Sei sulla pagina 1di 108

2/8 febbraio 2018 • Numero 1241 • Anno 25

“Da quando sono tornata dall’India

Sommario mi sento una persona più forte”


Sue PerkinS a Pagina 70

in coPertina
La settimana
2/8 febbraio 2018 n. 1241 • anno 25 internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Dag Herbjørnsrud Libia Visti dagli altri
il meglio dei giornali L’illuminismo Stupri come arma Silvio Berlusconi
di tutto il mondo africano di guerra torna da protagonista

La donna
che fa tremare
La donna che fa tremare
afrin le grandi aziende tecnologiche
le grandi
aziende
tecnologiche
Margrethe Vestager è la commissaria
europea impegnata contro
l’elusione iscale delle multinazionali

Margrethe Vestager è la commissaria europea per la concorrenza.


e lo strapotere di Apple, Amazon,
Google e Facebook

È stata lei a guidare l’ofensiva di Bruxelles contro le multinazionali


accusate di elusione iscale e a volere le indagini su Apple, Amazon,
Google e Facebook (p. 36). Foto di HEIN Photography
Giovanni De Mauro
Intanto nel nord della Siria continua afghaniStan turkmeniStan economia
l’operazione militare turca contro i curdi. 14 Una battaglia 56 Un paese e Lavoro
contro lo stato sull’orlo 98 L’uomo
L’agenzia di stampa France-Presse scrive che impacchettò
che domenica 28 gennaio, otto giorni dopo The New York Times del precipizio
New Eastern Europe il modello
l’inizio dell’attacco, l’esercito di Ankara ha svedese
Sudafrica
conquistato il monte Bursayah, nella parte 20 Città del Capo Dagens Nyheter
PortfoLio
orientale di Afrin. Un successo piccolo, ma rischia di restare 60 Serpi 100 Un altro scandalo
importante dal punto di vista strategico e senz’acqua di casa per l’auto tedesca
ottenuto dopo pesanti bombardamenti. Il Nrc Handelsblad Jana Romanova Süddeutsche Zeitung
iume Afrin scorre da nord a sud,
attraversando colline alberate, vallate americhe ritratti
fertili e 360 villaggi curdi in cui vive più di 22 La democrazia 66 Usman Raja. cultura
un milione di persone. L’Osservatorio di facciata Corpo a corpo 76 Cinema, libri,
siriano per i diritti umani ha reso noto che dell’Honduras The New York Times musica, video, arte
nei bombardamenti turchi sono morti 67 El Faro
civili, mentre inora i combattimenti sono 24 Il movimento viaggi
Le opinioni
costati la vita a 85 miliziani siriani alleati di #MeToo scuote 68 Lungo il corso
Ankara e a 91 combattenti curdi. Un la politica del Gange 12 Domenico Starnone
tempio neoittita del primo millennio canadese The Sunday Times 18 Amira Hass
avanti Cristo è stato danneggiato. The Globe and Mail 32 Nuray Mert
graPhic
Secondo il governo turco, i combattenti journaLiSm 34 David Randall
delle Unità di protezione del popolo (Ypg) euroPa 72 Cartoline 78 Gofredo Foi
sono terroristi. Mentre secondo la gran 26 Pace impossibile dalla Francia 80 Giuliano Milani
parte degli osservatori e della comunità in Ucraina
Laura Désirée Pozzi 82 Pier Andrea Canei
internazionale, i gruppi curdi hanno avuto The Economist
84 Christian Caujolle
un ruolo fondamentale nella sconitta del fiLoSofia
gruppo Stato islamico e amministrano in
viSti dagLi aLtri 74 Le due facce
28 Le nuove della libertà Le rubriche
modo democratico e paciico i territori ambizioni di Silvio
sotto il loro controllo. “Le notizie da Afrin Süddeutsche Zeitung 12 Posta
Berlusconi
non riguardano solo il futuro dei curdi nel The New York Times 13 Editoriali
PoP
nord della Siria e possono trasformare 103 Strisce
86 L’illuminismo
l’intera regione – la Turchia, l’Iraq e in confronti 105 L’oroscopo
africano
particolare l’Iran – con profonde 30 La condanna Dag Herbjørnsrud 106 L’ultima
conseguenze per l’occidente e i suoi di Lula è giusta?
rapporti con una Russia sempre più Folha de S.Paulo, Scienza
inluente, dinamica, abile”, ha scritto sul Carta Capital, Brasile 92 A chi tocca Articoli in formato
Guardian Gareth Stansield, professore dopo mp3 per gli abbonati
dell’Istituto di studi arabi e islamici di Libia i macachi?
44 Stupri come
internazionale.it/sommario

Exeter, nel Regno Unito. “È ora che i paesi New Scientist


occidentali chiariscano quali sono i loro arma di guerra
obiettivi in Medio Oriente, al di là delle Le Monde tecnoLogia
dichiarazioni di facciata sulla pace, la 97 L’Europa
iSLanda prende sul serio
stabilità e la democrazia. Di sicuro è una
52 La lingua fossile la privacy
questione estremamente diicile, ma ha
The Economist
bisogno di una risposta. E inché questa dei cittadini
risposta non arriverà, quello che succede The New York Times Internazionale pubblica in
ad Afrin continuerà ad andare a vantaggio esclusiva per l’Italia gli articoli
degli interessi di altri”. u dell’Economist.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 5


Immagini
Il dolore dei curdi
Afrin, Siria
29 gennaio 2018

I funerali di civili e combattenti curdi


uccisi negli scontri con l’esercito turco
nel distretto di Afrin. Il 20 gennaio An-
kara ha lanciato un’ofensiva contro il
territorio nel nordovest della Siria con-
trollato dai curdi, con l’obiettivo di cac-
ciare le milizie curde delle Unità di pro-
tezione del popolo (Ypg), che considera
un gruppo terroristico. Secondo Ursula
Mueller, segretaria generale aggiunta
dell’Onu, incaricata degli afari umani-
tari, circa 15mila persone sono fuggite
all’interno del distretto. L’Osservatorio
siriano per i diritti umani ha riferito che
nei combattimenti sono morti 67 civili,
91 combattenti curdi e 85 miliziani siria-
ni alleati di Ankara. Foto di Delil Soulei-
man (Afp/Getty Images)
Immagini
Senza tregua
Kabul, Afghanistan
27 gennaio 2018

Alcuni superstiti scappano dopo l’esplo-


sione di una bomba in un’ambulanza a
Kabul, nella zona delle ambasciate e de-
gli uici governativi. Nell’attacco, riven-
dicato dai taliban, sono morte 103 per-
sone e ne sono rimaste ferite 235. Nel
giro di dieci giorni in Afghanistan ci so-
no stati quattro attentati. Foto di Andrew
Quilty (The New York Times/Contrasto)
Immagini
Ballo in maschera
Pernik, Bulgaria
28 gennaio 2018

Uomini nel tradizionale costume dei ku-


keri durante il carnevale di Surva, nella
città di Pernik, nell’ovest della Bulgaria.
Abbigliati con elaborati costumi, ma-
schere di legno e campanacci legati alla
cintola, i kukeri sono igure tipiche del
folclore bulgaro, difuse con nomi diver-
si anche in altre zone dei Balcani, tra cui
la Romania, la Grecia e la Serbia. Nei
primi giorni di gennaio e nel periodo che
precede la quaresima i kukeri attraver-
sano danzando le strade di città e villag-
gi, per portare salute e prosperità e scac-
ciare gli spiriti maligni. Il rituale ha ori-
gine nel culto di Dioniso, probabilmente
nato proprio in Tracia. Nel 2015 il festi-
val di Surva è stato riconosciuto
dall’Unesco come patrimonio immate-
riale dell’umanità. Foto di Nikolay Doy-
chinov (Afp/Getty Images)
Posta@internazionale.it
Un rapporto complicato degli italiani, che preferiscono 1235). Sono stata a Cuba qual- Parole
con il femminismo sempre dare un’immagine de- che mese fa, e anche se questo
teriore di come vanno le cose paese sta diventando sempre
Domenico Starnone
u Leggendo l’articolo sui mo- qui? O c’è qualcosa che non va di più un’attrazione turistica,
vimenti femministi italiani nel femminismo italiano? Non sono felice di poter dire che il Fuori
(Internazionale 1239) abbiamo
detto: “Ci risiamo!”. Non è la
siamo riuscite a farci conosce-
re e capire dall’intellighenzia
mio viaggio è rimasto un’av-
ventura. Continua a darmi
uso
prima volta che ci capita di leg- italiana? O forse siamo noi emozioni diverse a mesi di di-
gere cose sull’Italia e sul fem- troppo “intelligenti” e non sia- stanza. Cuba non si capisce in
minismo italiano in cui non ci mo riuscite a farci riconoscere un viaggio solo, è come un ca-
riconosciamo, per lo più nega- dal femminismo americano, leidoscopio in cui i ricordi for-
tive e sempre strane: “Un pae- che è la tendenza dominante? mano giochi di luce sempre
se sessista e arretrato, in cui le Perché il femminismo italiano, nuovi. Non sono mai stata in
donne non hanno voce. In re- da Carla Lonzi in avanti, non si un posto così meravigliosa-
altà ci sono da anni movimenti esprime tanto con le manife- mente ricco. Spero di tornarci u L’obsolescenza programma-
che si battono con forza per la stazioni (quelle necessarie le nei prossimi vent’anni. ta – formula di discreta divul-
parità di genere”, dice il som- abbiamo fatte, per difendere Giulia gazione grazie ai discussi
mario. Arretrato? Parità di ge- l’interruzione di gravidanza) iPhone Apple – è per gli anzia-
nere? Aiuto! E noi che pensia- ma con la modiicazione dei Errata corrige ni una piccola vittoria. Ora i-
mo di essere così brave. Ce lo rapporti tra i sessi, e non ab- gli, nipoti, pronipoti non si
fa credere il fatto che ci tradu- biamo puntato sul femmini- u Su Internazionale 1239, a pa- possono più permettere di
cono, ci vengono a intervista- smo di stato. O è a causa delle gina 78, nel mercato anglofono provare fastidio, quando si
re, ci portano le scolaresche, nostre varie posizioni anche in vendere 3mila copie di un ro- sentono dire con voce caver-
perché considerano originale il conlitto? Sì, è vero, abbiamo manzo, e non 30mila, è un ri- nosa: oggi non funziona nien-
nostro femminismo, conosciu- idee diverse, ma noi pensiamo sultato rispettabile. te, ai tempi miei il mondo sì
to come femminismo della dif- che il femminismo sia un cam- che girava bene. Forse non è
ferenza sessuale e della libertà po di battaglia. Errori da segnalare? vero che girava bene, forse
femminile. Come mai allora Clara Jourdan e le altre della Li- correzioni@internazionale.it non è vero che una lavatrice,
sui giornali usate misure im- breria delle donne di Milano un frigo, un’automobile dura-
proprie? Abbiamo delle ipote- PER CONTATTARE LA REDAZIONE vano tutta la vita, forse l’obso-
si: forse l’Italia, a causa della La foglia arrotolata Telefono 06 441 7301 lescenza programmata c’era
sua storia diicile e dell’attuale Fax 06 4425 2718 già. Però di sicuro un oggetto
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
classe politica, è un paese di- u Ho adorato l’articolo sul Email posta@internazionale.it ci metteva come minimo un
sprezzato? O è per l’esteroilia viaggio a Cuba (Internazionale Web internazionale.it paio di decenni a inire fuori
uso e nei cataloghi del moder-
nariato. Adesso i tempi sono
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli sempre più stretti (dieci anni,
cinque, tre, due) e non solo per
gli oggetti. In politica, nelle ar-
Mollare la presa ti, in televisione, nell’editoria,
in tutti i luoghi di lavoro, l’ob-
solescenza programmata delle
Ho una iglia che oserei Emmanuel Macron e di sua portazione delle regole. Vo- singole persone rischia di af-
deinire modello per moglie Brigitte, di 25 anni più stra iglia in un certo senso vi fermarsi più di quella degli og-
quante poche preoccupa- grande di lui. Preferisco però ha risparmiati, ma nel frat- getti. A una capillare campa-
zioni ci ha dato. Ma ora, a darvi un consiglio più sem- tempo è comunque diventata gna promozionale in cui si dice
22 anni, ci ha spiazzati plice: mollate la presa. Avete una giovane donna indipen- che sei il migliore in un deter-
mettendosi con un uomo superato l’adolescenza di vo- dente, come vi ha appena di- minato settore segue presto,
molto più grande di lei. stra iglia indenni, ma alla i- mostrato. A 22 anni ha il pie- sempre più presto, una campa-
–Michela ne il conto arriva sempre, no diritto di vivere la sua vita gna promozionale che, rivisti i
perché la ribellione dei tee- come crede e voi non potete parametri, ti abbandona al tuo
Ci sono vari modi di vedere nager serve proprio a questo: fare altro che prenderne atto destino e sostiene che il mi-
la situazione. Potrei farvi agi- far capire ai genitori che è ar- e augurarle il meglio. Magari gliore è un altro. Una volta i
tare ulteriormente citando rivata l’ora di mollare la pre- un giorno chissà, visto vecchi ci deprimevano dicen-
uno dei tanti studi che indi- sa. Di solito il distacco avvie- quant’è brava, potrebbe di- doci che non c’è niente di più
cano la diferenza d’età come ne in modo graduale e gli ventare la nostra presidente transitorio del successo e della
fattore negativo per la durata adolescenti cominciano a del consiglio, accompagnata gloria. In futuro successo e
di un rapporto. Oppure po- spiazzare gli adulti con rispo- dal suo maturo ed elegante gloria transiteranno con una
trei tranquillizzarvi raccon- stacce, bugie, trasgressioni irst gentleman. tale ossessiva frequenza che
tandovi la bella storia d’amo- di varia natura e gravità, con nemmeno riusciremo a goder-
re del presidente francese una sana e costante mal sop- daddy@internazionale.it ne e già saranno passati.

12 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Editoriali

La lezione dei sindacati tedeschi


“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
William Shakespeare, Amleto
Direttore Giovanni De Mauro Laurent Jofrin, Libération, Francia
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele Quanto sono irritanti questi tedeschi. Vantano sconfessati in modo spettacolare dai vicini tante
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla risultati economici insolenti, una crescita rego- volte invocati. Per ora quella dell’Ig Metall è solo
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti (Medio Oriente), lare, una gigantesca eccedenza commerciale, una richiesta, e gli industriali tedeschi si sono
Alessandro Lubello (economia), Alessio
Marchionna (Stati Uniti), Andrea Pipino conti pubblici in equilibrio, tasso di disoccupa- opposti con decisione. Ma in ogni caso: in Fran-
(Europa), Francesca Sibani (Africa), Junko Terao
(Asia e Paciico), Piero Zardo (cultura, zione ai minimi storici. E ora si mettono anche cia si vogliono rimettere in discussione le 35 ore,
caposervizio)
Copy editor Giovanna Chioini (web, all’avanguardia dei diritti sociali in Europa. Ig in Germania si discute delle 28 ore.
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
Romano (coordinamento, caporedattore), Metall, il sindacato più potente della repubblica Anche i sindacati francesi, la sinistra e i movi-
Giulia Zoli
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa federale (e di tutto il continente), esige non solo menti sociali sono a disagio. Se la repubblica fe-
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio), un aumento salariale del 6 per cento per i suoi derale può pensare di ridurre l’orario di lavoro
Marta Russo
Web Annalisa Camilli, Andrea Fiorito, Stefania iscritti, ma anche e soprattutto la possibilità per (su base volontaria), è anche perché ha saputo
Mascetti (caposervizio), Martina Recchiuti
(caposervizio), Giuseppe Rizzo, Giulia Testa gli operai metallurgici di passare alla settimana ristabilire a colpi di dolorosi sacriici la competi-
Internazionale a Ferrara Luisa Cifolilli,
Alberto Emiletti
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci,
lavorativa di 28 ore con una parziale compensa- tività delle sue industrie. E se il tasso di disoccu-
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori
zione salariale. pazione è così basso, è anche perché in Germa-
sono indicati dalla sigla alla ine degli articoli.
Marina Astrologo, Giuseppina Cavallo, Stefania
Un ulteriore colpo per le certezze francesi, se nia sono molto difusi i lavoretti part-time, spes-
De Franco, Francesco De Lellis, Federico
Ferrone, Valentina Freschi, Giusy Muzzopappa,
mai ce ne fosse bisogno. Il Medef (l’associazione so precari e mal pagati.
Francesca Rossetti, Fabrizio Saulini, Irene
Sorrentino, Andrea Sparacino, Claudio
degli industriali francesi), che così spesso cita a Da questa vicenda si può trarre una doppia
Tatasciore, Bruna Tortorella, Luca Vaccari
Disegni Anna Keen. I ritratti dei columnist sono
esempio l’eccellenza tedesca, è stato preso com- lezione, spesso mal compresa a destra e a sini-
di Scott Menchin Progetto graico Mark Porter
Hanno collaborato Gian Paolo Accardo,
pletamente in contropiede. Gli industriali fran- stra: solo un’economia forte permette il progres-
Gabriele Battaglia, Catherine Cornet, Cecilia
Attanasio Ghezzi, Francesco Boille, Sergio Fant, cesi, che non trovano mai parole abbastanza so sociale, ma immancabilmente il successo
Andrea Ferrario, Anita Joshi, Fabio Pusterla,
Alberto Riva, Andreana Saint Amour, Francesca dure per criticare le leggi che in Francia limitano economico suscita e giustiica le legittime riven-
Spinelli, Laura Tonon, Guido Vitiello, Marco
Zappa l’orario di lavoro a 35 ore settimanali, sono stati dicazioni dei lavoratori. u gac
Editore Internazionale spa
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot
(vicepresidente), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Giancarlo Abete,
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro,
Giovanni Lo Storto
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
Produzione e difusione Francisco Vilalta
Amministrazione Tommasa Palumbo,
L’Irlanda al voto sull’aborto
Arianna Castelli, Alessia Salvitti
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale
Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it The Irish Times, Irlanda
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15,
37131 Verona La decisione del governo irlandese, che ha indet- mentare sull’ottavo emendamento ha chiesto di
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
Copyright Tutto il materiale scritto dalla to per la ine di maggio un referendum sull’abo- autorizzare l’aborto ino alla dodicesima setti-
redazione è disponibile sotto la licenza Creative
Commons Attribuzione - Non commerciale - lizione delle restrizioni all’aborto, rappresenta mana di gestazione. È stata una mossa decisiva.
Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Signiica che può essere riprodotto a patto di una pietra miliare nel lungo e spesso aspro dibat- Davanti alla scelta tra il limite delle dodici setti-
citare Internazionale, di non usarlo per ini
commerciali e di condividerlo con la stessa tito nazionale sull’argomento. L’ottavo emenda- mane e il mantenimento dello statu quo, e senza
licenza. Per questioni di diritti non possiamo
applicare questa licenza agli articoli che mento alla costituzione, che è stato introdotto dubbio tenendo conto di uno spostamento
compriamo dai giornali stranieri. Info: posta@
internazionale.it con un referendum nel 1983 e vieta l’aborto salvo dell’opinione pubblica, i politici hanno deciso di
rarissime eccezioni, non rilette più l’opinione accogliere la proposta della commissione.
Registrazione tribunale di Roma
n. 433 del 4 ottobre 1993
del popolo irlandese. Questa realtà emerge sia Invece di proporre l’abrogazione dell’articolo
Direttore responsabile Giovanni De Mauro
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì
dai sondaggi, che hanno ripetutamente eviden- che vieta l’aborto, il governo ha scelto di sostitu-
31 gennaio 2018
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832
ziato il desiderio di cambiamento, sia dal grande irlo con un altro articolo che autorizzi la commis-
Pubblicazione online ISSN 2499-1600 numero di donne irlandesi che ogni anno lascia- sione parlamentare a varare una nuova legge
PER ABBONARSI E PER no il paese per sottoporsi a una procedura vietata sull’aborto, per evitare il rischio che i tribunali
INFORMAZIONI SUL PROPRIO
ABBONAMENTO in Irlanda. Il cosiddetto “emendamento pro-life” possano bocciare una legge futura sull’interru-
Numero verde 800 111 103
(lun-ven 9.00-19.00), non ha impedito alle donne di abortire, le ha solo zione di gravidanza. Ma anche questa soluzione
dall’estero +39 02 8689 6172
Fax 030 777 23 87 costrette a farlo altrove. Negli ultimi anni, ogni comporta dei rischi. Solo in un numero ridotto di
Email abbonamenti@internazionale.it
Online internazionale.it/abbonati giorno almeno nove irlandesi sono andate nel casi la costituzione nega ai giudici la possibilità
LO SHOP DI INTERNAZIONALE Regno Unito per abortire. Molte altre hanno usa- di intervenire. Impedire al potere giudiziario di
Numero verde 800 321 717
(lun-ven 9.00-18.00)
to pillole acquistate su internet. annullare la legge per motivi costituzionali pro-
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
Fino a poco tempo fa si presumeva che il go- vocherebbe un acceso dibattito.
Imbustato in Mater-Bi
verno avrebbe provato a legalizzare l’aborto nei Non bisogna dare agli oppositori del referen-
casi d’incesto, stupro e malattia grave del feto. E dum nessun motivo per sostenere che il parla-
l’opinione pubblica, soprattutto al centro tra i mento stia cercando di aggirare la separazione
due schieramenti, lo sosteneva chiaramente. dei poteri. La scelta delle parole nella proposta di
Tuttavia, dopo aver trovato diversi ostacoli pra- emendamento sarà fondamentale. Il governo
tici a questa soluzione, la commissione parla- non deve sbagliare. u as

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 13


Afghanistan
In attesa di notizie fuori da un ospedale dove sono state portate le vittime dell’attentato del 27 gennaio, a Kabul
Andrew QUILty (the new yorK tIMeS/ContrASto)

lealtà del popolo. Ma dopo sedici anni, non


Una battaglia essendo riusciti a raggiungere lo scopo,
hanno rimodellato la guerra intorno a
contro lo stato un’unica questione: la possibilità che il pa-
ese abbia uno stato funzionante. Per la co-
alizione guidata dagli statunitensi e per i
suoi partner afgani l’obiettivo era sempli-
ce: istituire un governo, aiutarlo a consoli-
Max Fisher, The New York Times, Stati Uniti
dare il controllo sul territorio e aspettare
Quattro attentati e circa 160 bordo di un’ambulanza ne ha uccise 103. che gli afgani respingessero i taliban sce-
morti in dieci giorni. Più che Per capire le ragioni che possono spin- gliendo la stabilità. I taliban, considerando
gere a colpire dei passanti e in un numero illegittimo il governo afgano sostenuto da-
combattere per il controllo del così alto, forse più che indagare le menti gli stranieri, hanno cercato di rovesciarlo.
territorio, i taliban e il gruppo degli attentatori bisogna esaminare la Poiché per entrambi i contendenti il con-
Stato islamico vogliono struttura di una guerra che spinge sempre trollo del paese era una questione di so-
alimentare il caos di più i suoi protagonisti verso l’insensa- pravvivenza, i taliban avevano tutti i moti-
tezza. Poco importa che questi ultimi at- vi per provocare il caos.
tentati si traducano in una conquista di “In questo vedo molta complicità da
nche se non sono stati certo i lungo periodo per i taliban o servano solo parte degli Stati Uniti”, dice Frances Z.

A primi attentati dei taliban a Ka-


bul, c’è qualcosa di particolar-
mente preoccupante, per porta-
ta e conseguenze, nei due episodi che han-
no scosso la capitale afgana a una settima-
come terribile ma passeggera dimostrazio-
ne di forza: gli attacchi di Kabul incarnano
tendenze verso la violenza e la disintegra-
zione che in Afghanistan sembrano solo
destinate a peggiorare.
Brown, un’analista della Carnegie endow-
ment for international peace che ha fatto
parte del Consiglio per la sicurezza nazio-
nale statunitense. I taliban, prosegue
Brown, non riescono a vincere una volta
na di distanza l’uno dall’altro. L’assedio Le varie parti si sono avventurate in per tutte e gli americani non vogliono am-
all’hotel Intercontinental ha provocato la quella che ritenevano una tradizionale bat- mettere la sconitta, così hanno entrambi
morte di 43 persone, e la bomba caricata a taglia per il controllo del territorio e per la privilegiato delle intensiicazioni di breve

14 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


durata. Questo ha avallato la strategia dei bul, con i servizi segreti militari pachistani), Ghani. Con ogni probabilità Islamabad
taliban di indebolire lo stato anche attra- oggi è il numero due dei comandanti tali- metterebbe alla prova sia l’impegno di wa-
verso attentati a Kabul che mettano in luce ban ed è di fatto lo stratega militare del shington sia la determinazione afgana pri-
la fragilità del governo. gruppo. “I taliban e la rete haqqani sono la ma di cedere alle pressioni esterne. Anche
“La strategia di trump si basa sulla for- stessa cosa”, dichiara Sayed Akbar Agha, un se gli attacchi della scorsa settimana posso-
za di una macchina da guerra, cioè sull’in- ex comandante taliban. “Solo il governo no non avere alcun rapporto con la linea
vio di altre truppe”, dice il mullah hamid, continua a distinguerli”. Anche se è logico adottata dagli Stati Uniti, il Pakistan ha rea-
un comandante taliban nell’Afghanistan indebolire la capacità dei taliban di agire gito, come altre volte in passato, intensii-
meridionale. “Se gli americani preferisco- come una tradizionale forza d’insurrezione cando la violenza in Afghanistan.
no l’opzione militare, noi non ci tiriamo in- che controlla un territorio, questo li porta a
dietro. Possiamo raggiungere i nostri obiet- dare la priorità al loro ruolo di gruppo terro- Conlitto ininito
tivi e colpire il nemico”. La violenza basata rista, come dimostrano gli ultimi attacchi. In teoria un accordo di pace potrebbe riav-
sul principio dell’occhio per occhio ha as- Per tutto il tempo in cui ha infuriato la vicinare tutte le parti coinvolte nel conlitto.
sunto una logica tutta sua, sovrastando ogni guerra in Afghanistan, il Pakistan, che fa il Ma diciassette anni di combattimenti han-
altra possibilità. “non c’è nessun canale di doppio gioco con i taliban, è stato al centro no eroso la iducia e polarizzato le posizioni.
dialogo attivo tra l’Alto consiglio per la pace dell’apparente mancanza di soluzioni. e se è vero che in passato alle guerre è se-
e i taliban”, dichiara Maulavi Shaiullah nu- All’inizio di gennaio il presidente degli Stati guita la pace, è stata sempre necessaria una
ristani, che fa parte dell’organismo gover- Uniti donald trump, sulla scia dei suoi due mediazione. Qui sembra non essercene
nativo incaricato di valutare la fattibilità dei predecessori, ha rimproverato pubblica- nessuna. “La comunità internazionale non
negoziati con i ribelli. “non abbiamo mai mente Islamabad e congelato gli aiuti per la è attrezzata per svolgere questo ruolo”, af-
avuto contatti diretti con loro, solo contatti sicurezza al paese. Secondo Brown, però, ferma Brown. I diplomatici hanno dato fon-
indiretti e personali”. La sede del Consiglio gli Stati Uniti non sembrano pronti alle con- do a tutte le loro risorse per impedire al go-
per la pace, a poco più di 300 metri da dove seguenze di uno scontro con il Pakistan. verno di Kabul di crollare travolto dalle di-
è esplosa l’autobomba il 27 gennaio, è rima- “Se intensiichi le pressioni devi aspettarti visioni politiche, un altro sintomo della sua
sta chiusa per due giorni, “per ripulire gli che anche l’altra parte lo faccia”. debolezza. La forza degli americani, inol-
uici dai detriti e dai vetri rotti”. I funzionari di Kabul temono che l’ap- tre, è un ostacolo per la diplomazia. Gli Sta-
proccio oltranzista di trump possa, almeno ti Uniti sono troppo influenti per essere
Stile guerrigliero nell’immediato, peggiorare la situazione. scavalcati. Il dipartimento di stato america-
Con la scelta di rispondere alle conquiste Un Pakistan isolato potrebbe essere perico- no è però a corto di risorse e il paese non ha
dei taliban schierando più soldati, le forze loso, avverte il presidente afgano Ashraf la capacità né la premura di cercare un ac-
armate guidate dagli statunitensi hanno cordo di pace che comunque a trump non
involontariamente spinto i taliban a una sembra interessare. “Gli Stati Uniti non
violenza ancora peggiore. I bombardamen-
Da sapere hanno intenzione di guidare un percorso di
ti aerei hanno costretto i ribelli a nascon- Un obiettivo comune questo tipo”, dice Brown. “Perciò non è
dersi nelle zone rurali, dove si muovono con 20 gennaio 2018 A Kabul 43 persone sono chiaro come potrebbe essere avviato”.
più facilità, conquistando territori e ricat- uccise in un assalto all’hotel Intercontinental Per come stanno le cose, nessuna delle
tando gli abitanti. A Kabul e in altri distretti rivendicato dai taliban. due parti in conlitto è in grado di fare pro-
urbani, dove la forza aerea statunitense non 24 gennaio A Jalalabad il gruppo Stato islamico gressi, ma nessuna sembra disposta a con-
serve a molto, sono passati a brevi ma terri- (Is) attacca la sede di Save the Children siderare altre opzioni. Qualsiasi cambia-
bili attacchi in stile guerrigliero. Anche se uccidendo cinque persone. mento potrebbe tradursi in una sconitta,
non servono a conquistare territori, con- 27 gennaio Un’ambulanza esplode a Kabul che è meno sopportabile di uno stallo per-
uccidendo 103 persone e ferendone 235. I
sentono di umiliare il governo dov’è più petuo in cui l’unico vero perdente è il popo-
taliban rivendicano l’attentato.
esposto. lo afgano. nessuna delle forze in campo
29 gennaio A Kabul 11 soldati muoiono in un
“La città è iniltrata, la città è contami- attacco dell’Is a una postazione militare.
modiicherà i suoi calcoli perché aumenta-
nata”, aferma Amrullah Saleh, un ex capo u “Anche se nel complesso panorama del no le vittime civili.
dei servizi segreti. Il governo, prosegue Sa- conlitto afgano sono contrapposti, i taliban e Mentre era in visita in Giordania, al ge-
leh, spesso non riesce nemmeno a sapere se l’Is hanno un obiettivo in comune”, si legge in nerale Joseph L. Votel, capo del comando
un attentatore è arrivato da fuori “o se ha un editoriale del giornale indiano The Hindu, centrale degli Stati Uniti, è stato chiesto un
subìto qui un lavaggio del cervello; se i giub- “destabilizzare lo stato e gettare ancora di più il commento sugli ultimi attacchi a Kabul. Lui
botti esplosivi li fabbricano qui o se li impor- paese nel caos”. Avendo perso i territori in Iraq ha risposto che questi episodi confermano
tano”. Il gruppo si è adeguato a motivazioni e in Siria, l’Is cerca di costruire delle reti altrove, la strategia statunitense: “non hanno alcun
in particolare in Afghanistan. La sua roccaforte
via via diverse, premiando con incarichi im- impatto sul nostro impegno in Afghanistan,
è la piccola provincia di nangarhar, al conine
portanti i comandanti favorevoli agli attac- sul nostro impegno nella missione, e sulla
con il Pakistan, ma il gruppo è presente in
chi su larga scala contro i civili. trenta distretti del paese, scrive la Bbc in
nostra determinazione a portarla a termi-
Sirajuddin haqqani, leader della rete un’inchiesta del 31 gennaio. Secondo lo studio i ne”. A chi gli chiedeva se la vittoria fosse
haqqani, un gruppo terroristico un tempo taliban controllano 14 distretti e sono presenti ancora possibile ha dato la stessa risposta
abbastanza autonomo che ha stretti legami in altri 263, minacciando in totale il 70 per cento che i generali americani danno da più di se-
con Al Qaeda (e, secondo il governo di Ka- del territorio afgano. dici anni: “Ma certo, certo”. u gim

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 15


Asia e Paciico
THAILANDIA
Sudest Asiatico CINA

Il piano Ostacoli
del premier Manovre elettorali per i giornalisti
Il parlamento tailandese ha de- Secondo il rapporto annuale del
ciso di rinviare di novanta gior- Nikkei Asian Review, Giappone Foreign correspondent club of
ni l’entrata in vigore della nuo- China, l’associazione della
In vista delle elezioni che si terranno
va legge elettorale. Le elezioni, stampa estera di Pechino, nel
dopo il colpo di stato militare
nei prossimi mesi nei loro paesi,
2017 le condizioni lavorative
del 2014, erano previste entro diversi leader del sudest asiatico dei giornalisti stranieri in Cina
la ine del 2018, ma adesso po- stanno corteggiando gli operai con sono peggiorate, scrive lo
trebbero slittare al 2019. La no- aumenti del salario minimo decisi Hong Kong Free Press. Il go-
tizia ha suscitato le proteste di senza calcolare i rischi per verno di Pechino sempre più
chi teme che il regime militare l’occupazione, scrive la Nikkei spesso nega ai giornalisti stra-
stia cercando in realtà di man- nieri l’accesso ad ampie zone
Asian Review. Il primo ministro
tenere il potere a oltranza. Il del paese che ritiene sensibili,
primo ministro Prayut Chan-
cambogiano Hun Sen visita
come lo Xinjiang, le zone indu-
ocha dice di aver bisogno di più regolarmente le fabbriche di scarpe e abbigliamento, un striali o la regione al conine
tempo in carica per preparare il settore in cui lavorano circa 700mila operai, che insieme con la Corea del Nord. Inoltre
paese al voto. Ma c’è il sospetto ai loro familiari costituiscono un bacino elettorale continua a usare il rinnovo dei
che Prayut, che si deinisce un importante. Dal 1 gennaio 2018 il salario minimo mensile visti come strumento di pres-
ex militare e un politico a tutti in Cambogia, dove si voterà a luglio, è aumentato dell’11 sione sui corrispondenti delle
gli efetti, e la giunta vogliano testate sgradite. Anche gli at-
per cento, arrivando a 170 dollari. In Malesia, dove il
formare un partito e partecipa- tacchi e le intimidazioni, con
re alle elezioni, scrive Asia
primo ministro Najib Razak da qualche anno si concentra
gravi violazioni della privacy,
Correspondent. sugli elettori più poveri, si parla di un imminente aumento sono continuate nel corso
dei salari. Anche in altri paesi della regione i salari sono dell’anno passato.
aumentati. A gennaio l’Indonesia, dopo le proteste degli
INDONESIA operai, li ha alzati dell’8,7 per cento in alcune zone, come
Transgender la capitale Jakarta. Il Vietnam ha introdotto un aumento
nel mirino tra il 6,1 e il 7 per cento, la Birmania del 33 per cento. Ma
l’economia della regione sarà in grado di reggere gli efetti
KIM GU-YeON (ReUTeRS/CONTRASTO)

Il 27 gennaio ad Aceh, l’unica collaterali di questi aumenti? Il problema è che senza


provincia indonesiana dove è in incentivi le aziende manifatturiere potrebbero andarsene,
vigore la sharia, la polizia ha ar- come hanno fatto negli anni duemila lasciando la Cina,
restato 12 transessuali e le ha co- dove il costo del lavoro si era alzato. I produttori di auto,
strette a tagliarsi i capelli e a in-
invece, potrebbero ripiegare sui robot. ◆
dossare abiti maschili. Prima
della retata, gli agenti si erano
consultati con i leader religiosi,
preoccupati per le dimensioni GIAPPONE o malattie ereditarie per evitare IN BREVE
sempre più grandi della comu- la nascita di neonati “inferiori”. Corea del Sud Il 26 gennaio 38
nità lgbt, scrive il Jakarta Post.
Sterilizzazione Delle 25mila persone sterilizza- persone sono morte in un incen-
Nella provincia i rapporti omo- forzata te, circa 16mila sono state ope- dio divampato in un ospedale a
sessuali sono illegali e le tran- rate contro la loro volontà. A Miryang (nella foto), nel sudest
sessuali, considerati maschi, so- Una donna di sessant’anni ha diferenza dei governi di Ger- del paese, probabilmente a cau-
no quindi incriminabili. fatto causa al governo giappo- mania e Svezia, dov’erano in vi- sa di un corto circuito.
nese chiedendo un risarcimen- gore leggi simili, quello giappo- Bangladesh Il 25 gennaio la
to di 11 milioni di yen (circa nese non si è mai scusato né ha procura ha chiesto l’ergastolo
80mila euro) per la sterilizza- oferto risarcimenti sostenendo per la leader dell’opposizione ed
zione forzata subita a 15 anni in che, quando furono eseguiti, gli ex premier Khaleda Zia, accusa-
base alla legge sulla protezione interventi erano legali. Nel ta di corruzione. Zia, che ha gui-
dell’eugenetica in vigore ino al 2016 la Commissione dell’Onu dato il governo due volte tra il
1996. La legge, che ne ricalcava per l’eliminazione delle discri- 1991 e il 2006, ha denunciato un
una simile della Germania na- minazioni contro le donne ha “processo politico”.
zista, era stata introdotta nel invitato il governo di Tokyo a ri- Hong Kong Il consiglio legisla-
1948 e autorizzava gli aborti sarcire le vittime e ad adottare tivo della città ha approvato una
forzati e la sterilizzazione di misure per aiutarle a ottenere legge che vieta il commercio di
persone con disabilità mentali giustizia. avorio a partire dal 2021.

16 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Africa e Medio Oriente
Egitto MALI

Lutto
La farsa del voto nazionale
Il 29 gennaio il presidente del
Al Araby al Jadid, Regno Unito Mali, Ibrahim Boubacar Keïta,
ha decretato tre giorni di lutto
Il 29 gennaio, pochi minuti prima del nazionale in omaggio alle vitti-
termine issato per presentare le me degli attentati di cui sono ac-
candidature per le elezioni cusati gruppi jihadisti, che nei
presidenziali che si terranno tra il 26 e il giorni precedenti avevano ucci-
YEMEN so circa sessanta persone. La si-
28 marzo, si è registrato quello che sarà
I separatisti l’unico sidante del presidente Abdel tuazione sembra deteriorarsi
particolarmente nel centro del
vogliono Aden Fattah al Sisi. Mussa Mustafa guida il
paese, scrive Jeune Afrique, ri-
partito Al Ghad, che ino a due cordando che l’Onu ha chiesto
Gli scontri tra le forze fedeli al settimane fa si era pronunciato a favore al governo del Mali e ai gruppi
presidente Abd Rabbo Mansur di un secondo mandato ad Al Sisi. Per Al Araby al Jadid armati di applicare l’accordo di
Hadi e i separatisti del Consiglio c’è un tentativo di “un nuovo colpo di stato”. Il quotidiano pace irmato nel 2015.
di transizione del sud hanno
panarabo ricorda che tutti i potenziali rivali di Al Sisi sono
provocato almeno 36 vittime
nella città meridionale di Aden.
stati costretti a ritirare le candidature dopo aver subìto
IN BREVE
Il 30 gennaio i separatisti hanno intimidazioni o arresti. Tra loro ci sono l’ex capo di stato
Kenya Il 30 gennaio Raila
preso il controllo di quasi tutta la maggiore Sami Anan, arrestato il 23 gennaio con l’accusa Odinga, il candidato alle presi-
città, relegando il governo nel di essersi presentato alle elezioni senza l’autorizzazione denziali che ritirandosi aveva
palazzo presidenziale. La situa- dell’esercito; l’avvocato difensore dei diritti umani Khaled permesso la rielezione di Uhuru
zione nello Yemen si fa sempre Ali, che il 24 gennaio si è fatto da parte denunciando Kenyatta, si è autoproclamato
più complessa, commenta Al presidente con una cerimonia a
pressioni sui suoi sostenitori; e l’ex primo ministro Ahmed
Quds al Arabi, considerato che Nairobi.
i separatisti del sud sono soste-
Shaiq, che ha ritirato la sua candidatura il 7 gennaio dopo
Rdc Dal 23 al 26 gennaio circa
nuti dagli Emirati Arabi Uniti, essere rientrato in Egitto. Il 30 gennaio una coalizione di
settemila persone in fuga dalle
che a loro volta fanno parte partiti di opposizione e di personalità della società civile violenze nel Sud Kivu, nell’est
dell’alleanza guidata dall’Arabia ha fatto appello al boicottaggio delle elezioni, deinite del paese, hanno raggiunto il
Saudita che appoggia il governo “una farsa”. u Burundi.
di Hadi nel resto del paese.

Da Ramallah Amira Hass


SIRIA

Continuano Una scuola in pericolo


i raid su Afrin
Il 30 gennaio la Turchia ha in- È la mattina del 31 gennaio e se. Vorrebbero trasferirle nelle tribunale israeliano ha accolto
tensiicato i raid aerei su Afrin, il mi preparo ad andare a El enclave controllate dall’Auto- la richiesta di demolizione e le
territorio controllato dai curdi Muntar, una delle tante comu- rità palestinese ed esercitano ruspe potrebbero arrivare in
nel nord della Siria. Dall’inizio
nità beduine a est di Gerusa- una forte pressione sulle auto- qualsiasi momento. L’avvoca-
dell’operazione il 20 gennaio,
lemme la cui esistenza è mi- rità israeliane per ottenere la to israeliano che rappresenta
l’esercito turco e gli alleati ribelli
nacciata dalla brama di terra demolizione delle baracche, la comunità sta cercando di
siriani hanno conquistato dieci
dei coloni. La settimana scorsa costruite senza permessi per- fermare la demolizione.
località lungo il conine tra la Si-
ria e la Turchia. Secondo l’Onu una commissione della knes- ché Israele non li concede. Il Ho chiamato il preside per
quindicimila persone hanno ab- set si è riunita per discutere presidente della commissione intervistarlo. Mi ha chiesto di
bandonato le loro case, scrive delle costruzioni palestinesi Moti Yogev, del partito di mandargli un sms con il mio
Nrt. Il 30 gennaio si è chiusa a “abusive” in Cisgiordania. I estrema destra Casa ebraica, nome e quello del giornale.
Soči, in Russia, la conferenza zelanti componenti della com- ha deinito “costruzioni del L’ho fatto e mi ha risposto che
per la pace in Siria. I partecipan- missione rappresentano le terrore” le baracche, le case e i non poteva vedermi perché il
ti hanno approvato una nota per lobby dei coloni, il cui obietti- bagni mobili donati dall’Unio- ministero dell’istruzione vieta
chiedere elezioni democratiche, vo dichiarato è espellere le co- ne europea. contatti con giornalisti israe-
ma hanno ignorato le richieste munità di pastori palestinesi A El Muntar la costruzione liani. Spero almeno di riuscire
dell’opposizione. che vivono vicino alle loro ca- del terrore è una scuola. Un a parlare con i bambini. u as

18 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Sudafrica
Un rubinetto comunale nei pressi di Città del Capo, il 23 gennaio 2018
AP/ANSA

installare intorno alla fontana una tubatu-


Città del Capo rischia ra con decine di rubinetti. “Non siamo pre-
parati per afrontare il cambiamento cli-
di restare senz’acqua matico.”
Città del Capo è la prima grande città al
mondo che rischia di rimanere completa-
mente senz’acqua. Il comune prevede che
il day zero sarà il 12 aprile. Dopo quella data
Bram Vermeulen, Nrc Handelsblad, Paesi Bassi
tutti gli abitanti della città dovranno anda-
A causa della siccità, a partire e mezza dalla metropoli, fa capire quanto è re con i loro secchi a uno dei duecento pun-
dal 12 aprile il servizio idrico grave il problema. Fra tre mesi le case di ti di distribuzione dell’acqua, dove riceve-
Città del Capo non riceveranno più acqua. ranno un massimo di 25 litri al giorno.
nella città sudafricana potrebbe Anche alla fonte d’acqua sorgiva di “Vuol dire passare tre o quattro ore in ila
essere interrotto. Sarebbe la Newlands, ai piedi della Table mountain, il ogni giorno. Come faranno gli anziani?”, si
prima volta al mondo che panico è palpabile. Fino a poco tempo fa chiede Rawoot.
succede in una metropoli qui veniva solo chi non si idava dell’acque-
dotto di Città del Capo. Ora alle cinque di Il deserto avanza
mattina ci sono già ile di sudafricani neri e Con il suo clima mediterraneo, di solito
na mandria di antilopi si trascina bianchi con taniche e bottiglie di plastica. d’inverno (da maggio a settembre) a Città

U sbufando attraverso la diga di


Theewaterskloof. Normalmen-
te, nel mese estivo di gennaio
questo bacino sarebbe pieno di acqua spu-
meggiante del iume Sonderend. È questa
“Non possiamo più annaiare i nostri giar-
dini”, dice Nicole Devilliers mentre riem-
pie bottiglie accovacciata accanto al tubo
dell’acqua. Per paura di disordini, alle un-
dici di sera le autorità chiudono i cancelli.
del Capo piove molto. L’inverno del 2017 è
stato il più secco degli ultimi decenni. An-
che i due inverni precedenti sono stati par-
ticolarmente asciutti. Secondo Christo-
pher Jack, Piotr Wolski e Bruce Hewitson,
la riserva da cui i 3,7 milioni di abitanti di Si preannuncia una guerra per l’acqua. ricercatori del clima all’università di Città
Città del Capo attingono la loro acqua. Ma “Un rubinetto a persona”, avvisa un cartel- del Capo, un fenomeno del genere non
ora sotto il cielo azzurro c’è solo terra sab- lo. “Molti non capiscono la gravità del pro- succedeva da mille anni: “È un avveni-
biosa a perdita d’occhio. Il deserto, a un’ora blema”, dice Riyad Rawoot. È stato lui a mento eccezionale, ma in futuro non lo

