Sei sulla pagina 1di 148

Delem

DA-65W

Manuale di riferimento
(per il) funzionamento
Versione VA 2 I

Manual version V0505


PREFAZIONE

Il presente manuale descrive il funzionamento del Controllo Delem tipo DA-65W ed è desti-
nato agli operatori istruiti nell'uso dell'intera macchina.

Solo al personale autorizzato deve essere concessa la facoltà di creare nuovi programmi o di
modificare programmi esistenti, così come di quella di programmare o di modificare i dati
degli utensili.

Per tale ragione il controllo è stato munito di un interruttore a chiave che serve a prevenire la
programmazione non autorizzata. Con l'interruttore a chiave in posizione off l'operatore sarà
in grado di eseguire un programma selezionato ma non potrà cambiare i parametri, impostando
dati erronei o non desiderati.

Cronologia delle revisioni

Il software di controllo viene aggiornato periodicamente per migliorare le prestazioni e aggiun-


gere nuove funzionalità. Anche il presente manuale è aggiornato a seguito delle modifiche del
software di controllo. La seguente panoramica mostra il rapporto tra le versioni del software e
del manuale.

Versione software Versione del manuale Descrizione

V2.1 V0404 primo numero V2


V2.2 V1104 aggiornamento
V2.3 V0505 aggiornamento

Questo manuale si riferisce alla versione 2.3 del software.

V0505, 0.2
Delem
Indice

1. Informazioni generali ed introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.1


1.1. L'unità di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.1
1.2. Modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.2
1.3. Pannello frontale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.3
1.4. Modo di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.5
1.4.1. Menù principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.5
1.4.2. Testo di aiuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.7
1.4.3. Riquadro lista delle funzionalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.9
1.5. Programmazione grafica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.10
1.5.1. Tasti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.11
1.6. Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.13
1.7. Versioni del software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.14
1.8. Restrizioni della garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.14
1.9. End user license agreement . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1.15

2. Disegno/ edizione del prodotto in 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1


2.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.1
2.2. Cancellazione di angolo/linea o inserimento di angolo . . . . . . . . . . . . . . . .2.5
2.3. Selezione della precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.5
2.4. Raggio ampio: Raggiatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.7
2.5. Attribuzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.9
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.10
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.11
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.13
2.6. Sequenza di piegatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.15
• Ripristino della sequenza di piegatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.21
• Dimensione minima della piegatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.22
• Selezione macchina/utensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.22
• Indicazione della rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.23
• Tempo di produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.23
• Dati schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.24
• Elenco dei tasti di funzione e di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.24
• Calcolo della sequenza di piegatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.25
• Memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.26
2.7. Programmazione varianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.26

4. Preparazione/Editing dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1


4.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.1
• Modifica note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.2
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.3
4.2. Programmazione piegatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.5
• Funzioni asse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.6
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.7
• Esplicazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.12

V0505, 0.3
• Assi asserviti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.16
• Elenco delle piegature del programma preparato . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.17
• Termine preparazione dati/editing dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.20
4.3. Funzioni speciali di editing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.20
4.4. Note sull'editing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.21

5. Selezione del prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1


5.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1
• Directory grafico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.4
• Directory espansa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.4
• Funzione di ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.5
5.2. Directory . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.5

6. Programmazione di forme di utensili e macchina . . . . . . . . . . . . . 6.1


6.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.1
6.2. Programmazione dei Punzoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.1
6.2.1. Menu punzoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.1
• Directory grafico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3
• Edizione disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3
• Orientamento del disegno per il punzone sullo schermo . . . . . . . . . . . . . 6.5
6.2.2. Dati specifici del Punzone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5
6.3. Programmazione delle matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.7
6.3.1. Menu matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.7
• Riproduzione grafica della matrice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.10
6.3.2. Dati specifici della matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.12
6.4. Lati macchina superiore ed inferiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.14
6.5. Caricare / salvare degli utensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.17

7. Backup (riserva) pezzi prodotti e utensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.1


7.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.1
7.2. Navigazione all'interno delle directory . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2
7.3. Memorizzazione prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3
7.4. Memorizzazione utensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.5

8. Constanti di programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1


8.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1
8.2. Generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1
8.3. Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3
8.4. Impostazioni di programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.4
8.5. Impostazioni di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7
8.6. Impostazioni di produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.10
8.7. Porte seriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.14
8.8. Calcolo tempo di produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.15
8.9. Dimensioni registro posteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.16
8.10. Dimensioni del supporto del pezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.18
8.11. Manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.20

9. Modo manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.1

V0505, 0.4
Delem
9.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.1
• Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.2
• Funzione di zoom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.5
9.2. Funzionamento manuale degli assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.6
• Teach In (Inserimento diretto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.7

10. Modo automatico / modo passo a passo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.1


10.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.1
• Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.3
• Correzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.4
• Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.6
• Visualizzazione grafica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.6
• Valori di zoomato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.7
• Correzione imbutitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.8
• Posizionamento manuale degli assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.9
10.2. Modalità Passo passo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10.10
A. Indice parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1

V0505, 0.5
V0505, 0.6
Delem
1. Informazioni generali ed introduzione

1.1. L'unità di controllo

L'unità di controllo ha il seguente aspetto:

schermo

tasti funzione

manopola jog

pulsante di tasti freccia


arresto di
emergenza tasti modalità

avvio/arresto

tastierino numerico

1.a

L'allestimento dell'unità di controllo in uso potrebbe essere leggermente diverso.


L'unità viene utilizzata agendo sui vari tasti presenti sul pannello frontale. La sezione succes-
siva contiene la descrizione di tutti i tasti e delle relative funzioni.
Oltre ai tasti del pannello frontale, come dispositivo di puntamento è possibile utilizzare un
touchpad incorporato o un mouse USB esterno per selezionare le voci di menu, i parametri o i
tasti funzione. La disponibilità di tale dispositivo dipende dalla configurazione in uso. Nel pre-
sente manuale la parola ‘mouse’ indica uno qualunque di questi dispositivi di puntamento.

V0505, 1.1
1.2. Modi operativi

Il controllo dispone dei seguenti 4 modi operativi:

Modo manuale Selezionando questo modo è possibile programmare tutti


i parametri di una sola piegatura. Dopo aver premuto il
pulsante di avviamento (START) tutti i parametri sono
attivi ed il registro posteriore entrerà in posizione. E' inol-
tre possibile far muovere gli assi manualmente.
Modo di pro- Modalità programmazione: in questa modalità è possibile
grammazione creare o modificare i programmi di curvatura, oltre che
scriverli o leggerli dal disco.

Modo automa- Il programma selezionato può essere eseguito automati-


tico camente.

Modo passo a Il programma selezionato viene eseguito piegatura per


passo piegatura.

È possibile selezionare ogni modalità premendo il relativo pulsante. Una spia LED nel pul-
sante indica se questa modalità è attiva.

V0505, 1.2
Delem
1.3. Pannello frontale

Oltre ai 4 pulsanti dei modi operativi vi sono tasti con le seguenti funzioni:

Keyboard:
10 tasti numerici com-
prensivi degli input
alfanumeric

Funzione alterna
Punto decimale

Azzera......., Azzera- Tasto "ENTER" (


mento dei dati di di invio) L'immissione e
input nell'angolo in la conferma dei dati è
basso a sinistra dello sempre collegata a
schermo del monitor questo tasto

Tasto d'aiuto:

Tasto di Stop Tasto di Avviamento (Start)

V0505, 1.3
Volantino; Per il comando manuale di tutti gli assi (y +
assi del registro posteriore)

Pulsante di arresto d'emergenza, deve essere installato a


cura del costruttore della macchina.

Tasti funzioni (Softkeys).Le funzioni di questi tasti sono visualizzate sul lato inferiore dello
schermo

Fine programma menù


È anche possibile uscire da un menu premendo <ESC>
su una tastiera esterna o facendo clic con il mouse sul
simbolo del menu nell'angolo in alto a sinistra.
Sulle schermate dove compare il simbolo "?", si può pre-
mere il "?" per avere una spiegazione riguardo alla fun-
zione o al parametro da programmare.

V0505, 1.4
Delem
1.4. Modo di programmazione

1.4.1. Menù principale

Modo di pro- Per selezionare il modo di programmazione


grammazione

Il menu principale in modalità programmazione ha il seguente aspetto.

1.b

È possibile selezionare ognuna delle voci di menu in vari modi:


- inserire il numero del menu e premere INVIO
- usare i tasti freccia per scorrere il menu fino alla voce desiderata e premere INVIO
- fare clic con il mouse sulla voce di menu desiderata

Spiegazione delle voci di menu:

Per disegnare sullo schermo il prodotto e calcolare la


1 sequenza delle piegature (grafico).

V0505, 1.5
Per effettuare correzioni del prodotto e calcolare la
2 sequenza delle piegature (grafico).

Per creare un nuovo programma (numerico).


3

Per effettuare l'editinge di un programma (numerico).


4

Per selezionare un programma che non è nella memoria.


5

Scrivere programmi su o leggere programmi da un sup-


6 porto di backup.

Per programmare le dimensioni degli utensili superiori.


7

Per programmare le dimensioni degli utensili inferiori.


8

Per programmare le dimensioni del lato superiore della


9 macchina.

Per programmare le dimensioni del lato inferiore (piano)


10 della macchina.

Per programmare dati specifici di programmazione.


11

Scrivere o leggere informazioni sugli utensili su o da un


12 supporto di backup.

V0505, 1.6
Delem
1.4.2. Testo di aiuto

Il controller è fornito di un testo di aiuto che occupa una riga. Il testo è disponibile se sullo
schermo compare il pittogramma del punto interrogativo '<?>' (angolo in basso a destra).

1.c

Per attivare una finestra della guida relativa a un parametro:


- premere il tasto punto interrogativo (?) sul pannello frontale or
- fare clic con il mouse sul simbolo della guida
Si aprirà una finestra popup contenente le informazioni sul parametro attivo.

V0505, 1.7
1.d

La finestra della guida si può utilizzare nel seguente modo:


Se il testo è contenuto in una sola finestra, chiuderla premendo un tasto qualunque.
Se avete una grande quantità di testo su più finestre, sotto il simbolo della guida compare una
freccia. Usare i tasti freccia sinistra e destra o fare clic sulle frecce per sfogliare il testo della
guida.

V0505, 1.8
Delem
1.4.3. Riquadro lista delle funzionalità

Nel controllo vi sono diversi parametri il cui numero di valori possibili è limitato. Accanto a
tali parametri è visualizzato il segno .

Ciò significa che l'utilizzatore potrà premere il tasto per visualizzare un riquadro conte-
nente l'elenco dei possibili valori applicabili al parametro in oggetto.

È possibile aprire questa casella di riepilogo anche facendo clic con il mouse sul simbolo .

V0505, 1.9
1.5. Programmazione grafica

Dal menù principale è possibile selezionare una delle possibilità di programmazione.


Al fine di progettare o modificare un nuovo prodotto utilizzando la selezione 1 o 2 del menu, è
disponibile la funzione di programmazione grafica.
Questa funzione integra un completo strumento di progettazione del prodotto che vi consente
di tracciare il profilo del prodotto in corso di studio. Essa consiste di un biblioteca delle
macchine e degli utensili che consente all'utilizzatore il calcolo della sequenza delle pieghe in
modo rapido, automatico e con modalità interattiva o manuale, visualizzando inoltre le colli-
sioni prodotto/ macchina/ utensile e la lunghezza di sviluppo.
L'utensile per il disegno grafico è un metodo per selezionare la sequenza di curvatura ottimale
per un prodotto, tenendo presente il tempo di produzione minimo e le possibilità di manipo-
lazione del prodotto.

Caratteristiche dell' utensile di progettazione:

* Progettazione grafica delle forme del prodotto in 2D e 3D (Se è disponibile la modalità 3D)
* Riproduzione automatica in scala
* Possibilità di immissione delle dimensioni orizzontali e verticali progettate
* Calcolo della lunghezza di sviluppo lamiera
* Disegno utensile in scala reale
* 100 memorie di macchina differenti ognuna dotata di 10 forme di lato superiore diverse e 10
forme di lato inferiore diverse (piani)
* Cambio della lunghezza e degli angoli
* Raggiatura (Bumping)
* Aggiunta o cancellazione di angoli
* Prodotti esistenti possono essere copiati, modificati e archiviati come prodotti nuovi
* Indicazione dei tempi di produzione
* Selezione delle dimensioni primarie o di alta precisione
* Programmi di collegamento per produzione 3D

Calcolo della sequenza di piegatura

* Calcolo automatico veloce per tempi di produzione minimi


* Fissaggio interattivo della sequenza di piegatura
* Fissaggio manuale della sequenza di piegatura
* Visualizzazione delle collisioni del prodotto con gli utensili o la macchina
* Libertà di selezionamento di utensile e forma della macchina
* Attribuzioni dei tempi di rotazione, della velocità del registro posteriore, ecc.
* Simulazione della sequenza di piegatura
* Libertà di selezionamento della posizione degli assi R

Postelaborazione dei disegni

Il sistema di postelaborazione opera:

* In modo completamente automatico


* Con correzioni della macchina quali:

V0505, 1.10
Delem
- Posizione dell'asse Y
- Decompressione
- Posizione dell'asse X
- Retrazione dell'asse X
- Apertura dell'asse Y
- Assi R
- Assi Z

Assi in funzione della configurazione della macchina.

La programmazione bidimensionale verrà esplicata nel capitolo 2.


La programmazione tridimensionale (Se è disponibile la modalità 3D) verrà esplicata nel capi-
tolo 3 e seguenti.

1.5.1. Tasti di comando

Per il funzionamento del software di disegno si utilizzano diversi tasti di funzione sul pannello
frontale. La funzionalità supportata dipende dal tipo di controller.

- I tasti S1 fino a S8
- Il cursore di comando disegno con i tasti:

- La funzione di zoom:

- Durante la simulazione della piegatura veduta d'insieme in caso di prodotti bidimensionali


(sequenza di piegatura e modo automatico):

allargamento

riduzione

- Durante la simulazione della piegatura veduta d'insieme in caso di prodotti tridimensionali


(simulazione piega 3D e modo automatico):

V0505, 1.11
allargamento

riduzione

- Funzione di rovesciamento per i prodotti in 3 D

e serve a rovesciare l'asse verticale

e serve a rovesciare l'asse orizzontale

- Comando del cursore di disegno

Nel caso in cui si stia disegnando il profilo del prodotto o degli utensili i tasti del cursore pos-
sono venire usati per produrre direttamente gli angoli multipli di 45 gradi. per es.:

α = 135°

α = 45°

α = -90°

α = 90°

- Proiezione orizzontale o verticale

Dopo aver immesso la lunghezza dell'intervallo lineare si può specificare se questo intervallo
rappresenti sia la lunghezza nominale, che la proiezione orizzontale o quella verticale. La
dimensione della lunghezza data nel campo d'ingresso corrisponde alla lunghezza lineare L se

V0505, 1.12
Delem
il cursore si trova nella linea corrispondente.

Proiezione orizzontale con il tasto o

Proiezione verticale con il tasto o

L significa normale lunghezza lineare


immessa
V significa lunghezza lineare verticale proi-
ettata
H significa lunghezza lineare orizzontale
proiettata

Se la proiezione non è possibile ciò verrà indicato sullo schermo.

1.6. Ethernet

Il sistema di controllo a CN supporta un'integrazione per l'interfacciamento in rete che può


essere inserita all'interno dell'unità. L'opzione di rete offre all'operatore la possibilità di impor-
tare i file dei prodotti direttamente dalle directory della reta o di esportare i file dei prodotti
finiti alle directory di rete richieste. Il concetto di ambiente cliente-server implica che il cliente
è in grado di effettuare un'operazione di file sul server e non viceversa. In questo senso anche il
controllo può essere considerato come un cliente.

1.e

Il capitolo 7 offre ulteriori dettagli in merito al funzionamento in rete.

V0505, 1.13
1.7. Versioni del software

La versione del software del controllo viene visualizzata nella parte superiore dello schermo,
nel menù del modo di programmazione.
Esempi del numero della versione sono:
VA 2.1
VA sta per versione
2 sta per il numero della versione
1 è il livello della versione

Il numero della versione aumenta quando si aggiungono nuove possibilità operative al soft-
ware, il numero del livello aumenta se è necessario un numero minore di correzioni nel numero
di versione esistente.

1.8. Restrizioni della garanzia

1 L'apparecchio DA non è fornito di dispositivi di sicurezza per l'operatore o per la


macchina a cui è applicato. La responsabilità per l'uso del DA è completamente a carico
del cliente. Occorre adottare misure di sicurezza al di fuori dell'unità di controllo DA per
garantire l'utilizzo in sicurezza da parte dell'operatore della macchina, anche in caso di
guasti all'unità di controllo DA. La Delem non assume alcuna responsabilità di eventuali
danni causati direttamente o indirettamente dal DA, sia in condizioni di funzionamento
normale che in caso di funzionamento difettoso o anomalo rispetto alle sue specificazi-
oni.

2 La Delem fornisce il libretto "così com'è", senza alcuna forma di garanzia sia essa esplic-
ita che implicita; la qualcosa vale per lo scopo specifico ma non si limita solo ad esso. La
Delem si riserva il diritto di apportare in qualsiasi momento miglioramenti o modifiche
ai prodotti o ai programmi descritti nel libretto.

Questo libretto potrebbe contenere imprecisioni tecniche o errori di stampa. Periodicamente


vengono effettuate variazioni alle informazioni qui contenute. Queste variazioni saranno incor-
porate nelle edizioni successive di questa pubblicazione.
Richieste di copie di questo prodotto e di informazioni tecniche inerenti i prodotti vanno inol-
trate al personale della Delem autorizzato a fornirle.

ATTENZIONE:

Il prodotto, come descritto, è fornito di spina con collegamento a terra, per la sicurezza
dell'operatore.
Per evitare il pericolo di scosse elettriche si colleghi la spina solo ad una presa a sua volta for-
nita di una messa a terra appropriata.

V0505, 1.14
Delem
1.9. End user license agreement

License

- You have acquired a device ("DEVICE") that includes software licensed byDelem from
Microsoft Licensing Inc. or its affiliates ("MS"). Those installed software products of
MS origin, as well as associated media, printed materials, and "online" or electronic doc-
umentation ("SOFTWARE") are protected by international intellectual property laws and
treaties. The SOFTWARE is licensed, not sold. All rights reserved.
- IF YOU DO NOT AGREE TO THIS END USER LICENSE AGREEMENT ("EULA"),
DO NOT USE THE DEVICE OR COPY THE SOFTWARE. INSTEAD, PROMPTLY
CONTACT DELEM FOR INSTRUCTIONS ON RETURN OF THE UNUSED
DEVICE(S) FOR A REFUND. ANY USE OF THE SOFTWARE, INCLUDING BUT
NOT LIMITED TO USE ON THE DEVICE, WILL CONSTITUTE YOUR AGREE-
MENT TO THIS EULA (OR RATIFICATION OF ANY PREVIOUS CONSENT).
- GRANT OF SOFTWARE LICENSE. This EULA grants you the following license:
• You may use the SOFTWARE only on the DEVICE.
• NOT FAULT TOLERANT. THE SOFTWARE IS NOT FAULT TOLERANT. DELEM HAS
INDEPENDENTLY DETERMINED HOW TO USE THE SOFTWARE IN THE DEVICE, AND MS
HAS RELIED UPON DELEM TO CONDUCT SUFFICIENT TESTING TO DETERMINE THAT
THE SOFTWARE IS SUITABLE FOR SUCH USE.
• NO WARRANTIES FOR THE SOFTWARE. THE SOFTWARE is provided "AS IS" and with all
faults. THE ENTIRE RISK AS TO SATISFACTORY QUALITY, PERFORMANCE, ACCURACY,
AND EFFORT (INCLUDING LACK OF NEGLIGENCE) IS WITH YOU. ALSO, THERE IS NO
WARRANTY AGAINST INTERFERENCE WITH YOUR ENJOYMENT OF THE SOFTWARE OR
AGAINST INFRINGEMENT. IF YOU HAVE RECEIVED ANY WARRANTIES REGARDING
THE DEVICE OR THE SOFTWARE, THOSE WARRANTIES DO NOT ORIGINATE FROM, AND
ARE NOT BINDING ON, MS.
• Note on Java Support. The SOFTWARE may contain support for programs written in Java. Java
technology is not fault tolerant and is not designed, manufactured, or intended for use or resale as
online control equipment in hazardous environments requiring fail-safe performance, such as in the
operation of nuclear facilities, aircraft navigation or communication systems, air traffic control, direct
life support machines, or weapons systems, in which the failure of Java technology could lead directly
to death, personal injury, or severe physical or environmental damage. Sun Microsystems, Inc. has
contractually obligated MS to make this disclaimer.
• No Liability for Certain Damages. EXCEPT AS PROHIBITED BY LAW, MS SHALL HAVE NO
LIABILITY FOR ANY INDIRECT, SPECIAL, CONSEQUENTIAL OR INCIDENTAL DAMAGES
ARISING FROM OR IN CONNECTION WITH THE USE OR PERFORMANCE OF THE
SOFTWARE. THIS LIMITATION SHALL APPLY EVEN IF ANY REMEDY FAILS OF ITS
ESSENTIAL PURPOSE. IN NO EVENT SHALL MS BE LIABLE FOR ANY AMOUNT IN
EXCESS OF U.S. TWO HUNDRED FIFTY DOLLARS (U.S.$250.00).
• Limitations on Reverse Engineering, Decompilation, and Disassembly. You may not reverse engineer,
decompile, or disassemble the SOFTWARE, except and only to the extent that such activity is
expressly permitted by applicable law notwithstanding this limitation.
• SOFTWARE Transfer allowed but with restrictions. You may permanently transfer rights under this
EULA only as part of a permanent sale or transfer of the Device, and only if the recipient agrees to this
EULA. If the SOFTWARE is an upgrade, any transfer must also include all prior versions of the
SOFTWARE.
• EXPORT RESTRICTIONS. You acknowledge that SOFTWARE is of US-origin. You agree to comply
with all applicable international and national laws that apply to the SOFTWARE, including the U.S.
Export Administration Regulations, as well as end-user, end-use and country destination restrictions
issued by U.S. and other governments. For additional information on exporting the SOFTWARE, see
http://www.microsoft.com/exporting/.

