Sei sulla pagina 1di 92

A

Agostino di Duccio
Firenze 1418 - Perugia 1481 Scultore italiano Lartista, nato a Firenze, nel 1441 fu esiliato per furto, pertanto oper quasi sempre fuori dalla sua citt di origine. Nel 1442 esegue le Storie di San Giminiano, per il Duomo di Modena, dove si mostra influenzato da Michelozzo. Nel 1446 a Venezia, dove pu conoscere gli esempi della scultura tardogotica locale. Il suo capolavoro la decorazione del Tempio Malatestiano di Rimini, eseguita tra il 1449 e il 1455. In questopera il suo stile ormai maturo, le forme sono risolte in puri ritmi lineari e il tono generale quello paganeggiante della corte di Sigismondo Pandolfo Malatesta. La tendenza al decorativismo si accentua nella facciata marmorea della Chiesa di San Bernardino a Perugia, realizzata tra il 1457 e il 1461. Meno significative le ultime opere, eseguite nel corso degli anni Settanta.

Algardi, Alessandro
Bologna 1595 - Roma 1654 Scultore italiano Nato a Bologna, lAlgardi si form inizialmente allAccademia di Ludovico Carracci e studi scultura con Giulio Cesare Conventi. Dopo aver trascorso qualche anno a Mantova, giunse nel 1625 a Roma. Qui, grazie alle raccomandazioni del Duca di Mantova entr subito in contatto con il cardinale Ludovico Ludovisi, bolognese anchegli e proprietario di una ricca collezione di statuaria antica. Fu il cardinale a commissionargli il restauro di alcune sculture

Storia dellarte Einaudi

mentre, le prime committenze di rilievo, gli giunsero grazie ai contatti con lamico Domenichino. Lo scultore lavor a fianco dellormai famoso concittadino nella Cappella Bandini in San Silvestro al Quirinale, dove esegu le statue di Maria Maddalena e San Giovanni Evangelista (c. 1628). Laffermazione dellAlgardi in Roma progred assai lentamente. Nel 1640, ormai quarantenne, divenne Principe dellAccademia di San Luca e gli furono affidati i primi grandi incarichi: la tomba di Papa Leone XI in San Pietro e la statua di San Filippo Neri e langelo per la sagrestia di Santa Maria in Vallicella. Lelezione al soglio pontificio di Innocenzo X nel 1644 segn la definitiva affermazione dellartista, impegnato, negli anni successivi, sia come scultore che come architetto. In questo ambito sopraintese alla costruzione e alla decorazione della villa di Belrespiro, presso porta San Pancrazio (1644-52), per il cardinale Camillo Pamphilj. Maggiori furono per gli impegni in scultura; gli anni del pontificato Panfilj coincisero con lesecuzione del rilievo con lIncontro tra Leone I e Attila per la Cappella della Colonna in San Pietro (1646-53), della Statua di Innocenzo X, in bronzo, oggi nel Palazzo dei Conservatori (1645-50), del Martirio di San Paolo per la chiesa di San Paolo a Bologna (1647) e delle numerose serie di busti ritratto, tra cui spicca il Busto di Olimpia Maidolchini Pamphilj (c. 1646) della Galleria Doria a Roma.

Ammannati, Bartolomeo
Settignano 1511 - Firenze 1592 Scultore e architetto italiano Nacque a Settignano, presso Firenze, nel 1511. Comp il proprio apprendistato artistico nella bottega del fiorentino Baccio Bandinelli e in seguito si rec a Venezia, dove nel 1540 collabor con Jacopo Sansovino alla decorazione della Libreria Marciana. Nello stesso periodo fu operoso anche a Firenze. Qui scolp il gruppo marmoreo della Vittoria, in origine destinato al monumento Nari per la chiesa della Santissima Annunziata (ora al Museo del Bargello). Nel 1550 si spost a Roma, introdotto da Giorgio Vasari alla corte di Papa Giulio III. Lo stesso anno spos a Urbino la poetessa Laura Battiferri, della quale Agnolo Bronzino esegu il noto ritratto. Tornato a Firenze nel 1555, lAmmannati divent scultore e architetto ufficiale della corte dei Medici. Egli partecip, cos, alla celebrazione del potere di Cosimo I, che intendeva affermare il proprio

Storia dellarte Einaudi

ruolo ufficiale di sovrano del granducato anche attraverso la realizzazione di opere a destinazione pubblica. Per Palazzo Vecchio progett una fontana, con le personificazioni di Arno, Arbia e Terra, ora smembrata e conservata al Museo del Bargello. Per il grande bacino dacqua della Villa Medicea di Castello, poco fuori Firenze, esegu la colossale statua dellAppennino, nota anche come Gennaio. Sempre per Cosimo I realizz la grande e ben nota Fontana del Nettuno, posta in Piazza della Signoria, davanti allomonimo Palazzo, dimora granducale. Domina al centro della vasca la gigantesca figura del dio marino, in marmo bianco, chiamato dai fiorentini il Biancone. Lattivit di archietto di Bartolomeo Ammannati annovera la progettazione di molti palazzi fiorentini fra cui Palazzo Giugni e Palazzo Ramirez Montalvo.

Andrea Pisano
Pontedera 1290 ca. - Orvieto dopo il 1348 Scultore italiano Figlio di Ser Ugolino di Nino, notaio di Pisa, lo scultore Andrea Pisano noto anche con il nome di Andrea da Pontedera. Le prime notizie sicure riguardano lesecuzione della porta bronzea del Battistero di Firenze, firmata dallartista e datata 1330; contrariamente alla consuetudine, questa data si riferisce allinizio dei lavori, terminati nel 1336 e condotti con lausilio di vari collaboratori. Alla morte di Giotto, nel 1337, venne affidato ad Andrea il ruolo di Capomastro dellOpera del Duomo, carica che lo port ad occuparsi soprattutto della continuazione del Campanile avviato da Giotto. Lo scultore esegu le formelle raffiguranti le Storie della Genesi, le Arti meccaniche, forse su disegno di Giotto, ed inoltre quelle con le Virt, i Pianeti, le Arti Liberali e i Sacramenti. Dopo la caduta del signore di Firenze Gualtieri di Brienne, cacciato dalla citt nel 1343, Andrea si rec probabilmente a Pisa, dove esegu con laiuto della bottega la tomba del vescovo Saltarelli nella chiesa di Santa Caterina. Nel 1347-48 lo scultore documentato a Orvieto, come responsabile del cantiere della Cattedrale e impegnato soprattutto nel restauro della facciata. Per decorare uno dei portali laterali, Andrea si fece inviare dalla sua bottega di Pisa un gruppo marmoreo raffigurante la Madonna e due angeli, conservato ora nel Museo dellOpera del Duomo di Orvieto. Nel 1349 il ruolo di capomastro della Cattedrale fu affidato al figlio di

Storia dellarte Einaudi

Andrea, Nino Pisano; non noto se lincarico fu dovuto alla morte del padre oppure al suo ritorno in Toscana. Potrebbero infatti essere riferite allultima attivit di Andrea le due bellissime Madonne marmoree scolpite per la chiesa di Santa Maria della Spina a Pisa. Sepolto nella Cattedrale di Firenze, lo scultore era sicuramente gi morto nel 1358.

Antelami, Benedetto
1150 ca. - 1230 Scultore e architetto italiano Attivo fra il 1170 e il 1220, Benedetto Antelami faceva parte probabilmente di quei costruttori provenienti dalla valle dIntelvi noti con il nome di magistri Antelami, derivato dalla loro provenienza. Formatosi in Francia, fra la Provenza e lIle de France, la mano dellartista stata riconosciuta in alcuni capitelli del chiostro di San Trophime ad Arles, eseguiti intorno al 1165-70. Giunto in Italia, il maestro fu attivo in varie regioni dellItalia settentrionale. A Parma si occup inizialmente della sistemazione del coro della Cattedrale, lavoro del quale rimangono oggi la cattedra espiscopale e un rilevo con la Deposizione datato 1178, gi parte di un pulpito quadrangolare. Fra il 1170 e il 1190 Benedetto Antelami fu anche impegnato nella costruzione del Duomo di Borgo San Donnino, lattuale Fidenza, eseguendo i rilievi della facciata, rimasta incompiuta. Dal 1196 il maestro fu responsabile della costruzione e della decorazione del Battistero di Parma, per il quale realizz gli splendidi rilievi policromi dei portali e la decorazione interna costituita da sculture di tema religioso e profano, quali la raffigurazione dei Mesi e delle Stagioni. Allartista sono stati riferiti talvolta anche il progetto per la chiesa di SantAndrea a Vercelli, la prima chiesa gotica italiana ispirata a modelli francesi, e due sculture di leoni nella chiesa di San Lorenzo a Genova, parte di un perduto pulpito.

Arnolfo di Cambio
Colle Val dElsa 1245 ca. - Firenze 1302 Archietto e scultore italiano Nativo di Colle Val dElsa, Arnolfo di Cambio documentato fra il 1265 e il 1267 nella bottega di Nicola Pisano, con la quale probabilmente partecip allesecuzione dellArca di San Domenico nellomonima chiesa di Bologna. Le aperture verso il gotico transalpino che caratterizzano soprattutto le

Storia dellarte Einaudi

invenzioni architettoniche di Arnolfo hanno tuttavia indotto ad ipotizzare anche una possibile formazione nel cantiere cistercense della chiesa di San Galgano, in provincia di Siena. Alla fine degli anni Settanta il pittore si trasfer in Umbria dove nel 1281 esegu la Fontana Minore di Perugia, oggi smembrata. Di questo lavoro si conservano nella Galleria Nazionale alcuni frammenti che rappresentano figure di Paralitici, noti convenzionalmente con il nome di Assetati. probabile che Arnolfo sia giunto a Perugia con la bottega di Nicola e Giovanni Pisano, ai quali nel 1278 era stata commissionata lesecuzione della Fontana Maggiore. Ad Orvieto, nella chiesa di San Domenico, Arnolfo esegu la tomba del Cardinale De Braye, morto nel 1282. Le singole parti del monumento, composto originariamente da una struttura architettonica e da alcune sculture, furono probabilmente inviate da Roma dove lartista si era recato allinizio degli anni Ottanta chiamato dal re Carlo dAngi. Per questultimo Arnolfo esegu un grande ritratto marmoreo, parte di un monumento celebrativo oggi perduto. Contemporaneamente lo scultore ricevette importanti commissioni anche dalla chiesa romana; per Bonifacio VIII, papa fra il 1294 e il 1303, esegu il monumento sepolcrale, conservato ancora in parte nelle Grotte Vaticane. Rispettivamente nelle chiese di San Paolo fuori le Mura e in Santa Cecilia in Trastevere realizz due cibori, il secondo dei quali firmato e datato 1293. La feconda attivit romana testimoniata anche dai frammenti del monumento Annibaldi nella chiesa di San Giovanni in Laterano e dal Presepe per la Chiesa di Santa Maria Maggiore, probabilmente commissionato dal papa francescano Niccol IV. Alla fine degli anni Novanta Arnolfo rientr a Firenze dove gli venne affidato il progetto per la cattedrale di Santa Maria del Fiore, fondata nel 1296. Lartista esegu anche alcuni gruppi scultorei per la decorazione della facciata, conservati nel locale Museo dellOpera del Duomo. Allartista, scomparso fra il 1302 e il 1310, sono tradizionalmente attribuiti anche i progetti architettonici della chiesa di Santa Croce e del Palazzo dei Priori, meglio noto come Palazzo Vecchio.

Arp, Hans
Strasburgo 1887 - Basilea 1966 Pittore e scultore tedesco Dopo aver studiato pittura alla Scuola darte di Weimar (1905) e poi allAcadmie Julian a Parigi (1908), Arp si

Storia dellarte Einaudi

trasferisce in Svizzera, a Weggis, un villaggio sulle rive del lago dei Quattro Cantoni. Qui incontra altri pittori, con i quali fonda nel 1911 il Moderne Bund. A questi si aggiungono altri importanti incontri: nel 1912 conosce a Monaco Kandinskij e partecipa alla celebre mostra del Blaue Reiter, in seguito entra in contatto a Parigi con Delaunay, Modigliani, Picasso ed Apollinaire e a Colonia con Max Ernst. Nel 1915 si rifugia in Svizzera e dipinge le sue prime opere astratte, ottenute dallintersecarsi di elementi rettilinei e piani cromatici. Inizia poi a frequentare il Cabaret Voltaire di Zurigo e diventa uno dei promotori ed animatori del movimento dada, sperimentando i suoi primi rilievi policromi, e spregiudicate composizioni di oggetti. La sua opera si affida spesso al caso, inventa un linguaggio astratto, popolato di forme colorate ritagliate nel legno o nella pietra e sovrapposte a comporre rilievi policromi che non hanno alcun riferimento naturalistico ma che risultano apparentemente del tutto naturali. A Zurigo collabora a svariate iniziative dadaiste, fondando con Janco lAssociation des Artistes Rvolutionnaires, organizzando con Ernst e Baargeld il gruppo di Colonia, creando il Fotogaga, stringendo rapporti a Berlino con El Lissitskij e Schwitters. Nel 1925 partecipa alla prima collettiva surrealista presso la galleria Pierre di Parigi. Nei due anni successivi lavora con la moglie Sophie Taeuber e larchitetto Theo Van Doesburg alla decorazione del caf-dansant LAubette a Strasburgo, per poi aderire ai gruppi davanguardia Cercle e Carr e Abstraction-Cration realizzando, a partire dal 1930, sculture a tutto tondo, cui d forme vagamente organiche e papiers dchirs (carta su carta strappata a mano). Nel dopoguerra lavora in America a importanti opere pubbliche. Nel 1954 il Premio internazionale per la scultura assegnatogli alla Biennale di Venezia ne ha segnato la definitiva consacrazione.

Storia dellarte Einaudi

Bandinelli, Baccio
Firenze 1493 - 1560 Scultore e pittore italiano Il Bandinelli si form come scultore presso il fiorentino Giovan Francesco Rustici, nel clima del manierismo fiorentino elaborato sulle opere lasciate nella citt da Michelangelo, Leonardo e Raffaello. Come tutti gli scultori attivi a Firenze intorno alla met del secolo (Ammannati, Giambologna, ecc.) sub il fascino della scultura di Michelangelo e in particolar modo del David. Questa gigantesca statua collocata in Piazza della Signoria divenne un modello di espressione eroica della figura umana, riproposto da Bandinelli nellErcole e Caco scolpito nel 1534 e collocato nella medesima piazza: la scultura denota uninterpretazione superficiale e retorica del linguaggio michelangiolesco. Molto pi autonomo il Bandinelli fu in altre sculture, come i rilievi del coro di Santa Maria del Fiore, dove interpret in chiave quasi astratta lo stile del Buonarroti. Come ritrattista di corte Bandinelli scolp inoltre un Busto e una Statua di Cosimo I.

Barye, Antoine
Parigi 1795 - 1875 Scultore francese Antoine Barye si colloca tra i principali protagonisti della statuaria francese del XIX secolo. A quindici anni inizi il suo apprendistato presso un incisore di metalli, indirizzandosi solo in seguito verso la scultura. Desideroso di apprendere il disegno, lanno seguente entr nello studio di Gros. Fu uno dei massimi scultori del XIX secolo, ma non

Storia dellarte Einaudi

va trascurata la sua attivit di pittore, o meglio di acquerellista. I suoi acquerelli rappresentanti animali sono conservati al Louvre e allepoca riscossero il favore del pubblico ancor prima delle sue sculture. Il debutto come scultore avvenne al Salon del 1827 con dei semplici busti-ritratto. Nel 1831, attir lattenzione della critica con le opere San Sebastiano e Tigre che divora una preda, al Louvre. In seguito, si dedic prevalentemente ai bronzetti di piccolo formato, raffiguranti animali esotici spesso impegnati in lotte e temi mitologici. Alcuni bronzetti divennero modelli per sculture monumentali; il Leone con il serpente del Louvre fu realizzato nel 1855 in grande formato per essere collocato alle Tuileries. Espresse una grande abilit artistica anche nelle sculture di figure, quali ad esempio Teseo e il Minotauro del Louvre e le Tre Grazie, Giunone, Santa Clotilde e Napoleone I. Le sue opere dimostrano una grande attrazione nei confronti dellarte assira e dellantica Grecia.

Bartolini, Lorenzo
Prato 1777 - Firenze 1850 Scultore italiano Di umili origini, Bartolini nacque a Savignano presso Prato. Nel 1795 lavor in alcuni laboratori di alabastrai a Firenze e a Volterra, dove ebbe modo di conoscere le incisioni di Flaxman. Tornato a Firenze fu ammesso allAccademia di Belle Arti. Nel 1799 si arruola come disegnatore al seguito di un generale francese, col quale si reca a Parigi. Grazie allinteressamento di Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone, riesce ad entrare nello studio di David dove conosce il giovane Ingres. Nel 1802 partecipa al Prix de Rome giungendo secondo. Tra il 1805 e il 1807 lavora al Busto di Napoleone (Parigi, Louvre) e al bassorilievo con la Battaglia di Austerlitz per la colonna di Place Vendme. Nel 1807 nominato dalla Baciocchi professore di Scultura allAccademia di Carrara. In questo periodo realizza la statua monumentale di Napoleone (Bastia, corso San Nicola) e il ritratto di Madame Eynard Lullin (Ginevra, Palazzo Eynard). Nel 1814 in seguito alla caduta di Napoleone, molte delle sue opere vengono distrutte. Torna a Firenze dove, dopo un periodo di difficolt anche economica, ha inizio la sua attivit pi feconda. Del 1818 LAmmostatore e del 1824 La Carit educatrice, acquistata dal Granduca di Toscana. Nel 1820 ospita Ingres, che sog-

Storia dellarte Einaudi

giorna a Firenze fino al 1824. Nel 1830 riceve la commissione per il monumento Demidoff, portato a termine dallallievo Pasquale Romanelli, e nel 1835, su commissione di Rosa Trivulzio, esegue la celebratissima Fiducia in Dio (Milano, Museo Poldi Pezzoli). Dal 1837 al 1844 lavora al monumento funebre della principessa Sofia Zamoyska Czartoryska (Firenze, Santa Croce). Nel 1839 ottiene la cattedra di Scultura allAccademia di Firenze. Dei suoi ultimi anni sono il monumento Niepper (Parma, chiesa della Steccata), il monumento a Leon Battista Alberti (Firenze, Santa Croce) e la Ninfa dello scorpione (San Pietroburgo, Museo dellErmitage) esposta nel 1845 al Salon di Parigi dove fu molto ammirata da Baudelaire.

Benedetto da Maiano
Maiano, Firenze 1442 - Firenze 1497 Architetto e scultore italiano La sua opera architettonica prende le mosse dallesempio brunelleschiano per elaborare uno stile rigoroso ed equilibrato, come si pu notare nel Palazzo Strozzi di Firenze (1487), dove collabora con Simone del Pollaiolo detto il Cronaca, e nel Portico di Santa Maria delle Grazie ad Arezzo. Come scultore lavor spesso in societ col fratello Giuliano, ma ricerc uno stile personale caratterizzato da un pronunciato plasticismo e da un gusto per effetti pittorici e per la resa particolareggiata dei dettagli. Si ciment prevalentemente nelle tecniche della scultura in marmo e della scultura lignea, impegnandosi anche nellintaglio. Tra le sue opere scultoree pi significative si possono ricordare: il Ritratto di Pietro Mellini (1474), il pulpito di Santa Croce (1472-75), la porta intarsiata della Sala dei Gigli in Palazzo Vecchio, due lunette per la Basilica della Santa Casa di Loreto (1484-87), la tomba di Filippo Strozzi, nellomonima cappella in Santa Maria Novella a Firenze.

Bernini, Gian Lorenzo


Napoli 1598 - Roma 1680 Scultore e architetto italiano Gian Lorenzo Bernini nacque a Napoli da Pietro, scultore toscano attivo in quel momento alla Certosa di San Martino, e attorno al 1605 si trasfer con la famiglia a Roma. Nellarco della sua lunga vita lasci la citt solo nel 1665, allapice della fama, perch chiamato da Luigi XIV a Parigi. Comp la sua formazione artistica nella bottega del pa-

Storia dellarte Einaudi

dre, edicandosi allo studio dei grandi maestri del Cinquecento e della statuaria antica, in particolare dei modelli ellenistici. Lartista rivel il suo precoce talento nei gruppi marmorei Enea e Anchise, il Ratto di Proserpina, David, Apollo e Dafne, eseguiti su commissione del cardinale Scipione Borghese tra il 1619 e il 1625. Lo scultore rimase al servizio del Cardinale fino al 1624. Lascesa al soglio pontificio di Urbano VIII Barberini assicur a Bernini un posto di rilievo nella vita artistica romana. Nel 1629 fu eletto architetto di San Pietro. La sua attivit nella Basilica, iniziata nel 1624 con la commissione del Baldacchino, lo occup dagli anni Trenta fino alla morte. Per San Pietro Bernini esegu la tomba di Urbano VIII (1639-47), la statua equestre di Costantino (1654-68), il San Longino (1629-38), la scenografica Scala Regia (166366) oltre alla spettacolare Cattedra (1656-66) e al colonnato antistante la basilica (1656-1667). Importanti opere architettoniche dellartista sono il palazzo di Montecitorio (1650-55), la chiesa di SantAndrea al Quirinale (165870), e i progetti commissionati da re Luigi XIV per il palazzo del Louvre che, per, non vennero realizzati perch giudicati incompatibili con il gusto classicista e le esigenze abitative francesi. Al nome di Bernini sono associate anche alcune celebri fontane romane, dalla Fontana dei Fiumi (1648-51) in piazza Navona a la Fontana del Tritone in piazza Barberini (1640). Inoltre lartista esegu un cospicuo numero di ritratti scultorei tra i quali Scipione Borghese (1632, Galleria Borghese, Roma) e Costanza Buonarelli (1635, Museo del Bargello, Firenze). Grandi esempi della spiritualit barocca sono opere come lEstasi di Santa Teresa (1647-52, Roma, Santa Maria della Vittoria, Cappella Cornaro) e la beata Ludovica Albertoni (1671-74, Roma, San Francesco a Ripa).

Bernini, Pietro
Sesto Fiorentino 1562 - Roma 1629 Scultore italiano Padre di Gian Lorenzo, anchegli scultore fu attivo a Firenze, sua citt natale, a Roma e a Napoli dove risiedette dal 1584 al 1604, quando si trasfer di nuovo a Roma. Qui esegu rilievi per Santa Maria Maggiore, SantAndrea della Valle e per Villa Borghese e per il parco fantastico di Caprarola. La sua cultura tardomanierista ricevette a Roma, grazie ai contatti con il Mariani e il Mochi, un nuovo im-

Storia dellarte Einaudi

pulso. Ne deriv lenfatizzazione delle torsioni nelle cariatidi del monumento funebre a Clemente VII nella Cappella Paolina e il tentativo di imprimere moto mediante le vibrazioni luministiche nel San Giovanni Battista per SantAndrea della Valle. Su questo virtuosistico magistero educ il figlio. Del 1627-29 la sua fontana della Barcaccia in piazza di Spagna (da alcuni attribuita a Gian Lorenzo).

Berruguete, Alonso
Paredes de Nava 1486 ca. - Toledo 1561 Pittore e scultore spagnolo Figlio di Pedro, vive per circa un decennio in Italia, dove entra in contatto con i manieristi toscani ed influenzato da Michelangelo. Ritornato in Spagna, diventa pittore di corte di Carlo V ma attivo soprattutto come scultore. Fonde elementi della cultura italiana con la tendenza realistica spagnola allinterno di uno stile altamente drammatico.

