Sei sulla pagina 1di 169

"COLLE VIBROTUBI"

Manuale di uso/manutenzione
Instructions manual
Notice d'instruction
Betriebsanleitung
Manual de referencia
________________________________________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________________________________________

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.1 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.2 di 169
1.1.0 MARCATURA
Su questa macchina la marcatura CE è applicata in conformità della Direttiva del Consiglio
93/68/CEE (GUCE L 220 del 30 Agosto 1993) e come riportato dall'Allegato llI della Direttiva
CEE 891392 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea n° L 183 del 29
giugno 1989) modificata dalla Direttiva CEE 91/362 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della
Comunità Europea n° L 198 del 22 Luglio 1991).
La documentazione costituente il Fascicolo Tecnico, atta a redigere la dichiarazione CE di
conformità di questa macchina, è stata predisposta secondo le indicazioni fornite
dall'allegato V della Direttiva CEE 89/392 e successive modifiche ed integrazioni della
Direttiva CEE 91/368

1.2.0 PRESCRIZIONI
1.2.1 Il Cliente nel ricevere il seguente Manuale d'istruzioni relativo alla macchina che ne è
oggetto, s'incarica e si obbliga pertanto a farne un uso strettamente riservato e
confidenziale.
1.2.2 Il presente Manuale d'istruzioni può essere usato e consultato unicamente dal Cliente
e sulla responsabilità diretta e personale dello stesso, dai collaboratori responsabili del
funzionamento della macchina, del suo mantenimento, pulizia, controllo o riparazione, dagli
agenti incaricati del suo controllo, dagli agenti degli Organi Pubblici o dei Servizi Pubblici del
Ministero del Lavoro, con esclusione di altre persone.
1.2.3 Il presente Manuale d'istruzioni non può essere duplicato, interamente o parzialmente,
se non per facilitare l'uso, affinché sia sempre sul luogo di lavoro a disposizione degli
operatori incaricati del funzionamento della macchina.
1.2.4 Il Cliente può utilizzare il presente Manuale d'istruzioni per meglio conoscere, usare e
riparare la macchina che ne è l'oggetto; altri usi sono rigorosamente interdetti.
1.2.5 Il presente Manuale d'istruzioni può essere trasferito ad altre persone solo nel caso in
cui le seguenti condizioni siano rispettate:
A) la macchina alla quale si riferisce sia venduta a colui che riceve il libretto;
B) tutte le copie o fotocopie detenute a qualunque titolo devono essere distrutte;
C)La terza persona che acquista la macchina accetta per iscritto, senza alcuna restrizione,
tutti i termini e condizioni del presente impegnandosi quindi a rispettarle.
1.2.6 Se una delle condizioni sopra citate non viene osservata, la Società Colle non
riconosce a terze persone il diritto di possedere, consultare, fotocopiare, esaminare ed
usare il presente Manuale d'istruzioni.
1.2.7 In caso di perdita totale o parziale del presente Manuale d'istruzioni il Cliente dovrà
provvedere ad informare la Società Colle e chiederle un esemplare supplementare. Essa a
propria discrezione, si riserva di inviare o meno la documentazione richiesta, a spese
esclusive del Cliente.
1.2.8 Per tutto quanto non previsto dal presente Manuale d'istruzioni, verrà applicata
all'occorrenza la legislazione sui diritti d'autore, la protezione dei diritti intellettuali, artistici e
letterari.
1.2.9 La Società Colle si riserva tutti i diritti, azioni ed iniziative per contrastare tutti i
pregiudizi che possono derivare dall'uso improprio del presente Manuale d'istruzioni.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.3 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.4 di 169
1.1.0 MARK
The "CE" mark on this machine is applied in conformity with the Council's Directive No
93/68/EEC (Official Gazette of the EEC, Law No 220 of 30 Aug. 1993) and as quoted in the
III Appendix of the EEC's Directive No 891392 (published on the Official Gazette of the EEC
- Law No 183 of the 29 Jun. 1989) modified by the EEC's Directive No 91/362 (published on
the Official Gazette of the EEC - Law No 198 of 22 Jul. 1991).
The material which constitutes this Technical Manual, fulfilling the EEC's declaration of
Conformity of this machine, has been prepared in accordance with the directions supplied
by the Appendix No V of the EEC No 89/392 and subsequent modifications and
supplements of the EEC No 91/368.

1.2.0 PRESCRIPTIONS
1.2.1 Upon receipt of the machine and these instructions the customer undertakes to make
strictly confidential and reserved use of them.
1.2.2 These instructions may be used and consulted only by the customer and, under his
personal and direct responsibility, by his assistants in charge of the operation, maintenance,
cleaning, inspection or repair of the machine, by the officials of inspection authorities or by
officials belonging to public bodies or public services of the Ministry of Employment, except
third parties even if included among other assistants, consultants or experts of the
customer.
1.2.3 These instructions may be reproduced only to facilitate their use, on condition that a
copy of them is always kept with the machine for the operator on duty.
1.2.4 The customer may use these instructions only for the purpose of using, maintaining
and repairing the machine in question; any other use, even in connection with other Colle
products, is prohibited.
1.2 5 These instructions may be given to third parties if the following conditions are met:
A) The machine described is sold to the person receiving the instructions.
B) All the copies or photocopies in the customer's possession for any reason have been
previously destroyed.
C) Third parties who have purchased the machine must accept in writing and without any
reservations all the terms and conditions of the above instructions, undertaking to observe
them.
1.2.6 In the event of one of the above conditions not being observed, or outside the cases
provided for above, Colle does not permit anyone and does not authorize third parties to
own, consult, photocopy, examine or use these instructions in any form or for any reason.
1.2.7 In the event of total or partial loss of these instructions, the customer must submit a
written request to Colle, also informing it of the loss, for an extra copy which the firm, at its
discretion, may send at the customer's expense or refuse without being obliged to justify its
decision.
1.2.8 For all matters not covered herein, use of these instructions will be governed by
copyright and the laws safeguarding intellectual, artistic and literary property.
1.2.9 Colle reserves the right to undertake actions and initiatives of any type for the purpose
of claiming the right to compensation for any damages incurred by use of these instructions
outside or in breach of the above regulations.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.5 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.6 di 169
IMPORTANTE

Il contenuto del presente manuale deve essere portato a conoscenza del personale
addetto alla conduzione, alla manutenzione del "Vibrotubi" ed ai responsabili tecnici
del cantiere in cui la macchina verrà installata.
Una copia del presente manuale, completo degli schemi dell'impianto oleodinamico
ed elettrico deve essere sempre tenuta a disposizione sul luogo di lavoro per
consultazione del personale.
La società Colle S.p.A. rimane a disposizione fornendo dati, precisazioni e quanto
altro richiesto per assistenza e collaborazione, con particolare riguardo alle
operazioni di scarico ed installazione, alla normale conduzione, alle operazioni di
manutenzione ordinarie e straordinarie, di pulizia e qualsiasi altro problema si verifichi
nel corso di utilizzo della macchina.

IMPORTANT

The content of this manual must be made accessible to the personnel responsible for
operation and maintainance of the " Vibrotubi" and to the technicians in charge of the
site where the machine is installed.
A copy of this manual, complete with the wiring and hydraulic system diagrams, must
always be available at the working place for the personnel to consult.
Colle S.p.A. is at your disposal for providing information, details and anything else
required for assistance and collaboration, in particular concerning unloading and
installation procedures, normal operation, routine and extraordinary maintenance,
cleaning and any other problem arising during operation of the machine.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.7 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.8 di 169
INDICE GENERALE
GENERAL INDEX
page
_________________________________________________________________________________________

CAP./CHAP. 1
-Descrizione stazione "Vibrotubi" 11
-Description of the "Vibrotubi" plant
_________________________________________________________________________________________

CAP./CHAP. 2
-Prescrizioni di sicurezza. Sistemi di sicurezza installati 19
-Operative safety conditions. Installed safety conditions
_________________________________________________________________________________________

CAP./CHAP. 3
-Allestimento delle attrezzature di produzione 45
-Preparation of the production equipment
_________________________________________________________________________________________

CAP./CHAP. 4
-Attrezzature di produzione 75
-Production equipment
_________________________________________________________________________________________

CAP./CHAP. 5
- Parti di ricambio 107
- Spare pars
_________________________________________________________________________________________

ALLEGATI - APPENDICES

_________________________________________________________________________________________
Allegato I Manuale programmazione macchina
Allegato II Schemi oleodinamici 71VE0215, 71VF0613
Allegato III Schema elettrico E0805
Allegato IV Vibratori 80J053A01
Appendix I Machine’s programming handbook
Appendix II Diagrams of the machinery's hydraulic system 71VE0215, 71VF0613
Appendix III Diagram of the machinery's electric system E0805
Appendix IV Vibrators 80J053A01
_________________________________________________________________________________________

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.9 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.10 di 169
1
DESCRIZIONE MACCHINA – GENERALITÀ
DESCRIPTION OF THE “VIBROTUBI” PLANT

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.11 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.12 di 169
DESCRIZIONE IMPIANTO VIBROTUBI
Le Vibrotubi sono attrezzature semiautomatiche che producono, una vasta gamma di tubi,
soprattutto di grandi dimensioni, con un'altezza massima di 4000 mm e diametro da 250 a
3000 mm. Le loro principali prerogative sono:
- basso costo di ammortamento e di manutenzione;
- facilità di spostamento nel caso di cantieri mobili;
- possibilità di produrre manufatti di forma rettangolare e pezzi speciali di varie sezioni;
- possibilità di produrre tubi con l'armatura in acciaio.
- possibilità di adottare una grossa granulometria con buoni risultati statici.

1. 1 Ciclo di lavorazione
Le Vibrotubi sono comandate da sistemi elettromeccanici e lavorano con l'ausilio di uno o due
operatori. Il ciclo si svolge in quattro fasi principali:

ALIMENTAZIONE:
l'alimentazione del calcestruzzo viene effettuata per mezzo di un nastro trasportatore, capace
di ruotare e di traslare avanti-indietro per portarsi in qualsiasi punto dello stampo.
Per facilitare la distribuzione del calcestruzzo all'interno della cassaforma, il nastro ha alla
sua estremità uno speciale convogliatore rotante.

VIBRAZIONE :
la costipazione del calcestruzzo viene ottenuta con un vibratore applicato internamente
all'anima dello stampo, fissata su apposito basamento. Si possono ottenere manufatti di
diverse caratteristiche regolando solamente l'intensità della vibrazione.
I tempi di vibrazione sono generalmente molto brevi e permettono rapidità di sformatura.

PRESSATURA:
l'operazione di pressatura é contraddistinta dall'intervento della pressa idraulica a portale che
opera sulla verticale del cassero mentre è ancora attivata la vibrazione. Questo permette di
ottenere impronte precise nella parte terminale del manufatto (opposta al bicchiere) dove si
può successivamente applicare la guarnizione di tenuta in gomma. Dopo esecuzione
dell'impronta, viene posizionata nel vano ricavato dal pressatore una mascherina che
consente di mantenere inalterate nelle operazioni di sformatura e stoccaggio le caratteristiche
geometriche della parte terminale. Le mascherine verranno tolte e riutilizzate quando il
manufatto raggiungerà un certo grado di essiccazione.

SFORMATURA:
completate le fasi precedenti si procede alla sformatura sollevando il cassero esterno
completo di manufatto e fondello di base. L'anima rimane fissa sul basamento.
La rotazione del nastro in posizione di riposo consente di compiere agevolmente le
operazioni di sformatura. Il cassero esterno, una volta estratto, viene portato nell'area di
essiccazione e sfilato dal manufatto che rimane sul fondello di base.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.13 di 169


1.2 Attrezzature
STAMPI.
Casseforme esterne (casseri) ed interne (anime) con relative parti essenziali all'ottenimento
dei manufatti, identificabili in: -fondelli di base; effettuano la chiusura inferiore dei casseri e
determinano le caratteristiche geometriche della giunzione femmina di accoppiamento.
Pressatori; per l'ottenimento della parte terminale (maschia) dei manufatti.

NASTRO DI ALIMENTAZIONE.
Attrezzatura costituita da un nastro trasportatore, munito di tramoggia per deposito del
calcestruzzo proveniente dal mescolatore. La rotazione del tappeto, combinata al movimento
di rotazione del distributore girevole montato alla sua estremità, provvederà al progressivo
riempimento omogeneo, fino al livello prefissato, del cassero.

BASAMENTO.
Attrezzatura su cui vengono appoggiati gli stampi. Posto generalmente in un apposita
fondazione con piano di lavoro inferiore al livello pavimento, in maniera tale che i casseri,
dopo il loro posizionamento, presentino la loro parte superiore al livello previsto per essere
alimentati dal convogliatore rotante del nastro. Il basamento comprende inoltre il sistema per
l'azionamento del vibratore, costituito dal motore elettrico, dal mozzo di azionamento (su cui
imbocca l'albero comando del vibratore) e gli organi di trasmissione del moto dal motore
all'albero del vibratore. Il basamento può essere completato da un dispositivo denominato
"aiuto sformatura" (Stripping device). Questo é un sistema azionato idraulicamente
dall'impianto oleodinamico della pressa a portale con lo scopo specifico di effettuare il primo
distacco del manufatto dall'anima interna quando il cassero esterno, ad alimentazione e
pressatura avvenute, viene agganciato ad un carro-ponte per il sollevamento.

PRESSA A PORTALE.
Attrezzatura concepita per l'esecuzione dei terminali di giunzione dei manufatti. Trattasi di
una struttura a portale che sorregge al suo centro il cestello di pressatura. Questi, per mezzo
di una speciale struttura ad azionamento idraulico, viene forzato sulla parte superiore del
manufatto producendone l'impronta della parte terminale, che costituirà la parte maschia del
giunto di unione dei manufatti.
Durante la stessa fase di pressatura, viene effettuata anche una rotazione alternata
dell'impronta per migliorare la finitura della parte terminale. La pressa dopo l'esecuzione delle
fasi descritte, ruota sull'asse della colonna fissa per permettere la sformatura del manufatto.
Negli impianti "VIBROTUBI" la pressa viene controllata dal quadro elettrico di comando per
quanto riguarda la fase di rotazione del portale. Tutti gli altri movimenti di lavoro vengono
effettuati dall'operatore a bordo macchina, agendo sulle leve del pannello componenti
oleodinamici.

VIBRATORI.
Montati all'interno delle anime provvedono alla costipazione del calcestruzzo in fase di
alimentazione dei casseri. Sono provvisti di masse eccentriche registrabili per adeguare
l'intensità di vibrazione al tipo di manufatto in produzione. Viene impiegato un impianto
specifico per raffreddamento e lubrificazione, necessario causa le elevate prestazioni in
termini di forza e frequenza di vibrazione.
Tale impianto é integrato nella centrale oleodinamica che provvede al movimento di rotazione
del convogliatore cls. sul nastro di alimentazione"VIBROTUBI".

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.14 di 169


PARTE ELETTRICA DI COMANDO E CONTROLLO.
Costituita dal quadro elettronico principale e dal quadro comando a leggio. L'ubicazione del
quadro comando a leggio determina il posto di lavoro di colui che dovrà presiedere al
controllo del ciclo di produzione e dovrà conseguentemente permettere all'operatore di poter
controllare visivamente la globalità delle attrezzature della stazione "VIBROTUBI" per poter
essere in grado, in qualsiasi istante, di bloccare il funzionamento delle attrezzature in
situazioni di pericolo.
Il ciclo di produzione, quando il selettore sul quadro comando è posizionato su
"AUTOMATICO", viene gestito in maniera autonoma dal controllore digitale del quadro
principale ( PLC).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.15 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.16 di 169
VIBROTUBI: EQUIPMENT DESCRIPTION
The Vibrotubi are semi-automatic machines for the production of a wide variety of pipes,
especially with big dimensions such as a maximum length of 4,000 mm. and a diameter of
250 to 3,000 mm.. Their main advantages are:
- low depreciation and maintenance costs;
- it is easily installed in a very short time;
- possibility to manufacture square or rectangular products and special products of diverse
sections;
- possibility to produce reinforced pipes;
- possible use of aggregates of big size with good static results.

1. 1 Working cycle
The Vibrotubi are controlled by means of an electromechanical system and are operated by
one or two operators. The cycle consists of four main stages:

FILLING:
Filling with concrete is achieved by means of a belt conveyor, capable of rotating and moving
back and forth in order to reach any part of the mould.
In order to obtain a uniform distribution of the concrete mix inside the mould, the belt may be
equipped at its end with a special rotating conveyor.

VIBRATION:
The beton tamping is obtained with the vibrator internally fitted on the mould's core, which is
on its turn fixed on a proper base plate. Products of various dimensions may be
manufactured by only adjusting the intensity of the vibration.
Vibration generally takes very little time and for this reason, demoulding may take place very
rapidly.

PRESSING:
The hydraulic portal press defines the pressing operation. The portal press operates upon the
form-fork during vibration with its vertical axis coinciding with the form-work's. This permits to
obtain precise pipe ends, on which, subsequently, the flexible gasket may be fitted. After
making the impression, a pallet is located inside the space made by the press. During the
demoulding and drying operations, this pallet allows to preserve unaltered the geometrical
characteristics of the terminal part. The set rings will be removed and employed again when
the product is partly cured.

DEMOULDING:
Upon completion of the previous phases, the demoulding is carried out with the core fixed to
the base plate while the outer mould together with the manufactured product and its pallet are
extracted.
Rotation of the belt, in the non-working position gives the possibility to carry out the
demoulding operations. The outer form-work, once extracted, is brought into the drying area;
the product, which rests on the pallet, is then removed .

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.17 di 169


1.2 Equipment
MOULDS.
Outer mould (form-work) and inner mould (cores) with related parts apt to obtain such
products as: - basing pallets; they serve as lower closing of the form-works and determine the
geometrical characteristics of the female joint coupling. Pressing devices; they permit to
obtain the terminal (male) side of the products.
FEEDING BELT
Equipment composed of a conveyor belt, provided with a hopper for the depositing of the
beton coming from the mixer. The belt's rotation, combined with the rotation of the rotary
conveyor assembled on its end, will provide for the form-work's homogeneous progressive
filling up to the pre-set level.
BASE PLATE.
Equipment upon which the moulds are laid. It is generally located in a proper foundation with
the working level lower than the floor level in order that the form-works, after their placement,
will have their upper part at the pre-set level so that they can be fed by the belt rotating
conveyor. Besides, the base plate comprises the vibrator operating system, composed of the
electric motor, drive hub (upon which the vibrator's drive shaft is installed) and the
components which transmit the movement from the motor to the shaft of the vibrator. The
base plate may be additionally provided with a device known as "stripping device". This
system is operated by the hydraulic plant of the portal press specifically aiming at carrying out
the first detachment of the product from the inner core when the outer form-work, once the
feeding and pressing operations have been carried out, is hooked to a overhead crane for its
lifting.
PORTAL PRESS.
Equipment for the products' coupling ends. It consists of a portal structure bearing in the
middle a pressing heads basket. By means of a special hydraulically driven structure, this
pressing heads basket is compressed on the product's upper part forming the terminal part's
impression, which will be the male part of the products' joint coupling. During the same
pressing phase, an alternate rotation of the impression is made as to improve the terminal
parts' finishing touches. The press, after the execution of the described phases, rotates on
the axle of the fixed upright in order to permit the products' demoulding. In the "VIBROTUBI"
plants, the press is controlled by the electrical command board as regards the portal
rotation's phase. The other working movements are made by the operator when on the
machine, by operating the hydraulic components panel's levers.
VIBRATORS
Assembled inside the cores, they provide for the concrete tamping in the phase of form-works
feeding. They are supplied with eccentric counterweights whose vibration's intensity may be
adjusted with relation to the type of product being manufactured. A specific lubricating and
cooling plant is used as the vibration performances, regarding power and frequency, are high.
Such a plant is integrated in the hydraulic unit providing the rotating movement of beton
conveyor upon the VIBROTUBI's feeding belt.
CONTROL ELECTRICAL EQUIPMENT
It is composed of the main electrical board and the stand-mounted command board. The
location of the latter determines the working place of the person who has to control the
production cycle. The location, consequently, enables the operator to visually control the
whole equipment of the "VIMATIC" plant so that he will be able to stop, in every moment, the
functioning of those parts of equipment which are in danger. When the selector on the
command board is in the "AUTOMATIC" position, the production cycle is independently run
by the digital controlling device of the main board (PLC).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.18 di 169


2
PRESCRIZIONI DI SICUREZZA
SISTEMI DI SICUREZZA INSTALLATI
OPERATIVE SAFETY CONDITIONS
INSTALLED SAFETY CONDITIONS

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.19 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.20 di 169
PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PER OPERARE CON "VIBROTUBI"
SISTEMI DI SICUREZZA INSTALLATI

2.0 Indicazioni generali


2.1 Prescrizioni di sicurezza per la normale produzione.
22 Prescrizioni di sicurezza per la manutenzione.
2.3 Prescrizioni di sicurezza per la pulizia.
2.4 Sistemi di sicurezza installati.

2. 0 Indicazioni generali.
In generale:
 la macchina può essere utilizzata solo per gli usi previsti e consentiti.
 L’utilizzatore dovrà conformarsi sempre a quanto richiesto dalla legislazione e normativa vigente in
materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro validi nel territorio ove la macchina viene installata
ed utilizzata.
 Dovranno essere utilizzati sempre impianti, attrezzature e dispositivi di protezione (individuali e
collettivi) conformi alla legislazione vigente e pertinente, ed alle caratteristiche del luogo di utilizzo
 Per effettuare la manutenzione ordinaria e straordinaria dovranno essere sempre usati impianti,
attrezzature e dispositivi di protezione conformi alla legislazione vigente e pertinente
 Le fonti di alimentazione a cui collegare la macchina (energia elettrica, aria compressa etc) dovranno
essere a norma con la legislazione e normativa vigente
 Dovrà essere effettuata la segnaletica orizzontale e verticale per dare indicazioni sul corretto
avvicinamento alla macchina e uso della stessa, secondo la legge vigente nel luogo di utilizzo.
 Prima di utilizzare la macchina, la stessa dovrà essere valutata, secondo quanto previsto dalla
legislazione vigente in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, ed inserita nella gestione
della sicurezza dell’organizzazione.

2. 1 Prescrizioni di sicurezza per la normale produzione.


DIVIETI

 E’ vietato stazionare nel raggio d’azione della macchina mentre la macchina sta lavorando
 E’ vietato mettere in funzione le attrezzature con persone all'interno della fossa o nel raggio d’azione
della macchina
 E’ vietato effettuare operazioni con le coperture della fossa che consentano la caduta di persone o
cose (Quando si effettuano operazioni anche di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle fosse,
posizionare barriere anticaduta ed usare adeguati dispositivi di protezione)
 E’ vietato eseguire riparazioni o controlli con macchine in funzione
 E’ vietato eseguire la produzione senza aver installato gli elementi di chiusura fossa
 E’ vietato affidare la conduzione della stazione “VIBROTUBI” a personale non addestrato e
qualificato.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.21 di 169


2.1.0 Personale di conduzione.
La produzione di manufatti in calcestruzzo con l'impiego della stazione "VIBROTUBI" Colle richiede
personale appositamente istruito e qualificato all’uso della macchina; gli operatori addetti alla macchina
dovranno essere stati preventivamente messi a conoscenza delle funzioni macchina, dei sistemi di
sicurezza installati e dei contenuti del presente libretto.

2.1.1 Verifiche pre-produzione


Ad ogni inizio turno di lavoro il personale addetto verificherà il funzionamento dei pulsanti a fungo, delle
cordicelle e delle eventuali fotocellule per gli arresti di emergenza posti sul quadro comando e sulla
pressa a portale etc.
Verificherà l'integrità delle imbracature utilizzate per i sollevamenti.
Verificherà che gli addetti alla pulizia abbiano rimontato correttamente gli organi rimossi per tali
interventi.
Verificherà che non vi sia presenza di persone nell'area di lavoro delle macchine.
Constaterà l'avvenuta verifica dei controlli pre-produzione da parte degli addetti alle attrezzature
estranee alla stazione "Vibrotubi" ma ad essa asservite, (gru a ponte, centrale di betonaggio, vagonetto
aereo di alimentazione etc.).

