Sei sulla pagina 1di 43

MANUALE DI ISTRUZIONI

193 BAR AV
193 BAR AV
Desideriamo ringraziarVi per la preferenza accordataci acquistando una macchina
CARPIGIANI.

A Vostra maggiore garanzia, CARPIGIANI ha sottoposto il proprio Sistema Qualità


a certificazione secondo la normativa internazionale ISO 9001 fin dal 1993.
Oggi CARPIGIANI produce con Sistema Qualità Certificato UNI-EN-ISO
9001:2008.

Le macchine CARPIGIANI sono inoltre conformi ai requisiti richiesti dalle


seguenti Direttive europee:

- 2006/42/CE Direttiva “Macchine”,


- 2006/95/CE Direttiva “Bassa Tensione”,
- 2004/108/CE Direttiva “EMC”,
- 97/23/CE Direttiva “PED”,
- 2004/1935/CE Regolamento “Materiali e oggetti a contatto con i prodotti alimentari”

CARPIGIANI

Via Emilia, 45 - 40011 Anzola dell'Emilia (Bologna) - Italy

Tel. +39 051 6505111 - Fax +39 051 732178

Il presente manuale contiene le ISTRUZIONI ORIGINALI, non può essere riprodotto, trasmesso,
trascritto, archiviato in un sistema di reperimento o tradotto in altre lingue previo accordo scritto
con CARPIGIANI.
Si lascia all'acquirente la facoltà di riproduzione di copie ad uso interno proprio.
CARPIGIANI persegue una politica di costante ricerca e sviluppo pertanto si riserva il diritto
di apportare modifiche ed aggiornamenti ogni qualvolta lo ritenga necessario senza obbligo di
preavviso.

Ediz.: 04 Data: 2013/10 Modifiche: Sez. 3.2, 3.8, 3.9, 4.

Redatto: AM Verificato: GM Approvato: RV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 -2-


193 BAR AV
INDICE GENERALE

SEZ. PREFAZIONE
MANUALE ISTRUZIONI ............................................................................................5
SCOPO ..........................................................................................................................5
ORGANIZZAZIONE MANUALE ...............................................................................5
DOCUMENTAZIONE AGGIUNTIVA.........................................................................5
SIMBOLOGIA CONVENZIONALE ...........................................................................6
SIMBOLOGIA QUALIFICA PERSONALE ................................................................6
SICUREZZA .................................................................................................................7
AVVERTENZE..............................................................................................................7

SEZ.1 - GENERALITA'

1.1 INFORMAZIONI GENERALI..................................................................................9


1.1.1 DATI DI IDENTIFICAZIONE DEL COSTRUTTORE ....................................9
1.1.2 INFORMAZIONI SULL'ASSISTENZA MANUTENTIVA .............................9
1.1.3 INFORMAZIONI PER L' UTILIZZATORE .....................................................9
1.2 INFORMAZIONI SULLA MACCHINA ..................................................................9
1.2.1 GENERALITÀ...................................................................................................9
1.2.2 LAY-OUT MACCHINA ....................................................................................10
1.2.3 CARATTERISTICHE TECNICHE ...................................................................10
1.2.4 POSIZIONE GRUPPI ........................................................................................11
1.3 USO PREVISTO..........................................................................................................11
1.4 RUMOROSITA' ..........................................................................................................11
1.5 IMMAGAZZINAMENTO MACCHINA..................................................................11
1.6 SMALTIMENTO MATERIALI DI IMBALLAGGIO ............................................11
1.7 RAEE ............................................................................................................................11

SEZ.2 - INSTALLAZIONE

2.1 SPAZI NECESSARI PER L'USO DELLA MACCHINA........................................13


2.2 MACCHINA CON CONDENSATORE AD ARIA ...................................................13
2.2.1 FLUSSO D'ARIA...............................................................................................13
2.3 MACCHINA CON CONDENSATORE AD ACQUA ..............................................14
2.3.1 REGOLAZIONE VALVOLA PRESSOSTATICA .............................................14
2.4 ALLACCIAMENTO ELETTRICO ..........................................................................14
2.4.1 SOSTITUZIONE CAVO DI ALIMENTAZIONE .............................................14
2.5 RIFORNIMENTI ........................................................................................................14
2.6 COLLAUDO MACCHINA ........................................................................................15

SEZ.3 - ISTRUZIONI PER L'USO


3.1 CONFIGURAZIONE DELLA MACCHINA ...........................................................17
3.2 TASTIERA ELETTRONICA DI COMANDO E FUNZIONI PULSANTI ...........18
3.3 LEVA USCITA GELATO ..........................................................................................20
3.4 MACCHINE ALIMENTATE A POMPA- POMPA "R" .........................................21
3.5 MACCHINE A GRAVITA'- AGO DI ALIMENTAZIONE .....................................21
3.6 OPERAZIONI PRELIMINARI, LAVAGGIO E SANITIZZAZIONE ..................22
3.7 AVVIAMENTO DELLA MACCHINA .....................................................................22
3.7.1 AVVIAMENTO MACCHINA CON POMPA ...................................................22
3.7.2 AVVIAMENTO MACCHINA A GRAVITA' ....................................................22
3.8 PRODUZIONE ............................................................................................................23
3.9 ALLARMI ....................................................................................................................24
3.9.1 MANCANZA DI ALIMENTAZIONE ELETTRICA........................................25
3.10 PROGRAMMAZIONE UTENTE .............................................................................26

-3- 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
SEZ.4 - DISPOSITIVI DI SICUREZZA

4.1 SISTEMI DI SICUREZZA DELLA MACCHINA...................................................27

SEZ.5 - SMONTAGGIO, LAVAGGIO, SANITIZZAZIONE E RIMONTAGGIO


DEGLI ORGANI A CONTATTO CON IL PRODOTTO

5.1 GENERALITÀ ............................................................................................................29


5.2 CONDIZIONI DI LAVAGGIO ..................................................................................29
5.3 SUGGERIMENTI .......................................................................................................29
5.4 MODALITA' D'USO DETERGENTE / SANITIZZANTE.....................................30
5.5 PULIZIA PROGRAMMATA .....................................................................................30
5.6 SVUOTAMENTO IMPIANTO GELATO ................................................................30
5.7 MACCHINA CON POMPA - SMONTAGGIO POMPA E TUBO DI
COMPRESSIONE .......................................................................................................31
5.8 MACCHINA A GRAVITA' - SMONTAGGIO AGO DI ALIMENTAZIONE .......31
5.9 SMONTAGGIO AGITATORE MISCELA IN VASCA............................................31
5.10 SMONTAGGIO PORTELLO ....................................................................................32
5.11 MACCHINA A POMPA - SMONTAGGIO AGITATORE ......................................32
5.12 MACCHINA A GRAVITA' - SMONTAGGIO AGITATORE .................................33
5.13 LAVAGGIO E SANITIZZAZIONE DEI COMPONENTI .....................................33
5.14 RIMONTAGGIO AGITATORE VASCA ..................................................................33
5.15 MACCHINA A POMPA - RIMONTAGGIO POMPA E TUBO DI
COMPRESSIONE .......................................................................................................34
5.16 MACCHINA A GRAVITA' - RIMONTAGGIO AGO ALIMENTAZIONE ..........34
5.17 MACCHINA A POMPA - RIMONTAGGIO AGITATORE ....................................35
5.18 MACCHINA A GRAVITA' - RIMONTAGGIO AGITATORE...............................35
5.19 RIMONTAGGIO PORTELLO ..................................................................................35
5.20 SANITIZZAZIONE MACCHINA.............................................................................36
5.21 CARICAMENTO MISCELA.....................................................................................36

SEZ.6 - MANUTENZIONE

6.1 TIPOLOGIA DI INTERVENTO ...............................................................................37


6.2 RAFFREDDAMENTO AD ACQUA .........................................................................38
6.3 RAFFREDDAMENTO AD ARIA ..............................................................................38
6.4 TAVOLA RICAMBI A CORREDO ...........................................................................39

SEZ.7 - RICERCA GUASTI

7.1 RICERCA DEI GUASTI ............................................................................................41

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 -4-


193 BAR AV
PREFAZIONE
MANUALE ISTRUZIONI
La redazione del presente manuale tiene conto delle direttive comunitarie per l’armonizzazione
delle norme di sicurezza e per la libera circolazione dei prodotti industriali in ambito C.E.

SCOPO
Il presente manuale è stato redatto tenendo conto delle necessità di conoscenza dell’utente in
possesso della macchina.
Sono stati analizzati i temi riferiti al corretto uso della macchina per mantenere inalterate nel tempo
le caratteristiche qualitative che distinguono la produzione CARPIGIANI nel mondo.
Parte rilevante del manuale è riferita alle condizioni richieste per l’uso e principalmente il com-
portamento da tenersi durante gli interventi riguardanti le operazioni di pulizia e manutenzione
ordinaria e straordinaria.
Tuttavia il manuale non può esaurire nel dettaglio ogni possibile esigenza; in caso di dubbi o di
carenza di informazioni rivolgersi a:

CARPIGIANI Via Emilia, 45 - 40011 Anzola dell'Emilia (Bologna) - Italy


Tel. +39 051 6505111 - Fax +39 051 732178

ORGANIZZAZIONE MANUALE
Il manuale è strutturato in sezioni, capitoli e sottocapitoli per una semplice consultazione e ricerca
degli argomenti di interesse.

Sezione
Si definisce sezione la parte di manuale che identifica uno specifico argomento riferito ad una
parte di macchina.

Capitolo
Si definisce capitolo la parte di sezione che illustra un gruppo o un concetto riferito ad una parte
di macchina.

Sottocapitolo
Si definisce sottocapitolo la parte del capitolo che riferisce in modo dettagliato la componente
specifica di una parte di macchina.

E’ necessario che ogni persona addetta alla macchina abbia letto e ben compreso le parti del
manuale di sua competenza ed in particolare:
• l’Operatore deve avere preso visione dei capitoli riguardanti la messa in funzione ed il fun-
zionamento dei gruppi di macchina;
• il Tecnico qualificato addetto alla installazione, manutenzione, riparazione, ecc. deve avere
letto il manuale in tutte le sue parti.

DOCUMENTAZIONE AGGIUNTIVA
Unitamente al manuale istruzioni ogni macchina viene fornita con la seguente ulteriore docu-
mentazione:
• Ricambi di corredo: elenco dei componenti forniti con la macchina per la manutenzione
ordinaria.
• Schema elettrico: schema delle connessioni elettriche, inserito nella macchina.

Prima di operare sulla macchina leggere attentamente il manuale istruzioni.


Prendere visione delle istruzioni di sicurezza.

-5- 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
SIMBOLOGIA CONVENZIONALE

ATTENZIONE PERICOLO DI FOLGORAZIONE


Segnala al personale interessato, che l'operazione descritta presenta, se non effettuata nel rispetto
delle normative di sicurezza, il rischio di subire uno shock elettrico.

ATTENZIONE PERICOLO ALTE TEMPERATURE


Segnala al personale interessato, che l'operazione descritta presenta se non effettuata nel rispetto
delle normative di sicurezza, il rischio di subire ustioni.

ATTENZIONE PERICOLO ORGANI IN MOVIMENTO


Segnala al personale interessato, la presenza di organi in movimento e il rischio di subire danni
fisici se non si rispettano le norme di sicurezza.

