Sei sulla pagina 1di 100

25/31 agosto 2017 n. 1219 • anno 24 internazionale.

it 4,00 €
Ogni settimana Stati Uniti Scienza Attualità
il meglio dei giornali Bianchi, armati I trucchi del lettore Dopo l’attentato
di tutto il mondo e antifascisti intelligente di Barcellona

Tutte le ombre

set timanale • Pi, sPeD in aP

Chf • Ch Ct
aRt , DCB VR • aut ,

•e ,
• D ,
nell’omicidio

Chf • Pte Cont ,


Ch ,
• f ,
di Giulio Regeni

uk ,
Be ,
L’inchiesta del

Dl

,
New York Times
I depistaggi del governo egiziano,
le informazioni dell’intelligence
statunitense, gli interessi
economici italiani in Egitto
25/31 agosto 2017 • Numero 1219 • Anno 24
“Leggere fa bene”

Sommario emma young a pagina 55

in copertina
La settimana
25/31 agosto 2017 n. 1219 • anno 24 internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Stati Uniti Scienza Attualità
il meglio dei giornali Bianchi, armati I trucchi del lettore Dopo l’attentato
di tutto il mondo e antifascisti intelligente di Barcellona

Tutte le ombre Tutte le ombre del caso Regeni


aria
nell’omicidio
di Giulio Regeni
L’inchiesta del
New York Times
I depistaggi del governo egiziano,
le informazioni dell’intelligence
statunitense, gli interessi
I depistaggi egiziani nelle indagini sull’omicidio del ricercatore
italiano avvenuto all’inizio del 2016. Il potere degli apparati di
economici italiani in Egitto

sicurezza di Al Sisi. Le informazioni dell’intelligence statunitense.


Gli interessi economici italiani in Egitto. Un’inchiesta del New York
Times ha ricostruito l’intera vicenda (p. 32). Illustrazione di Zerocalcare
Giovanni De Mauro
Una sera d’estate al Nourse theatre attuaLità ritratti cultura
di San Francisco, Arundhati Roy 14 Terroristi 62 Vitalik Buterin.
72 Cinema, libri,
parla con Alice Walker di libri, di provincia Il profeta
musica, video, arte
di politica e dell’aria che respiriamo. Ctxt Financial Post
“Quando nel 1997 è uscito Il dio delle 16 Perché ho paura
El Periódico viaggi Le opinioni
piccole cose e ho vinto il Booker prize, 66 Finlandia.
sono inita sui giornali e sulle copertine de Catalunya 12 Domenico Starnone
18 Estremismo Nella natura
delle riviste di mezzo mondo. Poco selvaggia
23 Amira Hass
dopo la destra nazionalista è andata al da esportazione 28 Paul Mason
Le Monde Süddeutsche Zeitung
governo in India e a quel punto per me 30 David Randall
restare in silenzio è diventato un lusso graphic 73 Gofredo Foi
africa e medio
che non potevo più permettermi, journaLism
oriente 74 Giuliano Milani
perché avrebbe signiicato approvare le 22 L’Iraq rilancia 68 Cartoline
76 Pier Andrea Canei
loro scelte. Ci sono situazioni in cui non la battaglia dalla Colombia
puoi essere neutrale. Che può fare contro i jihadisti Camillo Vieco
allora la letteratura? Mi sembra che la
Le rubriche
a Tal Afar
teatro
velocità e le dimensioni raggiunte L’Orient Le Jour 12 Posta
70 Le giuste
dall’industria editoriale stiano in 13 Editoriali
sfumature
qualche modo addomesticando la americhe
Los Angeles Times 96 Strisce
narrativa. Ci si aspetta che tu dia 24 Gli statunitensi
97 L’oroscopo
interviste in cui ti chiedono di in piazza contro
pop 98 L’ultima
riassumere in sei parole il libro che hai il nazionalismo 80 Niente
appena scritto. Ma i lettori non vogliono The New York Times da perdere
necessariamente degli omogeneizzati Kathryn Schulz
asia e pacifico Articoli in formato
per bambini. Per me invece l’idea è
26 I minerali afgani mp3 per gli abbonati
riuscire a scrivere un libro sull’aria che scienza
fanno gola 90 Come siamo initi
respiriamo. Perché nell’aria c’è tutto:
a Washington nell’universo
il terrore, l’intimità, la politica. E che
Reuters perfetto?
può fare un romanzo? Un romanzo che
non voglia diventare un ilm, che non New Scientist
stati uniti
voglia essere un libro di storia o una 42 Bianchi, armati economia
semplice cronaca giornalistica? Ci sono e antifascisti e Lavoro
contesti in cui solo la letteratura riesce a The Guardian 94 I rischi dei titoli
dire la verità. Se viaggi o vivi in all’apparenza
Kashmir, dove da venticinque anni è in asia centraLe sicuri
corso la più grande occupazione 48 L’acqua contesa Financial Times
militare del mondo, non basta riuscire a Lenta
produrre rapporti sulle violazioni dei
scienza
internazionale.it/sommario

diritti umani, articoli di giornale o


53 I trucchi del lettore
cataloghi di morti e scomparsi.
intelligente
La letteratura invece può raccontare
New Scientist
cos’è davvero il terrore: quello delle
persone terrorizzate e quello delle portfoLio
persone che terrorizzano, il terrore 56 Marziani
dei soldati e quello delle persone che a Leeds
non sanno se i loro igli torneranno a Peter Mitchell Internazionale pubblica in
casa domani. Solo un romanzo può fare esclusiva per l’Italia gli articoli
tutto questo”. u dell’Economist.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 5


Immagini
Il giorno dopo
Isola d’Ischia, Italia
22 agosto 2017
Il 21 agosto una scossa di terremoto di
magnitudo 4.0 sulla scala Richter ha
colpito l’isola d’Ischia. Il bilancio è di
due morti e 42 feriti, di cui uno grave. Il
comune di Casamicciola è quello che ha
subito più danni. “Molte costruzioni so-
no state realizzate con materiali scaden-
ti che non corrispondono alla normativa
vigente, per questo alcuni palazzi sono
crollati o rimasti danneggiati”, ha detto
Angelo Borrelli, capo della protezione
civile. La procura di Napoli sta valutan-
do se aprire un’inchiesta contro ignoti
per disastro colposo. Foto di Alessandro
Garofalo (Newfotosud Antonio Di Lauren-
zio/Karma press photo)
Immagini
Il Sole oscurato
Spokane, Stati Uniti
21 agosto 2017
Una coppia di sposi e gli invitati al matri-
monio guardano l’eclissi totale di Sole. Il
21 agosto il disco solare è scomparso
dietro la Luna per più di un’ora e mezza.
Negli Stati Uniti il fenomeno non si ve-
deva da 99 anni. Alle 18.16, ora italiana,
l’eclissi è stata visibile nello stato
dell’Oregon, nel nordovest degli Stati
Uniti. Gli ultimi a poterla ammirare, alle
19.48, sono stati gli abitanti di Charle-
ston, in South Carolina, nel sudest del
paese. Foto di Colin Mulvany (The Spoke-
sman-Review/Ap/Ansa)
Immagini
Ciclisti senza regole
Hefei, Cina
16 agosto 2017

Le autorità della città cinese di Hefei


hanno fatto raccogliere decine di mi-
gliaia di biciclette a noleggio che, par-
cheggiate a caso in giro per la città, in-
tralciavano il passaggio dei pedoni e dei
veicoli. I servizi che in Cina ofrono bi-
ciclette in aitto devono ancora trovare
un modo per disciplinare le abitudini
dei loro utenti dato che, a diferenza dei
bike sharing difusi nelle città occiden-
tali, non obbligano a parcheggiare in
luoghi prestabiliti. Recentemente in
Cina sono nate decine di app per noleg-
giare le biciclette. Nel 2016 gli utenti
erano 18,6 milioni ma alla fine di
quest’anno si calcola che arriveranno a
cinquanta milioni. Foto di Feature Chi-
na/Barcroft Images
Posta@internazionale.it
Disoccupati e felici sabili dei genocidi non hanno situazione non ha più niente Parole
mai ucciso nessuno, ma han- a che vedere con l’ideologia
u L’articolo di Yuval Harari no sempre distribuito il com- ed è diventata una semplice
Domenico Starnone
(Internazionale 1218), nono- pito tra i loro sottoposti. Lo catastrofe economica. Ormai
stante i toni nichilistici, rivela stesso è successo probabil- si può parlare apertamente di Uno sguardo
una verità importante, e cioè
che il senso della vita nasce
mente ai comandanti nei
grandi conlitti, che, senza
una narcodittatura, oltre che
di crisi umanitaria. La cosa
indietro
dall’immaginazione, più che sporcarsi le divise di una goc- più sconcertante è leggere
dal lavoro. Verità piuttosto cia di sangue, hanno manda- nell’articolo di Agência públi-
banale ma allo stesso tempo to le truppe a massacrare e a ca (Internazionale 1214) che
diicile da capire. Il rapido farsi massacrare. Evidente- in Venezuela nessuno sa cosa
sviluppo tecnologico degli ul- mente la comodità della real- succede.
timi anni sta facendo cam- tà virtuale, e il distacco che Giada De Marchi
biare idea a tante persone. consente, non sono del tutto
Sono d’accordo con Harari, una novità. E ci trovo un’in- Errata corrige u La scuola – questo spazio
e vorrei aggiungere che ci so- quietante somiglianza con la che mette insieme ogni anno
no molte attività a cui le per- divisione del lavoro tra gli uf- u Su Internazionale 1215, a studenti diventati insegnanti,
sone si stanno appassionan- ici e l’oicina. pagina 148, Twitch non è un igli diventati genitori, igli
do per occupare l’eccessivo Andrea Miglio gioco in rete, ma una piatta- che forse diventeranno geni-
tempo libero dato dalla man- forma che trasmette online tori, studenti che potrebbero
canza di lavoro. In tanti han- Il paese dove nessuno partite ai videogiochi; su In- diventare insegnanti – è in
no riscoperto il piacere di sa cosa succede ternazionale 1218 la fonte pausa estiva. Ma poiché, che
camminare. dell’articolo sul Canada a pa- lo vogliamo o no, riaprirà, ec-
Gianluca Falso u Da molto tempo pensavo gina 62 è Maclean’s. co un piccolo suggerimento
di scrivervi sul Venezuela. In senza pretese. Il miglior mo-
Distacco questi anni mi sarei aspettata Errori da segnalare? do per fare i genitori è ricor-
più articoli sulla situazione correzioni@internazionale.it darsi di essere stati igli; il mi-
u Ho trovato nell’ultimo edi- complicata di un paese che glior modo per fare gli inse-
toriale di Giovanni De Mauro ideologicamente si professa- PER CONTATTARE LA REDAZIONE gnanti è ricordarsi di quando
(Internazionale 1218) una ri- va socialista. Penso che Telefono 06 441 7301 si è stati studenti. È un’ovvie-
lessione simile a quella che avrebbe meritato un maggio- Fax 06 4425 2718 tà ma va sottolineata, perché
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
faccio da qualche tempo: pro- re approfondimento. Dalla Email posta@internazionale.it in genere si è così presi
babilmente i dittatori respon- morte di Chávez però questa Web internazionale.it dall’ansia di recitare la parte
dell’ottimo genitore, dell’otti-
mo insegnante, che quasi ci
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli vergogniamo di quando sia-
mo stati in quell’altro ruolo, e
anzi facciamo come se la no-
Dettagli da rivedere stra esistenza fosse comincia-
ta esattamente nel momento
in cui ci siamo trovati su qual-
Sono appassionato di cal- per la neonata di mia sorella, detto no, io non credo in Je- che podio metaforico o catte-
cio ma alle mie iglie non lui era l’unico a non degnarla sus, mi ha aggredito: “E allora dra reale, autorizzati dall’età
interessa per niente. Mi di uno sguardo. E quando ho si può sapere a te chi ti ha cre- adulta. Uno sguardo retro-
devo rassegnare ad andare provato a mettergliela in brac- ato?”. Benissimo: mio iglio è spettivo sulla nostra infanzia
allo stadio da solo? –Vito cio me l’ha subito restituita di- etero, omofobo e pure aggres- e sulla nostra adolescenza
cendo: “È troppo pesante”. sivamente cattolico. Direi che fuori e dentro le aule può in-
Anche se ha solo sei anni, mi Un paio d’anni fa gli ho spie- in confronto il tuo problema vece giovarci. Naturalmente
sono arreso all’evidenza: mio gato che io m’innamoro dei con il calcio non è così grave, non si tratta di disegnare un
iglio è eterosessuale. Alla fac- maschi e lui mi ha detto: “Ma no? I bambini vanno guidati quadro idilliaco e cercare di
cia di chi teme che un bambi- non è meglio sposarsi una bel- ma anche educati a coltivare riprodurlo facendo il castiga-
no cresciuto da due padri di- la donna?”. Benissimo: oltre le loro passioni a prescindere matti contro tutto ciò che se
venti gay, lui è la piccola enci- che etero mio iglio è pure dalle nostre. Le tue iglie tro- ne discosta. Né si tratta di
clopedia dello stereotipo ma- omofobo. Ma c’è di più: ades- veranno lo sport che le appas- evocare il proprio inferno bio-
schile. La sua prima parola so mi fa strani discorsi sulla siona e mio iglio magari si fa- graico per cambiargli segno e
non è stata “papà” ma “yaa!”, religione. “Papà tu credi in Je- rà prete, chissà. Su quel detta- rifondare famiglia e scuola. Si
e me l’ha gridata dal fondo del sus?”, mi chiede continua- glio della leggera omofobia, tratta piuttosto di ricordarci
lettino mentre mi scagliava in mente in quel misto di italia- però, dovrò fargli un discor- del male che ci è stato fatto
testa la spada con cui va a dor- no e inglese che parla da setto. quando eravamo minori e
mire. Pochi mesi fa, mentre quando abitiamo a Londra. sforzarci di non farne ai nostri
tutto il parentame impazziva L’ennesima volta che gli ho daddy@internazionale.it igli o ai nostri studenti.

12 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Editoriali

Trump sbaglia sull’Afghanistan


“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
William Shakespeare, Amleto

Direttore Giovanni De Mauro


Sven Hansen, Die Tageszeitung, Germania
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele
Ci sono due aspetti degni di nota nel discorso di so del presidente statunitense è la rinuncia agli
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla
Donald Trump sulla sua strategia in Afghani- obiettivi politici della missione militare e l’enfa-
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti, Alessandro Lubello
stan. Uno è la sua brusca inversione di marcia. si sulla “lotta”. Infatti la costruzione di uno stato
(economia), Alessio Marchionna (Stati Uniti),
Andrea Pipino (Europa), Francesca Sibani (Africa
Un tempo chiedeva il ritiro delle truppe statuni- democratico non è più l’obiettivo dell’interven-
e Medio Oriente), Junko Terao (Asia e Paciico),
Piero Zardo (cultura, caposervizio)
tensi dal paese, mentre oggi è favorevole al raf- to statunitense, ha spiegato Trump.
Copy editor Giovanna Chioini (web,
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
forzamento della presenza militare. Questa In sostanza, per Washington la democrazia,
Romano (coordinamento, caporedattore),
Giulia Zoli
decisione potrebbe allungare di anni quella che i diritti umani, l’istruzione femminile e uno sta-
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
è già oggi la guerra più lunga nella storia degli to eiciente non hanno più molta importanza in
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio), Stati Uniti. La decisione dimostra la crescente questo conlitto. Conta soprattutto “uccidere i
Marta Russo
Web Annalisa Camilli, Andrea Fiorito, Stefania inluenza dei generali sulla politica di Trump e terroristi”. Questa retorica fa temere il peggio,
Mascetti (caposervizio), Martina Recchiuti
(caposervizio), Giuseppe Rizzo, Giulia Testa la marginalizzazione degli ideologi isolazionisti perché l’invio di altri soldati statunitensi po-
Internazionale a Ferrara Luisa Cifolilli,
Alberto Emiletti di destra. trebbe bastare a inasprire il conlitto e a far au-
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci,
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara Trump potrebbe aver ragione quando afer- mentare le vittime anche tra i civili.
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori
sono indicati dalla sigla alla ine degli articoli. ma che ritirarsi dall’Afghanistan lascerebbe un Nei suoi discorsi intrisi di slogan patriottici,
Matteo Colombo, Stefania De Franco, Andrea
De Ritis, Andrea Ferrario, Federico Ferrone, vuoto che i taliban, Al Qaeda e il gruppo Stato Trump promette la vittoria. Ma non è afatto
Susanna Karasz, Giusy Muzzopappa, Francesca
Rossetti, Irene Sorrentino, Andrea Sparacino, islamico sarebbero felici di riempire. Non sa- chiaro come intenda raggiungerla. Nel migliore
Bruna Tortorella, Nicola Vincenzoni Disegni
Anna Keen. I ritratti dei columnist sono di Scott rebbe solo una sconitta politica e militare, ma dei casi la sua strategia, che non è degna di que-
Menchin Progetto graico Mark Porter Hanno
collaborato Gian Paolo Accardo, Cecilia anche un grosso rischio per la sicurezza. In real- sto nome, non farà che rinviare la sconitta, la-
Attanasio Ghezzi, Francesco Boille, Sergio Fant,
Andrea Ferrario, Anita Joshi, Andrea Pira, Fabio tà inora l’azione delle truppe statunitensi in sciando in eredità il problema del conlitto afga-
Pusterla, Alberto Riva, Andreana Saint Amour,
Francesca Spinelli, Laura Tonon, Guido Vitiello, Afghanistan ha spinto sempre più persone tra le no a chi gli subentrerà alla Casa Bianca. Nel
Marco Zappa
Editore Internazionale spa braccia dei taliban, che si sono raforzati. peggiore dei casi, dopo migliaia di altre vittime
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot Questo potrebbe succedere di nuovo, visto gli Stati Uniti in Afghanistan saranno più odiati
(vicepresidente), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Giancarlo Abete, che il secondo aspetto degno di nota del discor- che mai. u al
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro,
Giovanni Lo Storto
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
Produzione e difusione Francisco Vilalta

Il golpe venezuelano
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Arianna Castelli, Alessia Salvitti
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale
Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15,
37131 Verona
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
Copyright Tutto il materiale scritto dalla
Folha de S.Paulo, Brasile
redazione è disponibile sotto la licenza Creative
Commons Attribuzione-Non commerciale-
Condividi allo stesso modo 3.0. Signiica che può
La farsesca costituente venezuelana non ha ne- vendosi di una magistratura asservita all’esecu-
essere riprodotto a patto di citare Internazionale,
di non usarlo per ini commerciali e di
anche finto di porsi un obiettivo più elevato. tivo, il governo ha cercato di impedire l’entrata
condividerlo con la stessa licenza. Per questioni Neppure due settimane dopo il suo insediamen- in carica di tre deputati che avrebbero dato
di diritti non possiamo applicare questa licenza
agli articoli che compriamo dai giornali stranieri. to, si è già arrogata i poteri dell’assemblea nazio- all’opposizione la maggioranza necessaria per
Info: posta@internazionale.it
nale, dove l’opposizione al governo di Nicolás cambiare la costituzione. Poi, a marzo del 2017,
Maduro ha la maggioranza. Il passaggio è stato la corte suprema di giustizia ha cercato di usur-
Registrazione tribunale di Roma
n. 433 del 4 ottobre 1993 formalizzato il 18 agosto con un decreto appro- pare il potere legislativo, rinunciando solo dopo
Direttore responsabile Giovanni De Mauro
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì vato all’unanimità dai 545 componenti della co- le reazioni negative a livello internazionale. Da
23 agosto 2017
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832 stituente, scelti secondo regole stabilite apposta allora un’ondata di manifestazioni di piazza ha
Pubblicazione online ISSN 2499-1600
per favorire i lealisti. Un terzo dei membri viene investito il paese, provocando più di un centinaio
PER ABBONARSI E PER
INFORMAZIONI SUL PROPRIO dai sindacati e da altre organizzazioni controlla- di morti.
ABBONAMENTO
Numero verde 800 156 595
te dallo stato, il resto è composto dai rappresen- Ora è arrivata la manovra più sfacciata, sotto
(lun-ven 9.00-19.00),
dall’estero +39 02 8689 6172
tanti di tutti i comuni, a prescindere dal numero il ridicolo pretesto di riformare la costituzione
Fax 030 777 23 87 di abitanti. Non è un problema il fatto che solo approvata nel 1999 dagli stessi bolivariani. Que-
Email abbonamenti.internazionale@pressdi.it
Online internazionale.it/abbonati una piccola parte dei venezuelani sia andata alle sta operazione equivale a un golpe. Di fronte alla
LO SHOP DI INTERNAZIONALE urne per legittimare questa trufa, a cui l’elezio- crisi istituzionale, alla repressione degli opposi-
Numero verde 800 321 717 ne della moglie e del iglio di Maduro ha dato un tori e al tentativo di Maduro di restare al potere a
(lun-ven 9.00-18.00)
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
tocco di ridicolo. ogni costo, questo regime sarebbe una dittatura
Imbustato in Mater-Bi
Maduro non ha mai accettato la vittoria anche se il paese attraversasse una fase di benes-
dell’opposizione alle legislative del dicembre sere e consenso popolare. Ma con la sua cata-
2015, la prima dopo sedici anni di governo chavi- strofe economica e sociale, il Venezuela è la di-
sta. Nell’escalation delle intimidazioni contro mostrazione delle tragedie a cui vanno incontro
l’assemblea, i riti e i valori più elementari della i governi che non rispettano le regole della de-
democrazia sono stati violati. Fin dall’inizio, ser- mocrazia. u gac

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 13


Attualità
Terroristi
di provincia
Elise Gazengel, Ctxt, Spagna
A Ripoll, il paese sui Pirenei ti di Ripoll, sui Pirenei di Girona, poche fan-
dove vivevano gli autori no pensare all’estremismo. Paula, 17 anni,
studiava con i più giovani: Moussa, Houssa,
dell’attentato di Barcellona, gli Said. “Tutti ragazzi normali”, ci tiene a sot-
abitanti non capiscono come tolineare. Secondo lei si sono comportati in
dei ragazzi qualunque si siano modo diverso solo una volta, durante la fe-
potuti trasformare in assassini sta del patrono a maggio. Paula stava be-
vendo insieme a un’amica marocchina,
quando “i ragazzi, che giravano sempre in
otrebbero essere tra gruppo”, si sono avvicinati alla sua amica e

“P i ragazzi che gioca-


no qua davanti. In-
vece dicono che so-
no stati loro”. Mo-
hamed è sconvolto.
Passeggia da solo davanti all’appartamento
dove viveva il suo migliore amico, El Hous-
le hanno detto che non doveva bere, che “le
altre potevano perché sarebbero andate co-
munque all’inferno, ma lei no”.
Ovviamente né Paula né la sua amica
avevano prestato attenzione a quel discor-
so, che avevano preso “solo” come un con-
siglio. Altri ragazzi che frequentano il parco
EMILIO MORENATTI (AP/ANSA)

saine Abouyaaqoub, “per gli amici Hous- ammettono di aver notato che, negli ultimi
sa”. Neanche venti metri più avanti sulla mesi, i giovani terroristi non uscivano tan-
stessa strada, i giovani di Ripoll continuano to. Secondo Mohamed, “da tre o quattro
a incontrarsi in questo parco con il campo di mesi Houssa stava sempre con loro. Ogni
calcio, dove i ragazzi si allenano e le ragaz- volta che gli chiedevo di uscire trovava una di Paula, che preferisce non dire il suo no-
ze, sedute in gruppo, parlano a voce bassa. scusa. Diceva che aveva da fare o che resta- me, conclude: “Alla fine, che riposino in
Mohamed saluta le ragazze ma non si fer- va a casa con la madre. Adesso ho capito”. pace”, poi si corregge: “No, in pace no. Me-
ma. Vive un po’ più su con i genitori e ricor- Oggi Paula e la sua amica dicono di pro- glio in guerra perché se la sono cercata e
da l’ultima volta che ha visto Houssa: “Era vare “pena e rabbia”. In quest’ordine. “Pe- adesso mi fanno schifo” .
mercoledì, stavo tornando a casa, l’ho salu- na perché, che cavolo, siamo cresciuti insie- La ragazza racconta di aver incrociato
tato da lontano e gli ho detto di aspettarmi. me e con alcuni di loro eravamo molto ami- Houssa cinque giorni prima dell’attentato.
Ma quando sono tornato se n’era andato”. ci. Ma anche rabbia perché non capiamo “Ci siamo salutati come sempre e lui ha
A Ripoll tutti si conoscono e tutti hanno come hanno fatto a trasformarsi in assassi- continuato per la sua strada”. Houssa lavo-
un aneddoto da raccontare su qualcuno dei ni e non possiamo perdonarglielo”. L’amica rava nel ristorante di kebab del paese e a
ragazzi coinvolti negli attentati del 17 e 18 volte faceva le consegne a domicilio. “Mol-
agosto a Barcellona e Cambrils. Houssa, ti si meravigliano che Houssa sia coinvolto,
Moussa, Said e Omar, i più giovani, sono Qui tutti si conoscono perché era il più socievole, andava d’accor-
stati uccisi a Cambrils insieme a Mohamed, do con tutti”, spiega Mohamed, “Ma anche
il fratello di Omar, ma la gente si ricorda an-
e tutti hanno un Omar era molto socievole. Poco tempo fa
che di Mohamed, rimasto ferito ad Alcanar, aneddoto da eravamo qui che ci facevamo fotograie con
di Youssef, che è scomparso (potrebbe es- un amico che si era comprato una macchina
sere la seconda vittima dell’esplosione), e
raccontare su di lusso e Omar era con la sua moto verde.
di Younes, che guidava il furgone sulla qualcuno dei ragazzi La settimana scorsa mi aveva scritto per
Rambla, ucciso il 21 agosto a Subirats dopo chiedermi di mandargli quelle foto. Era tut-
cinque giorni di fuga. Vivevano tutti in pae-
implicati negli to così normale”.
se, e nessuno tornerà. attentati Younes non era il più socievole. Usciva
Di tutte le storie raccontate dagli abitan- poco. “Gentile, molto educato, sorridente

14 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Barcellona, sul luogo dell’attentato, 20 agosto 2017 Da sapere Cordoba
Gli attentati in Catalogna
FRANCIA Cordob
Bilbao
Ripoll Girona
Catalogna Vic
Cambrils Barcellona
Madrid
Alcanar

S PA G N A Valencia

Mar
200 km Mediterraneo

16 agosto 2017 Un’esplosione distrug-


ge una casa ad Alcanar, un paese sulla
costa a duecento chilometri da Barcello-
na. La polizia trova un cadavere tra le
macerie, ma l’episodio è trattato come
un caso di traico di droga. Un altro cor-
po sarà ritrovato in seguito.
17 agosto Alle 16.50 un furgone entra
sulla Rambla di Barcellona da plaça de
Catalunya e comincia a investire i pedo-
ni, uccidendo 13 persone e ferendone
circa cento. Il veicolo si ferma dopo al-
cune centinaia di metri. Il conducente
riesce a fuggire a piedi, poi ruba un’auto
uccidendo il conducente e riesce a for-
zare un posto di blocco.
18 agosto Nella notte a Cambrils, a cen-
to chilometri da Barcellona, un’auto in-
veste un gruppo di pedoni, uccidendo
e lavoratore”, così lo deiniscono i vicini a fare delle arrampicate, una delle sue pas- una persona e ferendone sei, poi si ri-
del numero 9 di calle Magdalena. Moha- sioni. A cinque minuti di macchina da dove balta. Ne escono cinque uomini che co-
med lavorava con Younes alla Hilados Mo- vivevano i fratelli Abouyaaqoub, all’uscita minciano ad aggredire i passanti con
to di Gombrén, a circa 12 chilometri da Ri- del paese in direzione di Barcellona, la po- asce e coltelli. Gli assalitori vengono
poll. Younes era impiegato lì da meno di un lizia regionale ha trovato la moto di You- tutti uccisi dalla polizia.
anno come elettricista e prima era stato nes. Era parcheggiata di fronte alla casa del 21 agosto Younes Abouyaaqoub, 22 an-
alla Conforsa, un’azienda metallurgica. suo amico Moussa, che abitava con suo ni, considerato l’autore della strage del-
“Se n’è andato perché gli faceva male la fratello Driss, oggi in stato di arresto. Nello la Rambla, viene ucciso dalla polizia a
schiena e dopo aver preso un permesso a stesso ediicio vivevano anche i fratelli Hy- Subirats, a 40 chilometri da Barcellona.
metà luglio, una settimana prima delle va- chami, Omar e Mohamed, uccisi a Cam- 22 agosto Mohamed Houli Chemlal, ar-
canze, si è allontanato del tutto da noi”, ri- brils. I vicini, quasi tutte persone anziane, restato insieme ad altre tre persone,
corda Mohamed. descrivono Moussa come un ragazzo sim- confessa di aver fatto parte di una cellu-
patico, sportivo. Lo incrociavano spesso la terroristica guidata da Abdelbaki es
Solo un incubo quando usciva a correre. Satty, ex imam di una moschea di Ripoll
Núria, dipendente del comune di Ripoll e Quanto agli Hychami, che vivevano al che aveva avuto contatti con sospetti
vicina di casa di Younes e Houssa, cono- terzo piano dello stesso palazzo, il vicino jihadisti in Belgio. Il gruppo aveva la sua
sceva bene i due fratelli e i loro amici. Ave- Raimon li considerava una famiglia “molto base ad Alcanar e stava preparando un
va insegnato ad alcuni di loro nei laborato- simpatica e senza problemi”. Stamattina il grande attentato a Barcellona, ma
ri organizzati dal municipio. Con Younes si signor Hychami è andato per il secondo l’esplosione accidentale delle bombole
incrociavano tutti i giorni e si sorridevano giorno consecutivo al commissariato, dalla di gas che servivano per l’attacco aveva
sempre. Lui si era comprato da poco una parte opposta del paese. Voleva sapere se i costretto i terroristi a cambiare i piani.
moto e gliel’aveva fatta vedere. A volte suoi igli sono davvero quelli uccisi a Cam- Es Satty era morto nell’incidente.
Núria e il suo compagno portavano Houssa continua a pagina 16 » El País

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 15


Attualità
brils o se può ancora sperare che sia solo un
incubo. Alla notizia che i loro igli erano ter-
roristi, gli Hychami hanno preferito na-
Perché ho paura
scondersi nel garage in attesa che i giornali-
sti se ne andassero. Alla inestra di un ap-
partamento al pian terreno una donna con
la iglia adolescente dice: “Non andate da
Najat el Hachmi, El Periódico de Catalunya, Spagna
loro, lasciateli in pace, sono brava gente e
hanno perso i igli. I igli sono uguali per tut- Oggi troppi giovani credono in “noi” fatto di odio e di morte. Il mio “noi”
ti. Abbiamo bisogno di tempo per accettare una versione estremamente è quello delle persone, e non mi costringe-
l’idea che erano mostri”. ranno a osservare di nuovo i volti di quelli
L’ultima volta che i giovani terroristi di
reazionaria dell’islam, che non che mi circondano per capire se oggi mi
Ripoll si sono fatti vedere insieme è stato tollera la diversità e alimenta la guardano in un modo diverso. Perché ci
alla festa medievale del 12 agosto. “C’erano violenza. L’opinione di una sono due tipi di persone: quelle che respin-
quasi tutti, credo che mancasse solo You- scrittrice di origine marocchina gono e quelle che non lo fanno, e le prime
nes, però i più giovani c’erano e ricordo che non hanno bisogno di terroristi per giusti-
abbiamo riso perché Moussa indossava una icare le loro posizioni. Ora tirano fuori tut-
felpa rossa molto vistosa”, raccontano alcu- on dirò che non ho paura, per- ta la loro rabbia perché ne hanno l’oppor-
ne ragazze del paese.

Nessun ghetto
Per Cesc (è un nome di fantasia), un poli-
ziotto di Ripoll, i ragazzi non avevano nien-
N ché ce l’ho. Non dirò che non
provo rabbia, perché la provo.
Non dirò che non mi sento im-
potente, perché è così che mi sento. Non
dirò che non sono triste, perché da giovedì
tunità e si sentono legittimate, ma non fa-
tevi ingannare, sono gli stessi di sempre.
No, non dirò che la vittima principale è
la comunità musulmana. Le vittime sono
le persone rimaste a terra sulla Rambla,
te a che fare con la religione. “Li conoscevo sono molto triste. quelle che hanno visto la morte, quelle che
tutti e alcuni avevano frequentato l’istituto Volete sapere cos’altro non farò? Parla- ancora stanno cercando di sfuggirle. Le
Abat Oliva con i miei igli. Le assicuro, non re di religione, di civiltà, dei “nostri” valo- vittime sono i morti, i feriti, la gente che
andavano a pregare e non facevano quasi il ri, di libertà e convivenza. E assolutamente passeggiava tranquillamente per il centro
ramadan. Questa storia non c’entra nulla non parlerò del pericolo dell’islamofobia. della città e si è trovata di fronte l’orrore.
con la religione”. Conosceva il fratello di Con i cadaveri delle vittime ancora caldi, No, la questione principale, ora, non è
Moussa, Driss, che è stato fermato dopo che non parlerò di questi argomenti, non lasce- prevenire il razzismo. A questo penseremo
il suo passaporto è stato trovato nel furgone rò che la paranoia difusa dai terroristi mi poi, ma subito dopo gli attentati sarebbe
usato per la strage della Rambla, per piccoli porti a tracciare una linea inesistente, una una pazzia. È vero che chi, come me, ha un
reati legati alla droga, ma secondo lui “Driss separazione che ho cancellato da tempo nome e un cognome pieno di suoni strani
è troppo stupido per far parte di un piano tra “noi” e “voi”. I terroristi formano un precipita nell’angoscia quando c’è un atten-
così organizzato. Anche se questo lo verii-
cheranno le indagini”.
I poliziotti del commissariato locale as-
sicurano che, come abitanti del paese, han-
L’opinione Il mito di Al Andalus
no sempre considerato quei ragazzi come u Per gli ideologi del terrori- ca aggressiva le rilessioni che essere centrale nel discorso
tutti gli altri. A Ripoll non esiste nessun smo jihadista, la Spagna resta da tempo sono sviluppate dai del gruppo Stato islamico. È
“quartiere arabo”, dicono. Secondo l’ulti- “la perduta Al Andalus”, il no- principali punti di riferimento un’argomentazione che legit-
me con cui gli arabi chiamava- intellettuali dell’islamismo ra- tima la violenza indiscrimina-
mo censimento, la comunità musulmana è
no la parte della penisola ibe- dicale. Nella sua prima appari- ta di Barcellona e di Cambrils,
composta da 680 persone su quasi 12mila rica che governarono dall’otta- zione pubblica dopo gli atten- e allo stesso tempo è un’arma
abitanti ed è sparsa in tutto il territorio del vo secolo ino alla riconquista tati dell’11 settembre 2001, per attaccare i gruppi jihadisti
comune. Sono tutti integrati. Núria riassu- cristiana nel quattrocento: una per esempio, Osama bin La- maghrebini vicini ad Al Qae-
me la situazione: “Sono marocchini, ma terra paradisiaca, da recupera- den incluse nella sua arringa da, accusati di non fare abba-
parlano catalano meglio di molti dei nostri, re a ogni costo. I gruppi mili- video contro gli Stati Uniti stanza per difondere l’islam
sono qui da anni e hanno rapporti con tutta tanti si rifanno a una lunga tra- queste parole: “Che il mondo nella penisola iberica e nel re-
la comunità locale. Sono di Ripoll e basta”. dizione dottrinale che vede intero sappia che non consen- sto dell’Europa.
Un uomo anziano si ferma davanti al nella perdita di Al Andalus tiremo che la tragedia di Al L’aura mitica della Spagna
commissariato. Emozionato, dice che vuo- l’origine dei mali che aliggo- Andalus si ripeta in Palestina”. come terra strappata all’islam,
no il mondo islamico, ma an- Il gruppo Stato islamico ha sommata alle ambizioni terri-
le solo ringraziare la polizia: “Grazie di tut-
che un punto di riferimento da fatto proprie molte delle argo- toriali sulle enclavi di Ceuta e
to e tranquilli, non potevate sapere. Nessu- cui trarre importanti lezioni mentazioni elaborate da Al Melilla, sono caratteristiche
no poteva”. Con un nodo alla gola, Cesc lo per pianiicare il futuro della Qaeda, e le ha raforzate con uniche, e spiegano la presenza
ringrazia, asciuga le lacrime che gli sono comunità musulmana ed evi- la sua attività di propaganda, sproporzionata del paese nella
spuntate agli angoli degli occhi e conclude: tare gli errori del passato. che non ha precedenti nella propaganda jihadista.
“Sì, è solo che ci mancano otto ragazzi in Oggi i terroristi hanno in- storia del terrorismo. Il ruolo Manuel R. Torres Soriano,
paese”. u bt tegrato e reinterpretato in otti- di Al Andalus continua così a El País, Spagna

16 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Barcellona, la Rambla, 19 agosto 2017
CARL COURT (GETTY IMAGES)

tato, ma sarebbe sbagliato spostare l’atten- sapete cos’altro è successo? Accanto a lui ma, al punto che molti ragazzi, quando par-
zione su questo. Sì, ho molta paura quando c’erano i consiglieri di altri partiti che si so- lano della loro fede, senza saperlo descrivo-
ci sono attentati, ma devo essere consape- no opposti. Valgono di più le parole di per- no questa nuova religione.
vole del fatto che parte della mia paura è sonaggi come Anglada o quelle della sinda- Quando ne parleremo? Oltre a sostene-
dovuta alla paranoia difusa. I sospetti degli ca di Vic, del presidente della generalitat o re che i terroristi non sono musulmani,
uni, la paranoia e l’atteggiamento difensivo della sindaca di Barcellona? Sono più im- quando apriremo un dibattito più profondo
degli altri sono due facce della stessa meda- portanti i quattro ultrà che volevano mani- sui pericoli di quest’ideologia totalitaria? I
glia. Se non voglio che le persone con cui festare sulla Rambla o gli abitanti di Barcel- nostri ragazzi sanno dove inisce l’islam e
convivo paciicamente comincino a diida- lona che li hanno messi a tacere? dove comincia il fondamentalismo? Cono-
re di me, non posso cadere nello stesso er- Non è questo che ci deve preoccupare, scono la storia della loro religione? Possia-
rore chiedendomi io per prima se davvero si non è la questione principale. La questione mo parlare di questi argomenti senza che si
idano di me. più importante è che abbiamo un problema, mettano sulla difensiva e ci accusino di isla-
un problema enorme, che non si risolve ri- mofobia?
Identità sicura petendo che l’islam e il terrorismo sono due Il razzismo non si combatte chiudendo
I social network sono pieni di spazzatura, è cose diverse. C’è una nuova religione, di- gli occhi davanti alla realtà. Abbiamo un
vero. Ci saranno insulti di ogni tipo, è vero. versa da quella dei nostri genitori e dei no- problema importante che non si risolverà
Ma se i terroristi non rappresentano i mu- stri nonni, che sta prendendo piede. È un con la paura, la rabbia o l’impotenza: ri-
sulmani, perché i razzisti dovrebbero rap- islam molto reazionario, che nega ogni di- schiamo che i nostri ragazzi, chiusi nelle
presentare chi non lo è? Abboccheremo versità, che istiga all’odio verso chi non è loro stanze, si lascino convincere che, per il
all’amo e cominceremo a tracciare una li- musulmano, che vuole colonizzare tutte le semplice fatto di credere in quello in cui
nea divisoria che inora non esisteva all’in- sfere dell’individuo. È ideologia, non spiri- credono, hanno il diritto di mettere ine alla
terno del “noi”? tualità; è un progetto politico più che una vita di chi non è come loro. u fr
Sì, è vero, il politico di estrema destra religione. Propone a dei fedeli senza radici
Josep Anglada ha messo in scena una delle un’utopia a portata di mano, un’identità si- Najat el Hachmi è una scrittrice spagnola
sue pagliacciate a Vic (mostrando coltelli cura e un’appartenenza senza sfumature. di origine marocchina. Vive in Catalogna e
da usare contro l’islam prima del minuto di Questo nazional-islamismo esiste e si scrive in catalano. Il suo ultimo libro è La ca-
silenzio per le vittime dell’attentato). Ma sta difondendo come mai era successo pri- sa dei tradimenti (Newton Compton 2014).

Internazionale 1218 | 18 agosto 2017 17


Attualità
Manifestazione di musulmani contro il terrorismo, 21 agosto 2017 d’inferiorità perché si sentono cittadini di
serie b.
A differenza del jihadismo tedesco–
rappresentato da individui più o meno di-
sorientati, spesso immigrati di prima ge-
nerazione appena arrivati nel paese – il
modello francese, quello belga e quello
spagnolo hanno per protagonisti giovani
con un senso di appartenenza al paese in
cui vivono ancora incompleto e che nutro-
no un sentimento di riiuto dell’integrazio-
MATTHIAS OESTERLE (ZUMA WIRE/ANSA)

ne, anche dopo lunghi periodi di soggiorno


in Europa. In questo caso parliamo per lo
più di immigrati di seconda generazione.

Speciicità nazionali
In Francia la sensazione di non sentirsi cit-
tadini è provata da gran parte dei giovani
marocchini e ha un ruolo chiave nel loro
disagio. Questi ragazzi si sentono vittime

Estremismo di forme di umiliazione neocolonialiste.


Secondo l’opinione corrente gli algerini
vivono questa umiliazione in modo parti-
da esportazione colarmente intenso, eppure i jihadisti di
origine algerina in Francia sono meno nu-
merosi di quelli di origine marocchina,
nonostante i francesi di ascendenza algeri-
na siano molto più numerosi, forse addirit-
Farhad Khosrokhavar, Le Monde, Francia
tura il doppio, di quelli che provengono dal
In Spagna, Belgio e Francia nerazione né richiedenti asilo. Resta il fat- Marocco. È un paradosso in parte legato
molti terroristi sono di origine to che oggi degli individui più o meno iso- alla situazione del Marocco, paese che
lati possono fare attentati a nome del grup- “esporta” i suoi jihadisti. I terroristi algeri-
marocchina che riiutano la po Stato islamico, anche in assenza di ni, invece, continuano ad agire in patria
cittadinanza del paese dei contatti o accordi diretti. anche dopo la lunga guerra civile degli an-
genitori e quella del luogo dove L’altro modello è quello della cellula ni novanta, che ha avuto per protagonisti
sono nati e cresciuti jihadista dell’Is, un gruppo più o meno ad- gli islamisti del Gruppo islamico armato
destrato ma fortemente strutturato – una (Gia) e ha fatto più di 150mila morti. Inol-
decina di persone per gli attentati del 13 tre il jihadismo algerino ha un carattere più
on l’erosione del territorio con- novembre 2015 a Parigi, almeno dodici per introverso, mentre quello di origini maroc-

C trollato dal gruppo Stato islami-


co (Is), nel mondo intero, e in
particolare in Europa, si vanno
difondendo due modelli di jihadismo.
Il primo ha come protagonisti individui
quelli del 17 agosto a Barcellona e a Cam-
brils – in grado di fare un numero molto più
alto di morti e feriti.
Le origini degli attentatori che rientra-
no nel primo modello sono molto diverse:
chine è più estroverso. Molti jihadisti di
origine marocchina sono cresciuti in Euro-
pa e nella maggior parte dei casi ci sono
anche nati.
Tra il modello francese e spagnolo e
sradicati, come certi richiedenti asilo re- un afgano e un tunisino hanno compiuto quello belga esiste però una diferenza: in
spinti (il tunisino Anis Amri, che al volante gli attacchi in Germania, un inglese di ori- Belgio i marocchini costituiscono la mag-
di un furgone ha ucciso 12 persone a Berli- gini asiatiche quello di Westminster. Inve- gioranza della popolazione immigrata di
no il 19 dicembre 2016) o certi giovani rifu- ce nelle azioni più strutturate – quelle del religione islamica.
giati ormai privi di punti di riferimento (il 13 novembre 2015 a Parigi, del 22 marzo Per quanto riguarda la Spagna, il para-
diciassettenne afgano Riaz A., che il 18 lu- 2016 a Bruxelles e del 17 agosto in Spagna dosso è che l’Andalusia, che fu dominata
glio 2016 in Germania, a bordo di un treno, – i terroristi sono spesso di nazionalità ma- dai musulmani dall’ottavo al quindicesimo
ha aggredito quattro persone con un’accet- rocchina. Nella vasta area che comprende secolo, un periodo storico ancora evocato
ta). Questi terroristi hanno rivendicato la la Francia, la Spagna e il Belgio, la diaspora dalla propaganda del gruppo Stato islami-
loro appartenenza all’Is, che l’ha poi con- marocchina da qualche tempo dà segni di co e di Al Qaeda, non è stata teatro di azio-
fermata. Nella stessa tipologia di terrori- radicalizzazione. Questo vale in particola- ni jihadiste degne di nota. I protagonisti
smo rientra anche l’attentato del 22 marzo re per i marocchini di origini berbere, che del radicalismo islamico sono molto più
scorso a Londra, anche se i soggetti coin- nel loro paese subiscono la repressione del numerosi nel nord della Spagna, in parti-
volti non erano né immigrati di prima ge- governo e in Europa sofrono di complessi colare nella più industrializzata Catalogna.

