Sei sulla pagina 1di 39

Filename

filename2

NRIF AA020683
IDcompl

ITEM3

UNIN28701-2004_2004_EIT.pdf
UNIN28701-2004

UNI EN 287-1:2004 - 01-09-2004 - Prove di qualificazione dei saldatori - Saldatura per fusione - Parte 1: Acciai

SALDATURE

NORMA TECNICA
DATA

UNI EN 287-1:2004
01/09/2004

AUTORI

SALDATURE

TITOLO

Prove di qualificazione dei saldatori - Saldatura per fusione - Parte 1: Acciai


Qualification test of welders - Fusion welding - Part 1: Steels

SOMMARIO

La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN


287-1 (edizione marzo 2004). La norma definisce la prova di qualificazione dei saldatori
per la saldatura per fusione degli acciai e fornisce un insieme di regole tecniche per
una prova di qualifica sistematica consentendo che le qualificazioni cos ottenute siano
uniformemente accettate indipendentemente dal tipo di prodotto, dal luogo e
dall'esaminatore o dall'organismo d'esame.Nel corso della qualificazione, particolare
importanza data all'abilit del saldatore nel maneggiare la torcia o il cannello al fine di
ottenere una saldatura di qualit accettabile. I procedimenti di saldatura cui fa
riferimento la presente norma sono quelli manuali e semiautomatici e non tratta i
procedimenti automatici o totalmente meccanizzati (vedere UNI EN 1418).

TESTO DELLA NORMA


CLASSIFICAZIONE ICS
CLASSIFICAZIONE ARGOMENTO

25.160.01
AA10D0401

PARZIALMENTE SOSTITUITA
GRADO DI COGENZA
STATO DI VALIDITA'
COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI

In vigore
EN 287-1:2004;EN 287-1:2004/AC:2004

LINGUA

Italiano

PAGINE

31

PREZZO EURO

Non Soci 54,50 Euro - Soci 27,25 Euro

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Prove di qualicazione dei saldatori


NORMA ITALIANA

Saldatura per fusione

UNI EN 287-1

Parte 1: Acciai

SETTEMBRE 2004
Qualication test of welders

Fusion welding

CLASSIFICAZIONE ICS

25.160.01

SOMMARIO

La norma denisce la prova di qualicazione dei saldatori per la saldatura


per fusione degli acciai e fornisce un insieme di regole tecniche per una
prova di qualica sistematica consentendo che le qualicazioni cos ottenute siano uniformemente accettate indipendentemente dal tipo di prodotto, dal luogo e dallesaminatore o dallorganismo desame.
Nel corso della qualicazione, particolare importanza data allabilit del
saldatore nel maneggiare la torcia o il cannello al ne di ottenere una saldatura di qualit accettabile.
I procedimenti di saldatura cui fa riferimento la presente norma sono quelli
manuali e semiautomatici e non tratta i procedimenti automatici o totalmente meccanizzati (vedere UNI EN 1418).

RELAZIONI NAZIONALI

La presente norma la revisione della UNI EN 287-1:1993.

RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 287-1:2004
La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma
europea EN 287-1 (edizione marzo 2004) e tiene conto dellerrata corrige
dellagosto 2004 (AC:2004).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Saldature"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 2 settembre 2004

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

UNI - Milano
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

UNI EN 287-1:2004

NORMA EUROPEA

Part 1: Steels

Pagina I

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 287-1 (edizione marzo 2004 + errata corrige
AC:2004), che assume cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Saldature" dellUNI segue i lavori europei sullargomento per delega della Commissione Centrale Tecnica.
Rispetto alledizione precedente sono state apportate alcune modiche di carattere specico. In particolare i maggiori cambiamenti riguardano il campo di validit di alcune variabili essenziali della qualica e le modalit di rinnovo del certicato.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a vericare lesistenza di norme UNI
corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unicazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina II

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INDICE
INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

TERMINI E DEFINIZIONI

4
4.1
4.2
4.3

SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI
2
Generalit...................................................................................................................................................... 2
Codificazione numerica dei procedimenti di saldatura ......................................................... 2
Abbreviazioni ............................................................................................................................................... 3

5
5.1
5.2

VARIABILI ESSENZIALI E CAMPO DI VALIDITA DELLA QUALIFICAZIONE


4
Generalit...................................................................................................................................................... 4
Procedimenti di saldatura ..................................................................................................................... 4
prospetto

5.3
5.4
5.5

Campo di validit dello spessore saldato per i giunti unico e con pi procedimenti,
per i giunti testa a testa ............................................................................................................................. 5

Tipo di prodotto .......................................................................................................................................... 5


Tipo di giunto ............................................................................................................................................... 5
Gruppi di metalli ......................................................................................................................................... 6
Campo di validit della qualificazione per il metallo base............................................................... 6
Metalli dapporto di saldatura ............................................................................................................. 7
Campo di validit della qualificazione per i metalli dapporto ........................................................ 7
Dimensioni .................................................................................................................................................... 7

prospetto

prospetto

prospetto

prospetto

Campo di validit della qualificazione per il diametro esterno del tubo ..................................... 8

prospetto

Campo di validit della qualificazione per lo spessore del materiale del saggio di prova
per saldature dangolo ............................................................................................................................... 8

prospetto

prospetto

prospetto

5.6
5.7

5.8
5.9

6
6.1
6.2
figura

figura

figura

figura

6.3
6.4
prospetto

10

6.5
figura

figura

figura

Campo di validit della qualificazione per lo spessore del materiale e per lo spessore
della saldatura (giunto con pi procedimenti) di saggi di prova per saldature
testa a testa ................................................................................................................................................... 8

Posizioni di saldatura .............................................................................................................................. 8


Campo di validit della qualificazione per le posizioni di saldatura ............................................. 9
Particolari di saldatura............................................................................................................................ 9
Campo di validit della qualificazione dei particolari di saldatura nei giunti testa a testa......... 9
Campo di validit della qualificazione della tecnica degli strati nei giunti dangolo ............ 10
ESAME E PROVE
10
Supervisione ............................................................................................................................................. 10
Forme, dimensioni e numero dei saggi di prova ................................................................... 10
Dimensioni del saggio di prova per un giunto testa a testa su lamiera ................................... 10
Dimensioni del saggio di prova per un giunto dangolo su lamiera .......................................... 11
Dimensioni del saggio di prova per un giunto testa a testa su tubo ......................................... 11
Dimensioni del saggio di prova per una saldatura dangolo su tubo........................................ 12
Condizioni di saldatura........................................................................................................................ 12
Metodi di prova........................................................................................................................................ 12
Metodi di prova ........................................................................................................................................... 13
Saggio di prova e provini ................................................................................................................... 13
Preparazione e prova di frattura di provini per un giunto testa a testa su lamiera .............. 14
Lunghezza di esame per la prova di frattura per un giunto dangolo su lamiera ................. 15
Preparazione e posizione dei provini per un giunto testa a testa su tubo .............................. 15

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina III

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura

Esempio di prova di trazione con intaglio per saggio di prova su tubo di diametro
25 mm ...................................................................................................................................................... 17

figura

6.6

Preparazione e prova di frattura di provini per un giunto dangolo su tubo ........................... 17


Registrazione delle prove ................................................................................................................. 17

REQUISITI DI ACCETTABILIT DEI SAGGI DI PROVA

17

RIPROVE

18

9
9.1
9.2
9.3

PERIODO DI VALIDIT
Qualificazione iniziale..........................................................................................................................
Conferma della validit .......................................................................................................................
Prolungamento della validit della qualificazione ................................................................

