scena. Per disattivarlo, o modificar-
● Intermedio ne l’intensità in-camera, devi essere in modalità
● Difficile P, Tv, Av o Manuale; nelle modalità semi-automa-
tiche è impostato di default su Standard, mentre
Cosa serve è disattivato nella modalità Manuale. ALO è effi-
● Canon Digitale EOS
cace in scene sottoesposte o con basso con-
con la funzione ALO
(Ottimizzazione trasto ed è utile anche usando il flash o nei con-
Automatica della troluce. Appena la foto è scattata, ALO analizza
Luce) l’illuminazione e il contrasto, quindi modifica
● Zoom standard ombre e alte luci riducendo al minimo la perdita normale alto
di dettaglio per un’esposizione bilanciata.

RAW: il flusso di lavoro Canon


Se usi il software Canon
Digital Photo Professional
(DPP) per elaborare i file
R AW, p uoi c ambiare le
impostazioni di ALO applica-
te in-camera, come parte
del tuo normale flusso di
lavoro di post-produzione.

PASSO a PASSO L’Ottimizzazione Automatica della Luce si usa in questo modo


In modalità P, Tv, Av e M puoi gestire l’ALO dal menù principale della fotocamera

Vai nel menù Regola l’intensità Anteprima dell’immagine


Trovi la funzione Ottimizzazione Automatica del- Puoi disattivare l’ALO, o regolarne l’intensità su L’ALO viene applicato in-camera alle immagini JPEG
la Luce in una delle voci del menù principale, scat- Basso, Standard (default) e Alto scorrendo le voci e all’anteprima nell’LCD delle immagini RAW. Le
tando in Manuale o in una delle modalità semi-au- e premendo Set. Prova tutte le impostazioni fino a modifiche introdotte dall’ALO sono immediatamen-
tomatiche (P, Tv, Av). trovare l’effetto che ti soddisfa. te visibili sull’istogramma.

Photo Professional | 69
Accademia Sprea Fotografia

Basta foto mosse!


Elimina in post-produzione il tipico fastidioso
effetto prodotto da una macchina poco stabile

I
l mosso in macchina è una delle lento. Normalmente, questo si con-
più grandi seccature per i foto- trasta aumentando gli ISO per far
grafi; avviene quando la macchi- salire la velocità dell’otturatore,
na si muove durante l’esposizio- che è quello che avremmo dovuto
ne ed è quindi strettamente fare qui; invece abbiamo mantenu-
legato al tempo di posa: all’au- to una sensibilità bassa, per cui il
mento di quest’ultimo, anche il ri- tempo di posa è risultato ¼ sec e i
schio di avere il mosso in foto au- dettagli non sono nitidi.
menterà. Tutti siamo passati da Questo tutorial è dedicato a un
questo frustrante problema per comodo strumento introdotto a
non aver prestato sufficiente at- p a r ti re d a ll a ve r si o n e 14 d i
tenzione al tempo di posa in condi- Photoshop Elements: si chiama
Missione zioni di scarsa illuminazione; e non Riduzione Effetto Mosso e fa
c’è niente di peggio che portarsi a quello che il suo nome anticipa,
● Imparare a usare
la Riduzione casa quella che sembra una gran- ovvero ridurre l’effetto causato
Effetto Mosso de foto per poi accorgersi, a un dall’instabilità della macchina.
Tempo necessario esame più attento, che non è Con un click è possibile eliminare
nitidissima. dalla foto gli effetti di una macchi-
● 10 minuti
Tutto questo ha a che fare anche na “ballerina”, ma per raggiungere
Livello di difficoltà con la lunghezza focale dell’obiet- il risultato migliore è meglio adden-
● Facile tivo: il teleobiettivo aumenta trarsi nelle opzioni dello strumento
● Intermedio qualunque “mosso” e lo fa appa- e regolarne l’effetto accuratamen-
● Difficile rire molto peggiore. Il mosso è te. Non è difficile e, una volta impa-
sempre in agguato negli interni e rato, sarà un ottimo paracadute per
Cosa serve dove c’è poca luce, perché la mac- correggere gli errori peggiori: quel-
● PS Elements 14 china deve usare un tempo di posa li che scopri troppo tardi...

Posiziona l’Area
Passo a passo Rendere nitida l’immagine
di Mosso Ecco come Riduzione Effetto Mosso elimina facilmente il blur della fotocamera
Se posizionando
l’Area di Mosso
appare un
triangolo di avviso,
vuol dire che
quell’area non è
sufficiente per
raccogliere
informazioni; devi
quindi muoverla o
ingrandirla fino a
che il triangolo non
compare più.
Clicca e trascina le
maniglie del box Vai al menù Migliora Inserisci il soggetto
per ridimensionar- Riduzione effetto mosso è nel menù Migliora ed è raggiungi- La prima cosa che si vede è l’area di mosso, cioè l’area della
lo, oppure spostalo 1 bile in modalità sia Rapida sia Esperti. Nella sezione superio- 2 foto analizzata per il movimento; è utilizzata per determinare
trascinando la re di questo menù si trovano anche le opzioni “auto” ma, per un mag- la correzione necessaria e che sarà poi applicata all’intera immagine.
puntina centrale. gior controllo, bisogna scendere e scegliere le opzioni nella sezione È possibile spostare l’area di mosso in posizione più favorevole trasci-
manuale. nandola dal centro.

70 | Photo Professional
Quick Tip
Il tasto Prima/
Dopo ti permette
Prevedi diverse aree di intervento Ingrandisci ogni volta per controllare di visualizzare
Qui abbiamo posizionato la prima area di mosso sul volto Puoi controllare l’efficacia di riduzione effetto mosso prima rapidamente
3 della modella, perché è questa la parte dove vogliamo la 4 di dare inizio all’elaborazione dell’immagine: premendo il l’immagine origi-
correzione migliore, ma si può aggiungere un’altra area cliccando bottone dello zoom in basso nella finestra apparirà una “lente” nale e le correzioni
lo strumento in basso nella finestra e, trascinando, disegnare quadrata che puoi trascinare in giro per la foto e controllare la resa apportate.
un’altra area. dei dettagli.

Photo Professional | 71
Accademia Sprea Fotografia

Missione
● Usare le maschere
per selezionare
un’area e corregge-
re i valori tonali
E ora, giù
la maschera!
Tempo necessario
● 10 minuti

Livello di difficoltà
● Facile
● Intermedio
● Difficile
Usa le maschere per interventi precisi sulle regolazioni
Cosa serve
● Lightroom CS o CC tonali, con il Pennello di Regolazione di Lightroom

C
i sono moltissime possibilità di durezza e il tratto del Pennello di contrasto; se clicchi e trascini a sini-
eseguire regolazioni globali sull’in- Regolazione, puoi sistemare con preci- stra, ottieni l’effetto opposto.
tera immagine, ma spesso è ne- sione i toni di una parte specifica. Se muovi il mouse su una certa punti-
cessario intervenire solo su aree spe- Quando clicchi sulla foto con il Pennello na, appare in sovrimpressione una ma-
cifiche: per questo esiste il Pennello di Regolazione, colloca una puntina di schera rossa che indica l’area interes-
di Regolazione. Con questo strumen- modifica: questa puntina registra la sata dalla correzione legata a quella
to puoi regolare in modo selettivo l’E- posizione e l’intensità di tutti gli ag- puntina. Le pennellate con le quali ab-
sposizione, la Chiarezza, la Luminosità giustamenti tonali che esegui. Con biamo schiarito gli scogli erano abba-
e altri controlli, semplicemente dipin- questo espediente si possono applica- stanza morbide e imprecise ma grazie
gendo sull’area che ti interessa correg- re regolazioni multiple alla foto, poi alla Maschera automatica siamo
gere. Nella foto di questo servizio, l’o- cliccare sulla puntina per affinare gli stati in grado di applicare l’effetto
biettivo era alleggerire gli scogli troppo effetti. Se clicchi sulla puntina e trasci- solo alle aree che ci interessavano,
scuri e contemporaneamente recupe- ni verso destra, aumenti il valore di seguendo con precisione il bordo fra-
rare il dettaglio contro il cielo molto ogni cursore collegato a essa, ad stagliato della roccia e lasciando intat-
chiaro. Modificando la dimensione, la esempio aumentando la luminosità o il ti il cielo, il mare e il terreno.

72 | Photo Professional
PASSO a PASSO Regolazioni più precise
Crea una maschera per correzioni selettive circoscritte

Aumenta la gamma tonale Vai nel dettaglio


1 Come prima cosa abbiamo allargato la gamma tonale; abbia-
mo aperto Sviluppo. L’istogramma non arrivava fino in fondo
2 Per le rocce sottoesposte abbiamo preso il pennello di regola-
zione (tasto k), cliccato effetto, scelto scherma (schiarisci).
a sinistra. Abbiamo trascinato i neri a -24 e i bianchi a +18 e portato Impostato esposizione +0,43, contrasto +34, ombre +24, chiarezza
la chiarezza a +30 per aumentare il contrasto. I colori erano molto +26, flusso 100. Abbiamo ingrandito a 1:2 e cliccato per collocare una
sbiaditi, quindi abbiamo portato la vividezza a +49. puntina su uno scoglio. Poi abbiamo dipinto.