2.1.2 Emissioni rumorose


La macchina è stata costruita con tecnologie per contenere al massimo le emissioni rumorose.
Non è possibile stabilire a priori le emissioni rumorose della macchina presso il Vs. cantiere perché
dipendono dal tipo di capannone dove viene installata, dalle fondazioni e da altri fattori esterni alla ns.
macchina. Le emissioni potrebbero superare anche gli 85 decibel. E’ quindi necessario che Voi
effettuiate la misurazione del rischio di rumore ed eventualmente forniate di D.P.I. (dispositivi protezione
individuale) ai dipendenti.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.22 di 169


2.2 Prescrizioni di sicurezza per la manutenzione.

Avvertenze generali
La manutenzione ordinaria e straordinaria deve sempre essere effettuata usando
impianti, attrezzature e dispositivi di protezione conformi alla legislazione vigente e
pertinente ed alle caratteristiche del luogo d’utilizzo.

2.2.1 Personale addetto alla manutenzione-Norme generali di sicurezza.


La manutenzione della stazione "VIBROTUBI" Colle richiede personale tecnico qualificato che dovrà
essere stato messo a conoscenza delle funzioni macchina, dei sistemi di sicurezza installati, delle
apparecchiature elettriche, delle apparecchiature idrauliche e d’ogni altro dispositivo installato. Dovrà
aver preso visione del presente libretto, degli schemi elettrici ed idraulici relativi alle attrezzature formanti
la stazione "VIBROTUBI".
Il personale addetto alla produzione ed alla manutenzione della stazione deve osservare le prescrizioni
generali di sicurezza vigenti nel luogo di lavoro.
In caso di intervento manutentivo di qualsiasi genere, effettuato dal personale addetto alla
manutenzione od alla normale conduzione dell'impianto, che differisca dai normali interventi da eseguire
nel corso del ciclo di produzione, E' FATTO OBBLIGO di portare la leva dell'interruttore del quadro
elettrico principale in posizione di DISINSERIMENTO (0). A manovra effettuata, l'interruttore va bloccato
in posizione di disinserimento mediante lucchetto a chiave (non fornito). La chiave dovrà rimanere al
responsabile della manutenzione sino alla fine degli interventi. Disinserire anche l’interruttore del circuito
di riscaldamento, prima di effettuare qualsiasi operazione (vedi schemi elettrici).
Da questa prescrizione si intendono escluse le operazioni di controllo preliminare alla produzione, che
gli addetti effettueranno ad ogni inizio turno di lavoro.

2.2.2 Manutenzione a basamento, centrale oleodinamica, vibratore, pressa a


portale, nastro con tramoggia, collegamenti.

Avvertenze generali

Ferme restando le prescrizioni generali, vanno considerate le diversità oggettive di condizioni in cui gli
interventi andranno svolti, dovute anche all'installazione sotto il livello del pavimento delle macchine
oggetto degli interventi.
Considerare che:
 l'illuminazione del locale di installazione dovrà essere adeguata alle regolamentazioni vigenti,
comunque idonea a garantire adeguata e buona visibilità in ogni parte del locale
 Gli interventi manutentivi dovranno essere eseguiti da personale qualificato allo scopo
 Gli interventi dovranno sempre essere effettuati con interruttore generale di alimentazione in
posizione di DISINSERIMENTO (0). A manovra effettuata l'interruttore va bloccato in posizione di
disinserimento mediante lucchetto a chiave (non fornito). La chiave dovrà rimanere al responsabile
della manutenzione sino alla fine degli interventi. Disinserire anche l’interruttore del circuito di
riscaldamento, prima di effettuare qualsiasi operazione (vedi schemi elettrici).
 Gli interventi a carattere straordinario, volti ad eliminare possibili eventuali guasti e malfunzionamenti,
dovranno essere preventivamente valutati nella loro importanza ed, al caso, comunicati alla società
Colle, che fornirà in merito precisazioni e consulenza tecnica.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.23 di 169


2.2.2.1 Manutenzione al basamento.
Durante gli interventi apportati al basamento dovrà essere previsto l'impiego, se necessario, di una fonte
d’illuminazione portatile, di tipo conforme alla legislazione anti-infortunistica in ambienti industriali.

2.2.2.2 Manutenzione alla centrale oleodinamica.


Tutte le operazioni inerenti a regolazioni e tarature, controlli periodici, interventi di pulizia, ecc., devono
essere effettuate osservando gli accorgimenti e le precauzioni da adottare a norma di legge.
Gli interventi che comportino lo smontaggio di particolari soggetti alla pressione di esercizio devono
essere effettuati unicamente da personale istruito e qualificato allo scopo ed a conoscenza della
circuitazione dedotta dallo schema oleodinamico relativo. In particolare, negli interventi di
smontaggio gli organi macchina a sostentamento idrostatico dovranno tassativamente essere in
appoggio al fine-corsa discesa. Nei rami in cui vi siano accumulatori oleopneumatici, dovrà
preventivamente essere scaricata la pressione residua allentandone i raccordi relativi.
Durante la pulizia della vasca di contenimento, dopo la rimozione del coperchio di chiusura, il personale
addetto deve accertarsi della completa aereazione del locale e munirsi di attrezzature adeguate, che
permettano la pulizia senza l'introduzione del personale nella vasca.

PRIMO PERIODO DI FUNZIONAMENTO


E' consigliato eseguire dopo le prime 100-150 h di funzionamento (impianto nuovo) un filtraggio
completo dell'olio dell'impianto oleodinamico, il cambio dei filtri.

ATTENZIONE!

L'olio usato è altamente inquinante e dovrà perciò venire smaltito


osservando le leggi vigenti.

CONTROLLO SCAMBIATORE DI CALORE


Per i modelli ad aria-olio pulire frequentemente le superfici alettate di scambio da depositi che si
potranno formare con l'uso continuato, controllare il funzionamento del motore ventola e l'efficienza del
termostato di regolazione temperatura.

PULIZIA ESTERNA
La pulizia esterna permette di localizzare con facilità eventuali perdite e conseguentemente un
tempestivo intervento per la loro eliminazione. Controllare quindi periodicamente, in particolare i raccordi
di giunzione e le superfici in accoppiamento dei blocchetti delle elettrovalvole. Se i trafilaggi in questi
ultimi non fossero dovuti ad allentamento dei tiranti di serraggio, smontare i blocchetti e sostituire le
guarnizioni "O-RING" poste nelle apposite sedi.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.24 di 169


CENTRALINA OLEODINAMICA NR. PROGRAMMA INTERVENTI

OPERAZIONI DA EFFETTUARE FREQUENZA DATA


PREVISTA INTERVENTI
PULIZIA ESTERNA QUADRIMESTRALE

RABBOCCO FLUIDO QUANDO


RAGGIUNGE IL
LIVELLO MINIMO
SOSTITUZIONE FLUIDO E PULIZIA INTERNA OGNI 3000 ORE DI
LAVORO
PULIZIA FILTRO ASPIRAZIONE BIMESTRALE

SOSTITUZIONE CARTUCCE FILTRO FLUIDO TRIMESTRALE

CONTROLLO PRECARICA ACCUMULATORI SEMESTRALE

VERIFICA SERRAGGIO RACCORDI TRIMESTRALE

SOSTITUZIONE TASSELLI ELASTICI DEL SEMESTRALE


GIUNTO DI TRASMISSIONE

CONTROLLO TEMPERATURA FLUIDO SETTIMANALE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.25 di 169


2.2.2.3 Manutenzione al vibratore.
Le prescrizioni di sicurezza generali per la manutenzione relativa al vibratore sono quelle riportate ai
precedenti punti.
Manutenzioni a carattere straordinario dovranno comportare lo smontaggio ed il sollevamento del
vibratore in luogo idoneo ed attrezzato allo scopo.
Riferirsi all'allegato fascicolo per l'uso/manutenzione del vibratore.

2.2.2.4 Manutenzione della Pressa a portale.


 In caso di intervento manutentivo di qualsiasi genere, effettuato dal personale addetto alla
manutenzione, che differisca dai normali interventi da eseguire nel corso del ciclo di produzione, E'
FATTO OBBLIGO di portare la leva dell'interruttore generale (quadro elettrico principale) in posizione
di DISINSERIMENTO (0). A manovra effettuata l'interruttore va bloccato in posizione di
disinserimento mediante lucchetto a chiave (non fornito). La chiave dovrà rimanere al responsabile
della manutenzione sino alla fine degli interventi. Tale persona è responsabile delle operazioni.
 Disinserire anche l’interruttore del circuito di riscaldamento, prima di effettuare qualsiasi operazione
(vedi schemi elettrici).
 Nelle operazioni di manutenzione la pressa va preventivamente posizionata sul fine corsa di
partenza, rispetto all'asse di lavoro sulla verticale dello stampo.
 Tutte le protezioni devono sempre essere rimontate stabilmente dopo gli interventi.
 La protezione anti-schiacciamento sulle ruote deve sempre essere mantenuta in efficienza.
 Non abbandonare attrezzi ed altri elementi o componenti sul portale dopo gli interventi.
 Munirsi di attrezzature adeguate e rispondenti alla legislazione vigente e pertinente per effettuare gli
interventi, i controlli ed i rabbocchi di olio alla centrale oleodinamica, evitando ponteggi di fortuna e
predisponendo ponteggi mobili muniti di parapetto e protezioni.
 Tutte le operazioni inerenti a regolazioni e tarature, controlli, interventi di pulizia, cambio filtri, ecc.,
devono essere effettuate osservando gli accorgimenti e le precauzioni da adottare a norma di legge.
 Gli interventi che comportino lo smontaggio di particolari soggetti alla pressione di esercizio devono
essere effettuati unicamente da personale istruito e qualificato allo scopo ed a conoscenza della
circuitazione dedotta dallo schema oleodinamico relativo. In particolare, negli interventi di
smontaggio gli organi macchina a sostentamento idrostatico dovranno tassativamente essere
in appoggio al fine-corsa discesa. Nei rami in cui vi siano accumulatori oleopneumatici, dovrà
preventivamente essere scaricata la pressione residua allentandone i raccordi relativi.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.26 di 169


2.2.2.5 Manutenzione nastro con tramoggia

A) LUBRIFICAZIONE CUSCINETTI
Tutti i cuscinetti del trasportatore, esclusi quelli dei riduttori, sono riempiti con grasso per 2/3 della loro
capacità. Quando si renderà necessaria la sua sostituzione (consigliata una volta ogni anno), si
raccomanda di lavare i cuscinetti con un prodotto sgrassante e di riempirli per i 2/3 della loro capacità
con grasso per cuscinetti volventi.

B) LUBRIFICAZIONE RIDUTTORI
I riduttori vengono forniti completi di lubrificante. Quando si dovrà procedere al cambio dell'olio, sarà
necessario farlo tenendo presente le condizioni di temperatura delle parti meccaniche e dei fluidi, ed
adottando gli opportuni accorgimenti. Verificare che i forellini di sfiato presenti sul riduttore non siano
ostruiti.
L’intervallo del ricambio del lubrificante dipende dalle condizioni d’impiego riassunte brevemente nel
prospetto sotto indicato:

TEMPERATURA OLIO SERVIZIO INTERVALLO DI RICAMBIO


<60°C continuo 5000(h)
intermittente 8000(h)
>60°C continuo 2500(h)
intermittente 5000(h)
I dati nel prospetto si riferiscono a lubrificanti a base minerale e sintetici. Questi ultimi, se usati in un
campo di temperature normali, possono essere per una lubrificazione a lunga vita, avendo però
l’accuratezza di evitare l’inquinamento dei lubrificanti stessi.

ATTENZIONE!
L'olio esausto deve poi essere raccolto in contenitori idonei e smaltito
secondo le normative vigenti

C) SOSTITUZIONE DEL TAPPETO


Per la sostituzione del tappeto si deve innanzitutto togliere la testata smontabile del traino della parte
opposta al motoriduttore; quindi, dopo aver posizionato i rulli portanti nei loro supporti, si toglie il
tappeto usurato, si stende il tappeto nuovo sopra gli stessi, per tutta la lunghezza, e lo si fa passare
sotto il traliccio sostenuto dai rulli di ritorno, infine si rimonta la testata del traino. Con i due tenditori
(barre filettate), si tende il tappeto ad una tensione sufficiente affinché il rullo di traino non slitti.

D) PULIZIA DELLA TRAMOGGIA


Particolare attenzione deve essere usata per l'eliminazione dei residui di calcestruzzo all'interno della
tramoggia. Tale operazione deve essere eseguita dall'alto con l' uso di scale o mezzi di sollevamento
di personale rispondenti alle norme vigenti, di attrezzature (spazzole, ecc.) con opportuna prolunga
in modo che la persona non debba entrare nella tramoggia. E' inoltre necessaria la presenza di una
seconda persona che garantisca e vigili sulla stabilità della persona impegnata nell'operazione di
pulizia.

ATTENZIONE!
Il personale addetto alle pulizie non deve mai salire sul nastro o entrare
nella tramoggia.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.27 di 169


2.2.2.6 Manutenzione collegamenti elettrici, oleodinamici ed a fluido
Controllare, con periodicità almeno semestrale, a macchina ferma e in assoluta assenza di
alimentazione e pressione:
 lo stato dei cavi, delle prese e delle spine
 lo stato delle tubazioni per fluido oleodinamico, per aria compressa, ed altri fluidi, flessibili e non, e dei
relativi cavallotti di fissaggio.
Se i materiali e prodotti risultassero danneggiati od usurati sostituirli con prodotti di identica
caratteristica.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.28 di 169


2. 3 Istruzioni di sicurezza per la pulizia.

Avvertenze generali

 E' FATTO OBBLIGO di effettuare le pulizie con l'interruttore generale del quadro elettrico
in posizione di DISINSERIMENTO (0). A manovra effettuata l'interruttore va bloccato in
posizione di disinserimento mediante lucchetto a chiave (non fornito). La chiave dovrà
rimanere al responsabile delle operazioni di pulizia sino alla fine degli interventi.
Disinserire anche l’interruttore del circuito di riscaldamento, prima di effettuare qualsiasi
operazione (vedi schemi elettrici).
 La pulizia deve essere effettuata a secco, evitando l'uso dell'acqua.
 La pulizia deve essere effettuata usando impianti, attrezzature e dispositivi di protezione
(individuali e collettivi) conformi alla legislazione vigente e pertinente ed alle
caratteristiche del luogo di utilizzo

2.3.1 Pulizia ordinaria a fine turno


E' buona norma, ad ogni fine turno di lavoro, procedere alla pulizia di tutte le attrezzature e del posto di
lavoro. La pulizia a fine turno di lavoro è necessaria per preservare le macchine e le attrezzature
affinché incrostazioni di calcestruzzo non ne pregiudichino la funzionalità. Deve essere effettuata
giornalmente con le indicazioni riportate sui capitoli relativi alle attrezzature. Dopo aver effettuato le
operazioni di pulizia, trattare con olio disarmante tutte le parti a contatto con il calcestruzzo, per
preservare le superfici ed impedire la formazione di depositi induriti.

2.3.2 Pulizia del nastro di alimentazione


Prescrizioni particolari DEVONO ESSERE OSSERVATE NELLA PULIZIA DEL NASTRO DI
ALIMENTAZIONE. In deroga alle avvertenze generali, la pulizia del tappeto verrà eseguita con quadri
elettrici IN PRESENZA DI TENSIONE.
Il responsabile alle operazioni inserisce nel pannello di controllo l’apposita chiave “a molla” e la fa
ruotare in senso orario, tenendola bloccata nella posizione d’arresto. Con la chiave in tale posizione, il
nastro ed il nastrino girano, scaricando il materiale residuo. La rotazione dei tappeti s’interrompe non
appena l’operatore rilascia la chiave “a molla”, la quale ritorna automaticamente nella posizione di
partenza. Il responsabile può quindi procedere, prestando la massima attenzione, allo scarico del
calcestruzzo residuo dai tappeti, fino al completo smaltimento di scorie e calcestruzzo residuo. Ad
operazioni ultimate, toglierà la chiave “a molla” dal quadro elettrico.

2.3.3 Protezioni per il personale


Nel corso del lavoro di pulizia gli operatori dovranno usare un abbigliamento adatto e tutti gli altri
dispositivi di protezione di volta in volta necessari a norma di legge.

2.3.4 Controlli dopo gli interventi


Ad interventi ultimati il responsabile alle operazioni di pulizia deve assicurarsi che i particolari
precedentemente smontati siano stati correttamente puliti e rimontati.
Le attrezzature usate per la pulizia dovranno essere rimosse dagli organi macchina e riposte
convenientemente dagli addetti, nessun residuo risultante dalla pulizia deve essere abbandonato sulle
vie di corsa delle macchine e/o sui luoghi di lavoro.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.29 di 169


2. 4 Sistemi di sicurezza installati.
2.4.1 Pressa a portale.
Il potenziale pericolo derivato dal movimento della pressa lungo le via di corsa durante il ciclo
automatico di produzione é evidenziato dal funzionamento del segnalatore acustico-luminoso
montato sulla sommità del portale. La segnalazione deve attivarsi durante il movimento. Con
segnalatore IN FUNZIONE NON VI DEVE ESSERE PRESENZA DI PERSONALE nell'area di
lavoro della pressa, l'operatore alla stazione "Vibrotubi” deve in questo caso procedere
all'ARRESTO di EMERGENZA.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.30 di 169


2.4.2 -Basamento "Vibrotubi".
Durante il funzionamento della stazione "Vibrotubi" NON E' CONSENTITO a personale
accedere alla fossa di installazione del basamento. Per questo motivo un apposito FINE-
CORSA di sicurezza è montato sulla porta, un'eventuale apertura di questa provoca il blocco in
emergenza di tutte le attrezzature della stazione.

MODALITÀ DI ACCESSO
E' vietato aprire la porta di accesso quando la macchina è in funzione.
Nel caso di macchina in funzione, sul quadro di controllo posto all’ingresso della fossa (fig.2.2)
la luce celeste è spenta.

L'ingresso è da effettuarsi solo a macchina ferma, previo accordo con il responsabile alla
conduzione della stessa.
Ad apertura della porta effettuata, si avrà l'accensione della luce celeste, la quale segnala che
la macchina è disabilitata al funzionamento (consenso all'accesso).
LA MANCATA ACCENSIONE DELLA LUCE CELESTE ALL'APERTURA DELLA PORTA PUÒ’
SIGNIFICARE CHE L'APPARECCHIATURA DI CONTROLLO È’ DIFETTOSA O CHE LA SPIA
POTREBBE ESSERE BRUCIATA. IN TAL CASO NON È ASSICURATA LA FUNZIONE DI
PROTEZIONE PER CUI È INDISPENSABILE EFFETTUARE LE OPPORTUNE VERIFICHE
PRIMA DI ACCEDERE ALLE ZONE PERICOLOSE.
L'apertura della porta determina, tramite il relativo fine-corsa, l'interruzione o l'impossibilità della
ripresa del funzionamento macchina. Il funzionamento è perciò sempre subordinato al comando
di "RESET" che deve essere effettuato dal responsabile alla conduzione della macchina, tramite
apposita chiave di abilitazione. Tale persona responsabile controllerà i motivi per cui la
porta di accesso è stata aperta e che non vi sia presenza di persone nella fondazione al
momento del riavvio delle attrezzature.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.31 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.32 di 169
"VIBROTUBI": OPERATIVE SAFETY CONDITIONS.
INSTALLED SAFETY CONDITIONS

2.0 General instructions


2.1 Safety instructions for normal production.
22 Safety instructions for maintenance.
2.3 Safety instructions for the cleaning.
2.4 Installed safety system.

2. 0 General instructions.
In general:
 The machine can be used only for the purposes foreseen and allowed
 The user shall always comply with the law and regulations concerning the safety and health in the
workplaces valid in the territory where the machine is installed and used
 It shall be always used installations, equipments and protection devices (individual and collective) in
accordance to the relevant law in force, and to the features of the place where the machine is used.
 In order to carry out the ordinary and extraordinary maintenance it shall be always used installations,
equipments and protection devices in accordance to the relevant law in force
 The feeding sources to whom connect the machine (power supply, compressed air etc) shall comply
with the law and regulations in force
 The horizontal and vertical signals shall be placed in order to give instructions about the right
approaching to the machine and its use, according to the law in force in the place where the machine
is used.
 Before using the machine, the same shall be valued, according to the provisions of the law
concerning safety and health in the workplaces in force, and inserted in the company’s safety
conduct.

2. 1 Safety instructions for normal production


PROHIBITIONS

 It is forbidden to remain inside the portal press' beam while the machine is in operation
 It is forbidden to start the machine while persons are inside the machine dugout or in the machine’s
scope.
 It is forbidden to carry out operations with the pit covers allowing the fall of people or things (when
operations concerning also ordinary and extraordinary maintenance are carried out on the pits, place
barriers to prevent falls and use suitable protection devices)
 It is forbidden carry out repair or control while the machine is in operation;
 It is forbidden to carry out the production without installing the dugout's closing element
 It is forbidden to allow untrained personnel to run the "VIBROTUBI" station.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.33 di 169


2.1.0 Personnel in charge of the equipment.
The production of concrete products using the “VIBROTUBI" Colle station requires suitably skilled
personnel and qualified for the use of the machine; the operators charged of the machine shall be
previously have been acquainted of the machine’s functions, of the safety systems installed and of the
contents of this handbook.

2.1.1 Pre-production checks


At every start of working shift the charged personnel will verify the functioning of the “mushroom”
buttons, of the strings and of possible photocells for the emergency stops placed on the command board
and on the portal press etc.
Check the condition of the slings used for lifting.
Check that the cleaners have correctly refitted all parts previously removed.
Ensure that nobody is within the working range of the machine;
They must ascertain that the pre-production checks have been carried out by the personnel responsible
for machinery not supplied by "VIBROTUBI" but necessary for its operation (overhead travelling crane,
concrete station, concrete supply, overhead trolley, etc.).

2.1.2 Noisy emissions


The machine has been produced with technologies to hold at the most the noisy emissions.
It is not possible to state by advance the noisy emissions of the machine at your factory since they
depend on the type of the shed in which it is installed, on the foundations and on other elements
unrelated to our machine. The emissions could also exceed the 85 decibel. It is therefore necessary that
you carry out the noise risk measurement and in case supply your workers with D.P.I. (individual
protection devices).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.34 di 169


2.2 Safety instructions for maintenance

General instructions
The ordinary and extraordinary maintenance shall always be carried out by using
installations, equipments and protection devices in accordance with the relevant law in
force and with the features of the place where the machine will be used.

2.2.1 Personnel in charge of maintenance - General safety rules


Maintenance of the "VIBROTUBI" plant requires technical personnel instructed on the machine
functions, safety systems installed, electrical equipment and hydraulic equipment and every other
installed device. They must read this manual, the wiring and hydraulic diagrams of the equipment of the
"VIBROTUBI" plant.
The personnel responsible for production and maintenance of the "VIBROTUBI" plant must observe the
general safety rules of the work place.
In case of any maintenance operation, carried out by the personnel responsible for the maintenance or
normal operation of the plant, differing from the routine operations normally carried out during operation
of the plant, IT IS COMPULSORY to turn the main switch lever (main electrical panel) to the OFF
position (0). After this, the switch must be blocked in the off position by means of a lock provided with a
key (not supplied). The key must stay in possession of the person responsible until the end of
maintenance operations. Disconnect also the switch of the heating circuit, before carrying out
whatsoever operation (see electrical schemes).
This procedure excludes the pre-production checks, which the persons in charge of the machine will
carry out at the beginning of every work shift.

2.2.2 Maintenance for basement, hydraulic power pack, vibrator, portal


press, feeding belt with hopper, connections.

