Sei sulla pagina 1di 3

Denominazione Etnomusicologia: viaggio nella musica popolare italiana

Destinatari Studenti della scuola secondaria di primo grado, classi terze


Pre-requisiti - conoscenza delle aree geografiche in oggetto (settentrione, centro, meridione,
isole);
- storia delle dominazioni nelle diverse regioni (almeno fino alla I Guerra
Mondiale).
Obiettivi - saper riconoscere la valenza espressiva di un brano musicale di tradizione
formativi popolare;
- riconoscere i tratti comuni e quelli caratteristici dei brani e degli strumenti
utilizzati;
- il tipo di scala utilizzata;
- influenze derivate da altri popoli, frammenti o melodie popolari inserite in
composizioni di musica di tradizione colta;
- toccare un'area interdisciplinare abbinando il costume tradizionale regionale
(storia del costume/arte).
Metodologia - ascolto di brani spiccatamente tra loro (La Monferrina, Ciuri Ciuri, I
Tedeschi per Ravenna, Torna a Surriento) facendo sviluppare una possibile
idea di collegamento geografico;
- registrazione di brani cantati in famiglia attraverso il laboratorio “Essere
moderni etnomusicologi”;
- lavoro senso motorio o danza per aiutare a comprendere il ritmo;
- lavoro in gruppo per la costruzione di musica e canto popolare moderni
attraverso l'uso di dialetti diversi;
- lavoro testuale comparando versioni originali e possibili rimaneggiamenti;
- ascolto di grandi compositori che hanno inserito frammenti e/o musiche
popolari in brani di musica di tradizione colta (I Pini di Roma – Madama Doré,
Fra Martino – Mahler Sinfonia 1 il Titano, Uefa Champions League – Zadok
The Priest);
- interdisciplinarietà con arte e immagine: storia del costume piemontese nel
1800 (ricerca libera);
- costruzione dello scacciapensieri e del tamburello.
Valutazione In itinere, attraverso progetti esterni e attività di gruppo in classe e finale.
Materiali Aula sgombra da banchi, materiale per scacciapensieri e tamburello,
dispositivi multimediali.
Tempo 2 – 3 mesi.
Ascolto: “La Monferrina”
1. Da dove potrebbe provenire questo brano musicale della tradizione popolare?
….......................................................................................................................
2. Secondo te, di che tempo si tratta? (crocetta la risposta corretta)
O 5/8 O 6/8 O 2/16
3. Si tratta di una musica da chiesa, da danza, da camera?
….............................................................................
4. Di seguito viene proposto il testo in dialetto e la traduzione in lingua italiana. Sapresti
indicare di quale dialetto si tratta?
….............................................................................
5. Completa le parti mancanti utilizzando le parole che vedi qui:
contadino - sgabello - ballano - setaccio - fazzoletto - buondì

Testo in dialetto: Testo in lingua italiana

Òh ciàh ciàh, Maria Catlin-a Oh ciao ciao Maria Caterina


domje, domje na siassà. diamole, diamole una setacciata.
Òi si si ch'i la darìa Ohi sì sì che gliela darei
l'hai lassà lë siass a ca. ma ho lasciato il …............... a casa.
Ris e còj e tajarin Riso e cavoli e tagliatelle
vardé-sì com a balo bin: guarda qui come ballano bene:
a balo pì bin le paisanòte …................. meglio le contadinelle
che le tòte dë Turin. che le ragazze di Torino.

Ritornello: Òh bondì, bondì, bondì Ritornello: Oh …......................, buondì, buondì


‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta, ancora una volta, ancora una volta,
Òh bondì, bondì, bondì Oh buondì, buondì, buondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì. ancora una volta e poi mai più.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta Ancora una volta sotto la porta
‘Ncora na vira sota la riva, Ancora una volta sotto la riva,
òh bondì, bondì, bondì oh buondì, buondì, buondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì. ancora una volta e poi mai più.

Còs it fas Maria Catlin-a Cosa fai Maria Caterina


lì setà ‘n sël taboret, lì seduta sullo …......................,
da na man la ventajin-a in una mano il ventaglietto
e da l'àutra ‘l fassolèt? e nell'altra il …......................?
Pijé na giòja che vë pias, Prendete una gioia che vi piace,
dej' la man, tirela ‘n brass. datele la mano, prendetela in braccio.
La corenta a l'é pì bela La corenta è più bella
e peui traderiderà. e poi traderiderà.

Ritornello Ritornello

Për dansé la Monfërin-a Per ballare la Monferrina


j'é rivaje n'ufissial, è arrivato un ufficiale,
l'ha ciapà Maria Catlin-a ha preso Maria Caterina
l'ha portala ‘n mes al bal. l'ha portata in mezzo al ballo.
Fate ‘n là, ti, paisan, Fatti in là, tu, …...................,
passo mi con ël vardanfan. passo io col vardanfan.
Feme mach un bel inchin Fatemi solo un bell'inchino
che mi iv fas un bel basin. che vi do un bel bacino.

Ritornello Ritornello
Ascolti a paragone:
Ecco, di seguito, due immagini (non preoccuparti delle note non sono la cosa più importante). Chiudi gli
occhi e ascolta il primo brano.

1. Conosci questo brano? Se sì indica il suo nome. .............................................


2. Dove lo hai sentito? ….................................................................
3. Ti sembra allegro? Triste? ….................................................................................
4. Con quale colore lo descriveresti?......................................................................................

Ora ascolta il secondo brano.

1. Conosci questo brano? Se sì indica il suo nome. .............................................


2. Dove lo hai sentito? ….....................................................
3. Ti sembra allegro? Triste? …............................................................................
4. Con quale colore lo descriveresti? …............................................................................
5. Che differenze noti tra i due ascolti? … …........................................................................
6. Secondo te questo brano è stato influenzato dal precedente? Se sì, indica il perché
….......................................................................................................................................
….......................................................................................................................................