V0505, 1.15
V0505, 1.16
Delem
2. Disegno/ edizione del prodotto in 2D

2.1. Introduzione

Selezionando il Menù 1 si può disegnare un prodotto nuovo.


Selezionando il Menù 2 si possono effettuare modifiche in un prodotto esistente.
In questa videata bisognerà prima di tutto immettere il numero del prodotto e quindi il numero
del disegno. Il numero di disegno può anche contenere caratteri alfanumerici, che possono
essere inseriti con l'aiuto del tasto funzione "alphanum" (S6).
Se viene inserito il numero di un prodotto esistente, il sistema genera un'avvertenza indicante
che il prodotto esiste di già. Successivamente il sistema chiede se occorre sostituire il prodotto
esistente oppure no. Scegliendo "sì", si cancella il prodotto esistente. Se si sceglie "no",
occorre inserire un nuovo numero.
Il tasto "±" produce un carattere "-" ed il tasto "." un carattere "/" nel numero del disegno.

2.a

Se il controllo dispone della modalità 3D, si dovrà predisporre in fase iniziale l'alternativa rich-
iesta, cioè se si intende eseguire la programmazione del prodotto in modalità bidimensionale o
tridimensionale. L'esecuzione di un disegno tridimensionale viene esplicata nel capitolo 3.
Una volta terminata questa immissione comparirà la videta seguente nella quale bisognerà
immettere dati specifici del prodotto. Nella videata 1.3 si può iniziare a disegnare il prodotto.
Nel modo di editazione si ha la possibilità di creare una copia del prodotto attivo. A tale scopo
compare lo speciale tasto 'copia prodotto'.

V1104, 2.1
2.b

Questa videata consente di programmare/modificare lo spessore, il tipo di materiale e la lung-


hezza della dimensione Z del prodotto. Dopo ogni immissione si deve premere il tasto "enter".

Tasti funzione:

copia pro- Per copiare il prodotto corrente. Una volta premuto, digi-
dotto tare il nuovo numero del prodotto per la nuova copia.

sel. n. dis- Per passare alla schermata con il numero del prodotto e il
egno numero del disegno per modificare quest'ultimo.

modif note Per aprire una finestra con le note sul prodotto corrente.

Una volta premuto il tasto funzione "modifica note", si apre una nuova finestra in cui è possi-
bile modificare il testo relativo al prodotto corrente. Fare riferimento al capitolo "Preparazione/
Modifica dei dati" per avere ulteriori informazioni sulle note relative ai prodotti.

V1104, 2.2
Delem

2.c

Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .TH=
Spessore della lamiera in millimetri.

Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M =
Selezione di uno dei seguenti materiali preprogrammati, per poter calcolare la profondità
della piegatura. Il controllo integra 4 tipi di materiale preprogrammati. In totale il con-
trollo permette la programmazione di 99 tipi di materiale. Per le modalità di program-
mazione dei materiali rimandiamo alla lettura del capitolo 8.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .L=
La lunghezza della dimensione Z del prodotto

Dimensioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .D1=
Inoltre si deve specificare se le dimensioni del disegno sono quelle interne od esterne. La
definizione delle dimensioni interne (B) e di quelle esterne (A) è riportata nella figura
2.d.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

V1104, 2.3
2.d

Dopo aver immesso i dati generali del prodotto compare la videata del disegno. Nella riga
informativa in alto si troveranno le informazioni riguardanti il numero di prodotto, il numero
del disegno e le dimensioni interne ed esterne selezionate.
Ora si crea il profilo di piegatura del prodotto. Per prima cosa inserire il valore della lunghezza
di base del prodotto. Quindi inserire l'angolo del lato successivo, seguito dalla lunghezza di
quel lato. La procedura continua finché il prodotto non raggiunge il profilo desiderato. Un cer-
chio indica la posizione effettiva. Con i tasti di controllo del cursore si può spostare il cerchio
in un'altra posizione (angolo o lunghezza). Durante il disegno del profilo del prodotto il soft-
ware di grafica mostra sempre il prodotto nella scala corrispondente.

2.e

Per creare il disegno del prodotto si devono immettere la lunghezza di una linea e l'angolo di
curvatura in cifre o con l'aiuto del cursore per gli angoli multipli di 45 gradi.
In 'disegno prodotto' o 'editazione prodotto' di un prodotto 2D si possono programmare fino ad
un massimo di 99 pieghe per prodotto (programmazione grafica).

V1104, 2.4
Delem

Tasti funzione:

cancella Cancellazione di un angolo o di una linea o inserimento


di un angolo, a seconda della posizione del cursore (para-
grafo 2.2).

precisione Precisione: per definire con il cursore circolare un seg-


mento lineare selezionato, per alta precisione o se deve
essere una quota di avvicinamento (paragrafo 2.3).

raggiat. Raggiatura (Bumping): se il cursore si trova su un angolo


è possibile creare un angolo di raggio maggiore (para-
grafo 2.4).
Cambio riporta alla videata che contiene i dati del prodotto
dati

criteri cal- Attribuzioni:


colo Per selezionare gli assegnamenti per il calcolo delle
sequenze di piegatura (paragrafo 2.5).

sequenza Programma della sequenza di piegatura (paragrafo 2.6).


pieghe

END Ritorno al Menù di selezione

La spiegazione di queste funzioni avviene nei rispettivi paragrafi, il numero dei paragrafi è
riportato nello schema sopra menzionato.

2.2. Cancellazione di angolo/linea o inserimento di angolo

La funzione svolta da questo tasto (S1) dipende dalla posizione in cui si trova il cursore.
- Se il cursore è entro il segmento della linea, si può inserire un nuovo angolo da piegare.
- Se il cursore è posizionato su un angolo è possibile cancellare l'angolo, in combinazione con
il tasto ENTER.
- Se il cursore si trova su una linea finale del prodotto, la linea si può cancellare.

2.3. Selezione della precisione

Quando il cursore di disegno (il cerchio piccolo) si trova sul segmento di una linea, il tasto S2
permette di scegliere tra le seguenti due possibilità: alta precisione o quota di avvicinamento.
Con S2 queste funzioni si alternano dando 3 possibilità: (alta precisione - quota di avvicina-
mento - condizione normale)

V1104, 2.5
2.f

- Alta precisione:
Nel calcolo della sequenza di piegatura si sceglierà la posizione di riscontro del registro poste-
riore in modo tale da ottenere la precisione più alta possibile di questo intervallo della linea.

- Quota di avvicinamento:
Nel calcolo della sequenza di piegatura la posizione di riscontro del registro posteriore verrà
scelta in modo tale da ottenere la tolleranza risultante in questo intervallo.

Esempio:

V1104, 2.6
Delem

2.g

La linea di intervallo contrassegnata da un circolo aperto dovrebbe fungere, se possibile, diret-


tamente da registro posteriore e da centro della matrice

N.B.:

La specificazione degli intervalli delle linee con le funzioni di alta precisione e di quota di
avvicinamento può risultare in un aumento della durata dei tempi di produzione.
Inoltre ciò avrà priorità rispetto al "rapporto di estensione frontale", se esso viene selezionato
come opzione "da effettuarsi se possibile" (paragrafo 2.5).

2.4. Raggio ampio: Raggiatura

Per realizzare una piega con un raggio ampio, il comando utilizza il metodo della raggiatura.
Questo metodo permette di ottenere un raggio ampio in un prodotto tramite una serie di piccole
pieghe in successione.

2.h

Per programmare una piega di questo tipo, impostare i parametri seguenti:


raggio = il raggio desiderato
segmenti = numero di segmenti
Il numero delle pieghe in questo raggio è il numero di segmenti più 1.
Qunato maggiore è il numero dei segmenti che si selezionano, tanto maggiore sarà il numero di

V1104, 2.7
pieghe utilizzate per ottenere il raggio programmato entro una tolleranza minima. Utilizzando
un gran numero di segmenti si renderà necessaria una minor apertura della matrice V per poter
realizzare una piegatura ottimale. Il valore massimo ammesso per l'apertura di V verrà quindi
calcolato e visualizzato sullo schermo.
Per la definizione delle lunghezze delle linee da programmare nella parte collegata al segmento
con piega a raggio maggiore si veda la figura 2.i.

2.i

Le lunghezze L1 e L2 devono essere uguali o superiori al raggio R.


Per realizzare una piega di questo tipo, programmare innanzitutto un angolo standard con lati
adiacenti. Quindi riposizionare il cursore sull'angolo e premere il tasto funzione "raggiatura"
(S2). Comparirà un messaggio che chiederà di programmare il raggio e il numero di segmenti.
Una volta programmati questi parametri, il raggio viene disegnato nel prodotto e sullo schermo
viene visualizzata la massima apertura V utilizzabile, come mostra la figura 2.j.

2.j

V1104, 2.8
Delem
Specificazione delle voci:
Input raggio: valore min. = 0,1 mm
valore max. = 2500,0 mm
Nel menu degli 'assegnamenti', esiste la possibilità di modificare il modo in cui la piega su rag-
gio è suddivisa in segmenti. Si consulti la sezione 2.5 per ulteriori informazioni.

2.5. Attribuzioni

Schiacciando 'criteri calcolo' risulteranno le videate dei parametri.


Se è attiva la funzione di programmazione delle varianti (visualizzata sulla barra del titolo con
il messaggio 'Varianti On'), il sistema genera un messaggio di avvertimento segnalando che le
correzioni apportate andranno perdute. Premere '1' per proseguire con l'operazione di attribuzi-
one oppure '0' per ritornare alla schermata di editing.
Vedi la sezione 2.8 per ulteriori informazioni circa la programmazione delle varianti.
Il calcolo automatico delle sequenze di piegatura si serve di criteri diversi al fine di raggiun-
gere un optimum tra una durata di produzione minima, le possibilità di manipolazione senza
collisioni di prodotto/macchina e di prodotto/utensile.
Allo scopo di determinare un optimum bisogna programmare diversi parametri di calcolo con i
quali si calcolerà la sequenza di piegatura.
Alcuni di questi parametri sono relativi alla macchina, come le velocità degli assi ecc., ed altri
sono inerenti alle possibilità di manipolazione ed ai tempi di rotazione.
Sono disponibili tre videate di parametri per la programmazione 2D.

2.k

V1104, 2.9
Tasti funzione:

pagina per andare alla videata precedente


prec.

pagina suc- per andare alla videata seguente


cess.

carica per caricare i settaggi di attribuzione default


default È possible determinare una serie di attribuzioni costituite
dai valori più idonei all'utilizzo nel Vostro ambiente oper-
ativo.
Gli assegnamenti possono essere archiviati nella memo-
ria interna premendo il tasto S4 (memorizzazione dei val-
ori default). Nel programmare un altro prodotto sarà
quindi possibile richiamare i suddetti valori predetermi-
nati, utilizzando il tasto S3 (richiamo valori default).
salva come per salvare i settaggi di attribuzione default
def.

END per ritornare al disegno.

• Esplicazione dei parametri

Grado ottimizzazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .OD =


Gamma 1-5
Bisogna inserire qui il numero di sequenze alternative da calcolare per ogni piegatura.
Quanto maggiore è questo numero tanto più numerose sono le alternative che il proces-
sore esamina, e tanto più lunga sarà di conseguenza la durata delle operazioni di calcolo.

Rapporto sporgenza anteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FR =


E' il rapporto tra la lunghezza minima ammessa del prodotto che si estende davanti alla
pressa piegatrice e la lunghezza complessiva di sviluppo del prodotto. E' necessario
avere una lunghezza minima del prodotto di fronte alla pressa per poter manipolare il
prodotto. Valore massimo possibile: = 1.00

Accettazione rapporto sporgenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FA =


- In caso sia programmato 0 (eseguito se possibile) :
Ciò significa che se possibile il computer cerca di rispettare il rapporto estensione fron-
tale e solo quando questo risulterà non avere alcuna soluzione, accetterà che la lughezza

V1104, 2.10
Delem
frontale sia inferiore al rapporto specificato.
- In caso sia programmato 1 (eseguito sempre) :
Il calcolatore si adeguerà sempre al rapporto estensione frontale. Conseguenza di ciò
potrebbe essere che non è possibile trovare alcuna soluzione.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

• Esplicazione dei parametri

Possibilità del registro posteriore

2.l

Riscontro su angulo acuto ammesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .SA =


0 se non ammesso
1 se ammesso
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Specificare se il riscontro può essere posto contro un angolo di grado inferiore a 90º.

2.m

V1104, 2.11
Piega tra matrice e registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .IB =
Si inserisce per permettere che vi sia una piega tra la matrice ed il riscontro posteriore.

2.n

Intermediate bend
Selezione delle possibilità:
0 = permesso
1 = evitare
tentativo di evitare, priorità bassa
2 = permesso se inevitabile
se risulta che non vi sono soluzioni da trovare, allora è permesso
3 = proibito
non ammesso in nessun caso
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Tolleranze di 180 gradi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ET =


Nel caso in cui il riscontro sia contro una lastra è ammessa una tolleranza angolare (devi-
azione dal piano orizzontale). Deve essere programmata in gradi di tolleranza (input da
0° a 90°).

2.o

Tolleranze su pieghe a 90° . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CT =


La deviazione massima consentita dalla verticale (90°), quando il retrocalibro si trova
contro un angolo curvato diverso da 90°.

2.p

Lunghezza max su riscontro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BL =


Questo parametro (mm) è utile se la pressa piegatrice è euipaggiata con apposite "dita"
del registro posteriore su un asse R mobile, che hanno una costruzione ad "appoggio"

V1104, 2.12
Delem
(lay-on).
Se la lunghezza della lastra sul lato posteriore della macchina supera questo limite, la
posizione degli assi X ed R sarà corretta automaticamente in modo da permettere alla
lastra di poggiare sul dito del registro posteriore. (0 - 3200.0 mm)
Ciò avviene solo se la funzione automatica dell'asse R è attiva.

2.q

• Esplicazione dei parametri

2.r

Calcolo della lunghezza di sviluppo

Dopo la postelaborazione, il controllo calcola la lunghezza di sviluppo del prodotto e la toller-


anza di piegatura.
Importante per il calcolo della lunghezza di sviluppo e della tolleranza di piegatura è la misura
del raggio interno delle pieghe.
Per ognuno di questi calcoli si può programmare un fattore di correzione (RF e AF).

V1104, 2.13
Correzione calcolo sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .RF =
Il raggio interno calcolato viene moltiplicato per questo fattore per correggere la lung-
hezza complessiva di sviluppo del prodotto. Il valore inizale di RF è 1.

Correzione calcolo X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .AF =


Il raggio interno calcolato viene moltiplicato per questo fattore in modo da ottenere le
dimensioni giuste del prodotto dopo ogni specifica piega (tolleranza di piegatura).
Questo fattore può essere verificato creando un prodotto con una sola piega e di certe
dimensioni, per es. 100 mm (misura esterna). Si veda la figura 2.q.

Il controllo calcola la posizione dell'asse X necessaria per avere L = 100 come mostrato nella
figura 2.q.
L'accuratezza della lunghezza di L dipende dalle caratteristiche del materiale quali lo spessore,
la resistenza ed il tipo di materiale. Questo calcolo può essere adesso ottimizzato per ottenere
una possibilità di correzione con il fattore di raggio AF.
RF ed AF non si influenzano reciprocamente. Si raccomanda di ottimizzare prima il fattore AF
del prodotto e poi di trovare il valore giusto per la correzione della lunghezza di sviluppo RF.

2.s

Min. apertura Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .YM =


Durante la postelaborazione del prodotto programmato, Profile computa sempre ll'aper-
tura ottimale minima del pestone per manipolare il pezzo. Si potrà quindi programmare a
questa voce l'apertura minima per la manipolazione del pezzo. Il valore programmato è
pari alla distanza oltre il punto di cambio della velocità: CAMBIO.

Tolleranza DIN su X. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XA =


Per il calcolo della lunghezza sviluppata e della tolleranza di piegatura durante la poste-
laborazione di un pezzo in grafica 2D, si utilizza una formula Delem. E' inoltre possibile
selezionare la formula standard Delem DIN (DIN 6935).
0 = formula Delem
1 = formula standard DIN
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto. Per la formula Delem il settag-
gio Default è zero.

Segm. misura uguale imbutitura abilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .EB=


Quando un prodotto ha una piega sul raggio, le dimensioni del segmento vengono calco-
late dal numero di segmenti definito dall'utente. Nella formulazione standard è previsto il
calcolo del primo e dell'ultimo segmento a metà lunghezza del segmento intermedio in
modo da ottenere un risultato migliore. Tuttavia potrebbe risultare difficile selezionare

V1104, 2.14
Delem
una matrice in grado di piegare tali minuscoli segmenti. Per questa ragione il controllo è
in grado di calcolare una misura uguale per tutti i segmenti. Tale funzione può essere
definita grazie a questo parametro.
0 = disattivata
1 = attivata
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.
Quando il parametro è impostato su 1, tutti i segmenti avranno misura uguale.
Se il parametro è impostato su 0, il calcolo rispetta i valori precedenti ed include i seg-
menti a mezza misura. Se, in questa circostanza, nel menu della sequenza di piegatura si
registra un problema che concerne la misura della matrice a V , il sistema chiede all'uti-
lizzatore se preferisce o meno ripetere il computo calcolando i segmenti come aventi
misura uguale.

2.6. Sequenza di piegatura

Dopo aver completato la fase di disegno, si seleziona con il tasto S5 il modo "Sequenza di pie-
gatura".
Dovete inizialmente inserire il numero della parte bassa die macchina, della matrice, della
parte alta di macchina e del punzone. Quosto numero corrisponde al numero nella libreria dei
respettivi utensili (numero di menù 7, 8, 9 e 10).
Se il numero immesso non è conosciuto, il controllo produrrà il segnale "non programmato".
In questo caso bisogna programmare le parti della macchina e gli utensili prima di poter calco-
lare la sequenza di piegatura. La programmazione può avvenire tramite le selezioni corrispon-
denti nel menù di programmazione.
I vari utensili disponibili nelle rispettive librerie di utensili sono consultabili sullo schermo con
S3 (mostra libreria). Questa selezione fornisce una panoramica degli utensili, comprese le prin-
cipali proprietà di ciascuno di essi.

V1104, 2.15
2.t

Se questa panoramica non è sufficiente per selezionare un utensile, premere il tasto funzione
"visualizza" e il tasto "dir grafica" per avere una panoramica grafica degli utensili a disposiz-
ione.