Opzioni avanzate
Ci sono diverse
opzioni relative al
Pennello di
Regolazione: la
Dimensione è
piuttosto facile da
capire, ma è il caso
di approfondire le
altre funzioni. La
Attiva la maschera Cancella le aree imprecise Sfumatura crea
A questo punto abbiamo passato il puntatore sopra la puntina Per rifinire la maschera, siamo andati alla sezione pennello e una transizione
3 di modifica per far apparire una maschera rossa che indicas- 4 abbiamo cliccato cancella. Abbiamo impostato dimensione 10, morbida tra l’area
se le aree modificate. Abbiamo spuntato mostra sovrapposizione sfumatura 21, flusso 100. Abbiamo attivato la maschera automatica di applicazione e i
maschera selezionata (in basso) per mantenere visibile la maschera. in modo che il pennello rilevasse i cambiamenti di contrasto e proteg- pixel circostanti.
Alcune pennellate hanno sconfinato sullo sfondo. gesse il fondo più chiaro mentre dipingevamo i bordi delle rocce. La quantità di
sfumatura
determina la
differenza tra il
circolo interno e
quello esterno del
pennello. Il Flusso
controlla la
pesantezza delle
regolazioni
applicate, e la
Densità agisce
sulla trasparenza
nel tratto. Se
selezioni la
Maschera
Usa maschera automatica Il tocco finale automatica puoi

5 Dipingendo vicino al bordo delle rocce scure abbiamo mante- Abbiamo aumentato le ombre a +44 per mostrarne meglio l’a- confinare i tratti
nuto attiva maschera automatica per evitare di selezionare i 6 spetto, quindi cliccato chiudi. Con l’icona prima e dopo abbia- del pennello alle
dettagli dello sfondo più chiaro, ma l’abbiamo disattivata quando mo controllato l’effetto delle modifiche. Il rischiaramento delle rocce aree con
abbiamo dipinto le parti interne della roccia. Abbiamo disattivato ha rivelato alcuni puntini del sensore, che abbiamo eliminato con colorazioni simili.
mostra sovrapposizione maschera: le rocce sono schiarite. rimozione macchie.

Photo Professional | 73
Corso di perfezionamento
Segui i nostri consigli e non sbaglierai mai uno scatto

Scatti perfetti in notturna


Fotografare al buio richiede un po’ di attenzione (e un treppiede affidabile)

L
e giornate molto corte moltiplicano le
occasioni di fotografare rinunciando com-
pletamente all’illuminazione del sole. ESPOSIZIONI NOTTURNE
Ovviamente, quando la luce è poca, le espo-
sizioni si allungano molto, il che ostacola la
nitidezza degli scatti. La raccomandazione,
continuamente ripetuta per la fotografia in
generale, di “usare un treppiede robusto” è
particolarmente sensata nel caso della foto-
grafia notturna. Anche se il diaframma è
completamente aperto, l’esposizione può
durare parecchi secondi, perciò è imperati-
vo che la macchina rimanga perfettamente
immobile. Se il tempo d’esposizione supe-
Luna piena
ra trenta secondi, devi impostare sulla 1/250 secondi
fotocamera la modalità B e usare un coman- f/18, 100 ISO
do a distanza bloccabile per tenere aperto Fuochi artificiali
l’otturatore. Per conoscere la durata dell’e- 20 secondi
sposizione corretta, adotta questo semplice f/11, 100 ISO
metodo: passa momentaneamente alla moda-
lità Av (priorità di diaframma) e aumenta gli
ISO di uno stop alla volta (cioè raddoppiali ogni
volta) fino a quando l’indicatore del tempo di
posa smette di lampeggiare; nota quante vol-
te hai dovuto raddoppiare gli ISO, ritorna agli
ISO iniziali e alla modalità B, quindi aumen-
ta la durata dell’esposizione conformemente
al numero dei raddoppi di ISO. Se ad esem-
pio avessi aumentato gli ISO per tre volte, il
calcolo sarebbe: da 30 a 60 secondi, da 60
a 120 secondi e da 120 a 240 secondi. Quan-
do imposti gli ISO iniziali, devi tenere aperto
l’otturatore per quattro minuti. Sembra mac-
chinoso, ma è più facile a farsi che a dirsi, e una
volta imparato è piuttosto efficace.
Con queste esposizioni è inevitabile “bruciare”
lampioni stradali, edifici illuminati e altri punti Skyline notturno
luminosi; la soluzione al problema è scattare 15 secondi
una serie di foto con esposizioni sempre più f/5.6, 100 ISO
brevi, in modo da poterne inserire alcune par-
ti in post-produzione.
Nella fotografia notturna bisogna spesso
procedere per approssimazioni successive, Edificio illuminato da
proiettori
perché l’esposizione proposta dalla fotocame- 4 secsondi
ra è basata su un metodo di misurazione che f/16, ISO100
tenta di rischiarare la scena, anziché conser-
varne l’atmosfera notturna. Per iniziare, ecco
le corrette impostazioni per alcune delle situa-
zioni di fotografia notturna più frequenti...

74 | Photo Professional
IMPOSTA LA FOTOCAMERA

Il settaggio migliore Modalità


di esposizione
Dal flash al diaframma, i trucchi per non sbagliare nulla In molte situazioni puoi scattare nella
modalità che preferisci e la fotocamera
misurerà la luce normalmente. Scatta
Il flash una foto di prova, controlla l’istogram-
Usa il flash per illuminare il primo ma e modifica l’esposizione prima di
piano e lasciare in ombra lo sfondo, fare un’altra prova. Se è molto buio,
oppure scegli la sincronizzazione la posa può superare i trenta secon-
lenta per il flash, che somma il lam- di e “30” comincerà a lampeggiare nel
po a un tempo di posa più lento, in display: dovrai quindi aumentare gli
modo da registrare anche il detta- ISO, aprire il diaframma per far entra-
glio nello sfondo. La modalità Av re più luce, o passare alla modalità B
imposta di default la sincronizza- e misurare la durata della posa con un
zione lenta ma, se il tempo di posa cronometro.
è troppo lento, può portare a foto
“mosse”; per evitarle, puoi limita-
re i tempi di posa utilizzabili dalla
macchina nel menù delle Funzioni
Personalizzate.

Diaframma
Un’apertura ampia significa più luce
per fare l’esposizione, quindi le ottiche
molto luminose come f/1.4 sono molto
ISO adatte alla fotografia notturna con mac-
Puoi impostare sensibilità eleva- china a mano, perché permettono di
te per abbreviare i tempi di posa e usare tempi di posa rapidi a vantaggio
scattare di notte con la macchina della nitidezza. Ma anche un diaframma
a mano in alcune zone ben illumi- chiuso ha i suoi vantaggi: a f/16 i punti
nate della città, soprattutto se hai luminosi diventano stelle.
un’ottica stabilizzata. Per ridurre
il rumore, ottenere un colore puro
e sfruttare tutta la gamma dina-
mica del sensore della fotocamera
non puoi far altro che impostare
una sensibilità relativamente bas-
sa, come 400 o 800 ISO, e usare
un treppiede. f/5.6 f/16

BLUE HOUR

Il posto giusto al momento giusto


Aspetta l’“ora blu” per scattare foto evocative

I
n alcune situazioni è bello scat- Se la tempistica è giusta, le let-
tare in piena notte, ma molte ture dell’esposimetro per il cielo
scene ci guadagnano se sono e per gli edifici illuminati saranno
riprese durante “l’ora blu”, cioè molto vicine e potrai registrare il
il breve periodo - molto meno di dettaglio in entrambi con un solo
un’ora - durante il crepuscolo in scatto. Preoccupati di arrivare
cui il cielo ha un colore blu inten- presto per prepararti quando c’è
so. Non solo puoi scattare foto più ancora luce che permetta di com-
interessanti, ma è più facile otte- porre l’inquadratura ed effettuare
nere un’esposizione bilanciata. la messa a fuoco con facilità.