20 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


sarà più”. La fertile costa occidentale è fa- L’opinione
mosa per i vini e le coltivazioni di frutta,
che dipendono dalle piogge invernali. L’in-
dustria vinicola teme che il raccolto del
2018 non frutterà neanche la metà di quel-
Una catastrofe annunciata
li degli anni precedenti. Gli scienziati pre-
vedono che nel giro di vent’anni le piogge
Nic Spaull, Daily Maverick, Sudafrica
invernali cesseranno e quelle estive dimi-
nuiranno. Proprio come succede nei tre La crisi idrica è frutto provato misure per obbligare tutti i mezzi
deserti che circondano Città del Capo: il dell’incompetenza delle autorità d’informazione a dedicare almeno il 10
Namib e il Kalahari a nord e il Karoo a est. per cento dei programmi nella fascia di
“Città del Capo potrebbe diventare un pro-
e di una presa di coscienza massimo ascolto alla siccità o ai modi per
lungamento del deserto del Karoo”, dice tardiva e parziale ridurre il consumo d’acqua? Perché la go-
Anthony Thurton, docente del Centre for vernatrice della provincia Helen Zille non
environmental management della Univer- ome siamo potuti arrivare così ha richiesto lo stato di emergenza, come
sity of the Free State a Bloemfontein.
L’amministrazione cittadina ha preso
due misure precauzionali. Già da ora gli
abitanti non possono consumare più di 87
litri d’acqua per persona al giorno, l’equiva-
C vicino a quello che sarà il peg-
gior disastro naturale del dopo
apartheid, mentre la maggio-
ranza degli abitanti di Città del Capo con-
tinua a vivere come se niente fosse? Solo il
previsto dalla costituzione in caso di “di-
sastro naturale o altro pericolo pubblico”?
Dei sette grandi progetti in corso per
aumentare la portata dell’acqua in città,
sei sono in ritardo. La minaccia di multa-
lente di una doccia di quattro minuti. Chi 39 per cento dei residenti rispetta il limite re o ridurre l’erogazione d’acqua agli
consuma di più riceve una multa. Nei circo- di 87 litri d’acqua al giorno a persona (ora utenti che non rispettano i limiti è rima-
li sportivi ci sono secchi nelle docce, e negli è stato abbassato a 50 litri). sta tale.
spogliatoi un orologio con un allarme che Il fallimento delle autorità locali è to-
suona se qualcuno lascia un rubinetto aper- tale. Com’è possibile che dopo mille gior- Iniziative da prendere
to per più di due minuti. Su ordine della ni di siccità, e con la consulenza costante Il fatto che ci stiamo avvicinando a un di-
sindaca Patricia de Lille, un’impresa edile di esperti di gestione idrica, solo ora che sastro naturale mentre la maggioranza
scava alla ricerca di acque sotterranee nel restano appena novanta giorni si siano degli abitanti continua a fare la bella vita
quartiere di Mitchells Plain. Gli studiosi decise a dare la giusta priorità alla que- ignorando i deboli richiami del governo
però temono che l’acqua estratta vicino alla stione? Patricia de Lille è sindaca di Città signiica che qualcuno dovrà prendere
costa sia troppo salmastra. del Capo da più di sei anni. E il suo parti- iniziative drastiche. Che sia la governatri-
Questa crisi “è causata dall’uomo”, af- to, la Democratic alliance (Da), guida la ce, la sindaca o il presidente del Sudafri-
ferma Thurton, ricordando un documento provincia del Capo Occidentale da più di ca, qualcuno dovrà intervenire nel vuoto
governativo che già nel 2002 avvertiva che sette anni. La responsabilità di questa cri- lasciato da una marea d’incompetenza e
intorno al 2025 ci sarebbe stata una carenza si è di chi ha gestito la città, che ha dato bugie. Bisogna convocare immediata-
di due miliardi di metri cubi d’acqua. Le risposte insuicienti e tardive alla cata- mente un incontro tra i vertici del gover-
soluzioni secondo Thurton sono semplici: strofe imminente. no provinciale, delle principali aziende,
desalinizzazione dell’acqua marina e trat- Perché il comune non ha preteso misu- delle università, dei giornali, della società
tamento delle acque di scarico. Il docente re drastiche per assicurarsi che la città civile. Si devono approvare leggi e pubbli-
sostiene che entrambi i metodi siano più non restasse a secco? Perché c’è voluto care ogni giorno inserzioni a tutta pagina
economici del pompaggio di acqua sotter- così tanto per portare la questione all’at- sui giornali.
ranea: “Alcune aziende hanno fatto delle tenzione pubblica? La strategia di comu- Se non sarà risolta, la crisi potrebbe
oferte, che sono state riiutate. Questa cri- nicazione dell’amministrazione è stata un mettere in ginocchio la città. Crollo del
si è causata da una mancanza di leadership, disastro. Perché la provincia non ha ap- turismo, perdita di posti di lavoro, calo
a livello nazionale e locale.” dei prezzi delle case, difusione di malat-
Secondo il comune, invece, la desaliniz- tie. Suona come uno scenario distopico,
zazione dell’acqua costerebbe tre volte più ma è quello che succede quando i rubi-
del pompaggio dell’acqua sotterranea. Nel netti di una città restano a secco. La De-
frattempo la sindaca De Lille è accusata dal mocratic alliance e l’amministrazione di
suo partito, Democratic alliance (Da), di Città del Capo devono riconoscere che
corruzione e nepotismo. Una delle accuse l’allarme andava dato molto prima, e co-
riguarda il contratto concesso alla sorella, minciare una campagna che alzi il livello
che gestisce un’azienda di macchinari per di allerta e prenda seriamente di mira
limitare il consumo di acqua. l’arroganza della classe media. È tempo
Città del Capo spera in un miracolo. Le di fare i conti con la realtà. u fdl
previsioni del tempo per questa settimana
sono 27 gradi, un leggero vento da sudest e Nic Spaull è ricercatore di economia
cielo lievemente nuvoloso. u vf all’università di Stellenbosch.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 21


Americhe
so che garantirà ai cittadini il diritto
La democrazia di facciata all’istruzione, all’assistenza sanitaria e al
lavoro. Accanto a lui, sorridente, c’era Mau-
dell’Honduras ricio Oliva, presidente del parlamento e di-
rigente del Partido nacional, coinvolto in
un’inchiesta della Missione di sostegno
contro la corruzione e l’impunità in Hondu-
ras (Maccih) istituita dall’Organizzazione
Carlos Dada, El Faro, El Salvador
degli stati americani (Oea). Oliva è sospet-
Il 27 gennaio il presidente che tiene nella mano sinistra per assicurarsi tato di far parte della rete illegale di deputa-
conservatore Juan Orlando di essere inquadrato. Qualcuno, durante la ti che si sono appropriati di fondi destinati
corsa, gli porge una mascherina antismog. ai programmi sociali.
Hernández ha prestato Nasralla cammina, abbassa il braccio ed Il capo della Maccih, il peruviano Juan
giuramento tra le proteste. esce dall’inquadratura della videocamera. Jiménez Mayor, non ha assistito alla ceri-
La sua vittoria è contestata Si vedono solo le sue gambe che si muovo- monia d’insediamento in segno di protesta
dall’opposizione no allo stesso ritmo delle braccia. Il candi- contro la spudoratezza dei parlamentari
dato dell’opposizione indietreggia in mezzo vicini a Hernández. La settimana prece-
al gas, con gli occhi arrossati e la gola secca, dente al giuramento, infatti, i deputati ave-
l 27 gennaio Juan Orlando Hernández, aggredito dai soldati ma circondato e aiuta- vano cercato di approvare una legge che

I dirigente del Partido nacional (con-


servatore), si è insediato per il suo se-
condo mandato presidenziale. In
Honduras la rielezione del presidente è vie-
tata dalla costituzione, ma durante il primo
to dai suoi sostenitori.
Intanto nello stadio Hernández, circon-
dato dai soldati e dalle telecamere per la
diretta tv e radiofonica, giurava con la ma-
no sulla Bibbia. Il presidente ha detto che
vieta alla Missione e alla procura di aprire
inchieste sui funzionari pubblici. Il parla-
mento ha fatto marcia indietro solo dopo le
lamentele dell’ambasciata statunitense.
A parte lo stesso Hernández, nessun al-
mandato (dal 2014 al 2017) Hernández ha ogni giorno del suo secondo mandato chie- tro capo di stato ha partecipato alla cerimo-
usato ogni mezzo per restare al potere e po- derà a dio d’illuminarlo per guidare uno dei nia del 27 gennaio. Da molto tempo in Ame-
tersi ricandidare. paesi più poveri del continente. Ha promes- rica Latina non succedeva un fatto del ge-
Hernández ha prestato giuramento pro- nere. Il ministero degli esteri del Salvador
tetto da migliaia di militari e agenti della ha spiegato in un comunicato che la presi-
polizia. Intorno allo stadio Nacional di Te- Da sapere denza dell’Honduras ha invitato solo il cor-
gucigalpa le forze dell’ordine hanno mon- Elezioni poco trasparenti po diplomatico accreditato a Tegucigalpa.
tato tre barriere di sicurezza e per tutto il Molte missioni diplomatiche, però, non
giorno la polizia ha disperso i manifestanti erano rappresentate dagli ambasciatori ma
lanciando lattine grandi come granate, pro- da semplici funzionari o incaricati d’afari.
dotte a Homer City, in Pennsylvania, che in Anche gli Stati Uniti hanno fatto lo stesso.
volo rilasciano gas lacrimogeno. Ne sono Va detto però che da mesi la statunitense
state lanciate così tante che una coltre di Heide Fulton, pur essendo solo un’incarica-
fumo bianco e denso è arrivata ino al cen- ta d’afari, è la diplomatica più inluente in
tro della capitale. Gli occhi e le gole di tutti Honduras.
gli honduregni hanno soferto il giorno in
cui in Honduras si doveva festeggiare la de- Brogli e irregolarità
mocrazia. A pochi isolati dallo stadio, nel Lo stadio, pieno di simpatizzanti del Parti-
u Il 26 novembre 2017 in Honduras si sono
quartiere di Miralores, Salvador Nasralla, do nacional, di politici, imprenditori e di-
svolte le elezioni presidenziali. I due candidati
il candidato dell’Alianza de oposición con- erano Juan Orlando Hernández, presidente
plomatici, è rimasto estraneo alla battaglia
tra la dictadura (la coalizione di opposizio- uscente del Partido nacional (destra) e Salva- campale che si è svolta nel resto della città.
ne formata da partiti di centrosinistra), ha dor Nasralla, della coalizione Alianza de opo- A malapena si sono visti gli elicotteri milita-
guidato una delle proteste contro l’insedia- sición contra la dictadura (centrosinistra). La ri che per ore hanno sorvolato la zona delle
mento di Hernández. I militari lo hanno costituzione vieta la rielezione del presidente, proteste. Quando i lacrimogeni e le cariche
obbligato a retrocedere sotto un cavalcavia ma nel 2015 la corte suprema ha autorizzato la hanno costretto i manifestanti meno ag-
lanciandogli contro lacrimogeni. Nasralla candidatura di Hernández per un secondo gressivi ad allontanarsi, alcuni gruppi di
ha cominciato a correre, anche se respirava mandato. Nasralla, inizialmente in vantaggio giovani incappucciati, armati di pietre e ba-
a fatica. La scena è stata ilmata e pubblica- nello spoglio delle schede elettorali, ha denun- stoni e disposti a esprimere il loro malcon-
ciato irregolarità nel sistema di conteggio dei
ta online dallo stesso candidato dell’oppo- tento anche a costo di scontrarsi con le au-
voti e ha invitato i suoi sostenitori a protestare.
sizione. La registrazione non s’interrompe Più di trenta persone sono state uccise e otto-
torità, hanno preso il testimone silando in
mai: si vedono le lattine di gas lacrimogeno cento arrestate. Il 22 dicembre il tribunale su- diversi punti della città. Gridavano “Fuori
e la nube di fumo, il panico di chi è insieme premo elettorale ha dichiarato vincitore Her- Juan Orlando Hernández!”, lo slogan
a lui e poi la fuga. Nasralla boccheggia e tos- nández, che il 27 gennaio 2018 ha prestato giu- dell’opposizione dall’inizio della campagna
sisce. Tira fuori la lingua. Guarda il telefono ramento come presidente. elettorale. Ai lacrimogeni delle forze

22 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Tegucigalpa, 27 gennaio 2018
JOrGE CABrErA (rEUTErS/CONTrASTO)

dell’ordine questi gruppi hanno risposto ti- hanno denunciato arresti arbitrari e opera- oppositori, si sono sentite di nuovo le sire-
rando pietre. Poliziotti, tassisti, giornalisti, zioni per intimorire, arrestare o colpire i lo- ne, le grida, gli spari. Si sono alzate le corti-
manifestanti, operai e soccorritori hanno ro dirigenti. I giornalisti honduregni e stra- ne di fumo bianco. Alcuni uomini in unifor-
imparato a leggere i segnali della città che nieri sono vittime di pressioni, minacce, me hanno fermato dei ragazzi e li hanno
protesta: il fumo nero sono i pneumatici arresti e interrogatori da parte di poliziotti e colpiti con il manganello. Hernández non
bruciati, quello bianco è gas lacrimogeno. militari. Questa crisi politica segnerà la sto- ha perso tempo e ha rivelato subito le sue
L’Honduras va avanti così da due mesi, ria dell’Honduras, così come è avvenuto intenzioni: la piazza lo ha contestato e ora
con manifestazioni diventate ormai quoti- con il golpe militare che nel 2009 destituì deve pagare. Per mesi i manifestanti hanno
diane. La tensione è esplosa dopo il 26 no- Manuel Zelaya. I due episodi hanno molti cantato una canzone per chiedere il suo al-
vembre 2017, quando si è svolto il primo punti in comune: le ambizioni di potere di lontanamento, “Joh, es pa’fuera que vas”
turno delle elezioni presidenziali. I due can- due presidenti; la determinazione delle for- (Juan Orlando Hernández, vattene), la più
didati principali, Hernández e Nasralla, si ze armate nel reprimere i manifestanti; l’in- popolare del paese. Ma lui è rimasto. Si è
sono entrambi proclamati vincitori. Nasral- gerenza degli Stati Uniti; e l’opposizione tolto la fascia presidenziale solo per rimet-
la era in vantaggio ino a quando il sistema infruttuosa e inutile dell’Oea, nel 2009 a un tersela due mesi dopo. Forse oggi Hernán-
informatico di conteggio dei voti si è bloc- colpo di stato, oggi ai brogli elettorali. In dez non può contare sulla legittimità politi-
cato. E appena il sistema ha ripreso a fun- Honduras la parola democrazia si usa come ca e il sostegno della società civile, e non è
zionare, Hernández aveva recuperato lo sinonimo di impunità, corruzione, com- neanche in grado di garantire la governabi-
svantaggio iniziale. La procedura è stata plotto, violenza, narcotraico e povertà. lità, ma di certo ha il potere.
così irregolare che perino l’Oea non ha ri- Quando è scesa la notte, i fuochi d’artii-
conosciuto il risultato e ha raccomandato di La piazza deve pagare cio hanno illuminato il cielo di Tegucigalpa
ripetere le elezioni. Ma il tribunale supremo Il 27 gennaio alla cerimonia d’insediamen- per vari minuti. Qualcuno ha speso un sac-
elettorale, controllato dai fedeli del presi- to di Hernández si poteva assistere solo su co di soldi per festeggiare il rinnovamento
dente, ha dichiarato vincitore Hernández. invito. Migliaia di persone sono arrivate su della democrazia. È il 27 gennaio e Juan Or-
Nasralla ha denunciato brogli e decine di autobus noleggiati dagli organizzatori, con lando Hernández vuole governare per altri
migliaia di honduregni vicini all’opposizio- biglietti che davano diritto a un pranzo. quattro anni. u fr
ne sono scesi in piazza per protestare. Da La sera le stradine del centro di Teguci-
allora quasi quaranta persone sono state galpa sono diventate trappole per topi: le Carlos Dada è un giornalista salvadoregno.
uccise. Le organizzazioni per i diritti umani forze dell’ordine hanno dato la caccia agli Ha fondato il giornale online El Faro.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 23


Americhe
Patrick Brown il giorno delle sue dimissioni. Toronto, 24 gennaio 2018 Baillie, ex leader del Partito conservatore
progressista della Nuova Scozia, che si è di-
messo il 24 gennaio. Tuttavia, il movimento
femminista #metoo ha scoperchiato il vaso
di Pandora, e ora le accuse non possono più
essere ignorate. A questo punto i partiti po-
litici canadesi – federali e provinciali – do-
AARON VINCENT ELKAIM (THE CANAdIAN PRESS/AP/ANSA)

vranno riesaminare con un atteggiamento


diverso le accuse passate e assumersi delle
responsabilità per il modo in cui le hanno
afrontate. Finora non è successo. Il Globe
and Mail ha chiesto per giorni ai funzionari
della camera di chiarire se negli ultimi anni
ci sono stati accordi e risarcimenti econo-
mici a nome dei parlamentari accusati di
molestie sessuali, ma la risposta è stata che
si tratta di informazioni riservate. Poi, il 25
gennaio, un portavoce della camera ha di-
chiarato che non c’è stato nessun accordo
del genere, almeno negli ultimi cinque an-
ni. Il senato continua a dire che si tratta di
Il movimento #MeToo questioni riservate.

scuote la politica canadese L’esempio da seguire


Prima del 2014, quando la camera ha intro-
dotto nuove norme interne sulle molestie
sessuali, regnava una cultura del coprirsi le
spalle a vicenda e si consideravano normali
Campbell Clark, The Globe and Mail, Canada
certi atteggiamenti, perché “gli uomini so-
Tre importanti uomini politici si complimenti inappropriati – l’avrebbe apo- no uomini”. Ma i politici non sono ancora
sono dimessi dopo essere stati strofata come “bocconcino” – e che nel suo riusciti a sostituire questo atteggiamento
primo giorno di lavoro le fu consigliato di con una cultura di trasparenza e responsa-
accusati di molestie sessuali. non prendere mai l’ascensore con Hehr bilizzazione. Lo dimostra il caso di Hunter
Segno che il movimento perché avrebbe potuto “non sentirsi al si- Tootoo, ministro della pesca, degli oceani e
femminista sta portando alla luce curo”. della guardia costiera nel governo di Justin
comportamenti inora tollerati È il tipo di accusa che lascia immaginare Trudeau, che si è dimesso nel 2016. Secon-
un segreto di Pulcinella e la possibilità che do la motivazione uiciale Tootoo aveva un
altre accuse potrebbero presto venire alla problema di dipendenze, ma in seguito si è
el giro di 24 ore due importanti luce. E si ha la sensazione che molti politici scoperto che aveva avuto una relazione

N leader politici canadesi sono


stati espulsi dai loro partiti dopo
essere stati accusati di molestie
sessuali. E subito dopo Kent Hehr, ministro
per lo sport e le disabilità, si è dimesso. Ora
vorrebbero evitare che si scavi a fondo.
Per ora nessun tribunale si è occupato
delle accuse contro Hehr, Brown e Jamie

Da sapere
“consensuale ma inappropriata” con una
donna che lavorava nel suo staf.
I leader dei partiti canadesi dovrebbero
seguire l’esempio della parlamentare con-
servatrice Lisa Raitt, che il 25 gennaio ha
tutti in Canada si fanno delle domande. Chi chiesto a tutte le colleghe del suo partito
era al corrente delle molestie? Chi sarà il
Crimini senza colpevoli che avessero subìto molestie di rivolgersi a
prossimo? Abusi sessuali in Canada nel 2015, esito ogni lei. Inoltre è importante riconsiderare le
Patrick Brown, leader del Partito con- mille casi, in percentuale denunce passate, agire di conseguenza e
servatore progressista dell’Ontario, è ac- rilettere sul modo in cui sono state gestite.
%
cusato di aver molestato due donne, tra cui È sbagliato insinuare che tutti i politici
Nessuna denuncia 94,71
una sua ex dipendente. Le molestie sareb- siano molestatori o abbiano l’abitudine di
bero avvenute rispettivamente cinque e denuncia 3,23 comportarsi in modo inappropriato. Ma il
dieci anni fa, quando Brown era un deputa- Incriminazione 1,18
movimento #MeToo e lo scandalo Wein-
to del parlamento federale. Le accuse con- stein dovrebbero spingerci a esigere un
tro Hehr risalgono invece al periodo in cui Processo 0,59 comportamento irreprensibile negli am-
era parlamentare della provincia dell’Al- Condanna 0,29 bienti politici, tradizionalmente pieni di
berta. Kristin Haworth, ex dipendente del uomini potenti che hanno tutto l’interesse a
Fonte: governo dell’Ontario
parlamento, sostiene che Hehr le ha rivolto evitare gli scandali. u as

24 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Colombia STATI UNITI

Condanna
Sospesi i negoziati con l’Eln
HENry roMEro (rEUTErS/CoNTrASTo)

per Nassar
“È un onore e un privilegio con-
Barranquilla, 27 gennaio 2018 dannarla. Lei merita di non
mettere mai più piede fuori da
una prigione”. Con queste paro-
le la giudice del Michigan rose-
marie Aquilina ha condannato
Larry Nassar, ex medico della
MESSICO nazionale di ginnastica degli
Un episodio Stati Uniti, a una pena compresa
tra i 40 e i 175 anni di carcere.
preoccupante
JoSE TorrES (AFP/GETTy IMAGES)

Nassar, che a dicembre era stato


condannato per possesso di ma-
Il 29 gennaio Marco Antonio teriale pedopornograico, è sta-
Sánchez Flores, un ragazzo di 17 to accusato di molestie sessuali
anni arrestato da tre poliziotti a da più di 150 donne, che nella
Città del Messico cinque giorni maggior parte dei casi all’epoca
prima e poi scomparso, è stato dei fatti erano minorenni. “Nas-
riconsegnato vivo ai familiari sar ha potuto agire indisturbato
Il 29 gennaio il presidente colombiano Juan Manuel Santos
anche se in condizioni di salute per trent’anni perché intorno a
precarie. “Il ritorno di Sánchez ha annunciato che sospenderà i negoziati in corso con
lui c’erano degli adulti – allena-
Flores è senz’altro una buona l’Esercito di liberazione nazionale (Eln), l’ultimo gruppo tori, dirigenti, genitori – che non
notizia, ma restano ancora mol- guerrigliero attivo nel paese dopo la smobilitazione delle hanno fatto niente per difende-
te domande e dubbi sul compor- Farc nel 2017. La decisione è stata presa dopo l’attacco del re le atlete”, scrive Espn.
tamento della polizia, che po- 27 gennaio a Barranquilla, nel nord del paese, che ha
tranno essere chiariti quando il provocato la morte di cinque poliziotti e ha ferito più di
ragazzo sarà in grado di raccon- IN BREVE
quaranta persone. Santos ha sospeso il processo di pace
tare cosa è successo ”, scrive Argentina Il 29 gennaio il pre-
Animal Politico. Durante la ino a quando “le parole dell’Eln non saranno coerenti con sidente Mauricio Macri ha an-
“sparizione” di Sánchez Flores a le sue azioni”. “Nel frattempo”, scrive El Espectador, “la nunciato la riduzione di un
Città del Messico ci sono state Colombia si siede e aspetta”. u quarto del numero degli alti fun-
proteste contro la sua detenzio- zionari e il divieto di assunzione
ne arbitraria (nella foto). nella pubblica amministrazione
STATI UNITI solito, ha fatto appelli all’unità e dei parenti dei ministri.
ha perino proposto un program- Uruguay Il 24 gennaio decine
VENEZUELA
Il lato cortese ma condiviso da realizzare in- di migliaia di contadini hanno
Opposizione di Trump sieme a tutte le forze politiche partecipato a una manifestazio-
‘per proteggere i cittadini di ogni ne a Durazno per chiedere al go-
esclusa “È sembrato di sentir parlare un origine, fede e gruppo etnico’”. verno alcune misure di sostegno
presidente normale”, scrive il Secondo il Wall Street Journal al settore agricolo.
“Il 25 gennaio il tribunale supre- New Republic commentando lo sforzo di Trump per cercare Stati Uniti Il numero due
mo di giustizia ha stabilito che la il primo discorso sullo stato un terreno politico comune do- dell’Fbi Andrew McCabe si è di-
coalizione di opposizione Mesa dell’unione tenuto da Donald vrebbe essere raccolto dai lea- messo il 29 gennaio. Era stato
de unidad democrática (Mud) Trump (nella foto) al congresso. der del Partito democratico per criticato più volte dal presidente
non potrà presentarsi unita alle “Trump è stato più ottimista del realizzare alcuni provvedimenti Donald Trump.
elezioni presidenziali convocate che stanno a cuore agli elettori
ad aprile”, scrive El Nacional. di sinistra, come la regolarizza- Stati Uniti
Con l’opposizione divisa e molti zione degli immigrati irregolari
suoi leader in carcere o agli arre- arrivati negli Stati Uniti da bam-
Il paese delle armi
WIN MCNAMEE (rEUTErS/CoNTrASTo)

FoNTE: GUN VIoLENCE ArCHIVE

sti domiciliari, comincia a circo- bini e il rinnovamento delle in- Dati del 2018 aggiornati al 31 gennaio
lare in Venezuela il nome di un frastrutture. The Nation invece
candidato indipendente. “Per fa notare che da quando è alla Sparatorie 4.495
molti Lorenzo Mendoza, un im- Casa Bianca Trump ha detto più Stragi* 22
prenditore che dirige l’azienda volte di voler lavorare con l’op-
Feriti 2.228
Polar, è la persona giusta per si- posizione, per poi cambiare idea
dare il presidente Nicolás Ma- e tornare a proporre politiche Morti 1.209
duro”, si legge su Bbc mundo. inaccettabili per i democratici. *Con almeno quattro vittime (feriti e morti).

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 25


Europa
Soldati ucraini a Novoluhanske, nella regione di Donetsk, 11 gennaio 2018 delle regioni di Donetsk e Luhansk sotto il
controllo dei ilorussi “territori temporane-
amente occupati”, come la Crimea, lascian-
do intendere che Kiev ritiene responsabile
della secessione la Russia e non la popola-
zione locale. La legge riorganizza anche le
operazioni militari, aidandone la guida al
presidente, ma non impone la legge mar-
ziale. Gli avversari di Porošenko sostengo-
no che gli attribuisca troppi poteri, e duran-
te la discussione del testo in parlamento a
MAKSIM LEVIN (REUTERS/CONTRASTO)

Kiev ci sono state manifestazioni di prote-


sta. Diicilmente, tuttavia, il provvedimen-
to avrà grandi conseguenze concrete. Sem-
bra più che altro una mossa politica del
presidente, che nel 2019 dovrà afrontare
una dura battaglia per la rielezione.
Com’era prevedibile, la Russia ha reagi-
to con indignazione alla legge. “Non pos-
siamo non vederla come la preparazione a
una nuova guerra”, ha dichiarato il ministro
Pace impossibile degli esteri russo Sergej Lavrov, avvertendo
gli ucraini che il provvedimento rischia di
in Ucraina scatenare “una pericolosa escalation del
conlitto, con conseguenze imprevedibili
per la pace e la sicurezza mondiali”. Secon-
do il Cremlino la legge scardina il piano di
pace. “Kiev è passata dal sabotare gli accor-
The Economist, Regno Unito
di di Minsk a volerli seppellire una volta per
Tre anni dopo gli accordi di neanche l’Ucraina ha preso i provvedimen- tutte”, ha detto Konstantin Kosačev, presi-
Minsk, il conlitto tra ucraini e ti politici previsti dall’accordo, sostenendo dente della commissione esteri del senato
che è impossibile farlo ino a quando non ci russo. In realtà gli accordi di Minsk sono
separatisti ilorussi nell’est del sarà maggiore sicurezza. A Kiev, inoltre, moribondi da tempo, se non già deinitiva-
paese fa ancora vittime. E una molti considerano l’intesa un errore. I ne- mente spirati. u bt
legge approvata di recente a goziatori occidentali sperano che tenere
Kiev non migliorerà la situazione aperto il dialogo con Mosca possa portare
ancora qualche frutto. Da sapere
Come sostiene l’inviato speciale di Wa- Nel nome del presidente
opo quasi quattro anni di guerra shington in Ucraina, Kurt Volker, la giorna-

D e più di diecimila morti, le noti-


zie che arrivano dagli osservato-
ri internazionali nell’Ucraina
orientale sembrano un disco rotto. Il 19
gennaio ci sono state 340 esplosioni. Il 20,
ta del 23 gennaio, trascorsa senza incidenti
al fronte, dimostra che “la pace è possibile
se c’è la volontà politica”. Tre giorni dopo
Volker ha incontrato a Dubai il negoziatore
russo, Vladislav Surkov. È stato il primo
u “L’epopea del progetto di legge ucraino sulla
‘reintegrazione e liberazione del Donbass
dall’occupazione’ si è conclusa con
l’approvazione del provvedimento dopo un
anno e mezzo di trattative e compromessi. Sia il
governo sia l’opposizione riconoscono che la
240; il 21 se ne sono contate 195, e due civili summit da quando, alla ine del 2017, il go- legge non risolve il problema dell’occupazione
sono stati vittime di un attacco nella città di verno statunitense ha approvato la fornitu- del Donbass e che la sua applicazione
Olenivka. Sono stati raggiunti da colpi di ra di armi difensive letali all’Ucraina, deci- richiederà lunghe e farraginose procedure. Il
fucile mentre l’autobus su cui viaggiavano sione alla quale l’ex presidente Barack Oba- dispositivo è stato criticato per la sua
passava davanti a un posto di blocco dei se- ma si era a lungo opposto. formulazione troppo generica, perché assegna
paratisti. Uno degli uomini è inito in ospe- L’incontro è arrivato pochi giorni dopo poteri eccessivi al presidente Petro Porošenko
dale, l’altro è morto sul luogo dell’attacco. l’approvazione a Kiev di una nuova e di- e perché rischia di favorire la violazione dei
diritti umani. In particolare, la legge amplia
L’accordo per il cessate il fuoco irmato scussa legge che ridefinisce la politica
notevolmente i margini di azione concessi dalla
a Minsk, in Bielorussia, all’inizio del 2015 ucraina nel Donbass. Il presidente Petro
costituzione al presidente della repubblica.
puntava proprio a evitare incidenti simili. Porošenko, primo sostenitore del provvedi- Vengono inoltre assegnate facoltà straordinarie
Ma la ine del conlitto è ancora un sogno mento, sostiene che “aprirà la strada alla ai militari, un fatto che ha sollevato critiche non
lontano. La Russia ha la responsabilità di reintegrazione dei territori in mano ai sepa- solo in parlamento, ma anche tra le
non aver tenuto a freno i suoi alleati separa- ratisti”. Il testo accusa esplicitamente la organizzazioni per i diritti umani”. Evgenij
tisti e di non aver garantito la tregua. Ma Russia di “aggressione” e deinisce le zone Buderackij, Ukrainska Pravda

26 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Spagna REPUBBLICA CECA

Vittoria
Puigdemont resta in sospeso euroscettica
DMITrI LoVeTSkY (aP/aNSa)

Miloš Zeman è stato rieletto


Bruxelles, 24 gennaio 2018 presidente della repubblica al
secondo turno. Con il 51,5 per
cento dei voti l’euroscettico e
xenofobo Zeman ha sconitto
il candidato iloeuropeo Jiří
RUSSIA Drahoš. Secondo il quotidiano
Mobilitazioni Hospodářské noviny, “Ze-
man ha saputo fare leva
e arresti
YVeS HerMaN (reUTerS/CoNTraSTo)

sull’insoddisfazione della gen-


te per la situazione sociale. Il
Il 28 gennaio migliaia di persone suo slogan elettorale – ‘Ferma-
sono scese in piazza in decine di te gli immigranti, fermate
città russe (nella foto, San Pietro- Drahoš, il paese è nostro, vota-
burgo) chiedendo agli elettori di te Zeman’ – si è rivelato eica-
boicottare le elezioni presiden- ce, così come la sua simpatia
ziali del 18 marzo. I manifestanti per la russia di Vladimir Pu-
sostengono che non ci sono le tin. ora ci aspettano cinque
Il parlamento catalano ha rinviato l’elezione del presidente
condizioni per un voto libero e anni in cui la repubblica Ceca
trasparente. L’oppositore alek- della comunità autonoma, prevista per il 31 gennaio. Il 28
sarà sempre più spaccata e
sej Navalnyj, a cui è stato impe- gennaio la corte costituzionale spagnola aveva stabilito sempre più lontana dall’Unio-
dito di candidarsi alle elezioni, è che l’ex presidente Carles Puigdemont (nella foto), che si è ne europea”.
stato arrestato per la quarta vol- rifugiato in Belgio per evitare l’arresto dopo la
ta da quando ha lanciato la cam- dichiarazione d’indipendenza, non potrà ricevere
pagna di boicottaggio del voto. l’investitura a distanza. Un portavoce della Sinistra
anche se la partecipazione è
repubblicana di Catalogna ha ammesso che il fronte
stata inferiore alle precedenti
mobilitazioni, osserva indipendentista potrebbe ripiegare su un altro candidato.
Ežednevnyj žurnal, “lo spirito “È inita. Mi hanno sacriicato”, ha scritto Puigdemont in
della protesta è ancora vivo e la un messaggio privato difuso dalla tv spagnola Tele 5. u
paura delle repressioni non spe-
gne la sete di libertà”.
POLONIA colpevole: la Germania nazista.
“Non stupisce che la legge abbia
FINLANDIA
La legge scatenato l’indignazione di Isra-
Niinistö della discordia ele, anche perché è stata votata IN BREVE
alla vigilia del giorno della me- Cipro Il presidente uscente Ni-
confermato Una nuova legge sulla memoria moria, il 27 gennaio”, scrive Ga- cos anastasiades, conservatore,
della shoah approvata dal parla- zeta Wyborcza. “Dopo la ri- è in testa dopo il primo turno
Il 28 gennaio il presidente in- mento di Varsavia sta creando chiesta del premier israeliano delle elezioni presidenziali del
landese Sauli Niinistö è stato ri- tensioni tra Polonia a Israele. Se- Benjamin Netanyahu di bloccar- 28 gennaio. al ballottaggio del 4
eletto al primo turno con il 62,7 condo il provvedimento, che de- la, Twitter è stato inondato da febbraio siderà il candidato di
per cento dei voti. Nel 2012 Nii- ve ancora essere votato dal se- messaggi ‘patriottici’ contro sinistra Stavros Malas.
nistö si era candidato con il par- nato, l’uso dell’espressione l’ingerenza straniera, molti dei Irlanda Il 29 gennaio il premier
tito conservatore Coalizione “campi di sterminio polacchi” quali apertamente antisemiti. Leo Varadkar ha annunciato un
nazionale, ma stavolta si è pre- per indicare i lager nazisti nella La verità è che la legge ha libera- referendum alla ine di maggio
sentato come indipendente. Polonia occupata sarà punibile to dalla lampada il genio dell’an- su una modiica della costituzio-
Grazie all’ampio consenso di con il carcere ino a tre anni. tisemitismo”. Secondo ne per legalizzare l’aborto.
cui gode, il presidente potrà Israele accusa Varsavia di can- Rzeczpospolita, invece, “la Regno Unito Il 30 gennaio la
continuare ad avere un ruolo di cellare le responsabilità polac- polemica è dovuta al fatto che le camera dei lord ha avviato l’esa-
primo piano in politica estera, che nell’olocausto e di falsiicare intenzioni di chi ha scritto la leg- me del progetto di legge
commenta Turun Sanomat. la storia, mentre il governo po- ge non sono state comprese. sull’uscita dall’Unione europea.
Soprattutto nella crisi tra la lacco si difende spiegando che la Non si vuole negare l’olocausto, Francia Il teologo musulmano
russia e l’Unione europea, in legge serve a “evitare le distor- ma proteggere lo stato polacco Tariq ramadan, indagato per
cui la Finlandia ha svolto un im- sioni storiche” e attribuisce la dall’accusa infondata di aver stupro, è stato fermato e interro-
portante ruolo di mediazione. colpa dello sterminio all’unico partecipato ai crimini nazisti”. gato il 31 gennaio dalla polizia.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 27


Visti dagli altri
Roma, 18 gennaio 2018. Silvio Berlusconi a Quinta Colonna, su Rete 4 teressi, l’avidità e la politica del vittimismo
e della demonizzazione della stampa.
Nell’era di Donald Trump – a cui non ama
essere paragonato – Berlusconi si è reinven-
tato come “nonno della nazione”.
Le elezioni italiane, frequenti e rissose,
sono spesso considerate uno spettacolo far-
sesco in un paese che non cambierà mai.
Ma quest’anno la situazione è diversa. Do-
po che gli elettori di Francia e Germania
hanno concesso un attimo di respiro alla
ANDReAS SOLARO (AFP/GeTTY IMAGeS)

classe dirigente europea bocciando l’insor-


gere dell’estrema destra, la principale mi-
naccia è rappresentata dal Movimento 5
stelle, imprevedibile e arrabbiato. Ora
Berlusconi non sembra più così male. Ven-
ditore camaleontico, l’ex Cavaliere si è
adattato perfettamente al ruolo dello stati-
sta saggio e moderato.

La condanna per frode iscale


Le nuove ambizioni “È convinto di potersi riciclare all’ininito,
come dimostra il suo volto”, spiega Soia
di Silvio Berlusconi Ventura, analista politica dell’università di
Bologna. Secondo Ventura, Berlusconi si
rivolge soprattutto agli anziani che guarda-
no i programmi delle sue tv. “È rassicuran-
te”. Ma le persone vicine all’ex premier so-
Jason Horowitz, The New York Times, Stati Uniti
no convinte che sotto questa facciata nuova
Il leader di Forza Italia vuole messa sicura alle elezioni legislative del 4 e immobile ci sia una forte volontà di rival-
apparire come un nonno buono, marzo è che Berlusconi tornerà a essere un sa. Berlusconi vuole alzarsi dal tavolo da
protagonista della politica italiana e forse di vincitore e pareggiare i conti con tutti quelli
anche se ha una idanzata di 32 quella europea. Anche se a causa dei suoi che hanno prematuramente ballato sulla
anni e un impero televisivo che problemi giudiziari per ora non potrà rico- sua tomba.
usa per la campagna elettorale, prire incarichi pubblici, potrebbe essere lui Nel 2011 la crisi globale del debito aveva
scrive il New York Times a decidere chi governerà l’Italia. costretto Berlusconi a dimettersi da presi-
La resurrezione di Berlusconi è stupefa- dente del consiglio. All’epoca era distratto
cente ma prevedibile, soprattutto se consi- dall’accusa di aver pagato una minorenne
ilvio Berlusconi controlla che il cu- deriamo che per decenni l’ex presidente del di nome Karima el Mahroug, conosciuta

S scino sia abbastanza morbido men-


tre si prepara a concedere un’altra
comoda intervista a una delle sue
reti televisive. Negli ultimi secondi di silen-
zio prima che le telecamere comincino a
consiglio ha condizionato e desensibilizza-
to un elettorato che lo ha voluto a capo del
governo per tre volte, nonostante tutto.
Berlusconi, indagato per legami con la
criminalità organizzata, è entrato in politica
anche come Ruby Rubacuori, in cambio di
prestazioni sessuali nelle sue feste piene di
aspiranti showgirl (in secondo grado è stato
assolto dall’accusa di concussione e prosti-
tuzione minorile, anche se è stato rinviato a
riprendere, con uno sguardo malizioso usa per proteggere i suoi interessi economici. giudizio con l’accusa di aver pagato Danilo
un doppio senso per ricordare che ai suoi Proprietario della maggior parte delle reti Mariani, pianista alle feste di Arcore, per
tempi la gente aveva rapporti sessuali sul televisive private del paese, ha usato il suo indurlo a testimoniare il falso). Nel 2013 un
pavimento di quello studio televisivo. impero di giornali e tv per conservare il po- tribunale italiano lo ha condannato per fro-
Sì, Berlusconi, 81 anni, è tornato. Il suo tere. Ha ospitato ragazze minorenni in de iscale nel processo Mediaset. È stato
sorriso è più smagliante che mai. Le sue quelle che lui ha deinito “cene eleganti”, aidato in prova ai servizi sociali come pena
guance tirate sono accuratamente ricoper- ma che poi sono diventate note come bunga alternativa al carcere. Sempre nel 2013, do-
te di cerone. È dimagrito. I capelli formano bunga, festini a base di sesso. Ha messo in po questa condanna, il senato ha approvato
una specie di casco. Ma nonostante il suo imbarazzo il suo paese sul palcoscenico in- la sua decadenza da senatore. La battuta
aspetto artiiciale, la sua passione per le al- ternazionale. d’arresto ha scaraventato Berlusconi al
lusioni a sfondo sessuale, e i processi a suo La politica mondiale, però, è ormai sfug- punto più basso della sua storia politica.
carico, Berlusconi non è più la barzelletta gita a qualsiasi previsione ragionevole, e ha Mentre l’ex presidente del consiglio si con-
della politica europea. Al contrario, gli ana- aperto un nuovo spiraglio per chi prima an- siderava vittima di un colpo di stato (si è ri-
listi politici sostengono che l’unica scom- cora di Trump ha incarnato il conlitto d’in- volto alla Corte europea per i diritti dell’uo-

28 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


mo) molti dirigenti del suo partito gli volta- non ha mai nominato un successore, si è l’ex presidente del consiglio non è più tenu-
vano le spalle. Nel 2016 Berlusconi si è sot- presentato come collante centrista per le to a pagare 1,4 milioni di euro al mese di
toposto a un’operazione al cuore. forze xenofobe e post-fasciste. alimenti all’ex moglie Veronica Lario. Con
Ma tutto questo, oggi sembra molto lon- Il contesto politico che ha favorito il ri- altri rapporti personali a Berlusconi è anda-
tano. Grazie al nuoto, alla ginnastica e alle torno di Berlusconi ha portato beneici an- ta meglio. Qualche mese fa ha fatto un rega-
ripetute visite in un centro benessere del che al Movimento 5 stelle, che in base ai lo di compleanno all’amico Vladimir Putin,
Trentino-Alto Adige, Berlusconi ha risolto i sondaggi è il primo partito del paese. Ma la un copripiumino con l’immagine dei due
suoi problemi di salute. È tornato sulla sce- politica italiana resta un sistema caratteriz- leader politici che si stringono la mano. Per-
na come il bonario nonno d’Italia, anche se zato dai continui cambi di coalizione e, per sone vicine a Berlusconi riferiscono che l’ex
ha una idanzata di 32 anni, mezzi economi- il momento, i cinquestelle si rifiutano di Cavaliere si considera un possibile tramite
ci illimitati e un impero televisivo che lo ha stringere alleanze. tra Putin, sempre più popolare in Italia, e
aiutato a riconquistare gli elettori più anzia- Se il Movimento 5 stelle è diventato la Donald Trump, che lo è sempre meno.
ni, politicamente cruciali. La macchia del forza politica dei nuovi mezzi di comunica- Berlusconi si è più volte riiutato di parlare
bunga bunga sembra ormai sparita. zione, Berlusconi è ancora il paladino dei del presidente statunitense.
Questo è un paese che non dimentica vecchi mezzi d’informazione. In un paese Una persona che ha discusso in privato
l’amore, spiega emilio Fede, che per oltre in cui più del 20 per cento della popolazione con la famiglia Berlusconi riferisce che il
un quarto di secolo è stato un pilastro di una ha almeno 65 anni, questa tattica potrebbe leader di Forza Italia ha una pessima opi-
delle reti televisive di Berlusconi e il suo pri- ancora essere vincente. nione di Trump e non ama essere parago-
mo sostenitore (alcuni lo deiniscono im- “Le elezioni si vincono in tv”, assicura nato a lui, anche se il parallelismo a volte è
pietosamente un cane al guinzaglio). Fede. Quasi ogni sera Berlusconi appare inevitabile.
Secondo Fede, coinvolto nel processo sugli schermi televisivi accusando i cinque-
L’attenzione per i capelli
Berlusconi vuole alzarsi dal tavolo da “Berlusconi non ama Trump”, concorda
Giovanni Toti, eletto presidente della regio-
vincitore e pareggiare i conti con tutti ne Liguria nelle liste del centrodestra. Se-
quelli che hanno prematuramente condo Toti, “è un errore paragonare Trump
a uno dei più esperti statisti d’europa”. Alan
ballato sulla sua tomba Friedman, autore di My way, una biograia
autorizzata di Berlusconi, racconta di aver
per le serate del bunga bunga, gli italiani stelle di non avere esperienza e capacità, di parlato spesso con lui dei paragoni con
cominciano a dire: “Che noia queste storie essere l’incarnazione moderna del comuni- Trump. “Sono più moderato di Trump”,
sul bunga bunga. Davvero vogliamo consi- smo e di prendere ordini da un politburo avrebbe detto Berlusconi. Ma la verità è che
derare Ruby una minorenne sprovvedu- milanese. I “trattamenti estetici” hanno tra i due ci sono diverse similitudini che
ta?”. Inoltre Fede è convinto che, mentre la trasformato Berlusconi in “un’altra perso- vanno ben oltre il passato nel settore immo-
politica italiana si concentra sui social net- na”, spiega Fede, ma “la sua voce è sempre biliare, le apparizioni televisive e l’attenzio-
work, Berlusconi creda ancora nel potere la stessa, ed è importante”. Un’altra cosa ne ai capelli. Come sottolinea Friedman,
della tv. che non ha perso sono i canali televisivi che l’oggettivazione della donna e il linguaggio
Questo giornale ha chiesto più volte gli permettono di far sentire questa voce. scurrile “hanno progressivamente svilito la
all’ex presidente del consiglio un’intervista, Il partito di Berlusconi è ancora fermo al cultura italiana”.
ma invano. I suoi consulenti dicono che 17 per cento nei sondaggi e deve trovare il Come Trump, anche Berlusconi quan-
Berlusconi ha intelligentemente scelto di modo di gestire i suoi alleati euroscettici. In do era al governo ha spiazzato e travolto
corteggiare gli anziani che amano gli ani- questo senso, per contrasto, Berlusconi l’opposizione politica. Qualsiasi discussio-
mali (potenziali elettori) apparendo spesso sembra un personaggio capace di smussare ne era incentrata sulla sua persona e non
nelle sue reti televisive mentre accarezza i gli angoli. In caso di un’improbabile mag- sui problemi politici, cosa che l’ex presiden-
suoi cani o dà il biberon a un agnellino. In- gioranza assoluta alle prossime elezioni, te del consiglio ha sfruttato intelligente-
tanto la politica italiana e il mondo intero Berlusconi ha promesso che si comporterà mente per presentarsi come vittima e con-
sembrano essere tornati dalla sua parte. come un regista capace di guidare il suo quistare i moderati stanchi degli scandali
Berlusconi ha consumato la sua vendet- “super candidato”. O magari, quando nel sulla sua vita personale. Ora è pronto a ri-
ta contro Matteo Renzi guidando la campa- 2019 sarà di nuovo eleggibile, assumerà in petersi. Mentre Berlusconi lascia lo studio
gna contro il referendum voluto dal leader prima persona la guida del governo. Al mo- televisivo per afrontare una trattativa con
del Partito democratico quando era a capo mento ogni sviluppo è possibile, incluso le altre forze della coalizione nel suo palaz-
del governo. Sconfitto, Renzi è stato co- quello di una grande coalizione con Matteo zo romano, Rita Monaco, 59 anni, seduta
stretto a dimettersi. La preoccupazione per Renzi, scegliendo un presidente del consi- tra il pubblico del programma, ammette
la scarsa crescita economica e l’aumento glio di compromesso. che il leader di Forza Italia “poteva rispar-
dell’immigrazione irregolare hanno favori- Di certo c’è che Berlusconi è in un buon miarsi” la battuta volgare durante la tra-
to Berlusconi, che in anticipo sui tempi ave- momento. La sua coalizione ha ottenuto smissione, ma dice che lo ha trovato “posi-
va corteggiato la destra contraria all’immi- ottimi risultati alle ultime elezioni ammini- tivo e ottimista, nonostante tutto”. Il voto
grazione. Ancora una volta Berlusconi, che strative. Inoltre un giudice ha stabilito che di Rita è assicurato. u as

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 29


Confronti

La condanna di Lula è giusta?

Folha de S.Paulo, Brasile


DADO GALDIerI (BLOOMBerG/GeTTy IMAGeS)

Un comizio di Lula a Itaboraí, 7 dicembre 2017

L’ex presidente stare attenzione ai dibattiti politici invece che agli ele-
menti giuridici. Diicilmente l’analisi dei fatti, delle

brasiliano non è vittima testimonianze e della documentazione potrebbero


portare a una conclusione diversa da quella a cui sono

di una persecuzione arrivati i giudici di Porto Alegre. L’argomentazione del


tribunale appare solida, mentre quella dei difensori di

politica. È popolare, ma Lula è abbastanza inverosimile.


