Sei sulla pagina 1di 124

12/18 gennaio 2018 n. 1238 • anno 25 internazionale.

it 4,00 €
Ogni settimana Jonathan Franzen Scienza Iran
il meglio dei giornali Scrivere saggi Influenza In piazza
di tutto il mondo in tempi bui inevitabile contro il regime

L’imbarazzo
della scelta
Il ritorno di Silvio Berlusconi,
la crisi della sinistra, l’incognita
dei cinquestelle. L’Italia verso
le elezioni del 4 marzo

SET TIMANALE • PI, SPED IN AP


DL AU
BE • F • D
UK CH CHF • CH CT
CHF • PTE CONT •E
IL MONDO IN CIFRE
12/18 gennaio 2018 • Numero 1238 • Anno 25
“Anche gli schemi possono

Sommario trasformarsi in storie”


Jonathan Franzen a pagina 98

in copertina
La settimana
12/18 gennaio 2018 n. 1238 • anno 25 internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Jonathan Franzen Scienza Iran
il meglio dei giornali Scrivere saggi Inluenza In piazza
di tutto il mondo in tempi bui inevitabile contro il regime

L’imbarazzo della scelta


promuove L’Italia che il 4 marzo andrà al voto per eleggere il nuovo parlamento
sta attraversando una grave crisi politica. E gli errori della sinistra
L’imbarazzo
della scelta
Il ritorno di Silvio Berlusconi,
la crisi della sinistra, l’incognita
rischiano di lasciare campo aperto al ritorno di Silvio Berlusconi
e al successo dei populisti e dell’estrema destra (p. 20). Elaborazione
dei cinquestelle. L’Italia verso
le elezioni del 4 marzo

graica di Justin Metz da una foto di Christian Mantuano (Oneshot/Luz)


Giovanni De Mauro
La costituzione italiana è entrata in vigore aFrica e medio scienza economia
settant’anni fa, il 1 gennaio 1948. Questi
oriente 62 Inluenza e Lavoro
28 Cosa si aspettano inevitabile 114 I soldi della Cina
sono alcuni dei primi articoli, i princìpi i liberiani fanno paura
fondamentali. 1 L’Italia è una repubblica New Scientist
dal presidente al Brasile
democratica, fondata sul lavoro. La sovra- George Weah Financial Times
portFoLio
nità appartiene al popolo, che la esercita Le Djely 68 Rivoluzione nera
nelle forme e nei limiti della costituzione. Black photographers
2 La repubblica riconosce e garantisce i cultura
asia e paciFico annuals
diritti inviolabili dell’uomo, sia come 32 La strategia astuta 84 Cinema, libri,
singolo sia nelle formazioni sociali ove si di Kim Jong-un ritratti musica, arte
svolge la sua personalità, e richiede Npr 74 Hussein Ahmed.
l’adempimento dei doveri inderogabili di Pausa cafè Le opinioni
solidarietà politica, economica e sociale. americhe Middle East Eye
3 Tutti i cittadini hanno pari dignità 34 Una decisione 16 Domenico Starnone
sociale e sono eguali davanti alla legge, che indigna viaggi 30 Amira Hass
senza distinzione di sesso, di razza, di il Perù 76 Lungo il iume 40 Gideon Levy
lingua, di religione, di opinioni politiche, El País in Etiopia 42 Joseph Stiglitz
di condizioni personali e sociali. È The New York Times 86 Gofredo Foi
europa
compito della repubblica rimuovere gli
38 Dopo il voto graphic
88 Giuliano Milani
ostacoli di ordine economico e sociale, JournaLism 92 Pier Andrea Canei
in Catalogna
che, limitando di fatto la libertà e l’egua-
la crisi continua 80 Cartoline
glianza dei cittadini, impediscono il pieno dalle Marche
El Periódico
sviluppo della persona umana e l’efettiva Michele Petrucci
de Catalunya Le rubriche
partecipazione di tutti i lavoratori all’orga-
nizzazione politica, economica e sociale iran cinema 16 Posta
del paese. 4 La repubblica riconosce a tutti 44 L’indiferenza 82 Uno schiafo 19 Editoriali
i cittadini il diritto al lavoro e promuove le del potere al maschilismo 119 Strisce
condizioni che rendano efettivo questo Frankfurter The New York Times
121 L’oroscopo
diritto (…). 5 La repubblica, una e indivisi- Allgemeine Zeitung 122 L’ultima
pop
bile, riconosce e promuove le autonomie 47 Politica estera 96 Scrivere saggi
locali (…). 6 La repubblica tutela con a caro prezzo in tempi bui
apposite norme le minoranze linguistiche L’Orient-Le Jour Jonathan Franzen Articoli in formato
(…). 8 Tutte le confessioni religiose sono 49 La rivolta mp3 per gli abbonati
egualmente libere davanti alla legge (…). dei diseredati scienza
9 La repubblica promuove lo sviluppo Le Monde 108 L’irriproducibilità
della cultura e la ricerca scientiica e dell’intelligenza
tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio russia Aeon
storico e artistico della nazione. 52 Le donne
internazionale.it/sommario

1o (…) Lo straniero, al quale sia impedito senza voce tecnoLogia


nel suo paese l’efettivo esercizio delle Kommersant 113 Niente più
libertà democratiche garantite dalla costi- commenti odiosi
corea deL sud a Berlino
tuzione italiana, ha diritto d’asilo nel
58 La repubblica Die Zeit
territorio della repubblica secondo le
degli appartamenti
condizioni stabilite dalla legge (…).
Korea Exposé
11 L’Italia ripudia la guerra come
strumento di ofesa alla libertà degli altri Internazionale pubblica in
popoli e come mezzo di risoluzione delle esclusiva per l’Italia gli articoli
controversie internazionali (…). u dell’Economist.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 9


Immagini
Lutto in famiglia
Duma, Siria
8 gennaio 2018

Una coppia di genitori piange la morte


di uno dei loro igli (a destra). Il bambi-
no è stato ferito in un bombardamento
sulla città siriana di Saqba, nella Ghuta
orientale, ed è stato trasportato nella
vicina Duma, dov’è morto. La Ghuta
orientale è la regione intorno a Dama-
sco sotto il controllo dei ribelli. Negli
ultimi giorni le forze di Bashar al Assad
hanno intensiicato gli attacchi sulla zo-
na e sulla provincia di Idlib, nel nordo-
vest, le due ultime roccaforti in mano ai
ribelli. Secondo l’Osservatorio siriano
per i diritti umani dal 29 dicembre 2017
i raid sulla Ghuta orientale hanno ucci-
so 126 persone, tra cui 29 bambini. Foto
di Hamza al Ajweh (Afp/Getty Images)
Immagini
Fiamme ghiacciate
7 gennaio 2018
Boston, Stati Uniti

Un ediicio andato a fuoco nel nord di


Boston. Le basse temperature hanno
fatto ghiacciare l’acqua sparata dai vigi-
li del fuoco. All’inizio di gennaio la co-
sta est degli Stati Uniti, dalla Florida al
New England, è stata colpita da una
delle ondate di freddo più intense degli
ultimi anni. A Boston sono caduti più di
trenta centimetri di neve e molte strade
sono rimaste ghiacciate per giorni. In
Massachusetts migliaia di persone so-
no rimaste senza corrente elettrica. Fo-
to di Chris Christo (Boston Herald/Pola-
ris/Karma press)
Immagini
Avere vent’anni
Tokyo, Giappone
8 gennaio 2018

Un gruppo di ventenni in kimono da ce-


rimonia festeggia l’ingresso nella mag-
giore età in un parco divertimenti di
Tokyo. Le ragazze hanno compiuto
vent’anni dopo il 2 aprile 2017 o li compi-
ranno entro il 1 aprile 2018. Ogni anno i
nuovi adulti celebrano l’evento il secon-
do lunedì di gennaio. Foto di Kim Kyung-
hoon (Reuters/Contrasto)
Posta@internazionale.it
La città non eterna pleta analisi dello stato attuale blema a leggere gli articoli di Parole
della mia città. Chiunque non Amira Hass, Gideon Levy, Ra-
u Ho letto con interesse l’arti- sappia nulla del passato antico mi Khouri, però dovreste pub-
Domenico Starnone
colo su Roma (Internazionale e recente di Roma ne può trar- blicare anche articoli che mo-
1236) trovando cose che sape- re elementi per comprendere strino il volto migliore e più A colpi
vo e spunti nuovi. Vorrei però
evidenziare due punti che, se-
la natura dei problemi sociali
ed economici che la travaglia-
tollerante di Israele. Anche se
apprezzo la rivista, vedo una
di attributi
condo me, l’autore tratta trop- no. Mi sono stupito di ritrova- tendenza troppo manichea su
po frettolosamente. In primis re in un’unica precisa visione Israele e Palestina.
gli appalti e le grandi opere: si- del futuro della capitale tutti Andrea Fish
curamente la corruzione è un gli argomenti che condivido
fatto, ma l’ingresso di grossi da tempo. Errata corrige
capitali esteri nell’economia Manlio De Carolis
romana è anche una delle stra- u Su Internazionale 1237,
de per smontare i meccanismi Storie a pagina 74, c’è un errore di u Forse dovremmo evitare,
collusivi descritti nell’articolo, traduzione: durante la naksa negli scambi di ogni giorno, le
aprendo alla globalizzazione e u Perché sulla copertina di trecentomila palestinesi non espressioni che impongono
riducendo il potere dei grandi Storie (Internazionale 1237) “morirono”, ma “furono vitti- subitanee, angosciose verii-
imprenditori edili locali. Se- non si dice che il numero è in- me di pulizia etnica”, cioè fu- che negli slip e nei boxer. Ba-
condo: non è citato l’operato teramente dedicato ad autori e rono cacciati; su Internaziona- sta niente, infatti, perché ven-
della giunta Alemanno, né tan- storie palestinesi? Non traspa- le 1235, nella rubrica Dear gano fuori frasi come: “non
tomeno quello della giunta re dalla copertina e il lettore Daddy a pagina 14, il motore hai le palle”, “facci vedere se
Marino, molto attiva nel cerca- deve poter scegliere se è inte- di ricerca per bambini è hai le palle”, “lei ha le palle e
re strumenti per rompere que- ressato o meno. Va bene ofrire kidssearch.com. tu no”. Non si tratta di un gio-
sto “sistema romano” e caduta un quadro letterario delle voci co di biglie o di una sida al bi-
prima del termine anche a cau- palestinesi, ma non è tollerabi- Errori da segnalare? liardo. È, com’è noto, un invito
sa degli attacchi subiti dai suoi le ospitare graphic novel come correzioni@internazionale.it generalizzato a esibire bellico-
maggiori rappresentanti. Baddawi, che secondo me con- samente i testicoli. E, si badi,
Mauro Beano tiene falsità ed esagerazioni. PER CONTATTARE LA REDAZIONE contano zero quelli grossi co-
Non è dando voce a questi Telefono 06 441 7301 me acini d’uva, ci vogliono mi-
u L’articolo di Marco D’Era- estremismi che si rende servi- Fax 06 4425 2718 rabolanti noci di cocco. Essi
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
mo (Internazionale 1236) è zio a chi in Israele e Palestina Email posta@internazionale.it devono infatti provare, alla let-
una chiara, concisa ma com- cerca il dialogo. Nessun pro- Web internazionale.it tera e metaforicamente, non
solo la nostra straordinaria po-
tenza ma anche che se dalla
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli potenza passiamo all’atto, l’at-
to può essere devastante. Inu-
Discorsi alle bambine tile dire che dietro queste for-
mule c’è il disprezzo dei ma-
schi per le femmine, c’è il ter-
rore di essere confusi con loro,
Mia iglia ha voluto tagliar- dendo tutti, e io ho la sensa- presa di mira a scuola perché c’è la tendenza a femminiliz-
si i capelli corti ma ora è di- zione che siamo solo all’inizio. sembrava “un maschio con la zare le persone che detestia-
spiaciuta perché la prendo- I discorsi pubblici stanno di- parrucca”: “Le ho detto: ‘At- mo, c’è il bisogno di uccidere
no per maschio. Dobbiamo ventando una preziosa fonte taccano spesso anche me per- ogni volta che una donna si at-
farli ricrescere? –Frida di saggezza per le bambine: è ché sarei troppo mascolina, tribuisce palle che per natura
a loro che si è rivolta Hillary ma io mi faccio crescere i ca- spettano a noi. Meglio evitare,
Il progresso avanza in modo Clinton nel suo intervento do- pelli?’. ‘No, mamma’, mi ha ri- quindi, di accogliere con sorri-
irregolare, si sa. E così nel po la sconitta elettorale ed è sposto lei. ‘Io modiico il mio setti accondiscendenti questo
2016, quando ormai pensava- ancora a loro che pochi giorni corpo?’. ‘No, mamma’. ‘Io mo- gergo, lì dietro covano terribili
mo che la parità tra i sessi fos- fa ha parlato l’iconica presen- diico il modo in cui mi pre- azzardi. Donald Trump, per
se a portata di mano, la prima tatrice statunitense Oprah sento al mondo?’. ‘No, mam- esempio, passa il suo tempo a
superpotenza mondiale ha Winfrey, annunciando l’alba ma’. ‘Io faccio il tutto esaurito minacciare di mostrarci i suoi
eletto presidente un individuo di un nuovo giorno per tutte le nei concerti in tutto il mon- grigi attributi. Di recente ha
che si vanta pubblicamente di donne dal podio dei Golden do?’. ’Sì, mamma’. ‘Perfetto, chiarito che il suo bottone è
molestare le donne e ci siamo globe. Il mio preferito resta il amore. Noi non cambiamo. assai più grosso di quello di
resi conto che le nostre iglie discorso che P!nk ha fatto agli Noi aiutiamo gli altri a cam- Kim Jong-un. Potrebbe fare
crescono in un mondo ben più ultimi Mtv Video music biare e a capire che ci sono qualsiasi cosa, pur di asse-
misogino di quanto pensassi- awards. La cantante america- tanti modi di essere belli’”. gnarsi un obelisco più alto di
mo. La splendida reazione na ha raccontato di come ha quello del suo collega George
delle donne però sta sorpren- risposto alla iglia di sei anni daddy@internazionale.it Washington.

16 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Editoriali

La mossa disumana di Trump


“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
William Shakespeare, Amleto

Direttore Giovanni De Mauro


The Washington Post, Stati Uniti
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele Con un altro colpo di genio per rendere l’America temporanea, va annullato perché la calamità na-
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla piccola di nuovo – più meschina, insensibile e au- turale che lo aveva fatto scattare è stata superata.
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti (Medio Oriente), tolesionista – l’8 gennaio l’amministrazione L’amministrazione sostiene che sta dando un
Alessandro Lubello (economia), Alessio
Marchionna (Stati Uniti), Andrea Pipino Trump ha privato circa 200mila salvadoregni del senso all’aggettivo “temporaneo” contenuto nel
(Europa), Francesca Sibani (Africa), Junko Terao
(Asia e Paciico), Piero Zardo (cultura, permesso di lavoro e della protezione dall’espul- nome del programma. In teoria è comprensibile,
caposervizio)
Copy editor Giovanna Chioini (web, sione. Il provvedimento entrerà in vigore tra ven- ma in pratica significa ignorare la realtà. Sia
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
Romano (coordinamento, caporedattore), ti mesi e creerà decine di migliaia d’immigrati ir- l’amministrazione Bush sia quella Obama ave-
Giulia Zoli
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa regolari, aggraverà la carenza di manodopera in vano capito che sarebbe stato inopportuno, per
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio), alcune città statunitensi e scaricherà sul Salvador non dire crudele, imporre un ulteriore peso a vi-
Marta Russo
Web Annalisa Camilli, Andrea Fiorito, Stefania problemi che non è in grado di risolvere. Inoltre, cini già tanto disperati. El Salvador – devastato
Mascetti (caposervizio), Martina Recchiuti
(caposervizio), Giuseppe Rizzo, Giulia Testa renderà più diicile la vita per decine di migliaia dalla guerra tra gang, con uno dei tassi di omicidi
Internazionale a Ferrara Luisa Cifolilli,
Alberto Emiletti di persone nate negli Stati Uniti, i cui genitori sa- più alti del mondo e un’economia in crisi – ha un
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci,
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara ranno costretti a vivere nell’ombra o a tornare in prodotto interno lordo pro capite che è un setti-
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori
sono indicati dalla sigla alla ine degli articoli. un paese dove non hanno futuro. mo di quello degli Stati Uniti. Espellere decine di
Stefania De Franco, Andrea Ferrario, Federico
Ferrone, Susanna Karasz, Giusy Muzzopappa, Prima che la segretaria alla sicurezza interna migliaia di salvadoregni e, allo stesso tempo, pri-
Silvia Pareschi, Lara Pollero, Francesca Rossetti,
Fabrizio Saulini, Irene Sorrentino, Andrea Kirstjen Nielsen decidesse di espellere i salvado- vare il paese centroamericano delle rimesse che
Sparacino, Bruna Tortorella Disegni Anna Keen.
I ritratti dei columnist sono di Scott Menchin regni che si sono trasferiti negli Stati Uniti dopo i suoi cittadini mandano a casa aggraverà la si-
Progetto graico Mark Porter Hanno
collaborato Gian Paolo Accardo, Gabriele i terremoti del 2001, l’amministrazione aveva tuazione. Senza contare che i salvadoregni han-
Battaglia, Cecilia Attanasio Ghezzi, Francesco
Boille, Sergio Fant, Andrea Ferrario, Anita Joshi, preso la stessa iniziativa nei confronti dei citta- no circa 200mila igli che sono nati negli Stati
Andrea Pira, Fabio Pusterla, Alberto Riva,
Andreana Saint Amour, Francesca Spinelli, dini provenienti da Haiti e dal Nicaragua. Anche Uniti e non hanno mai messo piede nel paese dei
Laura Tonon, Guido Vitiello, Marco Zappa
Editore Internazionale spa loro erano emigrati negli Stati Uniti dopo una genitori. Circa un quarto delle persone che per-
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot serie di catastroi naturali che avevano colpito i deranno lo status protetto ha un mutuo, molti
(vicepresidente), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Giancarlo Abete, loro paesi. Secondo le autorità, nel caso dei sal- gestiscono attività commerciali e la maggior
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro,
Giovanni Lo Storto vadoregni il programma umanitario che li pro- parte ha un lavoro da anni, paga le tasse e contri-
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
Produzione e difusione Francisco Vilalta teggeva, garantendogli uno status di protezione buisce al benessere della comunità. u bt
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Arianna Castelli, Alessia Salvitti
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale

Un anno per unire l’Europa


Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15,
37131 Verona
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
Copyright Tutto il materiale scritto dalla
redazione è disponibile sotto la licenza Creative
Commons Attribuzione - Non commerciale -
Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Signiica che può essere riprodotto a patto di
Financial Times, Regno Unito
citare Internazionale, di non usarlo per ini
commerciali e di condividerlo con la stessa
licenza. Per questioni di diritti non possiamo Un anno fa le democrazie europee avevano di terminazione dell’Europa è l’annuncio, arrivato a
applicare questa licenza agli articoli che
compriamo dai giornali stranieri. Info: posta@ fronte un grande pericolo: la minaccia che i movi- novembre, di una nuova iniziativa per la difesa e
internazionale.it
menti antisistema rappresentavano per le demo- la sicurezza comuni. Anche sul fronte economico
crazie. Alle urne, tuttavia, queste formazioni, so- e inanziario ci possiamo aspettare progressi: i
Registrazione tribunale di Roma
n. 433 del 4 ottobre 1993 prattutto populiste e di estrema destra, sono state paesi dell’eurozona stanno discutendo dell’unio-
Direttore responsabile Giovanni De Mauro
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì sconitte, anche se non cancellate. ne bancaria e di come trasformare il meccanismo
10 gennaio 2018
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832 All’inizio del 2018 è molto meno ovvio quale per la stabilità in un fondo monetario europeo.
Pubblicazione online ISSN 2499-1600
sarà il tema politico dell’anno. Chi crede che nel Se vogliono un’Unione più eiciente, i leader
PER ABBONARSI E PER
INFORMAZIONI SUL PROPRIO
2017 l’Europa sia scampata al pericolo del populi- politici dovranno comunque mantenere un certo
ABBONAMENTO smo oggi chiede un passo avanti in direzione di realismo. Nessuna delle elezioni previste per il
Numero verde 800 111 103
(lun-ven 9.00-19.00), una maggiore unità, resa auspicabile, se non ne- 2018 avrà il peso dei voti dello scorso anno in
dall’estero +39 02 8689 6172
Fax 030 777 23 87 cessaria, dalla situazione geopolitica globale. Per Francia e in Germania. Ma si voterà in Italia, Un-
Email abbonamenti@internazionale.it
Online internazionale.it/abbonati rendere più forte l’Unione europea e permetterle gheria e Svezia, e i partiti nazionalisti, populisti e
LO SHOP DI INTERNAZIONALE di fare da contrappeso alle grandi potenze serve antieuropei rischiano di ottenere risultati sor-
Numero verde 800 321 717
(lun-ven 9.00-18.00)
più integrazione. A esprimere quest’ambizione è prendenti. Ma ci sono anche altri ostacoli. Il nord
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
soprattutto il presidente francese Emmanuel Ma- e il sud del continente hanno una visione diversa
Imbustato in Mater-Bi
cron, che parla della necessità di creare delle dell’integrazione. E ancora più allarmante è il di-
“grandi narrazioni” e una “sorta di eroismo poli- vario tra l’Europa occidentale e alcuni paesi cen-
tico” europei. Le sue parole possono essere liqui- trorientali in tema di democrazia, stato di diritto
date facilmente come sciocche e presuntuose, e migranti. Con l’avvicinarsi della Brexit, sono
ma nell’era di Trump e della Brexit meritano con- questi i problemi che rischiano di frenare una
siderazione. Il miglior esempio della nuova de- maggiore integrazione europea. u bt

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 19


In copertina

L’imbarazzo
David Broder, Jacobin Magazine, Stati Uniti

L’Italia che il 4 marzo andrà al voto per eleggere il


nuovo parlamento sta attraversando una grave crisi
politica. E gli errori della sinistra rischiano di lasciare
campo aperto al ritorno di Silvio Berlusconi
e al successo dei populisti e dell’estrema destra
l 28 dicembre del 2017 il presidente scia di questa tendenza, in vista delle ele-

I della repubblica italiana ha sciolto


le camere e ha indetto nuove ele-
zioni legislative per il 4 marzo. Se
dobbiamo basarci sui risultati delle
recenti elezioni amministrative e
sui sondaggi, il Partito democratico (Pd),
attualmente al governo con alcuni piccoli
partiti di centro, è destinato a subire una
sconitta storica.
zioni del 4 marzo continuano a emergere
nuovi partiti e alleanze. Anche il partito che
è da più anni in parlamento – la Lega nord,
fondata nel 1991 – ne è un buon esempio:
alla ine del 2017 ha modiicato il suo sim-
bolo e ha deciso di chiamarsi semplicemen-
te Lega. Guidato da Matteo Salvini, che un
tempo invocava la secessione del ricco nord
dal resto del paese, la Lega oggi è un movi-
Ma cosa verrà dopo il centrosinistra? La mento di estrema destra che cerca di espan-
stampa internazionale si è concentrata sul dersi al sud e di creare una forza politica si-
Movimento 5 stelle (M5s), una formazione mile al Front national in Francia, in grado di
populista nata dopo la crisi economica. I competere con il centrodestra. Nei sondag-
cinquestelle sono in testa ai sondaggi ma gi è appena dietro Forza Italia, il partito che
diicilmente riusciranno a formare una co- è al tempo stesso suo rivale e alleato.
alizione per governare. Più probabile è il ri-
torno alla ribalta di Silvio Berlusconi, che Alleanza diicile
con Forza Italia guida il recupero del cen- Con il 37 per cento dei seggi in entrambe le
trodestra. E poi c’è la drammatica possibili- camere attribuiti con il sistema maggiorita-
tà di un parlamento paralizzato, senza una rio, la nuova legge elettorale favorisce la
maggioranza chiara. formazione delle coalizioni. Forza Italia, il
ChrIStIAN MANtuANo (oNEShot/Luz)

L’Italia sta per mandare di nuovo in crisi partito personale ricreato da Berlusconi alla
l’eurozona? Dopo anni di stagnazione eco- ine del 2013, spera che un patto stipulato
nomica e di forte disoccupazione giovanile, prima delle elezioni con la Lega dia alla de-
quali sono i segnali di speranza? stra maggiori possibilità di battere il Pd e i
L’ultima volta che un politico italiano ha cinquestelle. Inoltre, spartendo i seggi pri-
guidato il suo partito alla vittoria per poi di- ma delle elezioni, il partito di Berlusconi è
ventare presidente del consiglio è stata nel più sicuro di mantenere l’attuale posizione
2008. Quel politico era Silvio Berlusconi e di egemonia nella coalizione. Questo bloc-
dopo la sua caduta, nel 2011, ci sono stati co comprende anche il più piccolo Fratelli
governi guidati da tecnici non eletti o soste- d’Italia, una formazione erede diretta dei bre, con un aumento del 14 per cento dei
nuti da coalizioni ibride che hanno messo postfascisti, e alcuni partiti centristi minori. voti rispetto al 2012, fa ben sperare Berlu-
insieme forze di centrosinistra e centrode- I sondaggi attribuiscono allo schieramento sconi e Salvini in vista del voto nazionale.
stra. La crisi economica ha fatto aumentare di destra una quota di voti che va dal 35 al 40 La nuova legge elettorale non ofre nessuna
ulteriormente la frammentazione del siste- per cento, rispetto al 29 per cento ottenuto garanzia su come i voti si tradurranno in
ma dei partiti in Italia, che va avanti ineso- da un’alleanza simile nel 2013. La vittoria seggi ma, visti i sondaggi, oggi la destra al-
rabile dalla ine della guerra fredda. Sulla della destra alle elezioni siciliane di novem- largata sembra essere in una posizione mi-

20 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


della scelta

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia. Roma, 4 dicembre 2013

gliore che in qualsiasi altro momento dalla della Lega di spodestare Forza Italia. Nel che, se dalle urne non dovesse emergere
caduta di Berlusconi, anche grazie alla de- 2013, dopo le elezioni, pur essendo a capo di una maggioranza, l’attuale presidente del
bolezza del Pd. un’alleanza di destra, Berlusconi decise di consiglio Paolo Gentiloni, del Pd, potrebbe
L’unità tra il centrodestra e la destra pe- entrare in una coalizione con il Pd e alcune rimanere provvisoriamente in carica, per-
rò non è scontata, soprattutto a causa delle piccole forze centriste, abbandonando i più ché una igura così debole non costituireb-
diidenze che si sono accumulate negli ul- intransigenti Fratelli d’Italia e Lega nord. E be un rivale per il suo partito.
timi cinque anni, alimentate dal tentativo di recente il leader di Forza Italia ha detto Anche se Salvini è contrario a questa so-

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 21


In copertina
luzione, non sarà in grado di formare un considera l’M5s il suo principale nemico, il Articolo 1-Movimento democratico e pro-
“blocco antisistema”. L’accesa rivalità con rivale storico della destra è il Partito demo- gressista (Mdp), tuttavia, è rimasto nella
Berlusconi maschera invece una conver- cratico. Gran parte della sua base, compresi maggioranza che sostiene il governo insie-
genza di fatto delle posizioni politiche dei i militanti di lunga data, proviene dal vec- me al Pd e ai centristi ex berlusconiani.
due leader. Da questo punto di vista è signi- chio Partito comunista (Pci) e, in minor mi- Alle elezioni di marzo invece l’Mdp farà
icativo che la Lega abbia messo da parte la sura, dalla Democrazia cristiana, due parti- parte di Liberi e uguali (Leu), uno dei più
questione europea. Anche se in passato ha ti che si sono sciolti all’inizio degli anni no- grandi progetti di centrosinistra degli ultimi
organizzato manifestazioni contro l’euro in vanta. Sotto la recente guida dell’ex presi- anni fuori dal Pd. L’ex comunista D’Alema,
tutto il paese, oggi Salvini – come Marine Le dente del consiglio Matteo renzi, il Pd ha che non vuole un’alleanza con il Pd, alla ine
Pen in Francia – preferisce puntare su un continuato l’evoluzione cominciata dopo la degli anni novanta aderì alla terza via della
programma centrato sulla questione iden- ine della guerra fredda, passando da un socialdemocrazia europea, avvicinandosi
titaria e sul tema della sicurezza. Visto che modello di centrosinistra a uno più liberi- molto a tony Blair e a Gerhard Schröder.
sia la Lega sia i cinquestelle hanno rinun- sta. Nell’arco dell’ultima legislatura ha in- Più indicativo delle intenzioni future
ciato a chiedere un referendum sull’uscita trodotto una legge sul lavoro, chiamata Jobs dell’Mdp è forse il fatto che, dopo le elezioni
dall’euro, è improbabile che dopo il 4 marzo act, basata sulla lessibilità, e una serie di di giugno del 2017 nel regno unito, Bersani
questo tema sia al centro delle trattative per riforme neoliberiste nel settore dell’istru- si è afrettato a prendere le distanze dal Par-
la formazione di alleanze. zione che costringono gli studenti italiani a tito laburista di Jeremy Corbyn, insistendo
L’accantonamento della questione eu- periodi di apprendistato non retribuito. nel dire che lui non intende “nazionalizzare
ropea era proprio quello in cui sperava la renzi è il candidato premier del Partito de- tutto”. La speranza dell’Mdp è entrare in un
cancelliera tedesca Angela Merkel. All’ulti- mocratico, e spera di prendere il posto di governo con il Pd, ma rimanendo comun-
mo convegno dei leader del Partito popola- Gentiloni, anche lui del Pd. que separato per spostarlo almeno legger-
re europeo, Berlusconi ha promesso a Mer- mente più a sinistra.
kel che si sarebbe occupato lui di contrasta- L’esempio siciliano L’Mdp è nato dopo il referendum di
re il “populismo” in Italia. Il suo modo piut- Se quella che un tempo era la Lega nord og- renzi del 2016 per modiicare la costituzio-
tosto paradossale di combattere questa gi è diventata semplicemente la Lega, il ne del 1947, considerata la colonna portan-
crociata sarebbe portare al governo – tenen- partito di renzi non ha ancora rinunciato te dell’identità repubblicana italiana per via
dola sotto il suo controllo – l’estrema destra. all’aggettivo “democratico”. Ma dopo il del suo legame simbolico con la caduta del
Non potendo aspirare alla carica di presi- tentativo di riscrivere la costituzione italia- fascismo. L’avvocata Anna Falcone, una
dente del consiglio a causa della sua con- na (bocciato dal 60 per cento degli elettori delle maggiori attiviste della campagna per
danna per frode iscale e della legge Severi- nel referendum del dicembre 2016), il par- il no alla riforma, aveva sperato di poter for-
no (su cui dovrà pronunciarsi la Corte euro- tito sembra in diicoltà. Non solo è passato mare una nuova coalizione di sinistra a par-
pea per i diritti umani), ha cercato di impor- da più del 30 per cento dei voti a circa il 20 tire da quel voto. Ma dopo una serie di ini-
re come potenziale premier della coalizione per cento nei sondaggi, ma è entrato in ziative piuttosto caotiche, le forze del grup-
di destra un suo protetto. Mentre Salvini competizione con la sua ala sinistra. tra po D’Alema-Bersani sono inite, insieme ad
insiste nel dire che il prossimo presidente quelli che lo hanno abbandonato per creare altri piccoli partiti di centrosinistra, sotto la
del consiglio dovrà essere lui, Berlusconi ha una nuova formazione ci sono Pier Luigi guida di Pietro Grasso, ex magistrato anti-
proposto una serie di alternative, da un ex Bersani (ex esponente del Pci che guidò il maia e attuale presidente del senato, che
generale dei carabinieri al presidente del centrosinistra alle elezioni del 2013) e Mas- ino a ottobre faceva parte del Pd. Secondo
parlamento europeo Antonio tajani. simo D’Alema, che fu presidente del consi- i sondaggi, Liberi e uguali dovrebbe pren-
Ma Berlusconi sta anche cercando di far glio dal 1998 al 2000. Il loro nuovo partito, dere tra il 6 e il 7 per cento dei voti.
razzia nel territorio politico dei cinquestel- Ma la spaccatura con la sinistra è solo
le. La rivalità è evidente non solo dalle ac-
cuse di “irresponsabilità” che l’ex presiden-
Da sapere uno dei problemi che deve afrontare renzi.
Il leader del Pd aveva promesso di dimet-
te del consiglio lancia al movimento, ma
Il voto del 4 marzo tersi se non avesse vinto – insistendo nel
anche dalla sua promessa, fatta il 28 dicem- u Il 28 dicembre 2017 il presidente della dire che il referendum era necessario per
bre, di garantire a ogni cittadino un reddito repubblica Sergio Mattarella ha irmato il eliminare gli ostacoli alle riforme economi-
minimo di mille euro, più dei 780 già propo- decreto di scioglimento dei due rami del che – e questo ha trasformato il dibattito su
sti dall’M5s. Berlusconi ha chiaramente parlamento, il senato e la camera dei deputati, alcune modiiche costituzionali in una più
ammesso la base ideologica di questa pro- che saranno rinnovati con le elezioni politiche generale espressione di malcontento nei
posta – dicendo di ispirarsi alla teoria della del 4 marzo 2018. Le nuove camere si confronti del governo. La sconitta e le di-
“imposta negativa sul reddito” di Milton riuniranno per la prima volta il 23 marzo. Con missioni di renzi non solo hanno intaccato
queste elezioni sarà applicata la nuova legge
Friedman, nell’ambito di un più ampio pac- la sua convinzione di avere una forte presa
elettorale, il cosiddetto rosatellum 2, che
chetto di agevolazioni iscali – ma ha sotto- sull’elettorato, ma hanno anche gettato
prevede un sistema misto: per entrambe le
lineato l’importanza che la misura avrebbe camere il 37 per cento dei seggi sarà assegnato
nuovi dubbi sul dogma blairiano secondo
per la base di Forza Italia, costituita in buo- con il sistema maggioritario a turno unico, cui l’unico modo in cui la sinistra italiana
na parte da pensionati che faticano ad arri- mentre il 61 per cento dei seggi sarà ripartito può vincere sarebbe quello di occupare il
vare alla ine del mese. con il proporzionale, come il restante 2 per centro. ultimamente Grasso ha invece sot-
Anche se in questo momento Berlusconi cento, destinato al voto dei residenti all’estero. tolineato la necessità di “riportare a casa”

22 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 stelle. Roma, 19 dicembre 2017
ChrIStIAN MANtuANo (oNEShot/Luz)

quelli che sono passati dalla sinistra al Mo- piccole formazioni progressiste che altri- invito a votare in modo pragmatico funzio-
vimento 5 stelle. menti non potrebbero superare la soglia del ni. L’impatto emotivo di questo appello su-
I risultati delle elezioni regionali sicilia- 3 per cento per essere rappresentate in par- gli elettori di sinistra è comunque indeboli-
ne di novembre fanno pensare che anche le lamento. Ma anche così il centrosinistra to dalle scelte politiche reazionarie sull’im-
forze neoliberiste di centro stanno abban- guidato dal Partito democratico potrebbe migrazione del ministro degli interni Marco
donando il Pd, perché è diventato meno ri- arrivare intorno al 30 per cento dei voti, Minniti, del Pd.
levante nei calcoli elettorali. Angelino Alfa- molto lontano dai numeri necessari per for- renzi sperava di riportare la politica ita-
no, che ino al 2013 era stato uno degli alie- mare una maggioranza autonoma. liana su una linea simile a quella che ha per-
ri di Berlusconi, negli ultimi quattro anni è I problemi del Pd sono gli stessi di tutti i messo al centrista Macron di vincere le pre-
stato uno dei più solidi alleati di governo del partiti socialdemocratici che cercano di re- sidenziali francesi nel 2017, chiedendo il
Pd, tanto che oggi è ministro degli esteri. stare aggrappati al centro. Vuole conquista- sostegno della sinistra per sconfiggere il
Ma ha annunciato la sua intenzione di non re i voti dei centristi per una nuova coalizio- Front national. Ma questa soluzione sem-
presentarsi alle prossime elezioni. Al voto ne e allo stesso tempo mantenere il soste- plicistica inora è sempre stata insuiciente
in Sicilia alcuni dirigenti del suo partito, in- gno almeno passivo della sua base storica a combattere il suo principale bersaglio, i
sieme a Scelta civica (la formazione un operaia e di sinistra. E questo non è facile in cinquestelle. Il movimento, una delle forze
tempo guidata dal tecnico Mario Monti), si tempi di austerità, soprattutto se il sistema che hanno guidato la battaglia per il no al
sono schierati con Forza Italia e il candidato elettorale favorisce la nascita di nuovi riva- referendum costituzionale, rappresenta
della destra, Nello Musumeci, che ha vinto. li. In questa situazione il Pd rischia di segui- una minaccia particolare per il Pd perché ha
Alle elezioni siciliane questo spostamento re la strada del Partito socialista francese e una base elettorale formata soprattutto da
delle forze minori è stato un’ulteriore di quello laburista olandese, battuti dai cen- giovani e disoccupati. E, anche se non è an-
espressione della crisi generale del Pd, il cui tristi proprio a causa dello svuotamento cora alle porte del governo, secondo i son-
candidato ha ottenuto solo il 18 per cento della loro base. daggi è il primo partito italiano.
delle preferenze rispetto al 30 per cento di Di fronte alla nascita di un rivale a sini- Fondato nel 2007 sulla base del gruppo
cinque anni prima. stra, renzi ha cominciato ad accusare i par- Amici di Beppe Grillo, l’M5s ha tratto van-
In questo panorama politico frammen- titi che sottraggono voti al Pd di minare i taggio sia dal collasso della sinistra sia dalla
tato è ancora possibile che il Pd, nonostante valori dell’antifascismo e di aprire la strada crisi economica, e si è eretto a voce degli
le sue debolezze, sia comunque il partito a una nuova estrema destra. Visti i deluden- esclusi che si ribellano contro “la casta”
più votato alle elezioni del 4 marzo. Le sue ti risultati elettorali del Partito democratico rappresentata dai partiti tradizionali. L’alle-
liste saranno raforzate dalla presenza di negli ultimi tempi, non è detto che questo anza tra Berlusconi e renzi tra il 2011 e il

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 23


In copertina
Il segretario del Partito democratico Matteo Renzi. Roma, 12 dicembre 2017
ChrIStIAN MANtuANo (oNEShot/Luz)

2013 e lo scoppio di scandali di corruzione dotte di recente allo statuto del movimento non escludere una coalizione né con Liberi
trasversali, come quello che ha colpito la indicano un cambiamento di rotta, che por- e uguali né con la Lega. Quindi non solo ha
città di roma, hanno aiutato il “movimen- terà i cinquestelle a diventare più simili ai portato l’M5s su un terreno più “possibili-
to” a diferenziarsi dai “partiti”. Il fascino partiti che tanto disprezzano. sta” rispetto a Beppe Grillo, fondatore del
dei cinquestelle dipende non tanto dalle L’M5s è nato come un movimento con- movimento, ma si è anche spostato a de-
proposte politiche quanto dalla promessa di tro la corruzione, ma l’indagine giudiziaria stra. Sembra evidente dalle sue dichiarazio-
un grande cambiamento che spazzerà via i in cui è rimasta coinvolta la sindaca di ro- ni sulla crisi dei migranti, in cui ha accusato
vecchi partiti e i personaggi che dominano ma Virginia raggi ha costretto i cinquestel- le ong di ofrire un “servizio di taxi” attra-
da sempre la vita pubblica italiana. le a rinunciare alla regola di sospendere gli verso il Mediterraneo. Nonostante questo,
eletti quando iniscono sotto inchiesta. In è diicile capire come i cinquestelle potreb-
Speranza radicale secondo luogo, consapevoli del fatto che il bero sopravvivere a una coalizione con un
In un paese dove la disoccupazione giova- loro peso elettorale (sopra il 25 per cento dei partito di estrema destra come la Lega.
nile è altissima, l’M5s è riuscito a intercetta- voti ma sotto il 30) non gli è suiciente per In realtà i parlamentari dell’M5s si sono
re lo scontento e a dargli voce. Nonostante governare, hanno rinunciato a uno dei loro sempre astenuti su temi sociali come le
questo, con il tempo l’elemento di protesta elementi più distintivi: il riiuto di allearsi unioni civili e l’immigrazione, proprio per
presente nella retorica del movimento si è con qualsiasi altro partito. permettere al movimento di continuare a
andato aievolendo, sia a causa delle dii- Finora l’M5s non ha stretto accordi con i presentarsi come un partito che piace a tut-
coltà degli amministratori locali cinquestel- partiti tradizionali e non vuole fare una co- ti, anche se altri rappresentanti dell’M5s,
le sia per il nuovo orientamento dato al par- alizione per il 4 marzo. Per non destabiliz- come roberto Fico, hanno assunto posizio-
tito da Luigi Di Maio, il trentunenne candi- zare il movimento in vista del voto, Di Maio ni molto più progressiste di quelle di Di Ma-
dato alla presidenza del consiglio. A set- è rimasto sul vago, limitandosi ad aferma- io. Gli scandali inanziari scoppiati in città
tembre Di Maio ha fatto una visita simboli- re che dopo le elezioni, risultati alla mano, amministrate dai cinquestelle, come roma
ca al forum economico di Cernobbio, sul l’M5s sarà disposto a collaborare con chiun- e Livorno, non hanno intaccato la popolari-
lago di Como, per rassicurare gli imprendi- que sottoscriva il suo programma. Dichia- tà del movimento, ma assumendosi la re-
tori presenti che i cinquestelle non volevano razioni come queste hanno il chiaro scopo sponsabilità di governare il paese i suoi lea-
un “governo populista, estremista e anti- di evitare che il partito sembri schierato a der inesperti sarebbero costretti a deinire
euro” né avevano intenzione di organizzare destra o a sinistra. con maggior chiarezza il loro programma.
un referendum per l’uscita dell’Italia In una recente intervista concessa al Questo ci porta a chiederci se la trasfor-
dall’euro. Anche due delle modiiche intro- quotidiano la Stampa, Di Maio ha detto di mazione dell’M5s in un partito più tradizio-

24 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


nale non lasci libero lo spazio che inora ha
occupato come forza di opposizione al si-
sereno e imperturbabile di Gentiloni rilet-
te la crisi della vita pubblica italiana, e trova
L’opinione
stema. Da questo punto di vista si è aperto
uno scenario interessante a Napoli, la più
eco anche nella supericialità della campa-
gna elettorale, in cui temi come la riforma
Grandi
grande città del sud. Negli ultimi anni il sin-
daco Luigi de Magistris ha costruito una
dell’unione europea, la moneta unica e la
crisi bancaria italiana sembrano meno im-
promesse
coalizione populista e multiforme che ha portanti dello scontro tra leader e della re-
tolto spazio ai cinquestelle. Il centro sociale torica sull’immigrazione. accontare frottole può essere
Je so’ pazzo, che sostiene de Magistris ma
non è politicamente legato a lui, ha lanciato
un’iniziativa elettorale a livello nazionale
L’ultimo tema afrontato dal parlamen-
to prima dello scioglimento delle camere è
un esempio di questo stallo. Il dibattito sul-
“R un’arte, anche se di poco valo-
re. In Italia, dove il 4 marzo si
vota per il rinnovo del parlamento, questo
nella speranza di rappresentare i movimen- lo ius soli avrebbe dovuto concludersi con tipo di selvaggia fantasticheria e di pro-
ti, i sindacati di base, i giovani disoccupati e un voto al senato per decidere se concedere messe senza fondamento è così amato da
i lavoratori precari che non hanno voce. la cittadinanza ai bambini nati in Italia da dare l’impressione che i politici si stiano
Anche se de Magistris e altri politici del genitori stranieri. Naturalmente Forza Ita- afrontando per vincere il campionato na-
centrosinistra sono più vicini a Liberi e lia, Lega e destra postfascista erano contra- zionale della specialità”, scrive oliver
uguali, l’iniziativa Potere al popolo di Je so’ rie e hanno boicottato la votazione per im- Meiler sulla Süddeutsche Zeitung.
pazzo unisce i movimenti del resto d’Italia pedire che si raggiungesse il numero legale. “hanno cominciato a promettere abbas-
con rifondazione comunista – in pratica Ma la loro strategia ha avuto successo solo samenti di tasse e aumenti di pensione in-
quel che rimane del vecchio Pci – e con altre perché 29 senatori del Pd e tutti quelli compatibili con l’equilibrio di bilancio e
piccole forze della sinistra radicale. Questo dell’M5s non si sono presentati in aula. È con le soglie di deicit pubblico concorda-
nuovo soggetto non si aspetta di superare la stata la degna ine di un governo a guida Pd te con l’unione europea”. tra le promesse
soglia del 3 per cento che gli consentirebbe che, secondo i dati di agosto del 2017, ha ri- preferite ci sono l’introduzione di un red-
di entrare in parlamento, ma la sua nascita dotto dell’87 per cento il numero di migran- dito minimo garantito e della lat tax
segna l’inizio di una ricomposizione dei ti in arrivo dalla Libia rispetto allo stesso (l’imposta sul reddito ad aliquota unica),
movimenti di sinistra che non sono più rap- periodo dell’anno precedente. oltre all’abolizione delle tasse universita-
presentati in parlamento dopo il disastro di Il riiuto dei nuovi italiani è ovviamente rie, delle tasse sulla casa di proprietà e sul-
rifondazione del 2008. dovuto all’ostilità verso i migranti e alla la prima auto.
Potere al popolo ha organizzato assem- paura del multiculturalismo, ma può essere “Sembra di essere al mercatino dei
blee in più di cento città italiane e sta ten- anche visto come una scelta naturale da saldi postnatalizi, dove ognuno cerca di
tando di far sentire la sua presenza nell’osti- parte di una società che ofre così poco per- gridare un po’ più forte degli altri”. In
le panorama dei mezzi d’informazione. ino ai giovani che nascono da genitori ita- questa competizione, scrive il quotidiano
Senza dubbio è diicile che alle prossime liani. Qualche anno fa Mario Monti, che era tedesco, nessuno è più bravo di Silvio
elezioni il mondo dell’attivismo si riprenda presidente del consiglio, liquidò i timori Berlusconi, che “raramente ha mantenu-
del tutto dal trauma degli ultimi decenni. della nascita di una forza lavoro casuale e to le sue promesse, ma ora sembra aver
La forza dell’M5s è espressione della debo- frammentata dicendo che “avere un lavoro abbandonato ogni scrupolo nel racconta-
lezza della mobilitazione sociale in Italia. isso è noioso”, e Giuliano Poletti, attuale re frottole”. Il 7 gennaio, prima di conclu-
Ma basandosi sulla timida ripresa delle or- ministro del lavoro del Pd, ha dichiarato che dere un accordo elettorale con i populisti
ganizzazioni del lavoro, in campagna elet- è meglio che i giovani se ne vadano piutto- della Lega e i postfascisti di Fratelli d’Ita-
torale Potere al popolo potrebbe almeno sto “che averli tra i piedi”. lia, ha scritto un tweet in cui mostrava un
gettare le basi di un’alternativa radicale per Questo disprezzo per i giovani è natura- simbolo elettorale con la scritta “Berlu-
i prossimi anni. le per una classe politica che non ha proget- sconi presidente”. tutti sanno, però, che
ti per il futuro. L’incrollabile attaccamento il leader di Forza Italia non può candidar-
Contro il futuro al centro neoliberista non produce né stabi- si per nessuna carica a causa di una con-
Se non dovesse vincere la destra, il risultato lità né stagnazione, ma frammentazione e danna per evasione iscale. Anche i suoi
più probabile del voto sarà un altro governo disperazione sociale. A guadagnare da que- avversari, comunque, raccontano frotto-
provvisorio o tecnico e, a giudicare dagli sto cinismo sono Lega e M5s. Dopo il crollo le. “Matteo renzi, il leader del Partito de-
ultimi sei anni, probabilmente sarà guidato di rifondazione comunista nel 2008, il pe- mocratico, ne dice in tutta tranquillità
da politici che non stanno neanche parteci- riodo successivo alla crisi economica è stato nella speranza di riconquistare i consensi
pando alla campagna elettorale. Il presi- segnato dall’assenza della sinistra radicale. perduti”. Ma il più attivo è il Movimento 5
dente del consiglio Gentiloni ha pronuncia- Prima e dopo il 4 marzo, il compito di que- stelle. Secondo Luigi Di Maio, leader dei
to un discorso in cui si è detto orgoglioso del sta sinistra dovrebbe essere rimediare alla cinquestelle, in un paio di legislature è
fatto che nell’ultimo anno il suo governo ha sua sconitta storica e ofrire nuove prospet- possibile ridurre il rapporto tra debito
continuato a far funzionare le istituzioni. tive di progresso materiale e speranza ai pubblico e pil dal 133 al 40 per cento, ra-
un compiacimento forse eccessivo, visto l’1 dimenticati e agli sfruttati. u bt zionalizzando le spese e senza tagli allo
per cento scarso di crescita economica, stato sociale, che sarà anzi raforzato.
l’emigrazione di massa e il 36 per cento di David Broder è uno storico britannico del- “tutto questo sarebbe ovviamente mera-
disoccupazione giovanile. L’atteggiamento la London school of economics. viglioso, un miracolo colossale”. u

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 25


In copertina
Roma, 7 settembre 2013 sta, a diventare uno dei paesi più critici ver-
so l’unione, tanto che oggi rischia seria-
mente di aidare il governo a un leader eu-
roscettico. un risultato di questo tipo po-
trebbe ribaltare l’ordine politico dell’unio-
ne e far divampare di nuovo l’incendio i-
nanziario che i leader del continente hanno
da poco riportato sotto controllo.
“Mi sembra che le cose siano sempre
andate così”, dice Marialuce Giardini, mi-
lanese di 19 anni che ha appena conseguito
la maturità ma per ora non lavora e non è
DANIELE StEFANINI (oNEShot/Luz)

iscritta all’università. “Si parla da sempre di


crisi e del fatto che l’Italia deve risanare la
sua economia. un paio d’anni fa sembrava
che le cose potessero migliorare, ma imma-
gino che sia un processo lento. Non ricordo
un momento in cui la situazione dell’Italia
sia stata positiva”.

