Sei sulla pagina 1di 38

RMU24

Apparecchiatureprefabbricate24kVconinvolucro
metallicoatenutadarcointerno
conformiallaspecificaENELDY802

MANUALEDUSOEMANUTENZIONE

COL GIOVANNI PAOLO S.p.A.


COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE

Doc.442MN001rev3

Indice

1.Istruzioniperlagestionedelquadro.........

2.Caratteristiche........

3.Installazione...........

4.Configurazioni......

5.Sequenzamanovre.......

6.Connessioneallareteelettrica..

7.Manutenzione........

8.Dispositivodiverificapresenzatensione....

9.Fusibili.......

10.Finedellavitaoperativa...

pag.4

pag.6

pag.9

pag.10

pag.19

pag.24

pag.29

pag.32

pag.33

pag.37

COLG.P.siriservaildirittodimodificareidisegnielespecifichedeipropriprodottisenzapreavviso

Doc.442MN001rev3

ATTENZIONE

Leggerequesteistruzioniprimadiusareilprodottooeffettuaresudiessoqualsiasi
operazionedimanutenzione.

La messa in funzione, utilizzo o manutenzione deve essere eseguita soltanto da


personalequalificato.

Lapparecchiaturadescrittainquestolibrettodistruzionistataprogettataetestata
per operare secondo i valori di targa; lutilizzo della stessa al di fuori di questi
parametripugeneraremalfunzionamenti.

Linadeguato utilizzo o manutenzione di questo prodotto pu provocare danni alle


personee/oallecose.

1.Istruzioniperlagestionedelquadro

Doc.442MN001rev3

1.1Imballaggio

Lo scomparto alla consegna si presenta poggiato su pallet di legno e fissato agli angoli tramite lausilio di
bulloni, il tutto viene imballato per mezzo di un involucro di plastica trasparente e/o idonea pellicola
trasparente;talecondizioneevitainfiltrazionidacquaincasodipioggiadurantelefasidicaricoescarico,e
proteggedallapolvereoaltroagenteinquinantedurantelimmagazzinamento.
Un cartello posto sul fronte dello scomparto, internamente allimballo, indica le caratteristiche dello
scomparto, mentre allinterno dellunit si trover una confezione contenente la bulloneria necessaria
allaccoppiamentoeilpresentemanualediistruzioni.

1.2Ricevimento

Allaconsegnavaeffettuataunaprimaverificasullesommariecondizionidiefficienzadelquadrocontrollando
lintegritdellimballooriginalechenondevepresentarealterazionivisibiliaseguitodimanomissioniodifetti
ditrasporto.
Controllare lo stato delle apparecchiature e la corrispondenza dei dati di targa dello scomparto con quelli
specificatinellaconfermadordine.
Nelcasoincuiduranteilcontrollovenisserorilevatedifformit,necessarioavvertiretempestivamentela
COLeiresponsabilideltrasporto.

1.Istruzioniperlagestionedelquadro

Doc.442MN001rev3

1.3Movimentazionedelquadro

Durante operazione di movimentazione


necessario non sollecitare le parti isolanti delle
apparecchiature.

Se il quadro viene sollevato facendo uso dei


golfari di sollevamento (vedi Fig. 1.1) la
lunghezza delle funi deve essere tale che
langolo formato non sia maggiore di 90. In
alternativaloscompartopuesseretrasportato
comemostratoinFig.1.2.

Quando il quadro imballato in cassa, va


movimentatosecondoleindicazioniaffissesulla
stessa.

Fig.1.3.1

1.4Immagazzinamento

E preferibile immagazzinare il quadro nel suo


imballo originale, diversamente provvedere ad
uninvolucrodiprotezionedallapolvere.
Lambientediimmagazzinamentodeveessereal
chiuso e lontano da fonti inquinanti di
qualunquenatura.
Dopo limmagazzinamento raccomandata la
pulizia delle parti isolanti e dei meccanismi che
fossero stati esposti a condizioni di particolare
inquinamento.