18 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Nel Regno Unito il jihadismo è rappresen-
tato in maggioranza da persone di origine
I commenti
pachistana o più generalmente asiatica, e
da giovani neri, non di rado convertiti
all’islam. Questi non si sentono veri citta-
Tra Madrid e la Catalogna
dini britannici, hanno la sensazione di es-
sere vittime di continue ingiustizie e colti-
vano il desiderio di protestare contro le Dopo mesi di polemiche, il l’editoriale di El Mundo: “Le notizie più
politiche europee nei confronti dei musul- premier spagnolo e il leader allarmanti riguardano l’imam di Ripoll,
mani del mondo intero. Abdelbaki es Satty. L’ordine di espulsio-
I recenti attentati di Barcellona e Cam-
catalano si sono mostrati uniti ne, deciso dal governo dopo la sua uscita
brils confermano inoltre l’età molto giova- di fronte al terrorismo. Ma le dal carcere, nel 2014, non è mai stato ap-
ne di questa nuova generazione di jihadi- divergenze non mancano plicato per l’intervento di un giudice am-
sti. Secondo i dati disponibili, ancora par- ministrativo che non considerava Es Sat-
ziali, il conducente del furgone che si è attentato di Barcellona ha ty una minaccia per l’ordine pubblico. Un
scagliato sulla folla a Barcellona aveva 22
anni, mentre gli altri attentatori non arri-
vavano a 25: erano tutti più giovani dei pro-
tagonisti degli attentati del 13 novembre
“L’ prodotto insoliti gesti di
avvicinamento tra il go-
verno centrale spagnolo e
l’esecutivo regionale catalano. Vediamo
argomento del tutto infondato. Il giudice
ha bloccato il provvedimento di espulsio-
ne dando credito ai presunti ‘sforzi d’in-
tegrazione’ dell’imam, e prendendo per
2015 in Francia e del 22 marzo 2016 in Bel- quanto durerà”, scrive Diego Torres sul si- buone le sue parole sulla necessità di
gio. to Politico.eu. “Dopo la strage il primo prendersi cura della moglie e della madre
ministro Mariano Rajoy e il presidente ca- vedova in Spagna. Nessuno ha controlla-
Otto volte talano Carles Puigdemont sono apparsi in to. In realtà la sua famiglia era in Maroc-
A partire dall’attacco del 14 luglio 2016 a pubblico insieme per tre volte. I due lea- co. Da allora, anche se era stato condan-
Nizza (dove Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, der sono da tempo ai ferri corti a causa del nato a quattro anni per traico di droga e
un tunisino residente in Francia e immi- referendum sull’indipendenza che la Ca- si trovava in una situazione quantomeno
grato di prima generazione, è piombato talogna vuole organizzare il primo otto- irregolare, Es Satty ha potuto viaggiare li-
sulla folla che passeggiava sulla promena- bre, una consultazione che Rajoy ha detto beramente per l’Europa e diventare
de des Anglais uccidendo 84 persone), per di voler impedire con ogni mezzo a sua di- imam a Ripoll. Le autorità belghe hanno
ben otto volte i terroristi hanno usato vei- sposizione. Tuttavia, entrambi si sono confermato che nel 2016 aveva passato
coli lanciati sulla folla. Questo rivela una sforzati di sottolineare l’importanza diversi mesi a Vilvoorde, una delle citta-
chiara volontà di uccidere. È la dimostra- dell’unità e della cooperazione nella lotta dine in cui il gruppo Stato islamico reclu-
zione che anche gli estremisti che non sono al terrorismo. Nessun politico importante ta combattenti da mandare in Siria e in
in grado di usare altre armi cercano co- ha esplicitamente usato gli attentati per Iraq”.
munque di compiere massacri di grande scopi politici, né a favore dell’indipenden- “In un comunicato particolarmente
portata. za né contro. Eppure tra le dichiarazioni di duro”, continua El Mundo”, “i sindacati di
La galassia del jihadismo europeo pre- Rajoy e quelle di Puigdemont ci sono state polizia hanno denunciato ‘l’isolamento
senta quindi speciicità nazionali e regio- delle diferenze. Il primo ministro ha par- delle forze di sicurezza dello stato nella
nali, e i jihadisti, che sono in maggioranza lato del ‘dolore della nazione spagnola’, gestione dell’attentato di Barcellona’, sot-
immigrati (ma comprendono anche una senza menzionare la Catalogna. Puigde- tolineando che le autorità catalane non si
minoranza di convertiti), hanno alle spalle mont, invece, non ha mai citato la Spagna, erano accorte che l’imam era stato disce-
esperienze di crisi sociale e identitaria. riferendosi alla Catalogna come a uno sta- polo di alcuni estremisti già arrestati nel
La comprensione del jihadismo passa to sovrano. Rajoy, inoltre, ha sottolineato 2007. Tutto questo dimostra la mancanza
dunque per la questione della mancata in- l’importanza della sicurezza nazionale e di collaborazione tra i Mossos d’esquadra
tegrazione dei giovani nati in famiglie di dei servizi d’intelligence, mentre il leader e la Guardia civil, la polizia di stato. È una
immigrati. L’adozione dell’islam radicale catalano ha lodato il lavoro della polizia situazione inammissibile. Perché la man-
costituisce per loro una risposta regressiva regionale, i Mossos d’esquadra”. Ma so- canza di lealtà istituzionale mette a rischio
e repressiva a un duplice riiuto: della citta- prattutto, spiega Politico, “da Madrid han- la sicurezza. Il tentativo delle autorità ca-
dinanza d’origine dei loro genitori e della no sostenuto che l’attentato dovrebbe talane di isolare le forze che hanno più
cittadinanza del paese in cui sono nati. cambiare le priorità politiche, con un chia- esperienza nella lotta al terrorismo ha toc-
Questo doppio riiiuto è una delle principa- ro riferimento agli sforzi del governo cata- cato punte molto preoccupanti, come la
li cause del jihadismo. u ma lano per la secessione, mentre da Barcel- decisione di non far entrare i preparatissi-
lona hanno dichiarato che le autorità loca- mi artiicieri della Guardia civil nella vil-
Farhad Khosrokhavar è un sociologo li hanno dimostrato di poter afrontare da letta di Alcanar dopo l’esplosione. L’opi-
franco-iraniano dell’École des hautes études sole la sida del terrorismo”. nione pubblica chiede spiegazioni. Ma so-
en sciences sociales di Parigi. Il suo ultimo li- Sulle falle nella sicurezza causate dalla prattutto interventi per cambiare un siste-
bro pubblicato in Italia è I nuovi martiri di mancanza di collaborazione tra la Catalo- ma che, come abbiamo visto, può aiutare i
Allah (Bruno Mondadori 2006). gna e il governo centrale si concentra jihadisti”. u

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 19


Attualità
La Russia scopre
il nuovo jihad
Andrej Kamakin,
Moskovskij Komsomolets,
Russia

LEHTIkUVA/VESA MOILANEN/REUTERS/CONTRASTO
e informazioni uiciali su quello

L che è successo a Surgut, la città


siberiana dove il 19 agosto sette
persone sono state accoltellate in
strada (quattro sono rimaste ferite in modo
grave), sono ancora scarse. Si ha la sensa-
zione che le autorità temano di ammettere
l’evidenza: nemmeno la Russia è indenne
dai fenomeni che la propaganda di stato ha
sempre deinito “una malattia dell’occi- La commemorazione delle vittime dell’attentato di Turku, 20 agosto 2017
dente in putrefazione”. Tra i politici russi
inora l’unico a rilasciare delle dichiarazio-
ni uiciali è stato il sindaco di Surgut, che Il primo attentato
tuttavia non ha espresso nessuna solida-
rietà alle vittime, limitandosi a invitare alla in Finlandia
calma.
L’attentatore, il diciannovenne Artur
Gadzhiev, cittadino russo nato nella re-
Etelä-Suomen-Sanomat, Finlandia
pubblica autonoma del Daghestan, in Cau-
caso, è stato ucciso dalla polizia, e i mezzi a polizia ha confermato quello che che di un’azione ispirata dall’Is. Lo prova il
d’informazione statali lo descrivono sem-
plicemente come un ragazzo che aveva
problemi psichiatrici. Le fonti uiciali tac-
ciono sulla sua appartenenza religiosa ed
etnica. Artur Gadzhiev era un seguace
L già si sapeva: l’attacco che il 18
agosto ha provocato due vittime
nel centro di Turku è stato il primo
attentato terroristico in Finlandia. Gli in-
quirenti hanno fermato quattro giovani
fatto che l’autore ha preso di mira le donne.
La polizia sta indagando su possibili legami
tra i sospettati e lo Stato islamico.

L’intelligence da riformare
dell’islam radicale e un simpatizzante del marocchini. Il principale indiziato è Abder- Le autorità inlandesi hanno ammesso che
gruppo Stato islamico, che ha subito riven- rahman Mechkah, 18 anni, un richiedente attentati come quello di Turku sono estre-
dicato l’attacco. asilo arrivato in Finlandia l’anno scorso. mamente diicili da prevenire, perché ri-
L’accusa che i politici e i giornalisti russi L’aggressore ha accoltellato dieci persone, chiedono poca preparazione. Gli arrestati
muovono di solito agli occidentali – di ta- soprattutto donne. non erano tra le persone sorvegliate dalla
cere la religione e l’appartenenza etnica Le autorità hanno fornito pochissime polizia. Per evitare attacchi di questo tipo
dei criminali per il timore di non apparire informazioni sulle indagini (Mechkah ha non esistono soluzioni semplici, ma la pri-
politicamente corretti – vale chiaramente confessato l’attacco, ma ha detto di non ma cosa da fare è dare alle autorità gli stru-
anche per lo stato russo. L’attentato di Sur- avere agito per terrorismo). Secondo i ser- menti necessari, cioè garantire risorse i-
gut è stato ignorato dai telegiornali, che vizi d’intelligence inlandesi, il suo proilo nanziarie adeguate e varare una riforma
hanno invece raccontato nei dettagli la è molto simile a quello dei responsabili de- delle leggi sulla sicurezza che dia ai servizi
strage di Barcellona. gli attentati di matrice islamista compiuti d’intelligence la possibilità di intercettare
Quello che è successo contraddice in Europa negli ultimi tempi. le comunicazioni dei sospetti, come avvie-
l’idea che ci eravamo fatti della minaccia I servizi inlandesi avevano già preso ne nel resto d’Europa.
terroristica. L’autore dell’attacco di Surgut atto dell’arrivo nel paese di persone in con- L’attentato di Turku ha fatto emergere il
aveva sempre vissuto in Russia, non era un tatto con gruppi dell’estremismo islamico, meglio e il peggio della società inlandese.
“prodotto d’importazione” ed era eviden- e l’allerta per il rischio di attentati terrori- Alcuni passanti, a rischio della propria in-
temente un uomo isolato. Inoltre, non ave- stici era già stata portata al livello massi- columità, sono intervenuti per cercare di
va armi da fuoco e, a quanto risulta, non mo. Ora il pericolo sembra essersi concre- fermare l’aggressore. A conferma della di-
aveva un sostegno esterno. Ci troviamo, tizzato. versità culturale e sociale del paese, tra loro
insomma, di fronte a una minaccia terrori- Finora nessuna organizzazione, nem- c’erano anche degli immigrati. È anche ve-
stica del tutto nuova per la Russia, una mi- meno il gruppo Stato islamico (Is), ha ri- ro, però, che sui social network l’attentato
naccia che invece l’occidente sta afron- vendicato l’attacco. Ma secondo le autorità ha alimentato scontri e polemiche sul tema
tando da tempo. u af l’attentato di Turku ha tutte le caratteristi- dell’immigrazione. u is

20 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Europa
Danimarca rUssia

il regista
Una storia macabra in arresto
OLIVER BERG (AfP/GETTy IMAGES)

A Mosca è stato arrestato il regi-


BT, Danimarca sta teatrale e cinematograico
Ogni estate che si rispetti ha il suo Kirill Serebrennikov, direttore
artistico del Centro Gogol, noto
giallo internazionale. Quella del 2017
anche per le sue posizioni criti-
non fa eccezione: la scomparsa, il 10 che nei confronti del regime di
agosto, della giornalista svedese Kim Vladimir Putin. Le autorità lo
tUrchia-gerMania Wall e il ritrovamento di parte del suo accusano di essersi indebita-
La crisi corpo dodici giorni dopo su una mente appropriato di circa un
milione di dollari di fondi statali
spiaggia a cinquanta chilometri da
si aggrava Copenaghen sembrano tratti da uno destinati a un progetto multime-
diale. Il regista, che attualmente
I rapporti tra Ankara e Berlino dei crime drama di cui gli scandinavi
è ai domiciliari e rischia ino a
continuano a peggiorare. Il 18 sono diventati maestri. La reporter freelance, trent’anni, dieci anni di carcere, si è sempre
agosto il presidente Recep era salita insieme all’eccentrico inventore danese Peter dichiarato innocente. “È un ca-
Tayyip Erdoğan ha invitato i tur- Madsen a bordo dell’UC3 Nautilus, un sommergibile di so montato ad arte”, scrive il si-
chi che vivono in Germania a 40 tonnellate costruito da Madsen grazie al crowdfunding. to Meduza, “così come è suc-
non votare per l’Unione cristia- Voleva scrivere un reportage. Per motivi ancora ignoti cesso con altre migliaia di casi
no democratica (Cdu) della can- simili che, in Russia, hanno por-
l’UC3 è afondato la mattina dell’11 agosto nella baia di
celliera Angela Merkel e per il tato a condanne per frode. Non
Partito socialdemocratico (Spd), Koge, a sud della capitale danese. Madsen ha dichiarato
sappiamo chi ha deciso di attac-
le due formazioni della coalizio- che Wall era morta in un incidente e che era stata care Serebrennikov, sappiamo
ne di governo, alle elezioni legi- “sepolta in mare”, scrive BT. Il giornale danese aggiunge solo che il regista deve tornare
slative del 24 settembre. che “Madsen è indagato per omicidio colposo” e che “la al suo lavoro artistico”. “Questa
Erdoğan accusa infatti i due par- polizia sta cercando di capire se sia coinvolto anche nel è repressione”, ha scritto su
titi, e i Verdi, di avere un atteg- caso, ancora irrisolto, della morte di una turista facebook il politico dell’opposi-
giamento irrispettoso verso la zione Dmitrij Gudkov. “È un at-
giapponese, il cui corpo, tagliato in due, fu ritrovato nel
Turchia. In Germania vivono to insensato, senza fondamento.
circa tre milioni di turchi, 1,2 mi- 1987 nel porto di Copenaghen”. ◆
È solo intimidazione”.
lioni dei quali hanno la cittadi-
nanza tedesca. Le tensioni si so-
no aggravate il 19 agosto, quan- francia “cercherà alleati per ridurre la
do su richiesta di Ankara la poli- durata massima di questi con-
Macron tratti da tre a un anno. Ma non
TOBy MELVILLE (REUTERS/CONTRASTO)

zia spagnola ha arrestato a Gra-


nada lo scrittore tedesco di ori- il protezionista sarà facile, anche perché la Po-
gine turca Doğan Akhanlı (nella lonia non è d’accordo. Ma una
foto), sotto inchiesta in Turchia Alla vigilia del suo viaggio in soluzione va trovata, perché
per una trilogia che evoca il ge- Austria, Romania e Bulgaria, tra quest’assurda direttiva crea di-
nocidio degli armeni. Il giorno il 23 e il 25 agosto, Emmanuel soccupazione, penalizza l’indu-
dopo Akhanlı è stato però scar- Macron (nella foto) è tornato a stria francese e alimenta le ten-
cerato e la cancelliera Merkel ha criticare il funzionamento del sioni sociali”. Secondo il bulga-
invitato il governo turco a non mercato unico europeo. In parti- ro 24 Časa, Macron “sta invece
abusare dell’Interpol. “Gli ulti- colare il presidente francese ha cercando di scaricare sugli euro- in breve
mi avvenimenti hanno convinto puntato il dito contro le norme pei dell’est i propri fallimenti Regno Unito Il 21 agosto più di
il governo tedesco ad adottare la che consentono alle aziende eu- nella lotta alla disoccupazione”. mille persone si sono radunate
linea dura nei confronti di An- ropee di assumere lavoratori davanti al parlamento, a Lon-
Le Creusot, Francia, 2017
kara”, scrive Al Monitor. “Ber- dell’est pagandoli secondo gli dra, per ascoltare gli ultimi rin-
lino potrebbe chiedere alla standard locali per poi ricollo- tocchi del Big Ben prima di una
ROBERT PRATTA (REUTERS/CONTRASTO)

Commissione europea di taglia- carli in fabbriche dell’Europa ristrutturazione che durerà


re i inanziamenti alla Turchia e occidentale alle stesse condizio- quattro anni.
di sospendere il progetto di ni contrattuali. Macron ha dei- Francia Il 18 agosto 2.459 mi-
unione doganale. Ma non sem- nito il fenomeno dei cosiddetti granti sono stati sgomberati da
bra disposta, per ragioni prag- posted workers un esempio di un campo illegale occupato da
matiche, a mettere ine formal- dumping sociale, chiedendo alcune settimane alla periferia
mente ai negoziati per l’adesio- una riforma delle leggi. “Il capo nord di Parigi. All’operazione
ne del paese all’Unione”. dello stato”, scrive Le Figaro, hanno partecipato 350 poliziotti.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 21


Africa e Medio Oriente
Da sapere

FONTE: AL JAZEERA, INSTITUTE FOR THE STUDY OF WAR, LIVEUAMAP, FSA PLATFORM
Attacchi all’Is
dal Libano
u Il 19 agosto l’esercito libanese ha lan-
ciato un’operazione contro il gruppo Stato
islamico (Is) in una zona montuosa al
conine con la Siria. L’obiettivo è scaccia-
re dalle alture di Al Qaa e Ras Baalbek cir-
ca seicento jihadisti. Nei primi quattro
giorni di scontri sono morti quattro sol-
dati libanesi e decine di combattenti
dell’Is, con l’esercito di Beirut che è riu-
scito a conquistare gran parte del territo-
rio in mano agli avversari. Sempre il 19
agosto i combattenti sciiti libanesi di
Hezbollah, in coordinamento con l’eser-
cito siriano, hanno lanciato un’operazio-
ne parallela attaccando l’Is sul versante L’Iraq rilancia la battaglia
siriano della stessa montagna. I miliziani
di Hezbollah partecipano alla guerra in contro i jihadisti a Tal Afar
Siria dal 2013 come alleati di Damasco, e
sono impegnati sia in operazioni contro
l’Is sia contro i ribelli siriani.
Anthony Samrani, L’Orient Le Jour, Libano
u A Raqqa, nel nord della Siria, prosegue
l’ofensiva contro il gruppo Stato islamico om’era già successo con le prece- tere tra Iran e Turchia, spiegano perché i
condotta dalle Forze democratiche siria-
ne, un’alleanza arabocurda. Allo stesso
tempo la coalizione internazionale contro
l’Is, guidata dagli Stati Uniti, ha intensii-
cato i raid contro le postazioni jihadiste in
C denti operazioni di riconquista
condotte dall’esercito iracheno, il
20 agosto il primo ministro Hai-
der al Abadi ha annunciato alla tv l’inizio
delle ostilità contro il gruppo Stato islamico
circa ventimila miliziani sciiti si siano limi-
tati ad accerchiare la città, in attesa che i-
nisse la battaglia di Mosul, settanta chilo-
metri più a est.

città. Secondo l’Osservatorio siriano per i (Is) a Tal Afar, un bastione turcomanno nel Le prossime tappe
diritti umani il 22 agosto un raid aereo ha nord dell’Iraq, vicino alla frontiera con la La riconquista di Tal Afar, dove si stima sia-
causato 42 morti, portando a più di 170 il Siria. “Gli uomini dell’Is non hanno scelta: no presenti un migliaio di combattenti jiha-
numero delle vittime civili della settima- devono arrendersi o morire”, ha dichiarato disti, è “un’altra battaglia importante per
na. Le Nazioni Unite stimano che a Raqqa Al Abadi. Il 23 agosto Baghdad ha annuncia- l’Iraq, che vuole sbarazzarsi dell’Is”, ha di-
vivano ancora 25mila persone. Nella città to che l’esercito aveva già ripreso il control- chiarato il generale statunitense Stephen
scarseggiano i viveri e il carburante. Se- lo di cinque quartieri della città. Townsend, comandante delle forze della
condo alcune testimonianze l’Is impedi- Di fatto la battaglia per la riconquista di coalizione internazionale contro il gruppo
sce a chiunque di lasciare la città. Nel su- Tal Afar è cominciata mesi fa, su iniziativa Stato islamico. Prima di finire in mano
dest della Siria invece la Russia bombarda di alcune milizie sciite, che hanno circon- all’Is, Tal Afar contava circa duecentomila
l’Is vicino a Deir Ezzor: il 21 agosto Mosca dato la città. Vogliono svolgere un ruolo di abitanti, ma secondo il comando statuni-
ha annunciato l’uccisione di più di due- primo piano in una zona considerata strate- tense oggi ne restano tra i diecimila e i cin-
cento miliziani. gica dall’Iran, che partecipa in forme diver- quantamila. Il rischio è che siano usati co-
u All’inizio di agosto le Nazioni Unite se ai conlitti in Siria e in Iraq. La presenza me scudi umani. Secondo Lise Grande, la
hanno pubblicato un rapporto in cui si so- delle milizie sciite ha fatto crescere le ten- coordinatrice umanitaria delle Nazioni
stiene che, nonostante le sconitte in Iraq sioni comunitarie. Il timore è che questi Unite per l’Iraq, più di trentamila persone
e in Siria, la struttura di comando e con- gruppi armati vogliano vendicarsi dell’al- hanno già abbandonato la zona.
trollo dell’Is non è stata smantellata com- lontanamento della minoranza turcoman- Dopo Tal Afar, Baghdad vuole lanciare
pletamente e che il gruppo costituisce an- na sciita da Tal Afar dopo l’occupazione un’ofensiva contro l’Is ad Hawija, trecento
cora una pericolosa minaccia, anche nel- jihadista nel giugno del 2014. Temendo chilometri a nord di Baghdad. I jihadisti
le zone liberate. A Mosul, in Iraq, ci sono rappresaglie ai danni dei turcomanni sun- continuano a essere presenti nella provin-
ancora sacche di resistenza jihadista. niti, la Turchia, che si erge a loro protettrice, cia occidentale di Al Anbar e a controllare
L’Orient Le Jour, Syria Deeply, ha minacciato di intervenire. Le tensioni zone lungo la frontiera con la Siria, come la
The Independent confessionali, sullo sfondo della lotta di po- città di Al Qaim. u gim

22 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Angola

F. YuRDAKuL (ANADOLu AGENCY/GETTY IMAGES)


gioRDAniA

La ine
Un nuovo presidente dell’impunità
A inizio agosto la Giordania ha
Jornal de Angola, Angola abolito l’articolo 308 del codice
penale che permetteva a uno
“Più di nove milioni di angolani sono stupratore di non scontare la pe-
stati chiamati alle urne il 23 agosto per na se accettava di sposare la vit-
eleggere il presidente, il suo vice e i tima, scrive il quotidiano Al
La Mecca, 22 agosto 2017
deputati dell’assemblea nazionale. Ghad. Dopo il Marocco e il Li-
ARAbiA sAUDiTA-qATAR bano, la Giordania è il terzo pae-
Sono le quarte elezioni della storia del
Un gesto paese, che è indipendente dal 1975”, se arabo che cerca di fermare la
violenza sulle donne eliminan-
di distensione scrive il quotidiano governativo Jornal
do alcune forme di impunità.
de Angola. Ai seggi erano presenti 240
La crisi diplomatica tra Doha e osservatori nazionali e 1.200
Riyadh scoppiata il 5 giugno non internazionali per garantire la credibilità dello scrutinio. in bReve
è stata ancora risolta. Il re saudi- Per molti versi è un momento storico per l’Angola. “Dopo Mali Il 19 agosto migliaia di
ta Salman ha compiuto un pri- persone sono scese in piazza a
il 23 agosto avremo un nuovo presidente e, di certo, un
mo gesto di distensione il 17 Bamako per festeggiare la ri-
agosto, ordinando la riapertura
nuovo modo di fare politica e governare il paese”, ha
nuncia del presidente Ibrahim
del conine terrestre con il Qatar scritto il giornalista Víctor Carvalho in un editoriale Boubacar Keïta a un referen-
per consentire l’ingresso ai fe- pubblicato alla ine della campagna elettorale. Negli dum di riforma costituzionale.
deli diretti alla Mecca per l’hajj, ultimi 38 anni l’Angola è stata governata da José Eduardo Rdc-Sierra Leone Almeno 140
l’annuale pellegrinaggio islami- dos Santos, 74 anni, leader del Movimento popolare di persone sono morte in una frana
co. Tuttavia, come scrive Al Ja- liberazione dell’Angola (Mpla), che per motivi di salute ha nella provincia dell’Ituri, nella
zeera, è in corso una polemica Repubblica Democratica del
deciso di non ricandidarsi e ha proposto come suo
sulle linee aeree autorizzate a Congo. Il bilancio delle alluvioni
trasportare i qatarioti. Secondo
successore João Lourenço, attuale ministro della difesa.
a Freetown, in Sierra Leone, è
Al Mashhad al Yemeni, Lourenço è stato deinito il candidato della “continuità salito a 499 vittime.
Riyadh si prepara anche a riapri- nel rinnovamento” e ha promesso di seguire la linea Yemen Il 23 agosto almeno 30
re i valichi di frontiera con l’Iraq, politica del presidente uscente, che manterrà le sue persone sono morte in un raid
che furono chiusi nel 1990 dopo funzioni ino al 2018. u aereo saudita a Sanaa.
che l’esercito di Saddam Hus-
sein invase il Kuwait.
Da Ramallah Amira Hass
Togo
Tra demolizioni e proteste
Manifestazioni
bloccate
Caro diario, ieri J è riuscito a scente lui aveva partecipato a sto avesse potuto far riapparire
Due persone sono morte il 19 tirarmi fuori di casa: “Sono ar- una manifestazione contro il la scuola. Oggi ho intervistato
agosto a Sokodé, nel centro del rivati in città due nostri amici. muro di separazione ed era la moglie di un palestinese do-
Togo, quando la polizia è inter- Vediamoci per cena”. Potreb- stato ferito da un proiettile ri- po che Israele ha approvato
venuta per fermare una protesta
bero essere tutti miei igli. Due coperto di gomma israeliano. nuove restrizioni sui ricon-
indetta dal Partito nazionale pa-
sono giornalisti nordamerica- Aveva perso l’uso di un occhio, giungimenti familiari. Dopo
nafricano (Pnp, opposizione).
ni, l’altro è un ricercatore isra- ma di recente è stato operato e sono andata a una protesta dei
Anche nella capitale Lomé sono
stati usati gas lacrimogeni con-
eliano. Il più vecchio, J, ha 32 ha recuperato la vista. giudici palestinesi, un evento
tro i manifestanti. “Chiedevano anni e con il suo passaporto Tornata a casa, alle 23 ho ri- raro. Il governo di Ramallah
riforme politiche in un paese go- canadese ha viaggiato in tutta cevuto una telefonata. Stavano cerca di imporre un controllo
vernato da cinquant’anni dalla la regione, dal Kurdistan al Li- demolendo una scuola ele- più stretto sulla magistratura. I
dinastia Gnassingbé”, scrive Li- bano all’Egitto. mentare a Jubbet adh Dhib, un giudici corrono dei rischi scen-
berté. Secondo il quotidiano, Siamo tutti della stessa tri- villaggio a sudest di Betlem- dendo in piazza, ma dicono di
vari partiti si stanno alleando bù: i nostri antenati erano me. “Non c’erano i permessi”. farlo in nome del popolo. Alla
per chiedere riforme come il ri- ebrei dell’Europa orientale. I Ma gli israeliani non permetto- manifestazione c’erano in tut-
torno alla costituzione del 1992 nonni paterni di uno di loro ar- no mai di costruire. Ho dovuto to cinque giornalisti, me com-
e il voto dei togolesi all’estero. rivarono dall’Iraq. Da adole- scriverne subito, come se que- presa. u

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 23


Americhe
Gli statunitensi in piazza ma e hanno trovato volantini con simboli
neonazisti. “Sono qui per quello che è suc-
cesso a Charlottesville”, ha detto Rose Fow-
contro il nazionalismo ler, 68 anni, insegnante in pensione afroa-
mericana. “Qualcuno è stato ucciso mentre
lottava per i miei diritti. Perché non dovrei
lottare per me stessa e per gli altri?”.
A Portland mille persone hanno parteci-
The New York Times, Stati Uniti
pato all’evento “Eclipse hate”. A Hot
Decine di migliaia di persone presto a unirsi”. Poi ha aggiunto: “A volte Springs, in Arkansas, cinquanta persone si
hanno manifestato in tutto il servono le proteste per guarire, e noi guari- sono radunate in difesa dei simboli confe-
remo e saremo più forti che mai”. derati. Molti passanti si sono fermati per
paese contro l’estrema destra. A Boston i gruppi di destra avevano orga- protestare contro Trump e l’odio razziale.
Intanto il dibattito sulle statue nizzato un raduno per promuovere la “liber- Tre persone sono state arrestate. Intorno
che celebrano l’epoca schiavista tà d’espressione”. In risposta migliaia di alle 13 a Charlottesville, in una strada se-
è sempre più acceso persone convinte che l’evento sarebbe ser- condaria, l’umore era cupo mentre si ricor-
vito a fare propaganda per neonazisti e na- dava Heather Heyer, l’attivista antirazzista
zionalisti, hanno partecipato in massa a una morta il 12 agosto dopo essere stata investi-
l 19 agosto decine di migliaia di mani- contromanifestazione. Si sono presentati al ta da una macchina guidata da un naziona-

I festanti, spinti dalla preoccupazione


per la violenza esplosa una settimana
prima a Charlottesville, in Virginia,
hanno silato in decine di città in tutti gli
Stati Uniti per protestare contro il razzismo,
Boston Common, il parco dove si doveva
svolgere il raduno di destra, alcune ore pri-

Da sapere
Gli scontri di Phoenix
lista. Susan Bro, la madre di Heather, era in
piedi davanti a un memoriale di iori e can-
dele, in lacrime e appoggiata al marito.

Contenere la rabbia
il suprematismo bianco e il nazismo. A Dallas, dove nel 2016 un uomo aveva uc-
Queste mobilitazioni avvengono men- u Il 22 agosto 2017 a Phoenix, in Arizona, la po- ciso cinque agenti durante una manifesta-
tre il paese si ritrova ad afrontare i temi del lizia è intervenuta con gas lacrimogeni e spray zione degli attivisti neri, le forze dell’ordine
razzismo e della violenza e si chiede cosa al peperoncino per disperdere i manifestanti hanno formato una barriera con autobus e
fare con i simboli della confederazione che si erano radunati davanti al Convention camion intorno agli antirazzisti, per “met-
(l’unione degli stati favorevoli alla schiavitù center per protestare contro il presidente Do- tere in sicurezza” l’area e impedire alle au-
durante la guerra di secessione del 1861). Il nald Trump, che stava tenendo un discorso. tomobili di avvicinarsi. Al tramonto intorno
presidente Donald Trump, criticato aspra- Quattro persone sono state arrestate. Secondo a uno dei monumenti confederati della cit-
la versione del dipartimento di polizia di Phoe-
mente dopo aver dichiarato che a Charlot- tà si è scatenata una battaglia di urla e slo-
nix, gli agenti hanno caricato i manifestanti do-
tesville “la colpa è stata di entrambi gli po essere stati attaccati con pietre e lacrimoge-
gan, ma non ci sono stati episodi di violen-
schieramenti”, ha scritto un tweet il 19 ago- ni. I manifestanti sostengono invece che la poli- za. I poliziotti sorvegliavano la situazione
sto per “complimentarsi con tutti i manife- zia ha reagito in modo sproporzionato al lancio da vicino e gli elicotteri sorvolavano la zo-
stanti di Boston che si sono schierati contro di alcune bottiglie d’acqua. Arizona Republic, na. A un certo punto sono arrivate alcune
l’odio e il fanatismo. Il nostro paese tornerà The New York Times persone armate di fucili e in tuta mimetica.
Un rappresentante del gruppo, chiamato
Il corteo antirazzista a Boston, 19 agosto 2017 Texas Elite III%, ha detto che non facevano
parte di nessuno dei due schieramenti ma
erano lì per garantire la sicurezza.
In tutto il paese le autorità stanno cer-
cando di contenere la rabbia che accompa-
gna il dibattito sui monumenti confederati.
Il 20 agosto l’università di Duke, nel North
Carolina, ha annunciato di aver rimosso
una statua del generale confederato Robert
E. Lee dall’ingresso della cappella del cam-
pus di Durham. “Ho preso questa decisione
per proteggere la cappella e per garantire la
RyAN MCBRIDE (AFP/GETTy IMAGES)

sicurezza degli studenti, e soprattutto per


ribadire i valori dell’ateneo”, ha scritto il
rettore Vincent Price in un’email agli stu-
denti. Price ha precisato che la statua sarà
“conservata in modo che gli studenti possa-
no studiare il complesso passato della Duke
e creare un futuro senza conlitti”. u as

24 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Cile MESSICO

Giornalista
UESLEI MARCELINO (REUTERS/CONTRASTO)

Vittoria sull’aborto ucciso


Cándido Ríos, giornalista del
Santiago, 21 agosto 2017 Diario de Acayucan, è stato uc­
ciso a colpi d’arma da fuoco il 22
agosto a Hueyapan, nello stato
di Veracruz, davanti a un nego­
zio di alimentari. “Ríos è il nono
giornalista ucciso in Messico
VENEZUELA dall’inizio dell’anno”, scrive La
Il parlamento Jornada. Veracruz è uno degli
stati più pericolosi del paese – da
non c’è più gennaio sono state uccise 1.093
persone, una media di cinque al
ESTEBAN FELIx (AP/ANSA)

Il 18 agosto l’assemblea costi­ giorno – e quello dove la violen­


tuente del Venezuela, l’organo za contro i giornalisti è più fre­
eletto a inizio agosto su proposta quente: dal 2011 ne sono stati
del presidente Nicolás Maduro e uccisi diciassette. Il governo
che avrà il compito di riscrivere aveva messo Ríos in un pro­
la costituzione, ha votato a larga gramma di protezione. Secondo
“Una giornata storica per il Cile”, scrive The Clinic
maggioranza per appropriarsi la commissione statale di prote­
dei poteri del parlamento, con­ commentando la decisione della corte suprema di dare il
zione dei giornalisti, nel 2012
trollato dall’opposizione. “In re­ via libera alla legge sull’aborto approvata dal parlamento. Ríos aveva cominciato a denun­
altà da mesi il parlamento aveva La legge depenalizza l’aborto nei casi di stupro, rischio per ciare le minacce ricevute.
un potere solo simbolico, visto la vita della madre e difetti congeniti del feto che portano Giornalisti uccisi in Messico
che ogni suo atto veniva siste­ alla morte. I giudici hanno respinto il ricorso dei partiti di 10
maticamente bloccato dalla cor­ opposizione, che considerano la norma incostituzionale.
te suprema”, scrive El Univer-
Come osservano le Nazioni Unite, tre dei cinque paesi del 8
sal. “Ma secondo i partiti
dell’opposizione la decisione mondo in cui l’aborto è vietato in ogni circostanza si 6
dell’assemblea costituente è trovano in America Latina: Repubblica Dominicana, El
4
un’ulteriore dimostrazione Salvador e Nicaragua. Gli altri sono Malta e il Vaticano. u
dell’autoritarismo del governo

FONTE: CPJ
2
di Maduro”. Henrique Capriles,
leader dell’opposizione, ha det­ STATI UNITI za alleati. Poco dopo i militari 0
1994 2000 2005 2010 2017
to che “togliere i poteri a un par­
lamento legittimo equivale a un
La disfatta dell’amministrazione, tra cui il
consigliere per la sicurezza na­
colpo di stato”. Negli stessi gior­ di Steve Bannon zionale H. R. McMaster, hanno IN BREVE
ni Luisa Ortega (nella foto), ex cominciato a fargli la guerra per Guatemala Il 17 agosto sette
procuratrice generale che aveva “Steve Bannon esce di scena, e ridurre la sua inluenza in politi­ persone sono rimaste uccise
denunciato l’autoritarismo di con lui viene forse sconitta de­ ca estera. E alla ine è stato pro­ nell’assalto di un commando
Maduro, è scappata in Colombia initivamente la fazione populi­ prio un militare, il capo di gabi­ della gang Mara Salvatrucha in
con il marito, il parlamentare sta della Casa Bianca”, scrive netto John Kelly, a convincere un ospedale a Città del Guate­
Germán Ferrer. Ortega potreb­ The Atlantic. “Bannon ha co­ Trump che era arrivata l’ora di mala. L’obiettivo era liberare un
be chiedere asilo in Colombia o struito il messaggio elettorale liberarsi di Bannon. “Ma la sua detenuto ricoverato.
negli Stati Uniti. Nel frattempo nazionalista che ha permesso a cacciata non vuol dire che Stati Uniti Il 21 agosto il vicemi­
il governo del Cile ha concesso Donald Trump di mobilitare Trump metterà da parte il mes­ nistro degli esteri russo Anatolij
l’asilo politico a cinque magi­ l’elettorato conservatore. Ma saggio populista. Al contrario, in Antonov è stato nominato am­
strati venezuelani che alcune una volta arrivato alla Casa un momento in cui i rapporti basciatore a Washington. Pren­
settimane fa si sono rifugiati Bianca come consigliere strate­ con il Partito repubblicano sono de il posto di Sergej Kisliak, so­
nell’ambasciata cilena a Cara­ gico del presidente è entrato in sempre più diicili e mentre spettato di aver cercato di con­
cas. Prima che Ortega lasciasse conlitto con la fazione vicina al molte aziende prendono le di­ dizionare le elezioni presiden­
il paese è stata difusa una regi­ mondo degli afari e alla inanza stanze da Trump per non aver ziali statunitensi del 2016.
strazione in cui l’ex procuratrice – rappresentata da Jared Kush­ condannato il raduno neonazi­ Venezuela Trentasette perso­
sostiene di avere le prove del ner, genero di Trump, e da Ste­ sta di Charlottesville, è probabi­ ne sono morte il 16 agosto du­
coinvolgimento di Maduro nello ven Mnuchin, segretario al teso­ le che il presidente farà sempre rante un ammutinamento in un
scandalo che ha colpito l’azien­ ro ed ex banchiere della Gold­ più aidamento sulla retorica centro di detenzione preventiva
da brasiliana Odebrecht. man Sachs – e si è ritrovato sen­ identitaria e nazionalista”. nello stato di Amazonas.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 25


Asia e Paciico
Un minatore a Jalalabad, Afghanistan, dicembre 2016 saccheggio su scala industriale”. Le miniere
di piccole e medie dimensioni esistono, ma
molte non sono controllate dal governo e
arricchiscono potenti operatori locali, pri-
vando lo stato di entrate per un valore sti-
mato di 300 milioni di dollari.

Il nuovo grande gioco


Per far crescere l’interesse dell’amministra-
zione Trump verso il loro paese, i funziona-
NOOrULLAH SHIrzADA (AFP/GeTTy IMAGeS)

ri afgani insistono da mesi sulle riserve mi-


nerarie. “Trump è molto interessato al po-
tenziale economico dell’Afghanistan”, di-
chiarava a giugno l’ambasciatore afgano a
Washington, Hamdullah Mohib. A luglio,
durante un vertice, sembra che il presidente
americano abbia detto che gli Stati Uniti
avrebbero dovuto rivendicare una fetta del-
le ricchezze minerarie afgane in cambio
dell’assistenza di Washington a Kabul.
È facile capire perché il settore minera-
I minerali afgani rio sia così interessato all’Afghanistan. Se-
condo Leigh Fogelman, direttore della ban-
fanno gola a Washington ca Hannam & Partners di Londra, però, gli
investitori privati si muovono con i piedi di
piombo, e non ci sono soluzioni a portata di
mano. I costi per far uscire i minerali dal pa-
ese rimarranno proibitivi inché tutto il ter-
James Mackenzie, Reuters, Regno Unito
ritorio non sarà messo in sicurezza, cosa
Mentre annuncia l’invio mondo le nuove miniere di questo metallo che potrebbe richiedere ancora molti anni.
di altri soldati in Afghanistan, sono poche). Secondo un piano dei donatori concordato
Secondo alcuni studi l’Afghanistan po- nel 2012, entro il 2017 l’Afghanistan avreb-
Donald Trump valuta l’idea trebbe addirittura diventare “l’Arabia Sau- be dovuto incassare un miliardo di dollari
di usare le risorse minerarie dita del litio”, usato nei telefonini e nelle all’anno dal settore minerario, ma le attese
del paese per ripagare batterie delle auto elettriche. Ma l’assenza sono state ridimensionate e secondo le pro-
le spese degli Stati Uniti di infrastrutture essenziali (dalle strade ai iezioni del governo le entrate non supere-
collegamenti ferroviari necessari a esporta- ranno questa soglia prima del 2029. Nel
re i minerali), una corruzione pervasiva, 2017 le spese per la sicurezza saranno di 4,6
l presidente degli Stati Uniti Donald una burocrazia disordinata e la crescente miliardi di dollari, quasi un quarto del bi-

I Trump sta pensando di usare le risor-


se minerarie dell’Afghanistan per pa-
gare le spese sostenute per sedici anni
di guerra e per la ricostruzione, che am-
montano già a 117 miliardi di dollari. Gli
insicurezza che ha lasciato gran parte del
paese fuori dal controllo del governo di Ka-
bul hanno impedito di costruire un settore
minerario legale.
“Non ci sono obiettivi facili da raggiun-
lancio complessivo dello stato. u gim

Da sapere
Annunci e promesse
investitori che conoscono l’Afghanistan, gere in grado di innescare una crescita rapi-
uno dei paesi più pericolosi al mondo, dei- da e promuovere uno sviluppo sostenibile”, u Il 21 agosto 2017 il presidente statunitense
niscono la proposta un’utopia. si legge nel National peace and develop- Donald Trump ha annunciato la nuova strate-
Fin da quando, nel 2007, una ricerca ment framework, un documento redatto gia di Washington in Afghanistan, che prevede
dell’agenzia governativa Us geological sur- dal governo afgano nel 2016. I progetti più l’invio di altri militari, probabilmente quattro-
vey identiicò giacimenti con un valore sti- importanti, come quello della miniera di mila, in aggiunta agli 8.400 già schierati, e
mato intorno ai mille miliardi di dollari, rame di Mes Aynak, sviluppato da un con- “grandi iniziative diplomatiche ed economi-
che”. Trump ha anche promesso di fare più
funzionari afgani e stranieri sbandierano sorzio cinese, sono ancora in sospeso. Nel
pressioni su Islamabad perché s’impegni contro
l’importanza di queste riserve per l’indi- 2012 la britannica Afghan Gold and Mine-
i terroristi pachistani attivi in Afghanistan. Il
pendenza economica dell’Afghanistan. Ol- rals Company si è aggiudicata la concessio- presidente afgano Ashraf Ghani ha accolto po-
tre a giacimenti d’oro, argento e platino, il ne di un altro giacimento di rame a Balkhab, sitivamente le parole di Trump, mentre il Paki-
paese ha notevoli quantità di minerali fer- nel nord del paese. Per il resto, le risorse so- stan ha replicato dicendo di non voler essere
rosi, uranio, zinco, tantalio, bauxite, carbo- no state al centro di quello che l’economista usato da Washington come capro espiatorio per
ne, gas naturale e soprattutto rame (nel americano William Byrd ha deinito “un il suo fallimento in Afghanistan. Bbc

26 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


HONG KONG
India CINA

Joshua Wong Censura


in carcere Il triplo talaq è illegale senza frontiere
Il 20 agosto migliaia di persone Il 18 agosto la Cambridge Uni-
hanno manifestato a Hong Ghaziabad, India, 22 agosto 2017 versity Press, la casa editrice più
Kong in segno di solidarietà con vecchia del mondo, legata
i leader del movimento degli all’università di Cambridge, ha
ombrelli, condannati a pene da fatto sapere di aver accettato la
sAKIB ALI (HINDUstAN tIMEs vIA GEtty IMAGEs)

6 a 8 mesi di carcere. Joshua richiesta di un importatore cine-


Wong, Nathan Law e Alex Chow se di rendere inaccessibili in Ci-
erano stati condannati in primo na trecento articoli di the Chi-
grado ai servizi sociali per aver nese Quarterly. Altrimenti l’edi-
organizzato le proteste del 2014 trice non avrebbe più potuto
contro le interferenze cinesi nel- pubblicare nulla nel paese. La
la vita democratica di Hong notizia ha suscitato l’indigna-
Kong. La corte d’appello ha ac- zione degli studiosi di tutto il
colto il ricorso dell’amministra- mondo, tanto che il 21 agosto la
zione cittadina, secondo cui la casa editrice britannica è torna-
pena era troppo lieve. “Bisogna ta sui suoi passi.
smettere di inchinarsi a Pechi- La corte suprema indiana ha dichiarato incostituzionale il
no”, scrive Hong Kong Free triplo talaq, o divorzio istantaneo, la pratica con cui gli
Press, che parla di interferenze uomini musulmani possono sciogliere il matrimonio IN BREVE
del governo locale nel caso e de- semplicemente pronunciando tre volte la parola talaq Singapore Il 21 agosto la nave
nuncia le opinioni di natura po- (divorzio). In India è in corso da decenni una campagna da guerra statunitense Uss John
litica espresse dai giudici nella s. McCain è entrata in collisione
per vietare la pratica ma solo la sentenza, arrivata dopo
sentenza. Per il sito dell’emit- con una petroliera al largo della
tente HK01, l’amministrazione
che una donna nel 2016 si era rivolta all’alta corte, l’ha resa città stato. Dieci marine sono
dovrebbe tentare di paciicare la illegale. “È un primo passo”, scrive Scroll.it, “ma la strada morti. Il comandante della setti-
società civile sempre più divisa, per riformare le altre leggi di carattere religioso e ma lotta Joseph Aucoin è stato
magari con un’amnistia. migliorare la vita delle donne indiane sarà lunga”. u destituito.