Photo Professional | 75
CON IL DISPLAY IN LIVE VIEW

Vedere al buio 1

Ecco un piccolo trucco che renderà


più facile impostare la messa a fuoco

L
a macchina fa fatica a mette- sullo schermo di Live View appa-
re a fuoco in piena notte, ma re molto confusa.
con un treppiede puoi sfrut-
tare lo schermo in Live View per 2 Tutto questo rumore non sarà
mettere a fuoco un soggetto registrato nella foto che scatti,
fermo. Se, dopo aver attivato ma non ti permette di vedere il
Live View, lo schermo è scuro, punto a fuoco quando focheggi
puoi aumentare gli ISO, aprire manualmente, soprattutto se 2
il diaframma, o impostare un ingrandisci l’immagine.
tempo di posa più lento fino a
quando ottieni un’immagine 3 Il trucco è cambiare lo Stile
utile. In alternativa, se non vuoi foto in Monocromo e applicare il
confonderti con le impostazioni filtro verde, perché renderà più
che avevi scelto, passa breve- facile valutare la nitidezza. Devi
mente alla modalità B. assicurarti di scattare in RAW,
così l’immagine sarà comunque
1 Scattando al buio, l’immagine registrata a colori.

F AWB
WB
ONE SHOT L
SET AF
Q 537

Serve aiuto? Chiedi all’auto focus


Usa la luce ausiliaria AF per rendere
più semplice la messa a fuoco al buio

S
e sei abbastanza vicino a una hai scattato la foto. Uno Speedlite è stato disattivato
persona o a un oggetto, puoi compatibile attiverà invece un rag- nel menù Funzio-
usare la luce ausiliaria AF del fla- gio infrarosso, molto più discreto. Il ni Personalizzate
sh incorporato - o di uno Speedlite flash separato potrebbe innescarsi della macchina
separato - per illuminarli e permet- continuamente mentre la macchina o sullo Speedli-
tere all’autofocus della macchina mette a fuoco. Se ciò dovesse acca- te (l’impostazione
di “agganciarli”. Se usi la luce ausi- dere, devi entrare nel menù delle “disattivato” nel flash separato ché puoi usare il raggio IR se hai
liaria del flash incorporato, partirà funzioni personalizzate e impostare scavalca qualunque istruzione del- impostato la modalità di messa a
una serie di piccoli lampi che distrae Solo luce IR AF ausiliaria. Se il rag- la macchina); controlla anche se fuoco One Shot (Scatto singolo) o
e fa credere alle persone ritratte che gio non viene emesso, controlla se stai scattando in AI Servo AF, per- AI Focus.

76 | Photo Professional
CON CAMERA RAW
Fluorescente

Correggere le dominanti
Elimina le brutte tinte dalle luci artificiali
scattando direttamente in RAW

S
e fai foto poco dopo l’ora blu, li di regolazione e le maschere per Abbiamo usato i cursori HSL
ti imbatterai in luci miste. interventi parziali, come in questa in Camera Raw per eliminare
Gli scenari cittadini, in par- foto di esempio. Il bilanciamento il tono verdastro dalla facciata
ticolare, sono un’accozzaglia di del bianco Auto è normalmente un più vicina dell’abbazia
fonti d’illuminazione differente, buon punto di partenza al quale, in
dalle lampade ai vapori di sodio Camera Raw, abbiamo applicato in
arancione, ai lampioni a LED bian- questo caso il preset Fluorescente
chi, alle lampade fluorescenti negli per rinforzare la sensazione dell’o-
uffici e altro ancora. In uno sce- ra blu; questo ha però raffreddato
nario così, devi decidere quale troppo l’abbazia illuminata dai pro-
scegliere tra i possibili bilancia- iettori, quindi abbiamo elaborato
menti del bianco della fotocamera, di nuovo in Camera Raw il file RAW
sapendo che quello che va bene su usando il preset Automatico, e la
un’area è sbagliato sulle altre. La pietra ha ripreso il suo colore caldo.
cosa migliore è quindi scattare in Infine, abbiamo sovrapposto i due
RAW in modo da poter decidere in file su due livelli in Photoshop, pit-
post-produzione come correggere turando il tono più caldo sul livello
le tinte, sfruttando anche i Pennel- “Fluorescente” con una maschera.

AWB

Abbiamo messo il livello


“Auto” sopra quello
“Fluorescente”, Alt-Clic
sul bottone Aggiungi una
maschera sul pannello dei
Livelli, poi abbiamo
pitturato con un pennello
bianco per rivelare la Troverete un servizio completo,
pietra calda Sul prossimo numero di dieci pagine, interamente
dedicato alla fotografia notturna

Riduci gli ISO per non fare rumore


Puoi ridurre il rumore da lunga
esposizione, ma ci vuole tempo

P
er evitare il rumore bisogna È un’impostazione che modifica in ISO
tenere gli ISO bassi, ma un modo permanente un file RAW e
tempo di posa lungo può gene- che, in alcuni casi, può aumentare la
rarne comunque. La fotocamera ha “grana” dell’immagine. Peggio anco-
una funzione Riduci disturbo lun- ra, l’elaborazione dell’intervento ha WB

ghe espo., che si trova nel menù la stessa durata dell’esposizione e SET AF
rosso Scatto e che puoi imposta- non è possibile scattare una nuova
re su Auto o su ON; la riduzione foto fino a quando il processo non
del rumore è applicata a foto con è terminato; in più, assorbe molta
esposizione di uno o più secondi. energia dalla batteria.

Photo Professional | 77
Software Test

Aurora
Quale HDR HDR 2017
scegliere?
€ 89
www.aurorahdr.com

Aurora HDR - prodotta in col- Aurora HDR può essere usa-


laborazione con il guru dell’H- ta come app autonoma o
DR Trey Ratcliff - è solo per come plugin di Photoshop,
Abbiamo provato per te sei software utili per ottimizzare Mac, ma pare che ne stia- Lightroom e Aperture.
la gamma tonale delle foto con l'High Dynamic Range no preparando la versione
re
per Windows. Come altri pro- glio del
grammi HDR, Aurora HDR può

test l mi

test l mi
i
a tecnologia HDR è ormai luci. Il trucco sta nello sfruttare al fondere esposizioni separa-
L

i
alla portata di tutti, grazie meglio la funzione di Bracketing per te, sistemare le immagini fan- glior del
e
soprattutto alla diffusione catturare almeno tre differenti tasma, eliminare l’aberrazio-
degli smartphone: non da tutti, inve- esposizioni: ne cromatica e correggere gli Pro Grandi preset; livelli potenti;
ce, è un uso corretto delle regolazio- 1) una sottoesposta per i dettagli allineamenti allo stesso tem- funziona come autonoma o come
ni, che è poi l’elemento che fa la dif- nelle alte luci; po. È possibile scegliere effet- plugin.
ferenza tra un lavoro fatto a regola 2) una giusta per i mezzi toni; ti in preset e modificarli usan-
d’arte e un’elaborazione scadente, 3) una sovraesposta, che rivela le do una serie di strumenti Contro Costosa; istruzioni in gergo
pacchiana, per nulla realistica. ombre. sorprendentemente ampia. per iniziati; solo per Mac.
Come tutti ormai sanno, l’High L’applicazione fornisce stru- Il giudizio Aurora HDR è una scelta
Dynamic Range, ovvero “elevata Il software HDR unisce le parti menti quali i livelli, le masche- costosa, ma i risultati ne giustificano il
gamma dinamica”, tramite l’utilizzo migliori di ogni scatto, con il risulta- re e i pennelli per correzioni costo.
di scatti a diverse esposizioni con- to finale di una gamma dinamica vici- di precisione; può gestire file
sente di avere un impatto visivo sor- na a quello che vede l’occhio umano. RAW, PSD, PNG, JPEG e TIFF. Giudizio finale
prendente, al punto da rappresenta- Abbiamo individuato sei pacchetti
re una rivoluzione per le tecnologie HDR per capire quale sia la più facile
TV. Rispetto a un’unica esposizione,
un software HDR ti consente di
aggiungere un maggior numero d’in-
da usare, quella con le migliori fun-
zioni e permetta di produrre il risul-
t a to p i ù re a l i s t i c o e p r i vo d i
HDR
formazioni nelle ombre e nelle alte interruzioni.
Efex Pro
Alcuni consigli utili Gratis
www.google.com/nikcollection
1 Tienila ferma
Il software HDR può fare magie e allineare le foto che hanno una qualche
differenza, ma per evitare al massimo l'effetto fantasma è sicuramente Il software di Google vale mol- inoltre, HDR Efex non se la
meglio usare il cavalletto. to più di quello che costa cava benissimo con il rumo-
(niente) e con l’app si posso- re e ha bisogno di un program-
2 Mantieni il RAW
no scaricare e installare diver- ma - come Photoshop, Lightro-
Le immagini RAW hanno già una gamma dinamica superiore a quella dei
si utili plugin. om o Aperture - che lo ospiti.
JPEG, quindi assicurati che il software HDR che hai scelto possa elaborare i
Efex in sé ha parecchie fun-
file RAW e sia regolarmente aggiornato alle nuove Canon.
zioni, con 28 preset di effetti
3 Scatto continuo e una buona possibilità di cor-
Scattare esposizioni multiple, specialmente in città, vuol dire avere oggetti rezione del colore e del tono. È
che si spostano nell’inquadratura, ma i software HDR più avanzati compresa anche la funzione Pro Molto facile; dà risultati
individuano e compensano gli spostamenti. Control Points, declinabile nei realistici; ha la revisione selettiva;
diversi plugin, grazie alla quale è veloce.
4 Velocizza
eseguire interventi selettivi e
Se hai scattato molte foto nella stessa situazione, quello che fa per te è un personalizzati. Contro Non dà il risultato più pulito;
software che disponga della funzione Batch: sarà in grado di ottimizzare le ha relativamente poche possibilità di
HDR Efex produce risultati
operazioni, applicando a tutte le immagini le impostazioni scelte. personalizzazione.
piacevoli, tendenti al reali-
5 Piccoli Extra smo più che a un universo di Il giudizio Efex non è il programma
Il software HDR non serve solo per impostare effetti migliori sulla gamma plastica colorata. migliore del test, ma non ti puoi
dinamica. Si possono aggiungere anche editing selettivi, metodi di fusione, Un esame più attento rivela lamentare di una cosa gratuita.
ulteriori effetti di post-produzione e di riduzione del rumore. che a volte s’individuano i bor-
di delle diverse immagini unite; Giudizio finale

78 | Photo Professional
Quale HDR scegliere?

