Sei sulla pagina 1di 23

PROGETTO DI

ITALIANO

Pittori Famosi

Leonardo Da Vinci

Leonardo di ser Piero


da Vinci(Vinci,15
aprile1452Amboise,
2 maggio1519) stato
unpittore,ingegneree
scienziatoitaliano.Uom
o d'ingegno e talento
universaledelRinascim
ento, incarn in pieno lo
spirito della sua epoca,
portandolo alle
maggiori forme di
espressione nei pi
disparati campi dell'arte
e della conoscenza. Si
occup
diarchitetturaescultur
a,

La Gioconda

In questo periodo inizi il


capolavoro che lo rese celebre
nei secoli, laGioconda.
Identificata tradizionalmente
comeLisa Gherardini, nata
nel1479e moglie di
Francesco Bartolomeo del
Giocondo (da cui il nome
"Gioconda"), il dipinto,
considerato il ritratto pi
famoso del mondo, va ben
oltre i limiti tradizionali del
genere ritrattistico. Come
scrisseCharles de
Tolnay(1951) nella
Gioconda, l'individuo - una
sorta di miracolosa creazione
della natura - rappresenta al
tempo stesso la specie: il
ritratto, superati i limiti
sociali, acquisisce un valore

Ma l'aspetto formale l'impaginazione nuova, la


nobilt dell'atteggiamento e
la dignit del modello che ne
deriva - ebbe un'azione
risolutiva sul ritratto
fiorentino delle due decadi
successive [...] Leonardo ha
creato con laGiocondauna
formula nuova, pi
monumentale e al tempo
stesso pi animata, pi
concreta, e tuttavia pi
poetica di quella dei suoi
predecessori. Prima di lui, nei
ritratti manca il mistero; gli
artisti non hanno raffigurato
che forme esteriori senza
l'anima o, quando hanno
caratterizzato l'anima stessa,
essa cercava di giungere allo

Michelangelo Merisi De
Caravaggio
Michelangelo
Merisi(oAmerighi), noto come
ilCaravaggio(Milano,29
settembre1571Porto
Ercole,18 luglio1610) stato
unpittoreitaliano. Formatosi
traMilanoeVeneziae attivo
aRoma,Napoli,Maltae
inSiciliafra il1593e il1610,
uno dei pi celebri pittori
italiani di tutti i tempi, dalla
fama universale. I suoi dipinti,
che combinano un'analisi dello
stato umano, sia fisico che
emotivo, con un drammatico
uso della luce, hanno avuto una
forte influenza formativa
sullapittura barocca.

Di animo particolarmente
irrequieto, affront diverse
vicissitudini durante la sua
breve esistenza. Data cruciale
per l'arte e la vita di Merisi fu
quella del 28 maggio1606, a
partire dalla quale, essendosi
reso responsabile di un omicidio
durante una rissa e condannato
a morte per lo stesso, dovette
vivere in costante fuga per
scampare alla pena capitale.
Il suo stile influenz
direttamente o indirettamente
la pittura dei secoli successivi
costituendo un filone di seguaci
racchiusi nella corrente
delcaravaggismo.

Il Caravaggismo
Con questo termine si indica lo stile degli
artisti che si ispirano al Caravaggio.
Nei dipinti caravaggeschi troviamo
grande realismo nel riprodurre le figure,
rappresentate generalmente su uno
sfondo monocromo, e illuminate da una
luce violenta. I principali
pittoricaravaggistisonoBartolomeo
Manfredi,Carlo
Saraceni,OrazioeArtemisia
Gentileschi,Giovanni Antonio Galli(detto
lo Spadarino), Francesco Boneri (pi noto
comeCecco del Caravaggio),Gerrit van
Honthorst(tradizionalmente chiamato
Gherardo delle Notti),Hendrick ter
Brugghen,Giovanni Serodine,Carlo
Sellitto,Battistello CaraccioloeJusepe de
Ribera; in questi ultimi due, operanti
aNapoli, ritroviamo riproposto lo stile
degli ultimi anni del Caravaggio,
caratterizzato da atmosfere molto cupe.

La monumentale opera del


Caravaggio influenza anche una
fitta schiera di grandi artisti
d'Oltralpe, tra i quali:Louis Le
Nain,Georges de La
Tour,Valentin de
Boulogne,Simon
Vouet,Francisco de
Zurbarn,Diego
Velzquez,Bartolom Esteban
Murillo,Matthias Stomer,Pieter
Paul Rubens,Antoon van
Dyck,Rembrandt,Jan
Vermeer,Adam Elsheimer.
Inoltre, influenze caravaggesche
pervadono persino le opere di
artisti ottocenteschi
quali:David,Goya,Gericault,Del
acroix,Courbet.

Artemisa Gentileschi
Artemisia Lomi
Gentileschi(Roma,8
luglio1593Napoli,1653) stata
unapittriceitalianadiscuola
caravaggesca.
Autoritratto come allegoria della
Pittura, 1638-39,Royal
Collection,Windsor
Vissuta durante la prima met
delXVII secolo, riprese dal
padreOrazioil limpido rigore
disegnativo, innestandovi una
forte accentuazione drammatica
ripresa dalle opere
delCaravaggio, caricata di effetti
teatrali;stilemache contribu alla
diffusione
delcaravaggismoaNapoli, citt in
cui si era trasferita dal1630.

Negli anni settanta del secolo


scorso Artemisia, a partire
dalla notoriet assunta dal
processo per stupro da essa
intentato, divent un simbolo
del femminismo
internazionale, con numerose
associazioni e circoli ad essa
intitolate. Contribuirono
all'affermazione di tale
immagine la sua figura di
donna impegnata a perseguire
la propria indipendenza e la
propria affermazione artistica
contro le molteplici difficolt e
pregiudizi incontrati nella sua
vita travagliata.

