Sei sulla pagina 1di 57

Il fiore

Nel fiore coesistono le due generazioni che si alternano


durante il ciclo vitale di una pianta e cio la generazione
sporofitica diploide e quella gametofitica aploide.
Il processo che porta alla formazione del fiore molto
complesso e non solo dal punto di vista morfologico ma
anche per quanto riguarda il controllo genico.

Caratteristiche citologiche di un meristema determinato a fiore:


1) Aumentata sintesi di DNA nella zona centrale del
meristema caulinare (ZC)
2) Sincronizzazione del ciclo cellulare
3) Aumentata sintesi di DNA e RNA in tutto lapice
4) Aumento del contenuto proteico totale
5) Aumento di mitocondri
6) Considerevole
nucleoli.

allargamento

riorganizzazione

dei

Tabacco: apice fiorale


Tabacco: apice
caulinare

Notare la diversa
meristematizzazione della ZC

Infiorescenza indefinita

Il
meristema
dellinfiorescenza
si
differenzia
parzialmente
o
completamente
in
meristema fiorale da
cui si differenzieranno
i verticilli fiorali.
Dal Libro di
testo:
Elementi di
Biologia dello
Sviluppo delle
Piante, ed.
EdiSES

Fiore definito

Il fiore un germoglio a crescita determinata, con un


asse corto, che porta gli sporofilli, foglie modificate,
che a loro volta portano gli sporangi.
Verticilli
spiralati

Verticilli
concentrici

Dal Libro
di testo:
Elementi
di Biologia
dello
Sviluppo
delle
Piante, ed.
EdiSES

I processi della microsporogenesi/microgametogenesi


e macrosporogenesi/macrogametogenesi, che portano
alla formazione del gamete maschile e femminile
rispettivamente, hanno luogo nelle parti fiorali fertili
(sporofilli).
Le parti fertili del fiore sono:
Il gineceo che la sede della
megasporogenesi/megagametogenesi,
e landroceo dove avviene invece la
microsprogenesi/microgametogenesi.

microsporogenesi/microgametogenesi

androceo

gineceo
Dal Libro di testo: Elementi
di Biologia dello Sviluppo
delle Piante, ed. EdiSES

macrosporogenesi/macrogametogenesi

Il dimorfismo sessuale, che porta a fiori unisessuali,


si correla con variazioni nello sviluppo.
Ad esempio, sia in Zea mais che in Actinidia deliciosa
(Kiwi) il differenziamento degli stami e dei carpelli
inizia, ma un solo tipo di organo va avanti nello
sviluppo.
In altre specie a dimorfismo sessuale i fiori sembrano
competenti fin dallinizio a produrre un solo sesso.

Nei fiori attinomorfi tutti gli organi fiorali della stessa identit
(sepali, petali, stami e carpelli) sono uguali.
Nei fiori zigomorfi gli elementi a stessa identit dei verticilli fiorali
hanno forme e dimensioni diverse a seconda della posizione sullasse
fiorale. Questa caratteristica rende molto specifica la visita degli
impollinatori. Al contrario, i fiori attinimorfi sono visitati da un
ampio numero di impollinatori diversi.

Per studiare le basi


della simmetria dei fiori
zigomorfi

stato
utilizzato
Anthirrinum
majus, la bocca di leone

Dal Libro di testo:


Elementi di Biologia dello
Sviluppo delle Piante, ed.
EdiSES

Il fiore della bocca di leone ha 5 petali di diverse forme e


dimensioni, 2 petali dorsali sono grandi e senza peli, i
petali laterali sono piccoli e il petalo ventrale ha una forma
ancora diversa.

Dal Libro di testo: Elementi di


Biologia dello Sviluppo delle
Piante, ed. EdiSES

Anche gli stami hanno una morfologia diversa, lo stame pi


dorsale abortisce precocemente, i due stami laterali sono
pi corti di quelli ventrali.

