Sei sulla pagina 1di 4

1

Titolo

Orlando furioso
Furioso vs Orlando

Gerusalemme liberata
Gerusalemme + liberata

Amor vs virtus
Lamore forza devastante,
irrazionale che travolge la virtus e la
ratio delluomo rinascimentale
(crisi della concezione
antropocentrica)

liberata: trionfo della virtus cristiana

lamore la forza motrice dellintero


poema.
Inchiesta amorosa. Dimensione
profana e laica

Lamore declassato ad ostacolo,


forza deviante, che distoglie i guerrieri
cristiani dai loro doveri militari e
religiosi e fonda la loro inquietudine
esistenziale (amore vs. dovere)

Levitas: ironia e abbassamento


tonale (es. che per amor venne in
furore e matto > tono dallepico al
prosaico)

Amore congiunto a morte: binomio


inscindibile. Infelicit, pathos. Passione
e sofferenza. Gravitas: innalzamento del
tono, stile alto e sublime

Assenza di qualsiasi preoccupazione


di verosimiglianza storica (Troiano,
Agramante, spedizione dei Mori in
Francia etc)
Dimensione profana e laica

Struttura aperta, policentrica,


centrifuga, tecnica dell
entralacement. Laggrovigliarsi dei
fili narrativi

Incipit

Gerusalemme: prima crociata (1099)


a) aderenza al vero storico
Materia della poesia deve essere
lautorit della storia
b) tema religioso
Materia della poesia deve essere la
verit della religione

Le donne, i cavallier, larme, gli


amori

c) Struttura chiusa, centripeta: tutte


le vicende (la variet) verranno
unificate attorno a un centro
storico (unit): la conquista del
S. Sepolcro. Variet nellunit.
Riduzione del molteplice alluno
(Uno = Cielo
Molteplice = Inferno)
Canto larme pietose el capitano
Eneide: Arma virumque cano

Fusione del ciclo carolingio e di


quello bretone (tradizione cortesecavalleresca)

Modello: Virgilio e il poema epico


classico, contrapposto al modello del
romanzo cavalleresco

Invocazione

le imprese degli eroi ariosteschi


sono indirizzate a un fine
individualistico e mondano: la
conquista di una donna, di unarma
etc,
Rovesciamento della tradizionale
invocazione alla Musa
Anzich alla Musa lautore si
rivolge alla donna amata
(Alessandra Benucci)

pietose: le armi degli eroi tassiani sono


subordinate a un fine collettivo e di alto
valore religioso: la liberazione del S.
Sepolcro

Lautore non chiede allamata di


ispirare i suoi versi, ma di lasciargli
quel po di senno che gli consenta di
terminare il poema
La donna amata causa di una
pazzia simile a quella di Orlando.

Ma non alla Musa pagana, bens alla


Musa sacra, cristiana (ispirazione
religiosa) perch rischiari il canto del
poeta e lo perdoni se intreccia fregi al
ver

Invocazione alla Musa secondo i dettami


della tradizione classica

Poetica del miscere utile dulci. Di fronte


allantitesi diletto vs giovamento, Tasso
subordina il diletto al vero,
finalizzandolo al giovamento
Finalit morali e pedagogiche della
letteratura (delectare e movere)
Autore = Orlando nella stessa follia
amorosa > abbassamento ironico
della figura del grande eroe epico

el capitano
che il gran sepolcro liber di Cristo
(grandezza delleroe epico)
e in van lInferno vi si oppose
Il Ciel gli di favore

Meraviglioso fantastico, fiabesco,


senza alcuna preoccupazione di
verosimiglianza

Il Meraviglioso deve obbedire alle leggi


del verisimile = Meraviglioso cristiano
(angeli vs, demoni, Bene vs. Male)

Meraviglioso

La Storia tratta del VERO (= ci che


realmente accaduto)
la poesia tratta del VERISIMILE (= ci
che sarebbe potuto avvenire)

Dedica

Cardinale Ippolito dEste

Il poema epico per ottenere leffetto del


verisimile deve trarre materia dalla
storia (la sola che pu dare autorit a
ci che narrato), ma per distinguersi
dalla storiografia deve riservarsi un
margine di finzione.
Alfonso II dEste

e vostri alti pensier cedino un poco


s che tra lor miei versi abbiano

Tu, magnanimo Alfonso


guidi in porto

3
loco
Ariosto si distacca dal codice
cortigiano con ironia, rivendicando
lautonomia dellintellettuale dalla
corte e il valore della poesia contro
gli affari politici (gli alti pensier)

Personaggi

Questi sono presentati come cosa


vana, come follia in cui si
disperdono gli sforzi umani.
La letteratura, invece, lunica
attivit in cui luomo pu realizzare
pienamente se stesso e raggiungere
la serenit e la saggezza
Personaggi come funzioni narrative.
Si risolvono nel gesto, nellazione.
Inseguono un oggetto del desiderio
che non riescono a raggiungere
(inchiesta vana)
Conservano pressoch immutata la
loro psicologia dallinizio alla fine <
distacco ironico dellautore

Tempo

Spazio

Tempo sinuoso, sincrono (vicende


che si svolgono
contemporaneamente). Tempo
labirintico

a) spazio orizzontale. Dimensione


puramente terrena.
Il mondo del Furioso tutto
immanente, ignora o mette tra
parentesi la trascendenza
Il mondo il campo di azioni
essenzialmente umane, delle
passioni degli uomini. Ci riflette la
concezione laica che propria del
Rinascimento
I personaggi non raggiungono mai
loggetto del proprio desiderio: il

me peregrino errante
Corte = rifugio sicuro per la vita
errabonda e instabile del poeta
Tasso = religiosit esteriore e
inquietudine intima, bifrontismo
spirituale

Lopera poetica fonte di inquietudine,


di travaglio interiore, di dubbi (cfr.
scrupoli letterari e religiosi legati alla
Liberata)

Personaggi complessi, sfaccettati, a


tutto tondo, dibattuti da angosce. Tesi
fra polarit opposte (es amore vs. dovere
militare e religioso)
Profondit interiore, ricchezza di
movimenti psicologici (scrupoli
religiosi, sensi di colpa, debolezze
interiori, angoscia, contraddizioni).
Personaggi dinamici < pietas dellautore
Tempo lineare e progressivo (sviluppo
temporale unitario, teso fra linizio e la
fine)
Arco temporale limitato: il periodo
finale e risolutivo della I crociata
Modello: Iliade, in cui si narra solo una
fase dellassedio di Troia
a) lo spazio orizzontale:
Gerusalemme e il campo
cristiano
b) lo spazio verticale, diviso in due
piani contrapposti: il Cielo e
lInferno. E la dimensione del
trascendente, coerente con la
religiosit controriformistica

I crociati giungono con laiuto delle,


forze celesti alla conquista di

4
movimento quindi non lineare, ma
circolare e ritorna sempre su se
stesso.
Spazio labirintico e frustrante. In
esso non domina il disegno di Dio,
ma lazione capricciosa e
imprevedibile della Fortuna
(crisi dellantropocentrismo, della
fiducia nella virt delluomo propria
dellUmanesimo quattrocentesco)

Gerusalemme.