Sei sulla pagina 1di 9

Sogno di una notte di mezza estate

introduzione e trama

il sogno di una notte di mezza estate fu scritta con tutta probabilità tra
il 1595 e il 1596. questa commedia è una delle prime scritte da shakespeare,
certamente una delle più popolari,nonchè quella più difficile da comprendere.
il tema principale della commedia-fiaba,è ancora una volta l'amore romantico ,
che a differenza degli altri play viene quasi sbeffeggiato,deriso,senza che
per questo motivo perda di significato.l'espediente del liquido del fiore che,
versata sugli occhi di una persona che dorme lo farà innamorare della
prima persona vista al suo risveglio ,ci fa capire come l'innamoramento
nasconda le qualità fisiche e morali della persona amata,per poi rivelarle una
volta svanito l'incanto.altro tema portante è quello del matrimonio,e sono in
tanti ,tra gli studiosi di shakespeare,a credere che questa commedia sia
stata scritta come leggero intrattenimento ,da rappresentare durante un
matrimonio di qualche mecenate o nobile,di cui non si conosce l'identità
storica. peculiarità del play è di essere estremamente

originale rispetto al resto della produzione del bardo ,


tanto che non vi un opera simile o paragonabile al sogno
in tutta la produzione shakespeariana .la maggior parte
della critica è concorde nel ritenere che shakespeare non
aveva raggiunto il culmine della sua maturità artistica
quando compose questo play,che rimane comunque un capola-
voro assoluto,ancora oggi tra le commedie più rappresentate
nel teatri di tutto il mondo.la trama principale si snoda
attorno attorno alle vicende amorose di ermia e lisandro,
e di elena e demetrio, le cui avventure sentimentali sono
complicate dall'entrata in scena di oberon e titania ,re e
regina delle fate che, servendosi di un folletto di nome
puck,creano scompiglio ai sentimenti degli amanti.la trama
secondaria narra le divertentissime vicende di bottom e
dei suoi colleghi artigiani , che si recano nella foresta
per preparare la messa in scena della commedia di piramo e
tisbe (che dalla metamorfosi di ovidio ,passando per il
sogno, iventerà l'ossatura del romeo e giulietta .

nel sogno di una notte di mezza estate si fondono le


vicende degli umani e degli dei,questi ultimi partecipano
alle vicende in maniera silenziosa , talora divertendosi,
talora soffrendo per essi.si può dire che il teatro dei
greci e quello moderno si incontrano.come nel teatro greco
,infatti,le vicende sono mosse dagli dei,ma come nel teatro
moderno anche il carattere dei personaggi ha un peso
determinante .inoltre,a differenza del teatro greco,in cui
uomini e dei parlavano, litigavano,si amavano e generavano
figli,nel sogno gli umani non hanno nessuna consapevolezza
diretta dell'influenza degli dei,non possono interagire
ne immaginare i motivi per cui le cose succedono , quando
queste succedono per via dei trastulli o delle gelosie di
oberon e titania.in realtà, quelli che nel teatro greco
erano dei ,si comportano esattamente come quelli che oggi
chiamiamo spiriti ,e che in opere successive quali amleto,
giulio cesare ,la tempesta,si manifesteranno ancora più
apertamente,mostrando le loro ombre e i loro poteri agli
uomini.tra la partecipazione invisibile degli spiriti e la
manifestazione agli uomini (si pensi al padre di amleto ed
a come interagisce con suo figlio )vi è il mondo dei sogni
,in cui normalmente il confronto tra uomini e spiriti ,tra
vita e morte ,avviene .da qui'trae vita l'aforisma shakes-
peariano per eccellenza "siamo fatti della stessa sostanza
di cui sono fatti i sogni , e la nostra vita è circondata
dal sonno" ,che condensa il significato della tempesta ,e
forse dell'intera scrittura di shakespeare : una volta che
l'avventira sugli argillosi sentieri della terra è terminata
,la vita prosegue sotto forma di spirito .e se tutto questo
può spaventare il lettore,si può sempre seguire l'invito
che puck rivolge ai lettori ,nel monologo conclusivo della
fiaba,di rifugiarsi nel mondo del sogno .
"Atto V - Scena I - Conclusione
Puck
Se l'ombre nostre v'han dato offesa,
Voi fate conto v'abbian colto
Queste visioni così a sorpresa,
Mentr'erravate in preda al sonno;
In lieve sonno sopiti, ed era
Ogni visione vaga chimera.
Non ci dovete rimproverare
Se vana e sciocca sembrò la storia;
Ne andrà dissolta ogni memoria,
Come di nebbia se il sole appare;
Se ci accordate vostra clemenza,
Gentile pubblico, faremo ammenda.
E com'è vero ch'io son folletto
Onesto e semplice,
sincero e schietto,
Se pure ho colpe, non mai ho avuta
Lingua di serpe falsa e forcuta;
Pago l'ammenda senza ritardo,
O mi direte che son bugiardo.
Ora vi auguro sogni felici,
Se sia ben vero che siamo amici,
E ad applauso tutti vi esorto,
Poiché ho promesso che ad ogni torto
A voi causato per inesperienza,
Gentile pubblico, faremo ammenda."
sogno di una notte di mezza estate riassunto

