Sei sulla pagina 1di 28

CATALOGO

USO MANUTENZIONE
E PARTI DI RICAMBIO

Demolitore Monoblocco Silenziato


DMS 50
Prima di provvedere a qualsiasi operazione
con la macchina o sulla macchina
questo manuale deve essere letto
e compreso in tutte le sue parti

43014 Medesano (Parma) Italia - Strada Ferrari, 38


Telefono 0525/420929 r.a. - Telefax 0525/420375
http://www.socomecspa.com
E-mail: info@socomecspa.com
Documento riservato ai termini di legge con divieto di riproduzione o di trasmissione a terzi
senza esplicita autorizzazione della ditta
SOCOMEC S.p.A.

Le macchine possono subire aggiornamenti e quindi presentare particolari diversi da quelli


raffigurati senza per questo costituire pregiudizio per i testi
contenuti in queste istruzioni.

!
Le Istruzioni per l’Uso sono parte integrante della macchina e la devono
accompagnare per tutta la vita utile fino alla demolizione.
Per ogni operazione fare sempre riferimento a quanto prescritto nelle Istruzioni.

Seguire scrupolosamente tutte le indicazioni riportate nelle Istruzioni.

Impedire l’utilizzo della macchina agli operatori che non conoscono


le prescrizioni contenute nelle Istruzioni.

Conservare le Istruzioni integre e leggibili in luogo


facilmente accessibile agli operatori.

Consegnare il manuale a qualsiasi altro utente


o successivo proprietario della macchina.

Questa Macchina non può essere messa in servizio prima che la Macchina cui sarà applicata
sia dichiarata conforme alla Direttiva Europea 2006/42/CE.

!
Fabbricante
Socomec S.p.A.
Strada Ferrari, 38
43014 Medesano (PR) - Italia
Tel. 0525/420929 Telefax 0525/420375

La Socomec S.p.A. non si riterrà responsabile di inconvenienti, rotture, incidenti ecc.


dovuti alla non conoscenza o comunque alla non applicazione
delle norme contenute nel presente manuale.

Lo stesso dicasi per l'esecuzione di modifiche, varianti e/o l'installazione


di accessori non autorizzati preventivamente.
Pagina 3 di 28

1 Istruzioni generali 4

2 Caratteristiche tecniche 7

3 Trasporto e Installazione 11

4 Uso del Martello 13

5 Pulizia Manutenzione e Controlli 18

6 Parti di ricambio 24

7 Esploso martello completo 25

8 Richiesta parti di ricambio 28

3
1 Istruzioni generali Pagina 4 di 28

1 Istruzioni generali
Le operazioni che rappresentano una situazione di potenziale pericolo per gli Operatori
! sono evidenziate tramite il simbolo a fianco.

Le operazioni che necessitano di particolare attenzione sono evidenziate tramite il simbolo a


! fianco.

Durante il lavoro non deve essere consentito ad estranei di sostare in un'area che

! abbia un raggio di azione minore di 20 metri rispetto al martello. Sarà cura dei
responsabili di cantiere controllare che ciò non avvenga.

Ai sensi della direttiva 2006/42/CE e successivi aggiornamenti si specifica che:


Per "OPERATORE" si intende la o le persone incaricate di installare, far funzionare, di regolare, pulire
riparare e spostare una macchina o di eseguirne la manutenzione.

! 1.1 Sicurezza dell'Operatore

Il martello durante il funzionamento è soggetto a vibrazioni: toccarlo o lasciare oggetti sopra di


esso può risultare pericoloso.
Il martello deve essere azionato da un Operatore la cui posizione di lavoro è davanti al quadro di
comando della macchina portante.
Il Responsabile della sicurezza dell'impresa deve fornire all'Operatore tutte le istruzioni
necessarie per il corretto utilizzo del Martello.
L'Operatore deve conoscere anche il funzionamento della macchina portante il martello:
informarsi sulle sue misure di sicurezza e rispettarle.
L'Operatore deve conoscere le caratteristiche tecniche del martello, in particolare le pressioni, le portate
d'olio idraulico, le misure dimensionali dei tubi flessibili e delle raccorderie.
Prima di utilizzare il martello, l'Operatore dovrà, se il tipo di lavoro lo richiede, procurarsi la
seguente attrezzatura:
Occhiali e guanti di protezione, maschera anti-polvere, casco, cuffie anti-rumore ecc. .
Abiti ampi e svolazzanti, orologi da polso e altri bracciali possono essere pericolosi in alcune circostanze.
L'Operatore non deve avere assunto bevande alcoliche né medicine che possano causare
sonnolenza durante il lavoro.