2.u

V1104, 2.16
Delem
Nella libreria macchina ed in quella utensili si possono programmare 10 lati superiori diversi di
macchina, altrettanti lati inferiori diversi, 99 matrici diverse e 99 punzoni diversi. E'necessario
selezionare un elemento per ogni categoria. La selezione si può cambiare durante la determina-
zione della sequenza di piegatura. Nell'angolo in basso a sinistra dello schermo compaiono le
selezioni effettuate al momento. All'interno della schermata riservata alla sequenza delle
pieghe, il tasto softkey 'visualizza biblioteca' rimane disponibile sullo schermo per consentire
di ottenere una visualizzazione di riepilogo grafica della biblioteca utensili come esposta in
precedenza.
Dopo aver specificato le parti macchina e gli utensili, il pezzo e la macchina saranno disegnati
sullo schermo.

2.v

Il pezzo, così come è stato disegnato, viene posto direttamente sotto il punzone, in una delle
ultime posizioni di piegatura possibili.
La forma che il pezzo aveva prima di questa ultima piegatura è riportata alla sommità della
matrice. Un cerchio maggiore posto su un angolo indica che questa piegatura è affettuabile
anche senza collisione.
Un quadro completo dei tasti softkey disponibili con questa schermata è fornito a pagina 2.24.
Il tasto funzione "ancora>>" permette di passare dalla riga primaria a quella secondaria e vice-
versa con i tasti funzione.

V1104, 2.17
Con il tasto "S4" è possibile selezionare ognuna delle altre piegature
che si preferisce avere per ultima. Le pieghe possibili sono indicate
dal cursore circolare.

Se il prodotto entra in collisione con gli utensili o la macchina ciò verrà indicato tramite un
messaggio di avvertimento sullo schermo.
.

Con questo tasto si può inserire o disinserire la funzione di protezi-


one delle collisioni, la qualcosa risulta visualizzata in alto sullo
schermo. Se si disinserisce la funzione di protezione ("off") si pos-
sono selezionare anche altre pieghe che daranno collisione con gli
utensili o le parti macchina.
Il raggio interno risultante dopo questa piega è visualizzato nella
parte superiore dello schermo.

E per ingrandire o ridurre il disegno completo.

Dopo aver schiacciato "spiegatura" la posizione della piegatura viene indicata da un piccolo
cerchio, vedere la figura 2.u.

V1104, 2.18
Delem

2.w

N.B.:

Una raggiatura (bumping) viene mostrata durante il calcolo delle sequenze ma viene trattato
come una piegatura singola.
I dati CNC delle piegature che sono necessari per produrre il raggio sono calcolati durante la
postelaborazione.
La sequenza di calcolo può essere attivata iniziando dall'ultima piegatura e risalendo fino alla
prima, ma è anche possibile, per esempio, attivare manualmente le 2 ultime piegature e calco-
lare la sequenza ottimale per il resto delle piegature. Tale calcolo inizierà dalle piegature che
sono contrassegnate da un asterisco. Grazie a tale opportunità e con l'aiuto della funzione di
scambio (gira) si possono calcolare diverse possibilità.

Durante l'operazione di calcolo automatico delle sequenze delle


pieghe, si può sempre interrompere tale calcolo premendo questo
tasto ("Abort computation"). Se il calcolo è stato interrotto, il com-
puter darà il più delle volte un suggerimento per la sequenza delle
piegature. Presumibilmente ciò non costituisce la soluzione
migliore.
Dopo che è stata definita una sequenza delle pieghe, si passa al cal-
colo di un programma a CN che verrà memorizzato. Questa attività è
nota sotto il nome di postprocessing (postelaborazione). Al termine
del computo di postprocessing, verrà esposta la ‘lunghezza di svi-
luppo’ del prodotto in progettazione.

V1104, 2.19
Apre una panoramica grafica della sequenza di curvatura per con-
sentire un controllo visivo.

2.x

Le immagini in questa vista d'insieme grafica possono essere ingrandite o ridotte con lo zoom,
usando i tasti cursore in su e cursore in giù. I tasti funzione S7 e S8 aumentano o riducono il
numero di immagini che compaiono sullo schermo simultaneamente (un minimo di 4 ed un
massimo di 25).

Tasti funzione:

scamb pieg Esegue lo scambio di posto di due pieghe in una


sequenza.

muov pieg Sposta una data piega in un'altra posizione nella sequenza
delle pieghe.

allarga Aumenta tutte le immagini delle pieghe, per cui


diminuisce il numero delle pieghe visualizzate sullo
schermo.

V1104, 2.20
Delem
Tasti funzione:

Riduce Rimpicciolisce tutte le immagini delle pieghe, per cui


aumenta il numero delle pieghe visualizzate sullo
schermo.

Sposta piega
Nella panoramica offerta dalla riproduzione grafica delle sequenze di piega, è possibile modifi-
care l'ordine delle pieghe in modo molto semplice: è infatti sufficiente spostare la piega richi-
esta in un punto diverso. Premere il tasto 'Sposta piega': verrà evidenziato il numero della
prima piega. Usare i tasti freccia per spostare il cursore portandolo sulla piega che deve essere
dislocata. Dopo aver evidenziato il numero della piega richiesta, premere il tasto 'enter' per
selezionare questa piega. A questo punto avvalersi del tasto freccia per portare la piega nella
posizione voluta all'interno della sequenza. Allorché la piega è situata nella posizione richiesta,
premere 'enter' per confermare.

Cambia pieghe
Questo comando, offre la possibilità di scambiare posto a due pieghe nella sequenza. Premere
il tasto 'cambio pieghe'. Portare il cursore su una delle pieghe richieste e premere il tasto 'cam-
bia' o il tasto 'enter'. Muovere successivamente il cursore posizionandolo sulla piega a cui si
vuole cambiare posto e premere il tasto 'enter' o il tasto'cambia'. Adesso le pieghe sono state
scambiate. Se per qualsiasi ragione si deve cancellare l'operazione, premere il tasto softkey
'annulla cambio' durante la procedura.

• Ripristino della sequenza di piegatura

Una sequenza di piegatura (parzialmente) determinata non viene automaticamente azzerata,


dopo che si è usciti dal menù della sequenza di piegatura.
Dopo aver immesso nuovamente il menù della sequenza di piegatura è possibile continuare
con la sequenza di piegatura esistente.
Richiamando il menù della sequenza di piegatura si ottengono le seguenti opzioni:

2.y

'nuovo' inizia una nuova sequenza di piegaturala sequenza esistente è stata


azzerata

V1104, 2.21
'continua' continua con la sequenza attuale
la sequenza (parziale) esistente è ripristinata e visualizzata sullo
schermo

Se si è caricato un disegno del quale esiste già un programma di piegatura postelaborato, si


ottiene una terza opzione nell' inserire il menù delle sequenze di piegatura:

'riprestina' riprestina la sequenza di piegatura dal programma postelaborato la


sequenza viene ripristinata dal programma postelaborato e visualiz-
zata sullo schermo

Se si è disegnato un nuovo prodotto nel menù di "Disegno del prodotto" e la sequenza di pieg-
atura viene impostata per la prima volta, è chiaro che non vi sono nè una sequenza di piegatura
nè un programma postelaborato già esistenti, per cui le selezioni precedentemente menzionate
non sono mostrate.

• Dimensione minima della piegatura

La lunghezza minima possibile della piegatura viene calcolata sulla base del parametro
dell'apertura a V (1/2 V), ma dipende anche dall'angolo che si deve piegare e dallo spessore del
materiale da piegare, si veda la figura 2.x. Se il valore programmato per il prodotto richiesto
non corrisponde con la lunghezza minima possibile, apparirà sullo schermo un messaggio di
avvertimento.

2.z

• Selezione macchina/utensile

Ad ogni piega è possibile selezionare uno degli utensili o una delle forme di macchina che
sono presenti nella libreria. Il numero visualizzato è quello dello utensile o della parte della
macchina selezionata in quel momento.
Immettendo un altro numero si potrà selezionare un altro utensile o una nuova parte di
macchina, essi saranno visualizzati immediatamento sullo schermo.
Con il tasto "enter" ci si può spostare tra numero di punzone, numero di matrice, parte superi-
ore o inferiore della macchina.
E' inoltre possibile fare ruotare il punzone e la matrice rispetto alle forme della macchina. A tal
fine il numero dell'utensile deve essere programmato come numero negativo.

V1104, 2.22
Delem

2.aa

Per ottenere un riepilogo grafico degli utensili disponibili, mentre ci si trova nel menu della
sequenza di piega, premere il tasto funzione 'visualizza libreria' (S2). Se si preme suddetto
tasto compare il riepilogo degli utensili disponibili.
I tipi di utensili visualizzati dipendono dal tipo di utensile già evidenziato nella schermata della
sequenza di piegatura: punzone, matrice, sopramacchina o sottomacchina.

• Indicazione della rotazione

Nell'angolo sinistro in basso viene visualizzata l'indicazione della rotazione della piega o della
sequenza di piegatura.

2.ab

L'asterisco indica quale piega è visualizzata in quel momento.

• Tempo di produzione

Alla sommità dell'informazione relativa alla rotazione (prima della prima piega) viene indicato

V1104, 2.23
la durata totale del tempo del ciclo di produzione. Questa durata viene calcolata sulla base
delle seguenti impostazioni:
- Velocità dell'asse X
- Velocità dell'apertura Y e dell'asse Y
- Velocità dell'asse R
- Tempo di rotazione programmato nello schema del tempo di rotazione dell'attribuzione
Con il calcolo automatico della sequenza di piegatura il controllo cerca di calcolare il tempo di
produzione minimo possibile.

• Dati schermo

Nella parte superiore dello schermo vengono visualizzati alcuni dati importanti di carattere
generale.

Col.prot.on Verifiche collisione e registro posteriore attivati (on) o


disattivati (off)
Punzone: 1 Numero di punzone selezionato
Matrice: 1 Numero di matrice selezionata
R-in = 1.3 Raggio interno della piega da ottenere con la matrice
selezionata
Varianti On Sono attive le varianti di programmazione: Il prodotto in
corso di progettazione è dotato di un programma a CN
valido e che può essere modificato senza alcuna perdita
delle correzioni apportate.

• Elenco dei tasti di funzione e di comando

Tasti funzione:

spiega Spiegatura/success. Per spiegare il prodotto grafico

piega Piega/precedent. Per piegare il prodotto grafico

cambia Seleziona la posizione del registro posteriore


battuata

gira Rotazione avanti indietro del prodotto

V1104, 2.24
Delem
Tasti funzione:

protez. Per attivare/disattivare il segnalatore di collisioni.


on.off

calcolo Calcola la sequenza di piegatura.


Il calcolo della sequenza ha inizio dal numero della piega
selezionato in quel momento.
Questa funzione offre la possibilità, unica nel suo genere,
di stabilire la sequenza di piegatura in modo interattivo,
per es. in parte manualmente e in parte automaticamente.
memorizza Calcolo automatico di tutti posizioni degli assi (pro-
gramma CNC completo) ed il salvataggio nella libreria
prodotti del prodotto postelaborato.

ancora>> I tasti funzione relativi a questa modalità sono suddivisi


in due file. Premere questo tasto per spostarsi da una fila
all'altra.
END END Ritorna al disegno.

Tasti funzione altra fila:

mostra Per visualizzare uno schermo a mosaico con una esposiz-


sequenza ione grafica passo passo della sequenza di piegatura.

mostra Tasto softkey per ottenere un quadro grafico della libreria


libreria utensili.

Tasti di comando:

allargamento mediante zoom

riduzione mediante zoom

• Calcolo della sequenza di piegatura

V1104, 2.25
Con il tasto 'calcolo' si può calcolare automaticamente la sequenza di piegatura.
Il calcolo viene eseguito solo con un set di utensile. Questi sono quelli selezionati nell'ultima
piegatura.
Il calcolo dell'ordine sequenziale della piegatura ha sempre inizio dalla piega contrassegnata
con un asterisco nell'angolo in basso a sinistra dello schermo.

Esempi: Pezzo con 7 pieghe

2.ac

Nel primo esempio le pieghe n. 6 e 7 sono state scelte manualmente, quelle comprese dalla 5a
alla 1a sono state calcolate automaticamente.
Nel secondo esempio viene calcolata tutta la sequenza di piegatura (dalla 7 alla 1).
Durante il calcolo tutte le attribuzioni sono importanti; è perciò necessario assicurarsi prima di
avviare il calcolo dell'ordine della sequenza che tutte le attribuzioni siano state effettuate cor-
rettamente.

• Memorizzazione

Dopo aver completato la sequenza di piegatura si può generare un programma CNC.


Il programma generato verrà memorizzato nella memoria programmi del controllo.

2.7. Programmazione varianti

Il termine 'Programmazione varianti' significa che l'operatore può apportare modifiche ai pro-
grammi esistenti nel menu grafico senza che sia necessario realizzare un nuovo programma a
CN partendo da zero. Un programma esistente può essere alterato senza la perdite delle correz-
ioni in precedenza apportate e della sequenza delle pieghe. Se un tale programma già esistente
contiene valori appropriati relativamente agli assi e alle posizioni del prodotto, questi dati
rimarranno inalterati e solo le ultime modifiche (angolo, lunghezza della lamiera) saranno
ricalcolate ed integrate nel programma.
Per esempio, se è stato modificato uno dei valori di lunghezza laterale nel riepilogo grafico
delle pieghe e dopo che l'operatore ha premuto il tasto 'store (memorizza)' sullo schermo com-

V1104, 2.26
Delem
pare un messaggio con il quale il sistema chiede in che modo effettuare il computo del pro-
gramma a CN.

2.ad

Se si seleziona l'aggiornamento (S4), il programma a CN già esistente verrà cambiato solo con
riguardo ai valori di modifica (angolo, lunghezza), ma gli altri valori rimarranno inalterati.
L'espressione 're-use corrections (riusa correzioni)' si richiama a correzioni che potrebbero
essere state apportate in uno dei modi di produzione. Questi modi di produzione sono spiegati
nel capitolo 10.
Se l'operatore sceglie (S5), il sistema procede al calcolo di un nuovo programma a CN. Le cor-
rezioni nel programma a CN esistenti andranno perdute.
Allo scopo di non perdere il programma esistente, verificare che l'indicazione 'Varianti On' sia
visibile nella barra del titolo.Quando si avvia una manovra o si lancia un comando che
potrebbe alterare il programma in modo significativo, il controllo genera un messaggio di
avvertimento.

V1104, 2.27
2.ae

Se si seleziona 'si' (S4), l'indicazione 'Varianti On' scompare dalla barra del titolo. Ciò significa
che la prossima volta che si avvia una procedura di postelaborazione mediante il comando
'postprocess', il sistema crea un nuovo programma a CN e le correzioni in precedenza apportate
andranno perdute. Se si seleziona 'No' (S5), la manovra è annullata e la funzione 'Varianti on '
rimane attiva.
Il messaggio "il programma a CN e le correzioni andranno perdute" non deve essere interpre-
tato alla lettera. Il programma a CN è sempre presente, ma in questa sede risulta impossibile
aggiornarlo partendo dal menu grafico. Se occorre memorizzare il programma a CN prece-
dente, vi è sempre la possibilità di attivare la modalità di editing dati (menu 4) e di memoriz-
zare il programma con un numero di prodotto diverso.

V1104, 2.28
Delem
4. Preparazione/Editing dei dati

4.1. Introduzione

Per creare un nuovo programma CNC, selezionare l'opzione "Preparazione dati" dal menu
principale.
Per modificare un programma CNC esistente, selezionare l'opzione "Modifica dati" dal menu
principale.
In entrambi i casi, dovrebbe comparire una schermata come quella mostrata sotto. La program-
mazione e la modifica dei dati avviene nello stesso modo per entrambe le modalità.
Per modificare un programma non attualmente caricato, selezionare l'opzione "Selezione pro-
dotto" dal menu principale. Nella lista che compare, selezionare il numero del programma
desiderato.

4.a

Questo schermo vi indica tutti I dati che sono identici per ogni piega del programma (dati prin-
cipali del programma).

Con I tasti e il cursore può essere piazzato su uno dei parametri. Il


valore introdotto per il parametro selezionato appare nel campo
d'ingresso, situato nell'angolo sinistro in basso sullo schermo.
L'immissione di un nuovo valore deve essere conclusa premendo il
tasto d'invio (Enter) altrimenti rimane attivo il valore precedente.

V0505, 4.1
L'input può essere annullato per inserire dei nuovi dati. I dati devono
essere inseriti per poter continuare la programmazione.

Premendo il tasto ENTER i dati programmati saranno immesi nel


parametro corrispondente.

Tasti funzione:

prima Il cursore passa alla videata che contiene le informazioni


piega riguardanti la prima piega.

modif note Per aprire una finestra con le note sul prodotto corrente.

END Per completare la programmazione dei dati e ritornare al


menù del programma.

• Modifica note

È possibile aggiungere una nota al prodotto per inserire commenti o informazioni generali sul
prodotto corrente.

V0505, 4.2
Delem

4.b

Si tratta di un normale campo di testo, che non influisce in alcun modo sui valori del prodotto
o sui calcoli relativi alla sequenza di pieghe. La lunghezza massima permessa per la nota è di
1023 caratteri.
I caratteri utilizzabili nelle note sono i seguenti:
a-z
A-Z
0-9
?!%*/\+-:;,._
Per modificare una nota, è necessario utilizzare una tastiera. A seconda del tipo di comando, è
possibile collegare una tastiera USB esterna oppure utilizzare una soluzione con tastiera inte-
grata.
Per uscire dalla nota, premere il tasto funzione FINE. Se la nota è stata modificata, compare un
messaggio che chiede se salvare la nota modificata oppure lasciarla così com'era.

• Esplicazione dei parametri

Sel. angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .m =
Selezione del modo di programmazione per l'asse Y
0= Dimensione assoluta della posizione di piegatura asse Y
1= Programmazione diretta di un angolo per l'asse Y in gradi
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .TH =
Spessore della lamiera in millimetri.

V0505, 4.3
Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M =
Selezione di uno dei seguenti materiali preprogrammati, per poter calcolare la profondità
della piegatura. Il controllo integra 4 tipi di materiale preprogrammati. In totale il con-
trollo permette la programmazione di 99 tipi di materiale. Vedere come programmare i
materiali al capitolo relativo alla programmazione delle costanti.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

MODULO E RESISTENZA
(N/mm²) TRAZIONE
(N/mm²)
1 = Acciaio 210.000 400
2 = Alluminio 70.000 200
3 = Zinco 94.000 200
4 = Acciaio inox 210.000 700

Sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .L =
La lunghezza richiesta della lastra originaria da cui viene curvato il prodotto. Se il pro-
gramma è stato elaborato a partire da un disegno 2D, questo valore è stato calcolato.
Questo parametro è necessario anche per la visualizzazione 2D in modalità di produzi-
one (Automatica o Passo passo).

Colleg. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CN =
Il parametro collegamento ("connect") serve a collegare i programmi l'uno all'altro. Tale
opzione serve anche a produrre prodotti tridimensionali. (Pagina prossima).

Collegamento dei programmi di CN

Con il parametro Connect è possibile creare un prodotto tridimensionale. Il controller esegue


automaticamente le sequenze di piegatura nelle direzioni diverse una dietro l'altra. Il controller
si programma come segue:
Istruzioni per la programmazione di prodotto tridimensionale ( 9 passaggi)

Passaggio 1: Creare il prodotto in una direzione.


Passaggio 2: Creare il prodotto nell'altra direzione.

Ora ci sono due programmi di piegatura di un prodotto in due direzioni. Questi programmi
vengono collegati come segue:

Passaggio 3: Selezionare il programma con la sequenza di piegatura nella direzione che si


vuole eseguire per prima. Il programma di prodotto si seleziona dal menu ‘selezione di pro-
dotto’.
Passaggio 4: Andare al menu ‘editing dati’. Selezionare il parametro CONNECT. Inserire il
numero di programma del prodotto nell'altra direzione.
Passaggio 5: Selezionare il secondo programma, come nel passaggio 3. Ripetere il passaggio 4.
Se volete collegare due programmi, come in questo esempio, inserite il numero di programma
del primo programma. Il ciclo è chiuso.

Se volete eseguire più di due programmi in successione (non necessariamente per creare un

V0505, 4.4
Delem
prodotto tridimensionale) il secondo programma deve fare riferimento al terzo. Il terzo pro-
gramma deve fare riferimento al quarto e così via. Il programma finale del ciclo deve sempre
fare riferimento al primo.