Giovani
Direzione sbagliata
In paesi come Francia, regno unito, Ger-
mania e Paesi Bassi i sondaggi rilevano che
le opinioni sull’unione cambiano molto a

ed euroscettici seconda dell’età. I giovani sono solitamen-


te più favorevoli all’Europa unita, mentre
gli adulti e gli anziani sono critici. In Italia
succede il contrario. Secondo uno studio
condotto a ottobre dal Benenson Strategy
Group, gli elettori sotto i 45 anni sono molto
Naomi O’Leary, Politico, Belgio
più inclini a pensare che l’Italia stia andan-
Al contrario di quello che dalle regole che impongono ai profughi di do nella direzione sbagliata (il 71 per cento,
succede in altri paesi europei, chiedere asilo nel primo paese in cui arriva- contro un 50 per cento tra le persone sopra i
no, a prescindere dalla meta inale. Quando 45 anni). Il sondaggio ha rilevato anche che
in Italia i giovani sono i più gli chiediamo se si sente europeo, esita. “È se gli italiani dovessero votare in un refe-
critici verso l’Europa. E una bella domanda. Sì, mi sento un cittadi- rendum sulla permanenza nell’unione, il
tendono a votare per partiti no europeo perché l’Italia fa parte 51 per cento degli elettori sotto i 45 anni vo-
populisti e xenofobi dell’unione europea e siamo uno dei paesi terebbe per l’uscita, e il 46 per cento per ri-
fondatori. Ma in questo momento non vedo manere. tra le persone sopra i 45 anni, in-
vantaggi in questa condizione, soprattutto vece, i favorevoli alla permanenza sono il
avide ruggeri, 18 anni, studente a causa dei problemi legati all’immigrazio- 68 per cento e quelli favorevoli all’uscita il

D di una scuola superiore romana,


ha cominciato a notare l’efetto
della crisi dei migranti qualche
anno fa. Il Nordafrica era in subbuglio. Mi-
gliaia di persone salpavano su imbarcazioni
ne. L’Europa ci aiuta pochissimo. C’è
un’emergenza e sembra che per loro conti-
no solo i soldi”.
Davide fa parte di una generazione di
italiani cresciuti in un periodo di stagnazio-
26 per cento.
Ma c’è un aspetto che accomuna i giova-
ni elettori italiani e quelli di altri paesi euro-
pei: tendono a votare meno, non sono molto
corteggiati dai politici e di conseguenza
di fortuna verso le coste italiane, per poi ne economica e che a marzo andranno a non s’interessano alla politica. In Italia que-
spostarsi in treno verso nord, in cerca di una votare per la prima volta. Questi ragazzi so- sto problema è aggravato da fattori demo-
vita migliore nei paesi più ricchi d’Europa. no nati all’epoca della fondazione dell’euro graici: quasi metà della popolazione è com-
Alcuni però si fermavano nel quartiere di (nel 1999) e oggi sono maggiorenni. Da posta da persone con più di 45 anni. I giova-
Davide, alla periferia est di roma. Viveva- quando erano bambini hanno conosciuto ni sono in minoranza. “Di sicuro quelli che
no in case occupate e lavoravano in nero. solo crisi politiche ed economiche, e politici hanno il potere sono anziani. Non capisco-
Figlio di un’insegnante e di un tecnico incapaci di risolverle. no di cosa abbiamo bisogno oggi né le no-
informatico, Davide condivide l’idea, mol- Le esperienze di questa giovane genera- stre necessità future”, dice Federico Borre,
to difusa in Italia, che il paese sia stato ab- zione di europei spiegano in parte la difusa valdostano di 19 anni che di recente si è
bandonato dall’unione europea (ue) e co- disillusione degli italiani nei confronti della iscritto all’università di Ginevra, in Svizze-
stretto ad affrontare i flussi migratori da politica. Inoltre aiutano a capire come abbia ra. Quando gli chiediamo dei grandi eventi
solo, senza fondi adeguati e penalizzato fatto l’Italia, un tempo fortemente europei- di cui si ricorda, Borre snocciola la lista di

26 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


presidenti del consiglio degli ultimi sei an- di spostare le colpe dei problemi dell’Italia evidenti. La scuola non riusciva a coprire le
ni. “Berlusconi, Monti, Letta, renzi… Nes- fuori dai conini nazionali. Secondo un son- spese”. Dedi ha proposto una tassa volonta-
suno di loro ha completato il suo mandato. daggio Kantar per il parlamento europeo, ria per i genitori in modo da permettere alla
I governi cambiano spessissimo”. solo il 39 per cento degli italiani crede che il scuola di tirare avanti. I fondi attesi dal go-
La generazione di Borre è la più istruita paese abbia tratto beneicio dall’adesione verno centrale non sono mai arrivati. “Pen-
nella storia d’Italia, eppure il paese ha la più all’unione. È la percentuale più bassa tra i so che la mia generazione sia stata tradita in
alta percentuale europea di giovani che non paesi che ne fanno parte. È una svolta sor- molti modi”. Quando gli chiediamo quali
studiano, non lavorano e non fanno forma- prendente per un paese che un tempo è sta- saranno i temi più importanti per il prossi-
zione (quasi un terzo secondo Eurostat). La to tra i più ferventi sostenitori dell’integra- mo governo, risponde “l’immigrazione”.
disoccupazione giovanile è la più alta dopo zione, ed è anche il paese d’origine di Altie- Dice che tra i suoi conoscenti in Veneto l’at-
quelle di Grecia e Spagna. Anche per chi la- ro Spinelli, padre fondatore dell’unione. teggiamento verso i migranti è cambiato.
vora la situazione non è facile: negli ultimi Secondo lui i politici devono agire al più
anni si è creato un esercito di ragazzi che Sempre più poveri presto o le conseguenze saranno molto pe-
possono solo sognare di avere un contratto, Il cambiamento di rotta si rilette nelle pro- ricolose. “L’immigrazione potrebbe mette-
una pensione e le tutele dei loro colleghi più messe dei partiti che si sideranno alle ele- re a rischio la democrazia italiana, perché
anziani. zioni del 4 marzo. Secondo i sondaggi il sta alimentando sentimenti rivoluzionari e
Questa generazione è convinta che vi- Movimento 5 stelle, che aveva proposto un violenti tra i lavoratori, nella pancia del pa-
vrà peggio dei genitori. un sondaggio con- referendum per uscire dall’euro, dovrebbe ese”. Sostenitore del Movimento 5 stelle,
dotto dalla Commissione europea su un ottenere almeno un quarto dei voti. La Le- Dedi crede che adottare l’euro sia stato un
campione di ragazzi tra i 16 e i 30 anni rivela ga, euroscettica e contraria all’immigrazio- errore che ha penalizzato l’economia italia-
che l’ottanta per cento è convinto che la cri- ne, avrebbe il sostegno di circa il 14 per cen- na. “Non mi sento assolutamente un citta-
si economica abbia tolto ai giovani l’oppor- to degli elettori. La tendenza attuale si ri- dino europeo”, conclude.
tunità di vivere una vita socialmente ed lette anche nel modo in cui i giovani vota- Ci sono alcune prove del fatto che l’euro
economicamente accettabile. Questa situa- no. A dicembre del 2016, in un voto che in abbia avvantaggiato le economie più forti
zione ha portato molti ragazzi a lasciare il Italia è stato visto come un attacco all’esta- come la Germania, rendendo meno com-
paese, a un ritmo sempre maggiore. L’Italia blishment, gli italiani tra i 18 e i 34 anni han- petitiva l’Italia. I dati Eurostat dimostrano
perde le sue voci più cosmopolite e si ridu- no votato in massa contro la riforma della che dal 2005 gli italiani sono diventati sem-
cono le possibilità di un cambiamento ge- costituzione voluta dall’allora capo del go- pre più poveri in termini di potere d’acqui-
nerazionale. verno Matteo renzi, di centrosinistra. sto. Ma le ragioni di questo fenomeno non
Borre, figlio di un’insegnante e di un Dario Dedi, 20 anni, studente di scienze sono chiare. L’Italia era già in una fase di
operatore sanitario in pensione, parla posi- politiche all’università di trieste, sogna di stagnazione economica prima dell’euro e i
tivamente dell’unione, un’istituzione che entrare in parlamento. Figlio di una sarta e problemi strutturali del paese hanno inlui-
gli ha permesso di viaggiare e d’imparare di un camionista, ha avuto un primo assag- to sull’impoverimento. Anche se l’euro
l’inglese, e che ha investito nelle infrastrut- gio di vita politica come rappresentante avesse realmente danneggiato l’Italia, non
ture della sua regione. Ma come molti ita- degli studenti nella sua scuola di Portogrua- è detto che lasciare la moneta unica risolve-
liani con una visione del mondo cosmopo- ro, in Veneto. “I tagli all’istruzione erano rebbe la situazione. Ma dal punto di vista
lita non crede di avere un futuro nel suo politico queste sottigliezze potrebbero non
paese. “In questo momento non ho inten- Da sapere avere molto peso. Le critiche all’euro e
zione di tornare. Sono più interessato dal all’unione sono ben viste da una parte con-
mondo nel suo complesso”. Lavoro impossibile sistente dell’elettorato.
Appena i primi euro hanno cominciato a Tasso di disoccupazione tra i giovani ino ai 25 Non è chiaro quali sarebbero le politi-
anni di età in alcuni paesi dell’Unione europea,
circolare in Italia, nel 2002, la moneta euro- marzo 2015. Fonte: Eurostat
che degli euroscettici se dovessero conqui-
pea è diventata il bersaglio principale delle stare il potere. I partiti critici verso l’Euro-
lamentele economiche della popolazione. 49,9 49,7 pa hanno fatto dichiarazioni incoerenti.
Gli italiani ripetevano continuamente che i Negli ultimi mesi M5s, Lega e Forza Italia
43,6
prezzi erano aumentati mentre gli stipendi 42,7 hanno chiesto per esempio la nascita di
erano rimasti gli stessi. I politici hanno su- una valuta alternativa e parallela all’euro.
34,4
bito approittato di questo sentimento dif- 32,6 È una proposta economicamente discuti-
fuso: già nel 2005 la Lega nord chiedeva un bile e potenzialmente destabilizzante, ma
26,2
referendum sul ritorno alla lira. Quando era 24,5 23,3
22,5
si aggancia all’insoddisfazione nazionale
20,9
presidente del consiglio Silvio Berlusconi aggirando l’idea radicale dell’uscita
ha sfruttato gli eventi internazionali per en- dall’euro. oggi è evidente che il malcon-
fatizzare lo scontro con la Germania e fare tento nei confronti dell’unione avrà un
appello all’orgoglio italiano. oggi l’euro e ruolo di primo piano alle elezioni del 4
l’unione europea sono ormai bersagli ricor- marzo e potenzialmente anche in quelle
renti delle critiche dei politici di tutti gli successive, mentre la stagnazione prolun-
schieramenti, da destra a sinistra, dai regio- gata del paese continua e la generazione
na

ia

lia

rt o
o

Fr a
ro cia

Fi nia

pe e
ci

di

ro n
Po ipr

Sl gall
az

ch

a
Ita
ag

o
re

an

a
an

eu uni
C
ro

ac

m
Sp

o
G

nl

nalisti ai neofascisti, che non vedono l’ora della crisi invecchia. u as


C

ov

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 27


Africa e Medio Oriente
Ripartire
dall’economia
Lennart Dodoo, Front Page
Africa, Liberia
eorge Weah, che presterà giura-

G mento come presidente della


Liberia il 22 gennaio, eredita una
lunga serie di problemi, primo
tra tutti l’economia in declino. Un’altra si-
da sarà garantire nuovi posti di lavoro e per-
corsi formativi ai giovani, l’85 per cento dei
SEyLLoU (AfP/GETTy)

quali è disoccupato. La vittoria di Weah,


eletto con il 61,5 per cento dei voti il 26 di-
cembre 2017, ha suscitato grandi aspettati-
ve in particolare tra i giovani, e per lui sod- Una sostenitrice di George Weah a Monrovia, 29 dicembre 2017
disfarle sarà un grande impegno. Negli ulti-
mi dieci anni i liberiani poveri e della classe
media non hanno avuto opportunità di cre- Cosa si aspettano i liberiani
scita, e ora chiedono un miglioramento del-
le condizioni di vita. dal presidente George Weah
L’ex calciatore, però, sta per prendere le
redini di uno dei paesi più poveri al mondo
in un momento di grave crisi. Dopo aver ir-
Boubacar Sanso Barry, Le Djely, Guinea
mato la legge inanziaria per il 2018, la pre-
sidente uscente Ellen Johnson Sirleaf ha l suo percorso non è stato facile né li- uomo che non era per nulla predestinato a
convocato una riunione d’urgenza per chie-
dere al parlamento di rivedere il bilancio,
visto che il governo non era in grado di ga-
rantire entrate suicienti. Secondo la presi-
dente e i suoi consiglieri, la causa della crisi
I neare. Tuttavia, grazie alla sua perse-
veranza, George Weah è riuscito a
vincere la sida: partire dal campo di
calcio per arrivare al palazzo presidenziale
della Liberia. A 51 anni, l’ex campione delle
diventare capo di stato. Un nuovo presiden-
te i cui principali meriti sono la costanza e la
determinazione, come si è visto nella batta-
glia politica. Weah ha conosciuto derisioni
e fallimenti in passato, ma non si è mai la-
di liquidità è il calo mondiale dei prezzi di squadre del Paris Saint-Germain e del Mi- sciato distrarre.
alcuni dei principali prodotti d’esportazio- lan ha oferto alla Liberia quell’alternanza
ne liberiani, come la gomma e il ferro. Ma la democratica che il paese aspettava da più di Risultati da ottenere
crisi scatenata dall’epidemia di ebola aveva settant’anni. Inoltre il successo di questo Eletto con un buon margine di vantaggio
già messo in luce il dissesto dei conti pub- iglio delle bidonville rompe il monopolio sull’avversario Joseph Boakai, Weah ha ca-
blici. Negli ultimi mesi la moneta locale si è che l’élite d’origine statunitense esercita da talizzato le speranze dei liberiani e riuscirà
notevolmente deprezzata e oggi per com- decenni sulla politica del paese. Mister a conservare il loro sostegno solo se otterrà
prare un dollaro statunitense ne servono George, come lo chiamano afettuosamen- dei risultati concreti. I suoi connazionali
130 liberiani. La situazione è così grave che te i suoi sostenitori, non deve però perdere hanno delle aspettative legittime, come il
i dipendenti pubblici ricevono salari decur- tempo ad autocelebrarsi perché i problemi consolidamento del processo di pace e la
tati e gli assegni pagati dalla pubblica am- da afrontare sono molti. Bisogna comun- ricostruzione delle infrastrutture, ancora
ministrazione ai suoi fornitori non sono que riconoscere che i liberiani, ancora trau- devastate da una delle guerre civili più fero-
coperti. u matizzati dall’ultima guerra civile che ha ci che il continente abbia mai visto. Dopo
causato 250mila morti, si sono recati alle l’epidemia causata dal virus ebola, il nuovo
urne in maniera paciica e ordinata. presidente dovrà mettere in conto sfide
Analizzando i risultati del ballottaggio enormi sul piano sociale, compresa quella
presidenziale del 26 dicembre 2017, possia- della scuola. I liberiani, però, si aspettano
mo constatare che la Liberia ha la tendenza soprattutto che Weah metta ine alla corru-
a scrivere la sua storia con imprese degne di zione che ha segnato l’amministrazione
nota. Questo piccolo paese, tra i più poveri della presidente Sirleaf. Solo risolvendo
al mondo, aveva sorpreso tutti eleggendo questo problema la Liberia potrà approit-
nel 2005 la prima donna presidente del con- tare delle sue immense riserve minerarie e
tinente africano, Ellen Johnson Sirleaf, che agricole per afrontare la altre side dello
ora passa il testimone a un ex calciatore, un sviluppo socioeconomico. u gim

28 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Africa e Medio Oriente
Repubblica Democratica del Congo SiRia

Ribelli
Repressione nelle chiese sotto attacco
L’osservatorio siriano per i dirit-
Kinshasa, 31 dicembre 2017 ti umani ha denunciato che dal
29 dicembre 2017 sono morte
126 persone nei bombardamenti
siriani e russi nella zona della
Ghuta orientale, intorno a Da-
masco, controllata dai ribelli.
SuDan-egitto Syria Deeply riferisce che qua-
tensione ranta persone sono morte il 7
gennaio in un’esplosione e in va-
JohN WeSSeLS (AfP/Getty ImAGeS)

lungo il nilo ri attacchi nella provincia di


Idlib, nel nordovest del paese,
“Il 2018 è cominciato male per i sotto il controllo dei ribelli.
rapporti tra Sudan ed egitto”,
scrive Al Monitor. Sono falliti i
colloqui sulla gestione delle ac- in bReve
que del Nilo dopo la costruzione Libia L’8 gennaio sono stati
in etiopia della Grand ethiopian soccorsi 86 migranti al largo
renaissance dam, la diga che Il 31 dicembre 2017 i cattolici del Comitato laico di delle coste libiche. Altri 64 sono
l’egitto teme possa minacciare coordinamento (Cnc) hanno organizzato proteste in più di morti nel naufragio.
il suo approvvigionamento idri- 160 luoghi di culto di Kinshasa (nella foto alcune persone Repubblica Centrafricana
co. Inoltre si è riaccesa la dispu- cercano riparo dai lacrimogeni) e di altre città della Dal 28 dicembre gli scontri tra
ta sul “triangolo di halaib”, un Repubblica Democratica del Congo. Le manifestazioni gruppi armati nel nordovest del
territorio di conine ammini- paese hanno costretto 30mila
sono state represse dalla polizia, che ha aperto il fuoco. Le
strato dal Cairo ma rivendicato persone a lasciare le loro case.
da Khartoum. Intanto il 7 gen- autorità parlano di cinque morti in tutto il paese, il Cnc di
Tunisia L’8 gennaio un manife-
naio in varie città del Sudan so- dieci. I manifestanti chiedevano al presidente Joseph
stante è morto a tébourba, a
no scoppiate proteste contro Kabila di rispettare l’accordo che prevede nuove elezioni ovest di tunisi, negli scontri a
l’aumento del prezzo del pane. nel 2018. I rapporti tra Kabila e i vescovi cattolici non sono margine delle proteste contro il
Un leader dell’opposizione è mai stati così tesi, scrive La Tempête des Tropiques. u carovita.
stato arrestato e uno studente è
morto nel Darfur occidentale.
Da Ramallah Amira Hass
iSRaele-paleStina
Storie da approfondire
proiettili
in corsa
Si avvicina il momento di spe- ne hanno già parlato i giornali 4. Nuovi scontri con i mili-
Il 9 gennaio il rabbino Raziel dire la rubrica, ma la pagina è italiani. tari a un checkpoint, dopo vari
Shevach è stato ucciso dai colpi ancora bianca. Per ogni idea 2. Un ragazzo del campo giorni di calma. Contro: dovrei
sparati da un’auto mentre si tro- che mi viene in mente trovo profughi di Shuafat mi ha aiu- andare là per parlarne, ma evi-
vava in macchina vicino
sempre un motivo per non ap- tato a sistemare la batteria to volentieri i gas lacrimogeni.
all’avamposto di havat Gilad, a
profondirla. dell’auto. Contro: la storia è 5. Un colono di un avampo-
ovest di Nablus, dove viveva.
1. È stata difusa una regi- troppo personale. sto illegale, particolarmente
u Il 2 gennaio il parlamento ha
approvato una legge in base alla
strazione audio in cui si sente 3. La storia di come sono violento, è stato ucciso e Na-
quale serve il sostegno di due il iglio del primo ministro andata e tornata da Susiya con blus è assediata dalle forze
terzi dei deputati perché Israele israeliano ofrire la sua ex ra- la macchina che rantolava e dell’ordine che danno la caccia
possa cedere il controllo di una gazza come partner sessuale saltellava. Un meccanico nato ai sospetti. La miglior vendet-
parte di Gerusalemme a un go- ad alcuni amici, aggiungendo a Gaza me l’ha aggiustata in ta, ha detto uno dei ministri, è
verno straniero. È un modo per che suo padre ha fatto di tutto due minuti, senza farmi paga- costruire più insediamenti e
rendere più diicile dividere la per far approvare un contratto re. “Ballava come a una festa”, legalizzare quell’avamposto.
città e nominare Gerusalemme sul gas grazie al quale il padre ha detto. Pro: storia carina su Contro: non ne posso più di
est capitale dello stato palesti- di uno di loro si è molto arric- un uomo di Gaza. Contro: ci scrivere della strisciante colo-
nese, scrive Al Jazeera. chito. Contro: probabilmente sono questioni più urgenti. nizzazione israeliana. u

30 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Asia e Paciico
Panmunjom, al conine tra le due Coree, 9 gennaio 2018 annuncia alcun cambiamento signiicativo
dello status quo. I prossimi vertici, nei ter-
mini dettati dal Nord, non afronteranno
certo la questione nucleare ma riguarde-
ranno il sostegno che Pyongyang potrà rice-
vere da Seoul. Nello speciico, il Nord farà
dei gesti simbolici di riconciliazione per
convincere Moon ad aiutarlo a sopportare il
peso delle sanzioni. Ci potranno essere altri
colloqui di alto livello, un vertice tra Kim e
Moon o una sospensione dei test nucleari
da parte di Pyongyang. I due paesi hanno
deciso di riprendere i colloqui militari per
KOREA/REUTERS/CONTRASTO

allentare le tensioni al conine. Se da un lato


queste iniziative miglioreranno i rapporti
tra i due paesi, dall’altro legittimeranno il
Nord come stato nucleare de facto.
Questo metterà Moon in conlitto con
Washington. Nell’ultima settimana il presi-
dente statunitense Donald Trump ha am-
morbidito i toni. “È un inizio, un grande
La strategia astuta inizio. Mi piacerebbe che i colloqui andas-
sero anche oltre le Olimpiadi”, ha dichiara-
di Kim Jong-un to. Ma il genere di negoziati che gli Stati
Uniti vogliono è inalizzato alla denuclea-
rizzazione del Nord, e Kim non ha alcun
interesse a parteciparvi. D’altro canto Moon
vuole dialogare con lui, con o senza denu-
Ben Forney, Npr, Stati Uniti
clearizzazione: un possibile elemento di
La ripresa dei colloqui tra le due una squadra di sostenitori. Niente di nuovo: discordia nell’alleanza tra Stati Uniti e Co-
Coree e la partecipazione di il Nord ha inviato delegazioni a eventi orga- rea del Sud che darebbe a Kim un vantaggio
nizzati da Seoul a partire dal 2002. In una di ancora maggiore. Allontanando Seoul da
Pyongyang alle Olimpiadi queste occasioni aveva partecipato anche Washington, la Corea del Nord ridurrebbe
sudcoreane sono segnali di Ri Sol-ju, ex cheerleader e oggi moglie di le possibilità di un attacco aereo statuniten-
distensione inattesi. Ma è il Kim. Più di recente, nel 2014 il Nord ha pre- se contro le sue strutture nucleari.
Nord a guidare la partita so parte ai Giochi asiatici di Seoul. Al di là
delle Olimpiadi, per il Nord i colloqui rimar- Alleanza necessaria
cano con più forza il suo status di potenza Ma nessun colloquio potrà cancellare gli
l 9 gennaio, al conine tra le due Co- nucleare. Nel discorso di capodanno Kim interessi sudcoreani in tema di sicurezza

I ree, si è svolto il primo incontro diplo-


matico di alto livello tra Pyongyang e
Seoul degli ultimi due anni. Al centro
dei colloqui la partecipazione degli atleti
nordcoreani alle Olimpiadi invernali che si
ha dichiarato che il 2017 ha segnato “il con-
seguimento della grande causa storica del
perfezionamento delle forze nucleari na-
zionali”. In altri termini, Pyongyang dice di
aver raggiunto il suo obiettivo: fabbricare
nazionale e l’alleanza militare con gli Stati
Uniti. Perciò è probabile che assisteremo a
tre o quattro mesi di contatti tra le due Co-
ree inché Washington e Seoul non ripren-
deranno le esercitazioni militari. Trump ha
terranno a febbraio a Pyeongchang, in Co- un missile nucleare in grado di raggiungere concordato con Moon di rinviare le mano-
rea del Sud. Il presidente sudcoreano Mo- il territorio statunitense. Se fosse vero, sa- vre congiunte a dopo le Olimpiadi, ma non
on Jae-in cerca il dialogo con Pyongyang rebbe il coronamento di più di vent’anni di potranno essere rinviate per sempre senza
fin dal suo insediamento, a maggio del investimenti promossi dal regime. danneggiare in modo grave e permanente i
2017, e quando nel suo messaggio di capo- Per Pyongyang il programma nucleare rapporti tra Stati Uniti e Corea del Sud. E
danno il leader nordcoreano Kim Jong-un non è negoziabile: è il suo più grande risul- quando ricominceranno, la Corea del Nord
ha aperto alla possibile partecipazione del tato e la fonte del suo potere. Ecco perché si tirerà indietro, accuserà Seoul di aver tra-
Nord ai giochi, Seoul ha accettato di buon inora Kim aveva ignorato gli inviti al dialo- dito le sue offerte di pace e forse testerà
grado di discuterne. Ma Pyongyang non go di Seoul. Oggi che il programma nuclea- un’altra serie di missili.
negozia mai a meno che non ritenga di po- re è completo, o quasi, si è potuto sedere al L’amministrazione Moon fa bene ad ac-
terci guadagnare qualcosa. Cosa spera di tavolo dei negoziati nella posizione più for- cogliere gli atleti nordcoreani alle Olimpia-
ottenere Kim? te possibile. Perciò, se è vero che la riaper- di. Ma i negoziati tra il Nord e il Sud conti-
I due paesi hanno stabilito che Pyon- tura dei colloqui potrebbe ridurre tempora- nueranno a fare gli interessi del regime di
gyang invierà una delegazione di atleti e neamente le tensioni nella penisola, non Kim. u gim

32 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Nord Waziristan, Pakistan Cina Diplomazia

Un accordo
Gli abusi dei funzionari senza scuse
CAReN FIRoUz (ReUTeRS/CoNTRASTo)

L’8 gennaio il presidente sudco-


Caixin, Cina reano Moon Jae-in ha annuncia-
Da otto anni Li Ning cerca giustizia to che rinuncerà a chiedere la
revisione dell’accordo siglato da
per la madre morta nel 2009
Seoul e Tokyo sui risarcimenti
mentre era detenuta illegalmente per le donne di conforto. La
per ordine di funzionari locali della questione delle decine di mi-
pakistan-stati Uniti provincia dello Shandong. Anche se gliaia di coreane reclutate come
il nemico i presunti responsabili sono stati schiave sessuali dall’esercito
rinviati a giudizio, la data del giapponese tra il 1910 e il 1945
necessario processo non è ancora stata issata, rimane una delle più spinose nei
rapporti tra il Giappone e la Co-
All’inizio di gennaio gli Stati scrive Caixin. La madre di Li Ning
rea del Sud. L’accordo del 2015,
Uniti hanno sospeso il paga- aveva un negozio a Longkou che nel 2002, in seguito a in base al quale Tokyo avrebbe
mento di 900 milioni di dollari una disputa con i comitati di quartiere, inì sotto creato un fondo di 8,5 milioni di
in aiuti militari a Islamabad per sequestro. Per risolvere la questione e ritenendo di aver euro per risarcire le 45 vittime
il mancato impegno del Paki- subìto un’ingiustizia, la donna presentò all’autorità di ancora in vita, non è mai piaciu-
stan contro i taliban e gli altri to ai cittadini sudcoreani perché
Pechino dei reclami contro i funzionari locali. Ricorsi di
gruppi di terroristi che si na- era stato formulato senza con-
scondono nel suo territorio e
questo tipo rischiano di macchiare la carriera dei
sultare le donne. Come promes-
operano in Afghanistan. La de- funzionari, che quindi cercano di ostacolarli anche
so in campagna elettorale, Mo-
cisione segue le parole usate dal ricorrendo alla detenzione extragiudiziale. Scomparsa a on ha chiesto a una squadra di
presidente statunitense Donald Pechino, Li Shulian, la madre di Li Ning, fu ritrovata esperti di rivedere il testo. A ine
Trump nel suo primo tweet del morta. Due dei tre agenti coinvolti nella detenzione dicembre gli esperti hanno de-
2018, in cui ha accusato il Paki- furono condannati, ma ino al 2014 i funzionari che nunciato l’esclusione delle vitti-
stan di aver ricambiato con “bu- me. Moon ha confermato la va-
avevano ordinato l’arresto non erano stati indagati.
gie e inganni” gli Stati Uniti, lidità dell’accordo, chiedendo
“che negli ultimi quindici anni
Anche Li Ning è stata rinchiusa e picchiata in un carcere
però a Tokyo delle scuse since-
gli hanno versato più di 33 mi- illegale e solo ad aprile del 2017 il governo le ha
re, che inora non sono arrivate,
liardi di dollari” mentre Islama- presentato le sue scuse. ◆ scrive il Korea Times.
bad “continua a dare rifugio ai
terroristi” a cui gli americani
danno la caccia. Per ora Islama- filippine messi da movimenti di protesta,
bad, che potrebbe rispondere solo un presidente sicuro di sé e
bloccando il passaggio dei rifor-
Duterte sempre potente può parlare di succes-
nimenti per le truppe Nato in più popolare sione con tanto anticipo”, scrive
Afghanistan, non ha reagito. “È Asia Times. “In efetti, secon-
l’inizio di una strategia del ri- Il presidente Rodrigo Duterte do un recente sondaggio Duter-
schio calcolato, in cui nessuno (nella foto) ha chiuso il 2017 de- te gode dell’80 per cento del
dei due attori vuole per forza ar- signando l’ex pugile Manny Pac- consenso tra i ilippini, anche se
rivare a uno scontro, ma in una quiao come suo successore per in due anni ha minato le istitu-
guerra di nervi qualcuno potreb- il 2022. “In un paese politica- zioni democratiche del paese,
be fare la mossa sbagliata”, scri- mente instabile, dove in passato portando la nazione verso un
ve Dawn. “In passato l’Afghani- diversi leader sono stati estro- governo autoritario. Ai ilippini in breve
stan ha chiesto a tre presidenti sembra non dispiacere l’idea di Bangladesh Secondo Save the
TeD ALJIbe (AFP/GeTTy IMAGeS)

statunitensi di riconsiderare il un uomo solo al comando, a pat- children nel 2018 nasceranno
loro sostegno al Pakistan. Ma la to che garantisca i servizi di base 48mila bambini nei campi pro-
decisione di Trump non è stata e l’ordine pubblico”, continua fughi a Cox’s bazar, dove vivono
accolta con gioia a Kabul”, scri- Asia Times. Apparentemente le quasi 900mila rohingya scappa-
ve il New York Times. “I lea- Filippine sono ancora un paese ti dalla birmania.
der afgani e statunitensi sanno libero e democratico, con mezzi Cina La Apple ha annunciato
bene che gestire i rapporti con d’informazione critici nei con- che dal 28 febbraio i servizi
Islamabad è diicile ma vitale. fronti di Duterte. Ma le voci in- iCloud in Cina saranno gestiti
La questione è chi subirà le pres- dipendenti sono via via messe a da un’azienda di proprietà del
sioni maggiori: il Pakistan o la tacere attraverso minacce e at- governo provinciale di Guizhou,
coalizione contro i taliban?”. Manila, 20 dicembre 2017 tacchi online. nel sud del paese.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 33


Americhe
Una decisione
che indigna il Perù
Gustavo Gorriti, El País, Spagna
Pochi giorni dopo aver evitato la
destituzione da parte del
parlamento, il presidente Pedro
Pablo Kuczynski ha concesso la
grazia all’ex dittatore Alberto
Fujimori per “motivi umanitari”

n Perù la settimana di Natale del 2017

I sarà difficile da dimenticare. Ecco


ERNEsTO BENAvIDEs (AFP/GETTy IMAGEs)

cos’è successo: in parlamento la mag-


gioranza neofujimorista guidata da
Keiko Fujimori, iglia dell’ex presidente e
dittatore Alberto Fujimori, ha provato ad
allontanare il presidente conservatore Pe-
dro Pablo Kuczynski – accusato di aver pre-
so tangenti dall’impresa edile Odebrecht –
attraverso una procedura sommaria di de- Lima, 28 dicembre 2017. Protesta contro la grazia ad Alberto Fujimori
stituzione. L’accusa era di “incapacità mo-
rale permanente”. La destituzione sarebbe plio ha confermato l’alleanza con il fronte bre, verso mezzogiorno, ha cominciato a
dovuta avvenire il 21 dicembre con il soste- di Fujimori, tutto sembrava deciso. Invece circolare la voce della grazia imminente a
gno a sorpresa della sinistra del Frente am- c’è stata una sorpresa: dieci parlamentari Fujimori per motivi umanitari, decisione
plio e quello, meno sorprendente, del Parti- fujimoristi, tra cui Kenji Fujimori, il fratello annunciata poche ore dopo. La reazione di
do aprista peruano dell’ex presidente Alan di Keiko, e due parlamentari apristi si sono chi aveva difeso Kuczynski nei giorni prece-
García. Il risultato sembrava scontato. astenuti salvando il presidente. Così il 22 denti è stata immediata: Cateriano ha con-
dicembre Kuczynski, trionfante, ha ringra- dannato “il tradimento della democrazia e
Tradimento ziato Cateriano, Borea e Palacios. Ha pro- dei diritti umani”. “Il presidente mi ha
Disperato, il presidente ha cercato il soste- messo un cambiamento di strategia e un mentito”, ha scritto Palacios, “ha perso il
gno delle persone che erano corse in suo impegno serio per la democrazia. Ha smen- mio rispetto”. Poi ci sono state manifesta-
aiuto nel 2016, nel secondo turno delle ele- tito le voci di una possibile grazia a Fujimo- zioni a Lima per protestare contro la grazia
zioni presidenziali contro Keiko Fujimori. ri, spiegando che non se ne sarebbe nean- a Fujimori e il tradimento di Kuczynski. Lo
Tra queste ci sono la giornalista Rosa María che discusso durante le feste. Il 24 dicem- stratagemma di Kenji Fujimori lascia presa-
Palacios, l’ex premier Pedro Cateriano e gire una nuova alleanza? Può darsi di sì. A
l’ex senatore Alberto Borea. Quando Da sapere quale prezzo? Nel confuso scenario politico
Kuczynski ha cercato di contattare l’Orga- Dal potere al carcere attuale, è chiaro che Kuczynski ha perso
nizzazione degli stati americani (Oea) per credibilità, ha dimostrato che la sua parola
chiedere l’applicazione della Carta demo- u Alberto Fujimori è stato presidente del vale poco, si è inimicato i peruviani ostili a
cratica, il ministro degli esteri Ricardo Luna Perù per dieci anni, dal 1990 al 2000. Nel 1992, Fujimori e ha perso deputati del suo gruppo
si è riiutato di aiutarlo. Così il presidente ha con il sostegno dei militari, scioglie il parlamentare, senza ottenere il sostegno di
inviato di persona una lettera scritta da Ca- parlamento e assume pieni poteri. Nel 2000, Keiko Fujimori, che è ancora molt0 forte.
dopo lo scoppio di un grave scandalo di
teriano al segretario generale dell’Oea, Luis Un cambiamento così improvviso è frut-
corruzione che coinvolge l’ex capo
Almagro. Grazie a questa consulenza, il 20 to di una strategia o di un problema neuro-
dell’intelligence Vladimiro Montesinos,
dicembre il confuso Kuczynski delle ore scappa in Giappone. Nel 2005 viene arrestato in logico, dell’astuzia o della dissonanza co-
precedenti è apparso convincente nel suo Cile e due anni dopo estradato in Perù. Nel gnitiva? Forse capirlo non serve, ma gli ef-
messaggio al paese e anche il giorno dopo 2009 è condannato a scontare 25 anni di fetti sono evidenti. u fr
nella sua difesa in parlamento. Durante il carcere con l’accusa di violazione dei diritti
dibattito parlamentare, la vera battaglia è umani. Il 24 dicembre 2017 il presidente Pedro Gustavo Gorriti è un giornalista peruvia-
stata quella per i voti. Quando il Frente am- Pablo Kuczynski gli concede la grazia. no. Dirige il sito d’inchieste Idl-Reporteros.

34 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Americhe
California, 2 gennaio 2018 Stati Uniti ameriCa latina

Un anno
Caos alla Casa Bianca
LUCy NICHOLSON (rEUTErS/CONTraSTO)

elettorale
“Nel 2018 circa 350 milioni di
Nashville, Stati Uniti, 8 gennaio 2018 persone saranno chiamate alle
urne in Brasile, Colombia, Mes-
sico, Venezuela, Costa rica e
Paraguay per eleggere nuovi
presidenti”, scrive il Guardian.
Sarebbe un errore interpretare il
Stati Uniti voto secondo la tradizionale
JONaTHaN ErNST (rEUTErS/CONTraSTO)

Un’altra guerra contrapposizione tra destra e si-


nistra, perché in molti casi “assi-
alle droghe steremo a una reazione popola-
re contro la corruzione”. Nella
“Gli Stati Uniti stanno andando maggior parte dei paesi latinoa-
da anni verso la decriminalizza- mericani, si legge nell’articolo, i
zione dell’uso della marijuana, cittadini si esprimeranno spinti
ma ora l’amministrazione non tanto dall’ideologia, quanto
Trump vuole riportare indietro dal bisogno di amministratori e
le lancette dell’orologio”, scrive “Un’amministrazione nel caos, dove in molti pensano politici onesti che s’impegnino a
In These Times. all’inizio di creare occupazione, combattere
che Donald Trump non sia in grado di fare il presidente
gennaio il ministro della giusti- la criminalità e garantire mag-
zia Jef Sessions ha cancellato degli Stati Uniti e lo considerano una persona
giore sicurezza. Il primo paese
alcune linee guida introdotte mentalmente disturbata. È il quadro che viene fuori ad andare alle urne sarà il Mes-
dall’amministrazione Obama, leggendo Fire and fury, il nuovo libro del giornalista sico, l’ultimo il Venezuela.
che chiedevano ai procuratori Michael Wolf ”, scrive Politico. Trump ha risposto
federali di non formulare accuse accusando Wolf di aver pubblicato notizie false e
per possesso di marijuana negli dichiarazioni inventate, ma allo stesso tempo si è in Breve
stati che ne hanno legalizzato Brasile Il 1 gennaio 2018 una ri-
scagliato contro Steve Bannon, che ino a poco tempo fa è
l’uso. “Oggi la marijuana per bellione scoppiata tra bande ri-
scopi medici è legale in più di stato un suo stretto collaboratore e che nel libro accusa
vali in un carcere di Goiânia, ca-
trenta stati e in altri otto per sco- Donald Trump Jr., iglio del presidente, di aver tradito la
poluogo dello stato di Goiás, ha
pi ricreativi, ma resta illegale a patria incontrando una funzionaria russa per ottenere causato nove morti e almeno
livello federale”. informazioni in grado di danneggiare la candidatura di quattordici feriti.
Hillary Clinton. “Queste polemiche non hanno impedito Venezuela Il governo degli Sta-
a Trump di adottare alcuni provvedimenti che potrebbero ti Uniti ha imposto il 5 gennaio
ColomBia sanzioni economiche contro
avere grandi conseguenze sulla società statunitense”,
la tregua scrive The Atlantic. L’8 gennaio la Casa Bianca ha quattro alti funzionari venezue-
lani, tra cui un ministro del go-
è inita annunciato che non rinnoverà i permessi di soggiorno
verno di Nicolás Maduro.
temporanei concessi a circa 200mila salvadoregni dopo il Stati Uniti Joe arpaio, ex scerif-
“Il 9 gennaio è terminato il ces- terremoto che aveva colpito il loro paese nel 2001. Nella fo dell’arizona accusato di abu-
sate il fuoco bilaterale tra il go- maggior parte dei casi si tratta di persone che lavorano so di potere e graziato da
verno colombiano e il gruppo regolarmente negli Stati Uniti e che non hanno più legami Trump, si candiderà al senato.
guerrigliero dell’Esercito di li-
con il Salvador, un paese attualmente dilaniato dalla
berazione nazionale (Eln) senza
accordo su un suo rinnovo”,
violenza delle gang criminali. Qualche giorno prima Stati Uniti
scrive Semana. I gruppi di ne- l’amministrazione Trump aveva annunciato di voler Il paese delle armi
goziatori del governo, guidato autorizzare l’apertura di nuovi siti per l’estrazione di gas e
Dati del 2017 e del 2018 (aggiornati al
da Juan Manuel Santos, e petrolio al largo di quasi tutte le coste statunitensi, 10 gennaio)
dell’Eln si erano riuniti l’8 gen-
fONTE: GUN VIOLENCE arCHIVE

cancellando un divieto introdotto dall’amministrazione


naio a Quito, in Ecuador, per ri- Obama. Intanto il 9 gennaio un giudice federale si è 2017 2018
prendere i colloqui di pace. Ma il Sparatorie 61.349 1.088
pronunciato a favore del programma Daca, che protegge
gruppo guerrigliero ha annun- Stragi* 344 5
ciato la ine del cessate il fuoco e
dall’espulsione gli immigrati irregolari arrivati negli Stati
Uniti da bambini. Trump ha minacciato di annullare il feriti 31.159 583
ha posto, come condizione per
riprenderlo, un maggiore impe- programma se non dovesse riuscire a costruire un muro Morti 15.551 340
gno da parte dello stato. al conine con il Messico. u *Con almeno quattro vittime (feriti e morti).

36 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Europa
Barcellona, 24 dicembre 2017 Comù. Ma ora i repubblicani non possono
mettere in dubbio la legittimità di Puigde-
mont e preferiscono aspettare che sia lui a
fare la prima mossa o che rinunci a tornare
in Catalogna come aveva promesso di fare
in caso di vittoria. Intanto l’ex presidente
sta cercando di capire come ricevere l’inve-
stitura per via telematica, e sta studiando a
fondo il regolamento del parlamento e i
PACO FREIRE (SOPA IMAgES/LIghtROCkEt/gEtty)

suoi vuoti legislativi.