teseo ,duca di atene, annuncia pubblicamente che sposerà ippolita,


la regina delle amazzoni ,dopo quattro giorni. nello svolgimento
delle sue funzioni di rappresentante della legge, egeo si lamenta
che sua figlia ermia rifiuta di sposare la persona che, secondo
le leggi dell'epoca egeo aveva diritto di far sposare con sua
figlia (demetrio),per colpa di lisandro , che ama ed è amato dalla
bella ermia. il duca stabilisce che ermia deve sposare demetrio,
oppure scgliere tra la morte o passare il resto della sua vita in
convento.i due innamorati decidono quindi di sfuggire alla legge
di atene scappando nella foresta .lisandro quindi organizza la
fuga verso la casa di un suo zio,e il matrimonio una volta arrivati.
ermia,che è una amica di elena fin dall'infanzia ed è innamorata di
demetrio,una volta saputo delle intenzioni dei due amanti decide
di informare demetrio ,che decide di seguire ermia per fare
rispettare i suoi "diritti" .elena,decide a sua volta di seguire
demetrio ,per cercare di conquistarlo.allo stesso tempo Nick
Bottom (Fondo- tessitore),Peter Quince (Cotogna carpentiere),
Francis Flute (Flauto riparatore di mantici), Robin Starveling
(Morto di fame sarto), Tom Snug (Placido falegname), per
festeggiare il matrimonio tra oberon e titania decidono di
preparare una recita,dove si rappresenta la tragedia di piramo
e tisbe ,che verrà messa in scena il giorno delle nozze .
nella foresta ,il re delle fate (oberon) litiga con titania
(regina delle amazzoni) per via di un orfanello,che oberon vorrebbe
come suo paggio ,mentre titania vorrebbe essere lei a prendersene
cura.pur di ottenere il suo paggio oberon ordina a puck di farsi
dare un fiore da cupido,per mezzo del quale ,se versato sugli occhi
di un dormiente,questo si innamorerà al suo risveglio della prima
persona che vede.puck è forse il personaggio principale del dramma,
ed una fata ce lo presenta in questo modo :
« Tu, se dalle maniere e dal sembiante
io non m’inganno, sei quel discolaccio,
quel folletto bugiardo e malizioso
che tutti chiamano Robin Bravomo.
Non sei tu quel bizzoso spiritello
che al villaggio spaventa le ragazze,
che fa cagliare il latte dentro i secchi,
che armeggia tra le pale del mulino,
e si rende molesto alle massaie
vanificando la loro fatica
a sbattere la crema nella zangola?
Ed altre volte a far schiumar la birra,
o a far smarrire il cammino ai viandanti
di notte, e ridere del loro disagio?
E t’adoperi, invece, premuroso,
ad aiutare nel loro lavoro,
ed a portar fortuna
a quelli che ti chiaman vezzeggiandoti,