La zona di lavoro deve essere segnalata e illuminata.

L'Operatore deve rispettare il programma di manutenzione proposto dal costruttore e accertarsi


delle buone condizioni di sicurezza del martello.

La temperatura dell'utensile dopo il lavoro può essere elevata: prima di qualsiasi intervento su di esso
lasciare che si raffreddi e comunque proteggere le mani indossando spessi guanti da lavoro.

E' assolutamente vietato manomettere i dispositivi di sicurezza ed eliminare o


modificare le protezioni.
1 Istruzioni generali Pagina 5 di 28

OPERATORE
L’operatore deve essere una persona idonea al lavoro e psico-fisicamente in grado di attendere alle
esigenze connesse con l’operatività dell’attrezzatura, nel suo uso inteso. L’operatore non deve permettere
ad alcuno di avvicinarsi durante l’utilizzo della macchina ed impedirne l’uso a personale estraneo. Deve
seguire le indicazioni fornite per ottenere il massimo rendimento, il minimo consumo e la maggior sicurezza
per sé e per gli altri; in particolare per quanto attiene alla sicurezza l’operatore deve osservare
scrupolosamente le indicazioni contenute nel presente manuale.

POSIZIONAMENTO OPERATORE
L’operatore durante il funzionamento della macchina deve prestare particolare attenzione alla propria
posizione onde evitare che la stessa possa essere potenziale fonte di pericolo per se stesso e per le
persone a lui vicine. L’area adiacente all’attrezzatura è stata suddivisa in due zone:

ZONE OPERATORE

Sono zone in cui l’operatore deve operare durante il funzionamento normale dell’attrezzatura. Le “zone
operatore” sono da considerarsi zone potenzialmente pericolose. In queste zone, indicate nel disegno che
segue, è opportuno per l’incolumità dell’operatore e delle persone a lui vicine, prestare la massima
attenzione, durante le operazioni di lavorazione; è della massima importanza seguire tutte le norme
antinfortunistiche sin qui descritte.

ZONE PERICOLOSE
Sono quelle zone alle quali è assolutamente vietato avvicinarsi, durante le fasi di lavorazione, al personale
non addetto ai lavori.

TOPOGRAFICO POSIZIONE OPERATORE

1 = Zona di comando
2 = Persona in zona di sicurezza
3 = Persona in zona di pericolo
4 = Raggio d’azione della macchina
5 = Limite zona di sicurezza
1 Istruzioni generali Pagina 6 di 28

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

L’operatore che si appresta a lavorare con l’attrezzatura o nei pressi di essa deve sempre
essere munito di adeguati Dispositivi di Protezione Individuale che si individuano in:

- elmetto protettivo;
- guanti in pelle da lavoro;
- scarpe antinfortunistiche;
- cuffie protettive per l’udito.

Inoltre sull’attrezzatura è opportuno, a cura dell’utilizzatore, collocare i seguenti pittogrammi


esemplificativi:

E’ obbligatorio l’elmetto protettivo

Proteggere l’udito

E’ obbligatorio usare gli occhiali protettivi

Utilizzare adeguati indumenti da lavoro

E’ obbligatorio usare i guanti protettivi

E’ obbligatorio usare le scarpe protettive

Non riparare o registrare durante il moto

ATTENZIONE!
La ditta SOCOMEC s.p.a. declina ogni responsabilità per eventuali incidenti all’operatore
e/o a terzi dovuti alla mancanza d’uso dei mezzi di protezione individuali.
2 Caratteristiche tecniche Pagina 7 di 28

2 Caratteristiche tecniche

2.1 Uso previsto


Il martello è stato progettato e costruito per tutti i tipi di demolizione, su tutti i tipi di materiale,
per infissione di pali, per taglio e rottura del manto stradale.

La costruzione è conforme a quanto richiesto dalla Direttiva Europea 2006/42/CE e alla


Direttiva Rumore 2000/14/CE.