Oblio o prigione
Il problema è che durante tutto lo scontro
con la Catalogna lo stato spagnolo ha dimo-
strato chiaramente di non essere disposto a
cedere un millimetro. Anche se questo si-
gniica peggiorare la situazione, continuan-
do a ricorrere ai tribunali per questioni poli-
tiche che avrebbero dovuto essere oggetto
di negoziati e dialogo. Il risultato di questa

Dopo il voto in Catalogna strategia, di cui si è pubblicamente congra-


tulata la vicepresidente Soraya Sáenz de
Santamaría attribuendosi il merito di aver
la crisi continua “decapitato il movimento indipendenti-
sta”, è che, una volta avviati, i processi se-
guono il loro corso senza pensare agli sforzi
che dovrà fare la politica per ricreare un cli-
ma di distensione. È quindi poco probabile
Olga Grau, El Periódico de Catalunya, Spagna
che lo stato accetti la nomina di Puigde-
Alle regionali del 21 dicembre gli repubblicana di Catalogna (Erc), è ancora a mont per via telematica o con un discorso
indipendentisti hanno Bruxelles, dove si era rifugiato dopo la di- tenuto da un altro deputato.
chiarazione d’indipendenza del 27 ottobre, Puigdemont è di fronte a un dilemma.
mantenuto la maggioranza. Lo arroccato sull’idea che l’unico piano possi- Se tornerà per ricevere la nomina, sarà ar-
scontro con Madrid va avanti, e bile sia rimettere al suo posto lui e tutto il restato. Se non tornerà e si ostinerà a chie-
la nomina del presidente rischia governo sospeso da Rajoy con il ricorso dere l’investitura a distanza, si scontrerà di
di creare un’altra impasse all’articolo 155 della costituzione spagnola. nuovo con la forza dell’apparato di stato,
L’alternativa sarebbe tornare alle elezioni, che già in passato ha sottovalutato. Se deci-
con l’unico scopo di guadagnare tempo e la derà di accettare un governo di coalizione
assata la pausa natalizia, la ripresa nefasta conseguenza di prolungare l’ingo- con l’Erc senza di lui e senza l’ex vicepresi-

P delle attività ha restituito come un


boomerang la situazione lasciata
dalle elezioni regionali del 21 di-
cembre. Il premier spagnolo Mariano Rajoy
non si è mosso di un centimetro dopo la di-
vernabilità e il commissariamento delle
istituzioni catalane.
L’Erc puntava a sorpassare Puigdemont
per adottare una linea più progressista e
meno fondata sull’opposizione allo stato
dente e leader di Erc Oriol Junqueras, a cui
non è stato concesso di uscire di prigione
per partecipare alla prima seduta del nuovo
parlamento, potrebbe essere progressiva-
mente dimenticato nel suo limbo di Bru-
sfatta del suo Partito popolare. Inés Arrima- spagnolo, e per costruire un governo soste- xelles. La scelta tra carcere e oblio tormen-
das, leader della formazione conservatrice nuto anche da partiti non indipendentisti ta lui e tutto il blocco indipendentista. E il
antindipendentista Ciutadans, ha capito come la sinistra alternativa di Catalunya en conto alla rovescia è già cominciato. u f
subito che anche se il suo partito è arrivato
primo alle regionali lei non ha nessuna pos-
sibilità di formare una coalizione, e aspira
Da sapere Il nuovo parlamento catalano
Elezioni del 21 dicembre 2017. Totale dei seggi: 135
solo alla poltrona di presidente del parla-
Indipendentisti
mento. Catalunya en Comù e il Partito so-
cialista catalano (Psc) si stanno riorganiz-
zando dopo i cattivi risultati.
L’ex presidente del governo catalano
Carles Puigdemont, che con il suo Junts per Candidatura di unità popolare (Cup) 4 | Junts per Catalunya 34 | Sinistra
Catalunya ha ottenuto una vittoria inattesa repubblicana di Catalogna (Erc) 32 | Catalunya en comú 8 | Partito socialista
sull’altro partito indipendentista Sinistra catalano (Psc) 17 | Ciutadans 36 | Partito popolare (Pp) 4

38 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


fRanCia
Repubblica Ceca Regno unito

Diplomazia un rimpasto
e afari Chi siderà il presidente a metà
A capo di una delegazione di Il rimpasto di governo voluto
cinquanta imprenditori, il presi- Respekt, Repubblica Ceca dalla premier Theresa May (nel-
dente francese Emmanuel Ma- Il 12 e 13 gennaio in Repubblica Ceca la foto) si è rivelato un mezzo
cron ha trasformato la sua visita fallimento. I ministri più impor-
si terranno le elezioni presidenziali.
di stato in Cina, dall’8 al 10 gen- tanti – tra cui Boris Johnson
naio, in un viaggio di rappresen- Gli ultimi sondaggi danno al primo (esteri), David Davis (Brexit) e
tanza. Macron ha irmato “un posto il presidente uscente Miloš Ze- Philip Hammond (inanze) – so-
memorandum per un accordo man, populista ed euroscettico, che no rimasti al loro posto, mentre
sulla costruzione, da aidare al- però diicilmente vincerà al primo due igure di secondo piano si
la francese Areva, di un impian- turno. Molto probabilmente al bal- sono ribellate, creando nuove
to di riprocessamento del com- lottaggio se la vedrà con il conserva- spaccature tra i conservatori. Ju-
bustibile nucleare del valore di stine Greening, che era all’istru-
tore Jiří Drahoš, sostenuto dai cri-
10 miliardi di euro”, scrive Le zione, si è dimessa dopo aver ri-
Monde. Les Echos sottolinea stianodemocratici. Gli altri due candidati che hanno la iutato un altro dicastero e Je-
invece che “per riequilibrare le possibilità di arrivare al secondo turno sono l’ex premier remy Hunt, ministro della salu-
relazioni economiche ha propo- Mirek Topolánek e l’indipendente Michal Horáček. Le te, è riuscito a rimanere al suo
sto di aprire agli investimenti ci- due maggiori forze in parlamento, i socialdemocratici e il posto con un ruolo perino raf-
nesi, ma non in tutti i settori” e, partito Ano del premier Andrej Babiš, non hanno presen- forzato. Sono passati di mano
ha aggiunto il ministro dell’eco- tato candidati e non sostengono nessuno. Secondo Re- anche altri ministeri, tra cui cul-
nomia, facendo attenzione a tura e lavoro. “Quest’operazio-
spekt, “l’esito del voto è incerto e non sono escluse sor-
evitare “i saccheggi”. ne”, scrive il Guardian, “non fa
prese, come una sida al ballottaggio tra Zeman e l’out- che riproporre i problemi che
sider Horáček”. Tra le altre cose, c’è in gioco la posizione May non è in grado di risolvere”.
CipRo di Praga nell’Unione europea: “Zeman è un grande so-
il nord stenitore degli interessi di Mosca. Nel 2014 ha appoggia-
alle urne to l’annessione della Crimea ed è stato l’unico leader eu- KACPER PEMPEL (REUTERS/CoNTRASTo)

ropeo a prendere parte alle celebrazioni dell’anniversario


Il 7 gennaio si sono svolte le ele- della ine della seconda guerra mondiale nel 2015, al cul-
zioni legislative nella Repubbli- mine delle tensioni tra Russia e occidente”. ◆
ca turca di Cipro nord, ricono-
sciuta solo da Ankara. A impor-
si, con il 36 per cento dei voti, è kosovo vrebbe occuparsi di reati com-
stato il Partito di unità naziona- messi nel conlitto con la Serbia,
le, ma data la frammentazione ostacoli tra cui stupri, detenzioni illegali,
politica non sarà facile formare alla giustizia rapimenti e omicidi. In teoria i
un governo. In ogni caso, scrive primi rinvii a giudizio sono atte-
Hürriyet, il risultato non aiute- I tentativi di far luce sui crimini si per i prossimi mesi. Come in bReve
rà la ripresa del processo di riu- dell’esercito di liberazione del spiega EUobserver, il parla- Croazia-Slovenia L’8 gennaio
niicazione con Cipro, che si è Kosovo (Uçk) durante la guerra mento di Pristina e il presidente il presidente della Commissione
arenato nuovamente a luglio. del 1998-99 e nel periodo im- kos0varo Hashim Thaçi (che di europea Jean-Claude Juncker ha
Più del 70 per cento dei voti so- mediatamente successivo po- recente ha graziato tre soldati dichiarato che la disputa tra Slo-
no andati a partiti favorevoli a trebbero essere bloccati sul na- dell’Uçk colpevoli di aver ucciso venia e Croazia sulle frontiere
una federazione di due stati e al- scere. Il parlamento di Pristina una famiglia nel 2001 per i rap- marittime nella baia di Pirano,
la presenza militare turca. sta infatti cercando di abrogare porti del padre con i serbi) sono che rimane irrisolta nonostante
la legge che, dopo lunghe tratta- stati duramente criticati dai pa- l’arbitrato della scorsa estate,
tive, istituisce una corte speciale esi del Quint della Nato (il grup- “non è un problema bilaterale,
incaricata di indagare sui crimi- po formato da Stati Uniti, Regno ma riguarda tutta l’Unione”.
ni commessi dai miliziani Unito, Germania, Italia e Fran- Juncker ha poi proposto una me-
dell’Uçk, molti dei quali sono cia). “La creazione del tribunale diazione della Commissione.
nel frattempo diventati igure di speciale”, afermano i paesi Estonia Durante i lavori per la
spicco della politica kosovara. Il Quint, “è l’unico modo per il costruzione di un memoriale al-
tribunale, che dovrebbe avere Kosovo di dimostrare il suo im- le vittime del comunismo a Tal-
sede all’Aja, funzionerebbe se- pegno per lo stato di diritto e per linn è stato scoperto un cimitero
condo la legge kosovara ma con continuare a ricevere il sostegno di soldati tedeschi risalente alla
personale internazionale, e do- internazionale”. seconda guerra mondiale.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 39


Le opinioni

Il coraggio di una ragazza


e il cinismo di Israele
Gideon Levy
elle ultime due settimane Ahed Ta- tribunale militare, Haim Balilti, ha tremato quando ha

N mimi è entrata tutti i giorni nei salot- stabilito che il “pericolo” rappresentato da una ragaz-
ti degli israeliani, grazie a supericia- za disarmata di 16 anni era tale da giustiicare il pro-
li servizi televisivi che parlavano del lungamento di una settimana della sua detenzione. Il
suo arresto. Abbiamo visto di nuovo giudice in realtà è solo un piccolo ingranaggio nel mec-
i suoi riccioli d’oro. Abbiamo rivisto canismo, un uomo che fa il suo lavoro e poi torna a casa
una igura botticelliana con l’uniforme della sicurezza dalle iglie, orgoglioso del suo comportamento.
dello Shin bet, i servizi segreti israeliani, e le manette. Israele si nasconde dietro una cortina di ferro im-
Sembra più una ragazza della cittadina di Ramat penetrabile. Niente di quello che lo stato israeliano fa
Hasharon, nel distretto di Tel Aviv, che ai palestinesi suscita compassione nei
di Nabi Saleh, in Cisgiordania. Niente sembra in suoi cittadini. Nemmeno la ragazza mo-
Eppure neanche l’aspetto “non ara- grado di scalire lo dello, Ahed Tamimi. Nemmeno se fosse
bo” di Ahed Tamimi, 16 anni, arrestata a scudo che impedisce condannata all’ergastolo per uno schiaf-
dicembre per aver schiafeggiato e preso agli israeliani di fo, nemmeno se fosse condannata a
a calci due soldati israeliani che cercava- sentirsi in colpa o morte. La sua condanna sarebbe accolta
no di entrare nel cortile di casa sua, è ri- di provare disagio con gioia o con indiferenza, perché non
uscito a scaldare i cuori degli israeliani. per l’arresto di c’è posto per altri sentimenti verso i
Il muro di disumanizzazione e demoniz- palestinesi.
Ahed Tamimi.
zazione dei palestinesi, costruito attra- Le organizzazioni israeliane che rap-
È spalestinese, non
verso campagne d’odio, propaganda e presentano le persone disabili, portando
lavaggio del cervello ha sconitto perino
merita solidarietà avanti una battaglia impressionante per
la ragazza bionda di Nabi Saleh. i loro diritti, non hanno battuto ciglio
Potrebbe essere vostra iglia, o la iglia del vicino. quando un cecchino israeliano ha ucciso nella Striscia
Eppure le violenze che subisce non suscitano solida- di Gaza, sparandogli in testa, un palestinese amputato
rietà, compassione o umanità. Dopo la rabbia per di entrambe le gambe e in sedia a rotelle. Le associa-
quello che ha fatto, nei suoi confronti c’è stata solo in- zioni per i diritti delle donne sono rimaste in silenzio
diferenza. Tamimi è una “terrorista”. Non potrebbe dopo che una detenuta palestinese ha accusato un po-
mai essere nostra iglia, perché è palestinese. liziotto di frontiera di averla stuprata, e il caso è stato
Nessuno si chiede cosa sarebbe successo se fosse chiuso senza che nessuno fosse condannato.
stata nostra iglia. Non saremmo forse stati ieri di lei, I deputati israeliani non hanno protestato contro il
come suo padre, che in un articolo degno di rispetto vergognoso arresto politico della loro collega, la poli-
pubblicato sul quotidiano Haaretz ha manifestato tutto tica e attivista palestinese per i diritti umani Khalida
il suo orgoglio? Non avremmo forse voluto una iglia Jarrar, prelevata dalla sua casa nel luglio 2017, la cui
così, che ha il coraggio di sacriicare un’adolescenza detenzione senza processo il 27 dicembre è stata pro-
inesistente in cambio della lotta per la libertà? Avrem- lungata di altri sei mesi.
mo forse preferito una iglia che collabora con l’occupa- Se neanche la vicenda di Ahed Tamimi suscita so-
zione? O magari senza cervello? lidarietà e vergogna nel popolo israeliano, il processo
E cosa avremmo provato se i soldati di un esercito di rimozione – l’attività principale dell’occupazione,
straniero avessero fatto irruzione in casa nostra, seque- dopo gli insediamenti e la repressione – può dirsi com-
strando nostra iglia, ammanettandola e arrestandola pleto. Non c’è mai stata un’indiferenza simile in Isra-
solo perché aveva schiafeggiato un soldato che aveva ele. Non è mai successo che le bugie abbiano prevalso
invaso la sua casa, perché aveva dato uno schiaffo in modo così assoluto. L’ingiustizia non ha mai trovato
all’occupazione, che sinceramente meriterebbe più di sulla sua strada così pochi scrupoli. L’incitamento
qualche cefone? all’odio non ha mai vinto in modo così schiacciante.
Queste domane non interessano a nessuno. Ahed Gli israeliani non sono più capaci di identiicarsi
Tamimi è palestinese, quindi è una terrorista. Non me- con una ragazza coraggiosa, nemmeno se somiglia
rita solidarietà. Niente sembra in grado di scalire lo alle loro iglie, solo perché è palestinese. Non c’è un
scudo che impedisce agli israeliani di sentirsi in colpa palestinese in grado di toccare i cuori degli israeliani.
o di provare disagio per l’arresto della ragazza, discri- Non c’è nessuna ingiustizia che possa ancora colpire la GIDEON LEVY
minata da un sistema giudiziario che non si sarebbe nostra coscienza, che è stata cancellata. Non disturba- è un giornalista
nemmeno accorto di lei se fosse stata una colona teci, i nostri cuori e le nostre menti sono sigillati in mo- israeliano. Scrive per
ebrea. Neanche la mano indipendente del giudice del do spaventoso. u as il quotidiano Haaretz.

40 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Le opinioni

Per i repubblicani i dollari


contano più degli elettori
Joseph Stiglitz
essuna riforma iscale aveva ricevuto aumenterà i tassi d’interesse ai primi segni di un au-

N tanta disapprovazione come quella mento della domanda di beni e servizi. E i tassi d’inte-
approvata dal congresso statunitense resse più alti signiicano che gli investimenti, e quindi
e irmata da Donald Trump prima di la crescita, rallenteranno. Inoltre spremere gli stati
Natale. I repubblicani che hanno vo- democratici come la California e New York non allarga
tato a favore della riforma (nessun solo il divario politico nel paese, è anche cattiva econo-
democratico l’ha fatto) sostengono che la scelta sarà mia. Nessun governo intelligente indebolirebbe le sue
apprezzata in futuro, quando aumenterà la retribuzione regioni più dinamiche, eppure è proprio quello che sta
netta dei cittadini statunitensi. Hanno torto. Questa facendo l’amministrazione Trump. Gli sgravi iscali
legge mette in un unico pacchetto tutto quello che c’è di per il settore immobiliare aiuteranno il presidente e
sbagliato nel Partito repubblicano e, in suo genero Jared Kushner, ma non ren-
un certo senso, dimostra la condizione La nuova legge deranno gli Stati Uniti competitivi. E li-
disastrosa in cui oggi si trova la democra- rende il sistema mitare la deducibilità delle tasse statali
zia statunitense. iscale degli sul reddito e sulla proprietà ridurrà gli
Non la si può neanche deinire una Stati Uniti investimenti nell’istruzione e nelle in-
riforma iscale. La legge dovrebbe chiu- ancor più regressivo. frastrutture.
dere le scappatoie che favoriscono l’elu- L’aumento delle Il deicit iscale aumenterà, bisogna
sione e aumentare l’equità del sistema disuguaglianze solo capire di quanto. Secondo me sarà
iscale. Essere in grado di pagare è fon- molto più alto delle attuali stime di mille
è un problema
damentale per l’equità. Ma la riforma o di 1.500 miliardi di dollari. Con l’au-
iscale riduce le tasse a chi può pagarle
fondamentale mento del deicit iscale, crescerà pure
più facilmente (il 20 per cento più ricco per il paese quello commerciale, anche se Trump
della popolazione). E quando sarà pie- deciderà di fare politiche protezioniste.
namente in vigore, nel 2027, farà aumentare le tasse Un calo delle esportazioni e un aumento delle impor-
per una maggioranza degli statunitensi della fascia tazioni indeboliranno il settore industriale. Trump ha
media (tutti gli altri, a parte i più poveri). tradito ancora una volta lo zoccolo duro dei suoi soste-
Il sistema iscale statunitense era già regressivo nitori.
prima di Trump. È noto che una volta l’investitore mi- Il Partito repubblicano però è cinico. I suoi dirigen-
liardario Warren Bufett si lamentò perché pagava in ti si stanno arricchendo più che possono – Trump,
proporzione meno tasse della sua segretaria. La nuova Kushner e altri funzionari dell’amministrazione – e
legge rende il sistema iscale statunitense ancor più sono convinti che questa sia la loro ultima occasione
regressivo. L’aumento delle disuguaglianze è un pro- per farlo. E nessuno più di Trump pensa che il partito
blema fondamentale per gli Stati Uniti, dove i ricchi repubblicano possa farla franca. È per questo che la
hanno beneiciato di quasi tutti gli aumenti del prodot- legge garantisce alle persone delle riduzioni iscali
to interno lordo negli ultimi quarant’anni. La legge temporanee, mentre per le grandi aziende prevede
aggiunge al danno la befa: invece d’invertire questa una riduzione permanente delle aliquote. Ma gli elet-
tendenza, arricchisce i cittadini più ricchi. tori non si lasciano manipolare così facilmente: hanno
Il Fondo monetario internazionale ha spiegato che capito il trucco e credono agli studi che dimostrano
una società più disuguale peggiora le prestazioni eco- come siano soprattutto le grandi aziende e i ricchi a
nomiche, e questa legge iscale porterà a una società beneiciare delle riduzioni iscali.
più disuguale. Buona parte delle distorsioni presenti La riforma di Trump dimostra anche che, nella sca-
nel sistema iscale statunitense derivano dal fatto che la di valori di molti repubblicani, i dollari sono più im- JOSEPH STIGLITZ
i vari tipi di reddito sono tassati in modo diverso. Trat- portanti degli elettori. L’unica cosa che conta è fare insegna economia
tamenti simili portano non solo alla difusa (e corretta) felici le grandi aziende che li inanziano, e che premie- alla Columbia
percezione che il sistema sia ingiusto, ma anche alle ranno il partito con grandi donazioni, da usare per university. È stato
capo economista
ineicienze. Le peggiori misure del sistema iscale comprare voti e tenere in piedi un programma politico
della Banca mondiale
precedente sono state conservate e sono state create che fa contente le multinazionali. Speriamo che gli
e consulente
nuove categorie di privilegiati. americani si dimostrino più intelligenti di quanto cre- economico del
È diicile che questa riforma incoraggi la crescita dono gli amministratori delegati e i loro cinici servito- governo statunitense.
economica, per varie ragioni. La prima è che l’econo- ri repubblicani. Con le elezioni di metà mandato in Nel 2001 ha vinto il
mia è già a un livello di piena occupazione, o quasi. Se arrivo, a novembre, avranno un’ottima occasione per premio Nobel per
la banca centrale degli Stati Uniti lo riterrà opportuno, dimostrarlo. u f l’economia.

42 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Iran
AnAdOlu Agency/getty IMAges

L’indiferenza
del potere
Amir Hassan Cheheltan, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Germania
Ogni volta che gli iraniani scendono in piazza, le autorità reprimono le proteste.
Ma i cittadini non hanno altro modo per esprimere il loro malcontento

44 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Una manifestazione contro l’aumen-
to del costo della vita a Teheran, il 30
Da sapere
dicembre 2017 Voci in opposizione

zione di sfogare la sua frustrazione attra-


Mar
verso quelli che un tempo erano i principa- Caspio

li canali d’espressione del dissenso. e pro-


Abhar
prio per questo si ripetono episodi di rivolta Teheran
cieca, che, una volta repressi, non produ- Arak Mashhad
cono efetti. Khorramabad Qom

dopo gli scandali del governo di Mah- Dorud

moud Ahmadinejad, sembrava che l’imba- IRAQ Esfahan


Ahvaz
razzo dei suoi alleati potesse lasciare ai ri-
IRAN
formisti maggiore spazio di manovra. si KUWAIT
sperava che l’elezione di un avversario di
Ahmadinejad alla carica di presidente po- ARABIA
SAUDITA
tesse migliorare la situazione. Ma il noc- Golfo
Persico
ciolo duro del potere iraniano è così impe- 250 km
netrabile e le richieste della società irania-
na così ampie che alla ine non si è mosso 28 dicembre 2017 centinaia di persone
nulla. manifestano a Mashhad, la seconda città
In risposta all’insoddisfazione popola- iraniana, e in altri centri urbani, contro
l’aumento dei prezzi, la disoccupazione e il
re, il governo dispiega un arsenale di stru-
governo di Hassan Rohani.
menti, istituzioni e misure preventive ca- 31 dicembre In diverse città i manifestanti
paci di stroncare sul nascere qualsiasi ma- attaccano uici pubblici, sedi di istituzioni
nifestazione di dissenso. I partiti pratica- religiose, banche e auto della polizia.
mente non esistono in quanto organizza- 2 gennaio 2018 la guida suprema, l’ayatollah
zioni politiche. l’attività politica si limita Ali Khamenei, accusa i “nemici dell’Iran” di
alla lotta tra le diverse correnti per spartirsi voler rovesciare il regime.
il potere o i seggi in parlamento. A queste 3 gennaio I guardiani della rivoluzione
lotte può partecipare solo chi fa già parte di proclamano la ine della “sedizione”.
una cerchia ristretta o chi viene scelto dal 5 gennaio Per la terza giornata consecutiva
vengono organizzate manifestazioni a favore
consiglio dei guardiani della costituzione.
del regime. Il bilancio complessivo delle
Anche i sindacati indipendenti sono proteste è di 22 morti e 3.700 persone arrestate.
assenti dalla scena. nel corso degli otto
anni del governo di Ahmadinejad è stato
abolito perino il sindacato dei lavoratori persone – che dopo le presidenziali del
del cinema, nonostante fosse vicino al go- 2009 scesero in piazza per chiedere “dov’è
verno. Rifondarlo è stato l’unico risultato il mio voto?” – si concluse con punizioni
tangibile degli sforzi intrapresi dall’attuale durissime per i contestatori? Molti pagaro-
presidente Hassan Rohani per favorire lo no con la vita, nelle strade o nel famigerato
sviluppo della società civile. Anche il sin- carcere di Kahrizak, mentre il governo si
dacato dei giornalisti ha interrotto le sue limitò ad assumersi la responsabilità solo
attività e sono ormai quindici anni che l’as- di quattro morti. le indagini per individua-
Iran è il paese degli eterni sociazione degli scrittori non può riunirsi re eventuali mandanti ed esecutori di que-

L’ insoddisfatti. Ma questa
caratteristica nazionale ha
una motivazione ben pre-
cisa. nella storia recente
dell’Iran non c’è mai stato
un governo che rappresentasse la maggio-
ranza, che si sforzasse di soddisfare i biso-
gni dei cittadini, che rispettasse i loro dirit-
ti o che s’impegnasse a difendere gli inte-
pubblicamente.
nella società iraniana lo spazio della
politica è totalmente chiuso e la società ci-
vile è costretta all’immobilismo. Al posto
di una sfera pubblica vitale ci sono gli spazi
virtuali, dove i cittadini possono ancora
dialogare. tuttavia anche qui sono sempre
in agguato restrizioni e chiusure. l’accesso
a Facebook è iltrato e le reti di telefonia
gli omicidi non sono ancora riuscite a far
luce sull’accaduto. e senza una stampa li-
bera, come fa una società che non può
esprimersi attraverso i partiti o i sindacati
a comunicare le proprie lamentele a chi la
governa?
la verità è che i potenti costringono la
popolazione a una lotta quotidiana contro
le trappole della povertà, contro il carovita,
ressi nazionali. tutti pensano che chi arri- mobile possono essere interrotte all’occor- la disoccupazione e la tossicodipendenza.
va al potere vuole solo arricchirsi. negli renza. tutte cose che sono già successe in e in uno scenario simile le libertà indivi-
ultimi dieci anni questa convinzione si è passato. Rohani continua a sostenere che il duali, sociali e politiche sembrano beni di
raforzata ulteriormente di fronte ai nume- popolo ha il diritto di protestare, ma nessu- lusso.
rosi casi di appropriazione indebita di no inora ha saputo spiegare come dovreb- Il mercato editoriale e gli organi di
enormi somme di denaro. come se non be farlo. e se il popolo ha il diritto di mani- stampa subiscono una censura totale. la
bastasse, il governo impedisce alla popola- festare, come mai la protesta di milioni di diidenza verso tutto ciò che non cade sot-

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 45


Iran
to i colpi dei censori è così alta che in Iran
praticamente più nessuno legge libri o
no le prove del fatto che le ultime manife-
stazioni sono state alimentate dagli avver-
Dall’Iran
giornali. In un paese di 80 milioni di perso-
ne alcuni libri sono stampati in trecento
sari del presidente Rohani, e in particolare
da un inluente imam che dirige la preghie-
Contro
copie, mentre la tiratura di tutti i quotidia-
ni e le riviste messi insieme non supera le
ra del venerdì a Mashhad, una città tal-
mente conservatrice che ha vietato perino
i cambiamenti
duecentomila copie. i concerti. secondo voci di corridoio, il
consiglio di sicurezza nazionale avrebbe mezzi d’informazione iraniani hanno
Vite inquinate
Inoltre nessuno ha ancora adottato un pro-
gramma efficace per fermare l’inquina-
convocato l’imam a teheran. Alcune setti-
mane fa il parlamento iraniano ha esami-
nato la bozza della legge di bilancio per il
I parlato delle proteste che si sono svol-
te nel paese dando voce agli esponen-
ti del governo e ampio spazio alle manife-
mento atmosferico, che mette in ginocchio 2018-2019: per la prima volta si prevede stazioni dei suoi sostenitori. I quotidiani
teheran e costringe i suoi abitanti a respira- che le fondazioni religiose siano sottopo- legati ai conservatori, in particolare, han-
re smog. da decenni nella capitale i proget- ste a controlli uiciali. Alcuni conservatori no accusato le potenze straniere di aver
ti di ampliamento della metropolitana di Mashhad hanno pensato che a spingere fomentato le proteste. secondo l’ultra-
avanzano a singhiozzo e le persone sono il provvedimento fosse stato il presidente conservatore Kayhan, vicino all’ayatol-
Rohani. le fondazioni religiose inora non lah Ali Khamenei, “i nemici dell’Iran
Alle ultime avevano mai dovuto rendere conto dei sol- stanno cercando un’opportunità per col-
di pubblici che spendevano in gran quanti- pire la nazione”. Il giornale ha puntato il
presidenziali quindici tà né al governo né al parlamento. dito contro gli stati uniti, il Regno unito e
milioni di iraniani non le persone colpite dal provvedimento l’Arabia saudita, che starebbero usando
hanno cavalcato l’ondata di malcontento e “risorse, soldi, armi, politiche e servizi di
sono andati alle urne hanno voluto far ricadere la responsabilità sicurezza per creare problemi all’ordine
della pessima situazione economica sul islamico”.
costrette a usare vecchie automobili, re- presidente e sulla sua squadra di governo, I giornali iraniani si sono inoltre af-
sponsabili del 70 per cento delle emissioni senza rendersi conto che gli insoddisfatti, frettati a celebrare la ine delle rivolte:
di sostanze inquinanti. In una situazione una volta scesi in piazza, avrebbero potuto “la sedizione è inita”, ha titolato il quoti-
simile la popolazione ha il diritto di chieder- rivolgere le loro proteste contro l’intera diano ultraconservatore Javan il 4 gen-
si dove e come sono spesi i soldi pubblici. classe politica. I provocatori hanno perso il naio. Anche il riformista Arman si è ral-
l’accumularsi di tutti questi problemi controllo delle manifestazioni. Il sospetto legrato della “ine delle recenti agitazio-
ha spinto gli iraniani sull’orlo della dispe- che dietro le proteste ci fossero gli avversa- ni”, pubblicando in prima pagina una
razione e a scendere di nuovo in piazza. ri del governo in carica era così forte che grande foto della mobilitazione ilogover-
chi governa, però, pretende che i cittadini alcuni collaboratori del presidente hanno nativa con il titolo: “Manifestazione di
restino in silenzio perché, sostiene, il paese lanciato un avvertimento: gli agitatori unità nazionale”.
sta attraversando una fase diicile e i ne- avrebbero fatto meglio a lasciar perdere, su Shargh, il principale giornale rifor-
mici dell’Iran non aspettano al- perché alla ine ne avrebbero pa- mista del paese, sadegh Zibakalam, pro-
tro che immischiarsi nelle que- gato le conseguenze anche loro. fessore di scienze politiche all’università
stioni interne per seminare il ca- Al di là di tutto, vale la pena di teheran, si è chiesto quale posizione
os. se davvero fosse così, allora ricordare che alle ultime presi- avrebbero dovuto assumere i riformisti di
dovrebbe essere proprio il gover- denziali iraniane quindici milio- fronte alle proteste, avvertendoli di non
no ad afrontare questa situazio- ni di elettori non sono andati alle farsi strumentalizzare dai conservatori,
ne delicata, e a impedire che il malconten- urne. Ma nessuno si chiede da chi siano che avrebbero usato le manifestazioni per
to raggiunga livelli tali da spingere i giova- rappresentate queste persone e come pos- screditare il governo del presidente Has-
ni a ribellarsi e a riversare la loro insoddi- sano far sentire la loro voce. san Rohani. Zibakalam ha inoltre sottoli-
sfazione nelle strade. e questo – per la pri- di sicuro il governo non si piegherà alle neato che alle proteste hanno partecipato
ma volta – sta succedendo in tutto il paese. richieste dei manifestanti. non farà nessun anche molti riformisti “che erano andati a
secondo le autorità, l’età media delle per- passo, per quanto piccolo, nella loro dire- votare per Rohani con entusiasmo e ora si
sone fermate dalla polizia durante le ulti- zione. Per questo è facile prevedere che ci sentono traditi”.
me proteste non supera i 25 anni. tra le sarà un’altra repressione. Visto che la si- Il giornalista iraniano saeid Jafari su
vittime più giovani delle violenze ci sono tuazione sociale resterà diicile, mentre la Al Monitor conferma che i riformisti
due studenti delle scuole superiori. soluzione sarà rimandata ancora una volta hanno preso le distanze dalle proteste:
In tutto ciò, quello che preoccupa di più a data da destinarsi, la rabbia, che non ha “Anche se hanno ammesso che ci sono
gli iraniani è l’incertezza del futuro. Men- possibilità di sfogarsi, continuerà a monta- delle diicoltà e hanno difeso il diritto
tre è ormai uiciale che nel paese il salario re. u sk della popolazione a scendere in strada, i
minimo è inferiore alla soglia di povertà, riformisti sembrano convinti che le mani-
gli esperti prevedono che nei prossimi anni L’autore festazioni siano inutili e abbiano come
la povertà e la disuguaglianza sociale au- Amir Hassan Cheheltan è uno scrittore e
unico risultato quello di paralizzare il pae-
menteranno, e che il prossimo governo ingegnere iraniano, nato a teheran nel se e peggiorare la situazione”. d’altra par-
sarà ancora più populista di quello guidato 1956. Ha pubblicato sette romanzi. Il suo te, conclude Jafari, “la verità è che l’ideo-
da Ahmadinejad. unico libro pubblicato in Italia è Via della logia riformista si oppone al cambio di re-
In questa situazione intollerabile ci so- rivoluzione (lastaria 2016). gime e alle trasformazioni radicali”. u

46 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


AnAdOlu Agency/getty IMAges

Politica estera
Una manifestazione contro l’aumen-
to del costo della vita a Teheran, il 30
dicembre 2017

a caro prezzo l’Iran e l’Iraq, e ha avuto un ruolo importan-


te nel conlitto in siria, dove ha contribuito
ad annientare i gruppi ostili al regime di
Bashar al Assad.
le rivendicazioni sociali ed economiche
sono certamente al cuore delle manifesta-
Samia Medawar, L’Orient-Le Jour, Libano
zioni, ma sono accompagnate dalle critiche
negli ultimi anni teheran ha numerosi rispetto al 2009, quando circa tre alla politica estera. da qualche anno l’in-
aumentato la sua inluenza milioni di iraniani avevano urlato la loro luenza della Repubblica islamica è sempre
rabbia per la rielezione del presidente Mah- più forte nella regione. Il sostegno del go-
nella regione. Ma i moud Ahmadinejad, ma i loro slogan sono verno, e soprattutto degli esponenti più
manifestanti chiedono di altrettanto forti: “morte a Rohani”, “morte conservatori, all’organizzazione libanese
risolvere innanzitutto i alla guida”, “morte a Hezbollah”, oppure Hezbollah, ai ribelli houthi nello yemen o
problemi interni del paese “né gaza né libano, consacro la mia vita all’organizzazione palestinese Hamas non
all’Iran”. è solo ideologico. Ha anche un costo, diici-
sui social network come telegram e le da valutare, ma che potrebbe essere di
l 28 dicembre 2017, quando sono co- Whatsapp oppure su twitter sono circolati vari miliardi di dollari.

I minciate le manifestazioni in Iran, la


disoccupazione, la stagnazione eco-
nomica, l’aumento dei prezzi e la
corruzione sono stati i principali fat-
tori che hanno spinto le persone a scendere
in piazza in tutto il paese. le proteste si sono
svolte in circa cinquanta città, un fatto mai
ilmati non veriicati: alcuni mostrano i ma-
nifestanti che fanno a pezzi le immagini
della guida suprema, l’ayatollah Ali Khame-
nei, ma anche del generale Qassem solei-
mani. considerato un eroe nazionale, so-
leimani è il comandante della brigata Al
Quds (le forze speciali dei guardiani della
I beneiciari degli aiuti
l’aiuto dell’Iran agli houthi non è aperta-
mente rivendicato dal regime, e la comuni-
tà internazionale non ne ha le prove, ma
ammonterebbe, tra armi ed equipaggia-
menti militari, a vari milioni di dollari
successo dalla rivoluzione del 1978 e 1979. rivoluzione islamica, usate nelle operazioni all’anno. Anche agli altri alleati – libanesi,
I manifestanti sono sicuramente meno all’estero), un veterano della guerra tra siriani, palestinesi e iracheni – arrivano mi-

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 47


Iran
MOHAMMAd AlI MARIZAd (AFP/getty IMAges)

Una manifestazione a sostegno del non ha smesso di aumentare. le manife- una soluzione pacifica e diplomatica dei
governo a Qom, il 3 gennaio 2018 stazioni tuttavia non hanno niente di sor- conlitti e delle crisi che aliggono la regio-
prendente. Per molto tempo “il regime ha ne. A causa della sua posizione è stato isola-
lioni di dollari ogni anno, senza contare in- parzialmente giustiicato il suo interventi- to all’interno dell’élite al potere.
vestimenti indiretti come le armi, i salari di smo regionale dicendo di voler proteggere i nel conlitto politico tra i conservatori e
decine di migliaia di combattenti o le spese siti religiosi dai terroristi wahabiti, un argo- i riformatori del regime sulle questioni re-
di ricostruzione. solo l’impegno in siria co- mento rafforzato dall’ascesa del gruppo gionali, le voci fuori dal coro sono sofocate
sta ogni anno all’Iran, secondo diverse sti- stato islamico (Is) alle porte dell’Iran”, spie- dalla retorica trionfalistica del potere. In un
me, centinaia di milioni di dollari. ga Ali Fathollah nejad, ricercatore presso il discorso tenuto a ottobre Rohani aveva fat-
I critici più accaniti del regime iraniano, Brookings institute e la Harvard Kennedy to vanto dell’inluenza iraniana nella regio-
come Israele, ritengono che gli investimen- school. ne: “In Iraq, in siria, in libano, nell’Africa
ti fatti da teheran per ottenere l’egemonia del nord, nella regione del golfo Persico, è
nella regione siano ancora più alti. “Hez- retorica trionfalistica possibile lanciare un’azione senza tenere
bollah riceve tra i 700 milioni e il miliardo Ma Fathollah nejad sottolinea anche la gra- conto del punto di vista dell’Iran?”.
di dollari all’anno”, ha dichiarato il capo duale presa di coscienza di questi ultimi Questa stessa politica regionale che ha
dell’esercito israeliano, il generale gadi ei- anni: “sono sempre di più le persone con- contribuito a raforzare la Repubblica isla-
zenkot. “In questi ultimi mesi anche i inan- trarie all’intervento in siria, per esempio mica potrebbe rivelarsi il suo tallone
ziamenti alla Palestina stanno crescendo, nelle università di teheran o di tabriz, dove d’Achille sul piano interno. “gli iraniani
con un aumento a cento milioni di dollari studenti o esponenti del regime hanno cri- hanno capito che il regime è più interessato
all’anno per Hamas e la Jihad islamica nella ticato apertamente la partecipazione al a proteggere il potere e a presentarsi come
striscia di gaza”, ha aggiunto, senza però conlitto. si chiedevano ‘dove sono questi forte che a occuparsi della popolazione”,
chiarire da dove ha preso queste cifre. siti religiosi di cui ci parlano?’, oppure ‘co- spiega Fathollah nejad. la cattiva gestione
tutto questo fa infuriare gli iraniani, me possiamo guardare i bambini siriani dei soccorsi dopo il terremoto di novembre,
che si sentono ingannati, soprattutto dopo negli occhi quando siamo noi i responsabili che ha provocato più di cinquecento morti,
l’elezione di Hassan Rohani a presidente, del genocidio di cui sono vittime?’”. raforza quest’immagine. la collera popo-
nel 2013. Il progressivo ritiro delle sanzioni Il ricercatore cita anche i pochi esponen- lare arriverà al punto di spingere il potere a
internazionali dopo l’accordo sul nucleare ti della classe dirigente che si sono opposti rivedere la sua politica locale e regionale?
non ha ancora dato i suoi frutti, come inve- alla politica regionale di teheran, come non c’è nulla di sicuro. Il regime ha inaspri-
ce aveva promesso il presidente iraniano, gholamhossein Karbaschi, ex sindaco di to i toni, e sembra deciso a non cambiare
mentre l’impegno finanziario all’estero teheran. Karbaschi ha fatto un appello per posizione. u f

48 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


La rivolta
dei diseredati
Farhad Khosrokhavar, Le Monde, Francia
A guidare le proteste in Iran 2005 e nel 2009 non tanto per i brogli, de centro urbano, mentre quelli delle ulti-
sono persone che sofrono per quanto per la sua capacità di mobilitare i me settimane hanno toccato un gran nu-
“diseredati”, invisibili ai riformisti presi mero di cittadine in cui si è protestato
l’aumento del costo della vita dalla loro sete di libertà politica. contro l’aumento del costo della vita e un
e per la corruzione di un potere corrotto.
regime sempre più chiuso Piedi scalzi È la rivolta di “chi ha i piedi scalzi” più
in se stesso le manifestazioni delle ultime settimane che delle classi medie: testimonia la mise-
hanno caratteristiche nuove. si tratta in- ria e l’abbassamento della qualità della vita
nanzitutto di una “rivolta per il pane” (in in una società in cui le rendite petrolifere
cco il paradosso dell’Iran: pro- realtà per le uova, il cui prezzo è raddop- arricchiscono le élite attraverso la corru-

E prio quando gli osservatori oc-


cidentali constatano con un
po’ di fastidio e di stupore i
successi della sua politica este-
ra (in siria, in libano, nello yemen, in
Iraq), sul fronte interno esplode la conte-
stazione. Il periodo di turbolenze che il
piato dopo l’abolizione dei sussidi). la di-
mensione economica è molto importante,
mentre la rivendicazione politica è deter-
minata dalla richiesta di giustizia sociale.
si chiede la ine del regime non tanto a fa-
vore della democrazia, ma perché non si
nutre più alcuna speranza che la teocrazia
zione.
È un movimento senza leader, quindi
ancora più diicile da contenere e reprime-
re. A diferenza del 2009, quando a guidare
le contestazioni erano i candidati alle pre-
sidenziali Mir Hossein Mousavi e Mehdi
Karroubi, alla testa dell’ondata di proteste
paese sta attraversando, cominciato con le possa soddisfare i bisogni delle categorie oggi non c’è nessuno.
proteste del 28 dicembre 2017 nella città di più fragili. Inine, il movimento paradossalmente
Mashhad, è di natura molto diversa rispet- si tratta poi di una rivolta che ha inte- è nato sotto la spinta dell’ala dura del regi-
to al passato. ressato quasi contemporaneamente le me, legata all’ayatollah Ahmad Alamolho-
le proteste dopo le elezioni presiden- grandi città (Mashhad, nel nordest da, l’imam che guida la preghiera del ve-
ziali del giugno del 2009 (vinte da Mah- dell’Iran, dove è partito il movimento, te- nerdì a Mashhad, nominato dalla guida
moud Ahmadinejad e fortemente conte- heran ed esfahan) e quelle medie e piccole suprema e a capo del gruppo di pressione
state da un’ampia fetta di popolazione che (Abhar, dorud, Khorramabad, Arak). I mo- informale Ammariyoun. Per questa fazio-
le riteneva irregolari), le manifestazioni vimenti di protesta precedenti coinvolge- ne duecento donne in chador hanno mani-
degli studenti nel 1999 (stroncate dal regi- vano soprattutto la capitale e qualche gran- festato contro l’aumento del costo della
me senza che il presidente riformista Mo- vita.
hammad Khatami, eletto nel 1997, inter- In poco tempo molte persone si sono
venisse in loro difesa) o le proteste operaie
degli ultimi anni (nell’azienda dei traspor-
Da sapere unite alle proteste. Hanno scandito slogan
contro il presidente Rohani, poi hanno co-
ti di teheran, negli zuccheriici o nelle fab-
l’efetto delle sanzioni minciato a scagliarsi contro il regime, la
briche di automobili) interessavano ambi- Andamento dell’economia iraniana, variazione guida suprema e l’invio di aiuti all’estero
ti ristretti e non mobilitavano la società nel del pil, %. Fonte: Bbc, Banca centrale iraniana (alla siria, al libano e ad Hamas), sottoli-
suo insieme. soprattutto, non contestava- Fine delle sanzioni dopo neando come gli iraniani siano ridotti in
no apertamente il regime. l’accordo sul nucleare miseria e insistendo sul fatto che il bilancio
le proteste scoppiate dal 1997 in poi dello stato destinato agli altri paesi dovreb-
Sanzioni internazionali contro l’Iran
15
erano portate avanti soprattutto dalle nuo- be invece essere usato per alleviare i pro-
ve classi medie, in particolare dagli stu- 12 blemi degli iraniani più deboli. un movi-
denti, che chiedevano un sistema politico 9
mento creato da una delle fazioni più ol-
più democratico. Anche le elezioni presi- tranziste per mettere in diicoltà il presi-
6
denziali sono diventate ormai una sida tra dente si è trasformato in una rivolta condi-
i riformisti e i sostenitori duri e puri della 3 visa a causa della situazione materiale, ma
teocrazia (i “principalisti”): nel 1997 e nel 0
anche emotiva, della società iraniana.
2001, quando fu eletto Khatami, nel 2005 Alla base della rapida diffusione del
-3
con Ahmadinejad e nel 2013 con Rohani. movimento c’è la delegittimazione del re-
Alla base di questi movimenti c’erano mo- -6 gime, dovuta alla sua corruzione e alla sua
tivazioni di natura politica, più che econo- -9
gestione arbitraria dell’accesso a internet.
mica. Ahmadinejad vinse le elezioni nel 2006 2008 2010 2012 2014 2016 un fattore a cui si aggiungono la negligen-

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 49


Iran
za, l’impunità e la venalità dei leader poli-
tici, e sullo sfondo il costo della vita sempre
Da sapere de. si riiuta di mettere in discussione la
sua struttura teocratica, offrendo come
più alto e le promesse di sviluppo economi-
Famiglie più povere unica alternativa la repressione.
co non mantenute. Fino al 2009 la corru- Reddito disponibile delle famiglie, corretto in se dovesse estendersi, la crisi rischie-
zione era un problema che riguardava al- base al potere d’acquisto, migliaia di dollari rebbe di travolgere il potere con conse-
statunitensi. Fonte: Bbc, Banca centrale iraniana
cuni settori, non la classe dirigente nel suo guenze imprevedibili. e anche se fosse
complesso. Oggi interessa l’intero appara- domata, il regime ne uscirebbe indenne
15
to statale e i funzionari corrotti si giocano solo per un periodo limitato, poiché le ra-
le loro carte in un paese in cui non è più gioni della rivolta resterebbero intatte: un
14
possibile vivere in modo dignitoso con un sistema economico bloccato da uno stato
salario o perino con due, e in cui le tangen- profondamente corrotto e sempre più ini-
ti sono necessarie alla sopravvivenza. 13 quo; i riformisti ridotti al ruolo di compar-
se, senza la possibilità di esercitare alcun
Diversi attori 12 potere politico; e soprattutto la perdita di
l’apparato di potere non è più considerato credibilità del potere teocratico. Il regime
legittimo neanche dai diseredati, che nel 11 si è rivelato irriformabile, la guida suprema
2009 l’avevano sostenuto in massa contro ha imbrigliato l’opposizione riformista
le classi medie, allettati dalle promesse po- 10
rendendola sempre più insigniicante.
puliste di Ahmadinejad. le classi medie 2005 2008 2011 2014 2016 sia nel caso in cui dovesse ottenere il
non sono riuscite a mobilitare i più deboli suo scopo, cioè rovesciare il potere, sia in
per spingere in direzione di una riforma Il terzo polo del potere, il più importan- caso di fallimento, il movimento comin-
del sistema, che si è prodotta sul fronte te, è la guida suprema e il suo apparato di ciato il 28 dicembre è un segnale d’allarme
culturale ma non su quello politico. la cul- stato parallelo, il suo makhzen. Questo ap- per un regime che è in totale dissonanza
tura dominante in Iran è a favore dell’aper- parato domina le fondazioni rivoluzionarie con l’evoluzione della società iraniana.
tura del sistema politico e della messa in (che gestiscono in modo arbitrario somme Mentre la popolazione chiede giustizia
discussione dei princìpi “islamici”, come enormi) e la fondazione religiosa Astan-e economica, il potere conserva una struttu-
l’esclusione delle donne e il puritanesimo Qods a Mashhad. controlla le forze armate ra clientelare e nepotista che rende le disu-
di facciata delle istituzioni. Il potere teo- e, con un sistema molto comples- guaglianze ancora più intollera-
cratico però non se ne preoccupa. so, esercita la sua egemonia sul bili. Mentre le donne e gli uomini
nel sistema di potere attuale si muovo- sistema giudiziario. l’ayatollah della nuova generazione chiedo-
no almeno tre tipi di attori, screditati in Khamenei ha saputo sopravvive- no la parità di genere, il regime
modo diverso. re a diverse crisi dalla sua nomina continua a comportarsi in modo
ci sono i guardiani della rivoluzione, come guida suprema dopo la patriarcale. Mentre la società
l’esercito dei pasdaran, che ormai costitui- morte dell’ayatollah Khomeini, nel 1989. si vuole riconciliarsi con il mondo e in parti-
scono un mastodonte economico che as- ritiene sia malato, ma è riuscito a mantene- colare con l’occidente, il potere persegue
sorbe una parte rilevante (forse tra il 30 e il re il suo potere attraverso una distribuzione una politica che suscita diffidenza negli
40 per cento) dell’economia iraniana, se si ponderata degli incarichi all’interno dei stati occidentali.
tiene conto delle ramiicazioni inanziarie. guardiani della rivoluzione e negli apparati l’impasse è totale e il regime scommet-
Il settore privato, esangue, non è nella po- di sicurezza del regime. te sulla debolezza della società iraniana e
sizione di fargli concorrenza, dato che que- I riformisti non hanno un capo carisma- sull’assenza di igure che possano guidare il
sto corpo militare controlla porti privati tico da quando Mousavi e Karroubi sono movimento di protesta molto più che sulla
(dove non si rispettano le leggi nazionali stati messi agli arresti domiciliari. Rohani propria capacità di adattarsi alla nuova si-
sulle importazioni), ha autorità a livello garantisce la guida formale, mentre la lea- tuazione. stiamo andando verso la fine
locale e impunità. Ma paradossalmente, i dership morale spetta a Khatami, l’ex pre- dell’opposizione tra riformisti e conserva-
guardiani della rivoluzione sono l’istitu- sidente ritenuto “debole” e poco adatto ad tori, investiti dalla stessa ondata di discre-
zione meno screditata all’interno dello afrontare i sostenitori più oltranzisti del dito in una struttura di potere che ha annul-
stato teocratico: hanno garantito l’integri- regime. durante le proteste delle scorse lato i margini di manovra dei primi lascian-
tà territoriale e hanno conferito un senso settimane il ruolo di Rohani è stato ambi- do mano libera all’arbitrio dei secondi.
di supremazia regionale all’Iran. si denun- valente: ha rivendicato la libertà di mani- Questo giano bifronte che ha moltiplicato i
ciano spesso i loro privilegi esorbitanti, ma festare ma ha respinto la violenza, che ha successi nella regione è un gigante dai piedi
non sono percepiti come inutili o nocivi. si attribuito ai manifestanti, mentre in realtà di argilla, che crollerà da solo, o per mano
rimproverano i favoritismi che fanno, ma è stata generata dai poliziotti del regime. Il dei guardiani della rivoluzione quando ver-
non si nega del tutto la loro legittimità. suo atteggiamento somiglia a quello tenu- rà a mancare la guida suprema. u gim
Poi c’è il sistema giudiziario, che sfugge to da Khatami all’epoca della repressione
al controllo del governo. Quest’autonomia del movimento studentesco. I conservato- L’autore
non è garanzia di democrazia, ma la conse- ri, dal canto loro, denunciano il complotto
Farhad Khosrokhavar è un sociologo
guenza di un sistema oligarchico legato al straniero e si riiutano di ascoltare le riven- franco-iraniano. docente presso l’École des
potere religioso che agisce contro il gover- dicazioni popolari. hautes études en sciences sociales di Parigi,
no e che, a causa della corruzione, destabi- Il regime ha mostrato i suoi limiti in di- si occupa di mondo arabo,
lizza tutta la macchina della giustizia e verse occasioni: nel 1999, nel 2005 e so- fondamentalismo islamico e movimenti
impedisce l’attuazione delle riforme. prattutto nel 2009, con il movimento ver- sociali in Iran.