18
18
18
18

10

CERTIFICATO

19

11

DESIGNAZIONE

19

APPENDICE
(informativa)

CERTIFICATO DI PROVA DI QUALIFICAZIONE DEL SALDATORE

21

APPENDICE
(informativa)

ESEMPI DI DESIGNAZIONE

22

APPENDICE
(informativa)

CONOSCENZE TECNICHE

26

APPENDICE
(informativa)

VARIABILI DA CONFERMARE E RINTRACCIABILI PER IL


PROLUNGAMENTO

29

prospetto D.1

APPENDICE
(informativa)

ZA

prospetto ZA.1

Variabili da confermare e rintracciabili per il prolungamento ..................................................... 29

PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI I REQUISITI


ESSENZIALI DELLA DIRETTIVA 97/23/CE
30
Corrispondenza tra la presente norma europea e la Direttiva 97/23/CE ............................... 30
BIBLIOGRAFIA

UNI EN 287-1:2004

31

UNI

Pagina IV

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Prove di qualicazione dei saldatori


NORMA EUROPEA

EN 287-1

Saldatura per fusione


Parte 1: Acciai

MARZO 2004
Qualication test of welders
EUROPEAN STANDARD

Sostituisce
EN 287-1:1992

Fusion welding
Part 1: Steels
Epreuve de qualication des soudeurs

NORME EUROPENNE

Soudage par fusion


Partie 1: Aciers
Prfung von Schweiern

EUROPISCHE NORM

Schmelzschweien
Teil 1: Stahl

DESCRITTORI

ICS

25.160.10

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 2 gennaio 2004.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufciali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria responsabilit da un membro del CEN e noticata alla Segreteria Centrale, ha il medesimo status delle versioni ufciali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia,
Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia,
Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia,
Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

2004 CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.
UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina V

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA
Il presente documento (EN 287-1:2004) stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 121
"Saldature", la cui segreteria afdata al DIN.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro settembre 2004,
e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro settembre 2004.
La presente norma europea stata elaborata nell'ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed di supporto ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e UE, si rimanda all'appendice informativa ZA
che costituisce parte integrante della presente norma europea.
Il presente documento sostituisce la EN 287-1:1992.
La EN 287 costituita dalle seguenti parti, con il titolo generale, Qualication test of
welders - Fusion welding:
- Parte 1: Steels
- Parte 2: Aluminium and aluminium alloys
Le appendici A, B, C e D sono informative.
Il presente documento include una bibliograa.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia,
Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina VI

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INTRODUZIONE
Lattitudine del saldatore a seguire istruzioni verbali o scritte e la verica della sua abilit
manuale sono fattori importanti per assicurare la qualit del prodotto saldato.
La verica dell'abilit manuale in conformit alla presente norma dipende dalle tecniche di
saldatura e sono comunque seguite regole e condizioni di prova uniformi e sono utilizzati
saggi di prova unicati.
Il principio della presente norma quello che una prova di qualicazione qualica il
saldatore non solo per le condizioni usate nella prova, ma anche per tutti i giunti che sono
considerati pi facili da saldare, nella presunzione che il saldatore abbia avuto un
addestramento specico e/o abbia unesperienza pratica entro i limiti della qualicazione.
La prova di qualicazione pu essere usata per qualicare una procedura di saldatura ed
un saldatore, purch siano soddisfatti tutti i requisiti pertinenti, per esempio le dimensioni
del saggio di prova.
Le qualicazioni in conformit alla EN 287-1 esistenti alla data di pubblicazione della
presente norma dovrebbero, al termine del loro periodo di validit, essere interpretate in
conformit ai requisiti della presente norma.

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea denisce la prova di qualicazione dei saldatori per la
saldatura per fusione degli acciai.
Essa fornisce una serie di regole tecniche per una prova di qualicazione sistematica del
saldatore, e permette che tali qualicazioni siano accettate in modo uniforme, indipendentemente dal tipo di prodotto, dal luogo e dallesaminatore/organismo desame.
Nella qualicazione dei saldatori si deve considerare soprattutto labilit manuale dei
saldatori di maneggiare lelettrodo/torcia di saldatura/cannello di saldatura, in modo da
ottenere una saldatura di qualit accettabile.
I procedimenti di saldatura considerati nella presente norma includono i procedimenti di
saldatura per fusione designati come manuali o semiautomatici. La norma non si applica
ai procedimenti completamente meccanizzati ed automatici (vedere EN 1418).

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
EN 910
Destructive tests on welds in metallic materials - Bend tests
EN 970
Non-destructive examination of fusion welds - Visual
examination
EN 1320
Destructive tests on welds in metallic materials - Fracture test
EN 1435
Non-destructive examination of welds - Radiographic
examination of welded joints
EN ISO 4063
Welding and allied processes - Nomenclature of processes
and reference numbers (ISO 4063:1998)
EN ISO 5817
Welding - Fusion welded joints in steel, nickel, titanium and
their alloys (beam welding excluded) - Quality levels for
imperfections (ISO 5817:2003)
EN ISO 6947
Welds - Working positions - Denitions of angles of slope and
rotation (ISO 6947:1993)

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 1

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

EN ISO 15607:2003
CR ISO 15608
prEN ISO 15609-1:2000

EN ISO 15609-2:2001

ISO 857-1

Specication and qualication of welding procedures for


metallic materials - General rules (ISO 15607:2003)
Welding - Guidelines for a metallic material grouping system
(ISO/TR 15608:2000)
Specication and approval of welding procedures for metallic
materials - Welding procedure specication - Part 1: Arc
welding (ISO/DIS 15609-1:2000)
Specication and qualication of welding procedures for
metallic materials - Welding procedure specication - Part 2:
Gas welding (ISO 15609-2:2001)
Welding and allied processes - Vocabulary - Part 1: Metal
welding processes

TERMINI E DEFINIZIONI
Ai ni della presente norma europea si applicano i termini e le denizioni forniti nella
EN ISO 15607:2003 ed i seguenti.

3.1

saldatore: Persona che tiene e guida manualmente la pinza porta elettrodo, la torcia di
saldatura o il cannello di saldatura.

3.2

esaminatore: Persona nominata per vericare la conformit alla norma applicabile.


Nota

3.3

In certi casi pu essere richiesto un esaminatore esterno indipendente.

organismo desame: Organismo nominato per vericare la conformit alla norma applicabile.
Nota

In certi casi pu essere richiesto un organismo desame esterno indipendente.

3.4

sostegno: Materiale posto sul lato opposto della preparazione del giunto allo scopo di
sostenere il metallo fuso di saldatura.

3.5

passata al vertice: Nella saldatura a passate multiple, la(e) passata(e) del primo strato
depositato al vertice.

3.6

passata di riempimento: Nella saldatura a passate multiple, la(e) passata(e) depositata(e)


dopo la(e) passata(e) depositata(e) al vertice e prima della(e) passata(e) di nitura.

3.7

passata di nitura: Nella saldatura a passate multiple, la(e) passata(e) visibile(i) sulle
superci della saldatura dopo il completamento della saldatura.

3.8

spessore della saldatura: Spessore del metallo depositato con saldatura, escluso il
sovrammetallo.

SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI

4.1

Generalit
Qualora non sono utilizzate le denominazioni per esteso, per la stesura del certicato di
prova di qualicazione del saldatore (vedere appendice A) devono essere utilizzati le
abbreviazioni e i numeri di riferimento sotto indicati.

4.2

Codicazione numerica dei procedimenti di saldatura


La presente norma si applica ai seguenti procedimenti di saldatura manuali o semiautomatici (la codicazione numerica dei procedimenti di saldatura per la rappresentazione
simbolica sono elencati nella EN ISO 4063):
111 saldatura ad arco con elettrodi rivestiti;
UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 2

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

114 saldatura con lo elettrodo animato (senza gas protettivo);


121 saldatura ad arco sommerso con un solo lo elettrodo;
125 saldatura ad arco sommerso con lo elettrodo animato;
131 saldatura in gas inerte con lo elettrodo fusibile (saldatura MIG);
135 saldatura in gas protettivo attivo con lo elettrodo fusibile (saldatura MAG);
136 saldatura in gas protettivo attivo con lo elettrodo animato;
141 saldatura in gas inerte con elettrodo di tungsteno (saldatura TIG);
15

saldatura al plasma;

311 saldatura ossiacetilenica.


Nota

I principi della presente norma possono essere applicati ad altri procedimenti di saldatura per fusione.

4.3

Abbreviazioni

4.3.1

Per i saggi di prova


a

altezza di gola nominale

BW saldatura testa a testa

diametro esterno del tubo

FW saldatura d'angolo

l1

lunghezza del saggio di prova

l2

met larghezza del saggio di prova

lf

lunghezza di esame

lamiera

ReH carico unitario di snervamento

4.3.2

s1

spessore della saldatura per il procedimento di saldatura 1

s2

spessore della saldatura per il procedimento di saldatura 2

spessore del materiale del saggio di prova (spessore della lamiera o del tubo)

t1

spessore del materiale del saggio di prova per il procedimento di saldatura 1

t2

spessore del materiale del saggio di prova per il procedimento di saldatura 2

tubo1)

lunghezza del lato della saldatura d'angolo

Per i metalli d'apporto


nm senza metallo d'apporto
A

rivestimento acido

rivestimento basico

rivestimento cellulosico

elettrodo animato: riempimento con polvere metallica

elettrodo animato: riempimento rutilo, scoria a raffreddamento rapido

rivestimento rutilo o riempimento rutilo di elettrodo animato: scoria a raffreddamento


lento

RA rivestimento rutilo-acido
RB rivestimento rutilo-basico
RC rivestimento rutilo-cellulosico
RR rivestimento rutilo di grosso spessore

1)

lo pieno/bacchetta

elettrodo animato: riempimento rutilo o basico/con uoruri

Il termine "tubo", solo o in combinazione, signica qualsiasi tipo di "tubo" o "prolato cavo".

