Sei sulla pagina 1di 132

searching a new way

Mario Brunello - Foto Trentino Sviluppo S.p.A. - D. Lira


STUDIO BI QUATTRO

LUOGHI STRAORDINARI, SUONI STRAORDINARI: IN TRENTINO OGNI ESTATE NATURA


E MUSICA SI ABBRACCIANO PER DAR VITA AD EVENTI UNICI, DOVE IL PAESAGGIO È
SCENOGRAFIA E PALCOSCENICO. INTERPRETI DI FAMA INTERNAZIONALE
ESPRIMONO TUTTA LA PROPRIA CREATIVITÀ DIALOGANDO CON L'AMBIENTE CHE LI
ACCOGLIE, CON LA POESIA DEL SILENZIO.

DAL 28 GIUGNO AL 15 SETTEMBRE www.isuonidelledolomiti.it

www.montura.it
19/25 luglio 2019 • Numero 1316 • Anno 26
“I commenti de Facebook
Sommario so’ il vero bagno di umiltà, rega’”
Zerocalcare a pagina 39

la settimana in copertina
19/25 luglio 2019 ` #%#(–S``a$( internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Economia Gary Younge Spazio
il meglio dei giornali La realtà che sfugge Cosa insegna La Luna
di tutto il mondo ai numeri la sconfitta di Syriza cinquant’anni dopo

�����������

Macelli
Macelli
sciacquone Efad[SV[>adW`laAdeWff[bSdf[faVS^^S
bWd[XWd[SV[8[dW`lWW_adfa[`E[d[S
Ua_TSffW`Va[`e[W_WS[UgdV[Ua`fda
[^YdgbbaEfSfa[e^S_[Ua Storia di Lorenzo Orsetti, partito dalla periferia di Firenze e morto
in Siria combattendo insieme ai curdi contro il gruppo Stato islamico
(p. 38). Copertina di Zerocalcare

Giovanni De Mauro
In uno studio condotto qualche anno fa attualità economia economia
dall’università di Yale, è stato chiesto a un 14 La crisi del Golfo 72 La realtà e lavoro
passa per lo stretto che sfugge 124 Perché bisogna
gruppo di studenti di dare un voto alla loro salvare lo spirito
conoscenza del funzionamento di alcuni di Hormuz ai numeri
Le Monde Brand Eins di Bretton Woods
oggetti d’uso quotidiano, tra cui lo Financial Times
sciacquone del bagno. Poi gli è stato chiesto
regno unito america centrale
di scrivere una spiegazione dettagliata del 20 È il momento 78 Vite di confine
funzionamento degli stessi oggetti e infine di Boris Johnson El País, El Faro
cultura
di dare un nuovo voto al loro livello di The Guardian 103 Cinema, libri,
conoscenza. Lo sforzo di spiegare rivelava romania musica, schermi, arte
agli studenti quanto poco ne sapessero, e europa 84 Uno sciopero
infatti il secondo voto era sempre più basso 22 I missili per la dignità le opinioni
del primo. Steven Sloman e Philip che rischiano Dor
10 Domenico
Fernbach, due psicologi cognitivi, hanno di spaccare la Nato Starnone
chiamato questo meccanismo “illusione YetkinReport portfolio
90 Manhattan 34 Jayati Ghosh
della profondità esplicativa”: pensiamo di
americhe in nero 36 Gary Younge
sapere più di quello che effettivamente
sappiamo. Ed è una delle ragioni per cui ci 24 Negli Stati Uniti Cinque ore di blackout 104 Goffredo Fofi
sentiamo autorizzati a esprimere delle si muore a New York 105 Giuliano Milani
opinioni più o meno su ogni cosa. Invece per mancanza 108 Pier Andrea Canei
di insulina viaggi
dovremmo seguire il consiglio di Rebecca 110 Giorgio Cappozzo
New York Magazine 96 Il marchio di Tito
Solnit: “Viviamo in un’epoca in cui le Novosti
persone pensano di dover avere le rubriche
asia e pacifico
un’opinione su tutto, e per arrivarci 28 Il lusso fotografia 10 Posta
ignorano i fatti, esprimono giudizi senza insostenibile 100 Uno sguardo 13 Editoriali
nessuna base concreta e li diffondono come di una vacanza tra due mondi
128 Strisce
se fossero fatti, quando i veri fatti non sono a Bali The Atlantic
mai stati scoperti, analizzati o controllati. 129 L’oroscopo
South China 130 L’ultima
Molte volte non è possibile arrivare a una pop
Morning Post 114 Cosa resta
conclusione certa a partire da un’azione o
da un’affermazione, e non dovremmo del primo uomo Articoli in formato
visti dagli altri
neanche provarci. Non c’è bisogno di avere 30 Andrea Camilleri sulla Luna mp3 per gli abbonati
un’opinione su tutto e ogni opinione che padre del giallo Jill Lepore
esprimiamo dovrebbe essere basata su fatti all’italiana
scienZa
concreti. Non c’è nulla di male a dire ‘non lo Le Monde 120 L’industria
so’: spesso è la posizione più onesta e 32 Il noto trafficante del petrolio
corretta. Dobbiamo imparare a riconoscere in realtà non può esserci
la differenza tra opinioni e fatti, tra un è un contadino amica
internazionale.it/sommario

sospetto (o pregiudizio) e una verità The Guardian The Guardian


accertata. Una cosa di cui mi rendo sempre
più conto è che le falsità pubbliche (le
cosiddette fake news) non ci vengono
Lisbona

imposte, richiedono la nostra


La città
racconta

collaborazione attiva. Possiamo scegliere


Estate ���

ta dalla

n. 9
stampa

di accettare e diffondere bugie, voci e extra


La città
racc
portogh ontata dalla
portogh

7,00 €

interpretazioni, oppure possiamo rifiutarci Il nuovo ese e in sta


ternazionmpa
ese e inte

ale
Internazionale pubblica in
rnaziona

di farlo, e ammettere che spesso non Extra esclusiva per l’Italia gli articoli
le

sappiamo”. u è in edicola dell’Economist.

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 3


Immagini
Unite contro Trump
Washington, Stati Uniti
15 luglio 2019

Da sinistra a destra, le deputate del Par-


tito democratico Ayanna Pressley, Ilhan
Omar, Rashida Tlaib e Alexandria Oca-
sio-Cortez durante la conferenza stam-
pa in cui hanno risposto agli attacchi di
Donald Trump. In una serie di tweet, il
presidente statunitense aveva scritto
che invece di criticare il suo governo le
deputate dovrebbero tornare nei paesi
“corrotti e inetti” da dove sono venute.
Pressley, Tlaib e Ocasio-Cortez sono
nate negli Stati Uniti, e Omar è arrivata
nel paese quando era adolescente. Il 16
luglio la camera ha votato una risoluzio-
ne non vincolante che definisce i tweet
di Trump “commenti razzisti che hanno
legittimato la paura e l’odio per i nuovi
americani e le persone di colore”. Foto di
Erin Scott (Reuters/Contrasto)
Immagini
Senza alternative
Roma, Italia
15 luglio 2019

Dopo ore di trattative, 78 famiglie che


dal 2003 vivevano in una scuola occu-
pata in via Cardinal Capranica, nella
periferia di Roma, sono state costrette
dalle forze dell’ordine ad abbandonare
l’edificio. Tra gli sgomberati ci sono cir-
ca ottanta bambini a cui non è stata as-
sicurata continuità scolastica. Alcuni di
loro sono stati ricollocati nei centri di
accoglienza del comune di Roma. Nella
capitale almeno tremila famiglie vivo-
no in edifici occupati e dodicimila per-
sone sono in lista per un alloggio popo-
lare, ma ogni anno le case assegnate
sono appena cinquecento. Foto di Mas-
simo Percossi (Ansa)
Immagini
Prima del lancio
Houston, Stati Uniti
Marzo 1969

Gli astronauti protagonisti della missio-


ne Apollo 11 posano con le famiglie pri-
ma della partenza per la Luna. A sinistra
Buzz Aldrin con la moglie e i tre figli, in
alto la famiglia di Michael Collins e a de-
stra quella di Neil Armstrong, che alle
2.56 del 21 luglio del 1969 fu il primo a
mettere piede sulla superficie lunare,
seguito da Aldrin. Partita il 16 luglio dal
Kennedy space center di Cape Canave-
ral, in Florida, la navicella spaziale tornò
sulla Terra il 24 luglio, dopo otto giorni
trascorsi nello spazio. Foto di Ralph Mor-
se (The Life Picture collection/Getty)
Posta@internazionale.it
Mare aperto lennial (Internazionale 1315) to del 20 giugno scorso, attor- Parole
mi ha lasciato l’amaro in boc- no ai muri della chiesa sono
u Ho letto con grande interes- ca. Mi hanno infastidito i con- stati appesi dei nastri bianchi
Domenico Starnone
se gli articoli su Carola Racke- tenuti, i commenti ai com- con i nomi delle persone dece-
te (Internazionale 1314). Ho menti su alcune serie tv come dute e in concomitanza la lista Chi incanta
seguito molto la vicenda e mi
ha colpito il modo fiero di
Fleabag o Girls (davvero i let-
tori di Internazionale le guar-
è stata letta all’interno della
chiesa. È stato un momento
il popolo
Rackete di affrontare la situa- dano?), l’assunto di una pre- importante per non dimenti-
zione. Si è trovata presa di mi- sunta sgradevolezza delle ra- care, per non abituarsi ma an-
ra, coperta da valanghe di in- gazze millennial spiegata at- zi indignarsi davanti a una li-
sulti e minacce sia al suo arri- traverso luoghi comuni, e una sta che non ha ancora finito di
vo a Lampedusa sia in certi conclusione confusa. Ma so- crescere.
programmi televisivi e giorna- prattutto il chiacchiericcio che Alessia
li italiani. Capisco la rabbia di si snoda per tutto l’articolo,
molte persone: siamo giovani, pretenzioso, confuso e osten- Errata corrige u La parola è bombasso, l’ha
precari, svolgiamo lavori sal- tatamente ricercato, ma vuoto coniata Tommaso Campanel-
tuari e vediamo il futuro con di senso. Alla fine mi sono u Per un problema tecnico la. Cosa significhi di preciso
estrema incertezza. Ma non chiesta: cosa mi è rimasto? della tipografia, nel numero non si sa, ma ha un suono effi-
mi ritrovo in nessuno dei com- Liliana Marta scorso tutte le immagini ave- cace ed è un peccato non farle
menti letti. E sono preoccupa- vano un retino di stampa sba- prendere un po’ d’aria. Cam-
to per una situazione carica di La lista gliato. Su Internazionale 1314, panella se ne serve in un so-
tensione. Pensando al futuro a pagina 19, le elezioni politi- netto famoso dedicato alla
cito un film che amo: questa è u Nel numero 1276 di Inter- che in Italia si sono tenute a plebe. Il popolo, scrive, è una
la storia di una società che nazionale c’era in allegato un marzo e non ad aprile del bestia varia e grossa, che igno-
precipita, “il problema non è supplemento speciale con la 2018. ra le sue forze. Perciò si lascia
la caduta, ma l’atterraggio”. lista delle persone morte nel guidare da un ragazzino di cui
Lucio Garofalo tentativo di raggiungere l’Eu- Errori da segnalare? si potrebbe sbarazzare con un
ropa. Ho passato la lista a un correzioni@internazionale.it semplice scossone. Eppure
La donna millennial amico pastore della Offene non lo fa, anzi lo teme e lo ser-
Kirche, a Berna, che da anni si PER CONTATTARE LA REDAZIONE ve, perché – attenzione – i
u Sono un’affezionata lettrice impegna per la causa dei mi- Telefono 06 441 7301 bombassi gli hanno fatto un
e apprezzo le vostre scelte edi- granti. A diversi mesi di di- Fax 06 4425 2718 incanto che ottunde i sensi. A
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
toriali e i racconti della sezio- stanza, in occasione della Email posta@internazionale.it causa di quel sortilegio il po-
ne Pop. Ma l’articolo sulle mil- giornata mondiale del rifugia- Web internazionale.it polo s’impicca e s’imprigiona
con le proprie mani, e si dà
morte e guerra per le briciole
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli delle grandi ricchezze che lui
stesso ha dato al re. Tutto ciò
che si trova tra cielo e terra è
Tagliare il cordone suo, ma non lo sa e se qualcu-
no glielo dice, lo ammazza.
Questi grosso modo sono i
In famiglia siamo sempre ci è riuscita. Personalmente storiella estiva a farla diventa- quattordici versi di Campanel-
stati di sinistra ma ora mio mi preparo da anni ad affron- re leghista”. E le ho consigliato la sulla plebe, della quale però
figlio esce con una ragazza tare il peggio e immagino tutte di essere strategica: “Dall’altra qui non discutiamo, parliamo
che si professa sovranista. le situazioni che potrebbero parte c’è un ragazzino che si solo dei bombassi. Chi sono?
Dovremmo preoccuparci? mettermi in difficoltà. “Papà”, sta allontanando dalla visione Tiranni? Maghi? Ciarlatani?
–Nando mi dice mia figlia in una delle politica del padre per frequen- Forse oggi, abbandonando per
mie fantasie autolesioniste più tare la figlia di una militante di gioco il seicento, li potremmo
La mia amica Marianna tempo ricorrenti, “ho deciso di farmi sinistra, animalista e buddista. identificare con quelli che i
fa mi ha scritto un messaggio suora”. La realtà è che gli ado- È l’occasione per mostrargli media chiamano grandi co-
angosciato: “Mia figlia ha il lescenti hanno l’importante che esiste un modo diverso di municatori. Berlusconi è stato
suo primo fidanzato. È il figlio compito di rendersi autonomi vedere il mondo”. Nel frattem- un bombasso. Renzi è stato un
di un assessore leghista. Ma rispetto ai genitori e uno dei po una delle mie figlie mi ha bombasso. Trump è un bom-
non poteva trovarsi un drogato modi per tagliare il cordone annunciato che adesso è di- basso. Salvini è un bombasso.
come tutti?”. Marianna è una ombelicale è andare a esplora- ventata credente. Ci siamo: mi Di Battista s’immagina bom-
mamma progressista e aperta re i territori proibiti. Ho tran- allaccio la cintura di sicurezza basso. L’elenco è lungo, e se si
di mente, e sarebbe stato mol- quillizzato Marianna: “Lascia- e mi preparo al mio giro sulle seguita a chiamarli grandi co-
to difficile mettere in crisi il la fare. Tutti i valori che hai montagne russe. municatori i talk show fanno
suo approccio moderno alla trasmesso a tua figlia sono an- presto a farne grandi statisti.
genitorialità. Eppure sua figlia cora dentro di lei, non sarà una daddy@internazionale.it Bombasso si presta di meno.

10 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Editoriali

Von der Leyen parte in salita


“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra filosofia”
William Shakespeare, Amleto
Direttore Giovanni De Mauro Thomas Mayer, Der Standard, Austria
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele Alla fine Ursula von der Leyen ce l’ha fatta. È stata mancata la voglia di far fronte comune davanti
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla una vittoria di stretta misura, ma la lotta per ogni alle grandi sfide del nostro tempo, dal cambia-
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti (Medio Oriente), singolo voto ha dato i suoi frutti. La sua nomina mento climatico alle migrazioni fino alla digita-
Alessandro Lubello (economia), Alessio
Marchionna (Stati Uniti), Andrea Pipino alla guida della Commissione europea è la diretta lizzazione delle nostre esistenze. Nell’Unione
(Europa), Francesca Sibani (Africa), Junko Terao
(Asia e Pacifico), Piero Zardo (cultura, conseguenza della debolezza dell’Unione. I co- europea degli stati nazione si gioca ancora spor-
caposervizio)
Copy editor Giovanna Chioini (web, siddetti partiti europeisti non possono più conta- co, soprattutto quando bisogna fare i conti con le
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
Romano (coordinamento, caporedattore),
Giulia Zoli
re su una larga maggioranza, anche quando la divisioni tra est e ovest su questioni fondamenta-
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
posta in gioco è molto alta. Un paio di voti in più o li come l’immigrazione o lo stato di diritto.
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio),
Marta Russo
in meno, e l’Europa sarebbe potuta sprofondare Ma Von der Leyen non può farci niente, era
Web Annalisa Camilli, Stefania Mascetti
(caposervizio), Martina Recchiuti (caposervizio),
ulteriormente in questa crisi d’identità, ritrovan- solo una candidata di ripiego. Fino all’ultimo la
Giuseppe Rizzo, Giulia Testa
Internazionale a Ferrara Luisa Ciffolilli,
dosi senza guida. sua nomina è rimasta in dubbio: non era sicuro
Alberto Emiletti
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci, Quella che ricorderemo come la prima elezio- che in parlamento ci fosse una maggioranza in
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori ne di una donna alla presidenza della Commis- suo favore, perché mancava un solido patto tra
sono indicati dalla sigla alla fine degli articoli.
Giulia Ansaldo, Giuseppina Cavallo, Stefania De sione è stata caratterizzata da una quantità di partiti, come quello tra popolari e socialdemocra-
Franco, Francesco De Lellis, Andrea Ferrario,
Federico Ferrone, Susanna Karasz, Stefano malumori, accordi sottobanco e manovre disone- tici che nel 2014 aveva garantito l’elezione di
Musilli, Giusy Muzzopappa, Francesca Rossetti,
Andrea Sparacino, Mihaela Topala, Bruna ste come non si vedeva da decenni. Tutto è co- Jean- Claude Juncker. Il risultato del voto è lo
Tortorella, Nicola Vincenzoni Disegni Anna
Keen. I ritratti dei columnist sono di Scott minciato quando si è fatto credere agli elettori che specchio di questa lacerazione. La spaccatura at-
Menchin Progetto grafico Mark Porter Hanno
collaborato Gian Paolo Accardo, Giulia il loro voto alle europee avrebbe potuto influenza- traversa ormai anche i partiti tradizionali, come i
Ansaldo, Cecilia Attanasio Ghezzi, Gabriele
Battaglia, Gaia Berruto, Francesco Boille, re indirettamente le nomine ai vertici dell’Unio- socialdemocratici: un terzo di loro ha votato con-
Giorgio Cappozzo, Catherine Cornet, Sergio
Fant, Claudia Grisanti, Ijin Hong, Anita Joshi, ne europea. Ma dopo le elezioni il sistema degli tro von der Leyen, il resto l’ha sostenuta.
Alberto Riva, Andreana Saint Amour, Francesca
Spinelli, Laura Tonon, Pauline Valkenet, Guido Spitzenkandidat è stato malamente accantonato Con 383 voti la tedesca ha superato la soglia
Vitiello, Marco Zappa
Editore Internazionale spa da alcuni governi. Gli elettori hanno avuto motivo richiesta di appena nove voti. Questo margine
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot di sentirsi presi in giro, finché in un turbolento non le basterà quando si tratterà di discutere in
(vicepresidente), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Giancarlo Abete,
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro,
vertice di tre giorni la ministra della difesa tede- parlamento le grandi riforme e le molte promesse
Giovanni Lo Storto
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
sca è stata inserita nel pacchetto delle nomine. fatte. Come prima cosa la Commissione dovrà
Produzione e diffusione Francisco Vilalta
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Durante tutto il processo i negoziatori e i par- darsi un obiettivo fondamentale: superare le divi-
Arianna Castelli, Alessia Salvitti
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
titi hanno commesso diverse scorrettezze. Ed è sioni e costruire una nuova fiducia. u ct
Agenzia del marketing editoriale
Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15,
37131 Verona
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
Copyright Tutto il materiale scritto dalla
redazione è disponibile sotto la licenza Creative
Commons Attribuzione - Non commerciale -
La fame non è ancora sconfitta
Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Significa che può essere riprodotto a patto di
citare Internazionale, di non usarlo per fini
commerciali e di condividerlo con la stessa
licenza. Per questioni di diritti non possiamo The Irish Times, Irlanda
applicare questa licenza agli articoli che
compriamo dai giornali stranieri.
Info: posta@internazionale.it I progressi fatti nella riduzione della fame a livello mento climatico sta colpendo duramente l’agri-
globale dall’inizio del secolo dimostrano tutto il coltura. Il numero di aziende agricole è in calo,
Registrazione tribunale di Roma valore degli aiuti per lo sviluppo. Ma questo pro- con conseguenze nefaste sul modo in cui gli ali-
n. 433 del 4 ottobre 1993
Direttore responsabile Giovanni De Mauro gresso è sempre stato irregolare, e secondo gli menti sono prodotti e distribuiti. Il problema è
Chiuso in redazione alle 19 di mercoledì
17 luglio 2019 ultimi dati potrebbe addirittura essersi fermato. particolarmente grave nei paesi dove la crescita
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832
Pubblicazione online ISSN 2499-1600 Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che oggi economica stenta, la violenza è diffusa o si regi-
PER ABBONARSI E PER nel mondo più di 820 milioni di persone soffrono stra un’elevata disuguaglianza.
INFORMAZIONI SUL PROPRIO
ABBONAMENTO la fame. Questo numero è aumentato per il terzo La capacità di mobilitazione è compromessa
Numero verde 800 111 103
(lun-ven 9.00-19.00), anno consecutivo, soprattutto in Africa e in alcu- dalla grave carenza di aiuti internazionali. L’Or-
dall’estero +39 02 8689 6172
Fax 030 777 23 87 ne aree del Medio Oriente e dell’America Latina. ganizzazione per la cooperazione e lo sviluppo
Email abbonamenti@internazionale.it
Online internazionale.it/abbonati Secondo il rapporto altri due milioni di perso- economico ha rivelato che gli aiuti esteri sono ca-
LO SHOP DI INTERNAZIONALE ne, di cui molte negli Stati Uniti e in Europa, non lati del 2,7 per cento rispetto all’anno scorso. Il
Numero verde 800 321 717
(lun-ven 9.00-18.00)
hanno accesso ad alimenti sani e rischiano obesi- Consiglio norvegese per i rifugiati riferisce che le
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
tà e altri disturbi. I dati confermano che non basta agenzie umanitarie hanno ricevuto meno di un
Imbustato in Mater-Bi
aumentare la produzione alimentare, bisogna terzo dei fondi necessari per assistere le popola-
anche promuoverne la varietà e l’accessibilità e zioni colpite dalle diverse crisi mondiali.
l’istruzione dei cittadini. La riduzione della fame è il risultato di uno
Le cifre che riguardano i paesi poveri sono al- sforzo globale sostenuto da risorse adeguate. Se
larmanti. Raggiungere l’obiettivo di cancellare la questo sforzo non sarà mantenuto, i progressi sa-
fame entro il 2030 sarà molto difficile. Il cambia- ranno cancellati. u as

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 13


Attualità
La crisi del Golfo passa
per lo stretto di Hormuz
Louis Imbert, Philippe Jacqué, Benjamin Barthe,
Nabil Wakim e Ghazal Golshiri, Le Monde, Francia
È un punto strategico per il sistema energetico internazionale, Hormuz
traffico petrolifero mondiale si trova sulla linea di faglia tra l’Iran e l’Ara­
bia Saudita, due potenze ai ferri corti che si
e negli ultimi decenni è stato disputano la supremazia regionale.
teatro di vari scontri. Ora La guerra economica dichiarata dagli
è al centro delle tensioni Stati Uniti alla Repubblica islamica, portata

HAMED MALEKPOUR (TASNIM NEWS AGENCy/AP/ANSA)


tra Stati Uniti e Iran avanti a colpi di sanzioni contro la sua indu­
stria petrolifera, e le rituali minacce di chiu­
sura dello stretto pronunciate in risposta
i confini dell’Arabia Saudita e dalle autorità di Teheran hanno restituito

A alle porte della Persia, avvolto di


esotismo e di pericolo, lo stretto
di Hormuz è contemporanea­
mente termine e centro del mondo, passag­
gio obbligato e trappola letale. Questa im­
allo stretto il suo carattere incendiario. Ul­
trasorvegliato, ultramilitarizzato, Hormuz
è un vaso di Pandora strategico e politico.

Poca visibilità
magine satura di sole, di salsedine e di oro La sagoma di questa autostrada marittima
nero, plasmata dalla famosa guerra delle a forma di chicane è disegnata dalla peniso­
petroliere degli anni ottanta, all’epoca del la di Musandam, una enclave omanita
conflitto tra Iran e Iraq, da maggio si è riani­ all’interno degli Emirati Arabi Uniti, e dalla “La zona è estremamente angusta e in
mata a causa dell’improvviso aumento del­ baia di Bandar Abbas, un porto iraniano cir­ più è attraversata da piccole imbarcazioni
le tensioni tra Washington e Teheran. Sei condato da isole. Tra queste c’è Hormuz, di pescatori o di contrabbandieri”, raccon­
navi misteriosamente sabotate all’ingresso che ha dato il nome allo stretto. Nel trecen­ ta Hubert Ardillon, un altro veterano della
del golfo Persico, un drone statunitense ab­ to e nel quattrocento fu un’importante sta­ marina mercantile francese. “Il passaggio
battuto da un missile iraniano, una valanga zione commerciale sulla rotta delle Indie e è complicato a causa della foschia che si
di dichiarazioni bellicose: Hormuz, il “capo la capitale di un piccolo regno che si esten­ alza per il caldo e limita la visibilità. Ho
Horn” dei comandanti di petroliere, è evi­ deva sul Golfo e sulla costa dell’Oman. usato molto la sirena da nebbia in quello
denziato in rosso sulla mappa dei punti geo­ Lungo 45 chilometri, il passaggio misu­ stretto”.
politici a rischio. ra 38 chilometri di larghezza nel punto più Rimasto a lungo semisconosciuto, Hor­
Nel 2018 da questo corridoio sono tran­ stretto. Dato che le acque territoriali irania­ muz emerse sulla mappa del trasporto ma­
sitati ogni giorno 21 milioni di barili di greg­ ne sono poco profonde, le navi devono se­ rittimo mondiale nel corso della seconda
gio, cioè un quinto del consumo mondiale e guire rotte larghe appena 2 miglia nautiche metà del novecento, a causa di tre eventi
un terzo del petrolio trasportato via mare. (3,7 km) che passano tra gli isolotti omaniti successivi: l’avvio, nel 1951, dello sfrutta­
Anche un quarto del consumo mondiale di di Quoin e Ras Dobbah. Uno spazio inter­ mento di Ghawar, il più grande giacimento
gas naturale liquefatto è passato da questa detto alla navigazione, della stessa larghez­ di petrolio del mondo, scoperto tre anni pri­
strettoia. Oltre a essere la spina dorsale del za, separa il corridoio in entrata da quello ma sulla costa orientale dell’Arabia Saudita;
in uscita. “Quando si entra nello stretto bi­ la crisi energetica del 1973, in seguito alla
sogna virare a sinistra di 90 gradi”, spiega guerra arabo­israeliana del Kippur, che tri­
Bertrand Derennes, comandante di petro­ plicò il prezzo del greggio e fece tremare le
liere in pensione, “poi si prende la rotta di economie occidentali; e infine la rivoluzio­
navigazione obbligatoria, e soprattutto ne iraniana del 1979, che portò al potere, in
non si deve mai deviare, un po’ come quan­ un paese sciita, un regime islamista dedito
do si passa al largo di Calais, c’è una rotta e al proselitismo, suscitando la preoccupa­
si segue quella”. Una volta superato lo zione degli stati sunniti del Golfo, in parti­
stretto, la rotta si allarga a 3 miglia nautiche colare dell’Iraq, che l’anno seguente entrò
(5,5 km) ma passa tra le isole di Grande in guerra contro il vicino.
Tomb, Piccolo Tomb e Abu Musa, occupa­ Cinque anni dopo Hormuz diventò un
te dall’Iran dal 1971, con grande disappun­ nome familiare nei notiziari occidentali.
to degli Emirati, che le rivendicano. Nell’aprile del 1984 diverse navi che faceva­

14 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Trump per obbligare l’Iran ad accettare un
accordo più restrittivo, Teheran ha rispo-
sto con nuove minacce di bloccare il corri-
doio marittimo. “Se il nostro petrolio non
può passare da questo stretto, non ci passe-
rà più neanche il petrolio degli altri paesi”,
ha dichiarato a maggio il generale Moham-
mad Bagheri, capo di stato maggiore ira-
niano.

In secondo piano
Ma rispetto agli anni ottanta, il mondo del
petrolio è cambiato. E anche Hormuz. Gra-
zie alla tecnica del fracking, gli Stati Uniti
sono diventati il primo produttore mondia-
le di greggio, davanti ai sauditi e ai russi.
Oggi Washington importa solo il 16 per cen-
to del petrolio di cui ha bisogno dal Medio
Oriente, contro il 26 per cento di sei anni fa.
I più importanti compratori di petrolio sono
ormai asiatici. Secondo l’agenzia statistica
del ministero dell’energia statunitense
(Eia), il 76 per cento delle esportazioni di
greggio transitate per Hormuz nel 2018 era-
no destinate all’India e alle potenze
dell’estremo oriente, soprattutto Cina,
Un’esercitazione dei pasdaran iraniani sull’isola di Qeshm, il 22 dicembre 2018 Giappone e Corea del Sud. Se nella seconda
metà del novecento era fortemente legato
no il pieno di greggio al terminal dell’isola wait invadesse il suo territorio dalla costa, all’ascesa industriale dei grandi paesi occi-
di Kharg (da cui passa il 90 per cento delle l’Iraq posò in mare centinaia di mine. L’ope- dentali, oggi lo stretto è diventato un pila-
vendite di petrolio iraniano) furono attac- razione di bonifica condotta dai dragamine stro della modernizzazione dell’Asia.
cate con i missili dall’aviazione irachena. Il tedeschi, italiani, francesi, belgi e olandesi Un’altra cosa da dire è che nonostante
presidente Saddam Hussein, di fronte ai durò mesi. gli attacchi alle petroliere, la distruzione di
ripetuti fallimenti delle offensive di terra, Nel marzo del 2007 alcuni marinai bri- un drone statunitense da parte di un missile
aveva deciso di portare il conflitto nelle ac- tannici che stavano perquisendo una barca iraniano e gli anatemi di Teheran, il prezzo
que del Golfo. a vela tradizionale araba al largo della fron- al barile non è aumentato vertiginosamen-
In totale tra il 1984 e il 1988 furono di- tiera tra Iran e Iraq furono arrestati dai pa- te. La guerra commerciale fra Trump e il
strutte o danneggiate più di cinquecento sdaran, i paramilitari della Repubblica isla- presidente cinese Xi Jinping suscita una ta-
navi, in gran parte dai colpi degli iracheni. mica, con l’accusa di trovarsi nelle acque le preoccupazione da aver relegato in se-
Ma il traffico attraverso lo stretto non s’in- del loro paese. Furono liberati due settima- condo piano il “vecchio” rischio geopolitico
terruppe mai. Teheran non voleva assumer- ne più tardi. di Hormuz.
si il rischio di chiuderlo completamente e Nel luglio del 2010 un attentato con un Tra l’altro oggi lo stretto ha dei concor-
comunque non aveva mezzi sufficienti per motoscafo, attribuito alle brigate Abdullah renti, un’altra differenza rispetto a trent’an-
un blocco duraturo. Più dei danni causati Azzam, gruppo affiliato ad Al Qaeda, dan- ni fa. Per garantire il flusso della loro produ-
alla sua industria petrolifera, fu la caduta neggiò una petroliera giapponese. zione in qualsiasi circostanza, gli stati del
del dollaro e del prezzo al barile a mettere in Nel gennaio del 2016 i pasdaran inter- Golfo si sono procurati delle alternative al
ginocchio l’economia iraniana. L’operazio- cettarono due imbarcazioni statunitensi passaggio per Hormuz. L’oleodotto Est-
ne Praying mantis (Mantide religiosa) acce- che si erano perse in acque iraniane e trat- Ovest, che attraversa l’Arabia Saudita per
lerò la fine del conflitto, avvenuta il 20 ago- tennero gli equipaggi per alcune ore. Le arrivare al porto di Yanbu sul mar Rosso, ha
sto 1988. L’ayatollah Khomeini (guida della immagini dei militari in ginocchio, con le una capacità di 5 milioni di barili al giorno.
rivoluzione dal 1979 al 1989) si era convinto mani sulla testa, inondarono i mezzi d’in- Gli Emirati dispongono di un oleodotto che
che non avrebbe potuto condurre due guer- formazione iraniani e statunitensi. porta a Fujaira, nel golfo dell’Oman, con
re contemporaneamente. Nel maggio del 2018 la decisione della una capacità di 1,5 milioni di barili. Infine
Da allora il Golfo ha ritrovato la calma, Casa Bianca di ritirarsi dall’accordo sul nu- l’Iraq ha una via di trasporto verso nord, che
ma a intervalli regolari si verificano inci- cleare iraniano, firmato tre anni prima, ha attraverso il Kurdistan iracheno arriva fino
denti, segno che la tensione cova sotto la fatto tornare Hormuz in primo piano. Alla al porto turco di Ceyhan, con una capacità
cenere. Nel 1991, per evitare che la coalizio- politica di “massima pressione” messa in teorica di 1,4 milioni di barili al giorno.
ne internazionale andata a liberare il Ku- atto dal presidente statunitense Donald L’Iran da parte sua sta cercando di sviluppa-

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 15


Attualità
re, malgrado le sanzioni statunitensi, il suo trasferirono il quartier generale del coman- Nel braccio di ferro asimmetrico con gli
porto di Chabahar, che dà sull’oceano In- do centrale in Qatar. L’esercito francese si è Stati Uniti e i suoi alleati, l’Iran può contare
diano, e di collegarlo a Bandar Abbas con stabilito ad Abu Dhabi nel 2009. La marina anche sulla capacità di dissuasione del suo
un oleodotto. militare britannica è presente in Oman e in arsenale balistico. Nelle giornate di cielo
Ma queste reti sono meno efficaci di Bahrein. Francesi e britannici ogni due anni sereno, oltre i grattacieli di Abu Dhabi, si
quanto si sperasse. Gran parte del petrolio fanno esercitazioni congiunte di smina- può vedere la piccola isola di Abu Mussa,
trasportato dall’oleodotto saudita è infatti mento dello stretto, l’ultima nel maggio dove Teheran ha schierato batterie missili-
destinato alle raffinerie nell’ovest del re- 2019, ma sono convinti che la posa di mine stiche capaci di colpire tutta la costa degli
gno. Le cattive condizioni dell’oleodotto nella zona non sia all’ordine del giorno. Emirati. Tra i probabili obiettivi in caso di
iracheno permettono di esportare solo me- Anche supponendo che l’Iran riesca a conflitto ci sarebbero alcuni impianti di de-
tà del volume potenziale. Attualmente le sopraffare tutte queste flotte e a paralizzare salinizzazione, aeroporti, stabilimenti pe-
monarchie del Golfo esportano attraverso Hormuz nel giro di qualche giorno, non sa- troliferi e di gas. Abbastanza da mettere in
gli oleodotti solo 3,2 milioni di barili al gior- ginocchio con pochi colpi le piccole monar-
no. Se tutte le vie terrestri funzionassero a Finora la strategia chie della penisola.
pieno regime, il totale potrebbe arrivare a
7 o 8 milioni di barili. Ma ne resterebbero di Teheran è più Direttiva ai comandanti
comunque più di 12 milioni senza alterna- economica che Finora la strategia di Teheran è più econo-
tive al passaggio per Hormuz. mica che militare. “Creare problemi nello
militare stretto, per esempio con le mine, o spaven-
La specialità tare i trasportatori, fa salire i prezzi delle
Inoltre questi oleodotti non sono esenti da rebbe comunque sufficiente a creare pro- assicurazioni e quindi, alla fine, anche il
rischi: quello iracheno è stato attaccato a blemi economici. La maggior parte dei pa- prezzo al barile”, spiega un conoscitore del
più riprese e a maggio dei droni hanno esi ha riserve strategiche di petrolio per mercato petrolifero. Sfiancato a causa del-
danneggiato due stazioni di pompaggio fronteggiare situazioni di questo tipo. Da- le sanzioni statunitensi che ostacolano le
della condotta saudita Est-Ovest. Nello vanti all’esercito statunitense, e a Riyadh, sue esportazioni di idrocarburi, l’Iran ha
stesso periodo quattro imbarcazioni or- che ha la prima forza marittima regolare bisogno di vendere i pochi barili che anco-
meggiate a Fujaira hanno subìto misteriosi della regione, Teheran può scommettere ra riesce a commercializzare al prezzo più
sabotaggi. I responsabili non sono stati solo sulle sue capacità di disturbo e dissua- alto possibile.
identificati, ma questi attacchi somigliano sione, sperimentate durante la guerra delle L’impatto sui costi di trasporto si avver-
alle provocazioni attentamente calcolate petroliere. te già. Secondo l’agenzia Bloomberg, i pre-
diventate la specialità dell’Iran, come la La marina iraniana si è dotata di “som- mi di rischio delle assicurazioni nel Golfo
distruzione del drone statunitense, che in- mergibili tascabili” insieme alla oggi possono arrivare a 500mila
vece Teheran ha rivendicato. Russia e alla Corea del Nord, ma dollari, contro i 50mila all’inizio
Il drone è stato abbattuto la notte del 20 non ha cercato di procurarsi navi dell’anno. Questo aumento si ri-
giugno, a un’altitudine elevata, mentre si di grossa stazza. L’orgoglio dei flette in minima parte sui prezzi
muoveva su un tragitto regolare ed estre- pasdaran e del regime resta la attuali del petrolio, arrivando al
mamente prevedibile. Teheran sostiene flotta di motovedette rapide, al- massimo a 25 centesimi al barile.
che l’apparecchio aveva violato il suo spa- cune equipaggiate di missili e altre di una Ma se la tendenza si accentuasse, gli effetti
zio aereo e ha anche sottolineato che un semplice mina pronta a essere sganciata. I comincerebbero a farsi sentire. Per gli ira-
aereo da ricognizione statunitense in volo giovani guardiani imbarcati su questi gusci niani questa strategia al rialzo è anche un
in prossimità del drone con 35 persone a di noce si allenano sui simulatori a lanciarsi modo di mettere gli statunitensi sotto pres-
bordo è stato risparmiato per non provoca- all’assalto delle imbarcazioni statunitensi. sione: i primi a soffrire dell’aumento del
re perdite irreparabili. “Non abbiamo i mezzi della marina statuni- prezzo del petrolio saranno gli asiatici e gli
“I sabotaggi delle petroliere nel mare tense, questo è evidente. Ma in caso di con- europei, che a quel punto saranno spinti a
dell’Oman a maggio e a giugno seguono la flitto sicuramente affonderemo qualcuna rivoltarsi contro la politica di Trump. Que-
stessa logica”, spiega lo storico Pierre Ra- delle sue navi, e forse anche una portaerei”, sta è la speranza di Teheran.
zoux. “Non ci sono stati morti, i danni ma- sostiene un funzionario iraniano. Ai suoi comandanti che attraversano la
teriali sono limitati. Gli iraniani si accon- Questo era stato l’obiettivo di un’eserci- zona, una delle maggiori compagnie del
tentano di far capire che, se le sanzioni tazione militare nel 2015, estremamente settore petrolifero consegna questa diret-
statunitensi gli impediranno di esportare il pubblicizzata, durante la quale i pasdaran tiva: “Aumentare la velocità nel tratto di
petrolio, tutto il traffico nella regione sof- avevano fatto esplodere un modello galleg- rotta iraniano in modo da superare lo stret-
frirà con loro”. giante della Uss Nimitz, un gigante dei ma- to il più velocemente possibile, sempre
Teheran sa di non avere i mezzi per blin- ri. A Teheran si ricorda ancora un’altra assicurando una sorveglianza a vista e ra-
dare Hormuz. La sproporzione di forze è esercitazione militare, organizzata da Wa- dar estremamente accurata. Una volta
ancora più netta che negli anni ottanta. Nel shington nelle acque del Golfo nel 2002: passato lo stretto, navigare subito al largo
1995 gli Stati Uniti aprirono in Bahrein una nella simulazione una potenza armata delle coste degli Emirati Arabi Uniti e
base navale permanente in cui staziona la “all’iraniana” riusciva a distruggere sedici dell’Oman, in modo da lasciare le coste
quinta flotta, e all’inizio degli anni duemila navi statunitensi, tra cui una portaerei. iraniane il più lontano possibile”. u fdl

16 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Africa e Medio Oriente
YEMEN
Sudan RDC

Colloqui Un caso di ebola


tra rivali Fratture regionali in città
I rappresentanti del governo ye- Il 16 luglio è stato registrato il
menita e dei ribelli sciiti huthi si Al Araby al Jadid, Regno Unito primo decesso per ebola a Go-
sono incontrati su una nave del- ma, una città di un milione di
Il 14 luglio, a quaranta giorni dalla strage
le Nazioni Unite il 14 luglio, per abitanti vicino alla frontiera con
la prima volta in cinque mesi. Al del 3 giugno a Khartoum, migliaia di il Ruanda, scrive il sito congole-
centro dell’incontro c’è stato il sudanesi sono scesi in piazza in varie città se Actualité. La vittima, un re-
ritiro delle forze ribelli dal porto per chiedere giustizia per le decine di ligioso di 46 anni, era arrivato il
di Al Hodeida, un punto fonda- persone uccise dai militari dall’inizio delle 14 luglio da Butembo, uno degli
mentale dell’accordo raggiunto proteste nel dicembre del 2018. Lo stesso epicentri dell’epidemia in corso
dalle parti in Svezia a dicembre. ormai da un anno, e aveva viag-
giorno un manifestante è stato ucciso dai
Dopo mesi di stallo, a maggio giato a bordo di un minivan. Gli
l’Onu ha annunciato che gli hu-
paramilitari delle Forze di supporto rapido altri passeggeri e l’autista del
thi si erano ritirati da Al Hodei- (Fsr) ad Al Suki, a sudest di Khartoum. Il 17 mezzo sono stati identificati e
da e da altri due porti vicini, ma luglio le forze dell’opposizione e il consiglio militare di vaccinati. “La situazione conti-
il governo accusa i ribelli di aver transizione hanno firmato un accordo politico che nua a essere preoccupante e di
semplicemente affidato il con- stabilisce quali saranno le autorità incaricate di gestire il fatto l’epidemia non è sotto con-
trollo della città a delle milizie passaggio di poteri a un governo civile nei prossimi tre trollo”, ha dichiarato un porta-
alleate. Al Jazeera scrive che, voce dell’ong Medici senza
anni. A livello regionale, aggiunge Al Araby al Jadid, la
secondo quanto riportato dalle frontiere, che gestisce i princi-
Nazioni Unite, le due parti han- rivoluzione sudanese e la violenta repressione scatenata pali centri di cura nell’area. Il vi-
no concordato nuove misure per dai militari stanno creando nuove divisioni: gli Emirati rus ebola ha già contagiato
rispettare la tregua e facilitare il Arabi Uniti e l’Egitto non sostengono più il vicepresidente 2.400 persone, tra queste più di
ritiro delle truppe. L’Onu spera del consiglio militare di transizione e capo delle Fsr 1.600 sono morte.
di poter monitorare l’ammini- Mohamed Hamdan Dagalo, detto Hemeti, mentre
strazione di Al Hodeida, punto l’Arabia Saudita continua ad appoggiarlo perché spera
d’ingresso per il cibo e gli aiuti
umanitari di cui ha bisogno il
che invii altri soldati nello Yemen una volta che si saranno
paese, in guerra da quattro anni. ritirate le truppe emiratine. ◆

MALI Somalia
Gli ostacoli Chisimaio, 13 luglio 2019
alla pace
Il Consiglio di sicurezza delle
Nazioni Unite ha aggiunto il 10
luglio cinque nomi alla lista dei IN BREVE
maliani colpiti da sanzioni. Si Ciad Il 13 luglio gli utenti ciadia-
tratta di persone legate a gruppi ni hanno potuto accedere di
armati del nord del paese, accu- nuovo ai social network, che
sate di aver ostacolato il proces- erano oscurati dal marzo del
so di pace sostenendo il terrori- 2018 per ragioni di sicurezza.
smo, trafficando in droga e armi Iraq Un diplomatico turco è sta-
e rubando gli aiuti umanitari de- to ucciso il 17 luglio da uomini
AFp/GEttY

stinati ai civili, scrive Jeune armati che hanno fatto irruzione


Afrique. Nel maggio del 2015 le in un ristorante di Erbil, la capi-
più importanti milizie del paese tale del Kurdistan iracheno.
avevano firmato un accordo di
pace per mettere fine alla guerra
Le nuove vittime di Al Shabaab L’attacco, in cui è rimasta uccisa
un’altra persona, non è stato im-
civile scoppiata nel 2012. Quat- Il 12 luglio quattro attentatori hanno tenuto sotto assedio per 14 ore mediatamente rivendicato.
tro anni dopo il paese è ancora un hotel (nella foto) della città portuale di Chisimaio uccidendo 26 Uganda Il cantante e opposito-
instabile. La situazione è aggra- persone e ferendone altre cinquanta. tra le vittime ci sono anche un re Bobi Wine ha annunciato la
vata dai numerosi massacri a politico locale e due giornalisti, tra cui Hodan Naleyah, fondatrice sua candidatura alle presiden-
sfondo etnico, che l’esercito non di Integration tv. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo estremista ziali del 2021 contro Yoweri Mu-
sembra in grado di fermare. islamico Al Shabaab, che è stato allontanato dalla città nel 2012. seveni, al potere dal 1986.