General advice
The following points must be observed:
- the lighting of the installation site must comply with current regulations and be in any case sufficient to
guarantee good visibility in all parts of the room;
- The maintenance work must be carried out by specifically trained personnel.
- Routine maintenance must always be carried out with the main switch in the OFF (0) position. After
this, the switch must be blocked in the off position by means of a lock provided with a key (not
supplied).
- The key must stay in possession of the person responsible until the end of the maintenance work.
Disconnect also the switch of the heating circuit, before carrying out whatsoever operation (see
electrical schemes).
- Extraordinary maintenance, aimed at fixing faults or malfunctions, must be assessed according to its
importance and notified to the company which will provide details and technical advice.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.35 di 169


2.2.2.1 Base plate "vibrotubi" maintenance
When carrying out service work inside the base itself, a portable source of light must be provided, of a
type approved by the industrial safety laws.

2.2.2.2 Hydraulic unit maintenance.


All the operations pertaining to adjustments and settings, periodical checks, cleaning interventions, ecc.,
shall be carried out by complying with the precautions to be adopted according to law.
Dismantling of parts under working pressure must be carried out only by specifically trained personnel
familiar with the layout as shown in the hydraulic diagram.
In particular, during dismantling, all hydraulically operated parts of the machine must be rested
against the lower travel endC. In the circuits fitted with air-hydraulic accumulators, all the
remaining pressure must be released loosening the required couplings.
After removing the closing cover, the personnel in charge of cleaning of the retaining tank must ensure
complete ventilation of the room and must be provided with brushes of suitable length so that they can
clean the tank from the outside.

INITIAL PERIOD OF OPERATION


After the first 100-150 hours of operation it is advisable to completely filter the oil of the hydraulic
installation, change the filters.

CAUTION!
The used oil is highly polluting and must be disposed of in accordance with current laws.

COOLER CHECK
For the air-oil models frequently clean the finned surfaces removing any deposit that may have built up
during operation, check the functioning of the impeller’s motor as well as the efficiency of the
temperature adjusting thermostat.

OUTER CLEANING
The outer cleaning allows to easily detect possible leaks and consequently a prompt intervention by the
maintenance personnel. You should therefore periodically check, in particular, the connection joints and
the joining surfaces of the solenoid valves block. If the leaks are not due to the blocking screws being
loose, dismantle the blocks and replace the O ring seals in their housings.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.36 di 169


HYDRAULIC POWER PACK NR. INTERVENTIONS PROGRAM

OPERATIONS TO BE PERFORMED FORESEEN INTERVENTIONS


FREQUENCY DATE
OUTER CLEANING FOUR-MONTHLY

FLUID FILLING UP WHEN IT


REACHES THE
MINIMUM LEVEL
FLUID REPLACEMENT AND INNER EVERY 3000
CLEANING WORKING HOURS

SUCTION FILTER CLEANING BIMONTHLY

REPLACEMENT OF FLUID FILTER THREE-MONTHLY


CARTRIDGES

CONTROL ACCUMULATORS PRECHARGE SIX-MONTHLY

CONTROL FITTINGS CLAMPING THREE-MONTHLY

REPLACEMENT OF ELASTIC DOWELS OF SIX-MONTHLY


THE TRANSMISSION JOINT

FLUID TEMPERATURE CONTROL WEEKLY

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.37 di 169


2.2.2.3 Vibrator's maintenance
Safety and maintenance instructions relating to the vibrator are the same as described in the previous
paragraphs.
Extraordinary maintenance must be carried out after dismantling and lifting the vibrator to a suitable and
properly equipped place.
Refer to the enclosed booklet for the use and maintenance of vibrator.

2.2.2.4 Portal Press maintenance


- In the case of any kind of maintenance work, carried out by the personnel in charge of the maintenance
operations or in charge of the system, other than normal service work carried out during the production
cycle, the personnel MUST turn the main power switch to the OFF (0) position and disconnect the cable
from the mains. After this the switch must be blocked in the off position by means of a lock provided with
a key (not supplied). The key must stay in possession of the person responsible for maintenance until
the work is finished. This person is responsible of the operations.
Disconnect also the switch of the heating circuit, before carrying out whatsoever operation (see electrical
schemes).
- During maintenance of the press, the press must be positioned at its rear travel end in relation to the
mould vertical working axis.
- The fixed guard on the wheel drive motor must always be properly fixed after each service.
- The wheels anti-crushing protection must always be kept in good working order.
- Do not leave any tool on the portal after servicing.
- To provide oneself with suitable equipments complying with the relevant law in force to carry out the
interventions, checking and topping up the hydraulic unit, avoiding planks and stepladders; proper
mobile scaffolding fitted with protections and railings should be provided.
-All the operations concerning adjustments and settings, checks, cleaning interventions, filters change,
etc., shall be carried out by complying with the precautions to be adopted according to law.
- Dismantling of parts under working pressure must be carried out only by specifically trained personnel
familiar with the layout as shown in the hydraulic diagram. In particular, during dismantling, all
hydraulically operated parts of the machine must be set to rest against the lower travel end. In
the branches where there are airdraulic accumulators, it will have to be previously discharged
the remaining pressure by loosing the related connectors.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.38 di 169


2.2.2.5 Maintenance of belt with hopper

A) BEARING LUBRICATION
All conveyor bearings, excluding those of the reducer, are filled with grease for 2/3 of their capacity.
When they must be replaced (recommended once a year), they should be washed using a
degreasant and filled for 2/3 of their capacity with grease for rolling bearings.

B) REDUCER LUBRICATION
The reducers are supplied complete of lubricant. When changing the oil, it will be necessary to do it
considering the temperature conditions of the mechanical components and of the fluids, and by taking
the suitable precautions. Verify that the breather holes on the reducer are not obstructed.
The lubricant’s exchange interval depends on the conditions of use briefly summarized in the below
table:

OIL TEMPERATURE SERVICE EXCHANGE INTERVAL


<60°C continuous 5000(h)
intermittent 8000(h)
>60°C continuous 2500(h)
intermittent 5000(h)
The data in the above table refers to lubricants based on minerals and synthetics. These, if used in a
range of normal temperatures, can be used for a long-life lubrication, paying attention to avoid the
pollution of the lubricants themselves.

WARNING!
The low oil have to be collected in suitable containers and disposed of
according to the laws in force

C) REPLACEMENT OF THE MAT


To assemble the mat, first of all remove the dragging end carriage, which can be disassembled, on
the part opposite the motor reducer, then after having positioned the main rollers in their supports lay
the mat on them for their entire length and pass underneath the sustained mesh then the return
rollers, re-assemble the dragging end carriage. The mat is tensioned using the two tensioners
(threaded bars) to a value that is sufficient to prevent the drive roll from slipping.

D) HOPPER CLEANING
Particular care must be taken for the elimination of concrete residues inside the hopper. This
operation must be carried out from above with the use of stairs or staff lifting devices that are in
compliance with laws in force and equipment (brushes, etc.) using an appropriate extension so that
the person does not have to enter the hopper. The presence of a second person is also required to
guarantee and control the stability of the person engaged in the cleaning operation.

ATTENTION!
The staff in charge of cleaning must never climb onto the belt or enter into
the hopper.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.39 di 169


2.2.2.6 Maintenance of electric, hydraulic and connections a fluido

To periodically check, almost every six months, when the machine is stopped and with absolute
feeding and pressing absence:
-the state of cables, of sockets and of plugs
-the state of fittings for hydraulic fluid, for compressed air, and other fluids, flexible and not, and of
the related fixing staples.
If the materials and products come out damaged or worn out replace them with products with same
feature.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.40 di 169


2. 3 Cleaning safety instructions

Main Cautions

 IS OBLIGATORY to carry out the cleaning with the main switch of the electric command
board in position of DISCONNECTION (0). When the manoeuvre has been carried out, the
switch has to be locked in disconnection position by means of a key padlock (not
supplied). The key shall rimanere to the responsible of the cleaning operations until the
end of the interventions. Disconnect also the switch of the heating circuit, before carrying
out any operation whatsoever (see electric circuits).
 The cleaning has to be carried out dry-cleaning system, avoiding water use.
 The cleaning has to be carried out by using installations, equipments and protection
devices (individual and collective) in accordance to the pertaining laws in force and to the
features of the place where the installation will be used

2.3.1 Ordinary cleaning at the end of work shift


It is suggested, at every end of work shift, to carry out the cleaning of all the equipments and of the
workplace. The cleaning at the end of work shift is necessary in order to protect the machines and the
equipment from concrete encrustations that could damage its functionality. It has to be carried out daily
following the instructions reported on the related chapters related to the equipments. After having
carried out the cleaning operations, treat with disarming oil all the parts on contact with the concrete, in
order to protect the surfaces and avoid the forming of hardened deposits.

2.3.2 Cleaning of the feeding belt


Special prescriptions HAS TO BE RESPECTED IN THE CLEANING OF THE FEEDING BELT.
Derogating the main cautions, the belt cleaning will be carried out with electric command boards IN
PRESENCE OF TENSION.
The responsible of the operation insert in the control panel the special “spring” key and he rotate it
clockwise, keeping it locked in the stop position. With the key in this position, the feeding belt and the
secondary rotating belt turn, downloading the remaining material. The rotation of the carpets stops as
soon as the operator release the “spring” key”, which automatically returns in the starting position. The
responsible can therefore carry out, paying attention, to the download of the remaining concrete from
the carpets, until the complete removal of slag and remaining concrete. As soon as the operations are
completed, he will take out the “spring” key from the electric command board.

2.3.3 Personnel protection


During cleaning the operators must wear suitable clothing, gloves, safety boots and protective helmet.

2.3.4 After-service checks


Once all the work has been carried out, the person responsible for cleaning must ensure that the
previously dismantled parts have been cleaned and correctly refitted.
The equipment used for cleaning must be taken away from the machine parts and properly stored by
the cleaning personnel. All the machine gangways and work places must be left completely free.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.41 di 169


2. 4 Installed safety systems

2.4.1 Portal press.


The potential danger deriving from the portal press rotation along the runways during the
automatic production is highlighted by the lightening and acoustic device assembled at the top
of the portal. The signalling is operated during rotation. With the operating indicator, NO
PERSONNEL MUST BE inside the working area of the portal press, otherwise the operator in in
charge of the VIBROTUBI's functioning must proceed to the EMERGENCY STOP.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.42 di 169


2.4.2 “Vibrotubi” basement
While the VIBROTUBI station is in operation, no personnel is ALLOWED to get inside the
basement pit. For this reason, a suitable LIMIT SWITCH is assembled on the door; its possible
opening causes the emergency blocking of the entire station’s equipment;

WAY OF ENTERING

It is forbidden to open the entering doors when the equipment is operating.


If the machine is operating, the blue light located on the command board placed at the pit entry
(fig. 2.2) will be off.

The entrance may be possible only with the “Vibrotubi Station” not in operation, by previously
having agreed with the person in charge of the machine itself.

Once the pit is accessed, the blue light will lights up, signalling that the machine is disabled as
regards operation.
FAILURE OF THE BLUE LIGHT TO LIGHT UP AT THE ENTRANCE CAN MEAN THAT THE
CONTROL EQUIPMENT IS FAULTY OR THAT THE LIGHT COULD BE DAMAGED. IN THIS
CASE THE PROTECTION FUNCTION IS NOT GUARANTEED AND THEREFORE BEFORE
ENTERING DANGEROUS AREAS ALL THE NECESSARY CHECKS MUST BE CARRIED
OUT.
The pit access determines the interruption or the impossibility to restart the machine.
Operation of the machine is therefore always subject to the "RESET" command which must be
given by the person responsible for operation of the machine by means of the enabling key.
This person must ascertain the reasons why the pit safety operated and check that there is no-
one inside the foundation during restart of the machine.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.43 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.44 di 169
3
ALLESTIMENTO DELLE ATTREZZATURE DI PRODUZIONE
INSTALLING THE PRODUCTION EQUIPMENT

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.45 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.46 di 169
ALLESTIMENTO DELLE ATTREZZATURE DI PRODUZIONE
3. 1 Sistemi di staffaggio anime sul basamento
Premessa
Le anime (casseri interni), vanno fissate alla tavola orizzontale del basamento mediante
opportuni staffaggi elastici.
Vi sono due differenti sistemi di staffaggio elastico, uno impiegato per anime fino al diam.1200,
un altro impiegato per anime aventi diametri maggiori.
La funzione principale dello staffaggio elastico consiste nello smorzamento della vibrazione
prodotta dal vibratore all'interno dell'anima, affinché non venga inutilmente propagata con effetti
nocivi al basamento.
La funzione secondaria consiste nel permettere la regolazione della verticalità dell'anima,
effettuabile agendo sui tiranti M 20 che, comprimendo in maniera differenziata gli antivibranti
provocano una inclinazione dell'anima rispetto alla piastra del basamento vibrotubi.

3.1.1 Staffaggio anime con antivibranti in coppia e tirante centrale (300-1200).


Ha il suo campo d'impiego normale per la fascia di dimensioni che va dal diam. 300 al
diam.1200. Ogni anima porta un triplo sistema costituito da coppie di collari in gomma, montate
su basi di appoggio al basamento. I collari, forati al centro, sono mantenuti in pressione da viti
diam. 20 mm che chiudono la flangia di base anima, con interposizione di elementi elastici
superiori e rosette piane di grosso spessore.
Al centro di ogni coppia di collari è posto un tirante (diam.24 mm) con la funzione di limitare la
deformazione degli elementi elastici durante la fase di sformatura permettendo solo una
deformazione predefinita dal gioco di montaggio esistente con la flangia di base anima. Il gioco
deve essere di circa 4 mm e deve venire registrato dopo che l'anima sia stata esattamente
posta in verticale sul piano basamento (vedi fig. 3.1).
I sistemi di staffaggio elastico sono montati sulla flangia di base anima con intervallo angolare
di 120°.
fig. 3.1

TIRANTE M20 TIRANTE M24 CONTRODADO


REGOLAZIONE ANTISTRAPPO
ANTIVIBRANTE

ROSETTA

ELEMENTO ELASTICO
SUPERIORE

FLANGIA DI BASE ANIMA

ANTIVIBRANTE
BASE DI APPOGGIO ANIMA
PIASTRA DEL
BASAMENTO
4mm BULLONE FISSAGGIO BASE DI
APPOGGIO ANIMA AL BASAMENTO

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.47 di 169


3.1.2 Staffaggio anime a 3 antivibranti e spina conica centrale (1400-3000).

Ha il suo campo d'impiego normale per la fascia di dimensioni che va dal diam. 1400 al
diam.3000.
Ogni anima porta un quadruplo sistema costituito da 3 collari in gomma disposti a 120° fra
loro, montati su basi di appoggio al basamento. I collari, forati al centro, sono mantenuti in
pressione da viti diam. 20 mm che chiudono la flangia di base anima, con interposizione di
elementi elastici superiori e rosette piane di grosso spessore.
Al centro di ogni sistema di antivibranti è collocata una speciale spina conica cui sono
affidate le seguenti funzioni:
1) limitare la deformazione degli elementi elastici in fase di sformatura, permettendo solo
una deformazione predefinita dal gioco di montaggio esistente tra dado e controdado e la
flangia di base anima. Il gioco deve essere di circa 4 mm, e deve venire registrato dopo che
l'anima sia stata esattamente posta in verticale sul piano basamento (vedi fig.).
2) bloccare l'anima alla piastra del basamento. La parte conica inferiore della spina dovrà
alloggiarsi nella corrispondente sede ricavata sulla piastra del basamento. Ad anima
montata attivare il sistema di bloccaggio rapido idraulico (vedi fig.).
Su ogni anima sono montati 4 dispositivi di staffaggio, con intervallo angolare di 90°.

fig. 3.2

TIRANTE M30
ANTISTRAPPO
CONTRODADO

TIRANTE M20
REGOLAZIONE 4mm ROSETTA

ANTIVIBRANTE ELEMENTO ELASTICO


SUPERIORE

FLANGIA DI BASE
ANIMA

ANTIVIBRANTE

BASE DI APPOGGIO
ANIMA

PIASTRA DEL
BASAMENTO

SPINA BLOCCAGGIO
ANIMA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.48 di 169


3. 2 Montaggio delle anime
Le operazioni di montaggio delle anime consistono nelle seguenti operazioni:
1) sollevamento dell'anima;
2) posizionamento e bloccaggio alla piastra del basamento;
3) regolazione della verticalità.

3.2.1 Sollevamento.
l sollevamento delle anime di produzione Colle, relativamente ai diam. da 300 a 1000, va
eseguito come segue:
- agganciare e sollevare con gru di adeguata portata (verificare il peso dell'anima).
ATTENZIONE!
Prima del sollevamento occorre verificare sempre la presenza e corretto serraggio dei
bulloni di fissaggio del coperchio. I pesi riportati si riferiscona ad anime SENZA IL
VIBRATORE
TABELLA PESI ANIME
diametro peso (kg)

600 684
1000 1222
1200 1660
1500 2300
2000 4044

3.2.2 Posizionamento
 Trasportare l'anima fino alla verticale del basamento dell'impianto vibrotubi;
 eseguire una prima orientazione; all'interno della parte bassa dell'anima è montato un
supporto per il fissaggio dei tubi delle connessioni pneumatiche-idrauliche del vibratore,
prima di procedere al calo dell'anima all'interno della fossa del basamento orientarla in
modo che tale supporto sia sullo stesso lato del blocchetto montato sul basamento per i
collegamenti idraulici.
 Calare fino a che l'estremità dei flessibili dei collegamenti idraulici del vibratore
raggiungano il basamento; infilarli nell'apposita asola presente sulla piastra in modo che
l’attraversino.
 Calare ulteriormente fino a che l'estremità dell'albero del vibratore raggiunga il mozzo di
azionamento montato sul basamento; attraverso il foro presente nella parte bassa
dell'anima imboccare l'albero.
 Calare ulteriormente fino quasi all'appoggio sul basamento nel caso di anima fino ad un
diametro di 1200 mm o fino quasi all'appoggio delle tre spine coniche presenti sulle basi
di appoggio nel caso di anima oltre i 1200 mm prestando attenzione al libero scorrimento
dei flessibili del vibratore e al loro corretto posizionamento.
 Eseguire l'orientazione finale mettendo in corrispondenza i fori eseguiti sulle 3 basi di
appoggio montate sull'anima con i corrispondenti fori sul banco nel caso di diametri fino al
1200, oppure mettendo in corrispondenza le spine di bloccaggio con le sedi coniche del
banco nel caso di diametri da 1400 fino a 3000.
 Appoggiare l'anima e fissare con gli appositi bulloni M20 e dadi autobloccanti (fino 1200)
oppure con gli appositi dadi autobloccanti M30 da inserire nelle estremità delle spine che
sporgono sotto il banco (oltre 1200).
 Eseguire attraverso il foro sull'anima il fissaggio dei flessibili con fascette e controllare,
facendolo girare manualmente, che non offra resistenza anormale alla rotazione.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.49 di 169


3.2.3 Regolazione della verticalità.
Per il corretto funzionamento dell'impianto è necessario che l'anima sia fissata in posizione
perfettamente verticale, si deve quindi, ogni volta che si monti una anima nuova o si esegua
un cambio di produzione controllare ed eventualmente ripristinare la verticalità.
REGOLAZIONE PER DIAM. fino AL 1200

La regolazione delle anime fino al diam. 1200 può essere eseguita come di seguito
descritto, facendo riferimento alla fig. 3.3:
1) controllare (livella o filo a piombo) la perfetta verticalità della parete dell'anima in
corrispondenza della pos.1. Se necessario regolare le viti degli antivibranti in modo che la
variazione di compressione degli elementi elastici produca lo spostamento desiderato. Tale
regolazione va effettuata con due chiavi esagonali da 30 mm sbloccando fra loro dado e
controdado, regolando la posizione del dado più in basso e ribloccando fra loro nuovamente
dado e controdado. Eseguire una identica rotazione dei dadi di regolazione della coppia.
fig. 3.3

ANTIVIBRANTI ANTIVIBRANTI

FLANGIA DI BASE ANIMA

POS.1 ANIMA

120°

120°

POS.3 POS.2

2) Controllare la verticalità della parete dell'anima in corrispondenza della pos.2. Se


necessario regolare gli antivibranti con le stesse modalità del punto precedente.
3) Controllare la verticalità della parete dell'anima in corrispondenza della pos.3. Se
necessario regolare gli antivibranti con le stesse modalità del punto precedente.
4) Ogni regolazione effettuata per una data posizione può influire con la verticalità dell'anima
rispetto a quanto già regolato in precedenza per gli altri punti. Si dovranno perciò ripetere
dei controlli sui 3 punti di riferimento ed, all'occorenza, eseguire i dovuti aggiustamenti.

ATTENZIONE!
gli antivibranti non devono risultare ne eccessivamente ne troppo poco
compressi.
5) Una volta terminata la regolazione occorre regolare anche tutti e tre i tiranti antistrappo in
modo da lasciare un gioco di 4 mm (vedi fig.3.1). Tale regolazione deve essere effettuata
sbloccando fra loro con due chiavi esagonali da 36 mm dado e controdado sulla sommità
del tirante, regolando fino alla giusta posizione e ribloccando fra loro nuovamente dado e
controdado.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.50 di 169


REGOLAZIONE PER DIAM. OLTRE 1200

La regolazione delle anime per diametri superiori al 1200 può essere eseguita come di
seguito descritto, facendo riferimento alla fig. 3.4:
1) segnare due posizioni sull'esterno dell'anima a 90° fra loro ed intervallate rispetto alla
posizione degli staffaggi (pos.1 e pos.2);
2) controllare (livella o filo a piombo) la perfetta verticalità della parete dell'anima in
corrispondenza della pos.1. Se necessario regolare le viti degli antivibranti in modo che la
variazione di compressione degli elementi elastici produca lo spostamento desiderato. Tale
regolazione va effettuata con due chiavi esagonali da 30mm sbloccando fra loro dado e
controdado, regolando la posizione del dado più in basso e ribloccando fra loro nuovamente
dado e controdado. Eseguire una identica rotazione dei dadi di regolazione per tutti e 3 gli
antivibranti, affinché la compressione di questi sia all'incirca uguale.
fig.3.4

90°

45° POS.1

90°

45°

FLANGIA DI BASE ANIMA

POS.2

3) Controllare (livella o filo a piombo) la perfetta verticalità della parete dell'anima in


corrispondenza della pos.2.
4) Ogni regolazione effettuata per una data posizione può influire con la verticalità dell'anima
rispetto a quanto già regolato in precedenza. Si dovranno perciò ripetere dei controlli ed,
all'occorrenza, eseguire i dovuti aggiustamenti.

ATTENZIONE!
Gli antivibranti non devono risultare né eccessivamente né troppo poco
compressi.

5) Una volta terminata la regolazione occorre regolare anche tutti e tre i tiranti antistrappo in
modo da lasciare un gioco di 4 mm (vedi fig.3.2). Tale regolazione deve essere effettuata
sbloccando fra loro con due chiavi esagonali da 46 mm dado e controdado (M30) sulla
sommità del tirante, regolando fino alla giusta posizione e ribloccando fra loro nuovamente
dado e controdado.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.51 di 169


3. 3 Montaggio dei casseri esterni sul basamento
I casseri esterni vanno montati sul basamento dopo che l'anima è stata fissata e regolata ed il
vibratore montato. I casseri devono essere completi di fondello bloccato alla base con gli
appositi dispositivi ad azionamento manuale.
Per ogni cassero esiste inoltre una corrispondente chiusura da montare sulla parte sommitale
della fondazione, che ha il compito, oltre che chiudere la parte libera rimanente tra bordo fossa
e cassero, di abbattere il rumore prodotto dalla vibrazione durante la produzione. Le coperture
sono corredate da elementi di protezione, di costruzione sempre ottagonale che hanno la
funzione di chiudere verticalmente lo spazio che rimane tra la base a pavimento e la copertura
del cassero (solo per diam. dal 1600 al 1800).
Nota:
La riduzione terminale va' riempita e livellata, dopo la prima messa in opera, di
calcestruzzo. Il calcestruzzo ha la funzione di abbattere il livello sonoro emesso dai
casseri durante la fase di vibrazione e di irrigidire contemporaneamente gli elementi.
Elementi della copertura per chiusura fondazione

3.3.1Montaggio dei casseri esterni dal diam. 700 al diam. 1200


I casseri esterni sono supportati dalle riduzioni terminali o dalle chiusure montate sull' elemento
base della fossa.
Montaggio degli elementi di copertura
- Usare un imbraco a 4 tiri, in perfette condizioni e dimensionato al carico da sollevare.
- Togliere le viti poste a protezione delle sedi previste per i golfari di sollevamento, indicate in
figura, avvitare a fondo i golfari forniti nella filettatura.
- Sollevare e posizionare gli elementi di copertura fino a raggiungere la luce necessaria al
montaggio del cassero.
Riavvitare le speciali viti di chiusura a protezione delle filettature utilizzate per il sollevamento a
posizionamento avvenuto.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.52 di 169


Regolazione degli appoggi del cassero sulla chiusura fossa
PRIMO MONTAGGIO

E' necessario provvedere alla corretta regolazione degli appoggi che supportano il cassero e
definiscono il suo centraggio superiore con l'anima.
A primo montaggio (cassero nuovo), si dovranno avvitare a fondo le tazze di centraggio ed
appoggio montate sulle strutture superiori del cassero esterno.
In queste condizioni, dopo montaggio, il cassero sarà interamente sostenuto dal fondello di
base in appoggio sul reggi-fondello dell'anima.