Analizzando alcuni mutanti di questa pianta con alterazioni


della morfologia fiorale stato possibile individuare alcuni geni
responsabili della simmetria dorso-ventrale del fiore.
Questi sono CYCLOIDEA (CYC) e DICHOTOMA (DICH).
Mutanti cyc e dich mostrano una ridotta simmetria zigomorfa e
il doppio mutante cycdich presenta fiori a simmetria raggiata.
Questi geni sono espressi
fiore, ancora prima della
nella regione dorsale del
nello sviluppo, questi geni
dei petali e dello stame
forma di questi organi.

molto presto durante lo sviluppo del


comparsa dei verticilli fiorali stessi,
meristema fiorale. Successivamente
rimangono confinati solo nei primordi
dorsale e sembrano condizionare la

Per la simmetria zigomorfa dei fiori di altre specie tuttavia


non ancora chiaro se intervengano gli stessi geni.

Il fiore di Arabidopsis attinomorfo, formato da 4


sepali, 4 petali e 6 stami di cui 2 pi corti, e da un
pistillo formato da due carpelli fusi. Lovario formato
da due valve separate, suddiviso in due cavit separate
da un setto da cui sporgono gli ovuli.
Dopo la fecondazione ogni ovulo si trasforma in seme e
lovario che lo racchiude diventa il frutto, la siliqua.

Il
meristema
fiorale,
mediante
divisioni,
distensione
e
differenziamento
cellulare
si
trasforma in un fiore costituito dai vari verticilli.
Questi si formano nello stesso numero e sequenza
tipica della specie
I sepali rappresentano il/i verticillo/i inserito/i per
primo/i sullasse fiorale, a partire dal basso, seguiti
poi dai petali e, nella parte centrale residua del
meristema,si organizzano gli stami ed i carpelli.
Sequenza dello sviluppo dei pezzi fiorali:
Calice
Corolla
Stami
(successione acropeta o centripeta)

Carpelli

La maggior parte delle informazioni acquisite sullo


sviluppo fiorale sono state ottenute in Arabidopsis e
tramite analisi dei mutanti omeotici fiorali.
Le mutazioni omeotiche determinano nel fiore la
formazione di organi normali in posizione sbagliata.
Es. di mutanti omeotici sono le variet di rose
coltivate (elevato numero di petali, che in effetti
sono stami modificati), la rosa canina ha solo 5
petali.
Lo studio di questi mutanti omeotici ha
permesso di identificare classi di geni (FT) che
controllano lorganizzazione e lo sviluppo dei
verticilli fiorali, la loro regolare espressione
porta al normale sviluppo del fiore

Verticillo 1: sepali, verticillo 2:


Petali, verticillo 3: stami, verticillo 4:
Carpelli

Dal Libro di testo: Elementi di Biologia dello Sviluppo delle Piante, ed.
EdiSES

Il modello ABC prevede


che
i
sepali
siano
determinati
dallattivit
dei geni di classe A (AP1
e AP2), i petali dai geni A
e B (AP3), gli stami dai
geni B e C (AG) e i
carpelli dai geni C.

Dal Libro di testo: Elementi di


Biologia dello Sviluppo delle
Piante, ed. EdiSES

Sono tutti FT, la


maggior
parte
con
dominio
MADS
(MADS-box a 58 aa
in grado di legare il
DNA)

Wild type

Dal Libro di testo:


Elementi di Biologia dello
Sviluppo delle Piante, ed.
EdiSES

agamous

Il blocco dei geni C porta alla formazione di fiori con sepali,


petali, petali al posto degli stami e un nuovo fiore al posto dei
carpelli (espressione ectopica).

Inoltre le proteine codificate dai geni di classe C dovrebbero


reprimere lattivit dei geni di classe A nel terzo e quarto verticillo.

Un altro gruppo di geni responsabili della corretta


organizzazione del fiore rappresentato da PISTILLATA e
APETALA. Mutanti per questi geni hanno i sepali ed i
carpelli formati in modo regolare, i petali sono convertiti in
sepali e le antere in carpelli.

Inizialmente il modello ABC contemplava lazione dei geni


AP1 e AP2 (classe A), AP3 (classe B) e AG (classe C).

Dal Libro di testo: Elementi di Biologia dello Sviluppo delle Piante, ed.
EdiSES

apetala2

Ap2, conversione di sepali in


carpelli, no petali o loro conversione
in stami

Pistillata,petali in carpelli e
stami in carpelli

agamous
ag,Stami in petali e nuovo
fiore al posto dei carpelli

Cosa succede se sono difettosi


contemporaneamente i geni di
classe A, B e C??