Naturalmente i sostenitori dell’ex presidente an-

non per questo al di dranno avanti per la loro strada, alzando ancora di più
la voce e ripetendo che è stato vittima di una persecu-

sopra della legge zione politica per impedirgli di partecipare alle elezio-
ni presidenziali di ottobre del 2018 anche se è in testa
a tutti i sondaggi.
on c’è stata traccia di esibizionismo, Tra i sostenitori di Lula è difusa una mania di per-

N spettacolarizzazione o passione po-


litica nel comportamento dei tre giu-
dici che il 24 gennaio hanno esami-
nato il caso giudiziario dell’ex presi-
dente Luiz Inácio Lula da Silva (Par-
tito dei lavoratori, Pt, sinistra), accusato di corruzione
e riciclaggio di denaro. I giudici del tribunale regiona-
le federale di Porto Alegre, dopo aver esaminato con
attenzione i dettagli, hanno confermato la sentenza
secuzione abbastanza inutile, che sembra ignorare del
tutto le circostanze su cui si è basata la sentenza di con-
danna. I fatti resistono a qualsiasi tentativo della difesa
di sostenere l’innocenza di Lula. Non si capisce perché
il presidente di una grande società di costruzioni avreb-
be dovuto fare da agente immobiliare nella vendita di
un appartamento a Guarujá, e ancora meno perché una
persona, senza essere proprietaria dell’immobile,
avrebbe dovuto occuparsi di ristrutturare l’apparta-
del giudice Sérgio Moro, che in primo grado aveva mento. Allo stesso tempo è innegabile l’inluenza di
condannato Lula per aver ricevuto dall’impresa di co- Lula nella nomina dei direttori della Petrobras. È dii-
FOLHA DE struzioni Oas un appartamento a Guarujá, nello stato cile credere che il leader del Pt fosse completamente
S.PAULO
di São Paulo, in cambio di favori nei contratti con all’oscuro della corruzione interna all’azienda.
è un giornale
l’azienda petrolifera statale Petrobras. Nel ruolo di vittima, Lula non convince per niente.
brasiliano pubblicato
a São Paulo e uno dei Inoltre i tre giudici hanno aumentato la pena di no- La sua popolarità e il suo carisma politico non lo met-
principali quotidiani ve anni stabilita in primo grado nei confronti di Lula, tono al di sopra della legge. Anche se la campagna
del paese. Fondato che sconterà dodici anni e un mese a causa “della gra- elettorale potrebbe essere impoverita dalla sua uscita
nel 1921, ha posizioni ve colpa” attribuita al suo comportamento. Deinire di scena, dopo la sentenza del 24 gennaio la democra-
centriste. “polemico” il processo all’ex presidente signiica pre- zia brasiliana è più forte. u as

30 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Mino Carta, Carta Capital, Brasile
tribunali del Sant’Uizio sceglievano i colpe- chiaramente il frutto di un golpe. In ogni caso, condan- MINO CARTA

I voli prima di processarli. Il processo era solo nato o meno, l’ex presidente conserva tutta la sua forza è un giornalista
brasiliano di origine
uno spettacolo, concluso dal rogo che illumi- politica e continua a crescere nei sondaggi per le elezio-
italiana. È il direttore
nava la piazza e bruciava vivo l’eretico. È suc- ni di ottobre. “Se mi assolveranno sarò presidente, se
della rivista di sinistra
cesso a Giovanna d’Arco, a Giordano Bruno, mi condanneranno diventerò un martire”, ha detto Carta Capital,
alle streghe di Salem. Le condanne arrivavano qualche tempo fa. fondata nel 1994 e
alla ine di un processo politico, camufato sotto il man- Continuo a chiedermi: cosa saranno capaci di fare i vicina alle posizioni
tello dell’eterna battaglia tra il bene e il male di cui gli golpisti per portare avanti il loro folle progetto? L’anno del Partito dei
inquisitori dicevano di essere i custodi. è cominciato male. Con l’insensatezza al potere e il lavoratori.
Nel processo contro Luiz Inácio Lula da Silva il tri- malgoverno che si permette tutto, è molto più facile an-
bunale di Porto Alegre si è comportato come gli inqui- nullare le elezioni a vantaggio degli interessi delle ban-
sitori. Ma qual è l’eresia commessa dall’ex presidente? de, assetate di connivenza con lo stato. In queste circo-
Aver guidato un buon governo, aver migliorato le con- stanze è lecito aspettarsi qualsiasi cosa dai golpisti. Solo
dizioni di vita di decine di milioni di cittadini poveri e una grande scossa sociale può liberare il Brasile da que-
aver seguito una politica estera indipendente dagli in- sto stato d’eccezione che siora l’idiozia. Secondo l’ex
teressi degli Stati Uniti. I due mandati di Lula (che ha giudice federale eugênio Aragão, le soferenze che i
governato dal 2003 al 2010) hanno segnato un periodo brasiliani dovranno patire nel 2018 a causa delle rifor-
di ottimi risultati e grandi speranze. me imposte da un governo illegittimo (quello di Michel
La rinascita dell’inquisizione in Brasile spaventa la Temer), tra l’altro in piena crisi economica, potrebbero
società democratica e civile. Le regole basilari del dirit- scatenare una rivolta. Per il momento, nonostante la
to sono state calpestate, scatenando la condanna di condanna in secondo grado del fondatore del Partito
giuristi di fama internazionale. C’è un progetto per dei lavoratori, i sindacati non hanno saputo convocare
escludere Lula dalle prossime elezioni presidenziali. uno sciopero generale.
Insieme a lui, anche il Brasile è stato condannato e im- Chiedo ad Aragão cosa pensa della sentenza di Por-
brogliato. Non c’è stato un rogo, ma la promessa del to Alegre: “È una provocazione. Invece di mostrare ri-
carcere per Lula a breve termine. Ci sono state diverse spetto per la sovranità popolare, i giudici hanno deciso
manifestazioni, in gran parte contro la sentenza, che di scontrarsi con la società”. Lula è stato riconosciuto
d’altronde era prevedibile. come il principale ostacolo alla realizzazione del pro-
Il 24 gennaio 2018 ha perso il Brasile. I motivi di getto di smembramento del paese. È stato preso un
sconforto non mancano. Lo stato d’eccezione, peggiore provvedimento estremo al culmine di un complotto che
di qualsiasi dittatura, sta portando avanti il suo proget- deve coprirci di vergogna.
to: fare piazza pulita di qualsiasi traccia dello stato di Non so se la spettacolarizzazione della sentenza di
diritto, assoggettare il paese alla volontà degli Stati Uni- Porto Alegre conviene allo stato d’eccezione. Mi spingo
ti, consegnarlo ai capitali stranieri, mantenerlo come a dire che, al contrario, raforza la leadership di Lula.
esportatore di prodotti e renderlo insigniicante sulla Così come i ricchi conidano nella rassegnazione popo-
scena internazionale. lare, io conido nella vigliaccheria dei signori, dei loro
Lo sanno anche le pietre: la condanna di Lula non scagnozzi armati di bastone e dei vecchi colonizzatori
supera l’esame della legge né quello della ragione. È cacciatori d’indigeni con la carabina. u as

L’unica colpa di Lula è aver ridotto le profonde


disuguaglianze del Brasile governando senza
l’ingerenza degli Stati Uniti. Per questo ora “i
poteri forti” vogliono impedirgli di partecipare
alle elezioni presidenziali. La sentenza contro
di lui è un duro colpo per la democrazia
Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 31
Le opinioni

La Turchia è nemica
del dissenso
e del paciismo
Nuray Mert
a Turchia non è uicialmente in guerra, Dopotutto è stato il governo del Chp a decidere l’inter-

L ma dichiara di essere impegnata in


un’“operazione militare” nell’enclave di
Afrin, nel nord della Siria, una zona con-
trollata dai curdi. Avrebbe dovuto esser-
ci un dibattito politico, con argomenti a
favore di una soluzione paciica. Purtroppo sembra
che nella Turchia di oggi questo spazio per il dissenso
non esista. Soprattutto a causa dell’ideologia del par-
tito del premier Recep Tayyip Erdoğan, il Partito per la
vento militare della Turchia a Cipro nel 1974.
Oggi tutti i partiti politici si sidano a vicenda su ba-
si nazionalistiche. Questa tradizione può essere spie-
gata con il rancore e le paure che storicamente la Tur-
chia ha accumulato dai tempi del crollo dell’impero
ottomano e della guerra d’indipendenza nel secondo
decennio del novecento. Se la Turchia non si libererà
del suo passato non avremo alcuna possibilità di dare
vita a una politica che s’ispira alla democrazia e alla
giustizia e lo sviluppo (Akp), che considera ogni argo- pace.
mento contrario alla soluzione militare un tradimento. D’altra parte dobbiamo anche ammettere che la
Ma questa è solo una delle tante ragioni. politica globale dopo la guerra fredda ha raforzato il
La Turchia non ha mai avuto una solida tradizione nazionalismo, il militarismo e un forte scetticismo in
di dibattito democratico sulla politica estera o sulle paesi come la Turchia. Quando il presidente Recep
strategie per la pace. Si chiede alla nazione di essere Tayyip Erdoğan cita gli interventi statunitensi in Af-
unita sotto un’unica bandiera, soprattuto quando ghanistan, in Iraq e in altri paesi per giustiicare le ope-
s’ipotizza una soluzione militare. Ed è questo il motivo razioni militari della Turchia, è diicile contraddirlo.
per cui oggi tutti i partiti politici, tranne il Partito de- In fondo è stato il leader del Partito laburista britanni-
mocratico del popolo (Hdp), ilocurdo, stanno soste- co, Tony Blair, a sostenere l’occupazione statunitense
dell’Iraq nel 2003, nonostante le proteste di milioni di
Il problema non è solo il governo persone a Londra. In tutto il mondo si cercano meno di
prima soluzioni paciiche ai problemi e la situazione
attuale, ma anche il fatto attuale legittima l’idea di una politica di potenza.
che la politica turca ha sempre Inine i ilocurdi dell’Hdp hanno perso molta credi-
soferto di una mancanza bilità nel paese perché non sono riusciti a fare una di-
di democrazia, perché non stinzione netta tra spazio democratico e conlitto ar-
mato. Inoltre il fatto che nel nord della Siria le forze
abbiamo soluzioni politiche militari curde accolgano volentieri il sostegno degli
alternative al nazionalismo Stati Uniti fa perdere ai politici curdi il diritto di riven-
e al militarismo dicare la propria superiorità morale.
Si potrebbe obiettare che le minoranze hanno biso-
gno del sostegno di stati potenti per sopravvivere. Tut-
nendo la campagna militare del governo in Siria. Non tavia la storia insegna che chi si allea con i forti si trova
è solo per paura di essere etichettati come “antipa- ad afrontare un tragico dilemma tra superiorità mora-
triottici” ma anche perché i partiti, compresa la princi- le e politica di potenza. Non è sempre stata solo una
pale forza d’opposizione, i kemalisti di sinistra del questione di morale o di correttezza politica, ma anche
Partito popolare repubblicano (Chp), rappresentano di sicurezza per la propria comunità. Se le cose an-
versioni diverse del nazionalismo e del militarismo. dranno male, milioni di persone potrebbero pagarne il
Inoltre lo scontro sulle operazioni militari turche è prezzo.
legato alla questione curda, un altro tema su cui tutte Penso che la Turchia abbia davvero bisogno di voci
le correnti politiche hanno una visione simile. Non fuori dal coro, che sostengano soluzioni paciiche e
sorprende che i politici del Chp abbiano criticato l’Akp una politica di negoziati e diplomazia. Io sarò una di
quando ha avviato un “processo di pace”, salvo poi queste, comunque andranno le cose. u f
contestare l’interruzione del dialogo con i curdi.
Il problema non è solo il governo attuale, ma il fatto Nuray MerT
che la politica turca ha sempre soferto di una man- è una giornalista turca. Ha lavorato per il quotidiano
canza di democrazia, perché non abbiamo soluzioni Milliyet ino al 2012. Scrive questa column per Hürriyet
politiche alternative al nazionalismo e al militarismo. Daily News.

32 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Le opinioni

La vita reale
non è su Facebook
David Randall
hi ha tra i quattordici e i trent’anni, o ha studenti la diferenza tra la vita reale e quella che ap­

C qualcuno di quell’età in famiglia, sa pare nei social network, dirgli che spesso i post sono
che i social network non vanno presi tentativi non tanto di comunicare quanto di proiettare
alla leggera. In molti casi possono mo­ una certa immagine di sé.
nopolizzare la vita di una persona. Bi­ Ricordo ancora una conversazione con mio iglio
sogna postare su Snapchat o Facebook, Paul quando aveva 19 anni. Un giorno mi disse che
aggiornare Instagram, contare i propri “mi piace”, aveva chattato con “una ragazza molto bella”. Gli chie­
controllare gli aggiornamenti degli altri, assicurarsi si come faceva a sapere che era una ragazza, poteva
che le uscite serali comincino con un selie per far ve­ benissimo essere un camionista peloso di Düsseldorf.
dere a tutti come siamo vestiti. I social Non dimenticherò mai la sua espressio­
network – che esistono da meno di Un sondaggio ne quando si rese conto che gli scambi di
vent’anni – possono inluire sull’imma­ condotto dall’ente messaggi permettevano alle persone di
gine che abbiamo di noi stessi. britannico Scope essere quello che volevano. E se Paul –
Anche se a molti piacciono, per alcu­ ha stabilito che l’uso abbastanza intelligente da studiare isi­
ne persone i social network sono una dei social network ca in un’università prestigiosa – non lo
rovina. Non passa settimana senza che fa sentire aveva ancora capito, che possibilità ha
esca uno studio che dimostra il loro im­ quasi la metà un’adolescente di 13 anni di stare su
patto sulla salute mentale. Dalle ricer­ Facebook senza correre rischi?
delle persone
che di importanti università britanniche Sui social network le normali regole
dai 18 ai 34 anni
e statunitensi è venuto fuori che guarda­ di convivenza tra le persone non valgo­
re i selie degli altri abbassa l’autostima.
meno attraenti no. Le spacconate che farebbero ridere
Un sondaggio condotto nel 2014 dall’en­ nella vita quotidiana lì non scatenano la
te britannico Scope su un campione di 1.500 persone stessa reazione. I colleghi non vi mostrano continua­
ha stabilito che l’uso dei social network fa sentire qua­ mente foto del loro gatto, della loro nuova auto, borsa
si la metà delle persone dai 18 ai 34 anni meno attraen­ o camicetta, dell’ultima cosa che hanno mangiato, né
ti. Ma, cosa ancora più grave, da una ricerca della Ro­ vogliono che dichiariate formalmente che vi “piaccio­
yal society for public health è emerso che i tassi di an­ no”. Su internet invece anche i conoscenti più alla lon­
sia e depressione sono aumentati parallelamente tana pretendono che lo facciate.
all’uso dei social. Nei giorni scorsi una giornalista del Times ha scrit­
Altri studi hanno fatto un collegamento con l’au­ to che i suoi igli adolescenti cercano continuamente
mento del tasso di suicidi. Non c’è da stupirsi se diver­ sfondi perfetti per i loro selie. Considerano cento “mi
si ex dirigenti di Facebook hanno detto che i social piace” un motivo di estasi e meno di venti “mi piace”
network stanno “modiicando il funzionamento della un’umiliazione. Non è una sorpresa che l’ossessione
società”. E non è strano che l’amministratore delegato dei teenager per il proprio aspetto si sia trasferita on­
della Apple, Tim Cook, abbia dichiarato di non volere line, ma adesso il bisogno di approvazione coinvolge
che suo nipote usi i social. un pubblico molto più vasto.
Ormai queste piattaforme fanno parte della vita di Gli adolescenti si mettono in mostra e gli altri li ap­
molti e chi le usa non le abbandonerà solo perché qual­ plaudono, forse nella speranza di essere applauditi a
cuno gli dice che sarebbe più felice senza. Dobbiamo loro volta. O, cosa ancora più dannosa, si mettono in
rassegnarci al fatto che il progresso non sia sempre mostra e gli altri li invidiano. Di persona starebbero
progresso e che l’autostima sarà sempre più condizio­ attenti a non parlare della festa alla quale un amico
nata da uno schermo piuttosto che dagli incontri faccia non è stato invitato. Online questo tipo di inibizione
a faccia? Fatico ad ammettere che gli algoritmi siano scompare. DAVID RANDALL
più potenti delle persone, perciò ecco quello che farei Per risolvere il problema, farei anche un’altra cosa: è stato senior editor
per avviare un dibattito sul tema. chiederei a quelli che possono essere condizionati dai del settimanale
Independent on
Per prima cosa, cercherei di trovare un modo per social network di scegliere un parente anziano che gli
Sunday di Londra. Ha
aiutare le persone a usare i social network in modo più parli delle esperienze per lui più preziose. Quando ri­
scritto quest’articolo
consapevole. Questo processo dovrebbe cominciare pensi alla tua vita, quello che conta davvero non è per Internazionale. Il
in famiglia, ma le scuole e le università dovrebbero quello che è successo su internet. Per quelli presi dal suo ultimo libro è
fare la loro parte ofrendo dei corsi sui social, discutere bisogno frenetico di postare, aggiornare e contare di Tredici giornalisti
del tempo che si passa online e del rischio di esagerare. continuo i “mi piace” sul loro proilo non ci sarebbe quasi perfetti (Laterza
La cosa più importante dovrebbe essere far capire agli terapia migliore. u bt 2007).

34 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


In copertina

La donna
che fa
tremare
le grandi
azıende
tecnologiche
Xan Rice, New Statesman, Regno Unito
Si chiama Margrethe Vestager, è danese ed è la commissaria
europea per la concorrenza. È stata lei a guidare l’ofensiva
di Bruxelles contro le multinazionali accusate di elusione iscale
e a volere le indagini su Apple, Amazon, Google e Facebook

36 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


l 30 novembre 2017 a Bruxelles ne- tro anni il Palais des Beaux-Arts ospita di- già indagando per abuso di posizione domi-

I vica. Al calare della sera una patina


bianca si è depositata sulla corona
di Gofredo di Buglione, il crociato
raigurato dalla statua che domina
place Royale. Non lontano il pub-
blico afolla la sala concerti del Palais des
Beaux-Arts, famosa per aver ospitato gran-
di compositori e direttori d’orchestra come
Stravinskij e Rachmaninov. Stasera, però,
battiti sul futuro dell’Unione europea, in-
contri che, oltre a rilettere il senso di crisi
che attanaglia il continente (evidente dai
titoli scelti: “Reinventare l’Europa”, “Ora o
mai più”, “Ultima chance”, “La ine dell’Eu-
ropa?”), si distinguono per la qualità dei
relatori. Il presidente francese Emmanuel
Macron, per esempio, è intervenuto nel
2014 e nel 2016, quando era ministro
nante e per illeciti iscali su alcune grandi
aziende tecnologiche, tra cui Google e la
Apple. Ma Vestager – che parla chiaro, è
simpatica (sorride moltissimo) e sicura del-
le proprie convinzioni – ha pensato subito
che fosse necessaria un’azione più decisa.
Così, nel gennaio del 2016, ha convocato
nel suo uicio a Bruxelles l’amministratore
delegato della Apple, Tim Cook, per discu-
la gente non è venuta per la musica. È qui dell’economia. In entrambe le occasioni tere della posizione iscale dell’azienda in
per ascoltare la commissaria europea Mar- Vestager ha diviso il palco con lui. Irlanda, dove il gruppo di Cupertino aveva
grethe Vestager, “la donna più potente Nel 2014, quando è stata nominata com- una serie di consociate per gestire le vendi-
d’Europa”. Il suo compito, infatti, è costrin- missaria europea per la concorrenza, Mar- te al di fuori delle Americhe. A quanto pare,
gere le aziende tecnologiche più grandi del grethe Vestager non era molto nota fuori Cook avrebbe provato a fare una lezione sul
mondo a rispettare la legge. Ormai da quat- dalla Danimarca. All’epoca l’Unione stava isco alla commissaria, interrompendola

Margrethe Vestager nel suo uicio a Bruxelles, il 3 marzo 2016


ANDREw TESTA (ThE NEw YORk TIMES/CONTRASTO)

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 37


In copertina
ripetutamente. Vestager non ha apprezzato
né il tono né il messaggio e ha commentato
che c’è “qualcuno tra i ricchi e i potenti” del
mondo che “prende per scema” la gente
quando si parla di tasse. “Non c’è nessuna
giustiicazione economica per il modo in
cui sono organizzate alcune di queste azien-
de”, mi dice quando ci incontriamo nel suo
uicio al decimo piano del Berlaymont, la
sede della Commissione europea. “È un
sistema che non serve a fare gli interessi
dell’azienda: serve a eludere il isco”.
Sette mesi dopo l’incontro con Cook,
Vestager ha ordinato all’Irlanda di recupe-
rare dalla Apple 13 miliardi di euro, soste-
nendo che il governo aveva concesso
all’azienda di Cupertino una serie di agevo-
lazioni iscali che violano le normative eu-
ropee sugli aiuti di stato. Cook ha denuncia-
to il provvedimento come “una stronzata
politica totale”, un giudizio condiviso dal
governo degli Stati Uniti e dalle autorità ir-
landesi. Ma è diicile credere che la Apple,
un’azienda che nell’ultimo anno iscale ha
dichiarato 229 miliardi di dollari di ricavi,
non si aspettasse un provvedimento. Si può
apprezzare l’iPhone – Vestager ne ha uno ed
è molto soddisfatta – e allo stesso tempo ri-
conoscere che un accordo studiato per con-
sentire all’azienda più ricca del mondo di
pagare un’aliquota sulle vendite in Europa
pari allo 0,005 per cento non è “una stron-
zata politica” (al 30 settembre 2017 la Ap-
ple, che paga gran parte delle tasse negli
Stati Uniti, ha versato alle autorità iscali
nel mondo 1,6 miliardi di dollari, pari al 18,1
PETER BITTNER (ThE NEw YORk TIMES/CONTRASTO)

per cento dei suoi proitti).

Non essere cattivo


Ma questo era solo l’antipasto. A maggio del
2017 Vestager ha inlitto una multa di 110
milioni di euro a Facebook, il social network
più popolare al mondo, con più di due mi-
liardi di utenti, per non aver fornito sui-
cienti informazioni alle autorità di regola-
mentazione durante l’acquisizione di
whatsApp. A ottobre dello stesso anno è i-
nita nel mirino Amazon, non solo il più
grande negozio online in occidente ma an- Non tutti pensano che le sanzioni fosse- ‘Be’, forse la commissione serve davvero a
che la più grande azienda di cloud computing ro meritate o che i provvedimenti fossero qualcosa’”, sostiene Thomas Vinje, socio
e di altoparlanti intelligenti al mondo. strettamente aderenti alla legge sulla con- dello studio legale Cliford Chance di Bru-
L’azienda di Jef Bezos è stata costretta a correnza. Secondo l’Economist, per esem- xelles, che ha rappresentato diversi clienti
restituire 250 milioni di euro al Lussembur- pio, Vestager avrebbe preso alcune decisio- statunitensi nei contenziosi nati dalle deci-
go per aver ricevuto agevolazioni iscali ille- ni soprattutto per fare carriera. Fatto sta che sioni di Vestager. “E poi la commissaria co-
cite. Ma la multa più salata è stata riservata la commissaria ha rimesso in riga alcune munica molto meglio di tutti quelli che
a Google, il cui motto è “Dont’ be evil”, non delle aziende più grandi del mondo, spin- l’hanno preceduta”.
essere cattivo. Vestager ha ritenuto che gendo i paesi dell’Unione ad amministrare Le capacità e il buonsenso politico di Ve-
l’azienda fosse stata talmente cattiva da in modo più equo l’imposta sui redditi delle stager – che è alta un metro e ottanta e ha i
meritare una sanzione record da 2,4 miliar- aziende e riuscendo nella diicile impresa capelli grigi e corti – appaiono evidenti
di di euro per abuso di posizione dominante di rendere popolare la Commissione euro- quando sale sul palco del Palais des Beaux-
nel mercato dei motori di ricerca. pea. “La gente guarda Vestager e pensa: Arts. Il titolo del dibattito, “Europe: Yes we

38 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


La nuova sede della Apple a Cupertino, in California. Novembre 2017 za, cucito personalmente da lei, regala ai
colleghi? Risposta: un elefante con le orec-
chie grandi per ricordare a tutti di ascoltare.
Cosa le piace cucinare? Brioche alla cannel-
la. Come si chiama il programma tv danese
che si è ispirato a lei per il personaggio della
protagonista? Borgen, il potere. Cosa ha in
comune con Theresa May e Angela Merkel?
Sono tutte e tre iglie di pastori protestanti.
Nel caso di Vestager, anche la madre era
una sacerdote. I suoi genitori, entrambi lu-
terani, esercitavano a Ølgod, un piccolo
paese sulle pianure spazzate dal vento della
Danimarca occidentale. La porta di casa
era sempre aperta. Vestager racconta che
da bambina veniva spesso svegliata da
un’auto da cui scendeva un padre esausto
che doveva registrare la nascita del iglio
appena venuto al mondo. A volte il telefono
squillava in piena notte perché era successo
qualcosa di terribile. “La nostra non è mai
stata una casa religiosa nel senso tradizio-
nale del termine. Per i miei genitori la reli-
gione era un impegno concreto: voleva dire
dedicarsi alla comunità locale. Questo mi
ha insegnato molto”, racconta Vestager.
A scuola e all’università, dove ha studia-
to economia, Vestager faceva politica, ma
non aveva grandi aspirazioni di carriera.
Poi, a 21 anni, conobbe alcuni funzionari di
Radikale venstre, un piccolo partito di cen-
trosinistra fondato da un suo antenato, che
cercavano candidati per le elezioni legisla-
tive. E accettò la proposta, consapevole che
probabilmente non ce l’avrebbe fatta. “Vo-
levo solo provare a raccontare in modo coe-
rente le cose in cui credevo”, dice.
Poco dopo diventò presidente del parti-
to e nel 1998 fu nominata ministra
dell’istruzione e degli afari ecclesiastici.
Nel 2007, quando assunse la guida di Radi-
kale venstre, il partito era in crisi: alle ele-
zioni si era fermato al 5,1 per cento dei voti.
Due anni dopo i sondaggi lo davano addirit-
tura al 3 per cento. Secondo molti Vestager
stava afossando il partito.
henrik kjerrumgaard, all’epoca respon-
sabile della comunicazione di Radikale
can!”, vuole sottolineare il nuovo clima di essere grandi e avere successo”, dice, “ma venstre, racconta che i igli di Vestager una
speranza nel continente dopo il voto sulla non si può abusare del proprio potere per volta le chiesero perino se era davvero la
Brexit. L’ottimismo è giustiicato, dice Ve- impedire agli altri di diventare le grandi peggior politica della Danimarca, come
stager. L’economia cresce e la disoccupa- aziende di domani”. sentivano dire in giro. Poi, nel 2009, ci fu la
zione cala. Inoltre l’elezione di Donald svolta. Un giorno, mentre tutti erano di pes-
Trump e la decisione del Regno Unito di Una nuova strategia simo umore, Vestager si presentò nella sede
uscire dall’Unione hanno fatto riavvicinare La concorrenza può essere una materia ari- del partito sprizzando allegria. kjerrumga-
gli altri 27 stati membri. Quando le chiedo- da e noiosa. E lo stesso di può dire dei com- ard le chiese perché fosse così felice. “Mi
no quale sia la sua birra belga preferita, Ve- missari europei. Ma Vestager, che è nata nel sono resa conto che nessuno mi ha chiesto
stager osserva che il paese ha più di mille 1968 vicino a Copenaghen, non lo è afatto. di stare qui”, le rispose lei. “Se voglio pren-
birre ed evita di rispondere. Poi ci tiene a Un avvocato di Bruxelles ha perino inven- dere armi e bagagli e lasciare la politica,
precisare che non è stata afatto ingiusta tato un quiz per il suo staf sul passato e le posso farlo. Questo signiica anche che, se
con le grandi aziende tecnologiche. “Si può abitudini di Vestager. Quale animale di pez- sono forte, posso fare quello che voglio. Es-

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 39


In copertina
Uici di Amazon a Seattle, il 9 ottobre 2017
ChRISTOPhER MILLER (ThE NEw YORk TIMES/CONTRASTO)

sere una leader signiica indicare una dire- un sacco da fare. Era subito dopo la crisi i- consulenza di Bruxelles, dove ci incontria-
zione precisa in cui muoversi, ed è quello nanziaria, e c’erano provvedimenti urgenti mo per un cafè. “Tutti i migliori funzionari
che farò”. da prendere sul settore bancario”, ricorda vogliono lavorarci e gli altri commissari
La nuova strategia era semplice: parlare Vestager. Anche dopo la ine della presiden- tendono a gravitare intorno a chi la guida.
con tutti, tenendo però salde le proprie con- za danese, non saltò mai un incontro Chi sta alla concorrenza non ha tutte le ro-
vinzioni. E Vestager era a favore dell’immi- dell’Ecofin. “Se vuoi partecipare alla di- gne che ha il resto della commissione”.
grazione, dei matrimoni gay e dell’Europa, scussione devi esserci sempre. E a me pia- Vestager è arrivata a Bruxelles determi-
ma conservatrice in materia iscale. La cosa ceva molto”. Nel 2014 la prima ministra nata a lasciare il segno. ha fatto arredare il
funzionò. Alle elezioni del 2011 il partito danese helle Thorning-Schmidt, leader dei suo uicio per renderlo più simile a un sa-
prese il 9,5 per cento dei voti, il miglior risul- socialdemocratici, si trovò a dover indicare lotto, con un bel tappeto a coprire il pavi-
tato da quasi quarant’anni. Vestager accettò un nome per la Commissione europea. E mento di legno chiaro, un divano tra il gri-
di formare un governo di coalizione con i scelse Vestager. gio e il blu, un tavolino da cafè, alcune ope-
socialdemocratici e il Partito popolare so- re d’arte moderna e una serie di farfalle di
cialista dopo essersi assicurata due mini- Quanto pesano i dati stofa realizzate dagli orfani del Tibet appe-
steri chiave: interno ed economia. Ogni paese dell’Unione europea ha un se alle pareti. Vicino alla scrivania ha messo
In quel periodo la sua proposta di taglia- commissario con un incarico simile a quello una scaletta di legno, perché “una donna
re le prestazioni sociali aprì un duro scontro di un ministero di un governo nazionale, che vuole fare strada deve portarsi dietro la
con i sindacati. Una sigla, in particolare, le per esempio il commercio o i trasporti. I scala”. Appoggiate su uno schedario ci sono
fece recapitare una scultura di gesso a for- commissari passano gran parte del tempo a le foto della sua famiglia: il marito Thomas,
ma di pugno con il dito medio alzato. La cercare di convincere i loro colleghi (e i ri- professore di matematica, e le tre iglie di
commissaria la conserva ancora e la chiama spettivi governi) della bontà delle loro pro- 14, 18 e 21 anni.
il “dito del vafanculo”. Altri aspetti del suo poste. Ma il commissario alla concorrenza Jens Thomsen, che ha scritto un libro sui
impegno di governo erano decisamente più ha molta più autonomia degli altri perché, primi cento giorni di Vestager alla guida
piacevoli. A gennaio del 2012 la Danimarca oltre alla facoltà di avviare indagini, ha an- della direzione generale per la concorren-
assunse la presidenza semestrale di turno che potere decisionale: di fatto è giudice, za, mi spiega che la commissaria ha voluto
del consiglio dell’Unione europea. In quel giuria e boia. “La direzione generale per la un tavolo delle riunioni particolarmente
periodo Vestager aveva il compito di presie- concorrenza è considerata il fiore all’oc- stretto: vuole essere vicina ai suoi ospiti
dere le riunioni dell’Ecofin, il consiglio chiello della commissione”, spiega Peter quando le sono seduti di fronte. Invece di
composto dai ministri dell’economia e delle Guilford, ex portavoce della direzione e og- inviare un collaboratore ad accompagnare
inanze degli stati dell’Unione. “Avevamo gi presidente della Gplus, una società di i visitatori dalla sala d’aspetto al suo uicio,

40 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Vestager li accoglie di persona, come ha fat- inisce comunque una “tecno-ottimista”: contro il provvedimento. “Naturalmente
to con me. “È più scaltra di quanto sembri”, ha 230mila follower su Twitter e possiede sarebbe stato meglio se il caso si fosse risol-
dice Thomsen. due smartphone. Ma è anche un’“utente to velocemente, perché così tutti avrebbero
Una volta seduti, chiedo a Vestager qual curiosa”: le piace sperimentare diversi ser- potuto voltare pagina”, dice Vestager. “Pur-
è l’obiettivo principale della direzione ge- vizi, come il motore di ricerca DuckDuckGo, troppo non è stato possibile, quindi abbia-
nerale per la concorrenza. “Stiamo assi- che non tiene traccia delle richieste degli mo dovuto trovare un’altra strada”.
stendo a un aumento della concentrazione utenti. “Prima tutti parlavano dei cookies. La scorsa estate gli studiosi Bala Iyer,
in quasi tutti i settori. I consumatori si sen- Adesso sono passati di moda e non si parla Mohan Subramaniam e U. Srinivasa Ran-
tono sempre più piccoli, perché le aziende d’altro che di tracking, di come gestirlo, di gan hanno scritto sulla harvard Business
con cui hanno a che fare sono sempre più cosa comporta. È un tema molto interes- Review che è necessario adeguare la nor-
grandi”, osserva. “Poi c’è la digitalizzazio- sante”, aggiunge. mativa sulla concorrenza all’era digitale. I
ne, che ci dà la sensazione di perdere il con- Tra tutte le aziende tecnologiche, la più monopoli di domani non saranno giudicati
trollo dei nostri dati personali, di non sapere eicace a raccogliere dati sugli utenti è sicu- solo in termini di quanto vendono, sostiene
più chi sono i nostri interlocutori e cosa suc- ramente Google, che in molti paesi l’articolo, ma anche di quanto sanno sui
cede dopo che una transazione è stata con- dell’Unione europea ha una quota delle ri- consumatori e di quanto sono in grado di
clusa. Credo che il rispetto delle normative cerche sul web superiore al 90 prevederne il comportamento
antitrust e sulla concorrenza possa contri- per cento e che, per le sue prati- meglio dei concorrenti. Vestager
buire a rassicurare i consumatori”. che anticoncorrenziali, è finita è d’accordo. “È come dire che i
La direzione generale per la concorren- più volte nel mirino della com- dati diventano una risorsa. La ri-
za si occupa, tra le altre cose, di spezzare i missione. Il caso più eclatante ri- cerca sul web non è mai gratis,
cartelli – come quello dei produttori di ri- guarda il modo in cui Google pre- paghiamo sempre qualcosa, e
cambi auto, che si erano accordati per mas- senta i risultati delle ricerche sull’acquisto quello che paghiamo diventa una risorsa.
simizzare i proitti e nel 2008 hanno ricevu- di prodotti, che secondo i rivali in Europa e La direzione generale per la concorrenza
to una multa di 1,3 miliardi di euro – e appro- negli Stati Uniti discrimina la concorrenza controlla questi temi molto da vicino. Anco-
vare o bloccare le fusioni. Ma da quando la in modo scorretto. Quando si cerca un pro- ra non abbiamo avuto un caso che riguar-
commissaria è Vestager, le novecento per- dotto su Google, il “confronta prezzi” di dasse la raccolta di grandi quantità di dati,
sone dello staf sono impegnate soprattutto proprietà del motore di ricerca compare in ma teniamo gli occhi bene aperti”.
nel settore tecnologico. cima alla pagina, prima ancora dei risultati
Le grandi aziende tecnologiche sono da della ricerca, mentre i servizi dei concor- Il giusto contributo
sempre nel mirino degli organismi di con- renti sono relegati molto più sotto. Fairness, equità, è una parola che Vestager
trollo per la loro tendenza a dominare i set- La commissione ha stabilito che Google usa spesso, soprattutto quando si parla di
tori in cui operano. Nel 2004 l’Unione euro- ha efettivamente abusato della sua posi- tasse. Secondo il diritto dell’Unione euro-
pea multò la Microsoft per 497 milioni di zione dominante e ha cercato invano di in- pea, un governo può abbassare quanto vuo-
euro per comportamento contrario alla vitare l’azienda a patteggiare. Quando Ve- le l’aliquota dell’imposta sul reddito d’im-
concorrenza e nel 2009 impose alla Intel stager ha preso in mano il caso, nel 2014, ha presa, a condizione che sia uguale per tutte
una sanzione di 1,06 miliardi di euro, la più chiesto un ulteriore approfondimento delle le aziende. Se però si approva un regime i-
alta mai erogata fino a quel momento. indagini prima di multare l’azienda per 2,4 scale che avvantaggia solo alcune aziende
All’epoca, tuttavia, le aziende che oggi chia- miliardi di euro. Google ha fatto ricorso – di solito le multinazionali che il governo
miamo big tech erano solo medium tech. Se- sta corteggiando – si viola la normativa sugli
condo la società di consulenza PwC, infatti, aiuti di stato.
nel marzo del 2009 le cinque multinaziona- Da sapere I casi più eclatanti in questo senso han-
li più grandi del mondo erano ExxonMobil, L’ultima multa no riguardato due aziende tecnologiche:
PetroChina, walmart, Industrial and com- Apple e Amazon. Anche altre multinazio-
mercial bank of China e China Mobil. Oggi u Dopo Apple, Amazon e Google, le indagini nali, tuttavia, sono state colte in lagrante.
sono Apple, Alphabet (l’azienda che con- della Commissione europea hanno preso di Nel 2015, per esempio, Vestager ha stabilito
mira un altro gigante tecnologico. Il 24 gennaio
trolla Google), Microsoft, Amazon e Face- che i Paesi Bassi e il Lussemburgo avevano
2018 l’azienda statunitense Qualcomm, tra i
book. Ma non sono solo le dimensioni dei maggiori produttori al mondo di processori e
favorito Starbucks e la Fiat in modo illecito
giganti della tecnologia a preoccupare i re- componenti per smartphone, ha ricevuto una e ha imposto alle due aziende di versare tra
golatori. “Stanno plasmando la nostra so- multa di 997 milioni di euro per abuso di i 20 e i 30 milioni di euro di tasse arretrate.
cietà”, dice Vestager, “e anche per questo è posizione dominate. Secondo la commissaria Pochi mesi dopo la commissaria ha chiesto
fondamentale vigilare sul settore digitale”. Margrethe Vestager, tra il 2011 e il 2016 al Belgio di recuperare 700 milioni di euro
Vestager è stata testimone di un caso di l’azienda avrebbe pagato alcuni milioni di da 35 multinazionali. Anche colossi come
rigetto della tecnologia proprio nella sua dollari alla Apple per garantirsi che l’azienda di McDonald’s, Ikea e l’azienda energetica
famiglia. La sua figlia più grande sta se- Cupertino usasse esclusivamente i suoi chip francese Engie sono initi sotto inchiesta
guendo una specie di “percorso di disintos- nella costruzione di iPhone e tablet. “La per motivi iscali.
Qualcomm ha illegalmente escluso la
sicazione digitale”. “Sostiene che la tecno- Le indagini non hanno risparmiato ne-
concorrenza dal mercato, consolidando il suo
logia inibisce la sua capacità di concentra- dominio”, ha spiegato Vestager. “A prescindere
anche il Regno Unito. Lo scorso autunno,
zione. E dice che quando si è in compagnia dalla qualità dei suoi prodotti, nessuno poteva Vestager ha annunciato l’apertura di un’in-
di altre persone bisognerebbe stare con loro rivaleggiare con la Qualcomm”. L’azienda ha chiesta su uno schema iscale di group i-
e non al telefono. È un’idea che mi piace annunciato che farà ricorso presso il tribunale nancing exemption, approvato da Londra,
molto”, racconta la commissaria. Lei si de- dell’Unione europea. Financial Times che esenta alcune transazioni gestite da

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 41


In copertina
multinazionali dal rispetto delle norme bri- nomici Bruegel, a Bruxelles. “Dobbiamo del nostro meglio per venire incontro alle
tanniche in materia di elusione iscale. mettere dei paletti”. esigenze dei britannici nel contesto della
“Si dice sempre che le piccole e medie Il mandato di Vestager alla direzione ge- democrazia europea. Non è stata una doc-
imprese sono la spina dorsale dell’econo- nerale per la concorrenza scade tra poco cia fredda, è stata una vera valanga. Poi pe-
mia europea. In realtà sono anche la spina meno di due anni. Una delle principali in- rò vale sempre il consiglio della mamma:
dorsale del bilancio pubblico, perché sono chieste in corso riguarda la Gazprom, il co- dormici sopra e domani vedrai le cose in
loro a pagare le tasse”, osserva Vestager. losso energetico russo che fornisce circa un modo diverso. Ci sono ancora 27 paesi
“Ma non è giusto che qualcuno contribuisca terzo del fabbisogno di gas dell’Unione eu- nell’Unione, abbiamo un sacco di cose in
e qualcun altro no, perché tutti traggono ropea (il cliente principale è la Germania) ballo e i cittadini si aspettano dei risultati:
beneicio da quello su cui si fonda una so- ed è accusato di praticare prezzi troppo alti sull’immigrazione, sulla tutela dei rifugiati,
cietà che funziona, cioè le strade, l’infra- e ostacolare i clienti nella vendita di gas tra sui cambiamenti climatici, sull’occupazio-
struttura digitale, il sistema sanitario, la un paese e l’altro. Un altro importante fasci- ne. Dobbiamo andare avanti”.
scuola. Queste cose non sono gratis”. colo riguarda ancora una volta Google. I Di recente si è parlato della possibilità
Verso la ine dell’intervista chiedo a Ve- funzionari europei stanno cercando di sco- che Vestager prenda il posto di Christine
stager dove tiene il “dito del vafanculo”. prire se il sistema operativo per i dispositivi Lagarde alla guida del Fondo monetario
“Dietro di lei”, mi risponde, indicando il internazionale. E l’ipotesi che l’anno prossi-
tavolino da cafè. “È lì, così le persone non Equità è una parola mo possa subentrare a Jean-Claude Juncker
sono costrette a vederlo. A molti non piace, alla presidenza della Commissione europea
non sanno dove guardare. Ma non lo con- che Vestager usa ha entusiasmato molti.
servo per loro, è per me. Serve a ricordarmi spesso quando si parla Secondo il sito Politico, a novembre il
che ci sarà sempre qualcuno che non è d’ac- presidente francese Emmanuel Macron
cordo con me, che ha tutto il diritto a non di tasse avrebbe detto ad alcuni funzionari europei
esserlo e che magari ha ragione”. Le grandi che Vestager è la sua prima scelta per la pre-
aziende tecnologiche che la commissaria mobili Android ha dei monopoli incorpora- sidenza della commissione. L’ammirazio-
ha sanzionato sono convinte che avranno la ti e se il programma AdSense impedisce in ne, del resto, è reciproca. Quando chiedo a
meglio in appello, e a Bruxelles alcuni modo scorretto ai concorrenti di fare pub- Vestager cosa pensi del presidente france-
esperti legali sono d’accordo. “Sugli aiuti di blicità su siti web di terzi. se, mi risponde così: “Chiunque lo abbia
stato la commissaria ha fatto una forzatura Molti s’interrogano su quale sarà la pros- incontrato dice che è un personaggio stra-
ed è probabile che perderà”, mi ha conida- sima mossa di Vestager. Anche se probabil- ordinario. Non solo per la sua cultura, ma
to un avvocato. mente sarà confermata per un secondo anche per come interagisce con la gente”.
mandato, è chiaro che i suoi interessi – e a Forse la presidenza della commissione è
Progetti futuri quanto pare, anche le sue ambizioni – van- destinata a rimanere una chimera. La Dani-
Charles Grant, direttore del Centre for eu- no oltre la concorrenza. Il tema della Brexit, marca non è nell’eurozona, e a Bruxelles
ropean reform di Londra, è un sostenitore per esempio, la appassiona molto: “Nessu- Vestager fa parte dei Liberali, il quarto
del giro di vite dell’Unione sul isco e condi- no di noi dava per scontata la vittoria di chi gruppo per dimensioni al parlamento euro-
vide il modo in cui Vestager sta tenendo te- voleva restare nell’Unione, ma il successo peo. Inoltre, la scelta di indagare sulle age-
sta alle aziende tecnologiche. “D’altro can- della Brexit è stato terribile. Avevamo fatto volazioni iscali concesse alle multinazio-
to è anche vero che la Germania considera nali potrebbe aver creato dei malumori in
la commissione uno strumento per tutelare Da sapere qualche paese. “Sinceramente credo che
le aziende digitali nazionali. Quindi non è sarebbe bravissima”, dice Alec Burnside,
chiaro ino a che punto si tratta di una que-
Leggi e sanzioni socio dello studio legale Dechert. “Per af-
stione di principio e quanto conta la difesa u Le multe più alte emesse dalla Commissione frontare gente e casi del genere, per resiste-
delle proprie industrie”. europea. Tra il 1990 e il 2017 le sanzioni re alle pressioni del settore tecnologico e
Anche Andrea Renda, responsabile del- imposte alle aziende dalla commissione hanno del governo statunitense ci vogliono le pal-
le politiche regolatorie del Centre for euro- raggiunto il totale di 25.256.969.126 euro. Le le, se mi consentite l’espressione”.
pean policy studies a Bruxelles, è cauto multe sono applicate per la violazione delle Margrethe Vestager non ha mai detto di
sull’operato di Vestager. “I consumatori di- leggi antitrust, sui cartelli, le fusioni e le ambire alla presidenza, ma non lo ha nean-
acquisizioni, e gli aiuti di stato.
cono ‘mi ido di lei, è una tosta’, e la sua im- Miliardi che negato. Sul palco del Palais des Beaux-
di euro
magine è generalmente positiva. Il mio Arts il suo intervistatore le fa notare che
Produttori di camion (2016) 2,93
giudizio è più sfumato, perché trovo che secondo quanto scrive un quotidiano locale
manchi di trasparenza. Dovrebbe spiegare Google (2018) 2,42 sarà lei la prossima presidente della Com-
meglio le sue azioni dal punto di vista della Produttori di vetri per auto (2008) 1,35 missione europea. Vestager sorride. “ho
normativa sulla concorrenza”. A prescinde- imparato che la politica europea è molto si-
re dal merito dei singoli casi, Vestager si è Intel (2009) 1,06 mile a quella danese”, dice. “Girano sempre
comunque guadagnata la stima e il rispetto Microsoft (2008) 0,89 un sacco di voci”. u fs
degli addetti ai lavori per aver promosso il Microsoft (2013) 0,56
dibattito sulla necessità di regolamentare le L’AUTORE
aziende tecnologiche nel ventunesimo se- Telefónica (2007) 0,15
Xan Rice è un giornalista del settimanale
colo. “Il digitale è ogni giorno più presente Facebook (2014) 0,11 britannico New Statesman. ha lavorato
sui mercati e nelle nostre vite”, sostiene Ge- anche per il Times, il Guardian e il Financial
Fonte: Cnbc
orgios Petropoulos, del centro di studi eco- Times.