50 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Russia

Le donne
senza voce
Ekaterina Drankina e Diana Karliner, Kommersant, Russia
Foto di Mary Gelman
In Russia il fenomeno della violenza domestica ha dimensioni allarmanti. E
parlarne non è facile: la convinzione che certi problemi debbano essere risolti in
famiglia è ancora difusa e spesso chi denuncia gli abusi inisce sul banco degli
imputati. Ma grazie al coraggio di alcune donne qualcosa sta cambiando
l rifugio lo hanno costruito unendo perino armati. Le donne che vivono così di nome Inna, appena arrivata insieme alla

I i loro sforzi per alcuni mesi. Ne è


venuta fuori una casetta molto ac-
cogliente a due piani, che può ospi-
tare ino a venti persone. D’inverno
è abbastanza fredda (i sussidi non
sono bastati per costruire una caldaia a gas,
c’è solo una stufa a legna), ma per chi arriva
qui è un dettaglio irrilevante.
Quattro anni fa Marina Piskalova-Par-
non sempre si comportano in modo razio-
nale. Spesso, per esempio, non spengono il
cellulare quando entrano nel centro, come
invece gli consigliano di fare gli operatori:
“Solo un attimo”, dicono, “il tempo di una
telefonata a un’amica”. Ma basta un mes-
saggio in chat per essere rintracciate. Alcu-
ne di loro lavorano fuori dal centro e posso-
no essere seguite mentre vanno o tornano
iglia. Inna era stata picchiata e la iglia era
in depressione. Un’ora dopo il loro arrivo si
è presentato il marito, che aveva saputo l’in-
dirizzo dall’uicio dei servizi sociali: non
sia mai che a un uomo con già un paio di
condanne alle spalle venga vietato di met-
tersi in contatto con la iglia!
L’uomo ha insultato le donne, chiaman-
dole puttane e paragonando Nataša alla
ker, fondatrice del Centro Anna, un’ong che dal posto di lavoro. A volte sono pedinate padrona di un bordello. Loro hanno cercato
si occupa delle vittime di violenza domesti- anche quando tornano dal tribunale o di resistere, e quando sono arrivati i vicini
ca, ha visitato l’abate del monastero e gli ha dall’ospedale. Quando poi hanno un iglio l’uomo era già riuscito a trascinare Inna
parlato a lungo delle donne che vengono che va a scuola, sono ancora più rintraccia- nella sua auto tirandola per i capelli. Alla i-
picchiate, violentate o uccise in famiglia, bili. Se il loro rifugio viene scoperto, le ra- ne sono riusciti a salvarla e l’hanno trasferi-
spiegandogli che spesso non hanno un po- gazze vengono portate altrove, in posti più ta in un altro centro. Ma non tutte le storie
sto dove nascondersi. Così si è deciso di sicuri. Ma bisogna sempre stare all’erta. hanno un lieto ine. Due anni fa i familiari di
creare il rifugio sul terreno del monastero. una ragazza del Caucaso l’hanno seguita
Nataša lavora da due anni come ammi- Una guerra quotidiana ino al rifugio e l’hanno minacciata. L’ag-
nistratrice del centro. Ha divorziato dal ma- “È lui il nostro principale protettore”, dice gressione è stata evitata, ma la ragazza è
rito alcuni anni fa. Nella sua famiglia non Nataša facendo un cenno verso l’icona scappata. Nataša ha cercato di rintracciarla,
c’erano violenze, se non di tipo psicologico: dell’arcangelo Michele in un angolo della ma senza successo.
il marito era un imprenditore ossessionato stanza. “Ma ci sono altre persone che ci aiu- Anche all’interno del centro a volte
dal denaro e pretendeva che anche la mo- tano, altrimenti qui non riusciremmo a so-
glie non avesse altri interessi. Ma Nataša pravvivere. A volte ci sono delle risse tre- Le foto dell’articolo sono tratte dal
voleva una vita diversa. E quando i igli so- mende”. Il rifugio può contare sul sostegno progetto You are mine (Sei mia) della
no cresciuti se n’è andata senza portarsi dell’azienda di telefonia Rostelekom, in ve- fotografa e sociologa russa Mary Gel-
dietro nulla. Si è messa a lavorare per un’or- ste di sponsor, dei monaci e di alcuni volon- man, che racconta storie di donne vit-
ganizzazione di beneicenza e dopo un po’ tari locali. “In questa zona ci sono persone time della violenza dei loro compa-
ha cominciato a occuparsi di rifugi per don- serie e buone, sono nostri amici”, dice gni. Nella pagina accanto: Sasha, 20
ne maltrattate, un’attività che le ha compli- Nataša sorridendo. “Qui non ci sono stazio- anni, di San Pietroburgo, è stata ripe-
cato non poco le giornate. ni di polizia, ma gli amici sono a due passi. tutamente picchiata e maltrattata
La vita nel centro somiglia a una guerra. Se succede qualcosa gli telefoniamo”. dalla partner, una donna transgen-
Ogni donna che si nasconde è braccata da L’ultima volta che hanno dovuto fare der che stava diventando uomo e che
qualcuno, spesso da uomini aggressivi o una di queste telefonate è stato quando al per afermare la propria mascolinità
ubriachi, che in alcuni casi possono essere centro si è presentato il marito di una donna usava la forza.

52 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


scoppiano risse. Un mese fa Nataša è stata dente vita agiata e tranquilla. Ma è così. E che è la conseguenza dei traumi che ha su-
costretta a nascondersi per sfuggire a due ogni giorno afronta una nuova storia dolo- bìto. In efetti una volta mio marito si è pre-
ospiti aggressive che avevano deciso di vio- rosa. “Venga, le faccio conoscere Marina”, sentato a casa con un sacco, dicendo che
lare il divieto di bere alcol e si erano ubria- mi dice accompagnandomi da una donna era per noi. Nei dieci anni che siamo stati
cate con la vodka. “In generale, le donne minuta e magra. Dietro di lei arriva una insieme non è passato neanche un giorno
che escono da anni di violenze raramente bambina di cinque anni dall’aria svelta che, senza botte. Ci portava fuori città, in un vil-
sono degli agnellini. Non c’è da stupirsi. Di interrompendo la madre, mi racconta la lo- laggio sperduto. Anche sua sorella mi pic-
recente abbiamo ospitato una mamma con ro storia: “Lui ha portato un grande sacco, chiava. Poi su internet abbiamo scoperto
tre igli: dormivano tutti seduti sul divano, mooolto grande! Ci ha uccise, ci ha messe che c’erano delle persone che potevano aiu-
appoggiati l’uno all’altra. Erano abituati co- dentro e ci ha portate via. Ed è stata la ine!”. tarci. Siamo scappate e ci hanno portato
sì da anni, sempre pronti a fuggire. Tra loro La bambina morde allegramente una mela qui”. Marina aferra le mani di Nataša e an-
si trattavano malissimo, volavano conti- e mi osserva mentre cerco di digerire quello che la bambina corre ad abbracciarla. “Qui
nuamente schiai. Ci sono voluti mesi pri- che ho sentito. “Per lei è sempre così”, sus- ci aiutano. Ma siamo ancora terrorizzate.
ma che si calmassero un po’”. surra la madre. “Come se tutto fosse già Lui ha giurato che ci troverà”. Nataša mi
È diicile capire perché Nataša preferi- successo, come se le minacce del padre si parla ancora a lungo della situazione di Ma-
sca questa guerra continua alla sua prece- fossero realizzate. Qui mi hanno spiegato rina. Sta cercando di capire come aiutarla.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 53


Russia
Potrebbe mandarla da alcuni parenti mie ossa”. Nel 2016, quando hanno invitato 44 per cento dei russi è convinto che le
all’estero, ma per far espatriare la bambina Ekaterina a partecipare al progetto, gli ide- donne vittime di violenze in fondo siano le
ci vuole l’autorizzazione del padre. E divor- atori di Nimb, Leonid Bereščanskij e Nikita vere responsabili di quello che gli è succes-
ziare in contumacia non è possibile... Maršanskij, avevano già deciso che gli svi- so. La stessa percentuale ritiene che le de-
“E la polizia?”, chiedo io. “In fondo Ma- luppatori avrebbero lavorato in Russia, ma nunce pubbliche di episodi di violenza vio-
rina ha presentato una denuncia”. che la società sarebbe stata registrata negli lino i valori tradizionali come la fedeltà e
“La polizia? Figurarsi!”, ride Nataša. Stati Uniti, per attirare investimenti e acce- l’amore. Posizioni simili sono sostenute
“Ecco, guardi cosa abbiamo ricevuto dalla dere più facilmente ai mercati internazio- anche dalla chiesa ortodossa. Di recente,
polizia”, mi dice passandomi un foglio su nali. In quella fase tutti pensavano che i su uno dei principali canali tv nazionali, un
cui è scritto che, in seguito all’esposto della principali mercati sarebbero stati quelli dei rappresentante uiciale della chiesa ha in-
cittadina Marina eccetera riguardo alle per- paesi con i più alti tassi di violenze sulle vitato le donne che hanno subìto violenze a
cosse subite, è stato efettuato un colloquio donne: oltre alla Russia, diversi stati non parlarne troppo “per non difondere il
educativo con il marito. Tutto qui. dell’Asia e dell’America Latina. peccato”.
“Ecco come funziona la lotta contro le “La Russia e l’America Latina sono mol- Lo spettacolo Abuse, nato dalla collabo-
violenze di cui le autorità si vantano tanto”, to diverse per quanto riguarda la razione tra la drammaturga Na-
continua Nataša. “Una volta è arrivata da violenza di genere”, spiega Katja. talja Zajtseva e il regista Ivan
noi una donna con tre igli. Il padre non ave- “In Russia gli autori delle violen- Komarov, è una specie di Edipo
va issa dimora e la picchiava regolarmente. ze sono quasi sempre persone re al contrario, ambientato ai no-
Così lei si è rivolta alla polizia, che ha con- conosciute, parenti, mentre in stri giorni. Il personaggio princi-
dotto un’indagine amministrativa e ha America Latina le violenze spes- pale, una donna di 28 anni sepa-
emesso una multa, ma intestandola a lei e so nascono da episodi di criminalità di stra- rata dal marito, si rende conto di essere
inviandola al suo indirizzo. Allora è tornata da. Ma le dimensioni del fenomeno sono stata violentata dal padre quando era bam-
dalla polizia: ‘Prima mi picchiano, e poi ri- enormi in entrambi i casi”. Da questi paesi bina. È passato tanto tempo che la donna
cevo anche una multa? Com’è possibile?’. sono già arrivati molti ordini, ma l’80 per non ricorda quasi più niente della violenza,
Gli agenti le hanno risposto che non poteva- cento degli anelli prenotati inirà negli Stati se non le felci raigurate sulla tappezzeria
no inviarla al marito perché non aveva un Uniti, e non solo perché rappresentano un su cui issò lo sguardo durante lo stupro.
indirizzo”. mercato più ricco: “In America sono in cor- Non ci sono più prove che la violenza sia
so sviluppi molto interessanti per quanto avvenuta.
L’anello magico riguarda la sicurezza delle donne”. Lo stile del dramma non è certo quello
Ekaterina Romanovskaja vive negli Stati del teatro documentario: la storia è inventa-
Uniti da poco più di anno. È la comproprie- La verità va in scena ta, ma è comunque basata sui racconti delle
taria e il volto pubblico di un’azienda cali- Lo prima di Abuse è andata in scena a no- donne che hanno subìto violenza.
forniana che produce il Nimb, un anello vembre al Centro teatrale Mejerchold di Natalja Zajtseva, che in passato ha fatto
dotato di un pulsante d’allarme collegato Mosca. Nella locandina lo spettacolo è de- la giornalista, ha lavorato rigorosamente
attraverso il bluetooth a un’app del telefoni- scritto come un “thriller onirico”, ma in re- per raccogliere gli elementi fattuali, parte-
no. In caso di pericolo la persona che indos- altà le vicende che racconta immergono lo cipando anche a un gruppo di psicoterapia.
sa l’anello può premere il pulsante senza spettatore in un angosciante incubo. È Ed è rimasta stupita dalla diversità delle si-
farsi vedere. In questo modo l’app invia un un’esperienza non facile da vivere, molto tuazioni e dei problemi emersi, che hanno
segnale d’allarme a un destinatario stabilito profonda. Nella società russa è raro che ci riportato alla supericie traumi infantili le-
dall’utente: la polizia, un amico, i familiari, sia l’occasione per rilettere collettivamen- gati a violenze sessuali o isiche da parte di
un servizio di sicurezza privata. te sulla violenza domestica. un familiare: il padre o lo zio, il fratello mag-
Il primo lotto di diecimila anelli è già I dati, invece, sono allarmanti: secondo giore o il nonno, perino la madre. Tutte
stato prodotto in Cina e presto cominceran- l’istituto nazionale di statistica (Vtsiom), il queste storie hanno un comun denomina-
no le consegne. Molti dei clienti hanno an- tore: non ci sono prove da portare in tribu-
che investito nel progetto, che finora ha nale. Solo sulla base dei sintomi e dei ricordi
raccolto più di 200mila dollari. Dietro al Da sapere lo psicoterapeuta può capire se una donna
successo dell’anello c’è un’eicace campa- ha vissuto una violenza durante l’infanzia.
gna pubblicitaria e in particolare un post di
Reati e illeciti “Io chiedevo: ‘Sei convinta al 100 per
Ekaterina su Facebook. “I am a crime survi- u Secondo i dati del ministero dell’interno di cento che sia successo davvero? Oppure è
vor, not a crime victim” (sono una soprav- Mosca, ogni anno in Russia circa 40mila una realtà che esiste solo nel gruppo di psi-
vissuta, non una vittima), così comincia il persone sono vittime di violenze domestiche e coterapia?’”, racconta Natalja Zajtseva. Il
racconto della violenza subita quando ave- 12mila donne muoiono per le conseguenze problema è che il trauma spesso crea un ef-
va 17 anni nella città di Volgograd, in Rus- delle percosse. Le cifre reali delle violenze fetto di dissociazione: il bambino sofoca i
sia: “In occasione del nostro secondo in- potrebbero però essere molto più alte, ricordi per riuscire a sopravvivere. E nel pe-
considerato che in molti casi non viene sporta
contro questo ingegnoso ragazzo ha deciso riodo preverbale non ha alcun ricordo coe-
denuncia. Il 97 per cento delle denunce non
di saltare tutte le cerimonie, si è procurato rente. “Una donna mi ha raccontato che,
arriva davanti al giudice.
un coltello e mi ha tagliato la gola”, conti- u Il 7 febbraio 2017 il presidente Vladimir Putin
sulla base di quanto aveva scoperto grazie
nua Ekaterina. “Gli sarebbe piaciuto termi- ha promulgato una legge che declassa da reati a alla psicoterapia, aveva deciso di rompere
nare la nostra conoscenza facendo penetra- illeciti amministrativi le violenze domestiche ogni rapporto con la famiglia. Per lei la vio-
re la lama nel cuore, ma i suoi tentativi sono che non producono ferite o danni isici. lenza era diventata reale, e questo le rende-
stati frustrati dalle mie costole e dalle altre The Moscow Times, Ria Novosti va più facile afrontare la vita”.

54 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Anna , 18 anni, di Mosca: “Lui mi col- tacolo fa leva su alcuni impulsi primitivi l’avvocato mi ha raccontato che nel 2016 ha
piva in faccia, mi spegneva le sigaret- presenti nel pubblico. “È una situazione seguito due processi in cui la famiglia della
te addosso, mi stuprava sadicamente, molto simile alla vita reale. Mostrando il vittima ha testimoniato a favore del mari-
lasciandomi lividi sul collo e sui polsi. violentatore e la sua vittima, è come se di- to”, racconta Zajtseva.
E mi controllava: leggeva i miei mes- cessimo allo spettatore: ‘Vedi, non hai alcu- “Una donna che è stata vittima di vio-
saggi e le mie email. E voleva sempre na simpatia per la donna. E questo fatto co- lenza è avvilita, piena di rancore, di paura.
sapere dove fossi”. sa ci dice di te?’”, spiega Zajtseva. A volte viene considerata pazza. E quando
Al centro del conlitto c’è la iglia della punta il dito contro il suo violentatore, spes-
Lungo l’intera durata dello spettacolo la protagonista, che ha quattro anni e rischia so la gente si schiera con l’uomo, che è la
protagonista dubita di essere stata vittima di ritrovarsi a crescere nella famiglia di un parte più forte, che ha il potere. Dylan Far-
di abusi sessuali. Anche lo spettatore ini- molestatore, ripetendo così il destino della row ha detto di ricordare con precisione
zialmente non capisce: Marina ha subìto madre. In Russia storie di questo tipo sono quando, all’età di sette anni, fu violentata
davvero violenza o è suo padre a essere vit- comuni: in fondo, per gran parte della so- dal padre adottivo Woody Allen nella soit-
tima di un’accusa ingiusta? Il dubbio è ali- cietà, una donna che denuncia una violenza ta di casa. Eppure tutti continuano a strin-
mentato dall’uomo, che prende in giro la non fa che rovinare la vita di un uomo con gere la mano al regista, a recitare nei suoi
ragazza e la umilia. In questo modo lo spet- una buona reputazione. “Un amico che fa ilm, a comprare i suoi dvd, a dire che Man-

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 55


Russia
hattan è il loro ilm preferito. Chi ha smesso Secondo i dati del ministero dell’interno lunga maggiore. Certi vecchi luoghi comu-
di essere un fan di Kevin Spacey dopo le ac- russo circa il 40 per cento dei casi di violen- ni – “se l’è cercata”, “se la picchia vuol dire
cuse di molestie nei suoi confronti? È una za grave si consuma in famiglia. Ma stabilir- che la ama” – hanno ancora la meglio sul
vergogna che si parli tanto del talento di chi ne con esattezza il numero è impossibile. diritto delle donne alla sicurezza e sulla li-
si è reso colpevole di abusi, mentre non si sa Le vittime di violenza domestica nella bertà di disporre liberamente del proprio
nulla del talento delle sue vittime per il maggior parte dei casi presentano un espo- corpo. E tutto questo ovviamente incide
semplice fatto che gli è stato impedito di sto alla polizia per poi ritirare le accuse nel sulle statistiche. Secondo Marianna Mura-
farlo emergere”, dice Zajtseva, che per anni giro di ventiquattr’ore. Alcune non prendo- vëva, che insegna storia e teoria del diritto
ha fatto parte di un gruppo di artisti impe- no nemmeno in considerazione la possibi- all’università Nru Hse, negli ultimi vent’an-
gnato contro la violenza e il sessismo. Con lità di denunciare il marito, ritenendola una ni in Russia l’atteggiamento nei confronti
Abuse ha cercato di illustrare come funzio- cosa umiliante e inutile. della violenza non è cambiato, ma è aumen-
nano i meccanismi della violenza e della Nell’indagine “La violenza contro le tato il numero delle persone che ammetto-
manipolazione, mostrando quanto sia dii- donne nelle famiglie russe”, le sociologhe no di esserne state vittime e ne parlano pub-
cile per una donna superare certi traumi Irina Gorškova e Irina Šurygina hanno rile- blicamente. “L’opinione pubblica ha reagi-
dell’infanzia legati alla igura paterna. vato che il 6 per cento delle donne russe è to alle denunce di abusi sessuali e molestie
“Ho scelto di parlare di violenza perché stato violentato dal coniuge e il 41 per cento che si sono moltiplicate su internet con
è un tema che fa vedere quanto possano es- è stato picchiato almeno una volta. Nono- un’ondata di commenti sessisti e misogini,
sere ingannevoli i rapporti tra i bambini e che davano la colpa alle vittime, accusan-
gli adulti. Quando ti picchiano senti dolore Nessun tipo di dole di mentire. Sono atteggiamenti che
e sai con esattezza cosa stai vivendo. Ma un esistono dai tempi dell’Unione Sovietica”,
bambino che subisce abusi sessuali resta comportamento può aferma Muravëva, che dagli anni novanta
confuso. Dalle interviste con le persone che essere usato per studia il problema delle disuguaglianze di
da bambine sono state vittime di violenza genere. Grazie alla sua esperienza ha impa-
emerge il forte desiderio che avevano di es- giustiicare la violenza rato che, per aiutare in modo efficace le
sere amate, mentre dietro la maschera donne in tribunale, è necessario capire co-
dell’amore, del padre o della madre, si na- stante la garanzia dell’anonimato, alcune me ragionano i giudici che si occupano dei
scondevano il tradimento e lo sfruttamen- delle intervistate non hanno voluto rispon- singoli casi. “Come in tutti i paesi dove la
to. Voglio che lo spettatore, se si identiica dere a tutte le domande per il timore di ri- violenza è difusa, in Russia l’uguaglianza
nelle situazioni descritte, abbia la sensazio- torsioni. La percentuale più bassa di violen- di genere non esiste. Chi si deinisce fem-
ne che lo stiamo prendendo per mano e gli ze si registra a Mosca, mentre la più elevata minista deve occuparsi del problema della
stiamo dicendo: ‘Siamo dalla tua parte, sap- nelle famiglie a basso reddito delle zone ru- violenza contro le donne”, dice Muravëva.
piamo che è diicilissimo. Sì, è un proble- rali, dove le donne hanno spesso un livello A diferenza che in molti altri paesi, in
ma, è una cosa terribile. Ma non sei sola, d’istruzione più alto del marito. Russia non esistono statistiche basate su
non sei solo’”. “Nella società russa la violenza è uno criteri di genere (diferenze di salario, altri
strumento usato nelle situazioni tipi di disuguaglianze, violenze
Un semplice strumento più diverse. Come educare i igli domestiche, psicologiche). Per
Nižnij Tagil, nella regione degli Urali. Un senza prenderli a schiai? Come questo è diicile fare confronti.
uomo e una ragazza stanno bevendo qual- costringere un malato a prendere Le leggi nazionali, per esempio,
cosa. L’uomo comincia a fare delle avance una medicina senza urla o minac- non puniscono l’esibizionismo o
e, quando riceve un riiuto, picchia la ragaz- ce? Se una donna si comporta in le molestie. In Germania, invece,
za e cerca di sofocarla. Nel tentativo di di- modo ‘sbagliato’ è giusto gridare per co- si può essere condannati a due anni di pri-
fendersi, lei aferra un coltello e colpisce stringerla a obbedire? È una cultura che gione per aver cercato di “toccare” una
l’uomo. La lama afonda nel cuore, l’uomo permea tutti gli aspetti della vita, a ogni li- donna senza il suo consenso.
muore e la ragazza, che ha 25 anni, è con- vello”, sostiene la professoressa Elena Secondo Muravëva il peggioramento
dannata a sei anni di prigione. Zdravomyslova, coordinatrice del pro- della situazione potrebbe essere legato ai
Bijsk, nella regione dei monti Altaj. Un gramma di studi di genere all’Università discorsi che legittimano la violenza: “La di-
gruppo di ragazze e ragazzi sta bevendo bir- europea di San Pietroburgo. “È diicile op- scriminazione, il patriarcato, il sessismo, il
ra per strada. Una ragazza si sente male, la porsi alla violenza anche perché c’è la con- mancato rispetto della dignità della perso-
portano in una stanza d’albergo. Dopo un vinzione che la violenza serva a fare cose na, le dichiarazioni uiciali sul diritto dei
po’ un ragazzo la raggiunge. Cerca di vio- giuste. ‘Senza usare la violenza non si ottie- padri e dei mariti a usare le maniere forti:
lentarla e lei lo colpisce con un coltello. Il ne giustizia’: è un idea difusa, promossa sono tutti elementi che favoriscono il clima
ragazzo muore il giorno dopo e la ragazza, anche dai mezzi d’informazione. Lo stato di violenza. I fattori socioeconomici, come
che ha 20 anni ed è campionessa russa di stesso mette in atto il suo diritto all’uso del- la povertà e l’abuso di alcool, sono solo dei
powerlifting (uno sport simile al solleva- la forza anche senza essere in grado di con- catalizzatori, non le cause principali dell’au-
mento pesi), viene condannata a sei anni. trollarne il monopolio”. mento della violenza contro le donne. Non
Mosca. Un tossicodipendente picchia Secondo le statistiche, nel 2016 in Rus- bisogna mai dimenticare che nessun com-
spesso la moglie di fronte ai igli. All’enne- sia sono stati registrati 3.900 reati che rien- portamento può essere usato per giustiica-
sima violenza, la donna lo colpisce con un trano nella categoria “stupro o tentato stu- re la violenza. Come si comporta una don-
coltello. L’uomo muore e la donna, madre pro”, ma solo in 2.500 casi si è arrivati a una na, come si veste, cosa dice, chi frequenta:
di due bambini, è condannata a quattro an- condanna. Secondo i dati delle ong, tutta- nulla di tutto questo può essere una scusa
ni di prigione. via, il numero reale delle vittime è di gran per esercitare violenza”. u af

56 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Corea del Sud
Seoul, 2016

La repubblica
degli appartamenti
Ben Jackson, Korea Exposé, Corea del Sud. Foto di Carlos Hernandez Calvo
Demoliti e ricostruiti, i quartieri di Seoul cambiano di continuo. C’è chi al posto
dei palazzoni residenziali vorrebbe le case tradizionali. Ma cosa è più autentico?

58 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


taewon è considerato il quartiere National hanok center, in Corea del Sud

I “straniero” di Seoul. Conina con


la base militare statunitense di
Yongsan, e per anni è stato al ser-
vizio dei bisogni e dei desideri del
personale militare, guadagnan-
dosi la reputazione di quartiere malfamato
e squallido. Fino a pochi anni fa i sudcore-
ani se ne tenevano alla larga, ma oggi è di-
ventato il quartiere preferito dagli stranie-
vengono costruite solo 1.500 nuove hanok
all’anno contro i 270mila nuovi apparta-
menti messi in vendita ogni anno dal 2000
al 2014. Oggi in Corea del Sud esistono più
di dieci milioni di appartamenti e solo
70mila hanok (secondo una stima del
2014).
Tra l’idea di autenticità delle hanok e la
disprezzata anonimità dei nuovi complessi
ri e attira folle di giovani sudcoreani grazie residenziali, ci sono i quartieri come Ita-
ai suoi ristoranti internazionali e alla sua ewon, che risalgono alla seconda metà del
vita notturna. novecento, un periodo di crescita econo-
Gran parte del quartiere sarà coinvolto Nel libro The image, lo storico Daniel J. mica durante il quale la popolazione di
in un ambizioso progetto di riqualiicazio- Boorstin ha scritto: “Al turista interessa Seoul è esplosa. L’industrializzazione por-
ne urbana chiamato Hannam new town raramente il prodotto autentico di una cul- tò all’urbanizzazione e alla proliferazione
district 3, che prevede la demolizione tura straniera. Il turista statunitense in di quartieri tirati su frettolosamente. Lo
dell’area di Bogwang-dong, una zona di Giappone non cerca ciò che è realmente stato cercò in tutti i modi di garantire le in-
Itaewon densamente popolata e caratte- giapponese, ma la ‘giapponeseria’”. frastrutture di base come le strade, la rete
rizzata da ediici bassi in mattoni rossi e elettrica e la raccolta dei riiuti. Tutte le ri-
strade strette che si estendono dalla mo- Alla ricerca della coreanità sorse furono spese nello sviluppo delle in-
schea centrale di Seoul al fiume Han. Il Si può dire che i complessi residenziali frastrutture per l’industria e l’esportazio-
quartiere, tradizionalmente considerato sempre più numerosi in Corea del Sud so- ne, e non rimase quasi niente per creare
povero, è conosciuto per i negozietti di ali- no indiscutibilmente coreani, autentici spazi pubblici come i parchi o per mante-
mentari, le macellerie e i mercati improv- prodotti della cultura coreana contempo- nere una certa distanza tra le abitazioni a
visati tipicamente coreani, che convivono ranea, ma agli occhi di molti non sono ab- completamento delle aree residenziali.
con ristoranti e negozi arabi e turchi e bou- bastanza “tipici”. Sono troppo distanti I grandi complessi abitativi ofrirono
tique hipster. dallo stile popolare: fatti di cemento, allu- una soluzione a questo “dilemma da paese
L’ormai prossima demolizione riporta a minio e vetro, non rappresentano l’atmo- in via di sviluppo”, dove una classe media
galla un vecchio dibattito: cosa perde e co- sfera o i costumi locali. Sembrano opere in espansione chiedeva condizioni di vita
sa guadagna una città continuando a rico- brutaliste ma senza fascino. Al contrario, a migliori rispetto a quelle che lo stato era in
struire se stessa? Bukchon e Seochon, due quartieri di Seoul grado di ofrire. “Gli appartamenti permet-
La riqualiicazione – spesso sinonimo di famosi per la grande quantità di hanok (ca- tono di creare ‘quartieri e case’ adeguati
costruzione di complessi residenziali più se tradizionali) ancora in piedi, si assiste al senza enormi investimenti urbanistici”,
appariscenti – è esplicitamente contestata successo commerciale della coreanità. scrive lo studioso Park In-seok nel suo li-
da molti sudcoreani e stranieri, e non solo Non è raro vedere coreani e turisti stranieri bro sulla “società coreana degli apparta-
a causa dei frequenti contenziosi tra ait- passeggiare indossando coloratissimi abiti menti”. “Inoltre, sono i compratori a paga-
tuari e proprietari terrieri. hanbok presi a noleggio, scattare selie e re le strutture. Il governo si fa carico solo
Parole come “scatola di iammiferi” e aggirarsi nei bei cafè e negozietti di souve- delle strade che portano all’ingresso dei
“senz’anima” sono usate ino alla nausea nir che hanno sostituito i negozi di ferra- complessi”.
da chi critica il paesaggio urbano di Seoul. menta, le cartolerie e le sartorie frequenta- Anche se gli stranieri interessati ai bei
Eppure i nuovi appartamenti sono sempre te dagli abitanti prima dell’invasione dei panorami e all’atmosfera li troveranno po-
più richiesti, con prezzi in continuo au- turisti. Come molte altre zone turistiche, co affascinanti, i complessi residenziali
mento e migliaia di nuovi alloggi venduti questi quartieri sono diventati caricature hanno oferto ai cittadini – almeno a quelli
ogni settimana. Forse chi li critica ha una dei quartieri “autentici” immaginati dagli che hanno potuto permetterselo – la possi-
visione troppo romantica dei vecchi quar- stranieri. bilità di comprare un appartamento in uno
tieri? I complessi residenziali sono ormai Il fenomeno non si limita a Seoul: più a spazio condiviso ma privato, con un am-
forme di architettura popolare: non an- ovest, la città di Jeonju attira orde di turisti biente migliore rispetto a quello esterno –
drebbero celebrati per questo? O forse grazie al suo Hanok village, dove si vendo- niente odori di fogna, parcheggio assicura-
l’“appartamentizzazione” della Corea del no souvenir e specialità culinarie assurde to, una via di fuga dal rumore e dalla con-
Sud sta privando il paese della sua “auten- come il gelato al formaggio grigliato o la fusione delle strade e un po’ più di spazio
tica coreanità”? È quasi inevitabile che i birra allo sciroppo di pompelmo. Quasi tra i palazzi. I complessi abitativi non sono
turisti stranieri o le persone che vivono in tutte le hanok sono state ristrutturate e mo- stati concepiti solo per pochi privilegiati
Corea del Sud per un periodo limitato non diicate, ma mantengono le loro peculiari- benestanti, ma hanno soddisfatto i bisogni
amino i complessi residenziali, soprattutto tà – come le tegole sui tetti e le strutture in della classe media, aiutandola a crescere.
se non ci abitano e li osservano solo legno – secondo l’immagine tradizionale. La ricercatrice francese Valérie Gelé-
dall’esterno. Visitare un paese straniero o Anche se sono spesso messe in contrap- zeau ha scritto un libro sulla cultura corea-
viverci implica spesso una ricerca ossessi- posizione ai nuovi complessi residenziali na degli spazi abitativi pubblicato in corea-
va dell’“autenticità”. Ma il concetto di au- da chi ricerca la coreanità “autentica”, le no nel 2008 con il titolo di Apateu gonghwa-
tenticità può essere sbagliato, legato a dei hanok non sono una soluzione abitativa guk (La repubblica degli appartamenti).
pregiudizi. praticabile su scala nazionale. Secondo il Gelézeau descrive i complessi residenziali

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 59


Corea del Sud
come “fabbriche della classe media” negli
anni di grande sviluppo del paese, dal 1970
I complessi tro di Bogwang-dong regna la calma più
assoluta. Alcuni palazzi sembrano abban-
al 1990. Secondo la ricercatrice, il sistema residenziali donati, su altri campeggiano cartelli con
del tetto massimo dei prezzi degli apparta-
menti stabilito per legge si è dimostrato un
rappresentano la annunci di aitti a prezzi bassi. Uno stri-
scione appeso ai pali della luce invita gli
metodo eicace per aumentare le case di cultura abitativa inquilini del quartiere a contattare l’asso-
proprietà, delineando una classe media in
crescita in termini sia inanziari sia simbo-
coreana del ventesimo ciazione per la riqualiicazione per parteci-
pare a un sondaggio in vista di una nuova
lici: gli abitanti dei complessi residenziali e del ventunesimo fase del processo di progettazione.
che “ce l’hanno fatta”. secolo I residenti sembrano divisi sul futuro
del loro quartiere: due anziane dicono di
Un nuovo paradigma essere favorevoli alla riqualiicazione, so-
La popolazione di Seoul è lentamente ma stenendo che solo i ricchi proprietari di
regolarmente diminuita dal 2010; tuttavia “grandi case” si oppongono. La direttrice
l’oferta di abitazioni (la proporzione tra di un piccolo supermercato vicino alla
case e famiglie) è rimasta al 96 per cento chiesa di Hankwang aferma rassegnata
nel 2015, suggerendo che c’è ancora biso- che “è troppo tardi” per parlare di pro o
gno di alloggi. Ma come si potrà far fronte contro. “Quelli come noi se ne andranno.
alle nuove richieste? Nell’agosto del 2013 il Fa parte del capitalismo. La popolazione
sindaco di Seoul, Park Won-soon, ha an- sostituiti dalle strutture di due o tre piani in locale cambierà completamente. Anche se
nunciato l’inizio di un nuovo “paradigma” mattoni rossi che vediamo ancora oggi. ci dessero una nuova casa, non potremmo
nella gestione urbana con la Dichiarazione Nel tempo la riqualiicazione ha creato un permetterci di vivere qui”.
sull’architettura di Seoul. “Il risultato della tessuto urbano denso, con strade troppo Resta da vedere se ci sarà uno scontro
nostra ossessione per la disponibilità di al- strette e ripide per permettere la circola- inale tra gli attuali inquilini non adeguata-
loggi sono i condomini uniformi che hanno zione delle automobili e senza spazi ricre- mente risarciti e la cooperativa per la ri-
standardizzato le nostre vite, rovinando il ativi o verdi. qualiicazione. Il quotidiano Hankyoreh
nostro scenario urbano unico”, si legge Secondo Andy Shin, amministratore nel 2013 aveva profeticamente rivelato che
nella dichiarazione. Nel 2014 Park ha no- delegato dell’agenzia immobiliare locale il contratto stipulato dalla cooperativa con
minato il primo “architetto di città” di Melon, “il quartiere è in pessimo stato”. l’impresa di demolizione prevedeva una
Seoul, il cui compito era “trovare l’identità Nel suo uicio è appesa una mappa della clausola per “la risoluzione delle rimo-
della capitale attraverso la rigenerazione, zona, con il District 3 evidenziato al centro. stranze di gruppo degli inquilini”, un eufe-
non la riqualiicazione”. “Nei paesi in cui l’urbanizzazione è avve- mismo se si pensa alle violenze brutali
Sembra che l’Hannam new town di- nuta lentamente, nel corso dei secoli, la scoppiate in passato per gli sfratti.
strict 3 di Itaewon sia stato inluenzato da conservazione ha senso. In Corea del Sud
questa nuova enfasi sullo spazio pubblico. la crescita è stata rapidissima. Fino a tren- A breve scadenza
Non si dovrebbe trattare, quindi, di un ta, quarant’anni fa eravamo più poveri del- Per tornare alla domanda iniziale: i proget-
nuovo caso di “appartamentizzazione” le Filippine. Le persone si arrangiavano ti di riqualiicazione tanto criticati saranno
uniforme. Secondo Kim Yoo-sik, capo del- come potevano con abiti, case e cibi sem- mai accettati dai coreani e dagli stranieri
la divisione per l’edilizia residenziale pub- plici. Ma oggi la Corea è un paese ricco, di come autentici simboli di “coreanità”? “Si-
blica dell’amministrazione di Seoul, la ri- conseguenza le aspettative dei cittadini curamente alcuni complessi residenziali
qualiicazione non farà nascere la solita sono molto alte. Nessuno vuole vivere in andrebbero preservati per il loro valore ar-
serie di grattacieli. case come quelle, preferiscono abbatterle chitettonico, rappresentativo di una certa
“Il distretto è diviso in isolati, ognuno e ricostruirle da zero”. epoca”, continua Shin. “E ci si potrebbe
dei quali avrà un tipo di architettura diver- Ma questi quartieri sono davvero irre- chiedere se è davvero il caso di ricostruire
so. Ci saranno parchi e aree ricreative, e cuperabili? “I quartieri destinati alla riqua- alcuni complessi abitativi della ine degli
niente muri di recinzione: l’area è proget- lificazione sono caratterizzati da edifici anni settanta e dei primi anni ottanta, ora
tata in modo da permettere la libera circo- bassi e con un’alta densità abitativa”, spie- che gli alberi piantati al loro interno sono
lazione”. A prescindere dalla qualità della ga Shin Hyun-bang, docente di geograia e cresciuti per decenni diventando vere e
nuova area di sviluppo urbano, qualcuno studi urbani alla London school of econo- proprie ‘foreste urbane’. È vero che i com-
ha pensato di misurarne il valore rispetto al mics e curatore di Anti-gentriication: what plessi residenziali rappresentano la cultura
quartiere esistente? Come molte altre aree is to be done?. “Se i servizi urbani e le infra- abitativa coreana del ventesimo e del ven-
di Seoul, gran parte di Bogwang-dong, la strutture migliorano e le abitazioni sono tunesimo secolo, ma è più corretto consi-
zona nel cuore dell’Hannam new town di- ammodernate e ben mantenute, potrebbe- derarli simboli dell’urbanizzazione basata
strict 3, è stata costruita dopo la guerra di ro essere le soluzioni migliori e ofrire spa- sulla speculazione e sul desiderio di accu-
Corea, quando i migranti dalle campagne zi vitali stabili per la classe lavoratrice. La mulare beni materiali”. In ogni caso, visto
si riversarono nella capitale. Negli anni demolizione su ampia scala e la riqualiica- che la durata media delle abitazioni in Co-
settanta il quartiere era ormai saturo di ba- zione hanno l’efetto negativo di eliminare rea del Sud supera di poco i vent’anni, non
racche insalubri, molte delle quali con tetti le reti sociali e le conquiste ottenute dai ci si dovrebbe preoccupare troppo per l’im-
di paglia di riso. A partire dalla ine degli movimenti degli abitanti del quartiere nel- patto dell’Hannam new town district 3: do-
anni settanta e negli anni ottanta, questi le aree residenziali esistenti”. po tutto, tra qualche decennio, potrebbe già
alloggi di fortuna furono gradualmente Un sabato di inizio novembre, nel cen- essere sparito. u lp

60 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Scienza

Inluenza
inevitabile
Debora MacKenzie, New Scientist, Regno Unito
Ogni anno l’inluenza uccide più di un milione
di persone in tutto il mondo. Quest’inverno
i ceppi virali da cui difendersi sono quattro. E uno
è particolarmente aggressivo
ra le malattie degli esseri Quest’anno circola un numero record

T umani l’inluenza è unica.


Circola nelle regioni
dell’Asia orientale dove il
clima è freddo e secco – so-
no le condizioni preferite
dal virus – ma quando le temperature scen-
dono si difonde in entrambi gli emisferi.
Dato che si trasmette con facilità da una
persona all’altra attraverso le goccioline
di ceppi del virus inluenzale: due del grup-
po B e due del gruppo A: l’H1N1 e l’H3N2.
Quello problematico è l’H3N2. In genere
siamo più immuni al primo tipo d’inluen-
za che abbiamo contratto ma, visto che tra
il 1918 e il 1968 l’H3N2 non è mai circolato,
le persone nate prima del 1968 sono meno
protette. Di questo gruppo fanno parte gli
anziani, con un sistema immunitario inde-
BAy ISMOyO (AFP/GEtty IMAGES)

che spargiamo starnutendo o tossendo, e si bolito che li rende più vulnerabili. Quando
può prendere toccando una supericie con- predomina l’H3N2 ci sono il quadruplo di
taminata, quasi tutti rischiamo il contagio. decessi. Nell’inverno del 2016-2017, per
Inoltre, averla avuta una volta non c’impe- esempio, in Europa ce ne sono stati 220mi-
disce di ammalarci di nuovo, a diferenza la. Quest’anno l’H3N2 sembra particolar-
di altre malattie come il morbillo. mente aggressivo: nell’inverno appena
Il virus ha una capacità unica di aggira- trascorso in Australia ha provocato più di
re il nostro sistema immunitario. L’emoag- tre quarti dei casi d’inluenza. La mortalità
glutinina, la grossa proteina presente sulla è stata relativamente alta, sono morti so- ci fa dimenticare quanto sia pericolosa.
supericie del virus, attira tutta l’attenzione prattutto gli anziani, ma non solo. “In real- Quest’anno ricorre il centenario della pan-
del nostro sistema immunitario e muta re- tà non sappiamo cosa rende alcuni virus demia più terribile degli ultimi anni, la spa-
golarmente. Ogni pochi anni accumula inluenzali più aggressivi di altri”, aferma gnola del 1918, che uccise tra i cinquanta e
così tante mutazioni che gli anticorpi for- Colin Russell dell’università di Amster- i cento milioni di persone.
mati durante l’ultima infezione non la ri- dam. Può dipendere dalla capacità intrin- L’inluenza può uccidere causando la
conoscono, quindi ci ammaliamo di seca del virus di sconiggere il nostro siste- polmonite virale, un’infezione profonda
nuovo. Per fortuna siamo in parte immu- ma immunitario o da quella del sistema di che danneggia le membrane polmonari ad-
nizzati contro i ceppi d’inluenza che dife- riconoscerlo e reagire in modo abbastanza dette all’assorbimento dell’ossigeno. Ma
riscono di poco dai virus incontrati in pre- rapido. Nel caso dell’H3N2, dice Derek anche sconiggendo le cellule immunitarie
cedenza, per questo molte inluenze inver- Smith dell’università di Cambridge, la cau- che di norma tengono a bada i batteri nei
nali non sono gravi come potrebbero es- sa dell’aggressività potrebbe dipendere da polmoni e scatenando un’infezione batteri-
serlo. In ogni emisfero i ceppi in grado di una di queste due variabili o da entrambe. ca. I sistemi immunitari compromessi, per
sfuggire a questo tipo d’immunizzazione esempio quelli delle persone anziane e del-
sono quelli predominanti nell’anno in cor- Cosa possiamo fare per impedire le donne incinte, consentono al virus di ri-
so. Basta un vaccino a stagione, ma biso- all’inluenza di difondersi? prodursi più liberamente e rendono più
gna ripeterlo ogni anno. La familiarità che abbiamo con l’inluenza pericolosa la malattia.

