Sei sulla pagina 1di 128

GT3000 Large

Manuale hardware

Answer Drives S.r.l. - Partially owned by Ansaldo Sistemi Industriali -S.p.A.

answerdrives.com
GT3000 LARGE
MANUALE HARDWARE

Codice: IMGT30012IT
Revisione: 0.3
VersioneSW : 3L02.xxE1
Data: Ottobre 07

Fare riferimento al “MANUALE HARDWARE E SOFTWARE ”” IMGT30004IT” per la programmazione del GT3000 LARGE.

Contattateci per informazioni e commenti al seguente indirizzo:


www.answerdrives.com
Answer Drives S.r.l. vi ringrazia per aver scelto un prodotto della famiglia GT3000 e per eventuali segnalazioni utili a migliorare questo manuale.
SOMMARIO
Indice ........................................................................................................................................................................................................... i
Prefazione………………………………… iv
Norme di sicurezza v
Capitolo 1A: GT3000 LARGE Panoramica e Diagramma di Installazione 1
1A.1 Panoramica.....................................................................................................................................................................1
1A.2 Note sui metodi di controllo.............................................................................................................................................1
1A.3 Dati Generali...................................................................................................................................................................2
1A.4 Diagramma di Installazione.............................................................................................................................................3
Capitolo 2A: Ricezione e immagazzinaggio...........................................................................................................................................5
2A.1 Ricezione, Scarico, Sballatura ed Ispezione dell'inverter ...............................................................................................5
2A.2 Dati Tecnici .....................................................................................................................................................................6
2A.2.1 Immagazzinamento e condizioni ambientali ...................................................................................................6
2A.2.2. Sigla di identificazione.....................................................................................................................................7
2A.2.3 Norme .............................................................................................................................................................7
2A.2.4 Dati Elettrici.....................................................................................................................................................9
2A.2.5 Targa.............................................................................................................................................................14
2A.6 Dimensioni e Pesi .........................................................................................................................................14
Capitolo 3A: Installazione......................................................................................................................................................................15
3A.1 Installazione meccanica................................................................................................................................................15
3A.2 Installazione electtrica...................................................................................................................................................29
3A.3 Cavi di potenza, Raffreddamento, Fusibili di potenza e alimentazioni ausialiarie.........................................................36
3A.4 Reattori di ingresso .......................................................................................................................................................38
3A.5 Reattori di uscita ...........................................................................................................................................................38
3A.6 Sezione di controllo ......................................................................................................................................................39
3A.7 Collegamento Encoder .................................................................................................................................................44
3A.8 Lista Controllo Installazione ..........................................................................................................................................47
Capitolo 4A: Maintenance......................................................................................................................................................................49
4A.1 Precauzioni di sicurezza ...............................................................................................................................................49
4A.2. Manutenzione preventiva..............................................................................................................................................51
4A.3. Smaltimento ..................................................................................................................................................................51
4A.3. Download del software..................................................................................................................................................52
Capitolo 5A: Note applicative................................................................................................................................................................53
5A.1. Scelta del motore ..........................................................................................................................................................53
5A.2 Applicazioni con motori speciali ....................................................................................................................................55
5A.3 Scelta dell'inverter.........................................................................................................................................................55
5A.4 Formule generali ...........................................................................................................................................................56
5A.5 Fattori di conversione utili .............................................................................................................................................58
Capitolo 6A: Opzioni .............................................................................................................................................................................61
6A.1 Tastierino ......................................................................................................................................................................61
6A.2 Schede di Espansione ..................................................................................................................................................63
6A.3 Schede di Espansione seriale.......................................................................................................................................63
6A.4 Funzione STO Safe Torque Off ....................................................................................................................................64
Capitolo 7A: Ricambi .............................................................................................................................................................................69
APPENDICE A.1 Morsetti e schemi......................................................................................................................................................71
APPENDICE A.2 Istruzioni EMC ...........................................................................................................................................................79
APPENDICE A.3 Inverter con raffreddamento ad acqua ...................................................................................................................87
APPENDICE A4 Controllo AFE.............................................................................................................................................................97
APPENDICE A5 Circuito di precarica e collegamenti tra SPDM-e GT3000 LARGE .....................................................................107

IMGT30012IT i
Sommario

Answer Drives S.r.l. non puo’ essere responsabile per omissioni tecniche o editoriali del manuale, nè per danni o incidenti derivanti
dall’uso di informazioni contenute nel presente manuale.

ii IMGT30012IT
PREFAZIONE

Questo manuale fornisce informazioni dettagliate e le norme di sicurezza in merito all’installazione ed alla messa in servizio, all’uso ed alla
manutenzione degli inverter serie GT3000-LARGE.
Il manuale è stato redatto per operatori specializzati coinvolti nell’installazione, montaggio, messa in funzione e manutenzione degli inverter GT3000-
LARGE, ed adotta tre differenti tipologie di sicurezza corredate dai loro simboli di identificazione per indicare informazioni che richiedono una
attenzione speciale:

Indica un’azione scorretta che potrebbe determinare situazioni pericolose per gli operatori. Inoltre, avvisa il
ATTENZIONE ! personale di possibili pericoli che potrebbero verificarsi durante le operazioni di manutenzione.

Tensione pericolosa Segnala la presenza di alte tensioni con il conseguente rischio di morte o shock elettrico
per gli operatori.

Indica le situazioni che potrebbero metter a rischio l’incolumita delle persone o e/o danneggiare le
apparecchiature.

Indica una procedura che dovrebbe essere seguita o evitata per eseguire in modo corretto operazioni di
AVVERTENZA installazione, riparazione o sostituzione senza danneggiare l’inverter.

Indica operazioni nell’ambito delle quali devono essere evitate le scariche elettrostatiche.

☞ Simbolo generico di AVVERTENZA

NOTA Viene utilizzato per spiegare un’istruzione, un’operazione di riparazione o altro.

Simbolo generico di NOTA


!
STRUTTURA DOCUMENTAZIONE
La documentazione del GT3000-LARGE include i seguenti manuali:

GT3000-LARGE MANUALE HARDWARE: IMGT30012IT


GT3000-MANUALE HARDWARE E SOFTWARE: IMGT30004IT
GT3000-MANUALE DI COMUNICAZIONE : IMGT30005IT
GT3000-AFE MANUALE HARDWARE E SOFTWARE: IMGT30007IT
GT3000-LARGE UNITA’ DI FRENATURA AUTONOMA: IMGT30015EN/IT

Assicurarsi di leggere integralmente e comprendere appieno il presente MANUALE prima di eseguire qualsiasi
ATTENZIONE ! intervento sul GT3000-LARGE.

NORME DI SICUREZZA
Questa sezione contiene informazioni riguardanti la sicurezza necessarie ed utili per il personale che opera con il GT3000-LARGE. Le informazioni
sono generali e riguardano i rischi, sia per gli operatori che per il personale di manutenzione, relativi al funzionamento e alla manutenzione
dell'inverter. Il mancato rispetto di tali norme puo’ mettere a repentaglio l’incolumita’ delle persone con rischio di morte e danneggiare l’inverter, il
motore o la macchina operatrice.
Prima di operare con l’unita’ leggere le istruzioni di sicurezza.

IMGT30012IT iii
Norme di sicurezza

♠Tutte le operazioni di manutenzione elettrica ed installazione sul GT3000-LARGE devono essere eseguite da
tecnici qualificati.
♠Tutte le procedure standard di sicurezza elettrica devono essere rispettate:
ATTENZIONE!
-Non toccare mai nulla all'interno dell'inverter, se non dopo essersi assicurati che non sia a temperatura
elevata e/o in tensione.
-Indossare sempre calzature antinfortunistiche isolate o in gomma e occhiali protettivi.
-Non lavorare mai da soli.
-Non collegare mai al sistema dispositivi di misura od oscilloscopi messi a terra.
-Non rimuovere mai gli schermi di sicurezza.
-Fare sempre estrema attenzione quando si maneggiano dei componenti o si eseguono misure all'interno del
quadro.
• PERICOLO!
-Il GT3000-LARGE e tutti gli altri dispositivi collegati devono essere messi a terra in modo adeguato.
-Le tensioni sui morsetti di uscita del GT3000-LARGE sono pericolose sia quando l'inverter è attivato, sia quando lo stesso non è in
funzione. Considerare, inoltre, che il motore potrebbe ruotare in qualsiasi momento non appena si collega l’alimentazione e la batteria
di condensatori viene caricata.
-Se l'inverter è installato in quadro, non farlo mai funzionare con le porte del quadro aperte.
• PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVE DANNO!
-Il convertitore non ha fusibili interni, prevedere fusibili adeguati (vedere il Capitolo 3A per calibro e tipo) immediatamente a monte
dell'inverter. Non usare fusibili diversi da quelli specificati: fusibili errati possono causare incendio, grave danno al personale,
all'attrezzatura e/o parti collegate nelle vicinanze. Alcune unità necessitano di fusibili ausiliari per le linee separate relative ai
ventilatori ed ai circuiti ausiliari.
-Non applicare potenza all'inverter se si presume che all'interno del contenitore o dei componenti sia penetrata umidità, polvere od
agenti chimici caustici/corrosivi.
-Se si devono eseguire dei test di isolamento sul motore e sui cavi, scollegare prima i cavi dall'inverter. Non si devono eseguire sui
componenti del GT3000-LARGE dei test ad alto potenziale.
• PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVE DANNO O FERITE!
-GT3000-LARGE sono dispositivi di tipo aperto e devono essere installati rigidamente secondo le istruzioni del presente MANUALE
ed in totale conformità con le norme e regole esistenti.
-Non immagazzinare mai materiale infiammabile dentro, sopra o vicino all’inverter.
• E' ASSOLUTAMENTE VIETATO
-Far funzionare l'inverter con tensione superiore del 10% al valore nominale.
-Applicare potenza ai morsetti di uscita del GT3000-LARGE.

☞ AVVERTENZA -Collegare GT3000-LARGE in parallelo, direttamente sui morsetti in uscita


-Collegare carichi capacitivi ai morsetti in uscita del GT3000-LARGE
-Collegare l'ingresso dell'inverter all'uscita (Bypass)
-Mutare le distanze di isolamento o rimuovere materiali e coperture di isolamento.
-Se l'inverter non viene alimentato entro due anni, potrebbe essere necessario riformattare i condensatori
elettrolitici. Fare ciò alimentando il GT3000-LARGE non abilitato (Drive Enable aperto) per almeno due ore
con il motore in funzione.

iv IMGT30012IT
Norme di sicurezza

PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O SCOSSA ELETTRICA!

DANGER Prima di eseguire manutenzione sull'unità si devono seguire rigidamente i seguenti punti sulla
sicurezza,:
-Effettuare la procedura di blocco/esclusione dell’alimentazione elettrica ed aprire il sezionatore
principale del quadro.
-Assicurarsi che tutte le alimentazioni che giungono al GT3000-LARGE (alimentazione principale
ed ausiliarie) siano scollegate prima di eseguire manutenzione sull'inverter.

-Attendere almeno dieci (10) minuti dopo aver scollegato l'alimentazione prima di eseguire manutenzione sull'unità.
Prima di accedere ai morsetti motore accertarsi che i condensatori del bus DC siano scarichi: verificando con un
multimetro calibrato per 1000Vdc o superiore che la tensione DC sia inferiore a 40V. Fare riferimento alla
targhetta di sicurezza presente su tutti gli inverter.
-I morsetti di uscita dello switch di frenatura presentano tensioni in cc pericolose (superiori a 500V)
-Il GT3000-LARGE viene fornito con molte funzioni automatiche di reset e ripartenza che possono riavviare
automaticamente l’unità. Non attivare tali funzioni se possono verificarsi situazioni di pericolo.
-Il GT3000-LARGE fornisce un controllo a frequenza variabile. I motori ed i carichi devono essere in grado di
funzionare nel campo di velocità e potenza fornito dall’inverter.
-Coordinare la tensione e la corrente nominale del motore e dell’inverter. La tensione nominale del motore deve
essere superiore a 1/2 della tensione di ingresso e la corrente nominale del motore deve essere maggiore di 1/3
della corrente in uscita del GT3000-LARGE.
-Il GT3000-LARGE, indipendentemente dalla frequenza di in uscita, produce una tensione di uscita ad impulsi con
un valore di picco di circa 1.4 volte la tensione AC di ingresso e con tempi di salita molto brevi. La tensione di tali
impulsi può quasi raddoppiare, in base alle caratteristiche del cavo, sui morsetti motore: assicurarsi che i cavi di
uscita e l'isolamento motore siano progettati per resistere a sollecitazioni aggiuntive.
-Fare attenzione a non danneggiare alcuna parte del GT3000-LARGE durante la movimentazione.
-Proteggere l'inverter dall'intemperie e condizioni ambientali avverse (temperatura, umidità, vibrazioni, collisioni,
ecc). Se si deve immagazzinare temporaneamente l’inverter all'esterno, si devono prendere precauzioni speciali
(vedere Capitolo 2A.2).

Il GT3000-LARGE contiene componenti sensibili alle cariche elettrostatiche; tali componenti potrebbero danneggiarsi
ATTENZIONE se maneggiati in modo non adeguato. Durante le operazioni di manutenzione o sostituzione delle schede elettroniche,
si devono seguire i punti indicati qui sotto:
Usare un kit di manutenzione per le cariche elettrostatiche. Si devono prendere adeguate precauzioni controllo le
scariche elettrostatiche (ESD):
Indossare cinghie statiche adeguatamente messe a terra.
Maneggiare le schede tenendole per i bordi.
Le schede non dovranno entrare in contatto con materiali altamente isolanti quali fogli di plastica, superfici
isolanti, parti di tessuti sintetici.
Le schede saranno collocate solo su superfici conduttive
Le schede devono essere imballate in fogli conduttivi prima della spedizione.

GARANZIA E LIMITI DI RESPONSABILITA’


• GARANZIA
Per le condizioni di garanzia fare riferimento al modulo “CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIA” allegato alla Accettazione d’ordine:

• LIMITI DI RESPONSABILITA’
Answer Drives S.r.l. non potra’ essere ritenuta responsabile né per carenze di informazioni tecniche od errori nel presente manuale né per
danni accidentali o conseguenti all’uso delle informazioni contenute nel manuale.

IMGT30012IT v
Norme di sicurezza

vi IMGT30012IT
1 GT3000 LARGE PANORAMICA E DIAGRAMMA DI INSTALLAZIONE
1A.1 PANORAMICA
I GT300 LARGE estendono la corrente di uscita della serie GT3000 fino a 6000A. Sono previsti per alimentazione in CA o CC. Essi sono
compatti, affidabili, facili da usare e adatti per molte applicazioni.
I GT3000 LARGE sono disponibili: per ventilazione in aria forzata o per ventilazione ad acqua.
con reazione in rete a 6 impulsi (K), o 12 impulsi (P), o 18 impulsi (R), o con controllo AFE.

Comparazione armonica di un tipico convertitore da 160 KW PWM a 6, 12 e 18 impulsi e di un GT3000 con Active Front End e operante su
una rete da 220KVA con impedenza di corto circuito del 5,75%.
Distorsione armonica totale Reazione a 6-impulsi Reazione a 12- Reazione a 18-impulsi ACTIVE FRONT END
impulsi
(CORRENTE) 30,1% 6,5% 2,5% 1%
(TENSIONE) 8,1% 5,2% 2,9% 2,2%

1A.2 NOTE SUI METODI DI CONTROLLO


Controllo SCALARE (V/F) Controllo SENSORLESS (senza encoder) Controllo VETTORIALE (FOC) (con
encoder)
Regolazione Tensione-Frequenza Controllo indipendente di coppia e flusso Controllo indipendente di coppia e flusso
con rapporto costante o variabile (= Motori CC) (= Motori CC)
Boost di tensione Buone prestazioni statiche e dinamiche Eccellenti prestazioni statiche e dinamiche
Regolazione in anello aperto Regolazione in anello chiuso (simulato) Regolazione in anello chiuso
Campo di regolazione velocita’: Campo di regolazione velocita’: 1:50 Campo di regolazione velocita’: 1:1.000
1:15
Risoluzione di velocita’: 0,1Hz Risoluzione di velocita’: 1:1.000 Risoluzione di velocita’: 1:5.000
Compensatione di scorrimento Precisione statica di velocita’ tipica: 0.2 x fscorrim. Precisione statica di velocita’ tipica: 0.01 %
(campo di regolazione velocita’ 5 ÷100%: < 0.2 %)
(campo di regolazione velocita’ sotto al 5%: ≈ 1 %)
Controllo della corrente di uscita Controllo di coppia Controllo di coppia anche a velocita’ zero
Risposta sul controllo di coppia: < 5 ms Risposta sul controllo di coppia: < 5 ms
Applicazioni tipiche
Ventilatori, pompe centrifughe, Estrusori, presse, pompe volumetriche Impianti di sollevamento, cesoie,
convogliatori, nastri trasportatori e azionamenti coordinati
macchine imballatrici

IMGT300012IT 1
Panoramica GT3000-Large

1A.3 DATI GENERALI


NORME COLLEGAMENTI DI CONTROLLO
IEC 146.2 2 ingressi analogici differenziali (12Bit) configurabili:
EN61800-3 (EMC), 0-10V, 0-±10V, 0/4-20mA
EN 50178 (bassa tensione) 2 uscite: +10V, -10, 5mA (protette contro corto circuito)
2 uscite analogiche: (10Bit): 0 -10V Isolate, tarabili e configurabili
CONDIZIONI AMBIENTALI 2 uscite analogiche (10Bit): (corrente, tensione motore,
Temperatura di lavoro: 0-40°C (declassamento del 0 -10V/ 0(4)-20mA frequenza/velocita’, potenza ecc.)
1% per ogni °C, 55°C max) Uscita a relé (NO-NC) :DRIVE OK RL1
di immagazzinamento: -20 to +70°C 8 ingressi digitali optoisolati(24Vdc), (6 programmabili)
Umidita’ relativa: 95% (senza condensa) 2 morsetti configurabili come ingressi/uscite logiche programmabili
Altitudine sul livello del 1000m. (declassamento del 1% 1 uscita a relé (NO+NC) RL2 Programmabile: marcia , frequenza
mare: per ogni 100m, max 3000m) 1 uscita a relé (NA), RL3 minima, frequenza raggiunta, soglia di
Grado di protezione: IP20 coppia, gestione freno ecc.) etc.,
Raffreddamento: aria con ventilatore integrato Interfaccia Encoder con due canali complementari + Impulso di zeror
acqua /acqua, acqua/aria Uscita seriale RS232 half duplex
COLLEGAMENTO ALLA RETE FUNZIONI STANDARD
Tensione trifase: K=525-690V -10%+15% 6p Controllo scalare (V/Hz), sensorless, vettoriale (FOC) in anello chiuso,
P/R =525-690V -10%+15% 12/18p selezionabile da parametro
BUS D.C.: J=710-930Vcc ±10% 4 coppie di rampe lineari commutabili con curva ad "S"
Fattore di potenza: Totale 0.93 - 0.96 Accelerazione / decelerazione autoadattativa
Riferito alla fondamentale >0,98 (con reattore di linea) Limiti di frequenza minima e massima
Rendimento: >0,98 (50Hz- carico nominale) 4 velocita’ preimpostate e 2 velocita' di jog
COLLEGAMENTO AL MOTORE Comando a tre fili
Tensione trifase: da 0 alla tensione di rete Compensazione di scorrimento (V/Hz)
Frequenza di uscita: 0,1-200Hz Tensione di uscita tarabile V/Hz)
Frequenza di commutazione: 1,5KHz (aria)- 2 KHz (acqua) Aggancio al volo del motore nei due sensi di rotazione
Risoluzione frequenza (V/Hz): 0,1Hz Auto-reset
Precisione frequenza (V/Hz): 0,1% (controllo analogico) Ripartenza dopo mancanza rete
0,01% (controllo digitale) Frenatura in c.c.
Risoluzione velocita’: 1:5000 (FOC) Boost di tensione (coppia)
Precisione statica velocita’: 0,01% (FOC) Potenziometro motorizzato
Tempo di risposta regolatore 5ms (FOC) Regolatore PID
di coppia: Energy saver
Sovraccarico: Cl.1: 110%x60s ogni 10 min Tracelog (memoria ciclica con i dati relativi a 10 grandezze)
Cl.2: 150%x60s ogni 10 min Fault/Alarm Log (lista delle ultime 30 protezioni/allarmi, in tempo reale)
Macro applicative (helper, pope, cedevolezza ecc.)
PROTEZIONI -ALLARMI OPZIONI E ACCESSORI
Guasto errore CPU Reattore di ingresso e di uscita
Sovracorrente Filtro RFI (integrabile per SVGT03P-121)
Sovra/sotto tensione Filtro sinusoidale / Filtro dv/dt
Sovratemperatura inverter e motore Switch e resistori di frenatura
Sovraccarico motore e stallo Raddrizzatore per BUS D.C.
Mancanza fase di uscita Inverter con controllo AFE o convertitore SPDMR per alimentazione
Strappo riferimento (4-20mA) BUS D.C.e recupero in rete
Corto circuito tra le fasi e verso terra (in uscita) Convertitore 0-10V / (0)4-20mA optoisolato,(2 canali).
Mancanza fase di ingresso Scheda espansione digitale (max 2 schede)
Strappo seriale Scheda interfaccia seriale: Profibus-DP, Device Net, Modbus RTU ecc.
Minimo carico Tastierino base a LED, avanzato con display grafico
Kit remotaggio tastiera (2m)

2 IMGT300012IT
GT3000-Large Diagramma di Installazione

1A.4 DIAGRAMMA DI INSTALLAZIONE

AZIONE UBICAZIONE DATI

RIMUOVERE L’IMBALLO, VERIFICARE I COMPONENTI FORNITI


E CHE LA FORNITURA CORRISPONDA A QUANTO ORDINATO. Capitolo 2A, paragrafo 2A.1

PIANIFICARE L’INSTALLAZIONE.
VERIFICARE LE CONDIZIONI AMBIENTALI, Capitolo 2A, paragrafo 2A.2
VERIFICARE I DATI DI TARGA, Capitolo 2A, paragrafo 2A.3
VERIFICARE I PARTICOLARI DI RAFFREDDAMENTO, Capitolo 3A, paragrafo 3A.1.2
VERIFICARE I CAVI, Capitolo 3A, paragrafo 3A.2.2.1
VERIFICARE LA COMPATIBILITÀ DEL MOTORE, Capitolo 2Aa, paragrafo 2A.4,
VERIFICARE GLI ALTRI DATI TECNICI, Dati motore
DIMENSIONARE I CAVI, I FUSIBILI E GLI ALTRI COMPONENTI DI Capitolo 2A, paragrafi 3A.1.3 e 3A.2.2.1
POTENZA

SE IL DRIVE DEVE ESSERE COLLEGATO AD UN SISTEMA IT


(SENZA MESSA A TERRA)
CONTROLLARE CHE NON SIA PRESENTE IL FILTRO RFI

INSTALLARE IL GT3000 IN ARMADIO Capitolo 3A

CONTROLLARE L’INSTALLAZIONE DEI CAVI (POTENZA E Capitolo 3A, paragrafo 3A.2.3.5


CONTROLLO)

CONTROLLARE I COLLEGAMENTI DI TERRA Capitolo 3A, paragrafo 3A.2.3.5

VERIFICARE L’ISOLAMENTO DEL MOTORE E DEL RELATIVO


CAVO

CONTROLLARE L’INSTALLAZIONE

METTERE IN SERVIZIO IL DRIVE GT3000 MANUALE HARDWARE E SOFTWARE


Sez.B: Programmazione del GT3000

IMGT300012IT 3
Panoramica GT3000-Large

4 IMGT300012IT
2A. RICEZIONE E IMMAGAZZINAGGIO

2A.1 RICEZIONE, SCARICO, SBALLATURA E ISPEZIONE DEL GT3000


Tutti gli inverter sono ispezionati e testati completamente prima dell’imballo e della spedizione dallo stabilimento. Alla ricezione, la merce deve
essere ispezionata al fine di rilevare qualsiasi segno di danneggiamento visibile che possa essere occorso durante il trasporto. E’ necessario
verificare attentamente le distinte materiali per assicurarsi di aver ricevuto tutti i componenti, inclusa la documentazione. Qualora qualche parte
risultasse danneggiata o mancante, l’acquirente dovrà presentare immediatamente un reclamo al trasportatore e darne quindi notifica allo
stabilimento.
Dopo aver eseguito le ispezioni iniziali, l’inverter deve essere trasportato rapidamente nella sua posizione di installazione finale o in un’adeguata
area di immagazzinaggio1. Quando si movimentano o sollevano le unità, prestare attenzione a non torcere o scuotere il sistema. E’ necessario
proteggere tutte le superfici metalliche per evitare che siano danneggiate.

Figura 2A.1. Scarico e trasporto del GT3000 LARGE

E’ necessario utilizzare carrelli elevatori a forche per trasportare le unità nella loro adeguata posizione di installazione. Le unità devono essere
sollevate con cura dal pallet fino alla posizione finale, utilizzando un carrello elevatore.

NOTA Il ventilatore dei GT3000 LARGE ad aria ed il camino opzionale sono spediti separatamente dall’inverter.

1 L’inverter viene consegnato su un pallet: utilizzare un carrello elevatore a forche adeguato.

IMGT300012IT 5
Dati elettrici GT3000-Large

2A.2 DATI TECNICI


2A.2.1 Immagazzinaggio e condizioni ambientali ammissibili

A seguito dell’ispezione iniziale, l’attrezzatura deve essere immediatamente trasportata nella sua posizione di installazione finale o in un’area di
immagazzinaggio asciutta, protetta dalle intemperie e con una temperatura controllata. Sebbene ogni inverter sia adeguatamente protetto contro
condizioni ambientali ed atmosferiche, vi sono situazioni ambientali che possono ridurne le prestazioni di funzionamento, nonché la durata di vita.
L’inverter non è impermeabilizzato e non deve mai essere immagazzinato all’aperto.
Di seguito si riportano le condizioni ambientali nominali. L’operatore dovrebbe consultare lo stabilimento di produzione per questioni dubbie che
possano sussistere in luoghi particolari.
NOTA: Conservare ogni imballo protettivo fino a installazione e ad avviamento completato.

Tabella 2A-2.1. Condizioni ambientali ammissibili


FUNZIONAMENTO: Far funzionare in un luogo stabile e protetto dalle intemperie secondo IEC 721-3-3.
Temperatura ambiente Da -10 a +40 °C. (Da 32 a 104 °F) – Se la temperatura ambiente supera i + 40°C (104 °F), ridurre la
corrente nominale d’uscita del 1% per ogni °C (max. 55°C – max. 131°F ).
Umidità relativa Da 5 a 95% senza condensa
Livelli di (Schede senza rivestimento) – Gas chimici: IEC 721-3-3, Classe 3C2
contaminazione Parti solide: IEC 721-3-3, Classe 3S2
Altitudine Fino a 1000 m (3300 ft) sul livello del mare. Oltre i 1000 m (3300 ft) sul livello del mare, la corrente
nominale d’uscita viene ridotta di 1% per ogni 100 m (330 ft) aggiuntivi.
Altezza massima 3000 m (9840 ft)
Vibrazioni Max. 0.3mm / 0.012in. (da 2 a 9 Hz), max. 1 m/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidali (Classe 3 M1)
Considerazioni ambientali • Evitare l’esposizione a gas corrosivi – incluso l’idrogeno solforato
• Evitare l’esposizione a campi magnetici forti, radiazioni nucleari e alti livelli di RFI da trasmettitori di
comunicazione
IMMAGAZZINAGGIO: Immagazzinare in un imballo protettivo e in ambiente protetto secondo IEC 721-3-1.
Temperatura ambiente Da -40°C a +70°C (Da -40°F a +158°F)
Umidità relativa Da 5 a 95%, senza condizioni di condensa o congelamento (classe 1K3)
Pressione atmosferica Da 70 a 106 kPa
Vibrazioni Max 1.5mm /0.06in. (da 2 a 9 Hz), max. 5m/s2 / 16.4ft/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidale (classe 1M3)
Shock Max 100m/s2 ( 330ft/s2 ), 11ms ( 36fts ) (classe 1M3).
Livelli di contaminazione Schede verniciate Gas chimici: IEC 721-3-3, classe 1C2
Parti solide: IEC 721-3-3, classe 1S3
Considerazioni ambientali • Evitare l’esposizione a gas corrosivi – incluso l’idrogeno solforato
• Evitare l’esposizione a campi magnetici forti, radiazioni nucleari e alti livelli di RFI da trasmettitori di
comunicazione
TRASPORTO: Trasportare l’inverter nel suo imballo protettivo secondo CEI 721.3.2.
Temperatura ambiente Da -25 a +70 °C. (Da -13°F a +158°F)
Umidità relativa Max. 95% a 40 °C. – Max. 95% a 104 °F.
Pressione atmosferica Da 60 a 106 kPa
Vibrazioni Max 3.5mm/0.14in. (da 2 a 9 Hz), max. 10m/s2 /32.85ft/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidali (classe 2M1).
Shock max 100 m/s2 ( max 330ft/s2 ), 11 ms ( 36fts )
Caduta libera 250 mm, 0,82 ft (peso inferiore a 100 kg/ 220lb)
100 mm, 0,33 ft (peso superiore a 100 kg/ 220lb)

NOTA: I GT3000 LARGE hanno schede di controllo verniciate.