42 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Libia
Il complesso di West Tallil, dove la milizia Dabbashi teneva prigionieri migliaia di migranti. Sabratha, 11 dicembre 2017
Contrasto

Stupri come arm


44 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018
Le violenze sessuali
dell’esercito libico contro
uomini e donne erano
già state denunciate nel
2011. Ma dopo la caduta
del regime di Gheddai
anche le milizie rivali le
hanno usate in modo
sistematico

Cécile Allegra,
Le Monde, Francia
Foto di Lorenzo Tugnoli
hi si ricorda più di Iman al

C obeidi? Eppure la sua storia


fece il giro del mondo. Era il
26 marzo 2011, all’inizio
della rivoluzione in Libia.
Quel giorno la giovane ma-
nifestante, sopravvissuta alle carceri del
colonnello Muammar Gheddai, si presen-
tò all’hotel rixos di tripoli, dove soggior-
navano i giornalisti stranieri arrivati nel
paese per seguire il conlitto. afermò di es-
sere stata stuprata dai soldati. Voleva farlo
sapere a tutti. Le sue grida di soferenza fu-
rono riprese dalle telecamere del mondo
intero. Iman al obeidi, come una veggente
che annunciava la caduta del regime, fu co-
perta di ischi da una folla carica d’odio, che
le diede della prostituta. In seguito riuscì a
emigrare negli stati Uniti, senza immagi-
nare che il suo gesto avrebbe in qualche mo-
do segnato il corso della storia.
nello stesso periodo cominciarono a
circolare voci sugli “stupri di guerra” com-
messi in modo sistematico contro la popo-
lazione ribelle. si diceva che uno dei igli del
dittatore, saif al Islam, avesse ordinato ai
suoi soldati di colpire “ogni casa di ogni cit-
tà ribelle”. alcune navi cariche di Viagra
avrebbero addirittura gettato l’ancora nel
porto di tripoli. si parlava anche di video
che testimoniavano gli abusi sessuali su ci-
vili. La comunità internazionale lanciò l’al-
larme, chiese l’apertura di un’inchiesta.

ma di guerra
alla ine di aprile del 2011 il procuratore ca-
po della Corte penale internazionale (Cpi),
Luis Moreno ocampo, promise di farlo. Ma
poi non se n’è saputo più nulla.
Dopo la caduta del dittatore, nell’otto-
bre del 2011, la Libia è sprofondata nel caos
e le denunce di stupri sono svanite. oggi il

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 45


Libia
Un ristorante a Sirte, 14 dicembre 2017
Contrasto

paese resta una polveriera. nessuno è anco- nervosamente, il suo discorso è frammen- città povera, feudo della tribù che porta lo
ra riuscito a confermare che gli stupri siano tato. Deve prendere dei farmaci. stesso nome. Discendenti di schiavi, di-
stati usati come arma di guerra. Per farlo andiamo in un posto tranquillo, in un sprezzati perché neri, i tawargha sono sem-
servirebbero prove, elementi concreti (car- anonimo bilocale nel quartiere di al aloui- pre stati trattati come cittadini di serie b.
telle mediche, immagini, testimoni). Biso- na. apre la valigia, tira fuori una copia del Gheddai aveva ottenuto la loro lealtà rico-
gna andare nella vicina tunisia, dove mi- Corano, un passaporto libico, un tappeto da struendo la città. nel 2011, all’inizio delle
gliaia di libici hanno trovato rifugio negli preghiera, poi si siede su una vecchia pol- rivolte, il suo esercito si era in parte appog-
ultimi anni. trona in inta pelle. “Puoi anche ofrire mi- giato a loro per piegare Misurata.
lioni di dollari alle vittime perché testimo- Yassine si ritrovò legato e incappucciato
Ottobre 2016 nino in tribunale, ma loro ti diranno: ‘Mai’. in una casa di tawargha convertita in pri-
Yassine è stato a lungo solo un’ombra su Preferisco rimanere nascosto”. Ha parlato gione. “Una stanza era dedicata alle tortu-
uno schermo. su skype vedevo la sua sago- in prima persona. Ho un sussulto, mi guar- re”, racconta. “si sentivano le urla degli al-
ma in controluce. si conidava poco, come da terrorizzato. Come dimenticare quello tri”. Gli si spezza la voce. “avevo capito cosa
se qualcosa glielo impedisse. “Credo che sguardo? Yassine è stato stuprato. stavano facendo…”. non lo dice mai aperta-
sia stato stuprato ma non l’ha mai detto Conduceva una vita semplice in un mente, ma parla di stupri. “sapevano bene
apertamente”, mi aveva avvertito la perso- quartiere nella parte sud di Misurata, una che la cosa più dura è restare vivi, senza po-
na che mi ha messo in contatto con lui. città della Libia occidentale. Il 29 marzo ter dimenticare”. all’improvviso Yassine si
Dopo qualche settimana Yassine, sui 2011, dopo un mese d’assedio, lo stato mag- blocca, è stremato, non fa più un gesto né
quarant’anni, con una corporatura esile, ha giore dell’esercito di Gheddai lanciò l’as- un rumore. Una lacrima gli riga il volto. Lo
accettato di venire a tunisi e incontrarmi. salto alla città. I soldati forzarono le porte chiamo a bassa voce. Dopo un tempo inini-
Ma non basta passare una frontiera per li- delle case. subito si difusero le voci sugli to, si sdraia sul letto e si addormenta.
berarsi dei propri fantasmi. Dal momento stupri. Una notte Yassine tentò di scappare Lo stigma dello stupro ingabbia le vitti-
in cui arriva in aeroporto, evita di parlare di per una strada secondaria insieme a una me nella vergogna. Parlare signiica diso-
sé. aferma di parlare a nome di molte vitti- coppia di vicini, ma incappò in una trentina norare la propria famiglia e la propria co-
me che in tunisia cercano un posto dove di uomini armati. nel suo ricordo, alcuni munità per generazioni. Parlare con chi,
farsi curare con discrezione. portavano divise dell’esercito, altri erano poi? Il sistema giudiziario libico è a pezzi e
“In Libia le persone non parlano, hanno mercenari della città di tawargha. non tutela in nessun modo chi denuncia.
paura di essere denunciate, di perdere tut- Misurata contro tawargha, una rivalità Due giorni dopo Yassine mi richiama.
to: famiglia, amici, lavoro. Fidarsi di un me- ancestrale. Da un lato, una ricca città co- Camminiamo per tunisi, mi racconta cos’è
dico è troppo rischioso…”. Yassine balbetta stiera, indipendente e ribelle. Dall’altro una successo in seguito, i trasferimenti senza

46 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


tregua, la paranoia. “anche in tunisia ho solitarie, senza un aiuto. La loro rete in tu- l’inferno libico e le milizie, onnipresenti.
l’impressione che le persone vedano che nisia è fragile, formata da una decina di per- Indica l’orizzonte. “Vedi quel sentiero? Da
sono sporco”. sta male, non riesce a cam- sone, e in Libia sono poche di più. noi sarebbe la linea di demarcazione tra le
minare dritto. Dovrebbe andare da un me- I due escono a prendere una boccata zone controllate da due milizie. Ci sarebbe-
dico. Gli propongo di accompagnarlo, ma d’aria. Comincia a piovere. si lasciano sen- ro dei checkpoint ogni cinque metri e delle
riiuta. Il giorno dopo scompare. za una parola. nel taxi Mahmoud è pensie- prigioni ovunque! In Libia tutto diventa una
In tunisia non c’è nessuno che aiuti le roso: “Le bombe uccidono senza che le vit- prigione: un’abitazione, una cantina…”.
vittime libiche. solo i più ricchi possono ri- time se ne rendano conto. Lo stupro, invece, Mahmoud vive in un appartamento con
volgersi alle cliniche private senza dare è un’arma invisibile. se le vittime non parla- due connazionali. Il frigo è vuoto, il letto
nell’occhio. no è impossibile sapere come, e chi, l’ha intatto. Per terra c’è una valigia aperta con
usato in modo sistematico. siamo troppo alcune camicie, un pettine. tracce di una
Novembre 2016 pochi a fare queste domande”. In Libia i vita sospesa. “a tunisi le vittime si sentono
a tunisi incontro abderrahmane, un ex giudici e gli attivisti per i diritti umani han- più libere di parlare, ma non appena provi
procuratore che viveva nell’est della Libia. no subìto la rappresaglia delle milizie. ad aggiungere la parola ‘stupro’ al loro dos-
secondo alcune testimonianze, i soldati di all’inizio del 2014 ne sono stati uccisi un sier spariscono”. accanto a lui c’è una pila
Gheddai stupravano i ribelli durante la ri- centinaio. di documenti: foto di corpi mutilati, cartelle
voluzione. Quando sono stati sconitti, han- abderrahmane e Mahmoud sono so- cliniche, annotazioni sugli stupri, sulle tor-
no subìto le stesse violenze. Le vittime sono pravvissuti e sono scappati all’estero. Fino- ture. “Ho incontrato almeno trecento per-
diventate carneici. abderrahmane fa parte ra restano gli unici ad aver accettato di testi- sone. C’è da diventare pazzi. si può scrivere
di una rete di esiliati in tunisia decisi a rac- moniare, e si rendono conto del pericolo di tutto, ma non di questo!”.
cogliere le prove di questi crimini, dai primi che corrono. abderrahmane cambia spesso
commessi nel 2011 ino a quelli più recenti. casa. Ha paura di essere rapito, punito per Dicembre 2016
Lavora insieme a un attivista, Mahmoud, aver rotto il silenzio. “Credi che sia facile samir vaga per tunisi, senza un posto isso
un tawargha di 34 anni. per un arabo parlare di stupro?”. si blocca, dove stare. Ci siamo visti varie volte per un
al nostro primo incontro Mahmoud abbassa la voce, non riesce a inire la frase. cafè. aveva cominciato a conidarsi, poi
prende il computer per farmi vedere dei vi- Lui non ha dubbi: le violenze sessuali sono però è sparito. Una mattina torna e si lascia
deo. Il primo, sostiene, risale all’estate del ancora usate come armi di guerra in Libia. andare. nel 2011 partecipò come soldato
2011. Le immagini mostrano un giovane Però bisogna trovare le prove. all’assedio di Misurata. “Credevo che sarei
seduto per terra, sulla sabbia, con la testa Con i gomiti sulla ringhiera del balcone, impazzito”, dice. “Ho visto cose insosteni-
bassa. È terrorizzato. Un braccio lo solleva, di fronte a un terreno abbandonato, evoca bili… Gli uomini entravano, legavano il pa-
la manica sembra quella di un’uniforme
militare. Lo sconosciuto abbassa i pantalo-
ni del prigioniero, poi gli slip e gli mette un Da sapere Dalla rivoluzione al caos
lanciagranate all’altezza dei glutei. La tele-
camera si sposta. abderrahmane fa una quartier generale di Gheddai a tripoli.
20 ottobre Gheddai è ucciso a sirte.
smoria di disgusto. “Fermalo, è sadismo!”,
7 luglio 2012 Viene eletto il congresso naziona-
dice. È impossibile identiicare la brigata a
le generale, la prima assemblea legislativa della
cui appartiene quell’uomo e il luogo dove è Libia dopo la caduta di Gheddai.
stato girato il video. Ma lo stupro c’è stato. 11 settembre Miliziani islamici attaccano il
In un altro video si vede un uomo nero, consolato statunitense a Bengasi.
legato come una capra, con l’aria smarrita. 16 maggio 2014 Il generale Khalifa Haftar, ri-
si sente urlare: “sporco cane tawargha! entrato in Libia dagli stati Uniti, lancia l’opera-
Confessa che hai stuprato a Misurata!”. Per zione dignità contro i gruppi estremisti islamici.
questo Mahmoud ha una data più precisa: 25 giugno I moderati vincono le elezioni legi-
ottobre 2011. “L’hanno violentato con la slative, ma i gruppi islamici contestano la legit-
timità del voto. nascono due parlamenti rivali,
canna di un’arma”, aferma. “Hanno ilma-
con sede a tripoli e a tobruk.
to tutto e poi l’hanno rilasciato. sono riusci-
10 novembre Il gruppo stato islamico (Is) pro-
to a rintracciarlo. Quando ho tentato di clama il califato a Derna.
scrivere nel suo dossier che era stato stupra- 15 febbraio 2011 a Bengasi scoppiano le rivolte 17 dicembre 2015 a skhirat, in Marocco, viene
to, mi ha detto : ‘Puoi scrivere tutto, ma non contro il governo del colonnello Muammar irmato un accordo per la creazione di un gover-
questo’”. Gheddai, al potere dal 1969. no di unità nazionale.
abderrahmane è arrabbiato, fuma l’en- 19 marzo Intervento aereo della nato per fer- 30 marzo 2016 Il nuovo governo, riconosciuto
mare l’avanzata dell’esercito libico verso Ben- dalla comunità internazionale e guidato da Fa-
nesima sigaretta e si gira verso l’amico: “Il
gasi, dove si sono formate brigate ribelli. yez al serraj, s’insedia a tripoli.
problema è che ti diranno sempre: ‘Ben ti
15 maggio Dopo una lunga battaglia, Misurata 12 maggio Per cacciare l’Is, le forze di al serraj
sta! te l’eri cercata!’. Ci vorranno cin- passa sotto il controllo dei ribelli. danno l’assalto a sirte, che cade a dicembre.
quant’anni per risolvere il problema”. Mah- 27 giugno La Corte penale internazionale spic- 25 luglio 2017 al serraj e Haftar si accordano
moud e abderrahmane indagano da tre ca un mandato d’arresto contro Muammar per un cessate il fuoco e per l’organizzazione di
anni sui crimini compiuti in Libia dalla ine Gheddai, suo iglio saif al Islam e il capo dei nuove elezioni nel 2018.
della rivoluzione, un ciclo interminabile di servizi segreti libici abdallah al senussi. sono 28 dicembre Dopo tre anni di combattimenti,
violenze, rapimenti, estorsioni, sparizioni ricercati per crimini contro l’umanità. le forze di Haftar sconiggono l’Is a Bengasi.
forzate, torture e stupri. tre anni di ricerche 23 agosto I ribelli prendono il controllo del Bbc, Afp

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 47


Libia
Sirte, 14 dicembre 2017
Contrasto

dre, violentavano la iglia e la moglie urlan- Kosovo. nel 2013 il ministro libico della Febbraio 2017
do: ‘L’hai voluta la rivoluzione? Eccola’”. giustizia salah al Marghani si era rivolto a Mahmoud è agitato: sta aspettando una
Ma chi erano quegli uomini? samir scuote lei per scrivere una legge che tutelasse le persona vittima di stupro con cui è in con-
la testa. Lo sa, ma non vuole fare nomi. Gli vittime di stupri. Ma la legge non è mai en- tatto da settimane e che ha lasciato da poco
ordini venivano dall’alto. si dovevano “for- trata in vigore. Bardet ha fondato l’ong We la Libia. È un uomo originario di Zliten, una
zare le case”, era questa l’espressione usata. are not weapons of war (non siamo armi di città rimasta a lungo fedele a Gheddai.
Cioè si doveva stuprare. guerra). “Lo stupro di guerra è sempre esi- suona il campanello. ahmed, 45 anni,
“alla ine della guerra i rivoluzionari ce stito”, spiega. “Ma negli anni novanta c’è ha un isico asciutto, il viso scavato. rapito
l’hanno fatta pagare, con violenze mille stato un cambiamento che è passato inos- da una milizia nel 2012, è stato rinchiuso
volte peggiori”, denuncia samir. È stato servato. Lo stupro è diventato un’arma di nella famigerata prigione di tomina. “ti
sequestrato due volte, detenuto per un to- prima scelta: economica, senza cadaveri, isolano per piegarti”, mormora. “Piegare
tale di otto mesi: anche lui ha pagato per in grado di distruggere una nazione per ge- gli uomini: è questa l’espressione che usa-
essere stato un soldato di Gheddai. “I car- nerazioni. Il crimine perfetto”. no. Chi viene schiacciato non rialza più la
cerieri dicevano: ‘ora è il nostro turno di Quando incontra Mahmoud e abder- testa. Mentre seviziano, ilmano con i tele-
stuprare!’”. secondo samir, in Libia ci si è rahmane, Bardet va dritta al punto: “Per foni”. Mahmoud ascolta con attenzione.
spinti troppo oltre. “se violenti, spacchi ognuno dei vostri dossier dovete determi- “Prendono un manico di scopa e l’attacca-
tutto, non puoi più ricostruire un paese”. nare il luogo e l’arco temporale di riferi- no al muro”, racconta ahmed. “se vuoi
Lo stupro è la chiave di questa demolizio- mento. Poi incrociamo tutti i dati e deter- mangiare, devi toglierti i pantaloni, arretra-
ne, l’ostacolo impronunciabile alla riconci- miniamo il contesto giuridico del crimine. re verso il bastone e continuare inché il car-
liazione. se non fate questo lavoro, il dossier crolle- neice non ha visto colare abbastanza san-
rà in tribunale”. L’avvocata cita l’esempio gue. Ci passano tutti”.
Gennaio 2017 di Jean-Pierre Bemba, ex vicepresidente Mahmoud gli chiede quand’è successo.
L’inchiesta di Mahmoud e abderrahmane della repubblica Democratica del Congo, secondo ahmed in un periodo compreso
è a un punto morto. Le centinaia di prove l’unico condannato dalla Cpi per stupri di tra il 2012 e il 2016. Il capo della prigione si
che hanno accumulato non bastano a for- guerra, “per aver dato l’ordine, senza par- chiamava Issa Issa, della famiglia Chakla-
mare un dossier che abbia valore in un’aula tecipare”. abderrahmane interviene: “È oun. Mahmoud annota i nomi, le date,
di tribunale. Decidono di mettersi in con- proprio come nei casi di cui ci occupia- chiede se c’erano anche donne.
tatto con l’avvocata francese Céline Bar- mo!”. “allora”, conclude Bardet, “bisogne- “no”, risponde ahmed. “Eravamo 450
det, esperta di diritto internazionale, che rà ottenere delle testimonianze complete. uomini. Lo so perché ogni giorno contavo
ha svolto inchieste sul campo in Bosnia e in È molto importante”. le posate da lavare in cucina”.

48 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


ahmed descrive diversi tipi di torture. precisi, casi concordanti, una diagnosi cli- litti, decide di passare all’azione. Il 24 apri-
Poi si blocca, come preso da una vertigine. nica e almeno un uomo pronto a testimo- le toglie i sigilli al dossier su al tohami
“C’era un uomo, un migrante nero. La sera niare: hanno le prove che cercano. ora per Khaled, ex capo della sicurezza interna sot-
lo gettavano in una delle nostre celle e lo poter proseguire l’indagine non c’è scelta, to il regime di Gheddai, considerato il “pri-
minacciavano: ‘stupra questo qua, se no sei devono tornare in Libia. mo poliziotto” del paese ai tempi della rivo-
morto!’. se non l’avesse fatto sarebbe stato Mahmoud conosce i rischi a cui va in- luzione. Khaled avrebbe ordinato retate
massacrato”. sulla stanza cala un silenzio di contro tornando nel suo paese. “se mi arre- nelle principali città: Bengasi, Misurata,
piombo. Mahmoud osserva le carte portate sta una milizia”, dice, “la prima cosa che sirte, tripoli, tajura e tawargha. È ricerca-
da ahmed: analisi del sangue, una radio- subirò sarà uno stupro, vogliono che taccia to per crimini contro l’umanità e crimini di
graia del torace... “sei mai stato da un me- e non mi occupi più di questa faccenda”. si guerra, in particolare per aver ordinato stu-
dico per lo stupro?”, gli chiede. ahmed ab- chiede come abbia fatto la Libia ad arrivare pri sistematici.
bassa lo sguardo. non è ancora pronto a a questo punto. La rete di tunisi si rende conto che la
mostrare il suo corpo violato. a tunisi un suo connazionale si fa la Cpi sta seguendo la pista degli stupri di
Le prime violenze sessuali, nel 2011, non stessa domanda. rabei Dahan, detto “rio”, guerra. Ma bisogna ancora raccogliere altre
risparmiavano nessuno. Ma quello che rive- è un veterano della rivoluzione contro prove, dimostrare la difusione dello stupro
la ahmed è terriicante: la Libia ha partorito come strategia militare e il suo utilizzo da
un mostro. Un sistema in cui gli uomini so- È un medico di pronto parte delle milizie, a prescindere dalle ap-
no diventati il bersaglio principale degli partenenze tribali, politiche o religiose. Il
stupri, e alcuni migranti lo strumento di soccorso, uno dei tempo corre.
questa vendetta. pochi che accoglie e Maggio 2017
Marzo 2017 cura i libici Mahmoud mi ha permesso di accompa-
Il dottor Hosni Lahmar aspetta davanti al gnarlo in Libia. Per motivi di sicurezza
suo ambulatorio nel quartiere di al Kabaria, Gheddai. nel gennaio del 2011 si unì ai ri- prendiamo due aerei diversi. a tripoli ci
nel sud di tunisi. È un medico di pronto belli insieme ai suoi quattro fratelli. In se- ritroviamo all’uscita dall’aeroporto, con lui
soccorso, uno dei pochi che accoglie e cura guito, nauseato dalla violenza, è andato in c’è un attivista della rete libica, Moham-
i libici. oggi vedrà ahmed, che si è convinto esilio in tunisia, da dove lancia le sue de- med. Entriamo nella sua auto e prendiamo
a farsi visitare. nunce. La sua specialità sono i ilm d’ani- via al shat. File di palme, aree per bambini,
Il medico gli parla con dolcezza. “C’è mazione sovversivi, che pubblica sui social ristoranti: la capitale ci tiene a dare un’im-
stata violenza, ahmed?”. “sì”. ahmed si network. Il prossimo sarà dedicato proprio pressione di normalità. tripoli, però, è peri-
spoglia, si lascia esaminare, senza dire una allo stupro come arma di guerra. “Preferia- colosa: un giorno infuria la guerra, il giorno
parola. Dopo una quarantina di minuti, mo pensare che sia, nel migliore dei casi, dopo sembra regnare la calma. È un retico-
Lahmar scrive : “Uomo, 45 anni, stupri mol- una leggenda, nel peggiore, un danno colla- lato di strade controllate da decine di mili-
teplici. Incontinenza, malattia sessualmen- terale del conlitto”, commenta. “Parlare di zie. nelle vie laterali sono allineati Humvee
te trasmissibile. Fistole anali”. stacca il fo- stupro in Libia equivale ad assor- e sistemi di contraerea, pronti a
glio, lo porge ad ahmed: “Devi essere più birne il sudiciume. Per questo è formare barricate.
forte dei tuoi carneici, non dargliela vinta. importante uscire dall’ombra”. Con gli occhi incollati allo
E, soprattutto, non ti vergognare. È la chia- secondo Dahan la violenza specchietto retrovisore, Moham-
ve per guarire”. Il medico sa bene quanto libica afonda le radici nella “cul- med guida verso sud, prendendo
può essere forte il trauma. “Un uomo stu- tura dello stupro” instaurata da strade secondarie per evitare i
prato”, dice, “è marchiato, piegato a vita”. Muammar Gheddai: “Lui lo faceva per ter- posti di blocco. arriviamo nell’uicio che
rorizzare la gente e creare un clima di omer- ci ha prestato un suo amico. Lì troviamo
Aprile 2017 tà. ordinando ai soldati di violentare, sape- Mouna, un’attivista originaria della regio-
La visita dal dottor Lahmar è stata una svol- va bene cosa stava facendo. Lo stupro chia- ne di Zuwara. È la prima volta che incontra
ta. nelle settimane successive Mahmoud ma vendetta e innesca un ciclo di rappresa- Mahmoud, e lui va dritto al sodo: “Hai pen-
continua a indagare, moltiplica gli incontri. glie. È stato commesso dappertutto, da sato a come proteggere i documenti?”.
Finalmente c’è un testimone in grado di tutte le fazioni, perino dai rivoluzionari. Un Mouna risponde di averli inviati alla sezio-
confermare i nomi dei carneici, degli altri tempo avevamo solo un Gheddai, oggi ne ne nordafrica dell’uicio per i diritti umani
detenuti, dei morti. Céline Bardet è scon- abbiamo migliaia. Le violenze sessuali sulle delle nazioni Unite, ma di non aver ancora
volta: “Una serie di violenze sistematiche, donne in un conflitto sono atroci, ma in ricevuto risposta. Mahmoud la rassicura,
in un luogo preciso, in diversi periodi... È qualche modo te le aspetti. Quando però si cerca di capire quanti casi è riuscita a docu-
evidente: ci troviamo di fronte a un crimine prendono di mira gli uomini in modo siste- mentare: decine, forse un centinaio. Mou-
di guerra”. matico, le pulsioni sessuali non c’entrano na gli racconta la storia di un ex soldato di
Mahmoud le parla di un altro testimone, più. L’uomo stuprato non è più un uomo, è Gheddai arrestato nel corso di una retata,
che era stato rinchiuso in un’altra prigione un sottomesso. Questo sistema di violenze rinchiuso in carcere e stuprato ripetuta-
ma che racconta di sevizie simili: la botti- ha distrutto la Libia. Come facciamo a rico- mente. “Con un manico di scopa issato a
glia con il tappo a corona su cui i detenuti struire il paese se continuiamo a ignorare la un muro?”, chiede Mahmoud. Mouna con-
dovevano sedersi; uno pneumatico di ca- realtà?”. ferma. spiega che i parenti dell’ex soldato
mion in cui dovevano inilarsi per consenti- Intanto Fatou Bensouda, la nuova pro- l’hanno implorata di lasciar perdere il caso,
re ai carneici di penetrarli con armi di varie curatrice capo della Cpi, nota per il suo im- ricevevano continue minacce di morte.
dimensioni, il bastone issato al muro. Fatti pegno contro le violenze sessuali nei con- Mouna è giunta alla conclusione che

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 49


Libia
nelle carceri clandestine delle milizie lo stu- profondamente turbato. “Quello che gli in una stanza e mi hanno stuprata due volte.
pro degli uomini sia praticato in modo siste- hanno fatto non lo augureresti nemmeno al Ho urlato: ‘sono la tua vicina, viviamo ian-
matico e organizzato. “Gli stupri di donne tuo peggior nemico”, conida. co a ianco da vent’anni!’”. Mahmoud an-
sono meno numerosi”, precisa, “ma conti- alla ine di questa prima giornata, Mah- nota il nome dello stupratore e quello del
nuano. Di recente ho seguito il caso di una moud ha raccolto moltissimi elementi da quartiere. Fathia ricomincia: “Mi hanno
quindicenne rapita da una milizia mentre veriicare. Date, luoghi, nomi. Gran parte di trascinata per strada, davanti a tutti, dicen-
andava a scuola. Dato che il padre non pa- questi nuovi casi riguardano dei tawargha. do: ‘avete stuprato le nostre iglie. adesso vi
gava il riscatto, hanno rapito anche i due La rivalità con Misurata è costata cara a faremo la stessa cosa’”. Fa un lungo respiro.
fratelli minori. Da allora non se ne hanno tawargha: la città è stata distrutta e i suoi “La cosa peggiore è che mi hanno violenta-
più notizie”. Mahmoud annota il cognome 35mila abitanti ora vivono in campi profu- ta davanti a mio iglio maggiore… Da allora
della famiglia e le date. “Ho anche raccolto ghi a Bengasi e a tripoli. arriviamo in uno non mi parla più”. Fathia non trattiene le
diversi casi di madri rapite e stuprate in pie- di questi campi, Fallah, a sud di tripoli. Ci lacrime. Mahmoud le porge un fazzoletto e
no giorno per poi essere rilasciate. La cosa vivono circa 2.500 tawargha. le chiede se vuole fare una pausa. “no”, ri-
peggiore è che spesso lo stupratore è un co- sponde lei, “voglio parlare!”.
noscente, e la vittima è costretta a incon- Mahmoud è abituato “Il secondo giorno è entrato un tipo
trarlo tutti i giorni”. L’ultima volta che Mou- grande e grosso. non sapevo da dove venis-
na ha cercato di uscire dal paese per portare ad ascoltare racconti se, se fosse di Misurata, libico, siriano… Era
all’estero le prove, tre uomini l’hanno bloc- orribili. Stavolta però venuto per stuprare”. Mahmoud la issa. Le
cata in una stradina puntandole un coltello chiede se insieme a lei c’erano altre dete-
alla gola. Uno le ha detto: “stronza, con i comincia a vacillare nute: “altre donne?”. Fathia scuote la testa:
tuoi trucchetti getti fango sul paese!”. Le sentiva solo voci maschili. “In quel mo-
hanno strappato il passaporto. Mahmoud la Mahmoud, quaderno alla mano, prende mento non sapevo ancora che avevano ra-
rassicura: “Ci vorrà un po’ di tempo, ma ti posto in un uicio allestito tra due baracche. pito il mio terzo iglio, di quattordici anni”.
aiuteremo. Manderò all’estero i documenti La prima persona che vuole incontrare è Mahmoud è abituato ad ascoltare racconti
e continueremo il nostro lavoro”. ali, l’ex detenuto del carcere di tomina li- orribili. stavolta però comincia a vacillare.
ripartiamo in macchina verso la zona berato da poche settimane. È una maschera La mano gli trema. Fathia prosegue. Il ra-
sud di tripoli, non lontano da abu salim, il di dolore: ha 39 anni ma ne dimostra 65 e gazzo è rimasto tre anni in una prigione vi-
carcere di massima sicurezza dove Ghed- cammina con l’aiuto di un bastone. Davanti cino a tomina. Poi un mattino il miracolo:
dai faceva sparire gli oppositori. secondo a Mahmoud elenca i nomi dei compagni “Mamma, esco tra cinque giorni”, le ha
alcuni resoconti, nel 1996 fece uccidere in morti sotto i suoi occhi, le sedute di tortura detto. Fathia ha stirato i suoi vestiti, gli ha
un solo giorno almeno 1.200 detenuti. Mah- con i cani, le scariche elettriche sui genitali. rifatto il letto, preparato il suo piatto prefe-
moud apre un cancello e si dirige verso un Mahmoud cerca di metterlo a suo rito. Ha preso l’auto, attraversan-
prefabbricato. Lo accolgono tre donne e agio: “Puoi dirmi tutto”. ali co- do la zona controllata dai milizia-
due uomini. Da sei anni questo piccolo mincia: “Ci dicevano ‘crepate, ni di Misurata, ino alle porte del
gruppo aggiorna un inventario dei rapimen- cani di tawargha!’. alcuni di noi carcere. “Quando sono arrivata
ti, delle detenzioni e delle sparizioni. Il loro sono stati chiusi in una stanza hanno gettato un sacco nero ai
capo, Mahjoub, apre un armadio. all’inter- completamente nudi, una notte miei piedi e mi hanno urlato: ‘Ec-
no ci sono faldoni su 650 casi, organizzati in intera, con gruppi di migranti. I guardiani co tuo iglio, cagna!’”. Fathia singhiozza
ordine alfabetico. non c’è tempo da perde- non li hanno liberati inché non si sono stu- convulsamente. “Ho aperto il sacco, e den-
re. Mahmoud sfoglia la lista delle persone prati tutti a vicenda. Per fortuna io non ho tro c’era il mio piccolo, magrissimo, le
scomparse, divise per categorie: quelle ra- subìto questo trattamento, ho avuto diritto guance scavate, il corpo pieno di cicatri-
pite, quelle di cui i familiari non hanno più solo al bastone e alla ruota”. Mahmoud alza ci…”. Mostra una foto. Mahmoud posa la
notizie dopo la carcerazione. altri docu- la testa. “Decine di volte”, precisa ali. ades- penna e scoppia in lacrime.
menti riguardano ex detenuti. “È un lavoro so ha problemi isici, “perdite”, dice. La sua
eccellente”, sottolinea Mahmoud. “a pro- testimonianza conferma punto per punto Giugno 2017
posito di questo caso, un ex detenuto della quella sentita a tunisi: stessi metodi, la co- Di ritorno a tunisi, Mahmoud incontra Bar-
prigione clandestina di tomina. sicura- ercizione dei migranti. In questo caso si ag- det. L’aggiorna sulle indagini svolte in Libia:
mente ha subìto degli stupri quando era lì. giunge l’accanimento contro i tawargha. i 650 casi, i nuovi incontri che confermano
non ci sono informazioni?”. Mahjoub si di- Il giorno dopo Mahmoud concentra le la difusione dello stupro in tutte le prigioni
fende: “Per gli ex detenuti, la priorità è regi- ricerche su questa tribù. ritrova una donna della parte occidentale del paese, e soprat-
strarli. Per il resto ci vuole tempo”. che conosce da tempo e che abita in un altro tutto la persecuzione dei tawargha. “La si-
Con 650 casi, la mole di lavoro è enor- campo profughi a sud di tripoli. Fathia ha tuazione ha raggiunto un livello criminale”,
me. È impossibile scrivere tutto. Mahmoud 43 anni. non ha mai voluto parlare con nes- insiste. “Qualsiasi cittadino ha il diritto di
suggerisce un metodo semplice: se suno di quello che le è successo. Con voce prendere un tawargha, stuprarlo, torturar-
Mahjoub pensa che il suo interlocutore ab- esitante rompe il silenzio: “all’inizio hanno lo. È la norma. alcuni pensano sia un dove-
bia subìto uno stupro ma non abbia il corag- aggredito mio marito, tetraplegico. Poi han- re nazionale”. Céline Bardet gli chiede una
gio di ammetterlo, aggiungerà una parola in no preso mia iglia, che all’epoca aveva un- stima del numero delle vittime. “Fra le tre-
codice in fondo alla pagina, “sinai”. Quan- dici anni, e uno degli uomini ha cercato di mila e le cinquemila”, aferma, e aggiunge
do rivedrà quella persona, saprà di dover violentarla. Era uno dei nostri vicini a tri- esasperato: “Come facciamo ad allertare la
“scavare” in quella direzione. Mahjoub so- poli, aveva una bambina della stessa età, comunità internazionale? Perché la Corte
spira. Il suo incontro con l’ex detenuto l’ha che avevo visto crescere. Mi hanno chiusa penale internazionale non fa nulla?”.

50 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Un centro di detenzione per migranti abbandonato. Sabratha, 11 dicembre 2017
Contrasto

I tempi della giustizia sembrano sempre esporsi alle accuse di parzialità, ma le squa- mostrano esecuzioni sommarie compiute
troppo lunghi a chi fa ricerche sul campo. dre d’inquirenti dell’aja ci metterebbero da al Werfalli, sono stati ammessi dalla Cpi
Ma in realtà la Cpi ha ripreso in mano il ca- anni ad analizzare i documenti. come elementi di prova. tra le righe si co-
so libico, prima con discrezione, poi pubbli- La Cpi ha bisogno di aiuto. E Céline mincia a discutere anche del coinvolgimen-
camente. nell’autunno del 2016 Bensouda Bardet, che si è fatta le ossa all’aja, lo sa be- to del generale Haftar.
ha chiesto al Consiglio di sicurezza ne. Il lavoro di Mahmoud sulle violenze Gli inquirenti libici ora sanno che i video
dell’onu altri fondi per ampliare le indagi- subite dai tawargha è una pista. Un modo in loro possesso hanno un valore in tribuna-
ni. sa che questo caso è esplosivo. aprire per accelerare il lavoro della giustizia è le. E dopo questo colpo assestato dalla Cpi
un’inchiesta sulla Libia signiica ricostruire scrivere e documentare il caso corretta- pensano che nuove vittime accetteranno di
una cronologia precisa dei fatti e individua- mente. “ascolta”, dice a Mahmoud, “in parlare, che si faranno avanti dei potenziali
re i responsabili ai livelli più alti. Un’impre- Bosnia, durante il conlitto tra il 1992 e il testimoni, usciti stavolta dalle prigioni clan-
sa titanica. Il mandato della corte riguarda 1995, sono stati commessi crimini di guer- destine nell’est della Libia.
i crimini di guerra e i crimini contro l’uma- ra e crimini contro l’umanità. Ma a srebre- Crimini di guerra, crimini contro l’uma-
nità. Ufficialmente la Libia non è più in nica questi crimini sono stati classiicati nità, forse un genocidio ai danni di una
guerra dal 2011, se si escludono alcune bat- come genocidio perché è stata dimostrata parte della popolazione nera. Le indagini
taglie (quella di Bengasi nel 2014 e quella di l’intenzione di annientare una particolare sono ancora in corso. “Dobbiamo valutare
sirte nel 2016). Per poter esaminare il dos- comunità. Dobbiamo trovare le prove quanto fossero difuse le violenze”, dichia-
sier libico, la Cpi deve afrontare un enor- dell’intenzionalità. Perché potremmo par- ra Céline Bardet. “Cominciamo ad avere
me lavoro di classiicazione dei casi presen- lare di genocidio dei tawargha”. degli elementi, ma c’è una cosa che la gen-
tati dagli inquirenti libici. Da dove comin- te non deve dimenticare: nessuno ha anco-
ciare? Dalle violenze subite dagli abitanti di Agosto 2017 ra indagato su questo crimine. L’abbiamo
Misurata nel 2011 o da quelle imputate alle Mentre a tunisi la rete continua a lavorare, appena scoperto. Per questo ci vorrà anco-
milizie di quella città negli anni successivi? la Cpi mette a segno un altro colpo. Il 15 ago- ra del tempo”. u gim
Dagli stupri dei tawargha o da quelli degli sto spicca un mandato d’arresto internazio-
abitanti di Bengasi? nale contro il comandante Mahmoud al L’AUTRICE
In questa guerra civile tutte le parti coin- Werfalli, accusato di crimini di guerra. al Cécile Allegra è una giornalista e regista
volte hanno commesso violenze. La re- Werfalli è il capo della brigata al saiqa, francese. nel 2015 ha vinto il premio
sponsabilità della Cpi è enorme. In linea di alleata del generale Khalifa Haftar, l’uomo giornalistico albert Londres con il
principio dovrebbe aspettare di avere dos- forte che controlla l’est del paese. Per la pri- documentario Voyage en barbarie, sugli abusi
sier che incriminino tutte le fazioni, per non ma volta alcuni video diffusi online, che subiti dai migranti eritrei nel sinai.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 51


Islanda

La lingua
fossile
The Economist, Regno Unito
Foto di Jan Brykczynski
L’islandese moderno è quasi identico a quello
parlato dai vichinghi mille anni fa. È il risultato
dell’isolamento, ma anche di un continuo sforzo
collettivo di conservazione e adattamento
on sorprende certo che gli bítur skjaldarrendur (addenta i bordi dello

N islandesi abbiano un no-


me diverso per ciascuno
dei molti tipi di pesce che
scudo), fa un’operazione del tutto norma-
le: prende in prestito un’immagine tratta
dai racconti delle antiche gesta dei vichin-
SPuTNIK PhOTOS/ANzENBErGEr/CONTrASTO

pescano da secoli nelle ghi. Quella stessa metafora si trova scolpi-


acque che lambiscono ta nell’avorio di tricheco di cui è fatta la
l’isola. Sorprende di più che abbiano non un torre degli scacchi di Lewis, conservati al
solo termine ma tre per indicare il celacan- British Museum, che risalgono al dodicesi-
to: dopotutto, questo fossile vivente degli mo secolo.
abissi dell’oceano Indiano non c’entra pro- Il risultato è davvero unico: una lingua
prio niente con il loro ambiente atlantico. E allo stesso tempo moderna (perfettamente
poi, se un islandese avesse proprio bisogno in grado di esprimere concetti come “pod-
di parlare del celacanto, perché non usare il cast”), pura (prende in prestito pochissime
termine greco come fanno altri popoli? Il parole da altre lingue) e antica (è molto più
fatto è che gli islandesi adorano coniare no- vicina al suo antenato norreno rispetto alle testi islandesi. Nel tredicesimo secolo
mi e mai si sognerebbero di adottare sem- cugine danese e norvegese, che invece se Snorri Sturluson pubblicò l’Edda in prosa,
plicemente la traslitterazione di un termine ne allontanano sempre di più). La sua com- una delle prime e più importanti narrazioni
straniero. Perciò il celacanto lo chiamano plessa grammatica non è praticamente delle imprese di Thor, Frigg, Loki e compa-
skúfur, che signiica “nappa”, oppure skú- cambiata in quasi mille anni e mantiene un gni. Inoltre gli islandesi ricostruirono at-
fuggi, “pinna-nappa”, o a volte anche forni- carattere prettamente antico. tentamente la loro storia creando le saghe:
skúfur, “antica nappa”. Insomma, se l’islandese è un fossile vi- racconti a metà tra storia e mito che si
Gli islandesi sono estremamente ieri vente, come il forniskúfur, di sicuro è un estendono per diverse generazioni e tratta-
della loro lingua e partecipano attivamen- fossile in piena salute. no di questioni familiari, fuorilegge, onore
te alla sua manutenzione. In occasione Fu Ingólfur Arnarson a condurre i primi e vendetta. Secondo lo scrittore ceco Milan
della giornata della lingua islandese cele- coloni dalla Norvegia in Islanda nell’874 Kundera le saghe potrebbero essere consi-
brano, tra i loro 340mila connazionali, dopo Cristo. Parlavano la lingua usata in derate a buon diritto “un’anticipazione, se
quelli che si sono impegnati di più per di- tutta la Scandinavia, spesso chiamata non la fondazione, del romanzo europeo”,
fenderla. La amano perché li lega al loro donsk tunga (lingua danese) ma talvolta in- se solo non fossero state scritte in una lin-
passato. L’islandese medio si diverte a usa- dicata anche con una qualche variante di gua che nessun altro parlava.
re nella vita quotidiana frasi tratte dalle “nordico” (da cui originano i termini nor- Anche opere di carattere religioso furo-
saghe, scritte circa otto secoli fa. Quando reno, norvegese e normanno). Ben presto no messe per iscritto su cartapecora.
un commentatore sportivo, riferendosi a cominciarono a usarla anche in forma Nell’undicesimo secolo, in seguito a una
una squadra di calcio che si batte strenua- scritta, tanto che molto di ciò che conoscia- travagliata decisione dell’Alþingi (assem-
mente in barba a tutti i pronostici, dice che mo della cultura vichinga deriva proprio da blea), gli islandesi rimpiazzarono Odino

52 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Agricoltori ad Arnes, Islanda lingua scandinava dalla grammatica anti-
ca. uno studio condotto su più di duemila
lingue ha stabilito che quelle caratterizzate
da pochi parlanti, difuse in aree piccole e
con pochi vicini tendono ad avere precisa-
mente il tipo di complessità che l’islandese
e il faroese hanno mantenuto, e che il da-
nese ha perso. Anche lingue più “grandi”,
come il russo, possono conservare la stessa
complessità dell’islandese, ma sono un’ec-
cezione.
un altro motivo è che al momento della
colonizzazione l’Islanda era disabitata. Di
solito le conquiste lasciano inlussi di “so-
strato” nella lingua dei conquistatori. Inol-
tre le classi sociali erano quasi irrilevanti: la
prestigiosa lingua scritta era parlata sia dal-
le persone istruite sia dagli analfabeti. Il ri-
sultato, a quanto dicono molti islandesi, è
che oggi tutti riescono a leggere le saghe del
tredicesimo secolo “con la stessa facilità di
un quotidiano”.
Simili afermazioni vanno prese con le
molle: la grammatica sarà anche cambiata
poco, ma per comprendere le saghe biso-
gna conoscere i legami di parentela e i miti
che oggi gli islandesi imparano a scuola.
Secondo alcuni per un islandese leggere le
saghe è come per un anglofono leggere
Shakespeare. Ma è comunque una cosa
straordinaria, dato che le saghe non sono
state scritte al tempo di Shakespeare, ma
un secolo prima di Chaucer, nel duecento.
Se la stabilità dell’islandese è oggetto di
dibattiti e congetture, la sua purezza lessi-
cale è più facile da spiegare. Nel corso della
storia ha mutuato molti vocaboli da altre
lingue, ma nel seicento gli intellettuali
islandesi cominciarono a eliminarli. Basta
aprire un dizionario danese-islandese per
capire quanto queste due lingue cugine si
con la Trinità. Ben presto i testi ecclesiastici coce letteratura ed erudizione in volgare è siano diferenziate. Il danese ha accolto una
furono tradotti in islandese. Secondo il lin- una delle ragioni per cui l’islandese conser- serie di termini paneuropei come passiv,
guista Kristján Árnason, la lingua parlata va ancora oggi la sua forma antica, con una patent e pedicure; gli equivalenti islandesi
diventò una “rispettabile alternativa al lati- grammatica complessa che altre lingue sono hlutlaus, einkaleyi e fótsnyrting.
no” già secoli prima che la riforma prote- scandinave hanno ormai perduto. Possiede Quasi tutte le lingue d’Europa condivi-
stante introducesse un cambiamento simi- tre generi e quattro casi, che determinano le dono un enorme numero di vocaboli dalle
le nel resto d’Europa. desinenze di sostantivi e aggettivi a secon- radici latine e greche, da “telefono” a “indi-
da della loro funzione nella frase. Invece le rizzo”. In islandese invece “telefono” si dice
Prima di Dante lingue scandinave continentali general- sími, dal termine norreno per “ilo”, mentre
L’idea che studiosi ed ecclesiastici doves- mente hanno perso uno dei tre generi e “indirizzo” è heimilisfang, che letteralmen-
sero prendere sul serio la lingua parlata quasi tutto il sistema delle declinazioni. In te signiica “il luogo dove si può essere tro-
nella vita di tutti i giorni non fu unicamen- islandese i verbi hanno sei forme diverse vati in casa”. Di solito davanti alla segnale-
te islandese: Dante Alighieri propose la per le sei persone grammaticali, mentre le tica islandese monolingue uno straniero
stessa tesi nel De vulgari eloquentia, ma lo altre lingue scandinave hanno ridotto la co- non riesce a decifrare neanche una parola.
fece in latino, e all’inizio del trecento. Il niugazione a un’unica forma. Lunghissime parole composte come hjúkru-
Primo trattato grammaticale islandese, un altro fattore di preservazione fu narfræðingur (infermiere) non hanno ele-
uno studio pionieristico sulla possibilità di semplicemente l’isolamento. L’Islanda è menti familiari: hjúkrun deriva dalle radici
scrivere l’antico nordico con l’alfabeto lati- separata da 700 chilometri di acque tu- “servire” e “accudire”, mentre fræðingur
no, fu realizzato 150 anni prima da un auto- multuose dalla più vicina terra abitata, le indica un professionista. Aggiungono un
re sconosciuto. La ricchezza di quella pre- piccole isole Fær Øer, dove si parla un’altra tocco di esotismo le due lettere ð e þ, che