Triplo mutante difettoso di geni di classe A, B e C


mostra tutti i verticilli fiorali convertiti in foglie!!!!

Perch nel mutante ag si forma un nuovo fiore al posto dei


carpelli ?
In questo mutante si ha la perdita della determinazione del
meristema fiorale.
Il meristema fiorale non pi determinato perch le cellule
meristematiche al centro del meristema non si esauriscono, ma
continuano a formare nuovi organi.
Lindeterminazione del meristema fiorale in ag dipende dal
fatto che AG inibisce WUSCHEL, responsabile insieme a
CLAVATA nel mantenere costante il numero di cellule staminali
nel meristema caulinare. Quindi la sua non espressione attiva
WUSCHEL e di conseguenza si ha un aumento del numero delle
cellule meristematiche.

MODELLO ABCDE

Alla met degli anni 90 il modello fu esteso ad unaltra classe di


geni la classe D. Questi geni, FLORAL BINDING PROTEIN7 e
11 (FBP7 e 11), furono identificati in petunia e si osserv che
erano indispensabili per determinare lidentit degli ovuli.
Mutanti fbp7 e fbp11 presentano strutture simili a carpelli al
posto degli ovuli. E la loro sovraespressione determina la
formazione ectopica di ovuli su sepali e petali.

I geni di classe D in Arabidopsis sono rappresentati da


SEEDSTICK (STK). Lespressione ectopica di questo gene
forma ovuli ectopici e strutture simili a carpelli sui sepali.
STK comunque necessario anche per una corretta formazione
del funicolo e per labscissione dei semi.

Nel 2000 questo modello stato ulteriormente amplificato


aggiungendo i geni di classe E.
Questa classe di geni rappresentata dai geni SEPALLATA (SEP).
stato dimostrato che questi geni sono necessari per la
determinazione di tutti gli organi fiorali. Sono espressi in tutti gli
organi fiorali gi a livello di primordio, ma non sono espressi nel
doma vegetativo.

Fiore
solo
di
sepali

Triplo mutante sep1sep2sep3

I geni SEP sono


necessari per la
conversione
delle foglie in
organi fiorali
Dal Libro di testo: Elementi di
Biologia dello Sviluppo delle
Piante, ed. EdiSES

quadruplo mutante sep1sep2sep3sep4

Sepali
corretti

Fiore
indeterminato Solo
di
foglie

Fiori di foglie

Lo studio dei mutanti sep e dellazione dei geni SEP


ha permesso di confermare la vecchia intuizione che
i verticilli fiorali sono foglie modificate.
Gli organi fiorali si formano correttamente solo se i
geni di classe A, B, C, D ed E vengono espressi in
modo corretto.

Dal Libro di testo:


Elementi di Biologia dello
Sviluppo delle Piante, ed.
EdiSES

C,E=carpelli
C,E,D=ovuli

Lespressione dei geni didentit dei


fiorali controllata in modo rigoroso.

verticilli

Lo studio dellespressione dei geni omeotici e dei


loro promotori propone che la loro regolazione
avvenga soprattutto a livello trascrizionale perch
i promotori dei geni sono attivi solo nei verticilli in
cui richiesta la loro funzione.
La regolazione di AG quella pi studiata e sono
stati individuati sia attivatori che repressori di
questo gene.

possibile estendere il modello ABC anche ai fiori


delle altre Angiosperme?
Si
Negli ultimi anni si stanno isolando e caratterizzando numerosi
geni in diverse specie di Angiosperme che appartengono un po a
tutte le classi di geni identificate in Arabidopsis.
Anche nelle monocotiledoni ad es. stato dimostrato che i geni di
classe B sono espressi anche nel primo verticillo in questo modo
anzich sepali e petali si formano i tepali.

Arabidopsis

tulipano

Perianzio

Le specie autogame sono le specie che si autofecondano.

Il controllo dello sviluppo dello stame

Processi che hanno luogo nello stame per


unimpollinazione di successo nelle piante
autogame
sono:
-maturazione del polline
-deiscenza dellantera, necessaria per il rilascio
del polline
-allungamento del filamento staminale, lo stame
deve raggiungere la giusta posizione rispetto
allo stigma.

