Sei sulla pagina 1di 7

Liceo scientifico statale S.

Cannizzaro
A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

PROBLEMI TIPICI DELLA STAMPA 3D


Loggetto, disegnato con un qualsiasi software di disegno in grado di esportare in STL, viene caricato nel
software di stampa, nel nostro caso RepetierHost, per il processo di slicing e di generazione del codice
GCode. Un file STL altro non che una struttura geometrica fatta da poligoni (mesh). Gi in fase di
caricamento del file viene effettuata una analisi del file da parte del software per rilevare alcune possibili
criticit della geometria.
Un altro software in grado di rilevare criticit in file STL il programma gratuito netfabb scaricabile da:
www.netfabb.com, gratuito nella versione basic (da utilizzare prima di passare il modello allo slicing, cio a
Repetier/Slice3r). Con la funzione Automatic Repair in grado ad esempio di chiudere facce aperte.
Analizziamo in dettaglio i vari problemi che potrebbero insorgere in fase di pre-stampae le possibili
soluzioni!
PROBLEMA

Solido bucato

Descrizione
Un solido una polisuperficie chiusa, sia
per Rhino che per le stampanti
3D.quindi dei fori indesiderati sulla
geometria vanno semplicemente chiusi!
Nota bene:
Gli oggetti di Rhino devono essere
CLOSED SOLID per generare un STL
valido.

Suggerimento:

Possibile soluzione
Da Dettagli nella finestra Propriet
verificare che loggetto sia Solido
polisuperficie chiuso e, nel caso,
intervenire chiudendo le
facce aperte con il
comando
Chiudi fori piani da cascata
Strumenti solidi
Oppure

Fare una copia del modello e convertirlo in


Mesh, con Mesh da superfici/polisuperfici.

Nella finestra delle opzioni


impostare (se unit in mm)
a 0.01 la Massima distanza bordo/superficie
(0.001 in gioielleria)ed a 16 la Suddivisione
iniziale poligoni nella griglia

Da cascata Analizza
Mostra Bordi
spuntare in sequenza i Bordi aperti e
Bordi non-manifold
Oppure, dopo esportazione in STL:

Analizzare il file STL con Netfabb


ed utilizzare Automatic Repair.

(Angolo massimo=35 oppure 12 in gioielleria)

Sottoporre a Verifica oggetti (Chek) la mesh e,


in assenza di errori, esportarla in STL, binario.
(N.B: questi settaggi determinano il peso del file
in MB)

Dopo lesportazione in STL ricaricare il file in


Rhino e visualizzarlo in modalit
Ombreggiatura sfaccettata (in inglese
FlatShade), impostabile dal Men Visualizza
oppure dalla scheda VisualizzaCommuta
ombreggiatura sfaccettata. Se in tale vista non
emergono anomalie molto probabilmente lSTL

337730007

Pag. 1 a 7

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

non avr problemi di stampa.

Naked Edges
(lati nudi)

Bordi non perfettamente


combacianti

Bordo aperto:
Si definisce aperto il bordo di una
superficie o polisuperficie che non
unito ad un altro bordo. Gli
oggetti solidi non hanno bordi
aperti. [dalla Guida]

Da cascata Analizza
Mostra Bordi
spuntare in sequenza i Bordi aperti e
Bordi nonmanifold

Suggerimenti:
Anything like sweeps, trims etc. on
freeform curves and surfaces are all
tolerance based, and those tolerances
can add up to your surfaces not
joining...
Sweep2 often works better than Loft to create a
closing surface that has to meet more than two
other edges, especially if those edges are edges
of surfaces converging toward the closing
surface
Don't forget MatchSrf as well.
Trim creates more problems than using Split
and deleting the unwanted portion of a surface.
Trimmed surfaces are sometimes tricky
because, once they are trimmed there are
certain commands you can't use on the trimmed
edges
A possible workaround to this issue is, if
appropriate to the situation, to _Untrim the
trimmed edge and then to _Split the surface
using the command line Isocurve option. This
option allows you to keep the same geometry
structure for your surface. If you turn ctrl pts on
(F10), you'll see all points lie on the surface
edge. You can erase the unwanted split part of
the surface and use any command you want on
the resulted surface!
Dal sito:
http://v5.rhino3d.com/forum/topics/
naked-edge-tips
In pratica: preferire il Suddividi al Tronca.

