Sei sulla pagina 1di 35

La prevenzione degli infortuni in Atletica Leggera

7 dicembre 2013 Officina Atletica

Gli infortuni nello sport


Cos un infortunio nello sport
un evento che destabilizza lo stato di salute dellatleta (tutto ci che limita la possibilit di gareggiare o di allenarsi come programmato)

Quali infortuni nello sport


- Da contatto - Da non contatto - Da contatto apparente - Da sovrallenamento - Da cattivo allenamento

Quali infortuni in atletica


QUALCHE CONSIDERAZIONE Il contatto fisico, non previsto dal regolamento quindi non c un alta incidenza traumatologica Differenti per disciplina Tendenzialmente di lunga o di breve durata ? Dipendono dallallenamento ? Durante la gara o in allenamento ?

Quali infortuni in atletica


Da non contatto
Lesioni muscolari Lesioni tendine Traumi articolari infiammazioni Fratture Overuse (uso eccessivo) Da affaticamento ( fattore scatenante ) Il malanno Ecc..

Da sovrallenamento
Un eccesso di carico di allenamento, che esso sia per motivi di intensit, quantit, frequenza.

Da cattivo allenamento
Un cattivo allenamento un esercizio svolto in modo scorretto

Quali infortuni in atletica leggera


Determination of future prevention strategies in elite track and field: analysis of Daegu 2011 IAAF Championships injuries and illnesses surveillance Br J Sports Med. 2012 June 1; 46(7):
505514.
Cosa si sapeva prima di questo studio nei mondiali IAAF 2007 e 2009 c stata un incidenza di, rispettivamente 97 e 135,4 infortuni ogni 1000 atleti registrati, e un incidenza di 68,2 malanni ogni 1000 atleti registrati al mondiale IAAF 2009; la maggior parte degli infortuni causato da overuse (uso eccessivo) gli infortuni pi comuni sono gli stiramenti alla coscia e i malanni piu frequenti riguardano la zona superiore dellapparato respiratorio.

Cosa ha aggiunto questo studio durante i mondiali IAAF 2011 si registrata un incidenza di 135 infortuni, 60 di lungo periodo e 68 malanni ogni 1000 atleti registrati Le piu frequenti diagnosi di infortunio riguardano stiramenti della coscia (specialmente stiramento dei flessori), seguiti dalle slogature di caviglia, crampi ai muscoli del tronco, stiramenti della gamba (polpaccio) i malanni piu frequentemente diagnosticati sono le infezioni del tratto superiore dellapparato respiratorio, gastrointerite e disidratazione.

Quali i pi frequenti
Achilles Tendon Rupture Achilles Tendonitis / Tendinitis ACL Tear Adductor Tendinopathy Back Muscle Pain Bicep Tendonitis BPPV - Benign Paroxysmal Positional Vertigo Bulging Disc Bunion Bursitis Shoulder Calf Muscle Injury Chondromalacia Patella Degenerative Disc Disease Facet Joint Pain Femoroacetabular Impingement (FAI) Gluteal Tendinopathy Golfers Elbow Groin Pain Hamstring Strain Heel Spurs (Calcaneal Spurs) High Ankle Sprain Hip Arthritis (Osteoarthritis) Hip Labral Tear Iliotibial Band Friction Syndrome Knee Arthritis Knee Bursitis (Patellar Bursitis) Knee Ligament Injuries Meniscus Tear Metatarsalgia Muscle Strain (Muscle Pain) Neck Headache Osgood Schlatter Disease Osteitis Pubis Overuse Injuries Patella Tendonitis (Tendinopathy) Patellofemoral Pain Syndrome Pinched Nerve Piriformis Syndrome Plantar Fasciitis Plica Syndrome Poor Hip Core Rotator Cuff Calcific Tendinitis Rotator Cuff Syndrome Rotator Cuff Tear Sacroiliac Joint - SIJ Pain Sciatica Severs Disease Shin Splints Shoulder Dislocation Shoulder Impingement Shoulder Tendonitis Sinding Larsen Johansson Syndrome Spondylolisthesis Spondylolysis (Back Stress Fracture) Sprained Ankle Stress Fracture Thigh Strain Trochanteric Bursitis (Bursitis Hip)

Sindrome della bendeletta iliotibiale (knee runner) Lesioni muscolari (maggior parte nella coscia) Infiammazioni tendinee (rotuleo, achilleo) Slogature di caviglia Gonalgie Lombalgie

Lapproccio metodologico alla prevenzione


Cos la prevenzione degli infortuni sportivi Ridurre il pi possibile lindice di rischio infortuni, mantenendo il pi alto possibile il livello di performance. Non possibile evitare gli infortuni, ma un nostro obbligo ridurre la possibilit che si manifestino

Lapproccio metodologico alla prevenzione

Il meccanismo dellinfortunio

Understanding injury mechanisms: a key component of preventing injuries in sport R Bahr, T Krosshaug Br J Sports Med 2005; 39:324329

Le tecniche preventive
Valutazione dello stato di salute dellatleta Test da campo per la valutazione del rischio infortuni Protocolli di allenamento