La Ditta Socomec S.p.A. garantisce la conformità della propria macchina alle direttive citate ed
appone la marcatura "CE" sulla macchina stessa.
2 Caratteristiche tecniche Pagina 8 di 28

2.2 Dati tecnici DMS 50


UNITA’ DI
CARATTERISTICHE TECNICHE VALORE
MISURA
Energia per colpo J 120
Frequenza c / min 1200
Portata olio max l / min 17 - 25
Pressione di lavoro max bar 120
Massima contropressione sullo scarico bar 20 - 30
Pressione precarica dell’accumulatore bar 32
Pressione di taratura valvola di max dell’impianto bar 150
Peso martello in ordine di lavoro Kg 60
Peso utensile Kg 3
Peso dello spinotto fermautensile Kg 0,3
Diametro del tubo di mandata dell’olio G 1/2 “
Diametro del tubo di scarico dell’olio G 1/2 “
Diametro dell’utensile mm 45
Altezza del martello con utensile senza piastra mm 750
Lunghezza massima guida interna dell'utensile (L) mm 119
Diametro massimo fronte-retro della bussola guida utensile mm 48
Massima temperatura del serbatoio °C 80
Potenza massima assorbita Kw 5
2 Caratteristiche tecniche Pagina 9 di 28

2.2.1 Norme di serraggio:

UNITA’ DI
DENOMINAZIONE DEL COMPONENTE VALORE
MISURA
Vite dell’accumulatore Nm 50
Coperchio dell’accumulatore Nm 500

2.3 Condizioni ambientali per un corretto funzionamento:


UNITA’ DI VALORE
DENOMINAZIONE
MISURA (intervallo)
Temperatura °C [ -5 ; +45 ]
Umidità % [ 40 ; 90 ]

D E
2.4 Ingombro

Dimensione Valore
mm

A 900

B 553
B
A

C 197

D 216

E 228
C
2 Caratteristiche tecniche Pagina 10 di 28

2.6 Collegamento idraulico (attacco tubi) DMS 50

2.6.1 Collegamento tubi martello

Collegare tubo mandata all'ingresso IN


OUT IN
Collegare tubo scarico all'uscita OUT
3 Trasporto e Installazione Pagina 11 di 28

3 Trasporto e installazione
Rendere note le presenti Istruzioni a tutto il personale interessato al

! trasporto ed all'installazione della macchina.

Prestare molta attenzione al peso del martello.

3.1 Trasporto
Verificare nella pagina dei Dati Tecnici il
peso totale del martello in ordine di lavoro,
cioè inclusi la sella di adattamento
all'escavatore e l'utensile montato.

Per movimentare il martello in modo sicuro,


quando questo non è agganciato
all'escavatore, occorre munirsi di
imbracatura idonea a sollevarlo, come
mostrato in figura.

Utilizzare sempre mezzi di sollevamento e


trasporto adeguati al peso del Martello.

Movimentare sempre con prudenza: ogni spostamento improprio può


risultare molto pericoloso.
! Non passare e non sostare sotto al martello quando è sollevato.
3 Trasporto e Installazione Pagina 12 di 28

3.2 Montaggio e smontaggio dall'escavatore


3.2.1 Montaggio
1) Disporre il Martello sul terreno in orizzontale con asse parallelo al braccio in posizione
stabile e con attacco dei tubi verso l'alto.

2) A parte sfilare i fermi che tengono la benna e liberare il braccio dalla stessa.

Infilare l'estremità del braccio in mezzo


alle orecchie della sella.

- Allineare il foro del braccio


dell'escavatore col corrispondente sulla
sella ed infilare il primo perno
provvedendo a fissarne il relativo fermo.

- Allineare quindi il foro della biella con


il secondo foro sulla sella ed infilare il
secondo perno fissandone bene il
relativo fermo.

! - Mettere in posizione di blocco l'impianto idraulico dell'escavatore.

- Togliere i tappi dalle tubazioni impianto e, se queste non sono dotate di rubinetti, raccogliere
l'olio in esse accumulato in un recipiente, quindi avvitare i tubi di collegamento del martello
all'impianto (vedi paragrafo 2.6 - collegamento tubi martello) e procedere all'apertura dei
rubinetti dell'olio (qualora presenti).
- Conservare i tappi dei tubi flessibili che verranno riutilizzati nel successivo smontaggio del
Martello.

3.2.2. Smontaggio
- Disporre il martello in posizione orizzontale su uno spiazzo sicuro del terreno.

! - Mettere in posizione di blocco l'impianto idraulico dell'escavatore.

- Chiudere i rubinetti, se presenti.


