Sei sulla pagina 1di 128

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE

IT SHARK 320 AX
ANNO DI COSTRUZIONE: _____________
MEP Dichiarazione di conformità IT

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ ”CE”


(ai sensi della 98/37/CE, allegato II A)

Il costruttore:

SEGATRICI
Via Papa Giovanni XXIII, 49
61045 Pergola (PS) ITALIA
Tel. 0721/73721 -- Fax 0721/734533
SPA

E
Con la presente dichiara che la segatrice a nastro per metalli

L
Macchina modello:

I
Numero di serie:
SHARK 320 AX

M
Anno di costruzione:

S
è conforme alle seguenti direttive: I
C
D DIRETTIVA 98/37/CE ”DIRETTIVA MACCHINE”
D DIRETTIVA 73/23 ”LVD”
D DIRETTIVA 89/336 ”EMC”

A
D DPR 459/96

F Presidente
(EZIO MAGNANI)

Pergola, lì
Manuale di uso e manutenzione per SHARK 320 AX . . . . . . . . . . . . . 1
PREMESSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
TABELLA DATI TECNICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
SPECIFICHE MACCHINA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

CAPITOLO 1 --- Parti funzionali della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . 4


1.1 --- Testa operatrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2 --- Morsa di taglio e di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 --- Cilindro pneumatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.4 --- Alimentatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.5 --- Quadro comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.6 --- Quadro elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.7 --- Evacuatore di trucioli (optional) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.8 --- Spazzola pulilama motorizzata (optional) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.9 --- Controllo MEP 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

CAPITOLO 2 --- Sicurezza ed antinfortunistica . . . . . . . . . . . . . . . . . 6


2.1 --- Uso previsto della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2 --- Raccomandazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.3 --- Raccomandazioni all’operatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.4 --- Dispositivi di sicurezza macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4.1 --- Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4.2 --- Protezioni dal contatto accidentale con l’utensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.4.3 --- Equipaggiamento elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.4.4 --- Emergenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.5 --- Rumore aereo della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.5.1 --- Modalità di rilevamento dei valori acustici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.5.2 --- Valori di rumorosità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.6 --- Compatibilità elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.6.1 --- Emissioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.6.2 --- Immunità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

CAPITOLO 3 --- Installazione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


3.1 --- Disimballaggio della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3.2 --- Check list . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3.3 --- Requisiti minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.4 --- Livellamento e movimentazione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.5 --- Tensionamento molla richiamo testa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.6 --- Collegamento della tensione elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.1 --- Descrizione della consolle di comando e programmazione . . . . . . . . . . . 14

CAPITOLO 4 --- Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento 14


4.1.1 --- Descrizione delle funzioni dei pulsanti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.2 --- Inizializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4.3 --- Ciclo di funzionamento manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
4.3.1 --- Bloccaggio del pezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
4.3.2 --- Preparazione al taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
4.3.3 --- Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
4.4 --- Ciclo di funzionamento semiautomatico---dinamico . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
4.5 --- Ciclo di funzionamento semiautomatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.5.1 --- Bloccaggio del pezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.5.2 --- Regolazione corsa di taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.5.3 --- Preparazione al taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.5.4 --- Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.6 --- Ciclo di funzionamento automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4.6.1 --- Inserimento e bloccaggio del pezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.6.2 --- Preparazione al taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4.6.3 --- Programmazione tagli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.6.4 --- Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

CAPITOLO 5 --- Schemi, esplosi e ricambi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40


5.1 --- Schemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5.1.1 --- Schema pneumatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5.1.2 --- Schede IUV e IUD controllore MEP 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Illustrazione delle informazioni contenute negli schemi elettrici . . . . . . . . . . . . 44
5.1.3 --- Schemi elettrici normalizzati (norme CEI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
5.2 --- Esplosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
5.2.1 --- Gruppo testa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
5.2.2 --- Gruppo morsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.2.3 --- Gruppo piattaforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
5.2.4 --- Gruppo piano girevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86

CAPITOLO 6 --- Regolazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91


6.1 --- Accesso e modifica ai parametri di set---up . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6.2 --- Sistemi elettronici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6.2.1 --- Corsa della testa operatrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6.2.2 --- Set---up taratura trasduttore testa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6.2.3 --- Sostituzione del chip nel controllore MEP 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
6.3 --- Regolazione luminosità della consolle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6.4 --- Sistemi pneumatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6.4.1 --- Pressione di lavoro delle morse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6.5 --- Sistemi meccanici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6.5.1 --- Regolazione del gioco della morsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6.5.2 --- Regolazione del gioco della slitta tendilama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
6.6 --- Organi di guida del nastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
6.6.1 --- Testine guidalama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
6.6.2 --- Bottoni premilama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
6.6.3 --- Placchette guidalama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
6.6.4 --- Cambio di utensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
6.6.5 --- Ampiezza del taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.6.6 --- Volano libero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.6.7 --- Volano motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.7 --- Circuito idraulico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.7.1 --- Caricamento del serbatoio di compensazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
6.8 --- Nastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
6.8.1 --- Perpendicolarità del nastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
6.8.2 --- Ortogonalità del nastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
6.8.3 --- Esecuzione di tagli inclinati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
6.8.4 --- Regolazione della complanarità alimentatore --- piano di taglio . . . . . . 99
6.8.5 --- Regolazione della velocità di avanzamento/arretramento alimentatore 100

CAPITOLO 7 --- Velocità di taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101


7.1 --- Macchina di serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
7.2 --- Macchina con Inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101

CAPITOLO 8 --- Manutenzione e scelta dei materiali di consumo . . 101


8.1 --- Ruolo dell’operatore responsabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
8.2 --- Raccomandazioni per la manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
8.3 --- Manutenzione generale della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.3.1 --- Giornaliera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.3.2 --- Settimanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.3.3 --- Mensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.4 --- Manutenzione organi di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.4.1 --- Scatola di trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.5 --- Materiali di consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.5.1 --- Oli per circuito idraulico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.5.2 --- Oli per scatola di trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.5.3 --- Oli per liquido lubrorefrigerante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102

CAPITOLO 9 --- Scelta degli utensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103


9.1 --- Scelta del nastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.1.1 --- Passo dei denti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.1.2 --- Velocità di taglio e di avanzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.1.3 --- Fluido lubrorefrigerante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.1.4 --- Struttura delle lame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9.1.5 --- Tipi di lame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
9.1.6 --- Tabella scelta lame per velocità di taglio e avanzamento . . . . . . . . . . . . 105
9.2 --- Classificazione degli acciai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
9.2.1 --- Tabella di nomenclatura degli acciai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106

CAPITOLO 10 --- Tabelle per diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107


10.1 --- Diagnostica per lame e tagli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
10.2 --- Troubleshooting (diagnostica tramite consolle di comando) . . . . . . . . . 111
Accesso alla videata di diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Elenco USCITE DIGITALI scheda IUD---IUV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Elenco INGRESSI DIGITALI scheda IUD---IUV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Verifica della tastiera della console di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Elenco INGRESSI ANALOGICI scheda IUD---IUV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
10.3 --- Messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

GARANZIA
La garanzia dei prodotti MEP è prestata ai sensi di legge e nel rispetto
dell’art. 1495 Cod.Civ
Presentazione

Manuale di uso e manutenzione per SHARK 320 AX


PREMESSA
La macchina SHARK 320 AX è stata progettata e realizzata specificatamente per il taglio di materiali metallici.
Il funzionamento è MANUALE, SEMIAUTOMATICO--DINAMICO, SEMIAUTOMATICO e AUTOMATICO: nel ciclo auto-
matico, l’operatore, dopo avere assicurato il materiale nella morsa di taglio, preme il pulsante dell’impugnatura archetto,
per l’avvio del nastro; il movimento della testa dall’alto verso il basso, determina il taglio del materiale nella lunghezza
impostata precedentemente. Nel ciclo di lavoro Semiautomatico--dinamico, Semiautomatico, e Automatico, l’archetto al
termine del taglio torna in alto, pronto per effettuare un nuovo ciclo di lavorazione.

TABELLA DATI TECNICI

SHARK 320 AX U.M. DATI

LAMA A NASTRO
Dimensione nom. mm 3150x27x0,9
Sviluppo max/min lama mm 3180/3130
Spessore lama mm 0,9
Tensionamento del nastro bar / Kg 70 / 900
VELOCITA’ DI TAGLIO
1^ Vel. Lenta mt/min 40
2^ Vel. Veloce mt/min 80
POTENZE E CONSUMI
Motore mandrino testa KW 1,8 / 1,5
Motore elettropompa fluido lubrorefrigerante KW 0,1 x 2
Motore spazzola pulilama ed evacuatore di trucioli (opt.) KW 0,022 x 2
Motore passo--passo servovalvola KW 0,09
Max potenza elettrica installata KW 2,134
Massima apertura delle morse mm 325
Pressione di esercizio Bar 6
Consumo d’aria per morsa di troncatura/alimentatore Nl/min 1,32/1,32
Consumo d’aria per un ciclo completo Nl/min 25,6
Olio per gruppo tensionamento lama Vol. Lt. 0,5
Olio per scatola di trasmissione capacità KG 2,5
Olio per liquido lubrorefrigerante (5--6%) capacità Lt. 30
N.B. Il valore riportato alla voce ”Consumo d’aria per ciclo completo” è riferita in condizioni di normalità (temperatura 0_
C e pressione atmosferica 1,013 bar ossia con la densità di 1,3x 10 --3 Kg/l) ,dove 1 Kg/min = 772 Nl/min.

Shark 320 ax 1
Presentazione

INTRODUZIONE
In risposta alle moderne tecniche di produzione la MEP S.p.A. propone il nuovo modello di segatrice a nastro SHARK 320
AX.
Le notevoli capacità di taglio, sfruttabili sia per singoli pezzi che per fasci, unite alla possibilità di effettuare tagli inclinati
fino a 45_ sinistra, rendono questo modello adatto a risolvere le problematiche di officine e tornerie, di reparti di carpenteria
per il taglio delle travi e di officine meccaniche che hanno le più disparate esigenze di taglio.
Questo modello di segatrice ha un funzionamento a microprocessore, è strutturalmente rigido, silenzioso e sicuro; riesce
a tagliare con poco sfrido (mm 1,2) e grande flessibilità applicativa materiali diversi come inox, leghe leggere, alluminio,
rame e bronzo, consentendo un notevole livello di velocità e precisione.
Ci complimentiamo per la scelta della SHARK 320 AX che potrete utilizzare con profitto per tantissimo tempo anche osser-
vando le istruzioni del presente manuale per il corretto uso e manutenzione.

SPECIFICHE MACCHINA

TARGA DI IDENTIFICAZIONE:
La targa di identificazione, in alluminio anodiz-
zato, è rivettata sul fianco della macchina.
MEP SPA Via Papa Giovanni XXIII, 49
IMPORTANTE: per i rapporti con il Servizio 61045 Pergola (PS) ITALY
Assistenza, è essenziale riferire i dati contenuti tel: 0721/73721

sulla targa riguardo il modello, la matricola e


anno di costruzione. MODELLO SHARK 320 AX
MATRICOLA
ANNO DI COSTRUZIONE

DIMENSIONI:
kg 1000
1960

MAX
2200
870

1230 700
400 1850
2340

CAPACITÀ DI TAGLIO:

Sezione
0 gradi 260 250 320x200

45 gradi sx 230 210 210x240


60 gradi sx 150 140 140x160
45 gradi dx * 180 160 110x250
* Quando si effettuano tagli a 45 gradi destra, è necessario spostare il rullo supporto barre dell’alimentatore, come illustrato
nel capitolo 6.

2 Shark 320 ax
Presentazione

LAMA A NASTRO:
Dimensioni: 3.150 x 27 x 0,9 mm.
Si possono usare lame a nastro con sviluppo compreso tra 3.120 e 3.180 mm. e altezza compresa tra 25,4 e 27 mm.
Tensionamento del nastro: 60 Bar = 800 Kg.
Velocità di taglio: 1ª Vel. 36 mt/min. -- 2ª Vel. 72 mt/min.
Inverter: convertitore di frequenza
Caratteristiche:

-- Potenza del più potente motore alimentabile Kw 2,2


Potenza -- Corrente sinusoidale massima in uscita Amp. 65 Velocità di taglio con INVERTER:
-- Potenza massima in uscita KVA 4,22
1ª Vel. da 20 a 45 m/min.
-- Tensione di alimentazione: trifase 3 x 380 V (più o meno 10%) 2ª Vel. da 35 a 90 m/min.
Alimentazione
-- Frequenza di alimentazione: 50/60 Hz (più o meno 5%)

-- Forma d’onda: sinusoidale


-- Tensione di uscita: trifase da 0 a 380 V
Uscita -- Frequenza di uscita: da 2,5 a 100 Hz
-- Stabilità di frequenza : più o meno 1%
-- Rendimento: 88% alla massima potenza

-- Protetto da sovraccarichi meccanici (limitazione di corrente)


-- Protetto da corto circuito fase--fase
-- Protetto da corto circuito fase--terra
-- Protetto da sovratemperature
Protezioni -- Protetto da sovratensione da carico rigenerativo
-- Protetto da sovratensione da picchi di alimentazione con durata
inferiore a 1 ms
-- Protetto da tensione di alimentazione insufficiente o
microinterruzione di corrente
-- Protetto da corto circuito fra i terminali del potenziometro

MOTORE MANDRINO:
Motore mandrino: asincrono trifase 2 -- 4 poli; Hz 50.
Caratteristiche:
Tensione Volt Assorbimento Amp. Potenza Kw Giri / minuto

2 poli 230/400 8,6/5,7 1,8 2.855

4 poli 230/400 8/4,4 1,5 1.415

Avvolgimento dello statore in rame smaltato classe H 200 C;


Isolamento classe F (temperatura limite TL155 C);
Esempio di isolamento in classe F: nelle macchine raffreddate in aria a temperatura ambiente di 40_ C (secondo CEI
2--3 e IEC 85) la sovratemperatura ammissibile è di 100_ C (dove 100_ C rappresenta il ∆T ammissibile).
Grado di protezione IP 54 (totale contro i contatti con le parti in tensione e contro l’acqua spruzzata da tutte le direzioni).
Conforme alle Norme CEI pubblicazione IEC 34 del 1º Luglio 1985.

MOTORE ELETTROPOMPA:
Elettropompa fluido refrigerante: monofase 230/400; Hz 50.
Caratteristiche:
Tensione Volt Assorbimento Amp. Potenza Kw Giri / minuto

230 0,53 0,1 2.800

400 0,34 0,1 2.800

Grado di protezione IP 55.


Conforme alle Norme CEI pubblicazione IEC 34 del 1º Luglio 1985.

Shark 320 ax 3
CAPITOLO 1 - Parti funzionali della macchina
Per meglio comprendere il funzionamento della macchina, che 1.3 -- Cilindro pneumatico
verrà mostrato ampiamente nel capitolo ”DESCRIZIONE DEI CI-
CLI DELLA MACCHINA”, prendiamo in esame i suoi organi prin- Il cilindro pneumatico è l’organo di movimentazione della testa,
cipali e la relativa ubicazione. e attraverso il regolatore di discesa testa, posto sul quadro co-
mandi, condiziona la velocità di avanzamento dalla posizione di
inizio a quella di fine taglio. Il movimento di ritorno della testa, nel
ciclo di taglio manuale, è assicurato dalla molla opportunamente
1.1 -- Testa operatrice tensionata. Il cilindro è solidale all’archetto tramite una staffa e al-
la piattaforma con la forcella dello stelo cilindro.
La testa operatrice è l’organo che esegue il taglio ed è composta
da una fusione di ghisa sulla quale sono montati: il nastro, gli or-
gani di guida del nastro, il gruppo di tensionamento del nastro, la
scatola di trasmissione e il motore mandrino. La testa operatrice
è vincolata nei suoi movimenti dallo snodo ricavato sul piano di
taglio, ed effettua una corsa in verticale dalla posizione in alto a
quella in basso, programmabile da quadro comandi. Questo or-
gano è comandato manualmente tramite l’impugnatura nel ciclo
di funzionamento MANUALE.

1.4 -- Alimentatore
L’alimentazione del materiale viene effettuata dal carrello dell’ali-
mentatore che, serrando il materiale con la morsa pneumatica,
trascina, traslando su guide rettificate, il materiale di taglio.

1.2 -- Morsa di taglio e di alimentazione


La morsa di troncatura blocca il materiale durante il taglio, men-
tre quella di alimentazione serra il materiale per effettuare l’ali-
mentazione dello stesso. Ad ogni modo, è composta da un
supporto morsa, comunemente chiamata ”chiocciola”, e da una
vite solidale con uno scorrevole su cui è montata la ganascia mo-
bile. Le morse sono azionate manualmente tramite il volantino
oppure dal cilindro pneumatico.

1.5 -- Quadro comandi


La consolle di comando ha un alloggiamento con protezione
totale da fenomeni elettrici o elettromeccanici, e la tastiera è stata
progettata per resistere a forti sollecitazioni. Il display a LCD
riproduce messaggi sia riguardo ai parametri di lavorazione che
di autodiagnostica. I comandi logici a 24 volt sono realizzati in
conformità con le normative vigenti.

4 Shark 320 ax
Parti funzionali della macchina

1.8 -- Spazzola pulilama motorizzata


(optional)

ELECTRONIC Optional realizzato per allungare la vita dell’utensile e per assicu-


Kg A
rare tagli sempre al massimo delle prestazioni della macchina.
STOP
RUN
PROG
BAR
PSI F1
mt/min
40
80 RESET
30˚SETUP
45˚ START y y
CHECK

1.6 -- Quadro elettrico


Al quadro elettrico della macchina si accede aprendo lo sportello
sinistro del basamento. L’accesso è delimitato da uno sportello
con dispositivo bloccoporta lucchettabile che è stato concepito in
modo da impedire ogni tipo di manomissione intenzionale.
L’impianto elettrico è chiuso dentro un involucro protettivo IP54.
1.9 -- Controllo MEP 23
Il nuovo controllo MEP 23, ha la sua sede all’interno del quadro
comandi, infatti togliendo le viti che fissano il frontale del quadro
si può accedere alle due schede che lo compongono.

1.7 -- Evacuatore di trucioli (optional)


Quest’accessorio è stato ideato per soddisfare le esigenze di
produzioni consistenti. È composto da un motore trifase accop-
piato ad una coclea che trascina i trucioli dal cassetto, all’interno
della macchina, fino al contenitore esterno di raccolta.

Shark 320 ax 5
CAPITOLO 2 - Sicurezza ed antinfortunistica
ALLACCIAMENTI
La SHARK 320 AX è stata progettata e realizzata nel rispetto In base agli assorbimenti della macchina, contemplati nelle
delle norme europee. tabelle delle ”Specifiche macchina”, verificare e adeguare le con-
Esortiamo a seguire attentamente le istruzioni contenute in que- dutture di alimentazione elettrica e pneumatica per sopportare i
sto capitolo che sono essenziali per il corretto uso della mac- massimi assorbimenti della macchina.
china.
IMPIANTO DI MESSA A TERRA
L’esecuzione dell’impianto di messa a terra deve rispondere a
precise caratteristiche che vengono definite dalla NORMA IEC
2.1 -- Uso previsto della macchina 204.
POSIZIONE DELL’OPERATORE
L’impiego della segatrice a nastro SHARK 320 AX è previsto solo La posizione dell’operatore che effettua una lavorazione con la
ed esclusivamente per il taglio di materiali profilati e pieni metallici macchina deve essere quella riportata nello schema sottostante.
ferrosi e non ferrosi. Altri tipi di materiali e di lavorazioni non
sono compatibili con le specifiche caratteristiche della mac-
china.
L’istruzione del personale è a cura del datore di lavoro, che prov-
vederà ad informare l’operatore sui rischi da infortunio, sui dispo-
sitivi predisposti per la sicurezza dell’operatore, sui rischi da
emissione di rumore e sulle regole antinfortunistiche generali
previste da direttive internazionali e dalla legislazione del paese
di impiego della macchina. L’operatore deve essere perfetta-
mente a conoscenza della posizione e del funzionamento di
tutti i comandi della macchina.
Le istruzioni, le avvertenze, le regole generali antinfortuni-
stiche contenute in questo manuale devono essere rispet-
tate integralmente dal personale addetto.
Ai sensi della DIRETTIVA MACCHINE CEE 98/37/CE, vengono
2.3 -- Raccomandazioni all’operatore
rese note le seguenti definizioni:
Indossare sempre occhiali di protezione ade-
` ”Zone pericolose”: qualsiasi zona all’interno e/o in prossi- guati.
mità di una macchina in cui la presenza di una persona
esposta costituisca un rischio per la sicurezza e la salute di
detta persona.

` ”Persona esposta”: qualsiasi persona che si trovi completa-


mente o in parte in una zona pericolosa. Non usare la macchina senza le protezioni a
posto.
` ”Operatore”: la o le persone incaricate di installare, di far
funzionare, di regolare, di eseguire la manutenzione, di
pulire, di riparare e di trasportare la macchina.

ATTENZIONE!
Il costruttore è sollevato da qualsiasi responsabilità civile e Non avvicinare le mani o le braccia alla zona di
penale se avvengono manomissioni/sostituzioni non auto- taglio mentre la macchina sta operando o l’uten-
rizzate di una o più parti o gruppi della macchina, oppure se sile lavoratore ancora in moto.
vengono usati accessori, utensili e materiali di consumo
diversi da quelli raccomandati dal costruttore stesso o se la
macchina viene inserita in un sistema complesso e ne viene
cambiata la destinazione d’uso.

2.2 -- Raccomandazioni generali Non indossare abiti larghi, con maniche lunghe,
guanti non a misura, braccialetti, catenine o qual-
siasi altro oggetto che possa impigliarsi nella
macchina durante il lavoro; raccogliere capelli
ILLUMINAZIONE DEL LOCALE lunghi.
La mancanza di un’illuminazione adeguata al tipo di operazioni
previste potrebbe comportare rischi all’incolumità delle persone.
Per questo motivo il destinatario (utilizzatore) della macchina Staccare sempre la macchina dalla presa di cor-
deve garantire un’illuminazione dell’ambiente di lavoro allo rente prima di operare qualsiasi intervento di ma-
scopo di eliminare eventuali zone d’ombra o abbagliamenti fasti- nutenzione, anche nel caso di operazioni non
diosi. (Riferimento norma ISO 8995--89 ”Illuminazione degli normali della macchina.
ambienti di lavoro”).

6 Shark 320 ax
Sicurezza ed antinfortunistica
Prima di iniziare a tagliare supportare adeguata- Non spostare la macchina mentre sta tagliando.
mente il materiale da entrambi i lati della macchi-
na usando, se necessario, accessori OPTIONAL
come le vie a rulli di carico e scarico riprodotte nel
disegno sottostante. Prima di rimuovere i dispo-
sitivi di sostegno e movimentazione del materia-
le, bloccarlo con i mezzi di presa della macchina
o con altra attrezzatura idonea.
Non usare lame con dimensioni diverse da quel-
le dichiarate nelle specifiche della macchina.

PIANALE DI CARICO PIANALE DI SCARICO


mm. 1500 mm. 1500

Quando si tagliano dei pezzi molto corti, fare at-


tenzione a che questi non vengano trascinati die-
tro la spalla di appoggio, con il pericolo di
inceppare la lama.

Eventuali interventi sugli impianti idraulici e Quando si utilizza la morsa idraulica in semiauto-
pneumatici vanno effettuati solo dopo aver scari- matico o automatico controllare che arrivi effetti-
cato la pressione all’interno degli impianti stessi. vamente a bloccare il pezzo, poichè la sua corsa
è di soli 8 mm, e che la pressione di serraggio sia
corretta.

L’operatore deve evitare operazioni malsicure e Quando si opera sulla segatrice indossare i
non previste dalla lavorazione in corso (es. guanti solo per movimentare il materiale e rego-
togliere trucioli dalla macchina mentre taglia). lare o cambiare l’utensile. Fare una sola opera-
zione per volta e non impegnare le mani con più
oggetti contemporaneamente. Mantenere, per
quanto possibile, le mani pulite.

Sgombrare l’area di taglio da attrezzi, utensili o Attenzione: se la lama si pianta nel taglio pre-
da qualsiasi altro oggetto; mantenere, per mere immediatamente il pulsante di emergenza
quanto possibile, pulita la zona di lavoro. della macchina. Qualora la lama non si liberi,
aprire lentamente la morsa, rimuovere il pezzo e
controllare che la lama o i denti non siano rotti,
nel qual caso sostituire la lama.

Prima di operare qualsiasi intervento di ripara-


zione sulla macchina consultare il servizio tec-
Prima di iniziare l’operazione di taglio, assicurar- nico MEP, anche presso i mandatari nel paese di
si che il pezzo sia saldamente bloccato nella utilizzo della macchina.
morsa e la macchina settata correttamente.
Quelli che seguono sono esempi di corretto bloc-
caggio di profili diversi sulle segatrici di nostra
produzione

2.4 -- Dispositivi di sicurezza macchina


Questo manuale di uso e manutenzione non vuole essere sola-
mente una guida per la utilizzazione della macchina sotto un pro-
filo strettamente produttivo, ma uno strumento finalizzato al
corretto impiego per la sicurezza e la tutela dei lavoratori. Di se-
guito sono citate le norme disposte dal consiglio CEE contenute
nelle direttive concernenti la sicurezza delle macchine, la sicu-
rezza del posto di lavoro, la protezione individuale e la protezione
dell’ambiente. Queste norme sono state applicate alla SHARK
320 AX.

2.4.1 -- Norme di riferimento

LA SICUREZZA DELLE MACCHINE


Non usare la macchina per tagliare pezzi che ec-
cedano le capacità dichiarate nella scheda tec- ` Direttiva CEE n. 98/37/CE del 14.06.1989 nota come ”Diret-
nica. tiva macchine”
` Direttiva CEE n. 91/368 -- 93/44 -- 93/68 che modifica la diret-
tiva CEE n. 98/37/CE relativa alla sicurezza macchine.

Shark 320 ax 7
Sicurezza ed antinfortunistica
` Direttiva CEE n. 73/23 nota come ”Direttiva bassa tensione” 2.4.3 -- Equipaggiamento elettrico
LA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO
In accordo con la Norma Italiana CEI 60204--1, Settembre 1993,
` Direttiva CEE n. 80/1107; 83/477; 86/188; 88/188; 88/642 in derivata da Norma Europea EN 60204--1 pubblicazione IEC
materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da 204--1, 1992:
esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il
- Accessibilità al quadro elettrico del pannello comandi limitata
lavoro. da viti e interruttore di sicurezza a chiave;
` Direttiva CEE n. 89/391 e Direttive particolari CEE n. 89/654 - Accessibilità al quadro elettrico limitata da viti e interruttore di
sicurezza a chiave;
e n. 89/655, relativa al miglioramento della sicurezza e della - Tensione di comando sugli attuatori 24 Vac, in accordo con il
salute dei lavoratori durante il lavoro. capitolo 6 della Norma Europea ”Circuiti di comando e segna-
` Direttiva CEE n. 90/394 relativa alla protezione dei lavoratori lazione” paragrafo 2 ”Circuiti di comando” comma 1 ”Valori
preferenziali di tensione per i circuiti di comando”;
contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti cancerogeni - Protezione impianto da cortocircuiti tramite fusibili rapidi e
durante il lavoro. messa a terra di tutte le parti di contatto di lavoro e accidentali;
- Protezioni da riavvii accidentali tramite relè di minima tensione
` Direttiva CEE n. 77/576 e n. 79/640 sulla segnaletica di sicu- in caso di caduta dell’alimentazione.
rezza sul posto di lavoro.

LA PROTEZIONE INDIVIDUALE 2.4.4 -- Emergenze


` Direttiva CEE n. 89/656 e n. 89/686 relative all’uso dei dispo-
sitivi di protezione individuale. In accordo con la Norma IEC 204--1:

- Capitolo 5 Paragafo 6 Comma 1 ”Dispositivo arresto di


LA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE emergenza”:
«il dispositivo di arresto di emergenza blocca immediatamen-
` Direttiva CEE n. 75/442 relativa allo smaltimento dei rifiuti. te tutte le funzioni pericolose e non della macchina»
- Capitolo 6 Paragrafo 2 Comma 4 Punto 7 ”Ripari protetti-
` Direttiva CEE n. 75/439 relativa alla eliminazione degli oli vi”:
usati. «la rimozione di ripari protettivi, destinati a impedire l’accesso
a parti o zone pericolose, provoca l’arresto della macchina; il
ripristino di tali ripari non comporta la ripresa del funzionamen-
2.4.2 -- Protezioni dal contatto accidentale con to ma le funzioni devono essere reinizializzate»
l’utensile ...le emergenze applicate alla SHARK 320 AX:
¡ Cella di carico per il rilevamento della tesatura del nastro:
in caso di rottura o fuoriuscita della lama dalle pulegge si ha
¡ Protezione metallica fissata con viti sulla testina guidalama l’arresto immediato della macchina.
posteriore (lato macchina); © Carter di protezione lama: in caso di apertura accidentale o
© protezione metallica fissata con viti sulla testina guidalama an- voluta del carter di protezione della lama durante il funziona-
teriore (lato operatore); solidale con la testina in modo da ga- mento in ciclo della macchina, viene azionato un microinterrut-
rantire, quando essa è posizionata alla massima apertura, la tore che arresta immediatamente tutte le funzioni.
copertura della lama per lasciare libero solo il tratto di lama im- ¢ Arresto di emergenza: sul quadro comandi della macchina
pegnato nel taglio come da DPR 547/55 art.108 ; è situato un pulsante di emergenza a ritenuta, costituito da un
¢ carter di protezione della lama dotato di cerniere e dispositivi fungo di colore rosso su sfondo di colore giallo. Per il rilascio
di chiusura ”amovibili”; di questo pulsante è necessario effettuare una rotazione del-
£ placchette guidalama coprenti interamente la dentatura del l’attuatore di 45 gradi. Dopo la rimozione di questa emergenza
nastro; la macchina deve essere reinizializzata.
¤ la morsa di taglio è azionata dal cilindro idraulico, tramite il £ Interruttore di sicurezza sportello basamento: per acce-
comando manuale oppure dalla pedaliera (optional), con una dere al quadro elettrico della macchina si deve aprire lo spor-
corsa massima di 8 mm. La ganascia che effettua il bloccaggio tello del basamento. Il finecorsa di sicurezza interrompe
del pezzo, deve essere accostata al particolare in lavorazione l’alimentazione, arrestando tutte le funzioni della macchina.
ad una distanza di 2
3 mm. ¤ Finecorsa di sicurezza carter alimentatore: per accedere
¥ barra di protezione posta anteriormente per assicurare la di- all’alimentatore bisogna aprire il carter. Il finecorsa di sicu-
stanza di sicurezza dell’operatore dagli organi in movimento. rezza interrompe il funzionamento della macchina arrestan-
done le funzioni che dovranno essere reinizializzate.
¥ Trasduttore di velocità di taglio (proximity): arresta imme-
diatamente la macchina nel caso di blocco dell’utensile nel
2 3 taglio.
¦Contatto a pressione (pressostato): questo dispositivo bloc-
1 ca istantaneamente tutte le funzioni della macchina quando la
pressione dell’aria compressa dello stabile scende al di sotto
4 dei 3 Bar.