Gli ormoni regolano questi processi di sviluppo e li


coordinano lun laltro e con lo sviluppo del
carpello.
noto che lauxina regola i primi stadi di
sviluppo dello stame.

stato dimostrato che anche lacido giasmonico


implicato in questi processi e soprattutto nel
coordinare le fasi di rilascio del polline ed
apertura del fiore (antesi).

Lauxina regola gli stadi precoci dello


sviluppo degli stami.
1) Doppi mutanti per i geni YUC2 e YUC6 mostrano
primordi degli stami formati regolarmente, ma successivo
sviluppo fortemente alterato. Raramente producono polline
vitale e lallungamento dello stame ridotto.
I geni YUC sono geni della biosintesi dellauxina.

2) Mutanti per geni ARF (Auxin Response Factors) hanno


stami con filamenti corti e antere indeiscenti.

Il gametofito maschile
Il microgametofito, che contiene i microgameti, delle piante a
fiore un individuo molto piccolo formato solo da due o tre
cellule. Si sviluppa allinterno dellantera e si chiama polline.
Lintero processo di sviluppo che porta alla formazione dei
microgameti noto come microgametogenesi e segue la
microsporogenesi.
Allinizio del suo sviluppo lantera formata da una massa di
cellule uniforme circondata da unepidermide solo parzialmente
differenziata. Alla fine del suo sviluppo allinterno dellantera si
individuano 4 gruppi di cellule, uno per loggia, costituenti il
tessuto sporigeno o archesporio.

Ogni gruppo circondato da vari strati di cellule sterili dalle


quali si svilupper la parete della loggia, o sacca pollinica,
che comprende cellule a funzioni nutritive per le microspore
in via di sviluppo.
Le cellule nutrici costituiscono il tappeto, e questo lo
strato pi interno della parete dellantera.
Le cellule sporigene si trasformano in microsporociti (cellule
madri delle microspore) che subiscono la meiosi.
Ogni microsporocito diploide produce una tetrade di
microspore aploidi. Con la formazione delle microspore aploidi
si conclude la microsporogenesi.
La tetrade di microspore pu essere contenuta allinterno di
una parete molto resistente formata da callosio.

Tetradi circondate da callosio

Durante la meiosi, ogni divisione nucleare pu essere


immediatamente seguita dalla formazione di una parete, oppure i 4
protoplasti delle microspore possono essere rivestiti da parete solo
dopo la seconda divisione della meiosi.
La prima condizione comune tra le monocotiledoni, la seconda tra
le dicotiledoni.
Il successivo sviluppo determina le caratteristiche tipiche del
granulo pollinico.
I granuli pollinici si rivestono di un resistente involucro lESINA e
di una parete interna lINTINA.
Lesina composta da una sostanza estremamente resistente la
SPOROPOLLENINA. E il biopolimero pi resistente che si conosca,
presente nelle pareti delle spore di tutte le piante. Lesina
deriva dal tappeto.

Lintina composta essenzialmente di cellulosa e pectine, viene


depositata dal protoplasto della microspora.
La microgametogenesi, nelle Angiosperme inizia con la mitosi
della microspora e la formazione di due cellule allinterno della
parete cellulare originale.
La divisione mitotica d origine a una grande cellula del tubetto
e ad una cellula generativa pi piccola.
Questa struttura il granulo pollinico o microgametofito
immaturo.
In un gran numero di Angiosperme il granulo pollinico viene
rilasciato dalle antere in questo stadio.
In alcune specie il nucleo della cellula generativa si divide
ancora prima della liberazione del polline dallantera dando
origine ai due gameti maschili o cellule spermatiche.

Per identificare i fattori che controllano lo sviluppo del polline si


ricorso a mutanti con uno sviluppo anomalo del microgametofito.
Il tappeto che circonda le cellule madri delle microspore produce
proteine e lipidi necessari allo sviluppo del polline.
In mutanti con polline non fertile stato osservato unanomalia
nelle funzioni del tappeto. In questo caso tutti i granuli pollinici
sono sterili perch il tappeto un tessuto dello sporofito e la sua
azione si riflette su tutte le cellule che si formano al suo interno.
Altre mutazioni alterano le fasi della microgametogenesi. In
particolare nel mutante duo si ha la prima divisione asimmetrica,
nella microspora, con formazione di una cellula pi grande, la
cellula vegetativa, ed una pi piccola, la cellula generativa
(divisione regolare), per questultima non si divide una seconda
volta per formare i due nuclei spermatici.
Altre anomalie sono state identificate a carico della germinazione
del polline e dellallungamento tubetto pollinico.