Nepal mamente la grave condizione delle donne, le, ha avuto un ruolo. Oggi c’è una presen-
che hanno continuato a essere trattate co- za inedita di donne in parlamento, nei tri-
Le mestruazioni me intoccabili durante il periodo mestrua-
le; alcune di loro sono anche morte viven-
bunali, nelle amministrazioni e anche la
presidenza del paese è in mano a una don-
non rendono do isolate in condizioni sanitarie pessime e
senza protezione. Lo stato non è riuscito
na. Le norme che regolano il trasferimento
della proprietà sono più eque, anche se
le donne impure ad applicare la sentenza della corte. Cosa perfettibili.
ci garantisce che stavolta sarà diverso? Il Nepal è sul binario giusto, ma bisogna
La discriminazione contro le donne con vigilare sull’applicazione della nuova leg-
le mestruazioni è ampiamente praticata ge. La criminalizzazione del chhaupadi è
nel paese, anche nelle zone urbane. Il che qualcosa per cui festeggiare. Ma siamo an-
My Republica, Nepal
signiica che troppi nepalesi le considerano cora lontani dal trionfo deinitivo contro
l chhaupadi, la pratica di segregare le impure. Forse, grazie alla rapida moder- questa pratica. u

I donne con le mestruazioni in capan-


ne isolate, è ora un crimine in Nepal.
Dopo l’approvazione della proposta
di legge a metà agosto, chiunque applichi il
nizzazione della società, le future genera-
zioni riusciranno a sradicare questa men-
talità. Ma qualcosa si può cominciare a fare
già da ora. Oltre all’applicazione della leg-
PrAKAsH MAtHEMA (AFP/GEtty IMAGEs)

chhaupadi sarà punito con pene che vanno ge, bisogna avviare una campagna per far
da una multa di tremila rupie (24 euro) a tre capire alle persone il trauma isico e psico-
mesi di carcere. Era ora che questa pratica logico inlitto alle donne. Nell’ultimo de-
disumana fosse riconosciuta come reato, cennio il Nepal è riuscito a introdurre rifor-
ma c’è molto scetticismo sugli efetti della me che hanno ridotto le disparità sociocul-
nuova legge. Dopotutto la corte suprema turali ed economiche tra uomini e donne.
aveva già dichiarato illegale il chhaupadi Anche la caduta della monarchia, in molti
nel 2007, e questo non ha alleviato mini- sensi simbolo del vecchio ordine patriarca- Distretto di Surkhet, Nepal

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 27


Le opinioni

La guerra culturale
della destra americana
Paul Mason
e memorie del generale unionista Wil- dei leader politici sudisti. Tutti gli studi fatti dopo le

L liam Tecumseh Sherman sono una let- elezioni hanno rivelato che la coalizione di Trump ha
tura sgradevole. Nonostante combattes- conquistato consensi dopo che ha permesso a milioni
se per gli stati dell’Unione, Sherman si di persone di esprimere il loro razzismo e la loro vio-
oppose all’emancipazione degli schiavi, lenta misoginia. Eleggendo Trump, i suoi sostenitori
sabotò il tentativo di liberarli da parte hanno dichiarato una guerra culturale alla sinistra mo-
delle sue stesse truppe e li usò per costruire le sue for- derata e contro il movimento antirazzista Black lives
tiicazioni. Ma fece anche un’altra cosa che può servir- matter. L’atteggimento del presidente in seguito
ci da lezione, alla luce della marcia fascista di Charlot- all’omicidio di Heather Heyer, l’attivista antifascista
tesville: scatenò una guerra totale contro i suoi nemici investita dal suprematista James Alex Fields, non è ca-
degli stati del sud. Ordinò alle truppe di fare a pezzi suale. Alla Casa Bianca inoltre ci sono persone legate
chilometri di ferrovie, dare fuoco alle fattorie dei pro- all’estrema destra come Sebastian Gorka. L’intero
prietari di schiavi che facevano resistenza e bruciare movimento dei sostenitori di Trump alimenta il razzi-
Atlanta. smo, non lo combatte. Carl Paladino, imprenditore e
Dopo aver visto gli estremisti di destra che nei gior- sostenitore del presidente, di recente ha dichiarato
ni scorsi hanno silato per le strade di Charlottesville che Michelle Obama “dovrebbe tornare a essere un
con elmetti e fucili d’assalto, ovviamen- maschio ed essere abbandonata nella
te nessuno vorrebbe mai che gli Stati Gli studi fatti dopo savana dello Zimbabwe dove potrà vive-
Uniti sprofondassero in un’altra guerra. le elezioni hanno re con Maxie il gorilla”.
Ma i conlitti culturali che caratterizza- rivelato che Trump Nell’ultimo anno della guerra civile
no l’America di oggi ricordano in parte il ha conquistato il generale Sherman, pur essendo un
periodo precedente alla guerra civile. consensi dopo razzista, capì che l’unico modo per al-
Come ha fatto notare lo storico Allan che ha permesso lontanare la popolazione del sud dal suo
Nevins, alla ine degli anni cinquanta a milioni di persone modello economico basato sulla schia-
dell’ottocento l’America bianca era di esprimere vitù era distruggere le infrastrutture che
composta da “due popoli” culturalmen- lo sostenevano. Oggi sembra che non
il loro razzismo
te molto diversi e che avevano due mo- esista più alcuna infrastruttura del razzi-
delli economici contrapposti: l’industria
e la loro misoginia smo americano, ma non è così. Ci sono
e il libero mercato contro la mezzadria e le regole della polizia, secondo le quali
la schiavitù. I concetti che i confederati portavano con basta la presenza di un nero in un quartiere di bianchi
sé in battaglia hanno resistito ino a oggi: i diritti dei per fare una perquisizione, c’è la criminalizzazione dei
singoli stati contro il governo federale, la supremazia giovani neri attraverso il sistema giudiziario, c’è una
bianca, l’idea di una nazione fondata sulla religione. segregazione nascosta nella vita pubblica e ci sono gli
Non è un caso se queste idee sono sopravvissute. La atteggiamenti razzisti dei mezzi d’informazione, da
statua del generale confederato Robert E. Lee, che il Fox News ino ai programmi radiofonici locali.
comune di Charlottesville ha deciso di rimuovere, è Tutte le persone che hanno mostrato il loro volto
considerata un simbolo da difendere per i gruppi di durante le iaccolate fasciste hanno il diritto costitu-
estrema destra, che si sentono legittimati dalla vittoria zionale a esprimere la loro opinione. Ma usano anche
di Donald Trump alle elezioni di novembre. siti gestiti da aziende americane e hanno lavori, tele-
Con le bandiere confederate che a Charlottesville foni, contratti, conti bancari. Non c’è alcun diritto san-
sventolano accanto a quelle con le svastiche, i progres- cito dalla costituzione a usare le infrastrutture statuni-
sisti di tutto il mondo devono farsi una domanda: cosa tensi per organizzare delle violenze. E, al di là di tutto,
siamo pronti a fare per sconiggere la destra razzista? la principale istituzione che legittima le azioni violen-
Gli estremisti di destra hanno scatenato una guerra te dell’estrema destra è la presidenza Trump. PAUL MASON
culturale. “Questa comunità è di estrema sinistra”, ha Charlottesville è il campanello d’allarme per i pro- è un giornalista
britannico esperto di
dichiarato Jason Kessler, l’organizzatore della marcia gressisti di tutto il mondo. Che vi troviate in una città
economia. Collabora
Unite the right (Uniamo la destra), aggiungendo che universitaria o in una città multietnica colpita dalla
con il Guardian e con
gli abitanti di Charlottesville hanno “assimilato i prin- povertà, Kessler e i suoi alleati si stanno mobilitando Channel 4. In Italia
cìpi marxisti difusi nelle città universitarie che tendo- per punire la vostra comunità, responsabile di soste- ha pubblicato
no a dare la colpa di tutto ai bianchi”. Non è una richie- nere il “marxismo culturale”. Se qualcuno scatena una Postcapitalismo. Una
sta d’aiuto, è l’espressione della stessa ostilità cultura- guerra culturale contro di te, prima o poi ti devi difen- guida al nostro futuro
le alla modernità che possiamo ritrovare negli scritti dere. u as (Il Saggiatore 2016).

28 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Le opinioni

La principessa Diana
e il sessismo dei giornali
David Randall
n questi giorni siamo sommersi da program- Dodi al Fayed, a non indossare le cinture di sicurezza.

I mi televisivi e articoli dedicati alla principes- Se lo avessero fatto, visto che erano seduti entrambi
sa Diana Spencer, morta il 31 agosto 1997. I sul sedile posteriore di quella Mercedes, sarebbero
mezzi d’informazione non ci hanno rispar- sopravvissuti. Dopotutto la sua guardia del corpo la
miato nessun dettaglio della vita della princi- portava e, anche se era seduta davanti, non è morta. E
pessa: l’infanzia, i igli, la bulimia, i vestiti, le le leggende su Diana non iniscono qui: in questi anni
borsette, la dieta, i gioielli, gli amanti e, soprattutto, il si è detto che lei e Dodi si erano idanzati la sera prima
comportamento del principe Carlo e degli altri reali dell’incidente, che la sua tomba è vuota, che ha avuto
nei suoi confronti. Molte di queste cose le abbiamo già una storia con il iglio del presidente Kennedy e che
lette in occasione dei precedenti anni- quando è morta aspettava un iglio da
versari della morte. L’unica novità è sta- L’unico personaggio Fayed. È stato dimostrato che sono tutte
ta la pubblicazione, a luglio, del conte- a cui Diana sciocchezze, ma hanno continuato a cir-
nuto di alcuni nastri registrati dalla per- è paragonabile colare lo stesso.
sona che le insegnava a parlare in pub- è l’attrice Marilyn Sia Marilyn sia Diana sono morte
blico. In queste registrazioni Diana di- Monroe, che a 55 giovani, quando la loro bellezza era an-
chiarava che lei e Carlo si erano visti solo anni dalla morte cora intatta, quindi gli articoli potevano
tredici volte prima di sposarsi, che prima è ancora capace essere accompagnati da immagini afa-
che il loro matrimonio andasse all’aria il scinanti. Non sarebbe stato lo stesso se
d’ispirare libri,
principe voleva fare sesso solo ogni tre avessero vissuto abbastanza da diventa-
“rivelazioni”
settimane e che, quando lo aveva messo re vecchie. Dubito che Diana suscitereb-
alle strette a proposito della sua frequen-
e articoli di giornale be ancora tanta attenzione se somiglias-
tazione con Camilla Shand, aveva rispo- se a Camilla e che Marilyn incanterebbe
sto che si “riiutava di essere l’unico principe di Galles ancora i lettori senza le sue curve. Nei mezzi d’infor-
senza un’amante”. mazione domina quello che io chiamo il “fascismo
L’ossessione dei mezzi d’informazione di tutto il della bellezza”: l’attrazione che il direttore, maschio,
mondo per Diana Spencer non è diminuita, anche se prova per il protagonista di una notizia determina
solo i lettori che hanno più di trent’anni si ricordano quello che si pubblica e quanto spazio gli viene dato. I
bene quanto era famosa la principessa negli anni no- giornalisti mi parlano spesso di articoli riiutati da un
vanta. A vent’anni dalla sua morte, il suo viso e il suo giornale perché il direttore pensava che la persona al
nome su un giornale o sulla copertina di una rivista centro delle notizie non fosse abbastanza sexy o abba-
fanno vendere ancora molte copie. L’unico personag- stanza ricca.
gio a cui è paragonabile è l’attrice Marilyn Monroe, che Con Diana non c’è mai stato questo pericolo. L’ho
a 55 anni dalla sua morte è ancora capace di ispirare incontrata e aveva quel magnetismo che faceva girare
articoli, “rivelazioni”, e libri (su di lei ne sono stati tutti gli sguardi dalla sua parte. Non le ho mai parlato,
pubblicati di più che su qualsiasi altra donna in tutta la ma ho conosciuto diverse persone che partecipavano
storia). In vita (e in morte), queste due donne sono sta- ai pranzi che organizzava all’inizio degli anni ottanta.
DAVID RANDALL
te (e sono) trattate dai giornali e dalle televisioni non Dicevano tutti che a tavola lanciava agli uomini lunghi
è stato senior editor
solo come celebrità, ma come leggende. sguardi sotto quella sua frangetta che gli facevano cre- del settimanale
Il fascino che esercitano è dovuto in parte al fatto dere, in un momento di follia, che fosse interessata a Independent on
che entrambe sono morte in circostanze così strane da loro. Solo alcuni egocentrici erano convinti che stesse Sunday di Londra. Ha
alimentare le teorie del complotto. Le circostanze del lirtando davvero con loro, gli altri erano arrivati alla scritto quest’articolo
suicidio di Marilyn, combinate con i suoi rapporti con conclusione che fosse un’abitudine inconscia. Era sta- per Internazionale. Il
il presidente Kennedy e suo fratello Robert, hanno fat- ta un’adolescente insicura iglia di separati e sembra suo ultimo libro è
to nascere delle ipotesi di omicidio. E la grande popo- che lo sia sempre rimasta. Sogni d’oro. Un viaggio
larità di Diana dopo il divorzio, a discapito della fami- Marilyn Monroe – iglia illegittima, adottata, vio- afascinante nella
misteriosa scienza del
glia reale, ha suscitato il sospetto che l’incidente d’au- lentata da piccola – aveva le stesse fragilità. Questo,
sonno (Sonzogno
to nel quale è morta non sia stato un incidente. secondo me, è il motivo per cui i giornalisti sono così
2016). David Randall
Io non ci ho mai creduto. L’autista era spericolato, ossessionati da Diana e Marilyn. Corrispondono sarà al festival di
e forse ubriaco, e quelli che credono alla teoria all’idea misogina che i direttori dei giornali si fanno di Internazionale a
dell’omicidio mi devono spiegare come avrebbero fat- alcune donne: belle, emotivamente immature, ses- Ferrara dal 29
to gli assassini (sempre identiicati come uomini dei sualmente travolgenti e vulnerabili. Forse non è sessi- settembre al 1
servizi segreti) a convincere Diana e il suo amante, smo consapevole, ma è comunque sessismo. u bt ottobre.

30 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Il festival
dei bambini
Foto, gioco e fantasia Foto di gruppo Profumo di banane
(dai 4 anni) (dai 7 anni) (4-6 anni)
Laboratorio fotograico a cura Storie di diversità e accoglienza, Cosa nasconde la vecchia cassetta
dell’associazione culturale a cura della cooperativa Le pagine. con la scritta “Panama”? A cura
Wsp photography e della In collaborazione con librerie.coop della cooperativa Le pagine, in
cooperativa Diversamente con la e Coop Alleanza 3.0 collaborazione con librerie.coop
collaborazione di Rosy Sinicropi sabato 30 settembre, 15.00-16.30 e Coop Alleanza 3.0
venerdì 29 settembre, 16.30-18.30 domenica 1 ottobre, 15.30-17.00
Io sono così
In viaggio con gli antenati (4-6 anni) Mimetizziamoci
(4-6 anni) Letture e laboratorio a cura (dai 7 anni)
Creare e giocare con materiali dell’associazione Scosse Giocare con le forme e i colori.
naturali, a cura della cooperativa sabato 30 settembre, 15.30-17.00 A cura di servizi educativi del
Le pagine Palazzo delle Esposizioni di Roma
venerdì 29 settembre, 17.00-18.30 Storie di facce domenica 1 ottobre, 15.30-17.00
(dai 4 anni)
Tommaso Moro Laboratorio di fumetto a cura u I laboratori sono gratuiti e per
incontra Godzilla di Canicola bambini un massimo di venti partecipanti.
(dai 7 anni) sabato 30 settembre, 17.30-19.00 Iscrizioni mezz’ora prima
Come nasce e cresce una città dell’inizio, presso il luogo in cui si
e quali relazioni uniscono luoghi Scopri il mondo
svolge il laboratorio.
e persone? A cura di Ludosoici (4-6 anni)
sabato 30 settembre, 10.30-12.30 Come si disegna una mappa? u Durante i giorni del festival, alle
A cura di Zetalab in collaborazione grotte del cinema Boldini, dalle
I coccodrilli del Po con Montura 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19, sarà
(4-6 anni) domenica 1 ottobre, 10.30-12.30 allestito uno spazio dedicato a
Creare e giocare con materiali genitori e bambini di ogni età, dove
naturali, a cura della cooperativa Prestami le ali
poter giocare e svolgere attività
Le pagine (dai 7 anni)
creative. A cura della cooperativa
sabato 30 settembre, 11.00-12.30 Letture e laboratorio con Igiaba
Le pagine. Ingresso libero
Scego, in collaborazione con la
cooperativa Le Pagine
domenica 1 ottobre, 11.00-12.30

Tutte le informazioni su internazionale.it/festival/bambini


In copertina

Tutte
le ombre
del caso
Regeni
Declan Walsh, The New York Times Magazine, Stati Uniti
I depistaggi egiziani nelle indagini sull’omicidio del ricercatore
italiano avvenuto all’inizio del 2016. Il potere degli apparati di
sicurezza di Al Sisi. Le informazioni dell’intelligence statunitense.
Gli interessi economici italiani in Egitto. Un’inchiesta del New York
Times ha ricostruito l’intera vicenda

32 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


n quel giorno di novembre del 2015 re in particolare i sindacati indipendenti moda, ma era ad appena due fermate di

I l’obiettivo della polizia del Cairo


erano gli ambulanti che vendeva-
no calzini, occhiali da sole da due
dollari e bigiotteria, e si erano ac-
calcati sotto i portici degli eleganti
ediici del quartiere di Heliopolis. Blitz si-
mili erano abbastanza frequenti, ma quegli
ambulanti stavano occupando una zona
particolarmente delicata. A un centinaio di
egiziani, che con una serie di scioperi senza
precedenti, a partire dal 2006, avevano pre-
parato la popolazione alla rivolta contro
Mubarak. Dopo il fallimento della primave-
ra araba, Regeni vedeva quei sindacati co-
me l’unica fragile speranza per la maltratta-
ta democrazia egiziana. Dopo il 2011 il nu-
mero dei sindacati era notevolmente au-
mentato, passando da quattro a qualche
metropolitana dal centro del Cairo, dal labi-
rinto di alberghi economici, bar squallidi e
condomini fatiscenti intorno a piazza
Tahrir. Regeni aveva fatto subito amicizia
con scrittori e artisti e praticava il suo arabo
all’Abou Tarek, l’emporio di quattro piani
con le insegne al neon che è il posto più fa-
moso in città per mangiare il koshari, il piat-
to tradizionale egiziano a base di riso, pasta
metri da lì c’è il palazzo riccamente decora- migliaio. C’erano sindacati per tutte le cate- e lenticchie.
to in cui il presidente egiziano Abdel Fattah gorie: macellai e maschere dei cinema, sca- Passava ore a intervistare gli ambulanti
al Sisi, l’uomo forte proveniente dall’eserci- vatori di pozzi e minatori, addetti a incas- di Heliopolis e del piccolo mercato dietro la
to, riceve i ministri e i capi di stato stranieri. sare le bollette del gas, e comparse delle stazione Ramses. Per conquistare la loro
Mentre raccoglievano in fretta la loro mer- scadenti telenovele che la tv trasmetteva iducia, mangiava nelle stesse sudicie ban-
ce dai tappeti e negli androni per scappare, durante il mese del ramadan. C’era perino carelle. Il suo tutor all’università americana
gli ambulanti avevano un aiutante impro- un sindacato indipendente dei nani. Gui- lo aveva avvertito che rischiava un’intossi-
babile: un ricercatore italiano di nome Giu- dato dalla sua tutor, una stimata docente di cazione alimentare, ma a lui non importa-
lio Regeni. Cambridge che nei suoi articoli aveva va: scivolava per le vie del Cairo con tran-
Era arrivato al Cairo qualche mese pri- espresso un giudizio negativo su Al Sisi, quilla determinazione.
ma per fare una ricerca per il suo dottorato Regeni aveva scelto di occuparsi degli am- Per caso Valeriia Vitynska, una ragazza
a Cambridge, nel Regno Unito. Figlio di un bulanti, ragazzi provenienti da villaggi lon- ucraina conosciuta a Berlino quattro anni
rappresentante di commercio e di un’inse- tani che si guadagnavano a stento da vivere prima, era arrivata in città per lavoro. Si era-
gnante di un paese vicino a Trieste, Giulio sui marciapiedi del Cairo. Si era immerso no rivisti. “Era più bella di quanto ricordas-
Regeni era un ragazzo di 28 anni, di sini- in quel mondo sperando di riuscire a capire si”, aveva scritto in un messaggio a un ami-
stra, afascinato dallo spirito rivoluziona- se il loro sindacato era in grado di innesca- co. Erano andati insieme sul mar Rosso, e
rio della primavera araba. Nel 2011, quan- re un cambiamento sociale e politico. quando lei era tornata a Kiev, avevano man-
do erano cominciate le manifestazioni di Ma nel 2015, quel tipo di immersione tenuto vivo il rapporto tramite Skype. “Era
piazza Tahrir che avrebbero portato alla culturale, tanto cara ai nuovi arabisti, non bellissimo e molto intenso”, mi ha detto Paz
destituzione del presidente egiziano Hosni era più così facile. Sul Cairo era scesa una Zárate, un’amica di Giulio. “Lui era così fe-
Mubarak, stava completando gli studi in cappa di sospetto. La stampa era stata im- lice, così pieno di speranze per il futuro”.
scienze politiche e arabo all’università di bavagliata, avvocati e giornalisti venivano Ma Regeni era anche consapevole dei
Leeds. Nel 2013 era al Cairo per uno stage regolarmente minacciati e i cafè del centro pericoli del Cairo. “È molto deprimente”,
presso un’agenzia delle Nazioni Unite, brulicavano di informatori. La polizia aveva aveva scritto a Goyder un mese dopo il suo
quando una seconda ondata di proteste fatto irruzione nell’ufficio in cui Regeni arrivo. “Sono tutti coscienti dei giochi die-
aveva spinto i militari a deporre il nuovo conduceva le sue interviste. Sulle reti tele- tro le quinte”. A dicembre aveva partecipa-
presidente islamista, Mohamed Morsi, e a visive controllate dal governo circolavano to a una riunione di attivisti del sindacato
mettere al suo posto Al Sisi. Come molti regolarmente voci di complotti stranieri. nel centro della città e l’aveva raccontata,
egiziani diventati ostili al governo troppo usando uno pseudonimo, in un articolo per
radicale di Morsi, Regeni aveva approvato Il sindacato degli ambulanti una piccola agenzia di stampa italiana. Du-
il cambiamento. “Fa parte del processo ri- Regeni non si era lasciato scoraggiare. Par- rante la riunione, aveva detto agli amici di
voluzionario”, aveva scritto a un amico in- lava cinque lingue, aveva una curiosità in- aver notato una ragazza velata che lo foto-
glese, Bernard Goyder, all’inizio di agosto saziabile ed emanava un fascino discreto grafava con il cellulare. Era rimasto scon-
del 2013. Poi a meno di due settimane di che gli permetteva di avere una vasta cer- certato. Si era lamentato, sempre con i suoi
distanza le forze di sicurezza di Al Sisi ave- chia di amicizie. Dai 12 ai 14 anni era stato amici, del fatto che alcuni ambulanti gli
vano ucciso in un giorno ottocento sosteni- sindaco dei giovani del paese dov’era nato, chiedevano insistentemente regali, come
tori di Morsi, nel peggior massacro com- Fiumicello, in Friuli-Venezia Giulia. Era ie- un cellulare nuovo. Poi il rapporto con il suo
messo dallo stato nella storia egiziana. Era ro della sua capacità di muoversi all’interno contatto principale, un uomo robusto sulla
l’inizio di una lunga spirale di repressione. di culture diverse, e adorava la turbolenta quarantina di nome Mohammed Abdallah,
Poco dopo Regeni era ripartito per l’Inghil- vita di strada della capitale egiziana: i cafè aveva preso una strana piega.
terra, dove aveva cominciato a lavorare per fumosi, l’attività febbrile, le barche color Abdallah, che prima di diventare capo
la Oxford Analytica, una società privata di pastello che scivolano sul Nilo di notte. Si del sindacato degli ambulanti aveva lavora-
analisi strategiche. era iscritto come ricercatore ospite all’Uni- to per una decina di anni nella distribuzione
Anche se da lontano, Regeni seguiva versità americana del Cairo e aveva trovato di un tabloid della capitale, era la sua guida,
con attenzione il comportamento del go- una stanza a Dokki, un quartiere sofocato gli dava consigli e lo presentava agli uomini
verno Al Sisi. Scriveva articoli sul Nordafri- dal traico tra le piramidi e il Nilo. Divideva che poteva intervistare. Una sera, all’inizio
ca, analizzando le tendenze politiche ed l’appartamento con due giovani professio- di gennaio del 2016, si erano incontrati in
economiche, e dopo un anno aveva messo nisti: Juliane Schoki, che insegnava tede- un ahua – un cafè dove gli uomini vanno a
da parte abbastanza soldi per iscriversi al sco, e Mohamed el Sayad, un avvocato che fumare il narghilè – vicino alla stazione
dottorato di ricerca in sociologia dello svi- collaborava con uno dei più antichi studi Ramses. Bevendo un tè, avevano discusso
luppo a Cambridge. Aveva deciso di studia- della città. Dokki non era un quartiere alla di una “borsa di studio” di diecimila sterli-

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 33


In copertina
Il Cairo. Il luogo alla periferia della capitale dov’è stato trovato il corpo di Giulio Regeni
THE NEw YORK TIMES SYNDICATION/REDUx

ne (11mila euro) oferta da un’organizzazio- sera aveva pensato di poter lasciare l’appar- curezza. Ma mentre il paese scivolava nel
ne non proit britannica chiamata Antipode tamento. Un amico italiano lo aveva invita- disordine postrivoluzionario, i discorsi ri-
foundation. Regeni si era oferto di presen- to alla festa di compleanno di un egiziano di formisti erano andati perduti. Quando nel
tare la domanda. Abdallah aveva un’altra sinistra. Avevano deciso di incontrarsi in un 2013 era salito al potere Al Sisi, era apparso
idea. Gli chiese se quella cifra poteva essere cafè vicino a piazza Tahrir. chiaro che ben poco era cambiato.
usata per “progetti di liberazione”, per l’at- Prima di uscire Regeni aveva ascoltato La Sicurezza di stato ora si chiamava
tivismo politico contro il governo egiziano. una canzone dei Coldplay, A rush of blood to Agenzia per la sicurezza nazionale, ma era
No, non era possibile, aveva risposto con the head e alle 19.41 aveva scritto a Vitynska. rimasta sotto il controllo del potente mini-
fermezza Regeni. E Abdallah da quel mo- “Sto uscendo”. La fermata della metropoli- stero dell’interno, dove si riteneva che lavo-
mento aveva cambiato tono. Sua iglia ave- tana era vicina. Alle 20.18 Regeni non era rassero almeno un milione e mezzo tra po-
va bisogno di un’operazione e sua moglie ancora arrivato a destinazione. Il suo amico liziotti, agenti della sicurezza e informatori.
aveva un tumore. Avrebbe fatto “qualsiasi italiano aveva cominciato a cercare di con- Alcuni uiciali che erano stati rimossi erano
cosa” per soldi. Esasperato e al limite del tattarlo, all’inizio con i messaggi, poi telefo- stati reintegrati e le stanze della tortura era-
suo arabo, Regeni aveva cominciato a gesti- nandogli freneticamente. no state riaperte. I leader dell’opposizione,
colare in modo teatrale. “Mish mumkin”, temendo l’arresto, avevano lasciato il pae-
aveva detto. Non è possibile. “Mish profes- Le stanze della tortura se. Le organizzazioni per la difesa dei diritti
sionale”. Tra le promesse più inebrianti della prima- umani avevano cominciato a contare gli
Due settimane dopo, nel quinto anni- vera araba c’era stata la speranza che il de- “scomparsi” – oppositori svaniti nel nulla
versario della rivolta del 2011, la città era testato apparato di sicurezza egiziano sa- mentre erano sotto custodia senza essere
blindata. Piazza Tahrir era deserta fatta ec- rebbe stato smantellato. A marzo del 2011, stati uicialmente arrestati né processati –
cezione per un centinaio di sostenitori del nei primi mesi della rivolta, gli egiziani ave- ino a quando anche i difensori dei diritti
governo portati lì con i pullman per agitare vano preso d’assalto il quartier generale umani avevano cominciato a scomparire.
i cartelli a favore di Al Sisi e scattare selie della Sicurezza di stato (i servizi segreti in- Oggi l’Egitto è probabilmente un paese
con gli agenti antisommossa. I servizi di si- terni), il principale apparato della repressio- più duro di quanto non lo fosse sotto Muba-
curezza avevano cercato potenziali conte- ne nell’era di Mubarak, e ne erano usciti con rak. Dopo aver preso il potere, nel 2014 Al
statori per settimane, facendo irruzione liste di informatori, copie di foto di gente Sisi è stato eletto presidente con il 97 per
negli appartamenti e nei cafè. Come quasi sorvegliata e trascrizioni di intercettazioni cento dei voti. Il parlamento è pieno di suoi
tutti i gli abitanti del Cairo, Regeni aveva telefoniche. Alcuni avevano trovato addi- sostenitori e le prigioni piene di suoi oppo-
passato la giornata a casa, lavorando e rittura le proprie fotograie. Molti chiedeva- sitori: secondo la maggior parte delle stime,
ascoltando musica. Poi, quando era scesa la no una riforma radicale del settore della si- in carcere ci sono quarantamila persone.

34 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Quasi tutte appartengono all’organizzazio- informatori, rimane la più visibile. I suoi ri- nale”. Uno studente francese era stato
ne, dichiarata fuorilegge, dei Fratelli mu- vali emergenti sono i servizi segreti militari, espulso per aver intervistato alcuni militan-
sulmani, il gruppo islamista fondato nel che tradizionalmente si sono sempre tenuti ti per la democrazia. I referenti accademici
1928, ma sono stati imprigionati anche av- alla larga dalla politica, ma con Al Sisi, che di Regeni gli avevano consigliato di evitare
vocati, giornalisti e operatori umanitari. Al ne è stato il direttore dal 2010 al 2012, han- i contatti con i Fratelli musulmani. “La si-
Sisi giustiica questi provvedimenti facendo no allargato il loro raggio d’azione. Poi ci tuazione qui non è facile”, aveva scritto Re-
leva sul pericolo dell’estremismo. Il gruppo sono i Servizi segreti generali, l’equivalente geni in un messaggio a un amico un mese
Stato islamico attacca i soldati egiziani nel egiziano della Cia. Potentissimi sotto Mu- dopo il suo arrivo. Ma nel complesso, come
Sinai dal 2014. Quest’anno ha mandato at- barak, oggi sono ritenuti meno importanti. mi ha detto la sua tutor, Regeni era convinto
tentatori suicidi in diverse chiese copte, Messe insieme, queste agenzie esercita- che il suo passaporto lo avrebbe protetto.
uccidendo decine di persone. Molti egiziani no un’inluenza spropositata. Possiedono L’unica paura che aveva era quella di essere
temono che senza il pugno di ferro il loro reti televisive, controllano i parlamentari e rispedito a Cambridge prima di aver com-
paese, di 93 milioni di abitanti, potrebbe si occupano anche di affari. I loro agenti pletato la sua ricerca.
diventare la prossima Siria, Libia o Iraq. pattugliano le strade e internet. Sono loro a Una settimana dopo la scomparsa di Re-
Quasi tutte le élite del paese, per timore dei decidere cosa è ammissibile e cosa non lo è geni, l’ambasciatore italiano al Cairo Mau-
disordini che seguirono alla primavera ara- nella società egiziana. Questo rende l’Egit- rizio Massari ebbe un presentimento. Folti
ba, sono decisamente dalla parte di Al Sisi. to un posto molto pericoloso per capelli grigi e fascino discreto,
Molti intellettuali, delusi dal breve esperi- chi lo critica: basta una mossa Massari popolare nell’ambiente
mento democratico, ammettono di non sbagliata o perfino una battuta diplomatico del Cairo. Gli piace-
avere più idee. avventata (ci sono state persone va ospitare studiosi e politici egi-
Al Sisi, che non è ailiato a nessun parti- arrestate a causa dei loro post su ziani, e durante i weekend guar-
to politico, trae la sua autorità dalle igure Facebook) per provocare un arre- dava le partite di calcio con l’am-
più riverite dello stato – i generali, i giudici e sto o il divieto di lasciare il paese. Amnesty basciatore statunitense Robert Stephen
i vertici della sicurezza – che sono sempre international calcola che le persone scom- Beecroft. Ma ora camminava nervosamen-
più potenti. Secondo un ambasciatore occi- parse siano circa 1.700 e aferma che le ese- te per i lunghi corridoi di marmo dell’amba-
dentale, con il quale ho parlato lo scorso in- cuzioni sommarie sono piuttosto comuni. sciata italiana afacciata sul Nilo.
verno, ma che ha chiesto di rimanere ano- Nel 2015, quando Regeni tornò al Cairo,
nimo perché non è autorizzato a discutere si pensava che per gli stranieri le regole fos- Nessuno sapeva nulla
di questo argomento, il principio guida del- sero diverse. Era vero che qualcuno di loro La notizia della scomparsa di Regeni aveva
lo stato di polizia instaurato da Al Sisi è evi- era inito nei guai. All’inizio di quell’anno, il cominciato a circolare in città. Gli amici del
tare che si ripeta quello che è successo nel giornalista australiano Peter Greste, di Al ricercatore avevano lanciato una campagna
2011. Mubarak negli ultimi dieci anni della Jazeera, era stato liberato dopo tredici mesi online con l’hashtag #whereisgiulio. I suoi
sua presidenza aveva fatto delle concessio- di prigione per “danni alla sicurezza nazio- genitori erano arrivati dall’Italia e stavano
ni. I Fratelli musulmani avevano conquista- nel suo appartamento di Dokki. Girava vo-
to un quinto dei seggi in parlamento, la ce che Regeni fosse stato rapito da un grup-
stampa godeva di una certa libertà, alcuni Da sapere po di estremisti islamici, una prospettiva
scioperi erano stati consentiti anche se mal- terriicante perché sei mesi prima un inge-
volentieri. Ma niente di tutto questo lo ave-
Cronologia gnere croato rapito alla periferia del Cairo
va salvato, anzi, secondo i funzionari di Al u 25 gennaio 2016 Giulio Regeni scompare al era stato decapitato dal gruppo Stato isla-
Sisi, la sua indulgenza ne aveva accelerato Cairo. Il 3 febbraio il suo corpo viene trovato mico. L’ansia dell’ambasciatore aumentò
la caduta. La lezione era chiara: “Cedere alla periferia della capitale egiziana. dopo la risposta delle autorità egiziane.
anche solo di un centimetro è un errore”, mi u 8 febbraio I risultati dell’autopsia fatta in L’uicio dei servizi segreti italiani presso
ha detto l’ambasciatore, e ha elencato le ca- Italia indicano che Regeni è stato torturato. l’ambasciata non aveva scoperto nulla,
ratteristiche del regime di Al Sisi: “La segre- u 24 febbraio Il governo egiziano dichiara che quindi aveva contattato il ministro degli
il ricercatore è stato ucciso da criminali comuni
tezza, la paranoia e la convinzione che per esteri egiziano, il ministro della produzione
o per vendetta. Per la procura di Roma è stato
afermare il proprio potere bisogna apparire militare e la consigliera per la sicurezza na-
ucciso da “professionisti della tortura”.
forti, non mostrare nessuna debolezza né u 10 aprile L’ambasciatore italiano in Egitto zionale di Al Sisi, Fayza Abul Naga. Soste-
costruire ponti”. Maurizio Massari viene richiamato in Italia. nevano tutti di non sapere nulla di Regeni.
Decifrare il funzionamento interno del- u 9 settembre Gli inquirenti egiziani L’incontro più inquietante fu quello con
le tre principali agenzie per la sicurezza egi- consegnano ai colleghi italiani la relazione sul il potente ministro dell’interno Magdi Ab-
ziane è diventata una issazione degli osser- traico telefonico nell’area in cui Regeni è del Ghafar, che aspettò sei giorni prima di
vatori dell’Egitto. “Non c’è la minima tra- scomparso. dare un appuntamento a Massari e poi ri-
sparenza, sono scatole nere”, mi ha detto u 23 gennaio 2017 L’Egitto accetta l’invio di mase impassibile mentre il diplomatico
Michael wahid Hanna, della Century esperti italiani nel paese per le indagini sulla italiano gli chiedeva aiuto. Massari se ne
morte di Giulio Regeni.
foundation, un istituto di studi politici con andò perplesso. Abdel Ghaffar, per qua-
u 14 agosto Il governo italiano annuncia
sede a New York. “Ma qualcosa s’intuisce”. rant’anni nei servizi di sicurezza, aveva un
l’invio al Cairo del nuovo ambasciatore in
Le agenzie per la sicurezza sono fedeli ad Al Egitto, Giampaolo Cantini. esercito di informatori sparsi per le strade
Sisi, mi ha spiegato Hanna, ma sono sem- u 16 agosto I genitori di Giulio Regeni del Cairo. Come poteva non sapere nulla?
pre in concorrenza tra loro. L’Agenzia per la criticano la decisione e annunciano che La polizia avviò un’indagine ma sem-
sicurezza nazionale, che si ritiene abbia andranno presto in Egitto per fare pressioni sul brava seguire piste strane. Quando interro-
centomila dipendenti e almeno altrettanti governo di Al Sisi. garono Amr, un professore universitario di

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 35


In copertina
sinistra amico di Regeni, che ha chiesto di giù e macchiato di sangue. Era quello di uomo nerboruto che fuma una sigaretta
non pubblicare il suo cognome per timore Regeni. dietro l’altra, era appollaiato dietro una scri-
di rappresaglie, gli agenti gli chiesero più Massari si precipitò all’hotel Four Sea- vania in stile Luigi xIV coperta di carte e
volte se Giulio era gay. “Gli dissi che aveva sons, dove alloggiava Guidi, e insieme tele- tazze di cafè bevute a metà.
una ragazza”, mi ha raccontato Amr quan- fonarono a Renzi e al ministro degli esteri Nelle prime ore dopo l’inizio dell’inchie-
do abbiamo preso un caffè insieme nel Paolo Gentiloni. Annullarono il ricevimen- sta, Nagy parlò con sorprendente franchez-
quartiere di Maadi, dove abita. “E un altro to, rimandando a casa gli ospiti senza spie- za. Disse ai giornalisti che Regeni aveva
agente insisteva: ‘È sicuro che sia etero? gazioni. Poi l’ambasciatore e la ministra subito una “morte lenta” e ammise un pos-
Magari è uno di quei bisessuali’. Io gli rispo- andarono nell’appartamento di Regeni a sibile coinvolgimento della polizia: “Non lo
si: ‘Dovreste trovarlo e basta’”. Dokki, dove si trovavano i suoi genitori. escludiamo”, disse. Ma poco dopo afermò
La crisi fu aggravata dall’arrivo di un’im- Quando Massari abbracciò Paola Defendi, che Regeni era morto in un incidente d’au-
portante delegazione commerciale italia- la madre di Giulio, lei capì che i suoi peggio- to. Sui giornali e in tv trovarono spazio teo-
na. Fin dal 1914 l’Italia manteneva rapporti ri timori erano confermati. “È inita”, avreb- rie fantasiose: Regeni era gay ed era stato
diplomatici con l’Egitto, anche se altri paesi be poi dichiarato alla stampa. “La felicità assassinato da un amante geloso. Era un
avevano preso le distanze dal paese. Era il della nostra famiglia è durata così poco”. drogato o una pedina dei Fratelli musulma-
suo principale partner commerciale in Eu- ni. Era una spia. Secondo alcuni articoli il
ropa – più di cinque miliardi di euro di scam- L’Italia aveva suo lavoro per la Oxford Analytica, che è
stata fondata da un ex funzionario dell’am-
bi nel 2015 – e Roma era iera dei suoi stretti
rapporti con Il Cairo. Nel 2014, quando era continuato a vendere ministrazione Nixon, era un probabile indi-
presidente del consiglio, Matteo Renzi era armi e sistemi di zio del fatto che era alle dipendenze della
Cia o dei servizi segreti britannici. Durante
stato il primo leader occidentale ad acco-
gliere Al Sisi nel suo paese, e l’Italia aveva sorveglianza all’Egitto una conferenza stampa il ministro dell’in-
continuato a vendere armi e sistemi di sor- terno Abdel Ghafar respinse l’ipotesi che
veglianza all’Egitto anche se le prove delle Massari arrivò all’obitorio di Zeinhom, Regeni fosse stato trattenuto dalle forze di
sue violazioni dei diritti umani erano sem- al centro del Cairo, dopo mezzanotte, ac- sicurezza. “Ma certo che no!”, disse. “Que-
pre di più. compagnato da alcuni dipendenti dell’am- sta è la mia ultima parola sull’argomento.
Il giorno dopo l’incontro dell’ambascia- basciata, tra cui un poliziotto. All’inizio, il Non è così”.
tore Massari con il ministro dell’interno personale dell’obitorio non volle lasciarli
egiziano, la ministra dello sviluppo econo- entrare. “Aprite la porta!”, gridò l’amba- Far passare il tempo
mico italiana, Federica Guidi, arrivò al Cai- sciatore, visibilmente agitato. Alla ine lo L’uicio di Nagy era fresco e buio, le inestre
ro insieme a trenta imprenditori italiani, condussero in una stanza gelida dove il cor- erano chiuse e l’aria usciva da un rumoroso
sperando di irmare contratti nei settori del- po di Regeni giaceva su un tavolo di metal- condizionatore. Con i capelli pettinati
le costruzioni, dell’energia e delle armi. Ma lo. Aveva la bocca aperta e i capelli impasta- all’indietro e un sorrisetto sulle labbra,
Regeni era diventato la priorità. Il gruppo ti di sangue. Gli mancava un dente davanti Nagy ostentava sicurezza. Ma la spavalde-
andò subito al palazzo presidenziale di Al e altri erano scheggiati o rotti, come se fos- ria che aveva dimostrato sul caso Regeni
Ittihadiya. Mesi prima Regeni aveva assisti- sero stati colpiti con un oggetto era sparita. Ha risposto alle mie
to gli ambulanti durante il raid della polizia pesante. La pelle era coperta di domande in tono cortese ma eva-
all’esterno dell’entrata posteriore di quel bruciature di sigarette e aveva sivo, accendendo una sigaretta
palazzo. A Massari e Guidi fu concesso un una serie di profonde ferite sulla dietro l’altra. “Alcuni casi di omi-
colloquio privato con Al Sisi, che ascoltò le schiena. Il lobo dell’orecchio de- cidio rimangono irrisolti”, ha
loro preoccupazioni. Ma anche lui, come stro era stato tagliato e le ossa dei concluso dopo trenta minuti di
già aveva fatto il ministro dell’interno, ofrì polsi, delle spalle e dei piedi erano frattura- infruttuosa conversazione. “Dovremo
solo la sua comprensione. te. Massari fu assalito da un senso di nau- aspettare. Inshallah (se Dio vuole) qualcosa
La sera Massari organizzò un ricevimen- sea. Sembrava che Regeni fosse stato ripe- salterà fuori”.
to per la delegazione commerciale italiana tutamente torturato. Qualche giorno dopo Le autorità egiziane hanno sempre af-
e per i più importanti uomini d’afari egizia- l’autopsia condotta in Italia avrebbe confer- frontato le crisi in questo modo: prima ne-
ni. Nella sala c’erano quasi duecento perso- mato l’entità delle ferite: il ragazzo era stato gano, poi depistano e poi lasciano passare
ne che sorseggiavano vino aspettando che picchiato, ustionato, colpito con una lama e il tempo nella speranza che la storia venga
venisse servita la cena. Tra loro c’era il vice- probabilmente frustato sotto la pianta dei dimenticata. Nel settembre del 2015, lo
ministro degli esteri egiziano Hossam Zaki, piedi per quattro giorni. Era morto quando stesso mese in cui Regeni arrivò in Egitto,
che si fece strada tra la folla per raggiungere gli avevano spezzato il collo. un elicottero militare egiziano sparò
Massari, con un’espressione cupa. L’uicio di Ahmed Nagy, il procuratore dall’alto uccidendo otto turisti messicani e
“Non lo sa?”, gli disse. a cui era stata inizialmente aidata l’inchie- quattro egiziani che stavano facendo un
“Cosa?”, chiese Massari. sta sull’omicidio di Regeni, è al settimo pia- picnic nel deserto Occidentale. Erano stati
“È stato trovato un corpo”. no del fatiscente palazzo di giustizia di Gi- scambiati per terroristi. Invece di scusarsi
Quella mattina l’autista di un autobus za, a pochi chilometri da piazza Tahrir. Ogni le autorità cercarono di dare la colpa alle
di linea che percorreva la traicata auto- giorno quegli stretti corridoi vengono per- guide turistiche, poi promisero un’inchie-
strada che collega Il Cairo ad Alessandria corsi da centinaia di persone: avvocati e sta i cui risultati non sono stati mai resi no-
aveva notato qualcosa al bordo della stra- detenuti ammanettati e le loro famiglie. ti. Il governo messicano era furioso.
da. Quando era sceso aveva scoperto che si Quando sono andato a trovarlo qualche set- Il 31 ottobre dello stesso anno l’Egitto in
trattava di un corpo, nudo dalla cintola in timana dopo la morte di Regeni, Nagy, un un primo momento si riiutò di ammettere

36 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


L’ambasciatore italiano Maurizio Massari (al centro) arriva all’obitorio del Cairo, il 4 febbraio 2016
MOHAMED HOSSAM (EPA/ANSA)

che una bomba del gruppo Stato islamico nistrazione Obama, uno dei tre ex funzio- boratori non riuscirono a capire se Shoukry
aveva abbattuto un aereo di linea russo fa- nari che hanno confermato le informazioni. faceva semplicemente ostruzionismo o se
cendolo precipitare nella penisola del Sinai “Non c’erano dubbi”. Su raccomandazione non conosceva la verità. Quell’atteggia-
e uccidendo 224 persone, anche se sia i rus- del dipartimento di stato e della Casa Bian- mento brusco “lasciò stupite diverse perso-
si sia il gruppo Stato islamico sostenevano ca, gli Stati Uniti trasmisero le loro conclu- ne” all’interno dell’amministrazione, per-
che le cose erano andate così. sioni al governo Renzi. Ma per evitare che ché Kerry aveva la fama di trattare sempre
Ma se le autorità egiziane pensavano di fosse identiicata la fonte, non fornirono con i guanti di velluto l’Egitto, uno dei perni
poter continuare a blufare sul caso Rege- agli italiani le prove originali né dissero della politica estera statunitense in dal trat-
ni, avevano fatto male i conti. Più di tremi- quale agenzia della sicurezza pensavano tato di pace israelo-egiziano del 1979.
la persone parteciparono al funerale del fosse responsabile della morte di Regeni. A quel punto una squadra di sette inve-
ricercatore a Fiumicello. In tutta Italia, “Non era chiaro chi diede l’ordine di rapirlo stigatori italiani arrivò al Cairo per aiutare
man mano che emergevano i dettagli della e, presumibilmente, di ucciderlo”, ha detto gli egiziani, ma fu ostacolata in ogni modo.
sua agonia, il dolore si trasformò in indi- un altro ex funzionario. I testimoni sembravano essere stati istruiti
gnazione. I giornali pubblicarono la foto di Quello che sapevano per certo, dissero a dovere. Le registrazioni delle telecamere
Regeni sorridente con un gatto in braccio. agli italiani, era che le massime autorità della stazione della metropolitana vicino
Striscioni gialli con la scritta “Verità per egiziane erano pienamente a conoscenza all’appartamento di Regeni erano state can-
Giulio Regeni” spuntarono in molte città e delle circostanze della morte di Regeni. cellate. Le richieste dei tabulati telefonici
in molti paesi. “Ci fermeremo solo davanti “Non avevamo dubbi che il governo egizia- furono respinte perché violavano i diritti
alla verità”, disse il presidente del consiglio no lo sapesse”, ha detto l’altro funzionario. costituzionali dei cittadini egiziani. Alcuni
Renzi ai giornalisti. “Alla verità vera, non a “Non so se avesse qualche responsabilità. testimoni coraggiosi andarono a parlare
una verità di comodo”. Ma di sicuro sapeva. Sapeva”. con gli investigatori nel loro uicio provvi-
La rabbia di Renzi si basava su più di un sorio all’ambasciata. Ma anche lì gli italiani
sospetto. Nelle settimane successive alla L’ambasciata non era sicura furono in diicoltà.
morte di Regeni gli Stati Uniti entrarono in Qualche settimana dopo, all’inizio del Dopo la morte di Regeni, Massari co-
possesso di informazioni esplosive prove- 2016, l’allora segretario di stato statuniten- minciò a essere preoccupato per la sicurez-
nienti dall’Egitto: prove che i servizi segreti se John Kerry afrontò il ministro degli este- za dell’ambasciata. Smise subito di usare la
egiziani avevano rapito, torturato e ucciso ri egiziano Sameh Shoukry durante un in- posta elettronica e il telefono per discutere
Regeni. “Avevamo prove incontrovertibili contro a washington. Fu una conversazione questioni delicate. Per comunicare con Ro-
della responsabilità delle autorità egizia- “piuttosto tesa”, mi ha detto uno dei funzio- ma usò il vecchio sistema dei messaggi in
ne”, mi ha detto un funzionario dell’ammi- nari di Obama, anche se Kerry e i suoi colla- codice su carta. Le autorità italiane teme-