- Staccare i tubi facendo attenzione a tappare le estremità dei tubi flessibili per impedire la
perdita dell'olio e l'entrata di sporcizia.
- Sfilare il perno della biella.
- Sfilare il perno del braccio.
- Dopo aver sbloccato l'impianto idraulico, estrarre il braccio dalle orecchie della sella.
4 Uso del Martello Pagina 13 di 28

4 Uso del Martello


! L'Operatore deve seguire le prescrizioni del costruttore.

L'utilizzo del martello senza spinotto ferma-utensile è vietato.

Non utilizzare utensili non autorizzati dal costruttore.

Il martello deve essere utilizzato su un'area di lavoro libera da impedimenti in modo tale che
quando comincia a battere, l'utensile sia sicuramente premuto contro il materiale.

Regime del motore


Durante il collaudo del martello il tecnico installatore provvede a determinare l'esatto
numero di giri del motore dell' escavatore al quale numero corrisponde la giusta portata di
olio per il martello.

! E' indispensabile che l'Operatore rispetti tassativamente questo limite.

Lavorando con un numero di giri motore inferiore o superiore si possono provocare


seri inconvenienti al martello.

4.1 Norme d’uso


Il martello può lavorare in tutte le posizioni rese possibili dalle articolazioni del braccio
dell’Escavatore purché sia sempre caricato, vale a dire sempre spinto perpendicolarmente
contro la superficie del materiale da demolire.

La posizione corretta deve essere mantenuta durante tutta la fase di


! avanzamento dell'utensile, agendo opportunamente sui comandi di
benna ed avambraccio.

La spinta deve sempre essere ben calibrata: se troppo debole, infatti, conserva parte
dell'energia che verrà restituita al braccio dell' escavatore il quale risulterà soggetto a
vibrazioni e scuotimenti che finiranno per danneggiarlo.

Se troppo forte rischia invece di compromettere la struttura del martello, della piastra di
attacco e dell'utensile.
4 Uso del Martello Pagina 14 di 28

D
Si consiglia altresì, durante la fase di
C
lavoro del martello, di accorciare per
quanto possibile la distanza
escavatore - martello e di non sfilare
completamente gli steli dei cilindri
(quote C-D mai tutte fuori).

No
No
Accertarsi che l'utensile al primo colpo
non corra il rischio di scivolare
dall'appoggio (disegno a fianco): se No
l'utensile è male posizionato od ha una
presa di materiale troppo scarsa, si Si
può verificare il dannoso colpo a
vuoto. Si

Il martello non può funzionare immerso nell'acqua se il livello di questa oltrepassa la


sporgenza dell'utensile (vedi disegno sottostante), a meno che esso non sia
specificatamente predisposto per questo uso.

Contattare sempre il costruttore in caso di incertezza.

SI NO
4 Uso del Martello Pagina 15 di 28

4.2 Manovre da evitare

Evitare colpi a vuoto al martello:


Causano usure precoci allo spinotto ferma utensile e
all'utensile accelerandone la rottura.

Non bisogna usare l'utensile come leva per


smuovere massi o detriti: questa operazione rischia di
far grippare o rompere l'utensile, soprattutto se viene
effettuata mentre il martello sta battendo.

Non spostare grossi massi tramite la carpenteria del


martello: possono dissaldarsi alcune parti o crearsi NO
deformazioni nelle lamiere.

Non battere per più di trenta secondi sullo stesso


punto: in presenza di materiali molto duri occorre
cambiare spesso posizione fino a trovare quella più
cedevole.

Insistere a lungo sul medesimo punto porta a rigonfiare la punta, grippare l'utensile e
surriscaldare l'olio idraulico.

All'inizio del lavoro non dimenticare mai di


preriscaldare l'olio: in particolare con basse
temperature ambientali è bene azionare i
comandi di traslazione o del pistone centrale
dell'escavatore a fine corsa, fino a portare l'olio
ad una temperatura di 25-30 °C.

NO
NO

hgjhgjhghgj
4 Uso del Martello Pagina 16 di 28

4.3 Sostituzione dell'utensile

Prima di sostituire l'utensile è necessario munirsi di guanti in quanto esso è


! soggetto a surriscaldarsi con l'uso.

Disporre il martello con l'asse verticale,


appoggiarlo al terreno e rialzarlo di
qualche centimetro in modo che il peso
del martello sia sopportato dal braccio
dell'escavatore, ma che l'utensile
rimanga appoggiato al terreno.