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 3

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

4.3.3

elettrodo animato: riempimento basico/con uoruri, scoria a raffreddamento lento

elettrodo animato: riempimento basico/con uoruri, scoria a raffreddamento rapido

elettrodo animato: altri tipi di riempimento

Per altri particolari di saldatura


bs

saldatura da ambedue i lati

lw

saldatura a sinistra

mb saldatura con materiale di sostegno al rovescio

4.3.4

ml

saldatura a strati multipli

nb

saldatura senza materiale di sostegno al rovescio

rw

saldatura a destra

sl

saldatura a strato unico

ss

saldatura da un solo lato

Per le prove di piegamento


A

allungamento minimo a trazione richiesto dalla specica del materiale

diametro del mandrino o del rullo interno

ts

spessore del provino di piegamento

VARIABILI ESSENZIALI E CAMPO DI VALIDITA DELLA QUALIFICAZIONE

5.1

Generalit
La qualicazione dei saldatori basata sulle variabili essenziali. Per ciascuna variabile
essenziale denito il campo di validit della qualicazione. Tutti i saggi di prova devono
essere saldati usando le variabili essenziali in modo indipendente, salvo per i punti 5.7 e
5.8. Se il saldatore deve eseguire saldature al di fuori del campo di validit della qualicazione, necessaria una nuova prova di qualicazione. Le variabili essenziali sono le
seguenti:

5.2

procedimento di saldatura;

tipo di prodotto (lamiera e tubo);

tipo di giunto (testa a testa e dangolo);

gruppo di metallo base;

metallo dapporto di saldatura;

dimensioni (spessore del metallo base e diametro esterno del tubo);

posizione di saldatura;

particolari di saldatura (sostegno, saldatura da un solo lato, saldatura da ambedue i


lati, strato unico, strati multipli, saldatura a sinistra, saldatura a destra).

Procedimenti di saldatura
I procedimenti di saldatura sono deniti nella ISO 857-1 ed elencati al punto 4.2.
Ciascuna prova di qualicazione qualica generalmente solo un procedimento di
saldatura. Un cambiamento del procedimento di saldatura richiede una nuova prova di
qualicazione. Fanno eccezione i cambiamenti dal lo pieno S (procedimento di saldatura
135) al lo elettrodo animato M (procedimento di saldatura 136) o viceversa, che non
richiedono una nuova prova di qualicazione (vedere prospetto 3). Comunque, un
saldatore pu essere qualicato per due o pi procedimenti di saldatura saldando un
saggio di prova unico (giunto con pi procedimenti) oppure eseguendo due o pi prove di
qualicazione separate. I campi di validit per ciascun procedimento di saldatura usato e
per il giunto con pi procedimenti sono forniti, per i giunti testa a testa, nel prospetto 1
(vedere anche prospetto 4).

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 4

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto

Campo di validit dello spessore saldato per i giunti unico e con pi procedimenti, per i giunti testa a
testa

Procedimento di saldatura
usato per il saggio di prova

Campo di validit per lo spessore


Giunto con procedimento unico

Giunto con pi procedimenti

secondo il prospetto 4
per il procedimento di saldatura 1:
t = s1
per il procedimento di saldatura 2:
t = s2

secondo il prospetto 4
con t = s1 + s2

secondo il prospetto 4

secondo il prospetto 4

per il procedimento di saldatura 1:


t = t1
per il procedimento di saldatura 2:
t = t2

t = t1 + t2

Legenda
1
Procedimento di saldatura 1 (nb)
2
Procedimento di saldatura 2 (mb)

Legenda
2
Procedimento di saldatura 2
3
Saldatura con sostegno (mb)
4
Saldatura senza sostegno (nb)

procedimento di saldatura 1 solo per


saldare la zona al vertice

t1 3 mm
Legenda
1
Procedimento di saldatura 1

5.3

Tipo di prodotto
La prova di qualicazione deve essere eseguita su lamiera o su tubo. Si applicano i criteri
seguenti:

5.4

a)

le saldature su tubi di diametro esterno D > 25 mm coprono le saldature su lamiere;

b)

le saldature su lamiere coprono le saldature su tubo:


-

di diametro esterno D 150 mm, per le posizioni di saldatura PA, PB e PC;

di diametro esterno D 500 mm, per tutte le posizioni di saldatura.

Tipo di giunto
Le prove di qualicazione devono essere eseguite su giunti testa a testa o dangolo. Si
applicano i criteri seguenti:
a)

i giunti testa a testa coprono i giunti testa a testa in ogni tipo di giunto ad eccezione
di quelli tubo-tronchetto [vedere anche punto 5.4 c)];

b)

nei casi in cui la maggioranza dei lavori costituita da giunti dangolo, il saldatore
deve essere qualicato anche mediante una prova adeguata su giunto dangolo; nei
casi in cui la maggioranza dei lavori costituita da giunti testa a testa, i giunti testa
a testa qualicano i giunti dangolo;

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 5

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

c)

i giunti testa a testa su tubi senza sostegno qualicano i giunti tubo-tronchetto con un
angolo 60 con lo stesso campo di validit della qualicazione come nei prospetti
da 1 a 8. Per i giunti tubo-tronchetto il campo di validit della qualicazione basato
sul diametro esterno del tronchetto;

d)

per le applicazioni in cui il tipo di giunto non pu essere qualicato mediante un


giunto testa a testa o dangolo, per qualicare il saldatore si dovrebbe usare un
saggio di prova particolare, per esempio un giunto tubo-tronchetto.

5.5

Gruppi di metalli

5.5.1

Gruppi di acciai del metallo base


Allo scopo di ridurre il numero delle prove di qualicazione, i metalli aventi caratteristiche
simili di saldatura sono raggruppati secondo il CR ISO 15608.

5.5.2

Campo di validit della qualicazione


La saldatura di un qualsiasi metallo di un gruppo di metalli qualica il saldatore per la
saldatura di tutti gli altri metalli dello stesso gruppo, nonch degli altri gruppi di metalli
indicati nel prospetto 2.
Per la saldatura di metalli base al di fuori del sistema di raggruppamento necessaria una
prova di qualicazione separata.
Qualicazione di giunti fra metalli dissimili: Se si usano metalli dapporto dei gruppi di
metalli 8 o 10 (vedere prospetto 2), sono coperte tutte le combinazioni dei gruppi di metalli
8 o 10 con gli altri gruppi di metalli.
Una prova di qualicazione eseguita su gruppi di materiali semilavorati valida per metalli
fusi e per la combinazione di metalli fusi e semilavorati nellambito dello stesso gruppo di
metalli.
prospetto

Campo di validit della qualicazione per il metallo base

Gruppo di metallia)
del saggio di prova

Campo di validit della qualicazione


1.1

1.3

1.2
1.4

9
9.1

9.2 + 9.3

10

11

1.1, 1.2, 1.4

1.3

9.1

9.2 + 9.3

10

11

a)
Gruppo di metalli secondo il CR ISO 15608.
Legenda

indica i gruppi di metalli per i quali il saldatore qualicato.


indica i gruppi di metalli per i quali il saldatore non qualicato.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 6

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

5.6

Metalli dapporto di saldatura


La qualicazione con metallo dapporto, per esempio per i procedimenti di saldatura 141,
15 e 311, qualica per la saldatura senza metallo dapporto ma non viceversa.
I campi di validit della qualicazione per i metalli dapporto sono indicati nel prospetto 3.
prospetto

Procedimento
di saldatura

Campo di validit della qualicazione per i metalli dapportoa)

Metalli dapporto di saldatura


usati nella provab)

A, RA, RB, RC, RR, R

A, RA, RB, RC, RR, R

111

a)
b)

Campo di validit della qualicazione

lo pieno
(S)

elettrodo animato
(M)

elettrodo animato
(B)

elettrodo animato
(R, P, V, W, Y, Z)

131
135
136
141

lo pieno (S)

elettrodo animato (M)

136

elettrodo animato (B)

114
136

elettrodo animato
(R, P, V, W, Y, Z)

Per le abbreviazioni vedere punto 4.3.2.


Il tipo di metallo dapporto utilizzato nella prova di qualicazione dei saldatori per la saldatura della passata al vertice senza sostegno (ss nb) il tipo
di metallo dapporto qualicato per la saldatura della passata al vertice in produzione.

Legenda

indica i metalli dapporto di saldatura per i quali il saldatore qualicato.


indica i metalli dapporto di saldatura per i quali il saldatore non qualicato.

