Sei sulla pagina 1di 4

PARTE DODICESIMA

CAPITOLO VIII PRIMO PIANO

Let dellimperialismo: le avanguardie (1903-1925)


La coscienza di Zeno, A3

CD186

Italo Svevo
Lo schiaffo del padre

[La coscienza di Zeno,


dal capitolo
La morte di mio padre]

da I. Svevo, Opera omnia-Romanzi,


parte seconda, DallOglio, Milano
1969.

10

15

20

25

30

Quando non ancora risolta la lunga conflittualit di Zeno col padre, questi cade allimprovviso malato di
un edema cerebrale, che lo priva della coscienza e lo porter inevitabilmente alla morte. Il medico ha detto
che lammalato deve stare assolutamente sdraiato nel letto. Zeno prende la prescrizione alla lettera; forse
troppo. Il padre, levatosi in piedi con un supremo sforzo, lascia cadere la mano sulla guancia del figlio.
Durante la notte che segu, ebbi per lultima volta il terrore di veder risorgere quella coscienza chio
tanto temevo.1 Egli sera seduto sulla poltrona accanto alla finestra e guardava traverso i vetri, nella
notte chiara, il cielo tutto stellato. La sua respirazione era sempre affannosa, ma non sembrava chegli
ne soffrisse assorto comera a guardare in alto. Forse a causa della respirazione, pareva che la sua testa facesse dei cenni di consenso.
Pensai con spavento: Ecco chegli si dedica ai problemi che sempre evit.2 Cercai di scoprire il
punto esatto del cielo che egli fissava. Egli guardava, sempre eretto sul busto, con lo sforzo di chi spia
attraverso un pertugio situato troppo in alto. Mi parve guardasse le Pleiadi. Forse in tutta la sua vita
egli non aveva guardato s a lungo tanto lontano. Improvvisamente si volse a me, sempre restando eretto sul busto:
Guarda! Guarda! mi disse con un aspetto severo di ammonizione. Torn subito a fissare il cielo e indi si volse di nuovo a me:
Hai visto? Hai visto?
Tent di ritornare alle stelle, ma non pot: si abbandon esausto sullo schienale della poltrona e
quando io gli domandai che cosa avesse voluto mostrarmi, egli non mintese n ricord di aver visto
e di aver voluto che io vedessi. La parola che aveva tanto cercata per consegnarmela, gli era sfuggita
per sempre.3
La notte fu lunga ma, debbo confessarlo, non specialmente affaticante per me e per linfermiere.
Lasciavamo fare allammalato quello che voleva, ed egli camminava per la stanza nel suo strano costume,4 inconsapevole del tutto di attendere la morte. Una volta tent di uscire sul corridoio ove faceva tanto freddo. Io glielo impedii ed egli mobbed subito. Unaltra volta, invece, linfermiere che aveva sentita la raccomandazione del medico, volle impedirgli di levarsi dal letto, ma allora mio padre si
ribell. Usc dal suo stupore, si lev piangendo e bestemmiando ed io ottenni gli fosse lasciata la libert di moversi comegli voleva. Egli si quiet subito e ritorn alla sua vita silenziosa e alla sua corsa
vana in cerca di sollievo.
Quando il medico ritorn, egli si lasci esaminare tentando persino di respirare pi profondamente come gli si domandava. Poi si rivolse a me:
Che cosa dice?
Mi abbandon per un istante, ma ritorn subito a me:
Quando potr uscire?

1 il terrore...temevo: Zeno teme la coscienza del padre


perch, come ha sostenuto davanti al medico, essa provocherebbe nel malato, con la consapevolezza della prossima fine, un dolore maggiore. Ma, a causa del suo esasperato senso di colpa, teme soprattutto il giudizio e la
condanna che a essa si accompagnerebbero.
2 Ecco...evit: ai problemi dellesistenza di Dio e della sopravvivenza dellanima dopo la morte, ai quali sembra
alludere il suo sguardo rivolto lontano, verso la costellazione delle Pleiadi. Subito dopo, lambivalenza del sentimento di Zeno (affetto per il padre e dolore per la sua
morte, accompagnati dal senso di colpa per non aver
mai cercato di comprenderne le motivazioni di vita, e insieme irrisione e distruttivit verso quelle stesse motiva-

zioni) si esprimono in una frase sarcastica: Forse in tutta la sua vita egli non aveva mai guardato s [= cos] a
lungo tanto lontano.
3 La parola...per sempre: il padre, prima di cadere nellincoscienza del coma, ha detto a Zeno: Io sento come la
mia esperienza e la scienza mia della vita sono grandi.
Non si vivono inutilmente tanti anni. Io so molte cose e
purtroppo non so insegnartele tutte come vorrei! Oh,
quanto lo vorrei! Vedo dentro nelle cose, e anche vedo
quello ch giusto e vero e anche quello che non lo ; e,
poco dopo: Quello chio cerco non complicato affatto.
Si tratta anzi di trovare una parola, una sola e la trover!. Quando riferisce queste parole al dottor Coprosich, il medico che cura il padre, questi le interpreta dal

Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura

punto di vista clinico (So quello che saggirava nella sua


testa!: cio ledema). Zeno non ha la sicura fede materialistica del medico e soprattutto non ha la sua tranquillit di coscienza, e quindi non sa liberarsi, anche se
razionalmente la nega, della primitiva e superstiziosa convinzione che il padre prossimo a raggiungere laldil abbia un importante messaggio da lasciargli. Di fronte al
padre sicuro di s e del mondo, onnisciente e giudicante, e ormai inattaccabile perch morto, Zeno si sentir
irrimediabilmente inetto e colpevole.
4 nel suo strano costume: ci si riferisce al fatto che il padre era vestito della sola biancheria, con in testa il suo
berretto da notte di seta rossa. Infatti in un barlume di
lucidit ha detto: Sembro un messicano!.

[G. B. PALUMBO EDITORE]

PARTE DODICESIMA
CAPITOLO VIII PRIMO PIANO

Let dellimperialismo: le avanguardie (1903-1925)


La coscienza di Zeno, A3

CD186

35

40

45

50

55

60

65

70

Italo Svevo ~ Lo schiaffo del padre

Il dottore incoraggiato da tanta mitezza mi esort a dirgli che si forzasse di restare pi a lungo nel
letto. Mio padre ascoltava solo le voci a cui era pi abituato, la mia e quelle di Maria e dellinfermiere.
Non credevo allefficacia di quelle raccomandazioni, ma tuttavia le feci mettendo nella mia voce anche un tono di minaccia.5
S, s, promise mio padre e in quello stesso istante si lev e and alla poltrona.
Il medico lo guard e, rassegnato, mormor:
Si vede che un mutamento di posizione gli d un po di sollievo.
Poco dopo ero a letto, ma non seppi chiuder occhio. Guardavo nellavvenire indagando per trovare perch e per chi avrei potuto continuare i miei sforzi di migliorarmi.6 Piansi molto, ma piuttosto su
me stesso che sul disgraziato che correva senza pace per la sua camera.7
Quando mi levai, Maria and a coricarsi ed io restai accanto a mio padre insieme allinfermiere.
Ero abbattuto e stanco; mio padre pi irrequieto che mai.
Fu allora che avvenne la scena terribile che non dimenticher mai e che gett lontano lontano la
sua ombra, che offusc ogni mio coraggio, ogni mia gioia. Per dimenticare il dolore, fu duopo8 che
ogni mio sentimento fosse affievolito dagli anni.
Linfermiere mi disse:
Come sarebbe bene se riuscissimo di tenerlo a letto. Il dottore vi d tanta importanza!
Fino a quel momento io ero rimasto adagiato sul sof. Mi levai e andai al letto ove, in quel momento, ansante pi che mai, lammalato sera coricato. Ero deciso: avrei costretto mio padre di restare almeno per mezzora nel riposo voluto dal medico. Non era questo il mio dovere?9
Subito mio padre tent di ribaltarsi verso la sponda del letto per sottrarsi alla mia pressione e levarsi. Con mano vigorosa poggiata sulla sua spalla, glielimpedii mentre a voce alta e imperiosa gli comandavo di non muoversi. Per un istante, terrorizzato, egli obbed. Poi esclam:
Muoio!
E si rizz. A mia volta, subito spaventato dal suo grido, rallentai la pressione della mia mano. Perci egli pot sedere sulla sponda del letto proprio di faccia a me. Io penso che allora la sua ira fu aumentata al trovarsi sebbene per un momento solo impedito nei movimenti e gli parve certo chio
gli togliessi anche laria di cui aveva tanto bisogno, come gli toglievo la luce stando in piedi contro di
lui seduto. Con uno sforzo supremo arriv a mettersi in piedi, alz la mano alto alto, come se avesse
saputo chegli non poteva comunicarle altra forza che quella del suo peso e la lasci cadere sulla mia
guancia. Poi scivol sul letto e di l sul pavimento. Morto!10
Non lo sapevo morto, ma mi si contrasse il cuore dal dolore della punizione, chegli, moribondo,
aveva voluto darmi. Con laiuto di Carlo lo sollevai e lo riposi in letto. Piangendo, proprio come un
bambino punito, gli gridai nellorecchio:
Non colpa mia! Fu quel maledetto dottore che voleva obbligarti di star sdraiato!
Era una bugia. Poi, ancora come un bambino, aggiunsi la promessa di non farlo pi:
Ti lascer movere come vorrai.
Linfermiere disse.
morto.
Dovettero allontanarmi a viva forza da quella stanza. Egli era morto ed io non potevo pi provargli la mia innocenza!