ATTENZIONE PERICOLO SCHIACCIAMENTO


Segnala al personale interessato, che l'operazione descritta presenta se non effettuata nel rispetto
delle normative di sicurezza, il rischio di subire schiacciamento di dita o mani.

ATTENZIONE PERICOLO GENERICO


Segnala al personale interessato, che l'operazione descritta presenta, se non effettuata nel rispetto
delle norme di sicurezza, il rischio di subire danni fisici.

NOTA
Segnala al personale interessato, informazioni il cui contenuto è di rilevante considerazione o
importanza.

AVVERTENZE
Segnala al personale interessato, informazioni il cui contenuto se non rispettato può causare
perdita di dati o danni alla macchina.

PROTEZIONE PERSONALE
La presenza del simbolo a fianco della descrizione richiede l'utilizzo di protezioni personali da
parte dell'operatore essendo implicito il rischio di infortunio.

SIMBOLOGIA QUALIFICA PERSONALE

Il personale addetto alle macchina si può differenziare per grado di preparazione e responsabilità in:

OPERATORE
Identifica personale non qualificato, ossia privo di competenze tecniche specifiche, in grado di
svolgere solo mansioni semplici come: conduzione della macchina attraverso l'uso dei comandi
disposti sulla pulsantiera, carico e scarico dei prodotti utilizzati durante la produzione, caricamento
di eventuali materiali di consumo, operazioni di manutenzione elementare (pulizia, inceppamenti
semplici, controlli della strumentazione, ecc.).

TECNICO QUALIFICATO
Persona in grado di compiere operazioni di installazione, condurre la macchina in condizioni
normali, intervenire sugli organi meccanici per effettuare tutte le regolazioni, interventi di manu-
tenzione e riparazioni necessarie. E' abilitato a interventi su impianti elettrici e frigoriferi.

TECNICO CARPIGIANI
Tecnico qualificato messo a disposizione dal costruttore per effettuare operazioni di natura com-
plessa in situazioni particolari o comunque quanto concordato con l'utilizzatore.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 -6-


193 BAR AV
SICUREZZA
Nell’uso della macchina, occorre essere consapevoli che le parti meccaniche in movimento (ro-
tatorio), le parti elettriche a tensione elevata, eventuali parti ad alta temperatura, possono essere
causa di gravi danni a persone e cose.
I responsabili per la sicurezza devono vigilare affinché:
z venga evitato ogni uso o manovra impropria;
z non vengano rimossi o manomessi i dispositivi di sicurezza;
z vengano eseguiti con regolarità gli interventi di manutenzione;
z vengano utilizzati esclusivamente ricambi originali soprattutto per i componenti che svolgono
funzioni di sicurezza (es. microinterruttori delle protezioni, termostato).
z vengano utilizzati appropriati dispositivi di protezione individuale;
z venga prestata particolare attenzione durante le fasi di lavorazione di prodotti caldi.

Al fine di ottenere quanto sopra si rende necessario che:


z presso la postazione di lavoro sia disponibile la documentazione di uso, manutenzione ecc.
relativa alla macchina in uso;
z tale documentazione sia stata accuratamente letta e le prescrizioni vengano conseguentemente
messe in pratica;
z ai macchinari ed alle apparecchiature elettriche vengano assegnate solo persone adeguatamente
addestrate;

IMPORTANTE!
Occorre vigilare affinché il personale addetto non compia interventi al di fuori del proprio campo
di conoscenze e responsabilità (vedi "simbologia qualifica personale").

NOTA:
La normativa vigente definisce TECNICO QUALIFICATO una persona che per:
- formazione, esperienza ed istruzione,
- conoscenza di norme, prescrizioni ed interventi nella prevenzione degli infortuni,
- conoscenza delle condizioni di servizio del macchinario,
E' in grado di riconoscere ed evitare ogni condizione di pericolo ed è stata autorizzata dal
responsabile della sicurezza dell’impianto ad eseguire tutti i tipi di intervento.

AVVERTENZE
All’atto dell’installazione della macchina prevedere il montaggio di un interruttore magneto-
termico differenziale di sezionamento di tutti i poli della linea, correttamente dimensionato alla
potenza di assorbimento indicata sulla targhetta di identificazione della macchina e con apertura
dei contatti di almeno 3 mm.
z Non intervenire mai nella macchina con le mani, sia durante le operazioni di fabbricazione
che durante quelle di pulizia. Per la manutenzione assicurarsi prima che la macchina sia nella
funzione “STOP” e l’interruttore generale sia distaccato.
z E’ vietato lavare la macchina con un getto d’acqua in pressione.
z E’ vietato togliere le lamiere per accedere all’interno della macchina prima di avere tolto
tensione alla stessa.
z La CARPIGIANI non risponde degli incidenti che possono succedere durante l’uso, la
pulizia, e la manutenzione delle proprie macchine per inosservanza delle norme di sicurezza
specificate.

-7- 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 -8-


193 BAR AV
1. GENERALITÀ

1.1 INFORMAZIONI GENERALI


1.1.1 Dati di identificazione del costruttore
La macchina è provvista di targa di identificazione riportante i dati del costruttore, il tipo di mac-
china ed il numero di identificazione assegnato all'atto della costruzione.
Copia della targa caratteristica è riportata nella prima pagina del presente manuale.

A B F G

LEGENDA:

A= N° di matricola
ANZOLA EMILIA - BOLOGNA - ITALY
100089654588-4
B= Tipo di macchina
C= Tensione di alimentazione
Matr. Cod. D= Valore amperometrico
interruttore generale
E= Tipo e quantità di gas
V Hz kW
F= Codice macchina
A G= Tipo di condensa
Gas kg H= Frequenza
I= Potenza

C D E H I

1.1.2 Informazioni sull'assistenza manutentiva


Le operazioni di manutenzione ordinaria vengono illustrate nella sezione di "Manutenzione" del
presente manuale istruzioni; ogni altra operazione che necessiti di interventi radicali da appor-
tarsi sulla macchina deve essere concordata con il costruttore che provvederà ad accordarsi sulla
eventualità di un proprio intervento diretto in loco.

1.1.3 Informazioni per l'utilizzatore


• Il costruttore della macchina descritta nel presente manuale si rende disponibile per qualsiasi
chiarimento ed informazione dovesse occorrere all'utente riguardo il funzionamento od even-
tuali modifiche migliorative apportabili alla macchina.
• L'interlocutore interessato per eventuali interpellanze sarà il distributore eventualmente pre-
sente nel paese dell'utilizzatore oppure l'azienda costruttrice nel caso non sia presente alcun
distributore.
• Il servizio di assistenza clienti del costruttore si rende in qualsiasi modo disponibile in me-
rito a richieste di tipo funzionali, di richiesta ricambi o di assistenza tecnica eventualmente
necessaria.

1.2 INFORMAZIONI SULLA MACCHINA


1.2.1 Generalità
Macchina da banco per la produzione e la distribuzione istantanea di gelato soft espresso a due
gusti + misto, prevista con alimentazione a gravità o pompa per assicurare un maggior aumento
in volume.
CARPIGIANI raccomanda di usare sempre nella produzione del gelato miscela di primaria
qualità e scelta, per soddisfare la Vostra clientela, anche la più esigente. Ogni risparmio che ef-
fettuerete nella miscela impiegata a discapito della qualità si risolverà sicuramente in una perdita
ben superiore a ciò che avrete risparmiato.

-9- 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
Premesso quanto sopra vengono fatte le seguenti raccomandazioni:
- Producete Voi stessi la miscela con ingredienti naturali di qualità ineccepibile o rifornitevi di
semilavorati presso ditte serie e degne di fiducia.
- Seguite scrupolosamente le istruzioni di preparazione della miscela che vi vengono date dal
fornitore.
- Non sbilanciate le ricette aggiungendo, per esempio, un maggior quantitativo di acqua o di
zucchero di quello suggerito.
- Assaggiate Voi stessi il gelato e mettetelo in vendita solo se Vi soddisfa pienamente.
- Pretendete dal Vostro personale che la macchina sia sempre tenuta pulita.
- Per qualsiasi riparazione che si rendesse necessaria, rivolgeteVi sempre a ditte incaricate dalla
CARPIGIANI del servizio assistenza.

1.2.2 Lay-out macchina

88
0
890

800

Versione aria 550 88


0
800

550
Versione acqua

1.2.3 Caratteristiche tecniche

Capacità Potenza
Alimentazione elettrica ** Peso
Produzione vasca installata
MODELLO Gusti netto
oraria*
Kg
litri Volt Fasi Cicli kW

2+
193 G/AV 30 Kg 18 + 18 400 3 50 4,24 190
misto

2+
193 P/AV 35 Kg 12 + 12 400 3 50 4,75 212
misto

* La produzione oraria e la quantità di mix per gelata possono variare a seconda della temperatura e del tipo di miscela
utilizzato e dall'aumento di volume (over-run) desiderato.
** Sono disponibili anche altre alimentazioni.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 10 -


193 BAR AV
1.2.4 Posizione gruppi
4
Legenda:
1. Pannello di comandi
2. Portello cilindro di mantecazione 1
3. Mensola per appoggio vaschetta
4. Coperchio vasca contenimento miscela
5. Cassettini sgocciolio

2
5

1.3 USO PREVISTO


La macchina deve essere utilizzata unicamente per la produzione di gelato, in conformità a quanto
indicato nel paragrafo 1.2.1 "Generalità", entro i limiti funzionali riportati di seguito.

Tensione di alimentazione: ±10%


Temperatura min. aria: 10°C
Temperatura max. aria: 43°C
Temperatura min. acqua: 10°C
Temperatura max. acqua: 30°C
Pressione minima acqua: 0,1 MPa (1 bar)
Pressione max. acqua: 0,8 MPa (8 bar)
Max umidità relativa aria: 85%

Non è previsto l'uso della macchina per destinazioni di utilizzo non conformi a quelle originarie
di costruzione.

1.4 RUMOROSITA'
Il livello di pressione acustica continuo equivalente ponderato A nel posto di lavoro risulta inferiore a 70
dB(A), sia per le macchine con condensazione ad acqua, che per quelle con condensazione ad aria.

1.5 IMMAGAZZINAMENTO MACCHINA


La macchina deve essere immagazzinata in ambiente asciutto e privo di umidità. Prima dell'im-
magazzinamento deve essere protetta con un telo a protezione da depositi di polveri o altro.

1.6 SMALTIMENTO MATERIALI DI IMBALLAGGIO


Ad apertura della cassa si raccomanda di suddividere i materiali utilizzati per l'imballaggio per tipo e
di provvedere allo smaltimento degli stessi secondo le norme vigenti nel paese di destinazione.

1.7 RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)


In conformità alle Direttive Europee 2006/66/CE, relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e
accumulatori, e 2002/96/CE, nota anche come RAEE, la presenza del simbolo a fianco sul prodotto
o sull’imballo indica che il prodotto stesso non deve essere smaltito secondo il normale flusso dei
rifiuti solidi urbani. Al contrario, è responsabilità dell’utente provvedere al corretto smaltimento del
prodotto in appositi punti di raccolta destinati al riciclaggio delle apparecchiature
elettriche ed elettroniche inutilizzate. La raccolta differenziata di tali rifiuti consente
di ottimizzare il recupero e il riciclaggio di materiali riutilizzabili, riducendo nel
contempo i rischi legati alla salute dell’uomo e l’impatto ambientale. Per maggiori
informazioni sul corretto smaltimento del prodotto, contattare l’autorità locale o
il rivenditore presso cui è stato acquistato il prodotto.