6 1
6
5 3
2

5
4
7

8 Shark 320 ax
Sicurezza ed antinfortunistica

2.5 -- Rumore aereo della macchina Il danno provocato dal rumore è dipendente da tre parametri: il
livello, il contenuto in frequenza e la durata. Il concetto di livello
equivalente Leq combina i tre parametri e ne fornisce una sola e
Il rumore è causa di danni uditivi e rappresenta un problema semplice indicazione. Il Leq è basato sul principio di uguale ener-
che molti paesi affrontano con apposite regolamentazioni. In con- gia e rappresenta il livello continuo stazionario contenente la
formità delle normative stabilite dalla Direttiva Macchine CEE stessa energia, espressa in dBA, di quello reale fluttuante nello
98/37/CE, Vi informiamo sulle norme che stabiliscono la soglia di stesso periodo di tempo.
livello acustico per le macchine utensili. In questo capitolo sono Questo calcolo viene fatto automaticamente dal fonometro inte-
riportati i valori di rumore aereo prodotti dalla SHARK 320 AX gratore. Le misurazioni durano ognuna 60 secondi, in modo che
nelle diverse fasi di funzionamento e il metodo usato per il rileva- il valore possa stabilizzarsi; successivamente il dato ottenuto ri-
mento dei valori acustici. Tale situazione è regolamentata in ITA- mane leggibile sul display perchè l’operatore abbia il tempo ne-
LIA dal D.M.n.277/91 che ha recepito le Direttive Comunitarie cessario alla lettura.
80/1107/CEE, 82/605/CEE, 83/477/CEE, 86/188/CEE,
88/642/CEE. Le misurazioni vengono effettuate tenendo l’apparecchio a circa
1 metro di distanza dalla macchina e tenendo lo strumento all’al-
tezza di 1,60 mt dalla piattaforma nella postazione di lavoro del-
2.5.1 -- Modalità di rilevamento dei valori acustici l’operatore. Vengono effettuate tre misurazioni: la prima mentre
la macchina esegue un ciclo di taglio in semiautomatico a vuoto;
la seconda tagliando il materiale in modo manuale; la terza ta-
La misura della rumorosità si effettua avvalendosi di uno stru- gliando il materiale in ciclo semiautomatico.
mento detto Fonometro integratore utilizzato per rilevare il livel-
lo di pressione acustica, continuo equivalente, ponderato nel
posto di lavoro.

2.5.2 -- Valori di rumorosità

Elementi identificativi
Tipologia di macchina Segatrice a nastro per metallo
Modello SHARK 320 AX
Norma di riferimento ISO 3746

Risultati
Taglio acciaio C40 -- tubo a spessore 130x150 mm.
Descrizione
Nastro bimetallico 3150x27x0,9 M42 Z 5/7
Prova nr. 1 LIVELLO SONORO MEDIO (Leq) 77,24 dB(A)
Risultati Correzione ambientale (K) 6,80 dB(A)
Potenza sonora di picco (Lw) 87,56 dB(A)
Taglio acciaio C40 -- tubo pieno Ø 80 mm.
Descrizione
Nastro bimetallico 3150x27x0,9 M42 Z 5/7
Prova nr. 2 LIVELLO SONORO MEDIO (Leq) 75,32 dB(A)
Risultati Correzione ambientale (K) 6,80 dB(A)
Potenza sonora di picco (Lw) 85,67 dB(A)
Taglio acciaio C40 -- tubo pieno 120x130 mm.
Descrizione
Nastro bimetallico 3150x27x0,9 M42 Z 5/7
Prova nr. 3 LIVELLO SONORO MEDIO (Leq) 76,98 dB(A)
Risultati Correzione ambientale (K) 6,80 dB(A)
Potenza sonora di picco (Lw) 87,45 dB(A)

Shark 320 ax 9
Sicurezza ed antinfortunistica

2.6 -- Compatibilità elettromagnetica 1 “EMISSIONI: l’apparato, o sistema, durante il suo funziona-


mento, non deve emettere segnali elettromagnetici non voluti, di
Dal 1º Gennaio 1996 tuti gli apparecchi elettrici ed elettronici, entità tale da inquinare l’ambiente elettromagnetico circostante
provvisti di marcatura CE, che vengono immessi sul mercato in oltre limiti ben definiti”;
Europa, devono rispettare la conformità alla Direttiva CEE 2 “IMMUNITÁ: l’apparato, o il sistema, deve poter funzionare cor-
89/336 e del decreto legislativo n. 476/92 riguardanti la compati- rettamente anche quando si trova in un ambiente elettromagneti-
bilità elettromagnetica, che si occupa della convivenza degli ap- co inquinato da disturbi di entità definita”.
parati e sistemi elettrici/elettronici con l’ambiente Di seguito, l’elenco delle norme applicate e i risultati della verifica
elettromagnetico che li ospita. In particolare riguarda due diversi di compatibilità elettromagnetica della macchina Shark 320 AX;
aspetti: Rapporto di prova nr. 150201.
2.6.1 -- Emissioni
` EN 50081--2 (1994) Compatibilità Elettromagnetica -- Norma ` EN 55014--1 + A2 (1998--1999) Compatibilità Elettromagneti-
generica sull’emissione. Parte 2: Ambiente industriale. ca -- Prescrizione per gli elettrodomestici, gli utensili elettrici e gli
` EN 55011 (1999) Apparecchi a radiofrequenza industriali, apparecchi similari. Parte 1: Emissione Norma di famiglia di pro-
scientifici e medicali (ISM). Caratteristiche di radiodisturbo -- Li- dotto.
miti e metodi di misura.
EMISSIONI CONDOTTE
Porta A Freq. (MHz) Limite di quasi---picco Limite di valor medio (dBuV) Esito
(dBuV)
Alimentazione a.c. 0.15 --- 0.5 79 --- 73 66 --- 60 Conforme
ingresso (decrescente lin. col loga- (decrescente lin. col logaritmo del-
ritmo della frequenza) la frequenza)
73
0.5 --- 5 73 60
5 --- 30 60

EMISSIONI CONDOTTE --- ANALISI DEI DISTURBI INTERMITTENTI


Porta Esito
Alimentazione a.c. ingresso Non applicabile

EMISSIONI IRRADIATE
Porta Freq. (MHz) Limite di quasi---picco Esito
(10 mt.) (dBuV/m)
Involucro 30 --- 230 40 Conforme
230 --- 1000 47

2.6.2 -- Immunità
` EN 50082--2 (1995) Compatibilità Elettromagnetica -- Norma ` EN 61000--4--4 (1996) Compatibilità Elettromagnetica (EMC)
generica sull’immunità. Parte 2: Ambiente industriale. -- Parte 4: Tecniche di prova e di misura -- Sezione 4: Prove di im-
` EN 61000--4--2 + A1 (1996--1999) Compatibilità Elettroma- munità transitori/treni elettrici veloci -- Pubblicazione di base.
gnetica (EMC) -- Parte 4: Tecniche di prova e di misura -- Sezione ` EN 61000--4--6 (1995) Compatibilità Elettromagnetica (EMC)
2: Prove di immunità a ascarica elettrostatica -- Pubblicazione di -- Parte 4: Tecniche di prova e di misura -- Sezione 6: Immunità
base. ai disturbi condotti, indotti da campi a radiofrequenza.
` IEC 801--3 (1984) Compatibilità Elettromagnetica per appa- ` ENV 50204 (1996) Campo elettromagnetico irradiato dai ra-
rati di misura e di comando per processi industriali. Parte 3: Pre- diotelefoni numerici.
scrizioni relative ai campi elettromagnetici irradiati.
IMMUNITÁ ALLE SCARICHE ELETTROSTATICHE
Porta Livello di prova Criterio di valutazione Esito
Involucro a contatto 4 kV B Conforme
4 kV piano d’acc.
in aria 8 kV

IMMUNITÁ AI TRANSITORI VELOCI DI TENSIONE (Burst)


Porta Livello di prova Criterio di valutazione Esito
Alimentazione a.c. ingres- 2 kV B Conforme
so

IMMUNITÁ AI CAMPI ELETTROMAGNETICI CONDOTTI


Porta Livello di prova Criterio di valutazione Esito
Alimentazione a.c. ingres- 10V A Conforme
so

IMMUNITÁ AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IRRADIATI


Porta Livello di prova Criterio di valutazione Esito
Involucro 10 V/m A Conforme

10 Shark 320 ax
CAPITOLO 3 - Installazione della macchina
3.1 -- Disimballaggio della macchina 3.2 -- Check list
La MEP S.p.A. utilizza imballi adeguati a garantire l’integrità e la Prima di iniziare l’installazione della macchina, procedere con un
conservazione durante il trasporto fino alla consegna al cliente. controllo degli accessori, di serie o opzionali, che corredano la
Il tipo di imballaggio della macchina cambia a seconda delle macchina. La segatrice SHARK 320 AX 2 VELOCITÀ in versione
dimensioni, del peso o della destinazione, perciò il cliente rice- base viene fornita completa di:
verà la macchina in uno dei due seguenti modi: ` ciclo semiautomatico/dinamico: abbassando manualmente la
-- imballo con pallet, legaccio e plastica termoretraibile testa fino alla posizione desiderata e premendo il pulsante
sull’impugnatura si avvia il ciclo semiautomatico;
` consolle di programmazione e comando con display LCD e
messaggi di autodiagnostica (comandi logici 24 Volt)
` dispositivo che consente, selezionando il ciclo funzionamento
manuale, di bypassare automaticamente il circuito frenante
per rendere agevole la manovra della testa, lasciando impos-
tata qualsiasi velocità sul regolatore;
` programmazione dal quadro comandi dei limiti della corsa
della testa in base alle dimensioni delle barre da tagliare;
` impostazione dal quadro comandi di 10 programmi di taglio,
per ognuno dei quali si possono impostare un massimo di
9.999 tagli e 99 corse dell’alimentatore automatico da 500
mm.;
` controllo elettronico del tensionamento del nastro;
` controllo di rotazione del nastro con intervento di arresto in
tempo reale nel caso di utensile bloccato;
` controllo adattivo dello sforzo di taglio;
` quadro di alloggiamento della consolle con protezione totale
da fenomeni elettrici o elettromeccanici IP54;
` robusta struttura in carpenteria elettrosaldata predisposta per
il trasporto con sollevatore o transpallet.
` amperometro per visualizzare l’assorbimento del motore e
controllare lo stato di usura della lama;
-- imballo con pallet, legaccio, plastica termoretraibile e gab- ` morsa pneumatica anche operando in ciclo manuale, con dis-
bia in legno. positivo di accostamento rapido;
` piattaforma girevole montata su cuscinetto per una rotazione
agevole e precisa;
` filtro contro la dissipazione di radio disturbi;
` lama a nastro bimetallica 3150 x 0,9 x 27 per pieni e profilati;
` dispositivo pulilama a spazzola;
` predisposta per il montaggio dei pianali a rulli lato carico;
` busta accessori.
La busta accessori viene sistemata prima dell’imballo all’interno
della macchina; di seguito riportiamo l’elenco di tali accessori:
` chiave esagonale mm. 3,5,6,10;
` chiave a tubo mm. 10;
` chiave esagonale lungha mm. 3;
` pompetta manuale per caricamento cilindro;
` questo manuale di uso e manutenzione;

OPTIONAL
VARIANTI CON SUPPLEMENTO:
` velocità nastro 18/36 m/min.;
` dispositivo pulilama a spazzola motorizzata;
` morsa speciale riduzione sfrido;
In entrambi i casi prendere la macchina facendo uso di sollevatori
a forche, infilate nei punti indicati dalla freccia, prendendo come ACCESSORI A RICHIESTA:
riferimento le avvertenze riportate sulla gabbia. ` visualizzatore della lunghezza di taglio impostata ¦0,1/500 mm
` comando supplementare a pedaliera
ATTENZIONE! Per le movimen- ` evacuatore di trucioli motorizzato;
tazioni non imbracare con ` variatore elettronico dei giri (inverter) m/min 20--45/35--90;
fasce la macchina imballata. ` dispositivo per taglio a fasci;
` lama a nastro bimetallico 3150x0,9x27 M2;

NO ` lama a nastro bimetallico 3150x0,9x27 M42;


` supporto barre;
` pianale a rulli K60 lato carico modulo componibile mm. 1500;
` sostegno pianale a rulli lato carico;
` adattatore pianale a rulli lato scarico;
` pianale a rulli K60 lato scarico mm. 1500;
` pianale a rulli K60 lato scarico mm. 3000;
` pianale a rulli K60 lato scarico mm. 4500;
` pianale a rulli K60 lato scarico mm. 6000;
Per eseguire l’installazione togliere l’imballo facendo attenzione ` confezione di olio emulsionabile lt. 5;
a non tagliare cavi elettrici o tubi idraulici servendosi, se necessa-
rio, di pinze, martello e taglierino. Per l’allocazione della mac-
china nella sede di lavoro procedere come indicato nel paragrafo
3.4 tenendo presente, nella scelta di tale allocazione, l’ingom-
bro della macchina e lo spazio necessario alle manovre
dell’operatore per garantire la propria incolumità.

Shark 320 ax 11
Installazione della macchina

3.3 -- Requisiti minimi infilare le forche del sollevatore ed effettuare il trasporto; rimette-
re a posto il pannello di copertura.

I requisiti minimi ambientali per assicurare il corretto funziona-


mento della macchina sono i seguenti:

-- tensione di rete / frequenza: consultare i valori riportati sulla tar-


ghetta dei dati caratteristici
-- pressione di esercizio: non inferiore a 6 bar e non superiore a
8 bar
-- temperatura ambiente: da -- 10 a + 50 gradi C.
-- umidità relativa: non oltre 90 %
-- illuminazione del locale non inferiore a 500 LUX

ATTENZIONE !
La macchina è già protetta da eventuali variazioni di ten-
sione in atto nello stabile, ma il buon funzionamento è garantito
dalla stabilità della tensione che non deve superare valori di 
10%.

3.4 -- Livellamento e movimentazione della


macchina
3.5 -- Tensionamento molla richiamo testa
Il basamento, della SHARK 320 AX, è dotato di 4 fori filettati M10
dove sono avvitati 4 grani; questi grani, sono utili per il livella- ATTENZIONE !
mento della macchina, nel caso il pavimento dello stabile risulti La macchina non può funzionare se non viene ripristinato
non in piano. Nel posizionare la macchina, si deve tenere conto l’equilibrio della testa operatrice.
degli ingombri riportati schematicamente nel paragrafo delle
SPECIFICHE MACCHINA. La posizione della testa durante il trasporto è orizzontale, per
favorire il bilanciamento della macchina, per questo motivo la
molla richiamo testa posta sul retro dell’archetto viene detensio-
nata in fase di imballo e spedizione. Quindi prima di operare con
FORO M10 la macchina è necessario tensionare la molla richiamo testa per
ripristinare l’equilibrio della testa operatrice (archetto).

FORO M10
820

FORO M10

FORO M10
Per tendere la molla usare una chiave DIN 17 mm.
1730

3.6 -- Collegamento della tensione elettrica


Nel caso di uno spostamento della macchina dalla sua sede, usa-
re un sollevatore con le forche: Prima di collegare la macchina alla rete elettrica verificare che la
presa di corrente non sia collegata in serie con altre macchine
rimuovere i pannelli di copertura nella parte anteriore del basa- operatrici. Questo requisito è fondamentale per il buon funziona-
mento togliendo le viti di fissaggio; mento della macchina.
Per collegare la macchina alla rete elettrica si devono compiere
le seguenti operazioni:
1 -- collegare il cavo di alimentazione della macchina alla ”spina”
adatta alla presa che avete deciso di usare (EN 60204--1
par.5.3.2)

COLLEGAMENTO PER IMPIANTI CON NEUTRO ”5 FILI”


R = L1
S = L2
T = L3
PE = GND
N = NEUTRO

COLLEGAMENTO PER IMPIANTI CON NEUTRO ”4 FILI”


R = L1
S = L2
T = L3

PE = GND

ATTENZIONE !

12 Shark 320 ax
Installazione della macchina
Negli impianti con il neutro è necessario prestare particolare at-
tenzione al collegamento del filo azzurro del neutro poichè se
collegato ad un filo di fase, scarica la tensione di fase sulle appa-
recchiature collegate per tensione: fase -- neutro.
2 -- Inserire la spina nella presa, accertandosi che la tensione di
rete sia quella per la quale la macchina è stata predisposta.
d) Dopo la videata di presentazione la macchina ci propone l’ul-
VOLT ? VOLT ? timo programma eseguito, premete il tasto del ciclo manuale.

CICLO:AUTOMATICO
P TAGLI CORSE FCTI
4 0023 01
3 -- Girare l’interruttore generale della macchina in posizione 1: V=00

0 1
RUN

e) A questo punto per verificare che il collegamento sia stato ese-


guito correttamente selezionare una velocità di taglio.

4 -- Accertarsi che la connessione alla rete elettrica sia corretta.


Per questa verifica è necessario compiere le seguenti operazio-
ni:
a) tensionare la lama a 800 Kg.
CICLO IN ESECUZIONE
MANUALE

V=00

RUN
f) azionare il jog (pulsante) posto sulla leva di comando testa ma-
La macchina non funziona se il nastro è detensionato. nuale;
Questo al fine di garantire anzitutto che il nastro non esca dai vo-
lani, che i tagli ottenuti siano diritti e che la vita stessa del nastro
sia di lunga durata. Vi preghiamo di tenere in considerazione que-
ste nozioni durante lo svolgimento delle attività lavorative.
b) Dalla videata iniziale premere CLEAR per accedere alla
seconda videata.
g) a questo punto, se tutte le operazioni svolte hanno avuto suc-
cesso, il motore della lama si avvierà ed il nastro inizierà a scorre-
MEP spa
re.
ELECTRONIC SHARK 320 AX
CLEAR = CONTINUA
Kg A
STOP
RUN
PROG
BAR
PSI F1
mt/min
40
80 RESET
30˚SETUP
45˚ START y y
CHECK Accertarsi che il nastro scorra nella direzione giusta come
indicato in figura. In caso contrario è sufficiente invertire la posi-
zione di due fili di fase sull’ingresso di alimentazione della mac-
china.

c) Assicurarsi che la macchina non sia in emergenza (fungo ros- Ora la segatrice è pronta per iniziare il lavoro per il quale è stata
so rilasciato). realizzata. Per quanto riguarda i cicli di funzionamento prosegui-
re la lettura del quarto capitolo, dove sono ampiamente dimostra-
te le funzionalità di questo prodotto.

Shark 320 ax 13
CAPITOLO 4 -- Programmazione e descrizione dei cicli di
funzionamento
4.1 -- Descrizione della consolle di comando e programmazione

ELECTRONIC
MEP spa
SHARK 320 AX
CLEAR = CONTINUA

Kg A
STOP
RUN
PROG
BAR
PSI
F1
mt/min
40
80 RESET
45˚SETUP
30˚ CHECK
START y y

AMPEROMETRO INDICATORE ASSORBIMENTO CORRENTE


MOTORE LAMA.

INDICATORE CARICO DI TESATURA LAMA.

PULSANTE DI INTERVENTO DI EMERGENZA

POTENZIOMETRO PER MACCHINE EQUIPAGGIATE CON INVERTER


PER VARIAZIONE CONTINUA DI VELOCITA’ DI TAGLIO.

POTENZIOMETRO PER CONTROLLO VELOCITA’ DISCESA TESTA

14 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.1.1 - Descrizione delle funzioni dei pulsanti di comando

SELEZIONE PER BASSA VELOCITA’


COMANDO DI START PER I CICLI LAMA 36 m/min.
DI LAVORO (SE LA MACCHINA E’ EQUIPAGGIATA
SEMIAUTOMATICO ED CON INVERTER IL PULSANTE
AUTOMATICO. SELEZIONA IL RANGE DI VELOCITA’
20/45 m/min.)

TASTO PER ENTRARE IN


DESELEZIONE VELOCITA’ LAMA.
DIAGNOSTICA.

SELEZIONE PER ALTA VELOCITA’


LAMA 72 m/min . (SE
COMANDO DI APERTURA
LA MACCHINA E’ EQUIPAGGIATA
CHIUSURA MORSA DI TAGLIO.
CON INVERTER IL PULSANTE
SELEZIONA IL RANGE D I VELOCITA’
35/90 m/min. )

COMANDO DI APERTURA MEMORIZZAZIONE FINE CORSA


CHIUSURA MORSA ALIMENTATORE. TESTA IN ALTO.

COMANDO DI DESELEZIONE
FLUIDO LUBROREFRIGERANTE. MEMORIZZAZIONE FINE CORSA
TESTA IN BASSO.

COMANDO DI SELEZIONE DEL


COMANDO MANUALE DISCESA
FLUIDO LUBROREFRIGERANTE IN
TESTA DI TAGLIO.
AUTOMATICO.

COMANDO DI SELEZIONE DEL COMANDO MANUALE SALITA


FLUIDO LUBROREFRIGERANTE IN TESTA DI TAGLIO.
MANUALE PER PULIZIA MACCHINA.

BLOCCO SBLOCCO CILINDRO DI


MISURA

COMANDO DI RIENTRO DA UNA


EMERGENZA.

Shark 320 ax 15
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

=TASTO FUNZIONE:
FRECCIA SX = TASTO FUNZIONE
a) Nel modo di lavoro ”AUTOMATICO” consente
di cancellare l’ultimo programma eseguito
a) incremento del valore da 0 a 9
caricando il nuovo per l’esecuzione.
b) Nel modo di lavoro ”PROGRAMMAZIONE”
consente di cancellare i dati preesistenti o
errati.

FRECCIA DX = TASTO FUNZIONE =TASTO FUNZIONE:


a) RICHIAMO DEL PROGRAMMA N. a) Nel modo di lavoro ”AUTOMATICO” consente
b) SCORRIMENTO DEL CURSORE di entrare in ”PROGRAMMAZIONE” e di
c) MEMORIZZAZIONE DATI ritornare in ”ESECUZIONE”.
d) MEMORIZZAZIONE PROGRAMMI
e) SELEZIONE DEI PROGRAMMI

SELEZIONE ”START” DA SELEZIONA IL CICLO DI


TASTIERA TAGLIO AUTOMATICO

SELEZIONA IL CICLO DI TAGLIO SELEZIONA IL CICLO DI TAGLIO


MANUALE SEMIAUTOMATICO--DINAMICO

SELEZIONA IL CICLO DI SELEZIONE ”START” DA


TAGLIO SEMIAUTOMATICO PEDALIERA

16 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.2 -- Inizializzazione

All’accensione della macchina il


display mostra la ”VIDEATA” di pre-
ELECTRONIC SHARK 320 AX sentazione e di avvio
Kg A
CLEAR = CONTINUA

STOP
RUN
PROG
BAR
PSI
F1
mt/min
Per continuare premere il pulsante
40
80 RESET CLEAR

45˚SETUP
30˚ CHECK
START y y

Il display propone l’ultimo programma


utilizzato.

CICLO: AUTOMATICO
P TAGLI CORSE FCTI
4 0007 00 Adesso la macchina è pronta ad eseguire uno dei quattro
cicli di lavoro, che saranno ampiamente descritti nei para-
V = 00
grafi seguenti.

RUN

Shark 320 ax 17
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.3 -- Ciclo di funzionamento manuale

Dopo aver premuto il pulsante CLEAR comparirà


la videata dell’ultimo programma utilizzato dalla
machina.
CICLO: AUTOMATICO
P TAGLI CORSE Premiamo questo pulsante per sele-
1 0035 02
V=00 mm=0.0
zionare il modo di lavoro MANUALE.

RUN

Il display visualizza la maschera del ciclo MANUA-


LE.
CICLO IN ESECUZIONE Ora siamo pronti per iniziare a tagliare in ciclo
MANUALE
manuale.
V=00 mm=0.0

RUN

CICLO MANUALE: VIDEATA DI LAVORO--PARAMETRI TECNOLOGICI

Il ciclo ”MANUALE” è costituito dalle seguenti opera-


zioni:

COMANDO
MANUALE
MOTORE LAMA
TAGLIO IN
CICLO IN ESECUZIONE MANUALE
MANUALE
APERTURA --
CHIUSURA
CICLO IN ESECUZIONE MORSA DI
MANUALE TAGLIO

APERTURA
CHIUSURA
V=00 mm=0.0 MORSA ALI-
MENTATORE

V= 00 ----> velocità di taglio m/min


PARAMETRI A=0.0 ----> ampérè assorbiti dal mototre nastro
TECNOLOGICI Kg=000 ----> tensionamento della lama in Kg
DI CONTROLLO mm=0.0 ----> corsa dell’alimentatore in mm (attivo solo con Encoder OPT.)
DELLA MACCHINA
T= 00:00 ----> tempo di taglio
TT= 00:00 ----> tempo totale di utilizzo macchina in taglio

18 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

MODO DI LAVORO: MANUALE SEQUENZA DELLE OPERAZIONI

4.3.1 - Bloccaggio del pezzo

1) APRIRE LA MORSA RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO


ANTIORARIO, POSIZIONARE IL MATERIALE DA TAGLIARE
TRA LE GANASCE.

2/3 mm
--------> <------

2) ACCOSTARE LA GANASCIA MOBILE A 2/3 mm DAL MATERIALE DA


TAGLIARE RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO ORARIO.

3) BLOCCARE IL PEZZO ATTIVANDO IL BLOCCAGGIO PNEUMATICO


DELLA MORSA DI TAGLIO PREMENDO IL PULSANTE ”APERTURA/
CHIUSURA MORSA DI TAGLIO”.

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA DI TAGLIO-- - - >

4) CONTROLLARE CHE IL PEZZO SIA ”EFFETTIVAMENTE BLOCCATO”


IN CASO CONTRARIO RIPETERE L’OPERAZIONE.
N.B.: il pezzo potrebbe risultare non bloccato poichè la morsa era già in
posizione di chiusura tramite il pistone pneumatico.
Per cui occorre ripetere l’operazione cioè:

APRIRE LA MORSA CON IL PULSANTE AP/CH CMT

ACCOSTARE ULTERIORMENTE LA GANASCIA MOBILE AL PEZZO

RIBLOCCARE TRAMITE IL PULSANTE AP/CH

Shark 320 ax 19
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.3.2 - Preparazione al taglio

1) SELEZIONIAMO UNA VELOCITA’ DI TAGLIO O, SE LA MACCHINA


E’ EQUIPAGGIATA CON INVERTER, UN RANGE DI VELOCITA’.

PULSANTE PER BASSA VELOCITA’ - - - - - - - >

PULSANTE PER NESSUNA VELOCITA’ -- -- -- -- -->

PULSANTE PER VELOCITA’ ALTA - - - - - - - - - >

DECIDIAMO DI SELEZIONARE LA VELOCITA’ ALTA ”LEPRE”.


IL LED SUL PULSANTE SI ILLUMINERÀ INDICANDO L’AVVE-
NUTA SELEZIONE.

2) L’ACQUA DOBBIAMO RICORDARCI DELL’ACQUA,


ABBIAMO BISOGNO DEL FLUIDO LUBROREFRIGERANTE.
PER OTTENERLO DOBBIAMO SELEZIONARE UNO DEI MODI DI
LAVORO DEL FLUIDO.

PULSANTE PER NESSUNA ACQUA - - - - - - - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA IN AUTOMATICO-- - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA PER PULIZIA MACCHINA-- - - >

SELEZIONIAMO IL FLUIDO PER FUNZIONAMENTO IN AUTOMATICO


PREMENDO IL CORRISPONDENTE PULSANTE.
L’AVVENUTA SELEZIONE SARA’ VISUALIZZATA DALL’ILLUMINARSI
DEL LED SUL CORRISPONDENTE PULSANTE.

3) IL REGOLATORE DI VELOCITA’ DISCESA TESTA VIENE ESCLUSO


AUTOMATICAMENTE QUANDO SI SELEZIONA IL CICLO MANUALE.
PER CUI NON DOBBIAMO FARE ALCUNA REGOLAZIONE

POTENZIOMETRO PER REGOLAZIONE


VELOCITA’
DISCESA TESTA DI TAGLIO------>

20 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.3.3 - Taglio

1) DOPO AVER BLOCCATO IL PEZZO ED EFFETTUATO


LE SELEZIONI DESCRITTE, POSSIAMO TAGLIARE IN
MANUALE.

IMPUGNIAMO LA “LEVA COMANDO TESTA” E TIRIAMO


PREMENDO CONTEMPORANEAMENTE IL PULSANTE
DI AVVIAMENTO MOTORE.

IL MOTORE SI AVVIERÀ METTENDO IN ROTAZIONE IL


NASTRO, CONTEMPORANEAMENTE SI AVVIERÀ LA
POMPA DEL FLUIDO LUBROREFRIGERANTE.

AL TERMINE DEL TAGLIO POSSIAMO RIPORTARE


LA TESTA IN ALTO.

ORA POSSIAMO LIBERARE IL PEZZO O CON IL


PULSANTE AP/CH MORSA OPPURE RUOTANDO
IL VOLANTINO.

PULSANTE APERTURA CHIUSURA MORSA DI TAGLIO-- - - >

Shark 320 ax 21
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.4 -- Ciclo di funzionamento semiautomatico--dinamico

Schiacciare questo tasto per cam-


biare modo di lavoro e portarci sul
CICLO IN ESECUZIONE ciclo semiautomatico--dinamico;
SEMIAUTOMATICO
DINAMICO apparirà la videata riportata qui a
V=00 mm=0.0
fianco.

RUN

Se premiamo (e teniamo premuto) il tasto RUN/


PROG il display ci visualizzerà il tempo di taglio T
e il tempo totale di utilizzo della macchina in taglio
TT, appena il tasto viene rilasciato si ritorna alla
CICLO IN ESECUZIONE
SEMIAUTOMATICO videata del programma in esecuzione.
DINAMICO
T=00:00 TT=000:00

RUN

Il ciclo SEMIAUTOMATICO--DINAMICO si diffe-


renzia dal ciclo semiautomatico per la possibilità di
accostare la TESTA DI TAGLIO al pezzo manual-
mente, con l’archetto completamente libero.
CICLO IN ESECUZIONE E di avviare il ciclo di taglio tramite la leva ”jog” di
SEMIAUTOMATICO
DINAMICO avviamento motore del ciclo manuale.
V=00 mm=0.0

RUN

IN PRATICA SI TRATTA DI UN CICLO DI TAGLIO IN SEMIAUTOMATICO


CON LA PECULIARITÀ DI NON DIPENDERE DAL FINE CORSA DI INIZIO
TAGLIO.
INFATTI SELEZIONANDO QUESTO CICLO LA TESTA E’ IMMEDIATA-
MENTE LIBERA, LA SI ACCOSTA AL PEZZO DA TAGLIARE (CIRCA 1 cm)
E SI DA START TRAMITE LA LEVA DI AVVIAMENTO MOTORE.
DOPODICHÈ LA MACCHINA COMPIRÀ TUTTE LE OPERAZIONI DEL
TAGLIO IN SEMIAUTOMATICO, CHE SONO DESCRITTE NEL PARA-
GRAFO SEGUENTE.