ANTIVIBRANTE IN GOMMA PER Fig. 3.6


SUPPORTO E CENTRAGGIO CASSERO
GOLFARI DI SOLLEVAMENTO M 27
VITE REGOLAZIONE
LATERALE VITI SPECIALI DI CHIUSURA
VITI SPECIALI PREVISTE PER
CHIUSURA REGOLAZIONE VERTICALE

PARTICOLARE DELLA RIDUZIONE TERMINALE DI CHIUSURA PER DIAM. 300-600

ANTIVIBRANTE IN GOMMA PER


SUPPORTO E CENTRAGGIO CASSERO
VITE REGOLAZIONE
LATERALE
GOLFARI DI SOLLEVAMENTO M 27

VITI SPECIALI DI CHIUSURA

VITI PREVISTE PER


REGOL. ORIZZONTALE

PARTICOLARE DELLA RIDUZIONE TERMINALE DI CHIUSURA PER DIAM. 700-1200

Portare ora le tazze di centraggio in appoggio sull'antivibrante della copertura. Ad appoggio


avvenuto, rilevabile dall'indurimento che presentano le tazze all'ulteriore rotazione manuale,
agire con chiave esagonale aperta da mm 46. Dalla posizione di appoggio far fare un ulteriore
giro completo alle tazze, affinché il carico venga ripartito sia con appoggio sul reggi-fondello
dell'anima, sia con appoggio sulla copertura. E' importante che il reggi-fondello sia sempre
parzialmente caricato affinché sia garantita la tenuta (offerta dalla guarnizione montata tra
questo e l'anima) contro trafilamenti di cemento che potrebbero verificarsi tra anima e fondello
in fase di riempimento calcestruzzo.

Centraggio del cassero all'anima


Ad operazione di appoggio ultimata, è necessario verificare il centraggio del cassero sulla parte
superiore dell'anima. Procedere con una riga millimetrata od altro adeguato strumento di misura
nel rilevare la quota rimanente tra lamiera interna del cassero e superficie esterna dell'anima.
Tale quota dovrà risultare costante su tutta la circonferenza. Aggiustamenti possono essere
apportati intervenendo sulle viti di regolazione poste sui dispositivi di sostegno del cassero
montati sulla copertura.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.53 di 169


3.3.2 Montaggi dei casseri esterni dal diam. 1400 al diam. 3000
A differenza dei casseri fino al diam. 1200, quelli di diametro maggiore non hanno gli appoggi
sulle riduzioni di chiusura, in quanto il loro peso è supportato dai dispositivi di aiuto sformatura
montati sulla piastra del basamento. Lo spazio rimanente tra copertura del cassero e piano
delle riduzioni di chiusura a pavimento dovrà essere chiuso da protezioni a pareti verticali,
recanti sulla parte sommitale una guarnizione in gomma.

Fig. 3.7

PROTEZIONE LATERALE
Protezione 1600/1800
CAMPO DI IMPIEGO:
DAL DIAM. 1600 AL 1800

Tale protezione, indicata in figura 3.7, andrà montata sull'elemento base, per realizzare
manufatti dal diam. 1600 al diam. 2000.

3. 4. Dispositivo di aiuto-sformatura (campo di utilizzo per


diam.>1200)
Sono montati in n° di 4 sulla piastra del basamento e svolgono la funzione, mediante la spinta di
cilindri idraulici, di limitare il tiro della gru nel primo distacco del manufatto in fase di estrazione.
Sul dispositivo vengono inoltre montate coppie di supporti regolabili antivibranti per l'appoggio e
centraggio del cassero.
Montaggio
Sulla piastra del basamento sono eseguite quattro scanalature lungo le diagonali (vedi fig. 3.8)
per il fissaggio dei dispositivi.

DISPOSITIVO AIUTO
Fig. 3.8
SFORMATURA
(SOLO PER D> 1200)
ASOLA PASSAGGIO
FLESSIBILI VIBRATORE

MOZZO DI AZIONAMENTO
VIBRATORE

SCANALATURE FISSAGGIO
AIUTO SFORMATURA

PIASTRA DEL BASAMENTO


VIBROTUBI

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.54 di 169


Questi sono forniti completi di staffa, appositamente prevista per essere inserita all'interno di
queste scanalature in modo da permettere la regolazione della posizione ed il successivo
bloccaggio.
Il montaggio del dispositivo sulla piastra viene eseguito in appoggio, con il cilindro inserito nella
scanalatura stessa ed inserendo la staffa dal lato inferiore della piastra. Dopo averli allineati,
fissarli fra loro con il bullone in dotazione senza però stringerlo. Il bullone, producendo il
bloccaggio del dispositivo, va infatti stretto solo a posizionamento avvenuto, (vedi fig.3.9).
Per il posizionamento si rimanda al successivo punto relativo alla regolazione degli appoggi.
Regolazione degli appoggi e centraggio dei casseri all'anima
E' necessario ad ogni cambio produzione provvedere alla corretta regolazione dei supporti
antivibranti montati a coppie sui dispositivi di aiuto formatura, che sorreggono il cassero e
definiscono il suo centraggio con l'anima (vedi fig.3.9).
Al montaggio, si dovranno avvitare a fondo i supporti regolabili dopo aver sbloccato i controdadi
di fermo.
In queste condizioni, il cassero dopo posizionamento sarà interamente sostenuto dal fondello di
base in appoggio sul reggi-fondello dell'anima.

Fig. 3.9
ANTIVIBRANTE AIUTO SFORMATURA

APPOGGIO REGOLABILE
CASSERO

BULLONE FISSAGGIO STAFFA

PIASTRA BASAMENTO

STAFFA PER BLOCC. DISPOSITIVO


AIUTO SFORMATURA

CILINDRO IDRAULICO

Svitare ora i supporti regolabili fino a che gli antivibranti raggiungano le tazze di apppoggio
montate sulla flangia di base del cassero. Regolare la posizione dei dispositivi in modo che gli
antivibranti siano perfettamente in asse alle tazze. Stringere i bulloni delle staffe di bloccaggio
dei dispositivi. Continuare a svitare fino ad appoggio avvenuto, rilevabile dall'indurimento che
presentano i supporti all'ulteriore rotazione manuale. Dalla posizione di appoggio eseguire un
ulteriore giro completo a tutti i supporti, agendo con chiave esagonale aperta da mm 46,
affinché il carico venga ripartito sia con appoggio sul reggi-fondello dell'anima, sia con appoggio
sul dispositivo aiuto sformatura e quindi sul banco del vibrotubi. E' importante che il reggi-
fondello sia sempre parzialmente caricato affinché sia garantita la tenuta (offerta dalla
guarnizione montata tra questo e l'anima) contro trafilamenti di cemento che potrebbero
verificarsi in fase di riempimento calcestruzzo. A regolazione effettuata richiudere
accuratamente tutti i controdadi affinché i supporti siano bloccati.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.55 di 169


Svitare ora i supporti regolabili fino a che gli elementi antivibranti innalzandosi raggiungano le
tazze montate sulla flangia di base dello stampo. Regolare la posizione dei dispositivi in modo
che gli antivibranti montati sui supporti regolabili siano perfettamente in asse alle tazze.
Stringere i bulloni delle staffe di bloccaggio dei dispositivi. Continuare a svitare fino ad appoggio
avvenuto, rilevabile dall'indurimento che presentano i supporti all'ulteriore rotazione manuale.
Dalla posizione di appoggio far fare un ulteriore giro completo a tutti i supporti, agendo con
chiave esagonale aperta da mm 46 affinché il carico venga ripartito sia con appoggio sul reggi-
fondello dell'anima, sia con appoggio sul dispositivo aiuto sformatura e quindi sul banco del
vibrotubi. E' importante che il reggi-fondello sia sempre parzialmente caricato affinché sia
garantita la tenuta offerta dalla guarnizione montata tra questo e l'anima contro trafilamenti. A
regolazione effettuata richiudere tutti i controdadi.

3. 5 Montaggio dei fondelli sui casseri esterni


-Togliere un fondello dalla pila, appoggiarlo sul pavimento ad una distanza adeguata, verificare
la pulizia ed integrità delle superfici. Se non già provveduto, stendere uno strato leggero di olio
disarmante sulle superfici.
-Aprire i dispositivi di tenuta fondello presenti alla base del cassero portando le leve nella
posizione di massima escursione permessa.

-Sollevare con le modalità riportate al successivo punto il cassero esterno, posizionarlo sulla
verticale del fondello, orientare il cassero in modo che sia possibile l'imbocco del fondello nella
sede prevista alla sua base. Abbassare il cassero sul fondello, richiudere i dispositivi manuali di
tenuta.
ATTENZIONE

La manovra di chiusura può risultare difficoltosa se eseguita agendo direttamente sulla leva di
azionamento. E' consigliato usare una prolunga di lunghezza 600-800 mm, ricavata da un tubo
avente diametro interno di circa 25 mm (1").

MOMENTO DICHIUSURA Fig.3.10


5 mKN c.a

VITE REGOLAZIONE
APPOGGIO-FONDO
CORSA

PINZA CHIUSURA
FONDELLO

TIRANTE
(Regolabile)

A fondello perfettamente in sede, lo sforzo che ogni dispositivo di tenuta necessita per la
chiusura non deve risultare né eccessivamente elevato né eccessivamente basso. Nell'uno o
nell'altro caso, è opportuno regolare il tirante filettato che aziona la pinza di chiusura per portare
lo sforzo ad un valore corretto, quantificabile in una spinta di circa 100 N su un braccio di leva
considerato di 500 mm.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.56 di 169


3. 6 Sollevamento del cassero e montaggio sul basamento
"Vibrotubi"
I casseri sono predisposti con 2 attacchi a 180° per il loro sollevamento. Nella fase di
montaggio sul banco vibrotubi il peso complessivo sarà quello del cassero sommato al peso del
fondello, in fase di sollevamento dopo getto del manufatto, il peso sarà notevolmente
aumentato, dovendo considerare anche quello del calcestruzzo impiegato.
I pesi dei casseri esterni, dei fondelli, dei manufatti sono rilevabili dalla tabella allegata.
Usare imbracature e gru a ponte dimensionate al carico, perfettamente efficienti ed azionate da
personale abilitato.

Questo sistema richiede l'impiego di un attrezzo a bilanciere da realizzare a cura del Cliente in
quanto NON fornito dalla società Colle. La realizzazione pratica dovrà ottemperare alle
disposizioni di legge vigenti per le attrezzature di sollevamento.
I casseri esterni vanno montati sul basamento dopo che l'anima è stata fissata e regolata, con
vibratore montato al suo interno. Il fondello deve essere bloccato alla base del cassero esterno
con gli appositi dispositivi ad azionamento manuale.
Le chiusure sulla bocca della fossa dovranno essere state predisposte come da indicazioni al
punto precedente.
Sollevare il cassero completo di fondello, posizionarlo sulla verticale dell'anima e procedere,
dopo centratura, nel graduale abbassamento. Nella fase finale, prestare attenzione al giusto
orientamento definito dalla posizione dei sostegni antivibrazione sulla copertura e delle relative
tazze di centraggio ed appoggio montate sul cassero.

Togliere l'imbracatura usata per il sollevamento.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.57 di 169


3. 7 Approntamento pressa a portale
-MONTAGGIO STRUTTURA A 6 RAZZE PER SUPPORTO PRESSATORI
La struttura deve rimanere normalmente fissata alla pressa durante la produzione. A questa struttura
vanno fissati, conformemente al prodotto in esecuzione, o la prolunga attacco pressatore (per
produzione diam. fino al 1200) o direttamente il pressatore (per la produzione di diametri maggiori)
Montaggio:

INTERPOSIZIONE DI
TRAVETTI IN LEGNO

Sollevare la struttura in orizzontale, utilizzando un carrello elevatore od un imbraco opportuno.


Posizionare la struttura sulla verticale del cannotto pressatore della pressa a portale, avendo cura di
allineare approssimativamente i fori previsti per le viti di fissaggio con i corrispondenti sul cannotto della
pressa. Sollevare la struttura fino a portarla in corrispondenza della sede di montaggio. Agire con
piccole rotazioni fino a far coincidere esattamente le forature.
-Avvitare le viti M27 (con chiave esagonale da 41 mm) e procedere al loro serraggio, valore coppia di
serraggio 550 Nm.

PROLUNGA PER MONTAGGIO PRESSATORI (campo di impiego diam.300÷1200)


Avvitare la prolunga alla struttura a 6 razze della pressa.
Avvitare il pressatore alla prolunga.

PROLUNGA DA
IMPIEGARE SOLO
PER DIAM. FINO
AL 1200

PRESSATORE SOLO
PER DIAM. >1200

PRESSATORI (campo di impiego diam. >1200)

Avvitare il pressatore alla struttura a 6 razze della pressa.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.58 di 169


3. 8 Fondelli e mascherine di pressatura
Stoccaggio fondelli
Dopo la loro rimozione dal manufatto, effettuabile quando questi abbia raggiunto un sufficiente
grado di indurimento, pulire il fondello dalle incrostazioni e residui di calcestruzzo.
Provvedere nello spruzzare sulle superfici del fondello un velo di olio disarmante. Lo strato di
olio protegge le superfici del fondello dalla formazione di ruggine e facilita la successiva
sformatura dal nuovo manufatto. I fondelli possono essere tenuti a magazzino accatastati,
evitare la formazione di pile eccessivamente alte, assicurarsi che la pila appoggi su base
perfettamente orizzontale e non cedevole.

Stoccaggio pressatori, mascherine esterne ed interne


Quando non in uso, i pressatori andranno tenuti a magazzino perfettamente puliti ed oliati.
Evitare il loro appoggio diretto, interponendo dei listelli in legno affinché non si abbiano possibili
danneggiamenti alle geometrie del profilo.

Mascherine interne (fiberglass)


Vengono utilizzate per mantenere il profilo della parte sommitale del manufatto durante e dopo
la sformatura. Possono essere tolte dopo un tempo ragionevole, durante il quale il manufatto
abbia raggiunto un grado di indurimento tale da non rimanerne danneggiato. Vanno stoccate
poste in orizzontale, su basi idonee ed in luogo riparato dalla luce.

Mascherine esterne (fiberglass)


Vengono utilizzate per mantenere il profilo della parte sommitale del manufatto. Dopo la
pressatura, provvedere al posizionamento della mascherina esterna direttamente sulla sede
ricavata. Possono essere tolte dopo un tempo ragionevole, durante il quale il manufatto abbia
raggiunto un grado di consistenza tale da non rimanerne danneggiato.
Vanno stoccate poste in orizzontale, su basi idonee ed in luogo riparato dalla luce.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.59 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.60 di 169
INSTALLING THE PRODUCTION EQUIPMENT
3. 1 System for bracketing cores to the basement
Premise
The cores (inner moulds), are fixed to the horizontal surface of the basement using specific
elastic bracketing.
There are two different elastic bracketing systems, the first used for cores of up to 1,200 in
diam. and the second for cores with a larger diameter.
The main function of the elastic bracketing is to damp vibration produced by the vibrator
inside the core, so that it is not unnecessarily propagated, causing damage to the base.
The secondary function consists in allowing the vertical position of the core to be adjusted, by
means of the tie-rods M 20 which, by compressing the antivibrators differentially, cause an
inclination of the core in relation to the plate of the Vibrotubi basement.
3.1.1 Core bracketing with pair of antivibrators and central tie rod (300-1200).
The normal field of application of this bracketing ranges from diameters of 300 to 1200. Each
core is provided with a triple system formed by pairs of rubber puffers, fitted on bearing bases
to the basement. The puffers have holes in the centre and are kept under pressure by 20 mm
screws which close the flange of the core base, with upper elastic elements and thick, flat
washers interposed.
A tie rod with a diam. of 24 mm is positioned at the centre of each pair of puffers. This serves
for limiting strain on the elastic elements during the demoulding stage, allowing only strain
which has been pre-established by the clearance with the core base flange. A clearance of
about 4 mm must be set after the core has been positioned exactly vertically on the
basement surface (see fig. 3.1).
The elastic bracketing systems are fitted to the core base flange at 120° intervals.
fig. 3.1

SNAP-
ANTIVIBRATOR PREVENTING LOCK NUT
SETTING M20 TIE M24 TIE ROD
ROD

WASHER

SUPERIOR ELASTIC
PIECE

CORE BASE FLANGE

ANTIVIBRATOR
CORE SUPPORTING BASE

BASEMENT PLATE
4mm BOLT FOR FIXING THE CORE
SUPPORTING BASE TO THE BASE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.61 di 169


3.1.2 Core bracketing with 3 antivibrators and central taper pin (1400-3000)
The normal field of application for this bracketing ranges from diameters of 1400 to 3000.
Each core has a quadruple system formed of 3 rubber puffers positioned 120° from each other,
fitted on supporting bases to the basement. The puffers have a hole in the centre and are kept
under pressure by 20 mm screws which close the flange of the core base, with upper elastic
elements and thick flat washers interposed.
At the centre of each antivibrator system it positioned is a special taper pin with the following
functions:
1) Limit strain on the elastic elements during demoulding, allowing only strain pre-established
by the clearance set between the nut and locknut and the core base flange. A clearance of
about 4 mm must be set after the core has been positioned exactly vertically on the base
surface (see fig.).
2) Lock the core to the basement plate. The lower tapered part of the pin must be housed in the
corresponding seat machined in the basement plate. Once the core is fitted, start the rapid
hydraulic locking device (see fig.).
Each core is fitted with 4 bracketing devices, at 90° intervals.
fig. 3.2

SNAP-PREVENTING
M30 TIE ROD

LOCK NUT
ANTIVIBRATOR
WASHER
SETTING M20 TIE
ROD
4mm SUPERIOR ELASTIC
PIECE

CORE BASE
FLANGE

ANTIVIBRATOR

CORE SUPPORTING
BASE

BASEMENT PLATE

PIN BLOCKING
NUT

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.62 di 169


3. 2. Fitting the cores
In order to fit the cores the following operations must be carried out:
1) lifting the core;
2) positioning and locking to the basement plate;
3) adjusting the verticality.

3.2.1. Lifting

The cores produced by Colle, referring to diam. 300 to 1,000, must be lifted in the following
way:
hook up and lift with an adequately powerful crane (check core weight).

WARNING!
Before lifting always check that the locking bolts of the cover are present and correctly
tightened. The weights given refer to cores WITHOUT VIBRATOR

DIAMETER Kg

600 684
1000 1222
1200 1660
1500 2300
2000 4044

3.2.2. Positioning

 Transport the core until it is vertically over the babasement se of the Vibrotubi plant.
 Manoeuvre it into position; fitted inside the lower part of the core is a support for fastening the
pneumatic-hydraulic vibrator connection pipes; before the core is lowered into the basement
dugout position it so that this support is on the same side as the block for hydraulic
connections fitted to the base.
 Lower until the ends of the hose for hydraulic connection of the vibrator reach the basement;
insert these through the slot provided on the plate until they reach the far side.
 Lower further until the end of the vibrator shaft reaches the drive hub fitted to the basement;
fit the shaft, operating through the hole in the lower part of the core.
 Lower further until (cores with a diameter up to 1,200 mm) the core is almost resting on the
basement or (cores with a diameter of over 1,200 mm) until the three taper pins on the
bearing bases are almost resting on the basement, taking care that the vibrator hose can run
freely and are in the correct position.
 Manoeuvre into the final position, aligning the holes in the 3 bearing bases fitted to the core
with the holes on the bench in diameters up to 1,200 or, in diameters from 1,400 to 3,000,
aligning the locking pins with the conical seats in the bench.
 Bring the core to rest and fix with the specific bolts M20 and self-locking nuts (up to 1,200) or
the specific self-locking nuts M30 to be fitted to the ends of the pins which project under the
bench (over 1,200).
 Operating through the hole on the core, fix the hoses with clamps and check that these rotate
freely by turning manually.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.63 di 169


3.2.3 Adjusting the verticality
In order for the plant to function correctly it is necessary for the core to be in an exactly vertical
position. Therefore, every time a new core is fitted or a change in production is made the
verticality must be checked and restored if necessary.

ADJUSTMENT FOR DIAMETERS UP TO 1200

Cores with diameters up to 1200 can be adjusted as described below, referring to fig. 3.3:

1) Use a level or plumb line to check that the core wall is exactly vertical in correspondence to
pos. 1. If necessary, adjust the antivibrator screws so that the variation in compression of the
elastic elements produces the required movement. This adjustment is made by loosening the
nut and locknut from each other using two 30 mm hexagonal wrenches, adjusting the position of
the lower nut and re-tightening the nut and locknut together. Turn the nuts which regulate the
torque in exactly the same way.
fig. 3.3
ANTI- ANTIVIBRATOR
VIBRATOR
CORE BASE FLANGE

POS.1 CORE

120°

120°

POS.3 POS.2

2) Check the verticality of the core wall in correspondence to pos. 2. If necessary, adjust the
antivibrators following the same procedure as above.

3) Check the verticality of the core wall in correspondence to pos. 3. If necessary, adjust the
antivibrators following the same procedure as above.

4) Each adjustment made on a specific position can influence the verticality of the core which
has already been adjusted at the other points. Therefore, the 3 reference points must be
checked again and, if necessary, re-adjusted.

WARNING!
The antivibrators must neither be too tightly nor too loosely compressed.
5) Once the adjustments have been made the three snap-preventing tie rods must also be
adjusted to leave a clearance of 4 mm (see. fig. 3.1). This adjustment is made by loosening
the nut and locknut on the end of the tie rod away from each other, using two 36 mm
hexagonal wrenches, adjusting to the correct position and re-tightening the nut and locknut
together.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.64 di 169


ADJUSTMENT FOR DIAMETERS OF OVER 1200

Cores with diameters of over 1200 can be adjusted as described below, referring to fig. 3.4:

1) Mark two positions on the outside of the core at 90° from each other and spaced between the
positions of the bracketing (pos. 1 and pos. 2).

2) Use a level or plumb line to check that the core wall is exactly vertical in correspondence to
pos. 1. If necessary, adjust the antivibrator screws so that the variation in compression of the
elastic elements produces the required movement. This adjustment is made by loosening the
nut and locknut away from each other using two 30 mm hexagonal wrenches, adjusting the
position of the lower nut and re-tightening the nut and locknut together. Turn the regulating nuts
on all three antivibrators in exactly the same way, so that the compression of these is almost
identical.
fig.3.4

90°

45° POS.1

90°

45°

CORE BASE FLANGE

POS.2

3) Use a level or plumb line to check the verticality of the core wall in correspondence to pos. 2.

4) Each adjustment made on a specific position can influence the verticality of the core at a
position which has already been adjusted. Therefore, these must be checked again and, if
necessary, re-adjusted.

WARNING!
The antivibrators must neither be too tightly nor too loosely compressed.