62 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Indonesia, 2009. Scanner termico all’aeroporto internazionale di Jakarta

Negli anziani l’influenza può anche cano tra i 290mila e i 650mila decessi a cau- complicazioni più gravi. Purtroppo il vac-
provocare livelli eccessivi d’iniammazio- sa di problemi polmonari legati all’inluen- cino antinluenzale non è abbastanza ei-
ne, normalmente una forma di difesa im- za, molto di più di quelli che pensavamo. cace o diffuso da impedire un’epidemia
munitaria contro i germi. Ogni anno, dopo Non si dovrebbe dare ascolto a chi dice grazie alla cosiddetta “immunità di greg-
la stagione dell’inluenza, si veriica un’on- che l’inluenza gli è venuta per colpa del ge”. Ogni persona vaccinata ha il 60 per
data più o meno simile di morti dovute a vaccino. Il virus contenuto nel vaccino è cento di probabilità di essere protetta. Per-
malattie scatenate dall’infiammazione, morto o è così indebolito che non può ri- ino negli Stati Uniti, dove la vaccinazione
come infarti e ictus. Anche malattie croni- prodursi. Detto questo, da osservazioni è consigliata a chiunque abbia più di sei
che come l’obesità, che aggravano l’in- recenti è emerso che le vaccinazioni passa- mesi di età, circa metà della popolazione
iammazione, possono rendere l’inluenza te a volte potevano provocare una forma contrae l’inluenza. Le percentuali sono
più pericolosa. d’inluenza più grave negli anni in cui il simili in tutta Europa. Nel Regno Unito il
Nel Regno Unito la polmonite legata vaccino non corrispondeva perfettamente tasso di vaccinazioni è uno dei più alti, e tra
all’inluenza è la quarta causa di morte per al virus in circolazione. Anche se i virologi le persone con più di 65 anni raggiunge il
le donne e la sesta per gli uomini. Secondo non ne hanno ancora capito il motivo, è 70 per cento.
la prima stima mondiale diretta, pubblicata chiaro che i vaccini possono proteggerci, Il vaccino impiega due settimane a en-
dall’Organizzazione mondiale della sanità soprattutto se rientriamo nei gruppi vulne- trare in azione, quindi va fatto presto. Pren-
(Oms) a dicembre 2017, ogni anno si verii- rabili della popolazione o siamo esposti a diamo come esempio il vaccino contro lo

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 63


Scienza
JUNG yEON-JE (REUtERS/CONtRAStO)

Corea del Sud, 2009. Scanner termico all’aeroporto internazionale Incheon

pneumococco, che protegge dalla polmoni- sono state aggiunte le proteine H e N del la produzione. Nell’ottobre del 2017 i ricer-
te batterica postinluenzale. I bambini dif- ceppo che si prevede circolerà l’inverno catori dell’università di Melbourne, in Au-
fondono più virus più a lungo e rispondono successivo. Nel mondo si possono fabbrica- stralia, hanno scoperto che gli anticorpi
meglio al vaccino, quindi vaccinarli contri- re 1,5 miliardi di dosi di vaccino, ognuna contro l’H3N2 (usato per fabbricare il vacci-
buisce a proteggere gli anziani e i neonati, protegge da tre o quattro ceppi e quindi ri- no) funzionavano bene contro il virus in
creando una sorta d’immunità di gregge in chiede da tre a quattro uova. I vaccini di circolazione. Ma quando il virus cresceva
famiglia. Per i bambini non serve neanche quest’anno contengono entrambi i ceppi nelle uova, induceva una produzione di an-
un’iniezione: nel Regno Unito e in altri pae- della A in circolazione e uno o tutti e due i ticorpi che, una volta su tre, non protegge-
si si usano spray nasali che contengono vi- ceppi della B. La produzione varia a secon- vano dai ceppi in circolazione. Allo stesso
rus vivo attenuato. Questo tipo di virus in- da della domanda prevista. Per permettere tempo un gruppo di ricercatori della Cali-
duce una gamma di risposte immunitarie alle case farmaceutiche di produrre i vacci- fornia ha dimostrato che una mutazione
più ampia e perciò garantisce una maggiore ni giusti, i virologi devono prevedere con comune nelle uova coltivate con H3N2 pro-
protezione, ma le autorità sanitarie sconsi- mesi di anticipo quali virus circoleranno. voca cambiamenti di un’entità inaspettata
gliano di iniettare vaccini vivi negli anziani Ma a volte sbagliano. nella proteina di supericie del virus inietta-
e nelle donne incinte. Inoltre, il loro uso è C’è un altro problema. Da una ricerca to, perciò gli anticorpi prodotti dal sistema
limitato dalle poche case farmaceutiche condotta nel 2017, è emerso che il vaccino immunitario non riconoscono il virus in cir-
che li producono. Il farmaco antivirale ta- principale, costituito da virus morti, proteg- colazione.
milu può essere utile nei casi più gravi, ma geva solo il 33 per cento delle persone Vaccinarsi è comunque utile: nell’ultima
bisognerebbe prenderlo entro due giorni dall’H3N2, il virus predominante nel 2018. stagione in Australia le persone vaccinate si
dall’inizio dei sintomi, cioè prima di capire Per le persone con più di 65 anni si scendeva sono ammalate meno.
se sarà una brutta inluenza o meno. al 24 per cento. Nell’inverno australiano ap-
pena trascorso il vaccino ha protetto Si può produrre un vaccino migliore?
Perché il vaccino di quest’anno non dall’H3N2 solo il 10 per cento delle persone Coltivare il vaccino annuale nelle uova di
funziona molto bene? a cui era stato somministrato, indipenden- gallina costa poco. Alcuni produttori lo fan-
Quasi tutti i vaccini contro l’inluenza sono temente dall’età, anche se ha funzionato no in colture di cellule di mammiferi, ma è
prodotti usando le uova di gallina come ter- bene contro gli altri ceppi di inluenza. E ora venti volte più costoso, richiede comunque
reno di cultura, un procedimento che risale nell’emisfero settentrionale stiamo usando tra i sei e gli otto mesi di tempo e non è detto
agli anni quaranta e richiede tra i sei e gli lo stesso vaccino. che sarebbe più eicace.
otto mesi di tempo. Si inietta in un uovo un Sembra che la causa della mancata ei- Un metodo innovativo è basare i vaccini
virus che cresce bene nelle uova e al quale cacia siano le mutazioni avvenute durante non su un virus intero, ma solo sulle sue

64 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


proteine di supericie. La Protein Sciences ripeterono per tutto il settecento e l’otto- Da sapere
di Meriden, nel Connecticut, inietta i geni cento.
della grande proteina di supericie dell’in-
luenza nelle cellule di insetti e poi racco- Inluenza asiatica o russa del 1889-1890.
La malattia
glie la proteina. Il vaccino è stato approvato
dagli Stati Uniti e la Sanoi, la più grande
Ceppo: H3N8 o H2N2. Numero di morti:
circa un milione.
e il contagio
azienda produttrice di vaccini per l’inluen- L’inizio della prima pandemia destinata a
za del mondo, ha comprato l’azienda. La difondersi più velocemente grazie alle fer- u Il virus dell’inluenza è costituito solo da
Medicago di Québec, in Canada, sta com- rovie e alle navi a vapore si registrò a San undici geni di acido ribonucleico (rna). Un tipo,
pletando i test di un procedimento simile Pietroburgo nel dicembre del 1889. In quat- l’inluenza B, colpisce solo gli esseri umani.
che usa cellule vegetali. Questi vaccini po- tro mesi arrivò in tutto il mondo e negli Sta- Quest’anno ne circolano due ceppi: lo
trebbero essere prodotti in gran quantità in ti Uniti raggiunse il picco solo settanta gior- yamagata e il Victoria. L’altro tipo d’inluenza è
poche settimane e poco prima dell’inizio ni dopo quello di San Pietroburgo. Gli anti- l’A. I suoi ceppi colpiscono soprattutto gli uccelli
della stagione dell’inluenza. Così aumen- corpi presenti nei sopravvissuti fanno pen- acquatici, ma tre varietà si sono adattate agli
terebbe la probabilità che corrispondano ai sare che sia stato un virus H3N8, forse colle- esseri umani. I sottotipi dell’inluenza A
prendono il nome dalle due principali proteine
ceppi in circolazione, senza le mutazioni gato all’H3N2 che predomina quest’inverno
di supericie: l’emoagglutinina (H) e la
che si veriicano nelle uova. nell’emisfero settentrionale. neuraminidasi (N). tra i virus aviari esistono 18
La vera svolta, comunque, sarebbe un sottotipi di H e 11 di N, e gli anticorpi del
vaccino “universale” che stimoli una rea- Inluenza spagnola del 1918-1920. Ceppo: sistema immunitario che ne attaccano alcuni
zione immunitaria contro le parti del virus H1N1. Numero di morti: 50-100 milioni. non ne riconoscono altri. Solo i virus H1N1,
che rimangono immutate nel tempo o sono La pandemia più letale che conosciamo, e H2N2 e H3N2 si sono adattati all’essere umano,
comuni ai vari ceppi. Non ci sarebbe biso- la prima di cui sia stato sequenziato il geno- e solo l’H1N1 e l’H3N2 oggi sono in circolo
gno di cambiarlo ogni anno e se ne potrebbe ma. È stata chiamata spagnola perché i dentro di noi. Le persone possono contrarre
tenere una riserva per afrontare eventuali giornali spagnoli, liberi dalla censura del altri ceppi d’inluenza aviaria, per esempio
pandemie. Ma il mondo spende periodo bellico, ne parlarono per l’H5N6, ma non difonderla. In inverno nei due
emisferi i ceppi predominanti della A e della B
solo 35 milioni di dollari all’anno primi. Nessuno sa da dove sia
circolano insieme, contagiando ino a metà
per la ricerca, dice Mike partita quest’influenza aviaria della popolazione e facendone ammalare tra il
Osterholm dell’università del adattata ai mammiferi, ma sem- 10 e il 15 per cento. L’inluenza di tipo A è
Minnesota, negli Stati Uniti, e bra che negli Stati Uniti si sia dif- preoccupante perché nuovi virus, o anche solo
non basterebbero per immettere fusa insieme a quella invernale geni virali, possono saltare dagli uccelli agli
un vaccino nel mercato. Con i milioni che alla ine del 1917. Difondendosi, si adattò esseri umani e provocare gravi pandemie.
servono per fabbricare il vaccino esistente, meglio e diventò più letale, per esplodere u La vaccinazione è il modo migliore per
le aziende non sono incentivate a investire nell’autunno del 1918 e nella primavera del ridurre la probabilità di contrarre l’inluenza,
per crearne uno nuovo. 1919. tutte le inluenza A adattate agli es- soprattutto nella sua forma più grave, ma altri
seri umani discendono da quella spagnola. accorgimenti possono limitare il rischio per se
stessi e per gli altri. È utile lavarsi le mani: se
Quali sono le pandemie del passato?
tocchiamo una supericie infetta, le mani
La nuova inluenza non è del tutto diversa Inluenza asiatica del 1957-1958. Ceppo: raccolgono il virus e ce lo trasmettono quando
dalla vecchia, quindi in parte siamo immu- H2N2. Numero di morti: 1,1 milioni. le portiamo al naso o alla bocca. E quando si
nizzati, e l’infezione può essere lieve. Ma I suoi undici geni sono divisi in otto fram- starnutisce o si tossisce, è meglio coprirsi la
ogni tanto arriva un virus dell’inluenza A menti di rna. Quando un ospite è contagiato bocca con l’avambraccio. Invece non serve
che porta in supericie proteine molto di- da due ceppi, può trasmettere virus ibridi usare la mascherina, perché solo quelle testate
verse. Quest’inluenza “pandemica” si dif- con frammenti di entrambi. Sembra che per uso ospedaliero possono tenere alla larga i
fonde come un incendio indipendente- questo virus sia nato quando in un essere virus, così come sono inutili molti rimedi contro
mente dalla stagione, spesso provoca più vivente, probabilmente un suino, il ceppo l’inluenza. Gli antidoloriici e i
vittime e uccide persone più giovani. Quel- del 1918 si combinò con due nuovi geni per decongestionanti riducono i sintomi, ma non
abbreviano il decorso della malattia.
li che sopravvivono ottengono una certa le sue proteine di supericie, H2 e N2, prove-
u Se ci ammaliamo fuori stagione è
immunità per la successiva, perciò l’in- nienti dall’inluenza aviaria. I bambini e i improbabile che sia inluenza, ma i rafreddori
luenza “assassina” si stabilizza diventando giovani furono i più colpiti: chi aveva meno scoppiano anche quando questa è in
una comune malattia stagionale. Va avanti di 39 anni, e quindi era nato dopo la pande- circolazione e possono avere sintomi simili. Chi
così ino a quando non scoppia una nuova mia del 1918, aveva contratto il virus H1N1 ha l’inluenza si sente peggio e probabilmente
pandemia. Ecco alcune grandi pandemie da bambino e quindi aveva sviluppato dife- ha febbre, mal di testa, dolori muscolari, tosse
inluenzali del passato. se immunitarie più forti nei suoi confronti secca, mal di gola, e a volte dolore agli occhi e
ma non verso il nuovo ceppo. Apparso a Sin- alle articolazioni, oltre a un improvviso senso di
L’inluenza del 1510. Ceppo: ignoto. Nume- gapore nel febbraio del 1957, poi a Londra, afaticamento. L’inluenza può essere
ro di morti: sconosciuto. Washington e Melbourne, nell’estate rag- accompagnata da vomito e diarrea nei
bambini, ma di solito non negli adulti. A
Fu il primo caso registrato di una probabile giunse tutto il mondo.
qualsiasi età, se avete l’impressione di stare
pandemia d’influenza. I sintomi erano meglio e poi peggiorate di nuovo e la tosse
“senso di soffocamento”, tosse, febbre e Inluenza di Hong Kong del 1968-1969. Cep- aumenta, chiamate il medico. L’inluenza non
diicoltà di respirazione. Si difuse rapida- po: H3N2. Numero di morti: un milione si cura con gli antibiotici, invece un’infezione
mente in tutta Europa dopo essere arrivata circa. polmonare batterica secondaria sì.
dall’Asia attraverso l’Africa. Eventi simili si continua a pagina 66 » New Scientist, Regno Unito

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 65


Scienza
Questo virus partì probabilmente dalla ne. Negli uccelli, nei suini e in altri animali mutazioni necessarie: di recente un ceppo
Cina. Il primo a parlarne fu il quotidiano portatori d’inluenza A si evolvono conti- isolato si è difuso in poco tempo e in modo
britannico the times quando l’inluenza nuamente nuovi virus che possono mesco- letale tra i mammiferi oggetto degli esperi-
scoppiò a Hong Kong. L’inluenza del 1957 larsi con i ceppi umani o adattarsi ai mam- menti e ha sviluppato la resistenza al tami-
alla ine era diventata un comune malanno miferi. Secondo i virologi, le pandemie lu, un farmaco antivirale che nel 2009 fu
invernale, ma in un ospite affetto da en- d’inluenza sono inevitabili. fondamentale per salvare i malati in condi-
trambe il suo virus si ibridò con quello di Secondo la Banca mondiale, una pande- zioni più gravi.
un’inluenza aviaria. Presentava una nuova mia grave potrebbe costare ino a tremila Cosa potremmo fare se scoppiasse una
proteina di supericie, H3, la N2 del 1957 e miliardi di dollari, e provocare soferenza, pandemia? Con il sostegno dell’Organizza-
quasi tutti i geni del 1918. L’H3N2 è ancora declino economico e disordini sociali a li- zione mondiale della sanità, dal 2006 a oggi
in circolazione ed è il virus predominante di vello globale. Le conseguenze di una pan- la capacità globale di produrre vaccini con-
questa stagione. demia, come quelle dell’inluenza inverna- tro un unico ceppo d’inluenza è passata da
le comune, dipendono sia dalla potenza del 1,8 a 6,4 miliardi di potenziali dosi. Ma la
Inluenza russa o rossa del 1977. Ceppo: virus sia dalle difese immunitarie della po- maggior parte dei produttori coltiva ancora
H1N1. Numero di morti: sconosciuto. polazione. Il virus che provocò la pandemia i vaccini nelle uova, con un procedimento
Nel novembre del 1977 in Russia comparve d’inluenza suina nel 2009 si era già adatta- che richiede vari mesi. Nel 2009 non è stato
un nuovo virus che colpiva i giovani al di to in modo da provocare sintomi leggeri nei possibile avere il vaccino prima che fosse
sotto dei 25 anni. Ma come scrisse New mammiferi, ma uccise comunque 300mila quasi inita la prima ondata d’inluenza su-
Scientist, la Cina annunciò che lo aveva iso- persone. Una volta tanto gli anziani corsero ina. Inoltre, ogni anno i produttori hanno
lato nel marzo precedente. Considerato un meno rischi, perché chi aveva più di 52 anni solo le uova necessarie per la produzione in
vaccino animale sperimentale vivo sfuggito era immune grazie al virus di un’inluenza un emisfero. Nel caso di una pandemia, se
al controllo, era un H1N1 quasi identico a invernale circolato prima del 1957. tutti chiedessero il vaccino contemporane-
quello circolato nei primi anni cinquanta. Anche nel 1918 molte delle persone con amente, potrebbero non esserci abbastanza
Le persone nate dopo il 1957 non avevano le più di 71 anni erano protette, per- uova, soprattutto se l’inluenza
difese immunitarie per combatterlo, ma i ché prima del 1847 era circolato uccidesse anche le galline.
suoi efetti per fortuna non furono gravi. un virus invernale simile. Quello “Serve un passo in avanti del-
della spagnola però era un ceppo la tecnologia, un vaccino univer-
Inluenza suina del 2009. Ceppo: H1N1. aviario che si trasmetteva tra i sale o una base di produzione più
Numero di morti: tra i 300 e i 400mila. mammiferi e aveva enzimi in gra- veloce”, come le cellule degli in-
Il virus della pandemia del 1918 era soprav- do di replicare rapidamente i geni che si setti o delle piante, aferma Martin Friede
vissuto nei suini e nel 1998 si ibridò con altri erano adattati bene agli uccelli, ma erano dell’Oms. Gli impianti di produzione do-
tipi di virus. In poco tempo si difuse tra i letali per i mammiferi. Morirono in massa vranno tenersi pronti e fabbricare vaccini
suini negli Stati Uniti subendo una rapida soprattutto i giovani. Grazie alla nostra co- anche quando non è in corso una pandemia,
evoluzione. Secondo i virologi , questi virus noscenza dei ceppi di virus inluenzali che un fatto senza precedenti dal punto di vista
“riassortiti” avrebbero potuto provocare sono circolati nell’ultimo secolo possiamo commerciale. Entrambi questi impegni ri-
una pandemia. Nel 2009 la loro profezia si essere abbastanza sicuri che quasi nessuno chiederanno ulteriori inanziamenti. Anche
avverò in un allevamento di suini di pro- si è imbattuto nei parenti della prossima in- se dieci anni fa lo scoppio dell’H5N1 scate-
prietà statunitense in Messico, dove com- luenza aviaria che diventerà pandemica. I nò il panico, oggi gli investimenti pubblici
parve un virus riassortito che portava anco- virologi lanciarono l’allarme nel 1997, sono diminuiti, anche perché quella pande-
ra le proteine di supericie H e N del 1918. A quando l’aviaria H5N1 si trasmise alle per- mia non fu il disastro che molti temevano.
settembre il virus arrivò in tutto il mondo. Il sone, ma inora il virus non ha ancora subìto Il vero problema, sostengono gli epide-
tasso di mortalità fu basso, ma le vittime le mutazioni che gli permetterebbero di tra- miologi, è che l’inluenza ci è familiare. Può
furono più giovani del solito: le persone na- smettersi da un essere umano all’altro, con- assumere una forma leggera, ma non sem-
te prima del 1957 erano diventate immuni dizione necessaria per diventare pandemi- pre. E ino a quando non la considereremo
al virus del 1918, tutte le altre dovettero co. Sembra che l’H7N9, che ha cominciato davvero pericolosa, come in efetti è, non
aspettare la ine della prima ondata perché a circolare in Cina nel 2013, abbia subìto le faremo il possibile per fermarla. u bt
fosse fabbricata la quantità necessaria di
vaccini.
Da sapere L’inluenza in Italia
FONtE: IStItUtO SUPERIORE DI SANItà/INFLUNEt

Cosa ci aspetta nel futuro? Incidenza totale delle sindromi inluenzali in Italia. Stagioni inluenzali dal 2004-2005 al 2017-2018
Casi ogni mille assistiti
La spagnola del 1918 rimane la peggiore
16 Nella cinquantaduesima settimana del 2004-2005 2011-2012
pandemia d’inluenza di sempre. Una pan- 2017 (25-31 dicembre) i nuovi casi stimati 2005-2006 2012-2013
demia è un’epidemia che si difonde a livel- di sindrome inluenzale sono stati 670mila 2006-2007 2013-2014
12 2007-2008 2014-2015
lo globale e questo, in teoria, si veriica ogni 2008-2009 2015-2016
inverno in entrambi gli emisferi. Ma di soli- 2009-2010 2016-2017
8 2010-2011 2017-2018
to il termine viene usato solo quando emer-
ge un virus dell’inluenza A che è non solo
4
una versione leggermente diversa di quello
dell’inverno precedente, ma è una novità
0
totale, con proteine di supericie alle quali 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17
la maggior parte delle persone non è immu- Stagione inluenzale (settimane dell’anno da metà ottobre a ine aprile)

66 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Portfolio

Rivoluzione nera
Alla ine degli anni settanta la pubblicazione dei Black photographers annuals segnò
l’ingresso dei fotograi afroamericani nel mondo dell’arte e del fotogiornalismo.
Ora il Virginia museum of ine arts di Richmond ne ha digitalizzato i quattro volumi
el 1973 il collettivo di ar- zionale dei neri e andare oltre gli stereotipi lavoro è rimasto a lungo nascosto. Nel 2017

N tisti Kamoinge, fondato


a New York nel 1963,
pubblicò il primo volume
dei Black photographers
annuals. Un’opera consi-
derata rivoluzionaria perché dedicata al
lavoro di quasi cinquanta fotograi neri, di
diverse generazioni, che fino a quel mo-
mento erano stati esclusi dal mondo
difusi all’epoca negli Stati Uniti. Al primo
volume ne seguirono altri tre, nel 1974, nel
1976 e nel 1980.
Gli scatti raccolti sono realizzati con
stili e prospettive diverse, dal ritratto alla
street photography. Nell’introduzione al
terzo volume, il fotografo Gordon Parks
scrisse: “Quest’opera è una testimonianza,
e in quanto tale è bella e spaventosa, deva-
il Virginia museum of fine arts di Rich-
mond ha ottenuto l’autorizzazione a digi-
talizzare le quattro pubblicazioni, che sa-
ranno consultabili sul sito del museo per
due anni. E ha organizzato quattro mostre
che a rotazione presentano le opere di ogni
volume. u

Sotto: Anthony Barboza, New York ci-


dell’arte e del fotogiornalismo. stante e nobilitante”. ty self-portrait, 1970-1979. A destra:
L’obiettivo del progetto era anche quel- Dopo un incendio in cui furono distrut- Louis Draper, Fannie Lou Hamer, Mis-
lo di sidare la rappresentazione conven- te molte copie dell’ultimo volume, questo sissippi, 1971.

68 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 69
Portfolio

70 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Anthony Bar-
boza, La la-
vorazione del
primo volume
dei Black pho-
tographers
annuals.
Da sinistra,
Beuford
Smith, Joe
Crawford e
Ray Francis,
1973.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 71


Portfolio
Qui sotto, a sinistra: LeRoy Henderson, Rosa Parks
alla Black political convention a Gary, Indiana, 1972; a
destra: Beuford Smith, Lower East Side, 1969.

72 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


A sinistra: Ming Smith, Amen Corner sisters, Harlem,
New York, 1976. Qui sotto: Ming Smith, Senza titolo,
Harlem, New York, 1973. In basso: Louis Draper, Billy,
1974 circa.

Da sapere
I volumi, le mostre
u Nel 2017 il Virginia museum of ine arts
di Richmond con il sostegno di Beuford
Smith e Joe Crawford, due dei fotograi che
fondarono i Black photographers annuals, ha
ottenuto l’autorizzazione a digitalizzare i
quattro volumi. Le opere potranno essere
consultate sul sito del museo per i prossimi
due anni (vmfa.museum/library/bpa/).
Le foto di queste pagine sono tratte dal pri-
mo volume. Il museo di Richmond ha inol-
tre organizzato quattro mostre, ognuna de-
Nella pagina accanto, in basso: LeRoy dicata a un volume del progetto. Fino al 6
Henderson, Durante una maggio 2018 è in corso Like a study in black
manifestazione degli studenti di un liceo history: P. H. Polk, Chester Higgins and The
a Brooklyn, New York, 1970. black photographers annual, Volume 2.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 73


Ritratti

Hussein Ahmed
Pausa cafè
Afrah Nasser, Middle East Eye, Regno Unito
È tornato nello Yemen clima secco e ad altitudini elevate, grazie luenzando la vita di molti yemeniti.
per aprire un’azienda ad agricoltori che portano avanti una tradi­ Secondo lui è soprattutto lo stato di
zione lunga secoli. Ahmed, che ha 37 anni, guerra a inluenzare la vita di molti yeme­
che produce ed esporta cafè. ha avuto a che fare con la coltivazione di niti. All’inizio di dicembre la coalizione
Nonostante la guerra e la crisi questa pianta in dall’infanzia. Nato e cre­ guidata dall’Arabia Saudita ha bloccato i
economica è convinto sciuto a Sanaa, aveva molti familiari e ami­ porti e gli aeroporti dello Yemen (un paese
che gli afari andranno bene ci che possedevano campi di cafè nei din­ che dipende dalle importazioni), dopo che
torni della capitale. Da bambino suo padre i sauditi hanno intercettato un missile lan­
lo portava spesso a visitarli ed è così che si ciato dai ribelli houthi verso la loro capita­
a più di un anno Hussein è innamorato della bevanda. le, Riyadh. Anche se i porti e gli aeroporti

D Ahmed è l’amministrato­
re delegato della Mocha
Hunters, un’azienda con
sede nello Yemen, un pa­
ese devastato dalla guer­
ra. Il suo lavoro consiste nel produrre ed
esportare cafè yemenita di alta qualità.
Può sembrare un compito quasi impossibi­
le, a causa del blocco ai porti e agli aero­
Nel settembre del 2017 Ahmed è riusci­
to a spedire dall’aeroporto di Aden, nel sud
del paese, il primo raccolto della stagione
in Arabia Saudita e negli Stati Uniti. C’era
un blocco parziale dei valichi di conine
dello Yemen, mentre l’aeroporto di Aden
era ancora aperto. Con il primo carico, la
Mocha Hunters ha spedito circa due ton­
nellate di cafè a Oakland, in California, al
sono stati parzialmente riaperti tre setti­
mane dopo, gli yemeniti continuano a sof­
frire per la mancanza di viveri, di carbu­
rante e di medicine e per la difusione del
colera.
Di fatto il blocco navale è in vigore dal
2015 e la scarsità di carburante ne ha fatto
quasi raddoppiare i prezzi. “Il blocco aereo
e navale ci obbliga a spendere molti più
porti imposto dall’Arabia Saudita, ma prezzo di circa 150 dollari al chilo. Non è soldi per gestire le coltivazioni ed esporta­
Ahmed ha già cominciato a raccogliere i chiaro se il blocco sarà ancora attivo a mar­ re i nostri prodotti all’estero”, spiega
primi frutti della sua fatica. “La mia pas­ zo, quando l’azienda dovrà fare la prossima Ahmed. Un documento difuso dal gover­
sione non è strana. Il cafè yemenita è un spedizione. Per ora Ahmed è occupato a no yemenita nel 2016 dimostra che la guer­
tesoro nazionale, e dovrebbe essere un in­ seguire la semina e si prepara ad aprire il ra ha portato alla chiusura del 95 per cento
teresse di tutto il paese far crescere a ogni suo primo bar a Sanaa. Non ha ancora is­ delle aziende private del paese.
costo questa pianta”, dice Ahmed. sato la data d’inaugurazione, ma spera che Eppure la Mocha Hunters è ancora de­
I chicchi di cafè yemeniti sono tra i più in città le cose si calmino presto. terminata a lavorare a stretto contatto con
apprezzati al mondo. La pianta fu coltivata Il 4 dicembre l’ex presidente Ali Abdul­ circa venti coltivatori, piantando, racco­
per la prima volta nello Yemen, e dal suo lah Saleh è stato ucciso dai ribelli houthi gliendo e tostando caffè o, come dice
nome arabo, qahwa, deriva anche la parola durante uno scontro a fuoco a Sanaa, dopo Ahmed, a occuparsi del prodotto “dalla
“cafè”. Nel quattrocento i primi bastimen­ essere passato dalla parte dei sauditi nella pianta alla tazzina”.
ti carichi di cafè lasciarono il porto dalla guerra civile che è in corso nel paese e che, Nel 1997, quando era ancora uno stu­
città yemenita di Mocha, sulla costa del come conferma lo stesso Ahmed, sta in­ dente delle scuole superiori, Ahmed andò
mar Rosso, che diede il nome proprio alla nel Regno Unito per un progetto di scam­
varietà dei chicchi e che diventò il centro bio. Lì frequentò dei corsi di lingua e una
del commercio mondiale del cafè. Nello Biograia scuola di formazione professionale, dove
Yemen la bevanda è molto apprezzata dai imparò a sviluppare software. E cominciò
1980 Nasce a Sanaa, nello Yemen.
sufi, che la bevevano per concentrarsi e ad appassionarsi seriamente al cafè. “Nel
1997 Si trasferisce nel Regno Unito per uno
mantenersi svegli anche durante i loro ri­ Regno Unito, io e i miei amici avevamo un
scambio culturale, dove impara l’inglese e si
tuali. appassiona alla coltivazione del cafè.
bar preferito che chiamavamo ‘il tempio’ .
Come mi spiega Ahmed, il cafè yeme­ 2011 Apre un bar a Tokyo. Ci andavamo tutti i giorni e consumavamo
nita, che ricorda un po’ il gusto del ciocco­ 2016 Fonda l’azienda Mocha Hunters, vari tipi di cafè: yemenita, brasiliano o al­
lato, ha quattro varietà: udaini, burai, tofahi specializzata nella produzione e tro”, ricorda ridendo.
e dawairi. Queste varietà crescono in un nell’esportazione del cafè yemenita. Nel 2001 Ahmed conobbe quella che

74 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Hussein Ahmed a Sanaa nel 2017
PER GENTILE CONCESSIONE DI MOCHA HUNTERS INC

sarebbe diventata sua moglie, una donna un’azienda. Ha trovato il paese in preda a tornare in un paese in guerra, ma io non
di origine giapponese. Visitò il Giappone e agli sconvolgimenti politici. Ma non era avevo paura. Credevo nella resistenza del
scoprì che il paese asiatico era uno dei prin­ preoccupato, perché il commercio di cafè cafè yemenita durante le crisi”, racconta.
cipali importatori al mondo di cafè verde. era già sopravvissuto a guerre e diicoltà Ahmed ha ottenuto un inanziamento di
La cosa lo incoraggiò a diventare un ponte economiche. Nonostante un’economia 150mila dollari grazie a un progetto della
tra il Giappone e lo Yemen. Mentre viveva sempre più in diicoltà e un tasso di disoc­ Silicon valley, ha registrato il marchio Mo­
tra questi due paesi, Ahmed cominciò a cupazione giovanile del sessanta per cen­ cha Hunters negli Stati Uniti e poi è tornato
incontrare i coltivatori di cafè yemeniti, to, Ahmed era determinato. “Ero sicuro nello Yemen. Dove si è trovato improvvisa­
imparando tutto quello che c’era da sapere che il cafè sarebbe stato il nostro petrolio mente di fronte a una dura realtà.
sul cafè del suo paese. Nel 2009 divenne nascosto”, racconta l’imprenditore. L’hashtag #Yemenicofebreak si è dif­
un grossista indipendente e aprì una caf­ fuso sui social network, grazie a una cam­
fetteria nello Yemen, sperando di fare del Una speranza per gli agricoltori pagna guidata nel 2015 dal Servizio di pro­
Giappone il suo principale mercato. Nel 2014, Ahmed è andato a Washington mozione delle piccole imprese, un ente
Nel 2009 con la moglie si trasferì a To­ per assistere a una conferenza organizzata nazionale yemenita. Wesam Qaid, il diret­
kyo e due anni dopo aprì il suo primo bar dalla Specialty cofee association of Ame­ tore del servizio, è rimasto impressionato
nella capitale giapponese, chiamato Mo­ rica. Mentre stava per tornare nello Ye­ dal lavoro di Ahmed. “Ha dato agli agricol­
cha Cofee, in cui si serviva solo cafè ye­ men, è scoppiata la guerra civile e gli aero­ tori una ragione per essere ottimisti”, spie­
menita. I clienti erano moltissimi e il locale porti sono stati chiusi. Non sapendo dove ga Qaid. “Non solo ha fatto entrare i colti­
attirò l’attenzione della stampa. “Avevo andare, l’imprenditore è rimasto negli Sta­ vatori in mercati di nicchia, raddoppiando
lavorato duro per portare il cafè di qualità ti Uniti. il loro reddito, ma gli ha anche insegnato
dallo Yemen e per me era importante avere Convinto che la guerra sarebbe inita nuove tecniche come il cupping, un metodo
i nomi di ogni agricoltore con cui lavorava­ presto, Ahmed ha fatto alcuni lavoretti per di misurazione della qualità del cafè, e la
mo stampato sui pacchi venduti o sul me­ sbarcare il lunario, per esempio l’autista di classiicazione delle varietà”, aggiunge.
nù. Per esempio era possibile avere un ‘caf­ Uber o il venditore di telefoni. “Ho passato “Per me era importante lavorare a con­
fè Ismaili’ oppure un ‘cafè Alghayoul’”, due anni diicili negli Stati Uniti e non riu­ tatto con i coltivatori”, spiega Ahmed. “Vo­
racconta l’imprenditore. scivo a togliermi il cafè dalla testa”, ricor­ levo che dedicassero più attenzione alla
Ma, se gli afari andavano bene, il suo da. Nel 2016 ha deciso di tornare nello Ye­ qualità della produzione”, dichiara. “Il caf­
matrimonio naufragava. Nel 2012 Ahmed men, nel momento più drammatico della fè è una fonte di felicità per molte persone.
ha chiuso il bar a Tokyo ed è tornato nello guerra civile. “Le persone che conoscevo È una pianta che sopravvive da secoli e so­
Yemen per inseguire il sogno di creare negli Stati Uniti pensavano che fossi pazzo pravviverà anche a questa guerra”. u f

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 75


Viaggi

Lungo il iume
in Etiopia
Andrew McCarthy, The New York Times, Stati Uniti
Nella valle dell’Omo, nella dare in città, me ne sono tornato in Africa”,
regione sudoccidentale del racconta. Jones organizza tour in Africa da
più di vent’anni. La sua ultima iniziativa si
paese, vivono sette popoli che chiama Wild philantrophy, e ha l’obiettivo
coesistono in pace. Ma le di sviluppare il turismo sostenibile attra-
dighe e il turismo rischiano di verso uno scambio virtuoso tra i visitatori e
rompere questo equilibrio i locali. Jones gestisce l’unico accampa-
mento permanente nella valle dell’Omo,
non lontano dal villaggio di Biwa.
eorge W. Bush è In questo angolo di Etiopia sudocciden-

“G
peva chi era”.
venuto qui due an-
ni fa e nessuno l’ha
riconosciuto”.
“Nessuno?”.
“Nessuno sa-

“Se fosse stato Nelson Mandela l’avreb-


tale vivono sette popoli che coesistono più
o meno in pace. La terra è in gran parte sa-
vana arida, con il iume Omo che taglia una
distesa di oltre 750 chilometri prima di get-
tarsi nel lago Turkana, al confine con il
Kenya. Nel 1980, dopo la scoperta di resti
umani risalenti a quasi due milioni e mez-
bero riconosciuto?”. zo di anni fa, l’Unesco dichiarò la valle del
“No. Qui nessuno vede la tv o pensa al basso Omo patrimonio mondiale dell’uma-
di là dell’Omo”. nità. Oggi, però, la regione è sull’orlo del
Sto parlando con Lale Biwa, del popolo baratro. Il governo etiope ha ultimato da
karo, che vive nella valle del iume Omo, in poco la terza delle cinque dighe previste
Etiopia. Siamo a Dus, il villaggio sulla riva lungo il corso del iume. Questi impianti
del iume, circondati da capanne basse fat- rischiano di pesare sulle comunità che vi-
te di bastoni con i tetti coperti d’erba. A vono in questa valle da millenni e che per
ANDy HASLAM (THE NEW yORK TIMES/CONTRASTO)

pochi metri da noi una donna carica di col- sopravvivere dipendono dalle piene del
lane e braccialetti macina il sorgo su una iume.
grossa pietra. Gli uomini, alcuni armati di
kalashnikov, siedono in piccoli gruppi. Circuito di sfruttamento
Bambini nudi giocano. Capre e mucche “È il secondo anno consecutivo che la
pascolano allo stato brado lungo la polve- mancata inondazione fa saltare i raccolti”,
rosa pianura alluvionale. Non ci sono elet- dice Jones. “Non era mai successo che il
tricità né acqua corrente, né tantomeno livello del iume non salisse, o almeno nes-
auto. Biwa, che dice di avere “circa qua- suno se ne ricorda”.
rant’anni”, si guarda intorno. “È un bel po- La zona è vittima anche del turismo
sto”, dice. “La gente è vera”. mordi e fuggi: la gente scende in auto da
Sono venuto a visitare la valle dell’Omo Addis Abeba, prende d’assalto i villaggi, no a coltivare rapporti con le persone del
insieme a Will Jones, 45 anni, per capire co- scatta foto e poi se ne va lasciando una scia luogo, a commerciare con loro e a creare
me vivono alcune popolazioni dell’Africa. di polvere. Ne ho una dimostrazione du- uno scambio che sia utile per entrambi.
“Sono particolarmente interessato a questa rante una festa locale. Il fatto di assistere Abbiamo scelto di navigare sul iume per-
valle”, spiega Jones. “È un ecosistema a ri- alla ricerca febbrile della documentazione ché permette di raggiungere villaggi altri-
schio e sono a rischio anche le sue comuni- dell’“altro” mi fa rilettere sulle mie stesse menti inaccessibili”. Durante i sei giorni
tà, ma è ancora un posto molto selvaggio”. motivazioni. È un tema con cui ogni viag- trascorsi sul iume vediamo solo qualche
Jones è nato in Nigeria da genitori inglesi, è giatore che parte per luoghi sperduti o terre barca a motore che porta le provviste a
cresciuto in Africa orientale e ha studiato indigene dovrebbe fare i conti. un’organizzazione a valle.
nel Regno Unito. “Quando è arrivato il mo- “Qui c’è un circuito di sfruttamento”, Con Biwa a farci da guida, ci dirigiamo
mento di mettermi giacca e cravatta e an- dice Jones. “È uno dei motivi che ci spingo- verso un piccolo villaggio abitato dagli ha-

76 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Hamar e turisti vanno a un rito d’iniziazione maschile a Turmi, in Etiopia, settembre 2017

mar. Gli hamar, 45mila in tutta la valle, so- lancia”, dice Jones. Biwa annuisce. “Se hai A parte le armi da fuoco, nella valle
no pastori. Il villaggio è pieno di animali. un mitra sei rispettato”, dice. “La tua fami- dell’Omo non ci sono molti segni di adatta-
Come a Dus, le capanne sono semplici e glia si sente sicura e orgogliosa. Se non ce mento al mondo contemporaneo. Eppure
ordinate, fatte di bastoni ed erba. Un grup- l’hai la gente ti guarda male, e la tua fami- le notizie viaggiano in fretta. Mentre ci tro-
po di giovani maschi bada al bestiame glia se ne va da qualcuno che ce l’ha”. I fu- viamo nel villaggio hamar qualcuno dice
mentre una donna scuoia e macella una cili sono stati costruiti negli Stati Uniti, mi che lì vicino, a est, si sta per svolgere una
capra con l’aiuto del suo bambino, che ap- dicono, sono stati presi durante la guerra cerimonia del salto del toro, un rito d’ini-
pende i pezzi di carne su una staccionata nel vicino Sud Sudan. ziazione maschile. Andiamo a vedere.
accanto a un Ak-47 e a una cintura di pro- “Costano tanto”, dice Biwa. Alla ine di una lunga strada piena di
iettili. “Quanto?”, chiedo. buche arriviamo in un villaggio polveroso,
“Il kalashnikov ha preso il posto della “Cinque vacche”, risponde. nel pieno dei festeggiamenti. Gli anziani,

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 77


Viaggi
uomini e donne, sono all’ombra. I giovani feroci. Ci hanno cacciato dall’altra parte inluenze dell’Africa, ognuna in lotta per la
maschi hanno i volti dipinti di rosso e bian- del iume. Le nostre donne dicono che sia- supremazia. Gli uomini sulle rocce ci issa-
co. Le donne indossano gonne e portano mo deboli, non solo con le parole. È una no mentre ci inoltriamo nella terra arida. A
grossi campanacci intorno ai polpacci. vergogna che ci portiamo addosso”. Supe- sud si vedono le colline del Kenya. Tre ra-
Sfoggiano ricche acconciature ad anelli ri- riamo dei grossi coccodrilli che si rinfre- gazze con le brocche d’acqua in testa ci rag-
coperte di fango color ocra e tutte hanno scano sulle rive limacciose del iume a fau- giungono in silenzio. Una porta i segni del-
un piccolo corno che suonano senza sosta. ci aperte. la scariicazione – piccole cicatrici a rilievo
Una ragazza si mette di spalle e mi ac- Gruppi di scimmie colobo bianche e ne- prodotte dallo sfregamento della polvere
corgo che sulla schiena ha delle ferite che re saltano da un ramo all’altro degli alberi di carbone sulle ferite, creando intricati
sanguinano. Lei sembra non farci caso e di ico. Sulla riva c’è una piroga incustodi- motivi ornamentali. Le ragazze fanno
continua a ballare. Si avvicina a un ragazzo, ta. Un airone golia si solleva in aria. Con il avanti e indietro dal fiume due volte al
gli si pianta davanti e gli suona il corno in passare dei minuti la vegetazione ai bordi giorno, percorrendo più di tre chilometri
faccia. Poi comincia a saltare su e giù, fa- del iume si dirada in quasi a scomparire. alla volta: in Africa portare l’acqua è com-
cendo suonare i campanacci e soiando Passiamo accanto a pareti di roccia alte pito delle donne. Ai margini del villaggio
nel corno. Il ragazzo si china a terra, racco- dieci metri e a un paesaggio che diventa gironzolano sei uomini dallo sguardo ine-
glie una lunga frusta e la solleva. La ragaz- brullo. Un gruppo di mucche scheletriche spressivo. Il più alto sfoggia un berretto
za suona ancora più insistentemente, poi si disseta sulla riva occidentale del iume, dall’aspetto vagamente militare e un ka-
all’improvviso si interrompe e lo issa negli sollevando con gli zoccoli un polverone lashnikov. Gli altri hanno lunghi bastoni.
occhi. Lui la colpisce con la frusta, che si che ofusca il cielo e il sole e ricopre tutto di Alcuni portano sandali di gomma ricavati
avvita e le si abbatte sulla schiena con un una patina inquietante. In cima alla riva ci da vecchi pneumatici di camion, gli altri
colpo secco. La ragazza non fa una piega. sono due uomini di guardia. Uno ha un fu- sono a piedi nudi.
Riprende il corno, lo suona davanti alla cile a tracolla, l’altro porta quello che in Molti nyangatom sono seminomadi e il
faccia del ragazzo e si allontana danzando città sarebbe deinito un cappello da hip- villaggio sembra assemblato a caso, come
con la schiena insanguinata. Lo stesso rito ster. Le persone qui indossano un’accozza- fosse stato costruito in fretta, senza cura.
viene ripetuto dalle altre. Hanno tutte la glia di capi – stole tradizionali dai colori Non c’è uno spazio di incontro e manca to-
schiena segnata da ferite, vecchie e nuove, brillanti, pelli e ornamenti animali mi- talmente un’idea di organizzazione. I bam-
ma dai loro volti non traspare nulla. schiati a magliette del Chelsea, cappelli bini non corrono a salutarci. Ci fermiamo
alla moda e calzoncini militari – creando insieme agli uomini sotto la scarsa ombra
Sulla schiena del toro un quadro in troppo vivido delle diverse di un albero di datteri. Fumiamo delle siga-
Al tramonto una decina di tori sono portati rette. Con il passare dei minuti, sei donne
in uno spiazzo e messi uno aianco all’al- emergono da capanne a forma di alveare.
tro. Alcune donne si avvicinano e comin-
Informazioni Una comincia a cantare, poi improvvisa-
ciano a saltare in un frastuono di campa- pratiche mente s’interrompe. Tutte portano collane
nacci e corni. Altre intonano un coro. di perline e hanno drappi sbiaditi intorno
All’improvviso, un ragazzo nudo salta sulla alla vita. Alcune tengono in braccio bambi-
groppa del primo toro e comincia a correre ni. Giacche e pantaloni mimetici sono stesi
sulla spina dorsale delle bestie disposte in ad asciugare. La vita quotidiana che si ag-
linea. Dopo l’ultimo toro salta giù, poi risa- grappa all’esistenza. “La culla dell’umani-
le e fa il percorso nella direzione opposta. tà non è un paradiso terrestre”, dice mesta-
L’esercizio viene ripetuto per tre volte. Se mente Jones mentre riattraversiamo la
l’iniziato cade, il disonore lo accompagne- terra brulla per raggiungere la barca.
rà per tutta la vita, mi spiega Biwa. Il ragaz- A Dus ci attende una cerimonia. Due-
zo però non ha esitazioni: domani, al suo cento uomini karo si radunano in un gran-
risveglio, sarà un uomo e siederà con gli de semicerchio, su un promontorio afac-
anziani. Le donne continuano a suonare il ciato sul iume. I posti sono assegnati in
corno e la festa si protrae ino a notte fon- ordine crescente di anzianità, dal più gio-
da. Ripartiamo sotto un cielo senza luna, in ◆ Arrivare Il prezzo di un volo dall’Italia
vane al più vecchio. Me ne viene oferto
silenzio, con la costellazione della Croce per Addis Abeba (Turkish Airlines, Emirates, uno un po’ troppo in là per i miei gusti. Un
del sud che incombe bassa davanti alla no- Ethiopian Airlines) parte da 484 euro a/r. toro viene arrostito su un falò al centro del
stra auto. ◆ Escursione Per avere informazioni semicerchio. Tre uomini armati di mache-
Il mattino dopo risaliamo il iume e rag- sull’itinerario e sull’organizzazione del viaggio te tagliano a pezzi l’animale. Grossi blocchi
giungiamo un villaggio abitato dai nyanga- nella valle dell’Omo si può visitare il sito di Wild di carne e grasso ancora attaccati alle ossa
tom. I rapporti tra i karo e i nyangatom so- philantrophy (wildphilanthropy.com). vengono depositati su un piccolo letto di
no tesi. Da decenni i conlitti tra tribù per i ◆ Leggere Massimo Rossi, Etiopia. Viaggio di foglie davanti ai convitati.
un outsider a tempo determinato, Mimesis 2011,
furti di bestiame e la terra da pascolo agita- Qualcuno mi porta un pezzo di carne.
20,40 euro.
no la valle, tramandandosi di generazione Accanto a me, un anziano con le orecchie
◆ La prossima settimana Viaggio a Marfa,
in generazione, spiega Biwa. in Texas, tra cultura ranchera tradizionale e arte
cariche di monili e un bastone appuntito
“Ora andiamo in un territorio che ino a contemporanea. Ci siete stati? Avete che gli spunta da sotto il labbro inferiore mi
quindici anni fa era nostro”, dice Biwa suggerimenti su tarife, posti dove dormire, passa il suo coltello. Mi guarda mentre af-
spingendo il motore a tutta velocità sull’ac- mangiare, libri? Scrivete a fetto il misterioso ammasso di carne, poi
qua marrone. “I nyangatom sono guerrieri viaggi@internazionale.it. sorride quando me lo porto alla bocca. Ap-

78 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


versano il iume. Con il calare del buio le
voci si inseguono sull’acqua. Durante
un’escursione più a valle il iume comincia
a dividersi. La terra arida cede il passo
all’erba alta del delta. Arrivano gli stormi
di pellicani, poi ecco il lago Turkana. Dopo
aver passato giorni coninati sul iume, la
vasta distesa d’acqua fa impressione. An-
che qui l’ambiente è a rischio. “Dicono che
il Turkana potrebbe abbassarsi di sei metri
ANDy HASLAM (THE NEW yORK TIMES/CONTRASTO)

per via della diga”, spiega Jones. “Nessuno


sa quali potranno essere gli efetti sul del-
ta”. Dai pescatori del Turkana apprendia-
mo che non lontano da qui diverse comu-
nità daasanach si stanno radunando per
una cerimonia chiamata Dimi. Molta gente
ha fatto chilometri per questo evento, che
si celebra di rado e dura diverse settimane,
culminando con il rito della circoncisione
Lumale, Etiopia, settembre 2017 femminile. Scendiamo dalla barca e ci tro-
viamo davanti a una ventina di adolescenti
pena fuori del cerchio si sono radunati de- Cerco di sorridere e, lentamente, mi avvi- armati di arco e frecce. Dopo una impasse
gli avvoltoi. Quando la carne del toro è cino al rumore della folla. Il mio piccolo iniziale, ci mostrano entusiasti le punte af-
stata consumata per intero, uno degli an- amico mi prende per mano. Le voci diven- ilate delle loro frecce. Ci incamminiamo
ziani si alza in piedi e comincia a parlare. tano più insistenti. È quasi buio. Ecco che su una strada disseminata di ossa bovine,
“Sta dicendo una preghiera per far alza- lo sento di nuovo, questa volta è una rai- almeno credo. Il caldo è talmente intenso
re il livello del iume”, mi spiega Biwa. ca. Poi un’altra. Il bambino sorride per ras- che non si riesce a respirare. Il Dimi è appe-
“Non sanno della diga?”, chiedo. sicurarmi. Gli lascio la mano e me ne torno na cominciato; sono arrivate solo una man-
“È una cosa diicile da capire”, dice. di corsa al campo. ciata di famiglie. Davanti alle capanne ci
Il vecchio continua a parlare mentre Bi- sono delle picche con appesi mantelli di
wa traduce. “E adesso una preghiera per la Il lago Turkana pelle di leopardo e cappelli di piume di
pioggia. Per le donne e i bambini. Una pre- La mattina seguente, mentre carichiamo struzzo per gli uomini e cappe di scimmia
ghiera ainché il iume porti via tutti i pen- la barca per un altro spostamento a valle, per le donne. Molte persone che vengono a
sieri cattivi”. Dopo ogni invocazione i con- scopro che un anziano del villaggio è morto salutarci hanno la pelle dipinta di giallo per
vitati rispondono con un gemito profondo all’improvviso e che gli spari fanno parte le danze che accompagneranno la cerimo-
e gutturale. I tre uomini che hanno afetta- dell’elaborazione del lutto. Partiamo pri- nia. Quando torno alla barca incontro un
to il toro aprono l’unica parte rimasta ma che arrivi il caldo. Viaggiamo per sette uomo con il petto e lo stomaco coperto dai
dell’animale. Inilano le mani nella carcas- ore tra una itta vegetazione. Di tanto in segni della scariicazione.
sa, ne estraggono le feci calde e le gettano tanto si vedono bambini che nuotano “È per indicare che ha ucciso in batta-
in terra. Tutti gli uomini si spalmano gli nell’acqua infestata dai coccodrilli. I bab- glia”, spiega Biwa. L’uomo mi incenerisce
escrementi sulle gambe e sul petto impe- buini si arrampicano sugli argini del iume. con lo sguardo. Quando gli tendo la mano
gnandosi a proteggere i loro amati. A Omorate, un posto di blocco lungo il iu- per stringergliela, mi sorride.
Qualche ora dopo, al crepuscolo, esco me, ci controllano i passaporti. Paghiamo L’ultima sera, a ovest verso il Sud Su-
da solo dall’accampamento e ritorno al vil- la mazzetta e proseguiamo. “Da qui al lago dan, il sole è velato all’orizzonte. Entro nel
laggio. Come al solito il primo ad accoglier- Turkana è una terra di nessuno”, dice Jo- villaggio alle spalle del nostro accampa-
mi è un bambino. La luce sta calando velo- nes. La vegetazione cede il passo a un’am- mento e continuo a camminare ino al vil-
cemente, come succede vicino all’equato- pia pianura alluvionale. I grandi villaggi laggio successivo, e poi ino a quello dopo
re. C’è un gruppo di uomini vicino al consi- dei daasanach, per i quali siamo venuti in ancora. I bambini cominciano a seguirmi.
glio e alla casa delle cerimonie, ma per il qui, cominciano ad afacciarsi lungo il iu- A un certo punto diventano più di cento: i
resto il villaggio è tranquillo. Comincio a me. La diferenza tra i villaggi daasanach e più coraggiosi mi stringono la mano, qual-
sentire una specie di canto. Mi giro in dire- quelli che abbiamo visto inora sta nelle cuno mi tocca i capelli e poi scappa via ri-
zione della musica. Si alza una leggera bizzarre piattaforme alte tre metri costrui- dacchiando. Sulla via del ritorno, poco fuo-
brezza e il caldo inalmente dà un po’ di te per conservare e proteggere il raccolto di ri dell’accampamento, incontro un uomo
tregua. Poi all’improvviso si sente il timbro sorgo dall’inondazione annuale. Inonda- che sta dando fuoco a un albero morto vici-
inconfondibile del kalashnikov. Ho un sus- zione che è a rischio a causa della diga. Ci no a una radura. Racconto a Biwa quello
sulto. Giro la testa ovunque, cercando di accampiamo in alto su un argine. che ho visto. “Era una preghiera”, dice.
capire da dove partano i colpi. Mi stanno Gli abitanti del villaggio danno per “Una preghiera per far alzare il livello del
sparando perché sono entrato nel villaggio scontato di poter disporre liberamente dei iume”.
di notte? Il mio giovane compagno mi nostri spazi e quindi siamo invasi dalla loro Con la barca risaliamo la corrente di un
prende in giro. Guarda direttamente verso quotidianità. Le piroghe, sbilenche e stra- iume che diicilmente ascolterà la pre-
il cielo, indicando la direzione degli spari. piene di passeggeri, attraversano e riattra- ghiera. ◆ fas

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 79


Graphic journalism Cartoline dalle Marche

80 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


*Tratto dalla prefazione di Paolo Volponi alla guida del touring club italiano Marche, 1971.