22 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.5 -- Ciclo di funzionamento semiautomatico

Schiacciando questo tasto si entra nel


modo di lavoro SEMIAUTOMATICO,
sul display si visualizza questo mes-
saggio.
CICLO IN ESECUZIONE
SEMIAUTOMATICO

V=00 mm=0.0

RUN

CICLO SEMIAUTOMATICO: VIDEATA DI LAVORO--PARAMETRI TECNOLOGICI


Il ciclo ”SEMIAUTOMATICO” è costituito dalla sequenza
in automatico delle seguenti operazioni:
CHIUSURA
MORSA DI TAGLIO
AVVIAMENTO
LAMA

CICLO IN ESECUZIONE

CICLO IN ESECUZIONE DISCESA TESTA FERMO


SEMIAUTOMATICO DI TAGLIO A FCTA LAMA

APERTURA
RITORNO TESTA MORSA DI TAGLIO
V=00 mm=0.0 DI TAGLIO A FCTI

V= 00 ---->velocità di taglio in m/min.


A= 0.0 ----> Ampérè assorbiti dal motore nastro
PARAMETRI
TECNOLOGICI Kg= 000 ----> tensionamento della lama in Kg
DI CONTROLLO mm= 0.0 ----> corsa dell’alimentatore in mm (attivo solo con Encoder OPT.)
DELLA MACCHINA
T= 00:00 ----> tempo di taglio
TT= 000:00 ----> tempo totale di utilizzo macchina in taglio

Shark 320 ax 23
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

MODO DI LAVORO: SEMIAUTOMATICO SEQUENZA DELLE OPERAZIONI

4.5.1 - Bloccaggio del pezzo

1) APRIRE LA MORSA RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO


ANTIORARIO, POSIZIONARE IL MATERIALE DA TAGLIARE
TRA LE GANASCE.

2/3 mm
--------> <------

2) ACCOSTARE LA GANASCIA MOBILE A 2/3 mm DAL MATERIALE DA


TAGLIARE RUOTANDO IL VOLANTINO IN SENSO ORARIO.

3) BLOCCARE IL PEZZO ATTIVANDO IL BLOCCAGGIO PNEUMATICO


DELLA MORSA DI TAGLIO PREMENDO IL PULSANTE ”APERTURA/
CHIUSURA MORSA DI TAGLIO”.

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA DI TAGLIO-- - - >

4) CONTROLLARE CHE IL PEZZO SIA ”EFFETTIVAMENTE BLOC-


CATO”
IN CASO CONTRARIO RIPETERE L’OPERAZIONE.
N.B.: il pezzo potrebbe risultare non bloccato poichè la morsa era già in
posizione di chiusura tramite il pistone pneumatico.
Per cui occorre ripetere l’operazione cioè:

APRIRE LA MORSA CON IL PULSANTE AP/CH CMT

ACCOSTARE ULTERIORMENTE LA GANASCIA MOBILE AL PEZZO

RIBLOCCARE TRAMITE IL PULSANTE AP/CH

24 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.5.2 - Regolazione corsa di taglio

1) DOPO AVER BLOCCATO IL PEZZO E’ NECESSARIO


REGOLARE LA CORSA DI TAGLIO.
PREMENDO IL PULSANTE DISCESA TESTA, LA TESTA
DI TAGLIO SI ABBASSERÀ AUTOMATICAMENTE.

PULSANTE DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - >

TENERE PREMUTO SINO A QUANDO IL NASTRO


SI TROVA A 5/10 mm DAL MATERIALE DA TAGLIARE.

2) MEMORIZZARE LA POSIZIONE RAGGIUNTA COME


FCTI= FINE CORSA TESTA INDIETRO.
PER FAR QUESTO OCCORRE PREMERE IL PULSANTE:

MEMORIZZAZIONE FINE CORSA TESTA INDIETRO-- - - >

SIAMO QUASI PRONTI PER DARE IL COMANDO DI ”START” ED INIZIARE A PRODURRE.........


................TRUCIOLO!! ANCORA UN ATTIMO DI PAZIENZA , GRAZIE.

Shark 320 ax 25
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.5.3 - Preparazione al taglio

1) SELEZIONIAMO UNA VELOCITA’ DI TAGLIO O, SE LA MACCHINA


E’ EQUIPAGGIATA CON INVERTER, UN RANGE DI VELOCITA’.

PULSANTE PER BASSA VELOCITA’ - - - - - - - - >

PULSANTE PER NESSUNA VELOCITA’ - - - - - - >

PULSANTE PER VELOCITA’ ALTA - - - - - - - - - - >

DECIDIAMO DI SELEZIONARE LA VELOCITA’ ALTA ”LEPRE”.


IL LED SUL PULSANTE SI ILLUMINERÀ INDICANDO L’AVVE-
NUTA SELEZIONE.

2) L’ACQUA DOBBIAMO RICORDARCI DELL’ACQUA,


ABBIAMO BISOGNO DEL FLUIDO LUBROREFRIGERANTE.
PER OTTENERLO DOBBIAMO SELEZIONARE UNO DEI MODI DI
LAVORO DEL FLUIDO.

PULSANTE PER NESSUNA ACQUA - - - - - - - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA IN AUTOMATICO-- - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA PER PULIZIA MACCHINA-- - - >

SELEZIONIAMO IL FLUIDO PER FUNZIONAMENTO IN AUTOMATICO


PREMENDO IL CORRISPONDENTE PULSANTE.
L’AVVENUTA SELEZIONE SARA’ VISUALIZZATA DALL’ILLUMINARSI
DEL LED SUL CORRISPONDENTE PULSANTE.

3) REGOLIAMO IL POTENZIOMETRO DELLA VELOCITA’ DISCESA


TESTA A ”0” IN MODO DA EVITARE PARTENZE A VELOCITA’ INDE-
SIDERABILI.

POTENZIOMETRO PER REGOLAZIONE VELOCITA’ DISCESA TESTA DI TAGLIO------>

26 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.5.4 - Taglio

1) ORA POSSIAMO PREMERE IL PULSANTE DI ”START” PER AVVIARE IL


CICLO DI TAGLIO.
PULSANTE DI ”START”-- -- -->

A QUESTO PUNTO LA MACCHINA AVVIA LA LAMA E METTE IN PRES-


SIONE IL CILINDRO DI TAGLIO ED INIZIA AD EROGARE IL FLUIDO
LUBROREFRIGERANTE.
A PROPOSITO DI FLUIDO AVETE APERTO I RUBINETTI?
2) DOBBIAMO PREMERE DI NUOVO IL PULSANTE ”DISCESA TESTA DI
TAGLIO”, QUESTA OPERAZIONE SERVE A CANCELLARE IL
FCTA=FINE CORSA TESTA AVANTI PRECEDENTEMENTE MEMORIZ-
ZATO.
PULSANTE DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - - - - - - - - - >

IL FINE CORSA TESTA AVANTI ”FCTA” LO RIPRISTINEREMO QUANDO


SAREMO A FINE TAGLIO.

3) REGOLIAMO IL POTENZIOMETRO DELLA VELOCITA’ DISCESA


TESTA A ”4” E CONTROLLIAMO CHE LA VELOCITA’ SIA GIU-
STA,COME? L’OCCHIO ESPERTO VALE PIÙ DI OGNI ALTRA INDI-
CAZIONE.

POTENZIOMETRO PER REGOLAZIONE


VELOCITA’ DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - >

4) QUANDO LA MACCHINA ARRIVA A FINE TAGLIO


OCCORRE MEMORIZZARE LA POSIZIONE DI:
FCTA=FINE CORSA TESTA AVANTI.
PER OTTENERE CIÒ E’ NECESSARIO PREMERE
IL TASTO :

MEMORIZZAZIONE FINE CORSA TESTA IN BASSO-- - - >

DOPO AVER PREMUTO IL PULSANTE ”MEM. FCTA” SUL FCTI


DISPLAY COMPARIRÀ LA SIGLA CORRISPONDENTE CICLO IN ESECUZIONE
CHE INDICHERÀ L’AVVENUTA MEMORIZZAZIONE. SEMIAUTOMATICO
FCTA

V=00 mm=0.0

Shark 320 ax 27
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

CONTEMPORANEAMENTE SI AVRÀ L’ARRESTO


DELLA LAMA ED IL RITORNO DELLA TESTA DI
TAGLIO ALLA POSIZIONE DI INIZIO TAGLIO
”FCTI”.

QUANDO LA MACCHINA ARRIVA NELLA POSIZIONE


DI INIZIO TAGLIO SUL DISPLAY RIAPPARIRÀ LA CICLO IN ESECUZIONE
SIGLA CORRISPONDENTE ALLA POSIZIONE DI SEMIAUTOMATICO
TESTA IN ALTO ”FCTI”. FCTI

V=00 mm=0.0

LA SUCCESSIVA OPERAZIONE CHE LA MACCHINA


COMPIRÀ SARA’ QUELLA DI RIAPRIRE LA MORSA
AUTOMATICAMENTE.

LA MACCHINA E’, ORA, NUOVAMENTE PRONTA PER ESEGUIRE UN NUOVO CICLO DI TAGLIO.

28 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.6 -- Ciclo di funzionamento automatico

Schiacciando questo tasto si entra nel


modo di lavoro AUTOMATICO, il
display visualizzerà il messaggio ripor-
CICLO : AUTOMATICO
tato qui a lato.
P TAGLI CORSE
1 0000 00 La videata ”AUTOMATICO” mostra i parametri
V=00 mm=0.0
inseriti nell’ultima lavorazione eseguita.

RUN

Il modo di lavoro ia Automatico ci permette di impo-


CICLO : AUTOMATICO stare 10 programmi (da 0 a 9 compresi), e per cia-
P TAGLI CORSE
1 0034 02
scuno di questi programmi è possibile impostare
V=00 mm=0.0 sia il numenro di pezzi da tagliare in totale (tagli),
sia il numero delle corse dell’alimentatore.

RUN

Il modo di lavoro ”AUTOMATICO” è costituito dalla sequenza in automatico delle seguenti operazioni:

CHIUSURA
MORSA DI TAGLIO
AVVIAMENTO DISCESA TESTA
LAMA DI TAGLIO A FCTA

CICLO : AUTOMATICO CHIUSURA MORSA


ALIMENTATORE
P TAGLI CORSE
RITORNO TESTA
1 0026 02 FERMO
DI TAGLIO A FCTI
LAMA
V=00 mm=0.0
APERTURA
ALIMENTAZIONE RESTART
MORSA DI TAGLIO
BARRA TAGLIO

Shark 320 ax 29
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

P = Quando si accede alla videata del ciclo ”AUTO


2 MATICO” il numero di programma visualizzato è
relativo all’ultimo programma memorizzato, indi-
pendentemente dal fatto che esso sia stato ese-
guito totalmente, parzialmente o solo registrato.
La memoria del controllo consente di memorizzare
10 programmi.

TAGLI =Anche per il numero di ”TAGLI” .....


DATI
9999 valgono le considerazioni operate per il dato prece-
DI
PROGRAMMA dente.
Per ogni programma è possibile impostare il
numero massimo di tagli pari a 9999.

CICLO : AUTOMATICO
P TAGLI CORSE CORSE = Il numero di ”CORSE” visualizzato è relativo alle
2 0018 03 02 corse che dovrà effettuare l’alimentatore pneumatico
della macchina. L’alimentatore ha una corsa di 500
V=00 mm=0.0
mm si può equipaggiare con un sistema di misura a
encoder che visualizza sul quadro comandi la
posizione dell’alimentatore.
In versione base la quota dell’alimentatore viene
impostata e letta direttamente sul cilindro dove è
stata ricavata una scala millimetrata.
PRECISIONE ¦ 0,1 mm. 0
500 mm.

V= 00 ----> velocità di taglio m/min


A= 0.0 ----> ampere assorbiti dal motore nastro
PARAMETRI Kg= 000 ----> tensionamento della lama in Kg
TECNOLOGICI mm= 0.0 ---->corsa dell’alimentatore in mm (attivo solo con encoder OPT.)
DI CONTROLLO P= 0 ----> numero di programma in esecuzione o selezionato
DELLA MACCHINA
TAGLI=0000 ----> numero di tagli
CORSE=00 ----> numero delle corse dell’alimentatore
T= 00:00 ----> tempo di taglio
TT= 000:00 ----> tempo totale di utilizzo macchina in taglio

30 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

MODO DI LAVORO: AUTOMATICO SEQUENZA OPERAZIONI

4.6.1 -- Inserimento e bloccaggio del pezzo

1) LA PRIMA SERIE DI OPERAZIONI DA EFFETTUARE E’


QUELLA DI PREDISPORRE LA MACCHINA PER POTER INSE-
RIRE IL MATERIALE DA TAGLIARE.

LA MACCHINA INIZIALMENTE SI TROVERÀ IN UNA CONFI-


GURAZIONE QUALSIASI.
DA QUESTA SITUAZIONE PORTIAMO LA TESTA DI TAGLIO
A FINE CORSA MECCANICO IN ALTO TRAMITE IL PUL-
SANTE DI SOLLEVAMENTO TESTA MANUALE.

PULSANTE DI SOLLEVAMENTO TESTA MANUALE-- - - >

ORA APRIAMO LA MORSA DI TAGLIO E LA MORSA DI ALI-


MENTAZIONE RUOTANDO I RISPETTIVI VOLANTINI.

DOPO AVER EFFETTUATO QUESTA SECONDA OPERA-


ZIONE, CONTROLLARE CHE IL PISTONE PNEUMATICO SIA
IN POSIZIONE DI APERTURA.
PER VERIFICARE CIÒ E’ NECESSARIO USARE I PULSANTI
DI APERTURA/CHIUSURA MORSA DI TAGLIO E MORSA DI
ALIMENTAZIONE.

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA DI TAGLIO-- -- -- -- -- -- -- -->

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA ALIMENTATORE-- -- -->

E’ CONSIGLIABILE PROVARE PIÙ VOLTE L’USO DEI PULSANTI IN MODO


DA COMPRENDERNE BENE IL FUNZIONAMENTO.

Shark 320 ax 31
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

2) LA SECONDA SERIE DI OPERAZIONI RIGUARDA


L’INSERIMENTO DEL MATERIALE DA TAGLIARE.

INSERIAMO IL MATERIALE DA TAGLIARE TRA LE


GANASCE DELLE MORSE, E NE PORTIAMO UNA
ESTREMITÀ SOTTO LA LAMA IN MODO DA
EFFETTUARE UN TAGLIO DI INTESTATURA PER
INIZIALIZZARE I TAGLI.

DOPO AVER INSERITO IL MATERIALE ”ACCOSTIAMO


LE GANASCE MOBILI” DELLA MORSA DI TAGLIO E
DELLA MORSA DI ALIMENTAZIONE SINO A 2/3 mm
DAL PEZZO.

ORA ”BLOCCHIAMO IL PEZZO” ATTIVANDO LE MORSE


PNEUMATICHE AUTOMATICHE CON I DUE PULSANTI DI
”AP/CH” MORSE PRECEDENTEMENTE DESCRITTI.

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA DI TAGLIO-- -- -->

PULSANTE DI APERTURA CHIUSURA MORSA ALIMENTATORE-- -- -->

CONTROLLARE CHE IL PEZZO SIA


EFFETTIVAMENTE BLOCCATO!!!

SULLE NOSTRE MACCHINE NULLA E’


LASCIATO AL CASO, PER, CUI OLTRE AD ASSICURARCI CHE IL
PEZZO SIA EFFETTIVAMENTE BLOCCATO, POSSIAMO CONTROL-
LARE LA PRESSIONE DI SERRAGGIO E SCEGLIERE QUELLA CHE
RITENIAMO PIÙ IDONEA PER IL MATERIALE IN LAVORAZIONE,
ONDE EVITARE DEFORMAZIONI, NEL CASO DI TUBI CON PARETE
SOTTILE, O FORZE DI SERRAGGIO NON SUFFICIENTI PER MATE-
RIALI PARTICOLARMENTE DURI O CON SEZIONI ARTICOLATE. LA
REGOLAZIONE DELLA PRESSIONE DI SERRAGGIO DELLE MORSE
AVVIENE TRAMITE IL REGOLATORE POSTO SUL GRUPPO DI
TRATTA MENTO ARIA CHE SI TROVA NELLO SPORTELLO POSTE-
RIORE DELLA MACCHINA.

32 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.6.2 - Preparazione al taglio

1) ORA CHE ABBIAMO BLOCCATO IL PEZZO, DOBBIAMO


REGOLARE LA CORSA DI TAGLIO.
LA PRIMA POSIZIONE DA MEMORIZZARE E’ QUELLA DI INIZIO
TAGLIO ”FCTI”.
PER FAR QUESTO ACCOSTIAMO LA TESTA DI TAGLIO AL
PEZZO DA TAGLIARE TRAMITE IL PULSANTE DI COMANDO
MANUALE DI DISCESA TESTA.

PULSANTE DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - - - - - - >

2) DOBBIAMO MEMORIZZARE LA POSIZIONE DI INIZIO


TAGLIO COME ”FCTI”: FINE CORSA TESTA INDIETRO.
PER OTTENERE CIÒ E’ NECESSARIO PREMERE IL
PULSANTE ”MEMORIZZAZIONE TESTA INDIETRO”

CICLO : AUTOMATICO
SUL DISPLAY DELLA MACCHINA, A QUESTO PUNTO
P TAGLI CORSE
NON APPARE NESSUNA INDICAZIONE PER QUANTO
2 0155 02
RIGUARDA I LIMITI DELLA CORSA DI TAGLIO.
V=00 mm=0.0

MEMORIZZAZIONE FINE CORSA TESTA INDIETRO-- - - >

CICLO : AUTOMATICO
DOPO AVER PREMUTO IL PULSANTE ”MEM. FCTI” SUL P TAGLI CORSE FCTI
DISPLAY COMPARIRÀ LA SIGLA CORRISPONDENTE 2 0155 02
CHE INDICHERÀ L’AVVENUTA MEMORIZZAZIONE. V=00 mm=0.0

SOSPENDIAMO, MOMENTANEAMENTE, LA ”PREPARAZIONE AL TAGLIO” PER PASSARE ALLA


SPIEGAZIONE DELLA ”PROGRAMMAZIONE”

Shark 320 ax 33
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.6.3 -- Programmazione tagli

A QUESTO PUNTO ABBIAMO INSERITO E BLOCCATO IL MATERIALE


DA TAGLIARE, ABBIAMO POSIZIONATO LA TESTA DI TAGLIO AL CICLO : AUTOMATICO
FINECORSA DI INIZIO TAGLIO, DOBBIAMO, ORA, IMPOSTARE LA P TAGLI CORSE
QUOTA DI TAGLIO E IL NUMERO DI PEZZI CHE VOGLIAMO OTTE- 3 0168 01
NERE.
IN PRATICA DOBBIAMO PASSARE ALLA FASE DI PROGRAMMA- V=00 mm=0.0
ZIONE DEI TAGLI.

PROGRAMMA= PER PROGRAMMA DI TAGLIO SI INTENDE L’INSERIMENTO DEI SEGUENTI PARAMETRI :

P = NUMERO DEL PROGRAMMA : Questo valore si può impostare a piacimento,


in quanto è utile all’operatore per riconoscere i vari programmi.

CORSE= NUMERO DELLE CORSE: questo numero indica le corse dell’alimentatore,


visto che al massimo copre 500 mm per ogni corsa. Il numero delle corse viene
inserito con l’ausilio dei tasti freccia.

TAGLI = QUANTITA’ DEI PEZZI: Questa quantità indica il numero dei pezzi che si desi--
dera tagliare, e si inserisce tramite i tasti freccia ed è relativa al N. PGR. selezio
nata.

TORNIAMO SUL QUADRO COMANDI PER IMPARARE AD USARE I COMANDI.

Per passare alla programmazione del ciclo


automatico schiacciamo il tasto RUN/
PROG sul quadro comandi.
Appena premuto il tasto apparirà sul
PROGRAMMAZIONE
display questa videata riportata di lato,
P TAGLI CORSE con il cursore lampeggiante posto sopra la
1 9999 00
cifra del numero di programma.
T 00:00 TT 000:00

RUN

34 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

Adesso si può iniziare la programmazione del ciclo


automatico, partendo dal numero di programma.
La SHARK 320 AX ha la possibilità di inserire e
tenere in memoria fino a 10 programmi differenti, i
numeri che identificano tali programmi, vanno dallo
PROGRAMMAZIONE 0 al 9 compresi.
P TAGLI CORSE
2 0005 02
T 00:00 TT 000:00

RUN

Assegnamo ad esempio il numero 2 al programma


che andremo ora ad impostare, per assegnare il
numero 2 al programma si deve schiacciare il tasto
riportato qui a lato tante volte fino a che non appare
il numero voluto sotto il cursore.

Adesso schiacciando il tasto qui a lato riportato si


effettueranno due operazioni, la prima è la memo-
rizzazione del dato precedentemente impostato, la
seconda è lo scorrimento del cursore verso destra
sopra la cifra consecutiva.

PROGRAMMAZIONE Dopo il numero di programma il cursore si


P TAGLI CORSE andrà a posizionare sopra la prima cifra dei
TAGLI che indica le migliaia (portiamola a
POSIZIONE CURSORE

2 0005 02 zero), schiacciamo nuovamente il tasto di


avanzamento del cursore (") trovandoci così
T 00:00 TT 000:00 sopra la seconda cifra (portiamo a zero il
valore), usando questa metodica impostiamo
la macchina per eseguire 5 tagli, e 2 corse
dell’alimentatore; il display apparirà come nella
RUN figura a lato.

PRIMA DI PROCEDERE VEDIAMO COME SI IMPOSTANO LE CORSE DELL’ALIMENTATORE:


CASO A : LA CORSA È INFERIORE A 500 MM.
Per impostare una corsa di 400 mm è necessario sbloccare il carrello dell’alimentatore
con l’apposito pulsante posto sul quadro comandi e agire sulla manopola del carrello
ruotandola fino a che la tacca dello zero presente sul nonio decimale fissato al carrello
non combaci con la tacca dei 400 mm. ATTENZIONE abbiamo scordato di calcolare
nella lunghezza di taglio lo sfrido della lama che è solitamente di 1,2 mm e che quindi
va sommato alla quota di 400 mm precedente per un totale di 401,2 mm ; adesso
dobbiamo spostare l’alimentatore di altri 1,2 mm. per avere un pezzo tagliato alla mi--
sura di 400 mm. Fatto questo blocchiamo il carrello dell’alimentatore agendo sul tasto
di blocco sblocco carrello dell’alimentatore. LA CORSA È STATA IMPOSTATA !!!

PULSANTE DI BLOCCO/SBLOCCO CARRELLO ALIMENTATORE - - >

Shark 320 ax 35
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

CASO B : LA CORSA È SUPERIORE A 500 MM.


Per impostare una corsa di 700 mm è necessario sbloccare il carrello dell’alimentatore
con l’apposito pulsante posto sul quadro comandi e agire sulla manopola del carrello
alimentatore ruotandola fino a che non leggiamo la quota di 350,6 mm che è l’esatta
metà della somma 700 + 1,2 = 701,2 che diviso due da 350,6 mm. La quota che
abbiamo impostato è comprensiva dello sfrido lama (1,2 mm), così basta program--
mare la macchina perchè esegua due corse con l’alimentatore per avere dei pezzi
tagliati a 700 mm. BLOCCARE IL CARRELLO altrimenti quando si da lo START al
ciclo la macchina visualizzerà un messaggio che il cilindro non è stato bloccato.

Se quindi la misura supera la quota di 1 metro dovremo dividere l’avanzamento della barra in tre
parti uguali, avendo l’accortezza di sommare lo sfrido della lama alla quota a cui vogliamo
tagliare il pezzo prima di dividere la quota in corse.

RITORNIAMO ALLA PROGRAMMAZIONE DEL CICLO:

Adesso è fondamentale memorizzare il pro-


gramma che si è appena inserito sul display.
PROGRAMMAZIONE Per memorizzare il programma è sufficente
P TAGLI CORSE spostare il cursore sopra il numero di pro-
2 0005 02 gramma, schiacciando il tasto (") e chiudere
la programmazione con il tasto RUN--PROG.
T 00:00 TT 000:00

RUN

CICLO : AUTOMATICO Appena premuto il tasto RUN--PROG si ritorna


al ciclo AUTOMATICO, che avrà come pro-
P TAGLI CORSE gramma il numero 2 appena impostato; mentre
2 0045 01 i valori che si leggono sul display relativi alle
V=00 mm=0.0 corse e ai tagli sono quelli del ciclo ultimo effet-
tuato dalla macchina.

RUN

Allora bisogna schiacciare il tasto CLEAR, così


CICLO : AUTOMATICO da azzerare i valori relativi ai tagli e alle corse;
P TAGLI CORSE dopo aver premuto CLEAR il display apparirà
2 0000 00 come descritto a lato.
V=00 mm=0.0

RUN

36 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

ORA PRIMA DI DARE LO ”START” RIPRENDIAMO LA: ”PREPARAZIONE AL TAGLIO”

3) SELEZIONIAMO UNA VELOCITA’ DI TAGLIO O, SE LA MACCHINA


E’ EQUIPAGGIATA CON INVERTER, UN RANGE DI VELOCITA’.

PULSANTE PER BASSA VELOCITA’ - - - - - >

PULSANTE PER NESSUNA VELOCITA’ -- -- -->

PULSANTE PER VELOCITA’ ALTA - - - - - - - >

SE LA MACCHINA E’ EQUIPAGGIATA CON UN INVERTER, VARIATORE


CONTINUO DI VELOCITA’ ELETTRONICO, I PULSANTI DELLA VELO-
CITA’ DI TAGLIO SELEZIONANO DEGLI ”INTERVALLI DI VELOCITA’”.
PRECISAMENTE:
PULSANTE PER BASSA VELOCITA’: 20/45 m/min
PULSANTE PER ALTA VELOCITA’ : 35/90 m/min
LA VARIAZIONE DI QUESTE VELOCITA’, LA SI OTTIENE, RUOTANDO,
SEMPLICEMENTE, IL POTENZIOMETRO PER LA REGOLAZIONE:
”VELOCITA’ DI TAGLIO”.

DECIDIAMO DI SELEZIONARE LA VELOCITA’ ALTA ”LEPRE”.


IL LED SUL PULSANTE SI ILLUMINERÀ INDICANDO L’AVVE-
NUTA SELEZIONE.

4) L’ACQUA DOBBIAMO RICORDARCI DELL’ACQUA, ORA NOI


ABBIAMO BISOGNO DEL FLUIDO LUBROREFRIGERANTE.
PER OTTENERLO DOBBIAMO SELEZIONARE UNO DEI MODI DI
LAVORO DEL FLUIDO.

PULSANTE PER NESSUNA ACQUA - - - - - - - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA IN AUTOMATICO-- - - - - - - - - - >

PULSANTE PER ACQUA PER PULIZIA MACCHINA-- - - >

SELEZIONIAMO IL FLUIDO PER FUNZIONAMENTO IN AUTOMATICO


PREMENDO IL CORRISPONDENTE PULSANTE.
L’AVVENUTA SELEZIONE SARA’ VISUALIZZATA DALL’ILLUMINARSI
DEL LED SUL PULSANTE.

5) REGOLIAMO IL POTENZIOMETRO DELLA VELOCITA’ DISCESA


TESTA A ”0” IN MODO DA EVITARE PARTENZE A VELOCITA’ INDE-
SIDERABILI.

POTENZIOMETRO PER REGOLA-


ZIONE VELOCITA’
DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - >

Shark 320 ax 37
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

4.6.4 - Taglio

1) ORA POSSIAMO PREMERE IL PULSANTE DI ”START” PER AVVIA


RE IL CICLO DI TAGLIO.

PULSANTE DI ”START”-- -- -->

A QUESTO PUNTO LA MACCHINA AVVIA LA LAMA E METTE IN PRES-


SIONE IL CILINDRO DI TAGLIO ED INIZIA AD EROGARE IL FLUIDO
LUBROREFRIGERANTE.
A PROPOSITO DI FLUIDO AVETE APERTO I RUBINETTI?
2) DOBBIAMO PREMERE DI NUOVO IL PULSANTE ”DISCESA TESTA DI
TAGLIO”, QUESTA OPERAZIONE SERVE A CANCELLARE IL
FCTA=FINE CORSA TESTA AVANTI PRECEDENTEMENTE MEMORIZ-
ZATO.
PULSANTE DISCESA TESTA DI TAGLIO-- - - >

IL FINE CORSA TESTA AVANTI ”FCTA” LO RIPRISTINEREMO QUANDO


SAREMO A FINE TAGLIO.
3) REGOLIAMO IL POTENZIOMETRO DELLA VELOCITA’ DISCESA
TESTA A ”4” E CONTROLLIAMO CHE LA VELOCITA’ SIA GIU-
STA,COME? L’OCCHIO ESPERTO VALE PIÙ DI OGNI ALTRA INDI-
CAZIONE.

POTENZIOMETRO PER REGO-


LAZIONE VELOCITA’
DISCESA TESTA DI TAGLIO-- -- -->

4) QUANDO LA MACCHINA ARRIVA A FINE TAGLIO


OCCORRE MEMORIZZARE LA POSIZIONE DI:
FCTA = FINE CORSA TESTA AVANTI.
PER OTTENERE CIÒ E’ NECESSARIO PREMERE
IL TASTO :

MEMORIZZAZIONE FINE CORSA TESTA IN BASSO-- - - >

CICLO : AUTOMATICO
DOPO AVER PREMUTO IL PULSANTE ”MEM. FCTA” SUL
DISPLAY COMPARIRÀ LA SIGLA CORRISPONDENTE P TAGLI CORSE FCTA
CHE INDICHERÀ L’AVVENUTA MEMORIZZAZIONE. 2 0005 02
V=00 mm=0.0

38 Shark 320 ax
Programmazione e descrizione dei cicli di funzionamento

SUCCESSIVAMENTE LA MACCHINA PROVVEDERÀ


A RIPORTARE LA TESTA AL ”FCTI” ED AD ALIMEN-
TARE IL MATERIALE, PER EFFETTUARE I TAGLI,
CON LE PROCEDURE PREVISTE.

