Sei sulla pagina 1di 5

Allegato 2

EducARTiamoci :
dalla Preistoria all'Arte Contemporanea

I parte <Istruzioni per l'Arte >


MP01 a.a.2008/09
RELAZIONE FINALE

Clementina Crocco
classe F8

foto di C.Crocco 2009

La 1° parte del progetto ha proposto agli alunni come contenuti i concetti chiave dell'arte
intesi come “istruzioni” di carattere generale per accedere adeguatamente informati al
mondo della comunicazione artistica e consapevoli, in termini di lettura e comprensione,
dei suoi valori stilistici ed estetici, nonché storici e culturali.
Il percorso si è sviluppato sulle seguenti tematiche:
• Cos'è l'arte?( dalla comunicazione per immagini all'arte-concetto di opera d'arte come
documento storico)
• A cosa serve l'arte? (concetto di comunicazione ed espressione visiva)
• Gli stili dell'arte ( l'arte che si trasforma nel tempo e nei luoghi- concetto di stile
figurativo e astratto)
• L'evoluzione dell'arte ( i fattori che determinano l'evolversi dell'arte)
• L'arte è bella o brutta? ( concetto di originalità e creatività)
• Riconoscere il significato delle immagini ( i soggetti ricorrenti- i simboli)
• Le forme dell'arte ( forme tradizionali e nuove forme di espressione artistica)
• Leggere un'opera* ( le regole del metodo di lettura: cosa-quando-dove--come-perchè)
• Cosa ci insegna l'arte?* ( orientamento spazio-temporale, i luoghi,la storia )

Il progetto ha coinvolto tutti gli alunni di una prima classe. E' stato realizzato nell'arco di 2
mesi, dal 22/10/09 al 17/12/09 e si è svolto durante le due ore settimanali curricolari di
Arte e Immagine ed extracurricolari di due pomeriggi per tre ore ciascuno, per un totale di
circa 30 ore, di cui 10 in classe e 20 nell'aula di informatica.
Si è articolato in 3 fasi:
Allegato 2

1. in classe: presentazione del progetto e delle sue finalità e modalità di realizzazione-


semplice test grafico d'ingresso sulle conoscenze degli strumenti e la terminologia
informatici “Disegna gli strumenti informatici che hai a casa” -lezioni frontali,
rielaborazioni dei contenuti assegnati a casa, realizzazione della struttura in formato
cartaceo del lavoro in ppt

2. nell'aula multimediale :assegnazione dell'utilizzo dei pc a gruppi di due alunni ( 10


gruppi + 1 alunno che ha lavorato da solo) -presentazione del programma Power Point,
interventi di consolidamento degli elementi base di video scrittura, grafica e gestione
dei file-uso di Internet e strumenti di ricerca nel web
Allegato 2

3. a casa : prosecuzione del lavoro in modalità individuale e in contemporanea alle attività


svolte in classe
I vantaggi del progetto sono stati molteplici e rilevanti.
Ormai siamo nell'epoca del libero e multisensoriale accesso alla conoscenza, in qualsiasi
momento e da ogni luogo, nell'era del “One Laptop Per Child” e della globale presa di
coscienza dell'importanza dei valori artistici-storici-economici del Patrimonio culturale del
nostro paese: il Ministero dei BC, infatti, sta proponendo attualmente forti azioni
tecnologicamente innovative e campagne di propaganda e sensibilizzazione , volte alla
sua diffusione e valorizzazione nonché salvaguardia e tutela.( vedi ad esempio musei
interattivi con sezioni didattiche – visite virtuali-eventi di grande portata fruibili da utenti di
ogni età-ecc)
Il connubio arte e nuove tecnologie si evidenzia qui fortemente proficuo nel
raggiungimento di tali obiettivi a vari livelli. Proprio nel contesto scuola trovano la sua
prima forma di attuazione in un processo formativo che, tenendo conto dell'insieme delle
esperienze visive degli alunni già acquisite e dei loro bisogni espressivi e comunicativi
generati dai nuovi media, li abilita gradualmente all'ingresso nel mondo dell'arte e dei beni
culturali in maniera critica e consapevole, con la capacità di analizzare, scegliere,
riconoscere e riconoscersi come fruitori colti, attenti e soprattutto liberi e partecipi.
Il primo e fondamentale passo è stato quello dell'interiorizzazione del concetto di
“comunicazione” e successivamente di “comunicazione ed espressione artistica”
attraverso la ricerca riflessiva di immagini di opere d'arte a più ampio raggio nel web.
Tale ricerca ha fortemente stimolato negli alunni la percezione della dimensione degli
artisti che da sempre hanno esplorato nuove forme di comunicazione e nuove tecnologie
trasformandole in modelli euristici e in nuove forme: specchi analogici di un mondo in
continua evoluzione.
“L’artista è colui che in ogni campo, scientifico ed umanistico, sa cogliere le implicazioni
delle proprie azioni e di nuovi saperi del proprio tempo; egli è l’individuo della
consapevolezza integrale” (M.McLhuan)
Gli alunni hanno infatti capito che l'artista col suo spirito adattativo e al tempo stesso
innovativo rappresenta l’anima creativa nel bene e nel male della socialità poiché ne
interroga il senso, ne sperimenta l’uso creativo, rivelando e interpretando le trasformazioni
esistenziali e culturali che essa stessa ha prodotto e produce.
E soprattutto che lo fa pilotando la tecnologia al di fuori della logica prettamente
commerciale verso uno sviluppo eticamente consapevole e creativamente innovativo.
Con questa prima “immersione” guidata nel web gli alunni hanno avuto sicuramente la
possibilità di un approccio consapevole alle porte virtuali dell’arte volto a divenire
gradualmente ciò che De Kerckhove individua come “punto di vita”.....“punto d’entrata
nella condivisione del mondo”.