18 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Regno Unito
È il momento nazionalisti inglesi, e molti hanno notato
un legame diretto tra l’immagine dell’Unio-
ne europea come forza d’invasione e l’at-

di Boris Johnson teggiamento attuale di milioni di cittadini


britannici, a quanto pare convinti che la co-
sa più importante sia riconquistare la liber-
tà dall’Europa, anche a costo di una grave
Sonia Purnell, The Guardian, Regno Unito crisi economica e della dissoluzione del Re-
gno Unito. È quindi un’ironica nemesi, for-
L’imprevedibile sostenitore riclassificate come pesci, hanno creato la se inevitabile, il fatto che Johnson, che oggi
della Brexit sta per diventare convinzione, ormai profondamente radica- ha 55 anni, sembri destinato a diventare il
ta tra i britannici, che qualsiasi cosi arrivi da primo ministro incaricato di risolvere la cri-
leader dei conservatori e primo Bruxelles sia o una follia o il risultato di un si che lui stesso ha contribuito a creare
ministro britannico. Un rischio complotto ordito sul continente. vent’anni anni fa con i suoi articoli.
per un paese diviso e confuso, Il suo articolo più esplosivo di sempre,
scrive Sonia Purnell, la biografa pubblicato nel maggio del 1992, sosteneva Il primo esame
che Jacques Delors, allora presidente della Ho incontrato Johnson per la prima volta
di Johnson
commissione, stesse complottando per cre- nel 1992, quando aveva 28 anni. E subito mi
are un superstato europeo dotato di im- è apparso chiaro che, dietro la sua facciata
on è stato solo il cielo costante- mensi poteri. Perfino i fan di Johnson am- di buffone guastafeste, c’erano delle ambi-

N mente coperto a rendere il mio


lavoro a Bruxelles per il Daily
Telegraph all’inizio degli anni
novanta un’esperienza deprimente. È stato
soprattutto il fatto di essere la vice di Boris
misero che l’articolo dava un’immagine
distorta della realtà. Lui dette la colpa ai
giornalisti di Londra per le scelta delle pa-
role con cui il pezzo era stato presentato e
non provò neppure a difenderlo. Ma la tesi
zioni serie e un piano preciso, sostenuti da
un grande talento nel farsi pubblicità e da
una vera ossessione per il potere.
Nel 2002, in un articolo per l’Indepen-
dent, me l’ero immaginato davanti alla por-
Johnson – allora ufficialmente a capo di quell’articolo è stato ripetuta fino a con- ta del numero 10 di Downing street (la resi-
dell’ufficio di corrispondenza del quotidia- quistarsi una solida credibilità ed è servita a denza del primo ministro britannico), ac-
no londinese a Bruxelles, ma in pratica irri- Johnson per guadagnarsi l’mmirazione canto alla moglie Marina e ai suoi quattro
ducibile solista – a rendere il mio primo in- dell’estrema destra di tutta Europa. Nel Re- bambini perfettamente agghindati. La mia
carico all’estero una prova di resistenza. gno Unito ha alimentato le ambizioni dei previsione fu ridicolizzata e considerata as-
Nell’ufficio del Telegraph c’eravamo so- surda dai commentatori dell’epoca, i quali,
lo noi due, e lavoravamo incessantemente non conoscendolo di persona, credevano
per raccontare le convulsioni politiche ed Da sapere all’immagine dell’intelligentone goffo che
economiche legate ai negoziati sul trattato Johnson si era scrupolosamente cucita ad-
di Maastricht. Era un processo di grande
Sfida a due dosso. Cercai di spiegare, a orecchie per lo
drammaticità e pieno d’intrighi politici, che u La sfida tra Boris Johnson e l’attuale ministro più sorde, che “dietro una patina ben colti-
avrebbe plasmato l’Europa del futuro. degli esteri Jeremy Hunt per la guida del Partito vata di disorganizzazione e imprevedibilità
Il modo in cui Johnson scriveva di quei conservatore sta per concludersi. I 160mila si cela non tanto la spietatezza politica,
fatti, tuttavia, non solo mise in allarme me, iscritti al partito hanno tempo fino al 21 luglio quanto un’immensa ambizione sorretta da
ma contribuì a diffondere nel Regno Unito per votare. Due giorni dopo sarà svelato il nome una spaventosa determinazione”.
una pervasiva retorica antieuropea, che tra del vincitore. Il 24 luglio la premier Theresa Johnson ha sempre voluto vincere a tut-
May si dimetterà, lasciando la guida del
i britannici non ha mai incontrato seri osta- ti i costi, ingannando le persone e convin-
governo al nuovo leader tory, che diventerà
coli. Per aver raccontato, senza alcuno scru- cendole a credere in lui oppure sabotando i
quindi anche primo ministro. Secondo gli ultimi
polo professionale, la Commissione euro- sondaggi, Johnson ha più del 70 per cento delle
rivali, se necessario. Ricordo che, appena
pea come un’istituzione assurdamente intenzioni di voto dei militanti. arrivata a Bruxelles, la prima volta che fui
megalomane e imperialistica, Johnson fu u “La battaglia per la leadership del Partito mandata a seguire una conferenza stampa
gratificato con innumerevoli messaggi conservatore si gioca tutta sulla Brexit. La in uno dei tanti edifici dell’Unione euro-
d’ammirazione dall’allora direttore del Te- questione è se il paese uscirà dall’Unione pea, Johnson mi diede di proposito indica-
legraph, Max Hastings. “Pensiamo tutti che europea il 31 ottobre. Hunt ha spiegato che si zioni sbagliate, facendomi arrivare in ritar-
tu stia facendo un lavoro fantastico, dovre- aspetta un rinvio a Natale, ma non ha garantito do. Allora c’erano già parecchie prove del
sti solo imparare a essere un po’ più pompo- nulla. Johnson, invece, dice che la Brexit si farà fatto che esercitare la supremazia sul pros-
nella data stabilita, ‘costi quel che costi’”, scrive
so”, gli scrisse una volta Hastings. Il cammi- simo è l’unica cosa che per lui conta davve-
il Daily Telegraph. “Se il Regno Unito non
no di Johnson per diventare primo ministro ro. La sua mancanza di convinzioni a pro-
lascerà l’Unione sarà la fine dei conservatori.
era cominciato. Per questo, la posizione di Johnson non è
posito dell’Europa o di ogni altro argomen-
Nel corso degli anni le fantasiose storie assurda, come sostengono i suoi avversari, ma è to sembrava tradursi in assenza d’idee, a
pubblicate da Johnson, che raccontavano di figlia di un caparbio realismo politico. Ed è parte la semplice proiezione di se stesso. Il
pescatori costretti dai regolamenti europei accompagnata dall’ottimismo, caratteristica senso della vittoria era la vittoria stessa.
a indossare reti per i capelli o di lumache fondamentale di ogni leadership efficace”. Johnson non ha mai dato l’impressione di

20 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Boris Johnson a Glasgow, il 5 luglio 2019
AnDREw PARSOnS (I-ImAgES /EyEvInE/COntRAStO)

credere in quello che scriveva o diceva.Una trovava il caos da lui stesso generato non ranza, l’aggressività, l’instabilità emotiva
volta individuata una redditizia nicchia solo divertente ma perfino inebriante. Il – devono farci chiedere se sia adatto a rico-
giornalistica, la sua unica preoccupazione è suono del vetro che si rompe, dopo aver lan- prire l’incarico politico più importante del
stata aumentare la sua fama e la sua ric- ciato il sasso, gli dava – mi confessò una vol- paese. In passato potevano bastare piccoli
chezza. I noiosi articoli sul progetto euro- ta – uno “strano senso di potere”. contrattempi, spesso delle inezie, per fargli
peo scritti dagli altri giornalisti a Bruxelles perdere il controllo: a volte bastava che al-
lasciavano scoperta una fascia di mercato, Capricci e intemperanze cuni aspetti della sua vita privata fossero
che Johnson colmava con le sue provoca- Ci sono molti elementi di quel Boris rivelati in pubblico o che un suo capriccio
zioni da capopopolo. I suoi articoli erano Johnson guastatore nella persona che oggi non fosse soddisfatto. A quel punto non
pieni di “complotti” e “trappole” orditi dai sta cercando di diventare primo ministro. voleva far sapere a nessuno cosa stava fa-
francesi contro i britannici. In questo modo L’impressione è che ormai sia l’unico a go- cendo, dove si trovava o con chi stava par-
Johnson è riuscito a rendere la causa dere del caos della Brexit, da lui stesso pro- lando. Si chiudeva nella sua stanza e bloc-
dell’euroscetticismo attraente ed emotiva- vocato. Questo brivido di piacere svanisce cava la segreteria telefonica, per impedir-
mente significativa per la destra. Ha asse- solo quando è messo di fronte alla realtà e mi di ascoltare i messaggi.
condato, o forse addirittura creato, due fe- alle difficoltà che dovrà affrontare da primo A quanto pare tra pochi giorni quest’uo-
nomeni nazionali che stranamente vanno ministro per riportare calma e prosperità in mo eccentrico e problematico prenderà
di pari passo: l’arroganza e un singolare un paese esausto e diviso. Johnson sembra possesso delle chiavi del numero 10 di
complesso d’inferiorità. uno di quei ragazzini che organizzano feste Downing street e avrà accesso ai codici del-
Eppure la sua attività giornalistica, pre- scatenate per vantarsi con gli amici, ma poi le armi atomiche. Può darsi che sia stato lui
sto definita la “posizione britannica” da al- non vogliono affrontare l’ira dei genitori né a creare il pasticcio in cui si trova il Regno
cuni eurocrati preveggenti, era in netto con- pagare il conto dei danni. Unito, ma di certo non ha le competenze
trasto con la simpatia nei confronti È inquietante che simili comportamen- necessarie per risolverlo. ◆ ff
dell’Unione che mostrava in privato, nei ti, a cui ho assistito più volte negli anni di
momenti di relax passati in ufficio bevendo Bruxelles, stiano riemergendo ora che, per Sonia Purnell è una giornalista britanni-
caffè e mangiando cioccolata Côte d’Or. La la prima volta in vita sua, Johnson deve fare ca. Ha scritto la prima biografia di Boris
contraddizione tra queste due posizioni era i conti con la pressione di un vero esame. Johnson, Just Boris. A tale of blond ambi-
evidentemente imbarazzante, ma Johnson Questi tratti del suo carattere – l’intempe- tion (Aurum press 2011).

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 21


Europa
Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdoğan a Mosca l’8 aprile 2019 sfruttamento dei giacimenti di gas nelle
acque di Cipro, l’Unione europea ha appe-
na imposto delle sanzioni alla Turchia.
Metà delle esportazioni turche è diretta
verso l’Unione, da cui proviene una parte
consistente degli investimenti stranieri nel
paese.
La decisione europea aumenta la pres-
ALExEI NIkOLSky (kREMLIN/REUTERS/CONTRASTO)

sione su Erdoğan, uscito sconfitto dalle


elezioni amministrative.

Ampio consenso
Erdoğan pensa che non cedere sugli S400
sia fondamentale per ridefinire le relazioni
della Turchia con gli Stati Uniti e con l’occi-
dente. La necessità di un moderno sistema
di difesa aerea e missilistica non basta a
giustificare i costi. I sondaggi mostrano che
su questo punto il governo ha un ampio con-
senso: il 44 per cento dei turchi ritiene che

I missili che rischiano l’acquisto degli S400 debba essere comple-


tato a prescindere dalle conseguenze, e solo
il 24,5 per cento si dice contrario.
di spaccare la Nato Il caso si sta trasformando in un banco
di prova per i rapporti tra la Turchia e l’occi-
dente. Washington correrà il rischio di rom-
pere con Ankara, sapendo che il vuoto la-
sciato sarebbe probabilmente colmato da
Murat Yetkin, YetkinReport, Turchia
Mosca? La Turchia metterà in gioco i propri
L’acquisto dei sistemi antiaerei non deve ricevere gli F35 e che dovrà essere rapporti con gli Stati Uniti e forse anche con
russi S400 da parte di Ankara punita con delle sanzioni. l’Unione europea? Ankara può davvero fi-
La vicenda dei missili è un raro caso in darsi della Russia, vista la difficile relazione
potrebbe provocare la reazione cui un paese della Nato sfida le minacce di che hanno da due secoli? Per quanto tempo
degli Stati Uniti e creare sanzioni degli Stati Uniti cooperando con la gli elettori turchi sopporteranno il peso di
una crisi senza precedenti Russia, una mossa che può essere interpre- un’economia che continua a peggiorare?
nell’alleanza atlantica tata come una sfida all’autorità di Washing- Questa pressione porterà a elezioni antici-
ton nel sistema di difesa collettivo occiden- pate, con Erdoğan che punterebbe tutto sul
tale. Agli occhi degli statunitensi potrebbe tema della sicurezza nazionale? u ff
onostante le pressioni statuni- costituire un cattivo esempio per altri paesi

N tensi, il 12 luglio i primi compo-


nenti del sistema di difesa aerea
russo S400 sono stati consegna-
ti alla Turchia. Il presidente turco Recep
Tayyip Erdoğan ha dichiarato che non ri-
della Nato. Putin sarebbe ben felice di assi-
stere a una spaccatura nell’Alleanza atlanti-
ca, per di più provocata dalla tecnologia
militare russa.
Questi sistemi saranno effettivamente
L’opinione
La propaganda della sicurezza
u La storia insegna che la sicurezza dei paesi
nuncerà all’accordo raggiunto con il presi- attivati e collegati al sistema di difesa aereo non dipende dalla potenza militare, ma dal
dente russo Vladimir Putin e ha sfidato gli turco, integrato in quello Nato? Quando e tasso di felicità interna e dai buoni rapporti con
avvertimenti di Washington, per cui gli come saranno applicate le sanzioni statuni- i vicini. A causa della sua politica neo-
S400 potrebbero rivelare alla Russia la tec- tensi? E quale sarà la reazione di Ankara? ottomana, oggi Ankara è in conflitto con tutti i
nologia degli F35, gli aerei militari statuni- Le sanzioni di Washington potrebbero paesi della regione. Nelle tensioni con Cipro
tensi prodotti da un consorzio di cui fa parte colpire duramente l’economia turca, già in nessuno ha sostenuto la Turchia. Invece di
anche la Turchia. difficoltà. La lira turca è vulnerabile agli in- riconsiderare le proprie scelte, il governo
sostiene che i turchi sono circondati da nemici e
A giugno il presidente statunitense Do- terventi politici, soprattutto statunitensi.
che quindi devono avere armi più potenti. Ma la
nald Trump aveva dichiarato che la scelta All’inizio del 2019 Trump aveva minacciato
Turchia non ha bisogno né degli S400 né degli
di Ankara era dovuta al fatto che il suo pre- di “devastare” l’economia turca se Ankara F35. L’unica cosa di cui ha davvero bisogno è
decessore Barack Obama aveva respinto la avesse attaccato le milizie curde in Siria, garantire la pace interna con la democrazia e
richiesta turca di acquistare i missili statu- alleate di Washington nella lotta contro il quella regionale opponendosi alle mire
nitensi Patriot. Ma il congresso degli Stati gruppo Stato islamico. Ma non ci sono solo imperialistiche di Stati Uniti e Russia. Ihsan
Uniti ha comunque stabilito che la Turchia gli Stati Uniti. A causa della disputa sullo Çaralan, Evrensel, Turchia

22 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


UCRAINA
Unione europea MALTA

Verso Qualcosa
le urne si muove
Il 21 luglio in Ucraina si terranno A pochi giorni dalla scadenza
le elezioni legislative anticipate, dei venti mesi previsti dalla leg-
volute dal nuovo presidente Vo- ge, la giustizia maltese ha rin-
lodymyr Zelenskyj (nella foto). viato a giudizio tre uomini ac-
VINCENt KESSLER (REUtERS/CoNtRASto)

L’ex comico, alla guida del pae- cusati di aver preparato e fatto
se da aprile, punta a consolidare esplodere la bomba che ha uc-
il suo potere conquistando la ciso la giornalista Daphne Ca-
maggioranza alla rada con il ruana Galizia nell’ottobre del
nuovo partito Servo del popolo. 2017. Non è invece stato ancora
“Mentre gli altri parlano di pa- identificato un mandante per
triottismo e rapporti con la Rus- l’omicidio della reporter, cono-
sia, lui riesce a rivolgersi a una sciuta per le sue inchieste sulla
base più ampia affrontando i te- criminalità organizzata e la cor-
mi della vita quotidiana”, scrive ruzione del governo maltese.
Ukrainska Pravda. Nonostan- Von der Leyen ce l’ha fatta Intanto, nota il Times of Mal-
te le accuse di gestire il paese in Il 16 luglio il parlamento europeo ha approvato con 383 voti favore- ta, il premier Joseph Muscat ha
modo caotico, stando ai sondag- voli e 327 contrari la nomina di Ursula von der Leyen (nella foto) alla finalmente accolto le richieste
gi Zelenskyj dovrebbe ottenere guida della Commissione europea. La scelta del Consiglio europeo del Consiglio d’Europa, auto-
una vittoria schiacciante. Intan- di nominarla anche se non era stata una candidata di punta alle ele- rizzando l’apertura di un’in-
to, il 12 luglio a Pavia il soldato zioni europee aveva suscitato molte polemiche, ma alla fine Von der chiesta pubblica per stabilire se
ucraino Vitalyj Markyv è stato Leyen ha ottenuto il sostegno del Partito popolare europeo, di gran la morte della giornalista, che
condannato a 24 anni per l’omi- parte dei socialisti e dei liberali del gruppo Renew Europe. L’ex mi- aveva ricevuto varie minacce,
cidio del fotografo italiano An- nistra tedesca della difesa, 60 anni, entrerà in carica a novembre e poteva essere evitata.
drea Rocchelli e del suo inter- sarà la prima donna a presiedere l’istituzione.
prete Andrej Mironov, uccisi nel
2014 a Sloviansk, nel Donbass, IN BREVE
durante la fase più violenta della Francia Il ministro dell’am-
guerra con i separatisti filorussi. Russia biente François de Rugy si è di-
La sentenza è stata molto criti- messo in seguito a un’inchiesta
cata in Ucraina. “La guardia na-
zionale, a cui apparteneva
Sull’orlo della povertà giornalistica sulle spese da lui
sostenute usando soldi pubblici.
Markyv, non disponeva di mor- Turchia I giornalisti Ahmet
tai, l’arma con cui è stato ucciso Nesin ed Erol Önderoğlu e l’atti-
Ekspert, Russia
Rocchelli. E i soldati ucraini era- vista per i diritti umani Şebnem
no a 1.700 metri di distanza”, In Russia venti milioni di persone Korur Fincancı, arrestati nel
scrive Hromadske, aggiungen- vivono in povertà e non hanno 2016 per aver diffuso propagan-
do che “nel processo si sono
praticamente nessuna possibilità di da terrorista, sono stati assolti
sentite più opinioni personali da un tribunale di Istanbul.
che fatti oggettivi”. La difesa ha
migliorare la loro condizione. Ed è
sempre più ampio il divario tra le Bulgaria I dati personali di cin-
annunciato che farà appello. que milioni di bulgari, pratica-
“Intanto Markyv rimane in pri- regioni ricche, come quelle di
mente l’intera popolazione
gione, la stampa italiana e quel- Mosca e San Pietroburgo, e quelle adulta del paese, sono stati tra-
la russa parlano di una vittoria povere o sull’orlo della povertà, che fugati in un attacco informatico
della giustizia e gli ucraini in Ita- sono circa un terzo del totale. all’agenzia delle entrate di Sofia.
lia si preparano a protestare”.
“Diventare poveri in Russia oggi è facile”, scrive il
I danni causati dal crimine
settimanale Ekspert. “basta avere un secondo figlio o informatico, 2017
perdere il lavoro. Ma il vero motivo sono gli stipendi Costi, Perdite,
miliardi percentuale
bassi e il lavoro nero”. Il problema colpisce soprattutto di dollari del pil
ANtoINE GyoRI (CoRbIS/GEtty)

le zone rurali, ma anche le grandi città, dove una Nordamerica 140-175 0,69-0,87
famiglia di quattro persone con entrambi i genitori che Europa
160-180 0,79-0,89
lavorano per uno stipendio medio vive costantemente e Asia centrale

sull’orlo dell’indigenza. Questi dati aiutano anche a Asia orientale


120-200 0,53-0,89
e Pacifico
capire le ragioni del forte calo di popolarità del
Fonte: Csis
presidente Vladimir Putin nell’ultimo anno. ◆
Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 23
4-5-6 ottobre
Workshop
traduzione cinema
Le lingue dei giornali Altre immagini
con Bruna Tortorella, traduttrice con Alice Rohrwacher, regista

traduzione scrittura
D
Le lingue dei libri Fare storie S OL T
OU
con Silvia Pareschi, traduttrice con Domenico Starnone, scrittore

documentario scrittura
Le vite degli altri Autobiografia
con Giovanni Piperno, regista per principianti
e Luca Ricciardi, produttore con David Randall, giornalista
scrittura podcast
Come non scrivere Dimmelo a voce
con Claudio Giunta, docente universitario con Matteo Caccia, autore
giornalismo giornalismo
L’inchiesta da leggere e guardare Il mestiere del critico
con Stefano Liberti, giornalista con Guido Vitiello, giornalista
illustrazione photo editing
Bella figura! Come nasce un’idea
con Angelo Monne, illustratore con Magdalena Herrera, Geo France
scrittura fumetto
In parole semplici Una matita per tutti
con Susanna Mattiangeli, scrittrice con Gud, autore di fumetti
fotografia scrittura
Narrazioni efficaci Raccontare l’universo
con Laia Abril, fotografa con Amedeo Balbi, astrofisico
A cura del master in giornalismo e comunicazione
istituzionale della scienza dell’Università

Tutte le informazioni su: internazionale.it/workshop


Americhe
La madre di una ragazza morta per-
ché razionava l’insulina. Cambridge,
16 novembre 2018

dato la notizia di un adolescente che si era


ridotto di un terzo la dose di insulina per far
risparmiare centinaia di dollari al mese alla
sua famiglia. I genitori lo avevano scoperto
solo dopo che un medico li aveva informati
sui valori glicemici pericolosamente alti del
JoHN TLUMACkI (THE BoSToN GLoBE/GETTy)

ragazzo. Altri non hanno la stessa fortuna.


Nel 2017 Shane Boyle è morto in Arkansas
dopo essersi ridotto le dosi di insulina per
pagare le spese del centro per malati termi-
nali dov’era ricoverata sua madre.
Al funerale di Scherer-Radcliff c’era an-
che Nicole Smith-Holt, la madre di un ra-
gazzo che è morto di chetoacidosi diabetica
meno di un mese dopo essere uscito dal pia-
no assicurativo dei suoi genitori per motivi

Negli Stati Uniti si muore di età. “Mio figlio e Jesy sono stati ammaz-
zati dall’avidità delle case farmaceutiche”,
ha detto Smith-Holt in un’intervista. Nella
per mancanza di insulina stessa intervista ha criticato il parlamento
del Minnesota per non essere riuscito ad
approvare una nuova legge sull’insulina,
che è stata chiamata Alec Smith emergency
insulin act, in ricordo di suo figlio. Se la pro-
Sarah Jones, New York Magazine, Stati Uniti
posta fosse passata, Scherer-Radcliff avreb-
Mentre i prezzi dei farmaci per le case farmaceutiche e i distributori contri- be avuto accesso all’insulina anche se non
il diabete continuano ad buiscono a far salire i prezzi. aveva i soldi per pagarla. “Le farmacie sa-
Secondo uno studio del Journal of the rebbero state rimborsate attraverso un fon-
aumentare, sono sempre di più American Medical Association, negli Stati do delle aziende che producono l’insulina,
i pazienti diabetici costretti a Uniti un paziente diabetico su quattro am- sul modello della proposta di legge che vor-
razionare l’insulina. E i politici mette di ridursi l’insulina perché è troppo rebbe colpire i produttori dei farmaci oppio-
non riescono a dare risposte costosa, ma sembra che le case farmaceuti- idi per la grave dipendenza che causano
che non abbiano interesse a riportare il quei farmaci”, ha detto Nicole Smith-Holt.
prezzo del medicinale a livelli accettabili. Proposte di legge come questa possono
esimya David Scherer-Radcliff sa- Nel frattempo, l’autoriduzione può com- aiutare i pazienti a basso reddito. Ma per

J rebbe ancora vivo se non fosse stato


costretto a razionare la sua dose
d’insulina perché non poteva più
permettersi il farmaco. “Il prezzo dell’insu-
lina è assurdo”, ha detto David Radcliff, il
portare gravi rischi per i pazienti che dipen-
dono dall’insulina. A gennaio la Cnn ha

Da sapere
Spese inavvicinabili
trovare una soluzione definitiva ci vorrà un
intervento delle autorità federali. Finché i
repubblicani controlleranno il senato e la
Casa Bianca, è difficile che succeda. Di re-
cente alcuni esponenti del congresso si so-
padre di Jesimya, a una tv del Minnesota. no mostrati interessati al problema dell’ac-
“Entrare lì dentro e guardare la bara è mol- Quanto spendono i pazienti diabetici al mese, cesso all’insulina. Sia alla camera sia al se-
dollari, 2016
to difficile”. Poi ha aggiunto: “Gli Stati Uniti nato ci sono state audizioni sul prezzo del
sono un paese arretrato. Sono un veterano, Stati 360 farmaco, e pochi giorni fa il senatore Bernie
Uniti
ho visitato altri paesi e so come funziona il Sanders, candidato alle primarie democra-
mondo”. tiche in vista delle presidenziali del 2020,
India 112
La morte di Scherer-Radcliff non è un ha detto che accompagnerà un gruppo di
caso isolato. Dal 2012 al 2016 negli Stati pazienti in Canada per comprarlo a prezzi
Uniti il costo annuale per l’insulina è rad- Giappone 70 accessibili. Poi ha ripetuto il suo disegno di
doppiato, causando moltissime vittime. legge per introdurre un sistema sanitario
Regno
Sono molti i fattori che spingono in alto il Unito 65 gratuito universale. Se dovesse passare, la
prezzo dell’insulina, ma di sicuro il proble- proposta arriverebbe troppo tardi per Jesi-
ma è aggravato dalle storture di un sistema 19
mya David Scherer-Radcliff. Ma potrà sal-
Italia
sanitario pesantemente privatizzato, dove Fonte: Bbc vare tante altre persone. u fca

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 25


Americhe
GaBrIeLLa n. Baez (reuters/Contrasto)

Stati Uniti CANADA

Scuse
Il presidente dei bianchi agli italiani
nel 1940, dopo che l’Italia era
Controlli alla frontiera in Texas, 2 luglio 2019 entrata in guerra al fianco della
Germania nazista, il Canada ap-
provò il War measures act, una
legge che autorizzava il governo
ad adottare misure straordina-
San Juan, 16 luglio 2019
rie contro circa 31mila italiani
STATI UNITI
considerati “nemici stranieri”.
I portoricani Di recente il premier Justin tru-
deau ha riaperto quel capitolo
protestano buio, affermando che il governo
si scuserà ufficialmente in parla-
Da giorni migliaia di persone
John Moore (Getty)

mento con la comunità italiana


scendono in piazza a Puerto ri- del Canada. “a partire dal 1940
co per chiedere le dimissioni del almeno 630 italiani furono arre-
governatore ricardo rosselló. stati e rinchiusi in campi di de-
tutto è cominciato dopo la pub- tenzione, sospettati di essere
blicazione di una serie di chat in simpatizzanti fascisti. nessuno
“La teoria di Donald trump sulla cittadinanza è molto
cui rosselló e alcuni ministri fa- di loro fu mai accusato di un cri-
cevano commenti sessisti e semplice. se sei bianco puoi legittimamente rivendicare la
mine, il tempo medio di deten-
omofobi a proposito di opposi- cittadinanza statunitense, a prescindere dalla tua
zione fu di circa quindici mesi”
tori politici e celebrità portori- provenienza. se non sei bianco non puoi farlo, anche se sei scrive il Guardian. Finora il go-
cane, tra cui il cantante ricky nato negli stati uniti”, scrive Jamelle Bouie sul New York verno si era sempre rifiutato di
Martin. “Lo scandalo, chiamato Times commentando le ultime decisioni e dichiarazioni ammettere questi abusi.
rickyLeaks, ha già portato alle del presidente statunitense. Il 14 luglio trump ha
dimissioni del segretario di sta-
pubblicato una serie di tweet in cui attaccava le deputate
to e dell’amministratore delle fi- IN BREVE
nanze pubbliche dell’isola”, democratiche alexandria ocasio-Cortez, ayanna
El Salvador Il 16 luglio è co-
scrive El Nuevo Día. Pressley, rashida tlaib e Ilhan omar, che avevano minciato il secondo processo
criticato le politiche migratorie della Casa Bianca, contro evelyn Beatríz hernán-
invitandole a tornare da dove sono venute. “ocasio- dez, una ragazza che nel 2017 fu
VENEZUELA Cortez, Pressley e tlaib sono nate negli stati uniti, mentre condannata a trent’anni di car-
omar è arrivata dalla somalia da bambina. sono state cere per omicidio dopo aver par-
Colloqui torito un bambino morto in un
elette con i voti di milioni di statunitensi, ma per trump
complicati sono persone che non dovrebbero avere un posto in bagno. La storia di hernández,
che all’epoca dei fatti aveva 18
“Il presidente venezuelano ni-
america. L’idea che la cittadinanza sia strettamente legata anni ed era rimasta incinta dopo
colás Maduro e il leader dell’op- al colore della pelle ha molti precedenti nella storia degli uno stupro, è servita a far luce
posizione Juan Guaidó hanno stati uniti”. Il giorno dopo trump ha imposto un nuovo sulle leggi sull’aborto in vigore
confermato che presto comince- giro di vite contro i migranti centroamericani: il nel salvador, tra le più restrittive
ranno nuovi negoziati per uscire dipartimento di giustizia ha annunciato che smetterà di del mondo. La sentenza del
dallo stallo in cui si trova il pae- esaminare le richieste di asilo di tutti i migranti che per 2017 era stata annullata dalla
se”, scrive il Miami Herald. I corte suprema a febbraio.
arrivare negli stati uniti passano per un paese terzo. “È
colloqui si svolgeranno a Barba-
dos sotto la supervisione del go-
chiaramente un tentativo di cancellare il diritto d’asilo,
visto che quasi tutte le persone che cercano di entrare
verno norvegese. “I negoziati
negli stati uniti per chiedere protezione arrivano
Stati Uniti
sono sostenuti da una parte del-
la comunità internazionale, ma dall’america Centrale, e che per arrivarci devono Il paese delle armi
la maggioranza dei venezuelani necessariamente passare per il Messico”, scrive La Dati del 2019 aggiornati al 17 luglio
resta scettica sulla possibilità Jornada. Gli attivisti dell’american civil liberties union
che si arrivi a un accordo”. Fino- hanno subito annunciato che presenteranno un ricorso in sparatorie 29.856
ra Guaidó ha sempre posto co- stragi* 230
me condizione l’allontanamen-
tribunale contro il provvedimento. secondo molti giuristi
la misura va contro le leggi statunitensi e internazionali, in Feriti 15.521
to di Maduro dal potere, mentre
il presidente sembra usare i ne- base alle quali i migranti che entrano negli stati uniti Morti 7.875
goziati per guadagnare tempo. hanno il diritto di presentare richiesta d’asilo. u *Con almeno quattro vittime (feriti e morti).