- 11 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 12 -


193 BAR AV
2. INSTALLAZIONE
2.1 SPAZI NECESSARI PER L'USO DELLA MACCHINA
La macchina deve essere posizionata lasciando uno spazio tale che l'aria possa circolare liberamente
in tutti i suoi lati. Devono essere lasciati liberi gli spazi di accesso alla macchina per consentire
all'operatore di potere intervenire senza alcuna costrizione e di potere abbandonare immediata-
mente l'area di lavoro in caso di necessità. Inoltre deve essere previsto uno spazio laterale di circa
40 cm. per consentire l'estrazione dei cassettini sgocciolio.

ATTENZIONE
Le MACCHINE CON CONDENSATORE AD ARIA devono essere installate
mantenendo una DISTANZA MINIMA DALLE PARETI LATERALI DI 8 cm per la
libera circolazione dell’aria di condensazione.

NOTA
Una cattiva areazione della macchina ne pregiudica il funzionamento e la capacità produttiva.

m
8c

ass.
m
8 c raz. c
est
cm
40

2.2 MACCHINA CON CONDENSATORE AD ARIA


Le macchine con condensatore ad aria devono essere installate mantenendo una distanza minima
dalle pareti laterali di almeno 8 cm per la libera circolazione dell’aria di condensazione.

NOTA
Una cattiva areazione della macchina ne pregiudica il funzionamento e la capacità produttiva

2.2.1 Flusso d'aria AIR OUT


Le macchine CARPIGIANI 193 BAR
AV hanno all’interno un ventilatore
che aspira aria fresca dall’ambiente
circostante attraverso la lamiera destra
della macchina e la restituisce riscaldata
all’ambiente esterno attraverso la parte
sinistra e dal "camino" situato sul retro
della macchina.
NO
topping AIR IN
ATTENZIONE
Si consiglia di non appoggiare
contenitori di topping, bottiglie di OK
sciroppi o altro, vicino alla parete topping
AIR OUT
sinistra della macchina, poiché l’a-
ria calda espulsa potrebbe alterare
le caratteristiche di questi prodotti.

- 13 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
2.3 MACCHINA CON CONDENSATORE AD ACQUA
Per poter funzionare, la macchina con condensatore ad acqua deve essere collegata all'acqua
corrente o ad una torre di raffreddamento.
La presa dell'acqua deve avere una pressione tra 0,1 MPa e 0,8 MPa (1-8bar) ed una portata
almeno uguale al consumo orario previsto.
Collegare il tubo di ingresso, contraddistinto dalla targhetta "Entrata Acqua" all'acquedotto inter-
ponendo un rubinetto, ed il tubo di uscita, contraddistinto dalla targhetta "Uscita Acqua", ad uno
scarico, interponendo un rubinetto.

2.3.1 Regolazione valvola pressostatica

IMPORTANTE
Se necessario ritarare la valvola pressostatica, questa operazione va eseguita solamente da perso-
nale qualificato. La registrazione della valvola deve essere compiuta facendo si che a macchina
ferma non fuoriesca acqua ed a macchina in produzione esca acqua tiepida.

NOTA:
Il consumo di acqua aumenta se la temperatura dell’acqua in entrata macchina è superiore a 20°C.

ATTENZIONE:
Non lasciare la macchina in ambienti con temperature più basse di 0°C senza avere
provveduto a svuotare il circuito del condensatore.

2.4 ALLACCIAMENTO ELETTRICO


Prima di effettuare il collegamento della macchina alla rete elettrica, verificare che la tensione di ali-
mentazione corrisponda a quella indicata sulla targhetta di identificazione (vedi par. 1.1.1 punto C).
Prevedere di interporre tra la macchina e la rete un interruttore magnetotermico differenziale di
sezionamento correttamente dimensionato alla potenza di assorbimento richiesta (vedi par. 1.1.1
punto D) e con apertura dei contatti di almeno 3 mm. Le macchine sono fornite complete di cavo
di alimentazione a 5 conduttori; collegare il filo blu al neutro.

IMPORTANTE
Il collegamento del filo di terra di colore giallo/verde deve essere effettuato
ad una buona presa di terra.

Senso di rotazione per macchine trifase


Il senso di rotazione dell’agitatore è antiorario.

Inversione senso di rotazione


Nel caso il senso di rotazione non fosse corretto, per invertirlo occorre scambiare tra di loro due
dei tre fili di fase che partono dall’interruttore termico differenziale di protezione.

2.4.1 Sostituzione cavo di alimentazione


Nel caso che il cavo di alimentazione generale della macchina venga danneggiato, bisogna im-
mediatamente procedere alla sua sostituzione con un cavo di caratteristiche analoghe.
La sostituzione va effettuata esclusivamente da personale tecnico qualificato.

2.5 RIFORNIMENTI
Il motore installato sulla macchina è di tipo con lubrificazione a vita; non richiede quindi alcun
intervento di controllo/sostituzione o rabbocco. La quantità di gas necessaria al circuito per
il funzionamento è immessa dalla CARPIGIANI all’atto del collaudo post produzione della
macchina; con macchina nuova non sono previsti rabbocchi o riempimenti. Nel caso in cui si
verifichi la necessità di compiere una operazione di rabbocco o riempimento di gas, questa deve
essere eseguita esclusivamente da personale tecnico qualificato, in grado di stabilire la causa per
la quale si sia verificata tale necessità.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 14 -


193 BAR AV
2.6 COLLAUDO MACCHINA
La macchina subisce un collaudo post produzione all’interno della CARPIGIANI; vengono
controllate e verificate le funzionalità operative e produttive richieste. Il collaudo della mac-
china presso l’utente finale deve essere effettuato da personale tecnico abilitato o da un tecnico
CARPIGIANI. Eseguito il posizionamento e compiuti correttamente gli allacciamenti alle reti
di alimentazione, provvedere all'esecuzione delle operazioni richieste per la verifica funzionale
ed il collaudo operativo della macchina.

- 15 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 16 -


193 BAR AV
3. ISTRUZIONI PER L'USO

3.1 CONFIGURAZIONE DELLA MACCHINA


La macchina è costituita da una motorizzazione per la movimentazione del gruppo agitatore, un
sistema di raffreddamento con condensatore ad acqua o ad aria.
La preparazione del gelato soft avviene introducendo la miscela fredda (+4°C) all'interno
della vasca e facendo partire il ciclo di produzione automatico, fino alla consistenza ottimale
del gelato impostata da CARPIGIANI.
Grazie alla pompa la miscela entra nel cilindro di mantecazione già mescolata con l'aria. Il gelato
viene prodotto solo nel momento in cui deve essere servito.
Tramite la leva di distribuzione posta sul frontale della macchina si dosa una porzione di gelato soft.
Contemporaneramente una uguale quantità di miscela passa dalla vasca refrigerata superiore al
cilindro di mantecazione.

- 17 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
3.2 TASTIERA ELETTRONICA DI COMANDO E FUNZIONI
PULSANTI
Display e comandi della tastiera sono indicati nell'illustrazione a seguire

Display
Il display visualizza una serie di messaggi all'accensione della macchina e durante il funziona-
mento della stessa.

Indicatore luminoso
L'accensione di un indicatore luminoso indica l'inserimento della funzione corrispondente al
simbolo posto sull'indicatore luminoso stesso.

Pulsante STOP
In questa funzione, la macchina è ferma e il relativo led (retroilluminazione) è
acceso. Dalla posizione di Stop è possibile accedere a una qualsiasi funzione della
macchina. Per il cambio di funzione, E’ NECESSARIO sempre tornare prima in
STOP. Il display indica:

10:33:21 Ven

Se viene lasciata la macchina in Stop con livello coperto, dopo 30" viene visualiz-
zata la scritta “Perché in STOP ??” per allertare l’utente di impostare la macchina
in Produzione o Conservazione.

Pulsante PRODUZIONE
L'accesso alla funzione Produzione è consentito solo con il livello minimo miscela
coperto. Il prodotto viene raffreddato nel cilindro fino al raggiungimento della
consistenza impostata (HOT).

Appena si entra in produzione si accede ad un menù attraverso il quale è possibile


impostare il tipo di prodotto che si vuole estrarre da ciascuno dei due lati, cioè di
tipo crema, frutta o yogurt; la visualizzazione è questa:

Crema Crema

In questa finestra il display visualizza il tipo di prodotto che si estrae da ciascuno


dei due lati:
Crema (sinistra) = nel lato 1 si produce gelato Soft
Crema (destra) = nel lato 2 si produce gelato Soft

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 18 -


193 BAR AV
Quella appena illustrata è la prima pagina del menù, con la pressione prolungata del
pulsante Produzione si accede alle combinazioni seguenti, in particolare:
Crema Frutta (Crema nel lato 1 e Frutta nel 2)
Crema Yogurt (Crema nel lato 1 e Yogurt nel 2)
Frutta Crema (Frutta nel lato 1 e Crema nel 2)
Frutta Frutta (Frutta nel lato 1 e Frutta nel 2)
Frutta Yogurt (Frutta nel lato 1 e Yogurt nel 2)
Yogurt Crema (Yogurt nel lato 1 e Crema nel 2)
Yogurt Frutta (Yogurt nel lato 1 e Frutta nel 2)
Yogurt Yogurt (Yogurt nel lato 1 e Yogurt nel 2)

Se un lato è disabilitato viene mostrata e consentita la scelta solo della tipologia di


prodotto sul lato attivo.
Una volta visualizzata la combinazione di produzione desiderata, si attendono 3
secondi, senza premere nulla, e la macchina entra automaticamente nel tipo di
produzione scelta e carica le impostazioni relative.

A questo punto si entra automaticamente in produzione e la visualizzazione diventa:

Gelato Pronto !
TEV +4°C L-3

La prima riga in alto è relativa al gelato se pronto per essere estratto (Gelato Pronto!)
o ancora non in consistenza (Attendi !).
Se viene visualizzato Attendi ! significa che il gelato non ha ancora raggiunto la
consistenza impostata ed è quindi necessario attendere.
La seconda riga è relativa alla temperatura in vasca ed ai giorni che mancano al
prossimo lavaggio. Nell’esempio sopra mancano 3 giorni al prossimo lavaggio.
Premendo Produzione si passa alle diverse “finestre” o schermate descritte di seguito:

Vasca Ð +014°C
Ð +015°C Ð +013°C

In questa finestra il display visualizza nella prima riga (in alto) la temperatura Vasca:
Ð = accesa quando viene raffreddata la vasca +014°C=temperatura in vasca (TEV)
Nella seconda riga la temperatura dei due Cilindri:
Ð sinistra = accesa quando viene raffreddato il cilindro 1 +015°C=temperatura
cilindro 1 (TEC1)
Ð destra = accesa quando viene raffreddato il cilindro 2 +013°C=temperatura
cilindro 2 (TEC2)

Hot=085 Hot=085
Set=100 Set=100

In questa finestra il display visualizza nella prima riga (in alto):


HOT=085: lettura consistenza attuale dei cilindri dei due lati
Nella seconda riga viene visualizzato:
Set=100 : Set HOT dei due lati (sx lato 1, dx lato 2)

Coni Odierni
12345

In questa finestra il display visualizza i Coni della giornata (a partire dalle 0:00
fino alle 23.59):
12345 = è il numero di coni erogati in giornata.