5) Once the adjustments have been made the three snap-preventing tie rods must also be
adjusted to leave a clearance of 4 mm (see. fig. 3.2). This adjustment is made by loosening the
nut and locknut (M30) on the end of the tie rod from each other, using two 46 mm hexagonal
wrenches, adjusting to the correct position and re-tightening the nut and locknut together.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.65 di 169


3. 3 Fitting the outer moulds to the basement
The outer moulds are fitted to the basement after the core has been fixed and adjusted and the
vibrator fitted. The moulds must be complete with pallets locked to the base with the specific
manually operated devices.
There is also a corresponding cover to fit to the upper part of the foundation, which as well as
closing the free part remaining between the edge of the dugout and the mould, also muffles the
noise produced by vibration during production. The covers are provided with protective
elements, also octagonal, with the function of vertically closing the space which remains
between the floor base and the mould cover for diam. 1600 to 1800).

Note:
After installation, the closing cover element must be filled and levelled with concrete.
The concrete has the function of lowering the amount of noise emitted by the moulds
during the vibration stage and of contemporaneously stiffening the elements.
Cover elements for closing the foundations

Fig.3.5
4 LIFTING POINTS WEIGHT
(M 27 LIFTING (after filling
EYEBOLT) with concrete)
KG 1280

4 MOULD
SUPPORTS

END CLOSURE REDUCER


FOR THE USE OF MOULDS
FROM DIAM. 700 UP TO DIAM.
1200

3.3.1 Fitting outer moulds from diam. 700 to diam. 1200


The outer moulds are supported by corresponding end closure reducers fitted on the 2nd base
elements of the dugout.
Fitting the cover elements
Use a lifting harness with 4 stays in perfect working order and powerful enough for the load to
be lifted.
Remove the screws which protect the seats provided for the lifting eyebolts, as shown in the
figure, and tighten the eyebolts provided into the thread.
Lift and position the cover elements until there is a space large enough to install the mould.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.66 di 169


After positioning, re-tighten the special lock screws which protect the threads used for lifting.

Adjusting the mould bearings on the dugout closure


FIRST INSTALLATION
It is necessary to correctly adjust the bearings which support the mould and ensure it is
centred above with the core.
The first time a new mould is installed the centring and bearing trays fitted to the upper part of
the outer mould must be tightened.
In these conditions, after installation, the mould will be completely supported by the base
pallet resting on the pallet-support of the core.
RUBBER ANTIVIBRATOR FOR Fig. 3.6
MOULD SUPPORT AND
CENTRING

LATERAL SETTING
SCREW M27 LIFTING EYEBOLTS

SPECIAL CLOSING
SCREWS

HORIZONTAL SETTING
SCREWS

DETAIL OF THE TERMINAL REDUCTION Ø 300-600

RUBBER ANTIVIBRATOR FOR


MOULD SUPPORT AND CENTRING

LATERAL SETTING M27 LIFTING EYEBOLTS


SCREW

SPECIAL CLOSING
SCREWS

HORIZONTAL SETTING
SCREWS

DETAIL OF THE TERMINAL REDUCTION Ø 700-1200

Now turn the centring trays until they come into contact with the antivibrator of the cover.
Once they are touching, which can be detected by the fact that it is difficult to effect the last
manual turn, use a 46 mm hexagonal spanner to tighten the trays for one more complete
turn, until the load is divided, resting both on the pallet-support of the core and the cover. It is
important for the pallet-support always to be partly loaded to guarantee the seal (made by the
gasket fitted between this and the core) against cement leakage which could occur between
the core and pallet during the concrete filling operation.

Centring the mould on the core


Once the mould is resting it is necessary to check that it is centred on the upper part of the
core. Use a millimetric ruler or similar suitable measuring device to measure the space
remaining between the inner plate of the mould and the outer surface of the core. This
distance must be the same over the entire circumference. Adjustments may be made by
operating the setting screws located on the mould's supporting devices which are assembled
on the cover.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.67 di 169


3.3.2. Fitting outer moulds of diam. 1400 to diam. 3000
Differing from moulds with diameters up to 1200, those with larger diameters do not have
bearings on the closure reducers, as their weight is supported by the stripping devices fitted
to the basement plate. The space remaining between the mould cover and the surface of the
closure reducers on the floor must be closed by protections with vertical walls, provided with
a rubber gasket at the top.
Fig. 3.7

Protection
160/1800 LATERAL PROTECTION
FIELD OF USE:
FROM DIAM. 1600 TO 1800.

This protection, indicated in figure 3.7, is fitted to the base element to produce components
with a diameter of 1600 to 2000.

3. 4 Stripping device (field of application for diam. >1200)


Four of these devices are fitted to the basement plate and, by means of the hydraulic cylinder
thrust, they limit the pull of the crane in the first stage of component removal during
extraction.
The devices are also fitted with pairs of adjustable antivibrating supports for resting and
centring the mould.

Fitting
Four grooves have been cut along the diagonals of the basement plate (see fig. 3.8) for fixing
the devices.
Fig. 3.8
STRIPPING DEVICE
(FOR DIAM.> 1200 ONLY)

VIBRATOR'S HOSES
PASSAGE SLOT

VIBRATOR'S DRIVE HUB

GROOVES FOR FIXING


THE STRIPPING DEVICE

VIBROTUBI'S BASEMENT PLATE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.68 di 169


These are provided with a bracket, specifically composed to be inserted inside these grooves
in order to allow the position to be adjusted and subsequently locked.
The device is fitted while resting on the plate, with the cylinder inserted into the groove itself
and the bracket inserted from the lower side of the plate. After alignment, fasten them
together using the specific bolt without, however, tightening it. The bolt locks the device into
position and must only be tightened after positioning has taken place (see fig. 3.9).
Positioning is explained in the following point regarding adjusting the bearings.

Adjusting the bearings and centring the moulds with the core.
With each change in production it is necessary to correctly adjust the antivibrating supports
fitted in pairs to the stripping devices, which support the mould and define its centring with the
core (see fig. 3.9).
During fitting, the adjustable supports must be tightened after having loosened the locknut.
In these conditions, after having been positioned, the mould will be completely supported by
the base pallet which rests on the pallet-support of the core.

Fig. 3.9
ANTIVIBRATOR FOR
STRIPPING DEVICE

MOULDS ADJUSTABLE
SUPPORT

BASEMENT PLATE

BRACKET BLOCKING SCREW

STRIPPING DEVICE
FIXING BRACKET

HYDRAULIC
CYLINDER

The adjustable supports must now be loosened until the antivibrators come into contact with
the bearing trays fitted on the flange of the mould base. Adjust the position of the devices
until the antivibrators are perfectly in line with the trays. Tighten the bolts of the device locking
brackets. Continue to loosen until the antivibrators touch, which can be detected by the fact
that it is difficult to make the last manual turn. From the touching position tighten each support
for one last full turn, using an open 46 mm hexagonal spanner, until the load is distributed,
resting on the pallet-support of the core and the stripping device and therefore on the
Vibrotubi bench. It is important for the pallet-support always to be partly loaded to guarantee
the seal (made by the gasket fitted between this and the core) against concrete leakage
which could occur between the core and base pallet during the concrete filling operation.
Once the adjustment has been made carefully re-tighten all the locknuts until the supports are
locked.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.69 di 169


Subsequently, loosen the adjustable supports until the antivibrating elements rise to meet the
trays fitted to the base flange of the mould. Adjust the position of the devices so that the
antivibrators fitted to the adjustable supports are perfectly in line with the trays. Tighten the bolts
of the device locking brackets. Continue to loosen the supports until they are touching, which
can be detected by the fact that it is difficult to make the last manual turn.

From the touching position tighten each support for one last full turn, using an open 46 mm
hexagonal spanner, until the load is distributed, resting on the pallet-support of the core and the
stripping device and therefore on the Vibrotubi bench. It is important for the pallet-support
always to be partly loaded to guarantee the seal made by the gasket fitted between this and the
core against leakage. Once the adjustment has been made re-tighten all the locknuts.

3. 5 Fitting the pallets to the outer moulds


Remove one pallet from the pile, rest it on the floor at a suitable distance, check that its surface
is clean and undamaged. If it has not already been treated, spread the surfaces with a thin coat
of demoulding oil.

Open the pallet-holding device on the base of the mould, setting the levers to the fully open
position.
Lift the outer mould, following the instructions given in point 3.6 below, position it over the
vertical element of the pallet, manoeuvre the mould so that it is possible to insert the pallet into
the seat provided in its base. Lower the mould over the pallet and close the manual holding
devices.

WARNING!
It may prove difficult to carry out the closing operation directly on the
operating lever. It is advisable to use an extension of 600 to 800 mm, made
from a pipe with an internal diameter of about 25 mm (1").

TIGHTENING TORQUE Fig.3.10


5 m x KN about
SCREW FOR ADJUSTING
THE TRAVEL END'S
SUPPORT

PALLET CLOSING
COLLET

TIE ROD
(Adjustable)

When the pallet is perfectly housed, neither too much nor too little stress should be required
to close each holding device. Should either of these situations occur, it is advisable to adjust
the threaded tie rod which activates the closing collet until it reaches the correct stress value,
which may be quantified as a thrust of about 100 N on a levering arm of 500 mm.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.70 di 169


3. 6 Lifting the mould and fitting on the "Vibrotubi" base
The moulds are equipped with 2 lifting points at 180°. During installation to the Vibrotubi bench
the total weight is that of the mould added to the weight of the base. In the lifting stage after
casting the component the weight will have increased considerably, as the concrete used must
also be calculated.
The weights of the outer moulds, pallets and components can be found in the attached table.
Use lifting harnesses and cranes which are powerful enough to carry the load, in perfect
working order and operated by skilled personnel. Lift the moulds according to the diagram.
This system requires the use of balancing equipment to be provided by the Customer as it is
NOT supplied by Colle. This must be realised to meet the requirements of the laws in force
regarding lifting equipment.
The outer moulds are mounted on the basement after the core has been fixed and adjusted,
with the vibrator fitted inside it. The pallet must be locked to the base of the outer mould with the
specific manually operated devices.
The covers of the dugout aperture must have been provided according to the instructions given
in the previous point.
Lift the mould complete with pallet, position it vertically over the core and, after centring, lower it
gradually. In the final stage, make sure it is set correctly, according to the position of the
antivibrating supports on the cover and the corresponding centring and bearing trays fitted to
the mould.
Remove the lifting harness.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.71 di 169


3. 7 Preparing the portal press
INSTALLING THE 6-SPOKED STRUCTURE FOR SUPPORTING PRESSING DEVICES
The structure must remain fixed normally to the press during production. According to the type
of production, either the pressing device attachment extension (for components with diam. up to
1200) or the pressing device (for components of larger diameters) are fitted to this structure.
Assembly:

INSERTION OF
WOODEN JOISTS

Lift the structure horizontally, using a fork lift truck or a suitable lifting harness. Position the
structure vertically over the pressing device shaft on the portal press, taking care to
approximately align the holes provided for the locking screws with the corresponding holes on
the press shaft. Lift the structure until it is over the assembly seat. Rotate slightly until the holes
correspond exactly.
Tighten the screws M27 (with a 41 mm hexagonal spanner) and continue to clamp them to a
torque of 550 Nm.
EXTENSION FOR FITTING THE PRESSING DEVICE (field of application diam. 300 to 1200)
Screw the extension onto the 6-spoked structure of the press.
Screw the pressing device to the extension.

EXTENSION TO
BE USED ONLY
FOR DIAM. UP
TO 1200

PRESSER DEVICE
FOR DIAM. >1200 ONLY

PRESSING DEVICE (field of application diam.> 1200)


Screw the pressing device onto the 6-spoked structure of the press.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.72 di 169


3. 8. Pallets and pressing moulds
Storing the pallets
After these have been removed from the component, once it has hardened sufficiently, clean
the residual concrete and deposits from the pallet.
Spray the pallet surfaces lightly with demoulding oil. The coat of oil prevents the pallet surfaces
from rusting and facilitates demoulding of the next component. Store the pallet stacked in piles,
without allowing these to become excessively high and ensure that the pile is resting on a
perfectly horizontal, solid base.

Pressing devices, outer and inner set rings


When not in use, the pressing devices must be perfectly cleaned and oiled before storing. Do
not rest these directly on top of each other, using slats of wood between them in order to avoid
damaging the geometry of the profile.

Inner set rings (fiberglass)


These are used to maintain the profile of upper part of the component during and after
demoulding. They can be removed after a reasonable period of time, when the component has
hardened enough not to be damaged. These must be stored horizontally on suitable bases and
protected from the light.

Outer set rings (fiberglass)


These are used to maintain the profile of the upper part of the component. After pressing,
position the outer set rings directly into its machined seat. The moulds can be removed after a
reasonable period of time, when the component has hardened enough not to be damaged.
These must be stored horizontally on suitable bases and protected from the light.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.73 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.74 di 169
4
ATTREZZATURE DI PRODUZIONE
PRODUCTION EQUIPMENT

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.75 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.76 di 169
ATTREZZATURE DI PRODUZIONE

4. 1 Nastro di alimentazione

Ancoraggio:
Il nastro di alimentazione va ancorato stabilmente alla pavimentazione come indicato nel
progetto delle opere relative all'installazione delle attrezzature. Per questo il nastro viene
fornito completo di robusta base rialzata idonea al suo sostentamento. Il fissaggio dovrà
garantire la stabilità, considerando le sollecitazioni massime prodotte sia nel caso di
tramoggia a pieno carico, (carico massimo sulla base), sia nel caso di tramoggia vuota,
nastro e convogliatore carichi di calcestruzzo e regolazione di sbraccio massimo (possibile
sollecitazione di trazione sui tiranti posteriori).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.77 di 169


Allacciamenti elettrici-idraulici del nastro di alimentazione:
Il nastro di alimentazione va collegato al quadro elettrico principale tramite i cavi e le prese
multiple di derivazione.
Il motore idraulico e il cilindro che provvedono ai movimenti della tramoggia vanno collegati
alla centrale oleodinamica con i tubi flessibili relativi. I blocchetti di base delle elettrovalvole
che comandano il movimento, su cui sono montati i terminali di collegamento, sono così
individuabili:
-Blocchetto A3 relativo al comando di regolazione tramoggia;
-Blocchetto A2 relativo al comando di. rotazione ralla
-Blocchetto A4 - A5 relativi ai comandi di blocco stampo
Allacciare la centrale oleodinamica tramite le prese multiple ad innesto rapido ai rispettivi
attacchi sul quadro elettrico principale.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.78 di 169


Movimenti:

-Rotazione destrorsa e sinistrorsa sulla base di appoggio di tutta la struttura. Tale movimento
viene effettuato tramite il motoriduttore "MR" posto alla base.
L'ampiezza dell'angolo di rotazione viene definita dai due fine-corsa posti sulla ralla. Il
movimento deve venire regolato in modo da fermare la rotazione del nastro sulla posizione di
riposo e sulla posizione di alimentazione al centro cassero.
Il movimento viene effettuato tramite comando a leva posto sulla console di comando, (L =
rotazione sinistra, R = rotazione destra).

-Rotazione tappeto. Tale movimento viene effettuato tramite il motoriduttore "MT" posto
sull'estremità anteriore destra del nastro. La velocità di rotazione del tappeto determina la
quantità di calcestruzzo che alimenta il cassero, e viene regolata tramite il potenziometro
posto sulla console di comando. Un visualizzatore digitale indica il valore percentuale
assegnato alla velocità di rotazione rispetto alla massima impostata. La quantità di
calcestruzzo da inviare al cassero dipenderà dalla misura del manufatto, dalla sua tipologia,
dalla quantità di vibrazione etc. Verrà stabilita dall'operatore alla stazione in base
all'esperienza diretta di produzione.
Il movimento viene effettuato tramite i pulsanti di avvio (on) e fermata (off) posti sulla console
di comando.

-Movimento assiale nastro principale. Tale movimento viene effettuato tramite il motoriduttore
"MA" posto inferiormente alla base sinistra della tramoggia. Tale movimento permette
l'avvicinamento o l'allontanamento del convogliatore dal centro cassero e consente al flusso
di materiale inviato di cadere esattamente nell'intercapedine tra cassero esterno e cassero
interno. (Una ulteriore possibilità di regolazione viene offerta dall'inclinazione del
convogliatore determinata dal foro utilizzato sulle staffe di sostegno).
Il movimento viene effettuato tramite comando a leva posto sulla console di comando, (FWD
= avanti, BWD = indietro).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.79 di 169


Operazioni di manutenzione:
IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO
ELETTRICO CON INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO. IL NASTRO DI
ALIMENTAZIONE DOVRA' ESSERE NELLA POSIZIONE DI RIPOSO.

Il personale addetto alla manutenzione dovrà rispondere come grado di addestramento a


quanto indicato nelle NORME INTERNAZIONALI VIGENTI.
Riferirsi ai paragrafi "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE e PULIZIA"
del Cap. 2.

LUBRIFICAZIONE CUSCINETTI

Tutti i cuscinetti del nastro, con esclusione di quelli montati nei riduttori, sono lubrificati a
grasso. Ingrassare periodicamente i supporti utilizzando l'apposito ingrassatore.

CUSCINETTI RULLI TAPPETO: -ingrassare periodicamente ogni 250 ore di funzionamento.

RALLA ROTAZIONE NASTRO: -ingrassare periodicamente nei due punti di ingrassaggio ogni 800
ore di funzionamento

LUBRIFICAZIONE RIDUTTORI
Tutti i riduttori vengono forniti completi di olio. Verificare periodicamente il livello del lubrificante
utilizzando gli appositi tappi; Provvedere annualmente, con riduttore caldo, al cambio dell'olio.

ATTENZIONE!
L'olio esausto deve essere smaltito in osservanza alle normative vigenti.

LUBRIFICAZIONE DELLE PARTI MOBILI

Stendere periodicamente un leggero velo di lubrificante sulle superfici di scorrimento del nastro
trasportatore (movimento avanti-indietro del carrello) e sui denti delle cremagliere.

OPERAZIONI DI PULIZIA:
IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO ELETTRICO CON
INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO. IL NASTRO DI ALIMENTAZIONE DOVRA' ESSERE
NELLA POSIZIONE DI RIPOSO.

Riferirsi ai paragrafi "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE e PULIZIA"


del Cap. 2.
Ad ogni fine turno di lavoro, pulire la tramoggia dai residui di calcestruzzo. Le sponde del nastro
di alimentazione vanno ripulite dai depositi di calcestruzzo, così come i raschiatori posti alla
pulizia del tappeto in gomma. Rimuovere i depositi e le scorie di calcestruzzo accumulate nella
zona di lavoro.
A fine pulizia spruzzare un leggero velo di olio disarmante sulle superfici a contatto del
calcestruzzo.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.80 di 169


4. 2 Pressa a portale

Ancoraggio:
La colonna fissa della pressa a portale va ancorata stabilmente alla pavimentazione come
indicato nel progetto delle opere relative all'installazione delle attrezzature. La fornitura è
inoltre comprensiva delle staffe di arresto da montare alla fine della via di corsa della colonna
mobile. Il piano in acciaio su cui dovranno lavorare le ruote della colonna mobile è a cura del
Cliente, come pure la sua messa in opera, da eseguire come da indicazioni riportate sui
progetti delle opere relative all'installazione delle attrezzature.

Allacciamenti elettrici-idraulici della pressa a portale:


La pressa deve venire collegata al quadro elettrico principale con i cavi di alimentazione
forniti. Questi sono muniti alle estremità di connettori multipli ad innesto rapido, che dovranno
essere inseriti nelle rispettive sedi della pressa e del quadro elettrico.
I connettori sono identificati dalle sigle X5 (cavo per alimentazione motore pompe
oleodinamiche) e X6 (cavo per le connessioni relative ai fine-corsa ed al comando elettro-
valvole).
Sono previste 2 coppie di attacchi sui montanti del portale per l'allacciamento delle tubazioni
flessibili a comando dei dispositivi di "rotazione pressatore".
E' prevista coppia di attacchi sui montanti del portale per l'allacciamento delle tubazioni
flessibili del basamento Vibrotubi per il comando dei dispositivi di "aiuto sformatura"
(opzionali) per eventuale impiego su casseri di grandi dimensioni.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.81 di 169


Centrale oleodinamica della pressa a portale:
Il motore di azionamento è ubicato alla sommità del portale e porta direttamente calettate le
pompe ad ingranaggi 1 e 2. Le pompe si trovano sotto battente, in quanto il serbatoio dell'olio
idraulico ne costituisce anche il loro alloggiamento. Sui 2 rami di aspirazione è montato un
filtro a rete da verificare e pulire ad intervalli periodici. I rami di mandata sono collegati da
tubazioni flessibili al pannello dei componenti e comandi situato sulla colonna mobile della
pressa.

Regolazione pressione pompe oleodinamiche:


-si effettua intervenendo sui regolatori di pressione posti vicino ai distributori. Aumentando le
rotazioni in senso orario si ha il conseguente aumento della pressione di esercizio. NON
SUPERARE i valori di 150 bar. La pressione è rilevabile tramite il manometro con cavo dati
in dotazione. Il valore potrà essere rilevato solamente con uno degli organi comandati dalla
pompa posti a fine-corsa.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.82 di 169


Movimenti:
-Rotazione destrorsa e sinistrorsa sull'asse della colonna fissa. Tale movimento viene effettuato
con il motore idraulico posto sul supporto ruote della colonna mobile. E' subordinato al
funzionamento della centrale oleodinamica della pressa a portale. Caratteristiche motore: -
"Samhydraulik ARS 160 D CN32" rapp. 1/3.
L'ampiezza dell'angolo di rotazione della pressa viene definita dai due arresti fissi di fine-corsa
posti alla fine della via di corsa. Il movimento deve venire regolato in modo da fermare la
rotazione della pressa sulla posizione di riposo e sulla posizione di pressatura al centro
cassero. La posizione di lavoro verrà mantenuta dal dispositivo di blocco rotazione che viene
attivato manualmente azionandone la relativa leva posta sul pannello comando a bordo pressa.
E' di conseguenza fondamentale posizionare la staffatura di arresto per questa posizione con la
massima precisione.
Fig. 4.5 Carter di protezione
per il motore idraulico
di rotazione braccio

Interruttore di prossimità induttivo


per l'arresto in posizione di lavoro
Interruttore di prossimità induttivo
per il rallentamento
Interruttore di prossimità induttivo
per l'arresto in posizione di riposo

Un regolatore provvede ad ogni avvio ed immediatamente prima di ogni arresto (posizioni


definite da fine-corsa induttivo montato sulla colonna mobile) al rallentamento del movimento
di rotazione, eliminando di fatto possibili oscillazioni generate dall'inerzia della struttura.
Il movimento di rotazione della pressa viene effettuato tramite i pulsanti a bordo pressa
oppure sulla console di comando, pulsanti "1-14" (BACKWARD = rotazione indietro), "2-16"
(FORWARD = rotazione avanti), "2-15" (STOP = arresto rotazione).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.83 di 169


-Blocco rotazione. Viene ottenuto con l'azionamento di un cilindro idraulico posto all'interno
della colonna mobile. Questi aziona una spina cilindrica che andrà ad inserirsi nella foratura
dell'arresto fissato alla pavimentazione, bloccando sulla posizione di lavoro la pressa.
Tale movimento viene effettuato con centrale oleodinamica della pressa a portale in funzione
ed azionando la relativa leva.

-Salita e discesa del pressatore. Tale movimento viene effettuato per mezzo del cilindro
idraulico posto sul portale ed è subordinato al funzionamento della centrale oleodinamica
della pressa.
Con la discesa del pressatore, da effettuare a pressa bloccata sulla verticale del cassero,
viene eseguita l'impronta sulla parte sommitale del manufatto. Il flusso d'olio inviato al cilindro
idraulico che aziona il pressatore viene controllato da appositi componenti, la cui taratura
influenza la forza di pressatura.

Regolazione della forza di pressatura (sulla corsa di DISCESA):

Agire sul volantino della valvola posta a bordo della pressa, ruotando in senso orario per
aumentare od anti-orario per diminuire la pressione. Il valore della stessa viene indicato da
manometro con esclusore (che dovrà venire aperto per permettere la lettura). Il valore verrà
rilevato al raggiungimento del fine-corsa di discesa o con pressatore in appoggio sul
manufatto.
La pressione che si avrà sulla corsa di RISALITA del pressatore sarà invece determinata
dalla regolazione effettuata sulla valvola di massima posta a controllo della pompa 2 (150
bar).
Il movimento di salita-discesa pressatore viene effettuato tramite comando a leva posto sul
pannello a bordo macchina.