5.7

Dimensioni
La prova di qualicazione dei saldatori per i giunti testa a testa basata sullo spessore del
materiale e sui diametri esterni dei tubi. I campi di validit della qualicazione sono specicati nei prospetti 4 e 5.
Nota

Non previsto che lo spessore del materiale o i diametri esterni dei tubi debbano essere misurati con precisione ma piuttosto si dovrebbe applicare la losoa generale che alla base dei valori indicati nei prospetti 4
e 5.
Per i giunti dangolo il campo di validit della qualicazione per lo spessore del materiale
specicato nel prospetto 6.
Nel caso della saldatura di tronchetti, i criteri di spessore del materiale ai quali si applica
il prospetto 4 ed i criteri di diametro esterno del tubo ai quali si applica il prospetto 5 sono
i seguenti:
-

Tronchetto appoggiato: lo spessore del materiale del tronchetto e il diametro esterno


del tronchetto;

Tronchetto inserito o passante: lo spessore del materiale del tubo principale o del
mantello e il diametro esterno del tronchetto.

Per i saggi di prova con differenti diametri esterni di tubo e differenti spessori di materiale,
il saldatore qualicato per:
1)

il materiale di spessore minore e maggiore qualicato in conformit al prospetto 4;

2)

il diametro di tubo minore e maggiore qualicato in conformit al prospetto 5.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 7

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto

Campo di validit della qualicazione per lo spessore del materiale e per lo spessore della saldatura
(giunto con pi procedimenti) di saggi di prova per saldature testa a testa
Dimensioni in millimetri

a)
b)
c)

prospetto

Spessorea)
t

Campo di validit della qualicazione

t<3

da t a 2 t b)

3 t 12

da 3 a 2 t c)

t > 12

Per giunto con pi procedimenti, utilizzare s1 ed s2 del prospetto 1.


Per la saldatura ossiacetilenica (311): da t a 1,5 t.
Per la saldatura ossiacetilenica (311): da 3 mm a 1,5 t.

Campo di validit della qualicazione per il diametro esterno del tuboa)


Dimensioni in millimetri

a)

prospetto

Diametro esterno del tubo del saggio di prova


D

Campo di validit della qualicazione

D 25

da D a 2 D

D > 25

0,5 D (25 mm min.)

Per prolati cavi da costruzione, D la dimensione del lato pi piccolo.

Campo di validit della qualicazione per lo spessore del materiale del saggio di prova per saldature
dangoloa)
Dimensioni in millimetri

a)

5.8

Spessore del materiale del saggio di prova


t

Campo di validit della qualicazione

t<3

da t a 3

t3

Vedere anche prospetto 9.

Posizioni di saldatura
Il prospetto 7 specica il campo di validit della qualicazione per ciascuna posizione di
saldatura. Le posizioni di saldatura ed i simboli si riferiscono alla EN ISO 6947.
I saggi di prova devono essere saldati in conformit agli angoli nominali delle posizioni di
saldatura della EN ISO 6947.
Le posizioni di saldatura J-L045 e H-L045 per tubi qualicano per tutti gli angoli dei tubi.
La saldatura di due tubi aventi lo stesso diametro esterno, uno nella posizione di saldatura
PF ed uno nella posizione di saldatura PC, copre anche il campo di validit della qualicazione di un tubo saldato nella posizione di saldatura H-L045.
La saldatura di due tubi aventi lo stesso diametro esterno, uno nella posizione di saldatura
PG ed uno nella posizione di saldatura PC, copre anche il campo di validit della qualicazione di un tubo saldato nella posizione di saldatura J-L045.
I diametri esterni di tubo D 150 mm possono essere saldati in due posizioni di saldatura
(PF o PG per q della circonferenza, PC per 3 della circonferenza) utilizzando un solo
saggio di prova.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 8

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto

Posizione di
saldatura del
saggio di prova

Campo di validit della qualicazione per le posizioni di saldatura


Campo di validit della qualicazionea)

PA

PBb)

PC

PDb)

PE

PF
(lamiera)

PF
(tubo)

PG
(lamiera)

PG
(tubo)

H-L045

J-L045

PD

PE

PF (lamiera)

PF (tubo)

PG (lamiera)

PG (tubo)

H-L045

J-L045

PA
b)

PB

PC
b)

a)
b)

Inoltre, devono essere osservati i requisiti dei punti 5.3 e 5.4.


Le posizioni di saldatura PB e PD sono utilizzate solo per le saldature dangolo [vedere punto 5.4 b)] e possono qualicare solo saldature
dangolo in altre posizioni di saldatura.

Legenda

indica le posizioni di saldatura per le quali il saldatore qualicato.


indica le posizioni di saldatura per le quali il saldatore non qualicato.

5.9

Particolari di saldatura
I prospetti 8 e 9 mostrano i campi di validit della qualicazione in funzione dei particolari
di saldatura.
Nella saldatura con il procedimento 311 un cambiamento dalla saldatura a destra alla
saldatura a sinistra e viceversa richiede una nuova prova di qualicazione.
prospetto

Campo di validit della qualicazione dei particolari di saldatura nei giunti testa a testa

Particolari di saldatura del


saggio di prova

Campo di validit della qualicazione


saldatura da un solo lato / saldatura
senza sostegno al rovescio
(ss nb)

saldatura da un solo lato / saldatura


con sostegno al rovescio
(ss mb)

saldatura da ambedue i lati

saldatura da un solo lato /


saldatura senza sostegno al
rovescio (ss nb)

saldatura da un solo lato /


saldatura con sostegno al
rovescio (ss mb)

saldatura da ambedue i lati (bs)

(bs)

Legenda

indica le saldature per le quali il saldatore qualicato.


indica le saldature per le quali il saldatore non qualicato.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 9

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto

Campo di validit della qualicazione della tecnica degli strati nei giunti dangolo
Saggio di provaa)

Campo di validit della qualicazione


strato singolo (sl)

strati multipli (ml)

strato singolo (sl)

strati multipli (ml)

a)
Lo spessore di gola deve essere nellintervallo 0,5 t a 0,7 t.
Legenda

indica la tecnica degli strati per la quale il saldatore qualicato.


indica la tecnica degli strati per la quale il saldatore non qualicato.

ESAME E PROVE

6.1

Supervisione
La saldatura dei saggi di prova deve essere eseguita alla presenza di un esaminatore o di
un organismo desame. Le prove devono essere vericate dallesaminatore o
dallorganismo desame.
I saggi di prova devono essere marcati, prima della saldatura, con i riferimenti di identicazione dell'esaminatore e del saldatore. Inoltre, su tutti i saggi di prova devono essere
marcate le posizioni di saldatura, sui tubi ssi deve essere marcata anche la posizione di
saldatura ad ore 12.
L'esaminatore o lorganismo desame pu interrompere la prova se le condizioni di
saldatura non sono corrette e se appare evidente che il saldatore non ha la competenza
tecnica per soddisfare i requisiti, per esempio quando sono necessarie riparazioni
eccessive e/o sistematiche.

6.2

Forme, dimensioni e numero dei saggi di prova


La forma e le dimensioni dei saggi di prova richiesti (vedere punto 5.7) sono indicate nelle
gure da 1 a 4.
Per i tubi richiesta una lunghezza minima desame di 150 mm. Pertanto, se la circonferenza dei tubi minore di 150 mm, sono necessari saggi di prova addizionali, con un
massimo di tre saggi di prova.
gura

Dimensioni del saggio di prova per un giunto testa a testa su lamiera


Legenda
t
Spessore del materiale del saggio di prova
Dimensioni in millimetri

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

gura

Dimensioni del saggio di prova per un giunto dangolo su lamiera


Legenda
a
Altezza di gola nominale
t
Spessore del materiale del saggio di prova
z
Lunghezza del lato della saldatura dangolo
Dimensioni in millimetri

gura

Dimensioni del saggio di prova per un giunto testa a testa su tubo


Legenda
D
Diametro esterno del tubo
t
Spessore del materiale del saggio di prova (spessore del tubo)
Dimensioni in millimetri

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 11

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

gura

Dimensioni del saggio di prova per una saldatura dangolo su tubo


Legenda
a
Altezza di gola nominale
D
Diametro esterno del tubo
l1
Lunghezza del saggio di prova
t
Spessore del materiale del saggio di prova (lamiera o spessore del tubo); corrisponde allo
spessore dellelemento pi sottile del giunto
z
Lunghezza del lato della saldatura dangolo
Dimensioni in millimetri

6.3

Condizioni di saldatura
La prova di qualicazione dei saldatori deve seguire una pWPS o WPS preparata in
conformit al prEN ISO 15609-1 o alla EN ISO 15609-2.
Devono essere applicate le seguenti condizioni di saldatura:

6.4

il tempo di saldatura del saggio di prova deve corrispondere al tempo impiegato nelle
normali condizioni di produzione;

il saggio di prova deve presentare almeno una interruzione ed una ripresa di


saldatura, sia nella passata al vertice che in quella di nitura, che devono trovarsi nel
tratto utile della lunghezza di esame del giunto;

un eventuale trattamento termico dopo saldatura previsto nella pWPS o WPS pu


essere omesso, a meno che non siano richieste prove di piegamento;

identicazione del saggio di prova;

deve essere ammesso che il saldatore asporti piccole imperfezioni mediante


molatura, eccetto sulle superci dopo la ne della saldatura. Deve essere ottenuta
l'autorizzazione dell'esaminatore o dell'organismo desame.