“mio caro diavoletto” e “dolce Puck”? »


((Trad G. Raponi - dal website liberliber))
sogno di una notte di mezza estate riassunto (segue)

puck,quindi,riceve l'ordine di versare sugli occhi di titania la pozione,


cosicchè ,distratta dall'amore,oberon possa prendere il suo paggio.sulla
scena appare elena,che segue demetrio ,che a sua volta la insulta per
cercare di dissuaderla. oberon ordina a puck di versare l'essenza magica
anche sulle palpebre di demetrio,cosicchè smetta di trattar duramente
elena ed anzi si innamori di lei.dopo aver unto titania puck cerca anche
demetrio,ma uno scherzo del destino o dello stesso puck,non è ben chiaro)
fa si che lisandro venga scambiato per demetrio .il risultato è che non
solo demetrio continua ad odiare elena,che invece lo ama, ma lisandro al
suo risveglio vede elena ,e cessa di amare ermia: tutti e quattro adesso
amano la persona sbagliata. nella foresta si svolge la sottotrama:il cast
di rocamboleschi ed improvvisati discute su come mettere in scena il play.
il leader della compagnia è bottom,chein realtà è un rozzo sempliciotto si
autostima enormemente di più di ciò che vale ,tanto che vorrebbe recitare
tutti i ruoli della commedia ,ragion per cui puck,indispettito dalla sua
arroganza,trasforma la sua testa in una testa di asino.i compagni di bottom
fuggono terrorizzati,ma titania,sotto l'influsso della pozione di cupido,
si innamora di lui,ed ordina alle fate di curarlo ,nutrirlo ed idolatrarlo.
puck osserva che demetrio insegue ermia , che lo accusa di avere ucciso
lisandro ,e capisce di aver versato la pozione sugli occhi sbagliati.adesso
entrambi gli uomini amano elena ,che crede che entrambi vogliano prendersi
gioco di lei ,mentre ermia accusa elena di cospirazione nei suoi confronti
(con i due amanti) ,per farla soffrire e ridere di lei.oberon capisce che
puck ha causato questi problemi ,e gli ordina di far calare la nebbia cosi'
che gli amanti possano disperdersi e cadere in un sonno profondo .questo
sciopglierà l'incantesimo.questo espediente ci mostra che non è sufficiente
il volere degli dei/spiriti a determinare le sorti degli umani,ma anche
il fato,l'imponderabile,giocano un ruolo,oltre ovviamente al carattere
degli umani.una volta sciolto l'incantesimo dei quattro giovani amanti ,
oberon trasforma bottom di nuovo in essere umano ,si riappacifica con la
sua regina .nel bosco intanto sono anche arrivati teseo,ippolita ed egeo.
trovano i quattro amanti addormentati.demetrio e lisandro informano il
duca del loro amore per elena ed ermia .il duca accorda a tutti il permesso
di sposarsi;bottom si sveglia e ricorda gli accadimenti della notte appena
trascorsa.durante la cena,gli improvvisati attori si esibiscono nella
tragedia di piramo (rappresentata da bottom) e tisbe (da flute) : i due
amanti si sussurrano parole d'amore attraverso una crepa nel muro (il
muro è rappresetntato da snout).piramo e tisbe promettono reciprocamente
di trovarsi alla tomba di ninni,ma un leone (impersonato da snug) attacca
tisbe.piramo arriva e trova la sciarpa ,e credendo che la sua amata sia
morta ,si toglie la vita.in questa scena metateatrale,vi è l'anticipazione
del finale del romeo e giulietta.naturalmente la rappresentazione è orribile,
ma il duca concede i suoi favori agli attori,perche' "quando si vede un povero
spirito adoperasri invano,bisogna giudicare dall'intenzione e non dal merito".
dopo la recita ,a mezzanotte,tutti vanno a dormire,e le fate appaiono ed
iniziano a divertirsi,con canti e balli.nella immagine sotto,di william blake,
viene rappresentata questa scena.

