Sei sulla pagina 1di 21

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE:

VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO TAGLIO) E AGLI STATI LIMITE

RIFERIMENTI NORMATIVI E BIBLIOGRAFIA:

BARAGETTI S., TERRANOVA A., PROGETTO E CALCOLO DI SISTEMI MECCANICI, HOEPLI

BALLIO G., MAZZOLANI F.M., STRUTTURE IN ACCIAIO, HOEPLI

CNR‐UNI 10011

Eurocodice 3 (UNI EN 1993)

DM 14 gennaio 2008, Norme Tecniche

CALCOLO DI UNIONI BULLONATE: METODI DI VERIFICA

TENSIONI AMMISSIBILI

E’ un metodo di verifica strutturale di tipo deterministico (considera i valori medi delle grandezze)

Utilizza leggi costitutive σ - ε lineari

Verifica sezioni critiche eseguita rispetto alle tensioni massime, ad esempio:

σ max < σ amm

τ max < τ amm

Rif.: [CNR-UNI 10011]

STATI LIMITE

E’ un metodo di verifica strutturale di tipo semiprobabilistico (distribuzione probabilistica e utilizzo di coefficienti parziali di sicurezza e di combinazione)

Leggi costitutive lineari o non lineari (superamento dello snervamento e ridistribuzione delle tensioni)

Verifica di ogni sezione della struttura:

R d > E d

Rif.: [Normativa Tecnica DM 14.01.08; UNI EN 1990-1999 (Eurocodici)]

UNIONI BULLONATE: CLASSIFICAZIONE BULLONI

Bullone Rosetta Dado e controdado
Bullone
Rosetta
Dado e controdado

Rosetta elastica (Grower)

Normativa Tecnica DM 14/01/08

a s t i c a (Grower) Normativa Tecnica DM 14/01/08 [UNI EN ISO 898-1:2001] CNR‐UNI

[UNI EN ISO 898-1:2001]

Normativa Tecnica DM 14/01/08 [UNI EN ISO 898-1:2001] CNR‐UNI 10011 Normali AR [UNI 3740] COSTRUZIONE DI

CNR‐UNI 10011

Tecnica DM 14/01/08 [UNI EN ISO 898-1:2001] CNR‐UNI 10011 Normali AR [UNI 3740] COSTRUZIONE DI MACCHINE
Tecnica DM 14/01/08 [UNI EN ISO 898-1:2001] CNR‐UNI 10011 Normali AR [UNI 3740] COSTRUZIONE DI MACCHINE

Normali

AR

[UNI 3740]

[UNI EN ISO 898-1:2001] CNR‐UNI 10011 Normali AR [UNI 3740] COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE:

Normativa Tecnica DM 14.01.2008

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE: Normativa Tecnica DM 14.01.2008 COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti 4

UNIONI BULLONATE: CALCOLO 1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

CALCOLO 1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO) COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

UNIONI BULLONATE A TAGLIO: COMPORTAMENTO

AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO) UNIONI BULLONATE A TAGLIO: COMPORTAMENTO COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

UNIONI BULLONATE A TAGLIO: IPOTESI PER IL CALCOLO

(SOLO A TAGLIO) UNIONI BULLONATE A TAGLIO: IPOTESI PER IL CALCOLO COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof.

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO

TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO) I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof.

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO (2)

AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO) I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO (2) COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof.

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

II) VERIFICA ELEMENTI INDEBOLITI DAI FORI

(SOLO A TAGLIO) II) VERIFICA ELEMENTI INDEBOLITI DAI FORI COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

III) VERIFICA A RIFOLLAMENTO DEGLI ELEMENTI CONNESSI (PIASTRE)

III) VERIFICA A RIFOLLAMENTO DEGLI ELEMENTI CONNESSI (PIASTRE) COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti 11

1. METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO)

IV) DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE

TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO A TAGLIO) IV) DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti 12

UNIONI BULLONATE: CALCOLO 2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE

Riferimenti normativi:

Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al DM 14.01.2008

Eurocodice 3: UNI EN 1993

Unioni con bulloni:

1. Non precaricati: si possono impiegare viti di tutte le classi (da 4.6 a 10.9)

2. Precaricati: si devono impiegare bulloni ad alta resistenza (8.8, 10.9)

Unioni sottoposte a taglio e/o trazione

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE

DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE SECONDO LE NORME TECNICHE (DM

14.01.2008)

DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE SECONDO LE NORME TECNICHE (DM 14.01.2008) COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti 14
DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE SECONDO LE NORME TECNICHE (DM 14.01.2008) COSTRUZIONE DI MACCHINE - Prof. Sergio Baragetti 14

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO

BULLONI NON PRECARICATI I) VERIFICA DELLE VITI A TAGLIO F v , E d = forza

F v,Ed = forza scambiata tra vite e piastra sul piano di taglio considerato

F v,Rd = resistenza di calcolo al taglio per la vite considerata

F v,Rd

=

0 6

5

6

f

tb

A

.

res

(bulloni classi 4.6, 5.6, 8.8)

(bulloni classi 6.8, 10.9)

M 2

0

.

