Sei sulla pagina 1di 6

Carugo Francesca 5^AL

L'ET DELL'IMPERIALISMO
L'imperialismo un evento storico che si protrae tra la fine
del XIX secolo e gli inizi del XX secolo, pi precisamente ,
prende forma nel 1870 e finisce nel 1914 ( inizio della prima
guerra mondiale).Questo periodo storico influenza e cambia
completamente l'Europa, introducendo nuovi concetti e
strategie politiche. I paesi europei presi maggiormente in
considerazione sono:
Inghilterra,Francia,Italia,Spagna,Germania. Mentre i paesi
extraeuropei presi maggiormente in considerazione
dall'imperialismo sono: Giappone e Stati Uniti. L'imperialismo
lo sviluppo del capitalismo,dove le grandi fabbriche furono
sostituite da altre ancora pi grandi quindi possiamo
affermare che il capitalismo la causa dell'imperialismo.

Crisi del capitalismo (1848):


Il capitalismo, nonostante la grande crescita dell'industria,
ebbe grossi problemi economici.Il primo problema fu quello
della sovrapproduzione poich il sistema economico
produceva pi di quanto la popolazione fosse in grado di
consumare. I lavoratori non avevano i soldi per comprare
beni diversi da quelli strettamente necessari, infatti, il loro
salario era speso interamente nell'acquisto di generi
alimentari. Molte fabbriche fallirono poich si riempirono di
merci che rimanevano invendute. Questo provoc un grosso
aumento della disoccupazione e quindi un ulteriore
diminuzione dei consumi. Questa crisi port i sistemi
capitalistici ad operare diversamente ed proprio qui che
entr in funzione il nuovo sistema, il sistema
dell'imperialismo. per questo che il imperialismo pu
essere definito come lo sviluppo del capitalismo. Esso, port

tutti i capitali in nuovi territori non colonizzati dove la mano


d'opera costava molto meno e c'era abbondanza di materie
prime. Grazie all'imperalismo fu superata la fase di crisi che
si venne a creare con il capitalismo.

Origine del nome: Il termine "imperialismo" fu


introdotto fra il 1860 e il 1870 in Inghilterra ma anche in
Francia durante l'impero di Napoleone III per determinare la
tendenza di uno Stato ad espandersi in altri paesi
imponendo il proprio dominio politico ed economico.
L'imperialismo si riferisce quindi ai vari imperi coloniali che
prendono forma in questo periodo storico. L'imperialismo
quindi una continuazione del colonialismo che era iniziato
dopo le scoperte geografiche.

Differenze tra imperialismo e colonialismo:

l'imperialismo coinvolge pi stati imperialisti e anche


pi aree colonizzate

nell'imperialismo ci sono due fattori che nel


colonialismo non c'erano: razzismo e nazionalismo

l'imperialismo un fenomeno pi organizzato,


progettato in modo pi complesso rispetto al
colonialismo

Per riassumere, il colonialismo era rimasto legato soprattutto


all'iniziativa dei privati come ad esempio le grandi
compagnie mercantili, mentre l'imperialismo venne assunto
come un obiettivo di politica nazionale da parte dei governi.

Cause scatenanti l'imperialismo:

Economiche: in questi nuovi territori i paesi


potevano trovare vantaggi, come le materie prime che
nella madre patria erano assenti o erano scarse. Inoltre,

potevano trovare mercati che vendevano prodotti creati


sul posto e manodopera a basso costo. I paesi
imperalisti trovarono quindi una fonte di investimento
nei nuovi territori;

Politiche: gli stati imperialisti volevano conquistare


questi territori per dimostrare agli altri stati la loro
forza;

Culturali: l'imperialismo fu molto influenzato dal


contesto storico dove si svilupp, per esempio il
Romanticismo incise su di esso poich i romantici
avevano molto interesse per luoghi lontani nello spazio
e qui c' il riferimento alla curiosit di scoprire nuove
terre. Un altro fattore culturale che incise
sull'imperialismo il Positivismo, una dottrina
filosofica che esalta la scienza, l'industria e la tecnica.
Questo aspetto lo si pu vedere nelle scoperte
scientifiche e della tecnica, per esempio, in Africa si
usava il chinino (medicinale) contro la malaria. Un altro
esempio dell'influenza del positivismo sull'imperialismo
la creazione di nuove ed importanti vie di
comunicazione che servono ai paesi imperialisti per
spostarsi da un territorio conquistato all'altro come ad
esempio il canale di Suez che venne creato in Egitto per
collegare il Mar Mediterraneo con il Mar Rosso con la
possibilit quindi di evitare la circumnavigazione
dell'Africa per arrivare in Asia.

