Sei sulla pagina 1di 4

INTRODUZIONE GENERALE AL SISTEMA VERBALE

Il verbo è uno degli elementi principali del processo comunicativo e una delle parole chiave della
frase.
È la parola che usiamo per dire cose su persone o oggetti, per riferirci a processi, azioni o stati. Con il
linguaggio ci riferiamo al mondo, ma non lo rappresentiamo mai così com'è, in modo puro, perché non
siamo in grado di percepirlo in modo neutro.
C'è sempre qualcosa che ci interessa o che ci sconvolge di più, e anche nei casi in cui non è così, è
significativo anche il fatto stesso che due cose ci sembrino ugualmente importanti, poiché un'altra
persona potrebbe percepirle in modo diverso.
Inoltre, quando ci riferiamo a cose che accadono nel mondo extralinguistico, lo facciamo con
determinate intenzioni, che possono variare a seconda del momento, del contesto e dell'interlocutore a
cui ci stiamo rivolgendo a seconda delle intenzioni con cui usiamo un verbo per fare riferimento a un
evento, selezioneremo uno o l'altro dei diversi tempi e delle diverse modalità disponibili per il sistema
verbale spagnolo.
Uno dei problemi che sorgono nelle analisi tradizionali è che si avvicinano al sistema verbale come se
tutto in esso si riferisse direttamente all'extralinguistico e lavorasse solo sul piano referenziale, come
riflesso immediato di realtà concrete. Compaiono solo fatti ed eventi extralinguistici in se stessi, come
materie prime.
Quando si riferisce ad essi con il linguaggio, l'enunciatore li filtra e li elabora, per trasformarli in un
pezzo della complessa costruzione che sarà il suo discorso: li percepisce in un modo o nell'altro,
secondo la sua intenzione del momento. Come tutte le percezioni, anche questa costituisce un filtro.
Il sistema verbale è lo strumento a disposizione dell'enunciatore per parlare dello status che vuole
dare a ciò che sta dicendo e convertire gli eventi extralinguistici in elementi di una costruzione
linguistica: il sistema verbale acquisisce, il ruolo fondamentale di chiarire ciò che ogni elemento che
viene menzionato, e viene quindi posto a livello in cui il linguaggio parla di se stesso, dei processi di
costrizione del messaggio. Quindi, uno di quelli menzionati dalla persona che parla. che può, per effetto,
voler presentare una data, lo stesso fatto può essere espresso linguisticamente in vari modi, secondo le
ragioni fornite all'interlocutore (informare),
semplicemente fare riferimento a una sola relazione soggetto-predicato senza costituire nuove
informazioni.

Le analisi tradizionali del sistema verbale in termini di azioni che durano più o meno e che sono
caratterizzate dall'essere più o meno reali o irreale, più o meno vicino.
Tuttavia, in questo tipo di presentazione, dico quello che ci sembra che le azioni siano, cioè ciò che
accade nell'extralinguistico, al di là del una lingua e non nella lingua stessa. Riferendosi ad essi
linguisticamente, l'enunciatore usa con serenità alcune sfumature comunicative che intende raggiungere.
Il sistema verbale è quello che gli permette di farlo: ciò che la grammatica dovrebbe analizzare è proprio
il funzionamento del sistema verticale all'interno del dinamismo stesso della lingua, interrogandosi
sempre sulla funzione di ogni elemento, cercando di non limitarsi ad osservare il rapporti che esistono
tra loro e il suo referente extralinguistico. I diversi tempi sono stati poi raggruppati in famiglie con
caratteristiche simili. (MODO).