Per creare prodotti con programmi collegati sono necessari i quattro passaggi successivi:

Passaggio 6: Selezionare il primo programma.


Passaggio 7: Selezionare il modo Automatico.
Passaggio 8: Programmare il numero di prodotti che si vogliono creare con il parametro 'conta-
pezzi'.
Passaggio 9: Premere il pulsante START.

Quando finisce il primo programma il secondo parte automaticamente. Il contatore di pro-


gramma indica il numero restante di ripetizioni.

4.2. Programmazione piegatura

I parametri relativi ad una piegatura sono suddivisi in due videate.

4.c

Il numero delle piegature, il numero del prodotto e quello del disegno sono visualizzati nella
riga superiore dello schermo, la funzione dei tasti ("softkeys") in quella inferiore.

V0505, 4.5
Tasti funzione:

piega seleziona la piega precedente


preced

piega suc- seleziona la piega seguente


cess

Mostra Apre una finestra con una panoramica della libreria di


libreria. utensili. Da qui è possibile selezionare un utensile. È dis-
ponibile soltanto se il cursore del programma è posizion-
ato su un utensile.
pagina suc- va alla videata seguente, per selezionare la seconda vide-
cess. ata dei parametri che devono essere programmati per
questa piegatura.
asse funz. Funzioni asse: è adibito alla programmazione della veloc-
ità e della distanza di rientro (retrazione) degli assi della
macchina. La funzione è correlata dal tipo di macchina
(vedi la pagina successiva).
vista piege rimanda all'elenco di tutte le pieghe di questo programma
(solo possibile nella videata: editing dei dati).

END Esce dalla modalità di preparazione / modifica dati e


torna al menu principale. Nella finestra di dialogo che si
apre, inserire un nuovo numero di prodotto o confermare
quello già presente.

• Funzioni asse

Attivare la funzione per programmare la velocità e distanza di rientro (retrazione) degli assi
sulla macchina. La funzione è correlata al tipo di macchina e dipende dalla stessa. La funzione
si attiva con il tasto S6 nella videata 'modifica di programma'.

V0505, 4.6
Delem

4.d

Compare una finestra pop-up, nella quale sono visualizzate tutte le grandezze programmabili.
Il tipo di assi esposti dipende dalla configurazione della macchina. Premere il tasto END per
chiudere la finestra.

Velocità assi
Velocità dell'asse selezionato nella piega attuale. La velocità viene programmata come percen-
tuale della velocità massima.

Retrazione
La distanza di rientro dell'asse selezionato nella piega attuale. La distanza viene programmata
sempre in mm. Se la distanza di rientro dell'asse X viene modificata in questa finestra, anche il
parametro 'Retract' sarà modificato automaticamente.

• Esplicazione dei parametri

Punzone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .UP =
Numero di punzone in libreria (magazzino)

Matrice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .UN =
Numero di matrice in libreria (magazzino)

Programmare l'utensile richiesto o premere il tasto per selezionarne uno dalla lista. Se nec-
essario, usare il tasto funzione "Mostra libreria" per controllare quali utensili sono disponibili.

V0505, 4.7
Metodo piega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BM =
Selezionare il metodo di piegatura richiesto. Il comando supporta 4 metodi:
0 = Piega in aria
1 = Coniatura
10 = Appiattimento
11 = Appiattimento abbinato alla coniatura.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Piega in aria La lamiera viene piegata in base all'angolo


programmato portando il punzone alla pro-
fondità richiesta. Il comando calcola la posiz-
ione richiesta sull'asse Y per ottenere l'angolo
programmato

Coniatura Per essere piegata la lamiera viene tenuta pre-


muta tra il punzone e la matrice. Il controllo
considera il fondo della matrice la posizione
dell'asse Y richiesta

Appiattimento La lamiera viene piegata in due: questo è pos-


sibile dopo averla piegata con un angolo
stretto grazie ad una precedente operazione. Il
comando calcola la posizione precisa dell'asse
Y per questa operazione: la superficie della
matrice più il doppio dello spessore della lam-
iera.
La posizione dell'asse Y può essere regolata
programmando una "compensazione di spi-
anatura".
Appiattimento Lo stesso metodo della spianatura, tranne per
abbinato alla il fatto che il comando considera la sommità
coniatura. della matrice come posizione dell'asse Y rich-
iesta. La lamiera piegata viene tenuta premuta
tra punzone e matrice.

N.B. 1:
Le pieghe di spianatura vengono mostrate qui con un punzone di spianatura speciale, ma ciò
non è necessario.

N.B. 2:
Se si seleziona l'operazione di coniatura, l'estremità di posizionamento della piega del pestone
dell'asse Y dipende dal tonnellaggio applicato. Se comunque la forza del pestone è sufficiente
per raggiungere l'estremità della posizione della piega dell'asse Y che è stata calcolata, la corsa

V0505, 4.8
Delem
del pestone sarà limitata dal valore della posizione.

Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BL =
Lunghezza della lamiera tra gli utensili

Angolo/Posizione di piega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .α/Y =


Angolo da piegare oppure posizione del pestone in mm se si è selezionata la coniatura.

Apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .DY =
La distanza dell'apertura sopra il punto di "miute" (cambio di velocità), risultante in
un'apertura tra il punzone e la matrice dopo questa piegatura. Questo parametro crea un
interspazio tra il punzone e la matrice dopo la piega. Un valore positivo dà luogo ad
un'apertura superiore a Mute, un valore negativo ad un'apertura inferiore a Mute. Se si
vuole limitare il tempo di manipolazione del prodotto si può programmare un basso
valore positivo o un valore negativo.

Cambio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M =
Punto di una sequenza raggiunto il quale l'asse Y cambia velocità e passa dalla velocità
di avvicinamento rapida alla velocità di stampaggio. Il valore programmato in questa
sede si riferisce alla distanza del punto di cambio rispetto alla lastra di lamiera. Per il
parametro default, si usa il valore di cambio relativo alla matrice programmata (vedi il
capitolo 6).
La presenza o l'omissione di questo parametro dipende dai settaggi della macchina.

Posizione del registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .X =


Posizione del registro se si è programmato un segno negativo questa dimensione del reg-
istro posteriore ha un valore incrementale. La dimensione incrementale viene sottratta
dalla posizione attuale dell'asse X. Pertanto questo parametro può anche essere usato
quale misura di concatenamento.

Solo qualora si abbia una configurazione che comprende un asse R.


Il tasto funzione ('gauge func' = funz calibro) compare se la barra cursore viene posizionata su
questo parametro dell'asse X.

V0505, 4.9
4.e

Se si preme "gauge func" compare una finestra con tre parametri programmabili.

4.f

Pos. registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .GP=


Questa funzione vi consente di programmare un'altra 'posizione di calibro' per la speci-
fica piega. La posizione di calibro (parametro GP) che può essere programmata dipende
dalle dimensioni del retrocalibro. Le dimensioni del retrocalibro vengono programmate
nel menu "constanti di programma".
Valore default per la posizione di calibro = 0 (senza appoggio)
Le altre possibilità sono le seguenti:
posizione calibro = 1, con appoggio sul primo livello
posizione calibro = 2, con appoggio sul secondo livello (solo possibile se il numero della

V0505, 4.10
Delem
posizione del calibro (GN) = 3)
posizione calibro= 3, con appoggio sul terzo livello (solo possibile se il numero della
posizione del calibro (GN) = 4)

Se si programma un'altra 'posizione calibro', la posizione del retrocalibro cambia, ma la


posizione della lastra non cambia. Ciò significa che i due parametri seguenti 'R-finger
position' (posizione dito R) e 'X-finger position' (posizione dito X) rimangono invariati.
Si veda a questo proposito anche l'esempio che segue.

4.g

R-posizione dito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .R=


Valore default = l'altezza (direzione R) della posizione del calibro sulla lamiera.
Si tratta di un valore regolabile manualmente in questa finestra, se necessario

Posizione dito X) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .X=


Valore default = valore nella direzione di X della posizione del calibro rispetto alla lami-
era.
Si tratta di un valore regolabile manualmente in questa finestra, se necessario.
Con il tasto 'END' (fine) si esce dalla finestra con salvataggio automatico dei nuovi val-
ori programmati. Se si preme il tasto 'cancel' si esce dalla finestra senza aver cambiato i
valori.
Se il parametro 'Posizione di calibro' è stato modificato, le posizioni degli assi nelle
direzioni X e R cambieranno di pari passo. Per questa ragione anche i parametri 'posiz-
ione retrocalibro...X' e 'Asse R....R' saranno modificati. I nuovi valori dipendono dalle
dimensioni del dito del retrocalibro che sarà stato programmato nel menu "constanti di
programma". Se sono stati cambiati anche i valori dei parametri 'posizione dito R' e
'posizione dito X', anche queste variazioni saranno memorizzate.

Retraz. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .DX =
Posizione di apertura del registro durante la piegatura. La "ritrazione del registro" si ini-
zia al punto di presa della lamiera.

Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CX =
Parametro programmabile che determina quando saranno attivi i valori di parametro
della piegatura seguente. Le possibilità sono le seguenti:
0 = Il numero di piegatura cambia (cambio di fase) alla fine della decompressione (il
parametro della piega seguente è attivo).
1 = Cambio del movimento al punto mutevole quando il pestone si muove in direzione
apertura.
2 = Cambio del movimento al punto morto superiore.
3 = Cambio del movimento al punto morto superiore senza che vi sia alcun movimento

V0505, 4.11
degli assi, il controller si muove verso lo "stop".
4 = Cambio di movimento se il segnale di C-input (immissione) diviene attivo, senza
movimento del pestone.
5 = Cambio del passo qualora sia attivo il segnale di input di C ed il pestone si trovi nel
punto morto superiore. E' adesso possibile spostare il pestone e verrà effettuata la funzi-
one di retrazione del registro posteriore.
10 = Cambio di fase alla fine della decompressione con il pestone dell'asse Y in attesa al
punto di pressione fino a che il riscontro non raggiunge il punto di ritrazione.
11 = Cambio di fase al punto "mute" (cambio) quando il pestone si muove in direzione
apertura, con il pestone dell'asse Y in attesa al punto di pinzatura fino a che il riscontro
non raggiunge il punto di ritrazione.
12 = Cambio del movimento al punto morto superiore con il pestone dell'asse Y in attesa
al punto di pinzatura fino a che il riscontro non raggiunge il punto di ritrazione.
13= Cambio del passo al punto morto superiore senza movimento degli assi. Il pestone
dell'asse Y resta in attesa al posto di pinzatura della lastra fino al rientro del registro pos-
teriore nella posizione arretrata. Dopo la piegatura con questo codice, il controller si
porta in posizione di "Stop".
15 = Cambio del passo qualora sia attivo il segnale di input di C ed il pestone si trovi nel
punto morto superiore. Il pestone può essere spostato ma l'operazione non è necessaria. Il
pestone dell'asse Y resta in attesa al posto di pinzatura della lamiera fino al rientro del
registro posteriore nella posizione arretrata.
I valore CX non menzionati non hanno significato.

Tempo attesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .TX =


Tempo di attesa progammabile prima del cambio del movimento (0-30 sec).

• Esplicazione dei parametri

Le funzioni ausiliarie della piegatura possono essere programmate su questa videata.

V0505, 4.12
Delem

4.h

Ripetizione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CY =
0 = piegatura saltata
1 = da 1 a 99 è il numero delle volte che la piegatura verrà ripetuta

Velocità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .V =
Velocità di esercizio (di pressatura). Inizialmente il valore di questo parametro viene
copiato dal parametro "velocità di stampaggio" nel menu delle costanti di programmazi-
one.

Forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .P =
Max. tonnellaggio regolato durante la pressatura (calcolato automaticamente)

Tempo compress . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .T =
Sosta del punzone al punto della piegatura.

Vel. decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BS =
La velocità di contropressione è la velocità programmabile attiva durante la corsa si
decompressione programmata. Durante la postelaborazione del menu 1 o 2, questa
velocità regolata alla velocità massima di pressione.

Corsa decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . DC =
Corsa di decompressione dopo la piegatura per scaricare la pressione d'esercizio.

Delta parall.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Y2 =
Differenza tra i cilindri destro e sinistro (Y1 e Y2). Il valore positivo indica che il lato
destro è più basso, quello negativo che il lato destro è più alto. Il valore programmato è

V0505, 4.13
attivo al di sotto del punto di serraggio.

4.i

Assi ausiliari
Se ci sono uno o più assi ausiliari (per esempio un asse R, un asse Z o un supporto di pieg-
atura), i parametri di questi assi appaiono qui. Se si dispone di un asse R1 e R2 il valore pro-
grammato di R1 è trasferito automaticamente a R2. Il valore dell'asse R2 può essere cambiato
successivamente, se necessario.

N. angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .AN =
Il numero di rango di tale angolo, se contato da sinistra a destra lungo il profilo del pro-
dotto (figura 4.j). La cifra prima del punto indica questo numero di rango, la cifra dopo il
punto indica il numero di rango di questa curva in caso di una sequenza di bombatura.
In caso di angolo normale, il numero di bombatura dovrà sempre essere 1. In caso di
curva radiale, tutte le curve della sequenza di bombatura dovranno avere lo stesso
numero di angolo ma un numero di bombatura diverso. Programmare una curva radiale
in questo modo permetterà di correggere la bombatura in modalità di produzione.

4.j

N. retrocalibro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XN =
Il numero di retrocalibro si riferisce ad un certo punto del prodotto, che può essere posiz-
ionato contro il retrocalibro durante l'operazione di piegatura. Questo punto è l'estremità
del prodotto o un angolo. I numeri di retrocalibro del prodotto si contano da sinistra a
destra a partire dallo 0 (vedi la figura 4.k). Per ciascuna piega occorre programmare qui
quale punto posizionare contro il fermo posteriore. Se la lamiera deve poggiare sul guid-
alamiera del retrocalibro, si deve aggiungere 100 al valore XN. Per ogni posizione di lay-
on successiva, aggiungere 100 al valore del retrocalibro (200, 300 ecc.).

V0505, 4.14
Delem

4.k

Sopramacchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M1 =

Sottomacchina. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M2 =
Il numero della parte della macchina che viene usato per fare questo prodotto e che è
stato disegnato nella libreria delle parti macchina.

N.B:
Gli ultimi 4 parametri sono utilizzati nella simulazione grafica del prodotto in modalità di
produzione (Modalità automatica o Passo passo). Questa visualizzazione non necessita di un
disegno del prodotto: soltanto questi parametri devono essere programmati correttamente.
Inoltre per ottenere una visualizzazione occorre programmare correttamente anche il
parametro "Lunghezza vuota".

N.B:
Dopo aver selezionato una nuova piega questa saràuna copia della precedente; si devono per-
ciò solo programmare quei parametri che differiscono dalla piega precedente.

Esempio:

Prodotto che deve essere realizzato

4.l

0 - 5 sono le posizioni possibili del registro posteriore.


1 - 4 sono i numeri degli angoli.

V0505, 4.15
4.m

Piega Angolo (AN) Registro posteriore (XN)


1 1 0
2 4 5
3 3 1
4 2 1

Se, per esempio, per effettuare la prima piega la lamiera deve poggiare sul riscontro del regis-
tro posteriore, si veda la seguente tabella dei valori di programmazione.

Piega Angolo (AN) Registro posteriore (XN)


1 1 100
2 4 5
3 3 1
4 2 1

• Assi asserviti

A seconda dei settaggi previsti sulla vostra macchina, esiste la possibilità che un asse ausiliare
sia accompagnato da uno o più assi asserviti (rapporto master-slave) che potranno essere pro-

V0505, 4.16
Delem
grammati individualmente.
Nella condizione default, ogni asse asservito segue la posizione del proprio asse master. Per
programmare una posizione diversa per un asse asservito, spostare il cursore portandolo
sull'asse interessato.Il tasto funzione 'visualizza asserviti' (S7) compare sullo schermo. Dopo
aver attivato il suddetto tasto ecco che compare una nuova finestra nella quale sono esposti i
valori dell'asse relativi agli assi asserviti.

4.n

Ciascun asse asservito potrà essere programmato con un diverso valore. Se non è stato pro-
grammato alcun valore, l'asse asservito seguirà l'asse master. Inoltre, gli stessi valori minimi e
massimi sono applicabili sia agli assi asserviti sia ai master.
Questa finestra pop-up viene attivata anche quando si sposta il cursore su un nuovo parametro
di asse e si digita un nuovo valore. Quando questo valore è diverso da quello degli asserviti, il
controller visualizzerà un avviso:
"Il valore sarà copiato agli assi asserviti. Sei sicuro?"
Scegliendo "sì", i valori saranno copiati negli asserviti. Scegliendo "no", si aprirà automatica-
mente la finestra pop-up. Una volta accettata questa azione di copia rispondendo "sì", in futuro
il valore sarà copiato automaticamente negli asserviti.
Premere END per uscire dalla finestra.

• Elenco delle piegature del programma preparato

Schiacciando 'tutte pieghe' nel modo di editing dei dati compare un quadro completo delle pie-
gature programmate.

V0505, 4.17
4.o

Schiacciando il tasto "END" la videata viene ripristinata da dove era stata selezionata, con il
cursore posto sul parametro precedentemente selezionato.
Una piega specifica si può selezionare posizionando la barra accentuatrice sulla piega richi-
esta, quindi premendo END.
La schermata è suddivisa in due parti. In alto nella sezione che riproduce i parametri, sono
esposti i parametri generali del prodotto. Nella sezione principale dello schermo, sono esposti i
parametri della piega in un foglio elettronico.
Operando all'interno di questa schermata, è possibile modificare tutto il programma a CN. In
suddetto foglio elettronico sarà possibile realizzare la modifica (editing) di tutti i parametri
delle pieghe ed è possibile invertire, spostare, aggiungere e cancellare pieghe.

Tasti funzione:

inser. piega Inserimento di una piega. Per inserire una nuova piega tra
una delle pieghe esistenti. Selezionare inizialmente, con i
tasti cursore, la piega precedente a quella che deve essere
inserita. Sarà creata una nuova piega che sarà una copia
della precedente.
cancel Cancellazione della piega. Per cancellare una piega dal
piega programma bisogna prima selezionare la piega con il cur-
sore (barra evidenziatrice).

V0505, 4.18
Delem
Tasti funzione:
marca Contrassegna l'attuale piegatura per prepararla per
piega un'altra azione, come spostare o cambiare. Vedere la
descrizione qui sotto.
END Torna al piega.

Quando una piegatura è stata contrassegnata con il tasto funzione 'contrassegna piegatura'
diventano disponibili vari altri tasti funzione:

Tasti funzione:

muov piega Muov piega. Questo comando offre la possibilità di effet-


tuare l'editing della piega nella schermata attiva.

scamb Scamb pieghe effettua lo scambio di posizione tra due


piega pieghe.

interrompi Toglie il contrassegno dalla piegatura attualmente con-


marca trassegnata.

Muov piega
Nella panoramica nel foglio di calcolo della sequenza di piegatura, è possibile cambiare
l'ordine delle piegature semplicemente spostando una piegatura in un altro punto. Avvalersi dei
tasti freccia per spostare il cursore in corrispondenza della piegatura da sostituire. Quindi pre-
mere il tasto "marca piega" per evidenziare la piegaturaA questo punto avvalersi del tasto frec-
cia per portare la piega nella posizione voluta all'interno della sequenza. Quando è evidenziato
il numero della piegatura corretta, premere "muov piega". La piegatura sarà inserita nel punto
corrente.

Cambia pieghe
Questo comando offre la possibilità di scambiare posto a due pieghe nella sequenza. Spostare
il cursore su una delle piegature richieste e premere il tasto "marca piega". Quindi spostare il
cursore sulla piegatura con cui deve essere cambiata e premere "cambia pieghe". Se, per
qualunque motivo, si deve annullare questa azione, premere il tasto funzione (softkey) "inter-
rompi marca" durante la procedura.

Una curva non è più contrassegnata quando viene annullato il contrassegno, quando un'azione
è terminata o quando si esce dal menu.

V0505, 4.19
• Termine preparazione dati/editing dati

Dopo aver premuto il tasto FINE nella schermata di Modifica dati, comparirà una nuova pag-
ina con numero di prodotto e di disegno.