N.B. OGNI VOLTA CHE LA MACCHINA TERMINA UN TAGLIO IN CICLO IL


NUMERO DEI ”TAGLI” VIENE AGGIORNATO DI UNA UNITA’. IL
TAGLIO DI INTESTATURA ED I TAGLI OPERATI DOPO UN RIENTRO
DA UN EMERGENZA NON VENGONO CONTEGGIATI.

LA MACCHINA HA DUE MODI DI ARRESTO IN AUTOMATICO


DEL PROGRAMMA:

FINE BARRA FINE BARRA


FINE TAGLI
IN ENTRAMBI I CASI PER USCIRE DA QUESTE SITUAZIONI PREMERE RESET
E’ SUFFICIENTE PREMERE IL PULSANTE DI

RESET
DOPODICHÈ LA MACCHINA SARA’ NUOVAMENTE PRONTA
PER REINIZIALIZZARE I TAGLI CON UN NUOVO PRO- FINE TAGLI
GRAMMA O CON UNA NUOVA BARRA.
IN ENTRAMBI I CASI IL MESSAGGIO SARA’ VISUALIZZATO
IN CHIARO SUL DISPLAY.
PREMERE RESET

RIPRENDIAMO LA: PROGRAMMAZIONE TAGLI

SIAMO ARRIVATI AL TERMINE DEI TAGLI PROGRAMMATI FINE TAGLI


SUL ”PGR. SINGOLO”.

IL DISPLAY VISUALIZZA IL MESSAGGIO RELATIVO-------->


PREMERE RESET

LA MACCHINA SI ARRESTA IN POSIZIONE DI INIZIO


TAGLIO.

PREMENDO IL TASTO DI RESET IL DISPLAY RITORNA


SULLA VIDEATA DI LAVORO E VISUALIZZA I DATI
RELATIVI AL PROGRAMMA ESEGUITO.

............ABBIAMO, COSI’, TERMINATO LA NOSTRA LAVORAZIONE.

Shark 320 ax 39
CAPITOLO 5 -- Schemi, esplosi e ricambi

In questo capitolo sono riportati gli schemi funzionali della macchina e i disegni esplosi della SHARK 320 AX. Attraverso questa docu-
mentazione avrete modo di conoscere l’ubicazione delle parti, che compongono la macchina, per potere effettuare interventi di riparazio-
ne o eventualmente di manutenzione sulla base di colloqui avuti con il nostro personale addetto al servizio assistenza; inoltre sempre
attraverso questa documentazione potrete indicare, senza malintesi, il particolare di ricambio di cui avete bisogno, chiamandolo corret-
tamente con il suo numero di codice.

5.1 -- Schemi

5.1.1 -- Schema pneumatico

LEGENDA COMPONENTI PNEUMATICI

Valvola direzionale 5/2 azionata ECMA Elettrovalvola cilindro morsa ali-


da elettromagnete con ritorno a mentatore.
molla e pressione.
EBSCM Elettrovalvola blocco/sblocco ci-
lindro di misura.
EAACAB Elettrovalvola alimentazione aria
cilindro di avanzamento barra.
Valvola direzionale 3/2 azionata EAACPT Elettrovalvola alimentazione aria
da elettromagnete con ritorno a cilindro porta testa.
molla e pressione.
ECAB Elettrovalvola cilindro di avanza-
mento barra.
ECPT Elettrovalvola cilindro porta te-
Regolatore di flusso. sta.
CMT Cilindro morsa di taglio.

CMA Cilindro morsa alimentatore.

Manometro. CM Cilindro di misura.

CAB Cilindro di avanzamento barra.


Innesto rapido aria compressa.
CPT Cilindro porta testa.

RPM Regolatore di pressione morse. VM Valvola di massima.

RT1 Regolatore di flusso (discesa GTA Gruppo trattamento aria.


testa).
EVR Elettrovalvola rigeneratrice. VMS Valvola di messa a scarico.

ECMT Elettrovalvola cilindro morsa ta-


glio.

40 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi
GRUPPO TRATTAMENTO ARIA

INGRESSO ARIA

RPm

E.V mt

CILINDRO MORSA DI TAGLIO

E.V ma

CILINDRO MORSA ALIMENTATORE

CILINDRO BLOCCAGGIO
CARRELLO ALIMENTATORE

E.V s

CILINDRO DELL’ALIMENTATORE

E.V a1

E.V a2

CILINDRO TESTA

E.V t1

EVR

E.V t2

RT1

Shark 320 ax 41
Schemi, esplosi e ricambi

5.1.2 -- Schede IUV e IUD controllore MEP 23

IUD -- Ingressi e Uscite DIGITALI

OUT0 70 1ª velocità (tartaruga)


Emergenza IN A
Reset OUT1 69 2ª velocità -- CS
IN 9
OUT2 68 2ª velocità (lepre)
FC CAB Indietro 108 IN 8
OUT3 67 Ev. dis/sal CPT
FC CAB Avanti 107 IN 7
OUT4 66 Ev. ch/ap CMT
FC barra di protezione 106 IN 6
OUT5 65 Elettropompa
Proxi. velocità lama 105 IN 5
OUT6 64 EV stab. press.
Start impugnatura 104 IN 4
OUT7 63 EV alim. aria CPT
Inverter failure 103 IN 3
62 24 Vca
FC carter lama 102 IN 2
60 0 Vca
FC presenza barra 101 IN 1

Start pedaliera 100 IN 0

0 Vcc (--) Proximity 99 0 Vcc


OUT8 060 EV rigeneratrice
24 Vcc COM--iN R 98 24 Vcc
OUT9 134 EV Sb/B CM

A 133 EV ch/ap CMA


Riserva

Pressostato 209 RIF


B 132 EV av/ind CAB
COM 24 Vcc
131
C EV alim. aria CAB
S 94 0 Vcc
D Non operativo
Tensione

130
lama

H--S 93 RIF
E 129 Evacuatore trucioli
H 92 24 Vcc
F 128 Spazzola motorizzata
Posizione

B 91 0 Vcc
I Non operativo
testa

G 90 RIF. L Non operativo


V 89 10,2Vcc
Legenda sigle componenti
Amperometrico

Tras.Amper
Trasformatore

88
CMA Cilindro Morsa Alimentatore
Tras.Amper 87
CM Cilindro di Misura
CAB Cilindro Avanzamento Barra

IUV -- Ingressi e Uscite VARIE FC Fine Corsa

CMT Cilindro Morsa di Taglio

CPT Cilindro Porta Testa

CS Centro Stella

BV Elettrovalvola
Inverter

B 86 - RX 80 Arancione
Start
Seriale comunicazione

M 85 +RX 79 Arancione
con consolle

V 84 - TX

G 83 +TX 78 B
Step motor

L 82 0 Vcc 77 V
R 81 24 Vcc 76 G
75 M

Legenda colore cavi


A -- azzurro M -- marrone
Isolato da terra

GND B -- bianco N -- nero


GV
C -- arancio R -- rosso
19 Vca L 58 19 Vca
G -- giallo S -- rosa
19 Vca R 57 19 Vca
H -- grigio V -- verde

L -- blu Z -- viola

42 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi
LEGENDA RELÈ E FUSIBILI IMPIANTO ELETTRICO

K7 Relè Fine Corsa Carter Ingresso 9 [2A] Uscita


Lama Elettrovalvola Elettrovalvola
Stabilizzatrice Stabilizzatrice
K8 Relè Fine Corsa Barra Ingresso 8[2A] Uscita
di Protezione Elettrovalvola Elettrovalvola
Rigeneratrice Rigeneratrice
K09 Pressostato 7[5A]
Ingresso 380 Volt Alimentazione
Trasformatore
K10 Ausiliario primo 6[5A]
200 VA [0--19]
Alimentatore Automatico

K11 Ausiliario secondo Ali- 5[5A]


mentatore Manuale
Ingresso 380 Volt Alimentazione
Trasformatore
K12 Emergenza Output 24 4[5A]
200 VA [0--24]
Vac Ingresso Emergen-
za
Ingresso 19 Vac 3[5A] Uscita 19 Vac

Ingresso 24 Vac 2[5A] Uscita 24 Vac

Ingresso 24 Vcc 1[5A] Uscita 24 Vcc

Shark 320 ax 43
Schemi, esplosi e ricambi

Illustrazione delle informazioni contenute negli schemi elettrici


Con l’introduzione dei nuovi schemi elettrici normalizzati, illustriamo di seguito, la metodologia con cui sono stati
realizzati, per permetterne una migliore comprensione.
In ogni foglio del progetto è presente un cartiglio nel
quale si possono individuare le seguenti informazioni:
I numeri indicano la suddivisione
in colonne del foglio

Identifica il modello
della macchina

Identifica il numero
Identifica la data in cui entra in produzione della pagina
Identifica il nome del disegnatore

Identifica la Norma di riferimento

44 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

Ogni componente dello schema elettrico è individuato da un identificatore alfanumerico univoco in rispetto della
normativa:

Il cavo è individuato
dall’identificatore --W4
Questo simbolo identifica il filo
con relativo numero e colore

Questi simboli chiamati potenziali, si utilizzano per effet-


Il motore è individuato dall’identificatore --M1 tuare i rimandi di pagina: il primo numero identifica la
pagina di riferimento, il secondo numero, dopo il punto,
identifica la colonna della pagina; esempio /11.8 indica
che il filo continua nella pagina nr.11 alla colonna 8

Nelle pagine successive agli schemi elettrici sono riportate le seguenti liste:
1. lista componenti (elenco di tutti i componenti) e lista morsetti (elenco di tutti i morsetti), con le seguenti
informazioni:
H codice articolo interno;
H identificatore;
H riferimento, nr. di pagina e colonna in cui si trova;
H descrizione;
H costruttore.
COD. ART. ID RIF DESCRIZIONE COSTRUTTORE
022.2151 --B1 /5.2 Strain gauge Deltatec

Shark 320 ax 45
Schemi, esplosi e ricambi

2. lista cavi (elenco di tutti cavi) con le seguenti informazioni:


H codice articolo interno;
H identificatore;
H descrizione
H sezione del filo (mm2);
H colore del filo;
H inizio: si indica il componente (identificatore e numero dell’eventuale contatto) da cui parte il filo;
H fine: si indica il componente (identificatore e numero dell’eventuale contatto) in cui arriva il filo.
Es.
CODICE CAVO DESCRIZIONE SEZ NR. COLORE INIZIO FINE
022.0141 --W7 RESET+EMERGENZA 0.50 317 BIANCO --S3 4 --K10 14

In questo esempio il filo nr. 317 bianco, identificato come ---W7, parte dal nr. del contatto 4 del componente---S3,
ed arriva al nr. del contatto 14 del componente ---K10.

Segue in allegato Appendice D2 della Norma Europea EN 60204---1

D2---Codice letterale per la designazione del tipo di componente

LETTERA TIPO DI COMPONENTE ESEMPI CONTRASSEGNO DELL’APPARECCHIO

Laser
A Complessi unità Maser A
Regolatore
Amplificatore a transistori AD
Amplificatore a circuiti inte-
grati AJ
Trasduttori di una grandezza
Amplificatore magnetico AM
B non elettrica in una elettrica o
Amplificatore a valvole AV
viceversa
Piastra stampata AP
Cassetto AT
Rack AR
C Condensatori C
Dispositivi e circuiti integra-
ti digitali:
Linea di ritardo
Operatori binari, dispositivi di Elemento bistabile
D temporizzazione, dispositivi di Elemento monostabile D
memorizzazione Registratore
Memoria magnetica
Registratore su nastro o su
disco
Dispositivi non specificati
E Materiali diversi E
nella presente tabella
Limitatore di sovratensione
F
Scaricatori
Dispositivo di protezione a FA
soglia di corrente ad azio-
ne istantanea
Dispositivo di protezione a FR
F soglia di corrente ad azio-
Dispositivi di protezione
ne ritardata
Dispositivo di protezione a FS
soglia di corrente ad azio-
ne istantanea e ritardata
Fusibile FU
Dispositivo di protezione a
soglia di tensione FV

46 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

LETTERA TIPO DI COMPONENTE ESEMPI CONTRASSEGNO DELL’APPARECCHIO

Generatori rotanti
G
Oscillatori al quarzo
G Batteria di accumulatori GB
Generatori, alimentatori
Convertitore di frequenza
rotante o statico GF
Alimentatore GS
Segnalatore acustico HA
H Segnalatore ottico, disposi-
Dispositivi di segnalazione
tivo di segnalazione lumi-
nosa HL
J
Relè instantaneo a tutto o KA
niente o contattori istanta-
nei
Relè bistabili o contattori
interdipendenti KL
(Relè a tutto o niente con
K Relè, contattori aggancio meccanico o ma-
gnete permanente ecc.)
Contattori KM
Relè polarizzati KP
Relè reed KR
Relè a tempo a tutto o
niente (temporizzatore) KT
Induttore
L Induttori, reattori Bobina d’arresto L
Reattore
M Motori M
Amplificatori operazionali
N Circuiti integrati analogici Apparecchi ibridi analogici/ N
digitali
Dispositivi di misura indi-
Strumenti di misura, dispositivi catori, registratori e inte-
P P
di prova gratori
Generatori di segnali
Interruttore automatico QF
Apparecchi di manovra per cir- Interruttore di protezione
Q
cuiti di potenza del motore QM
Dispositivo sezionatore QS
Resistore fisso o variabile
R Resistori R
(reostato)
Selettore o commutatore SA
Pulsante (compreso dispo-
sitivo elettronico di coman-
do a prossimità) SB
Sensori a tutto o niente nu-
merici (a passo singolo) di
natura meccanica ed elet-
Apparecchi di comando o con-
S tronica: SL
trollo
-- Sensore di livello del li-
quido SP
--Sensore di pressione
Sensore di posizione (com-
preso di prossimità) SQ
--Sensore di rotazione SR
--Sensore di temperatura ST

Shark 320 ax 47
Schemi, esplosi e ricambi

LETTERA TIPO DI COMPONENTE ESEMPI CONTRASSEGNO DELL’APPARECCHIO

Trasformatore di corrente TA
Trasformatore per l’alimen-
tazione dei circuiti di co-
T Trasformatori mando TC
Trasformatore di potenza TM
Stabilizzatore magnetico TS
Trasformatore di tensione TV
Discriminatore
Demodulatore
Convertitore di frequenza
U Modulatori, convertitori Codificatore U
Convertitore
Invertitore
Traslatore telegrafico
Tubo elettronico
Tubo a scarica di gas
V Tubi elettronici, semiconduttori Diodo V
Transistore
Tiristore
Conduttore
Cavo
Sbarra
Vie di trasmissione, guide d’on- Guida d’onda
W W
da, antenne Accoppiatore direzionale di
guida d’onda
Dipolo
Antenna parabolica
Sbarretta di connettore XB
Spinotto di prova XJ
X Morsetti, prese, spine Spina XP
Presa XS
Banda terminale a morsetti XT
Elettromagnete YA
Freno elettromagnetico YB
Apparecchi meccanici azionati Frizione elettromagnetica YC
Y
elettricamente Mandrino a tavola magneti- YH
ca
Valvola elettromagnetica YV
Trasformatori, adattatori di im- Equilibratore di linea
Z pedenza, equalizzatori, limita- Compressore Z
tori di banda Filtro a cristallo

48 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

5.1.3 -- Schemi elettrici normalizzati (norme CEI)

Shark 320 ax 49
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

50 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

Shark 320 ax 51
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

52 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

Shark 320 ax 53
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

54 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

Shark 320 ax 55
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

56 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

Shark 320 ax 57
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Schemi elettrici normalizzati

58 Shark 320 ax
Lista cavi

CODICE CAVO DESCRIZIONE Ø NR. COLORE INIZIO FINE


022.0160 --W53 FC CAB. AVANTI 0.50 107 BLU’ --S16 --X90 107
022.0160 --W53 FC CAB. AVANTI 0.50 312 MARRONE --X9 E --S16
022.0141 --W28 STEP MOTOR (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W28 STEP MOTOR (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 76 GIALLO --X90 76 --X35 74
022.0141 --W28 STEP MOTOR (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 77 VERDE --X36 75 --X90 77
022.0141 --W28 STEP MOTOR (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 75 MARRONE --X90 75 --X34 73
022.0141 --W28 STEP MOTOR (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 78 BIANCO --X90 78 --X37 76
022.0160 --W38 VISUALIZZATORE DI QUOTA 0.50 460 BLU’ --X1/PQ --X6 O
022.0160 --W38 VISUALIZZATORE DI QUOTA 0.50 862 MARRONE --X1/PQ --X5 K
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 134 VIOLA --X53 53 --X90 134
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 262 NERO --X58 58 --K09 A1
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 131 ROSSO --X56 56 --X90 131
022.0141 --W6C SPAZZ. MOT. ( 4*0.50 SCH) 0.50 52 GIALLO --X42 81 --M4 W
022.0141 --W6C SPAZZ. MOT. ( 4*0.50 SCH) 0.50 VERDE --XPE --M4 PE
022.0141 --W6C SPAZZ. MOT. ( 4*0.50 SCH) 0.50 50 MARRONE --X40 79 --M4 U
022.0141 --W6C SPAZZ. MOT. ( 4*0.50 SCH) 0.50 51 BIANCO --X41 80 --M4 V
022.0141 --W6C SPAZZ. MOT. ( 4*0.50 SCH) 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE

Shark 320 ax
022.0141 --W25 RESET+EMERG. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 62 MARRONE --S3 3 --K10 24
022.0141 --W25 RESET+EMERG. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 317 BIANCO --S3 4 --K10 14
022.0141 --W24 EMERGENZA (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W24 EMERGENZA (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 GIALLO
022.0141 --W24 EMERGENZA (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 VERDE
022.0141 --W24 EMERGENZA (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 125 MARRONE --K12 14 --X13
022.0141 --W24 EMERGENZA (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 122 BIANCO --K12 11 --X13
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 81 ROSSO --X90 81 --X1/QC
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 82 BLU’ --X90 82 --X1/QC
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 ROSA
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 NERO
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 83 GIALLO --X90 83 --X1/QC
022.0160 --W36 PEDALIERA 0.50 100 MARRONE --S13 3 --X90 100
022.0141 --W23 POT. INV.(4*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE
022.0141 --W23 POT. INV.(4*0.50 SCHERMATO) 0.50 114 GIALLO --R3 --X100 +10
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 92 GRIGIO --X90 92 --X24 63
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 90 GIALLO --X90 90 --X22 61
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 89 VERDE --X90 89 --X21 60

59
Schemi, esplosi e ricambi
60
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 104 MARRONE --X90 104 --X27 66
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 91 BIANCO --X90 91 --X23 62
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 63 BIANCO --X52 52 --X90 63
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 260 BLU’ --X59 59 --X6 O
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 132 ROSA --X55 55 --X90 132
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 133 GRIGIO --X54 54 --X90 133
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 66 GIALLO --X51 51 --X90 66
Schemi, esplosi e ricambi

022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 67 VERDE --X50 50 --X90 67


022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 60 BLU’/ROSSO --X90 60 --X30 69
022.0160 --W39C EV RIGENERATRICE 0.50 060 MARRONE --K21 A1 --X31 70
022.0172N --W208 1.50 026 NERO --X19 29 --X100 V
022.0160 --W40C EV STABILIZZATRICE 0.50 60 BLU’ --X30 69 --K20 A2
022.0160 --W40C EV STABILIZZATRICE 0.50 64 MARRONE --X29 68 --K20 A1
022.0522 --W27C PROXIMITY 0.20 111 MARRONE --X28 67 --S0 +
022.0522 --W27C PROXIMITY 0.20 99 BLU’ --X38 77 --S0 --
022.0522 --W27C PROXIMITY 0.20 105 NERO --X39 78 --S0
022.0160 --W39C EV RIGENERATRICE 0.50 60 BLU’ --K21 A2 --X30 69
019.3401 --W28C STEP MOTOR 0.50 78 ROSSO --M9 B --X37 76
019.3401 --W28C STEP MOTOR 0.50 77 BIANCO/ROSSO --X36 75 --M9 B
019.3401 --W28C STEP MOTOR 0.50 76 BIANCO/VERDE --M9 A --X35 74
022.0160 --W55C FC CARTER LAMA 0.50 562 MARRONE --S8 --X33 72
022.0141 --W35 EMER. PEDAL. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 BIANCO

Shark 320 ax
022.0141 --W35 EMER. PEDAL. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 MARRONE
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 93 GRIGIO/ROSA --X90 93 --X25 64
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 VIOLA
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 64 NERO --X29 68 --F9
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 111 ROSSO --X9 E --X28 67
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 060 BLU’ --X31 70 --F8
022.0147 --W34 FC VARI (12*0.50 SCHERMATO) 0.50 94 ROSA --X90 94 --X26 65
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 84 VERDE --X90 84 --X1/QC
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 85 MARRONE --X90 85 --X1/QC
022.0145 --W26 CONSOLLE (8*0.20 SCHERMATO) 0.20 86 BIANCO --X90 86 --X1/QC
022.0140 --W27 PROXIMITY (2*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0140 --W27 PROXIMITY (2*0.50 SCHERMATO) 0.50 105 MARRONE --X90 105 --X39 78
022.0140 --W27 PROXIMITY (2*0.50 SCHERMATO) 0.50 99 BIANCO --X90 99 --X38 77
022.0160 --W54 FC CAB.INDIETRO 0.50 212 MARRONE --X9 E --S17
022.0160 --W54 FC CAB.INDIETRO 0.50 108 BLU’ --S17 --X90 108
022.0160 --W55 FC CARTER LAMA 0.50 662 BLU’ --K7 A1 --X32 71
022.0141 --W7 EVAC.TRUCIOLI 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W7 EVAC.TRUCIOLI 0.50 49 GIALLO --K6 6 --M5 W
022.0141 --W7 EVAC.TRUCIOLI 0.50 VERDE --XPE --M5 PE
022.0141 --W7 EVAC.TRUCIOLI 0.50 47 MARRONE --K6 2 --M5 U
022.0141 --W7 EVAC.TRUCIOLI 0.50 48 BIANCO --K6 4 --M5 V
022.0141 --W6 SPAZZ. 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W6 SPAZZ. 0.50 52 GIALLO --X42 81 --K5 6
022.0141 --W6 SPAZZ. 0.50 VERDE
022.0141 --W6 SPAZZ. 0.50 50 MARRONE --X40 79 --K5 2
022.0141 --W6 SPAZZ. 0.50 51 BIANCO --X41 80 --K5 4
022.0141 --W5 POMPA 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W5 POMPA 0.50 46 GIALLO --K4 6 --M3 W
022.0141 --W5 POMPA 0.50 VERDE --XPE --M3 PE
022.0141 --W23 POT. INV.(4*0.50 SCHERMATO) 0.50 116 VERDE --R3 --X100 COM
022.0141 --W23 POT. INV.(4*0.50 SCHERMATO) 0.50 MARRONE
022.0141 --W23 POT. INV.(4*0.50 SCHERMATO) 0.50 115 BIANCO --R3 --X100 AI1
022.0141 --W25 RESET+EMERG. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE
022.0141 --W25 RESET+EMERG. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 217 GIALLO --S3 4 --K11 14
022.0141 --W25 RESET+EMERG. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 218 VERDE --X99 A --S4 1
022.0141 --W5 POMPA 0.50 44 MARRONE --K4 2 --M3 U
022.0141 --W5 POMPA 0.50 45 BIANCO --K4 4 --M3 V
022.0141 --W4 POMPA 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0160 --W56 FC BARRA PROTEZIONE 0.50 362 MARRONE --S1 --X5 K
022.0141 --W4 POMPA 0.50 46 GIALLO --K4 6 --M2 W
022.0160 --W55 FC CARTER LAMA 0.50 562 MARRONE --X5 K --X33 72
022.0141 --W4 POMPA 0.50 VERDE --XPE --M2 PE

Shark 320 ax
019.3401 --W28C STEP MOTOR 0.50 75 VERDE --M9 A --X34 73
019.3401 --W28C STEP MOTOR 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0160 --W59 FC PRESENZA BARRA 0.50 412 MARRONE --X9 E --S10
022.0141 --W4 POMPA 0.50 44 MARRONE --K4 2 --M2 U
022.0160 --W52C M. SW. 0.50 111 BLU’ --S15 --X28 67
022.0160 --W52C M. SW. 0.50 104 MARRONE --S15 --X27 66
022.0160 --W55C FC CARTER LAMA 0.50 662 BLU’ --S8 --X32 71
022.0160 --W59 FC PRESENZA BARRA 0.50 101 BLU’ --S10 --X90 101
022.0160 --W37 LAMPEGGIANTE 0.50 BLU’ --X14 --H1
022.0160 --W37 LAMPEGGIANTE 0.50 MARRONE --X14 --H1
022.0160 --W36 PEDALIERA 0.50 110 BLU’ --S13 4 --X9 E
022.0141 --W4 POMPA 0.50 45 BIANCO --K4 4 --M2 V
022.0143 --W2 1¦ VELOCITA’ 1.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0143 --W2 1¦ VELOCITA’ 1.50 31 GIALLO --M1 W2 --K1 6
022.0143 --W2 1¦ VELOCITA’ 1.50 VERDE --XPE --M1 PE
022.0143 --W2 1¦ VELOCITA’ 1.50 29 MARRONE --M1 U2 --K1 2
022.0143 --W2 1¦ VELOCITA’ 1.50 30 BIANCO --M1 V2 --K1 4
022.0143 --W3 2¦ VELOCITA’ 1.50 33 BIANCO --M1 V1 --K2 4
022.0143 --W3 2¦ VELOCITA’ 1.50 34 GIALLO --M1 W1 --K2 6

61
Schemi, esplosi e ricambi
62
022.0143 --W3 2¦ VELOCITA’ 1.50 32 MARRONE --M1 U1 --K2 2

022.0143 --W3 2¦ VELOCITA’ 1.50 VERDE --XPE --M1 PE


022.0158 --W1 ALIMENTAZIONE 1.50 GIALLO/VERDE --X PE
022.0158 --W1 ALIMENTAZIONE 1.50 3 NERO --Q0 5
022.0158 --W1 ALIMENTAZIONE 1.50 1 MARRONE --Q0 1
022.0158 --W1 ALIMENTAZIONE 1.50 2 NERO --Q0 3
Schemi, esplosi e ricambi

022.2151 --W20C STRAIN GAUGE (4*0.50 SCH) 0.50 93 MARRONE --B1 --X25 64
022.2151 --W20C STRAIN GAUGE (4*0.50 SCH) 0.50 94 BLU’ --B1 --X26 65
022.2151 --W20C STRAIN GAUGE (4*0.50 SCH) 0.50 94 NERO --B1 --X26 65
022.0141 --W21C POT. TESTA (4*0.50 SCH) 0.50 MARRONE
022.0141 --W21C POT. TESTA (4*0.50 SCH) 0.50 91 BIANCO --R5 --X23 62
022.2151 --W20C STRAIN GAUGE (4*0.50 SCH) 0.50 92 BIANCO --B1 --X24 63
022.0158 --W1 ALIMENTAZIONE 1.50 4 BLU’ --X1 N
022.0141 --W21C POT. TESTA (4*0.50 SCH) 0.50 SCHERMO SCH SCH --XPE
022.0141 --W21C POT. TESTA (4*0.50 SCH) 0.50 90 GIALLO --R5 --X22 61
022.0141 --W21C POT. TESTA (4*0.50 SCH) 0.50 89 VERDE --R5 --X21 60
022.0160 --W56 FC BARRA PROTEZIONE 0.50 462 BLU’ --S1 --K8 A1
022.0144 --W33 ELETTROVALVOLE 0.50 162 MARRONE --X57 57 --X5 K
022.0160 --W51P PRESSOSTATO 0.50 162 MARRONE --X57 57 --S14 1
022.0160 --W51P PRESSOSTATO 0.50 262 BLU’ --X58 58 --S14 4
022.0160 --W41P EV ALIM.ARIA CAB 0.50 131 MARRONE --X56 56 --K13 A1
022.0160 --W41P EV ALIM.ARIA CAB 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K13 A2

Shark 320 ax
022.0160 --W42P EV Av/Ind CAB 0.50 132 MARRONE --X55 55 --K14 A1
022.0160 --W42P EV Av/Ind CAB 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K14 A2
022.0160 --W43P EV Ch/Ap CMA 0.50 133 MARRONE --X54 54 --K15 A1
022.0160 --W43P EV Ch/Ap CMA 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K15 A2
022.0160 --W44P EV DEV. Bl/Sbl CM 0.50 134 MARRONE --X53 53 --K16 A1
022.0160 --W44P EV DEV. Bl/Sbl CM 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K16 A2
022.0160 --W45P EV ALIM. ARIA CPT , 0.50 63 MARRONE --X52 52 --K17 A1
022.0160 --W45P EV ALIM. ARIA CPT , 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K17 A2
022.0160 --W46P EV Ch/Ap CMT 0.50 66 MARRONE --X51 51 --K18 A1
022.0160 --W46P EV Ch/Ap CMT 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K18 A2
022.0160 --W47P EV Disc/Sal CPT 0.50 67 MARRONE --X50 50 --K19 A1
022.0160 --W47P EV Disc/Sal CPT 0.50 260 BLU’ --X59 59 --K19 A2
022.0172G/V --W100 PE (19 V PLC) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --X90
022.0172G/V --W101 PE (INVERTER) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --X100 E
022.0172G/V --W102 PE (INVERTER) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --X100 E1
022.0172G/V --W103 PE (0 TR 0--24V) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --T3 O
022.0172G/V --W104 PE (DA PE ALIM. A MORS.EQUIPOT.) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --X PE
022.0172G/V --W105 PE (CASSETTA DERIV. ARCHETTO) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --X43 PE
022.0172G/V --W106 PE (PANNELLO ZINCATO) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE
022.0172G/V --W107 PE (SCHERMO TRASF 0--19V) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --T2
022.0172G/V --W108 PE (SCHERMO TRASF 0--24V) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE --T3
022.0172N --W109 1.50 2 NERO --K0 D1 --Q0 3
022.0172N --W110 1.50 3 NERO --K0 D2 --Q0 5
022.0172N --W111 1.50 5 NERO --Q0 2 --X2 F
022.0172N --W112 1.50 6 NERO --Q0 4 --X3 G
022.0172N --W113 1.50 7 NERO --Q0 6 --X4 H
022.0172N --W114 1.50 8 NERO --X3 G --F4
022.0172N --W115 1.50 9 NERO --F5 --X4 H
022.0172N --W116 1.50 10 NERO --X3 G --F6
022.0172N --W117 1.50 11 NERO --X4 H --F7
022.0172N --W118 1.50 12 NERO --T3 0 --F4
022.0172N --W119 1.50 13 NERO --F5 --T3 400
022.0172N --W120 1.50 14 NERO --T2 0 --F6
022.0172N --W121 1.50 15 NERO --T2 400 --F7
022.0172N --W122 1.50 16 NERO --K4 1 --K5 1
022.0172N --W123 1.50 16 NERO --K6 1 --K5 1
022.0172N --W124 1.50 16 NERO --K4 1 --X2 F
022.0172N --W125 1.50 17 NERO --K4 3 --K5 3
022.0172N --W126 1.50 17 NERO --K6 3 --K5 3
022.0172N --W127 1.50 17 NERO --K4 3 --X3 G
022.0172N --W128 1.50 18 NERO --K4 5 --K5 5
022.0172N --W129 1.50 18 NERO --K6 5 --K5 5