Fig.1.3.2

Doc.442MN001rev3

2.Caratteristiche

IlquadroRMU24unquadrocompatto,isolatoin SF6,dainterno,destinataadessereinstallataincabina
secondariaperstabilire,portareeinterromperecorrentinellecondizioninominalidelcircuito,insistemisiaa
neutroisolatocheaneutrocompensato.
Essoprevede,perciascunmontantelinea,unIMSacomandoelettricoeunsezionatorediterraacomando
manuale (ST). Il montante protezione trasformatore viene realizzato tramite IMS a comando manuale con
fusibile.
LeconfigurazioniomologateEnelperilquadroRMU24sonoleseguenti:
MODELLO
COL

ConformeatipologiaENEL

Matricola
ENEL

RMUE21M/16

DY802/1

162111

RMUE31M/16

DY802/2

162112

RMUE30M/16

DY802/3

162113

RMUE41M/16

DY802/4

162114

RMUE40M/16

DY802/5

162115

PeraltreconfigurazionicontattarelaColGiovanniPaoloS.p.A.

Generale

2.1Caratteristicheelettriche
Tensione massima di isolamento

[kV]

24

Frequenza nominale

[Hz]

50

Tensione di tenuta a frequenza industriale

[kV]

50/60

Tensione di tenuta ad impulso atmosferico

[kV]

125/145

Corrente nominale in servizio continuo per le sbarre

[A]

400

Corrente nominale ammissibile di breve durata (tk = 1 s)

[kA]

16

[kA]-[s]

16 - 0,5

[Vcc]

24

Corrente nominale

[A]

400

Corrente nominale ammissibile di cresta

[kA]

40

Corrente nominale ammissibile di breve durata (tk = 1 s)

[kA]

16

Tenuta allarco interno*

IMS
ST

RMU 24

Tensione nominale di alimentazione ausiliaria

Classe di durata meccanica

M1

Classe di durata elettrica

E1

Corrente nominale ammissibile di breve durata (tk = 1 s)

[kA]

16

Potere di stabilimento in corto circuito

[kA]

40

ST1-ST2

Classe elettrica

E2

Corrente nominale ammissibile di breve durata (tk = 1 s)

[kA]

Potere di stabilimento in corto circuito

[kA]

2,5

Classe di durata meccanica

M1

Classe elettrica

E1

LapparecchioatenutadarcointernoinconformitallanormaCEIEN62271200conclassediaccessibilitditipoAFL

Doc.442MN001rev3

2.Caratteristiche
2.2Gradidiprotezione

IlquadrocompattoRMU24progettatoconiseguentigradidiprotezione:

IP3Xgradodiprotezionesullinvolucroesterno,escluselesedidimanovra

IP2XCgradodiprotezionesedidimanovraeorganidicomando(anchealevadimanovrainserita)

2.3Normeespecifichediriferimento

NORME

CEIEN622711
CEIEN62271102
CEIEN62271200
CEIEN60447
CEIEN60529
D.P.R.341
D.Lgsn.81
DINEN50181
CEIEN62271105

SPECIFICHE

DY991
DY919
DY811
DY541
DY1537
DY1132
DY1100
DY1050
NCDJ4156
DJ4135
DJ1550
DX1215
PVR006

2.4Condizionidiesercizio

Temperaturamassimanonsuperiorea40Cconvalore
medio,riferitoadunperiododi24h,nonsuperiorea:

35C

Temperaturaminimaperlinstallazioneallinterno:

15C

Doc.442MN001rev3

2.Caratteristiche
2.5Apparecchiaturadimanovra

Linterruttore di manovrasezionatore a tre posizioni IR3 alloggiato allinterno di un involucro blindato


riempito in SF6. Esso svolge la duplice funzione di interruttore di manovrasezionatore e di sezionatore di
terra con potere di chiusura. Lelemento rotante a tre posizioni (CHIUSO, APERTO, MESSO A TERRA) con i
contattimobili,supportatodalcorpodellinterruttoresulqualesitrovanoicontattifissi.

Nonsononecessariinterblocchiinquantononpossibileaverecontemporaneitdelletreposizioniamotivo
di un unico dispositivo di manovra univocamente ad esse connesso. Durante le operazioni di chiusura, la
parte rotante dellinterruttore, muovendo i contatti da APERTO a CHIUSO, realizza efficacemente la
commutazionetraicontattidarcoedipotenzaallocatisugliattacchifissi.

Durantelapertura,ilgasSF6vienecompressonellacameraavolumevariabileespintoattraversogliugelli
contro le lame dei contatti mobili, cos da raffreddare larco e spegnerlo entro pochi millisecondi, al primo
passaggioazerodellacorrente.Ilgettodelgas,prodottodalmovimentodelcontattonellacameradarco,
assicuraunabuonainterruzionedellecorrentiavuotoeacaricodilineee/otrasformatori.