Metodi di prova
Dopo il completamento, ogni saldatura deve essere sottoposta a prova allo stato "come
saldato", secondo il prospetto 10.
Se la saldatura accettata allesame visivo, deve(devono) essere eseguita(e) la(e)
prova(e) addizionale(i) secondo il prospetto 10.
Nel caso che nella prova di qualicazione sia stato utilizzato un sostegno permanente,
esso deve essere asportato prima delle prove distruttive.
I provini per lesame macroscopico devono essere preparati ed attaccati chimicamente da
un lato, in modo da mettere in evidenza la saldatura. La lucidatura non necessaria.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 12

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Quando si utilizza il metodo di prova radiograco sulle saldature testa a testa eseguite con
i procedimenti di saldatura 131, 135, 136 (solo con li elettrodi animati) e 311 [vedere
anche il prospetto 10, nota b)] , devono essere eseguite anche due prove di piegamento
supplementari (una al diritto e una al rovescio o due prove di piegamento laterale) oppure
due prove di frattura (una al diritto e una al rovescio).
prospetto

10

Metodi di prova

Metodo di prova
Esame visivo secondo la EN 970

Saldatura testa a testa


(su lamiera o tubo)
obbligatorio

Controllo radiograco secondo la EN 1435


Prova di piegamento secondo la EN 910
Prova di frattura secondo la EN 1320

Saldatura dangolo
e giunto tubo-tronchetto
obbligatorio

obbligatorio

a) b) d)

non obbligatorio

obbligatoria

a) b) f)

non si applica

obbligatoria

a) b) f)

obbligatoriac) e)

a)
b)

Si deve fare il controllo radiograco o le prove di piegamento o le prove di frattura.


Quando si utilizza il metodo di prova radiograco, due prove supplementari di piegamento o di frattura sono obbligatorie per i procedimenti di saldatura 131,

c)
d)
e)
f)

Le prove di frattura possono essere sostituite da un esame macroscopico secondo la EN 1321 su almeno due sezioni.
Solo per gli acciai ferritici di spessore 8 mm, il controllo radiograco pu essere sostituito da un controllo ultrasonoro secondo la EN 1714.
Le prove di frattura sui tubi possono essere sostituite da un controllo radiograco.
Per i tubi di diametro esterno D 25 mm, le prove di piegamento o di frattura possono essere sostituite da una prova di trazione con intaglio del saggio di

135, 136 (solo con li elettrodi animati) e 311 (vedere punto 6.4).

prova completo (un esempio indicato nella gura 8).

6.5

Saggio di prova e provini

6.5.1

Generalit
Nei punti da 6.5.2 a 6.5.4 sono forniti particolari su tipo, dimensioni e preparazione dei
saggi di prova e dei provini. Inoltre sono indicati i requisiti per le prove distruttive.

6.5.2

Giunto testa a testa su lamiera e tubo


Quando si utilizza il controllo radiograco, deve essere radiografata tutta la lunghezza di
esame (vedere gure 5a, 7a e 7b) della saldatura del saggio di prova allo stato "come
saldato" (senza asportazione del sovrammetallo).
Quando si utilizza la prova di frattura, la lunghezza di esame del saggio di prova deve
essere ottenuta tagliando provini di uguale larghezza, che devono essere tutti sottoposti a
prova in modo da ottenere la frattura. La lunghezza da esaminare di ciascun provino deve
essere 40 mm. Sono ammessi tutti i proli dellintaglio secondo la EN 1320.
Quando si utilizza la prova di piegamento trasversale o di piegamento laterale, il diametro
del mandrino o rullo di piegamento interno deve essere pari a 4 t e l'angolo di piegamento
deve essere di 180 C per un metallo base avente un allungamento A 20%. Per un
metallo base avente un allungamento A < 20%, si deve applicare lequazione seguente:
100 t
d = --------------------s t s
A

(1)

dove:

il diametro del mandrino o rullo di piegamento interno, in mm;

ts

lo spessore del provino di piegamento, in mm;

lallungamento a trazione minimo richiesto dalla specica del materiale, in %.

Quando si utilizza solo la prova di piegamento trasversale, la lunghezza di esame deve


essere ottenuta tagliando provini di uguale larghezza che devono essere tutti sottoposti a
prova. Quando si utilizza solo la prova di piegamento laterale, si deve ricavare un minimo
di quattro provini, ugualmente distanziati nella lunghezza di esame. Uno di questi provini
di piegamento laterale deve essere prelevato nella zona di ripresa della saldatura situata
nella lunghezza di esame. Le prove di piegamento devono essere effettuate in conformit
alla EN 910.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 13

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Per spessore t > 12 mm, le prove di piegamento trasversale possono essere sostituite da
prove di piegamento laterale.
Per i tubi, il numero dei provini aggiuntivi di frattura o piegamento trasversale, previsti
quando si utilizza il controllo radiograco nei procedimenti di saldatura 131, 135, 136 (solo
con lo animato riempito di polvere metallica) oppure 311, dipende dalla posizione di
saldatura. Per la posizione di saldatura PA o PC devono essere sottoposti a prova un
provino per piegamento al rovescio e un provino per piegamento al diritto [vedere
gura 7 a)]. Per tutte le altre posizioni di saldatura devono essere sottoposti a prova due
provini per piegamento al rovescio e due provini per piegamento al diritto [vedere
gura 7 b)].
gura

Preparazione e prova di frattura di provini per un giunto testa a testa su lamiera


Legenda
l1
Lunghezza del saggio di prova
l2
Met larghezza del saggio di prova
lf
Lunghezza di esame
a)
Sezionamento in un numero pari di provini
b)
Lunghezza di esame del provino
Dimensioni in millimetri

a)
Nota

6.5.3

b)
Inoltre, un intaglio longitudinale pu essere eseguito sul provino al centro della saldatura, dal
lato in trazione, in modo da ottenere la frattura nella saldatura.

Giunto dangolo su lamiera


Per le prove di frattura (vedere gura 6) il saggio di prova pu essere tagliato, se necessario, in parecchi provini. Ciascun provino deve essere posizionato per la frattura in
conformit alla EN 1320 ed esaminato dopo la frattura.
Quando si utilizza l'esame macroscopico, devono essere prelevati almeno due provini. Un
provino per l'esame macroscopico deve essere prelevato nella zona di ripresa della
saldatura.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 14

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

gura

Lunghezza di esame per la prova di frattura per un giunto dangolo su lamiera


Legenda
lf
Lunghezza di esame
Dimensioni in millimetri

gura

Preparazione e posizione dei provini per un giunto testa a testa su tubo


Legenda
a)
Sezionamento per provini addizionali di frattura o piegamento per le posizioni di saldatura PA
e PC
lf
Lunghezza di esame
1
Posizione di un provino di frattura al rovescio o di piegamento trasversale al rovescio o di
piegamento laterale
2
Posizione di un provino di frattura al diritto o di piegamento trasversale al diritto o di piegamento laterale
Dimensioni in millimetri

a)

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 15

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Legenda
b)
Sezionamento per provini addizionali di frattura o piegamento per le posizioni di saldatura
PF, PG, H-L045, J-L045
lf
Lunghezza di esame
1
Un provino di frattura al rovescio o di piegamento trasversale al rovescio o di piegamento
laterale
2
Un provino di frattura al diritto o di piegamento trasversale al diritto o di piegamento laterale
3
Un provino di frattura al rovescio o di piegamento trasversale al rovescio o di piegamento
laterale
4
Un provino di frattura al diritto o di piegamento trasversale al diritto o di piegamento laterale

b)

c) Lunghezza di esame del provino di frattura

c)
Nota

Inoltre, il provino pu essere intagliato longitudinalmente al centro della saldatura, dal lato in
trazione, in modo da ottenere la frattura nella saldatura.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 16

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

gura

Esempio di prova di trazione con intaglio per saggio di prova su tubo di diametro 25 mm
Per t 1,8 mm: d = 4,5 mm
Per t < 1,8 mm: d = 3,5 mm
I fori non sono ammessi nelle zone di ripresa della saldatura
Dimensioni in millimetri

Nota

6.5.4

I proli dellintaglio s e q sono ammessi anche nella direzione circonferenziale in conformit


alla EN 1320.