Bertoldo di Giovanni
Firenze 1420 ca. - 1491 Scultore e medaglista italiano Ritenuto da alcuni figlio illegittimo dei Medici, svolse una precoce attivit presso la bottega di Donatello, collaborando col maestro al basamento della Giuditta e ad altre sculture. Ben presto entr a far parte della cerchia di Lorenzo il Magnifico, come testimonia la medaglia da lui eseguita per la congiura dei Pazzi, nel 1478. Lopera di Bertoldo costituita da medaglie, statuette e rilievi in bronzo tra i quali la Battaglia , la Crocifissione e una Piet, conservati al museo del Bargello a Firenze. Ma nel settore dei bronzetti che egli offr il suo massimo contributo. Bertoldo si esprimeva con un accentuato realismo, che infondeva in forme mosse da una certa violenza espressiva e sbalzate in pieno rilievo. Disegn (senza peraltro eseguire) il fregio in terracotta invetriata, con lEsaltazione di Lorenzo de Medici per la villa di Poggio a Caiano, e i dodici rilievi in stucco nel cortile del palazzo Scala-Gherardesca. Il compito di restauratore e precettore di giovani artisti che egli svolse presso il giardino di San Marco una scuola darte frequentata anche da Michelangelo testimoniato anche dalla presenza in palazzo Medici di una stanza a lui destinata, nella quale trascorse gli ultimi anni della sua vita.

Storia dellarte Einaudi

Bistolfi, Leonardo
Casale Monferrato 1859 - Torino 1933 Scultore italiano Compiuti gli studi a Brera, realizza una serie di sculture funerarie di stile patetico, simbolista e floreale, dal modellato morbidamente pittorico (Langelo della morte, per la tomba Brayda a Torino, la Sfinge della tomba Pansa a Cuneo, Il sogno, Lolocausto, La purificazione per cimiteri della Lombardia e del Piemonte), oltre a lastre a bassorilievo (Le lacrime, 1902-05, Galleria Civica dArte Moderna). Un moderato verismo si ritrova nelle statue celebrative di Lombroso a Verona (1922) e in certi busti, tra cui quello di De Amicis e di Giacosa. Bistolfi anche disegnatore (Manifesto della prima esposizione darte decorativa moderna, Torino) e autore di medaglie.

Bonanno Pisano
Pisa, XII secolo Scultore e architetto italiano uno dei principali protagonisti dellarte romanica in Italia, capace di sviluppare un linguaggio originale ed autonomo basato sulla fusione di elementi bizantini, classicheggianti e oltremontani. A lui si attribuisce tradizionalmente il progetto e la realizzazione della prima fase dei lavori del Campanile di Pisa. La sua attivit di scultore fu predominante e lo port allesecuzione della porta reale del Duomo di Pisa, realizzata nel 1180 in bronzo e successivamente distrutta nellincendio del 1565. Allo stesso giro di anni risale la porta di San Ranieri, collocata nel transetto destro del Duomo di Pisa, le cui imposte bronzee narrano in venti formelle i principali episodi della Vita di Cristo. Al 1186 risale lesecuzione della porta della Cattedrale di Monreale, su cui sono raffigurate Storie del Vecchio e del Nuovo Testamento. Lopera firmata da Bonanno civis pisanus e fu probabilmente realizzata a Pisa nello stesso periodo della porta di San Ranieri; entrambe le opere infatti mostrano una grande coerenza formale e la stessa facilit narrativa, elementi che dimostrano la raggiunta maturit artistica dello scultore pisano.

Bourdelle, mile-Antoine
Montauban 1861 - Vsinet 1929 Scultore francese Ancora molto giovane a Parigi frequent lo studio di Rodin di cui divent prima allievo e poi collaboratore. Lo

Storia dellarte Einaudi

stile del maestro fortemente radicato nelle opere iniziali, caratterizzate dal gusto per il monumentale e dallesaltazione idealistica delluomo. In seguito Bourdelle si rivolse ad uno stile pi asciutto e serrato, chiaramente ispirato allarcaismo greco, come testimonia la statua di Ercole arciere. Nel 1912 lo scultore realizz tutte le decorazioni, ad affresco e bassorilievo, del teatro dei Champs-Elyses. Si dedic inoltre alla creazione di monumenti equestri in stile neo-rinascimentale, e ad una intensa attivit di ritrattista.

Bracci, Pietro
Roma 1700-1773 Scultore italiano Formatosi con Giuseppe Bartolomeo Chiari e sullo studio dellopera di Gian Lorenzo Bernini, dal 1725 tenne un diario nel quale annot tutte le commissioni ricevute. Nello stesso anno, gi celebre a Roma, ricevette lincarico di scolpire i ritratti in marmo del cardinale Fabrizio Paolucci e di papa Innocenzo XII per la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo. Ancora in memoria del Paolucci realizz la lapide funebre in San Marcello al Corso nel 1726. Nel 1730 scolp due statue a grandezza naturale con San Pietro Nolasco e San Felice di Valois per la Basilica di Mafra in Portogallo. Si data al 1732 il rilievo raffigurante SantAndrea Corsini che lava i piedi ai poveri nella cappella Corsini in San Giovanni in Laterano e al 1734 il rilievo con San Giovanni Battista nel portico della stessa basilica. Ricevette importanti incarichi per la facciata di San Giovanni dei Fiorentini (1734-35) e per la chiesa di Santa Maria Maggiore (1742), a seguito del successo riscosso nel 1734 dal monumento funebre di Benedetto XIII in Santa Maria sopra Minerva e pi tardi dal monumento di Maria Sobieska in Vaticano. Linteresse per la scultura classica lo port ad occuparsi di restauro: lavor ai rilievi dellArco di Costantino e alle statue della collezione del cardinale Alessandro Albani. Tra le numerose tombe eseguite nelle chiese di Roma si ricordano quelle del cardinale Renato Imperiale in SantAgostino (1741), di Carlo Leopoldo Calcagnini in SantAndrea delle Fratte (1748) e di Benedetto XIV in San Pietro (1769). Dal 1754 al 1758 lavor alle statue dei santi fondatori degli ordini religiosi per il colonnato di San Pietro,

Storia dellarte Einaudi

eseguendo San Vincenzo de Paoli, il Beato Girolamo Emiliani e San Norberto. Uno dei suoi lavori pi conosciuti il gruppo scultoreo centrale della Fontana di Trevi, originariamente commissionato a Giovanni Battista Maini, ma realizzato dal Bracci e completato nel 1762.

Brancus , i, Constantin
Pes ,tis ,ani Gorj, Romania 1876 - Parigi 1957 Scultore franco-rumeno Dopo una formazione svolta allAccademia di Bucarest, egli lavor a Vienna e a Monaco prima di trasferirsi nel 1904 a Parigi, citt nella quale stabil la sua residenza. La scultura Il bacio (1908), pi volte replicata dallartista, segn la svolta antinaturalistica della sua opera, definendo forme pure e primordiali, stilizzate entro volumi essenziali e impersonali, attraverso una sistematica eliminazione di ogni accessorio. Amico di Amedeo Modigliani, nel 1913 egli espose tre sculture alla mostra dellArmory Show di New York, avviando nella citt statunitense una folta serie di mostre che lo vedranno protagonista pi volte nel corso della sua vita. Se linteresse di Brancusi per larte primitiva e africana dimostrato da alcune sculture lignee eseguite tra il 1914 ed il 18, quali Il Figliol prodigo (Philadelphia, Museum of Art) e Strega (New York, Solomon R. Guggenheim Museum), dopo la Prima guerra mondiale si accentua nella sua opera il gusto per lastrazione formale, sostanziato da un continuo, approfondito studio sulla scultura egizia, greca arcaica e messicana. Tali suggestioni si ritrovano assimilate in un linguaggio astrattizzante personalissimo. A ripetuti soggiorni negli Stati Uniti intervall nel 1937 un ritorno in Romania, dove esegu alcune sculture per il giardino pubblico di Tirgu Jiu e un viaggio in India per progettare un tempio per il maragi di Indore. Mor a Parigi nel 1957.

Storia dellarte Einaudi

Caggiano, Emanuele
Benevento 1837-1905 Scultore italiano Scultore originario di Benevento, studi alcuni anni a Firenze. Intorno al 1860 scolpisce Pane e lavoro (Napoli, Museo di Capodimonte) che fu esposto a Parigi e a Londra. Fu insegnante di scultura a Roma e allAccademia di Napoli. La sua opera pi nota la statua bronzea della Vittoria che corona il monumento ai caduti nelle rivoluzioni contro i Borboni (Napoli, Piazza dei Martiri).

Calcagni, Tiberio
Firenze 1532 - Roma 1565 Scultore italiano Fiorentino, fu collaboratore e assistente di Michelangelo a Roma, nellultimo periodo della vita del maestro, ed ebbe cos la possibilit di portare a compimento due delle sue ultime opere: il Bruto e la Piet del Museo dellOpera di Firenze. Aiut il Buonarroti anche nella stesura dei disegni per San Giovanni de Fiorentini e ne costru anche il modello in argilla. Rimase vicino a Michelangelo fino alla morte, tenendo costantemente informato il nipote Lionardo sulla salute dello zio. Nel 1565 cur la ristrutturazione della chiesa di SantAngelo in Borgo a Roma, di cui per non rimane traccia, a causa del rinnovamento che ebbe luogo nel Settecento. Mor a Roma, un anno dopo Michelangelo.

Storia dellarte Einaudi

Calder, Alexander
Filadelfia 1898 - New York 1976 Scultore americano Appartenente ad una famiglia di scultori, si interess allarte fin da giovanissimo, mostrando per interesse pi per gli utensili meccanici che per la creta o i pennelli. Dopo aver terminato gli studi in ingegneria, si iscrisse allArts Students League di New York eseguendo disegni e caricature per vari giornali o riviste. Giunse a Parigi nel 1926, dove ebbe inizio la sua carriera di scultore. La sua opera pittorica legata ai primi Fili di ferro esposti nel 1927 al Salon des humoristes a Parigi. Nella grafica mostra una preferenza per la penna e la matita, con cui esegu numerosi disegni, specie ad inchiostro di china, dove la sicurezza del tratto riecheggia le strutture lineari dei suoi personaggi da circo. Nei guazzi lartista mostra un iniziale figurativit che poi si evolve rapidamente verso un puro astrattismo che, liberatosi dallinflusso di Mir, trova piena espressione negli anni del dopoguerra. La sua opera grafica fu esposta in varie occasioni a Parigi (1954, Galerie des Cahiers dArt), Londra (1961, Lincoln Gallery) e Dsseldorf (1963, Gallerie Vmel). Parallelamente ai molteplici disegni che ne accompagnano i mobiles ed alle litografie a colori, gli ultimi guazzi di Calder, serie di figure grottesche e mostruose, attestano lo humor ma anche la ferocia di uno spirito incisivo. Nel 1973 lartista ha decorato 18 carlinghe di aerei di compagnie americane.

Canova, Antonio
Possagno, TV, 1757 - Venezia, 1822 Scultore italiano Nato a Possagno da padre scalpellino, il suo apprendistato si svolse in Veneto presso la bottega del Torretti, al cui seguito si spost a Venezia nel 1768. Qui frequent i corsi dellAccademia, studiando e disegnando i calchi in gesso delle sculture antiche e verso il 1773 apr il suo primo studio di scultore nel chiostro di Santo Stefano e poi a San Maurizio. Fino al 1779 rimase a Venezia, dove ricevette numerose importanti commissioni, fra cui quella per il Dedalo e Icaro (Venezia, Museo Correr). Trasferitosi a Roma, dove approfond la sua conoscenza della scultura classica, frequent i corsi di nudo dellAccademia di Francia e la scuola di Pompeo Batoni.

Storia dellarte Einaudi

A Roma, che sar il centro della sua attivit, egli si afferm ben presto con una serie di prestigiose commissioni culminanti nel monumento a Clemente XIV (1783-87) nella Basilica dei Santi Apostoli e nel monumento a Clemente XIII (1784-92) nella Basilica di San Pietro. Nellultimo decennio del secolo cre alcune celebri opere marmoree, come Amore e Psiche (Parigi, Museo del Louvre), Venere e Adone (Ginevra, Villa La Grange) ed il Perseo (Roma, Musei Vaticani). Nel 1802 fu chiamato a Parigi per eseguire il Ritratto di Napoleone Bonaparte, soggetto ripreso in numerose versioni, a mezzo busto e a figura intera. Nel primo decennio dellOttocento lavor ancora per la famiglia Bonaparte, scolpendo i ritratti di Letizia, madre di Napoleone, della sorella Paolina Bonaparte Borghese, di Carolina e Gioacchino Murat, di Elisa Baciocchi. In questi anni diede inizio al monumento funebre di Vittorio Alfieri per la chiesa di Santa Croce a Firenze e inaugur quello a Maria Cristina dAustria nella chiesa viennese degli Agostiniani (1805). Nel 1812 ultim la celebre Venere italica (Firenze, Galleria Palatina) e nel 1716 le Tre Grazie (San Pietroburgo, Museo dellErmitage). Incaricato dal papa della missione diplomatica di recupero degli oggetti darte portati a Parigi da Napoleone, da qui si rec a Londra per ammirare i marmi appena giunti dal Partenone di Atene. In questultima fase della sua attivit Canova fece erigere a Possagno un tempio ispirato al Pantheon di Roma. Qui, oltre ad un gran numero di opere, vi sono conservate le spoglie dello scultore, morto a Venezia nel 1822.

Carpeaux, Jean-Baptiste
Valenciennes, 1827 - Courbevoie, Parigi 1875 Scultore e pittore francese Nonostante le tendenze classiciste dellarte ufficiale, gli interessi personali lo orientano alla lettura in chiave veristica proposta da Rude nella scultura e da Delacroix nella pittura. Esito esemplare delle sue ricerche realistiche il gruppo Ugolino e i figli, connotato in tono altamente drammatico. Lo scultore riesce a sostenere con grande leggerezza anche il gusto decorativo e raffinato, evidente ne La Danza, caratterizzata dai guizzanti e potenti effetti del chiaroscuro. Il risultato dirompente e in netto contrasto

Storia dellarte Einaudi

con la freddezza accademica della scultura del tempo stato la causa delle critiche e degli scandali che hanno accompagnato quasi sempre luscita delle sue opere.

Cecioni, Adriano
Fontebuona, Firenze 1836 - Firenze 1886 Scultore, pittore e scrittore darte italiano Frequent lAccademia di Firenze dedicandosi soprattutto alla scultura. Si arruol poi come volontario nel 1859 e combatt nella guerra di indipendenza. Nel 1863 a Napoli, dove tra i fondatori della Scuola di Resina. Tornato a Firenze, si lega a Signorini e partecipa attivamente al gruppo dei macchiaioli del Caff Michelangelo, di cui considerato proprio con Signorini lanimatore e il teorico. Del 1868 una delle sue opere pi note il gesso Bambino col gallo. Nel 1870 a Parigi, chiamato da De Nittis, dove rimane deluso dallarte francese. Nel 1872 compie un viaggio a Londra. Fu acuto critico darte, teorico della pittura macchiaiola e polemista vivace.

Cellini, Benvenuto
Firenze 1500-1571 Scultore, orafo, scrittore e trattatista darte italiano Nella Vita, la sua autobiografia, racconta i viaggi, le avventure, le risse, i duelli, non tralasciando di documentare le sue opere. Inizi giovanissimo lattivit di orafo. Nel 1519 si rec a Roma, dove la sua abilit gli procur le commissioni di papa Clemente VII. Nel 1521 di nuovo a Firenze, ma in seguito a una rissa, condannato a morte, ritorn a Roma. Non abbandon la citt al momento del sacco del 1527, ma si distinse nella difesa di Castel SantAngelo. Lanno seguente si rec a Mantova presso la corte dei Gonzaga. Nel 1529, durante lassedio, a Firenze. Nel 1534, in una rissa, uccise un uomo, ma papa Paolo II lo assolse. Comp viaggi a Firenze, Venezia e di nuovo a Roma. Fra il 1540 e il 1545 si trasfer in Francia alla corte di Francesco I nella reggia di Fontainebleau, dove gi si era recato il Rosso Fiorentino. Per il re di Francia, fra il 1542 e il 1543, realizz la famosissima Saliera doro (Vienna, Kunsthistorisches Museum).Qui allattivit di orafo affianc quella di scultore, iniziando la fusione in bronzo. Rientrato a Firenze, dove risiedette pressoch stabilmente fino alla morte, offr i suoi servizi a Cosimo I de Medici. Al 1545 risale la committenza del Perseo, voluto dal Gran-

Storia dellarte Einaudi

duca per la Loggia dei Lanzi. Nel 1548 lo scultore esegu in bronzo il Busto di Cosimo I (Firenze, Museo Nazionale del Bargello), rivelandosi ritrattista di grande abilit. Gli anni che seguono lo videro soprattutto impegnato nella complessa realizzazione del gruppo bronzeo del Perseo, completato solo nel 1554, del cui basamento facevano parte anche quattro piccole figure di Divinit, tra cui Mercurio, e un grande bassorilievo (ora conservati a Firenze, Museo del Bargello). Cellini scolpisce ancora per Cosimo I un Crocifisso in marmo (Madrid, Escorial), donato poi dal Granduca Francesco I al re Filippo II di Spagna. Nel settimo decennio del secolo attese alla scrittura dei due trattati Delloreficeria e Della scultura.

Csar, Csar Baldaccini detto


Marsiglia 1921 Scultore francese Frequenta la Scuola di Belle Arti a Marsiglia e a Parigi. Dal 1950 inizia a svolgere una ricerca personale legata alle suggestioni dei materiali naturali, realizza assemblages con pezzi di ferro, materiali di scarto di fonderia, che salda realizzando le sue prime sculture che espone alla Galleria Lucien Durand nel 1954. Partecipa alle Biennali di Venezia e di San Paolo e alla seconda edizione della Documenta nel 1959. Dal 1960 fa parte del gruppo Nouveaux Ralistes e inizia la sua produzione di Compressions: grazie a presse industriali trasforma resti di vecchie automobili, o altri rifiuti in metallo in enormi volumi regolari di ferraglia. Passa poi a realizzare fusioni per creare oggetti monumentali ingigantiti come il Pollice di Csar in bronzo alto circa 185 cm. Nel 1967 scopre il poliuretano che gli permette di creare la serie delle Expansions, gigantesche colate di poliuretano la cui resina liquida si solidifica cristallizzando allaria. Ha continuato a usare queste tecniche approfittando anche di numerose committenze.

Chillida, Eduardo
San Sebastin 1924 Scultore spagnolo Studia architettura a Madrid, in seguito si trasferisce a Parigi dove negli anni 1948-51 inizia a dedicarsi alla scultura. Torna nel 1951 nei paesi baschi e, individuato nel ferro il suo materiale preferito, realizza alcune opere monu-

Storia dellarte Einaudi

mentali tra cui le porte della basilica di Aranzazu,1954, dove utilizza materiali consumati dal tempo e dalluso. Fin dal 1956, presenta diverse opere alla Galleria Maeght (Parigi), e Bachelard parla giustamente a loro proposito di un cosmo di ferro. Usa il ferro allo stato grezzo, lasciando la superficie scabra e rugosa con evidenti tracce del fuoco su di essa. Alla Biennale del 1958 gli conferito il gran premio per la scultura. Nei suoi lavori di questi anni le forme piene si intrecciano con il vuoto, creando zone di contrasto tra luce e ombre, in un rapporto dinamico con lo spazio circostante (Rumor de Limites II). Dal 1959 si dedica anche allincisione.

Churriguera
secc. XVII-XVIII Famiglia di architetti e scultori spagnoli Jos Benito (Madrid, 1665-1725) attivo a Madrid come disegnatore di corte dal 1690, esegu monumentali altari con fastose decorazioni (retablo) nella cattedrale di Segovia e in San Esteban a Salamanca; a Madrid costru il palazzo ora sede dellAccademia di San Fernando. Joaqun (Madrid 1674-24) fratello e collaboratore di Jos Benito, progett la cattedrale nuova a Salamanca e costru il patio del Colegio de Anaya e il Colegio de Calatrava. Alberto (Madrid 1676 - Orgaz 1750) fratello dei precedenti, fu anchegli architetto della cattedrale di Salamanca, citt in cui progett anche la chiesa di San Sebastin e la plaza Mayor (1728).

Colla, Ettore
Parma 1896 - Roma 1968 Scultore italiano Nato a Parma nel 1896, studia allAccademia di Belle Arti della sua citt. A partire dal 1922 compie diversi viaggi a Parigi, dove ha modo di frequentare gli studi di importanti scultori come Emile Bourdelle e Aristide Maillol. Tornato in Italia nel 1926 si trasferisce a Roma, prendendo parte a numerose esposizioni cittadine e nazionali. Nel 1930 espone per la prima volta alla Biennale di Venezia. Nel corso degli anni Trenta esegue numerose sculture in pietra. Otterr in seguito la cattedra di scultura alla Scuola Superiore dellArte di Roma. Tra 1944 e 1948 attraversa un periodo di riflessione in cui abbandona la scultura e

Storia dellarte Einaudi

diviene organizzatore dellattivit espositiva della Galleria Lo Zodiaco e della Galleria del Secolo di Roma. Tra il 1948 e il 1949 compie i primi esperimenti di pittura astratta e collage. In questo periodo entra in contatto con Alberto Burri e col critico Emilio Villa. Nel 1950 fonda il Gruppo Origine insieme a Mario Ballocco, Alberto Burri e Giuseppe Capogrossi, con i quali espone nellanno successivo alla Galleria Origine. Nel 1953 Emilio Villa pubblica sulla rivista Arti Visive il primo articolo sulle sculture astratte di Colla. Tra la fine del 1954 e il 1955 termina i suoi primi montaggi con rottami di ferro che vengono esposti, per interessamento di Mario Mafai, alla VII Quadriennale di Roma. Alla Biennale di Venezia del 1956 viene rifiutata lesposizione di una sua opera. Nel 1957 tiene la sua prima mostra personale a Roma, due anni dopo ne allestisce unaltra a Londra, presso lInstitute of Contemporary Arts. Nel 1960 la mostra viene trasferita allo Stedelijk Museum di Amsterdam su invito di Willelm Sandberg; lesposizione presentata da Giulio Carlo Argan. Il Museum of Modern Art di New York accoglie due sue opere alla mostra dal titolo The Art of Assemblage del 1961 e, nellanno successivo, acquista la scultura intitolata Continuit. Nel 1962 Colla presenta tre grandi opere allinterno della rassegna Sculture nella citt curata da Giovanni Carandente per il Festival dei Due Mondi a Spoleto. Una di queste opere, dal titolo Grande spirale, viene collocata nel giardino di fronte alla Galleria Nazionale dArte Moderna di Roma. Nel 1964 Maurizio Calvesi presenta la sua mostra individuale alla Biennale di Venezia. Nel 1967 viene allestita una sua grande mostra personale a Foligno con la presentazione di Palma Bucarelli. Muore a Roma nel 1968.

