Sei sulla pagina 1di 2

Una coltura con molte risorse Possibile alternativa al mais

La coltura del sorgo nel sistema agricolo lombardo e bergamasco riveste un ruolo sempre pi importante per una serie di caratteristiche quali rusticit, economicit, resistenza ai fitofagi, che la specie possiede. In questo particolare momento della maiscoltura, che deve gestire la presenza della Diabrotica del mais, il sorgo pu rappresentare una valida alternativa e offrire un utile strumento per gestire la diabrotica in modo corretto e sostenibile attraverso la rotazione. Nellintento di fornire informazioni e spunti di confronto utili ad una buona e proficua gestione dell attivit agricola, il Settore Agricoltura, in collaborazione con altri enti, ha partecipato a sperimentazioni, ricerche, incontri che hanno permesso la realizzazione del presente pieghevole finalizzato alla presentazione e divulgazione dei principali aspetti tecnici della coltivazione del sorgo. Laugurio che agricoltori e tecnici possano trarre utili spunti per la propria attivit e nuove opportunit di sviluppo.
Enrico Piccinelli Assessore Provinciale allUrbanistica e Agricoltura

SORGO

PARMA

PERCH IL SORGO?
Il sorgo una pianta resistente e con una adattabilit molto ampia. Le principali caratteristiche di interesse di questa coltura sono: limitato fabbisogno idrico, resistenza alla siccit, massima efficienza di utilizzo delle risorse idriche permette di ampliare la rotazione con una specie paragonabile al mais bassi costi di produzione per minori irrigazioni, concimazioni ed altri aspetti agronomici produzioni uguali/superiori al mais in areali non irrigui e a bassa fertilit, mentre sono leggermente inferiori al mais in areali irrigui ad alta fertilit ma ottenibili con minori costi valida alternativa al silomais delle nuove variet di sorgo da granella a basso contenuto di tannini per il trinciato integrale elevata qualit e conservabilit del prodotto sia per granella che trinciato ottima appetibilit e digeribilit del trinciato per gli animali dallevamento ruminanti economicit della razione alimentare per i minori costi agronomici no ogm, non esistono attualmente variet o ibridi geneticamente modificati limitata suscettibilit alle fusariosi e bassa presenza di fusariotossine buone produzioni anche in situazioni ambientali critiche non subisce danni da diabrotica e da piralide

Caratteristiche biologiche
accestimento precoce, a 4-5 foglie, caratteristica non favorevole per il sorgo da granella che si presenta con maturazione scalare pannocchia apicale maggiormente distaccata dalle ultime foglie grazie al recente miglioramento genetico per allungare lultimo internodo (carattere combine) e favorire la raccolta della granella che pu esser fatta con mietitrebbia da grano spighette ermafrodite fecondazione autogama variet da granella a taglia bassa (1-1,5m), variet da foraggio pi alte ed esili (22,5m), variet da fibra molto alte (4 - 5 m) ottima tolleranza alla siccit (xerofillia) grazie alle specifiche caratteristiche biologiche (cere, stomi infossati) resiste a forti siccit e stress idrici mettendosi in stasi di sviluppo senza perire radici pi assorbenti rispetto al mais per germinare necessit di temperatura pi alte rispetto al mais > 14C temperatura ideale per la fioritura: 28C - 32C emergenza della pianta inizialmente lenta, la crescita prosegue anche in fase riproduttiva

Il sorgo contiene
La durrina nelle giovani piante, un glucoside velenoso se ingerito (acido cianidrico), utile alla pianta per difesa antierbivori: concentrata negli apici meristematici per cui assolutamente la coltura non da pascolare scompare dopo limpollinazione permettendo la trinciatura dopo fioritura scompare con linsilamento permettendo luso di trinciato o pastone di sorgo per il bestiame assente nelle cariossidi permettendo la trebbiatura per fini zootecnici Il tannino nelle cariossidi: una volta era presente in alta percentuale, attualmente sono state selezionate variet a basso contenuto di tannino Ibridi bianchi: variet a basso contenuto di tannino, pi pregiati e digeribili per uso zootecnico Variet rosse con percentuali pi alte di tannino pi sgraditi agli uccelli (BR= bird resistent)

