Sei sulla pagina 1di 3

RINASCIMENTO MATURO:

L'arte del Rinascimento si sviluppò a Firenze a partire dai primi anni del Quattrocento, e da qui si diffuse nel resto d'Italia e
poi in Europa, fino ai primi decenni del XVI secolo, periodo in cui ebbe luogo il "Rinascimento maturo" con i seguenti
artisti: Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, Raffaello Sanzio, Tiziano, Bramante e Giorgione.

Leonardo da Vinci:
era un appassionato della matematica e questo
aspetto insieme a quello dell’anatomia nelle sue
opere viene spesso marcato. Leonardo da
giovane si affida alla bottega di Andrea
Verrocchio ed e’ proprio li che mostro’ le sue
qualita’. Le opere piu’ famose di Leonardo sono
senza dubbio: la Gioconda, l’Ultima Cena, la
Dama con l’ermellino, Vergine delle Rocce e il
Cavallo di Leonardo ovvero un’imponente
scultura realizzata per Ludovico il Moro duca di
Milano. Inoltre fece parte della corte di Lorenzo
il Magnifico, poi si trasferì a Milano per venti
anni, presso Ludovico il Moro. Dopo un periodo
senza fissa dimora andò in Francia, ad Amboise,
dove morì nel 1519.

Michelangelo Buonarroti:
E’ stato pittore, scultore, architetto lui si
formo’ nella bottega del Ghirlandaio uno dei piu’ importanti artisti fiorentini dell’epoca
inoltre sappiamo che aveva un carattere molto fumantino di fatti un giorno colpi’ con
un pugno Pietro Torrigiano altro scultore dell’epoca. Entrato nella corte di Lorenzo il
Magnifico a Firenze scolpì il David, le sculture delle Tombe
Medicee, poi a Roma, dove ebbe diverse commissioni da parte
dei papi come: la Tomba di Giulio II di cui realizzò solo alcune
statue, la decorazione pittorica della Cappella Sistina, la Basilica
di San Pietro di cui progettò la cupola inoltre sappiamo anche che
Michelangelo esegui’ anche dei dipinti come il Tondo Doni e
anche i corpi della Cappella Sistina.
Lui era molto legato alla scultura infatti egli pensava che: in ogni
blocco di marmo ci sia imprigionata una forma e che il suo
compito e’ quella di liberarla. La sua scultura era caratterizzata
dall’utilizzo del marmo di Carrara e scolpi’ anche la Pietà a soli 23
anni, Mosè e altra opera importante che invece dipinse fu
la Creazione di Adamo

Raffaello Sanzio:
Raffaello nasce a Urbino nel 1483 lui fa parte del trio degli
artisti piu’ famosi del Rinascimento Italiano fece il suo apprendistato a
Perugia nella bottega di Pietro Vannucci detto anche Il Perugino. Questo
artista era molto noto per dipingere le Madonne e secondo alcuni studiosi
questi dipinti erano legati alla scomparsa della madre quando era ancora
bambino  Madonna del Belvedere, Madonna del Cardellino, Madonna
Esterhazy. Oltre le madonne Raffaello realizza uno dei dipinti
piu’ celebri del Rinascimento ovvero la Scuola di Atene questa
opera ha una peculiarita’: aveva dato ad alcuni sapienti del
mondo classico le sembianze dei più grandi artisti del suo
tempo. Raffaello mori’ a Roma nel 1520 a soli 37 anni
Bramante:
Bramante nasce a Urbino nel 1444; inizia la sua attivita’ pittorica nel
1477 a Bergamo, affresca la facciata del Palazzo del Podestà, mentre
nel 1478 arriva a Milano, dove lascerà il segno. L'opera più
importante di questo momento è considerata l'Incisione Prevedari,
del 1481: la sua peculiarita’ e’ senza dubbio la firma di Bernardo
Prevedari sul disegno di Bramante che incise  Bramantus fecit in
mediolano
Nel 1482 si stabilisce a Milano e diventa architetto a tempo pieno
per il Cardinale Ascanio Sforza e Ludovico il Moro che gli
commissionarono diverse opere come il Sant’ Ambrogio e Santa
Maria delle Grazie. Successivamente
Nel 1506 Bramante viene nominato architetto da Giulio II che gli
affida la Basilica Costantiniana purtroppo fu un fallimento perche’
l’artista distrusse l’abside della basilica
Bramante muore a Roma nel 1514

Giorgione:
Giorgione nacque nel 1477 a CastelFranco Veneto ed e’ considerato uno dei
piu’ importanti pittori della pittura veneziana, lui da giovanissimo si
trasferisce a Venezia per andare a lavorare nella bottega di Giovanni
Bellini un altro esponente del Rinascimento italiano da lui apprese
soprattutto l’uso dei colori e dello sfumato che lo ritroviamo nella
Tempesta una delle sue opere principali in questa opera Giorgione
rappresenta un paesaggio molto minaccioso sullo sfondo che annuncia
Tempesta appunto.
Successivamente Giorgione si concentro sulla realizzazione di opere su commissione
per una ristretta cerchia di intellettuali veneziani per questo molte delle sue opere
sono ricche di dettagli con un significato simbolico spesso di difficile interpretazione
come per esempio la Pala di Castelfranco del 1502
Giorgione mori’ a causa della peste nel 1519

Tiziano Vecellio:
Tiziano Vecellio noto come Tiziano e’ il principale esponente del
Rinascimento Veneziano nasce in un paesino in provincia di
Belluno; all’eta’ di 9 anni i genitori lo mandano a Venezia insieme
al fratello dato che Venezia in quel periodo aveva raggiunto l’apice
dello splendore Tiziano fece il suo apprendistato nella bottega di
Bellini come Giorgione con il quale erano amici
Tiziano inizialmente faceva da assistente al suo amico Giorgione
ma quando lui mori’ a causa della peste Tiziano prese il suo posto e
completo’ la Venere di Dresda o anche Venere Dormiente e
successivamente realizzo’ la Venere di Urbino altra sua opera
principale
Tiziano a questo punto si trasferisce a Padova per colpa della peste che si era abbattuta a Venezia e li
realizza molteplici opere a tema sacro come la serie dei Miracoli di
S.Antonio da Padova
Aveva la capacita’ di realizzare opere molto distanti tra loro lui infatti
passava dalla ritrattistica su commissione alle opere di arte sacra, dai
soggetti a carattere mitologico ai temi allegorici e misteriosi.
Tiziano in eta’ avanzata fece un cambiamento drastico rinuncia ai colori
accesi e passa ad utilizzare tinde decisamente piu’ cupe e molti effetti di
chiaroscuro come notiamo nel Ritratto di Carlo V
Commento personale:
Personalmente credo che il Rinascimento sia il periodo migliore che abbiamo affrontato sia per
quanto riguarda le opere sia per quanto riguarda gli artisti soprattutto per il trio composto da
Leonardo Raffaello e Michelangelo i quali hanno prodotto opere fantastiche.