Sei sulla pagina 1di 8

Le istruzioni di selezione nel C e

nel C++
1
CodeBlocks e le IDE di programmazione per il c e il C++.
Descrizione e uso di CodeBlocks per la programmazione.
L’istruzione di selezione.
Linguaggi di programmazione.
Per software si intende un insieme di istruzioni Parole chiave.
comprensibili dal computer, o dal dispositivo Listato: insieme di istruzioni scritte in
elettronico o meccatronico cui sono dedicati, atti a un dato linguaggio che rappresenta
svolgere un determinato compito. un algoritmo. Sinonimi: codice, codice
Qualsiasi software è creato partendo dalla stesura di sorgente, sorgente.
un testo composto di istruzioni comprensibili da chi le Linguaggio di programmazione:
usa. In generale potremmo scrivere dei software insieme di parole, regole semantiche
direttamente in linguaggio macchina, ovvero con una e sintattiche utilizzato per la stesura di
serie molto lunga di istruzioni in codice binario, ma il codici sorgente e la realizzazione
listato del software risulterebbe a prima vista pratica di algoritmi.
incomprensibile e sicuramente sarebbe fonte di errori Entrare in loop: lo si dice di un
non facilmente rilevabili. Quindi si utilizzano dei software che non si conclude mai.
linguaggi di programmazione diversi dal codice Sarà utilizzato soprattutto con
binario e più comprensibili per colui che li usa; in Arduino.
questo modo si semplifica la programmazione ma si
complica il processo di traduzione del codice in
codice binario.
Linguaggi di programmazione.
Il linguaggi di programmazione si dividono in tre Parole chiave.
categorie: Linguaggi ad alta astrazione:
• Linguaggi di basso livello (assembler, codice linguaggi che utilizzano dei comandi
binario); che non possono agire direttamente
• Linguaggio di medio livello (C, C++); sul dispositivo.
• Linguaggio di alto livello (Java, C#).
I linguaggi di basso livello sono considerati tutti quei
linguaggi che comandano direttamente la macchina; i
linguaggi di alto livello invece sono considerati tutti
quei linguaggi con un alto livello di astrazione e i cui Basso Medio Alto
comandi sono essi stessi un insieme complesso di
comandi; i linguaggi di medio livello sono invece una
livello livello livello
via di mezzo fra i due ovvero sono presenti sia
comandi ad alta astrazione sia comandi che agiscono
a livello macchina.
C e C++.
Il C e la sua più diretta evoluzione, il C++, sono detti
linguaggi di medio livello perché a comandi con un
alto livello di astrazione uniscono comandi che
colloquiano direttamente con la macchina.
Il processo di generazione del software partendo dal
codice sorgente è illustrato nelle figura a lato:
• I programmatore scrive il codice in un qualsiasi
word processor, anche dedicato;
• Un software apposito, detto preprocessore,
controlla il codice sorgente evidenziandone errori
e/o storture;
• Un altro software dedicato, detto compilatore
converte il codice sorgente in linguaggio macchina
comprensibile dal dispositivo elettronico o
meccatronico cui è destinato.
Noi utilizzeremo CodeBlocks per l’intero processo di
generazione del software.
CodeBlocks.
L’immagine qui a lato rappresenta una
finestra di CodeBlocks.
CodeBlocks è una IDE ovvero Integrated
Development Environment, letteralmente
Ambiente Integrato di Sviluppo, e può
essere scaricato gratuitamente alla pagina
codeblocks.org.
In questa pagina si legge testualmente:

Code::Blocks is a free C, C++ and Fortran


IDE built to meet the most demanding
needs of its users. It is designed to be very
extensible and fully configurable. Per installare il software andare alla seguente URL:

Per questo corso useremo CodeBlocks per http://www.codeblocks.org/downloads/26


la stesura dei nostri codici sorgente
CodeBlocks.
Nella schermata a lato si legge un semplice
programma scritto in linguaggio C++.
Credo che possiate già riconoscere
qualche comando…
int per esempio è il comando che serve
per definire una variabile o una costante
intera.
La differenza fra costante e variabile è
presto detta: la costante conserva il suo
valore per gran parte del programma, la
variabile invece non ha un valore
predefinito. Nel listato accanto, non ci
sono costanti: a e b sono inserite da Parole chiave.
tastiera da chi utilizza il software; sum è Stampare a schermo: scrivere sullo
calcolata dal computer come somma di a e schermo.
b e stampata a schermo.
La definizione di variabile e costanti.
Nel nostro corso, come ampiamente detto più volte, Comandi.
utilizzeremo i linguaggi C e C++ quindi iniziamo a int: variabile intera;
conoscere i comandi propri del C e in particolare
quelli che servono per definire le costanti e le float: variabile razionale;
variabili. Questi comandi sono validi sia nel C che nel
C++, ad accezione del comando bool valido soltanto double float: variabile in precisione
nel C++. doppia;
Dobbiamo sempre tener presente che entrambi i
linguaggi sono linguaggi sensibili, in inglese case unsigned: prefisso che indica una
sensitive, ovvero riconoscono la differenza fra variabile senza segno;
maiuscole e minuscole; quindi se int è un comando
Int e INT sono delle semplici parole e non long: numero intero lungo;
rappresentano un comando.
char: variabile carattere;

bool: variabile di tipo booleano.


Un primo esempio.
Nel riquadro a lato è mostrato un esempio di Comandi.
programma molto semplice: il calcolo dell’area di un #include void main()
rettangolo dati base e altezza. {
In questo listato sono presenti due comandi che non int base,altezza,area;
conosciamo: printf("Inserire: base altezza\n");
• printf ovvero stampare a video ciò che è scanf("%d %d",&base,&altezza);
all’interno delle virgolette dento la parentesi; area = base * altezza;
• scanf ovvero leggere quello che è inserito printf("L'area del rett. di base");
(digitato) da tastiera. printf(" %d e alt. %d e' %d\n",base,altezza,area);
Come si può facilmente verificare, sono state definite }
tre variabili:
• base, inserita da tastiera;
• altezza, inserita da tastiera;
• area, calcolata da software.