Giunto dangolo su tubo


Per le prove di frattura il saggio di prova deve essere tagliato in quattro o pi provini e
sottoposto a frattura (una possibilit indicata nella gura 9).
gura

Preparazione e prova di frattura di provini per un giunto dangolo su tubo

Quando si utilizza l'esame macroscopico, devono essere prelevati almeno due provini. Un
provino per l'esame macroscopico deve essere prelevato nella zona di ripresa della
saldatura.

6.6

Registrazione delle prove


I risultati di tutte le prove devono essere documentati.

REQUISITI DI ACCETTABILIT DEI SAGGI DI PROVA


I saggi di prova devono essere valutati sulla base dei requisiti di accettabilit specicati
per i tipi pertinenti di imperfezioni.
Prima di qualunque prova si deve vericare:
-

che tutte le scorie e gli spruzzi siano asportati;

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 17

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

che non siano fatte molature al rovescio e sulla supercie di nitura della saldatura
(secondo il punto 6.3);

che siano identicate le zone di ripresa di saldatura nella passata al vertice e nella
passata di nitura (secondo il punto 6.3);

il prolo e le dimensioni.

I requisiti di accettabilit delle imperfezioni rilevate con i metodi di controllo secondo la


presente norma devono essere valutati, se non diversamente specicato, in conformit
alla EN ISO 5817. Un saldatore qualicato se le imperfezioni rientrano nei limiti specicati del livello di qualit B della EN ISO 5817, salvo che per i seguenti tipi di imperfezioni:
sovrammetallo eccessivo, convessit eccessiva, altezza di gola eccessiva e penetrazione
eccessiva, per i quali si deve applicare il livello C.
I provini di piegamento non dovrebbero mostrare alcun difetto singolo 3 mm in qualsiasi
direzione. I difetti che si manifestano ai bordi di un provino durante la prova non devono
essere considerati nella valutazione, a meno che non risulti che le rotture sono dovute ad
incompleta penetrazione, scoria o altri difetti.
Se le imperfezioni nel saggio di prova del saldatore sono maggiori dei valori massimi
specicati, il saldatore non supera la prova.
Si dovrebbe anche fare riferimento ai corrispondenti criteri di accettabilit delle prove non
distruttive. Per tutte le prove distruttive e le prove non distruttive devono essere utilizzate
procedure specicate.
Nota

La correlazione tra i livelli di qualit della EN ISO 5817 ed i livelli di accettabilit delle varie tecniche non
distruttive indicata nella EN 12062.

RIPROVE
Se un qualsiasi saggio di prova non risponde ai requisiti della presente norma, deve
essere data al saldatore lopportunit di ripetere la prova di qualicazione.
Qualora sia accertato che la non conformit dovuta a cause metallurgiche oppure ad
altri fattori estranei e non pu essere attribuita direttamente ad una insufciente abilit del
saldatore, deve essere eseguita una prova aggiuntiva per valutare la qualit e lintegrit
del nuovo materiale di prova e/o delle nuove condizioni di prova.

PERIODO DI VALIDIT

9.1

Qualicazione iniziale
La validit della qualicazione del saldatore inizia dalla data della saldatura del(i) saggio(i)
di prova.
Ci purch le prove richieste siano eseguite ed i risultati ottenuti siano risultati accettabili.

9.2

Conferma della validit


Il certicato rilasciato della prova di qualicazione del saldatore valido per un periodo di
due anni. Ci purch il coordinatore di saldatura o il personale responsabile del
costruttore possano confermare la continuit di lavoro del saldatore entro il campo di
validit della qualicazione iniziale. La qualicazione deve essere confermata ogni sei
mesi.

9.3

Prolungamento della validit della qualicazione


I certicati di qualicazione del saldatore secondo la presente norma possono essere
prolungati ogni due anni da un esaminatore/organismo desame.
Prima che abbia luogo il prolungamento della certicazione, deve essere soddisfatto il
punto 9.2 e devono essere confermate le condizioni seguenti:
a)

Le registrazioni delle prove e la documentazione di supporto devono essere rintracciabili al saldatore e devono identicare la(e) WPS che sono utilizzate in produzione.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 18

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Nota

10

b)

La documentazione utilizzata come supporto per il prolungamento deve essere di


natura volumetrica (controllo radiograco o ultrasonoro) o nel caso di prova
distruttiva (frattura o piegamento) le prove devono essere fatte nel corso dei sei mesi
precedenti su due saldature. La documentazione relativa alle necessit di prolungamento deve essere conservata per almeno due anni.

c)

Le saldature devono soddisfare i livelli di accettabilit delle imperfezioni, come specicato nel punto 7.

d)

I risultati di prova menzionati al punto 9.3 b) devono dimostrare che il saldatore ha


riprodotto le condizioni della prova originaria, salvo per lo spessore e per il diametro
esterno del tubo.

Per esempi delle variabili da confermare e rintracciabili, vedere appendice D.

CERTIFICATO
Deve essere vericato che il saldatore ha superato con esito favorevole la prova di qualicazione. Tutte le variabili essenziali devono essere registrate sul certicato. Se il(i)
saggio(i) di prova non soddisfa(soddisfano) una qualsiasi delle prove richieste, non deve
essere rilasciato alcun certicato.
Il certicato deve essere rilasciato sotto la piena responsabilit dell'esaminatore o
dell'organismo desame e deve contenere tutte le informazioni indicate in dettaglio
nell'appendice A. Per il certicato della prova di qualicazione del saldatore si raccomanda di utilizzare il tipo di modulo dell'appendice A. Se si utilizza ogni altro modulo per
il certicato della prova di qualicazione del saldatore, esso deve contenere le informazioni richieste nellappendice A.
In generale, per ogni saggio di prova si deve emettere un certicato separato di prova di
qualicazione del saldatore.
Se saldato pi di un saggio di prova, pu essere rilasciato un unico certicato della
prova di qualicazione del saldatore che combina i campi di validit della qualicazione
dei singoli saggi di prova. In questo caso, ammesso che solo una delle seguenti variabili
essenziali sia differente, eccettuati i campioni indicati al punto 5.7.
-

tipo di giunto;

posizione di saldatura;

spessore del materiale.

Non ammesso cambiare altre variabili essenziali.


Ci si deve assicurare che il certicato della prova di qualicazione del saldatore non dia
luogo ad ambiguit. Perci, si raccomanda di emettere tale certicato in almeno una delle
lingue Inglese, Francese o Tedesco, se necessario in combinazione con una eventuale
altra lingua.
La prova pratica e lesame delle conoscenze tecniche (vedere appendice A) devono
essere indicati con "accettato" o "non sottoposto a prova".
Ogni cambiamento delle variabili essenziali della prova di qualicazione fuori dei campi di
validit ammessi richiede leffettuazione di un nuova prova e lemissione di un nuovo certicato della prova di qualicazione del saldatore.

11

DESIGNAZIONE
La designazione della qualicazione di un saldatore deve comprendere i seguenti dati
nell'ordine indicato (il sistema predisposto per l'impiego informatizzato):
a)

il numero della presente norma;

b)

le variabili essenziali:
1) procedimento di saldatura: vedere punti 4.2, 5.2 ed EN ISO 4063;
2) tipo di prodotto: lamiera (P), tubo (T), vedere punti 4.3.1 e 5.3;

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 19

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3) tipo di giunto: giunto testa a testa (BW), giunto d'angolo (FW), vedere punto 5.4;
4) gruppo di metalli, vedere punto 5.5;
5) metallo d'apporto, vedere punto 5.6;
6) dimensioni del saggio di prova: spessore t e diametro esterno del tubo D , vedere
punto 5.7;
7) posizioni di saldatura: vedere punto 5.8 ed EN ISO 6947;
8) particolari di saldatura: vedere punto 5.9.
Il tipo di gas di protezione al diritto e al rovescio non deve essere incorporato nella
designazione, ma deve essere incluso nel certicato della prova di qualicazione del
saldatore (vedere prEN ISO 15609-1:2000, appendice A, o EN ISO 15609-2:2001,
appendice A).
Lappendice B riporta esempi di designazioni.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 20

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

A CERTIFICATO DI PROVA DI QUALIFICAZIONE DEL SALDATORE

Designazione(i):

..............................................................................................
..............................................................................................