Michele Petrucci vive e lavora a Fano. Vincitore del premio Micheluzzi al Napoli Comicon del 2009, il suo ultimo
lavoro è Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press 2017).

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 81


Cultura

Cinema
Roya Sadat con la sua troupe a Kabul, ottobre 2017
JIM HuyLebROeK (THe New yORK TIMeS/CONTRASTO)

Uno schiafo
ghanistan abbiamo sempre avuto un op­
pressore e un’oppressa, ma raramente ab­
biamo discusso dell’ambiente in cui vive
l’accusata”, dice Sadat.

al maschilismo
L’accusata è la sua protagonista Suraya,
l’esperta detective che inisce per uccidere
senza volerlo il marito mentre cerca di di­
fendersi dall’ennesima esplosione di vio­
lenza. La lettera al presidente a cui fa riferi­
mento il titolo è sua: scrive dalla prigione,
dove è inita nel braccio della morte.
Il matrimonio un tempo felice di Suraya
Mujib Mashal, The New York Times, Stati Uniti
è progressivamente naufragato quando gli
A letter to the president, il ilm in un applauso. “La gente adora quello impegni del suo lavoro in una società con­
afgano su una donna che lavora schiafo”, dice Roya Sadat, regista del ilm servatrice hanno cominciato a destare i so­
A letter to the president, 85 minuti, proposto spetti del marito.
e si ribella alle convenzioni, è senza successo per la categoria di miglior Il suocero e i suoi loschi soci in afari
un successo nel suo paese ilm straniero degli Oscar 2018. “Non è faci­ avvertono le pressioni delle indagini di Su­
le per il pubblico afgano accettare una don­ raya, e per questo l’uomo fa di continuo
na che schiafeggia un uomo. Ma il ilm li appello all’onore del iglio per limitare i
ui alza la mano, pronto ad afer­ colpisce. Quello è uno schiafo particolar­ movimenti di Soraya e costringerla a stare

L mare quello che considera un


diritto in una società dominata
dai maschi e in cui la parola i­
nale spetta al marito.
Lei è una detective di polizia temuta dai
criminali della città, oltre a essere moglie e
madre di due igli. I suoi doveri professio­
mente piacevole, di fatto è uno schiafo in
faccia a tutte le ingiustizie che le donne de­
vono afrontare qui”.
Per Sadat e la sua troupe, il solo fatto di
essere riusciti a realizzare A letter to the pre-
sident, un ilm produttivamente impegnati­
vo girato in circostanze molto diicili, rap­
a casa.
Da quando ha ideato la storia, nel 2010,
Sadat ha impiegato sette anni di duro lavoro
per completare il ilm. Ancora più frustranti
sono stati i tentativi di soddisfare i semplici
criteri per la selezione agli Oscar.
Organizzare proiezioni in sale cinema­
nali si scontrano con le aspettative nella vita presenta una vittoria. tograiche commerciali è stato diicile per­
domestica, nonostante tutti i suoi sforzi per Il vero risultato però è la reazione che ha ché ci sono solo un paio di cinema governa­
bilanciarli. Lì, sullo schermo, lui le dà uno avuto il pubblico a quello schiafo e la sen­ tivi che di solito proiettano vecchi ilm in­
schiafo e lei lo ricambia. Ma più forte. sazione di essere riusciti, in una società do­ diani. Se una regista vuole proiettare il suo
Il pubblico, una sessantina di persone in minata dagli uomini, a far immedesimare il ilm, deve aittare il cinema e subire un lun­
un cinema di Kabul pieno di fumo, esplode pubblico con una donna che lavora. “In Af­ go processo di controllo dei contenuti. An­

82 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Una proiezione all’aperto di A letter to the president, Kabul 23 ottobre 2017
JIM HuyLebROeK (THe New yORK TIMeS/CONTRASTO)

che i funzionari della principale istituzione uno degli attori principali, che un giorno, Moby ha fornito lo staf tecnico e gli addetti
cinematograica del paese, la commissione con grande sconcerto di Sadat, si era pre­ alla sicurezza, e gli amici hanno oferto le
afgana del cinema, secondo Sadat hanno sentato con la testa rasata. I due sono di­ loro case come set. Leena Alam, l’attrice
rallentato la irma di una lettera di cui aveva ventati una coppia di grande peso nel mon­ che interpreta Suraya, ha accettato di lavo­
bisogno per un’eventuale candidatura agli do del cinema afgano, completandosi e rare al personaggio per un compenso ridot­
Oscar. sostenendosi a vicenda. La sede della loro to, che ancora le deve essere corrisposto.
La regista ha cominciato a fare film azienda, la Roya Film House, è nel semin­ Poiché in Afghanistan non esistono veri
quando era una studente delle superiori a terrato sotto il loro appartamento. Sadat si studi cinematograici, ciascun set doveva
Herat. Three dots, il suo primo ilm, parla di considera fortunata a essere sposata con essere ricreato da zero. e anche la ricerca
una giovane costretta a contrabbandare un artista che ama il cinema quanto lei. delle ambientazioni in cui girare è stata
droga ed è stato realizzato più di dieci anni Dildar scrive le sceneggiature dei ilm e un’impresa, non solo a causa dello sguardo
fa con un’attrezzatura semplice in un villag­ quando lei deve afrontare un intenso pe­ esigente di Sadat, ma anche per questioni
gio isolato oggi sotto il controllo dei taliban. riodo di riprese lui si fa avanti per dare una legate alla sicurezza.
Sadat racconta che già all’inizio degli anni mano. Nei quaranta giorni delle riprese di Le scene nei villaggi hanno richiesto
2000, l’Afghanistan sembrava il selvaggio A letter to the president, il iglio più piccolo manovre particolarmente creative durante
west. una notte, durante le riprese, le don­ di Sadat non aveva ancora compiuto un an­ le quali la troupe ha dovuto completare i la­
ne di una delle case del villaggio avevano no. Dildar si occupava di supervisionare il vori prima che si spargesse la notizia delle
cominciato all’improvviso a fare baldoria. lavoro sul set mentre lei spariva per brevi riprese del ilm. Per una scena in carcere,
Quando aveva chiesto cosa stessero festeg­ periodi per dare da mangiare al bambino. per esempio, Sadat e i suoi collaboratori
giando, le avevano riposto che i loro mariti, “Nessun altro, a parte Aziz, mi avrebbe po­ hanno usato una scuola.
che vivevano di rapine, avevano assaltato tuto capire così bene”, dice Sadat. “Perché La regista ha mescolato diverse sfuma­
un veicolo di passaggio. quando lavoro mi dimentico delle questio­ ture di vernice per trovare il colore giusto
ni terrene, sto sveglia ino alle due o alle tre per i muri e le maestranze si sono occupate
L’arte di prodursi da soli del mattino”. della tinteggiatura.
Three dots ha attirato l’attenzione del princi­ Sadat ha cercato per anni di trovare un Quella notte è dovuta andare in ospeda­
pale gruppo di telecomunicazioni afgano, il produttore per il suo ultimo ilm, ma nessu­ le a causa di una reazione allergica alla pit­
Moby Media Group, che ha scelto Sadat per no era disposto a rischiare a causa del clima tura, ma al mattino era già sul set. Mam­
dirigere due serie drammatiche per la tv. d’incertezza politica nel paese. noon Maqsoodi, il veterano degli attori af­
Ha diretto cinquanta episodi di una e tre Alla ine lo ha prodotto lei insieme a Dil­ gani che nel ilm interpreta il presidente, ha
stagioni di un’altra. dar. Hanno venduto una delle loro due au­ deinito il successo di A letter to the president
Nel corso di uno di questi progetti Sadat tomobili, un appartamento che Sadat aveva un’importante testimonianza della passio­
ha conosciuto il marito, Aziz Dildar, un gio­ comprato con i guadagni da regista e i suoi ne e dell’attenzione per i dettagli di Sadat.
vane docente universitario di teatro buttato gioielli del matrimonio. “Sono commosso dal suo lavoro”, ha di­
nella mischia in fretta e furia per sostituire Si è anche rivolta agli amici. Il gruppo chiarato. u gim

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 83


Cultura

Cinema
Italieni Dagli Stati Uniti
I ilm italiani visti da
un corrispondente straniero.
Oprah Winfrey domina la scena
Questa settimana Vanja
Luksic del settimanale
L’Express. Il discorso dell’attrice e complessa, è arrivata all’es-
conduttrice tv è stato l’apice senza dolorosa di questo parti-
Napoli velata dello show dei Golden colare momento e, attraverso
Di Ferzan Ozpetek. globe la storia di una sconosciuta, ha
Con Giovanna Mezzogiorno, commosso e coinvolto tutti.
Alessandro Borghi. Per quasi tutta la sua durata la Verso la ine del suo discorso
Italia, 2017, 113’ consegna dei premi assegnati Oprah ha detto a quelli che op-
●●●●● dalla stampa straniera di primono, terrorizzano e mole-
Nato a Istanbul, Ferzan Ozpe- Hollywood è stata una cerimo- stano che il loro tempo è sca-
tek non poteva non essere in- nia come tante. Con i suoi mo- Oprah Winfrey duto. Tutti vorremmo che

KEVOrK DjANSEzIAN (NBCu PHOTO BANK/GETTy)


cantato da un’altra città medi- menti più intensi, quelli imba- Oprah avesse ragione. Magari
terranea, altrettanto ricca di razzanti, quelli divertenti. scorsi di ringraziamento, toc- si è trattato solo di un momen-
storia, di misteri e di magia: Dall’eccellente e chirurgico cando chi più chi meno temi to di spettacolo sapientemente
Napoli. E già dal titolo capia- monologo di apertura di Seth caldi. Poi è arrivata Oprah costruito. Ma di sicuro, alme-
mo che certi misteri non sa- Meyers alla denuncia di Nata- Winfrey a ritirare, prima don- no per un attimo ci ha fatto
ranno mai svelati. Il ilm si lie Portman, che ha fatto nota- na afroamericana, il premio credere che tutto questo sia
apre con una sparatoria nella re che non c’erano donne tra i alla carriera intitolato a Cecil davvero possibile e che stia
vertiginosa scala di un palazzo candidati al Golden globe per B. DeMille. Oprah è riuscita succedendo ora. Se è così
storico della città partenopea la miglior regia. Molti dei vin- nella diicile impresa di far ce lo dirà il tempo.
e con la rappresentazione di citori hanno fatto ottimi di- sembrare semplice una cosa Maureen Ryan, Variety
un antico rituale, la igliata
dei femminielli, celebrato da
un gran maestro del teatro na- Massa critica
poletano, Peppe Barra. Lì Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo
Adriana, una straordinaria

ST
PH

Giovanna Mezzogiorno, in-

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM

contra Andrea, il bello e in-


EG

O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
N
IA

quietante Alessandro Borghi.


A

N
N

L E i ti L E
L E i to T

L I i to P E

T i t i YO
ni R D

ti I
E

IO
n Y

ni S H
E
n GE
a OB

n E
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA

o ND
o AI

Passeranno insieme una notte


o
ci A

iU A
ci N
iU N

iU E
t
ad L
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

Fr BÉ

a
U

Fr M
Re H E

Re H E
Fr F

St S
C HE

Re H E

St H E

St H E

di passione. E si capirà presto


LO

Media
T

T
T

che tutto questo eros scatena-


to era, per tutti e due, un anti- juManjI 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111
doto a thanatos. In breve il
melodramma si trasforma in the bIG sIck 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
un thriller, poi in una storia ro-
mantica, forse onirica, dove cOcO - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111
però il sogno diventa incubo. I
vecchi traumi dell’infanzia di
DIckens. L’uOMO… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
Adriana hanno lasciato pro-
fonde ferite, e da certi dettagli
the GReatest… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
siamo portati a pensare che lei La RuOta DeLLe… - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 11111 11111
si stia inventando la realtà.
Naturalmente, non è così tRe ManIfestI 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
semplice. Nel inale, grazie
“all’occhio magico” (un amu- tuttI I sOLDI DeL… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
leto importante anche a Istan-
bul) tutto cambierà un’altra
GLI uLtIMI jeDI 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
volta. Chi cerca razionalità a
ogni costo può astenersi dalla
WOnDeR 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111
visione. Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo

84 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


I consigli Corpo e anima 50 primavere Coco
della Ildikó Enyedi Blandine Lenoir Lee Unkrich e Adrian Molina
redazione (Ungheria/Germania, 115’) (Francia, 89’) (Stati Uniti, 105’)

Tre manifesti a Ebbing, Missouri Jumanji. Benvenuti nella mondo esterno. E inisce per
giungla essere più pesante che com-
Di Jake Kasdan. Con Dwayne movente. Owen Wilson era più
Johnson, Jack Black, Kevin convincente come padrone di
Hart. Stati Uniti, 2017, 112’ un cane (Io & Marley) che ora
●●●●● come padre. julia roberts fa la
La giungla in cui ci invita jake sua parte in automatico. In ge-
Kasdan è un luogo dove si gio- nerale il ilm manca d’ironia e
ca e ci si diverte, ma non ha di complessità: ha la profondi-
molto a che fare con un ilm. tà di alcuni magneti da frigo.
Nel Jumanji originale del 1995 Peter bradshaw,
con robin Williams dei ragazzi the Guardian
venivano inghiottiti da un ma-
gico gioco da tavolo. In questo The greatest showman
Dr

sequel “autonomo” i protago- Di Michael Gracey. Con Hugh


In uscita Ancora in sala nisti si avventurano in un Jackman, Michelle Williams.
videogioco. Il tentativo, a tratti Stati Uniti, 2017, 105’
Tre manifesti a Ebbing, Tutti i soldi del mondo riuscito, di sfruttare lo spirito ●●●●●
Missouri Di Ridley Scott. Con Michelle del divertimento attraverso i La vita e le opere di P.T. Bar-
Di Martin McDonagh. Williams, Christopher videogame, spinge Jumanji num prendono una dimensio-
Con Frances McDormand, Plummer. Stati Uniti, 2017, 132’ molto vicino al cuore delle fan- ne alla Broadway in questo
Sam Rockwell. Stati Uniti/ ●●●●● tasie computerizzate. Ma alla scorrevole, visivamente inte-
Regno Unito, 2017, 115’ Chiunque conosce la partico- ine il ilm si accontenta di in- ressante ma emotivamente di-
● ● ● ●● larità di Tutti i soldi del mondo, trattenere e far passare il tem- luito musical ambientato nella
Il commediografo irlandese il ilm che ricostruisce il rapi- po perché il messaggio che New york dell’ottocento. P.T. e
Martin McDonagh ha scritto e mento del nipote di jean Paul cerca di inviare (la vita non è la moglie Charity formano
diretto altri due ilm, In Bruges Getty avvenuto a roma nel un gioco) è un po’ troppo sem- un’improbabile coppia, povera
e 7 psicopatici. E in tutti e due, 1973. A uno stadio avanzato plicistico. frank Masi, the ma felice. Ma P.T. aspira alla
proprio come in Tre manifesti delle trattative c’è stato uno Globe and Mail grandezza e dovrà combattere
a Ebbing, Missouri, ha mesco- scambio di ostaggi, un noto at- con l’ostilità dell’ambiente cir-
lato umorismo scabroso e tore mascherato con un pesan- Wonder costante. Alla ine, anche gra-
sconvolgenti esplosioni di vio- te trucco per essere invecchia- Di Stephen Chbosky. Con Owen zie all’aiuto di un ragazzo
lenza con personaggi da com- to è stato sostituito con un al- Wilson, Julia Roberts, Jacob dell’alta società che vuole
media sorprendentemente tro: esce Kevin Spacey, entra Tremblay. Stati Uniti, 2017, 113’ rompere le convenzioni, arri-
commoventi. In questo ilm, Christopher Plummer, più vi- ●●●●● verà il successo. Il ilm è spet-
McDonagh ha trovato un mi- cino per età al personaggio che C’è qualcosa di profondamen- tacolare, ma ha coreograie
glior equilibrio nei toni, anche interpreta, non coinvolto in al- te artefatto nella storia di que- che non convincono ino in
se questo non signiica che il cuno scandalo e con abbastan- sto bambino di dieci anni con fondo e storicamente mostra
ilm sia perfetto. Nella secon- za esperienza sulle spalle per il viso deturpato da una rara poca sostanza. Richard
da parte diventa un po’ troppo non farsi condizionare. Quello malformazione che afronta il brody, the new Yorker
bizzarro e ci sono praticamen- di ridley Scott è uno strano
te tre inali. Ma la pellicola ha ilm: ti aggancia ma non dà
due elementi che mancavano soddisfazione. È come un
alle precedenti: un’ambienta- bambino un po’ strano che cor-
zione che è molto di più di una re prima ancora di camminare.
scenograia (come lo erano la In più, al di là di un cast nutrito
cittadina belga o il deserto (anche se il francese roman
della California) e una prota- Duris è costretto a parlare ita-
gonista femminile costruita liano o inglese con accento ita-
alla perfezione e inserita in un liano), è inevitabile che Plum-
contesto sociale più ampio. mer attiri ogni attenzione.
Frances McDormand è proba- Chissà come sarebbe andata
bilmente l’attrice più talen- con Kevin Spacey, interprete
tuosa e sobria in circolazione un po’ più imprevedibile
a Hollywood. dell’aidabile Plummer. nigel
Dana stevens, slate andrews, financial times Tutti i soldi del mondo
Dr

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 85


Cultura

Libri
Italieni Dagli Stati Uniti
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Le favole della tata
Questa settimana Frederika
Randall che scrive per
The Nation. A Brooklyn c’è un corso di

KELLy SHIMODA (REDUx/CONTRASTO)


scrittura creativa per chi si
Giorgio Falco prende cura dei bambini
Ipotesi di una sconitta
Einaudi, 379 pagine, 19,50 euro Nella biblioteca pubblica di
● ● ●●● Brooklyn Heights si svolge un
C’è un aspetto della vita più laboratorio di scrittura creati-
angoscioso del proprio lavoro va rivolto a chi, come lavoro, si
per chi è nato e cresciuto sotto prende cura dei bambini degli
il neoliberismo? Gli orari pre- altri. A partecipare al semina-
cari e i compensi miseri sono rio (che è tenuto in due lingue:
ostili a qualsiasi programma di spagnolo e inglese) sono
vita; le mansioni sono più che esclusivamente donne, molte
futili, sono prive di ogni digni- straniere. L’idea è di Jakab Or-
tà. Giorgio Falco, nei suoi ro- sos, dirigente della biblioteca, La biblioteca pubblica di Brooklyn
manzi e nell’indimenticabile che in passato, alla Pen Ameri-
L’ubicazione del bene, rilette a ca, aveva organizzato dei labo- rant’anni e viene da Trinidad e frequentano il seminario su lo-
lungo sull’argomento. Raccon- ratori simili per collaboratori Tobago, frequenta il corso per ro consiglio. Per molte, co-
ta stili di vita e luoghi di lavoro domestici e tassisti. Gli è ve- riprendere un ilo spezzato munque, è un modo di sentirsi
post-fordisti – le fabbriche e i nuta quando ha notato che la quando è immigrata negli Stati parte di una comunità, e an-
templi dell’amministrazione, biblioteca era molto frequen- Uniti e ha dovuto lasciare la che aumentare la propria
la città cosmopolita e la perife- tata da babysitter. Gli scopi e scuola. Altre lo fanno per mi- coscienza di sé e la propria
ria lugubre – con l’estro assur- le motivazioni delle parteci- gliorare il loro inglese. Molte autostima.
do del primo George Saunders panti possono essere molto di- partecipano all’insaputa delle Aimee Lee Ball,
e la fantasia grottesca di J.G. versi. Stacey, che ha qua- famiglie per cui lavorano, altre The New York Times
Ballard. Ipotesi è la storia della
sua poco brillante carriera in
una lunga serie di lavori futili:
fabbricante di spillette di papa
Il libro Gofredo Foi
Wojtyla, attivatore di carte te-
lefoniche, addetto alle lettere
L’aria serena dei monti
di riiuto da inviare ai clienti
che presentano reclami, e così
via. Quel materiale da scarto Leta Semadeni bo” che rende accettabile e va- rezza, divertono e ammaestra-
viene trasformato in spaccati Tamangur ria la vita di un paese di mon- no. Si tratta del resto di una
memorabili del capitalismo Casagrande, 140 pagine, tagna insieme a un passato storia di formazione a partire
contemporaneo, il linguaggio 18 euro che riaiora e porta la malin- da quel che Semadeni ha da
allucinante delle “risorse Di Leta Semadeni, poeta conia. Il nonno, per esempio, comunicare di semplice e di
umane” torna alchemicamen- dell’Engadina, letto Tamangur se ne è andato a Tamangur, un profondo (lei è del 1944, il li-
te come prosa sarcastica. si ha voglia di conoscere i versi bosco di pini su in alto che è bro del 2015, magicamente
Falco arriva a passare mesi di- e si spera che l’editore di Bel- poi il posto dove vanno i morti. tradotto da Laura Bortot):
menticato dai superiori chiuso linzona ci accontenti, perché La bambina non ha genitori “Che cosa preferiresti, tutta la
in uno sgabuzzino a scrivere, raramente ci s’imbatte in un li- (che ne è stato?) e la nonna ed padella in un colpo solo o un
viene licenziato. Non lavorerà bro così sodo e delicato, di Elsa la trattano da pari, guar- pochino ogni giorno? Tutta la
mai più, decide, e si dedica al questa misura e simpatia nei dano alle cose della vita e dei padella in un colpo solo, ri-
gioco, tipo scommesse sporti- suoi 73 brevi capitoli. Una sogni con saggezza e ironia, sponde la bambina senza esi-
ve su partite minori di tennis. nonna dal grande seno, una apprezzano le scelte e bizzar- tare. Bene così, chi non recla-
Storia un po’ troppo lunga e in- nipotina curiosa e capace di rie degli umani, detestano i ma niente, non otterrà niente
disciplinata, ma comunque ragionare, la vicina Elsa, ani- pregiudizi. Le loro vicende dice la nonna, e si abbandona
esilarante. mali, piante e qualche “stram- hanno una sostanziosa legge- alla sua risata fenomenale”. u

86 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


I consigli Joy Williams Lydia Cacho Chris Ofutt
della L’ospite d’onore Amore e sesso Nelle terre di nessuno
redazione (Edizioni Black Cofee) in tempo di crisi (Minimum fax)
(Fandango)

I racconti Neil MacGregor


Il mondo inquieto
Nina Stibbe
Un uomo al timone
Tra la morte e la vita di Shakespeare
Adelphi, 315 pagine, 22 euro
Bompiani, 360 pagine, 18 euro
●●●●●
●●●●● Leggendo il romanzo semi-au-
La bandiera del Regno Unito tobiograico Un uomo al timone
Auður Ava Ólafsdóttir Auður Ava Ólafsdóttir copre le spalle degli atleti che si ride in continuazione. Stibbe
NEMO PERIER STEFANOVITCH (OPALE/LEEMAGE/LUz)

Hotel Silence vincono una medaglia così co- non prende nulla sul serio. O
Einaudi, 200 pagine, 18,5o euro me fa da sfondo ai congressi di meglio, lo fa, ma il suo senso
● ● ● ●● partito. Provate a immaginare dell’assurdo non l’abbandona
Il nuovo romanzo della scrit- un paese che non può poggiare mai. Descrivere dei genitori in
trice islandese Auður Ava su quel fondamento simboli- conlitto può essere traumati-
Ólafsdóttir è un afascinante co. Un capitolo del nuovo libro co. Eppure, anche nel bel mez-
concentrato di poesia e fanta- di Neil MacGregor torna al zo di una lite, riesce a esprime-
sia, un piccolo incantesimo 1604 per visitare l’incubo dei re una certa disinvoltura:
che conquista il lettore trasci- disegnatori araldici. Doveva- “All’inizio la situazione sem-
nandolo in un mondo stra- no inventare una bandiera che brava abbastanza tranquilla e
niante e sospeso. I dialoghi so- congiungesse i regni dopo che perino giocosa, inché le sue
no particolarmente eicaci: Giacomo VI di Scozia era di- grandi mani bianche non le
per esempio Guðrún, la madre ventato Giacomo I d’Inghilter- circondarono il collo e una
del protagonista, è un’anziana ra. La cosa era concettualmen- delle sue scarpe le cadde, co-
saggia che sofre di demenza, te piuttosto diicile. Il mondo me potrebbe accadere in un
il che altera le sue conversa- inquieto di Shakespeare illustra omicidio o in una iaba”. Il ro-
zioni con efetti a tratti irresi- paese straniero, un paese ap- i tentativi rafazzonati di so- manzo racconta la ricerca che
stibilmente comici. Il vicino di pena uscito da una sanguinosa vrapporre o aiancare le croci le iglie intraprendono per tro-
casa, da cui il nostro eroe pen- guerra civile. Con un unico di sant’Andrea e di san Gior- vare un uomo per la madre. A
sa di poter prendere in prestito cambio di vestiti e la sua inse- gio. Scrive MacGregor: “Pote- 31 anni, sola, infelice, con tre
un fucile da caccia, snocciola parabile cassetta degli attrez- te osservare l’ingovernabile igli e un labrador, la madre
continuamente statistiche sul- zi, Jónas s’installa in una città politica dell’unione espressa emerge nel romanzo come
la condizione femminile nel di cui il libro non ci dirà il no- in forma graica”. L’idea di una una donna spregiudicata, col-
mondo, inilandole nei suoi di- me: ognuno è libero di ricono- sola nazione è sempre stata ta e rainata, inadatta alla vita
scorsi su pneumatici e motori, scerci un luogo martoriato più facile da invocare che da ipocrita e meschina di un pae-
insieme ai consigli di cucina dalla guerra, che sia la Siria o ottenere o da eigiare addirit- sino inglese. Le sorelle metto-
(come in ogni romanzo di la ex Jugoslavia. Non è impor- tura. Il mondo inquieto di no insieme una lista esilarante
Ólafsdóttir, anche qui uomini tante: quello che importa, è Shakespeare mostra in conti- e disperata di potenziali coniu-
e donne si scambiano ricette che gli abitanti di quella città nuazione come i cambiamenti gi. C’è “il signor Longlady, ra-
di piatti corroboranti). Ma per ci assomigliano. Jónas prende epocali che il drammaturgo di gioniere e amante delle api”,
quale ragione Jónas, che ha 49 una stanza in un hotel gestito Stratford visse e mise in scena “Mr. Dodd, insegnante (evita-
anni, ha bisogno di un fucile? da una coppia di fratelli: è an- echeggino ancora nelle nostre re se possibile)” e “Denis del
Per uccidersi. Ci vuole un po’ cora in piedi, ma ha un gran bi- discussioni sui temi di comu- garage, troppo vecchio?”. Scri-
per riuscire a mettere a fuoco sogno di riparazioni. Così, il nità e identità. E i grandi even- vono lettere agli uomini in-
le cause della sua disperazio- progetto del suicidio viene im- ti, solitamente, rimettono sul gendosi la madre, invitandoli
ne. Sua iglia, anche lei si chia- percettibilmente rimandato. tavolo tutte le questioni lascia- a prendere il tè. A un certo
ma Guðrún, ha 26 anni, è spe- Impossibile non cominciare a te aperte. Vediamo così come punto la madre dice che una
cializzata in biologia marina e sperare, a questo punto, che il passato dia forma al presen- delle cose peggiori nella vita è
non è veramente sua iglia. anche Jónas trovi qualcuno te, su cui incombe, ma anche cercare di superare le brutte
Questa rivelazione a bruciape- che lo ripari, riportandolo a vi- come ci sembri strano e lonta- cose che hai causato a te stes-
lo è solo l’ultima di una serie di vere. Un romanzo pieno di no. Questo passato inquieto so. “Lo sapeva”, commenta la
porcherie che gli ha inlitto sua grazia e umorismo, ma non può ofrirci uno specchio scuro protagonista, “la maggior par-
moglie (la terza Guðrún della leggero. Fa i conti con la pre- in cui osservare la nostra con- te delle cose brutte della sua
storia), dopo averlo lasciato. Il senza della morte e dell’orro- dizione attuale. I problemi, di- vita sono state colpa sua”. Una
fatto è che Jónas non vuole la- re, pur celebrando senza reto- ce l’autore, sono sempre gli frase terribile che nel contesto
sciare a nessuno l’imbarazzo rica la vita e l’umanità dei per- stessi. E troviamo soluzioni di- di questo libro così confortan-
di disporre del suo cadavere, sonaggi. versamente inadeguate. te riesce a essere leggera e pri-
una volta che si sarà suicidato. Claire Devarrieux, Boyd Tonkin, va di giudizi. Kate Kellaway,
Così decide di partire per un Libération The Independent The Guardian

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 87


Cultura

Libri
Eva Wanjek
Lizzie
me Ofelia annegata nel famo-
so dipinto di John Everett Mil-
Kike Ferrari
Da lontano sembrano
Società
lais, e deve stare così a lungo mosche

MEDIUM.COM
Neri Pozza, 491 pagine, 18 euro
● ● ●●● in una vasca da bagno da pren- Feltrinelli, 192 pagine, 15 euro
A Londra, nel 1849, il giovane dersi la polmonite. Il dettaglio ●●●●●
pittore Walter Deverell vede non è inventato: l’intera storia Da lontano sembrano mosche è
una donna dai capelli rossi di di Lizzie si tiene vicina alla re- un romanzo poliziesco dello
una bellezza incomparabile altà. Tutti i pittori s’innamora- scrittore argentino Kike Ferra-
entrare in un negozio di abbi- no di lei, ma il suo cuore è con- ri. La storia si svolge in poche
gliamento: a quanto pare è una quistato da uno solo degli arti- ore, ma è così intensa che
sarta. Così comincia Lizzie di sti, Dante Gabriel Rossetti, sembrano molte di più. C’è un Sujatha Gidla
Eva Wanjek, pseudonimo die- che è anche un poeta. L’idillio cadavere in un baule intorno a Ants among elephants
tro cui si nascondono il ro- è perfetto. O meglio, sembra cui s’intrecciano le vicende Farrar, Straus and Giroux
manziere Martin Michael perfetto, perché nel corso del passate e presenti del protago- Gidla racconta la storia della
Driessen e la poetessa Lies- tempo sorgono sempre più nista Machi. Accanto alla tra- sua famiglia, che faceva parte
beth Lagemaat. Come conti- problemi. Elizabeth vuole es- ma principale, continui riferi- della casta degli intoccabili
nuare? La maggior parte degli sere la modella ideale e la mo- menti agli ultimi decenni di nell’Andhra Pradesh. Laureata
scrittori avrebbe lasciato che glie ideale, e inoltre ha le sue storia argentina: dalla dittatu- in isica, Sujatha Gidla vive a
l’artista pronto a tutto facesse ambizioni come pittrice e co- ra militare alla crisi economica New york dove è conducente
un gesto audace per entrare in me poetessa. Le persone intor- del 2001. Un romanzo che ha della metropolitana.
contatto con l’oggetto del suo no a lei la vedono diventare al centro l’impunità del potere,
desiderio, ma Deverell si rivol- sempre più magra e infelice. del capitale e del patriarcato. Hilda Kean
ge a sua madre, invitandola, se La storia di Elizabeth Siddal Ferrari ha scelto il giallo per- The great cat and dog
per caso ne avesse voglia, ad sarà una storia di autodistru- ché è il genere più adatto a rac- massacre
andare con lui nel negozio di zione: “Per tutto il tempo Liz- contare una società criminale. University of Chicago Press
abbigliamento. Il resto è storia zie ha parlato con Dante, ma Ma il ritratto sociale che ofre Nel settembre del 1939 i pro-
dell’arte. Elizabeth Siddal lui non l’ha sentita”. Parole non è a tesi, non divide il mon- prietari di cani e gatti di Lon-
(1829-1862), questo è il nome che arrivano al nocciolo di do in buoni e cattivi. C’è una dra, temendo un attacco aereo
della bellezza abbagliante, di- questo romanzo d’amore bello storia da raccontare, e questa da parte dei tedeschi, uccisero
venta la modella preferita dei e doloroso. è la sola cosa importante. i loro animali domestici (circa
pittori prerafaelliti. Posa co- Arjen Fortuin, Nrc Sol Amaya, La Nación 400mila). Hilda Kean ha inse-
gnato a lungo storia a Oxford,
nel Regno Unito.
Non iction Giuliano Milani Bill Schutt
Difendersi con la tecnologia Cannibalism
Algonquin
Lo studio di Schutt dimostra
che i motivi per cui animali e
Ippolita pedia del mondo costruito ne- te, ma cerca d’indirizzare il uomini ricorrono al cannibali-
Tecnologie del dominio. gli ultimi tempi in cui, volenti cambiamento. Mostra alcune smo variano molto (dalla fame
Lessico minimo o nolenti, ci troviamo a vivere. trappole, per esempio che ga- al desiderio di mostrare rispet-
di autodifesa digitale Articolato per voci (da “Algo- rantire l’uso commerciale de- to). Bill Schutt insegna biolo-
Meltemi, 283 pagine, 18 euro ritmo” a “Wikileaks”) collega- gli “open data” li rende assai gia alla Liu Post, università
Qualche anno fa, mentre mol- te da percorsi di lettura e rin- meno “open”. E ci sprona a dello stato di New york.
te persone ancora inneggiava- vii, questo prontuario permet- non mettere ogni pezzo della
no alla rete come una tecnolo- te di orientarsi in un contesto nostra vita a disposizione di John J. McKay
gia capace di portare, quasi in cui tutto cambia di conti- chi intende usarlo per guada- Discovering the mammoth
per magia, democrazia e par- nuo e dove è facilissimo rima- gnarci, a superare la pigrizia e Pegasus
tecipazione, in Italia i ricerca- nere indietro. La giustapposi- cercare una tecnologia alter- John J. McKay, professore
tori raccolti nel collettivo Ip- zione di nozioni di solito ana- nativa per poter condividere emerito di storia all’università
polita segnalavano i rischi lizzate separatamente (“Anar- informazioni. “La tecnologia dell’Illinois, racconta la storia
connessi alla difusione del co-capitalismo” e “Traspa- adatta è qui”, dicono gli auto- delle scoperte delle tracce e
web e dei social network. In renza radicale”) rende questo ri. “Sta a noi utilizzarla per delle ossa dei mammut.
questo libro fanno un passo libro un’opera critica che non soddisfare i nostri bisogni e Maria Sepa
avanti, fornendo un’enciclo- si limita a descrivere il presen- desideri”. u usalibri.blogspot.com

88 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Cultura

Libri
Ragazzi Ricevuti
Lunga vita Edoardo Zanchini
e Michele Manigrasso
ai mostri Vista mare
Edizioni ambiente, 392 pagine,
48 euro
Maurice Sendak La trasformazione dei pae-
Nel paese dei mostri saggi costieri italiani avvenu-
selvaggi ta durante il novecento.
Adelphi, 44 pagine, 18 euro
Questa non è una recensione. Autori vari
Perchè Nel paese dei mostri Atlante dell’infanzia
selvaggi, uno dei libri per a rischio
bambini più belli del mondo, Treccani/Save the children,
non ne ha bisogno. Ha tenuto 360 pagine, 14,90 euro
tra le braccia generazioni, è Viaggio nel sistema educati-
una lettura che i genitori vo per documentare le condi-
hanno passato ai loro igli. Più zioni dell’infanzia e le politi-
che una recensione diciamo che scolastiche in Italia.
che la rubrica oggi vuole
essere un promemoria. Infatti Marco Delogu
il 16 gennaio questo libro
fantasmagorico esce per le
Fumetti Asinara
Punctum, 72 pagine, 50 euro
edizioni Adelphi e sarà una
gioia averlo di nuovo tra le
Amicizia e memoria Progetto fotograico sul car-
cere dell’Asinara accompa-
mani. Fu la Emme edizioni a gnato dai testi di Edoardo Al-
portare il testo in Italia nel binati.
1969 e poi BabaLibri continuò Emmanuel Guibert ia, che issa per sempre un
a difonderlo. In tanti hanno Martha & Alan istante che, congelato, con il Corrado Dottori
amato queste avventure nella Coconino press, 120 pagine, passare del tempo si fa me- La musica vuota
giungla, questa foresta che 18 euro moria. Così Guibert unisce peQuod, 232 pagine, 18 euro
nasce nella cameretta di un Come altre opere di Guibert – questa sorta di autotrasigu- Gli anni di piombo e il mondo
bambino messo in punizione dalla trilogia La guerra di razione del mondo che la fo- di una inanza sempre sull’or-
dai genitori, dove la fantasia Alan (appena riproposto da tograia compie con il tempo lo del baratro sono i binari su
dell’autore si sprigiona. Lì si Coconino in un volume uni- e la trasigurazione per così cui corre questa sorta di me-
formano iumi, montagne, co) all’Infanzia di Alan (a cui dire naturale del disegno. Si moir di due generazioni in bi-
sogni e mostri. Sì, perché i si può aggiungere la trilogia pensa allora alle rilessioni lico tra due millenni.
mostri sono il sale della storia. de Il fotografo anche se non di alcuni intellettuali come
Maurice Sendak all’inizio collegata alla serie sulle me- John Berger. Guibert, per re- Jack Caravelli
aveva pensato a un paese dei morie del poeta Alan Ingram stare a Berger, annullando i e Jordan Foresi
cavalli. Ma poi si era reso Cope) – anche Martha & conini tra la traccia (la foto- La minaccia nucleare
conto che non sapeva Alan è un capolavoro. Nel tra- graia) e la traduzione (il di- Nutrimenti, 192 pagine,
disegnarli. Così arrivarono i sigurare con maestria sem- segno) confonde deinitiva- 16 euro
mostri o, come nel titolo pre maggiore fotograia e mente le acque. Ancora, Indagine sui delicati equilibri
originale, le cose selvagge, grande illustrazione, princi- passando da una narrazione internazionali su cui poggia-
eco della parola yiddish palmente angloamericana, sequenziale dalle molte vi- no le armi nucleari.
vildechaya che indica i del passato più o meno pros- gnette a una da singole im-
bambini esuberanti. All’inizio simo (ma oggi dal sapore de- magini a doppia pagina, David Hepworth
degli anni sessanta fu un cisamente retro), Guibert compie una celebrazione 1971
completo azzardo. Non passa dal bianco e nero rea- della vita mediante l’esalta- Sur, 400 pagine, 20 euro
c’erano molti libri di grande lizzato con ininite sfumature zione poetica delle sue vesti- Un anno d’oro del rock fra
formato che spaventavano di grigio a un colore sensuale gia. E rimane così fedele a se star in fuga dal isco, produt-
divertendo. Fu un successo che delinea dettagli e volumi stesso, fedele cioè nel cele- tori avventurosi, ideatori di
clamoroso. E lo è ancora oggi. in mille rivoli. Permane inve- brare per sempre l’amicizia. programmi radiofonici e pio-
Igiaba Scego ce la rilessione sulla fotogra- Francesco Boille nieri dell’elettronica.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 91


Cultura

Musica
Dal vivo Dal Canada
Alsarah & the Nubatones
Trieste, 12 gennaio
L’hard rock dei ghiacci
miela.it
Venezia, 13 gennaio
I Northern Haze sono arti inuit erano fuorilegge, e il

RADIO CANADA
alsarah.com
Roma, 14 gennaio una band leggendaria fatto che i Northern Haze suo-
largovenue.com del territorio del Nunavut nassero musica del sud rende-
va scettica una parte della co-
Uochi Toki È venerdì sera a Iqaluit, e sem- munità. Però piano piano il
Milano, 13 gennaio bra che l’intera città sia dentro gruppo si è fatto le ossa suo-
associazioneohibo.it al Legion. Iqaluit è la capitale nando alle feste locali e pubbli-
del Nunavut, il territorio più cò il primo disco nel 1985. Do-
Steven Isserlis settentrionale del Canada. A Northern Haze po la morte del chitarrista Koli-
e Olli Mustonen Iqaluit vivono ottomila perso- talik Inukshuk e del bassista
Genova, 15 gennaio ne. Il Legion è più pieno del so- veniva. Di sicuro non l’abbiamo Elijah Kunnuk nel 2007, il iglio
gog.it lito, perché stasera suonano i comprata in un negozio. Aveva di James Ungalaq, Derek Aq-
Roma, 16 gennaio Northern Haze, un gruppo sto- solo due corde, ma il suono era qiaruq, è entrato nella band. Il
concertiiuc.it rico dell’hard rock locale. Ori- meraviglioso”. Gli strumenti gruppo sta registrando un nuo-
Napoli, 18 gennaio ginaria di Igloolik, la band suo- musicali negli anni ottanta ve- vo disco ma, come sempre,
associazionescarlatti.it na da trent’anni e canta solo in nivano spediti dal sud del Ca- l’obiettivo non è il successo:
Sacile (Pn), 19 gennaio lingua inuktitut. Il cantante e nada e il batterista del gruppo “Vogliamo solo promuovere la
fazioli.com chitarrista del gruppo, James all’inizio dovette usare un set di nostra lingua e la nostra cultu-
Ungalaq, ripensa a quando ha plastica della Disney. La cultura ra inuit”, spiega Aqqiaruq.
Lady Gaga preso in mano la sua prima chi- inuit era, ed è ancora oggi, divo- Luke Ottenhof,
Milano, 18 gennaio tarra: “Non mi ricordo da dove rata dalla colonizzazione. Le Bandcamp Daily
mediolanumforum.it

Marc Ribot
Roma, 18 gennaio
Playlist Pier Andrea Canei
auditorium.com
San Vito di Leguzzano (Vi)
Sonno walkman
19 gennaio
centrostabile.it
Rosemary & garlic Gaspare Bernardi Andrea Poggio
Colapesce
Bologna, 18 gennaio
antoniano.it
1 Dreamer
Voce di donna dolente, un
po’ alla Laura Marling, su ac-
2 Suspance nights
(feat. Giò Cozza)
Bernardi fa uno sforzo intellet-
3 Addormentarsi
Al debutto solista, l’avvo-
cato milanese (e già leader dei
Roma, 19 gennaio cordi di chitarra trasognata, tuale nel presentarsi come ine Green Like July) afronta av-
auditorium.com country invernale, odore di le- dicitore del corno francese, venture da divano, bar della
gno bruciato e orizzonti che eremita sull’Appennino mode- stazione, autostrade e litorali.
yOUTUBE

sfumano verso il buio. E poi al- nese, intellettuale prestato al Quadretti di primavera vissuti
tre canzoni per altre stagioni, jazz. E poi c’è l’apporto del da alieno sognante, tra bossa
anche più elettroniche e in- trombettista Markus nova e Battiato. Un Tin Tin al
quiete. Bello passare le serate Stockhausen e ci sono i tra- neon con il polistrumentista e
d’inverno con un debutto di scorsi bolognesi a ianco di Vi- produttore Enrico Gabrielli
qualità: Rosemary & garlic è il nicio Capossela. Alla ine, pe- (un Calibro 35 cui vanno sem-
primo album del duo olande- rò, ci si abbandona all’ascolto pre fatti i complimenti, alla To-
se, formatosi quando il tastie- del suo album: a tratti suona massini di X Factor) nel ruolo
rista Dolf Smolenaers si rese un po’ come la Music from del capitano Haddock al timo-
conto della superiorità canora siesta dell’ultimo Miles Davis ne dell’album Controluce. Pog-
di Anne van den Hoogen, cori- con Marcus Miller. Niente ten- gio traccia la rotta entro una
sta della band precedente. sione eroica, ma una musica di “lieve-disagio-zone” subtropi-
Farle spazio è stata una bella pigrizia ispirata, con un’anda- calista, costante nel tono e nel
Colapesce mossa. tura sorniona non statica. ritmo.

