Sei sulla pagina 1di 2

L'agente di commercio un soggetto che assume in maniera stabile, senza vincolo di subordinazione, l'incarico di stabilire dei contratti commerciali

i tra l'azienda e dei clienti, in base a un accordo, chiamato contratto di agenzia, che lo vincola a svolgere questo mandato su una precisa area geografica. L'agente di commercio svolge quindi una attivit commerciale in nome e per conto dell'azienda che rappresenta e in questo si distingue dal procacciatore di affari per la stabilit del suo mandato. L'azienda retribuisce l'agente di commercio utilizzando una politica provvigionale, retribuendo cio l'agente di commercio in base al fatturato che esso produce. Talvolta tra azienda ed agente di commercio si stabilisce che una parte della sua retribuzione sia fissa ed una parte sia variabile, cio ancorata al fatturato. Gli agenti di commercio in Italia si distinguono tra gli agenti monomandatari ed agenti plurimandatari:

gli agenti monomandatari rappresentano esclusivamente un'azienda, costituendo quindi virtualmente un'estensione territoriale della rete di vendita di questa azienda; gli agenti plurimandatari, invece, rappresentano contemporaneamente pi aziende, diventando quindi delle figure pi vicine ad un imprenditore commerciale piuttosto che a un dipendente, come nel caso dell'agente monomandatario.

L'agente di commercio una figura lavorativa autonoma ed preferito di solito perch ha dei costi di gestione pi bassi di un dipendente e comunque proporzionali al fatturato. A differenza dellagente, il rappresentante di commercio ha il potere di concludere effettivamente i contratti che ha promosso, cio anche di firmarli in nome e per conto dellimpresa per cui lavora. Per svolgere questa attivit, i cittadini italiani e comunitari, ma anche extracomunitari o le societ nella persona del loro legale rappresentante - hanno lobbligo di effettuare una dichiarazione di inizio attivit (SCIA cartacea) al Ruolo agenti e rappresentanti di commercio presso la Camera di Commercio di residenza.. Necessario il possesso di alcuni requisiti di carattere personale, morale e professionale:

requisiti personali (ad es. maggiore et, cittadinanza UE) requisiti morali (ad es. no condanne definitive per reati contro la pubblica amministrazione, truffa furto) requisiti professionali (in alternativa: aver superato specifico corso professionale o aver maturato una esperienza lavorativa biennale nel settore vendite, essere socio o amministratore di una societ del settore)

L'agente e/o il rappresentante, inoltre, non pu svolgere unaltra attivit alle dipendenze di persone, associazioni od enti pubblici e privati n un'altra attivit che preveda l'iscrizione al ruolo dei mediatori. Trascorsi 30 giorni dalla presentazione della SCIA, in assenza di cause ostative, lagente pu farsi rilasciare il mandato/contratto di agenzia dalla ditta da cui prender le provvigioni e presentare la CIA comunicazione di inizio attivit telematica al Registro Imprese indicando chiaramente la posizione (se agente o rappresentante) e il settore merceologico trattato. Gli agenti che trattano preziosi devono ottenere in precedenza la licenza della Questura e presentarla insieme alla CIA.

Il contratto di agenzia deve solitamente indicare:


la posizione (cio agente o rappresentante) la zona interessata (quella cio per la quale si avr lincarico di promuovere o concludere contratti) la data di effetto del contratto, che coincide con quella di inoltro della CIA al Registro Imprese.

Il costo complessivo delliscrizione (avendo gi il requisito professionale, senza quindi effettuare il corso) di circa 400 euro (Tassa concessione Governativa, diritti di segreteria camerali, invio telematico, imposta di bollo, diritto annuale camerale) Chi non ha i requisiti inizia solitamente lattivit con la ditta mandante quale PROCACCIATORE DAFFARI per poi diventare AGENTE una volta frequentato il corso abilitante.