William Blake, Oberon, Titania and Puck with Fairies Dancing

sogno di una notte di mezza estate :frasi e citazioni

L'amore può dar forma e dignità a cose basse e vili, e senza pregio;
ché non per gli occhi Amore guarda il mondo, ma per sua propria
rappresentazione,
ed è per ciò che l'alato Cupido viene dipinto col volto bendato. (atto I, scena I)

L'amore non guarda con gli occhi ma con la mente e perciò l'alato Cupìdo viene
dipinto bendato.
Pazzo, amante, poeta: tutti e tre sono composti sol di fantasia. (atto V, scena I)

Può ben dire la sua un leone, quando a dir la loro ci sono tanti asini in giro.
(atto V)

La tua virtù mi rassicura: non è mai notte quando vedo il tuo volto; perciò ora a
me non sembra
che sia notte, né che il bosco sia spopolato e solitario, perché tu per me sei il
mondo intero;
chi potrà dunque dire che io sono sola se il mondo è qui a guardarmi?
Io fuggirò da te, mi nasconderò nella selva e ti lascerò in balia delle bestie
feroci.
Le più feroci non hanno un cuore come il tuo. Fuggi quando vuoi, e la storia
sarà invertita:
Apollo scappa e Dafne lo rincorre; la colomba insegue il grifone; la mite cerva
corre ad afferrare
la tigre. Vana corsa, quando la vigliaccheria ci insegue e la prodezza fugge.
(attoII, sc. I)

Citazioni sull'opera
La quintessenza di tutte queste commede (al modo stesso che, rispetto alle
grandi tragedie, si può in certo senso dire dell' Amleto) è il Sogno di una notte
di mezza estate; dove le rapide accensioni, le incostanze, i capricci, le illusioni
e le delusioni, le follie d'ogni sorta dell'amore si danno un corpo e tessono un
loro mondo così vivo e reale come quello degli uomini che quegli affetti
visitano, estasiandoli e tormentandoli, innalzandoli e abbassandoli; sicché tutto
vi è parimente reale e parimente fantastico, secondo meglio piaccia chiamarlo.
Il senso del sogno, di un sogno-realtà, permane e impedisce ogni freddezza di
allegoria e di apologo. (Benedetto Croce)

titania ,sotto l'effetto della pozione amorosa,si innamora di bottom,cui


oberon ha trasformato la testa in quella di un asino
analisi dei personaggi del sogno di una notte di mezza
estate di william shakespeare

ermia
ermia è una giovane adolescente,attraversola quale ci vengono mostrati gli
slanci e le debolezze tipiche di quella età.quando si apre la commedia /fiaba
,ermia è sotto processo ,giacchè suio padre la ha promessa in sposa a
demetrio,che però non è riamato da ermia,che ama invece lisandro. ermia
,tuttavia,non ha scelta,poichè le leggi ateniesi del tempo facevano delle figlie
una proprietà del padre,e le uniche alternative per la giovane al concedersi
insposa a demetrio sono la morte o la vita in clausura .la giovane sceglierà di
seguire i suoi sentimenti,ed accetta la proposta di lisandro,di seguirla in
un'altra città dove la legge ateniese non può perseguirla.tramite il personaggio
di elena vi sono dei rimandi verso la nostra cultura,e ci viene mostrato che i
mali alcuni dei mali affliggono la nostra società sono tuttora presenti : il primo
riguarda il complesso di inferiorità per quanto riguarda il colore della pelle
(scura ) ,nei confronti della bionda elena.l'altro complesso di inferiorità è quello
della statura: ermia dimostra tutta la sua pazienza e tolleranza ,oltre che
mitezza di carattere (a dispetto della giovanissima età) ,ma è proprio l'accenno
da parte di elena alla sua inferiore statura che le fa perdere la calma ,a
dimostrazione di quanto eterna sia l'influenza del corpo nella mente e
nell'amore,di insignificanti dettagli fisici.