26 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


is
rar
e r
F

M RI

i
lia

in
ra
g

ci O
a

a
n
COMUNE DI PRO LOCO

Da T
n
PERDASDEFOGU PERDASDEFOGU

r ì
Co sta

AU
ra

a
o r o n
ol S e
n C
Pa v i ra
e b a
El E st
u an i z zo
J o R
rg i
Se D a chan
ae
Asm
o n i ca Pais
M
Gianni Caria
Ascanio Celes
tini
MUSI
Brun
CISTI
o
Grup Costa
po M
Dan agaz
in M
Ch iele C edite
rran
iar u c c eo
Ra aE u
ul ffe
Nona edizione Er
Lu

ne
2019
ig

st
Va

ito
iL
n

ai
Ga simo

Gu
ni
Ma

er
vin

rie
Jun osei

a
di O

oM

sa

ro
29 luglio
la
tos

ur
r

gia
Pe
rra

4 agosto
Perdasdefogu
Asia e Pacifico
Un sito per lo smistamento dei rifiuti
a Bali, giugno 2019

siano davvero efficaci è necessario esten-


dere le attività alle aree dove ce n’è più bi-
sogno. Se concentrerà i suoi sforzi anche
solo su 15 dei 57 sottodistretti balinesi, l’or-
ganizzazione stima che l’inquinamento da
plastica nelle acque di Bali potrebbe essere
ridotto del 44 per cento. Per ottenere que-
sto risultato, “la Bali partnership raccoglie-
rà fondi per un intervento pilota che usi
questo potente approccio multistakeholder
in uno dei sottodistretti con più alti livelli
SoNNY TUMBELAkA (AfP/GETTY)

di sversamenti di plastica”, qualunque co-


sa significhi.
Nel frattempo dovrebbe entrare in vi-
gore sull’isola il divieto della plastica mo-
nouso, annunciato a Bali il 24 dicembre
2018 e preceduto da un “periodo di tolle-
ranza” di sei mesi per permettere a tutti di
abituarsi all’idea. L’Associazione indone-

Il lusso insostenibile siana per il riciclo della plastica (Adupi)


aveva fatto appello alla corte suprema per
bloccare il divieto, ma l’azione è stata re-
di una vacanza a Bali spinta e la nuova normativa andrà avanti.
La direttrice dell’Adupi, Christine Halim,
ha detto: “La cosa importante era convin-
cere il governo che eliminare i sacchetti di
Mercedes Hutton, South China Morning Post, plastica non è la soluzione. La soluzione è
correggere il modo in cui gestiamo i rifiuti
Hong Kong
ed educare la popolazione a smaltire in
L’isola indonesiana ogni all’ambiente come vogliono farci credere i modo adeguato la spazzatura, soprattutto
anno scarica in mare 33mila promotori dell’ecoturismo? la plastica”.
Stando alla Reuters, “una ricerca di cin-
tonnellate di plastica e ricicla que mesi condotta dalla Bali partnership – Fiumi a secco
o smaltisce adeguatamente un’organizzazione creata per aiutare l’In- La gestione dei rifiuti non è l’unica sfida
meno della metà dei rifiuti donesia a ridurre del 70 per cento entro il per Bali. Il turismo e lo sviluppo legato al
che produce 2025 la quantità di plastica nei suoi mari e settore stanno prosciugando l’isola. Se-
sostenuta dal ministero degli esteri norve- condo alcuni studi citati nel 2018 dalla rivi-
gese – ha rilevato che solo il 48 per cento sta Vice, 260 dei 400 fiumi dell’isola si so-
econdo un recente sondaggio con- dei rifiuti di Bali viene gestito in modo re- no prosciugati e il livello freatico si è abbas-

S dotto dalla società britannica You-


Gov e dall’università di Cambridge,
il 18 per cento degli indonesiani è
convinto che il clima stia effettivamente
cambiando, ma che “l’attività umana non
sponsabile, attraverso il riciclo o lo smalti-
mento in discarica”. Il resto viene bruciato
o scaricato nei corsi d’acqua o nell’oceano
e il risultato è che ogni anno 33mila tonnel-
late di plastica, un volume pari a 2.609 au-
sato del 60 per cento.
Resta il fatto che per migliorare la salu-
te ambientale del pianeta, in un resort pa-
radisiaco su un’isola o a casa nostra, è im-
perativo affrontare il problema dell’inqui-
abbia alcuna responsabilità”. Un atteggia- tobus a due piani, finiscono in mare. La namento da plastica, riducendone l’uso e
mento molto preoccupante, dato che l’In- Bali partnership ha inoltre rilevato che migliorando la gestione dei rifiuti.
donesia è uno dei paesi che emettono più ognuno dei 16 milioni di turisti che arriva- “L’isola di Bali è piccola, ma è un sim-
gas serra ed è al secondo posto tra quelli re- no ogni anno sull’isola – sei milioni dei bolo importante”, dice Ida Bagus Mandha-
sponsabili dell’inquinamento degli oceani. quali dall’estero – genera una quantità di ra Brasika, dell’unità operativa per la ge-
Tuttavia, tra le 17mila isole che com- rifiuti 3,5 volte maggiore di quella prodotta stione dei rifiuti istituita sull’isola in rispo-
pongono l’arcipelago ce n’è una che viene da un abitante di Bali e che in totale i turisti sta alle rilevazioni fatte dalla Bali partner-
spesso lodata perché offrirebbe un “lusso sono responsabili del 13 per cento dei rifiu- ship. “E la fine della dispersione di plastica
sostenibile” e un rifugio per chi ha a cuore ti prodotti dall’isola. e rifiuti nell’oceano qui avrà effetti a livello
l’ambiente e non vuole avere sensi di col- Sono già in corso delle iniziative per globale”. L’isola avrà puntati addosso gli
pa. Ma l’isola di Bali è davvero così attenta cercare di ridurre il problema, ma perché occhi di tutto il mondo. u as

28 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Taipei, 7 luglio 2020 Lavoro paKiStan

problemi
Schiavi in alto mare di lettura
“La buona notizia è che un gran
The Diplomat, Giappone numero di bambini pachistani
KyoDo NEwS/GETTy

L’Asia sembra essere l’epicentro di frequenta la scuola materna; la


cattiva è che solo una piccola
una crisi globale che colpisce i
percentuale rimane a scuola; la
lavoratori dell’industria ittica, scrive notizia terribile è che di quelli
The Diplomat. Secondo un rapporto che rimangono a scuola, pochis-
taiwan della ong britannica Environmental simi – tra il 4 e il 12 per cento de-
il Kuomintang justice foundation (Efj), le condizioni gli scolari di terza elementare –
sanno leggere fluentemente e
di vita e di lavoro sui pescherecci che
candida Han operano nella regione non sono capire un testo. Quanto alla
comprensione di un testo orale,
Il sindaco di Kaohsiung, Han migliorate dopo le denunce degli
pochi sanno rispondere alle tre
Kuo-yu (nella foto), ha vinto le ultimi anni. Schiavitù, insufficienza di cibo e acqua, alloggi domande in urdu, la lingua uffi-
primarie del Kuomintang e sfi- sudici, aggressioni fisiche e sessuali e perfino omicidi sono ciale”, scrive Rafia zakaria su
derà quindi l’attuale presidente stati denunciati su imbarcazioni battenti bandiere di 13 Dawn. Questi dati, rivelati da
di Taiwan, la democratica Tsai paesi: dall’Asia all’America Latina, dall’Unione europea un rapporto del centro studi sta-
Ing-wen, alle elezioni di genna- agli Stati Uniti. Il consumo pro capite di pesce nel mondo è tunitense wilson Centre, non
io 2020. Han ha battuto con un dicono nulla di nuovo sullo stato
passato da 9,9 chilogrammi nel 1960 a 20,5 chili nel 2017,
ampio margine gli altri candida- dell’istruzione in Pakistan, dove
ti, ottenendo il 44,8 per cento per questo, secondo il rapporto, nonostante
per decenni i fondi pubblici de-
delle preferenze. Il suo principa- l’impoverimento delle scorte di pesce gli impieghi nel stinati alla scuola sono stati mi-
le sfidante, il capo della Fox- settore sono aumentati. Un terzo delle riserve di pesce nel nimi. E anche se oggi sono di
Conn Terry Gou, ha ottenuto mondo è sfruttato a livelli insostenibili e il 60 per cento più, non bastano. Uno dei pro-
solo il 27,7 per cento dei voti, delle zone di pesca è a rischio. Lo sfruttamento del lavoro blemi è che raramente i bambini
scrive New Bloom. Han, che in alto mare è diffuso anche perché difficilmente imparano sui manuali la lingua
come Gou è molto vicino a Pe- che parlano a casa. Forse l’uso
controllabile. In alcuni casi i pescherecci non sono
chino, è assai popolare, ma la delle lingue locali a scuola po-
crisi in corso a Hong Kong po- registrati e agiscono impunemente finché non sono
trebbe aiutare, ma risulterebbe
trebbe penalizzarlo. Da un mese costretti a cercare un porto per delle riparazioni. ◆ divisivo in un paese dove la poli-
gli abitanti di Hong Kong scen- tica si basa ancora sull’etnia.
dono in piazza contro le minac-
Islamabad
ce della Cina alle libertà garan- giappone due fattori che caratterizzano
tite dal principio “un paese, due l’era Abe sono l’apatia degli
sistemi”. Rispetto a Hong Kong,
il segreto elettori e lo stato moribondo
CAREN FIRoUz (REUTERS/CoNTRASTo)

Taiwan ha una maggiore indi- di Shinzō abe della competizione tra partiti.
pendenza, che però è legata Gli elettori indipendenti resi-
all’ambiguità di uno status quo Il Giappone andrà alle urne per stono al conservatorismo mu-
che potrebbe cambiare da un il rinnovo di metà dei seggi del- scolare di Abe ma allo stesso
momento all’altro. Pechino, che la camera alta. Anche se, come tempo sono restii ad abbraccia-
considera l’isola una provincia scrive l’Asahi Shimbun, i son- re le politiche anti-Abe della si-
ribelle, vorrebbe infatti imporle daggi danno in leggero calo ri- nistra, mentre gli elettori del
lo stesso status di Hong Kong. spetto a giugno il gradimento Pld e del suo alleato, il Komeitō,
Le manifestazioni nella città, del primo ministro Shinzō Abe, votano in massa”. Ma il fattore
passata dal Regno Unito alla Ci- ci sono pochi dubbi che il pre- decisivo alle urne sono i risulta-
na nel 1997, hanno già avuto un mier e il Partito liberaldemo- ti, in particolare quelli econo- in breve
effetto indiretto su Taiwan, fa- cratico (Pld) siano destinati alla mici e della sicurezza. E su que- Hong Kong Secondo il Finan-
cendo risalire nei sondaggi il sesta vittoria elettorale conse- sto il Pld ha vantaggi storici im- cial Times nelle ultime settima-
consenso nei confronti della cutiva, scrive East Asia Fo- mensi, continua East Asia Fo- ne, segnate dalle manifestazioni
presidente Tsai, il cui partito rum. Ma come ha fatto Abe a rum, incluso il fatto di essere contro la legge sull’estradizione
aveva subìto una dura sconfitta rimanere al governo così a lun- associato agli anni gloriosi del in Cina, la governatrice Carrie
alle ultime elezioni amministra- go? Gli ostacoli e gli scandali boom e al sostegno degli Stati Lam avrebbe più volte chiesto di
tive. Tsai si era dimessa da lea- non sono certo mancati ma, Uniti. Intanto l’opposizione è potersi dimettere, ma Pechino
der del partito ma ora la sua po- spiega Tobias Harris sul giorna- allo sbando e sconta ancora il gliel’avrebbe impedito anche
sizione ferma nei confronti di le online pubblicato dalla Au- fatto di essere stata al governo “perché nessuno vorrebbe pren-
Pechino sembra favorirla. stralian national university, “i durante la crisi di Fukushima. dere il suo posto”.

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 29


Visti dagli altri
Andrea Camilleri
padre del giallo all’italiana
Abel Mestre, Le Monde, Francia
Lo scrittore siciliano è morto mi calzava alla perfezione: la lingua italia-
a Roma il 17 luglio all’età na esprime il concetto, il dialetto esprime il
sentimento”, spiegava nel 2000 a Livres
di 93 anni. Con il commissario Hebdo. Questa ricchezza di scrittura è sta-
Montalbano ha inventato ta trasposta in Francia da Serge Quadrup-
un nuovo genere, letterario pani. Grazie a questo straordinario lavoro
e linguistico di traduzione che attinge al “francese del
Midi”, la complessità delle molteplici in-
fluenze culturali siciliane diventa com-
stato molto più che uno scrittore. prensibile per il lettore francese. “Il ‘camil-

È Andrea Camilleri, morto mercoledì


17 luglio all’età di 93 anni a Roma,
ha inventato un genere: il giallo
all’italiana. Salvo Montalbano, il suo perso-
naggio taciturno, buongustaio e di rara in-
leriano’ non è la trascrizione pura e sempli-
ce di un idioma fatta da un linguista, ma la
creazione personale di uno scrittore a par-
tire dalla parlata dell’area di Agrigento”,
spiega il traduttore in una “avvertenza”
telligenza, ha offerto un successo piuttosto presente in tutti i volumi.
tardivo all’autore siciliano, ma soprattutto
ha dato nuova linfa alla letteratura italiana. Eroi burberi e solitari
Montalbano (il cognome è un omaggio al Il fenomeno Montalbano ha aperto la stra-
catalano Manuel Vázquez Montalbán, pa- da a una nuova generazione di giallisti ita-
dre del detective Pepe Carvalho) è a tal liani. Carlo Lucarelli, Marcello Fois, Loria-
punto un doppio di Camilleri che dissociare no Macchiavelli, Massimo Carlotto. Tutti
l’autore dalla sua opera è molto difficile. Le loro devono moltissimo a Camilleri, che ha
sue numerose inchieste si svolgono in un dissodato e modernizzato un genere lette-
paesino immaginario chiamato Vigata, il rario arrivando quasi a codificare uno stile
PAoLo PELLEGRIN (MAGNuM/CoNTRASTo)

corrispondente letterario di Porto Empedo- specifico per il poliziesco all’italiana: gli in-
cle, nella Sicilia meridionale, dove il “mae- trighi hanno meno importanza rispetto allo
stro” era nato il 6 settembre 1925. Del resto studio dei mali della società italiana e gli
il sindaco di Porto Empedocle vorrebbe af- eroi sono quasi tutti burberi, raffinati buon-
fiancare Vigata al nome della città, per ren- gustai, tormentati e solitari.
dere omaggio allo scrittore diventato un Altrettanto onnipresenti sono il senso
fenomeno in Italia. dell’umorismo e l’autoironia. In particola-
Il successo della serie televisiva ispirata re, grazie alle avventure di Montalbano,
alle avventure del commissario Montalba- Camilleri è diventato il precursore di una
no è stato tale da ispirare una serie spin-off sorta di “giallo del territorio”. Come lui,
dedicata alle avventure del commissario quasi tutti gli autori italiani di gialli ambien- Pirandello, cugino di sua nonna. Nel 1958 è
agli esordi. tano i loro intrighi in regioni specifiche, con stato il primo a far scoprire in Italia Samuel
Camilleri nel frattempo non si è fatto il risultato che il romanzo poliziesco italia- Beckett. Per la Rai ha prodotto telefilm e
conoscere solo grazie ai suoi romanzi poli- no è profondamente radicato nella storia e serie tratte dai romanzi di Georges Sime-
zieschi bizzarri e politici – uomo di sinistra, nella geografia della penisola. non. Le inchieste del commissario Maigret
lo scrittore mette al centro dei romanzi i Sarebbe ingiusto ridurre la sterminata hanno avuto una forte influenza su quelle di
temi della corruzione, della mafia e della opera di Camilleri ai soli gialli che hanno Montalbano.
crisi migratoria – ma anche grazie alla lin- contribuito a costruire il suo successo a par- Ma voleva assolutamente scrivere dei
gua. I suoi libri sono scritti in un miscuglio tire dal 1994, con La forma dell’acqua, quan- romanzi. Aveva un manoscritto, che però
di dialetto siciliano e lingua italiana che do lo scrittore aveva già 69 anni. Camilleri era stato rifiutato per dieci anni da tutte le
può disorientare un milanese o un vene- ha dedicato la prima parte della sua vita al case editrici a cui lo aveva proposto. Per for-
ziano. “A casa abbiamo sempre parlato un teatro, alla poesia e alla televisione. All’epo- tuna il suo amico scrittore Leonardo Scia-
dialetto arricchito di continuo dall’italia- ca viveva a Roma e ha messo in scena più di scia vegliava su di lui e lo stimolava. Il suo
no, e la distinzione stabilita da Pirandello 150 opere teatrali, molte delle quali di Luigi libro Un filo di fumo è stato pubblicato nel

30 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Andrea Camilleri, a Roma, nel 2012

198o. Dopo ne sono arrivati molti altri, la della menzogna di stato e della creazione di Roma e sua madre, pur essendo meno coin-
maggior parte dei quali inseriti nel filone un colpevole. O ancora La presa di Macallè, volta, era comunque una simpatizzante.
storico e sempre ambientati a Vigata. il suo romanzo più scomodo, che descrive il All’età di dieci anni, poco dopo l’inizio
In questa parte dell’opera camilleriana, fascismo come uno stupro permanente del- della guerra di Etiopia, il piccolo Andrea
un affresco storico del suo paese, si distin- le popolazioni che si trovano sotto il suo aveva un solo desiderio: “Ammazzare gli
guono i libri che parlano dell’Italia fascista, giogo. abissini”, un’ambizione che confidò al Du-
un pretesto per esprimere una critica feroce “Il fascismo è un virus che abbiamo cre- ce in una lettera appassionata. “Mi ha ri-
all’Italia postmoderna in cui vige una sorta duto di debellare appendendo per i piedi il sposto, il cornuto, dicendomi che ero trop-
di “democratura”. Camilleri osserva con suo capo, ma che torna a distanza di decen- po piccolo per fare la guerra, ma che non
sguardo estremamente negativo il potere ni con forme diverse”, confidava nel 2006 a sarebbero mancate le occasioni in futuro”,
berlusconiano che si accompagna all’arrivo Le Monde. Sapeva di cosa stava parlando: la ricordava quasi settant’anni dopo. “Il gior-
dell’estrema destra e dei populisti al potere. famiglia Camilleri era mussoliniana. Suo no in cui quelle occasioni si sono effettiva-
Da quel periodo trae un romanzo magistra- padre, ispettore portuale nella Sicilia meri- mente presentate ovviamente io non vole-
le, Privo di titolo, che smonta i meccanismi dionale, aveva partecipato alla marcia su vo più farlo”. u gim

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 31


Visti dagli altri
non si è scusato per l’errore: “Il giudice lo ha
ANDrEAS SOLArO (AFP/GETTY)

condannato per favoreggiamento dell’im-


migrazione clandestina”, ha detto.
La caccia a Mered e ai suoi collaboratori
era cominciata dopo il naufragio dell’otto-
bre 2013, in cui erano morte 368 persone a
poche miglia dalle coste di Lampedusa. Il
giorno dopo l’Italia e i suoi alleati europei
avevano dichiarato guerra ai trafficanti di
esseri umani. A quanto sembra l’eritreo era
stato il primo trafficante estradato dall’Afri-
ca. Le autorità italiane avevano convinto i
colleghi europei a unirsi alla loro crociata,
con la promessa che sarebbero riuscite a
incastrare i trafficanti con la stessa tattica
usata per combattere la mafia negli anni
novanta: le intercettazioni e l’intuizione
che la loro struttura di potere era regolata
Palermo, 14 febbraio 2019. Medhanie Tesfamariam Berhe da un codice d’onore. Ma già a poche ore
dall’arresto centinaia di vittime di Mered

Il noto trafficante avevano dichiarato che era stato fermato


l’uomo sbagliato. Tra i molti elementi che
indicavano la sua innocenza, compresi due
in realtà è un contadino test del dna e una serie di testimonianze,
c’era un documentario girato dalla rete te-
levisiva svedese Svt in collaborazione con il
Guardian, dal quale emergeva che il vero
Mered viveva a Kampala e frequentava i lo-
Lorenzo Tondo, The Guardian, Regno Unito
cali notturni della capitale ugandese, men-
Un cittadino eritreo, incarcerato della polizia sudanese. tre Berhe rischiava fino a 15 anni di carcere.
dal 2016 con l’accusa di essere “Si è trattato di uno scambio di identità”, La prova più recente, e forse cruciale, è arri-
ha dichiarato il giudice. “È stato arrestato vata dal confronto tra la voce di Berhe e
un trafficante di esseri umani, è per errore”. Berhe è stato giudicato colpe- quella di Mered, intercettata nel 2014. Ma
tornato in libertà. È stato vittima vole del reato molto meno grave di favoreg- la procura continuava a sostenere che la
di uno scambio d’identità giamento dell’immigrazione clandestina persona arrestata a Khartoum era il vero
per aver aiutato suo cugino a raggiungere la trafficante e aveva scatenato un’offensiva
n giudice di Palermo ha assolto Libia, ma visto che aveva già scontato tre contro gli attivisti e i giornalisti, registrando

U Medhanie Tesfamariam Berhe,


un cittadino eritreo accusato di
traffico di esseri umani e arresta-
to più di tre anni fa in un’operazione con-
giunta tra le autorità italiane e britanniche:
anni di detenzione, il giudice ne ha ordinato
il rilascio immediato. “Non ho parole per
dire quello che provo”, ha commentato la
sorella di Berhe, Hiwell Tesfamariam, arri-
vata dalla Norvegia per assistere al verdet-
le conversazioni telefoniche tra i reporter
che denunciavano l’errore e le loro fonti.
Negli ultimi mesi, dopo che erano state
raccolte 44mila firme per chiedere il rila-
scio di Berhe, centinaia di persone hanno
secondo la sentenza l’uomo è stato vittima to. “È stato un incubo”. partecipato a manifestazioni di protesta a
di uno scambio di identità. “Dopo tre anni, il giudice ha confermato Oslo, Stoccolma, Londra e Francoforte per
Nel 2016 l’arresto di Berhe era stato pre- quello che abbiamo sempre sostenuto, ave- chiedere alle autorità italiane di liberarlo:
sentato ai mezzi d’informazione come una vamo un contadino in carcere e un traffi- erano tutti eritrei, molti dei quali portati in
brillante operazione delle autorità dei due cante in libertà”, ha dichiarato Michele Ca- Europa da Mered, che è ancora latitante.
paesi, che in realtà lo avevano scambiato lantropo, avvocato di Berhe. Anche se non era riuscito a trovare una
per Medhanie Yehdego Mered, un traffi- sola persona disposta a testimoniare con-
cante di esseri umani ricercato da tempo Non si scusa nessuno tro Berhe, il sostituto procuratore Calogero
noto come il Generale. La Nca sostiene ancora di aver arrestato Ferrara aveva scartato l’ipotesi che fosse
Il 12 luglio 2019 il giudice Alfredo Mon- l’uomo giusto: “Abbiamo aiutato i nostri stato arrestato l’uomo sbagliato e chiesto
talto, della corte di assise di Palermo, ha colleghi italiani a localizzare un individuo. una condanna a 14 anni di carcere. I paren-
respinto le accuse della procura e ordinato Oggi quell’uomo è stato riconosciuto colpe- ti di Berhe ora chiedono allo stato un risar-
l’immediato rilascio di Berhe, che era stato vole di favoreggiamento dell’immigrazione cimento per ingiusta detenzione e l’aper-
fermato a Khartoum, in Sudan, il 24 mag- clandestina. Non abbiamo dubbi sulla vali- tura di un’inchiesta sulla procura di Paler-
gio 2016, con l’aiuto dell’Agenzia nazionale dità delle informazioni raccolte”. Anche il mo che, secondo loro, ha insabbiato qual-
britannica contro la criminalità (Nca) e procuratore di Palermo Francesco Lo Voi siasi dubbio e accusato un innocente. u bt

32 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Politica GIUSTIZIA

Rackete
La Lega e l’appoggio russo contro Salvini
“Carola rackete (nella foto), co-
Matteo Salvini e Gianluca Savoini mandante della nave Sea-
TIno roMAno (AnSA)

Watch 3, ha denunciato per dif-


famazione Matteo Salvini”,
scrive la Zeit. “La comandante
accusa Salvini di incitare le per-
sone all’odio attraverso i social
CRONACA
network e chiede quindi la chiu-
Un missile sura degli account personali del
ministro”. Il settimanale tede-
in casa
LoMbArDIArUSSIA.orG/AnSA

sco riporta la risposta di Salvini


su Twitter: “La comunista tede-
Il 15 luglio, scrive Le Monde, la sca, quella che ha speronato la
Digos ha eseguito varie perqui- motovedetta della guardia di fi-
sizioni, ordinate dalla procura nanza, ha chiesto alla procura
di Torino, in alcuni locali occu- di chiudere le mie pagine Face-
pati da militanti di estrema de- book e Twitter. non c’è limite al
stra in diverse province del
“Una nuova rivelazione mette in difficoltà la Lega di ridicolo. Quindi posso usare so-
norditalia. “A rivanazzano lo Instagram?”. A giugno di
Terme, in provincia di Pavia, è
Matteo Salvini”, scrive il País. Spesso il partito “viene
associato a possibili finanziamenti provenienti dall’estero quest’anno la comandante ave-
stato scoperto un arsenale im- va deciso di attraccare nel porto
pressionante: nove fucili d’as- per far fronte ai 49 milioni di euro che deve restituire dopo
di Lampedusa, dopo aver aspet-
salto, una mitragliatrice, decine essere stato condannato, nel 2018, per truffa ai danni dello tato per 17 giorni che le fosse
di pistole e, la cosa più sorpren- stato. L’11 luglio il tribunale di Milano ha aperto un indicato un porto sicuro dove
dente, un missile aria-aria Ma- fascicolo su una possibile operazione finanziaria della far sbarcare i quaranta migranti
tra super 530F di fabbricazione
Lega con il governo russo per sostenere economicamente soccorsi dalla sua nave. Il sito
francese e usato dall’esercito australiano d’informazione In-
del Qatar”. Il missile è “perfet-
il partito alle ultime elezioni europee. Salvini nega di aver
ricevuto soldi, ma non ha potuto smentire le registrazioni side Story si chiede se “il mini-
tamente funzionante”, precisa stro italiano di estrema destra
la polizia italiana. Nella foto il pubblicate da Buzzfeed”. Il giornale online il giorno
abbia trovato pane per i suoi
missile sequestrato. prima aveva diffuso l’audio di un incontro avvenuto il 18 denti in questa donna che ha
ottobre 2018 al Metropol Hotel di Mosca in cui Gianluca avuto un impatto così incredibi-
Savoini, persona vicina a Salvini, e altri cinque uomini – tre le. Decidendo di entrare in por-
ECONOMIA russi e due italiani – discutevano i termini di un possibile to, rackete ha reso evidente il
Nuova cordata accordo. L’obiettivo era far arrivare segretamente 65 vuoto delle parole pronuciate in
quei giorni dal ministro. Salvi-
per l’Alitalia milioni di dollari, provenienti dal petrolio russo, alla Lega.
ni, che ama dipingersi come un
Anche l’Economist si occupa di Salvini, definendolo
politico d’azione, come Donald
“Atlantia, la holding della fami- “l’uomo più pericoloso d’Europa”. “Dall’introduzione Trump, e che invece trascorre
glia benetton che gestisce an- dell’euro”, scrive il settimanale, “l’Italia è rimasta indietro la maggior parte del tempo a fa-
che parte delle autostrade ita- rispetto al resto del continente. I redditi medi in re campagne elettorali, ha di-
liane, si unirà a un gruppo pub- Germania, Francia e Spagna sono aumentati di un quinto, mostrato di saper solo scatena-
blico e privato per rilanciare la in termini reali, rispetto al 1999, i guadagni nell’Europa re la retorica”.
compagnia aerea italiana Alita-
lia, in perdita”, scrive il Finan-
orientale sono più che raddoppiati. Gli italiani, invece non
GUGLIELMo MAnGIAPAnE (rEUTErS/ConTrASTo)

cial Times. In una nota, il con- hanno migliorato la loro situazione finanziaria.
siglio di amministrazione del L’insoddisfazione per questi risultati è stata convertita in
gruppo Ferrovie dello stato, la voti dai partiti che ora governano in Italia. Salvini è riuscito
capocordata del salvataggio, ha scatenare la rabbia contro i due nemici principali: l’Unione
affermato di “aver identificato europea, definita un ‘gulag’ che impone miseria, e i
Atlantia come partner per ope- migranti che arrivano dalla Libia, secondo lui anche per
rare a fianco di Delta Air Lines e
del ministero dell’economia e
colpa dell’Unione. Sei anni fa la Lega aveva il 4 per cento
delle finanze sull’operazione dei consensi, oggi è il partito più popolare del paese.
Alitalia”. nell’operazione sarà Salvini ha usato la politica del risentimento per diventare
investito un miliardo di euro. l’uomo più potente d’Italia”. u Lampedusa, 29 giugno 2019

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 33


Le opinioni

I ricchi stanno bene


la democrazia no
Jayati Ghosh
a quando ridurre la disuguaglianza guaglianza di mercato, ovvero la distribuzione del

D è diventato un obiettivo ufficiale reddito prima delle tasse e dei trasferimenti di risor-
della comunità internazionale la di- se da parte del governo. La maggior parte dei paesi
sparità di reddito è aumentata. Di dell’Ocse sta cercando di mitigare questo fenomeno
solito si dà la colpa di questa tenden- attraverso le tasse e il sistema dei trasferimenti. Ma
za alla liberalizzazione del commer- la politica di bilancio è un modo complicato e sem-
cio e ai progressi tecnologici che hanno indebolito il pre meno efficace di ridurre la disuguaglianza. Per
potere contrattuale della manodopera rispetto al ca- esempio la spesa dei governi dell’Unione europea
pitale, producendo contraccolpi in diversi paesi, con per la protezione sociale, l’assistenza sanitaria e
gli elettori che hanno preferito incolpare delle loro l’istruzione oggi rappresenta i due terzi della spesa
difficoltà economiche gli “altri” anziché pubblica, ma è finanziata con politiche
le politiche nazionali. Un sentimento L’aumento della fiscali che tutelano i ricchi e le aziende,
che peggiora le tensioni sociali e non disuguaglianza penalizzano la classe media e alimen-
affronta le radici della disuguaglianza. del mercato tano il debito pubblico.
Un recente articolo di José Gabriel è una conseguenza Nei paesi ricchi la classe media ha
Palma, economista dell’università di del fatto che il 10 per mantenuto la sua quota del reddito na-
Cambridge, spiega che la distribuzione cento più ricco zionale, ma le sue condizioni di vita so-
del reddito nazionale non è il risultato della popolazione no peggiorate a causa dell’aumento del
dell’azione di forze globali impersonali, prezzo di beni essenziali e servizi (al-
si appropria
ma di scelte politiche figlie del potere loggio, sanità e istruzione), della ridu-
dei ricchi. In particolare Palma descrive
di un valore zione delle pensioni, della tassazione
il recente aumento della disuguaglian- creato da altri regressiva e della crescita del debito
za nei paesi dell’Organizzazione per la privato. I governi dei paesi poveri, nel
cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), in Eu- frattempo, non adottano misure efficaci per contra-
ropa centrale e orientale, in Cina e in India come una stare la disuguaglianza di mercato.
“rimonta al contrario”. Questi paesi, spiega l’econo- L’aumento della disuguaglianza di mercato è una
mista, somigliano sempre di più a molte economie conseguenza del fatto che il 10 per cento più ricco del-
dell’America Latina in cui la crescita favorisce quasi la popolazione riesce ad appropriarsi di un valore cre-
esclusivamente le élite. In un articolo di qualche anno ato da altri e a guadagnare dalle risorse esistenti,
fa Palma dimostrava che nella maggior parte degli comprese quelle che dovrebbero essere di proprietà
stati la percentuale del reddito complessivo finito nel- pubblica, come le risorse naturali. Ed è il risultato
le tasche delle classi medie e alte era rimasta stabile, dell’abilità dei ricchi di fare pressione su chi prende
attorno al 50 per cento. I cambiamenti nella distribu- decisioni politiche. L’aumento del reddito dei ricchi,
zione del reddito, dunque, derivavano soprattutto inoltre, non ha prodotto più investimenti nei paesi
dalle alterazioni delle quote tra il 10 per cento più ric- dell’Ocse o nei paesi a reddito medio segnati dalla di-
co e il 40 per cento più povero della popolazione. suguaglianza. Al contrario, i più benestanti colgono il
In altre parole, il grande cambiamento nella disu- frutto maturo della rendita, della manipolazione del
guaglianza mondiale è il risultato della lotta per la mercato e dell’attività delle lobby. Quindi i profitti
metà del reddito nazionale, che coinvolge metà della coesistono con scarsi investimenti e con la disugua-
popolazione. Solo in casi di forte disuguaglianza (co- glianza. Questa tendenza aumenta il rischio di sta-
me in Sudafrica) il 10 per cento più ricco è riuscito a gnazione economica e crisi di mercato, mentre i cam-
intaccare anche la quota di reddito della classe me- biamenti politici globali fanno pensare che sia diven-
dia. Per questo motivo è fuorviante considerare l’au- tata una minaccia per la democrazia.
mento del reddito pro capite nelle economie di medio Per cambiare le cose i governi devono usare il loro
livello come un indicatore di un miglioramento gene- potere per incanalare più capitali privati verso la spe-
rale delle condizioni di vita. sa produttiva e aumentare la quota d’investimenti JAYATI GHOSH
è un’economista
Nelle economie a reddito medio più disuguali, pubblici finanziata attraverso la tassazione progressi-
indiana. Insegna
come quelle dell’America Latina, il reddito del 10 per va, seguendo le direttive di un new deal verde globale. all’università
cento più ricco è già al livello di quello dei paesi più Se i politici non offriranno una risposta adeguata, i Jawaharlal Nehru di
sviluppati, mentre quello del 40 per cento più povero ricchi continueranno ad arricchirsi e i poveri divente- New Delhi e
è vicino alla media dei paesi dell’Africa subsaharia- ranno più poveri, sempre più velocemente. Chi risol- collabora con diversi
na. La forza motrice dietro queste tendenze è la disu- verà il problema a quel punto? u as giornali indiani.

34 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Le opinioni

Cosa insegna
la sconfitta di Syriza
Gary Younge
el 2015, il giorno dopo che era riu- governo socialdemocratico, mentre Syriza aveva vin-

N scito a raccogliere i voti dei parla- to un’altra elezione e il partito spagnolo di sinistra
mentari necessari a partecipare alle Podemos aveva preso il 21 per cento e sembrava pron-
primarie del Partito laburista, Je- to a superare il partito socialista.
remy Corbyn si mise a caccia di Finito questo ciclo elettorale, la crescita della sini-
elettori. “Non avevamo una squa- stra si è dimostrata sostenibile ma vulnerabile. In al-
dra per la campagna elettorale. Non eravamo orga- cuni paesi i partiti di centrosinistra si sono eclissati
nizzati. Non avevamo soldi. Avevamo solo la mia (Francia, Paesi Bassi), in altri guidano la coalizione
carta di credito, ed è durata solo una settimana”, mi (Finlandia) o hanno messo in piedi governi di mino-
raccontò in quei giorni. ranza (Danimarca e Svezia). Nel Regno
Corbyn si era presentato perché vo- La sinistra Unito i laburisti hanno aumentato i seg-
leva che ci fosse almeno un candidato può proporre gi ma non hanno conquistato il potere.
laburista contrario all’austerità. Nessu- un programma Ci sono stati anche occasionali passi fal-
no pensava che avrebbe vinto, tanto- che si oppone agli si (Podemos è crollato), mentre la sini-
meno lui. Ma, un comizio dopo l’altro, i interessi dei potenti stra dà pochi segni di vita in Italia o in
sindacati cominciarono a sostenerlo e i solo se ha una Germania. Intanto l’estrema destra ha
sondaggi lo davano in crescita. Qual- strategia chiara fatto passi avanti importanti.
che settimana prima di vincere le pri- su come combatterli, La Grecia però è il posto in cui la sini-
marie con il più ampio margine nella stra ha governato per davvero. Alcuni
e solo se vuole farlo
storia del partito, i suoi consiglieri gli motivi della sconfitta di Syriza hanno a
chiesero di fare dei progetti in caso di davvero che fare con la situazione specifica del
vittoria. Corbyn rispose: “Non succe- paese, una piccola economia della zona
derà mai. Per favore non parlatene neppure”. Perfino euro. Ma ci sono tre lezioni importanti per la sinistra.
lui prendeva poco sul serio la sua candidatura. La prima è che può proporre un programma che si op-
Questo percorso fatto di ostacoli, euforia, trauma pone agli interessi dei potenti solo se ha una strategia
e incapacità di accettazione che culmina nella vittoria chiara su come combatterli, e solo se vuole farlo dav-
illustra la storia della sinistra occidentale negli ultimi vero. Dopo che si è capito che l’Unione e il Fondo mo-
cinque anni, sia negli Stati Uniti sia in buona parte netario avrebbero ignorato il referendum, Syriza ha
d’Europa. Dopo decenni vissuti ai margini, la sinistra chinato il capo e ha fatto tutti i tagli richiesti, le priva-
si è sorpresa da sola, infondendo entusiasmo in milio- tizzazioni e gli aumenti dell’iva.
ni di persone e trovando un messaggio elettorale. Ora La seconda lezione è che c’è un limite a quello che
deve capire cosa fare della fiducia e della credibilità un governo può fare nel quadro della globalizzazione
che le persone hanno riposto in lei. neoliberista: non importa chi vince, il capitale trova
È per questo che il 7 luglio la sconfitta di Syriza in sempre il modo di farsi sentire. Lo stato nazione è lo
Grecia è stata così significativa. Dopo quattro anni e spazio d’elezione della legittimità democratica, ma è
mezzo al potere, il partito un tempo di estrema sini- solo un attore tra i tanti. Non ci si può tirare fuori da
stra guidato da Alexis Tsipras ha perso contro il cen- questo schema semplicemente votando. Questo non
trodestra di Nuova democrazia, guidato dall’espo- è necessariamente un motivo per cui la sinistra do-
nente di una dinastia politica greca. Mentre vigilava vrebbe evitare le elezioni. Ma deve contestualizzare
su una modesta crescita economica e veniva abban- le aspettative relative al potere.
donata dai giovani in un voto segnato dal calo genera- Infine, e di conseguenza, la sinistra non può limi-
le dell’affluenza, Syriza sembrava essere diventata tarsi a una strategia elettorale. Molte conquiste so-
uguale alla cosa di cui voleva prendere il posto. A gen- ciali, dai diritti civili al femminismo, sono figlie di
naio del 2015 il successo elettorale del partito, capace movimenti che chiedevano una diversa distribuzio-
di fornire una risposta alla crisi finanziaria e all’auste- ne del potere. I politici le hanno convertite in legge.
gary younge
rità, era stata una svolta a sinistra per l’occidente. Ma è servita prima un’alleanza tra l’elettorato e la
è un giornalista del
Nel luglio del 2015 la Grecia respinse con un refe- società civile. Una volta al potere, è fondamentale
quotidiano britannico
rendum le condizioni di salvataggio economico im- che i movimenti sociali sostengano questi passi in The Guardian e
poste dall’Unione europea e dal Fondo monetario avanti. In quattro anni la sinistra ha creato uno spa- columnist del
internazionale. Prima della fine del 2015, Corbyn era zio politico che non aveva creduto possibile. La sua settimanale
diventato leader del Partito laburista, la sinistra aveva capacità di conservarlo dipenderà da quello che riu- statunitense The
raddoppiato i suoi voti in Portogallo e appoggiava un scirà a costruirci sopra. u ff Nation.

36 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


160 opere
dal 1970 al 2018

ASCOLI PICENO
Palazzo dei Capitani
fino al 3 Maggio 2020
In copertina

Zerocalcare è un autore di fumetti romano. Il suo ultimo libro è Macerie prime, sei mesi dopo (Bao Publishing 2018).