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 53


Islanda
rappresentano due suoni tra loro simili: il tinua a essere oggetto delle attenzioni inde- nati dell’islandese e di argomenti come i
primo è l’equivalente del “th” sonoro siderate dei fascisti. Come ha detto David motori, l’ingegneria elettrica, i computer o
dell’inglese, come in this; il secondo è il cor- Duke, ex leader del Ku klux klan, “ormai il lavoro a maglia, che suggeriscono nuovi
rispettivo sordo, come nell’inglese three. resta solo un paese completamente bianco, vocaboli con solide radici norrene, seguen-
Alcuni vocaboli islandesi sono simili ai l’Islanda. E l’Islanda non basta”. Paul Fon- do le indicazioni del consiglio su come ren-
loro corrispondenti inglesi: bók, epli e brauð taine, giornalista del reykjavík Grapevine, derli compatibili con la fonetica e la gram-
signiicano rispettivamente “libro”, “me- racconta che sulla pagina Facebook del matica della lingua nazionale.
la” e “pane” (book, apple, bread). Questo giornale i suprematisti bianchi ammonisco- L’esempio forse più famoso di questa
perché le lingue scandinave e le lingue ger- no l’Islanda a non “commettere gli stessi creatività purista risale agli anni sessanta,
maniche occidentali (inglese, neerlande- errori” di altri paesi: fare entrare i richie- quando serviva un vocabolo per “compu-
se, tedesco) discendono tutte da un unico denti asilo e i musulmani. ter” e gli esperti coniarono tölva, combi-
progenitore, detto protogermanico. Altre È uno dei motivi per cui Ari Páll Kri- nando tala (numero) e völva, un antico ter-
sovrapposizioni lessicali derivano dal fatto stinsson, direttore del Consiglio per la pia- mine per “profeta”. Quando i medici co-
che gli invasori vichinghi lasciarono in In- niicazione linguistica dell’isola, minciarono a parlare di aids
ghilterra alcune parole: knife, leg, husband, rabbrividisce all’idea di “purez- usando la sigla inglese al posto
window e perino il pronome they (che cor- za” linguistica e preferisce parla- della sua lunga traduzione lette-
risponde al þeir sia norreno sia islandese re di “tradizione lessicale islan- rale islandese (heilkenni áunnins
moderno). Ciò signiica che a un orecchio dese”. Ma Ari Páll si adopera per ónæmisbrests), il comitato coniò
inglese molte parole non suonano né stra- mantenere la lingua il più vicino due alternative più brevi: alnæ-
niere come hjúkrun, né semplici come bók, possibile a un antico nordico incontamina- mi, all’incirca “pan-suscettibilità”, e eyðni,
ma familiari ed estranee al tempo stesso. to. In confronto ad altri paesi che hanno lo che suona simile al termine inglese, ma
stesso obiettivo, lui e i suoi collaboratori se deriva dall’islandese eyða, “distruggere”.
La tata di Tolkien la cavano molto meglio. In Francia, i qua- Quando gli islandesi cominciarono a dire
Alcune di queste somiglianze possono trar- ranta dotti dell’Académie si pronunciano podcast, il consiglio rispose con hlaðvarp,
re in inganno. una persona che parla ingle- su ciò che è o non è francese corretto, e i dalle radici che significano “caricare” e
se e sa che dóm è imparentato con il termine comitati ministeriali per la terminologia “lanciare”.
doom (destino terribile) l’ediicio di reykja- sono occupatissimi a coniare parole nuove. L’Islanda riiuta i vocaboli provenienti
vík su cui si legge Dómsmálaráðuneytið può Ma i francesi li ignorano e continuano im- dall’estero, ma non gli stranieri. I nati
apparire sinistro. In realtà si tratta del mini- perterriti a liker (mettere like) i post su all’estero sono ormai più del 10 per cento
stero della giustizia. Anche in inglese un Facebook e a bruncher (fare un brunch) con dell’intera popolazione. Molti vengono
tempo doom significava semplicemente i loro amici. Ari Páll e i suoi collaboratori dall’Europa dell’est (e non hanno bisogno
“giudizio, sentenza”, e solo in seguito as- invece ascoltano le richieste della gente e di visti, benché l’Islanda non faccia parte
sunse il signiicato attuale. la gente li ascolta. Il consiglio ha una cin- dell’unione europea), ma ci sono anche
Non è chiaro in che senso J.r.r. Tolkien quantina di gruppi informali di appassio- tailandesi e ilippini. Nel 2004 un gruppo
intendesse questa parola quando chiamò di razzisti statunitensi insorse contro il
Mount Doom (monte Fato) il luogo cruciale reykjavík Grapevine, che aveva messo in
del Signore degli anelli. Di certo, essendo un Da sapere copertina la foto di una keniana con indos-
ilologo esperto di norreno e di altre lingue un posto paciico so il costume nazionale islandese. Secondo
antiche, nonché amante degli arcaismi, il presidente dell’Islanda, Guðni Jóhannes-
l’islandese lo conosceva di sicuro. Per dirne son, l’industria nazionale della pesca crol-
una, il nome del mago Gandalf è tratto lerebbe senza manodopera straniera.
dall’Edda. La bambinaia islandese dei Tol- L’Islanda sarà anche l’unico paese al mon-
kien, Adda, non si occupava solo dei igli: do con un Museo storico dell’aringa (Síl-
aiutava lo scrittore anche a esercitarsi con darminjasafn), ma la lavorazione del pesce
l’islandese. La signora Tolkien non ne era sopravvive principalmente grazie ai polac-
afatto contenta. chi, disposti a sopportare le dure condizio-
Anche il poeta W.h. Auden, appassio- ni delle fabbriche.
nato del Signore degli anelli, era incantato Gli immigrati sono una minaccia per la
dalle storie e dalla lingua dell’Islanda; lo lingua islandese? Non ancora, ma i timori
incantavano molto meno l’agnello afumi- aumentano. I corsi di lingua sovvenzionati
cato e il pesce secco, a cui preferì, durante il dallo stato esistono, ma sono insuicienti,
suo soggiorno islandese negli anni trenta, dichiara Nichole Mosty, una statunitense
innumerevoli cafè e sigarette. Inoltre era u L’Islanda ha circa 330mila abitanti e un pil naturalizzata islandese che fino a poco
decisamente disgustato da altri ammiratori pro capite di 49mila dollari, il 16° più alto del tempo fa sedeva nell’Alþingi. Il suo accen-
mondo. Nel 1918 ha ottenuto l’indipendenza
dell’isola: in una lettera a un amico raccon- to è stato criticato da alcuni islandesi.
dalla Danimarca e nel 1944 ha abolito la
tava di aver preso un autobus “pieno di na- Ci vuole grinta per superare le diicoltà
monarchia per diventare una repubblica. Fa
zisti che parlavano incessantemente della parte dello spazio economico europeo e dello
iniziali di apprendimento. Quando l’attua-
Schönheit des Islands (la bellezza dell’Islan- spazio Schengen, ma non dell’unione europea. le irst lady Eliza reid si trasferì in Islanda
da) e dei tratti ariani di quel popolo”. È l’unico paese della Nato a non avere un dal Canada con il marito, nel 2003, si mise
Ecco il rovescio della medaglia della pu- esercito regolare, e secondo il Global peace subito a studiare l’islandese sul serio. Ma
rezza isolata e incontaminata: il paese con- index è il paese più paciico del mondo. gli islandesi, non abituati a sentire la pro-

54 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Arnes, Islanda. Un pastore cerca una pecora
SPuTNIK PhOTOS/ANzENBErGEr/CONTrASTO

pria lingua parlata da stranieri, passavano Android il riconoscimento vocale della sua presso l’università d’Islanda, ha scoperto
all’inglese appena apriva bocca. Per evitar- lingua, operazione che ha richiesto la regi- che gli islandesi, ascoltando registrazioni
lo imparò a dire subito “sto studiando la strazione e la trascrizione di migliaia di ore della loro lingua parlata con accenti diversi,
lingua nazionale”. di parlato islandese. Google ha reso poi giudicavano la pronuncia locale la più “at-
questi dati disponibili gratuitamente anche traente” e “rilassata” ma l’accento ameri-
Minaccia tecnologica ad altre aziende, ma non si sa in che misura cano più “intelligente”, “aidabile” e “in-
Non tutti i nuovi arrivati si trattengono così saranno usati. Eiríkur rögnvaldsson, trigante”, assegnandogli la valutazione più
a lungo. Al pari dei due milioni di turisti che dell’università d’Islanda, racconta che Win- positiva.
visitano l’Islanda ogni anno, anche i lavora- dows ha aggiunto abbastanza presto l’islan- Gli islandesi sono sopravvissuti all’iso-
tori temporanei provenienti da paesi dese, ma la traduzione era così scadente lamento, al ghiaccio e ai vulcani per più di
dell’unione europea scoprono che non oc- che molti utenti hanno preferito continuare un millennio, e non saranno certo i turisti,
corre imparare la lingua. La legge impone a usarlo in inglese. In seguito è stato miglio- i lavoratori stranieri o Siri a costringerli ad
che i cartelli riservati principalmente agli rato, ma recentemente, quando rögnvalds- abbandonare il loro retaggio culturale più
islandesi siano scritti in islandese. Ma gran son ha chiesto agli studenti islandesi del caro. In quale altro paese al mondo, per in-
parte di reykjavík non sembra più “riserva- suo corso quanti di loro usassero Windows dicare un inatteso colpo di fortuna, si usa
ta principalmente agli islandesi”. in islandese, la risposta è stata nessuno. un termine più curioso dell’islandese hval-
È possibile che una minaccia ancor più Il fatto che l’inglese sia la lingua della reki, una “balena spiaggiata” che ofre da
grande degli stranieri sia la tecnologia. Per tecnologia raforza tra i giovani l’idea che mangiare per mesi? Gli islandesi non com-
esempio, gli islandesi non possono usare sia alla moda, pratica e internazionale, metteranno l’errore di trattare la loro bella
Siri sui loro farsímar, né Alexa a casa, per- mentre l’islandese sarebbe pesante, diici- lingua come un dono del destino: è una
ché l’islandese non è tra le lingue supporta- le e locale. I ragazzi ripetono le afermazioni conquista che va custodita gelosamente.
te da Apple e Amazon. un ingegnere islan- dei genitori sulla necessità di mantenere la Sarà anche un fossile vivente, ma per loro
dese di Google è riuscito a convincere lingua pura, ma in realtà adorano l’inglese. tenerlo in vita è insieme un dovere e un
l’azienda ad aggiungere negli smartphone Nel 2017 Stefanie Bade, dottoranda tedesca piacere. u ma

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 55


Turkmenistan
Al seggio elettorale per le presidenziali del 2017. Aşgabat, Turkmenistan
TAss/GETTy IMAGEs

Un paese sull’orlo
del precipizio
Christopher Schwartz, New Eastern Europe, Polonia
Foto di Valery Sharifulin
Il Turkmenistan è uno degli stati più repressivi del mondo. E oggi rischia una
catastrofe umanitaria, che potrebbe avere gravi conseguenze nella regione

na crisi umanitaria, con gli osservatori di questa società chiusa qua­ Negli annali del totalitarismo la Corea

U ricadute geopolitiche in
tutta l’Asia centrale e in
Medio Oriente. Potrebbe
succedere presto in Turk­
menistan, un paese che
pochi in occidente saprebbero individuare
sulla cartina. Il paese può ancora cambiare
rotta, ma è molto improbabile che questo
avvenga, perché il regime sembra deciso a
si quanto quella della Corea del Nord. Non
sappiamo se una crisi umanitaria bastereb­
be a portare lo stato al collasso, ma le noti­
zie su un possibile intervento russo alla
frontiera tra il Turkmenistan e l’Afghani­
stan e su negoziati segreti con i rivali arabi
dell’Iran, vicino del Turkmenistan e un
tempo suo partner commerciale, indicano
che il governo fatica a gestire una situazione
del Nord occupa un posto speciale e terri­
bile, perché è il paese che più si è avvicina­
to a realizzare il grande incubo di George
Orwell. Eppure spesso si trascura quello
che avviene in Turkmenistan, una repub­
blica desertica di 5,4 milioni di abitanti
sulla costa orientale del mar Caspio. Nella
classiica del 2018 delle società più autori­
tarie del mondo compilata dall’osservato­
mantenere il potere a tutti i costi. Lo dicono complessa e in rapida evoluzione. rio statunitense Freedom house, il Tur­

56 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


kmenistan viene subito dopo la Corea del
Nord. Come altri paesi di quella lista, è uno
Gli immensi progetti delle violazioni dei diritti umani in Turk­
menistan sembra concepito per imporre il
stato isolazionista e lotta per l’autosui­ edilizi di regola sono totale controllo dello stato sulla società. La
cienza, o almeno per una sua parvenza.
Questa strategia è ben sintetizzata dalla
inanziati da aziende negazione della libertà di religione si ag­
giunge alla negazione delle libertà di riu­
“politica di neutralità” instaurata dal go­ turche o arabe, e nione, espressione e movimento”.
verno dopo la dichiarazione d’indipenden­
za nel 1991, di cui la propaganda parla con
ofrono una copertura secondo Naz Nazar, ex direttore del ca­
nale turcmeno di Radio free Europe, un
toni quasi mistici. Il lato positivo è che la ideale per il riciclaggio aspetto cruciale della strategia del regime è
neutralità del Turkmenistan si traduce in
una generale riluttanza a interferire negli
di denaro sporco il controllo assoluto dei mezzi d’informa­
zione. Tutti i giornali, le radio e le emittenti
afari interni dei vicini. Quello negativo è televisive del paese sono di proprietà dello
che si traduce anche nell’evitare con cura ri dei dissidenti in esilio e ad altri cittadini”, stato. “Non si tratta semplicemente di un
di attirare l’attenzione internazionale, so­ riferisce Human rights watch. Molti sono regime che tenta di controllare la sua im­
prattutto le critiche. scomparsi nelle carceri del paese. Neppure magine, come succede in altri paesi con
In possesso della quinta riserva di gas i dirigenti del regime sono al sicuro: tra gli pesanti forme di censura”, spiega Nazar.
più grande del mondo, il paese potrebbe scomparsi c’è l’ex ministro degli esteri Boris “Questo è un governo che cerca di control­
avere una spettacolare crescita economica. Şyhmyradow, di cui non si hanno notizie lare la mente dei cittadini. E, se non ci rie­
secondo alcune stime, nel 2016 il suo pil è dal 2002. sce, prova a inebetirli e annoiarli con conte­
cresciuto del 6,2 per cento. Eppure il Turk­ Le agenzie di stampa indipendenti che nuti ripetitivi e privi d’interesse, che cele­
menistan è noto per spendere la sua ric­ si occupano di Asia Centrale raccontano brano un’età dell’oro senza nessun rapporto
chezza in progetti edilizi mastodontici e storie raccapriccianti di torture psichiatri­ con la realtà”.
inutili, tra cui spiccano uno dei più grandi che. secondo un rapporto pubblicato nel In efetti dal 2008, da quando cioè è nato
ripetitori del mondo (in un paese dove la 2012 da Forum 18, un’organizzazione che il Media sustainability index, compilato
difusione di internet sarebbe intorno al 15 promuove la libertà religiosa, “l’intreccio dall’ong statunitense International re­
per cento), un aeroporto internazionale a search and exchanges board, su ottanta
forma di falco (che secondo alcune fonti sta paesi il Turkmenistan non è mai uscito dal­
sprofondando nella sabbia ed è usato po­
Da sapere la categoria più bassa, quella di “stampa
chissimo) e quello che forse è il più famige­ Nelle mani della Cina non libera”. Per Reporter senza frontiere il
rato di tutti: una statua d’oro massiccio del Turkmenistan è “nemico di internet”. Cir­
primo presidente turcmeno, saparmurat colano storie oscure su invasive tecnologie
Niyazov, che ruota lentamente seguendo il di sorveglianza e hacker assoldati dal regi­
sole. Molte di queste mostruosità si trovano me per dare la caccia a chiunque cerchi di
nella capitale Aşgabat, o nei dintorni, e ad accedere a informazioni provenienti dal
Awaza, una località marittima che potrebbe resto del mondo.
ospitare migliaia di turisti ma è vuota, una Nonostante gli impressionanti tassi di
lussuosa città fantasma. Questa grandiosi­ crescita del pil, l’economia di base del Turk­
tà sarebbe comica, se non fosse un elemen­ menistan va decisamente a rilento. I pro­
to centrale del totalitarismo turcmeno, al­ blemi sono cominciati nel 2015, quando le
meno quanto la sua celebrata neutralità. autorità improvvisamente hanno svalutato
la moneta, il manat. Da allora le esportazio­
L’illusione della prosperità u Il Turkmenistan è un’ex repubblica sovietica ni sono crollate, il governo ha limitato l’ac­
Il regime turcmeno può essere considerato di 5,4 milioni di abitanti, indipendente dal cesso alle riserve straniere e i bancomat
antitetico a quello nordcoreano. Non è me­ 1991. Il primo presidente dopo l’indipendenza, hanno distribuito sempre meno danaro.
Saparmurat Niyazov, instaurò un regime
no folle o meno scaltro, ma non possiede un Fonti indipendenti sostengono che alla ine
incentrato sul culto della personalità e sulla
serio apparato militare­industriale, perciò del 2016 ci sia stata una carenza di prodotti
repressione del dissenso. Dopo la sua morte,
non usa la minaccia della guerra per mante­ nel 2006, gli è succeduto Gurbanguly
alimentari. secondo Radio free Asia, nel
nere il potere e preferisce invece fare propa­ Berdimuhamedov, ancora oggi alla guida 2017 i prezzi delle merci sono aumentati
ganda, sia tra i suoi abitanti sia all’estero, del paese. Il 70 per cento delle entrate dello sensibilmente, in alcuni casi perino del 50
come una società ricca, paciica e felice. In stato proviene dall’esportazione di gas per cento. Duecento grammi di formaggio,
un certo senso, quindi, il Turkmenistan po­ naturale, il cui prezzo però è in calo dalla ine per esempio, sono passati da 8 a 10 manat.
trebbe essere considerato come un esperi­ del 2014. Il Turkmenistan, inoltre, ha perso Per capire meglio il contesto, un manat
mento di totalitarismo basato sull’illusione due dei suoi tre principali clienti: la Russia e equivale a circa 20 centesimi di euro e in
del benessere invece che sull’illusione della l’Iran. La Cina è il primo partner commerciale Turkmenistan il salario medio mensile do­
di Aşgabat, che però deve restituire a Pechino
guerra, a diferenza dell’Ingsoc di George vrebbe essere di circa 400 euro.
miliardi di dollari ricevuti in prestito per la
Orwell. La causa di questo sconvolgimento è
costruzione di un gasdotto. A causa del
“I dissidenti e le loro famiglie, anche deterioramento della sicurezza nelle province
una diminuzione dei prezzi del metano in
quelli in esilio, vivono costantemente sotto afgane coninanti, il Turkmenistan ha tutto il mondo, conseguenza di un’oferta
la minaccia di una rappresaglia del gover­ aumentato le spese militari, indebitandosi troppo alta e di una contrazione della do­
no. Le autorità impongono divieti di viaggio ulteriormente con Pechino, che gli fornisce manda. Nel frattempo il presidente turc­
informali e arbitrari agli attivisti, ai familia­ armi ed equipaggiamenti. meno, Gurbanguly Berdimuhamedov, ha

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 57


Turkmenistan
L’uicio della commissione elettorale turcmena. Aşgabat, Turkmenistan, 2017
TAss/GETTy IMAGEs

lanciato una campagna contro la corruzio­ crisi umanitaria. Ipotizza una carestia e la Ma questa grandiosità non è solo un af­
ne che ha travolto diversi importanti fun­ cancellazione dei servizi di base, prima nel­ fare molto redditizio, è anche un gioco peri­
zionari dell’esecutivo. Per un governo vo­ le zone rurali e poi nelle grandi aree urbane, coloso. Nel maggio del 2017 Batyr Ereshov,
tato al segreto e al controllo come quello capitale compresa. vicepresidente del consiglio dei ministri del
del Turkmenistan, questa visibilità su un Luca Anceschi, docente di studi centro­ Turkmenistan (il massimo organo di gover­
argomento socialmente e politicamente asiatici all’Università di Glasgow, condivi­ no) è morto improvvisamente a 51 anni.
così sensibile, dicono gli analisti, è un gra­ de le pessimistiche valutazioni di Nishanov. Ereshov, che in passato era stato il respon­
ve segnale d’allarme. “Per il regime, e indirettamente per la po­ sabile dello sviluppo edilizio del paese, non
secondo Bakhtyor Nishanov, vicediret­ polazione, la questione più urgente è indivi­ sembrava avere problemi di salute. Il gover­
tore per l’Eurasia dell’International repu­ duare una soluzione praticabile per la crisi no uicialmente non ha indicato nessuna
blican institute (un’organizzazione statu­ delle entrate che ha duramente colpito l’in­ causa di morte, alimentando i sospetti sulla
nitense legata al Partito repubblicano sta­ dustria del metano, la più importante del sua scomparsa.
tunitense), il peggio deve ancora venire. paese”. Eppure il regime continua a “fare I progetti grandiosi – e i proitti illeciti
Ora che le casse dello stato si stanno svuo­ man bassa” nel “suo uso avido degli introiti che garantisce – hanno la priorità su ogni
tando, il grande sistema di sussidi per il del gas”, osserva Anceschi. altra cosa, perino sui bisogni essenziali.
combustibile, l’elettricità e i generi alimen­ secondo Radio free Asia, durante gli ultimi
tari, su cui il governo storicamente ha con­ Qualcosa di marcio preparativi per i Giochi asiatici lo stipendio
tato per tenere buona la popolazione, ri­ Di fronte al rischio di una catastrofe, per­ dei dipendenti statali è stato dimezzato. La
schia di svanire. ché il regime non vuole o non sa cambiare questione è se la scelta di realizzare grandi
Nel 2017 si sono svolti ad Aşgabat i Gio­ rotta? La risposta, parafrasando William opere e la politica di neutralità, che sono
chi asiatici e di sport indoor e arti marziali, shakespeare, è che c’è qualcosa di marcio state a lungo ugualmente cruciali per la
che, dice Nishanov, “sono costati cinque nello stato turcmeno. I grandiosi progetti stabilità del Turkmenistan, stiano comin­
miliardi di dollari statunitensi, e con i prezzi “di scarsa utilità pubblica” sono comunque ciando a divergere. se così fosse, la gran­
del metano in caduta libera per pagarli han­ “strumenti di corruzione essenziali per il diosità potrebbe costringere il paese ad
no dovuto tagliare tutto”. sembra che le regime e le sue ambizioni di legittimità in­ abbandonare la neutralità, anche se ui­
autorità abbiano perino vietato ai cittadini ternazionale”, spiega Anceschi. Questi cialmente. Il regime, senza dare troppo
di entrare ad Aşgabat durante i giochi. Ni­ immensi progetti edilizi di solito sono i­ nell’occhio, potrebbe chiedere aiuto ad al­
shanov teme che i problemi causati dalla nanziati da aziende turche o arabe, e se­ tri paesi, e questo rischierebbe di portare a
cattiva gestione dell’economia siano diven­ condo molti osservatori ofrono una coper­ gravi complicazioni geopolitiche.
tati così gravi da minacciare un’imminente tura ideale per il riciclaggio di denaro. sul Turkmenistan potrebbe presto ab­

58 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


battersi una tempesta perfetta di sviluppi detta dei vicini sarebbe in combutta con L’analisi
negativi. Il primo è l’attività dei taliban lun­ l’Iran), e quindi non sembra credibile come
go la frontiera con l’Afghanistan, che si è cospiratore geopolitico. Aşgabat, inoltre, ha
intensificata e ora rischia di esplodere. sempre trascurato i turcmeni iraniani, su
Controllo
stando ad alcuni segnali, il Turkmenistan
starebbe cercando l’aiuto concreto di Mo­
cui ha poca presa.
Ma il pericolo è che se davvero si creasse
totale
sca. Il 2 ottobre il presidente russo Vladimir un partenariato arabo­turcmeno di qualche
Putin ha incontrato Berdimuhammedov ad tipo, il Turkmenistan sarebbe inevitabil­ Atajan Nepesov, Ferghana
Aşgabat. Durante il loro incontro, Putin e il mente trascinato nella crescente rivalità tra News, Russia
presidente turcmeno Berdimuhammedov gli stati del Golfo e l’Iran, una rivalità de­
hanno irmato un accordo di “partenariato scritta da molti analisti mediorientali come n Turkmenistan la regolare
strategico” . In totale sono stati irmati 14
documenti bilaterali, tra cui intese di colla­
borazione intergovernativa su agricoltura,
una guerra fredda per l’egemonia nella re­
gione, che ha già divorato siria e Iraq. I persecuzione dei dissidenti e delle
persone ritenute inaidabili
continua da dieci anni sotto la
immigrazione e lotta al traico di stupefa­ Una possibile via d’uscita direzione delle unità speciali del
centi. secondo alcuni analisti non è da “Il governo turcmeno non ammetterà mai ministero della sicurezza, che hanno
escludere che Aşgabat e Mosca stiano addi­ apertamente di avere un problema”, dice un controllo totale sulla società. Gli
rittura discutendo la possibilità di inviare Nishanov. “Ma non è il solo in questa situa­ agenti seguono gli utenti più attivi sui
soldati lungo la frontiera, un accordo para­ zione”, e indica il vicino Uzbekistan, un al­ social network, individuano chi
gonabile a quello tra Russia e Tagikistan tro paese ai primi posti nell’elenco delle difonde immagini non autorizzate
sull’Afghanistan. società più chiuse del mondo, e con una sto­ scattate in luoghi pubblici. Per il
Un secondo sviluppo è la controversia ria spaventosa in materia di diritti umani. governo, infatti, dovrebbero uscire dal
con l’Iran sui prezzi del metano e la decisio­ “se scoppiasse una crisi in Uzbekistan, il paese solo foto del presidente a piedi o
ne, presa a gennaio del 2017, di tagliare le governo si troverebbe costretto a scegliere: a cavallo, dei nuovi ediici governativi,
esportazioni di gas turcmeno nel paese. afrontare la resistenza o concedere mag­ dei palazzi nel centro della capitale e
Aşgabat sostiene che Teheran le debba 1,8 giori libertà”, spiega Nishanov. In efetti, delle folle che applaudono in costume
miliardi di dollari di arretrati. Gli iraniani nell’ultimo anno il governo di Tashkent ha tradizionale.
non negano, ma vogliono che gli arretrati allentato il controllo sui cittadini. E il paese Volendo sembrare una democrazia
siano ricalcolati e minacciano di rivolgersi si è inalmente aperto ai vicini, tra cui ci so­ agli occhi del mondo, lo stato turcmeno
alla Corte permanente di arbitrato. Anche no due vecchi nemici, il Kirghizistan e il non può permettersi di fare esecuzioni
in questo caso gli osservatori pensano che Tagikistan. Più di recente l’Uzbekistan ha pubbliche e le notizie degli arresti non
la situazione potrebbe rapidamente sfuggi­ preso contatti anche con il Turkmenistan, circolano, anche perché chi
re di mano alle autorità turcmene. A questo nel tentativo di far crescere il commercio rappresenta una minaccia per il regime
proposito sottolineano che i rappresentanti transfrontaliero. “L’economia turcmena è in carcere. Inoltre, le autorità non
degli Emirati Arabi Uniti e del Kuwait, riva­ rimarrebbe poco trasparente ma, se la crisi vogliono rovinare l’immagine paciica
li dell’Iran in Medio Oriente, hanno avuto scoppiasse davvero, l’Uzbekistan potrebbe del Turkmenistan quindi agiscono con
ampio spazio nella sfarzosa cerimonia aiutare Aşgabat”, spiega Nishanov. discrezione. spesso per colpire gli
d’inaugurazione dei Giochi asiatici del se il Turkmenistan si sta davvero avvi­ attivisti e i giornalisti indipendenti si
2017. Questa ostilità potrebbe essere inter­ cinando al precipizio, si può solo sperare rivolgono a bande di criminali.
pretata come il segno di un’apertura di che il suo governo segua l’esempio di quel­
Aşgabat nei confronti di Abu Dhabi. lo uzbeco ed eviti di sprofondare nell’abis­ I punti deboli
secondo gli esperti, all’Iran non sfuggi­ so. u gc Anche per difondere il terrore nella so­
rebbero i vantaggi di un partenariato arabo­ cietà e nelle singole famiglie si usano
turcmeno: Aşgabat ha bisogno di nuovi Da sapere metodi soisticati. Gli agenti del regime
mercati e investimenti, mentre Abu Dhabi hanno studiato bene i legami e i valori
ha bisogno di triangolazioni contro Tehe­ Economia in crisi familiari turcmeni, e sanno quali sono i
ran. La posizione del Turkmenistan, alla Variazione del pil del Turkmenistan, % punti deboli su cui insistere per riporta­
frontiera nordorientale dell’Iran, insieme a Fonte: Cia World Factbook re sulla retta via una persona ritenuta
due milioni di abitanti di etnia turcmena 15 inaidabile. In altri casi per colpire
che si stima vivano in quell’area, rendono il qualcuno difondono notizie false e ca­
paese un alleato potenzialmente interes­ lunniose sul suo conto, o lo isolano cre­
sante per i paesi del Golfo. 12 andogli un vuoto di relazioni intorno.
Ovviamente queste ipotesi vanno prese Per esempio l’aspettano ogni giorno
con le pinze. Capire le macchinazioni inter­ davanti a casa per additarlo come un
9
ne del regime turcmeno è un po’ come leg­ “rinnegato”, un “nemico”, un “deni­
gere le foglie di tè. Il più importante rappre­ gratore delle politiche del presidente”.
sentante arabo ai giochi è stato lo sceicco È sorprendente che in questa
6
kuwaitiano Ahmad Al Fahad al sabah. Il atmosfera di paura, tra pressioni di ogni
Kuwait sta cercando di mediare nella re­ tipo e sospetti, ci siano ancora turcmeni
cente crisi diplomatica tra gli altri stati del 3
per cui il dovere civico non è solo
Golfo e il Qatar (che è sede di Al Jazeera e a 2007 2009 2011 2013 2015 un’espressione vuota. u af

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 59


Portfolio

Serpi
di casa
Jana Romanova ha ritratto
persone che hanno scelto di avere
un serpente come animale
domestico. Una moda che si
difonde in Russia e nel mondo
opo la caduta dell’Unione Sovie-

“D tica, in Russia è diventato piutto-


sto facile e relativamente popo-
lare avere un serpente in casa”,
racconta la fotografa Jana Roma-
nova. Si tratta soprattutto di pito-
ni o serpi del grano, ma anche di cobra e di altre specie
velenose. “Le persone cominciano prendendo un serpen-
te, ma a volte iniscono per creare una loro collezione pri-
vata, formata anche da venti specie diverse”, continua la
fotografa. Tra il 2016 e il 2017 Romanova, vincendo la sua
fobia per i serpenti, ha deciso di ritrarli insieme alle perso-
ne che li hanno scelti come animali domestici. Li ha foto-
grafati nel loro ambiente domestico – in un’atmosfera che
la fotografa deinisce “postsovietica” – per indagare la re-
lazione che hanno con i loro padroni. “I serpenti non sono
in grado di mostrare afetto e non è chiaro se si idano di
noi o se ci considerano potenziali prede”.
In Russia non ci sono leggi speciiche che proibiscono
il possesso di animali esotici e il mercato è in crescita,
come nel resto del mondo: l’Unione europea è il secondo
importatore di rettili vivi, dopo l’Asia che è in cima alla
classiica del mercato internazionale.
Secondo uno studio dell’università di Oxford del 2013,
il traico di animali è il commercio illecito più redditizio
dopo quello di armi e di droga (foto Neutral Grey). u

Jana Romanova è una fotografa russa nata nel 1984. Il


progetto Exotarium è stato realizzato tra il 2016 e il 2017.

Nella foto: Elizaveta Lavrenko posa con una serpe


del grano (Pantherophis guttatus), nella maglietta,
e un pitone reale (Python regius) nella sua casa a
San Pietroburgo, Russia, gennaio 2017.

60 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


TUTTE LE fOTO JAnA ROmAnOvA (nEUTRAL gREy)

61
Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018
Portfolio

Sopra: Aleksandr Kulakov con due dei


sette serpenti che tiene in casa a Petergof,
vicino a San Pietroburgo, gennaio 2017.
Quello grigio e marrone è un serpente
rinoceronte (Gonyosoma boulengeri)
mentre quello verde è un Elaphe dione.
Accanto: un pitone reticolato
(Malayopython reticulatus)
nell’appartamento del padrone Andrej
Zuev a San Pietroburgo, aprile 2017.
Secondo un rapporto dell’Endcap del
2012, Wild pets in the European union,
quasi il 90 per cento dei rettili catturati
per uso domestico muore entro un anno
di cattività.

62 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Sopra: una serpe del grano (Pantherophis
guttatus) portata dal padrone Raven
Asakavi nell’appartamento della fotografa
a San Pietroburgo, febbraio 2017.
Accanto: Kalačik, un boa (Boa constrictor)
nell’appartamento della padrona Evgenija
Andreeva a San Pietroburgo, novembre
2016.
Il commercio di animali esotici è regolato
dalla Convenzione sul commercio
intercontinentale delle specie minacciate
di estinzione (Cites) irmata da 182 paesi,
che si occupa del traico di più di
cinquemila specie, incluse quelle catturate
nel loro habitat naturale. L’Italia l’ha
irmata nel 1997. L’obiettivo della Cites è
assicurarsi che il commercio avvenga in
maniera “sostenibile”, cioè non
comprometta la sopravvivenza della
specie.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 63


Portfolio

Sopra: un pitone reticolato (Malayopython


reticulatus) fotografato nell’appartamento
del padrone Andrej Zuev a San
Pietroburgo, aprile 2017.
Accanto: Andrej Zuev con due esemplari
di pitone reticolato. Difuso nell’Asia
sudorientale, è il secondo serpente più
grande al mondo dopo l’anaconda verde.
Secondo lo Humane society institute for
science and policy, il livello di protezione
degli animali è legato all’economia dei
paesi. Quelli che hanno un reddito pro
capite più alto hanno maggiore probabilità
di avere organizzazioni che si occupano
della salvaguardia delle specie.

64 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Sopra: Akyilanga, un pitone moluro
(Python molurus), avvolto intorno al
padrone Andrej Sinkevič, San Pietroburgo,
febbraio 2017. Questo pitone è molto agile,
anche se può arrivare a misurare sette
metri di lunghezza e a pesare 120 chili.
vive in gran parte dell’Asia.
Accanto: Kalačik, un boa (Boa constrictor),
in casa della padrona Evgenija Andreeva a
San Pietroburgo, novembre 2016. Il Boa
constrictor può uccidere anche grandi
prede avvolgendole e sofocandole. È
presente negli Stati Uniti e in America
Latina e in alcune isole dei Caraibi. Può
arrivare a pesare trenta chili e a misurare
quattro metri.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 65


Ritratti

Usman Raja
Corpo a corpo
David D. Kirkpatrick, The New York Times, Stati Uniti. Foto di Andrew Testa
È un ex lottatore di arti marziali 180 ragazzi musulmani, convincendoli ad na e sull’islam, ripercorrendo gli aneddoti
dell’est di Londra. In questi anni abbandonare l’estremismo. Tutti i ragazzi sui jihadisti che ha conosciuto. Racconta di
sono arrivati a lui grazie alla loro comunità Ali Beheshti, ex leader del gruppo terrorista
si è dedicato soprattutto al o alle forze dell’ordine. Finora nessuno di londinese Al Muhajiroun. Nel 2008 Behe-
reinserimento sociale degli ex loro ha partecipato a un’azione terroristica. shti diede fuoco alla casa di un editore che
jihadisti, creando con loro una “Usman si occupa di alcuni dei casi più aveva pubblicato un romanzo sul profeta
relazione afettiva estremi del Regno Unito. Ha un’ottima per- Maometto. Per questo ha passato quattro
centuale di successo”, spiega Douglas anni in un carcere di Belmarsh, dove Raja
Weeks, un esperto di estremismo islamico l’ha incontrato per la prima volta.
sman Raja, un uomo mas- che collabora gratuitamente con la Unity

U siccio di quarant’anni, ed
ex pioniere delle arti mar-
ziali miste (mma), è tor-
nato nella sua palestra nel
sud di Londra per un paio
di round. Ma prima di salire sul ring vuole
parlare della sua nuova vocazione: la riabi-
litazione degli estremisti islamici. “I jiha-
disti hanno un forte senso della comunità.
initiative.
In genere i programmi di riabilitazione o
di lotta all’estremismo cercano di convin-
cere i militanti ad abbandonare la loro ide-
ologia, spesso contestando alcune interpre-
tazioni del Corano. Usman Raja lavora in
modo diverso. Stringe rapporti personali
con i ragazzi, gli dedica ino a otto ore al
giorno, facendo colloqui riservati con ognu-
Il primo abbraccio
“Ali si era tatuato sull’avambraccio la frase
‘Solo dio può giudicarmi’”, racconta Raja.
Secondo la maggior parte degli studiosi
dell’islam la religione musulmana vieta i
tatuaggi, ma spesso i militanti adattano la
scrittura ai loro scopi. Raja per un anno e
mezzo ha incontrato Beheshti cinque giorni
alla settimana, gli ha insegnato a combatte-
Tra loro sono premurosi, ma odiano il resto no di loro. S’incontrano per diverse ore an- re e alla ine lo ha portato in palestra per
del mondo”, spiega Raja, elencando i nomi che cinque giorni a settimana. Raja raforza esercitarsi con un soldato bianco britanni-
dei terroristi initi in carcere che ora lavo- il loro desiderio di impegnarsi nella comu- co. “Per anni Ali, durante le sue prediche,
rano con lui. Il settore in cui lavora Raja è nità e poi aspetta che le motivazioni ideolo- aveva invitato i suoi seguaci a uccidere i sol-
in forte espansione. La ritirata del gruppo giche che li hanno spinti verso l’estremismo dati”, ricorda Raja. Ma quando si sono in-
Stato islamico, cacciato dalle sue ultime svaniscano. “È qui che entrano in gioco le contrati quel soldato gli ha detto: “Congra-
roccaforti in Siria, ha fatto sorgere il pro- arti marziali. Gli danno una reputazione di tulazioni, siamo orgogliosi di quello che stai
blema dei militanti che tornano nel Regno duro e sono un buon argomento per rompe- facendo”. Oggi Beheshti lavora come vo-
Unito e in altri paesi occidentali. Il governo re il ghiaccio”, spiega Weeks. lontario per la Unity initiative, anche se non
britannico ha chiesto a Raja di lavorare con L’aspetto di Raja è abbastanza simile a è ancora pronto ad aiutare la polizia. “Ha
almeno trenta ex combattenti dello Stato quello degli ex detenuti con cui lavora. Ha sempre una mentalità da strada”, spiega
islamico. Anche la polizia di Los Angeles e la testa rasata, la barba corta e indossa una Raja.
il centro per la lotta al terrorismo di West collana di cuoio. L’anello d’argento che por- Wahabi Mohammed, condannato per
Point, nello stato di New York, si sono ri- ta alla mano destra ha la forma di un artiglio aver coperto il piano di suo fratello, uno dei
volti a lui per dei consigli su come gestire i e può essere usato come un’arma. Parla con responsabili dei falliti attentati nella metro-
terroristi. un forte accento cockney dell’est di Londra. politana di Londra del 21 luglio 2005, ha
È uno dei motivi per cui Raja è tornato in Le sue parole si rincorrono in una cascata di raccontato in un’intervista di aver incontra-
palestra. “Non posso perdere la mia reputa- entusiasmo. Fa rilessioni sulla natura uma- to in prigione molti consulenti che hanno
zione di guerriero spartano. Mi dà credibili- cercato di fargli abbandonare le sue idee
tà in carcere”, spiega. Negli ultimi otto anni estremiste. “Mi sentivo come una cavia.
Raja e i suoi colleghi della Unity initiative, Biograia Concedevo a ognuno una visita di due ore,
lo studio di consulenza che ha fondato, han- 1977 Nasce nel Regno Unito. ma iniva tutto lì”. Prima d’incontrare Raja,
no aiutato più di cinquanta ex detenuti con- 2008 Fonda insieme ad altre persone aveva sentito gli altri prigionieri parlare dei
dannati per terrorismo a reinserirsi nella l’organizzazione contro l’estremismo islamico suoi combattimenti nella gabbia. “In pri-
società. Raja ha fatto da consulente a più di Unity initiative. gione queste cose aiutano. Raja ti fa capire

66 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


THe NeW YORK TIMeS/CONTRASTO

che non viene dall’università, ma dalla stra- che volevano partecipare alla jihad contro i realtà della strada. Nel 2008 un funzionario
da”, spiega Mohammed. serbi di Bosnia gli chiedevano di allenarli, e della polizia britannica lo chiamò per parla-
Quando nel 2010, in occasione del loro all’inizio Raja pensò di unirsi a loro. Invece re di Yassin Nassari, un siriano britannico
primo incontro in una stanza della prigione, alla ine diventò l’allievo di un teologo ma- condannato per terrorismo. Dopo averlo
Raja l’ha abbracciato Mohammed è rima- lesiano, che insegnava un approccio più fermato all’aeroporto di Luton la polizia
sto molto sorpreso. “Non ero sicuro di come aperto all’islam. aveva trovato nel suo computer le istruzioni
prenderla, ma è stato bello”, ricorda. I due per costruire un razzo. In quel periodo Nas-
hanno cominciato a parlare da pari, discu- Di nuovo sul ring sari aveva chiesto la libertà vigilata, ma si
tendo di come essere un buon musulmano Le guerre statunitensi in Afghanistan e in riiutava di avere a che fare con il governo.
e di come trovare il proprio posto nel mon- Iraq all’inizio degli anni duemila avevano Aveva sentito parlare di Raja da alcuni ami-
do moderno. Mohammed dal 2013 è in li- prodotto una grande quantità di materiale ci che si erano allenati con lui e aveva di-
bertà vigilata e oggi lavora nel settore edile. per i predicatori jihadisti di Londra. A quel chiarato che era l’unico con cui avrebbe
Vive con la moglie e cinque igli nella zona punto Raja cominciò a svolgere una specie parlato. Quella sera stessa Raja cominciò a
ovest di Londra. Anche lui collabora gratui- di servizio sociale. Faceva da mediatore compilare i documenti per fondare la Unity
tamente con la Unity initiative. nelle dispute tra i vari gruppi e avvicinò un initiative. Poi si immerse nel caso di Nassa-
Usman Raja è iglio di immigrati pachi- piccolo gruppo di immigrati curdi che prati- ri e cominciò a insegnargli l’mma. Oggi
stani. I genitori si sono sposati con un matri- cava una sorta di gangsta islam: giustiicava- Nassari lavora in un’organizzazione benei-
monio combinato nel Regno Unito quando no i loro crimini con il fatto che prendevano ca che sostiene gli ex detenuti musulmani.
sua madre aveva appena quindici anni. Po- di mira solo chi non era musulmano. Raja Nove anni dopo quella telefonata, Raja
co tempo dopo hanno divorziato e Raja è cercò di convincerli che la fede imponeva il è tornato sul ring per mantenere la mistica
stato cresciuto dalla madre in una cittadina rispetto di tutti. del lottatore. Il suo sparring partner era
abitata soprattutto dalla classe operaia La combinazione tra l’attitudine da stra- Lyubo Kumbarov, famoso lottatore e istrut-
bianca vicino alla base dell’esercito britan- da e la mentalità aperta di Raja attirò l’at- tore bulgaro di 33 anni. Nel giro di due se-
nico di Aldershot. La sua palestra era da tenzione della Quilliam, un centro studi per condi Lyubo ha appoggiato la sua testa sul
quelle parti. Imparò a lottare facendo risse la lotta all’estremismo fondato da musul- collo di Raja, l’ha sollevato, l’ha fatto vol-
con i igli dei soldati, che spesso insultavano mani britannici e sostenuta dal governo teggiare e l’ha scagliato a terra. Raja è atter-
i pachistani. A metà degli anni novanta si britannico con finanziamenti milionari. rato pesantemente sulla schiena. “Non di-
era già fatto una reputazione come lottatore Raja fu assunto per gestire una serie di ini- menticarti di scrivere che Lyubo è un mae-
e allenatore nelle palestre dell’est di Lon- ziative, ma rinunciò dopo due anni perché il stro di lotta”, mi ha detto mentre si rialzava
dra. Spesso i giovani musulmani britannici gruppo gli sembrava troppo lontano dalla e cercava di prendere iato. u as

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 67


Viaggi

Lungo il corso
del Gange
Sue Perkins, The Sunday Times, Regno Unito
Dalla sorgente del iume York: posti comodi, organizzati e facili da
sacro indiano, sull’Himalaya, raggiungere.
Qualche anno fa ho fatto il mio primo
al golfo del Bengala. Dove ciò programma televisivo dedicato al Mekong.
che appare incomprensibile Sono arrivata a Ho Chi Min, in Vietnam,
può essere solo osservato con una valigia gigantesca, tanto che aveva
con meraviglia sei ruote invece delle solite quattro. La
troupe mi ha guardato sbigottita. Non ave-
vo esperienza e avevo inilato in valigia tut-
on guardare”, mi to quello che potevo: stivali di gomma, oc-

“N gridano ogni vol-


ta, ma è sempre
troppo tardi. Nel-
la città santa di
Varanasi, sulle ri-
ve del Gange, vedo cose che non potrò mai
chialini da nuoto, luci per leggere la notte,
coltellini e molti snack. Da allora ho impa-
rato a muovermi portandomi solo un vec-
chio zaino. Più il mio bagaglio si rimpiccio-
liva e più miglioravo come viaggiatrice.
Per gli indù, Varanasi è il miglior posto
dimenticare. Mentre ilmo la pira funeraria dove morire. Milioni di persone vengono
sulle rive del iume scopro che il sistema qui alla ine dei loro giorni per esalare l’ulti-
nervoso centrale degli esseri umani non mo respiro. La maggior parte dei turisti oc-
brucia completamente. Il calore della pira cidentali si concede un giro in barca tra i
non è abbastanza intenso e il sistema ner- corpi carbonizzati, dà un’occhiata ai templi
voso si riduce a un gomitolo di ili neri, che e poi risale sul primo autobus in partenza. È
dopo essersi rafreddato viene sgranocchia- il turismo della morte, parte della tipica
to dai cani randagi. Sto registrando un ser- “esperienza” indiana. È un peccato, perché
vizio per la Bbc e sono davanti alla teleca- Varanasi è molto più di un crematorio.
NICoLAS GeNeCHeSI (eYeeM/GeTTY IMAGeS)

mera, cercando di dare un senso alla follia


che mi circonda, la mia attenzione è attirata Una parte del processo
da un cane che morde un gomitolo di nervi. Sono rimasta in città per due settimane, ma
Nell’aria c’è un fetore sovrannaturale. Alle non so se lo consiglierei. È appagante, ma è
mie spalle scoppia un’accesa discussione, anche un’esperienza molto intensa. Vara-
con gente che urla e si spinge. Il cane in- nasi è un paradosso: sei circondato dalla
ghiotte l’ultimo pezzo della sua cena carbo- morte, ma non esiste un posto più vivo in
nizzata. Il fumo acre della pira comincia a tutto il pianeta. Ho visto un santone nudo
soiare sulla mia faccia e sulle mie labbra. esfoliarsi la pelle con un sacchetto di ceneri
Sono a Varanasi per le riprese del mio umane. Ho visto persone lavarsi i denti con
nuovo programma, The Ganges. Ho deciso l’acqua di uno scarico fognario. Ho visto un zionale. Andare in vacanza signiica spesso
di seguire il iume dalla fonte alla foce, un dentista installare protesi in un canale di isolarsi dal lato oscuro della propria vita, dai
percorso abbastanza affollato. Non sono scolo, mentre a pochi metri di distanza una sentimenti più profondi, dal carico di lavoro
mai stata un’avventuriera. Non ho mai viag- gatta spelacchiata partoriva. A Varanasi è e dai rapporti umani intossicanti. Si parte
giato con lo zaino in spalla né fatto campeg- letteralmente possibile trovare un toro den- per dimenticare. Ma a Varanasi non si può
gio. La prima volta che ho varcato i conini tro un negozio di porcellana. In mezzo a dimenticare niente. La città ti spinge ad af-
del Regno Unito avevo 14 anni e sono anda- tutto questo puoi vedere un cadavere, av- frontare ogni aspetto della tua vita in modo
ta dai miei nonni a Torremolinos, in Spa- volto in un lenzuolo di seta dorata, traspor- viscerale. Le persone sono spesso schizzi-
gna, dove si erano trasferiti per godersi la tato verso il iume. La cosa strana è che nul- nose quando si parla dell’India: “Fanno le
pensione. Quando sono andata a vivere per la è sconvolgente. Sembra solo una parte di cose in modo strano”, dicono. Ma viaggiare
conto mio e ho cominciato a viaggiare come un processo. Vita e morte, ianco a ianco. signiica mettere in discussione il proprio
volevo, ho scelto la Francia, l’Italia, New Varanasi non è certo una vacanza tradi- modo di vivere, non giudicare quello degli

68 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Varanasi, India

altri. Faremmo meglio a capovolgere il pun- ge non è altro che una fogna a cielo aperto, Il mio viaggio lungo il Gange è comin-
to di vista: “Ma non saremo noi a fare le co- eppure la gente ci fa il bagno. ciato mille chilometri più a monte, sulle
se in modo strano?”. A Varanasi la gente Ho incontrato un professore che cono- montagne che sovrastano un’altra delle cit-
porta i morti al iume e sfoga il suo dolore sce alla perfezione il numero di coliformi tà sacre dell’induismo, Gangotri. Purtroppo
mentre li guarda bruciare. Qui noi mettia- fecali presenti nell’acqua, ma ogni giorno si non ho molti ricordi. eravamo sull’Himala-
mo i nostri cari in una bara e chiudiamo una fa una nuotata nel iume. Perché per gli in- ya, a quattromila metri di altitudine. Non
tenda per non vedere la loro cremazione. dù madre Gange esiste in due forme: come riuscivo a respirare e non ho mai smesso di
Siamo un passo più lontani dal processo iume e come divinità, forza spirituale che vomitare. Mi sanguinava il naso. A metà
della perdita. È davvero la scelta migliore? lava via i peccati. Il iume è sporco, la divi- della salita abbiamo perso il nostro fonico
A Varanasi il potere della fede sovrasta e nità è puriicatrice. Per chi non crede, cer- per il mal di montagna. In qualche modo,
consuma ogni cosa. Gli studi ambientali care di capirci qualcosa è tempo perso, me- dopo due giorni di cammino, spesso in gi-
hanno dimostrato che in alcuni tratti il Gan- glio limitarsi a osservare con meraviglia. nocchio e aiutandomi con le mani, sono ri-