ah!ho capito adesso dove vuoi andare a parare :


ella ha fatto un confronto fra le nostre stature ,
e ha voluto farsi bella della sua altezza ,e con la
sua persona,la sua figura,la sua alta figura,
è riuscita a persuaderlo...e sei forse cresciuta
così alta nella stima di lui soltanto perchè io sono
nanerella?non son davvero bassa al punto che le mie
unghie non riescano a raggiungere i tuoi occhi!

elena
osessionata dal rifiuto di demetrio,il personaggio di elena ci mostra i capricci
dell'amore ed i suoi eccessi. pur sapendo di rendersi ridicola continuando ad
inseguire demetrio,che la insulta ogno volta che la vede,non può trattenersi dal
farlo,ricordandoci che l'amore è cieco e toglie i freni inibitori a chi ama. sempre
in nome dell'amore elena tradisce ilsegreto che ermia le confida,rivelando i
piani di fuga a demetrio ,che seguirà i due amanti ermia e lisandro nel bosco.a
sua volta elena seguirà demetrio ,rompendo così la traduzione che vede l'uomo
cacciatore ed artefice della scelta della sua conquista,mentre la donna poteva
solo aspettare di vedere quale fosse l'uomo che voleva maritarla,la stessa
ippolita è stata 'corteggiata con la spada e vinto il tuo amore offendendoti' da
parte del duca teseo,e la stessa titania (regina delle fate) è infuriata con
oberon che con la forza le ha preso il paggio che la regina delle fate voleva per
se,facendola inoltre subire l'influsso dell'incantesimo che la farà innamorare di
bottom con la testa d'asino.elena,dunque,incarna sulla scena l'attualissima
necessità di rivalsa che ancora oggi ogni donna dovrebbe portare con se,(basti
pensare agli estremismi islamici ,oltre che alla effettiva disparitàin molti settori
anche nella società occidentale) .la tenacia di elena alla fine sarà premiata.

e a me accade l'eguale,
e mi sembra di aver trovato per caso demetrio ,
come un gioiello nonmio.

bottom
questo personaggio,senza dubbio la figura più divertente della commedia,è con
tutta probabilità stato creato ad arte per uno degli attori preferiti di
shakespeare.buon uomo,botto,ma estremamente presuntuoso,al punto da
attirare su di lui l'ira di puck,che lo punisce trasformando la sua testa in quella
di un asino.

quali zoticoni si dan tante arie quì attorno alla cuna della
regina delle fate?che vedo?stanno preparando la rappresentazione
di un dramma!io me ne starò in mezzo al pubblico,e forse anche in
mezzo agli attori se se ne presenta l'occasione! ...

pur essendo una figura grottesca e rozza,shakespeare posa sulle labbra di


bottom ,durante la preparazione della commedia,interrogativi profondi,quali la
relazione tra la realtà e l'immaginazione : la regina sarà spaventata se il
ruggito del leone sarà fatto con troppa somiglianza con la realtà?e ancora: il
pubblico sarà troppo preoccupato vedendo piramo uccidersi?

signori miei ,bisogna considerar la faccenda con prudenza:


perchè portare-dio ne guardi!-un leone inmezzo alle signore
è davvero una cosa sopra tutte le altre spaventevole; non esiste
infatti al mondo nessuna sorta d'uccello rapace che incuta
paura più di un leonevivo.e bisogna starci attenti.

il dramma che si dovrà rappresentare è inoltre il pilastro portante della trama


del romeo e giulietta .l'espediente del metateatro (il teatro nelteatro) è usato
anche in altre opere del bardo,basti pensare alla bisbetica domata(che non è
altro che una rappresentazione per allietare christopher sly ,e l'amleto,dove
shakespeare usa gli attori per inscenare la 'trappola per topo' che deve
prendere in gabbia la coscienza del re.