Comolli, Francesco
Valenza Po, Alessandria 1775 - Milano 1830 Scultore italiano Lartista studi allAccademia di Brera con Giuseppe Franchi, scultore neoclassico, seguace di Antonio Canova, ma fu a Roma che complet la propria formazione artistica. Comolli lavor per lungo tempo in Francia, a Grenoble, dove esegu alcuni ritratti di personaggi illustri per la biblioteca di quella citt. Rientrato in Italia, dal 1803 al

Storia dellarte Einaudi

1814 fu titolare della cattedra di scultura presso lAccademia Albertina di Torino; in seguito, si trasfer a Milano, dove consolid la sua fama di ritrattista. Tra i ritratti pi notevoli da lui eseguiti si ricordano, oltre a tre dedicati a Napoleone (di cui uno a Milano, al Civico Museo del Risorgimento, laltro nel Museo Civico di Alessandria, lultimo in quello di Piacenza), quelli del poeta Vincenzo Monti, alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, e quello della celebre cantante Giuditta Pasta, nel museo annesso al Teatro della Scala. Altre opere degne di nota sono la statua raffigurante La Pace, che si trova ad Udine, e che venne inaugurata da Francesco I nel 1819, in memoria della pace di Vienna; La giustizia di Tito, per villa Galbiati a Cardano; il gruppo di Dante e Beatrice per la villa Melzi sul lago di Como; le sculture che ornano il tabernacolo della cappella del Rosario, nella chiesa di San Giovanni in Canale, a Piacenza; lAllegoria dellAstronomia per lArco della Pace, a Milano.

Consagra, Pietro
Mazara del Vallo, TP 1920 Scultore italiano Nasce a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, nel 1920. Dopo una prima formazione presso lAccademia di Belle Arti di Palermo, nel 1944 si trasferisce a Roma, dove stabilisce legami damicizia con Renato Guttuso, Mario Mafai, Giulio Turcato. Nel 1946 compie un viaggio a Parigi, dove frequenta artisti e intellettuali. Tornato a Roma nel 1947 redige con Carla Accardi, Ugo Attardi, Piero Dorazio, Mino Guerrini, Achille Perilli, Antonio Sanfilippo e Giulio Turcato il manifesto che verr pubblicato nel primo numero della rivista Forma, con lintento di diffondere i valori dellastrattismo. Nello stesso anno il gruppo Forma 1 tiene la prima mostra alla Galleria dellArt Club di Roma, alla quale Consagra espone un gesso verticale. Nel 1948 lartista, rifiutato alla Biennale di Venezia, espone polemicamente proprio a Venezia, presso la Galleria Sandri, i primi Totem, sculture filiformi a struttura longitudinale. Tra il 1954 e il 1956 invitato alla Biennale di Venezia, successivamente espone al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, alla World House Gallery di New York (1958) e alla Galerie de France a Parigi (1959). Alla Biennale di

Storia dellarte Einaudi

Venezia del 1960 ottiene il Gran Premio Internazionale della Scultura. Giulio Carlo Argan pubblica nel 1962 una monografia sullo scultore. Dopo il 1964 lartista elabora le sculture colorate dei Piani sospesi e dei Ferri trasparenti, dal profilo curvilineo e dai piani sottili. Tra il 1967 e il 1968 risiede negli Stati Uniti, dove insegna alla School of Arts di Minneapolis ed invitato alla mostra Sculpture from Twenty Countries al Solomon Guggenheim Museum di New York. Nella stessa citt lo scultore espone, presentato da Carla Lonzi, alla Marlborough Gerson Gallery. Invitato alla Biennale di Venezia del 1972, espone Trama, una installazione costituita da sette alte sculture in legno attraverso le quali il visitatore pu camminare. Collabora attivamente alla ricostruzione di Gibellina, per la quale nel 1981 realizza la Stella di Gibellina, alta ventisei metri, mentre nel 1983 progetta ledificio cui d titolo Meeting. Nel 1989 la Galleria Nazionale dArte Moderna di Roma gli dedica unampia e accurata mostra retrospettiva che viene coronata, nel 1993, con linaugurazione nel museo di una sala permanente costituita da opere da lui donate.

Coysevox, Antoine
Lione 1640 - Parigi 1720 Scultore francese La famiglia dellartista era probabilmente di origine spagnola; avviato alla scultura fin da piccolo, allet di diciassette anni si trasfer a Parigi, dove frequent lo studio di Louis Lerambert. Nel 1666 divenne scultore del re e fu impegnato in alcuni lavori nel Louvre. In seguito alla prematura morte della moglie Marguerite Quillerier, nipote del suo maestro di scultura, si trasfer per qualche tempo in Alsazia, al seguito del cardinale de Furstenberg. Dal 1676, gli venne assegnato lincarico di professore allAccademia, e lanno seguente ritorn definitivamente a Parigi. La carriera di Coysevox estremamente ricca di opere; tra le imprese decorative pi complesse menzioniamo le sculture eseguite per i castelli di Versailles, Trianon, Marly, Saint-Claud e Parigi. A lui si deve la monumentale statua in bronzo di Luigi XIV collocata nel 1689 nel cortile del Comune di Parigi, e la statua equestre di Luigi XIV in bronzo, realizzata nel 1726 a Rennes e distrutta durante la

Storia dellarte Einaudi

Rivoluzione. Si distinse per lintensa attivit ritrattistica e per i busti, tra i quali spiccano, per forza espressiva, quelli del Principe Cond, di Mazarino e di Colbert. Dal 30 ottobre del 1694 Coysevox divenne il rettore dellAccademia e in seguito ricopr altre cariche di rilievo allinterno della prestigiosa istituzione. Il pittore Hyacinthe Rigaud esegu un bel ritratto di Coysevox, che nel 1702 fu inciso da Jean Audran.

Corradini, Antonio
Este 1668 - Napoli 1752 Scultore italiano Formatosi nellambito della tradizione del classicismo veneto, lavor per numerose corti straniere e poi a Roma e a Napoli, dove scolp le statue per la Cappella della Pietatella. Nelle sue opere, con virtuosistica eleganza, unisce compiacimenti pittorici e scenografici a reminiscenze classiciste.

Coustou, Guillaume
Parigi 1716-1777 Scultore francese Fu il quarto figlio nato dal matrimonio tra Guillaume Coustou, appartenente ad una famiglia di scultori, e Genevive Julie Morel, figlia di Claude Morel, maestro di cerimonia del Cancelliere di Francia. Scultore del re, fu accolto allAccademia nel luglio 1742, allet di ventisei anni, e nel 1746 fu designato successore del padre allinsegnamento. Nel corso della sua carriera ricopr tutti i ruoli pi importanti allinterno dellAccademia, fino a diventarne rettore e tesoriere, compito che assolse insieme a quello di conservatore dellantichit di Sua Maest. Fu insignito del titolo di cavaliere di San Michele, lordine del re. Mor assai celebre nel 1777; ricevette dei funerali grandiosi e fu sepolto a Saint-Germain-lAuxerrois. Un ritratto di Guillaume II Coustou, scultore del re, realizzato da Henri Drouais, fu esposto nel Salon del 1758. Tra le opere realizzate dal grande artista, ricordiamo il Mausoleo del delfino , nella cattedrale di Sens, complesso celebrativo di grande impegno tecnico. Alla produzione monumentale si affianc unintensa attivit di ritrattista, nella quale Coustou liber una vena di felice immediatezza.

Storia dellarte Einaudi

Cragg, Tony
Liverpool 1949 Scultore britannico uno dei principali rappresentanti della cosiddetta new generation inglese. Dal 1973 al 1977 studia scultura al Royal College of Art a Londra. Inizia a creare opere con oggetti trovati come Combination of Found Beach Objects (combinazione di oggetti trovati sulla sabbia), fatta di oggetti reperiti sulla riva del mare posti su una griglia tracciata con il gesso, o con pezzi di legno sparpagliati sul pavimento o arrangiati in cumuli verticali. Tiene la sua prima personale presso la Lisson Gallery di Londra nel 1979 dove compone un rettangolo con centinaia di piccoli oggetti di plastica colorata alcuni macerati dal tempo e irriconoscibili altri ben identificabili. Nel disporli per terra lartista osserva con rigore il digradare dei colori secondo lo spettro cromatico di Newton. Con lo stesso procedimento in seguito Cragg lavora appendendo sul muro i pezzi di plastica che sfociano spesso nella figurazione unitaria di una silhouette o di una narrazione (Aeroplane 1979). Le sue opere sono alla Biennale di Venezia del 1980 nella sezione dei giovani (Aperto). Il suo interesse si sposta in seguito su altri materiali di recupero, vecchi tavoli, sedie, biciclette. A partire dal 1984 appaiono sculture a tutto tondo alcune delle quali sono combinazioni di oggetto duso con tubi di plastica o pietra, mentre altre sono composizioni architettoniche di forme geometriche in legno di varia altezza accostate in modo tale da suggerire case o paesaggi montuosi Per la mostra Scultura del XX secolo allaperto a Basilea esegue la scultura in pietra Realms and Neighbours (territori e vicini). Nella seconda met degli anni Ottanta partecipa a un simposio sulla lavorazione del vetro e realizza ampolle di vetro prima soffiato poi liso e bucato da un processo di sabbiatura (Eroded Glass, 1988). Lattenzione costante ai processi di trasformazione delle cose evidenzia la valenza alchemica del suo lavoro che pi che sottolineare latto del recupero delloggetto vuole tendere a far riflettere sullimpossibilit di decretarne la morte. Negli anni Novanta lartista presente in molte delle maggiori esposizioni internazionali.

Storia dellarte Einaudi

Dalou, Jules
Parigi 1838-1902 Scultore francese Allievo di Carpeaux, ma sensibile in modo particolare alla lezione naturalistica di Courbet, autore di sculture di grande effetto realistico e retorico, caratterizzate da una forte tensione dei volumi. Accanto alla produzione monumentale, assai interessanti e ricche di vitalit sono le serie di piccoli bozzetti in terracotta, ispirati alla vita dei lavoratori ed eseguiti principalmente quando lartista risiedeva a Londra, esiliato dopo la caduta della Comune (1871-79). Linteresse per le tematiche sociali prevale sugli argomenti ufficiali, ossia la storia, la mitologia e la religione. Lattenzione dellartista per la realt quotidiana evidente nei soggetti, ma ancor pi nel talento del modellatore che rifiuta ogni concessione allidealismo dellarte sapiente, mettendo in mostra tutte le debolezze e le forze del corpo umano.

Della Quercia, Jacopo


Siena 1371 ca. - 1438 Scultore italiano Il padre era orafo e intagliatore in legno. Con la famiglia si spost a Lucca intorno al 1386 dove forse Jacopo si form presso lo scultore lucchese Antonio Pardini. Nel 1401 partecipa al concorso per la porta nord del Battistero fiorentino. Nel settembre 1403 a Ferrara per eseguire una Madonna di marmo per il Duomo, terminata solo nel 1409. Nel 1405 muore la giovane moglie di Paolo Guinigi, Ilaria del Carretto. Jacopo fu chiamato ad eseguirne il monumento funebre (Lucca, Duomo), secondo alcuni subito do-

Storia dellarte Einaudi

po la morte di Ilaria, secondo altri intorno al 1413. Nel 1409 gli viene commessa la costruzione della fontana in piazza del Campo a Siena, la cosiddetta Fonte Gaia, a cui Jacopo lavorer soprattutto dal 1416 al 1419, quando riceve la quietanza finale. Nel frattempo lavora alla cappella Trenta nella chiesa di San Frediano a Lucca, per la quale esegue, entro il 1422, alcune tombe terragne e la pala daltare. Del 1421 il gruppo ligneo dellAnnunciazione, per la Collegiata di San Gimignano. Dal 1425 al 1438, anno della morte, lavora alla decorazione del portale centrale della chiesa di San Petronio a Bologna. I lavori a questa decorazione saranno interrotti da Jacopo una prima volta intorno al 1430 a causa dellimpegno al Fonte battesimale di Siena, per il quale esegue il rilievo con lAnnuncio a Zaccaria e alcune figure di Profeti; una seconda volta dopo il 1435 per i lavori al monumento funebre Vari-Bentivoglio nella chiesa di San Giacomo Maggiore a Bologna.

Della Robbia, Andrea


Firenze 1435-1525 Scultore e ceramista italiano Nipote e allievo del pi noto Luca, ne continu lopera e lattivit della bottega di terrecotte invetriate. La sua attivit, vastissima, cominciata con un gusto vicino a quello di Luca e di Andrea del Verrocchio, se ne differenzia successivamente per la ricerca di effetti pittorici accentuati sfruttando la brillantezza dei colori. Opere note sono i medaglioni con i Putti per il Portico dellOspedale degli Innocenti a Firenze (1463), i rilievi con lAnnunciazione per il Santuario della Verna, la lunetta con lIncontro dei Santi Francesco e Domenico per lospedale di San Paolo a Firenze. Alla fine del Quattrocento dette un forte impulso alla produzione di ceramiche invetriate, ampliando notevolmente il numero dei collaboratori alla sua bottega, grazie alla quantit di commissioni ricevute.

Della Robbia, Luca


Firenze 1400 ca. - 1482 Scultore e ceramista italiano Forse allievo di Nanni di Banco o di Ghiberti, niente sappiamo della sua formazione. La sua prima opera documentata la cosiddetta Cantoria marmorea per il Duomo di Firenze, alla quale lavor dal 1431 al 1438 (oggi al Museo dellOpera del Duomo). Nel 1437 riceve la commissione

Storia dellarte Einaudi

per cinque rilievi delle Arti e delle Scienze per il Campanile del Duomo. Tra il 1441 e il 1443 lavora al Tabernacolo del Sacramento per la cappella di san Luca nellOspedale di Santa Maria Nuova (ora a Peretola, Santa Maria), nel quale troviamo i primi inserti di terracotta invetriata, cio di quella tecnica della lavorazione della terracotta che sar da ora in poi caratteristica delle opere di Luca e, a lungo, dei suoi discendenti. Nel 1444 realizza una Resurrezione di Cristo per la lunetta sopra il portale della Sagrestia delle Messe del Duomo (il portale con dieci rilievi in bronzo fu realizzato anchesso da Luca, in collaborazione con Michelozzo e Maso di Bartolomeo), mentre lAscensione di Cristo per la Sagrestia dei Canonici terminata nel 1451. Del 1445 il gruppo della Visitazione per la chiesa di San Giovanni Fuoricivitas a Pistoia. Intorno alla met del secolo lavora per Piero de Medici al rivestimento della volticina della Cappella del Crocifisso nella chiesa di San Miniato al Monte e al suo studiolo privato in Palazzo Medici, del quale rimangono dodici pannelli invetriati con i Lavori dei mesi (Londra, Victoria and Albert Museum). Dal 1454 al 1456 esegue la sua ultima opera in marmo, il sepolcro Federighi, nella chiesa di Santa Trinita. Del 1461 la sua collaborazione alla decorazione della Cappella del Cardinale del Portogallo, ancora in San Miniato al Monte, per la quale esegue la copertura della volta. Per la basilica di Santa Maria allImpruneta, intorno alla met degli anni Sessanta, Luca e Michelozzo lavorano a due tempietti gemelli eretti nei pressi del presbiterio, la cappella della Madonna, e la cappella del Crocifisso. Tra le bellissime terracotte invetriate di Madonne col bambino si ricordano quelle del Museo del Bargello, a Firenze (la Madonna della mela, la Madonna del roseto, la Madonna di via dellAgnolo), e quella per lo stemma dellArte dei Medici e Speziali, allesterno della chiesa di Orsanmichele.

Desiderio da Settignano
Settignano, Firenze 1430 ca. - Firenze 1464 Scultore italiano Il padre e i fratelli maggiori lavoravano come scalpellini. Nel 1453 si immatricola allArte dei Maestri di pietre e legnami. Forse subito dopo tale data gli viene commesso il monumento funebre al cancelliere Carlo Marsuppini per la chiesa di Santa Croce a Firenze. Nel 1461 termina il Tabernacolo per la cappella del Sacramento nella chiesa di

Storia dellarte Einaudi

San Lorenzo. Muore nel 1464. Queste le uniche date certe che abbiamo riguardo alla vita e alle opere di Desiderio. La sua mano stata riconosciuta in alcune testine di cherubini che decorano il fregio del portico della cappella Pazzi nel chiostro di Santa Croce, probabile collaborazione giovanile. Tra i rilievi raffiguranti la Madonna con il Bambino, ricordiamo la Madonna Panciatichi (Firenze, Bargello) e la Madonna Foulc (Philadelphia, Museum of Art). Tra i busti-ritratto, la presunta Marietta Strozzi (Berlino, Kaiser Friedrich Museum) e la Giovinetta del Bargello. La Maddalena lignea nella chiesa di Santa Trinita a Firenze generalmente considerata opera tarda dello scultore.

Donatello, Donato di Niccol di Betto Bardi


Firenze 1386-1466 Scultore italiano Dal 1404 al 1407 aiuto di Lorenzo Ghiberti ai lavori della porta nord del Battistero. Intorno al 1408 lavora per lOpera del Duomo, per la quale esegue il David per uno dei contrafforti esterni (identificato con quello in marmo del Bargello), e il San Giovanni Evangelista per la facciata (ora al Museo dellOpera del Duomo). Dal 1411 comincia a lavorare per la chiesa di Orsanmichele, per la quale esegue la statua di San Marco, quella di San Giorgio (1417 ca.) e quella di San Ludovico (intorno al 1420; conservata al Museo dellOpera di Santa Croce). Negli stessi anni scolpisce cinque statue per il campanile del Duomo (141536): il Profeta imberbe, il Profeta barbuto, il Sacrificio di Isacco, il cosiddetto Zuccone e il Geremia. Dal 1425 al 1433 Donatello collabora con Michelozzo ad una serie di opere, tra cui il monumento funebre di Giovanni XXIII (Firenze, Battistero) e quello del cardinale Brancacci nella chiesa di SantAngelo a Nilo di Napoli. Per il fonte battesimale del Battistero di Siena lavora intorno al 1425 al rilievo con il Banchetto di Erode e alle statue della Fede e della Speranza. Tra il 1430 e il 1432 lo scultore a Roma dove realizza il Tabernacolo del Sacramento in San Pietro. Rientrato a Firenze, comincia un periodo di intensa attivit: esegue il Pulpito esterno del Duomo di Prato (142838), la Cantoria per la Cattedrale fiorentina (1433-39), lAnnunciazione per laltare Cavalcanti di Santa Croce (1435 ca.), la decorazione della Sagrestia Vecchia di San Lorenzo (1437-43 ca.), forse il David bronzeo del Bargello e la statua lignea di San Giovanni Battista per la chiesa di

Storia dellarte Einaudi

Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia (1438). Nel 1443 parte per Padova dove rimarr per circa un decennio. Chiamato per realizzare il monumento equestre di Erasmo da Narni, detto il Gattamelata, gli fu commesso il grande complesso in bronzo per laltare maggiore della Basilica del Santo che prevedeva la statua della Madonna col Bambino circondata da quelle dei Santi Francesco, Antonio, Giustina, Daniele, Ludovico e Posdocimo, e una serie di quattro rilievi con episodi della vita di SantAntonio (non conosciamo laspetto originario dellaltare; la ricostruzione odierna arbitraria). Rientrato a Firenze alla fine del 1454, sono dellultimo periodo di attivit il gruppo bronzeo della Giuditta e Oloferne (1453-57), la Maddalena lignea del Museo dellOpera del Duomo, il San Giovanni Battista per il Duomo di Siena, infine i due pulpiti bronzei della chiesa di San Lorenzo, forse terminati dagli aiuti dopo la morte di Donatello nel 1466.

Duquesnoy, Francesco
Bruxelles 1597 - Livorno 1643 Scultore francese Iniziata la carriera artistica in patria accanto al padre, famoso scultore, Francesco Duquesnoy si trasfer nel 1618 a Roma, dove collabor allesecuzione del baldacchino di Gian Lorenzo Bernini in San Pietro e si leg in amicizia con il pittore francese Nicolas Poussin, inserendosi presto, con posizione di prestigio, nellambiente classicista. Intorno al 1630 si dedic alla statuaria di grandi dimensioni creando con il SantAndrea in San Pietro e con la Santa Susanna in Santa Maria di Loreto, opere considerate a lungo modelli di riferimento per la scultura sacra. Fu rinomatissimo anche per le sue raffigurazioni di putti, di delicata dolcezza.

Storia dellarte Einaudi

Epstein, Jacob
New York 1880 - Londra 1959 Scultore statunitense Nato negli Stati Uniti da una famiglia ebrea di origine europea, Epstein studia prima a New York e poi a Parigi, presso lEcole des Beaux-Arts, dove risente dellinflusso di Rodin. Nel 1905 si trasferisce a Londra e qui realizza sculture che sollevano vivaci polemiche nellambiente accademico inglese per il loro estremo realismo. A Parigi dal 1911 conosce Picasso, Modigliani, Brancusi che orientano la sua ricerca in senso sperimentale, avvicinandolo alla scultura negra e primitiva e alle tendenze del vorticismo. Nel dopoguerra ritorna ad esperienze pi direttamente naturalistiche, nelle quali la ricerca di monumentalit si accompagna ad un realismo esasperato fino allespressionismo. La sua celebrit rimane per fondamentalmente legata alla ritrattistica.

Storia dellarte Einaudi

Fazzini, Pericle
Grottammare 1913 - Roma 1987 Scultore italiano Formatosi presso il padre, artigiano del legno, studi in seguito disegno e scultura a Roma a partire dal 1929. Proprio qui, nellambito della Scuola Romana degli anni Trenta si colloca il momento pi intenso della sua esperienza artistica, sviluppatasi in senso di decisa anticlassicit (Ritratto di Ungaretti, 1936, Galleria Nazionale dArte Moderna, Roma). In questa fase, nella quale lartista usa quasi esclusivamente il legno, Fazzini crea unumanit remota e silenziosa con un linguaggio plastico semplice e istintivo. Successivamente, anche col sostituire al legno il bronzo, le sue figure subiscono unulteriore spoliazione, e la ricerca di essenzialit d vita a uno stile rapido e sintetico (La Sibilla, 1947, Museum of Modern Art, New York). In opere ancora pi tarde si noter la tensione verso una libera rievocazione fantastica (La fontana, 1961-65, EUR Roma).

Fra Bevignate
Notizie 1277-1305 Architetto e scultore italiano Fra Bevignate era membro dellordine religioso dei silvestrini. Nel 1295 e nel 1300 ricordato in alcuni documenti inerenti il cantiere del Duomo di Orvieto, del quale talvolta Bevignate stato creduto responsabile del progetto. Per la decorazione dei pilastri interni lartista esegu le figurazioni di due pilastri e le sculture del portale con la Vergine e angeli. Secondo Benvenuto Cellini, al frate si

Storia dellarte Einaudi

deve il sistema idraulico della Fontana Maggiore di Perugia, eseguita da Nicola e Giovanni Pisano nel 1277-78. Spetterebbe a Fra Bevignate anche la decorazione sculto. rea di alcuni capitelli nel Duomo di Todi.

French, Daniel Chester


Exeter 1850 - New York 1931 Scultore americano Allievo di Thomas Ball, fu uno dei principali scultori americani, mettendo in mostra uno stile classico e privilegiando soggetti di carattere civile, trattati con piglio realistico. Allartista si devono molti dei monumenti pubblici eretti negli Stati Uniti, segno della fortuna che riscontr la sua arte negli ambienti ufficiali. Soggiorn in diversi periodi a Parigi, partecipando alle esposizioni che vi si tenevano ed ottenendo importanti riconoscimenti: al Salon di Parigi del 1892 si aggiudic la medaglia come terzo classificato. Espose inoltre allEsposizione Universale del 1900. Fu membro dellAccademia Nazionale nel 1901 e fu inoltre accolto nellAccademia di San Luca a Roma, a dimostrazione di un apprezzamento generale che il suo stile riscosse nei principali ambienti artistici dEuropa.