Easy HDR
HDR 3 Darkroom 3
€ 30 € 82
www.easyhdr.com www.everimaging.com

EasyHDR è all’altezza del suo e senza bisogno di versioni a HDR Darkroom è più facile da gestire i file RAW e i processi
nome, con un’interfaccia bassa risoluzione. EasyHDR 3 usare di EasyHDR grazie alla in batch, non ha funzioni come
abbastanza intuitiva e mol- funziona bene sia in ambiente sua interfaccia molto sempli- i livelli, la storia e una perso-
tissimi preset per un buon Windows che Mac. ce; le raffinate icone dei pre- nalizzazione avanzata delle
equilibrio tra look artistici e set ne sottolineano l’elegan- variazioni tonali.
ra
realistici. iore ppo za e, selezionandole, rivelano
La scelta di regolazioni com- un’ampia gamma di funzioni
zo igl

rto
m

prende le Curve, la mappatu- agilmente personalizzabili.


qu
ra dei Toni e moltissimi affi- alità prez Trovi soltanto 16 preset, per-
namenti del colore. È in grado sonalizzabili e sufficienti per
di gestire file RAW e i proces- Pro Interfaccia semplice ma ricca di le operazioni fondamentali. Pro Si impara e si usa con facilità;
si in batch. funzioni; veloce; risultati di altissimo Impressiona la facilità con i risultati finali sono di alta qualità.
Quello che più ci ha impres- livello. cui si ottengono le immagi-
sionato sono però i risultati: ni finali, ben sovrapposte e Contro Non dispone di alcune
le nostre sequenze in bracke- Contro Non è completo come prive di rumore e aberrazione funzioni avanzate.
Aurora HDR o HDR Project.
ting a mano sono state unite cromatica. Il giudizio È paragonabile a Easy
senza alcuna immagine fanta- Il giudizio EasyHDR è la scelta Per quanto HDR Darkroom sia HDR, ma non può competere nel
sma e il software ha lavorato migliore se cerchi un risultato veloce e piacevole da usare e fornisca rapporto qualità/prezzo.
benissimo anche sul rumo- di buon livello. ottimi risultati, ha un rappor-
re. L’elaborazione e le antepri- to qualità/prezzo discutibi-
me degli effetti sono veloci Giudizio finale le perché, benché in grado di Giudizio finale

HDR Photomatix
Projects 4 Pro 5
€ 96 € 70
www.projects-software.com www.hdrsoft.com

HDR Projects è uno dei più solo in aree della foto ben cir- Photomatix è presumibil- nel nostro test: si sono otte-
completi pacchetti HDR coscritte. Efficiente gestio- mente il papà dei softwa- nute facilmente immagini natu-
disponibili; le personalizza- ne dei file RAW e proces- re HDR e, come molti papà, rali, con pochissimo rumore e
zioni possibili sono fin trop- si in batch sono ovviamente comincia a mostrare l’età. assenza di ghosting.
po numerose, soprattutto in comprese. L’interfaccia è chiaramente
modalità Esperto, che inclu- datata, con le palette che gal-
de una funzione che consen- leggiano goffamente e non si
te di valutare l’algoritmo e riallineano riducendo la fine-
un’ampia scelta di filtri di stra. Anche caricare gli effet-
post-produzione; quest’ulti- ti è un’operazione fiacca ma
ma comprende filtri anti-ru- Pro Dotato di caratteristiche e almeno le anteprime sono a Pro Risultati di alta qualità; lavora in
more multipli, che tendono a funzioni avanzate; facile da usare. piena risoluzione. I 36 preset batch; buona gestione dei file RAW.
essere eccessivamente effi- di effetti sembrano pochi,
caci, pur migliorando effetti- Contro I risultati di default possono accanto a HDR Project ma, a Contro Interfaccia fastidiosamente
vamente l’immagine. avere rumore; anteprima con parte le brutte icone, fanno sgradevole; meno potente dei suoi
Non bisogna farsi scoraggia- risoluzione massima di 2,5 megapixel. bene il loro lavoro. Le perso- concorrenti.
re dai suoi 134 preset di sti- Il giudizio Grandi possibilità, ma nalizzazioni cambiano molto Il giudizio Photomatix può dare
le, il cui effetto è istantaneo; altri pacchetti danno risultati migliori da un preset all’altro e alcuni ottimi risultati; peccato che sia poco
le modifiche si applicano facil- più facilmente. hanno solo otto varianti. Nono- piacevole usarlo.
mente e, grazie alle maschere, stante tutto, Photomatix ha
gli effetti possono intervenire Giudizio finale dato risultati tra i migliori Giudizio finale

Photo Professional | 79
Le concorrenti

Canon EOS 1300D Canon EOS 100D Canon EOS 700D Canon EOS 750D
18-55mm IS II 18-55mm IS STM 18-55mm IS STM 18-55mm IS STM
€ 449 € 451 € 659 € 799

80 | Photo Professional
REFLEX EOS
per principianti
È ora di fare un salto di qualità
e passare a una reflex avanzata,
e non c’è scelta migliore di una
Canon EOS. Ma qual è la più
adatta? Mettiamole a confronto

C
omprare la prima Canon d’uso dell’utilizzatore. Tut-
EOS può essere un’ope- te le macchine scelte per
razione che intimorisce, questo super test hanno
soprattutto se è il pas- modalità completamente
so che si fa partendo da automatiche “intelligen-
una compatta economi- ti” che soddisfano un’ampia
ca o dallo smartphone. gamma di condizioni di
Quanti momenti magici ripresa e soggetti, oltre a
vanno persi perché disporre di impostazioni
l’autofocus non predefinite che permettono
ha funzionato in di ottenere ottimi risultati in
tempo o perché situazioni difficili.
il ritardo tra Il fatto che una fotocamera
la pressione sia facile da usare non signi-
del pulsante fica che debba essere basica:
e lo scatto una reflex digitale per
dell’ottu- principianti deve essere
ratore era in grado di crescere, deve
eccessivo? essere dotata di tutti i con-
Le presta- trolli e le regolazioni sulle
zioni sono quali si potrà fare affidamen-
importanti: to quando si sarà diventati
c’è bisogno padroni della materia.
di una foto- È un altro settore nel quale
camer a sulla le Canon EOS primeggiano,
quale si possa alcune più di altre: la pri-
contare, efficiente ma EOS prodotta da Canon
e dalla risposta preve- risale al 1987 (la sigla EOS
dibile, quello cioè che si significa Electro-Optical
trova nelle ultime Canon! System) e da allora è stato
A un neofita, una “vera” un continuo miglioramen-
fotocamera può sembrare to di prestazioni ma anche
complicatissima, ma per for- di semplicità di utilizzo. Dia-
tuna Canon si è impegnata mo un’occhiata a cosa offre
molto per semplificare le Canon tra le macchine adat-
procedure e l’esperienza te ai principianti.