! Scendere dall'escavatore dopo averne messo in posizione di blocco


l'impianto idraulico.

! Controllare il peso dello spinotto nei Dati Tecnici.


Operazione 2

Con un cacciavite spingere la spina che blocca lo


spinotto utensile, fino a sbloccarlo (Operazione 1).

Con una seconda leva premere sullo spinotto


ferma-utensile sino a farlo uscire quasi
completamente (Operazione 2).

Fare presa coi guanti sulla parte sporgente


e depositare lo spinotto sul terreno. Operazione 1

Risalire sull'escavatore e sbloccare l'impianto idraulico.

Alzare il martello in verticale fino a provocare lo


sfilamento dell'utensile danneggiato.

Montaggio utensile nuovo


Disporre il martello in posizione orizzontale con
l'utensile allineato davanti.
Spalmare di grasso la parte destinata ad
entrare nella guida.

Manualmente imboccare nella guida l’ estremità dell'utensile avente gli spacchi degli spinotti.

Possono essere necessari due operatori se il peso eccede i 30 Kg (controllare il peso


sui dati tecnici).

Successivamente spingere dall'altra estremità e farlo rientrare tutto in guida. Ruotare l'utensile
in modo che la faccia fresata dello stesso si disponga parallela alla sede dello spinotto.
Infilare lo spinotto ferma-utensile.
4 Uso del Martello Pagina 17 di 28

4.4 Dotazione utensili , loro impiego e durata


Gli utensili si distinguono in base alla diversa conformazione della loro parte terminale. Ne
esistono diversi tipi adatti a soddisfare ogni esigenza di lavoro.

Utensile con terminale piatto (rif. A)


E' adibito alla frantumazione di massi.
Viene normalmente utilizzato sui martelli medi e grandi.

Utensile con terminale a


scalpello (rif. B)
Di uso generalizzato in lavori di
scavo. E' indispensabile in quelle
demolizioni nelle quali sia richiesta
una notevole capacità tagliente: ad A B C D E
es. muri, pavimenti e strutture in
cemento armato, scavi a sezione
obbligata e sbancamenti in roccia.

Non è adatto a frantumare massi.

Copre circa l’80% dei casi di utilizzo


su piccoli e grandi martelli.

Utensile con terminale a piramide (rif. C)


Impiego analogo al precedente. Uso generalizzato su martelli piccoli.

Utensile con terminale a cono (rif. D)


Adatto per demolire muri e strutture di calcestruzzo non armato, massi o materiali non
particolarmente duri.
Si monta su tutta la gamma di martelli.

Utensile con terminale a vanghetta longitudinale o tagliasfalto (rif. E)


Adatto per tracciare su manti bituminosi le linee di delimitazione degli scavi.
Viene impiegato solo su martelli piccoli e medi.
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 18 di 28

5 Pulizia, manutenzione e controlli


Non intervenire mai sul martello o sull'impianto idraulico quando gli stessi
sono sotto pressione o a temperatura elevata.
! E' comunque sempre indispensabile staccare i tubi di collegamento Martello-
Escavatore.

5.1 Pulizia
Il martello non necessita di particolari cure. L'unica precauzione è di impedire l'entrata dello sporco
attraverso i raccordi di collegamento delle tubazioni che devono essere rigorosamente chiusi con
tappi ad ogni operazione di smontaggio dall'escavatore.

5.1.1 Manutenzione e controlli giornalieri


La macchina, per il suo buono e prolungato funzionamento, necessita di alcune manutenzioni che
è importante eseguire.

Ingrassaggio
L’operazione deve essere effettuata almeno ogni 2 ore, provvedendo ad immettere una adeguata
quantità di grasso.

Ricordiamo che occorre usare un tipo di grasso che deve:


- Resistere a forti carichi.
- Essere idrorepellente , antiruggine ed anticorrosivo.
Avere:
- penetrazione NLGI-2
- Punto di gocciolamento = 200-220 C°
-Temperatura di impiego fino a t=170-180 C°

Si consiglia possibilmente di utilizzare solo grasso Socomec per una maggiore durata dei
componenti.

Altri controlli da effettuare sul martello


- Verificare che non ci siano perdite d'olio lungo la punta utensile.
- Verificare formazioni di cricche sulla carcassa o sulla sella di attacco escavatore.