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 37


In copertina
vano che gli egiziani che lavoravano all’am- Il senatore si riferiva alle agenzie di sicu- si interessi”. Una portavoce dell’Eni dice
basciata trasmettessero informazioni alle rezza egiziane, ma quello che non ha detto che l’azienda era “inorridita” dalla ine di
loro forze di sicurezza. Notarono che in un è che l’indagine sul caso Regeni stava met- Regeni e che, anche se non era tenuta a far-
appartamento di fronte all’ambasciata, un tendo in evidenza anche alcune dolorose lo, continuava “a seguire la questione molto
buon posto per piazzare un microfono dire- spaccature all’interno dello stato italiano. da vicino” nei suoi rapporti con il governo
zionale, le luci erano sempre spente. Mas- C’erano altre priorità. I servizi segreti italia- egiziano.
sari, ancora traumatizzato dal ricordo delle ni avevano bisogno dell’aiuto dell’Egitto
ferite sul corpo di Regeni, si isolò, evitò per contrastare il gruppo Stato islamico, ge- Tentativo di insabbiare
qualsiasi incontro con gli altri ambasciato- stire il conlitto in Libia e controllare il lus- La presunta collaborazione tra l’Eni e i ser-
ri. I suoi rapporti con il governo egiziano si so dei migranti attraverso il Mediterraneo. vizi segreti italiani diventò una fonte di ten-
deteriorarono. Le autorità locali, infuriate E anche l’Eni aveva i suoi interessi in Egitto. sioni all’interno del governo italiano. Il mi-
per un’intervista che aveva rilasciato a una Qualche settimana prima che Regeni arri- nistero degli esteri e i funzionari dei servizi
rete televisiva italiana, decisero che stava vasse al Cairo, l’Eni aveva annunciato una segreti cominciarono a diidare gli uni de-
cercando di incolparle per l’omicidio. scoperta importante: il giacimento di gas di gli altri, a volte nascondendosi le informa-
“Avevamo dedotto che si era già schiera- Zohr, a 120 miglia dalla costa settentrionale zioni. “Eravamo in guerra, e non solo con
to”, mi ha detto in seguito il viceministro gli egiziani”, mi ha detto un funzionario. I
degli esteri Hossam Zaki. “Era ambiguo. “Eravamo in guerra, diplomatici italiani sospettarono che gli
Non ci serviva più”. Quando Massari si av- agenti dei servizi segreti italiani, nel tenta-
venturava fuori, la gente notava che aveva e non solo con gli tivo di chiudere il caso, avessero fatto da
l’aria esausta. I suoi amici dissero che non egiziani”, mi ha detto intermediari per l’intervista del quotidiano
riusciva a dormire. La Repubblica con Al Sisi, sei settimane do-
La pressione internazionale sugli egizia- un funzionario po la morte di Regeni (il direttore sostiene
ni aumentò. I giornali italiani mandarono al che la richiesta era partita dal giornale). Du-
Cairo i loro reporter investigativi più deter- egiziana, che si riteneva contenesse 850 rante l’intervista Al Sisi espresse solidarietà
minati. Nacque un sito chiamato Regeni- miliardi di metri cubi di gas, equivalenti a alla famiglia di Regeni definendo la sua
Leaks, che invitava gli egiziani a parlare. La 5,5 miliardi di barili di petrolio. morte “terriicante e inaccettabile”, e s’im-
madre di Regeni lanciò una campagna per L’Italia è uno dei paesi europei più vul- pegnò a trovare i colpevoli. “Arriveremo
scoprire la verità dichiarando, durante una nerabili dal punto di vista energetico: l’Eni alla verità”, disse.
conferenza stampa, che era stata in grado non è solo un colosso da 60 miliardi di euro, Il 24 marzo 2016, otto giorni dopo la
di riconoscere il corpo martoriato del iglio con attività in 73 paesi, ma anche una com- pubblicazione dell’intervista, la polizia del
solo dalla “punta del naso”. Attori, perso- ponente essenziale della politica estera ita- Cairo aprì il fuoco contro un furgoncino che
naggi della tv e calciatori italiani si schiera- liana. Nel 2014 Renzi lo ha ammesso, dei- attraversava un quartiere residenziale con a
rono con lei. Gli egiziani le dissero che suo nendo l’azienda “un pezzo fondamentale bordo cinque uomini, alcuni dei quali erano
figlio era “morto come un egiziano”, un della nostra politica energetica, pregiudicati o noti alle forze
grande onore nell’Egitto di Al Sisi. Il parla- della nostra politica estera e della dell’ordine per abuso di droga.
mento europeo approvò una dura risoluzio- nostra politica di intelligence”. Furono uccisi tutti e cinque, e la
ne in cui condannava le circostanze sospet- L’amministratore delegato Clau- polizia fece una dichiarazione in
te della morte di Regeni. A Londra fu pre- dio Descalzi – un importante pe- cui li deiniva una banda di rapi-
sentata al parlamento una petizione con troliere milanese che ha guidato tori che aveva preso di mira gli
diecimila irme in cui si chiedeva al governo le recenti ricerche di giacimenti in tutta stranieri. Nel successivo raid in un apparta-
britannico di garantire “un’inchiesta credi- l’Africa – conosce i leader di molti paesi me- mento collegato alla banda, la polizia disse
bile”. Anche l’Fbi aiutò gli italiani nelle in- glio dei ministri italiani. di aver trovato il passaporto, la carta d’iden-
dagini. Quando un’amica egiziana di Rege- Mentre le pressioni perché il caso Rege- tità e il tesserino universitario di Regeni.
ni atterrò negli Stati Uniti per una vacanza, ni venisse risolto aumentavano, Descalzi, Quasi subito in Egitto i mezzi di informa-
la polizia la fermò per interrogarla. che va spesso al Cairo, assicurò ad Amnesty zione di stato scrissero che gli assassini di
A quel punto l’ostruzionismo non fun- international che le autorità egiziane stava- Regeni erano stati identiicati. Gli investi-
zionò più. “Siamo nella merda ino al collo”, no “facendo tutti gli sforzi possibili” per gatori italiani, che erano all’aeroporto pron-
afermò il conduttore televisivo egiziano trovare gli assassini del ricercatore. Ne ave- ti a tornare a casa per Pasqua, furono richia-
Amr Adeeb durante la sua trasmissione. va parlato almeno tre volte con Al Sisi. Se- mati, e il ministero dell’interno egiziano li
condo un funzionario del ministero degli ringraziò per la collaborazione.
Il giacimento di gas esteri italiano, i diplomatici si erano convin- In Italia la notizia della sparatoria fu ac-
“Lei parla latino?”, mi ha chiesto il senatore ti che l’Eni stesse collaborando con i servizi colta con scetticismo e su Twitter cominciò
italiano Luigi Manconi, che ha sempre so- segreti italiani per cercare di trovare una a circolare l’hashtag #noncicredo. La tesi
stenuto la famiglia Regeni, quando sono soluzione rapida al caso. L’Eni assume da egiziana si sgretolò in poco tempo. I testi-
andato a trovarlo a Roma a gennaio di sempre agenti segreti a riposo per la sua di- moni oculari dissero ad alcuni giornalisti
quest’anno. “C’è un’espressione latina, ar- visione di sicurezza interna, dice Andrea (me compreso) che gli uomini del furgonci-
cana imperii, che signiica ‘i segreti del po- Greco, uno degli autori di Lo stato parallelo no erano stati giustiziati a sangue freddo.
tere’”, mi ha spiegato. Poi, facendo una (Chiarelettere 2016), un libro sull’Eni. “C’è Uno era stato colpito mente correva e il suo
pausa a efetto, ha proseguito. “È quello che una stretta collaborazione”, dice. “Proba- corpo era stato poi messo nel furgone. “Non
vediamo in Egitto adesso: il lato oscuro di bilmente c’è stata anche sul caso Regeni, avevano scampo”, mi ha detto un uomo
quelle istituzioni, i segreti nei loro cuori”. ma ho qualche dubbio che avessero gli stes- scuotendo la testa. Il collegamento tra i cin-

38 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Fiumicello (Udine), 6 aprile 2016. L’entrata della palestra in cui si sono svolti i funerali di Giulio Regeni
ANDREA SPINELLI (CORBIS/GETTY IMAGES)

que uomini e Regeni crollò: gli investigatori Dopo mesi di rapporti diplomatici tesi, sione che durante il mese precedente alla
italiani usarono le intercettazioni telefoni- nel muro del silenzio egiziano si è aperta sua scomparsa, il coinquilino di Regeni,
che per dimostrare che il presunto capo del- una crepa, o almeno così è sembrato. In un l’avvocato Mohamed el Sayad, aveva con-
la banda, Tarek Abdel Fattah, nel giorno del suo viaggio a Roma, a settembre del 2016, il sentito agli agenti dell’Agenzia per la sicu-
presunto rapimento di Regeni era a un cen- procuratore capo Nabil Sadek ha ammesso rezza nazionale di perquisire l’appartamen-
tinaio di chilometri dal Cairo. pubblicamente che l’Agenzia per la sicurez- to. E in seguito i tabulati telefonici avrebbe-
L’autunno scorso il procuratore capo za nazionale contollava Regeni perché lo ro dimostrato che nelle settimane successi-
egiziano ha detto al suo collega italiano che sospettava di spionaggio. In una serie di in- ve Sayad aveva parlato con due funzionari
due agenti erano stati accusati dell’omici- contri dei mesi successivi i magistrati egi- dell’agenzia.
dio dei cinque uomini. Ma rimaneva una ziani hanno fornito a quelli italiani i docu- Sayad non ha risposto alle mie richieste
domanda in sospeso: se non erano stati loro menti – tabulati telefonici, dichiarazioni dei di commentare la notizia, ma ho avuto un
a uccidere Regeni, come era inito il suo testimoni e un video – che dimostrano che lungo scambio, su Facebook, con l’altra
passaporto nel loro appartamento? Regeni era stato tradito da diverse persone coinquilina di Giulio, Juliane Schoki. Il suo
Gli italiani non avevano dubbi che l’in- che gli erano vicine. racconto è sintomatico del clima di dii-
tero episodio fosse un rozzo tentativo di Muhammad Abdullah, il suo contatto denza che c’è nella capitale controllata da
insabbiare la faccenda, così mal congegna- con il sindacato degli ambulanti, era un in- Al Sisi. Secondo Schoki, Sayad aveva
to che alla ine i responsabili erano stati co- formatore dell’Agenzia per la sicurezza na- espresso i suoi sospetti su Regeni poco dopo
stretti ad autoincriminarsi. Ma comunque zionale. Usando una telecamera nascosta, essersi trasferito nell’appartamento. “Pen-
aveva funzionato. Gli investigatori italiani aveva ilmato la sua conversazione con Re- so che Giulio sia una spia”, le aveva detto.
lasciarono il Cairo e l’inchiesta entrò in una geni sulla borsa di studio di 10mila sterline Dopo la scomparsa di Giulio aveva co-
fase di stallo. Massari fu sostituito da un (gli egiziani hanno consegnato il video). In minciato a pensarlo anche lei. I due aveva-
nuovo ambasciatore, che però ebbe l’ordine seguito avrebbe rilasciato una dichiarazio- no ipotizzato che lavorasse per il Mossad
di restare a Roma. ne raccontando nei dettagli i suoi incontri (una volta Giulio le aveva detto che aveva
In Egitto, “Regeni” è diventata una pa- con il suo contatto alla sicurezza nazionale, una ragazza israeliana ed era stato in Israe-
rola da dire sottovoce. “Chiunque voleva il colonnello Sharif Magdi Ibraahim Abdla- le). Schoki, che nel frattempo ha lasciato
bene a Giulio ora ha paura”, mi ha detto Ho- al, che gli aveva promesso una ricompensa l’Egitto, aveva riferito questa teoria ai fun-
da Kamel, una sindacalista che lo aveva aiu- appena fosse stato chiuso il caso Regeni. zionari dell’intelligence egiziana. “Rimase-
tato nella sua ricerca. “La sensazione è che L’identità dell’altra persona che avrebbe ro sorpresi, perché avevano avuto la stessa
tutto lo stato, con tutta la sua forza, stia cer- tradito Regeni è forse più sorprendente. Le idea”, dice. Dopo la morte di Regeni, men-
cando di liquidare questa storia”. autorità italiane sono arrivate alla conclu- tre guardavano i ilm gialli in tv lei e Sayad si

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 39


In copertina
dicevano: “È proprio come qui!”. Una cosa vicenda”, ha detto uno degli alti funzionari. chiesa principale è stato appeso uno stri-
che, a pensarci bene, “era piuttosto ridico- La possibilità più allarmante è che la morte scione con la scritta “Verità per Giulio Re-
la”, ha ammesso. “Ma un anno fa sembrava di Regeni sia stato un messaggio deliberato, geni”, ma pochi pensano che la verità verrà
perfettamente sensata”. un segnale che, sotto il governo di Al Sisi, mai a galla. La famiglia si è chiusa in se stes-
Gli investigatori italiani, usando i tabu- anche un occidentale può diventare vittima sa, incaricando un’avvocata battagliera di
lati telefonici egiziani, sono riusciti a fare degli eccessi più brutali. A Roma un funzio- tenere alla larga i curiosi, e ha cominciato
altri collegamenti e hanno scoperto che il nario mi ha detto che quando è stato sco- una sua indagine sull’omicidio (i genitori
poliziotto che sosteneva di aver trovato il perto, il corpo di Regeni era appoggiato a un non mi hanno concesso un’intervista, ma
passaporto di Regeni era in contatto con muro. “Volevano che fosse trovato?”, si è hanno risposto ad alcune mie domande via
alcuni agenti dell’Agenzia per la sicurezza chiesto. Un funzionario dell’amministra- email). Al quartier generale del Raggruppa-
nazionale che seguivano il ricercatore. Im- zione Obama mi ha detto di essere convinto mento operativo speciale dei carabinieri, a
provvisamente i genitori di Giulio hanno che qualcuno nelle “alte sfere” del governo Roma, il generale Giuseppe Governale insi-
osato sperare che la verità potesse emerge- egiziano potrebbe aver ordinato l’assassinio ste nel dire che c’è ancora qualche speranza
re. “Questo male continua a svelarsi pian di Regeni “per mandare agli altri cittadini di risolvere il caso. “Per mentalità, gli arabi
piano, come un gomitolo di lana”, hanno stranieri e ai loro governi il messaggio che tendono a procrastinare ino a quando tutto
scritto in una lettera pubblicata da Repub- con la sicurezza egiziana non si scherza”. sarà dimenticato”, dice. “Ma noi non ci fer-
blica nel primo anniversario della sua meremo inché non avremo trovato una ri-
scomparsa. sposta. Lo dobbiamo a sua madre”.
Ma anche se avevano ammesso che sta-
Al Sisi ha ricevuto
vano sorvegliando Regeni, gli egiziani insi- un’accoglienza Libri e candele sulla tomba
stevano nel dire che non lo avevano né rapi- Gli italiani hanno quella che Carlo Bonini,
to né ucciso. E anche se l’avessero potuto
entusiastica dal un giornalista di Repubblica che ha scritto
dimostrare, rimaneva il mistero principale: presidente Trump molto sul caso Regeni, chiama “l’ultima
perché era stato “ucciso come un egizia- pallottola”. Secondo la legge italiana, po-
no”’? Una teoria difusa fa riferimento a un Nessun alto funzionario egiziano ha ac- trebbero denunciare presso un loro tribu-
funzionario corrotto. Secondo Yezid Sa- cettato di parlare con me per questo artico- nale i funzionari della sicurezza egiziani
yigh, del Carnegie Middle East center di lo, ma Hossam Zaki, l’ex viceministro degli che ritengono responsabili dell’omicidio.
Beirut, al ministero dell’interno egiziano, esteri, ora sottosegretario generale della Ma anche quella sarebbe una vittoria di Pir-
che controlla l’Agenzia per la sicurezza na- Lega araba, mi ha detto che le autorità egi- ro: l’Egitto non concederebbe mai la loro
zionale, anche i funzionari di basso livello ziane pensano che l’omicidio sia stato opera estradizione. E sembra che ci siano scarse
hanno una notevole autonomia e raramen- di una “terza parte” non identiicata che possibilità di fare pressione su Al Sisi perché
te devono rendere conto del loro operato. vuole sabotare i rapporti tra Egitto e Italia. riveli la verità. A luglio, a Roma, alcuni fun-
“Possono succedere cose che Al Sisi non “Gli egiziani non trattano male gli stranieri. zionari hanno ammesso che ormai l’inchie-
approva”, ha detto. Ma c’erano troppe altre Punto”, ha detto. Nonostante questo, la sta è poco più che una farsa geopolitica. A
cose che non avevano senso. Quale funzio- morte di Regeni ha raggelato la sempre me- deciderne la conclusione sarà la politica e
nario egiziano poteva pensare che torturare no numerosa comunità di stra- non la polizia. Nei diciotto mesi
uno straniero fosse una buona idea? Perché nieri che vivono al Cairo. “Poche da quando è stato ucciso Regeni,
lasciare il corpo su una strada traicata in- cose mi hanno scosso così pro- Al Sisi ha cenato con la cancellie-
vece di seppellirlo nel deserto dove forse fondamente”, mi ha detto un di- ra tedesca Angela Merkel davanti
non sarebbe mai stato ritrovato? E perché plomatico europeo. Prima che alle piramidi, e ad aprile ha rice-
mostrarlo alla delegazione italiana appena cominciassimo a parlare, mi ha vuto un’accoglienza entusiastica
arrivata al Cairo? chiesto di mettere il mio cellulare in una dal presidente Trump alla Casa Bianca. Il 14
Una lettera anonima inviata l’anno scatola che blocca qualsiasi segnale, in mo- agosto il governo italiano ha annunciato
scorso all’ambasciata italiana a Berna e poi do che la nostra conversazione non potesse che rimanderà il suo ambasciatore al Cairo.
pubblicata da un giornale italiano ofriva essere intercettata. La morte di Regeni, ha Il giacimento di gas di Zohr comincerà la
una spiegazione: Regeni si era trovato in proseguito, indica in che direzione sta an- produzione a dicembre. Regeni è sepolto a
mezzo a una guerra di potere tra l’Agenzia dando l’Egitto: il ricercatore è stato vittima Fiumicello sotto una ila di cipressi. Sulla
per la sicurezza nazionale e i servizi segreti della paranoia nei confronti degli stranieri sua tomba sono ammonticchiati iori, can-
militari, in cui entrambi avevano cercato di che si è difusa nella società egiziana, dopo dele, volumi di Spinoza e Hesse avvolti nel-
usare la sua morte per mettersi in cattiva la rivoluzione anche un minimo contatto la plastica, e una piccola fotograia che lo
luce a vicenda. I dettagli lasciavano inten- può essere pericoloso. Durante un pranzo mostra mentre parla a una folla, con il mi-
dere che l’autore della lettera conoscesse nel quartiere islamico del Cairo, mi ha rac- crofono in mano, il viso aperto e sincero. La
bene l’apparato della sicurezza egiziano, contato il diplomatico, un uomo aveva pro- tomba di Regeni è chiusa con una semplice
ma sembrava anche improbabile che una testato ad alta voce con un cliente perché lastra di marmo. Dato che l’inchiesta è an-
sola persona sapesse tante cose. Alcuni alti aveva fotografato il suo piatto: fagioli, pane cora aperta, mi ha spiegato il parroco, le
funzionari statunitensi mi hanno detto che, e tamiyya, i falafel egiziani. “Ha cominciato autorità potrebbero ancora aver bisogno di
tuttavia, il contenuto della lettera era coe- a gridare: ‘Sei uno straniero. Vuoi usare riesumare i suoi resti . u bt
rente con i rapporti dei loro servizi segreti questa foto per dimostrare che mangiamo
sulle feroci lotte di potere in Egitto tra solo pane e fagioli!’”. L’AUTORE
agenzie per la sicurezza rivali. “Cercano di A Fiumicello, dove Regeni è cresciuto e Declan Walsh è il capo della redazione del
usare certi casi per mettersi in imbarazzo a dove i suoi genitori vivono ancora, nella Cairo del New York Times.

40 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Workshop
traduzione giornalismo
Le lingue dei giornali • spagnolo Il reportage narrativo D
SOL T
OU
II edizione con Alessandro Leogrande, giornalista
con Sara Bani, traduttrice
fotografia
traduzione Il racconto fotografico
D
Le lingue dei giornali • inglese SOL T
OU con Tanya Habjouqa, fotografa dell’agenzia Noor
II edizione
con Bruna Tortorella, traduttrice fumetto
L’arte della satira
giornalismo
D con Tom Tomorrow, autore di fumetti
La scrittura quasi perfetta SOL T
OU e Carlo Gubitosa, giornalista
II edizione
con David Randall, giornalista giornalismo
La follia in pagina
fotografia
con Óscar Martínez, giornalista di El Faro
Quello che dicono le immagini
con Maria Mann, photo editor cinema
Il linguaggio cinematografico
scrittura
D con Francesco Munzi, regista
Fare storie SOL T
OU
con Domenico Starnone, scrittore podcast
Audiodocumentari di successo
illustrazione
con Tally Abecassis, autrice di audiodocumentari
Allenare la creatività
con Anna Parini, illustratrice internet
La seo delle meraviglie
data journalism
con Tatiana Schirinzi, consulente seo
Numeri convincenti
con Andrew Pemberton, direttore di Furthr giornalismo
La scienza che ci serve
giornalismo
D con Pietro Greco, giornalista
L’inchiesta da leggere SOL T
OU A cura del master in giornalismo e comunicazione
e guardare istituzionale della scienza dell’Università degli studi
con Stefano Liberti, giornalista di Ferrara

Tutte le informazioni su: internazionale.it/workshop


Stati Uniti
Scontri tra nazionalisti e antifascisti a Charlottesville, in Virginia, il 12 agosto 2017
EdU BayEr (ThE NEw york TIMES/CoNTraSTo)

Bianchi, armati
e antifascisti
Cecilia Saixue Watt, The Guardian, Regno Unito
Un gruppo di attivisti cerca di contrastare neonazisti e nazionalisti nelle zone degli
Stati Uniti dove Trump è più popolare. Ma ha idee e metodi insoliti per la sinistra

42 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


fronti delle donne, e oggi qui ce ne sono La redneck revolt è nata nel 2009 come
tante che meritano rispetto. Forse dovreste una costola del John Brown gun club, un
scegliere un’altra frase”. progetto di addestramento all’uso delle ar­
I bambini si consultano. alla ine deci­ mi da fuoco con sede in kansas. dave Stra­
dono per una frase meno ofensiva: “Fan­ no, uno dei suoi fondatori, vedeva una
culo Trump!!!!”. grande contraddizione nel Tea party, il mo­
Neely, un attivista di 31 anni con i capel­ vimento ultraconservatore, che all’epoca
li lunghi e la barba folta, ha davanti a sé una muoveva i primi passi. Molti attivisti del
lunga giornata di lavoro: donald Trump è Tea party erano lavoratori che avevano sof­
qui a harrisburg, in Pennsylvania, per ce­ ferto a causa della crisi economica del 2008.
lebrare i primi cento giorni alla Casa Bian­ accusavano l’1 per cento dei più ricchi del
ca con un discorso nel complesso ieristico paese di aver causato quella situazione, ma
degli agricoltori. In altre zone della città, poi accorrevano in massa ai raduni inan­
l’opposizione di sinistra si sta preparando: ziati da quelle stesse persone. appoggiando
gruppi come keystone progress, dauphin i politici di idee conservatrici in economia,
county democrats e Indivisible hanno in pensava Strano, sarebbero stati ulterior­
programma una manifestazione di pro­ mente manipolati per fare gli interessi dei
testa. più ricchi. “Quella della classe operaia bian­
Il gruppo di Neely non è con loro. ha ca è sempre stata una storia di sfruttamen­
preferito organizzare un picnic in un piccolo to”, scriveva su un sito di anarchici. “Ma
parco, con barbecue gratuito e volantinag­ siamo gente sfruttata che a sua volta sfrutta
gio. Qualcuno ha piantato nell’erba una altri sfruttati. Viviamo nelle case popolari
bandiera rossa su cui sono disegnate falce e delle periferie da secoli, e siamo stati usati
martello. da un tavolo vicino pende uno dai ricchi per attaccare i nostri vicini, colle­
striscione nero con la scritta “redneck re­ ghi di lavoro e amici, di religione, pelle e
volt: contro il razzismo, per il lavoro, a favo­ nazionalità diverse”.
re delle armi”. otto anni dopo, in tutti gli Stati Uniti ci
“Se per caso non lo avesse notato, non sono più di venti sezioni della redneck re­
siamo dei moderati”, dice Jeremy Beck, uno volt: i gruppi variano molto per dimensioni,
degli amici di Neely che si occupa della cu­ alcuni hanno solo una manciata di iscritti.
cina. “Se ti spingi molto a sinistra, alla ine Neely è iscritto alla sezione Mason­dixon,
arrivi così a sinistra da riprenderti le armi”. che comprende la Pennsylvania centrale e
di sicuro non sono progressisti dalle il Maryland occidentale, dove è nato. Molti
idee confuse. La redneck revolt è un’orga­ degli iscritti sono bianchi, ma l’organizza­
nizzazione nazionale di politici della classe zione cerca di costruire un’identità che va­
contadina e operaia che si sono riappropria­ da oltre l’appartenenza etnica.
ti della parola redneck, un termine storica­ “Sono cresciuto giocando nei boschi,
mente usato in senso spregiativo per indi­ facendo galleggiare bottiglie di birra sul iu­
care i rozzi contadini del sud degli Stati me, sparando bengala. Insomma, facendo
Uniti che avevano il “collo rosso” perché un bel po’ di casino”, racconta Neely. “Tut­
lavoravano nei campi sotto al sole. Sono an­ te cose che molti considerano parte della
tirazzisti militanti. Non è un gruppo costitu­ nostra cultura. Stiamo cercando di capire
lla grigliata ci sono pasti ito esclusivamente da bianchi, anche se gli errori che abbiamo commesso accettan­

A gratuiti, un banchetto do­


ve dipingersi la faccia e
una postazione che prepa­
ra “cartelli di protesta”
con una pila di scatole di
cartone ritagliate, pennarelli e rotoli di na­
stro adesivo. alcuni bambini del quartiere
– nessuno ha più di dodici anni – si fermano
lì davanti. Vogliono dei cartelli da attaccare
s’interessa soprattutto dei problemi dei
bianchi poveri. I princìpi dell’organizzazir­
ne sono decisamente di sinistra: contro il
razzismo e i suprematisti bianchi, contro il
capitalismo e lo stato­nazione, a favore de­
gli emarginati.
La Pennsylvania è uno degli stati in cui
è ammesso per legge l’open carry, cioè gi­
rare per strada con un’arma in vista. Per gli
do la supremazia bianca e il capitalismo, ma
stiamo anche creando un ambiente che ri­
letta la nostra cultura”.
La redneck revolt si rifà alla young pa­
triots organization, un gruppo di attivisti
degli anni sessanta formato essenzialmen­
te da operai bianchi della zona dei monti
appalachi e del sud. “ammiro gli attivisti
della redneck revolt”, dice hy Thurman,
alle biciclette per andare in giro e “dire a attivisti di redneck revolt poter portare uno dei fondatori dei young patriots. “Pen­
Trump” quello che pensano di lui. un’arma è un’afermazione politica: una so che stiano andando nella direzione giu­
Uno prende un pezzo di cartone e ci scri­ pistola in vista serve a intimidire gli avver­ sta”. Il suo gruppo era antirazzista ed era in
ve sopra a caratteri cubitali: “Trump è una sari e ad afermare il diritto ad averla. Mol­ stretti rapporti con gli attivisti delle Pantere
puttana”. ti di quelli che oggi sono alla grigliata pos­ nere, ma nelle sue campagne di recluta­
Max Neely interviene subito. “Sarebbe siedono un’arma, e avevano pensato di mento usava la bandiera dei confederati,
meglio non usare quella parola”, dice in to­ portarla con sé, ma alla ine ci hanno ri­ simbolo del sud schiavista durante la guer­
no paterno. Con il suo metro e ottantacin­ nunciato, perché vogliono che all’evento ra civile. Thurman mi ha spiegato che la
que li sovrasta tutti. “È ofensiva nei con­ partecipino le famiglie. usavano solo per entrare in contatto con i

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 43


Stati Uniti
bianchi poveri che s’identiicavano con quel sciato una dichiarazione a favore della pace
simbolo. allo stesso modo, oggi la redneck e del rispetto per la diversità. Gli studenti
revolt sfrutta un altro emblema dell’ameri­ universitari hanno organizzato una contro­
ca contadina: le armi. Molti dei suoi iscritti manifestazione di protesta, che però è stata
vivono in posti dove avere una pistola o un quasi subito annullata per motivi di sicurez­
fucile è abbastanza normale. E Neely vor­ za: le autorità accademiche temevano che
rebbe che la sua organizzazione diventasse lo scontro tra i nazionalisti e gli antifascisti
un’alternativa accettabile per le persone – o antifa – potesse diventare violento.
che altrimenti potrebbero unirsi alle milizie Cresciuti in Europa in vari momenti del
di destra. novecento, gli antifascisti rappresentano il
dall’assedio di ruby ridge del 1992 – fronte compatto della sinistra che si con­
quando la casa di un suprematista bianco fu trappone ai nazionalisti: un’allenza di anar­
assediata nove giorni dalla polizia e nello chici, comunisti e attivisti di altri movimen­
scontro morirono tre persone – negli Stati ti decisi a sradicare il fascismo con ogni
Uniti c’è stata una proliferazione di organiz­ mezzo, compresi quelli violenti, che giusti­
zazioni paramilitari antigovernative. Gli un’alleanza di gruppi di suprematisti bian­ icano con la violenza intrinseca del fasci­
oath keepers, per esempio, sono una mili­ chi di estrema destra – ha programmato una smo. Usano spesso la tattica del black bloc di
zia che aferma di voler difendere la costitu­ manifestazione davanti al tribunale. indossare maschere e vestirsi completa­
zione minacciata dal governo federale. So­ “Schieratevi dalla parte dei lavoratori bian­ mente di nero per non essere identiicati
stengono di non essere politicamente chi”, si leggeva sul volantino che circolava dalla polizia.
schierati, ma le loro idee sono decisamente online. “Questo è l’inizio di un processo di Negli Stati Uniti i gruppi antifascisti non
di destra. durante le elezioni presidenziali costruzione e allargamento delle nostre ra­ sono mai stati attivi come quelli, per esem­
del 2016 hanno annunciato che avrebbero dici nelle comunità di lavoratori bianchi per pio, che ci sono in Grecia. Ma dopo l’elezio­
controllato i seggi per impedire manipola­ diventare i difensori del nostro popolo”, ha ne di Trump, e la successiva ondata di cri­
zioni del voto, afermando di “essere preoc­ scritto il neonazista Matthew heimbach sul mini d’odio commessi da gruppi di destra,
cupati soprattutto per i tentativi di brogli da daily Stormer, un sito neonazista. si sono subito mobilitati. all’inizio di feb­
parte della sinistra”. Ma gruppi come gli Il Nationalist front considera la contea braio, due settimane dopo l’insediamento
oath keepers hanno molto in comune con di Pike – cronicamente povera e abitata in di Trump alla Casa Bianca, c’è stata una
alcune organizzazioni di sinistra: denuncia­ grande maggioranza da bianchi – un terre­ manifestazione di antifascisti nel campus
no le violazioni dei diritti umani, sono con­ no fertile per le sue ideologie. In realtà da dell’università di Berkeley, in California,
trari alla sorveglianza di massa e al Patriot qualche anno Pikeville se la sta cavando per impedire a Milo yiannopoulos, ideolo­
act (la legge antiterrorismo approvata dopo meglio, ma tutte le località intor­ go dell’estrema destra, di tenere
gli attentati dell’11 settembre 2001) e s’indi­ no sono in difficoltà. Il tasso di un discorso.
gnano per la povertà che aligge la classe disoccupazione della contea è tra “Viviamo in un momento sto­
operaia. i più alti del paese, sopra il 10 per rico in cui c’è una disuguaglianza
“Usiamo la cultura delle armi per entra­ cento. Nelle elezioni presidenzia­ economica senza precedenti, e le
re in contatto con la gente”, dice Neely, il li Trump ha saputo sfruttare que­ persone faticano a tirare avanti”,
cui nonno era un cacciatore. “Non abbiamo sta disperazione con la sua retorica a favore dice Sidney (non è il suo vero nome), un an­
niente a che fare con l’elitismo dei progres­ della classe operaia e contro gli immigrati, tifascista degli appalachi che tiene d’occhio
sisti. Il nostro messaggio fondamentale è: le e ha ottenuto l’80 per cento dei voti. heim­ l’attività dei nazionalisti bianchi nella sua
armi vanno bene, il razzismo no”. bach spera di usare questo consenso per zona. “Quando i governi non fanno nulla
creare un movimento nazionalsocialista. per cambiare la situazione, la gente cerca
Famiglia proletaria “abbiamo organizzato questa manife­ una risposta altrove. Il fascismo sta risor­
“Sono preoccupato per Pikeville”, dice stazione perché ci stanno a cuore gli abitan­ gendo perché siamo in questo momento
Neely. “ho degli amici lì”. Pikeville è una ti della contea”, dice Jef Schoep, capo del storico. Il problema non si risolverà lascian­
cittadina del kentucky, nel cuore della re­ gruppo neonazista National socialist move­ doli in pace. È come lasciare in pace un’in­
gione degli appalachi. Non ha un aeropor­ ment, in un video girato per pubblicizzare il fezione”.
to internazionale né interstatale, ha una raduno. “abbiamo visto fabbriche chiuse, Sidney, un ragazzo di 27 anni della Virgi­
popolazione di diecimila abitanti e tanti gente che ha perso il lavoro, famiglie dispe­ nia, viene da una famiglia di minatori. divi­
idilliaci paesaggi di montagna. ha sempre rate che hanno cominciato a usare droghe e de il suo tempo tra il lavoro come installato­
basato la sua economia sul settore minera­ a fare altre cose che non dovrebbero fare. re di strutture in cartongesso e l’attivismo
rio, ma punta anche sul turismo: ogni anno Vogliamo ridare speranza alla gente. Qual­ per la redneck revolt. “Pikeville ha attirato
a metà aprile più di centomila persone ar­ cosa per cui combattere”. Quel qualcosa è la mia attenzione”, dice. “Il Traditionalist
rivano per partecipare all’hillbilly days uno stato etnico bianco, ma la maggior par­ worker party, di estrema destra, si sta mobi­
festival, che celebra la cultura e la musica te degli abitanti di Pikeville non sembra in­ litando molto nella regione. Io non sono del
degli appalachi. teressata. kentucky, ma vengo da una famiglia prole­
Quest’anno però, una settimana dopo la Il consiglio comunale ha autorizzato la taria degli appalachi, e questa cosa non mi
ine del festival, l’atmosfera a Pikeville è manifestazione del Nationalist front citan­ va giù”.
decisamente diversa. Lo stesso giorno in do il diritto alla libertà di espressione sanci­ Per convincere i gruppi antifascisti a non
cui Trump è a harrisburg, in città è previsto to dalla costituzione statunitense, ma il indossare maschere – come fanno spesso
l’arrivo dei neonazisti. Il Nationalist front – sindaco donovan Blackburn ha anche rila­ durante le manifestazioni – le autorità di

44 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


EdU BayEr (ThE NEw york TIMES/CoNTraSTo)

Esponenti della Redneck revolt a Charlottesville, in Virginia, il 12 agosto 2017

Pikeville hanno emesso un’ordinanza che Poco dopo mezzogiorno un folto gruppo ma ora sono a harrisburg per protestare
vieta di a chiunque abbia più di 16 anni di di manifestanti antifascisti – alcuni armati, contro di lui. Sono delusi perché il presiden­
andare a volto coperto nel centro della città. altri in giubbotto antiproiettile – si dirige te non sta facendo abbastanza per creare
I manifestanti antifascisti dovranno girare verso il tribunale pronto ad afrontare il Na­ uno stato etnico bianco.
a volto scoperto, e questo potrebbe essere tionalist front. Ma trova solo una decina di Neely vuole tenerli lontani dalla cucina.
pericoloso: i gruppi neonazisti usano soft­ nazionalisti bianchi che li aspetta in una È una giornata per famiglie e molti dei par­
ware per il riconoscimento facciale e altri piccola zona transennata dalla polizia. Sono tecipanti al picnic sono giovani attivisti neri
sistemi per identificare le persone che li della Lega del sud, un’organizzazione che della scuola locale. Neely sa che potrebbero
contestano e acquisire informazioni che poi promuove la secessione degli stati meridio­ cavarsela da soli, ma difendere il diritto a
usano per attaccarli. nali degli Stati Uniti. Le due principali dele­ esistere contro persone che negano la tua
“Noi della redneck revolt in genere ma­ gazioni del Nationalist front – Traditionalist umanità è sempre un compito diicile. Per­
nifestiamo a volto scoperto”, dice Sidney. worker party e National socialist movement ciò, mentre i suoi amici li tengono d’occhio
“Vogliamo conquistare il sostegno della co­ – non ci sono. dall’altra parte della strada, Neely li lascia
munità, ed è più facile riuscirci se tutti san­ Gira voce che si siano persi. parlare della loro ideologia, di come gli Sta­
no chi siamo”. Ma Sidney ha un’altra preoc­ “Non mi sorprende, visto che non sono ti Uniti erano destinati solo ai bianchi, del
cupazione: anche in kentucky è legale gira­ di queste parti”, dice Sidney. fatto che la cultura bianca è sotto attacco.
re armati in pubblico, e heimbach ha invi­ discute con loro nel modo più educato pos­
tato gli iscritti del Nationalist front a pre­ Arrivano i nazisti sibile, sperando che la situazione non dege­
sentarsi armati sul luogo della manifesta­ a harrisburg, intanto, sei giovani naziona­ neri, tanto che loro lo ringraziano di essere
zione in vista di “possibili attacchi della si­ listi bianchi si avvicinano alla cucina da così calmo e civile.
nistra”. Sidney ha deciso che porterà la sua campo di Neely. Sono ben pettinati e indos­ “È facile restare calmo quando sei bian­
pistola, una semiautomatica Smith & wes­ sano tutti una polo bianca, come se fosse co”, dice Neely. “È facile quando non è in
son, ma la terrà nascosta. un’uniforme. Neely si rivolge a loro con cir­ gioco la tua vita o quella della tua famiglia”.
alcune persone del posto avrebbero cospezione chiedendo se sono interessati al L’incontro si conclude in modo piuttosto
preferito che se ne fossero stati tutti a casa, socialismo. brusco quando tre ragazze del posto caccia­
sia i neonazisti sia gli antifascisti. “Non pos­ No, rispondono. dicono di far parte di no via i nazionalisti bianchi.
so biasimarli se la pensano così”, dice Sid­ Identity Evropa, un gruppo che chiede la Nel 2014, durante le proteste contro le
ney. “Si ritrovano questo enorme scontro segregazione razziale e ammette solo per­ violenze della polizia a Ferguson, nel Mis­
ideologico sulla porta di casa e non lo hanno sone di “origine europea non semitica”. souri, esponenti armati degli oath keepers
chiesto loro”. hanno sostenuto la candidatura di Trump, si piazzarono sui tetti, sostenendo di voler

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 45


Stati Uniti
proteggere i manifestanti dalla polizia. Ma
molti attivisti neri erano spaventati da que­
gli uomini bianchi armati pesantemente.
Un argine quotidiano
Quando gli attivisti della redneck revolt si
presentano alle manifestazioni dei neri, in­
al razzismo
vece, di solito è perché sono stati invitati.
“Sono il nostro servizio d’ordine”, dice ka­
therine Lugaro, leader di This stops today,
Mark Bray, The Washington Post, Stati Uniti
un gruppo per i diritti dei neri di harrisburg.
“Sono un muro tra noi e quelli che ci odia­ Negli Stati Uniti ci sono estrema. Sono in gran parte comunisti, so­
no. rischiano la vita per noi”. decine di gruppi antifascisti. cialisti e anarchici che riiutano di aidarsi
a Pikeville, un’ora dopo l’inizio previsto alla polizia o allo stato per fermare l’avan­
della manifestazione, una roulotte entra nel
E spesso sono gli unici a zata dei suprematisti bianchi. Come si è
parcheggio in fondo alla strada. Sono heim­ contrastare le organizzazioni visto a Charlottesville, gli antifascisti sta­
bach e gli altri neonazisti. Un centinaio di di suprematisti bianchi tunitensi sostengono l’opposizione popo­
persone che indossano vestiti neri coperti e neonazisti lare al fascismo.
di simboli nazisti marcia verso il tribunale. Esistono molti gruppi antifascisti in tut­
Nelle prime ile, molti sono armati. altri to il mondo, ma non fanno parte di un’unica
portano scudi di legno decorati con svasti­ l 14 agosto il presidente statunitense organizzazione. Gli antifa sono gruppi au­
che e simboli celtici. Qualcuno ha uno scu­
do con l’immagine di Pepe the Frog (la rana
simbolo dall’estrema destra online) e le pa­
role “Pepe über alles”, Pepe sopra ogni co­
sa, un riferimento all’inno nazionale tede­
I donald Trump si è arreso alle pressio­
ni dell’opinione pubblica, che gli chie­
deva di condannare con decisione le
violenze scatenate da gruppi di estrema de­
stra a Charlottesville, in Virginia, e di de­
tonomi che combattono il razzismo e con­
trollano le attività dei neonazisti locali. ri­
velano l’identità dei neonazisti a vicini e
datori di lavoro, organizzando campagne
d’informazione pubblica, forniscono soste­
sco. Fanno il saluto nazista a heimbach. nunciare esplicitamente il nazionalismo gno ai migranti e fanno pressione sui gesto­
Gli antifascisti sono il doppio di loro. bianco. “Il razzismo è un male”, ha dichia­ ri delle strutture pubbliche per convincerli
Poi cominciano i lunghi comizi dei neo­ rato senza troppa convinzione, “come lo a non ospitare i raduni dei suprematisti
nazisti, che vengono coperti dalle grida sono il ku klux klan, i neonazisti e i supre­ bianchi.
degli antifascisti. Un gruppo di persone matisti bianchi”. Ma il giorno dopo ha in­ La grande maggioranza delle organizza­
ascolta i discorsi del Nationalist front die­ vertito la rotta sostenendo che al raduno dei zioni antifasciste statunitensi segue i prin­
tro le transenne piazzate dalla polizia. Ma suprematisti bianchi avevano partecipato cìpi della nonviolenza, ma gli antifa si di­
quasi tutti i residenti di Pikeville si sono “persone perbene” e che la colpa di quello stinguono dai gruppi moderati per la loro
uniti agli antifascisti, e intonano i loro slo­ che era successo andava assegnata a “en­ disponibilità a difendere fisicamente se
gan. “Sono quelli che strillano di più”, dice trambi gli schieramenti”, inclusi i cosiddet­ stessi e gli altri dalle aggressioni dei supre­
Sidney. “Immagino che la maggior parte ti antifascisti della “sinistra alternativa”. matisti bianchi e a bloccare preventivamen­
non s’interessi di politica, forse sono con­ Saliti agli onori della cronaca a febbraio, te le azioni delle organizzazioni fasciste.
servatori, ma capiscono che c’è un limite”. quando all’università di Berkeley hanno Secondo gli antifa, dopo gli orrori della
Nessun ferito, nessuna sparatoria. I neona­ messo a tacere il militante di estrema destra schiavitù e dell’olocausto la violenza isica
zisti iniscono i loro discorsi e tornano alla Milo yiannopoulos, gli antifascisti hanno contro i suprematisti bianchi è eticamente
roulotte. La forte presenza della polizia è nuovamente attirato l’attenzione dell’opi­ giustiicabile ed eicace dal punto di vista
riuscita a tenere separati i due gruppi e a nione pubblica a Charlottesville dopo che il strategico. Sostengono che la questione
impedire qualsiasi possibilità di scontro. È 12 agosto si sono scontrati con i fascisti arri­ della violenza non va afrontata in astratto e
tutto inito. vati per partecipare al raduno di destra Uni­ al di fuori del contesto in cui avviene. Porta­
a harrisburg scende la notte. Max Neely te the right. no avanti un’idea eticamente solida e stori­
e i suoi si riuniscono in un bar. Bevono birra Ma chi sono gli antifascisti – o antifa – camente informata che propone di combat­
e parlano di hockey. Poi si spostano in una statunitensi? da dove vengono? Sono mili­ tere i nazisti prima che sia troppo tardi.
saletta privata per fare il bilancio della gior­ tanti di sinistra che rivendicano una rivolu­ Commentando i fatti di Charlottesville, il
nata. Si siedono intorno a un posacenere e zione sociale e la lotta contro la destra ilosofo e attivista nero Cornel west ha det­
fumano una sigaretta dopo l’altra commen­ to: “Se non fosse stato per gli antifascisti
tando educatamente a turno gli eventi. Ci che ci hanno protetti, i neofascisti ci avreb­
sono molte cose da discutere. In mattinata Gli antifa sono pronti bero schiacciato come scarafaggi”.
un uomo che protestava contro Trump è anche se spesso negli Stati Uniti si parla
stato arrestato, con l’accusa di aver avuto
a difendersi dalle degli antifascisti come di una nuova forza
una discussione violenta con un poliziotto a aggressioni. politica nata dopo la vittoria di Trump, la
cavallo, e il gruppo vuole dargli il suo soste­ loro storia è vecchia di un secolo. Nella pri­
gno. Tra due giorni ci sarà una manifesta­
Sostengono che la ma metà del novecento, gli antifascisti
zione per i diritti degli immigrati. E poi de­ questione della combattevano le camicie nere di Benito
vono decidere cosa fare per il festival Mussolini nelle campagne italiane, si scon­
dell’orgoglio della Pennsylvania centrale.
violenza non va travano armi in pugno con le camicie mar­
Intorno a loro, le pareti della stanza sono afrontata in astratto roni di adolf hitler nelle taverne e nei vico­
coperte di bandiere statunitensi. u bt li di Monaco e difendevano Madrid

