Sei sulla pagina 1di 7

Esercitazioni sulle

condutture elettriche.
Calcolo delle sezioni.
Disegno della planimetria.
Baricentro elettrico.
Es. 1
Si progetti una linea monofase lunga 100 m, soggetta a una tensione di 230 V a 50 Hz nella quale deve
scorrere una corrente massima di 35 A. Si supponga che cos 𝜑 = 0,8 e che il cavo, isolato in PVC, abbia una
𝑚𝑚2
resistività 𝜌 = 0,0213 Ω ∙ .
𝑚

Es. 2
All’interno di un capannone è presente un quadro di distribuzione che alimenta i seguenti carichi:
• 5 MAT ciascuno di Pn = 2,2 kW
• 7 MAT ciascuno di Pn = 4 kW
• 10 prese trifasi da In = 16 A
• 20 lampade ciascuna di P = 100 W
• 9 prese monofasi da In = 10 A
• servizi ausiliari che richiedono una potenza complessiva pari a 2 kW con fattore di potenza 0,9.
Fatte le ipotesi aggiuntive ritenute necessarie, si determini:
a) lo schema del quadro elettrico;
b) le caratteristiche delle apparecchiature che lo compongono;
c) Le caratteristiche delle condutture elettriche.
Es. 3
Un’area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 800 m e 200 m, destinata a campeggio,
prevede l’insediamento delle seguenti utenze:
- edificio ubicato al centro dell’area i cui locali sono destinati a:
n° 1 ristorante (potenza installata di 25 kW)
n° 1 locale uffici (potenza installata di 3 kW)
n° 2 campi da tennis (potenza installata di 18 kW)
n° 1 piscina (potenza installata di 14 kW)
- quattro gruppi di servizi, ubicati in corrispondenza dei quattro angoli dell’area, ciascuno dei quali ha una
potenza installata di 5 kW;
- quattrocento piazzole per roulotte, ciascuna delle quali richiede una potenza massima di 2 kW;
- quattro viali d’accesso all’edificio centrale, disposti secondo le mediane dei quattro lati delimitanti l’area,
che richiedono complessivamente, per l’illuminazione, una potenza di 18 kW.
Considerando un fattore di potenza caratterizzante le utenze pari a 0,9 ed una alimentazione dei carichi a
380/220 V e 50 Hz, si richiede di eseguire il progetto di massima della cabina elettrica idonea al servizio
richiesto, situandola in posizione baricentrica rispetto alla distribuzione dei carichi; la cabina è alimentata da
una linea di cavo trifase interrato alla tensione di 15 kV.
Es. 4 (esercitazione TPSEE/Elettrotecnica)
Un sistema di irrigazione è costituito da una vasca di accumulo a pelo libero, da una pompa
e da un gruppo di elettrovalvole per la distribuzione.
La pompa, azionata da un motore asincrono trifase, deve garantire una portata di 9 litri/s
con prevalenza manometrica pari a 23 m; il rendimento complessivo dell’elettropompa è
di 0,68.
Giustificando le proprie valutazioni e formulando opportune ipotesi aggiuntive:
a) si definiscano le specifiche del motore asincrono trifase;
b) si definiscano le caratteristiche delle apparecchiature di manovra e di protezione del
motore;
c) si calcoli la sezione del cavo di alimentazione considerando trascurabile la lunghezza;
d) si esegua il rifasamento del motore discutendone gli effetti sulla taratura delle protezioni.
Es. 5 (esercitazione TPSEE/Elettrotecnica)
Una linea a 200 V in continua fornisce l’alimentazione a tre carichi della potenza di 20 kW
ciascuno; la linea, comune per i primi 100 m, si divide successivamente in tre rami ciascuno
lungo 50 m che, alle loro estremità, alimentano i tre carichi.
Ipotizzando di avere a disposizione cavi unipolari isolati in PVC con posa interrata e considerando
una temperatura ambiente di 40 °C, si vuole procedere al dimensionamento dei cavi
in relazione alla portata e alla caduta di tensione che non deve risultare superiore a 10 V.
Es. 5 (esercitazione TPSEE/Elettrotecnica)
Una linea a 200 V in continua fornisce l’alimentazione a cinque carichi della potenza di
20 kW ciascuno, che vengono posti a distanza di 15 m l’uno dall’altro.
Ipotizzando di avere a disposizione cavi unipolari con guaina distanziati su passerelle isolati
in PVC e considerando una temperatura ambiente di 30 °C, si vuole procedere al dimensionamento
dei cavi in relazione alla portata e alla caduta di tensione che non deve risultare
superiore a 10 V.