Coni totali
0923456780

In questa finestra il display visualizza i Coni totali:


0923456780 = è il numero totale dei coni erogati.

- 19 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
TC1 +013 TC2 +013
TE1 -012 TE2 -012

In questa finestra il display visualizza le varie sonde (senza visualizzare °C o °F):


TEC = Termostato Cilindro (1 = lato 1, 2 = lato 2)
TE = Termostato Evaporatore (1 = lato 1, 2 = lato 2)

TEV+014 TGV-022
HOT MC +030

In questa finestra il display visualizza nella prima riga le sonde TEV = termostato vasca
TGV = termostato ghiaccio vasca Nella seconda riga viene visualizzato l’assorbimento
del motore compressore (HOT MC). Vedi passi T31 e T32.

Ripremendo Produzione si torna alla visualizzazione iniziale.

Pulsante PULIZIA
Premendo una volta il pulsante Pulizia, il display visualizza:
TC1 +014 TC2-010
Agitat.+Pompa ON
Vengono attivate l'agitazione e le pompe per 30 secondi o finchè non si preme STOP.

Premendo una seconda volta il pulsante Pulizia, il display visualizza:


TC1 +014 TC2-010
Pompa ON
Restano attive solo le pompe, mentre l'agitazione viene disattivata.

Premendo una terza volta il pulsante Pulizia, il display visualizza:


TC1 +014 TC2-010
Agitatatore ON
Viene attivata l'agitazione e disattivate le pompe.

Premendo una quarta volta il pulsante Pulizia, il display visualizza:


TC1 +014 TC2-010
Agitat.+Riscald.
L'agitazione resta attiva inoltre viene attivato il riscaldamento dei cilindri fino al
raggiungimento di una temperatura impostata.

La macchina è dotata di un sistema automatico che impone il lavaggio delle parti a


contatto con il prodotto ogni 3 giorni. Questo sistema denominato "WASH" inibisce
la funzione di produzione alla fine del 3° giorno.

Funzione BLOCCO TASTIERA


Per pulire il pannello pulsanti con un panno pulito si raccomanda di bloccare i
comandi sul pannello nel modo seguente:

Premere il pulsante per 3 secondi, la spia lampeggerà indicando così che il


pannello tasti è bloccato. A questo punto lo si può pulire senza rischio. Per riattivarlo
premerlo per altri 3 secondi e la spia si spegnerà.

Pulsante PASTORIZZAZIONE
Non abilitato.

Pulsante CONSERVAZIONE
Premendo il tasto Conservazione la macchina porta il prodotto nelle vasche e nei
cilindri alla temperatura di 4°C.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 20 -


193 BAR AV
Pulsante CONSERVAZIONE
Se il livello minimo della vasca sinistra è scoperto, la prima riga del display visualizza
in modo fisso "Mix Esaurita 1", se il livello minimo della vasca destra è scoperto, la
prima riga del display visualizza in modo fisso "Mix Esaurita 2", infine se il livello
minimo di entrambe le vasche è scoperto, la prima riga del display visualizza in
modo fisso solo "Mix Esaurita".
In tutti questi casi il led livello basso della vasca su tastiera si accende e il
cicalino suona in modo continuo.
La seconda riga del display visualizza i coni che è ancora possibile estrarre (Ultimi
Coni) prima che la macchina passi automaticamente in Conservazione.

NOTA:
Col messaggio "Mix Esaurita !" non è possibile accedere alle successive
schermate di Produzione o Pastorizzazione.

3.3 LEVA USCITA GELATO


Per erogare il prodotto, è sufficiente posizionare una coppa o un cono sotto il portello erogatore
ed abbassare lentamente la relativa leva di distribuzione. Non appena il prodotto comincia a
uscire, occorre muovere la coppa o il cono in senso circolare per conferire al gelato una forma
conica. Una volta erogata una porzione sufficiente di
prodotto, chiudere la leva di distribuzione e muovere
la coppa o il cono velocemente verso il basso per finire
la porzione a punta. Leva di
distribuzione

3.4 MACCHINE ALIMENTATE A POMPA - POMPA "R"


La pompa "R" consente, mediante il cambiamento di posizione della leva "R" (pos.271) di variare
la proporzione fra l'aria e la miscela che invia nei cilindri di congelamento; pertanto entro certi
limiti consente di regolare l'aumento in volume più idoneo al tipo di miscela impiegata.
Mettere la leva "R" nella posizione centrale.
Se dopo aver estratto un certo numero di coni, il gelato risulta troppo pesante e bagnato, spostare
la leva "R" di una tacca per volta verso destra. Se invece dal portello erogatore esce gelato misto
a bolle d'aria, ruotare la leva "R" di una tacca per volta verso sinistra.

271

- 21 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
3.5 MACCHINE A GRAVITA' - AGO DI ALIMENTAZIO-
NE
Istruzioni per mantenere e ottenere nel tempo un buon funzionamento della macchina.
1. Mantenere sempre alto (almeno sopra la metà) il livello della miscela in vasca. La miscela
in vasca è conservata ad una temperatura di +4°C, sia in produzione che in conservazione.
2. Durante la giornata mescolare periodicamente con una palettina la miscela in vasca, per
evitare una separazione della stessa, specialmente dopo lunghi periodi di sosta in conserva-
zione.
3. Utilizzare sempre miscela fluida e priva di grossi grumi. Una miscela molto densa e con
grossi grumi potrebbe otturare l'asola dell'ago di alimentazione impedendo il caricamento
del cilindro di mantecazione.
4. Mantenere il cursore dell'ago di alimentazione (pos. 52) in posizione tale da permettere
una buona caduta di miscela dalla vasca al cilindro di mantecazione. Ruotando l'asola del
cursore in corrispondenza del foro di diametro inferiore si riduce la quantità di miscela che
scende nella vasca e viceversa.
5. Posizionare l'ago di alimentazione in modo tale che il foro di entrata del prodotto sia rivolto
verso il centro della vasca.
6. Non superare la produzione indicata nel paragrafo 1.2.3 e mantenere regolarità nella distri-
buzione di coni e coppette. Oltrepassando i limiti di capacità produttiva indicati la macchi-
na potrebbe bloccarsi; in tal caso può comparire sul monitor il segnale di allarme "ICE"; in
questo caso, per ripristinare la funzionalità della macchina occorre:
- fermare la macchina (posizione di STOP)
- togliere l'ago di alimentazione per permettere una veloce caduta di miscela nel cilindro
- posizionare la macchina in pulizia per alcuni minuti
- assicurarsi che dal rubinetto erogatore del portello esca prodotto liquido
- riposizionare l'ago di alimentazione controllando che il cursore sia suffucientemente
aperto
- riavviare la macchina portandola in "PRODUZIONE"; attendere che si fermi prima di
riprendere la distribuzione.

52

53

1131

3.6 O P E R A Z I O N I P R E L I M I N A R I , L AVA G G I O E
SANITIZZAZIONE
Prima di porre in funzione la macchina per la prima volta, si rende necessario procedere ad una
accurata pulizia delle parti componenti la stessa nonché alla sanitizzazione delle parti a contatto
con il gelato. Per la pulizia vedi sezione 5 del manuale.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 22 -


193 BAR AV
3.7 AVVIAMENTO DELLA MACCHINA
Dopo aver provveduto all'installazione della macchina in conformità alle istruzioni contenute nel capitolo IN-
STALLAZIONE e dopo aver accuratamente lavato e sanitizzato la macchina procedere come segue:

3.7.1 Avviamento macchine con pompa


Togliere i tubi di compressione dal fondo vasca ed immergerli in soluzione sanitizzante.
Caricamento vasca:
• Prelevare una confezione di miscela dal refrigeratore.
NB.: Inserire miscela avente una temperatura di 4-5°C.
• Versare la miscela nelle vasche, in questo modo la mix passerà anche nei cilindri. Il livello
della miscela in vasca non deve mai raggiungere la pompa
(vedi figura); inoltre occorre aggiungere miscela quando si
scopre il sensore livello minimo.
• Abbassare le leve di distribuzione ed attendere che dal
portello esca una piccola quantità di miscela e riportare le MAX
leve di distribuzione in posizione originale, cioè chiudere
le leve del portello.
MIN
Montaggio tubi di compressione:
• Continuare a versare miscela ed attendere che sia terminato
il riempimento dei cilindri (durante il riempimento sono visibili delle bolle in vasca); con
le mani pulite e sanitizzate, prelevare i tubi di compressione DX e SX dalla soluzione
sanitizzante ed inserirli sul fondo delle vasche.
• Ruotare i tubi di compressione in senso orario allineandoli alle pompe, inserire a fondo i
tubi di connessione (pos. 207) nei tubi di compressione dopo di che inserirli nelle pompe
bloccandoli. Il livello della miscela in vasca non deve mai raggiungere la pompa (vedi figura);
inoltre occorre aggiungere miscela quando il livello è sceso a circa 2 cm dal fondo.
• Riposizione il coperchio vasca.
• A questo punto selezionando la funzione Produzione, verrà eseguito in automatico un ciclo
di Pastorizzazione, prima di poter erogare il gelato. Questo per garantire una migliore
integrità del prodotto
• Terminata la Pastorizzazione, selezionare la funzione Produzione e dopo pochi minuti
sarà possibile erogare il prodotto.

3.7.2 Avviamento macchine a gravità


Togliere l'ago alimentazione dal fondo vasca ed immergerlo in soluzione sanitizzante.
Caricamento vasca:
· Prelevare una confezione di miscela dal refrigeratore.
NB.: Inserire miscela avente una temperatura di 4-5°C.
· Abbassare la leva di distribuzione e cominciare a versare la miscela
nella vasca, in questo modo la mix passerà anche nel cilindro.
Il livello della miscela in vasca non deve mai superare l'altezza
dell'ago alimentazione (vedi figura); inoltre occorre aggiungere ago alimentazione
miscela quando il livello è sceso a circa 2 cm dal fondo.
· Attendere che dal portello esca una piccola quantità di miscela (no sanitizzante) e riportare
la leva di distribuzione in posizione originale, cioè chiudere la leva del portello.
Montaggio ago alimentazione:
· Continuare a versare miscela e attendere che sia terminato il riempimento del cilindro
(durante il riempimento sono visibili delle bolle in vasca); con le mani pulite e sanitizzate,
prelevare l'ago alimentazione dalla soluzione sanitizzante ed inserirlo sul fondo vasca. Il
livello della miscela in vasca non deve mai superare l'altezza dell'ago alimentazione (vedi
figura); inoltre occorre aggiungere miscela quando il livello è sceso a circa 2 cm dal fondo.
· Riposizione il coperchio vasca
· Selezionare la funzione produzione

- 23 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
3.8 PRODUZIONE
Distribuite il gelato soft senza superare il ritmo di produzione della macchina come indicato nella
tabella di pag. 10; non superando questo ritmo ed avendo cura di rifornire la macchina di prodotto
fresco, siete certi di non interrompere mai la vendita nemmeno nelle ore di punta.
Quando il display, sulla prima riga, indica "Mix Esaurita 1", significa che il livello minimo della
vasca sinistra è scoperto, è quindi indispensabile aggiungere miscela, in quanto la macchina eroga
al massimo 5 coni e poi passa automaticamente in Conservazione. Se il livello minimo della vasca
destra è scoperto il display, sulla prima riga, indica "Mix Esaurita 2", se entrambi i livelli sono
scoperti il display indica "Mix Esaurita".

