Sei sulla pagina 1di 34

iotto

Ed.virtuali Il Basilisco
Finito di realizzare nel giugno 2010 per OkArte
Giotto certamente tra i pi grandi pittori italiani, oltre che ad essere un famoso architetto.
Giotto di Bondone nasce nel 1266 a Vicchio nel Mugello (presso Firenze). Allievo di Cimabue e
influenzato dal Cavallini elogiato da Dante, Petrarca e Boccaccio.
Intorno al 1290 al suo rientro a Firenze Giotto realizza la splendida e grande Croce di Santa Maria
Novella, che rompe con la tradizione pittorica precedente.
Infatti il Cristo di Giotto non pi un'icona, ma un uomo crocifisso. Sempre a Firenze realizza il
bellissimo Polittico di Badia (1301-1304) oggi conservato alla Galleria degli Uffizi.
Artista-simbolo dell'intero Medioevo, Giotto conobbe particolare e vastissima fama anche presso i
propri contemporanei, come testimoniano le numerosissime citazioni e trattazioni che lo
riguardano, presenti in fonti letterarie e documentarie sin dai primi decenni del Trecento.
La sua personalit artistica fu unanimemente riconosciuta, gi dagli intellettuali del tempo, come
momento di snodo della cultura pittorica occidentale, in un'ottica anticipatrice dei valori formali,
ma anche ideali, del Rinascimento.
Giotto pu essere a tutti gli effetti considerato il primo pittore italiano, in parallelo con il ruolo
svolto da Dante Alighieri nella formazione della nuova lingua nazionale.
Gi nel 1300 Giotto godeva di ampia fama come pittore e come architetto. La sua arte, di
sconvolgente modernit, fu di modello anche per le generazioni successive, sino al Rinascimento.
Rari e variamente interpretati sono i documenti sulla sua partecipazione al cantiere della basilica
superiore di San Francesco ad Assisi.
Rientra a Firenze intorno al 1311, come documentato da numerosi documenti relativi alle sue
attivit economiche. Il numero e la qualit dei committenti di questo periodo, indicano
chiaramente la fama raggiunta da Giotto in pochi anni di attivit artistica.
Ebbe committenti in tutta Italia, e sono documentati dal Vasari alcuni soggiorni a Ravenna,
Bologna, e Verona.
Negli anni successivi lo troviamo pi volte a Roma e a Rimini. Dopo questi soggiorni ritorn ad
Assisi per affrescare le cappelle, nel frattempo costruite dai frati francescani, lungo la navata e
dietro il transetto.
Pi tardi Giotto viene chiamato a Padova per realizzare gli affreschi della Cappella degli
Scrovegni, capolavoro di inestimabile bellezza della pittura italiana
Il ciclo di affreschi, realizzato in soli due anni, raffigura le Storie di Anna e Gioacchino, di Maria,
di Ges, Allegorie dei Vizi e delle Virt e Il Giudizio Universale.
Tra le opere fiorentine di Giotto troviamo la splendida Madonna di Ognissanti, conosciuta anche
come la Maest degli Uffizi, che raffigura perfettamente il nuovo stile dell'artista con volumi e
forme plastiche e contrasti chiaro-scuri, e gli affreschi nella Basilica di Santa Croce.
La Cappella dei Peruzzi infatti affrescata con La Vita di San Giovanni Battista e di San Giovanni
Evangelista, mentre la Cappella dei Bardi narra episodi della Vita di San Francesco.
Ma Giotto non fu soltanto un grande pittore, ma anche un rinomato architetto. Lavor quasi
esclusivamente a Firenze dove fu nominato Capomastro dell'Opera di Santa Reparata, realizzando
la parte inferiore del Campanile intitolato appunto Campanile di Giotto
Viene nominato capomastro dell'opera del Duomo e ingegnere capo del comune fiorentino, inoltre
pone le fondamenta del campanile omonimo. Nello stesso periodo, consegna i disegni delle Storie
delle Creazione, formelle per il suddetto campanile, che saranno scolpite in seguito da Andrea
Pisano. Nel 1335 sappiamo che si rec a Milano, e vi rimase fino al 1336.
Fu ospite alla corte dei Visconti, ma le opere qui eseguite sono andate totalmente perdute. Tornato
a Firenze, inizia ad affrescare la cappella del Podest nel Palazzo del Bargello.
Giotto spir alla veranda et di settanta anni l'8 gennaio del 1337, ed ebbe solenne sepoltura a
spese del comune
.Purtroppo molte opere di Giotto sono andate perdute o disperse. Alcune sono conservate in musei
internazionali come il Louvre di Parigi e il MET di New York.E' ed stato uno dei pi grandi
artisti italiani per la profondit di concezione, sempre sublimata in linguaggio semplice ed
universalle
Madonna col bambino
Ognissanti Madonna
Madonna col Bambino 1320 - National Gallery - Washington
S.Stefano 1320-1325
Polittico stefaneschi-12661337
Polittico: Madonna col Bambino e i santi Nicola di Bari, Giovanni Evangelista, Pietro e Benedetto;
nel tondo della cuspide centrale: Cristo benedicente; negli altri tondi: quattro angeli (in origine nella chiesa
della Badia), 1295 1300
Tavola, 142 x 337 cm Firenze, Galleria degli Uffizi
Polittico, Cristo benedicente fra San Giovanni Evangelista, la Vergine, San Giovanni Battista e
San Francesco dAssisi, 1310-1315
Tempera e foglia doro su tavola, 105,7 x 250,2 cm
Polittico Tempera ad olio 91 x 340 cm
Pinacoteca, Bologna
Presentazione della Vergine al Tempio
La deposizione del Cristo
LAscernsione
Lannunciazione a S. Anna
Aurea Domus
I Santi Apostoli Pietro e Paolo, circa 1325-1335
Tempera trasportata su rame, 130 x 95 cm
Citt del Vaticano, Museo del Tesoro di S. Pietro, Basilica Vaticana
Onorio III approva la regola di S.Francesco
S Francesco Compianto delle Clarisse
La regola di S Francesco
I S.Apostoli Pietro e Paolo
Crocifissione del Cristo
La cacciata dei demoni
Le visioni di S.Francesco
Il

Il bacio di Giuda
Il Sogno Innocenzo II
Frammento di Madonna
Crocefissi
Tutti i diritti riservati