5.1.2 Controlli da effettuare sull'impianto idraulico

Temperatura serbatoio olio idraulico


Verificare che durante il lavoro la temperatura nel serbatoio non superi 80°C.
Una temperatura eccessiva può causare irregolarità di funzionamento ed anche l'arresto del
martello.

Livello serbatoio olio idraulico


E' indispensabile tenere sotto controllo il livello del serbatoio olio idraulico dell'Escavatore in
quanto, se questo si abbassa sotto il minimo, il martello può avere un funzionamento anomalo e
presentare vibrazioni.
Occorre controllare le tubazioni rigide e flessibili al fine di identificare lesioni, schiacciamenti o
perdite di olio.
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 19 di 28

5.2 Manutenzione settimanale


a) Smontare l'utensile per verificare eventuali
scheggiature o incrinature nelle zone di guida della
boccola e sui piani spinotto ferma-utensile.
5
La presenza di tali segni significa scarsa lubrificazione,
impiego di grasso non adatto oppure uso generalmente
scorretto del martello. 6

Togliere con un disco abrasivo eventuali sbavature createsi in B


corrispondenza della superficie di contatto tra l'utensile e lo
spinotto ferma-utensile (punti B nel disegno).

b) Controllare l'usura dello spinotto ferma-utensile; nel caso


fosse eccessivamente usurato, invertirne il montaggio o
sostituirlo.

c) Controllare l'usura delle boccole di guida; se il diametro


interno, misurato sull'asse davanti-dietro, risulta superiore alla
quota indicata nella tabella dei Dati Tecnici, contattare un
centro assistenza per la sostituzione delle boccole.

Controllo allentamento bulloneria Martello


E' opportuno controllare periodicamente eventuali allentamenti della bulloneria ed in particolare:

- Viti fissaggio testata (sella).


- Viti fissaggio blocchetti/attacchi tubi.

5.2.1 Fermo macchina


Sosta a fine lavoro con martello caldo
Durante la notte depositare il martello conficcato in posizione
verticale nel terreno per facilitare l'evacuazione della
condensa dalla parte sporgente del pistone.

Sosta di lunga durata


Quando si distacca il martello dal braccio dell'escavatore e lo
si lascia inoperoso per un certo periodo di tempo occorre:

Sfilare l'utensile e dopo aver spinto il pistone (con un tubo) il


più in alto possibile, ingrassare abbondantemente e rimontare
l'utensile.
Questa operazione serve per evitare che possa ossidarsi la
parte terminale del pistone.

Ricoverare il martello in un posto chiuso e riparato da


intemperie.
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 20 di 28

Il monoblocco è progettato per rimanere fissato alla carpenteria per tutta la


! durata del martello. Socomec S.p.A. avverte che sfilare il monoblocco dalla
carpenteria comporta danni gravi e costosi e rende il martello inutilizzabile.

5.3 Problemi e soluzioni


! Contattare il Servizio Tecnico di Assistenza Socomec per ogni problema che non
venga risolto tramite le note che seguono.

INCONVENIENTE CAUSA RIMEDIO


(possibile in cantiere)

Calo di frequenza con Forti contropressioni sullo Verificare che la tubazione di


colpi forti e violenti. scarico. scarico non sia parzialmente
ostruita, che i filtri non siano
intasati, che i rubinetti non siano
parzialmente o totalmente chiusi.
Eliminare l'impedimento.

Pur sollevando il martello Ingrassaggio insufficiente In questo caso smontare


l'utensile non scorre verso oppure entrata di materiale tra l'utensile, controllare la
il basso. bussole di guida ed utensile. boccola e se si notano evidenti
segni di grippaggio,
provvedere alla loro
eliminazione. Quindi pulire,
ingrassare e rimontare
l'utensile.

Il Martello, appena Pistone in fondo al freno Siamo normalmente in presenza di


appoggiato sul materiale, automatico, cioè punta tutta materiale tenero.
dopo quattro o cinque fuori. L'utensile esce ma non rientra. E'
colpi si ferma indispensabile che l'Operatore
all’improvviso. carichi meglio il martello e cerchi di
mantenere costante il carico.
Si migliora anche facendo lavorare
il martello in posizione il più
verticale possibile.

Perdita di olio O-Ring o guarnizione Sostituire le guarnizioni e gli O-


danneggiata. Ring.

Perdita di olio dai tubi. Tubo danneggiato. Sostituire il tubo flessibile.


