Sei sulla pagina 1di 5

M.

Heidegger (1889-1976)
Studia a Friburgo teologia e filosofia 1916 assistente di Husserl 1927 pubblica ESSERE E TEMPO 1933 diventa rettore e aderisce al partito nazionalsocialista si dimette dalla carica nel 1934. Dal 45 il comando alleato gli vieta linsegnamento. Altre opere: 29 CHE COSE LA METAFISICA; 30 SENTIERI INTERROTTI; 54 CHE COSA SIGNIFICA PENSARE?; 59 IN CAMMINO VERSO IL LINGUAGGIO; 61 NIETZSCHE 2 voll. Heidegger fa uso di una forma espressiva particolare. Alla base di ci non c un intento meramente stilistico, ma il desiderio di scardinare il linguaggio della tradizione metafisica che da Platone in poi ha veicolato significati e schemi concettuali. Il linguaggio in primo luogo rivelazione dellessere, secondariamente comunicazione, atto con cui si nominano gli enti, le cose.

ESISTENZA AUTENTICA TEMPO Dimensione del futuro Essere per la morte ( decisione anticipatrice) angoscia Intesa come la propria possibilit pi certa

ESISTENZA INAUTENTICA Dimensione del presente (deiezione) Chiacchiera, curiosit, equivoco Intesa anonimamente come qualcosa che succede

ESISTENZIALI

RAPPORTO CON LA MORTE

L OBLIO DELLESSERE SECONDO HEIDEGGER

Le ragioni si trovano nellontologia greca

Se da un lato ha tematizzato il problema, ha anche posto dei pregiudizi

LA GENERALITA DELLESSERE
Per la logica di Aristotele e poi per la filosofia tomista, lessere un concetto cos generale de non essere definibile

Per Heidegger il generale non riguarda la categoria aristotelica di genere,lessere trascende ogni categoria

LINDEFINIBILITA DELLESSERE Secondo la logica tradizionale Il fatto che sia indefinibile non dispensa dalla domanda sul suo senso

LOVVIETA DELLESSERE Concetto ovvio di cui tutti facciamo continuamente uso nel linguaggio Possiamo comprendere luso del verbo essere in diversi contesti ma il suo senso sostanziale rimane oscuro

Pone la domanda sullessere Ha un primato ontologico rispetto gli altri enti perch ESSERCI Ha una comprensione dellessere degli enti

Pre - comprensione Situazione emotiva gi sempre essere - nel - mondo in un rapporto di Cura Progettualit dellessere gettato

1929 la svolta

IL PENSIERO DI M. HEIDEGGER Come salvare loccidente dalloblio dellessere


Per il secondo Heidegger

In ESSERE E TEMPO Primato ontologico dellesserci (uomo) in rapporto con il mondo attraverso
Pre-comprensione Tonalit affettiva Cura

Abbandono del linguaggio della metafisica Che

Che

Unico ente che si pone la domanda sullessere Luomo pu essere colto con due livelli di analisi ONTICO Uomo come ente fra gli enti un che cosa ONTOLOGICO Uomo inteso come un chi, come lente che sa porsi la domanda sullessere

Essere -nel- mondo, gettato in situazioni e aperto a un progetto

Linguaggio della tecnica e della pretesa di dominio

A favore di

Pu scegliere

Linguaggio poetico, casa dellessere che si DIS-VELA

VITA INAUTENTICA

VITA AUTENTICA

Si appiattisce nel presente e nella banalit

ESSERE -PERLA MORTE :

apertura al futuro, responsabilit

La morte la possibilit dellimpossibilit di ogni possibilit