Storia dellarte Einaudi

Gemito, Vincenzo
Napoli 1852-1929 Scultore italiano Figlio di genitori ignoti, fu adottato da un artigiano. Nel 1861, a nove anni di et, fu accolto nella bottega dello scultore Emanuele Caggiano, insieme al coetaneo Antonio Mancini col quale condivide unadolescenza povera e turbolenta. Successivamente passa nella bottega di Stanislao Lista. Nel 1868 esordisce alla Promotrice napoletana con Il giocatore di carte (Napoli, Museo di Capodimonte). Studia con passione le opere antiche conservate nel Museo di Napoli, e dal 1869 comincia a realizzare una serie di bellissimi ritratti, tra i quali quelli di Verdi e della moglie Giuseppina Strepponi (Milano, Museo Teatrale della Scala), di Michetti (Firenze, Galleria darte moderna) e di Morelli (Napoli, Museo di Capodimonte). Frequentando la colonia dei francesi a Napoli, conosce Matilde Duffaud, donna colta e intenditrice darte, che va a vivere con Gemito, assistendolo fino alla sua precoce scomparsa nel 1881. Nel 1877 raggiunge a Parigi lamico Mancini, ed espone varie volte sia al Salon sia allEsposizione Universale. Alla fine del 1880 torna definitivamente a Napoli. Nel 1886 gli viene commessa la statua marmorea di Carlo V per la facciata del Palazzo Reale di Napoli e da Umberto I di Savoia un grande trionfo da tavola in oro e argento. Cominciano in questi anni gli attacchi di follia: rinchiuso in un istituto, fugge di nascosto e si chiude in casa per circa venti anni, assistito soltanto dalla moglie Anna Cutolo, che morir nel 1906. Alcune sue opere furono esposte alla Biennale di Venezia del 1903. Si ripresenta in pubblico solo nel 1909, lavorando quasi esclusivamente largento e

Storia dellarte Einaudi

loro, e dimostrando una straordinaria perizia tecnica. Dal 1915 soggiorna frequentemente a Roma, e nel 1924 compie il suo ultimo viaggio a Parigi.

Ghiberti, Lorenzo
Firenze 1378-1455 Scultore italiano Compie il suo apprendistato come orafo. Nel 1400 lui stesso ricorda di aver lasciato Firenze e di aver lavorato come pittore a Pesaro. Rientrato a Firenze partecipa con successo al concorso del 1401 per la porta nord del Battistero con la formella del Sacrificio di Isacco (Firenze, Bargello). I lavori alla porta saranno conclusi solo nel 1424. In questi anni realizza per le nicchie esterne della chiesa di Orsanmichele le statue in bronzo di San Giovanni Battista (1414), San Matteo (1420) e Santo Stefano (1427-28). Nel 1424 compie un viaggio a Venezia, e intorno al 1430 uno a Roma. Per il fonte battesimale di Siena esegue i rilievi del Battesimo di Cristo e del Battista davanti a Erode, terminati nel 1427. Dal 1425 lavora alla cosiddetta porta del Paradiso, sempre per il Battistero fiorentino, che termina solo nel 1452: vi sono rappresentate le storie del Vecchio Testamento distribuite in dieci riquadri. In questi anni esegue anche lArca dei tre martiri (1428; Firenze, Museo del Bargello) e lArca di San Zanobi (1442) per il Duomo di Firenze. Negli ultimi anni di vita scrisse i tre libri dei Commentari, una sorta di diario, in cui trovano posto trattazioni storiche, ricordi biografici e riflessioni teoriche sullarte.

Giacometti, Alberto
Stampa 1901 - Coira 1966 Scultore e pittore svizzero Figlio del pittore post-impressionista Giovanni, vive in un ambiente familiare favorevole alla sua iniziazione alle arti. Gi da adolescente dimostra grande facilit nel dipingere e scolpire. Compie gli studi al collegio di Schiers e alla Scuola di Arti e Mestieri di Ginevra visita due volte lItalia dove conosce le opere dei futuristi. Dal 1922 al 1925 frequenta a Parigi latelier di Bourdelle. Nelle opere degli anni Venti si avverte il suo interesse per il cubismo, larte primitiva (Torso, 1925; Donna cucchiaio, 1926). Frequenta il gruppo surrealista, fino al 1935: opere quali La sfera sospesa 1930, e Loggetto invi-

Storia dellarte Einaudi

sibile sono tipici esempi di opere surrealiste sospese tra il gusto del congegno e della macchina inutile. Dal 1935 circa lartista mette fine a questo genere di produzione per dedicarsi alla figura umana capace di offrire una complessit in grado, secondo quanto lui stesso dichiara, di sostituire luniverso intero. Questo ritorno alla figura porta con s una rottura definitiva con il surrealismo. Fino al 1947 smette di esporre per poi ricominciare a mostrare il proprio lavoro caratterizzato dal suo nuovo e inconfondibile stile personale: forme allungate e assottigliate dalla corrosione interiore, lunghe, filiformi, immerse in uno spazio che le avvolge e le corrode (Donna di Venezia IV, 1947).

Giambologna, Jean de Boulogne detto il


Douai 1529 - Firenze 1608 Scultore fiammingo attivo in Italia Giambologna, scultore originario delle Fiandre, giunge ben presto in Italia. Niente sappiamo della sua attivit iniziale. Nel 1550 lartista fiammingo gi a Firenze, dove alla fine del sesto decennio diventa lo scultore ufficiale dei Medici, Granduchi di Toscana, che gli affidano numerosi incarichi. Fra il 1563 e il 1566 impegnato nella realizzazione della monumentale Fontana del Nettuno a Bologna, ispirata alla scultura di analogo soggetto progettata dallo scultore fiorentino Bartolomeo Ammannati. Negli anni seguenti intensa la sua produzione di piccoli bronzi a soggetto mitologico. Nel 1571 per il giardino della Villa Medici Demidoff realizza la stupefacente Fontana dellAppennino, esempio del gusto manierista orientato verso opere capaci di destare meraviglia e stupore. Nel giardino della villa medicea in cui la scultura viene posta, lartificio delluomo gareggia con la natura. Per i giardini esegue anche una serie di bronzi pi piccoli raffiguranti animali, che dovevano integrarsi perfettamente nellambiente naturale. Al 1575 risale lesecuzione della grande Fontana dellOceano, commissionatagli dai Medici quale imponente arredo per il giardino di Boboli. Fra il 1574 e il 1582 impegnato nella realizzazione del grande gruppo marmoreo raffigurante il Ratto delle Sabine, particolarmente ammirato da Francesco I che lo fece collocare sotto la Loggia dei Lanzi di Piazza della Signoria, vera e propria galleria di sculture

Storia dellarte Einaudi

allaperto. Intorno agli anni Ottanta il Giambologna esegue per lo pi opere a carattere sacro per Lucca, Genova e Firenze. Per i Medici realizza sculture a carattere celebrativo come il monumento equestre del Granduca Cosimo I in piazza della Signoria, e quello di Ferdinando I in piazza Santissima Annunziata. Artista di chiara fama, seppe soddisfare le richieste di una committenza raffinata che richiedeva opere in bronzo di piccolo formato, destinate allarredo di studioli e camerini. I soggetti prediletti erano quelli ispirati al mondo dellantichit classica e alla mitologia.

Giovanni Pisano
Pisa 1248 ca. - Siena dopo il 1314 Scultore e architetto italiano Figlio dello scultore Nicola Pisano, Giovanni fu avviato allarte della scultura nella bottega del padre; sulla base dei pagamenti effettuati, il giovane artista dovette essere il pi importante collaboratore di Nicola nellesecuzione del pulpito del Duomo di Siena, eseguito fra il 1266 e il 1268. La collaborazione fra i due artisti testimoniata anche dalliscrizione apposta nei rilievi che decorano la Fontana Maggiore di Perugia, eseguita nel 1277-78. A Giovanni sono solitamente riferite le statue di coronamento delle vasche e il gruppo delle Ninfe eretto al centro. Lartista intervenne anche nella decorazione esterna del Battistero di Pisa, eseguendo le cuspidi che inquadrano le finestre del terzo ordine e i busti della Madonna, di Mos e del Battista, oggi conservati nel Museo dellOpera del Duomo. Alla morte di Nicola, Giovanni divenne il titolare della importante bottega paterna, rilevandone le pi prestigiose commissioni. Dal 1285 al 1296 lartista fu impegnato a Siena come capomastro della Cattedrale. Al maestro spetta lallungamento della navata della chiesa e il progetto per la decorazione della facciata, realizzata tuttavia solo nella parte inferiore, fino allaltezza dei portali. Per la facciata Giovanni scolp le grandi statue di Profeti e delle Sibille che oggi si conservano nel locale Museo dellOpera del Duomo. Dissapori con lOpera del Duomo spinsero lartista ad abbandonare il cantiere senese e a rientrare nel 1297 a Pisa, dove divenne capomastro della Primaziale. Contemporaneamente, nel 1301, Giovanni scolp il Pulpito della chiesa di SantAndrea a Pistoia, rielaborando il prototipo ideato da Nicola Pisano per il Battistero di Pisa

Storia dellarte Einaudi

e per la cattedrale di Siena. Segna una ulteriore evoluzione stilistica il Pulpito scolpito per il Duomo di Pisa fra il 1301 e il 1310, nel quale la forma esagonale lascia il posto alla sagoma circolare. Il maestro, che svolse anche la professione di orafo secondo quanto riportato dallo stesso Giovanni nelliscrizione apposta sul pulpito di Pisa, termin probabilmente lattivit entro il secondo decennio del XIV secolo. Lultima opera eseguita fu probabilmente il sepolcro di Margherita di Lussemburgo, moglie dellimperatore Enrico VII di Lussemburgo, morta nel 1311. La tomba, eretta nella chiesa di San Francesco di Castelletto a Genova verso il 1313, stata smontata ed andata in parte perduta. Importanti frammenti si conservano oggi nel Museo di SantAgostino.

Gislebertus
attivo nei primi decenni del XII sec. Scultore francese (?) La firma di Gislebertus (Gislebertus hoc opus fecit) compare sul timpano del portale di Saint-Lazare ad Autun, testimoniando la posizione di grande prestigio che lartista ricopriva. Sulla base di questopera gli stata attribuita tutta la decorazione scolpita della cattedrale, compresi i capitelli rovinati dellabside, che si ritiene eseguita negli anni che hanno immediatamente preceduto la consacrazione della chiesa, nel 1132. Partendo dalle promesse poste dagli scultori di Cluny, Gislebertus rinnova liconografia tradizionale pervadendo le composizioni di un dinamismo particolare, che altera le proporzioni della figura umana e ne deforma i tratti fisionomici. I risultati raggiunti sono affini a quelli del timpano di Vzelay, tanto che alcuni hanno ipotizzato la sua partecipazione anche a questimpresa decorativa.

Grandi, Giuseppe
Varese 1843-1894 Scultore italiano Frequent lAccademia di Milano legandosi successivamente al gruppo della Scapigliatura lombarda. Nel 1869 esegu la statua di Santa Tecla per il Duomo, nel 1871 il monumento a Cesare Beccaria, e nel 1874 il Ritratto del maresciallo Ney. La sua opera di maggior impegno fu il monumento alle Cinque Giornate di Milano che, iniziato nel 1881, sar inaugurato solo dopo la sua morte.

Storia dellarte Einaudi

Greenough, Horatio
Boston, 1805 - Somerville, Massachusetts, 1852 Scultore americano Lo scultore inizi a modellare alla tenera et di dodici anni, sotto la direzione di artisti della sua citt natale; prosegu poi gli studi presso i Collegio di Harvard. stato il primo scultore americano a recarsi a Roma per studiare dal vivo i grandi modelli della statuaria classica e degli artisti rinascimentali e barocchi. Tornato in America, soggiorn in alcune delle principali metropoli, Washington, Baltimora e Filadelfia, dove cominci a realizzare le sue prime opere autonome. Di nuovo in Italia, fu allievo a Firenze di Lorenzo Bartolini, esponente di punta della corrente neoclassica. Diventato ben presto il principale scultore ufficiale americano, tra le sue opere si ricordano un busto di Lafayette, eseguito nel 1831 nel corso del suo soggiorno parigino, e un Gruppo di angeli, copia da Raffaello e prima opera in marmo della storia della scultura americana.

Guglielmo
attivo verso la met del XII secolo Scultore italiano ignota la provenienza geografica dello scultore, ma lipotesi pi credibile lo vede originario dellItalia settentrionale, data limpostazione fortemente volumetrica delle sue figure. Il vigoroso plasticismo che contraddistingue le figure di Guglielmo, arricchito da una notevole sensibilit pittorica evidente nel modo in cui sono trattate le pieghe delle vesti e gli intagli ornamentali, rivela infatti una cultura aggiornata ed articolata, che comprende le narrazioni su due registri derivata dai sarcofagi tardo-antichi, e le pi recenti novit della scultura lombarda e provenzale. Tra il 1159 e il 1162 Guglielmo esegu i rilievi del Pulpito del Duomo di Pisa, successivamente (1312) trasferiti nella cattedrale di Cagliari per far posto al nuovo pulpito realizzato da Giovanni Pisano. Lopera una delle realizzazioni pi interessanti del XII secolo; il suo riutilizzo a Cagliari vide anche uno smembramento del pulpito che venne diviso per formare due amboni. Limportanza di questo maestro evidente nellinfluenza esercitata su numerosi artisti, noti e anonimi, attivi nella seconda met del XII secolo tra Pisa, Lucca, Volterra e Pistoia.

Storia dellarte Einaudi

Guidetto
XII-XIII secc. Architetto e scultore italiano Fu attivo a Lucca, dove decor nel 1204 le loggette della facciata del Duomo di San Martino e quella di San Michele in Foro. Nel 1211 lavor invece ai capitelli della facciata del Duomo di Prato. Esponente del romanico luccheselombardo e, per laccentuato plasticismo, precursore in certo senso del gotico, si fece interprete di una tendenza decorativa caratterizzata da un forte risalto cromatico, devoluto allalternanza di tarsie bianche e nere.

Guido da Como, Guido Bigarelli detto


documentato dal 1239 al 1257, anno di morte Scultore italiano Di origine lombarda, lavor a lungo in Toscana. La sua cultura risente dellinfluenza degli scultori attivi in questi anni nellarea lucchese, e quindi di Guglielmo, Lanfranco Bigarelli e di Guidetto, mentre la sua origine ticinese si avverte nella nitidezza e nella levigatezza dellintaglio. Il suo linguaggio sostanzialmente quello ticinese-lucchese dei maestri operanti nel portico del duomo di Lucca, per il quale sembra aver scolpito larchitrave del portale maggiore e due simboli degli evangelisti situati ai lati del portale stesso. Due iscrizioni permettono di riferirgli il Fonte battesimale del battistero di Pisa (1246) ed il Pulpito di San Bartolomeo in Pantano a Pistoia (1250), che costituiscono i poli intorno a cui la critica ha cercato di raggruppare le sue opere. Fra le altre, gli si attribuisce larchitrave del portale maggiore della chiesa di San Pietro Somaldi a Lucca, alcuni capitelli della navata anulare del battistero di Pisa, la statua dellArcangelo Michele, oggi conservata nel Museo Diocesano di Pistoia e, sempre a Pistoia, le recinzioni presbiteriali della chiesa di SantAndrea.

Guillaume, Eugne
Montbard, 1822 - Roma, 1905 Scultore francese Proveniente da una famiglia agiata, termina gli studi presso il collegio di Digione e solo dopo frequenta la Scuola di Disegno sotto la direzione di Pierre Darbois. Nel 1841 entra allEcole des Beaux-Arts e diviene il pupillo di Pradier. Nel 1845 vince il Prix-de-Rome e si stabilisce in Italia, do-

Storia dellarte Einaudi

ve soggiorna fino al 1850. Durante questo periodo realizza lAnacreonte, opera classica che segna il suo successo e lascesa della sua carriera, ricca di soddisfazioni. Tornato in patria partecipa alla decorazione del palazzo del Louvre e si dedica prevalentemente al genere del ritratto. Nel 1864 nominato direttore dellEcole des Beaux-Arts; dal 1891 direttore dellAccademia di Francia a Roma. Nel 1898 gli viene assegnato il massimo riconoscimento: la nomina a membro dellAccademia di Francia per i meriti di scrittore e oratore. Muore a Roma, ma sepolto a Parigi, nel cimitero di Pre-Lachaise, luogo destinato ad accogliere le celebrit di tutti i tempi.

Storia dellarte Einaudi

Hidetoshi, Nagasawa
Tonei, Mancuria, 1940 Scultore giapponese Diplomatosi nel 1963 alla scuola di Belle Arti di Tokyo (sezione design), si trasferisce definitivamente a Milano nellagosto 1967. Lepisodio del viaggio intrapreso in bicicletta e canoa assume una dimensione emotiva che segna fortemente il suo lavoro. Lallontanamento dal Giappone coincide con la partenza come artista. Il senso del viaggio presente per sua stessa dichiarazione sia in quello che si vede, sia in ci che c dietro lidea di ogni suo lavoro. La barca la testimonianza visiva del rapporto tra arte e viaggio. Un tema che appare pi volte dagli anni Settanta ad oggi. Nel 1973 espone alla Biennale de Paris una piroga scavata in un tronco dalbero con il fuoco e laccetta come settemila anni fa; nel 1981 la forma della barca riappare in una mostra a Torino: di marmo di Carrara ed piena di terra dove piantato un salice. In seguito il viaggio della barca diventa sempre meno fisico e pi mentale. Nel 1986 partecipa alla mostra Chambres DAmis a Gand: una barca leggera, trasparente, un semplice profilo di ottone, appesa alla parete esterna di una casa. Contemporaneamente a Sonsbeek, in Olanda, un gruppo di barche dai profili di ferro avvolti in carta giapponese, con la punta rivolta verso Ovest, posato su un prato ognuna ha al centro un albero di salice. Il tema del viaggio si lega a quello della natura e del paesaggio, del luogo e del tempo. Nelle sue opere sul tema del giardino (Luogo dei Fiori, 1985, Mito, Japan, Contemporary Art Center; Jardin,1996, Palma de Mallorca, Fondazione Mir) si evince la differenza tra il concetto di

Storia dellarte Einaudi

natura occidentale e orientale: lartista stesso afferma pi volta che il giardino in Oriente scultura e senso della scultura.

Houdon, Jean-Antoine
Parigi 1741-1828 Scultore francese Questo grande artista, uno dei pi alti rappresentanti della scuola francese di scultura, nacque da una famiglia modesta; il padre lavor al servizio del mercante Lamotte e, in seguito, trov impiego come portiere presso la scuola del Louvre. Il lavoro del padre favor il contatto del giovane aspirante scultore con artisti ed insegnanti; fu precocemente ammesso a frequentare lo studio di Michel-Ange Slodtz, ottenendo fin da subito importanti riconoscimenti per le sue opere. Nel 1764 Houdon si rec a Roma, in quanto vincitore del Prix de Rome; studi con entusiasmo gli oggetti che stavano venendo alla luce negli scavi di Ercolano e Pompei, dedicando grande attenzione anche allo studio del Rinascimento e in particolare di Michelangelo. Tra le opere che Houdon esegu in Italia, conviene ricordare il San Bruno per la chiesa di Santa Maria degli Angeli, e lEcorch, piccola scultura di un uomo scorticato, tipico esercizio rinascimentale per la definizione e lo studio della muscolatura e dellanatomia umana. Nel 1768 lo scultore fece ritorno in Francia, ottenendo una notevole quantit di committenze prestigiose. Prese parte alle esposizioni del Salon dal 1777 al 1805. Intimamente legato con Franklin, Houdon fu scelto dal Congresso americano per realizzare la statua di George Washington; per eseguirla lartista part per Filadelfia il 22 luglio 1785, dove rimase fino al compimento dellopera, avvenuto il 4 gennaio 1786. Nel corso della sua carriera Houdon ricevette numerose onorificenze e ricopr incarichi ufficiali presso lcole des Beaux-Arts.

Storia dellarte Einaudi

Leoni, Leone
Menaggio 1509 ca. - Milano 1590 Scultore, medaglista e orafo italiano Poco si sa della sua formazione come scultore, medaglista e orafo. Acquisita una certa fama in questo campo, fu dapprima a Roma in veste di incisore della Zecca pontificia (1538-40), dopodich nel 1542 fu chiamato a Milano dal governatore Alfonso dAvalos come incisore della Zecca imperiale e medaglista. Ben presto giunse alla ribalta alla corte di Carlo V, di cui divenne un protetto. Per limperatore esegu un ritratto in bronzo (Carlo V domina il furore, 1551), assieme alle statue dellimperatrice Isabella (1555), di Filippo II (1553) e di Maria dUngheria (1553), tutte conservate nel Museo del Prado a Madrid. Questi ritratti furono eseguiti dal vero dopo soggiorni alle corti di Augsburg (1551) e di Bruxelles (1549, 1556). Lo stile di Leoni dimostra uno studio condotto sulle sculture antiche e sulle opere di Donatello, Sansovino e Cellini. A partire dalla fine degli anni cinquanta lo scultore lavor soprattutto per alcuni principi italiani (Ritratto di Ferrante Gonzaga che domina lInvidia, Guastalla; monumento di Gian Giacomo de Medici, Milano, Duomo). A Milano intorno al 1565 lavor alla decorazione scultorea della facciata della sua abitazione detta Palazzo degli Omenoni per le gigantesche figure di telamoni aggettanti, completata da bassorilievi con storie a sfondo autobiografico.

Storia dellarte Einaudi

Lipchitz, Jacques
Druskininkai 1891 - Capri 1973 Scultore lituano Compiuti gli studi di ingegneria a Vilna, Lipchitz si trasferisce nel 1909 a Parigi, dove si iscrive alla Scuola di Belle Arti e allAccademia Julian, dedicandosi alla scultura. Qui conosce Picasso e si avvicina al cubismo, creando forme fortemente semplificate e statiche. Intorno al 1925 matur uno stile pi dinamico, fondato sulle possibilit espressive dei profili e del loro intreccio piuttosto che sullanalisi dei volumi. Venne definita scultura trasparente, per significare quanto lo spazio ne fosse parte integrante. Si riavvicin in seguito alle forme concrete della realt, rappresentata attraverso una plastica duttile ed animata, carica di unespressivit che spesso sconfina nella drammaticit. Nel 1941 si trasferisce negli Stati Uniti, dove la sua scultura ha spesso assunto caratteri monumentali.

Lista, Stanislao
Salerno 1824 - Napoli 1908 Scultore italiano Di origine salernitana, inizia la sua attivit nel 1852 e intorno al 1869 realizza la statua di Paisiello per il Teatro San Carlo di Napoli. Collabor con Gioacchino Toma alla fondazione della scuola serale per operai. Per la Colonna dei Martiri del 1866 esegu il grande Leone ferito. Suo il sepolcro del vescovo Angelo Andrea Zottoli nel Duomo di Salerno. Insegn allAccademia di Napoli.

