Sei sulla pagina 1di 25

Universit degli Studi

G. dAnnunzio
Chieti
Corso di Psicologia Clinica
Prof. Salvatore Sasso
I test proiettivi:
a cura del prof. Salvatore Sasso e della dott.ssa Alessia Cardellini

Cattedra di Psicologia Clinica

I test proiettivi
parte 2

Il test REATTIVO DI

REALIZZAZIONE
GRAFICA
Prende spunto dal

reattivo di disegno di Wartegg (W.Z.T.)

PRESUPPOSTI TEORICI
La produttivit inconscia viene organizzata sul piano
formale (operativo comportamentale) e su quello dei
dinamismi affettivi simbolici
Lelaborato grafico pi ricco di dati personali e
meno distorto dalle interpretazioni dellinterlocutore
La proiezione linvestimento nel mondo esterno di
valori e di strutture proprie della personalit, che
influenza lattivit percettiva
Il reale assume la colorazione di essere ricostruito del
soggetto che porta i suoi modi specifici e personali (Vico)

Abt e Bellak parlano a tal proposito di distorsioni


appercettive

Note sul R.R.G.


La realizzazione grafica mette il luce soprattutto:
Il controllo e lorganizzazione razionale
La reattivit operativa
e, indirettamente, le sorgenti energetiche affettive
della personalit

Gli stimoli presentati tendono, mediante processi


inconsci, a produrre una corrente ideo-affettiva
subliminale in direzioni prefissate
La scelta degli stimoli stata operata da
Wartegg tenendo presente sia le leggi gestaltiste
sia laspetto simbolico richiamato a campi tipici di
esperienza

Quadri di stimoli R.R.G.

Lo sviluppo del gesto grafico


I stadio (2-4 anni) = realismo motorio
Primi scarabocchi disordinati, obliqui e casuali (fino a 2
anni); verso i 3 anni inizia la coordinazione miocinetica.
Il significato attribuito dopo la realizzazione del disegno

II stadio (4-7 anni) = realismo intenzionale


Ricerca di un significato da realizzare, perch si coglie la
relazione tra rappresentazione e cosa

III stadio (7-9 anni) = realismo intellettuale


Prime rappresentazioni dellimmagine mentale, i caratteri
essenziali sono quelli ritenuti soggettivamente essenziali

Lo sviluppo del gesto grafico


IV stadio (9-13 anni) = realismo visuale
oggettivo
progressiva evoluzione dalla rappresentazione povera alla
forma geometrica per aderire alloggetto (volume, ombra,
proporzione e valutazione prospettica)

V stadio (13-17 anni) = realismo personale


il disegno non rappresenta pi una raffigurazione della realt
esteriore, ma anche espressione delle valutazioni personali,
con laffermazione di un proprio stile
NB REALISMO in senso psicologico, come TRASPOSIZIONE
MOTORIA FIGURATIVA-SPAZIALE DI Ci CHE
PERCEPITO e VISSUTO COME REALE dal soggetto

Lanalisi psicologica
Per fare la.p. di qualunque costrutto occorre
vedere 3 strati:
Il TRATTO, come delimitazione cosciente realistica
ed espressione dellattivit mentale e razionale
La REALIZZAZIONE, lambiente simbolicamente
proposto nel quale reagire
Il CONTENUTO PREVALENTE nei disegni

1. Analisi del TRATTO


La prevalenza della linea sulla diffusione indicativa
dellintenzionalit +/- rigida e adattiva e del controllo
sulla indecisione, sulle pulsioni e sullaffettivit
Le linee che si possono esprimere sono:
1. La LINEA DRITTA
2. La LINEA CURVA
3. lINTENSITA (pesante e sottile)
4. LINEA CONTINUA-DISCONTINUA

La LINEA DRITTA
Landamento rettilineo implica una intenzionalit
direttiva dellapparato miocinetico (controllo
razionale rigido)

Pu assumere diversi livelli: razionalizzazione,


di decisione, di aggressivit e di astrazione
Nel parallelismo si accentua il significato di
controllo, indicando ostinazione o ossessivit a
parziale copertura di insicurezze profonde
Si accompagna a irrigidimento e distacco affettivo
Linee in senso orizzontale (pi naturale)
o verticale (maggior controllo ed energia)