Ammettendo che sia un segnale ormonale ad


attivare il processo di deiscenza dellantera,
questo si origina nei meiociti maschili?
improbabile:
mutanti di Arabidopsis pollenless e piante
maschiosterili di tabacco presentano
normale deiscenza (Sanders et al., 1999,
Mariani et al., 1990, Roberts et al., 2002)
oppure
possibile che il segnale provenga dal
filamento staminale o sia prodotto nei
tessuti somatici dellantera?

Ci sono numerose evidenze che


indicano che il segnale potrebbe
essere lauxina, con
coinvolgimento sia del filamento
staminale che dei tessuti
somatici dellantera
consultare il lavoro citato nella
successiva diapositiva

Auxin regulates Arabidopsis anther


dehiscence,pollen maturation and
filament elongation
Plant Cell. 2008; 20(7): 17601774.
Autori:
Valentina Cecchetti,
Maria Maddalena Altamura,
Giuseppina Falasca, Paolo Costantino
, and Maura Cardarelli

Stadi di sviluppo di androceo e gineceo


in Arabidopsis

Stadio 7: diventano distinguibili filamento ed antera


Stadio 8: premeiosi
Plant Cell.2008;20(7):
Stadio 10: fine meiosi
17601774.
Stadio 13:deiscenza dellantera

In Arabidopsis stato dimostrato


che:
Lauxina presente ad alti livelli subito
dopo la fine della meiosi. In particolare nei
tessuti dellantera (endotecio, middle layer
e tappeto), nelle microspore e nel
procambio del filamento con maggiore
accumulo nella zona di giunzione fra
filamento ed antera.

Lespressione del costrutto DR5::GUS intensa


alla fine della meiosi (st.10 tardivo), declina
allo st.11, cessa allo st.12, quando il setto fra
le due logge di ogni teca degenerato, ma lo
stomio ancora chiuso.
I livelli di auxina diminuiscono con linizio della
maturazione del polline.

Quindi?

Lauxina attiva
nellantera in una finestra
temporale precisa

Per capire se lauxina venga


sintetizzata nellantera ed in
quali stadi, stata analizzata
la localizzazione di trascritti
dei geni biosintetici dellormone
(YUC2 e YUC6)

I due geni si esprimono


contemporaneamente e negli stessi
tessuti.
Lespressione massima allo stadio
8 cio prima dellinizio della meiosi,
diminuisce durante gli stadi
successivi e si spegne
completamente allo stadio 12.
Lespressione evidente negli
stessi tessuti (endotecio, tappeto,
middle layer e cellule madri delle
microspore e procambio del
filamento) dove dallo stadio 10 in
poi si vede laccumulo dellormone

In Arabidopsis alla fine della meiosi, quando i


recettori dellauxina sono attivi cos come i geni per
la biosintesi dellauxina, lormone induce
lallungamento dello stame e previene la precoce
lignificazione dellendotecio, la precoce maturazione
del polline e la rottura dello stomio (necessaria per
la deiscenza).
Tuttavia, lauxina che controlla questi eventi
quella sintetizzata in loco e non trasportata da
altri tessuti.
Quindi
lauxina coordina la deiscenza dellantera e
la maturazione del polline.
Lacido giasmonico anche coinvolto nella deiscenza.
La relazione fra auxina ed acido giasmonico stata stabilita
di recente, consultare larticolo citato nella diapositiva
successiva.

Auxin controls Arabidopsis


anther dehiscence by regulating
endothecium lignification and
jasmonic acid biosynthesis.
Cecchetti V, Altamura MM,
Brunetti P, Petrocelli V, Falasca G
, Ljung K, Costantino P,
Cardarelli M.
Plant J.2013;74(3):411-22.

Ci sono geni comuni nel controllo


degli eventi che hanno luogo
nellantera e nellovario?