6 IMGT300012IT
GT3000-Large Dati elettrici

2A.2.2 CODICE DI IDENTIFICAZIONE

GT A 1 1K7 K E N N ..
1,2 3 4 5,6,7 8 9 10 11 12,13
Famiglia di prodotto
Ventilazione A = Aria
W = Acqua
Generazione
Potenza indicativa in kVA (Vedere tabelle dati elettrici)
Tensione d’ingresso K = 525-690V 50/60Hz 6p
P = 525-690V 50/60Hz 12p
R = 525-690V 50/60Hz 18p
J = 710-930V D.C.
Scheda di controllo E = Scada Plus
N =Non installata

Frenatura dinamica N = Non installata


B = Installed
Applicazione N = General purpose
A = AFE
Suffisso 00= "J" IV gamba libera
70= STO Funzione Safe Torque Off
(Disponibilita’ solo con versione in
DC BUS)

Raffreddamento ad aria.
Il ventilatore deve essere ordinato a parte, viene montato in un apposito supporto ed è spedito sciolto,.
Sono disponibili, in opzione, quattro kit di ventilazione e due tipi di camino in funzione del numero di gambe e della frequenza della rete di
alimentazione.

Tipo Descrizione Gambe Tensione [V] Frequenza [Hz]


GTA1L3F40V50H 400 50
Kit ventilazione ad aria. III
GTA1L3F46V60H 460 60
Comprende il ventilatore ed
GTA1L4F40V50H il boccaglio. 400 50
IV
GTA1L4F46V60H 460 60
GTA1CAM3 Camino tra modulo a tre gambe e ventilatore
GTA1CAM4 Camino tra modulo a quattro gambe e ventilatore

Raffreddamento ad acqua.

La centralina di raffreddamento deve essere prevista a parte.

IMGT300012IT 7
Dati elettrici GT3000-Large

2A.2.3 Norme
EN 60 146-1-1 Semiconductor converters - General requirements and line commutated converters.
Part 1-1: Specification of basic requirements.
EN 60 146-1-2 Semiconductor converters. General instructions and line commutated converters. Part 1-2: Application guide.
EN 60 204-1 (1997) Safety of machinery. Electrical equipment of machines. Part 1:
General requirements. Provisions for compliance: The final assembler of the machine is responsible for
installing: an emergency-stop device and a supply disconnecting device
EN 60 204-1 Electrical equipment of industrial machines.
Amendment 1 Part 2: use of components and examples of drawings, diagrams, tables and instructions.
EN 60 529: 1991, IEC Degrees of protection provided by enclosures (IP code)
60664-1 (1992)
EN 50 178 Electronic equipment for use in power installations.
EN 61 800-3 (1996) + EMC product standard including specific test methods. (EMC product stanadard)
Amendment A11 (2000)
EN 61 800-2 1998 Part 2: General requirements – Rating specifications for low voltage adjustable frequency a.c. power drive
system

Marcatura CE
Sui GT3000_Large è presente il marchio CE per attestare che il prodotto è conforme ai requisiti delle Direttive
Europea sulla bassa tensione (Direttiva 2006/95/CE ) e sulla compatibilità elettromagnetica (EMC) (Direttiva
89/336/CE emendata dalla Direttiva 93/68/CE).
La validità del marchio CE per le EMC è subordinata all’utilizzo degli GT3000 in base alle raccomandazioni
di questo manuale.

2A.2.4 Dati eletttrici

2A.2.4.1 Declassamento in corrente in funzione della frequenza di commutazione

GT3000 LARGE classe 1 classe 2


1,5 kHz 2 kHz 1,5 kHz 2 kHz
RAFFREDDAMENTO AD ARIA
GTA1700KE 100% 100% 100% 100%
GTA11K1KE 100% 86% 100% 86%
GTA11K3JKE 100% 95% 100% 100%
GTA11K7KE 100% 87% 100% 87%
RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
GTW1850JE 100% 100%
GTW11K1JE 100% 100%
GTW11K6JE 100% 100%
GTW12K3JE 100% 100%

8 IMGT300012IT
GT3000-Large Dati elettrici

Tabella 2A.2.4.1. Dati elettrici della versione in BUS DC


@710-930 Vdc Versione BUS DC
CORRENTE IDC PERDITE
TIPO UNITA’ POTENZA MOTORE GAMBA
DI USCITA @ 690V @ 690V
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
A KW @ 690V HP @575V A KW N°
VENTILAZIONE AD ARIA
GTA1700JE 600 500 580 480 640 536 668 557 6,8 5,5 3 (*)
GTA11K1JE 900 700 870 675 960 750 1002 779 10,3 7,8 3 (*)

GTA11K3JE 1100 800 1060 770 1180 860 1225 891 11,7 8,3 3 (*)
GTA11K7JE 1440 1100 1390 1060 1540 1180 1603 1225 16,0 11,7 3(*)
GTA12K2JE 1800 1400 1740 1350 1930 1500 2004 1559 20,6 15,5 3 (*)

GTA12K6JE 2200 1600 2120 1550 2360 1700 2449 1781 23,5 16,5 3 (*)

GTA13K4JE 2880 2200 2780 2120 3080 2360 3206 2449 32,0 23,5 3 (*)
GTA13K9JE 3300 2400 3180 2310 3540 2580 3674 2672 35,2 24,7 3 (*)

GTA15K1JE 4350 3300 4200 3180 4660 3530 4843 3674 48,2 35,2 3 (*)

GTA16K8JE 5760 4400 5550 4240 6170 4700 6413 4899 64,2 46,9 3 (*)

VERSIONE AD ACQUA *
GTW1850JE 700 510 676 492 750 545 779 568 9,08 6,2 3 (*)
GTW11K1JE 900 650 869 627 960 700 1002 724 11,16 7,5 3 (*)
GTW11K6JE 1350 980 1300 950 1450 1050 1503 1091 16,87 11,5 3 (*)
GTW12K3JE 2000 1450 1930 1400 2140 1550 2227 1614 24,07 16,2 4
GTW13K2JE 2700 1960 2600 1900 2900 2100 2425 1761 33,74 22,8 3 (*)

GTW14K6JE 4000 2900 3860 2800 4280 3100 3593 2605 48,14 32,4 4

GTW16K9JE 6000 4350 5800 4200 6400 4650 5390 3908 72,21 48,56 4

* Per ogni gamba è richiesto: 12,5 l/min di acqua , ∆P 0,87 bar


La versione in BUS DC richiede la precarica esterna.
(*)Anche tali tipi hanno quattro gambe nei seguenti casi:
NOTA -con frenatura dinamica opzionale: Lettera “B” nella posizione 10 della sigla di identificazione.
-con le versioni opzionali identificate con i seguenti suffissi:
00= "J" IV gamba libera.

IMGT300012IT 9
Dati elettrici GT3000-Large

Tabella 2A.2.4.2. Dati elettrici della versione in C.A.


RAFFREDDAMENTO AD ARIA
IDC IL Perdite Inverter Perdite ponte ingresso
Tipo Gambe Unitrà Corrente di uscita Potenza Motore
@ 690V @ 690V @ 690V @ 690V
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
N° N°
A KW @ 690V HP @575V A A KW * KW
@525-690V AC - 6P 6 IMPULSI
GTA1700KEN 4 600 500 580 480 640 536 668 557 581 484 6,78 5,48 1,97 1,64
GTA11K1KEN 4 900 700 870 675 960 750 1002 779 872 678 10,31 7,75 2,90 2,25
GTA11K3KEN 4 1100 800 1060 770 1180 860 1225 891 1065 775 11,72 8,24 3,06 2,23
GTA11K7KEN 4 1440 1100 1390 1060 1540 1180 1603 1225 1395 1065 16,05 11,72 4,39 3,35
GTA12K2JENN 3 1.800 1.400 1.740 1.350 1.944 1.508 2.004 1.559 1.744 1.356 2x10,31 2x7,75
SPDM2K2UK
GTA12K6JENN 3 2.200 1.600 2.120 1.550 2.368 1.731 2.450 1.782 2.131 1.550 2x11,72 2x8,24
SPDM2K5UK

GTA13K4JENN 3 2.880 2.200 2.780 2.120 3.105 2.368 3.207 2.450 2.790 2.131 2x16,05 2x11,72
SPDM3K6UK
GTA13K9JENN 3 3.300 2.400 3.180 2.310 3.552 2.580 3.675 2.673 3.197 2.325 3x11,72 3x8,24
SPDM4K0UW

GTA15K1JENN
SPDM2K5UK 3 4.350 3.300 4.200 3.180 4.692 3.552 4.844 3.675 4.214 3.197 3x16,05 3x11,72
RTT2K5UK
GTA16K8JENN 3 5.760 4.400 5.550 4.240 6.200 4.736 6.414 4.900 5.580 4.263 4x16,05 4x11,72
SPDM3K6UK
RTT3K6UK

10 IMGT300012IT
GT3000-Large Dati elettrici

Tabella 2A.4.2.3. Dati elettrici della versione in C.A.

RAFFREDDAMENTO AD ARIA
IDC IL Perdite Inverter Perdite ponte ingresso
TIPO Gamba Unità Corrente di uscita Potenza Motore
@ 690V @ 690V @ 690V @ 690V
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
N° N°
A KW @ 690V HP @575V A A KW * KW
@525-690V AC - 12P 12 IMPULSI T
GTA1700PEN 4 600 500 580 480 640 536 668 557 2x291 2x242 6,78 5,48 1,97 1,64
GTA11K1PEN 4 900 700 870 675 960 750 1002 779 2x436 2x339 10,31 7,75 2,90 2,25
GTA11K3PEN 4 1100 800 1060 770 1180 860 1225 891 2x533 2x387 11,72 8,24 3,06 2,23
GTA11K7PEN 4 1440 1100 1390 1060 1540 1180 1603 1225 2x697 2x532 16,05 11,72 4,39 3,35
GTA12K2PENN 4 1.800 1.400 1.740 1.350 1.944 1.508 2.004 1.559 2x872 2x678 2x10,31 2x7,75 2x2,90 2x2,25

GTA12K6PENN 4 2.200 1.600 2.120 1.550 2.368 1.731 2.450 1.782 2x1066 2x774 2x11,72 2x8,24 2x3,06 2x2,23

GTA13K2PENN 4 2.700 2.100 2.600 2.000 2.900 2.250 3.010 2.340 2x1300 2x1015 2x16,05 2x11,72 2x4,39 2x3,35
GTA13K9JENN 3 3.300 2.400 3.180 2.310 3.552 2.580 3.675 2.673 2x1599 2x1161 3x11,72 3x8,24
2 X SPDM2K2UK
GTA15K1JENN
3 4.350 3.300 4.200 3.180 4.692 3.552 4.844 3.675 2x2091 2x1596 3x16,05 3x11,72
2 X SPDM3K1UK
GTA16K8JENN 3 5.760 4.400 5.550 4.240 6.200 4.736 6.414 4.900 2x2788 2x2128 4x16,05 4x11,72
2 X SPDM3K6UK

@525-690V AC - 18P 18 IMPULSI T T


GTA1700REN 4 600 500 580 480 640 536 668 557 3x194 3x161 6,78 5,48 1,97 1,64
GTA11K1REN 4 900 700 870 675 960 750 1002 779 3x290 3x226 10,31 7,75 2,90 2,25
GTA11K3REN 4 1100 800 1060 770 1180 860 1225 891 3x355 3x258 11,72 8,24 3,06 2,23
GTA11K7REN 4 1440 1100 1390 1060 1540 1180 1603 1225 3x465 3x355 16,05 11,72 4,39 3,35
TT Richiede a cura cliente: Trasformatore a due secondari Dd0/Dy11 con reattanza di dispersione minima del 6% (tolleranza ≤ 2%), schermo tra primario e secondario e nucleo di ferro collegato a terra e con squilibrio
tensione a vuoto < 0,5%.
TT Per versioni a 18 impulsi con correnti superiori a quelli in tabella 2A.5.3 usare la versione “J” con ponti di ingresso e precarica esterni
.

IMGT300012IT 11
Dati elettrici GT3000-Large

Tabella 2A2.2.4 Dati elettrici della versione C.A..

RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
IDC IL Perdite inverter Perdite ponte ingresso Raffreddamento
Tipo Gamba Unità Corrente uscita Potenza Motore
@ 690V @ 690V @ 690V @ 690V acqua ∆P
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
N° N°
A KW @ 690V HP @575V A A KW * KW l/min bar
@525-690V 6P 6 IMPULSI
GTW1850KEN 4 700 510 676 492 750 545 779 568 678 494 9,08 6,14 3,28 2,39 50 0,87
GTW11K1KEN 4 900 650 869 627 960 700 1002 724 872 630 11,16 7,46 3,44 2,49 50 0,87

GTW11K6KEN 4 1350 980 1300 950 1450 1050 1503 1091 1308 949 16,87 11,4 5,13 3,72 50 0,87

GTW12K3JENN
4 2.000 1.450 1.930 1.400 2.156 .564 2.227 1.615 1.938 1.405 24,07 16,19 37,5 +12,5 0,87
RTW12K3P12 *
GTW13K2JENN 3 2.700 1.960 2.600 1.900 2.904 2.122 3.007 2.183 2x1308 22x949 33,74 22,8 75 0,87
SPDM3K1UK

GTW14K6JENN
SPDM2K5UK 4 4.000 2.900 3.860 2.800 4.312 3.128 4.454 3.229 2x1938 2x1405 48,14 32,38 100 0,87
RTT2K5UK

GTW16K9JENN 4 6.000 5.880 5.800 4.200 6.479 4.692 6.682 6.548 3x1938 3x1405 72,21 48,57 150 0,87
SPDM3K6UK
RTT3K6UK

L'RTW12K3P12 è un doppio ponte trifase a diodi raffreddato ad acqua. E' necessario prevedere due reattori di ingresso e la precarica esterna del bus DC.

12 IMGT300012IT
GT3000-Large Dati elettrici

Tabella 2A.2.2.5 Dati elettrici della versione C.A..

RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
IDC IL Perdite inverter Perdite ponte ingresso Raffreddamento
Tipo Gamba Unità Corrente uscita Potenza Motore
@ 690V @ 690V @ 690V @ 690V acqua ∆P
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
N° N°
A KW @525- 690V HP @575V A A KW * KW l/min bar
@525-690V AC - 12P 12 IMPULSI
Richiede a cura cliente: Trasformatore a due secondari Dd0/Dy11 con reattanza di dispersione minima del 6% (tolleranza ≤ 2%), schermo tra primario e secondario e nucleo di ferro collegato a terra e con
squilibrio tensione a vuoto < 0,5%.
GTW1850PEN 4 700 510 676 492 750 545 779 568 2x339 2x247 9,08 6,14 4,21 3,07 50 0,87
GTW11K1PEN 4 900 650 869 627 960 700 1002 724 2x436 2x315 11,16 7,46 3,47 2,51 50 0,87
GTW11K6PEN 4 1350 980 1300 950 1450 1050 1503 1091 2x654 2x475 16,87 11,4 6,2 4,5 50 0,87
GTW12K3JENN 37,5
4 2.000 1.450 1.930 1.400 2.156 .564 2.227 1.615 2x969 2x703 24,07 16,19 0,87
RTW12K3P12 * +12,5
GTW13K2JENN 3 2.700 1.960 2.600 1.900 2.904 2.122 3.007 2.183 2x1308 2x950 33,74 22,8 75 0,87
SPDM3K1UK

GTW14K6JENN
SPDM2K5UK 4 4.000 2.900 3.860 2.800 4.312 3.128 4.454 3.229 2x1938 2x1406 48,14 32,38 100 0,87
RTT2K5UK
GTW16K9JENN 4 6.000 5.880 5.800 4.200 6.479 4.692 6.682 6.548 3x1938 3x1406 72,21 48,57 150 0,87
SPDM3K6UK
RTT3K6UK

@525-690V 18P 18 IMPULSI


GTW1850REN 4 700 510 676 492 750 545 779 568 3x226 3x165 9,08 6,14 4,21 3,07 50 0,87
GTW11K1REN 4 900 650 869 627 960 700 1002 724 3x291 3x210 11,16 7,46 3,47 2,51 50 0,87
GTW11K6REN 4 1350 980 1300 950 1450 1050 1503 1091 3x436 3x316 16,87 11,4 6,2 4,5 50 0,87
Per le versioni con correnti (Potenza motore) maggiori a quelle della Tabella 2A.2.2.5 usare la versione “J” con ponti e precarica esterna.
* L'RTW12K3P12 è un doppio ponte trifase a diodi raffreddato ad acqua. E’ necessario prevedere la precarica esterna del bus DC.
NOTE relative alle Tabelle 2A.2.2.1 2A.2.2.5: E’ prevista la protezione di sovracorrente per il motore ed il BUS DC.

IMGT300012IT 13
Dati elettrici GT3000-Large

2A.2..5 TARGHETTA
Una targhetta è presente su qualsiasi GT3000 e riporta i dati di targa.

GT3000 LARGE ALIMENTAZION E IN CA GT3000 LARGE ALIMENTAZIONE IN CC


1

2-3

4-5-6

7-8

9-10-11
12-13

14
15-16-17

18-19
20
21-22

23
24

25

1. Tipo inverter 14. Potenza di uscita [kVA]


2. Numero di serie 15. Tensione di uscita
3. Data di produzione/collaudo 16. Frquenza di uscita
4. Tensione in ingressso 17. Numero delle fasi di uscita
5. Frequenza di ingresso (solo per alimentazione ca) 18. Potenza motore kW (Cl.1)
6. Numero fasi di ingresso (solo per alimentazione ca) 19. Potenza motore HP (Cl.1)
7. Corrente in ingresso 20. Corrente di uscita (Cl.1)
8. Massima corrente di corto circuito simmetrica 21. Potenza motore kW (Cl.2)
9. Tensione ausiliaria 22. Potenza motore HP (Cl.2)
10. Frequenza della tensione ausiliaria 23. Corrente di uscita (Cl.2)
11. Numero delle fasi della tensione ausiliaria 24. Temperatura di funzionamento
12. Corrente nominale della tensione ausiliaria 25. Codice SAP
13. Note

Figure 2A.2. Esempio di targa per inverter standard

2A.2.6 DIMENSIONI E PESI


Fare riferimento al capitolo 3A.
NOTA: Lo spazio necessario sul pannello di montaggio sono indiacate in parentesi.
Per l’identificazione dei morsetti di potenza e controllo vedere l’Appendice A1.

14 IMGT300012IT
3A. INSTALLAZIONE
3A.1 INSTALLAZIONE MECCANICA
• Non montare l’inverter su superfici soggette a vibrazioni.
• L’ambiente di installazione deve essere privo di polvere, particelle metalliche, olio in sospensione, gas e spruzzi di liquidi corrosivi.
• Il GT3000 Large deve essere sempre installato in posizione verticale. Non montare l’unità con un’inclinazione superiore a + 30% rispetto alla
verticale.
• Il raffreddamento dei componenti di potenza dell’inverter è realizzato mediante ventilazione forzata. E’ necessario prevedere uno spazio
attorno all’inverter per la circolazione dell’aria, per i cavi elettrici e per l’accesso in caso di interventi di manutenzione.
• Il quadro deve prevedere un adeguato spazio libero intorno ai componenti per permettere il corretto raffreddamento. Prevenire la circolazione
di aria calda all’interno del quadro.

3A.1.1 Assemblaggio
Fare riferimento alla figure delle pagine seguenti per l’installazione dei GT3000 LARGE raffreddati con aria forzata e all’appendice A4 per
l’installazione dei GT3000 LARGE con raffreddamento ad acqua.
Per poter facilmente sostituire una o piu’ gambe si consiglia di interporre delle sbarre di cavallotto tra le sbarre di ingresso/uscita dell’inverter e le
sbarre del quadro come indicato nelle figure riportate nelle pagine seguenti.
Quadro inverter vista dal fianco

Uscita aria
Vista dall’alto

A
AA
A
B

GT3000 LARGE

GT3000 LARGE

Spazio libero fra modulo e


ventilatore.
B ≥ 400mm (11,81in)

Entrata aria

Figura 3A.1.1

Il ventilatore dei GT3000 LARGE sono progettati in modo tale da fornire un adeguato flusso d’aria per
ATTENZIONE
l’inverter. Non ostruire il passaggio del flusso d’aria quando si installa l’unità.

IMGT300012IT 15
GT3000-Large Installazione

-
+
A A

U V W

B
D

SBARRATURA DI CONNESSIONE
AL QUADRO

D.C.

GTA1 LARGE - IV GAMBE


ALIMENTAZIONE D.C.
Figura 3A.1.2

16 IMGT300012IT
Installazione GT3000-Large

-
+
A A

U V W

B
D

SBARRATURA DI CONNESSIONE
AL QUADRO

D.C.

GTA1 LARGE III GAMBE


ALIMENTAZIONE D.C.
Figura 3A.1.3

IMGT300012IT 17
GT3000-Large Installazione

-
+
A A

L1

L2

L3
U V W

B D

SBARRATURA DI CONNESSIONE
AL QUADRO

D.C.

C.A.
GTA1 LARGE IV GAMBE ALIMENTAZIONE C.A.
Figura 3A.1.4

18 IMGT300012IT
Installazione GT3000-Large

SPESSORE DELLE PIASTRE


DI CONNESSIONE, VARIABILE
SECONDO LA PORTATA DI CORRENTE

PART. D
60

PART. C O1
3
Minimo 200 *
O 11 4 fori
20

Minimo 370
*
80

40
20

O 13 4 fori
40 20 13
O

40
20
15 30 15 25
* INTERASSE VARIABILE
Figura 3A.1.5 PARTICOLARI DELLE SBARRE DI CAVALLOTTO

NOTA: l’interasse sui fori delle sbarre lato quadro vengono stabiliti dall’utente in base alle esigenze di interconnessione con le sbarre del quadro.

IMGT300012IT 19
GT3000-Large Installazione

Figura 3A.1.6 GTA1 IV gambe versione 12 impulsi

20 IMGT300012IT
Installazione GT3000-Large

Figura 3A.1.7 GTA1 IV gambe versione 18 impulsi

IMGT300012IT 21
GT3000-Large Installazione

Figura 3A.1.8

22 IMGT300012IT
Installazione GT3000-Large

Figura 3A.1.9

IMGT300012IT 23
GT3000-Large Installazione

GTW1 4 GAMBE ALIMENTAZIONE DC BUS -- PRIMA VERSIONE

U V W

Sezione A-A

239
100 66 100
760
255
1110 19.5
Figura 3A.1.10

24 IMGT300012IT
Installazione GT3000-Large

ESEMPIO DI INSTALLAZIONE IN ARMADIO

6
1
5
1

4
1

8
1

1
1

7
4

2
2
2312

00
3 F IA
E 12
NC T
ON
3 O
10 FR
00

POSIZIONE CODICE DESCRIZIONE TIPO QUANTITA'

1 BMB0051400 Armadio silc. 1200x1000x2300 CA0444 1

2 BMB0013020 Profilo L=86x30X870 C938954R2 2

3 BMB0013024 Profilo "C" 50x30x1186 CA0213 3

4 1000082853 Convogliatore 860x760x400 CV0579 1

5 BMB0010910 Foratura tetto tipo B17 TB0075 1

6 1000082946 Cassonetto 700x700x438 CV0581 1

7 BMB0009988 Profilo "U" 40x40x22 M10 C938760 4

8 1000085134 Staffa fiss. GTAS 160x120x200 CV0609 1

Figura 3A.1.11

IMGT300012EN 25
GT3000-Large Installazione

250 700 250 150 700 150


440

A
2751.5

2301.5

768
10

1200 1000

200 267.5

SEZIONE A-A
Figura 3A.1.12

26 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

Cassonetto ventilatore
Ventilatore
ELP205610 ELP223370, ELP223369

Boccaglio ELP205609
1000000431

Fissare il supporto A
1000000433
all'imbuto stringendo le

400*
apposite viti
A
Inserire guarnizione tra
drive e supporto A e tra
imbuto e supporto A

269,5 L'imbuto puo' scorrere sul


supporto A per
compensare eventuali
tolleranze. Il supporto A
puo' essere eliminato
ottenendo un plenum di
300mm.

398,5 501,5
Nota: "*" Quota di riferimento
590
135 100

Foro da realizzare sul tetto del


quadro, per permettere
l'inserimento dall'alto dell'imbuto
135
725

135

1000080413
100 135

GTA1CAM3
29

60 135 135 135 135 60 vista dall'alto

Figura 3A.1.13 GTA1CAM3: Camino tra il modulo a tre gambe ed il ventilatore.

IMGT300012IT 27
GT3000-Large Installazione

Figura 3A.1.14 GTA1CAM4: Camino tra il modulo a quattro gambe ed il ventilatore.

Ventilatore Cassonetto ventilatore


ELP205376 ELP210215, ELP210216

Boccaglio 1000080102

8000000286
B
300

145
8000000287 Fissare il supporto A

400*
A all'imbuto stringendo le
apposite viti
Inserire guarnizione tra
drive e supporto A e tra
imbuto e supporto A
269,5

L'imbuto puo' scorrere sul


supporto A per
compensare eventuali
tolleranze. Il supporto A
puo' essere eliminato
ottenendo un plenum di
300mm.

517,5 582,5 750 Nota: "*" Quota di riferimento


1100
590
11
210
135

Foro da realizzare sul tetto del


135

quadro, per permettere


900

l'inserimento dall'alto dell'imbuto


135
135
210

195 135 135 195

28 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

3A.2 INSTALLAZIONE ELETTRICA

Gli interventi di manutenzione ed installazione elettrica sul GT3000 devono essere eseguiti da tecnici qualificati.
ATTENZIONE! E’ obbligatorio seguire tutte le procedure standard di protezione elettrica:
Non toccare mai niente all’interno dell’inverter senza aver prima verificato che non sia termicamente caldo o
alimentato elettricamente
Indossare sempre calzature antinfortunistiche isolate o in gomma ed indossare occhiali protettivi.
Non lavorare mai soli.
Non collegare mai al sistema contatori od oscilloscopi messi a terra.
Non rimuovere mai gli schermi di sicurezza.
Prestare sempre estrema attenzione quando si maneggiano i componenti o si effettuano delle misure
all’interno del quadro.
Il convertitore non ha fusibili interni. E’ necessario prevedere adeguati fusibili immediatamente a monte dell’inverter.
Vedere tabella 3.2 per la scelta dei fusibili.
PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVI DANNI O LESIONI! Non utilizzare mai fusibili diversi da quelli indicati
o far funzionare gli azionamenti senza fusibili di linea. Fusibili errati possono causare incendi, gravi danni
all’attrezzatura e/o alle parti collegate nelle vicinanze, nonché possibili lesioni. Alcune unità (vedere tabella 3.2)
richiedono fusibili di linea separati per ventilatori e circuiti ausiliari.
Non fornire alimentazione all’inverter se umidità, polvere o prodotti chimici caustici/corrosivi possono essere penetrati
all’interno del quadro o dei componenti interni.
PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVI DANNI O LESIONI! Gli azionamenti GT3000 sono dispositivi di tipo
aperto e devono essere installati obbligatoriamente secondo le istruzioni del MANUALE, nel pieno rispetto degli
standard e delle normative in vigore.
PERICOLO! Il GT3000 e tutti i dispositivi collegati DEVONO essere opportunamente collegati a TERRA.
PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O DI SHOCK ELETTRICO! E’ necessario adottare obbligatoriamente le seguenti
misure di sicurezza, prima di eseguire la manutenzione sull’unità:
Effettuare la procedura di blocco/esclusione dell’alimentazione elettrica ed aprire il sezionatore principale dell’inverter.
Non modificare le distanze di isolamento del materiale e delle coperture rimosse.
Se si devono eseguire test di isolamento sul motore e sui cavi, prima di procedere disconnettere innanzitutto i cavi
dall’inverter. Non si devono eseguire test ad alto potenziale sui componenti dell’inverter.
Ripetute manovre rapidamente intervallate di alimentazione e disalimentazione dell’inverter tramite il contattore di linea
riducono il tempo di vita dei condensatori di filtro. Cicli con piu’ di 10 manovre per ora possono provocare la bruciatura del
resistore di precarica ed il conseguente grave danneggiamento dell’inverter. Non usare mai tale sistema per avviare e
riavviare l’inverter.
Alimentazione da gruppo elettrogeno. Le armoniche generate dall’inverter possono deformare la tensione del generatore e
provocare il surriscaldamento dello stesso. Si consiglia di prevedere un generatore con potenza pari a circa 5 volte la
potenza dell’inverter in kVA.
Se viene installato un contattore sulll’uscita dell’inverter assicurarsi che l’apertura e la chiusura avvengano ad inverter
disabilitato.
Non fornire alimentazione ai morsetti d’uscita.
L’inverter contiene componenti sensibili alle scariche elettrostatiche; tali componenti potrebbero danneggiarsi se
AVVERTENZA maneggiati in modo scorretto. Durante interventi di sostituzione o manutenzione delle schede elettriche è necessario
osservare le seguenti procedure:
Utilizzare il kit di manutenzione per cariche elettrostatiche. E’ necessario adottare precauzioni contro le cariche
elettrostatiche (ESD):
Indossare cinghie statiche adeguatamente collegate a terra.
Maneggiare le schede tenendole per i bordi.