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 69


Viaggi
uscita ad arrivare a Gomukh, la fonte del trati nell’oscurità. Sembrava che il mondo A tavola
Gange e il punto di partenza del nostro pro- fosse in iamme. Santoni nudi e strafatti
gramma. Quando ho visto il ghiacciaio, a colpivano la gente sulle spalle con piume
causa della stanchezza e dell’emozione, ho di pavone. Un nutrito gruppo di donne, ar-
Ricchezza
avuto una profonda esperienza spirituale. rivate dal Gujarat, a più di duemila chilo- regionale
ero consapevole della vastità del paesaggio metri da lì, cucinava pietanze locali su una
e ho capito il motivo per cui un pellegrino pira di ramoscelli in iamme e le condivi-
può voler intraprendere un viaggio estremo deva con gli estranei. Poi c’erano i canti. u “Appena si arriva in India si capisce su-
come questo. Mio padre è morto l’anno Canti senza sosta. Alle cinque del mattino, bito che ‘la cucina tipica indiana’ in realtà
scorso, ma è stato solo quando sono arriva- il momento consigliato per fare il bagno, non esiste”, scrive il quotidiano britanni-
ta lassù, in un luogo così remoto e sacro, che una palla di luce si alzata sull’orizzonte per co The Daily Telegraph. “La cucina del
mi sono sentita libera di piangerlo. condividere il cielo con la luna piena. Ho Kerala, infatti, è diversa da quella di Cal-
Grazie al cielo mi hanno permesso di avuto la pelle d’oca. Non sono una persona cutta quanto gli assaggini dello smörgås-
tornare alla civiltà a dorso di mulo. Avrei religiosa, ma sono stata travolta da un sen- bord svedese sono diversi dalle tapas spa-
voluto pesare una decina di chili in meno, so di ainità: tutti insieme, ognuno con il gnole. oltre ai piatti classici come il tikka
povero animale. Arrivata nella valle, il seve- suo credo, i suoi problemi e le sue preoccu- masala, il classico pollo al curry, lo stufato
ro blu e bianco della montagna ha lasciato il pazioni, in comunione con il paesaggio, di agnello rogan josh, il pane naan cotto
posto a un verde rigoglioso. Quando ho av- con i piedi in acqua, ad assistere alla nasci- nel forno tandoori e le polpette di verdure
vistato un acero rosso, il primo squillo di ta del nuovo giorno. Sorridevo come malai kofta, esiste un universo di grandi
colore da giorni, ho pianto. Sono stata bene un’imbecille. tradizioni regionali. Ma la nostra perce-
a Gangotri. Gli abitanti del villaggio sono Da quando sono tornata dall’India mi zione del cibo indiano è spesso ofuscata
stati molto accoglienti, fatta eccezione per sento una persona più forte. Sono anche da miti e stereotipi: non tutte le ricette,
una donna che, quando abbiamo visitato la molto più attiva. Gli indiani sono persone per esempio, sono piccanti; la combina-
sua casa per fare qualche ripresa, ci ha preso laboriose, in qualche modo mi hanno con- zione di spezie fresche, seccate e intere è
a bastonate. Poi si è scoperto che il nostro tagiata. Il grande tema del nostro viaggio comune ma non obbligatoria; e il pepe-
produttore era andato poco tempo prima a era quello della morte e della rinascita. Non roncino non è ovunque. Il modo migliore
casa dell’anziana signora e una delle sue arriverei a dire che sono rinata, ma di sicuro per sperimentare la ricchezza della ga-
vacche era morta. La donna era convinta dal punto di vista psicologico avevo accu- stronomia indiana è mangiare a casa delle
che avessimo portato una maledizione. mulato molta pelle morta e l’India me l’ha persone. oltre a questa raccomandazio-
La ine del nostro viaggio è arrivata su tolta di dosso. ora sono un po’ più matura. ne, è utilissimo farsi un’idea di quali piatti
una spiaggia dell’isola di Sagar. Non il po- e devo ringraziare l’India. Amo l’India con cercare nelle varie regioni del paese. D’al-
sto ideale per prendere il sole e contempla- passione. Ma la odio anche. Ho paura che tra parte, scovare splendori culinari in po-
re la natura. eravamo lì per il Gangasagar mi mangerà viva, per le sue dimensioni e sti improbabili è uno dei grandi piaceri di
Mela, l’annuale pellegrinaggio nel punto per il suo calore. Anche se sono rimasta lì ogni viaggio”. Nella città di Calcutta, per
dove il Gange incontra il golfo del Bengala. per mesi e ho realizzato un’intera serie tele- esempio, “i veri protagonisti in cucina so-
Lì abbiamo condiviso l’acqua del iume con visiva sull’India, ho abbandonato l’idea di no l’olio di senape, il pesce e il panch pho-
2,5 milioni di persone. Volevamo andare a riassumere il paese in un paio di frasi. Non ron, una miscela di cinque spezie: semi di
dormire presto per essere pronti a ilmare l’ho capito, almeno non del tutto.Nono- cipolla (cioè nigella), di senape, di cumi-
il mattino successivo, ma fuori c’era una stante tutte le side, è un viaggio estrema- no, di inocchio e di ieno greco. General-
confusione insopportabile. I megafoni mente appagante. Andateci.u as mente la gente del posto mangia i piatti
gracchiavano senza sosta, il fumo entrava locali a casa propria, mentre va al risto-
dalle inestre e la mia stanza era piena di Sue Perkins è una giornalista e presentatri- rante per assaggiare le specialità di regio-
scarafaggi. Siamo usciti e ci siamo adden- ce britannica. Collabora con la Bbc. ni diverse. Ci sono, tuttavia, un paio di lo-
cali che fanno eccezione. Il primo è Kwe-
pie’s, un ristorante a gestione familiare in
Informazioni pratiche elgin lane; il secondo è l’Indian cofee
u Arrivare Il prezzo di un tenete aperti il cuore e la
house in College street che, nella più tipi-
volo per New Delhi dall’Italia mente, il più possibile. e ca tradizione del Bengala, è amato da in-
(Alitalia, etihad Airways, lasciate che l’India vi divori”. tellettuali, studenti e poeti non solo per la
emirates) parte da 528 euro u Leggere Geof Dyer, Amore cucina ma anche come luogo dove incon-
a/r. a Venezia. Morte a Varanasi, trarsi e conversare”.
u Consigli Sue Perkins, einaudi 2009, 18,50 euro. Tra le specialità locali più popolari, il
l’autrice dell’articolo, dà u La prossima settimana sito The Culture Trip segnala lo shukto,
alcuni suggerimenti su come Viaggio a Tokyo, per visitare lo uno stufato di verdure e zenzero dalla
afrontare il viaggio e cosa storico mercato del pesce di consistenza quasi cremosa; il dal, le clas-
portare: “Detergente per le Tsukiji, che il prossimo anno
siche lenticchie; i chutney, che possono
mani. Le scarpe aperte non perché in ogni centimetro cambierà sede. Siete stati
sono una buona idea, perché quadrato c’è qualcosa di nella capitale giapponese?
essere di mango, papaya, ananas o pomo-
gran parte della popolazione contraddittorio, abbagliante, Avete consigli da dare su posti dori; il riso biriani, con patate, uova, len-
non ha accesso ai servizi doloroso o strano, comunque dove dormire, mangiare, ticchie, pesce, verdure e a volte pollo; e il
igienici. Portate un quaderno da non dimenticare. Il libri? Scrivete a payash, un budino dolce preparato con ri-
e una macchina fotograica, consiglio più importante: viaggi@internazionale.it. so glutinoso, latte e zucchero.

70 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Graphic journalism Cartoline dalla Francia

72 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Laura Désirée Pozzi è nata nel 1979 a Milano. Vive ad Angoulême dove ha luogo il più importante festival del fumetto della Francia.
Il suo ultimo libro, con i testi di Anne Loyer, è Bisbille, les vacances, c’est magique!! (Les Petites Bulles 2017).

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 73


Cultura

Filosoia
CourTeSy VITA ACTIVA: THe SPIrIT of HANNAH AreNdT’/ZeITgeIST fILMS

Hannah Arendt nel 1949

tica già presuppone la liberazione degli in-

Le due facce dividui dalla costrizione e dal bisogno. Così


dicendo Arendt relega in secondo piano
l’idea di “libertà negativa”, un classico con-
cetto del liberalismo che si riferisce al dirit-

della libertà to dell’individuo di proteggersi dallo stato e


dalla società per poter proseguire in pace i
suoi scopi privati. La libertà suprema è
quella che “ha luogo tra persone che nella
vita pubblica condividono la gioia collettiva
di essere viste, udite, riconosciute e ricor-
date dagli altri”. Libertà è dunque vivere in
Gustav Seibt, Süddeutsche Zeitung, Germania
un mondo che diventa oggetto del fare, più
Se il benessere non è condiviso Arendt, una delle grandi teoriche della rivo- che il piacere edonistico vissuto in uno spa-
non può esserci democrazia, luzione, ne parlò in una conferenza il cui zio privato, garantito dai diritti umani, dove
testo è stato pubblicato solo oggi, dopo es- si calcola minuziosamente quale espressio-
afermava Hannah Arendt in un sere stato trovato tra le sue carte. Si tratta di ne della propria libertà rischia di entrare in
testo inedito appena scoperto un grande testo di ilosoia della storia che conlitto con gli interessi altrui.
discute i rapporti tra libertà e rivoluzione Per Arendt, la libertà positiva è l’esisten-
lungo un arco temporale assai ampio. za politica secondo il modello dell’antichi-
ome viene al mondo il nuovo? Hannah Arendt portò avanti incessan- tà, senza il quale, sostiene la ilosofa, non

C Non di rado attraverso il recu-


pero di qualcosa di antico. Il
concetto di rivoluzione, che ci
fa pensare a un taglio netto con
il passato per fare posto a qualcosa di com-
pletamente nuovo, nasce dall’astronomia,
e precisamente dalla descrizione del moto
temente questa rilessione, sia sulle solle-
vazioni dell’era contemporanea, in partico-
lare degli anni sessanta, sia sulle rivolte co-
loniali e studentesche. È questo che rende
così stimolante il testo pubblicato oggi. Per
Arendt la libertà è sempre politica: si realiz-
za nella collaborazione tra liberi e uguali in
sarebbero state possibili neanche le rivolu-
zioni repubblicane dell’era moderna. Inol-
tre la libertà positiva realizza la possibilità
antropologica del sempre nuovo, già insita
nel fatto che noi tutti siamo nati e venuti al
mondo come nuovi esseri.
La libertà è dunque inevitabile e impre-
regolare dei corpi celesti. Il termine, antica- uno spazio politico dove sorgono dispute su vedibile come la vita stessa. Tuttavia la li-
mente, indicava il periodico ritorno a un quale sia la giusta forma di convivenza. La bertà repubblicana, essenzialmente antro-
ordine regolato da leggi. Per esempio, la libertà è repubblicana, nel senso che la for- pologica, per realizzarsi ha bisogno di certe
gloriosa rivoluzione inglese del 1688 fu con- ma-stato della repubblica, conquistata con condizioni materiali. Nel testo recentemen-
siderata una restaurazione del potere so- le rivoluzioni dell’età moderna, è il suo luo- te ritrovato, Arendt le delinea in modo chia-
vrano legittimo, vincolato da leggi. Hannah go e il suo obiettivo. Ma questa libertà poli- ro. I cittadini americani e gli intellettuali

74 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


ArT MedIA/PrINT CoLLeCTor/geTTy IMAgeS

Eugène Delacroix, La libertà che guida il popolo (particolare), 1830

francesi che misero in moto le grandi rivo- masse urbane. Le privazioni delle madri i luzioni del 1776 e del 1789 erano già am-
luzioni della modernità – quella americana cui igli pativano la fame – e qui Arendt cita piamente liberi, ma la libertà repubblicana
del 1776 e quella francese del 1789 – aveva- un passo impressionante dello storico bri- di cui erano esempio alla lunga non poté
no “la libertà di essere liberi”, scrive tannico Acton – conferirono a quella rivolu- arrestarsi davanti alle barriere del privile-
Arendt, perché non avevano preoccupazio- zione “la durezza del diamante”. gio. Non è facile controllare l’individuali-
ni sul piano materiale, vivevano di proprietà Ma la spinta alla rivoluzione sociale, alla smo della libertà negativa. e così la trage-
terriera e di rendita e non facevano certo gigantesca ridistribuzione delle proprietà dia della rivoluzione francese fu che, pro-
parte dei misérables costretti a lottare ogni dei nobili e della chiesa, è la stessa che spin- prio per amore del bene delle masse, tornò
giorno contro la povertà per sopravvivere. se la rivoluzione francese anche verso il a quel despotismo contro cui era insorta
Terrore. essa dovette liberare tutto il popo- all’inizio, sfociando in una dittatura.
Rivoluzioni e totalitarismo lo dalla miseria, “liberare le persone cosic- Lo sguardo di Hannah Arendt è lucido.
La libertà di essere liberi è quello che gli an- ché potessero essere libere”. Insomma, ol- Secondo lei, nella sua epoca non sono “le
tichi chiamavano “agio”. In una conferenza tre a essere un radicale cambiamento della concezioni politiche moderne, tra cui le
del 1961, Arendt vedeva il fondamento ma- forma-stato, la rivoluzione francese fu an- idee rivoluzionarie, a rendere possibile per
teriale della libertà americana nella ric- che un profondo rivolgimento della società. tutti la libertà di essere liberi”, ma il pro-
chezza di materie prime e nella disponibili- Ma questo spinse più volte quella rivoluzio- gresso tecnico.
tà di terra. Nel 1967, nel testo appena pub- ne, e le successive avvenute in europa, ver- È questo a liberare i molti dal peso dei
blicato, Arendt afronta il tema della schia- so la deriva totalitaria che gli hanno rimpro- pochi, “in modo che almeno alcuni possa-
vitù. Ma secondo i padri fondatori, la schia- verato i critici liberali della cosiddetta “li- no essere liberi”. La tecnica si sostituisce
vitù riguardava “un’altra razza”. Come dire bertà positiva”, cioè la libertà di cambiare il alla schiavitù. Senza benessere di massa,
che il bisogno e la miseria non andavano mondo. niente democrazia di massa; e senza de-
intesi come un problema speciico della fe- Il testo di Hannah Arendt appena risco- mocrazia, niente diritti né libertà per gli
derazione repubblicana: stavano fuori e perto è stato inserito in un volume miscella- individui e le masse. Insomma Hannah
sotto, ai margini e nelle fondamenta. Que- neo che documenta la polemica ilosoica Arendt, al pari di Isaiah Berlin, non sotto-
sta marginalizzazione della questione so- suscitata dal celebre saggio di Isaiah Berlin valutò il potenziale dispotico della demo-
ciale era un tratto che la giovane repubblica Due concetti di libertà, del 1958. crazia di massa.
statunitense condivideva con le poleis Berlin aveva chiare le potenzialità tota- Ma è evidente, anche se non si dice an-
dell’antichità. Alla rivoluzione francese, litarie del concetto di libertà positiva af- cora abbastanza apertamente, che oggi di
questa concentrazione su un nucleo costi- frontato da Hannah Arendt nei suoi scritti fronte alle tecnologie della comunicazio-
tuzionale e sociale fu negata. In questo caso sulla rivoluzione, ma la ilosofa dà scarso ne, di raccolta dati e della sorveglianza, la
la rivoluzione non dovette soltanto fondare peso alla libertà negativa che Berlin aveva libertà negativa dell’individuo, che Han-
una repubblica, ma fare subito i conti con la maggiormente a cuore. Per Arendt le due nah Arendt guarda con molta suicienza,
questione sociale, con la miseria degli afa- facce della libertà stanno tra loro in un rap- assume una portata dirompente dramma-
mati che popolavano le campagne e delle porto d’interdipendenza: i padri delle rivo- ticamente nuova. u ma

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 75


Cultura

Cinema
Italieni Dagli Stati Uniti
I ilm italiani visti da
un corrispondente straniero.
Il peccato dell’omosessualità
Questa settimana Salvatore
Aloïse, collaboratore di Le
Monde. gnato dal pubblico del festival

Dr
Una commedia sulla
“rieducazione” cristiana di del Colorado, che in molti con-
I’m in love with my car una ragazza gay ha vinto il siderano il più importante, è
Di Michele Mellara gran premio della giuria al andato a Burden di Andrew
e Alessandro Rossi. Sundance ilm festival Heckler. Tuttavia, la storia di
Italia, 2017, 72’ un seguace del Ku Klux Klan
●●●●● Diretto da Desiree Akhavan e (interpretato da Garrett
Con l’avvento dell’automobi- tratto dal romanzo del 2012 di Hedlund) che si ribella ai suoi
le, l’uomo ha aggiunto un’al- Emily M. Danforth, The mise- confratelli non ha pienamente
tra facoltà oltre parlare, gesti- ducation of Cameron Post ha The miseducation… convinto la critica. Miglior do-
colare e camminare: guidare. vinto il premio più importante cumentario, secondo il pubbli-
Lo dice un antropologo in I’m per un ilm indipendente sta- l’omosessualità è vista come co, è stato Kailash di Derek
in love with my car, documen- tunitense, cioè il gran premio una piaga da combattere con Doneen, che ricostruisce la
tario che ripercorre la storia del Sundance ilm festival, che la preghiera (“pray away the storia di Kailash Satyarthi, l’at-
dell’adattamento dell’uomo a si è concluso il 28 gennaio. È gay”). L’autrice newyorchese è tivista indiano che si batte
questo mezzo lungo tutto il una commedia non troppo al suo secondo lungometrag- contro il lavoro minorile e che
novecento, il secolo dell’auto- leggera sulle diicoltà che in- gio dopo Appropriate behaviour ha vinto il premio Nobel per la
mobile. Il ilm è diviso in cin- contra una giovanissima ra- (2015), con cui si era già fatta pace nel 2014, insieme a Mala-
que capitoli, come i sensi, gazza gay (Sasha Lane) in un notare nel panorama la Yousafzai.
perché con la macchina tutti e ambiente cristiano in cui indie. Il riconoscimento asse- The Guardian
cinque sono stati modiicati.
Con splendide immagini e
musiche d’epoca intervallate Massa critica
da tristi considerazioni, come Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo
i problemi respiratori e car-

ST
PH

diovascolari legati all’auto, il

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM

ilm mostra quanta parte di


EG

O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
N
IA

incubo ci sia nel sogno. Non


A

N
N

L E i ti L E
L E i to T

L I i to P E

T i t i YO
ni R D

ti I
E

IO
n Y

ni S H
E
n GE
a OB

n E
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA

o ND
o AI

mancano situazioni del pas-


o
ci A

iU A
ci N
iU N

iU E
t
ad L
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

Fr BÉ

a
U

Fr M
Re H E

Re H E
Fr F

St S
C HE

Re H E

St H E

St H E

sato che oggi ci fanno sorride-


LO

Media
T

T
T

re, come le diicoltà a trovare


parcheggio di una mamma in DownSizinG 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
auto con la sua bimba negli
Stati Uniti degli anni cinquan- The biG Sick 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
ta. Altre che ci sorprendono:
le automobili passano il 95 chiAmAmi col TUo… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
per cento del tempo parcheg-
giate. Non si direbbe dalle im-
coco - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111
magini delle strade intasate
di Mosca, la città più traicata
jUmAnji 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111
del mondo. Ma, dice ancora l’orA più bUiA 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111
l’antropologo, è il paradosso
di un mezzo che serve ad an- The poST 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
dare più veloci ma che inisce
per rallentarci. A dirci che il Tre mAnifeSTi A… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
sogno dell’automobile è an-
cora intatto ci sono i disegni e TUTTi i SolDi Del… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
i pensierini dei bambini di
una scuola elementare di
Gli UlTimi jeDi 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
Bologna. Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo

76 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


I consigli Chiamami col tuo nome Grace Jones. Bloodlight Tre manifesti a Ebbing,
della Luca Guadagnino and Bami Missouri
redazione (Italia/Francia/Stati Uniti/ Sophie Fiennes Martin McDonagh
Brasile, 132’) (Regno Unito/Irlanda, 116’) (Stati Uniti/Regno Unito, 115’)

The Post corale dal sapore vagamente zialmente dall’ambientazione


altmaniano, pescando attori a claustrofobica. Almeno gli au-
piene mani da tutto lo spettro tori sono riusciti a portare il
del cinema francese. Abban- dramma a una conclusione
donata l’utopia sociale, la che sembra deinitiva, senza
scrittura dei due autori guada- possibilità di altri seguiti.
gna in sobrietà, il caos nel peter bradshaw,
quale s’immergono non gli dà The Guardian
il tempo di perdersi nelle con-
suete afettazioni. E la scelta Slumber. Il demone
di Jean-Pierre Bacri come di- del sonno
rettore di questa sgangherata Di Jonathan Hopkins
orchestra si rivela particolar- Con Maggie Q. Regno Unito/
mente felice. L’attore riesce Stati Uniti, 2017, 84’
Dr

infatti a rendere più spigolosi ●●●●●


In uscita mazione. Una questione attua- gli spigoli in troppo arroton- Poco dopo l’inizio di questo
le che rende quasi impossibile dati del cinema dei due sovra- thriller soprannaturale, Alice
The Post non mettere tra i buoni i pala- ni della commedia popolare Arnold (Maggie Q), una stu-
Di Steven Spielberg dini della verità. Ma Spielberg francese. diosa del sonno, riceve una
Con Tom Hanks, Meryl Streep. è uno scaltro intrattenitore e murielle joudet, misteriosa nota con la parola
Stati Uniti, 2017, 118’ non appoggia il ilm su banali les inrockuptibles “nocnitsa”. Come faremmo
●●●●● moralismi. Sa anche alleggeri- tutti cerca la parola su Wikipe-
Il coinvolgente The Post di Ste- re con momenti di grande Maze runner. dia. È un momento onesto del
ven Spielberg parla di qualcosa umorismo, sostenuto da un La rivelazione ilm, ma anche involontaria-
che sta molto a cuore ai gior- cast in cui sono perfettamente Di Wes Ball. Con Dylan mente comico, visto che il ilm
nalisti, cioè loro stessi. Am- a loro agio attori divertenti co- O’Brien. Stati Uniti, 2018, 142’ sembra poco più di un adatta-
bientato durante poche con- me David Cross, Zach Woods ●●●●● mento di una serie di ricerche
vulse settimane del 1971, rac- e un meraviglioso Bob Oden- Con tre anni di ritardo (duran- su Google. Comunque la noc-
conta di come il Washington kirk. La debolezza di Spielberg te i quali abbiamo fatto in nitsa è una sorta di demone
Post decise di pubblicare ampi forse è l’ottimismo, ma in que- tempo a scordarci dei due pre- notturno del folklore slavo. Le
stralci dei Pentagon papers, un sto caso non si può non essere cedenti e anche di ridare una nozioni storiche (e anche l’in-
enorme rapporto top secret dalla parte del regista e di prospettiva alle distopie per terpretazione di Maggie Q)
che rendeva conto del coinvol- quello che sembra il suo grido giovani adulti) arriva il capito- danno un’aria apparentemen-
gimento degli Stati Uniti nel d’allarme. manohla Dargis, lo inale della serie Maze run- te soisticata a un ilm di pos-
sudest asiatico dalla ine della The new York Times ner. Una serie che ha perso sessione demoniaca prevedi-
seconda guerra mondiale ino sempre più identità man ma- bile. Neanche la grande quan-
al 1968. Nelle mani di Spiel- C’est la vie. Prendila no che ci si allontanava dal la- tità di rimandi inilata nella
berg questa storia prende la come viene birinto in cui erano rinchiusi i trama lo risollevano dalla ba-
forma di un thriller incalzante Di Olivier Nakache superstiti di un’epidemia apo- nalità. noel murray,
sulla libertà di stampa, sulla ed Éric Toledano. Con Jean- calittica, connotato sostan- los Angeles Times
guerra della Casa Bianca con- Pierre Bacri, Judith Chemla.
tro questo diritto costituziona- Francia, 2017, 116’
le e sulla battaglia in difesa ●●●●●
della libertà di una donna di Max (Jean-Pierre Bacri) orga-
mezza età. Un ilm su un gran- nizza matrimoni da trent’an-
de quotidiano in cui non ci so- ni. A un passo dal ritiro deve
no di mezzo scoop sensaziona- orchestrare una sontuosa fe-
li è una strada poco frequenta- sta in un castello seicentesco.
ta dal trionfalismo hollywoo- La sua fedele squadra è com-
diano. Il cinema poi tende a posta da fotograi, camerieri,
gloriicare o demonizzare i lavapiatti e artisti tanto sim-
giornalisti, piazzandoli a se- patici quanto casinisti. Tre an-
conda dei casi tra i buoni o tra i ni dopo Samba, gli chef stellati
cattivi. Ma al centro di The Post dei buoni sentimenti alla fran-
ci sono i rapporti e l’antagoni- cese diluiscono le loro abituali
smo tra potere e mezzi d’infor- messe conciliatorie in un ilm C’est la vie
Dr

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 77


Cultura

Libri
Italieni Dalla Francia
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Artisti d’oriente
Questa settimana Frederika
Randall che scrive per The
Nation.

MEHDI FEDOUACH (AFP/GETTy IMAGES)


Il fumetto arabo è stato Angoulême, gennaio 2018
il protagonista del
Danilo Soscia festival di Angoulême
Atlante delle meraviglie
Minimum fax, 280 pagine, La 45ª edizione del festival in­
18 euro ternazionale del fumetto,
● ● ●●● chiusa il 28 gennaio, ha riser­
Come designare un libro d’in­ vato un posto d’onore alle no­
venzione di un nuovo tipo, né vità che arrivano dal mondo
romanzo, talvolta ibridato con arabo. L’inagurazione della
il saggio, né classica raccolta mostra Nouvelle génération è
di racconti? Questo volume stata l’occasione per presenta­
che contiene sessanta “para­ re l’antologia Short, pubblicata
bole” è stato chiamato atlante, da Actes Sud: una raccolta di
un bel nome metaforico che brevi storie realizzate da 27 ar­
però non risolve del tutto l’in­ tisti provenienti da tanti paesi
certezza sul come deinire l’in­ diversi, dal Marocco alla Siria. giovani artisti. All’esperienza banese Mazen Kerbaj, che or­
sieme di tanti brevissimi epi­ Nel mondo arabo esisteva già libanese si sono aggiunte Tok mai vive a Berlino, dove ha
sodi sparsi per la storia e il una tradizione legata alla sati­ Tok, una rivista del Cairo, e la pubblicato Histoires vrais de ré-
mondo. Danilo Soscia con la ra e alla caricatura. Ma negli tunisina Lab 619, seguite poi fugiés syriens, l’egiziano Shen­
sua generosa immaginazione ultimi dieci anni il fumetto ve­ da Skerkef di Casablanca. Da nawy con la sua Gang des epon-
costruisce storie i cui protago­ ro e proprio ha vissuto un queste esperienze sono emersi ges e il tunisino Othmane Sel­
nisti sono Rimbaud, Telema­ boom nella regione. La rivista artisti come Mohammed el mi, autore della favola orwel­
co, Gramsci, Marco Polo, Jurij Samandal, fondata a Beirut Bellaoui, alias Rebel Spirit, au­ liana Peuple escargot.
Gagarin, Edipo, Hitler, le ca­ nel 2007, è stata una fucina di tore di Guide casablancais, il li­ Le Monde
vallette bibliche, Agamenno­
ne, Nietzsche e il leopardo di
Basilea. Sono racconti, alcuni Il libro Gofredo Foi
quasi minuscoli romanzi, di­
pinti con grazia. In Licantro-
pia, raccontato dal marchese
Vincitori e vinti
de Sade, Bashaar, un inser­
viente siriano al manicomio di
Charenton – in passato ha se­ Stig Dagerman si accanirono sulla Germania, digna. Giovane anarchico, sa
guito Napoleone in Francia – Autunno tedesco dopo averla ridotta in macerie, che i vincitori non sono inden­
lava ogni sera i piedi al grande Iperborea, 160 pagine, 16 euro trattando i vinti con il disprez­ ni da colpe, e si comporta da
pornografo, raccontandogli Ritornano, nella bella tradu­ zo di chi pensa di aver trovato sociologo politico più che da
storie degli altri internati, tra zione di Massimo Ciaravolo chi ha più colpe di lui e si sente giornalista, con saggezza di
cui il licantropo. De Sade è at­ dell’edizione 1987, le corri­ giustiicato nel suo accani­ proletario. Questo reportage si
tratto da Bashaar, una sera gli spondenze di Stig Dagerman, mento, non guardando al lutto accosta ai romanzi, ai ilm e
dice “credo di amarti” ma lui che allora aveva 23 anni, dalle e alla fame che sui vinti conti­ alle memorie di Ernst Wie­
non risponde. “Percepii solo le macerie di una Germania del nuano ad accanirsi. Far la mo­ chert e Arno Schmidt, di Ros­
sue dita pungere come le un­ 1946, vinta e occupata. Un rale agli afamati, dice Dager­ sellini e di Heinrich Böll, e
ghie piacevoli di un gatto che classico da cui gli aspiranti man, non è mai molto eicace. consegna pagine memorabili
si insinuano nell’epidermide giornalisti avrebbero tanto da Dagerman gira la Germania, si sul rapporto tra letteratura e
per sapere quanto forte sia il imparare. Scrisse Simone Weil muove tra le macerie, vede le soferenza. Sull’orrore della
battito cardiaco del proprio che “la giustizia si allontana vecchie e le nuove distanze so­ guerra si capisce di più da que­
oggetto d’amore”. La ine è sempre dal carro dei vincito­ ciali, constata i lasciti del pas­ sto libro che da tanti libri di
amara, come per molte delle ri”, ieri come oggi, in tante sato nazista ma anche la du­ storia, scritti quasi sempre dal­
igure in questo libro. parti del pianeta. E i vincitori rezza dei vincitori, e se ne in­ la parte dei vincitori. u

78 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


I consigli Eli Gottlieb João Ricardo Pedro Amedeo Bertolo
della Un ragazzo d’oro Una cartolina da Detroit Anarchici e orgogliosi
redazione (Minimum fax) (Nutrimenti) di esserlo
(Elèuthera)

Il romanzo Santiago Gamboa papa Francesco. Ma per saper­


Ritorno alla buia valle ne di più bisogna leggere
Gamboa.
Vivere all’inferno Edizioni e/o, 459 pagine,
19 euro Paola Guevara,
●●●●● El País (Colombia)
Ritorno alla buia valle di San­
tiago Gamboa è un romanzo
ATLANTIC BOOKS

Michael Honig Michael Honig Michal Ben-Naftali


Gli ultimi giorni ricco e polifonico, il ritratto di L’insegnante
di Vladimir P. un mondo ostile nel quale Mondadori, 183 pagine,
Frassinelli, 327 pagine, l’unico rifugio possibile sem­ 19 euro
18,90 euro bra essere la ricerca, il viaggio, ●●●●●
● ● ● ●● l’andata e il ritorno, l’esplora­ Nessuno conosceva la storia
C’è una ragione per cui zione senza tregua. Il libro ha della vita di Elsa Weiss. Era
Vladimir Putin e Donald un interessante cast di perso­ una rispettata insegnante di
Trump si piacciono tanto: naggi, tra i quali una poeta di inglese in una scuola superiore
entrambi non amano la realtà, Cali, Manuela Beltrán, che di Tel Aviv, ma restò appartata
e sembrano avere una racconta la sua vita tormenta­ e non cercò mai di essere ami­
dispensa speciale (per non ta a uno psicoanalista e che chevole con i suoi studenti. Al
dire totale libertà) dai fatti. cerca disperatamente di fuggi­ di fuori dell’insegnamento, ri­
Putin ha cambiato così re dai ricordi di un’infanzia iutò di educarli, non cercò di
profondamente la Russia da sfortunata attraverso i libri e la inluenzare il loro futuro o di
aver trasformato la realtà poesia. E poi ci sono Juana e il plasmare le loro coscienze.
stessa. La sua è una Console, due personaggi ri­ Nessuno l’ha mai incontrata al
fantasmagorica performance chiari. Il nipote di Sheremetev, presi da un romanzo prece­ di fuori dell’orario scolastico.
sul palcoscenico più grande Pasha, pubblica un’invettiva dente. I tre iniscono per in­ Quando Elsa si uccise saltan­
del mondo, ed è strano che sia online contro l’ex presidente e trecciare un complesso lega­ do dal tetto del suo condomi­
stato usato così poco come inisce in galera. Per liberarlo me che li spinge a pianiicare nio, continuò a essere scono­
personaggio romanzesco. servono diecimila dollari. Poi una vendetta comune. Questo sciuta come lo era stata duran­
Forse la sua realtà non le autorità scoprono che lo zio progetto li riporta in Colom­ te la vita. Trent’anni dopo, il
richiede abbellimenti artistici. del ragazzo è nello staf di bia, un paese rinnovato che narratore del romanzo, uno
Sotto questo aspetto, Gli ultimi Vladimir e la cifra sale a Gamboa immagina come un dei suoi studenti, decide di ri­
giorni di Vladimir P. è una trecentomila. Sheremetev è paradiso del dopoguerra dove solvere l’enigma di Elsa Weiss,
novità importante. Tra costretto a entrare in mondi il perdono è di moda, una vali­ ripercorrendo le orme di una
vent’anni Vladimir è in loschi. Una delle cose più da alternativa alla disillusione sopravvissuta alla shoah che
pensione a causa della meritevoli del romanzo di per un’Europa in crisi, scossa ha fatto del suo meglio per non
demenza strisciante. Honig è che non è né satirico dal terrorismo imprevedibile e lasciare impronte. L’insegnante
Trascorre le sue giornate in né polemico. È pieno di piena di una rinnovata ostilità è un romanzo insolito. Ben­
una tenuta vicino a Mosca, umorismo, ma Honig verso gli immigrati. A conti Naftali riesce nell’impresa im­
curato da uno staf di quaranta comprende la realtà grottesca fatti, questo romanzo ruota in­ possibile di dare parole a una
persone, e lotta con un di un luogo in cui l’uomo torno al dramma del ritorno. È realtà inefabile, quella della
immaginario assalitore ceceno onesto è visto come un possibile tornare? E se uno tor­ shoah. Elabora un non lin­
ino a quando è calmato dal vigliacco e se vuole na, torna allo stesso luogo da guaggio che va dritto al corpo
suo infermiere, Nikolaj combattere il sistema corrotto cui se n’è andato? O la crudele e all’anima, e che si combina
Sheremetev. Sheremetev è il “è colpa sua”. Verso la ine, verità è che la vita è progettata con l’umorismo, con l’analisi
nostro eroe, l’ultima persona mentre Sheremetev per non aver ritorno, per anda­ severa e ponderata, con la te­
onesta in Russia. Il resto del sprofonda, l’autore perde re sempre avanti e mai indie­ nerezza e la durezza, con l’in­
personale non ha la sua stessa iducia nei lettori e comincia a tro? Gamboa segnala un gran­ telligenza e una delicatezza
qualità: c’è Stepanin, il cuoco spiegare che succede e quanto de paradosso: molti latino­ che va oltre le parole. Il lettore
promiscuo, ubriacone di è grande la tragedia russa. americani sono emigrati in potrà cogliere la grandezza del
talento che sogna di gestire un “Vivere in Russia è vivere Europa in cerca del futuro per compito intrapreso e il miraco­
suo ristorante; Barkovskaya, la all’inferno”, dice il cuoco a poi scoprire – sorpresa – che il lo della sua attuazione. La
nuova terriicante governante; Sheremetev. “Se non fosse futuro era in America Latina. scrittura, dal punto di vista di
Goroviev, il giardiniere stato Vladimir a rovinarci, A completare il quadro, un Ben­Naftali, è un atto gradua­
inaferrabile; e una schiera di sarebbe stato qualcun personaggio di nome Tertulia­ le di redenzione dell’altro.
guardie di sicurezza i cui altro”. Boris Fishman, no, predicatore argentino che Hanna Herzig,
compiti non diventano mai The New York Times assicura di essere il iglio di Haaretz

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 79


Cultura

Libri
Jess Kidd sono introdotti con la stessa maneggiare la lingua e di far Biograie
Lascia dire alle ombre rapidità e intensità di un giallo parlare i personaggi, e un’im­
Bompiani, 400 pagine, 19 euro di Agatha Christie. Il loquace maginazione debordante (ai
● ● ●●● pubblicano Tadgh, la puritana conini dell’esoterico) nell’ide­
Focaccine avvelenate, lettere Widow Farelly, il sergente Jack are i delitti. I suoi serial killer
bomba, un eroe che vede la Brophy e il pungente parroco non hanno niente a che vedere

MICHELE STAPLETON
gente morta e un villaggio ir­ don Quinn formano un cast con quelli di altri autori. Gli
landese degli anni settanta colorato, anche se un po’ ste­ appassionati ritroveranno qui
che farebbe di tutto per man­ reotipato. A elevarne il livello il talentuoso commissario
tenere la sua facciata pia: gli è una vecchia ex attrice, la si­ Adamsberg, sempre vagabon­
ingredienti del mistero e del gnora Cauley, che si deinisce do e lemmatico, e il suo mi­ William Taubman
dramma sono tutti presenti una “Miss Marple con le pal­ glior nemico e assistente, il co­ Gorbachev
all’inizio dell’esordio di Jess le”. In un romanzo dove molti mandante Danglard, partico­ Norton
Kidd. Lascia dire alle ombre si fantasmi aiancano i vivi, larmente di cattivo umore. In Saggio colto ed empatico che
propone come un racconto di Kidd riesce a sorprendere con un’atmosfera di scaramucce segue Michail Gorbačev dal
violenza e morte in una comu­ una miscela di macabro e do­ dispettose dove i colpi bassi si 1985 al Natale del 1991. Taub­
nità aiatata in cui qualsiasi mestico. Tuttavia Lascia dire nutrono di letteratura, la bri­ man è docente di scienze poli­
abitante potrebbe essere un alle ombre non è molto più che gata si trova alle prese con un tiche all’Amherst college, in
sospetto. Il prologo avvincente un capriccio poliziesco su massacro di vecchi signori nel Massachusetts.
ricorda una iaba dei Grimm: un’Irlanda che non esiste più. sud della Francia. Ecatombe
nel 1956 un bambino è abban­ Sarah Gilmartin, particolarmente misteriosa Joanna Scutts
donato in una foresta dopo che The Irish Times poiché l’assassino sembra es­ The extra woman
sua madre adolescente è stata sere nient’altro che un ragno, Liveright
brutalmente assassinata. Il ro­ Fred Vargas tanto spaventoso e solitario Marjorie Hillis, scrittrice e
manzo alterna il racconto Il morso della reclusa quanto poco velenoso. Si viene giornalista nata nel 1889, nel
dell’omicidio della bellissima Einaudi, 432 pagine, 20 euro coinvolti in una macchinazio­ 1936 scrisse una divertente
Orla e la vicenda dell’orfano ●●●●● ne machiavellica dove s’impa­ guida per la donna single.
adulto, Mahony, che torna a Nei romanzi di Fred Vargas c’è ra tutto sui ragni, e non solo. Scutts è una storica e critica
Mulderrig dopo vent’anni. Il sempre qualcosa in più del po­ Un romanzo agghiacciante letteraria di New york.
tono ironico dà leggerezza al liziesco. Una certa poesia, un quanto ediicante.
romanzo, dove i personaggi grande godimento nell’arte di Valérie Gans, Le Figaro Miriam Gebhardt
Die Weiße Rose
Deutsche Verlags-Anstalt
Non iction Giuliano Milani Il movimento antinazista La
rosa bianca è associato ai due
fratelli Hans e Sophie Scholl.
La legge dei padri Gebhardt racconta la loro sto­
ria e quella degli altri compo­
nenti di quel gruppo di studen­
Yan Thomas mas costruisce una spiegazio­ mento che, pur provocando ti dell’università di Monaco.
La mort du père. Sur le ne alternativa e inisce per of­ conseguenze giudiziarie, re­ Gebhardt è docente di storia
crime de parricide à Rome frire un’immagine nuova di stava una questione di danni all’università di Costanza.
Albin Michel, 292 pagine, quel mondo lontano. La socie­ disciplinata dal diritto privato,
22 euro tà romana era ossessionata dai il parricidio fu sempre consi­ Matthieu Arnold
Nel diritto romano il parricidio igli che uccidevano i padri derato un delitto politico, me­ Luther
era un crimine particolarmen­ perché in quella società i padri ritevole di pene esemplari (co­ Fayard
te perseguito e normato. Leg­ avevano privato i igli di ogni me quella in cui il colpevole Arnold, docente di storia
gendo i testi giuridici si po­ autonomia politica e potevano era cucito in un sacco e gettato all’università di Strasburgo,
trebbe pensare che gli antichi disporre della loro vita e della nel Tevere). Sofermandosi su traccia un proilo di Martin Lu­
romani passassero il loro tem­ loro morte. Il padre a Roma altre conseguenze di questa tero, partendo dalle sue lette­
po a uccidere i propri genitori, non era solo il vertice della fa­ centralità del padre e mostran­ re. Più che un divisore, Lutero
ma non è così. Partendo da miglia, ma un’istituzione pub­ do la razionalità nascosta della sembra un costruttore, capace
questo dato e da queste ipote­ blica, un nodo fondamentale macchina giuridica romana, di confortare i bisognosi e ful­
si, nel volume postumo, appar­ dell’organizzazione statale. Thomas ci apre le porte di un minare gli avversari.
so da poco in Francia, il gran­ Per questo, mentre l’omicidio modo di pensare radicalmente Maria Sepa
de storico del diritto yan Tho­ rimase a lungo un comporta­ diverso dal nostro. u usalibri.blogspot.com

80 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Ragazzi Ricevuti
La bellezza Claudio Giunta
Come non scrivere
della iena Utet, 224 pagine, 16 euro
Consigli ed esempi da
seguire, trappole e scemenze
Julia Donaldson da evitare quando si scrive in
e Axel Scheler italiano.
Gli orribili cinque
Emme edizioni, 32 pagine, Patrizio Gonnella
13,90 euro Il diritto (non) ci salverà
La savana è bella. Brilla per Manifestolibri, 112 pagine,
quanto è bella. La sabbia do­ 8 euro
rata, il verde acceso delle aca­ Il diritto ci salverà dalle
cie, il cielo di un blu che toglie catastroi umanitarie, dal
il iato. E poi ci sono gli ani­ delirio identitario, dal
mali che la popolano. Anche razzismo, dalla tortura e dalla
loro sono belli. La zebra, la gi­ violenza delle istituzioni?
rafa, il leone, re della savana,
con la sua spettacolare crinie­ Letizia Pezzali
ra. Li vediamo che prendono Lealtà
il sole e attendono. E tutto Einaudi, 280 pagine, 17 euro
sembra andare per il verso Fumetti L’ossessione amorosa di una
giusto. Poi, improvvisamente, giovane per un uomo più
a tutta pagina, irrompe un vecchio di vent’anni nel
animale con la gobba, i peli
Dolce limbo feroce mondo della inanza.
messi tutti fuori posto che bel­
lo proprio non è. E lo dice: Roberto Camurri
“Orribile, io sono”. Lo gnu Fabrizio Càlzia, da, tutta in bianco e nero, tor­ A misura d’uomo
pensa di essere l’animale più Ivo Milazzo na nel passato. Questa secon­ Nne, 168 pagine, 16 euro
brutto della Terra e per questo Uomo faber da parte accatasta in maniera Amori e amicizie, iducia e
si dispera. Ma non sa, anche Nicola Pesce editore, 112 pagine, intuitiva, rapsodica, momenti tradimento in un piccolo
se lo scoprirà molto presto, 19,99 euro diversi del vissuto giovanile paese dell’Emilia in cui tutti
che insieme a lui ci sono altri Tutto è come un dolce limbo o di De André, a cominciare lottano per liberarsi da un
orribili creature che fanno un una dolce pre­morte, anche se dalla sua attenzione per i inspiegabile senso di colpa.
po’ ribrezzo per come sono il racconto sembra invece un marginali, come le prostitute,
conciati. Di questa “brutta” inno alla bellezza della vita. nell’italietta degli anni ses­ Pino Corrias
compagnia fanno parte la ie­ Anzi sta proprio qui, in questa santa e settanta, nella Geno­ Nostra incantevole Italia
na sgraziata con la pelle a sorta di dualità non dichiarata, va dove è nato. A forza di ac­ Chiarelettere, 372 pagine,
chiazze, l’avvoltoio orecchiu­ di morte apparente e, inversa­ catastarli scivola in maniera 18 euro
to, uccellaccio spaventoso, il mente, vita apparente, la gran­ evidente nel sogno. Ma in Inedita geograia dell’identità
facocero dal corpo tozzo e il dezza di quest’opera. Anche la fondo anche la parte a colori degli italiani in luoghi che ne
muso ricoperto di verruche, il struttura narrativa e visiva è sembra un limbo, un eterno hanno segnato la storia: la
marabu pelato, gobbo e smi­ speculare a questa dualità. Mi­ ripetersi di luoghi, persone e villa di Arcore, la Ostia di
surato. Un quintetto di brutti lazzo e Càlzia hanno realizza­ riti di vita rassicuranti, come Pasolini, Capaci, piazza
che più brutti non si può. Ma to questa biograia fuori dagli spiriti che permangono attac­ Fontana, il Vajont.
questi brutti sono le creature schemi di uno dei cantautori cati per sempre all’utero di
più belle del mondo per i loro di maggior spessore nella sto­ una vita felice nel quotidiano. Cinzia Scaidi
cuccioli. E si capisce in un at­ ria della musica italiana, Fa­ La domanda posta da De An­ Che mondo sarebbe
timo che la bellezza sta brizio De André, nel 2010, ora dré al fratello Mauro assente, Slow Food, 160 pagine,
nell’amore che proviamo, non riproposta in un elegante car­ con la quale si chiude la prima 14,50 euro
certo nell’aspetto. Dalla ban­ tonato. Una prima parte a co­ parte, e ancor più il inale ne Come il marketing orienta i
da del Grufalò un albo classi­ lori va in cerca di luoghi e per­ sono la poetica e deinitiva desideri dei consumatori e ne
co da non perdere. sone semplici importanti nel conferma. deinisce i modelli sociali e le
Igiaba Scego vissuto dell’artista. La secon­ Francesco Boille relazioni.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 81


Cultura

Musica
Dal vivo Dalla Spagna
Ninos du Brasil
Bologna, 2 febbraio
Tutti i nomi del Primavera sound
locomotivclub.it
Marghera (Ve), 3 febbraio
ples, Arca, Fever Ray,

XAVI TORRENT (WIREIMAGE/GETTY)


rivoltapvc.org Il festival di Barcellona
ha rivelato il programma Slowdive e Rhye. E se si cerca
Hercules & Love Afair dell’edizione 2018 di fare uno sforzo e di guar-
Milano, 3 febbraio dare i nomi scritti in piccolo
santeria.milano.it/toscana Il 19 dicembre sul sito del Pri- nei manifesti si trovano i no-
mavera sound è stato pubbli- stri artisti preferiti: (Sandy)
Goran Bregović cato un video. Nel ilmato si Alex G, Rostam, Sylvan Esso,
Padova, 3 febbraio vedevano dei fan del festival, Jlin, Thundercat, 0PN e Wa-
granteatrogeox.com estratti con un concorso, che xahatchee. Da un po’ di tem-
Roma, 4 febbraio guardavano per la prima vol- po il Primavera sound è uno
auditorium.com ta la line up sullo schermo di tante Lorde, autrice di uno dei migliori festival del mon-
Firenze, 5 febbraio un computer. Alcuni rideva- dei migliori dischi del 2017, do. È famoso anche per an-
obihall.it no, altri si commuovevano. Il star afermate come Nick Ca- dare avanti ino a tarda notte
Bologna, 7 febbraio 28 gennaio il cartellone ve & The Bad Seeds e Björk, , e per regalare agli spettatori
auditoriumanzoni.it dell’edizione 2018 è stato ma anche artisti rap come i esibizioni a sorpresa. Gli or-
pubblicato e alcune reazioni Migos, Tyler The Creator e ganizzatori però sperano di
Iron & Wine si capiscono meglio. Tra i no- A$AP Rocky. Nel cartellone non dover gestire cancella-
Milano, 5 febbraio mi di punta di questa edizio- ci sono altri nomi interessan- zioni dell’ultimo momento,
alcatrazmilano.it ne ci saranno i britannici Arc- ti: The War On Drugs, Father come quella di Frank Ocean
tic Monkeys, gli statunitensi John Misty, Jane Birkin, Nils nel 2017.
Carmen Souza The National, la giovane can- Frahm, Chvrches, Vince Sta- Philip Cosores, Uproxx
Salerno, 5 febbraio
modoristorante.it
Prato, 7 febbraio Playlist Pier Andrea Canei
exchiesasangiovanni.it
Cagliari, 9 febbraio
blat.it
Exit spaesati
Calibro 35
Torino, 8 febbraio 47Soul Fabio Macagnino Edoardo Chiesa
hiroshimamonamour.org

Pop X
1 Marked safe
Al loro suono hanno dato
il nome di shamstep (dalla
2 Blue Dahlia
Brano di un architetto-
cantautore nato in Germania e
3 Il ilo
Con quella faccia, quei
boccoli e quelle camicie but-
Padova, 8 febbraio Bilād al-Shām, la cosiddetta tornato alle radici nella Locri- ton down un po’ così che han-
discotecapiuno.it Grande Siria). Lo stile deriva de. Tra GerMagna, una canzo- no i savonesi che hanno visto
Bologna, 9 febbraio dal dabke, musica per feste di ne sullo spaesamento aspira- New York, il cantautore immo-
facebook.com/linkassociated famiglia, matrimoni, uscite zionale (il sogno di esportare bile nel mezzo della brulicante
dal carcere dei prigionieri, pizze e tarantelle a nord, im- metropoli guarda in faccia
contaminata dall’elettronica e portare soldi e risveglio) e Car- all’iPhone con cui viene ripre-
YOuSSEF BOuDLAL (REuTERS/CONTRASTO)

dalla rabbia. I 47Soul hanno ma, un cullarsi dentro a ritmi so nel suo video da spaesato.
origini palestinesi e residenza esistenziali slow che è il con- Al video corrisponde una can-
londinese (nella torre Balfron, cetto calabresi’s karma che da zone dal suono essenziale: la
poi diventata teatro di sfratti e il titolo al suo album: Canda- ribellione contro le nostre con-
rabbia sociale, da cui il titolo lìa. Alla ine, la vera terra pro- nessioni e i maldipancia che ne
dell’album, Balfron promise). messa è in fondo alla statale derivano, e un invito a resiste-
Tastiere mediorientali, ritmo 106, e in capo a una ballata che re. Piccoli Fossati si rivelano? Il
di tabla, tensioni, vitalità, in- registra “malavitosi senza suo album Le nuvole si spostano
treccio di testi in inglese e in onore, natura abbacinante, ci- comunque è da consigliare più
arabo, caos organizzato come bo lussureggiante, buche pie- che altro a chi ama i fabbri di
Carmen Souza le loro vite alla Exit west. ne di strade”. canzoni d’una volta.