I SERK si esprimono sia


nellantera che nellovario
CpSERK1

Si esprimono nel ricettacolo, negli


ovuli, nella nucella,nellembriosacco,
nellantera a livello di archesporio, nel
procambio del filamento staminale, e,
dopo la fecondazione, nellembrione
zigotico fino allo stadio di torpedine.
Lespressione rimane nel procambio e
nei
poli
radicale
e
caulinare
dellembrione allo stadio cotiledonare
e nelle regioni a caratteristiche
staminali della pianta.

Consultare la
pubblicazione citata nella
successiva diapositiva

CpSERK1

CpSERK2

CpSERK2

J Exp
Bot.2012;6
3(1):471-88.

Two SERK genes are markers of


pluripotency in Cyclamen
persicum Mill.
Savona M, Mattioli R, Nigro
S, Falasca G, Della Rovere
F, Costantino P, De Vries S, Ruffoni
B, Trovato M, Altamura MM.
J Exp Bot.2012;63(1):471-88.

Il polline arriva sullo stigma di un fiore,


dove
avviene
il
riconoscimento,
aderisce alla superficie stigmatica
recettiva, il polline riassume acqua dallo
stigma stesso (reidratazione) riattiva il
metabolismo e germina producendo il
tubetto pollinico, questo ha il compito
di veicolare i microgameti fino al sacco
embrionale.
Lo stigma oltre allacqua fornisce al
granulo pollinico elementi inorganici
necessari
per
la
germinazione,
essenzialmente calcio e boro.

FECONDAZIONE

Il granulo pollinico germina, il tubetto si allunga,


attraversa lo stilo arriva fino allovulo tramite il
micropilo. Raggiunge il gametofito femminile e
rilascia le due cellule spermatiche. Una raggiunge
la cellula uovo e il suo nucleo si fonde con il
nucleo dellovocellula e forma cos il nucleo diploide
dello

ZIGOTE.

Per ulteriori informazioni vedi la lezione


sullembrione zigotico

Mediante le colture in vitro di gameti isolati, stato possibile,


alla fine degli anni 80, dimostrare limportanza di alcuni composti
nel processo della fecondazione. Uno di questi il Calcio.
Probabilmente la fusione dei gameti favorita da un aumento della
concentrazione citoplasmatica dello ione. Utilizzando inibitori del
trasporto del calcio stato possibile dimostrare che lo ione
necessario per la cariogamia, ma non per la fusione citoplasmatica
dei due gameti.

In vivo le cellule che formano il gametofito femminile producono


molecole segnale che guidano il tubetto pollinico e il tasporto dei
due nuclei spermatici uno verso la cellula uovo ed uno verso la
cellula pro-endospermatica.
Queste molecole sono prodotte sia dal gametofito ma anche dallo
sporofito.
Recentemente stato dimostrato che lacido gamma ammino
butirrico viene prodotto dai tessuti dello sporofito e probabilmente
implicato nel processo.

Durante la doppia fecondazione una delle cellule sinergidi


degenera, il tubetto pollinico entra nella cellula
degenerata, si rompe e rilascia i nuclei spermatici. Il ruolo
delle sinergidi nella fecondazione stato dimostrato con
esperimenti di ablazione laser.
Eliminando una o tutte e due le cellule sinergidi lattrazione
del tubetto pollinico viene a mancare.
Probabilmente le sinergidi rilasciano un qualche segnale che
guida il tubetto pollinico, ma ad oggi non stato ancora
identificata la natura di questo segnale.
(eventi successivi alla fecondazione sono spiegati nella
Lezione sullembrione zigotico)

Domande

Quante generazioni sono presenti nel fiore?


Quali trasformazioni avvengono in un doma dopo la sua
determinazione a fiore?
Cosa sono i verticilli fiorali ed a cosa servono?
Che differenza c fra i fiori attinomorfi e quelli zigomorfi? Esistono
geni della condizione zigomorfa, ed in che pianta sono stati studiati?
Lespressione di quali geni implicata nella realizzazione del
modello ABCDE?
Quali processi avvengono nello stame? Quali sono governati
dallauxina?
Come stato dimostrato?
Quali geni sono implicati nello sviluppo dellovulo?
Esistono geni marcatori di pluripotenza espressi sia nellovario che
nellantera?