Photo Professional | 81
Test EOS per principianti

CANON EOS 1300D


È la Canon per principianti con un buon com-
attuale più promesso tra il numero di bottoni
€ 449 economica, ma e ghiere che fanno accedere rapi-
non quella con il damente a molte impostazioni
Succede alla 1200D, è nuova e migliorata con interessanti opzioni miglior rapporto ed evitano il sovraffollamento che
qualità/prezzo nuocerebbe alla facilità d’uso.
di connettività Wi-Fi. In ogni caso, è il modello più economico Come di consueto, il menù Q (Qui-
ck) nello schermo LCD è ottimo

L
a 1200D era un sostanziale rin- particolarità minore è che ha una nel presentare le principali impo-
novamento della preceden- modalità Food, per chi vuole foto- stazioni di scatto. La natura intu-
te 1100D, lanciata all’inizio del grafare quello che mangia. La risoluzione itiva del menù Q per la regolazio-
2014 ma, nonostante il suo desi- dello schermo ne delle impostazioni soffre un
gn più recente della 100D e della Qualità costruttiva LCD è più bassa po’ la mancanza della praticità
700D, anch’esse in test, è già stata e facilità d’uso di quella delle
sostituita dalla nuova 1300D. Que-
sta volta le migliorie sono relativa-
Semplice ma efficace, la disposizio-
ne dei comandi è tipica delle Canon
altre e non è
touchscreen SCHEDA TECNICA
mente lievi e il nuovo modello sem-
bra identico al suo predecessore. 3 Sensore 18 mp aps-c cmos
I 18 Mp rimangono uguali a quel- Lunghezza focale effettiva 1,6x
li della 1200D e mentre altre mac- 4 Scheda sd/hc/xc
chine nel test hanno gli ultimi pro- Mirino pentaspecchio, 0,8x, 95%
cessori DIGIC 5 o DIGIC 6, la 1300D Video full hd a 30, 25, o 24 fps
migliora leggermente, dal DIGIC 4 Gamma iso 100-6.400 (12.800 esp.)
al DIGIC 4+. La notizia è che, come Punti autofocus 9 (1 a croce)
solo la 750D in questo gruppo, la
Max frequenza di scatti 1.110 jpeg, 6 raw a 3 fps
1300D vanta il Wi-Fi incorporato
Schermo 7,5 cm, 920.000 punti
e la connettività NFC. La risoluzio-
ne dello schermo LCD è più che rad- Velocità otturatore 30-1/4.000 sec, b (posa)
doppiata, passando dai deludenti 5 Peso 485 g (corpo con batt/scheda)
460k della 1200D a 920k, sebbene Dimensioni 129x101x78 mm (lar.xalt.xprof.)
la 1300D sia l’unica del gruppo il cui Prezzo € 449,99
schermo non è touchscreen. Una

82 | Photo Professional
Caratteristiche TEST DI LABORATORIO
1 A differenza di
RAPPORTO SEGNALE/DISTURBO IN RAW
2 altre macchine in

Rapporto segnale/disturbo (db)


prova, non c’è una
posizione separata
nella ghiera delle
modalità, ma è
stata aggiunta la
nuova modalità
Food.

2 Il 18-55 mm IS II Il rumore dell’immagine è controllato


in kit non ha quasi meglio che nella 1200D ed è allineato a
niente in comune quello delle altre macchine in test
con i più recenti
obiettivi STM GAMMA DINAMICA IN RAW
venduti con le altre
macchine.

Gamma dinamica (ev)


3 Tipico delle
fotocamere
economiche, il
pentaspecchio ha
la consueta
copertura del 95%.
Nel complesso, la gamma dinamica è
4 Il monitor LCD buona e crolla solo quando la
ha un numero di sensibilità supera i 3.200 ISO
pixel doppio
1 rispetto a quello RISOLUZIONE RAW (A 200 ISO)
della 1200D, ma
ancora non è un
del touchscreen. È una macchina ha la frequenza di scatto continuo touchscreen.
comoda da usare, con l’impugna- di 3 fps (la più bassa); il suo autofo-
tura dalle proporzioni più generose cus è molto semplice, diventa len- 5 Le nuove
rispetto alla 100D. Come in tutte le tissimo in modalità Live View e non funzioni Wi-Fi e
fotocamere di questa categoria, la permette il focheggiamento con- NFC hanno un Mostra una risoluzione
scocca è in policarbonato rinforza- tinuo durante le riprese video; la indicatore impressionante ed è superata solo
ta con fibre di carbonio, robusta e gamma delle sensibilità arriva solo luminoso. dalla 750D
piacevole al tatto pur rimanendo a 6.400 ISO (contro i 12.800 di tut-
leggera. te le altre). 6 La grande ERRORE DEL COLORE
Detto ciò, la 1300D produce impugnatura è più
Prestazioni immagini sature e brillanti e con- comoda di quella
Per quanto riguarda la ripresa, non trasta quanto le altre macchine in della 100D.
ci sono grandi miglioramenti delle test il rumore delle sensibilità ele-
prestazioni in confronto alla 1200D vate. Un vantaggio della bassa fre-
e le caratteristiche molto simili fan- quenza di scatto è che la macchina
no della 1300D la più economica tra può scattare in continuo più di mil- La resa del colore è vivace e, per lo più,
le reflex digitali Canon; come tale, le foto in JPEG. accurata con buona prestazione del
bilanciamento del bianco automatico

Giorno ISO 200 Notte ISO 6400 IL GIUDIZIO


Ha una buona qualità d’immagine,
ma mancano alcune delle funzioni
di scatto avanzate delle altre foto-
camere; è poco idonea al video e
adatta solo per i principianti.

Caratteristiche
Qualità costruttiva
Qualità d’immagine
La qualità nel paesaggio è migliore di quella Le riprese con ISO alti hanno meno rumore Rapporto qualità/prezzo
della 1200D, con una resa del colore più brillante. della 1200D e sono simili a quelle delle altre. Giudizio finale
Photo Professional | 83
Test EOS per principianti

ra
iore ppo
zo igl

rto
m

qu
alità prez
3

CANON EOS 100D


Leggera e processore DIGIC 5 di più recen-
minuta, si infila te generazione e un autofocus più
€ 451 facilmente nella evoluto, il cui punto centrale a cro-
borsetta o nel ce (capace di riconoscere il detta-
Per chi bada alle dimensioni, la piccola ma proporzionata borsello glio sul piano verticale e su quello
orizzontale) garantisce una mag-
100D è la risposta ideale. Anche grazie al suo autofocus gior precisione quando si usa-
no obiettivi con apertura massi-

S
fatando il mito delle reflex digi- genera una singola immagine che ma f/2.8 o più aperti. L’autofocus
tali grandi e grosse per loro conserva il dettaglio nelle alte luci “Hybrid CMOS AF II” consente
natura, la 100D è una delizia e nelle ombre scure. Lo schermo la messa a fuoco a inseguimen-
in scala ridotta. È la reflex digi- LCD è di tipo to, utilissima nelle riprese video, ed
tale più piccola che Canon abbia Qualità costruttiva touchscreen e è molto più veloce ed efficace nella
prodotto, più bassa e stretta di e facilità d’uso facilita la
10 mm rispetto alle concorrenti
nel test, delle quali è anche 15 mm
Nonostante sia un progetto più
vecchio della 1300D, la 100D ha un
navigazione dei
menù SCHEDA TECNICA
meno larga. Il suo peso di 400 g è
2/3 di quello della 700D, contem- 4 Sensore 18 mp aps-c cmos
poraneamente alla quale è stata Lunghezza focale effettiva 1,6x
lanciata all’inizio del 2013. Come 5 Scheda sd/hc/xc (uhs-1)
la 1300D, le Modalità di Ripresa Mirino pentaspecchio, 0,87x, 95%
SCN - perfette per un principiante - Video full hd a 30, 25, o 24 fps
comprendono l’impostazione Food Gamma iso 100-12.800 (25.600 esp.)
oltre ad altre come Lume di cande- Punti autofocus 9 (1 a croce)
la, Bambini e HDR che appaiono
Max frequenza di scatti 25 jpeg, 7 raw a 4 fps
anche nella 750D. L’impostazione
Schermo 7,5 cm, 1.040.000 punti
HDR, disponibile in tutte le fotoca-
mere nel test esclusa la 1300D, è Velocità otturatore 30-1/4.000 sec, b (posa)
particolarmente utile, perché atti- 6 Peso 407 g (corpo con batt/scheda)
va la fusione automatica delle Dimensioni 117x91x69 mm (lar.xalt.xprof.)
riprese di scene ad alto contra- Prezzo € 451,99
sto eseguite in “bracketing” e ne

84 | Photo Professional
Caratteristiche TEST DI LABORATORIO
1 L’impugnatura
RAPPORTO SEGNALE/DISTURBO IN RAW
pare angusta e

Rapporto segnale/disturbo (db)


scomoda, in
confronto alle altre
macchine.

2 Il ricevitore
infrarosso
nell’impugnatura
permette il
comando a Il rumore dell’immagine a elevate
distanza con il sensibilità è ben controllato nei JPEG,
telecomando con un lieve miglioramento nei RAW
1 wireless RC-6.
GAMMA DINAMICA IN RAW
3 La ghiera
multifunzione,

Gamma dinamica (ev)


subito dietro il
pulsante di scatto,
comanda il
diaframma e
l’otturatore.