46 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Charlottesville, 12 agosto 2017
STEVE hELBEr (aP/aNSa)

dall’esercito insurrezionalista di Francisco zisti. Prendere di mira le azioni di piccoli coli gruppi di razzisti, islamofobi e fascisti
Franco. oltre i conini dell’Europa, l’antifa­ gruppi fascisti potrebbe sembrare una mis­ locali invece di concentrarsi sulle ingiusti­
scismo è diventato un modello di resistenza sione inutile, ma l’ascesa di hitler e Musso­ zie del sistema.
per i cinesi contro l’imperialismo giappone­ lini ha dimostrato che la resistenza non è un anni prima che si cominciasse a parlare
se durante la seconda guerra mondiale e interruttore che può essere attivato imme­ di alt-right, la cosiddetta destra alternativa,
per i movimenti che si ribellavano ai ditta­ diatamente nei momenti di crisi. Quando il gli antifa passavano ore ad analizzare i mes­
tori dell’america Latina. partito nazista o quello fascista arrivarono saggi online per capire dove si sarebbero
Negli Stati Uniti l’attuale movimento al governo, era troppo tardi per tirare il fre­ tenute le riunioni dei neonazisti. Si può es­
antifa si ispira alla resistenza contro le on­ no d’emergenza. sere in disaccordo con i loro metodi, ma gli
date di xenofobia e la cultura degli skinhead a posteriori, gli antifascisti hanno capito antifa dedicano la loro vita alla lotta contro
bianchi nel regno Unito degli anni settanta che sarebbe stato molto più facile fermare il razzismo, e non sono assolutamente para­
e ottanta. Ma le sue radici afondano anche Mussolini nel 1919, quando il primo nucleo gonabili ai troll della destra alternativa che
nei gruppi di autodifesa organizzati dai ri­ di fascisti era composto da appena cento scherzano sulle camere a gas. dietro le ma­
voluzionari e dai migranti in Germania do­ uomini, o distruggere il Partito tedesco dei schere degli antifascisti ci sono infermieri,
po la caduta del muro di Berlino, quando ci lavoratori quando aveva solo 54 iscritti e insegnanti, vicini a casa e parenti di tutte le
fu un ritorno dei movimenti neonazisti. hitler partecipava al suo primo raduno, pri­ etnie, che rischiano la loro incolumità per
ma di trasformarlo nel Partito nazionalso­ combattere il fascismo con ogni mezzo.
Riunioni clandestine cialista tedesco dei lavoratori. anche se i Non avremmo dovuto aspettare la mor­
Negli Stati Uniti e in Canada gli attivisti del­ regimi che hanno portato alla nascita degli te di heather heyer – l’attivista antirazzista
la rete di azione antirazzista (ara) hanno antifa sono scomparsi da tempo, oggi gli uccisa il 12 agosto a Charlottesville – per
sistematicamente preso di mira i membri attivisti del movimento continuano a consi­ prendere sul serio la minaccia del suprema­
del ku klux klan, i neonazisti e altri supre­ derare i piccoli gruppi fascisti e nazisti come tismo bianco, che ha colpito le comunità di
matisti bianchi dalla ine degli anni ottanta se fossero il nucleo di un futuro regime dit­ neri e altre minoranze per generazioni. La
fino agli anni duemila. Il loro motto era tatoriale. storia dell’antifascismo deve spingerci a
semplice ma determinato: “andiamo dove Per anni gli antifascisti statunitensi sono prendere sul serio la violenza dei suprema­
vanno loro”. Se i nazisti distribuivano vo­ stati criticati perché guardavano con preoc­ tisti bianchi. I giorni in cui pensavamo che
lantini a un concerto punk in Indiana soste­ cupazione ai gruppi del kkk formati da qua­ bastasse ignorarli sono initi. u as
nendo che “hitler aveva ragione”, quelli ranta o sessanta persone. Gli attivisti del
dell’ara si presentavano sul posto per cac­ rose city antifa di Portland, in oregon, il L’AUTORE
ciarli. Se i fascisti tappezzavano il centro di più vecchio gruppo antifascista attivo nel Mark Bray è uno storico dei movimenti
Edmonton con manifesti razzisti, l’ara li paese, sono stati sminuiti dalla sinistra per­ politici in Europa. Insegna al dartmouth
strappava e li sostituiva con slogan antiraz­ ché cercavano di ostacolare l’attività di pic­ college, in New hampshire, negli Stati Uniti.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 47


Asia centrale

L’acqua
contesa
Achmed Sejidov, Lenta, Russia
Foto di Elliott Verdier
Nelle repubbliche ex sovietiche dell’Asia centrale
le risorse idriche non mancano, ma sono
distribuite in modo disuguale. La lotta per
controllarle potrebbe innescare nuovi conlitti
l 17 maggio del 2017 il ministro de- garantisce enormi riserve d’acqua. Ma più

I gli esteri del Tagikistan, Sirodjidin


Aslov, è volato a Bruxelles per pro-
muovere, di fronte a un gruppo di
funzionari dell’Unione europea, il
progetto per la costruzione della
centrale idroelettrica di Rogun, sul iume
Vachš. Ma per quale motivo l’Unione euro-
pea dovrebbe essere interessata a una cen-
trale elettrica sulle remote montagne
a valle, in Uzbekistan, Turkmenistan e Ka-
zakistan, l’acqua non basta: il 77 per cento
delle risorse idriche consumate dagli uz-
bechi arriva dall’estero, in Turkmenistan
la percentuale supera il 90 per cento e in
Kazakistan è il 40 per cento.
Le tensioni legate al controllo dell’ac-
qua, che non hanno ancora raggiunto la
fase più critica, sono cominciate subito do-
dell’Asia centrale? E perché mai un rappre- po l’indipendenza delle cinque repubbli-
sentante del governo di Dušanbe si è reca- che sovietiche, nel 1991. Alla radice dei
to ino in Belgio per ottenere il via libera contrasti c’è il fatto che i iumi possono es-
alla realizzazione di un’infrastruttura nel sere sfruttati sia per l’irrigazione sia per
suo paese? produrre energia elettrica, e se l’acqua de-
Il punto è che questa banale iniziativa è stinata a irrigare i campi è necessaria
in realtà la testimonianza del fatto che nel d’estate, i consumi di elettricità aumenta-
cuore dell’Asia i rischi di una guerra sono no invece d’inverno, cosa che costringe le
concreti. Non si può escludere, infatti, che aziende energetiche a impiegare nella sta-
le ex repubbliche sovietiche della regione gione fredda le risorse di cui avrebbero in-
possano entrare in conlitto per il controllo vece bisogno gli agricoltori con l’arrivo del
di una risorsa molto preziosa: l’acqua. caldo. In epoca sovietica la gestione cen-
tralizzata del settore idrico-energetico
Irrigazione ed energia consentiva di agire nell’interesse di tutte le
Ormai da qualche tempo sia i mezzi d’in- parti coinvolte, ma oggi i nuovi stati indi-
formazione occidentali sia quelli dei paesi pendenti nati dalla disgregazione
ex sovietici si occupano regolarmente del dell’Unione Sovietica non riescono ad am- tin 2, sul iume Naryn; in Tagikistan fu in-
rischio, tutt’altro che remoto, di una guerra ministrare insieme le risorse. vece varato il progetto della già citata cen-
per l’acqua in Asia centrale. Non sono pre- Negli anni novanta il Kirghizistan e il trale di Rogun, sul iume Vachš. L’Uzbeki-
visioni infondate, considerato che questa Tagikistan approvarono progetti per la co- stan considerò quei progetti come una mi-
risorsa è distribuita tra i paesi della regione struzione di grandi centrali idroelettriche naccia alla sicurezza nazionale: le nuove
in modo estremamente disomogeneo. sui iumi che proseguono il loro corso in dighe avrebbero infatti interrotto i lussi,
L’alto corso dei iumi che nascono nel ter- Uzbekistan. In Kirghizistan fu pianiicata lasciando i contadini uzbechi senz’acqua
ritorio del Kirghizistan e del Tagikistan la realizzazione della centrale di Kambara- per l’irrigazione. Inoltre, cosa di cui rara-

48 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


La cittadina mineraria di Tash Kumyr, in Kirghizistan, febbraio 2017

mente si parla in modo esplicito, le dighe islamici (ancora non del tutto sconfitti), tuttora imprevedibili e potrebbero entrare
avrebbero costituto una gravissima minac- mentre il Kirghizistan era un paese molto in possesso di uno strumento per ricattare
cia per i centri abitati lungo il corso inferiore instabile, anche per gli standard postsovie- gli stati a valle. Per questo nel 2015 il presi-
dei due iumi: nel caso di un cedimento tec- tici. In questo contesto, per l’Uzbekistan i dente uzbeco di allora, Islam Karimov, di-
nico o di un attentato terroristico la violenza grandi progetti di Dušanbe e Biškek rappre- chiarò senza mezzi termini che i problemi
dell’acqua avrebbe distrutto tutto. Negli an- sentavano un rischio enorme. idrici nella regione sarebbero potuti “peg-
ni novanta il Tagikistan visse una guerra Da allora le cose non sono molto cam- giorare ino al punto di generare non solo
civile che oppose il governo agli estremisti biate: Tagikistan e Kirghizistan sono paesi gravi tensioni, ma perino una guerra”. E

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 49


Asia centrale
aggiunse che la realizzazione della centra- l’Ili risentono già delle conseguenze dello dai mari in cui sono presenti gli Stati Uniti.
le di Kambaratin avrebbe dato un duro col- sviluppo frenetico della regione, e la loro Se quindi la stabilità dell’Asia centrale do-
po alla produzione agricola dell’Uzbeki- portata sta diminuendo. Il problema di vesse crollare, per Pechino sarebbe un in-
stan, una delle principali voci d’esporta- questi iumi è aggravato anche dal rapido cubo. E le regioni coninanti diventerebbe-
zione del paese. scioglimento dei ghiacciai, legato al riscal- ro un bacino di fuga per le organizzazioni
damento globale. separatiste armate”.
Il chiodo isso Secondo il sinologo russo Konstantin Alcuni anni fa gli esperti della Stratfor
Nel marzo del 2016 il governo kirghiso ha Syroežkin, il Kazakistan è in una posizione avevano anche previsto che nella regione
constatato con preoccupazione che il ten- di debolezza nei negoziati con Pechino sul- centrasiatica le tensioni legate alla gestio-
tativo di riprendere il controllo degli im- le risorse idriche. “Ha giocato tutti gli assi ne dell’acqua non sarebbero inite presto.
pianti lungo il conine aveva avuto come nella manica che aveva”, spiega. “Non gli A gennaio del 2017, inoltre, un esperto del-
conseguenza un’intensiicazione delle at- rimane che fare aidamento sulla disponi- la Harvard International Review, la rivista
tività militari dell’Uzbekistan alla frontie- bilità dei cinesi”. Considerato che la Cina dell’università di Harvard, ha ammesso di
ra. Poco dopo i rapporti si sono ulterior- ha investito nell’economia kaza- essere “scettico sulla possibilità
mente inaspriti a causa della disputa sul ca tra i 24 e i 27 miliardi dollari, di risolvere i problemi dell’acqua
controllo del bacino idrico di Kosonsoy, al stando ai dati del 2016, per Asta- nella regione, problemi che stan-
conine tra i due paesi. Ad agosto sia il go- na non è facile aprire una disputa no assumendo dimensioni pre-
verno di Biškek sia quello di Taškent hanno con Pechino. occupanti”. Secondo le sue pre-
inviato militari e poliziotti in questa stri- La Cina, tuttavia, ha impor- visioni, in futuro le dinamiche
scia di terra la cui sovranità è ancora inde- tanti investimenti anche negli altri paesi politiche della regione saranno dominate
inita. della regione. Dopo la visita di Mirziyoyev, dal principio del “tanto peggio, tanto me-
Nell’ottobre del 2016 il presidente del Cina e Uzbekistan hanno concluso un ac- glio”.
Tagikistan, Emomali Rahmon, si è messo cordo del valore di 22 miliardi di dollari. A marzo The Diplomat, una rivista on-
alla guida di un bulldozer per gettare il pri- Durante il viaggio a Pechino, il presidente line che ha la redazione a Tokyo, è arrivata
mo carico di terra nelle acque del iume uzbeco ha partecipato anche al forum della a chiedersi in un articolo se le guerre per
Vachš e inaugurare così la costruzione del- nuova via della seta, cioè la strategia di Pe- l’acqua possano mandare a monte i piani
la centrale idroelettrica di Rogun. Secondo chino per sviluppare nuovi collegamenti della Cina in Asia centrale. La risposta
i suoi avversari, Rahmon si è potuto per- con i paesi dell’Eurasia e trovare un’alter- dell’autore è stata chiarissima: “Pechino
mettere un simile gesto simbolico solo do- nativa alle rotte marittime tradizionali, deve prendere atto che sono ormai mature
po la morte, nel 2016, di Karimov, il presi- che sarebbero vulnerabili in caso di un le condizioni per lo scoppio di conlitti e
dente uzbeco considerato di fatto il patriar- conlitto. per una destabilizzazione della regione”.
ca dell’intero spazio postsovietico, che era Ma la presenza della Cina nella regione Oggi né i paesi dell’Asia centrale né le
sempre stato inlessibile nella difesa degli può davvero contenere il rischio di una vicine Cina e Russia vogliono un conlitto
interessi di Taškent. Già nel 2009, infatti, guerra per l’acqua? A giudicare dal tono nella regione. Tuttavia, come ha ricordato
Rahmon aveva costretto i cittadini tagichi degli esperti interrogati dai giornali occi- qualcuno parlando della vigilia della prima
ad acquistare azioni della centrale. Per dentali, la risposta è no. guerra mondiale, anche allora “nessuno
Dušanbe il progetto è da tempo un chiodo voleva la guerra. Ma la guerra era inevita-
isso. Riserve di stabilità bile”. Non si può escludere che alla ine le
Nel frattempo il nuovo presidente uz- Come ha scritto alla ine del 2016 l’agenzia previsioni più catastroistiche si riveleran-
beco, Shavkat Mirziyoyev, ha dimostrato d’intelligence privata Stratfor, “l’Asia cen- no sbagliate. Una cosa è certa, però: nella
di non avere nessuna intenzione di cam- trale sta consentendo alla Cina di svilup- regione le riserve di stabilità si stanno
biare la linea seguita di Karimov. Durante pare una rotta verso l’Europa più distante esaurendo. u af
una visita ad Astana, a marzo, ha ribadito,
insieme al presidente kazaco Nursultan
Nazarbaev, che le risorse idriche sono un
patrimonio comune di tutti i paesi della re-
gione.
La questione è di grande importanza
anche per il Kazakistan, considerato che
l’acqua consumata nel paese arriva non
solo dall’Uzbekistan e dal Kirghizistan, ma
anche dalla Cina. Le sorgenti dei iumi Ili,
Irtyš e Tekes, che riforniscono d’acqua al-
cune regioni del Kazakistan, si trovano in-
fatti nel nordest della Cina, proprio l’area
in cui Pechino negli ultimi tempi sta con-
centrando i suoi progetti di sviluppo. L’eco-
nomia della regione autonoma dello Xin-
jiang, abitata dalla minoranza musulmana
degli uiguri, ha grande bisogno d’acqua,
che però nella zona scarseggia. L’Irtyš e

50 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


2,18 euro
a copia

Un anno

109 euro

Abbonati al tuo
giornale preferito
Regalati o regala Internazionale.
Ogni settimana il meglio dei giornali di tutto il mondo da leggere
su carta e in digitale su tablet, computer e smartphone.
In più avrai accesso online in esclusiva a opinioni, reportage
e inchieste sull’Italia.

due anni
Carta Accesso
1 50 45% 55%
digitale
contenuti
online anno numeri di sconto
rispetto al prezzo
di copertina
179
euro
di sconto
rispetto al prezzo
di copertina

internazionale.it/abbonati
Scienza

I trucchi
usata da milioni di persone in tutto il mon-
do. Viene addirittura preinstallata su alcu-
ni telefonini.
“Fino a poco tempo fa i metodi di lettu-
ra rapida venivano insegnati solo in corsi
specializzati, che bisognava frequentare

del lettore per settimane”, spiega Elizabeth Schotter,


una psicologa cognitiva della University of
South Florida, negli Stati Uniti. “Ma ormai
c’è chi sostiene che, grazie alle nuove tec-
nologie, non serva nessun corso. Questo è

intelligente
molto allettante per chi cerca un modo ra-
pido e facile per risolvere problemi come
quello di aver troppe cose da leggere”.

Soluzioni ineicaci
In realtà gli scienziati non erano sicuri che
la lettura rapida funzionasse davvero. Per
veriicarlo Schotter e i suoi colleghi hanno
valutato alcune delle strategie e dei sistemi
Emma Young, New Scientist, Regno Unito più diffusi, con risultati deludenti. Per
Foto di Florian Beaudenon esempio, una delle “soluzioni” per leggere
più velocemente è eliminare del tutto la
Tra internet e i social network non abbiamo mai vocalizzazione interna, cioè non immagi-
nare il suono delle parole ma solo aidarsi
avuto tante cose da leggere. Qual è il modo al loro aspetto. La vocalizzazione interna
migliore di afrontare questa montagna di parole? sarebbe una perdita di tempo che ci portia-
mo dietro da quando abbiamo imparato a
leggere ad alta voce da bambini. Ma Schot-
assalto delle parole comin- lettura rapida, che ha raggiunto il record di ter e i suoi colleghi hanno dimostrato che

L’ cia nel momento in cui ci


svegliamo. Ancor prima di
vestirci controlliamo
l’email, diamo un’occhia-
ta alle notizie online,
apriamo Twitter e rispondiamo ai messag-
gi. Una volta al lavoro, dobbiamo leggere
rapporti, relazioni, articoli e altre email. A
volte ci immergiamo in un testo per il puro
4.251 parole al minuto. Ma ci sono sistemi
che possono aiutare chiunque a ricavare
qualcosa di più da quello che legge.
In media una persona laureata legge tra
le duecento e le quattrocento parole al mi-
nuto. Nel corso della storia l’idea di leggere
meglio è sempre stata legata a quella di
leggere più velocemente. Negli anni cin-
quanta l’insegnante statunitense Evelyn
eliminare la riproduzione dei suoni nella
nostra mente ostacola la comprensione. È
ragionevole pensare che tradurre informa-
zioni visive in forma sonora ci aiuti a capire
meglio un testo, visto che in origine il lin-
guaggio era espressione orale e percezione
uditiva. Gli esseri umani hanno comincia-
to a parlare tra loro circa centomila anni fa,
mentre la scrittura fu inventata in Mesopo-
piacere di farlo. Con la difusione di inter- Wood lanciò il concetto di lettura rapida e tamia solo nel 3400 aC.
net e dei social network molti di noi si tro- da allora proliferano i corsi e i libri che pro- Un metodo molto usato in alcune app è
vano a contatto con un maggior numero di mettono di insegnare alle persone a legge- quello di presentare singole parole rapida-
informazioni scritte rispetto alle genera- re cinque volte più velocemente senza per- mente, una dopo l’altra. Gli utenti di Spritz,
zioni precedenti. Il rischio è di farsi travol- dere nulla a livello di comprensione. Le per esempio, possono stabilire un ritmo
gere da questa valanga quotidiana di testo: nuove tecnologie hanno reso quest’idea che va dalle 250 alle mille parole al minuto.
sia chi fa fatica a contenerla sia chi ne vor- ancora più attraente. Spritz, per esempio, è Si pensa che questo elimini la necessità dei
rebbe di più probabilmente si è chiesto se un’applicazione molto popolare per otti- movimenti oculari. “L’idea che perdiamo
non ci siano metodi di lettura migliori. mizzare la lettura: secondo i suoi creatori è tempo facendo dei movimenti inutili con
Sappiamo che il cervello umano è capa- gli occhi è afascinante”, ammette Balota.
ce di imprese straordinarie. “Ci sono per- Ma è sbagliata. Lo dimostrano le ricerche
sone che memorizzano mazzi di carte in Gli esseri umani sul modo in cui leggiamo. Per prima cosa,
meno di venti secondi e, di recente, una gli occhi devono concentrarsi sulle lettere.
persona è riuscita a risolvere otto cubi di
hanno cominciato a L’acutezza visiva è massima nella fovea,
Rubik sott’acqua senza riprendere iato”, parlare tra loro circa l’area di maggiore sensibilità visiva della
racconta David Balota della Washington retina, che è grande più o meno quanto il
university di St. Louis, nel Missouri. “Sa-
centomila anni fa, pollice quando allunghiamo il braccio da-
rebbe interessante sapere se si possono mentre la scrittura fu vanti all’occhio. Rapidi movimenti dell’oc-
ottenere risultati simili nella lettura”. chio, detti saccadi, consentono a chi legge
Realisticamente la maggior parte di noi
inventata solo di spostare la fovea da una parola all’altra.
non potrà mai sperare di battere Anne Jo- nel 3400 avanti Cristo Ogni movimento in avanti di solito copre
nes, sei volte campionessa mondiale di circa sette lettere. In media gli occhi si sof-

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 53


Scienza
fermano su una parola per circa 250 milli-
secondi e, mentre passano oltre, il cervello
Le persone che
sta ancora cercando di capire quello che ha leggono un romanzo
registrato. Ma la lettura non è sempre un
processo di avanzamento. Circa il 30 per
giallo sul Kindle fanno
cento delle volte saltiamo una parola. Que- più fatica a ricordare
sto può succedere se è molto breve (come
“di” o “a” ), frequente (come “stato” o
la sequenza degli
“molto”) o prevedibile perché è stata appe- eventi rispetto a chi lo
na letta. Almeno il 10 per cento delle volte
torniamo alla parola precedente, forse per-
legge su carta
ché ci rendiamo conto di non averla capita
bene o, se è un’informazione nuova, vo- ultima frase di ogni paragrafo, perché di
gliamo rivederla per capirla meglio. Quan- solito è in quelle parti che si trovano le in-
do un’applicazione ci presenta delle parole formazioni più importanti, almeno se il
una dopo l’altra, non è possibile prevederle testo è “scritto bene”.
e rivederle, quindi la comprensione si ridu- Questa tecnica richiede che il lettore
ce, sostiene Schotter. riempia i vuoti facendo delle supposizioni
Il modo in cui leggiamo normalmente sulla base di quello che ha già letto. Se si
si scontra anche con la tecnica di lettura vuole leggere più velocemente senza com-
rapida chiamata chunking, cioè la suddivi- promettere la comprensione non esistono
sione del testo in blocchi. I suoi promotori scorciatoie, aferma Schotter. La massima
sostengono che con questa tecnica si pos- velocità con cui possiamo passare da una
sano leggere interi gruppi di parole, anche parola all’altra, continuando a capire quel-
quelle fuori dalla fovea, con un solo sguar- lo che stiamo leggendo, è determinata so-
do. Secondo Schotter, però, questo sistema prattutto dalla nostra familiarità con quelle
non funziona perché il chunking non è pos- parole. Mentre una persona può esitare da-
sibile dal punto di vista isiologico, senza vanti a “insigniicante”, un’altra rallenterà
contare il fatto che a limitare la nostra ve- davanti a “psiconeuroendocrinoimmuno-
locità di lettura è l’incapacità non tanto di logia”.
vedere le parole, ma d’identiicarle e com- Qual è la soluzione, secondo Schotter?
prenderle rapidamente. “Spesso non piace sentirselo dire, ma l’uni-
Secondo Schotter queste tecniche sono ca cosa da fare è leggere di più. Espandere
inutili. “Sono tutte un po’ folli”, osserva. il proprio vocabolario e la propria cono-
“Non sono totalmente assurde, ma sem- scenza del mondo”, dichiara la studiosa.
brano ragionevoli solo a chi non ha mai Il modo più intelligente di leggere è dite di ebook al mondo – hanno visto calare
veramente studiato come fun- prendere coscienza dei propri li- le vendite di libri in formato digitale, forse
ziona il processo di lettura”. Inol- miti e riconoscere i vantaggi e gli perché stanno diventando più costosi, ipo-
tre i record dei tempi di lettura svantaggi dello scorrere rapida- tizza Baron.
non sono mai stati verificati mente un testo. Ma bisogna an-
scientiicamente. Alla ine delle che tener conto del mezzo che si Gli schermi sui banchi
gare ai partecipanti vengono ri- usa, perché leggere su uno scher- Leggere sullo schermo è spesso considera-
volte delle domande sul testo per veriicare mo è diverso da leggere su carta. ta una “buona cosa”, soprattutto a scuola,
cos’hanno capito, ma è possibile dare ri- È diicile fare un’ipotesi su quanto oggi dice Anne Mangen dell’università di Sta-
sposte corrette anche solo avendo scorso il leggiamo su schermo. “Nessuno dispone vanger, in Norvegia, che presiede l’inizia-
testo e facendo ipotesi intelligenti per ri- di dati signiicativi che mettano a confron- tiva dell’Unione europea E-Read. Ma non
empire i vuoti. to i minuti passati a leggere su ogni piatta- ci sono dati certi. “Mancano le informazio-
Schotter è convinta che un “buon” let- forma”, spiega Naomi Baron dell’American ni e ci sono molte pressioni da parte dell’in-
tore, con una media di quattrocento parole university di Washington Dc, autrice di dustria tecnologica”, dice. Molti dibattiti,
al minuto, potrebbe raddoppiare la veloci- Words on Screen: the fate of reading in a digi- discussioni e decisioni – soprattutto nel
tà, ma non triplicarla, come promettono i tal world (Oxford University Press 2015). campo della scuola – si basano su ipotesi e
sistemi di lettura rapida. E anche così quel- Secondo i sondaggi del Pew research cen- su una fede quasi cieca nella tecnologia.
la non sarebbe una “vera” lettura, ma solo ter, negli Stati Uniti, la metà dei lettori di Molti sostengono che leggere su dispositivi
un modo “più eiciente per scorrere il te- giornali usa esclusivamente la versione elettronici “sia più stimolante e che sia il
sto”, che inevitabilmente comporta una stampata. Nel 2016 il 65 per cento degli modo in cui la maggior parte delle persone
minore comprensione. Se il nostro obietti- adulti statunitensi ha letto almeno un libro legge e leggerà in futuro”.
vo è solo capire il senso di un testo, scorrer- di carta, rispetto al 71 per cento del 2011, In realtà dalle ricerche di Mangen
lo è meglio che leggerlo. E per questo non mentre quelli che hanno letto un libro in emerge che abbiamo più diicoltà a com-
c’è bisogno di comprare un’applicazione o formato digitale sono passati dal 17 al 28 prendere le informazioni presentate in pdf
di frequentare dei corsi. Schotter consiglia per cento. Sempre nel 2016 gli Stati Uniti e su uno schermo rispetto a quelle stampate
di concentrarsi sui titoletti e sulla prima e il Regno Unito – il secondo paese per ven- su carta. Questo probabilmente è dovuto

54 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Da sapere
L’attenzione
prima di tutto
Emma Young, New
Scientist, Regno Unito
eggere fa bene. Di recente è sta-

L to dimostrato che la letteratura


migliora la nostra capacità di
comprendere le emozioni degli altri.
Da un altro studio è emerso che legge-
re un libro avvincente di qualsiasi tipo
è un modo eicace per alleviare lo
stress. Ma proprio ora che abbiamo le
prove dell’eicacia della biblioterapia,
sembra che la lettura per puro piacere
stia scomparendo. Nel 2016 negli Stati
Uniti solo il 73 per cento degli adulti
ha letto almeno un libro in qualsiasi
formato, rispetto al 79 per cento del
2011 (in Italia nel 2016 solo il 42 per
cento delle persone con più di sei anni
ha letto almeno un libro).
Forse si deve al fatto che dedichia-
mo più tempo alla lettura di testi brevi
online. Maryanne Wolf, della Tufts
university, nel Massachusetts, intrave-
de una possibilità più inquietante. Mol-
ti materiali digitali prevedono che il
lettore passi dalla forma video a quella
audio, o da un sito web all’altro. Que-
al fatto che è più diicile muoversi su un teri o cercare una parola nel testo e trovare sto, sostiene Wolf, probabilmente ridu-
testo online, tornare al punto che si vuole riferimenti incrociati. Ma anche in questo ce la curva dell’attenzione (l’arco di
rileggere. Una persona può ricordare che caso emergono aspetti negativi. “Quando tempo in cui la concentrazione resta
una certa informazione era a circa un quar- cerchiamo una parola chiave di solito arri- alta). La sua teoria non è stata dimo-
to di un documento stampato o a circa due viamo a leggere solo un’informazione spe- strata. Ma secondo un rapporto della
terzi di una pagina, ma in un formato elet- ciica ma ci perdiamo tutte quelle di con- Microsoft del 2015, nel 2000 la curva
tronico questi riferimenti non ci sono più. torno”, dice Baron. Inoltre, saltare da un dell’attenzione di un canadese medio
“Dalle ricerche emerge una preferenza sito web all’altro riduce la nostra capacità era di dodici secondi, mentre nel 2013
verso la carta stampata quando si tratta di di concentrazione. era scesa a otto. Nel frattempo da studi
studiare”, dice. Questo potrebbe confer- Come per le tecniche di lettura rapida, in cui i volontari vengono interrotti du-
mare l’idea che è meglio leggere su carta le la cosa migliore da fare è adattare lo stru- rante la lettura emerge che distrarsi e
cose che vogliamo comprendere a fondo. mento ai nostri obiettivi. Ma c’è una cosa vagare con la mente è molto comune e
Lo stesso discorso potrebbe valere per che tutti possiamo sempre fare per diven- varia da persona a persona. Passiamo
chi legge per piacere. Mangen ha riscon- tare lettori più bravi. “Quello che conta dal 15 al 50 per cento del tempo a pen-
trato che le persone che leggono un roman- non è il tempo che impieghiamo a leggere, sare a qualcosa di diverso da quello che
zo giallo su Kindle fanno più fatica a ricor- e neanche il supporto, ma la concentrazio- stiamo facendo.
dare la sequenza degli eventi rispetto a chi ne”, dice Baron. “Ci sono persone che leg- La buona notizia è che possiamo
lo legge su carta, probabilmente perché un gono lentamente ma non riescono a capire migliorare la nostra capacità di con-
supporto elettronico non dà la stessa sen- molto, mentre ci sono lettori veloci che centrazione se qualcosa ci avverte che
sazione tattile del procedere della trama hanno un’ottima capacità di memoria e di la nostra mente comincia a vagabon-
che dà un libro. È anche in parte dimostra- analisi”. dare. Se le ipotesi di Wolf sono corret-
to che quando leggono su carta le persone “Secondo me la cosa più rilevante è che te, leggere più libri potrebbe aiutarci.
s’immedesimano di più nei personaggi. quando ci mettiamo a leggere un testo che Il movimento slow books consiglia di
A seconda dei motivi per cui si legge, ci interessa – non importa se narrativa o dedicare alla lettura di un libro o di un
farlo su uno schermo presenta comunque saggistica – la lettura catturi tutta la nostra ebook tra i trenta e i quarantacinque
dei vantaggi. Possiamo ingrandire i carat- attenzione”, aferma Baron. u bt minuti al giorno. u bt

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 55


Portfolio

Marziani
a Leeds
Peter Mitchell ha ritratto la città britannica come se
fosse vista da una sonda spaziale. Le sue foto sono
ironiche e innovative, scrive Christian Caujolle

un libro strano, sconcertante, nuova smentita della missione spaziale Vi- dati crittografati, apparentemente scienti-

È che volontariamente ti destabi-


lizza e fa perdere ogni riferi-
mento con il tempo e lo spazio.
Ma che vuole anche far rilette-
re sul nostro modo di vedere, di
considerare il mondo, di credere o meno
alle immagini. Il titolo enigmatico, A new
refutation of the Viking 4 space mission (Una
king 4), scelto dall’autore Peter Mitchell,
appare su una copertina scura che mostra
una rosseggiante distesa desertica, roccio-
sa e desolata, e rimanda alle immagini
dell’esplorazione dello spazio. Si arriva poi
a una mappa di Bradford, nel Regno Unito,
e subito dopo a 65 fotograie inserite in pe-
santi cornici nere millimetrate, ricche di
ici, e indicazioni riferite alla longitudine e
alla latitudine. Tutto questo senza una pa-
rola. Poi si arriva a una nuova cartina della
città di Leeds, e a una serie di pagine gialle
su cui appaiono le didascalie che vorrebbe-
ro essere informative, ma che non sempre
chiariscono il mistero.
La prima dice: “Utopia Planitia, Marte.

56 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Nella foto piccola: Utopia Planitia,
Marte. 48° nord, 2.2256° ovest. 23 lu-
glio 1979. Ora locale all’atterraggio,
16.30. “La prima storica immagine in-
viata dalla sonda Viking 4. Si vedono
pietre e materiale granulare di picco-
le dimensioni. Lo spettrometro a
luorescenza a raggi X rivela che il
suolo contiene una miscela di mine-
rali ricchi di ferro, idrossidi ferrosi,
solfati e carbonati, forse di origine
vulcanica. Anche se la supericie
sembra inclinata, in realtà è piatta.
L’inclinazione di 8° è probabilmente
dovuta alla presenza di una pietra
sotto uno dei piedi della sonda”.
Nella foto grande: fabbrica di bandie-
re. Leeds. Venerdì 22 luglio 1977. Ore
11.30. “Le strade intorno a quest’area
hanno nomi commoventi come Ada,
Bertha, Walter, Nellie, Harry. Questa
fabbrica, che all’interno ricorda una
nave, si trova a Elsie Crescent. Tutti
fanno gli straordinari per il giubileo
della regina”.

che sembrano solidi e concreti, sono molto


soggettivi. Come in questa annotazione:
“Spencer place, Leeds, 1979. È la mia stra-
da, ma questa non è casa mia. Una bella
strada, purtroppo nel paese dello Squarta-
tore dello Yorkshire”. Altre indicazioni so-
no ancora più precise sulla data dello scat-
to, l’ora e il luogo. Si tratta di un rilievo to-
pografico di grande rigore scientifico. O
quanto meno è quello che il fotografo vuole
far credere.
La storia è quella di una missione arri-
vata da Marte che esplora la città di Leeds e
descrive le scoperte fatte. Ma perché pro-
prio Leeds? Semplicemente perché
Mitchell, nato a Manchester nel 1943, è an-
dato a Leeds nel 1972 a far visita a degli
amici che vivevano in una casa occupata e
non è mai più ripartito. Vive da più di qua-
rant’anni nella stessa strada.
Il fotografo ha lasciato la scuola a 16 an-
ni e ha fatto vari lavori saltuari tra cui l’auti-
sta di camion, cosa che gli ha permesso di
conoscere perfettamente la città. Si descri-
ve come un osservatore solitario che lega
poco con la gente che fotografa. Del resto
48° nord, 2.2256° ovest. 23 luglio 1979. Ora sembra inclinata, in realtà è piatta. L’incli- non ritrae spesso le persone, preferisce i
locale all’atterraggio: 16.30. La prima stori- nazione di 8 gradi è probabilmente dovuta luoghi, in particolare quelli in cattive con-
ca immagine inviata dalla sonda Viking 4. alla presenza di una pietra bloccata sotto dizioni o che rischiano di chiudere. Mitchell
Si vedono pietre e materiale granulare di uno dei piedi della sonda”. immerge il lettore in una tensione in cui il
piccole dimensioni. Lo spettrometro a luo- I testi più o meno lunghi, più o meno punto di vista dei marziani si mescola a una
rescenza a raggi X rivela che il suolo contie- espliciti, rimandano a ognuna delle foto- itta documentazione. Segue un metodo
ne una miscela di minerali ricchi di ferro, di graie, che colpiscono per la loro risolutez- documentario ossessionato dalla scompar-
idrossidi ferrosi, solfati e carbonati, forse di za, la frontalità, e l’evidente relazione con sa, una sorta di parossismo fotograico, che
origine vulcanica. Anche se la supericie la realtà. Ma al tempo stesso questi dati, rappresenta per lui il solo modo per salvare

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 57


Portfolio

Nella foto grande: fabbrica di attrezzature idrauliche, Leeds, 1974. “Ovvia-


mente questo ediicio ha conosciuto giorni migliori, soprattutto nel 1775,
quando ospitava il mercato dei tessuti di Leeds. Comunque io non lo trovo
poi così male”.
Nella foto piccola: Eric Massheder. Sabato, 8 marzo 1975. Ore 14. Vulcan
street, Leeds. “Questa è la casa di Eric, adiacente alla raineria dove lavora
da vent’anni. Se lascia il suo lavoro, perde la casa”.

58 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Nella foto grande: il signore e la signora Hudson. Mercoledì 14 agosto 1974.
Ore 11. Seacroft Green, Leeds. “Mi piace il modo in cui il negozio è appoggia-
to alla scala. Gli Hudson si sono appena trasferiti in un nuovo negozio nella
stessa zona e la chiesa ha la facciata schiacciata per armonizzarsi con il re-
sto”.
Nella foto piccola: stazione ferroviaria sulla costa della contea di Cumbria,
1976. “In questa foto si vedono pietre, probabilmente una miscela di argilla,
arenaria e minerali di ferro come la magnetite, così come materiali granu-
losi, principalmente sabbia. L’oggetto triangolare bianco che si distingue a
sinistra dell’immagine è un lenzuolo”.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 59


Portfolio

A sinistra, in alto: calcestruzzo pronto all’uso. Lunedì 18 lu- A destra, sopra: la signora McArthy e sua iglia. Sabato
glio 1977. Ore 11.30. Ellis road, Leeds. “Per fare questa foto 7 giugno 1975. Mezzogiorno. Sangley road, Londra.
ci ho messo due ore. È stato necessario pulire il camion, “Oltre a ofrire rimedi naturali, le due donne fornisco-
spostare i barili d’olio, rovinare le tute da lavoro che erano no anche ‘altre cose’ in modo discreto”.
nuove, eccetera. La direzione ha apprezzato l’immagine, In basso: case popolari, Leeds, 1974. “Transatlantici
ma rimpiange fortemente che la portiera del camion sia ri- vuoti si muovono nella nebbia del mattino”.
masta aperta... nascondendo così il nome della compagnia. Nella pagina accanto: due donne sconosciute. Orario
È il prezzo da pagare per una scena esilarante”. sconosciuto. Leeds. “Ricordo che si sono riiutate di
In basso: ottico, Londra, 1975. “Immergete il vostro sguar- spostarsi inché non gli ho spiegato perché volevo foto-
do in questi occhi. Concentratevi. Guardate. Non distoglie- grafare un muro vuoto. Le parole mancano in situazio-
te lo sguardo, e piano piano... cominciate a spogliarvi”. ni come questa”.

60 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


gli elementi di un mondo che sta scompa- In questo contesto per le immagini qua- le inevitabili trasformazioni della società.
rendo, ma che al tempo stesso fa esplodere drate di Mitchell, con la loro attenzione Il tutto senza nostalgia, con un senso
con la inzione. Fotograia, o scelta di posi- realistica ai colori di Leeds, non c’era po- dell’osservazione che produce una docu-
zione, inclassiicabile, che si addice a un sto. È passato molto tempo prima che il suo mentazione essenziale per la memoria, e
personaggio che si tiene ai margini, interes- lavoro venisse riconosciuto e apprezzato, con una sana disinvoltura, che permette di
sato alle persone non comuni. come ha confermato il fotografo britanni- concentrarsi solo sull’immagine. u adr
Oggi è diicile immaginare ino a che co Martin Parr, che sottolinea quanto
punto lo stile fotograico di Mitchell fosse Mitchell sia stato un precursore nel mondo
originale per i suoi tempi. Ancora di più in della fotograia a colori. Da sapere
una regione, l’Inghilterra, con una forte La fotograia è lo strumento perfetto per Il libro
tradizione di documentazione sociale. La una finzione realistica. E nel caso di u Il libro di Peter Mitchell A new refutation of the
fotograia in bianco e nero trovava spazio Mitchell, che mescolava umorismo, obiet- Viking 4 space mission/Nouveau démenti de la
nei reportage e nelle gallerie d’arte, men- tività e spirito critico, come molti artisti bri- mission spatiale Viking 4 è stato pubblicato da
tre il colore era riservato alla pubblicità e tannici dell’epoca, diventa anche un mezzo Éditions Clémentine de la Féronnière e RRB
un po’ alla moda. per analizzare la realtà quotidiana e rivelare Publishing nell’aprile del 2017.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 61


Ritratti

Vitalik Buterin
Il profeta
Claire Brownell, Financial Post, Canada. Foto di Julie Glassberg
A vent’anni ha creato una il mondo e scrivere a tempo pieno per la blockchain, un registro delle transazioni in
piattaforma non proit e open rivista. bitcoin avvenute in tutto il mondo, sicuro
Un anno più tardi Di Iorio continuava a perché diicilmente modiicabile. Ma i co-
source per lo scambio di organizzare quegli incontri, ma in una nuo- dici di bitcoin possono essere usati solo per
denaro elettronico che sta va sede, con più partecipanti e con un pro- alcuni tipi di transazione. Buterin propone-
facendo concorrenza iettore. Buterin però quando partecipava va di creare un nuovo sistema chiamato
a Bitcoin. E che potrebbe parlava di un nuovo progetto. Bitcoin aveva Ethereum, basato sulla blockchain e su un
reso possibile l’invio di denaro in tutto il modello di programmazione che gli svilup-
trasformare tutto il web mondo senza commissioni, banche o inter- patori avrebbero trovato familiare, facile da
venti dello stato. Adesso Buterin aveva tro- capire e assistito da un linguaggio capace in
na domenica di novembre vato il modo di applicare quell’idea a tutto il teoria di risolvere ogni problema informati-

U del 2012 un gruppetto di


persone si è riunito al Pau-
per’s pub di Toronto per
discutere di bitcoin. L’in-
contro era stato organiz-
zato da Anthony Di Iorio, un imprenditore
appassionato della moneta elettronica, che
all’epoca era ancora poco nota. Preoccupa-
to della salute del sistema inanziario, aveva
resto e aprire la strada al web 3.0, una ver-
sione decentrata di internet dalle possibilità
illimitate.
Un agricoltore dell’Iowa avrebbe potuto
incassare immediatamente il premio di
un’assicurazione che prevedeva il paga-
mento di una certa cifra se le precipitazioni
non avessero raggiunto un determinato li-
vello stagionale. Un autonoleggio avrebbe
co. Ethereum avrebbe potuto eliminare il
bisogno di fare aidamento su una singola
azienda, persona o stato per garantire la si-
curezza di grandi quantità di denaro e dati.