Lombardo, Pietro
Carona, Lugano 1435 - Venezia 1515 Scultore italiano Lombardo di origine, si forma forse in Toscana e lavora a Padova alla met degli anni Sessanta, per fermarsi stabilmente a Venezia subito dopo. Qui d vita a una fiorente bottega, allinterno della quale lavorano anche i suoi figli Antonio e Tullio, specializzata nella realizzazione di grandi monumenti funerari. Tra i grandi monumenti si possono ricordare quelli della chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, a Pasquale Malipiero, a Niccol Marcello (1474) e a Pietro Mocenigo (1476). Significativa anche la sua attivit di architetto, che contribuisce alla creazione del volto rina-

Storia dellarte Einaudi

scimentale di Venezia. A lui spettano la costruzione della Chiesa di San Giobbe (1480), la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli (1489), la facciata della Scuola di San Marco (1490).

Lombardo, Tullio
Venezia 1455-1532 Scultore italiano Fu allievo del padre Pietro, con cui collabor fin dalla costruzione del monumento al doge Mocenigo. Lavor, agli esordi, ma con assiduit, anche con il fratello Antonio. Ebbe presto una attivit indipendente segnata dallIncoronazione di Maria per la Chiesa di San Giovanni Crisostomo a Venezia (1502), in cui dimostr di aver accolto leredit della bottega paterna. Il suo linguaggio and sempre pi distinguendosi per i pronunciati accenti classicistici, evidenti anche nella trattazione delle superfici, levigatissime, e nella minuziosa resa dei particolari. Ne sono testimonianza gli altorilievi con i Miracoli di SantAntonio, eseguiti per la Basilica del Santo a Padova (1520-25) ed il monumento a Matteo Bellati nel Duomo di Feltre (1528). La sua attivit si svolse a Venezia (ove sono conservate lAnnunciazione, nellOratorio del Seminario e lAssunzione in San Giovanni Crisostomo), nel Veneto fino a Belluno e Treviso, e nella pianura padana, da Mantova a Ferrara. Notevoli per la finitezza formale e per il severo realismo ispirato alla statuaria romana, sono sculture isolate come il Bacco ed Arianna, oggi al Kunsthistorisches Museum di Vienna. La sua opera maggiore, in cui classicismo e gusto del patetico si fondono in straordinario equilibrio, la lastra tombale di Guidarello Guidarelli ora al Museo Civico di Ravenna (1525).

Long, Richard
Bristol 1945 Scultore britannico Studia a Bristol e a Londra dal 1962 al 1966, nel 1964 realizza la sua prima opera a cielo aperto (A Snowball Track). generalmente associato alla Land Art, ma ha sempre rifiutato qualsiasi tentativo di inserirlo in specifiche tendenze artistiche. Dal 1967 viaggia molto, in America del Nord e del Sud, in Europa, in India, in Giappone e in Africa e nel corso delle sue lunghe passeggiate solitarie, che seguono itinerari ben definiti, esegue i

Storia dellarte Einaudi

suoi lavori, cerchi, spirali, corone circolari fatte delle pietre del luogo o figure geometriche realizzate dallimpronta o dal solco del suo piede. In alcuni casi la scultura pu anche passare inosservata o essere cancellata a causa delle condizioni atmosferiche. Resta una documentazione fotografica che viene esposta nelle gallerie e nei musei insieme alle mappe dei luoghi attraversati. Long non rifiuta di ricreare i suoi lavori direttamente in ambienti chiusi con lardesia, la pietra, il legno o il fango che preleva durante i suoi percorsi. I reperti vengono disposti in strisce, spirali, cerchi formati sul pavimento (White rock Line, 1990, Muse Bordeaux). Negli anni Sessanta e Settanta Long partecipa alle maggiori manifestazioni in cui si sottolinea il processo concettuale dellarte: Quando gli atteggiamenti diventano forma, Kunsthalle di Berna 1969, Documenta V a Kassel nel 1972, la Biennale di Venezia del 1976. Dal 1968 fino ai nostri giorni molte sono le sue personali nelle maggiori gallerie internazionali.

Storia dellarte Einaudi

Maderno, Stefano
Bissone, Canton Ticino 1576 - Roma 1636 Scultore italiano Inizi la carriera da restauratore di statue antiche, alcune delle quali furono da lui riprodotte in bronzo. La conoscenza dellarte classica lo aiut nella realizzazione dellopera pi significativa, la Santa Cecilia, nella chiesa omonima in Trastevere a Roma, commissionatagli dal cardinale Sfrondrato che nella chiesa aveva trovato il corpo della santa, nel 1599. Lo scultore lo riprodusse nelle stesse dimensioni e nella stessa posa in cui era stato rinvenuto e il rilievo venne collocato in una nicchia di marmo nero sotto laltare maggiore. Loriginalit della soluzione e il naturalistico abbandono della posa ebbero un grande successo nella scultura barocca, anche se tale esito rappresent un caso isolato nella produzione classicheggiante dellartista.

Maestro di Cabestany
seconda met XII sec. Scultore spagnolo (?) Alla personalit dello scultore, la cui denominazione deriva da un timpano scolpito nella chiesa di Cabestany, stata attribuita una serie di opere, disseminate tra la Linguadoca, la Catalogna, la Navarra e lItalia. Nel rilievo, che pone al centro Cristo tra la Vergine e san Tommaso e sui lati la rappresentazione della Vergine che esce dal sepolcro e la sua Assunzione, sono stati individuati i caratteri stilistici peculiari al maestro: le figure rivelano un certo vigore plastico ed unimpostazio-

Storia dellarte Einaudi

ne solenne, ravvivata dal ritmo veloce dei panneggi mossi dal vento. Accurati confronti hanno poi permesso di ricostruire il corpus delle sculture realizzate dal Maestro di Cabestany e dalla sua bottega: accanto al timpano proveniente dal monastero catalano di Sant Pere de Rodes, raffigurante la Vocazione di San Pietro, e ad alcuni capitelli della chiesa di Sant Esteve den Bas (Gerona), si ricorda il sarcofago di SantIlario, eseguito per lomonima abbazia benedettina, situata poco lontano da Carcassonne, i capitelli e le decorazioni per la chiesa abbaziale di Saint-Papoul, presso Castelnaudary e i rilievi del timpano di un portale della chiesa di Errondo in Navarra. In Italia la presenza del maestro stata invece rilevata nel capitello con San Daniele nella fossa dei leoni a SantAntimo, nei pressi di Montalcino, e nel fusto di acquasantiera della piccola chiesa di San Giovanni in Sugana, presso San Casciano Val di Pesa.

Maestro dei Mesi di Ferrara


attivo nella prima met del sec. XIII Scultore italiano Viene cos chiamato dalle sculture allegoriche raffiguranti i Mesi, smontate da un portale della cattedrale ferrarese e conservati nellattiguo museo. Suoi sono probabilmente anche i rilievi con il Sogno e lAdorazione dei magi della lunetta di San Mercuriale a Forl (1230 ca.). Per la straordinaria sensibilit, ormai gotica, con cui il modellato si traduce in dettagliata indagine naturalistica, libera da ogni rigidezza, da annoverare tra gli artisti pi originali e innovatori del primo Duecento.

Maestro di Naumburg
notizie 1225 ca. - dopo il 1249 Scultore tedesco Formatosi probabilmente nei cantieri delle grandi cattedrali gotiche della Francia settentrionale e della valle del Reno, elabora un linguaggio ormai libero dal rigore romanico. La sua opera principale lambone con scene della Passione e dodici statue di donatori del Duomo di Naumburg, dalla vigorosa espressivit e dalla vivace animazione delle figure.

Storia dellarte Einaudi

Maillol, Aristide
Banyuls-sur-Mer, 1861-1944 Scultore e pittore francese La sua formazione inizialmente pittorica, come allievo di Grme e Cabanel presso lEcole des Beaux-Arts dal 1885 al 1889. Negli stessi anni, grazie allamicizia con Bourdelle, manifesta un primo interesse per la scultura con particolare riferimento alle opere di Rodin. Contemporaneamente sviluppa una passione particolare per la tecnica dellarazzo, tanto da aprire un atelier specializzato a Banyuls. Queste diverse esperienze, unite allammirazione per Gauguin e Denis, sono alla base delle prime opere pittoriche. In seguito, a causa di una malattia agli occhi, Maillol si dedica prevalentemente alla scultura, mostrando uno stile che lega insieme le suggestioni Nabis, linfluenza di Matisse e riferimenti alla scultura egizia, indiana e classica. Le sculture di Maillol sono caratterizzate da una plastica monumentalit dal solido impianto e dallimponenza tranquilla, lontane da ogni compiacimento intellettualistico.

Maitani, Lorenzo
Siena 1275 ca. - Orvieto 1330 Scultore e architetto italiano Di origine senese, Lorenzo Maitani si form nel cantiere della Cattedrale di Siena, a contatto con la bottega di Giovanni Pisano. Nel 1308 lartista venne chiamato ad Orvieto a dirigere i lavori per la costruzione del Duomo, fondato nel 1290. Larchitetto, nominato nel 1310 universalis caputmagister, si occup dellampliamento delledificio e della decorazione della facciata, per la quale esegu gran parte dei rilievi e dei gruppi scultorei che la ornano. Lattivit scultorea di Lorenzo Maitani attestata anche dalla sussistenza di alcune sculture lignee, quali i due Crocifissi conservati rispettivamente nel Duomo e nella chiesa di San Francesco. Il lungo soggiorno orvietano dellartista fu interrotto da sporadici viaggi che lo condussero nel 1317 e nel 1319 a Perugia per realizzare alcune opere di riparazione allacquedotto. Nel 1322 larchitetto torn a Siena dove era stato chiamato quale consulente per la costruzione del Duomo Nuovo. Nel 1323 documentato a Montefalco, dove realizz il progetto per il castello, mentre nel 1325 Lorenzo Maitani era a Castiglione del Lago, impegnato a edificare le fortificazioni della citt. Questi interventi si alternarono con il lavoro di decorazione della fac-

Storia dellarte Einaudi

ciata del Duomo di Orvieto, per la quale nel 1329 lartista fece fondere in bronzo lAquila apocalittica che sovrasta i portali insieme agli altri simboli degli Evangelisti. Lorenzo Maitani mor nella citt umbra nel 1330.

Manship, Paul
Saint Paul, Minnesota 1885-1966 Scultore americano Lo scultore americano, dallo stile puramente classico, si conquist velocemente il favore del pubblico e della critica, partecipando con le sue opere a numerose mostre a livello nazionale. Allapice della carriera, verso il 1930, ricevette alcuni prestigiosi riconoscimenti, tra cui una medaglia doro allEsposizione di Filadelfia del 1926 e la nomina a presidente della Societ Nazionale di Scultura. Lo stile della maturit fu profondamente influenzato dalla stilizzazione del periodo della Grecia arcaica. La maggior parte delle sue opere fu fusa in bronzo, mettendo in mostra unabilit eccezionale nel procedimento tecnico e nella finezza esecutiva. I soggetti delle sue opere sono improntati sulla natura, ma le forme sono rese in modo fortemente stilizzato secondo un ritmo e linee di contorno di caratteristica grazia e leggerezza. Linfluenza astratta percepibile nelle sculture deriva piuttosto dallo studio e dallinfluenza dellarte antica che non dalle contemporanee esperienze del cubismo e del costruttivismo. Equilibrio e ordine, componenti essenziali dellarte classica, sono allo stesso modo determinanti nellarte di Paul Manship.

Manzoni, Piero
Soncino, CR 1933 - Milano 1963 Scultore italiano Nasce a Soncino, in provincia di Cremona, nel 1933. Nel 1957 aderisce al Gruppo Nucleare, con cui redige il manifesto Per una pittura organica e, qualche mese dopo, il Manifesto contro lo stile. La riflessione sulle opere di Klein, Alberto Burri e Lucio Fontana lo conducono ad elaborare una serie di lavori materici in gesso grezzo, graffiato e segnato o in tela ritagliata in modo irregolare. Tale serie viene intitolata Achromes, ad esprimere la concezione di uno spazio privo di immagini, da identificare con il grado zero del quadro. Nel 1958 Luciano Anceschi presenta la mostra di Enrico Baj, Manzoni e Fontana alla Galleria Bergamo di Milano.

Storia dellarte Einaudi

Nel 1959 approfondisce il rapporto con Enrico Castellani e Vincenzo Agnetti. Realizza le prime Linee e concepisce il progetto di firmare persone viventi, conferendo loro un certificato di autenticit. Tiene una mostra allAja, dove conosce Henk Peeters che lo mette in contatto con il Gruppo Zero. A Milano realizza Corpi daria, sculture pneumatiche che continuer ad eseguire fino al 1961: il pallone pu essere comprato dallacquirente, ma qualora sia lo stesso autore a gonfiarlo lopera prende il titolo Fiato dartista. Sempre nel 1959 prosegue la sperimentazione sugli Achromes che nel tempo realizza in materiali diversi ed espone la Linea, lunga 19,93, metri distesa intorno alle pareti della Galleria Pozzetto a Chiuso di Albisola. Con Agnetti e Castellani progetta la rivista Azimuth che propone testi di poesia, critica e arte contemporanea. Alcuni mesi dopo allestisce con Castellani una galleria sotterranea, che viene chiamata Azimut; la prima mostra della galleria ospita le Linee di Manzoni, presentate da Agnetti. Procedendo continuamente nella sperimentazione, nel 1960 Manzoni elabora la prima Scultura nello spazio, una sfera sospesa sopra un gettito daria circolare. Nel 1960 alla Galleria Azimut presenta la sua mostra Consumazione dellarte dinamica del pubblico divorare larte che consiste nel far divorare al pubblico uova bollite e impresse con suo pollice. Nel 1961 concepisce la prima Base magica: qualunque persona o oggetto vi si pongano sopra sono da considerare opere darte. Nello stesso anno produce le scatolette Merda dartista, vendute al grammo secondo la valutazione giornaliera delloro. Espone, realizza e concepisce continuamente nuove idee. Nel 1963 muore a Milano.

Manz, Giacomo
Bergamo 1908 - Ardea 1991 Scultore italiano Assai presto Giacomo Manz inizia a lavorare come apprendista prima presso un intagliatore, poi presso un doratore e infine presso uno stuccatore. Un soggiorno a Verona, dovuto al servizio militare, gli consente di ammirare le porte della chiesa di San Zeno Maggiore e i calchi di sculture antiche dellAccademia Cicognini. Nel 1928 Manz decide di dedicarsi completamente alla scultura, e nel 1929 a Parigi per un breve e sfortunato soggiorno. A Milano, dove si trasferisce nel 1930, partecipa al vivido clima intellettuale

Storia dellarte Einaudi

che permea la citt negli anni trenta del secolo, ed entra in contatto con artisti, intellettuali, critici darte e musicisti. Fra le prime opere milanesi si ricorda la decorazione della cappella dellUniversit Cattolica. In questi anni i temi pi ricorrenti del repertorio figurativo dellartista sono ritratti e teste femminili. Si dedica anche alla pittura, affrontando soprattutto temi religiosi. Nel 1934 compie per la prima volta un viaggio a Roma, dove la sua immaginazione figurativa viene straordinariamente colpita dal vedere nella Basilica di San Pietro il papa seduto fra due cardinali. Il tema delle figure cardinalizie sar uno dei pi cari allartista nel corso di tutta la sua attivit. Nel 1937, ancora a Roma, espone con successo alla Galleria La Cometa; lanno seguente le sue sculture vengono presentate alla Biennale di Venezia confermandolo fra i migliori protagonisti della mostra. La serie di rilievi in bronzo improntati al tema Cristo nella nostra umanit rivelano la tendenza di Manz ad interpretare il tema sacro con sentita umanit, sottolineata da espliciti riferimenti agli orrori della guerra (Ardea, Raccolta Manz). Nel 1940 ha inizio il suo insegnamento allAccademia di Brera che prosegue fino al 1957. Negli anni del dopoguerra il suo stile assume un tono pi narrativo. Sono anni di importanti commissioni in Italia e allestero. Nel 1952 vince il concorso per la porta della Morte della Basilica di San Pietro in Vaticano, impresa che lo vede poi intensamente impegnato soprattutto fra il 1962 e il 1964, anno della loro inaugurazione. Fra il 1955 e il 1958 lartista lavora alla porta dellAmore della cattedrale di Salisburgo, mentre fra il 1965 e il 1969 si dedica alla realizzazione della porta della Pace e della Guerra per la Cattedrale di San Lorenzo a Rotterdam. Dalla met degli anni quaranta lattivit espositiva di Manz si intanto fatta sempre pi intensa, non solo in Italia ma anche in Europa e in America. A ci corrisponde una grande produzione scultorea, alla quale va assommandosi anche quella per il teatro come autore di bozzetti e scenografie.

Marini, Marino
Pistoia 1901 - Viareggio, LU 1980 Scultore italiano Nato a Pistoia nel 1901, si iscrisse nel 17 allAccademia di Belle Arti di Firenze. Nella prima fase della sua carriera artistica speriment le tecniche della pittura e del disegno.

Storia dellarte Einaudi

La scoperta della vocazione per la scultura, che risale al 1922, non gli imped di continuare a praticare per tutta la vita la pittura e la grafica, con brillanti risultati. Sulla scelta della disciplina scultorea pes indubbiamente lo studio dellarte antica, soprattutto etrusca, approfondito nel Museo Archeologico di Firenze. Dal 1926 si leg al gruppo fiorentino di Novecento e nel 28 soggiorn a Parigi, dove fu a contatto con lopera dei principali scultori delle avanguardie e conobbe De Pisis, Picasso, Braque. Nel 29 si trasfer in Lombardia, chiamato da Arturo Martini ad occupare la cattedra di scultura alla Scuola dArte della Villa Reale di Monza, dove insegner fino al 1940. In contemporanea allinsegnamento, inizi a presenziare alle maggiori esposizioni artistiche e a viaggiare in Europa. Fu in Germania, in Austria, in Belgio, in Olanda, in Inghilterra e nuovamente a Parigi, dove conobbe De Chirico, Kandinskij e Campigli. Premiato nel 1935 alla II Quadriennale di Roma, dal 40 si dedic allinsegnamento nelle accademie nazionali, prima a Torino, poi a Milano, citt dalla quale fugg nel 42 dopo che, durante un bombardamento, la casa e lo studio erano stati distrutti assieme a quasi tutte le opere del periodo giovanile. Trasferitosi a Locarno, in Svizzera, con la moglie Mercedes, detta familiarmente Marina, rientr a Milano nel 1946 e riprese linsegnamento allAccademia di Brera. Alla Biennale di Venezia del 48 conobbe lo scultore inglese Henry Moore, col quale allacci uno stretto rapporto di amicizia. Nel 1950 espose in una mostra personale a New York; pi tardi a Zurigo e in Giappone. Ad iniziare dal I Premio di Scultura ricevuto alla Biennale di Venezia del 52, i riconoscimenti ufficiali, i premi, le onorificenze si susseguirono nel corso degli anni. Nel 57 divenne membro dellAccademia di San Luca. Nella maturit riprese assiduamente lesercizio della pittura. Mor in Versilia nellagosto del 1980.

Marocchetti, Carlo
Torino 1805 - Passy 1867 Scultore italiano Nonostante la formazione classicista, i suoi monumenti equestri (Emanuele Filiberto, 1838, Torino) sono originali affermazioni del gusto romantico in scultura, per la scelta del tema storico o cavalleresco e gli effetti luministici.

Storia dellarte Einaudi

Martini, Arturo
Treviso 1889 - Milano 1947 Scultore e pittore italiano Autodidatta, sin da giovanissimo lavor in una fabbrica di ceramiche presso Treviso, esperienza che gli lascer la passione artigianale per la materia plastica, soprattutto per la creta, studiata dal vivo nei modelli preparatori di Antonio Canova conservati nella Gipsoteca della vicina Possagno. Nel 1905 egli sigl e dat la sua prima opera conosciuta, i Veneziani del Settecento, un rilievo in gesso (Treviso, Museo Civico). Dopo un soggiorno a Monaco di Baviera nel 1909, nel 12 si rec a Parigi, presentando alcuni pezzi al Salon dAutomne al fianco di Modigliani e di De Chirico. Rientrato a Treviso espose alla mostra di Ca Pesaro a Venezia sette sculture e sette cheramografie, una sorta di incisioni fatte su lastre di terracotta, materiale meno costoso del rame, suscitando scandalo per la scabrosit delle opere. Nel 1914 presenzi alla II Mostra della Secessione con tre sculture, La Prostituta, lUomo spesse volte incontrato e il Buffone; una quarta opera, la Ragazza che si lava, fu rifiutata con laccusa di pornografia. Il diniego da parte della critica ufficiale di alcuni suoi pezzi lo spinse a partecipare alla mostra dei rifiutati dalla Biennale allalbergo Excelsior del Lido di Venezia. Ad un nuovo soggiorno parigino segu un periodo trascorso a Roma e il ritorno a Treviso, dove si fece promotore della Mostra dArte Trevigiana. Allo scoppio della guerra chiese di essere inviato come fonditore in uno stabilimento di armi, esperienza che gli permise di imparare a fondere. Nel 1918 a Faenza pubblic il volume Contemplazioni, privo di testo, con disegni in bianco e nero evocanti gli spartiti musicali e, alla fine dellanno successivo, frequent a Milano Margherita Sarfatti ed il gruppo iniziatore di Novecento. Nel 1920 allest la sua prima mostra personale, presentato in catalogo da Carlo Carr e nel 22 partecip alla Fiorentina Primaverile con otto sculture, introdotte da uno scritto di Alberto Savinio. Il decennio lo vide protagonista di numerose importanti esposizioni e nel 29 egli fu chiamato ad insegnare alla Scuola dArte della Villa Reale di Monza, incarico che declin a favore di Marino Marini. A partire dagli anni Trenta si dedic alla scultura monumentale, realizzando, tra gli altri, i rilievi per lEsposizione dellAereonautica al Palazzo dellArte, per il Palaz-

Storia dellarte Einaudi

zo di Giustizia e per lOspedale Niguarda a Milano e per lUniversit della Sapienza a Roma. Alla fine del 1939 inizi a dipingere, mai tuttavia abbandonando la scultura, e dal 42 insegn allAccademia di Belle Arti di Venezia. Mor nel marzo del 1947.

Maso di Bartolomeo
Firenze 1406-1456 ca. Scultore italiano Scultore vicino a Donatello e a Michelozzo con i quali lavor al Pulpito esterno del Duomo di Prato. Altre sue opere sono la cancellata della cappella della Cintola, sempre nel Duomo di Prato, il candelabro nel Duomo di Pistoia, il portale di San Domenico a Urbino.

Mastroianni, Umberto
Fontana Liri, FR 1910-1998 Scultore italiano Nel 1926 si stabilisce a Torino. Il suo linguaggio, negli anni Cinquanta, giunge ad esprimersi in opere monumentali. La lezione del primo Futurismo viene tradotta in un plasticismo vitale e animato che si unisce anche a suggestioni neocubiste, dando luogo a lavori costruiti con bruschi passaggi e proiezioni triangolari. Muore nel 1998.

Mazzoni, Guido
Modena 1450 ca. - 1518 Scultore italiano Attivo inizialmente come ideatore e fabbricatore di maschere teatrali e divertimenti scenici per gli Estensi, divenne poi grande modellatore di gruppi in terracotta policroma, dedicati di preferenza al tema della Deposizione di Cristo, nei quali si esprime con un drammatico e popolare realismo, che tocca picchi di vera tensione spirituale. Dopo un periodo di attivit a Napoli, si trasfer in Francia, al seguito dapprima di Carlo VIII, di cui esegu il monumento funebre nella basilica di Saint-Denis, poi del suo successore Luigi XIV.