4.p

Non è necessario immettere il numero di prodotto e di disegno. Infatti, nel momento in cui si
lascia il menu di edizione dei dati, esiste già un numero di prodotto. Se non si modifica il
numero di prodotto, tutte le modifiche verranno aggiunte ed i settaggi precedenti verranno
sovra scritti. Una seconda possibilità è quella di indicare un nuovo numero di prodotto.
Se diversamente il numero è stato sostituito con un numero assegnato ad un prodotto esistente,
il sistema genera un'avvertenza per segnalare che il prodotto esiste di già. Successivamente il
sistema chiede se occorre sostituire il prodotto esistente oppure no. Se si preme '1', il prodotto
esistente viene sostituito dal prodotto attuale. Se si preme '0', l'utente deve inserire un nuovo
numero.
Il prodotto originale non viene modificato ed il nuovo prodotto è una copia di quello originale
comprendente le modifiche possibili.
Dopo aver digitato il numero di prodotto, premere "invio" per confermarlo e ritornare al menu
principale.

4.3. Funzioni speciali di editing

Dopo che è stato creato un nuovo programma e dopo che si richiedono diversi test, l'operatore
può passare dal modo di "editing" direttamente a quello di "automatico" e vice versa schiacci-
ando il tasto del modo corrispondente.
Se una particolare piega viene selezionata nel modo di "editing", l'operatore può selezionare il
modo "automatico" o quello "passo a passo".

V0505, 4.20
Delem
Se si vuole effettuare l'editing del programma, il modo di editing si può selezionare diretta-
mente con il tasto di programmazione. In tal modo si risparmiano molte operazioni intermedie
facilitando il cambio dei programmi.

N.B.:
Questa funzione speciale di editing non si può usare con i programmi collegati.

4.4. Note sull'editing

Dopo aver cambiato i dati del programma il controllo non calcola automaticamente i seguenti
dati:

1 Forza
2 Decompressione
3 Settaggio dispositivo di bombatura
4 Offset posizione asse Z
5 Correzione posizione asse X

I parametri da 1a 4 sono ricalcolati automaticamente solo se è stato attivato (valore = 1) il


parametro Edit autocomputo (Vedere il menu "costanti di programma".).
Il parametro 5 viene ricalcolato automaticamente solo se è stato attivato (valore = 1) il
parametro Tolleranza piega (menu "costanti di programma".). Ulteriori correzioni della posiz-
ione dell'asse X possono essere effettuatemediante i parametri corr. X (per piega) e corr. G (per
tutte le pieghe del programma attivo) nel modo automatico ed in quello passo passo.

Per informazioni dettagliate su entrambi i parametri vedere il capitolo su Modalità automatica


e Modalità Passo passo.

C'è una sola eccezione: se è stato cambiato il parametro metodo di piegatura, le voci "Forza" e
"Decompressione" saranno regolate di conseguenza automaticamente.

Inoltre potrebbe darsi il caso che la simulazione non avvenga in modo debito dopo il cambio
degli utensili e/o delle dimensioni dell'asse X.

V0505, 4.21
V0505, 4.22
Delem
5. Selezione del prodotto

5.1. Introduzione

Questo capitolo descrive il menu "selezione prodotto".

5.a

Nel quadro della "selezione prodotto", viene riportato un elenco di tutti i programmi che sono
presenti nella memoria principale. Nel campo delle impostazioni si può immettere un nuovo
numero di prodotto o di disegno per selezionare (caricare) un nuovo programma prelevato
dalla memoria principale. Il programma caricato può essere direttamente eseguito nel modo
operativo automatico. Ogni voce della lista è costituita da un simbolo e da un numero. Il
numero è semplicemente il numero di prodotto, il simbolo può avere i seguenti significati:

Il prodotto ha un programma CNC, senza disegno


Il prodotto è costituito da un disegno 2D, senza programma CNC
(rosso)
Il prodotto ha un disegno 2D e un programma CNC
(verde)
Il prodotto è costituito da un disegno 3D, senza programma CNC
(rosso)
Il prodotto ha un disegno 3D e un programma CNC
(verde)

V0505, 5.1
Tasti funzione:

pagina Videata precedente con descrizione dei prodotti


preced.

pagina suc- Videata seguente con descrizione dei prodotti


cess.

visualizza Pulsante per selezionare una delle tre possibili modalità


di visualizzazione:
- lista normale
- lista ampliata
- lista grafica
filtro Tasto funzione per aprire una nuova barra pulsanti con
tasti funzione supplementari per le funzioni di selezione
dei prodotti:
- n° prodotto
- n° disegno
- ricerca
locale
directory

cancella Cancella di programmi in memoria

END Fine della selezione del prodotto

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti tem-
poranea con alcuni pulsanti supplementari:

5.b

V0505, 5.2
Delem

Tasti funzione:

lista nor- Selezionare un visualizzazione normale della raccolta di


male prodotti. Questa è l'impostazione standard.

lista ampli- Per ottenere una panoramica dettagliata della raccolta di


ata prodotti, con informazioni supplementari per ogni pro-
dotto.

lista gra- Selezionare un visualizzazione grafica della raccolta di


fica prodotti.

Non è possibile selezionare gli altri tasti funzione finché non è stato scelto uno di questi tasti
funzione. La barra temporanea scomparirà di nuovo.
Dopo aver premuto il tasto funzione "filtro" comparirà una nuova barra dei pulsanti tempora-
nea con alcuni pulsanti supplementari:

5.c

Tasti funzione:

sel. n. pro- I prodotti vengono mostrati in colonne con simboli e


dotto numero prodotto; e vengono scelti in base al numero pro-
dotto. Questa è la visualizzazione predefinita.

sel. n. dis- Se si preme il tasto funzione S5, 'dis. n.', in questa scher-
egno mata viene automaticamente visualizzata una lista di pro-
dotti esposti in ordine alfabetico secondo il numero di
disegno.
ricerca Avvia la funzione di ricerca, per reperire uno specifico
nome o numero.

V0505, 5.3
• Directory grafico

5.d

• Directory espansa

5.e

V0505, 5.4
Delem
Directory espansa, verra' visualizzato uno schema del prodotto contenente le seguenti infor-
mazioni per singolo prodotto:
• Numero del prodotto
• Numero del disegno
• Indicazione del tipo
• Programmi connessi (0 = non ci sono connessioni)
• Utensili selezionati (nella prima piega)

• Funzione di ricerca

Una volta selezionata la funzione di ricerca, l'utilizzatore può avviare la ricerca di prodotti des-
ignati da uno specifico numero o nome. Nella riga di fondo dello schermo il sistema visualizza
il messaggio contenente la richiesta "ricerca per caricare", la quale indica che potete inserire la
stringa che il sistema di controllo deve ricercare. Potete inserire un intero nome o un numero o
solo parte di esso. Premere il tasto 'enter' per dare inizio alla ricerca.
Se digitate la parte di un nome che ricorre in vari nominativi assegnati ai prodotti, il controllo
seleziona ed espone tutti i prodotti nel cui nome si trovano i caratteri che avete indicato. E'
inoltre possibile inserire una combinazione di nome e numero.

5.f

5.2. Directory

I programmi per la piegatura disponibili sul controllo possono essere archiviati in varie direc-
tory. La directory può essere usata per l'archiviazione dei prodotti. Il nome della directory
locale che è attiva viene esposto nella testata.
Una volta premuto il tasto funzione "directory locale" nel menu prodotti, si aprirà una nuova
finestra contenente una panoramica di directory sull'unità di controllo.

V0505, 5.5
5.g

Tasti funzione:

crea subdir Aggiunge una nuova subdirectory. Il nome che la subdi-


rectory può assumere può essere costituito da una qual-
siasi stringa alfanumerica con un massimo di 8 caratteri.
(Evitare l'uso della sbarra obliqua '/').
rimuov Cancella la subdirectory. Se la subdirectory non è vuota,
subdir il controllo trasmette il messaggio 'UNABLE TO
REMOVE DIRECTORY' (impossibile cancellare la
directory). Una subdirectory vuota è rimossa senza avver-
timento. Anche la directory default "PRODUCTS" può
essere cancellata. Dopo avere provveduto alla rimozione
di tutte le subdirectory, il controllo crea automaticamente
una directory default.
selez Serve a selezionare la directory su cui si trova il cursore.

Tasto cur- Seleziona un'altra subdirectory.


sore Su/
Giù

Avvalersi del tasto funzione "selez." per attivare una sottocartella. Premere INVIO per entrare

V0505, 5.6
Delem
dentro una sottocartella. Per salire di un livello, passare alla cartella <GENITORE> e premere
INVIO. Per selezionare la directory in cui ci si trova attualmente, passare a <cartella.> e pre-
mere "seleziona".
Anche in questo menu è possibile rimuovere le subdirectory esistenti (solo se vuote) e creare
nuove subdirectory. L'operazione si effettua premendo il tasto 'make subdir' (crea subdir) e
impostando il nuovo nome. Le subdirectory hanno questo nome in quanto sono directory situ-
ate sotto la locale directory '\PRODUCTS'.

5.h

Non è possibile copiare dei prodotti da una subdirectory ad un'altra subdirectory. Un file di
prodotto può essere riarchiviato in una subdirectory utilizzando il menu 6: 'product backup'
(copia di riserva del prodotto). Non è possibile modificare il nome della subdirectory.
Quando si abbandona il menu di selezione prodotti, l'unità di controllo si ricorda la subdirec-
tory attiva e il prodotto attivo (se è stato selezionato un prodotto) finché non si seleziona
un'altra directory o un altro prodotto.

V0505, 5.7
V0505, 5.8
Delem
6. Programmazione di forme di utensili e macchina

6.1. Introduzione

Il capitolo decrive le modalità di programmazione degli utensili e delle forme di macchina.

6.2. Programmazione dei Punzoni

6.2.1. Menu punzoni

La programmazione dei punzoni si avvia scegliendo "Punzoni" dal menu principale. Il profilo
può essere creato con l'aiuto delle strutture di programmazione del controllo.

6.a

Un elenco dei punzoni programmati nella memoria viene riportato.

Il punzone viene selezionato premendo la barra evidenziatrice del


cursore, la qualcosa genera il disegno dell'utensile superiore dopo.

V0505, 6.1
Tasti funzione:

pagina Per selezionare la videata precedente entro le diverse


prec. videate disponibili in libreria punzoni.

pagina suc- Per selezionare la videata seguente entro le diverse vide-


cess. ate disponibili in libreria punzoni.

visualizza Pulsante per selezionare una delle due possibili modalità


di visualizzazione:
- lista ampliata
- lista grafica
salvare Salvataggio dei file di utensile trasferendoli dalla libreria
al disco. Vedi il paragrafo 6.5. della documentazione.

ricarica Caricamento degli utensili dal disco al controllo. Vedi il


paragrafo 6.5. della documentazione.

cancella Rimuove l'utensile dalla libreria.


utensili

edizione Per l'editing del disegno dell'utensile o per la verifica dei


utensili dati di punzone.

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti tem-
poranea con alcuni pulsanti supplementari:

6.b

Tasti funzione:

lista ampli- Selezionare la visualizzazione normale della raccolta di


ata utensili. Questa è l'impostazione standard.

V0505, 6.2
Delem
Tasti funzione:

lista gra- Per ottenere una riproduzione grafica degli utensili dis-
fica ponibili in libreria ad inclusione delle quote principali del
punzone.

graf. dir Per ottenere una panoramica grafica dei punzoni pro-
piede grammati con una funzione tallone.

Non è possibile selezionare gli altri tasti funzione finché non è stato scelto uno di questi tasti
funzione. La barra temporanea scomparirà di nuovo.

• Directory grafico

6.c

• Edizione disegno

Il display inizia a produrre le dimensioni iniziali del punzone, nel caso di programmazione di
un nuovo punzone.
Adesso è possibile immettere le dimensioni dell'altezza e dell'angolo come dal disegno del pro-
dotto (Altezza punzone, angolo punzone).

V0505, 6.3
6.d

Tasti funzione:

auto fine Termina automaticamente la forma dell'utensile alla som-


mità dell'utensile

cambio Cambia la misura dell'altezza dell'utensile


altezza

cancella Cancella un segmento lineare


linea

cancella Cancella il disegno dalla libreria


disegno

cambio Cambia i dati specifici ed il codice dell'utensile (Vedi par.


dati 6.2.2).

END Per ritornare al quadro della directory

V0505, 6.4
Delem
• Orientamento del disegno per il punzone sullo schermo

La parte destra dell'utensile corrisponde con il lato del registro posteriore.


Il punto finale del punzone viene posizionato sulla linea di centro della forma della pressa pie-
gatrice.

6.2.2. Dati specifici del Punzone

6.e

Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .C:
nome alfanumerico dell'utensile con un massimo di 20 caratteri

Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .R:
La forza massima tollerabile del punzone espressa in kN/mm

Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .L:
Lunghezza del punzone che si usa

Posizione Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Z:
Posizione di offset della posizione intermedia del punzone rispetto al centro della piega-
trice (valore normale è 00 mm)
Nel caso in cui si usano assi Z automatici il valore degli assi Z si calcola per mezzo di:
lunghezza della lamiera, distanza di Z (menù ‘constanti di programma’) e posizione di Z.

Vista dall'alto

V0505, 6.5
6.f

Raggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .RA:
Il raggio del punzone.
Questo parametro viene usato come criterio di selezionamento, il valore non viene usato
nelle formule di calcolo.

Alt. appiattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FH = , mm.


L'altezza di appiattimento deve essere programmata quando si uso lo speciale punzone di
appiattimento per appiattire il prodotto.

L'altezza programmabile viene utilizzata per calcolare il valore dell'asse Y in caso di "appiatti-
mento". Il valore di default per questo parametro è l'altezza standard dell'utensile, che è già
stato programmato. Ogni qualvolta che si modifica tale altezza standard, si adatterà automati-
camente l'altezza di appiattimento a quella dell'utensile rendendola uguale (per ragioni di
sicurezza). Vedere la figura 6.g.
L'altezza totale dell'utensile è usata per calcolare il punto di cambio della velocità e l'altezza di
appiattimento verrà utilizzata per calcolare la posizione finale del pestone dell'asse Y allo
scopo di appiattire il prodotto. Nel computo si terrà presente il doppio dello spessore della lam-
iera. Inoltre è possibile programmare un offset di appiattimento nel menu ‘constanti di pro-
gramma’. Tale valore sarà aggiunto a quello pari al doppio dello spessore della lamiera.

6.g

V0505, 6.6
Delem
Supporto tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ST:
Funzione di commutazione che tiene conto dei punzoni che sono stati montati in modo
diverso o anomalo. Tali punzoni possono causare imprecisioni nella quota di altezza del
punzone stesso e di conseguenza nella posizione risultante dell'asse Y.
Il sistema di controllo fa differenza tra due impostazioni, 'montaggio di testa' e 'montag-
gio di spalla'.
0 = montaggio di spalla (impostazione standard)
1 = montaggio di testa
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

6.h

Se è stato selezionato il ‘montaggio di spalla’ la posizione dell'asse Y viene calcolata in base


all'altezza standard del punzone. Questa costituisce dunque l'impostazione standard.
Se si seleziona 'montaggio di testa', il sistema applica una correzione alla posizione dell'asse Y.

6.i

6.3. Programmazione delle matrici

6.3.1. Menu matrici

La programmazione delle matrici si avvia scegliendo "Matrice inferiore" dal menu principale.

V0505, 6.7
6.j

Una matrice può essere selezionata per mezzo della barra evidenzia-
trice.

Tasti funzione:

pagina Per selezionare la videata precedente entro le diverse


prec. videate disponibili della matrici presenti in libreria.

pagina suc- Per selezionare la videata seguente entro le diverse vide-


cess. ate disponibili della matrici presenti in libreria

visualizza Pulsante per selezionare una delle due possibili modalità


di visualizzazione:
- lista ampliata
- lista grafica

V0505, 6.8
Delem
Tasti funzione:

salvare Salvataggio dei file di utensile trasferendoli dalla libreria


al disco. Vedi il paragrafo 6.5. della documentazione.

ricarica Caricamento degli utensili dal disco al controllo. Vedi il


paragrafo 6.5. della documentazione.

cancella Rimuove l'utensile dalla libreria.


utensili

edizione Per l'editing del disegno dell'utensile o per la verifica dei


utensili dati di matrice.

END Fine: per ritornare al menù del programma.

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti tem-
poranea con alcuni pulsanti supplementari:

6.k

Tasti funzione:

lista ampli- Selezionare la visualizzazione normale della raccolta di


ata utensili. Questa è l'impostazione standard.

lista gra- Per ottenere una riproduzione grafica degli utensili dis-
fica ponibili in libreria ad inclusione delle quote principali del
matrici.

Non è possibile selezionare gli altri tasti funzione finché non è stato scelto uno di questi tasti
funzione. La barra temporanea scomparirà di nuovo.

V0505, 6.9
• Riproduzione grafica della matrice.

6.l

Edizione disegno

Quando si inizia il disegno della matrice, sul display compaiono le dimensioni principali della
matrice:

Altezza utensile h =........


Angolo V =........
Apertura V v =........
Raggio r =........

6.m

Apertura della matrice

La larghezza V è la distanza intercorrente tra le linee che si incrociano.


Dopo aver immesso questi parametri si è pronti per disegnare le misure esterne principali della

V0505, 6.10
Delem
matrice. Il lato destro della matrice è la posizione del registro posteriore. La posizione centrale
dell'apertura a V verrà collocata sulla linea centrale della forma della pressa piegatrice (pun-
zone).

6.n

La lunghezza della sezione piatta sul lato destro della scanalatura a V verrà usata per calcolare
la posizione minima dell'asse X per la rilevazione di collisione dell'asse R con la matrice (X
protetto).

Tasti funzione:
Le funzioni dei tasti sono identiche a quelle per la programmazione del punzone (Vedi par.
6.2).

V0505, 6.11
6.3.2. Dati specifici della matrice

6.o

Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .C=
Nome alfanumerico di utensile con un massimo di 20 caratteri.

Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .R:
La forza massima tollerabile della matrice espressa in kN/mm.

Sicurez X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .SN =
Zona di sicurezza calcolata (valore minimo dell'asse X), che verrà usata in caso sia mon-
tato un asse R.
Ciò ha lo scopo di prevenire collisione del dito con la matrice. Il valore minimo indicato
viene calcolato automaticamente per mezzo delle misure della matrice così come segue:
PROTEZIONE X = FS + 1/2 V in cui
FS = sezione piatta del lato destro della scanalatura a V
V = valore di apertura
In questa formula è stato aggiunto anche un piccolo valore di sicurezza.

X-ritorno in sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ST =


Questo secondo valore di sicurezza verrà usato se la matrice viene utilizzata in posizione
inversa. Ciò si può ottenere programmando la matrice nella sequenza delle pieghe con un
numero negativo. Per esempio: Si programmi "-2" per la matrice n. 2 se la si vuole usare
in posizione inversa. In tale situazione il parametro ST verrà usato come zona di
sicurezza per il registro posteriore.

V0505, 6.12
Delem
Camb.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M =
Distanza di cambio velocità
Distanza sopra la lamiera alla quale ha luogo il cambio di velocità.

6.p

Alt. appiattimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FH =


L'altezza di appiattimento deve essere programmata quando si uso lo speciale punzone di
appiattimento per appiattire il prodotto. L'altezza programmabile viene utilizzata per cal-
colare il valore dell'asse Y in caso di "appiattimento". Il valore di default per questo
parametro è l'altezza standard dell'utensile, che e già stato programmato. Ogni qualvolta
che si modifica tale altezza standard, si adatterà automaticamente l'altezza di appiatti-
mento a quella dell'utensile rendendola uguale (per ragioni di sicurezza). Vedere la figura
6.r.

6.q

L'altezza totale dell'utensile verra usata per calcolare il punto di cambio della velocità e
l'altezza di appiattimento verrà utilizzata per calcolare la posizione finale del pestone
dell'asse Y allo scopo di appiattire il prodotto. Nel computo si terrà presente il doppio
dello spessore della lamiera. Inoltre è possibile programmare un offset di appiattimento
nel menu “Constanti di programma”. Tale valore sarà aggiunto a quello pari al doppio
dello spessore della lamiera.