ATERRA

APERTO

CHIUSO

Fig.2.5.1LetreposizioniassuntedaldispositivoIR3

Fig.2.5.2InterruttoredimanovrasezionatoreIR3

Doc.442MN001rev3

3.Installazione

Per linstallazione del quadro deve essere previsto un locale in cui si trovi un plinto di cemento con
canalizzazioniperilposizionamentodeicavidialimentazioneeforiperilfissaggiodelquadromediante
tasselli(comeriportatoinfig.3.3);

Avvitare le quattro viti (M12x20), in ogni cubicolo inferiore, per fissare il quadro con una coppia di
serraggiodicirca80Nm;

CollegareilquadroallareteelettricadiMTsecondoleindicazioniriportatialCap.6.

Collegareilquadroaterratramiteunconduttoreflessibiledisezionenoninferiorea50mm2mediante
ilcollettorediterrafrontale.

Ledistanzeminimechedevonoessererispettateallinternodellocalesonoriportatenellefig.3.1e3.2.
(Lemisuresonoespresseinmm).

Fig.3.1

Fig.3.2

TIPO

RMUE21M/16

1105

1025

RMUE30M/16

1105

1025

RMUE31M/16

1455

1375

RMUE40M/16

1455

1375

RMUE41M/16

1805

1725

Fig.3.3

Fig.3.4

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
ConfigurazioneRMUE21M/16

COL

SEZIONEVANOCAVI

10

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
ConfigurazioneRMUE30M/16

COL

SEZIONEVANOCAVI

11

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
ConfigurazioneRMUE31M/16

COL

SEZIONEVANOCAVI

12

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
ConfigurazioneRMUE40M/16

COL

SEZIONEVANOCAVI

13

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
ConfigurazioneRMUE41M/16

COL

SEZIONEVANOCAVI

14

Doc.442MN001rev3

4.Configurazioni
4.1Configurazionielettriche

Il quadro compatto del tipo RMU24 prevede, per ciascun montante linea, un interruttore di manovra
sezionatoreMTdilinea(denominatoIMS),unsezionatorediterraconcomandomanuale(denominatoST).
IlmontanteprotezionetrasformatorevienerealizzatotramiteIMSconfusibile.

Fig.4.1.1
ConfigurazioneRMUE21

Fig.4.1.2
ConfigurazioneRMUE30

Fig.4.1.3
ConfigurazioneRMUE31

Fig.4.1.4
ConfigurazioneRMUE40

Fig.4.1.5
ConfigurazioneRMUE41

15

4.Configurazioni

Doc.442MN001rev3

4.2.1SchemacircuitaleausiliariMontanteLinea

16

4.Configurazioni

Doc.442MN001rev3

4.2.1SchemacircuitaleausiliariMontanteLinea

17

4.Configurazioni

Doc.442MN001rev3

4.2.2SchemacircuitaleausiliariMontanteProtezioneTrasformatore

18

Doc.442MN001rev3

5.Sequenzamanovre

Tutteleoperazioniinerentiallamessainserviziodevonoessere
effettuatedapersonalequalificato.

Tuttelemanovre,quandoiniziate,devonoesserecompletateperpermetterechelaleva
possaessereestrattadallasededimanovra;

Lemanovresieffettuanoapplicandomomentidiazionamentononsuperioria200Nmcon
gliappositiattrezzidimanovra;

Nonforzaregliinterblocchimeccanicinelcasofosseimpeditalamanovra;

Alimentareilquadroesclusivamenteconipannellideivanicavimontati.

OperazioniPreliminari

Primadellamessainserviziodeiquadrieseguireleseguentioperazioni:

Effettuare unaccurato controllovisivoalfinediverificarelassenzadidanni evidenti,sia


allinternocheallesternodelloscomparto;

Inserireifusibilidimediatensione;

Controllareilserraggiodeibulloni;

Controllareicollegamentideicavi;

Verificarelassenzadicortocircuititralefasieversomassa;

Effettuarealcunemanovresulleapparecchiaturealfinedipoterverificareilcorrettofun
zionamentomeccanicodegliinterblocchi.LemanovresullIMSvannoeffettuateconlaleva
indotazione(Fig.5.0).

Perilcollegamentodeicaviseguireleistruzionidelparagrafo6.