IMGT300012IT 29
GT3000-Large Installazione

3A.2.1 Schema Collegamenti Di Potenza


3A.2.1.1 GTA1 a 6 impulsi

Aprire il pannello di controllo


per accedere alla morsettiera

REATTORE
DI USCITA

Nota: la morsettiera dell’alimentazione ausiliaria e dei circuiti di controllo sono riportate nell’appendice A.
a) In sostituzione di sezionatore e fusibili, è possibile utilizzare un interruttore automatico con corrente


nominale In ≥ 1.2*Im e sganciatore magnetico regolabile (da 5 a 10In).
ATTENZIONE ! b) In caso di protezione verso terra, utilizzare un dispositivo poco sensibile alle alte frequenze in modo
da evitare falsi interventii. La corrente di soglia dovrebbe essere superiore a 200mA ed il tempo di
intervallo almeno 0.1s.

30 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

3A.2.1.2 GTA/W1 12 impulsi e 18 impulsi

Aprire il pannello di controllo per


accedere alla morsettiera.

REATTORE
DI USCITA

IMGT300012IT 31
GT3000-Large Installazione

3A.2.1.3 Installazione di unita’ in parallelo

Descrizione di sistemi in parallelo


I GTA12KE-6K8KE e GTW13K2-6K9KE sono composti da un unita’ master ed una o piu’ unita’ slave (massimo tre). Le unita’ slave richiedono
alimentazione ausiliaria. La scheda di controllo è montata solo sull’unita’ master.
ATTENZIONE I collegamenti tra master e slave devono essere realizzate all’esterno dei moduli a cura dell’utilizzatore.
Le sbarre dei moduli sono dimensionate solo per la corrente nominale del modulo stesso.

12 fibre ottiche Dalla scheda “EXPARB del Master” alla scheda GSIDA dello Slave.
Una coppia di cavi twistati e schermati per la protezione termica. (TH) Dai morsetti XM3B-5/6 dello Slave ai morsetti XM3A-9/10 del Master
3 cavi multipolari terminati con un connettore femmina per Dalla scheda “EXPARB del Master” ai trasduttori di corrente dello Slave.
l’alimentazione ed i segnali dei tre trasduttori di corrente dello Slave.

SLAVE 2 MASTER SLAVE 1 SLAVE 3

XM3C XM3A XM3B XM3D


230V 230V 230V 230V

TH TRIP-X TH TRIP-X TH TRIP-X


TH TRIP-X

TH
TRIP-X

BARRA
SCHERMI MORSETTIERA LATO DESTRO: COLLEGAMENTI A CURA UTENTE

Figura 3A.2.1

La figura illustra come devono essere tassativamente installati i moduli nel quadro
NOTA Se non è presente alcun slave cavallottare XM3A-9 XM3A-10.
Se non è presente lo slave 2 cavallottare XM3A-7 XM3A-8.
Se non è presente lo slave 3 cavallottare XM3B-7 XM3B-8.

E’ richiesta l’alimentazione 230Vac monofase per le schede di pilotaggio dello Slave.


ATTENZIONE Il modulo Master viene collaudato insieme al proprio Slave, essi devono essere installati insieme.
Il modulo Slave ha lo stesso numero di serie del proprio Master,

32 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

XM3A-Morsettiera ausiliaria del modulo Master posizionata sul XM3B- Morsettiera ausiliaria del modulo Slave posizionata sul lato sinistro del
lato sinistro del modulo modulo
(Pannello di controllo aperto) (Pannello di controllo aperto)

Trasduttore di corrente Scheda pilotaggi “GSIDA” posizionata sul lato destro della gamba.

IMGT300012IT 33
GT3000-Large Installazione

Figura 3A.2.2
Installazione fibre ottiche:
ATTENZIONE
per non danneggiare le fibre il raggio di curvatura deve essere superiore a 40mm
Il cavo ottico non deve mai essere schiacciato con un peso superiore 30Kg/cm; se il cavo ottico viene posato in
canaletta o passerella, esso dovra’ sempre trovarsi sopra il fascio degli altri conduttori.
Il cavo ottico non deve mai essere tirato con una forza maggiore a 25Kg.

34 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

Scheda di Potenza

Scheda EXPAR2B
Scheda Interfaccia

Scheda EXPARB

SLAVE
Collegamenti fibre
Scheda SCADA-Plus ottiche

Collegamento
trasduttori di
corrente
Morsettiera XM2B
Spazio disponibile
per la scheda
SIOVA (opzione)

Collegamento cavi motore

Il parallelo dei GT3000 richiede, per ogni inverter, l’impiego del reattore di uscita che deve essere montato vicino all’inverter stesso.
La connessione verso il motore deve essere realizzata con due terne distinte di cavo, aventi la stessa lunghezza, che si collegano in parallelo sulla
morsettiera del motore.
Vedere figura 3A.3.1

IMGT300012IT 35
GT3000-Large Installazione

3A.3 CAVI DI POTENZA, VENTILAZIONE, FUSIBILI DI POTENZA E AUSILIARI


3A.3.1 Cavi di potenza e fusibili di potenza
I fusibili sulla linea di alimentazione devono essere scelti in base alla seguente tabella.
Il collegamento relativo alla linea di alimentazione, date le correnti in gioco, viene fatto in sbarra.
E’ necessario utilizzare cavi motore in rame con valori nominali 600-690VAC e 1000VDC per i collegamenti dell’unità freno.
Tabella 3A.3 Dimensionamento dei fusibili di alimentazione ( 525-690 Vac; 705-930 Vdc )
RAFFREDDAMENTO AD ARIA RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
Corrente di uscita Fusibili I C.TO C.TO Corrente di uscita Fusibili I C.TO C.TO
Modello di linea Modello di linea
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 massima Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2 massima
A A A A kA A A A A kA
GTA1700KE 600 500 M.C.B. M.C.B. GTW1850KE 700 510 M.C.B M.C.B
GTA1700PE 600 500 425 355 GTW1850PE 700 510 500 355
GTA1700RE 600 500 315 250 GTW1850RE 700 510 355 250
GTA1700JE 600 500 GTW1850JE 700 510
GTA11K1KE 900 700 M.C.B. M.C.B. GTW11K1KE 900 650 M.C.B M.C.B
GTA11K1PE 900 700 M.C.B. 500 GTW11K1PE 900 650 M.C.B. 500
GTA11K1RE 900 700 425 355 GTW11K1RE 900 650 425 315
GTA11K1JE 900 700 GTW11K1JE 900 650
GTA11K3KE 1100 800 M.C.B. M.C.B. GTW11K6KE 1350 980 M.C.B M.C.B
GTA11K3PE 1100 800 MCB M.C.B GTW11K6PE 1350 980 M.C.B M.C.B
GTA11K3RE 1100 800 500 400 GTW11K6RE 1350 980 M.C.B 500
GTA11K3JE 1100 800 GTW11K6JE 1350 980
GTA11K7KE 1440 1100 M.C.B. M.C.B. GTW12K3KE 2000 1450 M.C.B M.C.B
GTA11K7PE 1440 1100 M.C.B. M.C.B. GTW12K3PE 2000 1450 M.C.B M.C.B
GTA11K7RE 1440 1100 M.C.B. 500 GTW12K3RE 2000 1450 M.C.B M.C.B
GTA11K7JE 1440 1100 GTW12K3JE 2000 1450

☞ ATTENZIONE Riferirsi alle regole di cablaggio locali per il corretto dimensionamento dei cavi di uscita.
In alcuni casi puo’ essere richiesta una sezione maggiorata per evitare eccessive cadute di tensione.

Collegamento cavi motore per inverter in parallelo

Come accennato precedentemente il parallelo dei GT3000


richiede, per ogni inverter, l’impiego del reattore di uscita che
deve essere montato vicino all’inverter stesso.
La connessione verso il motore deve essere realizzata con o
due o piu’ terne distinte di cavo, aventi la stessa lunghezza
circa 50m, che si collegano in parallelo sulla morsettiera del
motore.

Figura 3A.3.1

36 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

3A.3.2 Ventilazione

GT3000 LARGE – AD ARIA GT3000 LARGE – AD ACQUA


Temperatura aria ingresso: +40°C max Temperatura acqua ingresso: +40°C max
Soglia protezione sovratemperatura: +90 °C Soglia allarme/protezione sovratemperatura acqua: +42/ 44 °C
Pa: 700 Caratteristiche liquido: acqua distillata
m3/h: 1400 per ogni gamba ∆P: 0,87 bar
l/min: 12,5 per ogni gamba

Sono disponibili quattro kit di ventilazione e due tipi di camino in funzione del numero di gambe e della frequenza della rete di alimentazione.

Tipo Descrizione Gambe Tensione [V] Frequenza [Hz] Potenza (kW) Corrente [A] LA (dB)
GTA1L3F40V50H III 400 50 2 3,99 79,5
GTA1L3F46V60H Kit ventilazione ad aria. III 460 60 3,4 4,9
Comprende il ventilatore,
GTA1L4F40V50H il supporto ed il boccaglio. IV 400 50 3,6 6,2 86
GTA1L4F46V60H IV 460 60
GTA1CAM3 Camino tra modulo a tre gambe e ventilatore
GTA1CAM4 Camino tra modulo a quattro gambe e ventilatore

Il ventilatore deve essere collegato a triangolo.


Il ventilatore del GT3000 è dimensionato solo per le perdite del modulo. Per il montaggio in quadro tenere in considerazione le perdite dei componenti
ausiliari.

Figura 3A.3.2.1 Ingombro GTA1L3 Figura 3A.3.2.2 Ingombro GTA1L4

780
700
438

35 180 135 135 180 35 120 135 135 135 135 120 484
135 80

20
35
180

135
135

220
220

700
700
135

135
180

80 135
35

20

O 11 O 12 20 20
240 220 240 280 220 280

IMGT300012IT 37
GT3000-Large Installazione

3A.3.3 Alimentazione ausiliaria


I GT3000 LARGE richiedono un alimentazione esterna per i circuiti di controllo:230V 50/60Hz alla morsettiera XM3A-situata sul lato sinistro in basso.
(Pannello di controllo aperto). Prevedere un opportuno organo di protezione

Alimentazione esterna controllo


230V
0,5A

XM3A 1 2 3 4 5 6 7 8

PREC_OK CNT_OK
Sulla morsettiera XM2B del pannello di controllo è disponibile:
-Il contatto del relè di precarica OK (5A – 250VAC ) (PREC_OK). +E -E
XM2B 3- 4
-L’alimentazione a 24Vdc per l’Encoder. XM2B 7- 8.
XM2B Fuse
Sui morsetti XM2B5-6 l’utente puo’ collegare un contatto ausiliario 1A
(NA) del contattore principale. 1 2 3 4 5 6 7 8
Lato utente

+24V

0V
User side

3A.4 REATTORI D’INGRESSO


Il reattore di linea riduce il contenuto armonico della corrente d’ingresso dell’inverter migliorando il fattore di potenza d’ingresso e disaccoppia gli
apparecchi collegati sulla stessa linea. Il reattore causa una caduta di tensione proporzionale alla corrente di alimentazione ed al valore di induttanza.
Selezionare un reattore per avere una caduta di tensione uguale al 2÷5 % della tensione nominale d’ingresso (quando l’inverter sta conducendo la
totale corrente nominale). I codici dei reattori di ingresso sono riportati in Tabella 3.4.
Se l’inverter è alimentato con un trasformatore dedicato, la Vcc del trasformatore deve essere ≈ 6-8%.
3A.5 REATTORE DI USCITA
I reattori d’uscita sono necessari per compensare la corrente di dispersione capacitiva a terra, nonché per ridurre il gradiente di tensione sul motore,
essi aiutano a attenuare i disturbi RFI. I codici dei reattori di uscita sono riportati in tabella 3A.5
I reattori d’uscita devono essere previsti con i GT3000 LARGE in parallelo e devono essere installati vicino al modulo. I cavi di collegamento al motore
deve essere realizzata con piu’ terne di cavi (con la stessa lunghezza) connesse in parallelo alla morsettiera del motore.
I codici dei reattori d’uscita sono riportati in Tabella 3.5.
Tabella 3A.5 – Reattori di ingresso e di uscita
Reattore di ingresso Reattore di uscita
Tipo
Cl.1 Cl.2 Cl.1 Cl.2
GTA1700KEN ELC22360607 ELC22360606 ELC22932403 ELC22932403
GTA11K1KEN ELC22360611 ELC22360609 ELC22932404 ELC22932404
GTA11K3KEN ELC22360612 ELC22360610 ELC22932405 ELC22932404
GTA11K7KEN ELC22360618 ELC22360612 ELC22932406 ELC22932405
GTA12K2JEN 2xELC22932404 2xELC22932404
GTA12K6JEN 2xELC22932405 2xELC22932404
GTA13K4JEN 2xELC22932406 2xELC22932405
GTA15K1JEN 3xELC22932406 3xELC22932405
GTA16K8JEN 4xELC22932406 4xELC22932405
GTW1850KEN ELC22360609 ELC22360606 ELC22932404 ELC22932403
GTW11K1KEN ELC22360611 ELC22360609 ELC22932404 ELC22932404
GTW11K6KEN ELC22360613 ELC22360611 ELC22932406 ELC22932405
GTW12K3KEN ELC22360617 ELC22360618 ELC22932411 ELC22932406
GTW13K2PEN 2xELC22932406 2xELC22932406
GTW14K6PEN 2xELC22932411 2xELC22932406
GTW16K6JEN 3xELC22932411 3xELC22932406

38 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

3A.6 SEZIONE DI CONTROLLO (SCHEDA DI CONTROLLO PLUS)

K2 K1
K5 JP18

X5 JP3 K3
JP19 JP2

JP13
KUA1 K4 JP17
1
DL3 DL2
U36 U56 DIP1

JP14 JP16 JP15


KUB1 U1 DISP2
X7 X3

JP22 JP8
U7
JP6 JP4
JP1 JP23
RL3

PS4
RL2
RL1

SW1 SW3

1 1 JP5
XM1

43 44 45 46 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37 39 41

1 2 3 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42
JP7

Figura 3A.6.1 Scheda di Controllo Plus

U1: microprocessore RL1, RL2, RL3: Relè


U36: MEMORIA FLASH K3: RS232 / 485HD connettori seriali
U7: EEProm K4/K5: connettori scheda espansione
U56: coprocessore KUA1, KUB1: Connettori interfaccia UCS
XM1: morsettiera di controllo X3: Connettore Tastierini
X5: Interfaccia sincrona (Fieldbus) X7: Scheda espansione I/O digitale (SIOVA)

IMGT300012IT 39
GT3000-Large Installazione

JP1 ON Protezione scrittura EEprom EEprom


1-2 SVGT152-340F (SVGT520-670, SVGT105-960K) varia il livello di O.C.
JP2
3 2 1 2-3 SVGT420F (SVGT780F) Per tutte le altre taglie: tutti i pin aperti. Default
1-2
JP3
3 2 1 2-3 Ricostruisce la terza fase per la protezione di O.C. (SVGT ≤ 029)
1-2 Uscita analogica PWM0 Uscite
JP4 analogiche
3 2 1 2-3 Uscita analogica VA (default)
1-2 Uscita analogica ±10V or 0÷10V (default)
JP5
3 2 1 2-3 Uscita analogica 4-20mA
1-2 Uscita analogica PWM1
JP6
3 2 1 2-3 Uscita analogica VB (default)
1-2 Uscita analogica ±10V or 0÷10V (default)
JP7
3 2 1 2-3 Uscita analogica 4-20mA
JP8 OFF Riservato (Download SW)
JP13 OFF Riservato (Alternatori)
JP14 ON Riservato
1-2 Collega TX232 a X3 per il tastierino avanzato (default) Collegamento
JP15 seriale
3 2 1 2-3 Collega I2C – orologio a X3, solo per sviluppo futuro
1-2 Collega RX232 a X3 per il tastierino avanzato
JP16
3 2 1 2-3 Collega I2C – dati a X3, solo per sviluppo futuro
1-2 RX - RS232 (default)
JP17
3 2 1 2-3 RX - RS485
JP18 ON RS485 Resistore (221ohm) di terminazione inserito
JP19 ON In OFF esclude la Vcmin HW (TL)
JP22 ON seleziona la provenienza del CK per la porta seriale su X7, :ON = CK in uscita per la SIOVA
JP23 OFF unisce lo zero del controllo con quello degli I/O ( Encoder+ ingressi 24Vdc)
ON Alimentazione per encoder interna al morsetto XM1-5 (+5V) (default) Encoder
SW1 - 1
OFF Alimentazione elettrica esterna 12-24V
ON Resistore di carico (121Ω) collegata al canale A
SW1 - 2
OFF
ON Resistore di carico (121Ω) collegata al canale B
SW1 – 3
OFF
ON Resistore di carico (121Ω) collegata al canale Z
SW1 - 4
OFF
ON Ingresso in corrente su XM1-28/29 (R=475Ω) Ingressi
SW3 - 1 analogici
OFF Ingresso in tensione su XM1-28/29 (default)
ON Ingresso in corrente su XM1-26/27 (R=475Ω)
SW3 - 2
OFF Ingresso in tensione su XM1-26/27 (default)
ON Pull-up a 10V su XM1-26/27
SW3 – 3
OFF (default)
ON Pull-down a 0V su XM1-26/27
SW3 - 4
OFF (default)

SCHEDA GASPA
ON RS485 inserita
DIP1 1
OFF
ON RS485 inserita
DIP1- 2
OFF
ON segnale di tristate x RS485, normalmente non si usa
DIP1– 3
OFF
ON alimentazione 7V5 disponibile sui pin 1-6 (non usare)
DIP1- 4
OFF

40 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

Tabella 3A.8. Morsettiera di collegamento controllo plus


Avvertenza: Non collegare segnali di tensione superiori a 24 VDC ai collegamenti d’ingresso
Funzione XM1 Sigla Descrizione
Relè 3 RL1 Fault NO NA “Fault” 5A – 250VAC
4 RL1 Fault Com COM
44 RL1 Fault NC NC
1 RL2 Prog NO NO configurabile 5A – 250VAC
2 RL2 Prog Com COM
43 RL2 Prog NC NC
45 RL3 Prog NO COM configurabile 5A – 250VAC
46 RL3 Prog Com NO
Aliment. isolata 5 Encoder +5V 5V-150mA – Per l’alimentazione esterna a 12-24V impostare SW1_A =OFF
encoder 6 Encoder gnd 0V
Encoder 7 Channel B Con encoder line driver a 5V impostare: SW1_B = ON
5-12-24V 8 CHANNEL /B
1024 PPR (resistore di carico 121Ω collegato ai segnali d’uscita
9 Channel A SW1_C = ON
dell’encoder)
10 Channel /A
11 Channel Z SW1_D = ON
12 Channel /Z
Ingressi digitali 13 DI 1 Start/Stop L’applicazione di +24 VDC fa sì che l’inverter si avvii ed incrementi la velocità; la rimozione
Isolati della tensione a +24 VDC determina il rallentamento e l’arresto del GT3000.
24 V 8mA 14 DI 2 PROG - Alto = Velocità di rampa in direzione inversa - Basso = Rampa rallentamento
15 DI 3 Prog Programmabili
16 DI 4 Prog
17 DI 5 Prog
18 DI 6 Prog
19 DI 7 Prog
20 DI 8 Drive Enable Abilitazione Inverter – Alto = Inverter abilitato
– basso = Inverter disabilitato
Ingressi / Uscite 21 DO 4/DI 9 (1) Ingresso 8mA /14V –uscita 10mA
digitali isolati – Programmabile
22 DO 5/DI 10 (1)
Uscita digitale 23 D0 6 (1) 24V-10mA – Programmabile
Protetta con fusibili ripristinabile

Alimentazione I/O 24 DI supply+24V 100 mA -24V Protetto con fusibili ripristinabile


digitali 25 DI /DO ground 0V
Ingressi analogici 26 AI 1+ Ingressi differenziali programmabili. Default = Riferimento di velocita’. Possono essere:
isolati a) Da potenziometro 5-10KΩ. (Nom. 5KΩ)
27 AI 1-
b) Da Segnale di tensione ±10V. Impedenza d’ingresso 40 KΩ
28 AI 2+ c) Da Segnale di corrente 0/4-20mA. Impedenza d’ingresso 475Ω
29 AI 2-
Uscite analogiche 34 AO 1 Programmabili 0/4-20mA,0-10VDC o ±10VDC-5mA
isolate 35 AO 2
36 AI/AO ground 0V
37 AO 3 Programmabili - 0-10VDC o ±10VDC-5mA
38 AO 4
39 AI/AO ground 0V
Riferimento 40 +10Vdc +10VDC - 5mA
analogico 41 AI/AO ground 0V
42 -10Vdc -10VDC - 5mA

(1) E’ tassativo utilizzare l’alimentazione interna. Una alimentazione esterna collegata ai morsetti XM1-21/22/23
AVVERTENZA
provoca il danneggiamento della scheda.

IMGT300012IT 41
GT3000-Large Installazione

Scheda Microprocessore Plus

Figura 3A.6.2 Scheda Microprocessore Plus

42 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

R EMOTE CONTROL OP ER ATOR

RESET

Canc.
Enter

SHIFT
RUN

Comm
AUTO

Logs
S tab
3

9
Fault

MAN

Drive

Meter
Main
2

8
ON

DvP rot
STOP

Motor

Auto

Help
1

0
STOP
MAN

Figure 3A.12. Microprocessor Basic Control Terminal Board

Figura 3A.6.3 Esempio di collegamento

IMGT300012IT 43
GT3000-Large Installazione

3A.7 Collegamento ENCODER

3A.7.1 Dati generali


Con controllo "FOC" deve essere previsto (montaggio sul motore) un encoder incrementale in quadratura con impulso di zero (l’impulso di zero non è
necessario per applicazioni standard).
E' possibile gestire encoder con elettronica line driver o push-pull. Il GT3000 LARGE prevede l'alimentazione per encoder a 5Vdc (morsetti XM1-5/6
sulla scheda di controllo) e per encoder 24Vdc (morsettiera XM2B morsetti 7- 8).
Per il collegamento dell'encoder e la personalizzazione della scheda vedasi capitolo 3A.2.4.5 e 3A.3.
Possono essere impiegati solo encoders con: 512-1024-2048-4096 Impulsi/giro.
Massima frequenza di ingresso della scheda di controllo: FMAX = 100KHz.
FM AX* 60
La massima velocita' in giri/min dell'encoder (motore) puo' essere calcolata con la seguente formula: Giri M AX =
N ° Impulsi/giro

La durata dell'impulso di zero deve essere compresa tra 90° a


360° elettrici.

Resistore di terminazione per encoder line-driver: 120 Ω

3A.7.2 Modalita’ di connessione


Montare l’eventuale alimentatore esterno il piu’ vicino possibile all’encoder seguendo le indicazioni all’Appendice A2.7.
Per la connessione dell’encoder deve essere utilizzato un cavo
con doppini intrecciati schermati singolarmente.per applicazione
EIA – RS422.
Valori tipici:
Sezione del singolo cavo: AWG24 ( 0,22mm2 )
Capacita’ tra i cavi : 50 pF/ m
Capacita’ tra i cavi e lo schermo: 90 p/F m
Codice SAP: ELP20470101

E’ obbligatorio:
-Usare un encoder con isolamento galvanico tra struttura
encoder ed i suoi circuiti elettronici (caso tipico)
-Usare un encoder con protezione contro l’inversione di
polarita’ dell’alimentazione e contro il corto circuito in uscita.
-Montare l’encoder sul motore in modo tale da garantire
l’isolamento galvanico tra la carcassa del motore e l’encoder.

44 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

Collegare gli schermi del cavo alla sbarretta degli schermi del convertitore utilizzando connessioni della minore lunghezza possibile (“spiraline”).
La connessione a terra dello schermo è opzionale; puo’ essere richiesta per ridurre l’emissione i disturbi a radio frequenza irradiati sia dal drive che
dall’encoder.
Il collegamento deve essere realizzato collegando direttamente lo schermo a parti metalliche (per esempio al corpo dell'encoder evitando spiraline) ed
al morsetto di terra del convertitore.

Il cavo non deve essere interrotto, qualora non possano essere evitate interruzioni, assicurare la lunghezza minima assoluta della “spiralina” nelle
connessioni dello schermo in corrispondenza di ogni interruzione. Utilizzare di preferenza un metodo di connessione con robusti morsetti metallici per
le terminazioni dello schermo del cavo.
Ciò può essere ottenuto bloccando i singoli schermi, o fornendo uno schermo totale supplementare da bloccare mediante morsetto.
La guaina esterna del cavo deve essere rimossa quanto basta per consentire l'installazione del morsetto. Lo schermo non deve essere rotto né aperto
in questo punto. I morsetti devono essere installati vicino al convertitore o al dispositivo di retroazione, con i collegamenti di terra realizzati su
un'apposita piastra o su una superficie metallica simile.

RACCOMMANDAZIONI GENERALI: 1 Nelle applicazioni multidrive , se viene prevista l’alimentazione esterna per l’encoder, si consiglia l’uso
di un alimentatore per ogni singolo encoder.
2 Se l’encoder richiede cavi con lunghezza superiore a 60m si consiglia encoder a 24V.

IMGT300012IT 45
GT3000-Large Installazione

3A.7.3 Collegamento encoder al GT3000 e personalizzazione scheda microprocessore.


1) Verificare l’installazione meccanica dell'encoder in base alle specifiche del costruttore.
2) Controllare che le predisposizioni per l’alimentazione e la ricezione encoder sulla scheda di controllo siano corrette.

Encoder line driver 5V, alimentazione


interna. Scheda Microprocessor Plus
SW1-1=ON,SW1-2=ON,SW1-3=ON,SW1-4=ON 3 Scheda espansione
9 A SW1-2:ON
Encoder
+5Venc
0Venc 4
10 A/
A SW1-1:ON
Encoder 5
A/
B 7 B SW1-3:ON
5Venc
B/ 6 0Venc
Z 8 B/
Z/
11
Z SW1-4:ON

12
Z/

JP23

Encoder line driver 5V, alimentazione esterna 5/24V. +24V


SW1-1=ON,SW1-2=ON,SW1-3=ON,SW1-4=ON
0V Scheda Microprocessor Plus
3 Scheda espansione
9 A SW1-2:ON
Encoder

4
10 A/
A SW1-1:ON
Encoder 5
A/
B 7 B SW1-3:ON
5Venc
B/ 6 0Venc
Z 8 B/
Z/
11
Z SW1-4:ON

12
Z/

JP23

Encoder push pull, alimentazione esterna 12/24V. +24V


SW1-1=OFF,SW1-2=OFF,SW1-3=OFF,SW1-4=OFF
0V Scheda Microprocessor Plus
3 Scheda espansione
9 A SW1-2:OFF
Encoder
4
10 A/
A SW1-1:OFF
Encoder 5
A/
B 7 B SW1-3:OFF
5Venc
B/ 6 0Venc
Z 8 B/
Z/
11
Z SW1-4:OFF

12
Z/

JP23

Figura 3A.7.3

46 IMGT300012IT
GT3000-Large Installazione

3A.8 LISTA CONTROLLO INSTALLAZIONE:

L’installazione meccanica ed elettrica deve essere verificata prima della messa in funzione.

LISTA DI CONTROLLO INSTALLAZIONE MECCANICA

… Temperatura ed umidità ambiente rientrano nelle specifiche. Tabella 2A.1

… L’unità è assemblata correttamente su una superficie verticale non infiammabile. Figura 3A.1.1

… Passaggio di raffreddamento non ostruito.

LISTA DI CONTROLLO INSTALLAZIONE ELETTRICA

… Inverter adeguatamente collegato a terra. Par.3A.10

… Tensione di rete corrispondente alla tensione d’entrata nominale dell’inverter. Tabella 2A.3

… Collegamenti di rete adeguatamente: Capitolo 3A

… collegati
… serrati

… Collegamenti d’ingresso adeguatamente:

… collegati
… serrati

… Collegamenti di controllo adeguatamente:

… collegati
… serrati

… Adeguati fusibili d’ingresso installati. Tabella 3A.2, 3A.3

… Condensatori di compensazione uscita non sono presenti nei collegamenti motore.

… Non ci sono strumenti o altri oggetti estranei all’interno dell’involucro.

IMGT300012IT 47
GT3000-Large Installazione

48 IMGT300012IT
4A. MANUTENZIONE

4A.1 PRECAUZIONI SICUREZZA

Tutti gli interventi di manutenzione ed installazione elettrica sui GT3000 devono essere eseguiti da
personale tecnico qualificato. Answer Drives S.r.l. non è responsabile per danni dovuti a
ATTENZIONE !
manutenzione impropria o non autorizzata.

PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O SHOCK ELETTRICO! E’ necessario adottare obbligatoriamente


le seguenti misure prima di procedere alla manutenzione dell’unità:
Eseguire la procedura di blocco/disabilitazione dell’alimentazione elettrica ed aprire il sezionatore
principale del quadro elettrico in cui e contenuto il GT3000.

Assicurarsi che tutte le alimentazioni elettriche che giungono all’inverter (alimentazione principale, alimentazioni
ausiliari)siano scollegate prima di effettuare la manutenzione sull’inverter

Attendere almeno dieci (10) minuti dopo aver scollegato l’alimentazione elettrica. Lasciare scaricare i condensatori del
bus DC prima di effettuare la manutenzione sull’unità o di accedere ai morsetti del motore. Fare riferimento all’etichetta
di sicurezza posizionata su ogni inverter.