4 Un sensore di
distanza oscura lo Presenta un buon dettaglio nelle alte
schermo e nelle basse luci, collocandosi
posteriore quando davanti alla 1300D a sensibilità alte
l’occhio è vicino al
mirino. RISOLUZIONE RAW (A 200 ISO)

5 Lo schermo
fotografia in modalità Live View. La è la stessa. Tuttavia, a differenza LCD ad alta
diminuzione di peso e dimensio- della 700D, solo il punto centrale risoluzione è di tipo
ni favorisce i viaggiatori ma osta- è a croce e conviene quindi affidar- touchscreen ma
cola la manovrabilità, perché i bot- si a questo per ottenere la garan- non è orientabile
toni sul retro sono molto addossati zia di una messa a fuoco sempre come quello della La capacità di rendere i dettagli fini è
e, non essendoci nemmeno la con- accurata. 700D e 750D. simile a quella della 1300D e della
sueta ghiera multicontrollo, biso- La frequenza degli scatti conti- 700D
gna continuamente ricorrere al nui di 4 fps la colloca in un punto 6 Le funzioni
Quick menù, cosa che peraltro il medio tra la 1300D e la 700D, ma normalmente ERRORE DEL COLORE
touchscreen facilita. L’impugnatu- le consente di scattare in continuo assegnate al
ra dà la sensazione di maneggiare solo 25 JPEG, contro i 1.110 della Multicontrollo a
una fotocamera piccola e stretta. 1300D, nonostante la compatibili- quattro vie
tà con le schede di memoria UHS- (assente) non sono
Prestazioni 1 (Ultra High Speed); tra le macchi- raggiungibili
Condivide con la 700D lo stesso ne del test, la 1300D è l’unica tra le altrettanto
sensore e lo stesso processore, concorrenti che non accetta questo facilmente dal Ha una resa del colore leggermente
quindi anche la qualità d’immagine tipo di schede. touchscreen. calda che è, in genere, piacevole

Giorno ISO 200 Notte ISO 6400 IL GIUDIZIO


Il maggior vanto della 100D è la
piccolezza, ma la manovrabilità ne
soffre un po’. Ha comunque buone
prestazioni e un ottimo rapporto
qualità/prezzo.

Caratteristiche
Qualità costruttiva
Qualità d’immagine
La 100D produce immagini più naturali della La riduzione del rumore è ottima anche a 6.400 Rapporto qualità/prezzo
1300D, e non aumenta la saturazione del colore. ISO e l’immagine è morbida rispetto alla 1300D. Giudizio finale
Photo Professional | 85
Test EOS per principianti

CANON EOS 700D


La 700D è più Qualità costruttiva
funzionale della e facilità d’uso
€ 659 1300D e della Le maggiori differenze tra la
100D, con una 700D e la 100D risiedono nella
Un eccellente strumento creativo molto versatile ma che, accostato qualità qualità costruttiva e nella facili-
d’immagine tà d’uso. La 700D ha circa le stes-
ai nuovi modelli, comincia a dimostrare la sua età. E il suo peso... simile se dimensioni della 1300D e del-
la 750D, quindi è notevolmente più

A
nche se la 700D condivide creativi, per l’elaborazione in-ca- grande della 100D; è anche la mac-
molto del DNA della 100D, ci mera di immagini riprese in pre- china più pesante del gruppo, per-
sono alcune notevoli differen- cedenza; tra questi figurano B/N Il touchscreen ché il suo telaio è in acciaio inox
ze tra le due fotocamere. Se granuloso, Effetto flou, Effetto foto qui è orientabile anziché in alluminio; il rivestimen-
entrambe hanno un sistema auto- giocattolo, Effetto Fish-eye, Effet- e facilita le to è, come il solito, in policarbonato
focus a nove punti, nella 700D to miniatura e un paio di effetti pit- riprese da
sono tutti punti a croce - anzi-
ché solo quello centrale nella 100D
torici che vanno un po’ oltre quelli
disponibili nella 1300D.
angolazioni
scomode SCHEDA TECNICA
- a tutto vantaggio dell’accuratez-
za della messa a fuoco usando i Sensore 18 mp aps-c cmos
punti periferici. Il sistema autofo- Lunghezza focale effettiva 1,6x
cus per Live View e per le riprese 4 Scheda sd/hc/xc (uhs-1)
video, basato sul sensore Hybrid Mirino pentaspecchio, 0,85x, 95%
CMOS AF, appartiene a una gene- Video full hd a 30, 25, o 24 fps
razione precedente rispetto a quel- Gamma iso 100-12.800 (25.600 esp.)
lo della 100D, sebbene nelle prove Punti autofocus 9 (tutti a croce)
effettuate si sia comportato altret-
5 Max frequenza di scatti 22 jpeg, 6 raw a 5 fps
tanto bene.
Schermo touchscreen orientabile 7,5 cm, 1.040
Nella 700D, purtroppo, non trovia-
mo la a volte utile modalità di ripre- Velocità otturatore 30-1/4.000 sec, b (posa)
sa Bambini e Lume di candela del- Peso 580 g (corpo con batt/scheda)
la 100D, mentre è presente la quasi Dimensioni 133x100x79 mm (lar.xalt.xprof.)
sempre utile modalità HDR. Van- Prezzo € 659,99
ta anche la stessa gamma di filtri

86 | Photo Professional
Caratteristiche TEST DI LABORATORIO
1 A differenza
RAPPORTO SEGNALE/DISTURBO IN RAW
della 1300D e della

Rapporto segnale/disturbo (db)


100D, il flash
incorporato può
essere usato per
comandare un
flash separato in
modalità Slave.

2 Le modalità di
scatto non sono Come nelle altre fotocamere, il rumore
1 numerose come sull’immagine diventa evidente se la
nella 100D e nella sensibilità supera 6.400 ISO
750D.
GAMMA DINAMICA IN RAW
3 Come nella
100D e nella 750D,

Gamma dinamica (ev)


con il tasto on/off
si passa facilmente
alla modalità video.
3 4 Il touchscreen
orientabile ruota di
180° su un asse
orizzontale e di C’è una lieve perdita nella gamma
270° verticalmente. dinamica a 100 ISO, cosa non
apprezzabile nella fotografia reale
5 Le quattro
2 posizioni della RISOLUZIONE RAW (A 200 ISO)
ghiera
multifunzione
rinforzato. L’LCD touchscreen Prestazioni attivano il
posteriore è completamente Il bilanciamento del bianco auto- bilanciamento del
orientabile, mentre era fisso sul- matico fornisce accuratezza del bianco, le modalità
la 1300D e sulla 100D, e permette colore in molte condizioni di luce, AF, le opzioni Stile
di eseguire riprese video o foto in mentre l’ALO (Auto Lighting Opti- foto e la Frequenza I risultati della risoluzione sono
Live View, da qualsiasi angolazio- mizer), presente in tutti i model- di scatto continuo. identici a quelli della 100D, ma non
ne e con precise composizioni nel- li Canon recenti, assicura un buon entusiasmanti come quelli della 750D
le inquadrature dall’alto, in pianta, dettaglio nelle alte luci e nelle 6 Come nella
o dal livello del suolo, caratteristica ombre delle scene ad alto contra- 750D, lo slot per la ERRORE DEL COLORE
non trascurabile per chi ama speri- sto. La qualità d’immagine è mol- scheda di memoria
mentare. L’LCD orientabile rappre- to buona e identica a quella della è accessibile dal
senta un notevole miglioramento 100D. Con una frequenza di scat- lato anziché dal
della maneggevolezza ma, anche to di 5 fps, è un po’ più veloce del- vano batteria,
nell’uso con il mirino, questa foto- la 100D che si ferma a 4 fps, ma a sotto.
camera sta meglio in mano della quella frequenza si possono scatta-
più piccola 100D e l’ergonomia dei re 22 foto in JPEG o 6 in RAW, con- La resa del colore è vibrante seppur
comandi è meno sacrificata. tro 28 e 7 rispettivamente. naturale ed è indistinguibile da quella
della 100D

Giorno ISO 200 Notte ISO 6400 IL GIUDIZIO


Supera nettamente la 1300D e la
100D in termini di caratteristiche
fotografiche e facilità d’uso, men-
tre la qualità d’immagine è solo
impercettibilmente superiore.