Non sono certamente mancate le difficoltà come prima esperienza da unico “animatore
dell' intelligenza collettiva” ( Levy) di un gruppo di alunni.
Esse sono state prettamente tecniche. La coordinazione e la gestione del progetto
nell'aula multimediale è stata comunque abbastanza agevole grazie anche al supporto
tecnico del collega responsabile del laboratorio, il quale è spesso intervenuto nei momenti
Allegato 2

di difficoltà dovuti a guasti frequenti dei pc, permettendo così una fluida continuità dei
lavori. Non è da sottovalutare la difficoltà tecnica di operare nei tempi ristretti di un orario
curricolare già di per sé, a mio parere, insufficiente alla disciplina stessa di Arte e
Immagine. Pur usufruendo delle ore extra curricolari concesse dal DS i lavori non sono
stati completati.
La metodologia laboratoriale ha prodotto solo delle difficoltà a livello comportamentale
infatti qualche alunno un po' più vivace ha spesso generato qualche tensione fra i
compagni ma in compenso ha stimolato la socializzazione e la collaborazione fra gli stessi.
Sicuramente questa esperienza di apprendimento collaborativo ha motivato gli alunni
ad assumere atteggiamenti di partecipazione attiva e positiva alla vita collettiva, a
superare ed accettare le differenze, a sostenersi e relazionarsi sviluppando il senso della
solidarietà e della comprensione. Inoltre ha incentivato la formazione di una loro
personalità attraverso modalità di apprendimento creative e innovative che hanno
permesso loro di scoprire potenzialità inaspettate,qualità nascoste, interessi e curiosità
verso una materia complessa e lontana dal loro mondo. Hanno sperimentato che la
tecnologia è a servizio e di supporto dell' intelligenza. Essi stessi hanno preso
consapevolezza dei risvolti positivi notandone l'efficacia soprattutto a livello relazionale
oltre che cognitivo, dimostrandosi emotivamente coinvolti,partecipi ad ogni piccola
conquista con soddisfazione e appagamento.
Per la sottoscritta, come risultato del I anno del corso Dol, ha rappresentato una notevole
opportunità di sviluppo e arricchimento professionale sotto ogni punto di vista. In
particolare mi ha investito della nuova responsabilità di “mediatore” e “facilitatore” della
conoscenza attraverso una metodologia riflessiva, innovativa, efficace ed al passo con le
esigenze formative dei ragazzi che vivono già da nativi nella società della conoscenza
Lo sviluppo del progetto prevede il completamento delle due ultime tematiche delle
“Istruzioni per l'arte” , la grammatica visiva ( strumenti base della comunicazione ed
espressione artistica) e lo studio della storia dell'arte contemporaneamente
all'approfondimento dell'utilizzo degli strumenti multimediali.
I genitori hanno accolto positivamente la proposta del progetto riservando solo alcuni
dubbi per l'utilizzo di Internet da parte dei propri figli ma hanno offerto la propria
collaborazione ad adottare a casa le precauzioni consigliate fornendo loro una scheda
informativa sui rischi della navigazione e degli interventi da adottare oltre che informarli
sui vantaggi e la necessità del suo utilizzo per l'apprendimento dei contenuti.

La scelta dei 4 lavori presentati è avvenuta in base alla valutazione dei seguenti aspetti:
punto di vista dell'apprendimento ( gli alunni autori hanno dimostrato di aver interiorizzato i
contenuti con chiarezza ed efficacia)
punto di vista della personalizzazione ( i lavori risultano efficaci in termini di visibiltà
rispettando la semplicità,la pertinenza e l'originalità espressiva)
punto di vista tecnico (l'utilizzo degli strumenti e dei software è stato acquisito in modo
adeguato alle loro possibilità, al tempo a disposizione e all'impegno profuso)

Note* tematiche non svolte


Allegato 2