Decentrare tutto
Di Iorio aveva invitato Joseph Lubin, un al-
tro imprenditore canadese interessato a
bitcoin che all’epoca viveva in Giamaica, a
venduto le sue proprietà immobiliari e ac- potuto collegarsi al telefono di un cliente partecipare agli incontri per saperne di più
quistato bitcoin, e cercava qualcuno con cui per avviare l’auto noleggiata tramite un’app sull’idea di Buterin. Anche Lubin stava cer-
condividere il suo nuovo credo. appena ricevuto il pagamento della tarifa cando un nuovo progetto in cui investire, e
All’incontro si era presentata una man- giornaliera, e bloccarla alla scadenza del dopo aver letto un libro bianco scritto da
ciata di persone che Di Iorio non aveva mai contratto di noleggio. La gente avrebbe po- Buterin su Ethereum nel 2013 aveva rin-
visto prima. Tra queste c’era un ragazzo, tuto guadagnare denaro subaittando i suoi tracciato l’autore. “Mi ha fatto capire come
pallido e allampanato, che riiutava gentil- hard disk a servizi decentrati di archiviazio- potevamo canalizzare tutto il potenziale
mente la birra, il cibo e praticamente ogni ne su cloud come Dropbox. che noi e molte altre persone vedevamo in
forma d’interazione sociale. Il suo nome Simili contratti non possono funzionare bitcoin”, spiega Lubin. “Ofriva un mezzo
era Vitalik Buterin ed era uno studente con i bitcoin o con il denaro comune. Bit- con cui avremmo potuto, cito, ‘decentrare
d’informatica al primo anno dell’universi- coin si basa su un’innovazione chiamata tutto quanto’”.
tà di Waterloo, nel sudovest dell’Ontario. Nel giro di tre anni e mezzo, Ethereum
“Non parlava molto. Si limitava, letteral- avrebbe raggiunto un valore di sette miliar-
mente, a tremare”, dice Di Iorio. “Ma nel Biograia di di dollari. Il termine blockchain sarebbe
corso degli incontri siamo riusciti a cono- diventato molto di più di una parola in voga
scerlo meglio”. ◆ 1994 Nasce a Kolomna, in Russia. nel mondo degli afari, e le principali azien-
Buterin non era solo un timido adole- ◆ 1999 Si trasferisce con la famiglia in de e istituzioni inanziarie mondiali avreb-
Canada.
scente smanettone. L’anno prima aveva bero cominciato a fare esperimenti con la
◆ 2013 Lascia l’università per dedicarsi ai suoi
fondato insieme a un amico romeno la rivi- progetti.
tecnologia di Buterin.
sta Bitcoin Magazine e si stava facendo un ◆ 2014 Lancia la moneta elettronica Vitalik Buterin è nato a Kolomna, in
nome nella comunità della moneta elettro- ethereum. Russia, un’antica città a circa cento chilo-
nica. Alcuni mesi dopo quell’incontro a ◆ 2017 Un gruppo di aziende crea la metri da Mosca. I suoi genitori si sono tra-
Toronto, ha lasciato l’università per girare Enterprise Ethereum Alliance. sferiti da Mosca a Toronto nel 1999, poco

62 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


REDUx/CONTRASTO

prima che lui compisse sei anni. Allora Bu- ato un progetto di divulgazione chiamato tunità in cui investire. Molti di loro guarda-
terin aveva già scoperto i computer, visto Bitcoin education project. Con i suoi 38 an- vano Buterin e vedevano il simbolo del dol-
che si divertiva con Excel su un vecchio pc ni, Di Iorio era almeno dieci anni più vec- laro. In circostanze normali gli investitori
da quando aveva quattro anni. Suo padre, chio degli altri. Nel gennaio del 2014 è arri- non cercano in tutti i modi di aidare i loro
Dmitri Buterin, racconta che a sette anni il vato il momento d’incontrarsi di persona, e soldi a un diciannovenne che non ha inito
iglio aveva scritto un complesso documen- tutti hanno comprato i biglietti. Chetrit ha l’università e la cui unica esperienza lavora-
to intitolato “L’enciclopedia dei conigliet- anche stampato delle magliette. Hanno af- tiva consiste nel gestire un’oscura rivista
ti”. “Aveva escogitato un intero universo ittato una casa piena di letti a castello a dalla casa dei genitori. Forse Buterin non
popolato da coniglietti, ma governato da Miami, dove si sarebbe tenuta la Conferen- corrispondeva all’immagine classica
formule molto rigorose”, ricorda Dmitri, un za nordamericana sui bitcoin, per lavorare dell’uomo d’afari, ma rientrava in un altro
esperto d’informatica che ha da poco fon- al progetto Ethereum e cominciare a difon- stereotipo: il mago dei computer adole-
dato un incubatore di startup basate sulle derne il vangelo. scente con un’idea da miliardi di dollari. La
blockchain. “Il documento era pieno di ma- Durante le vacanze di Natale Gavin prospettiva d’incontrare il prossimo Steve
tematica, calcoli e tabelle”. Wood, un programmatore britannico, ave- Wozniak o Mark Zuckerberg agli esordi era
Qualche anno dopo, quando Buterin ha va già messo a punto un codice funzionante molto allettante.
detto al padre che stava pensando di lascia- a partire dal libro bianco di Buterin. Alla i- Una sera Buterin ha tenuto un discorso
re l’università per girare il mondo, Dmitri ne di gennaio è arrivato a Miami con l’idea in cui ha esposto la sua idea, indossando
gli ha dato pieno sostegno. Nel 2013 Buterin di partecipare a intense sessioni di pro- una maglietta nera con la scritta Ethereum
è partito, visitando Israele, Amsterdam e grammazione insieme ad altri sviluppatori. parlando con voce intensa. Alla ine tutti si
San Francisco per scrivere sulla rivista e la- Invece si è ritrovato a una festa. Anche se il sono alzati per applaudirlo e all’uscita c’era
vorare su vari progetti di moneta elettroni- valore dei bitcoin era sceso a 800 dollari ri- una ila di persone che volevano parlargli. Il
ca. A novembre ha pubblicato il libro bianco spetto al picco di 1.127 toccato a novembre, suo status di profeta della grande novità era
su Ethereum, e poche settimane dopo ha era comunque un balzo enorme rispetto ai ormai uiciale.
messo in piedi un team per lavorare al pro- cento dollari dell’agosto 2013. La comunità Mentre le aspettative salivano e decine
getto. Ne facevano parte Di Iorio, il cofon- di bitcoin si sentiva ricca. “Le feste erano di persone invadevano ogni giorno la casa
datore di Bitcoin Magazine Mihai Alisie, piuttosto eccessive, roba tipo bar in cima ai di Miami, tre persone si sono aggiunte al
Amir Chetrit, con cui Buterin aveva lavora- grattacieli di Miami”, ricorda Wood. progetto Ethereum: Wood, Lubin e il pro-
to in Israele a un progetto su bitcoin chia- Ma le sculture di ghiaccio e le ballerine grammatore Jef Wilcke. Lubin, che aveva
mato ColoredCoins, e Charles Hoskinson, non erano abbastanza per i nuovi ricchi di gestito un hedge fund e aveva lavorato per la
un matematico statunitense che aveva cre- bitcoin. Cercavano un’altra grande oppor- Goldman Sachs, ricorda di essersi preoccu-

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 63


Ritratti
pato per l’eccessivo entusiasmo di alcune che il futuro del progetto dipendeva da lui. Ethereum ha attirato l’attenzione e pro-
persone. “Pensavamo di comprare un’isola A luglio del 2014 il progetto Ethereum era mette molto in termini di potenziale e valo-
perché avevamo bisogno di una nuova se- senza fondi da sei mesi. Aveva accumulato re di mercato, ma non ha ancora cambiato il
de. Eravamo un po’ sovreccitati”, dice. “Poi enormi debiti a causa delle spese per la re- mondo. Esistono poche applicazioni fonda-
alcuni di noi hanno cominciato a pensare: gistrazione della società, gli avvocati e i te su Ethereum che una persona che non
‘Ehi, aspetta un attimo’”. viaggi. Era stato diicile resistere alla tenta- s’intende d’informatica può trovare utili.
Un ottimo motivo per “aspettare un at- zione di accettare il denaro dei sostenitori Gli esperimenti delle grandi aziende e delle
timo” era assicurarsi di rispettare le norme all’inizio, ma alla ine la squadra legale di banche si sono limitati a test e dimostrazio-
sulla sicurezza. Accettare denaro da inve- Ethereum era convinta di aver trovato il ni pratiche. Servono altri progressi tecnolo-
stitori statunitensi non accreditati poteva modo di evitare problemi con la legge. Inve- gici perché Ethereum riesca a gestire i volu-
metterli nel mirino della Security and ex- ce di vendere obbligazioni, la Ethereum mi di dati elaborati quotidianamente dai
change commission (Sec), l’ente statuni- avrebbe oferto un prodotto: gli ether, una colossi di internet.
tense che vigila sulla borsa. Per questo i moneta elettronica su modello di bitcoin
fondatori hanno deciso di rimandare una integrata nella piattaforma. L’obiettivo della piattaforma
raccolta fondi e ingaggiare degli avvocati Per le prime due settimane Ethereum È un sabato soleggiato d’aprile, ma Buterin
che analizzassero le varie oferte. Hanno ha venduto duemila ether al prezzo di un è in un seminterrato a Toronto per parteci-
registrato una società in Svizzera, un paese bitcoin. Allora il valore dei bitcoin era di pare, come una sorta di celebrità ospite, a
dalle norme meno rigide, poi hanno di- circa seicento dollari e ogni ether valeva un grande raduno di programmatori ed
scusso a lungo per decidere se Ethereum circa trenta centesimi di dollaro, poi il esperti d’informatica organizzato dall’in-
avrebbe dovuto seguire il modello di Goo- prezzo è salito. Alla ine Ethereum ha rac- cubatore di blockchain di suo padre. Gio-
gle, una gigantesca azienda a ini di lucro, colto più di 31mila bitcoin, cioè 18,6 milioni cherella con una bustina di tè e pensa a cosa
o quello di Mozilla, la fondazione non pro- di dollari. cambierebbe se potesse tornare indietro e
it che sviluppa il browser open source Fi- L’ether è progettato per essere un mez- rifare tutto. “Di certo cambierei il modo in
refox. zo di scambio per gli utenti di Ethereum, cui ho cercato i collaboratori”, dice. “Ini-
La tensione tra i fondatori cresceva. Pro- non una valuta come i bitcoin o un bene zialmente ero felicissimo di avere tutte que-
grammatori e uomini d’afari erano divisi in vero e proprio come l’oro. Ma chi ha acqui- ste persone accanto perché mi dicevo:
fazioni. Di Iorio e Lubin pagavano di tasca stato ether durante la vendita al pubblico ci ‘Questi sono adulti e sanno come gestire un
loro le spese mentre il progetto andava ha guadagnato moltissimo. All’inizio di progetto’. In realtà molti di loro non ne sa-
avanti senza inanziamenti esterni. Secon- maggio il prezzo dell’ether ha toccato i 77 pevano niente, proprio come me”. Buterin
do Di Iorio l’idea di trasformare Ethereum dollari, un aumento del 25.567 per cento dice che all’inizio avere una grande squadra
in una non proit era inaccettabile. Aveva rispetto al prezzo iniziale. di collaboratori gli sembrava un buon modo
abbandonato una promettente startup e Come succede spesso nel mondo delle per mettere in pratica valori come l’apertu-
investito centinaia di migliaia di dollari nel monete elettroniche, il prezzo dell’ether è ra e l’inclusione. Ma con il passare del tem-
progetto. “Non sono mai stato un fan delle stato estremamente volatile. Nel giugno po si è accorto che non era così, perché ci
fondazioni”, dice. “Se guardate cosa può del 2016 un hacker ha temporaneamente sono sempre persone che rimangono fuori,
fare Chrome e cosa può fare Firefox, capite sottratto cinquanta milioni di dollari in indipendentemente da quanto sia estesa la
la diferenza tra un’azienda a scopo di lucro ether che appartenevano a persone che propria cerchia.
e una non proit”. avevano investito in un progetto fondato su Jef Wilcke è l’unico dei fondatori che
Per risolvere la disputa il gruppo si è in- Ethereum chiamato Dao. Dopo un intenso lavora ancora direttamente con Buterin alla
contrato a Zug, in Svizzera, dove Alisie ave- dibattito durato un mese, la comunità di Ethereum foundation. Gli altri hanno crea-
va trasferito la sede di Ethereum. Alla ine Ethereum ha votato a favore di una modii- to le loro aziende o lavorano come consu-
ha prevalso l’idea di Buterin secondo cui ca del software che ha restituito il controllo lenti. Secondo Buterin non avrebbe avuto
Ethereum doveva essere gestita come una dei fondi ai legittimi proprietari, ma l’ether senso gestire Ethereum come un’azienda
società non proit. Hoskinson, che era stato ha perso il cinquanta per cento del valore in che cerca di massimizzare i proitti, perché
nominato amministratore di Ethereum, si 48 ore. Da allora ha recuperato tutto il valo- l’obiettivo della piattaforma è sottrarre il
era fortemente opposto, e gli altri fondatori re perso, grazie anche all’annuncio di una controllo del web alle grandi aziende che
avevano deciso di buttarlo fuori. Anche collaborazione tra grandi aziende per pro- pensano solo al loro interesse. “Ho sempre
Chetrit se n’era andato, preoccupato per il muovere Ethereum. pensato che Ethereum dovesse essere una
rischio di inire tutti in prigione per viola- cosa condivisa, a disposizione del mondo
zione delle norme sulla sicurezza. “Hanno intero”, spiega.
costruito questa cosa bellissima e questo Ethereum ha attirato La sera prima del raduno di program-
grande movimento, quindi immagino che matori, Buterin ha tenuto una conferenza
loro avessero ragione e io torto”, dice Ho-
l’attenzione e su Ethereum. Come alla conferenza di
skinson. “Ma forse oggi Ethereum varrebbe promette molto in Miami tre anni prima, indossava una ma-
dieci miliardi di dollari se avessimo fatto le glietta nera con la scritta Ethereum e con la
cose diversamente”.
termini di potenziale sua voce intensa ha conquistato una folla
In quanto inventore di Ethereum, Bute- e valore di mercato, di ammiratori rapiti. Ora è più sicuro nel
rin aveva diritto a due voti. Ma agli albori suo ruolo di leader. Anche se ha solo 23 an-
del progetto sentiva sempre il bisogno di
ma non ha ancora ni, per molti è un punto di riferimento. For-
affidarsi ai componenti più esperti della cambiato il mondo se il futuro sarà decentrato, ma per ora è lui
sua squadra. A Zug invece si era reso conto che decide. ◆ f

64 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Viaggi

Nella natura
selvaggia
Florian Sanktjohanser, Süddeutsche Zeitung, Germania
Per celebrare il centenario vecchi si riuniscono in dal mattino per fare
dell’indipendenza, la due chiacchiere”. Salmirinne, 41 anni, è
cresciuta in questo luogo. “Prima qui la vita
Finlandia ha inaugurato era più movimentata”, racconta, “poi molti
a Hossa, nel nord del paese, giovani si sono trasferiti altrove”. Il parco
il suo quarantesimo parco nazionale ha riacceso gli entusiasmi: se i-
naturale nora si vedevano solo anziani escursionisti,
cacciatori e pescatori, ora si spera che l’at-
tenzione dei mezzi d’informazione attiri
n equilibrio su una gamba sola, con nuovi visitatori. Già nel 2016 gli arrivi sono

I l’altra gamba lessa e le braccia tese


verso il cielo, gli escursionisti re-
spirano il profumo dei pini, che si
dice faccia bene alla salute. Con gli
occhi chiusi si appoggiano alla cor-
teccia ruvida degli alberi in riva al lago. La
camminata prosegue al ritmo del tamburo
sciamanico, sotto gli occhi di un padre e di
una iglia che al riparo di una tettoia arrosti-
aumentati del 20 per cento. In occasione
della visita del presidente della repubblica
Sauli Niinistö, il centro visitatori è stato mo-
dernizzato, i rifugi e i moli sono stati ristrut-
turati, è stata rinnovata la segnaletica dei
sentieri ed è stato costruito un ponte sospe-
so sulla gola dove si trova il lago di Julma-
Ölkky. “Nei prossimi dieci anni vedremo
molte novità”, dice Salmirinne. “Il cambia-
BUIteN-BeeLD (ALAMy)

scono salsicce sugli spiedi. mento è appena cominciato”. Qualunque


Lo yoga nei boschi è una delle nuove at- turista, percorrendo il sentiero principale,
tività di cui probabilmente nessun turista a si chiederà subito come mai ci sia voluto di ghiaccio che, imprigionati nella sabbia,
Hossa aveva mai sentito parlare. Ma ora tanto tempo per trasformare Hossa in un hanno prodotto degli enormi avvallamenti
qui, nel nord della Finlandia, sembra che parco nazionale. Il sentiero serpeggia tra nel terreno. Il risultato è una gigantesca ca-
stiano per cambiare molte cose. Infatti, per creste e colline. Ai piedi dei pini cresce un va di sabbia e ghiaia. Le sue conche sono
festeggiare il centesimo anniversario itto tappeto di muschi, licheni e cespugli di piene di acqua freatica, che viene iltrata da
dell’indipendenza, il paese ha inaugurato il more. Spesso fra i tronchi degli alberi s’in- sabbia e ghiaia ino ad acquisire una limpi-
suo quarantesimo parco nazionale proprio travede il luccichio blu dei laghi. Una coppia dezza che è straordinaria anche per gli stan-
intorno a Hossa. “L’entusiasmo nella zona di anatre prende il volo starnazzando, alcu- dard inlandesi.
è stato palpabile”, dice la giornalista radio- ni uccelli cinguettano: sono gli unici rumo- Nykänen ci guida tra gli enormi alberi,
fonica Sini Salmirinne, anche perché “oltre ri. È una natura nordica e selvaggia, bella dai cui rami penzola la barba di bosco. Sem-
al turismo naturalistico qui non c’è molto come in cartolina. Di boschi e laghi, però, bra quasi che un fanatico degli alberi di Na-
altro”. Salmirinne è stata assunta dalla ce ne sono tanti in ogni angolo della Finlan- tale si sia sbizzarrito a decorarli. “Qui il bo-
Metsähallitus, l’ente che gestisce i parchi dia: quindi perché scegliere Hossa? sco c’è sempre stato”, dice, “in dai tempi
nazionali, in occasione del centenario. Il dell’ultima glaciazione”. Accarezza la cor-
suo compito è far conoscere il parco di Hos- Dopo l’era glaciale teccia ruvida di un pino che secondo lei ha
sa ai suoi colleghi provenienti da tutto il Per rispondere a questa domanda, la perso- circa 350 anni e che è l’habitat di molte altre
mondo. Dall’aeroporto di Kajaani si fa un na ideale è una donna che indossa stivali di specie, come funghi, insetti e uccelli. La
viaggio di tre ore verso nord. Ai bordi della gomma e un maglione dai colori grotteschi. parte inferiore di alcuni pini è nera come la
strada brucano famiglie di renne, dal ine- Riitta Nykänen, 59 anni, è una consulente pece, perché sono sopravvissuti a molti in-
strino si vedono scorrere boschi di pini e ambientale che si occupa della formazione cendi. “L’antico bosco di pini è il paesaggio
betulle, qualche fattoria dalle mura rosse e di guardie forestali per conto della che rappresenta meglio il romanticismo pa-
una chiesa color giallo pastello punteggiano Metsähallitus. “Stiamo attraversando una triottico inlandese”, spiega Nykänen.
il paesaggio. zona che si è formata dopo l’era glaciale”, Questo fa di Hossa la località perfetta
A pranzo Salmirinne si ferma a una spiega. Nykänen descrive i tunnel, che mol- per il centenario dell’indipendenza. Biso-
pompa di benzina di Suomussalmi. “È il po- to tempo fa l’acqua prodotta dal disgelo ha gna anche ricordare che a Suomussalmi si
sto più vivace del villaggio”, dice, “dove i scavato nei ghiacciai. Poi ci mostra i blocchi svolse, nell’aprile del 1917, un episodio per

66 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Hossa, Finlandia due sciatori di fondo che aprivano una pista
sulle acque ghiacciate del lago Somerjärvi,
nel 1972. Si tratta di sessanta igure traccia-
te sulla pietra con l’ocra rossa quattromila
anni fa: uno sciamano che danza in trance,
con le braccia aperte e due palchi di corna
sulla testa; accanto a lui due uomini stiliz-
zati dalle teste triangolari. “Sono sciamani
con maschere di corteccia di pino,” spiega
Nykänen. In mezzo ci sono alci, orsi e uc-
celli. Per realizzarli, i pittori dovevano stare
in piedi su una barca o sul ghiaccio, perché
sono stati dipinti su una parete di roccia a
picco sul lago. “Questi dipinti rupestri sono
diversi dagli altri che abbiamo in Finlan-
dia”, dice Nykänen. “Sono evidentemente
magici”. Alcuni studiosi suppongono che
servissero a rendere propizia la fortuna nel-
la caccia, altri che siano animali totemici.

Canoe cariche
“A Hossa s’incrociano diversi corsi d’acqua
navigabili,” dice Janne Autere, “da qui ci si
potrebbe spingere in canoa ino al golfo di
Botnia”. Autere ha l’aspetto di un vero e pro-
prio orso innico: massiccio, con il cranio
spigoloso e il barbone color paglia. Da cin-
que anni fa da guida ai visitatori in mezzo
alla natura, d’inverno con gli sci di fondo e
le slitte, d’estate con kayak e canoe. La sua
canoa scivola lentamente sull’Hossanjärvi,
superando piccole isolette coperte di bo-
schi. Autere racconta dei mercanti che un
tempo percorrevano queste acque con le
loro canoe cariche di pelli di animale, pesce
molto tempo dimenticato: gli abitanti del tato di scegliere un parco nazionale per il essiccato e perle, e di quelli che distillavano
villaggio, insoddisfatti della loro condizio- giubileo questo episodio storico è stata “la catrame e lo trasportavano sulla costa.
ne di servi dei russi, si riunirono in chiesa e ciliegina sulla torta”, dice Nykänen. Ancora oggi la catena di iumi e laghi è
decisero di mandare una delegazione a La chiesa dove si riunirono gli abitanti di perfetta per andare in canoa. Fa venire vo-
Helsinki per chiedere l’indipendenza della Suomussalmi è bruciata molto tempo fa, glia di caricare lo zaino in barca e viaggiare
Finlandia. Fino ad allora nessuno aveva mai durante la guerra d’inverno contro l’armata per giorni o di percorrere un sentiero dopo
osato tanto. Lo scoppio della rivoluzione rossa di Stalin, combattuta tra il 1939 e il l’altro, come tre inlandesi che compaiono
russa rese insigniicante l’iniziativa di que- 1940, ma le opere degli artisti preistorici all’improvviso a un incrocio, in un punto
sti provinciali del nord, ma quando si è trat- sono arrivate ino a noi. Furono scoperte da imprecisato del bosco. I loro zaini sono mo-
struosi, pesano trenta chili, dice uno dei tre.
Si portano dietro tutto: tenda, sacco a pelo,
Informazioni pratiche cibo. In cambio si guadagnano il massimo
u Arrivare e muoversi Ci notte. Il mese migliore per della libertà possibile nella natura selvag-
sono voli (con scalo a andare a Hossa è luglio. Ad gia. Vogliono percorrere tutto il perimetro
Helsinki) da Roma e Milano agosto comincia l’autunno. del parco in una settimana, seguendo il pro-
per Kuusamo e per Kajaani Ulteriori informazioni su ilo del lago Julma-Ölkky e il sentiero del
con Finnair e Air France, a visitinland.com, Kokalmuksen, che si estende tra due laghi
partire da 430 euro a/r. nationalparks.i/en/hossa e di forma allungata, forse il più bel percorso
Da lì si prosegue in auto o, hossa.i. di tutto il parco. La sera i tre inlandesi sro-
durante il periodo scolastico, u Leggere Tove Jansson, Il
tolano i loro sacchi a pelo in un riparo sulla
con un pullman giornaliero libro dell’estate, Iperborea
riva del iume o in un rifugio presso un ru-
da Kuusamo. Da Helsinki 1989, 9 euro.
si può anche prendere un u La prossima settimana
scello che gorgoglia piano. Poi catturano un
treno per Kajaani e poi scendere all’incrocio Viaggio nelle più belle pesce da grigliare. Finché il cielo non si co-
proseguire con il pullman per Peranka. Nel parco si alloggia biblioteche italiane. Per lora di lilla tenue, restano seduti intorno al
Kuusamo: bisogna dire in rifugi, baite e campeggi con suggerimenti scrivete a: falò. Probabilmente non hanno alcun biso-
all’autista che si vuole prezzi a partire da 35 euro a viaggi@internazionale.it gno di fare lo yoga dei boschi. u sk

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 67


Graphic journalism Cartoline dalla Colombia

68 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Camillo Vieco è un pubblicitario e autore di fumetti nato a Bogotá, in Colombia, nel 1985.
Vive ad Angoulême, in Francia. Il suo sito è elprincipiodemenes.tumblr.com.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 69


Cultura

Teatro
Leonardo DiCaprio in Buon compleanno mr. Grape
DR

Le giuste
È un dibattito con tante implicazioni,
sempre più teso. Ci si appella a ideali d’in-
clusione per mettere in discussione le pra-
tiche abituali del settore, ma anche l’idea
stessa di recitazione. Se un ruolo è scritto

sfumature pensando a una persona di un particolare


gruppo etnico, con una determinata identi-
tà sessuale o una disabilità, quanto può
spingersi una produzione nel cercare un
attore che lo interpreti? E che valore dare
alla lotta portata avanti da molti gruppi di
solito marginalizzati per essere rappresen-
Jessica Gelt, Los Angeles Times, Stati Uniti
tati meglio? Chi ha il diritto di raccontare
Etnia, genere e disabilità sono Ma si è discusso anche quando un attore certe storie? E a chi spetta decidere?
variabili sempre più importanti bianco ha vestito i panni di un dominicano-
americano in In the Heights, uno dei primi Attori coraggiosi
nella scelta dei cast nel teatro, musical di Lin-Manuel Miranda allestito a Un’interpretazione in cui l’attore si allonta-
nel cinema e nei programmi tv Chicago, o quando l’invito a un’audizione na da se stesso è sempre apprezzata. Un
per un altro musical di Miranda, Hamilton, giovanissimo Leonardo DiCaprio fu nomi-
era rivolto solo ad attori “non bianchi”. nato all’Oscar per l’interpretazione di un
uando i titolari dei diritti delle Non è una novità: la scelta degli attori in ragazzo con un disturbo mentale in Buon

Q opere del drammaturgo statu-


nitense Edward Albee hanno
negato il loro consenso a una
produzione di Chi ha paura di
Virginia Woolf? perché il regista aveva scel-
to un attore nero per interpretare un perso-
naggio che era bianco nella pièce originale,
teatro, così come al cinema o in tv, è sempre
oggetto di critiche. Ultimamente però le
critiche hanno preso una piega apertamen-
te politica, spesso contraddittoria.
C’è chi sostiene che certi personaggi
dovrebbero essere interpretati da attori
che hanno in qualche modo vissuto le loro
compleanno mr. Grape. Al Pacino ha vinto la
statuetta per il suo ritratto di un cieco in
Scent of a woman. Jefrey Tambor ha vinto
due Emmy e un Golden globe grazie al ruo-
lo di Maura, una transgender, nella serie
Transparent. Non è questa l’essenza della
recitazione?
sui social network è scoppiata una bufera. stesse esperienze. Di recente Alec Baldwin Nel 2016, quando ha ritirato l’Emmy,
Perché non si può essere liberi di scegliere è stato preso di mira per aver accettato la Tambor ha detto: “Date agli attori trans
il proprio cast? Perché un attore nero non parte di un uomo cieco nel ilm Blind. E un’opportunità. Restituitegli le loro storie”.
può interpretare un personaggio immagi- non sono mancate le proteste per lo “sbian- Le sue parole hanno segnato un cambia-
nato bianco? Gli attori sono attori, raccon- camento” dei personaggi asiatici nelle mento rispetto all’epoca in cui attori come
tano storie in cerca di verità universali. grandi produzioni hollywoodiane. John Lithgow (Il mondo secondo Garp, 1982)

70 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Il musical Hamilton
JOAN MARCUS

o Tom Hanks (Philadelphia, 1993) sono sta- nega la persona che si ha di fronte”, ha det- rano una considerazione che vada oltre il
ti osannati per il coraggio di aver dato visi- to. “Ignora l’identità e per le persone non colore della loro pelle: “Ci sono regole da
bilità, attraverso i loro personaggi, a gruppi bianche è ancora più alienante”. rispettare quando fai a qualcuno domande
ignorati o denigrati. Nel caso della messa in scena di Chi ha sulla sua età o della sua etnia”, ha detto. “Io
La sensazione che gli attori ispanici, paura di Virginia Woolf? a Portland, in Ore- voglio essere visto come un essere umano
trans o sordi debbano avere la loro occasio- gon, la scelta di assegnare a un nero la parte completo, e non come un indiano”.
ne di interpretare personaggi ispanici, di Nick era stata fatta per dare maggiore Se si considerano le persone solo per il
trans o sordi è sempre più difusa. È pratica- profondità allo spettacolo, sottolinea il re- colore della pelle, l’orientamento sessuale
mente un obbligo nel teatro, dove l’espres- gista Michael Streeter. I titolari dei diritti di o le disabilità che possono avere si rischia di
sione “casting daltonico” (assegnare i ruoli Albee, che è morto nel 2016, hanno ribattu- emarginarle. Prendiamo l’esempio degli
senza considerare l’elemento etnico) è usa- to che quel ruolo era stato scritto speciica- attori trans, ha detto John Imparato, diret-
ta in senso molto negativo. Al contrario un mente per un bianco. Se si modiica questo tore del dipartimento di arte e cultura del
“casting sensibile ai colori” denota una punto, si cambia essenzialmente il messag- Los Angeles lgbt center. Da quando Caitlyn
comprensione delle profonde implicazioni gio e il signiicato dell’opera. Jenner nel 2015 si è presentata pubblica-
che ha il colore della pelle. È un passaggio mente come trans, il telefono di Imparato
che può avere conseguenze decisive. Fedeltà e contesto ha cominciato a squillare sempre più spes-
In parte può essere attribuito alla cre- Nella tempesta che si è scatenata in rete, c’è so con richieste di bravi attori transgen-
scente varietà delle storie. In passato la chi ha sostenuto che gli autori di Hamilton der. “Dico sempre: se è per il ruolo di una
stragrande maggioranza delle vicende hanno fatto la stessa cosa, solo al contrario. prostituta che alla ine viene uccisa, allora
messe in scena era scritta da autori bianchi Per Tran questo ragionamento non ha sen- niente da fare. Quella storia l’abbiamo già
che parlavano di personaggi bianchi. Ma so: “Hamilton è stato scritto per dare un’op- sentita”, spiega.
oggi siamo nell’era di Hamilton. “Nell’in- portunità ad attori che solitamente non ce Secondo Imparato tutti i personaggi
dustria dell’intrattenimento siamo consa- l’hanno”. Inoltre le opere messe in scena trans dovrebbero essere interpretati da at-
pevoli delle discriminazioni storiche”, spie- esattamente come erano state pensate tori trans. Discorso che non vale per i ruoli
ga Diep Tran, redattrice di American The- dall’autore tradiscono lo spirito del teatro: gay: prima di tutto perché durante un’audi-
atre Magazine e autrice di una rubrica men- “L’inflessibilità rende le opere statiche, zione è illegale fare domande sull’orienta-
sile su pari opportunità, diversità e inclu- mentre il teatro dovrebbe essere una forma mento sessuale. E poi, da sempre, moltissi-
sione. “Sappiamo anche cosa significhi d’arte viva”, continua Tran. “Cosa può dirci mi attori omosessuali interpretano perso-
portare sul palco un corpo non bianco”. della nostra epoca un’opera di cinquant’an- naggi eterosessuali e viceversa. “Per me il
Snehal Desai, direttore artistico della ni fa se non la inseriamo nel presente?”. punto è trovare la persona più funzionale
compagnia teatrale asiatica East West Pla- Tutto è destinato a cambiare nel giro di all’opera, cercando di proporre un gruppo
yers di Los Angeles, il più longevo teatro due o tre generazioni, dice ancora Desai, di interpreti che sia variegato”, conclude
stabile non bianco degli Stati Uniti, è d’ac- aggiungendo che quando si parla di rappre- Imparato. “E soprattutto chiedersi se sono
cordo: “Il fatto è che il casting daltonico sentazione le persone non bianche deside- gli attori giusti”. u nv

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 71


Cultura

Cinema
Dagli Stati Uniti In uscita
Jerry Lewis, 1926-2017 Cattivissimo me 3
Di Pierre Coin, Kyle Balda,
Eric Guillon. Stati Uniti
2017, 90’
Il grande comico statuni- sue attività umanitarie). For­
EVErEtt COLLECtION/CONtrAStO

●●●●●
tense è morto a Las Vegas se è colpa della sua persona­ Sembra sbagliato anche il tito­
il 20 agosto. Aveva 91 anni lità. Secondo molti non era lo. Se proprio si sentiva il biso­
facile lavorare con lui. Ma gno di un terzo ilm su un su­
In certi casi il modo giusto probabilmente la causa prin­ percattivo redento, la sua fa­
per misurare la grandezza di cipale era il tipo di comicità miglia in continua espansio­
un artista non è valutarne il di Lewis, basata sui tempi, ne, i suoi commerciabilissimi
lavoro, ma l’inluenza che ha sulla mimica e sulla isicità, minion e il suo manicheismo
avuto. Questo vale per Jerry che non garantisce molti pre­ interiore sempre più noioso,
Lewis. Attore comico e regi­ mi. Ma sono tantissimi gli at­ allora sarebbe stato più corret­
sta, Lewis è stato adorato da Jerry Lewis, 1967 tori, non solo comici, e anche to intitolarlo Cattivissimi noi.
tanta gente, odiato da qual­ i registi che afermano di Infatti il punto centrale del
cuno, ma sicuramente è uno in teatro, al cinema e in tv – avere un enorme debito con ilm è l’incontro del protago­
degli artisti statunitensi che non gli abbia portato quei lui. Nel 1999 la Mostra del nista con il fratello gemello di
nel novecento ha contribuito premi che di solito Holly­ cinema di Venezia gli ha at­ cui ignorava l’esistenza. Una
a deinire il concetto stesso wood riserva ai suoi artisti tribuito un Leone d’oro alla trovata piuttosto banale che
di spettacolo. È curioso che più amati. Lewis non ha avu­ carriera e nel 2006 il gover­ arriva direttamente da Genito-
la sua lunghissima carriera – to neanche una nomination no francese gli ha conferito ri in trappola, ilm del 1998 in
che gli ha garantito un im­ agli Oscar (ne ha ricevuto la legion d’onore. cui Lindsay Lohan interpreta­
menso successo di pubblico uno onorario nel 2009 per le The New York Times va due gemelle cresciute lon­
tane una dall’altra. A pensarci
bene Cattivissimo me 3 potreb­
Massa critica be essere deinito una trappo­
Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo la per genitori. Perché se è ve­
ro che la mamma e il papà ten­
ST
PH

dono a sviluppare un’incredi­


S

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM

bile tolleranza per l’assurda


EG

O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
EN
Re H E o I A

mediocrità che generalmente


A

N
N

L E i ti L E
L E i to T

T i t i YO
ni D

ti I
E

IO
ni P
n Y

ni S H
E
n GE
R
a OB

U DE
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA
o AI

caratterizza i prodotti d’intrat­


Fr IBÉ o
ci A

iU A
ci N
iU N

iU E
t

t
ad L

N
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

a
U

Fr M
Re H E

Fr F

St S
C E

Re E

St H E

St H E

tenimento per i più piccoli, in


LO
o
H

Media
T

L
T

cambio di novanta minuti di


CATTIVIssImo me 3 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 (relativa) pace e tranquillità, è
anche vero che Cattivissimo
ALIeN. CoVeNANT 11111 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - - 11111 me 3, scritto da Cinco Paul e
Ken Daurio, è prossimo all’in­
ATomICA bIoNDA 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111 sostenibilità. Invece di ofrire
un sano divertimento per tut­
CANe mANgIA CANe 11111 - - 11111 11111 - 11111 - 11111 - 11111 ta la famiglia, il ilm fa esatta­
mente l’opposto. I tentativi
CIVILTà perDuTA 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 degli autori di proporre agli
L’INfANzIA DI uN… 11111 - - 11111 11111 - 11111 - 11111 - 11111 adulti un tipo di umorismo
ammiccante ma soisticato ri­
LADY mACbeTh 11111 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - - 11111 sultano non solo ineicaci ma
addirittura molesti al punto di
spIDer-mAN… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 11111 - 11111 11111 far sperare a chiunque tra
il pubblico abbia superato i
LA Torre NerA - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 - 11111 cinque anni di essere lasciato
libero.
woNDer womAN 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 Justin Chang, Los
Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo Angeles Times

72 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Cultura

Libri
Italieni Dal Giappone
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Quel wabi sabi che fa la diferenza
Questa settimana
Michael Braun

EDUCATION IMAgES/UIg/gETTy
del quotidiano berlinese Un libro racconta ai non A Kyoto, nel giardino del tempio Ryōanji
Die Tageszeitung. iniziati un pilastro
dell’estetica zen: la bellezza
Francesca Borri dell’impermanenza
Ma quale paradiso? Tra i
jihadisti delle Maldive Wabi sabi è quel senso di bellez-
Einaudi, 147 pagine, 16 euro za che nasce dall’impermanen-
● ● ● ●● za delle cose. E questo inaferra-
Anche chi non è mai stato alle bile concetto è alla base del li-
Maldive sa di cosa si tratta: bro, sorprendentemente piace-
isolotti piccoli e verdi, le vole, Wabi sabi: the art of imper-
spiagge di sabbia bianchissi- manence di Andrew Juniper
ma, l’acqua fra il turchese e lo (Tuttle). L’etimologia
smeraldo. Un sogno. Ma di dell’espressione rivela molto:
Maldive ce ne sono due, una wabi deriva da wabishi (solitario,
per i turisti facoltosi, l’altra per infelice), mentre sabi sta sia per
gli abitanti dell’arcipelago. E sabiru (maturare, invecchiare) tica giapponese può sembrare che negli anni hanno donato
loro, concentrati, anzi ammas- sia per sabishi (inconsolabile). molto complessa. Alcuni cardini screziature molto belle alle su-
sati nell’angusta capitale L’unione di questi termini sug- dell’estetica zen, come il con- perici. Wabi sabi è proprio que-
Male, invece di un sogno vivo- gerisce l’idea di una bellezza cetto di yūgen (profondità inim- sto: sapere che, a diferenza del-
no un incubo quotidiano. trasformata dall’usura del tem- maginabile), possono confon- le pietre nel giardino, quei muri
Questo libro reportage rac- po, una patina di maturità che dere. Eppure, basta visitare il un giorno crolleranno, e godere
conta le Maldive che i turisti dà a un oggetto d’arte o a un pa- giardino del tempio Ryōanji a di quella impermanenza.
non vedono, dove le famiglie esaggio un’aura di struggente, Kyoto per capire. Qui la creta Stephen Mansield,
abitano in minuscole stanze in malinconica meraviglia. L’este- dei muri è stata cosparsa di oli Japan Times
una città sovrafollata, pagan-
do aitti degni di Parigi o di
Londra, mentre sei o sette ma-
gnati, grazie a politici collusi,
Il libro Gofredo Foi
si arricchiscono all’inverosi-
mile. Intanto i ricchi occiden-
Dei delitti e delle pene
tali se la spassano e gli isolani
devono accettare i precetti
dell’islam, religione di stato, Meyer Levin si di compiere freddamente della sua forza, che è sia lette-
ma anche valvola di sfogo del- Compulsion un delitto perfetto, uccisero raria sia sociologica e morale:
lo scontento dei giovani che i- Adelphi, 580 pagine, 28 euro un ragazzino del loro ambien- casi del genere non sono man-
niscono per unirsi alle ile del Nel 1956 Meyer Levin, giorna- te, di poco più giovane. Furo- cati nella storia recente, anche
gruppo stato islamico: nessu- lista e scrittore di Chicago, no scoperti e il caso scatenò i italiana (il delitto del Circeo e,
no stato ha visto partire tanti nella tradizione realista dei mezzi d’informazione, con più di recente, quello di due
foreign ighters in rapporto al Norris, Dreiser, Dos Passos, tutta la loro viziosa supericia- giovani romani, anche loro di
numero degli abitanti quanto Steinbeck, Farrell, Mailer, ri- lità tinta di odio di classe. Fu provenienza borghese). Il li-
le Maldive. La lettura del libro costruì in forma narrativa, e un grande avvocato a strap- bro di Meyer Levin vide la lu-
di Borri, quasi un romanzo cambiando i nomi, un fatto di parli alla pena capitale, inter- ce otto anni prima di A sangue
apocalittico, ci permette di ca- sangue che aveva seguito da pretato con austera intensità freddo di Truman Capote e se
pire perché tanti ragazzi scel- cronista e che aveva impres- da Orson Welles nel bel ilm gli è inferiore è perché sembra
gano l’inferno della Siria per sionato l’America degli anni che nel 1964 ne trasse Richard chiudere un’epoca, mentre
scappare dal “paradiso” delle venti. Due giovani rampolli di Fleischer, Frenesia del delitto. Capote ne apre un’altra. Alle
Maldive. E un po’ ci fa passare famiglie milionarie, Nathan Compulsion è ora disponibile spalle di entrambi, cronaca a
la voglia di partire per questa Leopold e Richard Loeb, am- in un’accurata edizione adel- parte, c’è sempre Delitto e ca-
meta tanto decantata. miratori di Nietzsche e voglio- phiana e non ha perso niente stigo. u

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 73


Cultura

Libri
Chris Cleave grazie al quale incontra Tom Didier Eribon ri: prima comunisti convinti,
I coraggiosi saranno Shaw, direttore del distretto Ritorno a Reims poco a poco conquistati dal
perdonati scolastico locale. Nonostante Bompiani, 224 pagine, 18 euro Front national. Un bellissimo
Neri Pozza, 464 pagine, 18 euro le diferenze sociali, tra i due ●●●●● racconto, in cui l’autore rivela
● ● ● ●● nasce una storia d’amore. Nel La città di Reims, in questo l’impossibilità d’inventarsi
Un romanzo storico ambienta- frattempo, l’amico con cui racconto autobiograico, appa- una vita che volti le spalle al
to tra Londra e Malta durante Tom divide la casa, Alistair re come un paese lontano de- passato.
la seconda guerra mondiale, e Heath, che restaura quadri alla stinato a rimanere tale. La Jean-Louis Jeannelle,
insieme un’indagine appassio- Tate, si arruola volontario: gli morte del padre, operaio la cui Le Monde
nata sul modo in cui i grandi assegnano una missione a omofobia aveva chiuso ogni
eventi storici travolgono i de- Malta. A completare il quartet- possibilità di dialogo, suscita Laurent Gaudé
stini privati, con conseguenze to c’è Hilda, la migliore amica in Eribon una profonda ango- Ascoltate le nostre
a volte devastanti, altre volte di Mary, che è il brutto ana- scia, ma il desiderio di capire sconitte
costruttive. Seguiamo le vite troccolo della compagnia. Il ha la meglio sulla tristezza. In Edizioni e/o, 208 pagine,
di quattro protagonisti, dallo romanzo descrive con abilità occasione di questo lutto l’au- 16,50 euro
scoppio della guerra ino ed empatia la vita quotidiana tore torna nella città natale do- ●●●●●
all’estate del 1942. Mary North durante la guerra. Sono note- po trent’anni. Capirà che ino Quando inalmente si alzò il
è una diciottenne di ottima fa- voli i passaggi che raccontano ad allora gli è stato più facile vento per goniare le vele delle
miglia, iglia di un parlamen- di Hilda e Mary alla guida di trasfomare l’insulto omofobo navi, gli achei gridarono di
tare; esattamente 45 minuti un’ambulanza per soccorrere in rivendicazione politica che gioia. Questo vento era costa-
dopo che la guerra è stata di- le vittime dei bombardamenti. riappropriarsi delle sue radici, to ad Agamennone il sacriicio
chiarata, sta già irmando co- I temi del razzismo, delle dif- del rapporto con la famiglia di di sua iglia. Il re ha già perso,
me volontaria. Ha lasciato la ferenze di classe, dell’emanci- origine. Ritorno a Reims rac- anche se sta andando incontro
scuola di perfezionamento pazione femminile sono trat- conta vite che si sono incrocia- alla vittoria. Questa storia ci
che frequenta per rendersi uti- tati con delicatezza e conferi- te senza mai incontrarsi dav- avverte, da lontano, dell’im-
le. Le viene assegnato un inca- scono a I coraggiosi saranno vero. Da una parte, l’ascesa so- possibilità di essere vincitori.
rico di insegnante. Dopo l’ini- perdonati una profondità so- ciale del iglio di un operaio di- Ce ne sono altre di storie così,
ziale delusione – si aspettava ciale e storica che non appan- ventato giornalista, la sua ami- nel romanzo di Laurent gau-
qualcosa di più avventuroso – na per niente la freschezza e la cizia con Foucault, il suo ap- dé: c’è Annibale che lancia ele-
scopre di avere un’inclinazio- grazia del romanzo. Hannah proccio alla scrittura. Dall’al- fanti all’assalto dei ghiacciai e
ne naturale per quel lavoro, Beckerman, The Guardian tra, il percorso dei suoi genito- peggio per loro se moriranno,
purché facciano paura. C’è il
generale grant, eroe della
Non iction Giuliano Milani guerra di secessione, che vince
la battaglia di Shiloh nel 1862:
I danni del denaro contante una tale carneicina da fargli
guadagnare il soprannome di
“macellaio”. C’è il negus etio-
pe Hailé Selassié, che non rie-
Kenneth S. Rogof dell’età digitale il denaro con- danneggia l’economia e in che sce a convincere la Società
La ine dei soldi. Una pro- tante, specialmente i biglietti modo si potrebbe ridurne dra- delle nazioni a soccorrere il
posta per limitare i danni di grande taglio, serve ormai sticamente la presenza. Oltre suo paese invaso da Mussolini.
del denaro contante soprattutto ad alimentare a togliere ossigeno alla crimi- In questo romanzo imprese
Il Saggiatore, 334 pagine, 23 euro l’evasione iscale, i commerci nalità, questa misura permet- antiche scandiscono il ritmo di
gli abitanti della Svezia e di al- proibiti e la corruzione. E si terebbe di colpire la tesauriz- una serrata spy story di oggi.
tri paesi scandinavi pagano tratta di un dato paradossale, zazione di grandi quantità di Assem, una spia francese inca-
con la carta di credito perino perché proprio la digitalizza- soldi e favorirebbe la circola- ricata di ritrovare un ex com-
le oferte per la chiesa o le ele- zione potrebbe consentire per zione e con essa lo sviluppo battente delle forze speciali
mosine ai poveri. In America la prima volta nella storia di ri- economico. Se in Questa volta statunitensi, incontra Mariam,
Latina o in Italia, al contrario, i durre i pericoli e tassare gli in- è diverso. Otto secoli di follia i- archeologa irachena. Sullo
traicanti di droga usano mac- giusti vantaggi del denaro nanziaria (Il Saggiatore 2010) sfondo, un passato che è anche
chine per l’impacchettamento contante. In questo libro, Ken- Rogof aveva raccontato le ra- presente, proprio come ogni
sottovuoto al ine di stoccare neth Rogof, professore di po- gioni della crisi economica che vittoria è anche sempre una
le grandissime quantità di litiche pubbliche ad Harvard, stiamo attraversando, qui pro- sconitta.
banconote che si trovano a spiega in modo chiaro perché pone un sistema intelligente Patrick Boucheron,
maneggiare. Nell’economia il contante è un elemento che per superarla. u Le Monde

74 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


I consigli Elias Canetti Michele Petrucci Giosuè Calaciura
della Il libro contro Messner Borgo Vecchio
redazione la morte (Coconino press) (Sellerio)
(Adelphi)

Canada Ragazzi
Una storia
del dissenso
Daniele Aristarco
Io dico no!
Einaudi, 216 pagine, 16,90 euro
Jennifer Robson Dire no, andare contro
Goodnight from London l’ordine costituito, è diicile.
William Morrow Ma certi no hanno aiutato
Best seller romantico ambien- l’umanità a crescere. Hanno
tato nel Regno Unito durante aiutato tutti noi, grazie al
la seconda guerra mondiale. coraggio di pochi, ad avanzare
La protagonista è un’inviata di nei diritti e nelle piccole
guerra. Robson è nata a Peter- conquiste quotidiane. Daniele
borough, in Ontario, nel 1970. Aristarco ha raccolto in un
volume alcune storie di
Julia Cooper “eroica disobbedienza”
The last word: reviving the partendo dal mondo antico
dying art of eulogy ino ad arrivare ai nostri
Coach House
Non è facile trovare le parole
Fumetti giorni. Sfogliamo una specie
di album di famiglia in cui
per parlare dei nostri cari
quando muoiono. In questo
In un limbo di citazioni possiamo guardare negli occhi
i nostri antenati che hanno
saggio Cooper, giornalista di reso anche noi un po’ più
Toronto, analizza alcuni famo- liberi. Si va dal no alla
si elogi funebri della letteratu- Marco Galli de nella sostanza della meta- schiavitù di Spartaco, che
ra e li confronta con la sua Le chat noir isica, dell’astrazione, del mi- nell’antica Roma si ribella
esperienza personale. Coconino press, 128 pagine, stero del volto di un detective all’ingiustizia, ino al no
17 euro protagonista sempre oscura- all’oscurantismo di Diderot,
Lynn Crosbie Il giallo estivo di Marco galli, to, una macchia (nera) o che cerca nel mondo la luce
The corpses of the future dalla magniica copertina gial- un’eclissi perpetua in dialetti- della conoscenza, ino al no
House of Anansi Press la e nera, è una meraviglia di ca con il bianco. Detective alle discriminazioni di genere
Potente raccolta di poesie au- poesia dentro il gioco postmo- che sono derive più che deri- delle sufragette, che chiedono
tobiograiche che narrano la derno delle citazioni e del pa- vati di Philip Marlowe, o poli- a gran voce il voto per le donne
storia della battaglia del padre stiche, che usa un segno graico pi interstellari che sono un ri- e un mondo più giusto. E sono
della poeta con la cecità e la inteso quasi come manifesto cordo della grande fanta- davvero tanti i no in questo
demenza. Lynn Crosbie è nata della macchia liquida. Se il ri- scienza, simulacri o fram- libro e alcuni, quelli più vicini
a Montréal e ora vive a Toron- mando dichiarato è il ilm di- menti dissolti di un immagi- ai nostri giorni, fanno venire i
to. Insegna alla University of stopico del 1965 di godard, nario confuso, ultimi lembi di brividi. Come non
Toronto. Agente Lemmy Caution: missio- un sistema solare delle grandi commuoversi davanti al no
ne Alphaville, un noir fanta- narrazioni ormai liquido. gal- alla menzogna di Anna
David Layton scientiico in bianco e nero già li, nella sua narrazione distor- Politkovskaja, la giornalista
The dictator sottilmente ironico, postmo- ta, li trasigura nella fugacità uccisa in Russia da chi non
NATALIE BROWN (TANgERINE PHOTOgRAPHy)

Patrick Crean Editions derno e onirico, archetipi e di un ectoplasma che si fa ne- voleva che la verità venisse a
Romanzo che esplora il rap- stereotipi dei romanzi di ro. Ma la sua è una levità pro- galla? Io dico no! è un libro da
porto tra un padre anziano, Chandler e di altri autori sono fonda, legata all’inconscio leggere al galoppo, una specie
fuggito dalla germania nazi- qui decostruiti in maniera an- come lo era il grande cinema di manuale della
sta, e il iglio. Layton insegna cora più spinta per “una storia muto. E resta la certezza di disobbedienza che ci aiuterà a
alla University of Toronto e vi- di hard boiled perduta con il un’incertezza, un limbo, nel ragionare e a capire cosa c’è
ve tra il Canada e Barbados. dannato gatto”. Non siamo nel biancore squarciato dall’inaf- dietro a conquiste civili che a
Maria Sepa postmoderno del gioco per il ferrabile gatto-macchia nera. volte diamo per scontate.
usalibri.blogspot.com gioco ma nel gioco che si per- Francesco Boille Igiaba Scego

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 75


Cultura

Musica
Dal vivo Dal Paese
Todays Festival
Pj Harvey, Richard Ashcroft,
St. Vincent passa al cinema
Band of Horses, The Shins,
Perfume Genius, Giorgio Poi,
Torino, 25-27 agosto un’interpretazione ancora

ILOVeSTVINCeNT.COM
La musicista statunitense
todaysfestival.com curerà la regia di un nuovo più inquietante della storia di
adattamento del libro Dorian Gray, che rinuncia al-
Sponz Fest Il ritratto di Dorian Gray la sua anima in cambio
Vinicio Capossela, Marc Ribot, dell’eterna giovinezza. St.
Emir Kusturica & The No All’inizio dell’anno St. Vin- Vincent ha alle spalle una
Smoking Orkestra cent, alter ego musicale di lunga carriera musicale. Ha
Calitri (Av), 25-27 agosto Annie Clark, ha fatto il suo vinto un Grammy per il mi-
sponzfest.it debutto alla regia con Birth- St. Vincent glior album alternativo nel
day party, un cortometraggio 2015 con St. Vincent e ha già
Timber Timbre contenuto nell’antologia hor- lebre romanzo di Oscar in programma di pubblicare
Marina di Ravenna, 28 agosto ror XX, che è stata proiettata Wilde. La protagonista della un nuovo lavoro nei prossimi
hanabi72.com in anteprima al Sundance storia stavolta sarà una don- mesi. Il disco, ancora senza
ilm festival. Ad aprile ha re- na. Il ilm è stato scritto da St. titolo, parla di “sesso, droga e
Fabrizio Bosso citato in un corto realizzato Vincent insieme a David Bir- tristezza”, ha raccontato
Praia a Mare (Cs), 29 agosto dall’organizzazione non pro- ke, già sceneggiatore di Elle, Clark, e contiene un brano
peperoncinojazzfestival.com it Planned Parenthood. Ora thriller psicologico del regista cantato dalla modella Cara
Clark ha annunciato il suo olandese Paul Verhoeven. Delevingne, ex idanzata del-
Home Festival esordio sul grande schermo: Data l’esperienza di Clark e la musicista.
Duran Duran, Liam Gallagher, dirigerà un adattamento del Birke con l’immagionario Katherine Cusumano,
Justice, The Wailers, Moderat, Ritratto di Dorian Gray, il ce- horror, il ilm potrebbe dare W Magazine
Steve Angello, Thegiornalisti
Treviso, 30 agosto-3 settembre
homefestival.eu Playlist Pier Andrea Canei
Edda
Milano, 30 agosto
Facce da featuring
carroponte.org

Ennio Morricone Jarabe de Palo Piccoli animali senza Filthy Friends


Verona, 30-31 agosto
enniomorricone.org 1 Bonito (feat. Jovanotti)
“Tutto a puttane la vita
un casino”, però “tutto a me
2 espressione
Luminoso
(feat. Nabil Salameh)
3 Despierta
Sveglia, non è più l’ora
dei supergruppi. O forse sì?
Brunori Sas mi sembra bonito”, con l’ana- Passata l’era dei contrabban- Qui c’è l’ex strimpellatore di i-
Prato (Fi), 31 agosto coluto voluto di Jovanotti che dieri macedoni di Battiato re- ducia dei Rem, Peter Buck,
settembreprato.it manco la monaca di Monza. sta solo un cantante che può uno dei tanti ex batteristi dei
Nuova veste con contrabbasso sperare di emettere simili versi King Crimson, musicisti un-
DR

e piano salsero per un pezzo da carovaniere con suiciente derground vari, ma poi chi tra-
che non ha un’età. Apripista gravitas da evitare di farsi ride- scina tutti è Corin Tucker, can-
ideale dell’album 50 palos, in re dietro. È Nabil Salameh dei tante e chitarrista (già Sleater-
cui Pau Donés, il cantante ca- Radiodervish. Un tesoretto di Kinney) che a tratti sembra
talano autore di ogni cosa Ja- cui con buona intuizione si im- evocare la Patti Smith degli
rabe, si autocelebra con un possessa la band di Andrea Fu- esordi. Un coacervo di talenti
greatest hits interamente riar- sario (già bassista dei Virginia- militanti, nel loro nuovo al-
rangiato, de elettriicato e na Miller) nel percorso electro bum Invitation, a disperdere
tempestato di ospiti (Noemi, pop imboccato con l’album energie e incrociare rabbia
Renga) e versioni italiane. Il Sveglio fantasma, che guarda contro Trump, echi di Televi-
punto è solo che di canzoni molto verso orizzonti d’una sion e psichedelia, bordate di
bonite ne ha tante, che si ria- sponda est, assai soft e più va- pura goduria sonica, divertite
Liam Gallagher scoltano con piacere. gheggiata che vissuta. pesantezze di rock stradaiolo.