È quindi importante ricordare che i tempi sono legati al problema temporale, ma non solo ad esso.
L'uso del termine modi ci sembra anche associato a una serie di errori che, nella nostra comprensione,
non aiutano a cogliere l'essenza di ciascuno dei diversi modi a disposizione dell'enunciatore in spagnolo,
ma che, nonostante tutto, sono non è un ostacolo così grave da impedirci di presentare le cose in modo
diverso. In questo lavoro vengono proposti per alcune volte nuovi nomi, poiché, in alcuni casi, i
dipendenti tradizionalmente non sembrano dare una spiegazione pienamente soddisfacente e coerente
del fenomeno a cui si riferiscono. Inoltre, i tempi sono raggruppati in modo leggermente diverso rispetto
alle classificazioni usuali, per le quali vengono proposti anche nomi diversi per alcune delle modalità.
Tuttavia, per non sconcertare il lettore con così tanti cambiamenti terminologici, nei casi in cui
sembrerebbe opportuno introdurre una nuova denominazione ci limiteremo solo a presentare quella che
potrebbe essere una proposta terminologica adeguata, ma continueremo a usa la tradizionale
nomenclatura nel testo. Solo nei casi in cui la terminologia tradizionale ci sembra confondere e
nascondere eccessivamente l'essenza del fenomeno che vuole rendere conto, o quando ci riferiamo a
concetti che non erano mai stati sollevati nella tradizione grammaticale, lo ripeteremo nel testo , tra
parentesi, dopo ogni menzione della denominazione tradizionale, il termine che proponiamo.

quadro generale dei modi e dei tempi dello spagnolo:

GRUPPI DI VERBI
NON PERSONALI: infinito, gerundio, participio passato
VIRTUALI: condizionale, futuro (presente de virtual)
INFORMATIVO: presente indicativo, indefinido, imperfecto
NON INFORMATIVO: congiuntivo imperfecto e presente
IMPERATIVO: imperativo

OSSERVAZIONI

-A ogni tempo corrisponde un tempo composto o passato.


-L'Infinitivo ha anche alcune caratteristiche del modello con il gruppo VIRTUAL ma manca una cosa
fondamentale: dare l'informazione
-Il nome futuro sembra inappropriato perché porta a pensare al futuro cronologico: con il nome del
futuro, si cade spesso nell'errore di credere che per parlare del futuro cronologico. Ma parlare del
futuro non è altro che dire ciò che è visto come virtuale.
- Il termine ADQUIRIDO ha il vantaggio di mostrare una certa unità tra tre tempi che hanno elementi in
comune evidenti: in tutti e tre i casi si tratta di un certo elemento nel passato e la funzione è quella di
indicare che il predicato appartiene già al mondo di ciò che diamo per assimilato o acquisito) perché
proiettato nel passato di una cronologia che può appartenere sia alla realtà extralinguistica (calendario)
sia a una realtà concettuale o metalinguistica (la cronologia dei processi stessi e le operazioni di
formulazione del messaggio)

-I termini condizionale e potenziale (nome alternativo spesso usato nella tradizione grammaticale) sono
legati solo a una parte degli usi di questo tempo, e nascondono la loro relazione con il futuro
dell'indicativo [presente del virtuale] e con l'imperfetto .

-Le etichette imperfetto e passato indefinito sono troppo strettamente legate ai tentativi di definirle in
termini di referente extralinguistico, quando in realtà sono operazioni puramente metalinguistiche. Non
ha senso, quindi, parlare di azioni o processi che durano a lungo o a breve, poiché questo equivale a
parlare di fenomeni che non sono linguistici, è come, di fronte a un dipinto e un modello, analizzare
invece il modello di analizzare il dipinto, lo stesso per dare un giudizio sul pittore, quando si sa che lo
stesso modello può dare origine a quadri molto diversi, e non si può dire molto sulle capacità del pittore
o sulle potenzialità degli elementi che utilizza.
-L'appellativo congiuntivo sembra essere troppo strettamente correlato ad analisi che hanno voluto
vedere in questo modo nei suoi possibili referenti oltre il linguaggio. Il congiuntivo [non informativo] è
il modo che, per eccellenza, ignora l'extralinguistico. Pertanto, è un errore voler analizzare a tutti i costi
in termini di reale o irreale.

Il congiuntivo si riferisce in realtà alla lingua stessa e al processo di enunciazione. Analizzarlo in


termini di ciò che sta accadendo nel mondo è, ancora una volta, confondere il modello con l'artista, i
materiali che utilizza e l'opera d'arte stessa.

In ogni momento, l'enunciatore ha sei modi per parlare di persone o cose diverse, secondo lo stato che
hanno in quel momento nel circuito di comunicazione, tranne che in modo imperativo e in modo non
personale.
Normalmente il verbo concorda con il suo soggetto, cioè che adotta, tra le sei forme che ha di volta in
volta, quella che fa riferimento allo status che la persona o cosa di cui si parla ha nell'atto comunicativo
(il soggetto grammaticale del verbo stesso).