2 X sic. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SN =

2 X sic. turned (negative) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ST =


Seconda zona di sicurezza calcolata automaticamente (valore minimo dell'asse X) da uti-
lizzare nel caso in cui sia stato montato un asse R. Il valore è la distanza dal centro
dell'apertura a V fino al punto più esterno del disegno (sul lato destro). É inoltre aggiunta
una tolleranza di sicurezza extra di 1 mm. Nella condizione in cui si ha una matrice in
posizione capovolta si usa la distanza fino al lato sinistro. Questi valori sono calcolati

V0505, 6.13
ogni qualvolta che cambia il disegno. Questi valori secondo-sicurez X non possono
essere modificati manualmente.
H2 è l'altezza relativa ai valori secondo sicurez X. H2 non è visibile sullo schermo. Per le
spiegazioni circa le zone di sicurezza fare riferimento al disegno esplicativo.

6.r

the S2 and H2- values are calculated automatically


(1mm. tolerance)

6.4. Lati macchina superiore ed inferiore

6.s

V0505, 6.14
Delem

Tasti funzione:

visualizza Pulsante per selezionare una delle due possibili modalità


di visualizzazione:
- lista ampliata
- lista grafica
salvare Salvataggio dei file di utensile trasferendoli dalla libreria
al disco. Vedi il paragrafo 6.5. della documentazione.

ricarica Caricamento degli utensili dal disco al controllo. Vedi il


paragrafo 6.5. della documentazione.

cancella Rimuove l'utensile dalla libreria.


utensile

edizione Per richiamare il disegno della forma macchina (ai fini di


utensili un nuovo disegno o per la verifica delle quote).

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti tem-
poranea con alcuni pulsanti supplementari:

6.t

Tasti funzione:

lista ampli- Selezionare la visualizzazione normale della raccolta di


ata utensili. Questa è l'impostazione standard.

lista gra- Per ottenere una riproduzione grafica degli utensili dis-
fica ponibili in libreria ad inclusione delle quote principali del
punzone.

Non è possibile selezionare gli altri tasti funzione finché non è stato scelto uno di questi tasti
funzione. La barra temporanea scomparirà di nuovo.
Le forme della macchina sono disegnate nello stesso modo come avviene per i punzoni e le
matrici. Così come per gli utensili il lato destro del disegno è la posizione del registro posteri-

V0505, 6.15
ore della macchina.
Prima di iniziare il disegno della forma del lato superiore o inferiore della macchina, bisogna
inserire l'altezza del pestone della pressa della parte superiore, quando la parte mobile del lato
superiore si trova al centro del suo punto morto meccanico superiore.
La lunghezza esposta dopo l'immissione dell'altezza della forma di macchina è la distanza fra
la mezzeria ed il lato anteriore o posteriore della macchina.

6.u

Per quanto riguarda il lato inferiore della macchina l'altezza viene definita dalla superficie del
piano al livello del pavimento.

V0505, 6.16
Delem

6.v

6.5. Caricare / salvare degli utensili

Mediante il tasto funzione 'salvatore' (disponibile in qualsiasi menu utensili) si apre il riquadro
di dialogo 'Salvataggio punzone'. L'attivazione di questo menu consente il salvataggio degli
utensili in una sede assegnata per memorizzare le copie di riserva (backup). Questa procedura
funziona in modo simile per tutti gli utensili e le forme di macchina indipendentemente dalla
destinazione scelta per le copie di backup (floppy disk, altra destinazione in rete).
Dopo aver premuto il tasto funzione 'salvatore' sullo schermo dovrebbe comparire una videata
simile a quella che segue.

V0505, 6.17
6.w

Nella parte alta dello schermo viene indicata la sede in cui trovasi la copia di backup. Se questa
non è la dstinazione giusta, l'utilizzatore può modificare la subdirectory usando il tasto softkey
'directory di backup'.
Per salvare un utensile, inserire il numero corrispondente prelevato dalla lista e premere il tasto
'invio'.

Tasti funzione:

tutti Salva tutti gli utensili.

copia ris Modifica, crea o elimina una subdirectory nella quale


dorectory verranno salvati degli utensili.

codice Seleziona in base al codice e non al numero.

visualizza Pulsante per selezionare una delle due possibili modalità


di visualizzazione:
- lista ampliata
- lista grafica

V0505, 6.18
Delem
Per operazioni di backup, si ha la possibilità di fare uso delle subdirectory. Le subdirectory
possono essere create in questo menu. Se si preme il tasto softkey 'directory di backup', com-
pare una nuova finestra che espone una lista delle directory disponibili ai fini della creazione di
copie di riserva. Una directory selezionata può contenere i file dei pezzi prodotti e degli uten-
sili, in modo che ogni utilizzatore avrà la possibilità di disporre di un proprio gruppo di pezzi e
di utensili, in caso di necessità.

6.x

L'utilizzatore ha la facoltà di creare nuove subdirectory o di cancellare quelle esistenti avvalen-


dosi dei tasti softkey 'crea subdir' e 'rimuov subdir'. Se vi sono subdirectory presenti, usare i
tasti freccia per scorrere e raggiungere la directory richiesta e successivamente premere su
'invio' per selezionarla.

Tasti funzione:

crea subdir Aggiunge una nuova subdirectory. Il nome assegnato alla


subdirectory può essere costituito da una stringa alfanu-
merica con un massimo di 8 caratteri. (Evitare l'uso della
sbarra obliqua '/').
rimuov Cancella la subdirectory. Se la subdirectory non è vuota,
subdir il controller trasmette il messaggio 'impossibile cancel-
lare la directory'.

La procedura di 'caricamento utensili' è differente da quella di 'salvataggio utensili'. Se si selez-


iona 'caricamento utensili' il controller verifica se il numero dell'utensile esiste già nel control-

V0505, 6.19
ler. In caso contrario, l'utensile viene copiato automaticamente dal floppy al controller. Se il
numero dell'utensile esiste già, sussistono tre possibilità :
- cancella (premere S3), il numero dell'utensile non è caricato.
- sovrascrive (premere S4), l'utensile nel controller è sostituto dall'utensile caricato dal floppy.
- rinomina (premere S5), il numero dell'utensile sul floppy viene cambiato prima del carica-
mento.
Ciò significa (in caso di rinomina) che viene proposto un nuovo numero di utensile. Si tratta
del primo numero di utensile disponibile nella libreria utensili. Accettare il numero di utensile
proposto premendo il tasto d'invio o digitare uno degli altri numeri di utensile a disposizione e
premere il tasto d'invio.

6.y

Nota:
Gli utensili sono collegati al controllo mediante il numero di macchina. Se si avvia un'operazi-
one di 'ripristino', il controllo visualizza solo gli utensili il cui numero di macchina corrisponde
a quello del controllo. Se per qualche ragione il numero di macchina è stato modificato, l'utiliz-
zatore deve eseguire una nuova operazione di backup dell'utensile per salvare gli utensili ges-
titi dal controllo con il loro nuovo numero di macchina.

V0505, 6.20
Delem
7. Backup (riserva) pezzi prodotti e utensili

7.1. Introduzione

Questo capitolo descrive le procedure per la realizzazione di copie di riserva (backup) dei
pezzi in produzione e degli utensili. Le procedure per il salvataggio o la lettura dei dati sono
identiche a quelle utilizzate per qualsiasi altro supporto elettronico destinato al backup: floppy
disk, rete, disco USB.
L'effettiva directory di backup è composta da una periferica (disco USB, rete) e da una direc-
tory. La scelta delle periferiche dipende da quali periferiche sono collegate al controller. Se
necessario, è possibile creare e selezionare directory. Le posizioni di backup per la memorizza-
zione dei pezzi e degli utensili sono fissate indipendentemente.

7.a

V0505, 7.1
7.2. Navigazione all'interno delle directory

Se si preme il tasto softkey ‘directory di backup’, compare una nuova finestra che espone una
lista delle directory disponibili ai fini della creazione di copie di riserva.

7.b

In questa finestra è possibile navigare nella struttura delle directory della periferica di backup.
Premere INVIO per entrare in una sottocartella. Per salire di un livello, passare alla cartella
<PARENT> e premere INVIO. Per selezionare la directory in cui ci si trova attualmente, pas-
sare a <cartella.> e premere "seleziona".
Per passare da una periferica a un'altra, premere Invio sul simbolo <PARENT> ripetutamente
fino a raggiungere il livello più alto. Da qui selezionare l'apposita periferica e scegliere la sot-
tocartella corretta.
Se è disponibile una connessione di rete, selezionare prima "rete", quindi uno dei volumi di
rete disponibili. Dopodiché il funzionamento è simile a quello di altre periferiche.
L'utilizzatore ha la facoltà di creare nuove subdirectory o di cancellare quelle esistenti avvalen-
dosi dei tasti softkey ‘crea subdir’ e ‘elimina subdir’. Se vi sono subdirectory presenti, usare i
tasti freccia per scorrere e raggiungere la directory richiesta e successivamnte premere su
‘selez.’ per selezionarla.

Tasti funzione:

crea subdir Aggiunge una nuova subdirectory. Il nome assegnato alla


subdirectory può essere costituito da una stringa alfanu-
merica con un massimo di 8 caratteri. (Evitare l'uso della
sbarra obliqua ‘/’).

V0505, 7.2
Delem
Tasti funzione:

rimuov Cancella la subdirectory. Se la subdirectory non è vuota,


subdir il controllo trasmette il messaggio ‘impossibile cancellare
la directory’.

7.3. Memorizzazione prodotto

Per effettuare un backup dei programmi su disco, scegliere "Backup prodotto" dal menu princi-
pale.

7.c

Questa videata offre una funzione di backup o di ripristino. Inoltre viene indicata la sede in cui
archiviare la copia di riserva (floppy disk, rete, ecc.).

Tasti funzione:

registra Apre il menu di backup per consentire di salvare i pro-


prodotti dotti sul disco.

carica pro- Apre il menu di ripristino per caricare i prodotti dal disco
dotti

V0505, 7.3
Se è stata selezionata la funzione ‘backup prodotti’, il sistema visualizza una videata simile a
quella esposta di seguito.

7.d

Nella parte alta dello schermo viene indicata la sede in cui trovasi la copia di backup. Se questa
non è la sede giusta, l'utilizzatore può modificare la subdirectory usando il tasto softkey ‘direc-
tory di backup’ oppure può portarsi al menu delle costanti di programma, per cambiare il dis-
positivo al quale assegnare gli utensili da salvare.
Per salvare un prodotto, inserire il numero corrispondente prelevato dalla lista e premere il
tasto ‘invio’.

Tasti funzione:

tutto Carica tutti i prodotti.

copia ris odifica, crea o elimina una directory di backup.


directory

sel. nr. dis- Consente di spostarsi fra il numero di disegno ed il


egno numero del prodotto.

V0505, 7.4
Delem
Tasti funzione:

locale Offre un quadro generale della struttura della directory di


directory prodotto creata manualmente sul disco di controllo.

visualizza Pulsante per selezionare una delle tre possibili modalità


di visualizzazione:
- lista normale
- lista amliata
- lista grafica

Un intervento di backup viene eseguito incondizionatamente. All'avvio di un'operazione di


ripristino, il controllo verifica se il prodotto risulta già presente nel controllo stesso. In caso
affermativo, il sistema chiede se deve sostituire il prodotto esistente o annullare l'operazione di
ripristino.

7.4. Memorizzazione utensile

Per effettuare un backup degli utensili su disco, scegliere "Memorizzazione utensili" dal menu
principale.

7.e

Mediante questo menu l'utilizzatore ha la possibilità di creare un backup di tutti gli utensili
programmati nel controllo: punzoni, matrici e forme di macchina. Se si attiva la funzione, il
sistema genera un messaggio di avvertenza per notificare che un utensile esistente con lo stesso
numero sul disco di destinazione sarà rimpiazzato.

V0505, 7.5
Tasti funzione:

backup Salva i file di utensile trasferendoli al disco.


utensili

ripristina Ripristina tutti gli utensili prelevandoli dal disco.


utensili

directory Modifica, crea o elimina una directory di backup.


di backup

Per caricare o salvare solo un piccolo numero di utensili, portandosi ai menu specifici degli
utensili e salvando o caricando ogni utensile individualmente. Questo è spiegato in dettaglio
nel capitolo sugli utensili.
Un'operazione di ripristino si effettua in modo simile ad un'operazione di backup; al momento
dell'avvio, il sistema genera un messaggio, avvertendo che gli utensili esistenti nel controllo
saranno sostituiti da quelli successivamente importati.
Gli utensili sono collegati al controllo mediante il numero di macchina. Se si avvia un'operazi-
one di ‘ripristino’, il controllo visualizza solo gli utensili il cui numero di macchina corri-
sponde a quello del controllo. Se per qualche ragione il numero di macchina è stato modificato,
l'utilizzatore deve eseguire una nuova operazione di backup dell'utensile per salvare gli utensili
gestiti dal controllo con il loro nuovo numero di macchina. Se ciò non è avvenuto, il controllo
non rileva alcun utensile durante l'operazione di ripristino successiva.

V0505, 7.6
Delem

7.f

V0505, 7.7
V0505, 7.8
Delem
8. Constanti di programma

8.1. Introduzione

Scegliere "Costanti di programma" dal menu principale per programmare le costanti di pro-
gramma. Le costanti del programma sono suddivise su diverse pagine. Esse sono discusse nelle
sezioni seguenti.

8.2. Generale

8.a

Selezione Poll/mm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .IS =


1 = misure in pollici
0 = misure in millimetri
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Ton/kN-selezionare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .TS=
1 = Tonnellate
0 = kN
E' possibile selezionare le unità per tutti i dati di Forza esperimendoli in Tonnellate o in
kN.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

V0505, 8.1
8.b

Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .LA =

0 = GB (Inglese) 10 = P (Portoghese)
1=D (Tedesco) 11 = PL (Polacco)
2 = DK (danese) 12 = LI (Lituano)
3=F (Francese) 13 = SL (Slovenian)
4=I (Italiano) 14 = TR (Turco)
5 = NL (Olandese) 15 = RU (Russo)
6=S (Svedese) 16 = BR (Brasiliano)
7 = CS (Ceco/Sloveno) 21= CHI (Cinese)
8 = ESP (Spagnolo) 22= CHT (Cinese tradizionale)
9 = FI (Finlandese) 23= KO (Coreano)
24= J (Giapponese)

Le lingue disponibili dipendono dalla configurazione della macchina.

Facendo uso del tasto "enter" o del tasto "" si seleziona la videata seguente dei paramentri del
sistema. E' anche possibile continuare sulla videata seguente o precedente usando rispettiva-
mente i tasti S2 o S1.

V0505, 8.2
Delem
8.3. Materiali

8.c

In questa finestra è possibile programmare le proprietà dei materiali. E' possibile modificare le
programmazioni esistenti, aggiungerne delle nuove o cancellare quelle vecchie. Il controllo
offre la possibilità di programmare fino ad un massimo di 99 materiali.
Non appena si apre la videata per la prima volta, sullo schermo compare il materiale utilizzato
in quel momento per il prodotto da realizzare. Per ciascun materiale vi sono 3 caratteristiche
disponibili: queste possono essere visionate e modificate.

Nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .NA =
Nome del materiale. La lunghezza massima permessa per il nome del materiale è di 25
caratteri e il nome deve iniziare con un carattere (non con un numero).

Carico di rottura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .S =
Carico di rottura del materiale selezionato.

Modulo E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .E =
Modulo E del materiale selezionato.

Oltre a visualizzare e modificare le caratteristiche dei materiali esistenti, è possibile program-


mare nuovi materiali o cancellare materiali esistenti utilizzando i seguenti tasti softkey:

V0505, 8.3
Tasti funzione:

modif Serve a cambiare il nome del materiale attualmente selez-


nome ionato.

cancella Per cancellare il materiale esposto in quel momento sullo


materiale schermo.

I materiali sono elencati inizialmente a seconda del relativo numero materiale che appare nella
prima colonna (ID).
La lista può essere ordinata a seconda delle diverse proprietà. Se è disponibile un mouse, fare
clic sul titolo di una colonna. I materiali saranno ordinati in ordine ascendente o discendente
per quella proprietà.
Per cambiare un materiale già esistente, andare alla riga in questione e cambiare i valori nel
modo ritenuto più opportuno. Usare il tasto INVIO per confermare un valore digitato.
Per cancellare un materiale già esistente, portare il cursore sulla riga in questione e premere il
tasto funzione "elimina materiale" (S4) per cancellare i valori.
Per programmare un nuovo materiale, portare il cursore in uno spazio vuoto e iniziare a pro-
grammare i suoi valori.

8.4. Impostazioni di programma

8.d

V0505, 8.4
Delem
Numero macchina. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .MN=
Se nell'opificio sono adottate diverse piegatrici, potrebbe essere utile inserire nel sistema
di controllo anche un numero di macchina individuale che distinguere ogni singola
macchina dalle altre.
Il numero di macchina selezionato verrà memorizzato insieme al programma di pieg-
atura. Il numero così assegnato verrà verificato quando si legge il programma dal floppy
o dalla rete. Se il numero di macchina non corrisponde, occorre confermare che si desid-
era procedere alla sua lettura o meno. Se l'utilizzatore non conferma in riscontro alla
domanda, l'operazione verrà annullata.
Il numero di macchina è anche salvato nei nomi di file degli utensili.Se si cambia il
numero di macchina in questa schermata, occorre effettuare nuove copie di riserva degli
utensili, in quanto i nomi dei file di tutti i documenti sono stati modificati in funzione dei
nuovi numeri di macchina.

Calcolo angolo di correzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .MI


Parametro per attivare o disattivare il calcolo delle correzioni degli angoli.
Quando questo parametro è attivo, l'operatore può inserire l'angolo misurato di una pieg-
atura e calcolare le correzioni degli angoli.
Con questo parametro si imposta se il campo "angolo misurato" è disponibile nella
finestra correzioni. Vedere il capitolo 10 per ulteriori informazioni sulla finestra correzi-
oni.

Database correzione angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CD=


Funzione alternata, per commutare in on o off il database contenente le correzioni degli
angoli.
Le correzioni degli angoli sono inserite nella modalità di produzione (automatica/passo
passo). Queste correzioni sono memorizzate nel programma del prodotto. Oltre a questa
opportunità, esiste anche la possibilità di memorizzare queste correzioni, in un database
generale contenente le correzioni degli angoli. Questa modalità di correzione, che avrete
attivato in passato per certi tipi di pieghe rimane disponibile anche per future applicazi-
oni con altri prodotti.
Se il settaggio è stato attivato, il controllo verifica durante la produzione se nel database
sono disponibili correzioni simili per pieghe simili. Se in memoria sono state archiviate
correzioni per alcuni tipi di piega che il sistema ritiene utilizzabile, queste correzioni sar-
anno rese disponibili. In altre occasioni, le correzioni saranno interpolate e rese dis-
ponibili. Il database delle correzioni è aggiornato e adattato grazie all'inserimento di
nuove correzioni effettuate durante la produzione. Se questo specifico parametro del
database è stato attivato, tutte le ultime correzioni inserite saranno memorizzate nel data-
base.

Nell'effettuare la ricerca delle pieghe simili, il controllo individua le pieghe che hanno le stesse
proprietà della piega attiva. Il sistema confronta le seguenti proprietà della piega:
- Proprietà materiali
- Spessore
- Apertura matrice
- Raggio matrice
- Raggio punzone
- Angolo
Le prime cinque proprietà di una piega devono corrispondere esattamente a quella della piega

V0505, 8.5
attiva per poter attivare il confronto. Se l'angolo è lo stesso di quello della piega attiva, la cor-
rezione viene messa a disposizione. Se l'angolo della piega che è attiva ha una differenza
massima di 10° rispetto alle due pieghe adiacenti, la correzione sarà interpolata da queste due
pieghe. Se la correzione risultante presenta una differenza superiore al 5° rispetto ad una delle
due pieghe, la correzione non sarà resa disponibile.

Edit autom. calcoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .AC =


Nel modo 'editazione dati' è possibile cambiare i valori dei parametri programmati. Ciò
può anche influire sui valori degli altri parametri. Il parametro consente di scegliere se
gli altri valori saranno ricomputati automaticamente. Programmare 'editazione com-
putazione automatica' su 1.

Vi sono tre casi in cui si può usare la funzione di computazione automatica.