In tutti questi casi si accende il led ed un segnale acustico suona in modo continuo.
La seconda riga del display visualizza i coni che è ancora possibile estrarre.
Durante gli intervalli di chiusura del Vostro locale mettete la macchina in CONSERVAZIONE
premendo il pulsante STOP e il pulsante CONSERVAZIONE. Risparmierete notevolmente energia
elettrica in quanto il compressore funziona solo il tempo strettamente necessario per conservare alla
giusta temperatura il prodotto. Quando riaprite il locale, mettete la macchina in PRODUZIONE e po-
chi minuti sono sufficienti per riportare il gelato alla giusta consistenza per riprendere la vendita.
Se per una interruzione dell'energia elettrica la macchina si è fermata per molto tempo, è indi-
spensabile prima di iniziare di nuovo la vendita controllare la temperatura del prodotto; se la
temperatura ha oltrepassato i +6°C occorre vuotare, lavare e sanitizzare la macchina poi rifornirla
con prodotto fresco a +4°C.
La funzione PRODUZIONE è ulteriormente suddivisa in 9 funzioni che consentono la combina-
zione di prodotti diversi nelle due vasche. La funzioni sono selezionabili premendo più volte il
tasto PRODUZIONE (con pressione prolungata di 3 secondi) dopo l'accesso alla funzione stessa
entro 30 secondi.
Le funzioni sono:

Lato SX Lato DX
CREMA CREMA
CREMA FRUTTA
CREMA YOGURT
FRUTTA CREMA
FRUTTA FRUTTA
FRUTTA YOGURT
YOGURT CREMA
YOGURT FRUTTA
YOGURT YOGURT

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 24 -


193 BAR AV
3.9 PROGRAMMAZIONE UTENTE
Per accedere alla Programmazione Utente premere contemporaneamente i tasti STOP e RESET
fino alla visualizzazione a display della scritta "MANAGER MENU" poi rilasciarli entrambi. Il
display visualizza il primo passo della programmazione utente.

Premere Incremento o Decremento per modificarne il valore. Premere Stop


per accedere al passo successivo. Vedi tabella di programmazione.

Per uscire dalla programmazione è sufficiente non premere alcun pulsante per circa 30 secondi
oppure premere il tasto PRODUZIONE o PULIZIA. A questo punto la macchina torna in STOP.

Passo Display ITA Display ENG Min Max Default


U01 Ore Hours 00 23
U02 Minuti Minutes 00 59
U03 Giorno Settimana Day of Week SUN SAT
U04 Giorno del Mese Day of Month 01 31
U05 Mese Month 01 12
U06 Anno Year 2000 2099
U07 Linguaggio Language ITA FRA ENG
Ora avvio
U08 Start prod time 00 23 + NO 08
Prod
U09 Ora Avv. Cons Start Stor 00 23 + NO 02
U10 Abilita beep liv. Liv. beep enable NO YES YES
U11 Lato attivo Active side 01 03
U12 Visualiz. 12 ore 12 Hour Clock No Yes No
U13 Conserv.autom Autom. Storage No Yes No
U14 Prodotto Lato Sx Left Side Prod. Crema Yogurt Crema
U15 Prodotto Lato Dx Right Side Prod. Crema Yogurt Crema
U16 HOT 1 HOT 1 000 120 100
U17 HOT 2 HOT 2 000 120 100
U18 HOT 1 Frutta HOT 1 Fruit 050 080 060
U19 HOT 2 Frutta HOT 2 Fruit 050 080 060
U20 HOT 1 Yogurt HOT 1 Yogurt 000 120 080
U21 HOT 1 Yogurt HOT 1 Yogurt 000 120 080
U22 Extra Agitaz.Vas Extra Hop.Agit. No Yes No

U08 Ora Avvio Prod.


Impostazione dell’ora di partenza della Distribuzione automatica. Impostato in no non verrà
avviata la Distribuzione automatica.

U09 Ora Avv. Con


Impostazione dell’ora di partenza della Conservazione automatica.
Impostato in no non verrà avviata la Conservazione automatica.

U10 Abilita Beep Liv


Impostato a YES emette un avviso acustico intermittente allo scoprirsi del livello medio eccetto
in Stop che rimane OFF anche se abilitato.

U11 Lato Attivo


Ha tre impostazioni possibili (1, 2 o 3). Impostazione del lato sul quale si vuole operare:
1= sx; 2= dx; 3= entrambi

U12 Visualiz. 12 ore


Yes = abilita la visualizzazione dell’orario nel formato a 12 ore
No = visualizzazione dell’orario nel formato a 24 ore

- 25 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
U13 - Conserv.autom.
Macchina non pastorizzante: passo non usato.
L’ora di Conservazione è impostata al passo U09.
Macchina pastorizzante:
se U13=no, all’ora impostata al passo U09 si attiva la Pastorizzazione
se U13=Yes, all’ora impostata al passo U09 si attiva la Conservazione

U14 - Prodotto Lato Sx


Identifica la tipologia di prodotto sul lato sinistro: Crema, Frutta o Yogurt.

U15 - Prodotto Lato Dx


Identifica la tipologia di prodotto sul lato destro: Crema, Frutta o Yogurt.

U16 HOT 1
Valore dell’HOT del lato 1 (sinistro). Rappresenta il valore di riferimento quando il passo U14
è impostato in Crema.
Aumentando questo numero aumenta la durezza del gelato ed il valore dell’assorbimento del
motore agitatore.

U17 HOT 2
Valore dell’HOT del lato 2 (destro). Vedi passo precedente.

U18 - HOT 1 Frutta


Valore dell’HOT nel caso di produzione di Frutta nel lato 1 (passo U14 impostato in Frutta).
Aumentando questo numero aumenta la durezza del gelato ed il valore dell’assorbimento del
motore agitatore.

U19 - HOT 2 Frutta


Valore dell’HOT nel caso di produzione di Frutta nel lato 2 (passo U15 impostato in Frutta).
Aumentando questo numero aumenta la durezza del gelato ed il valore dell’assorbimento del
motore agitatore.

U20 - HOT 1 Yogurt


Valore dell’HOT nel caso di produzione di Yogurt nel lato 1 (passo U14 impostato in Yogurt).
Aumentando questo numero aumenta la durezza del gelato ed il valore dell’assorbimento del
motore agitatore.

U21 - HOT 2 Yogurt


Valore dell’HOT nel caso di produzione di Yogurt nel lato 2 (passo U15 impostato in Yogurt).
Aumentando questo numero aumenta la durezza del gelato ed il valore dell’assorbimento del
motore agitatore.

U22 - Extra Agitaz. Vas


Impostato in Yes abilita l’agitazione periodica in vasca.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 26 -


193 BAR AV
4. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

4.1 ALLARMI
La macchina è provvista di un dispositivo di auto CHECK che segnala possibili guasti.
A display viene visualizzato il tipo di Allarme verificatosi. La macchina segnala l'allarme anche
con un segnale acustico. Premere RESET per cancellare a display l'allarme.
Verificare con la tabella sottostante quale allarme è interventuo.
La macchina può essere utilizzata in Produzione anche se c'è un allarme non critico; se si tratta
di un allarme critico, la macchina non consentirà di andare in produzione, in questo caso premere
STOP e non usare la macchina fino a riparazione avvenuta.
Nella tabella sottostante sono riportati gli allarmi disponibili:

ALLARME DESCRIZIONE
Il display indica Mix Esaurita quando il livello miscela viene scoperto.
Quando il livello è scoperto e in Produzione vengono erogati un numero di
Mix Esaurita 1 - 2 coni uguale o maggiore del valore impostato al passo Ultimi Coni oltre a ve-
nire visualizzato Mix Esaurita, la macchina passa in stato di Hot raggiunto
disattivando tutte le uscite del lato che ha esaurito i coni.
Protettore termico (bimetallo) motore agitatore del cilindro 1 scattato.
Termico Agitat 1
La macchina passa in Conservazione..

Protettore termico (bimetallo) motore agitatore del cilindro 2 scattato.


Termico Agitat 2
La macchina passa in Conservazione..
Pressostato scattato.
La macchina passa in Stop :
- dopo il 3° intervento avvenuto entro 1 ora
Pressostato
- se il contatto del pressostato rimane aperto per 2 minuti consecutivi Se la
macchina era in Pastorizzazione, è necessario ripetere la Pastorizzazione.
Controllare il flusso dell'acqua di raffreddamento.
Protettore Termico Motore Compressore.
Termico Compres.
La macchina passa in Stop.
Sonda vasca guasta.
All.Sonda Vasca Essendo un allarme critico la macchina passa in Stop sia da Produzione che
da Conservazione che da Pastorizzazione.
Sonda cilindro 1 guasta.
Essendo un allarme critico la macchina passa in Stop da Conservazione
All.Sonda cil 1
e Pastorizzazione mentre in Produzione essendo controllata la consistenza
rimane nella stessa funzione.
Sonda cilindro 2 guasta.
Essendo un allarme critico la macchina passa in Stop da Conservazione
All.Sonda cil 2
e Pastorizzazione mentre in Produzione essendo controllata la consistenza
rimane nella stessa funzione.
Sonda evaporatore vasca guasta.
All.Sonda Gh. Vas L'allarme non ferma la macchina (rimane nella funzione corrente).
E' eliminato in riscaldamento di Pastorizzazione.
Interruttore Magnetico Sicurezza.
Se aperto per 10" resetta il messaggio del Lavaggio (Wash).
Portello Aperto L' apertura IMS azzera anche il flag di Pastorizzazione, quindi se la mac-
china era in Pasto, aprendo e chiudendo il portello si può accedere alla Pro-
duzione direttamente.

Allarme sonda evaporatore cilindro 1.


All.Sonda Evap. 1 L'allarme non ferma la macchina (rimane nella funzione corrente).
E' eliminato in riscaldamento di Pastorizzazione.

Allarme sonda evaporatore cilindro 2.


All.Sonda Evap. 2 L'allarme non ferma la macchina (rimane nella funzione corrente).
E' eliminato in riscaldamento di Pastorizzazione.

Ritorno tensione dopo mancata tensione.


Mancata tensione Verifica della tabella di mancata tensione in Produzione.
L’evento viene registrato in qualsiasi funzione e memorizzato negli eventi..