Storia dellarte Einaudi

Melotti, Fausto
Rovereto, TN 1901 - Milano 1986 Scultore italiano Nasce nel 1901 a Rovereto. Si stabilisce a Milano, dove si laurea in ingegneria elettrotecnica. Frequenta i corsi di Adolfo Wildt allAccademia di Brera, dove conosce Lucio Fontana con cui stringe un a duratura amicizia. Stabilisce una profonda sintonia con gli architetti del gruppo razionalista, con cui collabora. Nel 1935 prende parte alla Prima mostra collettiva di Arte Astratta italiana, allestita nello studio torinese di Felice Casorati, dove espone insieme a Osvaldo Licini, Lucio Fontana, Atanasio Soldati, Mauro Reggiani, Gino Ghiringhelli, Oreste Bogliardi e Luigi Veronesi. Nello stesso anno tiene la sua prima mostra personale alla Galleria milanese del Milione. Nel 1936 espone nella sala allestita dal gruppo di architetti BBPR per la VI Triennale di Milano dove compaiono dodici suoi manichini in gesso. Frequenta Arturo Martini. Nel 1937 compie un viaggio a Parigi, invitato al Padiglione italiano dellesposizione universale. Espone ad alcune mostre a Milano e alla Quadriennale di Roma. Negli anni Quaranta e Cinquanta si dedica attivamente allesecuzione di piccole sculture in ceramica o in terracotta, arricchite di policromia e di inserimenti di materiali diversi. Viene invitato alla Biennale di Venezia del 1948. In questi anni esegue delle sculture per alcune tombe del Cimitero Monumentale di Milano e comincia una fervida e assidua collaborazione con Gio Ponti per la produzione di ceramiche e decorazioni. Opera attivamente insieme ad architetti, con cui realizza pannelli decorativi per interni, spesso pubblicati da Domus, rivista di cui diviene collaboratore. Continua ad eseguire i suoi teatrini in terracotta colorata e ad esporre in Italia e allestero, conseguendo importanti premi internazionali. Nel 1971 gli viene dedicata una ricca retrospettiva a Dortmund, presentato da Gillo Dorfles. Esegue Contrappunto VIII per la citt di Gibellina. Nel 1972 la Galleria Civica di Torino allestisce una sua grande mostra antologica; lanno successivo il critico Arno Hammacher che curer una corposa biografia nel 1975 presenta una sua mostra alla Marlborough Galerie di Zurigo. Nel 1976 si stabilisce a Roma. In questi anni si moltiplicano le importanti occasioni espositive, tra cui la retrospettiva al Forte Belvedere di Firenze, nel 1981, e

Storia dellarte Einaudi

nel 1983 alla Galleria Nazionale darte Moderna di Roma. Muore a Milano nel 1986.

Messina, Francesco
Linguaglossa, CT 1900 - Milano 1995 Scultore italiano Nato a Linguaglossa in provincia di Catania, si trasfer in Liguria con la speranza di emigrare in America con la sua famiglia. A nove anni inizi a frequentare una scuola serale di disegno e nel 1913 si iscrisse allAccademia Linguistica delle Belle Arti, approfondendo la sua preparazione con lo studio nei Musei. Cominci ad esporre a quindici anni. Nel 1922 partecip alla Biennale di Venezia e in seguito fu sempre presente alle pi importanti rassegne darte in Italia e allestero. Dopo una prima fase di ricerca simbolista, trova il suo personale stile in un verismo idealizzato, con il quale ha reso soggetti mitici, tradizionali o quotidiani e la copiosa produzione ritrattistica. Negli anni Cinquanta ha eseguito sculture di tono espressionista in opposizione alle precedenti, legate al naturalismo ottocentesco o ai moduli classici, a cui per ritorner fra il 1960 e 1970. Dal 1934 al 1971 ha tenuto la cattedra di scultura allAccademia di belle arti di Brera a Milano. Tra le opere pi significative si ricordano il Cavallo morente, posto davanti al Palazzo della RAI, il monumento di papa Pio XII in Vaticano e la statua di Santa Caterina da Siena nei pressi di Castel SantAngelo. Tenendo sempre ben presente la lezione del passato, Messina affermava: Appartengo a tre Regioni, la Sicula, in me ancestrale, quella pi nostalgica; la Ligure, la pi tribolata, ma in amore di affettuoso grido. La Lombarda, ove conduco la croce della vecchiaia, conclusione di tante pene, gioie, poche virt, esaltazioni ed illusioni.

Michelozzo di Bartolomeo Michelozzi


Firenze 1396-1472 Scultore italiano Allievo del Ghiberti e collaboratore di Donatello, si rivela pienamente nella costruzione del complesso del convento di San Marco (1436-44); e del Palazzo Medici-Riccardi (1444-59), con il quale formula la tipologia del palazzo fiorentino alla quale gli architetti faranno riferimento nel corso di tutto il secolo. Le ville medicee di Trebbio

Storia dellarte Einaudi

(1427-36 ca.), di Cafaggiolo (1450 ca.) e di Careggi (1435-40 ca.) sono una interpretazione rinascimentale del castello medievale. Michelozzo concilia il ricordo del misurato gotico fiorentino con i nuovi orientamenti classicisti, evidenti nelluso di membrature e decorazioni ispirate allantico. Come scultore collabora con Donatello (Tabernacolo della Mercanzia, Orsanmichele, Firenze, 1423 ca.; monumento Brancacci in SantAngelo a Nilo, Napoli, 1427 ca.; Pulpito del Duomo di Prato, 1433-38; monumento Aragazzi, Montepulciano, Duomo, 1437 ca.) e con Luca della Robbia (porta bronzea della sagrestia del Duomo di Firenze), aderendo a un classicismo sobrio e lievemente accademizzante.

Milles, Carl
Uppsala 1875 - Millesgarden 1955 Scultore svedese Milles nacque in Svezia nel 1875 e fu in giovent un apprendista carpentiere, studiando poi la lavorazione del legno e il modellismo. Dopo un soggiorno a Parigi, egli cominci a partecipare a concorsi per ledificazione di monumenti ed a viaggiare in tutto il mondo divenendo con sua moglie, una pittrice austriaca di ritratti, cittadino americano. Membro e professore della Royal Academy of Art, ottenne il dottorato in Lettere umanistiche alla Yale University e quello onorario in Filosofia allUniversit di Stoccolma. Nelle sue sculture egli cerc di ricreare lideale di bellezza dei tempi antichi; per tale motivo soggiorn a lungo in Italia, nazione che adorava per la cultura e per il patrimonio artistico. Il giardino della sua residenza, il Millesgarden, fu da lui adornato con una splendida collezione di scultura e donato alla citt di Stoccolma, della quale rappresenta ancora oggi una delle pi importanti attrazioni turistiche. Loriginalit delle sculture e la loro disposizione su terrazze che scendono sino al mare determinano un effetto spettacolare.

Mino da Fiesole
Fiesole 1429 - Firenze 1484 Scultore fiorentino, allievo di Antonio Rossellino e di Desiderio da Settignano, fu inizialmente attivo come ritrattista a Firenze (Piero dei Medici, 1453, Bargello Firenze), a Roma (Nicol Strozzi, 1454, Berlino Statl. Mus.) e a Napoli. Tornato a Firenze, inizi a realizzare opere di mag-

Storia dellarte Einaudi

giore impegno, come monumenti funebri e grandiosi cibori. Oltre che a Firenze, lavor a Volterra, Prato e soprattutto a Roma, ove esegu, da solo o con laiuto di fedeli collaboratori, numerosissimi monumenti funerari in San Pietro, in Santi Apostoli, in Santa Maria del Popolo e in molte altre chiese. Tornato a Firenze nel 1464, vi scolp la sua opera maggiore, il monumento al Conte Ugo nella Badia Fiorentina (1469-81). Fu con laiuto di Andrea Bregno e di Giovanni Dalmata che realizz la Transenna marmorea e la Cantoria nella Cappella Sistina per Sisto IV (147184). Artista eclettico, si adegu agli ideali umanistici interpretandoli con una grazia un po esteriore, prossima a Desiderio da Settignano.

Mochi, Francesco
Montevarchi, Arezzo 1580 - Roma 1654 Scultore italiano Si form a Firenze guardando al Giambologna, e a Roma come allievo del Mariani. Dalla formazione manierista pass progressivamente a prediligere il dinamismo del barocco, come manifest nella Annunciazione per il Duomo di Orvieto. Dal 1629 lartista lavor a Roma ispirandosi al Bernini, al quale in seguito il Mochi si oppose con polemica resistenza, che lo port allisolamento degli ultimi anni, spesi alla ricerca di forme scabre opposte alledonismo berniniano. In opere come il Battesimo di Cristo, eseguito tra il 1634 e il 1644, si rivela una delle personalit di rilievo della scultura del Seicento.

Moulin, Julien-Hippolyte
Parigi 1832 - Charenton 1884 Scultore francese Ebbe una vita molto difficile e travagliata. Dal 1855 frequenta lEcole des Beaux-Arts. Nonostante egli stesso si dichiari allievo di Ottin e di Barye, deve essere considerato un autodidatta. Costretto infatti per necessit a lavorare facendo tuttaltre cose, non pu dedicarsi a tempo pieno allattivit artistica. Nel 1857 debutta al Salon dove continuer ad esporre fino al 1878. Gli vengono assegnate numerose medaglie nel corso della sua attivit; riceve anche un riconoscimento allExposition Universelle nel 1878. Tra le sue opere pi famose, tutte caratterizzate da un purismo formale di stretta osservanza classicista, Un segreto dallalto.

Storia dellarte Einaudi

Moore, Henry
Castleford, Yorkshire 1898 - Much Hadham, Hertfordshire 1986 Scultore inglese La scultura di Moore si configura attraverso una lentissima elaborazione che giunge a una prima maturazione al ritorno dal soggiorno di studio in Francia, Italia e Spagna, nel 1925. Allora gli interessi di Moore si amplificano spaziando dalla scultura primitiva e arcaica a quella cubista, da Brancusi a Picasso. Gi nelle prime sculture, realizzate immediatamente dopo il ritorno in Inghilterra, si delineano le linee di ricerca e i temi che diverranno tipici della sua opera, la Figura distesa (la prima quella del 1930) e la Madre col figlio (dal 1932). Procedendo verso forme organiche che sintetizzano fantasiosamente quelle naturali (Due figure, 1934), Moore si avvicina, intorno al 1935, al surrealismo, movimento a cui aderisce esponendo alla mostra londinese del 1936, ma rispetto al quale si pone sul fronte pi astrattista, vicino ad Arp e a Barbara Hepworth. Le sue sculture sono concepite secondo una sorta di sentimento di crescita organica delle masse plastiche, ispirato a quella degli elementi naturali: seguendo questo principio, dal 1934 comincia a ricavare nelle masse delle cavit che progressivamente assumono pari importanza rispetto ai pieni della scultura, cos che le sue figure umane, da masse organicamente continue, prendono a scindersi nelle loro componenti primarie (Composizione in quattro pezzi: Figura giacente, 1934). Contemporaneamente la scala delle sue opere si fa sempre pi monumentale: Moore concepisce le sue sculture per essere collocate nel paesaggio. Raggiunta una fama internazionale nellimmediato secondo dopoguerra (vince il Gran Premio di scultura alla Biennale di Venezia del 1948), il suo atelier attira molti allievi fra cui Antony Caro e Phillip King e viene oberato da ordinazioni, ma la sua opera si manterr intensamente ispirata fino agli ultimi anni.

Storia dellarte Einaudi

Nanni di Banco, Giovanni di Antonio di Banco detto


Firenze 1380/90-1421 Scultore italiano Collabora con Brunelleschi e Donatello nel 1419 allesecuzione del modello della cupola del duomo fiorentino. Nelle sue prime opere, il Profetino (1407) e lIsaia (1408) rivela tracce di goticismo, poi rapidamente superate a favore di forme classicheggianti. Oltre alle opere gi citate scolpisce il San Luca (1408-13, Firenze, Museo dellOpera del Duomo) e le statue per Orsanmichele; il San Filippo (1411), il SantEligio (1415) e i Quattro santi coronati (1412-16). Lultima opera, la Madonna che offre la cintola a san Tommaso (1414-21), risolve in termini di rigore plastico e slancio ascensionale i problemi imposti dallo schema iconografico fissato dalla tradizione.

Nicola Pisano
?, 1215/20 - m. fra il 1278 e il 1284 Scultore italiano Artefice del rinnovamento dellarte italiana che prende avvio nella seconda met del XIII secolo, Nicola Pisano seppe coniugare forme finalmente libere dalla tradizione romanica e bizantina con le nuove istanze espressive che emergono nel corso del Duecento. La formazione dello scultore avvenne probabilmente in Italia meridionale, come si intuisce, oltre che dal suo stile classicheggiante, anche dalla iscrizione apposta sul Pulpito del Battistero di Pisa nel quale lartista si firma Nicola de Apulia. Nella terra di origine Nicola crebbe nel clima di restaurazione classica promossa dallimperatore Federico II, imparando a

Storia dellarte Einaudi

guardare proficuamente alle testimonianze della scultura antica. Giunto in Toscana verso la met del secolo, la prima opera dellartista da riconoscere nelle teste bronzee che decorano la Fontana dei canali a Piombino, datata 1247. Fra il 1250 e il 1260 lartista fu probabilmente attivo a Lucca, dove esegu la decorazione scultorea del portale della chiesa di San Martino, mentre fra il 1259 e il 1264 fu probabilmente impegnato nel cantiere del Duomo di Siena dove scolp le teste marmoree che costituiscono le mensole della cupola. La prima opera firmata e datata di Nicola Pisano il Pulpito eretto nel 1260 nel Battistero di Pisa, il cui complesso programma iconografico seguiva probabilmente i precetti dellarcivescovo Giovanni Visconti. Allo scultore venne probabilmente affidata anche la decorazione esterna delledificio, per il quale Nicola esegu gli archi che del secondo ordine e i busti di profeti e santi che si conservano oggi nel Museo dellOpera di Pisa. Aiutato dalla bottega nella quale si muovevano artisti del calibro del figlio Giovanni e di Arnolfo di Cambio, Nicola soddisfa nel corso degli anni Sessanta numerose commissioni che lo porta in giro per lItalia centrale. Fra il 1265 e il 1267 lartista a Bologna, dove progetta e comincia a scolpire lArca di San Domenico, terminata nelle forme attuali solo alla fine del Quattrocento. Dal 1266 al 1268 impegnato nellesecuzione del Pulpito per il Duomo di Siena, mentre allinizio degli anni Settanta si sposta con la bottega a Pistoia dove, nella chiesa di San Giovanni Fuorcivitas, rimane di sua mano unacquasantiera. Lultima opera di Nicola, condotta in collaborazione con larchitetto umbro Fra Bevignate ed il figlio Giovanni al quale spettano gran parte dei rilievi, fu la Fontana maggiore di Perugia, monumento della societ comunale dove accanto a temi mitologici si alternano soggetti allegorici e civici tendenti a celebrare la grandezza della citt.

Niccol
prima met del XII sec. Scultore italiano Lo scultore risulta attivo tra il 1120 e il 1150 nellItalia settentrionale, dove lascia una serie di opere firmate e datate. La sua produzione inizia col portale dello Zodiaco alla Sagra di San Michele, presso Susa (1120), che sviluppa un tema del tutto nuovo dal punto di vista iconografico e risente di influssi francesi e bizantineggianti. Affine a que-

Storia dellarte Einaudi

sto il portale sud della facciata della cattedrale di Piacenza (1122-30) che, nelle Storie di Cristo dellarchitrave, rivela un accostamento allopera di Wiligelmo, cui seguono la lunetta del portale della cattedrale di Ferrara (1135), i rilievi con le Storie della Genesi sulla facciata di San Zeno a Verona (1138), ed il portale della cattedrale di Verona (1139-40).

Nino Pisano
Pisa inizi XIV sec. - 1368 ca. Scultore italiano Figlio di Andrea Pisano, Nino sostitu il padre nel 1349 nella carica di capomastro del Duomo di Orvieto. Gli inizi nella bottega di Andrea sono testimoniati dalla probabile collaborazione fra i due artisti nellesecuzione del sepolcro Saltarelli in Santa Caterina a Pisa e dei gruppi scultorei che ornano la chiesa di Santa Maria della Spina nella stessa citt, opere del quinto decennio del XIV secolo. Nino abbandona la robusta volumetria di gusto giottesco che caratterizza le opere di Andrea Pisano per approdare a figure pi sinuose, contraddistinte da una dolce intonazione sentimentale e da un trattamento quasi pittorico del marmo. Famosi sono i suoi gruppi scultorei raffiguranti la Vergine col Bambino, quale ad esempio quello nella chiesa di Santa Maria Novella a Firenze, pienamente partecipi del clima gotico.

Storia dellarte Einaudi

Pacetti, Camillo
Roma 1758 - Milano 1826 Scultore italiano Amico di Canova, si distingue inizialmente come restauratore di sculture antiche presso i Musei Vaticani. Su segnalazione dellamico viene poi nominato professore di scultura presso lAccademia di Brera di Milano e per questo fu costretto a trasferirsi nel capoluogo lombardo. Qui partecip alla decorazione dellArco della Pace, per il quale esegu in fredde forme neoclassiche i rilievi con Minerva, Marte e La capitolazione di Dresda, e al completamento della facciata del Duomo, con le statue di Mos e San Giacomo Maggiore. Fu anche un apprezzato ritrattista e contribu alla diffusione del linguaggio neoclassico in Lombardia.

Pajou, Augustin
Parigi, 1730-1809 Scultore francese. Allievo di Lemoyne, ottenne il primo premio del Grand prix nel 1748, con un soggetto liberamente scelto dallartista, e quindi fu ammesso alla scuola del Louvre che raccoglieva i migliori giovani talenti. Di ritorno a Parigi, dopo un soggiorno a Roma lungo dodici anni, nel 1759 fu accolto allAccademia e debutt al Salon, dove continu ad esporre regolarmente fino al 1802, incontrando il successo del pubblico e lapprezzamento della critica. Le sue opere principali sono la decorazione dellOpra, e gli interventi scultorei nella chiesa di San Luigi di Versailles e nel Palazzo dei Borboni, per i quali esegu anche dei rilievi in legno dorato e gruppi in stucco di grazia squisita. Ebbe una par-

Storia dellarte Einaudi

te di primo piano nella definizione del gusto Luigi XVI. Artista di notevole successo tra i contemporanei, annovera tra le opere migliori alcuni ritratti Mademoiselle Du Barry e Mademoiselle Vige Lebrun, entrambe al Louvre e la famosa Psiche abbandonata (1783-90, Louvre), in cui una sottile sensualit settecentesca si riveste di forme che anticipano e preludono al Neoclassicismo. Ricopr cariche di rilievo nel mondo accademico e fu nominato cavaliere della Legione dOnore.

Pampaloni, Luigi
Firenze 1791-1847 Scultore italiano Lartista frequent lAccademia di Firenze, seguendo i corsi del pittore ed incisore Giuseppe Piattoli; trasferitosi in seguito a quella di Carrara, ebbe come maestro Lorenzo Bartolini, del quale divenne discepolo prediletto e collaboratore. Rientrato a Firenze a seguito del maestro, Pampaloni esegu tra il 1826 ed il 1827 tre figure di Naiadi per la fontana di Empoli, ed un Fanciullo che prega pi volte replicato, di cui un esemplare si conserva presso la Pinacoteca Tosio-Martinengo di Brescia. Nel 1830 lartista scolp due grandi figure marmoree di Filippo Brunelleschi ed Arnolfo di Cambio, collocate sulla facciata del palazzo dei Canonici, progettato da Gaetano Baccani; in seguito, per il loggiato degli Uffizi, egli modell, pure in marmo, la statua di Leonardo da Vinci. Tra le opere pi note di Pampaloni si ricordano ancora: Ganimede rapito dallaquila nella sala da bagno di palazzo Pitti; la tomba di Giulia Buonaparte Clary nella cappella Giugni in Santa Croce; infine la statua raffigurante la celebre cantante Virginia de Blasis nel chiostro della stessa chiesa. Tuttavia lartista consegu la notoriet soprattutto eseguendo graziose figurette di putti, Veneri, Amori, Pomone.

Pigalle, Jean-Baptiste
Parigi 1714-1785 Scultore francese Fu allievo di Robert le Lorrain e di Lemoyne; incontr molte difficolt ad affermarsi non potendo contare sullincoraggiamento dei suoi maestri, che non individuarono n apprezzarono le sue qualit artistiche. Volendo visitare lItalia e non riuscendo ad ottenere la borsa di studio dellAccademia, decise di partire a piedi. Giunse a Roma nel

Storia dellarte Einaudi

1736 e vi soggiorn fino al 1739; cadde subito in una grave malattia, dalla quale si risollev grazie alle cure e allaiuto di Guillaume Coustou, quel tempo pensionante del re. Dopo un periodo di stenti e di patimenti, ottenne il permesso di frequentare lAccademia di Roma. In questo periodo esegu un Mercurio che si riallaccia i calzari che in seguito (1744) present come prova daccesso allAccademia di Parigi. Partecip al Salon del 1744 con due opere in pietra di soggetto mitologico, Venere che affida un messaggio a Mercurio e Mercurio che si appresta a recapitare un messaggio, che finalmente ottennero critiche favorevoli, decretando il successo dellartista. Dopo questa prima esperienza espositiva, partecip assiduamente al Salon fino al 1753. Ricevette commissioni dal re e fu preso sotto la protezione di Madame de Pompadour, che gli procur importanti commissioni, come il portale della chiesa degli orfanelli (1747) e le statue di Luigi XV e della marchesa per il castello di Bellevue. Nel 1792, in punto di morte, lo scultore Bouchardon chiam Pigalle per affidargli il completamento del monumento a Luigi XV che egli stava realizzando a Reims; tale commissione, ancora pi prestigiosa perch i due scultori non erano affatto amici, testimonia la fama ormai raggiunta da Pigalle.

Pilon, Germain
Parigi 1535 ca. - 1590 Scultore francese Questo fecondo artista che si ciment nella lavorazione di tutti i materiali scultorei, dal marmo alla pietra, dal bronzo al legno, era figlio di un tagliatore di pietra, con il quale cominci a lavorare fin da piccolo, acquisendo le competenze tecniche e i segreti della materia. Fu allievo di Pierre Bontemps con cui, tra il 1557 e il 1558, senza dubbio collabor alla realizzazione della tomba di Francesco I. Per questopera, realizz otto figure di Geni funebri che poi non furono mai utilizzati nella decorazione del monumento. La regina Caterina de Medici gli commission il monumento del cuore di Enrico II (1561), che fu collocato allinterno dellabbazia di Saint-Denis. Per il monumento Pilon esegu tre Carit, destinate a sostenere lurna, avendo come modello un disegno di Primaticcio. Ancora sotto la direzione del pittore italiano, lavor nella cappella funeraria eretta in Saint Denis per Caterina de Medici e distrutta nel XVIII secolo. Le sue ultime opere mettono in

Storia dellarte Einaudi

mostra un manierismo pre-barocco che sembra annunciare il Bernini. Per il trattamento della muscolatura delle figure e per landamento sinuoso e serpentino dei corpi, evidente linfluenza di Michelangelo. Negli ultimi anni della sua attivit fu coinvolto nei lavori del cortile del Louvre e port a termine le decorazioni scultoree del Palazzo di Giustizia. Partecip infine alla decorazione del castello dAnet, propriet di Diana di Poitiers.