Shark 320 ax
022.0172N --W130 1.50 18 NERO --K4 5 --X4 H
022.0172N --W131 1.50 22 NERO --X100 L1 --X2 F
022.0172N --W132 1.50 23 NERO --X100 L2 --X3 G
022.0172N --W133 1.50 24 NERO --X100 L3 --X4 H
022.0172N --W134 1.50 25 NERO --X15 25 --K2 1
022.0172N --W135 1.50 26 NERO --X16 26 --K2 3
022.0172N --W136 1.50 27 NERO --X17 27 --K2 5
022.0172N --W137 1.50 25 NERO --K2 1 --K1 1
022.0172N --W138 1.50 26 NERO --K2 3 --K1 3
022.0172N --W139 1.50 27 NERO --K2 5 --K1 5
022.0172N --W140 1.50 28 NERO --K3 3 --K3 1
022.0172N --W141 1.50 28 NERO --K3 5 --K3 3
022.0172N --W142 1.50 29 NERO --K3 2 --K1 2
022.0172N --W143 1.50 30 NERO --K3 4 --K1 4
022.0172N --W144 1.50 31 NERO --K3 6 --K1 6
022.0171C --W145 0.50 79 ARANCIO --X90 79 --X100 LI1
022.0171C --W146 0.50 80 ARANCIO --X90 80 --X100 +24
022.0171C --W147 0.50 87 ARANCIO --T0 --X90 87
022.0171C --W148 0.50 88 ARANCIO --T0 --X90 88

63
Schemi, esplosi e ricambi
64
022.0171C --W149 0.50 103 ARANCIO --X90 103 --X100 SA
022.0171C --W150 0.50 102 ARANCIO --X90 102 --K7 24
022.0171C --W151 0.50 106 ARANCIO --X90 106 --K8 24
022.0171C --W152 0.50 209 ARANCIO --X90 209 --K09 24
022.0171R --W153 0.50 57 ROSSO --F3 --X90 57
022.0171R --W154 0.50 59 ROSSO --F3 --T2 19
022.0171R --W156 0.50 061 ROSSO --X5 K --F2
Schemi, esplosi e ricambi

022.0171R --W157 0.50 62 ROSSO --X5 K --K12 24


022.0171R --W158 0.50 62 ROSSO --K11 24 --K12 24
022.0171R --W159 0.50 62 ROSSO --K10 24 --K11 24
022.0171R --W160 0.50 062 ROSSO --X90 062 --K12 21
022.0171R --W161 0.50 71 ROSSO --K2 22 --K3 22
022.0171R --W162 0.50 72 ROSSO --K3 21 --K1 A1
022.0171R --W163 0.50 73 ROSSO --K1 31 --K3 A1
022.0171R --W164 0.50 74 ROSSO --K1 21 --K2 A1
022.0171R --W165 0.50 98 ROSSO --F1 --X90 98
022.0171R --W166 0.50 112 ROSSO --X9 E --X100 SC
022.0171R --W167 0.50 518 ROSSO --K7 12 --K8 12
022.0171R --W168 0.50 518 ROSSO --K11 11 --K8 12
022.0171R --W169 0.50 418 ROSSO --K7 11 --K8 14
022.0171R --W170 0.50 417 ROSSO --K10 11 --K7 14
022.0171R --W171 0.50 318 ROSSO --K8 11 --K09 11
022.0171R --W172 0.50 217 ROSSO --K11 A1 --K11 14

Shark 320 ax
022.0171R --W173 0.50 317 ROSSO --K10 A1 --K10 14
022.0171R --W174 0.50 621 ROSSO --K10 21 --K12 A1
022.0171R --W175 0.50 621 ROSSO --K10 21 --K11 21
022.0171R --W176 0.50 109 ROSSO --F1 --K09 21
022.0171R --W177 0.50 109 ROSSO --K09 21 --K8 21
022.0171R --W178 0.50 109 ROSSO --K8 21 --K7 21
022.0171R --W179 0.50 109 ROSSO --X9 E --K7 21
022.0171R --W155 0.50 61 ROSSO --T3 24 --F2
022.0171L --W180 0.50 58 BLU’ --T2 0 --X90 58
022.0171L --W181 0.50 160 BLU’ --T3 O --X6 O
022.0171L --W182 0.50 1060 BLU’ --X90 1060 --F8
022.0171L --W183 0.50 60 BLU’ --X6 O --K2 A2
022.0171L --W184 0.50 60 BLU’ --K3 A2 --K2 A2
022.0171L --W185 0.50 60 BLU’ --K1 A2 --K3 A2
022.0171L --W186 0.50 60 BLU’ --K4 A2 --K1 A2
022.0171L --W187 0.50 60 BLU’ --K5 A2 --K4 A2
022.0171L --W188 0.50 60 BLU’ --K6 A2 --K5 A2
022.0171L --W189 0.50 60 BLU’ --K6 A2 --X90 60bl—
022.0171L --W190 0.50 60 BLU’ --X90 60bl— --K7 A2
022.0171L --W191 0.50 60 BLU’ --K8 A2 --K7 A2
022.0171L --W192 0.50 60 BLU’ --K09 A2 --K8 A2
022.0171L --W193 0.50 60 BLU’ --K10 A2 --K09 A2
022.0171L --W194 0.50 60 BLU’ --K11 A2 --K10 A2
022.0171L --W195 0.50 60 BLU’ --K12 A2 --K11 A2
022.0171B --W196 0.50 70 BIANCO --X90 70 --K2 21
022.0171B --W197 0.50 69 BIANCO --X90 69 --K1 32
022.0171B --W198 0.50 68 BIANCO --X90 68 --K1 22
022.0171B --W199 0.50 65 BIANCO --K4 A1 --X90 65
022.0171B --W200 0.50 129 BIANCO --K6 A1 --X90 129
022.0171B --W201 0.50 128 BIANCO --K5 A1 --X90 128
022.0171B --W202 0.50 064 BIANCO --X90 064 --F9
022.0172G/V --W203 PE (QUADRO COMANDI) 1.50 GIALLO/VERDE --XPE
022.0172G/V --W204 PE( QUADRO COMANDI/TASTIERA) 1.50 GIALLO/VERDE
022.0172N --W207 1.50 025 NERO --X18 28 --X100 U
022.0171M --W205 0.50 62 MARRONE --S3 3 --S3 3
022.0141 --W35 EMER. PEDAL. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 0218 VERDE --X99 A --S12 2
022.2151 --W20C STRAIN GAUGE (4*0.50 SCH) 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0171M --W206 0.50 62 MARRONE --S3 3 --S4 2
022.0172N --W209 1.50 027 NERO --X20 30 --X100 W
022.0143 --W3 2¦ VELOCITA’ 1.50 SCHERMO --XPE SCH SCH
022.0141 --W35 EMER. PEDAL. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 220 GIALLO --S12 1 --K09 14
022.0141 --W35 EMER. PEDAL. (4*0.50 SCHERMATO) 0.50 SCHERMO --XPE SCH SCH

Shark 320 ax
65
Schemi, esplosi e ricambi
Schemi, esplosi e ricambi

Lista componenti

CODICE ID. RIF. DESCRIZIONE COSTRUTTORE


022.2151 --B1 /5.2 Strain gauge Deltatec
022.1128 --F1 /3.2 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F1 /3.2 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.1128 --F2 /1.8 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F2 /1.8 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.1128 --F3 /1.7 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F3 /1.7 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.1128 --F4 /1.5 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F4 /1.5 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.2301 --F4 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --F4 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.1128 --F5 /1.5 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F5 /1.5 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.2301 --F5 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --F5 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.1128 --F6 /1.5 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F6 /1.5 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.2301 --F6 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --F6 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.1128 --F7 /1.5 Fusibile vetro 5x20 5A Comapel srl
022.2246 --F7 /1.5 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.2301 --F7 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --F7 /1.5 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.1127 --F8 /5.4 Fusibile vetro 5x20 2A Comapel srl
022.2246 --F8 /5.4 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.1127 --F9 /5.3 Fusibile vetro 5x20 2A Comapel srl
022.2246 --F9 /5.3 Morsetto Portafusibile Phoenix
022.2284 --F9 /5.3 Piastra Terminale coprifusibil Phoenix
022.0590 --K0 /1.2 Bobina Sgancio Siemens
022.0103 --K1 /2.2 Contattore grande CA3--9--10 Rockwell Automation
022.0654 --K1 /2.2 Antidisturbo per contattore gr Rockwell Automation
022.0621 --K1 /2.2 Contatti Ausiliari Cont. Grand Rockwell Automation
022.0103 --K2 /2.1 Contattore grande CA3--9--10 Rockwell Automation
022.0654 --K2 /2.1 Antidisturbo per contattore gr Rockwell Automation
022.0621 --K2 /2.1 Contatti Ausiliari Cont. Grand Rockwell Automation
022.0103 --K3 /2.1 Contattore grande CA3--9--10 Rockwell Automation
022.0654 --K3 /2.1 Antidisturbo per contattore gr Rockwell Automation
022.0621 --K3 /2.1 Contatti Ausiliari Cont. Grand Rockwell Automation
022.0093 --K4 /2.3 Minicontattore 9A CA 4--9--10 Rockwell Automation
022.0655 --K4 /2.3 Antidisturbo per teleinvertito Rockwell Automation
022.0093 --K5 /2.4 Minicontattore 9A CA 4--9--10 Rockwell Automation
022.0655 --K5 /2.4 Antidisturbo per teleinvertito Rockwell Automation
022.0093 --K6 /2.5 Minicontattore 9A CA 4--9--10 Rockwell Automation
022.0655 --K6 /2.5 Antidisturbo per teleinvertito Rockwell Automation
022.0992 --K7 /2.5 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0992 --K8 /2.6 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0992 --K09 /2.7 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0992 --K10 /2.8 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0992 --K11 /2.8 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0992 --K12 /2.9 RelŠ 24 Vac completo di zoccol Siei Peterlongo spa
022.0586 --K13 /4.6 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K13 /4.6 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K13 /4.6 Parker
022.0586 --K14 /4.6 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa

66 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

022.0413 --K14 /4.6 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K14 /4.6 Parker
022.0586 --K15 /4.7 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K15 /4.7 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K15 /4.7 Parker
022.0586 --K16 /4.8 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K16 /4.8 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K16 /4.8 Parker
022.0586 --K17 /4.8 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K17 /4.8 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K17 /4.8 Parker
022.0586 --K18 /4.9 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K18 /4.9 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K18 /4.9 Parker
022.0586 --K19 /4.9 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K19 /4.9 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K19 /4.9 Parker
022.0586 --K20 /5.3 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K20 /5.3 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K20 /5.3 Parker
022.0586 --K21 /5.4 Bobina PS 1 E 491B Parker Parker Hannifin spa
022.0413 --K21 /5.4 Connettore con led + varistore SMC ITALIA SPA
043.0608 --K21 /5.4 Parker
022.0588 --L1 /7.7 Filtro inverter Fin Motor
019.1705 --M1 /7.7 Motore HP 2/2.5 2/4P V380.60 Carpanelli Motori
028.0231 --M2 /1.1 Elettropompa trifase SAMEC
028.0260 --M3 /1.3 Elettropompa trifase LAFERT
019.3501 --M4 /5.8 Motore spazzola pulilama GERIT
025.0771 --M5 /1.6 Motoriduttore per evacuatore t Bonfiglioli
019.3401 --M9 /5.6 STEP MOTOR(motore passo passo) EW HOF
022.0112 --Q0 /1.2 Salvamotore Siemens
022.0039 --Q0 /1.2 Comando bloccaporta nero Siemens
022.0045 --R1 /3.2 Potenziometro 10 K Buns
034.1166 --R1 /3.2 Manopola per comando potenziom ELMI
022.0045 --R3 /7.3 Potenziometro 10 K Buns
034.1166 --R3 /7.3 Manopola per comando potenziom ELMI
022.0045 --R5 /5.1 Potenziometro 10 K Buns
034.1166 --R5 /5.1 Manopola per comando potenziom ELMI
022.0522 --S0 /5.7 Sensore di prossimit 872C--D2N SELET SENSOR
022.0507 --S1 /2.6 Finecorsa OMRON
022.1401 --S3 /3.4 Pulsante 800 EQ--F5 reset Rockwell Automation
022.0629 --S3 /3.4 Portacontatti per pulsante res ROCKWELL AUTOMATION
022.0939 --S3 /3.4 Blocchetto N.A.DE 310 Rockwell Automation
022.0939 --S3 /3.4 Blocchetto N.A.DE 310 Rockwell Automation
022.0939 --S3 /3.4 Blocchetto N.A.DE 310 Rockwell Automation
022.1242 --S4 /3.5 Emergenza 800 EP--MTS 443LX01 Rockwell Automation
022.0037 --S8 /5.5 Fine corsa a chiave FR690 Klockner Moeller
022.0503 --S10 /6.5 Finecorsa crouzet 83.123.018 CROUZET
022.1242 --S12 /3.8 Emergenza 800 EP--MTS 443LX01 Rockwell Automation
022.1001 --S13 /3.8 Comando a pedaliera COMEPI
043.0143 --S14 /4.5 Pressostato SH pneumatico Parker
022.0515 --S15 /5.2 Microinterruttore V--21--1C6 Honeywell
034.1221 --S15 /5.2 Impugnatura Bardeggia
010.0928 --S15 /5.2 Molla Adriatica Molle
025.0691 --S15 /5.2 Guarnizione per impugnatura Bardeggia
022.0506 --S16 /6.6 Finecorsa D4C--1901 2M Honeywell
022.0506 --S17 /6.7 Finecorsa D4C--1901 2M Honeywell
022.0069 --T0 /7.5 Trasformatore amperometrico Carlo Gavazzi
022.0455 --T2 /1.7 TR: 200W 0--230--400V 0--19V 50/6 W.A.N.
022.0457 --T3 /1.7 TR: 200W 0--230--400V 0--24V 50/6 W.A.N.

Shark 320 ax 67
Schemi, esplosi e ricambi

--X1/PQ /7.0
--X1/QC /6.2

68 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

Lista morsetti

CODICE ID. RIF. DESCRIZIONE COSTRUTTORE


022.2241 --X /1.1 Morsetto di terra singolo Phoenix
022.2243bis --X1 /1.2 Morsetto Singolo a molla blu Phoenix
022.2244 --X2 /1.2 Morsetto triplo Phoenix
022.2301 --X2 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X2 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2244 --X3 /1.2 Morsetto triplo Phoenix
022.2244 --X3 /1.2 Morsetto triplo Phoenix
022.2271 --X3 /1.2 Ponticello singolo Phoenix
022.2301 --X3 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X3 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X3 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X3 /1.2 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2244 --X4 /1.3 Morsetto triplo Phoenix
022.2244 --X4 /1.3 Morsetto triplo Phoenix
022.2271 --X4 /1.3 Ponticello singolo Phoenix
022.2301 --X4 /1.3 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X4 /1.3 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X4 /1.3 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2301 --X4 /1.3 Piastra prot. ten. (saette) Phoenix
022.2244 --X5 /1.8 Morsetto triplo Phoenix
022.2244 --X5 /1.8 Morsetto triplo Phoenix
022.2272 --X5 /1.8 Ponticello doppio Phoenix
022.2282 --X5 /1.8 Piastra terminale tripla Phoenix
022.2245 --X6 /2.0 Morsetto quadruplo Phoenix
022.2245 --X9 /5.2 Morsetto quadruplo Phoenix
022.2245 --X9 /5.2 Morsetto quadruplo Phoenix
022.2272 --X9 /5.2 Ponticello doppio Phoenix
031.2042 --X10 /3.2 Consolle di programmazione SH3 Serigrafia Dia
022.0871 --X12 /3.5 AMTL (AX--AXI--AXI/S--LUX)
022.0868 --X13 /3.6 CNSL MEP 23 (AX--AXI--AXI/S--LUX)
022.0754 --X14 /3.9 DISPLAY MEP23 LCD (AX--AXI--AXI/ Data srl
022.0374 --X15 /7.6 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.0374 --X16 /7.6 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.0374 --X17 /7.6 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.0374 --X18 /7.8 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.0374 --X19 /7.8 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.0374 --X20 /7.8 Morsetto singolo a vite Phoenix
022.2281 --X20 /7.8 Piastra Terminale singola Phoenix
022.2249 --X21 /5.0 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X22 /5.0 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X23 /5.1 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X24 /5.1 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X25 /5.1 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X26 /5.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X27 /5.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X28 /5.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X28 /5.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2273 --X28 /5.2 Ponticello singolo (QUICK) Phoenix
022.2249 --X29 /5.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X30 /5.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X30 /5.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2273 --X30 /5.3 Ponticello singolo (QUICK) Phoenix
022.2249 --X31 /5.4 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X32 /5.5 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X33 /5.5 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X34 /5.5 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X35 /5.6 Morsettto coll. diretto quick Phoenix

Shark 320 ax 69
Schemi, esplosi e ricambi

022.2249 --X36 /5.6 Morsettto coll. diretto quick Phoenix


022.2249 --X37 /5.6 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X38 /5.7 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X39 /5.8 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X40 /5.8 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X41 /5.8 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X42 /5.9 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2285 --X42 /5.9 Piastra Terminale quick Phoenix
022.2247 --X43 /5.9 Mors. terra quadruplo a vite Phoenix
022.2247 --X43 /5.9 Mors. terra quadruplo a vite Phoenix
022.2249 --X50 /4.0 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X51 /4.1 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X52 /4.1 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X53 /4.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X54 /4.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X55 /4.2 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X56 /4.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X57 /4.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X58 /4.3 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X59 /4.4 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X59 /4.4 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X59 /4.4 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.2249 --X59 /4.4 Morsettto coll. diretto quick Phoenix
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl

70 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl


022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.0810 --X90 /6.0 Controllore mep 23 aut. Shark Data srl
022.2243 --X99 /3.8 Morsetto Singolo a molla Phoenix
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.0761 --X100 /7.7 Inverter 2.2KW 3PH 200--230V 50 Schneider electric
022.2321 --XPE /8.1 Morsettiera equipotenziale SEM Srl

Shark 320 ax 71
72
034.0206

007.3825
025.0691
5.2 -- Esplosi

034.1221
034.1221
010.7943
Schemi, esplosi e ricambi

010.0915
mente questa macchina.

010.7780
5.2.1 -- Gruppo testa

022.2151
010.0928
010.7407
001.4217
025.0691 001.4030

025.0691
007.4221
022.0515 010.1910

034.1221 010.7894
010.7767
010.7803

010.4021

010.7894

Shark 320 ax
010.7410
022.0522 010.7764
010.7407
001.4029 007.4221
010.7606

034.1003
La parte che segue riguarda i disegni esplosi che, data la completezza dei particolari, possono aiutare nel conoscere più approfondita-
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DI GRUPPO

090.0267 IMPUGNATURA COMPLETA NR 1,000


090.0271 IMPUGNATURA COMPLETA TIPO MEP NR 1,000
090.0621 GRUPPO TENSIONAMENTO LAMA NR 1,000

CODICI DEI COMPONENTI

001.4029 SLITTA TENDILAMA ARCHETTO NR 1,000


001.4217 ARCHETTO SEZIONE VOLANO LIBERO NR 1,000
007.3825 PERNO REGISTRO TENSIONAMENTO LAMA NR 1,000
007.3861 CILINDRO TENSIONAMENTO NR 1,000
007.3869 PISTONE TENSIONAMENTO LAMA NR 1,000
007.4221 STAFFA BLOCCAGGIO GUIDA TESTINA NR 2,000
010.0915 MOLLA A TAZZA 50X18,4X3 NR 6,000
010.0928 MOLLA X IMPUGNATURA MEP NR 1,000
010.1910 LEVA COMANDO TESTA BT NR 1,000
010.4021 PIASTRA REGOLAZIONE SLITTA LARDONE NR 2,000
010.7407 GRANO VCE P.CIL. 6 X 25 NR 1,000
010.7410 GRANO VCE P.CIL. 8 X 16 NR 1,000
010.7606 RONDELLA DIAM. 12 NR 1,000
010.7764 SPINA ELASTICA DIAM. 6 X 20 NR 1,000
010.7767 SPINA ELASTICA DIAM. 6 X 35 NR 1,000
010.7780 SPINA TEMP. RETT. DIAM. 5 X 25 NR 1,000
010.7803 VITE AUTOFIL. 3,9 X 15 NR 3,000
010.7894 VITE TCEI 8 X 25 NR 12,000
010.7943 VITE TCEI 12 X 45 NR 4,000
022.0515 MICROINTERRUTTORE V-213-1C6 NR 1,000
025.0235 ANELLO TENUTA NI 150 18-25-4,5 NR 2,000
025.0236 ANELLO DI TENUTA NI 150 45-55-7 NR 1,000
025.0691 SERIE GUARNIZIONI X IMPUGNATURA MEP NR 1,000
034.0206 VOLANTINO TENSIONAMENTO LAMA NR 1,000
034.1003 LEVA A SCATTO 12 MA NR 1,000
034.1221 IMPUGNATURA DIS. MEP NR 1,000
043.0142 PRESSOSTATO OLIO NR 1,000
043.0222 RACCORDO A CROCE CL 2033 1/4 NR 1,000
043.0260 TAPPO TTE4 1/4 - CL 2611 NR 1,000
043.0275 NIPPLO CONICO A2-1/4 - CL 2500 NR 1,000
043.0350 GUARNIZIONE GFV 1/4 NR 1,000
043.0556 MANOMETRO DIAM.50 0-60 X TENS.LAMA NR 1,000

Shark 320 ax 73
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Gruppo testa

001.4028

010.0352
025.0272

025.0069

007.3843

010.7953

016.0264
010.7764
028.0130

043.0652

001.4022
007.3873
010.7204 010.1707
010.7402
010.1705
034.1112
010.7868

010.7402
010.1706
010.7893 010.1704
010.7852
016.0024
028.0360
001.4023
010.1721
007.3872

007.3828

74 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DI GRUPPO

090.1202 SERIE COMPLETA PLACCHETTE GUIDALAMA NR 1,000

CODICI DEI COMPONENTI

001.4022 TESTINA GUIDALAMA ANTERIORE NR 1,000


001.4023 TESTINA GUIDALAMA POSTERIORE NR 1,000
001.4028 VOLANO LIBERO ARCHETTO NR 1,000
007.3828 BOCCOLA BATTUTA FINECORSA NR 1,000
007.3843 ALBERO VOLANO LIBERO NR 1,000
007.3872 SUPPORTO TESTINA POSTERIORE NR 1,000
007.3873 SUPPORTO TESTINA ANTERIORE NR 1,000
010.0352 GHIERA AUTOBLOCCANTE 35X1,5 NR 1,000
010.1704 GUIDALAMA 1 INSERTO POSTERIORE NR 1,000
010.1705 GUIDALAMA 1 INSERTO ANTERIORE NR 1,000
010.1706 GUIDALAMA 2 INSERTI POSTERIORE NR 1,000
010.1707 GUIDALAMA 2 INSERTI ANTERIORE NR 1,000
010.1721 PREMILAMA NR 1,000
010.7204 DADO M8 NR 1,000
010.7402 GRANO VCE P.CIL. 6 X 12 NR 5,000
010.7764 SPINA ELASTICA DIAM. 6 X 20 NR 1,000
010.7852 VITE TCEI 4 X 12 NR 1,000
010.7868 VITE TCEI 6 X 12 NR 2,000
010.7893 VITE TCEI 8 X 20 NR 2,000
010.7953 VITE TE 6 X 25 NR 1,000
016.0264 PROTEZIONE LAMA ANTERIORE NR 1,000
025.0069 CUSCINETTO 32007X NR 2,000
025.0272 ANELLO DI PROTEZIONE NILOS 32007 NR 2,000
028.0130 RACCORDO 1/4-9 CL 2601 NR 1,000
028.0360 GOMMINO PULILAMA NR 1,000
034.1112 VOLANTINO DIAM.40 M8 NR 1,000
043.0652 RUBINETTO 1/4 F.M. NR 1,000

Shark 320 ax 75
76
016.1506 016.0283 010.7868
Schemi, esplosi e ricambi

001.4042
(segue) Gruppo testa

025.0627

010.7943
010.7850
010.1801
028.0130
007.4142
010.7868
028.0081
019.5391

Shark 320 ax
010.7953
034.0902 010.7875
010.0921 043.0260
010.2201 025.0067 010.7010
025.0803 007.3616
025.0552

016.1223

022.0037

001.4026
010.7855
010.7893
034.0901
007.3817
007.3822 043.0227
025.0147
001.4025 043.0229
010.0352
010.7891 022.0232
025.0057
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DI GRUPPO

090.0631 DISPOSITIVO PULILAMA NR 1,000

CODICI DEI COMPONENTI

001.4025 ARCHETTO SEZIONE VOLANO MOTORE NR 1,000


001.4026 COPERCHIO RIDUTTORE ARCHETTO NR 1,000
001.4042 TRAVE DELL’ARCHETTO NR 1,000
007.3616 GHIERA FIX CUSCINETTO NR 1,000
007.3817 DISTANZIALE CORONA ELICOIDALE NR 1,000
007.3822 PERNO SUPPORTO SNODO TESTA NR 1,000
007.4142 SQUADRETTO PER LIQUIDO NR 1,000
010.0352 GHIERA AUTOBLOCCANTE 35X1,5 NR 1,000
010.0921 MOLLA X PULILAMA NR 1,000
010.1801 CHIUSURA LEVA ”D” ZINCATA NR 1,000
010.2201 PORTASPAZZOLA PULILAMA NR 1,000
010.7010 ANELLO SEEGER DIAM. 45 NR 1,000
010.7850 VITE TCEI 4 X 8 NR 2,000
010.7855 VITE TCEI 4 X 30 NR 2,000
010.7868 VITE TCEI 6 X 12 NR 5,000
010.7875 VITE TCEI 6 X 40 NR 1,000
010.7891 VITE TCEI 8 X 16 NR 4,000
010.7893 VITE TCEI 8 X 20 NR 4,000
010.7943 VITE TCEI 12 X 45 NR 4,000
010.7953 VITE TE 6 X 25 NR 1,000
016.0283 PROTEZIONE CAVI NR 1,000
016.1223 PIASTR.FIX INTERR.SICUR.ARCHETTO NR 1,000
016.1506 STAFFA DI FERMO NR 2,000
019.5391 FASCETTA MINUS GT NR 1,000
022.0037 INTERRUTTORE DI SICUREZZA FR 690 NR 1,000
022.0232 PRESSACAVO IN OTTONE 1/4 BM 2450 NR 1,000
025.0057 CUSCINETTO 62.06 NR 1,000
025.0067 CUSCINETTO 3207 NR 1,000
025.0147 CORONA ELICOIDALE SH 330/C INVERTER NR 1,000
025.0552 SPAZZ.PULILAMA 1053 6X25 DIAM. 30 NR 1,000
025.0627 GUARNIZIONE COPERCHIO PORTA MOTORE NR 1,000
025.0803 BOCCOLA GRAFITATA L. 10 DIAM. 6 NR 2,000
028.0081 RIDUZIONE FM 1/2-3/8 - CL 2531 NR 1,000
028.0130 RACCORDO 1/4-9 CL 2601 NR 2,000
034.0901 TAPPO LIVELLO OLIO 1/2 ”GAS. NR 1,000
034.0902 TAPPO OLIO SFP 1/2” ROSSO NR 1,000
043.0227 RIDUZIONE 3/8-1/4 MF - CL 2531 NR 1,000
043.0229 RIDUZIONE MF 1/4 - CL 2520 NR 1,000
043.0260 TAPPO TTE4 1/4 - CL 2611 NR 1,000

Shark 320 ax 77
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Gruppo testa

019.1706

010.7113

025.0201

025.0625

010.7961

010.7604

001.4011

010.7961

010.7893

007.3616

025.0148

025.0067

010.0352

025.0074

010.7005

78 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DEI COMPONENTI

001.4011 COPERCHIO PORTA MOTORE NR 1,000


007.3616 GHIERA FISSAGGIO CUSCINETTO NR 1,000
010.0352 GHIERA AUTOBLOCCANTE 35X1,5 NR 1,000
010.7005 ANELLO SEEGER DIAM. 17 NR 1,000
010.7113 CHIAVETTA 8 X 7 X 40 NR 1,000
010.7604 RONDELLA DIAM. 8 NR 8,000
010.7893 VITE TCEI 8 X 20 NR 4,000
010.7961 VITE TE 8 X 20 NR 8,000
019.1706 HP 2/2,5 2/4P V.380 B14 FC90L NR 1,000
025.0067 CUSCINETTO 3207 NR 1,000
025.0074 CUSCINETTO 6003 NR 1,000
025.0148 ALBERO VITE SENZA FINE NR 1,000
025.0201 ANELLO TENUTA 25X42X7 NR 1,000
025.0625 GUARNIZIONE MOTORE NR 1,000

Shark 320 ax 79
80
016.0913
010.7859
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Gruppo testa

010.7861

001.4027

Shark 320 ax
025.0861 034.1110
016.1224
007.3844 010.7850

025.0200

022.0037

010.7850

010.7830

016.0262
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DEI COMPONENTI

001.4027 VOLANO MOTORE ARCHETTO NR 1,000


007.3844 ALBERO MOTORE NR 1,000
010.7830 VITE BUTON 5 X 10 NR 2,000
010.7850 VITE TCEI 4 X 8 NR 4,000
010.7859 VITE TCEI 5 X 12 NR 4,000
010.7861 VITE TCEI 5 X 20 NR 8,000
016.0262 PROTEZIONE LAMA POSTERIORE NR 1,000
016.0913 COPERCHIO ARCHETTO NR 1,000
016.1224 PIASTR.FIX INTER.SICUR.COPERCHIO NR 1,000
022.0037 INTERRUTTORE DI SICUREZZA FR 690 NR 1,000
025.0200 ANELLO TENUTA 62X45X10 NR 1,000
025.0861 CALETTATORE DIAM. 35X60 NR 1,000
034.1110 VOLANTINO DIAM.30 M6 X 9 NR 1,000