Le tecniche preventive
Valutazione dello stato di salute dellatleta. -visita medica -test isocinetico -test di balzo con le pedane di forza -valutazione capacit aerobica -Questionari valutativi stato di salute -test lunghezze muscolari -ecc

Le tecniche preventive
Test da campo per la valutazione del rischio infortuni -FMS -Star exercusion balance test (y-balance) -LESS test -single leg squat

FMS
FMS Functional Movement Screen. un semplice strumento per poter valutare schemi motori errati o compensatori. Valuta disfunzioni, asimmetrie e squilibri muscolari. una valutazione qualitativa del movimento, non quantitativa. Non ha la pretesa di svelare o diagnosticare problemi ortopedici. Valuta la qualit della programmazione motoria nello svolgere 7 movimenti base. composto da 7 test. Ad ogni test viene assegnato un punteggio da 0 a 3. La somma dei punteggi dar un valore compreso tra 0 e 2. Un valore inferiore a 14 indica che il soggetto testato ha un alto rischio di infortuni.

FMS
DEEP SQUAT

FMS
HURDLE STEP

FMS
INLINE LUNGE

FMS
SHOULDER MOBILITY

FMS
ACTIVE STRAIGHT-LEG RAISE

FMS
TRUNK STABILITY PUSHUP

FMS
ROTARY STABILITY

Star exercusion balance test SEBT (Y-balance)


Specifico per valutare le asimmetrie tra arto destro e arto sinistro Valuta la capacit dequilibrio funzionale Si manifestato un ottimo parametro per valutare le instabilit di caviglia Si verificato che se esistono asimmetrie superiore a +/- 4 cm il soggetto da ritenersi a rischio infortuni

Star exercusion balance test SEBT (Y-balance)

LESS: The Landing Error Scoring System


Calcola il rischio di infortuni al LCA

LESS: The Landing Error Scoring System


1. Knee Flexion @ Initial Contact: > 30 degrees ____ Yes (0) ____ No (+1) 2. Knee Valgus @ Initial Contact: Knees over midfoot ____ Yes (0) ____ No (+1) 3. Hip Flexion @ Initial Contact: Hips are flexed ____ Yes (0) ____ No (+1) 4. Trunk Flexion @ Initial Contact: Trunk is flexed ____ Yes (0) ____ No (+1) 5. Lateral Trunk Flexion @ Initial Contact: Trunk is vertical ____ Sternum centered over hips (0) ____ Lateral deviation of sternum over hips (+1) 6. Ankle Plantar Flexion @ Initial Contact: Toe to heel ____ Yes (0) ____ No (+1) 7. Foot Position @ Initial Contact: Toes > 30 of ER ____ Yes (+1) ____ No (0) 8. Foot Position @ Initial Contact: Toes > 30 of IR ____ Yes (+1) ____ No (0) 9. Stance Width @ Initial Contact:< Shoulder width ____ Yes (+1) ____ No (0) 10. Stance Width @ Initial Contact:> Shoulder width ____ Yes (+1) ____ No (0) 11. Initial Foot Contact: Symmetric ____ Yes (+0) ____ No (+1) 12. Knee Flexion Displacement: > 45 degrees ____ Yes (0) ____ No (+1) 13. Knee Valgus Displacement: > great toe ____ Yes (+1) ____ No (0) 14. Hip Flexion Displacement: Hips flex more than at initial contact ____ Yes (0) ____ No (1) 15. Trunk Flexion Displacement: Trunk flexes more than at initial contact ____ Yes (0) ____ No (1) 16. Joint Displacement (Sagittal Plane) ____ Soft (0) ____ Average (+1) ____ Stiff (+2) 17. Overall Impression ____ Excellent (0) ____ Average (+1) ____ Poor (+2)

Single leg-squat test


Verifica eventuali squilibri muscolari

Squat test

Le tecniche preventive
Lo stretching La propiocettiva Il self myofascial release Una buona didattica della pliometria Core stability

Lo stretching
Statico = 30
- C una moderata evidenza del fatto che, se svolto regolarmente, migliora il ROM, la forza, la performance e diminuisce il rischio di infortuni - C una moderata evidenza del fatto che fatto prima dellesercizio, non previene i rischi di infortunio

Lo stretching
Dimanico - Isolato

- Globale

La propiocettiva
Stimolare tutti gli analizzatori afferenti - Vista - Tatto - Sistema vestibolare - Tavolette o no ? - Stabilizzare sopra o sotto ?

Self myofascial release


Tecnica inibitoria Ideale prima dello stretching statico, ha la finalit di inibire i muscoli troppo attivi
Muscoli eccessivamente attivi, portano infiammazioni e di conseguenza tendiniti e lesioni mucolari

Didattica della pliometria


Sviluppo controllo snc 3 fasi - Eccentrica - Inversione - Concentrica

Core stability
Da che muscoli composto il CORE ? Trasverso Obliqui Multifido Retto delladdome Erettore spinale Quadrato dei lombi Pavimento pelvico Diaframma muscoli dellanca

Core stability
Possiamo immaginarla come la propiocettiva della zona addomino-lombare Sviluppa il controllo fine della zona addominolombare Non da confondere come un rinforzo