Ideologiche: una delle ideologie che influenz e


quindi form l'imperialismo fu il nazionalismo poich
la tendenza di uno stato di imporre la propria identit
nazionale ad altri popoli, anche con la forza. Un'altra
ideologia che fece sviluppare l'imperialismo il
razzismo poich esso il pensiero da parte dei paesi

imperialisti che la popolazione sia divisa in due razze,


quella superiore (migliore) e quella inferiore (peggiore).
In questo caso, la razza superiore quella dei paesi
imperialisti mentre quella inferiore quella dei paesi
conquistati. Questo aspetto di superiorit si riscontra
molto nell'imperialismo poich il paese imperialista
(razza superiore) vuole primeggiare sul paese
conquistato (razza inferiore) infatti, il razzismo pone la
razza superiore in un sentimento di odio nei confronti
della razza inferiore, la prima non doveva mescolarsi
con la seconda poich considerata di minor valore.

Si formano 3 tipologie di organizzazione del


territorio imperialistico:
1.

COLONIE: territorio extraeuropeo che diventa


totalmente dipendente dallo stato imperialista o
colonizzatore;

2.

PROTETTORATI: istituto giuridico internazionale che


codifica, attraverso un trattato, un rapporto speciale tra
due stati. Uno assume l'obbligo di tutelare l'altro e di
garantirne l'integrit territoriale, guidando le sue
relazioni esterne e anche gli affari interni. Il protettorato
fu usato soprattutto nell'800 e all'inizio del 900 nei
rapporti tra potenze europee e gli stati africani e
asiatici. Alla fine della prima guerra mondiale la
maggior parte dei protettorati venne trasformata in
mandati della Societ delle nazioni;

3.

AREE DI INFLUENZA: territori in cui c' solo


l'intervento economico dello stato imperialista.

Svolgimento dell'imperialismo:

1 evento: conferenza di Berlino (1884-1885),

assemblea di stati convocati a Berlino, in Germania, dal


cancelliere (che corrisponde al primo ministro) Bismark.
Convoca quest'assemblea perch la concorrenza tra
stati imperialisti per conquistare altri territori era molto
sentita. Egli voleva mettere dei paletti per limitare
questa concorrenza e stabil delle regole da rispettare
per la colonizzazione dell'Africa. La prima era l'effettiva
occupazione, ovvero, per legittimare il possesso di un
territorio l'effettiva occupazione era l'unico titolo
valido.La seconda fu la spartizione del territorio africano
tra le potenze imperialiste e la terza fu la spiegazione
sulla situazione del Congo (ambito da molte potenze
imperialiste) del quale fu riconosciuta la sovranit
personale al Belgio.

2 evento: esploratori e missionari. A questo


fenomeno di colonizzazione partecipano esploratori e
missionari. I missionari vogliono diffondere tra la
popolazione la religione cattolica.

Conseguenze dell'imperialismo:
L'effetto dell'imperialismo sulle culture dei paesi
colonizzati fu abbastanza rilevante.Ci furono due grandi
conseguenze:

Conseguenze Culturali.

I paesi pi
organizzati socialmente e politicamente nei paesi
dell'Asia e del Nord Africa si difesero al meglio contro
la colonizzazione nonostante alla fine furono
soppiantati dal modello europeo. Nell'Africa pi
antica furono alterati gli equilibri delle trib e dei
villaggi e nel periodo post colonizzazione le
popolazioni formarono dittature proprio sfruttando il
fatto di essere stati istruiti in Europa ed aver quindi

appreso pregi e difetti degli europei anche nel modo


di governare.In moltissimi casi questo cambiamento
port ad orrendi massacri, deportazioni e
persecuzioni delle popolazioni locali da parte proprio
degli stessi abitanti i quali per mantenere il potere
ereditato dagli europei fecero di tutto.

Conseguenze Politiche.

Sul piano politico


l'espansione coloniale favor la formazione e/o il
risveglio di nazionalismi locali, che si formarono nelle
scuole europee e assunsero gli ideali democratici e i
principi di nazionalit. I nuovi governanti che si
amministravano le nazioni indipendenti nel periodo
post-coloniale travisarono completamente gli ideali di
democrazia e giustizia che avevano acquisito
studiando in Europa. Essi sedotti dal potere grazie
alla loro istruzione poterono soggiogare in breve
tempo le popolazioni locali formando delle dittature
anche comuniste che tutto erano fuorch
democratiche. I principi egualitari non furono presi in
considerazione o meglio le nuove lite di governanti
capirono come sfruttare a loro favore gli strumenti
appresi in Europa.

-Hobson
-Taylorismo e Fordismo
-Cartelli,Trust e Monopoli