Prieur, Barthlemy
Parigi ? - 1611 Scultore francese Quasi nulla noto della sua formazione e della sua prima attivit. Sembra plausibile ipotizzare la sua presenza nella bottega di Germain Pilon; nella sua attivit giovanile partecip alla decorazione del castello dEcouen e della facciata della Petite Galerie del Louvre, nella quale scolp le due figure di Fama, distese sullarcata della porta. Esegu inoltre la sepoltura del connestabile nella chiesa di Montmorency, e realizz il monumento funebre dello stesso nella chiesa dei Celestini a Parigi, di cui alcune sculture sono attualmente conservate nel Louvre. Tra le sue opere pi affascinanti da ricordare la statua in preghiera di Maria de Barbancon-Cany, datata 1601 ed esposta al Louvre. Artista dotato di vasta cultura letteraria e figurativa possedeva una ricca biblioteca e una raccolta di calchi di marmi antichi, nonch incisioni da opere di Raffaello e Michelangelo, cartoni e disegni di altri artisti fu il pi importante scultore della seconda fase della scuola di Fontainebleau. Fu molto attivo come bronzista, ma sfortunatamente la maggior parte delle sue opere andata distrutta o dispersa.

Pomodoro, Arnaldo
Morciano di Romagna 1926 Scultore italiano Studia architettura e costituisce con il fratello Gi e Giorgio Perfetti lo Studio 3 P, che realizza lavori di decorazione e di oreficeria. Nel 1960, studia negli Stati Uniti i materiali industriali. Tornato in Italia si dedica totalmente alla scultura ricercando sotto linfluenza di Wols e di Burri un linguaggio basato sulla policromia e lespressivit dei materiali come ferro, legno, bronzo o cemento. Nel 1961 organizza le manifestazioni del gruppo Continuit. Realiz-

Storia dellarte Einaudi

za grandi sculture in bronzo lucidato a specchio che richiamano alla mente steli e monumenti di una civilt dimenticata o elementi di una architettura fantastica (La colonna del viaggiatore, 1961). Le forme rigorosamente geometriche (sfera, parallelepipedo, cilindro o ruota) lacerate da ampie crepe rivelano allinterno inquietanti strutture che evocano elementi organici, alfabeti intraducibili, circuiti di computer o le maquette di una citt del futuro (Sfera Grande, 1966-67).

Puget, Pierre
Chteau-Follet, Marsiglia 1620 - Fougette, Marsiglia 1694 Scultore, pittore, architetto e ingegnere francese Inizialmente segu un apprendistato nel settore della costruzione delle navi, ma ben presto mise in mostra doti tecniche e creative non comuni e fu indirizzato allo studio dellarte. A diciassette anni intraprese un viaggio in Italia; a Firenze trov lavoro presso uno scultore che gli consigli di entrare in contatto con Pietro da Cortona. Il giovane scultore fu impiegato dal grande pittore e decoratore barocco nella realizzazione degli stucchi delle sale di rappresentanza di Palazzo Pitti a Firenze (1637-42) e nella monumentale impresa del soffitto di Palazzo Barberini a Roma (1640ca.). Nel 1643, nonostante il parere contrario del maestro, Puget decise di fare ritorno a Marsiglia, dove cominci a farsi apprezzare dipingendo ritratti e scolpendo le poppe di vascelli da guerra. In seguito ad una grave malattia che lo port in punto di morte, gli fu proibito di dipingere, per cui fu costretto a dedicarsi allarchitettura e alla scultura. Al 1656 risale la costruzione e la decorazione della celebre porta del municipio di Tolone, dove compare loriginale e in seguito assai copiata soluzione delle cariatidi che sostengono il balcone. Puget seppe dare una personale interpretazione, spettacolare e virtuosistica del barocco romano, che si accentua soprattutto nelle opere drammatiche e retoriche dellultimo periodo, quali il Milone di Crotone e Alessandro e Diogene del Louvre. Di notevole importanza sono le opere del periodo genovese (1661-68), che tendono a smaterializzare i volumi nel vibrante pittoricismo della resa plastica, con soluzioni destinate a influire durevolmente sul barocco locale.

Storia dellarte Einaudi

Queirolo, Francesco
Genova 1704 - Napoli 1762 Scultore italiano Affermato rappresentante della scuola tardo-barocca, lavor a Genova per numerose famiglie patrizie. Di qui si trasfer a Roma, partecipando alla decorazione della Fontana di Trevi con una delle Stagioni, e poi a Napoli, dove esegu con scenografico virtuosismo statue e gruppi simbolici per la Cappella Sansevero.

Storia dellarte Einaudi

Richier, Germaine
Grans 1904 - Montpellier 1959 Scultrice francese Dopo gli studi a Montpellier, si trasferisce nel 1925 a Parigi, dove allieva di Bourdelle. Esegue inizialmente una serie di sculture di ispirazione classica, poi si volge a motivi espressionistici e surrealistici, interessandosi al mondo animale, agli elementi ed agli eventi della natura, che traduce in grandi sculture allegoriche, dotate di forte carica espressiva. A partire dagli anni Cinquanta adotta materiali e tecniche diverse, mescolando bronzo, smalti, vetri colorati per costruire sculture metamorfiche, che fondono forme animali, vegetali e minerali in un tentativo di raffigurazione dellocculto.

Riemenschneider, Tilman
Osterode 1460 ca. - Wrzburg 1531 Scultore tedesco A capo di unimportante bottega a Wrzburg, realizza diversi monumenti in pietra per il Duomo della citt, la monumentale tomba dellimperatore Enrico II e di sua moglie Cunegonda per il Duomo di Bamberga (1513) e le statue di Adamo ed Eva (1493, Wrzburg, Mainfrnkisches Museum). I suoi capolavori sono gli altari in legno, arenaria, alabastro, nei quali rende tutte le possibilit della luce di riflettersi sulla materia (altare dellUltima Cena, Rothenburg, Sankt-Jacob; altare di Creglingen). Lopera di Riemenschneider una delle pi alte realizzazioni della plastica tardogotica tedesca, con figure melanconiche che preannunciano le inquietudini riformistiche, mentre la defini-

Storia dellarte Einaudi

zione spaziale data dai riflessi di luce e dalle incisioni profonde e spezzate, che accentuano gli effetti di irrealt.

Rizzo, Antonio
Verona ? 1430 ca. - Cesena 1499 Scultore italiano Da giovane attivo in Lombardia ed documentata la sua presenza alla Certosa di Pavia, dove gli sono attribuite le terracotte del Chiostro Grande. Dal 1457 a Venezia, dove collabora con Andrea Bregno, di cui fu anche allievo. Alla sua prima attivit veneziana appartengono il monumento Funebre del Doge Francesco Foscari nella chiesa dei Frari e le statue di coronamento dellarco Foscari a Palazzo Ducale. Agli anni settanta risale il monumento al doge Tron ai Frari. Allultimo decennio del secolo datano invece le figure di Adamo ed Eva dellArco Foscari nel Palazzo Ducale, caratterizzate da un grande realismo che si richiama sia alla cultura figurativa lombarda, sia a fonti germaniche, forse conosciute attraverso stampe. Dal 1483 al 1498 diresse i lavori di ricostruzione e ampliamento del Palazzo Ducale, dopo lincendio del 1483.

Rodin, Auguste
Parigi 1840 - Meudon 1917 Scultore francese Nato a Parigi nel 1840 da una famiglia di condizioni modeste, Auguste Rodin si iscrive alla cole Spciale de Dessin et de Mathmatiques, seguendo i corsi di Lecoq de Boisbaudran. Respinto dallcole des Beaux-Arts, inizia a lavorare come decoratore. Nel 1864 il Salon gli rifiuta Luomo dal naso rotto perch ritiene la scultura incompiuta. Luso del non finito caratterizza tutta lopera dello scultore ed in sintonia con il gusto pittorico dellepoca e con le ricerche impressioniste sugli effetti di luce. Nello stesso anno viene assunto nellatelier del famoso scultore Carrier-Belleuse, per il quale lavora fino al 1870 realizzando modelli per oggetti darte e decorazioni e collaborando anche allesecuzione delle decorazioni per il palazzo della Borsa di Bruxelles. Nel 1875 Rodin parte per lItalia, tappa fondamentale della sua formazione artistica. Qui approfondisce lo studio di Michelangelo, che influenza tutta la sua opera, soprattutto nella predilezione per i nudi resi con un modellato fortemente plastico.

Storia dellarte Einaudi

LEt del bronzo del 1876 raffigura un nudo virile realizzato secondo criteri cos nuovi da attirargli laccusa di averlo realizzato con un calco dal vero. Nel 1877 scolpisce lUomo che cammina, opera innovativa rispetto alla tradizione accademica per la definizione scabra, poco levigata delle superfici e per la scelta, ispirata allarte classica, di realizzare una figura umana frammentaria, priva di testa e braccia. Solo con il San Giovanni Battista, premiato al Salon del 1880, Rodin supera la polemica imponendosi al pubblico per lo stile realistico e dinamico, e per il modellato pittorico, da mettere in rapporto alle coeve ricerche impressioniste. In quello stesso anno viene incaricato dallo Stato francese di eseguire un grande portale per il progettato e mai realizzato Muse des Arts Dcoratifs di Parigi. Lopera, ispirata alla Divina Commedia di Dante e intitolata La porta dellInferno, non viene portata a termine e rimane scomposta in frammenti, alcuni dei quali costituiscono i momenti pi alti della sua attivit artistica (Il pensatore, 1880-1917; Ugolino, 1880; Fugit Amor, 1887). Nel 1884 gli viene commissionata una delle sue opere pi importanti, I borghesi di Calais. Tra i molti ritratti realizzati da Rodin, si ricorda la monumentale figura di Balzac (1891-97), rifiutata dai committenti perch considerata non finita e ritenuta scandalosa allesposizione del Salon del 1898. Muore a Meudon nel 1917.

Rossellino, Antonio
Settignano 1427 - Firenze 1478/81 Scultore italiano Fratello di Bernardo Rossellino, fu suo collaboratore a Forl, nellarca del Beato Marcolino, e a Firenze, nella tomba di Neri Capponi in Santo Spirito. La sua prima opera indipendente il busto di Giovanni Chellini del Victoria and Albert Museum di Londra, datato 1456. Al 1459 risale la tomba del cardinale del Portogallo in San Miniato al Monte a Firenze, cui fanno seguito laltare di San Sebastiano nella Collegiata di Empoli e il ritratto di Matteo Palmieri (1468), caratterizzato da uno straordinario realismo. Nel corso degli anni Settanta attivo anche fuori Firenze, a Prato, a Ferrara e a Napoli, dove realizza la tomba di Maria dAragona e la Nativit nella Cappella Piccolomini in SantAnna dei Lombardi.

Storia dellarte Einaudi

Rossellino, Bernardo
Settignano 1409 - Firenze 1464 Architetto e scultore italiano Scolaro e collaboratore di Alberti, attivo in Toscana e a Roma, dove lavora molto per papa Niccol V (ampliamento dellabside e del transetto di San Pietro). La sua fama affidata soprattutto alla sistemazione dellantico borgo di Corsignano, oggi Pienza, che Pio II Piccolomini (dal 1459) vuole riplasmato secondo i principi dellurbanistica e dellarchitettura rinascimentale. Fondendo scultura e architettura, Rossellino rinnova il monumento funebre con la tomba di Leonardo Bruni in Santa Croce a Firenze (144650), inserita in un arco a tutto sesto. Questo tipo di tomba ha largo seguito a Firenze, dove viene ripreso tra gli altri da Desiderio da Settignano.

Rosso, Medardo
Torino 1858 - Milano 1928 Scultore italiano Insieme alla famiglia si trasferisce a Milano nel 1870. Dopo aver compiuto il servizio militare a Pavia, si iscrive nel 1882 allAccademia di Brera; degli anni successivi sono Il bersagliere (Roma, Galleria darte moderna), Gli innamorati sotto il lampione (Barzio, Museo Rosso), Lo scugnizzo (Milano, Galleria darte moderna). Nel 1883 a Roma per partecipare allEsposizione Internazionale. Tornato a Milano nellaprile dellanno successivo, partecipa al concorso per il monumento a Garibaldi. Nel 1885 si sposa e gli nasce un figlio; partecipa al Salon des Champs Elises a Parigi con Il bersagliere. Nella seconda met degli anni Ottanta si dedica alla realizzazione di alcuni monumenti funebri per il Cimitero Monumentale di Milano. Separatosi dalla moglie nel 1889, parte per Parigi dove partecipa allEsposizione Universale, ma solo lanno successivo riesce ad aprire uno studio proprio. Frequenta letterati e artisti: nel 1894 riceve la visita di Rodin che gli rivela di essere un appassionato ammiratore delle sue opere. Dello stesso anno sono il Bookmaker (Milano, Galleria darte moderna) e Luomo che legge (Firenze, Galleria darte moderna). Nel 1896 a Londra dove partecipa ad una esposizione con gli artisti Preraffaelliti. AllEsposizione Universale del 1900 divide una sala con Segantini; in questa occasione conosce Etha Fles, un critico darte olandese con la quale stabilir un legame profondo. Nel 1902 espone in Germania, a Ber-

Storia dellarte Einaudi

lino e a Lipsia, e nel 1903 alla Secessione Viennese, poi a Parigi, di nuovo a Vienna, a Londra e a Bruxelles. Nel 1909 conosce Ardengo Soffici, che gi aveva scritto di lui e che lanno successivo organizzer a Firenze la Prima Mostra dellImpressionismo e di Medardo Rosso, nella quale vengono esposte 17 opere dello scultore. Negli ultimi anni si susseguono le partecipazioni a esposizioni in Italia e allestero; vive tra Parigi e Milano, compiendo frequenti viaggi in Olanda dalla Fles. Nel 1926 pubblica una sorta di manifesto della sua poetica dal titolo Concepimento-Limite-Infinito... Si ferisce ad un piede con delle lastre fotografiche nel marzo del 1928; subisce in un primo momento lamputazione della gamba, ma muore subito dopo nel corso di una seconda operazione.

Rude, Franois
Digione 1774 - Parigi 1855 Scultore francese Allievo di Devosge allAccademia di Digione, si trasferisce nel 1805 a Parigi, dove lavora con Gaulle alla Colonna della Grande Armata. Per aver partecipato ai Cento Giorni viene esiliato a Bruxelles: in questa citt esegue molte decorazioni in stile neoclassico. Nel 1828 torna a Parigi e comincia a ricevere i primi riconoscimenti. Dal 1833 al 1836 lavora al fregio e alle decorazioni per lArco di Trionfo. La sua attivit prevalentemente pubblica, destinata a luoghi ed edifici di Parigi. Lo stile di Rude si diparte da un rigoroso classicismo improntato allarte di David, per poi seguire le tendenze romantiche che privilegiano lespressivit, con risultati spesso non coerenti.

Storia dellarte Einaudi

Saint-Gaudens, Augustus
Dublino 1848 - Cornish, New Haven 1907 Scultore irlandese Lo scultore si form a New York, a Parigi e a Roma, affermandosi dopo il 1880 come il rinnovatore della grande statuaria pubblica degli Stati Uniti. Il suo stile, che mescola ispirazioni da modelli rinascimentali e accademici con un sobrio realismo, risult particolarmente apprezzato dalla critica e dal pubblico internazionale. Ha realizzato numerosi monumenti in bronzo con soggetti storici (Lammiraglio Farragut, 1881, New York, Madison Square; Il diacono Chapin, detto anche Il puritano a Springfield, Massachusetts; il monumento equestre del generale W.T. Sherman, 1904, New York, Central Park) e statue di personaggi illustri (Lincoln, 1887, Chicago, Lincoln Park).

Saint-Phalle, Niki de
Parigi 1930 Scultrice francese Cresciuta a New York, torna in Europa nel 1952. Nel 1960 si unisce al gruppo dei Nouveaux ralistes, conosce Tinguly che diventer suo marito e con il quale realizzer molte delle sue opere pi importanti. Esordisce nel movimento sparando su dei sacchetti di plastica pieni di colore, vetro e bombe fumogene appesi su superfici bianche, che vengono immediatamente imbrattate dal colore (Pannelli-bersaglio). Successivamente realizza figure di donne, prima in gesso, poi in poliestere a dimensione monumentale e ambientale, spesso percorribili, a cui d sempre lidentico nome Nana , e che diventa la figura centrale della sua opera. Una caricatura dellimmagine

Storia dellarte Einaudi

della donna-bambola offerta dai mass-media, Nel 1966 insieme a Tinguly e Utveld realizza per il Museo dArte Moderna di Stoccolma Lei, una gigantesca e coloratissime donna sdraiata: un ambiente dove si accede tramite una porta che coincide con il sesso. Dal 1979 a Capalbio, in Toscana, ha progettato e realizzato un parco di sculture ambientali, alcune delle quali praticabili, realizzate sulla base delle figure dei Tarocchi, e nel 1983 a Parigi, con Tinguly, la Fontana Stravinskij tra la chiesa SaintMerri e il Centro Pompidou, diventata uno dei monumenti pi popolari di Parigi.

Sammartino, Giuseppe
Napoli 1720-1793 Scultore italiano Attivissimo a Napoli, si dedic sia allintaglio di sculture per presepi che alla lavorazione del marmo. In esse rivela note di acuto verismo ed accenti patetici che, specie nelle pi impegnative realizzazioni marmoree, si combinano ad uneleganza di derivazione aulica. Esegu numerosi monumenti funebri e statue per le chiese di Napoli, fra le quali si ricordano quella del Cristo velato per la cappella Sansevero e le allegorie per la Certosa di San Martino.

Sangallo Giuliano da, Giuliano Giamberti detto


Firenze 1445 ca. - 1516 Architetto, ingegnere militare, scultore e intagliatore italiano Per lintensa attivit creativa e la dotta partecipazione ai connessi problemi culturali, fu una figura di primo piano del suo tempo, e dette un contributo fondamentale allelaborazione delle forme architettoniche del primo Cinquecento. La sua attivit inizia nel 1480: come esperto di architettura militare lavora alle fortezze di Ostia, Nettuno, Arezzo, Sansepolcro. Il frutto dei suoi studi sullantico matura nella villa medicea di Poggio a Caiano, in cui crea il nuovo tipo della villa rinascimentale. Notevole il suo contributo alla ricerca sulla pianta centrale, con larmoniosa soluzione a croce greca per la chiesa di Santa Maria delle Carceri a Prato (dal 1485). Partecipa alle pi importanti imprese del primo Cinquecento, dalla fabbrica di San Pietro a Roma al concorso (vinto da Michelangelo) per la facciata di San Lorenzo a Firenze.

Storia dellarte Einaudi

Sansovino Jacopo, Jacopo Tatti detto il


Firenze 1486 - Venezia 1570 Scultore e architetto italiano Jacopo Sansovino nasce a Firenze nel 1486. Dopo una prima formazione artistica nella citt natale, nel 1506 raggiunge Roma, dove ha cos occasione di studiare gli esempi della statuaria antica e di meditare sullopera di Michelangelo. Fra il 1511 e il 1518 scolpisce il San Giacomo Maggiore per il Duomo di Firenze. Intorno al 1512 da collocare la statua del Bacco (Firenze, Museo Nazionale del Bargello). Negli anni che seguono riceve molti incarichi sia come scultore che come architetto. A Roma, per la chiesa di SantAgostino, scolpisce la Madonna del Parto, il San Giacomo ora in Santa Maria in Monserrato e la tomba Michiel a San Marcello al Corso. Nel 1527, in seguito al Sacco di Roma, si reca a Venezia. Nella citt lagunare lascia molte opere di scultura e di architettura, rimanendovi fino alla morte sopraggiunta nel 1570. Del suo lungo soggiorno veneziano si ricordano le quattro statue in bronzo della loggetta di San Marco da lui progettata, fra cui il dio Bacco e i rilievi con Storie di San Marco del coro della stessa Basilica, per la quale realizza anche la porta della sagrestia. Jacopo Sansovino fu una delle figure che dominarono lambiente artistico veneziano. Fu scultore e architetto. Si form presso Andrea Sansovino da cui riprese il cognome e appartenne a quella cerchia di giovani artisti impegnati a studiare il cartone della Battaglia di Cascina di Michelangelo. Fondamentale per il completamento della sua formazione fu il soggiorno romano. A Roma ebbe modo di ammirare larte di Raffaello e in particolare di Michelangelo, e di studiare la grande statuaria antica. Stando al Vasari, nel 1507 o nel 1508, egli avrebbe partecipato ad una gara promossa da Bramante e giudicata da Raffaello per premiare lesecuzione della migliore copia del gruppo scultoreo antico del Laocoonte, rinvenuto in quegli anni a Roma. Nella citt papale rivest un ruolo di primo piano, che conserv anche a Venezia, dove si trasfer nel 1527 in seguito al sacco di Roma e nella quale rimase fino alla morte. Esegu varie sculture, ricopr la carica di protomaestro di San Marco e come tale fu impegnato principalmente nella costruzione di edifici destinati alla trasformazione di Piazza San Marco. A Venezia strinse amicizia con Tiziano e con Pietro Aretino. La sua arte ricevette il favore della Serenissima e dellaristocrazia veneziana. Attraverso il Sansovino

Storia dellarte Einaudi

la cultura figurativa tosco-romana si innest felicemente sulla tradizione veneziana, dando esiti assai originali.

Segal, George
New York 1924 Scultore e pittore statunitense Studia presso luniversit di New York e alla Rutgers University. Inizia come pittore per poi passare alla scultura nellambito della pop art. Allorigine troviamo Luomo al tavolo, primo esempio, siamo nel 1961, di scultura in gesso eseguita direttamente sul corpo umano. Queste sculture in gesso sono inserite in una scena realizzata con oggetti comuni, duso nella vita quotidiana: un tavolino, una sedia, una scala, una bicicletta e altri. Lo spettatore si trova di fronte a un personaggio anonimo: il bianco del gesso annulla qualsiasi carattere distintivo. Da una parte la fisicit degli oggetti reali dallaltra lanonimato dellimmagine umana (Donna sullaltalena; The dinner, 1964-66). Sembra di trovarsi di fronte ad eventi raggelati e resi immobili come i calchi in gesso ricavati dalle ceneri delleruzione a Pompei (The moviehouse, 1967). Nel 1962 le sue opere vengono incluse alla mostra New Realists, presso la Sidney Janis Gallery di New York. Nel 1963 viaggia per la prima volta in Europa. Nel 1977 scelto per realizzare alcune sculture del Roosvelt Memorial a Washington. Nel 1982 la scultura Next Departure collocata nel terminal portuale di New York.

Serpotta, Giacomo
Palermo 1656-1732 Scultore italiano Nato a Palermo nel 1656, egli fu tra i pi insigni maestri dellarte dello stucco, erede di una tradizione artigianale e artistica siciliana. Formatosi quasi certamente a Roma, la sua prima opera nota la decorazione della piccola chiesa della Madonna dellItria a Monreale (1677). Nel 1682 fu incaricato della realizzazione della statua equestre di Carlo II da collocare nella Piazza del Duomo di Messina; lopera fu distrutta nel 1848 e di essa si conserva un piccolo stampo nel Museo di Trapani. Della sua vastissima produzione si ricordano le decorazioni in stucco eseguite nellOratorio di San Lorenzo in Santa Zita, in San Domenico a Palermo, in San Francesco dAssisi e in Santa Caterina allOlivella. E ancora nella

Storia dellarte Einaudi

Chiesa di SantOrsola e delle Stimmate, questultima distrutta (parte delle decorazioni del maestro sono conservate nel Museo Nazionale di Palermo). I suoi rilievi in stucco riflettono i motivi della decorazione seicentesca barocca, interpretandoli con una personalissima impronta di leggerezza che gi prelude al gusto roroc.