38 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 39
In copertina

40 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 41
In copertina

42 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 43
In copertina

44 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 45
In copertina

46 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 47
In copertina

48 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 49
In copertina

50 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 51
In copertina

52 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 53
In copertina

54 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 55
In copertina

56 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 57
In copertina

58 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 59
In copertina

60 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 61
In copertina

62 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 63
In copertina

64 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 65
In copertina

66 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 67
In copertina

68 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 69
Estate 2019

La città raccontata dalla stampa


n. 9
portoghese e internazionale
extra
7,00 €

ANNO III N. 9/AGOSTO 2019


INTERNAZIONALE EXTRA

P.I.: 2 LUGLIO 2019


TRIMESTRALE
Internazionale extra

Lisbona
Il ritratto della città
attraverso la stampa
portoghese
e internazionale
Il nuovo numero
degli speciali
di Internazionale
In edicola
La realtà che sfugge
ai numeri
Johannes Böhme, Brand Eins, Germania. Foto di Gustavo Jononovich
I dati economici sono sempre più imprecisi, perché i metodi con cui vengono
rilevati non rispecchiano la complessità della globalizzazione
ell’aprile del 2017 Wil- Erano i disavanzi commerciali degli Stati zione mondiale del commercio (Wto),

N bur Ross, il ministro del


commercio degli Stati
Uniti, si è presentato in
una sala piena solo a
metà di giornalisti per
lamentarsi. Ross ha 80 anni e non ne di-
mostra neppure uno di meno. Parlando
lentamente, ha elencato una lunga serie
di accuse, ognuna sostenuta da una cifra.
Uniti verso altri paesi: con la Cina 347 mi-
liardi di dollari, con il Giappone 68,9 mi-
liardi, con la Germania 64,9 miliardi, con
il Messico 63,2 miliardi, con l’Irlanda 35,9
miliardi, con il Vietnam 32 miliardi, con
l’Italia 28,5 miliardi, con la Corea del Sud
27,7 miliardi, con la Malaysia 24,8 miliar-
di, con l’India 24,3 miliardi. Dopo aver
letto la lista, se l’è presa con l’Organizza-
che secondo lui riservava agli Stati Uniti
un trattamento iniquo. Nell’aria aleggiava
una minaccia che Ross non ha avuto biso-
gno di esplicitare: l’uscita degli Stati Uni-
ti, la prima economia mondiale, dalla
Wto. Il problema è che l’interminabile se-
quenza di numeri che Ross stava sciori-
nando non serviva a niente. Più o meno
nello stesso momento, nei primi mesi del

72 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


2017, due politologi dell’università di Am- vato che questi dati erano spesso così di- Le foto di quest’articolo sono tratte
sterdam, nei Paesi Bassi, cominciavano scordanti da essere irriconoscibili. I due dalla serie Free shipping, del fotografo
uno studio partendo da un sospetto. Da- studiosi hanno esaminato approfondita- argentino Gustavo Jononovich. Ogni
niel Mügge e Lukas Linsi avevano l’im- mente i dati statunitensi anche per il 2014 immagine è il risultato di un collage
pressione che la più importante raccolta (quelli a cui si riferiva Wilbur Ross nella di centinaia di scatti satellitari, a cui
di dati statistici sul commercio, quella del conferenza stampa erano del 2016). Gli sono state aggiunte le foto dei cargo.
Fondo monetario internazionale (Fmi), Stati Uniti dichiaravano un deficit com- In questa pagina, Sault Ste. Marie
fosse piena di errori. merciale di 320 miliardi di dollari negli Canale, Canada
scambi con la Cina, ma nelle rilevazioni
Una pretesa di precisione cinesi i miliardi erano solo 251. Con il Mes- Pensavamo che avessero la situazione
L’Fmi raccoglie i flussi commerciali e le sico, invece, secondo le statistiche statu- maggiormente sotto controllo, ma non è
transazioni finanziarie di ogni paese, regi- nitensi il deficit era di 51 miliardi, mentre così”. Le irregolarità osservate da Mügge
strando origine e destinazione. I dati non quello che risultava ai messicani ammon- e Linsi fanno pensare a una pallina che
sono rilevati direttamente dagli statistici tava a più del doppio. Infine, per gli Stati rimbalza in una stanza dal soffitto basso:
dell’istituto di Washington, ma si basano Uniti c’erano 33 miliardi di deficit con il le cifre schizzano da una parte all’altra
sul materiale fornito dai singoli paesi. I Canada, mentre secondo i canadesi la ci- senza che s’intraveda alcuna sistematici-
dati dell’Fmi sono rilevati due volte: quan- fra andava triplicata. tà, andando ora a vantaggio e ora a svan-
do la merce lascia un paese e quando arri- In proporzione, la differenza tra le sta- taggio del paese che le ha rilevate. Secon-
va in un altro. Se un’automobile è esporta- tistiche tedesche (in cui risultano 80 mi- do i due studiosi di Amsterdam non c’è
ta dalla Germania negli Stati Uniti, la do- liardi di dollari di deficit) e quelle statuni- niente che indichi una manipolazione in-
gana tedesca registra un’esportazione e tensi (72 miliardi di dollari) sembra irriso- tenzionale. E allora perché ci sono queste
quella statunitense un’importazione. Se ria. “Sapevamo già che la qualità dei dati è discrepanze?
tutto combaciasse, alla fine dell’anno nei un problema, ma ci ha sorpreso l’ampiez- Nel 1950 Oskar Morgenstern, profes-
libri contabili di entrambi i paesi dovreb- za del fenomeno”, dice Mügge. “E questo sore di economia a Princeton, negli Stati
bero figurare somme molto simili. Gli sta- proprio perché abbiamo riscontrato criti- Uniti, e cofondatore della teoria dei gio-
tistici parlano di mirror data, dati specula- cità anche per paesi che hanno istituzioni chi, pubblicò un lungo saggio sull’uso del-
ri. Mügge e Linsi, invece, avevano osser- molto efficienti nella rilevazione dei dati. le statistiche economiche. In Über die

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 73


Economia
Genauigkeit wirtschaftlicher Beobachtun- rivano le discrepanze nei dati, in partico- Statistics office, l’ufficio statistico nazio-
gen (Sulla precisione delle osservazioni lare dal fatto che il singolo può cogliere nale irlandese, doveva risultare una cre-
economiche) lamentava il fatto che non ci solo parzialmente la lunga serie di passag- scita del 7,8 per cento. Ma quando gli stati-
fosse praticamente nessuno in grado di gi del processo produttivo”. stici hanno presentato finalmente le cifre
interpretare correttamente i dati. Né i po- Questo non vale solo per la bilancia c’è stata una sorpresa: nel 2015 l’economia
litici né i giornalisti, ma neanche molti commerciale tra Germania e Paesi Bassi, irlandese era cresciuta del 26,3 per cento.
scienziati sembravano preoccuparsi della a cui pochi fanno attenzione, ma anche In sala tutti sapevano che era impossi-
probabilità di errori nelle rilevazioni. “Di per il disavanzo commerciale che oggi fa bile. Era una cifra assurda, corrispondeva
solito le statistiche economiche sono pre- più discutere, cioè la notevole eccedenza al tasso di crescita di un paese in via di svi-
sentate con una pretesa di precisione che di merci che la Cina fornisce agli Stati Uni- luppo uscito da una lunga guerra, non a
in realtà è irraggiungibile”, scriveva Mor- ti. Secondo Mügge, questa eccedenza è quello di un’economia avanzata. Il giorno
genstern. Sono considerate alla stregua di illusoria: il disavanzo è piuttosto con una stesso il ministro delle finanze irlandese,
fatti indiscutibili, non di approssimazioni serie di paesi asiatici. “Gli smartphone, i però, assicurava che la ripresa economica
a una realtà complessa, quindi suscettibili era “reale”, come anche il miglioramento
di errori. Morgenstern, inoltre, sottoline- Dal 1990 il valore della qualità della vita degli irlandesi. Ma
ava che più sono rapide le trasformazioni non riusciva a convincere gli scettici. Per
che un sistema economico subisce, più delle esportazioni l’economista irlandese Colm McCarthy
inaffidabili saranno i dati. “Dei processi mondiali è quei numeri erano “boiate”, mentre alcu-
dinamici sappiamo inevitabilmente meno ni giornalisti finanziari facevano dell’iro-
di quanto sappiamo dei contesti in cui il triplicato nia sull’economia irlandese definendola
cambiamento è quasi assente”, osservava. una “tigre di carta”. Invece Paul Krugman,
Alla ricerca di una spiegazione, anche Lin- computer e i tablet sono assemblati in Ci- premio Nobel per l’economia, ha coniato
si e Mügge si sono ispirati a questa intui- na, ma la maggior parte delle componenti un termine rimasto impresso nella memo-
zione ancora attuale. proviene da altri posti: gli schermi da Tai- ria: leprechaun economics, l’economia dei
Dagli anni novanta in poi la globalizza- wan, i processori dalla Corea del Sud, altri folletti.
zione ha trasformato radicalmente i siste- pezzi da Singapore e dalla Malaysia. Molti Eppure non si trattava di un errore
mi economici della maggior parte dei pa- sostengono che grazie agli occidentali i commesso dagli statistici: secondo gli
esi: processi che una volta avvenivano cinesi si arricchiscono, ma una parte signi- esperti dell’Eurostat, l’ufficio statistico
all’interno di un unico stato oggi coinvol- ficativa di questo denaro viene distribuita dell’Unione europea, i dati irlandesi erano
gono molti paesi. Ormai non c’è pratica- nel resto dell’Asia”. “plausibili”. La questione era molto più
mente più un bene assemblato – un’auto- I dati sugli scambi commerciali evi- grave di un errore di calcolo: era il concet-
mobile, un cellulare o un computer – che denziano solo l’ultimo passaggio. È un po’ to stesso di pil che si scontrava con i propri
venga fabbricato in un paese solo. A se- come vedere l’ultima ansa di un grande limiti. “Rappresentare la complessità
conda delle specializzazioni, delle compe- fiume senza scorgere gli affluenti che lo dell’economia irlandese attraverso un so-
tenze e dei livelli salariali, le varie fasi del alimentano. E i dati commerciali non sono lo indicatore come il pil è sempre più diffi-
processo produttivo sono dislocate su re- gli unici a essere sempre più distorti. cile”, ha detto un gruppo di statistici
gioni e continenti. I componenti viaggia- dell’Fmi, dell’Eurostat e dell’istituto stati-
no avanti e indietro finché il prodotto fina- Una cifra assurda stico irlandese. Questo succedeva soprat-
le non è completato. E infatti dal 1990 il A Dublino, in un giorno d’estate del 2016, tutto a causa del livello estremo di globa-
valore delle esportazioni mondiali è tripli- giornalisti ed economisti erano in attesa lizzazione a cui è arrivata l’economia ir-
cato. di sapere a quanto ammontava il pil landese.
Di fronte a questa nuova complessità dell’Irlanda nel 2015. In realtà non era Bisogna considerare che il pil è l’insie-
le vecchie statistiche ingannano. “Per ca- molto difficile da prevedere: secondo lo me di quanto viene prodotto all’interno di
pirlo bene”, dice Mügge, “basta guardare un paese. Per molto tempo non è stata una
ai dati degli scambi tra la Germania e i Pa- Da sapere cosa complicata da stabilire: era facile sta-
esi Bassi. Ogni anno gli olandesi dichiara- bilire che un’automobile proveniva dagli
no esportazioni verso la Germania che Disavanzo e pil Stati Uniti, un tostapane dal Regno Unito,
superano di venti o quaranta miliardi di La bilancia commerciale è un conto in cui si una bottiglia di vino dalla Francia, un tra-
euro quelle rilevate dai tedeschi. Non è registrano il valore delle importazioni e quello pano dalla Germania, perché i beni tangi-
difficile individuarne la causa nelle attivi- delle esportazioni delle merci di un paese. Il bili avevano un’origine chiara. Oggi è tutto
tà del porto olandese di Rotterdam: sup- saldo, cioè la differenza tra i due valori, è più complicato. In Irlanda, all’inizio del
poniamo che un container carico di con- definito surplus o eccedenza se le esportazioni 2015, non si erano aperte nuove fabbriche
sole debba arrivare dalla Cina alla Germa- superano le importazioni. In caso contrario si né si erano creati molti posti di lavoro. Era-
nia. Innanzitutto farà tappa a Rotterdam e parla di deficit o disavanzo. no circolati beni sfuggenti: idee, concetti,
da lì continuerà il viaggio. Agli olandesi, Il prodotto interno lordo (pil) è il valore della brevetti, software. “Quell’anno l’afflusso
produzione totale di beni e servizi di un paese,
quindi, risulta un’esportazione verso la di beni economici è stato enorme. Si trat-
diminuita dei consumi intermedi (quelli del
Germania, ma per l’impiegato tedesco processo dei produzione) e aumentata dell’iva e
tava soprattutto di proprietà intellettuali”,
che prende in consegna le console si tratta delle imposte indirette sulle importazioni. spiega Michael Connolly, dell’ufficio sta-
di un’importazione dalla Cina. Così si per- Il reddito nazionale lordo è il valore della tistico irlandese. “Un gruppo ristretto di
de traccia della tappa nei Paesi Bassi. “È produzione totale di beni e servizi realizzata dai aziende molto grandi ha trasferito in Ir-
da tanti piccoli errori come questo che de- cittadini residenti in un paese. landa interi bilanci. E siccome siamo un

74 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Singapore

paese piccolo con un’economia relativa­ sulla carta, in questo caso è l’Irlanda che la c’è stato neanche un aumento consistente
mente piccola, questo ha avuto una consi­ fornisce: due terzi delle entrate interna­ delle entrate fiscali, visto che la consociata
derevole influenza sul nostro pil”. zionali della Apple derivano dalla proprie­ irlandese della Apple per acquistare i dirit­
Per motivi di privacy Connolly non tà intellettuale irlandese, anche se in Ir­ ti d’uso dalla casa madre ha contratto mol­
può dire che in realtà il contributo princi­ landa ci sono il 4 per cento dei dipendenti ti debiti. Ma l’Irlanda è solo l’esempio
pale a questa crescita incredibile l’ha da­ e l’1 per cento dei clienti dell’azienda. estremo di una tendenza generale. Secon­
to un’unica azienda. All’inizio del 2015 la Dal 2015 questa ricchezza fa la sua do il National bureau of economic re­
Apple ha trasferito i diritti sull’intera pro­ comparsa ovunque nelle statistiche irlan­ search statunitense, se si fossero esclusi i
prietà intellettuale esterna agli Stati Uni­ desi, moltiplicando le entrate dovute alle profitti dei grandi gruppi statunitensi, il pil
ti – cioè i diritti sulle innovazioni tecnolo­ esportazioni ma senza che alcuna merce irlandese del 2012 sarebbe risultato più
giche, sul design di cellulari e lasci il paese. Nel 2015 il valore basso di 14 punti percentuali, quello olan­
computer, sui software e sul delle esportazioni irlandesi, che dese di dieci punti percentuali, quello lus­
marchio – a una consociata ir­ prima era di trenta miliardi di semburghese di 43, quello svizzero di due
landese. Valevano moltissimo: euro all’anno, è cresciuto di e quello britannico di uno.
secondo le stime dell’economi­ quindici miliardi. Il valore degli Secondo Connolly, “in fin dei conti da
sta irlandese Seamus Coffey, investimenti è aumentato di tre­ noi risulta più evidente quello che in realtà
dell’University college di Cork, la conso­ cento miliardi di euro, cioè del 40 per cen­ succede anche nel resto del mondo, sem­
ciata della Apple avrebbe pagato alla casa to. E visto che la consociata irlandese della plicemente perché la nostra economia è
madre circa 250 miliardi di dollari. La Apple aveva comprato i diritti indebitan­ relativamente piccola e globalizzata, con
proprietà intellettuale è stata quindi por­ dosi, la somma del debito estero delle la presenza di alcune grandi multinazio­
tata in Irlanda anche se le idee, i design e aziende irlandesi è quasi quadruplicata. nali”. Insomma, la questione è: come fa­
i software erano stati concepiti negli Stati Probabilmente oltre alla Apple anche altri ranno gli statistici a rappresentare la glo­
Uniti. grandi gruppi tecnologici statunitensi, co­ balizzazione?
La proprietà intellettuale non resta me la Microsoft, Facebook e Google, han­
chiusa in un cassetto, ma è impiegata nella no contribuito a questo balzo in avanti Una risata amara
produzione di beni. Nelle statistiche eco­ della crescita irlandese. L’Organizzazione per la cooperazione e lo
nomiche irlandesi risulta come una gigan­ Le statistiche economiche hanno resti­ sviluppo economico (Ocse), che raggrup­
tesca fabbrica immateriale. I brevetti e il tuito l’immagine di una grande trasforma­ pa i più importanti paesi industrializzati,
design, naturalizzati irlandesi, sono usati zione, con dei dati che non sarebbero stati ricorda un po’ un polpo: ha molte braccia
per produrre ogni singolo iPhone, Mac­ molto diversi se nel 1970 la General Mo­ che sembrano agire indipendentemente
Book e iWatch. È la consociata irlandese tors avesse improvvisamente deciso di l’una dall’altra. L’Ocse si occupa di disu­
della Apple che affida gli incarichi ai pro­ trasferire la sua intera produzione auto­ guaglianze, lotta alla povertà, politiche
duttori asiatici. Nelle statistiche, ormai, la mobilistica in Belgio. Ma per gli irlandesi commerciali e fiscali, istruzione, ma so­
produzione materiale è quella che vale e poco o nulla è cambiato: la disoccupazio­ prattutto raccoglie dati dovunque sia pos­
conta meno. È la proprietà intellettuale di ne non è diminuita e lo standard di vita sibile farlo. Nadim Ahmad, un britannico
un’azienda che genera valore. E, almeno non è migliorato in modo rilevante. Non brizzolato che dirige il dipartimento per le

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 75


Economia
statistiche commerciali, lavora all’Ocse paesi per 36 diversi settori. C’è di tutto, dai dito nazionale lordo irlandese così modi-
da 19 anni. Quando sente parlare delle ir- “prodotti chimici e farmaceutici” alle “ap- ficato è inferiore al pil di quasi 36 punti
regolarità nei dati commerciali, Ahmad parecchiature elettroniche” fino ad “arte, percentuali, cioè 97 miliardi di euro: i mi-
scoppia in una risata amara: “Per noi non intrattenimento e altri servizi”. Ecco cosa liardi erano 176 invece di 273. Ma gli stati-
è una novità. I dati sono sempre stati pieni ne pensa Ahmad: “Vogliamo, anzi dob- stici sono comunque soddisfatti. “Questa
di incongruenze, probabilmente fin dalla biamo, capire meglio i flussi commerciali cifra restituisce un quadro molto più rea-
primissima rilevazione, ma gli effetti della globali. Qual è il loro andamento oltre i listico dello stato dell’economia irlandese
globalizzazione potrebbero averle accen- confini dei singoli paesi? Quante sono le senza i grandi gruppi internazionali”,
tuate. A questo punto non possiamo più loro tappe? Chi dipende da chi nell’ambito spiega Connolly. “Così riusciamo a capire
ignorare il problema”. del commercio? Che vantaggio ne trae il quanti debiti possiamo sobbarcarci. Ne
Quasi nessun altro conosce le compli- singolo paese? Quanto guadagna grazie al ricaviamo una visione più chiara”. Le di-
cazioni legate ai dati commerciali come ruolo che svolge nella filiera produttiva?”. storsioni prodotte dalla proprietà intellet-
Ahmad. Il suo reparto cerca di risolvere la tuale dei grandi gruppi diventano quanto
questione da più di tre anni. Gli statistici Gli statistici dell’Ocse meno più evidenti. Dal punto di vista di
dell’Ocse passano sistematicamente al Connolly, di più non si può fare.
vaglio le cifre cercando errori evidenti e, passano al vaglio le Per Nadim Ahmad, dell’Ocse, è pro-
quando ci sono discrepanze notevoli nelle cifre cercando errori prio rispetto alla questione della proprietà
rilevazioni fatte da due paesi sui flussi intellettuale che la sua organizzazione fa-
commerciali reciproci, Ahmad convoca evidenti tica a soddisfare tutti. Non è compito suo
gli statistici di entrambe le parti per illu- mettere in discussione il fatto che alle idee
strargli il problema. Se hanno sospetti sul- Ahmad e i suoi colleghi cercano di co- sono attribuiti un luogo e una nazionalità,
la fonte dell’errore, gli statistici dell’Ocse gliere tutte le ramificazioni di un flusso che i brevetti possano cambiare patria. Lo
suggeriscono anche le possibili vie d’usci- commerciale globale, non solo l’ultima spiega con un esempio facile: “Immagi-
ta, e Ahmad spera che i paesi si accordino ansa. I loro dati non sono attuali, la versio- niamo che io scriva un libro nel Regno
su una soluzione condivisa. Insomma, gli ne dell’anno scorso arriva solo al 2015. In Unito. I diritti d’autore si aggiungeranno
errori vanno eliminati uno alla volta, in compenso però la qualità è superiore alla al pil di quel paese. Ma se poi mi trasferi-
lunghe e faticose discussioni. media. E l’Ocse non è l’unica organizza- sco in Spagna i diritti d’autore passeranno
Non è detto che funzioni subito. Ah- zione a cercare nuove soluzioni. al pil spagnolo. E in effetti il mio trasferi-
mad esprime il concetto senza troppa en- mento in Spagna rappresenta davvero una
fasi: “La constatazione di incongruenze Riunione di crisi nuova realtà economica. È uno sposta-
non spinge sempre all’azione immediata. In Irlanda, dopo il balzo in avanti del pil, mento legittimo che va registrato come
Se per esempio ci sono sostanziali diffe- un piccolo gruppo di collaboratori del mi- tale, indipendentemente dal posto in cui
renze rispetto al metodo di rilevazione dei nistero delle finanze, della banca centrale l’opera ha avuto origine”.
dati, sciogliere le contraddizioni non è fa- e dell’istituto di statistica ha tenuto una Quando però trasloca non uno scritto-
cile”. Se gli errori non sono im- riunione di crisi. Tutti erano re ma una multinazionale con decine di
mediatamente evidenti, gli sta- d’accordo sul fatto che il pil non migliaia di collaboratori in tutto il mondo,
tistici dell’Ocse provano almeno fosse più rilevante per cogliere la questione è più complicata. Secondo
a valutare i dati in base alla loro le questioni decisive per il paese, Ahmad, il nocciolo del problema è che il
affidabilità: se i dati complessivi e alla fine hanno deciso di proce- concetto di proprietà intellettuale esiste e
di un paese dovessero presenta- dere a un’innovazione senza non può semplicemente essere cancella-
re incongruenze notevoli, allora nel com- precedenti: un nuovo indicatore con cui to. Quindi l’Ocse non può ignorarlo.
plesso avranno un peso diverso rispetto a ricavare dalle statistiche gli effetti della “Certe distorsioni sono diventate ine-
quelli di altri paesi. Non è un metodo per- globalizzazione. Come sottolinea Michael vitabili, visto l’attuale peso della proprie-
fetto, ammette Ahmad, ma almeno è un Connolly, dell’ufficio statistico irlandese, tà intellettuale”, spiega Ahmad. “Il nostro
modo consapevole di gestire i diversi gra- serviva semplicemente a integrare tutto compito è renderle visibili. Dobbiamo
di di affidabilità. ciò che veniva misurato dal pil, eppure era contribuire a rendere comprensibili e in-
Secondo Marcel Timmer, un ricerca- una novità di portata storica. terpretabili i dati. Disaggregando i dati
tore che gestisce una delle banche dati Gli statistici hanno deciso di partire della crescita economica irlandese, per
economiche più grandi del mondo presso dal reddito nazionale lordo che, a diffe- esempio, si capisce che il balzo in avanti
l’università di Groningen, nei Paesi Bassi, renza del pil, tiene conto solo delle presta- ha avuto origine in un punto ben preciso
il lavoro di Ahmad e dei suoi colleghi “è di zioni di aziende di proprietà irlandese. Poi del sistema economico e che è dovuto a
un altro livello. Già oggi i loro dati sono hanno introdotto un aggiustamento per multinazionali che hanno in Irlanda il lo-
molto più affidabili di quelli di chiunque escludere gli effetti indiretti della globa- ro quartier generale e ricavano profitti
altro”. lizzazione sulle cifre rilevate. Nel nuovo principalmente dall’uso della proprietà
Le ambizioni dell’Ocse vanno ben al di indice non sono riportati né i profitti fittizi intellettuale”.
là dell’eliminazione di qualche errore di di Google, Apple e Microsoft in Irlanda, Quand’è possibile, Ahmad e i suoi col-
misurazione. La squadra di Ahmad riela- né quelli dell’industria internazionale del leghi correggono gli errori. E quando le
bora i dati commerciali in modo nuovo. In leasing aereo che, dalla sua sede di Dubli- distorsioni sono inevitabili, le spiegano
una banca dati dal nome un po’ misterioso no, gestisce aerei in tutto il mondo, spesso invece di ignorarle. La speranza è di riu-
di Trade in value-added sono raccolte le mai entrati nello spazio aereo irlandese. Il scire a rendere più comprensibile un mon-
cifre relative ai flussi commerciali di vari risultato è stata una doccia fredda: il red- do diventato più complesso. u sk

76 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Organizers 3JçGMEPTEVXRIV 1EMRTEVXRIV 4EVXRIV 3JçGMEPFIIV 3JçGMEP[EXIV

(IWXMREXMSR
;MXLXLITEXVSREKISJ TEVXRIV 8IGLRMGEPTEVXRIV 'SRXIRXTEVXRIV 1IHMETEVXRIV 1YWMGWXVIEQMRKTEVXRIV
America Centrale

Vite
di confine
Jacobo García, El País/El Faro, Spagna/El Salvador
Foto di Fred Ramos
Non ci sono muri né agenti a sorvegliare la
frontiera tra Messico e Belize. Una linea che
divide due mondi: villaggi rurali e poveri da una
parte, ricche comunità mennonite dall’altra
agente dell’Instituto na- gresso in Belize”, continua l’agente.

L’ cional de migración (Inm),


l’istituto governativo mes-
sicano per la migrazione,
esce dall’ufficio con indos-
so metà dell’uniforme re-
golamentare: porta i pantaloni verde oliva
e una canottiera bianca. Ci guarda dall’al-
to in basso, si gratta i testicoli, sposta la
mano sulla barba brizzolata lunga di qual-
“Quindi passi e basta”.
Nel tempo che dura la nostra conver-
sazione, in questa località rigogliosa, cal-
da e piena di mosche, entrano in Belize,
con un cenno della testa in segno di saluto
come unico documento, una coppia con
una bicicletta, quattro donne cariche di
prodotti per la pulizia e un ragazzo con
una maglietta del Barcellona e una cassa
che giorno e poi torna ai testicoli. È stupito di birra sulle spalle. In senso contrario
dall’arrivo di qualcuno che non sia men- passano una famiglia di mennoniti e un
nonita, nero o abitante della Unión. altro mennonita con il suo autista nero.
Nel database dell’Inm l’ufficio della A diciotto ore d’auto da Città del Mes-
Unión, una località nello stato di Quinta- sico, alla triplice frontiera tra Messico,
na Roo, è registrato come un immobile a Belize e Guatemala, il controllo migrato-
EL FARo/EL PAíS

due piani con l’aria condizionata e una rio alla Unión si può riassumere in una
stanza per accogliere le persone. La real- frase: “Ti conosco di vista”.
tà è che l’ufficio, a più di mille chilometri
dalla capitale del Messico, è un misto tra Senza controlli
una casa, un garage, uno studio e un pol- La Unión è l’ultima località importante comprare prodotti a prezzi vantaggiosi.
laio. Gli oggetti tecnologicamente più del Quintana Roo – importante significa A Cocoyol, una delle tante comunità agri-
avanzati sono un quaderno, un ventilato- che ha un negozio di alimentari, una chie- cole dove si coltiva la canna da zucchero,
re e una penna. “Vuole andare in Beli- sa, l’ufficio dell’Inm e una base della ma- incontro Carmen Martínez, 48 anni, e Jo-
ze?”, chiede l’agente. “Ma lì non c’è nien- rina – lungo la strada nota come camino sé Jones, 47 anni, che scendono da una
te”, aggiunge. Quello che lui chiama blanco, cammino bianco, perché è uno canoa di legno proveniente dal Belize. È
“niente” in realtà è un paese di 370mila dei punti di passaggio della cocaina dai un tragitto brevissimo. Fin dal loro nome
persone che parlano inglese e creolo, e Caraibi agli Stati Uniti. i Jones, come si fanno chiamare, sono un
riconoscono la regina del Regno Unito Dalla parte messicana, la strada pro- simbolo perfetto del meticciato.
come loro capo di stato. cede in parallelo al fiume Hondo, dove ci Lui è originario del Belize, ha la pelle
Nello stesso momento, dall’altra parte sono più di trenta comunità distribuite su color caffè, è robusto e muscoloso e lavora
del confine, si svolge il funerale di Henry, cento chilometri e dove la natura della come erborista. Con le piante e le radici
morto dopo aver ricevuto due colpi di frontiera s’impone sul passaporto. Un cura gli abitanti del posto dalla polmonite,
machete in testa. I suoi amici mennoniti fiume attraversato ogni giorno da centi- dai reumatismi o dai morsi dei serpenti.
lo chiamavano El Happy, quello felice. naia di famiglie per andare a scuola, visi- Lei è messicana, magra, ha gli occhi pro-
“Di là non c’è nessuno per timbrare l’in- tare un parente o la persona amata, o per fondi e vende vestiti di seconda mano su

78 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


La famiglia Dick nella sua casa nella comunità di Shipyard, il 5 maggio 2019

entrambi i lati del confine. Si sono cono- lità per cui è diventata tristemente famo- tanti non ha niente a che vedere con Ti-
sciuti una volta che José aveva attraversa- sa la polizia del Belize: “In Messico c’è più juana. Ma il ragazzo aveva ragione quan-
to la frontiera per giocare una partita di attenzione ai diritti umani. E poi anche do mi ha detto che è il principale punto di
calcio. Si sono sposati e sono andati a vi- per la corruzione e le bustarelle ci sono passaggio di merci, animali e persone tra
vere in Belize, perché lì gli stipendi sono dei rituali, invece in Belize gli agenti se ne Messico e Belize dove i controlli sono
più alti. Ma tutti i giorni vanno a pranzo a fregano, ti chiedono i soldi davanti a tut- completamenti assenti.
casa della famiglia messicana. ti”, dice. Arrivo al molo di Botes a metà mattina
“Mia figlia ha studiato in una scuola Lungo il tragitto ci sono molti punti di ed è come se qualcuno avesse spento la
inglese in Belize e ora lavora in un albergo accesso senza controlli, come a Cocoyol. musica all’improvviso. Appena mi vedo-
a Cancún, in Messico”, dice Carmen. Se Per trovare un po’ di “movimento” devo no, tutti interrompono le loro attività: il
devi andare da una riva all’altra “non ci andare a San Francisco Botes, mi consi- ragazzo che scaricava le casse fischietta
sono controlli”, ma a volte la marina “ti fa glia un ragazzo, che la descrive come “la guardando in alto, il marinaio tiene lo
storie. Per esempio quando porti un ani- Tijuana del rio Hondo”. sguardo fisso a terra e la donna che stava
male vivo, come il maialino a Natale. È Circondata da una natura rigogliosa, sistemando delle merci sale sul camionci-
sempre meglio avvisare in anticipo i sol- ai confini della riserva di Calakmul, que- no e chiude la portiera per evitare doman-
dati”, spiega. Poi la donna critica la bruta- sta località che conta quattrocento abi- de scomode. Le frontiere tra poveri sono

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 79


America Centrale
uno spazio pratico che riguarda la soprav- no “operazioni a sorpresa” e retate per Svizzera, dalla Germania e dalla Polonia
vivenza, l’amore o il maialino di Natale. arrestare i migranti centroamericani. Ad in paesi come Francia, Russia e Canada.
Uno spazio dove la quotidianità s’impone aprile e a maggio del 2019 le espulsioni Blue Creek, lungo venti chilometri da
sui simboli della patria; un crocevia e un dei migranti sono aumentate del 68 per una punta all’altra, non è un paese vero e
luogo di scambio dove chi porta la barca cento rispetto a quelle avvenute nello proprio. È piuttosto una comunità di otto-
non chiede mai se sta trasportando conta- stesso periodo del 2018 durante il gover- cento famiglie mennonite che vivono in
dini, migranti o armi. no di Enrique Peña Nieto (conservatore). case in stile statunitense, con il porticato
La discrezione è l’antidoto migliore in Ma anche se le cifre confermano che e il tetto spiovente, costruite tra i campi
una zona in cui, secondo la stampa locale, l’epoca della mano dura è tornata, l’agen- perfettamente coltivati e collegate tra loro
nell’ultimo anno sono caduti tra i canneti te denuncia la mancanza di controlli alla grazie a strade asfaltate e a un’illumina-
una decina di “narcoaerei”. Il rumore not- frontiera, la politica delle “porte aperte” zione impeccabile. Non c’è gente che
turno dei Cessna, dei Rockwell o dei jet di López Obrador e l’arrivo delle carova- cammina, non ci sono cartacce per terra
che ti volano sopra la testa a luci spente è ne di migranti dall’America Centrale che, né persone ubriache, non c’è una piazza,
frequente qui. A terra gli aerei sono accol- dice, “diffondono virus e malattie dove un ufficio del comune o un bar. Si vedono
ti da una rete efficiente di collaboratori passano”. solo macelli di pollame, risaie, piantagio-
pronta con il combustibile accanto alle ni di fagioli, palma africana e mogano a
piste clandestine. Quando a marzo la ma- Immagini contrastanti perdita d’occhio. Nell’unico negozio, che
rina ha localizzato un aereo a pochi chilo- Dall’altra parte del fiume, dal lato del Be- funziona anche come banca e centro mu-
metri dalla Unión, nella boscaglia c’erano lize, due grossi agenti neri, senza camicia, nicipale, gli abitanti – tutti con la pelle
anche due camion con mille litri di carbu- ridono guardando una serie tv nel casotto bianchissima – e qualche lavoratore del
rante. Il caso più eclatante risale al dicem- della dogana di Blue Creek. È un prefab- Salvador si salutano quando s’incrociano.
bre 2018, quando alle 3.30 di mattina un bricato austero con un tavolo, un televiso- Blue Creek è gemellato con altre due co-
aereo è atterrato all’aeroporto internazio- re e una poltrona con la stoffa munità mennonite, Shipyard
nale di Chetumal. Quando gli addetti alla rovinata. La pistola e il teleco- e Spanish Lookout, dove vivono
sicurezza sono intervenuti, i due piloti mando sono poggiati sul brac- tremila famiglie ultraconserva-
erano già scappati abbandonando sulla ciolo. “Se vuole restare nella trici: hanno rinunciato all’elet-
pista un Jet Hawker con una tonnellata e zona dei mennoniti let’s go, let’s tricità e si muovono su carri trai-
mezzo di cocaina a bordo. go, vada, vada”, grida uno di loro nati da cavalli.
“Il viavai degli aerei è quotidiano”, mi mischiando le lingue e agitando le mani. Poche frontiere al mondo hanno lo
spiega l’agente della Unión, che preferi- Senza distogliere lo sguardo dallo scher- stesso impatto visivo di quella tra Messico
sce non dire il suo nome per paura di rap- mo, l’uomo apre la porta su un nuovo e Stati Uniti. A Ciudad Juárez e nella sua
presaglie dei suoi superiori. “Da questa mondo. Davanti a me appare una della vicina statunitense El Paso, a Tijuana e a
parte della frontiera tutto succede senza immagini più contrastanti della frontiera: San Diego le case di lamiera si ammassa-
che nessuno faccia niente. Ma i carichi da una parte c’è La Unión, l’ultimo paese no davanti a campi da golf tracciati con la
grossi non passano da qui”. Nel frattem- del Messico, caotico, cattolico, rurale e squadra e il righello. A quasi quattromila
po spunta un uomo diretto in Belize con sporco, dove si lavora la canna da zucche- chilometri da quella frontiera, lungo il
due casse di birra messicana. “Anche qui ro e si beve birra come se fosse acqua; confine che separa La Unión da Blue
davanti vanno e vengono tranquillamen- dall’altra c’è Blue Creek, il primo paese Creek, la scena si ripete: uno dei luoghi
te”, prosegue l’agente indicando lo spazio del Belize, conservatore, efficiente e pro- più abbandonati del Messico sorge davan-
in secca del fiume a cinquanta metri testante, dove si parla tedesco antico ed è ti a uno dei più efficienti del mondo. In
dall’ufficio. impossibile trovare una goccia d’alcol. quest’angolo remoto i lavoratori messica-
Il doganiere è arrabbiato con l’istituto I mennoniti, che vivono sparsi in Ca- ni scappano tra le risaie appena ci vedono
per la migrazione e con la vita. Per lui l’au- nada, Messico, Paraguay e Bolivia, seguo- arrivare. Ci scambiano per la polizia mi-
mento della criminalità nella zona è colpa no una variante protestante del cristiane- gratoria del Belize che vuole arrestarli.
del nuovo presidente del Messico, Andrés simo nata nel cinquecento. Oggi sono più I mennoniti arrivarono qui quasi ses-
Manuel López Obrador (centrosinistra). di un milione in tutta l’America Latina. sant’anni fa da Chihuahua, in Messico,
Da quando si è insediato, nel dicembre del Dopo il 1536, in seguito alla rottura con la senza un soldo. Il governo del Belize,
2018, il presidente ha preso di mira l’Inm, chiesa cattolica e alla riforma luterana, quando ancora si chiamava Honduras
definito dal sottosegretario per la migra- furono perseguitati ed emigrarono dalla britannico, gli concesse quasi 35mila et-
zione Alejandro Encinas “l’ente più cor- tari di campi coperti di manghi, alberi di
rotto del paese”. Da allora quasi settanta ceiba e di mogano nell’estremo del paese.
funzionari dell’ufficio di Chetumal sono In cambio della terra e dell’autonomia,
stati allontanati. In altre località, come a loro si misero a lavorare duramente e og-
Tapachula, nello stato del Chiapas, la cor- gi sono il motore alimentare del paese. I
ruzione era così forte che il governo ha mennoniti producono il 95 per cento del
chiuso il centro per i migranti, lasciando pollo che si mangia in Belize e l’80 per
centinaia di persone in un limbo. cento del mais, del riso, dei fagioli e del
“Ci hanno umiliato e offeso. Hanno sorgo. Godono di un’indipendenza reli-
allontanato senza spiegazioni molti di noi giosa e fiscale, e i loro bambini fanno le-
e non va bene”, dice l’agente. Rimpiange zione in tedesco medievale. Hanno anche
l’epoca della mano dura, quando faceva- un loro sistema sanitario, di polizia, una

80 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Herbert Villafuerte, immigrato del Guatemala, lavora in una segheria mennonita a Shipyard, il 6 maggio 2019
El FARO/El PAíS

rete stradale e perfino una piccola centra- una pubblicità. Fonseca ammette che di- rifornimento”, spiega. Fonseca riconosce
le elettrica. versi mennoniti sono stati arrestati per che è il posto ideale per un’operazione che
Ma il potere ottenuto da una manciata narcotraffico e questo danneggia la repu- si svolge in pochi minuti: il pilota invia le
di famiglie che sembrano appena sbarca- tazione della comunità. “Ma è una que- coordinate, i complici illuminano la pista
te dall’Europa centrale suscita qualche stione che va oltre noi e anche oltre i go- con contenitori e stracci imbevuti di ben-
sospetto nella classe dirigente del Belize, verni dei paesi. Quando sentiamo che un zina, l’aereo atterra, scarica e in breve la
poco incline alle sorprese economiche aereo si schianta non facciamo nulla, la- merce arriva sul lato messicano diretta
che non vengano dal Regno Unito. “Sap- sciamo bruciare tutto e guardiamo verso Escárcega e il golfo del Messico.
piamo di generare sospetti e invidia e sia- dall’altra parte”, spiega, usando una lin-
mo consapevoli del fatto che vogliono to- gua esotica che combina l’inglese di Hol- Fermi nel tempo
glierci la nostra indipendenza”, dice lywood, lo spagnolo imparato dai conta- Abraham Rempel, un altro uomo di suc-
Rubén Fonseca, sindaco di Blue Creek. dini e il tedesco dell’epoca di Menno Si- cesso della comunità, indossa dei jeans e
Per mettere fine all’autonomia dei mons, l’eretico olandese morto nel 1561 e una camicia sdrucita. Fa il pilota ed è pro-
mennoniti, anche il narcotraffico può ser- fondatore della setta dei mennoniti. prietario di una delle aziende che disinfe-
vire. Gli aerei che arrivano dai Caraibi “Negli anni settanta e ottanta era una stano i campi dei mennoniti. Rempel am-
trovano in questi campi perfettamente cosa folle”, dice. Torna con la memoria mette che è una tentazione lavorare per i
arati il luogo ideale per atterrare e fare ri- all’epoca in cui il narcotrafficante messi- trafficanti: di vari piloti, che lui stesso ha
fornimento. Da gennaio del 2019 c’è al- cano Amado Carrillo Fuentes, detto il Si- formato, non ha più saputo niente. A Blue
meno un aereo bruciato ogni mese, con- gnore dei cieli, e il colombiano Pablo Creek arrivano due tipi di aerei. “I King
ferma Fonseca. Escobar scoprirono che gli aerei da turi- air, che coprono distanze corte e atterrano
Oltre che sindaco di Blue Creek, Fon- smo, volando a bassa quota e senza luce in piste di meno di un chilometro; e i jet,
seca è azionista della potente Caribbean per non essere identificati dai radar, erano che vanno più veloci ma hanno meno au-
Chicken, che produce un terzo dei polli il modo migliore per far arrivare una ton- tonomia, e per atterrare hanno bisogno di
che si mangiano in Belize. Arriva per l’in- nellata di cocaina in Messico o negli Stati una pista lunga che trovano solo qui”,
tervista con le mani sporche del macello, Uniti. “Ci fu una battuta d’arresto negli spiega in uno spagnolo stentato.
la camicia a quadri macchiata di olio e gli anni novanta, ma ora le attività sono ri- “A El Happy non sarebbe piaciuto”,
stivali da lavoro. Appartiene ai mennoni- prese”, continua il sindaco, segnalando dice una delle sue migliori amiche duran-
ti moderni, che usano il telefono, la mac- una strada lunga due chilometri che taglia te il funerale. Happy, 34 anni, è un pessi-
china e scaricano le applicazioni. Ha tre alla perfezione i campi di orzo. “A volte in mo soprannome per il protagonista di
bambini biondi che sembrano usciti da un giorno solo arrivano due aerei per fare una veglia funebre. Se si rialzasse ora e si

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 81


America Centrale
guardasse intorno vedrebbe una signora L’opinione
anziana che allontana le mosche, quattro
donne che piangono e cento uomini ve-
stiti di nero che ripetono un’orazione fu- Il sud dimenticato
nebre del cinquecento. Le signore anzia-
ne, con un lavoro di tassidermia, hanno
coperto i due tagli lasciati dal machete Javier Lafuente e José Luis Sanz, El País/El Faro,
sul cranio. Spagna/El Salvador
Nel 1966 le comunità mennonite del
nord del Belize si divisero tra Blue Creek Per anni il confine meridionale to per stabilirsi e costruirsi una vita.
e Shipyard, vicine ma socialmente diver- del Messico è stato ignorato. Quasi tutte le politiche di sicurezza dei
se. La prima, composta da ottocento fa- governi messicani degli ultimi trent’an-
miglie, ha accolto chi era a favore della
Oggi le politiche di Donald ni hanno avuto come obiettivo
modernità e dell’industrializzazione delle Trump hann0 cambiato tutto quest’area in cui l’America del Nord si
campagne. La seconda ha scelto la linea stringe per diventare istmo, ma né l’ap-
ortodossa. Qui la compagnia elettrica non a striscia di terra che collega il plicazione né il fallimento di queste po-
è riuscita a portare la luce.