f

tb

A

res

M

2

0

.

f

tb

A

M 2

(se il piano di taglio interessa la parte non filettata della vite)

f tb = resistenza a rottura del materiale impiegato per realizzare il bullone

M2 = coefficiente di sicurezza = 1.25

A res = sezione resistente della parte filettata della vite

A = sezione resistente della parte non filettata della vite

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

II) VERIFICA A TRAZIONE DEGLI ELEMENTI CONNESSI (PIASTRE)

 A ◊ f 0 . 9 ◊ A ◊ f  ( ) yk
 A
f
0
.
9 ◊
A
f 
(
)
yk
net
tk
N
N
=
min N
;N
=
min 
;
Ed
t,Rd
pl,Rd
u,Rd
M 0
M
2

N Ed = forza di trazione agente sull’elemento strutturale (azione assiale di calcolo) N t,Rd = resistenza di calcolo a trazione dell’elemento N pl,Rd = resistenza plastica della sezione lorda dell’elemento (senza depurarla dai fori) N u,Rd = resistenza a rottura della sezione netta dell’elemento (depurandola dai fori) A = area della sezione resistente lorda dell’elemento A net = area della sezione resistente netta dell’elemento f yk = carico di snervamento del materiale di cui è costituito l’elemento f tk = resistenza a rottura del materiale di cui è costituito l’elemento M0 = coefficiente di sicurezza = 1.05 M2 = coefficiente di sicurezza = 1.25

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

III) VERIFICA A RIFOLLAMENTO DEGLI ELEMENTI CONNESSI

III) VERIFICA A RIFOLLAMENTO DEGLI ELEMENTI CONNESSI F F v , E d = forza scambiata

F

F

v,Ed = forza scambiata tra vite e piastra considerata

b,Rd = resistenza di calcolo a rifollamento della piastra dell’unione considerata

a rifollamento della piastra dell’unione considerata f t k = resistenza a rottura del materiale della

f tk = resistenza a rottura del materiale della piastra M2 = coefficiente di sicurezza = 1.25

t

α

α

= spessore della piastra; d = diametro nominale della vite

= min {e 1 /(3d 0 ); f tb /f tk ; 1} per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato

= min {p 1 /(3d 0 ) – 0.25 ; f tb /f tk ; 1} per bulloni interni nella direzione del carico applicato

= min {2.8 e 2 /d 0 – 1.7; 2.5} per bulloni di bordo nella direzione perpendicolare al carico

= min {1.4 p 2 /d 0 – 1.7; 2.5} per bulloni interni nella direzione perpendicolare al carico

d+1 mm con d ≤ 14 mm; d+2 mm con 16 mm ≤ d ≤ 24 mm; d+3 mm con d ≥ 27 mm

k

k

d

0 =

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

IV) VERIFICA A TRAZIONE DEI BULLONI

BULLONI NON PRECARICATI IV) VERIFICA A TRAZIONE DEI BULLONI F t , E d = forza

F t,Ed = forza di trazione agente sul bullone F t,Rd = resistenza di calcolo a trazione del bullone A res = area della sezione di nocciolo della vite f tb = resistenza a rottura del materiale della vite M2 = coefficiente di sicurezza = 1.25

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

IV) VERIFICA A PUNZONAMENTO DEGLI ELEMENTI CONNESSI (PIASTRE)

0 . 6 ◊ ◊ d ◊ t ◊ f m p tk F B
0
.
6 ◊
d
t
f
m
p
tk
F
B
=
t,Ed
p,Rd
M
2

F t Ed = forza di trazione applicata alla vite B p,Rd = resistenza a punzonamento del piatto collegato f tk = resistenza a rottura del materiale della piastra M2 = coefficiente di sicurezza = 1.25 t p = spessore della piastra d m = minimo tra il diametro del dado e il diametro medio della testa del bullone

,

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI NON PRECARICATI

V) VERIFICA DEI BULLONI CON STATO DI SOLLECITAZIONE COMPOSTO

t,Rd

F t,Ed = forza di trazione agente sulla vite F v,Ed = forza di taglio agente sulla vite F t,Rd = resistenza a trazione della vite F v,Rd = resistenza a taglio della vite

2. VERIFICHE AGLI STATI LIMITE: BULLONI PRECARICATI

UNIONI A TAGLIO PER ATTRITO CON BULLONI AD ALTA RESISTENZA:

RESISTENZA DI CALCOLO ALLO SCORRIMENTO

AD ALTA RESISTENZA: RESISTENZA DI CALCOLO ALLO SCORRIMENTO n = numero delle superfici di attrito μ

n = numero delle superfici di attrito

μ = coefficiente di attrito tra le piastre a contatto nelle unioni precaricate: pari a 0.45 quando le

giunzioni sono sabbiate al metallo bianco e protette sino al serraggio dei bulloni, pari a 0.30 in tutti gli altri casi F p,Cd = forza di precarico del bullone: pari a 0.7 f tb A res in caso di serraggio controllato, altrimenti pari a 0.7 f tb A res / M7 M3 = coefficiente di sicurezza = 1.25 (stati limite ultimi) M7 = coefficiente di sicurezza = 1.10