Shark 320 ax 81
82
010.7893
034.0205
010.7410
043.0033

001.4007
Schemi, esplosi e ricambi

010.1202 010.7203 010.7453


5.2.2 -- Gruppo morsa

010.2372

010.7455
010.7894
043.0206 010.0918

010.7945 034.1003 010.7894

Shark 320 ax
010.7406 010.7926
010.0244 007.3833

007.3839

010.7942
007.4058
001.4021 007.4081

007.3800
007.3832

001.4005
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DEI COMPONENTI

001.4007 SCORREVOLE MORSA NR 1,000


001.4021 SUPPORTO MORSA NR 1,000
007.3800 PIASTRINO BLOCCAGGIO CHIOCCIOLA NR 1,000
007.3832 GANASCIA MORSA SINISTRA NR 1,000
007.3833 GANASCIA MORSA MOBILE NR 1,000
007.3839 LARDONE MORSA NR 1,000
007.4058 BOCCOLA ECCENTRICA NR 1,000
007.4081 PIGNONE SBLOCCAGGIO SCORREVOLE NR 1,000
010.0244 VITE MORSA 586,5X24 NR 1,000
010.0918 MOLLA RICHIAMO CHIOCC. VITE MORSA NR 1,000
010.1202 OLIATORE A SFERA DIAM. 8 NR 2,000
010.2372 CHIOCCIOLA BRONZO 45ø NR 1,000
010.7203 DADO M6 NR 14,000
010.7406 GRANO VCE P.CIL. 6 X 20 NR 1,000
010.7410 GRANO VCE P.CIL. 8 X 16 NR 1,000
010.7453 GRANO VCE P.CON. 6 X 30 NR 7,000
010.7455 GRANO VCE P.CON. 8 X 10 NR 2,000
010.7893 VITE TCEI 8 X 20 NR 1,000
010.7894 VITE TCEI 8 X 25 NR 4,000
010.7926 VITE TCEI 10 X 45 NR 1,000
010.7942 VITE TCEI 12 X 40 NR 1,000
010.7945 VITE TCEI 12 X 80 NR 2,000
034.0205 VOLANTINO VPRA/125 MR NR 1,000
034.1003 LEVA A SCATTO 12 MA NR 1,000
043.0033 CILINDRO VOLAMPRESS 125-8 NR 1,000
043.0206 ATTACCO A ESAGONO 4X1/8 - CL 6511 NR 2,000

Shark 320 ax 83
84
010.7450
010.0804
010.0806
034.1203
Schemi, esplosi e ricambi

007.3862 010.7893
010.0902
010.7761
007.3818
5.2.3 -- Gruppo piattaforma

010.7604

010.7413
016.1032
034.1002

007.3823
010.7923
010.7605

001.4001

010.7206

Shark 320 ax
010.0421

001.4015

010.7767

010.1607 010.7893
010.7893

010.7767
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DEI COMPONENTI

001.4015 ANELLO PIANO GIREVOLE NR 1,000


007.3818 PERNO PUNTO FISSO NR 1,000
007.3823 PERNO BLOCCAGGIO PIANO GIREVOLE NR 1,000
007.3862 CILINDRETTO PUNTO FISSO NR 1,000
010.0421 GRANO P.PIANA 12X150 NR 2,000
010.0804 SUPPORTO PER RULLO DIAM. 10 NR 2,000
010.0902 MOLLE PUNTO FISSO TESTA NR 1,000
010.1607 TASSELLO BATTUTA 45øDX-SX NR 1,000
010.7206 DADO M12 NR 2,000
010.7413 GRANO VCE P.CIL. 8 X 30 NR 1,000
010.7450 GRANO VCE P.CIL. 6 X 8 NR 2,000
010.7604 RONDELLA DIAM. 8 NR 2,000
010.7605 RONDELLA DIAM. 10 NR 2,000
010.7761 SPINA ELASTICA DIAM. 4 X 20 NR 1,000
010.7767 SPINA ELASTICA DIAM. 6 X 35 NR 4,000
010.7893 VITE TCEI 8 X 20 NR 1,000
010.7923 VITE TCEI 10 X 25 NR 2,000
016.1032 BRACCETTO APPOGGIA BARRA NR 1,000
034.1002 LEVA A SCATTO 10 MA NR 1,000
034.1203 IMPUGNATURA NR 1,000

Shark 320 ax 85
86
Schemi, esplosi e ricambi

001.4002
010.7456
025.0225
007.3813
5.2.4 -- Gruppo piano girevole

010.7943
010.7894

007.3831

025.0075
010.0451 001.4004 007.3812
007.3827
010.7761
001.3111

Shark 320 ax
010.7607 010.7870
010.0356 010.1691
010.7925
034.0399
025.0451

007.3885

010.7006
010.7208

043.1001
Schemi, esplosi e ricambi

Ricambi

Codice Descrizione
Descrizione U.M.
U.M. Q.tà
Q.tà

CODICI DI GRUPPO

090.1100 ASTA BATTUTA TAGLI A MISURA NR 1,000

CODICI DEI COMPONENTI

001.3111 DISTANZIALE BATTUTA NR 1,000


001.4002 PIANO GIREVOLE NR 1,000
001.4004 SQUADRO DESTRO NR 1,000
007.3812 DISTANZIALE CUSCINETTO SNODO TESTA NR 1,000
007.3813 DISTANZIALE ARCHETTO NR 1,000
007.3827 BOCCOLA PER BATTUTA NR 1,000
007.3831 GANASCIA MORSA DESTRA NR 1,000
007.3885 ASTA TAGLI A MISURA NR 1,000
010.0356 GHIERA AUTOBLOCCANTE 45X1,5 NR 1,000
010.0451 TIRANTE BATTUTA TAGLI A MISURA NR 1,000
010.1691 DISTANZIALE RULLINI NR 5,000
010.7006 ANELLO SEEGER DIAM. 20 NR 1,000
010.7208 DADO M16 NR 2,000
010.7456 GRANO VEC P.CON. 8 X 16 NR 1,000
010.7607 RONDELLA DIAM. 16 NR 2,000
010.7761 SPINA ELASTICA DIAM. 4 X 20 NR 1,000
010.7870 VITE TCEI 6 X 16 NR 1,000
010.7894 VITE TCEI 8 X 25 NR 2,000
010.7925 VITE TCEI 10 X 40 NR 1,000
010.7943 VITE TCEI 12 X 45 NR 1,000
025.0075 CUSCINETTO 32009X NR 2,000
025.0225 ANELLO TENUTA OR 171-68,26 NR 1,000
025.0451 RULLI 6X6 NR 106,000
034.0399 COPERCHIO SNODO TESTA NR 1,000
043.1001 ELETROVALVOLA AB0826 NR 1,000

Shark 320 ax 87
Schemi, esplosi e ricambi

Alimentatore

88 Shark 320 ax
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Alimentatore

Shark 320 ax 89
Schemi, esplosi e ricambi

(segue) Alimentatore

90 Shark 320 ax
Gruppo cilindro

269 6- 111
MEP S.p.A.

Codice Descrizione U.M. Quantità


010.0933 MOLLA RICHIAMO TESTA NR 1,000
010.1103 FORCELLA 16 X 1,5 NR 1,000
010.1201 VITERIA E BULLONERIA NR 1,000
010.1473 STAFFA SUPPORTO CILINDRO NR 1,000
010.7603 RONDELLA DIAM. 6 NR 4,000
010.7605 RONDELLA DIAM. 10 NR 1,000
010.7830 VITE BUTON 5 X 10 NR 4,000
010.7861 VITE TCEI 5 X 20 NR 4,000
010.7868 VITE TCEI 6 X 12 NR 4,000
010.7871 VITE TCEI 6 X 20 NR 2,000
010.7923 VITE TCEI 10 X 25 NR 2,000
016.0255 PROTEZIONE CILINDRO NR 1,000
016.0296 STAFFA ESTERNA CILINDRO NR 1,000
016.1200 SCATOLA DI DERIVAZIONE NR 1,000
019.3551 MOTORE MAE MOD.HY 200 2232 190B8CNC NR 1,000
022.0046 POTENZIOMETRO 6639S- 001- 202 NR 1,000
022.0197 GUAINA POLYFLEX NW 29- 1200291 MT 1,000
022.0209 RACCORDO RAPIDO SEM 29 ART.3800296 NR 1,000
022.0211 RACCORDO RAPIDO SEM PG 13,5 NR 3,000
022.0232 PRESSACAVO IN OTTONE 1/4 BM 2450 NR 1,000
022.0244 CONTRODADO 3217B GRIGIO PG 13 NR 3,000
022.0247 DADO POLIAM.HUMMEL 1.262.2900.11 NR 1,000
022.0412 CONNETT.BOBINA VALV. RIGENERATRICE NR 1,000
022.0592 BOBINA VALV. RIGENERATRICE CILINDRO NR 1,000
022.2602 GUAINA POLIFLEX NW 14- 1200143 MT 1,000
025.0876 GIUNTO WA 6- 6 MM.28 X CILINDRO NR 2,000
043.0474 SILENZIATORE IN OTTONE 1/4” NR 1,000
043.5671 PROTEZIONE POTENZIOMETRO CILINDRO NR 1,000
043.5681 SUPPORTO POTENZIOMETRO CILINDRO NR 1,000
043.0810 CILINDRO IDRAULICO NR 1,000
044.1252 VALVOLA RIGENERATRICE CILINDRO NR 1,000

6- 112 Manuale di uso e manutenzione SHARK 332 AX 270


CAPITOLO 6 - Regolazioni
In questo capitolo vengono illustrate le operazioni di regolazione dei sistemi elettronici, pneumatici e meccanici, per un corretto utilizzo
della SHARK 320 AX. Attraverso queste indicazioni potrete ”personalizzare” la Vostra macchina al tipo di taglio da eseguire, ottimizzan-
do così i tempi per l’esecuzione di tale operazione.

6.1 -- Accesso e modifica ai parametri di set--up INVERTER = Indicare se l’optional è presente o no.
2da VELOCITÀ = Indicare se è presente o no.
I MAX 1da VEL = Assorbimento massimo prima velocità
Attraverso l’impostazione dei parametri di set--up possiamo con- I MAX 2da VEL = Assorbimento massimo seconda velocità
figurare la macchina direttamente dal quadro comandi. TES.MIN.LAMA = Valore minimo del tensionamento lama
VEL.CROLLO CPT = Velocità di crollo del cilindro portatesta.
Dare tensione alla macchina ruotando l’interruttore generale POSIZ. TESTA = Frazionamento della corsa dell’archetto
posto sul fianco sinistro: sul display della consolle appare la porta lama (da 0 a 255).
videata principale che vi chiederà di premere il tasto CLEAR, non
lo premete. Per ritornare alla videata iniziale premere il tasta RUN/PROG

6.2 -- Sistemi elettronici


La messa a punto delle funzioni della macchina viene effettuata,
in molte circostanze, agendo su apparecchiature elettroniche.
Nei seguenti paragrafi sono riportate le principali regolazioni che
MEP spa consentono all’operatore di effettuare al meglio il proprio lavoro.
SHARK 320 AX

CLEAR = CONTINUA
6.2.1 -- Corsa della testa operatrice
La corsa della testa operatrice viene impostata tramite il quadro
comandi della macchina. Nella figura seguente sono raffigurati i
RUN tasti della consolle relativi alla movimentazione della testa opera-
trice (indicato con Y¦) e alla memorizzazione delle posizioni di
inizio taglio FCTI (lama in alto) e di fine taglio FCTA (lama in
basso).
Schiacciamo, invece, contemporaneamente i tasti e

per accedere al set- up della macchina, apparirà così la

seguente videata.

LINGUA = ITALIANO
MACCHINA=SHK320AX
TA/CM = 2.1
TSCM = 3.0

RUN
Per l’impostazione della corsa di taglio vedi i paragrafi 4.5.2, 4.5.3
e 4.5.4.
Il display visualizza il SET UP della macchina, dove indica : la lin-
gua con cui visualizzare i messaggi; il tipo di segatrice che state
utilizzando; il tempo di apertura chiusura morsa di taglio; il tempo 6.2.2 -- Set--up taratura trasduttore testa
di bloccaggio/sbloccaggio cilindro di misura.
Il cursore appena si accede al SET UP si trova sopra la prima let-
tera indicante la lingua, con la freccia Y si scambiano le lingue, La testa operatrice percorre lo spazio che intercorre tra la posi-
con la freccia " si passa alla voce successiva. zione indietro e quella avanti con una VELOCITÀ DI CROLLO
definibile nella quarta videata del set--up, il valore che andremo
ELENCO VOCI PRESENTI SUL SET UP DELLA MACCHINA: ad impostare è compreso tra 1 e 190. Occorre comunque verifi-
care che l’archetto percorra completamente l’ampiezza di taglio
LINGUA = Italiano e lingua del paese di utilizzo. tra i due punti di fine corsa testa indietro (FCTI) e fine corsa testa
MACCHINA = Selezionare il tipo su cui state lavorando. avanti (FCTA). Sotto la voce relativa alla velocità di crollo tro-
TA/CM = Indica il tempo di apertura/chiusura delle morse. viamo quella relativa alla posizione della testa in questo
TSCM = Indica il tempo di s/bloccaggio cilindro di misura. momento. Lo scopo della regolazione è quello di impostare i
inch/mm = Selezionare l’unità di misura desiderata. valori di posizione della testa FCTI (limite indietro 250
255) e
ENCODER = Indicare se l’optional è presente o no. FCTA (limite avanti 1
12).

Shark 320 ax 91
Regolazioni

VEL.CROLLO CPT=150
POSIZ. TESTA =214

RUN

Procedere con l’impostazione del punto di FCTI, portando la


Per ottenere questo risultato si effettuano due regolazioni: una testa completamente indietro agendo sul pulsante relativo alla
sul cilindro idraulico e l’altra sulla scheda IUV del controllore MEP salita testa. Aprite il quadro comandi ed individuate il controllore
23. MEP 23 per effettuare la regolazione sul potenziometro che si
Mantenendo premuto il tasto relativo alla discesa testa (Y--), trova sulla scheda superiore IUV (indicata dalla freccia).
posizionare l’archetto nel punto di FCTA. Togliere le viti di fissag-
gio della scatola nera del cilindro con la chiave a brugola .

Nella scheda IUV ci sono tre potenziometri adiacenti. Tramite un


cacciavite registrate la vite di regolazione del potenziometro cen-
Tolte le viti alzare la scatola di protezione del potenziometro trale fissando un valore pari a 255; il lavoro che si ottiene viene
facendo attenzione a non strattonare i cavi di collegamento. visualizzato sul display della macchina. Riportate la macchina
Con la stessa chiave a brugola allentare il grano di fissaggio dello nelle normali condizioni di lavoro ed effettuare un controllo per
stelo lasciando libero il corpo del potenziometro. verificare il corretto funzionamento della macchina.

6.2.3 -- Sostituzione del chip nel controllore MEP 23


Per effettuare questa operazione occorre anzitutto togliere ten-
sione alla macchina e aprire il pannello frontale del quadro
comandi che permette di accedere al quadro elettrico, dove è
alloggiato il controllore MEP 23.
Il chip ha la sede alloggiata sulla scheda IUV nella parte superiore
(nella foto sotto è indicata dalla freccia).

EPROM

Girare manualmente il corpo del potenziometro finchè la lettura


sul display del valore attuale di taratura sia compreso tra 9 e 12.
Bloccare tramite il grano il supporto di fissaggio del potenziome-
tro. Richiudete la scatola del cilindro serrando le viti.

92 Shark 320 ax
Regolazioni
Disinserire il chip da cambiare dallo zoccolo e sostituitelo con il di azionamento della testa e delle morse, realizzati con cilindri
nuovo nel giusto verso (vedi foto sottostante). Prendere le dovute pneumatici.
precauzioni contro le scariche elettrostatiche per non danneg-
giare il microchip (evitare ad esempio scarpe di gomma, vestiti di
lana, ecc). Chiudere il quadro comandi, ed effettuare un collaudo 6.4.1 -- Pressione di lavoro delle morse
della macchina.
La pressione con cui le morse, di troncatura e di alimentazione
del materiale, serrano il pezzo è regolabile tramite il regolatore
posto sul corpo del gruppo trattamento aria e visualizzata sul
manometro posto di fianco, il gruppo di trattamento aria si trova
nello sportello anteriore destro ricavato sul basamento. Normal-
mente la pressione di esercizio è di 6 bar; ma può essere variata
dall’operatore nel caso in cui il materiale possa venire deformato
o possa risultare poco stabile durante il taglio. In ogni caso le
morse, prima della chiusura, vanno posizionate a 2
3 mm. dal
pezzo.

6.5 -- Sistemi meccanici


In questa sezione del capitolo vengono prese in considerazione
le regolazioni effettuate sugli organi meccanici come la morsa, la
testa e l’alimentatore.

6.5.1 -- Regolazione del gioco della morsa


Tacca di riferimento
per il montaggio Per ridurre l’eventuale gioco che si crea con il tempo, tra lo scor-
M27CI00I
--15FI

93I8B
BHHAE

revole e il lardone di scorrimento della morsa, si deve agire sui


grani che distanziano il lardone dalla chiocciola, eseguendo le
KOREA

seguenti operazioni:
ST

-- allentare tutti i dadi che serrano i grani allo scorrevole, tenendo


fermi i grani con la chiave esagonale;
-- portare la morsa nella posizione tutta indietro (aperta);
6.3 -- Regolazione luminosità della consolle -- regolare la lieve pressione con cui i grani fermano il lardone, co-
minciando dai primi due a contatto con la chiocciola;
Quando si verificano cause esterne, per esempio il mutare -- regolati i due grani, serrare il dado, mantenendo sempre fermi
dell’intensità luminosa dell’ambiente in cui è installata la mac- i grani con la chiave esagonale;
china, occorre regolare la luminosità della consolle di comando
e programmazione. Questa operazione è importante per l’opera-
tore che deve avere sempre una nitida visuale dei messaggi della
consolle.
-- Procedere alla regolazione togliendo le viti di fisaggio del pan-
nello anteriore della consolle;
-- nella foto a lato, che riprende l’interno della consolle, è indicato
con una freccia il potenziometro della luminosità;

-- con un cacciavite ruotare il trimmer e riscontrare la variazione


di luminosità sul display dalla parte opposta;
-- effettuata la regolazione richiudere il pannello della consolle.

6.4 -- Sistemi pneumatici


La macchina ha un funzionamento completamente elettropneu-
matico, perciò, dopo aver esaminato i possibili interventi su parti
elettroniche, tratteremo le regolazioni da effettuare sugli organi

Shark 320 ax 93
Regolazioni
-- chiudere la morsa fino a far coincidere altri due grani con la 6.6.2 -- Bottoni premilama
chiocciola;
-- ripetere l’operazione di regolazione dei grani sul lardone per tut-
ti i grani dello scorrevole; I bottoni premilama hanno il compito di impedire la flessione ver-
-- al termine dell’operazione, facendo scivolare lo scorrevole so l’alto della lama, dovuta alla componente verticale dello sforzo
avanti e indietro tramite il volantino, si possono individuare le di taglio. Questo dispositivo non ha bisogno di regolazione ed è
zone di maggiore contatto dei grani sul lardone; un componente delle testine, anteriore e posteriore.
-- ripetere la regolazione se necessario.

TESTINA GUIDALAMA

PLACCHETTE
GUIDALAMA

BOTTONE PREMILAMA

6.6.3 -- Placchette guidalama


Queste placchette hanno il punto di contatto con riporto al widia
e servono per la guida del nastro nel senso longitudinale. Esse
6.5.2 -- Regolazione del gioco della slitta tendilama devono avere un minimo gioco sul nastro, così da garantire uno
scorrimento della lama perpendicolare al piano di taglio.
Grazie al riporto in widia sul punto di contatto, la loro vita è prati-
Per ridurre l’eventuale gioco che si crea con il tempo, tra la slitta camente quella della macchina stessa. Comunque nel caso di
tendilama e i lardoni di scorrimento, si deve agire sui grani che una regolazione per logorio oppure per un cambio di lama con
distanziano i lardoni dalla slitta eseguendo queste operazioni: spessore diverso, è opportuno seguire le seguenti istruzioni:
-- togliere il nastro dai volani;
-- facendo scorrere la slitta avanti e indietro, determinare i punti -- togliere tensione alla macchina;
di interferenza oppure di gioco; -- detensionare la lama tramite volantino;
-- allentare i dadi, tenendo fermi i grani con una chiave esagonale -- indossare guanti di protezione;
a tubo; -- aprire la protezione lama anteriore allentando la vite di fissaggio
-- effettuare la regolazione serrando i grani se si è riscontrato un e facendo ruotare la protezione stessa;
gioco, oppure allentandoli se si è riscontrata interferenza.

-- verificare che ci sia un minimo gioco della lama tra le placchette;


nel caso in cui il gioco non sia sufficiente per uno scorrimento
normale della lama, regolare la pressione di serraggio dei due
6.6 -- Organi di guida del nastro grani tramite vite esagonale;

L’uso delle lame a nastro implica dei grandi vantaggi di lavorazio-


ne, senza per altro necessitare di particolari attenzioni da parte
dell’operatore. Ad ogni modo di seguito riportiamo le regolazioni
da effettuare sugli organi di guida del nastro per un corretto uso
delle lame.

6.6.1 -- Testine guidalama


Le testine sono gli organi attraverso i quali si può effettuare parte
delle regolazioni del nastro. Nel loro assieme comprendono le
placchette guidalama per il controllo dell’assetto longitudinale del
nastro, i bottoni premilama per il controllo della flessione verticale
del nastro e i rubinetti per la distribuzione del fluido refrigerante.

94 Shark 320 ax
Regolazioni
-- aprire la protezione lama anteriore allentando la vite di fissaggio
e facendo ruotare la protezione come indicato nella foto;

-- sostituire se necessario le placchette che hanno avuto un logo-


rio anomalo togliendo la vite di fissaggio della placchetta;
-- ripetere la precedente operazione per la testina guidalama po-
steriore;
-- rimettere a posto la protezione lama anteriore; -- togliere la protezione lama posteriore svitando le due viti di fis-
-- tensionare il nastro; saggio con la chiave esagonale;
-- chiudere il coperchio archetto e ridare tensione alla macchina.

-- togliere la lama sfilandola dai volani e dalle testine anteriore e


posteriore;
6.6.4 -- Cambio di utensile -- prendere la nuova lama e infilarla nella testina anteriore;
-- Verificare che il dorso del nastro sia rivolto verso la battuta delle
pulegge, e che l’inclinazione dei denti, nella parte inferiore del
Lavorare in condizioni ottimali favorisce l’incolumità dell’opera- percorso del nastro, sia rivolta verso lo snodo testa.
tore e rappresenta anche un modo per avere una proficua durata -- verificare che ci sia un minimo gioco della lama tra le plac-
dell’utensile. Ad ogni modo l’utensile va cambiato quando il suo chette
potenziale di taglio diminuisce a scapito della produzione. Di -- verificare che il dorso del nastro sia rivolto verso la battuta delle
seguito sono riportate le procedure per effettuare il cambio di pulegge, e che l’inclinazione dei denti, nella parte inferiore del
utensile: percorso del nastro sia rivolta verso lo snodo testa
-- togliere tensione alla macchina; -- ripetere l’operazion, ;e per la testina guidalama posteriore;
-- detensionare la lama tramite il volantino; -- posizionare il nastro sui volani, rimettere la protezione lama
-- indossare guanti di protezione; posteriore e quella anteriore;
-- aprire il coperchio archetto svitando i due pomelli di chiusura, -- tensionare la lama;
e agganciarlo alla leva zincata sul dorso dell’archetto; -- chiudere il coperchio archetto e ridare tensione alla macchina.

Shark 320 ax 95
Regolazioni

6.6.5 -- Ampiezza del taglio Sequenza delle operazioni:


-- aprire il coperchio archetto;
-- allentare il grano ;
La macchina è dotata di protezioni che nascondono la lama in -- tramite una mazzetta effettuare dei piccoli spostamenti dell’al-
tutto il suo percorso in conformità con le norme vigenti in materia bero (dentro o fuori);
di sicurezza sul lavoro. L’ampiezza del taglio deve essere deter- -- chiudere il coperchio e far girare la lama;
minata in base alla sezione del materiale in lavorazione, in modo -- verificare lo spostamento ottenuto tra il nastro e le battute dei
da lasciare scoperta solamente la parte di nastro utile per il taglio. volani; se necessario ripetere l’operazione fino ad ottenere lo
Di seguito descriviamo le procedure per la determinazione di spazio di 1 mm. tra il dorso del nastro e le battute.
questo parametro: -- chiudere il coperchio e far girare la lama;
-- togliere tensione alla macchina; -- verificare lo spostamento ottenuto tra il nastro e le battute dei
-- posizionare il materiale sul piano di lavoro in prossimità della volani; se necessario ripetere l’operazione fino ad ottenere lo
verticale alla lama; spazio di 1 mm. tra il dorso del nastro e le battute.
-- avvicinare la lama al materiale di taglio;
-- allentare la leva a scatto dell’asta scorrevole della testina guida-
lama anteriore;

6.6.7 -- Volano motore


-- la testina mobile anteriore, va posizionata in prossimità del La regolazione della complanarità del volano motore è stretta-
materiale, lasciando la traiettoria di discesa oltre la ganascia mente collegata alla regolazione del volano anteriore; anche in
dello scorrevole morsa; questo caso lo scopo della regolazione è quello di mantenere 1
-- tirare la leva a scatto per serrare lo scorrevole della testina; mm. di distanza, durante la rotazione, dalla battuta dei volani.
-- procedere con il normale ciclo di lavorazione. La regolazione si effettua allentando tutte le viti di bloccaggio del
volano e spostando manualmente il volano dentro oppure fuori
in funzione della distanza della lama dalla battuta. Vengono ser-
rate nuovamente le viti e si verifica la complanarità effettuando
alcuni giri del nastro. Se necessario fare una nuova regolazione.

6.6.6 -- Volano libero


La regolazione da effettuare sul volano anteriore riguarda la com-
planarità con il volano motore; lo scopo della regolazione è quello
di assicurare la rotazione del nastro, mantenendo circa 1 mm. di 6.7 -- Circuito idraulico
distanza dal dorso del nastro alla battuta del volano: questo per
impedire un deterioramento precoce del nastro, che, a causa del- Il circuito idraulico della macchina comprende la parte idraulica
la frizione sulla battuta, innesca delle cricche sulla lama. del cilindro e il regolatore di discesa testa. Le regolazioni da effet-
tuare su questo sistema si limitano alla selezione della velocità

96 Shark 320 ax
Regolazioni
di discesa testa sul regolatore e al rabbocco del serbatoio di com- che nel cap. 9 l’argomento ”nastro” sarà trattato più approfondita-
pensazione. mente.

6.7.1 -- Caricamento del serbatoio di compensa- 6.8.1 -- Perpendicolarità del nastro


zione
La perpendicolarità del nastro al piano di lavoro è fondamentale,
Quando si verifica una dimi- insieme al tensionamento, per l’ottenimento di tagli diritti. Questa
nuzione del livello dell’olio regolazione viene effettuata con l’aiuto di una squadra da offici-
all’interno del serbatoio di na, che si pone adiacente al nastro e appoggiata al piano di taglio.
compensazione, si procede
al rabbocco dell’olio. La di- Sequenza delle operazioni:
minuzione del livello si valu- -- posizionare la squadra sul piano di lavoro ben pulito e appog-
ta tramite la posizione della giarla alla lama, in prossimità dello squadro morsa destro in un
coppiglia dello stelo rispetto punto dove i denti non ne impediscano il contatto.
al serbatoio, che, in questo
caso, deve essere di circa
20 mm.

Si devono effettuare le se-


guenti operazioni:
-- portare la testa in posizio-
ne orizzontale:
-- impugnare la manopola
nera e tirarla verso l’ester-
no fino a far uscire la sede
della coppiglia inferiore;
-- togliere la coppiglia dalla
sede superiore e inserirla
nella sede inferiore;

-- svitare e togliere il tappo di


caricamento del cilindro,
posto sul fianco del cilin-
dro, come mostrato nella -- Allentare la vite TCEI (A) di fissaggio della testina e agire sui
figura a lato. due grani (B), se il nastro ha il punto di contatto con la squadra
nella parte inferiore. Se viceversa, il punto di contatto è nella
parte superiore, si deve allentare la vite TCEI (A’) e serrare,
sempre in modo uniforme, i grani (B’) fino ad ottenere la per-
pendicolarità del nastro con la squadra.

-- con una pompa elettrica, o


manuale come quella nel-
la figura a lato, immettere
nel cilindro olio idraulico
AGIP ATF DEXRON op-
pure un olio equivalente
nelle caratteristiche.
-- Quando lo stelo sporge di
20 mm. le condizioni di
funzionamento ottimale
sono state ripristinate.

Effettuare alcune corse a vuoto della testa, utilizzando il ciclo di


taglio semiautomatico, per eliminare eventuali depositi di aria nel
circuito. Nel caso in cui il movimento della testa non sia lineare
e costante, e lo stelo sia rientrato di qualche mm., ripetere l’ope-
razione di caricamento.
-- Posizionare la squadra sul piano di lavoro in prossimità della
testina anteriore.
-- Ripetere le operazioni di messa in squadro anche per questa
6.8 -- Nastro testina.

L’uso delle lame a nastro implica dei grandi vantaggi di lavorazio-


ne, senza per altro necessitare di particolari attenzioni da parte
dell’operatore. Ad ogni modo, di seguito, riportiamo le regolazioni
da effettuare per un corretto uso delle lame, facendo presente

Shark 320 ax 97
Regolazioni

Per quanto riguarda la regolazione del punto fisso a 45 , occorre


un goniometro oppure uno strumento che possa valutare esatta-
6.8.2 -- Ortogonalità del nastro mente l’angolazione del nastro.
Sequenza delle operazioni:
-- allentare la leva a scatto (cod. 034.1002);
Di seguito riportiamo le procedure per la correzione e regolazione -- posizionare l’archetto a 45 (tirando il pomello e ruotandolo di
del nastro a 0 e 45, per ottenere tagli ortogonali allo squadro mezzo giro si sblocca il piano girevole);
morsa. Per effettuare la regolazione ortogonale a 0 , è preferibile -- posizionare il goniometro (o la squadra graduata) appoggian-
disporre di un goniometro da officina oppure di una semplice dolo allo squadro morsa, adiacente al nastro;
squadra.
Sequenza delle operazioni:
-- abbassare la testa ;
-- posizionare il goniometro o la squadra, appoggiandoli allo
squadro morsa, adiacenti al nastro;
-- allentare la leva a scatto di bloccaggio del piano girevole
(034.1002 );
-- togliere il pomello (cod. 034.1203) del perno eccentrico di bloc-
caggio (cod. 007.3862);

-- allentare il dado, tenendo fermo il grano con una chiave esago-


nale;
-- in questa posizione, si regola la profondità del grano nel piano
girevole fino a correggere l’errore di angolazione;
-- serrare il dado, mantenendo fermo il grano.