1. Nel caso in cui si modifica il valore dei parametri 'materiale' o 'spessore' i seguenti
parametri verranno ricomputati automaticamente e modificati dal controller:
- Pressione
- Distanza di decompressione
- Settaggio dispositivo di bombatura

2. Nel caso in cui si modifica il valore del parametro 'lunghezza' i seguenti parametri ver-
ranno ricomputati automaticamente e modificati dal controller:
- Pressione
- Distanza di decompressione
- Settaggio dispositivo di bombatura
- Posizione asse Z

3. Nel caso in cui si modifica il parametro 'punzone' o 'matrice' e a condizione che la


quota dell'altezza del nuovo punzone o della nuova matrice è differente, ED INOLTRE
SOLO nel caso in cui il ' metodo di piegatura' è 'coniatura' o 'appiattimento' il seguente
parametro è ricomputato automaticamente e modificato dal controller:
- Posizione asse Y ('posizione piega')
(Se il 'metodo di piega' è 'piega in aria' (condizione normale) la posizione dell'asse Y
verrà calcolata nel modo automatico!)

Se la funzione di ricomputazione automatica è disinserita (condizione default ) questi


parametri rimarranno invariati.
Tuttavia, se ci si porta su questi parametri usando i tasti cursore, il valore ricomputato verrà
visualizzato nella riga dei valori di input. Se si preme il tasto d'invio 'enter' il valore ricompu-
tato sostituisce quello precedente. In questo modo si può optare per la modifica dei valori.

Programmazione differ. X1X2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XX =


0 = formato angolare
1 = metodo di proiezione
Se ci sono due assi X indipendenti (X1 e X2) ed è stata istituita l'opzione OP-X1X2, sarà
possibile programmare i valori di X1 e X2 in un certo rapporto. Ciò significa che voi
programmate sia X1 che il valore di angolazione (metodo angolare) oppure che program-

V0505, 8.6
Delem
mate la misura di proiezione.
Richiedete la descrizione dell'opzione al vostro fornitore se l'opzion è stata instituita.
Solo disponibile se l'opzione è stata installata.

Apertura per default Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13


Valore d'apertura iniziale dell'asse Y.
Qui il valore programmato è stato utilizzato come valore iniziale per il parametro "aper-
tura dell'asse Y" nell'entrata del programma.

Default codice asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XC =


Valore predefinito del parametro 'codice' in un programma di piegatura. Questo
parametro stabilisce il momento del cambio del movimento in un programma di pieg-
atura. Inizialmente il parametro del codice è impostato sul valore programmato qui
durante la postelaborazione e durante la programmazione.
Valore predefinito di questo parametro = 2.
Vedere il capitolo 'preparazione/editing dei dati' per ulteriori informazioni sul parametro
del codice.

Ritardo X di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XT =


Durante la postelaborazione, il tempo di attesa dell'asse X al cambio di passo viene
azzerato. Con questo parametro si può programmare un tempo di attesa maggiore, se
necessario per la manipolazione del prodotto.

8.5. Impostazioni di calcolo

8.e

V0505, 8.7
Tabella tolleranza piega attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BE =
0 = Interna
1 = bendallw.tab
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.
Tolleranza di piegatura: correzione dell'asse X dovuta all'accorciamento della lamiera
dopo la piegatura. Il parametro summenzionato consente all'operatore la scelta del
metodo di calcolo per la tolleranza di piegatura. La voce "interna" significa che nel cal-
colo della tolleranza di piegatura il controllo utilizzerà la formula standard. La voce
"bendallw.tab" significa invece che è possibile adottare una tabella di tolleranza di pieg-
atura che comprende i valori di correzione. L'alternativa 'esterna' può essere presa in con-
siderazione solo se nel controllo è disponibile una tabella di tolleranza di piegatura.
Se è stata scelta la modalità che prevede l'uso della tabella, il nome della tabella (se
assegnato) è esposto sullo schermo.

Prepar. dati di tolleranza piega. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BA =


0 = Correzione OFF
1 = Correzione ON
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.
Questo parametro vi consente di operare una scelta tra la possibilità di disporre o meno
di valori programmati corretti per la tolleranza di piegatura. Questo settaggio on/off si
riferisce solo alle correzioni durante la programmazione nel menu ‘preparazione dati’. Se
è stato inserito un programma numerico, le correzioni dell'asse sono calcolate e memo-
rizzate nel programma. Queste correzioni possono essere visualizzate e modificate nel
modo di produzione (vedi il capitolo ‘automatico’).

Questa scelta non influisce sulla funzione di postprocessing nella modalità di disegno. Quando
il controllo usa un comando di postprocessing per calcolare un programma a CN in base ad un
disegno che include la sequenza di piegatura, il controllo terrà sempre in considerazione la tol-
leranza di piegatura.
Quando viene presentata la tabella per le tolleranze di piegatura e il cursore si trova sul
parametro 'tabella tolleranze di piegatura attiva' è disponibile un tasto funzione supplementare:
"modifica tabella". La tabella appare in una nuova finestra con il proprio set di tasti funzione.

V0505, 8.8
Delem

8.f

Ogni linea contiene una serie di dati di tabella, caratterizzati da diversi parametri. In questa
schermata sono rese disponibili le seguenti funzioni:

Tasti funzione:

nuovo Inserisce una nuova linea nella tabella.


entry

cancella Cancella la linea attuale.


entry

Usare i tasti freccia per scorrere fino al campo che si desidera cambiare. Digitare quindi il
nuovo valore e premere ENTER. Non è possibile creare una tabella utilizzando questo menu.
Solo dopo aver caricato una tabella nel controllo sarà possibile modificarne il contenuto.
Per ulteriori informazioni in merito alle tabelle della tolleranza di piegatura rimandiamo al
manuale Delem relativo alla tabella di tolleranza di piegatura.

Fattore coniatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BF =


La pressione necessaria per una piega in aria moltiplicata per questo fattore al fine di
ottenere la pressione di coniatura.

V0505, 8.9
Spostamento schiacc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .OF =
La profondità calcolata del pestone dell'asse y, qualora l'appiattimento del prodotto sia in
funzione dell'altezza di appiattimento programmata dello speciale utensile e dello spes-
sore della lamiera (2x) e dell'offset programmato in questa sede, per la realizzazione di
un prodotto appiattito.

Distanza Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ZD =
Se vengono istallati gli assi Z in automatico, la distanza dei riscontri sul registro posteri-
ore sono calcolate automaticamente in relazione all'estremità della lamiera.

8.g

8.6. Impostazioni di produzione

8.h

Modo contapezzi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .SC=


Predisposizione del contapezzi nel modo di produzione, in modo da avere il contatore di
pezzi (prodotti) in funzione con conteggio crescente o decrescente.
Se l'operatore ha selezionato il conteggio decrescente, il contapezzi nel modo di produzi-
one segna un numero in meno dopo ogni ciclo della pressa. Una volta che il contapezzi
ha raggiunto lo zero, il controllo si arresta. Ad ogni nuovo avvio, il contapezzi ripristina

V0505, 8.10
Delem
il valore originale.
Se si seleziona il conteggio crescente, il contapezzi aumenta di valore dopo ogni ciclo
della pressa.
Il conteggio decrescente (conto alla rovescia) può essere utile se la produzione prevede
un quantitativo prestabilito di pezzi. Il conteggio crescente può essere utilizzato per dare
un quadro dell'andamento della produzione.

Cambio piega autom. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CS =


Questo parametro può essere usato per realizzare un cambio automatico del passo nel
processo di piegatura effettuato con il modo "passo a passo".
Da programmare con 0 o con 1.
Programmando 0:
Non ci sarà alcuno cambio di passo (saranno attivi i seguenti parametri di piegatura). Per
effettuare la prossima piegatura bisogna selezionare una nuova piegatura e schiacciare il
pulsante di avviamento (start).
Programmando 1:
I parametri della piegatura seguente vengono caricati automaticamente ma gli assi sar-
anno posizionati dopo che è stato schiacciato il pulsante di avviamento.

Scostam. dal parallelismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .PO =


Un parallelismo complessivo, valido per tutta la corsa dell' asse Y, può essere program-
mato grazie a questo parametro. Il valore programmato viene confrontato con quello
massimo di tolleranza durante la produzione. Il parallelismo programmabile per ogni
piegatura (Y2) è attivo soltanto al di sotto del punto di serraggio. Il parallelismo al di
sotto del punto di serraggio equivale alla somma dei due parametri (Y2 + Offset del
param.).

Apertura schiacc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .OP =


A seconda della costruzione della macchina utilizzata si può programmare una posizione
di apertura del punzone, nella quale è possibile collocare il prodotto per appiattire una
particolare piega. Un secondo output di cambio sarà attivato al fine di arrestare il pestone
in funzione dell'interfacciamento della macchina. Vedere la figura in basso. Anche per la
posizione di apertura si terrà conto del doppio dello spessore della lamiera.

8.i

Correzione forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .PC =


Percentuale del tonnellaggio calcolato che comanda la valvola della pressione.

V0505, 8.11
Correzione contatto lamiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CC =
Calcolo della posizione in cui la lamiera viene serrata o bloccata tra il punzone e la
matrice prima di iniziare la piegatura. Allo scopo di avere una lamiera ben serrata è pos-
sibile correggere il punto di presa calcolato con il valore qui programmato. Un valore
positivo risulterà in una posizione più arretrata, un valore negativo sarà posto in una
posizione più alta del pestone.

Correzione riferimento X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .C1 =


Se la posizione meccanica, attuale, dell'asse X, non corrisponde al valore visualizzato,
sarà possibile correggerla avvalendosi di questo parametro.Programmare la differenza
programmata.
Esempio:
- Se il valore programmato e indicato = 250 e il valore della posizione meccanica effet-
tiva = 252, il parametro XR = -2.
- Se il valore programmato e indicato = 250 e il valore della posizione meccanica effet-
tiva = 248, il parametro XR = +2.

Correzione riferimento X2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .C2 =


La stessa funzione come nel parametro precedente ma relativa all'asse X2.

Supporto parte veloc. rit.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PR=


Velocità di rientro del dispositivo ausiliare dopo la piegatura. La velocità viene qui pro-
grammata come percentuale della velocità massima.
Solo disponibile se è stato adottato un dispositivo ausiliare di piegatura

Angolo extra supporto pezzo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .PE


Angolo addizionale per l'unità di supporto del pezzo. Il valore di questo angolo viene
sommato al valore di posizione dell'angolo di supporto del pezzo alla fine della decom-
pressione. Pertanto, nel momento in cui il pestone si solleva per raggiungere il punto
morto superiore, il supporto del pezzo si sposta in un'altra posizione. Non appena il
pestone ha raggiunto il punto morto superiore, il supporto del pezzo rientra nella condiz-
ione di azzeramento.

X intermedio per il movimento Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .XS=


Valore provvisorio di sicurezza attribuito all'asse X per evitare una collisione dovuta al
movimento dell'asse Z. Il valore consente di definire una zona di sicurezza per l'asse X,
valido per ogni programma. Il valore 0 blocca questa funzione. Questo parametro non
deve essere confuso con il parametro 'sicurezza X' programmato per ogni matrice.
Questo parametro è soprattutto utile quando si utilizzano matrici di diverse dimensioni.
In questi casi il 'valore provvisorio di X' deve essere superiore al valore di sicurezza X
della maggiore matrice installata.

V0505, 8.12
Delem

8.j

Nel momento in cui il riscontro posteriore (retrocalibro) deve essere spostato in un'altra posiz-
ione dell'asse Z, si effettua il controllo della sicurezza dell'attuale posizione di X. Possono ver-
ificarsi le seguenti condizioni:
- Posizione precedente ed attuale di X fuori dalla zona di sicurezza: gli assi X e Z si muo-
vono simultaneamente, nessun cambiamento.
- Posizione precedente di X fuori dalla zona di sicurezza, posizione attuale entro la zona di
sicurezza: si posiziona prima il riscontro lungo l'asse Z, dopo di che si avvia il movi-
mento dell'asse X.
- Posizione precedente di X entro la zona di sicurezza, posizione precedente fuori dalla
zona di sicurezza: Il movimento dell'asse X inizia, il movimento dell'asse Z viene avvi-
ato non appena l'asse X si porta fuori dalla zona di sicurezza.
- Sia il valore precedente sia quello nuovo dell'asse X sono compresi nella zona di
sicurezza: Il riscontro si sposta lungo l'asse X e raggiunge la posizione provvisoria, dopo
di che l'asse Z inizia il movimento. Non appena raggiunta la posizione Z, il riscontro si
sposta nella nuova posizione dell'asse X (vedi figura 8.j).

R intermedio per il movimento X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .RS=


Valore provvisorio di sicurezza attribuito all'asse R per evitare una collisione dovuta al
movimento dell'asse X. Il valore 0 blocca la funzione. Se il valore viene programmato
superiore a 0, esso sarà attivo se l'asse X si muove entro la zona di sicurezza della
matrice.

8.k

Il posizionamento avviene nel modo seguente:


- il riscontro viene spostato in una posizione provvisoria dell'asse R;
- il riscontro si sposta nella nuova posizione dell'asse X;

V0505, 8.13
- infine il ricontro si porta nella nuova posizione dell'asse R.

8.7. Porte seriali

8.l

Porta seriale 1/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .C1/C2


Il controllo è dotato di due porte seriali (RS-232). I parametri consentono l'attribuzione
di alcune applicazioni alle due porte seriali. Per modificare i relativi settaggi, contattare
il fornitore/costruttore del macchinario. Sono disponibili i seguenti settaggi:
DNC La porta seriale viene utilizzata per operazioni DNC, la qualcosa significa che
l'accesso al controllo può avvenire mediante un computer che utilizza un collegamento
seriale secondo RS-232.
Altre impostazioni dipendono dalla macchina. Se una porta seriale è già programmata su
un'altra impostazione, non è più disponibile per il DNC.

V0505, 8.14
Delem
8.8. Calcolo tempo di produzione

8.m

I parametri in questa pagina servono a calcolare il tempo di produzione di un prodotto. Questo


tempo di produzione dipende dalla velocità di posizionamento degli assi e dai tempi di
manipolazione del pezzo.
La rotazione di un pezzo richiede un certo tempo di produzione. Il tempo richiesto dipende
dalla lunghezza e dalla larghezza del pezzo.
La rotazione sottosopra (capovolgimento) di un pezzo relativamente piccolo (in direzione Z)
può avvenire rapidamente.
Tuttavia un pezzo relativamente piccolo ma (in direzione X) richiede un periodo di tempo
maggiore per effettuare un'inversione orizzontale o una combinazione di movimenti di rotazi-
one.
I tempi di rotazione possono essere inseriti in secondi in uno schema. A tale scopo vi sono 4
intervalli di lunghezza (3 limiti) ognuno dei quali ha un tempo di rotazione specifico che
dipende dal tipo di rotazione.
Oltre ai tempi di rotazione è anche possibile inserire i limiti di lunghezza.

Velocità di chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .CS


Velocità dell'asse Y durante l'avvicinamento rapido.

Velocità di apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .OS


Velocità dell'asse Y durante l'apertura.

Velocita' asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BS =


E' la velocità di lavoro del registro posteriore della pressa piegatrice

V0505, 8.15
Velocita' asse R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .RS =
Velocità di lavoro dei riscontri ( dita) dell'asse R (solo nel caso in cui la macchina sia
equipaggiata con un asse R).

Limite 1/2/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .B1


Valori di soglia per le dimensioni del pezzo. Per i valori compresi tra questi valori limite
è possibile programmare diversi tempi di rotazione pezzo.

8.9. Dimensioni registro posteriore

Il riscontro (dito) del registro posteriore può essere progettato secondo alcune dimensioni stan-
dard, quattro delle quali possono essere cambiate. Grazie a tali dimensioni è possibile calcolare
il movimento dell'asse R e la collisione lavoro/registro posteriore.

8.n

N. battute del ricontro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .GN =


Il numero delle posizioni del registro possibili (4 al massimo). Quando si cambia questo
parametro, si apre una nuova finestra pop-up con la geometria delle "dita". Qui è possi-
bile programmare le dimensioni delle "dita".

Pos. appoggio default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .GD=


Indica la posizione di appoggio default del calibro, se è stata selezionata la funzione di
appoggio in fase di programmazione grafica della sequenza di piegatura.
Valore default = 0, appoggio omesso.

V0505, 8.16
Delem
Registro offset R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .RO=
Un valore di offset dell'asse R può essere impostato se il registro posteriore è posizionato
contro il margine della lamiera e la posizione dell'asse X si trova fuori dalla zona di
sicurezza.

8.o

Un valore negativo determina un abbassamento della posizione del registro posteriore.


Questo offset è valido solamente se il calibro è in posizione 0.

Larghezza riscontro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FW


L'ampiezza dei guidalamiera del retrocalibro.

8.p

Quando si preme il tasto funzione "modifica disegno" si apre una nuova finestra in cui è possi-
bile programmare le dimensioni del dito del retrocalibro.

V0505, 8.17
8.q

I seguenti parametri descrivono le dimensioni del retrocalibro e le posizioni di lay-on. Il


numero di parametri da programmare dipende dal numero di posizioni del calibro. Se sono
programmate più posizioni del calibro, saranno disponibili diversi parametri. L'illustrazione in
fondo allo schermo cambierà a seconda del numero di posizioni del calibro.

H. battuta 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FH
L'altezza (o spessore) della punta del primo guidalamiera del retrocalibro.

H. battuta 1/2/3/4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .H1/H2/H3/H4


L'altezza dei diversi livelli dei guidalamiera.

L. battuta 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .FL
La lunghezza del primo guidalamiera.

L battuta 2/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .L2/L3


La lunghezza dei livelli di lay-on supplementari.

8.10. Dimensioni del supporto del pezzo

Se è stato installato un supporto del pezzo, l'utilizzatore potrà usare questa pagina allo scopo di
programmare le dimensioni e la posizione delle unità di supporto pezzo. La pagina compare
solo se è installato il supporto del pezzo.

V0505, 8.18
Delem

8.r

Le dimensioni del supporto pezzo sono definite nel modo seguente:

8.s

Supporto pezzo lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .PL


Programmazione della lunghezza dell'unità di supporto del pezzo come esposto nella fig-
ura precedente.

Supporto pezzo altezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .PH


Programmazione dell'altezza del braccio di supporto del pezzo come esposto nella figura
precedente.

Supporto pezzo Unità 1/2/3/4. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .P1/2/3/4


Con questi parametri è possibile programmare le posizioni delle unità di supporto pezzo.

V0505, 8.19
I settaggi possibili potrebbero essere i seguenti:
ASSENTE (il supporto pezzo manca o è disattivato)
ANTERIORE SINISTRA
POSTERIORE SINISTRA
ANTERIORE DESTRA
POSTERIORE DESTRA
E' possibile programmare fino ad un massimo di 4 unità di supporto pezzo. Il numero di
unità di supporto pezzo che effettivamente appare su questa pagina dipende dal numero
supportato dalla macchina.

8.11. Manutenzione

8.t

Ore: il numero di ore di marcia della macchina.


Corse: il numero di corse effettuate dal pestone.

V0505, 8.20
Delem
9. Modo manuale

9.1. Introduzione

Schiacciando il tasto il CN viene posto nel modo manuale.

In modalità manuale si programmano i parametri di una curvatura. Questa modalità è utile per
i test e la calibrazione.

9.a

Tutti i parametri possono essere programmati indipendentemente dai programmi in memoria.

Tasti funzione:

visualizza Pulsante per selezionare una delle tre possibili modalità


di visualizzazione:
- assi
- assi aus.
- zoom

V0404, 9.1
Tasti funzione:

mostra Apre una finestra con una panoramica della libreria di


libreria utensili. Da qui è possibile selezionare un utensile. È dis-
ponibile soltanto se il cursore del programma è posizion-
ato su un utensile.
asse funz. Funzioni asse: si utilizza per programmare la velocità e la
distanza di rientro (retrazione) degli assi disponibili.
Questa funzione dipende dalla macchina ed è descritta in
dettaglio nel capitolo "Preparazione dei dati".
comando Avvia la funzione di spostamento manuale degli assi con
manuale la manopola jog. Vedi il paragrafo 9.2. di questa docu-
mentazione.

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti tem-
poranea con alcuni pulsanti supplementari:

Tasti funzione:

assi Passa alla visualizzazione predefinita dei parametri.

assi aus. Passa alla seconda visualizzazione con i parametri degli


assi ausiliari.

zoom Passa alla visualizzazione con i valori degli assi.

• Parametri

Punzone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .UP =
Numero del punzone selezionato nella libreria/ archivio.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .UN =
Numero della matrice selezionata nella libreria/ archivio.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

V0404, 9.2
Delem
Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .MA =
Selezione di uno dei seguenti materiali programmati, usati per calcolare la profondità di
piegatura.
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto.

Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .TH =
Spessore della lamiera in millimetri.

Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BL =
Lunghezza in millimetri della lamiera da piegare.