-Rotazione del pressatore: In combinazione con l'operazione di pressatura, la rotazione del


cestello su cui è montato il pressatore permette al profilo di questi di penetrare con più facilità
nel manufatto e di ottenere un'impronta levigata. La rotazione del pressatore deve venire
attivata esclusivamente su manufatti che abbiano un profilo circolare dell'impronta di
maschiatura. Nei casi di impronte non circolari, la rotazione NON deve essere inserita ed il
cestello pressatore va mantenuto nella sua posizione con il montaggio della barra per il
blocco della rotazione.
Il movimento viene effettuato tramite comando a leva posto a bordo macchina, una volta che
la leva per la rotazione automatica sia stata azionata e lasciata in posizione.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.84 di 169


Montaggio della barra per il blocco della rotazione:
Nei casi in cui questa debba essere esclusa, provvedere al montaggio della speciale barra
allegata alla fornitura. Dopo il montaggio nelle bussole ed il suo appoggio in battuta,
provvedere al bloccaggio chiudendo a fondo le viti poste sulla bussola della struttura a 6
razze. Durante i movimenti di discesa e salita del pressatore, con barra montata, la rotazione
di questi viene impedita. NON AGIRE SUI COMANDI DELLA ROTAZIONE PRESSATORE
CON BARRA MONTATA, per non produrre danneggiamenti alle parti meccaniche.
Assicurarsi inoltre che i cilindri per la rotazione del pressatore siano SEMPRE COLLEGATI
tramite i relativi innesti rapidi alle relative tubazioni.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.85 di 169


Regolazione invertitore automatico rotazione pressatore pressa a portale
Premessa:
Il funzionamento dell'invertitore determina, al raggiungimento dei valori di pressione pre-
impostati, lo scambio automatico dei rami di alimentazione dei cilindri, con conseguente
inversione del movimento.
L'inversione automatica del movimento dei cilindri di rotazione pressatore dovrà avvenire alla
pressione di 130 bar.
Modalità di regolazione (esempio per uscita stelo-entrata stelo a 130 bar):

A B Fig. 4.12

P1 P2

1) Avvitare a fondo corsa (senso orario) i due regolatori "A" e "B" presenti sull'invertitore,
indicati in figura. L'invertitore è montato sul pannello di comando a bordo macchina.
2) Tarare la pressione della pompa 1 che alimenta il cilindro della rotazione pressatori alla
pressione con cui si vuole avvenga l'inversione (130 bar).
3) Mettere in funzione il motore della centrale oleodinamica della pressa. Posizionare i
selettori per la rotazione automatica del pressatore con le 2 leve verso l'interno come indicato
in figura. Azionare la leva per la rotazione automatica del pressatore abbassandola in
posizione.
4) Agire su di un regolatore ("A" o "B") cominciando a svitarlo lentamente, fino a che gli steli
dei cilindri inizino la corsa nel senso opposto. Bloccare il regolatore con il contro-dado e
posizionare la cuffia di protezione.
5) Svitare ora lentamente l'altro regolatore, fino a che gli steli dei cilindri non inizino a
muoversi nel senso opposto. Bloccare il regolatore con il contro-dado e posizionare la cuffia
di protezione.
6) Verificare il funzionamento dell'invertitore automatico, riportare la taratura della pompa 1 al
valore previsto per il funzionamento normale (150 bar).
Aiuto sformatura (OPZIONALE):
Il comando aziona i cilindri idraulici che, montati sugli appoggi dei casseri posti sul
basamento, per manufatti di diametro superiore al 1200, provvedono al primo distacco del
cassero dal manufatto.

Il pulsante viene azionato dall'operatore nel momento dell'esecuzione della sformatura. La


forza di sollevamento richiesta alla gru a ponte o quanto previsto per questo impiego, risulterà
di conseguenza ridotta al solo peso del manufatto e del cassero esterno, essendo il primo
distacco, caratterizzato da un notevole sforzo dovuto all'attrito di sformatura, effettuato dai
dispositivi montati sul basamento Vibrotubi.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.86 di 169


Manutenzione della pressa a portale:

IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO ELETTRICO
CON INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO. LA PRESSA A PORTALE DOVRA' ESSERE
POSIZIONATA A FINE-CORSA INDIETRO SULLA POSIZIONE DI RIPOSO. IL CESTELLO DI PRESSATURA
DOVRA' ESSERE NELLA POSIZIONE DI FINE-CORSA DISCESA.

Il personale addetto alla manutenzione dovrà rispondere come grado di addestramento a


quanto indicato nelle NORME INTERNAZIONALI VIGENTI.
Riferirsi ai paragrafi "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE e PULIZIA"
del Cap. 2.
Punti di ingrassaggio.
Usare grasso di qualità. Rispettare gli intervalli indicati per il rinnovo della lubrificazione.

Centrale oleodinamica.
-Cambio dell'olio del circuito oleodinamico ad intervalli di circa 5000 h di lavoro.
-Rabbocco del fluido al raggiungimento del livello minimo con olio dello stesso tipo.
-Pulizia dei filtri in aspirazione a carattere trimestrale.
-Controllo annuale del giunto elastico di accoppiamento.
-Verifica del serraggio della raccorderia, semestrale.
Operazioni di pulizia:

IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO ELETTRICO CON
INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO. LA PRESSA A PORTALE DOVRA' ESSERE
POSIZIONATA A FINE-CORSA INDIETRO SULLA POSIZIONE DI RIPOSO. IL CESTELLO DI PRESSATURA
DOVRA' ESSERE NELLA POSIZIONE DI FINE-CORSA DISCESA.

Riferirsi ai paragrafi "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE e PULIZIA"


del Cap. 2.
Ad ogni fine turno di lavoro, pulire il cestello di pressatura ed il profilo pressatore da depositi
di calcestruzzo. Pulire le vie di corsa della pressa da scorie e depositi induriti.
A fine pulizia spruzzare un leggero velo di olio disarmante sulle superfici a contatto del
calcestruzzo.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.87 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.88 di 169
4. 3 Basamento Vibrotubi

Mozzo comando
vibratore

Innesti rapidi
per lubrificazione
vibratore

Installazione del basamento "Vibrotubi":


Posizionare sulla fossa di installazione le piastre di base come da indicazioni riportate sui
progetti delle fondazioni ed opere accessorie.
Allacciamento elettrico del basamento "Vibrotubi":
il motore di azionamento viene fornito completo di cavo di alimentazione quadripolare (R-S-
T+ CONDUTTORE TERRA). Alla messa in servizio dell'impianto i tecnici della società Colle
provvederanno all'allacciamento del motore al quadro elettrico.
Tensionamento e centraggio della cinghia dentata azionamento
vibratore:
Il supporto motore incorpora il dispositivio per il tensionamento della cinghia, che consiste
in un tirante a vite che determina la posizione della slitta dove é fissato il motore.
Per la regolazione della tensione, allentare le 4 viti "V" che bloccano la slitta porta-motore.
Allentare il controdado "1", avvitare il dado "2" (in senso orario) per tensionare. Ruotare il
dado "2" in senso contrario per allentare la cinghia.

Dado "1"

Dado "2"
Slitta porta-motore

Viti "V"

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.89 di 169


Manutenzione del basamento Vibrotubi:

IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO
ELETTRICO CON INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO.

Il personale addetto alla manutenzione dovrà rispondere come grado di addestramento a quanto
indicato nelle NORME INTERNAZIONALI VIGENTI.
Riferirsi ai capitoli "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE" e SISTEMI DI
SICUREZZA NELLA STAZIONE VIBROMATIC COLLE".

Lubrificazione del mozzo di azionamento


La lubrificazione di questo organo è a grasso. Dato il notevole valore del numero di giri è previsto
l'uso di speciale grasso a base sintetica, particolarmente indicato l'uso di "KLUEBER ISOFLEX
TOPAS NB 52".

PUNTO DI INGRASSAGGIO
(grasso "KLUEBER ISOFLEX
TOPAS NB 52") - interv. 250 h

MODALITA' PER L'INGRASSAGGIO


Ad intervalli stabiliti, circa 250 h, procedere alla lubrificazione, consigliamo di adottare il sistema
seguente:
-ingrassare;
- far girare il vibratore per circa 1 min e procedere al suo arresto. Attendere 1 min e nuovamente
riavviare. Ripetere 4 - 5 volte questa procedura, per dar modo al grasso in eccesso di sfogare
all'esterno senza dar luogo a surriscaldamenti dei cuscinetti.

Operazioni di pulizia:
IMPORTANTE!
QUALSIASI INTERVENTO DEVE VENIRE EFFETTUATO AD IMPIANTO FERMO E QUADRO
ELETTRICO CON INTERRUTTORE SU POSIZIONE DI DISINSERIMENTO. IL NASTRO DI
ALIMENTAZIONE DOVRA' ESSERE NELLA POSIZIONE DI RIPOSO.
Riferirsi ai paragrafi "PRESCRIZIONE DI SICUREZZA NELLE MANUTENZIONE e PULIZIA" del
Cap. 2.
Ad ogni fine turno di lavoro, pulire la piastra del "Vibrotubi" da residui di calcestruzzo. Rimuovere
altresì eventuali depositi di calcestruzzo caduti nella fondazione.
A fine pulizia spruzzare un leggero velo di olio disarmante sulle superfici a contatto del calcestruzzo.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.90 di 169


TABELLA COMPARAZIONE OLII - OILS COMPARING TABLE

CASA O LI O O LI O
PRODUTTRICE IDRAULICO TRASMISSIONI GRASSO
IDRAULICHE

MANUFACTURER HYDRAULIC OIL HYDRAULIC GREASE


TRASMISSION OIL

AGIP Agip OSO 46 Agip ATF Agip Grease 15 - Agip


DEXRON ll Grease 30
BP Energol HLP 46 (ISO) Autran GM - MP Grease XRB 2-EP

CASTROL Hyspin AWS 46 Castrol TQ Spheerol APS 2

CHEVRON EP - Hydraulic Oil 46 Aut. transmission fluid Grease BRB-2

ELF Graiss Elf multi M0 S2

ERGOLINE Compal EP 2

ESSO Nuto H 46 Transmission fluid

GULF OIL Hydraulic L 46 ISO Hydraulic oil E Crown grease EP 2

KLÜBER Centoplex M 3

MOBIL OIL DTE 25 ATF 200 Mobilplex 48

MOLUB ALLOY Transmission fluid 588 BRB 572

MOLYKOTE BR-2

NYNÄS TD - 27 HVX ATF tp. A-52 FL3-62 HF/EP

ORE LUBE Neptune - 7

SHELL Tellus 46 Donax T6/T7 Alvania grease R 3

SKF EP - grease

TEXACO Rando oil HD (ISO 46) Aut. transmission fluid Ultra temp. grease

VISO 805-3

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.91 di 169


OLII PER RIDUTTORI - GEARBOX OILS

CAS A -30°C / +100° C -20° C / +25° C -10° C / +50° C +5° C / +40° C


PRODUTTRICE OLII SINTETICI OLII MINERALI OLII MINERALI OLII MINERALI
MANUFACTURER SINTHETIC OILS MINERAL OILS MINERAL OILS MINERAL OILS

AGIP Blasia S* Blasia 100 Blasia 220 Blasia 150


Blasia 320*

Energol SG-XP 220* Energol GR-XP100 Energol GR-XP 220 Energol GR-XP 150
BP Energol GR-XP 320*

Alpha SP 150
CASTROL

NL Gear NL Gear
CHEVRON Compound 100 Compound 100

S 220* Spartan EP 100 Sparten EP 220 Spartan EP 150


ESSO Sparten EP 320*

GIRAN 100
FINA GIRAN 150

EP Lubrificant EP Lubrificant
GULF OIL Oil HP 100 Oil HP 150

Telesia Oil 150* Mellana 100 Mellana Oil 220 Mellana 150
IP Mellana Oil 320*

Syntheso D 220*
KLÜBER

Glycoil 30* Mobligear 630 GF 639


MOBIL OIL Mobligear 632*

Tivela Oil WB* Omala EP 220 Omala EP 150


SHELL Omala EP 320*

Meropa 220
Rando HD Cz-68X*
TEXACO Meropa 320*

Carter EP 100 N Carter EP 220 Carter EP 150


TOTAL Carter EP 320*

* Per impieghi su riduttori a vite-senza fine,


For use in warm gearboxes,

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.92 di 169


PRODUCTION EQUIPMENT
4. 1 Feeding belt

Fixing:
The feeding belt is to be steadily fixed in the floor as indicated in the works project relating to
the equipment installation. For this reason, the belt is supplied complete with a steadfast
elevated base suitable for its being supported. The fixing will have to ensure stability
considering the maximum stress that may be produced either by the full loaded hopper (max.
load on the base), or by an empty hopper - belt and conveyor loaded with concrete and
extreme position setting (possible stress of traction on the rear tie rods).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.93 di 169


Electro-hydraulic connections of the feeding belt:
The feeling belt has to be connected to the main command board by means of cables and the
multiple shunts.
The hydraulic motor and the cylinder providing the movements of the hopper have to be
connected to the hydraulic power pack by means of the related hoses. The base blocks of the
electrovalves driving the movement, on which are fitted the connection terminals, can be
identified in the following way:
-Block A3 related to the commando for hopper adjustment;
-Block A2 related to the command for fifth wheel rotation
-Block A4 - A5 related to the commands for mould locking
To connect the hydraulic power pack by means of multiple shunt with quick connection to the
related fastenings on the main electric command board.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.94 di 169


Movements:

-Clockwise/anti-clockwise rotation on the whole structure supporting base. This movement is


carried out by means of the "MR" geared motor located on the base of belt.
The rotation angle's amplitude is defined by two limit switches located on the bearing disc.
The movement must be adjusted to stop belt rotation on a standstill position and on a feeding
position in the middle of the mould.
The movement is carried out through a lever-command located on the control panel (L=anti-
clockwise rotation; R=clockwise rotation).

-Belt rotation. This movement is carried out through the "MT" geared motor located on the
right front end of the belt. The belt's rotation speed determines the amount of concrete that
feeds the mould, and is regulated through the potentiometer located on the control panel. A
digital display shows the percentage assigned to the rotation speed in relation with the max.
set speed. The amount of concrete to be sent to the mould will depend on the product's size,
its typology, vibration, etc. It will be set by the plant's operator on the grounds of the actual
production experience.
The movement is carried out through starting (on) and stopping (off) buttons located on the
control panel.

-Axial movement of the main conveying belt. This movement is carried out through the "MA"
geared motor located on the left lower base of the hopper. This movement enables the
nearing or moving away of the conveyor from the mould's centre and enables the concrete to
perfectly flow in the space between the outer mould and the inner one (a further setting
possibility is given by the conveyor tilting that is determined by a proper hole on the
supporting brackets). The movement is carried out through a lever command located on the
control panel (FWD=forward; BWD=backward).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.95 di 169


Maintenance operations:

IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL
PLANT AND WITH THE SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED. THE
FEEDING BELT MUST BE IN THE NON-OPERATIVE POSITION.

The personnel responsible for the maintenance has to possess as much training as that
indicated in the CURRENT INTERNATIONAL REGULATIONS.

Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE AND CLEANING SAFETY INSTRUCTIONS


described in chapter 2.

BEARING'S LUBRICATION:
All the belt's bearings, excluding those assembled in the gear units, are lubricated with
grease. Periodically lubricate the supports using the suitable lubricator.

BELT ROLLERS BEARINGS : -Periodically grease (every 250 hours).

BELT ROTATION BEARING DISC: -Periodically grease in the two lubrication points (every 800
hours).

GEAR UNITS LUBRICATION:


All the gear units are supplied complete with oil. Periodically check the oil level by using the
suitable cap; yearly change the oil minding to fulfil the operation only with the hot gear unit.

CAUTION
Used oil must be disposed of according to the current rules.

MOBILE COMPONENTS LUBRICATION:


Periodically spread a thin coat of lubricant upon the sliding parts of the conveying belt (trolley
forward/backward movement) and upon the rack's teeth.

Cleaning operations:
IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL PLANT AND WITH THE
SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED. THE FEEDING BELT MUST BE IN THE NON-
OPERATIVE POSITION.

Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE AND CLEANING SAFETY INSTRUCTIONS


described in chapter 2.

Every end of shift, remove all the concrete residues from the hopper. The feeding belt's
edges must be cleared of the concrete residues as well as the scrapers for the cleaning of the
rubber belt. Remove the residues and the concrete slag around the working area.

At the end of the cleaning, spray a light coat of demoulding oil upon the surfaces touching the
concrete.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.96 di 169


4. 2 Portal press

Fixing:
The fixed upright of the portal press is to be steadily fixed in the floor as shown in the works
project relating to the equipment installation. Besides, the supply includes the stopping
brackets to be assembled at the end of the runway of the mobile upright. The steel plate upon
which the mobile upright's wheel will operate and, accordingly, its assembling, has to be a
Customer's concern. Moreover, the steel plate assembling is to be carried out according to
the prescriptions indicated in the works projects relating to the equipment installation.
Portal press hydraulic/electric connection:
The press is to be connected to the main electrical board with the supplied feeding cables. At
their ends they are provided with fast connecting multiple couplings, which will have to be
inserted in the relating sites of the press and the electrical board.
The couplings are identified by the abbreviations X5 (cable for the feeding of the hydraulic
pumps' motor) and X6 (cable for the connections relating to the limit switch and the electro-
valve command).
Two couples of connections upon the columns of the portal press are provided for as to
enable the connection for the flexible hoses controlling the "pressing head rotation" device.
A couple of connections on the portal's column is provided to enable the connection for the
flexible hoses of the "Vibrotubi" basement plate as to control the (optional) stripping devices
should big-sized moulds be employed.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.97 di 169


Hydraulic unit of the portal press:
The drive motor is located at the top of the portal. Gear pumps 1 and 2 are straight joined to it
and they are in the hydraulic oil's tank. A net filter is assembled upon the two suction pipes.
This filter is to be checked and cleaned periodically. The delivery pipes are connected by
flexible hoses to the command and components panel located upon the mobile upright of the
press.
Fig. 4.3
Drive motor
Pipe union for
filling

Flange
Assembling
spacer flange

Half-coupling Pump 1
for motor-pump (primary)
connexion Pump 2
(secondary)
Star-shaped
elastic piece
Pump 1 delivery
hoses (primary)

Pump 2 delivery
Primary pump hoses (secondary)
net filter

Secondary pump
net filter

Hydraulic pumps pressure setting:


-It is carried out by operating on the pressure regulators placed near the distributors. By
increasing clockwise rotations, a consequential increase in the working pressure is obtained.
DO NOT EXCEED the value of 150 bar. Pressure may be read by means of a pressure
gauge with a supplied data cable. The value will be read only with one of the parts, controlled
by the pump, that are located at the end of stroke.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.98 di 169


Movements
-Clockwise/anti-clockwise rotations upon the fixed upright's axis. This movement is carried
out with the hydraulic motor located on the wheel support of the mobile upright. It is
dependent upon the functioning of the hydraulic unit of the portal press. Motor's technical
data:-"Samhydraulik ARS 160 D CN32" ratio 1/3.
The rotation angle's amplitude of the press is defined by two fixed stops of travel end that are
located at the end of the runway. The movement must be set as to stop rotation of the press
at the standstill position and at the pressing position in the middle of the form-work. The
working position will be kept by the blocking rotation device that is manually run by operating
the relating lever located upon the control panel on the press. Consequently, it is of
paramount importance to position the stopping bracket in this site the most accurately
possible.
Fig. 4.5 protection for the
hydraulic motor
enabling rotation of
the portal press

inductive proximity switch for the


stopping in the working position
inductive proximity switch for the
slowing down
inductive proximity switch for the
stopping in the non-working position

Every starting and before every stopping (positions defined by an inductive proximity switch
assembled upon the mobile upright), a regulator provides for the slowing down of the rotation
movement, concretely eliminating possible oscillations generated by the structure's inertia.
The rotation movement of the press is carried out by means of buttons located on the press
or on the control panel; they are: button "1-14" (BACKWARD=backward rotation), button "2-
16" (FORWARD=forward rotation) and button "2-15" (STOP=stop rotation).

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.99 di 169


-Rotation blocking. It is obtained by operating a hydraulic cylinder located inside the mobile
upright. This hydraulic cylinder operates a rotation blocking device that will fit into the hole of
the stop fixed on the floor, blocking the working position of the press.

This movement is carried out while the hydraulic unit of the portal press is functioning and by
operating the relating lever.
-Ascent and descent of the vibrator. This movement is carried out by means of the hydraulic
cylinder located on the portal and it is dependent upon the functioning of the hydraulic unit of
the press.
With press descent, to be carried out when the press is blocked on the vertical axis of the
form-work, the impression is made on the upper part of the product. The oil flow sent to the
hydraulic cylinder that operates the pressing head is controlled by the proper components,
whose calibration conditions the pressing strength.

Setting of the pressing strength (on the DOWNWARD movement):


Operate the hand-wheel shown in the picture, by clockwise rotating as to increase or counter-
clockwise as to decrease pressure. Its value is indicated by the pressure gauge with shut off
valve (which must be opened to enable reading) indicated in the picture.
Contrariwise, pressure obtained in the UPWARD movement of the pressing heads will be
determined by the setting made on the pressure control valve controlling pump No 2 (150
bar).
The ascent/descent of the pressing heads is carried out by means of the lever-command
located on the panel on the machine.

-Pressing heads rotation. Together with the pressing operation, rotation of the pressing heads
basket upon which the pressing heads are assembled enables its profile rings to penetrate
more easily into the product and to obtain a smooth impression. Pressing heads rotation must
be run exclusively with products having circular profiles of the male impression. In the cases
of non-circular impressions, rotation does NOT have to be inserted and the pressing heads
basket must be kept in its position with the bar's assembling for blocking the rotation.
The movement is carried out by means of a lever-command located on the machine’s side, as
soon as the lever for the automatic rotation has been operated and kept in position.

Bar's assembling for blocking the rotation:

In the event the bar must not be working, provide for the assembling of the special bar
supplied with the equipment as shown in the picture. After assembling it in the sleeves and
after assembling the support for bar's touch, provide for the blocking by completely tightening
the screws on the six-spoke structure's sleeve. During the descent and ascent of the pressing
heads, with the assembled bar, the rotation of this bar is blocked. DO NOT OPERATE THE
COMMAND FOR THE PRESSING HEADS ROTATION WHEN THE BAR IS ASSEMBLED,
as to avoid damages to mechanical components. Moreover, ensure that the cylinders for the
pressing heads' rotation ARE ALWAYS CONNECTED to the relating pipes through the
relating quick-release couplings.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.100 di 169


Automatic reversing valve setting for rotation of the portal press

Foreword:
The automatic reversal of the movement of the rotation pressing heads has to take place at a
pressure of 130 bar.
The functioning of the reversing valve determines, when reaching the pre-set pressure
values, the automatic change of the cylinders’ feeding pipes, with a consequential reversal of
the movement.
Setting mode (example for rod’s outlet/inlet at a pressure of 130 bar)
A B Fig. 4.12
P1 P2

1) Completely screw (clockwise) “A” and “B” regulators on the reversing valve that are shown
in the picture. The reversing valve is assembled on the command board on the side of the
machine.
2) Set the pressure of pump 1 that feeds the cylinder of the pressing heads’ rotation at the
value with which one wants the reversal to take place.
3) Bring into operation the motor of the press’ hydraulic unit. Position the selectors for the
automatic rotation of the pressing head with the two levers toward the inner side as shown in
the picture. Operate the lever for the automatic rotation of the pressing head by lowering it.
4) Operate upon one regulator (alternatively “A” or “B”) starting to slowly unscrew it, until the
cylinders’ rods begin their stroke in the opposite way. Block the regulator with the lock nut
and position the casing.
5) Now, slowly unscrew the other regulator until the cylinders’ rods start to move in the
opposite way. Block the regulator with the lock nut and position the casing.
6) Check the functioning of the automatic reversing valve; re-set pump 1 at the normal
functioning value (150 bar).
Stripping device (OPTIONAL):
The command runs the hydraulic cylinders which, assembled upon the supports of the form-
works located on the base-plate, provide for the first detaching of the product from the form-
work. Notice that these form-works are for products with a diameter greater than mm. 1,200.