76 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Pop/rock Randy Newman Roger Waters Natalie Merchant
Scelti da Dark matter Is this the life we really Butterly
Luca Sofri
(Nonesuch) want? (Nonesuch)
(Columbia)

Album Queens of the Stone Age Drugs, il gruppo guidato dal


cantante e chitarrista Adam
Queens of The Stone Age Granduciel, fanno pezzi rock
Villains con chitarre che sarebbero
(Matador) perfetti per la pubblicità della
●●●●● birra, ma questo non è un ma-
Se Josh Homme fosse cresciu- le. Il loro nuovo album, A dee-
to senza il rock and roll, sareb- per understanding, suona come
be stato anche un buon chitar- se fosse il miglior disco di Bru-
rista di polka. L’uomo che ha ce Springsteen dall’inizio degli
fondato lo stoner rock con i anni duemila. È facile imma-
Kyuss non ha paura di venire a ginare il Boss che canta pezzi
contatto con mondi nuovi. Di come In chains o Up all night.
recente, lavorando a un brano La band non è certo appena
DR

di Lady Gaga, ha conosciuto il arrivata e questo album non


produttore britannico Mark di altri artisti missati da Dj tore Brian Cox che chiede: aggiunge granché a quelli del
Ronson, famoso per la sua col- Tennis. L’album soddisfa con- “Hai rilettuto sugli errori che passato. La verità, però, è che
laborazione con Amy Wine- testi diversi. Il primo cd è un hai fatto”? e anche se suona quasi nessuno suona più que-
house. Il nuovo album Villains, lusso di ritmi delicati, un mix come una lussureggiante co- sta musica, e i War On Drugs
nonostante le chitarre pesanti di settanta minuti apprezzabi- lonna sonora, sembra davvero sono molto bravi a farla.
e la voce in falsetto di Homme, le in cuia ma anche come un lavoro che medita sugli Ryan E.C. Hamm,
è un ottimo esempio di come i musica di sottofondo, con no- sbagli del passato. Under the Radar
rocker, arrivati a una certa età, mi come Pole e Bochum Welt. Dave Simpson,
decidano di guardare verso Il secondo disco è più ritmato, The Guardian Svjatoslav Richter
nuovi orizzonti. Il gruppo sta- ma resta profondo grazie Musical friendship
tunitense ha farcito il suo rock all’elettronica, alla house e al The War On Drugs Prokofev: sonate n. 6 e 9,
con un po’ di dance, come di- dub di Moodymann, Robert A deeper understanding pezzi brevi
mostra il pezzo d’apertura, Hood e Traumprinz. Dj Tennis (Warner) Svjatoslav Richter, piano
Feet don’t fail me now, che ri- propone anche due brani suoi, ●●●●● (Divox)
manda anche ai Led Zeppelin. regalando groove che fanno Nel 2014 il cantautore Mark ●●●●●
I Queens of The Stone Age so- venire i brividi. Dj-kicks sarà Kozelek, ai più noto come Sun Questi due recital di Richter
no l’ultima grande rock band tra le cose più piacevoli che Kil Moon, ha dichiarato che i dedicati a Prokofev ci arrivano
che negli anni non è diventata sentirete quest’anno. War On Drugs fanno “musica in faccia come uno schiafo.
la parodia di se stessa, ma la Kristan J. Caryl, Mixmag di merda buona solo per la Sono due serate registrate a
virata ballabile di Villains suo- pubblicità della birra” e ha re- Tokyo tra il 1980 e il 1981 da
na un po’ forzata. Unkle gistrato la canzone War on un tecnico della Yamaha con
Christian Schachinger, The road, part 1 Drugs: suck my cock. Kozelek, e un registratore a cassette, e la
Der Standard (Songs for the def ) gli snob come lui, devono qualità audio è stupefacente.
●●●●● smetterla di denigrare la musi- La sesta sonata è letteralmen-
Dj Tennis Negli anni novanta, quando ca per le masse. Alcuni dei mi- te strappata al pianoforte con
Dj-kicks James Lavelle gestiva l’etichet- gliori artisti della storia hanno una violenza radicale, ed è uno
(!K7) ta Mo’ Wax, il suo progetto scritto canzoni in grado di arri- strumento che resta sempre
●●●●● Unkle, che sfuggiva a ogni ca- vare a tutti. È vero, gli War On carico di minacce. La nona
Da quando sette anni fa Dj talogazione di genere, attirò rende evidenti le sue radici
Tennis è spuntato con la sua star come Thom Yorke e Ian beethoveniane. e i pezzi più
etichetta Life And Death, po- Brown. La carriera di Lavelle brevi sono un trionfo di con-
chi progetti sono stati altret- si è poi avvitata su se stessa in trasti. La sincerità e l’onestà
tanto riconoscibili. Il dj italia- un turbine di cocaina. Oggi intellettuale di Richter non
no non segue le mode, non ha Unkle torna a vivere ma la lista sono mai in dubbio. esistono
fretta d’impressionare nessu- degli ospiti (dalla cantante virtuosi più precisi, ma qui sia-
no e porta avanti la sua missio- soul eska al rapper elliott Po- mo di fronte al genio. Richter
DUSDIN CONDReN

ne per dare sostanza alla hou- wer) è meno sfarzosa, anche non cerca la bellezza, però
se e alla techno. Questa esteti- se Mark Lanegan interpreta il trova la verità. Una testimo-
ca si ritrova nel suo contributo gotico sinfonico di Looking for nianza unica.
alla compilation Dj-kicks, un the rain con grande aplomb. Stéphane Friédérich,
doppio cd che raccoglie brani The road, part 1 si apre con l’at- Adam Granduciel Classica

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 77


Cultura

Arte
Bill Viola L’installazione di Aman Mojadidi a Times square
A retrospective, Guggenheim
Bilbao, ino all’11 novenbre
Come un’opera musicale, l’ar-
te ha bisogno di spazio e di li-
nee. Con il Guggenheim di
Bilbao e l’architettura estrema
di Frank Gehry, il videoartista
americano Bill Viola, 66 anni,
ha trovato una cornice vasta
come l’universo. Con gli ara-
beschi bianchi, l’altezza inini-
ta da cattedrale, gli spazi in-
terni come grotte immense, le
sue 27 opere assumono una
maestosità assoluta. I lavori
realizzati dal 1976 al 2014 cor-
rono sul ilo dell’acqua (l’idea
di rinascita e di battesimo) e
parlano della condizione
umana. L’ultima vasta retro-
spettiva parigina al Grand Pa-
lais nel 2014 aveva scelto di
cancellare lo spazio facendolo
sprofondare nel buio. A Bilbao
SPENCER PLATT (GETTY IMAGES)

lo spazio è protagonista e sida


le opere stesse.
Le Figaro

Tracey Emin
Surrounded by you,
Château La Coste, Francia,
ino al 3 settembre
Nel Regno Unito Tracey Emin
Stati Uniti
è conosciuta per le sue provo-
cazioni. È stata accusata di ec-
Se telefonando
cessiva sincerità e di trattare
l’arte come un confessionale.
La sua opera più famosa, The Aman Mojadidi di essere fuggito a New York è molto strano sentire confes-
bed, era il letto dell’artista co- Once upon a place, “a causa di Boko haram”. Gli sioni così personali in una
sparso di residui organici e Times square, New York, mancano la moglie e i igli, di- piazza piena di turisti che van-
non. Lo Château La Coste, in ino al 5 settembre ce, ma ha la libertà. Sono nel no e vengono. Le storie che
Provenza, è la prima istituzio- Alzo la cornetta e sento una bel mezzo di Times square e ascoltiamo sono in tutto set-
ne francese a ospitarla con al- voce. È un uomo che dice di da vecchie cabine telefoniche tanta e durano dai due ai quin-
cuni dipinti di grandi dimen- essere nato ad Anversa, in riadattate ascolto storie di mi- dici minuti. Snocciolano tutte
sioni e due enormi bronzi. Le Belgio, e che la famiglia di sua granti registrate in loop. È On- le ragioni per cui una persona
opere hanno tutte lo stesso madre, ebrea ortodossa, veni- ce upon a place, un progetto lascia il suo paese e si trasfor-
soggetto: il corpo femminile va dall’Ungheria mentre quel- dell’artista afgano-americano ma in un migrante: miseria,
nudo in movimento. Striature la del padre veniva da Roma- Aman Mojadidi. Fa molto cal- fascismo e persecuzioni poli-
orizzontali e linee verticali in- nia e Cecoslovacchia. L’uomo do e sono costretto a tenere le tiche, etniche, religiose o ses-
trecciate sembrano il risultato racconta anche il lungo giro porte della cabina semiaperte: suali. Once upon a place è un
di una danza sulla supericie. che lo ha portato negli Stati eppure non mi muovo perché intervento necessario nell’at-
E il gesto dell’artista si mesco- Uniti. E a un certo punto la le storie sono appassionanti. tuale dibattito sull’immigra-
la al movimento delle sue sua storia inisce. Un altro uo- Non ci sono nomi: ogni perso- zione negli Stati Uniti.
igure. mo comincia a parlare, con un na parla come se rispondesse Seph Rodney,
Le Monde accento più forte, e racconta a un interlocutore invisibile ed Hyperallergic

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 79


Pop
Niente da perdere

Kathryn Schulz
n paio di anni fa ho trascorso l’estate a se, non solo perché perdere una macchina è diicile in

U Portland, nell’Oregon, a perdere co- generale, ma anche perché quella in particolare era
se. Vivo sulla costa orientale degli enorme. L’amica che me l’aveva prestata una volta gui-
Stati Uniti, ma quell’anno, incapace dava le ambulanze, quindi non ha problemi a usare
di afrontare un altro agosto sofocan- veicoli sovradimensionati. Le ruote mi arrivavano
te, ho deciso di trasferirmi a ovest. La all’altezza della vita, la cabina era di quelle extralarge,
cosa si è rivelata stranamente facile. Avevo già abitato ci avresti potuto trasportare una balena. Eppure in un
a Portland per un po’ dopo l’università, e delle persone modo o nell’altro ero riuscita a perderla nel centro di
che conoscevo cercavano qualcuno che gli guardasse la Portland, città che tra parentesi conosco meglio di
casa. Inoltre un’amica sarebbe stata via per tutta l’esta- qualsiasi altra sul pianeta. Per i successivi quarantacin-
te, ed è stata così gentile da prestarmi la que minuti, mentre una notte fresca e
macchina. Qualcun altro su Craigslist mi Il primo giorno che azzurrina calava gradualmente sulla cit-
ha dato una bici quasi gratis. In brevissi- ho passato a tà, ho vagato in cerca della macchina,
mo tempo e con pochissimo sforzo si è Portland, ho lasciato prima nella via dov’ero sicura di averla
sistemato tutto. le chiavi della parcheggiata, poi nelle traverse vicine, e
Poi, in modo sconcertante, tutto è macchina sul inine in un reticolo di strade sempre più
andato all’aria. Il primo giorno che ho bancone di un bar. vasto e assurdo.
passato a Portland, ho lasciato le chiavi Il giorno dopo ho Dopo un po’, tornando nella via da cui
della macchina sul bancone di un bar. Il lasciato le chiavi avevo cominciato, ho notato un piccolo
giorno dopo ho lasciato le chiavi di casa cartello: “Divieto di sosta permanente”.
di casa inilate
inilate nella porta. Qualche giorno più Oh, cazzo. Sentendomi la persona più
tardi, mentre mi scaldavo al sole di mez-
nella porta cretina al mondo, e chiedendomi quanto
zogiorno seduta al tavolino di un cafè, mi sarebbe costato ripescare un veicolo
mi sono tolta la camicia con le maniche lunghe che grande come il Nevada dal deposito delle auto seque-
avevo indosso, e andando via l’ho lasciata appesa allo strate, ho chiamato la polizia di Portland. Mi ha rispo-
schienale della sedia. Quando sono tornata a recupe- sto un uomo meravigliosamente afabile: “No, signo-
rarla, ho scoperto di aver lasciato lì anche il portafo- ra”, ha letteralmente cinguettato al telefono, “stasera
glio. Prima di quell’estate, vorrei precisare, avevo per- in centro nessuna macchina grande. È il suo giorno for-
so il portafoglio una volta sola in tutta la mia vita, men- tunato!” . Seguendo il consiglio che spesso mi davano
tre mi puntavano addosso un’arma. Eppure quello da bambina, sono tornata alla libreria, mi sono calmata
stesso pomeriggio mi sono fermata in un negozio di con una tazza di tè, ho raccolto i pensieri in mezzo agli
articoli sportivi a comprare un lucchetto per la bici e ultimissimi esordi letterari e quindi, come meglio ho
ho lasciato il portafoglio accanto alla cassa. potuto, ho ricostruito l’intero corso della mia serata,
Il portafoglio l’ho recuperato, ma il giorno dopo nella speranza che così facendo avrei smosso un qual-
KATHRYN SCHULZ ho perso il lucchetto della bici. L’avevo tirato fuori dal- che ricordo di com’ero arrivata lì. Non è successo. Mi
è una scrittrice e la confezione appena arrivata a casa, ma aveva squil- sono ritrovata di nuovo per le vie di Portland, a girare
giornalista lato il telefono ed ero andata a rispondere. Quando inutilmente come un bastone da rabdomante.
statunitense. un po’ più tardi sono tornata a riprenderlo, il lucchetto Un’ora e un quarto più tardi ho trovato la macchina,
Questo articolo è era svanito. Bella seccatura, visto che quella sera vole- parcheggiata in uno spazio perfettamente legale, in un
uscito sul New Yorker vo usare la bici per andare in centro a vedere un evento isolato così avulso da qualsiasi percorso sensato per
con il titolo When da Powell’s, la famosa libreria di Portland. Alla ine, raggiungere la libreria da casa mia che mi sono chiesta
things go missing. dopo aver passato una quantità assurda di tempo a se non fossi arrivata lì guidando in una sorta di stato
© 2017 Kathryn
cercare il lucchetto senza trovarlo, mi sono arresa dissociativo. L’ho presa, sono partita verso casa e per
Schulz / Agenzia
e sono andata in città con la macchina. Ho parcheggia- ragioni che spiegherò tra un attimo ho deciso che ap-
Santachiara,
as originally
to, sono andata all’evento, mi sono fermata un po’ a pena rientrata a casa avrei dovuto chiamare mia sorel-
appeared in chiacchierare e curiosare sugli scafali e, quando sono la. Ma non l’ho fatto. Non potevo. Il mio cellulare era
The New Yorker uscita in una deliziosa serata estiva, non ho trovato più rimasto in libreria, su uno scafale in mezzo a tutti i
Magazine, february la macchina. nuovi arrivi.
13 & 20, 2017 issue. Questo alzava davvero l’asticella del perdere le co- Mia sorella è una scienziata cognitiva all’Mit, e co-

80 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


gABrIELLA gIANDELLI

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 81


Pop
nosce meglio di chiunque i processi mentali che entra- guarda nel cassetto dei calzini), il drone (ti serve un
no in gioco quando si perdono gli oggetti. Ma non era gps progettato apposta), i bitcoin (in bocca al lupo).
per questo che volevo parlare con lei della mia nuova La stessa dinamica fondamentale si applica ai siti de-
propensione a perdere le cose. Volevo parlare con lei dicati al ritrovamento degli animali domestici, che
perché, fedele allo stereotipo dello studioso distratto, sono per lo più inutili quando perdi il tuo labrador ma
lei è la persona più sbadata che abbia mai conosciuto. sorprendentemente d’aiuto se hai perso un pitone re-
Con un solo rivale: mio padre. I miei familiari, che per ale. Siti come questi sono anche una miniera di ottimi
tutto il resto si somigliano abbastanza, in questo senso aneddoti, come quello del gatto scomparso nel
si dividono curiosamente in due. In uno spettro che va Nottinghamshire, in Inghilterra, e ritrovato quattordi-
dall’ordine ossessivo al sublime disinteresse per la ci mesi dopo in un magazzino di cibo per animali, due
quotidianità del mondo materiale, mio padre e mia volte più grasso di quand’era scomparso.
sorella non si collocano da nessuna parte, direi. Nem- Forse la cosa migliore che si può dire sul rapporto
meno trovano lo spettro. Io e mia madre, nel frattem- tra cose perdute e internet è che la seconda ha reso
po, ci dedichiamo a organizzarlo per dimensioni e co- molte delle prime notevolmente più facili da trovare:
lori. Mai dimenticherò l’immagine di mia madre che libri fuori catalogo, compagni di classe delle elementa-
tenta di raddrizzare una cornice leggermente storta, al ri, dichiarazioni infamanti rilasciate dai politici dieci
Museum of art di Cleveland. Mio padre, per contro, anni prima. Più in generale, la tecnologia moderna può
una volta si è fatto un’intera vacanza indossando scar- a volte aiutarci a ritrovare gli oggetti persi, come sapre-
pe spaiate, perché in valigia non ne aveva messe altre te se avete mai chiesto alla vostra ragazza di chiamarvi
e si era accorto dell’errore solo quando al controllo di al cellulare per capire dov’era inito, oppure usato quel
sicurezza dell’aeroporto gli avevano chiesto di toglier- pulsantino sulle chiavi per far suonare il clacson della
sele. La prodezza aeroportuale di mia sorella, invece, vostra Toyota. Negli ultimi tempi c’è stato un boom
è stata quella di farsi prestare il computer portatile dal delle tecnologie pensate espressamente per compen-
suo compagno per poi lasciarlo accidentalmente sare la nostra tendenza a perdere cose: l’app Trova il
Storie vere all’imbarco dell’Alaska Airlines una settimana dopo mio iPhone della Apple, per esempio, e tutta una serie
l’11 settembre, riuscendo quasi a far chiudere l’aero- di dispositivi di localizzazione bluetooth che si possono
Alexander Hayden
Sperber, 25 anni, ha
porto di Oakland. attaccare agli oggetti d’uso quotidiano per farli appari-
rapinato una banca a Ecco perché quando ho cominciato a perdere le co- re dal nulla, un po’ come l’incantesimo “accio” nei libri
Fort Lauderdale, in se ho chiamato lei. Un po’ perché volevo farmi compa- di Harry Potter.
Florida, usando come tire, un po’ perché pensavo potesse aiutarmi: conside-
rata la sua ampia esperienza nel perdere le cose, imma- uesti espedienti, anche se utili, hanno i

Q
arma la mano destra
che mimava una ginavo avesse sviluppato una certa capacità nel ritro- loro limiti. Il telefono dev’essere acceso
pistola. Un varle. Quando ho recuperato il cellulare e l’ho raggiun- e non rotto; la macchina deve trovarsi
dipendente della ta al telefono, però, entrambe le speranze sono svanite entro un certo raggio; devi avere la lun-
banca gli ha dato un
esattamente come il lucchetto della bici. Mia sorella è gimiranza di attaccare un dispositivo di
sacco con 7.500
rimasta piacevolmente sbalordita dal fatto che in vita localizzazione all’oggetto che perderai
dollari in contanti,
ma dentro ci aveva
mia non avessi mai perso il portafoglio, ma da persona prima di averlo perso. Inoltre, come potrà confermarvi
messo una cartuccia che in genere doveva ricostruire l’intero contenuto del chiunque abbia mai posseduto un telecomando, spesso
d’inchiostro suo diverse volte all’anno, non si sentiva particolar- le nuove tecnologie sono esse stesse insopportabil-
indelebile, che è mente solidale. “risentiamoci quando alla motorizza- mente introvabili. Perdere un vecchio computer è dif-
esplosa appena il zione ti saluteranno per nome”, mi ha detto. icile, più facile perdere un portatile. Per il cellulare è
rapinatore ha aperto Mia sorella non aveva nemmeno consigli utili su un attimo, e non perdere una chiavetta usb è pratica-
il pacco macchiando come ritrovare gli oggetti scomparsi, anche se va detto mente impossibile. Poi c’è la questione delle password,
irrimediabilmente di che consigli del genere sono a loro volta diicili da tro- che stanno ai computer come i calzini stanno alle lava-
rosso i soldi e i suoi
vare. Un sacco di genitori, guru dell’auto-aiuto e me- trici. Nel mondo reale come in quello digitale, l’unica
vestiti. Sperber ha
dium si ofriranno di assistervi per ritrovare quello che cosa più diicile di ricordarsi una password è l’infor-
pensato di risolvere il
problema
avete perso, ma i loro consigli saranno sempre o scon- mazione necessaria per recuperarla, motivo per cui è
spogliandosi tati (si calmi, metta in ordine) o sospetti (la regola dei possibile, da adulti, provare interesse per il nome da
completamente e cinquanta centimetri, secondo cui la maggior parte de- nubile dell’iguana domestica del vostro maestro di pri-
dandosi alla fuga gli oggetti perduti si anniderebbe a meno di mezzo me- ma elementare.
lasciando dietro di sé tro dal primo posto in cui pensate che fossero) oppure Password, passaporti, ombrelli, sciarpe, orecchini,
una scia di banconote un po’ new age (visualizzi un ilo argentato che parte dal auricolari, strumenti musicali, moduli iscali, quella
da 50 e 100 dollari. È petto e arriva ino all’oggetto perso). lettera a cui volevate rispondere, l’autorizzazione per
stato rapidamente I consigli su come ritrovare le cose perse abbonda- la gita scolastica di vostra iglia, il barattolo di vernice
arrestato, ma ha
no anche in rete, ma di regola sono utili solo in modo che avevate scrupolosamente messo da parte tre anni
spiegato agli agenti
direttamente proporzionale alla stranezza di ciò che fa per quel ritocchino che un giorno sapevate di dover
che il suo piano era
andato come sperava:
hai perso. Ne consegue che internet funziona così così fare: la gamma di cose che perdiamo e la prontezza
l’obiettivo non erano se hai perso la carta di credito o il Kindle, ma è istrutti- con cui lo facciamo sono sconcertanti. Dai dati di una
i soldi, ma vo se hai perso il robot aspirapolvere (cerca dentro i compagnia di assicurazioni emerge che in media una
“cominciare una mobili imbottiti), la marijuana (l’hai probabilmente persona smarrisce ino a nove oggetti ogni giorno, vale
carriera di comico”. nascosta in un momento di paranoia mentre eri fatta, a dire che, arrivati ai sessant’anni, avremo perso ino a

82 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


duecentomila cose (sembrano cifre esorbitanti solo
inché non ripensate a tutte le volte che cacciate un ur-
lo su per le scale per chiedere al partner se ha visto la
vostra giacca, o alla frequenza con cui cercate tra i cu-
scini del divano la penna che stavate usando un attimo
prima, o al quotidiano turbinio di confusione sulla
porta di casa, quando non trovate più il pranzo di vo-
stro iglio o le chiavi della macchina). Certo, molti di
questi oggetti li ritroverete, ma non riavrete mai indie-
tro il tempo che avete perso a cercarli. Nel corso della
vostra vita, trascorrerete circa sei mesi abbondanti a
cercare oggetti persi. Negli Stati Uniti il dato si traduce
in un ammontare collettivo di circa cinquantaquattro
milioni di ore al giorno. E poi c’è la relativa perdita di
denaro: trenta miliardi di dollari in cellulari persi solo
negli Stati Uniti nel 2011.
In termini generali, esistono due spiegazioni del
motivo per cui perdiamo tutta questa roba: una scien-

gABrIELLA gIANDELLI
tiica e l’altra psicoanalitica, entrambe insoddisfacenti.
Secondo la versione scientiica, perdere le cose è il se-
gno di un fallimento della memoria o di un fallimento
dell’attenzione: o non riusciamo a recuperare un ricor-
do (diciamo del posto in cui abbiamo posato il portafo-
glio) oppure non ne abbiamo mai creato uno. Nella rari, ammesso che esistano davvero. La spiegazione
versione psicoanalitica, invece, perdere gli oggetti è un migliore, il più delle volte, è semplicemente che la vita
successo, un volontario sabotaggio della nostra mente è complicata e la mente limitata. Perdiamo le cose per-
razionale da parte dei nostri desideri subliminali. In ché siamo imperfetti, perché siamo umani, perché
Psicopatologia della vita quotidiana, Freud descrive abbiamo cose da perdere.
“l’abilità inconscia con cui si mette fuori posto un og- Di tutti gli oggetti persi in letteratura, uno dei miei
getto per motivi segreti ma forti”, tra i quali “il poco preferiti appare – o meglio scompare – nell’autobiogra-
valore annesso all’oggetto perduto o la segreta antipa- ia di Patti Smith del 2015, M train.
tia verso di esso o verso la persona donde proviene”. Pur essendo un libro sostanzialmente incentrato su
Abraham Arden Brill, collega e contemporaneo di perdite ben più serie, a un certo punto Smith si sofer-
Freud, usava una formula più sintetica: “Non perdiamo ma a raccontare l’esperienza di aver perso un’amatissi-
mai ciò che consideriamo prezioso”. ma giacca nera avuta in regalo da un amico che se l’era
Come spiegazione, quella scientiica è convincente tolta di dosso per dargliela nel giorno del suo cinquan-
ma di scarso interesse. Non fa luce su come ci si sente a tasettesimo compleanno. La giacca non era niente di
perdere le cose e fornisce solo una nozione molto che: rosicchiata dalle tarme, scucita in alcuni punti, a
astratta e poco pratica di come evitarlo (concentratevi, sua volta perfetta per perdere le cose grazie ai grandi
e già che ci siete, riprogrammatevi i geni e la vita in mo- buchi nelle tasche. Eppure, scrive Smith, “ogni volta
do da migliorare la memoria!). La spiegazione psicolo- che la indossavo mi sentivo me stessa”. Poi venne un
gica, invece, è interessante, divertente e teoricamente inverno particolarmente rigido, per cui cominciò a usa-
utile (Freud sottolineava “la notevole sicurezza nel ri- re una giacca più calda, e quando l’aria tornò tiepida la
trovamento allorché sia venuto a mancare il motivo giacca non si trovava più.
dello smarrimento”), ma ahimè non è vera. A voler es- Quando perdiamo qualcosa, la nostra prima e abba-
sere generosi si può dire che sopravvaluta enormemen- stanza naturale reazione è quella di voler sapere dov’è.
te la nostra specie: in assenza di motivazioni inconsce, Dietro quella domanda sul suo luogo, però, se ne na-
sembra intendere, non perderemmo mai nulla. sconde una sul rapporto di causalità: cosa le è succes-
È un’afermazione palesemente falsa, ma – come so? Quale causa o forza l’ha fatta scomparire? Sono
molte di quelle che riguardano la psicologia – anche domande importanti perché possono aiutarci a orien-
impossibile da confutare. Forse la madre afettuosa tare la ricerca. Ci comporteremo in modo diverso se
che ha perso il iglio al centro commerciale era segre- pensiamo di aver lasciato la giacca sul taxi o se siamo
tamente esasperata dalle esigenze della maternità. convinti di averla messa in uno scatolone in cantina.
Forse mia sorella perde così spesso il portafoglio per Tanto più che le risposte possono fornirci quella tanto
via di un profondo disagio nei confronti del capitali- ambita condizione nota come “farsene una ragione”.
smo. Forse il tizio che ha dimenticato i biglietti per il ritrovare le chiavi nel cassonetto del vicino è bello, pe-
musical Hamilton sul taxi faceva il tifo per Jeferson. rò capire come ci sono inite è ancora meglio.
Freud propenderebbe per queste ipotesi, e non c’è Interrogarsi sulle cause può anche creare problemi,
dubbio che alcune perdite siano davvero causate da perché in sostanza ci spinge ad attribuire delle colpe.
emozioni inconsce o almeno si possano spiegare così Essendo umani, siamo spesso riluttanti ad attribuirce-
a posteriori. Ma l’esperienza c’insegna che sono casi le da soli, e quando si tratta di beni personali è sempre

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 83


Pop
possibile (e a volte vero) che a farli sparire sia stato che suo marito amava chiamare la “valle delle cose
qualcun altro. giuri che la bolletta l’avevi lasciata sul perdute”. L’ombra che manca in quest’espressione si
tavolo perché tua moglie andasse a pagarla; tua moglie allunga sul libro, nel corso del quale Smith racconta
giura con la stessa veemenza che sul tavolo non c’era; anche la perdita del suo miglior amico, del fratello, del-
in un attimo perdete tutti e due le stafe. la madre e del marito (a 45 anni, per un infarto).
Un’altra possibilità, assai meno probabile ma altret-
tanto autoassolutoria, è che l’oggetto smarrito abbia prima vista, perdite del genere hanno
ordito la propria sparizione, da solo o in concorso con
altre forze oscure. gli oggetti amati come quella sua
giacca nera, suggerisce Patti Smith, sono a volte “risuc-
chiati in quella dimensione di mezzo in cui le cose sem-
plicemente scompaiono”. Spiegazioni simili sono più
comuni di quanto potreste pensare. Dopo un certo
tempo passato a cercare una cosa che un attimo prima
era lì, anche l’indole più scientiica del mondo comin-
cerà a ipotizzare diversi colpevoli altamente improba-
A poco a che fare con quelle minori. Un
conto è perdere una fede nuziale, ben
altra cosa è perdere un consorte. È
una distinzione che Elizabeth Bishop
illumina, ingendo di rimuoverla, nel-
la sua poesia Un’arte, forse la più famosa rilessione
sulla perdita nella storia della letteratura. “L’arte di
perdere non è una disciplina dura”, scrive nella prima
riga; il segreto è cominciare da perdite di poco conto,
bili: tunnel spaziotemporali, alieni, folletti. come le chiavi della macchina, e allenarsi inché non
È un notevole sforzo di esternalizzazione, se si pen- impariamo a gestire quelle tragiche. Nessuno potrebbe
sa che nove volte su dieci la colpa di aver perso ciò che prendere sul serio un suggerimento simile né siamo
non riusciamo a trovare è nostra. Nel microdramma tenuti a farlo. Nel contenuto come nella forma, la poe-
della perdita, in altre parole, siamo quasi sempre colpe- sia arriva ad ammettere che qualsiasi altra perdita im-
voli e vittime allo stesso tempo. Questo spiega in parte pallidisce davanti a quella di una persona cara.
perché spesso diciamo che perdere le cose ci fa impaz- Inoltre, anche se è un punto che Bishop non esplici-
zire. Nella migliore delle ipotesi, la nostra incapacità di ta, la morte diferisce dalle altre perdite non solo per
localizzare una cosa che noi stessi abbiamo maneggia- intensità, ma anche per natura. Nel caso degli oggetti,
to per ultimi implica che la nostra memoria non funzio- la perdita implica la possibilità del ritrovamento: alme-
na più; nella peggiore, mette in discussione la natura e no in teoria, quasi tutte le cose smarrite possono essere
la continuità stesse della nostra identità: se vi è mai ca- restituite al loro proprietario. Ecco perché l’emozione
pitato di perdere una cosa che avevate intenzionalmen- che caratterizza la perdita non è la frustrazione né il
te messo via per conservarla, saprete che la frustrazio- panico o la tristezza, ma paradossalmente la speranza.
ne di non ritrovarla nasce da un fallimento non solo Nel caso delle persone, invece, la perdita non è una
della memoria, ma anche della capacità deduttiva. Co- condizione di passaggio, ma è deinitiva. A parte un
me si chiedeva un sagace commentatore su internet: eventuale aldilà, per chi ci crede, ci lascia senza nulla in
“Perché è così diicile pensare come me stesso?”. Ciò cui sperare e senza poter fare nulla. La morte è la perdi-
che rende la perdita un fenomeno così sorprendente- ta senza la possibilità del ritrovamento.
mente complicato, quindi, è in parte il fatto che è ine- Mio padre, oltre che distratto, sfasato, integro e
stricabile dal complicatissimo fenomeno della cogni- brillante, è anche morto. L’ho perso, come si dice, la
zione umana. terza settimana di settembre, subito prima dell’equi-
Un intrico che si fa sempre più snervante man mano nozio d’autunno. Da allora le giornate si sono fatte più
che invecchiamo. Superata una certa età, ogni atto che buie, e anch’io mi sono persa: alla deriva, disorientata,
comporta il perdere qualcosa è sottoposto a un’ulterio- assente.
re strato di analisi, nell’eventualità che ciò che abbiamo Come la morte in generale, anche quella di mio pa-
perso sia in realtà la testa. La maggior parte di questi dre è stata in un certo senso prevedibile e insieme scon-
atti non è naturalmente indice di patologie, ma è vero volgente. Erano quasi dieci anni che aveva problemi di
che il declino mentale si manifesta in parte con un au- salute, in quantità quasi impressionante. Oltre a sofri-
mento delle cose che perdiamo. Chi è afetto da de- re di molti dei mali consueti di chi invecchia oggi (pres-
menza senile tende a perdere gli oggetti, e chi sofre di sione alta, colesterolo alto, problemi ai reni, insui-
Alzheimer incipiente spesso non riesce a trovarli per- cienza cardiaca), aveva avuto malattie insolite a tutte le
ché li ha messi in posti improbabili: gli occhiali da vista età e in ogni epoca: meningite virale, virus del Nilo oc-
iniscono nel forno, la dentiera nel barattolo del cafè. cidentale, un disturbo autoimmune la cui identità era
Simili perdite ci rattristano perché ne preigurano altre sfuggita ai migliori medici dell’ospedale di Cleveland.
più importanti: dell’autonomia, delle capacità intellet- Da lì, l’elenco si era allungato in tutte le direzioni della
tuali, da ultimo della vita stessa. isiologia e della gravità. Era caduto strappandosi un
Non stupisce che perdere le cose, anche quelle ba- muscolo della spalla e distruggendosi un tendine rotu-
nali, ci turbi così tanto. Indipendentemente da ciò che leo, il tutto mancando uno scalino il 4 di luglio. respi-
va perduto, la perdita in sé ci impartisce un bagno di rava spesso a fatica anche se non aveva problemi respi-
umiltà, ci mette davanti all’assenza di ordine e di con- ratori evidenti e un inido nervo nel collo gli procurava
trollo, e alla natura transitoria dell’esistenza. Quando a volte delle temporanee semiparalisi. Aveva terribili
Patti Smith rinuncia a cercare la sua giacca nera, imma- problemi ai denti, da bambino povero qual era stato, e
gina che, insieme a tutti gli altri oggetti smarriti del una terribile gotta da anziano e ricco patriarca, quale
mondo, anche quella sia andata a vivere in un luogo era allegramente diventato.

84 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Era, per farla breve, un catorcio. Eppure, man mano Poesia EMMANUEL
LAUGIER
che con gli anni le visite al pronto soccorso si accumu-
è uno scrittore e
lavano, avevo gradualmente cominciato ad arginare il Fiesole, 19 agosto 2012
poeta francese nato
panico e il terrore iniziali, un po’ perché nessuno può nel 1969 a Meknès, in
vivere in uno stato di crisi permanente, ma anche per- tu sei solo e io sono due Marocco. Questo
ché nel complesso mio padre viveva la sua infermità la camera dove la cagna gira intorno testo, tratto da
con spensieratezza (“giovedì biopsia”, mi scrisse una 27 fois – et suivantes:
è entrata nel tuo cranio
volta a proposito di un problema all’arteria carotide. Jacques Dupin, è
dico delle parole ainché non ci entri uscito sul numero 7
“L’autopsia non ho idea di quando sarà, e temo che non
ne sarò informato”). In realtà, contro non poche previ- ma non esce della rivista
altre parole Koshkonong (2015).
sioni, continuava semplicemente a vivere. Io, razional-
Traduzione di
mente, sapevo che nessuno è in grado di sopportare un ainché non vada troppo veloce
Domenico Brancale.
tale carico di malanni in eterno. Ma il numero di volte con i suoi denti lenti
in cui mio padre aveva siorato la morte per poi ripren- ainché non ti sbrani di colpo
dersi mi aveva fatto pensare, irrazionalmente, che fos-
se inafondabile.
io sono due per non essere meno
Non mi sono quindi preoccupata troppo quando un
giorno, verso la ine dell’estate scorsa, mia madre mi ha e nella fornace della toscana
chiamato per dirmi che papà era stato ricoverato per ti porto sulle mie spalle
una crisi ibrillatoria atriale. Né mi ha sorpreso, arri- a lungo ho marciato senza vederti
vando in città con il mio compagno, scoprire che il suo forse dietro il sorriso
ritmo cardiaco si era stabilizzato. I medici avevano là dove non bisognerebbe più che io fossi là
semplicemente deciso di tenerlo in osservazione, ci dove da te a me
hanno detto, anche perché aveva i globuli bianchi mi-
seguiremmo un precipizio di tenere erbe
steriosamente alti. Nel raccontarci la catena di eventi
una cagna che obbedisce alla tua mano
che l’aveva portato lì – si era presentato a un appunta-
mento di controllo dal cardiologo, per poi essere trasfe-
rito in fretta e furia in terapia intensiva – mio padre era Emmanuel Laugier
sembrato allegro, attento e decisamente in sé. Il giorno
dopo era ancora di buonumore. Era estremamente
chiacchierone ma non nel suo solito modo espansivo: vo visto brancolare in un cervello temporaneamente
aveva un che di maniacale, di strano, come conseguen- compromesso dalla malattia, mentre aferrava solo
za – ci hanno spiegato i medici – delle tossine che si an- creature strane, oscure, degli abissi, ignote e spavento-
davano accumulando nel sangue per la temporanea se solo per noi che gli stavamo intorno. In tutto quel
perdita della funzionalità renale. Se la situazione non tempo e in quelle situazioni così diverse, non l’avevo
si fosse risolta nel giro di un paio di giorni, gli avrebbero mai visto a corto di parole. Ora, però, da cinque giorni
fatto una dialisi per ripulirlo. manteneva il silenzio.
Questo succedeva di mercoledì. Nel corso dei due Il sesto giorno si è improvvisamente riappropriato
giorni successivi, la loquacità è degenerata nell’incoe- del suono, ma non di se stesso: è seguita un’orribile
renza. Poi, il sabato, mio padre ha smesso di reagire notte di soferenze e agitazione. Dopo quella, al di là di
agli stimoli. Da qualche parte sotto quel silenzio si an- qualche parola occasionale, a volte spiazzante, a volte
nidavano sei lingue: era nato a Tel Aviv da genitori apparentemente lucida – “ciao!”, “Machu Picchu”, “sto
sfuggiti ai pogrom polacchi, si era trasferito all’età di morendo” – mio padre non ha mai più parlato.
sette anni in germania (un insolito esodo al contrario, Nonostante questo ha resistito un altro po’, cioè ha
per una famiglia di ebrei nel 1948, accelerato dalle continuato a essere lui, Isaac, quell’inspiegabile e as-
scarse possibilità di viaggiare e dalle violenze in quella sertiva parte di personalità che c’è in ogni persona.
che allora era ancora la Palestina), ed era arrivato negli Qualche giorno prima di morire, e dopo aver ignorato
Stati Uniti, con un visto da rifugiato, a dodici anni. In- qualsiasi richiesta da parte di medici che andavano e
glese, francese, tedesco, polacco, yiddish, ebraico: di venivano in continuazione (“signor Schulz, riesce a
tutte queste lingue, mio padre aveva imparato la prima muovere le dita dei piedi?”, “signor Schulz, riesce a
per ultima, e la parlava con padronanza e ricercatezza stringermi la mano?”), ha deciso di rispondere a un ul-
nabokoviane. Adorava parlare – nel senso che si diver- timo ordine. Il signor Schulz, scoprimmo, riusciva an-
tiva moltissimo ad assemblare le frasi, pur apprezzan- cora a tirare fuori la lingua.
do anche molto la conversazione – e con le parole riu- Il suo ultimo movimento volontario, che ha mante-
sciva ad afrontare qualsiasi situazione e superarla, nuto in quasi alla ine, è stata la capacità di baciare mia
compresa la malattia. In quegli anni di crisi mediche, madre. Ogni volta che lei si chinava a siorargli le lab-
l’avevo visto farneticare devastato dalla febbre. L’avevo bra, lui arricciava le sue e ricambiava lo stesso breve
visto sofrire di una decina di dolori diversi. L’avevo vi- gesto adorante che gli avevo visto fare ogni giorno del-
sto avere allucinazioni, a volte in modo del tutto consa- la mia vita. Davanti a me e a mia sorella, perlomeno,
pevole, e discutere con noi non solo il mistero delle sue era il modo in cui i nostri genitori si dicevano “ciao”, il
visioni, ma anche quello delle facoltà cognitive. L’ave- loro “sogni d’oro” e “scherzavo”, il loro “scusa” e “sei