Prima di effettuare interventi di manutenzione sulla macchina attendere 10 minuti dopo aver scollegato tutte le
alimentazioni elettriche e verificare che la tensione DC sia inferiore a 50V. Utilizzare un multimetro da 1000 Volt DC o
superiore.

I moduli IGBT sono sensibili alle cariche elettrostatiche. Maneggiare con cura per evitare danni.
Non lasciare aperti i morsetti di comando gate-emettitore. Cortocircuitare tali pin con spugna
antistatica o con un ponticello metallico quando non sono collegati alla scheda di comando.
Rimuovere il corto circuito, quando si ricollega la scheda di comando. Non toccare i pin del
dispositivo con le dita. Fare riferimento alla figura seguente mentre si testa un dispositivo IGBT.

Figura 4A.1. Verifica integrita’ degli IGBT

IMGT300012IT 49
Verifica ponte di ingresso e di uscita

Lo strumento necessario per tale operazione è un multimetro digitale posizionato su “diodes test”
Verificare i diodi e gli IGBTs dopo aver scollegato i cavi di alimentazione per evitare misure errate dovute a componenti estrerni. La
prima operazione è una verifica visiva quindi seguire la seguente sequenza:
IGBT PONTE DI INGRESSO
Multimetro + test prod U V W -Vc -Vc - Vc L1 L2 L3 - Vc - Vc - Vc
Multimetro – test prod +Vc +Vc +Vc U V W +Vc +Vc +Vc L1 L2 L3
Componente Du Dv Dw Dx Dy Dz D1 D2 D3 D4 D5 D6
Valore corretto 0.25 ÷ 0.4 Vdc 0.35 ÷ 0.5 Vdc

VERIFICA FUNZIONALITÀ DEL CAVO OTTICO

In caso di malfunzionamento della trasmissione dati mediante cavo ottico sono possibili due situazioni :
• rottura del cavo ottico
• malfunzionamento del trasmettitore/ricevitore dati
Per verificare se il cavo ottico eseguire il seguente test:
Scollegare il cavo ottico e illuminare uno capo con una torcia elettrica o apparecchio similare, se la luce è visibile all’altro capo, il
cavo ottico non è interrotto.
NOTA Il suddetto test potrebbe non essere sufficiente, in tal caso è necessario l’apposito strumento di prova del cavo ottico

50 IMGT300012IT
Manutenzione GT3000 Large

4A.2 MANUTENZIONE PREVENTIVA

Le esigenze di manutenzione dell’inverter possono essere inquadrate in tre aspetti fondamentali:


1. mantenerlo pulito
2. mantenerlo asciutto
3. mantenere le connessioni serrate.
♦ La polvere sull’hardware dell’inverter puo’ causare una insufficiente ventilazione con
ATTENZIONE conseguente riduzione delle prestazioni del dissipatore e dei ventilatori.
♦ La polvere in un apparecchio elettronico puo’ provocare malfunzionamenti e anche guasti.
La polvere assorbe umidita’ che aumenta le possibilita’ di guasto.
♦ L’aria utilizzata per rimuovere la polvere deve essere priva di olio e secca.
♦ Le variazioni termiche e le vibrazioni meccaniche possono provocare uno scadente serraggio
delle connessioni.
♦ Una vite ha una capacita’ massima di grappatura in corrispondenza ad un valore di coppia di
serraggio determinata dalle sue dimensioni, forma e materiale, superando tale valore di coppia
in modo permanente si riduce l’elasticita’ della vite deformandola e riducendone la capacita’ di
grappatura.
Verificare periodicamente che:
i cavi non siano danneggiati
i morsetti siano serrati
la temperatura ambiente di inverter e motore non ecceda le specifiche raccomandate
le schede siano prive di polvere e condensa
l’isolamento non sia danneggiato o scolorito
gli sfiati o le aree vicine ai ventilatori dell’inverter non siano ostruiti.

SCHEDE ELETTRONICHE

Le schede elettroniche non richiedono particolari interventi di manutenzione. Rimuovere periodicamente la polvere senza utilizzare
aria compressa. Sulle schede sono montati componenti sensibili alle cariche elettrostatiche.

DISSIPATORE DI CALORE

Rimuovere periodicamente la polvere.

VENTILATORI

Supponendo che vi sia una temperatura media di 35°C con 20 ore di funzionamento al giorno, la vita media del ventilatore è di circa
3-4 anni.
L’incremento del rumore del ventilatore prodotto dai cuscinetti e l’incremento della temperatura del dissipatore di calore sono
sintomi di possibile avaria.

CONDENSATORI

I GT3000 Large usano condensatori metallizzati in polipropilene che sono esenti da manutenzione. Supponendo che vi sia un
temperatura media di 35°C e un tempo di lavoro di 20 ore al giorno, la vita media dei condensatori del GT3000 Large è di circa
100000 ore.
4A.3 SMALTIMENTO

Il GT3000 contiene materie prime che devono essere riciclate per preservare energia e risorse naturali.
Il GT3000 non contiene sostanze tossiche o nocive.
I materiali di imballaggio e tutte le parti in metallo sono riciclabili.
Le parti in plastica possono essere riciclate o bruciate in modo controllato in base alle norme locali.
Le schede a circuito stampato contengono piombo che devono essere rimossi e trattati in base alle disposizioni di legge locali
vigenti al momento in cui viene effettuato lo smaltimento.

IMGT300012IT 51
4A.4 – PROCEDURA DI DOWNLOAD DEL SOFTWARE

Per scaricare il software sugli invertr GT3000 è necessario installare sul Personal Computer il programma “flashp165” disponibile
nel CD fornito con il prodotto (file setup.exe). In caso di necessita’ contattare il Service.
Installazione del programma “flashp165” sul Personal Computer :
- copiare il file setup.exe in una directory sul PC
- avviare il setup.exe e seguire le seguenti istruzioni

DOWNLOAD DEL SOFTWARE DEL GT3000:

Flashp 165 1. Avviare il programma flashp165 sul Personal

2. Rimuovere dalla scheda Microprocessore (se presente) il Tastierino avanzato ed inserire un


SVGTHFK cavo seriale RS232 dal Personal Computer nel connettore K3.

JP8 = ON 3. Chiudere il jumper JP8 sulla scheda Microprocessore. Premere il pulsante di reset (PS4) sulla
Push PS4 scheda Microprocessore.

Erase 4. Selezionare “Erase” nel menu “Flash” (o cliccare sulla icona bianca) per cancellare la memoria
della scheda Microprocessore.

Flashp 165 5. Quando il PC mostra sullo schermo il messaggio “Please press RESET button on the board”,
premere nuovamente il pulsante di reset (PS4) sulla scheda Microprocessore.

Apri 6. Selezionare “Open” (“apri”) nel menu del “File”

SG....E1 7. Selezionare sul PC il software del GT3000 da scaricare

Programming 8. Selezionare “programming” nel menu “Flash” (o cliccare sulla icona bianca) per avviare il
programma di download.

JP8 = OFF 9. Ad operazione completata, rimuovere il jumper JP8 sulla scheda Microprocessore, premere il pulsante
Push PS4 di reset (PS4) ed attendere per qualche minuto.
ATTENZIONE! Ripetute operazioni di reset (PS4), nella fase di inizializzazione, possono
danneggiare la Eeprom.
10. Se si procede con il PC chiudere il programma flashhp 165 ed avviare il programma di
comunicazioone wzplus 25. Se si desidera procedere con il tastierino, scollegare il connettore seriale
dal connettore K3 e collegare il tastierino :
A – Se il PC/tastierino visualizza lo stato dell’inverter (Idle, Ready, Protection), la procedura è completata. Tutti i parametri
mantengono i valori precedentemente impostati.
B – Se compare il messaggio “MacroLoading” sul tastierino avanzato (“MLoad” su quello Base), l’inizializzazione dell’inverter è in
corso:
1. Attendere circa 5 minuti per l'inizializzazione dell'inverter; durante questo tempo apparira' il messaggio “MacroLoading”
sul tastierino AF(“MLoad” sul tastierino BF);
2. Ad operazione completata apparira' il messaggio “Drive Size Error” sul tastierino AF (“F0210” sul tastierino BF)
3. Inserire la taglia dell'inverter nel parametro Drive Size Select [06.01].
4. Attendere circa 30secondi per l'inizializzazione della taglia dell'inverter; durante questo tempo apparira' il messaggio
“MacroLoading” sul tastierino AF (“MLoad” sul tastierino BF).
5. Alla fine sul display del tastierino verra’ visualizzato lo stato dell’inverter (Idle, Ready, Protection);
6. Passare al livello di programmazione 3 premendo i pulsanti SHIFT + sul tastierino
7. Ora la procedura di download ed inizializzazione dell’inverter sono completate; tutti i parametri sono impostati al valore di
default : è necessario impostare i valori richiesti dalla applicazione.

IMGT300012IT 52
5A NOTE APPLICATIVE
5A.1 SCELTA MOTORE
Quando si seleziona un motore, verificare che:
• La ventilazione del motore sia appropriata per il campo di velocità di funzionamento prevista. Un funzionamento prolungato a bassa
velocità richiede un raffreddamento ausiliario del motore (vedi diagramma sezione 1-2).
• Il motore sia in grado di fornire un’adeguata coppia di sovraccarico nel campo di velocità di funzionamento (vedi diagramma sezione
3 4).

Curve tipiche

Curve tipiche

COPPIA
COPPIA NOMINALE

1,75 VELOCITÀ / COPPIA


1. MOTORE AUTOVENTILATO: COPPIA DI LAVORO
1,50 PERMANENTE
3 2. MOTORE A VENTILAZIONE FORZATA: COPPIA DI
1,25
LAVORO PERMANENTE
4
1
0,95 VELOCITÀ / CAPACITÀ SOVVRACCARICO
2 3. COPPIA SOVRACCARICO NEL CAMPO A COPPIA
0,75
1 COSTANTE
0,50 4. SOVRACCARICO DI COPPIA NEL CAMPO
DEFLUSSATO
0,25

0
1 25 50 75 100 50HZ
1 30 60 90 120 60HZ
VELOCITA’ BASE

(1) Coppia sovraccarico limitata a 1.1 Tn (Coppia nominale) in applicazioni a coppia variabile.

ATTENZIONE! • Per una velocità superiore a quella base contattare il produttore del motore per verificarne il
funzionamento.
• Nel funzionamento in sovravelocità possono verificarsi delle vibrazioni dovute a uno squilibrio del rotore o a vibrazioni del carico. Il
rumore del motore alimentato da inverter può aumentare.
• RISONANZA NATURALE. La vibrazione può essere minimizzata utilizzando un accoppiamento flessibile o posizionando un
ammortizzatore in gomma sotto alla base del motore. Con l’inverter è possibile evitare frequenze critiche.
• RUMORE. L’elevata frequenza di commutazione dell’inverter provoca un aumento della rumorosita’ del motore. Se necessario,
utilizzare reattanze d’uscita o filtri sinusoidali.
• Il GT3000 fornisce un controllo della frequenza variabile. I motori ed i carichi devono essere in grado di funzionare oltre il campo di
velocità e di potenza fornito dall’inverter.
• PROTEGGERE GLI AVVOLGIMENTI ED I CUSCINETTI DEL MOTORE
La tensione di uscita dei moderni inverter a IGBT, in relazione alla frequenza di uscita, presenta degli impulsi con valore pari a circa 1.35 la
tensione di rete con un fronte di salita molto breve.
La tensione degli impulsi puo’ essere, in funzione delle caratteristiche dei cavi, di valore doppio ai capi del motore; cio’ puo causare stress
addizionali all’ isolamento del motore.
I moderni inverter PWM con i loro impulsi ad elevato fronte di salita e le elevate frequenze di commutazione possono provocare delle correnti
d’albero attraverso i cuscinetti dei motori che possono erodere gradualmente le sfere del cuscinetto.
Lo stress all’isolamento del motore puo’ essere evitato con l’uso dei filtri dv/dt. I filtri dv/dt riducono anche le correnti d’albero sui cuscinetti.
Per evitare danni ai cuscinetti del motore devono essere previsti cuscinetti isolati (lato opposto accoppiamento) e filtri di uscita secondo la
tabella di pagina seguente. Inoltre, scegliere i cavi ed installarli secondo le istruzioni del presente manuale.

IMGT300012IT 53
Note Applicative GT3000 Large

La tabella 4A.1illustra come scegliere il sistema di isolamento del motore e quando sono necessari i filtri dv/dt e i cuscinetti isolati lato opposto
accoppiamento.
Per quanto riguarda l’isolamento occorre consultare il costruttore del motore. La mancata rispondenza del motore ai requisiti della tabella o una
installazione impropria possono ridurre il tempo di vita del motore o danneggiare i cuscinetti.
Tabella 4A.1
Motore tipo Tensione nominale di rete Richiesta per
Sistema di isolamento del motore Filtro Dv/dt filter, cuscinetto isolato
PN > 350 kW
o
taglia > IEC 400
PN > 469 HP
Avvolgimento 500 V < UN < 600 V Rinforzato: ÛLL =1600 V + dv/dt + N + LCMF
random
or
Avvolgimento
in sagoma Rinforzato: ÛLL =1800 V + N + CMF
600 V < UN < 690 V Rinforzato: ÛLL =1800 V + dv/dt + N + LCMFF
Avvolgimento 600 V < UN < 690 V Rinforzato: ÛLL =2000V, N + CMF
in sagoma tempo di salita 0.3micro s
Nota 1: Le abbreviazioni usate nella tabella sono definite sotto.

Abbreviazione Definizione
UN Tensione nominale della rete di alimentazione
ÛLL Tensione picco a picco ai capi del motore a cui l’isolamento del motore deve resistere
PN potenza nominale del motore
du/dt filtro dv/dt all’uscita dell’inverter
CMF filtro di modo comune (3 ferriti toroidali)
LCMF filtro di modo comune leggero (1 ferrite toroidale)
N Cuscinetto isolato lato opposto accoppiamento
Nota 2: Motori antideflagranti (EX).
Consultare il costruttore del motore per i problemi di isolamento del motore e richieste addizionali per motori antideflagranti (EX).
Nota 3: Resistore di frenatura
Quando l’inverter è in frenatura,per una buona parte di tale operazione, la tensione del circuito intermedio in DC aumenta; l’effeto risultante è
equivalente ad un incremento del 20% della tensione di rete. Tale incremento va considerato nello stabilire le richieste di isolamento.
• RUMORE Il rumore del motore alimentato da inverter è superiore a quello con alimentazione da rete (Frequenza di commutazione inverter=
1,5kHz). L’impiego del reattore di uscita o del filtro sinusoidale riduce od annulla l’incremento del rumore.
• AUTO-ECCITAZIONE DEL MOTORE. Il fenomeno è distruttivo e pericoloso, provoca danni alla macchina e puo’ accadere se un filtro LC è
collegato all’uscita dell’inverter.

WARNING ! Prima di collegare l’inverter al motore, verificare che la corrente assorbita dal banco di
condensatori del filtro LC all’uscita dell’inverter (rilevare il valore di capacita’ dallo schema funzionale
del quadro) sia inferiore al 90 % della corrente a vuoto del motore.
E’ necessario verificare tale condizione per evitare la possibilita’ di autoeccitazione del motore, con
conseguenti gravi danni sia alla macchina che all’operatore.

54 IMGT300012IT
GT3000 Large Note Applicative

5A.2 APPLICAZIONI CON MOTORI SPECIALI

• MOTORI CON FRENO. Il freno deve avere un’alimentazione elettrica indipendente. Quando il freno è innestato, l’inverter deve
essere disabilitato.
• MOTORI CON ROTORE CONICO. Il freno è controllato dal campo magnetico del motore; se necessario introdurre o regolare il
boost; in alcuni casi potrebbe essere necessario utilizzare un inverter di dimensioni maggiori.
• MOTORI CON DOPPIO AVVOLGIMENTO. La corrente d’uscita dell’inverter deve essere superiore alla corrente nominale di ogni
avvolgimento motore. L’avvolgimento può essere commutato con motore fermo ed inverter disabilitato.
• MOTORI CLASSIFICATI. L’inverter non può essere fatto funzionare in ambienti con pericolo di esplosione o di incendio. Se il motore
e l’inverter devono essere fatti funzionare in un ambiente simile, devono essere previsti entrambi in esecuzione antideflagrante.
• GIUNTI DI TRASMISSIONE. Il sistema di lubrificazione ed i limiti di rotazione variano da costruttore a costruttore; con olio
lubrificante, funzionamenti frequenti a basse velocità possono causare un surriscaldamento dovuto ad insufficiente lubrificazione.
Verificare con il costruttore la possibilità di funzionamento prolungato a queste velocità.
• MOTORI SINCRONI. E’ consigliabile prevedere una reattanza d’uscita per compensare l’insufficiente induttanza nel motore.
• POMPE SOMMERSE. La corrente nominale di questi motori è superiore a quella standard.
• MOTORI MONOFASE. Gli GT3000 non sono progettati per controllare motori monofase.

5A.3 SCELTA DELL’INVERTER

• La scelta della taglia del GT3000 deve basarsi sulla corrente nominale dell’inverter, piuttosto che sulla potenza dello stesso. La
corrente d’uscita dell’inverter deve essere superiore alla corrente nominale del motore controllato.
• Se un solo inverter alimenta più motori, deve essere scelto un GT3000 con una corrente d’uscita superiore del 10% rispetto alla
somma delle correnti motore. Prevedere una protezione termica hardware indipendente per ogni motore; la protezione termica
software interna del GT3000 non è efficace per le applicazioni multimotore.
• Il controllo vettoriale non può essere utilizzato nelle applicazioni con più motori in parallelo. Utilizzare il controllo SLs o V/Hz.
• Se l’applicazione multimotore richiede di disinserire e inserire alcuni motori durante il funzionamento dell’inverter, scegliere un
GT3000 con un valore nominale di corrente adeguato per gestire la somma della correnti di regime di tutti i motori inseriti e della
corrente di spunto del/dei motore/i che devono essere inseriti.
• La coppia di spunto e di accelerazione di un motore controllato da un inverter è limitata dalla corrente massima del drive. Scegliere un
inverter sovradimensionato se si richiede un’elevata coppia iniziale.
• Se l’applicazione richiede un contattore di uscita, le manovre di apertura e chiusura devono essere effettuate solo con inverter
disabilitato. Interbloccare il contatttore con la logica dell’inverter.
• Se l’inverter va in protezione, l’albero del motore ruota per inerzia, se cio’ non è accettabile occorre prevedere un fren meccanico.
• Se l’inverter è alimentato da un gruppo elettrogeno, verificare che questi possa sostenere la distorsione armonica prodotta
dall’inverter.
• L’uso appropriato della frenatura dinamica, prevista in opzione, comporta un sovrariscaldamento del motore. Se l’applicazione
richiede l’uso frequente e ripetuto di tale opzione, verificare il corretto dimensionamento del motore, o contattare il costruttore del
motore.

IMGT300012IT 55
Note Applicative GT3000 Large

5A.4 RELAZIONI DI USO GENERALE NELL’IMPIEGO DEGLI INVERTER

ηinv ηΜ , cosϕΜ

M
IN, AN
L ID, PD
IL PM

Input
UL UN
reactor
Rectifier Inverter

DC link
Capacitors

Figura 5A.2. Schema unifilare di un inverter con un motore ad induzione

AN = 3 ⋅ UN ⋅ IN AN = POTENZA APPARENTE INVERTER


IN = CORRENTE NOMINALE D’USCITA INVERTER (RMS)
UN = TENSIONE NOMINALE D’USCITA INVERTER(RMS)
PM = A N ⋅ ηM ⋅ cos ϕ M PM = POTENZA MECCANICA DISPONIBILE ALL’ALBERO MOTORE
ηM = RENDIMENTO MOTORE
cos ϕM = FATTORE DI POTENZA MOTORE
PM PD = POTENZA SUL COLLEGAMENTO DC
PD =
ηM ⋅ ηinv ηinv = EFFICIENZA INVERTER
PD ID = VALORE MEDIO CORRENTE SUL COLLEGAMENTO DC
ID =
1.35 ⋅ UL UL = TENSIONE D’INGRESSO (RMS)
IL = 0.87 ⋅ ID CORRENTE D’INGRESSO RMS (PRESUPPONENDO UNA REATTANZA D’INGRESSO DEL 3%)
IL = 1.25 ⋅ ID CORRENTE D’INGRESSO RMS (SENZA REATTANZA D’INGRESSO)
I D = 1.32 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M PRESUPPONENDO ηINV = 0.97
I L = 1.15 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M CORRENTE D’INGRESSO RMS (PRESUPPONENDO UNA REATTANZA D’INGRESSO DEL 3% E UL= UN)
I L = 1.65 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M CORRENTE D’INGRESSO RMS (SENZA REATTANZA D’INGRESSO E CON UL= UN)

Se il motore deve lavorare con una potenza (Pu) inferiore alla nominale (PN), si avra’:
2
 PU  PU = Potenza di lavoro
* IA  + (IO)
2
IU = 
 PN  PN = Potenza nominale del motore
IA = Corrente di coppia
IA = (IN)2 − (Io)2 IO = Corrente di magnetizzazione
IN = Corrente nominale del motore
A = 3 * UN * IU
IU = Corrente del motore @ PU
A= Potenza apparente dell’inverter (kVA)

Raddrizzatore a 12 impulsi:
Id/2 Id
IL
Pd
I =
P D 1.35 * U L * 0.95
U
Id
U I = 0.84 *
L 2
Id/2 E’ presente una corrente di
circulazione della sesta armonica 6ª (il
IL suo valore tipico è pari a circa il 25%
della corrente di ingresso -IL).

56 IMGT300012IT
GT3000 Large Note Applicative

Descrizione Simboli delle Simboli delle Fattori di


grandezze grandezze unità di misura conversione o equivalenti
SI SIST. TECN. SI SIST. TECN.
Lunghezza l l m (metro) m 1 Km=1000 m
Superficie A A m2 m2 1 m2=100 dm2
Volume V V m3 m3 1 m3=1000 dm3
1 dm3=1 litro
Angolo piano α, β, γ α, β, γ rad ° 360° = 2 π rad (angolo giro)
(radiante) (grado 1° = π /180 rad
sessagesimale) 1’ =1°/60 = π /10800 rad (minuto d’angolo)
1”=1’/60 = π /684000 rad (secondo d’angolo)
Tempo t t s (secondo) s 1 min = 60 s
1h = 60 min = 3600 s
1d = 24 h = 86400 s
1a = 365 d
Frequenza f f Hz (herz) 1/s 1 Hz = 1/s
Velocità (lineare) v v m/s m/s 1 m/s = 3,6 km/h
Velocità di ω N rad/sec giri/min (r.p.m.) 2*π*N
rotazione ω=
Velocità angolare 60
Accelerazione a a m/s2 m/s2 Accelerazione di gravità:
(lineare) g = 9,81 m/s²
Accelerazione dω/dt rad/s2
angolare
Massa m m Kg Kgp s²/m 1 Kgp s²/m = 9,81 Kg
(kilogrammo
massa)
Densità e d Kg/m3 Kgp/dm3
Forza F F N (newton) Kgp (kilogrammo 1 Kgp = 9,81 N
peso)
Pressione p p Pa (pascal) Kgp/cm2 1 Pa = 1 N/m2
1 Kgp/cm2 = 9,81*104 Pa
Lavoro W W J (joule) Kgp m 1 J = 1 N m = 1 Ws
Energia E E 1 Kgp m = 9,81 J
Momento di una M M Nm Kgp m 1 N m = 1 J = 1 Ws
forza 1 Kgp m = 9,81 N m
Coppia
Potenza P P W (watt) Kgp m/s 1 W = 1 J/s = 1 N m/s
1 Kgp ms = 9,81 W
Momento d’inerzia J J Kg m2 Kgp ms2 1 Kgp ms2 = 9,81 Kg m²
I I A (ampere) A
Intensità di corrente
Tensione U U V (volt) V
Resistenza R R (ohm) 1 = 1 V/A
elettrica
Capacità C C F (farad) F 1 F = 1 C/V
Carica elettrica Q Q C (coulomb) C 1C=1As
Conduttanza G G S (siemens) S 1 S = 1 A/V = 1/
elettrica
Induttanza L L H (henry) H 1 H = 1 V s/A
Induzione magnetica B B 1 T = 1 Wb/m2
T (tesla) T
Flusso Φ Φ Wb (weber) Wb 1 Wb = 1 V s
magnetico
Campo magnetico H H A/m A/m
Temperatura t t °C °C 1 K = 1 °C
Temperatura T K 0 K = -273,16 °C
assoluta

IMGT300012IT 57
Note Applicative GT3000 Large

5A.5 -- FATTORI DI CONVERSIONE UTILI

CATEGORIA MULTIPLICARE PER PER OTTENERE

Lunghezza metri 3.281 feet


metri 39.37 inches
inches 0.0254 metri
feet 0.3048 metri
millimetri 0.0394 inches

Coppia Newton-metro 0.7376 lb/ft


b-ft 1.3558 Newton-metro
lb-in 0.0833 lb-ft
lb-ft 12.00 lb-in

Rotation RPM 6.00 degrees/s


RPM 0.1047 rad/s
degrees/s 0.1667 RPM
rad/s 9.549 RPM

Momento di inerzia Newton-metro2 2.42 lb-ft2


oz-in2 0.000434 lb-ft2
lb-in2 0.00694 lb-ft2
slug-ft2 32.17 lb-ft2
oz-in-sec2 0.1675 lb-ft2
lb-in-sec2 2.68 lb-ft2

Potenza watts 0.00134 hp


lb-ft/min 0.0000303 hp
hp 746.00 watts
hp 33000.00 lb-ft/min
BTU/hour 0.293 watts

Temperatura Temperatura (Gradi Celsius) : tc (°C)


Temperatura (Gradi Fahrenheit ) : tf (°F)
5
t c = (t f − 32) (°C)
9
9
t f = 32 + t c (°F)
5
Pressione Portata Volumetrica
1 atm = 101325,3 Pa = 1,013253 bar = 760 mmHg V 3
q= m /s
1 bar = 105 Pa = 750 mm Hg = 0,9869 atm t
−3 3 −5 3
1 mm Hg = 133,322 Pa =1,333227 millibar 1M l / min = 10 / 60 m / s = 1,67 * 10 m /s
= 0,00131579 atm 3 3
1m / h = 1 / 3600 m / s = 2,78 * 10 m / s
−4 3

1 Pa = 105bar = 0,007500594 mmHg = 0,9869 * 105atm 3 −5


q L [m /s = 1,67 * 10 * q] L [l/min]
3
q [l/min] = 60000 * q [ m / s ]
q [ m 3 / s ] = 2,78 * 10 −4 * q [ m 3 / h ]
q [ m 3 / h ] = 3600 * q [ m 3 / s ]

58 IMGT300012IT
GT3000 Large Note Applicative

5A.5.1 Formule di uso frequente


Sistema internazionale (SI) Sistema tecnico
Lavoro ed Energia: Lavoro ed Energia:
W =F*l 1
E [Kgp m] = * GD2 [Kgp m2] * N2 [giri/min]2
W =M*α 7157
E =P*t
1 2
E = Jω
2
Coppia: Coppia
M =F*l M=F*l
M =
P[W ]
=
60 * P[W ]
= 9,55 *
P[W ] P kW[ ]
ω[rad/sec] 2π * N[giri / min] N[giri / min] M [Kgp m] = 974 *
[
N giri/min ]
W Sollevamento:
Potenza: P = 1
t P[Kw] = * G [kgp] * v [m/s]
102
Sollevamento: P [W] = G [N] * v [m/s] (G : peso)
Moto rotatorio:
Moto rotatorio: P =M*
1 P[Kw] = 1 * M [kgp m] * N [giri/min]
P = M * 2π * N = * N[giri / min] * M[Nm] 974
60 9,55

Traslazione: P [W] = F [N] * v [m/s]


Tempo di accelerazione e frenatura: Tempo di accelerazione e frenatura:
J Kg m 2  * ω[rad / s] GD2 kgp m2  * N[giri/min]
  1 J * N [giri/min] 1  
∆t [s] = = ∆t [s] =
M [N m ] 9,55 M [Nm] 375 m[kgp m]

Momento d’inerzia: J = m * r2 Momento di inerzia: GD2 = 4 * J

m = massa del corpo (Kg) G : peso del corpo (kgp)


r = raggio giratore (m) D : doppio del raggio giratore (m)
JR [kg m2] = 91,2 m[kg]*v2 [m / s]2
N 2 [giri/min]2
m = massa traslante (Kg)
v = velocità della massa (m/s)
nmot = velocità del motore (g/min)
JR = momento di inerzia ridotto all’asse del motore (Kg/m²)
Motori asincroni:
Potenza d’ingresso:PI = 3 U I cos ϕ cos ϕ fattore di potenza del motore

Potenza d'uscita (meccanica all’albero): PU = 3 U I cos ϕη η rendimento del motore


Incremento di temperatura negli avvolgimenti di motori:

Rc - Rf Rc - Rf
RAME : ∆t = (234,5 + tf) ; ALLUMINIO : ∆t = (230 + tf)
Rf Rf
∆t (°C) : incremento di temperatura
tf (°C) : temperatura a freddo
Rc (Ω) : resistenza avvolgimento a caldo
Rf (Ω) : resistenza avvolgimento a freddo
Peso Specifico e Calore Specifico
MATERIALE PESO SPECIFICO [Kg / dm³] CALORE SPECIFICO [Kcal / Kg °C]
ACCIAIO 7,85 ÷ 7,87 0,115
GHISA 6,9 ÷ 7,25 0,13
RAME 8,9 0,093
ALLUMINIO 2,7 0,227
ACQUA 1 1
OLIO 0,85 ÷ 0,95 0,4

IMGT300012IT 59
Note Applicative GT3000 Large

60 IMGT300012IT
6A OPZIONI
6A.1 KEYPAD
Sono disponibili tre modelli
TASTIERINO BASE SVGTBFK a LED
TASTIERINO AVANZATO SVGTAFK a LCD-, grafico, retroilluminato
Vedere capitolo 2B per le caratteristiche.