Nei capitoli che seguono studieremo i diversi tempi dei diversi modi sia da un punto di vista puramente
formale (come si ottengono le diverse forme di ogni tempo, cioè come si coniugano i verbi ad ogni
tempo), sia come in ciò che si riferisce ai suoi usi e al funzionamento di ciascun tempo all'interno del
sistema verbale, analizzato soprattutto dal punto di vista delle operazioni compiute con esso
dall'enunciatore che lo utilizza, e non solo nella sua dimensione referenziale. I diversi tempi sono in
parte legati al tempo cronologico: alcuni sono usati piuttosto per parlare del passato rispetto al
momento dell'enunciazione (tempo prima del momento dell'enunciazione), altri preferibilmente per
parlare del tempo dopo il momento dell'enunciazione (futuro cronologico) o al momento di cui si parla,
ecc.
Tuttavia, sarebbe un grave errore credere che ogni momento corrisponda a un momento cronologico di
tempo, o che ogni momento o periodo di tempo cronologico corrisponda a un tempo nella lingua: ci
sono una serie di altri fattori che influenzano anche la scelta dell'uno o dell'altro tempo, come
l'atteggiamento di chi parla rispetto a ciò che dice, il motivo per cui dice ciò che dice, cosa vuole farne
nel suo discorso (intenzioni espressive), il suo atteggiamento nei confronti del suo interlocutore e la
situazione, ecc.
____

NOTA PER LA CONIUGAZIONE DEI VERBI


La forma normalmente usata per riferirsi a un verbo fuori contesto, cioè per nominare un verbo, è
l'infinito: ma non è l'unico uso di questo modo.

I verbi spagnoli sono divisi in tre grandi famiglie, secondo le loro desinenze infinite:
verbi che finiscono in -ar, verbi che finiscono in -er, verbi che finiscono in -ir.
In ogni tempo, il verbo assume forme diverse che ci permettono di capire qual è il tempo della persona
(cioè qual è lo stato del suo soggetto della comunicazione).

Per coniugare i verbi nei diversi tempi, cioè, per ottenere le diverse forme personali, la desinenza -ar,
-er, -ir dell'infinito è sostituita dalle desinenze che il gruppo ha nel tempo in questione (- ar , -er, o -ir) a
cui appartiene il verbo-tranne nel caso del futuro e del condizionale, le cui desinenze sono aggiunte
direttamente a quella dell'infinito. (sono entrambi VIRTUALI).

Nei finali di ogni tempo c'è un elemento caratteristico di quel tempo e, inoltre, un segno specifico di
ogni persona - un segno che viene mantenuto in ogni momento, tranne nelle forme proprie
dell'imperativo

È importante notare in ogni volta la posizione dell'accento (tonico) nella coniugazione del verbo. ja che
questo influisce notevolmente sulla coniugazione stessa: ci sono verbi che, in alcuni tempi, presentano
alterazioni nella radice. L'accordatura di queste e altre irregolarità sarà analizzata in dettaglio nel
capitolo corrispondente a ciascun tempo.

C'è un piccolo gruppo di verbi che presentano, in alcune persone di alcuni tempi, piccole variazioni
ortografiche, e potrebbero quindi sembrare -per occhi ingenui- irregolari, quando in realtà si tratta solo
di ortografia da un punto di vista ortografico.
Per evitare problemi si tenga presente che, in genere, sempre prima della fine, e che l'ortografia dovrà
essere adattata secondo la vocale che segue, sulla base delle norme grafiche enunciate nel capitolo
corrispondente. Allo stesso modo, quando una i è tra due vocali e non è tonica, diventa una
semiconsonante (y) : tutte le regole ortografiche indicate sono essenziali per la coniugazione dei verbi.
mantiene lo stesso suono consonantico.
Normalmente, le derivate di un verbo seguono morfologicamente il verbo da cui sono formate.

-----

L'INTRODUZIONE INDICATIVA
Di tutti i modi a disposizione dell'enunciatore in spagnolo, l'indicativo è, senza dubbio, quello che
meglio si presta a dare nuove informazioni, non ancora esplicitate, che gli interlocutori possono
assumere, su un argomento grammaticale di chi vuole parlare.