82 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Pop/rock Glen Hansard Nils Frahm Generic Animal
Scelti da Between two shores All melodies Generic Animal
Luca Sofri
Anti- Erased Tapes La Tempesta

Album Migos tura vibrante del sudovest de-


gli Stati uniti e delle terre su-
Migos bito oltre il conine. L’ultimo
Culture II disco del gruppo non fa ecce-
Capitol Records zione. Il deserto risuona in
●●●●● Voices in the ield, mentre Girl
I sequel non sono una cosa fa- in the forest è avvolta in echi e
cile. Tutti vogliono essere Il strimpellate che rimandano a
padrino, ma rischiano di inire strade vuote. Ma questo non
come Matrix. Culture II, il signiica che l’album sia fatto
nuovo disco dei Migos, non è solo di pace e calma: a prescin-
all’altezza del primo capitolo. dere dalla vastità dello spazio
MIGOS

In Culture il gruppo trap di At- intorno a noi, a deinirci sono


lanta era all’apice dell’ispira- ancora il tempo, le emozioni e
zione, mentre ora è all’apice di, dove trovavano parchi di sere deiniti musica house. I la memoria. La geograia può
del successo. Il nuovo album divertimento notturni illumi- testi di Garbus, un po’ come il servire come pietra di parago-
del trio però ha il pregio di es- nati dai neon, tra ristoranti di progetto nell’insieme, sono di- ne per la musica dei Calexico,
sere divertente e coinvolgente lusso e discoteche. E proprio lì retti ma a volte risultano a ma- ma The thread that keeps us di-
per tutti i suoi 105 minuti di è nato un nuovo suono in- lapena sopportabili. Gli ecces- segna un paesaggio tutto suo.
durata. Le canzoni parlano an- luenzato dall’rnb statunitense si per fortuna sono compensa- Jason Heller, Npr
cora di droga, macchine e gio- e dal boogie funk: il City pop. ti da una buona dose di umori-
ielli. I Migos fanno anche au- Questa compilation della Cul- smo. A un certo punto il mix Marc-André Hamelin
toironia nel brano Too much je- ture of Soul si apre con Exotic tra lunghi pezzi dance e testi e Leif Ove Andsnes
welry. Il successo ha anche yokogao di Hitomi Tohyama, che rimettono in discussione il Stravinskij: Le sacre du
permesso alla band di attinge- che ci porta dritti in quell’at- mondo messo a punto da Gar- printemps e altri pezzi
re a una lista invidiabile di ta- mosfera. Il City pop era una bus si fonde in una logica am- Marc-André Hamelin e Leif Ove
lenti: Kanye West ha copro- fusione di stili con le fonda- maliatrice. La realtà è più Andsnes, pianoforti
dotto il brano BBO, tra gli ospi- menta ben salde nella disco, complessa di come appare a Hyperion
ti ci sono Drake, Nicki Minaj, nel funk e nel soul con apertu- un primo sguardo. ●●●●●
Cardi B, Gucci Mane e altri. Le re verso generi molto diversi. Ian Maleney, Ha senso ascoltare Le sacre du
canzoni sono buone, ma alme- Non sorprende che il sapore di The Irish Times printemps nel suo arrangia-
no sei brani avrebbero dovuto questi brani sia soprattutto mento per due pianoforti? As-
essere tagliati perché non ag- quello del j-pop e del power Calexico solutamente sì. È necessaria-
giungono niente all’insieme. I pop. Tokyo nights è un album The thread that keeps us mente monocromo rispetto al-
Migos, invece che sperimenta- festaiolo che ricorda tempi Anti- la versione originale per or-
re un po’, si sono sforzati trop- spensierati ormai lontani. ●●●●● chestra, ma rivela una chiarez-
po di fare il disco che tutti si Eugenie Johnson, La geograia ha un suo modo za armonica e un’attenzione
aspettavano. Ma hanno talen- Drowned in Sound di penetrare nella musica, e i alla melodia che lo rendono
to e si sono guadagnati la no- Calexico lo sanno. Nella loro speciale, più lineare e più liri-
stra attenzione. Ora vediamo Tune-Yards carriera più che ventennale, co. Alle prese con un reperto-
come se la caveranno con Cul- I can feel you creep into my per deinire il loro indie espan- rio tanto diicile e complesso,
ture III. private life so e transculturale hanno at- Hamelin e Andsnes sono una
Colin Groundwater, 4AD tinto al clima arido e alla cul- specie di dream team del duo
Pretty Much Amazing ●●●●● pianistico. Per farla semplice,
I primi tre album di Merrill ci ofrono un’interpretazione
Artisti vari Garbus con il nome Tune- del Sacre che non è solo tecni-
Tokyo nights: female j-pop Yards segnano il passaggio da camente sbalorditiva, ma
boogie funk 81-88 una rustica intimità lo-i a un compete con le migliori esecu-
Culture of Soul soisticato pop di studio. Il zioni per orchestra. Non va di-
●●●●● nuovo album, il quarto, conso- menticato l’altro lavoro impor-
Il Giappone negli anni ottanta lida questa evoluzione che du- tante dell’album, il concerto
era un paese in euforica cresci- ra da un decennio. È un disco per due pianoforti. Se prende-
JAIRO ZAVALA

ta con un tasso di disoccupa- pieno di energia, in cui il talen- te Stravinskij sul serio, questo
zione basso. In quel periodo to vocale di Garbus si applica a è un disco necessario.
molti giovani uomini e donne dei ritmi ruvidi e allentati che David Hurwitz,
si trasferirono nelle città gran- sempliicando potrebbero es- Calexico ClassicsToday

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 83


Cultura

Video
Into eternity. A ilm for
the future
In rete
Sabato 3 febbraio, ore 21.10 A message
Rai Storia
Il regista danese Michael Mad- from Earth
sen prende spunto dalla que-
stione irrisolta dello stoccag- amessagefrom.earth
gio delle scorie nucleari e dalla Dietro questo progetto che
costruzione di un rivoluziona- celebra i quarant’anni dal
rio deposito in Finlandia, per lancio nello spazio delle
una rilessione sul futuro navicelle Voyager I e II da
dell’umanità. parte della Nasa, c’è il noto
servizio di trasferimento di
Ritratti abusivi ile WeTransfer. A bordo di
Sabato 3 febbraio, ore 22.10 ognuna di quelle sonde c’era
Rai Storia un disco dorato le cui incisioni
La comunità abusiva di Parco Dvd graiche e sonore dovrebbero
Saraceno a Castel Volturno, in un giorno raccontare, a una
provincia di Caserta, attende il Voce ai colpevoli ipotetica civiltà extraterrestre
suo destino tra miserie, illega- che li recuperasse e fosse
lità e violenze quotidiane: capace di interpretarli, chi
nell’arco di un anno dovrà far Nel confronto inalmente nuti per reati sessuali tornino a siamo (o forse chi eravamo)
posto a un porto turistico, sim- aperto sul tema delle molestie commettere quei crimini. Il re- qui sulla Terra. A quaranta
bolo del rilancio del territorio. sessuali manca (comprensibil- gista di Un altro me, Claudio personalità dei campi più
mente) la voce dei colpevoli, Casazza, ha ilmato riunioni e disparati, dalle scienze alle
Spielberg che nessuno ha troppa voglia conversazioni per un anno, co- arti, è stato chiesto cosa
Domenica 4 febbraio, ore 21.15 di stare ad ascoltare. Nella ca- stringendo gli spettatori (uo- sceglierebbero oggi per
Sky Arte sa di reclusione di Bollate mini soprattutto) a confrontar- rappresentare l’umanità. Il
Vita e carriera di uno dei più qualcuno per mestiere deve si con il sessismo e gli alibi che sito raccoglie le loro proposte,
importanti autori del cinema invece ascoltarla: sono i crimi- risuonano ovunque nella no- divise in sei aree: saluti, suoni,
statunitense e una delle igure nologi e i terapeuti impegnati stra società, ben oltre quelle musica, immagini, impulsi
più inluenti della grande in- a ridurre il rischio che i dete- stanze. lab80.it/unaltrome cerebrali, donare.
dustria di Hollywood, con le
testimonianze di colleghi, at-
tori e dei genitori. Fotograia Christian Caujolle
Ossessione Vezzoli
Venerdì 9 febbraio, ore 21.15
Pubblicità invadente
Sky Arte
Il bresciano Francesco Vezzoli
è uno dei nomi italiani più noti L’inizio del 2018 ha portato ai La sperimentazione non potrà sfruttare le
dell’arte contemporanea. In francesi una nuova polemica prevede che questi pannelli animazioni che ormai
questo ilm ripercorre luoghi e sulla pubblicità negli spazi siano cambiati almeno una caratterizzano molti
incontri che hanno segnato la pubblici. Tutto parte da una volta al mese e siano realizzati manifesti, questa nuova forma
sua carriera. decisione del governo (che in con materiali completamente di pubblicità, oltre ad
realtà risale all’autunno del biodegradabili, in modo da aumentare l’inquinamento
This is plastic 2017) che in tre città – avere il minor impatto visivo, inirà necessariamente
Venerdì 9 febbraio, ore 22.45 Bordeaux, Lione e Nantes – in ambientale possibile. Inoltre per alimentare un sentimento
Sky Arte via sperimentale, ha le immagini non potranno claustrofobico nei pedoni, che
Trent’anni di storia del Plastic, autorizzato gli annunci nascondere o “dissimulare” la hanno sempre meno spazio
celebre discoteca di Milano: li- pubblicitari stampati al suolo. supericie su cui sono posate. nelle strade cittadine. A São
bertà, divertimento e speri- Si tratta di spazi su In qualche modo si tratta Paulo è stata vietata ogni
mentazioni a ritmo di musica, marciapiedi, strade e altro, per comunque di una specie di forma di pubblicità per strada.
con la voce narrante di Nicola una larghezza massima di 2,50 privatizzazione a scopo I cittadini hanno apprezzato,
Guiducci, storico direttore ar- metri, in cui incollare commerciale di spazi ma altrove nessuno sembra
tistico del locale. manifesti pubblicitari. altrimenti pubblici. Anche se voler seguire quell’esempio. u

84 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Cultura

Arte
Pillole di saggezza Pierre-Jacques Volaire, Eruzione del Vesuvio dal ponte della Maddalena, 1782
instagram.com/damienhirst
Damien Hirst è tra gli artisti di
maggior successo dei nostri
tempi ma è anche il più di-
scusso. Sebbene la sua pagina
Instagram non sia una novità,
ultimamente il tono dei post è
cambiato e lo sguardo sul suo
lavoro è diventato più pene-
trante, diretto e personale.
Forse non sarà farina del suo
sacco, ma la voce di @da-
CoURTESy MUSEo E REAL BoSCo DI CAPoDIMoNTE, NAPoLI FoTo © LUCIANo RoMANo

mienhirst ha il pregio di avvi-


cinarci al suo lavoro. A propo-
sito della sua Boxes di cartone
del 1988, ci dice che sembrava
una schifezza fatta durante
uno di quei programmi che in-
segnano il bricolage ai bambi-
ni, nonostante passasse come
l’opera più rivoluzionaria del
momento. E a proposito
dell’installazione del 1996
con una palla colorata lut-
tuante sospesa su un getto
d’aria, per la quale si era parla-
to di corruzione della carne,
desideri irrealistici, amore
problematico, oggi Hirst com-
menta che è un gioco e una
piccola magia.
Dazed Italia
Contro il sogno americano
America! America!, Museo
Antico e moderno a Napoli
Frieder Burda, Baden-Baden,
Germania, ino al 21 maggio
L’era di Trump ha appannato Pompei@Madre cosi di Richard Long. Un dia- ha trasformato l’ingresso in
il fascino culturale degli Stati Madre, Napoli, ino al 30 aprile logo tra antico e contempora- un atrio di specchi a strisce
Uniti e cancellato ogni iducia La Pompei del museo Madre è neo ampliicato dalle stratii- gialle e rosse. L’argentino
nel progresso del postmoder- delineata da centinaia di ope- cazioni di stili dell’ediicio che Adrián Villar Rojas ha instal-
nismo. Che in una mostra de- re che nel corso dei secoli ospita la mostra. Il Madre è lato blocchi di pietra come re-
dicata al mito americano hanno rappresentato Napoli e uno squarcio neoclassico nel perti archeologici. Gli afre-
manchino gli dei dell’espres- i suoi siti archeologici. Un’eru- tessuto urbano di uno dei schi di Francesco Clemente
sionismo astratto (Rothko, zione del Vesuvio nell’imma- quartieri più popolari di Napo- racchiudono una serie di og-
Pollock e de Kooning) è stra- ginario romantico di Johan li: da una parte ci sono i mo- getti trasportati da Pompei. Il
no. America! America! è un’al- Christian Dahl; il calco di un saici e le arcate della chiesa e dialogo tra antico e contem-
ternativa dichiarata alla reto- teschio del cimitero delle Fon- del monastero di Donnaregi- poraneo ha una carica emoti-
rica del “prima l’America”. Ri- tanelle nell’installazione di na, dall’altra se allunghi la va che prosegue oltre le mura
unisce artisti che hanno fatto Rebecca Horn, illuminata da mano riesci a toccare il bucato del museo in una miscela di
un’analisi critica del loro tem- luci al neon madreperla riles- steso sul balcone scrostato di monumenti, suoni e colori che
po. Con un’evidente intolle- se da specchi tondi orientati e un palazzo barocco annerito. cancellano il conine tra la sto-
ranza per i luoghi comuni e le animata da una voce che can- Anche antico e concettuale ria e la vita che scorre dietro
generalizzazioni che hanno ta; antiche ciotole di terracot- convergono in un cortocircui- l’angolo.
scandito la storia americana. ta circondate da murali vorti- to abbagliante. Daniel Buren Financial Times

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 85


Pop
L’illuminismo africano

Dag Herbjørnsrud
ncora oggi, nel ventunesimo secolo, ciano le persecuzioni contro i liberi pensatori, che si

A gli ideali dell’illuminismo – la ragione, intensiicano a partire dagli anni trenta. Yacob, che in
la scienza, lo scetticismo, il laicismo, quegli anni insegna nella regione di Axum, sostiene che
l’uguaglianza – sono la base delle no- nessuna religione è più giusta di un’altra, e i suoi nemici
stre democrazie e delle nostre univer- lo accusano di fronte al re.
sità. Di fatto, nessun’altra epoca si può Yacob scappa di notte, portando con sé solo un po’
paragonare all’età dei lumi. L’antichità classica è una d’oro e i salmi di David. Si dirige a sud verso la regione
grande fonte d’ispirazione, ma è una realtà lontanissi- di Shewa e arriva al iume Tekezé, dove trova un’area
ma dalle società moderne. Il medioevo ha una reputa- disabitata con una “bellissima caverna” ai piedi di una
zione negativa forse immeritata, ma è pur sempre me- valle. Qui costruisce un recinto di pietre e decide di vi-
dievale. Il rinascimento fu un’epoca glo- vere allo stato selvaggio per “afrontare
riosa, ma soprattutto per ciò che è venuto Di solito si dice che solo i fatti essenziali della vita”, come
dopo: l’illuminismo, appunto. L’età ro- l’illuminismo scriverà un paio secoli dopo Henry David
mantica fu una reazione all’età della ra- comincia con il Thoreau in Walden (1854) descrivendo la
gione, ma è raro che gli ideali degli stati Discorso sul metodo sua scelta di solitudine.
contemporanei affondino le radici nel di Cartesio. Ma se Per due anni, ino alla morte del re nel
romanticismo o nell’emozione. La tesi di sbagliassimo? settembre del 1632, Yacob vive come un
Immanuel Kant nel saggio Per la pace per- Se fosse nato altrove, eremita, spingendosi al massimo ino al
petua (1795), ovvero che “la razza uma- in altri luoghi e da mercato vicino per comprare da mangia-
na” dovesse mettersi all’opera per dare re. È proprio nella caverna che elabora la
pensatori che non
vita a una “costituzione cosmopolita” sua nuova ilosoia razionalista, fondata
può essere considerata come il primo
conosciamo? sul primato della ragione e sull’idea che
tassello delle Nazioni Unite. tutti gli esseri umani – maschi e femmine
Di solito si dice che l’illuminismo comincia con il – siano creati uguali. Yacob si oppone alla schiavitù, cri-
Discorso sul metodo di Cartesio (1637), continua per un tica tutte le religioni e le dottrine uiciali e unisce a que-
secolo e mezzo attraverso John Locke, Isaac Newton, sta concezione del mondo la fede in un creatore che sia
David Hume, Voltaire e Kant e si conclude nel 1789 con un dio unico e trascendente, argomentando che l’ordi-
la rivoluzione francese, o forse nel 1793 con il terrore. ne del mondo rende questa opzione la più razionale.
Nel 1794, quando Thomas Paine pubblica L’età della In parole povere: molti degli alti ideali dell’illumini-
ragione, l’età dei lumi ha raggiunto il crepuscolo. Sta smo europeo vengono teorizzati e sintetizzati dal 1630
arrivando Napoleone. al 1632 in Etiopia da un uomo che vive in una caverna.
Ma se sbagliassimo? Se fosse nato altrove, in altri La ilosoia fondata sulla ragione di Yacob è esposta nel-
luoghi e da intellettuali che non conosciamo? Queste la sua opera principale, Hatäta (indagine). Yacob la scri-
domande mi ronzano in testa da quando mi sono ve nel 1667 su insistenza di un suo allievo, Walda Hey-
imbattuto nell’opera del ilosofo etiope Zera Yacob wat, autore a sua volta di un Hatäta dai risvolti più pra-
(1599-1692). tici. Oggi, tre secoli e mezzo dopo, è molto diicile tro-
Yacob nasce il 28 agosto 1599 in una fattoria alle por- vare una copia dell’opera. L’unica traduzione in lingua
te di Axum, la leggendaria ex capitale dell’Etiopia, da inglese è quella del 1976 del professore e sacerdote ca-
una famiglia povera. A scuola impressiona gli inse- nadese Claude Sumner, pubblicata nell’ambito di
Dag gnanti e viene mandato a studiare retorica (siwasiw in un’opera in cinque volumi sulla ilosoia etiope per i tipi
HerbjørnsruD
geez, la lingua locale), poesia e pensiero critico (qiné) (assai poco commerciali) della Commercial Printing
è uno storico delle per quattro anni. Poi studia per dieci anni la Bibbia, as- Press di Addis Abeba.
idee, fondatore del
similando gli insegnamenti dei cattolici e dei copti, ol- Anche prima di Yacob, l’Etiopia non era completa-
Centro per la storia
tre che della tradizione nazionale ortodossa (l’Etiopia è mente a digiuno di ilosoia. Intorno al 1510 viene tra-
globale e comparata
delle idee (Sgoki) di
diventata cristiana nel IV secolo ed è la nazione cristia- dotto e adattato in Etiopia il Libro dei filosofi saggi
Oslo. Questo articolo na più antica al mondo insieme all’Armenia). dell’egiziano Abba Mikael, un compendio di detti di
è uscito su Aeon con Negli anni venti del seicento un gesuita portoghese presocratici greci, Platone e Aristotele tratti dai dialo-
il titolo The african convince re Susenyos a convertirsi al cattolicesimo, che ghi neoplatonici, con inluenze della ilosoia araba e
enlightenment. diventa così la religione uiciale dell’Etiopia. Comin- dei dibattiti etiopi. Nel suo Hatäta, Yacob critica i suoi

86 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


ANgELO MONNE

contemporanei perché non pensano in maniera indi- cate “al decano e ai dottori della sacra facoltà di teolo-
pendente e, proprio come i loro predecessori, prendo- gia a Parigi” e la loro premessa è di “accettare per fede
no per buone le afermazioni di astrologi e guaritori. il fatto che l’anima umana non perisce con il corpo e che
Yacob, al contrario, raccomanda l’indagine basata Dio esiste”.
sulla razionalità scientiica e la ragione, perché ogni Yacob, invece, adotta un metodo molto più agnosti-
essere umano dotato d’intelligenza vale quanto tutti co, laico e investigativo, che si rilette anche in un’aper-
gli altri. tura verso il pensiero ateo. Il capitolo quarto dell’Hatäta
A migliaia di chilometri di distanza, in Francia, Car- si apre con un interrogativo radicale: “Tutto ciò che è
tesio (1596-1650) afronta questioni simili. Dal punto di scritto nelle sacre scritture è vero?”. Il ilosofo, quindi,
vista ilosoico, la diferenza principale è che il cattolico osserva come ogni religione proclama che l’unica vera
Cartesio denuncia esplicitamente gli “infedeli” e gli fede è la propria:
atei, che deinisce “più arroganti che colti” nelle Medi-
tazioni metaisiche (1641). Questa prospettiva si rilette Efettivamente ciascuna dice: “La mia fede è giusta, e colo-
anche nella Lettera sulla tolleranza (1689) di Locke, do- ro che credono in un’altra fede credono nel falso e sono i ne-
ve si aferma che gli atei “non devono in nessun modo mici di Dio”. Come la mia fede mi appare vera, così un altro
essere tollerati”. Le meditazioni di Cartesio sono dedi- trova vera la sua; ma la verità è una.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 87


Pop
Così facendo, Yacob apre a un discorso illuminato queste premesse, Yacob formula una tesi universale
sulla soggettività della religione, pur continuando a contro la discriminazione, basata sulla ragione:
credere in una specie di creatore universale. La sua di-
scussione sull’esistenza di dio è intellettualmente più Tutti gli uomini sono uguali alla presenza di dio; e tutti sono
aperta di quella di Cartesio, e forse anche più accessibi- intelligenti, poiché sono sue creature; egli non ha attribuito
le ai lettori moderni, per esempio quando introduce a un popolo la vita, a un altro la morte, a un altro la miseri-
una prospettiva quasi esistenzialista: cordia, a un altro il giudizio. La nostra ragione ci insegna
che questo genere di discriminazione non può esistere.
Chi è che mi ha dotato di un orecchio per sentire, che mi ha
creato come essere razionale? E come sono venuto al mon- Le parole “tutti gli uomini sono uguali”, quindi, ven-
do? Da dove vengo? Se fossi vissuto prima del creatore del gono scritte decenni prima che Locke (1632-1704), il
mondo avrei conosciuto l’inizio della mia vita e della co- “padre del liberalismo”, le mettesse nero su bianco (Lo-
scienza di me stesso. Chi mi ha creato? cke nasce lo stesso anno in cui Yacob fa ritorno dalla
caverna). Per altro, la teoria del contratto sociale di
Nel quinto capitolo, Yacob applica il metodo dell’in- Locke non trova alcuna applicazione nella pratica: il i-
dagine razionale a diverse leggi religiose, criticando losofo inglese ricopre il ruolo di segretario durante la
allo stesso modo il cristianesimo, l’islam, l’ebraismo e stesura della costituzione della Carolina (1669), che
le religioni indiane. Osserva per esempio che il creato- attribuisce all’uomo bianco “il potere assoluto” sugli
re, nella sua saggezza, ha voluto che il sangue scorresse schiavi africani, ed è pesantemente implicato nel com-
tutti i mesi nel grembo della donna per permetterle di mercio transatlantico degli schiavi attraverso la Royal
fare igli. Conclude quindi che la legge di Mosè, che ad- African company. Nel Secondo trattato (1689) Locke
dita come impura la donna durante le mestruazioni, è sostiene che dio ha dato il mondo “all’uso dell’indu-
contro la natura e contro la legge del creatore, poiché striosità e della ragione”, un’afermazione che secondo
“impedisce il matrimonio e la vita intera della donna, la ilosofa Julie K. Ward della Loyola university a Chica-
Storie vere contravviene alla legge dell’aiuto reciproco, ostacola go può essere interpretata come un attacco colonialista
La direzione
l’educazione dei igli e distrugge l’amore”. al diritto alla terra degli indiani d’America. Rispetto alle
britannica di Marks &
Spencer, colosso dei
Yacob introduce così nella sua tesi ilosoica i temi concezioni ilosoiche del tempo, il pensiero di Yacob
supermercati di lusso, della solidarietà, della condizione della donna e sembra un distillato degli ideali che comunemente
ha annunciato che dell’amore. Questi ideali vengono propugnati anche consideriamo illuministi.
interromperà la nella vita reale. Dopo aver abbandonato la caverna, Ya-
vendita della cob chiede in moglie una fanciulla di nome Hirut, che esi dopo aver letto l’opera di Ya-
“bistecca di
cavoliore”, un nuovo
prodotto della sua
linea vegetariana: in
sostanza è una fetta
dell’ortaggio
impacchettata nella
plastica e venduta a
2,50 sterline (2,80
euro). I clienti hanno
lavora come serva per una ricca famiglia. Ne discute
con il padrone, convinto che una serva non sarebbe
all’altezza di un uomo istruito, e alla ine ha la meglio.
Quando Hirut accetta la sua proposta, Yacob osserva
che non deve più essere una serva, ma una sua pari, poi-
ché “marito e moglie sono uguali nel matrimonio”.
In contrasto con le tesi di Yacob, a distanza di un se-
colo Kant scriverà nelle Osservazioni sul sentimento del
bello e del sublime (1764): “Una donna avrà pochissimo
M cob, sono riuscito inalmente a
mettere le mani su un altro libro
raro: una traduzione della rac-
colta degli scritti del filosofo
Anton Amo (1703-1755), nato e
morto in guinea, l’attuale ghana. Per vent’anni Amo
studiò e insegnò nelle più prestigiose università tede-
sche, scrivendo in latino. L’opera s’intitola Antonius
Gvilielmus Amo Afer of Axim in Ghana e il sottotitolo
reagito sui social a inquietarsi pel motivo che non possiede certe qualità descrive l’autore: Studente. Dottore in ilosoia. Mae-
network irritati per il trascendenti”. Inoltre, nelle Lezioni di etica (1760-94) stro e docente presso le università di Halle, Witten-
prezzo e per la leggiamo che “il desiderio di un uomo per una donna berg, Jena. 1727-1747. Secondo il Word library catalo-
confezione, non è a lei diretto in quanto essere umano, al contrario, gue, nelle biblioteche di tutto il mondo esistono solo
sottolineando che
l’umanità della donna non ha per lui alcuna importan- pochissime copie dell’opera, comprese quelle origina-
nello stesso
za, e l’unico oggetto del suo desiderio è il suo sesso”. li in latino.
supermercato un
cavoliore intero
Yacob ha una concezione completamente diversa Amo nasce un secolo dopo Yacob. Da bambino vie-
costa circa una della donna, che considera intellettualmente una sua ne rapito e strappato al popolo akan e alla città costiera
sterlina. “Non pari. Hirut, scrive, “non era bella, ma era di animo gen- di Axim, probabilmente per essere messo in schiavitù,
ordineremo più tile, intelligente e paziente”. Yacob apprezza l’intelli- prima di approdare ad Amsterdam alla corte del duca
questo prodotto”, ha genza di sua moglie e mette l’accento sull’amore reci- Anton Ulrich di Braunschweig-Wolfenbüttel. Nel 1707
dichiarato un proco e individuale che provano l’uno per l’altra: “Poi- viene battezzato e riceve un’istruzione di prim’ordine,
portavoce di Marks & ché ella mi ama così tanto, ho preso la decisione nel mio imparando l’ebraico, il greco, il latino, il francese, l’alto
Spencer. “Cerchiamo cuore di compiacerla per quanto posso, e non penso che e il basso tedesco, oltre probabilmente ai rudimenti
sempre d’inventare
ci sia un altro matrimonio così pieno d’amore e fortuna- della sua lingua madre, lo nzema. Il grande studioso
nuove oferte per far
to come il nostro”. eclettico g.W. Leibniz (1646-1716) va spesso a fargli
risparmiare tempo in
cucina ai nostri
Anche rispetto alla schiavitù, Yacob è più illuminato visita a Wolfenbüttel durante l’infanzia.
clienti. Molte sono dei suoi colleghi illuministi. Nel quinto capitolo conte- Amo si diploma all’università di Halle nel 1727 e
apprezzate, ogni sta l’idea di “andare a comprare un uomo come se fosse diventa una igura rispettata all’interno dei circoli ac-
tanto qualcuna va un animale”: tutti gli uomini, infatti, sono stati creati cademici tedeschi dell’epoca, guadagnandosi una
male”. uguali e hanno la capacità di ragionare. Partendo da cattedra a Halle e una a Jena. Nel libro del 1738 di Carl

88 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


günther Ludovici sul pensatore illuminista Christian
Wolf (1679-1754) – seguace di Leibniz e fondatore di
diverse discipline accademiche in germania – Amo è
descritto come uno dei discepoli di Wolf più autore-
voli. Nella prefazione di Sull’impassibilità della mente
umana, scritto da Amo nel 1734, il rettore dell’univer-
sità di Wittenberg, Johannes gottfried Kraus, elogia la
conoscenza sintetica e concisa dell’autore e “le lodi
che ha ricevuto grazie al suo genio”, oltre a mettere in
un contesto storico il suo contributo all’illuminismo
tedesco:

In passato, l’Africa è stata oggetto di enorme venerazione,


vuoi per il genio naturale, vuoi per l’apprezzamento del sa-
pere, vuoi per l’organizzazione religiosa. Questo continente
ha alimentato la crescita di uomini di grande valore, il cui
genio e la cui perseveranza hanno dato un contributo inesti-
mabile alla conoscenza delle cose umane.

Kraus mette in evidenza lo sviluppo della dottrina


cristiana: “Quanti dei suoi promotori venivano
dall’Africa!”. E cita come esempi intellettuali del cali-
bro di Agostino, Tertulliano e il berbero Apuleio. Il ret-
tore pone quindi l’accento sulle radici africane del rina-

ANgELO MONNE
scimento europeo: “Quando i mori provenienti
dall’Africa attraversarono la Spagna, portarono con sé
la conoscenza degli antichi pensatori, dando allo stesso
tempo grande sostegno allo sviluppo delle lettere, che
poco a poco stavano uscendo dalle tenebre”. Ivi non fu mostrato solo dai libri e dalla storia che i re dei
Queste parole, scritte in germania nella primavera mori erano stati afrancati in cambio della promessa di ser-
del 1733, ci aiutano a ricordare che Amo non è l’unico vitù dall’imperatore romano, e che ciascuno di loro doveva
africano ad afermarsi in Europa nel settecento. In que- ottenere per sé una bolla reale, che emise anche giustinia-
gli anni Abram Petrovich gannibal (1696-1781), anche no, ma fu anche esaminata la questione di quale fosse
lui strappato all’Africa subsahariana, viene nominato l’estensione della libertà o della servitù dei mori comprati
generale da Pietro il grande di Russia, e il suo bisnipote dai cristiani in Europa secondo le comuni leggi.
Aleksandr Puškin diventerà il poeta nazionale della
Russia. Lo scrittore francese Alexandre Dumas (1802- Quella di Amo è la prima dissertazione contro
1870) era nipote di Louise-Céssette Dumas, una donna la schiavitù in Europa? Possiamo quantomeno trovarci
africana resa schiava ad Haiti. un’argomentazione illuminata a favore del sufragio
Amo, peraltro, non è l’unico portatore di diversità e universale, simile a quella proposta da Yacob un seco-
cosmopolitismo all’università di Halle negli anni venti lo prima.
e trenta del settecento: presso l’ateneo studiano e pren- Questo punto di vista antidiscriminatorio si perde
dono il dottorato vari studenti ebrei di talento . Altre i- invece nei pensatori illuministi del settecento. Nei suoi
gure che arrivano ad Halle per studiare e insegnare so- Saggi e trattati morali, letterari, politici ed economici
no il maestro arabo Salomon Negri di Damasco e l’in- (1753-54), per esempio, Hume (1711-1776) scrive: “So-
diano Soltan gün Achmet da Ahmedabad. Amo, dal no portato a sospettare che i negri, e in generale tutte le
canto suo, coltiva una stretta relazione con Moses Abra- altre specie umane (ce ne sono quattro o cinque tipolo-
ham Wolf, uno studente ebreo di medicina che è sotto gie diverse) siano per natura inferiori ai bianchi”. E ag-
il suo patrocinio. Nella sua tesi scrive esplicitamente giunge: “Non è mai esistita una nazione civilizzata che
che ci sono altre teologie oltre a quella cristiana, com- non sia stata di razza bianca, e nemmeno è esistito qual-
prese quelle dei turchi e dei “pagani”. che individuo eminente nell’azione o nella speculazio-
Amo afronta questi temi difendendo la sua prima ne che non sia stato bianco”. Kant (1724-1804) parte da
tesi durante la dissertazione Sul diritto dei mori in Euro- Hume e osserva che la diferenza tra i bianchi e i neri “è
pa, nel 1729. Purtroppo il testo non ci è arrivato. Tra le così sostanziale da essere tanto grande quanto la dife-
pagine del settimanale di Halle del novembre 1729 c’è renza di colore”, prima di concludere in Geograia isica:
però un piccolo trailetto che parla della dissertazione “L’umanità raggiunge il suo più alto grado di perfezio-
in pubblico, accordata al relatore così che “l’argomento ne nella razza bianca”.
della disputa fosse appropriato alla sua situazione”. Se- In Francia Voltaire (1694-1778), il più famoso pen-
condo quanto riportato dal giornale, Amo contesta la satore illuminista, non solo descrive gli ebrei in termini
schiavitù citando il diritto romano, la tradizione e la ra- antisemiti, sostenendo che “sono nati tutti con un fana-
zionalità: tismo furioso nel cuore” , ma nel Saggio sui costumi e lo

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 89


Pop
roLf Hermann spirito delle nazioni (1756) scrive anche che l’intelligen- Poesia
è un poeta svizzero di za degli africani “se non è di un’altra specie rispetto alla
lingua tedesca nato
nostra, è enormemente inferiore”. Come Locke, il ilo-
nel 1973. Questa
sofo francese investì parte dei suoi averi nel traico
inestra trafugata
poesia è uscita nel
2017 sulla rivista degli schiavi.
annuale svizzera La ilosoia di Amo ha un approccio più teoretico di Fenêtre, dont une image bue
Viceversa quella di Yacob, ma entrambe condividono un punto di dans la claire carafe germe.
Letteratura. vista illuminato sulla ragione e sull’uguaglianza tra gli Rainer Maria Rilke
Traduzione di Anna esseri umani. L’opera di Amo è profondamente calata
Ruchat. nelle questioni del tempo, come dimostra la sua opera
più nota, Sull’impassibilità della mente umana (1734),
dentro di lei si sono forse interrotti i sogni
basata su un metodo logico-deduttivo che fa uso di ar-
gomentazioni stringenti, presumibilmente in linea con
la sua precedente dissertazione giuridica. al di là degli spazi inalberati
Amo afronta anche il tema del dualismo cartesia- scintillano le palpebre dell’aldiquà al ritmo
no, ovvero l’idea di una diferenza assoluta e sostanzia- [di tigli iridescenti
le tra la mente e il corpo. A volte sembra contrapporsi a la perdita dei cuori del grande spazio
Cartesio, come osservato dal ilosofo Kwasi Wiredu in
A companion to african philosophy (2004): “gli esseri
l’io delle merci è messaggero in oferta
umani sentono le cose materiali non in relazione alla
mente ma in relazione al loro corpo vivente e organico”. che divampando illusoriamente va verso la inestra
Wiredu sostiene che Amo contesta il dualismo carte- e protegge una lacrima che non rimarrà lì ad aspettare
siano tra mente e corpo, preferendo la metaisica akan
e la lingua nzema della sua infanzia, secondo le quali a Rolf Hermann
provare dolore è la carne (homam) e non la mente
(adwene).
Allo stesso tempo, Amo difende e insieme riiuta la
concezione di Cartesio (dalle Lettere) secondo la quale sé, o una sensazione, o un’elaborazione della mente”.
l’anima (la mente) è in grado di agire e sofrire insieme E nella dimostrazione successiva: “Il vero appren-
al corpo. Scrive dunque: “In replica a queste parole dimento è la cognizione delle cose in sé. Esso dunque
mettiamo in guardia e dissentiamo: concediamo che la basa la sua certezza nella cosa conosciuta”. La fra-
mente agisce insieme al corpo attraverso la mediazione se originale di Amo è “omne cognoscibile aut res ipsa”,
di un’unione reciproca. Ma neghiamo che essa sofra che utilizza il concetto latino di res ipsa per “la cosa
insieme al corpo”. in sé”.
Amo sostiene che le afermazioni di Cartesio in ma- Kant è famoso per la sua deinizione della “cosa in
teria sono contrarie alla “visione unitaria” dello stesso sé” (das Ding an sich) nella Critica della ragion pura
ilosofo francese. La sua conclusione è che bisogna evi- (1787), oltre che per la tesi secondo la quale non pos-
tare di confondere le cose che appartengono al corpo e siamo conoscere la cosa al di là della nostra rappresen-
alla mente, perché qualsiasi cosa operi nella mente de- tazione mentale di essa. È tuttavia appurato che non si
ve essere attribuita alla sola mente. tratta del primo uso del termine nella ilosoia illumi-
Forse è come dice il filosofo Justin E.H. Smith nista. Il dizionario Merriam-Webster alla voce “cosa in
dell’università Paris-VII in Nature, human nature and sé” scrive: “Primo uso conosciuto: 1739”. L’opera di
human diference (2015): “Lungi dal ripudiare il duali- Amo arriva a Wittenberg ancora prima, nel 1737.
smo cartesiano, Amo ne propone una versione radica- L’esempio di questi due ilosoi illuministi, Yacob e
lizzata”. Amo, potrebbe rendere necessario ripensare l’età della
Ma se Wiredu e Smith avessero ragione entrambi? ragione nell’ambito della ilosoia e della storia delle
Se, per esempio, la ilosoia tradizionale akan e la lin- idee. Nuovi studi storici hanno mostrato che la rivolu-
gua nzema proponessero una distinzione corpo-men- zione più compiuta nata dagli ideali illuministi di liber-
te cartesiana ancora più precisa di quella di Cartesio tà, uguaglianza e fraternità avvenne ad Haiti e non in
e una forma mentis che Amo ha poi introdotto nella i- Francia. La rivoluzione haitiana (1791-1804) e le idee di
losofia europea? Forse è troppo presto per dirlo: Toussaint Louverture (1743-1803), infatti, aprirono la
un’edizione critica delle opere di Amo è ancora in atte- strada all’indipendenza, alla nuova costituzione e
sa di pubblicazione, probabilmente per la Oxford Uni- all’abolizione della schiavitù nel 1804.
versity Press. In Avengers of the New world (2004), lo storico Lau-
Nella sua opera più esaustiva, L’arte del ilosofare in rent Dubois conclude che gli eventi ad Haiti furono
modo sobrio ed esatto (1738), Amo sembra anticipare il “l’espressione più concreta dell’idea che i diritti pro-
pensiero tardoilluminista di Kant. Il libro afronta il te- clamati in Francia nella dichiarazione dei diritti
ma delle intenzioni della nostra mente e delle azioni dell’uomo e del cittadino erano efettivamente univer-
dell’uomo in quanto naturali, razionali o in conformità sali”. Allo stesso modo, possiamo chiederci se un gior-
a una norma. Nel primo capitolo, scritto in latino, Amo no a Yacob e Amo sarà riconosciuto il posto centrale
sostiene che “tutto ciò che è conoscibile è o una cosa in che meritano tra i ilosoi dell’età dei lumi. u fas

90 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Annunci

BOMBONIERE
SOLIDALI

www.manitese.it

4POPJQPQPMJQJÛWVMOFSBCJMJEFMQJBOFUB
%JMPSPTJTBNPMUPQPDP.BTBQQJBNPDIF
TFMFMPSPUFSSFOPOTBSBOOPQSPUFUUF QFS
MPSPTBSÅMBDBUBTUSPGF-BTDJBNPMJWJWFSF
"JVUBDJBTPTUFOFSFMFUSJCÛJODPOUBUUBUF
XXXTVSWJWBMJUUSJCVJODPOUBUUBUF

¤(.JSBOEB'6/"*4VSWJWBM

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 91


Scienza
Hua Hua, una delle scimmie clonate all’istituto di neuroscienze di Shanghai No. Gli scienziati stanno cercando di sco-
prire i segreti delle malattie e del funziona-
mento del corpo creando e studiando pic-
coli “organoidi”, riproduzioni di organi e
tessuti umani tra cui cervello, cuore e appa-
rato riproduttivo, ma l’idea di metterli in-
QIANG SUN E MU-MING POO (CHINESE ACADEMy Of SCIENCES)

sieme per creare un individuo è assurda.

Si può creare un clone umano senza cervello


che fornisca organi di ricambio o sia usato per
sperimentare nuovi farmaci?
Se dal punto di vista etico è inaccettabile,
dal punto di vista scientiico è di diicile re-
alizzazione. Durante la gravidanza biso-
gnerebbe silenziare i geni dell’embrione
che formano il cervello, ma non si sa se il
feto riuscirebbe a sopravvivere. Il cervello è
importante per l’apparato endocrino e per il
sistema di conduzione elettrica, e il tronco
encefalico controlla funzioni decisive come
la respirazione. È improbabile che un corpo
A chi tocca dopo senza cervello possa essere alimentato o
crescere normalmente. Ma ci sono stati casi
i macachi? di persone sopravvissute con un cervello
molto piccolo e senza cervelletto.