Veglia funebre
A Shipyard usano ruote di ferro, candele
per illuminare, legna per cucinare e ani-
L Messico all’America Centrale
è stata ignorata per decenni.
Non è fotogenica come un mu-
ro né ha l’aria leggendaria che il cine-
ma e i mezzi d’informazione statuni-
litiche ha ricevuto più attenzione di
qualche frase sporadica. La frontiera
sud è stata lontana dai riflettori e dalle
domande scomode.

mali per lavorare il campo. La musica è tensi hanno attribuito al rio Bravo o al Un silenzio complice
proibita. Non c’è bisogno di dire che nel deserto dell’Arizona. È stata trattata Ma la politica del presidente statuni-
posto più noioso del mondo non c’è un ci- come una delle tante frontiere latinoa- tense Donald Trump ha aperto una
nema, una biblioteca o un parco, e il prin- mericane: disordinata, selvaggia, poro- nuova fase di protagonismo. Le pres-
cipale reato dei giovani è usare il cellulare sa e silenziosa. Ma è uno dei confini più sioni esercitate sul Messico perché
di nascosto. Davanti alla bara l’amica di El trafficati del mondo e un passaggio ob- contenga in modo più deciso il flusso di
Happy ricorda che era scappato da qui bligato per centinaia di migliaia di cen- migranti e il recente accordo per far di-
molti anni fa, quando aveva conosciuto troamericani diretti a nord. Dal 2014 in ventare il Guatemala il primo paese
gente che suonava e ascoltava la radio. Messico si arrestano più di 120mila mi- centroamericano di accoglienza dei
Il funerale è un viaggio nel tempo, la granti all’anno. Si calcola che il 90 per migranti espulsi hanno portato a una
scenografia perfetta per un film d’epoca: cento della cocaina diretta negli Stati militarizzazione di alcune zone della
decine di carri trainati dai cavalli aspetta- Uniti a un certo punto passi dal territo- frontiera. Dal lato centroamericano del
no all’entrata. Fuori ci sono bambini rio centroamericano prima di entrare rio Suchiate Trump trova un silenzio
bianchi, biondi, ben pettinati e con la sa- in Messico. È un errore parlare di mi- che gli fa comodo: nessuno dei tre pre-
lopette: non gridano, non giocano, non grazione e di narcotraffico senza cono- sidenti del cosiddetto triangolo nord
corrono e non si fanno i dispetti. Indossa- scere questa regione. (El Salvador, Honduras e Guatemala),
no camicie a maniche corte che per l’oc- da cui proviene più del 90 per cento dei
casione sono state allungate. Le donne Nell’oblio migranti che entra in Messico, ha criti-
portano cappelli e lunghi vestiti neri con La lontananza dagli Stati Uniti ha ag- cato pubblicamente il governo statuni-
le calze, anche se ci sono quaranta gradi. gravato il disinteresse per il confine del tense e quello messicano per aver por-
Dentro, gli uomini in bretelle e camicia sud: una frontiera che non si racconta tato “il muro” del nord in questa stri-
abbottonata fino al collo, con le guance per città ma per villaggi, terreni, caseg- scia di terra del sud.
rosse per il sole, recitano alcuni passi dal giati; che non compare nei discorsi dei Anche la costruzione del Treno ma-
Gesangbuch, il libro delle preghiere. Si sa governatori ma dei sindaci, dei leader ya, con cui il presidente messicano An-
che El Happy ha ricevuto due colpi di ma- comunali, dei militari, dei contadini e drés Manuel López Obrador vuole col-
chete e che il cadavere è stato trovato in dei narcotrafficanti. Sono 1.138 chilo- legare Cancún a Palenque, trasformerà
un canale d’irrigazione. Ma nessuno vuo- metri segnati dal letto del rio Suchiate la zona.
le scoprire se è morto per problemi di nella sua strada verso ovest, verso il Pa- È difficile stabilire quale sarà l’im-
droga, perché aveva bevuto troppo o era cifico, e dal rio Usumacinta che attra- patto delle nuove politiche non solo
una testa calda. versa il confine tra Guatemala e Messi- sull’ambiente, ma anche sugli ecosiste-
Nel frattempo, la cantilena funebre co in cerca del Golfo. Un confine mi della migrazione, del lavoro e della
entra nella sua sesta ora senza cambia- dall’orografia complicata e in buona criminalità in questa parte del conti-
menti di ritmo o cadenza. Il silenzio men- parte di difficile accesso. Alcune zone nente americano. La frontiera sud del
nonita estende il suo manto. Ne va della hanno una loro lingua e le loro leggi del Messico è un’incognita in veloce evolu-
sua sopravvivenza. u fr silenzio. Molte delle comunità più di- zione. u fr
menticate (e aggredite) dallo stato gua-
Questo articolo fa parte di un progetto sulla temalteco si sono rifugiate in regioni Javier Lafuente è un giornalista del
frontiera meridionale del Messico realizza- sempre più remote. Altri, come i men- quotidiano spagnolo El País.
to dal quotidiano spagnolo El País e dal noniti del Belize, hanno trovato José Luis Sanz è il direttore del giornale
giornale online salvadoregno El Faro. nell’oblio di queste terre il posto perfet- online salvadoregno El Faro.

82 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Che fai
il 4, 5 e 6
ottobre?

Iscriviti alla newsletter per conoscere in anticipo


le novità su ospiti, workshop e incontri del festival.
Seguici anche su Facebook e Twitter.
internazionale.it/festival
Romania

Uno sciopero
per la dignità
Nicoleta Rădăcină, Dor, Romania. Foto di Mircea Reștea
Per dieci settimane gli operai dell’Electrolux di Satu Mare, in Romania, hanno
lottato per ottenere salari più alti. Una mobilitazione lunga e coraggiosa, che ha
svelato le contraddizioni di un modello economico basato sul lavoro a basso costo
utto è cominciato alla fine Così formulata, sui titoli dei giornali loca- racconta un operaio che sta alla catena di

T del 2018, quando il sinda-


cato ha cercato di rinego-
ziare il contratto collettivo
di lavoro. Il vecchio accor-
do stava per scadere e i
rappresentanti dei lavoratori dell’Elec-
trolux di Satu Mare avevano letto un rap-
porto – realizzato dal centro studi Syndex
e dall’Istituto di ricerca sulla qualità della
li e sui social network la rivendicazione ha
suscitato soprattutto compassione.
Il 31 gennaio l’Electrolux ha fatto la sua
controfferta: un aumento del 5 per cento
per tutti i novecento dipendenti, assicura-
zione sanitaria privata e un bonus di pre-
senza mensile di 30 euro lordi. Il sindaca-
to, che rappresenta 540 lavoratori della
fabbrica, ha rifiutato. I dipendenti voleva-
montaggio. “E inoltre sono esaurito, fisi-
camente e mentalmente”.
Tra il novembre del 2018 e il gennaio
del 2019 il sindacato e la proprietà si sono
incontrati almeno venti volte. E visto che
non sono riusciti a trovare un accordo, il
4 marzo circa 360 lavoratori sono entrati
in sciopero.
Durante lo sciopero il contratto indivi-
vita di Bucarest in collaborazione con la no un aumento fisso, perché un ritocco duale di lavoro è sospeso: i dipendenti non
fondazione tedesca Friedrich Ebert – se- percentuale avrebbe finito per far aumen- possono entrare in fabbrica e non ricevo-
condo cui in Romania una persona adulta tare il divario tra i loro stipendi e quelli del no lo stipendio. Gli operai dell’Electrolux
ha bisogno di almeno 2.552 leu al mese personale che lavora nei settori tecnico, arrivavano la mattina verso le 9 e rimane-
(circa 540 euro) per condurre una vita di- amministrativo, economico e alle risorse vano quasi un’ora nel cortile davanti alla
gnitosa. Nella fabbrica romena della mul- umane. Il bonus, inoltre, era considerato fabbrica. Poi se ne andavano a lavorare nei
tinazionale svedese, tra i maggiori pro- una misura per punire l’assenteismo, visto campi, ad aiutare gli anziani dei paesini
duttori mondiali di elettrodomestici, un che bastavano solo quattro giorni di ma- vicini, a fare lavori a giornata. Quasi la
lavoratore che montava le viti sulle cuci- lattia per perderlo. metà dei dipendenti era al lavoro, l’altra in
ne a gas guadagnava l’equivalente di 360 Secondo i dati dell’Istituto romeno di sciopero. In alcune famiglie hanno deciso
euro, più i buoni pasto. statistica, nel 2017 il salario medio netto di scioperare sia il marito sia la moglie, in
Così il sindacato ha citato la ricerca e, dei lavoratori di Satu Mare impiegati nel- altre uno dei due ha scelto di non aderire
invocando l’articolo 5.12 delle politiche le fabbriche di materiali elettrici era di alla mobilitazione, perché bisognava por-
aziendali della multinazionale (“nella de- 520 euro, nettamente più alto di quello tare a casa almeno uno stipendio.
finizione dei livelli salariali l’Electrolux dei dipendenti dell’Electrolux. “I soldi
incoraggia a prendere in considerazione i mi bastano appena per sopravvivere”, I ricordi di Romică
costi necessari per soddisfare i bisogni di Dopo un mese e mezzo dalla prima offer-
base degli impiegati e delle loro fami- ta, l’Electrolux ha fatto un’altra proposta:
glie”), ha chiesto per tutti i dipendenti del- un aumento del 5 per cento rispetto allo
la fabbrica di Satu Mare un aumento di stipendio base più 42 euro lordi di bonus
800 leu lordi (170 euro) sullo stipendio di per due anni, il 2019 e il 2020. “Non cedia-
base. Per alcuni voleva dire raggiungere il mo!”, hanno risposto i lavoratori, che con-
livello indicato nella ricerca, per altri su- tinuavano a chiedere un aumento fisso.
perarlo. L’azienda ha rifiutato, e la richie- Per loro, infatti, il 5 per cento in più avreb-
sta è stata ridotta a 130 euro lordi al mese, be significato un aumento di 18 euro netti,
cioè 74 euro netti: a conti fatti 40 centesi- mentre per gli ingegneri e i dipendenti
mi di euro di aumento per ora di lavoro. economici e amministrativi, i cui stipendi

84 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Gli scioperanti decidono se accettare la proposta dell’azienda. Satu Mare, 9 giugno 2019

arrivano fino a 2.100 euro, l’aumento sa- verdure surgelate in estate. Per l’acqua pa- serenità e ringraziamenti per il lavoro
rebbe stato tra i 40 e i 100 euro. gano poco, perché in giardino hanno un svolto”, racconta. “Niente soldi, però ti
Il punto è che gli operai vogliono sti- pozzo, e per l’illuminazione sono abituati scaldava il cuore. Era bello sapere che
pendi decorosi, che gli permettano di non a usare lampade a petrolio. qualcuno si ricordava di te”.
vivere alla giornata. Romică Erdei, per Romică ha due cicatrici sul polso della Lavorando all’aperto, Romică aveva
esempio, ha cinquant’anni e lavora da 31 mano sinistra. Se l’è fatte vent’anni fa, diritto a un indennizzo del 14 per cento del
anni nella fabbrica di Satu Mare che oggi è quando è scivolato con il palmo sulla la- salario, poco più di 70 euro per un mese di
dell’Electrolux. Ogni giorno si sveglia alle stra che stava tagliando. Ha una piccola lavoro. Alla fine riusciva a mettere insie-
quattro e mezzo, dà da mangiare ai maiali, cicatrice anche sul sopracciglio sinistro, me uno stipendio di 420 euro. Ma a volte il
si lava nella bacinella e alle 4.55 esce di ca- sempre risalente allo stesso periodo. Era bonus non lo prendeva. Per esempio se si
sa e prende il treno delle 5.17 da assonnato, durante il turno di notte, e ha “comportava male”, come quando parte-
Domănești, la stazione più vicina a Mofti- spostato la testa troppo tardi dalla mazza cipò all’altro grande sciopero organizzato
nu Mic, il paesino in cui è nato e in cui si è della pressa. Deve fare anche i conti con all’Electrolux, nel 2012. Quella mobilita-
costruito una famiglia. Alle 6.30 arriva in una prostatite che lo sta consumando, zione durò cinque settimane ed è ancora
fabbrica, dove lavora da quando era un ra- dovuta al fatto che negli ultimi dieci anni ricordata come un momento chiave dei
gazzino. Per pranzo si porta pane, lardo e ha lavorato all’aperto, spesso come ma- rapporti con l’azienda. Alcune rivendica-
cipolla, preparati la sera prima, e il caffè lo gazziniere, con il sedere sul seggiolino zioni furono accolte, mentre ad altre i la-
beve al volo. Sua moglie, Marcela, esce ghiacciato per tutto l’inverno. È in fabbri- voratori dovettero rinunciare.
poco dopo di lui per andare a lavorare nel- ca dal 1988 e le ha passate tutte. Se pensa
la vicina fabbrica di scarponi da sci. A casa ai vecchi tempi, ricorda soprattutto le co- Cent’anni in fabbrica
lasciano otto gatti e due cani, due maiali, se positive: quando si riuniva con i colle- In quell’occasione si mobilitarono otto-
tre anatre e qualche gallina. Hanno anche ghi per preparare il gulasch nel paiolo cento dipendenti su novecento: a farli
un orto di 1.500 metri quadrati. È così che tradizionale, il bogracs, oppure quando scioperare era stato il tentativo dell’azien-
hanno resistito allo sciopero: con la carne riceveva, a ogni compleanno, una cartoli- da di rinegoziare il contratto per tagliare i
affumicata conservata nella dispensa, la na firmata personalmente dal direttore livelli minimi previsti dal codice del lavoro
frutta sciroppata, le uova delle galline e le della fabbrica, “auguri di buona salute, di romeno. Con la lotta gli operai riuscirono

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 85


Romania
a conservare le indennità di licenziamen- per la festa della donna regalò a tutte le bloccare il nastro. Ma questo crea proble-
to, ma persero altri benefici: il premio per dipendenti una cucina a gas, altri di quan- mi, perché la produzione è un flusso con-
la Pasqua, quello per le vacanze e altri bo- do furono introdotte le indennità di licen- tinuo e tutti i processi sono collegati. Se
nus. La pausa tra i turni fu ridotta da dieci ziamento commisurate agli anni passati in un lavoratore si ferma, anche il successi-
a cinque minuti e quella per il pranzo da fabbrica, altri ancora parlano di quel ma- vo deve interrompersi. “A quel punto ar-
trenta a venti minuti, che furono aggiunti nager che convocò i capisquadra per inti- riva il caposquadra e si mette a urlare che
alle otto ore di lavoro quotidiano. margli di usare un linguaggio più rispetto- è colpa tua se il lavoro è fermo”, racconta
Lo stabilimento di Satu Mare che oggi so con gli operai semplici. un dipendente, spiegando lo stress che
è dell’Electrolux ha più di cent’anni. Ini- Le rivendicazioni degli scioperanti questa situazione crea, soprattutto se ci
zialmente era l’officina meccanica dei fra- vanno ben oltre l’aspetto puramente sala- sono anche problemi tecnici.
telli Princz, poi per un certo periodo pro- riale. Molti si lamentano dell’attuale diret- Tuttavia a Satu Mare i lavoratori non
dusse vasi smaltati. Negli anni cinquanta tore, che ha portato profondi cambiamen- hanno paura di essere sostituiti dai robot.
fu nazionalizzata dal regime comunista, ti nella produzione, con carichi sempre Parlano di altre fabbriche, quasi comple-
che le cambiò nome in 23 agosto (data del maggiori per i lavoratori, e nell’atteggia- tamente automatizzate, come di modelli
colpo di stato contro il regime fascista di mento della dirigenza, restia a parlare con da imitare, e credono di poter produrre
Ion Antonescu, nel 1944). Nel 1995 la i dipendenti. con lo stesso ritmo, a costo, però, del loro
struttura fu privatizzata, diventò la Samus Dietmar Bloemer è diventato direttore sfinimento fisico.
e le sue azioni furono distribuite tra i di- della fabbrica di Satu Mare dieci anni fa, Le aspettative della dirigenza, insom-
pendenti. Due anni dopo fu acquistata nel bel mezzo della crisi economica del ma, sono diventate sempre più alte, ma le
dalla multinazionale svedese Electrolux. 2008, che colpì duramente il condizioni di lavoro non sono
A quel punto i salariati decisero di vendere tessuto industriale della città. In migliorate di pari passo. D’esta-
in blocco le loro quote, per un totale di cir- quel periodo l’intero mercato te in alcune sale la temperatura
ca 13,5 milioni di dollari al valore attuale. europeo era in difficoltà e il può raggiungere i 42 gradi.
Con i soldi guadagnati poterono comprare gruppo svedese, che a Satu Mare Quando i piani cottura delle cu-
o ristrutturarsi la casa. aveva licenziato ottanta dipen- cine escono dai forni a 800 gra-
Oggi tutti ricordano di aver accolto con denti, annunciò un piano per ridurre i co- di sembra di stare in una serra. C’è chi si è
gioia la notizia dell’arrivo degli svedesi: sti che prevedeva il taglio di tremila posti portato il termometro da casa per far pre-
solo dirlo faceva pensare a ricchezza e be- di lavoro in tutto il mondo. La fabbrica ha sente la situazione ai caposquadra, ma
nessere. E in effetti in quel periodo era co- cominciato a uscire dalla crisi dopo tre an- non è cambiato nulla. I ventilatori che so-
sì: lavorare all’Electrolux, la prima multi- ni chiusi in perdita. Nel 2016 ha fatto pro- no stati montati non fanno che rimettere
nazionale registrata alla camera di com- fitti per 2 milioni e 320mila euro, scesi a un in circolo l’aria bollente. E quando il caldo
mercio di Satu Mare, era motivo d’orgo- milione e 480mila euro nel 2017. richiede una maggiore idratazione, si
glio. Gli stipendi erano più alti della media L’anno scorso, poi, è cambiato il siste- presenta un altro problema: le pause per
locale, i lavoratori organizzavano feste, ma di funzionamento dei nastri traspor- andare al bagno, cinque minuti ogni due
avevano premi, ferie pagate e cure terma- tatori, novità che ha alimentato le prote- ore, non sono sufficienti.
li a spese dell’azienda. Il 9 agosto era la ste dei lavoratori ed è stata tra le cause
festa della fabbrica, un giorno sacro. dello sciopero: in passato erano gli operai Il giusto equilibrio
Oggi, anche se le cucine Electrolux, a spingere le cucine sul nastro, mentre Alla fine di aprile la dirigenza di Electrolux
Zanussi e Aeg (due marchi del gruppo sve- oggi il nastro si muove da solo e si ferma, ha comunicato la sua ultima offerta: un
dese) si vendono in tutta Europa, in Cana- per 42, 76 o 120 secondi, a seconda del aumento salariale del 5,5 per cento e un
da e negli Stati Uniti, la maggior parte de- lavoro che gli operai devono svolgere. bonus di presenza di 42 euro lordi per il
gli scioperanti afferma di non sentirsi in Dieci secondi prima dello scadere del 2019 e il 2020. I sindacalisti hanno consi-
nessun modo orgogliosa di far parte tempo, il pulsante rosso che è stato mon- derato insignificante l’aumento dello 0,5
dell’azienda. Se devono pensare a qualche tato accanto a ogni postazione comincia per cento rispetto all’offerta precedente e
bel ricordo legato al lavoro, alcuni raccon- a lampeggiare. Se l’operaio pensa di non hanno rifiutato. A complicare i negoziati si
tano del vecchio dirigente che una volta riuscire a completare il suo compito, può sono messi anche i giornali locali, scriven-
do – su suggerimento di un sindacalista –
Da sapere Quanto costa il lavoro che gli scioperanti erano pronti a dimet-
tersi in blocco se entro il 6 maggio la situa-
Il costo medio di un’ora di lavoro nei paesi dell’Unione europea, 2018, in euro. Fonte: Eurostat zione non si fosse sbloccata.
“Non c’è niente di nuovo nel conflitto
40 di Satu Mare, è una semplice questione di
30 rapporti di forza”, dice Marcel Spatari,
direttore di Syndex e coautore dello stu-
20 dio su cui il sindacato ha basato le sue ri-
10
vendicazioni. “Oggi i sindacati esprimo-
no un malcontento accumulato negli anni
0 in una forma che attira l’attenzione del
bu a
Be o
io
es zia
Fr ssi
er ia

Au nia
nl ia
I dia
na da
ro
Re ro ia
o a
Sp ito
Sl gna

C a
G ro
a
rto lta
p. llo
Es eca

ac a
C hia
Po zia
Le nia
ng ia
Li eria

m a
Bu ania
ia

pubblico”. Spatari è convinto che lo scio-


em rc

ci

ov ni

Ro ani
rg

gn pe
Fi str

ar
G anc

eu l

en

U ton
lg

Eu

ip
e Ita
Zo rlan

Re ga
a

Po Ma
n

a
Pa ve

re
ss a

c
a

an

Sl to

lo
C
iB

lg
h
U

ro
Lu anim

ov
m

tu
t
S

pero sia legato a quanto è successo in di-


D

on

verse multinazionali attive in Romania


ni
U

86 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Scioperanti davanti alla fabbrica, il 6 maggio 2019 porti con i rappresentanti dei lavoratori.
Due elementi essenziali nel dialogo tra
azienda e lavoratori sono la trasparenza e
una buona comunicazione. Ogni negozia-
to dovrebbe cominciare con una riunione
amichevole per stabilire il quadro e i ter-
mini del confronto: chi partecipa, come
sostituire i delegati che non possono esse-
re presenti a un incontro, quante sessioni
sono necessarie per arrivare a un accordo.
La legge non lo prevede, ma alcune azien-
de stabiliscono anche un’altra regola: vie-
tato insultarsi a vicenda.
Per dare un quadro esaustivo della si-
tuazione, l’azienda presenta ai sindacati i
risultati commerciali dell’anno preceden-
te e gli obiettivi per quello a venire. Molto
spesso, tuttavia, i disaccordi nascono pro-
prio dall’incomprensione reciproca. Il da-
tore di lavoro considera gli argomenti dei
sindacati troppo dettati dall’emotività, in
Marcela e Romică Erdei a Moftinu Mic, il 6 maggio 2019 particolare il riferimento ai salari dei lavo-
ratori dello stesso settore in paesi come
Francia e Germania. Secondo le aziende,
questo è un sintomo della mancanza da
parte dei sindacalisti di una visione d’in-
sieme del mercato, che ha il compito di
regolare il livello dei salari tenendo conto
della competitività. I sindacati, rappre-
sentanti di lavoratori che arrivano a mala-
pena a fine mese, fanno invece riferimen-
to a indicatori globali che si basano su si-
tuazioni ideali per i salariati.

Profitto e produttività
Cercare di capire come si ragiona in una
multinazionale è essenziale per capire co-
me funziona la produzione in queste
aziende. Tutto dipende dal profitto e da
ciò che vogliono gli azionisti, fattori che
hanno un peso preponderante sulle deci-
sioni prese a livello globale e locale. Quan-
dopo la crisi del 2008 e le modifiche legi- ha limitato il diritto dei lavoratori di orga- do l’azienda non raggiunge gli obiettivi
slative volute nel 2011 dal governo di Emil nizzarsi, ha indebolito il loro potere con- stabiliti, si mette alla ricerca delle perdite
Boc per promuovere la flessibilità sul trattuale, e ha cancellato benefici a lungo e di modi per minimizzarle. Per avere
mercato del lavoro. Pensati per attrarre dati per scontato, come l’aumento dei sa- un’idea di cosa significherebbe per le cas-
investitori e creare occupazione, il nuovo lari di anno in anno, i bonus e i premi pre- se dell’Electrolux di Satu Mare un aumen-
codice del lavoro e la legge sul dialogo so- visti in determinate occasioni. Dopo que- to salariale generalizzato, abbiamo fatto
ciale non sono passati al vaglio del parla- ste sconfitte i lavoratori si sono allontana- un calcolo approssimativo partendo dalle
mento, ma sono stati approvati come de- ti dai sindacati, e la fiducia in queste orga- richieste dei sindacati: 126 euro lordi in
creti legislativi. L’opposizione, allora for- nizzazioni ha cominciato a scemare. busta paga più un contribuito del datore di
mata dal Partito socialdemocratico, dai La verità è che lo stato avrebbe l’obbli- lavoro pari al 2,25 per cento. Il tutto, molti-
nazional-liberali e dal Partito conservato- go di trovare un giusto equilibrio tra il ten- plicato per novecento dipendenti e per
re, ha presentato una mozione di censura, tativo di attrarre investitori stranieri, gra- dodici mesi, fa un milione e 400mila euro,
che però è stata bocciata. Così le norme zie a benefici fiscali e bassi costi, e quello poco meno dei profitti fatti dalla compa-
sono state adottate. Lo stato, insomma, di proteggere i propri cittadini, tramite gnia nel 2017. Una prospettiva chiaramen-
ha creato le condizioni ideali per attirare regole di base da far rispettare. Molti os- te inaccettabile per l’Electrolux.
gli investitori stranieri, ma non si è curato servatori sostengono che si potrebbe co- Anche con queste cifre, però, il quadro
troppo di chi fossero e di che tipo di im- minciare incoraggiando le multinazionali dei profitti accumulati dall’azienda è
pieghi, salari e condizioni lavorative che investono in Romania a essere più tra- tutt’altro che completo, perché non tiene
avrebbero portato. La nuova legislazione sparenti, sul piano finanziario e nei rap- conto dei trasferimenti dei prodotti fab-

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 87


Romania
bricati in Romania verso altri stabilimen- Per affrontare la lavoro, cosa che ha acceso gli spiriti tanto
ti della multinazionale. degli scioperanti quanto di chi era rimasto
Nel libro Jobs on the move. An analyti- concorrenza globale, in fabbrica. Peter Eles, all’Electrolux da 17
cal approach to relocation and its impact on l’Electrolux ha anni, racconta di essere sempre stato con
employment (Lavori in movimento. Un i sindacati, ma di aver poi perso fiducia per
approccio analitico alla delocalizzazione spostato metà delle i metodi negoziali che usavano, spesso
e al suo impatto sull’occupazione), curato sue fabbriche in senza consultare i lavoratori.
da Béla Galgóczi, Maarten Keune e An- Il 9 maggio il sindacalista Radu Matica
drew Watt, il piano di ristrutturazione Messico, Polonia, ha annunciato che bisognava decidere se
dell’Electrolux è usato come caso di stu- Ungheria e Thailandia accettare l’offerta finale dell’azienda: un
dio per mostrare la tendenza a trasferire aumento del 5,5 per cento per tutti i dipen-
la produzione verso paesi con basso costo denti e un bonus di presenza di 50 euro
del lavoro. Per affrontare la concorrenza politica. Questo significa che chi, nono- lordi per operai e capomastri (escluso
globale, l’Electrolux ha spostato metà stante tutto, decide di investire in Roma- quindi il personale d’ufficio) a partire dal 1
delle sue fabbriche da Spagna, Germania nia lo fa per avere produttività elevata a maggio e un ulteriore aumento del 5,5 per
e Italia verso Messico, Polonia, Ungheria costi bassi. È questo che giustifica i rischi. cento oltre a un bonus di presenza di 100
e Thailandia. A giustificare la presenza in Altri due fattori che spiegano i bassi euro dal 1 marzo 2020. La proposta era va-
Romania c’è anche il fatto che gli operai salari romeni sono l’assenza di capitali e lida a patto che non ci fossero modifiche al
non battono ciglio quando sentono parla- l’alta tassazione del lavoro, spiega Năsui. contratto collettivo di lavoro. Per un ope-
re di delocalizzazione: “ E dove vanno? I salari sono determinati dalla produttivi- raio che guadagnava 360 euro netti al me-
Quale paese è più economico della Ro- tà, che però non dipende solo dai lavora- se, l’aumento era di 21 euro per il 2019 e
mania?”. tori, ma anche dalla tecnologia e dalla altrettanti per il 2020, ai quali andavano
L’Electrolux è una di quelle multina- gestione del lavoro. “Un conto è scavare aggiunti i bonus di presenza. Senza fare
zionali che raccontano la loro cultura or- un fossato a mano, un altro con una pala e assenze, un lavoratore avrebbe potuto
ganizzativa come fosse un ro- un altro ancora con una scava- raggiungere il livello delle rivendicazioni
manzo. La guida che spiega co- trice”, spiega Năsui. Il risultato iniziali del sindacato.
sa devono aspettarsi l’azienda è che, per la stessa attività, Circa 250 lavoratori hanno firmato il
dagli impiegati e gl’impiegati un’ora di lavoro in Romania co- documento che ha messo fine allo sciope-
dall’azienda è un esempio di at- sta meno che in Europa occi- ro. Secondo il sindacato si è trattato del 90
tenzione al dettaglio combinata dentale. A questo va aggiunta per cento degli scioperanti. Diversi lavo-
con pretese di eccellenza. Tutto è costru- una delle più alte tassazioni sul lavoro ratori hanno rifiutato l’accordo per princi-
ito sull’idea della performance e sul mito dell’est del continente, pari al 41,5 per pio. Gli scioperanti più attivi sostengono
della costruzione di un futuro migliore, a cento. Una prima soluzione potrebbe es- che il sindacato abbia fatto tutto il possibi-
cui, sostiene la multinazionale, deve con- sere non tassare i salari minimi. le. E anche il leader Sorin Faur crede che lo
tribuire ogni impiegato, indipendente- sciopero non sia stato inutile. “Alla fine il
mente dal ruolo. A testa alta bonus di presenza può essere considerato
L’Electrolux afferma di ascoltare i di- Lo sciopero all’Electrolux ha attirato par- una somma fissa data esclusivamente agli
pendenti attraverso questionari e comi- ticolare attenzione per l’ostinata resisten- operai”, ha detto a sciopero chiuso. “È una
tati locali di lavoratori. “Se in fabbrica za dei lavoratori, una novità per Satu Ma- vittoria, e il risultato più importante è che
sempre più lavoratori si sentono ignorati re, dove negli ultimi anni c’erano già stati siamo rimasti uniti”. Da parte sua l’Elec-
dalla direzione, per l’azienda è un grosso conflitti del genere, spiega Victoria Stoi- trolux ha dichiarato che la mobilitazione
problema”, spiega Daniel Frykholm, che ciu, che ha coordinato il progetto della ha confermato che c’è una lacuna nella
guida l’ufficio stampa del gruppo Electro- fondazione Friedrich Ebert e ha intervi- comunicazione tra l’azienda e i dipenden-
lux. Secondo lui le decisioni sui negoziati stato diversi scioperanti per Servici uşor ti, sottolineando anche che la vertenza si
e sui salari sono prese a livello locale e (lavoro facile), un’associazione che si oc- sarebbe potuta chiudere molto prima.
scioperare è un diritto dei dipendenti. cupa delle condizioni di lavoro in Roma- La mattina del 10 maggio alcuni gruppi
“Nessun lavoratore deve pensare che ri- nia. Stoiciu afferma che le tensioni sul di pendolari, con zaini e borse, sono scesi
schia di perdere il posto se partecipa a mercato del lavoro sono in aumento anche dal treno regionale 4331, arrivato al primo
mobilitazioni sindacali”, afferma Fry- a causa dell’emigrazione e dei salari trop- binario della stazione di Satu Mare. Tra
kholm, aggiungendo che uno sciopero po bassi. Ed è convinta che ci saranno loro c’era Romică, anche lui pendolare e,
lungo come quello dello stabilimento di nuove agitazioni, “perché la mancanza di fino al giorno prima, scioperante. Cammi-
Satu Mare dev’essere motivo di “rifles- forza lavoro sta rafforzando il potere ne- nava spedito, quasi saltellando. Era som-
sione e analisi” anche per l’azienda. goziale dei sindacati”. L’argomento a cui merso dalle emozioni, ma pensava soprat-
Secondo il deputato Claudiu Năsui, dieci anni fa ricorrevano i datori di lavoro tutto a proteggere il posto di lavoro. Sape-
presidente dell’associazione SoLib, la si- – “ci sono cento lavoratori in attesa fuori va che avrebbe sentito commenti di ogni
tuazione all’Electrolux – con operai che dalla porta” – è ancora usato come una mi- tipo, perché nelle ultime dieci settimane
guadagnano meno del dovuto mentre naccia, ma la realtà è cambiata. erano successe un sacco di cose. Ma non si
l’azienda accumula profitti, almeno sulla All’inizio di maggio, durante l’ultima preoccupava troppo, perché è sempre sta-
carta – è comune in Romania, dove è mol- settimana di sciopero, il negoziato si è to un tipo tranquillo e moderato. “L’im-
to alto il rischio paese, cioè un misto di spostato dalla richiesta di aumenti salaria- portante”, ha detto, “è che entriamo in
imprevedibilità finanziaria e instabilità li alla modifica del contratto collettivo di fabbrica a testa alta”. u mt

88 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


ecofficina - interactive multimedia design STUDIO
Portfolio

Manhattan
in nero
Il 13 luglio per quasi cinque ore il centro di New York
è rimasto al buio per un guasto alla rete elettrica.
L’incidente è avvenuto esattamente quarantadue
anni dopo il blackout del 1977, quando la città
rimase senza luce per un giorno intero
Scott HeINS (GettY ImaGeS)

Manhattan,
13 luglio 2019
Portfolio
JOHANNES EISELE (AFP/GEtty ImAGES)

92 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Una strada di Manhattan, 13 luglio 2019

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 93


Portfolio
a sera del 13 luglio alle 18.47 (le dichiarato che non ci sono stati né feriti né

L 0.47 in Italia) un guasto alla re-


te elettrica ha lasciato al buio
trenta isolati di Manhattan, da
Times square al Rockefeller
center. Il blackout è durato qua-
si cinque ore. Secondo l’amministratore della
Consolidated Edison, l’azienda che gestisce
la rete elettrica di New York, l’interruzione di
corrente ha coinvolto 73mila utenti.
incidenti. La Consolidated Edison non ha an-
cora individuato le cause del guasto, ma se-
condo alcuni funzionari dell’azienda ci vor-
ranno settimane per capire come il danno si è
propagato da un quartiere all’altro. Secondo
Andrew Cuomo, governatore dello stato di
New York, l’incidente sarebbe cominciato
con un’esplosione e un incendio in un im-
pianto della rete elettrica, che avrebbe dan-
A Broadway sono stati cancellati ventisei neggiato a catena gli altri.
spettacoli; la Carnegie hall e il teatro del Lin- L’incidente è avvenuto quarantadue anni
coln center sono stati evacuati. Alcune perso- dopo il blackout del 13 luglio 1977, quando
ne sono rimaste bloccate nei treni della me- l’intera città di New York rimase al buio per
tropolitana. venticinque ore a causa di due fulmini che
I vigili del fuoco e i paramedici hanno ri- avevano colpito la rete elettrica. Quella notte
sposto a circa novecento chiamate di emer- ci furono saccheggi e incendi per le strade.
genza, di cui quasi la metà erano di persone Quasi 3.800 persone furono arrestate e ci fu-
rimaste chiuse negli ascensori. La polizia ha rono danni per milioni di dollari. u
GARY HERSHoRN (GETTY IMAGES)
TIMoTHY A. CLARY (AFP/GETTY IMAGES)

VIEWPRESS/GETTY IMAGES

94 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


sCoTT heINs (GeTTy IMAGes)
KrIsTIN CALLAhAN (ACe PICTures vIA ZuMA Press/ANsA)

Tutte le foto di
queste pagine sono
state scattate il 13
luglio 2019.
Nella foto grande:
una vista di
Manhattan. La parte
dell’isola rimasta al
buio è quella a ovest
di Central park. Qui
accanto: Midtown,
Manhattan.
Al centro e nella
pagina accanto, in
alto: Times square.
In basso: una via di
Manhattan.

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 95


Viaggi
HELOVI/GETTY IMAGES

Il marchio
La statua di Tito davanti alla sua casa
natale a Kumrovec, in Croazia

interessato all’acquisto non solo della


scuola, ma anche del vecchio Memoriale

di Tito dei combattenti della guerra di liberazio-


ne e della gioventù della Jugoslavia, dello
stadio, delle fonti termali di Kumrovec e
dell’ex residenza di Tito.
La storia delle fonti è particolarmente
interessante: la signora Yu prevede di fare
Davor Konjikušić, Novosti, Croazia un investimento nelle terme di Krapina, e
Kumrovec si trova esattamente a metà
A Kumrovec, paese natale di recente visita di una delegazione cinese strada tra le terme di Tuhelj e quelle di
Josip Broz, gli abitanti cercano guidata da Yu Jiang, direttrice dell’azien- Olimia, a Podčetrtek, di proprietà delle
da Z-Run WellTon Industry. Yu ha visitato ferrovie slovene. Alla fine degli anni ot-
di sfruttare l’immagine dell’ex la vecchia scuola di scienze politiche Josip tanta si è scoperto che Kumrovec possiede
presidente jugoslavo per Broz Tito, un grande edificio in stile mo- acque termali con una temperatura di 28
rilanciare il turismo dernista abbandonato da anni. gradi, ma le fonti si trovano a grande pro-
I dipendenti dell’impresa di pulizie fondità. I cinesi si sono detti interessati a
locale Zelenjak hanno passato settimane investire e la notizia è stata accolta con fa-
umrovec, piccolo villag- a rimettere in ordine i locali per fare una vore dall’opinione pubblica croata.

K gio della regione dello


Zagorje, non lontano
dalla frontiera tra Croa-
zia e Slovenia, si risveglia
lentamente. Nella taver-
na Kod Starog (Dal vecchio), di fronte alla
casa natale di Tito, si parla ancora della

96 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


buona impressione alla signora Yu, il cui
cognome, ironia della sorte, è uguale alla
sigla internazionale dell’ex Jugoslavia. Yu
sta pensando di comprare l’edificio, che il
ministero dei beni pubblici della Croazia
ha messo in vendita per 1,6 milioni di eu-
ro. Per il momento è l’unico investitore
“Tutte le delegazioni cinesi che arri-
vano in Croazia visitano Kumrovec e la
casa natale di Tito. Per loro Tito è stato un
combattente per la libertà, un patriota e
un alleato. La signora Yu è già venuta qui
due volte, e alcuni di noi sono andati in
Cina su suo invito”, raccontano alcuni
clienti della taverna Kod Starog. Tra que- In questo piccolo più famoso del mondo”, come amano de-
sti c’è il sindaco Robert Šplajt, che nel finirlo i suoi abitanti – s’intreccino gli in-
2018 ha firmato un protocollo d’intesa villaggio che si sta teressi geostrategici, le politiche locali e
presso la sede pechinese della Z-Run. “Ci svuotando dei suoi nazionali e la storia. Sembra proprio che
sono molte offerte, si sono presentati an- il destino di Tito in Croazia sia quello di
che investitori austriaci e tedeschi, ma la abitanti, lo spirito sopravvivere nell’etichetta di una botti-
signora Yu è di gran lunga la più seria”, dell’ex presidente glia di vino o nel nome di una porzione di
spiega Šplajt. “La scuola di scienze politi- štrukli (pasta sfoglia ripiena di formag-
che diventerà un centro congressi, men- potrebbe essere gio). Oggi, perfino a Kumrovec, nessuno
tre il memoriale sarà trasformato in un un’ancora di salvezza vuole più parlare di politica e ancor meno
hotel di lusso con le sue terme, e saranno di comunismo.
sviluppati altri progetti per invogliare i “Non c’è niente di politico, è un inve-
visitatori a passare più giorni a Kumro- il minimo interesse per questi edifici”, ci stimento puramente turistico”, spiega
vec”. Yu è un personaggio misterioso: dice. “Sette anni fa abbiamo dato vita a Šplajt. “Non sarà una Disneyland per glo-
tutto quello che siamo riusciti a sapere di una iniziativa per lo sviluppo del comune rificare Tito. Alcuni pensano che siamo
lei è che dirige un’azienda con più di un di Kumrovec. Nel giro di un anno aveva- dei comunisti, ma non è così. Vogliamo
milione di dipendenti e almeno ventimila mo già messo a punto un piano per la ri- solo lo sviluppo. Siamo prima di tutto cro-
filiali. strutturazione degli edifici grazie ad al- ati, ma non ci vergogniamo del nostro
cuni progetti internazionali, un interven- Josip Broz. È un marchio conosciuto in
Niente di politico to che sarebbe nell’interesse di tutti. Se si tutto il mondo. Solo qui in Croazia sem-
L’imponente scuola di scienze politiche può trarre profitto dalla notorietà di Tito, bra creare problemi”.
fu costruita nel 1981 grazie ai contributi testimoniata dal fatto che 209 delegazio- La gente della regione del Zagorje non
della Lega dei comunisti jugoslavi. Com- ni di 127 paesi parteciparono al suo fune- rinnega Tito, ma pensa che i tempi siano
prende 145 camere, un’infermeria, una rale, tanto meglio per noi”. cambiati. “Personalmente sono affezio-
palestra, un rifugio antiatomico, dodici Senza addentrarci nella questione nato a quell’epoca”, dice Branko Praten-
locali per uffici e otto stanze per i profes- complessa delle relazioni tra Cina ed Eu- grazer, insegnante in pensione, “Ma tro-
sori, un anfiteatro all’aperto, una biblio- ropa, è interessante osservare come nel vo stupido che il 25 maggio, per il giorno
teca e un ristorante. Ma questo edificio microcosmo di Kumrovec – “il villaggio della gioventù, si canti ancora ‘Compa-
abbandonato è anche una testimonianza gno Tito, ti giuriamo che non devieremo
dello smantellamento di uno stato. La bi- mai dal tuo cammino’. Kumrovec non ha
blioteca è stata saccheggiata fino all’ulti-
Informazioni più niente di comunista. Su internet leggo
mo libro, gli elementi in rame del tetto pratiche commenti secondo cui qui si sarebbe do-
sono stati rubati e al piano terra crescono vuto radere tutto al suolo. Non chiediamo
le erbacce. Un ladro troppo ambizioso ha a nessuno di adorare Tito, ma questi mo-
addirittura cercato di portarsi via la porta numenti non devono essere distrutti. Se i
del rifugio antiatomico, che giace abban- giovani non vogliono vivere qui è perché
donata per terra. In un corridoio ci sono non c’è lavoro”.
due palme rinsecchite, simboli anacroni- È proprio questo il nocciolo del pro-
stici del sole, delle vacanze e della vita blema. In questo piccolo villaggio che si
spensierata. sta svuotando dei suoi abitanti, lo spirito
La prima scuola di scienze politiche di Tito potrebbe essere un’ancora di sal-
aprì nel 1975 nei locali del memoriale, che vezza. All’epoca della Jugoslavia, Kumro-
all’epoca era la Casa dei combattenti e vec era collegata a Zagabria da un auto-
della gioventù della Jugoslavia, come ri- bus diretto ogni due ore. Oggi ce n’è solo
corda Milan Kladnički, direttore dell’uffi- uno per Zaprešić, una volta al giorno. Nel
u Arrivare e muoversi Zagabria può essere
cio del turismo di Kumrovec. “Ospitava raggiunta in autobus da Trieste attraverso la
1990 la scuola aveva 356 allievi, mentre
eventi di ogni tipo ed era aperta a tutti i Slovenia in circa quattro ore (Flixbus, a ora ne ha solo 130.
visitatori. Agli studenti di scienze politi- partire da 10 euro). Da lì si può arrivare a Dopo l’indipendenza è andato distrut-
che venivano forniti vitto e alloggio e po- Kumrovec cambiando autobus a Zaprešić. to tutto quello che era stato costruito sot-
tevano accedere ad attività culturali e u Dormire L’Hostel Kumrovec offre camere to il socialismo e ora assistiamo a una
sportive. Molte persone del posto lavora- doppie a partire da 32 euro. deindustrializzazione generalizzata, alla
vano in queste istituzioni, erano soddi- u Cosa vedere e fare Nella casa natale di svendita di tutti i beni pubblici. Era logico
sfatte e non avevano alcuna intenzione di Tito a Kumrovec è possibile visitare il museo che finissero in vendita anche i simboli
andarsene da Kumrovec. In ogni famiglia dedicato all’ex presidente della Federazione del passato: il volto di Tito sull’etichetta
jugoslava (kumrovec.hr). Dall’altro lato del
c’era qualcuno che lavorava in un hotel”, di un vino o su un ritratto nella hall di un
confine sloveno si trova il parco naturale
racconta Kladnički. Kozjanski (kozjanski-park.si).
hotel diventa un’esca per i potenziali in-
Gli abitanti del paese in realtà non u Leggere Jože Pirjevec, Tito e i suoi vestitori. Solo un Tito trasformato in un
hanno molta voglia di rispondere alle no- compagni, Einaudi 2015. marchio è accettabile per la Croazia di
stre domande, a parte Ivica Hrastović, u La prossima settimana In vacanza con i oggi e in questa forma, chissà, forse sa-
dottore in storia e filosofia e colonnello in figli. Avete suggerimenti su posti, tariffe, rebbe benvenuto perfino nell’ufficio della
pensione. “Lo stato non ha mai mostrato libri? Scrivete a viaggi@internazionale.it. presidente della repubblica. u af

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 97


Porta
Internazionale
in vacanza
tre mesi

Abbonati a Internazionale Tutto digitale,


per leggere la rivista su tablet, telefono, web reader
14,50 euro

e ascoltare la versione audio di alcuni articoli.


