Sei sulla pagina 1di 7

I.I.S.

Scarpa Mattei
Sede di S. Don di Piave

Anno scolastico: 2015-2016 Alunno: Pavanello Martino


Classe: 5^B Professore: Carrer Francesco

Uno, nessuno e centomila


Indice
Luigi Pirandello (biografia)..............................................................................1

Stile e poetica.................................................................................................2

I grandi successi.............................................................................................2

Opera (trama).................................................................................................3

Opera (tempo e luogo)...................................................................................4

Opera (personaggi)....................................................................................4-5

Opera (narrazione)........................................................................................5

Sitografia
Wikipedia.org

Skuola.net
Luigi Pirandello

Luigi Pirandello nacque ad Agrigento il


28 giugno 1867 e mor a Roma il 10
dicembre 1936.
La sua era una famiglia borghese agiata
grazie al commercio e all'estrazione dello
zolfo.
Inizi gli studi all'universit di Palermo, li
prosegu a Roma e li termin laureandosi
a Bonn, in Germania.
Nel 1892 si trasfer a Roma mantenuto
dagli assegni mensili inviatigli dal padre
e grazie all'amicizia di Luigi Capuana Illustrazione 1: Luigi Pirandello
riusc a farsi strada nel mondo letterario.
Due anni dopo, ad Agrigento, spos
Maria Antonietta Portulano, figlia di un
socio del padre; questo matrimonio fece
molto comodo alle famiglie e permise ai
due innamorati di vivere in condizioni
agiate.
Con la moglie ebbe tre figli, Stefano,
Rosalia e Fausto.
Nel 1903 un allagamento alla cava di
zolfo ridusse la famiglia di Pirandello in
povert; ne segu che la salute mentale
della moglie peggior fino alla sua morte
per malattia mentale nel 1959.
A causa della crisi economica inizi a
lavorare come insegnante privato e
collabor anche con il Corriere della
Sera.

Illustrazione 2: Luigi Pirandello e la sua


famiglia

1
Stili e poetica
Luigi Pirandello ader al fascismo, vedendo in questo movimento
uno spiraglio di rivoluzione, anche se opera con valori
indiscutibili.
Da quando la moglie venne colpita da malattie mentali, inizi a
leggere libri d psicologia, che trattavano come argomento
l'alterazione della personalit, ovvero la presenza simultanea di
pi persone nello stesso corpo; questo argomento alla base
del libro Uno nessuno e centomila.
Il suo stile di tipo medio, molto pi simile al parlato che alo
scritto e ci comporta a una narrazione non molto lineare.
Inoltre le sue opere sono fortemente influenzate dal teatro.

I grandi successi
Il primo successo arriv ne 1904 con il romanzo Il fu Mattia
Pascal e successivamente divenne molto famoso quando inizi
a dedicarsi solamente al teatro.
Dopo la guerra Pirandello cominci a scrivere molte opere, per lo
pi teatrali e nel 1925 fond la compagnia del Teatro d'Arte di
Roma.
Grazie a tutto ci la sua fama crebbe e nove anni dopo gli venne
conferito il premio Nobel per la letteratura