5 raccomandazioni...minaccia: la raccomandazione di non


alzarsi dal letto ribadita con insistenza sia dal medico che
dallinfermiere: questo riferito dallo Zeno che racconta, il
quale cerca dei corresponsabili in quello che di l a poco
sarebbe accaduto. Egli si sente per costretto a riferire
che, di suo, in pi ci mise anche un tono di minaccia.
6 migliorarmi: Zeno cerca sempre di migliorarsi, ma i
suoi buoni propositi si fanno pi forti nei momenti in cui
la vita lo aggredisce, mettendolo in stato di inferiorit.
7 su me stesso...camera: con la morte del padre, scom-

pare anche il conflitto con lui e la possibilit di scaricare su di lui la propria incapacit di operare scelte, e quindi la propria inettitudine. Per questo Zeno piange soprattutto su se stesso.
8 fu duopo: fu necessario.
9 Non era...dovere: il dubbio espresso dalla frase interrogativa pu appartenere sia al tempo della vicenda raccontata che al tempo della narrazione; il che significa
che neppure lo Zeno che racconta ha saputo scioglierlo.
Il problema della colpa resta insoluto per il protagoni-

Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura

sta, anche nelle sue funzioni di narratore.


10 Morto!: lesclamativa, che come linterrogativa precedente (cfr. nota 9) si sottrae al tempo della vicenda narrata per invadere il tempo dello Zeno narrante, sottolinea lirrevocabilit del fatto accaduto. Pochi di questi fatti costellano la vita di Zeno, la cui costante tendenza
quella alla dilazione; nella sua vita, essi costituiscono
delle pietre miliari. Per questo, poco dopo lo Zeno narratore esclamer: Egli era morto ed io non potevo pi provargli la mia innocenza!.

[G. B. PALUMBO EDITORE]

PARTE DODICESIMA
CAPITOLO VIII PRIMO PIANO

Let dellimperialismo: le avanguardie (1903-1925)


La coscienza di Zeno, A3

CD186

75

80

85

90

95

Italo Svevo ~ Lo schiaffo del padre

Nella solitudine tentai di riavermi. Ragionavo: era escluso che mio padre, chera sempre fuori di
sensi, avesse potuto risolvere11 di punirmi e di dirigere la sua mano con tanta esattezza da colpire la
mia guancia.
Come sarebbe stato possibile di avere la certezza che il mio ragionamento era giusto? Pensai persino di dirigermi a Coprosich. Egli, quale medico, avrebbe potuto dirmi qualche cosa sulle capacit
di risolvere e agire di un moribondo. Potevo anche essere stato vittima di un atto provocato da un tentativo di facilitarsi la respirazione! Ma col dottor Coprosich non parlai. Era impossibile di andare a rivelare a lui come mio padre si fosse congedato da me. A lui, che maveva gi accusato di aver mancato di affetto per mio padre!
Fu un ulteriore grave colpo per me quando sentii che Carlo, linfermiere, in cucina, di sera, raccontava a Maria: Il padre alz alto alto la mano e con lultimo suo atto picchi il figliuolo. Egli lo
sapeva e perci Coprosich lavrebbe risaputo.
Quando mi recai nella stanza mortuaria, trovai che avevano vestito il cadavere. Linfermiere doveva anche avergli ravviata la bella, bianca chioma. La morte aveva gi irrigidito quel corpo che giaceva superbo e minaccioso. Le sue mani grandi, potenti, ben formate, erano livide, ma giacevano con
tanta naturalezza che parevano pronte ad afferrare e punire.12 Non volli, non seppi pi rivederlo.
Poi, al funerale, riuscii a ricordare mio padre debole e buono come lavevo sempre conosciuto dopo la mia infanzia e mi convinsi che quello schiaffo che mera stato inflitto da lui moribondo, non era
stato da lui voluto. Divenni buono, buono e il ricordo di mio padre saccompagn a me, divenendo
sempre pi dolce. Fu come un sogno delizioso: eravamo oramai perfettamente daccordo, io divenuto il pi debole e lui il pi forte.
Ritornai e per molto tempo rimasi nella religione della mia infanzia. Immaginavo che mio padre
mi sentisse e potessi dirgli che la colpa non era stata mia, ma del dottore. La bugia non aveva importanza perch egli oramai intendeva tutto ed io pure. E per parecchio tempo i colloqui con mio padre
continuarono dolci e celati come un amore illecito, perch io dinanzi a tutti continuai a ridere di ogni
pratica religiosa, mentre vero e qui voglio confessarlo che io a qualcuno giornalmente e ferventemente raccomandai lanima di mio padre. proprio la religione vera quella che non occorre professare ad alta voce per averne il conforto di cui qualche volta raramente non si pu fare a meno.
11 risolvere: decidere.
12 Le sue mani grandiafferrare e punire: agli occhi del figlio invaso dal senso di colpa, nel padre ormai inerme per gli effetti della malattia si evidenziano
apertamente gli attributi di potenza.