Tre mesi di abbonamento costano 14,50 euro.
L’offerta è valida fino al 26 luglio.

internazionale.it/vacanza
Cultura

Fotografia
Fragments The bridge between

Uno sguardo
The world is 9 a consacrarla tra le artiste visi-
ve più apprezzate in Etiopia.
“Non puoi pensare di poter contare
qualcosa in Etiopia se vivi a New York o da

tra due mondi


qualche altra parte del mondo”, mi dice
Muluneh quando ci incontriamo ad Addis
Abeba. “Devi stare sul posto”.
Le sue foto, che ritraggono figure stiliz-
zate in abiti sgargianti, possono essere viste
come un’esplorazione creativa dell’identità
nazionale. A catturare l’attenzione sono so-
Hannah Giorgis, The Atlantic, Stati Uniti prattutto la composizione e i colori. Per chi
conosce le arti visive africane, queste im-
Foto di Aïda Muluneh
magini giocano in modo intelligente con la
La fotografa etiope Aïda ritorno in patria da adulta, l’impossibilità di storia e la familiarità. Lo sguardo di Mulu-
Muluneh vuole rinnovare una conclusione – nella vita delle persone e neh, affascinante e disorientante, riesce a
dei paesi – è un tema potente. evocare un posto – l’Africa – e allo stesso
l’estetica visiva africana Muluneh si è fatta notare già prima del tempo a rovesciare le idee convenzionali
giocando con gli stereotipi 2016. Dopo essersi laureata alla Howard sul suo conto. La fotografa è a suo agio con
university di Washington nel duemila, ha le contraddizioni, come prova il fatto che
lavorato come fotoreporter per il Washing- sia in grado di conciliare un’estetica patina-
ella primavera del 2016 la fo- ton Post. “Sei un’artista o una giornalista?”, ta alla Vogue con il duro immaginario spes-

N tografa Aïda Muluneh ha


inaugurato una mostra per-
sonale alla galleria David
Krut Projects di New York.
Nove anni prima era tornata in Etiopia, il
paese che aveva lasciato negli anni ottanta,
quand’era ancora bambina. La parte più
le chiedeva sempre il suo capo di allora.
Nelle foto usava spesso il grandangolo e pri-
vilegiava l’atmosfera e la composizione ai
dettagli, sfidando le convenzioni del foto-
giornalismo. “Devi deciderti”, le diceva il
suo capo, ma lei ha continuato a esplorare
diverse forme espressive. Due delle sue fo-
so associato all’Africa: paesaggi aridi, cieli
minacciosi, rimandi al sangue e volti deco-
rati con disegni tribali. La sua arte non è le-
ziosa e si muove su dislivelli notevoli: l’Afri-
ca come aspirazione e l’Africa come abisso.
Oggi le rappresentazioni visive dell’Afri-
ca richiamano la dolorosa eredità del colo-
importante della mostra era la serie The to sono entrate a far parte della collezione nialismo proseguendo quell’opera di codi-
world is 9. Il titolo prende spunto da una fra- permanente del museo d’arte africana della ficazione delle immagini che era essenziale
se della nonna di Muluneh: “Il mondo è un Smithsonian institution, i suoi lavori sono per il progetto imperialista. La foto pubbli-
nove, mai completo e mai perfetto”. Per stati esposti al Moma e allo Hood museum cata dal New York Times nel 1993 di una
un’artista la cui identità è stata definita dal del Dartmouth college. Ma è stata la serie bambina affamata che viene osservata da

100 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Denkinesh/part one The departure

un avvoltoio è un esempio celebre, che ri- cano, per realizzare una specie di autori- mentre nel paese si diffondeva un clima di
chiama i temi della desolazione e del terro- tratto artistico e contribuire a una nuova riscossa democratica. Al primo ministro
re incombente. I ritratti dell’Africa tradisco- immagine del continente. “Cosa vogliamo Abiy Ahmed, che era stato nominato
no spesso un disinteresse a rivelare le pro- dire, come vogliamo dirlo e a chi. Non credo nell’aprile dello stesso anno, è stato attribu-
fondità e la straficazione del continente. che ci siano molte persone che vivono come ito il merito di aver riunito nel nome dell’or-
Muluneh rifiuta gli stereotipi radicati me tra due mondi. Sono parte della comu- goglio nazionale un popolo segnato dalle
nell’immaginario occidentale: le sue foto nità e allo stesso tempo sono un’estranea”. divisioni e di aver messo fine alla lunga
sono un coraggioso tentativo di reimmagi- guerra di confine con l’Eritrea.
nare, combinando quei cliché con una rap- Nulla di semplice Nel 2019 Muluneh ha realizzato tre foto
presentazione patinata, e attingendo sia ai L’Addis foto fest ha lo scopo di formare fo- per un’edizione speciale del settimanale
simboli nazionali sia al surrealismo. tografi emergenti, non solo etiopi ma anche Time dedicata all’ottimismo e curata dalla
A spingere Muluneh verso il fotogiorna- dal resto del continente, attivi in tutti i cam- regista Ava DuVernay. In un’immagine due
lismo sono state le dure immagini della ca- pi: fotoreporter, autori di ritratti, fotografi donne etiopi sono sedute davanti a uno
restia che sconvolse l’Etiopia negli anni ot- di moda e anche promotori di un messaggio sfondo azzurro dipinto con delle nuvole
tanta. Successivamente ha esplorato le politico. I seminari sono un’occasione per bianche. Una indossa un abito blu regale,
forme d’espressione indigene, spesso stig- conoscere i photoeditor di grandi giornali l’altra ha un vestito uguale ma rosso. Insie-
matizzate. come il Washington Post o il National Geo- me tengono stretta una rosa. Ai loro piedi
“Ho fatto ricerche sulle modificazioni graphic, e i fotografi di successo degli altri c’è una jebena, una caffettiera tradizionale
corporee rituali in tutto il continente”, mi paesi. Gli obiettivi di Muluneh – ispirare un etiope. Sullo schienale di una terza sedia è
spiega. Si è interessata alle pratiche di pittu- “rinascimento” fotografico nel continente dipinta una stella gialla sopra una falce e
ra del corpo, alle scarificazioni e ai tatuaggi, e cambiare il modo in cui viene vista l’Africa martello. L’immagine si presta a una lettura
ed è rimasta colpita dall’alto “livello di sofi- nel resto del mondo – si alimentano a vicen- positiva, fa pensare al potere delle relazioni
sticazione” delle narrazioni visuali nelle da, senza trascurare la sfera pratica. umane. Tuttavia, la tipica combinazione di
culture tradizionali, “anche se sono consi- Un’Etiopia più moderna e culturalmente simbolismo e surrealismo appare piatta e
derate primitive”. vivace sarebbe anche un paese con un turi- didascalica, come a voler suggerire che il
Il suo obiettivo è trovare “un’estetica smo più fiorente. modo in cui vediamo il progresso rischia di
visiva che non si basi su quella europea o Muluneh non nega che organizzare il essere semplicistico.
occidentale”, mi dice parlando dei progetti festival sia faticoso e che vorrebbe più so- Quando si tratta di opere su commissio-
messi in cantiere dopo il ritorno in Etiopia stegno dal governo. “È spiacevole dover ne, su un tema prestabilito, Muluneh è una
nel 2007. Ha fondato un’agenzia di consu- sempre andare dagli europei o da altri stra- specialista nello sfidare le aspettative. L’ar-
lenza creativa per “sviluppare ed educare la nieri” per chiedere finanziamenti. L’ha no- tista non manca di ambizione ma, come
società con l’arte”. Ogni due anni, dal di- tato soprattutto nel 2018, quando il festival suggeriscono le sue immagini meravigliose
cembre del 2010, organizza l’Addis foto ha coinciso con un’inattesa ondata di cre- e inquietanti, non vuole spacciare facile ot-
fest, il più grande festival di fotografia afri- scita e di riforme un tempo impensabili, timismo. u nv

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 101


Foto di Salvo Fundarotto

La casa editrice Sellerio ricorda onora e ringrazia


Andrea Camilleri per la sua straordinaria umanità, per
la sua opera meravigliosa, per il suo affetto generoso.
Cultura
I consigli Spider-man. L’ultima ora La mia vita

Cinema della
redazione
Far from home
Jon Watts
(Stati Uniti, 129’)
Sébastien Marnier
(Francia, 104’)
con John F. Donovan
Xavier Dolan
(Canada/Regno Unito, 123’)

Stati Uniti In uscita


Dominio assoluto Serenity. L’isola
dell’inganno
Di Steven Knight.
Con Matthew McConaughey,

Dr
Nel 2019 i Walt Disney story 4) mostrano in filigrana Anne Hathaway, Diane Lane.
studios hanno raggiunto come il successo della Disney Stati Uniti 2019, 106’
una quota di mercato si basi su acquisizioni miliar­ ●●●●●
del 35 per cento darie (Marvel e Pixar) e recu­ La relativamente tranquilla
pero di grandi classici. Se si vita del pescatore Baker Dill
Il botteghino statunitense si considera che a marzo la Di­ (Matthew McConaughey) è
avvia a una flessione del 10 sney ha inghiottito la rivale travolta dalla proposta della
per cento circa rispetto ai re­ Fox per 71 miliardi di dollari e sua ex moglie Karen (Anne
cord del 2018. Ma c’è chi fa Dumbo che nei prossimi mesi usci­ Hathaway) di uccidere l’attua­
festa ugualmente. Nel 2019 i ranno Il re leone, Frozen 2 e le marito (Jason Clarke), un
Walt Disney studios, attra­ di dominio non ha preceden­ l’ultimo capitolo di Star Wars, criminale, per dieci milioni di
verso la loro distribuzione ti. L’ultimo altro grande stu­ difficilmente qualcuno potrà dollari. Scritto e diretto da
Buena Vista, hanno guada­ dio di Hollywood a conqui­ insidiare il suo primato. Se le Steven Knight (Locke), Sereni-
gnato circa due miliardi di stare il botteghino è stato la sale sono dominate dalla Di­ ty, una specie di Fiamma del
dollari, raggiungendo una Universal che nel 2015 si era sney, il prossimo grande riva­ peccato in espadrillas, delude
quota di mercato del 35 per ritagliata una quota di merca­ le nel mercato dell’intratteni­ su vari fronti. Se l’idea era di
cento. Quindi più di un bi­ to del 22 per cento. I cinque mento è Netflix. Chissà che attualizzare il genere del thril­
glietto su tre acquistato in film che hanno portato a que­ succederà con l’avvento del ler tropicale, fatto di sole, ses­
Nordamerica era per vedere ste cifre (Endgame, Captain servizio streaming Disney+. so, sotterfugi e barche, non ha
un film Disney. Questo livello Marvel, Dumbo, Aladdin e Toy The Guardian funzionato. E non funziona
neanche quando la premessa
si perde in un’imprevista zona
Massa critica di follia, del resto familiare ai
Dieci film nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo temi del cinema noir.
ian Freer, empire
ST
PH

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM
EG

Edison. L’uomo
O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
EN
Re H E o I A

R
A

che illuminò il mondo


N
N

L E i ti L E
L E i to T

T i t i YO
ni D

ti I
E

IO
ni P
n Y

ni S H
E
n GE
R
a OB

U DE
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA
o AI

Fr IBÉ o

Di Alfonso Gomez-Rejon.
ci A

iU A
ci N
iU N

iU E
t

t
ad L

N
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

a
U

Fr M
Re H E

Fr F

St S
C E

Re E

St H E

St H E

Con Benedict Cumberbatch,


LO
o
H

Media
T

L
T

Michael Shannon.
DomiNo - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 - 11111 Stati Uniti 2017, 107’
●●●●●
americaN aNimals 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111 Il film racconta un momento
cardine nella storia della tec­
aNNaBelle 3 - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 11111 11111 nologia e del commercio: la
guerra scoppiata alla fine
BeauTiFul Boy 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 dell’ottocento tra Thomas
climax - 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 Edison e George Westing­
11111 11111 11111 house per l’elettrificazione de­
i FiGli Del Fiume… - 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 gli Stati Uniti. Una sceneggia­
tura brillante e briosa dà al re­
JulieT, NakeD 11111 - - 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111 gista la possibilità di usare
praticamente tutti i trucchetti
i morTi NoN… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - - 11111 cinematografici conosciuti.
Ma quello che non riesce a fa­
spiDer-maN: Far… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 re è generare il minimo inte­
resse per quello che capita a
Toy sTory 4 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111 uno qualsiasi dei personaggi.
Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo andrew Barker, Variety

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 103


Internazionale S.p.A. - Bilancio al 31/12/2018
Reg. Imp. 04003131002, Rea 811811, Sede in VIA PRENESTINA N. 685 - 00155 ROMA (RM) - Capitale sociale € 120.000,00 i.v.
Società soggetta a coordinamento e direzione di A.BE.T.E. SpA

Pubblicazione bilancio al 31.12.2018 ai sensi dell’art. 9 della delibera 129/02/Cons dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Stato patrimoniale attivo 31/12/2018 31/12/2017 Conto economico 31/12/2018 31/12/2017

A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti A) Valore della produzione
(di cui già richiamati )
1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 9.215.671 9.366.682
B) Immobilizzazioni 2) Variazione delle rimanenze di prodotti in 58 (190)
I. Immateriali lavorazione, semilavorati e finiti
122.961 232.064 3) Variazioni dei lavori in corso su ordinazione
II. Materiali 4) Incrementi di immobalizzazioni per lavori interni
43.137 58.502 5) Altri ricavi e proventi
- vari 38.791 15.109
III. Finanziarie 38.791 15.109
86.494 86.494
Totale Immobilizzazioni 252.592 377.060 Totale valore della produzione 9.254.520 9.381.601

C) Attivo circolante B) Costi della produzione


I. Rimanenze 420.382 324.805 6) Per materie prime, sussid., di consumo e di merci 852.179 1.008.458
II. Crediti 7) Per servizi 5.000.944 4.765.792
- entro 12 mesi 3.431.486 3.670.383 8) Per godimento di beni di terzi 120.607 120.407
- oltre 12 mesi 221 9) Per il personale
3.431.707 3.670.383 a) Salari e stipendi 2.063.669 2.001.818
III. Attività finanziare che non costituiscono - 211.501 b) Oneri sociali 614.287 572.198
Immobilizzazioni c) Trattamento di fine rapporto 163.294 155.242
IV. Disponibilità liquide 136.459 201.451 d) Trattamento di quiescienza e simili - -
e) Altri costi 530 80
Totale attivo circolante 3.988.548 4.408.140 2.841.780 2.729.338
10) Ammortamenti e svalutazioni
D) Ratei e risconti 68.493 76.259 a) Ammortamento delle immobil. immat. 109.103 109.717
b) Ammortamento delle immobil. mat. 21.600 22.596
Totale attivo 4.310.083 4.861.459 c) Altre svalutazioni delle immobilizzazioni
d) Sval. dei crediti compresi nell'attivo - 16.000
circolante e delle disponibilità liquide
Stato patrimoniale passivo 130.703 148.313
11) Var. delle rimanenze di materie prime, sussidiarie (95.519) (229.258)
A) Patrimonio netto
di consumo e di merci
12) Accantanomaneto per rischi
I. Capitale 120.000 120.000
13) Altri accantonamenti
II. Riserva da sovrapprezzo delle azioni
14) Oneri diversi di gestione 168.041 149.926
III. Riserva di rivalutazione
IV. Riserva legale 24.000 24.000
Totale costi della produzione 9.018.735 8.692.976
V. Riserve statutarie
VI. Riserve per azioni proprie in portafoglio -
Differenza tra valore e costi di produzione (A-B) 235.785 688.625
VII. Altre riserve 100.000 299.999
VIII. Utili (perdite) portati a nuovo 1.865.422 1.487.511
C) Proventi e oneri finanziari
IX. Utile d'esercizio 170.959 477.911
15) Proventi da partecipazioni
X. Riserva negativa per azioni proprie in portafoglio (350.000) (200.000)
16) Altri proventi finanziari
a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni
Totale patrimonio netto 1.930.381 2.209.421
b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni
c) da titoli iscritti nell'attivo circolante 19.009 2.680
B) Fondi per rischi e oneri
d) proventi diversi dai precedenti
- da imprese controllate
C) Trattamento fine rapporto di lavoro subordinato 1.059.849 931.135
- da imprese collegate
- da controllanti 1.677
D) Debiti
- altri 2.606 2.759
- entro 12 mesi 1.317.353 1.720.903
23.292 5.439
- oltre 12 mesi
1.317.353 1.720.903 17) Interessi e altri oneri finanziari
- da imprese controllate
E) Ratei e risconti 2.500 - - da imprese collegate
- da controllanti
Totale passivo 4.310.083 4.861.459 - altri 2.182 9
2.182 9
17-bis) Utili e perdite su cambi (5.020) 528

Totale proventi e oneri finanziari 16.090 5.958

D) Rettifiche di valore di attività finanziarie


18) Rivalutazioni
19) Svalutazioni

Totale rettifiche di valore di attività finanziarie

Dettagli voci attività editoriale Anno 2018 E) Proventi e oneri straordinari


01 Vendita di copie 7.104.897 20) Proventi
02 Pubblicità 1.367.135 - plusvalenze da alienazioni
- varie
03 - Diretta 203.356 - differenza da arrotondamento all'unità di Euro
04 - Tramite concessionaria 1.163.779
05 Ricavi da editoria on line 546.176 21) Oneri
06 - Abbonamenti 358.737 - minusvalenze da alienazioni
07 - Pubblicità 187.439 - imposte esercizi precedenti
08 Ricavi da vendita di informazioni - - varie
- differenza da arrotondamento all'unità di Euro
09 Ricavi da altra attività editoriale 80.783
10 Totale voci 01+02+05+08+09 9.098.991
Totale delle partite straordinarie

Risultato prima delle imposte 251.875 694.583


22) Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti
differite e anticipate
a) Imposte correnti 81.137 216.672
Il Presidente del Consiglio di amministrazione b) Imposte differite (221)
c) Imposte anticipate
BRUNETTO TINI 80.916 216.672

23) Utile (Perdita) dell'esercizio 170.959 477.911


Cultura

Libri
Italieni Dalla Germania
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Nazisti fino alla morte
Questa settimana l’israeliana
Sivan Kotler.

UNIVERSAL HIStoRy ARCHIVE/UNIVERSAL IMAGES GRoUP/GEtty


Un saggio di Florian Huber Berlino, aprile 1939
Francesca Maccani ricostruisce l’ondata di
Fiori senza destino suicidi che accompagnò
Sem, 138 pagine, 15 euro la fine del terzo Reich
● ● ●●●
Dieci vite che si raccontano. Con l’avvicinarsi della fine del
Bambini che precocemente terzo Reich un’ondata di suicidi
diventano uomini, ragazzine investì la Germania. Ma non so-
che nascono donne. Un circo- lo gli alti ranghi dell’esercito e
lo transgenerazionale che di del partito nazista. In Promise
vizioso ha ben poco delinea me you’ll shoot yourself il docu-
con crudeltà dieci destini in mentarista tedesco Florian Hu-
bilico tra carnefice e vittime. ber racconta, attraverso diari, li-
La Sicilia si rivela un terreno bri di memorie e racconti di te-
arido, pieno di pericoli, pieno stimoni, come circa ventimila
di speranze. Mentre la scuola persone comuni di ogni profes-
del quartiere Cep, Centro edi- sione e censo scelsero il suicidio ne. In parte furono vittime della quanti si erano tolti la vita nei
lizia popolare, è un luogo sicu- invece di affrontare la disfatta stessa propaganda nazista che primi tre anni di guerra. Questa
ro anche quando sicuro non lo del loro mondo. Nella cittadina dipingeva gli invasori come mo- ondata suicida fu messa a tace-
è. C’è la storia di Rosy che di Demmin, non lontana da stri. Il suicidio di Hitler non re, come tanti altri fatti, da una
mangia per non pensare, pri- Berlino, tra il 28 aprile e il 3 c’entra. Il suo mito era già finito sorta di tacito patto. Ma i tempi
gioniera di un corpo che cre- maggio del 1945 si tolse la vita da tempo. Nei mesi successivi sono cambiati e i tedeschi conti-
sce nell’adolescenza e di un un migliaio di persone. Intere alla sconfitta di Stalingrado, per nuano a scoprire i traumi pro-
cervello da bambina, preda fa- famiglie, vecchi e bambini. Al- esempio, circa duemila militari fondi che hanno vissuto.
cile per un mondo viscerale. cuni si prepararono per settima- si suicidarono, il doppio di The Times
Di Cettina, un’ospite indeside-
rata nella propria casa, seduta
da sola, sul balcone, al freddo, Il libro Goffredo Fofi
in attesa che sua madre le dia
il permesso di rientrare. Le-
zioni, campanelle e ricreazioni
Dentro la storia più terribile
di una vita che non si ferma
mai. Dietro ai banchi è seduto
Milo, che non crede più a dio Luciano Mecacci campagna, mendicando, meno tremendi. Mecacci
da quando la sua sorellina è Besprizornye rubando, prostituendosi, opera da grande scrittore, e
stata investita. Gaetano, che Adelphi, 274 pagine, 22 euro drogandosi, ha ossessionato interrompe racconto e analisi
se avesse avuto il coraggio di È un volume della bella chi la incrociò, vedi romanzi o con poesie e canzoni nate in
sognare, avrebbe voluto di- collana L’oceano delle storie memorie di Bulgakov, quel periodo e con le citazioni
ventare un giorno come Balo- che conferma Mecacci – Platonov, Pasternak, più appropriate. Parla dei
telli e Schillaci, suoi eroi, an- psicologo, specialista dei russi Paustovskij, Ehrenburg, modi del regime di intervenire
nega in un’emorragia sociale. come Lurija – grande narratore Solženicyn, Asja Lācis, Zanotti positivamente, ma anche di
Dieci ragazzi tra casa e casa anomalo, dopo La ghirlanda Bianco. Alcuni (Voinov, repressione poliziesca,
famiglia, abitano nella loro fiorentina che ricostruiva la Makine) cresciuti in quel efferata negli anni delle
precarietà. Le loro storie sono messa a morte di Giovanni contesto. Se ne seppe, in Italia, “purghe”. La sua è una storia
legate a quella di Sara, la loro Gentile, nel 1944. La storia dei per il film di Nikolaj Ekk Il corale immensa, narrata con
insegnante. È suo il grido della besprizornye, i bambini che cammino verso la vita e certi vigore e controllata
speranza in un luogo privo di nella Russia bolscevica, dopo articoli di Lo Gatto. partecipazione, dentro la
futuro. Sono fiori destinati a la guerra civile e le grandi Esperienze subumane e che in terribile storia del novecento.
crescere, in cerca di un adulto carestie, si aggiravano in modi non troppo diversi si Un saggio che vale mille
che possa accompagnarli. branchi di migliaia di città in ripetono oggi in contesti non romanzi. u

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 105


Cultura

Libri
Anuradha Roy no, l’amore omosessuale proi- spiritualità indiana e gli abusi riferimenti ad automobili, te-
Sotto le lune di Giove bito di una guida turistica stra- sessuali che dilagano nei suoi lefoni e computer, questo in-
Bompiani, 272 pagine, 22 euro vagante, i demoni nascosti poco sacri confini. ferno sembrerebbe radicato in
● ● ● ●● della fotografa Suraj, che col- Meena Kandasamy, uno stato sudista prima della
A sette anni, nel giro di un paio labora al film. La prosa cesel- The Guardian guerra civile. I contadini – dei
di giorni, Nomita assiste lata di Anuradha Roy le per- prigionieri, in sostanza – non
all’uccisione del padre per ma- mette di esporre efficacemen- James Hannaham sanno neppure in quale contea
no di uomini armati, perde il te le infinite e infide ipocrisie Ultima fermata Delicious o in quale stato si trovano. So-
fratello ed è abbandonata dal- della società indiana: preti se- Rizzoli, 439 pagine, 20 euro no minacciati e picchiati fino a
la madre. Questa brutale espe- minudi che fanno storie sugli ●●●●● che non si spezzano. I proprie-
rienza, rievocata a distanza di abiti delle donne; il turismo Ultima fermata Delicious è un tari di Delicious foods, una
anni in una prosa deliberata- che celebra le incisioni eroti- romanzo sensazionale sulla coppia di bianchi grottesca e
mente inquietante, apre il ro- che sui muri del tempio pur tenacia del razzismo e le sue malaticcia, si librano come
manzo di Anuradha Roy. La continuando a negare l’abuso bizzarre trasformazioni. Nat e due fantasmi di metà ottocen-
ragazza finisce in un orfano- sessuale dei bambini; l’uomo Darlene cercano di prosperare to. Ma Hannaham descrive
trofio gestito da un guru spiri- “progressista” pronto a mette- nel terreno tossico della Loui- abusi sul lavoro che esistono
tuale di fama internazionale, re le mani addosso a una don- siana. La sfida più grande è so- tuttora. Ron Charles,
prima di essere adottata na se una discussione rischia pravvivere al clima di terrore e The Washington Post
all’estero. Dopo il trasferimen- di sfuggirgli di mano. Violenza a un sistema legale che mostra
to in Norvegia, è ancora osses- e misoginia sono ancora la re- scarso interesse per i crimini María Dueñas
sionata dal ricordo di essere gola, quando Nomita torna nei commessi contro i neri. Uno di Le figlie del capitano
stata abusata sessualmente luoghi della sua infanzia. questi crimini riesce a manda- Mondadori, 538 pagine, 22 euro
dal guru. A 25 anni Nomita Nell’affrontare questi proble- re in frantumi il pensiero posi- ●●●●●
Frederiksen torna nella città di mi dell’India contemporanea tivo di Darlene e la spinge alla Una delle ragioni del successo
Jarmuli e nel suo tempio, co- Roy usa l’arma più potente tossicodipendenza e alla pro- dei romanzi storici è che rie-
me assistente di un regista, nell’arsenale di uno scrittore: stituzione. Il romanzo si tra- scono ad affrontare problemi
per chiudere i conti con il pas- la forma del romanzo, con la sforma in qualcosa di più sur- attuali e pressanti dando allo
sato. Intrecciate alla trama sua capacità di essere simulta- reale quando Darlene è co- stesso tempo al lettore la tran-
principale ce ne sono altre: la neamente universale e parti- stretta a lavorare come racco- quillità che offre la distanza
storia di tre donne anziane colare, un mezzo con cui sma- glitrice nella fattoria Delicious temporale. Le figlie del capita-
che Nomita incontra su un tre- schera il volto nascosto della foods. Se non fosse per alcuni no parla di emigrazione ma è
ambientato nella New York
del primo novecento. Precisa-
Non fiction Giuliano Milani mente, in una comunità ispa-
nica che contava quarantamila
Degli editori sappiamo poco abitanti, venuti da ogni angolo
della Spagna. Dueñas ricrea
magistralmente queste vite
con un respiro epico. Combina
Cristina Taglietti autore, riescono a scalare posi- dalla Palermo della Sellerio al- efficacemente i trucchi della
Risvolti di copertina. zioni o a sfondare. Tutto que- la Milano di Feltrinelli, Gems cucina letteraria con una capa-
Viaggio in 14 case editrici sto è piuttosto noto. Molto me- e molte altre, passando per cità non comune di empatia.
Laterza, 160 pagine, 15 euro no lo è il modo in cui nelle case Roma, Firenze, Bologna, Tori- Emilio Arenas di Malaga apre
Negli ultimi decenni l’editoria editrici, grandi e piccole, si la- no. L’impressione è quella di una tavola calda a New York
italiana ha subìto grandi cam- vora concretamente: quale è una grande varietà e ci si chie- che si chiama El Capitán.
biamenti. Molte case editrici stato il progetto iniziale, quan- de se davvero sia possibile Quando il ristorante va in rovi-
sono state concentrate in po- ti libri si pubblicano, come mettere nella stessa categoria na, sono le sue figlie, le figlie
chi grandi gruppi. Oggi alcuni vengono prese le decisioni, l’appartamento romano del capitano, a prenderne le
marchi storici del secondo no- quanto si fattura. A queste do- dell’Orma, la villa fiorentina di redini e quando il padre muo-
vecento che i lettori credono mande permette di rispondere Giunti o il palazzo della Mon- re, lo trasformano in un night
diversi e in concorrenza tra lo- questo reportage di Cristina dadori a Segrate. Il dato comu- club mentre aspettano un ri-
ro fanno in realtà parte della Taglietti, giornalista culturale ne, tuttavia, riemerge e resti- sarcimento dal tribunale.
stessa azienda. Accanto a que- del Corriere della Sera, che in tuisce concretamente l’essen- L’epopea dei personaggi ano-
ste grandi costellazioni ci sono quattordici capitoli racconta za del lavoro editoriale: sce- nimi si unisce alle apparizioni
editori piccoli che, magari gra- altrettante case editrici per- gliere e curare un testo, nutrire di spagnoli leggendari.
zie a un solo libro o a un solo correndo l’Italia da sud a nord, e ascoltare un pubblico. u Juan Ángel Juristo, Abc

106 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


I consigli Richard Powers Ilaria Gaspari Rodolphe Christin
della Il sussurro del Lezioni di felicità Turismo di massa e usura
redazione mondo (Einaudi) del mondo
(La nave di Teseo) (Elèuthera)

Gialli Ragazzi
ODED BALILTy (Ap/ANSA)
Il fantasy
è donna
N.K. Jemisin
La quinta stagione
Mondadori, 490 pagine, 15 euro
Joyce Carol Oates N.K. Jemisin se non ci fosse bi-
My life as a rat sognerebbe inventarla. Autri-
Ecco ce fantasy tra le più prolifiche,
La figlia più piccola di una ha messo al centro della sua
grande famiglia irlandese cat- narrazione le minoranze, l’op-
tolica è testimone del tentati- pressione culturale e un piane-
XErXES © 2019 FrANK MILLEr

vo di insabbiare il pestaggio di ta che stiamo lentamente ma


un ragazzino da parte dei suoi inesorabilmente distruggen-
fratelli. Ma quando il ragazzi- do. Jemisin è afroamericana,
no muore, lei dice la verità. la prima a vincere il premio
Hugo, uno dei premi più im-
Bernard Minier portanti del mondo fantasy.
M, le bord de l’abîme Una donna insomma con le
XO
Una ragazza francese va a
Fumetti spalle robuste e con una fanta-
sia che non sfocia mai nel ba-
Hong Kong a lavorare per un
gigante del digitale cinese. Si
L’astrazione nascosta nale. I suoi romanzi sono sem-
pre intelligenti, senza perdere
sente costantemente seguita e però tutta la suspense che ser-
spiata e si trova spesso di fron- ve per tenere il lettore inchio-
te a casi di morte. Minier è un Frank Miller maestro assoluto come Jack dato alla pagina. Finalmente
autore francese nato nel 1960. Xerxes Kirby. Anche lì troviamo le di questa autrice immensa ar-
Magic press, 112 pagine, basi di questa sapiente riva in Italia la trilogia La terra
Domingo Villar 20 euro (con)fusione tra l’arcaico e il spezzata, di cui è appena usci-
El último barco Lo stile grafico di Frank Miller, (post)moderno che dovrebbe to il monumentale (primo del-
Siruela raffinatissimo e immediato, interessare anche storici la serie) La quinta stagione. Il
Sulle coste della Galizia, dopo concettuale e astratto, affonda dell’arte e artisti concettuali. mondo non ha più continenti,
una tempesta, il chirurgo Víc- le sue radici nella scuola lati- Sorta di ideale proseguimen- anzi uno ne è rimasto, è l’im-
tor Andrade denuncia la na, in autori argentini, come to al capolavoro 300 (1998), moto ed è il frutto di mille ca-
scomparsa della figlia, che tut- Alberto Breccia, o italiani, co- Xerxes racconta dei re persia- tastrofi e mille cataclismi. Del
ti i giorni deve attraversare un me Sergio Toppi. Se Toppi la- ni Serse e Dario III, in guerra passato ci sono solo tracce fu-
estuario per andare al lavoro. vorava sull’astrazione nasco- contro i greci e il macedone gaci, obelischi che fluttuano
Domingo Villar è uno scrittore sta dentro la roccia, dentro il Alessandro Magno. L’insen- tra le macerie di un mondo av-
spagnolo nato nel 1971. granito, confondendo così i li- satezza della guerra è più an- volto in un eterno inverno. Un
velli che separano il biologico cora che in 300 lo specchio mondo di creature, di paure,
Mons Kallentoft dal minerale e il figurativo della follia umana. Miller ne di delitti. E in mezzo ci sono
Se mig falla dall’astrazione, Miller perso- fa tuttavia un possente poe- gli orogeni, coloro che sanno
Bokförlaget Forum nalizza, e molto, il concetto. E ma epico dove si annullano i prevedere l’arrivo di queste
Stoccolma, 2015. Tim accom- al contempo è anche l’unico confini tra le stilizzazioni ar- stagioni una più catastrofica
pagna la figlia di 16 anni a ad aver continuato la lezione caiche dei vasi greci e quelle dell’altra. Gli orogeni sono te-
prendere l’aereo per Maiorca. dei grandi disegnatori Marvel del fumetto, un poema dove muti e perseguitati. Braccati e
Sono le prime vacanze che fa degli anni sessanta e settanta, l’essere divino e la macchina, in fuga perenne. La storia par-
senza i genitori. Non tornerà fatta di sperimentazione tra o meglio ancora l’androide, è la di tre di loro, Damaya, Es-
più. Kallentoft è uno scrittore l’astrazione e il concettuale come se fossero ormai ema- sun e Syenite. Siete avvertiti, il
svedese nato nel 1968. dietro l’apparenza figurativa: nazioni di un’unica fusione. fantasy è una donna nera: non
Maria Sepa disegnatori come Steve Ditko, Uno stato unico delle cose. dimenticate il suo nome.
usalibri.blogspot.com Jim Steranko e ovviamente un Francesco Boille Igiaba Scego

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 107


Cultura

Musica
Dal vivo Dal Brasile
Lauryn Hill
Perugia, 21 luglio
Contro il sistema
umbriajazz.it
Locorotondo (Ba), 7 agosto
gruppo è Loïc Koutana, fran-

DR
locusfestival.it La band Teto Preto
rappresenta tutto ciò che cese e omosessuale. La musi-
Calexico + Iron & Wine non piace a Jair Bolsonaro ca della band è un mix di in-
Milano, 22 luglio dustrial, rock ed elettronica
triennale.org È il 15 marzo 2018. I Teto Pre- impregnato di tradizione
Gardone Riviera (Bs), 23 luglio to stanno suonando per stra- brasiliana, dal samba al jazz.
anfiteatrodelvittoriale.it da a São Paulo. La loro esibi- Il loro brano Gasolina è stato
Roma, 24 luglio zione è un appello a una poli- la colonna sonora delle ma-
villaada.org tica più umana, ma anche Teto Preto nifestazioni contro le Olim-
Firenze, 25 luglio un’espressione di rabbia con- piadi a Rio. Il loro primo di-
ironandwine.com/tours tro una società sempre più ta la cantante. São Paulo è la sco, Pedra preta, è uscito nel
Monforte d’Alba (Cn), conservatrice. La cantante quinta città più grande del novembre 2018. Oggi fare
26 luglio Laura Diaz, in arte Carneos- mondo. Qui i Teto Preto gui- musica nel paese non è sem-
langhe.net/eventi so, è nuda sul palco. Le lan- dano una vivace scena musi- plice, spiega Koutana: “Co-
ciano un oggetto. “Un uomo, cale alternativa, ancora più me disse Tom Jobim: ‘Il Bra-
Gaeta Jazz Festival disgustato da quello che fa- fertile dopo la vittoria alle ele- sile non è un paese per princi-
Yazmin Lacey, Joe Armon-Jones cevo, mi ha tirato il suo cap- zioni di Jair Bolsonaro. I Teto pianti’. Dobbiamo creare un
sextet, Dele Sosimi Afrobeat pello bianco per dirmi di co- Preto sono tutto quello che il sistema alternativo a quello
Orchestra prirmi. Avevo il ciclo. Me lo presidente odia: mettono in- attuale, trovarlo nella creati-
Gaeta (Lt), 25-28 luglio sono strusciato tra le gambe sieme bianchi, neri, femmini- vità e nell’arte”.
gaetajazzfestival.it e gliel’ho restituito”, raccon- ste e gay. L’altro frontman del Brice Miclet, Les Inrocks

Afro Cuban All Stars


Napoli, 24 luglio Playlist Pier Andrea Canei
facebook.com/noisynaplesfest

Ortigia Sound system


Feelgood teauton
Giorgio Moroder, Neon Indian,
Emmanuelle, Kokoko!
Siracusa, 24-28 luglio La Scapigliatura Ed Sheeran Iamthemorning
ortigiasoundsystem.com

Pinewood Beach
1 Ios Mykonos
È un gioco di parole o
un’epifania cicladica? “Ios My-
2 Blow (feat. Bruno Mars e
Chris Stapleton)
Per mettere a fuoco la propria
3 Blue sea
La banalità del mare in-
crespata da un vento di arpeg-
Myss Keta, Nu Guinea, Massimo konos? Paros che sì”. Con af- identità, la si mette in dubbio? gi di pianoforte e chitarra acu-
Pericolo, Speranza flato poetico sbruffoncello di Chi l’avrebbe detto che uno dei stica, a sospingere alla deriva
Vasto (Ch), 25-26 luglio “riconoscere me stesso spec- migliori pezzi rock dell’anno la malinconica voce di Marja-
facebook.com/pinewoodfest chiato in questo blu mare gre- sarebbe venuto da Ed Sheeran, na Semkina, come una Kate
co” si veleggia tra lo gnōthi industriale della ballata pop Bush sul Baltico. Con i russi, lo
sautón del bravo liceale e le globale? E quel video en trave- insegna la storia, c’è da soffri-
DR

isole greche deprecate da sti, pure con Bruno Mars che re: e infatti il ciclo di canzoni
Claudio Bisio in Rapput. In av- sculetta e ammicca alla Prince architettate dalla vocalist con
vio casca la parola “metempsi- e dice “hot damn!” alla Up- il partner/pianista Gleb Kolya-
cosi”, con vocina su sfondo di town funk. Fila tutto liscio, po- din per il nuovo album The bell
elettronica e oud mediorienta- wer riff e beat un po’ Kravitz (esce il 2 agosto) esplora cru-
li, ed è quasi un post Voglio ve- heavy o Led Zep light. E la co- deltà e castighi che rendono il
derti danzare. Certo, all’arca di sa di travestirsi da donne ro- loro art pop schubertiano adat-
Battiato non si può più torna- cker, celebrazione della gen- to a chi è pronto a condividere
re. Ma ci si affeziona al ritorno der fluidity livello Hollywood. la sdraio con un’Anna Kareni-
del duo Jacopo e Niccolò Bodi- Vince la goduria di una nuova na o equivalenti, tipo spiagge
Yazmin Lacey ni su Blue Star dal Pireo. feelgood hit of the summer. tempestose.