- 27 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
ALLARME DESCRIZIONE
Antighiaccio cilindro letto dalle sonde TE.
In Produzione, se una delle due TE diventa inferiore del valore impostato al
passo Ghiaccio cilin., la macchina passa nella condizione di HOT raggiunto
e memorizza l’allarme GhiaccioCil 1 x10 o GhiaccioCil 2 x10 negli eventi (il
salvataggio viene effettuato una volta ogni 10 allarmi registrati).
Ghiaccio Cil 1-2x10
L'allarme può apparire a causa di una scarsa alimentazione del cilindro.
Controllare l'efficienza della pompa.
Quando la temperatura del cilindro risale l'allarme si ripristina.
Se invece l'allarme appare in Stop è necessario verificare/sostituire la sonda TE in
quanto viene letto il fondo scala della temperatura "leggibile" dalla centralina.
In Produzione, viene controllato il tempo di attivazione del motore agitatore.
Se quest'ultimo rimane ON per 10 minuti (Timeout Prd.) senza che venga rag-
giunto l'Hot, la macchina passa nella condizione di "Hot raggiunto" con allarme
Timeout Prd.1-2
"Timeout Prd." negli eventi.
Il Timer viene ripristinato (resettato) al MIR e all'accensione di MA.
Controllare la carica di mix nel cilindro, la pompa in vasca e l'impianto frigorifero.

In Riscaldamento di Pastorizzazione se la temperatura di TGV diventa > di


TEV del valore programmato al passo DELTA TGV-TEV, viene visualizzato
Al. Scambio Term. “Al. Scambio Term.“ e la macchina si porta in Stop.
Verificare la cinghia di trasmissione o l’inserimento della girante nella sua sede.
Attenzione: questo allarme non è attivo se una delle 2 sonde TEV o TGV è
inibita.
In Produzione, viene visualizzato "Lavare tra n gg", ciò significa che mancano
ancora n giorni alla pulizia della macchina.
L -nn g
Il Wash può essere generato anche da macchina lasciata in Stop con livello
coperto per 24 ore. Vedi PULIZIA SETTIMANALE.
In Produzione, quando la consistenza è inferiore al valore programmato al
passo Blocco Hot, viene acceso il led rosso del cono per indicare attesa di ge-
Attendi! lato pronto e “Attendi” su display. Se in questa condizione si prova a erogare si
(non servire !) ferma tutto (MA, MC, EVFC e MP) e viene emessa una segnalazione acustica
intermittente finchè la fotocellula è occupata. Appena viene liberata riparte sia
MA che MC per portare il gelato alla giusta consistenza.
E' necessario invertire 2 fasi sulla linea trifase per ottenere il corretto senso di
rotazione dell'agitatore. Si ripristina premendo il tasto Reset (dopo aver inver-
Invertire fase
tito 2 fasi).
Il controllo avviene solo per 1 minuto dopo l'accensione della macchina.
Se viene lasciata la macchina in Stop con livello coperto, dopo 30" viene visua-
lizzata la scritta (e display) lampeggiante "Why in STOP ??" e si ha un avviso
acustico intermittente.
Questo per allertare l'utente di impostare la macchina in Produzione, Pastoriz-
Perché in STOP ?? zazione o Conservazione.
La scritta viene eliminata entrando in Produzione o scoprendo il livello mix o
premendo il tasto Reset (Cons).
Per fare ricomparire la scritta è necessario accedere di nuovo a Produzione,
Conservazione o Pastorizzazione.
L’allarme “All.Pist. aperti” (attivo solo con T79=Yes) segnala una situazione di
pistone aperto o pistone mancante nel portello. Per resettare l’allarme è neces-
All.Pist. aperti sario chiudere i pistoni con portello montato, per dare evidenza dell’effettiva
Piston opened presenza dei pistoni. L’allarme si può ripresentare dopo un IMS o una mancata
tensione.
Questo allarme blocca l’accesso a tutte le funzioni.
In Produzione segnala che il MIR è rimasto
impegnato per più di 15”. In questo caso occorre estrarre un cono tirando la
Chiudi Leva SX/DX/
relativa leva (sx, dx o centrale) a fine corsa e richiudendola a battuta.
Cent
Se all’ingresso in Produzione il MIR risulta già impegnato, la segnalazione
viene data subito.

NOTA:
Gli allarmi “Termico Agitat.” “All. Sonda Cil.” “All.Sonda Evap.” “Ghiaccio Cilin.” “Timeout
Prd.” “Coni Esauriti” sono relativi ai singoli lati e risultano disabilitati se il lato corrisponden-
te non è attivo.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 28 -


193 BAR AV
4.2 MANCANZA DI ALIMENTAZIONE ELETTRICA
In caso di mancata tensione, se la macchina era in Pulizia, al ritorno della stessa passa in Stop.

Se la macchina era in Produzione o Conservazione, al ritorno della tensione la macchina controlla


la temperatura TEV e se inferiore a una soglia impostata dal costruttore la macchina si riporta
nella stessa funzione visualizzando l’allarme “Mancata Tensione”. Se invece la TEV è maggiore
di questa soglia e il tempo eccede quello della tabella il ciclo di Pastorizzazione verrà ripetuto.

Temperatura TEV Tempo


68°C ÷ 50°C 30 minuti
49°C ÷ 15°C 10 minuti
14°C ÷ 10°C 20 minuti
9°C ÷ 4°C 2 ore

- 29 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 30 -


193 BAR AV
5. SMONTAGGIO, PULIZIA E RIMONTAGGIO
DEGLI ORGANI A CONTATTO CON IL PRODOTTO
5.1 GENERALITA’
Pulizia e sanitizzazione sono operazioni che si devono compiere abitualmente ad ogni fine
produzione con la massima cura, per garantire la qualità della produzione ed in rispetto delle
norme igieniche necessarie.
Lasciare allo sporco il tempo di essiccare può aumentare sensibilmente il rischio di aloni,
macchie e danneggiamento delle superfici.
Rimuovere lo sporco è molto più facile se viene fatto immediatamente dopo l’uso in quanto c’è
il rischio che alcuni elementi contenenti sostanze acide e saline possano intaccare le superfici, è
sconsigliato un ammollo prolungato.

5.2 CONDIZIONI DI LAVAGGIO


• Evitare utilizzo di solventi, alcool o detergenti che possono danneggiare le parti
componenti la macchina od inquinare le parti funzionali di produzione.
• Nel lavaggio manuale non utilizzare mai prodotti in polvere o abrasivi, spugnette abrasive,
utensili appuntiti, si corre il rischio di opacizzare le superfici, asportare od indebolire la
pellicola protettiva presente sulla superficie rigandola.
• Evitare in modo tassativo pagliette metalliche e sintetiche abrasive per eliminare ogni
occasione sia di abrasione che di trasporto di parti ferrose che possono provocare fenomeni
di ossidazione o vulnerare le superfici.
• Evitare l’uso di detergenti che contengono cloro e suoi composti; l’uso di questi detergenti
come candeggina, ammoniaca, acido muriatico, decalcificanti, possono attaccare la
composizione dell’acciaio macchiandolo o ossidandolo irreparabilmente e procurando
danno alle parti “plastiche”
• Evitare lavastoviglie e prodotti detergenti ad esse destinati.

5.3 SUGGERIMENTI
• Per il lavaggio delle parti utilizzare una soluzione detergente non aggressiva.
• Lavare (manualmente) le parti in acqua (max 60°C), usando un detergente non aggressivo e
gli spazzolini di pulizia a corredo.
• Per il risciacquo utiliz¬zare acqua potabile (batteriologicamente pura).
• Per la sanitizzazione tenere le parti smontate in acqua tiepida sanitizzata per il tempo
indicato sull'etichetta del prodotto utilizzato e risciacquarle prima di effettuarne il
rimontaggio.
• A fine lavaggio e prima del riposizionamento di ogni componente è opportuno asciugare
con un panno morbido e pulito, idoneo al contatto con alimenti, per evitare che ogni tipo di
umidità ricca di sali minerali e cloro possa attaccare le superfici metalliche e lasciare tracce
opacizzanti.
Per il lavaggio della macchina, Carpigiani consiglia l'utilizzo di detergente/sanitizzante.
L'utilizzo di un detergente/sanitizzante consente di ottimizzare il processo di lavaggio e
sanitizzazione in quanto elimina due fasi della procedura (cioè un risciacquo ed una fase di
lavaggio); in sostanza l'utilizzo di un detergente/sanitizzante consente di risparmiare tempo,
facilitando e semplificando le procedure di lavaggio/sanitizzazione.

ATTENZIONE
E’ indispensabile altresì che ad ogni lavaggio e in occasione dello smontaggio delle
parti a contatto con miscela gelato, si effettui sempre un controllo visivo di tutte le
parti termoindurenti, plastiche, elastomeriche, siliconiche e metalliche a contatto con il
prodotto (ad esempio alette raschianti, ingranaggi pompa, agitatori ecc….. ).
Ogni componente deve risultare integro, non usurato, con assenza di crepe o lacerazioni,
né opacizzato per le parti lucide/trasparenti in origine.
Carpigiani declina ogni responsabilità per eventuali danni dovuti ad imperfezioni e/o
rotture non rilevate e prontamente risolte con la sostituzione di ricambi originali e rimane
a disposizione per consultazione e per ogni richiesta specifica del Cliente.

- 31 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
5.4 MODALITA' D'USO DETERGENTE/SANITIZZANTE
Preparare una soluzione di acqua e detergente/sanitizzante seguendo le istruzioni riportate
sull'etichetta del prodotto utilizzato.
Lavaggio/sanitizzazione per immersione
- Asportare manualmente i residui grossolani
- Rimuovere con getti d'acqua i residui più fini
- Immergere i particolari da pulire nella soluzione
- Lasciare agire la soluzione per il tempo indicato sull'etichetta del prodotto utilizzato
- Risciacquare i particolari con cura, utilizzando abbondante acqua potabile

5.5 PULIZIA PROGRAMMATA


La macchina è dotata di un sistema automatico che impone il lavaggio delle parti a contatto con
il prodotto ad esempio ogni 3 giorni.
Questo sistema inibisce la funzione di produzione alla fine del 3° giorno e sul display appare la
scritta "Lavare oggi".
In Produzione, il display indica il numero dei giorni che mancano alla prossima pulizia program-
mata della macchina.

ATTENZIONE
Pulizia e sanitizzazione sono operazioni che si devono compiere abitualmente alla
data programmata indicata sul display della macchina (ad esempio ogni 3 giorni) con
la massima cura per garantire la qualità della produzione ed il rispetto delle norme
igieniche necessarie.