-- allentare il grano (cod. 001.7413).


A questo punto se l’errore ortogonale è modesto (circa 1 grado),
si ruota l’eccentrico fino a correggere l’errore; invece, per errori
superiori a 1 grado si deve:
-- estrarre l’eccentrico (cod. 007.3862);
-- ruotare la testa fino a correggere l’errore;
-- reinserire l’eccentrico;
-- bloccare il grano (cod. 010.7413) e rimontare il pomello.

Ripetere le operazioni sia per la posizione di 45 destra che 45


sinistra.
A questo punto verificare i valori riportati sulla graduazione incisa
sul piano girevole, nelle posizioni di 0 gradi e 45 destra e sinistra.

98 Shark 320 ax
Regolazioni

6.8.3 -- Esecuzione di tagli inclinati 6.8.4 -- Regolazione della complanarità alimenta-


tore -- piano di taglio
Questo paragrafo è dedicato alle procedure da seguire per realiz-
zare tagli inclinati. Nell’eventualità che, col passare del tempo, l’alimentatore
Impostare innanzi tutto la corsa e l’ampiezza del taglio come indi- assuma un disassamento longitudinale al piano di taglio, proce-
cato nei paragrafi precedenti. Scegliere il modo di lavoro, la velo- dere con il ripristino agendo sui dispositivi di messa in piano, sia
cità di taglio e quella di alimentazione adeguata al materiale da sul lato macchina che sul lato del piano di carico.
tagliare. A questo punto per effettuare tagli inclinati allentare la
leva a scatto di bloccaggio del piano girevole (A), impugnare il L’entità del dissassamento tra piano di taglio e piano di alimenta-
pomello dell’eccentrico punto fisso (B riferimento a 0 gradi) e zione del materiale, viene valutata con una riga da officina rettifi-
tirarlo verso sè: la testa è ora libera di ruotare sulla piattaforma cata, oppure con una barra di profilato diritta. Appoggiare la riga
fissa. sul piano di taglio della macchina preso come riferimento alla
misurazione.

Sul piano girevole sono incise le gradazioni per i tagli inclinati:


scegliere l’angolo di taglio (se l’angolo è 45_ sinistra, l’eccentrico Considerando che il materiale di taglio deve sfiorare e non stri-
blocca da solo la rotazione essendo un punto prestabilito) e ser- sciare sul piano di lavoro della macchina, verificare che l’altezza
rare la leva a scatto sulla piattaforma. Sistemare la posizione del lato macchina alimentatore sia almeno superiore di 0,5 mm.
dello scorrevole della morsa se necessario, facendolo scivolare al piano di taglio.
a sinistra o destra sulla guida della piattaforma. Lo scorrevole è
fissato tramite viti TCEI 12 x 80 alla piattaforma.

Sul lato carico dell’alimentatore, effettuare la regolazione dell’al-


tezza nel seguente modo: aprire lo sportello sinistro del basa-
mento così da poter accedere alla ghiera di regolazione dei perni
Procedere con l’inserimento del materiale sulla macchina e le di supporto; sempre attraverso una riga controllare la complana-
normali operazioni per effettuare un taglio nel modo di funziona- rità dell’alimentatore serrando o allentando i dadi superiori o infe-
mento impostato precedentemente. riori dei supporti.
ATTENZIONE: Quando si effettuano tagli a 45 gradi destra, è ne-
cessario spostare il rullo supporto barre dell’alimentatore, adia-
cente alla piattaforma fissa, dalla posizione “A” alla “B”.

A B

Shark 320 ax 99
Regolazioni

6.8.5 -- Regolazione della velocità di avanzamen-


to/arretramento alimentatore
Nel caso in cui vengano tagliati pezzi molto corti (da 10 a 40 mm),
o molto lunghi (oltre i 450 mm), sarebbe opportuno regolare la
velocità di avanzamento e arretramento dell’alimentatore.
Per effettuare questa operazione si deve agire sulle valvole di in-
gresso aria del cilindro, come indicato di seguito:
-- sul lato sinistro dell’alimentatore c’è una valvola di regolazione
del flusso d’aria, che serve ad impostare la velocità di avanza-
mento: girando il rubinetto in senso orario, si diminuisce la velo-
cità di avanzamento; viceversa si aumenta.

-- sul lato destro dell’alimentatore c’è una valvola di regolazione


del flusso d’aria, che serve ad impostare la velocità di arretra-
mento: girando il rubinetto in senso orario, si diminuisce la velo-
cità di arretramento; viceversa si aumenta.

100 Shark 320 ax


CAPITOLO 7 - Velocità di taglio
chè riesce ad adattare una lama con dentatura non specifica al
La velocità di taglio è la risultante della velocità di rotazione del tipo di materiale, sia perchè la preserva da un’usura precoce.
nastro e della velocità di alimentazione. Mentre quest’ultima è da- Di seguito mostriamo, come in precedenza fatto nella sezione
ta dal movimento della testa, la velocità di rotazione del nastro è ”Specifiche macchina”, le caratteristiche di questo strumento.
fissa oppure variabile. In questo capitolo sono illustrate le veloci-
tà di taglio, supportate dalla macchina in versione base, e le velo- Velocità di taglio: 1ª Vel. da 20 a 45 m/min.
cità per le quali è necessario uno strumento opzionale come il 2ª Vel. da 35 a 90 m/min.
variatore di velocità elettronico (inverter). Nella figura a destra è raffigurata la scala delle
velocità selezionabili tramite il potenziometro di
comando dell’Inverter, sul pannello comandi
della macchina.
7.1 -- Macchina di serie
Inverter: convertitore di frequenza
Caratteristiche:
La SHARK 320 AX in versione base viene offerta completa di
- Potenza del più potente motore alimentabile Kw 2,2
queste velocità di taglio:
Potenza - Corrente sinusoidale massima in uscita Amp. 65
-- Potenza massima in uscita KVA 4,22
-- 1ª velocità = 36 m/min.
-- 2ª velocità = 72 m/min.
- Tensione di alimentazione: trifase 3 x 380 V (più o meno 10%)
Alimentazione - Frequenza di alimentazione: 50/60 Hz (più o meno 5%)
OPTIONAL: motore a 4 poli.
-- Forma d’onda: sinusoidale
-- 1ª velocità = 18 m/min.
-- 2ª velocità = 36 m/min. - Tensione di uscita: trifase da 0 a 380 V
Uscita - Frequenza di uscita: da 2,5 a 100 Hz
La selezione di queste velocità avviene sempre tramite il seletto- -- Stabilità di frequenza : più o meno 1%
re del commutatore di polarità sul pannello comandi. - Rendimento: 88% alla massima potenza

-- Protetto da sovraccarichi meccanici (limitazione di corrente)


7.2 -- Macchina con Inverter - Protetto da corto circuito fase--fase
- Protetto da corto circuito fase--terra
-- Protetto da sovratemperature
- Protetto da sovratensione da carico rigenerativo
Protezioni
OPTIONAL -- Protetto da sovratensione da picchi di alimentazione con durata
L’Inverter è uno strumento elettronico che, applicato alla SHARK inferiore a 1 ms
320 AX, permette di variare, in una gamma completa di valori, il -- Protetto da tensione di alimentazione insufficiente o
numero di giri del motore mandrino. Questo strumento, quindi, fa- microinterruzione di corrente
cilita il compito di chi deve eseguire lavorazioni particolari, ade- -- Protetto da corto circuito fra i terminali del potenziometro
guando la velocità di rotazione del nastro al materiale specifico.
Il vantaggio è quello di poter ottimizzare l’uso della lama, sia per-

CAPITOLO 8 - Manutenzione e scelta dei materiali di consumo


-- l’affilatura della lama e il flusso di liquido refrigerante;
La SHARK 320 AX è una macchina che ha in sè le qualità di robu- -- i parametri ottimali di lavoro in base al tipo di materiale.
stezza e durata. Infatti, in quanto a manutenzione, non necessita
di particolari attenzioni anche se come tutte le macchine utensili - verificare che la qualità del taglio sia adeguata e che il prodotto
è soggetta a deteriorarsi con il tempo, soprattutto quando l’uso finale non presenti difetti di lavorazione.
è sconsiderato e la manutenzione assente.
Questo capitolo, quindi, è un promemoria per chi vuole conserva-
re al meglio le proprietà della macchina e ottenere nel tempo le
soddisfazioni che essa può dare. 8.2 -- Raccomandazioni per la manutenzione

- Tutte le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria


8.1 -- Ruolo dell’operatore responsabile vanno effettuate con il dispositivo di sezionamento dell’ali-
mentazione aperto e l’emergenza inserita.
La persona addetta alla conduzione e alla manutenzione della - A garanzia di un perfetto funzionamento è necessario che le
macchina deve assolvere queste indicazioni nel rispetto della parti di ricambio siano originali MEP S.p.A.
propria sicurezza, quella degli altri e della produzione stessa
della macchina: - Eseguiti i lavori di manutenzione, controllare che i pezzi sosti-
tuiti o gli attrezzi adoperati siano stati rimossi dalla macchina
- verificare che il proprio lavoro o quello di altri operatori della prima di avviare la messa in servizio.
macchina si svolga sempre nel rispetto dei dispositivi e norme
di sicurezza previsti; controllare quindi il corretto posiziona- - Comportamenti non conformi alle istruzioni per l’uso e la man-
mento e funzionamento dei dispositivi di sicurezza e l’osser- utenzione della macchina possono risultare pericolose all’in-
vanza delle norme di sicurezza individuale. columità dell’operatore.

- verificare che il ciclo di lavoro avvenga in piena efficienza, per - Occorre quindi leggere e rispettare tutte le istruzioni per l’uso
garantire la massima produttività, controllando: e la manutenzione di questa macchina e le indicazioni presenti
-- la funzionalità della parti principali della macchina; sul prodotto stesso.

Shark 320 ax 101


Manutenzione e scelta dei materiali di consumo

8.3 -- Manutenzione generale della macchina 8.4.1 -- Scatola di trasmissione


Manutenzione della scatola di trasmissione:
-- dopo le prime 100 ore di lavoro, svuotare la scatola di trasmis-
8.3.1 -- Giornaliera sione attraverso il tappo di scarico, situato nella parte inferiore
posteriore dell’archetto e sostituire completamente l’olio. Se
nell’olio si osservano, oltre alla limatura gialla della corona in
Di seguito sono elencati gli accorgimenti per la manutenzione bronzo, altri tipi di impurità, è necessario rimuovere il coperchio
giornaliera della macchina: e lavare l’interno accuratamente. Il lavaggio viene effettuato
-- togliere tutti i trucioli dalla macchina (con aria compressa e con olio di lavaggio; evitando stracci di cotone o filamentosi per
stracci preferibilmente non filamentosi); asciugare. Riempire la scatola di olio;
-- svuotare il cassetto dai trucioli (il cassetto di raccolta dei trucioli -- dopo ogni 2000 ore di funzionamento ripetere l’operazione
si trova all’interno del basamento, accessibile dallo sportello di sostituzione dell’olio.
anteriore);
-- ripristinare il livello del fluido lubrorefrigerante; Per la pulizia della scatola di trasmissione è opportuno applicare
-- controllare lo stato di usura della lama, cambiatela se necessa- le seguenti indicazioni:
rio; -- non impiegare mai stracci di cotone o filamentosi;
-- controllare la spazzola pulilama, pulitela e riposizionatela: se ri- -- per la pulizia usare olio di lavaggio;
sulta consumata cambiatela; -- riempire con l’olio prescritto.
-- Al termine del lavoro giornaliero detensionare la lama a 5 Bar,
per evitare inutili e dannosi snervamenti dell’utensile.
8.5 -- Materiali di consumo
8.3.2 -- Settimanale
Indispensabile è l’uso di oli specifici per i circuiti, idraulici, pneu-
In questo paragrafo sono elencati gli accorgimenti per la manu- matici e lubrorefrigeranti. Di seguito riportiamo un elenco degli oli
tenzione settimanale della macchina: compatibili con ognuno di questi circuiti.
-- pulire la macchina da tutti i trucioli;
-- pulire la morsa e lubrificare tutti i punti di snodo e le superfici di
scorrimento, possibilmente con un olio di buona qualità; 8.5.1 -- Oli per circuito idraulico
-- controllare il valore di tensionamento del nastro che deve
essere, per ottenere un buon funzionamento della macchina,
di 800 Kg. (60 Bar); Il tipo di olio di cui viene fornita la macchina è AGIP ATF DEXRON
-- controllare il livello dell’olio nella scatola di trasmissione; se ne- simbolo ISO e UNI FD 22; la sua applicazione riguarda il cilindro
cessario rabboccare l’olio attraverso il tappo , tenendo la testa idraulico della testa; comunque questi sono gli oli compatibili o
in posizione orizzontale; equivalenti nelle caratteristiche:
-- controllare lo scorrimento della morsa; nel caso non sia preciso API Cis 22 -- ARAL Dural SR 22 -- CASTROL Hyspin AWS 22
e presenti del gioco trasversale, procedere con la regolazione ESSO Spinesso 22 -- IP Hydrus oil 22 -- TOTAL Azolla ZS 22
come indicato nel par. 6.5.1. VALVOLINE ETC 22 -- MOBIL ATF 220 -- MOBIL Velocite oil D
-- aggiungere olio lubrificante al circuito interno della piattaforma Mobil DTE 22 -- BP AUTRAN GM--MP -- OLIO FIAT HTF 22 -- Q8
rotante, tramite l’oliatore a sfera posto anteriormente sulla piat- Haydn 22 -- SHELL Tellus oil 22
taforma;
Gruppo tensionamento lama:
-- capacità del serbatoio Lt. 0,6
8.3.3 -- Mensile -- volume di olio Lt. 0,5

In questo paragrafo sono elencati gli accorgimenti per la manu- 8.5.2 -- Oli per scatola di trasmissione
tenzione mensile della macchina:
-- controllare la perpendicolarità della lama al piano di lavoro; se
è necessario il ripristino, procedere come indicato nel par. Il tipo di olio di cui viene fornita la macchina è l’AGIP BLASIA 460
6.8.1; simbolo ISO e UNI CC 460; comunque questi sono gli oli compati-
-- controllare l’ortogonalità della lama con la spalla appoggia pez- bili o equivalenti nelle caratteristiche:
zi; se è necessario il ripristino, procedere come indicato nel par. API DT 460 -- CASTROL Alpha SP 460 -- ARAL Degol BG 460
6.8.2; ARCO PENNANT NL 460 -- BP Energol GR/XP 460 -- ELF Re-
-- verificare la corrispondenza della tacca riscontro a 0 gradi po- ductelf SP 460 -- ESSO Spartan EP 460
sta sulla piattaforma fissa con la graduazione del piano girevo-
le; se non dovesse essere verificata, procedere al ripristino Scatola di trasmissione:
tramite il perno eccentrico; successivamente ricontrollare per- -- capacità della scatola Kg. 2,5
pendicolarità e ortogonalità della lama;
-- verificare l’esattezza delle battute a 45 sinistra; in caso di erro-
re procedere come indicato nel par. 6.8.2; 8.5.3 -- Oli per liquido lubrorefrigerante
-- controllare la complanarità dell’alimentatore con il piano di
taglio; se è necessario il ripristino, fare riferimento al par. 6.8.4;
-- controllare lo stato dei pattini al widia e del bottone premilama; Il tipo di olio utilizzato per il fluido lubrorefrigerante della macchina
sostituirli se usurati o scheggiati; controllarne la posizione e re- è il CASTROL Syntolin TFX. Al riguardo si precisa che, in
gistrarli, se occorre (vedi par. 6.6.3); assenza di specifiche richieste normative, MEP ha individuato in
-- pulire a fondo la vasca dell’acqua e il filtro dell’elettropompa. questo prodotto il miglior rapporto qualità -- prezzo. In ogni caso
vengono di seguito elencati gli oli compatibili in quanto risultati
con caratteristiche equivalenti:
AGIP NB 200 -- SHELL Lutem TT -- IP Utens Fluid--F
8.4 -- Manutenzione organi di funziona-
mento Infine un olio lubrorefrigerante garantito e distribuito da una casa
costruttrice di lame a nastro (LENOX) è BAND--ADE SAWING
FLUID LENOX.
In particolare l’attenzione di chi provvede alla manutenzione del-
la SHARK 320 AX, deve essere rivolta ad organi di funzionamen- Vasca liquido refrigerante:
to come la scatola di trasmissione e il cilindro oleopneumatico, -- capacità della vasca Lt. 30
del quale abbiamo già trattato nel capitolo Regolazioni il carica- -- Concentrazione olio 5--6 %
mento.

102 Shark 320 ax


CAPITOLO 9 - Scelta degli utensili
tensile; materiali con pareti sottili, come tubi di piccolo spessore
Importante per l’uso della segatrice a nastro SHARK 320 AX è la o profili, dovranno essere tagliati con basse velocità di avanza-
correlazione tra il tipo di lama usata per il taglio e il materiale che mento e, soprattutto, costanti. Una nuova lama necessita di un
si stà tagliando. Questo capitolo è utile per comprendere al me- periodo di rodaggio che consiste in una riduzione della velocità
glio i limiti e le specifiche applicazioni degli utensili al taglio. di avanzamento, circa la metà della velocità di avanzamento nor-
male (da 60 a 70 cm2/min su acciai normali), per una superficie
asportata di circa 300 -- 600 cm2.

9.1 -- Scelta del nastro Tipi di trucioli:


A -- Trucioli molto fini o polverizzati indicano una velocità di avan-
Quando si usano delle lame a nastro per il taglio dei metalli è ne- zamento e/o una pressione di taglio troppo bassa.
cessario scegliere il passo dei denti, cioè il numero di denti per
pollice (25,4 mm.), adeguato al materiale che si deve tagliare. In
linea di massima possiamo perciò stabilire che il taglio dovrà es-
sere eseguito con queste modalità:

- materiali con pareti sottili come lamiere, tubi e profilati richie-


dono dentatura fitta. Dovrebbero essere impegnati nello spesso-
re del materiale da 3 a 6 denti contemporaneamente;
- grandi sezioni trasversali richiedono una dentatura rada per
il maggiore volume del truciolo e per una migliore penetrazione
dei denti;
- materiali dolci (leghe di alluminio, bronzo dolce ecc.) richiedo- B -- Trucioli spessi, e/o di colore blu, segnalano un sovraccarico
no pure una dentatura rada. della lama.

9.1.1 -- Passo dei denti


La scelta del numero di denti per pollice dipende quindi da diversi
fattori:
a) dalla dimensione della sezione;
b) dalla durezza del materiale;
c) dalla dimensioni dello spessore di parete.
Dimensioni molto grosse richiedono l’uso di lame con denti spa-
ziati, mentre dimensioni piccole richiedono denti più fini. Ad ogni
modo verificare sempre che vi siano almeno sei denti sempre im-
pegnati nel taglio, per effettuare tale scelta riferirsi alle pareti ver- C -- Trucioli in lunga spirale indicano condizioni di taglio ideali.
ticali, trasversali alla lama, più sottili.
Per la tipologia di macchina delle SHARK si può operare una pri-
ma distinzione di massima rispetto alla durezza dei materiali:

ACCIAI < 61 HRC ACCIAI > 65 HRC


POCO DURI < 55 Kg/mm2 DURI > 65 Kg/mm2

NR. DI DENTI / POLLICE NR. DENTI / POLLICE

MINIMO 3/4 5/8

OTTIMO 4/6 6 / 10 9.1.3 -- Fluido lubrorefrigerante


MASSIMO 8 / 12 10 / 14 Il fluido lubrorefrigerante deve operare in modo da evitare il surri-
scaldamento dei denti della lama e del materiale nella zona di ta-
glio. Inoltre deve essere fornito di quantità e pressione sufficienti
al fine di asportare i trucioli dalle zone di taglio. Deve essere un
9.1.2 -- Velocità di taglio e di avanzamento ottimo lubrificante in modo da impedire fenomeni di abrasione dei
denti e saldatura dei trucioli sui denti (grippaggio).
La velocità di taglio, indicata con m/min, e la velocità di avanza-
mento, indicata con cm2/min, sono limitate dallo sviluppo di calo- 9.1.4 -- Struttura delle lame
re in prossimità delle punte dei denti. Una velocità di
avanzamento troppo alta determinerà dei tagli non rettilinei sia
sul piano verticale che su quello orizzontale. La velocità di taglio Le lame più usate sono le bimetalliche, ossia costituite da un cor-
dipende, come già detto, dalla resistenza del materiale (Kg/ po in acciaio al silicio, con grande capacità di resistenza a fatica,
mm2), dalla durezza (HRC) e dalle dimensioni delle sezioni più e denti in acciaio superrapido; le due parti vengono legate insie-
larghe. La velocità di avanzamento dipende dalla sezione del ma- me con sistemi di saldatura elettronica o laser. I tipi di denti stan-
teriale. Per cui, materiali con grandi sezioni, piene o con pareti dardizzati sono definiti M2 ed M42; la differenza è costituita da
spesse (s > 5 mm), consentiranno velocità di avanzamento alte, una maggior durezza della M42, ottenuta tramite l’aggiunta di co-
compatibilmente con la capacità di asportazione di truciolo dell’u- balto, nella composizione dell’acciaio dei denti.

Shark 320 ax 103


Scelta degli utensili

TIPO LAMA C Mn Si Cr W Mo V Ni Co Al HRC

CORPO LAMA 0,47 0,75 0,22 1,00 1,00 0,12 0,52 0,08 45--50

HSS M2
HRC 65--66
0,85 0,25 0,30 4,15 6,37 5,00 1,92 64--66 Un ulteriore vantaggio offerto dall’uso
di questo tipo di lame sta nel fatto che
HRC 45--50 con una stessa lama è possibile tagliare un’ampia gamma di ma-
HSS M42 teriali diversi sia in dimensioni che in tipologia.
HRC 67--68

1,07 0,25 0,20 3,75 1,50 9,50 1,15 8,00 67--69 DENTATURA A PASSO VARIABILE CON ANGOLO DI TAGLIO
A 0 GRADI
HRC 45--50
Questo tipo di dentatura è ideale per tagliare tubi e profilati in sin-
LEGENDA: goli pezzi o a fasci di dimensioni medie, relativamente alle capa-
cità della macchina.
Al = Alluminio C = Carbonio Co = Cobalto
Cr = Cromo Mn = Manganese Mo = Molibdeno
Ni = Nichel Si = Silicio V = Vanadio
W = Tungsteno
I numeri nelle colonne indicano la % dell’elemento presente nel-
l’acciaio.

9.1.5 -- Tipi di lame


Le lame che vengono montate sulla SHARK 320 AX, sono quelle Passi disponibili: 3--4 / 4--6 / 5--7 / 5--8 / 6--10 / 8--12 / 10--14.
con dimensioni 3.150 x 27 x 0,9 mm.; la lunghezza può variare
da 3120 mm. a 3180 mm., grazie al dispositivo di tensionamento DENTATURA A PASSO VARIABILE CON ANGOLO DI TAGLIO
della lama. Le lame, comunque, oltre alle dimensioni e al passo POSITIVO (da 9 a 10 gradi).
dei denti, si distinguono anche per altre caratteristiche geometri-
che che ne determinano i differenti utilizzi: Questo tipo di dentatura è la più indicata per il taglio di profilati e
- angolo di taglio del dente, può essere 0 gradi oppure positi- tubi con grosse dimensioni e grandi spessori, nonchè per il taglio
vo; di pieni ai limiti di capacità della macchina.
- il passo dei denti può essere costante o variabile;
- la stradatura, cioè i diversi allineamenti dei denti, ha molteplici
configurazioni.

Forma dei denti:

DENTATURA CONVENZIONALE
Angolo di taglio 0 gradi, passo costante.
Passi disponibili: 3--4 / 4--6.

Stradatura:
Di uso generale, per taglio di ghise, acciai e
materiali laminati o rullati, di dimensioni picco- Con il termine stradatura si intende la sezione di materiale aspor-
le o medie sia per tagli diritti o inclinati. tata dalla lama durante il taglio, larghezza di taglio, per effetto del-
la posizione sterzata dei denti rispetto al dorso della lama.
DENTATURA POSITIVA
STRADATURA STANDARD O A RASTRELLO
Angolo di taglio positivo 9 -- 10 gradi, passo costante.
Si intende una alternanza di denti sterzati uno a destra, uno a sini-
stra e uno diritto.

Di uso generale per dimensioni di materiale che superano i 5 mm.


di spessore. Utilizzabile per il taglio di acciai, getti di fusione e ma-
Può essere usata per tagliare tutti i tipi teriali non ferrosi duri.
di materiali ed è particolarmente vali-
da per il taglio di acciai a basso conte-
nuto di carbonio e per i materiali non ferrosi. La si usa per il taglio STRADATURA ONDULATA
di sezioni e diametri molto grandi. Si intende come gruppi di denti sterzati in forma ondulata alterna-
tivamente a destra e sinistra.
DENTATURA A PASSO VARIABILE
Queste lame hanno gruppi di denti con passo diverso e, conse-
guentemente, diverse dimensioni di dente e differenti raggi di go-
la. Anche per queste lame esistono i tipi in M2 e M42 e le Questa stradatura è associata a dentature molto fini e viene utiliz-
configurazioni con denti ad angolo di taglio nullo o positivo. L’al- zata principalmente per il taglio di tubi e profilati di piccolo spes-
ternanza di denti diversi ha la facoltà di prevenire le vibrazioni e sore (da 1 a 3 mm).
la rumorosità. L’eliminazione delle vibrazioni aumenta la vita del-
l’utensile e migliora le superfici di taglio.

104 Shark 320 ax


Scelta degli utensili
STRADATURA A GRUPPI DI DENTI ALTERNATI STRADATURA A DENTI ALTERNATI
Si intende come gruppi di denti sterzati a destra, un dente diritto, Si intende un dente sterzato a destra ed uno a sinistra.
e un gruppi di denti sterzati a sinistra.

Questo tipo di stradatura è usata per materiali teneri non ferrosi,


Questa stradatura è associata a dentature molto fini ed è utilizza- materiali plastici e legno.
ta per il taglio di spessori molto sottili (meno di 1 mm).

9.1.6 -- Tabella scelta lame per velocità di taglio e avanzamento

Dimensioni della sezione


di taglio S (mm)

Materiale Velocità
di taglio S<10 10<S<30 30<S<50 50<S<80 80<S<120 120<S<230 Lubrifica-- cmq/min
di taglio zione tagliati
m/min
Acciaio da costruzione Olio emul--
Acciaio da cementazione sionabile
50 / 70 14 10 / 14 10 10 / 14 8 6 / 10 6 5/8 4 4/6 3 3/4 60 -- 70
Acciaio per tornitura Fluido da
Acciaio dolce taglio

Ghisa acciaiosa
Acciaio rullato 40 / 50 14 10 / 14 10 10 / 14 8 6 / 10 6 5/8 4 4/6 3 3/4 Olio emul-- 50 -- 60
sionabile
Acciaio per molle

Acciaio legato Olio emul--


sionabile
Acciaio per utensili 30 / 40 14 10 / 14 10 10 / 14 8 6 / 10 6 5/8 4 4/6 3 3/4 15 -- 20
Fluido da
Acciaio per valvole taglio
Acciaio inox
Ghisa sferoidale
30 / 40 14 10 / 14 10 10 / 14 8 6 / 10 6 5/8 4 4/6 3 3/4 Olio emuls. 15 -- 20

Rame
90 / 150 14 10 / 14 10 10 / 14 6 5/8 4 4/6 3 3/4 3 3/4 Olio emuls. 75 -- 90
Bronzo dolce

Ottone 90 / 300 14 10 / 14 10 10 / 14 6 5/8 4 4/6 3 3/4 3 3/4 Olio emuls. 80 -- 90


Bronzo duro 20 / 40 14 10 / 14 10 10 / 14 6 5/8 4 4/6 3 3/4 3 3/4 Olio emuls. 25 -- 40
Alluminio 80 / 800 14 10 / 14 6 10 / 14 4 4/6 3 3/4 3 3/4 3 3/4 Olio emuls. 70 -- 80
Materiale plastico 90 / 400 14 10 / 14 6 10 / 14 4 4/6 4 4/6 3 3/4 3 3/4 Olio emuls. 80 -- 90

Passo delle lame nr. denti per pollice

Shark 320 ax 105


Scelta degli utensili

9.2 -- Classificazione degli acciai


In questa pagina sono riportate delle tabelle per dare un’informazione specifica all’utente riguardo al materiale da tagliare, per poter
classificare questi materiali in base alla loro durezza e potere così usare il giusto utensile.