oppure
Da riga di comando:

_ShowEdge
Oppure

Da Dettagli nella finestra Propriet


Oppure

Da riga di comando: _What, comparir


una finestra e sotto la voce Geometry
sar indicato se il solido chiuso o
aperto

Per riparare
da riga di comando: _JoinEdge*
oppure:

Fondi bordi*
(Cascata Analizza, Cascata
Gestione bordi)
Oppure, in caso di mesh:

nella scheda Mesh:


Procedura guidata
per riparazione mesh
( possibile aggiungere la
scheda Ripara mesh accanto alla scheda
Propriet a destra, con tasto destro e spunta
su Ripara mesh).

Anche:
Salda mesh

337730007

Pag. 2 a 7

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

Combina bordi mesh


*=preferibile una buona progettazione con
uso sistematico di snap e osnap per generare
una geometria pulita; il joinedge ed il join
possono a volte creare problemi!

One Naked Edge


(lato nudo)

Dal sito:
http://wiki.mcneel.com/it/rhino/faqclosedsolid
s
Se vi trovate in questa condizione avete un
problema. Generalmente gli spigoli vanno a
coppie. Spesso si uniscono paia di spigoli con
Joinedge (anche se sono evidentemente fuori
tolleranza, la cucitura viene chiusa). Ma se
avete un solo bordo questo non potr essere
accoppiato con nulla. In questo caso avete un
po di lavoro da fare. Spesso necessario
esplodere tutti i pezzi intorno al problema, fare
RebuildEdges su tutti, verificare dove sono i
disallineamenti e correggerli. Spesso bisogna
zoomare veramente vicino per capire
esattamente cosa succede. [..]
Pu inoltre essere pi veloce esportare una
mesh con buchi da spigoli aperti e chiuderla poi
con FillHoles. (Chiudi fori piani).

Bordi non-manifold

I bordi di polisuperfici o mesh


che hanno pi di due facce
collegate ad un singolo spigolo
sono non-manifold

Esplodere, Zoomare e
Ricostruisci Curva.

Oppure
Convertire in Mesh
Mesh da superfici/polisuperfici.

e
Chiudere i fori piani.

Da cascata Analizza
Mostra Bordi
(come per Naked Edges)
Sistemare la geometria manualmente
o, in caso di mesh, con Procedura
guidata riparazione mesh.

Nell'immagine, i bordi nonmanifold delle polisuperfici,


evidenziati con il comando
MostraBordi.
[dalla Guida ufficiale].

Facce fantasma

Facce interne alla geometria, quindi


non visibili.

Analizzare loggetto in wireframe e


rimuovere le facce interne.
Porre attenzione ai processi di
estrusione ed ai collegamenti tra lati.

Facce zero

337730007

Facce duplicate in comandi come


lestrusione.

Pag. 3 a 7

Nella scheda Mesh: comando


Elimina facce zero

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

Facce duplicate

Facce duplicate in comandi come


lestrusione.

Nella scheda Mesh:


Procedura guidata
per riparazione mesh

Facce
autointersecanti

Facce con elementi che si intersecano

Nella scheda Mesh:


Procedura guidata
per riparazione mesh

Multinodi

Presenza di nodi multipli indesiderati,


cio non legati ad una voluta
interruzione di continuit (legata al
grado della curva).

Rimuove i nodi multipli (ma non


quelli pienamente
multipli) dalle curve e
dalle superfici.
Da cascata :Strumenti
superfici

Spessore troppo
piccolo

Problema di spessore non supportato


dalla stampante (in relazione alla
risoluzione di stampa).