92 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Classica Svjatoslav Richter Réné Jacobs James Johnstone
Scelti da Alberto Live at Carnegie Hall Mozart: Requiem J.S. Bach: fantasie, preludi
Notarbartolo
1960 Harmonia mundi e fughe per organo
Sony Classical Metronome

Album Charli XCX invece duetta con uno dei po-


chi in grado di avere la sua
Charli XCX stessa intensità. Entrambi i
Pop 2 musicisti vengono da quartieri
Asylum Records violenti, sono stati in carcere e
●●●●● nessuno dei due ha paura a
Gli inglesi sono specializzati raccontare la sua visione del
nella musica pop nostalgica, mondo. Tra i pezzi migliori c’è
l’equivalente musicale dell’in- 3rd person, nel quale Grizzley
ATLANTIC RECORDS

dustria del patrimonio cultu- si immedesima nei suoi paren-


rale. In mezzo a quest’orda di ti, che non gli hanno neanche
cantanti soul e strimpellatori scritto una lettera quando era
di chitarre acustiche, Charli in prigione. In un periodo in
XCX brilla per modernità. cui i rapper collaborano man-
Pop 2 è il secondo mixtape che rivato il suo debutto solista, regola per arrivare lontano, dandosi ile via internet, Bloo-
la cantante dell’Hertfordshire Piteous gate, in cui cercava di grazie alla forza evocatrice das emana un vero senso di
ha fatto uscire nel 2017 e l’ha conciliare i suoni delle mac- della loro musica elettrica e creatività condivisa.
registrato insieme al produtto- chine con quelli tradizionali. psichedelica. Canzoni che non Evan Rytlewski, Pitchfork
re A.G. Cook della Pc Music, Su Hesaitix questo particolare si dimenticano delle radici e
un’etichetta underground con linguaggio sonoro si è spinto conservano una poesia tribale. Lutosławski Quartet
un’estetica pop surrealista. La in territori ancora più estremi: Sophie Rosemont, con Erato Alakiozidou
voce di Charli viene distorta in si fa riferimento a spedizioni Afrique Magazine Šnitke e Kancheli: musiche
una sorta di biascicamento di- su pianeti sconosciuti, con for- per quartetto e pianoforte
gitale o tagliata in una serie di me di vita incomprensibli agli Tee Grizzley & Lil Durk Lutosławski Quartet con Erato
campionamenti come se fosse esseri umani. La cosa fantasti- Bloodas Alakiozidou, pianoforte
il disco rigido di un computer ca è che, per quanto ci si spin- 300 Entertainment Odradek Records
un po’ capriccioso. I bassi ga nei meandri remoti del co- ●●●●● ●●●●●
esplodono e ogni tanto si sen- smo, alla ine si trova sempre Nel suo formidabile debutto Il quintetto per piano è uno dei
tono suoni strani. Femmebot qualcosa che ti fa ballare. Per del 2017, My moment, il rapper lavori più cupi e ossessivi di
suona come una versione di- chi danza in coppia con forme di Detroit Tee Grizzley non Alfred Šnitke. Porta l’angoscia
fettosa del pop robotico di di vita sconosciute non c’è aveva avuto bisogno di alcuna esistenziale a un livello al qua-
Britney Spears ma nella mag- musica migliore di questa. collaborazione. A sorpresa, in- le Šostakovič e Mahler avreb-
gior parte dei pezzi Charli e il Jens Balzer, Die Zeit vece, in questo mixtape Griz- bero ceduto, però poi conclu-
suo produttore impiegano le zley ha deciso di sperimenta- de con un’apoteosi inale di
loro tattiche meta pop con mi- Les Filles de Illighadad re, collaborando con il rapper sbalorditiva semplicità. Il la-
surato senso teatrale. Questo Eghass Malan di Chicago Lil Durk, leader del voro trova un’espressione più
disco fa sembrare la musica Sahel Sounds collettivo Otf. La loro è un’al- completa nella sua trascrizio-
del passato una terra straniera. ●●●●● leanza simbiotica: Lil Durk fa ne per orchestra, In memo-
Ludovic Hunter-Tilney, Tre ragazze, un ragazzo, una salire sul suo carro uno dei no- riam, ma l’intensità di questa
Financial Times moltitudine di possibilità. Gui- mi più promettenti dell’hip versione per piano e archi fa
date da una delle poche chitar- hop statunitense e si rimette in sempre presa sull’ascoltatore e
M.E.S.H. riste tuareg famose, Fatou carreggiata dopo una serie di la combinazione del quartetto
Hesaitix Seidi Ghali, Les Filles de Il- progetti deludenti. Grizzley Lutosławski con la giovane
Pan lighadad hanno reso il loro vil- pianista greca Erato Alakiozi-
●●●●● laggio del Sahara nigeriano un dou è elettrizzante. Il breve
Se si vuole sapere come suona centro musicale di tutto rispet- quartetto per archi di Šnitke si
il mondo dopo una catastrofe, to. Lo testimonia questo otti- basa sul lavoro incompleto per
forse si può ascoltare Hesaitix, mo disco d’esordio, che me- quartetto di Mahler, e ne esce
il secondo disco di James scola la musica takamba e ten- vincitore. E il quartetto per ar-
Whipple, il produttore statuni- dé con il blues dei Tinariwen. chi e piano di Kancheli, In
tense che vive a Berlino me- Scoperte da Christopher l’istesso tempo, chiude il disco
ATLANTIC RECORDS

glio noto come M.E.S.H. Kirkley, che le ha messe sotto con un momento di elegante
Whipple ha cominciato la sua contratto con la sua etichetta tristezza. Il suono di questo al-
carriera nel collettivo Janus, discograica, la Sahel Sounds, bum è eccellente come la mu-
che produceva una fredda queste donne unite e indipen- sica e la sua esecuzione.
techno futurista. Nel 2015 è ar- denti hanno tutte le carte in Tee Grizzley & Lil Durk Ivan Moody, Gramophone

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 93


Cultura

Arte
Dal vero L’allestimento della mostra Düsseldorf mon amour a Tours
From life, Royal academy,
Londra, ino all’11 marzo
Il trionfo dello stile sulla so-
stanza. Sono irritanti perino i
preziosi testi scritti a mano sui
muri e le etichette attaccate
accanto ai lavori. Alcuni degli
artisti che hanno disegnato un
Iggy Pop nudo di 69 anni per il
progetto di Jeremy Deller
prendevano una matita in ma-
no per la prima volta, altri lo
fanno da una vita. Sono stati
convocati per ritrarre la leg-
genda vivente del rock. I dise-
gni migliori sono davvero
bruttini, ma l’obiettivo della
performance è un altro. La ri-
chiesta di Deller era dipingere
Iggy come un corpo, ignoran-
do lo straordinario essere
umano che è. Il video di Cai
Guo-Qiang del 2010 mostra
mille studenti d’arte cinesi
che disegnano un busto in
FRANçoIS FERNANDEz

gesso del David di Michelan-


gelo. Doveva essere proiettato
sulle pareti delle cave di Car-
rara, da dove fu estratto il
marmo per l’originale. I pro-
getti di Deller e Cai sono gli
unici lavori interessanti di
un’esposizione che tratta il te-
Francia
ma dello studio dal vero in
modo accademico e pedante,
La scuola di Düsseldorf
seguendo un criterio pura-
mente cronologico.
The Guardian Düsseldorf mon amour importanti della fotograia di riallestire al Centre de
Centre de création mondiale degli ultimi création contemporaine di
Un museo dei diritti civili contemporaine Olivier Debré, trent’anni (Andreas Gursky, Tours l’Instrumentarium,
Mississippi civil rights museum, Tours, ino al 1 aprile Candida Höfer, Thomas Ruf, opera spettacolare e
Jackson, Mississippi Epicentro di una rivoluzione Thomas Struth) e ha messo la concettuale che espone un
L’inaugurazione del museo è artistica che si è accesa nel città della Ruhr al centro della arsenale di strumenti tecnici
stata uno degli eventi del bi- 1960 e non si è ancora del storia dell’immagine. Le (secchi, tubi, barattoli,
centenario dello stato del Mis- tutto spenta, Düsseldorf e la generazioni successive si sono rubinetti) per misurare l’acqua
sissippi. Nonostante sia inan- sua scuola sono un caso formate all’accademia più estratta dai iumi d’Europa.
ziato dallo stato, il museo non paradigmatico di antica d’Europa (fondata nel Una seconda mostra,
edulcora i fatti e mostra con combinazione di luogo, gesto, 1773), da dove sono passati Düsseldorf mon amour,
energia documenti che rac- spazio e slancio. Joseph Beuys, Klaus Rinke, documenta la storia di quel
contano la storia dei diritti ci- Normalmente la scuola di Sigmar Polke, Daniel Buren, movimento, i suoi approcci
vili dalla tratta degli schiavi al Düsseldorf evoca l’opera e Nam June Paik, Yves Klein e estetici, e il modo di pensare
dopoguerra, quando i reduci l’inluenza di Bernd e Hilla Tony Cragg. Piattaforma di l’arte nella società teorizzato
neri dovevano riabituarsi al Becher nel campo della scambio permanente, la da Joseph Beuys, igura chiave
razzismo del loro paese. fotograia, una tradizione che scuola di Düsseldorf ha della scuola di Düsseldorf.
The New York Times ha fatto emergere le igure più chiesto all’artista Klaus Rinke Les Inrockuptibles

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 95


Pop
Scrivere saggi in tempi bui

Jonathan Franzen
e consideriamo la parola “saggio” nel sen­ re l’estinzione del saggio? O dobbiamo festeggiare il

S so di “prova” – di qualcosa di azzardato, fatto che ha conquistato la cultura di massa?


non deinitivo, non autorevole, un tentati­ Una micronarrazione personale e soggettiva: le po­
vo fatto sulla base dell’esperienza perso­ che lezioni che ho imparato sulla scrittura di saggi sono
nale e della soggettività dell’autore – si po­ venute dal mio editor al New Yorker, Henry Finder. An­
trebbe dire che viviamo nell’età d’oro della dai da Henry per la prima volta nel 1994, come aspiran­
saggistica. A quale festa sei andato venerdì sera, come te giornalista con urgente bisogno di soldi. Più che altro
ti ha trattato l’assistente di volo, qual è la tua opinione per un colpo di fortuna, scrissi un articolo pubblicabile
sullo scandalo politico del giorno: l’assunto su cui si ba­ sul servizio postale degli Stati Uniti, e poi, per naturale
sano i social network è che anche la più piccola micro­ incompetenza, ne scrissi uno impubblicabile sul Sierra
narrazione soggettiva merita non solo Club. A quel punto Henry suggerì che po­
un’annotazione privata, diaristica, ma Quando sono solo tessi avere una certa predisposizione alla
una condivisione con altre persone. L’at­ nei boschi vengo saggistica. Sentii che in realtà stava di­
tuale presidente degli Stati Uniti agisce sommerso da cendo: “Evidentemente come giornali­
sulla base di questo assunto. Sui mezzi moltissimi dati sta fai schifo”, e negai di avere quella
d’informazione come il New York Times sensoriali casuali. predisposizione. La mia educazione del
il resoconto rigoroso dei fatti di attualità L’atto di scrivere Midwest m’impediva di dilungarmi trop­
si è ammorbidito per permettere all’io, sottrae quasi tutto, po su me stesso, e avevo un ulteriore pre­
con la sua voce, le sue opinioni e le sue lasciando solo giudizio, derivato da certe idee sbagliate
impressioni di mettersi sotto i rilettori sulla scrittura di romanzi, contro l’enun­
l’alfabeto e la
della prima pagina, e i recensori si sento­ ciazione di cose che sarebbe stato più
no sempre meno obbligati a discutere di
punteggiatura proicuo descrivere. Però avevo ancora
libri con un minimo di obiettività. Una bisogno di soldi, così continuai a telefo­
volta non importava se Raskolnikov fosse un personag­ nare a Henry per farmi assegnare recensioni di libri.
gio piacevole, ma oggi la questione della “piacevolez­ Durante una di quelle telefonate mi chiese se mi inte­
za”, che privilegia implicitamente i sentimenti perso­ ressava l’industria del tabacco, su cui Richard Kluger
nali del revisore, è diventata un elemento chiave del aveva appena scritto un importante saggio storico. Dis­
giudizio critico. Anche la narrativa letteraria somiglia si in fretta: “Le sigarette sono l’ultima cosa al mondo a
sempre più alla saggistica. cui voglio pensare”. E Henry replicò, ancora più in fret­
Alcuni dei romanzi più inluenti degli ultimi anni, ta: “Pertanto devi scrivere un pezzo sulle sigarette”.
come quelli di Rachel Cusk e Karl Ove Knausgård, por­ Quella fu la prima lezione che ricevetti da Henry, e
tano a un nuovo livello il metodo della testimonianza rimane la più importante. Dopo aver fumato per tutti i
autoreferenziale in prima persona. I loro ammiratori miei vent’anni, intorno ai trenta ero riuscito a smettere
più accaniti vi diranno che immaginazione e invenzio­ per due anni. Ma quando mi era stato assegnato il pez­
ne sono espedienti superati; che abitare la soggettività zo sull’uicio postale, terrorizzato all’idea di alzare la
di un personaggio diverso dall’autore è un atto di ap­ cornetta e presentarmi come un giornalista del New
propriazione, addirittura di colonialismo; che l’unica Yorker, ero ricaduto nel vizio. Negli anni successivi ero
modalità di narrazione autentica e politicamente di­ riuscito a considerarmi un non fumatore, o almeno
JONATHAN fendibile è l’autobiograia. una persona così fermamente decisa a smettere di
FRANZEN Nel frattempo il saggio personale – l’apparato for­ nuovo che avrei potuto già essere un non fumatore an­
è uno scrittore e male di sincera introspezione e intenso confronto che se continuavo a fumare. Il mio stato mentale era
saggista statunitense. con le idee sviluppato da Montaigne e perfezionato da come una funzione d’onda quantistica in cui potevo
L’ultimo suo libro
Ralph Waldo Emerson, Virginia Woolf e James Bald­ essere un vero fumatore ma anche un vero non fuma­
pubblicato in Italia è
win – si sta eclissando. La maggior parte delle riviste tore, a patto che non mi confrontassi mai con me stes­
Purity (Einaudi
2016). Questo
statunitensi a grande circolazione ha quasi completa­ so. E subito mi fu chiaro che scrivere un saggio sulle
articolo è uscito sul mente smesso di pubblicare saggistica pura. La forma sigarette mi avrebbe costretto a sostenere quel con­
Guardian con il titolo persiste soprattutto in pubblicazioni minori, che anche fronto. I saggi sono così.
It is too late to save the considerate tutte insieme hanno meno lettori dei follo­ C’era anche il problema di mia madre, che aveva
world? wer di Margaret Atwood su Twitter. Dobbiamo piange­ perso suo padre per un cancro ai polmoni ed era forte­

96 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


GABRIELLA GIANDELLI

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 97


Pop
mente contraria al tabacco. Le avevo nascosto il mio Lo sforzo di scrivere un saggio non altera la molteplicità
vizio per più di quindici anni. Un motivo per cui avevo dei miei io: rimango contemporaneamente il possesso­
bisogno di mantenere la mia indeterminatezza di fu­ re di un cervello rettiliano incline alla dipendenza, una
matore/non fumatore era che non mi piaceva mentirle. persona ansiosa per la propria salute, un eterno adole­
Non appena fossi riuscito a smettere di nuovo, deiniti­ scente, un depresso che cerca di curarsi da sé. Ciò che
vamente, la funzione d’onda sarebbe collassata e io cambia, se mi prendo la briga di fermarmi a valutarlo, è
sarei stato al cento per cento il non fumatore che mi ero che la mia molteplice identità acquista sostanza.
sempre considerato. Però solo se prima non mi fossi Uno dei misteri della letteratura è che la sostanza
dichiarato, a mezzo stampa, un fumatore. personale viene percepita dallo scrittore e dal lettore
Henry era un ragazzo prodigio di una ventina d’anni come se fosse fuori dal loro corpo, su una pagina. Come
quando Tina Brown lo aveva assunto al New Yorker. posso sentirmi più reale in una cosa che sto scrivendo di
Aveva un caratteristico modo di parlare con il petto quanto mi senta nel mio corpo? Come posso sentirmi
contratto, una specie di mormorio iperarticolato, una più vicino a un’altra persona quando leggo le sue parole
prosa estremamente ben curata ma a malapena leggi­ che quando sono seduto accanto a lei? La risposta, in
bile. Ero intimorito dalla sua intelligenza ed erudizione, parte, è che scrivere e leggere richiedono la nostra pie­
e presto ero arrivato a vivere nella paura di deluderlo. na attenzione. Ma sicuramente c’entra anche il genere
L’appassionata enfasi che aveva messo in “pertanto de­ di ordine che è possibile solo sulla pagina.
vi scrivere un pezzo sulle sigarette” – non conoscevo
nessun altro che potesse permettersi quel veemente questo punto potrei citare altre due
“pertanto” iniziale insieme all’imperativo “devi” nella
stessa frase – mi consentiva di sperare che gli fossi rima­
sto almeno un pochino impresso.
E così mi misi al lavoro sul saggio, consumando ogni
giorno mezza dozzina di sigarette a basso contenuto di
nicotina davanti a un ventilatore piazzato sulla inestra
del soggiorno, e consegnai a Henry l’unico pezzo, tra
tutti quelli che avrei scritto per lui, che non ebbe biso­
gno della sua revisione. Non ricordo come mia madre
A lezioni che ho imparato da Henry Fin­
der. Una era: “Ogni saggio, anche un
pezzo d’opinione, racconta una sto­
ria”. E l’altra era: “Ci sono solo due
modi di organizzare il materiale: ‘il
simile va con il simile’ e ‘questo è venuto dopo quello’”.
Questi precetti possono sembrare ovvi, ma chiunque
abbia corretto una tesina delle superiori o del college
può dirvi che non lo sono. Per me non era afatto evi­
riuscì a mettere le mani sul saggio né come m’informò dente che un’opinione dovesse seguire le regole della
di essersi sentita tradita, se per lettera o con una telefo­ scrittura drammatica. E tuttavia un buon ragionamen­
nata, ma ricordo che poi interruppe le comunicazioni to non comincia forse presentando un problema diici­
Storie vere per sei settimane, in assoluto il periodo di silenzio più le? E non prosegue suggerendo una via d’uscita attra­
Un camionista lungo tra di noi. Ma quando le passò e ricominciò a scri­ verso qualche proposta coraggiosa, sollevando ostaco­
tedesco di cui non vermi, mi sentii visto da lei, visto per quel che ero, come li sotto forma di obiezioni e controargomentazioni, e
sono state rese note le
non mi ero mai sentito prima. Non era solo il fatto che le inine, dopo una serie di ribaltamenti, portandoci a una
generalità è morto e
avevo nascosto il mio io “reale”. Era come se non ci fos­ conclusione imprevista ma soddisfacente?
ha lasciato alla
famiglia circa un
se stato nessun io da vedere. Se accettate la premessa di Henry che un brano di
milione e 200mila Kierkegaard, in Aut-aut, si prende gioco dell’“uomo prosa riuscito consiste di materiali organizzati sotto
monete. Non erano indafarato” per il quale darsi da fare è un modo per evi­ forma di storia, e se condividete la mia convinzione che
pezzi di valore, solo tare un giudizio sincero su di sé. Magari ti svegli di notte le nostre identità consistono delle storie che raccontia­
spiccioli avanzati e t’accorgi che ti senti solo nel tuo matrimonio, o che mo su noi stessi, ne consegue che il lavoro di scrivere e
come resto, quasi devi pensare a ciò che i tuoi consumi stanno facendo al il piacere di leggere dovrebbero procurarci una forte
tutti da uno o due pianeta, ma il giorno dopo hai un milione di piccole co­ dose di sostanza personale. Quando sono solo nei bo­
centesimi, per un se da fare, e il giorno dopo un altro milione. Finché sarai schi o sto cenando con un amico vengo sommerso da
peso totale di più di
impegnato con le piccole cose, non dovrai fermarti ad moltissimi dati sensoriali casuali provenienti da ogni
due tonnellate e
afrontare le questioni più grandi. Scrivere o leggere un parte. L’atto di scrivere sottrae quasi tutto, lasciando
mezzo. La vedova ha
fatto avere le monete
saggio non è l’unico metodo per fermarti a rilettere su solo l’alfabeto e la punteggiatura, e procede verso la
alla Deutsche Bank, chi sei davvero e sul signiicato della tua vita, però è un non casualità. A volte, dando un ordine agli elementi di
che per le condizioni buon metodo. E se consideri quanto ridicolmente poco una storia nota, scopri che il suo signiicato non è quello
in cui erano non è indafarata fosse la Copenaghen di Kierkegaard in con­ che credevi. A volte, soprattutto se si parte da un assun­
stata in grado fronto alla nostra epoca, ti accorgerai che quei tweet to (“A questo segue quello”), è richiesta una narrazione
di contarle soggettivi e quei frettolosi post sui blog non hanno mol­ completamente nuova. La disciplina della creazione di
automaticamente. to di saggistico. Sembrano più che altro un mezzo per una storia coinvolgente può cristallizzare pensieri e
Ci ha pensato un evitare ciò che un vero saggio potrebbe imporci di vede­ sentimenti che sapevi solo vagamente di avere.
dipendente della
re. Passiamo le giornate a leggere su uno schermo roba Se avete davanti una massa di materiale che non
banca, Wolfgang
che non ci degneremmo mai di leggere su un libro stam­ sembra adatta alla narrazione, Henry direbbe che la
Kemereit, che le ha
contate a mano nei
pato, e a lagnarci di quanto siamo indafarati. vostra unica alternativa è suddividerla in categorie,
ritagli di tempo. Dopo Smisi di fumare per la seconda volta nel 1997. E poi, raggruppando insieme gli elementi aini: il simile va
sei mesi è arrivato al nel 2002, per l’ultima volta. E poi, nel 2003, per l’ulti­ con il simile. Questo è, come minimo, un modo di scri­
valore totale, che è missima volta, se non si conta la nicotina senza fumo vere ordinato. Ma anche gli schemi possono trasfor­
circa di ottomila euro. che mi scorre nel sangue mentre scrivo queste pagine. marsi in storie. Per capire la vittoria di Donald Trump in

98 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


GABRIELLA GIANDELLI
un’elezione che sembrava destinato a perdere, verreb­ bellezza e diversità, per imparare di più sul loro com­
be da costruire una storia del tipo “questo è venuto do­ portamento e sugli ecosistemi a cui appartengono, e
po quello”: Hillary Clinton è stata imprudente con le per fare lunghe, vigili passeggiate in posti nuovi. Ma
sue email, il ministero della giustizia ha deciso di non compilo anche troppi elenchi. Non solo conto le specie
procedere nei suoi confronti, poi sono venute alla luce di uccelli che ho visto nel mondo, ma anche quelle che
le email di Clinton nel computer dell’ex deputato An­ ho visto in ogni paese e in ogni stato nordamericano,
thony Weiner, poi il direttore dell’Fbi James Comey ha oltre che in altri luoghi più piccoli, compreso il mio giar­
riferito al congresso che forse Clinton era ancora nei dino, e in ogni anno a partire dal 2003. Posso razionaliz­
guai, e poi Trump ha vinto le elezioni. Ma in realtà po­ zare i miei conteggi compulsivi come un giochino sup­
trebbe essere più utile raggruppare il simile con il simi­ plementare nel contesto della mia passione. Però sono
le: la vittoria di Trump è stata simile al voto sulla Brexit davvero compulsivo. Questo mi rende moralmente in­
e al rinascente nazionalismo xenofobo in Europa. L’im­ feriore a chi osserva gli uccelli esclusivamente per la
periosa negligenza con cui Clinton ha gestito le sue gioia di farlo.
email è stata simile alla pessima comunicazione della Il fatto è che andando in Ghana mi ero dato la possi­
sua campagna elettorale e alla sua decisione di fare po­ bilità di battere il mio precedente record annuale di
chi comizi in Michigan e Pennsylvania. 1.286 specie. Nel 2016 avevo già superato le 800 e sape­
Il giorno delle elezioni ero in Ghana a fare bird­ vo, grazie alle mie ricerche online, che viaggi simili al
watching con mio fratello e due amici. La relazione di nostro avevano prodotto quasi 500 specie, poche delle
James Comey al congresso aveva scombussolato la quali comuni anche in America. Se in Africa avessi visto
campagna elettorale prima che partissi per l’Africa, ma 460 specie diverse, e poi avessi sfruttato le sette ore di
l’autorevole sito di sondaggi di Nate Silver, Fivethirty­ scalo a Londra per individuare venti facili uccelli euro­
eight, assegnava ancora solo il 30 per cento di probabi­ pei in un parco vicino a Heathrow, il 2016 sarebbe di­
lità di vittoria a Trump. Dopo aver votato in anticipo per ventato il mio anno migliore in assoluto.
Clinton, ero arrivato ad Accra sentendomi solo mode­ In Ghana stavamo vedendo cose fantastiche, tura­
ratamente in ansia per le elezioni e congratulandomi chi e meropidi spettacolari che si trovano solo in Africa
con me stesso per la mia decisione di trascorrere l’ulti­ occidentale. Ma le poche foreste rimaste nel paese sono
ma settimana della campagna elettorale senza control­ sfruttate intensamente per la caccia e il legname, e le
lare il sito di Nate Silver dieci volte al giorno. nostre passeggiate erano più torride che produttive. Al
In Ghana stavo assecondando un altro tipo di osses­ termine della giornata elettorale avevamo ormai man­
sione. Nel mondo degli appassionati di birdwatching io cato la nostra unica occasione di vedere alcune delle
sono, con mia vergogna, quello che si deinisce un lister, mie specie obiettivo. All’alba del mattino dopo, quando
cioè un elencatore. Non è che io non ami gli uccelli in le urne erano ancora aperte sulla costa occidentale de­
quanto tali. Faccio birdwatching per godere della loro gli Stati Uniti, accesi il telefono per ottenere la confer­

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 99


Pop
GABRIELLA GIANDELLI

ma che Clinton stava vincendo le elezioni. Invece trovai vistamento annuo che dovevo mantenere. Mi venne in
messaggi afranti dei miei amici californiani, con le foto mente che gli elenchi che avevo visto online per quella
delle loro facce cupe davanti alla tv e della mia ragazza zona comprendevano anche specie sentite ma non vi­
rannicchiata sul divano in posizione fetale. In quel mo­ ste, mentre io per poter contare un uccello dovevo ve­
mento il titolo del New York Times era: “Trump con­ derlo. Quegli elenchi avevano alimentato le mie spe­
quista il North Carolina e acquista velocità; diminui­ ranze proprio come aveva fatto Nate Silver. Adesso ogni
scono le possibilità di vittoria di Clinton”. specie obiettivo che mancavo mi rendeva ancora più
Non mi restava che andare in cerca di uccelli. Lungo ansioso di vederle tutte, anche quelle più improbabili,
una strada nella foresta di Nsuta, mentre schivavo ca­ pur di battere il mio record. Era solo uno stupido elenco
mion di legname la cui velocità mi faceva pensare a annuale, fondamentalmente insigniicante anche per
Trump anche se rimanevo aggrappato all’idea che Clin­ me, ma ero ossessionato dal titolo del mattino dopo le
ton avesse ancora una possibilità di vittoria, vidi buceri elezioni. Invece di 275 grandi elettori , io avevo bisogno
nani neri, un baza africano e un picchio malinconico. di 460 specie, e le mie possibilità di vittoria stavano di­
Fu un mattino sudato ma soddisfacente che terminò, minuendo a vista d’occhio. Inine, quattro giorni prima
quando riemergemmo nella zona coperta dalla rete te­ della ine del viaggio, nello sioratore di una diga vicino
lefonica, con la notizia che il “cafone dalle dita corte” (il al conine con il Burkina Faso, dove avevo sperato di
memorabile epiteto che gli aveva dato il sito Spy) era il individuare cinque o sei nuovi uccelli di prateria e non
nuovo presidente del mio paese. In quel momento mi ne avevo visto nessuno, dovetti accettare la sconitta.
resi conto di cosa aveva fatto la mia mente con la proba­ D’un tratto mi resi conto che avrei dovuto essere a casa,
bilità del 30 per cento assegnata da Nate Silver a Trump: a cercare di consolare la mia ragazza mettendo in prati­
per qualche motivo avevo immaginato che volesse dire, ca l’unico vantaggio dell’essere un pessimista depresso,
nel peggiore dei casi, che dopo le elezioni il mondo po­ e cioè la capacità di ridere nei tempi cupi.
teva diventare del 30 per cento più schifoso. Come aveva fatto il cafone dalle dita corte a rag­
In realtà ciò che quel numero rappresentava, natu­ giungere la Casa Bianca? Quando ha ricominciato a
ralmente, era un 30 per cento di probabilità che il mon­ parlare in pubblico, Hillary Clinton ha accreditato una
do diventasse più schifoso del cento per cento. descrizione di sé del tipo “il simile va con il simile”, pre­
Mentre risalivamo verso il nord del Ghana, più sec­ sentando una narrazione del tipo “questo è venuto do­
co e meno popolato, incrociammo alcuni uccelli che da po quello”. Poco importa che avesse gestito male le sue
tempo sognavo di vedere: guardiani dei coccodrilli, email. Poco importava che gli elettori potessero avere
gruccioni carminio e un maschio di succiacapre vessil­ dei legittimi motivi di malcontento nei confronti delle
lario, al quale i lunghissimi ciui sulle ali davano l’aspet­ élite di sinistra che lei rappresentava; che potessero dif­
to di un caprimulgo incalzato da due pipistrelli. Ma idare della razionalità del libero scambio, dei conini
continuavamo a perdere terreno rispetto al ritmo di av­ aperti e dell’automazione delle fabbriche, quando la

100 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


crescita complessiva della ricchezza globale si era veri­ mavera araba era stato mettere in trincea l’autocrazia,
icata a spese della classe media; che potessero averce­ e da allora Twitter si è rivelato, in mano a Trump, una
la con il fatto che lo stato avesse imposto valori urbani piattaforma fatta su misura per l’autocrazia, ma i para­
progressisti alle comunità rurali conservatrici. Secondo dossi non inivano lì. Durante la stessa settimana di
Clinton, la sua sconitta era colpa di James Comey, e gennaio, le librerie e gli scrittori di sinistra statunitensi
forse anche dei russi. proposero di boicottare l’editore Simon & Schuster, col­
Anch’io, a dire il vero, avevo la mia bella storia ordi­ pevole di voler pubblicare un libro dello squallido pro­
nata. Quando tornai a Santa Cruz dall’Africa, i miei vocatore di estrema destra Milo Yiannopoulos. Le li­
amici di sinistra faticavano ancora a capire come Trump brerie più arrabbiate parlavano di riiutare tutti i titoli di
potesse aver vinto. Ripensai a un incontro pubblico che Simon & Schuster, compresi, presumibilmente, i libri
avevo avuto con l’ottimistico esperto di social network di Andrew Solomon, il presidente del Pen. Smisero di
Clay Shirky, che aveva raccontato che i critici gastrono­ parlarne solo quando l’editore annullò il contratto con
mici professionisti di New York erano rimasti “scanda­ Yiannopoulos.
lizzati” quando Zagat, un servizio di recensioni fatte
dai lettori, aveva nominato lo Union Square Café come rump e i suoi sostenitori della cosiddet­
il migliore ristorante della città. Shirky intendeva sotto­
lineare che i critici professionisti non sono intelligenti
come credono di essere, anzi, nell’epoca dei big data
non sono nemmeno più necessari. Durante l’incontro,
ignorando il fatto che lo Union Square Café era anche il
mio ristorante newyorchese preferito (la gente aveva
ragione!), mi ero acidamente chiesto se secondo Shirky
i critici fossero stupidi anche a considerare Alice Munro
una scrittrice migliore di James Patterson. Ma adesso la
T ta alt-right godono a toccare i tasti do­
lenti della correttezza politica, ma ci ri­
escono solo perché quei tasti esistono:
studenti e attivisti che rivendicano il
diritto di non sentire ciò che li disturba
e di mettere a tacere le idee che li ofendono. L’intolle­
ranza prospera soprattutto online, dove i discorsi paca­
ti sono puniti dalla mancanza di clic, dove invisibili al­
goritmi di Facebook e Google vi dirigono verso i conte­
vittoria di Trump aveva giustiicato la sua presa in giro nuti con cui siete d’accordo, e dove le voci anticonfor­
degli esperti. I social network avevano permesso a miste tacciono per paura dei troll o di perdere amici. Il
Trump di aggirare la critica istituzionale e un numero risultato è un silo all’interno del quale, da qualunque
suiciente di persone, nei principali stati in bilico tra i parte stiate, sentirete di avere assolutamente ragione a
due candidati, aveva trovato le sue bufonate e i suoi odiare ciò che odiate. Ed ecco un altro modo in cui la
discorsi incendiari “migliori” delle sottili argomenta­ saggistica diferisce da altri generi di discorso soggetti­
zioni di Clinton e della sua padronanza della politica. A vo apparentemente simili. Il saggio ha le sue radici nel­
questo segue quello: senza Twitter e Facebook non ci la letteratura, e la letteratura al suo meglio – le opere di
sarebbe stato Trump. Alice Munro, per esempio – v’invita a chiedervi se per
Dopo le elezioni, per un po’ Mark Zuckerberg sem­ caso non abbiate un po’ torto o addirittura completa­
brò assumersi la responsabilità, più o meno, di aver cre­ mente torto, e a immaginare perché qualcun altro po­
ato la piattaforma perfetta per difondere notizie false trebbe odiarvi.
su Clinton, e suggerire che Facebook poteva diventare Tre anni fa ero infuriato per i cambiamenti climati­
più attivo nel iltrare le notizie (tanti auguri). Twitter, ci. Il partito repubblicano continuava a mentire sulla
dal canto suo, mantenne un profilo basso. Mentre mancanza di consenso scientiico sulla questione – il
Trump continuava a twittare senza tregua, cosa poteva dipartimento per la protezione dell’ambiente della Flo­
dire Twitter? Che stava rendendo il mondo un posto rida era arrivato a vietare ai propri impiegati di scrivere
migliore? le parole “cambiamento climatico” dopo che il gover­
In dicembre la mia stazione radio preferita di Santa natore dello stato, un repubblicano, aveva sostenuto
Cruz, Kpig, cominciò a trasmettere un falso annuncio che non si trattava di un “fatto reale” – ma non ero me­
che ofriva un servizio di terapia a chi non riusciva a no arrabbiato con la sinistra. Avevo letto un nuovo libro
smettere di manifestare odio per Trump su Twitter e di Naomi Klein, Una rivoluzione ci salverà, in cui la gior­
Facebook. Il mese seguente, una settimana prima nalista aferma che, anche se “il tempo stringe”, abbia­
dell’insediamento di Trump, il Pen American Center, mo ancora dieci anni per trasformare radicalmente
l’associazione di scrittori e poeti statunitense, organiz­ l’economia globale e impedire un aumento di più di due
zò eventi in tutto il paese per respingere il presunto as­ gradi delle temperature entro la ine del secolo. Klein
salto alla libertà rappresentato da Trump. Anche se più non era l’unica persona di sinistra a sostenere che aves­
tardi le restrizioni ai viaggi imposte dalla sua ammini­ simo ancora dieci anni. A dire il vero, gli ambientalisti
strazione avrebbero reso più diicile agli scrittori di dicevano esattamente la stessa cosa nel 2005.
paesi musulmani far sentire la loro voce negli Stati Uni­ Lo dicevano anche nel 1995: abbiamo ancora dieci
ti, in gennaio l’unica cosa negativa che non si poteva anni. Nel 2015, tuttavia, avrebbe dovuto essere chiaro
dire di Trump era che avesse limitato in qualche modo che l’umanità è incapace in ogni modo – politicamente,
la libertà d’espressione. I suoi tweet bugiardi e prepo­ psicologicamente, eticamente, economicamente – di
tenti erano libertà d’espressione all’ennesima potenza. ridurre le emissioni di carbonio abbastanza in fretta da
Lo stesso Pen, pochi anni prima, aveva dato un premio cambiare radicalmente le cose. Anche l’Unione euro­
per la libertà di parola a Twitter, per il suo sbandierato pea, che per prima aveva preso l’iniziativa sul clima e
ruolo nella primavera araba. Il vero risultato della pri­ amava fare la predica alle altre regioni per la loro irre­

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 101


Pop
sponsabilità, durante la recessione del 2009 non aveva ampio, perché neppure la morte di un solo uccello pote­
esitato a spostare l’attenzione sulla crescita economica. va essere attribuita direttamente alle emissioni umane
Se si esclude una rivolta mondiale contro il capitalismo di CO2. Nel 2014 la più grave minaccia per gli uccelli
del libero mercato nei prossimi dieci anni – lo scenario americani era la perdita di habitat, seguita dai gatti,
che secondo Klein potrebbe ancora salvarci – il più pro­ dalle collisioni con gli ediici e dai pesticidi. Tirando in
babile aumento della temperatura in questo secolo è ballo lo slogan dei cambiamenti climatici, l’Audubon
nell’ordine dei sei gradi. Ci andrà bene se eviteremo un ottenne parecchia attenzione da parte dei mezzi d’in­
aumento di due gradi prima del 2030. formazione di sinistra: era stato segnato un altro punto
Nel 2015, in un sistema politico sempre più aspra­ contro la destra che negava la scienza. Ma non era afat­
mente diviso, la verità sul riscaldamento globale era to chiaro come ciò potesse aiutare gli uccelli. L’unico
ancora meno comoda per la sinistra che per la destra. efetto pratico dell’annuncio, mi sembrava, era scorag­
Le negazioni della destra erano bugie odiose, ma alme­ giare le persone dall’afrontare le vere minacce agli
no erano coerenti con un certo gelido realismo politico. uccelli nel presente.
La sinistra, dopo avere duramente criticato la destra Ero così arrabbiato che decisi di scrivere un saggio
per la sua disonestà intellettuale e trasformato il nega­ (I dilemmi di un ambientalista, Internazionale 1106).
zionismo climatico in uno slogan politico, si trovava ora Partii con un piagnisteo contro la National Audubon
in una posizione impossibile. Doveva continuare a so­ society, che si ampliò ino a diventare una sprezzante
stenere la verità delle conclusioni scientiiche mentre critica del movimento ambientalista in generale. Poi
insisteva con la inzione che un’azione mondiale collet­ cominciai a svegliarmi di notte in preda al panico per
tiva potesse prevenire il peggio: l’accettazione univer­ dubbi e rimorsi. Per lo scrittore un saggio è uno spec­
sale dei fatti, che avrebbe potuto davvero essere rivolu­ chio, e ciò che vedevo in quello specchio non mi piace­
zionaria nel 1995, poteva esserlo ancora. Altrimenti che va. Perché me la prendevo con i progressisti come me,
diferenza faceva se i repubblicani polemizzavano con quando i negazionisti erano molto peggiori? La pro­
la scienza? spettiva del cambiamento climatico era disgustosa per
me quanto per i gruppi che stavo attaccando. Ogni gra­
oiché le mie simpatie andavano alla sini­ do in più di riscaldamento globale avrebbe causato sof­

P stra – ridurre le emissioni è enormemen­


te meglio che non fare nulla, e anche
mezzo grado può cambiare le cose – nu­
trivo più aspettative nei suoi confronti.
Negare la cupa realtà, ingere che gli ac­
cordi di Parigi potessero scongiurare la catastrofe, era
comprensibile come tattica per mantenere le persone
motivate a ridurre le emissioni, per tenere viva la spe­
ranza. Come strategia, però, faceva più male che bene.
ferenze a centinaia di migliaia di persone nel mondo.
Non valeva la pena di compiere uno sforzo comune per
ottenere una riduzione anche solo di mezzo grado? Non
era osceno parlare di uccelli quando i bambini del Ban­
gladesh erano minacciati? Sì, la premessa del mio sag­
gio era che abbiamo una responsabilità etica nei con­
fronti delle altre specie oltre che della nostra. Ma se la
premessa fosse stata falsa? E anche se fosse stata vera,
m’interessava davvero così tanto la biodiversità? O ero
Rinunciava alla superiorità etica, insultava l’intelligen­ solo un maschio bianco privilegiato che amava il bird­
za degli elettori non convinti (“Davvero? Abbiamo an­ watching? E neppure un appassionato di birdwatching
cora dieci anni?”) e ostacolava una discussione aperta dal cuore puro: un elencatore!
su come la comunità globale debba prepararsi a cam­ Dopo tre notti passate a dubitare del mio carattere e
biamenti drastici e su come nazioni come il Bangladesh delle mie motivazioni, chiamai Henry Finder e gli dissi
debbano essere compensate per ciò che hanno subìto che non potevo scrivere quell’articolo. Avevo sprolo­
da nazioni come gli Stati Uniti. quiato parecchio sul clima con amici e conservazionisti
Inoltre quella malafede alterava le priorità. Negli che la pensavano come me, ma i miei sproloqui sem­
ultimi vent’anni il movimento ambientalista era diven­ bravano quelli che si trovano online, dove sei protetto
tato prigioniero di un’unica questione. Le grandi ong dalla natura estemporanea della scrittura e dalla bene­
ambientali, in parte perché efettivamente preoccupa­ volenza del tuo pubblico. Cercare di scrivere una cosa
te, avevano investito il loro capitale politico nella lotta compiuta mi aveva reso consapevole della sciatteria del
ai cambiamenti climatici, un problema dal volto uma­ mio pensiero. Aveva anche enormemente aumentato il
no, anche perché mettere in primo piano i problemi rischio di vergogna, perché si trattava di un scritto ra­
umani è politicamente meno rischioso – meno elitario – gionato, non informale, che avrebbe raggiunto un pub­
che parlare della natura. L’ong che mi irritava più di tut­ blico di estranei probabilmente ostili. Seguendo l’am­
te, come appassionato di uccelli, era la National Audu­ monimento di Henry (“Pertanto”), ero arrivato a con­
bon society, che una volta era un’intransigente paladina siderare il saggista come una specie di pompiere, il cui
degli uccelli e oggi è un’istituzione letargica con un compito è tufarsi in mezzo alle iamme della vergogna
enorme uicio di pubbliche relazioni. Nel settembre mentre tutti gli altri scappano. Ma ora non avevo da te­
del 2014, con grande clamore, quell’uicio aveva an­ mere solo la disapprovazione di mia madre.
nunciato al mondo che i cambiamenti climatici erano la Il saggio sarebbe probabilmente rimasto abbando­
minaccia numero uno per gli uccelli del Nordamerica. nato, se non fosse che avevo già cliccato sul sito dell’Au­
L’annuncio era in malafede sia in senso stretto, perché dubon per afermare che sì, volevo unirmi alla lotta
la sua formulazione non quadrava con le conclusioni contro i cambiamenti climatici. Lo avevo fatto solo per
degli scienziati della stessa Audubon, sia in senso più raccogliere munizioni retoriche da usare contro l’Audu­

102 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


GABRIELLA GIANDELLI
bon, ma a quel clic era seguito un diluvio di sollecitazio­ me una critica ma come una domanda: come troviamo
ni via posta ordinaria. Ne ricevetti almeno otto in sei signiicato nelle nostre azioni quando sembra che il
settimane, tutte con richieste di donazioni, insieme a mondo stia per inire? Buona parte della versione inale
un diluvio simile nella mia casella di posta elettronica. era dedicata a un paio di progetti di conservazione re­
Qualche giorno dopo la mia discussione con Henry gionale ben concepiti, in Perù e Costa Rica, dove dav­
aprii una delle email e mi trovai davanti una foto di me vero si lavora per rendere il mondo un posto migliore,
stesso: per fortuna un’immagine lusinghiera, scattata non solo per piante e animali selvatici ma anche per i
nel 2010 per Vogue, in cui mi avevano vestito meglio di peruviani e costaricani che vivono in quei luoghi. Lavo­
quanto mi vesta di solito e mi avevano messo in posa in rare a questi progetti fornisce uno scopo alle persone, e
un campo con il binocolo in mano, come uno che fa i beneici sono immediati e tangibili.
birdwatching. Il titolo dell’email era qualcosa tipo: Scrivendo di quei due progetti speravo che qualche
“Unitevi allo scrittore Jonathan Franzen nel sostenere grande fondazione ilantropica, di quelle che spendono
l’Audubon”. Era vero che, qualche anno prima, in un’in­ decine di milioni di dollari per sviluppare il biodiesel o i
tervista per la rivista dell’Audubon, avevo educatamen­ parchi eolici in Eritrea, leggesse il saggio e decidesse
te elogiato l’organizzazione, o almeno la rivista. Ma d’investire in un lavoro che produce risultati tangibili.
nessuno mi aveva chiesto il permesso di usare il mio Invece ricevetti un attacco missilistico dal silo dei pro­
nome e la mia immagine per chiedere donazioni. Non gressisti. Io non sono sui social network, ma i miei ami­
ero neppure certo che quell’email fosse legale. ci mi riferirono che venivo chiamato con ogni sorta di
Uno stimolo più benevolo per tornare al saggio ven­ insulti, compreso “cervello di gallina” e “negazionista
ne da Henry. A quanto ne so, Henry se ne inischia degli dei cambiamenti climatici”. Brevi frammenti del sag­
uccelli, ma trovò qualcosa d’interessante nella mia ar­ gio, ritwittati fuori contesto, facevano sembrare che
gomentazione secondo cui la nostra ansia per le cata­ avessi proposto di abbandonare lo sforzo per ridurre le
stroi future ci scoraggia dall’afrontare problemi am­ emissioni abbracciando la posizione del partito repub­
bientali che possono essere risolti qui e ora. In un’email blicano, cosa che, secondo la logica polarizzata del di­
mi suggerì gentilmente di abbandonare il tono di di­ battito online, mi rendeva un negazionista dei cambia­
sprezzo profetico. “Questo pezzo, paradossalmente, menti climatici. In realtà credo talmente nella scienza
sarà più persuasivo”, scrisse in un’altra email, “se terrai del clima che ho direttamente smesso di nutrire spe­
un tono più ambivalente, meno polemico. Non stai de­ ranze per le calotte polari. L’unica cosa che avevo nega­
nigrando le persone che ci esortano a prestare attenzio­ to era che una coscienziosa élite internazionale, radu­
ne ai cambiamenti climatici e alla riduzione delle emis­ nandosi in begli alberghi in giro per il mondo, potesse
sioni. Però sei attento ai costi. A ciò che il discorso spin­ impedire alle calotte di sciogliersi. Questo era il mio
ge ai margini”. Email dopo email, revisione dopo revi­ crimine contro l’ortodossia. Oggi il clima ha una tale
sione, Henry mi convinse a impostare il saggio non co­ presa sull’immaginazione di sinistra che qualunque

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 103


Pop
tentativo di cambiare la conversazione – anche spostan­ gio alitto, per una vittima dell’ingiustizia globale. O
dola sull’estinzione di massa che gli umani stanno già per un uccello o un lettore. Dopo che le iammate online
creando senza l’aiuto dei cambiamenti climatici – equi­ si erano spente, cominciai ricevere messaggi in privato
vale a un’ofesa contro la religione. da persone che lavoravano per la conservazione am­
Provavo comprensione per i professionisti del clima bientale, le quali condividevano le mie frustrazioni ma
che avevano condannato il saggio. Lavoravano da de­ non potevano permettersi di esprimerle. Non furono
cenni per lanciare l’allarme negli Stati Uniti e inalmen­ molte, ma non era necessario che lo fossero. Il mio sen­
te avevano l’appoggio del presidente Obama e l’accordo timento, in ogni caso, era sempre lo stesso: la persona
di Parigi. Era un momento inopportuno per far notare per cui ho scritto questo saggio sei tu.
che il riscaldamento globale è già cosa fatta, e che sem­
bra improbabile che l’umanità lasci il carbonio nel suo­ ra, due anni e mezzo dopo, mentre le
lo, visto che neppure un paese al mondo si è inora im­
pegnato a farlo.
Capivo anche l’ira dell’industria delle energie alter­
native, che è un’attività imprenditoriale come le altre.
Se ammettiamo che i progetti di energia rinnovabile
sono solo una tattica contenitiva, incapace di annullare
i danni che le emissioni del passato continueranno a
provocare per secoli, apriamo le porte ad altri dubbi su
questo settore. Tipo, servivano davvero tutte quelle tur­
O piattaforme di ghiaccio si sgretolano e
il presidente twittatore esce dall’accor­
do di Parigi, non ne sono più tanto si­
curo. Ora posso ammettere con me
stesso che non ho scritto quel saggio
solo per rincuorare qualche conservazionista e spostare
qualche dollaro di beneicenza verso cause migliori.
Volevo davvero cambiare il clima. Lo voglio ancora.
Con le persone che criticavo nel saggio condivido la
bine eoliche? Bisognava proprio metterle in zone ecolo­ consapevolezza che i cambiamenti climatici sono il
gicamente sensibili? E i parchi solari nel deserto del problema della nostra epoca, forse il problema più gra­
Mojave: non era più sensato coprire la città di Los Ange­ ve della storia dell’umanità. Ciascuno di noi si trova
les di pannelli solari e risparmiare gli spazi aperti? Non oggi nella posizione degli indigeni americani quando
stavamo distruggendo il mondo naturale con la scusa di arrivarono gli europei con fucili e vaiolo: il nostro mon­
salvarlo? Credo che sia stato un blogger di quell’indu­ do è sul punto di cambiare enormemente, imprevedi­
stria a chiamarmi cervello di gallina. bilmente e in peggio. Non m’illudo afatto che possia­
Quanto all’Audubon, l’email di raccolta fondi avreb­ mo fermare questo cambiamento. La mia unica spe­
be dovuto mettermi in guardia su com’era gestita. Ma ranza è che riusciamo ad accettare la realtà in tempo
ero ancora sorpreso dalla sua reazione al saggio, che era per prepararci umanamente, e la mia unica convinzio­
stata un attacco ad hominem contro la persona di cui ne è che afrontarla con schiettezza, per quanto sia do­
aveva allegramente sfruttato il nome e l’immagine due loroso, è meglio che negarla.
mesi prima. Sì, il mio saggio era una dimostrazione di Se scrivessi quel pezzo oggi, potrei dire tutto questo.
amore severo per Audubon. Volevo che la piantassero Lo specchio del saggio, per come venne pubblicato, ri­
con le sciocchezze, smettessero di parlare di quello che letteva un furibondo disadattato amante degli uccelli
succederà tra cinquant’anni e fossero più aggressivi nel che si considera più intelligente degli altri. Quel perso­
difendere gli uccelli che amiamo. naggio potrei essere io, ma io sono anche altro, e un
Ma a quanto pareva l’Audubon vedeva solo una mi­ saggio migliore lo avrebbe dimostrato. In un saggio mi­
naccia per le sue iscrizioni e la sua raccolta fondi, e così gliore, probabilmente avrei fatto comunque all’Audu­
doveva negare me come persona. Mi dicono che il pre­ bon la ramanzina che si meritava, ma avrei cercato di
sidente dell’Audubon sparò quattro diverse salve con­ manifestare più comprensione per le altre persone con
tro di me. È questo che fanno i presidenti, adesso. cui ero arrabbiato: per gli attivisti del clima, che da
Funzionò. Senza neppure leggere quelle salve – sol­ vent’anni vedevano le loro possibilità di vittoria dimi­
tanto sapendo che altre persone le stavano leggendo – nuire orribilmente mentre le emissioni di carbonio au­
mi vergognai. Mi sentii come se fossi stato ancora in mentavano e i necessari obiettivi di riduzione diventa­
terza media, snobbato dalla gente e chiamato con insul­ vano sempre meno realistici, e per gli impiegati nell’in­
ti che mi ferivano anche se non avrebbero dovuto. Mi dustria delle energie alternative che avevano famiglie
pentii di non aver ascoltato il mio panico notturno e te­ da mantenere e stavano cercando di guardare al di là
nuto per me le mie opinioni. Piuttosto angosciato, chia­ del petrolio, e per le ong ambientali che credevano di
mai Henry e gli rovesciai addosso la mia vergogna e il avere inalmente trovato una questione in grado di sve­
mio rimorso. Lui replicò, nel suo stile imperscrutabile, gliare il mondo, e per le persone di sinistra che mentre
che le reazioni online erano solo una perturbazione at­ il neoliberismo e le sue tecnologie riducevano gli elet­
mosferica. “Con l’opinione pubblica”, disse, “ci sono le tori a consumatori isolati vedevano i cambiamenti cli­
perturbazioni, e poi c’è il clima. Tu stai cercando di matici come l’ultimo argomento forte a sostegno del
cambiare il clima, e questo richiede tempo”. collettivismo. Soprattutto avrei provato a ricordare tut­
Non importava se ci credessi oppure no. Mi bastava te le persone per le quali avere speranza nella vita è più
sentire che una persona, Henry, non mi odiava. Mi con­ importante di quanto lo sia per un pessimista depresso,
solai con il pensiero che, anche se il clima è una cosa per le quali la prospettiva di un futuro torrido e funesta­
troppo vasta e caotica perché un solo individuo riesca to da calamità è intollerabilmente triste e spaventosa, e
ad alterarla, questo individuo può comunque trovare che possono essere perdonate se non vogliono pensar­
uno scopo nel cercare di cambiare le cose per un villag­ ci. Avrei continuato a fare revisioni. u sp

104 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Scienza
riproducibili. Gli scienziati computazionali,
decisi a carpire il segreto di queste intera-
zioni, infatti, si sono scontrati con la loro
complessità.