Fig.5.0levadimanovradellIR3

19

Doc.442MN001rev3

5.Sequenzamanovre
5.1Messainserviziomontantelinea:

Leletteretraparentesisiriferisconoallafig.5.1

1. Traslareversosinistrailpernodibloccovanocavi(A)perpoterinserirelalevadimanovranellasededel
sezionatorediterraST(B).Traslarelalevaversolalto;verificarelavvenutaaperturadelST;
2. Inserire la leva nella sede di manovra dellIMS (C) e traslare la leva verso lalto; verificare lavvenuta
chiusuradellIMS;inalternativaalloperazionemeccanicapossibilechiuderelIMSpremendoilpulsante
elettrico(D).

5.2Messafuoriserviziomontantelinea:

Leletteretraparentesisiriferisconoallafig.5.1

1. InserirelalevanellasededimanovradellIMS(C)etraslarelalevaversoilbasso;verificarelavvenuta
apertura dellIMS; in alternativa alloperazione meccanica possibile eseguire la manovra premendo il
pulsanteelettrico(E).
2. Inserire la leva di manovra nella sede del sezionatore di terra ST (B) e traslare la leva verso il basso;
verificarelavvenutachiusuradelsezionatorediterraST;
3. Traslare verso destra il perno di blocco del vano cavi (A); ora possibile accedere al vano cavi
rimuovendoilrelativopannellodichiusura.

Fig.5.1

20

Doc.442MN001rev3

5.Sequenzamanovre
5.3Messainserviziomontanteprotezionetrasformatore:

Leletteretraparentesisiriferisconoallafig.5.2

1. Traslareversosinistrailpernodibloccovanocavi(A);
2. Assicurarsicheilcoperchiodelvanofusibilisiacorrettamentechiuso;
3. InserirelalevadimanovranellasededelsezionatorediterraST(B);traslarelalevaversolalto;verificare
lavvenutaaperturadelST;
4. Inserire la leva nella sede di manovra dellIMS (C) e traslare la leva verso lalto; verificare lavvenuta
chiusuradellIMS;

5.4Messafuoriserviziomontanteprotezionetrasformatore:
1.

Leletteretraparentesisiriferisconoallafig.5.2

1. InserirelalevanellasededimanovradellIMS(C)etraslarelalevaversoilbasso;verificarelavvenuta
aperturadellIMS;
2. Inserire la leva di manovra nella sede del sezionatore di terra ST (B) e traslare la leva verso il basso;
verificarelavvenutachiusuradelsezionatorediterraST;
3. Traslare verso destra il perno di blocco del vano cavi (A); ora possibile accedere al vano cavi
rimuovendoilrelativopannellodichiusura;
4. Peraccederealvanofusibilitraslareilrelativopernodiblocco(D)versosinistra.

B
Fig.5.2

21

Doc.442MN001rev3

5.Sequenzamanovre
5.5Interblocchi

In conformit alle specifiche di riferimento, le manovre devono essere effettuate con un momento di

azionamento non superiore ai 200 Nm, utilizzando esclusivamente gli attrezzi forniti in dotazione.
Se la manovra dovesse risultare impedita, verificare la correttezza della sequenza di manovre evitando di
forzareomanometteregliinterblocchi.
Al fine di evitare danni agli scomparti, sui dispositivi di interblocco meccanico non esercitare sforzi di
manovrasuperioria400N,usandoesclusivamentegliattrezzidimanovraindotazione.

5.5.1InterblocchiMontanteLinea

IntuttiiquadriRMUEsonopresentiiseguentiinterblocchinelmontantelinea:

1.

Il sezionatore di terra (ST) pu essere chiuso solamente se lIMS si trova nella posizione di APERTO.
AllostessomodolIMSpuesserechiusosoloseilSTsitrovainposizionediAPERTO.

2.

IlpannellovanocavisipotrrimuoveresolamenteconSTchiuso;

3.

ImpossibilitdimanovrareelettricamenteconlevadimanovrainseritanellesediIMSeST.

5.5.2InterblocchiMontanteProtezioneTrasformatore

IntuttiiquadriRMUEsonopresentiiseguentiinterblocchinelmontanteprotezionetrasformatore:

1.

Il sezionatore di terra (ST) pu essere chiuso solamente se lIMS si trova nella posizione di APERTO.
AllostessomodolIMSpuesserechiusosoloseilSTsitrovainposizionediAPERTO.

2.

IlpannellovanocavisipotrrimuoveresolamenteconSTchiuso;

3.

IlvanofusibilisaraccessibilesolamenteconSTchiuso.