guida alla lettura


Linterpretazione psicanalitica, e la sua irrilevanza per Zeno
evidente che lo schiaffo dato a Zeno dal padre in punto di morte
non pu essere inteso, alla lettera, come una punizione, dato che il padre privo di coscienza. Ma a Zeno quellatto del tutto casuale provoca
un insostenibile senso di colpa. Lo psicanalista d di questo sentimento la sua interpretazione: la riferir Zeno stesso, che, a distanza di
tempo, potr esorcizzare langoscia con lironia: [...] la mia malattia
era stata scoperta. Non era altra che quella diagnosticata a suo tempo dal defunto Sofocle sul povero Edipo: avevo amata mia madre e
avrei voluto ammazzare mio padre. [...] Ricordo per con indignazione che il mio educatore asseriva che il dottor Coprosich avesse avuto
ragione di dirigermi le parole che avevano provocato tanto mio risentimento. Ma allora io avrei meritato anche lo schiaffo che mio padre volle darmi morendo?. Zeno aveva sostenuto con grande calore di fronte al medico lopportunit di lasciar morire il padre, ormai condanna-

to, senza procurargli con cure inutili una maggiore sofferenza. Anche
questa sua ragionevole proposta, che ben poteva essere dettata da
amore, dopo lepisodio dello schiaffo appare a Zeno come dettata dal
desiderio che il padre morisse.
Questo episodio centrale nel romanzo. La realt appare a Zeno col
suo volto pi ambiguo, e in questo caso non possibile, come in altri casi, prendere le distanze da essa con lironia. Zeno pu mettere
in ridicolo quel bestione dello psicanalista, ma ci non allevia certo il senso di angoscia che accompagna la rievocazione del trauma subito. La realt cosiddetta oggettiva perde ogni importanza di fronte a
quella psichica. irrilevante, per Zeno, stabilire se lo schiaffo fu dato dal padre coscientemente o meno, e il suo interrogarsi in proposito inutile, dal momento che comunque il suo senso di colpa non si
attenua.

Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura

[G. B. PALUMBO EDITORE]

PARTE DODICESIMA
CAPITOLO VIII PRIMO PIANO

Let dellimperialismo: le avanguardie (1903-1925)


La coscienza di Zeno, A3

CD186

Italo Svevo ~ Lo schiaffo del padre

esercizi
Comprendere
1

Riassumi il testo in non pi di una pagina.

Quale significato assume a tuo parere la religione nella parte conclusiva del brano?

Approfondire

Analizzare e interpretare
2

Per quale ragione Zeno teme che nel padre riemerga la coscienza?

Quale significato assegna Zeno allo sguardo del padre perso nella contemplazione della volta celeste? Cosa sembra
aspettarsi?

Nel racconto dellepisodio sono presenti vari piani temporali;


illustra in un breve scritto come siano gestiti dalla voce narrante e quanto siano funzionali a costruire lindividualit del
protagonista.

Quali emozioni e quali riflessioni suscita nellanimo di Zeno


la vista del padre che si agita senza pace nella stanza?

La personalit di Zeno si presenta animata da una serie di


elementi a volte fra loro conflittuali: ragione, sensi di colpa,
ricordi; quale immagine globale del personaggio possiamo
formarci?

A un certo punto Zeno parla di dovere nei confronti del


padre; che significati assume in realt la parola nel brano?

10 Immagina uno dei tanti colloqui che Zeno ha con il padre


morto.

Perch Zeno sente forte il bisogno di provare la propria innocenza al padre?

Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura

[G. B. PALUMBO EDITORE]