Tubo avvitato male. Riavvitare i raccordi del tubo.
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 21 di 28

RIMEDIO
INCONVENIENTE CAUSA (ricoverare il martello
in officina autorizzata)

Il martello appena Entrata di sporco nel Smontare e pulire, sostituendo


rimontato sull'escavatore martello attraverso le eventuali componenti danneggiati.
si ferma dopo alcuni colpi. tubazioni.

Perdita di olio dalla punta. Usura delle guarnizioni. Sostituire le guarnizioni od eventuali
Rigatura sul pistone. parti danneggiate.

Il martello batte con L'accumulatore ha perso la Sostituire la membrana nel caso


scarsa penetrazione e ci precarica o la membrana è danneggiata e ripristinare la
sono vibrazioni eccessive rotta. pressione corretta.
sul tubo di mandata.

Il martello aumenta la Sede appoggio utensile Occorre verificare l'integrità della


frequenza dei colpi ma ne sfondata. Il pistone accorcia la sede di appoggio dell'utensile; allo
diminuisce la potenza. corsa. scopo operare come segue:

1) Appoggiare a terra il martello e


con un gesso apporre un riferimento
sull'utensile in corrispondenza
dell'estremità della bussola.

2) Sfilare l'utensile e controllare che


la misura tra il riferimento apposto e
l'estremità piana dell'utensile sia
inferiore od al massimo uguale a
quella indicata nella tabella dei Dati
Tecnici. Se risulta superiore bisogna
provvedere a cambiare con urgenza
la sede di appoggio dell'utensile
(anello supporto).
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 22 di 28

5.4 Assistenza tecnica


La Socomec SpA, presso la sede di Medesano (Parma-Italia), può risolvere qualsiasi
problema riguardante l'impiego, la manutenzione e la riparazione del Martello.

Socomec SpA può fornire il nominativo della più vicina Officina Autorizzata per qualsiasi
intervento fosse richiesto.

E' indispensabile rivolgersi sempre ad un Centro di Assistenza Tecnica specializzato.

5.4.1 Istruzioni per la rottamazione

I principali materiali che compongono la macchina sono elencati sotto con riferimento alla
parte interessata:

Tutti i componenti la struttura e le parti in movimento ACCIAIO


Membrana accumulatore GOMMA
Tamponi di fine-corsa superiore e inferiore GOMMA SINTETICA
Guarnizioni GOMMA E TEFLON
Materiali insonorizzanti GOMMA SINTETICA

L'accumulatore contiene azoto in pressione.


! Prima della rottamazione scaricare l'azoto
nell'accumulatore attraverso la valvola di carica.
in pressione presente

! Demolire i diversi tipi di materiale costituenti la macchina in discariche


adeguate.

! In ogni caso informarsi e attenersi alla legislazione in vigore nel Paese


d'uso del Martello.
5 Pulizia Manutenzione e Controlli Pagina 23 di 28

5.5 Garanzia
La garanzia da parte del fornitore al committente ha la durata prevista sul contratto di
acquisto.

Il committente decadrà dal diritto di garanzia se non osserverà, anche per una sola volta,
le condizioni di pagamento e se i guasti lamentati risulteranno originati da fatti del
committente stesso, suoi dipendenti o terze persone, quali: cattiva installazione, quando
questa non sia imputabile al fornitore, imperizia nella condotta di quanto è oggetto di
fornitura, errato od anormale uso, cattiva o difettosa manutenzione, modifiche, riparazioni,
sostituzioni o comunque manomissioni eseguite o fatte eseguire dal committente, senza
autorizzazione del fornitore.

La garanzia decade inoltre se il committente fa uso di parti di ricambio non originali


(utensili e spinotti ferma-utensile inclusi).

Rimangono escluse dalla garanzia tutte quelle parti che per loro natura sono soggette a
normale logorio od inevitabile logoramento.

La garanzia, quindi, cui il fornitore è tenuto per legge, è limitata alla sostituzione ed alla
riparazione, a scelta del fornitore stesso, di quelle parti che risultassero difettose per fatti a
lui imputabili.

La denunzia di eventuali difetti dovrà essere fatta con lettera raccomandata, entro otto
giorni, da parte del committente. Nessun risarcimento di danni spetterà al committente.

Le parti difettose ai fini della sostituzione o riparazione in garanzia dovranno essere inviate
allo stabilimento del fornitore in porto franco.