5.5.3Lucchettabilit

IlpannellodiaccessovanocavipuessererimossosoloconIMSapertoesezionatorediterrachiuso;tale
condizionevienerealizzataconinterbloccoditipomeccanicolucchettabilesulpernodibloccodelvanocavi
(Fig.5.3).Intuttiglialtricasilinserzionedellucchettointerdettameccanicamente.

Fig.5.3

22

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica

LaconnessioneallareteelettricadeiquadriRMUEprevistanellapartebassadelloscompartoallinternodel
boxcavi.
La connessione al quadro, prevede due tipologie di terminazioni: una per il montante trasformatore laltra
perilmontantelinea.

Perilmontantetrasformatorebisognerutilizzareterminazionitipoagomito(fig.6.1)conformiallaDJ4135,
mentre per il montante linea sar necessario effettuare la connessione tramite lausilio di terminazioni
conformiallaNCDJ4156(fig.6.2).

Aconnessioneultimatabisognachiudereilvanocavi,inserendoipannellinelleappositeguide.

Fig.6.1TerminazionemontanteTrasformatore

Fig.6.2TerminazionemontanteLinea

23

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica

1) Rimuovereilpannellodichiusuravanocavicomespecificatoalcapitolo5.

Fig.6.3Internovanocavi

Fig.6.4.InternovanocaviconTA

6.1Installazionecavofase8

2) Assicurarsi che i terminali siano


perfettamente integri e puliti. Calzare il
passacavo in gomma sullestremit del
cavo. Far passare il TA omopolare
attraversoilcavo.

Fig.6.5

24

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica

3) Applicare uno strato di grasso siliconico sul


cavo,sulladattatoreagomitoesullisolatore
passante, come mostrato nelle figure 6.6,
6.7e6.8.

Fig.6.6

Fig.6.7

Fig.6.8

4) Introdurreilterminaledelcavoallinternodelladattatoreagomitocomemostratoinfigura6.9
esuccessivamenteinserireladattatorenellisolatorepassante.

Fig.6.9

Fig.6.10

25

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica
5) Serrareilcapocordaallisolatoreper
mezzo della vite M16x20 e delle
rondelle contact in dotazione,
applicando una coppia di serraggio
di90Nm10%;

Fig.6.11

6) Applicare uno strato di grasso


siliconicosultappodelladattatore.

Fig.6.12

7) Avvitare il tappo sulladattatore con


una chiave esagonale M8 e
applicandounacoppiadiserraggiodi
circa12Nm.

Fig.6.13

8) Utilizzando il KIT di segregazione vano


cavi(esso posto nel vano porta
fusibile), fissare il cavo alla traversa;
comemostratoinfigura.

Fig.6.14

26

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica
6.2Installazionecavofasi4e12

8) Calzare il passacavo sul terminale.


Introdurre il terminale attraverso il
TA omopolare ed il TA di fase, come
mostrato in figura. Ripetere le
operazioni di pulizia ed ingrassaggio
comeperlafasecentrale.

Fig.6.15

9) Fissareilcavoallatraversapermezzo
dellapposito collarino. Completare il
fissaggio del capocorda allisolatore
comemostratoperlafasecentrale.

Fig.6.16

Infigurasonomostratiitrecavifissatialla
traversa.

Fig.6.17

27

Doc.442MN001rev3

6.Connessioneallareteelettrica

10) Collegareglischermideicaviaterra.
Per un corretto funzionamento dei
dispositivi di rilevamento guasti, i
collegamentiaterradeglischermideicavi
devono passare attraverso il foro del TA
toroidale omopolare prima di essere
connessiaterra;

Fig.6.18

11) Montare i pannelli di fondo del vano


cavi.

Fig.6.19

In figura mostrato il vano cavi alla


finedelmontaggio.

Fig.6.20

28

Doc.442MN001rev3

7.Manutenzione
7.1Manutenzioneordinaria

Lapparecchio,periprimi36mesidalladatadellaconsegna,esentedamanutenzione.