The lever is run by the operator as soon as the stripping is carried out. The lifting strength
requested for the bridge crank or any other machine requested for this particular work, will,
consequently, be reduced to the sole weight of the product and of the outer form-work, as
their first detaching, is characterised by a noticeable strain due to the stripping friction, which
is fulfilled by the devices assembled on the "Vibrotubi" base plate.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.101 di 169


Maintenance of the portal press:

IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL PLANT AND WITH THE
SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED. THE PORTAL PRESS MUST BE POSITIONED
BACKWARDS AT THE END OF RUN IN THE NON-OPERATIVE POSITION. THE PRESSING HEADS BASKET
MUST BE IN THE DESCENDING TRAVEL END POSITION.

The personnel responsible for the maintenance has to possess as much training as that
indicated in the CURRENT INTERNATIONAL REGULATIONS.
Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE AND CLEANING SAFETY INSTRUCTIONS
described in chapter 2.
Lubrication points.
Use high-quality grease. Always follow the intervals indicated for every new lubrication.

Hydraulic unit.
-Change the hydraulic circuit's oil every about 5,000 hours of work.
-Fill the hydraulic circuit with the same brand of oil when the minimum oil's level is reached.
-Clean the suction filters every three months.
-Yearly check the flexible coupling joint.
-Check the connections' tightening every six months.
Cleaning operations:
IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL PLANT AND WITH
THE SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED. THE FEEDING BELT MUST BE IN THE
NON-OPERATIVE POSITION.

Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE AND CLEANING SAFETY INSTRUCTIONS


described in chapter 2.
Every end of shift, remove all the beton residues from the pressing heads basket and the
pressing heads profile. Remove the runways of the press from slag and hardened residues.
At the end of the cleaning, spray a light coat of demoulding oil upon the surfaces touching the
beton.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.102 di 169


4. 3 "Vibrotubi" base-plate

"Vibrotubi" base-plate installation:


Position the base-plates on the dugout as indicated in the projects of foundations and
accessory works.
Electric connection to the "Vibrotubi" base-plate:
The drive motor is supplied complete with a feeding four-wired cable (R -S - T + GROUND
CONDUCTOR). When assembling the plant, Colle technicians will provide for the connection
of the motor to the electrical board.

Tensing and centring of the drive timing belt of the vibrator:


The motor support encompasses the device for the belt's tensing, which consists of a screw-
like tie rod determining the position of the slide where the engine is fixed.
For the tension setting, loosen the four "V" screws that block the motor supporting slide.
Loosen lock nut No 1 and clockwise screw nut No 2 to tense. Rotate nut No 2 in the opposite
way to loosen the belt.
Fig. 4.16

nut No "1"

motor supporting nut No "2"


slide

"V" screws

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.103 di 169


Vibrotubi base-plate maintenance:
IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL
PLANT AND WITH THE SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED.
The personnel responsible for the maintenance has to possess as much training as that indicated in
the CURRENT INTERNATIONAL REGULATIONS.
Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE SAFETY INSTRUCTIONS" and "SAFETY SYSTEMS IN
THE COLLE VIBROTUBI PLANT"

Lubrication of the drive hub.


Lubrication of this component is made with grease. Given the high revolution number, a special
synthetic grease is considered. It is strongly advised the use of "KLUEBER ISOFLEX TOPAS NB 52".

LUBRICATION POINT
(grease "KLUEBER ISOFLEX
TOPAS NB 52") - every 250 h

LUBRICATION INSTRUCTION
At pre-set intervals, about every 250 hours, proceed with the lubrication; it is advised to follow this
procedure:
- lubricate;
- let the vibrator turn for about 1 minute and then stop it. Wait for another minute and start again.
Repeat this procedure for 4 -5 time, in order to give the exceeding grease the opportunity to flow
outwards without causing bearings' overheating.

Cleaning operations:
IMPORTANT!
ANY MAINTENANCE OPERATION MUST BE CARRIED OUT WITH THE STANDSTILL
PLANT AND WITH THE SWITCH ON THE ELECTRICAL BOARD DISCONNECTED. THE
FEEDING BELT MUST BE IN THE NON-OPERATIVE POSITION.

Refer to the paragraphs of "MAINTENANCE AND CLEANING SAFETY INSTRUCTIONS described in


ch. 2.
Every end of shift, remove all the beton residues from the "Vibrotubi" plate. Moreover, remove beton
residues fell inside the dugout.
At the end of the cleaning, spray a light coat of demoulding oil upon the surfaces touching the beton.

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.104 di 169


TABELLA COMPARAZIONE OLII - OILS COMPARING TABLE

CASA O LI O O LI O
PRODUTTRICE IDRAULICO TRASMISSIONI GRASSO
IDRAULICHE

MANUFACTURER HYDRAULIC OIL HYDRAULIC GREASE


TRASMISSION OIL

AGIP Agip OSO 46 Agip ATF Agip Grease 15 - Agip


DEXRON ll Grease 30

BP Energol HLP 46 (ISO) Autran GM - MP Grease XRB 2-EP

CASTROL Hyspin AWS 46 Castrol TQ Spheerol APS 2

CHEVRON EP - Hydraulic Oil 46 Aut. transmission fluid Grease BRB-2

ELF Graiss Elf multi M0 S2

ERGOLINE Compal EP 2

ESSO Nuto H 46 Transmission fluid

GULF OIL Hydraulic L 46 ISO Hydraulic oil E Crown grease EP 2

KLÜBER Centoplex M 3

MOBIL OIL DTE 25 ATF 200 Mobilplex 48

MOLUB ALLOY Transmission fluid 588 BRB 572

MOLYKOTE BR-2

NYNÄS TD - 27 HVX ATF tp. A-52 FL3-62 HF/EP

ORE LUBE Neptune - 7

SHELL Tellus 46 Donax T6/T7 Alvania grease R 3

SKF EP - grease

TEXACO Rando oil HD (ISO 46) Aut. transmission fluid Ultra temp. grease

VISO 805-3

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.105 di 169


OLII PER RIDUTTORI - GEARBOX OILS

CAS A -30°C / +100° C -20° C / +25° C -10° C / +50° C +5° C / +40° C


PRODUTTRICE OLII SINTETICI OLII MINERALI OLII MINERALI OLII MINERALI
MANUFACTURER SINTHETIC OILS MINERAL OILS MINERAL OILS MINERAL OILS

AGIP Blasia S* Blasia 100 Blasia 220 Blasia 150


Blasia 320*

Energol SG-XP 220* Energol GR-XP100 Energol GR-XP 220 Energol GR-XP 150
BP Energol GR-XP 320*

Alpha SP 150
CASTROL

NL Gear NL Gear
CHEVRON Compound 100 Compound 100

S 220* Spartan EP 100 Sparten EP 220 Spartan EP 150


ESSO Sparten EP 320*

GIRAN 100
FINA GIRAN 150

EP Lubrificant EP Lubrificant
GULF OIL Oil HP 100 Oil HP 150

Telesia Oil 150* Mellana 100 Mellana Oil 220 Mellana 150
IP Mellana Oil 320*

Syntheso D 220*
KLÜBER

Glycoil 30* Mobligear 630 GF 639


MOBIL OIL Mobligear 632*

Tivela Oil WB* Omala EP 220 Omala EP 150


SHELL Omala EP 320*

Meropa 220
Rando HD Cz-68X*
TEXACO Meropa 320*

Carter EP 100 N Carter EP 220 Carter EP 150


TOTAL Carter EP 320*

* Per impieghi su riduttori a vite-senza fine,


For use in warm gear units,

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.106 di 169


5
PARTI DI RICAMBIO
SPARE PARTS

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.107 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.108 di 169
MOD-191-01 MODULO PER ORDINAZIONE
RICAMBI
BESTELLSCHEIN FÜR ERSATZTEILE MODÈLE POUR COMMANDE DE PIÈCES DÉTACHÉES

SPARE-PARTS ORDER FORM MODULO PARA PEDIDO DE REPUESTOS

DITTA RICHIEDENTE COMMANDER PAR DATA DATE


KUNDENFIRMA FIRMA QUE REMITE DATUM FECHA
ORDERING COMPANY DATE

DENOMINAZIONE NOME DE LA MACHINE MATRICOLA NUMERO DE LA MACHINE


MACCHINA
NAME DER MACHINE DENOMINACION KENNUMMER MATRICULA
MACHINA
MACHINE NAME SERIAL NUMBER

VI PREGHIAMO DI SPEDIRCI IL SEGUENTE MATERIALE: SVP VEUILLEZ NOUS ENVOYER LE MATERIAL SUIVANT:
WIR BITTEN UM ZUSENDUNG DES FOLGENDEN LES ROGAMOS QUE NOS ENVIEN EL MATERIAL
MATERIALS: SIGUIENTE:
PLEASE SEND US THE FOLLOWING MATERIAL:
CODICE PEZZO DESCRIZIONE QUANTITÀ NOTE AGGIUNTIVE
BESTELLNUMMER BESCHREIBUNG MENGE ZUSÄTZLICHE ANMERKUNGEN
CODE NUMBER DESCRIPTION QUANTITY FURTHER NOTES
CODE PIÈCE DESCRIPTION QUANTITÉ NOTES ADDITIONNELLES
CODIGO PIEZA DESCRIPCION CANTITAD OTRAS NOTAS

CONSEGNARE MEZZO LIVREZ PAR DATA DATE


LIEFERUNG DURCH ENTRAGAR POR DATUM FECHA
SHIP BY DATE

INDIRIZZO LIEFERUNG AN ADRESS FOR ADRESSE POUR DIRECCION PARA


SPEDIZIONE SHIPMENT LA LIVRAISON EL ENVÌO

PAGAMENTO NOTE

FIRMA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.109 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.110 di 169
81Q003A-9546
GRUPPI MACCHINA -MACHINE GROUPS
GROUPES MACHINES - MASCHINEN GRUPPEN
GRUPOS MAQUINA

81Q003G BASAMENTO VIBROTUBI pag. 113


BASE PLATE, EMBASEMENT

71S572A SUPPORTO MOTORE, MOTOR SUPPORT, 117


SOPORTE MOTOR, SUPPORT MOTEUR

71M408A MOZZO, HUB, MOYEU, NABE, CUBO 121

82Q053A PRESSA PORTALE, PORTAL PRESS 125

71P323A NASTRO, BELT, TAPIS, BAND, CINTA 147

GRUPPO STAMPI, MOULDS GROUP 167

81R012C SUPPORTO PER APPOGGIO STAMPI E SFORMATURA, 159


STRIPPING DEVICE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.111 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.112 di 169
81Q003G
BASAMENTO VIBROTUBI
BASEMENT
EMBASE
BASE VIBROTUBI

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.113 di 169


81Q003G
BASAMENTO VIBROTUBI - BASAMENT
EMBASE – BASE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.114 di 169


81Q003G
BASAMENTO VIBROTUBI - BASAMENT
EMBASE – BASE

PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO


DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 GAMBA, LEG, PIÉ DE MESA, 81R012G05

02 DADO, NUT, ÉCROU, MVD8830


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

03 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5130


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

04 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE3020039

05 PULEGGIA, PULLEY, POULIE, SCHEIBE, POLEA 71M408E01

06 CALETTATORE PER ATTRITO, MTC50080


SELF-LOCKING UNITES, SPANNSATZE,
ANOLLOS DE SUJECION

07 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, PLATTE, 81Q004G01

08 CINGHIA TRAPEZOIDALI, MTCISPB2000


TYPE-BELT, COURROIE TRAPEZ.
RIMEN, CINTA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.115 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.116 di 169
71S572A
SUPPORTO MOTORE
MOTOR SUPPORTO
SUPPORTO MOTERUR
MOTORHALTERUNG
SUPORTE MOTOR

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.117 di 169


SUPPORTO MOTORE
MOTOR SUPPORT
SUPPORT MOTEUR TAVOLA 71S572A
MOTORALTERUNG
SOPORTE MOTOR

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.118 di 169


SUPPORTO MOTORE
MOTOR SUPPORT
SUPPORT MOTEUR TAVOLA 71S572A
MOTORALTERUNG
SOPORTE MOTOR
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT CODE PIECE
DECRIPCION TABLA BESTELL-NUMMER

01 SLITTA,MOTOR SUPPORT, 71S571C


SUPPORT MOTEUR, MOTORALTERUNG
SOPORTE MOTOR

02 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, UNTERLEGSCHEIBE, MVR9220


ARANDELA

03 DADO AUTOBLOCCANTE;HEXAGON LOCK-NUTS; MVD7320


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

04 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE2010039

05 BARRA FILETTATA, THREADED BAR, BARRE FILETÉE, MVB02075


BARRA FILETEADA

06 DADO, NUT, ÉCROU, SCHRAUBENMUTTER, MVD8820


TUERCA

07 MOTORE 55 KW, MOTOR, MOTEUR, MTM7502PB31


MOTOR, MOTOR

08 PULEGGIA, PULLEY, POULIE, 71S575E01


RIEMENSCHEIBE, POLEA

10 CALETTATORE PER ATTRITO, MTC60090


SELF-LOCKING UNITES, SPANNSATZE,
ANOLLOS DE SUJECION

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.119 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.120 di 169
71M408A
MOZZO
HUB
MOYEU
NABE
CUBO

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.121 di 169


MOZZO
HUB
MOYEU GRUPPO 71M408A
NABE
CUBO

06

11

01 07
13
02
14
17 15 08

16

09 03
10
05

04

12

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.122 di 169


MOZZO
HUB
MOYEU GRUPPO 71M408A
NABE
CUBO
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 SUPPORTO, SUPPORT, HALTERUNG, SOPORTE 71M401C

02 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, 71M401D


ABSTANDHALTER, DISTANCIADOR EXTERNO

03 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, PLATTE, PLACA 71M401F

04 ALBERO, SHAFT, ARBRE, WELLE, ARBOL 71M402G

05 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, 71M401H


ABSTANDHALTER, DISTANCIADOR EXTERNO

06 GIUNTO, JOINT, JONCTION, KUPPLUNG, JUNOT 71M303J

07 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, TRINQUETE, MOGR07511012


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING

08 INGRASSATORE, LUBRIFICATOR, GRAISSEUR, MVTA025


SCHMIERNIPPEL, LUBRIFICADOR

09 CUSCINETTO, BEARING, ROULEMENT, MTCUNJ310EM1


LAGER, COJINETE

10 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, TRINQUETE, MVA37110


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING

11 GRANO, HEXAGON SOCKET GRUB SCREW, MVI270810


VIS SANS TÊTE À SIX PANS CREUX,
GEWINDESTIFT MIT INNENSECHKANT,
VARILLA ROSCADA CON HEXÁGONO INTERIOR

12 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, TRINQUETE, MVA35050


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING

13 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO, MVC1604531

14 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5116


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

15 TUBAZIONE FLESSIBILE, CONDUITE 75T25B0400A


FLEXIBLE, FLEXIBLE PIPE,
BIEGSAME LEITUNG

16 NIPPLO, NYPPLE, NIPPLE, ENLAGE MORNG025025

17 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MORRR025


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.123 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.124 di 169
82Q053A
PRESSA PORTALE
PORTAL PRESS
PRESSE A PORTAIL
PRENSA A PORTICO

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.125 di 169


82Q053A
PRESSA A PORTALE - PORTAL PRESS
PRESSE A PORTAIL -PRENSA A PORTICO

82Q052K
82Q001C

82Q052T

65R001K03

82Q052L 82Q002D

82Q012M
82S053F

82S023B

82R001R

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.126 di 169


82Q053A
PRESSA A PORTALE - PORTAL PRESS
PRESSE A PORTAIL -PRENSA A PORTICO
82S023B ARRESTO FISSO, LOCKING DEVICE, SPERRE, PARADA FIJA

82Q001C DISPOSITIVO BLOCCO ROTAZIONE


BLOCKING ROTATION DEVICE, ROTATIONSPERRE,
DISPOSITIVO BLOQUE DE ROTACION

82Q002D ROTAZIONE PRESSATORE, PRESSKOPF ROTATION,


PRESSING HEAD ROTATION, ROTACION HIDRAULICA

82S053F COLONNA FISSA, FESTE SÄULE


COLUMNA FIJA

82Q052K CANOTTO PRESSATORE, PRESSING TUBE,


TUBE PRESSEUR, PRESSKOPFBüCHSE

82Q052L ATTACCO CESTELLO PRESSATORE


PRESSING HEAD, PRESSÄULENAUFNAHME,
JUNTURA CESTO PRENSADOR

82Q012M COLONNA MOBILE, UPRIGHT,


COLUMNA, BEWEGLICHE SÄULE

82R001R GRUPPO RUOTA MOTRICE, DRIVE WHEEL,


RADGRUPPE, GRUPPO RUEDA MOTRIZ

82Q052T PORTALE, PORTAL, QUERHAUPT, PORTICO

65R001K03 ATTACCO RAPIDO A CHIAVE CESTELLO


KEY SYSTEM RAPID FASTENING OF BASKET

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.127 di 169


PIASTRA ARRESTO FISSO
LOCKING DEVICE
GRUPPO 82S023B
SPERRE
PARADA FIJA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 ANTIVIBRANTE, VIBRATION DAMPER MAV078231V12


ANTIVIBRATION, ANTIVIBRACION

02 DADO, NUT, ÉCROU, MVD7312


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

03 ARRESTO, STOP, HALT, PARADO 82S999B01

04 ARRESTO, STOP, HALT, PARADO 82T011B03

05 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1203537

06 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5112


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

07 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1203537

08 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5112


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

09 ARRESTO, STOP, HALT, PARADO 82S998B01

10 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1203537

11 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5112


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

12 BUSSOLA, SLEEVE, DOUILLE, 82T011B0301


BUCHSE, BUJE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.128 di 169


DISPOSITIVO BLOCCO ROTAZIONE
BLOCKING ROTATION DEVICE GRUPPO 82Q001C
ROTATIONBLOCKIERUNGSGERAT
DISPOSITIVO BLOQUE DE ROTACION
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 SUPPORTO BRONZINE, BUSH SUPPORT TAV. 82Q001C01


SUPPORT COUSSINET, BRONZELAGER
HALTERUNG, SOPORTE COJINETE

02 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, PLATTE, PLACA 82Q001C02

03 SUPPORTO, SUPPORT, SUPPORT, 82Q001C03


HALTERUNG, SOPORTE

04 BARRA, BAR, BARRE, STANGE 75B0801600B

05 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1002039

06 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1602539

07 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1604539

08 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, PLATTE, PLACA 82Q001C05

06
07 04
08 02

05

01

03

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.129 di 169


SUPPORTO BRONZINE
BUSH SUPPORT
SUPPORT COUSSINET TAVOLA 82Q001C01
BRONZELAGER HALTERUNG
SOPORTE COJINETE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 CANNOTTO, CYLINDER, CILINDRE, ZYLINDER, CILINDRO 82Q001C0102

02 BRONZINA, BUSH, COUSSINET, 55N001A0903


BRONZELAGER, COJINETE

03 INGRASSATORE, GREASE CUP, GRAISSEUR MVTA1015


FETTBÜCHSE, LUBRIFICADOR

04 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, TRINQUETE, MVA37098


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING

05 RASCHIATORE, SCRAPER, RACLEUR, MOGUMW314346


ABSTREIFRING, RASCADOR

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.130 di 169


CILINDRO ROTAZIONE PRESSATORE
PRESSING HEAD ROTATION CYLINDER TAVOLA 82Q002D
CILINDRE ROT.TETE DE COMPRESSION
PRESSKOPFROTATION ZYLINDER

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.131 di 169


CILINDRO ROTAZIONE PRESSATORE
PRESSING HEAD ROTATION CYLINDER TAVOLA 82Q002D
CILINDRE ROT.TETE DE COMPR.
PRESSKOPFROTATION ZYLINDER
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 ATTACCO, ATTACHMENT, TIGE, 82P001D02


ANSCHLUSS, JUNTA

02 ATTACCO, ATTACHMENT, TIGE, 82P001D07


ANSCHLUSS, JUNTA

03 CILINDRO, CYLINDER, CYLINDRE, TAV. 75V050136A


ZYLINDER, CILINDRO

04 GHIERA, LOCKRING, COLLIER DE SERRAGE 82P001D08


NUTMUTTER, VIROLA

05 PROLUNGA, EXTENSION, RALLONGE, 82Q001D06


VERLÄNGERUNG, PROLUNGACION

06 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 82P001D05


SCHEIBE, ARANDELA

07 PERNO, PIN, GOUJON, 82P001D03


ZAPFEN, PERNO

08 PERNO, PIN, GOUJON, 82P001D09


ZAPFEN, PERNO

10 SEEGER MVA35030

11/A BOCCOLA, FERRULE, COQUILLE, BUCHSE MZZ002110


ARANDELA

11/B BOCCOLA, FERRULE, COQUILLE, BUCHSE MZZ002111


ARANDELA

12 BRONZINA, BEARING, PALIER, 82P001D10


LAGER, COJINETE

13 BRONZINA, BEARING, PALIER, 82P001D04


LAGER, COJINETE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.132 di 169


CILINDRO
CYLINDER
CYLINDRE TAVOLA 75V050136A
ZYLINDER
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 GHIERA, LOCKRING, COLLIER DE SERRAGE, 75V050136D


NUTMUTTER,

02 KIT GUARNIZIONE, GASKET SET, MOGU050040


SERIE DE JOINTS, DICHTUNGSET,

02

01

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.133 di 169


COLONNA FISSA
UPRIGHT
COLONNE GRUPPO 82S053F
FESTE SÄULE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 DADO, NUT, ECROU, TUERCA, MVD8816


SCHRAUBENMUTTER

02 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1607039

03 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1603539

04 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1605039

05 GROWER MVR5116

06 RALLA, BEARING DISC, LAGER PLATTE 82P023F03

07 COLONNA FISSA, COLONNE, SÅULE MLTQ35035008

06
03

07

04

05
02

01

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.134 di 169


CANNOTTO PRESSATORE
PRESSING TUBE
TAVOLA 82Q052K
TUBE PRESSEUR
PRESSKOPFBÜCHSE

21-29
27

12 10

7 14
26 11

9
23-24
5
8 21-29
4
3
17

16
18
6
19
22-28

15 25 20

Part."A"

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.135 di 169


CANNOTTO PRESSATORE
PRESSING TUBE
TAVOLA 82Q052K
TUBE PRESSEUR
PRESSKOPFBÜCHSE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 CANNOTTO, CYLINDER, CILINDRE, ZYLINDER, CILINDRO 82Q052K01

02 GHIERA, RINGNUT, FRETTE, NUTMUTTER, 82Q002K02

03 BUSSOLA, SLEEVE, DOUILLE, BUCHSE, BUJE 82Q052K03

04 BUSSOLA, SLEEVE, DOUILLE, BUCHSE, BUJE 82Q052K04

05 ANELLO, RING, ANNEAU, RING, ANILLO 82Q052K05

06 FLANGIA, FLANGE, BRIDE, FLANSCH, BRIDA 82Q004K06

07 PROLUNGA, EXTENSION, RALLONGE, 82Q002K07


VERLÄNGERUNG, PROLONGACION

08 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 75R0502505A


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

09 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 82Q052K17


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

10 BOCCOLA, FERRULE, COQUILLE, BUCHSE 82Q052K15


ARANDELA

11 ANELLO, RING, ANNEAU, RING, ANILLO 82Q052K16

12 FLANGIA, FLANGE, BRIDE, FLANSCH, BRIDA 82Q052K12

14 CILINDRO, CYLINDRE, CILINDRE, TAV. 75V070254A


ZYLINDER, CILINDRO

15 GRANO, HEXAGON SOCKET GRUB SCREW, MVI231650


VIS SANS TÊTE À SIX PANS CREUX,
GEWINDESTIFT MIT INNENSECHKANT,
VARILLA ROSCADA CON HEXÁGON INTERIOR

16 PROLUNGA, EXTENSION, RALLONGE, MORPFL025


VERLÄNGERUNG, PROLUNGACION

17 INGRASSATORE, LUBRIFICADOR,GRAISSEUR, MVTA025


FETTBÜCHSE, LUBRIFICADOR

18 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVC1006031

19 RASCHIATORE, SCRAPER, RACLEUR, MZZ002103


ABSTREIFRING, RASCADOR

20 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVC1204031

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.136 di 169


CANNOTTO PRESSATORE
PRESSING TUBE
TAVOLA 82Q052K
TUBE PRESSEUR
PRESSKOPFBÜCHSE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