Riferimento (WPS)

N di riferimento dellesaminatore o dellorganismo


desame

Nome del saldatore:


Identicazione:
Metodo di identicazione:
Data e luogo di nascita:
Datore di lavoro:
Codice/Norma di prova:

fotograa
(se richiesta)

Conoscenze tecniche: Accettate / Non sottoposte a prove (barrare secondo il caso)


Saggio di prova
Procedimento(i) di saldatura
Tipo di prodotto (lamiera o tubo)
Tipo di giunto
Gruppo(i) di metalli
Metallo d'apporto (Designazione)
Gas di protezione
Materiali ausiliari (per esempio
gas protettivo al rovescio)
Spessore del materiale (mm)
Diametro esterno del tubo (mm)
Posizione di saldatura
Particolari di saldatura
Tipo di prove di
qualicazione

Eseguite ed accettate

Esame visivo
Radiograa
Frattura
Piegamento
Prova di trazione con
intaglio
Esame macroscopico

Campo di validit
della qualicazione

.................................
.................................

Non si applica

Nome dellesaminatore o
dell'organismo desame:
Luogo,
data
e
rma
dellesaminatore
o
dell'organismo desame:
Data della saldatura:
Validit della qualicazione
no a .......................

Conferma della validit da parte del costruttore/coordinatore di saldatura per i successivi 6 mesi
(vedere punto 9.2)
Data
Firma
Funzione o titolo

Prolungamento della qualicazione da parte dallesaminatore /organismo desame per i successivi 2 anni
(vedere punto 9.3)
Data
Firma
Funzione o titolo

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 21

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

B ESEMPI DI DESIGNAZIONE

B.1

Esempio 1
Qualicazione di saldatore EN 287-1 135 P FW 1.2 S t10 PB ml
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

135

Procedimento di saldatura

Lamiera

P
T: D 150 mm

FW

Giunto dangolo

FW

1.2

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 1.2: Carico unitario di snervamento superiore 1.1, 1.2, 1.4
275 N/mm2 < ReH 360 N/mm2

Metallo dapporto

Filo pieno

S, M

t10

Spessore

Spessore del materiale: 10 mm

3 mm

PB

Posizione di saldatura

Frontale (giunto dangolo)

PA, PB

ml

Particolari di saldatura

A strati multipli

sl, ml

B.2

Saldatura MAG

135, 136 (solo M)

Esempio 2
Qualicazione di saldatore EN 287-1 136 P BW 1.3 B t15 PE ss nb
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

136

Procedimento di saldatura

Lamiera

P
T: D 150 mm PA, PB, PC
D 500 mm PF

BW

Giunto testa a testa

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

1.3

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 1.3: Acciai normalizzati a grano no con


carico unitario di snervamento superiore
ReH > 360 N/mm2

1, 2, 3, 9.1, 11

Metallo dapporto

Filo elettrodo animato con riempimento basico

B, R, P, V, W, Y, Z

t15

Spessore del materiale del saggio di Spessore del materiale: 15 mm


prova

5 mm

PE

Posizione di saldatura

Soprattesta (giunto testa a testa)

PA, PB, PC, PD, PE, PF

ss nb

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno


Saldatura a strati multipli

ss nb, ss mb, bs
per FW: sl, ml

UNI EN 287-1:2004

Saldatura ad arco in gas protettivo attivo con lo elettrodo


animato

136

UNI

Pagina 22

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

B.3

Esempio 3
Qualicazione di saldatore EN 287-1 141 T BW 8 S t3.6 D60 PF ss nb
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

141

Procedimento di saldatura

Tubo

T
P

BW

Giunto testa a testa

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 8: Acciai inossidabili austenitici

8, 9.2, 9.3, 10

Metallo dapporto

Filo pieno

t3.6

Spessore

Spessore del materiale: 3,6 mm

da 3 mm a 7,2 mm

D60

Diametro esterno del tubo del saggio Diametro esterno del tubo: 60 mm
di prova

30 mm

PF

Posizione di saldatura

Giunto testa a testa su tubo, tubo sso, asse orizzontale

PA, PB, PD, PE, PF

ss nb

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno


Saldatura a strati multipli

ss nb, ss mb, bs
per FW: sl, ml

B.4

Saldatura TIG

141

Esempio 4
Qualicazione di saldatore EN 287-1 111 P BW 2 B t13 PA ss nb
Qualicazione di saldatore EN 287-1 111 P FW 2 B t13 PB ml
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

111

Procedimento di saldatura

Lamiera

P
T: D 150 mm

BW
FW

Giunto testa a testa


Giunto dangolo

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 2: Acciai a grano no con trattamento


termomeccanico con carico unitario di snervamento superiore
ReH > 360 N/mm2

1, 2, 3, 9.1, 11

Metallo dapporto

Rivestimento basico

tutti, escluso C

t13

Spessore

Spessore del materiale: 13 mm

5 mm

PA
PB

Posizione di saldatura

Giunto testa a testa, piano


Giunto dangolo, frontale

PA, PB

ss nb
ml

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno


Saldatura a strati multipli

ss nb, ss mb, bs
per FW: sl, ml

UNI EN 287-1:2004

Saldatura ad arco con elettrodi rivestiti

111

UNI

Pagina 23

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

B.5

Esempio 5
Qualificazione di saldatore EN 287-1 141/135 T BW 1.2 S t20(5/15) D200 PA ss nb
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

141
135

Procedimento di saldatura

Tubo

T
P

BW

Giunto testa a testa

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

1.2

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 1.2: Carico unitario di snervamento superiore 1.1, 1.2, 1.4
275 N/mm2 < ReH 360 N/mm2

Metallo dapporto

Filo pieno

141: S
135: S
136: solo M

t20

Spessore

141: s1 = 5 mm
135: s2 = 15 mm

141: da t = 3 mm a 10 mm
135: t 5 mm
141/135: t 5 mm

D200

Diametro esterno del tubo del saggio Diametro esterno del tubo: 200 mm
di prova

100 mm

PA

Posizione di saldatura

Giunto testa a testa su tubo rotante, asse orizzontale

PA, PB

ss nb

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno

141: ss nb, ss mb, bs


135: ss mb, bs
(136: M)

Saldatura a strati multipli

per FW: sl, ml

B.6

Saldatura TIG, passata al vertice (2 strati)


Saldatura MAG, passate di riempimento

141
135,136 (solo M)

Esempio 6
Qualicazione di saldatore EN 287-1 141 T BW 10 S t8.0 D 100 H-L045 ss nb
Qualicazione di saldatore EN 287-1 141 T BW 10 S t1.2 D 16 H-L045 ss nb
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

141

Procedimento di saldatura

Tubo

T
P

BW

Giunto testa a testa

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

10

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 10: Acciai inossidabili austeno-ferritici

8, 9.2, 9.3, 10

Metallo dapporto

Filo pieno

t8.0
t1.2

Spessore

Spessore del materiale: 1,2 mm/8 mm

da 1,2 mm a 16 mm

D100
D16

Diametro esterno del tubo del saggio Diametro esterno del tubo: 100 mm/16 mm
di prova

16 mm

H-L045

Posizione di saldatura

Giunto testa a testa su tubo, tubo sso, asse inclinato (45)

tutti, esclusi PG e J-L045

ss nb

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno

ss nb, ss mb, bs

Strato singolo/strati multipli

per FW: sl, ml

UNI EN 287-1:2004

Saldatura TIG

141

UNI

Pagina 24

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

B.7

Esempio 7
Qualicazione di saldatore EN 287-1 141 T BW 5 S t5.0 D 60 PF ss nb
Qualicazione di saldatore EN 287-1 141 T BW 5 S t5.0 D 60 PC ss nb
Spiegazione

Campo di validit
della qualicazione

141

Procedimento di saldatura

Tubo

T
P

BW

Giunto testa a testa

BW, FW [vedere punto 5.4 b)]

Gruppo di metalli secondo il


CR ISO 15608

Gruppo di metalli 5: Acciai al Cr-Mo esenti da vanadio


con C 0,35%

1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 9.1, 11

Metallo dapporto

Filo pieno

t5.0

Spessore

Spessore del materiale: 5,0 mm

da 3 mm a 10 mm

D60

Diametro esterno del tubo del saggio Diametro esterno del tubo: 60 mm
di prova

30 mm

PF
PC

Posizione di saldatura

Giunto testa a testa su tubo sso, asse orizzontale


asse verticale

tutti, esclusi PG e J-L045

ss nb

Particolari di saldatura

Saldatura da un solo lato, senza sostegno

ss nb, ss mb, bs

Strati multipli

per FW: sl, ml

UNI EN 287-1:2004

Saldatura TIG

141

UNI

Pagina 25

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

C CONOSCENZE TECNICHE

C.1

Generalit
La verica delle conoscenze tecniche raccomandata, ma non obbligatoria.
Comunque, alcuni Paesi possono richiedere che il saldatore sia sottoposto ad una prova
delle conoscenze tecniche. Se questa prova eseguita, essa dovrebbe essere registrata
sul certicato di prova di qualicazione del saldatore.
La presente appendice elenca le conoscenze tecniche che un saldatore dovrebbe avere
per rispettare le procedure e le pratiche correnti di saldatura. Le conoscenze tecniche
indicate nella presente appendice corrispondono solamente al livello pi basilare.
A causa dei differenti programmi di addestramento esistenti nei vari Paesi, ci si propone
solo di normalizzare gli obiettivi generali o le categorie di conoscenze tecniche. Le
domande effettivamente poste dovrebbero essere preparate dai singoli Paesi, ma
dovrebbero includere domande sugli argomenti elencati nel punto C.2, attinenti la prova di
qualicazione dei saldatori.
La verica effettiva delle conoscenze tecniche del saldatore pu essere fatta con uno dei
seguenti metodi o loro combinazioni:
a)

prove scritte obiettive (domande a risposta multipla);

b)

esame orale sulla base di un elenco di domande scritte;

c)

prova con elaboratore elettronico;

d)

prova di dimostrazione/osservazione sulla base di un elenco scritto di criteri.

