Sei sulla pagina 1di 7

CIRCOLO DIDATTICO DI

VINCI

SCUOLA PRIMARIA
“GALILEO GALILEI”

Documentazione percorso di Fisico-chimica

Classi Va A e Va B

Insegnanti:

Bicci Patrizia

Cipollini Maria

Anno scolastico 2008/09


۞ Classificazione fra solidi e liquidi

Abbiamo posto sul tavolo dei corpi liquidi e


dei corpi solidi e invitato i bambini,
individualmente, a rappresentare gli oggetti
sul quaderno e a fare una prima
classificazione che è stata successivamente
socializzata
۞ Osservazione e descrizione del comportamento dei vari
materiali per individuarne le proprietà

In una scheda hanno indicato, individualmente, le proprietà caratteristiche dei liquidi e dei
solidi.

Dalla lettura delle risposte è sorta una discussione che ha permesso di riflettere sulle
proprietà principali e di ampliare le conoscenze dei bambini.
Infatti abbiamo chiesto di aggiungere le caratteristiche trovate da altri compagni.
Abbiamo effettuato alcune esperienze con i liquidi e con i solidi in modo da osservare le
proprietà ipotizzate e scoprirne di nuove.
۞ Esperienze con i liquidi
Prendiamo un recipiente contenente acqua e introduciamo la mano o alcuni oggetti
(I liquidi sono penetrabili)
Travasiamo l’acqua in contenitori di varia forma
(I liquidi assumono la forma del contenitore che li contiene)
Versiamo l’acqua sul tavolo.
(I liquidi si possono versare, si spandono e scorrono)
Versiamo l’acqua sul tavolo e proviamo a raccoglierla.
(I liquidi hanno bisogno di un contenitore per essere trasportati)

۞ Esperienze con i solidi


Prendiamo un righello e proviamo a penetrarlo con un dito.
(I solidi non sono penetrabili)
Mettiamo dei piccoli corpi solidi dentro un bicchiere trasparente.
(I solidi non assumono la forma del contenitore, hanno una forma propria)
Spostiamo da un posto all’altro alcuni oggetti
(I solidi non hanno bisogno di un contenitore per essere trasportati)
Rompiamo un gessetto
(I solidi sono duri e per romperli o scalfirli serve forza)

In seguito alle esperienze effettuate abbiamo riassunto, a livello orale e poi scritto, le
caratteristiche dei liquidi e dei solidi

I LIQUIDI… I SOLIDI…
 sono penetrabili
 non sono penetrabili
 hanno bisogno di un contenitore
 non hanno bisogno di un
per essere trasportati
contenitore per essere trasportati
 assumono la forma del contenitore
 hanno una forma propria
 si spandono e corrono
 sono duri e per scalfirli serve forza
Come lavoro finale i bambini hanno completato una tabella indicando quali materiali sono
liquidi e quali solidi.

Indica, con una crocetta, quali materiali sono liquidi e quali sono solidi

Solidi Liquidi
Acqua
Forbici
Aranciata
Matita
Latte
Succo di frutta
Gessetto
Mela
Aceto
Inchiostro
Birra
Astuccio
Libro

۞ Classificazione dei liquidi viscosi e delle polveri

Prendendo spunto da una osservazione fatta in precedenza da una bambina:


” Maestra ma lo shampoo in quale gruppo si mette?”, abbiamo introdotto elementi più
problematici: i liquidi viscosi e le polveri.
Dopo avere disposto sul tavolo alcune sostanze: shampoo, miele, olio…, sale, farina,
zucchero… abbiamo chiesto ai bambini di classificarli e di motivare la loro scelta.
Non è stato difficile riconoscere i
liquidi viscosi, qualche perplessità
si è verificata con le polveri. Molti
bambini, comunque, si sono
ricordati di un precedente percorso
fatto sulle soluzioni e non hanno
trovato difficoltà a inserire le polveri
nel gruppo dei solidi.
Gli altri, utilizzando uno
stereoscopio, hanno osservato il
granello di polvere riconoscendo
tutte le caratteristiche di un solido.

Come approfondimento
abbiamo richiesto di fare
un elenco delle sostanze
che possono subire una
trasformazione
Leggendo gli elaborati
individuali si sono
individuati alcuni materiali
che si possono
frantumare (sassi, grano,
sale caffè), fondere
(ghiaccio, cioccolata, cera…), modellare (creta)
۞ Verifiche
Infine è stata assegnata una verifica relativa al riconoscimento dei materiali liquidi e solidi
(scheda 1) e all’individuazione di materiali che si possono frantumare, modellare e fondere.