2
Opera
Il libro Uno, nessuno e centomila un romanzo di tipo psicologico.
Il protagonista Vitangelo Moscarda, un uomo di circa trent'anni che si
mantiene grazie alla banca lasciatagli in eredit dal padre.
Vive a Richieri assieme alla moglie Dida ed in affari con Quantorzo e Firbo,
che amministrano la banca al posto suo.
Vitangelo conduce una vita del tutto normale, ma quando la moglie gli fa
notare che il suo naso pende verso destra, capisce di non essere per gli altri
quell'uno che lui crede di essere.
Cos cerc di sperimentare questa teoria sui suoi amici e ne trasse
conclusione che tutti erano ignari dei difetti che fece loro notare, proprio come
quello che sua moglie fece notare a lui.
Cap quindi che la stessa persona poteva essere vista in centomila modi
diverso da tutti gli altri, infatti lui era visto da sua moglie in modo
completamente diverso da come lo vedevano i colleghi di lavoro o gli amici.
Il fatto di non essere visto dagli occhi delle altre persone come pensa di
essere veramente lo porta in uno stato di pazzia.
Decide di smentire la sua fama di usuraio in citt, cos sfratta una famiglia
indebitata con lui proprio durante un temporale e subito dopo, quando la folla
sdegnata nei suoi confronti, consegna nelle mani dell'uomo le chiavi di una
nuova casa in regalo.
Successivamente si sbarazza della banca e la moglie, preoccupata per la
situazione economica va via di casa.
Questa sua mossa stata molto azzardata, perch sapeva bene come le
situazioni economiche di amici e parenti gravassero attorno a quella banca,
ma decise di farlo lo stesso dato che era stufo di essere comandato a
bacchetta dalla moglie.
A questo punto tutte le persone che aveva care gli voltarono le spalle, tranne
una, Anna Rosa, amica della moglie.
Poco dopo anche Anna Rosa finisce con spaventarsi dei ragionamenti e dei
pensieri di Vitangelo, cos gli spar ferendolo in modo piuttosto grave.
Tutto ci porta il protagonista in un ospizio per poveri fondato da lui dove si
sente libero da ogni ident ed pi felicew di prima.
In conclusione Vitangelo capisce che la vita in continua evoluzione ed
formata da un alternarsi di morire e rinascere ogni volta e cos decide di
abbandonare il suo nome, diventare nessuno per se stesso e di vivere non
vivendo.

3
Tempo e luogo
Il romanzo ambientato a Richieri, un paesino della Sicilia, di cui non
accertabile l'esistenza.
Non vi sono molte descrizioni degli ambienti, perch l'opera basata sulle
riflessioni e i pensieri di Vitangelo Moscarda.
Il tempo piuttosto lungo, all'incirca qualche anno.
Tempo e luogo in quest'opera non sono molto significativi, in quanto, come
detto prima, tutto si concentra sulla sfera psicologica del protagonista.

Personaggi

I personaggi principali del romanzo sono:

Vitangelo Moscarda:

il protagonista del romanzo, ed un uomo sui trent'anni con una


situazione sociale ed economica benestante.
Come tutti gli altri personaggi non viene descritto molto fisicamente,
bens viene descritto il suo aspetto comportamentale; le uniche
caratteristiche fisiche descritte sono i capelli rossi, il naso pendente
verso destra e le sopracciglia arcuate.
Il suo comportamento e il suo modo di vedersi cambiano nel corso della
narrazione, perci si tratta di un personaggio individuo.

Dida:

la moglie di Vitangelo, che lo ritiene un marito ingenuo e lo comanda a


bacchetta.
Quando Vitangelo decide di ribellarsi e abbandonare la sua attivit di
banchiere, lei si preoccupa della sua situazione economica anzich del marito
e ci dimostra il suo carattere piuttosto labile.

Firbo e Quantorzo:

Inizialmente sono solo comparse e lavorano come banchieri,


successivamente diventano antagonisti di Vitangelo sostenendo Dida.

4
Anna Rosa:

Amica di Dida, compare verso la fine del romanzo ed una ragazza di


circa venticinque anni molto tranquilla e non ancora sposata.
Anche lei un personaggio individuo perch inizialmente sta dalla parte
di Vitangelo quando si trova solo e abbandonato da amici e familiari, ma
quando capisce che diventato pazzo gli spara.

Altri personaggi sono: Francesco Antonio Moscarda (padre di Vitangelo),


Marco di Dio e la moglie Diamante (Vitangelo regal loro una casa dopo
averli sfrattati), il notaro e il giudice.

Narrazione
La struttura narrativa una fabula, poich tutti i fatti si susseguono in ordine
temporale, ma sono presenti alcuni flashback.
Il narratore interno e coincide con la persona di Vitangelo; inoltre la
focalizzazione interna.
Il romanzo suddiviso in sette macrosequenze (chiamate libri).
Il livello di linguaggio utilizzato di tipo medio-basso, mentre il ritmo narrativo
rallentato dalle descrizioni sui pensieri di Vitangelo.

Il tema trattato il questo romanzo lo sdoppiamento della personalit.

La prima edizione stata stampata nel 1992.

Il romanzo stato adattato ad opera teatrale.