La verica delle conoscenze tecniche limitata agli argomenti connessi con il procedimento di saldatura uitilizzato nella prova.

C.2

Requisiti

C.2.1

Attrezzature di saldatura

C.2.1.1

Saldatura ossiacetilenica

C.2.1.2

a)

identicazione delle bombole di gas;

b)

identicazione e montaggio dei componenti essenziali;

c)

scelta dei tipi idonei di punte e di cannelli di saldatura.

Saldatura ad arco
a)

identicazione e montaggio di componenti e di attrezzature essenziali;

b)

tipo di corrente elettrica;

c)

collegamento corretto del cavo di messa a terra di saldatura.

C.2.2

Procedimenti di saldatura2)

C.2.2.1

Saldatura ossiacetilenica (311)

2)

a)

pressione dei gas;

b)

scelta del tipo di punte;

c)

tipo di amma;

d)

effetto del surriscaldamento.

I numeri si riferiscono alla ISO 4063.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 26

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

C.2.2.2

C.2.2.3

C.2.2.4

C.2.2.5

C.2.3

C.2.4

Saldatura ad arco con elettrodi rivestiti (111)


a)

manipolazione ed essiccazione degli elettrodi;

b)

differenze dei tipi di elettrodi.

Saldatura ad arco con li elettrodi animati (senza gas protettivo) (114)


a)

tipi e dimensioni degli elettrodi;

b)

tipi, dimensioni e manutenzione degli ugelli/tubi di contatto;

c)

scelta e limitazioni del modo di trasferimento del metallo;

d)

protezione dellarco di saldatura dalle correnti daria.

Saldatura ad arco in gas protettivo con lo elettrodo fusibile, saldatura TIG, saldatura al
plasma (131,135, 136, 141, 15)
a)

tipi e dimensioni degli elettrodi;

b)

identicazione e portata dei gas di protezione;

c)

tipo, dimensione e manutenzione degli ugelli/tubi di contatto;

d)

scelta e limitazioni del modo di trasferimento del metallo;

e)

protezione dell'arco di saldatura dalle correnti d'aria.

Saldatura ad arco sommerso (121, 125)


a)

essiccazione, alimentazione e recupero corretto del usso;

b)

allineamento ed avanzamento corretti della testa di saldatura.

Metalli base
a)

identicazione del materiale;

b)

metodi e controllo del preriscaldo;

c)

controllo della temperatura tra le passate.

Metalli d'apporto
a)

identicazione dei metalli d'apporto;

b)

stoccaggio, manipolazione e condizione dei metalli d'apporto;

c)

scelta delle dimensioni corrette;

d)

pulizia degli elettrodi e dei li elettrodi;

e)

controllo della bobinatura del lo elettrodo;

f)

controllo e monitoraggio della portata e della qualit del gas.

C.2.5

Precauzioni di sicurezza

C.2.5.1

Generalit

C.2.5.2

a)

sicurezza nelle procedure di montaggio, messa a punto ed arresto;

b)

controllo di sicurezza dei gas e dei fumi di saldatura;

c)

protezione individuale;

d)

pericoli di incendio;

e)

saldatura in spazi ristretti;

f)

conoscenza dell'ambiente di saldatura.

Saldatura ossiacetilenica
a)

sicurezza nello stoccaggio, manipolazione ed uso dei gas compressi;

b)

ricerca di fughe in tubi essibili ed accessori di saldatura;

c)

procedura da seguire nel caso di un ritorno di amma.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 27

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

C.2.5.3

C.2.5.4

C.2.6

Tutti i procedimenti di saldatura ad arco


a)

ambiente che favorisce il pericolo di elettrocuzione;

b)

radiazioni dell'arco;

c)

effetti dei colpi d'arco.

Saldatura ad arco in gas protettivo


a)

sicurezza nello stoccaggio, manipolazione ed uso dei gas compressi;

b)

ricerca di fughe in tubi essibili ed accessori.

Sequenze/procedure di saldatura
Valutazione dei requisiti della procedura di saldatura e dell'inuenza dei parametri di
saldatura.

C.2.7

C.2.8

C.2.9

Preparazione dei giunti e rappresentazione delle saldature


a)

conformit della preparazione dei giunti ai requisiti della specica di procedura di


saldatura (WPS);

b)

pulizia dei lembi da saldare.

Imperfezioni di saldatura
a)

identicazione delle imperfezioni;

b)

cause;

c)

prevenzione e rimedi.

Qualicazione del saldatore


Il saldatore dovrebbe risultare informato sul campo di validit della qualicazione.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 28

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

D VARIABILI DA CONFERMARE E RINTRACCIABILI PER IL PROLUNGAMENTO


Per poter prolungare il certicato della prova di qualicazione del saldatore, si dovrebbe
confermare che il saldatore ha eseguito lavori di saldatura rappresentativi della prova di
qualicazione originaria per quanto riguarda le variabili essenziali indicate nel
prospetto D.1.

prospetto

D.1

Variabili da confermare e rintracciabili per il prolungamento


Variabili

da confermare

Procedimento(i) di saldatura

Tipo di prodotto (lamiera, tubo, tronchetto)

Tipo di saldatura

Gruppo di metalli

Metallo dapporto di saldatura (designazione)


Spessore del materiale

a)

Diametro esterno del tubo

b)

Posizione di saldatura

Particolari di saldatura

a)
b)

Lo spessore pu variare purch rientri nel campo originario della qualicazione.


Il diametro esterno del tubo pu variare di 50% rispetto al saggio di prova iniziale.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 29

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI I REQUISITI


ESSENZIALI DELLA DIRETTIVA 97/23/CE
La presente norma europea stata elaborata nellambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dallAssociazione Europea di Libero Scambio per fornire
un mezzo per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva di Nuovo Approccio 97/23/CE.
Nel momento in cui la presente norma citata nella Gazzetta Ufciale dellUnione
Europea nellambito di quella Direttiva ed stata adottata come norma nazionale in
almeno uno Stato Membro, la conformit ai punti della presente norma indicati nel
prospetto ZA fornisce, entro i limiti dello scopo e campo di applicazione della presente
norma, una presunzione di conformit ai corrispondenti requisiti essenziali di quella
Direttiva e dei regolamenti EFTA associati.

prospetto ZA.1

Corrispondenza tra la presente norma europea e la Direttiva 97/23/CE

Punti della presente norma europea


Tutti i punti

Requisiti essenziali della Direttiva 97/23/CE


Allegato I, 3.1.2

Commenti/Note
Giunzioni permanenti

AVVERTENZA: Altri requisiti ed altre Direttive UE possono essere applicabili al(ai)


prodotto(i) che rientra(rientrano) nello scopo e campo di applicazione della presente
norma.

UNI EN 287-1:2004

UNI

Pagina 30

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

BIBLIOGRAFIA
EN 499:1994
EN 758:1997

EN 1321:1996
EN 1418:1997

EN 1714:1997
EN 12062:1997
EN 22553:1994

UNI EN 287-1:2004

Welding consumables - Covered electrodes for manual metal arc


welding of non alloy and ne grain steels - Classication
Welding consumables - Tubular cored electrodes for metal arc
welding with and without a gas shield of non alloy and ne grain
steels - Classication
Destructive tests on welds in metallic materials - Macroscopic and
microscopic examination of welds
Welding personnel - Approval testing of welding operators for
fusion welding and resistance weld setters for fully mechanized
and automatic welding of metallic materials
Non-destructive examination of welds - Ultrasonic examination of
welded joints
Non-destructive examination of welds - General rules for metallic
materials
Welded, brazed and soldered joints - Symbolic representation on
drawings

UNI

Pagina 31

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL STRUTTURE edizione 2005-2.


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.