Uninsiemedifattoriqualilasemplicitdeidispositivi,iltipodiisolamentoadottatoelarobustezza
dei componenti utilizzati, fa si che il quadro RMUE non abbia bisogno di particolare attivit di
manutenzione.
Nella tabella 7.1 sono riportate una lista delle attivit di controllo che buona norma seguire per
mantenere gli scomparti in condizioni di piena efficienza. La necessit degli interventi legata a
diversielementi,ossialafrequenzadellemanovre,lintensitdellecorrentiinterrotteelecondizioni
ambientali (clima e grado di inquinamento), motivo per cui la periodicit riportata puramente
indicativa.
Inconformitaquantoprescrittoallarticolo10dellanormaCEIEN622711,lutilizzatoredovrebbe
tenereunaschedaincuiannotaretutteleinformazioniperlidentificazionedelloscompartoedelle
apparecchiature in esso contenute, la data di messa in servizio, la cronistoria degli interventi di
controlloeseguitieiriferimentiaqualsiasirapportodiguastoeventualmenteoccorso.

PROGRAMMADEICONTROLLIPERIODICI
Parte

Operazione

Periodicit

Verificarevisivamentelapuliziadelcomando

3anni

Effettuandoalcunemanovremeccanichediaperturaechiusura,
verificareilcorrettofunzionamentodimanovraesegnalazioni

3anni

Ingrassaggiodellepartimeccanichesoggetteamovimento

5anni

Verificareilfunzionamentodellesegnalazioniedella
motorizzazione

5anni

Interblocchi

Verificareilcorrettofunzionamentodeidispositividiinterblocco
elettriciemeccanici

5anni

Partiisolanti

Effettuareunesameavistae,sepresenti,rimuovereaccumulidi
polvereesporciziaconpannipulitieasciutti

3anni

PressionedelGasSF6

Effettuare,tramitelausiliodiidoneomanometro,lamisuradella
pressionedelgas.Ilvaloredipressionedevemantenersi>1.2bar

3anni

Controllareilserraggiodeibulloni;

5anni

Controllareilserraggiodeibullonielassenzadicorrosioni;se
necessariopulirelazonadicontattoeripristinareilserraggio

5anni

Comando

Circuitiausiliari

Collegamentidi
potenza
Collegamentiditerra

29

Doc.442MN001rev3

7.Manutenzione
7.2Manutenzionepreventiva

Tutte le operazioni di manutenzione vanno eseguite da personale competente e in condizioni di


sicurezza.
Prima dellinstallazione e dopo lunghi periodi di immagazzinamento e di inattivit desercizio si
consigliadiverificarelassettogeneraledelquadro.
Bisognacontrollare:

pressionedelgasSF6contenutonellinvolucro;
partimeccanichedeicomandiperleventualeingrassaggioindicatediseguito(Fig.7.1e7.2).

Parti da ingrassare

Fig7.1Comandomanuale

Parti da ingrassare
Fig.7.2Comandomotorizzato

30

7.Manutenzione

Doc.442MN001rev3

7.3Manutenzionestraordinaria
Lamanutenzionestraordinariacomprende:

Lasostituzionedelcomando:operazionedaeffettuarsiinassenzaditensionedapersonaleColapposi
tamenteaddestrato.

Lasostituzionedelkitdimotorizzazionechecomprende:

Motore;

Commutatorecontattiausiliari;

Schedadicomando;

Lasostituzionedellindicatoredipressioneeventualmenteinstallatosulquadro:operazionedaeffet
tuarsiinassenzaditensione.

RicaricagasSF6tramiteappositokitdiricarica.Collegareallavalvoladicaricoeriportarelapressione
alvalorenominale.

Qualunqueinterventoconcernentelatenutaalgas,deveessereeseguitoin
assenzaditensioneedapersonaleautorizzato

7.4Ricaricadelgas

SurichiestadelclientepossibilefornireilkitdiricaricagasperquadriM.T.isolatiinSF6.

7.5Interbloccotracartereconnettore

Sulquadroconcomandomotorizzato,quandosianecessarioasportareilcarterdicoperturadel
comandomeccanico,bisognaaccertarsidiaverescollegatoilconnettorechesitrovadifiancoai
pulsantidiaperturaechiusura.

31

8.Dispositivodiverificapresenzatensione

Doc.442MN001rev3

Il quadro compatto equipaggiato con dispositivi


rilevatori di presenza/assenza tensione conformi alla
specifica DY811 con relativi partitori capacitivi con
caratteristicheconformiallaDJ1550.

Tramite derivatori capacitivi si alimenta direttamente


dallaB.T.ildispositivodipresenzatensione,costituitoda
unapartefissaetrepartimobili:

la parte fissa provvista di prese di tensione a


boccole che vengono cortocircuitate al momento
delladisinserzionedellapartemobile(fig.8.1).

le parti mobili sono costituite da custodie

Fig.8.1PartefissadelP/Atensione

metallicheprovvistedispineedilampadaascarica
nel gas con i relativi circuiti di trattamento del
segnale(fig.8.2).