Tipi di acciaio Durezza

UNI DIN BS AISI Brinel HB Rockw. Kg/mmq


C 22 -- C 35 CK 22 -- CK 3 En 2 C -- En 6 1022 -- 1035 160 -- 170 34 -- 87 55 -- 59
C 45 CK 45 En 8 1040 160 -- 180 84 -- 89 55 -- 61
C 10 -- C 15 CK 10 -- CK 15 En 32 A -- En 328 1010 -- 1015 150 -- 175 81 -- 87 51 -- 59
C 60 CK 60 En 9 1060 160 -- 180 84 -- 89 55 -- 61
4360 -- 50 A 160 -- 180 84 -- 89 55 -- 61
17100 3706 -- 1.2.3. ASTMA -- 36/68 160 -- 180 84 -- 89 55 -- 61
45 Cr Si 9 17115 4360 160 -- 180 84 -- 89 55 -- 61
En 20 A 190 -- 215 91 -- 97 64 -- 73
34 Cr Mo 5 17221 970 -- 1955 1065 180 -- 205 89 -- 94 61 -- 69
En 18 B 5135 -- 5145 180 -- 200 89 -- 93 61 -- 67
35 Cr Mo 4 34 Cr Mo En 19 B 4135 200 -- 230 93 -- 99 67 -- 77
36 Ni Cr 6 En 111 3135 190 -- 230 91 -- 99 64 -- 77
En 36 3310 -- 3315 200 -- 230 93 -- 99 67 -- 77
20 Nc Cr Mo 2 En 362 4315 200 -- 225 93 -- 98 67 -- 75
En 100 D 8645 190 -- 220 91 -- 97 64 -- 74
1880 X C 95 DX W1 150 -- 190 80 -- 91 51 -- 64
100 Cr 6 100 Cr 6 En 31 52100 210 -- 230 96 -- 99 71 -- 77
B2 L6 190 -- 230 91 -- 99 64 -- 77
52 Nc Cr Mo KU 56 Ni Cr Mo V 7 217 -- 248 97 -- 102 73 -- 83
2750 (280W18) 18 % W T1 217 -- 248 97 -- 102 73 -- 83
1507 -- 825 1310 160 -- 220 84 -- 91 55 -- 64
A2 M 13 200 -- 230 93 -- 99 67 -- 77
210 Cr 46 A1 D3 215 -- 240 97 -- 101 73 -- 81
4845 En 58 G 309 S 150 -- 200 80 -- 93 51 -- 67
X 12 Cr 13 4001 En 56 A 410 150 -- 200 80 -- 93 51 -- 67
X 6 Cr Ni 1810 4301 En 58 E 304 130 -- 170 74 -- 86 45 -- 58
X Cr Ni 1910
X 8 Cr Ni Mo 1713 4401 1501 -- 845 316 160 -- 200 84 -- 93 55 -- 67
Bronzo fosforoso 60 -- 100 56,5 36
Bronzo alluminio 70 -- 90 49 32
Bronzo manganese 95 -- 120 51 -- 69 34 -- 42
Bronzo silicio 70 -- 100 56,5 36

9.2.1 -- Tabella di nomenclatura degli acciai

SS AISI DIN BS UNI AFNOR


Materiale Svezia U.S.A. Germania Inghilterra Italia Francia
050 A 20
C 22 -- C 35 C 15 -- C 35 XC 18
1311 080 M 46 -- 50
Acciai al carbonio 1015 -- 1035 20 Mn 5 -- 28 Mn 6 C 22 Mn XC 38 H 1
1572 120 M 19
CK 22 -- CK 50 150 M 28 C 28 Mn 20 M 5

CK 60 -- CK 101 060 A 40 -- 060 A 96 XC 60 -- XC 75


1650 1040 -- 1064 40 M 5
Acciai al carbonio 36 Mn 5 070 M 55
1880 1770 -- 1880 XC 42 H 1
Cm 45 -- Cm 55 080 A 40 -- 080 A 62 C 45 -- C 60 XC 55 H 1
1717 CDS 110
2120 1335 -- 1345 25 CD 4
Acciai legati 25 Cr Mo 4 -- 42 Cr Mo 4 708 A 37 25 Cr Mo 4 -- 42 Cr Mo 4
2255 4130 -- 4140 42 CD 4
708 M 40
2541 4337 -- 4340 40 Ni Cr Mo 6 735 A 50, 534 A 99 40 Ni Cr Mo 2 -- 40 Ni Cr Mo 7 35 NCD 6
50100 -- 52100
Acciai legati 2230 40 Ni Cr Mo 73 817 M 40 30 Ni Cr Mo 8 -- 35 Ni Cr Mo 6 KB 50 CV 4
6145 -- 6152
2258 8630 -- 8645 34 Cr Ni Mo 6, 100 Cr 6 311 tipo 6 e 7 50 Cr V 4, 100 Cr 6 100 C 6

2310 -- 12 X 210 Cr 12 X 205 Cr 12 KU Z 160 CVD 12


Acciai per utensili D -- 2, D -- 3 BD 2, BD 3
2754 -- 55 X 155 Cr V Mo 121 X 155 Cr V Mo 121 KU Z 200 C 12

2550 60 W Cr V 7 55 W Cr V 8 Ku
Acciai per utensili S -- 1 BS 1 55 NCVD 7
2710 55 Ni Cr Mo V 6 55 Ni Cr Mo V 6

X 2 Cr Ni 189 304 S 15 X 2 Cr Ni 18.11 Z 2 CN 18.10


2324 201, 202
Acciai inossidabili X 5 Cr Ni 189 304 C 12 X 5 Cr Ni 18.10 Z 6 CN 18.09
2333 302, 304
G -- X 2 Cr Ni 189 304 S 12 G -- X 2 Cr Ni 19.10 Z 3 CN 19.10
X 15 Cr Ni Si 2520 X 16 Cr Ni Si 2520
2343 314, 316 316 S 16 Z 12 CNS 25.20
Acciai inossidabili X 5 Cr Ni Mo 1812 X 5 Cr Ni Mo 1713
2353 317 317 S 16 Z 6 CND 17.12
X 5 Cr Ni Mo 1713 X 5 Cr Ni Mo 1815

106 Shark 320 ax


CAPITOLO 10 -- Tabelle per diagnostica
Questo capitolo descrive le procedure di ispezione e di ricerca guasti, richieste per la SHARK 320 AX. Ispezioni regolari ed un’adeguata
manutenzione della macchina sono indispensabili per garantire la lunga durata della macchina stessa e per il funzionamento senza
problemi. Il documento è composto da due paragrafi: il primo paragrafo DIAGNOSTICA PER LAME E TAGLI, è specifico per la ricerca
degli inconvenienti per lame e tagli; il secondo paragrafo TROUBLESHOOTING riguarda la diagnostica degli errori sul funzionamento
generale della macchina. Attraverso questa guida alla ricerca dei guasti, potrete intraprendere le azioni per la risoluzione del problema.

10.1 -- Diagnostica per lame e tagli

INCONVENIENTE PROBABILE CAUSA RIMEDIO

Nastri rigati o graffiati Pattini widia scheggiati o usurati Sostituirli

Pattini widia allentati o stretti Regolarli


Pattini widia sporchi Pulirli e metterli a posto

Velocità di discesa testa eccessiva Diminuire velocità di discesa testa tramite


Tagli non ortogonali o inclinati regolatore discesa testa
Pattini al widia usurati Sostituirli
Pattini allentati Regolare la larghezza
Testina guidalama in posizione errata Accostare la testina mobile tramite la staffa
al pezzo da tagliare in modo da lasciare libe-
ra la sola parte di nastro necessaria per ef-
fettuare il taglio.

Ortogonalità nastro -- spalla appoggia Controllare e riallineare le testine guidala-


pezzi ma, successivamente ripristinare la ortogo-
nalità tra il nastro e la spalla appoggia pezzi
tramite il perno di registro a 0 ; successiva-
mente registrare le battute a 45 destra e si-
nistra tramite le viti .

Perpendicolarità nastro -- piano appoggia Controllare e riallineare le testine guidala-


pezzi ma, quindi ripristinare la perpendicolarità tra
il nastro ed il piano tramite le viti.

Tensionamento lama non corretto Portare la pressione a 60 Bar.


Nastro usurato Sostituite il nastro.
Passo dei denti non giusto Probabilmente state usando una lama con
troppi denti per pollice; utilizzare una lama
con denti più radi.
Velocità di taglio troppo lenta Aumentare velocità di taglio.
Fluido lubrorefrigerante non corretto Controllare l’emulsione di acqua e olio; con-
trollare che non siano ostruiti i fori e i tubi; di-
rezionare correttamente i getti.
Denti rotti Controllare la durezza del materiale che sta-
te tagliando.

Volano libero non lavora in posizione cor- Controllare che la posizione del nastro sul
Tracciato errato del nastro retta volano sia corretta. Adeguare la posizione
(tagli spanciati sia verticalmente che del volano sotto il nastro muovendo l’albero
orizzontalmente) dello stesso volano.

Volani usurati Sostituire.


MATERIALE MATERIALE
Incavi pieni di trucioli Pulire l’interno della macchina con aria.
Allineamento testine guidalama Controllare e sistemare.

Shark 320 ax 107


Tabelle per diagnostica

INCONVENIENTE PROBABILE CAUSA RIMEDIO

Usura rapida dei denti Denti orientati al contrario Orientare i denti correttamente.
Errato rodaggio del nastro Con una lama nuova è necessario iniziare a
tagliare con metà della velocità di taglio e
velocità di avanzamento. Dopo il tempo di
adattamento (ca. 300 cm2 per materiali duri
e ca. 1000 cm2 per materiali teneri di super-
ficie di taglio) la velocità di taglio e la velocità
di avanzamento possono essere riportate ai
valori normali.
Materiale troppo duro Controllare i parametri di velocità di taglio,
di avanzamento e la pressione sul nastro,
nonchè il tipo di nastro che state usando.
Difetti del materiale Difetti di superficie: ossidi, sabbia, induri-
menti superficiali.
Inclusioni indurite nella sezione.
Ridurre la velocità di taglio e la velocità di
avanzamento oppure pulite la superficie.
Velocità di taglio troppo elevata I denti strisciano sul materiale senza taglia-
re: ridurre la velocità di taglio
Velocità di avanzamento troppo lenta Il nastro corre sul materiale senza asportar-
lo: aumentare avanzamento
Carenza di refrigerante Controllare il livello del fluido refrigerante e
pulire condotti e getti.
Errata concentrazione di fluido Controllare ed usare la giusta concentrazio-
ne.
Introduzione di una nuova lama in un taglio La superficie del taglio potrebbe aver subito
parzialmente eseguito un’alterazione termica locale e risultare più
dura: ripartire con velocità di taglio e di
avanzamento più lente. Nel taglio potrebbe
essere rimasto un dente della lama sostitui-
ta: accertarsene e rimuoverlo prima di ri-
prendere il lavoro.
Vibrazioni Tensionamento lama troppo basso: aumen-
tare.
Forma o passo sbagliato del dente: cambia-
re il tipo di lama usato.
Bottoni premilama al widia troppo lontani
dal dorso del nastro: registrare le testine
guidalama, accostandole con una piccola
rotazione al dorso della lama.

Rottura denti Velocità di taglio troppo elevata Ridurre velocità di taglio.


Velocità di avanzamento troppo elevata Ridurre velocità di avanzamento.
Pressione di taglio troppo elevata Controllare la pressione e ripristinare il valo-
re corretto.
Passo dei denti sbagliato Denti troppo vicini: cambiare il nastro con
denti più spaziati.
Gola di scarico dei denti piena di trucioli Controllare i getti di fluido per la pulizia del
nastro.
Controllare la spazzola pulilama.
Saldatura di trucioli sui denti e nelle gole Controllare getti di fluido per la pulizia del
nastro. Controllare la spazzola pulilama. Se
i trucioli non vengono rimossi dal nastro,
rientrano nel taglio e si saldano ai denti cau-
sandone la rottura.
Difetti del materiale I materiali possono presentare delle zone
alterate sia in superficie, come ossidi o sab-
bia, e sia nella sezione come inclusioni sot-
to raffreddate. Queste zone, che risultano
essere molto più dure del nastro, causano
la rottura dei denti: scartare questi materiali
o pulirli.
Pezzo non serrato Se il pezzo si muove durante il taglio può
causare la rottura dei denti: controllare la
morsa, le ganasce e la pressione di serrag-
gio.

108 Shark 320 ax


Tabelle per diagnostica

INCONVENIENTE PROBABILE CAUSA RIMEDIO

(continua) Il nastro si ferma nel taglio Pressione di taglio troppo elevata: control-
lare la pressione e ripristinare quella nomi-
nale.
Velocità di avanzamento troppo elevata: ri-
durre.
Velocità di taglio troppo lenta: aumentare.
Il nastro slitta sui volani: o i volani sono
usurati e vanno quindi sostituiti, oppure la
tensione del nastro non è corretta (troppo
bassa) e va quindi ripristinato il giusto valo-
re.
Introduzione di una nuova lama in un taglio La superficie del taglio potrebbe aver subi-
parzialmente eseguito to un’alterazione termica locale e risultare
più dura: ripartire con velocità di taglio e di
avanzamento più lente. Nel taglio potreb-
be essere rimasto un dente della lama so-
stituita: accertarsene e rimuoverlo prima di
riprendere il lavoro.
Pattini al widia in posizione non corretta Registrare la posizione dei pattini, in parti-
colare la larghezza poichè le lame posso-
no avere spessori superiori alla tolleranza
dichiarata dai produttori.
Bottoni al widia premilama All’interno delle testine guidalama, nella
parte superiore, vi sono due bottoni al wi-
dia, che premono sul dorso della lama per
trasmettere la pressione di taglio. Se que-
sti bottoni sono troppo lontani, il nastro può
avere un andamento ondulatorio alto bas-
so o avere vibrazioni anomale che posso-
no causare la rottura dei denti: regolare la
posizione delle testine, ruotandole verso il
basso in modo da accostare i bottoni al
dorso del nastro.
Sezioni con grandi variazioni di spessore È necessario scegliere la velocità di taglio
e di avanzamento relativamente alla parte
più critica del taglio.
Errato rodaggio del nastro Con una lama nuova è necessario iniziare
a tagliare con metà della velocità di taglio e
avanzamento. Dopo il tempo di adatta-
mento (ca. 300 cm2 per materiali duri e ca.
1000 cm2 per materiali teneri di superficie
di taglio) la velocità di taglio e la velocità di
avanzamento possono essere riportate ai
valori normali.
Vibrazioni Tensionamento lama troppo basso: au-
mentare.
Forma o passo sbagliato del dente: cam-
biare bottoni premilama al widia troppo lon-
tani dal dorso del nastro: registrare testine
guidalama, accostandole con una piccola
rotazione al dorso della lama.
Pezzo che vibra nella morsa: controllare
nello scorrevole se il lardone è registrato
bene; controllare la pressione di serraggio;
eventualmente aumentare.

Carenza di refrigerante Controllare il livello del fluido refrigerante e


pulire condotti e getti.
Errata concentrazione di fluido Controllare ed usare la giusta concentra-
zione.
Denti orientati al contrario Orientare i denti correttamente
Tesatura del nastro troppo alta o bassa Controllare e ripristinare i valori nominali.
Errato rodaggio del nastro Con una lama nuova è necessario iniziare
a tagliare con metà della velocità di taglio e
velocità di avanzamento. Dopo il tempo di
adattamento (ca. 300 cm2 per materiali du-
ri e ca. 1000 cm2 per materiali teneri di su-
perficie di taglio) la velocità di taglio e la ve-
locità di avanzamento possono essere ri-
portate ai valori normali.

Shark 320 ax 109


Tabelle per diagnostica

INCONVENIENTE PROBABILE CAUSA RIMEDIO

Rottura lama Velocità di taglio troppo elevata Ridurre la velocità di taglio


Velocità di avanzamento troppo elevata Ridurre la velocità di avanzamento.
Pressione di taglio troppo elevata Controllare la pressione e ripristinare il valo-
re corretto.
Passo dei denti sbagliato Denti troppo vicini: cambiare il nastro con
denti più spaziati.
Pezzo non serrato Se il pezzo si muove durante il taglio può
causare la rottura delle lame: controllare la
morsa, le ganasce e la pressione di serrag-
gio.
Pattini al widia in posizione non corretta Registrare la posizione dei pattini, in partico-
lare la larghezza, poichè le lame possono
avere spessori differenti superiori alla tolle-
ranza dichiarata dalle ditte produttrici.
Bottoni al widia premilama Se sono usurati o scheggiati, possono fresa-
re il dorso del nastro, innescando delle cric-
che dal dorso verso i denti.
Posizione non corretta del nastro sui volani Il nastro potrebbe strisciare sui bordi dei vo-
lani: questo fenomeno è dovuto principal-
mente a nastri deformati o saldati in modo
errato (conici). Regolare la posizione del vo-
lano folle tramite lo spostamento del perno, o
sostituire il nastro.

Tensione del nastro non corretta Sia che la tensione sia troppo alta che troppo
bassa, il nastro subisce delle sollecitazioni
anomale: ripristinare il valore nominale di te-
satura.
Saldatura della lama non perfetta La saldatura delle lame a nastro è la parte
più critica; infatti potrebbero esserci sia sal-
dature non combacianti che con inclusioni o
soffiature.
Testina guidalama libera La testina è troppo lontana dal pezzo: acco-
starla tramite la staffa, lasciando libera la
parte di nastro impegnata nel taglio.

Denti in contatto con il materiale prima di Controllare sempre la posizione della lama,
iniziare il taglio prima di iniziare un nuovo lavoro, in special
modo in ciclo semiautomatico.
Pattini al widia Se usurati possono rigare il nastro indebo-
lendolo sino alla rottura. Se sono registrati
troppo larghi, il nastro sbandiera urtando sia
i pattini che il materiale.
Sostituire o registrare.
Carenza di refrigerante Controllare il livello del fluido refrigerante;
pulire condotti e getti.
Errata concentrazione di fluido Controllare ed usare la giusta concentrazio-
ne.
Il nastro si ferma nel taglio Pressione di taglio troppo elevata: controlla-
re la pressione e ripristinare quella nomina-
le. Velocità di avanzamento troppo alta: ri-
durre. Velocità di taglio troppo lenta: aumen-
tare. Il nastro slitta sui volani, tensione na-
stro non corretta o bassa: ripristinare o au-
Superfici di taglio rigate mentare.
Lama con denti usurati Cambiare lama.
Velocità di avanzamento troppo alta Ridurre velocità di avanzamento.
Velocità di taglio troppo lenta Aumentare velocità di taglio.
Lama con denti troppo larghi Cambiare lama con denti più stretti
Testina guidalama libera troppo lontana Accostare la testina guidalama in modo da
lasciare libera la sola parte di nastro impe-
gnata nel taglio.
Tensionamento lama basso Riportare il valore del tensionamento a quel-
lo nominale.
Lama con denti rotti Controllare e sostituire la lama.

110 Shark 320 ax


Tabelle per diagnostica

10.2 -- Troubleshooting (diagnostica tramite consolle di comando)

Questa sezione del capitolo è dedicata alla ricerca dei guasti ed inconvenienti che
potrebbero verificarsi durante il funzionamento della macchina. Il controllore MEP 23
offre la possibilità di verificare l’efficienza di tutti i dispositivi elettrici o elettronici di cui
è dotata la macchina, tramite i segnali di ingresso e di uscita della scheda IUD/IUV

Accesso alla videata di diagnostica


" Dare tensione alla macchina ruotando l’interruttore generale posto sul fianco sini-
stro del basamento;

ELECTRONIC
Kg A
STOP
RUN
PROG
BAR
PSI
F1
mt/min
40
80 RESET
y y
45˚SETUP
30˚ CHECK
START

" Schiacciare, in sequenza e contemporaneamente, i tasti CHECK e BAR/PSI per ac-


cedere alla diagnostica della macchina;

" Premere il pulsante di RESET per abilitare il funzionamento delle uscite.

Shark 320 ax 111


Tabelle per diagnostica

Diagnostica
Una volta entrati in diagnostica, il display visualizza una serie di caratteri ognuno
relativo ad un segnale in INGRESSO o in USCITA del controllore MEP 23.
Nr. identificativo tasto

Nr.Ingresso / Uscita
0123456789ABCDEFIL
Uscite digitali
U:000010000010000000
Ingressi digitali
I:01100110101 KEY:00
Ingressi analogici A:127 000 255 077 1

Selezione ON / OFF

Elenco USCITE DIGITALI scheda IUD--IUV


La scheda IUD/IUV si trova nell’armadio elettrico, all’interno del basamento della
macchina. Di seguito la mappa dei segnali relativi alle uscite digitali:

0123456789ABCDEFIL
U:000010000010000000
1ma Velocità Non utiliz.
2da Velocità C--S Non utilizzato
2da Velocità Spazzola motor.
Discesa / Salita testa Evacuatore trucioli
EV Chiusura / Apertura CMT Non utilizzato
Elettropompa fluido refrigerante EV alimentazione aria CAB
EV stabilizzatrice di pressione EV Avanzam./Arretram. CAB
EV alimentazione aria CPT EV Chiusura/Apertura CMA
EV rigeneratrice EV deviatrice Sblocco/Blocco CM

" le cifre 0 e 1 indicano lo stato di OFF (0) oppure di ON (1) di ogni singola uscita.
A questo punto, premendo il tasto di Selezione ", quindi il tasto di attivazione o
disattivazioneY, possiamo verificarne il funzionamento.
Attenzione Quando si controlla il funzionamento della Seconda velocità, è molto importante
mettere prima in ON (1) il contattore Centro--Stella, poi il tasto relativo alla Seconda
velocità.

112 Shark 320 ax


Tabelle per diagnostica

Elenco INGRESSI DIGITALI scheda IUD--IUV

0123456789ABCDEFIL
I:01100110101 KEY:00
Start Pedaliera
FC presenza barra
FC carter lama Fungo EMERGENZA
Inverter failure Tasto di RESET
Start pulsante impugnatura FC CAB indietro
Proximity velocità lama FC CAB avanti
FC barra di protezione

" le cifre 0 e 1 indicano lo stato di OFF (0) oppure di ON (1) di ogni singolo ingresso;
attivando o disattivando i dispositivi relativi agli ingressi, possiamo verificarne il fun-
zionamento.

Verifica della tastiera della console di comando


Ogni tasto della console ha un numero identificativo che compare, nella videata di
diagnostica dopo la parola “KEY”, nel momento in cui lo premiamo. Ad esempio, se
premiamo il tasto relativo alla seconda velocità (tasto LEPRE), a fianco della parola
“KEY” comparirà la cifra 02:

0123456789ABCDEFIL
I:00000000000 KEY:02
Identificatore del
tasto premuto

nell’ipotesi che la cifra KEY non cambi premendo il tasto LEPRE, segue che il probabi-
le malfunzionamento è da imputare al tasto della console, che quando è chiuso, non
conduce elettricità.

Elenco INGRESSI ANALOGICI scheda IUD--IUV

A:127 000 255 077 1


Posizione del potenziometro Posizione testa Presenza aria
pressione di taglio
Assorbimento motore lama Tensione lama

Shark 320 ax 113


Tabelle per diagnostica

POTENZIOMETRO PER IL PILOTAGGIO DEL MO-


TORE PASSO---PASSO (SERVOVALVOLA CILINDRO
A:127 000 255 077 1 TESTA DI TAGLIO)
Questo dato della diagnostica ci permette di stabilire se il
guasto deriva dal potenziometro, dai collegamenti o da
problemi alla scheda IUV. Per controllare ruotare il po-
tenziometro e vedere se il numero composto di tre cifre
Posizione del potenziometro
varia al variare della posizione del regolatore.
pressione taglio
TRASFORMATORE AMPEROMETRICO PER IL RI-
LEVAMENTO DELL’ASSORBIMENTO MOTORE LA-
A:127 000 255 077 1 MA.
Nel caso in cui il display dell’assorbimento motore lama non
visualizzasse più i valori di corrente, è possibile controllare
se il guasto è relativo al ”TRASFORMATORE AMPERO-
METRICO”, alla visualizzazione, ai collegamenti, o all’in-
Assorbimento motore lama gresso della scheda IUV.
POTENZIOMETRO DEL TRASDUTTORE CILINDRO
TESTA (POSIZIONE TESTA DI TAGLIO)
A:127 000 255 077 1 Nel caso in cui, muovendo la testa in alto o in basso, il valore
visualizzato non cambia, si può controllare se il problema
deriva dal potenziometro di trasduzione, dai collegamenti
Posizione testa o dai problemi alla IUV. Per fare questo muovere la testa
manualmente e controllare che il valore cambi sul display.
STRAIN GAUGE PER TRASDUZIONE TESATURA LA-
MA (TENDILAMA ELETTRONICO)
A:127 000 255 077 1 Nel caso in cui, ruotando il volantino di tensionamento del
nastro, il valore di tesatura della lama non fornisce alcuna
indicazione, si può controllare se il problema è nel dispositi-
vo di tensionamento, nella visualizzazione, oppure è nella
scheda IUV. Per fare questo tensionare e detensionare la la-
Tensione lama ma e controllare se il valore cambia sul display.
PRESSOSTATO DI RILEVAMENTO PRESENZA ARIA
COMPRESSA
A:127 000 255 077 1 Per ridurre le situazioni pericolose, in caso di assenza aria,
un pressostato inibisce tutte le funzioni della macchina, sal-
vaguardando l’incolumità dell’operatore dai rischi residui.
Presenza aria Se la cifra visualizzata è 0 (OFF) significa che non c’è pres-
sione oppure l’aria compressa è scollegata.

114 Shark 320 ax


Tabelle per diagnostica

10.3 -- Messaggi di errore


Questa sezione del capitolo è dedicata alla ricerca dei guasti ed inconvenienti che potrebbero verificarsi durante il funzionamento della
SHARK 320 AX.

Il messaggio relativo al Le cause di anomalia nel


EMERGENZA ”FUNGO DI EMER- EMERGENZA funzionamento dell’ali-
FUNGO DI EMERGENZA GENZA” comparirà ALIMEN. BLOCCATO mentatore di barre pos-
PREMUTO quando si da inizio ad sono essere di natura
PREMERE RESET un’operazione senza PREMERE RESET meccanica elettrica ed
aver disinserito l’emer- elettronica.
genza, disinseritela e CONTROLLARE: Premendo reset, viene
1) IMPEDIMENTI MECCANICI
schiacciate RESET. 2) F.C. ALIMENTATORE AVANTI
restituito il controllo dei
3) COLLEGAMENTI comandi manuali.

Questa videata compare I problemi inerenti alla


EMERGENZA normalmente quando si EMERGENZA tesatura della lama pos-
CARTER ALIMENTATORE opera l’introduzione di LAMA NON TENSIONATA sono essere di natura
APERTO nuovo materiale. meccanica elettrica o elet-
PREMERE RESET Premendo reset, viene PREMERE RESET tronica.
restituito il controllo dei Premendo reset, viene
CONTROLLARE:
comandi manuali. CONTROLLARE: restitutito il controllo dei
1) TESATURA LAMA -- 2) TENDITORE
1) CHISURA CARTER ALIMENTAT. 3) SCORRIMENTO SLITTA TENSION. comandi manuali.
2) FINE CORSA DI SICUREZZA 4) POSIZIONE LAMA SULLE PULEG.
3) INGRESSO Nª 4 SUL MEP 23 5) INGRESSO ”STRAIN GAUGE” IUV
4) COLLEGAMENTI 6) INTEGRITA’ LAMA -- 7) COLLEGAMENTI

Questa videata normal- Questo tipo di problema-


EMERGENZA mente compare quando EMERGENZA tiche sono prevalente-
CARTER LAMA APERTO si opera la sostituzione LAMA BLOCCATA NEL mente legate all’uso della
della lama. TAGLIO macchina e ad una
PREMERE RESET Premendo reset, viene PREMERE RESET impropria scelta dell’uten-
restituito il controllo dei sile.
CONTROLLARE:
comandi manuali. CONTROLLARE: Premendo reset, viene
1) CHISURA CARTER LAMA 1) VELOCITA’ DI TAGLIO restituito il controllo dei
2) FINE CORSA DI SICUREZZA 2) VELOCITA’ DISCESA TESTA
3) INGRESSO Nª 03 SUL MEP 23 3) PROXIMITI INGRESSO Nª 02 IUD comandi manuali.
4) COLLEGAMENTI 4) CORRETTO SERRAGGIO PEZZO

Questo controllo è sem- Questo controllo è sem-


EMERGENZA pre in linea ogniqualvolta EMERGENZA pre in linea ogniqualvolta
INVETER IN BLOCCO TESTA BLOCCATA
il sistema è utilizzato. il sistema è utilizzato.
Premendo il pulsante di Premendo il pulsante di
PREMERE RESET reset, viene restitutito il PREMERE RESET reset, viene restitutito il
controllo dei comandi controllo dei comandi
CONTROLLARE:
1) CONTATTORE INVERTER
manuali. CONTROLLARE:
1) IMPEDIMENTI MECCANICI
manuali.
2) FASI E TENSIONE IVERTER 2) SERVOVALVOLA
3) FASI E TENSIONE MOTORE LAMA 3) PILOTAGGIO SERVOVALVOLA
4) INGRESSO N.08 SCHEDA IUD 4) CIRCUITO PNEUMATICO
5) CONTATTORI MOTORE 1,2,CS
6) COLLEGAMENTI

Questo messaggio com- Questo messaggio com-


FINE TAGLI pare quando la macchina FINE BARRA pare quando la macchina
ha eseguito tutto il ciclo ha esaurito la barra
di taglio in automatico. durante la normale ese-
PREMERE RESET Serve ad avvertire l’ope- PREMERE RESET cuzione del ciclo di taglio
ratore che il ciclo è termi- in automatico.
nato. Premendo reset Serve ad avvertire l’operatore che il materiale è ter-
viene restituito il controllo minato. Premendo reset viene restituito il controllo
dei comandi manuali. dei comandi manuali. Una volta inserita la nuova
barra premendo start la macchina intesa il materiale
e continua il programma da dove aveva interrotto
prima del messaggio.

Shark 320 ax 115


Tabelle per diagnostica

Questo si ha quando si Questo messaggio com-


COMANDO INIBITO da lo START al ciclo COMANDO INIBITO pare quando si da lo start
TESTA NON A FCTI CILINDRO DI MISURA
senza che la testa sia a senza aver bloccato il
NON BLOCCATO
FCTI. Riportare la testa a cannotto del cilindro di
PREMERE RESET FCTI prima di riavviare il PREMERE RESET misura dell’alimentatore.
ciclo. Prima di ridare lo START
al ciclo bloccare il cilindro
dell’alimentatore con l’ap-
posito tasto.

Questo messaggio com- Questo messaggio com-


COMANDO INIBITO pare quando si da lo start COMANDO INIBITO pare quando si schiac-
VELOCITÀ DI TAGLIO DUE O PIÙ COMANDI
senza aver prima selezio- ciano contemporanea-
NON SELEZIONATA
nato una velocità di taglio mente due o più tasti sul
PREMERE RESET o un range dell’inverter. PREMERE RESET quadro comandi, è suffi-
Selezionate una velocità. cente premere reset per
riprendere il controllo
della consolle.

Questo messaggio com- Questo messaggio com-


TENTATIVO DI MEM. pare quando si cambiano CILINDRO DI MISURA pare quando si blocca il
FCTI SOTTO FCTA BLOCCO IN ESECUZ.
i limiti della corsa di taglio cilindro di misura con
FCTA SOPRA FCTI
Può verificarsi il caso che l’apposito tasto. Tempo
PREMERE RESET la nuova posizione di ini- circa 1 sec. poi si torna
zio taglio si trovi al disotto automaticamente alla
della precedente posi- videata precedente.
zione di fine taglio.
E’ necessario cambiarle
entrambe

Questo messaggio com- Questo messaggio esce


CILINDRO DI MISURA pare quando si sblocca il quando la testa non rag-
RICHIESTA ALIMENTAZ.
SBLOCCO IN ESECUZ.
cilindro di misura con giunge il finecorsa testa
l’apposito tasto. Tempo indietro.
circa 3 sec. poi si torna PREMERE RESET
automaticamente alla
videata precedente.

Questo messaggio com- Questo messaggio è


INTERVENTO PER SOVRA pare quando per l‘ecces- MISURA QUOTA FALLITA legato all Encoder dell’ali-
ASSORBIM MOTORE LAMA
sivo sforzo di taglio il mentatore (optional), e
motore della lama supera sta ad indicare che la
PREMERE RESET l‘assorbimento limite pre- PREMERE RESET consolle non riceve gli
stabilito. Il sistema chiude impulsi dall’encoder.
automaticamente il rego- CONTROLLARE:
1) CONTROLLARE IL SET--UP
Eventualmente escludere
latore di discesa testa (a 2) ENCODER GUASTO tramite il set up l‘encoder
3) INGRESSI IUV
zero). 4) INVIO O RICEZIONE IMPULSI dal sistema e resettare.

116 Shark 320 ax

Potrebbero piacerti anche