5.6 SVUOTAMENTO IMPIANTO GELATO


1. Posizionare un secchio sotto il portello erogatore.
2. Premere il pulsante STOP.
3. Abbassare le leve di distribuzione ed evacuare tutto il prodotto dai cilindri.
4. Selezionare la funzione PULIZIA.
5. Quando la miscela comincia ad uscire liquida, premere il pulsante STOP lasciando abbassate
le leve di distribuzione.
6. Scollegare i tubi di connessione (pos. 207) dalle pompe e dai tubi di compressione (pos. 32),
ruotare quest'ultimi di 90° e sollevarli per sfilarli dalle proprie sedi in vasca. A questo punto
attendere che il prodotto esca completamente dalle vasche. Smontare le pompe ruotandole in
senso orario di 45° e tirandole frontalmente.
7. Rimuovere gli agitatori vasca (vedi par. 5.6).
8. Aspettare che la miscela liquida fuoriesca completamente e riportare le leve di distribuzione
in posizione di chiusura. Riempire le vasche con 10 litri di acqua pulita. Con gli spazzolini a
corredo pulire le pareti delle vasche, i sensori livello e le sedi degli agitatori vasca. Usando
uno spazzolino più piccolo pulire le sedi delle pompe e dei tubi di compressione.
9. Posizionare un secchio sotto il portello, abbassare le leve di distribuzione e far defluire l'acqua.
10. Risciacquare con acqua calda fino a far uscire acqua pulita.
11. Selezionare la funzione pulizia e far funzionare la macchina per 10 secondi.
12. Premere il tasto STOP, posizionare un secchio sotto il portello, abbassare le leve di distribu-
zione e svuotare la macchina dall'acqua.
13. Riempire le vasche con soluzione detergente/sanitizzante preparata secondo le istruzioni ri-
portate sull'etichetta del prodotto utilizzato. Con gli spazzolini a corredo pulire le pareti delle
vasche, i sensori livello e le sedi degli agitatori, delle pompe e dei tubi di compressione.
14. Selezionare la funzione pulizia e far funzionare la macchina per 10 secondi.
15. Premere il tasto STOP. Lasciare agire la soluzione per il tempo indicato dal produttore.
16. Abbassare le leve di distribuzione e far defluire completamente la soluzione.
17. Estrarre i cassettini sgocciolio, lavarli con la soluzione detergente/sanitizzante, risciacquarli
e rimontarli nella propria sede sulla macchina.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 32 -


193 BAR AV
5.7 MACCHINE A POMPA - SMONTAGGIO POMPA E TUBO
DI COMPRESSIONE
96
1. Rimuovere le pompe
243
ruotandole in senso ora- 39
248
rio di 45° e tirandole 1178
indietro.
38A
2. Estrarre i tubi di col- 202
legamente (pos. 207)
1117
dalle pompa e dai tubi
di compressione (pos. 207
550
32). Ruotare di 90° in
1117
senso antiorario i tubi 38

di compressione DX e
245
SX e sollevarli estraen-
206 8B
doli dalla propria sede
in vasca. Rimuovere gli 1126

OR (1117 e 1131). 32

3. Smontare i regolatori 271


aria (pos. 271) ruotan-
doli in senso antiorario
a tirandoli verso il basso.
4. Estrarre la molla (pos. 1131
206) e la valvola (pos.
245). Usando l'estrattore in dotazione rimuovere l'OR (pos. 1126).
5. Svitare i due pomelli (pos. 8B) per separare il coperchio (pos. 202) dal corpo pompa (pos. 39).
6. Colpendo con la mano il corpo pompa, rimuovere gli ingranaggi (pos. 38 e 38A). Usando
l'estrattore, rimuovere l'OR (pos. 1178).

5.8 MACCHINE A GRAVITA' - SMONTAGGIO AGO DI


ALIMENTAZIONE
Per smontare l'ago di alimentazione procedere come segue:
- togliere il cursore dell'ago di alimentazione (pos. 52) 52
- sfilare l'ago dalla vasca
- togliere l'OR dall'ago (pos. 1131)

53

1131

5.9 SMONTAGGIO AGITATORE MISCELA IN VASCA


Dopo aver tolto la pompa, smontare gli agitatori miscela in vasca (pos. 162) sfilandoli verso l'alto.

162

- 33 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
5.10 SMONTAGGIO PORTELLO
ATTENZIONE
Prima di smontare il portello assicurarsi che la vasca ed il cilindro siano vuoti.

1. Allentare e rimuovere i pomelli del portello (pos. 8A). Estrarre il portello tirandolo verso
l’esterno della macchina.
2. Agendo sulle leve di distribuzione (pos. 5), sollevare i pistoni (pos. 30 e 302) dalle loro sedi.
3. Rimuovere l’OR (pos. 1285) ed il perno (pos. 6) che blocca le leve di distribuzione.
4. Usando le leve di distribuzione estrarre dalle loro sedi i pistoni (pos. 30 e 302).
5. Rimuovere gli OR (pos. 1153, 303, 1188) utilizzando l’apposito estrattore in dotazione nel
corredo della macchina.

30

302

303
1153

1285
6

1188
5

43
7

8A

5.11 MACCHINE A POMPA - SMONTAGGIO AGITATORE


1. Sfilare l'agitatore dalla sua sede nel cilindro, facendo attenzione a non urtare le pareti del
clindro.
2. Rimuovere il premistoppa (pos. 28) facendolo scorrere lungo l'albero.
3. Sfilare il controagitatore (pos. 24) dall'albero e rimuoverlo.

028

024

AVVERTENZA
Come tutte le parti in movimento, anche l’agitatore completo è soggetto ad usura.
Suggeriamo pertanto di verificare regolarmente durante la procedura di pulizia
programmata e comunque ogni sei mesi di funzionamento della macchina, l’entità di
usura delle parti a diretto contatto (agitatore/controagitatore e agitatore/pareti cilindro).
In particolare verificare che lo stato di usura della boccola sul controagitatore non superi
i 2 mm. come indicato dall'incisione sulla boccola stessa. Se così fosse occorre sostituire il
controagitore.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 34 -


193 BAR AV
5.12 MACCHINE A GRAVITA' - SMONTAGGIO AGITATORE
1. Sfilare l'agitatore dalla sua sede nel cilindro, facendo attenzione a non urtare le pareti del
clindro.
2. Rimuovere il premistoppa (pos. 28) facendolo scorrere lungo l'albero.

28

21

5.13 LAVAGGIO E SANITIZZAZIONE DEI COMPONENTI


ATTENZIONE
Per l'uso del detergente/sanitizzante, fare riferimento alle istruzioni riportate sull'etichet-
ta del prodotto utilizzato.

1. Riempire un lavandino con soluzione detergente/sanitizzante.


2. Immergere i componenti nella soluzione e lasciarla agire per il tempo indicato dal produttore..
3. Risciacquare i particolari con cura, utilizzando abbondante acqua potabile.
4. Porre i componenti sopra un vassoio pulito e lasciarli asciugare all'aria.
5. Immergere uno spazzolino nella soluzione detergente/sanitizzante e pulire i cilindri.
6. Immergere uno spazzolino nella soluzione detergente/sanitizzante e pulire i fori di alloggia-
mento delle pompe, dei tubi di compressione.
7. Spruzzare la soluzione detergente/sanitizzante sul fondo del cilindro e sulle pareti della vasca.
Ripetere le operazioni 5, 6 e 7 alcune volte.

5.14 RIMONTAGGIO AGITATORE VASCA


Riposizionare gli agitatori vasca (pos. 162) nelle proprie sedi.

162

- 35 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
5.15 MACCHINE A POMPA - RIMONTAGGIO POMPE E TUBI
DI COMPRESSIONE
1. Lubrificare e rimontare gli OR (pos. 1117) sui tubi di collegamento.
2. Lubrificare e rimontare gli OR (pos. 1126 e 1131) sui tubi di compressione DX e SX (pos. 32).
3. Inserire i tubi di collegamento (pos. 207) nei tubi di compressione (pos. 32) ed lasciarli nella
soluzione sanitizzante.
4. Lubrificare e rimontare l'OR (pos. 1178).
5. Lubrificare gli ingranaggi (pos. 38 e 38A) ed inserirli nel corpo pompa. Attenzione: non
lubrificare i denti degli ingranaggi.
6. Lubrificare e rimontare l'OR (pos. 1126) sul tubo di aspirazione (pos. 271).
7. Inserire la valvola (pos. 245) e la molla (pos. 206) nel coperchio pompa (pos. 202).
8. Inserire il regolatore aria (pos. 271) nel coperchio pompa spingendolo e ruotandolo in senso
orario.
9. Montare il coperchio pompa (pos. 202), con il regolatore aria come nel disegno, nel corpo
pompa ed avvitare strettamente i due pomelli (pos. 8). Rimontare la pompa nella vasca con il
gancio di bloccaggio sulla destra. Ruotare la pompa in senso antiorario fino a bloccarla nella
sua sede.

96

243
39
248
1178

38A
202

1117

207
550

1117
38

245

206 8B

1126

32

271

1131

5.16 MACCHINE A GRAVITA' - RIMONTAGGIO AGO


ALIMENTAZIONE

1. Lubrificare l'OR (pos. 1131)


2. Riassemblare l'ago alimentazione
3. Immergere l'ago alimentazione nella soluzione sanitizzante.

52

53

1131

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 36 -


193 BAR AV
5.17 MACCHINE A POMPA - RIMONTAGGIO AGITATORE
1. Lubrificare il premistoppa (pos. 28)
ed inserirlo nell'agitatore.
2. Inserire il controagitatore (pos. 24) nel
corpo agitatore in modo corretto.
3. Inserire l'agitatore montato nel cilindro 028

spingendolo e ruotandolo in senso


orario fino ad agganciare l'albero di
trasmissione, se così non fosse il por-
tello non si chiuderebbe permettendo
alla miscela di uscire dal cilindro e
causando seri danni. 024

AVVERTENZA
Come tutte le parti in movimento, anche l’agitatore completo è soggetto ad usura.
Suggeriamo pertanto di verificare regolarmente durante la procedura di pulizia
programmata e comunque ogni sei mesi di funzionamento della macchina, l’entità di
usura delle parti a diretto contatto (agitatore/controagitatore e agitatore/pareti cilindro).
In particolare verificare che lo stato di usura della boccola sul controagitatore non superi
i 2 mm. come indicato dall'incisione sulla boccola stessa. Se così fosse occorre sostituire il
controagitore.

5.18 MACCHINEAGRAVITA' - RIMONTAGGIOAGITATORE


1. Lubrificare il premistoppa (pos. 28) ed inserirlo nell'agitatore.
2. Inserire il controagitatore (pos. 24) nel corpo
agitatore in modo corretto.
3. Inserire l'agitatore montato nel cilindro spingendo-
lo e ruotandolo in senso orario fino ad agganciare 28
l'albero di trasmissione, se così non fosse il portello 21
non si chiuderebbe permenttendo alla miscela di
uscire dal cilindro e causando seri danni.

5.19 RIMONTAGGIO PORTELLO


1. Lubrificare e montare gli OR pistone (pos. 1153 e 303) nelle proprie sedi.
2. Inserire i pistoni (pos. 30 e 302) nelle loro sedi facendo attenzione ad allineare la tacca quadrata
di ciascun pistone con le tacche rettangolari praticate sulla parte anteriore del portello.
3. Posizionare le leve di distribuzione (pos. 5) sul portello (pos. 7) ed inserire il perno rubinetto
(pos. 6) attraverso il foro della leva. Lubrificare ed inserire l'OR (pos. 1285). Lubrificare ed
inserire nelle proprie sedi gli OR (pos. 1188).
4. Rimontare il portello sulla macchina serrando i quattro pomelli (pos. 8A).