Nessuno è superiore
Negli anni sessanta i biologi Richard
Lewontin e John Hubby adoperarono una
nuova tecnica nota come elettroforesi su
gel per separare varianti uniche di proteine,
dimostrando che versioni diverse di pro-
dotti genici, cioè gli alleli, erano distribuite
con una variabilità di gran lunga maggiore
di quanto ci si aspettasse. Nel 1966 propo-
sero il principio della “selezione stabiliz-
zante” per spiegare che le varietà subotti-
ANGELO MONNE

mali dei geni possono sopravvivere perché


contribuiscono alla diversità. Il genoma
umano procede per vie parallele: abbiamo
almeno due copie di ogni gene su tutti gli

L’irriproducibilità autosomi (i cromosomi non sessuali), e ave-


re più copie di un gene è utile soprattutto
per avere maggiore diversità nel sistema
dell’intelligenza immunitario o in qualunque funzione cellu-
lare in cui l’evoluzione vuole sperimentare
strategie più rischiose pur conservando una
versione collaudata e aidabile del gene. A
volte le varianti genetiche che potrebbero
Jim Kozubek, Aeon, Australia
introdurre un rischio o una novità coesisto-
I geni contano, dice il biologo tici dei candidati; centri per la fecondazione no con una variante genetica beneica. Gli
Jim Kozubek, ma la vera chiave in vitro che promettono alti quozienti intel- efetti sull’intelligenza umana sono il frutto
lettivi. della natura parassitaria dei geni, che tra-
dell’intelligenza è la complessità Alcuni si schierano già con questo mon- mano l’uno contro l’altro: nessuno è supe-
da cui scaturisce. E diicilmente do nuovo. Secondo i filosofi John Harris riore dal momento che l’utilità dell’uno si
l’ingegneria genetica riuscirà a dell’università di Manchester e Julian Savu- sviluppa sfruttando gli altri.
domarla lescu di quella di Oxford, avremo il dovere Da tempo sappiamo che trentamila geni
di manipolare il codice genetico dei bambi- non possono decidere l’organizzazione dei
ni futuri, concetto definito da Savulescu centomila miliardi di connessioni sinapti-
n un articolo pubblicato nel 2017 da “beneicenza procreativa”. Per loro la “ne- che del cervello, a ulteriore conferma della

I Nature Genetics si legge che, grazie


all’analisi di decine di migliaia di ge-
nomi, gli scienziati hanno individuato
52 geni associati all’intelligenza umana,
sulla quale però nessuna variante incide per
gligenza genitoriale” diventa “negligenza
genetica”, non usare l’ingegneria genetica
o il miglioramento cognitivo per favorire i
nostri igli, nel caso diventi possibile, sareb-
be una forma d’abuso. Altri, come David
verità indiscutibile che, entro certi limiti,
l’intelligenza si plasma tramite le avversità
e lo stress dello sviluppo cerebrale. Sappia-
mo inoltre che l’evoluzione è disposta a ri-
schiare pur di avanzare, ed è per questo che,
più di un’ininitesima parte di un punto per- Correia, docente di studi americani all’uni- a mio parere, porteremo sempre in noi le
centuale. Danielle Posthuma, coordinatri- versità del New Mexico, prevedono esiti variazioni genetiche che possono sfociare
ce dello studio ed esperta di genetica stati- distopici in cui i ricchi usano l’ingegneria in autismo, disturbo ossessivo compulsivo,
stica della Vrije universiteit Amsterdam e genetica per trasferire il potere dalla sfera depressione e schizofrenia, e che la pro-
dell’ospedale universitario, ha detto in sociale al codice genetico. Preoccupazioni spettiva neoliberista in base a cui, prima o
un’intervista al New York Times che “ci simili esistono da tempo: l’opinione pubbli- poi, la scienza risolverà gran parte dei di-
vorrà ancora molto tempo” prima che gli ca vigila sull’alterazione genetica dell’intel- sturbi mentali è quasi certamente errata.
scienziati riescano a prevedere l’intelligen- ligenza almeno in da quando gli scienziati L’evoluzione non prevede geni superio-
za a partire dalla genetica. hanno inventato il dna ricombinante. ri, solo geni che rischiano e geni ottimali per
Eppure è facile immaginare ricadute so- Continuate a sognare, mi verrebbe da determinati ambienti e compiti. u sdf
ciali allarmanti: studenti che allegano il se- dire. I geni incidono sull’intelligenza, ma
quenziamento del loro genoma alla doman- solo in generale e in modo sottile, e intera- Jim Kozubek è biologo computazionale
da d’iscrizione all’università; potenziali giscono in relazioni complesse per creare e scrittore. Vive a Cambridge, in Massachu-
datori di lavoro che si procurano i dati gene- sistemi neurali che potrebbero risultare ir- setts.

108 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Paleoantropologia

BAz RATNeR (ReUTeRS/CoNTRASTo)


SALUTE

Testa
da adolescente Alle origini degli americani
Le risonanze magnetiche fun-
zionali, i test cognitivi e le ana- Nature, Regno Unito
lisi del dna di 4.500 bambini e
adolescenti sono accessibili, in Nel pleistocene, quando il livello del
forma anonima, in un database mare era molto più basso, la striscia IN BREVE
gratuito. È il primo traguardo di terra che collegava l’Asia e il Genetica L’analisi del dna è
del progetto statunitense Abcd Nordamerica, chiamata Beringia, stata usata per combattere il
che studierà per dieci anni il era abitata da un’antica popolazione bracconaggio dei rinoceronti in
cervello di diecimila volontari a poi scomparsa. Lo rivelerebbe il dna Africa, a rischio di estinzione.
partire dai nove anni di età. Nei Le tecniche genetiche forensi
estratto da uno dei due scheletri di
21 centri statunitensi coinvolti hanno permesso di risalire ai
sono stati arruolati già 6.800 bambini beringi scoperti nel sito responsabili in molti casi di
volontari. Lo scopo è analizzare archeologico dell’Upward Sun River, caccia di frodo. Secondo Cur-
lo sviluppo cognitivo del cervel- in Alaska, risalenti a 11.500 anni fa. La sequenza genetica rent Biology, la creazione di un
lo dall’età prepuberale a quella è stata confrontata con quella dei nativi americani archivio del dna degli animali
adulta, scrive Science. Inoltre, moderni e del passato. Le sequenze sono simili, ma sono vivi e dei reperti può aiutare a
avere una fotograia aggiornata presenti elementi distintivi. Dalla scoperta i ricercatori perseguire legalmente i brac-
delle reti cerebrali di un cam- conieri.
hanno ipotizzato l’esistenza di una popolazione
pione così ampio aiuterà a capi- Salute Le persone che subi-
re in che modo, e in che misura, ancestrale, che si sarebbe separata dagli asiatici orientali scono un intervento chirurgico
alcuni comportamenti – come il 36mila anni fa e avrebbe dato vita ai beringi e a tutti i in Africa hanno una probabilità
consumo di droghe e di alcol, il nativi americani. Le Americhe sarebbero state quindi doppia di morire rispetto alla
tempo passato davanti a uno popolate in seguito a un’unica ondata migratoria media mondiale. Lo studio,
schermo e le ore di sonno – pos- dall’Asia. Gli antichi beringi sarebbero rimasti nella spiega The Lancet, è stato con-
sono modiicare o inluenzare il regione almeno ino a 11.500 anni fa, per poi scomparire. dotto in 25 paesi del continen-
cervello in fase di maturazione. te, 14 a reddito basso e 11 a red-
Gli attuali nativi americani dell’Alaska sono
dito medio. La mortalità è più
probabilmente i discendenti di nativi del Nordamerica, alta anche se i pazienti tendo-
che sono tornati sui loro passi, sostituendo i beringi. u no a essere più giovani e più sa-
BIOLOGIA ni che nei paesi a reddito alto, e
Il fascino le operazioni meno complesse.

dell’arroganza Astronomia
IGNACIo DIAz BoBILLo (NASA)

SALUTE
I bonobo sono tra i nostri paren-
ti più stretti. Sono paciici e al-
I batteri buoni
truisti ma, almeno da spettatori, contro il cancro
preferiscono gli individui più ar-
roganti. Gli etologi hanno mo- I batteri che vivono nell’inte-
strato a 43 esemplari del santua- stino potrebbero inluenzare la
rio congolese Lola ya Bonobo risposta individuale all’immu-
delle animazioni o dei video in noterapia, usata contro il can-
cui un personaggio ne intralcia- cro. Secondo Science, alcune
va o ne aiutava un altro che cer- persone con il cancro al rene o
cava di risalire una collina, e al polmone che non rispondo-
hanno visto che i bonobo prefe- no all’immunoterapia hanno
rivano i personaggi cattivi. Co- bassi valori di Akkermansia
me spiegano gli autori su Cur-
rent Biology, è plausibile che
Molte grandi stelle in più muciniphila. Nei topi la rico-
struzione della lora intestina-
anche per i primati più amiche- In una galassia vicina c’è una grande abbondanza, non prevista, di le con questo batterio permet-
voli sia vantaggioso sostenere le stelle molto grandi. Nella Grande nube di Magellano, nella regione te agli animali di rispondere
igure dominanti e che la prefe- di formazione delle stelle chiamata nebulosa Tarantola (nella foto), è alle cure. Anche nelle persone
renza innata per chi è altruista, stato trovato un numero inaspettatamente alto di stelle con una afette da melanoma sembra
alla base della cooperazione so- massa di oltre trenta volte quella del Sole. Questa scoperta, secondo importante la presenza di al-
ciale, si sia evoluta dopo la sepa- Science, dovrebbe portare a rivedere alcuni calcoli, come quelli re- cuni batteri speciici per la ri-
razione dei sapiens dai primati. lativi alle supernove o ai buchi neri. sposta all’immunoterapia.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 109


Il diario della Terra
RyAN UTZ (ChAThAM UNIVERSITy)

Il nostro clima
I coralli
sbiancati
u Dagli anni ottanta la fre-
quenza dello sbiancamento
dei coralli è aumentata di qua-
si cinque volte. Uno studio,
pubblicato su Science, ha
considerato gli eventi che
hanno colpito cento barriere
coralline tra il 1980 e il 2016.
All’inizio degli anni ottanta lo
sbiancamento avveniva una
volta ogni venticinque o
trent’anni, mentre ora si veri-
ica ogni 5,9 anni. Lo sbianca-
Fiumi I corsi d’acqua degli Stati Uniti stanno diventando più salati e meno acidi. Secondo Pnas, mento è causato dell’aumento
la rivista dell’accademia delle scienze statunitense, il 66 per cento dei torrenti e dei iumi studiati della temperatura dell’acqua,
sono diventati meno acidi, soprattutto nell’est del paese, densamente popolato, e nel Midwest. che induce i coralli a espellere
Il fenomeno è dovuto in parte ai sali sparsi sulle strade quando c’è la neve, ma anche ai residui le alghe che gli forniscono co-
dell’irrigazione in agricoltura e delle acque di scarico, alle attività minerarie, alla trasformazione lore e nutrimento. Se lo sbian-
dei suoli e alla cementiicazione. L’acqua più salata e meno acida può provocare la corrosione degli camento si protrae per molti
impianti idrici, la dispersione nell’acqua di contaminanti e una diversa acidità del mare alla foce mesi, il corallo può morire.
dei iumi, con efetti negativi sulla disponibilità d’acqua potabile e la biodiversità. Nella cartina:
Episodi di sbiancamento più
variazioni di salinità dei corsi d’acqua statunitensi negli ultimi cinquant’anni. I colori caldi indicano una
frequenti accorciano i tempi
maggiore salinità, quelli freddi una diminuzione. I pallini neri sono i 232 siti di monitoraggio.
di recupero dei coralli.
Secondo lo studio, il ri-
Radar tuose. La neve è caduta anche to le autorità a lanciare l’allerta schio di sbiancamento conti-
ad Ain Sefra, ai limiti del de- tsunami. Il terremoto è stato nua a essere maggiore nel-
serto del Sahara algerino. registrato a 44 chilometri dalle l’Atlantico occidentale. Tutta-
Gelo e neve isole di Swan – tra Cuba e il Be- via, il rischio è aumentato so-
da Boston Alluvioni Almeno 48 persone
sono morte nelle alluvioni che
lize – a dieci chilometri di pro-
fondità. Altre scosse superiori
prattutto nell’Australasia e in
Medio Oriente. Inoltre, gli
al Sahara hanno colpito kinshasa, nella alla magnitudo 5 sono state av- eventi che colpiscono la Gran-
Repubblica Democratica del vertite in Giappone, India, In- de barriera corallina australia-
Congo. Le inondazioni hanno donesia, Russia, Filippine, na dipendono sempre meno
Intemperie Le temperature fatto aumentare i casi di colera. Nuova Caledonia, Nuova Ze- da El Niño, la luttuazione pe-
MIkE ELIASON (SANTA BARBARA COUNTy FIRE DEPARTMENT/REUTERS/CONTRASTO)

glaciali che hanno investito il landa e Papua Nuova Guinea. riodica delle temperature del
nordest degli Stati Uniti hanno Cicloni Le piogge torrenziali mare e delle correnti atmosfe-
causato la morte di 22 persone. portate dal ciclone Ava sulle re- Frane Le forti piogge nel sud riche nell’area equatoriale del
A Boston il termometro ha rag- gioni orientali del Madagascar della California (nella foto) Paciico. Negli anni ottanta,
giunto i 19 gradi sottozero. u hanno causato la morte di 29 hanno causato frane e colate di infatti, il mare diventava ab-
Le forti nevicate che si sono persone e più di 17mila hanno fango che hanno ucciso 13 per- bastanza caldo da danneggia-
abbattute sulle Alpi hanno pro- dovuto lasciare le proprie case. sone. Molte delle zone colpite re i coralli solo quando c’era El
vocato forti disagi: 13mila turi- erano state devastate da un in- Niño. Ora, temperature del
sti sono stati bloccati dalla ne- Caldo Con 47,3 gradi, l’estate cendio lo scorso dicembre. mare altrettanto elevate si re-
ve a Zermatt, in Svizzera; a Se- australe ha fatto registrare una gistrano anche in assenza del-
striere, in Italia, una valanga delle giornate più calde dal la luttuazione. È diicile dire
ha investito una palazzina, 1939 a oggi nella regione di se le condizioni attuali possa-
senza causare vittime. Diversi Sydney, in Australia. no essere reversibili, scrive il
comuni della Valle d’Aosta so- quotidiano britannico The
no rimasti isolati. u Freddo in- Terremoti Un sisma di ma- Guardian, “tuttavia, la ine-
solito in Marocco, con abbon- gnitudo 7,6 sulla scala Richter stra per combattere il proble-
danti nevicate nelle zone mon- al largo dell’honduras ha spin- ma si sta chiudendo”.

110 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Il pianeta visto dallo spazio 12.09.2017
Bellinzona, in Svizzera

Nord
1 km

Ticino
Bellinzona
eArThoBServATory/NASA

u Un astronauta della Stazione più grande lago della Svizzera Il Ticino non attraversa il no competenze proprie in vari
spaziale internazionale ha scat- meridionale, che si trova a circa centro di Bellinzona, ma settori, per esempio nella scuola
tato questa foto del iume Ticino 14 chilometri dalla città, e poi scorre sul lato e nel welfare, nelle forniture
che si snoda attraverso il comu- prosegue a sud in Italia. nordoccidentale della città. energetiche, nella costruzione
ne di Bellinzona, nelle Alpi Le- La Svizzera è uno stato fede- Sfocia a pochi chilometri di di strade, nella pianiicazione
pontine, in Svizzera. La luce del rale e il potere è diviso tra confe- distanza nel lago Maggiore, locale e in materia iscale.
sole pomeridiano mette in evi- derazione, cantoni e comuni. I per poi proseguire verso Nell’area visibile in questa
denza i versanti occidentali del- comuni sono l’entità politica più l’Italia. foto ino a poco tempo fa c’era-
le montagne e crea ombre pro- piccola, e un quinto di loro, so- no una quindicina di comuni,
fonde sui versanti opposti, che prattutto le città, hanno un loro ma dal 2 aprile 2017 sono stati
rendono l’immagine più tridi- parlamento. Gli altri applicano accorpati a quello di Bellinzona.
mensionale. un sistema di decisione demo- u La popolazione del comune è
Bellinzona è la capitale del cratica diretta nell’assemblea passata da 18mila abitanti a più
Canton Ticino, il cantone elveti- comunale, a cui possono parte- di 42mila. Negli ultimi otto anni,
co di lingua italiana. Il iume Ti- cipare tutti gli abitanti che han- il numero di comuni nel Canton
cino sfocia nel lago Maggiore, il no diritto di voto. I comuni han- Ticino è stato dimezzato.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 111


Tecnologia
ogni tanto c’è qualcuno che si piazza in
mezzo a un corridoio e si mette a bersaglia-
re con messaggi carichi d’odio un gruppo di
persone. O che appende alle pareti delle
frasi ofensive. A volte la ditta privata che si
occupa della sicurezza interviene, più spes-
so lascia correre o rimuove le scritte solo
dopo alcune settimane.
Chi s’indigna contro queste violazioni
della legge o, se colpito personalmente,
vuole fare qualcosa per contrastarle, sco-
pre diverse cose: per esempio, che nei pun-
ti informativi del centro commerciale non
c’è mai nessuno con cui parlare, che in am-
ministrazione nessuno risponde al telefo-
EPOxYDuDE/GETTY

no o che si viene indirizzati a un call center


in Irlanda dove risponde una segreteria te-
lefonica. La polizia prende in carico le de-
nunce, ma non può fare granché.
Potremmo andare avanti all’infinito

Niente più commenti con questo esperimento. Ovviamente al-


cune analogie non funzionano, ma resta
valido il punto essenziale, che nel dibattito
odiosi a Berlino sulla NetzDG viene spesso trascurato:
Facebook e gli altri social network sono
aziende private che nella loro area di com-
petenza consentono di violare la legge.
Forse lo fanno per interessi personali e
Toralf Staud, Die Zeit, Germania
per risparmiare su amministratori e mode-
In Germania è appena entrata n’era già parlato ampiamente, non senza ratori. Forse pensano che le persone ver-
in vigore una legge che obbliga polemiche, l’anno scorso. E ora è al centro ranno più numerose e resteranno di più, se
dell’attenzione: con una provocazione cal- sanno che da loro si può dire e osservare di
i social network a cancellare, colata – un tweet contro i musulmani posta- tutto, anche gli spettacoli più volgari e le
entro ventiquattr’ore dalla to la mattina del primo gennaio – l’esponen- più oscene lotte nel fango. O forse sono
pubblicazione, commenti te di Alternative für Deutschland (Afd) Be- davvero soprafatti dalla massa di utenti.
carichi d’odio, insulti e minacce atrix von Storch è riuscita a riaccendere la Solo quando qualcuno pubblica una fo-
discussione e ad agitare lo spettro della cen- to senza veli delle proprie vacanze naturi-
sura in Germania. ste stranamente la vigilanza entra subito in
upponiamo che un’azienda privata azione. Ma questa è un’altra storia. u nv

S costruisca nel centro di Berlino un


grande ediicio, accanto alla porta
di Brandeburgo. Immaginiamolo
un po’ come un centro commerciale dove
molti marchi famosi aprono i loro negozi e
Urla nella piazza
Torniamo al centro commerciale berlinese:
è un ediicio privato e il proprietario ha i suoi
diritti inviolabili. Ma ovviamente anche nei
suoi corridoi e nelle sue aree valgono le leg-
Da sapere
Cos’è la NetzDG
u Dal 1 gennaio 2018 in Germania è entrata in
cominciano a farsi pubblicità, e i giornali gi tedesche. Se qualcuno difonde la propa- vigore la legge che obbliga i social network a
propongono le loro ultime edizioni. Le per- ganda nazista è punibile dentro e fuori il rimuovere i commenti che incitano all’odio.
sone s’incontrano nei corridoi e comincia- centro commerciale. All’interno dell’edii- Per i siti che non intervengono sono previste
no a chiacchierare, oppure si danno appun- cio, naturalmente, nessuno può essere de- multe ino a 50 milioni di euro. Lo scopo è far
tamento lì. E, dato che il posto è così fre- rubato, molestato o ofeso. rispettare le leggi in materia di difamazione e
quentato, sono sempre di più le persone Allo stesso tempo il proprietario ha scrit- incitamento all’odio, che nel paese risalgono
che vogliono andarci. to un breve regolamento dove, tra le altre alla ine della seconda guerra mondiale.
u Facebook e Twitter hanno aggiunto alla
Come avrete capito, questo centro com- cose, è stabilito che lui può ascoltare tutte le
versione tedesca delle loro piattaforme alcuni
merciale è una metafora per Facebook, conversazioni che avvengono nella sua pro-
strumenti per segnalare contenuti discutibili,
Twitter, YouTube o Instagram. Con l’inizio prietà e sfruttarle a suo vantaggio. Nel corso e hanno assunto centinaia di moderatori.
del nuovo anno in Germania è entrata in degli anni il centro commerciale è cresciuto u Alcuni commenti cancellati nei primi giorni
vigore la Netzwerkdurchsetzungsgesetz enormemente, ormai è gigantesco. E il suo dall’entrata in vigore della legge hanno fatto
(NetzDG), la legge che obbliga i social net- gestore ha aperto iliali in ogni città e paese. sorgere il dubbio che la norma possa
work a rimuovere i contenuti discutibili. Se Milioni di persone le visitano ogni giorno, e danneggiare la libertà d’espressione.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 113


Economia e lavoro
São João da Barra, Brasile. Il porto di Açu
RICARDO MORAES (REuTERS/CONTRASTO)

Tre gole, la State Grid Corporation of Chi-


I soldi della Cina na, specializzata nel trasporto dell’energia,
la compagnia d’intermediazione inanzia-
fanno paura al Brasile ria Cofco e il gruppo Hna. Anche aziende
tecnologiche come Baidu hanno fatto in-
cursioni nella più grande economia
dell’America Latina.
Per il Brasile il boom d’investimenti ci-
Financial Times, Regno Unito
nesi non poteva arrivare in un momento
L’aumento degli investimenti Global Energy Partners, è diventato davve- migliore, visto che l’economia nazionale è
cinesi nel paese sudamericano è ro un’autostrada per la Cina e presto potreb- da tempo in diicoltà. Negli ultimi due anni
be diventare in parte di proprietà cinese. il pil si è contratto di più del 7 per cento pro-
stato accolto bene perché ha Il porto è già usato per il trasporto di me- ducendo la peggiore recessione di sempre.
sostenuto l’economia locale in talli ferrosi verso il paese asiatico e come Il grande interesse per il Brasile è una svolta
crisi. Ma ora molti temono che base logistica per i giacimenti petroliferi signiicativa da parte di Pechino. Dal 2005
Pechino abbia troppa inluenza ofshore del Brasile, a cui sono interessate la Cina ha prestato più di 140 miliardi di
due delle principali aziende petrolifere ci- dollari (118 miliardi di euro) all’America La-
nesi, la Sinopec e la Cnooc. Ora, inoltre, la tina, metà dei quali al Venezuela. Oggi in-
l porto di Açu, vicino a Rio de Janeiro, Eig sta cercando di espandere il porto svi- vece punta su paesi con una posizione i-

I era stato deinito “l’autostrada per la


Cina” da Eike Batista, l’ex miliardario
brasiliano caduto in disgrazia che lo
aveva fondato più di dieci anni fa. L’impero
economico di Batista è crollato con la ine
luppando nuovi settori che hanno già susci-
tato l’interesse dei cinesi. “Sono un partner
importante, è auspicabile non averli solo
come clienti”, ha detto R. Blair Thomas,
l’amministratore delegato della Eig.
nanziaria più solida e possibilità strategiche
più ampie, primo fra tutti il Brasile. Brasile e
Cina “sono fatti per stare insieme”, dice
Marcelo Kayath, ex condirettore del ramo
per gli investimenti del Credit Suisse in Bra-
del boom delle materie prime, ma il porto di Negli ultimi due anni sono aumentati gli sile. “La Cina ha un eccesso di capitale e
Açu è stato uno dei pochi progetti ad avere investimenti in Brasile delle più grandi competenze nel settore delle infrastrutture,
successo. Rivitalizzato dal nuovo proprieta- aziende cinesi, tra cui la Sinopec, la China e ha bisogno di quello che abbiamo noi: ma-
rio, il fondo d’investimenti statunitense Eig Three Gorges, che ha costruito la diga delle terie prime e risorse alimentari”.

114 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


I politici nazionalisti brasiliani però co- Cina dello studio legale Tozzini Freire di sarebbero messi a ridere. Oggi invece ri-
minciano a sollevare il problema dell’in- São Paulo. “Nell’immaginario popolare spondono: ‘Siediti e parliamone’”.
luenza cinese in vista delle elezioni presi- brasiliano ci sono due idee sulla Cina: i ci- Molti sono stati colti di sorpresa dall’au-
denziali di quest’anno. L’invasione di Pe- nesi hanno tanti soldi e i cinesi compreran- mento degli investimenti cinesi. La China
chino preoccupa anche gli Stati uniti. “Se il no qualsiasi cosa. La prima è vera, la secon- Three Gorges, per esempio, ha investito 23
Brasile, con il suo peso economico e l’in- da no”. Secondo gli analisti, l’ultima ondata miliardi di real (sei miliardi di euro) in un
luenza esercitata nella regione, raforza i di investimenti cinesi è stata favorita da una portfolio che comprende diciassette cen-
suoi legami con la Cina, lo scenario strate- grave inchiesta di corruzione. Nota con il trali idroelettriche, undici parchi eolici e
gico cambia profondamente”, dice R. Evan nome di lava jato (autolavaggio), ha svelato una società d’intermediazione internazio-
Ellis, esperto di America Latina dell’us ar- l’esistenza di un sistema di tangenti in cam- nale. “Questo è un paese che ha uno stato di
my war college. L’investimento cinese nel bio di contratti che coinvolgeva politici, diritto forte, perciò sentiamo che i nostri
resto del mondo, se si esclude il Brasile, è aziende pubbliche e appaltatori privati. Al- investimenti e i nostri interessi sono protet-
crollato del 40 per cento nei primi otto mesi cune imprese sono fallite o sono state co- ti”, aferma Li Yinsheng, amministratore
del 2017, dopo un picco di 170 miliardi di strette a svendere i loro beni. Tra queste c’è delegato della China Three Gorges Brasile.
dollari nel 2016. Pechino ha deciso di ridur- la Odebrecht, una grande azienda di co-
re gli investimenti esteri, ma il caso del Bra- struzioni che nel luglio del 2017 ha venduto Resistenze politiche
sile è diverso. Secondo Dealogic, le fusioni Le aziende cinesi che investono in Brasile
e le acquisizioni cinesi di aziende brasiliane Le acquisizioni cinesi non trovano le resistenze politiche opposte
annunciate nel 2017 valgono 10,8 miliardi in altri paesi, come l’Australia, dove gli è
di dollari, contro gli 11,9 miliardi di dollari di aziende brasiliane stato impedito l’acquisto di alcuni possedi-
del 2016. Nel 2015 gli investimenti erano di nel 2017 valgono 10,8 menti agricoli e di un’azienda che distribu-
quasi cinque miliardi di dollari. isce energia elettrica. Il governo di Brasília
La crescita degli investimenti in Brasile miliardi di dollari ha un disperato bisogno di qualsiasi investi-
è cominciata nel 2010, nel quadro di una mento. Tuttavia, con le imminenti elezioni
direttiva statale inalizzata all’accrescimen- la sua quota di maggioranza del Galeão, presidenziali, questa situazione potrebbe
to della sicurezza alimentare ed energetica l’aeroporto internazionale di Rio de Janei- non durare ancora a lungo. Il candidato pre-
della Cina attraverso acquisizioni all’estero. ro, alla Hna per 310 milioni di dollari. L’in- sidenziale di estrema destra, Jair Bolsona-
“Settori industriali come quello energetico, chiesta, inoltre, ha aggravato la peggiore ro, ha dichiarato: “Dobbiamo essere consa-
minerario e agricolo sono promettenti e recessione nella storia del paese. Per soste- pevoli del fatto che la Cina sta comprando il
complementari all’economia cinese”, spie- nere il bilancio pubblico, il governo del pre- Brasile. Non sta comprando in Brasile, sta
ga Cui Fan, professore di commercio inter- sidente Michel Temer sta privatizzando comprando il Brasile”.
nazionale alla university of international beni che vanno dalle aziende idroelettriche Larissa Walchholz, direttrice della so-
business and economics di Pechino. “Inve- alla zecca di stato. “All’improvviso tutto è cietà di consulenza Vallya, che porta gli in-
stire in Brasile può inoltre aiutare le aziende stato messo in vendita, dai porti alle auto- vestitori cinesi in Brasile, aferma : “Se co-
cinesi a esportare nelle Americhe”. strade, dagli aeroporti alle ferrovie”, dice minciano a investire pesantemente in aree
In una seconda fase, intorno al 2014, gli Ma. “Se cinque anni fa un cinese avesse strategiche, i cinesi dovranno pensare an-
investimenti si sono diretti anche verso il detto di voler comprare la più grande azien- che a una politica di pubbliche relazioni,
settore manifatturiero e altri settori indu- da di costruzioni del Brasile, i brasiliani si perché attirano l’attenzione di persone a cui
striali orientati al mercato interno brasilia- tutto questo non piace”.
no, dove la Cina cerca sbocchi per prodotti Da sapere Secondo Ellis, il Brasile dovrebbe sotto-
come l’acciaio e le automobili. In questa fa- porre gli accordi con aziende cinesi control-
se le banche cinesi sostenute dallo stato si
Afari miliardari late dallo stato a una veriica più approfon-
sono stabilite in Brasile. Le banche e i grup- Valore delle acquisizioni cinesi in Brasile, dita. Cita il recente interessamento della
pi cinesi hanno inoltre sostenuto il China- miliardi di dollari China Mobile, la più grande azienda di tele-
Brazil fund, un fondo del valore di 20 mi- fonia mobile cinese, per la Oi, un operatore
liardi di dollari che inanzia progetti infra- brasiliano in diicoltà. “Il Brasile dovrebbe
12
strutturali. “Attualmente gli investimenti rilettere meglio sui settori industriali in cui
del governo brasiliano sono deboli. La Cina 10 sta facendo entrare la Cina”.
ha disponibilità di capitali e capacità tecno- Se alcuni politici sono preoccupati dagli
logiche”, aferma Zhang Jun, capo della i- 8 investimenti di Pechino, i dipendenti delle
liale cinese dello studio legale brasiliano aziende acquisite sono invece grati perché
6
Demarest. hanno potuto conservare il posto di lavoro.
Nel 2016, inine, è cominciata una terza 4 Alex Balanceiro ha lavorato per dodici anni
fase. Le aziende cinesi hanno cominciato a alla Swissport, l’azienda che gestisce i baga-
cercare rendimenti competitivi investendo 2 gli all’aeroporto Galeão. L’Hna ha compra-
in un ampio ventaglio di settori industriali. to la Swissport e una quota del Galeão. “È
0
“Guardano con occhi da investitori”, dice 2009 2011 2013 2015 2017* un bene che i cinesi stiano venendo qui
Reinaldo Guang Ruey Ma, direttore per la *Fino a novembre 2017. Fonte: Financial Times mentre siamo in crisi”, ha detto. u gim

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 115


Annunci

116 Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018


Economia e lavoro
islanda Svizzera

Proitti
Stessa paga per tutti record
DHIRaj SINGH (BLoomBeRG/GeTTy)

Nel 2017 la Banca nazionale


Reykjavik, Islanda, 30 novembre 2017. Il nuovo governo svizzera, la banca centrale della
Svizzera, ha guadagnato 54 mi-
liardi di franchi svizzeri (circa
46 miliardi di euro) grazie alle
sue operazioni sui mercati i-
nanziari, scrive il Tages Anzei-
HaRaLDUR GUDjoNSSoN (aFp/GeTTy ImaGeS)

danimarca ger. Gran parte dei proitti (51


Obiettivi miliardi) è stata realizzata sui
mercati monetari. Il resto è stato
impossibili assicurato dal rialzo del prezzo
dell’oro. Finora il record di pro-
La Danimarca ha bisogno di set- itti annuali della Banca nazio-
tantamila lavoratori stranieri se nale era stato di 38,3 miliardi di
tra il 2019 e il 2025 vuole mante- franchi, realizzato nel 2014.
nere un ritmo di crescita del pil Questa è una buona notizia an-
pari al 2,1 per cento all’anno. che per le casse del governo
Questi obiettivi, scrive la Neue centrale e dei cantoni, aggiunge
Il 1 gennaio 2018 è entrata in vigore in Islanda una nuova
Zürcher Zeitung, sono impos- il quotidiano di Zurigo. L’istituto
sibili con la forza lavoro presen-
legge che impone alle aziende private e agli uici pubblici
centrale dovrebbe distribuire
te oggi nel paese scandinavo. “Il di dimostrare che le loro dipendenti sono pagate come i circa due miliardi di franchi: un
ministro dell’industria Brian loro colleghi maschi, scrive il New York Times. Il terzo al governo centrale e due
mikkelsen è andato nel Regno provvedimento, che era stato proposto nel marzo del 2017 terzi ai cantoni.
Unito con l’obiettivo di attirare e approvato a giugno, stabilisce che ogni tre anni le
in Danimarca i professionisti aziende con almeno 25 dipendenti devono analizzare gli
della inanza che presto potreb-
stipendi per assicurarsi che uomini e donne siano pagati in Breve
bero lasciare Londra a causa Unione europea Nel novem-
della Brexit”. Il problema è che
allo stesso modo per lo stesso lavoro. Quindi l’analisi deve
bre del 2017 il tasso di disoccu-
la politica migratoria del gover- essere inviata al governo perché venga certiicata. per le
pazione nell’eurozona è stato
no di Copenaghen scoraggia aziende inadempienti sono previste delle multe. u dell’8,7 per cento, contro il 9,8
l’arrivo di lavoratori stranieri. per cento registrato nello stesso
Ne sanno qualcosa la statuni- mese del 2016. In tutta l’Unione
tense Brooke Harrington, esper- germania ragioni che possono spiegare europea la disoccupazione è del
ta di diritto tributario, e il co- questo successo delle criptomo-
lombiano jimmy martínez-Cor-
Bitcoin piace nete c’è l’ossessione dei tede-
7,3 per cento. Il paese con il tas-
so di disoccupazione più alto re-
rea, docente di economia. en- ai tedeschi schi per l’inlazione, che si è ria- sta la Grecia, con il 20,5 per cen-
trambi insegnano alla Copenha- cutizzata con la recente crisi del to, seguita dalla Spagna con il
gen business school (Cbs) e so- Bitcoin e le altre criptomonete debito nell’eurozona. Bitcoin 16,7 per cento. I tassi di disoccu-
no initi nel mirino delle autorità digitali hanno riscosso un gran- potrebbe “aver riscosso interes- pazione più bassi, invece, sono
per aver accettato dei lavori de successo in Germania, “un se perché prevede un tetto al nu- stati registrati nella Repubblica
esterni all’ateneo: Harrington, paese noto per il suo amore per mero di monete in circolazione, Ceca (2,5 per cento) e in Germa-
in particolare, ha tenuto una le- il denaro contante, lo scettici- una misura che gli ha accredita- nia (3,6 per cento).
zione gratuita sull’elusione i- smo verso gli strumenti inan- to la fama di strumento antinla-
Tasso di disoccupazione,
scale davanti a un gruppo di par- ziari complessi e l’adozione tar- zionistico”. Le criptomonete, novembre 2017, percentuale
lamentari ed esperti danesi. I diva delle nuove tecnologie”, inoltre, potrebbero piacere ai te- % %
due docenti non sapevano che scrive il Wall Street Journal. deschi perché non dipendono Grecia* 20,5 Svezia 6,6
avrebbero dovuto chiedere un Dal 2008, da quando è compar- dalle scelte dei banchieri, ma
Spagna 16,7 Irlanda 6,1
ulteriore permesso di lavoro. sa la criptomoneta creata dal soprattutto perché, in un conte-
Italia 11,0 Danimarca 5,6
Così sono stati multati, ma so- misterioso Natoshi Sakamoto, sto caratterizzato da bassi tassi
prattutto hanno rischiato un nel paese sono stati lanciati d’interesse, rappresentano un Francia 9,2 austria 5,4

processo penale. Non è un caso, 1.307 progetti legati alla investimento su cui vale la pena Eurozona 8,7 polonia 4,5
conclude il quotidiano svizzero, blockchain, la tecnologia alla ba- scommettere”. Non a caso il Finlandia 8,4 Ungheria** 4,0
che “negli ultimi quindici mesi i se di bitcoin. Secondo la società successo di bitcoin ormai coin- portogallo 8,2 Germania 3,6
lavoratori provenienti dall’Unio- di ricerche Deloitte, è il numero volge non solo le startup di Ber- Un. europea 7,3 Rep. Ceca 2,5
ne europea siano diminuiti del più grande dopo quelli di Cina, lino, ma anche le grandi banche
*settembre 2017. **ottobre 2017. Fonte: Eurostat
65 per cento”. Stati Uniti e Regno Unito. Tra le di Francoforte.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 117


Strisce
Wulf & Morgenthaler, Danimarca
Tesoro… come l’hai fatto
esattamente?
Wumo

La neve si stava sciogliendo e il piccolo Duncan


aveva delle spiegazioni da dare.

Ricordati
ma come ogni anno non mi son0 il bidet
Mi sono spazzolato l’intero ancora liberato
cenone di capodanno
Pertti Jarla, Finlandia
Fingerpori
Gojko Franulic, Cile
Sephko
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 119


L’oroscopo
COMPITI PER TUTTI

Rob Brezsny Per ascoltare le mie previsioni in tre parti


su quello che ti succederà nel 2018,
vai su bit.ly/TheBigPicture2018.

CAPRICORNO e a infondere nei tuoi ritmi quoti- SAGITTARIO

Tre secoli fa il genio del Capricorno Isaac Newton for- diani un 20 per cento in più di feli- Nel 1956 il premio Nobel
cità. Cercherei di convincerti a ta- per la letteratura fu asse-
mulò alcuni princìpi fondamentali per la comprensione
gliare i ponti con tutto quello che gnato al proliico poeta spagnolo
scientiica dell’universo isico. Newton fu un pioniere Juan Ramón Jiménez, per “la sua
non ti fa bene. Inine, farei di tutto
anche nel campo della matematica, dell’ottica e dell’astronomia. per sbloccarti, correggere i tuoi er- spiritualità e la sua purezza artisti-
Eppure sprecava molto tempo ed energie nell’inutile tentativo di rori e darti nuovi strumenti. ca”. Quel riconoscimento si basava
usare l’alchimia per trasformare i metalli vili in oro. Nel 2018 voi sui suoi ultimi libri, ma non sui pri-
Capricorni vi trovate davanti a un’alternativa simile: potreste re- VERGINE mi due. Almas de violeta e Ninfeas
galarci qualcosa di straordinario o perdervi in progetti che costi- “Solo le persone ecceziona- erano infatti opere che aveva scrit-
tuiscono uno spreco di energie. Le prossime settimane saranno li sanno comportarsi come to da giovane, quando non era an-
determinanti per decidere quale direzione prendere. se non vivessero all’inferno”, so- cora maturo. In vecchiaia si vergo-
stiene lo scrittore D. Bunyavong. gnava tanto del loro sentimentali-
In conformità con i presagi astrali, smo che cercò di rintracciarne e di-
ARIETE “Non lasciarti coinvolgere inché dichiaro che nelle prossime setti- struggerne tutte le copie. Te lo dico
Sono lieto di informarti che non lo avrai visto ubriaco o mentre mane, Vergine, rientrerai in questa perché penso che per te sia il mo-
nelle prossime settimane la cerca il telefono o le chiavi della descrizione. Sei lontana dall’infer- mento di liberarti di tutto quello
vita ti darà il permesso di essere macchina nel panico. Prima di sta- no come non lo eri da molto tem- che appartiene al tuo passato e non
più esigente che mai, a patto di bilire un legame più profondo, as- po. Se qualcuno può sedurre e co- vuoi più che ti deinisca.
non essere meschino, sgarbato o sicurati di averlo visto arrabbiato, stringere il paradiso a scendere qui
irragionevole. Eccoti qualche stressato o spaventato”. Nelle sulla Terra per un po’, quella sei tu. ACQUARIO
esempio di richieste che potresti prossime settimane, ti consiglio di Un buon modo per cominciare la Stai per afrontare un rito di
fare: esigere una sbronza di verità tener conto di questi suggerimen- festa è guardarti allo specchio ino passaggio che potrebbe e
in tua compagnia; pretendere di ri- ti. Saranno un buon periodo per a quando non vedrai la parte eter- dovrebbe segnare l’inizio di una vi-
cevere ricompense commisurate approfondire i tuoi rapporti con na di te stessa. ta più intensa. Sono lieto di infor-
ai tuoi sforzi; esigere collaborazio- persone che esprimono le loro marti che questa transizione non
ne per sfuggire ai guai karmici in emozioni negative in modo non BILANCIA comporterà tormenti, confusioni o
cui tu e i tuoi alleati vi siete caccia- aggressivo e psicotico. In conformità con i presagi manipolazioni passivo-aggressive.
ti. Ultimatum come questi, invece, astrali, t’invito a spostare i Anzi, credo che si rivelerà una del-
non sono ammissibili: esigo tesori CANCRO mobili. Se ti senti ispirata, potresti le prove più piacevoli che tu abbia
e tributi, idioti che non siete altro; La mia insegnante di storia anche aver voglia di mettere un po’ mai afrontato, e un prototipo delle
pretendo il diritto di imbrogliare delle superiori, Marjorie di quel vecchiume fuori dalla porta conquiste che spero diventeranno
per ottenere quello che voglio; esi- Margolies, è oggi la suocera di e portarlo alla discarica o al merca- la norma nei prossimi mesi e anni.
go che il iume scorra al contrario. Chelsea Clinton. Ha due nipoti in tino dell’usato. Spero che questo ti Immagina di poter imparare lezio-
comune con Hillary. È una cosa di metterà nello stato d’animo giusto ni preziose e fare cambiamenti
TORO cui dovrei vantarmi? Mi fa guada- per fare pulizia di tutto quello che cruciali senza lo stimolo del dolore
Conosci l’espressione “apriti gnare di più o mi rende più felice? in casa tua ti deprime e ti toglie e della soferenza. Immagina di
sesamo?”. Nella vecchia ia- Vi spingerà ad amarmi di più? Non slancio: ricordi polverosi, specchi poter dire come la musicista PJ
ba popolare Ali Babà e i quaranta credo proprio. Per i Cancerini co- poco lusinghieri, tappeti lisi, piatti Harvey: “Quando sono contenta
ladroni è una formula magica che me te e me le prossime settimane sbreccati e simboli confusi. È il sono più aperta all’ispirazione.
l’eroe pronuncia per spalancare saranno un buon periodo per ri- momento, mia cara amica, di libe- Quando mi sento al sicuro e felice
l’ingresso a una grotta dov’è na- nunciare a qualsiasi desiderio di rare la tua casa dai pesi morti. sono più creativa”.
scosto un tesoro. T’invito a provar- ostentare motivi di orgoglio fasul-
la. Potrebbe funzionare facendoti li. Dovremmo invece darci da fare SCORPIONE PESCI
accedere a un luogo proibito o i- per liberare la nostra identità e la Quando aveva 16 anni e vi- Il Kalevala è un libro
nora inavvicinabile in cui vuoi o nostra immagine da qualsiasi me- veva a New York, Ralph dell’ottocento che raccoglie
devi entrare. Male che vada, pro- tro di valore supericiale. Cosa c’è Lifshitz cambiò il suo nome in i più importanti miti e racconti po-
nunciare quelle parole ti metterà di autenticamente prezioso in te? Ralph Lauren. Questo probabil- polari inlandesi. Ha ispirato lo
in uno stato d’animo giocoso e spe- mente è stato un fattore impor- scrittore britannico J.R.R. Tolkien
rimentale mentre consideri le pos- LEONE tante del suo successo. Sarebbe a scrivere il suo romanzo epico
sibili strategie di accesso. E questo Se fossi il tuo mentore o la mai diventato un famoso stilista fantastico Il signore degli anelli. Per
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

potrebbe bastare a darti l’aiuto che tua guida proclamerei la da 5,8 miliardi di dollari se avesse poter rubare idee dal Kalevala,
internazionale.it/oroscopo

ti serve. stagione del rinnovamento dei Le- mantenuto un nome che iniva per Tolkien arrivò perino a studiare il
oni. Innanzitutto assumerei un shitz, considerato che shit in ingle- inlandese. E disse che era come
GEMELLI massaggiatore che ti manipoli in se signiica “merda”? Cambiando “entrare in una cantina piena di
Navigando su internet mi modo fermo ma delicato. Ti man- nome, è stato preso più sul serio bottiglie di vino meraviglioso, dal
sono imbattuto in questo in- derei da un nutrizionista, da uno dai suoi clienti. Ispirandoti alla gusto ino a quel momento scono-
teressante consiglio di una fonte stilista, da un interprete di sogni e sua preveggenza, Scorpione, con- sciuto”. Secondo la mia lettura,
anonima: “Non stabilire un rap- da un personal trainer. Parlerei sidera la possibilità di fare un nel 2018 avrai la capacità di sco-
porto a lungo termine con qualcu- con le persone che ti conoscono cambiamento simile, che ti per- prire una fonte che per te sarà ric-
no ino a quando non lo avrai visto bene per capire come posso aiu- metta di ottenere più facilmente ca di ispirazione come il inlande-
bloccato nel traico”, diceva. tarti ad allontanare le tue illusioni quello che vuoi. se e il Kalevala per Tolkien.

Internazionale 1238 | 12 gennaio 2018 121


L’ultima
grANluNd, StAti uNiti

oprah Winfrey: miliardaria, celebrità della tv, mai eletta,


nessuna esperienza politica, fuori dalla cerchia di Washington,
molti fan. “be’, se ha funzionato per trump”.

bANx, fiNANciAl timES, rEgNo uNito


gorcE, lEmoNdE, frANciA

“ha deciso per chi non andrà a votare?”.

“come, non hai ricevuto la mia risposta automatica di buon


anno al tuo spam di auguri collettivi? hai controllato nella
casella ‘posta indesiderata’?”.
bENNEtt, chAttANoogA timES frEE prESS, StAti uNiti

WhEElEr

“Almeno tu non pensi che sono pazzo”. “John, le api vanno fuori”.

Le regole Gruppi WhatsApp


1 Non creare mai un gruppo WhatsApp. 2 Se ti aggiungono a uno, esci immediatamente. 3 Se non puoi
uscire, disattiva le notiiche e spera che si dimentichino di te. 4 Se sei costretto a rispondere, esprimiti
solo con emoji e “ahah!”. 5 E se ti aggiungono a un gruppo di genitori, cambia numero di telefono.
regole@internazionale.it

122 internazionale 1238 | 12 gennaio 2018