Sei sulla pagina 1di 52

LA FOTOGRAFIA a cura di Bolgiaghi Elena

Perché la fotografia?
La mia scelta trova la sua motivazione nell’importanza che ha avuto
l’invenzione della fotografia: un metodo che ha permesso di
impressionare “frammenti di storia”, mondi invisibili e costumi di popoli
lontani e di far sbizzarrire la fantasia di molti artisti che hanno fatto della
fotografia una vera e propria forma d’arte.

La fotografia ha permesso notevoli sviluppi nella ricerca scientifica e ha


dato la possibilità di mantenere vive nella memoria immagini di un
passato lontano.

Con questo strumento si ha la possibilità di impressionare ogni cosa in un


modo del tutto soggettivo dando a quel particolare oggetto o a quel
particolare istante un taglio del tutto personale.
“Fotografare è porre sulla stessa linea di
mira la mente, gli occhi e il cuore…
E’ un modo di vivere…”

Henry Cartier Bresson


Perché la STORIA DELLA FOTOGRAFIA APPARECCHIO LINGUAGGIO
fotografia? FOTOGRAFIA ARTISTICA FOTOGRAFICO FOTOGRAFICO

LA FOTOGRAFIA

REPORTAGE FOTOGRAFIA PROCESSI APPLICAZIONI BIBLIOGRAFIA


COMMERCIALE CHIMICI SCIENTIFICHE
STORIA DELLA FOTOGRAFIA
Da Aristotele al digitale

 I due principi fondamentali


 Le origini: Joseph Nicephore Niepce
 Il dagherrotipo: Louis Jacques Mandé Daguerre
 Il negativo: William Henry Fox Talbot
 La fine della fase pionieristica
I due principi fondamentali
L’invenzione della fotografia si basa sull’applicazione di due principi
fondamentali:i MATERIALI FOTOSENSIBILI e la
CAMERA OSCURA.
Fin dal medioevo, gli alchimisti, studiavano i composti che viravano se
esposti alla luce. Nel ‘700 gli scienziati Schulze e Wedwood portarono
importanti sviluppi nel campo con l’utilizzo della sostanza Scotophorus
e con il nitrato d’argento.
L’osservazione del principio della camera oscura risale, invece, al IV
secolo a.C. con Aristotele, ma le applicazioni di tale principio
risalgono al 1500 con Leonardo Da Vinci.
Camera oscura
La luce che penetra nel foro di una scatola o di una stanza impermeabile alla
luce proietta sulla parete opposta l’immagine capovolta degli oggetti esterni.
Joseph Nicephore Niepce
J. N. Niepce, a partire dal processo
della litografia, concentrò i suoi studi
alla ricerca di una sostanza che potesse
impressionarsi alla luce in modo
stabile.
Il procedimento risultante ai suoi
esperimenti venne chiamato Eliografia.

IMMAGINI
Eliografie

Prima fotografia (Niepce, 1826) Eliografia (Niepce, 1829)


Louis Jacques Mandé Daguerre
Daguerre e Niepce lavorarono insieme
per l’invenzione della fotografia, ma
alla morte di Niepce, Daguerre
modificò il contratto, perfezionò il
procedimento e impose il nome di
Dagherrotipia all’invenzione.
Giroux, cognato di Daguerre, costruì e
smerciò un apparecchio che rese
pubblico il processo della
dagherrotipia.

IMMAGINI
Dagherrotipia

Prima fotografia in cui compare un essere umano


(Daguerre, 1839)
William Henry Fox Talbot
Talbot, agli inizi dell’800, pose le basi
della fotografia chimica trovando un
procedimento che permetteva di
ottenere più stampe positive su carta.
Tale metodo venne chiamato Calotipia.

IMMAGINI
Calotipia

Studio fotografico di Talbot a Beadin, 1845 Prima fotografia su carta sensibile


Fine della fase pionieristica
Le tappe successive all’invenzione del negativo furono le seguenti:
 1847 Processi all’albumina
 1851 Processi al collodio
 1854 Ambrotipia e Ferrotipia
 1861 Fotografia a colori
 1873 Processi alla gelatina
 1889 Pellicola a rulli
E con l’invenzione della pellicola a rulli terminò la fase
pionieristica della fotografia, che iniziò ad assumere un ruolo
importante nel campo informativo, commerciale, artistico e
scientifico.
Ambrotipia
Ferrotipia
FOTOGRAFIA ARTISTICA
I pittori cominciarono a servirsi della
fotografia…e i fotografi a dichiararsi pittori
Le tappe che portarono al riconoscimento della dignità artistica alla
fotografia furono le seguenti:
 Atelier fotografici
 Stile estetico ricercato
 Fotografia pura
 Movimento photo-secession
 Dadaismo e surrealismo: manipolazione dell’immagine
 Fotografia artistica a colori
Atelier fotografici