SVGTBFK SVGTAFK

REMOTE CONTROL OPERATOR

ON Fault RUN

STOP MAN AUTO RESET

Enter
Canc.

SHIFT

DIMENSIONI TASTIERINO

IMGT300012EN 61
Tastierino GT3000 Large

Installazione del tastierino sulla porta dell’armadio

Per il montaggio remotato del tastierino è disponibile un kit opzionale. Tipo: SVGTRK - SAP codice: ELC452936.
Esso è costituito da:
GUSCIO per installazione tastierino
CAVO SCHERMATO (lunghezza ≈ 2m) per il collegamento al GT3000 ( connettore X3 della scheda di controllo )
Supporti di fissaggio
Due guarnizioni per il guscio ed il foro del connettore

Figura 6A.2.3

Guscio.

Installazione del guscio richiede un cava sulla portella del quadro.


150

110

Grado di protezione tastierino: IP54


Grado di protezione guscio: IP54)

62 IMGT300012IT
6A.2 “SIOVA” SCHEDA DI ESPANSIONE I/O DIGITALI

E’ possibile installare 2 schede sul pannello di


controllo per ogn inverter.
La scheda prevede:
8 ingressi digitali optoisolati
8 uscite digitali a rele’

Ext. Power Supply


SIOVA BOARD: Input and output connections

Digital Inputs

Digital Outputs

6A.3 Schede di espansione seriale


Son disponibili schede seriali per i seguenti protocolli:Profibus DP, Modbus RTU e DeviceNet 12Profile. Vedere “Manuale di Comunicazione”
IMGT30005EN

IMGT300012EN 63
6A.4 Funzione di sicurezza STO (Safe Torque Off)
Premessa
Per la descrizione dettagliata e le modalità d’impiego della funzione fare riferimento a:
ISTRUZIONE MANUALE D’USO F U N Z I O N E D I S I C U R E Z Z A : “STO” SAFE TORQUE OFF PER INVERTER GT3000
Numero Rev. Data
MIM046 14 09/01/08
La "Dichiarazione di conformità CE" è valida esclusivamente se siano rispettate tutte le condizioni d’impiego descritte nel suddetto documento.

6A.4.1 Identificazione della funzione di sicurezza


I componenti relativi alla funzione “STO” sono installati in fabbrica nel drive e la presenza della stessa è individuata dal suffisso nella sigla
d’identificazione dell’inverter:

GTA1 1K7 K E N N 70
1,2,3,4 5,6,7 8 9 10 11 12,13

Suffisso Assente (prodotto standard)


(Opzioni speciali) 00= IV gamba libera
70= SAFE TORQUE OFF

6A.4.2 Campo d’impiego


La funzione di sicurezza STO è stata concepita per garantire la funzione " SAFE TORQUE OFF " con motori asincroni alimentati da inverter.
Se la funzione STO é attiva, nel motore collegato all’inverter non è generato alcun campo rotante.
La funzione di sicurezza è attivata tramite due canali indipendenti e di diversa tecnologia.
Il canale 1, tramite un relè di sicurezza, toglie l’alimentazione dei dispositivi elettronici (drivers, fotoaccoppiatori, fibre ottiche, buffers) che
inviano gli impulsi di comando alla parte di potenza ed in queste condizioni, anche se l’elettronica di regolazione generasse degli impulsi di
comando, la parte di potenza non potrebbe più muovere il motore allacciato.
Il canale 2 inibisce la generazione degli impulsi da parte del microprocessore e la propagazione degli stessi verso la parte di comando.
Con riferimento allo schema a blocchi riportato di seguito, il relè di sicurezza RL1 ha due contatti, uno in chiusura ed uno in apertura,
meccanicamente collegati tra loro in modo tale che anche nello stato di guasto (esempio contatti incollati in chiusura e/o in apertura) non
possono essere chiusi od aperti contemporaneamente. Il contatto NA (Normalmente Aperto) alimenta i pilotaggi mentre il contatto NC
(Normalmente Chiuso) svolge la funzione di segnalazione dello stato della STO di sicurezza mediante un sistema esterno.
Lo stato di attivazione del secondo canale è segnalato tramite un’uscita digitale del micro che comanda il relè RL2.

6A.4.2.1 Funzioni di sicurezza e relativi livelli


La funzione di sicurezza "STO" è stata progettata per impedire un avvio inaspettato del motore. Infatti, un motore fermo, attraverso la funzione
di sicurezza "STO", può essere messo nello stato di " SAFE TORQUE OFF ". In questa condizione, anche senza separazione galvanica tra
motore ed inverter o tra rete ed inverter si possono eseguire lavori meccanici sull‘azionamento.
Attenzione!
• I morsetti del motore nello stato "SAFE TORQUE OFF " non sono isolati dalla rete e possono trovarsi sotto tensione pericolosa!
• La funzione “STO” è prevista per impedire l’avvio inaspettato del motore, non per effettuarne l’arresto: se attivata con motore in
rotazione ne determina un arresto incontrollato. Se non si desidera un arresto incontrollato, occorrerà, prima di attivare la “STO”,
effettuare una sequenza di arresto.
• Il motore nello stato "SAFE TORQUE OFF " non può generare coppia. Volendo assicurare il blocco della rotazione con coppia di carico
applicata all’asse occorre prevedere un freno meccanico.
• Esiste un rischio residuo: con contemporanea rottura di due IGBT il motore può essere interessato, fino all’intervento delle protezioni
del drive o dei fusibili, da un piccolo angolo di rotazione (corrispondente a 360°/2P con P = numero di coppie di poli nel caso di motori
brushless, ad un passo cava nel caso di motori ad induzione) nonostante la funzione "SAFE TORQUE OFF " sia attiva.
La funzione STO:
• soddisfa la EN 60204-1: 2006, paragrafo 5.4 "Dispositivi di interruzione per la prevenzione di avviamenti inattesi", ma non il paragrafo
5.3 "Dispositivo di sezionamento (isolamento) dell’alimentazione";
• si adatta per la realizzazione della funzione di stop secondo categoria 0 ed 1 secondo EN 60204-1, paragrafo 9.2.2.;
• può soddisfare i requisiti di sicurezza della norma armonizzata UNI EN 954-1: 1998 categoria 3 oppure categoria 2 per quanto concerne
il blocco al riavvio in funzione delle configurazioni riportate al paragrafo 2.2.

64 IMGT300012IT
GT3000 Large Funzione STO

Per soddisfare i requisiti di sicurezza della XM70-1 Channel 1 Command

UNI EN 954-1: 1998 categoria 3 è necessario realizzare XM70-2


esternamente un circuito di sicurezza che rispetti: RL1
Input Power
• sia il principio di ridondanza relativamente agli Gate Drive
ingressi di attivazione dei due canali in modo tale che Power Supply

il singolo guasto in una qualsiasi di tali parti non porti


alla perdita della funzione di sicurezza tenendo in XM70-3
considerazione i guasti di tipo comune; per tale motivo XM70-4
sono previsti due ingressi separati e indipendenti; Channel 1 Feedback
• sia il monitoraggio del corretto intervento di Channel 2 Command
XM1-20
entrambi i canali; sono stati previsti due contatti esterni Power
Module
ai terminali XM70-3 – XM70-4 e XM1-2 - XM1-43 relativi
ai due relè indipendenti RL1 (di sicurezza) e RL2. XM1-25
Gate Drive
Entrambi si trovano nello stato “aperto” in condizioni di Control Circuit
funzionamento normale e nello stato “chiuso” quando è XM1-24

attivata la funzione STO: risulta così possibile un controllo


di parità esterno che preveda il confronto tra le due uscite. +24V
RL2
Nel caso in cui sia individuato un guasto deve essere
impossibile il ripristino del circuito. XM1-43 M
Per ulteriori informazioni circa le azioni da intraprendere nel XM1-2
caso sia individuato un guasto ed i tempi di intervento, si
Channel 2 Feedback
veda il paragrafo 6A.4 “Configurazioni”.
Schema a blocco della funzione STO per GT3000
6A.4.2.2 Configurazioni di sicurezza con convertitori con funzione "STO" incorporata.
Nota: non si esaminano le tipologie e le possibilità relative agli inverter senza funzione "STO", che dovranno, quindi, prevedere sia l’utilizzo
di contattori esterni per il taglio di potenza con contatti “mirror” per verificarne l’effettivo intervento, sia la gestione del Drive Enable.
La funzione "STO" può essere impiegata in due diverse configurazioni, con l’utilizzo di PLC o centraline di sicurezza, in funzione della
categoria di sicurezza richiesta:
1. utilizzo della versione standard (canale 1 e canale 2) per soddisfare i requisiti di sicurezza della UNI EN 954-1:1998 categoria 3;
2. utilizzo del solo relè di sicurezza (canale 1) per soddisfare i requisiti di sicurezza della UNI EN 954-1:1998 categoria 2;
Quando la funzione di sicurezza "STO" è impiegata conformemente alla categoria 3, occorre:
- assicurare che un singolo guasto dei componenti di sicurezza non determini la perdita della funzione di sicurezza, per tale motivo il
circuito in ingresso ai due canali deve essere realizzato nel rispetto di tale requisito.
- prevedere dei test per riconoscere, se possibile, l'eventuale singolo guasto in corrispondenza o prima della successiva richiesta
della funzione di sicurezza.
In entrambe le configurazioni sono forniti contatti privi di potenziale in uscita per la verifica del corretto intervento della funzione STO.
Se la funzione è impiegata in categoria 2 occorre prevedere una verifica della funzione di sicurezza all’applicazione dell’alimentazione e prima
del verificarsi di qualsiasi situazione pericolosa e/o periodicamente durante il funzionamento. In tal caso è possibile utilizzare il contatto esterno
ai terminali XM70-3 – XM70-4 .
Attenzione La configurazione della funzione STO deve avvenire solo da parte di personale qualificato.
6A.4.2.2a Configurazione conforme alla categoria 3 EN 954-1:
In corrispondenza ad ogni richiesta della funzione di sicurezza, è necessario prevedere:
• Comando apertura del DRIVE ENABLE (XM1-20);
• Il relè RL2 segnala l'avvenuto blocco degli impulsi mediante la chiusura del contatto ausiliario sui morsetti XM1-2, XM1-43;
• Comando apertura alimentazione P24EX verso la "STO" morsetto XM70-1;
• La "STO" risponde con la chiusura del contatto ai morsetti XM70-3/-4 che indica che l'alimentazione agli impulsi è stata interrotta;
• Controllo di plausibilità (tra comando in ingresso e feedback in uscita) e/o di discrepanza (commutazione contemporanea di entrambi i segnali)
dei due segnali presenti rispettivamente sui morsetti XM70-3/-4 e XM1-2/-43 ed attivazione automatica della procedura di allarme "STO" in
caso di mancata commutazione di entrambi i segnali. Tale procedura di allarme dovrà prevedere l’inibizione di entrambi i canali del Drive
Enable (XM1-20) e della "STO" morsetto XM70-1 e l’impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino all’eliminazione del guasto 1.
Attenzione La tecnica di monitoraggio adottata deve individuare i guasti nei conduttori dei segnali di feedback oppure essi devono essere
protetti contro il corto circuito.

1 Nota relativa alle applicazioni con riparo interbloccato dotato di blocco:


Esistono applicazioni ove l’accesso all’area pericolosa è protetto tramite riparo interbloccato dotato di blocco. In questo caso, in entrambe le configurazioni succitate,
deve essere possibile comandare i movimenti nell’area pericolosa protetta dal riparo solo se il riparo è chiuso e bloccato ed è possibile vincolare o meno lo sblocco del
riparo all’effettivo intervento della funzione STO.
A) Sblocco condizionato da STO attiva. In questo caso la condizione di sblocco del riparo è vincolata:
allo stato di motore fermo, tramite segnale proveniente dal drive, e
allo stato di funzione STO intervenuta, tramite i contatti NC di feed-back.
B) Sblocco NON condizionato da STO. In tal caso l’unica condizione di sblocco del riparo è il segnale di motore fermo. Lo sblocco del riparo non interviene sugli
ingressi della funzione STO, ma questa è attivata dall’apertura del riparo.

IMGT300012IT 65
6A.4.2.2b Configurazione conforme alla categoria 2 EN 954-1:
In corrispondenza ad ogni richiesta della funzione di sicurezza, è necessario prevedere:
• in assenza di alimentazione P24EX verso la "STO" morsetto XM70-1, verifica della chiusura del contatto sui morsetti XM70-3/-4 che indica
che l'alimentazione agli impulsi è interrotta. In caso di errore di feedback attivazione automatica della procedura di allarme "STO", che
dovrà inibire la "STO" morsetto XM70-1 e l’impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino all’eliminazione del guasto 2.
Attenzione La tecnica di monitoraggio adottata deve individuare i guasti nei conduttori dei segnali di feedback oppure essi devono essere protetti
contro il corto circuito.
6A.4.2.3 Limiti di impiego
Per la funzione di sicurezza "STO" valgono i seguenti limiti d'impiego:
• Limite corrente sui contatti di uscita dei relè: 3A / 24Vdc. L’utilizzatore deve installare una protezione contro i c.c. mediante fusibile.
• Corrente minima comando del DRIVE ENABLE (XM1-20): 8mA.
• Corrente minima comando RL1 (XM70-1): 30mA.
• Tempo massimo di ritardo alla chiusura/apertura dei contatti dei relè: 30ms.
• Esclusione del cortocircuito tra la coppia di conduttori d’interconnessione esterna relativa a XM70-3/-4 e XM1-2/-43 mediante protezione
secondo EN 60204-1 (UNI EN ISO 13849-2, prospetto D.4).
• Altri limiti d’impiego come da manuale dell’azionamento.
6A.4.3 Interfacce della funzione di sicurezza con il circuito di comando esterno
Le interfacce della funzione di sicurezza con l’ambiente circostante sono costituite:
• dai comandi sui morsetti XM1-20 e XM1-25, XM70-1 e XM70-2;
• dai contatti di uscita dei relè tra i morsetti XM1-2 e XM1-43 e tra i morsetti XM70-3 e XM70-4.
L’alimentazione del canale 1 è esterna, mentre quella del canale 2 può essere interna od esterna.
Morsettiera XM70 (Canale 1)
Morsetto Tipo Descrizione del Segnale
XM70-1 I Comando "STO" (CANALE 1) da alimentazione esterna 24Vdc-30mA (riferita a XM70-2); il segnale esterno deve essere protetto
da fusibile
XM70-2 C Zero di riferimento comando "STO": deve essere collegato al potenziale di riferimento dell’alimentazione esterna di XM70-2 ed
anche al circuito equipotenziale.
XM70-3 OR Contatto normalmente chiuso del relè RL1 di feedback del canale 1. Limite corrente 3 A / 24 Vdc.
XM70-4 E’ necessario che l’utilizzatore preveda:
• una protezione contro i c.c. mediante fusibile;
• una protezione secondo EN 60204-1 (UNI EN ISO 13849-2, prospetto D.4) per l’esclusione del cortocircuito tra i
conduttori d’interconnessione esterna relativi.
Morsettiera XM1 (Canale 2)
Morsetto Tipo Descrizione del Segnale
XM1-2 OR Contatto normalmente chiuso del relè RL2 di feedback del canale 2. Limite corrente 3 A / 24 Vdc.
XM1-43 E’ necessario che l’utilizzatore preveda:
• una protezione contro i c.c. mediante fusibile;
• una protezione secondo EN 60204-1 (UNI EN ISO 13849-2, prospetto D.4) per l’esclusione del cortocircuito tra i
conduttori d’interconnessione esterna relativi.
XM1-20 I Comando DRIVE ENABLE (CANALE 2), 24Vdc-8mA, riferito a XM1-25. Se non si usa l’alimentazione interna disponibile su
XM1-24, è necessario prevedere una protezione contro i c.c. mediante fusibile del segnale esterno.
XM1-24 Alimentazione interna 24Vdc-100mA, riferita a XM1-25, disponibile per il comando Drive Enable, protetta da fusibile ripristinabile
OS presente su scheda SCADAP
XM1-25 Zero di riferimento per il comando Drive Enable: deve essere collegato al riferimento dell’alimentazione esterna ed anche al
circuito equipotenziale.
Legenda: I = ingresso segnale riferito a comune; IS/OS = ingresso uscita alimentazione;
C = comune; OR = uscita a relè;
6A.4.4 Componenti elementari collegati alla funzione di sicurezza.
RELÈ DI SICUREZZA ¾ relè Schrack di sicurezza, tipo "SR2M-24DC", od equivalente, con contatti 1NO + 1NC, conforme alla norma
EN 50205
SCHEDE ¾ Scheda SCADAP (Regolazione dell’inverter GT3000)
ELETTRONICHE ¾ Schede INTSCA (Interfaccia potenza) + GINSA (SAFE TORQUE OFF )
Per il posizionamento di ciascun componente si dovrà fare riferimento agli schemi elettrici contenuti nel manuale.
Nota: Non è previsto l'uso di componenti complementari collegati alla funzione di sicurezza.

2 Come sopra.

66 IMGT300012IT
GT3000 Large Funzione STO

6A.4.4 Istruzioni di installazione e di manutenzione straordinaria


Le seguenti istruzioni si applicano alla messa in servizio, dopo interventi di manutenzione straordinaria ed almeno una volta l’anno. Per
facilitare le operazioni di verifica è possibile prevedere la possibilità di attivare separatamente i due canali XM1-20 e XM70-1.
Attenzione Le verifiche descritte di seguito devono essere effettuate da personale qualificato e informato circa i rischi delle diverse
operazioni. E’ necessario mantenersi al di fuori dell’area pericolosa ed impedire l’ingresso di personale non addetto alla
verifica. Prima di qualsiasi intervento verificare la presenza ed il corretto intervento del freno di stazionamento nel caso di
assi verticali o inclinati.
6A.4.4.1 Arresto controllato
La funzione STO deve essere attivata con motore fermo oppure l’arresto incontrollato del motore non deve essere pericoloso.
Nel caso di arresto controllato conforme alla categoria 1 della EN 60204-1:
1. configurare il motore per la massima velocità e nell’assetto più gravoso per la macchina dal punto di vista dei tempi di arresto,
2. attivare la funzione di sicurezza relativa alla richiesta di “STO” (es. apertura riparo interbloccato, arresto emergenza, ecc) ;
3. verificare che l’inverter controlli il motore per tutta la durata della decelerazione;
4. verificare che i comandi dei due canali XM1-20 e XM70-1 si disattivino (0V) solo alla fine della decelerazione e con motore fermo;
5. in caso di riparo interbloccato dotato di blocco, verificare che lo sblocco dello stesso avvenga solo a motore fermo;
6. in caso di fallimento di una delle verifiche di cui ai due punti precedenti occorrerà controllare ed adeguare la sequenza di
automazione.
6A.4.4.2 Configurazione conforme alla categoria 3 EN 954-1:
Verifica della mancata ripartenza
1. Attivare la richiesta di “STO” con motore fermo;
2. verificare che nessuno dei comandi dei due canali XM1-20 e XM70-1 sia attivo: in caso contrario adeguare i cablaggi e la sequenza
d’automazione e riprendere dal punto 1;
3. verificare che i due contatti di feedback tra i morsetti XM1-2 e XM1-43 e tra i morsetti XM70-3 e XM70-4 siano entrambi chiusi: in caso
contrario sostituire le schede legate alla sicurezza 3 , e riprendere dal punto 1;
4. predisporre il drive per la rotazione del motore e verificare che non sia possibile comandare la rotazione del motore: in caso contrario
sostituire le schede legate alla sicurezza 4 e riprendere dal punto 1;
5. ripetere le operazioni descritte sopra attivando un solo canale alla volta e verificando l’impossibilità del comando della rotazione del
motore;
6. disattivare la funzione STO riportando “alti” entrambi gli ingressi;
7. verificare l’assenza di cortocircuiti nel cablaggio dei contatti di feedback, rimuovere l’eventuale guasto e riprendere dal punto 1;
Simulazioni di guasto
8. disattivare la richiesta di “STO”; entrambi gli ingressi devono essere ”alti”;
9. interrompere il collegamento sul solo morsetto XM1-20 del canale 2 “Drive Enable”;
10. verificare che il circuito di controllo rilevi il mancato intervento del canale 1 “STO” con l’attivazione automatica della procedura di allarme “STO”
e la conseguente inibizione del canale 1 “STO” ed impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino alla eliminazione del guasto; in
caso contrario verificare le cause di mancato rilevamento del guasto ed intervenire di conseguenza; riprendere le verifiche dal punto 1;
11. disattivare la richiesta di “STO” , ripristinare il collegamento sul morsetto XM1-20 e ripristinare eventuali protezioni;
12. interrompere il collegamento sul solo morsetto XM70-1 del canale 1 “STO”;
13. verificare che il circuito di controllo rilevi il mancato intervento del canale 2 “Drive Enable” con l’attivazione automatica della procedura di allarme
“STO” e la conseguente inibizione del canale 2 “Drive Enable” ed impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino alla eliminazione
del guasto; in caso contrario verificare le cause di mancato rilevamento del guasto ed agire di conseguenza; riprendere dal punto 1;
14. disattivare la richiesta di “STO” , ripristinare il collegamento sul morsetto XM70-1 e ripristinare eventuali protezioni;
15. interrompere alternativamente il cablaggio sui morsetti dei contatti di feed-back, attivare la funzione “STO” e verificare l’attivazione automatica
della procedura di allarme “STO” con l’inibizione dei due canali ed impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino alla eliminazione
del guasto; in caso contrario verificare le cause di mancato rilevamento del guasto, agire di conseguenza e riprendere dal punto 1;
6A.4.4.3 Configurazione conforme alla categoria 2 EN 954-1:
1. Con motore fermo attivare la richiesta di “STO”;
2. verificare che il comando del canale XM70-1 non sia attivo: in caso contrario adeguare i cablaggi e la sequenza d’automazione,
disattivare la richiesta di “STO” e riprendere dal punto 1;
3. verificare che il contatto di feedback tra i morsetti XM70-3 e XM70-4 sia chiuso: in caso contrario sostituire le schede legate alla
funzione di sicurezza5 e riprendere dal punto 1;
4. verificare che non sia possibile comandare la rotazione del motore: in caso contrario sostituire le schede legate alla funzione di
sicurezza6 e riprendere dal punto 1;
5. disattivare la funzione STO riportando “alto” il segnale in ingresso al morsetto XM70-1;
6. verificare l’assenza di cortocircuiti sul cablaggio del contatto di feedback; in caso contrario rimuovere le cause di guasto e riprendere dal
punto 1;
Simulazione di guasto
7. disattivare la richiesta di “STO”;

3 Seguendo le istruzioni riportate nell’apposita specifica.


4 Seguendo le istruzioni riportate nell’apposita specifica.
5 Seguendo le istruzioni riportate nell’apposita specifica.
6 Come sopra.

IMGT300012IT 67
8. interrompere il collegamento dei conduttori sul morsetto XM70-3 o XM70-4;
9. attivare la richiesta di “STO”;
10. verificare l’attivazione automatica della procedura di allarme “STO” e l’impossibilità del ripristino della sequenza di marcia fino alla
eliminazione del guasto; in caso contrario verificare le cause di mancato rilevamento del guasto ed intervenire di conseguenza;
riprendere dal punto 1;
11. disattivare la richiesta di “STO”, ripristinare il collegamento sul morsetto XM70-3 o XM70-4 e ripristinare eventuali protezioni.
6A.4.5 Esempio di configurazione
Riportiamo di seguito un esempio di configurazione caratterizzato da:
• Riparo non interbloccato
• Configurazione STO conforme alla categoria 3 EN 954-1
• Arresto controllato conforme alla categoria 1 della EN 60204-1
• Uscite di comando degli ingressi STO e DREN conformi alla categoria 3 o 4 EN 954-1
• Utilizzo di una centralina di sicurezza tipo 3TK2827
• Conduttori dei segnali di feedback protetti contro il corto circuito
• In caso di errore di feedback attivazione automatica della procedura di allarme "STO" con impossibilità di ripristino della sequenza di marcia fino
alla eliminazione del guasto
Sequenza operativa:
1. All’apertura del riparo cade l’uscita istantanea del modulo di sicurezza che comanda il relè K1, il cui contatto NO toglie il comando di marcia
2. L’uscita ritardata del modulo di sicurezza rimane eccitata per il tempo programmato (maggiore del tempo di arresto necessario al motore)
3. Il motore decelera in modo controllato fino all’arresto
4. Solo dopo l’arresto del motore cade l’uscita ritardata del modulo di sicurezza che comanda i relè K2 e K3, il cui contatti NO tolgono i comandi
DREN e STO
5. ll motore si trova ora nello stato "SAFE TORQUE OFF " e non può generare coppia. Volendo assicurare il blocco della rotazione con coppia di
carico applicata all’asse occorre prevedere un freno meccanico

24Vdc F0

Riparo interbloccato -F -F
ma privo di blocco
Safety-guard interlocked
but without lock

T0

+ F401

F1
24Vdc -F -T2
SCADA PLUS
A1 Y10 Y11 Y12 Y21 Y22 13 23 31 47 57 -F
XM1-24 24Vdc

-K2 -Q2 T3
XM1-20 DI8 Drive Enable
3TK2827
-K1
XM1-13 DI1Start
-KX L1 L2 L3 L1 L2 L3
A2 PE Y33 Y34 14 24 32 48 58
START T1 3 3
(*) + - + -
N/-
02
02 -R02
-T2-R02 43 FBK ENABLE
FDB Enable 43
-S2 -K1
3 -K2 -K3
-T2-XM70 Reset 11.3 -H1 11.4 R1
11.4
FDB STO 4 N/-

-K2 Q2
-K3 -F
-K3 XM70-1
+24Vdc
NOTA XM70-2 T2
-un relè o funzione equivalente per ogni azionamento N/- -XM70
-i relè K2 e K3 con contatti a guida forzata secondo Norma EN50205 XM70-3 SAFETY
TORQUE
XM70-4 OFF R2
NOTE
-a relais or equivalent function for every drive
-relais K2 and K3 with forced track contacts according to
Standard EN50205
(*) Opzione: START comandato via PROFIBUS
Option: START control via PROFIBUS

STOP TYPE: CAT.1 CONTROLLED


SAFETY LEVEL EN954-1 CAT.3
DRIVE TYPE WITH SAFE TORQUE OFF

68 IMGT300012IT
7A RICAMBI

NOTE a) I RICAMBI CONSIGLIATI SONO EVIDENZIATI IN GRASSETTO (DUE ANNI DI ESERCIZIO)


b) IL NUMERO INDICATO SI RIFERISCE ALLA QUANTITA DEI COMPONENTI MONTATI NELL’INVERTER
1

GT3000 LARGE Raffreddamento ad aria Raffreddamento ad acqua


Descrizione Codice SAP 700 1K1 1K3 1K7 850 1K1 1K6 2K3
Scheda di controllo SCADAP (E) ELC452613 1 1 1 1 1 1 1 1
Tastierino (uno solo SVGTBFK (Base) ELC481316 1 1 1 1 1 1 1 1
per inverter) SVGTHFK (Avanzato) ELC481317 1 1 1 1 1 1 1 1
Scheda di potenza SPUFA ELC452638 1 1 1 1 1 1 1 1
Scheda di taratura GTA1750 1000075903 1
GTA11K0 1000072143 1
GTA11K2 1000072137 1
GTA11K7 1000075389 1
GTW1850 1000093072 1
GTW11K1 1
GTW11K6 1000093071 1
GTW12K3 1000092141 1
Scheda interfaccia SK "INTSCA" ELC452389 1 1 1 1 1 1 1 1
Scheda fibre ottiche EXPAR2B 1000005642 1 1 1 1 1 1 1 1
Condensatori di filtro 900UF 1000V FILM ELC225289 9 12 15 18 9 12 18 24
Banco Condensatori di filtro 900UF 1000V FILM 1000092137 1
400V 50Hz (III Gambe) ELP205610
Ventilatore 460V 60Hz (III Gambe) ELP228123 1 1 1 1
400V 50Hz (IV Gambe) ELP205376
460V 60Hz (IV Gambe) 1
1-IGBT 1200A 1000005758
IGBT 6
Pilot Board SK "GSIDA" 1000014432
(Deve essere ordinato con 1-IGBT 1600A 1000084507
6 6
la propria scheda Pilot Board SK "GSIDA" 1000084508
di pilotaggio 1-IGBT 2400A 1000005757
6 6
Pilot Board SK "GSIDA" 1000014395
1-IGBT 3600A 1000003815
6 6 6
Pilot Board SK "GSIDA" 1000004007
Fase CH1A1K3J (chopper) 1000084510
Comprende GTAS750 1000084505 3
2 IGBT GTAS1K0 1000083934 3
TA Lem GTAS1K2 1000083935 3
Condensatori GTAS1K7 1000083936 3
Scheda pilotaggio GTWS850 1000011058 3
GTWS1K1 3
GTWS1K6 1000005755 3
GTWS2K3 1000003881 3
Trasduttore di tensione TV-LEM 10MA/50MA 1000095605 1 1 1 1 1 1 1 1
Alimentatore 100W U=24V-4,5 ELP221237 1 1 1 1 1 1 1 1
Trasduttori LEM 1000/0,2A ELP223424 3
di corrente LEM HAX 1000-S O.L 1000072145 3 3 3
LEM HAX 2000-S O.L. 1000011475 3 3
LEM LT 2005-S 1000003824 3 3
Scheda freno ELC452286 1 1 1 1 1 1 1 1
Scheda fibre ottiche EXPARB (solo per paralleli) 1000005886 1 1 1 1 1 1 1 1