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 85


Pop

gABrIELLA gIANDELLI

bellissima” (o bellissimo) e “ti amo”, il segno d’inter- due vertiginose, lunghissime settimane in terapia in-
punzione fondamentale della lingua che condivideva- tensiva. Durante tutto quel tempo non avevamo mai
no, espressione e sigillo di cinquant’anni di felicità. ricevuto una diagnosi, men che meno una prognosi. In
Una sera, mentre quell’essenza ancora persisteva, compenso avevamo subìto un assedio di nuove possi-
ci siamo radunati tutti intorno a mio padre – noi, le per- bilità, nuovi esami, nuovi dottori, nuove speranze,
sone che amava – e abbiamo riempito il suo silenzio di nuove paure. Ogni notte tornavamo a casa esausti,
chiacchiere. Avevo sempre pensato che fossimo una quand’era buio già da ore, e parlavamo di quel che era
famiglia unita, quindi è stato sorprendente accorgermi successo, come se farlo potesse guidarci nella giornata
di quanto potessimo ulteriormente avvicinarci, dell’in- successiva. Poi ci svegliavamo e riprendevamo la tra-
timità che riuscivamo a trovare intorno alla sua iamma ila del parcheggio e dell’ascensore e del bar aperto
che si spegneva. La stanza in cui ci trovavamo era un ventiquattr’ore su ventiquattro, solo per poi scoprire
cubo bianco, illuminato come la corsia di un supermer- che, a parte quelle cose, non c’era niente che ci aiutas-
cato, eppure nel mio ricordo quella sera è immersa in se a prepararci o pianiicare. Era come tentare ogni
una palpitante penombra da dipinto di rembrandt. mattina di scegliere i vestiti giusti per il clima di un pa-
Abbiamo solo parlato d’amore. Lo sguardo di mio pa- ese sconosciuto.
dre, muto ma vigile, si spostava da un viso all’altro Alla ine abbiamo stabilito che mio padre non si sa-
mentre parlavamo, e gli occhi erano lucidi di lacrime. rebbe più ripreso, e così, invece di continuare a sfor-
Avevo sempre avuto il terrore di vederlo piangere, ed zarci di tenere lontana la morte, abbiamo aperto la
era successo raramente, ma per una volta ero grata che porta e abbiamo cominciato ad aspettare. Con mia
lo facesse. Mi diceva ciò che avevo bisogno di sapere: sorpresa, ho scoperto che stare con lui in quei momen-
per quella che forse sarebbe stata l’ultima volta nella ti mi dava conforto, sedergli accanto e tenergli la mano
sua vita, e forse la più importante, capiva. e guardargli il petto che faceva su e giù accompagnato
Tutto questo fa sembrare la morte una cosa dolce e da un lieve e familiare russare. Non era, come dicono,
ricca di signiicato, ed è vero che chi è fortunato può una cosa insopportabilmente triste; era invece triste in
trovarci un ilo di dolcezza e di signiicato, una vena modo sopportabile, un dolore tranquillo, contempla-
d’argento in una buia caverna a trecento metri di pro- tivo, che ti accarezzava. Ero convinta – sbagliando, ho
fondità. Ma è pur sempre una caverna. Venivamo da scoperto dopo – che in quelle ore stessi facendo pace

86 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


con la sua morte. Da allora ho imparato che un padre, ti di ringraziamento – non avevo idea di cos’altro fare.
anche quando sta morendo, in un certo senso assai ri- Anche se avevo trascorso un decennio a temere di per-
levante è ancora vivo. Poi, una mattina molto presto, dere mio padre, mai una sola volta avevo pensato a
non lo fu più. cosa sarebbe venuto dopo. Come un cuore, anche la
Il ricordo più nitido che ho delle ore successive è mia immaginazione si era sempre fermata al momen-
l’immagine di mia madre che regge la testa di mio pa- to della morte.
dre con una mano. Una moglie che siora il marito mor- Adesso, costretta ad avanzare attraverso il tempo,
to solo per potergli ofrire un’ultima tenerezza, l’atto mi rendevo conto di non saperlo fare. Trovavo un po’ di
d’amore più puro che io abbia mai visto. Lei appariva consolazione nella poesia, ma a parte quella, per la pri-
svuotata, bellissima, in preda a una calma inimmagi- ma volta nella mia vita, non mi andava di leggere. Né
nabile. Lui non sembrava ancora morto. Sembrava mio riuscivo a mettermi a scrivere, non ultimo perché qual-
padre. Non riuscivo a smettere di rivedere il gesto con siasi cosa avessi prodotto sarebbe stata la prima che
cui si spostava gli occhiali sulla fronte per leggere. Mi mio padre non avrebbe letto. Prolungavo il più a lungo
ha colpito, prima che tutto il resto mi colpisse molto più possibile i piccoli gesti che sembravano facili e giusti
forte, il pensiero che dovevo appoggiarglieli sul como- (chiamare mia madre e mia sorella, coccolarmi con il
dino nel caso gli servissero. mio compagno, giocare con i gatti), che però da soli non
È cominciata così la mia seconda e più cupa stagio- bastavano a riempire le giornate. Era da quando avevo
ne di perdite. Tre settimane dopo la morte di mio padre otto anni, da quando stavo ancora imparando a gestire
è morto un altro parente, di cancro. Dopo altre tre set- la noia, che la vita non mi sembrava a tal punto una
timane, la squadra di baseball della mia città ha perso semplice questione di cosa fare.
il campionato, cosa che non mi avrebbe turbato più di È stato in quel periodo che ho cominciato a uscire in
tanto se mio padre non ne fosse stato un tifoso tanto cerca di mio padre. Certi giorni mi dicevo solo che ave-
accanito. Una settimana dopo, Hillary Clinton e 66 mi- vo voglia di uscire di casa, altri mi mettevo a cercarlo
lioni di elettori hanno perso le elezioni presidenziali. con la determinazione che si userebbe per un guanto
Come una forma disfunzionale d’amore, il dolore smarrito. Poiché nella natura trovavo pace e chiarezza,
non ha conini. raramente, lo scorso autunno, sono le mie ricerche le svolgevo all’esterno, a volte passeg-
riuscita a distinguere la mia soferenza per queste ulti- giando, altre volte andando a correre. Naturalmente
me perdite dalla tristezza per mio padre. Avevo mante- non mi aspettavo che lungo il cammino avrei incontra-
nuto la compostezza durante il suo funerale, riuscendo to mio padre nella sua forma concreta. Ero convinta
perino a leggere l’elogio funebre. Ma quando, al fune- che il semplice movimento mi avrebbe permesso di
rale del nostro parente tre settimane dopo, il iglio del creare un tunnel di vuoto, dentro di me o nel mondo, da
defunto si alzò per parlare, piansi. Dopo, non riuscivo a riempire con un’impressione della sua presenza: la sua
togliermi di dosso la sensazione che fosse in arrivo voce, il suo senso dell’umorismo, il suo calore, la fami-
un’altra batosta, che di lì a poco sarei venuta a sapere liarità perfetta del nostro rapporto.
della morte di un’altra persona a me vicina. Il mattino
dopo le elezioni ho pianto di nuovo, per il mio padre a allora ho scoperto, leggendo la let-
esule, per il futuro che pensavo avessimo davanti. Al
suo posto sembravano imminenti perdite di altro tipo:
dei diritti civili, della sicurezza personale, della stabili-
tà economica, di valori americani fondamentali come
il rispetto del dissenso e delle diferenze, delle istitu-
zioni e delle tutele democratiche.
Mi sono trascinata in quello stato per settimane, tra
ondate di dolore vero e anticipato. Non riuscivo a smet-
tere d’immaginare catastroi, politiche e di altro tipo.
D teratura accademica sul dolore, che
questo “comportamento di ricerca”,
come viene deinito, è comune tra le
persone che hanno subìto un lutto.
Secondo lo psicologo John Bowlby, la
seconda fase del dolore, dopo l’intontimento, è quella
“della smania e della ricerca”. Io però non l’ho mai spe-
rimentato in modo consapevole, perché, nella mia
esperienza, i miei morti erano sempre venuti a cercar-
Mi sentivo invadere dalla paura ogni volta che mia ma- mi. Spesso, dopo la morte di altre persone che avevo
dre non rispondeva al telefono, detestavo sapere che amato, mi era capitato di avvertire la loro presenza, a
mia sorella avrebbe preso un aereo, a malapena riusci- volte di sentirne la voce e perino, in una manciata di
vo a lasciare che il mio compagno prendesse la macchi- occasioni molto strane, di ritrovarmi scossa dall’in-
na. “Tante cose sembrano volersi perdere”, scriveva spiegabile convinzione di averle incontrate in una for-
Elizabeth Bishop, e accanto alla mia speciica tristezza ma alterata ma inconfondibile.
è stato proprio quel dato – la pura e semplice quantità e Queste esperienze, per chiarirci, non inluiscono
inevitabilità di ulteriori soferenze – a farmi crollare. sulla mia concezione della morte. Non penso che i no-
Nel frattempo, insieme a tutto il resto, avevo perso stri cari possano contattarci dall’oltretomba. Ma il do-
anche ogni traccia di motivazione. giorno dopo giorno lore ci trasforma tutti in cosmologi temerari, e a me
facevo quanto di più simile al nulla fosse umanamente sembrava possibile – in un senso impossibile – che
possibile fare. In parte perché temevo di allontanarmi uscendo a cercare mi sarei forse ritrovata di nuovo in
dal momento in cui mio padre era stato ancora vivo, compagnia di mio padre.
ma anche perché, una volta sbrigati gli inevitabili do- La prima volta feci marcia indietro dopo cinque mi-
veri del lutto – superato il funerale, smaltiti gli aspetti nuti: di rado ho avuto la sensazione di fare una cosa
burocratici della morte, donati i vestiti, scritti i bigliet- tanto futile. Dopo aver perso la moglie, C.S. Lewis, al

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 87


Pop
quale a sua volta era in precedenza capitato di sentire che si troveranno lì a guardare dopo la sua morte, alla
vicini i morti, alzò gli occhi verso il cielo di notte e, con quale lui nella poesia, più che pensare, sembra – attra-
sgomento, capì che non l’avrebbe mai più ritrovata. “Vi verso una sfrenata forma di onniscienza – ripensare:
è qualcosa di più certo”, scriveva in Diario di un dolore, “Ciò che provate guardando il iume e il cielo, io l’ho
“del fatto che in tutte quelle vastità di tempi e di spazi, provato”, ammonisce gentile.
se mi fosse dato di cercare, non troverei mai il suo viso, E così, da un momento all’altro, il mio senso di per-
la sua voce, il tocco della sua mano?”. Tra sé e la moglie dita si è rivelato estremamente angusto. Ciò che mi
scomparsa percepiva solo “la porta chiusa a chiave, la manca di mio padre, più di tutto, è l’aspetto che aveva
cortina di ferro, il vuoto, lo zero assoluto”. la vita iltrata attraverso di lui, sollevata e osservata alla
Così mi sento io nei confronti di mio padre. “Per- sua luce interiore. Ma mi è del tutto inaccessibile la co-
so” è la parola che descrive con esattezza la mia perce- sa più importante che è svanita quando è morto:
zione di lui da quando è morto. Lo cerco costantemen- l’aspetto che aveva la vita per lui, la vita come la vivia-
te, senza mai trovarlo. Mi sforzo di cogliere qualsiasi mo tutti, da dentro. Tutti i miei ricordi non compongo-
accenno della sua presenza e non sento nulla. Tendo no un solo momento di com’è stato essere mio padre, e
l’orecchio cercando la sua voce, ma non la sento. Pian- tutte le mie perdite impallidiscono davanti alla sua.
gerlo è come impugnare uno di quei telefoni fatti in Come quello di Whitman, anche il suo amore per la vi-
casa con le lattine senza che ci sia una lattina all’altro ta era stato esuberante, totale. Deve aver odiato, dav-
capo del ilo. La sua assenza è totale: dove c’era lui, ora vero odiato dover abbandonare tutto: non solo la sua
non c’è niente. famiglia, che adorava, ma tutto quanto.
È forse questa la cosa che più mi ha colpito della L’estinguersi della coscienza toglie il iato. Ma per-
morte di mio padre e di tutto ciò che è seguito: quan- ino quella perdita – il nostro deinitivo smettere di
to sembrasse rilevante l’idea della perdita, quanto fos- essere – sembra minuscola rispetto al grande disegno
se al tempo stesso capiente e precisa. E precisa, con delle cose. Quando la sperimentiamo, la perdita ci
mia sorpresa, in efetti lo era. Prima di cercarla sul di- sembra spesso un’anomalia, un’interruzione nell’or-
zionario, avevo sempre pensato che, a meno di non dine consueto delle cose. Ma in realtà costituisce l’or-
riferirla a caricatori del telefono o chiavi della macchi- dine consueto delle cose. L’entropia, la mortalità,
na o ricette di torte, la parola “perso” la usassimo in l’estinzione: l’intero progetto dell’universo consiste
senso metaforico, perino eufemistico, un po’ come nel perdere, e la vita corrisponde a una sorta di conto
diciamo “ho perso mio padre” per attenuare il colpo bancario a rovescio nel quale alla ine ci viene tolto tut-
della morte. to. I nostri sogni, i progetti, i lavori, e le ginocchia, le
schiene e i ricordi, l’amico d’infanzia, il marito che hai
a a quanto pare non è vero. Il ver- avuto per cinquant’anni, le chiavi di casa, le chiavi del-

M bo inglese to lose, “perdere”, af-


fonda le radici nel dolore, impa-
rentato con il -lorn di forlorn, che
sta a metà tra “triste” e “abban-
donato”. Il senso moderno di
perdita relativa a un oggetto risale al duecento.
Cent’anni dopo, “perdere” acquisì l’accezione di “non
riuscire a vincere”. Nel cinquecento abbiamo comin-
ciato a perdere la testa, nel seicento, almeno in inglese,
la macchina, le chiavi del regno, il regno stesso: presto
o tardi, tutto scivola nella valle delle cose perdute.
Per tutto questo esiste ben poco conforto e non c’è
nessun rimedio. Prima o poi perderemo tutto ciò che
amiamo. Ma perché dev’essere così importante? Noi,
per deinizione, non viviamo nella ine: viviamo lungo
il cammino. gli innamorati che ogni giorno si meravi-
gliano davanti al miracolo di essersi conosciuti hanno
ragione: la cosa sbalorditiva è trovare.
anche il cuore nel senso di “coraggio”. Quello che pos- Conosci un’estranea che passa per la tua città e di lì
siamo perdere, in altre parole, è cominciato con la no- a qualche giorno sai dentro di te che la sposerai. Perdi il
stra vita e con le altre persone, poi da allora si è espanso lavoro a cinquantacinque anni e dieci anni dopo ti stu-
costantemente. Di conseguenza, oggi quella della pisci da solo trovando una vocazione nuova. Hai un
“perdita” è diventata una categoria estremamente pro- pensiero e trovi le parole per dirlo. Afronti una crisi e
blematica, piena di ogni cosa, dai guanti ai risparmi di trovi il coraggio.
una vita alle persone care, che crea un rapporto tra una Tutto questo è reso più prezioso dalla sua imperma-
quantità di esperienze molto diverse. nenza. Non importa cosa perdi, se un portafoglio o tuo
Ma il nostro problema, al limite, non è inserire trop- padre: la lezione resta la stessa. La sparizione ci ricorda
pe cose nella categoria della perdita, bensì di lasciarne di osservare, la transitorietà di apprezzare, la fragilità
troppe fuori. Una sera, durante quelle settimane in cui di difendere. La perdita è una sorta di coscienza ester-
trovavo conforto solo nella poesia, il mio compagno mi na, che ci esorta a fare un uso migliore del nostro tem-
lesse ad alta voce Sul ferry di Brooklyn. In quella poesia, po limitato. Come sapeva Whitman, è meglio passare
Walt Whitman, appoggiato al parapetto di una nave, si la nostra breve traversata a occuparci di tutto quello
esalta per tutto ciò che vede. La sua visione è così am- che vediamo: a onorare ciò che consideriamo nobile,
pia che arriva a comprendere non solo i moli e le vele e condannare ciò che ci risulta intollerabile, riconoscere
il volteggiare dei gabbiani, ma chiunque altro compia che ci siamo inseparabilmente connessi, perfino a
la traversata: tutti quelli che si sono afacciati al para- quello che ancora non ci è successo, perino a quello
petto a guardare prima della sua nascita, tutti quelli che che già se n’è andato. Siamo qui per tenere d’occhio,
intorno a lui guardavano in quel momento e tutti quelli non per trattenere. u mc

88 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Annunci

PROTECT PEOPLE NOT BORDERS


Dal 12 giugno 2015 Baobab Experience accoglie migranti in
transito a Roma e, in rete con altre realtà italiane, si mobilita
per i diritti dei migranti e il loro libero transito.

SE VUOI DONARE

BaobabExperience

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 89


Scienza
be anche se le leggi isiche fossero radical-
mente diverse? Se l’energia oscura che ali-
menta l’espansione degli universi fosse più
violenta, la materia si disperderebbe
all’istante e non si formerebbero le stelle e
le galassie. Se invece le proprietà nucleari
della materia fossero diverse, potrebbero
formarsi stelle che, pur avendo altre tempe-
rature e altri cicli di vita, sarebbero comun-
que fonti d’energia per la vita.
Sono state avanzate le teorie più varie,
ma il principio guida a sostegno del ine tu-
ning poggia sull’eterna espansione cosmica,
che produce un mare sconinato di singoli
universi in un cosiddetto multiverso. Coin-
cide con la teoria M, principale incarnazio-
ANGELO MONNE

ne della teoria delle stringhe, in base alla


quale ognuno di questi universi-bolla ha le
sue leggi fisiche. Di recente l’ipotesi del
multiverso e la teoria M hanno vissuto una

Come siamo initi rinascita, anche perché il Large hadron col-


lider, l’acceleratore di particelle del Cern di
Ginevra, non ha ancora individuato le par-
nell’universo perfetto? ticelle elementari che avrebbero dovuto
smentirle. Se la situazione non cambierà,
bisognerà rispondere a molte altre doman-
de. Per esempio, in che modo la teoria M
spiega le leggi isiche speciiche per cia-
Geraint Lewis, New Scientist, Regno Unito
scun frammento del multiverso? Ma c’è
Le leggi e le costanti della isica sponsorizzato dalla John Templeton anche chi pensa che dovremmo sbarazzar-
sono ideali per favorire la vita. foundation di Filadelia, l’incontro rientra- ci una volta per tutte del concetto di multi-
va in una serie di appuntamenti indetti per verso perché, in base a nuove ipotesi mate-
Gli scienziati cercano di spiegare ragionare sul perché le leggi della fisica matiche, viviamo in un unico universo che
questa afascinante sintonia, ma sembrino “messe a punto” per consentire non può scegliersi le sue leggi fondamen-
dietro ogni teoria ci sono la complessità, per esempio chimica, indi- tali, quindi non vale la pena perdere tempo
complessi interrogativi ilosoici spensabile alla vita nell’universo. con il ine tuning.
Alla base di tutte le spiegazioni ci sono
In un angolo del cosmo complessi dilemmi filosofici. L’adozione
ta tornando alla ribalta un concetto Cosa signiica ine tuning? Un universo con del concetto di multiverso come soluzione

S fondamentale, e cioè che forse


l’universo è regolato alla perfezione
per la vita. Per ragioni ancora in-
spiegabili, le leggi e le costanti della isica
sono ideali a favorirla: una minima dife-
leggi isiche diverse non sarebbe uguale al
nostro. Se la forza di gravità fosse più forte,
l’universo collasserebbe prima della nasci-
ta di una sola stella. E se fossero diverse le
masse fondamentali delle particelle ele-
al ine tuning può essere deinita scienza in
senso stretto, considerando che non faremo
mai esperienza di altri universi e non potre-
mo quindi veriicare l’ipotesi in modo em-
pirico? E questa nuova deinizione di scien-
renza e non saremmo qui a ragionarci su. mentari note come quark, avremmo un ma- za, invisibile e indimostrabile, non si avvici-
Pur esistendo da decenni, l’idea è sem- re di neutroni incapaci di legarsi per forma- nerebbe un po’ troppo alla religione?
pre rimasta ai margini, considerata un’ozio- re atomi, molecole e inine creature viventi. L’evidente ine tuning delle leggi della
sa congettura o addirittura estranea alla Non ci sarebbe alcuna complessità. La mag- isica, responsabili della complessità e della
sfera scientiica. Oggi, invece, prendono gior parte di questi universi alternativi sa- vita, resta una delle peculiarità del nostro
piede teorie in grado di far luce su questa rebbe morta o del tutto sterile. Noi, invece, universo. Ma anche se facessimo parte di
ipotesi insieme ad altre attinenti avanzate ci troviamo in un angolo cosmico perfetto, un multiverso molto più ampio e comples-
dalla cosmologia e dalla isica delle parti- dotato di leggi isiche ideali per vivere. so, adottare questa visione del cosmo ci co-
celle. Ecco perché a giugno cosmologi e i- Se un simile ragionamento “antropico” stringerebbe a cambiare la nostra idea di
losofi di tutto il mondo si sono riuniti può sembrare banale (è ovvio che ci siamo scienza, e non sarebbe facile. Aspettiamoci
sull’isola greca di Creta per discutere del sviluppati in questo universo perché qui un lungo dibattito. u sdf
fine tuning, cioè della sintonia perfetta c’erano condizioni adatte alla vita), restano
dell’universo. comunque molti dubbi. Com’è regolato il Geraint Lewis insegna astroisica alla
Organizzato dall’università di Oxford e nostro universo? La complessità esistereb- University of Sydney.

90 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


GREG VORE (GEtty)
BIOLOGIA
Ambiente
Come
un virus Meno terreni coltivati
Un’équipe di ricerca della Uni-
versity of New South Wales, in New Scientist, Regno Unito
Australia, ha individuato nel
Deep lake, un lago salato Per la prima volta da quando
dell’Antartide, un microrgani- abbiamo dei dati statistici al
smo che potrebbe aiutare a capi- riguardo, la supericie coltivata nel IN BREVE
re l’origine dei virus. L’Haloru- mondo sta diminuendo. “Ogni due Chimica Un’équipe di ricerca
brum lacusprofundi R1S1 appar- anni viene abbandonata un’area ha dimostrato perché il sapore
tiene agli archei, un gruppo di grande come il Regno Unito”, scrive del whisky migliora quando si
organismi unicellulari, senza aggiunge un po’ di acqua. Il li-
New Scientist. La rivista britannica
nucleo, distinti dai batteri. quore contiene una molecola, il
All’interno del microrganismo è si chiede se la tendenza sia guaiacolo, che contribuisce al
possibile trovare un plasmide, consolidata e quali opportunità possa suo profumo e al suo sapore.
cioè un pezzo di dna, in grado di ofrire. In realtà nelle regioni tropicali è ancora in atto la Quando la concentrazione alco-
replicarsi in modo autonomo e deforestazione, ma nelle aree temperate e in quelle aride lica è più bassa, spiega il Guar-
anche di uscire dalla cellula pro- molti terreni stanno tornando alla natura. Le cause sono dian, il guaiacolo si sposta verso
tetto da una vescicola. Il plasmi- soprattutto l’impossibilità di competere con l’agricoltura la supericie del liquido, esposta
de pR1SE contiene le informa- all’aria, migliorando il gusto.
intensiva, la crescita del commercio mondiale e
zioni per produrre una proteina Medicina Quasi l’80 per cento
che permette l’ancoraggio della l’urbanizzazione. Anche il cambio di abitudini dei delle persone sopravvissute
vescicola alla membrana di consumatori ha un ruolo. Per esempio, la sostituzione all’infezione del virus ebola ha
un’altra cellula. Secondo Natu- della lana con il cotone e le ibre sintetiche ha ridotto una forma di disabilità. Secondo
re Microbiology, il plasmide si l’allevamento delle pecore e ha portato alla Clinical Infectious Diseases, bi-
comporta quindi come un virus, rinaturalizzazione dei pascoli. Su come afrontare la sognerebbe quindi prevedere
spostandosi da una cellula a questione i pareri sono discordi. L’Unione europea dei programmi di riabilitazione.
un’altra protetto dalla vescicola, A un anno dalla malattia le per-
spende grandi somme di denaro per mantenere i terreni
facendo produrre alla cellula sone possono manifestare pro-
ospite le proteine necessarie. agricoli, anche se improduttivi, con l’obiettivo di tutelare blemi alla vista, di mobilità e co-
la sicurezza alimentare. Secondo New Scientist, restituire gnitivi. Lo studio si è svolto a
queste aree alla natura servirebbe invece a combattere il Freetown, in Sierra Leone, pae-
MEDICINA cambiamento climatico e a rilanciare il turismo. u se colpito dall’epidemia tra il
Rimedio 2014 e il 2016.

per il prurito Astronomia TECNOLOGIA


NASA/REUtERS/CONtRAStO

I neuroni del cervello che elabo-


rano l’informazione del prurito
Una vernice
sono stati identiicati da alcuni contro le cozze
ricercatori dell’Accademia cine-
se delle scienze. Secondo la rivi- Alcuni ricercatori hanno pro-
sta Science, i neuroni del mi- dotto una vernice in grado di
dollo spinale responsabili del impedire alle cozze di attaccar-
prurito agiscono direttamente si sott’acqua. Il materiale, com-
su una struttura del cervello posto da polimeri con lubrii-
chiamata nucleo parabrachiale. canti, rende le superici morbi-
Se nei topi si blocca l’attività di de e poco attraenti per i mollu-
questa regione, si riduce la sen- schi. La tecnologia ha funzio-
nato sia in laboratorio sia in
sazione di prurito e l’impulso a
grattarsi. Questa scoperta po-
Tempeste di neve su Marte mare. Rimuovere le cozze da
trebbe essere usata a scopo me- Una nuova ricerca lancia l’ipotesi che ci siano tempeste di neve su superici sommerse come tubi,
dico per il trattamento del pruri- Marte. L’atmosfera del pianeta contiene meno vapore acqueo rispet- scai delle barche, apparati in-
to cronico, difuso nelle persone to a quella terrestre, ma di notte le condizioni meteorologiche po- dustriali e moli può essere mol-
con malattie della pelle e del fe- trebbero favorire un addensamento delle nuvole e nevicate locali to costoso, scrive Science. Se-
gato. Negli animali il prurito è anche violente. L’ipotesi è stata confermata da alcune simulazioni. condo il settimanale statuni-
invece un importante meccani- Secondo Nature Geoscience, sul pianeta è quindi presente un ciclo tense, la vernice potrebbe avere
smo protettivo. dell’acqua di una certa intensità. Nella foto: un’immagine di Marte varie applicazioni.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 91


Il diario della Terra
Il pianeta visto dallo spazio 17.05.2017
Il Salar de Uyuni, in Bolivia

Bacini di evaporazione del litio


CopErnICUS SEntInEL dAtA (2017), ELABorAzIonE dELL’ESA

Cono alluvionale

Nord
4 km

u Il Salar de Uyuni, nel sudovest tellite Sentinel-2B del program- Il deserto di sale di Uyuni è crescente ne ha fatto aumentare
della Bolivia, è il più grande de- ma Copernicus, mostra una par- uno dei più ricchi il prezzo negli ultimi anni. In
serto di sale del mondo (più di te del Salar de Uyuni. Le forme giacimenti al mondo di basso a destra si vede invece il
diecimila chilometri quadrati). geometriche in alto a sinistra so- litio, un elemento che serve cono alluvionale, largo venti
Si trova all’estremità meridiona- no bacini di evaporazione a produrre batterie per le chilometri, del delta del río
le dell’Altiplano, un’area interna dell’impianto statale per l’estra- automobili elettriche. Grande de Lípez.
di un bacino endoreico situato zione del litio, dove il bicarbo- Il Salar de Uyuni è molto
nelle Ande centrali. Circa 40mi- nato di litio è isolato dalla sala- piatto, con una variazione
la anni fa l’area faceva parte di moia salata. Il deserto di sale è dell’elevazione inferiore al me-
un grande lago preistorico, che infatti uno dei più ricchi giaci- tro. Questo rende l’area ideale
si prosciugò lasciandosi dietro la menti di litio del mondo, con per calibrare gli altimetri radar
distesa salata. Il sale dalla conca una capacità stimata di circa no- dei satelliti, che servono a misu-
è tradizionalmente raccolto dal- ve milioni di tonnellate. Il litio è rare la topograia terrestre. I sa-
le comunità aymara che ancora usato per la produzione delle u
telliti CryoSat e Sentinel-3
oggi vivono nella regione. batterie, soprattutto per le auto- dell’Esa sono entrambi dotati di
L’immagine, scattata dal sa- mobili elettriche, e la domanda altimetri radar.–Esa

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 93


Economia e lavoro
bra che il sistema inanziario si trovi davan-
ti all’imminente minaccia di un’altra “noio-
sa” bomba a orologeria. Le banche occiden-
tali sono adeguatamente capitalizzate, le
autorità sono all’erta, l’economia globale è
in ripresa e le banche centrali ofrono soste-
gno monetario. La cattiva notizia è che, pro-
prio a causa dell’enorme disponibilità di
contante e della calma apparente del siste-
ma, si è difusa una certa compiacenza. E
questo non riguarda solo i pericoli di scom-
messe evidentemente rischiose (per esem-
pio i titoli di stato argentini), ma anche i ri-
schi nascosti in prodotti considerati sicuri.
C.J. BURTON (GETTy IMAGES)

Prendiamo i cosiddetti exchange traded


fund (etf ), che hanno registrato un’esplo-
sione con più di quattromila miliardi di dol-
lari in titoli gestiti in tutto il mondo. Gli etf
di solito non attirano molto l’attenzione,
perché sono considerati roba noiosa e da
issati, ma stanno modiicando i lussi di

I rischi dei titoli mercato in modi potenzialmente impreve-


dibili. Quest’anno, per esempio, gli investi-
tori si sono precipitati sul misterioso etf In-
all’apparenza sicuri verse vix, considerato molto stabile: questo
etf è il 34° titolo azionario più scambiato al
mondo, più delle azioni della Chevron o
della Pizer, e quest’anno ha generato una
rendita di quasi il 100 per cento. Tuttavia,
Gillian Tett, Financial Times, Regno Unito
come sottolinea Robin Wigglesworth, un
Nel 2007 la crisi scoppiò a causa all’aeroporto. In un modo o nell’altro, però, mio collega del Financial Times, gli scambi
di prodotti inanziari trascurati il mio subconscio sapeva che era stato un di questi Inverse vix potrebbero scatenare il
errore. Perciò quella notte mi svegliai e an- panico se dovessero esserci mutamenti im-
perché ritenuti complicati e dai su internet per scoprire cosa avevo la- provvisi nell’umore degli investitori.
noiosi, ma aidabili. Per evitare sciato in quel cestino. E capii che quei pro- Un altro esempio è quello dei buoni del
un altro crollo, bisogna guardare dotti d’investimento erano la principale tesoro statunitensi. La maggior parte degli
tutto ciò che sembra banale causa del panico: i dettagli erano complica- investitori ritiene che i ministeri del tesoro
ti, ma in sostanza i siv contenevano mutui siano i pilastri sicuri della inanza moderna
tossici ed erano molto rischiosi. e che i rendimenti dei titoli di stato reste-
ieci anni fa passai una notte in- ranno bassi ancora per molto tempo. Ma di

D sonne a causa di un cestino


dell’immondizia spagnolo. Il 9
agosto 2007 i mercati inanziari
erano andati in tilt. All’epoca dirigevo la se-
zione del Financial Times che si occupa dei
Bolla tecnologica
Oggi quest’episodio personale può inse-
gnare qualcosa. A volte i mercati crollano
perché gli investitori hanno corso dei rischi
evidenti a tutti, come nel caso della bolla
recente Alan Greenspan, l’ex presidente
della Federal reserve, la banca centrale sta-
tunitense, ha avvertito che i prezzi dei titoli
di stato “sono in una bolla”. Se così fosse,
questo potrebbe creare delle reazioni a ca-
mercati e per due giorni mi ero afannata a tecnologica del 2001. Altre crisi, invece, tena inattese tra gli investitori.
capire la causa di quel panico. Nessuno ne scoppiano in settori del sistema inanziario Non fraintendetemi. Non sto dicendo
sapeva niente. Poi all’improvviso mi ero a cui non si presta attenzione perché sono che ci sono crolli imminenti o probabili. Il
svegliata nel cuore della notte con l’imma- noiosi, sicuri o troppo complicati. punto è questo: se vogliamo evitare una re-
gine di un cestino dell’immondizia spagno- Nel crollo dei mercati finanziari del plica del 2007, dobbiamo continuare a met-
lo. Un mese prima avevo partecipato a una 1987, per esempio, la causa fu la prolifera- tere in discussione le nostre convinzioni e
conferenza sul credito a Barcellona, dove zione delle cosiddette strategie di assicura- scrutare quelle parti del sistema considera-
avevo letto un dépliant su un prodotto i- zione del portafoglio, prodotti ritenuti no- te “noiose” o “da issati”. I nostri cestini
nanziario poco conosciuto ma – a quanto iosi perché si limitavano a proteggere gli dell’immondizia mentali a volte possono
dicevano – sicuro: il veicolo d’investimento investitori da eventuali perdite. Nel 2007 la contenere delle bombe a orologeria, soprat-
strutturato (siv). Quel dépliant mi era sem- crisi non fu innescata solo dai siv, ma anche tutto quando gli investitori sono intossicati
brato tremendamente noioso, così l’avevo da prodotti come le collateralized debt obli- da un boom azionario come quello degli ul-
gettato in un cestino dell’immondizia gation o i credit default swap. Oggi non sem- timi mesi. u gim

94 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


Unione europea GERMANIA

Il destino
Dubbi su Monsanto e Bayer della Air Berlin
GAry CAMeroN (reUTerS/CoNTrASTo)

Il fallimento della Air Berlin, la


Bruxelles, Belgio seconda compagnia aerea tede-
sca, divide il governo di Berlino,
scrive la Frankfurter Allge-
meine Zeitung. Il ministro dei
trasporti, il cristianosociale
Alexander Dobrindt, ha auspi-
STATI UNITI cato che “parti importanti della
FrANCoIS leNoIr (reUTerS/CoNTrASTo)

I cinesi vogliono Air Berlin siano assorbite dalla


lufthansa”. Dobrindt preferisce
la Jeep questa soluzione per salvare i
posti di lavoro nel paese e per
“Dopo essere stato statuniten- raforzare una compagnia tede-
se, per un po’ francese, poi tede- sca rispetto alle concorrenti
sco e alla ine italiano, il famoso straniere. Il 18 agosto la ministra
marchio automobilistico Jeep dell’economia Brigitte Zypries,
diventerà cinese?”, si chiede Le socialdemocratica, ha precisato
Monde. Il 21 agosto il costrutto- che il governo non parteggia per
re cinese Great Wall ha annun- “Nuovi ostacoli per l’attesa fusione da 66 miliardi di
nessuna delle aziende interessa-
ciato di voler di comprare dollari tra la tedesca Bayer e la statunitense Monsanto”,
te alla Air Berlin. “Non siede al
l’azienda dal gruppo italo-statu- scrive la Süddeutsche Zeitung. la Commissione tavolo delle trattative”.
nitense Fiat Chrysler Automobi- europea “ha alcuni dubbi sull’operazione e aprirà Quote di mercato in Germania,
les (Fca). “Secondo gli esperti, un’indagine per chiarirli”. Come ha spiegato Margrethe 2017, %
la Fca non se ne priverà senza Vestager, commissaria europea per il mercato interno, Gruppo
49
una contropartita adeguata. Il lufthansa*
“preoccupa il fatto che la fusione dei due colossi
marchio vale trenta miliardi di Air Berlin** 14
euro, quanto il resto del grup- dell’agrochimica possa indebolire la concorrenza in alcuni
ryanair 8
po”. Great Wall è la settima casa settori”, per esempio quelli delle sementi e dei pesticidi,
automobilistica cinese e, al con- dove bisogna evitare che “i prezzi aumentino, la qualità easyjet 4

trario delle principali concor- diminuisca e l’innovazione si fermi”. u Condor 2


renti, è privata. Nel 2016 ha ven-
TUIly 2
duto un milione di veicoli.
RUSSIA zioni di alcuni prodotti agricoli e Altri 21

alimentari dai paesi occidentali,


COMMERCIO
I prezzi vanno in risposta alle sanzioni inlitte
*Lufthansa, Eurowings, Germanwings. **inclu-
sa Niki. Fonte: Frankfurter Allgemeine Zeitung

Lo stallo alle stelle al Cremlino per l’aggressione


all’Ucraina. Il provvedimento
del Nafta “Nel 2014 i contadini, i com- non ha danneggiato solo i colti- IN BREVE
mercianti e i consumatori russi vatori occidentali, ma anche i Aziende Il gruppo energetico
Il 20 agosto si è concluso a si trovarono all’improvviso di consumatori russi, abituati a francese Total ha annunciato
Washington il primo ciclo di ne- fronte a una dura realtà”, scrive comprare i prodotti importati”. l’acquisizione delle attività pe-
goziati per la revisione del la Neue Zürcher Zeitung. “Il Tra la ine del 2013 e il giugno trolifere della danese A.P. Møl-
North american free trade agre- presidente Vladimir Putin (nella del 2017 i prezzi sono aumentati ler-Mærsk per 7,5 miliardi di
ement (Nafta), l’accordo di libe- foto) aveva bloccato le importa- in tutto il paese, in media del 46 dollari. Con questa operazione
ro scambio in vigore tra gli Stati per cento. Il prezzo del latte e la Total estende al mare del
Uniti, il Canada e il Messico. dei formaggi è salito del 39 per Nord la sua area di ricerca di
A. NIkolSky (kreMlIN/reUTerS/CoNTrASTo)

Dopo cinque giorni di colloqui, cento, quello delle salsicce del giacimenti di petrolio e gas. I
scrive la Frankfurter Rund- 34 per cento, quello del pesce danesi, invece, si concentreran-
schau, “non ci sono stati pro- del 50 per cento e quello della no sulle loro attività principali: il
gressi. Anzi, la distanza tra gli frutta del 61 per cento. Mosca trasporto marittimo e la logisti-
Stati Uniti e il Messico è ancora ha cercato di sviluppare l’agri- ca, settori in cui sono tra i leader
più evidente”. la Casa Bianca coltura con generosi inanzia- mondiali. Negli ultimi anni la
vuole rivedere il Nafta, perché menti: dal 2014 ha già stanziato A.P. Møller-Mærsk aveva preso
ritiene che inora gli scambi 3,5 miliardi di euro. “Ma inora atto che il suo ramo energetico
hanno distrutto negli Stati Uniti non c’è stato alcun boom degli era troppo piccolo per concorre-
70mila posti di lavoro. investimenti nel settore”. re con i colossi del settore.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 95


Strisce
Wulf & Morgenthaler, Danimarca
Wumo

Buongiorno!
Sono venuto per
quel posto
Pertti Jarla, Finlandia

si
Ceperrcsoana
per e
Fingerpori

n
esibizio
Quale
posto dice?
Gojko Franulic, Cile
Sephko
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

96 Internazionale 1219 | 25 agosto 2017


L’oroscopo

Rob Brezsny
COMPITI PER TUTTI
Ognuno di noi ha un’ignoranza segreta.
Qual è la tua? E che cosa intendi
fare in proposito?

LEONE conido che troverai una barriera CAPRICORNO


Il Witwatersrand è un complesso di colline del Sudafri- che unisce le persone invece di di- Nelle prossime settimane
ca che copre più di cinquecento chilometri quadrati. Da viderle. Tutte queste meraviglie ti invito a eliminare dal tuo
possono sembrare paradossali, repertorio le seguenti attività: di-
quella zona gli esseri umani hanno ricavato il 50 per
ma in realtà sono assolutamente a scutere, bisticciare, scontrarti,
cento di tutto l’oro che sia mai stato estratto. Nei prossimi dodici portata di mano e sono proprio combattere. Te lo dico perché se-
mesi dovresti meditare su questa metafora, Leone. Se starai quello che ti serve. condo i presagi astrali tutte le co-
all’erta, troverai l’equivalente del Witwatersrand per la tua ani- se importanti che hai bisogno di
ma. Quello che intendo dire è che avrai un’opportunità unica di BILANCIA realizzare saranno frutto di un’in-
scoprire ricchezze emotive e spirituali che nutriranno la tua ani- Lo psicologo James Hansell tensa crociata di pace, amore e
ma come non mai. ha detto di Sigmund Freud: comprensione. Litigare non ti aiu-
“Si sbagliava su molte cose, ma lo terà ad avere successo, anzi pro-
faceva in modo molto interessan- babilmente te lo impedirà.
te. Ha introdotto una visione com-
ARIETE passare davanti alle case dove hai pletamente nuova del mondo”. ACQUARIO
Benvenuto al mio consulto- abitato, le scuole che hai frequen- Questa descrizione potrebbe es- Quando la borsa di Kara-
rio d’igiene mentale. Ecco tato, i posti dove incontravi i tuoi sere un buon punto di partenza chi cominciò a calare a
qualche consiglio. 1) Per rimuove- amici, quelli dove hai lavorato e per il tuo approccio alla vita nelle picco, gli operatori pachistani
re le macchie dal tuo atteggiamen- fatto sesso per la prima volta. Se prossime settimane. Avere ragio- erano disperati. Per cercare d’in-
to verso il mondo, usa una miscela non sei in grado di visitare sul serio ne non sarà mai importante come vertire la tendenza negativa, ce-
di chardonnay, lacrime di pianto i luoghi in cui sei cresciuto, puoi essere disposto a vedere il mondo lebrarono un rituale sacriicando
catartico e rugiada raccolta prima semplicemente visualizzarli in da prospettive diverse. Dedicati dieci capre in un parcheggio. Ma
dell’alba. 2) Per eliminare le pec- ogni minimo particolare. Usa la alla formulazione di ipotesi speri- la loro “magia” non funzionò. Le
che della tua vita sentimentale, fantasia per fare una lunga escur- mentali invece che alla dimostra- azioni risalirono molto più tardi,
stroina le tue zone erogene con sione attraverso la storia della tua zione di teorie precise. Preparati a non in tempi tali da far pensare
succo di melograno mentre imma- vita. Perché ti consiglio questo fare domande ingenue, avanzare che il sacriicio fosse servito a
gini che la dea ti stia baciando sulla esercizio? Perché ritrovando le tue teorie basate sulla tua esperienza qualcosa. Ti invito a evitare il lo-
guancia. 3) Per liberarti delle radici puoi contribuire ad attivare e abbandonare le tue certezze. ro modo di risolvere i problemi,
chiazze sull’aureola, metti un po’ le tue potenzialità future. specialmente in questo momen-
di pane degli angeli sulla testa per SCORPIONE to. La superstizione e i pii deside-
due minuti e poi seppelliscilo in un CANCRO Stai entrando in una fase ri non ti porteranno da nessuna
luogo sacro cantando “non è colpa Una delle mie artiste del del tuo ciclo astrale in cui parte. Al contrario, sono lieto
mia! Il mio gemello cattivo è un Cancro preferite è Penny potresti ricevere più doni del soli- d’informarti che le prossime set-
idiota!”. 4) Per liberarti della scim- Arcade, attrice e commediografa to. Alcuni saranno grandi e com- timane saranno il periodo ideale
mia della dipendenza immagina- di New York. Uso le sue parole per plessi, altri potrebbero essere più per risolvere dilemmi usando un
ria che hai sulle spalle, frustala con descrivere lo spirito che dovresti ambigui, criptici e perino miste- rigoroso metodo di ricerca e una
un nastro di seta ino a quando non coltivare nelle prossime settimane. riosi. Alcuni saranno utili, altri for- logica stringente.
scapperà. 5) Per cancellare il tuo “Sono la persona che conosco me- se problematici. Perciò voglio es-
karma economico negativo, brucia glio e più a fondo”, dice, “quella sere sicuro che tu sappia quanto è PESCI
un dollaro sulla iamma di una che più capisce le mie motivazioni, importante essere cauto nei con- Nei prossimi giorni potre-
candela verde. le mie lotte, i miei trioni. Anche se fronti di queste oferte. Probabil- sti inserire nei tuoi discorsi
a volte tradisco i miei interessi per mente non dovresti accoglierle intimi alcuni versi del Cantico dei
TORO quieto vivere o per raggiungere un tutte. Per esempio, non accettare cantici. Riesci a immaginare di di-
Kameel Hawa, un mio letto- obiettivo, mi meraviglio ogni volta avventatamente una “benedizio- re cose come “le tue labbra strilla-
re, scrive che “preferisce il del mio amore per la vita, della ne” che ti farebbe sentire in obbli- no miele” o tu sei una “fontana di
piacere alla tranquillità e la tran- mia incrollabile curiosità per la go con qualcuno mettendoti in im- giardino, una sorgente d’acqua vi-
quillità al lusso”. Faresti bene ad condizione umana, della mia dii- barazzo. va”? Secondo me non sarebbe
adottare questa lista di priorità. Ti denza nei confronti dello status esagerato neanche mormorare :
saranno concessi più permessi, quo e del mio ottimismo nono- SAGITTARIO “Mi sia il profumo del tuo respiro
conforto e libertà del solito. Non stante le sconitte e le perdite”. Al momento sei sotto l’in- come di pomi, il tuo palato come
mi sorprenderebbe se tu entrassi lusso di condizioni astrali del vino squisito, che scorre dritto
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

in possesso di un nuovo fattore X o VERGINE che nei topi da laboratorio hanno verso il mio diletto”. Se queste
internazionale.it/oroscopo

di un jolly. Secondo me, cercare il Ti auguro una calda fred- prodotto un forte aumento dell’au- espressioni ti sembrano troppo
lusso sarebbe un banale spreco di dezza. Prego perché tu ri- tostima. Per capire se questo risul- elaborate, potresti cogliere qual-
queste preziose benedizioni. Trar- ceva un dono complicato. Vorrei tato è applicabile agli esseri umani, che perla dalle poesie di Pablo
rai beneici più salutari e duraturi che tu sperimentassi una potente ti autorizzo a comportarti come un Neruda. Come questa: “Voglio fa-
se coltiverai i piaceri semplici e la resa e una tensione tranquilliz- egocentrico carismatico. Scherzo! re con te quello che la primavera
tranquillità ristoratrice. zante. Spero vivamente che sco- La storia dei topi non è vera. E non fa ai ciliegi”. Oppure: “Sono afa-
prirai un segreto ovvio, sfrutterai dovresti comportarti come un ego- mato del tuo riso che scorre, delle
GEMELLI un po’ di ribelle saggezza e intra- centrico. Ma secondo i presagi do- tue mani color di furioso granaio.
Le prossime settimane sa- prenderai un epico viaggio verso vresti essere un poetico gradasso e Voglio mangiare il fulmine bru-
ranno il periodo ideale per una svolta della tua vita intima, e un sensibile spaccone. ciato nella tua bellezza”.

Internazionale 1219 | 25 agosto 2017 97


L’ultima
le lievre, STaTi UniTi

Donald Trump annuncia l’invio di altre


truppe in afghanistan.
benneTT, chaTTanooga TimeS free PreSS, STaTi UniTi

acé, francia
già consumate tutte le risorse della Terra disponibili per il
2017. “eppure quest’anno sono stato attento”.

Se solo fosse andata così…


rogerSS, PiTTSbUrgh PoST gazeTTe, STaTi UniTi

ngUyen

“non potremmo farla inita con tutte queste statue razziste?”. “i miei genitori hanno detto che torneranno in chiesa
“non sono una statua. Sono il vostro vicino, bob”. se passate al rosé”.

Le regole Frutta
1 Dimentica la frutta di stagione, oggi è tutto un “trionfo di frutta”, “carpaccio di ananas” o “insalata di
pesche”. 2 Se non riesci a mangiare l’uva senza sputare buccia e semi, chiuditi in bagno a mangiarla da
solo. 3 Un ico secco ricoperto di cioccolato non è frutta. 4 Per punire chi parla al telefono in treno con
la voce troppo alta, mangia una banana issandolo dritto negli occhi. 5 Tenere una mela verde nella
borsa ti farà sentire una persona più sana, ma ogni tanto ricordati di cambiarla. regole@internazionale.it

98 internazionale 1219 | 25 agosto 2017