108 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Pop Thom Yorke Artisti vari Bill Callahan
Scelti da Giovanni Anima Revenge of the dreamers Shepherd in a sheepskin
Ansaldo
XL III vest
Dreamville Drag city

Album Kokoko! vista unico. Ispirato in parte


all’opera della scrittrice di fan-
Kokoko! tascienza Ursula K. Le Guin, il
Fongola disco guizza tra il pop, la psi-
Royal Mountain chedelia, il folk e il jazz con
●●●●● animo eccentrico, esplorando
Il nuovo disco dei Kokoko! è regni senza regole. Sarebbe fa-
una di quelle cose che ti fanno cile definire surreale il mondo
pensare: “Wow, com’è possibi- di Mega Bog, ma è un termine
le?”. La risposta è al tempo spesso inteso come sinonimo
stesso semplice e difficile, per- di fantasia e allucinazione. Al
ché c’entra la follia di Kinsha- contrario, Mega Bog è sempre
sa, capitale della Repubblica presente, consapevole di colti-
DR

Democratica del Congo. Fon- vare la sua immaginazione per


gola reinventa l’originalità dei sax, o hip hop sghembo e chi- sex oggi suona come un inno trovare un senso alla realtà.
Talking Heads e il punk disco tarre piene di riverbero nella dimenticato: con il suo groove Quinn Moreland, Pitchfork
degli Esg ed esplode in un vena dei My Bloody Valentine. sinuoso è a metà strada tra una
mondo di dance afrofuturista. La voce di Hynes è un ulterio- colonna sonora da porno new Vlado Perlemuter
I Kokoko! hanno preso i beat re elemento divisivo: ora fragi- age e la dance psichedelica di Milestones of a piano
del collaboratore francese Dé- le, ora stridula e tagliente. C’è band dell’epoca come Orbital legend
bruit e hanno portato Fela Kuti talmente tanta carne al fuoco e Primal Scream. Vlado Perlemuter, pianoforte,
e James Brown nel nuovo mil- che Angel’s pulse fatica a pren- Andrew Ryce, con artisti vari
lennio. Le parti vocali sono ur- dere una forma precisa. Que- Resident Advisor Membran
la che emergono da suoni tra- sta è la materia di cui sono fatti ●●●●●
dizionali, strumenti costruiti gli autori di culto ma anche Mega Bog Ovviamente c’è Ravel: nel
con i rifiuti trovati per strada e quella per cui è stato inventato Dolphine 1929 Vlado Perlemuter aveva
sintetizzatori usciti da un con- il tasto “skip”. Paradise of Bachelors eseguito per la prima volta l’in-
testo dove gli unici che posso- Alexis Petridis, ●●●●● tegrale del compositore dopo
no permettersi delle attrezza- The Guardian “Non soffocare mai quella avere lavorato tre anni con lui.
ture sono i pastori evangelici canzone mistica che è sepolta Forse è per questo che i suoi
agli angoli di strada. Fongola è Coil dentro di te”, sussurra Erin Miroirs o il suo Gaspard de la
una rivoluzione ritmica e una Gay men’s guide Birgy nel suo quinto album nuit suonano così liberi? C’è
fonte d’ispirazione per chi to safer sex pubblicato come Mega Bog. un tocco di malinconia: negli
vuole uscire dagli schemi. Musique pour la danse Da quando ha scelto di farsi studi parigini del 1955 il piani-
Nilan Perera, Exclaim! ●●●●● chiamare così, l’artista losan- sta celebra l’arte di un tempo
Gay men’s guide to safer sex fu gelina ha seguito questa rego- ormai passato con un po’ di
Blood Orange un documentario educativo la: la sua musica trabocca di pudore, tranne che in un con-
Angel’s pulse del 1992 prodotto dall’associa- immagini di scorpioni, sala- certo per la mano sinistra di
Domino zione per la ricerca sull’Aids mandre blu, serpenti contorti violenza devastante. In questa
●●●●● Terrence Higgins Trust. L’idea e troll che divorano carne cru- raccolta c’è anche l’integrale
Angel’s pulse, il mixtape che se- era tanto nobile quanto inedi- da. Dolphine è un album im- delle sonate di Mozart del
gue l’acclamato album Negro ta: parlare ai gay di salute e hiv perscrutabile ed esprime in 1956, vertice dell’arte di Perle-
swan, mostra l’aspetto più affa- in modo rispettoso, insegnar- maniera genuina un punto di muter: purezza di suono, viva-
scinante dell’inquietudine gli ad avere rapporti sessuali cità dei ritmi, irresistibile ele-
musicale di Dev Hynes, in arte protetti senza demonizzare il ganza del fraseggio e una sotti-
Blood Orange: è un continuo sesso. Il film era bizzarro e an- le malinconia. E poi alcune re-
zampillare di idee musicali e che abbastanza erotico per es- gistrazioni di Chopin magiche
di influenze diverse. Nei due sere un documentario, ma il per la malinconia (ancora!) e la
minuti che aprono il disco si dettaglio più curioso era la co- grazia. Una Trota schubertia-
cambia freneticamente stile lonna sonora composta dal na, con i ruvidi archi del quar-
ADAM GUNDERSHEIMER

dal classico indie pop a qualco- duo elettronico sperimentale tetto Pascal trascinati dal suo
sa di non troppo lontano dei Coil. Questa ristampa mo- piano argentino, aumenta il
dall’rnb saturo di autotune di stra come i Coil fossero capaci rimpianto: Vlado Perlemuter
Drake, ma senza il suo machi- di creare anche musica sen- ha registrato troppo poco.
smo. Poi c’è un po’ di pop de- suale e piena di speranza. The- Jean-Charles Hoffelé,
corato con improvvisazioni al me from gay men’s guide to safer Mega Bog Classica

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 109


Cultura

Schermi
Documentari YouTube
L’altro spazio La sfida
Rai Storia, sabato 20 luglio
ore 22.50 dell’estate
In viaggio tra le aree interne
d’Italia con Mario Cucinella, Ogni estate che si rispetti porta
architetto e designer, per con sé un tormentone latino e,
raccontare il presente e il più di recente, una stramba
possibile futuro di territori dal sfida da filmare e condividere
grande potenziale innovativo. in rete. Nel 2014 a
ossessionarci furono Bailando
L’uomo si è mangiato di Enrique Iglesias e la ice
la Terra bucket challange, che
Arte.tv prevedeva secchiate d’acqua
Nell’era che gli scienziati ghiacciata in testa. Per il 2019
chiamano antropocene,
emissioni di diossido di
Serie tv non sappiamo quale sarà la
canzone più trasmessa nelle
carbonio, sfruttamento delle
risorse, rifiuti e riscaldamento
Lo zar spiegato bene spiagge, ma è chiara la gara
online: si chiama bottle cap
globale lasciano un’impronta challenge e per vincere si deve
indelebile sul pianeta. Netflix, 6 episodi cosa stiamo vedendo, come se svitare il tappo di una bottiglia
Nella serie The last czars uno le ricostruzioni fossero inutili, con un calcio volante. Dopo le
The great hack degli aspetti più ridicoli dei do- per esplicitare che lo zar era prove di calciatori come Zlatan
Netflix cumentari storici, cioè le rico- come il capo di stato maggiore, Ibrahimović e Paul Pogba, con
Dal Sundance 2019 struzioni, raggiunge nuovi in- il primo ministro e il papa mes- l’hashtag #bottlecapchallenge
un’immersione nel mondo sospettabili abissi. Incredibili si insieme. Ma a volte, come spuntano sui social le prime
oscuro dello sfruttamento dei somme di denaro sono state nel caso della scena con Ra- testimonianze di utenti
dati personali, un’industria spese per orribili posticci, su sputin e la contadina, sembra decisamente più creativi, che
globale da mille miliardi di cui svetta la barba di Rasputin. quasi che i produttori vogliano usano tavole da wakeboard e
dollari all’anno, con Eppure ogni tanto saltano fuo- prendersi in giro da soli. alettoni di auto sportive.
testimonianze inedite dai ri degli esperti per spiegarci The Times Gaia Berruto
diversi fronti dello scandalo
Cambridge Analytica.

Solitary
Televisione Giorgio Cappozzo
Rai Tre, giovedì 25 luglio
ore 0.05
Allunaggio in mondovisione
In un carcere di massima
sicurezza statunitense i
detenuti più pericolosi sono Prima inforcò il telescopio, ma novre spaziali e di inquadrare i la retorica della mondovisione:
segregati 23 ore al giorno. Il si vedeva poco. Allora accese volti della gente, i loro sguardi “‘Questo piccolo passo inau-
documentario segue il la tv. Paolo VI seguì l’allunag- incantati come nelle illustra- gura…’ e non ricordo più bene
percorso che dopo li riporta a gio da comune spettatore. Il zioni di Norman Rockwell. La cosa inaugurasse; certamente
convivere con gli altri. pontefice, che dei segreti cele- tv divorò lo sforzo ingegneri- c’entrava il futuro, l’umanità, il
sti si presumeva fosse l’unico stico della Nasa. “Il percepito progresso, la scienza, il benes-
Soviet hippies custode, salutò l’impresa con vinse sul reale”, dirà Margheri- sere, la moralità. Il tutto spie-
Sky Arte, mercoledì 24 luglio tono laico: “Non è un sogno ta Hack. Le telecamere, i colle- gato da un militare in carriera.
ore 22.15 ma è la fantascienza che di- gamenti radio, l’Apollo 11, il Era una frasaccia banale e sco-
Negli anni settanta anche a est venta realtà”. Aprì le braccia a talk bisticciato tra Ruggero lastica […] pensata in funzione
esisteva una cultura benedire lo schermo, finestra Orlando e Tito Stagno, il set televisiva; giacché come una
underground, come il di un Angelus rivolto a un pub- sabbioso, gli astronauti che volta la storia assumeva la po-
movimento hippy sovietico: blico planetario. Nelle stesse galleggiavano maldestri. La di- licroma grazia delle vetrate
giovani che nonostante il ore, dagli Stati Uniti, Piero An- retta tv strappò la Luna al mi- chiesastiche, oggi si racchiude
regime riuscirono a vivere in gela chiedeva agli operatori di stero di santi e poeti. Scriverà e minimizza nello schermo
modo alternativo e colorato. ignorare i monitor con le ma- Giorgio Manganelli, criticando grigiastro del televisore”. u

110 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Cultura

Arte
Rebecca Horn Bani Abidi, Karachi Series I, 2009
Centre Pompidou-Metz,
fino al 13 gennaio 2020
Il Pompidou-metz celebra re-
becca Horn con la mostra inti-
tolata Teatro delle metamorfosi,
dove l’artista trascende una
sensibilità costruita sui model-
li surrealisti. Nel 1972 Harald
Szeemann aveva dedicato la
mitica Documenta 5 di Kassel
alle mitologie individuali. Tra
gli artisti c’era la giovane tede-
sca rebecca Horn invitata

BANI ABIDI (Per geNTILe coNceSSIoNe DI KüNSTLerIN & exPerImeNTer, KoLKATA)


pensando all’opera Unicorno
realizzata nel 1970: sulla som-
mità del cranio, la performer
indossa una protesi di tessuto,
una lunga protuberanza bian-
ca imbrigliata con delle cin-
ghie bianche al corpo nudo. La
mostra mette in luce tutta la
gamma di forme espressive
usate dall’artista che insiste su
temi mediati dalla mitologia,
in particolare la metamorfosi.
Les Inrockuptibles

Serpentine pavilion
Kensington gardens, Londra,
fino al 6 ottobre
Il progetto realizzato dall’ar-
chitetto Junya Ishigami rappre- Germania
senta il vertiginoso trionfo
dell’ingegneria sullo schiac-
ciante peso di una copertura in
Pakistan oggi
pietra. ma il Serpentine pavi-
lion di quest’anno è segnato
dalle polemiche. Dopo le di- Bani Abidi schermo assistiamo alle prove le anche il video con due Abidi
missioni dell’amministratrice They died laughing, della banda che armeggia con sedute fianco a fianco che
delegata Yana Peel in seguito a Martin Gropius building, gli strumenti, nell’altra l’obiet- mangiano manghi e litigano
un’inchiesta del guardian, la Berlino, fino al 22 settembre tivo registra quello che succe- sul primato della qualità india-
notizia che Ishigami usa stagi- I musicisti sono esperti, ma gli de per la strada. Il video è na o di quella pachistana. Due
sti non retribuiti con orari di la- è stato affidato un compito dif- l’analisi umoristica della situa- monitor trasmettono notiziari
voro punitivi ha scatenato una ficile. L’artista Bani Abidi gli zione del Pakistan dopo l’11 letti rispettivamente da una
tempesta. La struttura ha il ha spedito una registrazione settembre, della situazione donna con il velo e da una
profilo di un’onda. esterna- scoppiettante dell’inno nazio- postcoloniale – le bande di cor- donna in sari. Abidi dimostra
mente i frammenti frastagliati nale statunitense chiedendo- namuse sono un’eredità familiarità sia con la vita quo-
di ardesia grigioverde sembra- gli di imparare a riprodurla dell’impero britannico – e del tidiana delle metropoli pachi-
no accatastati su uno scheletro nell’arco di un pomeriggio. I ruolo del Pakistan come allea- stane sia con i modelli narrati-
fragile. Dall’interno è visibile quattro suonatori di cornamu- to degli Stati Uniti nella guerra vi occidentali. È come se pren-
la volta di metallo sostenuta da sa pachistani della Lahori contro il terrore. L’artista pa- desse per mano lo spettatore e
una foresta di pali d’acciaio Shan pipe band di solito inter- chistana mette in scena i gran- gli confidasse un punto di vista
che sopporta il peso della co- pretano i desideri musicali di di dibattiti del presente da un originale e inedito sulla situa-
pertura. giovani coppie di sposi. Nel vi- punto di vista soggettivo, so- zione pachistana.
The Daily Telegraph deo di Abidi in una parte dello gnante e semi ironico. Surrea- Süddeutche Zeitung

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 113


Pop
Cosa resta del primo uomo
sulla Luna
Jill Lepore
e orme sono ancora lì, l’impronta a righe Mercury 8, che aveva la missione di orbitare intorno

L degli stivali di Neil Armstrong incrosta- alla Terra. Come spiega la fotografa e curatrice Debo-
ta di polvere. Non c’è atmosfera sulla rah Ireland in Hasselblad and the Moon landing (Am-
Luna, non c’è vento e non c’è acqua. Le monite 2019), i tre astronauti dell’Apollo 11 Neil Arm-
impronte non vengono spazzate via e strong, Buzz Aldrin e Michael Collins dovevano divi-
non c’è nessuno che le calpesti. Micro- dersi due Hasselblad. “Accidenti, ridammi la macchi-
meteoriti velocissimi, particelle in miniatura che na fotografica”, disse Aldrin mentre si avvicinavano
viaggiano a più di cinquantamila chilometri all’ora, alla Luna. L’immagine iconica della singola impronta
bombardano continuamente la superficie della Luna, mostra l’orma dello stivale di Aldrin, non di Arm-
ma sono così infinitesimali che erodono le cose al rit- strong, e fu Aldrin a scattare la foto di Armstrong che
mo più o meno inavvertibile di 0,1 centimetri ogni aveva appena piantato la bandiera degli Stati Uniti,
milione di anni. Perciò, se non saranno accanto alla base che chiamarono Tran-
colpite da una meteora sprofondando Se non saranno quillity. Collins rimase sul modulo di
in un cratere, queste impronte dureran- colpite da una comando e servizio, in orbita. “Che stai
no per decine di milioni di anni. meteora facendo, Mike? Cosa fotografi?”, chiese
Quest’estate ricorre mezzo secolo sprofondando in Armstrong a Collins durante il viaggio
da quando Armstrong fece la prima pas- un cratere, le di ritorno sulla Terra, mentre continua-
seggiata lunare della storia, anche se a impronte lasciate vano a osservare la superficie lunare.
livello cosmologico è passato appena da Neil Armstrong “Oh, non lo so”, rispose Collins. “Sto
uno schioccare di dita. “L’uomo è sulla dureranno solo sprecando pellicola, probabilmen-
Luna!”, gridò Walter Cronkite al tele- te”. Non fu sprecata. Le foto rimangono
per decine di
giornale della Cbs, senza fiato, mentre straordinarie.
il mondo osservava rapito. I ragazzi lon-
milioni di anni Eppure, prima del luglio 1969, molti
tani da casa nei campi estivi marciarono critici pensavano che l’intero program-
dalle loro tende nel folto dei boschi fino alle sale men- ma fosse uno spreco. Prima dell’allunaggio non ci fu
sa per crollare seduti davanti al piccolo schermo, mai un momento in cui l’opinione pubblica statuni-
mentre gli istruttori armeggiavano con le antenne tense appoggiasse la missione, racconta Roger D.
portatili. “È un piccolo passo per un uomo”, fu la frase Launius, storico della Nasa in pensione, nel suo Apol-
immortale pronunciata da Armstrong mentre scen- lo’s legacy: perspectives on the Moon landings (Smithso-
deva dalla scaletta del modulo lunare il 20 luglio nian 2019). Costò 25,4 miliardi di dollari (180 miliardi
1969, “ma un balzo gigantesco per l’umanità”. E poi di dollari di oggi) e negli anni sessanta era la maggiore
posò il suo stivale grigio e bianco nella polvere e lasciò voce di spesa del governo statunitense, fatta eccezio-
quella prima impronta. ne per la guerra in Vietnam. Malgrado l’indiscutibile
Cosa resta davvero di quel momento? A cosa ser- ingegno di tecnici e scienziati e l’intrepido coraggio
viva la missione? E cosa si lasciava dietro, qui sulla degli astronauti, quelli che criticavano la missione
Terra? Cinquant’anni dopo, inondazioni rese più fre- continuavano a definirla uno spreco.
quenti dal cambiamento climatico hanno cominciato Ma dopo lo strabiliante trionfo dell’allunaggio,
JILL LEPORE a portare via la base da cui fu lanciato l’Apollo 11, il con conseguente dilagare della moda dei moon boot,
è una storica e Kennedy space center in Florida (la Nasa ha spedito sia l’indifferenza generale sia lo scetticismo furono
giornalista della sabbia per cercare di puntellare le dune devasta- dimenticati. Li hanno dimenticati anche alcuni di
statunitense. Insegna te), mentre uragani aggravati dall’innalzamento del questi nuovi libri, che sono per lo più celebrativi.
storia all’università di livello dei mari minacciano il centro di controllo della “L’uomo è sempre andato dove è stato capace di
Harvard. Questo
missione Apollo 11, il Johnson space center in Texas. andare”, disse Collins in una sessione congiunta del
articolo è uscito sulla
Houston, abbiamo un problema. congresso degli Stati Uniti nel settembre 1969, e sono
New York Times
Book Review con il
Molta della bellezza, della meraviglia e dell’estati- le parole con cui James Donovan sceglie di conclude-
titolo Fifty years ago co sgomento della spedizione sulla Luna si ricordano re Shoot for the Moon: the space race and the extraordi-
we landed on the soprattutto guardando le fotografie scattate dagli nary voyage of Apollo 11 (Little, Brown 2019). I primi
Moon. Why should we astronauti statunitensi con speciali macchine svede- libri di Donovan sono fanfaronesche ricostruzioni
care now? si, le Hasselblad, usate per la prima volta nel 1962 sul della battaglia di Alamo, The blood of heroes, e dell’ul-

114 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


CHRIStIAN DeLLAveDovA

tima resistenza di Custer, A terrible glory, in cui gli che nel 1961 diventò la prima di 13 donne a qualificar-
uomini trionfano perfino quando sono sconfitti. Que- si per diventare astronauta. La Nasa si rifiutò di farle
sta è anche la sua idea dell’Apollo, una posizione che volare, come ha spiegato Martha Ackmann in The
non lascia spazio, per esempio, alle donne. “Se crede- Mercury 13 (Random House 2004). Cobb dette batta-
te che andare sulla Luna sia difficile, provate a restare glia. “Cerchiamo solo un posto nel futuro spaziale del
a casa”, disse Barbara Cernan, moglie di Gene Cer- nostro paese, senza discriminazioni”, dichiarò da-
nan, che faceva parte dell’equipaggio dell’Apollo 10 vanti a una commissione d’indagine del congresso,
ed era il comandante dell’Apollo 17. Potete leggere di nel 1962. Nel 1998, quando aveva 67 anni, disse: “Da-
lei in The astronauts’ wives club di Lily Koppel (Hachet- rei la vita per volare nello spazio, la darei veramente”.
te 2013), ma non la troverete nella ricostruzione di È morta nella primavera scorsa a 88 anni. Sulla Luna
Donovan. Non troverete una sola parola neppure sul- le sue impronte non ci sono.
la pilota Jerrie Cobb, detentrice di numerosi record, L’allunaggio è una questione di memoria pubbli-

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 115


Pop
ca, il che è un altro modo per dire che è storia dibattu-
ta. Nel 1971 Michael Collins diventò il direttore del
National air museum dello Smithsonian institute. È
lui a scrivere l’introduzione di Apollo to the Moon: a
history in 50 objects (National Geographic 2018), a cu-
ra di Teasel Muir-Harmony. La raccolta comprende
un manufatto ottenuto in prestito dallo Smithsonian
museum of african-american history: una lattina ri-
coperta da una foto del reverendo Martin Luther King
e di Ralph Abernathy, suo successore alla guida della
Southern christian leadership conference (Sclc). La
Sclc usava questo tipo di lattine per raccogliere dona-
zioni durante le sue iniziative, come quella promossa
da Abernathy al Kennedy space center il 15 luglio
1969, il giorno prima del lancio dell’Apollo 11. Aber-
nathy aveva un cartello con la scritta: “12 dollari al
giorno per nutrire un astronauta. Noi potremmo nu-
trire un bambino affamato con 8”. Muir-Harmony
cita le parole di Abernathy, che avrebbe detto: “Alla
vigilia della più nobile avventura dell’uomo, sono
profondamente commosso dai traguardi raggiunti
dal nostro paese nello spazio”, ma curiosamente ta-
glia la parte significativa di quel discorso, che potete
sentire pronunciare da Abernathy nelle scene iniziali
di un ambizioso ed emozionante documentario in tre
parti della Pbs/American Experience, Chasing the
Moon, uscito insieme al libro che lo accompagna,
Chasing the Moon: the people, the politics, and the promi-
se that launched America into the space age (Ballantine dimenticate perché nell’estate del 1969 quasi dalla
2019), del regista del film, Robert Stone, e di uno dei sera alla mattina l’Apollo diventò un simbolo
suoi produttori, Alan Andres. “A partire da oggi pos- dell’esatto contrario del Vietnam: l’Apollo era il pae-
siamo andare su Marte, su Giove e perfino nei cieli al se nella sua versione migliore, il Vietnam nella peg-
di là”, disse Abernathy, “ma fino a quando sulla Terra giore. Fishman non è particolarmente interessato a
Storie vere prevarranno il razzismo, la povertà, la fame e la guer- questo aspetto; gran parte del suo libro, invece, è una
Due donne hanno
ra, noi come paese civile avremo fallito”. Seguendo lunga argomentazione a favore della tesi che la mis-
portato un contratto
questo criterio, gli ultimi cinquant’anni di storia sono sione meritava di essere realizzata, per ragioni che
alla polizia di Madrid
sostenendo di essere
stati un susseguirsi di sconfitte. lasceranno perplessi molti lettori. “La corsa alla Lu-
state vittime di una In American moonshot: John F. Kennedy and the na non ha inaugurato l’era spaziale”, insiste, “ha
truffa. Le due, madre great space race (HarperCollins 2019), il migliore dei inaugurato l’era digitale”. E sottolinea, in particola-
e figlia, avevano fatto nuovi studi sulla missione americana nello spazio, re, lo sviluppo dei circuiti integrati e l’elaborazione
un accordo con il ricco di ricerche e rivelazioni, lo storico Douglas dei dati in tempo reale. Ma c’è qualcos’altro, qualco-
fidanzato della figlia Brinkley esamina attentamente questo e altri attacchi sa di più importante di cui Fishman attribuisce il me-
perché lui uccidesse lanciati dagli attivisti dei diritti civili, come Whitney rito alla conquista della Luna: “Nel 1961, quando
l’ex compagno della Young della National urban league. “Portare due uo- ebbe inizio la corsa alla Luna, nella cultura popolare
madre e gli
mini sulla Luna costerà 35 miliardi di dollari”, prote- non c’era nessuna percezione della tecnologia come
asportasse sette
stò Young. “Ne basterebbero dieci quest’anno per di una forza nella vita quotidiana dei consumatori, a
organi per poi
rivenderli. In cambio
portare ogni povero del paese sopra la soglia ufficiale differenza di oggi”. Il suo argomento sembra funzio-
avrebbe ricevuto di povertà. C’è qualcosa di sbagliato da qualche par- nare così: l’Apollo non ci ha portato su Marte, o alme-
settemila euro. Il te”. Ma Brinkley conclude che, da un punto di vista no non ancora, però ci ha portato Alexa! La controar-
potenziale assassino, puramente economico, la missione valeva quei soldi, gomentazione potrebbe funzionare così: il mio paese
che sosteneva di aver visto che i suoi benefici si sono estesi a questioni di è andato sulla Luna e tutto quello che ci ho guada-
lavorato per la Cia, il salute pubblica. “La tecnologia che gli Stati Uniti han- gnato è questo schifoso stato di polizia.
Mossad e lo no ricavato dagli investimenti federali negli equipag- La corsa alla Luna cominciò come una corsa alla
spionaggio spagnolo, giamenti spaziali (ricognizione satellitare, attrezzatu- Casa Bianca. Il 4 ottobre 1957, l’Unione Sovietica lan-
non aveva portato a
re biomediche, materiali leggeri, sistemi di purifica- ciò in orbita il primo satellite, lo Sputnik. L’opinione
termine il suo
zione dell’acqua, migliori sistemi informatici e un si- pubblica statunitense fu presa dal panico e i democra-
compito. La possibile
vittima è in ottima
stema globale di ricerca e soccorso) ha più che com- tici decisero di usare questo panico a scopi politici.
salute. Ora le donne pensato le spese”. “La gente presto immaginerà un russo seduto sullo
sono accusate di In One giant leap: the impossible mission that flew us Sputnik con un binocolo che legge la posta alle sue
tentato omicidio e to the Moon (Simon & Schuster 2019) Charles Fish- spalle”, scrisse il 17 ottobre a Lyndon Johnson, candi-
l’uomo di truffa. man suggerisce che le critiche al programma furono dato democratico alla vicepresidenza, il suo stratega

116 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


(Bompiani 2017), Hannah Arendt descriveva il lan-
cio dello Sputnik come un avvenimento della storia
umana “secondo a nessun altro per importanza,
neppure alla scissione dell’atomo”. Come Carson,
Arendt non celebrava questi sviluppi, descritti dalla
stampa dell’epoca come il primo “passo verso la fuga
dalla prigionia degli uomini sulla Terra”. Una fuga?
“Nessuno nella storia dell’umanità ha mai concepito
la Terra come una prigione per gli uomini o ha dimo-
strato un tale desiderio di andarsene letteralmente
da qui alla Luna”, scriveva Arendt, lamentando
gli albori di un’epoca in cui la Terra veniva sentita
come una prigione e lo spazio era l’ennesimo luogo
da conquistare.
Nel 1958, l’anno in cui Carson cominciò a scrivere
Primavera silenziosa e Arendt pubblicò Vita activa, il
presidente Dwight Eisenhower fondò la Nasa, con la
significativa e importante accortezza d’istituirla co-
me ente civile. In un discorso d’addio pronunciato il
17 gennaio 1961, tre giorni prima dell’insediamento
di Kennedy, Eisenhower deplorava la corsa agli arma-
menti e accusava quello che definì “il complesso mi-
CHRISTIAN DELLAvEDOvA

litare-industriale”. Il 12 aprile 1961, quando Kennedy


non aveva ancora finito di sistemarsi nello studio ova-
le, i sovietici mandarono un uomo nello spazio, Jurij
Gagarin. Cinque giorni dopo, Kennedy faceva i conti
con la prima crisi della sua presidenza: la pasticciata
invasione della baia dei Porci cubana, a sua volta un
George Reedy. “È una questione che, se gestita cor- fallimento dell’intelligence e della tecnologia. A una
rettamente, potrebbe mettere al tappeto i repubblica- conferenza stampa, un giornalista gli chiese: “Signor
ni, unire il Partito democratico e farti eleggere presi- presidente, non crede che dovremmo cercare di arri-
dente”. Ancora prima dello Sputnik, il senatore del vare sulla Luna prima dei russi?”. Il 5 maggio Alan
Massachusetts John Fitzgerald Kennedy aveva ripe- Shepard diventò il primo americano a volare nello
tutamente attaccato il presidente Eisenhower accu- spazio, in una missione nota come Freedom 7. Il
sandolo di non destinare finanziamenti adeguati al 25 maggio, in un messaggio al congresso, Kennedy si
programma missilistico, che secondo lui aveva causa- avvicinò a una decisione: “Questo paese dovrebbe
to un ritardo degli Stati Uniti rispetto all’Unione So- impegnarsi a raggiungere l’obiettivo, entro la fine del
vietica nella corsa agli armamenti e quello che Ken- decennio, di far atterrare un uomo sulla Luna e ripor-
nedy definì “un gap missilistico”. Nel novembre 1957, tarlo sulla Terra sano e salvo”.
Johnson, in quanto leader della maggioranza, aprì le Kennedy aveva fatto campagna elettorale promet-
audizioni del senato sul ritardo degli Stati Uniti e am- tendo una nuova frontiera, e intendeva essere di pa-
monì il paese: “Presto i russi ci lanceranno bombe rola. “‘Perché la Luna?’, chiedono alcuni”, disse in un
dallo spazio come bambini che lanciano pietre sulle emozionante discorso alla Rice university, a Houston,
automobili dai cavalcavia delle autostrade”. il 12 settembre 1962. “Siamo salpati in questo nuovo
La scrittrice e ambientalista Rachel Carson osser- mare perché ci sono nuovi saperi da acquisire e nuovi
vava con sgomento la creazione di questo “universo diritti da conquistare, e devono essere conquistati e
dell’era spaziale”. Gli uomini fantasticavano sulla usati per il progresso di tutti”.
“conquista dello spazio” da prima di H.G. Wells, co- Ma se il programma fu lanciato nell’ambito di una
me lei sapeva benissimo. “Prima dello Sputnik era competizione tra partiti, fu ovviamente anche un
facile liquidare tutto come fantascienza”, scrisse alla fronte della guerra fredda. Nel suo …The heavens and
donna che amava, Dorothy Freeman, nel febbraio the earth: a political history of the space age (Basic
1958. “Ora i progetti più inverosimili sembrano tra- Books 1985) Walter A. McDougall, storico della Uni-
guardi perfettamente raggiungibili. E sembra davve- versity of Pennsylvania sostiene che il passaggio da
ro possibile che l’uomo – per quanto psicologicamen- Eisenhower a Kennedy, all’indomani dello Sputnik,
te poco preparato – prenda nelle sue mani molte delle cambiò la natura stessa della guerra fredda. “Se fino
funzioni di Dio”. Le audizioni di Johnson incoraggia- ad allora era stata una lotta militare e politica in cui gli
rono Carson a scrivere un libro che per lungo tempo Stati Uniti dovevano solo dare aiuto e conforto ai loro
chiamò L’uomo contro la Terra, ma che alla fine fu pub- alleati sulle linee del fronte”, ha scritto McDougall,
blicato nel 1962 con il titolo Primavera silenziosa (Fel- “la guerra fredda ora diventava totale, una competi-
trinelli 2016). zione per la lealtà e la fiducia di tutti i popoli combat-
Nel 1958, in Vita activa. La condizione umana tuta in ogni campo del progresso sociale, in cui i ma-

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 117


Pop
nuali di scienza e l’armonia razziale erano strumenti lavorando sodo per cambiare il vecchio sud”, scrive
di politica estera quanto i missili e le spie”. Brinkley, “anche usando la Nasa per portare posti di
Per McDougall, un conservatore, la corsa alla Lu- lavoro high-tech e un modo di pensare futuristico in
na guidata dai democratici fu un passo sulla “strada regioni arretrate e lente ad abbandonare pregiudizi
della servitù”. “Formare x migliaia di ingegneri, rag- violenti e controproducenti”.
giungere la Luna entro il 19xx, posizionare x missili Nella misura in cui fu un progetto progressista con
nei silos a prescindere dal dispiegamento sovietico, un grande intervento governativo, il programma spa-
pianificare una crescita economica dell’x per cento ziale non sopravvisse alla svolta conservatrice della
senza disoccupazione e senza inflazione, questi non politica statunitense. “Molti problemi cruciali di que-
erano incarichi assegnati da una società libera ma i sto pianeta esigono un’alta priorità in termini di atten-
dettami di un’economia di comando”. Le persone at- zione e di risorse”, disse Richard Nixon nel 1970
tratte da questo argomento spesso sono state attratte quando, da presidente, respinse la raccomandazione
anche dallo studio di Wernher von Braun, l’ex nazista della Nasa di costruire una stazione sulla Luna da usa-
ed ex ufficiale delle Ss che diresse il programma mis- re come base per l’esplorazione di Marte. Nella misu-
silistico statunitense. Durante la seconda guerra ra in cui fu un’altra battaglia della guerra fredda, il
mondiale, von Braun aveva presieduto alla produzio- programma spaziale sopravvive solo nelle fantasie di
ne del missile tedesco V-2 (La “V” stava per Vergel- Donald Trump, con la sua proposta di una forza ar-
tung, vendetta) in un impianto costruito all’interno mata spaziale. E se il programma spaziale implicava
del campo di concentramento di Mittelbau-Dora, do- un ripudio dell’umanità stessa, l’eredità dell’Apollo è
ve i missili venivano montati dai detenuti. Diventare Alexa, e ci perseguita tutti.
cittadino statunitense non sembrò diminuire lo zelo Un piccolo passo per un uomo, un balzo gigante-
di von Braun per uno sviluppo tecnologico senza fre- sco per l’umanità. Quello che ci ha lasciato la spedi-
ni. “Non sentivamo nessuno scrupolo morale per il zione sulla Luna è la meraviglia della scoperta, la
possibile abuso futuro della nostra creatura”, disse al gioia della conoscenza, non l’eccezionalità dei mac-
New Yorker nel 1951. “Se non lo avessi fatto io lo chinari ma la saggezza della bellezza e il potere
avrebbe fatto qualcun altro” (la sua amoralità è al cen- dell’umiltà. Una sola immagine, la foto della Terra
tro di una canzone registrata nel 1965 da Tom Lehrer: dallo spazio scattata da William Anders dall’Apollo 8
“Non dire che è ipocrita / di’ piuttosto che è apoliti- nel 1968, è diventata l’icona dell’intero movimento
co / ‘Quando i missili sono in aria, a chi importa dove ambientalista. Le persone che hanno visto la Terra
vengono giù? Questo non è di mia competenza’, dice dallo spazio, non in fotografia ma nella vita reale, ri-
Wernher von Braun”). petono più o meno tutte la stessa cosa. “Basta passa-
Le conseguenze apparentemente impreviste dello re anche poco tempo a contemplare la Terra dall’or-
sviluppo di tecnologie che avrebbero portato l’uomo bita, e i nazionalismi più radicati cominciano a ero-
sulla Luna non erano la maggiore preoccupazione dersi”: così l’astronomo statunitense Carl Sagan una
dell’amministrazione Kennedy, soprattutto perché volta descrisse il fenomeno. “Sembrano gli scontri
molte di quelle conseguenze furono intenzionali: i degli acari su una prugna”.
missili possono portare anche le armi, e tutto quello Questa esperienza, questa sensazione di trascen-
che abbiamo imparato dalla missione sulla Luna ha denza è così universale tra la minuscola manciata di
avuto applicazioni militari, anche se la Nasa era persone che hanno avuto occasione di provarla che gli
un’agenzia civile. Se non erano allarmate dalle impli- scienziati le hanno dato un nome. Si chiama effetto
cazioni della conquista dello spazio o dal futuro della veduta d’insieme. Hai una sensazione d’interezza. I
guerra, le amministrazioni Kennedy e Johnson erano fiumi sembrano sangue. “La Terra è come una cosa
molto preoccupate dal movimento per i diritti civili. vivente e vibrante”, ha pensato l’astronauta cinese
Edward R. Murrow, che aveva lasciato la Cbs per un Yang Liu vedendola. Colse Alan Shepard di sorpresa.
incarico nell’amministrazione Kennedy, sollecitò il “Se qualcuno prima del volo mi avesse chiesto ‘Ti la-
presidente a mettere un astronauta nero nella missio- scerai prendere dall’emozione guardando la Terra
ne sulla Luna: “Non vedo nessun motivo per cui i no- dalla Luna?’, avrei risposto ‘No, assolutamente no’.
stri sforzi nello spazio esterno debbano riflettere così Eppure, la prima volta che ho guardato la Terra dalla
fedelmente la discriminazione che esiste su questo Luna ho pianto”. Il cosmonauta russo Jurij Artjushkin
pianeta minore”. l’ha espresso così: “Non è importante in quale mare o
Fu quindi reclutato Edward Dwight, che diventò lago osservi una chiazza d’inquinamento o nella fore-
il primo pilota nero dell’aviazione a essere addestra- sta di quale paese scoppia un incendio o in quale con-
to nell’Aerospace research pilot school della base tinente si forma un uragano. Stai facendo la guardia a
aerea Edwards. Ma, come ci racconta in Chasing the tutta la nostra Terra”.
Moon, fu quasi costretto ad andarsene dal suo co- Tutto questo è bellissimo. Ma ecco l’intoppo. So-
mandante, Chuck Yeager, che dette ordine alle altre no passati cinquant’anni. Il livello delle acque sta
reclute di non rivolgergli la parola. Nel frattempo, salendo. La Terra ha bisogno di essere protetta, e
come racconta Brinkley, la Casa Bianca usò il pro- non solo da chi l’ha vista dallo spazio. Per salvare il
gramma spaziale per cercare di promuovere lo svi- pianeta non occorre una nuova corsa alla Luna, o su
luppo economico del sud, soprattutto dopo l’arrivo Marte, ma alla Casa Bianca, mettendo un piede da-
di Johnson alla presidenza. “La Casa Bianca stava vanti all’altro. u gc

118 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Annunci

luglio - ottobre 2019


Libero Cinema
in Libera Terra

Vuoi pubblicare un annuncio su queste pagine? Per informazioni e costi contatta Anita Joshi • annunci@internazionale.it • 06 4417 301
Grafica: Lucrezia Gismondi per Cinemovel

Festival di cinema itinerante contro le mafie

www.cinemovel.tv
Promosso da Partner Istituzionale Con il sostegno di Main Partner

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 119


Scienza
genti” è citata anche l’energia a bassa
emissione di carbonio, ma sarà sviluppata
insieme alle tecnologie di fracking e di li-
quefazione del gas. In futuro, si legge, la
Shell venderà “più gas naturale”.
Ma come spiega l’analisi dell’organiz-
zazione Oil change international, “tra gli
obiettivi dell’accordo di Parigi non è previ-
sto un nuovo sviluppo dei combustibili fos-
sili, gas incluso”. L’attuale estrazione di gas
e petrolio basta già ad aumentare il riscal-
damento globale di più di un grado e mez-
zo. La Shell è impegnata nella produzione
di combustibili fossili a lungo termine, e
questo equivale a un ecocidio.
eLISA MACeLLARI

Lasciamoli sottoterra
Ripristinare gli ecosistemi naturali è vitale
per impedire il tracollo del clima. Come fa
notare il Gruppo intergovernativo sul cam-

L’industria del petrolio biamento climatico (Ipcc), se vogliamo


avere qualche probabilità d’impedire un
riscaldamento globale di più di un grado e
non può esserci amica mezzo o addirittura di due gradi è essenzia-
le smaltire grandi quantità di anidride car-
bonica già presenti nell’atmosfera. Finora
le soluzioni migliori sono quelle naturali,
cioè tutelando e ripristinando foreste, man-
George Monbiot, The Guardian, Regno Unito
grovie, paludi salmastre e torbiere. Cre-
La Shell non è attenta al pianeta solfa: la Shell sta cambiando, è sincera, scendo, infatti, questi sistemi viventi assor-
come pensano anche alcuni non dovremmo sostenerla? bono l’anidride carbonica e la trasformano
Lo stanziamento sembra grosso, e lo è in carbonio solido sotto forma di legno,
ambientalisti, scrive George finché non lo si confronta con i 24 miliardi fango e suolo.
Monbiot. Ormai compensare le di dollari di utili annui dell’azienda. Nella Ma l’Ipcc chiarisce anche che le solu-
emissioni di gas serra non basta, relazione annuale della Shell, la transizio- zioni naturali non compensano la costante
bisogna fermarle del tutto ne verso un futuro a bassa emissione di emissione di gas serra, bisogna quindi ta-
carbonio è pressoché invisibile. Nella sin- gliare rapidamente e in modo drastico la
tesi di bilancio l’energia rinnovabile non produzione di combustibili fossili. Per so-
i stenta a credere che ci sia bisogno figura. Quando ho interpellato la compa- stenere un pianeta abitabile bisogna la-