La parte fissa del dispositivo permette di realizzare le


seguentifunzioni:

La verifica della presenza di tensione tramite


laccensione delle lampade a scarica nelle parti
mobili;

La verifica di concordanza fasi facendo uso del


relativodispositivounificato;

Lalimentazione del dispositivo di rilevazione dei

Fig.8.2PartemobiledelP/Atensione

guastidirezionaletipoRGDAToRGDMENEL.

Le lampade di segnalazione funzionano in un range di


tensionecompresotra3kVe24kV.

Fig.8.3DispositivocompletoP/Atensione

32

Doc.442MN001rev3

9.Fusibili
9.1Sceltadeifusibili

Lasceltadeifusibiliperlaprotezionedeitrasformatorisareseguitasullabasedellatabella9.1.

LinterruttoredimanovrasezionatoreperleprotezionitrasformatoreIR3Vstatoprovatosecondolenor
meIEC62274105confusibiliSiemenstipoHVHRC.
Sesonoutilizzatifusibilidiversi,lapotenzadissipataallatemperaturaambientedi40Cdeveessereinfe
riorea75Wsecondolaseguenteformula:

Ib
Pn Pb 75W
In

dove:

In=correntenominaledelfusibile;
Ib=correntedieserciziodelfusibile;
Pn=potenzadissipatadalfusibileaIn;
Pb=potenzadissipatadalfusibileaIb;

IfusibilichepossonoessereimpiegatisonodeltipounificatoanormaIEC602821

Nellatabelladisceltafusibili(9.1)inumeritraparentesiindicanoivaloridellacorrenteinserviziocontinuo
deifusibili:

(1)max70%correntenominalefusibile
(2)max55%correntenominalefusibile
(3)max40%correntenominalefusibile

33

Doc.442MN001rev3

9.Fusibili
Tab.9.1Tabelladisceltafusibili

Tensioneprimaria
deltrasformatore

kV

6/7.2

10/12

15/17

20/24

Tensione
Potenza
dicorto
nominale
circuito

Correntenominaleminimaemassimadeifusibiliinfunzionedella
temperatura
40C
MINMAX

60C
MINMAX

80C
MINMAX

kVA

400

100

250

100

250

100

250

400

63

200

100

200

100

200

500

100

250

100

250

160

250

500

100

200

100

200

150

200

630

100

315

160

315

160

315

630

100

250

160

250

160

250

800

160

250

160

250

200

250

1000

160

315

200

315

250

315

1250

200

315

250

315

315

315

1500

250

315

315

315

315(3)

315(3)

400

63

100

63

100

63

100

400

40

100

63

100

63

100

500

4/6

63

100

63

100

100

100

630

4/6

63

100

100

100

100

100

800

100

100

100

100

100

100

1000

100

100

100(2)

100(2)

100

100

1250

100(1)

100(1)

100(2)

100(2)

100(3)

100(3)

1500

400

40

63

25

63

40

63

400

25

63

25

40

40

40

500

4/6

40

63

40

63

40

63

630

4/6

40

63

40

63

40

63

800

63

63

63

63

63(3)

63(3)

1000

63

63

63(2)

63(2)

63(3)

63(3)

1250

63(1)

63(1)

63(2)

63(2)

63(3)

63(3)

1600

25/50/100

6.3

125/160

10

200/250

16

315

20

400

25

63

25

63

40

63

400

25

40

25

40

40

40

500

4/6

25

63

40

63

40

63

630

4/6

40

63

40

63

63

63

800

40

63

63

63

63

63

1000

63

63

63

63

63(3)

63(3)

1250

63

63

63

63

63(3)

63(3)

1600

63(1)

63(1)

63(2)

63(2)

63(3)

63(3)

Surichiesta

34

Doc.442MN001rev3

9.Fusibili
9.2Sostituzionedeifusibili

Lasostituzionedeifusibili,aseguitodiguastosegnalatomeccanicamentesulpannellodicomandoconindi
catorerosso,sareseguitainsicurezzagrazieall'interbloccodellosportellod'accesso.Infatti,taleinterbloc
coconsentelaperturadellosportellovanofusibilisolonelcasoincuilIR3diprotezionetrasformatoresia
nellaposizionediMESSOATERRA.