30

302

303
1153

1285
6

1188
5

43
7

8A

- 37 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
5.20 SANITIZZAZIONE MACCHINA
La macchina deve essere sanitizzata prima di essere utilizzata. Procedere come di seguito descritto:
1. Riempire le vasche con soluzione detergente/sanitizzante preparata secondo le istruzioni ri-
portate sull'etichetta del prodotto utilizzato, fino al livello massimo e farla defluire nei cilindri.
Lasciare agire la soluzione per il tempo indicato dal produttore.
2. Utilizzando gli spazzolini di pulizia a corredo, pulire i sensori livello miscela, le pareti delle
vasche, le pompe e gli agitatori vasca.
3. Selezionare la funzione pulizia e far funzionare la macchina per 10 secondi. Premere il tasto
STOP. Ora i cilindri e le pompe sono pieni di soluzione sanitizzante.
4. Riempire un secchio con soluzione detergente/sanitizzante .
5. Immergere uno spazzolino nella soluzione detergente/sanitizzante e pulire il portello. Ripetere
l'operazione due volte.
6. Pulire l'esterno della macchina con un panno sanitizzante. Ripetere l'operazione due volte.
7. Posizionare un secchio sotto il portello ed abbassare le leve di distribuzione.
8. Attendere che la soluzione sanitizzante sia fuoriuscita. Se questa non fuoriesce completamente,
lasciare abbassate le leve di distribuzione e selezionare la funzione PULIZIA. Far funzionare
la macchina per 5 secondi per far uscire completamente la soluzione e premere STOP.
9. Risciacquare con abbondante acqua potabile.

AVVERTENZA
Il funzionamento prolungato nella posizione "PULIZIA" con i cilindri vuoti o con
all'interno acqua con disciolti sanitizzanti, provoca una usura rapida dell'agitatore.

ATTENZIONE
Non toccare più le parti sanitizzate con le mani o con salviette o altro.

ATTENZIONE
Prima di riutilizzare la macchina per produrre sciacquare a fondo, con sola acqua,
per asportare ogni residuo di sanitizzante.

5.21 CARICAMENTO MISCELA


Caricamento vasca:
• Prelevare una confezione di miscela dal refrigeratore. Inserire miscela ad una temperatura di 4-5°C.
• Versare miscela nelle vasche, in questo modo la miscela passerà anche nei cilindri. Il livello
della miscela nelle vasca non deve mai raggiungere le pompe; inoltre occorre aggiungere
miscela quando sul display appare il messaggio "MISCELA ESAURITA".
• Abbassare le leve di distribuzione ed attendere che dal portello esca una piccola quantità di miscela.
Riportare le leve di distribuzione in posizione originale, cioè chiudere le leve del portello.
Macchine a pompa: Montaggio tubi di compressione:
• Continuare a versare miscela ed attendere che sia terminato il riempimento dei cilindri (durante
il riempimento sono visibili delle bolle in vasca); con le mani pulite e sanitizzate, prelevare i
tubi di compressione DX e SX dalla soluzione sanitizzante, risciacquarli con acqua potabile
ed inserirli sul fondo delle vasche.
• Ruotare i tubi di compressione (pos. 32) in senso orario verso la pompa. Prelevare con le mani
pulite e sanitizzate i tubi di connessione (pos. 207) dalla soluzione sanitizzante ed inserirli
prima nel tubo di compressione (pos. 32) poi introdurre l'altra estremità nella poma. Il livello
della miscela in vasca non deve mai raggiungere la pompa; inoltre occorre aggiungere miscela
quando il livello è sceso a circa 2 cm dal fondo.
• Riposizione il coperchio vasca.
• Aquesto punto selezionando la funzione Produzione verrà eseguito in automatico un ciclo di Pastorizzazione
prima di poter erogare il prodotto. Questo per garantire una migliore integrità del prodotto.
• Al termine della Pastorizzazione, selezionare la funzione Produzione e dopo pochi minuti
sarà possibile erogare il prodotto.
Macchine a gravità - montaggio ago alimentazione:
• Continuare a versare miscela ed attendere che sia terminato il riempimento del cilindro
(durante il riempimento sono visibili delle bolle in vasca); con le mani pulite e sanitizzate,
prelevare l'ago alimentazione dalla soluzione sanitizzante ed inserirlo sul fondo vasca. Il
livello della miscela in vasca non deve mai raggiungere l'altezza dell'ago di alimentazione;
inoltre occorre aggiungere miscela quando il livello è sceso a circa 2 cm dal fondo.
• Riposizione il coperchio vasca
• Selezionare la funzione produzione
193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 38 -
193 BAR AV
6. MANUTENZIONE

6.1 TIPOLOGIA DI INTERVENTO


ATTENZIONE
Ogni operazione di manutenzione che richieda l'apertura delle lamiere di protezione deve
essere eseguita a macchina ferma e scollegata dalla relativa presa di alimentazione elettrica
E' vietato pulire e lubrificare organi in movimento.
“Le riparazioni su complessivi e parti dell’impianto elettrico, meccanico, pneumatico
e frigorifero devono essere eseguite da personale tecnico specializzato ed autorizzato,
eventualmente secondo concordati piani di manutenzione ordinaria e straordinaria che
il cliente prevede in riferimento a specifiche modalità di intervento, in funzione della
destinazione d’uso della macchina”.

Le operazioni necessarie al buon funzionamento della macchina in produzione fanno sì che la


maggior parte degli interventi di manutenzione ordinaria siano integrati nello svolgimento del
ciclo produttivo.
Riportiamo di seguito un elenco delle operazioni di normale manutenzione da eseguirsi:

- Pulizia e sostituzione premistoppa


Qualora si dovesse notare un trafilamento di prodotto nel cassettino sgocciolio, significa che i
premistoppa (pos. 28) non garantiscono più la tenuta.
All'atto dello smontaggio dell'agitatore si rende necessario verificare l'integrità dei premistoppa;
in base al periodo di impegno della macchina, eventualmente sostituirli alternandoli con quello
fornito con la busta accessori inserita nell'imballo.
Se i premistoppa smontati non presentano difetti, possono essere utilizzato di nuovo dopo il previsto
lavaggio, quando, alla temperatura ambiente, abbiano recuperato la loro forma primitiva.
Per la sostituzione dei premistoppa, operare come indicato di seguito:
• Sfilare il gruppo agitatore;
• Togliere il premistoppa dalla sede;
• Lubrificare il premistoppa sostitutivo;
• Montare il premistoppa nuovo;
• Pulire e lubrificare il premistoppa sostituito e riporlo per consentirgli la ripresa di elasticità.

AVVERTENZA
Continuare la lavorazione dopo avere notato tracce di prodotto nel cassettino sgocciolio,
significa accentuare ulteriormente le perdite dai premistoppa, quindi un conseguente
malfunzionamento della macchina tale da invalidare la produzione.

028

cassettino
sgocciolio

024

AVVERTENZA
Come tutte le parti in movimento, anche l’agitatore completo è soggetto ad usura.
Suggeriamo pertanto di verificare regolarmente durante la procedura di pulizia
programmata e comunque ogni sei mesi di funzionamento della macchina, l’entità di
usura delle parti a diretto contatto (agitatore/controagitatore e agitatore/pareti cilindro).
In particolare verificare che lo stato di usura della boccola sul controagitatore non superi
i 2 mm. come indicato dall'incisione sulla boccola stessa. Se così fosse occorre sostituire il
controagitore.

- 39 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV
- Pulizia gruppo agitatore, pompa, e pulizia e sanitizzazione macchina
E' da effettuarsi secondo le procedure indicate nella sez. 5 di questo manuale.
- Pulizia lamiere
E' da eseguirsi giornalmente utilizzando saponi neutri ed avendo l'accortezza di non portare
mai a contatto i detergenti con l'interno del gruppo agitatore.

AVVERTENZA
Per la pulizia della macchina e delle sue parti non utilizzare mai spugnette abrasive che
possano graffiare le superfici.

6.2 RAFFREDDAMENTO AD ACQUA


Per le macchine dotate di raffreddamento ad acqua, a fine stagione, onde evitare inconvenienti
nel caso di immagazzinaggio in ambienti dove la temperatura possa scendere sotto agli 0°C, è
necessario togliere l'acqua dal circuito di condensazione.
- Dopo aver chiuso l'acqua in entrata, sfilare il tubo di scarico dalla sede di innesto e fare defluire
completamente l'acqua contenuta nel circuito.

6.3 RAFFREDDAMENTO AD ARIA


Periodicamente pulire il condensatore rimuovendo polvere, carta ed ogni altra cosa che impedisca
il passaggio dell'aria.
Per la pulizia usare una spazzola con setole lunghe o getto di aria compressa.

ATTENZIONE!
Utilizzando aria compressa si rende necessario procedere con cautela dotandosi di
protezioni personali atte ad evitare pericolo di infortuni;
indossare occhiali di protezione!

NON USARE OGGETTI METALLICI ACUMINATI PER ESEGUIRE QUESTA


OPERAZIONE; IL FUNZIONAMENTO DELL'IMPIANTO FRIGORIFERO DIPENDE
IN GRAN PARTE DALLA PULIZIA DEL CONDENSATORE.

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 40 -


193 BAR AV
6.4 TAVOLA RICAMBI A CORREDO

475
772
772A
772C
772D

1188

28

72

840

1131

830

1153

243

Pos. Descrizione Pos. Descrizione


28 Premistoppa agitatore 772D Scovolino D 30x640
72 Estrattore OR 830 Tubetto lubrificante
243 Premistoppa pompa 840 Spatola pulizia
475 Accessori 1131 Guarnizione OR
772 Scovolino D 8X250 1153 Guarnizione OR
772A Scovolino D 15x350 1188 Guarnizione OR
772C Scovolino D 40x400

- 41 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04


193 BAR AV

193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04 - 42 -


193 BAR AV
7. RICERCA DEI GUASTI

ANOMALIE CAUSE RIMEDI

Il compressore parte e 1. Se la macchina è raffreddata ad 1. Aprire il rubinetto di entrata acqua


si arresta dopo qualche acqua: l'acqua non circola. e verificare se il tubo è schiacciato
secondo. o piegato.
2. Se la macchina è raffreddata ad 2. Verificare che la macchina sia ad
aria: l'aria non circola. almeno 80 mm. dalla parete o da
un ostacolo.
3. Chiamare il tecnico se necessario.

Uscita di miscela o di 1. P i s t o n e m o n t a t o s e n z a 1. Fermare la macchina e montarla se


gelato al di sopra e guarnizione OR oppure con manca o sostituirla con una nuova
al di sotto del pistone OR rovinato. se rovinata.
malgrado il rubinetto
sia chiuso.

Esce miscela dal cassetto 1. Il premistoppa non è montato o 1. Fermare la macchina e montarlo se
sgocciolio. è rovinato. manca o sostituirlo con uno nuovo
se rovinato.

Il rubinetto di estrazione 1. Si è seccato lo zucchero sui 1. Fermare la macchina e lavare


è duro da azionare. pistoni. con cura ed ingrassare con grasso
alimentare i pistoni e gli OR.

Il gelato esce dal 1. Dimenticato di montare le 1. Fermare la macchina e controllare


portello. guarnizioni OR o montate male. ed agire di conseguenza.
2. I pomelli non sono fissati in 2. Fermare la macchina, allentarli e
maniera uniforme. fissarli nuovamente.

Il gelato non è aumen- 1. Pompa "R" non regolata 1. Variare la posizione della leva
tato abbastanza di correttamente. (pos.271).
volume.

- 43 - 193 BAR AV_IT - 2013/10 - Ed. 04