Sei sulla pagina 1di 2

CHIMICA DEI MATERIALI

STORIA
La chimica organica comprende anche lo studio dei materiali sintetici ricavati dalla
lavorazione dei composti del carbonio. Questi materiali vengono chiamati polimeri sintetici
(i quali non esistono in natura).
Dal 1800 circa, con la seconda rivoluzione industriale, si ebbe un incremento di produzione
e un aumento di capitale diretto verso le industrie chimiche non indifferente. Insieme ai
polimeri infatti ritroviamo una vasta produzione di acciai, vetro, porcellane, ecc.
Il termine polimero, viene usato per la prima volta da Jns Jacob Berzelius nel 1832 (il quale
us originariamente il termine polimerico riferendosi ai composti che avevano la stessa
formula empirica).
Inizialmente considerati micelle (per via del loro comportamento colloide) fino al 1920 quando
Hermann Staudinger (premio Nobel per la chimica del 1953) utilizz per la prima volta il
termine macromolecola.
Ecco una serie dei materiali pi importanti scoperti:

1907, Baekeland, bachelite, prima plastica sintetica;


1912, Klatte, PVC (o policloruro di vinile);
1929, le industrie I.G. Farben, poliestere;
1933, Gibson e Fawcett, polietilene;
1935, lab. DuPont, poliesametilendiammina (il nylon);

CARATTERISTICHE CHIMICHE FONDAMENTALI


Un polimero una macromolecola formata da unit base, dette monomeri, uniti tra loro
da leg. covalenti:

Monopolimero: unico tipo di monomero, ripetuto pi volte;


Copolimero: due o pi monomeri diversi tra loro, ripetuti pi volte.

REAZIONE DI ADDIZIONE
I polimeri ottenuti per poliaddizione sono costituiti da monomeri che presentano almeno
un doppio legame.
POLIADDIZIONE RADICALICA
Liniziatore (molto reattivo), indicato con I, si addiziona al monomero rendendolo a sua
volta una specie radicalica. Il processo si espande a catena su tutti gli altri monomeri
formando delle lunghe catene.

POLIADDIZIONE ANIONICA
Prevede che nel C, avente i doppi legami del monomero, siano legati gruppi
elettronattrattori, i quali favoriscono la rottura di tale legame rendendo C negativo.

POLIADDIZIONE CATIONICA

Prevede che nel C, avente i doppi legami del monomero, siano legati gruppi
elettrodonatori, i quali favoriscono la rottura di tale legame formando un
carbocatione.

REAZIONI DI CONDENSAZIONE
Le reazioni di condensazione, a differenza di quelle di addizione, non contengono tutti
gli elementi di partenza. Avvengono tra pi gruppi funzionali. Vengono eliminate molecole
di basso peso.

POLIESTERI
Avvengono reazioni tra molecole di alcol e esteri; Vengono usati nei pi disparati
ambiti;
POLIAMMIDI
Avvengono reazioni tra diammine e acidi bicarbossilici; Formano il nylon (il nome
varia in base al numero di atomi di C presenti); sono elastici molto resistenti
allattrazione, allurto e allabrasione;
POLICARBONATI
Avvengono reazioni tra fosgene e bisfenolo A; Polimeri termoplastici molto resistenti
e infrangibili;
RESINE FENOLICHE
Avvengono reazioni tra monomeri di fenolo e aldeide formica.