Attenzione
Siraccomandadiporreparticolareattenzioneaffinchilpercussoresiamontatodallatodeltappo
portafusibile.
Iquadrisonofornitisenzafusibili.
(Arichiestadelclientepossonoesserefornitiifusibili)

Fig.9.1Aperturadelcoperchioportafusibile

35

Doc.442MN001rev3

9.Fusibili

Mettere fuori servizio il montante trasformatore seguendo le istruzioni descritte nel par.5.4 del
presentedocumento;

Aprirelosportellodelvanofusibili;

Aprireilcoperchioportafusibile(Fig.9.1);

Senecessariorimuovereconalcooleventualidepositidipolvere.

Sostituiretuttietreifusibiliconinuovi,avendocuradiserrareleviticomedaFig.9.3

Perlamessainservizioeseguireleistruzionialparagrafo5.3delpresentedocumento.

Fig.9.2
Chiusuradelcoperchioportafusibile

Fig.9.3Serraggioviti

36

10.Finedellavitaoperativa

Doc.442MN001rev3

GASSF6

Il fluido utilizzato come isolante allinterno dei nostri quadri contiene esafluoruro di zolfo, avente un
contributoalleffettoserra(GWP)paria22200.
LSF6devequindiessererecuperatoenonpuessererilasciatonellatmosfera.
Perlutilizzazioneelamanipolazionedelgasesafluorurodizolfo(SF6)rispettosadellambientedurantelo
smaltimentoafinevitadellapparecchiaturadimanovraecomando,fareriferimentoallanormaCEICLC/TR
62271303(classificazioneCEI17124).

RICICLAGGIO

Ilquadrooggettodelpresentemanualeunprodottocompatibileconlambiente.
I componenti del quadro devono essere riciclati in modo ecocompatibile mediante lo smontaggio e la
separazionedeidiversimateriali.
DopolosmaltimentodelgasSF6ilquadrosipresentacostituitoprincipalmentedaiseguentimateriali:

Acciaio:involucroesternoemeccanismidicomando;

Acciaioinox:contenitoredelgasSF6;

Rame:barreconduttrici;

Miscelaabasediresinaepossidica:isolatoripassantiecamereportafusibili;

Materialisintetici:dispositividimanovra;

Gommasiliconica;

Componentielettronici.

Ilquadropuesserericiclatoinmodoecologicosullabasedellenormevigenti.
Idispositiviausiliaridevonoesseresmaltiticomerifiutielettronici.

PerulterioriinformazionicontattarelaCOLGIOVANNIPAOLOS.p.A.

37

COL GIOVANNI PAOLO S.p.A.

SEDE CENTRALE:
via F.lli Ceirano, 20 - 10024 Moncalieri Reg. Vad (TO) - Italia
Tel. +39 001 6474258 - Fax +39 011 6474546
web-site : www.colgp.it e-mail : col@colgp.it

APPARECCHIATURE E QUADRI PER LENERGIA ELETTRICA


Strada Provinciale 14, sn - 95032 Piano Tavola - Belpasso (CT) - Italia
Tel. +39 095 7133088 - Fax +39 095 7135678

ELETTRONICA E SISTEMI
Via Segantini, 5 - 20030 Barlassina (MI) - Italia
Tel. +39 0362 56691 - Fax +39 0362 56622

FERROVIARIO
Via Fratelli Ceirano, 20 - 10024 - Moncalieri (TO) - Italia
Tel. +39 011 6474258 - Fax +39 011 6474546

IMPIANTISTICA E SERVIZI
Via Fratelli Ceirano, 20 -10024 - Moncalieri (TO) - Italia
Tel. +39 011 6474258 - Fax +39 011 6474546

AMBIENTE
Via Fratelli Ceirano, 17 -10024 - Moncalieri (TO) - Italia
Tel. +39 011 6892354 - Fax +39 011 689368

442 MN 001

Data:15/05/13
Rev.3

Il contenuto del presente catalogo propriet intellettuale di COL Giovanni Paolo S.p.A.; i dati riportati sono da considerare impegnativi solo
dopo conferma da parte di COL Giovanni Paolo S.p.A.
The contents of this catalogue is intellectual property of COL Giovanni Paolo S.p.A.; the information indicated can be considered binding only
after confirm of COL Giovanni Paolo S.p.A.

COL GIOVANNI PAOLO S.p.A. COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE

COL