È possibile creare animali clonati che non


sentano dolore negli esperimenti scientiici?
Andy Coghlan, New Scientist, Regno Unito
In teoria sì, se si riuscissero a individuare
L’arrivo delle prime scimmie geneticamente identiche alla cellula adulta tutti i geni coinvolti nella percezione del
clonate con la stessa tecnica da cui provengono e per studiare lo sviluppo dolore per silenziarli o mutarli nell’em-
e le malattie dell’embrione umano. brione ainché, dopo la nascita, l’animale
usata per la pecora Dolly ha La clonazione riproduttiva umana – in non sofra. Ma anche se fosse possibile, le
suscitato curiosità e cui un embrione clonato è impiantato in modiiche genetiche rischierebbero di in-
preoccupazione. Ecco le risposte una madre surrogata che lo porta ino alla cidere su altre funzioni del corpo, distor-
alle domande più frequenti nascita – è illegale in quasi tutti i paesi. E co- cendo i risultati e invalidando, quindi, qua-
munque, è una procedura complessa con lunque esperimento.
poche probabilità di successo. I macachi
a clonazione umana è alle porte? Zhong Zhong e Hua Hua, creati da cellule Si potrebbero clonare specie a rischio prima

L No, non lo è. Anche se, in realtà,


nel 2013 l’équipe di Shoukhrat Mi-
talipov, dell’Oregon health and
science university, ha clonato embrioni
umani con un metodo simile a quello usato
fetali, sono i soli sopravvissuti di 79 embrio-
ni impiantati in 21 madri surrogate. I ricer-
catori hanno anche provato con cellule di
scimmie adulte, impiantando 181 embrioni
in 42 madri surrogate: i due unici nati sono
che si estinguano?
Sì. Vent’anni fa è stato clonato il gaur, un
bovino in via d’estinzione, ma è morto poco
dopo la nascita. Un tentativo di clonare spe-
cie a rischio è in corso in Corea del Sud, nel
nel 1996 per la pecora Dolly e ora per i ma- morti subito e uno aveva anomalie dello laboratorio di Hwang Woo-suk, lo scienzia-
cachi. Partendo dall’unione di una cellula sviluppo. In sostanza, le questioni etiche, to il cui lavoro sugli embrioni umani clonati
somatica fetale con un ovulo umano non legali, ilosoiche e tecniche rendono la clo- del 2004 si è rivelato una trufa, ma che ha
fecondato e privato del nucleo, i ricercatori nazione umana altamente improbabile. clonato molti animali, tra cui il primo cane.
hanno attivato lo sviluppo embrionale con Hwang ha avviato un programma di clona-
l’aiuto di virus e scosse elettriche. Nel 2014 Saremmo in grado di clonare animali ancora zione di animali in via d’estinzione tra cui il
il gruppo del biologo Robert Lanza ha fatto più vicini a noi, come le grandi scimmie? lupo etiope e il mosco siberiano. Alcuni te-
la stessa cosa partendo da cellule somatiche Al momento è impensabile, perché la ricer- mono, però, che questa pratica sposterebbe
di maschi adulti. ca sulle grandi scimmie è vietata o molto l’attenzione dalle attività umane che mi-
Per gli embrioni umani creati in questo limitata nella maggior parte dei paesi che nacciano tutte le specie, come la distruzio-
modo, però, non è previsto lo sviluppo oltre avrebbero le competenze per farla. ne degli habitat, la deforestazione e il brac-
i 14 giorni e tanto meno l’impianto in una conaggio. Alla lunga, inoltre, la clonazione
madre surrogata. Sono cloni terapeutici, È possibile assemblare un clone umano senza delle specie a rischio ridurrebbe la diversità
usati per creare linee di cellule staminali passare per il normale sviluppo? genetica degli animali. u sdf

92 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


MAx PLANCK INStItUte FoR INteLLIGeNt SySteMS
SALUTE
Salute
Anche poco
fumo fa male Interazioni tra medicine
Basta una sola sigaretta al gior-
no per mettere a rischio la salu- British J. of Clinical Pharmacology, Regno Unito
te. Gli uomini che fumano con
questa regolarità hanno il 48 Anche se spesso i pazienti e gli stessi
per cento di rischio in più, ri- medici non lo sanno, le piante IN BREVE
spetto ai non fumatori, di svi- medicinali possono interagire in Tecnologia È stato costruito
luppare malattie cardiovascola- modo pericoloso con i farmaci un robot di pochi millimetri,
ri e il 25 per cento in più di avere convenzionali. Possono fargli senza ilo, lessibile e con una
un ictus. Per le donne il rischio perdere eicacia, ampliicarne grande mobilità. Il dispositivo
è anche maggiore, rispettiva- può muoversi in un liquido, ro-
l’azione o provocare efetti collaterali
mente del 57 e del 31 per cento. tolare, camminare, saltare e
Ridurre il numero di sigarette nocivi. Secondo uno studio del strisciare. Potrebbe essere usa-
giornaliere da venti a una non British Journal of Clinical to nella microchirurgia o per il
abbassa in modo proporzionale Pharmacology, tra i preparati vegetali che possono rilascio di farmaci. Secondo
le percentuali di rischio ma le interagire negativamente con i farmaci ci sono il ginkgo Nature, potrebbe essere utile
dimezza. Queste conclusioni biloba, usato per migliorare le capacità cognitive, il anche per studiare la locomo-
sono il frutto dell’analisi stati- ginseng, per le funzioni mentali e isiche, l’iperico, contro zione di piccoli organismi privi
stica dei dati provenienti da 141 di parti rigide.
la depressione. La ricerca ha preso in considerazione
studi che hanno indagato la re- Genetica È stata determinata
lazione tra malattie cardiova- pazienti che ricorrevano ai preparati vegetali e allo stesso la sequenza del dna dell’axo-
scolari e numero di sigarette. La tempo prendevano farmaci per malattie come quelle lotl, una salamandra del Messi-
percezione difusa è che i fuma- cardiovascolari, il cancro o l’epilessia. Le conoscenze in co capace di rigenerare gli arti.
tori occasionali non corrano questo campo sono ancora scarse, anche perché i pazienti Il genoma è molto grande, circa
grossi rischi per la salute quan- non sempre riferiscono al medico quali preparati vegetali dieci volte quello umano. Se-
do invece gli studi dimostrano assumono e molti medici non li conoscono o non sanno di condo Nature, gran parte del
che non esiste una soglia di si- patrimonio genetico è ripetuto
possibili interazioni. In alcuni casi mancano anche i mezzi
curezza per il tabacco. “Solo e non svolge alcun ruolo nella
smettere completamente pro- tecnici per individuare quale componente di un preparato rigenerazione degli arti. La de-
tegge”, commenta il British erboristico può inluire su un farmaco e pochi foglietti terminazione della sequenza
Medical Journal. illustrativi citano queste interazioni. u genetica potrebbe essere utile
per capire alcuni aspetti dello
sviluppo e della rigenerazione
PALEOANTROPOLOGIA Biologia dei tessuti.
I primi popoli
PeR GeNtILe CoNCeSSIoNe dI KILey RIFFeLL

fuori dall’Africa AMBIENTE

La prima migrazione umana


Lo smog
fuori dall’Africa potrebbe essere fa piovere
avvenuta circa cinquantamila
anni prima di quanto inora sti- L’inquinamento atmosferico
mato. È stato infatti trovato sul potrebbe far aumentare le piog-
monte Carmelo, in Israele, un ge. A facilitare la formazione
frammento di mascella di Homo delle nuvole sarebbero le parti-
sapiens moderno con quasi tutti i celle più ini, con un diametro
denti. Il reperto è stato datato inferiore ai 50 nanometri. La ri-
tra 177mila e 194mila anni fa. cerca è stata condotta nella fo-
Finora i più antichi reperti uma-
Zanzare con una buona memoria resta pluviale amazzonica, nei
ni moderni trovati fuori Le zanzare scelgono chi pungere distinguendo gli odori “buoni” da pressi della città brasiliana di
dall’Africa risalivano a un perio- quelli fatali. Uno studio su Current Biology ha mostrato che le Manaus, che è una fonte d’in-
do tra 90mila e 120mila anni fa, Aedes aegypti preferivano alcune sostanze odorose, ma l’attrazione quinamento urbano in un am-
scrive Science. Il ritrovamento cessava quando le stesse sostanze erano associate a vibrazioni come biente incontaminato, spiega
sembra confermare i dati gene- quelle prodotte da una mano che prova a scansarle o schiacciarle. Science. Lo studio potrebbe
tici, che hanno fatto ipotizzare Questa forma di apprendimento è in parte guidata dalla dopamina. aiutare a capire l’impatto antro-
una migrazione dall’Africa Conoscerne meglio i meccanismi potrebbe aiutare a mettere a pun- pico nelle zone ancora ben con-
220mila anni fa. to nuove strategie contro le zanzare, vettori di molte malattie. servate.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 93


Il diario della Terra
Romeo RANoCo (ReUTeRS/CoNTRASTo)

Il nostro clima
Panini
fatti in casa
u Preparare i panini a casa in-
vece di comprarli al super-
mercato potrebbe contribuire
a salvare il pianeta. Uno stu-
dio pubblicato sul settimanale
britannico New Scientist
analizza il costo in termini di
emissioni di anidride carboni-
ca dei panini consumati nel
Regno Unito. I ricercatori
hanno considerato quaranta
tipi di panini, fatti in casa e in-
dustriali. Il peggiore per il pia-
neta è il panino confezionato
Vulcani l’eruzione del vulcano mayon, sull’isola di luzon, nelle Filippine, ha costretto più di 84mi- “all day breakfast”, con uova,
la persone a lasciare le loro case, in un raggio di nove chilometri dal cratere. Il risveglio del vulcano, pancetta e salsiccia, che pro-
che ha eruttato 51 volte negli ultimi quattrocento anni, ha attirato nella regione migliaia di turisti. duce l’equivalente di 1.441
grammi di anidride carbonica,
pari alle emissioni prodotte
Radar Coralli Un’indagine su 159 precedente. lo ha annunciato guidando un’automobile per
barriere coralline della regione il ministero dell’ambiente su- 19 chilometri. Il panino fatto
Asia-Paciico ha individuato dafricano. in casa con l’impatto ambien-
Cinque miliardi di pezzi di plastica tale minore è quello classico
nuovi parchi impigliati tra i coralli. Sono
colpiti in particolare i coralli
Balene Il governo canadese
ha introdotto una serie di limi-
con prosciutto e formaggio,
mentre tra gli industriali è
in Cile più ramiicati, che ospitano tazioni alla pesca dei granchi quello con uova e maionese. I
molti organismi e aumentano nel golfo di San lorenzo per panini fatti in casa hanno un
la pescosità del mare. Quando proteggere la balena franca impatto ambientale che va dai
Parchi Il governo cileno ha an- un corallo è avvolto dalla nordatlantica. Da giugno dodi- 399 agli 843 grammi; quelli
nunciato la creazione di cinque plastica, la probabilità di ci esemplari della specie, a ri- confezionati, dai 739 ai 1.441
nuovi parchi nazionali e contrarre malattie aumenta schio di estinzione, sono morti grammi, quasi il doppio.
l’espansione di altri tre in Pata- di venti volte per lo stress a causa del traico marittimo e Il contributo maggiore alle
gonia. Complessivamente sa- causato dalla mancanza delle reti per la pesca. emissioni di gas serra viene
ranno protetti quattro milioni di luce, di ossigeno e dal dalla produzione agricola de-
di ettari di verde in più. rilascio di composti tossici. Fiumi la piena della Senna, il gli ingredienti, ma per i panini
Secondo Science, gli oltre iume che attraversa la capitale industriali hanno un ruolo im-
Terremoti Un sisma di ma- undici miliardi di pezzi di francese Parigi, ha raggiunto il portante anche la preparazio-
gnitudo 6,1 sulla scala Richter plastica depositati tra i coralli picco a 5,85 metri, oltre quattro ne, la refrigerazione, l’imbal-
ha colpito il nordest dell’Af- potrebbero aumentare del in più rispetto alla media. Circa laggio e il trasporto. Per ridur-
ghanistan, senza causare vitti- 40 per cento entro il 2025, se 1.500 persone sono state co- re l’impatto ambientale si po-
me. Altre scosse sono state re- non sarà migliorato il sistema strette a lasciare le loro case trebbe allungare le date di
gistrate nell’est dell’Australia di raccolta e trattamento dei nella regione di Parigi. scadenza dei prodotti oppure
PASCAl RoSSIgNol (ReUTeRS/CoNTRASTo)

(4,2) e nell’ovest dell’India riiuti nei paesi della regione, cambiare la ricetta di alcune
(3,6). come Cina, Indonesia, farciture, per esempio ridu-
Filippine, Vietnam e Sri cendo il contenuto di lattuga,
Neve Una tempesta di neve ha lanka. pomodoro, formaggio e carne.
paralizzato i trasporti nel nor- Nel Regno Unito ogni anno si
dovest dell’Iran. Scuole, uni- Rinoceronti Nel 2017 i brac- consumano 11,5 miliardi di pa-
versità e uici sono rimasti conieri hanno ucciso 1.028 ri- nini e si emette l’equivalente
chiusi in alcune città, come an- noceronti in Sudafrica, appena di 9,5 milioni di tonnellate di
che i due aeroporti di Teheran. 26 in meno rispetto all’anno anidride carbonica.

94 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2017


Il pianeta visto dallo spazio 14.07.2017
Il delta del Rodano, in Francia

Salin-de-Giraud Port-Saint-Louis-du-Rhône

Saline

Grand Rhône
EARthobSERvAtoRy/NASA

Nord
1 km

u Questa immagine del delta numerosi laghi. Alcuni sono Il Rodano è lungo 812 nella regione e nelle corride in
del iume Rodano e delle stati trasformati nelle colorate e chilometri ed è il principale Spagna. La Camargue ospita
spiagge sulla costa del mar geometriche saline che si iume francese per volume anche più di quattrocento specie
Mediterraneo, nel sud della vedono a sudest della località di d’acqua. Nel suo delta di uccelli. In particolare, è una
Francia, è stata scattata da un Salin-de-Giraud. L’estrazione vivono più di quattrocento delle poche aree protette
astronauta a bordo della del sale attraverso specie di uccelli. d’Europa per il fenicottero rosa.
Stazione spaziale internazionale l’evaporazione naturale A diferenza della maggior
(Iss). Il fotografo ha catturato la dell’acqua del mare è una delle parte dei grandi iumi d’Europa,
parte del delta in cui il ramo principali attività economiche la foce del Grand Rhône non
principale del iume, il Grand nella regione da molti secoli. ospita una grande città. La
Rhône, sfocia in mare. Il braccio Il delta del Rodano è anche cittadina di Port-Saint-Louis-
più piccolo, il Petit Rhône, si un’importante oasi naturale. La du-Rhône, con i suoi 8.500
trova più a ovest, al di fuori Camargue, una zona umida a abitanti, è un piccolo porto
dell’immagine. Le lunghe sud di Arles compresa tra i due legato alla metropoli di
spiagge che si vedono in basso e bracci del iume, è ricca di Marsiglia, che si trova cinquanta
a destra nell’immagine sono tra distese erbose e paludi u chilometri più a est. Il Rodano è
le più selvagge del Mediterraneo (tecnicamente è un’isola perché il principale iume francese per
e sono molto apprezzate dai è circondata dalle acque). Nei volume d’acqua. Nasce in
turisti. pascoli della zona si allevano i Svizzera ed è lungo 812
Nel delta del Rodano ci sono tori impiegati negli spettacoli chilometri.–Nasa

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 95


Tecnologia
Uniti, hanno assunto una posizione non
interventista. L’Rgpd è stato approvato
alla ine del 2015, dopo i problemi sorti tra
aziende tecnologiche – come Facebook – e
le autorità di vigilanza sulla privacy di vari
paesi europei.
Il nuovo regolamento ha già provocato
grandi cambiamenti nelle aziende. Goo-
gle, per esempio, ha messo mano a tutti i
suoi servizi per essere in regola. Poiché le
nuove norme impongono che le persone
diano il proprio assenso prima che
un’azienda possa accedere ai loro dati,
l’azienda ha dovuto rivedere molti accordi
MoMEnT/GETTy IMAGES

di benestare e ha sempliicato la cancella-


zione dei dati.
Anche Facebook ha preso dei provve-
dimenti per conformarsi alle regole euro-
pee, e il nuovo centro per la privacy è uno
di questi. Ha anche deciso di non presen-
tare in Europa alcuni prodotti che viole-
L’Europa prende sul serio rebbero le leggi sulla privacy. A novembre
del 2017, per esempio, ha presentato un
la privacy dei cittadini programma che usa l’intelligenza artii-
ciale per monitorare gli utenti di Facebook
e rilevare eventuali segnali di autolesioni-
smo. Ma il prodotto non sarà disponibile
in Europa, dove l’azienda dovrebbe chie-
Sheera Frenkel, The New York Times, Stati Uniti
dere alle persone il permesso di accedere
Un nuovo pacchetto di severe dal 25 maggio, limita il tipo di dati persona- a dati sanitari sensibili, compresi quelli
regole sulla privacy sarà li che le aziende tecnologiche possono rac- sulla salute mentale. L’azienda ha inoltre
cogliere, conservare e usare nei paesi escluso dall’Europa il software di ricono-
applicato a maggio in Europa. Le dell’Unione europea. scimento facciale che tiene traccia delle
aziende statunitensi dovranno Tra le varie disposizioni, il regolamento foto degli utenti quando vengono caricate
adeguarsi in fretta per non iscrive nel diritto europeo il cosiddetto di- sul social network. Per quanto riguarda
incorrere in multe salate ritto all’oblio, in base al quale le persone Amazon, lo scorso aprile sul suo blog
possono chiedere alle aziende di rimuove- l’azienda ha descritto gli sforzi fatti per es-
re alcuni dati online che le riguardano. sere in regola con il nuovo regolamento
a due mesi, Google permette ai Inoltre, impone ai minori di 16 anni di otte- europeo. Ha dichiarato che rafforzerà i

D suoi utenti in tutto il mondo di


scegliere quali dati vogliono
condividere quando usano i
suoi prodotti, compresi Gmail e Google
Docs. Amazon invece ha migliorato la si-
nere l’assenso dei genitori prima di usare i
servizi digitali più difusi. Le aziende non
in regola rischierebbero delle multe pari al
4 per cento delle loro entrate annuali, di
conseguenza Facebook e Google hanno
suoi sistemi di criptaggio dei dati e ha riaf-
fermato il diritto degli utenti di scegliere
la regione (l’Europa o un’altra) dove vo-
gliono conservare i dati.
È probabile che il modo in cui le grandi
curezza del servizio di archiviazione sul messo al lavoro centinaia di persone per aziende reagiranno a queste regole in-
cloud e ha sempliicato gli accordi sul trat- allinearsi al nuovo regolamento. luenzerà le aziende più piccole. Věra Jou-
tamento delle informazioni dei clienti. E il rová, commissaria europea per la giusti-
21 gennaio Facebook ha presentato un Grandi e piccole zia, la tutela dei consumatori e l’ugua-
nuovo centro per la privacy, un’unica pagi- Molte aziende hanno cambiato il modo in glianza di genere, ha dichiarato che quan-
na dove gli utenti possono scegliere chi cui permettono agli utenti di accedere alle do il nuovo regolamento entrerà in vigore,
può vedere i loro post e che tipo di pubbli- impostazioni sulla privacy, altre hanno ri- anche i paesi al di fuori dell’Europa po-
cità gli verrà mostrata. progettato i prodotti e in alcuni casi li han- trebbero chiedere misure simili per la pro-
Uno dei motivi di questi cambiamenti è no ritirati dal mercato europeo, poiché tezione dei dati dei cittadini.
l’Europa: le aziende statunitensi si stanno violerebbero il nuovo regolamento. “Prima o poi succederà, soprattutto
preparando a un severo pacchetto europeo Quest’attività febbrile dimostra che quando negli Stati Uniti aumenterà il disa-
di regole sulla privacy, chiamato Regola- l’Europa ha stabilito delle normative per gio per il modo in cui quei canali controlla-
mento generale sulla protezione dei dati limitare l’immenso potere della Silicon no la vita privata delle persone”, ha dichia-
(Rgpd). Il regolamento, che sarà applicato valley, mentre altri paesi, come gli Stati rato. u f

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 97


Economia e lavoro
Ingvar Kamprad ad Älmhult, in Svezia, nel 2006
HANS-JUErGEN BUrKArd (LAIF/CONTrASTO)

a Kungens kurva, vicino a Stoccolma, il suc­


L’uomo che impacchettò cesso fu immediato. Fuori si formò una co­
da di automobili lunga venti chilometri e il
il modello svedese centralino andò in tilt. Per la cultura svede­
se fu un momento paragonabile alla vittoria
degli Abba all’Eurofestival di Brighton nel
1974 o a quella di Björn Borg a Wimbledon
nel 1976.
Niklas Ekdal, Dagens Nyheter, Svezia
Quando Kamprad, stivali di gomma ai
Ingvar Kamprad, il fondatore ma del premier socialdemocratico Olof piedi, posò per i fotograi davanti alla sua
dell’Ikea, è morto il 27 gennaio a Palme, a metà dei ruggenti anni venti, a cui modernissima creatura, la società svedese
seguirono la depressione e la seconda guer­ era ancora divisa in classi. Nel giro di
91 anni. Tra successo mondiale ra mondiale. Una coincidenza premonitrice vent’anni le diferenze di reddito si ridusse­
e lati oscuri, la sua carriera della più grande intuizione del novecento ro ai livelli minimi mai registrati in un paese
riassume tutte le contraddizioni svedese. La storia della socialdemocrazia e industrializzato. Ceti più e meno benestan­
del paese scandinavo quella di Kamprad sono – nel bene e nel ma­ ti andavano fieri degli stessi mobili, che
le – intrecciate tra loro, come legate da una avevano ritirato presso lo stesso bancone e
cinghia per bagagli Frakta dell’Ikea. assemblato da soli. Con la sua idea impren­
i dice che sia stato il socialdemocra­ Se la “casa per tutti” fu la risposta politi­ ditoriale, Kamprad cavalcò questa eccezio­

S tico Per Albin Hansson, primo mi­


nistro della Svezia negli anni trenta
e quaranta, a costruire una casa per
tutti gli svedesi, ma che sia stato Ingvar
Kamprad ad arredarla, per poi esportarla in
ca alla crisi e all’estremismo, l’Ikea diventò
la risposta al problema dell’arredamento.
Kamprad fondò la sua azienda di vendita
per corrispondenza nel 1943 e poté benei­
ciare del vento in poppa della ripresa eco­
nale onda di standardizzazione.
Un pilastro del modello svedese era la
tassazione progressiva. Ecco il paradosso
dell’Ikea: la ilosoia di Kamprad era quanto
di più svedese si potesse immaginare, in
pratici imballaggi piatti grazie ai quali tutto nomica del dopoguerra. Gli appartamenti perfetta sintonia con la richiesta di una casa
il mondo ha cominciato ad ammirare un del piano per un milione di alloggi, le case a per tutti portata avanti dal movimento dei
piccolo e laborioso paese del nord ricoperto schiera e le villette in mattoni avevano biso­ lavoratori; ma per conquistare il mondo
di foreste. Il fondatore del mobiliicio più gno di mobili. Quando nel 1965 fu inaugu­ l’azienda dovette trasferire la proprietà
grande del mondo era nato alcuni mesi pri­ rato il primo negozio di mobili di Kamprad all’estero, evitando le stesse tasse che costi­

98 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


tuivano le basi dell’uguaglianza. La com­ no possibile. Non abbiamo bisogno di auto ricco proprietario terriero della Sassonia,
plessa struttura proprietaria dell’Ikea è costose, titoli altisonanti o altri status ed era parente del feldmaresciallo e presi­
stata spesso oggetto di attenzione. Ma symbol. Solo mentre si dorme non si fanno dente tedesco Paul von Hindenburg, l’uo­
Kamprad è stato risparmiato dall’indigna­ errori. La paura di sbagliare è la base della mo che lasciò il potere ad Adolf Hitler. Solo
zione popolare che invece colpì Borg quan­ burocrazia e il nemico di ogni sviluppo”. negli anni novanta Kamprad prese le di­
do prese la residenza iscale nel principato Kamprad si vantava di vivere con la stanze dalle sue simpatie giovanili per il
di Monaco. Ormai l’Ikea era diventata un stessa semplicità che propugnava e viag­ nazismo. Anche sotto questo aspetto è un
elemento così apprezzato dello stile di vita giava in treno in seconda classe. Ma la real­ simbolo di quella Svezia che ino all’ultimo
svedese che nessuna inchiesta giornalisti­ tà era più complessa. Il più svedese di tutti ammirò tutto ciò che era tedesco per poi
ca riuscì a intaccare la popolarità di Kam­ gli imprenditori abitava in Svizzera per saltare sul carro del vincitore. Ma nessuno
prad. sfuggire alle tasse del suo paese. I mobili ha dimostrato più sensibilità per i tratti di­
Nel libro I cento svedesi più importanti con cui si è arricchito erano prodotti in pa­ stintivi svedesi di questo immigrato di ter­
della storia Ingvar Kamprad igura al 18° esi con manodopera a basso costo, molto za generazione. Con l’avvicinarsi delle
posto, subito dopo Ingmar Bergman, Gu­ distanti dal modello svedese. elezioni di settembre e il tema dell’identità
stavo III e Carlo Linneo. Ansia svedese, Ma una cosa è certa: oggi che il catalogo nazionale che monopolizza la politica,
genio e gusto svedesi, razionalità svedese. Ikea viene distribuito in centinaia di milio­ l’ambivalente carriera di Kamprad ne rap­
Kamprad impersonava tutto questo. L’an­ ni di copie in tutto il mondo e tutti vogliono presenta la naturale sintesi.
sia causata dal lirt giovanile con l’estremi­ Oggi l’Ikea è presente in un quarto dei
smo di destra, oppure dalla calca che acco­ Collettivismo e paesi del mondo con più di trecento negozi
glie chi entra nei suoi negozi in un ine set­ e dà lavoro a 150mila persone. Tedeschi e
timana. Il genio e il gusto nell’assortimen­ individualismo sotto statunitensi comprano polpette e salmone
to pensato per ogni momento della vita, la stessa insegna blu marinato. Collettivismo e individualismo
per ogni tasca e gusto. I letti dove siamo sotto la stessa insegna blu e gialla. Eccesso
stati concepiti e dove abbiamo concepito la e gialla consumistico e sobrietà a basso costo negli
generazione successiva. I tappeti su cui ab­ stessi percorsi labirintici, tutto secondo la
biamo giocato. La pianta per il nostro pri­ un po’ della Svezia di Kamprad, assistiamo singolare formula di Kamprad. Nel mondo
mo appartamento. Le tende della casa di all’export culturale più importante della la sua fama ha superato quella di Olof Pal­
riposo da dietro le quali guardare fuori, ri­ storia svedese. della sola libreria Billy so­ me. L’unico svedese che può competere
pensando con malinconia a tutto ciò che è no stati venduti più di cinquanta milioni di con lui è Alfred Nobel. Gli Abba, Björn
inito all’isola ecologica. esemplari. Messi uno sopra all’altro baste­ Borg, Astrid Lindgren e Zlatan Ibrahimović
rebbero quasi per arrivare sulla luna. sono forse più conosciuti, ma nessuno ha
Il vangelo dell’arredamento Quel ragazzo intraprendente, iglio di inluenzato la vita di tante persone.
Il concetto di casa per tutti è strettamente un proprietario terriero della regione dello Anche la data della morte di Kamprad è
connesso a quello di salute pubblica. Quan­ Småland, poteva immaginare tutto questo colma di signiicati. Sul piano commercia­
do Kamprad fondò l’Ikea, milioni di svedesi mentre percorreva in bicicletta le strade le l’Ikea deve afrontare la sida di nuovi
abitavano in case piccole e sporche, infesta­ sterrate di Älmhult la domenica mattina modelli imprenditoriali basati su internet,
te da malattie di ogni sorta. Oggi sono più per vendere iammiferi? Comprava le sca­ primo tra tutti quello di Amazon. Sul piano
longevi e sani rispetto a quasi tutto il resto tole a un centesimo e mezzo per sociale e politico, l’idea di una
del mondo. Poche persone hanno contribu­ rivenderle a cinque. Già a dieci casa per tutti è messa in discus­
ito più di Kamprad al miglioramento delle anni aveva capito cosa si vende­ sione dall’aumento esponenziale
condizioni sanitarie degli svedesi. va bene in campagna: penne, delle disuguaglianze.
Quando Kamprad nacque, la domenica orologi, decorazioni natalizie, La saga di Kamprad ha coin­
gli svedesi andavano in chiesa. Oggi vanno semi di carota. Individuava la ciso con quella della Svezia mo­
all’Ikea. Invece del sermone ascoltano le domanda e la soddisfaceva. Quando regi­ derna: un grande racconto che ora si di­
oferte dagli altoparlanti del grande magaz­ strò il nome dell’azienda (formato dalle sperde in mille rivoli. L’automazione e la
zino. Invece di riempire il cestino delle of­ iniziali di Ingvar Kamprad e del suo paesi­ globalizzazione che permisero di mettere
ferte, riempiono i borsoni di plastica blu. Lo no natale, Elmtaryd Agunnaryd) non era in pratica la ilosoia Ikea iniranno per si­
shopping ha un suo vangelo: non promette ancora maggiorenne, e la proprietà dovet­ darla e indebolirla. Le manovre della poli­
la vita eterna, ma il paradiso qui e ora sotto te essere intestata al padre. Quel marchio tica per salvare quel che resta dello stato
forma di uno stile solido, un sonno rilassan­ avrebbe reso Kamprad uno degli uomini sociale andranno di pari passo alle mano­
te e superici facili da pulire. più ricchi del mondo, inserendolo nel ri­ vre dell’azienda per afrontare un mercato
Se la Bibbia ha i suoi dieci comanda­ stretto gruppo degli imprenditori che pri­ frammentato.
menti, Kamprad aveva Il decalogo di un ma di altri hanno saputo identiicare i biso­ Il futuro è incerto, ma la carriera di Ing­
commerciante di mobili, in cui riassunse le gni dell’uomo e che hanno avuto il talento var Kamprad è stata unica. Forse ora è co­
sue idee già quarant’anni fa. Più che i prin­ e la tenacia per soddisfarli: Bill Gates, Ste­ ricato in un letto Malm, oppure riposa in
cìpi di un imprenditore sembrano quelli ve Jobs, Jef Bezos e Mark Zuckerberg. una poltrona Poäng. Se lo conosciamo be­
del leader di una setta: “dividi la tua vita in La famiglia di Kamprad era di origine ne, probabilmente avrà scelto una sedia
intervalli di dieci minuti, e sprecane il me­ tedesca. Il padre del nonno paterno era un per uicio Millberget. u lv

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 99


Economia e lavoro
Wolfsburg, Germania. Una fabbrica della Volkswagen animali non sono compatibili con la iloso­
ia dell’azienda. “Ci scusiamo per le valuta­
zioni sbagliate e gli errori fatti da alcuni
singoli individui”.
Nel 2013 l’Eugt si era rivolta all’istituto
di ricerca Lovelace biomedical (Lrri) di Al­
buquerque, negli Stati Uniti, chiedendogli
di svolgere gli esperimenti sulle scimmie.
Lo studio è partito nel 2015. Il manager del­
la Volkswagen James L., condannato di re­
cente negli Stati Uniti a più di tre anni di
KrISzTIAN BoCSI (BLooMBErG/GETTY)

carcere per le sue responsabilità nello scan­


dalo del diesel, ha portato personalmente
una vettura Volkswagen in laboratorio. Le
emissioni dell’auto sono state convogliate
in una stanzetta dove c’erano dieci scim­
mie. Gli animali, tutti di sesso femminile,
hanno respirato i gas di scarico per quattro
ore. In seguito hanno inalato i gas di scarico
di una vecchia Ford F­250, per poter poi
confrontare i dati. La proiezione di alcuni
Un altro scandalo cartoni animati serviva a calmare gli ani­
mali, avrebbe poi spiegato il ricercatore
per l’auto tedesca dell’Lrri, Jacob McDonald, in un’udienza
del processo per le emissioni truccate. Le
scimmie sono state sottoposte ad analisi
del sangue, al lavaggio broncoalveolare e al
controllo dei polmoni.
Süddeutsche Zeitung, Germania
Nel 2015 la Volkswagen, manipolati per anni dalla Volkswagen negli Scrupoli etici
la Daimler e la Bmw hanno Stati Uniti per nascondere la violazione dei Secondo alcuni scienziati, come Joachim
limiti stabiliti dalla legge per i veicoli diesel. Heinrich, ino al 2014 direttore dell’Helm­
sperimentato negli Stati Uniti Secondo il rapporto dell’Eugt, a 25 persone holtz­Institut per l’epidemiologia, almeno
e in Germania gli efetti dei gas in buona salute è stato fatto respirare il dios­ da quindici anni “gli scrupoli etici nei con­
di scarico dei motori diesel sulle sido in varie concentrazioni per studiarne fronti degli animali” rendono impossibile
scimmie e sugli esseri umani gli efetti. “Nessuna reazione all’inalazio­ sottoporre le scimmie a simili trattamenti
ne” sarebbe stata registrata, e neanche “in­ in Germania. L’Lrri sostiene che sono stati i
iammazioni delle vie respiratorie”. tedeschi a chiedere di usare le scimmie.
due anni e mezzo dallo scandalo Al momento degli esperimenti la Bosch McDonald ha raccontato che l’Eugt voleva

A del diesel, le cose potrebbero


peggiorare per la Volkswagen, e
ora anche per la Bmw e la Daim­
ler. L’Europäische Forschungsvereinigung
für Umwelt und Gesundheit im Transport­
non faceva più parte dell’organizzazione. I
manager della Volkswagen, della Daimler e
della Bmw, invece, sedevano nel consiglio
direttivo dell’Eugt, che di fatto era un’asso­
ciazione lobbistica con una facciata scienti­
svolgere i test sulle persone, ma che aveva
poi rinunciato perché l’Agenzia internazio­
nale per la ricerca sul cancro aveva già clas­
siicato come cancerogene le emissioni del
diesel. Alla ine però i test sugli umani sono
sektor (Eugt), un’organizzazione per la ri­ ica. L’Eugt è stata chiusa a metà del 2017, stati fatti, in Germania.
cerca sull’ambiente e la salute nei trasporti uicialmente perché, in seguito allo scop­ Le case automobilistiche non potevano
fondata nel 2007 dalle tre case automobili­ pio dello scandalo del diesel, le tre case au­ essere all’oscuro di tutto. Nel rapporto
stiche insieme alla Bosch, non avrebbe spe­ tomobilistiche avrebbero riconosciuto che dell’Eugt sono nominati anche i manager
rimentato gli efetti dei gas di scarico solo era servita a poco. Le discutibili attività delle aziende che all’epoca facevano parte
sulle scimmie, come emerso da un’inchie­ dell’organizzazione per la ricerca non del consiglio direttivo dell’organizzazione.
sta del New York Times, ma anche sugli es­ avrebbero mai richiamato l’attenzione se i Nel comitato consultivo c’era una squadra
seri umani. Lo rivela un rapporto sulle atti­ suoi esperimenti non fossero initi nell’oc­ di esperti guidata da Helmut Greim, della
vità svolte dall’Eugt tra il 2012 e il 2015. chio del ciclone. Technische Universität di Monaco di Bavie­
Dal documento si apprende che l’orga­ Le tre aziende hanno preso le distanze ra. Lo scopo uiciale dell’Eugt era studiare
nizzazione avrebbe portato avanti un “test dai test sulle scimmie. I portavoce della e documentare senza pregiudizi gli efetti
sull’inalazione del diossido di azoto da par­ Volkswagen hanno dichiarato: “Siamo con­ del traico sulle persone e sull’ambiente. Il
te di persone sane”. Il diossido di azoto è vinti che il metodo scientiico adottato in vero obiettivo, però, era fare pubblicità al
l’agente inquinante i cui valori sono stati passato sia sbagliato”. Gli esperimenti sugli “diesel pulito”. u nv

100 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018


Manikganj, Bangladesh Regno Unito GERMANIA

Lavoratori
L’incubo della plastica sfruttati
ANDRew BIRAj (ReuteRs/CoNtRAsto)

secondo uno studio del


The Spectator, Regno Unito wirtschafts- und sozialwissen-
schaftlichen Institut (wsi), nel
Di questi tempi la plastica “è
2016 in Germania 2,7 milioni di
diventata lo spauracchio principale lavoratori hanno ricevuto paghe
dei cittadini”, scrive lo Spectator. inferiori al salario minimo intro-
Preoccupate dai suoi efetti dotto per legge nel 2015. Come
BANGLADESH scrive la Süddeutsche Zei-
inquinanti, molte persone vanno al
Se vai in città, supermercato con la borsa di tela. tung, si tratta di “camerieri che
lavoravano oltre l’orario stabili-
ti pago “un tempo i governi si
to nel contratto e camionisti pa-
accontentavano d’incoraggiare tutti gati solo per il tempo trascorso
In Bangladesh è stato avviato a riciclare la plastica. Ma oggi, al volante ma non per le pause.
un progetto per la riduzione del- soprattutto dopo che la Cina ha vietato le importazioni di Nei cantieri edili, inoltre, si ag-
la povertà che cerca di far spo- riiuti di plastica dal Regno unito e da altri paesi, la girava il limite legale facendo
stare i braccianti poveri dai loro passare gli operai per lavoratori
plastica deve sparire dalle nostre vite”. In efetti i mari e i
villaggi verso i grandi centri abi- autonomi”. Attualmente in Ger-
tati, scrive l’Economist. “A
iumi sono pieni di plastica, che è prodotta in pochi
mania il salario minimo è di
Rangpur, un distretto nel nord secondi ma ci mette secoli per degradarsi. Però sarebbe
8,84 euro all’ora. Nel 2017 le
del paese, i lavoratori agricoli bene, osserva il settimanale britannico, rilettere sulle aziende tedesche hanno pagato
sono in grande diicoltà in au- soluzioni alternative. Le confezioni di plastica hanno multe per più di 4,2 milioni di
tunno, quando il riso non è an- permesso ai supermercati di ofrire prodotti freschi che euro per aver violato la legge sul
cora pronto per il raccolto e c’è altrimenti non sarebbero stati facilmente disponibili nelle salario minimo.
poco lavoro. In questo periodo
grandi città. e poi bisogna considerare lo sfruttamento Berlino, Germania
potrebbero cercare lavoro in cit-
tà, ma non hanno voglia di usa- delle risorse usate come alternativa alla plastica: per
esempio il bambù, con cui si realizzano tazzine e altri
FABRIzIo BeNsCh (ReuteRs/CoNtRAsto)
re i loro pochi risparmi per pa-
garsi un biglietto del pullman”. contenitori per bevande calde. ◆
Così negli ultimi dieci anni un
gruppo di ricercatori guidato da
Mushiq Mobarak, un economi- Giappone
sta dell’università di Yale, ha re-
alizzato un progetto con cui of-
friva denaro alle famiglie pove-
re per spingerle a cercare lavoro
in città. Gli efetti dell’esperi-
mento sono stati monitorati in
un’area del distretto che include IN BREVE
133 villaggi. “Nei posti in cui Cile Il 24 gennaio Paul Romer
non è stato oferto denaro, è si è dimesso da capo economi-
emigrato in città per l’autunno sta della Banca mondiale. La
solo il 34 per cento degli abitanti decisione è arrivata in seguito
poveri. In altri villaggi dove è alle polemiche innescate da
stato oferto denaro a poche fa- un’intervista che aveva rilascia-
KYoDo/AP/ANsA

miglie, la quota è salita al 59 per to al wall street journal. Romer


cento. Dove invece sono stati aveva dichiarato che in uno stu-
oferti soldi alla maggior parte dio della Banca mondiale sul
dei braccianti poveri si è arrivati clima imprenditoriale i dati
al 74 per cento”. La vita nei vil- I clienti saranno risarciti economici sul Cile erano stati
laggi è cambiata nettamente, manipolati per motivi politici.
“non solo perché in autunno ar- La Coincheck (nella foto: il presidente Koichiro Wada e il direttore ese- Lo scopo era far credere che
rivavano soldi dagli uomini cutivo Yusuke Otsuka), una delle principali borse giapponesi per il l’economia fosse meno compe-
emigrati in città, ma anche per- cambio di monete digitali, rimborserà più di 423 milioni di dollari ai titiva per attaccare il governo
ché la minore presenza di brac- suoi clienti che il 26 gennaio, a causa di un attacco informatico, han- uscente di Michelle Bachelet al-
cianti ha fatto aumentare i sala- no perso i loro depositi nella criptomoneta Nem. Come spiega la la vigilia delle presidenziali del
ri nei campi”. Bbc, il rimborso copre circa il 90 per cento del valore perso. 19 novembre 2017.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 101


Strisce
Wulf & Morgenthaler, Danimarca

Prima che il gioco


Wumo

degli scacchi fosse


completamente sviluppato

Sei riuscito a testare quelle


Difficile
pillole per l’erezione?
Allora, hanno a dirsi
funzionato
Sì... bene?
gra
Pertti Jarla, Finlandia
Fingerpori

LE PERSONE E LE LORO CUFFIE Quello che lascia l’audio Quella che ascolta musica Il MacGyver
C’è quello che si dimentica sempre attivo che non ti aspetti
Ho solo bisogno
di avercele di una gomma da
Vai a masticare e poi
dormire! sono perfette!
Gojko Franulic, Cile

AH AH
AH AH
AH!
Ma
mamma!
Sephko
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 103


L’oroscopo

Rob Brezsny
compiti per tutti
Qual è il guaio migliore e più salutare
in cui potresti cacciarti in questo momento?

acquario ne subito la polizia e nessuno si fe- tua tolleranza? La tua profonda co-
Quando avevo vent’anni, ogni tanto fumavo marijuana. ce male. Non te lo racconto per in- noscenza della natura umana?
Mi piaceva. Mi faceva stare bene e mi rendeva più crea- vitarti a imitare quell’uomo. Ti
prego di non infrangere la legge. sagittario
tivo. Ma dopo l’incontro con il mago pagano Isaac Bo- Nel 1989 un uomo comprò
Ma ti invito anche ad agire in mo-
newits cambiai idea. Bonewits non era contro l’uso della canna- do deciso e creativo per realizzare un quadro per quattro dol-
bis per motivi etici, ma era convinto che affievolisse la forza di vo- un tuo desiderio molto specifico. lari al mercato delle pulci di Adam-
lontà e la determinazione a cambiare la propria vita. Presto sco- stown, in Pennsylvania. Non gli in-
prii che aveva ragione. Da allora non ho più fumato. Non te lo di- vergine teressava l’opera, ma pensava di
co per convincerti a non fare uso di droghe, ma per invitarti a Le foglie e gli steli di molte poter usare la cornice. Tornando a
chiederti se nella tua vita ci sono influenze che affievoliscono la varietà di ortica pungono. I casa trovò un documento nascosto
tua forza di volontà e la tua determinazione a cambiare in meglio. peli che li ricoprono sono come dietro al dipinto: era una rara copia
aghi ipodermici che iniettano nel- della dichiarazione d’indipenden-
È un buon momento per riflettere su questo.
la pelle una miscela di sostanze za americana del 1776. Più tardi
chimiche irritanti. Eppure l’ortica l’avrebbe venduta per 2,42 milioni
è una pianta con molte proprietà di dollari. Dubito che nelle prossi-
ariete due motivi. Il primo è che non do- curative. Può dare sollievo a chi me settimane ti capiterà una cosa
In tutta la loro storia gli es- vresti lasciarti sedurre, tentare o soffre di allergie, artrite e disturbi altrettanto eccezionale. Ma preve-
seri umani hanno estratto conquistare solo dalla dolcezza. alle vie urinarie. È per questo che do che troverai qualcosa di prezio-
circa 182mila tonnellate d’oro. Se- Devi pretendere che la dolcezza nell’Enrico IV, parte I, Shakespea- so dove meno te lo aspetti.
condo le stime più ottimistiche, sia accompagnata da un senso di re la usa come metafora: “Da
nel sottosuolo ce ne sono ancora 35 meraviglia e di riconoscimento quest’ispida ortica, coglieremo un capricorno
miliardi di tonnellate, ma saranno della tua bellezza unica. E poi do- bel fiore: la salvezza”, dice un per- Negli anni quaranta del set-
più difficili da trovare e da estrarre vresti avere lo stesso atteggiamen- sonaggio di nome Hotspur. In tecento un’adolescente del
di quelle che già abbiamo. Serve to nei confronti delle persone che conformità con i presagi astrali, Capricorno di nome Eliza Lucas
una tecnologia più avanzata. Se vuoi sedurre, tentare o conquista- nomino l’ortica tuo simbolo di introdusse un nuovo tipo di coltura
dovessi dire chi sono gli imprendi- re: condisci sempre la tua dolcezza forza per le prime tre settimane di negli Stati Uniti: l’indigofera, usata
tori e gli inventori più adatti a con- con la meraviglia e il riconosci- febbraio. per tingere i tessuti di azzurro. Nel
durre questa ricerca, sceglierei mento della loro bellezza unica. South Carolina, dove Lucas ammi-
qualcuno della tribù dell’Ariete. bilancia nistrava la fattoria del padre, quel-
Nel prossimo futuro sarai partico- cancro Knullrufs è una parola sve- la pianta sarebbe diventata il se-
larmente capace di portare alla lu- In questo momento sei più dese che descrive l’aspetto condo più importante prodotto
ce tesori nascosti e scovare risorse incline a scegliere coinvol- arruffato e disordinato dei capelli agricolo destinato alla vendita. Ho
difficilmente accessibili. gimenti provvisori e promesse a dopo il sesso. Se interpreto bene i buoni motivi per pensare che in
breve termine? O sei disposto ad presagi astrali, nelle prossime set- questo momento anche tu potresti
toro assumerti impegni coraggiosi che timane dovresti sperimentare più introdurre innovazioni che avran-
Le storie hanno la capacità ti permettono di penetrare più a knullrufs del solito. Sei in una fase no ripercussioni economiche a
di soffocare o di attivare le fondo il Grande Mistero? In base ai in cui meriti e hai bisogno di più lungo termine. Non lasciarti sfug-
tue energie vitali. Spero che nelle presagi astrali, io voterei per la se- piaceri e delizie, specialmente del gire le opportunità di aumentare il
prossime settimane farai uno sfor- conda ipotesi. Ma ho anche altre tipo che ti scompiglia la mente ol- tuo patrimonio.
zo eroico per cercare quelle del se- due domande per te. Preferisci tre che i capelli. Sei autorizzata a
condo tipo ed evitare quelle del passare da una situazione confusa essere più insaziabile e sfrenata di pesci
primo. È il momento giusto per nu- all’altra senza un piano d’azione quanto tu non sia normalmente. Prima di andare incontro al-
trirti di storie che ti scuotano dalle preciso? O sei capace di evocare la la tua prossima grande sfida
tue reazioni solite, ti spingano a magia necessaria per realizzare scorpione non vorresti liberarti di un baga-
prendere decisioni a lungo riman- collaborazioni di alta qualità? Spe- Il fisico di Harvard Greg Ke- glio ingombrante? Spero di sì. Ser-
date e risveglino la parte assopita ro che sceglierai la seconda opzio- stin ha postato su YouTube virà a purificare la tua anima dalla
della tua anima. E questa è solo la ne. Il prossimo futuro sarà il perio- il video di un esperimento: rag- melma karmica. Un modo per
metà del tuo compito, caro Toro. do ideale per stringere uno o due giunge il centro di un lago con un compiere questo atto di coraggio è
Dovrai anche raccontare storie che patti sacri. gommone, versa un cucchiaio confessare i tuoi peccati e chiedere
ti aiutino a ricordare fino in fondo d’olio nell’acqua e, qualche minuto perdono davanti a uno specchio. E
queste sono le domande che do-
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

chi sei e aiutino la persona che ti leone dopo, nel raggio di decine di metri
internazionale.it/oroscopo

ascolta a capire fino in fondo chi è. Nel marzo del 1996 un uo- intorno alla sua imbarcazione il la- vresti porti: c’è qualcuno che cono-
mo fece irruzione nello stu- go è liscio e immobile. Tutte le pic- sci che non ti scriverebbe una buo-
gemelli dio dell’emittente radiofonica Star cole onde sono scomparse e Kestin na lettera di referenze? Hai mai
La scrittrice Anaïs Nin dice- di Wanganui, in Nuova Zelanda. spiega i motivi scientifici dell’effet- commesso un’azione veramente
va: “Ci sono due modi per Prese in ostaggio il direttore e fece to stabilizzante prodotto da quella immorale? Hai rivelato qualche in-
arrivare a me: con i baci e con la una richiesta: il dj doveva mandare minima quantità di olio. Ho il so- formazione che ti era stata confi-
fantasia. Ma esiste una gerarchia: i in onda una registrazione della spetto che nelle prossime due set- data in segreto? Non dico che in
baci da soli non funzionano”. In canzone The rainbow connection, timane avrai un potere metaforica- queste cose tu sia più colpevole di
questo momento, la sua frase si cantata da Kermit la Rana del mente simile. Qual è la tua versio- tutti noi, è solo che ora è il momen-
adatta particolarmente a te per Muppet show. Per fortuna interven- ne dell’olio? Il tuo equilibrio? La to buono per cercare di redimerti.

Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018 105


L’ultima
BENNETT, CHATTANOOGA TIMES FREE PRESS, STATI UNITI

La macchina della verità.

RAYCLID, LE COQ DES BRUYÈRES, FRANCIA


BRANDAN, BUSINESS DAY, SUDAFRICA

Il fondatore di Ikea è morto. “Terzo piano interrato. Dovrà


montare dei mobili con la brugola. E senza istruzioni”.

In fuga.
EL ROTO, EL PAÍS, SPAGNA

MCPHAILL

“Non si preoccupi, è solo un tappo di propaganda”. “E che contributo pensa di dare alla nostra azienda?”.

Le regole Medicinali da banco


1 Se entrando in farmacia cerchi il carrello, parti con il piede sbagliato. 2 Compra solo le medicine
per le malattie che hai, e non per quelle che pensi di poter avere. 3 Chi crede nell’omeopatia va
rispettato: esiste la libertà di religione. 4 Il paracetamolo non può essere l’ingrediente base della tua
dieta. 5 Ricordati di leggereattentamenteilfogliettoillustrativo. regole@internazionale.it

106 Internazionale 1241 | 2 febbraio 2018