puck
è il giullare ed il luogotenente di oberon.puck è uno spirito ,capace di
percorrere la circonferenza dell'intera trra in 40 minuti e di nascondere degli
ignari mortali dentro una fitta nebbia.conosciuto anche come Robin Goodfellow,
Puck deve essere stato familiare al pubblico del sedicesimo secolo,che lo
identificavano come spirito dei viaggiatori.ma pack è anche uno spiritello
allegro ,che si diverte a scherzare con gli umani,ed alla fine è proprio lui,per
volere di oberon,il deus ex machina che scioglierà l'intricato intreccio di amori
ed amanti. il messaggio di puck è che gli spiriti sono in mezzo a noi,assistono
alle nostre vicende,si divertono,soffrono e si ingelosiscono,influenzano ,senza
essere minimamente percepiti,i nostri destini. e per coloro cui il mondo degli
spiriti si sia in qualche modo dischiuso ,e ne siiano rimasti turbati ,non resta
che

fare conto che queste visioni vi abbiano colto in preda al sonno;


in lieve sonno sopiti ,ed era ogni visione vaga chimera.

ancora il tema del sonno e dei sogni (e da quì anche il titolo dell'opera) in
shakespeare,che ci ricorda che la vita terrena non è altro che una piccola
palude che attraversiamo durante l'eterno viaggio della vita,e che è nel mondo
del sogno che dobbiamo iniziare ad indagare,se vogliamo una anticipazione
della vita spirituale.

oberon

il re delel fate mostra una doppia personalità :da una parte assicura che le
avvicende amorose si concatenino nel giusto ordine,simpatizzando per elena e
facendo in modo che il suo amore venga degnamente ricambiato,quindi ,da
benevolo regnante del mondo degli spiriti,fornisce la sua benedizione alle
future famiglie che si formano nello svolgersi del dramma.dall'altra,la fiaba
inizia proprio conun'atto di prepotenza nei confronti di titania,la sua regina,cui
ruba un ragazzo indiano,che di diritto 'spettava' alla regina ,senza nessun
motivo,solo per una virile dimostrazione di forza e del genere maschile su
quello feminile,forza spirituale in questo caso,per mano dell'incantesimo di
puck,che farà innamorare la regina di bottom.

ebbene ,va pure per la tua strada :


ma non uscirai dal bosco senza che io ti
faccia pagare il tuo torto.

teseo
come oberon ,anche teseo presenta due differenti personalità.da una parte è il
duca di atene,e rappresenta la voce e l'autorità tra i mortali,così come
oberontra gli spiriti.il suo dovere è dispensare giustizia è chiaro da subito,e già
all'inizio della fiaba il duca si trova a dover giudicare ermia ,applicando la legge
di atene.sebbene si dimostri più comprensivo versio ermia ,in confronto con il
padre di lei, non può fare a meno di minacciarla di morte,perchè neanche lui
stesso può cambiare la legge di atene,ma solo applicarla(in tal senso si
dovrebbe meditare anche sulle vicende dei nostri tempi,dove spesso i potenti
vogliono cambiare la legge per assecondare le loro esigenze) ,ed anche
l'amore deve essere ricondotto alla legge.
molte famose alcune citazioni del duca :

tre volte benedetti dal cielo soncoloro che,frenando gli


impulsi del loro sangue,si incamminano nel sentiero della castità;
ma nel nostro mondo terreno è più felice la rosa da cui si distilla
il profumo che non quell'altra costretta ad avvizzire su un virgineo
spino,e che cresce ,vive e muore in una felicità solitaria.

ed ancora il celebre monologo:

il dissennato l'amante e il poeta non son composti di nient'altro che di fantasia.


l'uno vede maggior numero di demonii di quanti il vasto inferno possa
contenerne,e questo è il dissennato.
l'amante,preda anch'egli dello stesso delirio,riesce a veder la bellezza di elena
sulla fronte di una zingara.
e l'occhio del poeta ,volgendosi all'intorno con delicata frenesia,guarda dal
cielo alla terra e dalla terra al cielo
,e nella sua propria immaginazione da corpo a oggetti sconosciuti;e la sua
penna quindi ne decanta la forma definitiva,
dando a un aereo nulla una concreta dimora e un un nome. una forte
immaginazione possiede tale arte che,se vagheggi
soltanto una qualche felicità,concepisce anche la persona che quella potrà
sopportare. e così nella notte,
se incomba un sentimento di paura,quantìè facile scambiare un cespuglio per
un orso.