Raffaello Sanzio
Raffaello Sanzio
(Urbino, 28
marzo o 6 aprile
1483 Roma, 6
aprile 1520)
stato un pittore
e architetto
italiano, tra i pi
celebri del
Rinascimento
italiano.

Madonna Di Casa Santi


La Madonna di Casa Santi
un affresco (97x67 cm)
attribuito a Raffaello Sanzio,
databile al 1498 circa e
conservato in Casa Santi a
Urbino. Si tratta di una delle
primissime opere assegnate
all'artista, allora appena
quindicenne. L'opera,
affrescata nella stanza in cui
si crede che Raffaello sia
nato, fino a pochi anni
addietro era ritenuta di
mano di Giovanni Santi,
padre di Raffaello, e che
raffigurasse la moglie e lo
stesso figlio (Cavalcaselle).

Questa attribuzione,
ribadita da Adolfo
Venturi, venne poi
abbandonata in favore
del giovane Raffaello da
Ragghianti, Longhi e
Brizio. La similitudine del
volto di Maria con quello
dell'ancella nella Nativit
della Vergine nella
predella della Pala di
Fano, opera di Perugino e
bottega, ha fatto riferire
a Raffaello anche quella
tavoletta.

Michelangelo Buonarotti
Michelangelo
Buonarroti(Caprese
Michelangelo,6
marzo1475Roma,18
febbraio1564) stato
unoscultore,pittore,a
rchitettoepoetaitalian
o. Protagonista
delRinascimento
italiano, fu riconosciuto
gi al suo tempo come
uno dei pi grandi
artisti di sempre.

Fu nell'insieme un artista tanto


geniale quanto irrequieto. Il suo
nome collegato a una serie di
opere che lo hanno consegnato
alla storia dell'arte, alcune delle
quali sono conosciute in tutto il
mondo e considerate fra i pi
importanti lavori dell'arte
occidentale: ilDavid, laPieto il
ciclo di affreschi nellaCappella
Sistinasono considerati
traguardi insuperabili
dell'ingegno creativo.
Lo studio delle sue opere segn
le generazioni successive, dando
vita, con altri modelli, a una
scuola che fece arte "alla
maniera" sua e che va sotto il
nome dimanierismo.

Il Giudizio Universale
Il Giudizio universale un
affresco (13,7x12,2 m) di
Michelangelo Buonarroti,
realizzato tra il 1536 e il 1541
per decorare la parete dietro
l'altare della Cappella Sistina
(Musei Vaticani). Si tratta di
una delle pi grandiose
rappresentazioni della
parusia, ovvero dell'evento
dell'ultima venuta alla fine
dei tempi del Cristo per
inaugurare il Regno di Dio,
nonch di un capolavoro
dell'arte occidentale in
generale, amato e celebrato
in tutto il mondo.

Il Giudizio universale segn


la fine di un'epoca e costitu
uno spartiacque della storia
dell'arte e del pensiero
umano: all'uomo forte e
sicuro dell'Umanesimo e del
primo Rinascimento, che
Michelangelo stesso aveva
esaltato negli Ignudi della
volta, subentra una visione
caotica e angosciata che
investe tanto i dannati
quanto i beati, nella totale
mancanza di certezze che
rispecchia la deriva e le
insicurezze della nuova
epoca.

Giotto Di Bondone
Giotto di
Bondone, forse
diminutivo di
Ambrogio o
Angiolo,
conosciuto
semplicemente
come Giotto
(Vespignano,
1267 circa
Firenze, 8
gennaio 1337),

La croce di Santa Maria


Novella
Il primo capolavoro fiorentino
il grande Crocifisso di Santa
Maria Novella, citato come
opera giottesca in un
documento del 1312 da tale
Ricuccio di Puccio del Mugnaio
e anche dal Ghiberti, ma
probabilmente databile attorno
al 1290 contemporaneo, quindi,
alle Storie di San Francesco
della Basilica superiore. il
primo soggetto che Giotto
affronta in maniera
rivoluzionaria, in contrasto con
l'iconografia ormai canonizzata
da Giunta Pisano del Christus
patiens inarcato sinuosamente
a sinistra.

Giotto invece dipinse il


corpo morto in maniera
verticale, con le gambe
piegate che ne fanno
intuire tutto il peso. La
forma non pi nobilitata dai
consueti stilemi divenne
cos assolutamente umana
e popolare.In queste novit
contenuto tutto il senso
della sua arte e della nuova
sensibilit religiosa che
restituisce al Cristo la sua
dimensione terrena e da
questa trae il senso
spirituale pi profondo.

Solo l'aureola ricorda la sua


natura divina, ma mostra le
sembianze di un uomo
umile realmente sofferente,
con il quale l'osservatore
potesse confrontare le sue
pene.In quegli anni Giotto
era gi un pittore
affermato, capace di creare
una schiera di imitatori in
citt, pur rappresentando
soltanto l'anticipatore di
una corrente d'avanguardia
che si impose pi tardi.

Il contesto toscano e fiorentino


dell'epoca era animato da grandi
fermenti innovativi, che
influenzarono Giotto: a Pisa la
bottega di Nicola Pisano e poi del
figlio Giovanni aveva cominciato
un percorso di recupero della
pienezza della forma e dei valori
dell'arte classica aggiornata con
influssi gotici transalpini, mentre
Siena, in contatto privilegiato
con molti centri culturali europei,
aveva visto l'innesto di novit
gotiche sulla tradizione bizantina
nella pittura di un artista del
calibro di Duccio di Buoninsegna.

Punuan:
Luiza Torba
Joana Hazisllari
Roxhesa Klironomi
Xhuljana Buna
Renato Manahasa
Indrit Gjata
Sabahudin Vejko