La LINEA CURVA
in natura il risultato di un adattamento
progressivo a forze agenti
Rappresenta una continuit di energia e
insieme la variazione di essa, indica la
tendenza alla flessibilit
connessa alla passivit, la dipendenza,
e la non prevalenza del controllo razionale

INTENSITA del tratto


Sembra essere legata a meccanismi inconsci
individuali, non modificabili da apprendimento
1. FORTE e COSTANTE INTENSITA, in funzione
della impulsivit vitale (vedi scarabocchi dei bambini)
2. MANCANZA DI CONTROLLO nella pressione,
come mancanza di elaborazione degli impulsi
INGROSSAMENTI e ANNERIMENTI, emerge emotivit
e vulnerabilit affettiva nella perdita di controllo

3. LINEA SOTTILE SFUMATA, indica basso livello


energetico, inibizione, tididezza, incertezze oppure
finezza intellettuale ed emotiva

LINEA CONTINUA-DISCONTINUA
Rappresenta una espressione spaziale della
presenza funzionale di inibizione
1. Linea discontinua, rappresenta arresti psichici
tradotti nella sfera miocinetica significativa. Tradisce
insicurezza interna e indecisione.

2. Linea continua. La prosecuzione incontrollata e


violenta indica una imposizione del soggetto sul
mondo esterno

3. Linee raddoppiate, il sogg. Tenta di superare


una indecisione con un ripensamento

4. Tratto ricalcato, indecisione e insicurezza di base

2. REALIZZAZIONE
Nel disegno, lo spazio rappresenta lambiente
simbolico proposto per reagire agli stimoli
Ansia si fronte a spazio bianco
I principali segni presenti nella r. dellansia
sono:
Cancellature
Ombreggiature
Omissioni
Linee spezzate e indecise

2. REALIZZAZIONE
Si tengono in considerazione:
SPAZIO
SENSO, DIREZIONE
PROSPETTIVA
TRIDIMENSIONALITA

LO SPAZIO
DISEGNI PICCOLI. Con pochi elementi e povert
associativa pu essere indice di sentimenti di
insufficienza o blocco emotivo

MODERATO USO DELLO SPAZIO. Senso


moderato delle ambizioni e della propria
affermazione

DISEGNI MOLTO AMPI. Forma di affermazione e


incentramento sul proprio Io, spontaneit ma con
ridotto controllo delle pulsioni (disegni di tipo
ossessivo)

SPAZIO VUOTO. Pi ampio pi indica un blocco o


un impoverimento emotivo-asociativo

SENSO E DIREZIONE
La direzione del disegno lorientamento
della composizione.
Verso destra e verso lalto, indica progressione
evolutiva ed estroversione (cio investimento allesterno
dellaggressivit e delliniziativa). Esprime capacit di
realizzazione, di efficienza, di abilit, di disposizione
allempatia

Verso sinistra e verso il basso, espressione di


introversione, introspezione e di attaccamento a fasi
meno avanzate

PROSPETTIVA E
TRIDIMENSIONALITA
La realizzazione prospettica indica una
avanzata maturazione del potere critico e
una capacit di stabilire contatti sociali
Assenza di prospettiva o linearit, vista
con diffidenza (rischio di soggetti psicotici)
La tridimensionalit un punto di arrivo di
maturazione delle capacit logico-critica,
sintetica e analitica insieme (Machover)
La t. permette una visione pi matura e pi
aderente alla realt

Organizzazione della
composizione
La composizione pu essere vista da:
Un punto di vista informativo:

Chiara
Difficoltosa
Incomprensibile
Originale

Un punto di vista associativo e compositivo:


Organizzazione semplice -> forma di controllo
Organizzazione schematica -> povert associativa e
comunicativa

Organizzazione ricca -> elaborazione significativa

3. Il CONTENUTO
Sono state costruite della tabelle in base
alla frequenza delle risposte
Lanalisi della tabelle permette di arrivare
ad un profilo descrittivo di personalit
partendo da composizioni grafiche normali
rare, originali o patologiche
Il 2% corrisponde al limite della risposta
originale
Il campione stato di 1000 soggetti
280F)

(720M e