IMGT300012IT 69
Ricambi GT3000 Large

GT3000 LARGE Raffreddamento ad aria Raffreddamento ad acqua


Descrizione Codice SAP 700 1K1 1K3 1K7 850 1K1 1K6 2K3
Raddrizzatore TZ630 22 6P 1000095340 3 3 3 3
di ingresso DZ 540 22 6P 1000009152 3 3 3 3
TD430 22 12P 6 6 6 6
18P
18P
TZ740 22 6P ELC409915 3 3 3 3
DZ 1070A 2200V 6P 1000080117 3 3 3 3
TZ740 22 12P ELC409915 6 6 6 6
DZ 1070A 2200V 12P 1000080117 6 6 6 6
18P
6P
TD215 22 12P 1000005759 6
18P
6P
TD 460A 240 12P ELC230338 6
18P
18P
Fase Alimentazione SCR, Diodes, fuses, filter, 6P 8000000606 1
Scheda di SK "GCPSA" 6P 1000007512 1 1 1 1 1 1 1 1
controllo Precarica 12P 1000007512 2 2 2 2 2 2 2 2
SCR 18P 1000007512 3 3 3 3 3 3 3 3
Scheda 6P 1 1 1 1 1 1 1 1
Filtri FI75B 12P 1000000456 2 2 2 2 2 2 2 2
18P 3 3 3 3 3 3 3 3
Filtri 6P 3 3 3 3 3 3 3 3
B32K750 750VAC 1,2W 12P ELC409586 6 6 6 6 6 6 6 6
18P 9 9 9 9 9 9 9 9
6P 3 3 3 3 3 3 3 3
Fusibili 1A 600V 10X 12P ELC409659 6 6 6 6 6 6 6 6
18P ELC409659 6 6 6 6 6 6 6 6
80A 660V BS88 (precharge) 6P ELC402432 1 1 1 1 1 1 1
6 1 1 1 1 1
Diodo di Double Diode 90A 2000V 12 ELC230337 2 2 2 2 2
precarica 18 3 3 3 3 3
6 1 1
Resistore di RES. 40R 950W 12 ELC22232903 2 2
precarica 18 3 3
6 1
RES. RFH1100 20OHM 12 ELP22232905 2
18 3
6 1 1 1
RES. RFH1100 25OHM 12 ELP22232904 2 2 2
18 3 3 3

GT3000 LARGE OPZIONI


Descrizione Codice SAP Pezzi per inverter
SVGTRK KIT remotaggio tastierino ELC452936 1
SVGTPDP (Kit Profibus) ELC452614 1
SVGTMRTU (KIT Modbus) 1000073141 1
GTSDNT Scheda Anybus DeviceNet) 1000007778 1
GSABA Scheda Interfaccia Anybus DeviceNet) 1000008534 1
SVSIOS1A Scheda espansione I/O Digitali ELC452264 1
SVS2AB Convertitore a due canali 10V/0V/-10V / 0(4)-20mA ELC481003 1
AFE Trasformatore di sincronismo 1000000937 1

70 IMGT300012IT
APPENDICE A1 MORSETTI E SCHEMI FUNZIONALI
Morsetti di potenza e ausiliari
Versione Standard
Descrizione Morsetto
INGRESSO L1
L2
L3
PE
USCITA U
V
W
PE
DC BUS +

FRENO= RE+
RE−
VENTILATORE LV1
3 PH LV2
LV3
ALIMENTAZIONE XM3B-2
SCHEDA DI CONTROLLO XM3B-4
PROTEZIONE TERMICA XM3B-5
SLAVE XM3B-6
PRECARICA XM2B-3
OK XM2B-4
CNT XM2B-5
OK XM2B-6

Versione a12-18 impulsi


Descrizione Morsetto
INGRESSO L1A
L2A
L3A
PE
L1B
L2B
L3B
PE
L1C
L2C
L3C
PE

IMGT300012IT 71
Morsetti e disegni funzionali GT3000 Large

72 IMGT300012IT
GT3000 Large Morsetti e disegni funzionali

IMGT300012EN mar-08 73
Morsetti e disegni funzionali GT3000 Large

74 IMGT300012IT
GT3000 Large Morsetti e disegni funzionali

GT3000 Large 6P

L3 U
RETE L2 V MOTORE
MAINS L1 W MOTOR
PE PE
VENTILATORE TRIFASE
THREE-PHASE FAN

U1 400V 50Hz 4A
V1
W1
230V 50/60Hz
XMA3-2 0,5A ALIMENTAZIONE CONTROLLO

XM3A-4

GT3000 Large Bus D.C.

+ U
RETE V MOTORE

MAINS (DC)
- W MOTOR
PE PE
VENTILATORE TRIFASE
THREE-PHASE FAN

U1 400V 50Hz 4A
V1
W1
230V 50/60Hz
XMA3-2 0,5A ALIMENTAZIONE CONTROLLO

XMA3-4

GT3000-LARGE 12P

PE
L3A
L2A
RETE L1A
L3B U
L2B MOTORE
L1B MOTOR
V

-
PE U1
AC
V1
230V 50/60 Hz Scheda di VENTILATORE TRIFASE
XMA3 -2 Alimentatore W1
0,5A controllo 400V 50-Hz 4A
XMA3 -4

IMGT300012IT 75
GT3000 Large

IMGT300012IT
L3 U
L2 V
RETE

L1 W
PE
PE
U1
V1
W1
VENTILATORE TRIFASE
XM3B -2

M
SLAVE
XM3B -4 ALIMENTAZIONE PILOTAGGI
U
L3
L2 V
RETE

L1 W
PE
PE
Morsetti e disegni funzionali

U1
V1
W1

MASTER
VENTILATORE TRIFASE
XM3A -2
ALIMENTAZIONE CONTROLLO
XM3A -4

76
Morsetti e disegni funzionali

77
+ U
V
- W
PE
PE
U1
V1
W1
VENTILATORE TRIFASE

SLAVE
XM3B -2

M
XM3B -4 ALIMENTAZIONE PILOTAGGI
+ U
V
- W
PE
PE
U1
V1
W1

MASTER
VENTILATORE TRIFASE
XM3A -2
ALIMENTAZIONE CONTROLLO
XM3A -4

IMGT300012IT
GT3000 Large
Morsetti e disegni funzionali GT3000 Large

78 IMGT300012IT
APPENDICE A2 ISTRUZIONI EMC
A2.1 EN61800-3
EN 61800-3:2004 Adjustable speed electrical drive systems. Part 3: E’ la norma EMC per prodotto standard che include i metodi di prova specifici. Il
periodo di transizione dalla norma EN 61800-3:1996 esistente termina il primo Ottobre 2007.
La EN 61800-3 include l’azionamento dalla connessione di rete all’albero motore, definisce quattro diverse categorie C1 - C4, diversi tipi di ambiente
di installazione (area residenziale/industriale), porte esterne e interfacce interne.
Essa definisce i criteri di valutazione per le caratteristiche operative in caso di interferenze alle porte esterne e alle interfacce interne in base al luogo di
installazione.

A2.2 AMBIENTE DI INSTALLATIONE (Definizione)


Primo Ambiente (area residenziale e commerciale):
Ambiente che comprende utenze domestiche. Comprende anche le utenze industriali collegate direttamente, senza trasformatori intermedi; ad una
rete a bassa tensione che alimenta edifici adibiti a scopi domestici.
Secondo Ambiente (area industriale):
Ambiente che comprende tutte le utenze industriali diverse da quelle collegate direttamente ad una rete a bassa tensione che alimenta edifici adibiti a
scopi domestici.
NOTA Per i PDS installati nel secondo ambiente, l’utente deve assicurare che non vengono indotti nella rete eccessivi disturbi, anche se la
propagazione è attraverso una rete in media tensione.”
Rete privata
La rete privata è caratterizzata per essere alimentata da una rete dedicata in media tensione e per non alimentare aree residenziali.
Tipicamente, la rete privata alimenta edifici commerciali, uffici in edifici residenziali, centri commerciali, ecc. L’operatore puo’ decidere se realizzare la
rete in base al primo o secondo ambiente come definito dalla norma.
Una rete privata in bassa tensione puo’ essere considerata come un impianto in conformita’ con le norme EMC. La normativa EMC è valutata in
accordo con i limiti fisici dell’impianto, l’emissione e l’immunita’ ai disturbi irradiati a RF sono valutate in base ai limiti dello spazio ed i disturbi condotti
sono valutati in base all’ingresso sulla rete di alimentazione.

Classificazione delle categorie in base all’ambiente di installazione

A2.3 EN 61 800-3 Ed.2 Categorie


Categoria C1: PDS con tensione nominale inferiore a 1000V, progettato per uso illimitato nel primo ambiente.
Categoria C2: PDS con tensione nominale inferiore a 1000V, progettato per uso nel secondo ambiente. E’ possibile l’uso nel primo ambiente
attenendosi ai seguenti criteri:
 Tensione nominale < 1000 V.
 Non sia un dispositivo a presa.
 Non sia un dispositivo rimovibile.
 Installazione e gestione unicamente da un tecnico qualificato (una persona/organizzazione con le necessarie conoscenze
nell’installazione e/o nella gestione dei convertitori di potenza incluso i loro aspetti EMC).
 Sono riportate le Avvertenze per l’uso.
Avvertenze per le istruzioni d’uso:
“Questo è un prodotto di categoria C2 in accordo con la IEC 61800-3. In un ambiente domestico questo prodotto puo’ causare radio
interferenze in tal caso possono essere richieste misure supplementari per ridurre le interferenze.”
Categoria C3: PDS con tensione nominale <1000V, progettato per uso esclusivo nel secondo ambiente.
Avvertenze per le istruzioni d’uso:
“Tale tipo di PDS non è previsto per essere usato su una rete pubblica in bassa tensione che alimenta utenze domestiche. L’uso su
tale rete provoca interferenze a radio frequenza”.
Categoria C4: Per uso nel secondo ambiente, che soddisfi almeno uno dei seguenti punti:
 Tensione nominale ≥1000 V
 Corrente nominale ≥400 A
 Collegamento ad una rete IT
 Richieste prestazioni dinamiche saranno limitate come conseguenza del filtraggio
Deve essere predisposto un piano EMC!

IMGT300012IT 79
Installazione GT3000 Large

A2.4 Soluzioni utilizzate per assicurare la conformità alle emissioni.


Le emissioni possono essere suddivise in due tipi, le emissioni condotte e quelle radiate. I disturbi possono essere emessi in diversi modi. I disturbi
condotti possono propagarsi ad altre attrezzature attraverso tutti i componenti conduttivi, tra cui i cavi, la messa a terra e il telaio metallico degli armadi.
Emissioni condotte: Possono essere ridotte nel modo seguente:
Con filtri RFI per i disturbi ad alta frequenza
Usando soppressori di sovratensione sulle bobine di relè, contattori, elettro-valvole, etc. per attenuare la formazione di
scintille durante la commutazione
Utilizzando anelli di ferriti in corrispondenza dei punti di collegamento della potenza
Emissioni irradiate: Al fine di evitare i disturbi trasmessi attraverso l'aria, tutti i componenti degli azionamenti elettrici devono costituire una
gabbia di Faraday per contrastare le emissioni radiate.
Per azionamento elettrico s'intendono anche gli armadi, le scatole ausiliarie, i cablaggi, i motori, ecc.
Segue un elenco di alcuni metodi volti ad assicurare la continuità della gabbia di Faraday:
Armadi: • L'armadio deve avere una finitura anticorrosione non verniciata in tutti i punti di contatto con altre piastre, porte, ecc.
• Tutti i contatti tra metalli devono essere privi di vernice, con guarnizioni di tenuta conduttive se necessario.
• Utilizzare piastre d'installazione non verniciate, collegate al punto comune di messa a terra, assicurando che tutti i singoli
componenti metallici siano saldamente collegati, in un unico percorso di messa a terra.
• Utilizzare guarnizioni di tenuta conduttive in corrispondenza di porte e coperchi. E' opportuno fissare i coperchi a intervalli
non superiori a 100 mm nei punti dove potrebbero sfuggire radiazioni.
• Separare il lato "sporco" dal "lato pulito" relativamente ai disturbi radiati mediante chiusure metalliche e attraverso una
progettazione specifica.
• Ridurre al minimo la presenza di aperture nell'armadio.
• Utilizzare materiali con buone proprietà di attenuazione, ad esempio materiali plastici con rivestimento conduttivo,
nell'impossibilità di utilizzare un armadio metallico.
Cablaggi: • Utilizzare ingressi cavi specifici HF per la messa a terra alle alte frequenze delle schermature dei cavi.
• Utilizzare guarnizioni di tenuta conduttive per la messa a terra HF delle schermature dei cavi di controllo.
• Schermare tutti i cavi dell'alimentatore e dell'unità di controllo. Attenersi ai manuali specifici dei singoli prodotti.
• Posizionare separatamente i cavi dell'alimentatore e dell'unità di controllo.
• Utilizzare cavi intrecciati per evitare disturbi in modo comune.
• Utilizzare anelli ferriti per i disturbi in modo comune, in base alla necessità.
• Selezionare e posizionare correttamente i fili interni.
Installazione: • Gli ausiliari utilizzati con i moduli di azionamento completi devono essere prodotti con marcatura CE in base alla direttiva EMC
e alla direttiva Bassa tensione, NON SOLO con riferimento a quest'ultima, a meno che non siano esenti, p.es. se utilizzati con un
componente privo di funzione diretta.
• Selezionare e installare gli accessori in conformità alle istruzioni del produttore.
• Messa a terra a 360° sull'asse motore. Vedi manuali specifici dei singoli prodotti.
• Metodi di cablaggio interno corretti.
• Particolare attenzione alle modalità di messa a terra.

A2.5 FILTRI RFI


I limiti di emissione EMC per i PDS dipendono dall’ambiente di installazione, dal tipo della rete di alimentazione e dalla potenza del convertitore.
I filtri RFI sono impiegati per attenuare i disturbi condotti in un punto di connessione della linea dove il filtro mette a terra i disturbi.
I filtri RFI sono necessari quando l'azionamento elettrico è collegato ad una rete pubblica a bassa tensione (Primo Ambiente).
Si raccomanda inoltre di utilizzare filtri nelle installazioni industriali (Secondo ambiente), se nel vicinato vi sono apparecchiature che
potrebbero essere danneggiate dalle emissioni, benché la norma di prodotto attualmente non imponga alcun limite alle emissioni
Installazione del filtro RFI:
Perché il filtro funzioni correttamente, è necessario assicurare collegamenti affidabili a bassa impedenza/HF, e pertanto è opportuno seguire le
seguenti indicazioni.
• Assemblare il filtro su una piastra metallica con punti di collegamento non verniciati in conformità alle istruzioni fornite dal produttore del filtro.
• Unire con bulloni in più punti i telai dell'armadio del filtro (se separato) e l'armadio dell'azionamento. Rimuovere eventuale vernice da tutti i punti di
collegamento.
• I cavi d'ingresso e di uscita del filtro non devono essere posizionati in parallelo e vanno separati uno dall'altro.
• La lunghezza massima del cavo tra il filtro e l'azionamento deve essere inferiore a 0,3m, per lunghezze superiori usare cavo schermato.
•Posizionare il filtro in modo da non ostruire il canale di ventilazione del convertitore.
• Il filtro deve essere messo a terra in modo conforme alle istruzioni del produttore. Si ricorda che il tipo e le dimensioni del
cavo costituiscono un fattore critico.
Nota: Non è possibile utilizzare filtri nelle reti flottanti (reti IT) dove sia presente un'elevata impedenza o non vi siano collegamenti fisici tra le fasi e la
messa a terra.
•Prevedere soppressori di sovratensione sulle bobine di relè, contattori, elettro-valvole anche quando questi siano installati all’esterno dell’armadio.

80 IMGT300012IT
GT3000 Large Installazione

RFI in reti con neutro a terra (TN o TT ):


I filtri sono adatti solo per reti con neutro a terra (es. Rete pubblica europea a 400 V.
Secondo la EN 61800-3, i filtri non sono compatibili con reti flottanti (rete IT ).
DISPOSITIVI DI CONTROLLO DI ISOLAMENTO
I filtri (con i loro resistori di scarica interni), i cavi, il convertitore ed il motore
presentano complessivamente un a considerevole capacita’ verso terra che causa
un aumento della corrente di fuga verso terra (>30mA).
Il dispositivo di protezione verso terra deve essere adatto per tali valori.
Reti flottanti IT:
Per reti flottanti, denominate anche reti IT, senza collegamento a terra, o con impedenza/resistenza (maggiore di 30Ω )verso terra (, se è previsto il
filtro RFI:
• Scollegare il filtro prima di collegare il convertitore alla rete.
• Se sono necessari requisiti EMC, verificare l’eventuale eccessiva emissione verso la vicina rete a bassa tensione. In alcuni casi, la soppressione
naturale nel trasformatore e nei cavi è sufficiente. Nel dubbio, usare un trasformatore con schermo tra primario e secondario.
Il filtro deve essere collegato a terra prima di dare tensione.
ATTENZIONE Il filtro puo’ essere usato solo con reti bilanciate.
Non collegare o scollegare il filtro con rete inserita.
Se un convertitore con filtro EMC è installato su una rete IT, il sistema sara’ collegato al potenziale di terra attraverso i
condensatori del filtro EMC. Cio’ puo’ provocare danni all’unita’.
Il filtro non deve essere collegato all’uscita del convertitore (lato motore).
Reti con collegamento a terra asimmetrico
Una rete con collegamento a terra asimmetrico è illustrata nelle seguenti figure. In tali reti, il filtro RFI deve essere scollegato.
Se non è nota la configurazione di terra scollegare il filtro RFI.
Reti con collegamento a terra asimmetrico – il filtro RFI deve essere scollegato

Terra nel punto intermedio di una fase Terra su un angolo del triangolo

IMGT300012IT 81
Installazione GT3000 Large

A2.6 GT3000 Conformita’ alla IEC 61800-3

I GT3000, con filtro RFI, è un prodotto di categoria C3 e C4 e pertanto soddisfa i requisiti definiti nella EN 61 800-3 per il secondo ambiente.
I GT3000, con filtro opzionale di classe B e con lunghezza dei cavi motore inferiore a 25 metri., puo’ essere considerato un prodotto di categoria C2 e
quindi soddisfa anche i limiti ridotti del primo ambiente
ATTENZIONE!: “Questo è un prodotto di categoria C2 in accordo con la IEC 61800-3. In un ambiente domestico questo prodotto può
causare radio interferenze in tal caso possono essere richieste misure supplementari per ridurre le interferenze.”
Gli avvertimenti e le raccomandazioni di installazione di questo manuale devono essere rispettate.
Per limitare le emissioni i GT3000 sono previsti con filtro EMC (installato all’interno o all’esterno dell’inverter in base alla taglia dello stesso).
Sono disponibili filtri RFI opzionali per l’uso del convertitore nel primo ambiente.
Nota: a) Il convertitore non deve essere equipaggiato con filtro EMC se è installato su una rete flottante (IT). La rete sarebbe collegata al
potenziale di terra attraverso i condensatori del filtro EMC con conseguenti possibili danni all’unita’.
b) Fare riferimento al paragrafo 3A.2.1.1 per il collegamento del filtro RFI al convertitore.
c) I codici dei filtri RFI sono riportatati in Tabella A2.9.2

Nota:
Se le suddette disposizioni non possono essere osservate, (es.il convertitore non puo’ essere provvisto di filtro EMC in quanto installato su una rete
flottante (IT), i requisiti della Direttiva EMC per distribuzione ristretta, possono essere soddisfatti nel modo seguente:
1. Assicurarsi che non venga generata una eccessiva emissione verso la vicina rete a bassa tensione. In alcuni casi, la soppressione naturale nel
trasformatore e nei cavi è sufficiente. Nel dubbio, usare un trasformatore con schermo tra primario e secondario.

Rete in media tensione


Trasformatore di alimentazione

Rete contigua
Schermo statico

Punto di misura

Bassa tensione

Dispositivo
(vittima) Drive

Equipaggiamento Equipaggiamento

2. Un piano EMC plan per prevenire i disturbi è stato definito per la specifica installazione.
3. Sono stati previsti cavi di potenza e di controllo come richiesto nel Manuale.
4. Il convertitore è stato installato secondo le istruzioni del Manuale.
Tabella A2.9.2 – Filtri RFI
Filtri RFI A class (montaggio esterno)
GT3000
Cl.1 Cl.2
GTA1700KEN ELC40893103 ELC40893103
GTA11K1KEN ELC40893104 ELC40893104
GTA11K3KEN ELC40893105 ELC40893104
GTA11K7KEN ELC40893105 ELC40893105
GTW1850KEN ELC40893104 ELC40893103
GTW11K1KEN ELC40893104 ELC40893104
GTW11K6KEN ELC40893105 ELC40893104
GTW12K3KEN ELC40893106 ELC40893105

82 IMGT300012IT
GT3000 Large Installazione

A2.7 CAVI MOTORE


A2.7.1 Cavi di collegamento tra inverter e motore
NOTA: I cavi di potenza del motore devono essere schermati. Se non si usano cavi schermati potrebbe sorgere problemi RFI
I cavi schermati assicurano una elevata immunita’ dell’impianto contro i disturbi generati dall’inverter.
Il cavo schermato fa in modo che la corrente ad alta frequenza torni direttamente all’inverter attraverso la schermatura, invece di scorrere attraverso la
carcassa del motore.
La schermatura del cavo deve essere continua e deve essere collegata a terra su entrambe i capi: sia sul morsetto di terra del motore che sul morsetto
di terra PE dell’inverter.
In generale, prevedere sempre un cavo dedicato – con sezione minima pari al 50% del cavo di fase – che collega direttamente il morsetto PE
dell’inverter con il corrispondente morsetto del motore. Tale cavo ha la funzione di fornire una via preferenziale di chiusura per riportare i disturbi
generati dall’inverter allo stesso evitando agli stessi di propagarsi al sistema di terra dell’impianto
Il collegamento di terra del motore deve essere realizzata localmente direttamente al sistema di terra dell’impianto.

Morsettiera motore U
C AVO
SC H ER M AT O

Figura A2.7
Connessione tipica sul motorer W

A2.7.1.1 Tipologia di cavi di collegamento tra inverter e motore

a) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico:
- 3 conduttori di fase disposti in modo simmetrico
- Conduttore singolo non schermato
- 3 Conduttori PE disposti in modo simmetrico
- Schermo esterno per i conduttori di fase e PE.
b) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico: uguale al precedente ma con un unico cavo PE
posizionato al centro del cavo.

c) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico: schermo con sezione superiore al 50% della
sezione di ogni conduttore di fase, (non occorre un altro conduttore PE).

d) Non permesso

e) Non permesso

IMGT300012IT 83
Installazione GT3000 Large

Collegamenti Inverter – Motore con cavo schermato simmetrico

Collegamenti lato convertitore :


a) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati alla sbarra di terra del quadro convertitore;
b) se per ragione di portata in corrente è necessario utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre conduttori di ciascun cavo
tripolare alle tre fasi U, V, W .
Collegamenti lato motore :
c) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati alla carcassa del motore; a questo scopo nella morsettiera del motore deve
essere prevista una opportuna piastra di fissaggio;
d) se per ragione di portata in corrente è necessario utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre conduttori di ciascun cavo
tripolare alle tre fasi U, V, W .
La figura riporta schematicamente il collegamento fra Inverter e Motore; viene messa in evidenza la connessione fra carcassa Motore e sbarra di
terra del quadro Inverter realizzata mediante i cavi di collegamento inverter motore ( schermo e conduttori PE ).

Messa a terra
Quadro Inverter e Motore sono collegati individualmente allo stesso sistema di terra; i cavi di collegamento fra Inverter e Motore sono messi a terra da
entrambi i lati ( sia i conduttori PE che gli schermi di tali cavi ).
Collegamenti dei cavi lato convertitore e lato motore
Collegamenti lato convertitore :
a) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati
alla sbarra di terra del quadro convertitore;
b) se per ragione di portata in corrente è necessario
utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre
conduttori di ciascun cavo tripolare alle tre fasi U, V,
W.
Collegamenti lato motore :
a) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati
alla carcassa del motore; a questo scopo nella
morsettiera del motore deve essere prevista una
opportuna piastra di fissaggio;
b) se per ragione di portata in corrente è necessario
utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre
conduttori di ciascun cavo tripolare alle tre fasi U, V,
W.

NOTA: I cavi motore molto lunghi, a causa della corrente di dispersione verso terra e l’elevata frequenza di commutazione, possono causare possono
causare l’intervento del dispositivo di rilievo guasto a terra Sostituire il dispositivo con uno meno sensibile oppure alimentare l’inverter con un
trasformatore dedicato.

84 IMGT300012IT
GT3000 Large Installazione

A2.8 SCHERMATURE CAVI DI SEGNALE


I cavi per segnali digitali con lunghezza superiore a 3 metri e tutti i cavi per segnali analogici devono essere schermati . Lo schermo non deve
presentare interruzioni e deve essere, normalmente, collegato ad entrambi le estremita’ con morsetti metallici o dispositivi analoghi, posti direttamente
su superfici metalliche pulite, purche’ i punti di messa a terra facciano parte della stessa linea di terra. In caso contrario, occorre collegare un
condensatore (10 nF-2 KV) alla linea di terra su una estremita’.
Nei rari casi in cui la corrente circolante nello schermo causa interferenza con i segnali da schermare, la schermatura deve essere collegata solo dal
lato del drive
Nell’armadio del convertitore, e’ necessario effettuare questo tipo di collegamento direttamente sulla lamiera in prossimita’ dei morsetti e, se il cavo
proviene dall’esterno, anche sulla sbarra PE; all’altra estremita’ del cavo, la schermatura deve essere saldamente collegata all’alloggiamento dell’unita’
emittente o ricevente.
Nella messa a terra di cavi schermati, usare una connessione a 360° ed evitare assolutamente la connessione tipo “pig-tail” (coda di maiale), cioe’
connettere lo schermo a terra tramite un cavetto oppure utilizzare lo schermo, arrotolato e connesso a terra.
Usare un doppino twistato e schermato per i segnali analogici. Tale tipo di cavo è raccomandato anche per i segnali dell’encoder. Usare un doppino
per ogni segnale.
Non usare un unico cavo comune di ritorno per segnali analogici diversi.
Un doppino schermato è la miglior soluzione per i segnali digitali in bassa tensione ma possono essere usati anche cavi multipolari schermati con
doppino twistato.

Cavo multipolare con doppini twistati e schermati Cavo multipolare schermato con doppino twistato

Usare cavi di segnale digitali separati da quelli di segnale analogici.


Si raccomanda di usare cavi twistati per i rele’, tali cavi (con tensione non superiore a 48V) possono viaggiare insieme ai segnali digitali.
Non mischiare cavi a 24 Vcc e cavi a 115 / 230 Vca nello stesso cavo.
Sezione massima dei cavi di controllo: 1,5mm2 (AWG16)

• I cavi di controllo devono essere


mantenuti ad una distanza
superiore a 0.3m (1 foot) dai cavi
GT3000
di potenza.
• Installare i cavi di potenza ed i
cavi di segnale in canaline
separate.
Se necessario incrociare cavi di
potenza e di segnale effettuare Incrocio a 90°
l’incrocio con un angolo a 90°.
≥0.3m

Figura A2.8 Percorso cavi Cavi di potenza

≥ 0.3m
Cavi di controllo

IMGT300012IT 85
Installazione GT3000 Large

A2.9 Collegamento a terra


Per problemi di sicurezza, corretto funzionamento e per ridurre le emissioni elettromagnetiche, il convertitore ed il motore devono essere messi a terra
sul luogo dell’installazione. Un collegamento a stella è accettabile ma non è il sistema preferito.
• La sezione del cavo di terra deve essere adeguata alle disposizioni della nazione in cui viene installato il convertitore.
• Lo schermo dei cavi di potenza deve essere collegato al morsetto PE del convertitore per soddisfare i requisiti di sicurezza.
• Nelle applicazioni plurimotore non collegare i cavi di terra dei convertitori in serie.
• Il quadro deve prevedere una propria sbarra di terra a cui collegare tutti i dispositivi; tale sbarra deve essere collegata alla terra dell’impianto.
• Il collegamento di terra deve essere il piu’ corto possibile.
• La terra dell’azionamento deve essere separata da quella di altri dispositivi.
• I disturbi RFI richiedono una grossa sbarra di terra a causa dell’effetto pelle.
• Lo schermo dei cavi di potenza è adatto per essere usato come cavo di terra solo se ha una sezione adeguata alle norme di sicurezza.