Analisi spessore dal Comando


Analizza direzioneCascata
AnalizzaCascata
Analisi di superfici

Ordine di grandezza:

SPESSORE>=0,4 mm

Tolleranza non
adeguata

Tolleranza una sorta di


risoluzione, minima distanza tra
elementi geometrici, paragonabile
concettualmente al DPI (Dot per inch)
dei monitor.

Le parti in rosso
saranno stampate con
difficolt: come
soluzione aumentare
lo spessore del solido.
Da Analisi spessore opzione Regola
Mesh ed impostare la
Massima distanza
bordo/superficie a 0.01
(generalmente buono).

Valore di default: 0,01.


(se unit in mm).
Pu andar bene in generale, per
particolari lavorazioni si pu
aumentare es in gioielleria si pu usare
0,001.
Suggerimenti:
..la tolleranza 1 ordine di grandezza pi
piccolo della precisione che si pu raggiungere
nel processo di produzione, o 1 ordine di
grandezza pi piccolo del pi piccolo dettaglio
da modellare oppure inferiore alla met della
risoluzione di stampa. Per la gioielleria, che
lavora su particolari veramente minuti, 0.001
mm funziona bene.

337730007

Pag. 4 a 7

Questi parametri, se male impostati,


possono produrre un STL molto
grande!! (non gestibile se >50 MB)

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

Usare SEMPRE snap e Osnap e fare una


Analisi del modello, es con Dettagli da scheda
propriet.
Dal sito:
http://wiki.mcneel.com/it/rhino/faqclosedsolids

Normali invertite

Alcune mesh o superfici


hanno la normale invertita
rispetto al resto delloggetto.

In fase di progettazione da Analizza


direzione si possono verificare
le normali.
In caso di
facce invertite usare
Inverti direzione (click
destro sullo stesso
comando)
Un cilindro (mesh)
con le normali
corrette, cio tutte

Dallo strumento nella scheda Mesh, Procedura


guidata per la riparazione di mesh deve
risultare:
La mesh non ha nessuna faccia con una
direzione diversa dalla direzione globale della
mesh.
verso lesterno.

Effetto del parametro Massima distanza bordo/superficie sulla resa in mesh e sul peso del file
da Veronica de la Rosa:

MAX DISTANCE EDGE TO SURFACE


This setting controls how much polygons divide until the distance from a polygon edge midpoint to the
NURBS surface is smaller than the settings value. The smaller the value the more polygons divide to better
approximate the NURBS surfaces which also creates for larger le sizes. Below are examples of surfaces
that have been meshed with different MaxDistance Edge to Surface values. Note the correlating le sizes in
gure:

337730007

Pag. 5 a 7

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

Immagine e testo dal white paper Rhino to STL- Best practices di Veronica de la Rosa :
http://studiofathom.com/wp-content/uploads/FATHOM_rhinotostl_F001_2014.pdf

ESERCIZIO 1.
a.
b.
c.
d.
e.

Vista superiore, rettangolo da (0,0) a (20,10)


Offset interno di 2 mm.
Ellisse centro in 10,5, a=8, b=3
Offset interno dellellisse di 2 mm.
In vista superiore circonferenza centro in 10,5, Raggio 3 mm; ruota 3D di 90
come da figura.
f. In vista Destra, offset interno della circonferenza di 2 mm.
g. Creazione di superfici, da curve planari. Delle tre sezioni rettangolari, ellittiche e
planari.
h. Estrusione, da cascata Estrudi solido, di 3 mm delle tre superfici; per il
cerchio, prima della estrusione, in vista destra applicare uno spostamento al

337730007

Pag. 6 a 7

Liceo scientifico statale S. Cannizzaro


A.S. 2015-2016

Corso sperimentale:
Grafica e Stampa 3D

Docente: L. Riondato
6A lezione.

centro dello spessore (1.5) poi impostare lopzione Due lati=s, ed impostare la
distanza di estrusione a 1.5-

337730007

Pag. 7 a 7