S di ripeterlo, ma tant’è. L’industria


petrolifera non è nostra amica.
Continuando a investire nei com-
bustibili fossili, accelera il tracollo del cli-
ma e la morte del pianeta, a prescindere
gnia, mi è stato risposto che non dispone
dei dati scorporati degli utili provenienti
da tecnologie a bassa emissione di carbo-
nio e che non può dirmi quanto ci ha inve-
stito l’anno scorso. Però nel 2018 ha inve-
sciarli sottoterra e proteggere i sistemi vi-
venti riportandoli allo stato naturale. Il
tempo delle compensazioni è finito.
La Shell, invece, continuerà a cercare e
a sviluppare nuove riserve. Di recente ha
dalle credenziali etiche che sbandiera. stito 25 miliardi di dollari in petrolio e gas, ritirato il sostegno all’obiettivo, legalmen-
Sembra un fatto evidente, eppure ci sono compresa la prospezione per cercare nuo- te vincolante, di ridurre le emissioni
molti ambientalisti convinti che la Shell sia ve riserve di combustibile fossile nelle ac- dell’Unione europea allo zero netto entro
dalla loro parte. que del golfo del Messico e al largo delle il 2050.
Due mesi fa il colosso petrolifero ha an- coste di Brasile e Mauritania. Tra l’altro ha Per me la sua strategia è così evidente
nunciato di voler investire trecento milioni 1.400 contratti minerari in Canada, dove da non meritare un dibattito: per andare
di dollari “negli ecosistemi naturali” nei produce greggio sintetico dalle sabbie bi- avanti con i combustibili fossili, la Shell
prossimi tre anni, per contribuire a “soste- tuminose. Alla faccia della transizione. deve difendersi dalle norme che minaccia-
nere la transizione verso un futuro a bassa Stando alla relazione annuale, i “moto- no la sua attività. Poiché non è pronta ad
emissione di carbonio”. Finanziando la ri- ri del profitto” sono petrolio e gas, e non si abbandonare i suoi motori del profitto, cer-
forestazione la Shell intende in parte com- accenna minimamente all’intenzione di ca di cambiarne la percezione nell’opinio-
pensare i gas serra prodotti dalle sue attivi- spegnerli. Le “priorità di crescita” sono la ne pubblica. A mio avviso, lo stanziamento
tà di estrazione. Nelle conversazioni con produzione chimica e l’estrazione del pe- per gli ecosistemi naturali non è altro che
decine di attivisti sento sempre la stessa trolio in mare. Tra le “opportunità emer- un’operazione di facciata. u sdf

120 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Informatica

NICK OxFORD (REUTERS/CONTRASTO)


SALUTE

Crisi sanitaria
da stress Macchina da poker
Hui Wang è morto d’infarto a
Pechino lo scorso 30 giugno. Science, Stati Uniti
Era un oftalmologo di 32 anni.
The Lancet parla della sua Un computer ha battuto a poker un
morte per richiamare l’atten- gruppo di giocatori professionisti.
zione sul burnout degli operato- Una tappa fondamentale nello IN BREVE
ri sanitari, definito un problema sviluppo dell’intelligenza artificiale, Geologia L’immissione nel sot-
globale. Il burnout è una sindro- scrive Science. Il programma, tosuolo dell’acqua usata per
me dovuta allo stress cronico l’estrazione del petrolio e del
chiamato Pluribus, ha giocato a
associato al contesto lavorativo. metano può provocare terremo-
Texas hold’em, una delle specialità ti anche anni dopo il termine
Si manifesta come un esauri-
mento psicofisico con perdita di più diffuse del poker, contro cinque delle attività. Uno studio su Na-
energia e di interesse per il la- giocatori. Per imparare, si è allenato ture Communications ha esami-
voro, e la tendenza alla deper- giocando contro se stesso, ma partendo da zero, senza nato la frequenza dei terremoti
sonalizzazione. Medici e infer- analizzare partite già giocate, da umani o da altri in Oklahoma e Kansas, negli
mieri sono particolarmente a ri- computer. Con il passare del tempo Pluribus ha Stati Uniti, dopo che era stato
schio. Negli Stati Uniti il 78 per sospeso o ridotto il pompaggio
cominciato a selezionare le strategie migliori. Quando ha
cento dei camici bianchi dichia- delle acque di scarico nei pozzi.
giocato contro i cinque professionisti, ha selezionato le A causa delle caratteristiche del
ra di soffrire di burnout. E in Ci-
na la morte di Wang è solo la mosse possibili in tempo reale. E, con sorpresa dei sottosuolo, si pensa che l’attività
punta dell’iceberg: si stima che ricercatori, ha adottato strategie che in genere sono sismica possa continuare anche
nel 2018 più dei due terzi dei considerate perdenti. Alla fine Pluribus è risultato per dieci anni.
medici cinesi abbiano sofferto superiore a tutti gli avversari umani. è un traguardo
di burnout. Diversi studi sugge- importante perché il poker è molto complesso: a
riscono che la sindrome ha con- differenza degli scacchi, che si giocano in due, non c’è solo
SALUTE
seguenze negative sull’assi-
stenza sanitaria: aumenta il ri-
un vincente e un perdente. Inoltre, mentre si conosce la Restaurare
schio di errori clinici e abbassa disposizione dei pezzi sulla scacchiera, a poker non si il microbioma
la qualità delle cure. conoscono le carte in mano agli avversari. Questo rende il
poker più vicino ai problemi della vita reale e molto Per ristabilire la normale cresci-
interessante per i ricercatori. u ta dei bambini denutriti, non ba-
SALUTE sta dargli da mangiare. Nono-
stante il cibo, spesso il loro cer-
Il lato genetico
dell’anoressia Ambiente vello non si sviluppa bene e si
ammalano facilmente. Due stu-
LIBRARy OF CONgRESS

di su Science ipotizzano che in-


L’anoressia potrebbe avere una tervenire sulla flora batterica in-
componente metabolica. Se- testinale potrebbe aiutarli a re-
condo un gruppo di ricercatori, cuperare. I bambini malnutriti
le persone che soffrono di ano- hanno un microbioma intestina-
ressia nervosa, uno dei princi- le incompleto e si è visto che nei
pali disturbi del comportamen- topi questo rallenta la crescita di
to alimentare, tendono ad ave- ossa e muscoli. In Bangladesh
re varianti genetiche legate a un programma nutrizionale di
particolari caratteristiche me- un mese che ha coinvolto 60
taboliche. La malattia non bambini denutriti ha evidenzia-
avrebbe quindi solo un’origine to che i pazienti trattati con sup-
psichiatrica ma anche metabo- plementi a base di ceci, soia, ba-
lica. Alcune varianti genetiche
La radioattività delle isole Marshall nane e arachidi avevano una
sono legate all’iperattività fisi- Le isole Marshall hanno ancora livelli di radioattività molto elevati composizione della flora batteri-
ca. Infine, certi aspetti genetici dovuti ai test nucleari eseguiti dagli Stati Uniti tra il 1946 e il 1958. ca più vicina a quella completa
si sovrappongono a quelli di Secondo Pnas, in alcune isole degli atolli Bikini, Enewetak, Ronge- dei loro coetanei sani. Prolun-
persone che soffrono di altri di- lap e Utirik la contaminazione del suolo supera i livelli registrati a gando lo studio si potrà verifica-
sturbi, come depressione, ansia Fukushima e a Černobyl. In molti casi la frutta prodotta sulle isole re se questa riparazione del mi-
e schizofrenia, scrive Nature ha livelli di radioattività superiori alle soglie di sicurezza, con conse- crobioma intestinale si traduce
Genetics. guenze per la salute degli abitanti. Nella foto, test di Bikini nel 1946 in una crescita sana.

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 121


Il diario della Terra
NASA

Il nostro clima
Le città calde
del futuro
u Nel 2050 il clima della Città
del Vaticano potrebbe essere
simile a quello di oggi di Ada-
na, nel sud della Turchia. La
temperatura massima in estate
potrebbe infatti aumentare di
5,3 gradi. Torino e Milano po-
trebbero invece avvicinarsi al
clima attuale di Dallas, in Te-
xas, con temperature massime
d’estate più alte di oltre 7 gra-
di. Sono le previsioni di un
gruppo di ricercatori che ha
provato a rendere più evidente
Ghiacci La neve artificiale potrebbe impedire alla calotta glaciale antartica di scivolare nell’oceano
e di sciogliersi. Lo scioglimento, spiega Science Advances, rischia di far innalzare il livello dei l’effetto della crisi climatica
mari mettendo in pericolo le città costiere come New York, Calcutta, Shanghai e Tokyo. In sull’ambiente urbano. Hanno
teoria si potrebbe pompare acqua di mare, trasformandola in neve, su alcune aree dell’Antartide paragonato il clima previsto
occidentale, come i ghiacciai della Pine Island (nella foto) e di Thwaites. Per avere un risultato per alcune città a quello attua-
stabile ci vorrebbero almeno 7.400 miliardi di tonnellate di neve artificiale in dieci anni. Il progetto le di altri centri. Sono state
però sarebbe molto costoso, tecnicamente difficile e rischioso per l’ecosistema marino. Inoltre, non analizzate 520 città nel mon-
sono stati considerati possibili effetti dovuti al cambiamento delle condizioni climatiche. do, considerando lo scenario
climatico Rcp4,5 in cui, ottimi-
sticamente, le politiche am-
Radar Bali ha danneggiato alcuni quattromila chilometri dalla bientali hanno stabilizzato le
templi e scuole. La terra ha tre- Norvegia alla Groenlandia e emissioni di CO2 entro la metà
Alluvioni mato anche in Australia occi-
dentale (6,6).
poi fino al Canada. L’animale
ha percorso in media 46 chilo-
del secolo, con un aumento
della temperatura media glo-
causate Alluvioni Negli ultimi giorni
metri al giorno per 76 giorni,
con picchi di 150 chilometri in
bale di 1,4 gradi. Lo studio,
uscito su Plos One, prevede
dai monsoni le piogge monsoniche in Asia un solo giorno. che il 77 per cento delle città
meridionale hanno provocato registri una variazione delle
la morte di 270 persone. Parti- Oranghi Un censimento degli condizioni climatiche e che il
Tempeste Dopo giorni di colarmente colpiti India, Nepal oranghi nel Borneo malese ha 22 per cento avrà un clima che
temperature che hanno tocca- e Bangladesh, dove circa un rilevato meno di diecimila oggi nessun centro urbano
to i 37 gradi, sei turisti e un pe- terzo del territorio è alluviona- esemplari. È stata però scoper- sperimenta. Il cambiamento
scatore sono morti in Grecia a to. u La tempesta tropicale ta una popolazione finora igno- più forte si avrà nelle città del
causa di una violenta tempesta Barry ha risparmiato New Or- ta di quasi 1.800 individui. La nord, che avranno un clima si-
nelle Cicladi. Altre 23 sono ri- leans, ma le piogge continuano popolazione all’interno della mile a quello attuale di città
maste ferite. Il vento ha rove- a provocare alluvioni in Loui- foresta è rimasta stabile negli mille chilometri più a sud. Si
sciato veicoli, sradicato alberi e siana, Mississippi e Arkansas. ultimi anni, mentre quella nel- ipotizza che Londra avrà l’at-
trasformato oggetti come gli le aree periferiche, vicine alle tuale clima di Barcellona,
ombrelloni in proiettili. In un Incendi Il caldo record di giu- piantagioni di palma da olio, è Stoccolma quello di Vienna e
giorno nel paese sono stati re- gno nell’Artico ha scatenato in declino, scrive Plos One. Madrid quello di Fez. Per le re-
gistrati cinquemila fulmini. enormi incendi dal nord gioni tropicali si prevedono al-
dell’Alaska alla Siberia, che terazioni di temperatura mino-
LEE SHAN KEE (WWF-MALESIA)

Terremoti Una scossa di ma- hanno rilasciato grandi quanti- ri, ma le stagioni umide diven-
gnitudo 7,3 sulla scala Richter tà di anidride carbonica. teranno più piovose e quelle
ha colpito l’arcipelago indone- secche più aride. La previsione
siano delle Molucche causan- Volpi I ricercatori del Norsk è particolarmente fosca per le
do la morte di cinque persone. Polarinstitutt hanno seguito il città tropicali, che potrebbero
Un’altra scossa(5,7) registrata a viaggio di una volpe artica per avere condizioni inedite.

122 Internazionale 1203 | 5 maggio 2017


Il pianeta visto dallo spazio
Le trasformazioni del lago Sambhar, in India

30 settembre 2018 massimo della capienza il Sam-


Nord bhar ha una superficie di 230
5 km
chilometri quadrati. In inverno
costituisce un ecosistema im-
portante per molti uccelli mi-
gratori, tra cui decine di miglia-
ia di fenicotteri. La presenza
degli uccelli però è calata molto
negli ultimi anni a causa dei
monsoni irregolari e della ridu-
zione dell’habitat.
Il lago, a rischio per lo sfrut-
tamento delle acque e della cri-
si climatica, è stato quindi inse-
Sambhar rito in una lista dei bacini salati
in declino. Ma la riduzione del
livello dell’acqua in estate è del
tutto normale.
La seconda immagine, scat-
tata il 10 aprile 2019, mostra il
lago quasi prosciugato. Un argi-
ne artificiale divide la parte oc-
10 aprile 2019 cidentale da quella orientale,
Nord dove si estrae regolarmente il
5 km
sale. Le vasche impiegate nelle
varie fasi del procedimento so-
no visibili nella foto in alto. Se-
condo gli storici, l’estrazione
del sale nella regione è comin-
ciata più di mille anni fa.
In basso a destra nell’imma-
gine si vede la cittadina di Sam-
bhar, che ha circa 22mila abi-
tanti. Il lago si trova 80 chilo-
metri a sudovest di Jaipur, il ca-
poluogo del Rajasthan.
–Kathryn Hansen (Nasa)
eaRThobSeRvaToRy/NaSa

Il lago salato Sambhar si


trova nel deserto del Thar,
nello stato del Rajasthan.
Raggiunge la massima
capienza al termine della
stagione dei monsoni.
u I deserti non sono posti in cui ghi salati. Se sono pieni o no di bacini salati del paese. Il lago e i
ci si aspetta di trovare zone acqua dipende dal periodo ruscelli che lo alimentano sono
umide. Per definizione, infatti, dell’anno. effimeri: il fluire dell’acqua di-
ricevono scarse precipitazioni. Queste due immagini, scat- pende dalla stagione. La prima u

Ma nello stato del Rajasthan, tate dal satellite Landsat 8 della immagine mostra il lago il 30
nel nordovest dell’India, il de- Nasa, mostrano il lago settembre 2018, al termine del-
serto del Thar è costellato di la- Sambhar, uno dei più grandi la stagione dei monsoni. al

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 123


Economia e lavoro
Perché bisogna salvare provocato ondate di crisi bancarie e del de-
bito. Da un sistema di commercio fondato
sul principio della non discriminazione si è
lo spirito di Bretton Woods scivolati verso un sistema di accordi com-
merciali preferenziali.
Sono emerse nuove sfide. Forse la più
importante è l’erosione del dominio occi-
Martin Wolf, Financial Times, Regno Unito dentale, e in particolare statunitense. Al-
trettanto significativa è l’ascesa del nazio-
Nel 1944 gli accordi di Bretton Woods: “La fiducia in un interesse comune nalismo e del protezionismo e la conse-
Woods riformarono l’economia nella cooperazione internazionale, l’impor- guente minaccia di frammentazione sul
tanza di alcune regole basilari di buona piano globale, ma anche all’interno dell’oc-
globale grazie alla cooperazione condotta nel rispetto dei tassi di cambio e la cidente. L’idea trumpiana del “prima
tra i paesi. Un fattore oggi più necessità di favorire lo sviluppo delle nazio- l’America” e la grande fede nel protezioni-
che mai necessario di fronte al ni ‘emergenti’”. Con l’Accordo generale smo rappresentano un sostanziale ripudio
ritorno del nazionalismo sulle tariffe e il commercio (Gatt), entrato in dello spirito e dell’ordine creato dagli Stati
vigore nel 1948, quest’idea di “alcune rego- Uniti dopo la seconda guerra mondiale.
le basilari di buona condotta” fu estesa Questa svolta è frutto dei cambiamenti eco-
“Ci siamo resi conto che il modo più saggio ed dall’ordine monetario globale al commer- nomici che hanno indebolito la fiducia sia
efficace per proteggere i nostri interessi nazio- cio. Con Bretton Woods nacquero il Fondo nell’idea di un’economia mondiale aperta
nali è attraverso la cooperazione internaziona- monetario internazionale (Fmi), la Banca sia nelle persone e nelle istituzioni che la
le, cioè attraverso lo sforzo congiunto per rag- mondiale e l’Organizzazione mondiale del gestiscono. Nei paesi ricchi hanno influito
giungere obiettivi comuni”. commercio (Wto). Ma oggi c’è molto di più. la deindustrializzazione, le crescenti disu-
-Henry Morgenthau Jr., segretario del tesoro sta- Un ruolo importante è svolto dalle banche guaglianze, lo shock della crisi finanziaria.
tunitense, nel discorso conclusivo della conferenza di sviluppo regionali, create sul modello Altri fattori sono il cambiamento climatico
di Bretton Woods, 22 luglio 1944. della Banca mondiale. Sono influenti anche e le innovazioni tecnologiche.
due gruppi informali di paesi: il G7, che in- Ma come mantenere un ordine econo-
“Dobbiamo proteggere i nostri confini dai dan- clude le sette economie più industrializzate mico globale fondato sulla cooperazione? A
ni provocati dagli altri paesi che producono i del mondo, e il G20, che include anche pae- questa domanda si può rispondere in modo
nostri prodotti, rubano le nostre aziende e di- si emergenti. più circoscritto, in termini di finalità e ar-
struggono i nostri posti di lavoro. La protezione Se giudichiamo l’epoca successiva agli chitettura istituzionale, o più ampio, in ter-
porterà grande prosperità e forza”. accordi di Bretton Woods dal punto di vista mini di relazioni internazionali. La raccolta
-Donald Trump, discorso d’insediamento alla dei risultati economici, possiamo dire che di saggi si concentra sul primo tipo di rispo-
presidenza degli Stati Uniti, 20 gennaio 2017. è stato un trionfo. Nicholas Stern, della sta: la gestione dei sistemi monetari e finan-
London school of economics, e Amar Bhat- ziari, il futuro delle politiche di sviluppo, le
a conferenza di Bretton Woods, tacharya, della Brookings institution, sot- prospettive del commercio mondiale, la

L da cui deriva gran parte dell’ordi-


ne economico globale di oggi, si
tenne nel New Hampshire, negli
Stati Uniti, 75 anni fa, tra il 1 e il 22 luglio
1944. La seconda guerra mondiale non era
tolineano che “il reddito pro ca-
pite globale è quadruplicato dal
1950, mentre la popolazione è
più o meno triplicata”. Nel 2017 il
volume del commercio mondia-
corruzione, il cambiamento cli-
matico, gli stati fragili, le migra-
zioni e la tecnologia.
Una vecchia questione è la
dipendenza del sistema moneta-
ancora stata vinta, ma le potenze occiden- le era 39 volte quello del 1950. La rio globale dal dollaro statuni-
tali, e soprattutto gli Stati Uniti, stavano quota di popolazione mondiale che vive tense, un nodo irrisolto a Bretton Woods.
già pensando a una diversa organizzazione con meno di 2 dollari al giorno è scesa dal Jean-Claude Trichet, ex presidente della
globale. Da allora il mondo è cambiato 75 per cento del 1950 al 10 per cento del Banca centrale europea, sostiene che una
moltissimo. Lo spirito della conferenza è 2015. Anche la disuguaglianza si è ridotta valuta sovranazionale è ancora impossibi-
sotto attacco, ma continua a essere rile- in modo significativo, in larga misura gra- le. Non lo è invece immaginare un ruolo
vante. L’anniversario è un’occasione per zie alla crescita delle economie emergenti più importante per i diritti speciali di pre-
riflettere su cosa è andato bene e cosa no, e asiatiche. In generale l’economia mondia- lievo (dsp, una riserva valutaria creata
su cosa serve perché lo spirito di Bretton le è stata più stabile rispetto alla prima me- nell’ambito dell’Fmi). Un altro tema noto è
Woods plasmi il mondo anche in futuro. tà del novecento. la stabilità finanziaria. Su questo argomen-
Un’imponente raccolta di cinquanta Ma non tutto è andato liscio. Il regime to Mark Carney, governatore della Banca
saggi curata da Bretton Woods committee e dei tassi di cambio fissi ma regolabili è crol- d’Inghilterra, si esprime con ottimismo:
intitolata Revitalizing the spirit of Bretton lato nel 1971, quando gli Stati Uniti sgancia- “Il programma radicale di riforme nei pae-
Woods approfondisce le difficili sfide che ci rono il dollaro dall’oro. Negli anni settanta si del G20 ha reso più sicuro, più semplice
attendono. Paul Volcker, ex presidente del- l’inflazione schizzò alle stelle per poi essere e più equo il sistema finanziario globale”.
la Federal reserve, la banca centrale statu- domata a un costo molto alto negli anni ot- Solo il tempo dirà se è abbastanza sicuro.
nitense, riassume così lo spirito di Bretton tanta. La liberalizzazione finanziaria ha Per quanto riguarda gli scambi commer-

124 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Bretton Woods, Stati Uniti, 1 luglio 1944. La delegazione statunitense
Alfred eIsenstAedt (the lIfe PIcture collectIon/Getty)

ciali, la liberalizzazione globale si è arre- ri dell’fmi”, scrivono, “ammettono a mi- della london school of economics, tratteg-
stata, soprattutto dopo che gli stati uniti crofoni spenti che dovrebbero fare di più gia un nuovo modo di pensare a questa sfi-
hanno scelto il protezionismo. sullo svi- ponendo esplicitamente il problema della da. sostiene che le reti economiche potreb-
luppo, la ministra delle finanze indonesia- finanza illecita ai governi dei paesi occiden- bero soppiantare le relazioni tra nazioni e
na ed ex direttrice operativa della Banca tali che con i loro mercati finanziari offrono rendere superflui i concetti tradizionali di
mondiale, sri Mulyani Indrawati, sottoli- opportunità d’investimento a gran parte dei egemonia. la cina, suggerisce, potrebbe
nea la necessità di grandi investimenti se si capitali illegali”. diventare non un’altra potenza egemone,
vogliono raggiungere gli ambiziosi “obiet- ma un “leader di una rete globale”.
tivi di sviluppo sostenibile”. david Mili- La scuola realista come creiamo abbastanza ordine e co-
band, presidente della International re- Ma questi problemi assolutamente rilevan- operazione per sostenere il nostro mondo
scue committee ed ex ministro degli esteri ti sono in un certo senso secondari. Il punto complesso? solo attraverso reti, istituite
britannico, sottolinea che “più del 40 per più importante è capire se il livello di coo- nell’ambito di impegni globali. Bretton
cento delle persone più povere oggi vive in perazione necessario per affrontarli è soste- Woods ha plasmato l’epoca successiva alla
stati in conflitto o fragili”. Questo dato è nibile. le sfide economiche di oggi si scon- seconda guerra mondiale non tanto grazie
inoltre alla base di gran parte della pressio- trano con la rinascita del nazionalismo. agli specifici accordi raggiunti ma incar-
ne migratoria globale. se quindi si voglio- tuttavia la cooperazione globale è più im- nando un impegno verso la cooperazione
no eliminare povertà estrema e flusso di portante oggi di 75 anni fa, solo che è diven- istituzionalizzata.
profughi è necessario occuparsi di questi tata più difficile. la scuola “realista” ci dirà Quest’impegno è vivo nonostante gli
conflitti e della pressione sui paesi relativa- che la cooperazione è irrealizzabile: le rela- alti e bassi degli anni successivi, e continua
mente poveri, che oggi ospitano l’84 per zioni internazionali sono sempre fondate a essere importante. le istituzioni devono
cento dei profughi del mondo. su brutali politiche di potere. tuttavia è “re- svilupparsi. nuove sfide vanno affrontate.
Il cambiamento climatico aggrava ulte- alistico” un sistema che produce risultati se il mondo non riuscirà a sostenere e svi-
riormente questi problemi, ma i paesi ric- disastrosi per tutti? solo se il conflitto è luppare il fondamentale impegno alla coo-
chi, soprattutto gli stati uniti, hanno deciso l’unico sistema immaginabile. ora che il perazione, il progresso globale potrebbe
di non affrontarlo. Poi c’è la corruzione. ne mondo non ha più una sola superpotenza, il bloccarsi e le sfide che ci attendono potreb-
parlano frank Vogl, cofondatore di tran- vecchio sistema gerarchico guidato dagli bero non essere vinte. Morgenthau aveva
sparency international, e William rhodes, stati uniti non è più sostenibile. Ma è anco- ragione. trump ha torto. È semplice, e dif-
ex vicepresidente di citigroup. “I funziona- ra fondamentale la cooperazione. Keyu Jin, ficile. u gim

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 125


Economia e lavoro
INDIA
Lavoro CINA

Crediti Shakopee, Stati Uniti, 15 luglio 2019


Un brusco
minacciosi rallentamento
“Negli ultimi dieci anni i princi- Nel secondo trimestre del 2019
pali gruppi finanziari indiani il pil cinese è cresciuto del 6,2
hanno scommesso sul fatto che per cento. Come spiega il New
ANNABeLLe MArCoVICI (BLooMBerG/GeTTy)

nel paese sarebbe cresciuta una York Times, si tratta del tasso
generazione di ricchi banchieri, di crescita più basso dal 1992.
avvocati e imprenditori del set- Questo dato “dimostra che il
tore tecnologico pronti a spen- tentativo di Pechino di rilancia-
dere milioni di dollari nell’ac- re l’economia nazionale inve-
quisto di immobili di lusso nelle stendo nelle infrastrutture e ta-
grandi città”, scrive il Finan- gliando le tasse non è del tutto
cial Times. Compiono queste riuscito”. Sul rallentamento del-
operazioni soprattutto società la Cina, continua il quotidiano,
finanziarie che danno soldi in ha pesato la guerra commercia-
prestito anche se non hanno le con gli Stati Uniti. “Ma le per-
una licenza bancaria, le cosid- Protesta contro Amazon dite cinesi non si sono tradotte
dette banche ombra, diventate Il 15 luglio migliaia di dipendenti dei magazzini di Amazon negli in guadagni statunitensi, visto
in breve tempo una parte im- Stati Uniti e in europa, in particolare in Germania e nel regno Uni- che molte attività produttive so-
portante del sistema finanziario to, hanno scioperato per protestare contro le condizioni di lavoro e i no state spostate dalla Cina ver-
indiano. “L’anno scorso le ban- salari troppo bassi. Gli scioperi, spiega la Bbc, coincidono con la so altri paesi dove il costo del la-
che ombra hanno assicurato un settimana delle offerte dedicate agli iscritti al servizio Amazon Pri- voro è basso, come il Vietnam,
quinto dei prestiti concessi in me. Il motto dei lavoratori è “niente più sconti sui nostri redditi”. provocando costi aggiuntivi per
India e ormai sono la principale le aziende statunitensi”.
fonte di credito per il settore im-
mobiliare, con un ritmo di cre-
scita di più del 20 per cento Asia
all’anno tra il 2013 e il 2018. Ma
negli ultimi tempi quelle scom- La carta di credito è in crisi
messe sulle proprietà di lusso
sono andate male a causa del
rallentamento dell’economia, Nikkei Asian Review, Giappone
ChrISToPher FUrLoNG (GeTTy)

che ha scoraggiato i potenziali


acquirenti. Il risultato è che oggi I pagamenti con la carta di credito
le aziende di costruzione hanno stanno perdendo terreno in Asia a
un debito di circa 37 miliardi di favore delle app di pagamento per i
dollari verso le banche ombra”. telefoni. “Le carte di credito hanno
Metà degli appartamenti di lus- un tasso di penetrazione del 10 per
so costruiti a Mumbay – circa
cento in paesi come la Thailandia, IN BREVE
undicimila immobili – è inven-
duta. “Secondo gli analisti”,
l’Indonesia e il Vietnam, mentre in Regno Unito Il 15 luglio la Ban-
conclude il quotidiano, “questi questi stessi paesi i pagamenti ca d’Inghilterra ha annunciato
miliardi di dollari investiti in mobili sono usati in media dal 50 per una nuova banconota da cin-
proprietà difficili da vendere cento della popolazione”, scrive Nikkei Asian Review. quanta sterline con l’immagine
rappresentano una minaccia se- di Alan Turing, il matematico e
“In Cina molte persone sono cresciute senza neanche
ria per l’economia nazionale”. pioniere dell’informatica britan-
sapere cos’è una carta di credito”, che spesso si rivela uno nico che durante la seconda
Prestiti al settore immobiliare in
India, migliaia di miliardi di rupie strumento più difficile e costoso da usare rispetto al guerra mondiale contribuì a de-
5 telefono. “Ma in Asia le carte di credito perdono terreno codificare i linguaggi militari
Banche statali anche perché i governi locali favoriscono lo sviluppo di usati dalla Germania nazista.
4 Banche private
sistemi di pagamento propri per evitare che i dati dei L’emissione della banconota,
Banche ombra
3 consumatori finiscano negli Stati Uniti”, dove si trovano le che entrerà in circolazione nel
2021, completa la riabilitazione
FoNTe: FINANCIAL TIMeS

principali società che gestiscono i sistemi di pagamento


2 di Turing, che nel 1952 fu arre-
con carta. Per questo nel 2016 il governo indiano ha stato e condannato per la sua
1 lanciato un’app per i pagamenti chiamata Bhim e ha omosessualità. Scelse la castra-
imposto ai negozi online e ai social network di tenere i dati zione chimica per evitare il car-
0
2010 2012 2014 2016 2018 dei consumatori in India”. ◆ cere. Nel 1954 si tolse la vita.

126 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


Strisce
I gabbiani hanno invaso Guarda! Linda ha buttato
la città spargendo Come fai a dire quelle parrucche due
spazzatura che sono loro? giorni fa.
Alex Hallatt, Nuova Zelanda

ovunque.
Arctic Circle

leti è tornata !
Guillermo Decurgez, Argentina
Decur

Un giorno, tU sei
E. Pich e J. Kunz, Germania

tesoro, tUt to PUre fet ido,


qUesto sarà qUesta bello.
tUo. balena
fet ida?
War and Peas
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

128 Internazionale 1316 | 19 luglio 2019


L’oroscopo

Rob Brezsny
COMPITI PER TUTTI
Che cosa cambieresti di te stesso
per migliorare la tua vita amorosa?

CANCRO paio di chiacchierate con te stessa, Sagittario, ma farai bene a non


Cosa risponderesti se ti chiedessi di dirmi chi sei preferibilmente usando voci buffe sottovalutare quanto te ne servirà
e un linguaggio del corpo diver- per vivere bene. Concediti il per-
veramente? Non m’interessano tanto i tuoi titoli o i
tente. Potresti anche allinearti ai messo di espanderti.
riconoscimenti che hai ottenuto. Sarei curioso di
ritmi cosmici ballando e scher-
conoscere i tuoi misteri sacri, non la tua storia vera e propria. zando più del solito e vagando CAPRICORNO
Vorrei sapere i preziosi segreti di cui parli con te stesso prima di nella natura alla ricerca della tua “Voglio fare cose talmente
addormentarti. Ti chiederei di cantarmi le canzoni che ami e di innocenza perduta. folli con te che non so ne-
descrivermi gli alleati che ti fanno sentire vero. Ti pregherei di anche come dirle”, scriveva Anaïs
parlarmi delle possibilità future che ti spaventano e al tempo BILANCIA Nin in una lettera al suo amante
stesso ti eccitano. In quale altro modo potresti mostrarmi la Anche se nel mio oroscopo del Capricorno Henry Miller. C’è
natura più profonda della tua anima incontenibile? È un buon non troverai mai la pubbli- qualcuno a cui dovresti o vorresti
cità della Toyota, della Coca-Cola dire una cosa simile? Se la risposta
momento per riflettere su questi enigmi.
o della Apple, mi sentirai sicura- è sì, è il momento giusto per esse-
mente esaltare beni spirituali co- re così audace e sincero. Se invece
me la creatività, l’amore e la liber- è no, è ora di cercare qualcuno a
ARIETE incomprensibili. A causa di queste tà. Anch’io sono un imbonitore. cui dovresti o vorresti dirla. E se
Un lettore dell’Ariete mi ha spinte misteriose, si muovono in Forse la mia pubblicità è più edifi- vuoi renderla più allettante, ecco
mandato un’email: “Avevo direzioni sconosciute verso obiet- cante, ma resta il fatto che cerco un’altra frase di Anaïs: “Solo il
paura di rimanere troppo impan- tivi nebulosi. Sono talmente os- di convincerti a “comprare” le battito congiunto del sesso e del
tanato nei miei doveri, troppo ip- sessionate che a volte sembrano mie idee. Morale della storia: tut- cuore può provocare l’estasi”.
notizzato dalla routine, di prende- avere uno scopo preciso, ma l’og- ti, compresi il dalai lama e l’arci-
re troppo sul serio i miei problemi. getto della loro ossessione è irrag- vescovo Desmond Tutu, vendono ACQUARIO
Perciò ho preso una decisione giungibile perché in realtà non qualcosa. Spero che questo ti aiuti Hai sentito la storia di quel-
drastica”. Ecco alcune delle cose esiste! Ti ho descritto il fenomeno a vincere la riluttanza a presenta- la mamma californiana che
che ha fatto per uscire da questa in dettaglio, Gemelli, perché nei re te stessa e le tue idee nella luce appiccava incendi nei boschi per
crisi: “Ho insegnato a ridere a un prossimi mesi troverai tutto l’aiuto migliore. È ora di perfezionare la aiutare la carriera di vigile del fuo-
gatto. Ho mangiato un ragno. Ho e il sostegno di cui potresti mai tua tecnica di vendita, di spiegare co di suo figlio? È un esempio che
partecipato a una gara di starnuti. aver bisogno per non diventare perché il tuo modo di vivere è così dovresti accuratamente evitare
Ho fracassato una sveglia con un come queste persone. saggio, di farti portavoce e model- nelle prossime settimane. Non sa-
martello. Ogni volta che una si- lo dei valori che ti stanno a cuore. rebbe né saggio né utile per te e i
gnora anziana si avvicinava grida- LEONE tuoi cari creare un certo tipo di
vo ‘Viva la regina!’ e facevo una Il protagonista di un rac- SCORPIONE problemi solo perché siete diven-
capriola all’indietro. Ho dato un conto di fantascienza di Stai crescendo quasi trop- tati bravi a risolverli. Come dovre-
nome al mio cucchiaio (Hortense) Isaac Asimov è un fisico che viag- po in fretta, ma non sarà sti usare allora la tua capacità di
al tavolo (Beatrice), a una mosca gia nel tempo e riesce a far arriva- necessariamente un problema, se risolvere problemi, che in questo
(Fallon) e uno stuzzicadenti (Ar- re William Shakespeare nel pre- non ti aspetti che chiunque ti cir- momento è al culmine? Ti consi-
turo)”. Secondo la mia analisi dei sente. Il bardo si iscrive a un corso condi cresca alla tua stessa veloci- glio di cercare qualche problema
presagi astrali, Ariete, faresti bene serale sulle sue opere ma non su- tà. Ho anche il sospetto che tu interessante e potenzialmente
a inscenare una ribellione simile. pera l’esame finale. Le idee e il sappia troppo, ma finché coltive- proficuo che finora non hai mai
modo di parlare moderni lo diso- rai un po’ di umiltà non ci saranno affrontato, qualche sfida stimo-
TORO rientano. Non capisce le teorie sul invidie e resistenze. Ho inoltre il lante che ti farà diventare ancora
Bentornate e bentornati a suo teatro che i critici hanno ela- dovere di dirti che stai diventando più in gamba.
casa. Sono contento di ve- borato nei secoli. Con questo av- troppo attraente per il tuo bene,
dere che, dopo esservi accasati di vertimento, t’invito a viaggiare anche se ancora non hai raggiunto PESCI
casa in casa, siete di nuovo incu- nel futuro non di quattro secoli, il punto critico, quindi questo ec- La protagonista di Alice nel
riositi dalla vostra vera casa. ma di dieci anni appena e ad ana- cesso di fascino ti tornerà utile in- paese delle meraviglie e At-
Quante volte dovrò scrivere “ca- lizzare la tua vita da quella pro- vece di danneggiarti. In conclu- traverso lo specchio è una ragazzina
sa” prima che raccogliate il mes- spettiva. Come la interpreteresti? sione, Scorpione, ti invito a ralle- curiosa, avventurosa e senza pau-
saggio che è ora di dedicarsi a ca- Avresti critiche costruttive? Intui- grarti della tua abbondanza ma ra. Prima segue un coniglio ben
sarecci compiti a casa? Per chi si zioni per aiutarti a pianificare me- senza ostentarla. vestito nella sua tana finendo in
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

sente psicologicamente senza ca- glio il tuo futuro a lungo termine? un universo alternativo. Poi scivo-
internazionale.it/oroscopo

sa o in esilio dalla sua casa spiri- SAGITTARIO la in uno specchio e arriva in


tuale, aggiungo una nota: le pros- VERGINE I leopardi delle nevi un’altra realtà parallela. Ogni vol-
sime settimane saranno il mo- La prossime settimane sa- dell’Asia centrale hanno ta affronta con grande compo-
mento ideale per risolvere il pro- ranno un periodo favore- bisogno di molto spazio. Secondo stezza situazioni strane, paranor-
blema e placare questo dolore. vole per comprare qualche giocat- gli zoologi, a ogni maschio piace mali e imprevedibili. E si diverte a
tolo, cambiare la tua immagine avere a disposizione un territorio trattare con personaggi insoliti e
GEMELLI senza motivo e abbandonarti a un di 130 chilometri quadrati e alle originali. Secondo me, è nata sot-
Il mondo è pieno di perso- piacere interessante che ti stai ne- femmine uno di almeno 70. Non to il segno dei Pesci. Sei pronto
ne eternamente irrequiete gando senza una buona ragione. credo che nelle prossime settima- per la tua fase “Alice nel paese
che fremono di desideri confusi e Spero anche che farai almeno un ne avrai bisogno di tanto spazio, delle meraviglie”? Sta arrivando.

Internazionale 1316 | 19 luglio 2019 129


L’ultima
rogerS, STaTi uNiTi

l’eccezionalità americana. “1969: un piccolo passo per l’uomo.


2019: un grande balzo indietro per l’umanità”.
chaPPaTTe, le caNard eNchaîNé, fraNcia

baNx, regNo uNiTo


“Tornatene a casa tua”.

Nonostante la collera di Washington, il presidente turco


erdoğan compra dei missili russi. “Se Trump non è contento mi
può chiamare sul mio huawei”.
dilem, liberTé, algeria

mcNair

l’algeria conquista la finale della coppa d’africa. “la vittoria “mi scuso per il ritardo nel rispondere.
della nazionale celebrata in tutto il territorio algerino”. È stata una settimana da pazzi”.

Le regole Acqua minerale


1 Tenere una bottiglietta in mano tutto il giorno non fa dimagrire. 2 Se lacrimi quando bevi, è troppo
frizzante. 3 Scegli sempre acqua a temperatura ambiente. 4 Se l’ambiente è un’auto parcheggiata al
sole, ignora la regola precedente. 5 Non fingere di non sapere che la bottiglietta da cui stai bevendo
finirà nell’oceano Pacifico. regole@internazionale.it

130 internazionale 1316 | 19 luglio 2019


searching a new way

John Grade - Réservoir - Ph Giacomo Bianchi) copyright Artesella


STUDIO BI QUATTRO

UN PROCESSO CREATIVO UNICO, CHE NELL'ARCO DI UN CAMMINO TRENTENNALE HA


VISTO L'INCONTRO DI LINGUAGGI ARTISTICI, SENSIBILITÀ E ISPIRAZIONI DIVERSI
ACCOMUNATI DAL DESIDERIO DI INTESSERE UN FECONDO E CONTINUO DIALOGO TRA
LA CREATIVITÀ ED IL MONDO NATURALE. UN LUOGO MAGICO E PIENO DI FASCINO.

www.artesella.it

www.montura.it