GTA/W1 GTA/W1 GTA/W1 GTA/W1 GTA/W1 GTA/W1

PE PE PE PE PE PE

a) Collegamento preferito b) Collegamento accettabile


Cavo di terra PE

 ATTENZIONE
Fare riferimento alle norme locali per la corretta sezione dei cavi.

Fianco destro
40

Rigth side
5

40 100 40
30

13
PE

86 IMGT300012IT
APPENDICE A3. GT3000 LARGE CON RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
A3.1 Centralina

IMGT30012IT 87
Raffreddamento ad acqua Appendice A3

LEGENDA
WT01 serbatoio in pressione fluido refrigerante; S2 uscita circuito primario dello scambiatore;
PMS unità di controllo pressione; S3 ingresso circuito secondario dello
FS sensore di flusso; S4 scambiatore;

MNF unità di controllo flusso; PW0x ingresso circuito primario dello scambiatore;

TMS unità di controllo temperatura e relativo sensore MP0x Pumpa


PT100; motore pompa;
F VS
HE01 filtro; VSP valvola di spurgo aria;
scambiatore di calore acqua/acqua; valvola di sovrapressione;
HE02 V14/15/C1
sistema di miscelazione/by-pass per scambiatore Vxx. valvola di non ritorno;
acqua/aria esterno; valvola di intercettazione.
S1
uscita circuito secondario dello scambiatore;

A3.1.1 Funzionamento idraulico


La portata di fluido refrigerante è garantita dal funzionamento di un gruppo “pompa-motore” (-PW01 / -MP01 oppure -PW02 / -MP02,
uno in stand-by all’altro). Il fluido è inviato al convertitore attraverso le condotte di mandata (water to converter) e dopo aver raffreddato i
dispositivi elettronici di potenza rientra in centralina (water from converter) per essere riportato alle condizioni iniziali di portata e
temperatura. Con riferimento allo schema di fig. 2, il fluido in ritorno dall’inverter, dopo aver attraversato la valvola -V2, passa nello
scambiatore di calore -HE01 attraverso la valvola -V5 sino ad arrivare in aspirazione ad una delle due pompe dopo aver attraversato
nell’ordine la valvola -V7, il filtro per le impurità -F, la valvola -V10 e la valvola -V12 oppure -V13. Lo schema di fig. 3 mostra un circuito
idraulico del tutto identico a quello di fig. 2, ad eccezione del sistema di raffreddamento che prevede l’utilizzo di uno scambiatore
esterno tipo acqua/aria.
Nota:
• La valvola -V11 è normalmente chiusa, le valvole -V4 e -V19 sono normalmente chiuse ed hanno la sola funzione di consentire
lo svuotamento del circuito idraulico;
• Le valvole -V3, -V9 e -V30 sono normalmente chiuse ed hanno la sola funzione di by-pass;
• La valvola -VC2 è normalmente chiusa e viene aperta solo per consentire il riempimento del sistema idraulico (water
introduction);
• La valvola di non ritorno -VC1 è necessaria durante la fase di riempimento del circuito idraulico;
• Le valvole di non ritorno -V14 e -V15 sono necessarie ad impedire che il fluido in uscita dalla pompa in funzione ricircoli nella
pompa in stand-by;
• La valvola di sovrapressione -VSP ha funzione di sicurezza;
• La valvola -VS ha funzione di spurgo per l’aria contenuta nel circuito idraulico.

A3.1.2 Scambiatore di calore


• Acqua/aria: Il fluido attraversa un pacco tubiero investito da un flusso di aria forzata. si realizza così uno scambio
termico per convezione tra aria e tubi che rende possibile il raffreddamento del fluido. A seconda delle
circostanze le tipologie costruttive per questo tipo di scambiatore possono differire tra loro.
• Acqua/acqua: È costituito da un circuito primario e da un circuito secondario attraversati rispettivamente dal fluido
refrigerante proveniente dall’inverter e dall’acqua di raffreddamento resa disponibile da fonte esterna. Ogni
circuito è formato da piastre metalliche la cui disposizione è tale da garantire al meglio lo scambio termico
per conduzione fra primario e secondario. In fig. A3.4 è visibile il tipico scambiatore acqua/acqua.

88 IMGT30012IT
Appendice A3 Raffreddamento ad acqua

-HE01

Figura A3.2 - Scambiatore di calore acq


Il filtro -F ha la funzione bloccare le impurità con dimensioni maggiori di 1,8 ÷ 2,2 mm eventualmente presenti nel fluido.

-F

Figura A3.3 - Filtro

IMGT30012IT 89
Raffreddamento ad acqua Appendice A3

A3.1.3 Controllo efficienza fluido


Per ottenere una corretta azione di raffreddamento è necessario che il fluido in mandata all’inverter abbia determinate caratteristiche di
pressione, temperatura, portata e conducibilità. Per tale motivo vengono realizzati in centralina quattro differenti tipi di controllo, uno per
ogni grandezza indicata. Di seguito è fornita una breve descrizione per ognuno di essi:
• Controllo della PRESSIONE nel circuito idraulico: mediante il sistema di misura realizzato con sensore di pressione e
trasmettitore, viene comunicato il valore della grandezza all’unità di controllo -PMS. In essa sono programmate due soglie
d’intervento, una per basso valore e l’altra per bassissimo valore di pressione. La prima è una soglia d’allarme mentre la seconda
è di blocco. Entrambi i limiti vanno regolati in fase di collaudo secondo quanto indicato nel manuale della centralina.
• Controllo della TEMPERATURA del fluido in mandata all’inverter: mediante un sistema di misura realizzato con sensore di
temperatura PT100 e trasmettitore, viene comunicato il valore della grandezza all’unità di controllo -TMS. In essa sono
programmate due soglie d’intervento, una per alto valore e l’altra per altissimo valore di temperatura. La prima è una soglia
d’allarme mentre la seconda è di blocco. Entrambi i limiti vanno regolati in fase di collaudo secondo quanto indicato nel manuale
della centralina.
• Controllo della PORTATA del fluido in ritorno dall’inverter: mediante il sistema di misura -FS, realizzato con sensore di portata e
trasmettitore, viene comunicato il valore della grandezza all’unità di controllo –MNF. In essa sono programmate due soglie di
intervento, una per basso valore e l’altra per bassissimo valore di portata La prima è una soglia d’allarme mentre la seconda è di
blocco. Entrambi i limiti vanno regolati in fase di collaudo secondo quanto indicato nel manuale della centralina.
Ogni unità di controllo è munita di un display LCD e di un tastierino necessari per la
configurazione delle soglie di intervento e la lettura delle grandezze misurate. Sono,
inoltre, presenti due led per la segnalazione di allarme attivo e blocco raggiunto. Per
ogni informazione specifica sulle unità di controllo impiegate, consultare i relativi
manuali allegati alla documentazione di commessa.

-PMS

-TMS

-FS

Figura A3.4 - Sistemi di misura

A3.1.4 Allarmi e protezioni


La verifica dell’efficienza del fluido refrigerante comporta controlli sui valori di pressione, portata e temperatura. Ogni controllo prevede il
confronto fra la grandezza misurata e le soglie d’intervento programmate. Con Il superamento delle soglie si generano allarmi e/o
blocchi che vengono segnalati sia dai led delle unità di controllo visibili a fronte quadro, sia dal dispositivo di segnalazione allarmi e
blocchi installato a fronte dello scomparto. A drive in funzione, l’attivazione di uno o più allarmi da centralina non determina ne l’arresto
dell’inverter ne quello della centralina; il sopraggiungere di un blocco genera, invece, l’arresto dell’inverter. In questo caso il blocco della
centralina è comandato solo nell’eventualità che il procedere del funzionamento possa generare danni al sistema idraulico. A drive non
in funzione, l’attivazione di uno o più allarmi e/o blocchi preclude ogni possibilità di avviare l’inverter.
Sono previsti i seguenti allarmi e blocchi: Allarme bassa portata; Allarme alta temperatura; Allarme bassa pressione; Blocco
bassissima
portata; Blocco altissima temperatura; Blocco bassissima pressione.

Segnalazione allarmi e blocchi: Il sistema di raffreddamento ha due modalita’ di segnalazione degli allarmi e delle protezioni:
1. Spegnimento del led dedicato sull’unità di controllo (esiste un led per ogni allarme ed uno per ogni blocco);
2. Messaggio sul display dell’unità di segnalazione allarmi e blocchi.

90 IMGT30012IT
Appendice A3 Raffreddamento ad acqua

A3.2 Note relative all’installazione ed i componenti

Per impedire corrosioni elettrochimiche e trasmissioni di vibrazioni, il GT3000 deve essere connesso all‘andata e ritorno con un tubo
flessibile elettricamente non conduttivo. La lunghezza del tubo (in totale) deve essere superiore a 1.5 m.
Se viene utilizzata una tubazione in plastica, il suddetto tubo non è necessario.
L‘allacciamento dei tubi per l‘acqua deve essere intrapreso prima del montaggio del convertitore.
Se al montaggio vengono usate fascette per tubo, controllarne il serraggio ogni tre mesi.

Fig. A3.1 Circuito acqua di raffreddamento per convertitore GT3000


La pressione di lavoro è da fissare in funzione dei rapporti di fluido della rete dell‘acqua di raffreddamento nell‘andata e ritorno.
La quantità di acqua necessaria per unità di tempo è da tarare secondo le tabella A3.2
Questo può avvenire p.e. tramite la valvola con indicazione di portata.
L’utente deve prevedere opportuni accorgimenti per il mantenimento della pressione di esercizio max. ammissibile (≤ 1 bar). E‘
indispensabile l‘inserimento di un dispositivo di regolazione pressione.
Con sistemi di raffreddamento chiusi sono da prevedere dispositivi di equilibratura pressione con valvola di sicurezza (≤ 3 bar) e
dispositivi per lo scarico aria. Il sistema di raffreddamento al riempimento deve essere svuotato dall'aria.
Per la sicura garanzia della necessaria quantità di fluido al posto di normali filtri nel tubo devono essere inseriti filtri di controlavaggio.
Con questi si ha automaticamente il controlavaggio.
I conduttori d‘acqua si devono essere posati con la massima cura. Essi devono esser fissati meccanicamente in modo adeguato
verificando che non abbiano perdite.
In nessun caso i i conduttori d‘acqua devono toccare parti in tensione (distanza di isolamento min. 13 mm).
A3.3 Campo di inserzione
Per il campo inserzione valgono le stesse condizioni marginali degli apparecchi standard (con raffreddamento ad aria), con eccezione
delle condizioni di raffreddamento qui descritte.
Come liquido di raffreddamento (vedi paragrafo "Refrigerante") serve normalmente acqua. Solo in casi particolari deve essere inserito
un additivo antigelo.
Le prestazioni nominali del GT3000 sono garantite nel campo di temperatura acqua da + 5 °C a + 40 °C. Per temperature di acqua
superiori a 40°C occorre ridurre la corrente dell‘unita’.
Ciò vale solo con acqua (osservare note nel paragrafo protezione per condensa, additivo antigelo).
Preparare una miscela acqua/glicole in funzione della minima temperatura attesa sia in funzionamento che ad inverter non in funzione.

Se la temperatura ambiente è inferiore a quella permessa dalla miscela acqua/glicole, il liquido


ATTENZIONE refrigerante puo’ gelare con conseguente danneggiamento dell’inverter.

IMGT30012IT 91
Raffreddamento ad acqua Appendice A3

A3.3.1 Liquido refrigerante


Come refrigerante può essere inserita normale acqua o una miscela acqua più liquido antigelo (vedi paragrafo "additivo liquido
antigelo").
Acqua di raffreddamento: acqua con reazione chimica neutra, sana, tersa, ripulita da impurità (acqua di città).
Grandezza max. di eventuali parti in sospensione ≤ 0.1 mm
Valore pH da 6,0 a 8,0
Cloro < 40 ppm
Zolfo < 50 ppm
Impurità sciolta < 340 ppm
Durezza totale < 170 ppm
Conduttivita’ (solo acqua, vedi allo scopo il paragrafo "Additivo antigelo") < 500 µS/cm
Temperatura entrata acqua raffreddamento + 5 ... 40 °C
Incremento temperatura acqua raffreddamento per unita’(servizio nominale) ∆T ≅ 5 °C
Pressione di esercizio ≤ 1bar
AVVERTENZA Non è ammissibile una pressione di esercizio superiore a 1 bar!
Se l‘impianto funziona con una pressione più alta, occorre ridurre la pressione 1 bar su ogni apparecchio.
Il materiale del corpo raffreddante non è resistente all‘acqua marina, (non usare direttamente acqua di mare)!
Nel circuito raffreddante dell‘apparecchio si devono inserire filtri con una maglia < 100 µm.
Se c’è pericolo di gelo, sono necessarie misure di protezione per le condizioni di esercizio, immagazzinaggio e
trasporto, p.e. svuotare ed aspirare con aria, riscaldatori addizionali, ecc..
ATTENZIONE Lavori di installazione e Service per la parte refrigerante sono da eseguire solo con impianto non sotto tensione.
A3.3.2 Additivo protezione antigelo
Mediante il liquido antigelo si può ridurre il limite inferiore del campo di funzionamento da + 5 °C a 0 °C e, con impianto fermo,
raggiungere la protezione al gelo fino a - 30 °C.
A causa delle sue caratteristiche fisiche (capacità termica, conduttivita’ termica, viscosità) l’antigelo riduce la capacità di prestazione del
sistema di raffreddamento. Esso deve perciò essere inserito solo se l‘impiego sia inevitabile.
Con l‘antigelo sono da mantenere le curve di riduzione indicate al paragrafo "Campo inserzione". Se cio’ non avviene, si può verificare
un prematuro invecchiamento dei componenti dell‘apparecchio ed, inoltre, l’intervento della protezione di sovratemperatura inverter.
AVVERTENZA Il funzionamento a temperature < 0 °C non è ammissibile anche con antigelo,
L’uso di altri liquidi può portare ad una durata di vita ridotta.
Se si aggiunge al liquido refrigerante meno di 20 % Antifrogen N, aumenta il rischio di corrosione con conseguente
una riduzione della durata.
Se si aggiunge più di 30 % Antifrogen N viene pregiudicato il trasporto di calore e con ciò il funzionamento
dell‘apparecchio. In ogni caso, l’aggiunta dell’antigelo comporta un aumento della potenza della pompa.
Con l’impiego di antigelo non devono verificarsi differenze di potenziale nell‘intero circuito di raffreddamento. Se
necessario collegare i componenti con una sbarra equipotenziale.
NOTA Per antigelo si deve osservare il foglio dati di sicurezza!
Come antigelo viene preferito Antifrogen N. La definizione di acqua di raffreddamento coincide con questo antigelo.
Affinché le buone caratteristiche anticorrosive di miscele Antifrogen N – acqua siano efficaci, la concentrazione deve
essere almeno del 20 %.
Con l‘inserimento di antigelo viene richiesto un grado più elevato alla solidità del circuito, poiché la tensione
superficiale della miscela acqua – Antifrogen è circa 100 volte più bassa della pura acqua.
Come materiale di tenuta si adattano guarnizioni IT di ottima qualità resistenti all‘acqua calda. Come tenute a
premistoppa possono essere usati cordoncini di grafite. Per collegamenti dei tubi nei quali venga usata canapa, è
opportuno spalmare con Fermit o Fermitol.
ATTENZIONE L’Antifrogen N puo’ provocare un aumento di dispersione agli anelli di tenuta in Polytetrafluorethylene.
Se la miscele contiene più del 45 % di antigelo si pregiudica il trasporto di calore e conseguentemente le prestazioni dell‘apparecchio.
In ogni caso la potenza della pompa necessaria deve essere adattata per introduzione di Antifrogen N, allo stesso modo la contro-
pressione che si forma nell‘apparecchio deve essere ricalcolata. Il volume di refrigerante circolante deve essere raggiunta in ogni caso.
La conducibilita’ elettrica del refrigerante aumenta con l’introduzione dell’antigelo. L‘Antifrogen N contiene degli inibitori che si
contrappongono al conseguente incremento della propensione alla corrosione elettrochimica
Per prevenire un impoverimento degli inibitori e la conseguente corrosione, sono indispensabili le seguenti misure:
1. Se circuito di raffreddamento viene svuotato, esso deve essere o di nuovo riempito entro 14 giorni, con lo stesso rapporto di
miscela, o dopo lo svuotamento occorre effettuare ripetuti lavaggi con acqua ed a conclusione una aspirazione dei corpi
raffreddanti.
3. Ogni da 3 a 5 anni la miscela di acqua - Antifrogen N deve essere rinnovata. Se vengono inseriti altri liquidi antigelo, questi
devono essere a base glicolica di Etilene ed essere autorizzati dalle industrie automobilistiche.
4. Relativamente alla conducibilita’ elettrica della miscela acqua/glicole applicare la guida dei costruttori di antigelo.

92 IMGT30012IT
Appendice A3 Raffreddamento ad acqua

La miscela refrigerante richiede il rigoroso mantenimento della definizione di acqua data nel paragrafo "Liquido di
raffreddamento".
ATTENZIONE L’inserimento di altri liquidi può causare una durata ridotta. Non è consentita una miscela di liquidi antigelo diversi.
A3.3.3 Protezione verso la condensa
Per prevenire la condensa sono necessarie speciali misure. Si verifica condensa, se la temperatura in entrata dell‘acqua di
raffreddamento è sensibilmente più bassa della temperatura ambiente (temperatura aria).
La differenza di temperatura tra acqua di raffreddamento permessa è funzione dell‘umidità relativa φ dell‘aria dell’ambiente. La
temperatura alla quale l’aria umida scarica le gocciolina d’acqua si chiama punto di rugiada.
La temperatura dell‘acqua deve essere sempre ≥ alla temperatura dei punti di rugiada.
Il punto di rugiada è anche in funzione della pressione assoluta, cioè dall‘altezza di installazione.
I punti di rugiada per pressione atmosferica bassa stanno sotto quelli per altezza a livello del mare, perciò un dimensionamento della
temperatura dell‘acqua raffreddante per altezza a livello del mare è sempre suficiente.
Per la protezione dalla condensa sono possibili diverse misure:
1. La più semplice è di prevedere in circolo nel circuito di raffreddamento una valvola regolata in temperatura, p.e. ”Metodo di
bypass” con la denominazione ”Valvola Amot”. Questa misura ha lo svantaggio che la temperatura acqua viene regolata
continuamente alla temperatura impostata fissa nella valvola di bypass. Questa temperatura è tuttavia vicina alla temperatura
ambiente max. raggiungibile (alla quale è facile si verifichi la condensa), cio’ significa che l‘apparecchio, dal punto di vista
termico, incontra sempre la max. sollecitazione.
2. Sensibilmente più delicata per gli apparecchi è una regolazione di temperatura acqua. La temperatura dell’acqua è regolata in
funzione della temperatura ambiente. Questa misura è in ogni caso da preferire a temperature ambiente elevate, basse
temperature dell’acqua ed alte umidità.
5. Deumidificazione fisica. Questa è possibile solo per ambienti chiusi. Prevede scambiatore di calore aria – acqua che viene
fatto funzionare con acqua fredda che condensa l’umidia’ dell’aria dell’ambiente.
6. Puo’ essere installato un allarme di umidita’ che fornisce un allarme quando la condensa è imminente.
A3.3.4 Note su materiali
Le installazioni di acqua di raffreddamento con rame o collegamenti di rame devono essere evitate e sono possibili solo con speciali
misure, p.e. circuito raffreddamento chiuso, filtraggio completo (cioè ioni-Cu vengono filtrati), aggiunta di additivi all‘acqua.
I raccordi conici dei tubi lato corpo raffreddante devono essere di acciaio inossidabile o di alluminio spesso. I raccordi di allacciamento
non possono essere eseguiti in nessun caso in ottone o rame.
Tubi in PVC nell‘uso di antigelo non sono adatti! Tubi in PVC duro sono adatti per gli antigelo richiamati nel paragrafo "Additivo
antigelo".
Si deve assicurare che il percorso del circuito acqua sia completamente
ATTENZIONE Si deve assicurare che il percorso del circuito acqua sia completamente senza zinco.
Considerare che dove viene impiegato l’antigelo: lo zinco distrugge tutti gli inibitori a base di glicoli.
Quindi non inserire mai tubi zincati!
Se nelle tubature dell‘impianto vengono inseriti tubi di ferro normali o accessori di ghisa (p.e. carcassa motore), occorre installare, per i
convertitori, un circuito di raffreddamento separato con scambiatore di calore acqua - acqua.
Per impiego di uno scambiatore di calore di materiale CuNi 90/10 si deve assolutamente fare attenzione alla capacità di conduzione
acqua (tubo) (vedi paragrafo "Nota di installazione e componenti").
A3.3.5 Costruzione armadio e tecnica di allacciamento
♦ Quando si installa un GT3000 in un armadio verificare che l‘aria proveniente dal ventilatore non rientri all‘interno del’inverter.
Per questo motivo nelle applicazioni con grado di protezione > IP42, deve esserci una distanza di almeno 130 mm tra il bordo
superiore dell’inverter ed il tetto dell‘armadio o un adeguato setto di separazione
♦ Gli apparecchi non necessitano di alcuna ventilazione esterna. Osservare, pero’, che non può essere smaltita potenza
dissipata addizionale di altri componenti montati nell‘armadio, come p.e. bobine!
♦ La temperatura dell‘aria di raffreddamento che circola all‘interno dello Chassis viene controllata con una sonda di misura.
♦ Nelle applicazioni con grado di protezione IP54, i vani tra le pareti laterali dell’inverter e dell‘armadio devono essere chiuse
♦ Con armadi a piu’ sezioni occorre montare delle pareti di separazione tra le unità, che arrivino fino al tetto.
♦ Se gli apparecchi devono funzionare in grado di protezione IP54, impostare all‘interno degli apparecchi una temperatura
dell‘aria per servizio nominale che sia chiaramente più alta della temperatura corrente dell‘acqua.
♦ Per l‘allacciamento acqua sono previste filettature interne di 1 pollice. I raccordi di allacciamento sono da eseguire in acciaio
inossidabile o alluminio spesso. Per la tenuta è meglio utilizzare guarnizioni piane.
♦ Se si usano i pezzi di allacciamento forniti con gli apparecchi, questi sono da sigillare con Loctite 542.
♦ Per le giunzioni usare un manicotto NW25 filettato per tubo con parte interna in V2A ed un doppio raccordo in V2A.

IMGT30012IT 93
Raffreddamento ad acqua Appendice A3

GTW1 4 GAMBE ALIMENTAZIONE DC BUS -- PRIMA VERSIONE

GTW1 4 LEGS DC POWER SUPPLY -- FIRST VERSION

U V W

U V W

Sezione A-A

239
A-A Section

100 66 100
760
239
100 66 100
255

760
1110 19.5

255

1110 19.5

94 IMGT30012IT
Appendice A3 Raffreddamento ad acqua

GTW1 III GAMBE VERSIONE DC BUS

B Sezione B-B

A A

U V W

B 60
154 240 240 246 589 161

Sezione A-A

239
100 66 100
750
245
900 19.5

IMGT30012IT 95
Raffreddamento ad acqua Appendice A3

96 IMGT30012IT
APPENDICE A4 CONTROLLO AFE
A4.1 INTRODUZIONE
I GT3000-LARGE-AFE sono adatti per numerose applicazioni, affidabili e facili da usare; essi possono essere impiegati sia per applicazioni
monomotore che plurimotore. Inparticolare le applicazioni tipiche sono:
• Avvolgitori/svolgitori – film, carta, lamiera ecc
• Ascensori, montacarichi, gru.
• Trasportatori a fune.
• Centrifughe.
• Macchine per la produzione di carta e di acciao.
• Generatori eolici.
• Propulsione navale

A4.2 NOTE APPLICATIVE

A4.2.1 Descrizione
I GT3000 AFE (Active Front End) sono inverter in versione compatta. Essi possono operare su rete trifase con o senza neutro a terra.
Il GT3000-AFE genera una tensione continua controllata e la mantiene costante in modo indipendente dalla tensione di alimentazione (anche nel
funzionamento rigenerativo). Il riferimento di tensione del BUS DC é impostato a 1050VDC
Il controllo vettoriale ad alta velocita’ dello sfasamento, sulla rete di alimentazione, e’ subordinato al controllo della tensione sul BUS DC ed imprime
una corrente quasi sinusoidale sulla rete in modo da minimizzare i disturbi con l’aiuto del filtro Clean Power .
Il controllo vettoriale permette di stabilire il valore di fattore di potenza (cosφ) e della compensazione dei potenza reattiva; il controllo della corrente di
funzionamento ha la priorità’.
Il funzionamento del GT3000 AFE è basato sulla tecnica PWM con frequenza di commutazione Fws = 1,5KHz per la versione ad aria e Fws= 2KHz per
la versione ad acqua, tale convertitore genera in rete una tensione alla frequenza fondamentale con sovrapposte delle armoniche di tensione a
frequenze multiple della frequenza di commutazione.
Per ottenere una forma d’onda sinusoidale lato rete il GT3000 AFE prevede un filtro Clean Power, i valori armonici residui sono riportati nella tabella
A4.1

Il GT3000 Active Front End (AFE) permette di soddisfare i seguenti requisiti: Tabella A4.1
♦Fattore di potenza (valore superiore a 0,95) Fh (Hz) Uh (%)
♦THD compreso tra 1-3% 50 (fondamentale) 100
2000 2.0
♦Bassissima emissioni di armoniche
4000 0.70
♦Tensione nominale di uscita costante anche con tolleranza al –20% 6000 0.20
♦Non è richiesto trasformatore di ingresso 8000 0.10
♦Funzionamento nei quattro quadranti del diagramma coppia-velocità 10000 0.05
Per ragioni di sicurezza il GT3000 AFE deve essere collegato alla rete attraverso un contattore.
E’ possibile collegare all’uscita del GT3000 AFE uno o piu’ inverters; la potenza massima degli inverter collegati sull’uscita dell’AFE deve essere
inferiore alla potenza del GT3000 AFE.
A4.2.2 Principio di funzionamento
Il GT3000-AFE è formato da due sezioni:
-Bus DC: prevede un banco di condensatori utilizzati per filtrare l’ondulazione di linea e immagazzinare energia.
-Sezione inverter: prevede dei moduli IGBT controllati per:
convertire la tensione DC in una tensione trifase AC in fase con la tensione di rete ed ampiezza in funzione dell’energia rigenerata.
fornire in uscita una tensione DC costante.
I principali componenti del GT3000 sono i seguenti:
• MORSETTI DI POTENZA D’ INGRESSO • SCHEDA MICROPROCESSORE
• CONDENSATORI BUS DC • MODULO VISUALIZZAZIONE TASTIERINO
• MODULI DI POTENZA IGBT • SCHEDA DI POTENZA E PILOTAGGIO

IMGT300012IT 97
GT3000 Large AFE

Figure A4.1 Schema del GT3000-LARGE-AFE


Il GT3000 ACTIVE FRONT END:
-Controlla separatamente le due componenti (attiva e reattiva) della corrente di linea.
-Regola la tensione del DC bus ad un valore costante, indipendentemente dalla tensione di AC linea.
-Mantiene sempre prossimo a 1 il fattore di potenza.
-Permette uno scambio bidirezionale di energia tra linea AC e DC bus. Funzionamento a 4-Quadranti.

Filtro CLEAN POWER. E’ composto da un reattore L1 e uno o piu’ gruppi di condensatori C1, elimina la distorsione di tensione e corrente in un
vasto spettro di frequenze. In alcuni casi puo’ essere necessario prevedere un reattore di disaccoppiamento Lx, contattare l’ufficio applicazioni.

Bus
Rete
DC
50/60Hz
Lx L1
F01
Filtro
C1 Clean
Power

98 IMGT300012IT
AFE GT3000 Large

A4.3 Dati elettrici


Tensione di alimentazione da 525 VAC (-20%) a 690 VAC (+5%)♦
♦ Con tolleranza al +10% è obbligatorio prevedere un autotrasformatore con tensione secondaria Vs=655V
Tabella A4.2. Dati elettrici
Classe 1 110% per 1 minuto, ogni 10 minuti Classe 2 150% per 1 minuto, ogni 10 minuti
GTA1 Corrente di @ @ @ Corrente di Corrente di @ @ @ Corrente di
ingresso 525VAC 575VAC 690VAC uscita ingresso 525VAC 575VAC 690VAC uscita
Gamba/Unita’ A KW KW KW (I DC )A A KW KW KW (I DC )A
Raffreddamento ad aria Fs=1,5KHz.
GTA1700K 3/1 600 472 516 588 555 500 393 430 490 463
GTA11K1K 3/1 900 707 775 883 833 700 550 603 686 648
GTA11K3K 3/1 1100 865 947 1079 1018 800 629 689 784 740
GTA11K7K 3/1 1440 1132 1240 1412 1333 1100 865 947 1079 1018
GTA12K2K 3/2 1800 1415 1549 1765 1666 1400 1100 1205 1373 1296
GTA12K6K 3/2 2200 1729 1894 2157 2036 1600 1258 1377 1569 1481
GTA13K4K 3/2 2880 2264 2479 2824 2665 2200 1729 1894 2157 2036
GTA13K9K 3/3 3300 2594 2841 3236 3054 2400 1886 2066 2353 2221
GTA15K1K 3/3 4320 3395 3719 4236 3998 3300 2594 2841 3236 3054
GTA16K8K 3/4 5760 4527 4958 5648 5331 4400 3458 3788 4315 4072
Raffreddamento ad acqua Fs=2KHz.
GTW1850K 3/1 700 550 603 686 648 510 401 439 500 472
GTW11K1K 3/1 900 707 775 883 833 650 511 560 637 602
GTW11K6K 3/1 1350 1061 1162 1324 1249 980 770 844 961 907
GTW12K3K 3/1 2000 1572 1722 1961 1851 1450 1140 1248 1422 1342
GTW13K2K 3/2 2700 2122 2324 2648 2499 1960 1540 1687 1922 1814
GTW14K6K 3/2 4000 3144 3443 3922 3702 2900 2279 2496 2844 2684
GTW16K9K 3/3 6000 4716 5165 5883 5553 4350 3419 3745 4266 4026
Per le versioni a 525V chiedere all’ufficio Applicazioni.
A4.4 Targa
Su ogni prodotto viene riportata una targhetta con i dati del dell’inverter.