Studi Alinari
Stile estetico ricercato

Nadar, Veduta di Parigi


Fotografia pura

Muybrige, studi sul movimento


Movimento Photo-Secession

Stieglitz
Manipolazione dell’immagine

Moholy Nagy, movimento dada


(Between Haeven and Earth, 1926)
Fotografia artistica a colori

Porter Shore
APPARECCHIO FOTOGRAFICO
L’evoluzione della chambre obscure

L’apparecchio fotografico è lo strumento ottico-meccanico che permette


di fissare le immagini su materiale sensibile.
Sebbene possano differire per dettagli strutturali, tali strumenti sono
tutti costituiti da quattro componenti di base: corpo, otturatore,
diaframma, obiettivo.
Tipologie: - macchina a soffietto o banco ottico
- macchina a telemetro
- reflex monobiettivo
- reflex biottica
- fotocamera digitale reflex
- fotocamera digitale compatta
Apparecchio fotografico
Macchina a soffietto
Reflex monobiettivo
Fotocamera digitale compatta
LINGUAGGIO FOTOGRAFICO
Quando parlano le immagini

 Definiamo linguaggio ogni insieme di realtà che comunica qualcosa.


 L’immagine appare come integrazione della parola.
 La comunicazione figurativa si riferisce sempre a una realtà
specifica. La comunicazione verbale dà una rappresentazione virtuale
della realtà.
 Nel tentativo di trovare un codice interpretativo universale
dell’immagine è possibile dividere in generi, che derivano da quelli
letterari, e applicare alla fotografia i modelli retorici utilizzati nel
linguaggio verbale.
REPORTAGE
Fotografia come strumento d’informazione

La fotografia divenne col tempo un’importante strumento d’informazione


Il reportage comprende:
 fotogiornalismo
 fotografia documentaristica
Sebbene ogni fotografia sia soggettiva, il reporter tende ad avere un
approccio obiettivo al fatto da documentare.
La fondazione della Magnum Photos nel 1947 segnò la nascita del grande
reportage
Fotogiornalismo

Falling soldier (Capa)


Matisse (Bresson)
Fotografia documentaristica
FOTOGRAFIA DI GUERRA

Fenton, guerra di Crimea Brady, guerra di Secessione


DOCUMENTARISTICA NATURALISTA

O’Sullivan Watkins, Yosemite valley


DOCUMENTARISTICA SOCIALE

Hine
FOTOGRAFIA COMMERCIALE
Il potere persuasivo dell’immagine

 Fin dal 1920 la fotografia è stata usata nella pubblicità per


influenzare i gusti dei consumatori.
 I fotografi commerciali si servono di sofisticate tecniche per rendere i
soggetti attraenti e stimolanti.
 I maggiori esponenti sono Penn, Beaton, Avedon, Newton e, tra gli
italiani, Toscani.

IMMAGINI
Penn
Beaton
Newton
Toscani
PROCESSI CHIMICI
Scrivere con la luce
Il processo chimico fotografico agli alogenuri d’argento è costituito da
quattro tappe fondamentali:
 Fotoreazione iniziale
 Sviluppo
 Fissaggio
 Stampa
Per la fotografia a colori abbiamo il medesimo procedimento con la
mediazione di un colorante.
Esistono inoltre processi alternativi come:
 Processi senza argento
 Processo polaroid
APPLICAZIONI SCIENTIFICHE
La fotografia al servizio della scienza
Le principali applicazioni della fotografia nell’indagine scientifica
sono:
 fotografia ultrarapida e stroboscopica
 fotografia stereoscopica
 fotografia subacquea
 fotografia all’infrarosso
 fotografia all’ultravioletto
 radiografia
 fotografia aerea e orbitale
 fotografia astronomica
 microfilm
Fotografia ultrarapida e stroboscopica

Fucile fotografico, messo a punto nel 1882 da Etienne Jules Marey


per registrare momenti successivi di realtà in movimento.
Fotografia stereoscopica
Fotografia subacquea
Fotografia all’infrarosso
Fotografia all’ultravioletto
Radiografia
Fotografia aerea e orbitale
Fotografia astronomica
BIBLIOGRAFIA

 Enciclopedia “Universo” – Istituto geografico De Agostini


 Enciclopedia “Grande enciclopedia” – Istituto geografico De Agostini
 Enciclopedia “La grande enciclopedia” – Peruzzo-Larousse
 www.fotochepassione.com
 www.reflex.it
 Enciclopedia multimediale “Sapere”
 Enciclopedia multimediale “Encarta”
 Enciclopedia multimediale “Wikipedia”

Potrebbero piacerti anche