TECNICHE DI COLTIVAZIONE
possibile la monosuccessione (max 3 anni), ottimale la successione a cereali vernini, buona anche quella a leguminose con possibilit di inserire un erbaio intercalare invernale o una cover crop (argilla < 35 %) la lavorazione del terreno deve prevedere un buon affinamento del terreno intorno al piccolo seme, ottimale la ripuntatura, seguita o da aratura 30 cm o minima lavorazione o semina diretta su sodo purch seguita da irrigazione nei casi di siccit. letto di semina fine e uniforme assenza di crosta superficiale profondit da 2 a 4 cm impiegare seminatrici di precisione, oppure meccanica a fila continua epoca di semina: T > 16 C - maggiori esigenze termiche per emergenza rispetto al mais 10 12 gg dopo il mais (pi tardi i sorghi da foraggio) da met aprile a dopo la met di giugno (2 raccolto) densit di semina: notevolmente diversificata in relazione a variet, utilizzo, sistema colturale, meccanizzazione di semina e di raccolta. Indicativamente: interfila di 45 cm il sorgo da granella e da biomassa, interfila 15-40 cm per sorgo da foraggio, biomassa e talvolta per granella Dosi inferiori rispetto al mais, soprattutto in zone siccitose Assorbimento teorico medio per t/ss prodotta: 10 kg di N, 3 Kg di P2O5, 12 kg di K2O Fertilizzazione da definire in base al piano di concimazione Azoto: da 40 - 80 kg/ha fino max a 120 kg/ha Fosforo: da 40 - 60 kg/ha (dose mantenimento) Potassio: 50 kg/ha max (dose asportazione)

Coltura pi resistente del mais a stress idrici Sorgo da granella: nei nostri climi generalmente necessaria solo di soccorso Sorgo da foraggio o biomassa: irrigazione di soccorso prima del 1 sfalcio purch entro 10 gg dal taglio e non irrigare oltre i 60 cm (allettamento) Consumi idrici unitari pari a 200 litri/ kg di s.s. prodotta

Modalit di raccolta
Sorgo da granella: umidit di raccolta inferiore al 23 % richiesto carattere combine alto si impiega la trebbia da frumento Sorgo a foraggio o biomassa maturazione latteo-cerosa / cerosa umidit di raccolta pianta 65-70% si impiega falcia-trincia-caricatrice semovente (cantiere di raccolta mais da trinciato)

160,0 140,0 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 0,0


t/ha
Zuccherini

Foraggeri multi

Foraggeri mono

Fibra

327 -2 GOL 3 IA SUC TH RO SUC 405 R SUG O 506 AR G RAZ E NEC TA 877 R NIC OL SUD A ALP L IL 895 LES CAM PAO MYT HRI L

Sorgo da foraggio/biomassa - rese medie nei campi in Lombardia

Confronto qualitativo tra trinciato di mais e trinciato di sorgo

Sorgo da granella - rese medie nei campi in Lombardia

Sorgo da granella per insilato

In provincia di Bergamo nell ultimo quinquennio vi stato un forte aumento delle superfici coltivate a sorgo. Nellannata agraria 2011 sono coltivati 827 ettari di cui un centinaio a granella (dati: Sistema Informativo Agricolo Regione Lombardia). Negli ultimi due anni sono stati realizzati campi varietali allinterno del Progetto Grandi Colture di Regione Lombardia grazie alla collaborazione di agricoltori disponibili come lazienda Officina del Latte Societ Agricola S.S. di Pagazzano, che ha dimostrato grande interesse per lutilizzo del sorgo per lalimentazione del bestiame. Il titolare, da sempre attento ad ogni innovazione, con molta disponibilit si presta a diffondere la propria esperienza sottolineando limportanza di : - scelta varietale, importante per la produzione del latte, visto che vi sono variet che danno fibra altamente digeribile e di quantit elevata. - costi colturali ridotti - possibilit di evitare il diserbo adottando la semina fitta per il sorgo da foraggio - utilizzo di concime chimico a dosi ridotte associato ad una buona liquamazione - basso impiego di acqua, (30-40% meno rispetto ad una coltura di mais) - disporre di una coltura alternativa al mais per contrastare lo sviluppo della diabrotica con la rotazione, mantenendo una produzione di insilato di alta digeribilit
Coordinamento: Giuseppe Epinati e Giuliano Oldrati Redazione testi e fotografie: Roberto Reggiani (Azienda Agraria Sperimentale Stuard - San Pancrazio Parma), Amerigo Grisa e Umberto Gualteroni (Provincia di Bergamo), Gianbattista Arrigoni (Officina del latte Societ Agricola S.S. di Pagazzano) Stampa: Lito-press Presezzo (Bg) - 2011

Il sorgo in provincia di Bergamo, esperienze attuate

849 8 PAD 11 ANA PAD 1 ANA 4 327 - 36 ALL TIM E ENS AL H 14 0 H 15 0 H 13 3

Biomassa fresca Biomassa secca

produzione di 300 q.li/ha