Tipo di inverter
Numero di serie, Data di collaudo

Tensione d’ingresso, Frequenza d’ingresso, Numero fasi


Corrente ingresso (Cl.1/Cl.2), max corrente di c.to c.to.

Alimentazione ausiliaria: Tensione, frequenza, numero fasi


Corrente assorbita, Note

Potenza nominale [kVA]


Tensione di uscita
Potenza uscita: Cl.1 (@525V, (@690V)
Corrente d’uscita (Cl. 1)
Potenza uscita: Cl.2 (@525V, (@490V)
Corrente d’uscita (Cl. 2)
Temperatura di funzionamento
Codice SAP

Figure A4.3 Nameplate example

IMGT300012IT 99
100
A4.5
F04

RFI
GT3000 Large

OPZIONE
Lx
L1 C01
MAN STOP
PC
F03 Clean Power
RETE SERIALE
Filter

XM1 X7
43 X3
44 Tastierino I/O K3 PC
EXP. &
45 PrechOK
230V PROG RS485
46 RO3 Rp
PORT
Alimentazione 1
U1
Controllo 2 RO2 KM01 KM02
SCHEMA COLLEGAMENTI DI POTENZA

PROG V1
3 Sincronismo W1
4 RO1 FAULT
5 5V Precharge
6
REMOTE CONTROL OPERATOR

7 B ENC GND
8 B
ON Fault RUN
GT3000 PE
9 A
L1 L2 L3
10 STOP MAN AUTO RESET
A
11 Motor Drive Stab
Z 1 2 3

12 Z Auto Main Logs


4 5 6
13 START/STOP
DvProt Meter Comm Enter
7 8 9 Canc.
14 DI 2 PROG
Help
15 DI 3 PROG 0 SHIFT

16 DI 4 PROG
17 DI 5 PROG USCITE ANALOGICHE
INGRESSI ANALOGICI

Figura 3A.2 Esempio di collegamento


18 DI 6 PROG 400V

INGRESSI LOGICI
19 DI 7 PROG 50Hz
20 DREN
21
SCELTA
DO 4 DI 9 PROG AI/AO GROUND
0-20mA Out
V1

U1

ALIMENTAZIONE

22 DO 5 DI10 PROG
W1

CONTROLLO 230V

KM01 V Out XM3A

AO1
AO2
AO3
AO4
-10V

23 DO 6 +10V
24 24V

AI1 +
AI1 -
AI2 +
AI2 -
TK TK

USCITE LOGICHE
25 + - PE
DI/DO GND

29
36
40
42

26
27
34
37
38

28
35
39
41

Sincronismo Vac Vdc


Frequency

Aac

DC BUS

IMGT300012IT
AFE
AFE GT3000 Large

A4.5.1 Sequenza operativa.


Le schede di controllo di tutti i drives sono alimentati dalla tensione del BUS DC, quindi, fintanto che la fase di precarica non è stata completata esse
sono disalimentate.
Gli ausiliari del quadro ed il circuito di precarica devono essere collegati a monte del contattore principale KM1.
Con tensione presente, al comando di marcia il contatore di precarica verra’ chiuso, la tensione del BUS DC aumentera’ ed a fine precarica le schede
di controllo saranno alimentate. Quando la tensione del BUS DC avra’ raggiunto un valore superiore di Vdcpr=0.8*1.35*Vnet il controllo di ogni drive
dara’ il comando di “Precarica Ok” (contatto NA XM10-XM11)., allora sara’ possibile chiudere il contattore principale.
E’ obbligatorio che tutti i contatti di Precarica OK siano chiusi per comandare la chiusura del contattore principale.
Dopo la chiusura del contattore principale il contattore di precarica deve essere aperto.
Con il GT3000 AFE in funzione sara’ possibile avviare gli inverter che comandano i motori.
Esempio di logica di quadro: La figura seguente illustra un esempio di una possibile logica di quadro:

+24Vdc 220Vac

KA01 KA01 KA06

AFE AFE Emergenza


fusibili precarica (fault) Emergenza
precarica OK

fusibili ingresso
linea Drive 1 Drive 1 Start
KA04
precarica (fault)
(fault)
OK
fusibili
condensatori

Drive 2 Drive 2 KM01


precarica (fault) (MCB)
fusibili
lato CC OK

0V 220Vac

A4.5.2 Alimentazioni ausiliarie


I GT3000 richiedono una alimentazione ausiliaria esterna per:
ventilatore: 400V -50Hz/440V-60Hz trifase. Vedere paragrafo 3A.3.2 per dettagli).
circuito di controllo (230V 50/60Hz 0,5A).
trasformatore di sincronismo (690V trifase ). Esso è predisposto per alimentazione sulla presa al +5%, nel caso si alimenti sul 690V o sul –
5% occorre spostare, sulla morsettiera lato utente, anche il collegamento xx.

D +5%
(xx) 690

-5%
-5%
690
X1 D
SCH

X3

X2

X1

+5%
N

(xx) N
X2
+5%
+5%

+5%
-5%

-5%
690
-5%

690
690

X3
D

Lato utente
User side
(xx)

-5% +5%
D 690

IMGT300012IT 101
GT3000 Large AFE

GT3000 AFE RAFFREDDAMENTO AD ARIA


GT 3000 Filtro RFI Fsw = 1,5KHz Filtro Clean Power Resistore di precarica
Reattore Condensatore
Codice Code W A Codice Codice Ohm
Cl.1
GTA1700KENA ELC40893103 1000076155 2380 700 3x22703505
GTA11K1KENA ELC40893104 1000076157 2820 900 4x22703505
GTA11K3KENA ELC40893105 1000076160 3120 1100 5x22703505
GTA11K7KENA ELC40893105 1000076165 4000 1400 6x22703505
GTA12K2KENA 2xELC40893104 2x1000076157 2x2820 2x900 8x22703505
GTA12K6KENA 2xELC40893105 2x1000076160 2x3120 2x1100 10x22703505
GTA13K4KENA 2xELC40893105 2x1000076165 2x4000 2x1400 13x22703505
GTA13K9KENA 3xELC40893105 3x1000076160 3x3120 3x1100 15x22703505
GTA15K1KENA 3xELC40893105 3x1000076165 3x4000 3x1400 20x22703505
GTA16K8KENA 4xELC40893105 4x1000076165 4x4000 4x1400 26x22703505
Cl.2
GTA1700KENA ELC40893103 1000076150 1700 500 3x22703504
GTA11K1KENA ELC40893104 1000076155 2380 700 3x22703505
GTA11K3KENA ELC40893104 1000076157 2820 900 4x22703505
GTA11K7KENA ELC40893105 1000076160 3120 1100 5x22703505
GTA12K2KENA 2xELC40893104 2x1000076155 2x2380 2x700 6x22703505
GTA12K6KENA 2xELC40893104 2x1000076157 2x2820 2x900 8x22703505
GTA13K4KENA 2xELC40893105 2x1000076160 2x3120 2x1100 10x22703505
GTA13K9KENA 3xELC40893104 3x1000076157 3x2820 3x900 12x22703505
GTA15K1KENA 3xELC40893105 3x1000075160 3x3120 3x1100 15x22703505
GTA16K8KENA 4xELC40893105 4x1000075160 4x3120 4x1100 20x22703505
GT3000 AFE RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
Filtro RFI Fsw = 2KHz Filtro Clean Power Resistore di precarica
GT 3000

Reattore Condensatore
Codice Codice W A Codice Codice Ohm
Cl. 1
GTW1850KENA ELC40893104 1000075401 1400 510 3x22703505
GTW11K1KENA ELC40893104 1000075402 1920 700 4x22703505
GTW11K6KENA ELC40893105 1000075403 2620 980 6x22703505
GTW12K3KENA ELC40893106 1000075404 3400 1450 9x22703505
GTW13K2KENA 2xELC40893105 2x1000075403 2x2620 2x980 12x22703505
GTW14K6KENA 2xELC40893106 2x1000075404 2x3400 2x1450 18x22703505
GTW16K9KENA 3xELC40893106 3x1000075404 3x3400 3x1450 27x22703505
Cl.2
GTW1850KENA ELC40893103 1000075398 1400 510 3x22703504
GTW11K1KENA ELC40893104 1000075401 1920 700 3x22703505
GTW11K6KENA ELC40893104 1000075402 2620 980 4x22703505
GTW12K3KENA ELC40893105 1000075403 3400 1450 6x22703505
GTW13K2KENA 2xELC40893104 2x1000075402 2620 980 8x22703505
GTW14K6KENA 2xELC40893105 2x1000075403 3400 1450 12x22703505
GTW16K9KENA 3xELC40893105 3x1000075403 3400 1450 18x22703505

102 IMGT300012IT
AFE GT3000 Large

Resistore di precarica

SAP Codice 22232909 22232910


P 750W 1100W
L 220mm 320mm
In 140mm 240mm
Peso 920g 920g
Grado di protezione IP55
Lunghezza cavi lf 300mm Standard

Il circuito di precarica ha lo scopo di caricare i condensatori di filtro alla tensione nominale con corrente limitata prima di chiudere l’interruttore
principale.
I GT3000 LARGE AFE non hanno il circuito di precarica interno. E’ possibile utilizzare diversi circuiti di precarica (vedere Appendice 5)

Condensatore

SAP code 22703504 3x56 microF 750V


SAP code 22703505 3x70 microF 750V

IMGT300012IT 103
GT3000 Large AFE

A4.6 Dimensionamento
Pmecc Pmecc
Dimensionare il GT3000 con controllo AFE secondo la formula seguente: PAFE = PAFE =
ηmotore * ηinverter 0,98 * ηmotore
La potenza apparente del trasformatore di alimentazione deve corrispondere soltanto alla potenza continua di azionamento progettata.
Schema unifilare

Il Filtro Clean Power ed i Resistori di precarica vengono forniti sciolti.

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO
PREMESSA
Il controllo AFE permette di ottenere sul bus DC una tensione costante tale da garantire sul motore la tensione uscita nominale anche con variazioni di
rete al –20%. In particolare per applicazioni ae690V la tensione sul Bus DC è mantenuta a1050V
Per le altre tensioni vengono mantenuti gli stessi rapporti.
La tensione nominale del motore puo’ avere lo stesso valore della tensione nominale della rete di alimentazione.
Il GT3000-AFE é dimensionato in modo da garantire le prestazioni di uscita anche con una tensione pari al 90% della tensione nominale.
DIMENSIONAMENTO
Supponiamo di dover dimensionare un GT3000 con controllo AFE ed il trasformatore di alimentazione per l’applicazione in figura A.4.
NB Poichè la tolleranza della tensione di alimentazione è del +10% occorre prevedere 655V all’ingresso del GT3000-AFE; la tensione del
motore sara’ comunque scelta a 690V.
L’applicazione richiede GT3000 con sovraccarico di classe 2 e prestazioni anche con rete al –10% del valore nominale.
AFE COME GENERATORE
400 500 600
La potenza assorbita dal carico sara’: PD = + + = 1675 KW
0,94 x 0,98 0,95 x 0,98 0,96 x 0,98
Sceglieremo un GT3000-AFE in Cl.2 con una potenza nominale @ 690V uguale o superiore a 1675KW e, quindi il GTA13K4KENA la cui potenza
nominale @660V è pari a 2157KW.
AFE IN RECUPERO
La capacita’ di recupero è del 100%, considerando, pero’, che le perdite del sistema (rendimento motori e inverter) in fase di recupero sono a favore la
potenza dell’AFE in fase di recupero è superiore alle prestazioni nominali.

104 IMGT300012IT
AFE GT3000 Large

AUTO/TRASFORMATORE
Non è necessario che l’ autotrasformatore o l’eventuale trasformatore di alimentazione (con secondario a 655V nel ns. caso) sia necessariamente
idoneo per convertitore; L’auto/trasformatore dovra’ essere dimensionato per una potenza apparente corrispondente soltanto alla potenza continuativa
di azionamento progettata. Nel ns. caso l’auto/trasformatore dovra’ avere una potenza:
1675
P = Val* Iinput* 1,732 * 0,98 = 655 * 2200 * * 1,732 * 0,98 = 1,9 MVA
2157

Figura A.4
FUSIBILI DC
In case di corto circuito interno o di malfunzionamento dell’inverter, occorre evitare che il malfunzionamento si propaghi agli altri inverters e fusibili
connessi al Bus D.C. Per tale ragione occorre interporre due fusibili tra l’inverter ed il Bus D.C.
La scelta dipende dalla tipologia della rete:
reti con neutro a terra (TN o TT )
reti flottanti (IT), senza collegamento a terra, o con impedenza/resistenza (maggiore di 30Ω ) verso terra.
Rete TN o TT Occorre prevedere sempre due fusibili.
Rete IT E’ possibile prevedere un solo fusibile.
Il fusibile dovra’ essere scelto per:
corrente nominale almeno del 20% superiore a quella di ingresso dell’inverter eventualmente maggiorata del fattore “K” (fornito dal
costruttore del fusibile) funzione della temperatura di lavoro (i dati nominali di alcuni fusibili sono riferiti a 20°C)
calibro in tensione adeguato alla tensione specifica del circuito. serie F tensione del Bus DC = 720V
serie K tensione del Bus DC =1050
Nel caso di reti IT se si prevede un fusibile su ogni polo si puo’ considerare la meta’ della tensione in quanto si hanno due fusibili in serie nel circuito
della corrente di guasto.
Per correnti superiori al calibro dei fusibili disponibili prevedere interruttore automatico.
NB Nel caso un inverter “A”, dotato di propria precarica, venga inserito su un BUS DC gia’ in tensione puo’ accadere che un inverter piu’ piccolo
“B”, inserito sul Bus DC, possa partecipare alla precarica dell’inverter “A”.
E’, quindi, opportuno: inserire prima gli inverter di taglia piu’ grande.
effettuare precariche lente con correnti ridotte tali da evitare che l’eventuale quota di corrente di precarica erogata
dall’inverter “B” non danneggi i suoi fusibili.

IMGT300012IT 105
GT3000 Large AFE

A4.7 Dimensioni e schema di potenza


Simboli usati per indicare i morsetti ausiliari e di potenza:

L1 Fase d’ingresso – RETE


Morsetti di potenza
L2 Fase d’ingresso – RETE
L3 Fase d’ingresso – RETE
PE Terra di protezione/ Terra schermo
+ BUS DC positivo
- BUS DC negativo (IGBT)
XM3A-2 Ausiliari 230V-50/60 Hz
Morsetti ausiliari
XM3A-4
LV1
LV2 Ausiliari 380-50Hz/440V-60 Hz

LV3
U1
V1 Trasformatore Sincronismo TRS 690V
W1

DC

690V 50/60Hz

U1
TRS
V1
W1

DC

690V 50/60Hz

U1
TRS
V1
W1

106 IMGT300012IT
APPENDICE A5 CIRCUITO DI PRECARICA E COLLEGAMENTO TRA SPDM-E GT3000 LARGE
A5.1 CIRCUITO DI PRECARICA
Il circuito di precarica ha lo scopo di caricare i condensatori di filtro alla tensione nominale con corrente limitata prima di chiudere l’interruttore
principale.
I GT3000 LARGE AFE in versione BUS DC non hanno il circuito di precarica interno.

A5.1.1 GT3000 LARGE versione BUS DC


La versione standard prevede un convertitore AC/DC a tiristori (serie SPDM) per alimentare l’inverter e precaricare il banco di condensatori di filtro.
Nelle applicazioni con diversi inverter alimentati dallo stesso BUS DC, se l’applicazione richiede la possibilita’ di sezionare, con il BUS DC in tensione,
un inverter e poi reinserirlo occorre prevedere un circuito di precarica per ogni inverter.
Il circuito di precarica è costituito da un (due o tre per le versioni in parallelo vedere Tabella A5.1) resistore ed un contattore; esso è dimensionato per
caricare il banco di condensatori in 5 secondi: la potenza del resistore è dimensionata per sopportare fino tre precariche consecutive, secondo il
seguente schema:

CM: contattore principale contactor


CP CP: contattore di precarica

CM

ATTENZIONE

Non effettuare piu’ di tre precariche in 10 minuti, poiche’ il


circuito di precarica potrebbe danneggiarsi.

A5.1.2 GT3000 LARGE AFE


Il circuito di precarica è generalmente costituito da una terna di resistori e da un contattore; il circuito di precarica è dimensionato per caricare il banco
di condensatori in circa 5 secondi: la potenza dei resistori è dimensionata per sopportare fino a tre precariche consecutive, secondo lo schema:

C
L F CP: contattore di precarica

CP Rac: N°3 resistori di precarica


CM: contattore principale

CM Rac
AVVERTENZA !

Non effettuare piu’ di tre precariche in 10 minuti, poiche’ il circuito di precarica


potrebbe danneggiarsi.

BUS DC

IMGT300012IT 107
GT3000 LARGE Precarica

Tabella A5.1: Resistori di precarica

GT3000 Large RDC Codice Quantita’ RAC Codice Quantita’


Ω W SAP Ω W SAP
GTA1700JEN 50 1100 22232902 1 25 1100 22232904 3
GTA11K1JEN 40 1100 22232903 1 20 1100 22232905 3
GTA11K3JEN 25 1100 22232904 1 20 1100 22232905 3
GTA11K7JEN 25 1100 22232904 1 20 1100 22232905 3
GTA12K2JEN 2x40 2x1100 22232903 2* 2x20 2x1100 22232905 6*
GTA12K6JEN 2x25 2x1100 22232904 2* 2x20 2x1100 22232905 6*
GTA13K4JEN 2x25 2x1100 22232904 3* 2x20 2x1100 22232905 6*
GTA13K9JEN 3x25 3x1100 22232904 3* 3x20 3x1100 22232905 6*
GTA15K1JEN 3x25 3x1100 22232904 3* 3x20 3x1100 22232905 6*
GTA16K8JEN 4x25 4x1100 22232904 4* 4x20 4x1100 22232905 8*
GTW1850JEN 50 1100 22232902 1 25 1100 22232904 3
GTW11K1JEN 40 1100 22232903 1 20 1100 22232905 3
GTW11K6JEN 25 1100 22232904 1 20 1100 22232905 3
GTW12K3JEN 2x25 2x1100 22232904 2* 2x20 2x1100 22232905 6*
GTW13K2JEN 2x25 2x1100 22232904 2* 2x20 2x1100 22232905 6*
GTW14K6JEN 4x25 4x1100 22232904 4* 4x20 4x1100 22232905 12 *
GTW16K9JEN 6x25 6x1100 22232904 6* 6x20 6x1100 22232905 18 *

* collegamento in parallelo

A5.1.3 LOGICA DI PRECARICA

Nella logica di marcia del convertitore bisogna prevedere una serie di consensi alla scheda di controllo secondo la logica :

Contattore precarica CP

DRIVE ENABLE

Vdc

Precarica OK

Chiusura alimentazione principale


Alla chiusura del contattore CP inizia la fase di precarica dei condensatori: la tensione Vdc comincia ad aumentare; l’inizio della fase di precarica deve
essere segnalata al controllo mediante l’ingresso logico DRIVE ENABLE (XM1-20 della morsettiera di controllo scheda CONVEC1D); il controllo
sorveglia la tensione Vdc: al raggiungimento di una soglia prestabilita (per maggiori dettagli vedere il Manuale di Programmazione del controllo) viene
segnalata la condizione di “PRECARICA EFFETTUATA” (uscita logica a relè PRECARICA OK; X2 9-10 della scheda INTVEC..nel controllo); a questo
punto è possibile applicare l’alimentazione principale del convertitore.
Il suddetto segnale logico è utilizzato per abilitare l’alimentazione dell’inverter.
Nel caso la soglia prefissata non venga raggiunta (in un tempo definito) si ha l’intervento della protezione PRECHARGE FAULT (INSUCCESSO
PRECARICA). Vedere quanto riportato nel capitolo 10B del “GT3000 Manuale Hardware e Software”.

108 IMGT300012IT
Precarica GT3000 LARGE

DRIVE Contattore Contactor Inverter Protection


Protezioni PREC OK
Drive Enable
ENABLE guasto Fault inverter

XM1-20 XM1-24 XM2B-5 XM2B-6 XM1-3 XM1-4 XM2B-3 XM2B-4

Emergenza

Protezione
Inverter

START

PREC OK Σ
Protezioni
esterne

RB
(Rele’ di blocco

CM: contattore principale (contattore di marcia)


CP: contattore di precarica
• Chiusura contattori: al reset iniziale (eccitazione Relè di blocco) o eventualmente su comando (es. Selettore a chiave)
• Apertura contattori: normalmente solo per protezione o emergenza, eventualmente su comando (es. Selettore a chiave)
• A precarica ultimata l’eventuale apertura di CM determina la soppressione degli impulsi (toglie DRIVE ENABLE) senza determinare un blocco.

A5.1.4 PRECARICA CON TRASFORMATORE


Questo tipo di precarica, generalmente usato nelle applicazioni in cui è previsto un interruttore in media tensione, è costituito dai componenti in figura:

Alimentazione
ausiliaria
• Alimentazione ausiliaria monofase
• Interruttore
CP • contattore di precarica CP,

• TP trasformatore con alta impedenza di corto circuito per limitare la corrente


TP in fase di precarica

• Raddrizzatore monofase

• Fusibili di protezione FU
FU

IMGT300012IT 109
GT3000 LARGE Precarica

Tabella A5.2 Componenti del circuito di precarica con trasformatore:

GT3000 Large Trasformatore Ponte a Diodi Fusibili


Tipo AN Codice VRRM IFAV Codice IN Codice
[VA] SAP [V] [A] SAP [A] SAP
GTA1700JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA11K1JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA11K3JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA11K7JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA12K2JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA12K6JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA13K4JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA13K9JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA15K1JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTA16K8JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW1850JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW11K1JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW11K6JEN 2000 228446xx(1) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW12K3JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW13K2JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW14K6JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
GTW16K9JEN 4000 223640yy(2) - 1 pz 1800 186 205820 – 1 pz 25 20057304 – 2 pz
Nota: (2) xx e yy sono le rubriche che identificano trasformatori con tensioni primarie differenti::

xx yy xx yy
22844601 230V/690V 22364001 230V/690V
22844602 230V/690V 22364002 230V/690V
22844603 380V/690V 22364003 380V/690V
22844604 400V/690V 22364004 400V/690V
22844605 440V/690V 22364005 400V/690V
22364006 120V/690V

La figura mostra una applicazione tipica::

La chiusura dell’interruttore principale IP può avvenire soltanto a seguito del consenso “PRECARICA OK” proveniente dall’inverter; la chiusura di IP
deve infatti essere preceduta dalla effettuazione della fase di precarica dei condensatori.

L’eventuale contatto anticipato di un sezionatore di ingresso, va portato sulla catena del DRIVE
NOTA ENABLE (non su CONTACTOR FAULT perché in quest’ultimo caso la protezione non sarebbe
attiva durante la precarica).

110 IMGT300012IT
GT3000 LARGE Collegamento SPDM-GT3000

A5.2 Collegamento tra SPDM e GT3000_Large

A5.2.1 Versione a sei impulsi con due o piu’ GT3000-Large in parallelo

IMGT300012IT 111
Collegamento SPDM-GT3000 GT3000 LARGE

Nel caso di due GT3000-LARGE in parallelo in alternativa allo schema del paragrafo A5.2.1 è possibile utilizzare un GT3000 12P con due reattori di
ingresso.

RETE

Reattori di ingresso
XM3A -4

XM3B -2
XM3A -2

XM3B -4

W1

U1
V1
U1
W1
V1

L2
L3
L1

L3
L1
L2
PE

PE
ALIMENTAZIONE CONTROLLO

ALIMENTAZIONE PILOTAGGI

VENTILATORE TRIFASE
VENTILATORE TRIFASE

MASTER SLAVE
PE

PE
V

V
U

U
W

Reattori di uscita

112 IMGT300012IT
GT3000 LARGE Collegamento SPDM-GT3000

A5.2.2 Versione a dodici impulsi

IMGT300012IT 113
Collegamento SPDM-GT3000 GT3000 LARGE

A5.2.3 Versione a diciotto impulsi

114 IMGT300012IT
QA170 Rev. 02

MONTEBELLO VICENTINO - ITALY

DICHIARAZIONE “CE” DI CONFORMITÀ CE / 07


Rilasciata in base al “Modulo H” (complete Quality Assurance) della procedura di valutazione della conformità CE (Direttiva 93/465/CE)

Fabbricante: Answer Drives S.r.l.


Sede legale: Viale Sarca, 336 – 20126 Milano – Italy
Indirizzo del Fabbricante:
Sede operativa: S.S. 11 – Cà Sordis, 4 - 36054 Montebello Vicentino (VI) – Italy

DICHIARA, sotto la sua esclusiva responsabilità, che i prodotti:

Prodotto Famiglia di Prodotto GT3000

Descrizione del Prodotto: Inverter con gamma di potenza da 0,75 kW a 5800 kW

in base alle verifiche effettuate, sono conformi ai requisiti della:

Direttiva Comunitaria 2006/95/EC


denominata Direttiva “Bassa Tensione”

I prodotti sono stati fabbricati applicando la Norma Tecnica armonizzata:

CENELEC EN 50178
corrispondente alla Norma CEI 22-15

Sono altresì conformi, secondo i test effettuati, ai requisiti della:

Direttiva Comunitaria 89/336/EEC


modificata dalla Direttiva 93/68/EEC chiamata Direttiva “EMC”

in quanto conformi alla Norma Tecnica armonizzata:

CENELEC EN 61800-3
corrispondente alla Pubblicazione IEC 61800-3 (edizione 2005) ed alla Norma CEI 22-10

a condizione che vengano installati secondo le indicazioni fornite nel manuale d'uso ed installazione, negli
schemi di macchina e nei documenti eventualmente predisposti ai fini della compatibilità elettromagnetica. Nelle
determinazione dei limiti di accettazione vanno considerati l'ambiente di installazione e la modalità di
distribuzione e circolazione del prodotto. Si dichiara inoltre che i prodotti sono stati realizzati a regola d’arte
secondo le indicazioni/avvertenze comunicate dai fornitori dei componenti.

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
Ai fini dell'installazione in una macchina, i prodotti sono coordinati con i requisiti applicabili della Norma Tecnica
armonizzata:

CENELEC EN 60204-1
corrispondente alla Pubblicazione IEC 60204-1 (edizione 1997) ed alla Norma CEI 44-5

Answer Drives S.r.l.


The Director Montebello Vicentino, 30 Settembre 2007
Ambrogio Boselli

Il Sistema Qualità di Answer Drives S.r.l. è certificato ISO 9001:2000


Certificato Numero 9115.ASI2 rilasciato il 5 Ottobre 1994 dal RINA
QA171 Rev. 02

MONTEBELLO VICENTINO - ITALY

DICHIARAZIONE DI INCORPORAZIONE
ai fini della Direttiva Macchine 98/37/CE

Dichiarazione redatta secondo l’Allegato B della Direttiva 98/37/CE (ex 89/392/EEC)

Fabbricante: Answer Drives S.r.l.


Sede legale: Viale Sarca, 336 – 20126 Milano – Italy
Indirizzo del Fabbricante:
Sede operativa: S.S. 11 – Cà Sordis, 4 - 36054 Montebello Vicentino (VI) – Italy

DICHIARA, sotto la sua esclusiva responsabilità, che i prodotti:

Prodotto Famiglia di Prodotto GT3000

Descrizione del Prodotto: Inverter con gamma di potenza da 0,75 kW a 5800 kW

devono essere installati in accordo con i nostri manuali di installazione e non possono essere
messi in servizio finchè la macchina in cui sono incorporati e per la quale si considerano dei
componenti, sia stata dichiarata conforme alla "Direttiva Macchine 98/37/CE".

Answer Drives S.r.l.


The Director Montebello Vicentino, 30 Settembre 2007
Ambrogio Boselli

Il Sistema Qualità di Answer Drives S.r.l. è certificato ISO 9001:2000


Certificato Numero 9115.ASI2 rilasciato il 5 Ottobre 1994 dal RINA
Answer Drives S.r.l.
Head Office:
Viale Sarca, 336 – 20126 Milano - Italia
Operation Site:
S.S 11 Cà Sordis, 4 I-36054 Montebello Vicentino (VI) - Italia
Ph. +39 0444 449268
F +39 0444 449276 1000073209

www. answerdrives.com