Qualora sia pattuito il montaggio in opera a cura del fornitore, graverà sul committente
qualunque danno derivato al committente stesso o a terzi, compresi i dipendenti del
committente, dalle operazioni di montaggio.
6 Parti di ricambio Pagina 24 di 28

6 Richiesta parti di ricambio


Al fine di poter procedere ad una corretta e sollecita evasione delle richieste di parti di
ricambio è indispensabile che le medesime pervengano corredate dei seguenti dati:

a) Esatta denominazione e numero di riferimento dei pezzi richiesti (questi dati sono
ricavabili dalle tabelle esposte nelle pagine seguenti);

b) Esatto numero di matricola del martello per il quale si richiedono i ricambi .

Per ordinare i ricambi usare eventualmente l'apposita scheda a fine libretto.

.
7 Esploso martello completo Pagina 25 di 28

32
30
31
26
21
22
13 25

11 12
23

14 10
9
8

7 24
33
23
19 6
2
18 34
29 1

28 15
27

17
20
16 3
5
4
7 Esploso martello completo Pagina 26 di 28

Elenco pezzi
(Riferirsi all’esploso precedente)

RIF. CODICE QUANTITA’ DESCRIZIONE


1 B.0045993 1 Carpenteria
2 B.0041012 1 Monoblocco
3 B.0041021 1 Bussola supporto
4 B.0041031 1 Utensile
5 B.0041051 1 Spinotto ferma utensile
6 B.0042040 1 Anello bussole corpo
7 B.0042010 1 Bussola corpo inferiore
8 B.0042030 1 Massa battente
9 B.0042020 1 Bussola corpo centrale
10 B.0043010 1 Bussola distributore
11 B.0044010 1 Basamento accumulatore
12 B.5004020 1 Membrana
13 B.0044020 1 Coperchio accumulatore
14 B.0053020 1 Valvola distributore
15 A.00030609 5 Grano
16 A.00440161 1 Ingrassatore
17 A.03330435 1 Spina elastica
18 A.00010431 2 Rondella bonded
19 B.0043110 1 Riduzione
20 A.00333404 1 Riduzione
21 A.00053464 1 Valvola di gonfiaggio
22 A.00010366 1 O-Ring
23 A.00010523 2 O-Ring
24 A.00010641 1 Guarnizione
25 A.00030622 12 Vite
26 B.0044040 1 Tampone
27 A.00331200 2 Tappo
28 A.00332200 2 Giunzione
29 A.00010430 2 Rondella bonded
30 B.0045040 1 Piastra
7 Esploso martello completo Pagina 27 di 28

Elenco pezzi
(Riferirsi all’esploso precedente)

RIF. CODICE QUANTITA’ DESCRIZIONE


31 A.00330085 8 Dado
32 A.00030221 8 Vite
33 B.0047210 1 Guscio con finestra
34 B.0047220 1 Guscio senza finestra
8 Richiesta parti di ricambio Pagina 28 di 28

8 - RICHIESTA DI RICAMBI
Fotocopiare la presente, compilare e spedire per fax a SOCOMEC n. 0525-420375

FORM FOR THE REQUEST OF SPARE PARTS


Photocopy this form, fill and send by fax to SOCOMEC no. +39 0525-420375

FORMULAIRE DEMANDE PIECES DE RECHANGE


Photocopier la présente fiche, remplir et envoyer par fax à SOCOMEC n. +39 0525-420375

FICHA PEDIDO REPUESTOS


Fotocopiar esta ficha, rellenarla y enviarla por fax a SOCOMEC n. +39 0525-420375

Cliente / Customer / Client / Cliente _______________________________________________________

Via / Street / Rue / Calle ________________________________________________________________

Città / Town / Ville / Ciudad _____________________________________________________________

C.A.P. / Postcode / Code postal / C.P. _____________________________________________________

Stato / State / Etat / Pais ________________________________________________________________

P. IVA / V.A.T. / T.V.A. / IVA _____________________________________________________________

N. Tel e fax _________________________________________________________________________

Martello / Hammer / Marteau / Martillo ______________________________________________________

Matricola / serial number / numéro de série / numero de matrìcula ________________________________

Rif / rif. / rèf / q.tà / q.ty / q.tè / descrizione/ description


Cod. / code /code / codigo
ref. cantidad description/descripcìon

Timbro e firma
Stamp and signature
Timbre et signature ________________________________
Sello y firma