Sigisbert, Adam
Nancy 1700 ca. - Parigi 1759 Scultore francese Figlio di Jacob-Sigisbert Adam, lavorando con lui ad alcune opere ricevette i primi insegnamenti dal padre stesso, che presto lo invi a Parigi affinch perfezionasse la tecnica e lo stile presso artisti di maggior livello. Non sappiamo presso quali maestri Adam si rec per completare la sua formazione e avvolto nel mistero rimane anche il suo esordio nel mondo dellarte. Giunto a Parigi nel 1719, Adam si aggiudic il Prix de Rome nel 1723 e part immediatamente alla volta di Roma, dove soggiorn per circa dieci anni. A Roma riusc a presentare il suo lavoro al cardinale de Polignac che, affascinato dal suo talento, gli affid la responsabilit del restauro dei pezzi antichi della sua collezione. Tale incarico gli attir lattenzione del papa Clemente XII, che pens di commissionargli la realizzazione della Fontana di Trevi. Dovette per ritirare lofferta in seguito alle violente polemiche e contestazioni che furono avanzate dagli artisti italiani; per risarcirlo del lavoro mancato, gli affid la realizzazione del bassorilievo con Lapparizione della Vergine a SantAndrea Corsini, nella cappella di San Giovanni Laterano, opera che viene annoverata tra i capolavori della sua attivit artistica. Tornato in Francia nel 1733, si stabil a Parigi dove lavor incessantemente, impegnato nella decorazione scultorea dellHtel de Soubise e di numerosi altri htel. Fu un artista di grande sapienza e maestria, attento alla resa minuta di ogni singolo dettaglio senza mai perdere di vista leffetto monumentale e magniloquente dellinsieme.

Sluter, Claus
Haarlem 1340 ca. - Digione 1405-06 Scultore fiammingo Tra le sue prime opere giunteci sono le statue a grandezza naturale del portale della certosa di Champmol, in cui nuova e assai precoce la concezione monumentale e natu-

Storia dellarte Einaudi

ralistica delle figure. Di unenorme croce rimane, sempre a Champmol, un pilastro esagonale con sei figure di profeti che predicono la passione di Cristo (nota come il Calvario o Pozzo di Mos o Pozzo dei profeti) in cui si dispiega la sua rivoluzionaria concezione plastica, basata sulla volumetria piena e sulla struttura monumentale. Lultimo capolavoro di Sluter, di grande realismo, la Processione dei pleurants per la tomba di Filippo (Digione, Muse).

Smith, David
Decatur, Indiana 1906 - 1965 Bennington Scultore americano Discendente da un fabbro, lui stesso lavora per mantenersi agli studi in unofficina meccanica e nellindustria. Dal 1926 studia allArt Students League a New York dove entra in contatto con Gottlieb, Gorky, e soprattutto Graham che gli fa scoprire il lavoro dello scultore-saldatore spagnolo Gonzlez, che in un primo momento imita. Nei primi anni Trenta elabora i primi assemblages ispirati alle opere di Picasso. Dopo una lunga serie di viaggi in Europa torna negli Stati Uniti, dove nellisolamento del suo studio in campagna, porta avanti la sua ricerca scultorea tra le pi innovatrici del secolo. Decide in questi anni di dedicarsi al ferro. Alcune delle sue sculture danno grande rilevanza ai vuoti, nel Paesaggio sul fiume Hudson, 1951, che si sviluppa in uno spazio quasi bidimensionale, il vuoto, delineato e percorso da linee plastiche, diviene parte integrante della scultura. Associa spesso oggetti trovati alle strutture astratte. Ruote, strumenti aratori, senza perdere la loro qualit di oggetti reali, evocano immagini e simboli (War Spectre, 1944). Dal 1950 le sue opere assumono sempre pi una dimensione maggiore e le sculture iniziano a ordinarsi per serie, come Agricola, o le monumentali figure erette che ricordano totem, Tank Totem. Negli anni Sessanta realizza opere in acciaio e in metallo smaltato di pi rigoroso impianto geometrico e pi compatto nei volumi: la serie dei Voltri (Voltri VI, 1962) dove mette in relazione segni astratti ed elementi di recupero (spesso forgiati); la serie dei Cubi (Cubo XXVI, 1963) dove prevalgono i volumi pieni. I suoi ultimi lavori sono realizzati in acciaio inossidabile e sono totalmente astratti e geometrici (Gondola II, 1964). La sua opera ha avuto una grande importanza per la generazione successiva, Carl Andre dichiara che Smith lunico maestro per il minimalismo.

Storia dellarte Einaudi

Talenti, Simone
seconda met del XIV sec. Architetto e scultore italiano Apprese il mestiere nella bottega del padre Francesco per poi partecipare senza successo nel 1367 ad un concorso per il coro del Duomo di Firenze, di cui in seguito diresse i lavori di completamento. Con Taddeo di Ristoro e Benci di Cione fu capomastro della Loggia della Signoria, di cui disegn i capitelli ed i pilastri secondo un ideale estetico che si realizza nellunione armonica tra la solidit delle masse e la finezza pittorica della decorazione. Gli si attribuisce inoltre un primo progetto per la chiusura della loggia di Orsanmichele, dove la fioritura gotica degli archetti subordinata alla chiarezza della struttura, e quello per la facciata ed il coro della chiesa di San Michele vecchio, oggi dedicata a San Carlo Borromeo.

Thorvaldsen, Bertel
Copenaghen 1770-1844 Scultore danese Berthel Thorvaldsen si forma con il pittore Abilgaard allAccademia Reale di Copenaghen (1781-93). Per le sue qualit, nel 1789 gli viene assegnata una borsa di studio triennale per Roma. Dopo brevi soggiorni a Malta, Palermo e Napoli, Thorvaldsen giunge nel 1797 a Roma, dove rafforza i suoi legami con il pittore danese Cartens, fautore del primitivismo neoclassico. Nel dicembre 1797 Thorvaldsen a Velletri con Fernow e il pittore Rhoden per ammirare la Pallade, da poco rinvenuta. Nel 1808, in un rilievo dello scultore danese (Minerva infonde il genio a Prometeo) il modello di Minerva echeggia proprio la sublime statua ammirata alcuni anni prima.

Storia dellarte Einaudi

A Roma Thorvaldsen studia le antichit classiche, in particolare la pittura vascolare etrusca e la scultura fittile etrusco-romana, nonch le opere del Canova. Nella citt eterna lo scultore danese riceve molti onori, la nomina a Presidente dellAccademia di San Luca e numerose commissioni. La sua produzione comprende statue (Giasone, 1801), busti (Lord Byron, 1817), bassorilievi (Le Grazie, 1818) e monumenti (a Poniatowski, 1817; a Pio VII, 1823-31). Thorvaldsen si fa interprete di un rigoroso neoclassicismo, fedele a un canone astratto e ad una assoluta purezza formale, differenziandosi cos dal suo contemporaneo e rivale Canova. Lavora anche in Svizzera, Germania, Polonia e, naturalmente, in Danimarca, dove dopo la sua morte la citt di Copenaghen gli dedica un museo. La sua arte influenzer il purismo romano e la cultura dei nazareni tedeschi.

Tinguly, Jean
Friburgo 1925 - Berna 1991 Scultore svizzero Frequenta la scuola di arti applicate di Basilea. Nel 1952 costruisce le sue prime sculture azionate da un motore elettrico. Trasferitosi nel 1953 a Parigi, tra i promotori della mostra le Mouvement organizzata da Denise Ren, dove propone sculture metalliche sonore, macchine semoventi, robot metallici che chiama Macchine inutili. Nel 1958 inizia un periodo di collaborazione con Klein che trova il suo momento pi creativo nella mostra a due Velocit pura e stabilit monocroma che unisce luso dei motori delle macchine inutili con il monocromo di Klein. Dal 1960 fa parte dei Nouveaux ralistes con la moglie Niki de Saint-Phalle. Lo scultore porta il suo interesse per la macchina su un piano fantastico che aiuta a far cogliere alluomo la realt di un mondo nel suo aspetto frenetico e di perdita di energie. Questa dispersione di energia condotta fino al punto di distruggere loggetto medesimo come avviene nella realizzazione del gigantesco Homage to New York, presentato al Museum of Modern Art di New York (1960), una macchina autodistruttiva programmata per esplodere. Happenings simili sono a Copenaghen (1961) e a Las Vegas (1962). Nel 1966 collabora con moglie Niki de Saint-Phalle per la scultura-ambiente Lei al Moderna Museet di Stoccolma e crea le fontane di Basilea

Storia dellarte Einaudi

e Parigi. Dal 1970 istalla le sue macchine su dischi che si muovono su rotaie che creano un effetto da catena di montaggio industriale con ingranaggi che producono solo rumore e movimenti senza scopo.

Tino di Camaino
Siena 1285 ca. - Napoli 1337 Scultore e architetto italiano Tino di Camaino fu introdotto allarte dal padre Camaino di Crescentino, anchegli maestro di pietra. Lapprendistato dellartista si svolse probabilmente a Siena, a contatto con Giovanni Pisano, impegnato nel cantiere della Cattedrale. Nel corso del primo decennio del Trecento Tino di Camaino si stabil a Pisa, dove nel 1306 lavorava alla realizzazione dellarca di San Ranieri, oggi conservata nel Museo dellOpera del Duomo. Nel 1311 lartista era impegnato nellesecuzione del Fonte battesimale per il Duomo, opera andata distrutta e della quale alcuni frammenti si conservano nel Museo dellOpera e nel Museo Nazionale di Pisa. Nel 1315 Tino di Camaino fu nominato capomaestro del Duomo, rilevando la carica che era gi stata di Giovanni Pisano. Nello stesso anno fu commissionato allartista il monumento funerario dellimperatore Enrico VII di Lussemburgo, morto a Pisa nel 1313 e sepolto nella Cattedrale. Sono state credute parte di questo stesso complesso monumentale un gruppo di statue raffiguranti Enrico VII circondato dai suoi dignitari, conservate nel Museo dellOpera di Pisa. Sembra pi verosimile invece che il gruppo plastico costituisse il coronamento di una delle porte della citt, eseguito in occasione dellentrata a Pisa dellimperatore nel 1313. Ladesione al partito guelfo cost a Tino di Camaino lesilio da Pisa, citt tradizionalmente ghibellina; rientrato a Siena verso il 1316, lartista fu nominato capomaestro della Cattedrale, allinterno della quale esegu nel 1318 il monumento sepolcrale del cardinale Petroni. Nel 1321 Tino di Camaino si trasfer a Firenze, dove ricevette prestigiose commissioni dallOpera del Duomo; nella Cattedrale il maestro esegu la sepoltura del vescovo Antonio Orso, parzialmente conservata ancora oggi allinterno delledificio. Faceva probabilmente parte del complesso anche il rilievo con la Vergine in trono esposta nel Museo del Bargello, sempre a Firenze. Per la decorazione esterna del Battistero lartista realizz un gruppo scultoreo con San

Storia dellarte Einaudi

Giovanni Battista, lavoro assai celebrato dalle fonti antiche e del quale rimangono alcuni frammenti nel locale Museo dellOpera del Duomo. Nella chiesa di Santa Croce, infine, Tino scolp il sepolcro di Gastone della Torre, patriarca di Aquileia deceduto a Firenze durante un viaggio. La fama dellartista super ben presto i confini regionali inducendo il re Roberto dAngi ad invitarlo a Napoli, dove Tino di Camaino giunse probabilmente nel 1323. Al maestro, coadiuvato da una importante bottega, furono commissionate dalla dinastia angioina molte delle sepolture della famiglia reale, dislocate nelle pi importanti chiese napoletane. Nel 1323 lartista esegu il monumento funerario di Caterina dAustria, nella chiesa di San Lorenzo; nel 1325 Tino era impegnato nelledificazione del sepolcro di Maria dUngheria, nella chiesa di Santa Maria Donna Regina, mentre fra il 1329 e il 1337 lartista realizz le sepolture di Maria dAngi, Carlo di Calabria e Maria di Valois nella chiesa di Santa Chiara. Lultimo di questi monumenti fu pagato nel 1339 alla vedova dello scultore, scomparso nel 1337.

Torrigiano, Pietro
Firenze 1472 - Siviglia 1528 Scultore italiano Allievo di Bertoldo di Giovanni, venne esiliato da Firenze dopo una lite violenta con Michelangelo, al quale aveva lacerato il naso con un pugno. Giunto a Roma, prese parte alla decorazione in stucco nellappartamento Borgia in Vaticano; si rec poi in Fiandra, alla corte di Margherita dAustria, e intorno al 1511 si stabil in Inghilterra. Verso il 1522 pass in Spagna, dove mor in carcere, rinchiusovi dallInquisizione per aver distrutto una statua sacra. Tra le sue opere, si ricordano le tombe di Enrico VII e di Elisabetta di York (1512-18), nellabbazia di Westminster a Londra, e la Madonna e San Girolamo conservata nel Museo di Siviglia: in tali sculture seppe innestare il plasticismo fiorentino nel gusto decorativo ancora tardogotico della tradizione inglese. Della sua attivit di medaglista si ricordano alcune placchette.

Storia dellarte Einaudi

Verdun, Nicola de
secc. XII-XIII Scultore, orafo e smaltatore lorense il maggiore rappresentante della scuola mosana di smalti ed oreficeria e uno dei pi grandi artisti del medioevo. Il suo nome appare per la prima volta nel 1181 sullaltare della chiesa abbaziale di Klosterneuburg vicino a Vienna; cinquantuno placche di smalto che raffigurano Episodi del Vecchio e del Nuovo Testamento. Nelle figure e nelle scene si rivela un linguaggio originale e intensamente espressivo; un nuovo senso del volume e dello spazio ottenuto attraverso lincisione marcata delle linee, sottolineate da smaltature rosse e blu. Riferita a Nicola, anche la cassareliquiario dei Re magi, realizzata per la cattedrale di Colonia. Testi gotici compiuti sono il reliquiario di NotreDame nella cattedrale di Tournai (firmato e datato 1205) e il reliquiario di SantAnnone nella chiesa abbaziale di San Michele a Siegburg.

Verrocchio, Andrea di Francesco di Cione detto il


Firenze 1435 - Venezia 1488 Pittore e scultore italiano Attivo inizialmente come orafo, protetto dai Medici, insieme al Pollaiolo uno dei protagonisti dellarte fiorentina della seconda met del Quattrocento, alla guida di unimportante bottega con allievi illustri tra cui Leonardo. Intorno alla met degli anni Sessanta lavora al lavabo della Sagrestia Vecchia di San Lorenzo. Per la stessa chiesa, tra il 1465 e il 1467, esegue il monumento funebre di Cosimo de Medici nella cripta sotto laltare, mentre nel 1472 termina quello per Piero e Giovanni de Medici. Dal 1466 gli

Storia dellarte Einaudi

viene commesso il gruppo bronzeo dellIncredulit di san Tommaso per unedicola della chiesa di Orsanmichele, nella quale il gruppo sar collocato solo nel 1483. Intorno al 1474 chiamato ad eseguire il monumento Forteguerri per il Duomo di Pistoia, che lascer incompiuto. Nei primi anni Settanta compie un viaggio a Roma e lavora al David bronzeo (Firenze, Bargello), mentre intorno al 1480 sono da collocare il busto della Dama col mazzolino (Firenze, Bargello), e il rilievo per il monumento funebre di Francesca Tornabuoni per la chiesa di Santa Maria sopra Minerva a Roma (ora a Firenze, Bargello). Nel 1479 comincia a lavorare al modello per il monumento equestre di Bartolomeo Colleoni che la citt di Venezia voleva far collocare nel campo dei Santi Giovanni e Paolo; verso il 1483 parte per Venezia, dove muore nel 1488. Pi difficile ricostruire il percorso della sua attivit di pittore, della quale soprattutto da ricordare il Battesimo di Cristo per la chiesa di San Salvi (ora a Firenze, Uffizi), dipinto entro il 1470. Altre opere avvicinabili al Verrocchio sono spesso attribuite a qualcuno dei suoi numerosi allievi, come Ghirlandaio o Lorenzo di Credi.

Vigeland, Gustav
Mandal 1869-1943 Scultore norvegese Nato in una famiglia di artigiani, sino da giovanissimo manifest la volont di intraprendere la professione di scultore, dimostrando notevoli doti nella lavorazione del legno. Dopo la morte del padre, avvenuta nel 1886, egli dovette aiutare la madre per mantenere il fratello. Autodidatta per necessit finanziarie, appassionato lettore di Omero, si trasfer a Oslo, dove fu riconosciuto nel suo talento dallo scultore Bergslien, che lo fece lavorare con s. Ispirato dalla scultura medioevale, da Michelangelo e da Rodin, la cui opera pot conoscere durante un soggiorno a Parigi, egli cerc di esprimere i propri sentimenti interiori con accentuato simbolismo e la propria originalit attraverso lesaltazione della vita umana. Negli ultimi quaranta anni della sua vita lavor ad un parco, il Frognepark a Oslo, in cui scolp soltanto figure umane raffigurate nelle varie fasi della vita, in pietra e in bronzo. Loriginalit della produzione artistica di Vigeland risiede nellesaltazione della vita delluomo.

Storia dellarte Einaudi

Vittoria, Alessandro
Trento 1525 - Venezia 1608 Scultore italiano Si form come scultore a Venezia nella bottega di Jacopo Sansovino intorno al 1543. Fu tra i collaboratori del maestro nella decorazione plastica in stucco della Libreria Marciana, lavorando allinterno di un gruppo composito di scultori veneti e toscani di cui fece parte anche Bartolomeo Ammannati (1555). Ancora accanto al Sansovino Vittoria collabor allornamentazione della Scala doro di Palazzo Ducale (1556). Negli stessi anni oper anche nellentroterra, prima a Vicenza e poi in SantAntonio a Padova. Presto egli divenne in Veneto la maggiore personalit in campo plastico, come testimonia la sua collaborazione con Paolo Veronese e Andrea Palladio nella villa Barbaro a Maser (1560), dove esegu la decorazione a stucco della facciata e del ninfeo. Oltre allinfluenza di Sansovino e della scultura di Michelangelo, che dette alla scultura di Vittoria una maggiore consistenza dei volumi, lartista segu le eleganze formali della maniera, tratte soprattutto dal Parmigianino per ottenere grazia e fluidit di ritmo nelle opere ornamentali. Tra le espressioni pi originali della sua carriera vi fu la ritrattistica. Vittoria infatti esegu penetranti ritratti di illustri esponenti del patriziato veneto, per esempio il Busto di Orsato Giustiniani (Padova, Museo Civico). Tale attivit acquist negli anni successivi un marcato accento pittorico avvicinando la ricerca espressiva dello scultore alle esperienze conclusive di Tintoretto.

Vuolvinio
IX sec. Scultore italiano Lattivit dellartista si collega alleccezionale altare della chiesa di SantAmbrogio, rivestito di lamine doro e dargento sbalzate ed incorniciate da smalti, gemme e pietre preziose. Vuolvinio fu certamente lideatore di tutto il complesso, come dimostra lorgogliosa esibizione del suo ritratto e della sua firma sul tergo dellaltare, ma fu probabilmente affiancato da valenti aiuti, cui vengono riferiti gli episodi cristologici della fronte. Nelle Storie di SantAmbrogio lartista rivela le fonti della sua cultura, che attingono alla tradizione classica, conoscono la contemporanea produzione carolingia, mostrano una sostanziale coerenza formale ravvivata da un sottile senso drammatico.

Storia dellarte Einaudi

Wiligelmo
notizie dal 1099 al 1110 Scultore italiano La sua opera scultorea ci nota soltanto attraverso la decorazione interna ed esterna del Duomo di Modena, dove Wiligelmo mostra una visione plastica fondata sul rapporto dialettico tra figure e fondo, con influssi dalla scultura della Linguadoca francese, filtrata per da uno stile personale e concreto. La sua influenza sar avvertita da tutte le manifestazioni artistiche nel Nord Italia.

Storia dellarte Einaudi

Ximenes, Ettore
Palermo 1855 - Roma 1926 Scultore italiano. Formatosi a Palermo ma poi allievo di Morelli allAccademia di Napoli, dove conobbe anche lopera di Gemito, combin insieme verismo, moduli rinascimentali e simbolismo. Ricevette importanti commissioni allestero, come quelle per il mausoleo del generale Belgrano a Buenos Aires, per i monumenti a Dante e a Giovanni da Verrazzano a New York e per quello ad Alessandro II a Kiev. Fra le opere realizzate in Italia si ricordano la quadriglia per il palazzo di Giustizia e il monumento a Garibaldi a Milano.

Storia dellarte Einaudi

Zadkine Ossip
Smolensk 1890 - Neuilly-sur-Seine 1867 Scultore russo Dopo un soggiorno di tre anni in Inghilterra, si trasferisce nel 1909 a Parigi, dove siscrive allEcole des Beaux Art, conosce Archipenko, Modigliani, Brancusi e Lipchitz e partecipa alle ricerche davanguardia. Inizialmente influenzato da Brancusi, aderisce in seguito al cubismo, ricercando per la semplificazione plastica dellarte primitiva pi che la scomposizione dei piani e mostrandosi sempre particolarmente attento alle specificit dei materiali impiegati. Giunge cos ad uno stile espressionistico, dove i gesti si dilatano teatralmente e la scultura pare pervasa dal movimento. Pi tardi invece alleggerisce la massa scolpita con ampi vuoti che la passano da parte a parte, cos da moltiplicare i punti di vista e raggiungere effetti di imponente ieraticit e drammaticit.

Gli Zamara
secc. XV-XVI Famiglia di scultori in legno originari di Chiari Antonio (Chiari, 1430 ca. - 1506/1507), padre di Matteo, autore col figlio di un dipinto con Gloria dei Santi per la chiesa di Nembro, in Val Seriana, datato 1490, lavoro di mediocre interesse legato alla cultura di Bergognone. Firma e data nel 1492 una statua lignea con la Madonna col Bambino nel santuario della Stella a Bagnolo Mella, purtroppo pesantemente ridipinta, sua unica opera scultorea accertata.

Storia dellarte Einaudi

Clemente (Chiari, fine XV secolo - dopo il 1536), sicuramente appartenente alla stessa famiglia, fu, oltre allattivit di intagliatore, notaio e verseggiatore. Nel 1520 attivo nella zona di Asola; nel 1524 esegue una Vergine Annunciata per la Cattedrale di Asola, oggi in pessime condizioni ed un Compianto a pi figure per Canneto sullOglio. Nel 1520 data e firma gli stalli del coro della chiesa di San Rocco a Brescia, oggi conservati in San Giuseppe a Brescia. Gli stato attribuito anche il Compianto conservato nel santuario della Stella a Bagnolo, dove documentato risiedere dal 1525 al 1530. Nel 1536 termina il pulpito della Cattedrale di Asola, commessogli nel 1526, prima su disegno di Giovan Antonio da Brescia, poi di un altro pittore.

Storia dellarte Einaudi