Caratteristiche
Qualità costruttiva
Qualità d’immagine
C’è una buona resa dei dettagli fini e del colore, Come nelle altre macchine nel test, a 6.400 ISO Rapporto qualità/prezzo
come nella foto scattata con la 100D. cielo ed acqua hanno un po’ di rumore. Giudizio finale
Photo Professional | 87
Test EOS per principianti

re
glio del
test l mi

test l mi
i

i
glior del
e
1

CANON EOS 750D


È sicuramente Qualità costruttiva
la migliore EOS e facilità d’uso
€ 799 per principianti, In mano, la Canon EOS 750D ricor-
veloce, con un da molto la 700D con l’impugnatu-
Un gioiellino high-tech, con una quantità di funzioni avanzate AF avanzato e ra marcata e rivestita di materiale
molti megapixel antiscivolo che assicura una pre-
che ne garantiscono la longevità anche per utenti esperti sa confortevole, mentre la dispo-
sizione di ghiere e bottoni rende

L
imitandoci alla pura risoluzio- di 19 punti, tutti a croce. Live facili e intuitive le regolazioni prin-
ne dell’immagine, la 750D bat- View e il video beneficiano del rin- cipali e il comodissimo touchscre-
te le altre fotocamere del test novato sistema Hybrid CMOS AF III. D’aspetto è en orientabile ha gli stessi vantag-
con il suo sensore da 24.2 Mp La fotocamera è ben connessa gra- simile alla 700D gi di quello della 700D.
che, anche se i megapixel non sono zie a Wi-Fi e NFC incorporati, parti- dalla quale, Dietro al pulsante di scatto, oltre al
tutto, rappresenta un significativo colare che fa gola a molti. da dietro,
aumento rispetto al sensore da 18
Mp delle concorrenti. Una meda-
si distingue
a fatica SCHEDA TECNICA
glia ha sempre due facce e, se da un
lato più megapixel offrono il poten- 3 Sensore 24,2 mp aps-c cmos
ziale per catturare un livello più fine Lunghezza focale effettiva 1,6x
di dettaglio, dall’altro è più probabi- 4 Scheda sd/hc/xc (uhs-1)
le che il rumore sia più avvertibile, Mirino pentaspecchio, 0,82x, 95%
specialmente impostando sensibi- Video full hd a 30, 25, o 24 fps
lità elevate con poca luce. Gamma iso 100-12.800 (25.600 esp.)
Oltre al sensore con maggiore riso- Punti autofocus 19 (tutti a croce)
luzione, la 750D sfrutta il proces-
Max frequenza di scatti 940 jpeg, 8 raw a 5 fps
sore di nuova generazione DIGIC
Schermo touchscreen orientabile 7,5 cm, 1.040
6 e dispone di un mirino “intelli-
gente” che può avvertire quando Velocità otturatore 30-1/4.000 sec, b (posa)
rileva il flicker e ha la possibilità di Peso 555 g (corpo con batt/scheda)
sovrapporre una griglia per aiutare Dimensioni 132x101x78 mm (lar.xalt.xprof.)
la composizione. Il sistema auto- Prezzo € 799,99
focus è più avanzato e si avvale

88 | Photo Professional
Caratteristiche TEST DI LABORATORIO
1 Di dimensioni
RAPPORTO SEGNALE/DISTURBO IN RAW
quasi identiche alla

Rapporto segnale/disturbo (db)


700D, la 750D
pesa 25 g in meno.

2 Un bottone sul
lato superiore
conduce all’AF a
punto singolo, al
5 multipunto
completo, o a La 750D si comporta bene nella
cinque zone di soppressione del rumore, nonostante
punti AF. la maggiore risoluzione del sensore

3 Il mirino GAMMA DINAMICA IN RAW


“intelligente”
2
mostra

Gamma dinamica (ev)


chiaramente quali
punti o zone AF
sono selezionati.

4 Il touchscreen
ad alta risoluzione
di 7,5 cm, 1.040 k,
ha gli stessi La gamma dinamica può soffrire nei
vantaggi di quello sensori ad alta risoluzione, ma la
della 700D. 750D eguaglia le concorrenti

5 L’obiettivo in kit RISOLUZIONE RAW (A 200 ISO)


18-55 mm ha un
motore passo-
bottone per gli ISO, troviamo quel- funziona meravigliosamente sia passo che
lo per accendere o spegnere il tou- scattando normalmente, sia scat- permette cambi
chscreen e quello per accedere a tando in Live View o in video. Stia- fuoco morbidi e
funzioni AF più avanzate, come l’at- mo parlando della EOS netta- silenziosi durante le
tivazione di cinque zone di punti mente più avanzata sotto tutti riprese video. Grazie alla risoluzione superiore del
AF o dell’AF a un solo punto o del- i punti di vista per chi volesse sensore, può catturare un dettaglio
la modalità automatica a più punti. cominciare “alla grande”. 6 Wi-Fi e NFC più fine delle altre macchine in test
La 750D ha un nuovo esposime- assicurano la
Prestazioni tro che, dai test che sono stati connettività, ERRORE DEL COLORE
La 750D ha la stessa frequenza di effettuati in laboratorio, sembra eguagliata dalla
scatto (5 fps) della 700D ma può più costante di quelli delle altre sola 1300D in
scattare continuativamente ben macchine in prova. Da notare che questo gruppo.
940 volte in JPEG, invece di 22; il numero maggiore di megapixel
in qualità RAW l’incremento è mol- permette di registrare dettagli più
to più modesto e passa da sei a fini senza però degradare l’imma-
otto scatti. gine con il rumore tipico delle ele- La riproduzione del colore è accurata,
Da sottolineare che l’autofocus vate sensibilità. senza la leggera sovrasaturazione
della 1300D

Giorno ISO 200 Notte ISO 6400 IL GIUDIZIO


La 750D rappresenta un gran-
de passo avanti rispetto alle altre
fotocamere in test. È una mac-
china meravigliosa, non solo per
principianti.

Caratteristiche
Qualità costruttiva
Qualità d’immagine
Splendidi paesaggi sono assicurati dal numero di Le immagini con ISO alti hanno basso livello di Rapporto qualità/prezzo
megapixel che catturano finissimi dettagli. rumore ma il dettaglio è ripreso più finemente. Giudizio finale
Photo Professional | 89
Attrezzatura Test

TABELLA COMPARATIVA
EOS 1300D EOS 100D EOS 700D EOS 750D
ra re
iore pp glio del

ort
zo igl

test l mi

test mi
m

il
qu
alità prez glior del
e

Data di lancio Marzo 2016 Marzo 2013 Marzo 2013 Febbraio 2015

Sensore 18Mp, APS-C CMOS (fattore ingr.1,6x) 18Mp, APS-C CMOS (fattore ingr.1,6x) 18Mp, APS-C CMOS (fattore ingr.1,6x) 24,2Mp, APS-C CMOS (fattore ingr.1,6x)

Processore DIGIC 4+ DIGIC 5 DIGIC 5 DIGIC 6

Punti AF 9 (1 a croce) 9 (1 a croce) 9 (9 a croce) 19 (19 a croce)

Sensibilità del punto AF centrale f/5.6 f/2.8 f/2.8 f/2.8

Sensibilità ISO 100-6.400 (12.800 espansa) 16/12 (25.600 espansa) 18/13 (25.600 espansa) 14/11 (25.600 espansa)

Aree di misurazione 63 zone 63 zone 63 zone 63 zone

Video HD Full HD - 30, 25 o 24 fps Yes/Yes - 30, 25 o 24 fps No/Yes - 30, 25 o 24 fps Yes - 30, 25 o 24 fps

Mirino Pentaspecchio - 0,8x 95% Pentaspecchio - 0,87x 95% Pentaspecchio - 0,85x 95% Pentaspecchio - 0,82x 95%

Scheda di memoria SD/HC/XC SD/HC/XC (UHS-1) SD/HC/XC (UHS-1) SD/HC/XC (UHS-1)

LCD 7,5 cm 920 k 7,5 cm 1.040 k 7,5 cm 1.040 k 7,5 cm 1.040 k

Touchscreen / Orientabile No / No Sì / No Sì / Sì Sì / Sì

Max frequenza 1.110 JPEG, 6 RAW - 3 fps 28 JPEG, 7 RAW - 4 fps 22 JPEG, 6 RAW - 5 fps 940 JPEG, 8 RAW - 5 fps

Wi-Fi NFC Sì/Sì No/No No/No Sì/Sì

Velocità otturatore 30 sec-1/4.000, B 30 sec-1/4.000, B 30 sec-1/4.000, B 30 sec-1/4.000, B

Batteria Tipo LP-E10 LP-E12 LP-E8 LP-E17

Durata batteria 500 scatti 380 scatti 440 scatti 440 scatti

Misure (LxAxP corpo) 129x101x78 mm 117x91x69 mm 133x100x79 mm 132x101x78 mm

Peso (corpo) 485 g 407 g 580 g 555 g

Prezzo € 449,99 € 451,99 € 659,99 € 799,99

CARATTERISTICHE
QUALITà COSTRUTTIVA
QUALITà D’IMMAGINE
PREZZO/PRESTAZIONI
GIUDIZIO COMPLESSIVO

LA VINCITRICE: CANON EOS 750D


È un’eccezionale macchina per principianti che soddisfa anche un amatore evoluto
na fotocamera per principianti dovreb- risoluzione del sensore, il processore di ultima
U be essere facile da usare in modo che
un neofita possa estrarla dalla scatola
generazione, l’autofocus avanzato e l’esposime-
tro rinnovato ne fanno la miglior Canon per prin-
e iniziare a fare fotografie, anziché perdere gior- cipianti di sempre. L’altra possibilità è la 700D,
nate sul manuale d’istruzioni. È quello che fa la ma le sue specifiche la fanno sembrare il “paren-
750D con l’opzione “guida alle caratteristiche” te povero”. La 100D ha senso solo per chi cerca
- come le altre macchine in test - ma con una la reflex più piccola possibile per risparmiare
maggiore capacità di crescere mano a mano che qualche millimetro di spazio. La 1300D è una
aumenta la competenza dell’utilizzatore, al qua- buona macchina e costa poco ma, più prima che
le offre una serie di caratteristiche di alto profilo poi, fa nascere la necessità di passare a un livel-
e funzioni personalizzabili. La grande lo superiore.