Metodo piega. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .BM =


Selezionare il metodo di piegatura richiesto. Il comando supporta 4 metodi:
0 = Piega in aria
1 = Coniatura
10 = Appiattimento
11 = Appiattimento abbinato a coniatura
Premere il tasto per selezionare il settaggio richiesto. Per avere ulteriori informazioni
sui possibili metodi di piegatura, fare riferimento al capitolo 4.

Corr. α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Cα=
Correzione dell'angolo di una piega.
La correzione dell'angolo si imposta nel modo seguente:
- valore programmato di 90 gradi.
- valore misurato di 92 gradi.
In questo caso si deve programmare Corr. pari -2
- valore programmato di 90 gradi.
- valore misurato di 88 gradi.
In questo caso si deve programmare Corr. pari +2

Angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .α=
Angolo da piegare.

Asse Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Y =
Il valore programmato o calcolato dell'asse Y per realizzare un dato angolo.

Cambio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M =
Punto della sequenza in cui l'asse Y passa dalla velocità di avvicinamento rapido a quella
di stampaggio. Qui è programmato come valore di posizione nell'asse Y.

V0404, 9.3
9.b

Decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BP =
Corsa di decompressione dopo la piegatura per allentare la pressione applicata. Lo stesso
parametro come DC nel modo preparazione dati.

Forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .P =
Max. tonnellaggio regolato durante la pressatura.

Asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .X =
Il valore programmato nella direzione X per posizionare il registro posteriore.

Retraz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .DX =
Posizione di apertura del registro durante la piegatura. La "ritrazione del registro" si ini-
zia al punto di presa della lamiera.

Assi ausiliari
Se ci sono uno o più assi ausiliari (per esempio un asse R, un asse Z o un supporto di pieg-
atura), i parametri di questi assi appaiono qui. Se si dispone di un asse R1 e R2 il valore pro-
grammato di R1 è trasferito automaticamente a R2. Il valore dell'asse R2 può essere cambiato
successivamente, se necessario.

Aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .DY =
La distanza di apertura sopra il punto di cambio, che risulta in un spazio tra il punzone e
la matrice dopo la piegatura. Questo parametro crea un interspazio tra il punzone e la
matrice dopo la piega. Un valore positivo dà luogo ad un'apertura superiore a Mute, un
valore negativo ad un'apertura inferiore a Mute. Se si vuole limitare il tempo di manipo-
lazione del prodotto si può programmare un basso valore positivo o un valore negativo.

Velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .S =
La velocità di pressatura

Vel. decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BS =
La velocità di contropressione è la velocità programmata della pestone durante la corsa
di decompressione.

Tempo press. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T =
Sosta del punzone al punto finale della piegatura.

V0404, 9.4
Delem
Delta parall.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Y2 =
Differenza tra i cilindri destro e sinistro (Y1 e Y2). Il valore positivo indica che il lato
destro è più basso, quello negativo che il lato destro è più alto. Il valore programmato è
attivo al di sotto del punto di serraggio.

9.c

Corr. G PS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Gp
Questa è una correzione generale della posizione angolare del supporto del pezzo. È val-
ida per tutte le curvature.
La correzione è programmata come valore angolare, rispetto all'angolo di supporto del
pezzo della curvatura attuale. La correzione viene memorizzata come percentuale
dell'angolo attuale. Se viene programmata un'altra curvatura o selezionata con un angolo
diverso, il valore di correzione sarà regolato di conseguenza.
È disponibile soltanto se è presente un supporto pezzo.

Dopo aver schiacciato il pulsante di avviamento tutti i parametri programmati saranno attivi.

• Funzione di zoom

Dopo aver premuto il tasto funzione "valori zumati", l'unità di controllo passa ad una nuova
visualizzazione in cui compaiono soltanto i valori degli assi.

V0404, 9.5
9.d

9.2. Funzionamento manuale degli assi

È possibile spostare un asse ruotando la manopola jog presente sul pannello anteriore dell'unità
di controllo. Dopo aver premuto il tasto funzione "pos. manuale" nella schermata principale
della modalità manuale, compare la seguente schermata:

V0404, 9.6
Delem

9.e

Posizionare la barra evidenziatrice sull'asse che si desidera spostare con la manopola jog.
Quindi è sufficiente ruotare la manopola jog e osservare il movimento dell'asse in questione.
La procedura di spostamento dell'asse dipende dall'asse che si desidera spostare.

- Assi ausiliari:

Agendo sul volantino è possibile posizionare manualmente il registro posteriore. Tale operazi-
one è solo possibile in "Stop" + "Modo manuale".
Prima selezionare il rispettivo asse del registro posteriore utilizzando il tasto " Posizionamento
manuale, in modo da portare la barra cursore sull'asse richiesto. E' quindi possibile spostare
l'asse con l'aiuto del volantino.

- Asse Y :

Agendo sul volantino è possibile posizionare manualmente il punzone proprio nello stesso
modo in cui si è operato per gli assi ausiliari. Tale operazione è solo possibile in "Start" +
"Modo manuale". Inoltre devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:
- La funzione "regola" deve essere attiva, e deve essere indicata sullo schermo dalla parola
"Regola" nell'angolo in basso a destra.
- L'asse Y deve trovarsi al di sotto del punto di cambio.
- Inoltre deve essere dato un comando di pressatura al CNC.

• Teach In (Inserimento diretto)

Una posizione attuale dell'asse Y o dell'asse X può essere programmata direttamente nel

V0404, 9.7
campo del parametro su cui il cursore punta. La manovra è solo possibile nella selezione
"posizionamento manuale".

Dopo aver schiacciato il tasto d'invio "enter" il valore attuale dell'asse compare nel campo
d'ingresso (angolo destro in basso sullo schermo).

V0404, 9.8
Delem
10. Modo automatico / modo passo a passo

10.1. Introduzione

10.a

Il modo automatico esegue il programma (modo programmazione) automaticamente, piegatura


per piegatura, dopo che è stato premuto il pulsante 'start'.
Dopo avere selezionato un nuovo programma di piegatura occorre rivedere gli utensili e la loro
posizione nella macchina. Tale necessità viene ulteriormente indicata con il messaggio di
avvertimento 'controllo utensili e posizione utensili' non appena si entra nel modo automatico.
Nella barra superiore troviamo informazioni circa il numero delle pieghe, la loro ripetizione, il
numero del prodotto, il numero del disegno ed il programma collegato (gli ultimi due dati non
sono necessariamente presenti).
Sopra la linea orizzontale sono visualizzati i parametri programmati e calcolati. Questi
parametri sono suddivisi su due videate: 'funzioni' e 'assi'. I parametri posti sotto la linea oriz-
zontale sono quelli che possono essere programmati.

Tasti funzione:

Piega prec- sullo schermo i dati della posizione di Y e X che si


edente riferiscono alla piega precedente.

Piega seg- sullo schermo i dati della posizione di Y e X che si


uente riferiscono alla piega seguente.

V0505, 10.1
Tasti funzione:

visualizza Pulsante che attiva l'indicatore popup con funzioni


aggiuntive.

selez. n. Passa dalla visualizzazione del numero di curvatura a


ripet. quella del numero di ripetizioni di questa curvatura o
viceversa.

tutto corr Per aprire una finestra che permette di modificare le cor-
rezioni di tutte le pieghe del prodotto. Fare riferimento
alla sezione relativa alle correzioni.

comando Nel modo di produzione automatico è possibile spostare a


manuale mano l'asse selezionato, avvalendosi del volantino, e
variare inoltre la posizione dell'asse mediante la funzione
di teach-in come nel modo manuale.

Dopo aver premuto il tasto funzione "Visualizza" comparirà una nuova barra dei pulsanti
temporanea con alcuni pulsanti supplementari:

10.b

Tasti funzione:

assi Passa alla visualizzazione predefinita dei parametri.

funzioni Passa alla visualizzazione con parametri di curvatura


aggiuntivi.

assi aus. Passa alla seconda visualizzazione con i parametri degli


assi ausiliari.

vista Passa ad una visualizzazione a tabella che mostra tutte le


pieghe estremità.

visualizz Passa ad una visualizzazione grafica del programma.


grafica

V0505, 10.2
Delem
Tasti funzione:

zoom Passa alla visualizzazione con i valori degli assi.

visual. note Per aprire una finestra con le note sul prodotto corrente.

• Parametri

Piega n.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BN =
Selezionare una piega del programma visualizzato sullo schermo del monitor

Corr α1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Cα =

Corr α2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Cα =
Correzione dei valori degli angoli (C) nella presente piega.
Le correzioni dell'angolo possono essere programmate per entrambi i lati della
macchina, Y1 e Y2. Se si applica la correzione 1 ad uno dei lati, il valore di correzione è
rilevato automaticamente come valore di correzione 2 per l'altro lato della macchina.
Successivamente il valore di correzione dell'altro lato può essere modificato. Se sono
state inserite entrambe le correzioni dell'angolo, il sistema procederà al computo della
correzione risultante sull'asse Y e sul parallelismo. La correzione verrà memorizzata nel
programma di piegatura attivo.
La correzione dell'angolo si imposta nel modo seguente:
1) valore programmato di 90 gradi.
valore misurato di 92 gradi.
In questo caso si deve programmare Corr. pari -2
2) valore programmato di 90 gradi.
valore misurato di 88 gradi.
In questo caso si deve programmare Corr. pari +2

Nel caso in cui sia stato attivato il database per la correzione dell'angolo, il controllo verifica se
nella memoria del database esiste una correzione adatta al tipo di piega in esecuzione. Il risul-
tato di questa verifica viene esposto nel campo delle immissioni:
Correzione non memorizzata Non è stata trovata alcuna correzione per questo tipo di piega
Correzione memorizzata Il sistema ha individuato una correzione indicata per il tipo di piega
attuale
Correzione interpolazione Il sistema ha calcolato una correzione (mediante interpolazione)
basata su altre correzioni esistenti nella memoria del database
Se l'utilizzatore accetta la correzione premendo enter, la correzione viene memorizzata nel
database. La stessa correzione sarà proposta e resa disponibile ad ogni successiva piega che ha
le stesse proprietà. Fare riferimento al capitolo 8 per ulteriori informazioni e approfondimenti
sul database della correzione dell'angolo.

V0505, 10.3
Corr x . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Cx =
Correzioni della posizione dell'asse X (Cx) nella presente piega. Nel caso in cui sia stata
attivata la tolleranza di piegatura (vedi le COSTANTI DI PROGRAMMA) ed un pro-
gramma è stato inserito nel menu di preparazione dei dati (menu 3), i valori di correzione
dell'asse X sono quelli che risultano dal calcolo della tolleranza di piegatura. La correzi-
one verrà memorizzata nel programma di piegatura attivo.
La correzione della posizione dell'asse X si imposta nel modo seguente:
1) valore programmato di 200 millimetri.
valore misurato di 202 millimetri.
In questo caso si deve programmare Corr. x pari -2
2) valore programmato di 200 millimetri.
valore misurato di 298 millimetri.
In questo caso si deve programmare Corr. x pari +2

Pezzi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .ST =
Il numero di prodotti indicato dal contapezzi viene aumentato o diminuito alla fine di
ogni ciclo di programma.

G-corr α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Gα
Correzione generale dell'angolo, valida per ogni curvatura del programma. Il valore deve
essere programmato secondo le stesse modalità utilizzate per la correzione per curvatura.

G-Corr X. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Gx =
Correzione generale della posizione dell'asse X, valida per ogni curvatura del pro-
gramma. Il valore deve essere programmato secondo le stesse modalità utilizzate per la
correzione per curvatura.

Corr. G PS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Gp


Questa è una correzione generale della posizione angolare del supporto del pezzo. È val-
ida per tutte le curvature.
La correzione è programmata come valore angolare, rispetto all'angolo di supporto del
pezzo della curvatura attuale. La correzione viene memorizzata come percentuale
dell'angolo attuale. Se viene programmata un'altra curvatura o selezionata con un angolo
diverso, il valore di correzione sarà regolato di conseguenza.
È disponibile soltanto se è presente un supporto pezzo.

• Correzioni

Le correzioni degli angoli possono essere modificate in una finestra a parte, che è possibile
attivare premendo il tasto funzione 'tutte correzioni' nella schermata principale. Compare la
seguente finestra.

V0505, 10.4
Delem

10.c

In questa finestra sono visibili le correzioni relative a tutte le pieghe. È possibile passare in ras-
segna le varie correzioni e eventualmente modificarle. Se viene inserita una correzione per
l'angolo1, questo valore viene copiato per la correzione dell'angolo2. All'interno dello stesso
campo possono essere inserite correzioni diverse per l'angolo2.
Le colonne 'a1/2 misurato' sono presenti se sono abilitate tramite il parametro 'calcolo correzi-
one angolo' nelle costanti di programmazione.
Nelle colonne "a1/2 misurato" è possibile inserire l'angolo effettivo misurato della piegatura
completata. Durante l'inserimento dell'angolo misurato, il controllo calcolerà automaticamente
una correzione necessaria per raggiungere l'angolo programmato. Se è già presente una correz-
ione, il controller regolerà questa correzione per giustificare l'ultima discrepanza.
La colonna "Correzione memorizzata" è disponibile soltanto se è stato attivato il database rela-
tivo alle correzioni degli angoli. Una volta attivata, la colonna 'Correzione memorizzata' mos-
tra il valore della correzione presente nel database per ogni piega. Uno spazio vuoto in questa
colonna significa che il database non ha alcun valore di correzione per questo tipo di piega.
Quando viene inserita una nuova correzione, essa viene copiata nel database automaticamente.
Gli indicatori ">" indicano pieghe con lo stesso valore.
Il tasto funzione "tutte da database" serve a copiare le correzioni dal database al programma
corrente: le correzioni di tutte le pieghe vengono regolate in base ai valori presenti nel data-
base.

V0505, 10.5
• Funzioni

10.d

• Visualizzazione grafica

10.e

V0505, 10.6
Delem
• Valori di zoomato

10.f

V0505, 10.7
• Correzione imbutitura

Questa funzione consente di effettuare una correzione generale della piegatura a raggio. Questa
funzione potrà essere attivata se il cursore si trova sul parametro per la correzione dell'angolo
('corr. 1/2'). E' solo disponibile se è stato caricato un prodotto che contiene una piegatura su
raggio. Non appena la funzione è attivata, compare una nuova finestra nella quale è possibile
affettuare la correzione dei valori.

10.g

Se viene modificata la correzione generale, tutte le correzioni individuali saranno ricalcolate.


Se sono modificate le correzioni individuali anche la correzione generale sarà ricalcolata.
Le correzioni relative al metodo di imbutitura (bumping) possono essere programmate per
entrambi i lati, 1 e 2.
Quando la correzione generale a1 cambia, viene automaticamente copiata in a2 e, di conseg-
uenza, tutte le singole correzioni di a2 vengono ricalcolate. Per cambiare i valori della correzi-
one di a2, spostarsi alla correzione a2 o a una delle singole correzioni di a2.

V0505, 10.8
Delem
• Posizionamento manuale degli assi

Nel modo di produzione automatico è possibile spostare a mano l'asse selezionato, avvalendosi
del volantino, e variare inoltre la posizione dell'asse mediante la funzione di teach-in come nel
modo manuale.

10.h

V0505, 10.9
10.2. Modalità Passo passo

Nel modo passo-passo, esistono le stesse possibilità del modo automatico. C`e solo una differ-
enza: dopo il comando della pressa, nel modo passo-passo il controller esegue solo una pieg-
atura del programma di piegatura per volta.

10.i

Dopo ogni fase di curvatura, l'unità di controllo può restare nella curvatura attuale o passare a
quella successiva. Ciò dipende da un parametro contenuto nelle costanti di programma:

10.j

Disattivato: al termine di una fase, l'unità di controllo si ferma e rimane nella curvatura attuale.
Attivato: al termine di una fase, l'unità di controllo carica la fase e successiva e si ferma. Ved-
ere anche il capitolo sulla programmazione delle costanti per ulteriori informazioni.

V0505, 10.10
Delem
A. Indice parametri Grado ottimizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.10
H. battuta 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.18
H. battuta 1/2/3/4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.18
Questa appendice contiene un elenco di tutti i L battuta 2/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.18
parametri descritti nel presente manuale in L. battuta 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.18
ordine alfabetico. Larghezza riscontro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.17
Limite 1/2/3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.16
2 X sic. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.13 Lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2
2 X sic. turned (negative) . . . . . . . . . . . . . . . 6.13 Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3
Accettazione rapporto sporgenza . . . . . . . . . 2.10 Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9
Alt. appiattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.13 Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5
Alt. appiattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.6 Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3
Angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3 Lunghezza max su riscontro . . . . . . . . . . . . 2.12
Angolo extra supporto pezzo . . . . . . . . . . . . 8.12 Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3
Angolo/Posizione di piega . . . . . . . . . . . . . . . 4.9 Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4
Aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4 Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3
Apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9 Matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7
Apertura per default Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7 Matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2
Apertura schiacc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.11 Metodo piega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.8
Asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4 Metodo piega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3
Asse Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3 Min. apertura Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.14
Calcolo angolo di correzione . . . . . . . . . . . . . 8.5 Modo contapezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.10
Camb. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.13 Modulo E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3
Cambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9 N. angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.14
Cambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3 N. battute del ricontro . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.16
Cambio piega autom. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.11 N. retrocalibro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.14
Carico di rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3 Nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3
Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11 Numero macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.5
Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.12 Pezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4
Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5 Piega n. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3
Colleg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4 Piega tra matrice e registro . . . . . . . . . . . . . 2.12
Corr α1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3 Porta seriale 1/2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.14
Corr α2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3 Pos. appoggio default . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.16
Corr x . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4 Pos. registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.10
Corr. α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3 Posizione del registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9
Corr. G PS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4 Posizione dito X) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11
Corr. G PS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5 Posizione Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5
Correzione calcolo sviluppo . . . . . . . . . . . . 2.14 Prepar. dati di tolleranza piega . . . . . . . . . . . 8.8
Correzione calcolo X . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.14 Programmazione differ. X1X2 . . . . . . . . . . . 8.6
Correzione contatto lamiera . . . . . . . . . . . . . 8.12 Punzone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7
Correzione forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.11 Punzone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2
Correzione riferimento X . . . . . . . . . . . . . . . 8.12 R intermedio per il movimento X . . . . . . . . 8.13
Correzione riferimento X2 . . . . . . . . . . . . . . 8.12 Raggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.6
Corsa decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13 Rapporto sporgenza anteriore . . . . . . . . . . . 2.10
Database correzione angolo . . . . . . . . . . . . . . 8.5 Registro offset R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.17
Decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4 Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.12
Default codice asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7 Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5
Delta parall. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13 Retraz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11
Delta parall. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5 Retraz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4
Dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3 Ripetizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13
Distanza Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.10 Riscontro su angulo acuto ammesso . . . . . . 2.11
Edit autom. calcoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.6 Ritardo X di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7
Fattore coniatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.9 R-posizione dito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11
Forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13 Scostam. dal parallelismo . . . . . . . . . . . . . . 8.11
Forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4 Segm. misura uguale imbutitura abilit . . . . . 2.14
G-corr α . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4 Sel. angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.3
G-Corr X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4 Selezione Poll/mm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1
Sicurez X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.12

V0505, A.1
Sopramacchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.15
Sottomacchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.15
Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.3
Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.3
Spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.3
Spostamento schiacc . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.10
Supporto parte veloc. rit. . . . . . . . . . . . . . . . .8.12
Supporto pezzo altezza . . . . . . . . . . . . . . . . .8.19
Supporto pezzo lunghezza . . . . . . . . . . . . . . .8.19
Supporto pezzo Unità 1/2/3/4 . . . . . . . . . . . .8.19
Supporto tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6.7
Sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.4
Tabella tolleranza piega attiva . . . . . . . . . . . .8.8
Tempo attesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.12
Tempo compress . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.13
Tempo press. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.4
Tolleranza DIN su X . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2.14
Tolleranze di 180 gradi . . . . . . . . . . . . . . . . .2.12
Tolleranze su pieghe a 90° . . . . . . . . . . . . . .2.12
Ton/kN-selezionare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.1
Vel. decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.13
Vel. decompr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.4
Velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4.13
Velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9.4
Velocità di apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.15
Velocità di chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.15
Velocita' asse R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.16
Velocita' asse X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8.15
X intermedio per il movimento Z . . . . . . . . .8.12
X-ritorno in sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . .6.12

V0505, A.2