21 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1204039

22 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1605039

23 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE2418037

24 DADO, NUT, ÉCROU, TUERCA, MVD8824


SCHRAUBENMUTTER

25 ANTIVIBRANTE, VIBRATION DAMPER, MAV100602F16


ANTIVIBRATION, ANTIVIBRACION

26 RONDELLA IN GOMMA 80X40 H30

27 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVP082033

28 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR9216


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

29 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5112


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.137 di 169


CILINDRO
CYLINDER
CYLINDRE TAVOLA 75V070254A
ZYLINDER
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 KIT COMPLETO GUARNIZIONI, MOGU07005001


GASKET SET, SERIE DE JOINTS,
DIGHTUNGSSET

02 GHIERA, RINGNUT, FRETTE, 75V070254D


NUTMUTTER,

03 FLANGIA, FLANGE, BRIDE, 75V070254H


FLANSCH,

03

02

01

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.138 di 169


ATTACCO CESTELLO PRESSATORE
PRESSING HEAD
GRUPPO 82Q052L
PRESSÄULENAUFNAHME
JUNTURA CESTO PRENSADOR
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 BUSSOLA, SLEEVE, DOUILLE, BUCHSE, BUJE 82Q050L01

02 SPINA, PIN, PIVOT, STIFT, CLAVO 82Q050L08

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.139 di 169


COLONNA MOBILE
BEWEGLICHE SÄULE
TAVOLA 82Q012M
UPRIGHT
COLUMNA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 COLONNA, UPRIGHT, COLONNE, PFOSTEN 82Q012M01

02 FINE CORSA DI PRESSATURA INDUTTIVO, MZFELP03


LIMIT SWITCH,
ENDSCHALTER

03 PROTEZIONE FINE CORSA 82Q001M03


LIMIT SWITCH PROTECTION

04 PERNO, PIVOT, CHERVILLE, BOLZEN 82Q001M08

05 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, PLATTE 82Q001M05

07 BRONZINA, BUSH, COUSSINET, 82Q001M07


BRONZELAGER

08 USCITA CAVI FINE CORSA MOMFS050

09 CILINDRO, CYLINDER, CYLINDRE, TAV. 75V060151A


ZYLINDER,

05 01

09

03

08

07
04 02

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.140 di 169


CILINDRO
CYLINDER
CYLINDRE TAVOLA 75V060151A
ZYLINDER
CILINDRO
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 KIT COMPLETO GUARNIZIONI, MOGU060025


GASKET SET, SERIE DE JOINTS,
DIGHTUNGSSET,

02 GHIERA, RINGNUT, FRETTE, 75V060151D


NUTMUTTER,

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.141 di 169


SUPPORTO RUOTA
WHEEL SUPPORT
GRUPPO 82R001R
SUPPORT ROUE
RADGRUPPE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.142 di 169


SUPPORTO RUOTA
WHEEL SUPPORT
GRUPPO 82R001R
SUPPORT ROUE
RADGRUPPE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 RUOTA FOLLE, WHEEL, ROUE, RAD 82S001R01

02 RUOTA MOTRICE, DRIVING WHEEL, 82S001R02


ÜBERTRAGUNGSRAD

03 CARCASSA, CASING, CARCASSE, GEHÄUSE 82R001R03

04 PIASTRA REGOLAZIONE ALTEZZA CON PERNO, 82S001R04

05 PERNO, PIVOT, CHEVILLE, BOLZEN 82S001R05

06 CORONA, GEARWHEEL, ROUE DENTEE, ZAHNRAD 82S001R06

07 PIGNONE, SPROCKET, PIGNON, RITZEL, PIGÑON 82S002R07

08 PIASTRA ATTACCO MOTORE, PLATE 70D001E04

09 PIASTRINA, PLATE, PLAQUETTE, PLATTE 82S001R09

10 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, ABSTANDHALTER 82S001R10

11 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, ABSTANDHALTER 82S001R11

12 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, ABSTANDHALTER 82S001R12

13 BRONZINA, BUSH, COUSSINET, BRONZELAGER 82S001R13

14 ROSETTA, WASHER, RONDELLE, 82S001R14


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

15 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVC1208031

16 ROSETTA, WASHER, RONDELLE, MVR1412


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

18 INGRASSATORE, GREASE CUP, MVTA1010


GRAISSEUR, FETTBÜCHSE,

19 CUSCINETTO, BEARING, ROULEMENT, LAGER MTCU6208

20 CATENA, CHAIN, CHAINE, KETTE MTCAD050D

21 MOTORE IDRAULICO, HYDRAULIC MOTOR, MOMOARS160CN


MOTEUR HYDRAULIQUE, HIDRAULISCHER
MOTOR, MOTOR HIDRAULICO

22 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1403039

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.143 di 169


PORTALE
PORTAL GRUPPO 82Q052T
GANTRY
PORTIQUE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 PORTALE, PORTAL, 82Q052T01


GANTRY,PORTIQUE

02 PIASTRA, PLATE, PLAQUE, 82Q001T02


PLATTE

03 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO 82S023F11

04 DADO AUTOBLOCCANTE, SELF-LOCKING NUT MVD7339


ECROU, SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

05 MOTORE, MOTOR, MOTEUR, vedi TAVOLA


MOTOR, MOTOR

5
2

3-4

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.144 di 169


GRUPPO MOTORE-POMPE PRESSA PORTALE
MOTOR UNIT – GROUPE MOTEUR – GRUPO MOTOR

PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO


DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE
DECRIPCION TABLA CODIGO PIEZA

01 MOTORE, MOTOR MTM1004PB5

02 LANTERNA, COUPLING MOLPHL12

03 GIUNTO, JOINT, JONCTION, MOGHE29


KUPPLING, JUNTO

04 POMPA, PUMP MOKV2P17

05 POMPA, PUMP MOKV2P17S

06 FILTRO, FILTER MOFFA 30

07 FILTRO, FILTER MOFFA 30

08 BOCCHETTONE RIEMPIMENTO, MOTPTA4080


FILLING APERTURE

01
08

02

03

04

05

07 06

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.145 di 169


ATTACCO RAPIDO A CHIAVE CESTELLO
TAVOLA 65R001K03
KEY SYSTEM RAPID FASTENING OF BASKET

PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO


DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 ALBERO, SHAFT, ARBRE, WELLE, ARBOL 03N001K0301

02 FLANGIA, FLANGE, BRIDE, BRIDA 65R001K0302

03 CUNEO DI BLOCCAGGIO 03N004Q07

04 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE2707039

05 DADO, NUT, ÉCROU, TUERCA, MVD8827


SCHRAUBENMUTTER

06 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1606039

07 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5116


SCHEIBE, ARANDELA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.146 di 169


71P323A
NASTRO
BELT
RUBAN
BAND
CINTA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.147 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.148 di 169
NASTRO
BELT
RUBAN GRUPPO 71P323A
BAND
CINTA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

02 BENNA, BUCKET HUB, MOYEU BENNE, 71P046B


KÜBELNABE, CUBO HERRADA
HALTERUNG, SOPORTE

03 NASTRO, BELT, RUBAN, BAND, CINTA TAV. 71P085D

07 GUIDA, GUDE, FÜHRUNGHEN, GUIA TAV. 71P002D10

09 GUIDA, GUDE, FÜHRUNGHEN, GUIA TAV. 71P044D08

14 ROTAZIONE NASTRO, ROTATION BELT, TAV.71P006C


ROTATION TAPIS, BAND ROTATION,
ROTACION CINTA

19 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE4525039

20 DADO, NUT, ÉCROU, MVD8845


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

21 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1008039

20 DADO, NUT, ÉCROU, MVD8710


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

23 VIBRATORE, VIBRATOR, VIBRATEUR, MTMP040


RÜTTLER, VIBRADOR

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.149 di 169


NASTRO 5500 X 600
BELT 5500 X 600
RUBAN 5500 X 600 TAVOLA 71P085D
BAND 5500 X 600
CINTA 5500 X 600

01 02

03 04

20 16 15 14
06 05
13 07
08

12 11 10 09

17 18 19

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.150 di 169


NASTRO 5500 X 600
BELT 5500 X 600
RUBAN 5500 X 600 TAVOLA 71P085D
BAND 5500 X 600
CINTA 5500 X 600
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01/A SUPPORTO RULLO TRAINO (FY 507M), MTSUFY507M


DRIVE ROLLER SUPPORT (FY 507M),
SUPPORT GALET DE TRACTION (FY 507M),
HALTERUNG ANTRIEBSROLLEN (FY 507M),
SOPORTE RODILLO REMOLQUE (FY 507M)

01/B SUPPORTO RULLO TRAINO (FY 509M), MTSUFY509M


DRIVE ROLLER SUPPORT (FY 509M),
SUPPORT GALET DE TRACTION (FY 509M),
HALTERUNG ANTRIEBSROLLEN (FY 509M),
SOPORTE RODILLO REMOLQUE (FY 509M)

02 RULLO DI TRAINO, DRIVE ROLLER, MNOR4021D


GALET DE TRACTION, ANTRIEBSROLLEN,
RODILLO DE REMOLQUE

03 PIGNONE ALBERO COMANDO CARRELLO, MNOR40041


CARRIAGE DRIVE SHAFT PINION,
PIGNON ARBRE DE COMMANDE CHARIOT,
RITZEL ANTRIEBSWELLE WAGEN,
PIÑOÑ ÁRBOL MANDO CARRETILLA

04 RULLI PORTANTI, SUPPORTING ROLLERS, MNOR400203


GALETS PORTEURS, TRAGENDE ROLLEN,
RODILLOS PORTANTES

05 RULLO FOLLE, IDLE ROLLERS, MNOR40228D


GALET FOU, LOSROLLEN,
RODILLO LOCO

06 SUPPORTO RULLI FOLLE (TU 506M), MTSUTU506M


IDLE ROLLER SUPPORT (TU 506M),
SUPPORT GALET FOU (TU 506M),
HALTERUNG LOSROLLEN (TU 506M),
SOPORTE RODILLO LOCO (TU 506M)

07/A MOTORE-RIDUTTORE CARRELLO, MTMMR26154P


CARRIAGE MOTOR-REDUCER,
MOTEUR-RÉDUCTEUR CHARIOT,
MOTOR- UNTERSETZUNG WAGEN,
MOTOR-REDUCTOR CARRETILLA

07 MOTORE CARRELLO, MTM0154PB5A


CARRIAGE MOTOR,
MOTEUR CHARIOT,
MOTOR WAGEN,
MOTOR CARRETILLA

08 RIDUTTORE CARRELLO, MNOR4005


CARRIAGE REDUCER,
RÉDUCTEUR CHARIOT,
UNTERSETZUNG WAGEN,
REDUCTOR CARRETILLA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.151 di 169


NASTRO 5500 X 600
BELT 5500 X 600
RUBAN 5500 X 600 TAVOLA 71P085D
BAND 5500 X 600
CINTA 5500 X 600
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

09 SUPPORTO ALBERO COMANDO CARRELLO (FT 506M), MTSUFY506M


CARRIAGE DRIVE SHAFT SUPPORT (FT 506M),
SUPPORT ARBRE DE COMMANDE CHARIOT (FT 506M),
HALTERUNG ANTRIEBSWELLE WAGEN (FY 506M),
SOPORTE ÁRBOL MANDO CARRETILLA (FY 506M)

10 RALLA DENTATA, COG RING, MNOR01


BUTÉE, ZAHNSCHEIBE,
TEJUELO

11 PIGNONE RALLA, COG RING PINION, MNOR40031


PIGNON DE BUTÉE, RITZEL SCHEIBE,
PIÑOÑ TEJUELO

12/A MOTORE-RIDUTTORE RALLA, MNOR401208


MOTOR-COG RING REDUCER,
MOTEUR-RÉDUCTEUR DE BUTÉE,
MOTOR-UNTERSETZUNG SCHEIBE,
MOTOR-REDUCTOR TEJUELO

12 RIDUTTORE RALLA, MNOR4006A


COG RING REDUCER,
RÉDUCTEUR DE BUTÉE,
UNTERSETZUNG SCHEIBE,
REDUCTOR TEJUELO

13 MOTORE, MOTOR, MOTEUR, MTM0108PB5

14 RULLO SCORRIMENTO CARRELLO, MNOR4009


CARRIAGE SLIDE ROLLER,
GALET DE GLISSEMENT CHARIOT,
GLEITROLLE WAGEN,
RODILLO DESLIZAMIENTO CARRETILLA

15 RULLI RITORNO, MNOR400220


RETURN TRAVEL ROLLERS,
GALETS DE RENVOI,
RÜCKKEHRROLLE,
RODILLOS RETORNO

16 CREMAGLIERA (MT. 3), MTCR430


RACK (MT. 3),
CREMAILLERE (MT. 3),
ZAHNSTANGE (MT. 3),
CREMALLERA (MT. 3),

17/A MOTORE-RIDUTTORE TRAINO, MTMMR26A304P


DRIVE MOTOR-REDUCER,
MOTEUR-RÉDUCTEUR DE TRACTION,
MOTOR-UNTERSETZUNG ANTRIEB,
MOTOR-REDUCTOR REMOLQUE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.152 di 169


NASTRO 5500 X 600
BELT 5500 X 600
RUBAN 5500 X 600 TAVOLA 71P086D
BAND 5500 X 600
CINTA 5500 X 600
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

17 RIDUTTORE TRAINO, MNOR4006A


DRIVE REDUCER,
RÉDUCTEUR DE TRACTION,
UNTERSETZUNG ANTRIEB,
REDUCTOR REMOLQUE

18 MOTORE TRAINO, MTMGBBA10A


DRIVE MOTOR,
MOTEUR DE TRACTION,
ANTRIEBSMOTOR,
MOTOR REMOLQUE

19 TAPPETO, BELT, TAPIS, MNOR5559


BAND, CINTA

20 GOMMA BAVETTA, MNOR400801


SCRAPING RUBBER,
BAVETTE,
ABSCHABENERGUMMI

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.153 di 169


GUIDA
GUDE
TAVOLA 71P002D10
FÜHRUNGHEN
GUIA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT CODE PIECE
DECRIPCION TABLA BESTELL-NUMMER
CODIGO PIEZA

01 PERNO, PIVOT, CHEVILLE, BOLZEN, PERNO 71P201D1001

02 BRONZINA. BUSH, COUSSINET, 71P201D1002


BRONZELAGER, COJINETE

05 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, MVA35020


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING, TRINQUETE

06 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5106


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

07 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE0601539

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.154 di 169


GUIDA
GUDE
TAVOLA 71P044D08
FÜHRUNGHEN
GUIA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT CODE PIECE
DECRIPCION TABLA BESTELL-NUMMER
CODIGO PIEZA

07 CATENA, CHAIN, CHAINE, KETTE, CADENA MTCAS2707063

08 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVC0601631

09 DADO, NUT, ÉCROU, MVD8806


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.155 di 169


ROTAZIONE NASTRO
ROTATION BELT
ROTATION TAPIS TAVOLA 71P006C
BAND ROTATION
ROTACION CINTA

A B C

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.156 di 169


ROTAZIONE NASTRO
ROTATION BELT
ROTATION TAPIS TAVOLA 71P006C
BAND ROTATION
ROTACION CINTA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 PULEGGIA, PULLEY, POULIE, SCHEIBE, POLEA 71P003C01

04 PULEGGIA, PULLEY, POULIE, SCHEIBE, POLEA 71P003C04

07 RALLA DENTATA, COG RING, 71P128C07


BUTÉE, ZAHNSCHEIBE,
TEJUELO

14 PERNO, PIVOT, CHEVILLE, BOLZEN, PERNO 71P003C20

15 PERNO, PIVOT, CHEVILLE, BOLZEN, PERNO 71P001C21

16 BRONZINA. BUSH, COUSSINET, 71P003C22


BRONZELAGER, COJINETE

20 SUPPORTO, SUPPORT, HALTERUNG, SOPORTE 71P005U

21 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 71P003C23


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

22 CILINDRO, CYLINDRE, CILINDRE, TAV. 75V050098A


ZYLINDER, CILINDRO

23 BRONZINA. BUSH, COUSSINET, 71P005C24


BRONZELAGER, COJINETE

26 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7318


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

27 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1202539

28 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR9216


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

29 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1606039

30 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVC1203031

31 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1202539

32 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR9212


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

33 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1003039

34 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7310


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.157 di 169


ROTAZIONE NASTRO
ROTATION BELT
ROTATION TAPIS TAVOLA 71P006C
BAND ROTATION
ROTACION CINTA
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

35 CINGHIA, BELT, COURROIE, RIEMEN, CINTA MTCIA096

36 ANELLO D’ARRESTO, SNAP RING, MVA35020


ANNEAU D’ARRET, SEEGERRING, TRINQUETE

37 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1008037

38 MOTORE, MOTOR, MOTEUR, MOTOR, MOTOR MOMOARS80CN

39 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7312


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

40 BARRA FILETTATA, THREADED BAR, MVB01275


BARRE FILETEE, BARRA FILETEADA

41 COPIGLIA, SPLIT, GOUPILLE, SPLINT, SLAVIJA MVSCS040

42 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1812039

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.158 di 169


GRUPPO STAMPI
MOULDS GROUP

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.159 di 169


Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.160 di 169
GRUPPO STAMPI D1600 – D1800
MOULDS GROUP D1600 – D1800

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.161 di 169


GRUPPO STAMPI D1600 – D1800
MOULDS GROUP D1600 – D1800
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 GOMMINO, GASKET, GARNITURE, GUARNICION MAVCS1

02 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1004537

03 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7310


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

04 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7416


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

05 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5116


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

06 SPINA, PIN, PIVOT, STIFT, CLAVO 81SN66E02F

07 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1603039

08 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, MVR5116


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

09 DISPOSITIVO DI BLOCCAGGIO RAPIDO, TAV. 71B004D


QUICK-CLAMPING DEVICE,
DISPOSITIF DE VERROUILLAGE

10 ATTACCO RAPIDO, FAST ATTACHMENT, TAV. 81RG68E09


ATTACHE RAPIDE, SCHNELLANSCHLUSS,
CONEXION RAPIDA

11 TAZZA, CUP, BOL, TELLER, TAZA 81SD62E01P

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.162 di 169


CHIAVE TENUTA FONDELLO
KEY LOCKING PALLET
TAVOLA 71B004D
CLE BLOCAGE RONDELLE
LLAVE BLOQUEO ARO DE BASE

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.163 di 169


CHIAVE TENUTA FONDELLO
KEY LOCKING PALLET
TAVOLA 71B004D
CLE BLOCAGE RONDELLE
LLAVE BLOQUEO ARO DE BASE
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DESCRIPTION TABLE CODE PIECE

01 MANIGLIA, HANDLE, POIGNEE, MANUBRIO 71B002D04

02 DADO AUTOBLOCCANTE, MVD7314


SELF-LOCKING NUT, ECROU,
SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

03 ATTACCO, ATTACHMENT, TIGE, 71B002D02


ANSCHLUSS, JUNTA

04 MOLLA A TAZZA, CUP SPRING MTMOT401893


RESSORT A TASSE, TELLERFEDER,
RESORTE A TAZA

05 DADO AUTOBLOCCANTE MVD7318


SELF-LOCKING NUT, ECROU,
SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

06 BARRA FILETTATA, THREADED BAR, MVB01875


BARRE FILETEE, BARRA FILETEADA

07 DADO, NUT, ECOU, SCHRAUBENMUTTER, TUERCA MVD8714

08 FORCA TENUTA FONDELLO 71B002D01


FOURCHE BLOCAGE RONDELLE,
FORK LOCKING BASE PALLET,
HORQILLA BLOQUEO ARO DE BASE

09 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1410037

10 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE1408037

11 BLOCCHETTO ANCORAGGIO 71B001D05


MORCEAU D’ANCORGE,
ANCHORAGE BLOCK,
BLOQUE D’ANCLAJE

12 BLOCCO FISSO BARRA, BAR FIXED BLOCK, 71B001D07


BLOC FIXE BARRE, BLOQEO FIJO BARRA

13 DADO, NUT, ECOU, SCHRAUBENMUTTER, TUERCA MVD8712

14 SPINA, PIN, PIVOT, STIFT, CLAVO MVSE0805073

15 SPINA, PIN, PIVOT, STIFT, CLAVO MVSE1405073

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.164 di 169


APPLICAZIONE ANIME
CORES’APPLICATION
TAVOLA 81RG68E09
APPLICATION DES NOYAUX
APLICACION NOYOS

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.165 di 169


APPLICAZIONE ANIME
CORES’ APPLICATION
APPLICATION DES NOYAUX TAVOLA 81RG68E09
APLICACION NOYOS

PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO


DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

02 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 81RG68E05C


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

03 SPINA, PIN, PIVOT, STIFT, CLAVO 81RG68E09D

04 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, 81RG68E06H


ABSTANDHALTER, DISTANCIADOR EXTERNO

05 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 75R1203815A


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

06 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, 81RG68E07H


ABSTANDHALTER, DISTANCIADOR EXTERNO

07 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7336


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

08 DADO, NUT, ÉCROU, MVD8820


SCHRAUBENMUTTER, TUERCA

09 DADO AUTOBLOCCANTE, HEXAGON LOCK-NUTS MVD7420


ECROUS AUTO-FREINES;SECHSKANT
SICHERUNGSMUTTERN;TUERCAS EXAGONALES
DE SEGURIDAD

10 VITE, SCREW, VIS, SCHRAUBE, TORNILLO MVE2015037B

11 ANTIVIBRANTE, VIBRATION DAMPER 75EC300030C


ANTIVIBRATION, SCHWINGUNSDÄMPFER,
ANTIVIBRACION

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.166 di 169


81R012C
SUPPORTO PER APPOGGIO STAMPI E SFORMATURA,
STRIPPING DEVICE
SOPORTE PARA APOYO DE MOLDES Y DESMOLDAR

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.167 di 169


SUPPORTO PER APPOGGIO
STAMPI E SFORMATURA
STRIPPING DEVICE GRUPPO 81R012C
SOPORTE PARA APOYO DE MOLDES Y
DESMOLDAR
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 CILINDRO, CYLINDER, CYLINDRE, TAV. 75V070237A


ZYLINDER, CILINDRO

02 REGISTRO, ADJUSTING FLEXIBILE, 81R001C04


SUPPORT;REGULADOR

03 RONDELLA, WASHER, RONDELLE, 75R1001710A


UNTERLEGSCHEIBE, ARANDELA

04 ANTIVIBRANTE, VIBRATION DAMPER, MAV100501V16


ANTIVIBRATION, SCHWINGUNSDÄMPFER,
ANTIVIBRACION

05 DISTANZIALE, SPACER, ENTRETOISE, 81R001C03


DISTANZSTÜCK, DISTANCIADOR

06 ANTIVIBRANTE, VIBRATION DAMPER, MAV100501V16


ANTIVIBRATION, SCHWINGUNSDÄMPFER,
ANTIVIBRACION

06

05

04

03

02

01

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.168 di 169


CILINDRO
CYLINDER
CYLINDRE TAVOLA 75V070237A
ZYLINDER
CILINDRO
PART. DESCRIZIONE TAVOLA COD. RICAMBIO
DESCRIPTION TABLE SPARE PART CODE
BESCHREIBUNG BLATT BESTELL-NUMMER
DECRIPCION TABLA CODE PIECE

01 GHIERA, RINGNUT, FRETTE, NUTMUTTER 75V070237D


VIROLA

02 KIT GUARNIZIONI, GASKET SET, SERIE MOGU070050


DE JOINTS, DICHTUNGSSET, SERIE DE
JUNTAS

Manuale Uso/Manutenzione 81Q003A-9546 versione 1.0 Pag.169 di 169