90 | Photo Professional
Calendario 2017
I grandi che hanno fatto la storia del rock IMMORTALI
GLI

2017
201
2017 Ordinalo subito su
In edicola da ottobre www.sprea.it/calendariorock
oppure utilizzando questo coupon
Ordinali subito su www.sprea.it oppure utilizzando questo coupon
Q.TÀ PREZZO SUBTOTALE

IMMORTALI
GLI CALENDARIO-CLASSIC ROCK F.TO CM150X500 € 9,90
SPESE DI SPEDIZIONE DA AGGIUNGERE AL TOTALE € 3,90
PER DUE O PIÙ CALENDARI SPEDIZIONE TRAMITE CORRIERE € 7,00
Totale Ordine
SE VUOI ORDINARE VIA POSTA O VIA FAX, COMPILA QUESTO COUPON
Ritaglia o fotocopia il coupon, invialo in busta chiusa a:
Sprea S.p.A. socio unico Sprea Holding S.p.A. Via Torino, 51 20063 Cernusco s/n (MI),
insieme a una copia della ricevuta di versamento. Oppure via fax al numero 02.56561221
Per ulteriori informazioni puoi scrivere a store@sprea.it o telefonare al 02.87168197.

NOME
COGNOME
VIA
N° C.A.P. PROV.
CITTÀ
TEL.
E-MAIL

scrivi qui il tuo indirizzo mail ti avvertiremo dell’avvenuta spedizione

Voglio regalare questo calendario a:


NOME
DISTRIBUTORE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: PRESS-DI DISTRIBUZIONE STAMPA E MULTIMEDIA S.R.L. - SEGRATE

COGNOME
CLASSIC ROCK COMPIEGA/LEGEND N°1 - ANN. - € 9,90 *

VIA
NON VENDIBILE SEPARATAMENTE DA: CLASSIC ROCK
ATTUALMENTE IN EDICOLA - *PREZZO RIVISTA ESCLUSA

N° C.A.P. PROV.
CITTÀ

La musica che ci ha cambiato la vita! I miti del rock che hanno fatto la storia! SCELGO IL SEGUENTE METODO DI PAGAMENTO E ALLEGO:
Indica con una ✔ la forma di pagamento desiderata
I_COP ROCK_250X350_2017_ok.indd 1 30/09/16 12:18
∆ Ricevuta di versamento su CCP 99075871
o bonifico bancario sul conto IBAN IT 05 F 07601 01600 000099075871

C i t azi o n i . . .
intestato a Sprea S.P.A. Via Torino 51 - 20063 Cernusco Sul Naviglio MI
- Ricorda di segnalare nella CAUSALE il nome del soggetto scelto -
∆ Carta di Credito

e n o t izi e a N.

s u i m i t i d e lclk
(Per favore riportare il numero della Carta indicandone tutte le cifre)
(Codice di tre cifre che appare
Scad. CVV sul retro della carta di credito)

m u s ic a r o
Nome e Cognome del Titolare

Data Firma del titolare

TIRATURA
LIMITATA
Informativa e Consenso in materia di trattamento dei dati personali - (Codice Privacy d.lgs. 196/03) Sprea S.p.A. Socio unico Sprea
Holding S.p.A. con sede legale in Cernusco s/N, via Torino 51, è il Titolare del trattamento dei dati personali che vengono raccolti,
trattati e conservati ex d.lgs. 196/03. Gli stessi potranno essere comunicati e/o trattati da Società esterne Incaricate. Ai sensi degli artt.
7 e ss. si potrà richiedere la modifica, la correzione e/o la cancellazione dei dati, ovvero l’esercizio di tutti i diritti previsti per Legge. La
sottoscrizione del presente modulo deve intendersi quale presa visione, nel colophon della rivista, dell’Informativa completa ex art.
13 d.lgs. 196/03, nonché consenso espresso al trattamento ex art. 23 d.lgs. 196/03 in favore dell’Azienda.

0
€9,9www.sprea.it/calendariorock
Prenotalo subito su
Listino

Guida all’acquisto
Con prezzi che vanno da 400 a varie migliaia di euro, Canon sa offrire la reflex
migliore per tutti, dal principiante al professionista più esigente

C
anon divide la gamma dei suoi grande praticità d’uso (con ghiere per il
prodotti in tre livelli: per tutti, per pollice, anziché macchinosi tasti/cursori,
appassionati e per professionisti; e costruzione più robusta (con guarnizioni
meno sono i numeri nella denomi- e scocca in lega di magnesio), funzioni
nazione di una macchina, maggiore è il più avanzate e sensori in formato full-fra-
suo livello. La nuova 1300D è al livel- me, anziché i più piccoli APS-C.
lo base, la 750D/7560D è intermedia e
la nuova 80D è per fotoamatori evoluti. Canon Eos
Dai modelli EOS più evoluti ci si aspetta Reflex

CANON EOS 1300D + obiettivo 18-55 mm III Prezzo di listino: € 400


Più evoluta del modello precedente, rende più Sensore 18 Mp, APS-C (5.184x3.456 px)
semplice la condivisione online di immagini grazie Mirino Pentaspecchio, 0.8x, 95%
all’aggiunta del Wi-Fi e dell’NFC. Il sensore da 18 Mp, Sensibilità ISO 100-6.400 (12.800 estesa)
6.400 ISO e 3 fps sono caratterisiche ideali per una AF 9 Punti (1 punto a croce)
prima “vera” macchina da principianti. Display Fisso, 7,5 cm 920 punti TFT
Frequenza scatti 3 fps (6 RAW/1110 JPEG)
Scheda memoria SD/SDHC/SDXC

CANON EOS 100D + obiettivo 18-135 IS STM Prezzo di listino: € 734


È la più piccola delle Canon EOS ma è grande Sensore 18 Mp, APS-C (5.184x3.456 px)
per caratteristiche e un passo avanti rispetto alla Mirino Pentaspecchio, 0.85x, 95%
1200D, con un nuovo processore d’immagine, touch- Sensibilità ISO 100-12.800 (25.600 estesa)
screen ad alta risoluzione e AF ibrido CMOS per mes- AF 9 Punti (1 punto a croce)
sa a fuoco continua durante le riprese video. Display Touch, orientabile, 1.040 punti TFT
Frequenza scatti 4 fps (7 RAW/25 JPEG)
Scheda memoria SD/SDHC/SDXC

CANON EOS 700D + obiettivo 18-55 mm IS STM Prezzo di listino: € 660


principianti

Con una frequenza di scatti superiore alla Sensore 18 Mp, APS-C (5.184x3.456 px)
100D, l’AF migliore e il touchscreen orientabile, la Mirino Pentaspecchio, 0.87x, 95%
700D è una fotocamera più versatile. È una bella Sensibilità ISO 100-12.800 (25.600 estesa)
macchina leggera, superata però dalla più recen- AF 9 Punti (1 punto a croce)
te 750D. Display Touch, orientabile, 1.040 punti TFT
Frequenza scatti 5 fps (7 RAW/28 JPEG)
Scheda memoria SD/SDHC/SDXC

CANON EOS 750D + obiettivo 18-55 mm IS STM Prezzo di listino: € 800


Caratteristiche salienti sono il nuovo sensore Sensore 24,2 Mp, APS-C (6.000x4.000 px)
da 24,2 Mp, il processore DIGIC 6 e il sistema AF con Mirino Pentaspecchio, 0.82x, 95%
19 punti a croce. È superiore alla 700D da ogni punto Sensibilità ISO 100-12.800 (25.600 estesa)
di vista ed è dotata di connettività Wi-Fi e NFC per una AF 19 Punti a croce
facile condivisione delle immagini e la stampa. Display Touch, orientabile, 1.040 punti TFT
Frequenza scatti 5 fps (8 RAW/940 JPEG)
Scheda memoria SD/SDHC/SDXC

CANON EOS 750D Prezzo di listino: € 780


Alle notevoli caratteristiche della 750D aggiun- Sensore 24,2 Mp, APS-C (6.000x4.000 px)
ge un LCD secondario per le info (sulla parte superio- Mirino Pentaspecchio, 0.82x, 95%
re) e una ghiera di selezione rapida sul retro. Questo ne Sensibilità ISO 100-12.800 (25.600 estesa)
aumenta molto la praticità d’uso e la fa assomigliare a AF 19 Punti a croce
un modello